Sei sulla pagina 1di 63

Canzoni Romane

Com' bello fa' l'amore quanno sera Chi pe' fa' l'amore vo' er salotto o er separ, chi se sceje l'ombra profumata di un caff, mentre, c'ho da ditte, a me me piace amoreggi pe' le strade in libbert. Quanno poi tramonta er sole so' pi dorci le parole a tu per tu. Com' bello fa' l'amore quanno sera, core a core co' 'na pupa ch' sincera. Quelle stelle che ce guardeno lass nun so' belle come l'occhi che ciai tu. Luce bianca, dormiveja d'un lampione,

che t'insegna dove tu te poi baci, speciarmente tra le rose a primavera, com' bello fa' l'amore quanno sera. Sperza ne l'erbetta fra le rose e le panz io ci 'na casetta che me fabbrico da me. Ci pe' tetto er cielo, ci la luna p'abbagi, ner tramonto e' tutta blu. Nun ce pago mai piggione e ce porto 'gni maschietta che me va. E se 'n viggile me chiede: "Lei che fa?" J'arisponno: " casa mia, che nun lo sa?" L'ho innarzata co' li sogni 'sta casetta e se qui la pupa mia me vie' a trov, speciarmente tra le rose a primavera

com' bello fa' l'amore quanno sera. A primavera!

Er barcarolo romano Quanta pena stasera.. c'e' sur fiume che fiotta" cosi' sfortunato chi sogna e chi spera tutti ar monno dovemo soffri' Si' c'e' n'anima che cerca la pace puo' trovalla sortanto che qui... Er barcarolo va contro corente e quanno canta l'eco s'arisente si' e' vero fiume che tu dai la pace Fiume affatato fammela trova'.. Piu' d'un mese e' passato

da quel giorno ch'io dissi:" A Nine'.. quest'amore e' ormai tramontato lei rispose: Lo vedo da me.." Sospiro', poi me disse:" addio core.. io pero' nun me scordo de te!" Je corsi appresso ma, nun l'arivai la cerco ancora e nun la trovo mai Si e' vero fiume che tu dai la pace me So' pentito fammela trova'.. Proprio sotto ar battello s'ode un tonfo ed un grido piu' n la' S'ariggira je fa' er mulinello poi riaffonna e riassomma piu''n la

soccorete e' na donna affogata poveraccia penava chissa!? La luna da lassu' fa' capoccella rischiara er viso de Ninetta bella cercava pace ed io nun je l'ho data Boiaccia fiume je l'hai data tu!!..

La societ dei Magnaccioni Fatece largo che passamo noi, sti giovanotti de' 'sta Roma bella, semo regazzi fatti cor pennello e le regazze famo 'nnamor... e le regazze famo 'nnamor. Ma che ce frega, ma che ce 'mporta si l'oste ar vino ci messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: cii messo l'acqua e nun te pagamo, ma per noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza societ.

E si per caso vi er padron de casa, de botto te la chiede la pigione, e noi j'arisponnemo: A sor padrone, t'amo pagato e 'nte pagamo pi. T'amo pagato e 'nte pagamo pi. Che c'iarifrega che c'iarimporta si l'oste ar vino ci messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: cii messo l'acqua e nun te pagamo ma per noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza societ. Ce piaceno li polli l'abbacchi e le galline

perch so' senza spine nun so'come 'r baccal. La societ dei magnaccioni, la societ de la giovent, a noi ce piace de magn e beve e nun ce piace de lavor..... Portece n'antro litro, che noi se lo bevemo e poi j'arisponnemo Emb, emb, che c'? E quanno er vino, emb, ciriva ar gozzo emb, ar gargarozzo emb, ce fa 'n ficozzo emb, pe' falla corta

pe' falla breve: chiamamo l'oste e portece da beve! da beve! da beve!

Nann gita a li castelli Guarda che sole ch' sortito, Nann che profumo de viole, de garofoli e panz, com' tutto 'n paradiso, li Castelli so' cos. Guarda Frascati ch' tutto un soriso, 'na delizia, 'n'amore, 'na bellezza da incant. Lo vedi, ecco Marino, la sagra c' dell'uva, fontane che danno vino, quant'abbondanza c'; appresso vi Genzano co'r pittoresco Arbano; su viette a divert,

L c' l'Ariccia, pi gi c' Castello ch' davvero 'n gioiello co' quer lago da incant; e de fragole 'n profumo solo a Nemi poi sent: sotto quer lago un mistero ce sta, de Tibberio le navi so' l'antica civirt. So mejo de lo sciampagna li vini de 'ste vigne ce fanno la cuccagna dar tempo de No; li prati a tutto spiano so' frutte vign'e grano: s'annamo a mette l, Nann, Nann. E' sera, e gi le stelle ce fanno 'n manto d'oro,

e le velletranelle se mettono a cant; se sente 'no stornello risponne un ritornello: che coro, vi' a sent, Nann, Nann, che coro, vi' a sent, Nann, Nann.

Quanto sei bella Roma Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera, er Tevere te serve, er Tevere te serve da cintura. San Pietro e er Campidojo da lettiera. Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t'ho lasciato, c'avevo in petto er core, c'avevo in petto er core e l'ho perduto. Dimmelo bello si l'hai ritrovato, Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t'ho lasciato. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'.

De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c'e' 'na stella, e tu non poi guardalla, e tu non poi guardalla tanto brilla. E questa e' Roma mia, Roma mia bella, de qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c'e' 'na stella. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina, te gira intorno er fiume, te gira intorno er fiume e te incorona, e tutta 'n'arberata te se inchina, bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Roma che la piu' bella, Roma che la piu' bella sei der monno,

io penso sto' stornello, io penso sto' stornello e te lo manno. Tu me parli d'amore io t'arrisponno, Roma che la piu' bella, Roma che la piu' bella sei der monno. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'.

Roma Capoccia Quanto sei bella Roma quand' sera, quando la luna se specchia dentro ar fontanone; e le coppiette se ne vanno via, quanto sei bella Roma quando piove. Quanto sei grande Roma quand' er tramonto, quando l'arancia rosseggia ancora sui sette colli; e le finestre so' tanti occhi che te sembrano d: quanto sei bella. Quanto sei bella. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Vedo la maest del Colosseo,

vedo la santit der Cuppolone, e so' pi vivo e so' pi bbono no nun te lasso mai Roma capoccia der mondo infame. Na carrozzella va co du stranieri, un robivecchi te chiede un p de stracci, li passeracci s usignoli: io ce s nato, Roma, io t'ho scoperta. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Vedo la maest del Colosseo, vedo la santit der Cuppolone, e so' pi vivo e so' pi bbono Io ce so' nato a Roma. Roma capoccia der mondo infame.

Affaccete Nunziata Affaccete Nunzi, core adorato che 'sta nottata invita a fa l'amore er celo tutto quanto imbrillantato la luna manna a sfascio lo spremore. E tira un venticello dorce dorce che fa trem le foje adacio, adacio a quando ammalappena che le storce pe' faje appiccic tra loro un bacio Affaccete Nunziata boccuccia de cerasa fravola inzuccherata fatte ved lass.

Per ce manchi tu 'nde sta nottata, ce manca la bellezza de quer viso; quanno t'affacci tu che sei 'na fata sto monno se trasforma in paradiso. Quanno t'affacci te, tutte le stelle perdeno de bellezza e de chiarore, perch tu sei la bella fra le belle che poi compete co' quarsiasi fiore. Affaccete Nunziata boccuccia de cerasa fravola inzuccherata fatte ved lass.

Alla Renella Alla Renella... pi cresce er fiume e pi legna vie' a galla io pi ve guardo e pi ve fate bella... A ttocchi a ttocchi la campana sona, li turchi so' rivati alla marina. Chi c'ha le scarpe rotte l'arisola, io me l'ho risolate stammatina. Come te pozz' am Come te pozz' am S'esco da sti cancelli quarchduno l'ha da pag. Amore, amore, manneme un saluto, che sto a Reggina Celi carcerato, d'amici e da parenti abbandonato

e so'rimasto solo abbandonato. Come te pozz' am Come te pozz' am S'esco da sti cancelli quarchduno l'ha da pag. S'er papa me donasse tutta Roma e me dicesse, "Lassa star chi t'ama." io je direbbe, "No, sacra corona, val pi l'amore mio che tutta Roma." Come te pozz' am Come te pozz' am S'esco da sti cancelli quarchduno l'ha da pag.

Arrivederci Roma T'invidio turista che arrivi, T'imbevi de fori e de scavi, Poi tutto d'un colpo te trovi Fontana de Trevi ch'e tutta pe' te! Ce sta 'na leggenda romana Legata a 'sta vecchia fontana Per cui se ce butti un soldino Costringi er destino a fatte torn. E mentre er soldo bacia er fontanone La tua canzone in fondo questa qua! Arrivederci, Roma... Good bye... Au revoir... Si ritrova a pranzo a Squarciarelli Fettuccine e vino dei Castelli

Come ai tempi belli che Pinelli immortal! Arrivederci, Roma... Good bye... Au revoir... Si rivede a spasso in carozzella E ripenza a quella "ciumachella" Ch'era tanto bella e che gli ha detto sempre "no!" Stasera la vecchia fontana Racconta la solita luna La storia vicina e lontana Di quella inglesina col naso all'ins Io qui, proprio qui l'ho incontrata... E qui... Proprio qui l'ho baciata... Lei qui con la voce smarrita M'ha detto:"E' finita ritorno lass!" Ma prima di partire l'inglesina Butt la monetina e sussurr:

Arrivederci, Roma... Good bye... Au revoir... Voglio ritornare in via Margutta Voglio rivedere la soffitta Dove m'hai tenuta stretta stretta accanto a te! Arrivederci, Roma... Non s scordarti pi... Porto in Inghilterra i tuoi tramonti Porto a Londra Trinit dei Monti, Porto nel mio cuore i giuramenti e gli "I love you!" Arrivederci, Roma... Good bye... Au revoir... Mentre l'inglesina s'allontana Un ragazzinetto s'avvicina Va nella fontana pesca un soldo se ne va! Arrivederci, Roma!

Casetta de Trastevere No nun gnente 'n po' de carcinaccio Aspettate me tiro 'n po' pi in qu Me metto bbono bbono e che ve faccio Sfasciate puro che io ve st a guard E sotto quer piccone traditore Come quer muro, me se sfascia er core Casetta de Trastevere, casa de mamma mia Tu me te porti via, la vita appresso a te Tutti li sogni cascheno mattone pe' mattone E in mezzo ar polverone io nun te vedo pi Fa piano murat cor quer piccone Nun lo vedi che mamma ancora l Appicciato proprio a quer cantone

Ce stava er letto 'ndove ce mor E c' rimasta, fai piano co' le pale Nun lo vedete che j'e fate male Casetta de Trastevere, casa de mamma mia Pare che er monno stia, cascanno appresso a te Tutti li sogni cascheno tra er muro e quella porta M che mi' madre morta, io nun te vedo pi Fa piano murat cor quer piccone Nun nun lo vedi c' mamma ancora l.

Chitarra Romana Sotto un manto di stelle Roma bella mi appare solitario il mio cuor disilluso d'amor va nell'ombra a cantar una muta fontana una stella lass o chitarra romana accompagnami tu. Suona suona mia chitarra accompagnami in sordina la mia bella fornarina al balcone non c'e' piu'... Se la voce e' un po' velata lascia piangere il mio cuore

senza casa e senza amore mi rimani solo tu. Lungotevere dorme mentre il fiume cammina io lo seguo perch mi trascina con s e travolge il mio cuor vedo un ombra lontana un balcone lass o chitarra romana accompagnami tu. Se la voce un po' velata lascia piangere il mio cuore senza casa e senza amore mi rimani solo tu o chitarra romana accompagnami tu...

Ciumachella de Trastevere Ciumachella, ciumachella de Trastevere Sei l'ottava meravija de Roma mia Se 'n pittore te volesse pittur Nun saprebbe da che parte incominci Ciumachella, ciumachella de Trastevere Che miracolo che ha fatto mamma tua A cre st nonplusurtra de armonia Ciumachella, ciumachella de Roma mia Sei 'na rosa, sei 'n biggi 'na sciccheria Ciumachella tu sei nata pe' 'ncant Sei 'na rosa, sei 'n biggi 'na sciccheria Ciumachella, ciumachella de Roma mia

Se 'n pittore te volesse pittur Butta tutti li pennelli e st a guard.

Fiori Trasteverini De li giardini semo li mughetti Semo romani e 'n pi trasteverini No pe' vantasse semo li pi perfetti Cantamo tutti e semo ballerini Se dice gente allegra Dio l'aiuta Noi semo allegri e voi sap perch Ogni tanto 'na mangata e 'na bevuta E tutto quanot er rest vi da se . Semo romani, trasteverini Semo signori senza quatrini Ma er cre nostro 'na capanna Cre sincero che nun t'inganna Se stai in bolletta noi t'aiutamo

Per da ricchi nun ce passamo Noi semo magnatori de spaghetti Delle trasteverine li galletti. Famo li pranzi mejio de Nerone Bevemio er vino co' la coccolina 'N'abbacchio in quattro credi va benone E pe' antipasto ognuno 'na gallina 'Na ciumachella che te brilla er cre Che te v bene e non te sa sa ment 'Na serenata che sussura amore Me di chi amoco dove voi mor. Le milanesi con le toscane Se impareranno a parl romano E se diranno: vi su Marietta,

S'annamo a beve 'n'antra foglietta. La veneziana, ch' fumantina, La chiameremo cor nome Nina, E le baresi e le napoletane Lassatele pass che so' romane! Roma bella, Roma mia, Te se vnno port via Er Colosseo co' Sampietro, Gi lo stanno a contratt Qui se vnno venne tutto Cielo sole e 'st'aria fresca Ma la fava romanesca Gliela potemo arigal. Venite tutti a Roma v'aspettamo

Se dice che pi semo e meglio stamo. Se dice che pi semo e meglio stamo.

Le Mantellate Le Mantellate so delle suore a Roma so sortanto celle scure, na campana sona a tutte lore ma Cristo nun ce sta drenta ste mura. Ma che parlate a fa ma che parlate a fa qui drento ce sta solo infamit. Carcere femminile channo scritto sulla facciata de n convento vecchio, sacco de paja ar posto de sto letto, mezza pagnotta e lacqua drento ar secchio.

Le Mantellate so delle suore

a Roma so sortanto celle scure, na campana sona a tutte lore ma Cristo nun ce sta drenta ste mura. Ma che parlate a fa ma che parlate a fa qui drento ce sta solo infamit. Nellamor abbi fede, channo detto Domenica mattina alla funzione, tre mesi che me svejo e che taspetto centanni che s chiuso sto portone. Le Mantellate so delle suore a Roma so sortanto celle scure, na campana sona a tutte lore ma Cristo nun ce sta drenta ste mura. Ma che parlate a fa ma che parlate a fa

qui drento ce sta solo infamit.

Nina si voi dormite 'Nde 'sta serata piena de dorcezza pare che nun esisteno dolori. Un venticello come 'na carezza smove le piante e fa' baci li fiori. Nina, si voi dormite, sognate che ve bacio, ch'io v'addorcisco er sogno cantanno adacio, adacio. L'odore de li fiori che se confonne, cor canto mio se sperde fra le fronne. Chiss che ber sorriso appassionato, state facenno mo' ch'ariposate.

Chiss, luccica mia, che v'insognate? Forse, che canta che v'ha innamorato. Nina, si voi dormite, sognate che ve bacio, ch'io v'addorcisco er sogno cantanno adacio, adacio. L'odore de li fiori che se confonne, cor canto mio se sperde fra le fronne. Per, si co' 'sto canto, io v'ho svejato, m'aricommanno che me perdonate. L'amore nun se frena, o Nine amate, che a vole' bene, no, nun peccato. Nina, si voi dormite,

sognate che ve bacio, ch'io v'addorcisco er sogno cantanno adacio, adacio. L'odore de li fiori che se confonne, cor canto mio se sperde fra le fronne.

Nun je da retta Roma Nun je da retta Roma che thanno cojonato 'Sto morto a pennolone morto suicidato Se invece poi te dicheno che un morto s ammazzato Allora segno certo che lhanno assassinato Vojo cant cos fior de prato... Che fai nun me risponni me canti 'no stornello lo vedi chi er padrone insorgi via er cortello Vojo canta cos fiorin fiorello... Annamo daje Roma chi se fa pecorone

Er lupo se lo magna abbasta uno scossone Vojo cant, vabb, fior de limone... E inutile che provochi a me nun me ce freghi La gatta presciolosa fece li fiji ciechi Sei troppo sbaraglione co te nun me ce metto Io batto nartra strada io ci pazienza aspetto Vojo canta cos fior de rughetto...

Pe Lungotevere Quanno c' 'r sole c quer manto d'oro p tutto Lungotevere 'na festa! Li regazzini giocheno tra loro le madri se li stanno a rimir quanta tranquillit! Ma ammalappena spunta la prima stella: se cambia scena. L sotto l'arberi de Lungotevere le coppie fileno li baci scrocchieno... si nun sei pratico de regge moccoli p Lungotevere nun ce pass! Io m'aricordo sempre a San Lumino c li lampioni a gasse de 'na vorta

se dava quarche sordo a 'n regazzino de corsa te l'annavaveno a smorz m quelli posti poco illuminati de prima sera gi s accaparati! L sotto l'arberi de Lungotevere le coppie fileno li baci scrocchieno... si nun sei pratico de regge moccoli p Lungotevere nun ce pass!

Roma nun fa' la stupida stasera Roma nun fa' la stupida stasera damme na mano a faje d de s sceji tutte le stelle pi brillarelle che poi e 'n friccico de luna tutta pe' noi Faje sent ch' quasi primavera manna li mejo grilli pe' fa' cricri prestame er ponentino pi malandrino che c'hai Roma reggeme er moccolo stasera. Roma nun fa' la stupida stasera damme 'na mano a famme d de no spegni tutte le stelle pi brillarelle che c'hai nasconneme la luna se no so' guai

Famme scord che quasi primavera tiemme 'na mano 'n testa pe' d de no smorza quer venticello stuzzicarello che c'hai Roma nun fa' la stupida stasera..

Sinn me moro Amore,amore,amore, amore mio, in braccio a te me scordo ogni dolore... famme resta' co' tte sinno' me moro, famme resta' co' tte sinno' me moro ! nun piagne, amore mio, nun piagne amore. nun piagne, statte zitto su sto' core... quello che m'hai da di' dimmelo pure...

quello che m'hai da di' dimmelo pure...

vojo resta' co' tte, sinno' me moro... vojo resta' co' tte, sinno' me moro... vojo resta' co' tte... sinno'..... me moro!...

Sora Menica A Roma a Roma belle le romane ma so' pi belle le trasteverine l'arubbacori so' le monticiane l'arubbacori so' le monticiane Sora Menica Sora Menica oggi domenica. Lassece st. Semo trasteverine e nun tremamo Paura nun avemo de nisuno cavemo bona lingua e mejo mano cavemo bona lingua e mejo mano. Sora Menica Sora Menica

oggi domenica. Lassece st. Sete la banderola de Castello avete dato er core a questo e quello na botta ve cercate de cortello na botta ve cercate de cortello Sora Menica Sora Menica oggi domenica. Lassece st. Er core mio lho dato a chi me pare lanno tenuto tutti come n fiore er vostro s appassito ner cantone er vostro s appassito ner cantone Sora Menica Sora Menica

oggi domenica. Lassece st.

Stornelli antichi Voglio cantar cos, fior da maranti L'amore non fatto per i vecchi... L'amore non fatto per gli vecchi! Ma solo per noi altri, giovanotti. E non le voglio che son tutti brutti! Quando l'amore pizzica, Gira che fa girar. Ma quando che te stuzzica, L'amore se ne va... Voglio cantar cos, fiore de nuda A mamma tua la pasta, l'hai rubata... A mamma tua la pasta l'hai rubata!

T'e la sei messa in petto, e t' cresciuta... T'e la sei messa in petto e t' cresciuta! Quando l'amore pizzica, Gira che fa girar. Ma quando che te stuzzica, L'amore se ne va... Voglio cantar cos, fior de grispigni Le baciolette mie, tu non le mangi... Le baciolette mie tu non le mangi! E dentro al piatto mio, tu non c'impigni. E dentro al piatto mio tu non c'impigni! Quando l'amore pizzica, Gira che fa girar.

Ma quando che te stuzzica, L'amore se ne va... Voglio cantar cos, fior de grugnale Se fosse malattia fare l'amore... Se fosse malattia a fare l'amore, Sarebbe il mondo tutto in ospedale... Sarebbe il mondo tutto in ospedale! Quando l'amore pizzica, Gira che fa girar. Ma quando che te stuzzica, L'amore se ne va...

Tanto pe' cant 'na canzone senza titolo, tanto pe' cant, pe' f quarche cosa... nun gnente de straordinario robba der paese nostro, che se p cant puro senza voce... basta 'a salute... quanno c' 'a salute c' tutto... basta 'a salute e 'n par de scarpe nove pi gir tutt'er monno... e m'accompagno da me... Pe' fa la vita meno amara me so comprato 'sta chitara, e quann'er sole scende e more

me sento 'n cre cantatore. La voce poca ma 'ntonata, nun serve a f la serenata, ma solamente a f in magnera de famme un sogno a prima sera. Tanto pe' cant, perch me sento 'n friccico ner cre, tanto pe' sogn, perch ner petto me ce naschi 'n fiore. fiore de lill che m'ariporti verso er primo amore, che sospirava le canzone mie, e m'arintontoniva de buge. Canzoni belle e appassionate

che Roma mia m'ha ricordate, cantate solo pe' dispetto, ma co 'na smania drent'ar petto; io nun ve canto a voce piena, ma tutta l'anima serena; e quanno er clo se scolora de me nessuna se 'nnamora. Tanto pe' cant, perch me sento 'n friccico ner cre, tanto pe' sogn, perch ner petto me ce naschi 'n fiore. fiore de lill che m'ariporti verso er primo amore, che sospirava le canzone mie, e m'arintontoniva de buge.

Vecchia Roma Oggi er modernismo, Der novecentismo Rinnovanno tutto v E l'usanze antiche e semprici S ricordi che svanischeno E tu Roma mia, Senza nostargia Segui la modernit, Fai la progressista, L'universalista, Dichi "occhei", "ai lovv", "tench i", "jj" Vecchia Roma sotto la luna nun canti pi Li stornelli e le serenate de giovent

Er progresso t'ha fatto granne ma sta citt Nun quella 'ndo se viveva tant'anni fa Pi nun vanno l'innamorati pe' Lungotevere A rubasse li baci a mille la sotto l'arberi, E li sogni sfojiati all'ombra d'un cielo blu. So' ricordi der tempo bello che nun c' pi Mo le ragazzette Co' le polacchette Certo nun le vedi pi L'abbiti scollati porteno, Controluce trasparischeno Senza comprimenti, Nei caff le senti De politica parl Vanno a 'gni commizio,

Chiedeno er divorzio Mentre a casa se st a diggiun. Vecchia Roma sotto la luna nun canti pi Li stornelli e le serenate de giovent Er progresso t'ha fatto granne ma sta citt Nun quella 'ndo se viveva tant'anni fa Pi nun vanno l'innamorati pe' Lungotevere A rubasse li baci a mille la sotto l'arberi, E li sogni sfojiati all'ombra d'un cielo blu. So' ricordi der tempo bello che nun c' pi Che nun c' pi Che nun c' pi.

E' bello ave' 'na donna dentro casa E' bello ave' 'na donna dentro casa, 'na rondine 'ndifesa c'hai preso sott'ar tetto. Magari fa la cresta su la spesa ma, poi, te da 'n bacetto. E il bacio coniugale come 'n'anticammera amorosa 'Na donna dentro casa 'n'antra cosa! E' bello ave' 'na donna che sparecchi ma lascia er bocaletto accanto a du' bicchieri, pe' fasse 'nsieme l'urtimo goccetto che scaccia li pensieri.

Perch si bbevi solo come si bevessi... acqua 'cetosa 'na donna dentro casa 'n'antra cosa! E' bello ave' 'na donna dentr'ar letto che quanno che se mve te da un calore umano. 'e si pe' caso poi 'na notte piove la svegli piano piano, pe' dije: "Aho..... cicicici, tztztztz ...... sta piovendo! .....Che vogliamo fare?!" E lei te s'arrinnicchia freddolosa 'na donna dentro casa 'n'antra cosa!