Sei sulla pagina 1di 13

(1) - eroe (il protagonista)

(2) - falso eroe


(3) - antagonista (chi ostacola l'eroe)
(4) - principessa
(5) - Re
(6) - aiutante magico (chi reca il mezzo magico)
(7) - donatore (chi dona il mezzo magico)
(8) - mandante (chi comunica la tragedia)
Questi personaggi compiono azioni tipiche:
- Uno dei membri della famiglia si allontana da casa.
- All'eroe è imposto un divieto.
(9) - Il divieto è infranto (infrazione).
(10) - L'antagonista tenta una ricognizione (investigazione).
- L'antagonista riceve informazioni sulla sua vittima.
(11) - L'antagonista inganna la vittima (tranello).
- La vittima cade nell'inganno.
(12) - L'antagonista arreca danno alla vittima (danneggiamento).
- A uno dei membri della famiglia manca qualcosa o desidera qualcosa
- Sciagura resa nota.
- L'eroe decide o gli è concesso di agire.
(13) - L'eroe abbandona la casa (partenza dell'eroe)
- L'eroe è messo alla prova dal donatore.
- L'eroe reagisce.
(14) - L'eroe riceve il mezzo magico (fornitura mezzo magico).
- L'eroe arriva sul luogo in cui si trova l'oggetto ricercato.
(15) - L'eroe e l'antagonista ingaggiano direttamente la lotta.
- L'eroe è ferito.
- L antagonista è vinto.
- E rimossa la sciagura.
(16) - L'eroe ritorna.
- L'eroe è inseguito.
- L'eroe si salva.
(17) - L'eroe ritorna in incognito.
- Il falso eroe avanza pretese infondate.
(18) - All'eroe è proposta la prova finale.
(19) - La prova è superata.
- L'eroe è riconosciuto.
(20) - Il falso eroe è smascherato.
- L'eroe assume nuove sembianze.
(21) - L'antagonista è punito.
(22) - L'eroe si sposa e sale al trono (nozze dell'eroe).

**********

1. Divieto. La fiaba si apre con la dichiarazione di un divieto imposto all'ero


e o ad un altro personaggio con cui l'eroe e, o verra, in contatto.
2. Infrazione. Il divieto viene infranto, consapevolmente o inconsapevolmente.
3. Danneggiamento o Mancanza. L'infrazione del divieto produce la perditadi qual
cosa o conduce ad una situazione dannosa o pericolosa.
4. Partenza. Per riparare il danno o per recuperare la perdita l'eroe deve lasci
are la sua abitazione o il suo rifugio
5. Missione. L'eroe si prefigge un compito che, se portato a termine, potra ripa
rare il danneggiamento.
6. Donatore. Nel suo cammino l'eroe incontra un personaggio che gli offre--alcun
e volte in cambio di un gesto di generosita dell'eroe--dei doni.
7. Doni magici. I doni, spesso nel numero di tre, hanno poteri magici di cul l'e
roe puo essere, o meno, a conoscenza.
8. Antagonista. L'antagonista e il nemico che si oppone all'eroe e ostacola il
compimento della missione.
9. Poteri dell'antagonista. L'antagonista e dotato di poteri malefici che usa pe
r combattere l'eroe.
10. Duello. L'eroe e l'antagonista combattono. In questa situazione il primo puo
utilizzare i doni magici ricevuti dal donatore.
11. Vittoria dell'eroe. L'eroe sconfigge l'antagonista e porta a termine la sua
missione.
12. Ritorno dell'eroe. L'eroe si avvia sulla strada del ritorno. Durante il viag
gio puo imbattersi in ulteriori vicende di persecuzioni e salvataggi.
13. Arrivo a casa. L'eroe arriva a casa in incognito, oppure cosi trasformato da
lle avventure passate da non essere riconosciuto.
14. Falso eroe. Un impostore si presenta reclamando il riconoscimento corne eroe
e pretendendo il compenso.
15. Prove difficili. L'eroe viene sottoposto ad alcune prove che devono attestar
e la sua vera identita.
16. Danno riparato. L'eroe e in grado di rimuovere le sciagure o la mancanza ini
ziale riparando il danno.
17. Riconoscimento dell'eroe. All'eroe, gia riconosciuto nella sua identita, ven
gono tributati gli onori del caso.
18. Falso eroe smascherato. Il falso eroe--che puo coincidere con l'antagonista-
-viene smascherato.
19. Puneione dell'antagonista. Il falso eroe o antagonista, cioe il "cattivo" de
lla storia, viene punito.
20. Nozze dell'eroe. La storia si conclude con le nozze dell'eroe e una prospett
iva di vita lunga e felice.

*************

Descrive la situazione iniziale della fiaba. C'era una volta... (inizio).


Uno o più membri della famiglia si allontanano da casa. Oppure un genitore
va a lavorare lasciando soli i figli. Oppure qualcuno muore (allontanamento).
All'eroe è imposto un divieto, gli viene proibito di fare qualcosa: non fa
re, non guardare, non toccare (proibizione/ordine).
Il divieto è infranto (infrazione/disobbedienza).
Il cattivo reca danno ad uno o più membri della famiglia: rapimento di una
persona, abbandono... ordine di uccidere, prigione (danneggiamento).
Oppure ad uno dei membri della famiglia viene a mancare qualcosa (mancanza).
La sciagura o la mancanza vengono alla luce: ci si rivolge allora all'er
oe.
L'eroe abbandona la casa e parte per la sua impresa (riconoscimento del danno/pa
rtenza).
L'eroe è messo alla prova, interrogato, aggredito per poter ottenere il me
zzo magico (incontro con il donatore/mezzo magico).
L'eroe reagisce, risponde, supera la prova, ecc. (prove).
L'eroe entra in possesso del mezzo magico (conseguimento del dono magico).
L'eroe si trasferisce, viene portato sul luogo in cui trova l'oggetto de
lle sue ricerche (trasferimento/viaggio).
L'eroe si scontra con l'antagonista in una gara o in un duello (incontro
con l'antagonista/lotta).
La sciagura iniziale è rimossa; ritrovamento dell'oggetto o della persona,
liberazione (riparazione sciagura/prove).
L'eroe ritorna (ritorno a casa).
L'eroe viene perseguitato dallo stesso nemico, risorto, o da altri nemic
i (persecuzione).
L'eroe torna a casa o in un altro paese senza farsi riconoscere (arrivo
in incognito).
Il falso eroe o altre persone affermano di essere stati loro gli artefic
i delle imprese compiute e pretendono riconoscimenti (pretese infondate del fals
o eroe).
All'eroe è imposta una prova di abilità, di coraggio, di intelligenza ecc. (
compito difficile/lotta).
Il compito viene eseguito (adempimento/superamento/vittoria).
Il falso eroe o l'antagonista è smascherato (smascheramento). In genere qu
esta funzione è collegata al riconoscimento dell'eroe per un oggetto che ha con sé (
identificazione).
L'eroe assume un nuovo aspetto: diventa più bello oppure indossa nuovi ves
titi (trasfigurazione).
Il cattivo è punito (punizione/salvezza).
L'eroe si sposa e/o sale al trono, ecc. (nozze, lieto fine).

*************

C'era una volta un Re e una Regina che erano disperati di non aver figliuoli, ma
tanto disperati, da non potersi dir quanto. Andavano tutti gli anni ai bagni, o
ra qui ora là: voti, pellegrinaggi; vollero provarle tutte: ma nulla giovava. Alla
fine la Regina rimase incinta, e partorì una bambina. Fu fatto un battesimo di ga
la; si diedero per comari alla Principessina tutte le fate che si poterono trova
re nel paese (ce n'erano sette) perché ciascuna di esse le facesse un regalo; e co
sì toccarono alla Principessa tutte le perfezioni immaginabili di questo mondo. Do
po la cerimonia del battesimo, il corteggio tornò al palazzo reale, dove si dava u
na gran festa in onore delle fate. Davanti a ciascuna di esse fu messa una magni
fica posata, in un astuccio d'oro massiccio, dove c'era dentro un cucchiaio, una
forchetta e un coltello d'oro finissimo, tutti guarniti di diamanti e di rubini
. Ma in quel mentre stavano per prendere il loro posto a tavola, si vide entrare
una vecchia fata, la quale non era stata invitata con le altre, perché da cinquan
t'anni non usciva più dalla sua torre e tutti la credevano morta e incantata. Il R
e le fece dare una posata, ma non ci fu modo di farle dare, come alle altre, una
posata d'oro massiccio, perché di queste ne erano state ordinate solamente sette,
per le sette fate. La vecchia prese la cosa per uno sgarbo, e brontolò fra i dent
i alcune parole di minaccia. Una delle giovani fate, che era accanto a lei, la s
entì, e per paura che volesse fare qualche brutto regalo alla Principessina, appen
a alzati da tavola, andò a nascondersi dietro una portiera, per potere in questo m
odo esser l'ultima a parlare, e rimediare, in quanto fosse stato possibile, al m
ale che la vecchia avesse fatto.
Intanto le fate cominciarono a distribuire alla Principessa i loro doni. La più gi
ovane di tutte le diede in regalo che ella sarebbe stata la più bella donna del mo
ndo: un'altra, che ella avrebbe avuto moltissimo spirito: la terza, che avrebbe
messo una grazia incantevole in tutte le cose che avesse fatto: la quinta che av
rebbe cantato come un usignolo: e la sesta, che avrebbe suonato tutti gli strume
nti con una perfezione da strasecolare. Essendo venuto il momento della vecchia
fata, essa disse tentennando il capo più per la bizza che per ragion degli anni, c
he la Principessa si sarebbe bucata la mano con un fuso e che ne sarebbe morta!
Questo orribile regalo fece venire i brividi a tutte le persone della corte, e n
on ci fu uno solo che non piangesse. A questo punto, la giovane fata uscì di dietr
o la portiera e disse forte queste parole: "Rassicuratevi, o Re e Regina; la vos
tra figlia non morirà: è vero che io non ho abbastanza potere per disfare tutto l'in
cantesimo che ha fatto la mia sorella maggiore: la Principessa si bucherà la mano
con un fuso, ma invece di morire, s'addormenterà soltanto in un profondo sonno, ch
e durerà cento anni, in capo ai quali il figlio di un Re la verrà a svegliare". Il R
e, per la passione di scansare la sciagura annunziatagli dalla vecchia, fece sub
ito bandire un editto, col quale era proibito a tutti di filare col fuso e di te
nere fusi per casa, pena la vita.
Fatto sta, che passati quindici o sedici anni, il Re e la Regina essendo andati
a una loro villa, accadde che la Principessina, correndo un giorno per il castel
lo e mutando da un quartiere all'altro, salì fino in cima a una torre, dove in una
piccola soffitta c'era una vecchina, che se ne stava sola sola, filando la sua
rocca. Questa buona donna non sapeva nulla della proibizione fatta dal Re di fil
are col fuso. "Che fate voi, buona donna?", disse la Principessa. "Son qui che f
ilo, mia bella ragazza", le rispose la vecchia, che non la conosceva punto. "Oh!
carino, carino tanto!", disse la Principessa, "ma come fate? datemi un po' qua,
che voglio vedere se mi riesce anche a me." Vivacissima e anche un tantino avve
ntata com'era (e d'altra parte il decreto della fata voleva così), non aveva ancor
a finito di prendere in mano il fuso, che si bucò la mano e cadde svenuta. La buon
a vecchia, non sapendo che cosa si fare, si mette a gridare aiuto. Corre gente d
a tutte le parti; spruzzano dell'acqua sul viso alla Principessa: le sganciano i
vestiti, le battono sulle mani, le stropicciano le tempie con acqua della Regin
a d'Ungheria; ma non c'è verso di farla tornare in sé. Allora il Re, che era accorso
al rumore, si ricordò della predizione delle fate: e sapendo bene che questa cosa
doveva accadere, perché le fate l'avevano detto, fece mettere la Principessa nel
più bell'appartamento del palazzo, sopra un letto tutto ricami d'oro e d'argento.
Si sarebbe detta un angelo, tanto era bella: perché lo svenimento non aveva scemat
o nulla alla bella tinta rosa del suo colorito: le gote erano di un bel carnato,
e le labbra come il corallo. Ella aveva soltanto gli occhi chiusi: ma si sentiv
a respirare dolcemente; e così dava a vedere che non era morta. Il Re ordinò che la
lasciassero dormire in pace finché non fosse arrivata la sua ora di destarsi.
La buona fata, che le aveva salvata la vita, condannandola a dormire per cento a
nni, si trovava nel regno di Matacchino, distante di là dodici mila chilometri, qu
ando capitò alla Principessa questa disgrazia: ma ne fu avvertita in un baleno da
un piccolo nano che portava ai piedi degli stivali di sette chilometri (erano st
ivali, coi quali si facevano sette chilometri per ogni gambata). La fata partì sub
ito, e in men di un'ora fu vista arrivare dentro un carro di fuoco, tirato dai d
raghi. Il Re andò ad offrirle la mano, per farla scendere dal carro. Ella diè un'occ
hiata a quanto era stato fatto: e perché era molto prudente, pensò che quando la Pri
ncipessa venisse a svegliarsi, si vedrebbe in un brutto impiccio, a trovarsi sol
a sola in quel vecchio castello; ed ecco quello che fece. Toccò colla sua bacchett
a tutto ciò che era nel castello (meno il Re e la Regina) governanti, damigelle d'
onore, cameriste, gentiluomini, ufficiali, maggiordomi, cuochi, sguatteri, lacchè,
guardie, svizzeri, paggi e servitori; e così toccò ugualmente tutti i cavalli, che
erano nella scuderia coi loro palafrenieri e i grossi mastini di guardia nei cor
tili e la piccola Puffe, la canina della Principessa, che era accanto a lei, sul
suo letto. Appena li ebbe toccati, si addormentarono tutti, per risvegliarsi so
ltanto quando si sarebbe risvegliata la loro padrona, onde trovarsi pronti a ser
virla in tutto e per tutto. Gli stessi spiedi, che giravano sul fuoco, pieni di
pernici e di fagiani si addormentarono: e si addormentò anche il fuoco. E tutte qu
este cose furono fatte in un batter d'occhio; perché le fate sono sveltissime nell
e loro faccende. Allora il Re e la Regina, quand'ebbero baciata la loro figliuol
a, senza che si svegliasse, uscirono dal castello, e fecero bandire che nessuno
si fosse avvicinato a quei pressi. E la proibizione non era nemmeno necessaria,
perché in meno d'un quarto d'ora crebbe, lì dintorno al parco, una quantità straordina
ria di alberi, di arbusti, di sterpi e di pruneti, così intrecciati fra loro, che
non c'era pericolo che uomo o animale potesse passarvi attraverso. Si vedevano a
ppena le punte delle torri del castello: ma bisognava guardarle da una gran dist
anza. E anche qui è facile riconoscere che la fata aveva trovato un ripiego del su
o mestiere, affinché la Principessa, durante il sonno, non avesse a temere l'indis
cretezza dei curiosi.
In capo a cent'anni, il figlio del Re che regnava allora, e che era di un'altra
famiglia che non aveva che far nulla con quella della Principessa addormentata,
andando a caccia in quei dintorni, domandò che cosa fossero le torri che si vedeva
no spuntare al di sopra di quella folta boscaglia. Ciascuno gli rispose, secondo
quello che ne avevano sentito dire: chi gli diceva che era un vecchio castello
abitato dagli spiriti; chi raccontava che tutti gli stregoni del vicinato ci fac
evano il loro sabato. La voce più comune era quella che ci stesse di casa un orco,
il quale portava dentro tutti i ragazzi che poteva agguantare, per poi mangiars
eli a suo comodo, e senza pericolo che qualcuno lo rincorresse, perché egli solo a
veva la virtù di aprirsi una strada attraverso il bosco. Il Principe non sapeva a
chi dar retta, quando un vecchio contadino prese la parola e gli disse: "Mio buo
n Principe, sarà ormai più di cinquant'anni che ho sentito raccontare da mio padre c
he in quel castello c'era una Principessa, la più bella che si potesse mai vedere;
che essa doveva dormirvi cento anni, e che sarebbe destata dal figlio di un Re,
al quale era destinata in sposa". A queste parole, il Principe s'infiammò; senza
esitare un attimo, pensò che sarebbe stato lui, quello che avrebbe condotto a fine
una sì bella avventura, e spinto dall'amore e dalla gloria, decise di mettersi su
bito alla prova. Appena si mosse verso il bosco, ecco che subito tutti gli alber
i d'alto fusto e i pruneti e i roveti si tirarono da parte, da se stessi, per la
sciarlo passare. Egli s'incamminò verso il castello, che era in fondo a un viale,
ed entrò dentro; e la cosa che gli fece un po' di stupore, fu quella di vedere che
nessuno delle sue genti aveva potuto seguirlo, perché gli alberi, appena passato
lui, erano tornati a ravvicinarsi. Ma non per questo si peritò a tirare avanti per
la sua strada: un Principe giovine e innamorato è sempre pien di valore. Entrò in u
n gran cortile, dove lo spettacolo che gli apparve dinanzi agli occhi sarebbe ba
stato a farlo gelare di spavento. C'era un silenzio, che metteva paura: dappertu
tto l'immagine della morte: non si vedevano altro che corpi distesi per terra, d
i uomini e di animali, che parevano morti, se non che dal naso bitorzoluto e dal
le gote vermiglie dei guardaportoni, egli si poté accorgere che erano soltanto add
ormentati, e i loro bicchieri, dove c'erano sempre gli ultimi sgoccioli di vino,
mostravano chiaro che si erano addormentati trincando. Passa quindi in un altro
gran cortile, tutto lastricato di marmo; sale la scala ed entra nella sala dell
e guardie, che erano tutte schierate in fila colla carabina in braccio, e russav
ano come tanti ghiri; traversa molte altre stanze piene di cavalieri e di dame,
tutti addormentati, chi in piedi chi a sedere. Entra finalmente in una camera tu
tta dorata, e vede sopra un letto, che aveva le cortine tirate su dai quattro la
ti, il più bello spettacolo che avesse visto mai, una Principessa che mostrava dai
quindici ai sedici anni, e nel cui aspetto sfolgoreggiante c'era qualche cosa d
i luminoso e di divino. Si accostò tremando e ammirando, e si pose in ginocchio ac
canto a lei. In quel punto, siccome la fine dell'incantesimo era arrivata, la Pr
incipessa si svegliò, e guardandolo con certi occhi, più teneri assai di quello che
sarebbe lecito in un primo abboccamento, "Siete voi, o mio Principe?", ella gli
disse. "Vi siete fatto molto aspettare!" Il Principe, incantato da queste parole
, e più ancora dal modo col quale erano dette, non sapeva come fare a esprimerle l
a sua grazia e la sua gratitudine. Giurò che l'amava più di se stesso. I suoi discor
si furono sconnessi e per questo piacquero di più; perché, poca eloquenza, grande am
ore! Esso era più imbrogliato di lei, né c'è da farsene meraviglia, a motivo che la Pr
incipessa aveva avuto tutto il tempo per poter pensare alle cose che avrebbe avu
to da dirgli: perché, a quanto pare (la storia peraltro non ne fa parola), durante
un sonno così lungo, la sua buona fata le avea regalato dei piacevolissimi sogni.
Fatto sta, che erano già quattro ore che parlavano fra loro due, fitto fitto, e n
on si erano ancora detta la metà delle cose che avevano da dirsi.
Intanto tutte le persone del palazzo si erano svegliate colla Principessa: e cia
scuno aveva ripreso le sue faccende: e siccome tutti non erano innamorati, così no
n si reggevano in piedi dalla fame. La dama d'onore, che sentiva sfinirsi come g
li altri, perdé la pazienza e disse ad alta voce alla Principessa che la zuppa era
in tavola. Il Principe diede mano alla Principessa perché si alzasse: ella era già
abbigliata e con gran magnificenza: ed egli fu abbastanza prudente da farle osse
rvare, che era vestita come la mi' nonna, e che aveva un camicino alto fin sotto
gli orecchi, come costumava un secolo addietro. Ma non per questo era meno bell
a. Passarono nel gran salone degli specchi e lì cenarono, serviti a tavola dagli u
fficiali della Principessa. Gli oboè e i violini suonarono delle sinfonie vecchiss
ime, ma sempre belle, quantunque fosse quasi cent'anni che nessuno pensava più a s
uonarle: e dopo cena, senza metter tempo in mezzo, il grande elemosiniere li mar
itò nella cappella di corte, e la dama d'onore tirò le cortine del parato. Dormirono
poco. La Principessa non ne aveva un gran bisogno, e il Principe, appena fece g
iorno, la lasciò per ritornare in città, dove il padre suo stava in pensiero per lui
. Il Principe gli dette a intendere che, nell'andare a caccia, s'era sperso in u
na foresta e che aveva dormito nella capanna d'un carbonaio, dove aveva mangiato
del pan nero e un po' di formaggio. Quel buon uomo di suo padre, che era propri
o un buon uomo, ci credé: ma non fu così di sua madre, la quale, vedendo che il figl
iuolo andava quasi tutti i giorni a caccia e che aveva sempre degli ammennicoli
pronti per giustificarsi, tutte le volte che gli accadeva di passare tre o quatt
ro nottate fuori di casa, finì col mettersi in capo che ci doveva essere di mezzo
qualche amoretto. Perché bisogna sapere che egli passò più di due anni insieme colla P
rincipessa, e ne ebbe due figli; di cui il maggiore, che era una femmina, si chi
amava Aurora, e il secondo che era maschio, fu chiamato Giorno, comecché promettes
se di essere anche più bello della sorella. La Regina si provò più volte a interrogare
il figlio, e a metterlo su per levargli di sotto qualche parola: dicendogli che
in questo mondo ognuno è padrone di fare il piacer suo: ma egli non si arrisicò mai
a confidarle il segreto del suo cuore. Voleva bene a sua madre; ma ne aveva pau
ra, perché essa veniva da una famiglia d'orchi, e il Re s'era indotto a sposarla u
nicamente a cagione delle sue grandi ricchezze. Anzi c'era in corte la diceria c
he ella avesse tutti gli istinti dell'orco; e che, quando vedeva passare dei rag
azzetti, facesse sopra di sé degli sforzi inauditi per trattenersi dalla voglia di
avventarsi su di essi e di mangiarseli vivi vivi. Ecco perché il Principe non vol
le mai dir nulla dei suoi segreti. Ma quando il Re morì, e questo accadde due anni
dopo, e che egli diventò il padrone del regno, fece subito bandire pubblicamente
il suo matrimonio e andò con grande scialo a prendere la Regina sua moglie al cast
ello. Le fu preparato un solenne ingresso nella capitale del Regno, dov'ella ent
rò in mezzo ai suoi due figli.
Di lì a poco tempo il Re andò a far la guerra al Re Cantalabutta, suo vicino. Lasciò l
a reggenza del Regno alla Regina sua madre, e le raccomandò tanto e poi tanto la m
oglie e i figliuoli suoi. Si contava che egli dovesse restare alla guerra tutta
l'estate, che appena fu partito la Regina mandò la nuora e i suoi ragazzi in una c
asa in mezzo ai boschi, per poter meglio soddisfare le sue orribili voglie. Dopo
qualche giorno, vi andò essa pure, e una tal sera disse al suo capo cuoco: "Doman
i a pranzo voglio mangiare la piccola Aurora". "Ah, signora!", esclamò il cuoco. "
Voglio così", rispose la Regina; e lo disse col tono di voce d'un'orchessa, che ha
proprio voglia di mangiare della carne viva. "E la voglio mangiare in salsa pic
cante." Quel pover'uomo del cuoco, vedendo che con un'orchessa c'era poco da sch
erzare, prese una grossa coltella e salì su nella camera della piccola Aurora. Ell
a aveva allora quattr'anni appena, e corse saltellando e ridendo a gettarglisi a
l collo e a chiedergli delle chicche. Egli si mise a piangere, la coltella gli c
ascò di mano e andò giù nella corte a sgozzare un agnellino, e lo cucinò con una salsa c
osì buona, che la sua padrona ebbe a dire di non aver mai mangiato una cosa così squ
isita in tempo di vita sua. In quello stesso tempo esso aveva portato via la pic
cola Aurora e l'aveva data in custodia alla sua moglie, perché la nascondesse nel
quartierino di sua abitazione in fondo al cortile. Otto giorno dopo quella streg
a della Regina disse al suo capo cuoco: "Voglio mangiare a cena il piccolo Giorn
o". Egli non rispose né sì né no, risoluto com'era a farle lo stesso tiro della volta
passata. Andò a cercare il piccolo Giorno, e lo trovò con una spada in mano, che tir
ava di scherma con una grossa scimmia: eppure non aveva più di tre anni. Lo prese
e lo portò alla sua moglie, la quale lo nascose insieme colla piccola Aurora: e in
luogo del fanciullo, servì in tavola un caprettino di latte, che l'orchessa trovò d
elizioso.
Fin lì le cose erano andate bene; ma una sera la malvagia Regina disse al cuoco: "
Voglio mangiare la Regina, cucinata colla stessa salsa de' suoi figliuoli". Fu a
llora che il povero cuoco sentì cascarsi le braccia, perché non sapeva proprio come
fare a ingannarla per la terza volta. La giovane Regina aveva vent'anni suonati,
senza contare i cento passati dormendo; e la sua pelle, quantunque sempre bella
e bianchissima, era diventata un po' tosta: e ora come trovare nello stallino u
n animale che avesse per l'appunto la pelle tigliosa a quel modo? Per salvare la
propria vita, prese la risoluzione di tagliar la gola alla Regina e salì nella ca
mera di lei, col fermo proposito di non dovercisi rifare due volte. Egli fece di
tutto per eccitarsi e per andare in bestia, e con un pugnale in mano entrò nella
camera della giovane Regina: ma non volendola prendere di sorpresa, le raccontò co
n grandissimo rispetto l'ordine ricevuto dalla Regina madre. "Fate pure, fate pu
re", ella gli disse, porgendogli il collo, "eseguite l'ordine che vi hanno dato;
io andrò così a rivedere i miei figli, i miei poveri figli, che ho tanto amato." El
la li credeva morti fin dal momento che li aveva veduti sparire, senza saperne a
ltro. "No, no, o signora", rispose il povero cuoco, tutto intenerito, "voi non m
orirete nient'affatto: e non lascerete per questo di andare a rivedere i vostri
figliuoli: ma li vedrete a casa mia, dov'io li ho nascosti, e anche per questa v
olta ingannerò la Regina, facendole mangiare una giovine cervia invece di voi." La
condusse subito nella sua camera, dove, lasciandola che si sfogasse a baciare l
e sue creature, e a piangere con esse, se ne andò diviato a cucinare una cervia, c
he la Regina mangiò per cena, col medesimo gusto, come se avesse mangiato la giovi
ne Regina. Ella era molto soddisfatta della sua crudeltà; e già studiava il modo per
dare a intendere al Re, quando fosse tornato, che i lupi affamati avevano divor
ato la Regina sua moglie e i suoi ragazzi.
Una sera che la Regina madre, secondo il suo solito, ronzava in punta di piedi p
er le corti e per i cortili, a fiutare l'odore della carne cruda, sentì in una sta
nza terrena il piccolo Giorno che piangeva, perché la sua mamma lo voleva picchiar
e, a causa che era stato cattivo, e sentì nello stesso tempo la piccola Aurora che
implorava perdono per il suo fratellino. L'orchessa riconobbe la voce della Reg
ina e de' suoi figliuoli, e furibonda d'essere stata ingannata, con una voce spa
ventevole, che fece tremar tutti, ordinò che la mattina dipoi fosse portata in mez
zo alla corte una gran vasca, e che la vasca fosse riempita di vipere, di rospi,
di ramarri e di serpenti per farvi gettar dentro la Regina, i figliuoli, il cap
o cuoco, la moglie di lui e la sua serva di casa. Ella aveva ordinato che fosser
o menati tutti colle mani legate di dietro. Essi erano lì, e già i carnefici si prep
aravano a gettarli nella vasca, quand'ecco che il Re, il quale non era aspettato
così presto di ritorno, entrò nella corte a cavallo: esso era venuto colla posta, e
domandò tutto stupito che cosa mai volesse dire quell'orrendo spettacolo. Nessuno
aveva coraggio di aprir bocca, quando l'orchessa, presa da una rabbia indicibil
e nel vedere quel che vedeva, si gettò da se stessa colla testa avanti nella vasca
, dove in un attimo fu divorata da tutte quelle bestiacce, che c'erano state mes
se dentro per suo comando. A ogni modo il Re se ne mostrò addolorato, perché in fin
dei conti era sua madre: ma trovò la maniera di consolarsene presto colla sua bell
a moglie e coi suoi bambini.

***************

C'era una volta un uomo, il quale aveva palazzi e ville principesche, e piatteri
e d'oro e d'argento, e mobilia di lusso ricamata, e carrozze tutte dorate di den
tro e di fuori. Ma quest'uomo, per sua disgrazia, aveva la barba blu: e questa c
osa lo faceva così brutto e spaventoso, che non c'era donna, ragazza o maritata, c
he soltanto a vederlo, non fuggisse a gambe dalla paura. Fra le sue vicinanti, c
'era una gran dama, la quale aveva due figlie, due occhi di sole. Egli ne chiese
una in moglie, lasciando alla madre la scelta di quella delle due che avesse vo
luto dargli: ma le ragazze non volevano saperne nulla: e se lo palleggiavano dal
l'una all'altra, non trovando il verso di risolversi a sposare un uomo, che avev
a la barba blu. La cosa poi che più di tutto faceva loro ribrezzo era quella, che
quest'uomo aveva sposato diverse donne e di queste non s'era mai potuto sapere c
he cosa fosse accaduto. Fatto sta che Barbablu, tanto per entrare in relazione,
le menò, insieme alla madre e a tre o quattro delle loro amiche e in compagnia di
alcuni giovinotti del vicinato, in una sua villa, dove si trattennero otto giorn
i interi. E lì, fu tutto un metter su passeggiate, partite di caccia e di pesca, b
alli, festini, merende: nessuno trovò il tempo per chiudere un occhio, perché passav
ano le nottate a farsi fra loro delle celie: insomma, le cose presero una così buo
na piega, che la figlia minore finì col persuadersi che il padrone della villa non
aveva la barba tanto blu, e che era una persona ammodo e molto perbene. Tornati
di campagna, si fecero le nozze.
In capo a un mese, Barbablu disse a sua moglie che per un affare di molta import
anza era costretto a mettersi in viaggio e a restar fuori almeno sei settimane:
che la pregava di stare allegra, durante la sua assenza; che invitasse le sue am
iche del cuore, che le menasse in campagna, caso le avesse fatto piacere: in una
parola, che trattasse da regina e tenesse dappertutto corte bandita."Ecco", le
disse, "le chiavi delle due grandi guardarobe: ecco quella dei piatti d'oro e d'
argento, che non vanno in opera tutti i giorni: ecco quella dei miei scrigni, do
ve tengo i sacchi delle monete: ecco quella degli astucci, dove sono le gioie e
i finimenti di pietre preziose: ecco la chiave comune, che serve per aprire tutt
i i quartieri. Quanto poi a quest'altra chiavicina qui, è quella della stanzina, c
he rimane in fondo al gran corridoio del pian terreno. Padrona di aprir tutto, d
i andar dappertutto: ma in quanto alla piccola stanzina, vi proibisco d'entrarvi
e ve lo proibisco in modo così assoluto, che se vi accadesse per disgrazia di apr
irla, potete aspettarvi tutto dalla mia collera." Ella promette che sarebbe stat
a attaccata agli ordini: ed egli, dopo averla abbracciata, monta in carrozza, e
via per il suo viaggio.
Le vicine e le amiche non aspettarono di essere cercate, per andare dalla sposa
novella, tanto si struggevano dalla voglia di vedere tutte le magnificenze del s
uo palazzo, non essendosi arrisicate di andarci prima, quando c'era sempre il ma
rito, a motivo di quella barba blu, che faceva loro tanta paura. Ed eccole subit
o a sgonnellare per le sale, per le camere e per le gallerie, sempre di meravigl
ia in meraviglia. Salite di sopra, nelle stanze di guardaroba, andarono in visib
ilio nel vedere la bellezza e la gran quantità dei parati, dei tappeti, dei letti,
delle tavole, dei tavolini da lavoro, e dei grandi specchi, dove uno si poteva
mirare dalla punta dei piedi fino ai capelli, e le cui cornici, parte di cristal
lo e parte d'argento e d'argento dorato, erano la cosa più bella e più sorprendente
che si fosse mai veduta. Esse non rifinivano dal magnificare e dall'invidiare la
felicità della loro amica, la quale, invece, non si divertiva punto alla vista di
tante ricchezze, tormentata, com'era, dalla gran curiosità di andare a vedere la
stanzina del pian terreno. E non potendo più stare alle mosse, senza badare alla s
convenienza di lasciar lì su due piedi tutta la compagnia, prese per una scaletta
segreta, e scese giù con tanta furia, che due o tre volte ci corse poco non si rom
pesse l'osso del collo. Arrivata all'uscio della stanzina, si fermò un momento, ri
pensando alla proibizione del marito, e per la paura dei guai, ai quali poteva a
ndare incontro per la sua disubbidienza: ma la tentazione fu così potente, che non
ci fu modo di vincerla. Prese dunque la chiave, e tremando come una foglia aprì l
'uscio della stanzina. Dapprincipio non poté distinguere nulla perché le finestre er
ano chiuse: ma a poco a poco cominciò a vedere che il pavimento era tutto coperto
di sangue accagliato, dove si riflettevano i corpi di parecchie donne morte e at
taccate in giro alle pareti. Erano tutte le donne che Barbablu aveva sposate, e
poi sgozzate, una dietro l'altra. Se non morì dalla paura, fu un miracolo: e la ch
iave della stanzina, che essa aveva ritirato fuori dal buco della porta, le cascò
di mano. Quando si fu riavuta un poco, raccattò la chiave, richiuse la porticina e
salì nella sua camera, per rimettersi dallo spavento: ma era tanto commossa e agi
tata, che non trovava la via a pigliar fiato e a rifare un pò di colore. Essendosi
avvista che la chiave della stanzina si era macchiata di sangue, la ripulì due o
tre volte: ma il sangue non voleva andar via. Ebbe un bel lavarla e un bello str
ofinarla colla rena e col gesso: il sangue era sempre lì: perché la chiave era fatat
a e non c'era verso di pulirla perbene: quando il sangue spariva da una parte, r
ifioriva subito da quell'altra.
Barbablu tornò dal suo viaggio quella sera stessa, raccontando che per la strada a
veva ricevuto lettere, dove gli dicevano che l'affare, per il quale si era dovut
o muovere da casa, era stato bell'e accomodato e in modo vantaggioso per lui. La
moglie fece tutto quello che poté per dargli ad intendere che era oltremodo conte
nta del suo sollecito ritorno. Il giorno dipoi il marito le richiese le chiavi:
ed ella gliele consegnò: ma la sua mano tremava tanto, che esso poté indovinare senz
a fatica tutto l'accaduto. "Come va", diss'egli, "che fra tutte queste chiavi no
n ci trovo quella della stanzina?" "Si vede", ella rispose, "che l'avrò lasciata d
i sopra, sul mio tavolino." "Badate bene", disse Barbablu, "che la voglio subito
." Riuscito inutile ogni pretesto per traccheggiare, convenne portar la chiave.
Barbablu, dopo averci messo sopra gli occhi, domandò alla moglie: "Come mai su que
sta chiave c'è del sangue?". "Non lo so davvero", rispose la povera donna, più bianc
a della morte. "Ah! non lo sapete, eh!", replicò Barbablu, "ma lo so ben io! Voi s
iete voluta entrare nella stanzina. Ebbene, o signora: voi ci entrerete per semp
re e andrete a pigliar posto accanto a quelle altre donne, che avete veduto là den
tro."
Ella si gettò ai piedi di suo marito piangendo e chiedendo perdono, con tutti i se
gni di un vero pentimento, dell'aver disubbidito. Bella e addolorata com'era, av
rebbe intenerito un macigno: ma Barbablu aveva il cuore più duro del macigno. "Bis
ogna morire, signora", diss'egli, "e subito." "Poiché mi tocca a morire", ella ris
pose guardandolo con due occhi tutti pieni di pianto, "datemi almeno il tempo di
raccomandarmi a Dio." "Vi accordo un mezzo quarto d'ora: non un minuto di più", r
eplicò il marito. Appena rimasta sola, chiamò la sua sorella e le disse: "Anna", era
questo il suo nome, "Anna, sorella mia, ti prego, sali su in cima alla torre pe
r vedere se per caso arrivassero i miei fratelli; mi hanno promesso che oggi sar
ebbero venuti a trovarmi; se li vedi, fà loro segno, perché si affrettino a più non po
sso". La sorella Anna salì in cima alla torre e la povera sconsolata le gridava di
tanto in tanto: "Anna, Anna, sorella mia, non vedi tu apparir nessuno?".
"Non vedo altro che il sole che fiammeggia e l'erba che verdeggia."
Intanto Barba-blu, con un gran coltellaccio in mano, gridava con quanta ne aveva
ne' polmoni: "Scendi subito! o se no, salgo io". "Un altro minuto, per carità" ri
spondeva la moglie. E di nuovo si metteva a gridare con voce soffocata: "Anna, A
nna, sorella mia, non vedi tu apparir nessuno?".
"Non vedo altro che il sole che fiammeggia e l'erba che verdeggia."
"Spicciati a scendere", urlava Barbablu, "o se no salgo io." "Eccomi" rispondeva
sua moglie; e daccapo a gridare: "Anna, Anna, sorella mia, non vedi tu apparir
nessuno?". "Vedo" rispose la sorella Anna, "vedo un gran polverone che viene ver
so questa parte..." "Sono forse i miei fratelli? " "Ohimè no, sorella mia: è un bran
co di montoni."
l'agonia di Primula
"Insomma vuoi scendere, sì o no?", urlava Barbablu. "Un'altro momentino" rispondev
a la moglie: e tornava a gridare: "Anna, Anna, sorella mia, non vedi tu apparir
nessuno?". "Vedo" ella rispose "due cavalieri che vengono in qua: ma sono ancora
molto lontani." "Sia ringraziato Iddio", aggiunse un minuto dopo, "sono proprio
i nostri fratelli: io faccio loro tutti i segni che posso, perché si spiccino e a
rrivino presto."
Intanto Barbablu si messe a gridare così forte, che fece tremare tutta la casa. La
povera donna ebbe a scendere, e tutta scapigliata e piangente andò a gettarsi ai
suoi piedi: "Sono inutili i piagnistei", disse Barbablu, "bisogna morire". Quind
i pigliandola con una mano per i capelli, e coll'altra alzando il coltellaccio p
er aria, era lì lì per tagliarle la testa. La povera donna, voltandosi verso di lui
e guardandolo cogli occhi morenti, gli chiese un ultimo istante per potersi racc
ogliere. "No, no!", gridò l'altro, "raccomandati subito a Dio!", e alzando il brac
cio...
In quel punto fu bussato così forte alla porta di casa, che Barba-blu si arrestò tut
t'a un tratto; e appena aperto, si videro entrare due cavalieri i quali, sfodera
ta la spada, si gettarono su Barbablu. Esso li riconobbe subito per i fratelli d
i sua moglie, uno dragone e l'altro moschettiere, e per mettersi in salvo, si de
tte a fuggire. Ma i due fratelli lo inseguirono tanto a ridosso, che lo raggiuns
ero prima che potesse arrivare sul portico di casa. E costì colla spada lo passaro
no da parte a parte e lo lasciarono morto. La povera donna era quasi più morta di
suo marito, e non aveva fiato di rizzarsi per andare ad abbracciare i suoi frate
lli.
E perché Barba-blu non aveva eredi, la moglie sua rimase padrona di tutti i suoi b
eni: dei quali, ne dette una parte in dote alla sua sorella Anna, per maritarla
con un gentiluomo, col quale da tanto tempo faceva all'amore: di un'altra se ne
servì per comprare il grado di capitano ai suoi fratelli: e il resto lo tenne per
sé, per maritarsi con un fior di galantuomo, che le fece dimenticare tutti i crepa
cuori che aveva sofferto con Barbablu.
Così per tutti gli sposi.
****************
C'era una volta un contadino ricco che aveva un servo onesto e diligente che al
mattino era sempre il primo ad alzarsi e la sera l'ultimo a coricarsi. Quando c'
era un lavoro duro a cui nessuno voleva dedicarsi, lui lo eseguiva e non si lame
ntava mai, era contento di tutto, sempre felice e allegro. Quando il suo periodo
di lavoro fu terminato il padrone non gli diede il suo compenso e pensò: ' È la cos
a più saggia, mi risparmio un pò di denaro e lui non se ne va, ma se ne sta tranquil
lamente al mio servizio '. Il servo non disse nulla, fece il suo lavoro come ave
va fatto il primo periodo di un anno e, alla fine del secondo, non ricevette nul
la, se ne stette zitto e rimase ancora. Passò anche il terzo anno, il padrone esit
ava, poi si mise una mano in tasca ma non tirò fuori un bel niente. Finalmente il
servo pensò che non intendeva lavorare per niente, andò dal padrone e disse: "Vi ho
servito per tutto questo tempo con solerzia e lealtà, perciò confido in voi perché mi
diate ciò che mi spetta di diritto". Ma il contadino era uno avaraccio, e sapeva c
he il servo era d'animo semplice; così prese tre centesimi e gliene diede uno per
anno; questa era la sua paga. Il servo credeva di avere in mano un grosso capita
le e pensò: "Perché vorresti ancora crucciarti; adesso puoi avere cura di te e andar
e in giro per il mondo a passartela bene". Così mise il suo bel capitale in uno za
ino e se ne andò allegramente per monti e valli. Una volta giunse in un campo salt
ando e cantando e gli apparve un ometto che gli domandò la causa della sua gioia.
"Perché mai dovrei essere triste? Ho salute, denaro in abbondanza, non ho certo bi
sogno di preoccuparmi. Ho con me tutto ciò che ho guadagnato e risparmiato prestan
do servizio per tre anni". "A quanto ammonta il tuo tesoro?", chiese l'omino. "T
re bei centesimi", rispose il servo. "Regalami i tuoi tre centesimi: sono un pov
er' uomo." Il servo aveva buon cuore e provò compassione per l'omino, così gli diede
i soldi. L'omino disse: "Dato che il tuo cuore è buono, ti concedo tre desideri,
uno per centesimo: avrai quello che desideri". Il servo ne fu soddisfatto e pensò
che preferiva della roba al denaro; poi disse: "Per prima cosa desidero un archi
bugio che colpisca tutto quello che prendo di mira; in secondo luogo un violino,
e quando suono tutti quelli che ascoltano devono ballare; e in terzo luogo, se
domando qualcosa, che nessuno possa rifiutarla". L'omino disse: "Avrai tutte que
ste cose!". Gli diede violino e archibugio, e poi se ne andò per la sua strada.
Il servo, che già si riteneva fortunato prima, pensava ora di esserlo dieci volte
di più. Poco dopo incontrò un vecchio ebreo che se ne stava ai piedi di un albero in
cima al quale, sul ramo più alto, c'era una piccola allodola che cantava, cantava
. "Bontà divina! - esclamò l'ebreo - cosa può mai fare una simile bestiola! Non so che
darei per averla!" "Se è tutto qui - disse il servo -sarà facile farla cadere." Pre
se la mira e centrò l'uccello che cadde dall'albero. "Andate a raccoglierlo" disse
poi. Ma l'uccello era caduto in un roveto ai piedi dell'albero. Allora l'ebreo
si fece strada nel roveto e, quando vi fu in mezzo, il servo tirò fuori il suo vio
lino e si mise a suonare. Subito l'ebreo si mise a ballare senza posa, e prese a
saltare sempre più in fretta e sempre più in alto. Ma le spine gli laceravano le ve
sti, sicché qua e là gli pendevano i brandelli, lo graffiavano e lo ferivano da farg
li sanguinare tutto il corpo. "Per l'amor di Dio", gridò l'ebreo. "Smetta vossigno
ria con quel violino, che ho mai fatto di male?" Ma l'allegro servitore pensò: "Ha
i scorticato la gente a sufficienza: ora avrai altrettanto" e si mise a suonare
un'altra danza. Allora l'ebreo si mise a pregarlo e gli promise del denaro se sm
etteva di suonare. Ma i soldi non bastavano mai al servo che continuò a suonare fi
nché l'ebreo non gli promise cento bei fiorini che teneva nella borsa e che aveva
appena estorti a un poveraccio. Quando il servo vide quel denaro, disse: "Così va
bene". Prese la borsa e ritirò il violino; poi continuò per la sua strada allegro e
tranquillo.
L'ebreo uscì dal roveto mezzo nudo e malandato, si mise a pensare a come poteva ve
ndicarsi e gridò al violinista quante ingiurie sapeva. Poi corse da un giudice e s
i lamentò dicendo di essere stato derubato del suo oro da un furfante che, per giu
nta, l'aveva ridotto da far pietà; colui portava un fucile sulla schiena e un viol
ino a tracolla. Allora il giudice inviò messi e sbirri a cercarlo, ed egli fu ben
presto rintracciato e condotto in giudizio. Allora l'ebreo l'accusò di avergli rub
ato il denaro, ma il servo disse: "Non è vero, il denaro me lo hai dato tu perché sm
ettessi . di suonare". Ma il giudice andò per le spicce e condannò il servo alla for
ca. Questi era già salito sulla scala a pioli, e aveva la corda al collo, quando d
isse: "Signor giudice, vogliate concedermi un'ultima preghiera!". "Ti sia conces
sa - rispose il giudice - purché tu non chieda la grazia." "No, non si tratta dell
a grazia -rispose il servo. - Vi prego di lasciarmi suonare per l'ultima volta i
l mio violino." Allora l'ebreo si mise a gridare: "Per l'amor di Dio, non permet
teteglielo! Non permetteteglielo!". Ma il giudice disse: "Gli spetta e così sia".
Del resto non poteva rifiutare, proprio per quel dono che era stato concesso al
servo. L'ebreo gridò: "Ahimé, legatemi stretto!". Il servo prese il violino e al pri
mo colpo di archetto tutti si misero a dondolare e a traballare, giudice, scriva
ni e uscieri, e nessuno poté legare l'ebreo; al secondo colpo d'archetto, il boia
lasciò andare il servo e si mise a ballare; quando si mise a suonare ballarono tut
ti insieme: il giudice e l'ebreo davanti a tutta la gente che si era radunata su
l mercato per assistere. All'inizio era divertente, ma poi, siccome il violino e
la danza non cessavano, presero a strillare miseramente e lo pregarono di smett
ere, ma lui continuò finché il giudice non gli concesse la grazia e gli promise di l
asciargli anche i cento fiorini. Poi disse ancora all'ebreo: "Furfante, confessa
da dove ti viene il denaro, o continuo a suonare solo per te!". "L'ho rubato, l
'ho rubato! Tu invece l'hai guadagnato onestamente", gridò l'ebreo, e tutti udiron
o. Allora il servo smise di suonare, mentre l'infame fu impiccato al suo posto.

*************

Sen stava messer Corvo sopra un albero


con un bel pezzo di formaggio in becco,
quando la Volpe tratta al dolce lecco
di quel boccon a dirgli cominciò:
- Salve, messer del Corvo, io non conosco
uccel di voi più vago in tutto il bosco.
Se è ver quel che si dice
che il vostro canto è bel come son belle
queste penne, voi siete una Fenice -.
A questo dir non sta più nella pelle
il Corvo vanitoso:
e volendo alla Volpe dare un saggio
del suo canto famoso,
spalanca il becco e uscir lascia il formaggio.
La Volpe il piglia e dice: - Ecco, mio caro,
chi dell'adulator paga le spese.
Fanne tuo pro' che forse
la mia lezione vale il tuo formaggio -.
Il Corvo sciocco intese
e (un po' tardi) giurò d'esser più saggio.

*************

Prima storia, che tratta dello specchio e delle schegge


In questa prima sezione viene narrato l'antefatto: si racconta come uno spirito
malvagio abbia creato un specchio capace di far sparire tutto ciò che di bello si
specchia in lui, e di accentuare e di deformare tutto il cattivo. In seguito, lo
specchio si rompe in mille frammenti che vengono dispersi per il mondo, entrand
o negli occhi e nei cuori degli uomini corrompendo le loro anime.
Seconda storia. Un bambino e una bambina
Si presentano i protagonisti, il bambino Kay e la bambina Gerda. Kay e Gerda son
o vicini di casa, e le loro finestre, all'ultimo piano di alti palazzi, sono uni
te da un piccolo giardino pensile, ricolmo di rose. Un giorno, mentre i bambini
sono nel giardinetto, un frammento dello specchio malvagio entra nell'occhio di
Kay. Da quel momento Kay divenne cattivo ed acido con tutti, persino con Gerda.
Un giorno, mentre Kay gioca con lo slittino nella piazza del paese, si attacca a
lla slitta della regina delle nevi e viene trascinato via, senza riuscire a stac
carsi. La regina delle nevi lo incanta con un bacio, facendogli perdere la memor
ia e impedendogli di avvertire il freddo.
Terza storia. Il giardino fiorito della donna che sapeva compiere magie
Nella terza parte Gerda, disperata per la scomparsa di Kay, decide di andare a c
ercarlo. Sale su una barchetta e chiede al fiume, in cambio delle sue scarpette
rosse, di portarla da Kay. La barca si arena nei pressi di una casetta in mezzo
ad un giardino di fiori, dove vive una vecchia maga. La maga incanta Gerda facen
dole dimenticare Kay e fa scomparire tutte le rose del giardino sottoterra, affi
nché queste non le ricordino il suo amico perduto. Ciononostante, dopo qualche tem
po Gerda vede una rosa dipinta, si ricorda di Kay e, dopo aver interrogato invan
o tutti i fiori del giardino, riparte alla sua ricerca. Nel frattempo è arrivato l
'autunno.
Quarta storia. Il principe e la principessa
Nella quarta storia Gerda incontra una cornacchia, che le racconta di come un ra
gazzo sconosciuto abbia da poco sposato la principessa del paese. Nella sua desc
rizione Gerda crede di riconoscere Kay e, con l'aiuto della cornacchia, entra ne
lla reggia e nella stanza della principessa e del suo sposo. Però questi non è Kay,
sebbene gli somigli. Commossi dalla sua storia, i principi regalano a Gerda una
carrozza con la quale proseguire la ricerca.
Quinta storia. La figlia del brigante
In questa sezione Gerda viene assalita dai briganti, a causa della carrozza e de
i ricchi vestiti che le sono stati donati. I briganti vogliono ucciderla, ma ven
gono fermati dalla figlia del capo, che desidera che Gerda diventi la sua compag
na di giochi. La figlia del brigante tiene prigionieri due colombi selvatici e u
na renna, i quali, dopo aver ascoltato la storia di Gerda, le dicono di avere vi
sto Kay in Lapponia, nel palazzo della regina delle nevi. La figlia del brigante
lascia liberi Gerda e gli animali, che partono per la Lapponia.
Sesta storia. La donna di Lapponia e la donna di Finlandia
Gerda trova ospitalità in Lapponia presso una povera donna. La donna di Lapponia l
e affida un messaggio - scritto su un baccalà - per la donna di Finlandia, che pot
rà aiutarla. La donna di Finlandia, una maga, spiega a Gerda dove sia il palazzo d
ella regina delle nevi, e le spiega che non avrà bisogno di altri poteri per sconf
iggere la regina oltre quelli che ha già.
Settima storia. Che cosa era successo nel castello della regina delle nevi e che
cosa accadde in seguito
Nella settima storia viene raccontato innanzitutto come Kay sia stato soggiogato
dalla regina delle nevi e costretto a comporre all'infinito parole con alcuni f
rammenti di ghiaccio. Solo se riuscirà a comporre la parola "eternità" potrà arrivare
ad essere padrone della propria vita. Mentre Gerda sta arrivando al palazzo, la
regina lo lascia. Gerda trova Kay, lo abbraccia e con le lacrime scioglie il ghi
accio nel cuore di Kay. Kay lo riconosce e si mette a piangere, facendo così uscir
e dall'occhio il frammento di specchio. Mentre Kay e Gerda festeggiano, i framme
nti di ghiaccio compongono spontaneamente la parola "eternità", liberando Kay.