Sei sulla pagina 1di 3

Giro dItalia in 80 canzoni!

Vitti na crozza supra lu cannuni , fui curiuso e ci vossi spiare


idda m'arrispunniu cu gran duluri, murivi senza un tocco di campani
[la la la lero la lero la lero la lero la lero la lero la la]*

thai vistu a lla funtana chi lavavi,, calabrisella mia rosa damuri.
quannu a llu muru i panni tu spannivi, tagghiu arrubbetu megghiu maccaturi.
calabrisella mia, calabrisella mia, calabrisella mia, sciuru damuri.
tirullaleru, lalleru, la la , sta calabrisella muriri e mi fa.

Quanno mmmeta t'ha fatta, quanno mmmeta t'ha fatta...
Vu' sap comme facette? vu' sap comme facette?...
Pe' 'mpast sti ccarne belle, pe' 'mpast sti ccarne belle...
Tutto chello ca mettette? tutto chello ca mettette?...
Ciento rose 'ncappucciate, dint''a mrtula mmescate...
Latte, rose, rose e latte, te facette 'ncopp''o fatto!...
Nun c' bisogno 'a zingara p'andivin, Cunc'...
Comme t'ha fatto mmmeta, o ssaccio meglio 'e te!...
Roma nun fa la stupida stasera, damme na mano a faje di de si
sceji tutte le stelle, piu brillarelle che pi, e un friccico de luna tutta pe noi
faje senti che quasi primavera, manna li mejo grilli pe fa cri cri
prestame er ponentino piu malandrino che chai, Roma reggeme er moccolo
stasera
Roma nun fa la stupida stasera, damme na mano a famme di de no
spegni tutte le stelle, piu brillarelle che chai, nasconneme la luna se no so guai
famme scorda che quasi primavera, tiemme na mano in testa pe di de no
smorza quer venticello, stuzzicarello che chai, Roma nun fa la stupida stasera

Io so nu maritiello, assai curiose Da na cantina esche 'nda n'ata trase


Quanne ritorno a casa, tutto 'mbriache, Dico mugliera mia facime la pace
Lena, mia cara Lena, Tu sei la pena di questo cuor.
Vorrei coprir la tua bocca, Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci, E poi tenerti sul cuor
Pace non voglio far, sono adirata, se prima non mi dici dove hai stato
Io vado a lavorare trasporto vino, Io bevo e Io trasporto qui dentro di me
Vino, vino, eccolo qua, Vino, vino, e tira a camp
Vorrei coprir la tua bocca, Di baci, di baci, di baci
Per dirti quanto mi piaci, E poi tenerti sul cuor

Vulesse far ven-i pe nora sola, lu tempo bello de-e la cu-untentezza,


quando pazzijavamo a vo-ola vola, e ti cupre de vace e de-e carezze
E.. vola, vola, vola, vola, vola
e vola lu pavone, si ti lu core bbone
mo fammece appruv
La porti un bacione a Firenze,che l la mia citt che in cuore ho sempre qui
La porti un bacione a Firenze, lavoro sol per rivederla un d.
Son figlia demigrante, per questo son distante,
lavoro perch un giorno a casa torner
La porti un bacione a Firenze, se la rivedo, glielo render.
Io porto il tuo bacio a Firenze, che l la tua citt, ed anche l di me.
Io Porto il tuo bacio a Firenze, n mai giammai potr scordarmi te.
Sei figlia demigrante, per questo sei distante, lavori perch un giorno a ccasa
tornerai.
Io Porto il tuo bacio a Firenze, e da Firenze tanti baci avrai.