Sei sulla pagina 1di 205

Magazine

internazionale
di design e
tendenze
arredamento
e stili di vita
architettura
e arte

English text

VIVERE NELLA NATURA


A Ibiza, una villa affacciata sul
paesaggio. In Messico,
architettura open air
VERDE IN CITT Milano,
la casa-studio di Paola Navone
FRANCIACORTA IN TOUR
Dalla mega installazione
(conv. in L. 27/02/2004 n46)
Sped. in A.P. - D.L. 353/2003

di Christo sul lago dIseo


Mensile Poste Italiane S.p.A.

art.1, comma 1, DCB Milano

alle cantine pi prestigiose


Anno 27 n. 6 4,50

TENDENZA JAPAN
Interior design, arte, cinema,
Giugno 2016

moda: ispirazione zen

GREEN
HOUSE
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile
Livia Peraldo Matton
lperaldo@hearst.it

Caporedattori
Filippo Romeo (caporedattore centrale) fromeo@hearst.it
Flavia Giorgi fgiorgi@hearst.it
Bettina Rosso (caporedattore design e tendenze) erosso@hearst.it

Consulente alla direzione


Rosaria Zucconi (interni e travel) rzucconi@hearst.it

LEGGI
Direttore artistico
Valeria Settembre vsettembre@hearst.it

ELLE DECOR Redazione


Grazia Baccari gbaccari@hearst.it
Piera Belloni pbelloni@hearst.it

ITALIA SU Francesca Benedetto (interni, travel, people) fbenedetto@hearst.it


Tamara Bianchini tbianchini@hearst.it

_TABLET Murielle Bortolotto mbortolotto@hearst.it


Paola Carimati (design e tendenze) pcarimati@hearst.it

_SMARTPHONE Redazione grafica

_KINDLE FIRE
Mariapia Coppin (vice caporedattore) mcoppin@hearst.it
Elena Santangelo (caposervizio) esantangelo@hearst.it
Carlo DAmico (impaginazione) cdamico@hearst.it

Photoeditor
Vivetta Rozza vrozza@hearst.it

DISPONIBILE Segreteria
Elena Contardi (direzione, amministrazione) econtardi@hearst.it

SU Roberta Salvioni (redazione, produzione) rsalvioni@hearst.it


Emanuela Megliola emegliola@hearst.it

_APP STORE Collaboratori

_GOOGLE PLAY Porzia Bergamasco, Sebastiano Brandolini, Jerome Dion, Laura Maggi, Francesco Marchesi, Valentina Raggi,
Elisa Ossino Studio, TDR Translation Company, Doriana Torriero, Frank Visser

_AMAZON Fotografi

_APP-SHOP
Settimio Benedusi, Mirjam Bleeker, Federico Cedrone, Enrico Conti, Alessandra Ianniello/Living Inside,
Nathalie Krag, Andrew Meredith, Matthieu Salvaing, Ivan Serafino, Valentina Sommariva, Max Zambelli

Progetto grafico
Designwork

elledecor.it
LINK DIRETTO Alessandro Valenti (consulting editor)
Chiara Chioda cchioda@hearst.it
AI CONTENUTI EXTRA Benedetta Lamberti blamberti@hearst.it
Carlotta Marelli cmarelli@hearst.it
DI ELLEDECOR.IT Direzione, redazione e amministrazione
via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 02.6619.2774, fax 02.6619.3862
e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it rsalvioni@hearst.it
ANCHE IN VERSIONE Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton
Editore: 2012 Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano
FULL ENGLISH Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 530 del 16 luglio 1987
Pubblicato a Milano nel 1987

Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali


CHINA CROATIA DENMARK FRANCE GERMANY GREECE
HOLLAND INDIA INDONESIA ITALY JAPAN KOREA MEXICO
MIDDLE EAST PHILIPPINES POLAND RUSSIA SOUTH AFRICA
SPAIN SWEDEN TAIWAN THAILAND TURKEY UK USA

ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except February
& August) by HEARST MAGAZINES ITALIA Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio


SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli

ELLE DECOR un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia Spa
Tutti i diritti riservati HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 | Via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy

HEARST MAGAZINES ITALIA Spa pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Puzzle Collection, Gente Speciali, G
gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Sfilate, Elle Kids, Elle Luxe, Elle Spose,
Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it
HMC ITALIA Srl pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie C
Marie Claire Maison Guida Design, Marie Claire #Likes, marieclaire.it

CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICIT Hearst Magazines Italia Spa


Direzione Generale Pubblicit: Via R. Bracco 6 - 20159 Milano Tel. 02/6619.1 Fax 02/6619.2608

DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it


VICE DIRETTORE GENERALE, MARKETING, INIZIATIVE SPECIALI Roberta Battocchio, rbattocchio@hears
CHIEF DIGITAL OFFICER Biagio Stasi, bstasi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it
DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it
DIRETTORE VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it

COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Marta Pancin, mpancin@hearst.it

ITALIA DIREZIONE CENTRO NORD


TRIVENETO E MANTOVA. DIRETTORE COMMERCIALE: Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia Spa, Strada Battaglia 71/c
35020 Albignasego (PD) Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879. PIEMONTE, LIGURIA E VALLE DAOSTA, Adv SpazioErre Srl,
C.so Giovanni Lanza 105 - 10133 Torino - Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875. EMILIA ROMAGNA, TOSC
E UMBRIA. DIRETTORE COMMERCIALE: Sisto Casalini. Hearst Magazines Italia Spa, Via Goito 8 - 40126 Bologna
Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130.

ITALIA DIREZIONE CENTRO SUD


DIRETTORE COMMERCIALE: Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via della Camilluccia 535
00135 Roma -Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824. MARCHE-ABRUZZO-MOLISE, Alessandro Fiorelli,
Via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) - Tel. 335/6891463. CAMPANIA E CALABRIA, Valentina Paparo, Via Onofrio Fragnito 54
80131 Napoli - Tel. e Fax 081/5456386. PUGLIA-BASILICATA E SICILIA, G.S.P. SAS, Via Principe Amedeo 93
70122 Bari - Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401.

INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441

HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL


Duncan Edwards (President, CEO)
Simon Horne (Senior Vice President, CFO and General Manager)
Gautam Ranji (Senior Vice President/Director of Licensing and Business Development)
Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director)

HEARST MAGAZINES ITALIA SPA


Duncan Edwards (Presidente)
Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale)
David Franklin Carey - Simon Horne - Marcello Sorrentino (Amministratori)

TRADEMARK NOTICE
The Elle and Elle Decor are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse.

LAGARDRE ACTIVE
Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardre Active)
Constance Benqu (CEO ELLE France & International)
Franois Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses)
Sylvie De Chire (Brand Management of Elle Decoration)
Cristina Romero (SVP/International Director of Elle Decoration)
Mickal Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication)
Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration)
Flora Rgibier (Marketing Executive of Elle Decoration)
Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator)

INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDERE GLOBAL ADVERTISING


Claudio Piovesana (CEO, claudio.piovesana@lagardere-active.com)
Lagardre Global Advertising, 10 rue Thierry le Luron - 92300 Levallois-Perret - France

STAMPA E DISTRIBUZIONE
NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo
Per lItalia: m-Dis Distribuzione Media Spa, via Cazzaniga 19, 20132 Milano tel. 02.2582.1.
Per lestero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano - Tel. 02.43982263, fax 02.43976430.
E-mail: info@johnsons.it A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi.
Hearst Magazines Italia Spa
via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C.
ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb
ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 Kbenhavn C
ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer
Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550
ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret
ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich
ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062
ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri
ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011
ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160
ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul
ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df.
ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor,
99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon
ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam
ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa
ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162
ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid
ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001
ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm
ELLE DECORATION TAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110
ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491
ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul
ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP
ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019.

In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di propriet di France Canada Editions e Publications Inc.

INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER


Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret,
France. CANADA: Franoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.
com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.
leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com
GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna
GULATI - Mail: rachna.gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey
CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com
SCANDINAVIA: Karin SDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es
REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@
publicitas.com TAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com
TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr

ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa - Ufficio
Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 E-MAIL: abbonamenti@hearst.it
Fax 041.5099553 - Telefono dallItalia 199.11.55.44; dallestero 0039.041.5099049. Servizio attivo dal
luned al venerd dalle h. 09.00 alle h. 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso di 0,12
al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati alloperatore
utilizzato. Servizio effettuato da Koin Brescia srl, via Val DAvio 9, 25132 Brescia. Gestione operativa:
Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1, 20090 Segrate (Mi). Labbonamento
partir dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere lavviso di scadenza. Le copie in
abbonamento vengono consegnate direttamente agli uffici postali decentrati.

ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria Edicola di fiducia, che pu richiederli attraverso
Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. Il prezzo degli arretrati pari al doppio
del prezzo di copertina. La disponibilit di copie arretrate limitata allultimo anno, salvo numeri esauriti.
Non possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget.

Informativa privacy. Hearst Magazines Italia Spa, quale titolare del trattamento, ai sensi dellart. 13, D.Lgs.
196/2003, garantisce il trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa sulla privacy. I dati dellinteressato
sono trattati, manualmente ed elettronicamente, da Hearst Magazines Italia Spa. Il trattamento dei dati finalizzato
allinvio delle riviste richieste in abbonamento e alle operazioni connesse. Hearst Magazines Italia Spa, solo previo
consenso dellinteressato, utilizzer i dati per finalit di marketing, attivit promozionali, offerte commerciali, analisi
statistiche e ricerche di mercato. Alle medesime condizioni i dati potranno essere comunicati ad aziende terze - ivi
comprese le societ in rapporto di controllo e collegamento con Hearst Magazines Italia Spa ai sensi dellart. 2359 c.c.
per loro autonomi utilizzi aventi le medesime finalit. Ai sensi dellart. 7, D.Lgs. 196/2003, linteressato ha il diritto
consultare i dati ovvero domandarne laggiornamento, la rettifica o la cancellazione. Non invece esercitabile il diritto
di conoscere lorigine dei dati personali trattati, ai sensi dellart. 138, D. Lgs. 196/2003.
Responsabile del trattamento Press Di Distribuzione Stampa e Multimedia srl, via Mondadori 1 - 20090 Segrate (Mi).

FEDERAZIONE ITALIANA ACCERTAMENTI


EDITORI GIORNALI DIFFUSIONE STAMPA
CERTIFICATO 7513
ISSN 1120-4400 DEL 10/12/2012
n. 62016

34

152
122
ATTUALIT+CULTURA 79 Book DESIGN+ARCHITETTURA 175 Inside Design
Giulio Cappellini racconta Food, wellness, progetti,
30 Elledecor.it in un libro il suo progetto 61 Studio Visit materiali Tutte le novit.
Gli extra del mese, dazienda, eclettico e coerente Il laboratorio di Emilia Serra E le ultime tendenze
da approfondire online 91 Anniversario e Andrea Mancuso, Analogia in tema di illuminazione
33 Password I 60 anni di Rimadesio Project, a due passi dalla
Ovest chiama Est: la tendenza tra innovazione, ricerca Darsena di Milano STILE+DECOR
guardare verso Oriente e coscienza eco 67 Architettura
conservando la nostra identit 97 Eventi Quattro nuovi musei nel mondo, 47 Decorscouting
34 Destinazione Japan A Mantova, Capitale della firmati Herzog & de Meuron, Curiosit, address, mobili,
Dal design alla moda, Cultura 2016: festival, OMA e MVRDV oggetti: tutto da scoprire
dallarchitettura al cinema, esposizioni darte e installazioni 73 Green 85 Tendenze
ispirazioni dal Sol Levante 193 n.b. Marco Bay, landscape architect arrivata lora di pedalare:
Gli appuntamenti del mese gentiluomo, racconta 10 must per muoversi
nel mondo la relazione tra vegetazione allaria aperta
e architettura

27 ELLE DECOR
Giugno

61
108
134
Cover
FOOD+TRAVEL INTERNI 152 In Messico
Il rifugio di due creativi francesi,
103 Address 122 A Milano unarchitettura che guarda
A Milano, la Locanda Pandenus: La residenza-studio di Paola agli Aztechi e a Le Corbusier
due stanze di fascino nel Navone, un hangar 164 A Ibiza
cuore della movida cittadina di vacanza in citt, dove la Atmosfera anni 60 in una villa
108 Itinerario creativit supera ogni confine dai temi mediterranei che cita
In Franciacorta, dalla nuova 134 Roma lItalia e il design di Gio Ponti
installazione di Christo sul lago Un appartamento degli anni 30,
dIseo alle cantine pi rinomate riletto in chiave contemporanea 192 Gli indirizzi
da MORQ Architecture 195 English text
144 Japan Today
Linearit di progetto,
leggerezza e texture naturali Servizio a pag. 134.
Di Rosaria Zucconi
per arredi che evocano foto di Max Zambelli
lOriente testo di Doriana Torriero

28 ELLE DECOR
elledecor.it
Elle Decor Italia anche sul web con news, video, photo
gallery, case, architettura, design, interior decoration.
In pi: reportage in tempo reale e speciali dalle principali
capitali del mondo

Extra su elledecor.it Speciale Venezia People Kitchen&Bathroom


Unapposita grafica Su elledecor.it, il reportage Elena Salmistraro racconta Stile, design e nuove tecnologie
segnala i contenuti speciali. dalla 15. Mostra Internazionale la sua prima collezione di in una rassegna dedicata
Segui il simbolo + di Architettura della Biennale. wallpaper per Texturae a tutte le ultime tendenze per
alla fine degli articoli. Focus sullesposizione (pag. 48). Giulio Cappellini il bagno e la cucina.
Per trovarli basta aprire Reporting from the Front presenta il suo libro Un viaggio a 360nel mondo del
la home page e del curatore Alejandro Aravena, sul design in un originale volume cooking e del benessere
cliccare sulla voce magazine ai Giardini di Castello e total red (p. 79). Il futuro attraverso interviste a chef
allArsenale. E approfondimenti dellazienda di famiglia e designer, progetti di interior,
sulle partecipazioni nazionali nellintervista al giovanissimo e collezioni viste allultimo
e sugli eventi collaterali. Pasquale Natuzzi jr. (p. 48). Salone del Mobile di Milano.

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire.
Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

30 ELLE DECOR
PASSWORD

06.16 [Ovest chiama Est]

Guardare verso Oriente conservando la nostra identit. Un Elle Decor con una
doppia anima che presenta le eccellenze del made in Italy, dal design allarte
dellospitalit, viaggiando nel cuore della Franciacorta, tra i paesaggi impacchettati
da Christo sul lago dIseo e le cantine pi prestigiose. Ma anche scoprendo lalchimia
tra spazio, materia e colore negli interni firmati Paola Navone che apre le porte,
in esclusiva, del suo hangar-rifugio milanese. Un numero che parte dallItalia ma
che punta verso il Giappone, rivelando la tendenza del momento a catturare dal Sol
Levante ispirazioni di design, ma anche riferimenti culturali, linguaggi formali e spirito
zen reinterpretati dal mondo della moda, del cinema, dellarte contemporanea
occidentali. Sempre nel desiderio di ricerca e sperimentazione, per esprimere la forza
del mix fra culture non pi cos lontane. Un tema evidente anche allultimo Salone
del Mobile dove non sono mancate le collaborazioni Est-Ovest fra designer, architetti
e brand internazionali. E dove abbiamo potuto esplorare le ultime novit sui temi
del bagno e della cucina raccolte nelle 100 pagine, formato XL, del Blow Up allegato
al numero. Uno speciale da collezione con i progetti pi interessanti, le soluzioni
da seguire, gli chef emergenti, le Spa da non perdere. Unoccasione unica per scoprire
come si stanno evolvendo gli spazi della casa dedicati al food e al benessere.
Per un viaggio a 360 gradi nelluniverso kitchen & bathroom.
33 ELLE DECOR
DESTINAZIONE JAPAN

Verso Oriente
La creativit dOccidente volge lo sguardo
al Sol Levante per ispirazioni, omaggi e collaborazioni.
Dal design alla moda, allarchitettura. La tendenza zen
di Valentina Raggi e Filippo Romeo
Foto Pascal Le Segretain/Getty Images

34 ELLE DECOR
Un momento della sfilata Chanel Haute Couture P/E 2016 al Grand Palais di Parigi.
DESTINAZIONE JAPAN

Conversazioni darchitettura La tradizione europea riscopre il fascino


della semplicit orientale e si apre al dialogo tra uomo e natura

Chanel Un padiglione
ligneo che richiama le architetture
nipponiche, con stagni di ninfee e
passerelle in doghe. Per la sfilata
Haute Couture P/E 2016 al Grand
Palais di Parigi Chanel crea una
scenografia zen. www.chanel.com

Fuggiamo lontano, questo il desiderio che muove le ultime in carta Mino Washi, materiale addirittura considerato
espressioni creative. Design e fotografia, moda e arte Patrimonio Unesco. Anche nellarte i riferimenti al Giappone
contemporanea, cinema e architettura si dirigono verso una sono frequenti, soprattutto per mano di autori europei o
stessa meta: il Giappone. Il fascino di una cultura millenaria americani. Veilleur dellartista francese Jos Lvy un samurai-
che racchiude lessenzialit zen delle forme e il decorativismo lanterna alto 7 metri, realizzato in carta di riso. Appena visto
spinto allestremo delle figure viene reinterpretato dal mondo allesterno del Muse de la Chasse et de la Nature di Parigi in
occidentale in versione super contemporanea. Risposta collaborazione con Villa Kujoyama, residenza per artisti a Kyoto,
attualissima ai desideri di un mondo che riscopre il valore viagger il mondo nelle prossime esposizioni. Salendo
delle tradizioni, porge unattenzione forte alla qualit di dimensioni, in architettura un vero gioiello la piscina dei
dei materiali, e cerca di ricomporre il binomio uomo-natura per londinesi Duggan Morris Architects per il college femminile
ritrovare un po di pace. Il Sol Levante coniuga un eterogeneo Alfriston School nella vicina Beaconsfield: un edificio in cemento
ventaglio di suggestioni, che d il via a infinite ispirazioni. con un tetto in pannelli di legno fonoassorbente che, per forme
LOriente fa girare la testa allOccidente, che punta lo sguardo geometriche e relazione con il giardino esterno, fa molta eco
a Est per carpire spunti creativi o chiedere lintervento di autori ai templi buddhisti e agli origami. Ma anche il Grand Palais di
asiatici per collaborazioni deccezione. Nasce un florilegio Parigi stato trasformato in architettura zen: potere della maison
di rivisitazioni di kimono, ikebana, feng shui, ceramiche Chanel che per la sfilata Primavera/Estate di questanno
e samurai Per una vera Japan passion. Partiamo dal design, ha costruito un padiglione a tre piani di evidente ispirazione jap,
perch nomi del calibro di Ron Arad possono essere tra tra stagni di ninfee e micro giardini esotici, sotto un finto
gli interpreti di questa tendenza. La star israeliana veste gli inediti e contemplativo cielo. La moda parte degli eventi del nostro
panni del jewel designer creando per la Louisa Guinness Gallery tempo stato il commento di Karl Lagerfeld. Come dire:
di Londra tre collezioni di preziosi le cui cromie, materiali e forme abbiamo bisogno di smettere di fare chiasso, meditare,
molto rimandano allarte vetraria giapponese e al segno di allontanarci dal caos. Anche Dolce&Gabbana si allontanano
un altro maestro, di origini nipponiche, Isamu Noguchi. Accade dallimmaginario del Sud Italia, per cedere al fascino di kimono e
anche che un marchio occidentale chiami un progettista stampe floreali nella collezione Primavera/Estate 2016. Restando
con gli occhi a mandorla per dare quel tocco esotico al catalogo, nel glamour, ma andando al cinema, il grande schermo amplifica
come Gebrder Thonet Vienna GmbH (GTV) con Majordomo la nostra voglia di Far East. Dal recente La foresta dei sogni di
di Nathan Yong, un servomuto europeo settecentesco Gus Van Sant con un Matthew McConaughey vedovo
rivisitato dal designer singaporiano con forme essenziali ma inconsolabile che fugge ai piedi del monte Fuji in cerca di
multifunzionali. Omaggio tanto didascalico quanto innovativo spiritualit, a Ghost in the Shell di Rupert Sanders (in uscita
Foto Olivier Saillant

quello degli svizzeri Atelier O che, alla Design Week di nel 2017), remake hollywoodiano di un manga cult con Scarlett
Milano e poi a Venezia in occasione dellopening dellultima Johansson nei panni della protagonista Motoko Kusanagi.
Biennale Architettura, hanno esposto la suggestiva installazione La scelta a sorpresa di unattrice occidentale per portare tra noi
aerea Honminoshi Garden, una nuvola di foglie realizzate lo spirito dellOriente.

36 ELLE DECOR
DESTINAZIONE JAPAN

Larte della leggerezza Un esotismo raffinato pervade lestro dei


creativi, che si ispirano a ikebana e samurai. Nel segno sottile della carta

Foto Arnaud Rodriguez - Dettaglio di Memorandum of Understanding between the Royal Government of Cambodia and the Government of Australia Relating to the Settlement of Refugees in Cambodia.
[1] [2]

Ministry of Interior, Phnom Penh, Cambodia, September 26, 2014, Paperwork and the Will of Capital, 2015, Taryn Simon. Courtesy Gagosian Gallery
1. Atelier O Il team
di progettisti svizzero rilancia una
carta lavorata a mano da 1300
anni nella regione giapponese di
Gifu con linstallazione Honminoshi
Garden, presentata alla design
week di Milano e al vernissage
della Biennale Architettura
di Venezia presso My Art Guides:
Venice Meeting Point. www.
atelier-oi.ch 2. Jos Lvy Si
chiama Veilleur la lanterna
in carta giapponese a forma
di samurai, alta 7 metri, ideata
dallartista francese per
la riapertura di Villa Kujoyama
a Kyoto ed esposta allesterno
del Muse de la Chasse et de la
Nature di Parigi. www.joselevy.fr
3. Taryn Simon La Gagosian
Gallery di Roma ospita Paperwork
[4] and the Will of Capital, prima
mostra in Italia dellartista Usa che
crea foto e composizioni floreali
ikebana style. Fino al 24/6. www.
gagosian.com 4. Gebrder
Thonet Vienna GmbH (GTV)
Il brand austriaco chiama da
Singapore Nathan Yong a ideare
Majordomo, rivisitazione jap del
servomuto, ma con sedile in paglia
di Vienna, iconico della casa.
www.gebruederthonetvienna.com

[3]

38 ELLE DECOR
DESTINAZIONE JAPAN

Poesia contemporanea Di fiore in fiore, moda e design volano


tra orizzonti culturali lontani, per nuove contaminazioni di stile
[1]

[2]

[3]

[5]

1. Ron Arad Per una nota


galleria di Londra la star israeliana
ha creato una collezione di gioielli
[4] che richiama larte vetraria made
in Japan. www.louisaguinness
gallery.com 2. Nozomi Sushi Bar
Cemento e legno naturale per
questo ristorante a Valencia, degli
spagnoli Masquespacio. Con
un soffitto che replica la fioritura

Foto Courtesy Louisa Guinness Gallery 2016 - Cualiti Photo Studio - Timo Junttila - Getty Images
dei ciliegi, versione origami.
www.nozomisushibar.es
3. Lexus Poetico e hi-tech,
lorologio da parete Trace di
Studio Ayaskan, Lexus Design
Award 2016, che sfrutta i raggi UV
e scolora permettendo di
visualizzare lo scorrere del tempo.
www.lexus.it 4. Iittala X Issey
Miyake Lazienda di tableware
finlandese incontra lo stilista artista
giapponese per dar luce a una
collezione di ceramiche, vetri
e tessili dispirazione zen. www.
iittala.com 5. Dolce&Gabbana
Per il prt--porter P/E 2016 la
Maison si tuffa nellimmaginario
iconografico del Sol Levante con
la ripresa di kimono e set pigiama
floreali, che mescolano Occidente
e Oriente. www.dolcegabbana.it

40 ELLE DECOR
DESTINAZIONE JAPAN

Moooi Perch Light la nuova


serie di lampade del giovane
Andrew Meredith

designer anglo-turco Umut Yamac.


Ispirandosi agli origami forgia
uccellini in carta sintetica
appollaiati su una barra in ottone.
www.moooi.com

42 ELLE DECOR
DESTINAZIONE JAPAN

Nel mondo dei manga Primavera giapponese anche a Hollywood.


Dove fioriscono film dambientazione e storie tratte da fumetti cult

[1] [2]

1 e 2. Duggan Morris
Architects Lo studio darchitettura
londinese realizza la suggestiva
piscina per il college femminile
Alfriston School a Beaconsfield.
Una struttura in cemento sormontata
da un tetto a pannelli in legno
che richiama le forme
dei templi buddhisti e la carta usata
per realizzare gli origami. www.

Foto Jack Hobhouse (2) - Jasin Boland MMXVI Paramount Pictures and Storyteller Distribution Co. All Rights Reserved
dugganmorrisarchitects.com
3. Heman Chong Esposta nella
personale dellartista di Singapore
al Rockbund Art Museum di
Shanghai, The Mysterious Island
uninstallazione che celebra
lincontro fra Oriente e Occidente
con fiori di pesco in plastica
acquistati online. Spiritualit pop.
www.rockbundartmuseum.org
4. Ghost in the Shell
Rupert Sanders firma il remake
cinematografico del manga
[3] nipponico cult (ma anche
videogame e romanzo). Ancora in
realizzazione, il film fa discutere per
la scelta della protagonista, Scarlett
Johansson. Motivo: troppo white
per vestire i panni di Motoko
Kusanagi. La pellicola uscir nel
2017. www.paramount.com

[4]

44 ELLE DECOR
In giro per il mondo: uninstallazione creativa,
ispirazioni esotiche, nuova decorazione e comfort ludico
a cura di Bettina Rosso e Murielle Bortolotto

Soluzioni creative da spiaggia:


progettati da Cleste Boursier
Mougenot per il brand francese
Smarin, Les Marches sono moduli
trapezoidali da disporre liberamente
per creare, outdoor e indoor,
composizioni architettoniche a piacere
in luoghi pubblici o privati (nella foto
uninstallazione sulla spiaggia
di Cannes). Sembrano manufatti
in cemento, in realt sono in schiuma
poliuretanica leggerissima...
e galleggiano. www.smarin.net

47 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Masami wallpaper disegnata da


Vito Nesta per il neonato brand italiano
Texturae, perfetta sintesi di contemporaneo
e classico. Da una fitta vegetazione
di foglie macro, riprese dalla tradizione jap,
si affacciano eleganti figure di donne
giapponesi. Cm 423x300h, oppure su misura.
www.texturae.it +elledecor.it

Il Tucano
firmato da Giacomo
Moor fa parte dello
zoo di legno formato
da12 animali pensati
da altrettanti designer
per Woodyzoody,
unidea di Giulio
Iacchetti. www.
Convivialit outdoor
woodyzoody.com
con il divano Ultrasofa del francese
+elledecor.it
Frdric Sofia per Fermob. Formato XL,
linea scultorea e massimo comfort.
Per sdraiarsi o sedersi comodamente
in due o un pochino pi stretti, fino
a cinque persone. www.fermob.com

Color arcobaleno
il Labirinto di Mario Bellini
per Natuzzi. Un tavolino
Lea Anouchinsky

in vetro super sottile come un


moderno cubo di Rubik, anche
rettangolare. www.natuzzi.com
+elledecor.it

48 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Geometrie di colore Per oggetti sospesi


tra design e arte, tonalit pastello illuminate
da tocchi doro e colori decisi. Direzione: estate

Da sinistra, sorride Il Sole di Alexander Girard edito da Vitra, in metallo dorato


e diam. cm 60, 1.174, www.vitra.com +elledecor.it A lato, il paravento Koi della Maison Loewe
rivisita motivi Jap con intarsi in nappa su unesile struttura laccata nera, www.loewe.com. Tra classico
e contemporaneo, L Stool in ottone, con schienale e seduta in velluto dipinto a mano; firmato
a quattro mani da Giorgia Zanellato e Coralla Maiuri per la galleria romana Secondome, 3.100,
www.secondome.biz. Geometria irregolare per il tavolo Esa di DimoreStudio in vetro, con profilo in
ottone argentato, www.dimoregallery.com. Mondrian color per la lampada VV Cinquanta dellarchitetto
italiano Vittoriano Vigan e oggi rieditata da Astep, 851, www.astep.design. Sotto, grafica
astratta per il tappeto Visioni B di Patricia Urquiola per Cc-tapis, annodato a mano, www.cc-tapis.com

50 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Firenze mon amour.


Toglie il fiato la veduta della
cupola di Michelangelo
nella cappella Medicea alla
Sagrestia Nuova. Ma questa
volta, con modalit inedita,
per vedere in su si guarda
in gi, larte sotto i piedi!
Sebastiano Tosi e Lapo Ciatti
per omaggiare larchitettura
fiorentina hanno creato
sei tappeti in velluto tufting
stampato, che ripropongono
altrettanti capolavori.
www.opinionciatti.com

52 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

La decorazione
one si scopre
tridimensionale e Vitality Lilac,
la cornice in argento to battuto
a mano dalla linea ispirata
allovale, propone un ricercato
effetto pliss smaltato
ato a fuoco
in lilla e turchese. Firmata da
Karim Rashid e rifinita
nita su tutti
i lati come ogni proposta
oposta
della collezione di Laura G.
In edizione firmata e numerata
di nove pezzi. www.laurag.eu
w.laurag.eu
Suggestioni musicali.
DimoreStudio trasforma
una tromba in una sorprendente
luce da terra, Sound 1,
per Cappellini, unasta in nero
opaco e base ossidata. Dalla
campana non esce musica per
le nostre orecchie ma luce per
i nostri occhi. www.cappellini.it

Non solo un paravento. Set, di Giuseppe Casarosa per Ceccotti


Collezioni, un progetto multifunzionale. Da usare per dividere gli ambienti
o per attrezzare le pareti con specchi, ganci, mensole ecc. Da rivestire
in tessuto o wallpaper a piacere! www.ceccotticollezioni.it +elledecor.it

54 ELLE DECOR
DECORSCOUTING

Orgoglio italiano. Piero Lissoni vince il concorso per


il nuovo
nuov acquario e planetario di New York. Unarchitettura
circolare dalle ampie scalinate che conducono verso
lEast River. Al centro, 8 sfere descrivono il mondo marino
per un viaggio nel blu. www.lissoniassociati.com +elledecor.it

Dondolando
verso lestate con Cleo,
Thanks a Bunch laltalena lounge
(ovvero grazie mille) dove di Marco Acerbis
bunch sta per casco per Talenti, con cuscini
di banane: un tappeto sfoderabili e struttura
presentato dal duo in teak. Da posizionare
di Anversa Studio Job per bucolicamente su
Nodus, circolare con un ramo o in balcone,
diametro cm 220 e frange con piglio cittadino.
intorno, annodato Cm 90x80x73h.
a mano. www.nodusrug.it www.talentisrl.com

Schienale star, alto e avvolgente, dalla intrigante


lavorazione a intreccio, per lultima creazione della coppia
anglo indiana Doshi Levien: Cala. Corda su struttura
in metallo, base piena o gambe in legno.www.kettal.com

56 ELLE DECOR
STUDIO VISIT

Analogia Project
Analo
A pochi passi dalla Darsena
Dar di Milano,
il laboratorio di Emilia Serra
Serr e Andrea Mancuso:
un luogo sospeso tra passato
passa e presente. Pochi metri
quadrati dove la storia dellarchitettura
dell diventa design
di Paola Carimati - fot
foto Nathalie Krag

I progettisti ritratti nel loro studio.


Coppia nel lavoro ma non nella
vita dal 2012, vivono e lavorano
nel capoluogo lombardo.
Protagonista in vetrina, la sedia
realizzata per la mostra Monotype.

61 ELLE DECOR
Ragnatele di nylon,
reperti archeologici
di epoca romanica
e creature mitologiche
che emergono dalla
materia: un mix colto
e sorprendente

In alto da sinistra, uno scorcio dello studio


con vasi e ceramiche Greeky di Driade,
e a parete, il vaso lilla della serie Booming
con la miniatura della luce Blossom per
Nilufar. Accanto, la lampada in miniatura
di Wool Installation. Sotto da sinistra,
sul tavolo, tazzine Luminarie per Driade;
in vetrina, specchio e console Bestiary
per Camp Design Gallery. Pagina accanto,
in un altro scorcio dello studio,
protagonista del moodboard a parete
il tappeto tessuto a mano da Mariantonia Urru.

62 ELLE DECOR
STUDIO VISIT

63 ELLE DECOR
STUDIO VISIT

Il nostro modo di
progettare nasce dalla
sintesi degli opposti:
passato e presente,
craft e hi-tech. Nulla
di ci che facciamo
sarebbe possibile
senza laiuto di grandi
artigiani italiani

Emilia Serra e Andrea Mancuso ritratti nel laboratorio del loro studio. Indossano il camice da lavoro
proprio per sottolineare laspetto artigianale del loro modo di fare: con le mani.

A Milano, in via Mario Fusetti 7, tra la Darsena e il a Dubai per quelle di Bulgari e a Parigi per Le Bon March,
Centro Balneare Argelati, una vetrina affacciata su strada continuano. C sempre qualcosa di incompiuto, di inespresso nel
nasconde un piccolo laboratorio. lo studio di Analogia Project, loro modo di procedere. Come se il caso fosse chiamato a fare
al secolo Emilia Serra e Andrea Mancuso. Entrambi laureati la sua parte. La forma dei vasi Booming, per esempio, non
alla Sapienza di Roma, in Consolidamento degli edifici storici lei studiata a tavolino, disegnata. Al contrario casuale, imprevedibile,
e in Design lui, si incontrano a Londra, al Royal College of Art. perch determinata dallesplosione della polvere da sparo
Era il 2008. Pochi anni dopo, complici affinit elettive e uguali inserita nella ceramica. Certo che lavori cos sofisticati riescono
visioni di progetto, decidono di iniziare a collaborare. Coppia sul solo se ci si avvale di artigiani di tutto rispetto. Come Alessio
lavoro, ma non nella vita, condividono la passione per Jean-Luc Sarri, ceramista prediletto di Ettore Sottsass, puntualizza lei.
Godard, il rock e MasterChef. Lavorano sulla contaminazione Anche Where the rain stops e Pantheon Pantheoff, commissionati
tra discipline diverse come arte, cinema, grafica e architettura da Camp Design Gallery, sono frutto di una liaison fortunata,
e seguono un percorso di ricerca che accoglie e rielabora gli quella con i decoratori milanesi Fabscarte e con Nove Ceramiche
opposti. Nel loro atelier la tecnologia abbraccia lartigianato per Rigoni. Si tratta di un paravento in legno e ottone rivestito in
rendere contemporanei reperti archeologici: qui, busti, capitelli, carta dipinta a mano e di una lampada in ceramica placcata oro
cupole diventano luci e mobili, prodotti sia in edizione limitata che si ispirano alla maestosit della cupola del Pantheon. Tutto
da gallerie come Nilufar e Camp Design sia industrialmente ruota attorno alla geometria deformata della copertura proiettata
da aziende come Driade e Fratelli Boffi. Tutto iniziato per sul pannello. Questo procedere per astrazioni chirurgiche di
gioco nel 2011, racconta Emilia, quando larchitetto inglese elementi del passato la chiave di lettura del lavoro di Analogia
Will Alsop ci invita a partecipare alla mostra A Few Friends. Project: ci che definiscono knowledge architettonico,
Ecco che i due si inventano Wool Installation, una ragnatela che consente loro di muoversi con agilit nel mondo del classico
invisibile di fili di nylon realizzata su disegno 3D sulla quale per contaminare quello del design. Esplorazioni colte, alte
galleggiano tavoli, sedie, lampade in filato di lana nera. Non- e sofisticate che non lasciano spazio allapprossimazione.
oggetti che per diventano reali, nella mente. Tratti neri, sottili Ogni indizio valido per intraprendere un viaggio o conoscere
e definiti, bozze formali che il pensiero trasforma in sagome una storia: quella di Achille e Aiace che giocano a dadi sulle
compiute. Sono analogie di oggetti. Da qui il nome dello studio, ceramiche Greeky per Driade. Ma anche quella dei Bestiary,
sottolinea Andrea. Linstallazione fa il giro del mondo e da creature mitologiche di epoca romanica che emergono
giovani sconosciuti diventano protagonisti della scena del design. dalla materia come tatuaggi tridimensionali. Ogni volta una sfida,
Dopo averla portata a Ventura Lambrate, lanno successivo, in un lavoro di cucitura che non pu prescindere da una solida
occasione della Milano Design Week, diventata un format che conoscenza. Insomma: mai pi senza dizionario.
abbiamo replicato in Giappone per allestire le vetrine di Herms, www.analogiaproject.com

64 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Musei in mostra
Dallampliamento della Tate Modern a Londra allo Schaudepot
di Weil am Rhein, spingendoci in Danimarca e Canada. Quattro progetti
di fresca iinaugurazione targati Herzog & de Meuron, OMA e MVRDV
di Sebastiano Brandolini foto Andrew Meredith ha collaborato Piera Belloni

Londra, Switch House


Mattoni a vista e forme decostruttive
de
per il nuovo ampliamento
ampliament della
Tate Modern firmato da Herzog &
de Meuron. A partire dallopening
da
del 17 giugno sono previste
prev
tre settimane di live art ed
e eventi.
www.tate.org.uk

67 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Le nuove forme
darte e le grandi
collezioni di design
richiedono nuovi
spazi espositivi.
Architetture dimpatto
che dialogano
con il paesaggio
e trasformano
il landmark della citt
contemporanea

Qubec, MNBAQ Q
Il Muse National des Beaux-Arts
Bea
du Qubec in Canada, disegnato
dise
dallo studio olandese OMA,
OMA
un contenitore giocato
sulle trasparenze. Linvolucro
Linvoluc
traslucido enfatizza la relazione
relaz
fra spazi espositivi e paesaggio.
paesa
www.mnbaq.org

Weil am Rhein, Vitra


Schaudepot
epot Inaugurato il 3
giugno e firmato ancora Herzog &
de Meuron,on, il nuovo edificio
allinterno
o del Campus ospita
la Vitra Design Museum Collection
e mostre temporanee. La facciata
in mattoni
oni tagliati a spacco.
www.design-museum.de
sign-museum.de

Foto Iwan Baan - Julien Lanoo Vitra Design Museum

68 ELLE DECOR
ARCHITETTURA

Roskilde, Ragnarock
Museum m Disegnato dagli
olandesii MVRDV con una facciata
bugnataa rivestita in oro zecchino,
il Museo
o del Rock della citt danese
proponee in versione psichedelica
e aggettante
tante la facciata di Palazzo
dei Diamanti
manti a Ferrara.
www.museumragnarock.dk
useumragnarock.dk

Volumi spericolati, dimensioni oversize, superfici


crude o brillanti. I templi della cultura, firmati da archistar,
vanno oltre il contenuto e sfoggiano il loro abito migliore

I musei, cosa sono oggi? Caveau di oggetti e idee? E Frances Morris, direttrice della Tate Modern in quanto edificio:
Macchine commerciali? Volani di rigenerazione urbana? Scatole I nuovi spazi ci danno la possibilit di raccontare la storia
di architettura travestite da monumenti? Luoghi di relax? dellarte moderna in modo innovativo e coinvolgente. Sempre
Ne vengono costruiti talmente tanti, ovunque e su qualsiasi firmato Herzog & de Meuron e inaugurato il 3 giugno, lo
argomento. Se poi indossano la firma di un celebrato studio di Schaudepot (Deposito-esposizione) nel Campus Vitra a Weil
progettazione il loro successo commerciale, mediatico e culturale am Rhein, nei pressi di Basilea, fa il verso alla Switch House:
diventa una quasi certezza. Adesso, in giugno, diversi musei ma al posto della complessit ecco la semplicit, al posto di una
inaugurano i propri ampliamenti, dimostrando che le nuove forme torre-icona uno schematico capannone rosso mattone fuori e
darte richiedono nuovi spazi. Partiamo da Londra: lestensione algido bianco assoluto dentro. Ospita la collezione permanente
della Tate Modern per mano degli svizzeri Herzog & de Meuron di Vitra, con oltre 7.000 oggetti di design provenienti da acquisti
una torre un po decostruttivista, fatta di mattoni, elegantemente e donazioni e accoglie anche uno spazio per mostre temporanee,
incollata al retro del grande parallelepipedo (sempre di mattoni) con la prima dedicata al Radical Design degli anni 60 (fino
trasformato dagli stessi in museo nel 2000. La sua forma al 17/11). Se a Londra gli architetti svizzeri hanno partorito
sta a met strada tra lessere molto razionale e lessere molto una forma espressionista, a Basilea hanno preferito riverire
irrazionale. quella di una piramide, taglia corto Jacques il vernacolare. Vale la pena citare altri musei freschi dinaugurazione.
Herzog. Ledificio porta il nome di Switch House, alto 65 metri A Quebec City, in Canada, Rem Koolhaas/OMA ha costruito
e viene inaugurato il 17 giugno, appena una settimana prima il Muse National des Beaux-Arts du Qubec, circa 12.000 mq
del Referendum Brexit. Sebbene contenga tre piani di gallerie dedicati allarte regionale (opening il 24/6). Negli ultimi
espositive, in realt ospita principalmente spazi collaterali, trentanni, Koolhaas ci ha insistentemente spiegato che le citt
per esempio uffici, ristoranti e sale per special event; si spiega son fatte di contrasti e paradossi, e che alla fine tutto finisce nel
cos perch il suo aspetto non sia quello tipico di un museo. calderone della spazzatura, che chiama junk-space; nonostante
Hanno anche collaborato Jasper Morrison per gli interni e, per ci vorrebbe che il suo museo canadese fungesse da polo civico,
gli spazi esterni, il prestigioso studio zurighese Vogt. Con i suoi da simbolo di valori durevoli. Lo studio MVRDV (olandese come
attuali 5 milioni di visitatori lanno (destinati a crescere), OMA) spreme labbecedario della modernit fino al limite.
la Tate Modern dimostra che il museo non un luogo sacro, Il loro Ragnarock appena inaugurato (Museo del Rock, Roskilde,
Foto Ossip van Duivenbode

ma mondano. La globalizzazione alla base del progetto Danimarca) di soli 3.000 mq, ma in compenso rivestito doro
di ampliamento; ne parla Nick Serota, dal 1988 direttore della e sfoggia un mega-sbalzo orizzontale. Un edificio concepito,
Tate in quanto marchio culturale: Creeremo un museo come molti musei di oggi, per segnare il landmark della citt.
per il XXI secolo che rifletter una visione dellarte veramente
internazionale; questo appassionante edificio pubblico apporter
una nuova dimensione alla vita culturale del Regno Unito.

70 ELLE DECOR
GREEN

Progetto recente di
Marco Bay il giardino
nelledificio anni 60
La Serenissima a Milano.
Sulla ghiaia nero ebano,
la vegetazione dal
fogliame leggero attenua
il rigore del palazzo.

Ritratto verde
La relazione tra vegetazione
e architettura. E i progetti tessuti come tele
nel paesaggio. Ce li racconta Marco Bay,
landscape architect gentiluomo
di Rosaria Zucconi foto di Nathalie Krag testo di Flavia Giorgi

73 ELLE DECOR
GREEN

Il progettista deve giocare il ruolo di tessitore


di nuove trame, dialogando con la natura del luogo.
Solo cos pu aspirare alla realizzazione di un paesaggio
inteso come unopera
nopera darte in continuo mutamento

In alto, graminacee e siepi


di bosso si allineano
davanti alla scultura
di Fausto Melotti, progetto
allingresso del Pirelli
HangarBicocca, Milano.
La stanza da disegno
nello studio Bay. In basso,
il plastico per un progetto
in Puglia: ulivi, orto, campo
di avena, pergolati duva.
Larchitetto lavora
a uno schizzo con matite
e pastelli a olio.
Oggetti di vetro accanto
al bozzetto per il parco
storico di una villa veneta.

74 ELLE DECOR
GREEN

Il giardino lindispensabile
complemento
mplemento visuale dellarchitettura, negli
spazi
zi pubblici e privati. Ma la sensibilit
a questo
uesto tema limitata. La cultura del verde
la grande assente nelle nostre citt
In questo studio non facciamo i rendering, non siamo
capaci. Con ironia garbata, Marco Bay pronuncia a mezza
voce una piena verit. Unimmagine sviluppata a computer
comunica la perfezione della tecnica, ma non esprime
il sentimento. Io mi sento legato ai valori emotivi del verde
e il disegno a mano libera restituisce lumanit di un rapporto
vitale. Ho cominciato da bambino a riempire i miei album
di alberi.... Ascoltiamo il racconto, ospiti del suo studio di via
Santo Spirito nel centro di Milano, mentre la matita dellarchitetto
scivola rapida sulla carta da schizzo. Poi la mano passa
ai pastelli a olio, mescola i colori, e prendono forma i segni
da modellare sulla terra. Alla maniera del giardiniere che con
sapienza si prende cura quotidiana delle sue piante. Teoria
e pratica, ideazione e cantiere si alternano da oltre 20 anni
nel lavoro di Bay, diviso tra aree pubbliche e private, restauro
di parchi storici, spazi museali allaperto in Italia e in Europa.
Sono i giardini pensili meneghini a impegnarlo in questi giorni,
nei palazzi iconici di grandi maestri del 900. Esiste una fragile
ma prepotente natura del luogo che chiede di essere ascoltata,
prosegue. I miei progetti si pongono in discussione tra
preesistenze naturali da interpretare in modo nuovo, carattere
dellarchitettura e personalit del committente. Il paesaggista
deve giocare il ruolo di tessitore di trame, inseguire e dialogare
con il genius loci per aspirare alla realizzazione di un paesaggio
inteso come unopera darte in continuo mutamento. Nelle stanze
di via Santo Spirito la natura non cresce come foresta indoor,
ma presente, rarefatta, in continue citazioni. Il lungo tavolo
da disegno sorretto da grossi tronchi di cedro, disposti
uno dopo laltro come in un filare. Sopra un ripiano, la maquette
in cartoncino, carta velina e washi di una masseria. Sul muro,
in bianco, il modello del progetto per Porta Nuova; ma anche
il collage inedito di un albero, dove la rivelazione che venature
e anelli sono ripresi dai tagli di certi quadri di Fontana. Ma
soprattutto ci sono le foto, soggetti botanici in bianco e nero, che
Bay scatta con occhio da architetto e cuore green. Uneredit
derivata dallincontro significativo con Gabriele Basilico durante
gli studi universitari, ma anche unattivit collaterale che oggi
ottiene il riconoscimento di mostre, come quella appena conclusa
alla Galleria Antonia Jannone. Il lato artistico incontra poi quello
Marco Bay nello studio pratico quando il progettista usa le foto scattate sul luogo
di Milano. A terra del futuro cantiere come base black&white per i suoi bozzetti
il tappeto che larchitetto a colori. Se questa lopera preliminare del professionista,
ha disegnato per Kasthall.
La scrivania verde da
quella conclusiva risponde talora a una volont pi ampia.
ufficio, mobile di recupero Lestetica del giardino insegue nuove spazialit, con elementi
degli anni 40, uno dei classici di struttura come siepi, viali alberati, specchi dacqua.
pezzi della sua particolare Intorno, a contrasto, cresce il giardino selvatico, fatto di boschi e
Wunderkammer. Sul muro, praterie, spiega Bay. Con il passare del tempo il magnifico
in bianco, il plastico
del progetto che ha
contrasto tra giardino formale e informale si trasforma. Il nostro
partecipato al concorso compito dare un input, poi diventiamo spettatori perch non
per la realizzazione dei luomo ma la natura a decidere del suo paesaggio.
giardini di Porta Nuova. Un rispetto naturale, da gentiluomini. www.marcobay.it

76 ELLE DECOR
BOOK

Whats next
Un libro per raccontare i successi di ieri e interrogarsi
sul domani. Protagonista Giulio Cappellini e il suo viaggio nel
mondo del design. Appassionato, eclettico e coerente
di Laura Maggi

79 ELLE DECOR
BOOK

Da Azambourg a Wanders.
Da Architettura a Team. Un alfabeto di
persone, eventi, concetti chiave d forma
al volume e mette a fuoco un metodo

Rigore e ironia a confronto: le poltrone di Fronzoni e Mendini, in


Foto Ivan Serafino

alto. A seguire, un allestimento con pezzi dei Bouroullec; identit


aziendale nella creativit dei cataloghi; allestimento di Morrison
e Starck per il Salone del Mobile 2001; set curato da Morrison
con alcuni suoi arredi icona; la Knotted Chair di Marcel Wanders.

80 ELLE DECOR
BOOK

Un cammino percorso insieme a giovani promesse e star


del progetto, una storia di amicizie tessute nel rispetto
reciproco: le esigenze dellimpresa, la libert dei designer

Rosso, dalla cover al dorso, al filo delle pagine.


Enigmatico, con un grande punto interrogativo al posto del titolo.
Controcorrente, perch il titolo c, ma si trova sul retro.
Sar labitudine a ribaltare i punti di vista e a conciliare gli opposti
che ha spinto lautore a giocare di suspense. Non resta che aprire
il volume: una galleria di immagini fotografiche, organizzate per
lemmi in ordine alfabetico e incrociate con parole chiave. Questo
il Metodo Cappellini. Il sogno declinato, libro fresco di stampa
che narra, per capitoli brevi ma fitti di appunti, la storia di Giulio
Cappellini, architetto, imprenditore, talent scout e, per sua stessa
ammissione, designer della domenica pomeriggio.
Il passato, che dal 1980 e nel giro di pochi anni ha visto Cappellini
International affermarsi nel mondo come marchio trendsetter,
costellato di incontri importanti. Alla lettera K, quello fondamentale
con Shiro Kuramata: Unintesa mentale molto forte, ricorda Giulio,
nata davanti a un piatto di sushi con un interlocutore che parlava
solo in giapponese. Pi facile e ugualmente fecondo il dialogo
a 360 gradi instaurato con Jasper Morrison, una volta superato
(sorseggiando un bicchier dacqua) lo sconcerto iniziale del
neolaureato inglese di fronte allindustriale italiano determinato a
produrre la sua Thinking Mans Chair. Compagni di viaggio eccellenti
sono anche i fratelli Bouroullec, A.G. Fronzoni, Nendo, Marc
Alla voce Compagni di Newson, Patrick Norguet, Marcel Wanders. Anche in questa rosa
viaggio, un team memorabile. notevole, parecchi hanno esordito con lui e, oggi star affermate,
Accanto a Giulio Cappellini, ricordano con affetto ed emozione il primo incontro. Spesso la gente
a destra nella foto scattata
al Superstudio (2001), sono mi chiede se non sono geloso della fama raggiunta da questi
seduti in senso orario Piero designer, sorride il principe dei talent scout. Al contrario, sono
Lissoni, Ronan Bouroullec, felice per loro e orgoglioso del mio intuito. Con molti si instaurato
Carlo Colombo, Erwan un legame profondo, perch per fare buoni progetti ci vuole feeling:
Bouroullec e Jasper Morrison. il designer deve capire quali sono le esigenze dellazienda
e lazienda deve ricambiare lasciando al creativo la libert
di esprimersi. In nessun altro catalogo come in quello di Cappellini
coesistono arredi e prodotti che rispondono ai poli opposti della
creativit, linguaggi forti e diversi che trovano inaspettate intese.
Mi interessa lidea di lavorare allinterno di un contenitore
multiculturale, anche se infondere unidentit precisa a unimmagine
scoordinata pi difficile. Sono fiero per di quello che chiamo
il progetto dazienda: ideare con spirito coerente lintera
produzione di un marchio, un progetto dilatato, non solo legato
al singolo prodotto. Resta un punto interrogativo, il perch di
quellunico segno ortografico che campeggia in copertina. Bisogna
leggere il libro fino in fondo per trovare la risposta. O prendere
la scorciatoia e chiedere direttamente allautore. Nelle pagine finali
riportata la timeline dellazienda, ci risponde. Sullultima
campeggia una frase: Whats next?. Perch la nostra storia non
termina qui, ma cerca risposte nuove. Interrogandosi sul domani.

Metodo Cappellini. Il sogno declinato, di Francesca


Serrazanetti, pagg. 192, 35, Mondadori Electa +elledecor.it

82 ELLE DECOR
TENDENZE

Design senza freni


Biciclette sulla linea di partenza: its
time to bike! Per innamorati delle 2 ruote,
ciclisti curiosi, spiriti liberi e fashionisti
hi-tech, ecco la nostra top ten di stagione
di Paola Carimati
Foto Alain Delorme, Totem n.12, Totem series, courtesy galerie Magda Danysz

1 House bike Lo scatto del fotografo Alain Delorme


racconta la Cina, e un popolo che fa di necessit virt:
si carica tutto addosso e trasforma la bici in casa (e opera
darte). Cos anche in Across Chinese Cities - China House
Vision, la mostra curata da Beatrice Leanza e Michele
Brunello: unindagine sulla condizione urbana in Oriente.
Venezia, Ca Tron, calle del Forno 1960, fino al 26/9.

85 ELLE DECOR
Manubri da fuoriserie Un navigatore da
agganciare alla bicicletta e da attivare con unapp:
BeeLine, nato in collaborazione con Map (lagenzia
fondata dai designer inglesi Barber&Osgerby). La novit:
mostra la direzione da tenere, lasciando piena libert
di percorso al ciclista. www.mapprojectoffice.com
Sotto, un mini gioiello, grande come una pallina da ping
pong: Nello, il campanello disegnato da Odoardo
Fioravanti per Palomar, si ancora al manubrio ma si sfila
con facilit. Si aziona a sfioro e cambia suono ogni volta
che viene rimesso in posizione. www.palomarweb.com

3
Moda hi-tech Storia
4 Il maggiordomo
svuotatasche Per chi la bici la
di una designer inglese che voleva parcheggia in casa, ecco Bike Butler.
cambiare il volto dellabbigliamento Non un semplice portabici, quello
impermeabile. cos che Melanie disegnato da Antonella Grua e Ran
Brown disegna Raindress, una Reuveni di Vadolibero, ma un mobile
mantella prt--porter per ciclisti freestanding con piano in legno
che amano pedalare con stile anche e struttura in ferro. Per accogliere e
sotto la pioggia. Si tratta di un capo ricaricare tutto ci che accompagna
in poliestere traspirante, resistente il ciclista. www.vadolibero.com
allacqua e al vento, che si pu
lavare comodamente in lavatrice.
www.bybrown.nl

86 ELLE DECOR
TENDENZE

5
Take it slow w Tokyobike
una piccola azienda
enda di biciclette
indipendente, fondata
data nel 2002
nel tranquillo quartiere
rtiere di Yanaka
a Tokyo. La lentezza za il mantra
del brand, che promuove
omuove progetti
e accessori pensatiti per gli
appassionati del design a due ruote:
per scoprire nuovee mete, con calma,
e vivere la citt a impatto
mpatto zero.
Otto i flagship store
re nel mondo,
a Milano dal 2014. 4. Lultimo
inaugurato lo spazio
azio di Nolita
(in foto) nella Grande
nde Mela.
www.tokyobikenyc.com c.com
Stefaan and Sarah from Miles & Miles

87 ELLE DECOR
6
Blue bikers Gli ultimi
imi accessori moda
per pedalare tra i colori dellestate.
llestate. Pantone Universe
presenta la sua prima collezione
zione di sneakers: un mondo
di sfumature e tonalit, comee il bianco e blu del modello
Roland Garros, a sinistra. www.pantoneuniversefootwear.
ww.pantoneuniversefootwear.
com. Sopra, colorati e aggressivi
ressivi quanto basta
gli occhiali da sole di Saturnino
nino Celani (il bassista
di Jovanotti). La collezione Eye Wear, total made
in Italy: in acetato, realizzata nel distretto del Cadore e
prodotta da Mazzucchelli. In foto, Mercury, il modello
con ponte metallico. www.saturninoeyeware.com

7 A prova di casco Cuffie a


conduzione ossea. Ma niente paura:
quelle di Gemma Roper salvano la
vita a tutti i ciclisti che, incuranti del
traffico, ascoltano musica a manetta.
Safe + Sound, infatti, trasmette le
onde sonore direttamente allinterno
dellorecchio lasciando il timpano
libero di avvertire rumori e pericoli.
www.gemmaroper.com

8 Design coordinato
Effetto grafico all black con pennellate
arancio per Baik di Ion Lucin.
Il designer spagnolo ha trasformato
larchetipo di una bici in oggetto
darte, giocando con rigore
geometrico e colori fluo. Non solo,
il mezzo di trasporto, qui nella versione
da collezione, completo di sacca
e di accessori, tutti contraddistinti dallo
stesso accento cromatico. Mimetico
in notturna. www.behance.net

88 ELLE DECOR
TENDENZE

9 Una ciclabile per volare Una rete


di piste sopraelevatee per Londra. il progetto
di Exterior Architecture,
ure, Foster&Partners
e Space Syntax, che una volta realizzato
permetter a oltre 6 milioni di inglesi
di recarsi al lavoro inn bicicletta. SkyCycle
coprir tutti i punti strategici
rategici della citt,
collegandosi alle principali
ncipali stazioni
metropolitane, per unn totale di oltre 200 km
di percorso. www.fosterandpartners.com
sterandpartners.com

10 Linee ospitali Quelle


Que
di Bi-Track, di Masanori Mori
Mo per
Mingardo, sono anche essenziali.
esse
Da una geometria rigorosa nasce
la forma di questo portabiciclette
portabici
per indoor e outdoor. Un gioiello
gio
in ottone, la cui bellezza sopravvive
sop
alle due ruote. Negli spazi pubblici
p
e privati. www.mingardo.com
www.mingardo.co

89 ELLE DECOR
ANNIVERSARIO

Emozioni hi-tech
Innovazione, ricerca e coscienza eco.
Ma anche creativit e gusto per le sfide. Rimadesio
festeggia 60 anni di carriera. Pensando al futuro
di Porzia Bergamasco foto di Valentina Sommariva

La preparazione delle lastre


in vetro che verranno
utilizzate per la realizzazione
di arredi ad alto tasso
di rispetto per lambiente.

91 ELLE DECOR
ANNIVERSARIO

Accanto, una fase


di lavorazione
del vetro nella fabbrica
Rimadesio di Giussano
(MB). In basso, lAD
Davide Malberti.

Mi piace pensare che ci sia ancora qualcosa da


inventare. Crescere nei numeri permette di incrementare
incrementa
investimenti nella ricerca e nella comunicazione

Varcata la soglia degli anta c chi prova a nascondere la


propria et, ma questo non succede se a girare i fogli del
calendario unazienda che pu considerare il passare del tempo
un punto dorgoglio, soprattutto quando coincide con le tappe
della propria crescita e affermazione sul mercato interno ed
estero, e negli ambiti della ricerca tecnologica e della sostenibilit
produttiva. Questo il caso di Rimadesio, nota per i suoi sistemi inventare tutti i giorni. Crescere nei numeri, e in termini strutturali,
ed elementi di suddivisione degli spazi e per gli arredi permette di incrementare investimenti nella ricerca e nella
e i complementi per la zona giorno e notte esclusivamente in vetro comunicazione, prosegue Malberti non celando il riferimento
e alluminio, materiali completamente riciclabili. Nel 2016 festeggia alla progressiva realizzazione, nella sede aziendale a Giussano,
60 anni e, senza ombra nostalgica, ha deciso di spegnere le di impianti per lautoalimentazione della corrente elettrica, che
candeline con quattro incontri, fino a ottobre, nello showroom di dal 2001 hanno permesso di organizzare al meglio le risorse. Il
Milano (via Visconti di Modrone 26), accogliendo il pubblico in terzo, annuncia, sar completato a fine luglio, con la copertura
compagnia di una musicista, Joan As Police Woman, un filosofo, di pannelli fotovoltaici dellultimo tetto disponibile. Una
Matteo Nucci, un velista, Giovanni Soldini e un astronauta, coscienza ecologica cresciuta spontaneamente affinando il
Maurizio Cheli. Non volevamo un compleanno da percepire know-how tecnologico, sviluppato fin dalle origini intorno alla
come un traguardo, o un momento statico e autocelebrativo, produzione e lavorazione del vetro piano, e poi con lalluminio,
racconta lAD, Davide Malberti, alla guida dellazienda materiali base delle collezioni di porte, porte scorrevoli, librerie e
di famiglia con il fratello Luigi. Da qui lidea di costruire sistemi componibili, cabine armadio e complementi, dalla grande
loccasione con cui trasmettere i valori che ci accompagnano versatilit dimensionale e compositiva, firmate da Giuseppe
quotidianamente nel lavoro, e la dinamicit che ha contraddistinto Bavuso, che dal 1992 lavora in tandem con lufficio tecnico
tutta la vita dellazienda finora, e nellottica del futuro: creativit, interno. In questi anni abbiamo realizzato collezioni coerenti
innovazione, rispetto per lambiente, heritage e gusto per le sfide. introducendo concetti innovativi nella funzione e nello stile,
Un racconto non per tappe storiche, ma cercando nuovi motivi di continua lAD, ci auguriamo che questo compleanno sia di buon
ispirazione. Mi piace pensare che ci sia ancora qualcosa da auspicio per la crescita di quelli a venire. www.rimadesio.it

92 ELLE DECOR
EVENTI

Il cortile della Casa del Mantegna a Mantova,


perfettamente circolare, si inscrive in un edificio
a pianta quadrata. Lidea originale, simboleggiante
il divino, fu realizzata dallo stesso artista.

Citt creativa
Nominata Capitale Italiana della Cultura 2016, Mantova
una meta imperdibile, tra festival di musica e di danza, esposizioni darte
Foto Getty Images

e installazioni. E una mostra sullabitare di cui Elle Decor media partner


di Piera Belloni

97 ELLE DECOR
EVENTI

Artisti mantovani e internazionali danno il loro contributo alla grande


kermesse culturale, che coinvolge la citt fino ai primi giorni del 2017

Da gioiello rinascimentale a citt emblema del neo


Rinascimento 2016: succede a Mantova, Capitale Italiana
della Cultura, che organizza il suo anno speciale dando
grandissimo spazio alle espressioni della creativit
contemporanea. La citt dei Gonzaga, la corte che attir
personaggi come Mantegna, Leon Battista Alberti,
Claudio Monteverdi e il Tasso, fa i conti con un illustre passato
ma non solo: per esempio, ha anche investito risorse e sforzi
nellhi-tech, guadagnando cos la 4 posizione dello Smart City
Index 2016. Nel suo anno speciale si propone come un grande
laboratorio aperto, dove tradizione e innovazione si uniscono in
un unico progetto, da seguire anche grazie a una app ideata per
loccasione. Il tema del confronto tra presente e passato domina
molti degli eventi che si susseguono fino ai primi giorni del 2017.
Come la scultura monumentale Vortici di Hidetoshi Nagasawa, Una grande scultura in acciaio, Foto Gian Maria Pontiroli - Courtesy www.altramantova.it
inaugurata per il festival MantovaCreativa nella cornice storica qui sopra, si confronta con
di piazza Castello. O Quadri da unesposizione a Palazzo Te, larchitettura cinquecentesca
in cui lartista mantovano Stefano Arienti cura linstallazione di piazza Castello: Vortici,
di Hidetoshi Nagasawa. In alto,
di oltre 250 opere provenienti dai depositi delledificio, lallestimento creativo ideato
e appese alle pareti per realizzare una pittura murale fatta da Stefano Arienti per Quadri
di quadri e cornici (fino al 26/6). Storia e contemporaneit da unesposizione, a Palazzo Te.
sincontrano anche in Abitare Gonzaga 2016. Arte, design
e spazi domestici a confronto con il passato, di cui Elle Decor
media partner, a cura di Giampaolo Benedini. La mostra
disegna uno scenario in bilico tra epoche diverse, allestendo con
arredi firmati da alcuni dei pi affermati designer di oggi
lappartamento di un ideale discendente della famiglia ducale
(famosa per la sua raffinatezza, il mecenatismo,

98 ELLE DECOR
EVENTI

Il confronto tra presente e passato domina molte delle mostre in citt,


organizzate con spirito contemporaneo in spazi prestigiosi

la passione per larte). Gli ambienti compongono stanza per


stanza una vera e propria abitazione di oggi, e sono realizzati
con luci di Davide Groppi, i sistemi per interni di Rimadesio,
le cucine tailor-made di Key Cucine, gli arredi di Agape e della
collezione Mangiarotti di Agape Casa, le superfici ecologiche di
Matteo Brioni, gli imbottiti artigianali di The Benedini Collection.
Il mood si completa con le collezioni moda di Gentry Portofino
e Lubiam, e con artwork contemporanei provenienti da collezioni
private mantovane. Lo spazio espositivo ospitato allinterno
di Palazzo Ducale nellAppartamento La Rustica, o Estivale,
progettato da Giulio Romano nel 1539, che riapre per
loccasione dopo i restauri per riparare i danni del terremoto del
2012. Ma ha un ingresso indipendente, altrettanto prestigioso:
laccesso si trova nel Giardino dei Semplici, lorto botanico
La Sala delle quattro colonne, del palazzo creato nel 400 (www.abitaregonzaga2016.it).
qui sopra, uno degli spazi Lelenco degli eventi non finisce qui: ancora a Palazzo Te,
che ospitano la mostra Abitare dall11/6 partito il primo step di un progetto di Cristiana Collu,
Gonzaga (in alto, unimmagine Un sogno fatto a Mantova, con interventi di forte impatto
del progetto di allestimento). Curata
da Giampaolo Benedini, aperta
visivo a opera di Antony Gormley, Hans Op De Beeck,
Rendering Benedini Associati - Foto Aedo

fino all11/9 a Palazzo Ducale, Ettore Spalletti, in interazione con larchitettura, fino al 13/11.
nellAppartamento La Rustica che Sempre qui, dal 26/6 Brian Eno firma il suggestivo lavoro
riapre al pubblico dopo i restauri dei di visual art 77 Million Paintings for Palazzo Te, illuminando
danni causati dal terremoto del 2012. la facciata della dimora con immagini in continuo mutamento,
fino al 17/7 (www.centropalazzote.it). attesa per luglio
linaugurazione dellArcipelago di Ocno di Joseph Grima, isole
artificiali mobili e riconfigurabili, costruite con materiali sostenibili
sul fiume Mincio e il Lago inferiore. La scena creativa locale
in pieno fermento: stay tuned! www.mantova2016.it

100 ELLE DECOR


ADDRESS

Bed & Bread


Dormire in un palazzo dei primi del 900
nel cuore di Brera. A Milano, la Locanda Pandenus
dedicata a chi ama sentire il sapore di casa
anche quando viaggia
di Francesca Benedetto foto di Alessandra Ianniello/Living Inside

Langolo breakfast, in una delle


camere, con arredi su disegno
e mini fridge rosso di Smeg.
Colore Pigeon di Farrow & Ball
per le pareti e parquet in rovere.
Sospensioni in ottone di Rubn.

103 ELLE DECOR


ADDRESS

Dallalto
alto a sinistra
in senso
enso orario: letto
su disegno
isegno con testata
rivestita
stita in tessuto Dedar,
comee le poltroncine.
Biancheria
ncheria di Society,
tappeto
peto Kasthall, lampada
a soffitto
offitto Venice M. Nel
bagnono vasca di Agape.
Accanto
anto al letto, lampada
da terra
erra di Flos. Lavabo di
Simas,
as, cementine Couleurs
& Matires, sospensione di
Vesoi.
oi. Arredi su disegno
realizzati
izzati da Busnelli C.

Il progetto di interior ricrea latmosfera della vecchia


Milano in chiave contemporanea. E restituisce carattere agli spazi
con pennellate di colore e grande cura per i dettagli

104 ELLE DECOR


ADDRESS

Da sinistra,
nistra, lingresso
del palazzo
alazzo dei primi
del 900
900 con affaccio
su Largo
rgo la Foppa, meta
indiscussa
cussa della movida
milanese.
nese. Langolo bar
allinterno
terno delle stanze
arredato
edato con un piccolo
tavoloo e poltroncine
di recupero
cupero rivestite
in tessuto
suto Modo di Dedar.
Sulla mensola foto
di Pasquale
squale Abbattista.

Pandenus (dal lombardo pane di noci) nasce nel 2007, da Il punto di partenza: piccole
unintuizione di Filippo Lecardane, giovane imprenditore gi
attivo nel campo della ristorazione e con la passione per il pane, locande da scoprire nei quartieri
in tutte le sue declinazioni. Viaggiatore curioso, decide di portare di Milano. Prossimo step: esportare
a Milano un concept pi internazionale di bakery, per superare
la definizione tradizionale di panificio, caffetteria o bistrot questo modello in tutto il mondo
e proporre lidea di ricevere come a casa. Lambiente
accogliente e curato, i prodotti artigianali e sempre freschissimi
vengono realizzati nei laboratori sul retro con materie prime ristrutturata, accoglie oggi due stanze indipendenti con ampi
selezionate, prevalentemente biologiche. La formula piace servizi che si snodano attorno a un corridoio stretto con pareti
e conquista una clientela molto eterogenea, di tutte le et, che rivestite in tessuto. Gli interni, caratterizzati dal parquet posato
da Pandenus pu concedersi una sosta piacevole, dalla a spina di pesce, hanno ritrovato latmosfera della vecchia
colazione al dopocena, visto che il locale aperto dalle sette del Milano, persa nei numerosi interventi effettuati nel corso degli
mattino alle due di notte. Con laiuto dei soci Giuseppe Galliano anni. Gli arredi su disegno, tutti realizzati da artigiani, abbinati
e Gianluca Moroni, vengono inaugurati in pochi anni altri a complementi e lampade di design, sono leggeri ed essenziali
tre indirizzi, tutti milanesi, e nuove aperture sono previste a breve e contribuiscono a rafforzare lidea di casa della locanda.
in altre citt italiane. Nel 2015 una nuova opportunit: si libera Il nero della boiserie fa da cornice al colore, vero protagonista
un appartamento sopra il locale di Largo la Foppa, nel cuore del progetto, nei toni polverosi del grigio-verde, ocra
di Brera, e lidea di un piccolo bed & breakfast prende forma, e terracotta, scelti per pareti e tessuti. Abbiamo voluto
grazie al progetto di Giuseppina Motta, dello studio Mpa raccontare la stessa storia di Pandenus agli ospiti della locanda,
architetti, in collaborazione con Anna Lombardo e Marta che presto verr ampliata con laggiunta di tre suite, continua
Ornago. Ho seguito lo sviluppo del primo bistrot di via Tadino, Filippo Lecardane. un concetto di accoglienza a 360,
e poter progettare la Locanda Pandenus stata una sfida che ho dedicato a chi ama sentirsi a casa anche quando viaggia.
raccolto con entusiasmo, ci racconta la progettista. Illuminante Per questo alle sette del mattino ogni ospite riceve un cestino
stato il commento di mio figlio Lapo, di dodici anni, allarrivo con i quotidiani preferiti e croissant ancora caldi provenienti
nella stanza di un albergo di Barcellona: Mamma che bello, dal forno sottostante. Chilometro zero a piano terra.
uguale a quello di Atene. Siamo partiti da questo,
dalla necessit di trovare un linguaggio diverso per superare Locanda Pandenus, piazzetta Guido Vergani 5, Milano
lomologazione di tanti hotel. La residenza, completamente www.pandenus.it/locanda

106 ELLE DECOR


The Floating Piers, la spettacolare installazione
di Christo fotografata durante il work in progress
ai primi di maggio. In evidenza la struttura
galleggiante che abbraccia lisoletta di San Paolo,
propriet della famiglia Beretta.
ITINERARIO

Franciacorta
in tour
levento dellestate. The Floating Piers del land artist
bulgaro-newyorkese Christo dar unemozione irripetibile:
camminare sulle acque del lago dIseo. Loccasione per un
viaggio appassionante nella terra delle bollicine made in Italy
di Rosaria Zucconi foto di Settimio Benedusi

109 ELLE DECOR


110 ELLE DECOR
ITINERARIO

Produrre il Franciacorta esige passione, pazienza nella ricerca


della perfezione, velocit nellinnovazione e rispetto della tradizione.
E la fierezza di far conoscere e amare il frutto di un territorio unico
Vittorio Moretti

Mai Nando Soardi, stimato pescatore di professione


a Monte Isola, avrebbe immaginato di camminare sulle acque
del lago dIseo per raggiungere la terraferma. Tutta la vita
passata a dominarlo da una barca da pesca o dalla terrazza-
pontile del delizioso ristorante di famiglia Locanda al Lago.
Eppure, dal 18 giugno al 3 luglio potr farlo percorrendo
lopera The Floating Piers, lui come gli oltre 500mila visitatori
attesi da tutto il mondo, magari di notte prima di uscire a ritirare
le reti, e chiss che emozioni quando sentir il movimento delle
onde sotto i piedi e non pi dalla barca. A permettere questo Vittorio Moretti, presidente del Consorzio
Franciacorta e patron di Bellavista. Pagina accanto:
miracolo lartista performer Christo, bulgaro-newyorkese, men at work a Sulzano. E nel vigneto Bersi Serlini,
noto per aver impacchettato monumenti e scenari naturali, casetta-ristorante dello chef Andrea Mainardi.
affascinato dallatmosfera carica di nostalgia del lago e colpito
dallimmediato riconoscimento, da parte delle autorit locali, del
valore della sua installazione. A pochi giorni dallinaugurazione di Franco, Cristina Ziliani, che ci mostra la prima bottiglia
il suo invito : Mettetevi gli occhiali da sole, toglietevi le scarpe, di Franciacorta. Custodita in una teca, testimonia
camminate assaporando la sensazione di galleggiamento, il sogno di due pionieri che ha generato una realt di tanti
godetevi con calma il paesaggio. la cosa pi sexy che possiate appassionati e geniali produttori, oggi espressa
fare. Ma se Christo lemozione da cogliere al volo, la vicina in oltre 16 milioni di bottiglie vendute nel mondo. La cultura
Franciacorta una scoperta di respiro pi profondo e duraturo. delle bollicine, che si respira in ogni cantina, piccola o grande,
Altrettanto affascinante, ricca di storia, appassionante racconto attira un pubblico sempre pi vasto e si accompagna a quella
di personaggi illuminati che hanno fatto dellarte di produrre gastronomica, un sapiente mix di tradizione e innovazione,
bollicine una delle eccellenze pi apprezzate e conosciute nel presente nelle locande di paese, cos come nei ristoranti pi
mondo. Durante i 15 giorni dellevento artistico, e soprattutto famosi. Nel borgo medievale di San Vitale, lo chef Stefano
nel weekend del 25 e 26 giugno, il Festival dEstate della Cerveni del ristorante stellato Due Colombe ricerca lequilibrio
Franciacorta, fatto di concerti, cene, visite in cantine, picnic nelle perfetto tra ingredienti di qualit ben leggibili, trattati con rispetto
vigne, dar un assaggio di un territorio accogliente quanto usando tecnica e passione. Non amo leffetto stupore, gli ospiti
interessante. Antiche pievi, abbazie e monasteri, dimore storiche, devono stare bene, gustando piatti sinceri, sani, apparentemente
deliziosi borghi, parchi naturali, opere darte contemporanea semplici, che fanno venir voglia di tornare. Qui lavoro
che arricchiscono cantine come Bellavista, Ca del Bosco in tranquillit, tutto il contrario dei ritmi serrati, veloci
e La Montina. Il Consorzio per la tutela del Franciacorta, nato e imprevedibili che vivo a Milano al Palazzo della Triennale,
nel 1990, impone norme rigide e scrupolose ai suoi produttori unesperienza esaltante, di pura adrenalina.
che impiegano esclusivamente vitigni nobili del suo territorio Riprendersi il proprio tempo anche la filosofia dellAlbereta,
(20.000 ettari), la raccolta a mano delle uve, la prima elegante Relais & Chteaux con lEspace Henri Chenot,
fermentazione naturale, e la successiva lenta maturazione un luogo magico, accogliente, elegante in ogni dettaglio,
e affinamento sui lieviti in bottiglia. Un metodo che garantisce con proposte enogastronomiche di grande qualit
una qualit costante, frutto della perfetta unione tra le tecnologie curate dallo chef Fabio Abbattista. DallAlbereta, a piedi,
pi moderne e la maestria dei viticoltori del territorio. Tutto uno sguardo ammirato ai vigneti che come una texture perfetta
ha inizio dallincontro tra Franco Ziliani, giovane e vulcanico disegnano il paesaggio, e un altro alle opere darte che
enologo pieno di sogni, con Guido Berlucchi, discendente punteggiano i prati allinglese, raggiungiamo la cantina
dei conti Lana de Terzi. Entrambi convinti, dopo un viaggio Bellavista, dove incontriamo Vittorio Moretti, imprenditore
nello Champagne, che il territorio della Franciacorta fosse a tutto campo, dal calcestruzzo alle costruzioni, dallhtellerie
titolato a produrre un vino con il metodo champenoise. In una alla nautica. Guida deccezione, ci introduce in quelle
sala dello storico palazzo Lana Berlucchi, oggi sede che potremmo definire cattedrali del vino, con unallure
di rappresentanza dellazienda, Franco Ziliani ricorda la storia: contemporanea, tecnologica, brillante di acciaio inox,
I primi tentativi nel 56 non hanno successo, non riesco ad avere e con unanima antica nella parte buia, nascosta, scavata
un vino di base microbiologicamente adatto alla fermentazione. nella terra, dove avviene la seconda fermentazione in bottiglia.
Insisto e curo scrupolosamente ogni gesto, le attrezzature Affascinante, nei lunghi corridoi dai soffitti voltati, limmagine
e i recipienti, e dopo tante prove ed errori finalmente nel 61 degli esperti nel remuage, che imprimono un lieve movimento
la fermentazione riesce. E proprio nellantica cantina scavata alla bottiglia, finch le bollicine raggiungono la perfezione.
dagli avi di Guido Berlucchi nel 1680 ci guida la figlia www.franciacorta.net

111 ELLE DECOR


ITINERARIO

Dallalto, la Cupola, il cuore antico della cantina


Bellavista. La piscina del Relais & Chteaux LAlbereta,
una villa primi 900 ristrutturata dalla famiglia
Moretti, dove il talentuoso chef Fabio Abbattista con
la sua brigata rielabora la cucina del territorio nel
VistaLago Bistr e nel ristorante Leonefelice, a destra,
illuminato dal lampadario di Dimore Studio.

112 ELLE DECOR


ITINERARIO

La sede di Bersi Serlini riunisce nel progetto di Flavio


Albanese il nuovo e lantico, gli spazi per laccoglienza
e la cantina. Arredi dautore, di Gio Ponti nelle
camere, in basso, e di Rietveld nel ristorante, al centro.
In alto, Franco Ziliani con la figlia Cristina, della
cantina Berlucchi. A destra, Marina Tonsi Franzoni
di CorteBianca, sostenitrice dellagroalimentare etico.

114 ELLE DECOR


ITINERARIO

Nella storica cantina Barone Pizzini, pioniere nella


viticoltura biologica, si lavano a mano le barrique.
In basso, rustico chic per il Cappuccini Resort,
nel ristorante guidato dallo chef Fabrizio Albini
e nelle camere. Infine Camilla Alberti,
vicepresidente di Strada del Franciacorta, della
cantina Castelveder, una meta da non perdere.

116 ELLE DECOR


ITINERARIO

Erbe, fiori, insetti, in un vigneto biologico, dove per


la difesa e il nutrimento delle piante si usano
sostanze naturali. In alto, lo chef Stefano Cerveni nel
ristorante stellato Due Colombe. A destra e in basso,
arte a Ca del Bosco: allinterno della cantina
liperrealista Rinoceronte di Stefano Bombardieri;
allingresso il Cancello Solare di Arnaldo Pomodoro.

118 ELLE DECOR


VIEW [Giugno 2016]

122 QUANDO LA CREATIVIT SUPERA OGNI CONFINE. Il segno originale


di Paola Navone nel suo hangar di vacanza, a Milano. 134 RITORNO
AL FUTURO. Riabitare lo stesso spazio venti anni dopo. A Roma, una casa
del 1933 trasformata in chiave contemporanea in un progetto firmato
MORQ Architecture. 144 JAPAN TODAY. Linearit di progetto, leggerezza,
texture naturali si accostano a cenni di tradizione. Nella nuova lettura di una
cultura antica. 152 SOGNO MESSICANO. Solenne e semplice. Lincanto di
unarchitettura che guarda agli Aztechi e a Le Corbusier. Lapprodo di due creativi
francesi che hanno cambiato vita. E orizzonti. 164 BLU DAUTORE. Atmosfera
anni 60 rivisitata in una villa a Ibiza che vive di superfici e colori acquatici.
Un tema mediterraneo che cita lItalia e il design di Gio Ponti a Sorrento.

121 ELLE DECOR


Ledificio ex industriale in zona
Tortona, a Milano, che ospita lo
studio e la residenza di Paola
Navone. Piante di cardo e
rampicanti fioriti crescono dai
fusti di recupero del Blue Bidon
Garden, progettato con lamico
paesaggista Stefano Baccari.
Accanto, la designer, architetto
e art director Paola Navone.

Settimio Benedusi

122 ELLE DECOR


IL SEGNO
SEG
ORIGINALE DI
ORIGIN
PAOLA NAVONE
NEL SU
SUO
HANGAR DI
HANGA
VACANZA
VACAN
A MILAANO.
QUANDO LA
QUAND
CREATIVIT
CREAT
SUPERA OGNI
SUPER
CONFINE
CONFI
di Rosaria Zucconi
Zuc foto di Enrico Conti
ritratto d
di Settimio Benedusi
124 ELLE DECOR
Il living, dallalto, sembra un
onirico fondale marino. Divano
di Paola Navone per Gervasoni
con tessuto Rubelli, tavolino
turchese di Poliform, customized
by Paola Navone. Ceramiche
toscane e francesi, poltrone di
recupero, tavolini in mosaico anni
50. Tappeto in cementine.
126 ELLE DECOR
Riuso creativo nel living
livin decorato
con cassette metallich
metalliche
trasformate in scaffalature,
scaffala a
parete, e ceppi di quercia
que in vasi
per le piante. Pagina accanto,
la scala che conduce al a soppalco
si snoda intorno a un tronco
dalbero in un gioco trat artificio
e natura. I pois sotto i gradini si
ispirano alle pitture aborigene.
a
Pavimento in ciottoli d di fiume.
In sala da pranzo tavolo su
disegno, con top e gambe di Abet
Laminati. Sedie in alluminio,
vintage e di Gervasoni,
a capotavola, di Crate and Barrel
come le lampade a sospensione
in rafia, tutto by Paola Navone.
Pagina accanto, sul terrazzo
invaso dalle graminacee, doccia
Aquart in rame e cemento, Seletti.

Settimio Benedusi
LALCHIMIA DISINVOLTA
DI MATERIALI, OGGETTI
DI RECUPERO, NATURA E COLORE.
IN UN PROGETTO CHE GIOCA
SULLE STRATIFICAZIONI CREATIVE

sempre in giro per il mondo, infaticabile, curiosa, attenta


e veloce nel metabolizzare culture diverse. E il mondo, in dosi
omeopatiche o in bulimica abbondanza, filtrato da unestetica
multiforme, entra nella sua vita, nel suo lavoro, nelle sue case.
Incontriamo Paola Navone, architetto, designer e direttore artistico,
nella sua abitazione milanese, una sorta di hangar cittadino sopra
lo studio, che finalmente dopo anni ha forse raggiunto la versione
definitiva. Forse, perch il fiume di creativit che lei a volte lascia
scorrere tranquillo e altre fa straripare per rompere ogni argine
(complice magari un nuovo progetto che la porter in luoghi
lontani) potrebbe di nuovo deviare. Paola ha sempre preferito
abitare e lavorare in spazi multifunzionali e ha sempre scelto nelle
citt Milano, Parigi, Trieste luoghi non borghesi ma con un
sapore autentico, come questo cortile in via Tortona, nella vecchia
Milano artigiana. Promuovo la teoria dellincidente, confessa,
limperfezione una qualit, mi stimola e mi diverte. Amo
prendermi dei rischi. Quando mi hanno proibito di fare un vero
giardino davanti allingresso dello studio, ho chiamato il mio
amico Stefano Baccari, geniale paesaggista con una sensibilit
non convenzionale, e insieme abbiamo inventato il Blue Bidon
Garden. Con lo studio che funzionava a pieno regime
e i rampicanti che crescevano sui tubi Innocenti, si posto
il problema del rifacimento del tetto, semidistrutto da un
precedente incendio. Rimossa la pesante struttura in legno,
lo spazio si rivelato nella sua qualit architettonica. Lattento
progetto ingegneristico ha aggiunto una nuova copertura in zinco
piegato, ispirata ai tetti haussmaniani, con cinque portali in
verticale e due terrazzi laterali per mantenere le dovute distanze
dai vicini. Ho impiegato due, tre anni prima del trasloco
definitivo, continua Paola Navone, ho sentito il bisogno
di impadronirmi di questo capannone industriale a poco a poco.
A quel tempo lavoravo in Asia e nelle fabbriche di ceramica
raccoglievo pezzi rotti di colore turchese, pensando che un giorno
ne avrei certamente fatto qualcosa. Ogni due mesi, per due anni,
ho spedito a Milano casse di questi rottami. Quando si posto il
problema degli scarichi, inamovibili al centro della mia zona notte,
ho pensato di realizzare una casetta in legno con doccia e servizi,
che ho completamente coperto con gli scarti delle ceramiche
turchesi. Un patchwork 3D di materia, forme e colori dalleffetto
inaspettato. Finalmente porto tutte le mie cose e trasloco. Ma
lambiente mi appariva duro, poco accogliente, cera troppo
metallo e ancora mancava la scala di zinco verso il soppalco
Avevo voglia di elementi naturali, poetici, leggeri. Mentre Stefano
dava unanima verde ai terrazzi, ho ideato una scala che si
snodava attorno al tronco di un albero. Ma gli scalini visti dal
basso erano freddi, li ho dipinti con pois bianchi e ho aggiunto
righe sul tronco. Lho chiamata afroscala. Ora mi sento a casa,
questo hangar di vacanza mi regala un senso di sospensione,
un luogo non convenzionale, il mio spazio di decompressione.

129 ELLE DECOR


Lampia cucina
ucina colma di utensili
e libri di ricette rivela una delle
passioni di Paola Navone. Le
lampade a sospensione cinesi e
laffettatrice
ice Berkel aggiungono
tocchi di colore. Pagina accanto,
sulla terrazza
azza adiacente allo
spazio kitchen,
chen, fiori ed erbe
aromatiche he nei contenitori Bacsac.
131 ELLE DECOR
In camera a da letto il volume che
contiene i servizi e la doccia
rivestito con frammenti di
ceramichee asiatiche effetto
patchworkk 3D. A sinistra, mobile
da dentistata anni 50, contenitore
blu per medicinali
edicinali di Cappellini.
Pagina accanto,
ccanto, vasca di
Devon&Devon,evon, cesto di Antonio
Marras + Segno Italiano.
Settimio Benedusi

133
ELLE DECOR
RITORNO
Riabitare lo stesso spazio venti
anni dopo. A Roma, una casa del 1933
riletta in chiave contemporanea in un progetto
firmato MORQ Architecture
di Rosaria Zucconi foto di Max Zambelli
testo di Doriana Torriero

AL FUTURO
134 ELLE DECOR
Tra marmi e graniglie, illuminata
da grandi vetrate, una scala
elicoidale si arrampica tra
i piani del palazzo con leleganza
delle sue ampie volute.
Pagina accanto, dallingresso
dellappartamento si scorgono
i nuovi ambienti, aperti
luno nellaltro in modo fluido.
136 ELLE DECOR
Il corridoio tra zona giorno e
zona notte. Pareti e soffitti sono
trattati con intonachino di terra
cruda e argilla. Pagina accanto,
per il pranzo, un tavolo in tondino
di ferro con piano in lamiera
di ottone e lastra di vetro, design
MORQ, e sedie Superleggera
firmate da Gio Ponti, Cassina.
138 ELLE DECOR
Dal concetto di stanze a quello
di ambienti. In una sequenza
di spazi che si rincorrono collegati
da varchi a tuttaltezza

Ridimensionare, ridefinire, senza stravolgere la naturale


eleganza del luogo, mantenendo latmosfera originaria.
Una didascalica indicazione quella della proprietaria, Nia
Ferrante, che torna ad abitare nella casa dove ha gi vissuto.
Il nuovo capitolo di una storia privata e il desiderio
di rileggere le stanze di allora in chiave contemporanea, senza
perdere limpronta classica degli appartamenti anni 30
del quartiere romano di Prati, connotati da elementi strutturali di
spicco e finiture di pregio. Uno stile che si rivela gi nellandrone
del palazzo, con i suoi pavimenti in pietra dalle decorazioni
geometriche, la scala elicoidale dalle volute sinuose, le pareti
bicrome, i vetri dalle trame decorate, le porte dingresso in
radica. Laspirazione della proprietaria ha incontrato loperare
sensibile degli architetti dello studio MORQ, felici di accettare
la sfida: reinterpretare uno spazio in origine destinato
a una famiglia numerosa, facendo fronte alle odierne, differenti
necessit. La prima fase del progetto Ritorno, come
lo abbiamo intitolato, stata quella di eliminare il concetto
di stanza a favore del concetto di ambiente, ci spiega Matteo
Monteduro di MORQ. Ottenere un continuum spaziale pi
omogeneo, dotato di intimit ma allinterno di volumi pi ampi.
I passaggi successivi vengono realizzati nel rispetto delle qualit
architettoniche esistenti. Si tratta di rivisitare i pavimenti
di graniglia con tecniche contemporanee, riutilizzare elementi
di forte identit come le porte in radica, rielaborate come
pannelli scorrevoli, restituire alle pareti la naturale bicromia,
enfatizzare le altezze importanti. Cos, i vani si rincorrono, divisi
soltanto da porte scorrevoli e alti varchi di passaggio. Louverture
sulla sala da pranzo, che regala il ruolo di protagonista
al tavolo, un grande ovale in vetro stratificato con inserimento
di rete metallica, appoggiato a una struttura in tondino di ferro
e piano in lamiera di ottone. Da qui si passa alla cucina,
con isola centrale, oppure al living, il luogo dove Nia si rilassa,
legge, riceve gli amici. Dal divano si gode la vista sul terrazzo,
uno spazio quadrato dove si confrontano, sotto unoriginale
copertura frangisole in rete mimetica, un tavolo in ferro e pietra e
una panca a sbalzo in legno di Iroko. Un lungo corridoio, ritmato
da finestre in sequenza che lasciano filtrare la luce attraverso
tende a rullo di lino, la via di passaggio per raggiungere
la zona notte. Nella quiete visiva del luogo, la padrona di casa
libera di aggiungere la sua cifra stilistica con piccoli elementi
di arredo. Oggetti selezionati con locchio di chi si sempre
occupato di moda, con le proposte delle sue boutique nel centro
di Roma. Accessori che parlano di uno chic semplice e vero.

Tono su tono, il sof Rod XL di Piero Lissoni


per Living Divani arreda il soggiorno, dove
il pavimento rivisita la tradizione con un mix
di cemento, graniglia di marmo e inserti dottone.
Poltrona rtro, e tris di tavolini di Pols Potten.
Sul terrazzo con frangisole in rete
mimetica, il tavolo in ferro
e pietra, su design degli architetti,
apparecchiato per il brunch.
Pagina accanto, suggestiva
la cucina con finitura dark e top
in marmo bianco, realizzata con
unisola di Xera Cucine e il mobile
in ferro nero ideato da MORQ.

141 ELLE DECOR


142 ELLE DECOR
Materiali e texture per il bagno:
tra soffitto in rete stirata e
pavimento in rovere di recupero,
il lavabo in pietra basaltina e
ferro. Pagina accanto, in camera,
sotto il lucernario, pannelli
scorrevoli con telaio in ferro
e ante in radica recuperate dalle
porte originali dellappartamento.
Letto Redaelli, lampada PSLab.
Linee leggere, nuovo jap, per
Tee-Table di De Padova, design
Tomoya Tabuchi, con top ultrasottile
in alluminio (cm 300x90, 4.390);
sopra, rivisita la tradizione la luce
Giardino di Servomuto, in rattan
e tessuto. A sinistra, T chair di Jasper
Morrison per Maruni, in acero con
barra/schienale in acciaio ( 316),
al centro Osaka di Cazzaniga-
Mandelli-Pagliarulo per Pedrali, in
frassino, e a destra poltroncina
Clerici di Konstantin Grcic per
Mattiazzi, in frassino tinto grigio
( 815). Davanti al tavolo, sgabello
Sag con sedile impiallacciato bamb,
di Nendo per Mdf; sul piano, da
sinistra, piatto in faggio con vassoio
Aurora di Biasi & Bonanni per Incipit,
tazzina Beker Lovatt di Serax,
da La Rinascente, vaso scultura Kioku
di Nagasawa Kazuhito, courtesy
Officine Saffi, scatola in lacca design
Pierre Charpin, di Herms, teiera
Linna di Asa, da La Rinascente.
Set realizzato da Spazio65, Milano.

144 ELLE DECOR


JAPAN TODAY
Linearit di progetto, leggerezza, texture
naturali si accostano a cenni di tradizione reinterpretata
per la nuova lettura di una cultura antica
di Elisa Ossino Studio foto di Federico Cedrone
146 ELLE DECOR
Minimalismo soft per il divano
Mondrian di Poliform, design
Jean-Marie Massaud, rivestito
in pelle (o tessuto) con schienale
e mensola laterale in olmo nero
e piedini in metallo verniciato; sopra,
sculture Koe e Kioku di Nagasawa
Kazuhito, courtesy Officine Saffi.
Come un origami moderno il tessuto
3D in lana Fold, di Siri Skillgate,
realizzato in collaborazione con
la tessitura Innvik, grazie
a un processo digitale.
Pagina accanto, essenzialit
orientale per la panca in olmo nero
Home Hotel, di Jean-Marie Massaud
per Poliform (cm 185x46,6x34h),
in dialogo con il tappeto Rugthko
appeso come un arazzo prezioso,
in lana himalayana e seta, collezione
in ed. limitata 10 by Yatzer
di CC-Tapis, da Spazio Pontaccio.
Luce sospesa Mod. 2065 disegnata
da Gino Sarfatti nel 1950
e rieditata questanno da Astep.
148 ELLE DECOR
Linee pure e funzionalit per lo
scrittoio Collector, di GamFratesi per
Porro, in legno di melo con struttura
a ponte a vista in metallo, abbinato
alla sedia Remo di Konstantin Grcic
per Plank, in frassino. Sul piano,
lampada Billy TL di Kalmar, da
Spotti, e scatola in ceramica rossa
Silo di Filippo Castellani per Incipit.
Pagina accanto, traccia un segno
grafico nello spazio la libreria
MHC.2, design Yasuhiko Itoh 1959,
limited edition della Molteni Heritage
Collection di Molteni &C, realizzata
con preziose tecniche artigianali
in iroko e pioppo impiallacciati
in teak ( 3.390); opere in ceramica
raku di N. Kazuhito e in grs di K.
Yasuhisa, courtesy Officine Saffi. A
sinistra, poltrona A.B.C.D. di Antonio
Citterio per Flexform, riedizione
tech del modello del 1996, a destra
poltrona Do-Maru in metallo,
di Doshi Levien per B&B Italia (da
1.899). Luce Spokes2 di Foscarini.
Concept essenziali, giocati
con fantasia: disegna un paesaggio
domestico di forme soft il divano
Lapis, di Emanuel Gargano e Anton
Cristell per Amura, a moduli imbottiti
in memory foam e rivestiti in pelle
old velvet beige, componibili nella
forma desiderata, classica o creativa
( 6.000 ca.). Accanto, a sinistra
poltroncina Ypsilon in sughero
e legno naturale, di Toni Grilo per
Blackcork, e al centro low table
Strato di Victor Carrasco per Living
Divani, in MDF impiallacciato di
legno di castagno (cm 139x20h,
1.458); sopra, centrotavola in
ottone quilibre di Herms, oggetti in
pietra ollare e ceramica coll. S.POT
di Maddalena Selvini. A destra,
di e15 lo sgabello Langley in rovere
cerato, design David Chipperfield,
e libreria Mate in rovere oliato,
design Florian Asche (cm 30x220h,
1.227). Lampada Moon di Davide
Groppi in carta giapponese.
INDIRIZZI A PAG. 192

150 ELLE DECOR


SOGNO
MESSICANO
SOLENNE E SEMPLICE. LINCANTO DI UNARCHITETTURA
CHE GUARDA AGLI AZTECHI E A LE CORBUSIER. LAPPRODO DI DUE
CREATIVI FRANCESI CHE HANNO CAMBIATO VITA. E ORIZZONTI
di Frank Visser foto di Mirjam Bleeker

152 ELLE DECOR


A Santa Catarina, a sud di Citt
del Messico, unarchitettura
lineare, aperta, che gioca con
lidea di incompiuto. Sullo sfondo
grandioso delle montagne,
le palme e i cespugli bruciati dal
sole si riflettono nellacqua
della piscina di cemento dipinto.
Muri di pietra, scale e terrazze
disegnano gli esterni della casa,
composta da due parallelepipedi
separati da un patio centrale.
Pagina accanto, il living rivisita
il folclore locale con un semplice
divano in muratura e un
mix & match di cuscini e tessuti.

154 ELLE DECOR


FUORI, LA NATURALE IMPERFEZIONE DEI MURI DI PIETRA IMBIANCATA
A CALCE. DENTRO, SUPERFICI RUVIDE, MOBILI VISSUTI E SPIRITO NAF

A prima vista sembra una villa modernista della met del secolo
scorso, di quelle che si incontrano spesso a Palm Springs, in California.
Ma qui siamo molto pi a sud, il confine degli Stati Uniti dietro
le spalle, e anche Citt del Messico si trova gi a unora di strada.
Fermiamo la macchina, i padroni di casa ci accolgono. Entrambi
francesi, si sono incontrati nella capitale messicana alcuni anni fa.
Avevo deciso da tempo di lasciare lEuropa per unaltra esperienza
di vita, ci dice Emmanuel Picault, interior designer e imprenditore.
Dopo gli studi di architettura e uno stage allo studio OMA
di Rotterdam volevo fare qualcosa di diverso, gli fa eco Ludwig
Godefroy, e imparare lo spagnolo.... Dal background analogo dei
due creativi fiorisce una collaborazione professionale, che si consolida
in un comune studio di progettazione di residenze, hotel e ristoranti
con base a Citt del Messico: Chic by Accident. Un nome non casuale
per una filosofia volutamente contraddittoria, dove ogni progetto
viene definito fino allultimo dettaglio ma resta comunque incompiuto,
dove limmagine sofisticata e insieme rough, precisa e minimalista
pur aspirando al coup de thtre. Questa commistione di stili
la chiave di lettura della loro casa per i weekend a Santa Catarina.
Lo stile californiano degli anni 50 stato il punto di partenza del
nostro progetto, confermano i due soci, ma poi lo abbiamo arricchito
con fonti di ispirazione differenti, dai templi aztechi dellantico Messico
alla citt di Petra in Giordania, fino a esempi tratti da Le Corbusier.
Larchitettura essenziale: due blocchi strutturali con un patio al centro.
Le grandi pietre a vista sono la sostanza dei muri, ma anche il cemento
gioca un ruolo fondamentale in un rincorrersi di piattaforme e scalinate.

156 ELLE DECOR


Poesia della semplicit, con fiori
di campo sul tavolo di cucina.
La zona cottura, pagina accanto,
un monoblocco dacciaio
anni 50 che i proprietari Emmanuel
Picault e Ludwig Godefroy,
in basso, hanno recuperato da
un vecchio ristorante.
Riflessi preziosi nella scenografia
degli interni. Sul fondo, a
contrasto con le pareti grezze, tre
grandi paraventi rivestiti in carta
foglia oro sono lo sfondo di un set
costruito con gusto teatrale, tra
mobili vintage, artigianato etnico,
oggetti darte povera e curiosit.

158 ELLE DECOR


Messico e nuvole nei riflessi
dellacqua. Dal trono in cemento
a bordo piscina si pu ammirare
il panorama inquadrato da un
cerchio-scultura. Pagina accanto,
il portale dingresso caratterizzato
dal cancello decorato con antichi
simboli forgiati nel ferro.
ATMOSFERE DLABR, SUPERFICI DURE IN CEMENTO A VISTA. E UNO SPECCHIO
DACQUA DAL FONDALE DIPINTO CHE SEMBRA FONDERSI NEL PAESAGGIO

Fino alla piscina. Emmanuel e Ludwig volevano evitare il tipico effetto


a macchia blu, estraneo al panorama. Una piscina nuova
pu risultare invadente, soprattutto nellatmosfera un po dlabr che
volevamo ottenere in tutta labitazione, spiegano. Ecco perch
abbiamo rinunciato al classico rivestimento di piastrelle azzurre
a favore di una pittura disomogenea sul fondo di cemento, molto
suggestiva. Lo specchio dacqua diventa cos un elemento decorativo
che si intona allo spirito del giardino e del panorama. La residenza
appare completamente aperta. Superato lingresso, non ci sono altre
porte o finestre: varchi tra i muri massicci scandiscono i passaggi tra
gli ambienti con solennit. Grezzi i materiali, contemporanei e insieme
primitivi. Tra soffitto e pavimento di cemento, arredi informali incontrano
grandi ornamenti teatrali, come parti di edifici, recinzioni o altri
elementi architettonici salvati dalla demolizione. Parlano un linguaggio
informale gli arredi fissi, come il divano e i letti delle tre camere,
realizzati sulla base di blocchi in muratura. Una collezione di sedie
di legno, sgabelli di paglia intrecciata, tappeti etnici e tessuti folcloristici
suggerisce unatmosfera calda e intima. Il blocco della cucina
in acciaio inox, ma un pezzo vintage, recuperato da un ristorante
degli anni 50, che si inserisce con coerenza negli interni.
Per volont dei proprietari, in questa villa prevale comunque
il lato umano. Una casa accogliente e materna quando la si vive
in solitudine, aspirando soltanto al pi puro relax. Una casa
conviviale e coinvolgente quando il momento di accogliere gli amici.
Risuona ancora leco dellultima grande festa. Quella per il matrimonio
di Ludwig con la sua fidanzata messicana.

161 ELLE DECOR


Al riparo di muri massicci,
il giardino si sviluppa su pi livelli,
tra terrazze, percorsi, aree relax
attrezzate con sedute e tavoli
per pranzare allaria aperta.
E poi, allombra della
vegetazione tropicale, dondolarsi
su unamaca nellora della siesta.
163 ELLE DECOR
BLU DAUTORE
ATMOSFERA ANNI 60 RIVISITATA NELLA VILLA A IBIZA CHE
VIVE DI SUPERFICI E COLORI ACQUATICI. UN TEMA MEDITERRANEO
CHE CITA LITALIA E IL DESIGN DI GIO PONTI A SORRENTO
di Jerome Dion foto di Matthieu Salvaing testo di Francesco Marchesi

Lingresso alla villa con la porta a


obl ispirata a Prouv e disegnata
da Djavadi. Pagina accanto, nella
sala da pranzo icone come la
seduta gialla F545 di Pierre Paulin
per Artifort, il tavolo Tulip di Eero
Saarinen, Knoll Int., le sedie di
Hans Olsen e il bianco e blu delle
piastrelle che citano Gio Ponti.

164 ELLE D ECOR


Vicino al blocco cucina in pietra
scura dello Zimbabwe, due
sgabelli in noce americano, su
disegno. Nel living spicca il verde
delle poltrone anni 60 di Pierre
Guariche per Meurop; di fianco
lampada anni 50 Mantis,
di Bernard Schottlander. Pagina
accanto, la piscina sul mare.

166 ELLE DECOR


168 ELLE DECOR
Gli spazi esterni della casa sono
arredati come salotti allaperto.
Un pergolato protegge un ampio
tavolo disegnato da Djavadi,
circondato da un gruppo di sedie
Papyrus firmate dai fratelli
Bouroullec per Kartell. Pagina
accanto, sulla terrazza, rivolti
al mare, i lettini di Gandia Blasco.
Il grande giardino ideato da Mazdak Rohani,
dello studio parigino Land8 Landscapes, crea un
insieme armonioso tra vegetazione preesistente,
nuove piantumazioni e materiali. A sinistra,
larchitetto Pascal Cheikh Djavadi autore del
progetto di ristrutturazione. Pagina accanto,
in alto le terrazze su pi livelli e, sotto, rivestita
con tessuto Kvadrat giallo lime, la poltrona
Big Tulip disegnata da Pierre Paulin, Artifort.

170 ELLE DECOR


Una residenza affacciata sul volto inatteso
di Ibiza, nella splendida quiete di uno scenario naturale
UNA VILLA-PALCOSCENICO distante dai luoghi della movida, dai ritmi mondani che nella
A PICCO SUL MARE, DOVE ANCHE bella stagione sono la colonna sonora dellisola. Ci troviamo
sulla costa settentrionale, dove negli anni 60 fiorito
IL PROGETTO DI ARCHITETTURA un grappolo di architetture residenziali immerse nella natura
DEL VERDE IN ARMONIA CON e premiate dalla vista superba, gelosamente custodite
dai proprietari. Non c da stupirsi, perci, che quando alcuni
LA NATU
NAT URA SELVAGGIA DEL LU
LUOGO anni fa una di queste abitazioni a picco sul mare stata
messa in vendita, una coppia francese alla ricerca di un
paradiso privato per il relax labbia acquistata senza indugi.
Per adattarla alle loro esigenze, i nuovi proprietari si sono
affidati allesperienza dellarchitetto franco-iraniano Pascal
Cheikh Djavadi. Uno dei progettisti pi apprezzati di Ibiza,
sottolineano, che conosce lisola come le sue tasche
e, dettaglio non meno importante, un nostro caro amico
dinfanzia. La villa richiedeva un restyling che la rendesse pi
contemporanea, senza per alterare linee e proporzioni dei
muri bianchi. Dopo nove mesi di lavori, il progetto di Djavadi
inizia a prendere forma. Il risultato uno spazio essenziale
allinterno del quale linee moderne e citazioni vintage sensibili
al fascino Sixties convivono in perfetto equilibrio. La cucina
a isola nel living open plan un monolite scuro che emerge
come uno scoglio da un fondale di ceramiche blu, un esplicito
omaggio alle geometrie e ai colori di Ponti. Lazzurro del mare
lassoluto protagonista degli ambienti, anche grazie alle
vetrate panoramiche che trasformano le onde del Mediterraneo
in uno spettacolo permanente. Proprio quello che volevamo,
continuano i proprietari, un palcoscenico essenziale proteso
verso la marina. La personalit degli interni determinata
dalle linee elegantemente rtro degli arredi che spiccano con
note vivaci di colore, come il giallo della poltrona di Pierre
Paulin o il verde di quelle di Pierre Guariche. Grande la cura
degli esterni: ampie terrazze accolgono una piscina, un living
en plein air e una zona pranzo riparata da un pergolato. Una
fantastica cornice di verde composta da un giardino di oltre
2.000 mq protegge labitazione: festa di palme, piante grasse e
vegetazione mediterranea firmata da Mazdak Rohani e dal suo
studio Land8. Per il pi verde e rilassante party dellisola.
172 ELLE DECOR
Lessenzialit di uno dei bagni,
arredato con un mobile in granito
scuro e con miscelatore
ed elementi doccia di Fantini
Rubinetti. Pagina accanto, nel
candore della camera da letto,
sono ancora gli anni 60
a suggerire le linee pure del letto
in legno disegnato da Djavadi.
Rivestimenti nel segno del design, spunti per
vivere open air, novit per larea wellness e la cucina
a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto ha collaborato Grazia Baccari

[1]

[2]

[3] [4] [5] [6]

Superfici
ci speciali raccontate con
[7] una palette
ette dalle gradazioni neutre,
illuminate
te da colori primari e pastello,
tutto by Marazzi. 1.5.7. Della
collezionene Materika il rivestimento
effetto 3D, in grigio, antracite e
beige, cm m 40x120. 3.6.9.12.
Sempre Materika ma nella versione
liscia e nelle tonalit fango e beige.
2.4.10. SistemC Citt in rosso, verde
[8]
e turchesese e in versione grafica (11)
con mosaico
saico preinciso in bianco
e nero, cm 20x20. 8. Nuance
sabbia per SistemN, cm 15x60.
[9] Sopra, sottili bacchette ColorUp e tre
lampadee da tavolo Lucenera 400
di Catellani&Smith.
lani&Smith. www.marazzi.it
www.catellanismith.com
tellanismith.com

[11]

[10]
Styling Stefania Vasques, foto Andrea Garuti

[12]

175 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS&BEAUTY

Lidromassaggio small size, lattrezzo


per una postura perfetta. Complementi
e accessori vanitosi bianco assoluto

Lineare ed elegante. Playa, la piscina a idromassaggio, Vanit a tutto tondo.


rivoluziona il concetto di benessere. Grazie al formato (da Spin di Riflessi uno
cm 220x220) posizionabile in ogni ambiente: dentro specchio con cornice
o fuori. Interno in Trevira spalmato in Pvc; esterno effetto in resina e fibra di vetro,
intreccio, di Piscine Laghetto. www.piscinelaghetto.com con finitura soft touch,
proposto nella versione
da 1 metro di diametro,
in 3 colori, da posizionare
a totale piacimento.
www.riflessi.it

ArchitectsPartyAward.
Imperdibili appuntamenti
il 5-6-7 luglio a Venezia,
e con le ArchichefNights
il 21 giugno a Belgrado,
al ristorante Homa.
E poi, il 12 luglio a Londra.
www.towant.eu
In forma zen. Oltre 200 esercizi per la forza,
la flessibilit e lequilibrio. Kinesis Personal
di Technogym, nata dalla collaborazione tra
il Centro Ricerca e Antonio Citterio, offre tutto
questo in meno di 1mq. www.technogym.com

Un tangram in bianco. Mario Ferrarini


firma Tabula per Antonio Lupi, una serie
di accessori slim in dimensioni e forme
diverse, da usare singolarmente o da
abbinare tra loro. Quadrati o rettangolari.
www.antoniolupi.it +elledecor.it

176 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/FOOD&KITCHEN

Racconti in cucina,
elettrodomestici da chef
anche per interior
dallestetica super stylish

Operativit a 360. Logica 2.2 di Valdesign, finitura


fashion wood carbone, una cucina componibile
con capienti colonne centrali, che svelano allinterno
un vano per riporre tutto sui ripiani in vetro. Basi
caratterizzate da un top in marmo Emperador
e, a contrasto, la gola e lo zoccolo sono in ghisa
laccata. www.valdesigncucine.it +elledecor.it A tavola con Italo Calvino.
Alice Schillaci reinterpreta
le Fiabe Italiane dello scrittore
(sopra, I Dodici Buoi)
e le riporta su venti tablecloths
in lino di cm 60x45, ricamate
sapientemente a mano.
Ogni mattina una storia diversa.
www.casalingheditokyo.com

Freddo professionale.
In total look acciaio il
side by side ICB648PROG
di Sub-Zero distribuito
da Frigo 2000. Doppia
porta e doppio sistema
di refrigerazione per una
migliore conservazione
del cibo. In pi, 4 cassetti.
www.frigo2000.it

Rosso inconfondibile. Berkel propone anche per la dimensione domestica


il suo inossidabile know how: Red Line unaffettatrice di linee pulite,
massima funzionalit/precisione e basta un semplice gesto per la pulizia:
spostando una leva il piatto pu essere rimosso. Misura cm 58,5x32x39,5h
e si acquista anche online a euro 790. www.theberkelworld.com

178 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Soluzioni e proposte in grande stile per una stagione


da vivere outdoor o per interni etno-chic

Escursioni di classe.
Per passeggiate
notturne o per una luce
in pi in giardino:
lampada portatile
Firefly di Alexander
hnebrink per
De Padova, a batteria
ricaricabile, con
Un living en plein air. In giardino dalla mattina alla sera, senza soffrire il caldo, temere rivestimento in pelle.
la pioggia o lumidit: Kedry Plus di KE, una pergola in alluminio con il tetto a lame www.depadova.com
orientabili, motorizzato, con i sensori che le azionano a seconda delle condizioni
climatiche. Illuminato a Led, possiede anche un sistema audio. www.ke-outdoordesign.com

Una pietra ricercata, il diaspro, la nuova proposta


di Antolini nella collezione Jasper Precioustone
(qui la variante Ivory), linea di rivestimenti preziosi
e rari per creare pareti che danno carattere
a ogni ambiente. www.antolini.com

Un insolito mosaico in tessere di ceramica handmade:


Plumage lultima creazione di Cristina Celestino,
realizzata grazie al lavoro di Christian Pegoraro,
fondatore di Bottega Nove. Un decoro 3D
di grande impatto visivo. www.botteganove.it

180 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Una terrazza nel cuore di Milano gioca tutto sulla trasparenza,


in uno spazio senza soluzione di continuit che sceglie la semplicit
come losoa. Tra vetro e acciaio, sospesi sulla citt

LA TERRAZZA Dreaming
under the sky. Un vero
appartamento en plein air,
con zona pranzo, living,
ma anche una cucina outdoor
e una maxivasca per un relax
totale. Una creazione
di Santambrogiomilano che
ha come protagonista
il vetro di Saint-Gobain Glass,
nata da unidea di Carlo
Santambrogio con Ennio Arosio
che si pone come sviluppo
del progetto Simplicity.
www.santambrogiomilano.com,
it.saint-gobain-glass.com

182 ELLE DECOR


INSII DE DESIGN/LIGHTING
INS

Creativit a 360 per la luce 2016,


che sceglie il bianco totale o formati extra large, modularit
su misura e materiali innovativi per loutdoor
a cura di Tamara Bianchini testi di Grazia Baccari

[1]

[2]

[3]

[4]

1. Nebra di Sebastian Herkner per FontanaArte: a Led, cm 24,


da montare singola o su rosoni da 4 o 6 pezzi per composizioni uniche.
www.fontanaarte.com 2. Pandora, sospensione di Ideal Lux in metallo
con finitura opaca e interno in smalto; cm 25 ( 230). www.ideal-lux.
com. 3. Kirk unisce eleganza e tecnologia, vetro veneziano handmade e [5]
luci a Led; disegnata da Manuel Vivian per Masiero, cm 24x21x24h. www.
masierogroup.com 4. Je Suis, marmo bianco di Carrara con diffusore
in vetro soffiato bicolore, di Carlo Colombo per Penta, anche
con base in rovere; cm 158 o cm 60h. www.pentalight.it 5. Caveau,
di Marco Pagnoncelli per Icone Luce, un disco sottile a parete (mm 6)
automatizzato per aprirsi (on) e chiudersi (off). www.iconeluce.com

185 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIGHTING
INS

Oversize, modernissime: per essere


protagoniste scenograche e luminose dello spazio
spaz

[1]

[2]

[3]

1. Tim, enorme goccia luminosa di Olgoj Chorchoj per Bomma,


in cristallo; cm 45/55/70h. www.bomma.cz 2. Acqualuce
creata con elementi in vetro soffiato tubolari e sottili che
si allungano flessuosi nello spazio, illuminati da Led; di Diego
Chil per Leucos. www.leucos.com 3. Mesh, di Francisco
Gomez Paz per Luceplan, ha cavi leggeri che ospitano sorgenti
Led; un dispositivo controlla lintensit della luce e i settori
da illuminare. www.luceplan.com. 4. Charlotte diffonde una
luminosit morbida grazie alla lavorazione effetto nido dape;
di Doriana e Massimiliano Fuksas per Slamp, in materiali
techno, cm 90x90x110h ( 2.800). www.slamp.com/it/

[4]

187 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIGHTING

Composizioni libere, a misura di luogo.


Progetti hi-tech e creativi come installazioni darte

[1]

[3]
[2]

[4]

1. Infra-Structure reinterpreta secondo Vincent Van Duysen una delle cifre tipiche del Bauhaus; di Flos, si compone
di una struttura tubolare a rete sulla quale montare faretti o diffusori rotondi a Led. www.flos.com 2. Archetto Twist,
progettato da Gianfranco Marabese per Antonangeli, un profilo di luce continua a Led che consente composizioni con
linee curve o rette, a parete o incassate. www.antonangeli.it 3. Calabrone un modulo in alluminio di cm 160, arricchito
da 4 spot a Led direzionabili; di Emiliana Martinelli per Martinelli Luce. www.martinelliluce.it 4. Alphabet of Light,
innovativo linguaggio di luce proposto da BIG per Artemide; un sistema infinito per scrivere o giocare. www.artemide.com

189 ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIGHTING

Illuminare le notti destate con lampade di tendenza


per fare atmosfera anche outdoor

[2]

[1]

1. Lantern, di Fabio Novembre per


Kartell, portatile a Led in 5 colori:
Ambra, Cristallo, Rosso, Glicine,
Fum. www.kartell.com 2. One,
in acciaio, dal design lineare, in tre
misure; di Brogliatotraverso per
Torremato. www.torremato.com
3. Sole, sfera da terra in materiale
plastico bianco opaco; di Ideal Lux,
Big (in foto, cm 48x48h, 200),
Medium o Small. www.ideal-lux.com
[6] 4. Mais plus que cela je ne peux
pas, di Rudy Ricciotti per Nemo, una
sezione di putrella; cm 14x35x14h
www.nemolighting.com 5. Porto,
in ferro anticato e vetro, a Led
( 705); di Il Fanale, cm 22x62h.
www.ilfanale.com 6. Casting,
[3] di Vincent Van Duysen per Flos,
in bronzo, cemento, ghisa o
alluminio rivestito; cm 25x18x32h.
[4] [5] www.flos.com

191 ELLE DECOR


DOVE & COME

A Devon & Devon Milano, Giussano (MB), X


Abet Laminati via S. Marco 38, Milano, tel. 389.5198008, tel. 0362.3591, Xera Cucine
viale Industria 21, tel. 02.8361129, www.incipitlab.com n. verde 800.387489, per informazioni,
Bra (Cn), www.devon-devon.com www.molteni.it www.xeraonline.com
tel. 0172.419111, K Moooi
www.abet-laminati.it E Kartell Breda, (NL), I progettisti
Amura e15 via delle Industrie 1, www.moooi.com
s.s. 96 km 96+800, distribuito da Canova, Noviglio (Mi), IL SEGNO ORIGINALE
Grumo Appula (Ba), via Tortona 31, Milano, tel. 02.900121, N DI PAOLA NAVONE
tel. 080.6180101, tel. 02.83249690, www.kartell.it Nilufar Paola Navone - Otto,
www.amuralab.com www.e15.com, Knoll International via della Spiga 32, via Tortona 31 Int. 26,
Artifort www.canovamilano.com p.zza Luigi Bertarelli 2, Milano, tel. 02.780193, Milano, tel. 02.58104926,
www.artifort.com Milano, www.nilufar.com www.paolanavone.it
F tel. 02.7222291, Nya Nordiska Italia Stefano Baccari Studio,
B Fantini www.knoll-int.com viale F.lli Rosselli 16, Landscape & garden Design,
B&B Italia via M. Buonarroti 4, Como, tel. 031.576133, Milano, tel. 02.48194360,
Strada Provinciale 32, Pella (No), L www.nya.com www.studiobaccari.com
Novedrate (Co), tel. 0322.918411, La Rinascente Design RITORNO AL FUTURO
n. verde 800.018370, www.fantini.it Supermarket O MORQ Architecture,
www.bebitalia.com Flexform piazza Duomo 7, Milano, Officine Saffi mail@morq.it, www.morq.it
Blackcork via Einaudi 23/25, tel. 02.88521, via Aurelio Saffi 7, SOGNO MESSICANO
Abrantes, Portugal Meda (MB), www.designsupermarket.it, Milano, Emmanuel Picault e Ludwig
www.blackcork.pt tel. 0362.3991, www.larinascente.it tel. 02.36685696, Godefroy - Chic by Accident,
www.flexform.it Living Divani www.officinesaffi.com www.chicbyaccident.com
C Foscarini Strada del Cavolto, Opinion Ciatti BLU DAUTORE
C C-Tapis via delle Industrie 27, Anzano del Parco (Co), via di Prato 80, Pascal Cheikh Djavadi -
via San Simpliciano 6, Marcon (Ve), tel. 031.630954, Calenzano (Fi), Atelier Arcos Architecture,
Milano, tel. 02.89093884, tel. 041.5953811, www.livingdivani.it tel. 055.887091, 60 rue Haxo, 75020 Paris,
www.cc-tapis.com www.foscarini.com www.opinionciatti.com t. +33.1.53391600, arcosar-
Cappellini M chitecture.fr/agence.php
via Busnelli 5, Meda (MB), G Maddalena Selvini P Mazdak Rohani, studio
tel. 031.759111, Gandia Blasco via Casentino 3, Pedrali Land8, 30 rue de la Reine
www.cappellini.it Valencia, (E), Milano, s.p. 122, Mornico al Serio Blanche, 75013 Paris,
Cassina per informazioni, tel. 380.3113179, (Bg), tel. 035.8358810, tel. +33.1.43370758,
via Busnelli 1, Meda (MB), www.gandiablasco.com www.maddalenaselvini.com www.pedrali.it ww.land8.fr
tel. 0362.3721, Gervasoni Maruni Plank
www.cassina.it viale del Lavoro 88, Pavia Hiroshima, Japan, via Nazionale 35,
di Udine (Ud), www.maruni.com/en Ora (Bz), Precisazioni
D tel. 0432.656611, Mattiazzi tel. 0471.803500,
Davide Groppi www.gervasoni1882.com via Sottorive 19, www.plank.it
via Belizzi 22-20/A, San Giovanni al Natisone Poliform
Piacenza, H (Ud), via Montesanto 28,
tel. 0523.571590; Herms tel. 0432.757474, Inverigo (Co),
Spazioesperienze, via Pisoni 2, Milano, www.mattiazzi.eu tel. 031.761466,
via Medici 13, Milano, numero verde 800.548155, Mdf Italia www.poliform.it
www.davidegroppi.com www.hermes.com via Morimondo, 5/7, Pols Potten
De Padova Milano, tel. 02.81804100, per informazioni,
via Santa Cecilia 7, I www.mdfitalia.it www.polspotten.nl
Milano, tel. 02.777201 Incipit Lab Molteni&C Porro
www.depadova.com via Bernardino Telesio 20, via Rossini 50, via per Cant 35,
Montesolaro (Co),
tel. 031.783266,
www.porro.com
PSLab
per informazioni,
www.pslab.net _La libreria Golden Cage,
pubblicata a pag. 72
Dal 25 giugno in edicola con GENTE R di Elle Decor n. 5/2016,
troverete lultima uscita della collezione Redaelli nel servizio Celebrities
SALVA AROMA Snips: limperdibile via Brianza 4, in Laguna, disegnata
Salt container, il pratico contenitore Lurago dErba (Co), da Vincenzo De Cotiis
decorato ideale per conservare sia sale tel. 031.607336, prodotta da Ceccotti
grosso sia sale fino. In materiale www.ivanoredaelli.it Collezioni, in due misure:
atossico, lavabile in lavastoviglie e con cm 120x80x200h,
capacit 1 litro, 100% made in Italy. S o cm 90x70x200h.
A SOLI 4,90 IN PI. Servomuto Per informazioni,
Sempre con GENTE potrete trovare per informazioni, www.ceccotticollezioni.it
anche il Maxi Ice Container, un capiente www.servomuto.com
contenitore milleusi con due tavolette Siri Skillgate _Le piastrelle Sync
refrigeranti, perfetto per conservare gli per informazioni, skillgate.se in grs porcellanato,
ingredienti di un picnic o di una grigliata. Spotti fotografate a pag. 278
A SOLI 12,90 IN PI. v.le Piave 27, Milano, di Elle decor n. 5/2016,
tel. 02.781953, sono di Iris Ceramica.
www.spotti.com www.irisceramica.it

192 ELLE DECOR


n.b. Giugno Mostre, fiere,
appuntamenti e vernissage
a cura di Piera Belloni
Massimo Vitali,
Palermo. Mondello
beach, 2007

The Menil Collection, Houston, 1982/1987,


Renzo Piano Building Workshop

Fotografia a Roma 40 autori e 150 immagini per raccontare


il nostro Paese: Mimmo Jodice, Luigi Ghirri, Massimo Vitali,
Armin Linke, Giovanni Gastel fra gli altri firmano il percorso
di Extraordinary Visions. LItalia ci guarda, al MAXXI fino
al 23/10. www.fondazionemaxxi.it Storie di progetto
a Londra Con Engineering the World: Ove Arup and the
Philosophy of Total Design, il V&A rende omaggio al pioniere
dellingegneria davanguardia. Lo strutturista che ha ideato
capolavori come lOpera di Sydney o il museo The Menil
Collection di Renzo Piano. Dal 18/6 al 6/11, www.vanda.ac.uk
Art Basel 2016 Sono circa 300 le gallerie presenti alla
grande kermesse di arte dal 900 a oggi. Con proposte storiche
o inedite, edizioni limitate e opere di maxi formato della
sezione Unlimited, create da autori quali El Anatsui, Paul
McCarthy, Ding Yi. Messe Basel, dal 16 al 19/6, www.artbasel.
com Tokyo a Holon In occasione di Nendo: the Space in
Between, il Design Museum ha chiesto allo studio giapponese
un inedito: una mini collezione di paraventi in vetro e pietra
(creati con Glas Italia e Caesarstone). In mostra con altri 80
pezzi, fino al 29/10. www.dmh.org.il +elledecor.it Lavori su
carta a Milano Una piccola, deliziosa mostra dedicata
Francesco Pino, Fondazione Renzo Piano, 2009, courtesy Fondazione Renzo Piano

a Sol LeWitt: acquerelli, disegni, e 3 progetti di Wall Drawings.


Studio G. Visconti, fino al 25/11. www.studiovisconti.net
Courtesy Waldburger Wouters gallery, Brussels - Masayuki Hayashi

Ding Yi, Appearance


of Crosses, 2016

Oki Sato/Nendo, vasi


Thin Black Lines

ol LeWitt, Geometric
Sol
figure,
gure, 1997

193 ELLE DECOR


Elle Decor Italia
International
subscription
Starting from today, you can finally subscribe
to Elle Decor Italia and bring italian style
& design into your home wherever you are...

5 good reasons to make


your choice...
1. Every month you will receive your favourite magazine.
2. It will be despatched directly to your home.
3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands
kilometers away, any place becomes easy to reach.
4. You can take a glance at Italian style, color and warmth.
5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news
about design and interior design. But there is more:
new life-styles, famous people and emerging personalities,
art and whatever is related to interiors.

NEW! The subscription also includes browsable digital edition.


So you can now read Elle Decor Italia, including back
issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style


has no boundaries
35% discount if you subscribe to Elle Decor italia online
Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site
www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount:
1 year
10 issues for only 29,25
plus shipping charges.
JUNE 2016

The cover

by Rosaria Zucconi
photos by Max Zambelli
words by Doriana Torriero
In Rome, a home from the thirties
is given a contemporary
makeover with a project
by MORQ Architecture. In the
bathroom, clever use of materials
and textures; the basin
is in basalt stone and iron.

English text
34 Looking East. 61 Analogia Project. 67 Museums on display.
73 A portrait in green. 79 Whats next. 91 Hi-tech emotions.
97 Creative city. 103 Bed & Bread. 108 Franciacorta on tour.
122 When creativity trascends all boundaries. 134 Back to the future.
152 A mexican dream. 164 Original blue.
195 ELLE DECOR
CONTENTS OF THE ISSUE

p. 34 As a child, he drew trees


LOOKING EAST with a passion. All his plant
by Valentina Raggi and knowledge stems from
Filippo Romeo experience in the field.
His projects are woven like
Western creativity is looking landscaped canvases. We
to the Land of the Rising Sun meet Marco Bay, landscape
for inspiration, homages architect and gentleman
and collaborations. Revealing
the desire for zen calm p. 79
and sobriety WHATS NEXT
by Laura Maggi
p. 61
ANALOGIA PROJECT A book that tells us the Japan today p.144
by Paola Carimati tale of yesterdays success
photos by Nathalie Krag stories and wonders what
will happen tomorrow. p. 103 Re-inhabiting the same space
A place suspended in time: Featuring Giulio Cappellini BED & BREAD twenty years later.
the workshop of Emilia Serra and his tour into the by Francesca Benedetto In Rome, a house from 1933
and Andrea Mancuso. world of design. Eclectic photos by reinterpreted with a
Just a stones throw from and coherent Alessandra Ianniello/Living contemporary twist thanks to
the Darsena in Milan. Inside a project from MORQ
A few square metres where p. 91 Architecture
the history of architecture HI-TECH EMOTIONS Sleeping in an early 20th
becomes design by Porzia Bergamasco - photos century building in the heart p. 144
by Valentina Sommariva of Brera. In Milan, Locanda JAPAN TODAY
p. 67 Pandenus is devoted to those by Elisa Ossino Studio
MUSEUMS ON DISPLAY Innovation, research who like to feel at home, photos by Federico Cedrone
by Sebastiano Brandolini and eco consciousness. even when travelling
in collaboration But also creativity and taste Linearity of design, lightness
with Piera Belloni for challenges. Rimadesio p. 108 and natural textures merge
photos by Andrew Meredith celebrates 60 years of career. FRANCIACORTA ON TOUR with an idea of tradition,
Thinking about the future by Rosaria Zucconi reworked in a new
From the extension of the Tate photos by Settimio Benedusi interpretation of an ancient
Modern in London to the p. 97 culture
Schaudepot in Weil am Rhein, CREATIVE CITY Its the event of the summer.
then as far as Denmark and by Piera Belloni The work The Floating Piers, p. 152
Canada. Four newly opened by the New York-based A MEXICAN DREAM
design projects by Herzog & Designated Italian Capital Bulgarian artist, will offer up by Frank Visser
de Meuron, OMA and MVRDV of Culture 2016, Mantua a once-in-a-lifetime emotion: photos by Mirjam Bleeker
is a must-see destination, walking on water. The
p. 73 with music and dance opportunity for an exciting Solemn and simple. The
A PORTRAIT IN GREEN festivals, art exhibitions and tour of Franciacorta, land charm of architecture that
by Rosaria Zucconi installations. And a home of the worlds most popular looks to the Aztecs and Le
photos by Nathalie Krag design exhibition with Italian bubbles Corbusier. The landing place
words by Flavia Giorgi Elle Decor as media partner of two French designers
p. 122 who have changed their lives.
WHEN CREATIVITY And their horizons
TRANSCENDS
ALL BOUNDARIES p. 164
by Rosaria Zucconi ORIGINAL BLUE
photos by Enrico Conti by Jerome Dion
portrait by Settimio Benedusi photos by Matthieu Salvaing
words by Francesco Marchesi
Paola Navones original
touch in her holiday hangar 60s style with a twist in this
in Milan Ibiza villa with its aquatic
surfaces and tones. A
p. 134 mediterranean Vibe with
BACK TO THE FUTURE a nod to Italy and Gio Pontis
by Rosaria Zucconi Sorrento masterpiece
photos by Max Zambelli
words by Doriana Torriero
Analogica project p. 61

196 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

Looking East p. 34

Looking East p. 34 the allure of kimonos and floral prints in their spring-summer 2016
by Valentina Raggi and Filippo Romeo collection. The silver screen is also contributing to the urge for all
things Far Eastern, from Gus Van Sants recent film The Sea of
Western creativity is looking to the Land of the Rising Sun Trees to Ghost in the Shell by Rupert Sanders (to be released in
for inspiration, homages and collaborations. 2017), a Hollywood remake of a cult manga.
Revealing the desire for zen calm and sobriety

Getting far away: thats the urge behind the latest creative Analogia Project p. 61
expressions, which are all moving towards one destination: by Paola Carimati photos by Nathalie Krag
Japan. The allure of an age-old culture reinterpreted by the
western world in a super contemporary version. This is the latest A place suspended in time: the workshop of Emilia Serra
response to the desires of a world seeking to rebuild the people- and Andrea Mancuso. Just a stones throw from the Darsena
nature partnership in order to find a bit of peace. Lets start with in Milan. A few square metres where the history
design: Israeli star designer Ron Arad is creating three jewellery of architecture becomes design
collections for the Louisa Guinness Gallery in London, whose
colours, shapes and materials strongly evoke aspects of the In Milan, close to the Darsena, the shop window hides a tiny
Japanese art of glassmaking. Then the western label Gebrder workshop. This is the studio of Analogia Project, aka Emilia Serra
Thonet Vienna GmbH (GTV) has invited an oriental designer to and Andrea Mancuso. Both graduates from Sapienza in Rome,
add an exotic touch to their catalogue. And Swiss interior design they met in London, at the Royal College of Arts, in 2008 and
company Atelier O is paying homage in a way that is as a few years later they decided to collaborate, working on
instructive as it is innovative, with the striking aerial installation contamination between different disciplines such as art, cinema,
Honminoshi Garden, on display in Milan and Venice: a cloud of graphics and architecture. In their workshop, technology
leaves made of paper. References to Japan are frequent in art, embraces craftsmanship to give a contemporary makeover to
as well. Les Veilleurs by French artist Jos Lvy, is a 7-metre high archaeological finds: busts, capitals, and domes become lights
samurai-lantern made of rice paper. Moving up in size, the and furniture, produced both in limited editions and industrially.
swimming pool designed for the Alfriston girls school by London It all started in 2011, says Emilia, when we took part in the
studio Duggan Morris Architects is an architectural jewel: it is exhibition A Few Friends with Wool Installation, an invisible
a concrete building with a roof made of sound-absorbing wood cobweb made of nylon threads, in which floated tables,
panels, with strong echoes of Buddhist temples and origami. chairs, and lamps in black woollen yarn. This installation travel
In Paris, the Grand Palais has also been transformed into zen the world, turning them into stars of the design scene.
architecture: the Chanel fashion house has built a Japanese- There is always something unfinished, unexpressed, in the way
inspired pavilion for their spring-summer show this year, with they work. As if chance played its own part. The shapes of the
water lily ponds and exotic miniature gardens, beneath Blooming vases for example, is not designed but random,
a contemplative false sky. Dolce&Gabbana are also leaving unpredictable, because it is caused by the explosion of the
behind the images of the south of Italy, which are giving way to gunpowder inserted into the pottery. They have also created the

197 ELLE DECOR


room screen Where the rain stops and the Pantheon Pantheoff are woven like landscaped canvases.
lamp, inspired by the majesty of the dome on the Pantheon. Their We meet Marco Bay, landscape architect and gentleman
procedure is surgical abstraction of elements from the past,
moving skilfully in the world of classics to contaminate the best of We dont do rendering in this studio. A computer-developed
design. Cultured, highbrow, sophisticated explanation that leaves image communicates the perfection of technique, but does not
no room for approximation. www.analogiaproject.com express sentiment. I feel attached to the emotional values of
plants and freehand drawings restore humanity to a vital
relationship. We listen to the words of landscape architect
Museums on display p. 67 Marco Bay, guests in his Milan-based headquarters. There exists
by Sebastiano Brandolini photos by Andrew Meredith in collaboration a fragile yet all-powerful nature of the place that must be listened
with Piera Belloni to, he continues. My projects negotiate what already exists
naturally and must be interpreted in a new way, the character of
From the extension of the Tate Modern in London the architecture and the clients personality. Landscape architects
to the Schaudepot in Weil am Rhein, then as far as Denmark must dialogue with the genius loci and aspire to produce
and Canada. Four newly opened design projects a landscape intended as a continually evolving work of art. The
by Herzog & de Meuron, OMA and MVRDV rooms of his studio are not home to an indoor forest, but there are
continual references to nature. Like his drawing board, resting on
Museums: what are they today? So many of them are being built, huge trunks of cedar wood. But above all there are the photos,
everywhere and about any subject... Then again, if they have also big black and white botanical subjects taken by Bay himself.
been designed by a famous architectural firm, then their commercial, His artistic side meets a more practical one when he uses photos
media and cultural success almost becomes a foregone conclusion. taken on the site of the future project as the black&white base for
Lets start with London: the extension of the Tate Modern by Herzog his colour sketches. While this is the preliminary stage for a pro,
& deMeuron (HdM) is a rather Deconstructionist tower made of the final phase at times responds to a wider desire. Garden
bricks elegantly glued to the back of the former industrial aesthetics follow new ideas of space, with formal elements such
parallelepiped which was transformed into a gallery in 2000. The as hedges and tree-lined paths, surrounded by a contrasting wild
Switch House tower is 65 metres high and will be officially opened garden of woods and prairies, explains Bay. The contrast
on 17 June. Jasper Morrison also worked on the interiors and the between formal and informal garden changes over time.
prestigious Vogt studio from Zurich helped design the external areas. Our remit is to provide input, then we become merely onlookers
With its 5 million-strong annual visitor flow, the Tate Modern is proof because it is Mother Nature, not man, who decides her
that the museum is a mundane location; its true competitors are landscape. www.marcobay.it
shopping centres and stadiums. Nick Serota, director of the Tate as a
cultural brand, explains: We will be creating a museum for the 21st
century that reflects a truly international vision of art; this fascinating Whats next p. 79
public building will bring a new dimension to the cultural life of the by Laura Maggi
United Kingdom. Another building designed by HdM and opened
on 3 June, is the Schaudepot in the Vitra Campus near Basel. Here A book that tells us the tale of yesterdays success stories
complexity is replaced by simplicity: a schematic warehouse in and wonders what will happen tomorrow. Featuring
plasterwork, featuring a warm red brick exterior and a cold total Giulio Cappellini and his company plan. The most eclectic
white interior. It will host the Vitras permanent collection, with over and coherent design factory of the last 30 years
7,000 design objects acquired as the result of purchases and
legacies; there will also be a small space for temporary exhibitions. The story of thirty years of design told in less than 200 pages
There are another two interesting recent museums which also and just as many photographs: the book in question is
deserve a mention. In Quebec City, Rem Koolhaas/OMA built the Il metodo Cappellini. Il sogno declinato, the story of
Muse National des Beaux-Arts du Quebec, approximately 12,000 Giulio Cappellini, architect, entrepreneur, talent scout. The cover
m2 dedicated to the regions art, to be officially opened on 24 June. features a flamboyant question mark because, as it states,
The MVRDV studio would appear to have played every single trick The book ends with Whats next?, because our story doesnt
in the book of modernity. At the moment, their Ragnarock (Rock end here, but instead wonders what will happen in the future.
Museum, Roskilde, Denmark) only spans 3,000 m2, but to make up The past, which since 1980 has witnessed Cappellini
for it, it is covered in gold and features a horizontal mega-overhang. International climb the ladder of success worldwide, is studded
It was opened in April. with important meetings: Shiro Kuramata, Jasper Morrison,
but also the Bouroullec brothers, Nendo, Patrick Norguet,
to name but a few. With many of them an intense relationship
A portrait in green p. 73 was formed, because in order to create good designs, there must
by Rosaria Zucconi photos by Nathalie Krag be a certain feeling: the designer needs to understand the
words by Flavia Giorgi companys requirements and the company must leave him the
freedom he needs, it tells us. In the Cappellini catalogue,
As a child, he drew trees with a passion. All his plant furniture and products which appear to belong to opposite ends
knowledge stems from experience in the field. His projects of creativity sit side-by-side, based on extremely strong, different

198 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

styles because, as Cappellini tells us, I like working on a


multi-cultural container. But I am proud of what I call the
company plan: managing to design the entire production of a
brand with a coherent spirit, a dilated plan that is not simply
linked to the individual product. Il metodo Cappellini. Il sogno
declinato by Francesca Serrazanetti, pg. 192, euro 35.00,
Mondadori Electa

Hi-tech emotions p. 91
by Porzia Bergamasco photos by Valentina Sommariva

Innovation, research and eco consciousness.


But also creativity and taste for challenges.
Rimadesio celebrates 60 years of career.
Thinking about the future

Some people try to hide their age as the years roll by, but this does
not apply when the one turning those calendar pages is a company
that can consider the passage of time a feather in its cap. And this
is the case for Rimadesio, known for its systems and elements for
partitioning space and for its decor and furnishings for living and
sleeping areas. In 2016, it is celebrating its 60th anniversary and
has decided to blow out the candles with four eccentric meetings in
its showroom in Milan, welcoming the wider public in the company
Museums on display p. 67
of a musician, Joan As Police Woman, a philosopher, Matteo
Nucci, a yachtsman, Giovanni Soldini and an astronaut, Maurizio
Cheli. The choice of the four ambassadors who, with their personal
activities and attitudes, reflect the characteristics of Rimadesio,
unravels a tale that is not based on historical milestones, but on
seeking new sources of inspiration. I like to think that there is still
something to be invented every day. Getting older means being
able to increase investment in research and communication,
explains the CEO Malberti, referring to the progressive
development of facilities for the self-supply of electricity at the
companys headquarters. Environmental awareness that has grown
spontaneously, refining the technological know-how developed
since the very beginning focusing on the production and
processing of flat glass and, later, aluminium, core materials in the
collections designed by Giuseppe Bavuso. www.rimadesio.it

Creative city p. 97
by Piera Belloni

Designated Italian Capital of Culture 2016, Mantua


is a must-see destination, with music and dance festivals, art
exhibitions and installations. And a home design exhibition
with Elle Decor as media partner

Mantua, the Italian Capital of Culture, is organizing its special


year by hosting a great variety of contemporary creative
activities. The city of Gonzaga has an illustrious past, but it has Hi-tech emotions p. 91
also invested effort and resources in hi-tech areas and is offering
itself up as a huge open-air laboratory. Among the series of
events taking place up until the first few days of 2017 is the
monumental sculpture Vortici by Idetoshi Nagasawa in the
historic setting of Piazza Castello. Then theres Quadri da

199 ELLE DECOR


unesposizione (Pictures at an Exhibition) at Palazzo Pandenus (from the Lombardy dialect for walnut bread)
Te, in which Stefano Arienti will curate the installation of over opened in 2007, the brainchild of Filippo Lecardane,
250 works from the buildings storage depots (until 26/6). a young entrepreneur with a passion for bread,
The historic and the contemporary also meet in the exhibition who decided to bring a more international concept of
Abitare Gonzaga 2016. Arte, design e spazi domestici a the bakery to Milan. The environment is inviting and carefully
confronto con il passato (Gonzaga Home 2016. Art, design finished, and the homemade and always super fresh
and living spaces in comparison with the past), with Elle Decor as products are prepared in the kitchens at the back using
a media partner, curated by Giampaolo Benedini. The exhibition select ingredients. The formula took off and,
constructs the imaginary setting of an apartment belonging to an with the help of partners Giuseppe Galliano and Gianluca
imaginary descendant of the ducal family, with furniture and Moroni, three other addresses in Milan were
dcor by some of todays most acclaimed designers. The opened in just a few years, while new
exhibition area is inside the Palazzo Ducale, but has its own openings were planned for other Italian cities.
independent entrance from the palaces 15th century botanical A new opportunity came in 2015: an apartment was vacated
garden, the Giardino dei Semplici (www.abitaregonzaga2016. above the premises in Largo La Foppa, Brera,
it). The list of events does not end here: also in the Palazzo Te, and the idea of a little bed & breakfast took shape,
from 11/6, is the first stage of a project by Cristiana Collu, Un thanks to the design by Giuseppina Motta, from Mpa architetti.
sogno fatto a Mantova (A Dream from Mantua), The Locanda is today home to two separate rooms
with high impact visual effects interacting with with spacious bathrooms. The interiors are marked by
the architecture. And still in the same building, from 26/6 herringbone parquet, with made to measure furnishings
Brian Eno is staging 77 Million Paintings for Palazzo Te combined with design accessories and lamps. It is an all-round
in which he illuminates the faade of the building concept of hospitality, catering for those who like
with continually shifting images, until 17/7 to feel at home even when travelling, Filippo Lecardane
(www.centropalazzote.it). July will see the inauguration tells us. That is why at seven o clock every morning
of the Arcipelago di Ocno by Joseph Grima, built with each guest receives a hamper with their favourite newspapers
sustainable and recycled materials. The local creative scene is and warm croissants from the bakery below.
buzzing: stay tuned! www.mantova2016.it Locanda Pandenus, piazzetta Guido Vergani 5, Milan
www.pandenus.it/locanda

Bed & Bread p. 103


by Francesca Benedetto photos by Alessandra Ianniello/Living Inside Franciacorta on tour p. 108
by Rosaria Zucconi photos by Settimio Benedusi
Sleeping in an early 20th century building
in the heart of Brera. In Milan, Locanda Pandenus Its the event of the summer. The work The Floating Piers,
is devoted to those who like to feel at home, by the New York-based Bulgarian artist,
even when travelling will offer up a once-in-a-lifetime emotion: walking on water.

Franciacorta on tour p. 108

200 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

The opportunity for an exciting tour of Franciacorta, land the theory of the accident - she confesses- imperfection is a
of the worlds most popular Italian bubbles quality, it stimulates and amuses me. I love taking risks. When
they forbid me to create a real garden in front of the entrance,
One things for sure, Nando Soardi, a fisherman from I called my landscape artist friend Stefano Baccari and together
Monte Isola, would never have imagined walking on the water we invented the blue bidon garden. The issue of the
of Lake Iseo to reach the mainland. Yet from 18 June to 3 July reconstruction of the roof reared its head. A careful engineering
he will be able to do exactly that, as will more than 500,000 project gave it a new zinc cover, which slopes down creating five
visitors expected from all over the world. vertical portals, two side terraces and plenty of light and silence.
The person behind this miracle is the New York-based I took some time before moving in. I felt the need to take
Bulgarian performance artist Christo, known for having wrapped possession of the environment gradually. But it still appeared
monuments and natural scenery, with his installation harsh to me, unwelcoming... I wanted natural, poetic, light
The Floating Piers. But while Christos work is an emotion to be elements. So I came up with a staircase that wound around a tree
seized on the fly, nearby Franciacorta is a discovery on a much trunk and I drew white polka dots on the trunk and under
deeper and longer-lasting scale. During the 15-day event, the steps in an unlikely afro staircase design. Now I feel at home,
the Franciacorta Summer Festival, with concerts, dinners, visits to this holiday hangar is my decompression space.
wineries and picnics in the vineyards, will give a taste of this
friendly and interesting area, which has made the art of
producing bubbles into one of the most valued excellences in the Back to the future p. 134
world. It all started out at Palazzo Lama with the meeting by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli words by Doriana Torriero
between Franco Ziliani, a young winemaker full of dreams, and
Guido Berlucchi, with the necessary means, culture and Re-inhabiting the same space twenty years later. In Rome,
knowledge. Both convinced that the Franciacorta territory had a house from 1933 reinterpreted with a contemporary twist
what it took to produce a champagne using the classic French thanks to a project from MORQ Architecture
method. And it is in that very ancient wine cellar, dug out by the
ancestors of Guido Berlucchi, that Cristina Ziliani shows us the Resize and redefine while keeping the original atmosphere.
first bottle of Franciacorta from 61, kept in a glass case, Authoritative directions from the owner, Nia Ferrante,
testament to the dream of two pioneers who today have who is returning to live in the house she resided in some time ago.
generated a reality expressed in more than 16 million bottles sold The desire to reinterpret the rooms from that time, adding a
worldwide. The culture of bubbles goes hand in hand contemporary twist, without losing the classical imprint of 1930s
with the gastronomic side, in a clever blend of tradition apartments. An aspiration that then encountered the sensitive
and innovation. In the village of San Vitale, chef Stefano Cerveni work of the architects from the MORQ studio, happy to take on
from the Michelin-starred restaurant Due Colombe, seeks the challenge: to interpret a space originally intended for a large
the perfect balance between quality ingredients, treated family, tackling todays different needs. The overture begins
with respect using technique and passion. Taking time for yourself in the dining room, in which the table takes centre stage, a large
is the philosophy of LAlbereta, an elegant hotel in the laminated glass oval with the insertion of wire mesh, leaning
Relais and Chateaux collection with the Espace wellness spa against an iron rod structure and a brass sheet top.
by Henry Chenot, a magical, welcoming place. From here, we move into the kitchen, with a central island, or to
From here we reach the Bellavista winery, where entrepreneur the living room. From the sofa, you can enjoy the view on the
Vittorio Moretti introduces us to what we could refer to as the terrace, a square space in which an iron and stone table and a
cathedrals of wine, with a contemporary, technological soul, cantilever Iroko wood bench stand side by side. A long corridor
with the bright stainless steel of the huge fermenters, and is the passageway to reach the sleeping area. In the visual
an ancient soul in the hidden dark side, where the second stillness of the place, the homeowner is free to add her signature
fermentation takes place in the bottle, and in the long corridors style with small decorative elements. Objects selected with the
where the bottles stay for between 18 and 60 months. eye of someone who has always worked in fashion, with
proposals from her boutiques in central Rome. Accessories that
speak of simple and true chic.
When creativity transcends
all boundaries p. 122 A mexican dream p. 152
by Rosaria Zucconi photos by Enrico Conti by Frank Visser photos by Mirjam Bleeker
portrait by Settimio Benedusi
Solemn and simple. The charm of architecture that
We meet Paola Navone, architect, designer, artistic director, looks to the Aztecs and Le Corbusier.
at her home in Milan, a kind of urban hangar above her studio. The landing place of two French designers who have changed
Paola has always preferred to live and work in adjoining areas their lives. And their horizons
for practical reasons, and has always chosen places that are not
particularly bourgeois but that have an authentic flavour, like this Were in Santa Catarina, an hour from Mexico City.
courtyard in what was once the artisan side of Milan. I promote Here we are welcomed into the home of French interior designer

201 ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

and entrepreneur Emmanuel Pinault, and architect


Ludwig Godefroy, owners of design studio Chic by Accident.
Not a random name for a deliberately contradictory philosophy,
where each project is defined to the last detail but remains
unfinished, where the image is sophisticated yet rough.
This mixture of styles is the key to understanding the house too.
The California style of the 50s was our starting point, confirmed
the partners, but then we enriched that with different
sources of inspiration, from the Aztec temples to Le Corbusier.
The architecture is clean and simple: two structural blocks with a patio
to the centre. Large exposed stones make up the substance
of the wall, but concrete plays a key role too,
from platforms to stairways to window boxes. The home appears
completely open: apart from the entrance, there are no other
windows or doors. The materials are raw, contemporary,
yet primitive too. The furniture speaks an informal language, like the
sofa and beds with their brick-built bases. Wooden chairs,
straw stools, ethnic rugs and folksy fabrics create a warm and intimate
ambience. It was the owners intention that the human side
of this villa prevailed. A cosy, homely abode when in solitude,
sociable and welcoming for time spent with friends.
The echo of the last big party still resounds celebrating Ludwigs
wedding to his Mexican fiance.

Original blue p. 164


by Jerome Dion photos by Matthieu Salvaing
words by Francesco Marchesi

60s style with a twist in this Ibiza villa with its aquatic
surfaces and tones. A mediterranean Vibe with a nod to Italy A Mexican dream p.152
and Gio Pontis Sorrento masterpiece

A residence overlooking the unexpected face of Ibiza, in the


beautiful tranquillity of nature away from the nightlife.
Were on the northern coast, where in the 60s residential
architecture flourished, enjoying truly stunning views. No wonder,
then, that when a few years ago one of these houses
came up for sale, a French couple purchased it without hesitation.
To adapt it to their needs, the new owners called upon the
experience of Franco-Iranian architect Pascal Cheikh Djavadi.
The villa required a redesign that would make it more
contemporary, without altering the lines and proportions of the
white walls. The result is a clean, simple space within which
modern lines and vintage references blend in perfect harmony.
The island kitchen is a dark monolith that emerges
like a rock from a depth of blue ceramic. The blue of the sea
is the undisputed star, also thanks to the panoramic
windows. The personality of the interior is determined by the
elegantly retro lines of the furnishings. The outside space
is equally as stunning: sprawling terraces host a swimming pool,
an open air lounge and a dining area separated by
a pergola, and a garden of over 2000 m2 surrounds the house.
For the greenest, most relaxing party on the island.

Original blue p. 164

202 ELLE DECOR