Sei sulla pagina 1di 2

COMPLETE SECULAR I torbidi pensieri, e le tempeste?

8 S’a la gelata mia timida lingua, Ecco l’ora, ecco ch’io


MADRIGALS Cara armonia celeste, Tolse la voc’ Amore, (a pena il posso dire)
O come da te pendo o come intanto Ben agl’occhi la die, nunzi del core, Son costretto a partire.
COMPACT DISC 9 Al dolce tuo concento Dunque com’esser può, che non sia inteso, Dammi, Lidia, cor mio,
Fuor di me stesso i’ sento, L’ardor che mi disface, l’ultimo bacio omai, l’ultimo addio.
1 Fortunata per me felice aurora, Maraviglia d’Amore, Se l’occhio mai non tace, Così dico in partendo.
Ch’apri quel giorno, ch’io apers’in voi A te volarne e rivolarne il core. Ma s’el parlar acceso, Ella tace piangendo,
quest’occh’Idolo mio, Annibale Pocaterra Non odi tu del mio loquace sguardo, ella piange ed io piango,
Ma piu felice l’hora, Io ’l dirò pur, io ardo. ella vien meco ed io seco rimango.
Che voi ch’al mio bel foco riardeste, Annibale Pocaterra
si ch’io t’amo diceste, 5 Perche spess’a veder la vostra luce, Lidia, ti lasso, ahi lasso,
Felicissima vista ardor beato, Ciec’amor mi conduce, ma in pegno il cor ti lasso.
Se pur dal ciel m’è dato, Vi dispiace, o mio sole, e non volete, 9 Vezzosissima Filli, Ma se nel cor scolpita
Che non discordi mai, Splender agl’occhi miei Almen poiche non cred’agl’occhi miei, Se’ tu, dolce mia vita,
quel si del core, Com’agl’altrui splendete, quel che con gl’occhi vedi, come senza il cor mio
Ma col mio, viva etern’il vostr’ardore. Cercaro non veder quel ch’io vorrei, Aprim’il petto el core, viver dunque poss’io?
Onde s’io passo poco E tu la dentr’impressa Oh, Dio, che tu potessi
Non mi dite ch’io arda in picciol foco. Fa del ver’ardor mio fede a te stessa, Meco venir, o ch’io teco mi stessi,
2 Ahi, bella si, ma cruda mia nemica, Aventuroso ardore, che se ’l mio cor tu sei,
S’el mio martir non credi, Gloriosa ferita, meco il mio cor e te, mio cor, avrei!
Perche viv’e non mort’ancor mi vedi, 6 Amor ti chiam’il mondo, Felicissima sorte, (Poesia di Giovanni Battista Marino)
Se sdegni de tuoi strali, Ma qual regno d’amor in te si vede, Se quella fe ch’io non ti fec’in vita
Colpi men che mortali, Fanciul privo d’amor, privo di fede, Ti farò, Filli mia, con la mia morte.
Se brami pur di tragica vittoria, Tu crud’empio tyranno, 14 S’io miro in te m’uccidi
Funeste palm’e sprezz’ogn’altra gloria, Sol ministro d’affanno, Se mir’in me tu ridi,
E se fede e pietà solo poss’io E d’ira, e di torment’e di dolore, 10 (Poesia di Giovanni Battista Marino) Tu rid’al mio morire,
Sperar del morir mio, Tu se chiamat’Amore, Perché fuggi tra salci, ritrosetta ma bella, Io mor nel mio ardire.
Ecco il ferr’ecc’il pett’ed ecco il core, Ah cieco e ben chi non s’avvede O cruda delle crude Pastorella? A te da il riso gioia,
Scopr’homai la mia morte il mio dolore. Come Tu d’amor non ritien’altro ch’el Perché un bacio di tolsi, La mort’a me da noia,
nome. Miser più che felice, Pur bram’esser mirand’e osand’ucciso,
Annibale Pocaterra Corsi per sugger vit’e morte colsi. Per non turbar di bella Donn’il riso.
3 Se la doglia, e’l martire Quel bacio che m’ha morto, (Poesia di Cesare Rinaldi)
Non può farmi morire, Tra le rose d’amor pungente spina,
Mostram’almen, Amore, 7 Tu pur mi fuggi ancora, Fu più vendetta tua che mia rapina.
Come di gioia, e di piacer si more. Deh ben mio non fuggire, 15 Amor mio, perché piangi,
Voi, che la morte mia negl’occhi havete, Non voler per digiun farmi morire, Perché fai tu con sì duri lamenti
E la mia vita siete, Brami tu pur, ch’io mora, 11–13 Giunt’è pur, Lidia, il mio Più gravi i miei tormenti?
Dite, dite, ch’io mora a tutte l’hore, Aventa da’ begl’occh’armi di sdegno, Non so se deggia dire Bram’il mio cor quel ch’il tuo cor desia,
Ch’io son contento poi, Ecc’il mio pett’ignudo, ecco il tuo sdegno, O partire o morire. Ma che colpa è la mia,
Mille volte morir, ma in bracci’a voi. Ma tu non vuoi ferire, Lasso, dirò ben io Se fortuna ti toglie il don d’amore?
Giovanni Battista Marino Perche temi, crudel, che la ferita Che mort’è la partita, Deh se tu se’l mio core
Non m’ancida in un temp’e torni in vita. Poi che’n lasciando te lascio la vita. Come malgrado di fortuna sei,
Annibale Pocaterra Dovresti pur sentir gl’affetti miei.
4 Da qual sfhera del Ciel fra noi discese
Questa vaga Sirena,
Che, mentre spiega la sua voce al canto,
D’ogni alma rasserena

1
16 Lasso io languisc’e moro, 21 Come perder poss’io,
Mi vedete languire, Donna, la speme mia,
E voi mio sole, Non v’accorgete che sola voi
Mi vedete morire La mia speranza sete,
E chiedete ch’io dica, ahi che parole, Hò ben perdut’il verde
Misero dir potrei, Che mi donaste, ma ne’ vostri rai,
Non vedete voi il cor negl’occhi miei S’io miro, lo sperar in me rinverde,
Non perderò giamai
Dunque la speme mia,
17 Cor mio chi mi t’invola, Se voi, Donna gentil, non perdo pria.
Chi da quest’occhi miei, lasso, divide, (Poesia di Cesare Rinaldi)
La tua vist’e m’uccide,
O luc’al mondo sola,
Tu non sei piu qual fosti a miei desiri,
Si calda e si soave a miei martiri,
Oime, ben tosto vola
Al suo fin la mia gioia,
S’a punto quandonasc’avien che moia.

18 So ch’aveste in lasciarmi,
Grave pen’e martiri,
Che lasciar non puo’l core,
L’alma partend’e non sentir dolore,
Ma non so già com’io restass’in vita,
Quand’al vostro partire, partì l’anima mia,
partì la vita,
Questa tua forz’Amore,
Pascer di dogli un cor, e far che viva,
Donna senz’alma della vita priva.

19 Qui dunque oime, qui dove spera gioia il


mio core,
Trova pena e dolore,
Misero me qual sento
su queste moli pium’aspro tormento,
Ahi ben m’accorg’al fine
Che dove fur le rose hor son le spine.

20 Se lontana voi sete,


Anima del cor mio,
Come viver poss’io
E pur, ahi lasso, vivo,
Se ben di voi son privo,
L’anima del mio core,
E fatt’il mio dolore.
(Poesia di Orazio Ariosti)