Sei sulla pagina 1di 10

Com' bello fa' l'amore quanno sera Chi pe' fa' l'amore vo' er salotto o er separ, chi se sceje

e l'ombra profumata di un caff, mentre, c'ho da ditte, a me me piace amoreggi pe' le strade in libbert. Quanno poi tramonta er sole so' pi dorci le parole a tu per tu. Com' bello fa' l'amore quanno sera, core a core co' 'na pupa ch' sincera. Quelle stelle che ce guardeno lass nun so' belle come l'occhi che ciai tu. Luce bianca, dormiveja d'un lampione, che t'insegna dove tu te poi baci, speciarmente tra le rose a primavera, com' bello fa' l'amore quanno sera. Sperza ne l'erbetta fra le rose e le panz io ci 'na casetta che me fabbrico da me. Ci pe' tetto er cielo, ci la luna p'abbagi, ner tramonto e' tutta blu. Nun ce pago mai piggione e ce porto 'gni maschietta che me va. E se 'n viggile me chiede: "Lei che fa?" J'arisponno: " casa mia, che nun lo sa?" L'ho innarzata co' li sogni 'sta casetta e se qui la pupa mia me vie' a trov,

speciarmente tra le rose a primavera com' bello fa' l'amore quanno sera. A primavera!

Er barcarolo romano Quanta pena stasera.. c'e' sur fiume che fiotta" cosi' sfortunato chi sogna e chi spera tutti ar monno dovemo soffri' Si' c'e' n'anima che cerca la pace puo' trovalla sortanto che qui... Er barcarolo va contro corente e quanno canta l'eco s'arisente si' e' vero fiume che tu dai la pace Fiume affatato fammela trova'.. Piu' d'un mese e' passato da quel giorno ch'io dissi:" A Nine'.. quest'amore e' ormai tramontato lei rispose: Lo vedo da me.." Sospiro', poi me disse:" addio core.. io pero' nun me scordo de te!" Je corsi appresso ma, nun l'arivai la cerco ancora e nun la trovo mai Si e' vero fiume che tu dai la pace

me So' pentito fammela trova'.. Proprio sotto ar battello s'ode un tonfo ed un grido piu' n la' S'ariggira je fa' er mulinello poi riaffonna e riassomma piu''n la soccorete e' na donna affogata

La societ dei magnaccioni Fatece largo che passamo noi, sti giovanotti de' 'sta Roma bella, semo regazzi fatti cor pennello e le regazze famo 'nnamor... e le regazze famo 'nnamor. Ma che ce frega, ma che ce 'mporta si l'oste ar vino ci messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: cii messo l'acqua e nun te pagamo, ma per noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza societ. E si per caso vi er padron de casa, de botto te la chiede la pigione, e noi j'arisponnemo: A sor padrone, t'amo pagato e 'nte pagamo pi.

T'amo pagato e 'nte pagamo pi. Che c'iarifrega che c'iarimporta si l'oste ar vino ci messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: cii messo l'acqua e nun te pagamo ma per noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza societ. Ce piaceno li polli l'abbacchi e le galline perch so' senza spine nun so'come 'r baccal. La societ dei magnaccioni, la societ de la giovent, a noi ce piace de magn e beve e nun ce piace de lavor..... Portece n'antro litro, che noi se lo bevemo e poi j'arisponnemo Emb, emb, che c'? E quanno er vino, emb, ciriva ar gozzo emb, ar gargarozzo emb, ce fa 'n ficozzo emb, pe' falla corta pe' falla breve: chiamamo l'oste e portece da beve! da beve! da beve!

Nann Guarda che sole ch' sortito, Nann che profumo de viole, de garofoli e panz, com' tutto 'n paradiso, li Castelli so' cos. Guarda Frascati ch' tutto un soriso, 'na delizia, 'n'amore, 'na bellezza da incant. Lo vedi, ecco Marino, la sagra c' dell'uva, fontane che danno vino, quant'abbondanza c'; appresso vi Genzano co'r pittoresco Arbano; su viette a divert, Nann, Nann. L c' l'Ariccia, pi gi c' Castello ch' davvero 'n gioiello co' quer lago da incant; e de fragole 'n profumo solo a Nemi poi sent: sotto quer lago un mistero ce sta, de Tibberio le navi so' l'antica civirt. So mejo de lo sciampagna li vini de 'ste vigne ce fanno la cuccagna dar tempo de No; li prati a tutto spiano so' frutte vign'e grano: s'annamo a mette l,

Nann, Nann. E' sera, e gi le stelle ce fanno 'n manto d'oro, e le velletranelle se mettono a cant; se sente 'no stornello risponne un ritornello: che coro, vi' a sent, Nann, Nann, che coro, vi' a sent, Nann, Nann.

Quanto sei bella Roma Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera, er Tevere te serve, er Tevere te serve da cintura. San Pietro e er Campidojo da lettiera. Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t'ho lasciato, c'avevo in petto er core, c'avevo in petto er core e l'ho perduto. Dimmelo bello si l'hai ritrovato, Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t'ho lasciato. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'.

De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c'e' 'na stella, e tu non poi guardalla, e tu non poi guardalla tanto brilla. E questa e' Roma mia, Roma mia bella, de qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c'e' 'na stella. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina, te gira intorno er fiume, te gira intorno er fiume e te incorona, e tutta 'n'arberata te se inchina, bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'. Roma che la piu' bella, Roma che la piu' bella sei der monno, io penso sto' stornello, io penso sto' stornello e te lo manno. Tu me parli d'amore io t'arrisponno, Roma che la piu' bella, Roma che la piu' bella sei der monno. Gira se la voi gira', canta se la voi canta'.

Roma nun f la stupida stasera Roma nun f la stupida stasera damme 'na mano a faje di de si

Sceji tutte le stelle pi brillarelle che poi e un friccico de luna tutta pe' noi Faje sent ch' quasi primavera manna li mejo grilli pe' fa cri cri Prestame er ponentino pi malandrino che ciai Roma nun fa la stupida stasera ROMA nun fa la stupida stasera Damme 'na mano a faje di de si Sceji tutte le stelle pi brillarelle che poi e un friccico de luna tutta pe' noi Faje sent ch' quasi primavera manna li mejo grilli pe' fa cri cri Prestame er ponentino pi malandrino che ciai Roma reggeme er moccolo stasera. Tanto pe cant E' una canzone senza titolo tanto pe' canta`, pe' fa` quarche cosa...

non e` gnente de straordinario e` robba der paese nostro che se po` canta` pure senza voce... basta 'a salute... quanno c'e` 'a salute c'e` tutto... basta 'a salute e un par de scarpe nove poi gira` tutto er monno... e m'a accompagno da me... Pe' fa` la vita meno amara me so' comprato 'sta chitara e quanno er sole scenne e more me sento 'n core cantatore. La voce e` poca ma 'ntonata, nun serve a fa' 'na serenata ma solamente a fa` 'n maniera de famme 'n sogno a prima sera...

Tanto pe' canta` perche` me sento un friccico ner core tanto pe' sogna` perche` ner petto me ce naschi 'n fiore fiore de lilla` che m'ariporti verso er primo amore che sospirava le canzoni mie e m'aritontoniva de bucie. Canzoni belle e appassionate che Roma mia m'aricordate, cantate solo pe' dispetto,

ma co' 'na smania dentro ar petto, io nun ve canto a voce piena, ma tutta l'anima e` serena e quanno er cielo se scolora de me nessuna se 'nnamora... Tanto pe' canta` perche` me sento un friccico ner core tanto pe' sogna` perche` ner petto me ce naschi un fiore fiore de lilla` che m'ariporti verso er primo amore che sospirava le canzoni mie e m'aritontoniva de bucie. (2 volte)