Sei sulla pagina 1di 3

Amore per te (A. Mango - P.

Panella - Mango)

Tutto è… pensare a te e così ti penso La mia carne e l’anima fanno il cuore denso Tu sei, tu sei, lo
so così vicina tu sei, tu sei, lo so Io vorrei raggiungerti in trasparenza Tutto è vedere te con i vestiti e
senza Tu sei, tu sei, lo so la mia rovina tu sei, tu sei, lo so I see your love I see your love È amore
per te come il sole sale e poi va giù so che tutto il bene mio dentro le tue braccia va a finire Fai tu..
tu.. tu.. tu.. Io passerei tra le tue dita ci passerei tuta la vita Voglio ritrovarti qui nei miei risvegli
L’aria dei capelli tuoi respirare voglio Tu sei, tu sei, lo so mai come prima tu sei, tu sei, lo so I see
your love I see your love È amore per te come il sole sale e poi va giù È così vicino il blu (guardo
te) mare così bello non c’è quando sorridi Fai tu.. tu.. tu.. tu.. Canta così nella mia vita fermati qui
nella mia vita E’ amore per te tanto più da non sapere quanto Fai tu.. tu.. tu.. tu.. Io passerei tra le
tue dita ci passerei tutta la vita

Non dormire piu' (P. Panella - A. Mango - Mango)

L’amore è fatto da noi con il respiro Con un abbraccio che poi ci lascia il segno È come il mare cho no nosa
dormire E ci rigira così… così Ora tu non dormire più Non farlo più Tocchiamo tutto perché è con le mani Che un
cuore grande così si può toccare L’amore è come non sai più dire come È vaneggiare così…. Così Ora Tu non
dormire più Non farlo più Sciamano in noi Api pungenti Schiudono in noi tanti fiorami dormienti e tu stammi qui
tu fammi bene oh come ti mangerei frutto del caldo sole mio e che sapore di notti in noi leggere sapendo a
volte come è pesante il mondo ho sempre in bocca il tuo nome e il tuo respiro e tu respiri col mio ora tu non
dormire più non farlo più liberi in noi sogni e radici faccio e tu fai vere le cose che dici e tu stammi qui tu
fammi bene oh come ti mangerei frutto del caldo sole mio

Bella d'estate (Lucio Dalla - Mango)

È solo un addio, credimi io non ci penso mai. Vedo che hai pianto tu lo sapevi ma da quando? Bella d’estate vai
via da me… Notte d’incanto è bello vedere le luci laggiù io sono stanco non voglio parlare… parla tu… bella
d’estate vai via da me… Forse perché ti credevo felice così… proprio così fra le mie braccia… forse perché ci
bastava arrivare fin qui come onde di notte sulla spiaggia… La la la la la La la la la la Piccoli fuochi, noi siamo
zingari di periferia… i nostri son giochi che durano poco e la notte se li porta via… bella d’estate vai via da me…
Forse perché ti credevo felice così… proprio così fra le mie braccia… forse perché ci bastava arrivare fin qui
come onde di notte sulla spiaggia… La la la la la La la la la la Chiudi gli occhi e ti senti per sempre così… ancora
qui fra le mie braccia… per tutti e due basterebbe tornare fin qui come onde di notte sulla spiaggia…

Nella mia città (Mogol - Mango)

Nella mia città c’è una casa bianca con un glicine in fiore che sale, sale, sale su sulla mia città c’è un cielo
grande che ti spalanca il cuore e non ti delude mai Shalla-la la luce mi attraversa quanto male fa ma nel parco
si muove già una brezza che pettina il prato e si allarga felice là più in là nell’infinito va a cercare la voce tua
che riecheggia per tutto il selciato lungo il viale alberato shalla-la nell’infinito va Nella mia città c’è una
ferrovia che sferraglia da sempre ma non mi abbandona mai e guardando in là c’è rimasto un prato ancora un
po’ spelacchiato dove correvamo noi Shalla-la il giorno sta iniziando un’altra volta ormai ed un clacson mi
sveglia già emergendo da un mondo agitato che mi ero scordato Shalla-la il mio canto se ne va a cercare
un’immagine che che risboccia per tutta la casa come fosse una rosa shalla-la una rosa senza età Shalla-la nella
mia città shalla-la cara mia, splendida città shalla-la dolce mia città unica, shalla-la tenera città shalla-la nella
mia città

Sirtaki (Mogol - Mango)

Ti ho perso un po’ mi hai perso un po’ ma quanto io non lo non so… soltanto un poco spero sia poco e non di più
Io ti ho cambiato un po’ ti ho consumato la vita a volte confonde ti fonde poi tu comprendi e ti riprendi se il
tempo c’è Ma questo sirtaki danzalo se appena ti riesce il limite lo sai è il nostro amore provaci tu provaci
anche tu per favore il pianto tu lo sai si può asciugare Provaci tu provaci anche tu per favore fallo se vuoi
meglio se puoi con più amore Io ti ho scolpito io ti ho disegnato ma adesso dimmi chi sei chi sei… Ed io chi sono
l’uomo che sono io non lo so Ma questo sirtaki danzalo se appena ti riesce il limite lo sai è il nostro amore
provaci tu provaci anche tu per favore il pianto tu lo sai si può asciugare Provaci tu provaci anche tu per favore
fallo se vuoi meglio se puoi con più amore
Come Monna Lisa (Mogol - Mango)

Io così sai, non ti ho vista mai splendida come tu adesso sei cosa c'è? Quale luce lì nel fondo palpita saperlo io
vorrei Come mai la tua serenità è indecifrabile come la verità ma chi c'è? Dietro quel sorriso enigmatico capir di
più vorrei… Dimmelo Monna Lisa sai Monna Lisa non dirmelo mai ho paura che ne soffrirei troppo chiunque sia
non è chi può mettersi mai fra di noi fa che sia per te un sogno di troppo libera tu sei libera se vuoi ma se tu
vorrai potrai dimenticarlo Sembra che tu sia al di là di noi un'isola persa nel mare ormai dove sei? Lontana
sembri quasi irraggiungibile capir di più vorrei Dimmelo Monna Lisa sai Monna Lisa non dirmelo mai ho paura che
ne soffrirei troppo chiunque sia non è chi può mettersi mai fra di noi fa che sia per te un sogno di troppo libera
tu sei libera se vuoi ma se tu vorrai potrai dimenticarlo

Mediterraneo (Mogol - Mango)

Bianco e azzurro sei con le isole che stanno lì le rocce e il mare coi gabbiani Mediterraneo da vedere con le
arance Mediterraneo da mangiare La montagna là e la strada che piano vien giù tra i pini e il sole un paese
Mediterraneo da scoprire con le chiese Mediterraneo da pregare Siedi qui e getta lo sguardo giù tra gli ulivi
l’acqua è scura quasi blu e lassù vola un falco lassù sembra guardi noi fermi così grandi come mai guarda là
quella nuvola che va vola già dentro nell’eternità Quella lunga scia della gente in silenzio per via che prega
piano sotto il sole Mediterraneo da soffrire sotto il sole Mediterraneo per morire Siedi qui e lasciati andar così
lascia che entri il sole dentro te e respira tutta l’aria che puoi i profumi che senti anche tu sparsi intorno a noi
guarda là quella nuvola che va vola già dentro nell’eternità

Come l'acqua (Mogol - Mango)

Ti avevo nelle mie mani ti ho perso non so perchè come l'acqua fuggi via come l'acqua scivoli via come una
pioggia caduta su me. E tu poi diventi un'onda che giganteggia di già il pensiero un pò crudele i ricordi come
candele accende un grande fuoco e poi fa. Come puoi come fai ad inseguire l'ombra tua stai perdendo l'anima
mentre e corri vai come l'acqua scivoli senza quasi traccia ormai trasparente e tremula io ti guardo e non ci sei
come puoi come fai a ritrovarti come sei. Eppure ho pianto di notte stupidamente per te come l'acqua scorri via
come l'acqua scivoli via passione ardente profumo che va. Come mai come mai c'illuminiamo come mai
d'illusioni inutili di follie per poi ritrovarsi soli noi senza l'aiuto di qualcuno che ci faccia ridere e resti un poco
insieme a noi. Come puoi come fai a ritrovarti come sei come l'acqua scivoli come l'acqua fuggi via.

Giulietta (A. Mango - Mango)

La nostra passione fluviale passò e i ponti intontiti lasciò Giulietta veronese treccina livornese Le nostre
abitudini al di sopra di noi rivivono insieme così che le si vede spesso andare a spasso insieme La mia maniera
con il modo tuo di fare cammina un guizzo muscolare e un battito di cuore vicini Ami e gli amori sono momenti
Amo e gli allontanamenti tormentosi fanno strage di noi Giulietta messinese bellina milanese Ami tutti i
sentimenti tu chiami e bei fiatoni ne fai… ne fai E’ veramente vero che sulle labbra (sulle labbra) si ferma
l’anima e sta (e sta) protesa arresa e ogni volta si sfa Giulietta sorrentina carina tarantina Gli amori son
momenti tra crudeli allontanamenti (eh sì) un soffio dopo un lampo e pioggia breve talmente lieve Ami
confondendo fiato e lamenti Amo e i nostri accoramenti tormentosi fanno strage di noi Giulietta riminese
faccina potentina Ami il migliore amore è un lontano struggimento per te… per te Il nome tuo io no il nome tuo
non farò ma quanti nomi ancora tu comunque siamo nomi nomi nomi in posti distanti ma quante volte ancora tu
comunque comunque Giulietta veronese treccina livornese Giulietta messinese bellina milanese …

Australia (Mango - Mogol)

Australia coste alte e mare aperto cielo immenso sul deserto immaginarla non si può un altro blu, un altro blu
Spiagge bianche e barriere di corallo e montagne e vaste praterie da percorrere a cavallo un altro blu, un altro
blu Il vento è come un gran respiro che va e spazza via confini e città entra in me e così Io mi ritrovo quasi
sperso nell’universo senza passato più leggero io mi risento ancora puro nell’universo mentre la luce piano sale
alzo le vele alzo le vele Australia nuovo mondo da scoprire grandi spazi in mezzo al mare paragonarla non si può
un altro blu, un altro blu Il vento è come un gran respiro che va e spazza via confini e città entra in me e così Io
mi ritrovo quasi sperso nell’universo senza passato più leggero io mi risento ancora puro nell’universo mentre la
luce piano sale alzo le vele alzo le vele
Lei verra' (A. Salerno - Mango)

Lei verrà io ne ho già sete lei verrà nel tempo che verrà e scenderà giù per la collina da nuove città Stai qui con
me stanotte piove e piove su noi che non c’incontriamo mai… Lei verrà ma d’estate lei verrà perché io aspetto
già e scenderà forse di mattina dal fiume che va… Per noi avrò strane parole quelle che non riesco a dire mai
parole di cui ti vergogni ah… ci sarà il sole nella stanza in fondo agli occhi tuoi amore che non dai più sogni
amore che non dai… Lei verrà io ne ho già sete… e scenderà forse di mattina dal fiume che va… Per noi avrò
strane parole quelle che non riesco a dire mai parole di cui ti vergogni ah… ci sarà il sole nella stanza in fondo
agli occhi tuoi amore che non dai più sogni amore che non dai… e avrò… amore che non dai più sogni amore che
non da…

La rosa dell'inverno (A. Salerno - Mango)

Non è un dolore in più è paura o ancora di più è leggero e strano è qualcosa che mi sospinge in te piano… Non è
un profumo in più non è il vento ora sei tu non mi lascia tempo è qualcosa che assomiglia a te dentro… Spina e
poesia chiara malinconia non lasciarmi più la rosa dell’inverno sei tu ormai so cosa sei per me… non mi lascia
tempo è qualcosa che assomiglia a te dentro… Spina e poesia chiara malinconia non lasciarmi più la rosa
dell’inverno sei tu e so cosa sei per me… Non è un amore in più è pensarti come sei tu è leggero e strano è
qualcosa che è qualcosa che mi sospinge in te mi sospinge in te mi sospinge in te

Oro (Mogol - Mango)

Per averti pagherei un milione anche più anche l’ultima Malboro darei perché tu sei oro oro oro un diamante per
un sì oro oro oro per averti così distesa pura ma tu ci stai perché accetti e ci stai? E così tu cadi giù io non ti
voglio già più inaccessibile non sei non con gli dei tu sei senza dei oro oro oro quanto oro ti darei oro oro oro per
averti così distesa pura ma tu ci stai perché accetti e ci stai Perché non ti elevi su di noi e resti lì celeste così io
ti vorrei immune dal sesso perché ti daresti anche adesso ooooooorooooooo… Per averti pagherei un milione
anche più anche l’ultima malboro darei perché tu sei oro oro oro un diamante per un sì oro oro oro per averti
così distesa pura ma tu ci stai perché accetti e ci stai? oro oro oro quanto oro ti darei oro oro oro per averti così
distesa pura ma tu ci stai perché accetti e ci stai?