You are on page 1of 41

Lezioni L2

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Introduzione allelettromagnetismo;
Carica Elettrica e Carica Gravitazionale;
La Legge di Coulomb;
Conservazione della Carica elettrica;
Quantizzazione della Carica elettrica;
Distribuzioni continue e discrete di carica e campi;
Linee di campo;
Unit di Misura.

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine E. Pagliarone

Electricita e Magnetismo

le Forze elettriche sono alla base dei legami


chimici (interatomici ed intermolecolari);
LElettricit controlla il funzionamento dei
neuroni, dei muscoli ed i processi metabolici;
LElettromagnetismo alla base della
stragrande maggioranza delle tecnologie in uso
(radio, TV, cellulari, computer, ecc.).
Electricit e Magnetismo sono
manifestazioni di una stessa interazione o Forza.

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Carica Elettrica
Evidenze in favore dellesistenza della carica elettrica
sono ovunque:
Elettricita statica;
arco fotovoltaico;

Gli oggetti possono caricarsi elettricamente a causa


del contatto o della frizione con altri oggetti.
Nel 1700 circa B. Franklin scopr che ci sono due tipi
distinti di cariche:
Cariche Positive.
Cariche Negative.

Franklin scopr anche che cariche dello stesso segno


si respingono e cariche di segno opposto si
attraggono.
La carica elettrica e:
Quantizzata (Esperimenti condotti da Millikan)
Conservata (Franklin)
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Carica Elettrica negli Atomi


gli Atomi consistono di un
nucleo contenente particelle
con carica elettrica positiva
(protoni) e particelle prive di
carica (neutroni).
I nucleoni (p,n) del nucleo
sono circondati da un egual
numero di particelle aventi
carica negativa (elettroni).
La carica totale di un atomo
Q= 0.
Un atomo pu sia guadagnare
che perdere elettroni,
divenendo uno ione.
Le Molecole Polari pur
essendo neutre (Q=0) hanno
una carica distribuita non
uniformemente nello spazio.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

diametro nucleare ~ 10-15 m=


= 1 fm
diametro Atomico ~ 10-9 m
= 1 nm
Carmine Elvezio Pagliarone

Classificazione dei Materiali


CONDUTTORI materiali nei quali vi sono elettroni
liberi di muoversi: la banda di valenza e quella di
conduzione si sovrappongono (rame, oro, argento,
ferro, ecc.).
INSOLANTI materiali nei quali la carica non puo
muoversi liberamente (es. vetro, porcellana);
SEMICONDUTTORI materiali nei quali la carica puo
muoversi solo sotto certe particolari condizioni (es.
silicio drogato).

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Conduttori*

Insolanti*

Argento

Ambra

Rame

Gomma

Oro

Nylon

Alluminio

Porcellana

Rame

Beeswax

Ferro

Vetro

Piombo

Shellac

Mercurio

Acqua pura

Grafite

Aria

Lacqua e un ottimo conduttore se contiene ioni


provenienti da Sali, acidi o basi disciolte in essa.
*ad ogni passaggio la caratteristica di conduttore
o isolante migliora.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

La carica della Terra


La terra a causa della sua enorme
massa puo essere considerata in
buona approssimazione come una
sorgente infinita di cariche e pertanto la
sua carica totale netta non puo essere
modificata facilmente;
Ogni conduttore posto a contatto con la
terra non puo ricevere una carica netta;
messa a terra di un conduttore
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Carica Indotta
Oggetti carichi portati in prossimit di conduttori
possono causare una ridistribuzione della carica sui
conduttori medesimi (polarizzazione di un
conduttore).
Se un conduttore polarizzato viene posto a terra
(messo a massa), la carica sar trasferita dal
conduttore alla terra. Come risultato esso potrebbe
possedere una carica netta diversa da zero (per
INDUZIONE).
Gli oggetti possono essere caricati per
conduzione (contattto con altro oggetto carico);
induzione (nessun contatto con oggetti carichi);
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Strofinando una bacchetta di


vetro su un panno di seta si
osserva che questi materiali
si caricano elettricamente.

La seta avr un eccesso di elettroni mentre il


vetr avr un deficit equivalente di elettroni.
La carica non n creata n distrutta ma solo
ridistribuita tra i due materiali.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Nel 1785 Charles de Coulomb formul per la prima


volta una legge che metteva in relazione la forza
agente tra le cariche elettriche:

Felettrica = K

q1 q2
d

K = 9.109 N.m2/C2
q1, q2 solo le due cariche interagenti
Coulombs (C), and
d la distanza fra di esse
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Vettore Forza Elettrica


Esprimiamo ora vettorialmente la forza che
agisce su una carica puntiforme q1 posta ad
una distanza r21 da una carica q2:

r
kq1q2
F12 = 2 r21
r21

r
r
F21 = F12

r21 versore che unisce q2 con q1


FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Forza Elettrica: Legge di Coulomb


Per due cariche puntiformi q1 e q2 separate
da una distanza r, lintensita della forza
elettrica FCoulomb tra di esse e:

r
FCoulomb

r r
q1q2 R2 R1
=k
r r 3
R2 R1

dove k = 8.99 x 10 9 N m2/C2 e la costante di


Coulomb, q1 e q2 sono in [C], r e espresso in
metri [m] e Fe e espressa in Newton [N].
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Quantizzazione della Carica Elettrica


La carica elettrica e quantizzata. La piu
piccola unita di carica che sia stata mai trovata
e la carica dell elettrone o del protone:
qe = 1.60217733(49) x 10-19 C
= 4.8032068(15) x 10-20 esu
Non e mai stata determinata sperimentalmente
nessuna carica piu piccola della carica
dellelettrone/protone e coniugati di carica.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Quantizzazione della Carica

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Principio di Sovrapposizione
Dato un sistema di N cariche q1, q2, q3, ,
qN, la risultante delle Forze F1 su q1 dovuta
alle cariche: q2, q3, , qN e:

F1 = F12 + F13 +

+ F1N

Ogni carica risente di una forza che e


indipendente dalle altre cariche presenti.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Campo di Forze e Campo Elettrico


Le Forze sono campi vettoriali ovvero propriet dello
spazio del tipo: F= xF1(x,y,z)+ yF2(x,y,z)+ zF3(x,y,z);
agiscono anche in assenza di contatto (es. la forza
gravitazionale);
E conveniente pertanto introdurre il concetto di
Campo che ha una natura piu generale
Il Campo Elettrico E e definito come la forza
elettrica che agisce su una carica positiva di test q0

r
r Fe
E=
q0

[N]
[C]

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Campo Elettrico
La Forza Elettrica su una carica di test q0
posta ad una distanza r da una carica q:

r
qq0
Fe = k 2 r
r

Il Campo Elettrico prodotto da una carica q


ad una distanza r da essa e:

r
r Fe
q
E=
= k 2 r
q0
r

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

r
r
Fe = q0 E

Carmine Elvezio Pagliarone

Campo Elettrico prodotto da N cariche

E=k
i

qi

r
2 i
ri

ri e' il versore che unisce qi con q0


FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Esercizio
si considerino 4 cariche
2q
puntiformi ai vertici di un
quadrato come in fig.
a) Determinare il campo
a
elettrico Ek in q (k=2q,
3q, 4q).
b) Qual e la risultante
delle forze in q ?
3q

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

4q

Carmine Elvezio Pagliarone

Distribuzione continua di Carica


Se una carica totale Q e distribuita con continuita,
essa puo essere discretizzata in elementi infinitesimi
di carica dQ, ciascuno dei quali produce un campo
elettrico infinitesimo dE:

dQ
dE = k 2
r

dQ
E = dE = k 2
r

r
dQ
1
dQ
E = k 2 r =
r
2

r
4 0 r

1
k=
4pe0

e0 = permeabilita del vuoto


FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Distribuzioni Uniformi di Carica


Densit Volumica di carica:
Densit Superficiale di carica:
Densit Lineare di carica:

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

?=Q/V
s =Q/A
?=Q/l

Carmine Elvezio Pagliarone

Legge di Coulomb
E(x,y,z) (=osservatore)
z
x

x
x

x
y

O
Caso Discreto

r r
r r
x
xj
N
E ( x ) = k j =1 q j r r 3
x xj
N

Q = qj

Caso Continuo

r r
r r
r x x' 3 r
E(x) = K (x' ) r r 3 d x'
V
x x'
r 3r
Q = ( x ')d x '
V

j =1

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Linee di Campo
Linee di Campo Elettrico:
servono a descrivere la direzione del campo in ogni
punto dello spazio;
La densita delle linee di campo e proporzionale
allintensita del campo;
Le direzioni delle frecce indicano la direzione della
forza su una carica positiva;
Regole:
Le linee sono originate dalle cariche + e terminano
sulle cariche -;
Il numero di linee in prossimita di una carica e
proporzionale allintensita del campo;
Le linee di campo non si incrociano mai.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Linee di Campo Elettrico: Convenzioni


Carica positiva

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carica Negativa

Carmine Elvezio Pagliarone

Linee di Campo Elettrico II

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Campi Elettrici e Conduttori


Nei conduttori la carica e libera di muoversi e
pertanto si muovera sotto linfluenza delle
forze elettriche fino a che la risultante delle
forze, punto per punto, nel contuttore non si
annullera.
Il campo elettrico allequilibrio, allinterno di
un conduttore e zero.
Quindi in un conduttore la carica netta deve
essere superficiale.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Schermaggio Elettrostatico
Un campo Elettrico non puo penetrare allinterno di
una superficie conduttrice chiusa (E=0 allinterno)
Gabbia di Faraday

Es.: linterno di unauto o di un aereoplano, lesterno


di un forno a microonde.

No vi puo essere carica


elettrica netta allinterno di
una gabbia di Faraday posta
in un campo elettrico esterno.
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Unit di Misura

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine E. Pagliarone

Unit di misura nel sistema internazionale (SI)


- lunghezza: m
- massa: kg
- tempo: s
- corrente elettrica: A (ampere)
- temperatura termodinamica: K (gradi kelvin)
- quantit di sostanza: mole
- carica elettrica: C (coulomb)
- potenziale elettrico: V (volt)
- campo magnetico: T (tesla)
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Alcune costanti utili in unit SI


- velocit della luce c = 3108 m s-l
- carica elettrica elementare qe= 1.610-19 coulomb
- numero di Avogadro NA = 61023 mole-1
- costante dei gas perfetti R=8,3 J/moleK
- costante dielettrica o= 910-12 C/Vm
- permeabilit magnetica o=4 10-7 Tm/A
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Campi elettrici e magnetici in unit SI


significato di o (910-12 C/Vm) legge di Coulomb:

1 qQ
Fel =
4 o r 2
in principio o non indispensabile, perch si potrebbe misurare
il quadrato di una carica elettrica in unit di (forza lunghezza al
quadrato), ma comodo usare una unit di misura ragionevole
della carica elettrica, o meglio della corrente elettrica (lampere
la corrente che deve correre in due fili paralleli alla distanza di
1 m per avere una forza di 1N/m)
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Unit di misura nel sistema di Gauss

- Energia : eV (l eV = 1.610-19 joule)


- Lunghezza: m, (1 ngstrom = 10-10 m)
- Tempo: s
- Campo Magnetico: T, G (tesla, gauss, 1G=10-4 T)
- Temperatura : K (gradi kelvin)

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

come esprimere le grandezze principali


nel sistema di unit di Gauss

- la massa m: va moltiplicata per c2 (c la velocit della


luce) ed espressa in eV
- la quantit di moto p: va moltiplicata per c ed
espressa in eV
- la carica elettrica q: nel sistema di unit di misura di
Gauss kel = 1/4o=1 e lenergia potenziale elettrica
Ep = q Q/r (q e Q= cariche, r=distanza)

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

Costanti naturali in unit di Gauss


- velocit della luce c = 3108 m s-l
- costante di Planck h c = 210-7eV m = 2103 eV
- costante di struttura fine e2/ (h c) = 1/137
- carica dellelettrone al quadrato e2 = h c/137 = 14,4 eV
- numero di Avogadro NA = 61023mole-1
- costante di Boltzmann kB = 8.610-5 eV K-1
- massa dellelettrone mec2=0.51106 eV
- massa del protone mpc2 = 0.94109 eV
- unit di massa atomica mumac2 = 0.93109 eV
- magnetone di Bohr B =610-5 eV T-1= 0,610-8 eV gauss-1
FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone

FISICA GENERALE II, Cassino A.A. 2004-2005

Carmine Elvezio Pagliarone