Sei sulla pagina 1di 205

WINTER

STORIES
(conv. in L. 27/02/2004 n46)
Sped. in A.P. - D.L. 353/2003
Mensile Poste Italiane S.p.A.

art.1, comma 1, DCB Milano


Dicembre Gennaio 2017
Anno 28 n. 121 4,50

A MILANO Design dautore


e arte contemporanea
HOT & COLD Dalla villa a
Marrakech al rifugio
in Nordeuropa
LET DELLORO
Architettura, moda, dcor:
il Natale prezioso
ALTA SAVOIA Una vacanza
sulla neve nellhotel
firmato Marcel Breuer
A GENNAIO Hearst Magazines Italia Spa

IN EDICOLA via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile
Livia Peraldo Matton

ELLE DECOR lperaldo@hearst.it

Caporedattori

+ Filippo Romeo (caporedattore centrale) fromeo@hearst.it


Bettina Rosso (caporedattore design e tendenze) erosso@hearst.it

Consulente alla direzione


Rosaria Zucconi (interni e travel) rzucconi@hearst.it

Direttore artistico
Valeria Settembre vsettembre@hearst.it

NEXT
Redazione
Grazia Baccari gbaccari@hearst.it
Piera Belloni pbelloni@hearst.it
Francesca Benedetto (interni, travel, people) fbenedetto@hearst.it
Tamara Bianchini tbianchini@hearst.it

2017 Murielle Bortolotto mbortolotto@hearst.it


Paola Carimati (design e tendenze) pcarimati@hearst.it

Redazione grafica
Mariapia Coppin (vice caporedattore) mcoppin@hearst.it
Elena Santangelo (caposervizio) esantangelo@hearst.it
Carlo DAmico (impaginazione) cdamico@hearst.it

Photoeditor
Vivetta Rozza vrozza@hearst.it

UNO
Segreteria
Elena Contardi (direzione, amministrazione) econtardi@hearst.it
Roberta Salvioni (redazione, produzione) rsalvioni@hearst.it

SGUARDO Collaboratori
Ilaria Bacciocchi, Silvia Fanticelli, Solveig Fjord, Massimiliano Giberti, Flavia Giorgi,
Karin Grbk, Laura Maggi, Kristina Raderschad, Valentina Raggi, Eva Schuurmans, TDR Translation Company,

SULLANNO Stefania Vasques, Hanne Vind, Helle Walsted

Fotografi

CHE
Federico Cedrone, Annica Eklund, Andrea Ferrari, Andrea Garuti, Kasia Gatkowska,
Robert Holden, Ida Schmidt/House of Pictures/Living Inside,
Christian Schaulin, Wichmann + Bendtsen Photography, Max Zambelli

VERR Progetto grafico


Designwork

elledecor.it
Alessandro Valenti (consulting editor)
Chiara Chioda cchioda@hearst.it
Benedetta Lamberti blamberti@hearst.it
Carlotta Marelli cmarelli@hearst.it

Direzione, redazione e amministrazione


via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 02.6619.2774, fax 02.6619.3862
e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it rsalvioni@hearst.it
Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton
Editore: 2012 Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano
Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 530 del 16 luglio 1987
Pubblicato a Milano nel 1987

Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali


CHINA CROATIA DENMARK FRANCE GERMANY GREECE
HOLLAND INDIA INDONESIA ITALY JAPAN KOREA MEXICO
DESIGN/ARCHITETTURA/ MIDDLE EAST PHILIPPINES POLAND RUSSIA SOUTH AFRICA
PROTAGONISTI/ EVENTI/ LIFESTYLE/ SPAIN SWEDEN TAIWAN THAILAND TURKEY UK USA

DECORAZIONE ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except February
& August) by HEARST MAGAZINES ITALIA Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio


SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli

ELLE DECOR un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia Spa
Tutti i diritti riservati HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 | Via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy

HEARST MAGAZINES ITALIA Spa pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Puzzle Collection, Gente Speciali, Gioia!,
gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Sfilate, Elle Kids, Elle Luxe, Elle Spose,
Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it
HMC ITALIA Srl pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire Maison,
Marie Claire Maison Guida Design, Marie Claire #Likes, marieclaire.it

CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICIT Hearst Magazines Italia Spa


Direzione Generale Pubblicit: Via R. Bracco 6 - 20159 Milano Tel. 02/6619.1 Fax 02/6619.2608

DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it


VICE DIRETTORE GENERALE, MARKETING, INIZIATIVE SPECIALI Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it
CHIEF DIGITAL OFFICER Biagio Stasi, bstasi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it
DIRETTORE VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it

COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Marta Pancin, mpancin@hearst.it

ITALIA DIREZIONE CENTRO NORD


TRIVENETO E MANTOVA. DIRETTORE COMMERCIALE: Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia Spa, Strada Battaglia 71/c
35020 Albignasego (PD) Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879. PIEMONTE, LIGURIA E VALLE DAOSTA, Adv SpazioErre Srl,
C.so Giovanni Lanza 105 - 10133 Torino - Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875. EMILIA ROMAGNA, TOSCANA
E UMBRIA. DIRETTORE COMMERCIALE: Sisto Casalini. Hearst Magazines Italia Spa, Via Goito 8 - 40126 Bologna
Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130.

ITALIA DIREZIONE CENTRO SUD


DIRETTORE COMMERCIALE: Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via della Camilluccia 535
00135 Roma -Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824. MARCHE-ABRUZZO-MOLISE, Alessandro Fiorelli,
Via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) - Tel. 335/6891463. CAMPANIA E CALABRIA, Valentina Paparo, Via Onofrio Fragnito 54
80131 Napoli - Tel. e Fax 081/5456386. PUGLIA-BASILICATA E SICILIA, G.S.P. SAS, Via Principe Amedeo 93
70122 Bari - Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401.

INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441

HEARST MAGAZINE INTERNATIONAL


Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director)

HEARST MAGAZINES ITALIA SPA


David F. Carey (Presidente)
Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale)
Simon Horne - Marcello Sorrentino, Debi Chirella (Amministratori)

TRADEMARK NOTICE
Elle and Elle Decor are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse.

LAGARDRE ACTIVE
Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardre Active)
Constance Benqu (CEO ELLE France & International)
Franois Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses)
Sylvie De Chire (Brand Management of Elle Decoration)
Cristina Romero (SVP/International Director of Elle Decoration)
Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication)
Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration)
Flora Rgibier (Marketing Executive of Elle Decoration)
Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator)

INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDERE GLOBAL ADVERTISING


Franois Coruzzi (CEO)
Stphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com)

STAMPA E DISTRIBUZIONE
NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo
Per lItalia: m-Dis Distribuzione Media Spa, via Cazzaniga 19, 20132 Milano tel. 02.2582.1.
Per lestero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano - Tel. 02.43982263, fax 02.43976430.
E-mail: info@johnsons.it A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi.
n. 12/012017

45

152 100

ATTUALIT+CULTURA 111 EDIDA 2017 Marcel Breuer negli anni 60 STILE+DECOR


Le candidature che concorrono trova una nuova identit
20 Elledecor.it al premio Elle Deco 75 Interior 35 Decorscouting
Gli extra del mese, International Design Awards A Copenhagen la casa Curiosit, mobili, address:
da approfondire online 191 n.b. di Oliver Johansen: colori tutto da scoprire
23 Password Gli appuntamenti del mese e arredi dautore anni 50 70 Wishlist
Hot & Cold: una stagione in Italia e nel mondo 85 Social design Oggetti di design, brand
di vacanza da vivere allinsegna A Roma, nel quartier generale new o evergreen. Per
della ricerca e della curiosit DESIGN+ARCHITETTURA di Fendi, il nuovo ristorante glam unatmosfera di festa con piccoli
24 Destinazione oro riservato a dipendenti e ospiti tocchi preziosi
Tendenza effetto gold nel 45 Art Design 175 Inside design 91 Lifestyle
design, in architettura e nella A New York per scoprire Idee da viaggio, food, wellness, Larte del ricevere nella guest
moda. Irrinunciabile scintillio i progetti di Sebastian ErraZuriz materiali E uno speciale house svedese di Bolon
dei periodi di festa 52 Architettura dedicato agli accessori per
A Flaine, sulle Alpi francesi, la casa nella stagione fredda
il resort disegnato da

17 ELLE DECOR
Dicembre/Gennaio

134

24
124 Cover
FOOD+TRAVEL INTERNI 152 Amsterdam
Affacciati su un canale, gli spazi
63 Tendenze 124 A Milano privati di uno scrittore,
Dagli Stati Uniti allEuropa, In un quartiere di tendenza, trasformati dallo Studio Bakker
alla scoperta dei concept store una dimora omaggio allarte in un luogo unico
di nuova generazione e al design storico italiano 162 Textile show
100 Itinerario 134 Danimarca Trasparenza, stile Jap, micro
Marrakech inedita: dai riad pi Un cottage sopra unisola pattern, total white, new tartan:
esclusivi ai ristoranti cool, diventa un insolito, poetico ecco gli ultimi trend
dalle gallerie di Sidi Ghanem esempio di casa sostenibile
ai giardini nascosti 142 In Marocco 193 Gli indirizzi
Con vista sulle montagne 195 English text
dellAtlante, una villa scultorea Servizio a pag. 124. Di Rosaria
si mimetizza nel paesaggio Zucconi foto di Max Zambelli
desertico

18 ELLE DECOR
elledecor.it
Elle Decor Italia anche sul web con news, video, photo
gallery, case, architettura, design, interior decoration.
In pi: reportage in tempo reale e speciali dalle principali
capitali del mondo

Extra su elledecor.it Interior Design Da vedere Idee regalo


Unapposita grafica Vincent Van Duysen, art director A Londra, nel mitico Claridges I cinturini per smartwatch
segnala i contenuti speciali. del gruppo, firma a Giussano Hotel, latmosfera natalizia di Bejamin Hubert per Noomoon
Segui il simbolo + il nuovo Corporate Showroom ideata da Jonathan Ive e Marc sono allinsegna della
alla fine degli articoli. Molteni&C/Dada: un percorso Newson (p. 35). A Venezia, sperimentazione. I guanti
Per trovarli basta aprire sensoriale esteso su 2.700 mq il nuovo concept store nel speciali di Mujjo per digitare
la home page e (pag. 42). Ha il segno di Patricia Fondaco dei Tedeschi, dedicato su qualunque touchscreen
cliccare sulla voce magazine Urquiola il nuovo spazio allo shopping esclusivo (p. 68). (p. 180). In vacanza a Natale
espositivo di Laufen a Madrid, A Roma, al MAXXI, la mostra The con le valigie componibili
unarchitettura storica rivista tra japanese house racconta come create da Bugaboo, per avere
funzione ed emozione (p. 178). si abita nel Sol Levante (p. 191). tutto in ordine e su ruote (p. 180).

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire.
Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

20 ELLE DECOR
PASSWORD

12/01 [Hot & Cold]

il momento dellanno da vivere in casa, avvolti dalleffetto cocoon di residenze


vestite a festa, insieme agli amici, riuniti a tavola in occasione dei party pi
coinvolgenti, ma anche in viaggio, approfittando delle vacanze invernali. Una stagione
che vogliamo raccontare senza retorica, ma allinsegna della ricerca e della curiosit.
Giocando con gli opposti. Spingendoci nel Nord Europa per visitare, ad Amsterdam
e sullisola di Ls, non lontana da Copenhagen, due case-rifugio, luoghi per lanima
e per la vita quotidiana, in citt o immersi nel verde. Per poi tornare in Italia, ospiti
di una coppia di collezionisti che, a Milano, vive circondata da arte contemporanea
e design dautore. Opposti geografici e di stili di vita a confronto. Da scoprire volando
a Marrakech, per un viaggio inedito sotto il sole, nei quartieri dove si sperimenta la
creativit. O soggiornando, tra le montagne bianche dellAlta Savoia, in unarchitettura
firmata da Marcel Breuer e costellata di opere di Dubuffet, Picasso, Vasarely.
Il racconto continua in bilico tra sogno e realt. Immaginando un Natale scintillante
che ha i riflessi delloro: impressi sulle superfici di edifici gioiello, incastonati
nei decori e nelle trame di tessuti di design, amplificati negli spazi dellospitalit,
dello shopping, della cultura. Per un periodo di festa da dedicare alle emozioni.
23 ELLE DECOR
DESTINAZIONE ORO

The Gold
Superfici dorate
e riflessi shine colorano
questo periodo speciale.
Dal glamour design
ai grandi luoghi della
cultura, la nostra caccia
alloro con idee per
viaggi e regali inaspettati
di Valentina Raggi e Filippo Romeo

Experience Studio Bouroullec

24 ELLE DECOR
Ronan & Erwan Bouroullec
Nelle Galerie Kreo di Parigi e Londra
i due designer francesi espongono
Chains, lampade modulari in alluminio
anodizzato e finiture glossy (fino al 7
e al 14/1/17). www.galeriekreo.com,
www.bouroullec.com
Henri Cleinge Larchitetto
di Montreal trasforma una storica
banca nel Crew Offices & Caf, spazio
di lavoro per una start-up, bar e
co-working. Creando essenziali box in
vetro e pannelli di ottone, che fanno
eco allimpianto depoca della
struttura. www.cleinge.com, crew.co
Foto Adrien Williams.

25 ELLE DECOR
DESTINAZIONE ORO

Interventi brillanti, di segno contemporaneo, allinterno dei


grandi palazzi storici. Immaginario prezioso nellarte e in passerella

Foto Patrick Tourneboeuf/Tendance Floue/OPPIC - Foto Joshua White. Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong
Dolce&Gabbana Per questo
autunno/inverno la maison propone
un immaginario fiabesco: la collezione
Fabulous Fantasy unesplosione
di texture glitter. www.dolcegabbana.it
Dominique Perrault Nuova porta
dingresso della Reggia di Versailles,
il Pavillon Dufour appena restaurato
dallarchitetto francese: strutture
in ferro con finitura oro accolgono gli
ospiti tra caffetteria e auditorium.
www.perraultarchitecture.com
Matthew Monahan Goldbat
lopera rivestita in foglia doro
dellartista di Los Angeles, nuovo nome
di punta dellarte contemporanea.
Samuel Amoia Il giovane talento di
New York, su commissione della De
Lorenzo Gallery, si ispira al classicismo
creando una collezione di arredi
innovativi brillanti, come la console
in ottone e onice. www.samuelamoia.
com, www.delorenzogallery.com

26 ELLE DECOR
DESTINAZIONE ORO

Office Winhov
Lo studio di Amsterdam trasforma
due edifici attigui, lex centrale
telefonica e la KAS Bank della citt,
nel W Hotel, un 5 stelle dove tutto
dorato, dagli arredi alle pareti, alle
nuove strutture portanti. Nella foto, il
Duchess Restaurant Bar caratterizzato
da una parete doro specchiante .
www.winhov.nl,
www.wamsterdam.com

Foto Lutz Vorderwlbecke

28 ELLE DECOR
DESTINAZIONE ORO

Metallo e cristallo si uniscono per catturare fino allultimo


riflesso di luce. Effetto brillante su piccola e grande scala

Neri & Hu Il flagshipstore


AMORE del brand di skincare
Sulwhasoo, a Seoul, un edificio
brutalista trasformato dagli architetti
cinesi in un luogo onirico: una
sofisticata gabbia dorata entra ed esce
dalla struttura, ispirandosi alla forma
di una tipica lanterna locale. www.
neriandhu.com, www.sulwhasoo.com
Mathieu Lehanneur Per il boutique
restaurant parigino della catena
gluten-free Noglu, il designer francese
sceglie colori pastello, materiali
Foto Pedro Pegenaute - Michel Giesbrecht - Foto Hufton + Crow
naturali ed elementi e arredi in bronzo
che, luccicando, creano unatmosfera
rilassata e contemplativa. www.
mathieulehanneur.fr, www.noglu.fr
Zaha Hadid Spettacolare il nuovo
headquarter dellautorit portuale
di Anversa, ampliamento della vecchia
sede con unarchitettura in vetro
sfaccettata che, come una pietra
preziosa, riflette la luce naturale che
diventa dorata al tramonto.
www.zaha-hadid.com +elledecor.it

30 ELLE DECOR
DESTINAZIONE ORO

Stavolta, tutto oro quel che luccica. Complice il Natale


che dispensa spolverate glitter dalle strade ai guardaroba,
ma anche merito di un desiderio comune di dare un colpo di
spugna ai lunghi anni di understatement forzato, ci che dorato
torna alla ribalta. Dallaccessorio allarchitettura, i creativi
non mancano di captare il fascino del trend. Ed essendo periodo
di feste, la nostra selezione punta a offrire una lista di luoghi
da vedere e oggetti da acquistare. Partendo in grande.
A Montreal, Henri Cleinge trasforma unantica banca in un
ufficio-caffetteria grazie allinserimento di box in ottone e vetro:
una soluzione, afferma, alla sfida su come misurarsi con
lhritage del luogo. A Parigi, Dominique Perrault ha appena
concluso il restauro e il rinnovamento del Pavillon Dufour,
lentrata dello Chteau de Versailles, con caffetteria e
auditorium: Mi sono mosso nel rispetto del patrimonio storico
e architettonico. Decorazioni e arredi disegnati per il luogo
riecheggiano lingresso storico in ferro battuto con finitura dorata
e i soffitti con inserti in piombo color oro. Il risultato una sorta
di sontuoso cammeo, spiega larchistar. Brilla anche lultimo
ambizioso progetto firmato Zaha Hadid: lampliamento della
sede dellautorit portuale di Anversa, un mastodontico poliedro
vitreo, un gioiello che si indora alla luce del tramonto, poggiato
sopra lantica struttura. Ad Amsterdam, tappa dobbligo
il nuovo W Hotel, placcato dalle vasche da bagno alle pareti.
Nostalgia estetica di un aristocratico preziosismo dei dettagli,
omaggio contemporaneo reso con interventi in luoghi classici,
ma oggi anche vezzo pop, la finitura gold rende sensuale e
sofisticato un flagship store come AMORE del marchio di cosmesi
Sulwhasoo a Seoul; firmato Neri & Hu, ha un gioco di griglie
dorate che si intrecciano alla struttura originaria in maniera
unica. E la moda ora propone di vestirci doro a tutte le ore, e
non solo alla Vigilia, liberando con disinvoltura il desiderio di
autogratificazione permanente. Nella psicologia dei colori loro
rimanda al Sole, allevoluzione, a unidea di felicit cavalcata
anche dai messaggi pubblicitari. E il mondo dellarte? Il greco
Panos Tsagaris mira a mostrare il divino nella vita di tutti i giorni,
e celebre la sua cover del New York Times (a lato),
ambiguamente dorata. E ha ceduto anche lartista-politico
Ai Weiwei, che per la prima volta disegna gioielli per Elisabetta
Cipriani. Protagonista di cenoni e riti sociali di stagione, anche
il cibo a tema gold. Come il risotto zafferano e oro, cavallo
di battaglia di Gualtiero Marchesi (da assaggiare al ristorante
Marchesi alla Scala di Milano), ma facile trovare anche piccoli
food gift scintillanti, dallolio evo Myst ai cioccolati di Matre
Choux. Basta una pennellata e ogni cosa assume un surplus
di valore, un senso di alta qualit che soprattutto nel mondo
dellalimentazione oggi molto ricercato. Lo sa il designer
Mathieu Lehanneur, che nel ristorante parigino gourmet gluten-
free Noglu crea un passaggio a forma di grotta, perch siamo
primitivi che si sono civilizzati, spiega, ma poi aggiunge pannelli
e arredi aurei per dare il suo tocco di contemplation-inducing
design. Ma il product design ad aver anticipato tutti
Panos Tsagaris Lartista riportando alla ribalta oro, bronzo, rame e ottone, citazioni degli
greco di stanza in America lavora anni 50, ma soprattutto strumenti per sradicare lomologazione
nel limbo tra sacro e profano. Loro del mercato di massa a favore di pezzi (magari pi limitati) di
ricorrente nelle sue opere, come la
Courtesy Kalfayan Galleries

prima pagina del New York Times, migliore manifattura, qualit materica e raffinatezza progettuale.
April 8 2015, nella quale le colonne La newyorkese Lindsey Adelman celebre per luso di platino
di testo sono cancellate da campiture e oro nelle sue favolose lampade. Il suo concittadino, il giovane
in oro zecchino. panostsagaris.com, Samuel Amoia, sta conquistando fama internazionale
www.kalfayangalleries.com
con arredi luccicanti e avveniristici in minerali e metalli raw.
Il fascino delloro fonte dispirazione continua.

32 ELLE DECOR
Scenograe dautore che fanno sognare, larte da indossare
e da vivere in limited edition e i nuovi oggetti must I love
a cura di Bettina Rosso e Murielle Bortolotto

Da Apple alle atmosfere natalizie. Sir Jonathan


Ive, il designer della mela, progetta con Marc Newson
il Winter Christmas del Claridges Hotel di Londra.
Per il 5 stelle icona di Mayfair, unimmersione
esperienziale a tutto tondo. Sulle pareti della hall
proiezioni in movimento di un bosco di betulle
innevate e autentici abeti alti pi di 5 metri, nudi,
profumati e magici. Anche il sound quello
di una foresta in alta quota con voci di usignoli, civette,
passeri e scoiattoli che si sommano alle musiche
natalizie. www.claridges.co.uk +elledecor.it

35 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Il designer berlinese Werner Aisslinger presentanta House


of Wonders, installazione site-specific per The Design
ign Museum
di Monaco di Baviera. Dove coniuga i suoi pezzi con la tecnologia
di domani e il mondo automotive. Una prefigurazione
avveniristica di quella che sar la casa del futuro. www.aisslinger.de

Essenziale e purista
La lampada da tavolo PC in
alluminio, per Wrong.london,
e la poltrona componibile
Slice rieditata da Ligne Roset,
sono due dei pezzi firmati
dal francese Pierre Charpin
(Designer dellanno 2017 per
Maison&Objet), che saranno
esposti dal 20 al 24/01
a Parigi. E per tutto febbraio,
i suoi lavori, anche al Muse
des Arts Dcoratifs nella
mostra Lesprit du Bauhaus.
www.pierrecharpin.com

36 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Colori in trasparenza Oggetti pop chic vestono nuance delicate


o si presentano (scenograficamente) in versione extralight

[1] [2]

[5]

[6]

[3]

[4]

1. Dal bianco allcru per la wallpaper Saraille di Designers Guild, da scegliere in altri 15 colori e a 220
il rollo da 12 m. www.designersguild.com 2. Sospesa la lampada Fabula di Costantino Morosin per
Slamp: in Lentiflex, emette una luce a 360. www.slamp.com 3. Divide gli spazi creando giochi di ombre multicolori
il paravento Vela di Bernhardt & Vella per Arflex, da 2.631. www.arflex.it 4. Uno, Due, Tre. Una collezione
di numeri ideata da Ron Arad per Atelier Swarovski, cm 15h. www.atelierswarovski.com 5. Da comporre a seconda
del proprio mood la Glass Town di Dechem, a 1.995 . www.dechemstudio.com 6. Tavolo Lady Hio di Philippe Starck
per Glas Italia con piano extralight e dettagli in finitura oro. www.glasitalia.com

38 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Arte al polso. Sette artiste del calibro di Laurie Simmons, Barbara


Kruger, Cindy Sherman, Shirin Neshat hanno miniaturizzato ognuna
la propria visione dellarte in un charm che decora il braccialetto opera
darte. Ideato dalla collezionista LizWorks alias Liz Swig con il brand
di gioielleria creativa Ippolita, in 50 esemplari. www.ippolita.com

Acne incontra Max Lamb a


New York. In Madison Avenue il Pop reloaded. 38 tappeti in
seta hand-knotted realizzati
nuovo store del marchio cult esplora da Calle Henzel con la Andy
lincontro/scontro tra mood raffinato Warholo Found
Foundation. Esemplari unici
e appeal industriale. Pavimento in che ritagliano e ingrandiscono
ingra un
particolare di una delle opere
asfalto nero, pareti bianche e oro e pi conosciute dellartista, Marilyn.
appenderie ultralight. Nellinvolucro Presentati a Art Basel Miami, in
vendita in esclusiva per lItalia da
giocano sullequivoco light/heavy Luisaviaroma. www.byhenzel.com
i pezzi scultura dellartista e
designer. www.acnestudios.com

40 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Un binomio vincente.
Dopo il Molteni Museum, Vincent
Van Duysen, art director del gruppo,
firma per Molteni &C/Dada
il Corporate Showroom di Giussano.
Un percorso sensoriale su 2.700 mq
e due livelli. Materiali naturali
e sofisticati, toni neutri cari
allarchitetto, incorniciano
le collezioni di ieri e di oggi.
In foto, sedute Chelsea di Rodolfo
Dordoni, tavolino Teso di Foster +
Partners. www.moltenigroup.com
+elledecor.it

Lessenza della luce. Slanciata e scultorea, Lu firmata Icone Luce,


formata da elementi geometrici che si innestano uno nellaltro.
Nella base cilindrica lo stelo sottile, mentre un disco piatto in metallo
smaltato nasconde il corpo illuminante che diffonde discretamente
la luce. In 5 versioni, qui cm 190h. www.iconeluce.com

Pedalare cool. Solo in negozi


esclusivi (Colette a Parigi,
Saks Fifth Avenue)
enue) le biciclette
di Martone Cycling
ycling Co. Per
appassionati di stile e non solo
di sport. www.martonecycling.eu
w.martonecycling.eu
Foto Pasquale Formisano

42 ELLE DECOR
ART DESIGN

Sebastian ErraZuriz (Santiago


del Cile, 1977)
1 ritratto nel suo
studio di New
N York.
Protagonista, alle spalle
Protagonis
del creativo,
creativ la lampada Bird
Chandelier: una struttura
Chandelie
in cristallo leggera e fragile.

45 ELLE DECOR
ART DESIGN

Alle pareti dello studio


di Sebastian ErraZuriz nella
Big Apple, due Social Political
art work. A sinistra, Occupy
Chairs: la sedia pieghevole
diventa uno strumento utile per
chi protesta. A destra,
Portrait of Us - Tatianna.

46 ELLE DECOR
ART DESIGN

Alcune tra le sculture


funzionali del designer
cileno. A sinistra,
Sanctuary I, console
che trae ispirazione
dal luogo di preghiera.
Accanto, The Wave
Cabinet: un contenitore
che si apre sfruttando
il movimento a
fisarmonica dei listellari
in legno. Sotto e in
basso, The Explosion
e The Kaleidoscope
Cabinet: che indagano
due diversi meccanismi
di apertura.

Non mi interessa
essa la forma degli oggetti.
Al contrario mi piace
ace ragionare sul loro funzionamento:
come si apre un cabinet?
abinet? Quanto spazio nasconde?

48 ELLE DECOR
ART DESIGN

A destra, Ice Cycle, progetto


di exhibition design per
Audemars Piguet ad Art Basel
2016. Lo spazio bianco,
dalla temperatura polare,
ricorda anche nelle forme
del rivestimento a parete
i ghiacciai di Le Brassus,
dove ha sede il marchio
svizzero. Sotto, lespositore
dellorologio Diamond Punk.

a far discutere con A pause in the city that never sleeps: una
mega video-proiezione sugli schermi di Times Square, a NY, del
suo volto che, sbadigliando, suggerisce di riprendersi il proprio
tempo. Due modi diversi di mettere al centro luomo, nel lavoro
come nelle relazioni. La sua produzione, prevalentemente
in edizione limitata, dissacra il tradizionale senso del domestico
introducendo tipologie come sedute, cabinet e luci che attingono
da ambienti distanti dal mondo dellabitare: come i luoghi
di preghiera, i siti archeologici, ma anche i regni animale
e vegetale. I pezzi che firmo sono art work funzionali fortemente
scultorei, sottolinea Sebastian. La mia una creativit fluida
e il mio pensiero allenato a un continuo crossing culturale. Per
esempio, la serie di cabinet in legno non nasce da una riflessione
sulla forma, ma sul modo in cui vengono aperti. la curiosit
Cileno di origine e stanziale a Brooklyn, New York, di scoprire quanto spazio racchiude che muove il mio progetto:
Sebastian ErraZuriz un progettista politicamente esposto, un modo sensuale di coinvolgere chi lo compra o ne
schierato. Alla domanda come ami definirti risponde: Io sono semplicemente attratto nel gioco di svelare. Un approccio
un artista, un designer, un attivista. Ma anche un aristocratico. al progetto non estemporaneo, ma frutto di un percorso di studi
Pare infatti che alla celebre rivista americana Interview atletico: con un diploma in design salta sul grande schermo
abbia snocciolato un albero genealogico da far invidia. cinematografico, per poi ritornare alla disciplina madre, pronto
Nella mia famiglia ci sono tre presidenti e due arcivescovi. per un master in scultura. Eclettico, elegante e mai scontato,
Cosa abbastanza comune in Sudamerica. Detto ci, nonostante il linguaggio di Sebastian ErraZuriz trova il suo giusto interlocutore
possa vantare nobili natali, rimango sempre senza un soldo. anche nei luxury brand: per Audemars Piguet, il marchio svizzero
Ma poich la classe non acqua, Sebastian sembra incantare di orologeria di lusso, ha infatti firmato Ice Cycle, il progetto
clienti di un certo tipo. Si tratta di collezionisti, persone esigenti di exhibition design per Art Basel 2016 di Hong Kong, Basilea e
che cercano cose che nessun altro ha. Che amano investigare Miami. Ho pensato di mettere in scena uno spazio puro, in cui
nelle pieghe del progetto. Sono open-minded e demanding la temperatura glaciale (che riporta ai rigidi inverni nevosi di
al tempo stesso. La sua creativit si muove infatti nellambito Le Brassus, sede della maison) suggerisce ai visitatori di riflettere
dellart design, con oggetti dal tratto fortemente scultoreo, per sullimportanza del tempo che passa. Oggi che i suoi pezzi sono
esplodere poi nello spazio urbano con installazioni site-specific venduti nelle gallerie di Cristina Grajales e Salon 94 della
che muovono pensieri e riflessioni su temi sociali di stretta Grande Mela e di Londra, la sua verve polemica non
attualit. Il suo linguaggio, come descritto nella sua monografia si ammorbidita. Dobbiamo allenare la nostra sensibilit
The Journey of Sebastian ErraZuriz (Gestalten, 2012), a comprendere la complessit nella quale viviamo. Siamo saturi
ironico, sofisticato e preciso. Tutto nato nel 2006, quando di immagini, di messaggi tanto feroci quanto vuoti. Abbiamo
con The tree memorial of a concentration camp scuote bisogno di pi pensiero. Thinking prima, per non pentirsi poi.
le coscienze: pianta una magnolia di 10 metri di altezza www.meetsebastian.com
nel centro del National Stadium di Santiago del Cile
per non dimenticare le feroci repressioni operate nel 1973
da Pinochet contro i suoi connazionali. Nel 2015 torna

50 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Come fiori giganti, le sagome in


bianco e nero della scultura di
Jean Dubuffet Le Boqueteau de 7
arbres, 1969, si accostano al
piccolo Refuge Tonneau in
acciaio, progettato nel 1938 da
Charlotte Perriand e Pierre
Jeanneret. Dietro gli abeti la
facciata del Flaine Hotel, meta
sciistica in Alta Savoia realizzata
da Marcel Breuer nel 1969.

52 E LL
LLEE DEE C O R
Arte ad alta quota
Sulle Alpi francesi un resort progettato alla fine degli anni 60
da Marcel Breuer fonde architettura e paesaggio. Complici le opere
site specific di Picasso, Vasarely e Jean Dubuffet
di Kristina Raderschad foto di Christian Schaulin testo di Massimiliano Giberti

53 ELLE DEC
DE C O R
ARCHITETTURA

54 ELLE DECOR
Larchitettura in cemento a
sbalzo del Flaine Hotel
incastonata nella roccia, segno
potente firmato Marcel Breuer.
Pagina accanto, il ristorante
con interni in calcestruzzo e
vetro. In primo piano, sedute di
Harry Bertoia, Knoll Int., qui
vestite da pellicce bianche.

55 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Dalla scala del paesaggio


a quella dellinterior design,
il complesso turistico di Flaine
si confronta con tutte
le dimensioni del progetto:
a sinistra, negli spazi comuni
del bar sgabelli e poltrone
in tubolare dacciaio stile
Bauhaus, in basso, chaise
longue in pelle verde per larea
lounge. Qui accanto, la grande
testa-scultura, opera di Pablo
Picasso, installata di fronte
allingresso. In basso a sinistra,
un dettaglio della facciata
in cemento armato a vista.
Il segno architettonico,
che ricorda il MET Breuer di
New York, una caratteristica
del progettista. Pagina
accanto, linsieme degli edifici
immersi nel verde.

A 1.600 metri di altitudine, il complesso ricettivo


Flaine fa parte degli edifici storici francesi e dal 2008 stato
classificato come patrimonio architettonico del XX secolo

56 ELLE DECOR
57 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Primo piano su Three


Hexagons, opera di Victor
Vasarely del 1973, parte
dellinsieme di installazioni site
specific del Flaine Art Center
(oggi Centro Culturale Flaine)
che dagli anni 70 riunisce arte
e architettura nel contesto
naturale del paesaggio alpino.

Grandi volumi in calcestruzzo, incastonati nella roccia, una costituiscono il complesso organizzato su tre livelli principali:
foresta di abeti e, immerse nella neve, le forme astratte delle Flaine-Front de Neige (m 1500), Flaine-Forum (m 1600)
sculture di Jean Dubuffet, Pablo Picasso, Victor Vasarely. e Flaine-Fort (m 1700) collegati da due strade pedonali e da
Accanto, il piccolo Refuge Tonneau rivestito dacciaio, funicolari panoramiche. Marcel Breuer sceglie di uniformare
capolavoro di design e architettura dalta quota, progettato nel tutto il sistema costruito utilizzando pochi materiali, tra cui
1938 da Charlotte Perriand con Pierre Jeanneret. Siamo al Flaine prevalgono il calcestruzzo, la pietra a spacco e il legno,
Hotel, mega struttura firmata da Marcel Breuer, capace di applicati adottando un linguaggio formale unico: un modulo
stabilire un rapporto brutale, diretto con il paesaggio, attentissimo rettangolare svasato dimpronta cubista che definisce tutti
allequilibrio ambientale del contesto nel quale si inserisce. i prospetti degli edifici, mettendo in relazione i vuoti delle vetrate
Ha lo stesso nome della stazione sciistica dellAlta Savoia, nata con i pieni della struttura. Questo complesso architettonico,
nel 1969 dallintuizione del geofisico Eric Boissonnas che, nato da principi funzionalisti estremi, stato capace di
insieme allarchitetto svizzero Grard Chervaz, decide di dare riattualizzarsi nel tempo, modificandosi per rispondere alle
forma concreta al sogno di coniugare urbanistica, architettura, esigenze di un turismo che sta cambiando. Cos i volumi che
arte e design a 1.600 metri di altitudine. Una piccola citt accoglievano le unit residenziali private sono oggi residence o
autosufficiente, nella quale ci si muove solo a piedi o sugli sci. Il alberghi per vacanze (lostello UCPA Flaine Les Lindars, il tre
progetto del mega resort viene affidato a Marcel Breuer, maestro stelle Htel Club Mmv Le Flaine e il quattro stelle Terminal Neige
dellarchitettura moderna in grado di spaziare dalla scala degli - Totem), i vecchi centri commerciali sono stati trasformati in
oggetti darredo (tra cui le mitiche sedute in acciaio tubolare ristoranti e caff. E il complesso ricettivo pu ora soddisfare un
cromato, sviluppate a partire dagli anni 30 nel Bauhaus) a pubblico di visitatori che va dai pi giovani agli amanti del lusso.
quella della grande dimensione, disegnando edifici iconici come Marcel Breuer ha in parte curato, insieme a Sylvie Boissonnas,
il Palazzo dellUnesco a Parigi, o lex sede del Whitney Museum anche il design degli interni di hotel e appartamenti. Qui riaffiora
di New York, ribattezzato oggi MET Breuer in suo onore. la doppia natura di Flaine: forme spoglie, marcate dalle travi
Il Flaine un macro organismo architettonico, grande come una in cemento armato e dai tubi metallici degli impianti a vista,
citt, funzionale come un transatlantico, in grado di suscitare che si animano con il fuoco dei camini, immancabilmente
emozioni forti, sia per lo scontro-incontro che stabilisce con in calcestruzzo, ricavati modellando le pareti perimetrali degli
limmensit del paesaggio (le strutture in cemento a vista si ambienti. Le Flaine fa parte degli edifici storici francesi e dal
intrecciano senza mimetismi tra gli alberi e le dune di neve) sia 2008 stato classificato come patrimonio architettonico del XX
per il calore dei suoi spazi interni. Linsieme degli edifici che secolo. Motivo in pi per passare qui una vacanza in alta quota.

58 ELLE DECOR
TENDENZE

Leclaireur,
Los Angeles Lo store
parigino della famiglia
Hadida, punto di
riferimento per gli amanti
della decorazione, apre
nel design district di West
Hollywood, in un palazzo
in stile francese. Linterno
uno spazio domestico
che ospita opere di artisti,
designer e stilisti, tra pezzi
unici e limited. Tra i vari,
arredi materici della belga
Pia Manu, capi dello
stilista austriaco
Carol Christian Poell,
e una stanza dedicata
a Fornasetti. Al roof, un
priv per mostre ed eventi.
www.leclaireur.com

I love shopping
Dagli Stati Uniti allEuropa, alla scoperta dei concept store
di nuova generazione. Firmati da studi internazionali, espongono brand
esclusivi e oggetti di ricerca. Per un regalo inaspettato,
e unesperienza a 360 tra una cerimonia del t e una mostra darte
di Valentina Raggi

63 ELLE DECOR
TENDENZE

10 Corso Como,
New York La Mecca fashion
fondata da Carla Sozzani
festeggia i suoi 25 anni
con un restyling dello spazio
milanese e con lannuncio
di unapertura nella Grande
Mela per la prossima estate.
Dopo Seoul, Shanghai e Pechino
la volta degli Stati Uniti
grazie alla partnership con
la compagnia di real estate
The Howard Hughes
Corporation. La sede sar
lo storico palazzo del Fulton
Market, nella zona di Seaport,
1.300 mq riprogettati dallartista
americano Kris Ruhs, autore
dellimmagine globale
di 10 Corso Como. Lofferta
come sempre eclettica: moda,
libri, oggettistica e mostre.
www.10corsocomo.com

Dover Street Market, Londra Un mercato dove creativi diversi si legano in un bellissimo caos, definisce
Rei Kawakubo il suo progetto, nato nel 2004 a Londra e oggi anche a Tokyo, New York e con un franchise in Cina.
La prima sede stata ora trasferita a Haymarket, edificio depoca rivisitato con corner di moda (nella foto, Sacai)
e lifestyle, marchi emergenti e big. Ogni piano ha un tema (Metal Dinosaur, Black/White), molti interior sono della stilista,
con installazioni di Thierry Dreyfus e Pedro Cabrita Reis. Si aggiungono shop di design, profumi, spazi per mostre
e anche una panetteria. www.doverstreetmarket.com +elledecor.it

64 ELLE DECOR
TENDENZE

Lagrange12, Torino Uno storico palazzo secentesco del centro trasformato in ibrido deluxe
ospita un multibrand, residenze e arte. Dimore Studio firma lo store al basement e al primo piano,
con echi Art Dco e appenderie in ferro ispirate ai ragni di Louise Bourgeois. Le griffe sono il top,
da Louboutin a Blahnik, da Saint Laurent a Bulgari. Nei piani alti le residenze (7 appartamenti e 2 attici),
disegnate da Building Group con interni Pininfarina. In fase di cantiere lo spazio ha ospitato una mostra
di giovani artisti, oggi sul tetto le sculture luminose Equnox di Richi Ferrero. www.lagrange12.it +elledecor.it

66 ELLE DECOR
TENDENZE

Mayaro, Parigi Neonato


store-galleria dedicato alluniverso uomo:
nel VII arrondissement, fondato
da Nicolas Floquet, co-proprietario del
ristorante stella Michelin Saturne,
e da Elose Gilles e Raphalle de Panafieu,
che hanno rilanciato il pluricentenario
brand Duvelleroy. In un ambiente
domestico, tutto alto artigianato; i creativi
selezionati (chiamati i pirati di Mayaro)
sono ebanisti, disegnatori, chef, designer
Quello che propongono va dalle
degustazioni alla scelta di oggetti,
opere darte (come le foto di Christopher
Payne), abiti e libri. E nel weekend
si organizzano piccole cene
con lo chef Sven Chartier. mayaro.fr

Fondaco dei Tedeschi, Venezia Il gruppo di retail deluxe DFS


ha aperto un maxi emporio vicino a Rialto, in un palazzo del XVI secolo
riprogettato da OMA, lo studio dellarchistar olandese Rem Koolhaas.
Settemila metri quadrati suddivisi in food hall e artigianato locale
al piano terra, moda donna e gioielli (da Valentino a Bulgari), uomo
e orologeria (da Brioni a Panerai) al primo e secondo piano, shoe saloon,
cosmetici e profumi al terzo livello, galleria darte al quarto (fino al 15/1
in mostra linstallazione Under Water di Fabrizio Plessi) e Belvedere
in cima. Lo scorso novembre ha aperto anche il bar&ristorante AMO dei
fratelli Alajmo, design Philippe Starck. www.tfondaco.com +elledecor.it

The Japan Store Isetan


Mitsukoshi, Parigi Il primo
negozio di kimono nato nel 1600,
e oggi il department store con
le pi alte vendite del Giappone,
apre una versione small nella Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti OMA
Maison de la Culture du Japon
a Parigi. Qui, non c da scegliere
nessuna griffe internazionale,
ma solo creativit tipica del Sol
Levante, come porcellane dipinte,
scatole in cedro Chabako, kimono,
gioielli, cartoleria Il meglio
dello shopping nipponico, ma
anche esperienze da vivere alla
giapponese, dalla quotidiana
cerimonia del t a un ricco
calendario di mostre ed eventi.
Lo spazio disegnato dal giovane
Tsuyoshi Tane dello studio DGT.
thejapanstore.mistore.jp

68 ELLE DECOR
1. Ispirato ai disegni di Gio Aldo Bakker per Atelier
Ponti del 1926 il cache-pot della Swarovski (cm 15h, 1.790).
collezione Catene di Richard +elledecor.it 7. Contemporaneo
Ginori (cm 19h, 240). il pestello/spremiagrumi in
2. Scintillante la luce da tavolo acciaio inox, di Guido Venturini
Bon Jour Unplugged in finitura per Alessi ( 46). 8. Elegante
rame, di Philippe Starck per Flos la scatola in ottone satinato
(cm 27h, 250). 3. Preziose e plexiglas, da Studio Dimore
le posate in acciaio con manico Collection (cm 13h, 400).
in eosite rosa realizzato 9. Firmato Elsa Peretti
da maestri orafi, di Baciocchi lo spegnicandele in argento,
Associati per Edizioni Nilufar di Tiffany & Co. ( 310).
( 240 cad.). +elledecor.it 10. Golden age la piccola luce
4. Senza tempo la Clessidra di Cuboled di Cini & Nils, design
Venini in vetro soffiato a mano, Franco Bettonica/Mario Melocchi,
design Fulvio Bianconi e Paolo 1972, da Dilmos (cm 11h).
Venini ( 680). +elledecor.it Moduli cubo in cartone realizzati
5. Decorativo lo specchio Felice su misura da Essential.
di Acconci + Bastiani per
Mingardo, collezione Capsule.
Bifacciale, in rame e ottone su
[1]
base in rovere massello (cm 32h,
400). 6. New classic il vaso
in cristallo e marmo rosa, design

[4]

[3]

[2]
WISHLIST

Idee gioiello
Oggetti di design, brand new o evergreen.
Per creare unatmosfera di festa con piccoli
tocchi preziosi: scintillanti, trasparenti, materici
di Stefania Vasques foto di Andrea Garuti

[6]

[5]

[10]

[8]
[7] [9]

71 ELLE DECOR
1. Luminoso il portaposate finitura bronzo, lampada ed039 di
Mood Precious a forma di uovo in Edizioni Design (cm 44h, 902
acciaio rosa-ramato di Christofle: ca.). 5. Suggestiva la luce Atman,
contiene 6 posti tavola in metallo un cristallo ovale su base in nichel
argentato pi cucchiaini da di Catellani&Smith, da Dilmos
caff in finitura oro rosa (cm 30h, (cm 16x8h). 6. Scultorea la brocca
1.350). +elledecor.it Urkiola di Georg Jensen, design
2. Delicato il bicchiere coll. Patricia Urquiola, in acciaio con
Polaris in cristallo di Murano manico in PVD (cm 27h, 239).
soffiato, di Carlo Moretti ( 68). 7. Effetto oro il bracciale Venezia
3. Flessibile: pu essere anello in ottone, da Rossana Orlandi
o bracciale il nastro-gioiello ( 780). 8. Creativo il vaso
di Tin Breath, da Rossana Orlandi Bandaska di Dechem, in vetro
( 60). 4. Materica, in pietra completato da un cono di rame,
serena con paralume in metallo da Rossana Orlandi ( 195
e 190). 9. Minimal lorologio
in marmo senza cifre Marble,
di Norm Architects per Menu,
da Pau Design Container ( 270).
INDIRIZZI A PAG. 193

[1]

[3]
[4]

[2]

[5]
WISHLIST

[8]

[6]

[7]

[9]

73 ELLE DECOR
INTERIOR

Tra pareti azzurro


polvere e pavimento
originale in marmo,
il tavolo disegnato
da Dimore Studio
e le sedie Superleggera
di Gio Ponti, Cassina.
A soffitto, lampadario
anni 50 di Stilnovo.

Fifties a colori
Suggestioni del design vintage dautore, sensibilit
nsibilit
cromatica, gusto per la decorazione rendono speciale
la casa di Oliver Johansen. Leredit di un soggiorno
giorno in Italia
cambia volto a una casa in Danimarca
di Helle Walsted foto di Wichmann + Bendtsen Photography
testo di Karin Grbk e Flavia Giorgi

75 ELLE DECOR
INTERIOR

A sinistra, il manager
Oliver Johansen.
Qui accanto, anni 50
in scena nel living
a colori, tra le poltrone
Lady di Marco
Zanuso e il divano
Redondo di Patricia
Urquiola per Moroso
che si ispira agli interni
delle auto americane
depoca. In basso,
sulle scale, uno
specchio italiano
depoca e una panca
di Ilse Crawford.

Desideravo per i miei interni Non condivido il pensiero unico, la mentalit di chi segue
un intervento speciale. Lontano schemi scontati senza mai osare nulla di proprio, esordisce
Oliver Johansen. Nelle parole di un manager, vicepresidente
dal minimalismo scandinavo, forse di unazienda internazionale, questa dichiarazione va oltre
perfetto ma a mio parere banale la dimensione domestica, ma si precisa comunque nel commento
di stile. Trovo noioso il minimalismo che caratterizza il gusto
scandinavo, cos come lo standard del bianco e nero, forse
perfetto ma banale, prosegue Johansen, che qualche anno fa
ha lasciato il suo appartamento di Copenhagen per trasferirsi in
Italia. Quando il lavoro lo riporta in Danimarca, nel suo bagaglio
c qualcosa di nuovo e di pi dei tappeti, unici arredi ad averlo
seguito nel viaggio di andata. Esperienze vissute, suggestioni
e incontri in un clima ricco di cultura decorativa e progettuale
lo riaccompagnano in patria come un diario non scritto, fitto
di memorie da cui trarre spunti e idee per coltivare il piacere
della sperimentazione. Per riabitare nella capitale con i suoi tre
figli, questa volta sceglie una villa anni 20: soffitti a volta, tetto
in rame, finestre altissime e grandi obl. Su tutto, laura
Art Dco sorprendente e audace che lha colpito in Italia, e la
firma di Holger Jacobsen, architetto coraggioso e controverso,
che nei primi anni 30 progetta lo Strekassen, nuovo corpo del
Royal Danish Theatre di Copenhagen. stato subito evidente
che una casa come questa richiedeva un intervento singolare.
Rispettoso dellarchitettura, ma anche allaltezza della originalit
che essa esprime, dice il proprietario. A trarre le fila della
ristrutturazione e del layout degli interni provvedono Tina
Seidenfaden Busck e la sua collaboratrice e stylist Stine Langvad
di The Apartment Copenhagen. Ma anche il gusto di Dimore
Studio, che Oliver Johansen ha ammirato a Milano, a influenzare
la decorazione, sia con pezzi provenienti dalla selezione

76 ELLE DECOR
INTERIOR

Langolo lettura del


soggiorno: geometrie
in rilievo per
il rivestimento della
poltrona vintage; la
lampada di Stilnovo.
Intonata, la libreria
di Pietro Russo.

78 ELLE DECOR
INTERIOR

Qui accanto,
preziosismi tessili
in camera da letto.
Le ante dellarmadio
sono in velluto con
motivi Art Dco, il pouf
di Azucena veste
Herms. Lampadario
di C. Scarpa. A destra,
la scrivania Cavour,
omaggio a Carlo
Mollino, Zanotta, e la
poltrona Aluminium
Group degli Eames,
Vitra. In basso,
un lavabo con base
in marmo verde.

Dalla finestra obl alla stanza- operata dal duo Salci e Moran, sia con le suggestioni di uno stile
dove riecheggia un glamour teatrale e senza tempo. Da parte
veranda. Interni a sorpresa e dettagli loro, i professionisti nordici aggiungono dettagli a sorpresa.
a contrasto giocano con marmo e ottone, Un mix sofisticato di materiali viene declinato tra superfici
brillanti e texture soffici. Cos, marmo e metallo, vetro e ottone
seta e velluto. Accentuando il dialogo si stemperano nelluso di sete e velluti per i rivestimenti.
fra bianco e colori pastello Se la struttura architettonica richiedeva riguardo ed stata
onorata, il suo volto ha acquisito una forte identit con il colore.
Lidea di dipingere le stanze con tonalit soft, differenti
ma vicine, ha regalato carattere: la diversit individua gli spazi
con chiarezza, ma lassonanza cromatica li rende compatibili
e vicini, osserva soddisfatto il padrone di casa, ricordando
il lungo match che ha regalato la vittoria finale ai grigi-azzurri e
ai verdi delicati sulle pareti, tra lampi rosso lacca e fantasie
policrome. Gli anni 50 sono protagonisti nei mobili icona dei
maestri. Se Eero Saarinen e Charles & Ray Eames rappresentano
quasi citazioni dobbligo per gli appassionati di design,
una compilation italiana a risuonare tra gli ambienti,
con i pezzi di autori come Gio Ponti, Marco Zanuso e ispirati a
Carlo Mollino. I contemporanei hanno modulato i toni
sulle voci del passato, rielaborando il mood dei Fifties. Patricia
Urquiola presente con un divano a tutto tondo, impreziosito
da un decoro trapuntato, che si ispira agli interni e al comfort
on the road delle Chevrolet americane dellepoca, mentre
Pietro Russo lautore di una libreria-divisorio in noce Canaletto,
ferro e ottone, con elementi romboidali, che sollecita la memoria
con molta classe. Quanto alla scenografia luminosa,
ho passato le ore a trovare le luci giuste, ammette Johansen.
Che tra Stilnovo e Venini pu vantare una collezione unica
di lampade vintage. Souvenir dItalie.

80 ELLE DECOR
SOCIAL DESIGN

Atmosfera vintage per


i moduli cubici
in legno recuperato
di Controprogetto: tre
postazioni con lampade
industriali e sedute in
velluto blu che chiudono
a parete la zona bistrot.

Pausa pranzo
A Roma, allinterno del Palazzo della Civilt Italiana,
un nuovo concept di mensa aziendale: un bistrot a uso di dipendenti
e ospiti della maison Fendi. Dove consumare un pasto in bellezza
foto di Andrea Ferrari testo di Paola Carimati

85 ELLE DECOR
SOCIAL DESIGN

A sinistra, linsegna al
neon per la postazione
bartender. Riconoscibili
a parete, un mosaico di
nicchie di Flower Bottles
dellartista floreale
Azuma Makoto. Sotto,
i tavoli tondi di Piet
Hein Eek. Il designer
olandese ha realizzato
piani con rivestimento
in cemento e piastrelle.

Dettagli dautore punteggiano latmosfera industrial chic


del bar ristorante: legni recuperati di Controprogetto, tubi smontati
di Piet Hein Eek e fiori in bottiglia di Azuma Makoto

86 ELLE DECOR
SOCIAL DESIGN

Cemento grezzo per pareti e pavimenti, legno riciclato


per tavoli e banconi, mobili vintage e cascate di Tillandsia, una
pianta senza radici che riceve acqua e nutrimento per via aerea.
In alto, un close up sui Sono queste le pennellate di colore che dal grigio sfumano
tavoli di Controprogetto nel verde e caratterizzano il Fendi Caff. Quello realizzato sotto
in legno riciclato, resina
e cemento disposti
il cappello della maison di moda italiana non un anonimo
parallelamente vicino refettorio, ma una nuova interpretazione di mensa aziendale.
alla libreria. In basso, Che cosha di speciale questo luogo da poco inaugurato
la scultura luminosa 16 allinterno di Palazzo della Civilt Italiana? Che dedicato
Trees, di Bocci. esclusivamente a dipendenti, clienti e ospiti di Fendi. Aperto tutto
il giorno, stato pensato con lunico scopo di facilitare incontri
sinergici tra tutti i collaboratori del brand e promuovere
un modello relazionale votato al bello e alla cultura. Si perch
qui non solo si pranza in modalit anche vegana, ma ci si pu
accomodare per leggere un libro. In questo spazio, nulla
lasciato al caso: ogni soluzione di arredo stata scelta per
la forza espressiva ed evocativa dei dettagli. Ma proviamo a
immaginare di entrarci e attraversarlo con lo sguardo. Si accede
alla postazione bar, riconoscibile per la scritta al neon, dopo
aver percorso un corridoio punteggiato a parete dalle foto
scattate da Karl Lagerfeld. Da qui, lasciandosi alle spalle
le numerose nicchie floreali di Azuma Makoto, lo sguardo scivola
verso la biblioteca: magazine e pubblicazioni ci invitano
ad accomodarci ai grandi tavoli raw di Controprogetto, avvolti
dalla luce primitiva di Piet Hein Eek. Viriamo a destra, attratti
dalla brasserie dallaria vagamente rtro: divani in velluto blu,
lampade industriali e tavoli rotondi dal piano materico, sempre di
Hein Eek. Al centro di unisola di appoggio quadrata, in essenze
recuperate, lalbero digitale di Bocci per la ricarica Usb. Chiude
il tour, lo Zin Bar, in lamiera zincata. Dal design al palato: anche
la cucina fresca e originale. Come lidea di questo luogo.

88 ELLE DECOR
LIFESTYLE

Lo specchio svedese
Sul lago di sunden, la guest house delle sorelle
Eklund, eredi di uno storico brand. Dove il DNA
della famiglia si riflette nei valori dellazienda, tra amore
per la natura e culto dellospitalit
foto di Annica Eklund testo di Francesca Benedetto

Frammenti di una cena riflessi


negli specchi della sala da
pranzo: nella guest house di
famiglia, Annica e Marie Eklund,
alla guida di Bolon, sanno creare
latmosfera giusta per gli ospiti.

91 ELLE DECOR
LIFESTYLE

Nella Lake House vestita a festa tutto pronto per la cena in veranda, dove le ampie
vetrate a riquadri concedono una vista spettacolare sul lago sunden. In questa
struttura pensata per lospitalit, ognuno decide liberamente come trascorrere il tempo,
rallentando i ritmi e riscoprendo una dimensione pi intima e contemplativa.

Bjrkudden. Un nome quasi impronunciabile e un luogo


difficile da trovare anche con laiuto di Google Maps. Siamo
in Svezia, nella campagna intorno al lago sunden, ai limiti
di una foresta di conifere con le cime imbiancate. Le vetrate della
Lake House, cos ribattezzata dalle padrone di casa, sono
illuminate a festa, si intuisce unatmosfera intima e accogliente.
Le sorelle Annica e Marie Eklund, terza generazione alla guida
dellazienda Bolon, non hanno saputo resistere alla tentazione
di acquistare una villa su due piani con tre camere da letto
per trasformarla nella prima guest house di famiglia.
Non uno showroom quindi, ma una casa vera e propria, dove
amici, designer, architetti e collaboratori da tutto il mondo
si fermano per una cena o per un weekend, riscoprono il contatto
con la natura e ripartono verso le metropoli con la voglia
di ritornare in primavera. Il silenzio del luogo, le passeggiate,
il buon cibo e i ritmi slow conciliano la creativit. un modo
diverso di lavorare, pi spontaneo, qui nascono nuove idee
e progetti, ci raccontano Marie e Annica, mentre ripercorrono
la storia dellazienda di famiglia. Tutto cominciato pi
di sessantanni fa a Stoccolma, grazie allintuito di Nil-Erik
Eklund, che inizia a produrre tappeti intrecciati con gli scarti
di lavorazione tessile. Una scelta avveniristica per lepoca,

92 ELLE DECOR
LIFESTYLE

A fine serata, ospiti e collaboratori hanno la possibilit di fermarsi nella Lake House
per la notte. In foto, una delle tre camere, candide ed essenziali,
senziali, in perfetto stile
nordico. Le pareti e i soffitti in legno dipinto di bianco, glili arredi semplici e funzionali
conciliano il riposo. Sul letto, biancheria a quadri e berretti
etti coordinati di Hstens.

94 ELLE DECOR
LIFESTYLE

il momento del brindisi, che apre il rito della cena conviviale. La tavola, curata
in ogni dettaglio, decorata con candele e composizioni vegetali. A sinistra, un piatto
svedese a base di aringhe, il Mustard Herring, rivisitato dallo chef Patrick Carlsson.
Sotto, allestimento in progress e, a destra, la strada innevata che conduce alla casa.

96 ELLE DECOR
LIFESTYLE

Atmosfera accogliente nel soggiorno della Lake House, sotto poltrone vintage e soffici
plaid di pelliccia, pavimento vinilico di Bolon. Dopo una passeggiata nel bosco o sulle rive
del lago, c chi sceglie di immergersi nella lettura e chi preferisce conversare davanti
a una tazza di t. In basso, Annica e Marie Eklund, titolari del brand svedese.

gi improntata al riuso e alla sostenibilit. Dal 2003 Annica


e Marie Eklund, rispettivamente CEO e CCO, hanno traghettato
lazienda nel mondo del design, con la prima produzione di
rivestimenti in vinile intrecciato per pavimenti, dal grande effetto
decorativo ma resistenti e durevoli. Caratteristiche che hanno
suscitato interazioni creative con i big del design, dellarchitettura
e della moda, da Cappellini a Doshi Levien, da Renzo Piano
a Jean Nouvel, da Armani a Missoni. Il successo non ha
tuttavia snaturato la missione del marchio, fortemente legata
al territorio dorigine, come sottolinea Annica Eklund:
Dal 2012 la produzione tornata a Ulricehamn, il villaggio
in cui siamo cresciute. un privilegio poter seguire le fasi
di lavorazione, possiamo testare le idee in fabbrica e adattare
i macchinari alle nostre necessit. In un ambiente familiare,
ma con uno sguardo aperto sul mondo. Una filosofia che permea
lavoro e vita, nel clima amichevole che si respira anche nelle due
guest house, la City House, urbana, e la Lake House (in queste
pagine), immersa nella natura. Ci piace prenderci cura degli
ospiti, farli sentire a casa, continua Marie. Il nostro chef
Patrick Carlsson sceglie le migliori materie prime e ci conquista
con piatti creativi, rivisitazioni della cucina svedese. Ora, larte
del ricevere firmata Bolon parla anche italiano: a Villa
La Madonna (www.villalamadonna.com), primo boutique hotel
della famiglia nelle Langhe. Dove la vista si perde tra le vigne.

98 ELLE DECOR
Marrakech
time
Europa e Africa pulsano nel cuore della Citt Rossa,
crocevia internazionale di artisti, intellettuali,
designer. Il volto inedito di una realt che non finisce
di sorprendere anche il pi esigente dei visitatori
di Silvia Fanticelli foto di Robert Holden
ITINERARIO

La zona pranzo del concept


store 33 Majorelle
(www.33ruemajorelle.com),
di fronte agli omonimi
giardini (pagina accanto)
di propriet del pittore
Jacques Majorelle prima,
e di Yves Saint Laurent
e Pierre Berg in seguito
(www.jardinmajorelle.com).

101 ELLE DECOR


ITINERARIO

Ho voluto creare uno spazio espositivo indipendente per sentirmi


pi libera di scegliere gli artisti da far conoscere
Laila Hida, fotografa e creatrice di Le 18

Abbiamo invitato alcuni autori ad arricchire camere e spazi comuni


del nostro riad con le loro opere e la loro testimonianza
Massimiliano Roma, co-proprietario del riad Azoulay

Dallalto in senso orario, il patio centrale del ristorante Le Jardin, dove gustare unottima cucina fusion,
oltre ad approfittare di unoasi di pace nascosta in uno dei vicoli della medina (www.lejardin.ma).
Una vista dellufficio di Karl Fournier e Olivier Marty, gli architetti parigini fondatori dello
Studio KO che hanno a Marrakech una delle sedi; tra i loro progetti, il Grand Caf de la Poste a Gueliz,
nella Citt Nuova, e il resort Domaine Royal Palm, insieme di ville realizzate con criteri sostenibili
nel rispetto del territorio marocchino (www.studioko.fr). Massimiliano Roma, co-proprietario
del riad Azoulay, con alle spalle unopera del pittore italiano Serse. Una vista dellaccogliente
giardino-lounge del riad (www.riad-azoulay.com). La fotografa Laila Hida ritratta nel centro
culturale e spazio espositivo Le 18, nella medina, da lei fondato nel 2013 (www.le18.weebly.com).

102 ELLE DECOR


ITINERARIO

Il momento in cui sono stata pi orgogliosa del mio lavoro? Quando mio
padre ha acquistato una rivista femminile per vedere le mie creazioni
Norya Ayron, fashion designer

I miei tappeti sono realizzati con tecniche tradizionali. Ho aggiunto colori


nuovi, come il rosa e il viola, e dimensioni inusuali per gli artigiani del luogo
Soufiane Zarib, designer

Dallalto in senso orario, un dettaglio della facciata di mYSLm, il nuovo Muse Yves Saint Laurent
progettato dallo studio KO, che aprir i battenti nel 2017 e ospiter 5.000 abiti e 15.000 accessori
haute couture dello stilista francese (www.jardinmajorelle.com). Vista sulla piazza delle spezie
dalla terrazza del ristorante Nomad (www.nomadmarrakech.com). La fashion designer Norya Ayron
che annovera tra le sue clienti Monica Bellucci, Sharon Stone e Juliette Binoche (www.norya-ayron.com).
Una delle sale del Grand Caf de la Poste, ristrutturato dallo studio KO nel quartiere di Gueliz,
la Ville Nouvelle costruita dai francesi negli anni 20. Il designer Soufiane Zarib nel suo nuovo
showroom di tappeti: non esiste ancora uninsegna, ma tutti gi lo conoscono nella medina, e un angolo
interno, dominato dal tappeto a parete, sfondo alle poltrone vintage (info: zarib_mohid@yahoo.fr).

104 ELLE DECOR


ITINERARIO

Sono rimasto affascinato da come gli africani rispettino e vogliano preservare


la loro cultura. Non potevo ignorarlo, per questo utilizzo solo abiti e tessuti vintage
Artsi Ifrach, fashion designer

Quando abbiamo creato la Biennale, lintento era quello


di far coesistere gli artisti locali con quelli di statura internazionale
Vanessa Branson, fondatrice e presidente della Biennale

Dallalto in senso orario, linstallazione dellartista belga Eric van Hove alla Voice Gallery
a Sidi Ghanem, spazio espositivo dedicato allarte contemporanea, intesa come finestra sul mondo
(www.voicegallery.net). Le creazioni dei migliori designer marocchini e internazionali si possono
acquistare allinterno del riad El Fenn, allestite in un contenitore nella zona bar-ristorante (www.el-fenn.
com). Artsi Ifrach, designer del brand Art/C, che predilige lo stile vintage, ritratto allesterno
del suo showroom a Gueliz, la zona della citt nuova (www.art-c-fashion.com). Uno degli ambienti
del laboratorio/galleria ADN a Sidi Ghanem, zona industriale di Marrakech (info: delignejulien
@gmail.com). Vanessa Branson, sorella di Richard patron della Virgin, fotografata
al riad El Fenn: alle sue spalle, due immagini in bianco e nero del sudafricano Guy Tillim.

106 ELLE DECOR


ITINERARIO

La mia cucina contemporanea, ma attingo al patrimonio


marocchino tradizionale, rivisitato con le tecniche francesi
Meryem Cherkaoui, chef del ristorante MesLalla

Da sinistra, il negozio V.B Store in cui possibile acquistare biancheria per la casa e accessori della
creativa Valerie Barkowski (www.valeriebarkowski.com). La chef Meryem Cherkaoui in una
delle sale del ristorante MesLalla, allinterno del Mandarin Oriental, immerso in un giardino di 20 ettari,
e uno scorcio della piscina a sfioro circondata dalle palme (www.mandarinoriental.com).

Dicono che Marrakech sia troppo europea per essere concept store della citt, 33 Majorelle, di fronte agli omonimi
considerata una citt africana. Ma dicono che sia troppo etnica giardini, vale sempre una visita. Appena trasferitosi a Gueliz, Artsi
per lasciare un segno nellarte e nella cultura europea. A ben Ifrach propone nel suo negozio-atelier Art/C preziosi abiti pezzi
guardare, la Citt Rossa, a lungo sotto il protettorato francese, sta unici, ricavati rielaborando vecchi tessuti, divise militari e abiti
diventando un ponte tra i due continenti, come dimostra la scelta vintage. Da segnalare i favolosi caftani di Norya Ayron, ispirati
di organizzarvi lo scorso novembre la Conferenza delle Nazioni al tradizionale abito maschile, ma riproposti in fantasiose stampe
Unite sul clima del pianeta. Inoltre sono sempre pi numerosi gli e con taglio femminile. Il giovane Soufiane Zarib espone nel suo
artisti, intellettuali e designer che arrivano qui, non solo dai Paesi nuovo showroom inattesi tappeti berberi realizzati con tecniche
francofoni ma da tutta Europa, attratti dalla sapiente maestria tradizionali ma di sapore contemporaneo. Gallerie e artisti.
degli artigiani locali, dal clima internazionale e dallapertura Sorto come quartiere industriale e poco battuto dai turisti, Sidi
verso il nuovo. Uno dei personaggi di spicco del milieu culturale Ghanem, a 20 minuti di auto dalla citt, ospita eleganti showroom
Vanessa Branson, che nel 2004 ha fondato la Biennale, di design e fashion e alcune importanti gallerie come la Voice
unassociazione no profit che ha lobiettivo di rendere Marrakech Gallery, che ha appena esposto alla fiera torinese Artissima.
una piattaforma per larte contemporanea in Africa e nel Medio Julien Deligne nel suo laboratorio/spazio espositivo Galerie ADN
Oriente. Hotel e riad. Imprescindibile il soggiorno in uno dei realizza arredi utilizzando vetro fuso, polvere di marmo e metalli
numerosi riad, tipiche case con patio e verde centrale trasformate acidati. Pi vicine al centro, la David Bloch Gallery e la Galerie
in maison dhte. Da segnalare El Fenn, vincitore nel 2014 127, prima photogallery del Maghreb, propongono personali di
del prestigioso premio Best-Dressed Hotel e il riad Azoulay, artisti internazionali. Musei e giardini. Da non perdere la Maison
che espone opere di artisti internazionali sia negli spazi comuni de la Photographie e il Jardin Majorelle, dove si trova lantica
sia nelle camere. E per rilassarsi fuori dal caos della medina, residenza marocchina dello stilista Yves Saint Laurent. Nellattesa
lo scorso anno la catena asiatica Mandarin Oriental ha aperto di poter visitare proprio a fianco, dallautunno 2017, il museo
il primo hotel in terra africana. Ristoranti e bar. Proprio mYSLm dedicato allo stilista francese, attualmente in costruzione
allinterno del Mandarin Oriental vale una cena il ristorante su progetto del francese Studio KO, che qui a Marrakech
MesLalla, dove la chef stellata Meryem Cherkaoui propone piatti ha una delle sue sedi. Luoghi nascosti. Due indirizzi appena
di cucina marocchina contemporanea di livello. Tra i vicoli della aperti e non facili da trovare: La Famille, piccolo ristorante
medina, da Le Jardin si pu gustare cucina fusion immersi nel biologico allinterno di un giardino di palme, e Le 18, delizioso
verde di palme e banani. Notevole la vista dei souk dalla terrazza spazio espositivo e centro culturale con alcune camere
del Nomad, che offre un men diverso ogni giorno. Per un cocktail riservate agli artisti, in cui la proprietaria e fotografa Laila Hida
a fine giornata, irresistibile il fascino dantan del Grand Caf organizza mostre ed eventi. Vale la pena farsi accompagnare
de la Poste nel quartiere di Gueliz, la Ville Nouvelle costruita dai da una delle guide locali in questi e negli altri luoghi
francesi negli anni 20. Design & fashion. Il primo e pi grande che la citt offre. E sar bello perdersi nei suoi vicoli.

108 ELLE DECOR


EDIDA 2017

NOMINATION
DAY

Ecco le nostre candidature per le 13 categorie che


concorrono al premio del network composto da 25 edizioni
nel mondo. Dal designer dellanno al talento del futuro,
attraversando tutte le forme del progetto. Al via la prima fase
dellEDIDA, Elle Deco International Design Awards
testi di Paola Carimati

111 ELLE DECOR


EDIDA 2017

[1]

Designer of the Year

FORMAFANTASMA Millennial got talent. Simone Farresin e Andrea Trimarchi, rispettivamente


classe 1980 e 1983, sono un unicum nel panorama progettuale
progettu internazionale. Gli ultimi lavori presentati
con le gallerie Giustini/Stagetti di Roma e Peep-Hole di Milano
Mil sono protagonisti di un percorso

Ritratto di Delfino Sisto Legnani - foto serie Delta di Giuseppe Brancato - foto Anno Tropico 2016 Laura Fantacuzzi - Maxime Galati-Fourcade
che dalla sperimentazione in edizione limitata va verso la produzione
p industriale. Le luci, i complementi
e i cabinet Delta ne sono un esempio: una collezione che supera
su i limiti del pezzo unico per diventare
potenzialmente riproducibile in serie [2 - 4]. Non ci stupisce quindi
q che anche i progetti presentati nella
mostra site specific Anno Tropico, andata in scena lo scorso aprile, possano trovare a breve il giusto
partner nel mondo industriale. Qui i designer hanno indagato
indaga il rapporto tra luce naturale e artificiale
usando solo vetri dicroici, lenti ottiche e specchi parabolici per
p direzionare, riflettere e proiettare fasci
luminosi con effetti inediti [3]. Anche la complessit del progetto
prog di exhibition design realizzato per
Lexus allultima Milano Design Week conferma le qualit di designer dal linguaggio solido, autorevole
e riconoscibile: in grado di attraversare ogni aspetto del progetto
pro [1] . www.formafantasma.com

[2]

[3] [4]

112 ELLE DECOR


Ritratto di Davide Gallizio - foto Tim Towers di Massimo Siragusa

[1]

[2]
[3]
Young Design Talent

[4]

113
ELLE DECOR
EDIDA 2017

Kitchen

Bedding

MAKURA di PIERO LISSONI per er PORRO Piero Lissoni ripensa


il dormire facendo leva sulleleganza. con questa curiosit che dobbiamo
osservare Makura: unoasi accogliente leggermente sospesa. Larchitetto
italiano rende contemporanea la tipologia del letto tessile con un modello
la cui struttura totalmente rivestita in tessuto, pelle ed ecopelle. Inclusi i cuscini.
Leffetto finale quello di un nido caldo e avvolgente, dalla forma morbida
e sinuosa, che invita al riposo. E nutre lamore per il dettaglio. www.porro.com

114 ELLE DECOR


Tableware
CANDELA di FRANCISCO
GOMEZ PAZ per ASTEP
Candela un oggetto ibrido:
una lampada che unisce analogico
e digitale, tradizione e tecnologia.
La tipologia, che ricorda
le lampade scandinave, nasconde
Lighting uninnovazione che le consente
di illuminare senza fili e ricaricare
cellulari via presa Usb. Tutto
ruota attorno alleffetto Seebeck
(una reazione termoelettrica
ettrica per
cui una differenza di temperatura
mperatura
genera elettricit): la fiamma
amma
prodotta dalla combustionetione
di bioetanolo, un liquido o naturale
estratto da prodotti agricoli
ricoli
ricchi di zucchero, sprigiona
giona
il calore utile ad alimentare
ntare
le luci Led. I 2 o 3 watt prodotti
le consentono di esseree
autosufficiente. astep.design
esign

URKIOLA di PATRICIA URQUIOLA per


GEORG JENSEN La prima volta di Patricia
Urquiola con lacciaio inossidabile. Un materiale
maschile che, per sua ammissione, ha saputo
addomesticare con il suo tratto autoriale. Come?
Sperimentando finiture giocate sulle tonalit
delloro e del rosa e pattern dalla geometria regolare.
Una sfida vinta dalla designer italo-spagnola
che ha ideato la serie partendo dalla sezione
cilindrica. Brocche, ciotole, vasi, vassoi e candelabri
sono pezzi diversi, ma riconducibili a ununica mano.
Quella di Urquiola. www.georgjensen.com
Bathroom

BODYLOVE di RODOLFO
DORDONI
RDONI con MICHELE ANGELINI per
EFFEGIBI
EGIBI Dal nome il progetto: BodyLove
unn luogo avvolgente disegnato attorno
al corpo.
orpo. cos che Rodolfo Dordoni per
garantire
antire il massimo del benessere tailor-
madede ha pensato a un sistema modulare ad
alto tasso di ingegnerizzazione: la scatola
con
on funzione di sauna e/o hammam pu
essere
ere realizzata su misura per spazi
pubblici
bblici e privati. Larchitetto non solo
ha lavorato
avorato sullaccessibilit, raccogliendo
gli impianti
mpianti in una cassetta ispezionabile
dallesterno,
esterno, ma anche sulla ricerca raffinata
dei materiali: grs a pavimento, doghe
in tubolari
ubolari di alluminio per le pareti, hemlock
canadese
adese e corian per le panche, marmo
per i piani di appoggio e acciaio effetto
ramee per i contenitori. www.effegibi.it

115 ELLE DECOR


EDIDA 2017

Fabrics

SERPENTINO di DEDAR Influenze


animalier per questo tessuto che ricorda la pelle
di serpente. Ma non inganni lapparenza,
perch oltre il gioco di losanghe glitter c tutta
linnovazione di un processo di stampa
a quadro con pigmenti metallici e la raffinatezza
di un tessuto raso di cotone a 100 fili
(Tabularasa). Dal dialogo tra tradizione e ricerca
nata una collezione dal pattern non pi
geometrico ma figurativo, che investe sul touch:
accarezzandolo, Serpentino regala la sensazione
di una piena morbidezza.www.dedar.com

Outdoor
Ou
CALA di DOSHI LEVIEN per KETT TTAAL
Per ammissione dei designer, Cala si ispira
ispi
alla seduta dehors in vimini protagonista
di Emmanuelle, indimenticabile film francese
fran
degli anni Settanta. Un pezzo in perfetto equilibrio
tra sensualit e tradizione che accenna anche
a
allo stile coloniale. Lo schienale ampio
e accogliente, sorretto da una sottile struttura
strut
in alluminio, vestito non a caso da un intreccio
in in
corda che disegna una sorta di finestra reticolata.
re
Un indizio che ci riporta alla genesi del
progetto: sfida la privacy visiva
per creare un collegamento diretto tra ambiente
am
e spazio. www.kettal.com

Furniture
BRUT di KONSTANTIN GRCIC per MAGIS
Per festeggiare i quarantanni della sua azienda, Eugenio
Perazza, lArchimede italiano dei processi produttivi,
si affida al designer tedesco. Brut non solo una collezione
di mobili in ghisa, ma una riflessione sulle potenzialit
espressive di un materiale robusto e primitivo.
Tradizionalmente usato dallindustria pesante, nelle mani
di Grcic diventa raffinato e sofisticato ed entra negli ambienti
domestici: da materia strutturale si trasforma in arredo.
La serie composta da tavoli, tavolini e panche d forma
senza compromessi a unatmosfera solida
e al tempo stesso frizzante. www.magisdesign.com

116 ELLE DECOR


EDIDA 2017

Floor Covering

BOLON BY YOU di DOSHI LEVIEN


per BOLON Lazienda svedese non
nuova alla collaborazione con progettisti
di fama internazionale. Ma con questa
collezione firmata dallo studio anglo-
indiano trasforma il rivestimento sintetico
realizzato industrialmente in prodotto
sartoriale. E lo fa credendo nellintuizione
di Doshi Levien, che hanno pensato a 4
colori per lordito e a 12 per la trama, cos
da garantire una versatilit su misura.
Il risultato una collezione con 6 varianti
dal segno architettonico. www.bolon.com

Wall Covering
PLUMAGE di CRISTINA CELESTINO
per BOTTEGANOVE Una linea di tessere
tridimensionali che si ispirano al piumaggio
degli uccelli. Nasce da qui il lavoro di Cristina
Celestino, giovane e talentuosa designer
italiana: un viaggio nel mondo delle
tradizionali lavorazioni del mosaico in
ceramica e porcellana. Nonostante il progetto
sia squisitamente artigianale, i singoli moduli
pensati per rivestire le pareti possono essere
prodotti in numeri importanti e al tempo stesso
personalizzati nelle finiture. Leffetto finale
disegna scenografie naturali e vibranti di luce.
www.botteganove.it

Seating

A LLL PLASTIC
PL CHAIR di JASPER MORRISON
per VIITR
TRA
R Grazie a un uso sapiente della plastica,
Jasper Morrison trasforma larchetipo di sedia
in legno in un modello da produrre industrialmente.
Lo fa scegliendo
gliendo il propilene tinto in massa.
Foto Plumage di Matteo Balsamini

Gambe e struttura portante, pur vantando una linea


appiattita,
a, sono rigide e robuste, mentre seduta
e schienale
ale (che inaspettatamente flette a contatto
con il corpo)
rpo) hanno una forma pi organica per
garantiree il massimo comfort. Linsieme di dettagli
quasi invisibili
visibili disegna una nuova tipologia di seduta,
dallimmagine
agine compatta e aggraziata. www.vitra.com

118 ELL L E DE
DECC OR
VIEW [Dicembre Gennaio 2017]

124 INTUIZIONI CREATIVE. Nella loro nuova casa milanese, in un quartiere oggi
di tendenza, Christian Pizzinini e Antonio Scolari vivono la passione per larte
e il design storico. 134 NATURAL LAB. Unantica tecnica costruttiva locale trasforma
materiali che vengono dalla foresta e dal mare in unarchitettura inedita. E il cottage
in unisola danese diventa un poetico esempio di casa sostenibile. 142 DESIGN
NEL DESERTO. Tra Marrakech e le pendici dellAtlante, una villa ai confini della
civilt si mimetizza nel paesaggio. Dove luce, ombre e colori del luogo diventano
architettura. 152 RIFUGIO PER LANIMA. Nel cuore di Amsterdam, affacciati
su un canale, gli spazi privati di uno scrittore illuminato. Trasformati dallo Studio
Bakker in un luogo unico, a misura di s. 162 TEXTILE SHOW. Colore, trasparenza,
Jap, micro pattern, total white, new tartan: ecco le nuove tendenze.

123 ELLE DECOR


Vista dellingresso attraverso lo
scenografico scalone del palazzo
fine 800. Poltrona P40, Tecno,
di Osvaldo Borsani, tavolino di
Max Ingrand per FontanaArte
con vaso di Fausto Melotti della
Gall. Luciano Colantonio/Brescia.
A parete opera in ottone, site-
specific, di Roberto Visani. Pagina
accanto, nel soggiorno tappeto
di Paolo Gonzato per A Palazzo
Gallery. Applique, pezzo unico,
di Gio Ponti per Arredoluce.

124 ELLE DECOR


INTUIZIONI
CREATIVE

NELLA LORO NU NUO OVA


CASA MILANESE,
I N U N QUUA RTI
RT I ER E OGG
OGGII
DI TEND DEN
ENZZ A , CH
CHRR IS
ISTT IAN
PI
PIZZ Z ININI E ANT
AN T ONI
NIOO
SCOL A R I V I VONO
L A PA SSION E PER LA RT RTE E
E I L DEE SIGN STOR
TORIICO
di Rosaria Zucconi foto di Max Zambelli
126 ELLE DECOR
In soggiorno, nella libreria anni
50, pezzi insoliti. Come, dal
basso, vaso di G. Lamorgese,
quadro di Gio Ponti, vaso di
La Murrina e civetta in vetro
di Seguso. Pagina accanto,
lampadario di Gio Ponti per
Arteluce, opera di Mandla Reuter
/Francesca Minini. Tavolini in
specchio e legno laccato design
Antonio Scolari. Sopra il divano
di Marta Sala ditions, firmato
Lazzarini Pickering, opera
di Sheila Hicks/Massimo Minini.
128 ELLE DECOR
La fortuna aiuta gli audaci. Come Christian Pizzinini e
Antonio Scolari, titolari di unagenzia di ufficio stampa e
pubbliche relazioni a livello internazionale. Due personalit
contrapposte, unite dal pensiero veloce, la creativit
operativa, linclinazione al cambiamento. Il pi recente frutto
del loro talento nel captare le tendenze lappartamento in
Benedetto Marcello, una via a lungo trascurata ora in pieno
rilancio grazie ad architetti, fotografi, giornalisti e designer
che scelgono di trasferirsi nei palazzi ottocenteschi affacciati
sul viale alberato. Nel racconto a due voci su come e
perch hanno scelto questa abitazione, si sente il piacere
dellavventura e ladrenalina nel cogliere nuove opportunit.
Tutto successo in un giorno. Tra le 11 del mattino, quando
su e gi dal secondo al terzo piano abbiamo visitato diversi
appartamenti in un palazzo del 1885, gi frazionato, le ore
del viaggio verso il Salento consumate a decidere se e quale
situazione scegliere, e larrivo a palazzo Muggi di Galatina,
da dove abbiamo inviato la nostra offerta dacquisto.
Accettata dopo unora. Solo un giorno per decidere lo spazio
che ci avrebbe aperto nuovi scenari, dato nuove energie e
voglia di reinventarci. Il coraggio e un pizzico di incoscienza
fanno parte della nostra filosofia di vita, non ci piace stare
fermi. Ogni cinque anni sentiamo il bisogno di un
cambiamento, alla base non c un programma preciso,
semplicemente le cose accadono. Christian e Antonio, prima
di trasferirsi nel capoluogo lombardo, abitavano in un
palazzo storico nel centro di Brescia. Il piacere di vivere in
uno spazio teatrale, con troppi affreschi che li circondavano
quasi a soffocarli, si era trasformato in un limite alla creativit.
Da qui la fulminea tappa a Milano durante il viaggio tra
Nello studio, Antonio Scolari (in
Brescia e il Salento, e la scelta dellappartamento. Dopo tre piedi) e Christian Pizzinini. Tavolo
settimane, quando siamo tornati sul posto, quasi non Eames, sedia Medea. Sulla parete
ricordavamo il nostro acquisto dimpulso. Quello che ci aveva opera di Valerio Nicolai/Clima
colpito era davanti ai nostri occhi: la luce che attraversava Gallery e lampade in ottone di
lo spazio, il classico parquet, i soffitti altissimi con gli stucchi, Ico Parisi. Pagina accanto, sul
mobile di Franco Albini, coppia di
lampio ingresso, il corridoio, le eleganti maniglie sulle porte, lampade in ottone anni 50, totem
i caloriferi in ghisa. Tutto era perfetto, la casa aveva gi di Ettore Sottsass. Sulla parete,
un suo pensiero. A noi, nomadi contemporanei, viaggiatori opera di Enzo Mari/Gall.
con un bagaglio di oggetti e mobili scelti con passione, solo Massimo Minini. Poltrona di
lonere di rispettarla. Ristrutturati cucina e bagno, abbiamo Osvaldo Borsani, tavolino di Max
Ingrand per FontanaArte.
dipinto di bianco la zona giorno e di grigio la stanza da letto
e il pranzo, vissuto soprattutto di sera. La nostra impronta si
legge nel legame tra mobili, oggetti e opere darte, pezzi rari
e originali, testimonianze del genio italiano dagli anni 50
a oggi. Protagonisti in uno spazio naturalmente armonioso.

129 ELLE DECOR


Nella sala da pranzo, sul mobile
sospeso di Paolo Buffa, scultura
di Ursula Huber. A parete Ebla,
unopera di Giulio Paolini,
maniglie in ceramica di Lucio
Fontana, lampada Bidone di Luigi
Caccia Dominioni per Azucena.
Pagina accanto, sul tavolo
di Carlo Scarpa, vaso Totem
di Ettore Sottsass per Bitossi e di
Aldo Cibic per Memphis, sedie
di Gio Ponti. Appeso, un lavoro
di Marco Andrea Magni.
131 ELLE DECOR
Nel classico corridoio con
parquet in rovere uninstallazione
luminosa in ottone disegnata da
Antonio Scolari. In primo piano
un lavoro di Marco Andrea
Magni. Pagina accanto, pareti
grigie per la camera da letto. Nel
camino, lampada Philips anni 50
di Louis Kalff. Sul letto biancheria
Society. A parete, opera di Enrico
Benetta. Sulla poltrona di Gio
Ponti, come in tutti gli arredi
vintage, rivestimenti originali.
133 ELLE DECOR
Tradizione diffusa sullisola
di Ls, i tetti dalga sono ormai
rari. Tra gli esempi rimasti
Casa Kalines, costruita nel 1865,
stata restaurata recuperando
e rinnovando antiche tecniche
ecologiche. A poca distanza
il cottage di nuova costruzione,
parte dello stesso progetto di
riqualificazione, che raccontiamo
nelle prossime pagine.

NATURAL L AB
134 ELLE DECOR
Unantica tecnica costruttiva locale trasforma materiali che
vengono dalla foresta e dal mare in unarchitettura inedita. E il cottage
in unisola danese diventa un poetico esempio di casa sostenibile
di Hanne Vind foto di Ida Schmidt/House of Pictures/Living Inside testo di Solveig Fjord e Flavia Giorgi
136 ELLE DECOR
Nel cottage progettato dagli
d
architetti Vandkunsten, lalga
l
ha la funzione di isolamento
isolame
termico e riveste anche linterno
l
del tetto protetto da tessuto
tess
bianco. Nel living, inondato
inond dalla
luce naturale, pochi arredi
arre nordici
acquistati a Copenhagen.
Copenhagen Daybed
di Griffen Shop, poltroncina
poltronc
a cono e dondolo di Roxy
Rox Antik.
Pagina accanto, la facciata
faccia
ricoperta con rolli dalga isolanti.
Sotto le falde spioventi del
d tetto,
lopen space a doppia altezza
a
composto da zona pranzo,
pra
cucina e area relax. Doghe
Dog
di pino e larice rivestono
pavimento e pareti, gli arredi
a
sposano le linee semplici
semplic del
design nordico. Pagina accanto,
a un
dettaglio della cucina che
ch allinea
due banchi in legno con postazioni
di lavaggio e cottura. Appese
Ap
alle travi due lampade in metallo.
Pannelli di tessuto bianco nascondono lintreccio di alghe che isola
il tetto dal freddo. E danno luce allambiente come un mantello di neve
Sospesa geograficamente tra due Paesi, la Danimarca di tecniche costruttive plurisecolari, per applicarne i principi in
cui appartiene e la vicina Svezia, lisola di Ls sembra maniera innovativa, a vantaggio di unarchitettura sostenibile.
il posto perfetto per fare da ponte tra passato e presente. Durevole e resistente al fuoco, lalga una materia prima
Oggi come ieri, i 20 chilometri che ne misurano lestensione naturale, atossica, che non produce emissioni di CO2,
si possono percorrere nel silenzio di una pedalata in bicicletta, spiegano i progettisti. Il suo valore isolante paragonabile
tra distese di sabbia, boschi e brughiere. Nemmeno il transito a quello della lana minerale. Cos labbiamo impiegata
delle auto elettriche fa rumore, niente spaventa le planate non solo come copertura per il tetto, ma anche come
degli uccelli acquatici, tanto meno le foche che si tuffano dalla rivestimento per i fianchi della facciata e per isolare
scogliera di Borfeld. In questa terra di saline e panorami il pavimento. Naturalmente alluso sperimentale corrisponde
selvaggi c unarte antica che trova oggi nuovi sostenitori. anche una nuova estetica. Il design degli interni si allinea
Scoprirla non difficile perch lungo il tragitto, sebbene sulla medesima lunghezza donda. A partire dal soffitto, dove
ormai ridotte di numero, non passano inosservate le case lintreccio di materia vegetale, pressato dentro assi
tradizionali, sommerse da vistosi tetti di alghe che raggiungono di compensato e MDF, rivestito in tessuto bianco: sembra
talora un metro di spessore e a primavera si coprono di una coltre di neve caduta nel senso sbagliato.
esuberanti fioriture spontanee. Ma sono i colori dellautunno Il resto legno. Legno di abete, pino e larice che si alterna
quelli che fanno da sfondo al cottage tra i pini che abbiamo sotto forma di pannelli lungo le pareti, di doghe sul pavimento,
raggiunto in un angolo dellisola. Laspetto selvaggio di arredi fissi come il banco cucina che occupa un lato del
dei materiali tradisce qui uno spirito diverso, che si esprime living open space. Pennellate di grigio, bianco e nero
con linee contemporanee, essenziali. La struttura in legno definiscono le linee asciutte dei mobili di design scandinavo;
lascia spazio a una sequenza ordinata di porte-finestre vimini e giunco quelle pi morbide della poltroncina conica
in vetro, mentre il tetto rivestito dalghe intrecciate in una anni 50 e di quella a dondolo che invita al relax. Allestremit
texture ondulata e compatta interrotto solo dal taglio secco del soggiorno scopriamo la zona dedicata alla notte.
di tre lucernari. Dietro il progetto, vinto su concorso Due camere, entrambe con bagno, chiudono il layout del piano
dagli architetti Vandkunsten e realizzato da Realdania terreno, ampliando la loro possibilit di accoglienza
By & Byg societ immobiliare danese che promuove la nei due soppalchi gemelli. Da qui gli ospiti possono godere
sperimentazione nel settore e il rispetto ambientale di una visione privilegiata dello spazio totale. E sentirsi protetti
c lobiettivo dichiarato di approfondire la conoscenza da unarchitettura avvolgente e amica.

139 ELLE DECOR


Ancora uno no scorcio della zona
relax arredata
data con pochi elementi
dallo stile nordico: il daybed
di Griffen Shop, la poltroncina
a cono e ill dondolo di Roxy Antik.
Sul fondo, una delle due scale
gemelle rivestite
vestite in tessuto, alle
estremit del living, che portano
ai soppalchi,
chi, pagina accanto,
destinati a zona notte per ospiti.
In corrispondenza,
ondenza, al pianterreno,
sono collocate
cate le camere da letto.
141 ELLE DECOR
Dal living, grandi vetrate
inquadrano la vista sul deserto
e le montagne dellAtlante.
Fuori, chaise longue di design
e una lunga panca in muratura
delimitano la terrazza. Dentro,
accanto al divano, tavolini
di Studio KO e poltrone Diz
di Sergio Rodrigues.

Tra Marrakech e le pendici dellAtlante, una villa


ai confini della civilt si mimetizza nel paesaggio.
Dove luce, ombre e colori del luogo diventano architettura
foto di Kasia Gatkowska testo di Eva Schuurmans ha collaborato Flavia Giorgi
DESIGN NEL DESERTO

143 ELLE DECOR


Da una corte interna, una
scala in legno porta sul tetto
a terrazza. Nel colore della
terra la finitura di argilla
stesa sulla struttura in
cemento. Pagina accanto,
sotto la pergola in legno di
cedro il living sceglie due
poltrone in legno Diz di
Sergio Rodrigues, divani
di design contemporaneo e
tavolini in noce di Studio KO.
145 ELLE DECOR
Qui sopra, colori e materiali
naturali definiscono lo stile
asciutto della camera dei
padroni di casa. Le lampade
a braccio sono fissate alla
boiserie che fa da testata al
letto. A lato e nella pagina
accanto, la piscina delimitata
da piante di agave si allunga
per 30 metri davanti alla
terrazza. Forma e proporzioni
si ispirano agli antichi
abbeveratoi per il bestiame.

146 ELLE DECOR


La si direbbe nata dal deserto, entit che precede grande collezionista darte, e della ristrutturazione a Marrakech
la memoria. Un monolite atemporale dalla forma squadrata, dello studio di pittura di Jacques Majorelle. Un portfolio
asciutta come il terreno da cui sorge e del quale prende il colore. contraddistinto da uno stile prevalentemente decorativo, che
Larchitettura firmata dal parigino Studio KO di Karl Fournier e con Villa K richiedeva per una svolta radicale.
Olivier Marty invece molto recente e ha gi vissuto anni intensi. Ancora una volta la natura ha fornito loro la chiave del progetto.
Ha cambiato proprietari, ha ospitato viaggiatori francesi Le colline di Tagadert, rilievo roccioso che si snoda da nord
e americani, si sperimentata come set cinematografico di verso sud, sono diventate la griglia su cui disegnare ledificio
importanti produzioni come lultimo Mission: Impossible Rogue come un lungo blocco rettangolare sezionato in volumi paralleli.
Nation, quinta sfida di Tom Cruise nei panni dellagente Hunt... Una struttura in calcestruzzo rivestita in argilla con sfumature
Non lontana dal villaggio di Tagadert, tra Marrakech e le dorate, che tiene conto dello stile costruttivo del vicino villaggio
pendici del Grande Atlante, Villa K deve molto del suo fascino e del grande vuoto che si apre dopo i suoi muri. Dentro, zona
impenetrabile allambiente che la circonda e si dimostra giorno e zona notte composta da cinque camere con bagni si
interprete perfetta della filosofia dei progettisti: Nessun oggetto sviluppano su due piani. Punto focale il soggiorno, visivamente
pu esistere come elemento a s, deve inserirsi in una storia, un tuttuno con la terrazza e la piscina squadrata, che cita
affermano Fournier e Marty. Luce, spazio, materiali giocano la forma degli abbeveratoi per il bestiame usati nella regione
un ruolo chiave, ma non possono prescindere dalle evidenze da tempo immemorabile. Sotto la pergola in acciaio e legno
del paesaggio gli alberi, le montagne, le acque, le strade , di cedro, anche quando la temperatura estiva raggiunge
presenze indispensabili per tessere un racconto. Se questo i 50 gradi, possibile soffermarsi e vagare con lo sguardo fino
approccio in armonia con la natura ha attratto la sensibilit alle montagne. Gli interni riflettono nei colori il mood
di numerosi e importanti committenti, il Marocco con la sua del deserto: noce per i tavoli disegnati ad hoc, tappeti berberi
gente e la passione artigianale con cui si tessono tappeti, di lana pregiata, pietra di Ourika proveniente dal vicino Atlante.
si dipingono vasi, si cuociono meravigliose piastrelle di mosaico A bilanciare i materiali del luogo un mix contemporaneo
ad aver fornito ispirazione al duo professionale, nel corso dei di arredi firmati Sergio Rodrigues, Charles e Ray Eames,
numerosi anni passati in Nordafrica. Un felice periodo creativo Le Corbusier, ma anche Tom Dixon (oltre ai brand italiani Flos
che li ha visti autori, alle porte di Tangeri, di una residenza e Foscarini) per le lampade. Che nel buio della notte accendono
per Patrick GuerrandHerms, membro di una dinastia illustre e la magia di unarchitettura enigmatica e silenziosa.

147 ELLE DECOR


148 ELLE DECOR
Nella sala da pranzo, lungo
il tavolo in noce disegnato
da Studio KO si fronteggiano
sedie DSW nere di Charles
& Ray Eames, Vitra,
e Wisbone Chair firmate
Hans Wegner, Carl Hansen
& Sn. Pagina accanto,
decorata con i motivi della
dama, del tris e del
backgammon la tavola
allaperto diventa postazione
fissa per il gioco di societ.
Volumi squadrati si allungano in parallelo
seguendo il ritmo delle catene montuose che compaiono
in lontananza. Mentre largilla che riveste i muri
offre alla casa le sfumature calde e naturali della terra
Mimetismo cromatico
e minimalismo formale
definiscono il carattere
di unarchitettura in
perfetta sintonia con
la natura che la circonda.
I volumi abitati si incastrano
nella pendenza naturale,
fra specchi dacqua, aree
coperte e spazi verdi.
In primo piano, il giardino
sul retro popolato da fichi
dindia, cactus e ulivi.

151 ELLE DECOR


Lesterno della residenza dello
scrittore olandese Andr Platteel,
affacciata su un canale del centro
di Amsterdam. Pagina accanto,
nella zona pranzo del living
a pianta aperta campeggia
il grande tavolo di Faas van Dijk
per Ozenfant, illuminato dalla
Moon XL di Davide Groppi,
pensata per portare la luna
dentro casa. Le tende cru
di Design of the Time sono come
un sipario aperto sul salotto.

152 ELLE DECOR


RIFUGIO
NEL CUORE DI
AMSTERDAM, AFFACCIATI
SU UN CANALE, GLI
SPAZI PRIVATI DI UNO
SCRITTORE ILLUMINATO.
TRASFORMATI DALLO
STUDIO BAKKER
IN UN LUOGO UNICO,
A MISURA DI S
foto di Kasia Gatkowska
testo di Laura Maggi

PER LANIMA
Pavimenti in legno come le travi
del soffitto e pareti con intonaco
dargilla di una calda tonalit by
Farrow & Ball definiscono il living
con il camino aperto. La libreria
a muro in metallo e legno di
quercia, attrezzata con lunghe
panche, su disegno dello Studio
Bakker. Attorno al fuoco, sof
in velluto di Faas van Dijk per
Ozenfant, lampada da terra TMC
di Miguel Mil, Santa & Cole,
e tappeto indaco in lana tinta
proveniente da Santa Fe.

155 ELLE DECOR


UNA CASA DAL CARATTERE COS FORTE RICHIEDEVA
UN INTERVENTO GENTILE. LA VERA SFIDA STATA ORGANIZZARE
GLI SPAZI IN BASE ALLE ESIGENZE DELLA VITA QUOTIDIANA
Stef Bakker

sempre stata il mio porto sicuro. La casa dove vivere, intervento con una mano gentile, un segno non invasivo. La vera
che anche un grembo accogliente, caldo, silenzioso. sfida stata lorganizzazione degli spazi in base alle esigenze
Proprio al centro della citt, racconta il suo proprietario, della vita quotidiana. Ora ci si muove con leggerezza tra i
Andr Platteel, scrittore olandese e life coach illuminato. diversi livelli passando dal living, con il camino a muro in acciaio
Lo spazio pervaso da un silenzio vibrante che chiama aperto sulla zona pranzo e sulla cucina a vista, fino agli spazi
la vocazione: qui vengo ripetutamente sollecitato a reinventare per il lavoro e la meditazione una tra le pratiche quotidiane
me stesso. A ricreare chi sono e cosa faccio. La casa rimane del proprietario e alle camere dedicate al riposo e al
uno spettatore silenzioso, rispettoso, e aiuta a scoprire se stessi benessere. Travi e strutture portanti sono a vista, i percorsi fluidi,
e a crescere. Ledificio, dei primi del Seicento, possiede le pareti hanno lintonaco in argilla, il sottotetto, con i suoi muri
unanima profonda: nato come orfanotrofio femminile, stato curvi, ricorda lo scafo di una nave capovolta, mobili e arredi
trasformato in deposito sino a che Platteel ha acquistato quei molti su disegno dello Studio Bakker sembrano appartenere
400 metri quadrati affacciati su un canale, dispersi su tre piani da sempre al luogo. Il legno la presenza costante per strutture
e in totale abbandono. Renderli abitabili stata unimpresa portanti e pavimenti originali, e per gli interventi di nuova
quasi titanica: Un lavoro a tempo pieno, per quattro anni, tutte realizzazione, come la scala di collegamento in iroko, il grande
le notti e tutti i weekend, insieme a mio padre e mio fratello, mobile contenitore con scrivania integrata che divide lo studio
continua Andr. Ma ricostruire la casa stato anche ricostruire dalla zona notte e i molti arredi custom-made. Di giorno la luce
la nostra famiglia, colpita da un lutto devastante. Durante i lavori naturale a disegnare le stanze, la sera, di preferenza, quella
la nostra tristezza, la rabbia e la frustrazione si andavano di tante candele. I sistemi per lilluminazione e per i device
trasformando in atti positivi: stavamo costruendo qualcosa tecnologici sono nascosti nelle pareti, nelle colonne in acciaio
insieme. Il progetto degli interni arrivato pi tardi, nero e nei mobili-contenitori: tra i punti luce importanti, Moon,
dallincontro con linterior designer Stef Bakker (vedi Elle Decor pensato come un messaggio poetico perch nato dal sogno
Italia, aprile 2012) che aggiunge: Abbiamo iniziato nel 2010 di portare la luna dentro casa. La vera saggezza sta nellessere
e abbiamo continuato a lavorarci per cinque anni, procedendo pazienti e sapere che tutto ci di cui abbiamo bisogno arrivare
step by step. Leffetto degli interni era incredibile, i muri stessi a comprendere chi siamo, conclude Andr. La casa esiste
parlavano del passato. Volumi cos importanti richiedevano un e vive da pi di quattro secoli. Io sono solo di passaggio.

156 ELLE DECOR


Sempre nel living, il tavolo
in legno iroko su disegno
dello Studio Bakker; intorno,
sedie S33 di Mart Stam,
in tubolare dacciaio e cuoio
originali degli anni 20; lampada
a sospensione Moon XL
di Davide Groppi. Pagina
accanto, a sinistra, Stef Bakker,
autore dellintervento di interior
design, ritratto sulla scala
in legno di collegamento; a
destra, il padrone di casa, Andr
Platteel, scrittore e life coach.
Il grande studio adiacente alla
zona notte separato da un
mobile-contenitore con funzione
di quinta, su disegno dello Studio
Bakker. In legno di iroko
con parti in compensato e cuoio,
integra nella struttura cavi elettrici
e alcuni moduli di vecchie casse
in legno con funzione di scrivania
e di scatole per collezionare
oggetti. La sedia pieghevole a
destra di Egon Elermann.
A sinistra, spazio relax con seduta,
day-bed e tavolo basso orientali.

159 ELLE DECOR


Alla zona notte, sotto la copertura
sorretta da capriate in legno,
si accede da una scala su disegno
di Studio Bakker. Lampade
di Atelier Naerebout, Amsterdam
e tappeto indaco in lana tinta
proveniente da Santa Fe.
Le pareti sono trattate con
intonaco dargilla by Farrow
& Ball. Pagina accanto, opposta
al letto, la zona benessere
con pavimento in ardesia:
vasca in iroko di Studio Bakker,
lampada di Wo & W.
IL LEGNO LA PRESENZA COSTANTE SIA NELLA
STRUTTURA STORICA, CHE RICORDA LO SCAFO DI UNA NAVE
CAPOVOLTA, SIA NEGLI ARREDI SU DISEGNO

161 ELLE DECOR


TEXTILE SHOW
COLORE ,
TRASPARENZA,
JAP, MICRO
PAT TERN ,
TOTAL WHITE ,
NEWTARTAN

di Bettina Rosso hanno collaborato Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto foto di Federico Cedrone

Si va in scena. Dietro la tenda in twill di seta Aventine color Cherry (cm 140h, in 35 colori) a sinistra sulla
parete il raso di cotone stampato Serpentino dalla geometria minuta (cm 140h) e a destra il jacquard Auriga illuminato
da note lurex (cm 140h), tutto firmato Dedar. Applique con paralume in seta Guinea di Servomuto, piatto
della serie Tema e Variazioni n. 105 di Piero Fornasetti, sedia Superleggera di Gio Ponti produzione Cassina, minibag
Iside Mignon by Valextra. Set realizzato da Spazio65, Milano.
163 ELLE DECOR
Absolute white. La carta handmade pure Satoyama di Elitis (cm 110h) veste la parete dellinstallazione
accostata allinsolito tessuto a tessere triangolari Spoutnik di Boussac Pierre Frey, sulla destra nella variante
Quartz. Sul tavolo Plastic Fantastic di 4Spaces, tessuto in poliestere bianco iridescente di 4Spaces (cm 330h).
Sospesi, il piatto Molecular Matter by Roberto Sironi in collaborazione con lo chef stellato Daniel Facen,
la brocca anni 60 da Mauro Bolognesi e la ciotola in porcellana di Limoges Bol pattes di Th Manufacture.
Japan Today. Alle pareti Raja, rivestimento coll. Luxury weaving di Elitis, in abaca con fili metallici (in 9 colori)
e appeso il pannello in cannet di cotone Larissa, di Armani Casa by Rubelli. A terra, trapuntino confezionato
con velluto di cotone Opus (in 45 colori, cm 140h), di Elitis come il cuscino Orphe. Centrotavola
in cristallo Prism di Toms Alonso per Atelier Swarovski, vassoio di Imperfect Design da Jannelli & Volpi, ciotole
Rina Menardi, travel tumbler di Hangar Design per Acera, lampada Akari di Isamu Noguchi per Vitra.
165 ELLE DECOR
Fioriture domestiche. Paola Navone reinterpreta il classico tartan per Dominique Kieffer Rubelli e crea
Outcross, il tessuto sullo sfondo stampato con tecnica ink-jet a effetto acquarellato, qui nella variante Olive blue
(in 7 colorazioni, cm 130h, 114 m). Ispirazione pop art per i fiori realizzati in velluto di cotone Spritz
di Rubelli (26 varianti, cm 138h, 147 m). Riecheggia il mondo naturale la lampada essenziale I Ricchi Poveri
Bzzzz di Ingo Maurer con libellula in alluminio colorato (cm 60h).
Multistripe e trasparenze. A sinistra, scansione orizzontale per la tenda vedo non vedo Ypsilon, in organza
con nastri di pellicola cangiante (cm 140h, disponibile anche in bianco), sulla parete rivestita con tessuto
Jupiter in rafia intrecciata (cm 140h), tutto Ulf Moritz per Sahco. Tavolino su base in marmo M+R di Living
Divani e vaso di Astier de Villatte by John Derian, da Raw. Sulla parete destra, macro righe in bianco e nero
per Reflex, in lana, di Raf Simons per Kvadrat (in altre 10 varianti colore). Appesi, iPad Pro di Apple.
167 ELLE DECOR
Fascio di luce effetto trompe-loeil. Spina di pesce macro per il fondo in velluto jacquard Honneurs Groseille di
Christian Lacroix by Designers Guild (cm 138h), paralume in ciniglia Trevellas (cm 137h, 75 m), di Designers
Guild come il velluto blu Zaragoza (in 61 colori, cm 140h, 68). Giallo brillante il tessuto oscurante Nuit,
coll. Italia di Christian Fischbacher (38 colori, cm 300h, 72). Sgabello Mon Oncle di Servomuto + Studio TO.DO,
The Princess in ceramica di Matteo Cibic per Dodo, Rabbit e Knotted Cherry in ottone di Ghidini 1961.
Nordic Ski. Per reinventare lo stile winter il classico tartan, Paros, in morbida ciniglia dalla collezione
autunno di Zimmer + Rohde, sceglie colori forti (cm 140h, in 6 varianti, 164 al metro). Appesa Crystaled
Square Transparent ( 77), la lampada a LED in cristallo e porcellana dorata di Alessandro Zambelli
per Seletti e micro baguette di Fendi ( 1.850). Dedicati ai fashionisti gli sci by Chanel ( 5.510).
INDIRIZZI A PAG. 193
169 ELLE DECOR
ELLE DECOR PER DG MOSAIC

NON SOLO
SUPERFICI
Giovani architetti, designer, artisti di talento
uniti in un progetto che esplora i diversi confini
della decorazione. Sotto il segno di DG Mosaic

Con il mio lavoro volevo creare le condizioni per qualcosa di nuovo nel mondo
del mosaico, qualcosa che permettesse di immaginare, di vedere di pi.
Di stravedere. Cos Roberta Scumace, giovane designer affascinata dalla
picotessera Tilla DG Mosaic, ne ha valorizzato le potenzialit, ideando
la collezione Trame. Dove il mosaico si combina in infinite sfaccettature, catturando
la luce e svelando racconti da leggere attraverso i riflessi. Un mondo di sogni
che nasce da forme semplici, ma che possano creare le condizioni per cogliere
con lo sguardo qualcosa di inedito. Perch locchio il luogo primario di ogni
emozione, conclude la designer. Con Trame viene messa in evidenza la versatilit
del mosaico in vetro di DG Mosaic, che diventa protagonista duttile e prezioso
del mondo dellarchitettura. Pareti gioiello che fanno vivere gli ambienti di luce
propria, trasformando ogni superficie in unopera preziosa. Nel dettaglio,
in alto a destra, primo piano sui giochi di riflessi creati da Railways.
Nella foto grande, un angolo datmosfera dove la luce protagonista insieme
a Railways e Urban Grid declinato nel pannello curvato. www.dgmosaic.it
ELLE DECOR PER GLAS ITALIA

Soluzioni tecniche smart, un linguaggio


estetico raffinato, grande versatilit. Tutto sotto
il segno del design: il programma di porte
e pannellature scorrevoli Aladin, ideato e curato
da Piero Lissoni per Glas Italia, nasce per
rispondere alle esigenze della casa
contemporanea. Molte le versioni, da Slide
scorrevole su binari a Pocket, con ante
a scomparsa; e da Swing, con battente
a rasomuro o stipite telescopico, a Pivot a bilico
rasomuro. Ogni anta pu avere un vetro, nel
modello Mono, o due vetri applicati su entrambe
le facce del telaio nella versione Duo, che crea
un pannello con camera daria interna.
Sempre a Piero Lissoni si deve la new entry
del programma: Sherazade, porte a battente
rasomuro o con telaio telescopico, di grande
pulizia formale. Aladin e Sherazade sono
proposte in una vasta gamma di cristalli, ognuno
in moltissime finiture: trasparenti neutri o
colorati, riflettenti, laccati lucidi o matt, acidati,
stampati, stratificati con reti e tessuti. Per interni
sempre pi tailor made. www.glasitalia.com

RIGORE E
CREATIVIT
Di Piero Lissoni per Glas Italia un sistema
di porte dove la purezza formale si declina in
uneccezionale variet di texture decorative

Nella foto, Sherazade Swing Plain, porta a battente filomuro in cristallo extralight con tessuto seta e telaio in alluminio bronzo;
in alto, Aladin Slide Mono, scorrevole a binario sospeso, con ante a finitura differente: da sinistra, cristallo bifacciale bronzo, cristallo
diffusore colorato lucido neve, cristallo extralight con rete wide, cristallo trasparente fum, cristallo acidato bifacciale fum.
Una Spa dove protagonisti sono i materiali,
viaggi tecno-smart, lo stile in tavola: its holiday time
a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto testi di Piera Belloni

Tutto il fascino della pietra


naturale declinato
in dodici ambienti:
il nuovo Lifestyle 7,
lo showroom di Antolini
su progetto del designer
Alessandro La Spada.
Dalla zona bar alla lounge,
al living, ogni spazio
mette in luce lespressivit
dei diversi materiali.
Come nella piscina/Spa
(in foto), disegnata da
tre varianti di Fusion Wow,
una quarzite proposta
dallazienda in esclusiva
mondiale.
www.antolini.com

175 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/KITCHEN&FOOD

Compilation per le feste: il servizio oro e matt per una tavola extra,
vassoi inediti, lo champagne rmato e il secchiello design

Grafiche dcor. 5 misure e 5 texture diverse disegnano


i vassoi della linea Charles di Serax, in legno con dettagli
in metallo. Sono firmati dal duo GRiNT (Michiel Goethals
e Mattias Van Mieghem), progettisti con la passione
per lartigianalit. A partire da 92. www.serax.com

Un giocoso doppio manico


ad anello, forma iconica/ironica
utilizzata da Richard Hutten
nei suoi progetti, caratterizza
il secchiello da champagne
Double O. Il designer
lo ha ideato per Ghidini 1961,
in un prezioso ottone lucido.
www.ghidini1961.com

Per un brindisi speciale, uno champagne speciale:


il Brut Nature 2009 di Louis Roederer, nato da vigneti
a conduzione biodinamica e con un nuovo look by
Philippe Starck. www.louis-roederer.com +elledecor.it

176 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS&BEAUTY

Lo showroom rmato,
il radiatore trasformista, il profumo
da cogliere al galoppo, laccessorio
vanitoso che diventa scultura

Il cuoio e la rosa, una punta


di zafferano, una di mela
cotogna. il cocktail dinamico
e passionale di Galop
dHerms, profumo ideato
dalla creatrice di fragranze
Christine Nagel. In un raffinato
flacone a staffa, con laccio di
cuoio. www.hermes.com

Una cornice storica accoglie le linee design


delle collezioni bagno di Laufen, nel nuovo
showroom di Madrid aperto ai professionisti
(in foto, lingresso con vasche Ino). Progetto
di Patricia Urquiola, che ha reinventato
gli spazi primi 900 fra rigore, emozione
e funzionalit. www.laufen.com +elledecor.it

Specchi iconici. Fanno parte


della collezione a/w del brand
danese Au Maison i Mirror-
Cone-Gold con corpo in ottone.
Geometrici ma con vocazione
dcor, in 2 misure: cm 15,5x14h
e cm 19x17h. www.aumaison.dk
La dinamica dei fluidi. Alberto Meda
firma Origami, radiatore elettrico di
Tubes, dalle linee sinuose e leggere.
In tre versioni: componibili a moduli
da parete e freestanding (cm 112,9
x83,5/103,5/163,5h) o Totem,
a misure fisse (foto, cm 68,8 diam.
x163,5h). www.tubesradiatori.com

178 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/TRAVELLER

Mettiamoci in viaggio: a bordo


di una station wagon compatta,
con guanti tecno, bagagli speedy Non scivola dalle mani
grazie al rivestimento
grip di gomma (in
boarding e la fotocamera grip rilievo come quello delle
racchette da ping-pong)
la Leica M-P firmata
dallartista Rolf Sachs.
Ed. limitata di 79 pezzi.
www.leica.com
la MINI pi grande di sempre
la nuova Clubman, lunga 4,25
m e larga 1,80. Il fascino per
lo stesso dellauto elegante
e grintosa del 1960: con
vari dettagli comfort in pi,
come gli interni personalizzabili
o le split door posteriori
che si aprono automaticamente.
mini.it/mini-clubman

Touch extra sensibile


per i guanti adatti
a manovrare su tablet
e smartphone anche
al freddo. Di Mujjo, label
olandese specialista
in accessori per device,
sono in lana con cinturino
in pelle. www.mujjo.com
+elledecor.it

Globetrotter smart. Di Bugaboo


il sistema da viaggio innovativo
Boxer: un agile telaio su ruote
a cui sagganciano vari tipi
di bagaglio. Qui, Boxer pieno
carico con valigia e trolley,
1.537 ca. www.bugaboo.com
+elledecor.it

PrintYourVision il progetto di Epson e comON,


con la creazione del Textile Solution Center:
il centro deccellenza nato a Como per promuovere
la stampa digitale su tessuto e fare attivit
di formazione per giovani talenti. www.epson.it

180 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/HOT WINTER

Per dimore dalta quota, evocative ma


con piglio contemporaneo, una selezione di pezzi
super warm. Per vocazione o ispirazione
a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto ha collaborato Ilaria Bacciocchi
[1]

1. PL1 di Ideal Lux,


lampada con braccio
[2] telescopico e paralume
in tessuto, 203, www.
ideal-lux.com 2. Kuusikossa,
stampato il tessuto in cotone
by Maija Louekari per
Marimekko, 43 al m,
www.marimekko.com
3. Tools, pentola in acciaio
di Bjrn Dahlstrm per Iittala,
229, www.iittala.com
4. Curvifocus, camino (a tutto
schermo) di Atelier Dominique
Imbert per Focus, a 9.276,
www.focus-creation.com
5. Emma, Wood Basket di
Eldvarm in metallo e inserti in
pelle, www.eldvarm.com
6. Milos, divano pouf by Marc
Sadler per Dsire, www.
gruppoeuromobil.com
7. MP943: di Piazzetta la stufa
a pellet, www.piazzetta.it

[3]

[4]
[7]

[6]
[5]

182 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/HOT WINTER

Tartan deluxe, oggetti ironici e


una poltrona extra sofce. Tutti intorno al fuoco
per trascorrere linverno cheek to cheek

[1]

[2]

[3]
[4]

[5]
[6]

[7]

1. Nigels Tartan, plaid in cachemire e seta firmato da Nigel Peake per Herms, cm 150x200, www.hermes.com
2. Soft Deer Hamish, trofeo da parete in lana by Sergio Roger per Softheads, da 99, www.softheads.net 3. Heubad,
in noce e anche su misura la vasca di Millenove89, cm180x80x57h, www.millenove89.com 4. Tattoo stool, country
reloaded per lo sgabello decorato di Gert Wingrdh & Sara Helder per Zanat, www.zanat.org 5. Cesare, stufa in
ghisa di Palazzetti, cm 74x63x80h, 3.880, www.palazzetti.it 6. Grande Papilio nella inedita versione rivestita in
montone naturale la poltrona disegnata da Naoto Fukasawa per B&B Italia, www.bebitalia.com 7. Infinity Clock, un
divertissement lorologio che dondola e in formato macro (cm 42h) di Nika Zupanc per Bosa, www.bosatrade.com

184 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/HOT WINTER

Fashion resort tra le vette. Si scende a valle sugli sci tra


superci morbide, dettagli preziosi, materiali
materia i green
[1]

[2]

[3]

[7]

[8]

[4]

1. Flashwood, lampada a sospensione di Studio Eggs per


Masiero, in rovere e borosilicato opaco, a Led, 2.990, www.
[6] masierogroup.com 2. Lupo, cuscino in pelliccia ecologica by
Fazzini, cm 50x50, 69, www.fazzinihome.com 3. Nagano:
Giorgetti Atmosphere presenta gli sci in rovere fossile con
fianchi in bamb, a 2.381, www.giorgetti.eu 4. Hole in 1,
tappeto in Limited Edition by Illulian Design Studio, handmade,
in lana e seta tinte con colori vegetali, 460/mq, www.illulian.
com 5. Constellation, pouf by Fendi Casa, in metallo e velluto,
da 2.760, www.luxurylivinggroup.com 6. Embroidery Chair,
[5] con schienale a punto croce la seduta di Johan Lindstn per
Cappellini, in frassino, 5.900, www.cappellini.it 7. Hutte,
stufa a legna serie Agni, di Isao Suiz per Okamoto, 3.326,
www.nbk-okamoto.co.jp 8. Kepi, poltrona di Emilio Nanni
per Saba Italia, in frassino e vellutino doppiato dacron,
cm 90x78x70h, da 1.726, www.sabaitalia.it

186 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/HOT WINTER

Into the wild. La casa si veste di richiami


etnici e contaminazioni di stile, macro tricot,
effetti mlange. Per una top list esclusiva

[1] [2] [3]

[4]

1. Makeup, applique di Matteo


Ugolini per Karman, con
lampadina in vetro satinato
e dettagli in metallo, 597,
www.karmanitalia.it 2. Bubble,
camino a soffitto firmato da [5]
Andrea Crosetta per Antrax IT,
con focolare aperto, 5.246,
www.antrax.it 3. Belford
Willow, tessuto della collezione
Kelso by Romo, www.romo.
com 4. Pliss, disegnata
da Victor Vasilev per Natuzzi
la libreria in pannelli modulari
e mensole, da 1.717, www.
natuzzi.com 5. Daydreamer,
by Jan Kath, rivestimento
realizzato con tappeti in lana
e seta annodati a mano, www.
jan-kath.de 6. Shito, ideata
da Francesco Rota per Paola
Lenti dalleffetto mlange e dal
macro tricot, 3.900, www.
paolalenti.it 7. Tiger, di Barber
& Osgerby il tappeto wild
realizzato in lana per The
Rug Company, da 903 il mq,
www.therugcompany.com

[7]

[6]
188 ELLE DECOR
n.b.
Dicembre/Gennaio Mostre,
appuntamenti, vernissage
a cura di Piera Belloni
Piero Fornasetti, Piatto
Tema e Variazioni n.171

Omaggio a Fornasetti a Seoul Il Dongdaemun Design Plaza


ospita Fornasetti Practical Madness, mostra ideata dal Triennale
Design Museum per il centenario del designer/artista nel 2013
e ora in tour. Con 1.300 pezzi, fino al 19/3. www.art-mon.co.kr
Aarhus: art, craft & fantasia 17 installazioni monumentali
di Joana Vasconcelos, fra cui la site specific Valkyrie Rn
in tessuti Kvadrat, invadono il museo ARoS. Le opere, create con
tecniche artigianali, raccontano luniverso dellartista portoghese
fra seriet e humour. Textures of Life, fino al 19/2. en.aros.dk
Abitare alla giapponese a Roma La casa come specchio Virginia Overton, Winter Garden
di una cultura: The japanese house, al MAXXI fino al 26/2,
esplora il tema attraverso i progetti di 30 architetti, noti come
Shigeru Ban o Atelier Bow-Wow (che firma lallestimento), e meno
noti ma ugualmente significativi come Nakayama (foto).
www.fondazionemaxxi.it +elledecor.it Design a Hornu Copia
come omaggio, mezzo di studio, sperimentale o provocatorio:
con Ceci nest pas une copie il CID Centre dinnovation
et de Design prova a tracciare il confine fantasma fra imitazione
e innovazione. Fino al 26/2. www.cid-grand-hornu.be Luci darte Hideyuki Nakayama,
a Amsterdam Si dispiegano lungo i canali (fino al 22/1) O House, 2009
o in strada (dal 15/12 all8/1) gli artwork protagonisti del Light
Virginia Overton, Whitney Museum of American Art, New York, photography by Ronald Amstutz

Festival, spettacolari e suggestivi come The Lace (foto). www.


Fornasetti - Foto Lus Vasconcelos, Courtesy Unidade Infinita Projectos - Mitsutaka Kitamura

amsterdamlightfestival.com +elledecor.it Fioriture dinverno


a New York Il Winter Garden di Virginia Overton allestito
alla galleria allaperto del Whitney fino al 5/2, con installazioni
sonore che alludono allambiente naturale. whitney.org
Copray e Wildenberg,
Eames Lounge Outdoor Mal,
polietilene,1956/2012

Joana Vasconcelos,
Valkyrie Rn, 2016

Choi + Shine Architects, The Lace

191 ELLE DECOR


DOVE&COME

A Milano, www.fornasetti.com www.sahco.com


Acera Four4spaces Seletti
www.aceraliven.com Zurich CH, 4spaces.ch www.seletti.it
Alessi Servomuto
Hearst Magazines Italia Spa www.alessi.com G www.servomuto.com
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1 Astier De Villatte Ghidini 1961 Spazio Pontaccio
www.astierdevillatte.com www.ghidini1961.com via Pontaccio 18, Milano,
Atelier Swarovski I www.spaziopontaccio.it
atelierswarovski.com Ingo Maurer Spazio65
www.ingo-maurer.com via E. Forlanini 65,
ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C.
ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb
B Milano, tel. 02.7560235,
ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 Boussac J wwwspazio65.it
Kbenhavn C distribuito da Pierre Frey, Jannelli & Volpi Studio Dimore Collection
ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, www.pierrefrey.com via Melzo 7, Milano, per informazioni, www.
Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550
ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret www.jannellievolpi.it studiodimorecollection.com
ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich C
ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama
Minato-ku Tokyo 107-0062
Carlo Moretti K T
ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri www.carlomoretti.com Kvadrat Th Manufacture
ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Cassina c.so Monforte 15, Milano, Paris, thmanufacture.com
Mahalaxmi, Mumbai 400 011
ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17,
Meda (MB), www.cassina.it kvadrat.dk Tiffany & Co.
Jakarta 12160 Chanel www.tiffany.it
ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 www.chanel.com M
Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul
ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Christofle Mauro Bolognesi V
Altas CP 11950, Mexico Df. www.christofle.com Ripa P. Ticinese 47, Milano, Valextra
ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani www.maurobolognesi.com www.valextra.it
Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon
ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam D Venini
ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa Dedar N www.venini.com
ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 www.dedar.com Nilufar Vitra Collection
ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid
ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Designers Guild www.nilufar.com distr. da Unifor e Molteni&C,
Cape Town 8001 da Nicoletta Ferrara, www.vitra.com
ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm
ELLE DECORATION TAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa
ferrara.nicoletta@gmail.com, P
Road Klong Toey Bangkok 10110 www.designersguild.com Pau Design Container Z
ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo Dilmos via Rosales 5, Milano, www. Zimmer + Rohde
N. Road, Taipei 10491
ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul
www.dilmos.com paudesigncontainer.com www.zimmer-rohde.com
ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP Dominique Kieffer by Rubelli Pietro Russo
ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. www.dkieffer.com www.pietrorusso.com
In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di propriet di France Canada
Editions e Publications Inc. E R I progettisti
Edizioni Design Raw
www.edizionidesign.com www.rawmilano.it FIFTIES A COLORI
INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL Elitis Richard Ginori Tina Seidenfaden Busck
DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active. www.elitis.fr www.richardginori1735.com e Stine Langvad / The
com; LAGARDRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret,
France. CANADA: Franoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com Essential Rina Menardi Apartment, Copenhagen,
CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: www.essent-ial.com Gruaro (Ve), DK, theapartment.dk
sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe. www.rinamenardi.com
leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NTZEL - Mail: vanessa.noetzel@
burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis F Roberto Sironi NATURAL LAB
FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna. Fendi www.robertosironi.it Vandkunsten Architects,
gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it
MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter
www.fendi.com Rossana Orlandi Copenhagen, DK,
LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin Fischbacher www.rossanaorlandi.com vandkunsten.com
SDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@ www.fischbacher.com/it Rubelli
hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk
STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@publicitas.com Flos www.rubelli.com DESIGN NEL DESERTO
TAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com TURCHIA: Emin Tan BILGE - www.flos.com Karl Fournier e Olivier
Mail: tanbilge@medialdt.com.tr Fornasetti S Marty / Studio KO, Paris,
corso Venezia 21/A, Sahco Italia F, tel. +33.(0)1.42711392,
ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst www.studioko.fr
Magazines Italia Spa - Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126
E-MAIL: abbonamenti@hearst.it
Fax 041.5099553 - Telefono dallItalia 199.11.55.44; dallestero RIFUGIO PER LANIMA
0039.041.5099049. Servizio attivo dal luned al venerd dalle h. 09.00 Studio Bakker,
alle h. 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso di Amsterdam, NL, tel. +31.
0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare
i costi sono legati alloperatore utilizzato. Servizio effettuato da Koin (0)20.3044903,
Brescia srl, via Val DAvio 9, 25132 Brescia. Gestione operativa: Press Di GENTE in edicola dal 10 www.studiobakker.nl
Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1, 20090 Segrate dicembre con La cucina del
(Mi). Labbonamento partir dal primo numero raggiungibile. Per il senza di Marcello Coronini,
rinnovo attendere lavviso di scadenza. Le copie in abbonamento
vengono consegnate direttamente agli uffici postali decentrati. un prezioso e innovativo Precisazioni
volume che unisce gusto e La lampada da tavolo
ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria Edicola di fiducia, salute: mangiare bene senza
che pu richiederli attraverso il Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. pubblicata a pag. 183 di
Il prezzo degli arretrati pari al doppio usare sale, grassi o zucchero Elle Decor n. 11, novembre
del prezzo di copertina. La disponibilit di copie arretrate limitata aggiunti. 2016, in apertura
allultimo anno, salvo numeri esauriti.
Non possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget.
IN EDICOLA CON GENTE del servizio InsideDesign,
FEDERAZIONE ITALIANA Elmetto di Martinelli Luce,
EDITORI GIORNALI N. 50 DAL 10 DICEMBRE,
design Elio Martinelli, 1976.
ISSN 1120-4400 SOLO 8,90 IN PI
Per informazioni,
ACCERTAMENTI
www.martinelliluce.it
DIFFUSIONE STAMPA
CERTIFICATO 7513
DEL 10/12/2012

193 ELLE DECOR


Elle Decor Italia
International
subscription
Starting from today, you can finally subscribe
to Elle Decor Italia and bring italian style
& design into your home wherever you are...

5 good reasons to make


your choice...
1. Every month you will receive your favourite magazine.
2. It will be despatched directly to your home.
3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands
kilometers away, any place becomes easy to reach.
4. You can take a glance at Italian style, color and warmth.
5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news
about design and interior design. But there is more:
new life-styles, famous people and emerging personalities,
art and whatever is related to interiors.

NEW! The subscription also includes browsable digital edition.


So you can now read Elle Decor Italia, including back
issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style


has no boundaries
35% discount if you subscribe to Elle Decor italia online
Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site
www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount:
1 year
10 issues for only 29,25
plus shipping charges.
DECEMBER/JANUARY 2017

The cover

by Rosaria Zucconi
photos by Max Zambelli
A collectors home in Milan.
In the living room,
on a piece of furniture
by Franco Albini, a pair
of brass lamps from the fifties,
totem by Ettore Sottsass.
On the wall, a piece
of art by Enzo Mari/Gall.
Massimo Minini.
Armchair by Osvaldo Borsani.

English text
24 The gold experience. 45 Noblesse oblige. 52 Art in the mountains.
75 Fifties in colour. 85 Lunch break. 91 The Swedish mirror.
100 Marrakesh time. 111 Nomination Day/Elle Deco International
Awards. 124 Creative intuitions. 134 Natural Lab. 142 Design
in the desert. 152 A home for the soul.
195 ELLE DECOR
CONTENTS OF THE ISSUE

p. 24 brands and sophisticated photos by Annica Eklund In the new house in Milan,
THE GOLD EXPERIENCE objects. For an unexpected text by Francesca Benedetto in a district that is now
by Valentina Raggi gift, and an all-round on-trend, Christian Pizzinini
and Filippo Romeo experience between On lake sunden, and Antonio Scolari
tea ceremonies the guesthouse of the Eklund enjoy their passion
Glittering brushstrokes and an art exhibition sisters, heirs of a legendary for art and historic design
add colour to this brand. Where the family
special period. p. 70 DNA is reflected p. 134
From glamorous details PRECIOUS IDEAS in the values of the company, NATURAL LAB
to the grand locations by Stefania Vasques between their love by Hanne Vind photos
of culture, our gold photos by Andrea Garuti of nature and their passion by Ida Schmidt/House of Pictures/
hunt with ideas for the cult of hospitality Living Inside words by
for trips and gifts Design objects, brand Solveig Fjord and Flavia Giorgi
new or evergreen. p. 100
p. 45 For creating a festive MARRAKESH TIME An ancient local construction
NOBLESSE OBLIGE atmosphere, with little touches by Silvia Fanticelli technique transforms
by Paola Carimati of pizzazz: glittery, photos by Robert Holden materials from the forest
photos by Max Zambelli transparent, textured and the sea into an
Europe and Africa pulsate unprecedented building.
An aristocrat in Brooklyn: p. 75 in the heart of the And the cottage
guests in the studio FIFTIES IN COLOUR Red City, an international on a Danish island becomes
of Sebastian ErraZuriz, by Helle Walsted crossroads for artists, a poetic example
the creative activist photos by Wichmann + Bendtsen intellectuals and designers. of sustainable housing
originally from Chile Photography words by Unveiled for the first time,
with a focus on political Karin Grbk and Flavia Giorgi the face of a reality p. 142
design. His pieces? that never ceases to amaze DESIGN IN THE DESERT
Sculptural and functional Hints of vintage design, even the most photos by Kasia Gatkowska
works of art colour sensitivity demanding visitors text by Eva Schuurmans
and a taste for decoration with contribution from Flavia Giorgi
p. 52 make Oliver Johansens p. 111
ART IN THE MOUNTAINS home special. The legacy of NOMINATION DAY/ Between Marrakech
by Kristina Raderschad a stay in Italy changes the ELLE DECO INTERNATIONAL and the slopes of the
photos by Christian Schaulin face of a house in Denmark AWARDS Atlas mountain range,
words by Massimiliano Giberti words by Paola Carimati a villa perched on the edge
p. 85 of civilisation blends
Designed in the late sixties LUNCH BREAK Here are our nominations in with the scenery.
by Marcel Breuer, photos by Andrea Ferrari for the 13 categories Where light, shadows
this resort in the French Alps text by Paola Carimati competing for the prize and the colours of the
combines architecture from the network consisting location become architecture
and scenary. With a little In Rome, inside the of 25 editions around
help from site-specific works Palazzo della Civilt Italiana, the world. From designer p. 152
by Picasso, Vasarely a new concept of the year to talent A HOME FOR THE SOUL
and Jean Dubuffet of the company canteen: of the future, by Laura Maggi
a bistro reserved passing through all forms photos by Kasia Gatkowska
p. 63 exclusively for the employees, of design. The first
I LOVE SHOPPING customers and guests phase of EDIDA, In the heart of Amsterdam,
by Valentina Raggi of the house the Elle Deco International overlooking a canal,
of Fendi. Where you Design Awards, the hideaway of an
From the United States can enjoy a meal is underway illuminated writer designed
to Europe, on the discovery surrounded by beauty by Studio Bakker
of new generation p. 124
concept stores. Designed p. 91 CREATIVE INTUITIONS
by international firms, THE SWEDISH by Rosaria Zucconi
they showcase exclusive MIRROR photos by Max Zambelli

196 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

The gold experience p. 24

Adelman is famous for using platinum and gold in her wonderful


The gold experience p. 24 lamps. Fellow New Yorker Samuel Amoia explains that
by Valentina Raggi and Filippo Romeo some materials never go out of fashion because they have a

Glittering brushstrokes add colour to this special period.


From glamorous details to the grand locations of culture, Noblesse oblige p. 45
our gold hunt with ideas for trips and gifts by Paola Carimati photos by Max Zambelli

This time round, all that glitters is in fact gold. An aristocrat in Brooklyn: guests in the studio of Sebastian
After years of reluctant understatement, gold is well and truly ErraZuriz, the creative activist originally from Chile
back in the limelight. In Montreal, Henri Cleinge transforms with a focus on political design. His pieces? Sculptural and
an old bank into an office-cafe, while Dominique Perrault functional works of art
has just finished restoring Pavilion Dufour, the entranceway
to Chteau Versailles, with caf and auditorium. Of Chilean origin, now settled in Brooklyn, New York,
Decorations and furnishings custom-designed for the location Sebastian ErraZuriz is a politically-exposed, declared designer.
combine various materials to create a luxurious cameo To the question how do you like to define yourself,
explains the architect. And the last ambitious design created he replies: I am an artist, a designer, an activist. His creativity,
by Zaha Hadid also shines bright: the extension of the in fact, moves within the field of art design to then explode
headquarters of the port of Antwerp, a jewel in the urban space with site-specific installations that move
that becomes golden in the sunlight at dusk. In Amsterdam, thoughts and reflections on highly topical social issues.
the new W Hotel is plated in gold, from the bath tubs to the walls. It all started in 2006 when, with The tree memorial of a
The AMORE flagship store of the Sulwhasoo cosmetics concentration camp, he unsettled consciences: he planted
brand in Seoul, by Neri & Hu, features a structure made of gold a 10-metre high magnolia in the middle of the National Stadium
grills. And even Ai Weiwei has succumbed to the Midas in Santiago, Chile so as not to forget the tragedy perpetrated
touch, designing jewellery for Elisabetta Cipriani for the very first in 1973 by Pinochet against his countrymen. In 2015,
time. Then, on the subject of grand dinners and rarities, he was back on everyones lips with A pause in the city that
food has also donned its finest gold robes. You could replicate never sleeps: a mega video projection on the screens
the signature dish of Gualtiero Marchesi, saffron and gold risotto, of Times Square, NY, of his face which, yawning, encouraged
but can also easily find tiny edible cadeaux that glisten, people to take back their own time. Two different ways of putting
from Myst extra virgin olive oil to Matre Choux chocolates. the focus on man, in work as well as in relationships.
Then there is designer Mathieu Lehanneur who, in his Parisian His production desecrates the traditional sense of the domestic,
restaurant Noglu, creates a passageway in the form of drawing from environments worlds away from living:
a grotto and adds golden panels and furnishings in his own touch places of worship, archaeological sites, the animal and plant
of contemplation-inducing design. But it is product world. Eclectic and never predictable, the language
design that is the first past the post: New York designer Lindsey of Sebastian ErraZuriz also finds its perfect representative in

197 ELLE DECOR


luxury brands: for Audemars Piguet, in fact, he designed the whole system, built using just a few materials applied
Ice Cycle, the exhibition design project at Art Basel 2016 following an equally laconic formal approach.
in Hong Kong, Basel and Miami. My idea was to stage a pure Flaine has managed to innovate in line with the times:
space, in which the glacial temperature suggests to visitors to the part dedicated to the private residential units, for example,
reflect on the importance of passing time. His polemic verve are today holiday apartments or hotels and the old shopping
has not softened. We have to train our sensitivity to understand malls have been turned into restaurants and bars.
the complexity in which we live. We need more thought. Marcel Breuer was also responsible in part for design
Thinking first, so as not to repent later. of the hotel and apartment interiors, which reveal the dual
nature of Flaine, its naked design, highlighted by
exposed concrete beams and metal pipes, warmed
Art in the mountains p. 52 by upholstered furniture or a real fire.
by Kristina Raderschad photos by Christian Schaulin
words by Massimiliano Giberti
Fifties in colour p. 75
Designed in the late sixties by Marcel Breuer, this resort by Helle Walsted photos by Wichmann + Bendtsen Photography
in the French Alps combines architecture and scenary. words by Karin Grbk and Flavia Giorgi
With a little help from site-specific works by Picasso, Vasarely
and Jean Dubuffet Hints of vintage design, colour sensitivity and a taste
for decoration make Oliver Johansens
Snowy wooded slopes surround the Flaine Hotel, a humungous home special. The legacy of a stay in Italy changes the face
concrete building that stands out starkly from its surroundings, of a house in Denmark
yet manages to respect the environmental equilibrium.
It was built in 1969, following the intuition of geophysicist I find the minimalism that marks Scandinavian style boring,
Eric Boissonnas, who decided to team city planning, architecture like the standard black and white: perfect perhaps, but banal,
and design at 1,600 metres a.s.l. The project for the explains Oliver Johansen, who a few years ago left his apartment
mega resort was commissioned to Marcel Breuer, a maestro in Copenhagen to move to Italy. He later returned to live
of modern architecture. The result is a macro architectural there with his three children, choosing a 1920s villa: vaulted
organism, large and functional, but also capable of conveying ceilings, copper roof, high windows and large portholes.
an imposing evocative charge, both through the relationship it All with an aura of the bold, unexpected Art Dco that impressed
enjoys with its surroundings and in the cosy warmth of its interiors. him in Italy. Looking after the renovation and layout of the
The buildings that make up this architectural complex interiors are Tina Seidenfaden Busck and her ally and stylist
are organised on three main levels, linked by two walkways Stine Langvad from The Apartment Copenhagen. A sophisticated
and external lifts. The designers choice was in fact to standardise mix of materials is achieved through shiny surfaces and soft

Art in the mountains p. 52

198 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

textures, with marble and metal, glass and brass muted by the use processing. A futuristic decision back then, already looking
of silk and velvets for coverings. The 1950s feature in iconic towards the concepts of reuse and sustainability.
furnishings. While Eero Saarinen and Charles & Ray Eames Since 2003, Annica and Marie Eklund have ferried the company
are almost compulsory references for design enthusiasts, here into the universe of design, with the first production of
an Italian compilation resonates through the rooms, with woven vinyl coverings for floors, which led to creative
original pieces by Gio Ponti, Marco Zanuso and inspired collaborations with the big fish of the design, architecture and
by Carlo Mollino. Patricia Urquiola is present with a round sofa, fashion worlds. However, success has failed to denaturalise
embellished by a quilted decoration, while Pietro Russo the companys mission, which is still strongly linked to the territory
is the author of a bookcase-partition in Canaletto walnut, that spawned it. A philosophy that permeates work and life.
iron and brass, with rhomboid elements. As for the lighting We like taking care of our guests, continues Marie.
I spent hours finding the right lamps, admits Johansen. Our chef Patrick Carlsson chooses the best ingredients
and wins us over with his creative dishes. And now, the art of
entertaining according to Bolon also speaks Italian:
Lunch Break p. 85 at Villa La Madonna (www.villalamadonna.com), the familys
photos by Andrea Ferrari text by Paola Carimati first boutique hotel in the Langhe. Where the gaze loses itself
among the vineyards.
In Rome, inside the Palazzo della Civilt Italiana, a new
concept of the company canteen: a bistro reserved exclusively
for the employees, customers and guests of the house of Fendi. Marrakesh time p. 100
Where you can enjoy a meal surrounded by beauty by Silvia Fanticelli photos by Robert Holden

The Fendi Caff, which has just opened inside the Palazzo Europe and Africa pulsate in the heart of the Red City,
della Civilt Italiana, is exclusively dedicated to the employees, an international crossroads for artists, intellectuals
customers and guests of Fendi. Open all day, it was designed and designers. Unveiled for the first time, the face of a reality
with one purpose in mind: to foster synergic meetings between all that never ceases to amaze even the most demanding visitor
those who collaborate within and with the brand. Here, not only
can patrons have lunch, perhaps even with a vegan menu, but They say that Marrakesh is too European to be considered
they can also settle down and read a book. But lets try and an African city, yet too ethnical to make its mark on art
imagine going inside and taking a look. A hallway featuring and European culture. Hotels and riads. A stay in a riad,
walls studded with photos of Karl Lagerfield takes us into the bar a traditional house transformed into a bed and breakfast,
area. From here, our gaze sweeps towards the library, with its is essential. And for relaxation outside the chaos of the medina,
large raw tables by Controprogetto. We take a sharp turn to the Mandarin Oriental has opened its first hotel in African territory.
right, drawn to the brasserie with a slightly retro feel, featuring Restaurants and bars. Inside the Mandarin Oriental, dinner
sofas in blue velvet, industrial lamps and round tables with is a must in the MesLalla restaurant. Fusion cuisine can be
textured tops by Hein Eek. At the centre of a square island in sampled at Le Jardin, in the alleys of the medina. Enjoy a view of
reclaimed wood, the digital tree USB charger by Bocci. the souks from the terrace of Nomad, which offers different
The Zin Bar, in galvanized sheet metal, ends our tour. From menus every day. The bygone charm of Grand Caf de la Poste
design to palate: even the kitchen is fresh and original. Just like is irresistible for a cocktail at the end of the day.
the concept of this place. Design & Fashion. The first and largest concept store in the city,
33 Majorelle, is always worth a visit. Artsi Ifrach offers precious
one-off garments, made from old recycled fabrics, in its shop-
The Swedish mirror p. 91 atelier Art/C, with fabulous caftans by Norya Ayron. The young
photos by Annica Eklund text by Francesca Benedetto Soufiane Zarib displays unexpected Berber rugs in his new
showroom. Galleries and artists. Built as an industrial district,
On lake sunden, the guesthouse of the Eklund sisters, Sidi Ghanem is home to elegant showrooms and galleries.
heirs of a legendary brand. Where the family Julien Deligne in his workshop Galerie ADN makes furniture
DNA is reflected in the values of the company, between their using smelted glass, marble powder and acid-etched metals.
love of nature and their passion for the cult of hospitality Closer to the centre, the David Bloch Gallery and the Galerie
127 offer solo exhibitions by international artists.
Bjrkudden. We are in Sweden, in the countryside surrounding Museums and gardens. Must-visits include the Maison de la
Lake sunden, on the edge of a forest of white-capped conifers. Photographie and the Jardin Majorelle, where the designer
The windows of the Lake House, as its owner has renamed it, Yves Saint Laurent had his old Moroccan residence and where
are lit up for the festive season. Annica and Marie Eklund, a museum in his memory, the mYSLm, will be erected nearby
the two sisters at the helm of the company Bolon have bought in autumn 2017. Hidden places. La Famille, a small organic
a villa and transformed it into the familys first guest house. restaurant inside a garden of palm trees, and Le 18, a delicious
The story of Bolon began more than sixty years ago in cultural centre with some rooms reserved for artists. It is worth
Stockholm, thanks to the intuition of Nil-Erik Eklund, who began having one of the local guides take you around the city, and it is
producing rugs woven using the scraps generated during textile nice to get lost in its alleyways.

199 ELLE DECOR


Nomination Day/Elle Deco the box which acts as a sauna and/or hammam can in fact
be made to measure for public and private spaces. The Italian
International Design Awards architect has not only worked on accessibility, gathering the
systems together in a box that can be inspected from the outside,
p. 111 but also on the sophisticated selection of materials: stoneware on
words by Paola Carimati the floor, tubular aluminium slats for the walls, Canadian hemlock
and Corian for the benches, marble for the shelving and copper-
Here are our nominations for the 13 categories competing for effect steel for the containers.
the prize from the network consisting of 25 editions around www.effegibi.it
the world. From designer of the year to talent of the future, BEDDING/ Item: Makura/ Designer: Piero Lissoni/
passing through all forms of design. The first phase of EDIDA, Producer: Porro
the Elle Deco International Design Awards, is underway Piero Lissoni reinvents sleep, relying on elegance. It is with this
curiosity that we have to observe the Makura bed: a slightly
DESIGNER OF THE YEAR suspended welcoming oasis. The Italian architect makes
Formafantasma/Millennial Got Talent. Simone Farresin the upholstered bed contemporary with a model whose structure
and Andrea Trimarchi, born in 1980 and 1983 respectively, is completely covered in fabric, leather and imitation leather.
are unique on the international design scene. The latest works Including the pillows. The final effect is that of a cosy, warm nest,
presented with the galleries Giustini/Stagetti in Rome and with a soft, sinuous shape, just inviting you to rest in it.
Peep-Hole in Milan are the protagonists of a journey which, from And it nourishes the love of detail.
experimenting in limited edition, is heading towards industrial www.porro.com
production. The Delta lights, furnishings and cabinets are FABRICS/ Item: Serpentino/ Producer: Dedar
examples: a collection that goes beyond the limits of the single Animal-print influences for this fabric reminiscent of snakeskin.
piece to become potentially reproducible in series. No wonder But dont be fooled by appearances, because beyond the glittery
then, that the projects presented in the site-specific exhibition diamond effect, we find all the innovation of a screen printing
Anno Tropico, staged last April, may also shortly find the right process using metallic pigments and the sophistication of
partner in the industrial world. Here, the designers investigated a 100-strand cotton sateen fabric (Tabularasa). The dialogue
the relationship between natural and artificial light using only between tradition and research has resulted in a collection with a
dichroic glass, optical lenses and parabolic mirrors to direct, pattern that is no longer geometric but figurative, that invests in the
reflect and project light beams with never-before-seen effects. touch: when stroked, Serpentino gives the feeling of a full softness.
The complexity of the exhibition design project undertaken for www.dedar.com
Lexus at the last Milan Design Week also confirms the qualities FLOOR COVERING/ Item: Bolon by You/ Designer: Doshi
of the designers with a solid, authoritative and recognisable Levien/ Producer: Bolon
language: able to cross through every aspect of the project. The Swedish company is not new to working with architects
www.formafantasma.com and designers of international renown. But with this collection
YOUNG DESIGN TALENT designed by the Anglo-Indian studio, it transforms the synthetic
Matteo Cibic/ His is a way of working that proceeds by diving coating produced industrially into a tailor-made product. And it does
into worlds far apart from each other: that of the more risqu so by believing in the intuition of Doshi Levien, who have come up
glamour of One backpacks for Obag, but also that of the with four colours for the warp and twelve for the weft, in order
contemporary eclecticism of the furniture collections for Bonotto to ensure versatility and customisation. The result is a collection
Editions (the Italian textile mill that produces textiles for clothing). with six variants featuring a decidedly architectural slant.
Always driven by curiosity for materials and craftsmanlike www.bolon.com
working techniques, be they traditional or more contemporary, FURNITURE/ Item: Brut/ Designer: Konstantin Grcic/
Cibic born in 1983 feeds on influences from different Producer: Magis
disciplines and cultures. His ductility moves between bone and To celebrate the fortieth anniversary of his company, Eugenio
resin inlays used for the series of furniture for Scarlet Splendour, Perazza, the Italian Archimedes of production processes,
the luxury Indian brand, and iridescent fabric films like the one puts his trust in the German designer. Brut is not just a collection
chosen to cover the Tim Towers in Rome. Projects conceived and of furniture made from cast iron, but a reflection on the expressive
designed in a funny manner, an entertaining, laid-back way of potential of a sturdy, primitive material. Traditionally used
doing design. A bit like what happens for the furnishings for by heavy industry, in the hands of Grcic, it becomes refined and
Secondome or Paola C.: fantastic creatures with the strangest sophisticated and enters the home: from a structural material
shapes that look like they have escaped from a 3D fantasy film. (used in the construction of bridges and tracks) it is transformed into
www.matteocibicstudio.com domestic dcor. The collection, consisting tables, coffee tables and
BATHROOM/ Item: BodyLove/ Designer: Rodolfo Dordoni benches, provides shape without compromise for an atmosphere
with Michele Angelini/ Producer: Effegibi that is solid yet sparkling at the same time.
The meaning of the project is reflected in the name: BodyLove is www.magisdesign.com
an enveloping place designed around the body. And so, to KITCHEN/ Item: Cucina Air/ Designer: Daniele Lago/
guarantee the utmost tailor-made wellbeing, Rodolfo Dordoni has Producer: Lago
come up with a modular system with a high engineering content: A design that brings food preparation back to the heart of

200 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

domestic relations and promotes a new idea of conviviality, WALL COVERING/ Item: Plumage/
strongly rooted in tradition. And theres more: with the simplicity Designer: Cristina Celestino/ Producer: Botteganove
of an intuition, Air goes beyond the model island A line of three-dimensional tiles inspired by the plumage of birds.
(and breakfast bar) kitchen, integrating the hobs into a table top. This is the starting point for the work of Cristina Celestino, a
The guests, gathered around the system, animate the design talented, young Italian designer: a journey into the world of
and develop empathy. traditional mosaic work in ceramics and porcelain. Although the
www.lago.it design is exquisitely artisanal, the individual modules designed
LIGHTING/ Item: Candela/ Designer: Francisco Gomez Paz/ to cover the walls can be produced in significant numbers
Producer: Astep and at the same time feature customised finishes. There are,
Candela is a hybrid object: a lamp that combines analogue and in fact, an infinite number of shades and combinations. The final
digital, tradition and technology. The type, reminiscent effect draws natural scenes vibrant with light.
of Scandinavian lamps, conceals an innovation that enables www.botteganove.it
wireless lighting and phone charging via USB. Everything
revolves around the Seebeck effect (a thermoelectric
reaction in which a difference in temperature generates Creative intuitions p. 124
electricity): the flame produced by the combustion of bioethanol, by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli
a natural liquid extracted from agricultural products rich
in sugar, gives off heat that can be used to power the LEDs. In the new house in Milan, in a district that is now
The 2/3 watts produced enable it to be self-sufficient. on-trend, Christian Pizzinini and Antonio Scolari enjoy
astep.design their passion for art and historic design
OUTDOOR/ Item: Cala/Designer: Doshi Levien/
Producer Kettal Fortune favours the bold... Brave hearts like Christian Pizzinini
As the designers themselves admit, Cala is inspired by the wicker and Antonio Scolari, the owners of an international scope
outdoor chairs that feature in Emmanuelle, an unforgettable French press office agency. Two contrasting personalities, sharing fast
film from the seventies. A piece that finds a perfect balance thinking and a predisposition for change. The most recent
between sensuality and tradition and also gives a nod to a colonial result of their talent is the apartment in Benedetto Marcello. In the
style. It is no coincidence that the large, comfortable backrest, tale they tell together of how and why they chose this home,
supported by a slim aluminium structure, is covered with you can hear their sense of pleasure for adventure: It all
interweaving rope that draws a sort of criss-cross window. A clue happened in a single day. Courage with a dash of recklessness is
that leads us to the genesis of the project: challenging visual part of our philosophy of life; we dont like standing still. Before
privacy to create a direct link between the environment and space. moving to Milan, Christian and Antonio used to live in a historic
www.kettal.com building in the centre of Brescia, surrounded by an almost
SEATING/Item: All Plastic Chair/ suffocating number of frescoes, which had become a limit to their
Designer: Jasper Morrison/ Producer: Vitra creativity. After three weeks, when we came back to Milan, we
Thanks to a clever use of plastic, Jasper Morrison transforms hardly recognised our impulse buy. What had struck us was
the archetypal wooden chair into a model to be produced before our very eyes: these light-filled interiors, the classic
industrially. He does so by choosing mass-dyed propylene. The parquet, the incredibly high ceilings with their plasterwork.
legs and support structure, while boasting a flattened line, are All we had to do was respect it. We painted the living area white
rigid and sturdy, while the seat and backrest (which unexpectedly and the bedroom and dining-room grey, mainly used in the
flexes in contact with the body) have a more organic shape evening. You can read our input in the link between furniture,
to ensure maximum comfort. The combination of almost invisible with rare and original pieces, testifying to Italian genius since
details creates a new type of seat, with a compact, graceful the fifties. Main players in naturally harmonious surroundings.
image. Yet another example of discreet innovation as only the
British designer knows how.
www.vitra.com Natural Lab p. 134
TABLEWARE/ Item: Urkiola/ Designer: Patricia Urquiola/ by Hanne Vind photos by Ida Schmidt/House of Pictures/Living Inside
Producer: Georg Jensen words by Solveig Fjord and Flavia Giorgi
Patricia Urquiolas first time with stainless steel. A masculine
material, as she likes to call it, which she has been able An ancient local construction technique transforms
to tame with her authorial style. How? By experimenting with materials from the forest and the sea into an unprecedented
different finishes, played on shades of gold and pink, building. And the cottage on a Danish island becomes
and patterns with a regular geometry. A challenge won a poetic example of sustainable housing
by the Italian/Spanish designer, who came up with the entire
collection starting from the unique nature of the cylindrical Suspended geographically between Denmark to which it belongs
cross-section. Jugs, bowls, vases, trays and candlesticks and the nearby Sweden, Ls Island seems like the perfect
are all different pieces, but equally attributable to a single place to act as a bridge between past and present.
hand. That of Urquiola. Its 20 kilometres in length can be travelled in the silence
www.georgjensen.com of a bike ride. In this land of wild landscapes, there is an ancient

201 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

Fournier and Olivier Marty, is very recent and has already lived
every second of its short life to the full. Located not far from
the village of Tagadert, between Marrakesh and the slopes of the
Great Atlas mountain range, Villa K owes a great deal of its
impervious charm to the environment that surrounds it. No object
can ever exist on its own, it must always be part of a story,
Fournier and Marty tell us. Nature provided them with the key for
the design. The hills of Tagadert became the grid on which they
created the building, as a long rectangular block sectioned into
parallel volumes. A concrete structure covered in clay in hues of
gold, which fits in perfectly with the architectural style of the nearby
village and with the large empty space that opens up beyond its
walls. The focal point is the living room, visually composed of
a single open space combining the terrace and square swimming
pool. The colours of the interiors reflect the mood of the desert:
walnut, Berber rugs made of fine wool, Ourika stone. The materials
used in the location are balanced with a mixture of designer
furniture by Sergio Rodriguez, Eames, Le Corbusier, and also
Tom Dixon for the lamps. Which, in the darkness of the night, light
up the magic of an enigmatic, silent architecture.

A home for the soul p. 152


by Laura Maggi photos by Kasia Gatkowska

A home for the soul p. 152


In the heart of Amsterdam, overlooking a canal, the hideaway
of an illuminated writer designed by Studio Bakker
art that is today being revived: along the route, the traditional
houses cannot go unnoticed, buried under enormous roofs of It has always been my safe port of call. A home to live in, which
seaweed. In the cottage among the pine trees in one corner of the is also a cosy, warm, peaceful haven. Right in the centre of the
island, the wild appearance of the materials belies a city, says its owner, Dutch writer Andre Plateel.
contemporary spirit. The wooden structure leaves room for an When it was purchased by Plateel, this early seventeenth-century
orderly sequence of glass doors, while the roof covered in woven building, was in a state of total abandon. Turning these 400
seaweed is interrupted by just three skylights. Behind the design, square metres into a home was an almost titanic undertaking:
won by competition by architects Vandkunsten and built by the A full-time job for four years, together with my father
company Realdaniabyg, is the desire to deepen the knowledge and brother, continues Andre. But renovation of the house also
of centuries-old construction techniques,to the benefit of served to rebuild our family, struck by a devastating death.
sustainable architecture. The interior design follows the same The interior design came later, out of an encounter with
wavelength. Splashes of grey, white and black define the sharp the interior designer Stef Bakker, who adds: The effect of the
lines of the Scandinavian design furniture; wicker and rushes the interiors was incredible, the walls and the materials spoke
softer lines of the 1950s conical armchair and the rocking chair. of the past. Such huge spaces called for a gentle but thorough
Two bedrooms close the ground floor layout, expanding their approach, some what brutal but non-invasive design.
scope for accommodation in the two twin mezzanines. From here Finally the clean lines of the newly designed pieces
guests can enjoy a privileged view of the space. by Studio Bakker together with a hand picked selection of vintage
pieces create the perfect dialogue with the original architecture
and turns what was once a big storage space into a real home.
Design in the desert p. 142 Now you glide from one level to the next, from the living area
photos by Kasia Gatkowska words by Eva Schuurmans with its built-in steel fireplace that looks onto the dining room and
with contribution from Flavia Giorgi open kitchen, through to the areas dedicated to work and
meditation and the bedrooms. Beams and load-bearing structures
Between Marrakesh and the slopes of the Atlas mountain have been exposed, the walls have clay plaster, the ceilings look
range, a villa perched on the edge of civilisation blends in like the overturned hull of a boat, furniture and furnishings feel
with the scenery. Where light, shadows and the colours like they have always been here. Wood is a constant presence,
of the location become architecture both for the old load-bearing structures and the original flooring,
and for the new additions. Real wisdom is knowing that
You would say it had been born in the desert, an entity that everything we need is to understand who we are, Andre ends
precedes memory. A timeless, square-shaped monolith. Instead, by saying. The house has existed and lived for more than four
the architecture, designed by the Parisian Studio KO of Karl centuries. I am only passing through.

202 ELLE DECOR