Sei sulla pagina 1di 158

Indice

1 Introduzione
1.1 Vento globale . . . . . . . . . . . .
1.2 Vento Locale . . . . . . . . . . . .
1.3 Risposta aerodinamica della struttura
1.4 Risposta meccanica della struttura .
1.5 Criteri di progetto . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

8
8
8
9
9
9

2 Circolazione atmosferica
2.1 Termodinamica dellatmosfera . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.1 Temperatura dellatmosfera . . . . . . . . . . . . . .
2.1.2 Radiazione solare e terrestre . . . . . . . . . . . . . .
2.1.3 Radiazione nellatmosfera . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.4 Compressione ed espansione dellaria . . . . . . . . .
2.1.5 Condensazione ed evaporazione del vapor dacqua . .
2.2 Idrodinamica dellatmosfera . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2.1 Forza dovuta al gradiente di pressione orizzontale . . .
2.2.2 Forza dovuta alla rotazione della terra . . . . . . . . .
2.2.3 Vento geostroco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2.4 Effetti dellattrito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3 Moti atmosferici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3.1 Circolazione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3.2 Circolazione secondaria di natura termica . . . . . . .
2.3.3 Cicloni extratropicali . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3.4 Venti Locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4 Spettro della componente longitudinale della velocit del vento

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

10
10
10
11
11
12
13
13
13
14
15
16
17
18
18
19
20
21

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

23
24
25
25
26
26
27
29
32
33
35
36

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

3 Strato limite atmosferico


3.1 Equazioni del moto dellatmosfera . . . . .
3.2 Soluzione dellequazioni di moto medio . .
3.3 Soluzione del moto turbolento . . . . . . .
3.4 Prolo della velocit media . . . . . . . . .
3.4.1 La spirale di Ekman . . . . . . . .
3.4.2 Lo strato limite turbolento di Ekman
3.4.3 Lunghezza di rugosit . . . . . . .
3.5 Terreni non omogenei . . . . . . . . . . . .
3.5.1 Topograa . . . . . . . . . . . . .
3.6 Prolo esponenziale della velocit del vento
3.6.1 Discontinuit del terreno . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

INDICE

4 Turbolenza atmosferica
4.1 Intensit di turbolenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Scale temporali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3 Scale integrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4 Spettro della componente longitudinale della velocit del vento
4.4.1 Spettro nel sotto-intervallo inerziale . . . . . . . . . .
4.5 Correlazione spaziale della turbolenza . . . . . . . . . . . . .
5 Generazione di storie di vento
5.1 Simulazione di singoli processi stocastici . . . . . . . . . .
5.1.1 Constant Amplitude Wave Superposition (C.A.W.S.)
5.1.2 Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S)
5.1.3 Filtri Autoregressivi . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Simulazione di processi multivariati . . . . . . . . . . . . .
5.2.1 Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S)
5.2.2 Filtri Autoregressivi . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

37
38
38
39
40
41
42

.
.
.
.
.
.
.

44
44
44
45
46
47
47
48

6 Aerodinamica dei corpi tozzi

50

7 Dinamica Delle Strutture


7.1 Sistemi ad un grado di libert . . . . . . . . .
7.1.1 Oscillazioni libere . . . . . . . . . .
7.1.2 Oscillazioni forzate . . . . . . . . . .
7.1.3 Oscillazioni libere smorzate . . . . .
7.1.4 Oscillazioni forzate con smorzamento
7.1.5 Risposta ad una forzante qualsiasi . .
7.2 Sistemi a pi gradi di libert . . . . . . . . .
7.2.1 Oscillazioni libere non smorzate . . .
7.3 Oscillazioni libere smorzate . . . . . . . . .
7.3.1 Oscillazioni forzate con smorzamento
7.3.2 Risposta a forzanti qualsiasi . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

51
51
51
53
53
55
57
57
57
60
61
61

8 Dinamica Aleatoria Delle Strutture


8.1 Risposta aleatoria delloscillatore smorzato . . . . . .
8.2 Forzanti aleatorie debolmente stazionarie . . . . . . .
8.2.1 Valutazione della risposta media . . . . . . . .
8.2.2 Valutazione dei momenti del secondo ordine .
8.3 Risposta dei sistemi a pi gradi di libert . . . . . . . .
8.4 Forzanti aleatorie debolmente stazionarie . . . . . . .
8.4.1 Valutazione della risposta media . . . . . . . .
8.4.2 Valutazione dei momenti del secondo ordine .
8.5 Formulazione generale della dinamica dei continui . .
8.5.1 Risposta ad una forzante Gaussiana stazionaria

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

63
63
64
66
66
67
67
70
70
71
72

9 Risposta strutturale Along-Wind


9.1 Strutture riconducibili a sistemi ad un grado di libert
9.1.1 Denizione della forzante eolica . . . . . . .
9.1.2 Ammettenza aerodinamica . . . . . . . . . .
9.1.3 Calcolo della risposta strutturale . . . . . . .
9.1.4 Risposta quasi-statica . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

74
74
75
76
77
78

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

INDICE

9.2
9.3

3
9.1.5 Risposta in risonanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.1.6 Strutture puntiformi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Strutture allungate nella direzione del vento . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Trattazione generale della risposta along-wind di strutture . . . . . . . . . . . .
9.3.1 Equazione di moto per le strutture che vibrano nella direzione del vento
9.3.2 Funzioni dinuenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.3.3 Valore estremo della risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.3.4 Strutture Line-Like . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.3.5 Strutture Plate-Like . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10 Risposta Along-Wind secondo lEurocodice 1


10.1 Scopo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.2 Modellazione dellazioni del vento . . . . . . . .
10.3 Pressione dinamica di riferimento . . . . . . . .
10.4 Prolo della velocit del vento . . . . . . . . . .
10.4.1 Coefciente di rugosit . . . . . . . . . .
10.5 Coefciente di rafca . . . . . . . . . . . . . . .
10.6 Forzante eolica . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.7 Azioni eoliche agenti sulle strutture . . . . . . .
10.7.1 Pressioni . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.8 Procedura per il calcolo della risposta along-wind
10.8.1 Procedura semplicata . . . . . . . . . .
10.8.2 Procedura dettagliata . . . . . . . . . . .
10.9 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.9.1 Edicio in acciaio . . . . . . . . . . . .
10.9.2 Edicio basso in acciaio . . . . . . . . .
10.9.3 Torre in calcestruzzo poco snella . . . . .
10.9.4 Torre in calcestruzzo molto snella . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

80
82
83
84
84
85
85
86
94

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

97
97
97
98
98
98
98
100
100
100
102
103
104
108
108
108
109
110

11 Risposta strutturale Across-Wind


11.1 Fenomeno del distacco dei vortici . . . . . . . . . . . . .
11.2 Sincronizzazione del distacco dei vortici . . . . . . . . . .
11.3 Risposta across-wind delle strutture . . . . . . . . . . . .
11.3.1 Forzante dovuta al distacco dei vortici . . . . . . .
11.3.2 Forzante dovuta alla turbolenza laterale . . . . . .
11.3.3 Forzanti aeroelastiche . . . . . . . . . . . . . . .
11.3.4 Valutazione della risposta strutturale sincronizzata

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

111
111
113
117
117
118
120
121

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

12 Risposta strutturale Across-Wind secondo LEurocodice 1


124
12.1 Modello di Ruscheweyh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
13 Risposta aeroelastica della strutture
13.1 Galloping traslazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.2 Divergenza e Galloping torsionale . . . . . . . . . . . . . . .
13.2.1 Divergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.2.2 Galloping torsionale . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.3 Galloping di sistemi a due gradi di libert . . . . . . . . . . .
13.4 Flutter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.4.1 Equazioni di moto si un impalcato da ponte . . . . . .
13.4.2 Forzanti aeroelastiche Lh e M per i proli alari sottili
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

128
128
131
133
133
133
135
136
136

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

INDICE

13.4.3 Forzanti Lh e M per impalcati da ponte . . . . . . . . . . .


13.4.4 Soluzione per il calcolo della velocit critica di utter classico
13.4.5 Flutter ad un grado di libert (Divergenza Dinamica) . . . . .
13.5 Fenomeni aeroelstici in presenza della turbolenza atmosferica . . . .
14 Risposta aeroelastica secondo lEurocodice 1
14.1 Galloping . . . . . . . . . . . . . . . . .
14.2 Divergenza e Flutter . . . . . . . . . . . .
14.2.1 Divergenza . . . . . . . . . . . .
14.2.2 Flutter . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

137
139
140
145

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

146
146
147
148
149

15 Sperimentazione in galleria del vento


15.1 Criteri di similitudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.1.1 Analisi dimensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.1.2 Considerazioni di base per la scalatura . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.1.3 Simulazione della circolazione atmosferica . . . . . . . . . . . . . .
15.2 Simulazione del comportamento aerodinamico ed aeroelastico dei corpi tozzi
15.2.1 Effetti della turbolenza del usso . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.2.2 Effetti del numero di Reynolds: rugosit tecnica . . . . . . . . . . . .
15.2.3 Effetti del bloccaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

150
150
150
151
152
154
154
154
155

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

16 Appendice 1: Variabili aleatorie e processi stocastici

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

157

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Elenco delle gure

2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.6
2.7
2.8
2.9
2.10
2.11
2.12
2.13
2.14
2.15

Circolazione dovuta alla differenza di temperatura tra due colonne di udo . . . . . . . .


Modello semplicato della circolazione atmosferica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pressione verticale su un elemento di massa daria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Moto apparente di una massa daria dovuto al moto della Terra . . . . . . . . . . . . . .
Componenti del vettore di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Equilibrio del vento geostroco nellemisfero Nord . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Andamento a spirale della velocit del vento allinterno dello strato limite atmosferico .
Suddivisione dei moti atmosferici secondo dimensione e durata . . . . . . . . . . . . . .
Modello di circolazione tricellulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Suddivisione dei moti atmosferici secondo dimensione e durata . . . . . . . . . . . . . .
Direzione degli Uragani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Genesi del vento fohen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sezione trasversale di un Uragano e vista di un Tornado . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Spettro della componente longitudinale della velocit del vento . . . . . . . . . . . . . .
Suddivisione della componente longitudinale della velocit del vento come somma del
valor medio, U , e della componente turbolenta, ug . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10
11
13
14
15
15
16
17
18
19
19
20
21
21

3.1
3.2
3.3
3.4
3.5
3.6
3.7
3.8
3.9
3.10
3.11
3.12
3.13
3.14
3.15
3.16
3.17

Variazione del prolo della velocit eolica in base alla rugosit del terreno . . . . . . . .
Assi coordinati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Spirale di Ekman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Suddivisione dello strato limite in due regioni: strato superciale e strato esterno . . . .
Lunghezza di rugosit zo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Proli di velocit media del vento secondo le quattro categorie previste dallEurocodice 1
Lunghezza di rugosit zo 0.01m . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lunghezza di rugosit zo 0.05m . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lunghezza di rugosit zo 0.3m . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lunghezza di rugosit zo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prolo di velocit media in corrispondenza di una foresta . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prolo di velocit media in corrispondenza di terreni con diversa rugosit . . . . . . . .
h2 dopo una transizione di rugosit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Discontinuit del terreno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Confronto tra vari proli di velocit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tipici valori di e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Proli di vento per differenti rugosit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23
24
26
27
28
29
30
30
31
31
32
33
33
34
35
36
36

4.1
4.2
4.3

funzione di autocorrelazione u ( ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Valori di C e m in funzione di zo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Confronto tra vari spettri della componente longitudinale della velocit del vento . . . .

39
40
42

5.1
5.2

Constant Amplitude Wave Superposition (C.A.W.S.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45
46

22

ELENCO DELLE FIGURE

7.1
7.2
7.3
7.4
7.5
7.6

Oscillatore semplice . . . . . . . . .
Oscillazioni libere . . . . . . . . . .
Oscillatore smorzato . . . . . . . .
Oscillazioni smorzate . . . . . . . .
Oscillatore forzato con smorzamento
Fattore di amplicazione . . . . . .

.
.
.
.
.
.

51
52
53
55
56
56

9.1
9.2
9.3
9.4
9.5

Struttura intesa come sistema ad un solo grado di libert . . . . . . . . . . . . . . . . .


Ammettenza aerodinamica 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Struttura estesa nella direzione del vento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempi di strutture contemplate dalla seguente trattazione . . . . . . . . . . . . . . . . .
2
Jb in funzione di z nel caso di gb (z) = 1 ( = 1/2); gb (z) = z/h ( = 3/8); ;
gb (z) = sin(z/h) ( = 4/ 2 ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2
Jb in funzione di z nel caso di gb (z) = 2z/h 1. Una buona approssimazione data
2z
2
da Jb (z ) = 32 +10z +30 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
z
2
Jz () in funzione di z nel caso di (z) = 1, variando il co-spettro normalizzato. ()
2 () ottenuta utilizzando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Jz
uu
2
Jz () in funzione di z nel caso di (z) con segno non costante, variando il co-spettro
2
normalizzato. () Jz () ottenuta utilizzando uu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzione di riduzione Ks al variare di g(z, y, ), y e z . . . . . . . . . . . . . . . . .

75
78
83
84

9.6
9.7
9.8
9.9

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

10.1 Proli di vento per differenti rugosit secondo lEC1 . . . . . . . .


10.2 Categoria del terreno e relativi parametri . . . . . . . . . . . . . . .
10.3 Convenzione delle pressioni esterne ed interne . . . . . . . . . . . .
b
10.4 Forzante applicata con uneccentricit e = 10 . . . . . . . . . . . .
10.5 cd per strutture in calcestruzzo e muratura . . . . . . . . . . . . . .
10.6 cd per strutture in acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.7 cd per strutture miste acciaio-calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . .
10.8 Denizione dellaltezza equivalente . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.9 ce al variare della quota, nelle quattro categoria di terreno. ct = 1 . .
10.10Andamento del fattore di picco rispetto a T . . . . . . . . . . . . .
10.11Andamento della componente quasi-statica della risposta . . . . . .
10.12Scala integrale di turbolenza Li (z), per diverse categorie di terreno .
10.13Densit spettrale adimensionale della risposta, RN . . . . . . . . .
10.14Ammettenza aerodinamica, Rl (l=h,b) . . . . . . . . . . . . . . . .
10.15Edicio in acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.16Confronto tra la due procedure di calcolo . . . . . . . . . . . . . .
10.17Edicio basso in acciaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10.18Torre in calcestruzzo poco snella, D = 13m, = h/d = 11.5 < 12
10.19Torre in calcestruzzo molto snella, D = 5m, = h/d = 30 > 12 .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

90
90
92
93
96

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

99
100
101
101
102
102
103
103
104
105
105
106
107
107
108
108
109
109
110

11.1 Caratteristiche della scia di un cilindro circolare al variare di Re . . . . . . . . . . . . .


11.2 Legge del numero di Strouhal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.3 Ampiezza adimensionale di oscillazione , y /D, al variare dello smorzamento s e del

numero di Scruton Sc : o s = 0.243%, Sc = 3.1632; + = 0.388%, Sc = 5.05; .


= 0.459%, Sc = 5.98;  = 0.502%, Sc = 6.54; St = 0.2074. Past [9] . . . . . . .
11.4 Intervallo di sincronizzazione al variare dello smorzamento s e del numero di Scruton
Sc : o s = 0.243%, Sc = 3.1632; + = 0.388%, Sc = 5.05; . = 0.459%, Sc = 5.98;
 = 0.502%, Sc = 6.54; St = 0.2074. Past [9] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

112
112

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

114

114

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

ELENCO DELLE FIGURE

11.5 Smooth ow: y max in funzione di Sc : Grifn and Ramberg [7] (Eq. 11.6);
d
Sarpkaya [11] (Eq. 11.7); Goswami et al. [6];  Feng [5]; Fathi [4]; +, Past [9]
11.6 Correlazione della forzante di Lift lungo il cilindro in condizione di sincronizzazione . .
11.7 Isteresi dellampiezza adimensionale di oscillazione , y /D.

velocit crescente; +
velocit decrescente. Past [9] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.8 Ciclo Limite della risposta in condizioni di sincronizzazione del distacco dei vortici . . .
11.9 Modello di un cilindro circolare elasticamente sospeso . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.10Spettro di CL al variare della turbolenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.11Massimo valore di Kao al variare di Re . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.12Kao /Kaomax al variare di U /Ucr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.13Ha al variare di U /Ucr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11.14y /D al variare di Ks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

116
116
117
118
119
119
121
123

12.1
12.2
12.3
12.4

.
.
.
.

126
126
127
127

Modello ad un grado di libert per le oscillazioni galoppanti . . . . . . . . . . . . . . .


Esempio di curve stabili ed instabili per CL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
CL, sezioni. Per CL, < 0 ovvero CL, + CD > 0 lequilibrio risulta stabile . . . . . .
Modello di Galloping torsionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
CM, (0) per alcune sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sezione generica a due gradi di libert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Convenzione dei segni per una generica sezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzione di Theodorsen [14], C(k) = F (k) + iG(k), in funzione della velocit ridotta
Urid = 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
k
13.9 Esempi di derivate aeroelastiche per varie sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.10Esempi di derivate aeroelastiche per varie sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13.11Derivate aeroelastiche per il Great Belt Bridge (curve 1,2 e +). . Ponte a sezione
reticolare. Lastra piana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

129
130
131
132
133
134
136

Valori del coefciente aerodinamico clat . . .


Valori di clat,o per cilindri circolari . . . . . .
Esempi di lunghezza effettiva di correlazione
Valori di Kw . . . . . . . . . . . . . . . . . .

@
A

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

13.1
13.2
13.3
13.4
13.5
13.6
13.7
13.8

115
115

137
142
143
144

14.1 Fattore dinstabilit di galloping ag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147


14.2 CM, per sezioni rettangolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
15.1 Modella di una spire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.2 Curve per la determinazione della larghezza b delle spires; H laltezza della camera di
prova della galleria del vento, Irwin [8] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15.3 Esempio di variazione del coefciente di trascinamento (drag) con Re . . . . . . . . . .
15.4 Variazione del coefciente di trascinamento (drag) con Re per un cilindro circolare . . .

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

152
153
154
155

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Introduzione
Lazione del vento ha una notevole importanza nella progettazione delle strutture. Unadeguata progettazione di strutture resistenti alle azioni eoliche si articola secondo gli anelli della cosiddetta catena di
Davenport che ne introdusse il concetto. Il collasso di unintera struttura o di parte di essa legato al
mancato adempimento delle varie fasi progettuali (anelli) della catena. Pertanto una struttura tanto
pi resistente allazione del vento quanto pi afdabili sono i vari anelli, ciascuno dei quali coinvolge
parametri aleatori da inquadrare secondo metodi statistici. Vediamo in dettaglio i vari anelli della catena:
Vento globale
Vento locale
Risposta aerodinamica della struttura
Risposta meccanica della struttura
Criteri di progetto

1.1 Vento globale


Il vento varia in base alle aree geograche, tuttavia si le velocit eoliche di riferimento si ottengono
mediando le registrazioni su un periodo non minore di 10 minuti e che non superi 1 ora.

1.2 Vento Locale


La rugosit del terreno esercita una grande inuenza sul vento. La velocit eolica media si riduce per
effetto del terreno, ma allo stesso tempo il vento diviene turbolento e pu essere descritto soltanto in
termini statistici. In particolare il vento atmosferico un processo stocastico multicorrelato nello spazio e
nel tempo. La velocit media del vento, per effetto della frizione esercitata dal terreno, aumenta con laltezza secondo un prolo esponenziale o logaritmico. Il diverso tipo di terreno inuisce su tale prolo, ma
essendo molto difcile caratterizzarlo con esattezza, si introducono le cosiddette lunghezze di rugosit.

CAPITOLO 1. INTRODUZIONE

1.3 Risposta aerodinamica della struttura


Il carico eolico dipende dalla forma della struttura. La valutazione del comportamento aerodinamico
viene generalmente effettuata in galleria del vento, dove possibile misurare come la velocit eolica si
trasformi in un campo di pressioni agenti sulla strutura.

1.4 Risposta meccanica della struttura


Noto il campo di pressione intorno alla struttura possibile valutarne la risposta meccanica con analisi
dinamiche, quasi-statiche, o statiche equivalenti.
Le strutture possono comportarsi in diversi modi quando sono investite dal vento. In particolare, le
strutture moderatamente rigide possono vibrare nella direzione del vento (risposta along-wind) per effetto
della turbolenza.
Le strutture snelle sono principalmente vulnerabili alle vibrazioni nella direzione ortogonale al usso
(risposta across-wind) dovute al fenomeno del distacco dei vortici. Inoltre, entro un certo intervallo di
velocit (intervallo di sincronizzazione) le strutture possono andare in risonanza.
I ponti sospesi possono presentare oscillazioni che portano al collasso quando il modo di vibrare
verticale e quello torsionale si accoppiano. Il fenomeno noto come utter.

1.5 Criteri di progetto


Nota la risposta meccanica della struttura quindi possibile procedere al dimensionamento dei vari
elementi strutturali.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Circolazione atmosferica
La circolazione dellaria rispetto alla supercie della terra indotta dallirraggiamento della atmosfera
terrestre. In particolare, il vento si genera per una differenza di pressione tra due punti aventi la stessa
quota. Tale differenza si genera per effetto di complessi fenomeni termodinamici e meccanici che avvengono nellatmosfera in maniera non uniforme nello spazio e nel tempo. Vediamo in dettaglio i vari aspetti
che intervengono nella circolazione atmosferica.

2.1 Termodinamica dellatmosfera


2.1.1 Temperatura dellatmosfera
Un semplice esempio (dovuto ad Humphreys) per comprendere linuenza della temperatura sulla circolazione terrestre dato dal modello semplicativo in Fig. 2.1 in cui si hanno due colonne di uido, A e
B, riempite no al livello a. Inizialmente le due colonne sono chiuse ed la temperatura allinterno di esse

Figura 2.1: Circolazione dovuta alla differenza di temperatura tra due colonne di udo

10

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

11

uguale. Se si aumenta la temperatura nella colonna A, mantenendo costante quella in B, il uido in A si


espande no a raggiungere il livello b. Lespansione non comporta alcuna variazione del peso del uido,
e quindi la pressione in c rimane invariata. Se si apre la valvola 2 non vi deusso tra le due colonne,
lapertura della valvola 1 comporta uno spostamento di uido da A verso B, per effetto del dislivello
b-a dovuto al riscaldamento di A. In c la temperatura decresce mentre nella colonna B la temperatura
sale. Pertanto, aprendo la valvola 2 si genera una circolazione di usso da B verso A. La circolazione si
mantiene n tanto che vi differenza di temperatura tra le due colonne.
La terra inclinata di 66 30 rispetto al piano della sua orbita, pertanto la regione equatoriale mag-

Figura 2.2: Modello semplicato della circolazione atmosferica


giormente irraggiata, e dunque riscaldata, rispetto a quelle polari. Analogamente al modello di Hemphrys,
pur trascurando la complessit del fenomeno e i vari fattori che vi rientrano, si comprende lorigine del
vento come illustrato in Fig. 2.2.
La temperatura dellatmosfera determinata da i seguenti processi:
Radiazione solare e terrestre
Radiazione nellatmosfera
Compressione ed espansione dellaria
Condensazione ed evaporazione dell vapor dacqua

2.1.2 Radiazione solare e terrestre


Lenergia necessaria per spostare le masse daria fornita dal Sole, nella forma di calore irradiato. Tuttavia, il Sole non lunica fonte, semmai la fonte primaria. Infatti un ruolo fondamentale svolto dalla
supercie terrestre. In particolare, essendo latmosfera quasi trasparente allirraggiamento solare, la
quasi totalit dellenergia raggiunge la Terra. Si pu assumere che tale energia sia completamente assorbite dalla Terra, che riscaldandosi la rilascia sotto forma di radiazione terrestre. La lunghezza donda
della radiazione terrestre per molto lunga rispetto a quella solare (dellordine di 10), dunque soltanto
una piccola parte riesce ad attraversare latmosfera, mentre la maggior parte viene assorbita e di nuovo
riessa verso la Terra.

2.1.3 Radiazione nellatmosfera


Il calore emesso dalla supercie terrestre assorbito dagli strati daria nelle sue immediate vicinanze (lo
stesso accade sulla supercie degli oceani) che a loro volta lo radiano verso il basso e verso lalto. Gli
strati sovrastanti assorbono il calore e lo emettono ancora verso il basso e verso lalto. Il processo si ripete
in tutta latmosfera.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

12

2.1.4 Compressione ed espansione dellaria


La pressione atmosferica prodotta dal peso dellaria sovrastante. Una piccola massa daria secca che si
muove verticalmente nellatmosfera, subisce una variazione di pressione corrispondente ad una variazione
di temperatura. Per valutare questa variazione di temperatura necessario ricorrere allequazione di stato
dei gas perfetti e alla prima legge della termodinamica, che sono data rispettivamente dalle seguenti
relazioni:
pv = RT

(2.1)

dq = cv dT + pdv

(2.2)

dove p la pressione, v il volume specico, R una costante che dipende dal tipo di gas (in questo caso
aria secca), T la temperatura assoluta, dq la quantit di calore trasferita alla massa daria in moto, e cv
il calore specico a volume costante.
Differenziando la prima e sostituendo la quantit pdv si ottiene:
dq = (cv + R)dT + vdp

(2.3)

Confrontando la 2.3 con la prima legge della termodinamica dq = cp dT nel caso di processo a
pressione costante si ottiene facilmente che cv +R = cp . Utilizzando ancora lequazione di stato possiamo
scrivere:
dq = cp dT RT

dp
p

(2.4)

Per processi adiabatici dq = 0, pertanto dalla precedente relazione si perviene alla seguente:
dT
R dp

=0
T
cp p

(2.5)

che integrata fornisce lequazione:


T
=
T0

p
p0

R
cp

(2.6)

nota come equazione di Poisson o equazione adiabatica. Laria secca presenta R/cp = 0.288.
Se nellatmosfera il moto verticale di una particella daria sufcientemente rapido, lo scambio di
calore della particella stessa e lambiente circostante pu essere trascurato e lipotesi dq = 0 accettabile.
Pertanto, dallequazione di Poisson si evince che una massa daria ascendente subisce una diminuzione
di pressione cui corrisponde una diminuzione di temperatura. In particolare, nellatmosfera terrestre la
diminuzione di temperatura con laltezza di circa 1C /100m e prende il nome di rapporto di diminuzione adiabatica, indicato con a .
Consideriamo una particella daria ascendente, inizialmente alla quota h1 caratterizzata da una tem
peratura T1 . Alla quota h2 la temperatura dellaria T2 , mentre la temperatura della particella T2 =
T1 (h2 h1 )a . Poich la pressione dellaria alla quota h2 e quella della particella devono essere uguali,

si ha dallequazione di stato che alla differenza di temperatura T2 < T2 corrisponde una differenza di

densit tra le due. Questo comporta la nascita di una forza che per T2 < T2 sospinge la particella verso
sospinge la particella verso il basso facendola tornare nella sua posizione iniziale.
lalto, per T2 > T2
Nel primo caso si dice che la straticazione dellatmosfera instabile, nel secondo stabile. Inne, se

T2 = T2 la straticazione dellatmosfera si dice neutra.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

13

2.1.5 Condensazione ed evaporazione del vapor dacqua


Secondo la legge di Dalton, la pressione dellaria umida data dalla differenza di pressione p e la pressione del vapor dacqua, ossia p e. Sperimentalmente si osserva che se e supera un certo valore E, noto
come pressione di saturazione del vapore, si ha la condensazione del vapor dacqua in eccesso.
Una particella ascendente daria umida non saturata subisce una diminuzione di temperatura cui corrisponde una diminuzione di pressione di saturazione. Nel caso in cui e = E, si ha la condensazione del
vapor dacqua. In questo processo si libera il calore latente di vaporizzazione che contribuisce allascesa
della particella fornendo ulteriore energia oltre a quella interna, che garantisce il movimento verticale
dellaria secca.
Poich viene liberato il calore latente di vaporizzazione, la diminuzione della temperatura della particella daria umida in ascesa minore rispetto al caso daria secca, pertanto aiuta la convezione dellaria
verso livelli pi alti dellatmosfera.

2.2 Idrodinamica dellatmosfera


Il moto di una massa elementare daria determinato dalla seconda legge di Newton, F = ma, dove
m la massa, a laccelerazione, ed F la somma delle forzanti agenti sulla massa stessa. Le singole
forze sono le seguenti:
la forza dovuta al gradiente di pressione orizzontale
la forza dovuta alla rotazione terrestre
la forza dovuta allattrito
Descriviamo nel dettaglio tali forze.

2.2.1 Forza dovuta al gradiente di pressione orizzontale


Consideriamo un elemento innitesimo di volume daria dxdydz, soggetto alle forze p e p+(p/z)dz
agenti rispettivamente sulla faccia inferiore e superiore (Fig 2.3). In assenza di altre forze, la forza per
unit di volume agente sullelemento sar p/z. Analogamente, lungo le direzioni x e y, si avr
p/x e p/y rispettivamente. La risultante di queste forze prende il nome di gradiente di pressione orizzontale e si denota con p/n, con n normale ad una certa isobara.
Il gradiente di pressione orizzontale la forza che genera il moto dellaria. La forza per unit di

Figura 2.3: Pressione verticale su un elemento di massa daria

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

14

massa esercitata dal gradiente di pressione orizontale (1/)p/n prende il nome di gradiente di forza
di pressione e sospinge laria verso regioni aventi pressione minore.

2.2.2 Forza dovuta alla rotazione della terra


La deviazione di una particella in moto da una traiettoria rettilinea dovuta al moto della terra. In
particolare, la traiettoria diviene curva per effetto di una forza apparente, nota come forza di Coriolis,
data dalla seguente relazione:
Fc = 2m(v w)

(2.7)

dove m la massa della particella, v la velocit della particella relativa ad un sistema di coordinate
solidale alla rotazione terrestre, la velocit angolare della terra. La forza di Coriolis risulta normale a
v e , pertanto il suo modulo sar:
|Fc | = 2m|v||| sin()

(2.8)

dove langolo tra v e .


Sia N il polo nord, e consideriamo un elemento daria che si muove lungo un meridiano NP. Mentre
la massa daria si sposta muovendosi da Nord, lo stesso meridiano risulta spostato verso est per effetto
della rotazione terrestre (NP). Pertanto, nellemisfero Nord, la massa daria che si muove verso Nord
avvertita come un vento proveniente da Ovest, mentre laria diretta verso Sud vira verso Ovest, dunque
percepita come un vento proveniente da Est. Nellemisfero Sud, si osservano fenomeni opposti (Fig.
2.4).
Introducendo il parametro di Coriolis

Figura 2.4: Moto apparente di una massa daria dovuto al moto della Terra
f = 2 sin()

(2.9)

dove la latitudine del punto considerato, segue che la forza di Coriolis per unit di massa agente su
un elemento daria che si muove su un piano parallelo alla supercie della terra (Fig. 2.5) data da:
Fc = mf v

(2.10)

dove v la velocit della massa daria relativa alla Terra, mentre f un parametro tabulato in funzione
della latitudine.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

15

Figura 2.5: Componenti del vettore di rotazione

2.2.3 Vento geostroco


Ad una quota sufcientemente alta, il vento non risente degli effetti della frizione con il terreno ed il moto
dellaria si organizza per letti uidi paralleli. Mantenendo costante laccelerazione, il moto garantito
dallequilibrio tra la forza di gradiente di pressione, la forza di Coriolis, e la forza centrifuga.
Leffetto delle forze agenti su una massa elementare daria mostrato in Fig. 2.6. Se la particella
si muove nella direzione della forza di gradiente (Fig. 2.6a) di pressione, P, viene deviata dalla forza di
Coriolis, Fca . La sua traiettoria dunque determinata dalla risultante delle suddette forze (direzione II
in Fig. 2.6b). A questo punto, la forza che devia la particella, diretta normalmente alla sua traiettoria,
Fcb , pertanto la massa daria elementare di sposta lungo la direzione III data dalla risultante di Fcb e P .
Raggiunto lequilibrio, la particella si sposter lungo le isobare (Fig. 2.6c).
Nel caso pi generale in cui le isobare sono curve, dovr essere tenuta in conto anche la forza centrifuga.
La velocit in corrispondenza della quale si ha lequilibrio tra la forza di gradiente orizzontale

Figura 2.6: Equilibrio del vento geostroco nellemisfero Nord


e la forza di Coriolis, prende il nome di velocit geostroca del vento e pu essere espressa come segue:
2G sin() =

1 p
n

(2.11)

da cui si ottiene:
G=

1 p
f n

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(2.12)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

16

dove f il parametro di Coriolis, e la densit dellaria.


Se le isobare sono curve, la particella soggetta ad un ulteriore forza, quella centrifuga, G, e allequilibrio la sua traiettoria sar comunque diretta come le isobare. Allequilibrio, la velocit prende il nome
di velocit di gradiente del vento che coincide con la velocit geostroca se la curvatura r :
Vgr f

2
Vgr
1 p
=
r
n

(2.13)

dove, ipotizzando che la massa daria sia nellemisfero Nord, il segno positivo si riferisce ad una circolazione ciclonica (ovvero intorno ad un centro a bassa pressione), ed il segno negativo ad una circolazione
anticiclonica (ossia intorno ad un centro ad alta pressione). In generale, per raggi di curvatura niti, si ha:
Vgr =

rf
+
2

r p
+
n

Vgr = +

rf

rf
2

rf
2

r p
n

(2.14)

(2.15)

rispettivamente per venti ciclonici e anticiclonici. Per gli stessi valori di f, r e p/n i venti anticiclonici
sono pi deboli di quelli ciclonici.

2.2.4 Effetti dellattrito


La supercie terrestre esercita sullaria in movimento una forza di resistenza che ne ritarda il moto. Tale
effetto diminuisce con laltezza rispetto al terreno, no a raggiungere una quota , nota come altezza dello
strato limite dellatmosfera, oltre la quale la velocit del vento segue le isobare (velocit di gradiente).
Latmosfera al di sopra dello strato limite prende il mome di atmosfera libera.
Allinterno dello stato limite la velocit del vento non diretta secondo le isobare. Dato un vento
geostroco, consideriamo due particelle che A e B che si muovono orizzontalmente nello strato limite,
ma a quote differenti. Se la particella A posta ad una quota pi alta rispetto a B allora la sua velocit,
nonch la forza di Coriolis che agisce su di essa, saranno maggiori rispetto a quelle della particella B.
Langolo di deviazione tra la direzione del vento e quella delle isobare diminuisce allaumentare della
quota, mentre massimo in prossimit del terreno. Pertanto, landamento della velocit del vento con
laltezza diviene una spirale (Fig. 2.7).

Figura 2.7: Andamento a spirale della velocit del vento allinterno dello strato limite atmosferico

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

17

2.3 Moti atmosferici


La maggior parte dei processi atmosferici coinvolgono:
Velocit del vento orizzontale e verticale
Pressione
Temperatura
Densit
Umidit
Tali quantit sono governate dalle seguenti equazioni:
Lequazione di stato
La prima legge della termodinamica
Lequazione di conservazione della massa
Lequazione di conservazione dellumidit
Lequilibrio del moto verticale e orizzontale
Il moto dellatmosfera pu essere descritto come la sovrapposizione di ussi interdipendenti caratterizzati
da diverse scale che variano da pochi millimetri a chilometri. Per analizzare questi moti conveniente
suddividerli in tre gruppi principali:
Microscala
Mesoscala (o Scala Convettiva)
Macroscala (o Scala Sinottica)

Figura 2.8: Suddivisione dei moti atmosferici secondo dimensione e durata


La scala sinottica include moti atmosferici con una dimensione caratteristica di almeno 500Km ed una
durata di almeno 2 giorni. La microscala comprende que moti che hanno una dimensione che non superi i
20Km ed una durata minore di unora. In questultima categoria rientra anche la turbolenza atmosferica.
Inne tutti i moti atmosferici con dimensioni e durata intermedie alle precedenti scale rientrano nella
mesoscala (Fig. 2.8).
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

18

2.3.1 Circolazione generale


Leffetto combinato della rotazione terrestre e della frizione prodotta dalla supercie terrestre, rende la
circolazione atmosferica pi complessa rispetto al modello introdotto in Fig. 2.2. In particolare, si pu
pensare di schematizzare la circolazione atmosferica in tre cellule (Fig. 2.9). Tale schema coerente con
lesistenza di un fronte di bassa pressione intorno al polo (50 -60 gradi di latitudine Nord) e di un fronte
di alta pressione nella zona subtropicale (circa 30 gradi di latitudine), che si formano in corrispondenza
della supercie di incontro si venti che provengono da direzioni diverse.
Questo modello risulta ulteriormente complicato dagli effetti stagionali, come la variazione della posizione e dell intensit dei fronti di pressione, e geograci, come la differenza delle propriet siche
del terreno e la distribuzione non uniforme dei mari sul globo. I grandi continenti presenti nellemisfero boreale provocano deviazioni spesso importanti rispetto a tale modello. Complicazioni analoghe
interessano lemisfero australe, che ha per un comportamento meno variabile rispetto a quello boreale.
Generalmente, la circolazione che interessa lemisfero australe e quella che interessa lemisfero boreale
possono considerate separatamente.

Figura 2.9: Modello di circolazione tricellulare

2.3.2 Circolazione secondaria di natura termica


Alla circolazione generale si aggiungono delle circolazioni secondarie, indotte dalla differenza di temperatura. In particolare, queste circolazioni si generano quando i centri di alta o bassa pressione vengono
creati per effetto di un riscaldamento o raffreddamento dei livelli pi bassi dellatmosfera. Descriviamo
in dettaglio i venti appartenenti a questa categoria.
Monsoni
Durante lestate la supercie degli oceani si scalda meno di quella dei continenti. Pertanto, in corrispondenza dei continenti laria pi calda tende a salire. Per la conservazione della massa, si attiva dunque una
circolazione dagli oceani verso i continenti. Durante linverno il fenomeno procede al contrario.
Vista la notevole estensione del continente asiatico, i Monsoni sono venti caratteristici di queste zone.
Cicloni tropicali
I cicloni tropicali, hanno origine sugli oceani tropicali dove la temperatura delacqua supera i 26 C.
Lenergia di questi venti deriva dal rilascio di calore latente. In particolare, per certe condizioni climatologiche, laria calda e umida forma una nuvola in cui il vapore condensa e rilascia calore latente.
Lenergia che liberata molto elevata, e i venti che ne conseguono possono essere disastrosi. Generalmente, si formano ad una latitudine tra i 5 -20 , ed il loro diametro raggiunge le centinaia di chilometri.
In Fig. 2.10 schematizzata la struttura di un ciclone tropicale. Nella regione I risiede locchio del
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

19

Figura 2.10: Suddivisione dei moti atmosferici secondo dimensione e durata


ciclone ossia una regione caratterizzata da aria quasi secca relativamente calma. Lungo il contorno dellocchio laria sale lentamente, e successivamente cade in corrispondenza del centro. Nella regione II
laria calda e umida sale, il vapore condensa rilasciando una grande quantit di calore latente (e dunque
di energia), e causando piogge molto intense. Nelle regioni III e IV laria viene risucchiata dallocchio
lungo la supercie del terreno, ed incanalata nella regione II dove sospinta ad unaltezza di circa 10Km
rispetto allocchio del ciclone stesso. Inoltre, in corrispondenza della superce oceanica laria calda e
umida, in moto nella regione V deuisce nella regione II fornendo ulteriore energia alluragano. In corrispondenza della terra ferma, la frizione con il terreno produce una perdita di energia, pertanto il ciclone
tende gradualmente ad estinguersi.
Nel Pacico occidentale vengono chiamati tifoni, nellOceano Indiano, nel Mar Arabico e nel Golfo
di Bengala cicloni. A seconda dellintensit del vento, i cicloni vengono classicati come depressione
tropicale se il vento non raggiunge i 63Km/h, tempesta tropicale se non si superano i 118Km/h, uragano
qualora il vento sof oltre i 118Km/h. I danni provocati dai cicloni sia in termini di vite umane che di
danni materiali sono molto ingenti. Oltre al vento che con la sua forza distrugge tutto ci che incontra sul
suo cammino, i cicloni provocano spesso, nelle zone costiere, inondazioni generate dallinnalzamento del
livello del mare, mentre nelle zone interne possono provocare piogge cos violente da causare lo straripamento dei corsi dacqua. Purtroppo non possibile prevedere la genesi di un ciclone ma, una volta
avvistato, se ne pu seguire landamento e il percorso.

Figura 2.11: Direzione degli Uragani

2.3.3 Cicloni extratropicali


Questi venti sono generati o per lazione meccanica prodotta da ostacoli (montagne e barriere) su correnti
atmosferiche di larga scala, o per linterazione di masse darie in corrispondenza di diversi fronti.
Le zone di transizione tra diverse masse daria, prendono il nome di zone frontali. La variazione
delle propiet siche dellatmosfera in corrispondenza delle zone frontali rapida ed avviene lungo le
cosiddette superci frontali che sono superci di discontinuit. Lintersezione di una supercie frontale
con una superce avente la stessa quota prende il nome di fronte.
Un fronte pu essere freddo o caldo in base alla direzione del suo moto, verso arie pi calde o pi
fredde. Generalmente, un fronte caldo si sposta lentamente e non associato ad avverse condizioni meteoProf. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

20

rologiche, mentre un fronte freddo si muove pi rapidamente e pu causare maltempo.


Le masse daria messe in moto dai cicloni extratropicali, hanno propiet pressoch costanti lungo
distanze orizzontali comparabili alle dimensioni degli oceani e dei continenti. Inoltre, possono essere
distinte in tre diverse tipologie in base alla loro origine:
masse daria artiche
masse daria polari
masse daria tropicali
Ciascuno di questi tre tipologie di masse daria pu essere suddiviso ulteriormente in circolazioni continentali e marittime. Le prime sono generalmente fredde e secche, mentre le secondo sono calde e umide.

2.3.4 Venti Locali


Fohen e Bora
Linuenza di correnti di piccola scala sulla circolazione generale trascurabile, tuttavia la loro intensit
pu essere talvolta considerevole cossich non se ne pu prescindere durante la progettazione di struttura
resistente allazione del vento.
Venti forti e localizzati possono generarsi per effetto della variazione di altezza del terreno. Se una
massa daria si sposta da una zona pianeggiante verso una regione montuosa o collinare, laria si raffredda
durante lascesa. Inizialmente la temperatura si abbassa di 1 C per ogni 100m di altitudine. Inoltre, quando la temperatura scende sotto un certo livello, il vapore dacqua condensa portando piogge o neve, e la
variazione di temperatura con laltezza si assesta sul valore di 1 C per ogni 100m di altezza. Oltrepassato
il picco della montagna, tale valore ritorna ad essere quello iniziale di 1 C/100m, e laria spostata dalla
corrente atmosferica secca. Se la massa daria si riscalda durante la discesa si ha il vento chiamato
fohen, nel caso in cui la massa daria non riesce a riscaldarsi a sufcienza si ha la bora.

Figura 2.12: Genesi del vento fohen

Uragani
Un uragano si pu formare in corrispondenza di un veloce moto ascensionale di aria calda e umida. La
condensazione dellaria che sale determina un rilascio di energia, sotto forma di calore latente, mentre la
pioggia prodotta determina un moto del sistema centrale verso il basso. La scala delluragano di circa
10 km, mentre la durata dellordine 1 ora.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

21

Figura 2.13: Sezione trasversale di un Uragano e vista di un Tornado


Tornado
Un Tornado un vortice che ruota attorno ad un asse inclinato, con diametro di circa 300 m, che si muove
ad una velocit di 10-30m/s. La sua massima velocit tangenziale raggiunge i 100m/s. Al di sotto del
tornado si crea una forte depressione che pu agire anche in modo molto violento sugli edici circostanti.

2.4 Spettro della componente longitudinale della velocit del vento


Un graco che riassume i vari fenomeni coinvolti nella circolazione atmosferica dato dallo spettro di
Van der Howen (Fig. 2.14). Lo spettro risale al 1957 e fu inizialmente ottenuto dala componente longitudinale della velocit del vento ad una quota di 100m. Il suo utilizzo stato successivamente esteso
alla descrizione della circolazione atmosferica di qualsiasi sito, e supposto valido per tutto lo sviluppo in
altezza dello strato limite.
Nella zona caratterizzata dalle basse frequenze, si hanno i fenomeni macrometereologici. Tale re-

Figura 2.14: Spettro della componente longitudinale della velocit del vento
gione dello spettro presenta due picchi, uno corrispondente alla periodicit del vento giornaliera (brezze
di periodo pari a 12 ore), laltro relativo al normale periodo di sviluppo di una burrasca o tempesta, ossia
circa 4 giorni (100 ore). Lo spettro stato esteso anche a sinistra oltre il campo di denizione dello spettro
originale, e presenta un ulteriore massimo in corrispondenza della periodicit annuale.
Alle alte frequenze possibile osservare un ulteriore picco intorno a fenomeni della durata di 1-2
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 2. CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

22

minuti e da attribuire alla turbolenza atmosferica. Questultima non inuenza la circolazione atmosferica
ma invece importante nelle pratiche progettuali.
Lo spettro una misura della varianza statistica del vento longitudinale inteso come un processo stocastico. Nella zona centrale del graco in la varianza risulta minima e pressoch costante in un periodo
di tempo compreso tra 10 minuti ed unora. Tale periodo di tempo prende il nome di gap spettrale e
fornisce un utile informazione per la valutazione della velocit di riferimento di un determinato sito. Essendo minima e costante la varianza, minima lescursione della componente uttuante della velocit
eolica rispetto alla sua media che pertanto pu essere calcolata con buona approssimazione mediando le
registrazioni su un periodo compreso tra 10 minuti ed unora.
Poich la velocit media stazionaria allinterno del gap spettrale, possibile considerare la componente uttuante longitudinale del vento come somma del valor medio ottenuto su un periodo di 10-60
minuti e della componente uttuante di origine turbolenta (Fig. 2.15).

Figura 2.15: Suddivisione della componente longitudinale della velocit del vento come somma del valor
medio, U , e della componente turbolenta, ug

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Strato limite atmosferico


La supercie terrestre esercita sullaria in movimento prossima ad essa una forza dattrito che ne ritarda
il usso. Inoltre, un ulteriore frizione si genera tra strati daria adiacenti che si muovono a velocit
differenti. Leffetto combinato di queste frizioni rende il usso turbolento, cosicch la direzione della
velocit del vento si discosta dalle isobare (turbolenza atmosferica). La regione dellatmosfera in cui il
vento risente di questi fenomeni prende il nome di strato limite atmosferico. Lo spessore di tale regione
si estende per unaltezza che varia da poche centinaia metri a qualche chilometro, in base allintensit
del vento, alla rugosit del terreno, e allangolo di latitudine. Allinterno dello strato limite atmosferico
la velocit varia con laltezza, passando da valori pi bassi in prossimit della supercie terrestre, dove
si risente maggiormente dellattrito da essa esercitata, a velocit gradualmente maggiori no ad arrivare
alla velocit di gradiente, che segna il conne tra lo strato limite atmosferico e la cosiddetta atmosfera
libera, dove la direzione delle masse daria in movimento segue le isobare.

Figura 3.1: Variazione del prolo della velocit eolica in base alla rugosit del terreno

23

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

24

3.1 Equazioni del moto dellatmosfera


Il moto dellatmosfera governato dallequazioni fondamentali della meccanica dei continui, che includono lequazione di continuit, come conseguenza del principio di conservazione della massa, e la
seconda legge di Newton.
Mediando lequazioni di continuit e di equilibrio, il moto medio dellatmosfera pu essere descritto
dalle seguenti relazioni:
U
U
U
1 p
1 u
+V
+W
+
fV
x
y
z
x
z
V
U
V
1 p
1 v
U
+V
+W
+
+ fU
x
y
z
y
z
1 p
+g
z
U
V
W
+
+
x
y
z

=0

(3.1)

=0

(3.2)

=0

(3.3)

=0

(3.4)

dove U, V e W sono rispettivamente le velocit eoliche nelle direzioni x, y e z di un sistema Cartesiano


con z asse verticale. I parametri, p, , f e g sono rispettivamente la pressione media, la densit dellaria, il
parametro di Corioli, e laccelerazione di Coriolis. Inne u e v sono gli sforzi di taglio nelle direzioni
x e y. Lasse x scelto per convenienza coincidente con la direzione dello sforzo di taglio sul piano,
o (Fig. 3.2).
Differenziando la 3.3 rispetto ad x e y si pu dimostrare che la variazione verticale

Figura 3.2: Assi coordinati


del gradiente di pressione orizzontale funzione del gradiente di densit orizzontale. Trascurando tale
variazione (ussi barotropici) si ha che allinterno dello strato limite atmosferico il gradiente di pressione
orizzontale rimane invariato:
2
Vgr
p
= f Vgr
n
r

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(3.5)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

25

dove Vgr la velocit di gradiente, r il raggio di curvatura delle isobare, e n la direzione del vento di
gradiente. Se si assume un vento geostroco si ottiene:
1 p
= f Vg
(3.6)
x
1 p
= f Ug
(3.7)
y
dove Ug e Vg sono le componenti della velocit geostroca lungo gli assi coordinati x e y.
Le condizioni al contorno posso scelte ponendo che sulla supercie la velocit eolica nulla, mentre
ad unaltezza pari allo spessore dello strato limite atmosferico, gli sforzi di taglio svaniscono dal momento
che la direzione del vento si allinea alle isobare (velocit di gradiente).

3.2 Soluzione dellequazioni di moto medio


Per risolvere il problema del moto medio necessario introdurre alcune relazioni che deniscono gli
sforzi di taglio u e v .
U
u = K(x, y, z)
(3.8)
z
V
(3.9)
v = K(x, y, z)
z
U
z

K(x, y, z) = L2 (x, y, z)

V
z

(3.10)

dove K e L sono rispettivamente la viscosit turbolenta e la lunghezza di mescolamento.

3.3 Soluzione del moto turbolento


Dallequazioni di equilibrio del moto medio possibile ottenere la seguente espressione:
U

q2
2

+V

q2
2

+W

q2
2

u U
v V

+
+
w
z
z
z

p
q2
+

+ =0
(3.11)

dove il sovrasegno indica la media ripetto al tempo, e q = (u2 + v 2 + w2 ) la risultante della velocit
uttuante le cui componenti lungo x, y e z sono rispettivamente u, v e w. Lequazione 3.12 noto come
equazione dellenergia cinetica della turbolenza ed esprime lequilibrio dellavvezione (primo termine),
produzione (secondo termine), diffusione (terzo termine) e dissipazione (ultimo termine) dellenergia cinetica.
Lequazione 3.12 risulta essere vantaggiosa nello studio dei ussi nello strato limite atmosferico
inteso come tridimensionale. In particolare si hanno le seguenti relazioni:
2
2
u + v = a1 q 2

p
q2
+

1
q2
Qc

q2

max

q 2 a2

(3.13)

3/2

Ld (y/)
u
v
=
U z
V /z
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(3.12)

(3.14)
(3.15)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

26

dove a1 = 0.16, lo spessore dello strato limite atmosferico. e Qc la velocit di gradiente nel caso di
vento atmosferico.

3.4 Prolo della velocit media


Le tempeste di vento di larga-scala attraversano vaste superci con differente rugosit. Limitando il dominio di integrazione delle equazioni che governano il moto ad una regione con relativamente piccola
rispetto alle dimensioni della tempesta, e con rugosit approssimativamente uniforme, possibile assumere che la velocit media nel piano x e y sia costante lungo tutto lo sviluppo della regione del piano:
U/x = 0 e V /y = 0. In questo caso il usso si dice orizontalmente omogeneo. Se poi si tiene
conto del fatto che il gradiente di pressione orizzontale ostacola la crescita dello strato limite atmosferico,
allora la componente verticale della velocit eolica pu essere trascurata e lipotesi di usso orizzontale
omogeneo risulta ancora valida.
Tenendo conto delle precedenti assunzioni, nellulteriore ipotesi di vento geostroco sono valide le
3.6 e 3.7, e quindi lequazioni 3.1 e 3.2 diventano:
1 u
f z
1 v
Ug U =
f z
Vg V =

(3.16)
(3.17)

Figura 3.3: Spirale di Ekman

3.4.1 La spirale di Ekman


Se in aggiunta a quanto appena detto consideriamo le condizioni al contorno per gli sforzi di taglio (Eq.ni
3.8 e 3.9) e assumiamo che la viscosit turbolenta (Eq. 3.10) sia costante, il modello che ne deriva prende
il nome di spirale di Ekman in cui le relazioni 3.16 e 3.17 sono equazioni differenziali a coefcienti
costanti. Imponendo le condizioni al contorno U = V = 0 per z = 0 e U = Ug , v = Vg per z , la
soluzione del sistema la seguente:
1
U = G 1 eaz (cos(az) sin(az)
2
1
V = G 1 eaz (cos(az) + sin(az)
2
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(3.18)
(3.19)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

27

con a = f /2K.
Tali equazioni descrivono la spirale di Ekman (Fig. 3.3) ma non forniscono sempre buoni risultati a
causa dellipotesi di viscosit turbolenta costante con laltezza.

Figura 3.4: Suddivisione dello strato limite in due regioni: strato superciale e strato esterno

3.4.2 Lo strato limite turbolento di Ekman


Assumendo dei modelli in cui la viscosit turbolenta varia con laltezza si hanno risultati pi plausibili.
Appartengono a questa categoria di modelli quelli che ipotizzano lo strato limite atmosferico diviso in
due regioni: lo strato superciale e lo strato esterno. E plausibile che lo sforzo di taglio o dipenda
dalla velocit del vento in prossimit del suolo, dalla rugosit del terreno, zo , e dalla densit dellaria .
Pertanto o dovr essere espresso in funzione delle precedenti quantit: o = F(U i + V j, z, zo , ) dove ie
j sono i versori diretti rispettivamente secondo gli assi coordinati x, y. La precedente relazione pu essere
convenientemente espressa in forma adimensionale :
Ui + V j
= f1
u

z
zo

(3.20)

nota come legge del muro e descrive il usso nel strato supericiale. La quantit
u =

(3.21)

prende il nome di velocit di taglio, mentre f1 una funzione di z/zo .


Anolagamente, nello strato esterno si pu assumere che la variazione di velocit alla quota generic z
[(Ug i + Vg j) (U i + V j)] sia espressa in funzione di o , dellaltezza dello strato limite , e della densit
dellaria :
Ug i + Vg j
Ui + V j
z
=
+ f2
u
u

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(3.22)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

28

Esprimendo la 3.20 nella forma equivalente:


Ui + V j
= f1
u

zo

(3.23)

uguagliando i primi membri della 3.22 e della 3.23 e scegliendo opportunamente le funzioni f1 e f2 :
f1 () = ln 1/k i
f2 () = ln 1/k i +

(3.24)
B
j
k

(3.25)
(3.26)

con k e B costanti, si perviene alle seguenti relazioni:


Ug
1

= ln
u
k zo
Vg
B
=
u
k

(3.27)
(3.28)

da cui si ottiene la velocit geostroca:


B 2 + ln2

G=

u
zo k

(3.29)

Inoltre si pu dimostrare che lo spessore dello strato limite atmosferico, sia data dalla seguente
relazione:
=c

u
f

(3.30)

dove c una costante.


Inne, dunque possibile denire il prolo della velocit media del vento generalizzando la 3.27 per
una velocit ad una quota generica z:
U (z) =

1
u ln
k

z
zo

(3.31)

dove k 0.4 la costante di von Karman, zo la rugosit del suolo, e u =

o / la velocit dattrito.

Figura 3.5: Lunghezza di rugosit zo

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

29

3.4.3 Lunghezza di rugosit


La lunghezza di rugosit, zo pu essere interpretata come la dimensione caratteristica dei vortici che si
generano per effetto della frizione dellaria in moto e il suolo (Fig. 3.5).
NellEurocodice 1 sono state introdotte quattro categorie di terreno (Fig. 3.7), per le quali denito
un fattore di terreno KT proporzionale alla velocit dattrito che aumenta con la rugosit del terreno.
Inoltre, LEurocodice 1 introduce anche unaltezza minima entro la quale la velocit rimane costante.
In particolare lEurocodice 1 fornisce un prolo di velocit di logartimico:
U (z) = Uref kT ln

z
zo

z zm in

(3.32)

dove Ur ef la velocit di riferimento del sito in esame.


Alcune schematizzazioni di queste quattro categorie sono date dalle Figure 3.8, 3.9 e 3.10.

Figura 3.6: Proli di velocit media del vento secondo le quattro categorie previste dallEurocodice 1

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

30

Figura 3.7: Lunghezza di rugosit zo 0.01m

Figura 3.8: Lunghezza di rugosit zo 0.05m

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

31

Figura 3.9: Lunghezza di rugosit zo 0.3m

Figura 3.10: Lunghezza di rugosit zo

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

32

Gli elementi del suolo che contribuiscono ad aumentarne la scabrezza sono detti elementi di rugosit.
Tali elementi aumentano la resistenza al vento e pertanto contribuiscono a produrre ulteriore turbolenza.
Se gli elementi di rugosit sono uniformemente distribuiti sul suolo, possibile stimare la lungezza
di rugosit zo con la seguente formula empirica:
zo = 0.5h

Ar
At

(3.33)

dove h laltezza degli elementi di rugosit, Ar larea degli elementi ortogonali alla direzione del
vento, e At larea dinuenza di ciascun elemento. Se Ar e At sono dello stesso ordine di grandezza
(elementi di rugosit molto tti), il usso viene traslato verso lalto di una quantit pari allaltezza media
degli elementi di rugosit. Tale fenomeno lo si registra ad esempio nelle foreste. (Fig. 3.11).
La

Figura 3.11: Prolo di velocit media in corrispondenza di una foresta


traslazione della supercie di contatto, viene tenuta in conto introducendo laltezza media della rugosit
tta, d, nellespressione del prolo logaritmico della velocit media del vento:
1 zd
U (z) = U ln
k
zo

(3.34)

3.5 Terreni non omogenei


Nel caso in cui il vento spiri in prossimit di un suolo presenta una rugosit che nel complesso pu essere
intesa come uniforme, il prolo di velocit lo si pu approssimare come un prolo logaritmico rispetta
alla quota.
Consideriamo il caso in Fig. 3.12 in cui il vento lambisce dapprima un suolo con rugosit zo 1
e successivamente un suolo con zo 2. In corrispondenza del primo terreno, e ad unaltezza h2 dopo la
transizione, la velocit del vento determinata soltanto dalla rugosit zo 1. La rugosit z0 2 inuisce sulla
velocit del vento solo entro laltezza h1 , mentre nella regione intermedia tra h1 e h2 si ha una graduale
transizione in cui entrambe le rugosit inuenzano la velocit del vento. La regione cha si estende dal
suolo no ad h2 prende il nome di strato limite interno, mentre al disotto di h1 si ha lo strato di equilibrio.
La lunghezza dello strato limite esterno stato valutato da Elliot che formul la seguente relazione:
h2 (x) = z02 0.75 + 0.03 ln
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

zo1
z02

x
z02

0.8

(3.35)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

33

Figura 3.12: Prolo di velocit media in corrispondenza di terreni con diversa rugosit
dove la distanza x misurata, in direzione del vento, dal punto in cui cambia la rugosit no al punto in
cui laltezza determinata. Si evince dalla 3.35 che h2 sale pi rapidamente dopo una transizione verso
terreni pi rugosi, piuttosto che verso terreni meno rugosi (Fig. 3.13).

Figura 3.13: h2 dopo una transizione di rugosit

3.5.1 Topograa
Se il piano di campagna presenta una discontinuit (Fig. 3.14) allora il usso accelera, e conseguentemente la sua velocit nonch la pressione eolica indotta sulle strutture aumentano. Per questo motivo
lEurocodice 1 introduce un coefciente di topograa, cT , che dipende dalla velocit del vento alla base
della discontinuit, dalla sua pendenza, dalla sua lunghezza misurata nella direzione del vento, dalla sua
altezza rispetto al suolo, e dalla distanza della struttura dal suo picco.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

34

Figura 3.14: Discontinuit del terreno

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

35

3.6 Prolo esponenziale della velocit del vento


Il primo modello di prolo di velocit del vento ad essere introdoto fu quello esponenziale:
zg1
zg2

U (zg1 ) = U (zg2 )

(3.36)

dove un coefciente che dipende dal tipo di terreno, mentre zg1 e zg2 sono due quote rispetto al
terreno. Ponendo zg2 = zref e zg1 = z si ottiene quello che originariamente era il prolo di velocit
media previsto dalle norme canadesi (NBC 1990):
z

U (z) = U (zref )

(3.37)

zref

E bene ricordare che il prolo esponenziale non ha un fondamento sico ma fornisce valori accettabili.
Se si assume che la quota di riferimento sia laltezza dello strato limite, zref = = gr , allora la

Figura 3.15: Confronto tra vari proli di velocit


legge esponenziale funzione solo di :
u(z) = G

z
gr

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(3.38)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 3. STRATO LIMITE ATMOSFERICO

36

Figura 3.16: Tipici valori di e

Figura 3.17: Proli di vento per differenti rugosit

3.6.1 Discontinuit del terreno


Consideriamo, come nel caso precedente, due terreni aventi differenti lunghezza di rugosit, siano questa
z0 e z0 1 con z0 1 < z0 . La differenza di rugosit induce due differenti proli di velocit (Fig. 3.17).
Utilizzando il prolo esponenziale, per trovare la velocit U (zg , zo ) nota la velocit U (zg1 , zo1 ) si
ottiene:
U (zg , zo ) = U (zg1 , zo1 )

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

zg
(zo )

(zo )

(z01 )
zg1

(zo1 )

(3.39)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Turbolenza atmosferica
Il vento nello strato limite atmosferico sempre turbolento. La turbolenza, dovuta ad un treno di vortici che si genera per effetto dellattrito dellaria con il suolo e con tutti gli ostacoli presenti su di esso
(elementi di rugosit). Quanto pi grande il valore della rugosit equivalente del sito in esame, tanto
pi turbolento il vento in prossimit della supercie di rugosit. Leffetto si ripercuote su tutto lo strato limite atmosferico no a raggiungere latmosfera libera dove la velocit del vento segue la direzione
delle isobare. Vi dunque un graduale attenuamento della turbolenza allaumentare della quota rispetto
al suolo, dovuto alla minore inuenza della rugosit superciale sulla circolazione atmosferica.
Il vento, in quanto turbolento, pu essere inteso come un processo stocastico in cui ciascun vortice
contribuisce a caratterizzarne lenergia (densit spettrale), in base alle proprie dimensioni e al proprio
periodo (o alla propria frequenza). Generalmente, nei vortici pi grandi prevalgono le le forze uide
inerziali, mentre quelli pi piccoli sono caratterizzati dalle forze uide viscose. Questultimi tendono a
dissipare maggiore energia, che viene di volta in volta rifornita dai vortici pi grandi. In denitiva, nel
vento turbolento vi un continuo trasferimento di energia dai vortici pi grandi a quelli pi piccoli.
La valutazione della risposta strutturale diviene cos molto complessa, tuttavia alcune evidenze sperimentali permettono di semplicare in parte il problema. Nel capitolo precedente, abbiamo visto che
lo spettro della componente longitudinale della velocit del vento caratterizzata dal gap spettrale che
garantisce la stazionariet del valor medio della velocit eolica su un periodo di tempo compreso tra
dieci minuti ed unora. E dunque possibile trattare separatamente la componente uttuante turbolenta
del vento e quella media che induce una risposta strutturale di tipo statico. La risposta al vento turbolento viene valutata in campo dinamico, ed a sua volta un processo aleatorio, pertanto va caratterizzata
in base a modelli stocastici. Un ulteriore constatazione facilita la soluzione del problema dinamico: la
turbolenza atmosferica p essere intesa come un processo il cui momento statistico del secondo ordine1
stazionario. Inoltre il vento turbolento con buona approssimazione di tipo Gaussiano, ossia i primi
due momenti statistici permettono di caratterizzarlo completamente. Pertanto, essendo stazionari media e
varianza del processo Gaussiano ad essa associato, la turbolenza pu essere intesa anche come ergodica.
Lassunzione di ergoticit del processo sfoltisce notevolmente le pratiche sperimentali in sito o in galleria
del vento: una singola registrazione del vento turbolento risulta essere rappresentativa di tutto il processo stocastico ad esso associato. Se venisse meno questa propriet, una corretta campagna sperimentale
dovrebbe essere condotta su una serie numerosa di registrazioni.
1

Tralasciando la media stazionaria, il momento statistico del secondo ordine coincide con il cumulante del secondo ordine.

37

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

38

Riassumendo, il vento atmosferico pu essere inteso come un processo Gaussiano stazionario ergotico a media nulla. Tralasciando la componente media, una completa descrizione sica del fenomeno
data dalla caratterizzazione dellintensit di turbolenza, delle scali integrali della componente uttuante
della velocit del vento, dalla densit spettrale di potenza e dalla coerenza che ne identica la correlazione
spaziale.

4.1 Intensit di turbolenza


Siano U, V e W le velocit eoliche medie nelle direzioni x, y e z di un sistema Cartesiano con z asse
verticale (Fig. 3.2), e u, v e w le rispettive componenti turbolente. Nellipotesi di terreno omogeneo e
usso orizontale, le deviazioni standard delle componenti uttuanti, u , v e w , possono essere considerate costanti sui piani individuati da differenti quote rispetto al suolo. Inoltre, stato osservato che tali
quantit decrescono molto lentamente entro le altezze tipiche delle strutture convenzionali, o addirittura
no ad unaltezza pari alla met dello strato limite atmosferico come postul Armit. Fino ad unaltezza
di 100-200 metri possibile assumere che:
u = Au

(4.1)

v 0.75u

(4.2)

w 0.5u

(4.3)

con A 2.5 per zo = 0.05m e A 1.8 per zo = 0.3m.


A partire dalle deviazioni standard, di deniscono le intensit di turbolenza in funzione della quota
z:
u (z)
U (z)
v (z)
Iv (z) =
V (z)
w (z)
Iw (z) =
W (z)
Iu (z) =

(4.4)
(4.5)
(4.6)

Fino ad altezze di 100-200 metri, si pu assumere che le componenti uttuanti della velocit del
vento siano distribuite normalmente (distribuzione Gaussiana), e abbiano media nulla2 . Tuttavia, qualora
la deviazione standard di tali processi stocastici cade al di fuori di un certo intervallo 3, lipotesi di
Gaussianit pu essere a sfavore di sicurezza.

4.2 Scale temporali


Nellassunzione di processo stazionario, la funzione di autocorrelazione permette di stimare le informazioni che una registrazione della velocit del vento ad un certo istante t1 , fornisce sulla valore della
stessa registrazione al temp t2 . Indicando con = t1 t2 il periodo di tempo che intercorre tra due valori
della stessa registrazione, possibile denire la funzione di autocorrelazione nel seguente modo:
Ru (z, ) = E [u(x, y, z, t1 )u(x, y, z, t1 + )]

(4.7)

che funzione della sola altezza z nellipotesi di usso orizzontalmente omogeneo che investe un sito
uniformemente rugoso. La funzione di autocorrelazione pu essere anche adimensionalizzata:
u (z, ) =
2

E [u(x, y, z, t1 )u(x, y, z, t1 + )]
E [u(x, y, z, t1 )u(x, y, z, t1 + )]
=
2]
2
E [u(x, y, z, t)
u (z)

(4.8)

La media viene considerata a parte.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

39

dove u (z) la varianza. u (z, ) assume cos valori compresi tra 0 ed 1.


La scala temporale T (z) denita come:
+

T (z) =
0

u (z, )d

(4.9)

ed un tempo di memoria: una misura di u al tempo t1 fornisce diverse informazioni circa u(t1 + ) se
<< T (z), al contrario se >> T (z). Un esempio di funzione di autocorrelazione data dalla Fig.
4.1, che fa riferimento ad una buona approssimazione data dalla seguente relazione:
u ( ) = e /T (z)

(4.10)

Figura 4.1: funzione di autocorrelazione u ( )

4.3 Scale integrali


Le scale integrali sono una misura della dimensione caratteristica dei vortici nel vento, o in maniera
equivalente, della dimensione media della rafca. Considerando la componente u le rispettive scale
integrale si scrivono:
Lx =
u
Ly =
u
Lz =
u

u (z, rx )drx

(4.11)

u (z, ry )dry

(4.12)

u (z, rz )drz

(4.13)

+
0
+
0

dove u (z, rj ) j = x, y, z la funzione di cross-correlazione tra due punti della rafca in direzione j
distanziati di rj . In generale possibile denire 3 scale integrali per ciascuna componente di velocit.
Secondo lipotesi di Taylor, la turbolenza atmosferica pu essere schematizzata come un treno di
vortici congelati che si muovono alla velocit media del vento. In questa ipotesi, considerando j = x, si
ha rx = U (z) e quindi:
Lx (z) = U (z)T (z)
u
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(4.14)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

40

valida per tutte le 9 scale integrali di turbolenza.


Le scali integrali dipendono dallaltezza, dalla rugosit del suolo, e anche dalla velocit del vento.
Per altezze comprese tra i 10-240 metri vale la seguente relazione:
Lx (z) = Cz m
u

(4.15)

dove C e m dipendono dalla rugosit del sito, zo (Fig. 4.2).

Le rimanenti scale integrali sono spesso

Figura 4.2: Valori di C e m in funzione di zo


espresse in funzione della scala integrale longitudinale, Lx (z):
u
Ly 0.3Lx
u
u

(4.16)

Lz
u

(4.17)

0.2Lx
u

4.4 Spettro della componente longitudinale della velocit del vento


Come accennato allinizio di questo capitolo, la turbolenza pu essere intesa come la sovrapposizione di
vortici caratterizzati da un periodo e da una frequenza angolare = 2n. Lenergia totale del processo
quindi la somma dei vari contribuiti energetici associati ad ogni singolo vortice. Dallequazione di
moto del usso turbolento si evince che i termini inerziali sono associati ad un trasferimento di energia
dai vortici pi grandi a quelli pi piccoli, mentre i termini viscosi si riferiscono ad una dissipazione di
energia che interessa principalmente i vortici pi piccoli. A causa dei questa dissipazione, la turbolenza
tenderebbe ad estinguersi, tuttavia la corrente viene rifornita di energia dai vortici maggiori. Il usso
turbolento dunque garantito da un equilibrio energetico tra lenergia introdotta nella corrente dai vortici
pi grandi, e lenergia dissipata da quelli pi piccoli.

Prima ipotesi di Kolmogorov


Il moto dei vortici minori governato dalla quantit di energia fornita (e quindi dissipata per lequilibrio), e dalla viscosit. Da tale ipotesi, deriva che i piccoli vortici sono indipendenti dalle condizioni
al contorno, a tal punto che questi non hanno una direzione preferenziale, ossia loro usso un usso
isotropo.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

41

Seconda ipotesi di Kolmogorov


I vortici maggiormente responsabili della dissipazione energetica sono i vortici molto piccoli aventi cio
delle lunghezze donda molto piccole. Conseguenza di questipotesi che i vortici pi grandi aventi,
lunghezze donda maggiori, si muovono indipendentemente dalla viscosit, e pertanto il loro moto
determinato soltanto dalla quantit di energia fornita che per lequilibrio sar uguale a quella dissipata. La
seconda ipotesi di Kolmogorov valida nel cosiddetto sotto-intervallo inerziale e fornisce lespressione
generale della componente longitudinale della velocit del vento:
Suu (K) = a

2/3

K 5/3

(4.18)

dove a 0.5, la quantit denergia trasferita (o dissipata), e K = 2/lamda il numero donda con
lunghezza donda.

4.4.1 Spettro nel sotto-intervallo inerziale


Si pu assumere che lenergia trasferita sia data dalla seguente relazione:
=

o U (z)
z

(4.19)

con U (z) dato dal prolo di velocit media:


U (z) =

1 z
u
k zo

(4.20)

Si dimostra, utilizzando le precedenti relazioni, che lo spettro della componente longitudinale della
velocit del vento pu essere scritta nella forma:
nSuu (z, n)
= 0.26
u2

2/3

nz
U (z)

(4.21)

dove la quantit f = nz/U (z) nota come coordinata di Monin.


si riportano di seguito alcuni spettri dalla letteratura:
Spettro di Von Karman
nSuu (z, n)
nLx
u
= 4
u2
U (z)

1
1 + 70.8

nLx
u
U (z)

2 5/6

(4.22)

Spettro di Davenport
nSuu (z, n)
=4
u2

1200n
U10

1
1+

1200n
U10

2 4/3

(4.23)

Spettro di Kaimal
nSuu (z, n)
200f
=
2
u
(1 + 50f )5/3
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(4.24)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

42

Spettro utilizzato dallEurocodice 1


nSuu (z, n)
nLx
u
= 6.8
2
u
U (z)

1
1+

nLx
u
10.2 U (z)

5/3

(4.25)

Per completezza si forniscono anche gli spettri di letteratura relativi alla componenti trasversali della

Figura 4.3: Confronto tra vari spettri della componente longitudinale della velocit del vento
velocit del vento.
Spettro di Kaimal
nSvv (z, n)
nz
= 15
2
u
U (z)

1
1+

9.5 Unz
(z)

(4.26)

5/3

Spettro di Lumley e Panofsky


nSww (z, n)
nz
= 3.36
2
u
U (z)

1
1 + 10

nz
U (z)

5/3

(4.27)

4.5 Correlazione spaziale della turbolenza


Il cross-spettro normalizzato, SN (P1 , P2 , n) della turbolenza longitudinale, fornisce la dipendenza statistica in funzione della frequenza n, tra due punti nello spazio P1 e P2 . Lo si esprime come segue:
SN (P1 , P2 , n) =

Suu (P1 , P2 , n)
Suu (P1 , n)Suu (P2 , n)

(4.28)

dove Suu (P1 , P2 , n) il cross-spettro della componente turbolenta nei due punti considerati. Suu (Pj , n) j =
1, 2 lo spettro della j-esima componente turbolenta.
La parte reale dello cross-spettro prende il nome di co-spettro, uu , ed una funzione che decade
allaumentare della distanza. Questo decadimento dipende dalla dimensione dei vortici che generalmente
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 4. TURBOLENZA ATMOSFERICA

43

pu essere stimata come il rapporto tra la velocit e la frequenza, U/n. La parte immaginaria prende
il nome di quad-spettro. Inoltre |SN (P1 , P2 , n)| = Cuu (P1 , P2 , n) dove Cuu (P1 , P2 , n) la funzione
di coerenza. Il co-spettro e la radice quadra della coerenza coincidono quando la parte immaginaria del
cross-spettro normalizzato nulla o trascurabile. In generale nella valutazione della risposta di strutture
soggette al vento turbolento, si assume che la parte immaginaria di SN (P1 , P2 , n) sia nulla, pertanto si
ottiene:
Suu (P1 , P2 , n) =

Suu (P1 , n)Suu (P2 , n)Cohuu (P1 , P2 , n)

(4.29)

dove Cohuu (P1 , P2 , n) = Cuu (P1 , P2 , n) = uu (P1 , P2 , n).


Date le distanze ry = |y1 y2 | e rz = |z1 z2 | lungo y e z tra due punti nello strato limite atmosferico,
una buona approssimazione della funzione di coerenza data da:

2
2
n
Cuu (ry , rz , n) = Cohuu (P1 , P2 , n) = uu (ry , rz , n) = e U (Cy ry ) +(Cz rz )
(4.30)
dove U = 1 [U (z1 ) + U (z2 )], mentre Cy e Cz sono due costanti che generalmente possono assumersi
2
pari a 10. Tali costanti garantiscono il decadimento della correlazione spaziale con la distanza.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Generazione di storie di vento


In questo capito verranno proposte alcune delle pi comuni tecniche per la generazione di storie di vento
a partire dalla matrice di densit spettrale associata alla turbolenza atmosferica o, pi in generale, alle
forzanti acquisite in galleria del vento oppure mediante sperimentazione al vero.
In questa sede, faremo riferimento alla componente uttuante longitudinale della velocit del vento,
u = u(t), intesa come un processo stocastico stazionario, gaussiano, a media nulla. Chiaramente le
tecniche di simulazione che verranno proposte, sono estendibili a qualsiasi processo stocastico con le
stesse propiet statistiche.

5.1 Simulazione di singoli processi stocastici


La trattazione comincia con la simulazione di singoli processi stocastici autocorrelati.

5.1.1 Constant Amplitude Wave Superposition (C.A.W.S.)


Un processo stocastico stazionario Gaussiano a media nulla pu essere inteso come la sovrapposizione di
funzione armoniche. Pertanto, la velocit eolica u(t) potr essere scritta nel seguente modo:
N

u(t) = H

cos (2nk t + k )

(5.1)

k=1

dove H unampiezza costante delle armoniche, N il numero di bande di frequenza in cui si divide lintero intervallo di frequenza1 , nk sono le frequenze centrali delle varie bande di frequenza n1 . . . nN ,
k sono delle fasi random uniformemente distribuite tra 0 e .
Il metodo si basa sul calcolo di H, in modo che lo spettro associato alla 5.1 sia quello desiderato.
Dalla teoria dei processi stocastici sappiamo che la varianza, 2 , di un processo stocastico stazionario,
gaussiano, a media nulla, ed ergotico, data dalla seguente relazione:
2
u =
1

+
0

Su (n)dn =

1
T

u2 (t)dt

(5.2)

Generalmente la turbolenza atmosferica longitudinale ha una banda di frequenza compresa tra 0Hz e 4Hz.

44

CAPITOLO 5. GENERAZIONE DI STORIE DI VENTO

45

dove T la lunghezza della storia di vento, e Su (n) la densit spettrale (in questo caso unilatera) di
u(t). Ricordando la 5.1, possiamo scrivere:
2
u

H2
=
T

cos (2nk t + k )

dt =

k=1

H2 N
T 2

(5.3)

Pertanto,lampiezza H sar data dalla seguente relazione:


H 2 = u

2
N

(5.4)

Per assicurare la convergenza del metodo, indicata con uk (t) la k esima componente di u(t), dovr
essere vericata la seguente relazione:
H2
1
= Su (nk )nk =
2
T

T
0

u2 (t)dt k
k

(5.5)

Tale condizione porta, inne, alla seguente relazione:


H2
2
= u = Su (nk )nk = cost.
2
N

(5.6)

ossia, dato lo spettro dal quale si vuol generare una storia di vento, necessario suddividerlo in N bande
di frequenza tale che lare sottesa dallo spettro in corrispondenza di queste bande sia costantemente pari
2
a u (Fig. 5.1).
N

Il rapporto di convergenza di questo metodo proporzionale a N . La generazione di N bande di


frequenza, aventi frequenze centrali n1 . . . nk pu comportare un sostanziale onere computazionale. In
ogni caso, alle alte frequenze si hanno intervalli troppi estesi (Fig. 5.1.

Figura 5.1: Constant Amplitude Wave Superposition (C.A.W.S.)

5.1.2 Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S)


In questo metodo, le ampiezze delle armoniche che compongono il processo stocastico u(t), non sono
costanti:
N

u(t) =

Hk cos (2nk t + k )

(5.7)

k=1

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 5. GENERAZIONE DI STORIE DI VENTO

46

Per calcolare le ampiezze Hk si sfrutta la seguente uguaglianza:


1
T

T
0

u2 (t)dt =
k

1
T

T
0

2
Hk cos (2nk t + k )

dt =

2
Hk
= Su (nk )nk
T

(5.8)

da cui, inne, si ottiene che la k esima ampiezza Hk data da:


Hk =

2Su (nk )nk

(5.9)

Il rapporto di convergenza di questo metodo proporzionale a N 2 . I vantaggi, rispetto al precedente


metodo, risiedono nel fatto che il metodo pu essere usato congiuntamente con lalgoritmo FFT (FastFourier-Transform), e le bande di frequenza hanno ampiezza costante. (Fig. 5.2).

Figura 5.2: Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S)

5.1.3 Filtri Autoregressivi


Il processo stocastico, u(t), scritto nel seguente modo:
p

k u(t kt) + (t)

u(t) =

(5.10)

k=1

dove p lordine del ltro, e k sono dei coefcienti da stimare, e (t) un rumore bianco a media nulla
e varianza 2 . In particolare, bisogna stimare i coefcienti k . La funzione di auto-correlazione di un
processo stocastico, ad esempio u(t), data da:
Ru ( ) = E [u(t)u(t + )]

(5.11)

che nel caso di un processo ergotico diviene:


Ru ( ) =

1
T

u(t)u(t + )d

(5.12)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 5. GENERAZIONE DI STORIE DI VENTO

47

I coefcienti k si ottengono risolvendo il seguente sistema lineare:

Ru (0) =
k Ru (kt) + 2

R (st) =
u

k=1
p

(5.13)
k Ru [(k s) t]

k=1

con s = 1 . . . p.
Il rapporto di convergenza del metodo proporzionale al numero dei parametri da stimare. Tuttavia,
non si conosce a priori lordine del ltro, p, che pertanto dovr essere stimato iterativamente, ossia no a
quando non vi sia una buona corrispondenza tra lo spettro effettivo e quello simulato.

5.2 Simulazione di processi multivariati


Generalmente il campo di vento un processo stocastico multidimensionale e multicorralato nello spazio
e nel tempo. Si procede, pertanto, allestensione dei precedenti metodi al caso pi generale e dinteresse
per le strutture.

5.2.1 Weighted Amplitude Wave Superposition (W.A.W.S)


Un vettore di velocit eoliche uttuanti, denite nello spazio:

u1 (t)
.
u(t) = .
.

(5.14)

uM (t)
pu essere simulato mediante la seguente relazione:
N

H(nk ) cos (2nk + k )

u(t) =

(5.15)

k=1

dove:
nk = nk + nk

(5.16)

sono i vettori delle frequenze centrali degli N intervalli di frequenza, con nk << n/2;

(1),k
.
k = .
.

(5.17)

(M ),k
il vettore delle fasi random coprese tra 0 e .
Considerando, ad esempio, M = 2, si ha in forma esplicita:

cos 2n(1),k + (1),k


N H11 (nk )
0
0
u1 (t)
H21 (nk ) H22 (nk )
u2 (t) =
0 cos 2n(2),k + (2),k

k=1
H31 (nk ) H32 (nk ) H32 (nk ) cos 2n(3),k + (3),k
u3 (t)

(5.18)

In maniera analoga a quanto visto per i singoli processi, si pu dimostrare che:


H(nk )H(nk )T = 2nSu (nk )
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(5.19)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 5. GENERAZIONE DI STORIE DI VENTO

48

ossia che la matrice H(nk ) il fattore di Cholesky di 2nSu (nk ) dove Su (nk ) la matrice di densit
spettrale della turbolenza atmosferica, intesa ora come processo stocastico multivariato nello spazio e nel
tempo.
Per tenere in conto della correlazione del vento possibile simulare li-esima componente uttuante
del vento nel seguente modo:
N

ui (t) =

Hij (nk ) cos 2n(j),k (t + ij ) + (j),k

(5.20)

k=1 j=1

dove:
ij = 2

zi zj
[U (zi ) + U (zj )]

(5.21)

Pertanto, calcolato il prolo di vento per il sito in questione, si sceglie la durata della storia di vento, T ,
il passo di campionamento, t, la frequenza massima dello spettro, il numero di intervalli di frequenza,
N , e si calcola la matrice delle densit spettrali Su (nk ). Successivamente, si opera la fattorizzazione di
Cholesky di 2nSu (nk ), si generano i vettori nk e k e si calcolano le storie di vento associate alle
k-esime frequenze nk . A questo punto si itera per tutte le N bande di frequenza scelte, e di volta in volta
si sommano le componenti armoniche ottenute.

5.2.2 Filtri Autoregressivi


Supponiamo di voler simulare M processi cross-correlati (come la velocit uttuante del vento a diverse
quote), allora scriveremo che li-esima componente uttuante ui (t) data da:

ij (k)uj (t kt) + Ni (t)

ui (t) =

(5.22)

k=1 j=i

dove, al solito, p lordine del ltro, e N(t) = [Ni (t) . . . NM (t)] il vettore composto da M rumori
bianchi.
Per determinare i coefcienti del ltro, ij necessario risolvere il seguente sistema di equazioni:

R (lt) = 1

im

1
Rim (0) =
T

ij (k)Rjm [(k l)t]


k=1 j=1
p

(5.23)

ij (k)Rjm [kt] + R(N ),im (0)


k=1 j=1

dove l = 1 . . . p.
Per stimare Ni (t) si opera la fattorizzazione di Cholesky di
R(N ),im (0) =

1
T

T
0

Ni (t)um (t)dt

(5.24)

ottenendo le matrice L detta fattore di Cholesky. Si pu dimostrare che


i

Lij j (t)

Ni (t) =

(5.25)

j=1

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 5. GENERAZIONE DI STORIE DI VENTO

49

dove j (t) sono dei rumori bianchi a media nulla e varianza unitaria, completamente scorrelati tra loro.
Pertanto, calcolato il prolo di vento per il sito in questione, si sceglie la durata della storia di vento,
T , il passo di campionamento, t. Successivamente si risolve il sistema 5.23, si calcola R(N ),im (0) se ne
opera la fattorizzazione di Cholesky, trovando L. Per ogni intervallo di tempo ti , si generano i processi
j (ti ), si calcolano dunque i processi N(ti ), ed inne il valore di u(ti ). Il processo si ripete per ciascun
istante ti .

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Aerodinamica dei corpi tozzi

50

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Dinamica Delle Strutture


7.1 Sistemi ad un grado di libert
Le strutture possono essere assimilate a sistemi ad n gradi di libert (gdl), riconducibili a ad n sistemi ad
un solo grado di libert. Pertanto, per affrontare lo studio delle strutture complesse conviene introdurre
la dinamica delloscillatore elementare.

7.1.1 Oscillazioni libere


Loscillatore semplice caratterizzato da una massa m collegata ad una molla di rigidezza k che esercita
su di essa una forza di richiamo elastico proporzionale allo spostamento della massa stessa(Fig. 7.1).
Il moto delsistema descritto dalla seguente equazione differenziale ordinaria omogenea di secondo

Figura 7.1: Oscillatore semplice


ordine, lineare a coefcienti costanti:
m + kx = 0
x

(7.1)

Lequazione 7.1 pu essere riscritta nella forma:


2
m + o x = 0

(7.2)

previa introduzione della pulsazione naturale o :


o =

k
m

(7.3)
51

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

52

La soluzione dellequazione di moto (Eq.ni 7.1 e 7.2) fornisce la risposta delloscillatore semplice, e
pu essere scritta come segue:
x(t) = C sin(o t + )

(7.4)

dove le costanti C e dipendono dalle condizioni iniziali. La soluzione delloscillatore (Eq.7.4) risalta il
fatto che il moto delloscillatore e di tipo armonico caratterizzato da una pulsazione pari alla pulsazione
naturale del sistema, ampiezza C, e fase .
Date le condizioni iniziali:
x(0) = xo

(7.5)

x(o) = xo

si possono facilmente trovare le costanti dintegrazione:

x2

C = x2 + o
o
2
o

tan() = 0 xo

xo

(7.6)

Nella pratica risultano essere interessanti i casi in cui xo (0) = 0 oppure xo (0) = 0:

la massa m inizialmente ferma e spostata dalla sua congurazione a riposo della quantit xo :
x(0) = xo
x(0) = 0

x(t) = xo cos(o t)

(7.7)

la massa m spostata dalla sua congurazione a riposo da un impulso pari a mxo :

x(0) = 0
x(0) = xo

x(t) =

xo

sin(o t)
o

(7.8)

To
1

0.5

x(t)

0.5

10

Figura 7.2: Oscillazioni libere


Le oscillazione libere1 sono oscillazioni armoniche, pertanto sono caratterizzate da un periodo proprio,
To (Fig. 7.2):
To =
1

2
= 2
o

m
k

(7.9)

Si noti che loscillatore non soggetto ad alcuna forza esterna, pertanto si parla di oscillazione libere

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

53

ossia la risposta si ripete per multipli del periodo proprio di oscillazione. Linverso del periodo proprio
prende il nome di frequenza propria del sistema e sar dunque data dalla seguente relazione:
fo =

1
2

k
m

(7.10)

7.1.2 Oscillazioni forzate


Se loscillatore di Fig. 7.1 soggetto ad una forzante armonica, F (t) = F sin(t), lequazione di moto
assume la forma:
2
m + o x =

F
sin(t)
m

(7.11)

la cui soluzione data dalla sovrapposizione della soluzione omogenea (Eq. 7.4) e di quella particolare.
Questultima si ottiene a partire dalla soluzione di tentativo
xp (t) = A sin(t)

(7.12)

Sostituendo tale equazione nellequazione di moto (Eq. 7.11) facile trovare lampiezza A:
A=

F
=
2 )

2
m(o

F
k 1

(7.13)

Pertanto possibile accorpare le due soluzioni per ottenere la risposta di un oscillatore semplice forzato:
x(t) = C sin(o t + ) +

F
k

1
1

sin(t)

(7.14)

dove le costanti C e si calcolano a partire dalle condizioni iniziali.


In denitiva, la risposta data dalla somma di due funzioni armoniche di cui una pulsa alla frequenza
propria del sistema e laltra alla frequenza della forzante F (t). Si pu facilmente notare che se le due
frequenze in questione sono uguali, la risposta delloscillatore risulta innita. Tale situazione nota come
condizione di risonanza.

7.1.3 Oscillazioni libere smorzate


Nel caso in cui loscillatore munito di uno smorzatore (Fig. 7.3), la massa sar soggetta ad unulteriore
forza di richiamo di natura viscosa proporzionale alla velocit della massa stessa. Lequazione di moto

Figura 7.3: Oscillatore smorzato

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

54

sar pertanto descritta dalla seguente equazione:


m + cx + kx = 0
x

(7.15)

che, analogamente a quanto visto per loscillatore non smorzato, pu essere riscritta come segue:
2
x + 2o x + o x = 0

(7.16)

con
2o =

c
m

(7.17)

relazione che permette di denire il fattore di smorzamento, :


=

c
c
=
2mo
2 km

(7.18)

le radici dellequazione caratteristica associata allequazione di moto (Eq. 7.15) sono le seguenti:
1,2 =

2 1 o

(7.19)

Escludendo il caso in cui > 1 per il quale la radici sono reali ed il moto aperiodico, prendiamo in
esame gli altri casi:
= 1: le radici sono coincidenti, 1 = 2 = o , e la soluzione risulta essere:
x(t) = A1 eo t + A2 teo t

(7.20)

In questo caso lo smorzamento del sistema corrisponde a quello critico pari a 2 km


< 1: Le radici sono complesse coniugate:
1,2 = o

io

1 2

(7.21)

e lintegrale dellequazione di moto lo si pu scrivere come:


x(t) = Ceo t cos o

1 2t +

(7.22)

Il caso < 1 quello pi frequente per le strutture, pertanto conviene studiarlo in dettaglio. Imponendo
le condizioni iniziali:
x(0) = xo

(7.23)

x(0) = 0

si ottiene
xo
x(t) =
eo t cos o
2
1

tan =
1 2

1 2t +
(7.24)

Se invece si pone:
x(0) = 0
x(0) = xo

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(7.25)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

55

xo
1 2

e ot

0.5

x(t)

0.5

Td

10

Figura 7.4: Oscillazioni smorzate


si ottiene
x

o
eo t sin o
o 1 2

=
2

x(t) =

1 2t
(7.26)

Come si vede dalla Fig. 7.4, se non vi carico applicato le oscillazioni decadono nch la massa non
torna nella sua situazione iniziale di riposo. Il periodo di tempo che intercorre tra due massimi relativi
successivi pari a:
Td =

o 1 2

(7.27)

Inoltre il rapporto tra due massimi relativi in Fig. refdins03e pari a:


r = exp

1 2

(7.28)

Il logaritmo di questo rapporto si denisce decremento logaritmico, :


2
=
1 2

(7.29)

Se lo smorzamento piccolo,

1, si ha:

(7.30)

Inne se piccolo si ha:


e = 1 + =

xn
xn xn+1
=
xn+1
xn+1

(7.31)

7.1.4 Oscillazioni forzate con smorzamento


Se applichiamo alloscillatore una forzante armonica (Fig. 7.5) avremo che il sistema sar descritto dalla
seguente equazione differenziale ordinaria:
2
x + 2o x + o x =

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

F
sin(t)
m

(7.32)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

56

Figura 7.5: Oscillatore forzato con smorzamento


Allintegrale generale dellomogenea (Eq. 7.26) andr aggiunta la soluzione particolare che scriveremo:
xp (t) = A sin(t )

(7.33)

Sostituendo tale soluzione nellequazione di moto si ottiene:


xp (t) =

1
(1 2 )2 + 4 2

F
sin(t )
2 k

(7.34)
2
tan() =
1 2

dove si posto = o .
Si pu osservare dalla prima delle Eq.ni 7.36 che il fattore F/k il valore statico dellampiezza, ossia
il valore che si avrebbe se il fenomeno fosse statico, mentre la quantit
1
(7.35)
(1 2 )2 + 4 2 2
assume il signicato di fattore di amplicazione, mentre rappresenta lo sfasamento tra la risposta e
la forzante.
Per = 1 si ha la risonanza corrispondente alla massima risposta delloscillatore. In
6

=0
= 0.1
5

1
(1 2 )2 +4 2

= 0.2
2

= 0.3
= 0.5

=1
0

0.2

0.4

0.6

0.8

1.2

1.4

1.6

1.8

Figura 7.6: Fattore di amplicazione


corrispondenza della risonanza se = 0 lamplicazione tende allinnito, mentre per valori diversi la
risposta tende a diminuire allaumentare dello smorzamento (Fig. 7.6).
In generale potremmo quindi scrivere la risposta totale del sistema come segue:
x(t) = Ceo t cos o

1 2t + +

1
(1 2 )2 + 4 2

F
sin(t )
2 k

(7.36)

2
tan() =
1 2
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

57

dove le costanti C e dipendono dalle condizioni iniziali.


Poich le oscillazioni libere sono smorzate, a parte un transitorio iniziale, le oscillazioni libere tendono a scomparire lasciando spazio alle sole oscillazioni forzate. Quando si perviene a tale situazione il
sistema ha raggiunto la condizione di regime.

7.1.5 Risposta ad una forzante qualsiasi


Finora abbiamo trattato le forzanti armoniche, tuttavia la soluzione del problema dinamico pu essere
esteso al caso pi generale di forzante che varia secondo una legge qualsiasi.
A tal proposito utile introdurre la risposta ad una forza F applicata alloscillatore allistante to per
la durata t (Fig. 7.6). A tale forza corrisponde limpulso elementare dI = F t, mentre la risposta
allimpulso elementare risulta essere:
1

eo t sin o 1 2 t
h(t) =
(7.37)
mo 1 2
La risposta ad una forzante qualsiasi pu essere vista come la somma delle risposte corrispondente ai
singoli impulsi elementari in cui si ipotizza di suddividere la forzante stessa. La sovrapposizione degli
effetti garantia dallintegrale di Duhamel:
t

xp (t) =

F ( )h(t )d

(7.38)

Pertanto la soluzione complessiva sar:


x(t) = Ceo t cos o

1 2t + +

F ( )h(t )d

(7.39)

7.2 Sistemi a pi gradi di libert


Le strutture reali sono sistemi aventi inniti gradi di libert, cosicch lo studio rigoroso del loro comportamento dinamico richiedebbe un formulazione al continuo. Tuttavia, la teoria degli elementi niti permette
di discretizzare la struttura complessa in un sistema caratterizzato da un numero nito di gradi di libert.
La trattazione di tali sistemi ulteriormente semplicata riconducendo il calcolo della risposta dinamica
alla sovrapposizione della risposta di singoli oscillatori elementari smorzati e forzati. In denitiva, un
sistema lineare a n gradi di libert pu essere scomposto in n sistemi ad un solo grado di libert, per i
quali vale la trattazione svolta nora. La suddetta scomposizione nota come decomposizione modale e
si basa sul calcolo dei modi propri di vibrare.

7.2.1 Oscillazioni libere non smorzate


Le oscillazioni libere di una struttura non smorzata, ricondotta ad un sistema a n gradi di libert, si
determinano risolvendo un sistema di equazioni differenziali ordinarie che potremo scrivere in forma
matriciale come segue:

MU + KU = 0

(7.40)

dove M e K sono rispettivamente la matrice delle masse e la matrice di rigidezza del sistema:

k11 k12 . . . k1n


m11 m12 . . . m1n
k21 k22 . . . k2n
m21 m22 . . . m2n

K= .
M= .
.
.
.
.
..
..
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
mn1 mn2 . . . mnn
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(7.41)

kn1 kn2 . . . knn


Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

58

mentre U e U sono rispettivamente i vettori delle accelerazioni e degli spostamenti della struttura:


u1
u1

u2
u2



U = .
U = .
(7.42)
.
.
.
.
un

un

Se la struttura non labile si dimostra che U e U sono denite positive, pertanto la soluzione del
problema la si pu scrivere, applicando il principio di sovrapposizione degli effetti, come la somma delle
risposte di n sistemi ad un grado di libert:
n

U (t) = Q(t) =

[Cj cos(j t + j )] j

(7.43)

j=1

le costanti Cj e j dipendono dalle condizioni iniziali, mentre = [1 , 2 , . . . , n ] la matrice delle


forme modali o modi naturali di vibrare del sistema, ed una matrice reale. Il vettore Q(t) = [q1 .q2 , . . . , qn ]T
il vettore delle singole risposte associate al j-esimo oscillatore elementare: analogamente a quanto visto
precedentemente ( 7.1) avremo:
qj = Cj cos(j t + j )

(7.44)

Per la stessa analogia andremo a denire la j-esima pulsazione propria, j , il j-esimo periodo proprio,
Tj , e la j-esima frequenza propria, fj , della struttura:
j = 2fj

Tj =

2
j

fj =

1
Tj

(7.45)

Le quantit j e j si determinano trovando le soluzioni non banali del sistema di equazioni differenziali
che governa il moto (Eq. 7.40), proiettato nello spazio delle coordinate modali. In particolare il problema
iniziale si riconduce al seguente: ricordando le relazioni 7.40 e 7.43 si ha:

MQ + KQ = 0

(7.46)

Considerando una soluzione del tipo qj = Cj cos(j t + j ) facile dimostrare che il problema diviene:
2
j Mj qj + Kj qj = 0

(7.47)

che pu essere riscritta in forma compatta:


2
K j M j qj = 0

(7.48)

Escludendo le soluzioni banali del tipo qj = 0, vogliamo trovare le quantit j e j tali per cui:
2
K j M j = 0

(7.49)

Il problema si risolve mediante la teoria spettrale. In particolare, siamo alla ricerca delle radici del
polinomio caratteristico associato al sistema. Tale polinomio dato dalla seguente relazione:
Det [K M] = 0

(7.50)

dove le radici j assumeno il signicato di autovalori


Otteniamo dunque n valori di tali che 0 < 1 < 2 < . . . < n . Le pulsazioni proprie del sistema
saranno date come segue:
2
j = j

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(7.51)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

59

Le forme modali o autovettori, j si trovano applicando le equazioni denite nella 7.49. Fissato j si
ha un sistema di equazioni lineare omogeneo, la cui soluzioni j , denita a meno di una costante di
proporzionalit. Per eliminare tale indeterminazione, basta porre una delle sue componenti pari allunit,
ad esempio la prima.
Si pu dimostrare che gli autovettori sono vettori ortogonali rispetto alla matrice delle masse e alla
matrice di rigidezza della struttura, ossia sono tali da diagonalizzare tali matrici. Poich ciascun autovettore viene determinato a meno di costante arbitraria, generalmente di opera una normalizzazione in modo
tale che la matrice degli autovettori, , sia anche ortonormale rispetto alla matrice delle masse:
T M = I

(7.52)

dove I la matrice didentit. Inoltre, in questo caso si ha che:


T K = 2
avendo posto:
2
1
2

2
=

(7.53)

..

(7.54)

2
n

Le propiet di ortogonalit e ortonormalit della matrice degli autoettori, , permettono di semplicare il calcolo della risposta dinamica di una struttura complessa. Infatti, premoltiplicando tutti i termini
della 7.46 per T si ottiene:

T MQ + T KQ = 0

(7.55)

da cui per quanto detto si ottiene:

IQ + 2 Q = 0

(7.56)

che corrisponde ad n equazioni differenziali lineari omogenee linearmente indipendenti:

2
q1 + 1 q1 = 0

q + 2q = 0

2
2 2
.

2
qn + n qn = 0

(7.57)

ossia la struttura viene scomposta in oscillatori elementari la cui risposta sar data come visto in precedenza da:

q1 = C1 cos(1 t + 1 )

q = C cos( t + )
2
2
2
2
(7.58)
.
.
.

qn = Cn cos(n t + n )
con le costanti Cj e j da determinare in base alle condizioni iniziali. La soluzione inne sar data dalla
sovrapposizione degli effetti:
n

U (t) =

[Cj cos(j t + j )] j

(7.59)

j=1

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

60

7.3 Oscillazioni libere smorzate


Prima di entrare nella trattazione analitica delle oscillazioni libere smorzate conviene sottolineare che
vi un grande numero di incertezze nella valutazione dello smorzamento delle strutture reali. Le cause
principali di queste incertezze sono di varia natura: lattrito dei giunti, listeresi del materiale, la presenza
di elementi non strutturali interagenti con la struttura, le resistenze del mezzo. Generalmente non
possibile tenere in conto tutte queste cause, peraltro non sempre facili da individuare, ma si preferisce
valutarne leffetto complessivo mediante indicazioni di natura sperimentale. In questottica risultano
giusticate alcune semplicazioni che possono essere sintetizzate in due ipotesi fondamentali:
Le forze di richiamo viscoso, resistenze viscose, sono proporzionali alla velocit;
La matrice di smorzamento, C, esprimibile come una combinazione lineare della matrice delle
masse e dell rigidezze.
Questultima ipotesi pu essere riscritta con lausilio di due costanti, e :
C = M + K

(7.60)

La 7.60 costituisce una condizione sufciente afnch la matrice di dissipazione sia diagonalizzabile.
Limportanza del disaccoppiamento di C evidente. La dinamica di una struttura complessa smorzata
descritta in forma matriciale come segue:

MU + CU + KU = 0

(7.61)

introducendo nella 7.61 la traformazione U (t) = Q(t) e premoltiplicando tutti i termini per T si
ottiene:

IQ + NQ + 2 Q = 0
dove

(7.62)

21 1
0
...
0
0
22 2 . . .
0

N = T C = .
.
.
..
.
.
.
.
.
.
.
0
0
0 2n n

(7.63)

la matrice di dissipazione disaccoppiata.


Le equazioni che descrivono il moto (Eq. 7.62) risultano dunque essere linearmente indipendenti:

2
q1 + 21 1 q1 + 1 q1 = 0

q + 2 q + 2 q = 0

2
2 2 2
2 2
(7.64)
.

2
qn + 2n n qn + n qn = 0

ossia la struttura viene scomposta in n oscillatori smorzati la cui risposta sar data come visto in precedenza da:

q1 (t) = C1 e1 1 t cos 1 1 2 t + 1

q (t) = C e2 2 t cos 1 2 t +
2
2
2
2
2
(7.65)

q (t) = C en n t cos
1 2t +
n

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

61

con le costanti Cj e j da determinare in base alle condizioni iniziali.


La soluzione sar data dal principio di sovrapposizione degli effetti:
n

Cj ej j t cos j

U (t) =

2
1 j t + j

(7.66)

j=1

7.3.1 Oscillazioni forzate con smorzamento


Il problema delle oscillazioni forzato descritta dalla seguente equazione in forma matriciale:

MU + CU + KU = F (t)

(7.67)

operando la decomposizione modale si ha:

IQ + NQ + 2 Q = P (t)

(7.68)

P (t) = T F (t)

(7.69)

dove

la proiezione del carico sulle forme modali. Nella precedente formulazione di intende che
F (t) = [F1 (t), F2 (t), . . . , Fn (t)]

P (t) = [P1 (t), P2 (t), . . . , Pn (t)]

La struttura viene quindi scomposta in n oscillatori smorzati e forzati:

2
q1 + 21 1 q1 + 1 q1 = p1 (t)

q + 2 q + 2 q = p (t)

2
2 2 2
2
2 2
.

2
qn + 2n n qn + n qn = pn (t)

(7.70)

(7.71)

La soluzione dipende dal tipo di forzante.

7.3.2 Risposta a forzanti qualsiasi


Si procede al calcolo della risposta per una forzante multidimensionale F (t) di tipo qualsiasi, essendo
tale soluzione di validit generale.
Le equazioni scritte nella 7.61 sono linearmente indipendenti, in quanto disaccoppiate. La risposta
del j-esimo oscillatore sar data dalla sovrapposizione della j-esima soluzione omogenea e della j-esima
soluzione particolare. La soluzione omogenea data dalle equazioni 7.65, mentre, analogamente a quanto
visto nel paragrafo 7.1.5, la soluzione particolare sar espressa mediante litegrale di convoluzione, o di
Duhamel.

q1 (t) = C1 e1 1 t cos 1 1 2 t + 1 +

p1 ( )h1 (t )d
1

q (t) = C e2 2 t cos 1 2 t + +
2
p2 ( )h2 (t )d
2
2
2
2
0
(7.72)

qn (t) = Cn en n t cos n 1 2 t + n +

pn ( )hn (t )d
n
0

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 7. DINAMICA DELLE STRUTTURE

62

dove:
hj (t) =

1
j

2
j

ej j t sin j

2
1 j t

(7.73)

la riposta ad un impulso unitario dell j-esimo oscillatore. Inne la soluzione sar data dalla sovrapposizione degli effetti:
n

Cj ej j t cos j

U (t) =
j=1

2
1 j t + j +

t
0

pj ( )hj (t )d j

(7.74)

ricordando che nella condizione di regime leffetto delle soluzioni omogenee svanisce in quanto la struttura smorzata.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Dinamica Aleatoria Delle Strutture


Nellambito della dinamica deterministica di un oscillatore ad un grado di libert si assume che fatta
eccezione per la risposta, x(t), (Fig. 7.1), ciascun parametro denito nellequazione di moto deterministico. In tali condizioni la risposta unicamente determinata una volta imposte le condizioni iniziali.
Se almeno uno di questi parametri aleatorio, la risposta sar a sua volta aleatoria. Ci signica che la
risposta dovr essere necessariamente caratterizzata statisticamente.
In questa trattazione si assume che il carico sia un processo stocastico, dal momento che generalmente il
vento pu essere inteso come un processo stocastico multidimensionale e multivariato.

8.1 Risposta aleatoria delloscillatore smorzato


Nel capitolo 7 abbiamo introdotto lequazione di moto delloscillatore smorzato forzato:
2
x + 2o x + o x =

1
f (t)
m

(8.1)

In questo caso f (t) un processo stocastico, applicato alloscillatore nellistante t = 0.


La soluzione al problema (cfr. Eq. 7.39) data dalla seguente relazione:
x(t) = Ceo t cos o

1 2t + +

f ( )h(t )d

(8.2)

il cui primo termine, soluzione omogenea, dipende solo dalle condizioni iniziali e quindi deterministico. Poich vogliamo caratterizzare la risposta aleatoria, possiamo tralasciare la parte deterministica.
Prendiamo cos in considerazione la seguente soluzione:
t

x(t) =

f ( )h(t )d

(8.3)

dove la risposta ad un impulso, h(t), data da:


h(t) =

eo t sin o
mo 1 2

1 2t
63

(8.4)

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

64

Dalla teoria dei processi stocastici sappiamo che per poter caratterizzare la risposta aleatoria dobbiamo calcolare i suoi momenti statistici. Ln-esimo momento dato da:
E [x(t1 )x(t2 ) . . . x(tn )] =
t2

t1

=E

f (1 )h(t1 1 )f (2 )h(t2 2 ) . . . f (n )h(tn n )d1 d2 . . . dn =

...
0

0
t1

t2

...
0

E [f (1 )f (2 ) . . . f (n )] h(t1 1 )h(t2 2 ) . . . h(tn n )d1 d2 . . . dn

(8.5)

ottenuto ricordando la linearit del operatore valore atteso, E[. . . ]. Analogamente si pu scrivere lespressione delln-esimo cumulante1
E {[x(t1 ) x (t1 )][x(t2 ) x (t2 )] . . . [x(tn ) x (tn )]} =
t2

t1

...

n [f (1 )f (2 ) . . . f (n )] h(t1 1 )h(t2 2 ) . . . h(tn n )d1 d2 . . . dn (8.6)

Un caso particolare quello di forzante Gaussiana che produce una risposta Gaussiana. In questo
caso i momenti di ordine superiore al primo sono nulli, mentre i primi due assumono rispettivamente il
signicato di funzione di media e funzione di covarianza:
t

E [x(t)] = x (t) =
t1

xx (t1 , t2 ) =

E [f ( )] h(t )d
0

(8.7)

t2
0

f f (1 , 2 )h(t1 1 )h(t2 2 )d1 d2 = Rf f (t1 , t2 ) f (t1 )f (t2 )

dove Rf f la funzione di autocorrelazione della forzante f (t).

8.2 Forzanti aleatorie debolmente stazionarie


In diversi problemi di ordine pratico, la forzante pu essere assunta debolmente stazionaria, condizione
vericata quando:
E[f (t)] = f (t) = f
2

E[f (t) ] = cost.

(8.8)

(8.9)

Si pu dimostrare che quando il processo debolmente stazionario la funzione di autocorrelazione,


Rf f non dipende dai singoli instanti t1 e t2 ma dalla loro differenza, t1 t2 . Pertanto:
E[f (1 )f (2 )] = Rf f (1 2 ) = Rf f ( )

(8.10)

1
Si ricorda che il primo cumulante uguale al primo momento, mentre il secondo e terzo cumulante sono coincidenti con i
corrispondenti momenti centrali, ossia:

1 [x(t)] = E[x(t)] = x (t)


2 [x(t1 )x(t2 )] = E{[x(t1 ) x (t1)][x(t1 ) x (t1)]} = Rxx (t1 , t2 ) x (t1 )x (t2 )
3 [x(t1 )x(t2 )x(t3 )] = E{[x(t1 ) x (t1)][x(t1 ) x (t1)][x(t3 ) x (t3)]}
mentre i cumulanti di ordine superiore non sono facilmente calcolabili.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

65

con = 1 2 .
La funzione di autocorrelazione pu essere calcolata anche operando la trasformata inversa di Fourier
della densit spettrale di potenza della forzante, Sf f ():
+

Rf f (1 2 ) =

Sf f ()ei(1 2 ) d

(8.11)

Utilizzando questa relazione possibile trovare la funzione di autocorrelazione della risposta:


t2

t1

Rxx (t1 , t2 ) = E[x(t1 ), x(t2 )] =


t1

E[f (1 )f (2 )]h(t1 1 )h(t2 2 )d1 d2 =

t2

=
0

Rf f ( )h(t1 1 )h(t2 2 )d1 d2 =

t1

t2

=
0

Sf f ()ei(1 2 ) h(t1 1 )h(t2 2 )d1 d2 d (8.12)

Ponendo u = t1 1 e v = t2 2 ed integrando per u e v si ottiene:


+

Rxx (t1 , t2 ) =

Sf f ()M(, t1 )M (, t2 )ei(t1 t2 ) d

(8.13)

con:
t

M(, t) =

h(u)eiu du

(8.14)

la funzione h(.) la risposta ad un impulso unitario, mentre M(, t) una funzione complessa. Si pu
osservare che la risposta ad una forzante stazionaria sembrerebbe non essere stazionaria perch questa
funzione di t1 e t2 piuttosto che di t1 t2 . Tuttavia tenendo presente che la funzione di risposta ad un
impulso unitario nulla per t < 0 possibile cambiare lestremo dintegrazione inferiore della 8.14 e
porlo pari a :
t

h(u)eiu du

M(, t) =

(8.15)

se poi ci mettiamo nella condizione di regime possiamo porre t +, e otteniamo che 8.15 diviene la
trasformata di Fourier della funzione di risposta ad un impulso unitario, nota come ammettenza strutturale
H():
H() =

1
2

h(u)eiu du =

1
2
mo 1

1
2
2
o

+ 2i

(8.16)

Possiamo dunque scrivere la funzione di autocorrelazione della risposta stazionaria:


+

Rxx (t1 t2 ) =

|H()|2 Sf f ()ei(1 2 ) d

(8.17)

Si pu notare che La funzione a secondo membro della 8.17 la trasformata inversa di Fourier della
quantit |H()|2 Sf f (). Ci permette dunque di trovare la densit spettrale della risposta stazionaria
che per denizione la trasformata di Fourier della funzione di autocorrelazione Rxx (t1 t2 ):
Sxx () =

1
2

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Rxx (t1 t2 )ei(t1 t2 ) d(t1 t2 )

(8.18)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

66

da cui risulta inne:


Sxx () = |H()|2 Sf f ()

(8.19)

con:
|H()|2 =

1
4
m2 o

1
1

2
2
o

+ 4 2

(8.20)

Risolto il problema dinamico la valutazione della risposta delloscillatore, ricordando che essendo
debolmente stazionaria andranno valutati i primi due momenti statistici.

8.2.1 Valutazione della risposta media


In base a quanto visto in precedenza, la risposta delloscilatore in condizione di regime data da:
t

x(t) =

f ( )h(t )d

(8.21)

Pertanto il valore medio della risposta, x sar dato da:


t

x = E[x(t)] = E

f ( )h(t )d = E[f ( )]

h(t )d = f H(0)

Avendo sfruttando la linearit della funzione valore medio e ricordando che H(0) =
Inne notando che
H(0) =

1
1
=
2
mo
k

(8.22)

+
h(t )d .

(8.23)

si perviene alla ben nota relazione, di valenza generale, tra spostamenti e forze medie:
x =

f
k

(8.24)

8.2.2 Valutazione dei momenti del secondo ordine


Operando la trasformata inversa della densit spettrale della risposta si ottiene la funzione di correlazione
della risposta debolmente stazionaria:
+

Rxx ( ) = E[x(t1 )x(t2 )] =

Sxx ()ei d

(8.25)

avendo posto t1 t2 = .
A partire da Rxx possibile trovare il momento centrale del secondo ordine, ossia la funzione di
covarianza, xx , associata alla risposta debolmente stazionaria:
xx ( ) = E {[x(t1 ) x ][x(t2 ) x ]} = Rxx ( ) 2
x

(8.26)

ponendo t1 t2 = . Inne ponendo = 0 si ottiene la varianza della risposta:


2
xx (0) = x

(8.27)

La risposta aleatoria delloscilaltore risulta cos completamente caratterizzata.


Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

67

8.3 Risposta dei sistemi a pi gradi di libert


La valutazione della risposta aleatoria di una struttura complessa pu essere ricondotta (cfr. Cap. 7) allo
studio di oscillatori ad un solo grado di libert mediante la decomposizione modale.
Consideriamo il problema dinamico di un sistema smorzato, a pi gradi di libert, e soggetto ad una
forzante aleatoria multidimensionale ( 7.2):

MU + CU + KU = F (t)

(8.28)

Risolto il problema agli autovalori, j , e agli autovettori, j , possibile proiettare il problema nello
spazio delle coordinate modali, qj , scrivendo la soluzione come combinazione lineare delle coordinate
modali:
U (t) = Q(t)

(8.29)

Si ricorda che in generale gli autovettori costituiscono una base ortogonale, ossia sono tali da poter
diagonalizzare la matrice delle masse e delle rigidezza. Inoltre, operando unopportuna normalizzazione
possibile rendere gli autovettori anche ortonormali rispetto alla matrice delle masse, che risulta cos
essere pari alla matrice didentit.
In questa trattazione, si preferisce considerare una base ortogonale, ma non ortonormale, di autovettori. Il signicato sar chiaro nel seguito.
Sostituendo la 8.29 nella 8.28 e moltiplicando entrambi i membri per T si ottiene la decomposizione
modale del problema:

MQ + C Q + KQ = P (t)

(8.30)

P (t) = T F (t)

(8.31)

dove:

M=.
.
.
0

0
2

.
.
.
0

...
...
..
.
0

0
0

.
.
.
n

1 0 . . . 0
0 2 . . . 0

C=.
. ..
.
.
.
.
. .
.
.
0 0
0 n

1 0 . . . 0
0 2 . . . 0

K= .
. ..
.
.
.
.
.
.
.
.
0 0
0 n

(8.32)

Il problema di riconduce pertanto al calcolo di un sistema di equazioni differenziali linearmente indipendenti:

8.4 Forzanti aleatorie debolmente stazionarie


Abbiamo pi volte ricordato che per caratterizzare un processo stocastico debolmente stazionario sufciente calcolare i primi due momenti statistici. Tuttavia, importante ricordare che la risposta della struttura sar stazionaria solo a regime (cfr. 8.2), condizione che si avver quando leffetto della soluzione
omogenea del problema svanisce.
Consideriamo il sistema di equazioni che risolve la struttura:

1 q1 + 1 q1 + 1 q1 = p1 (t)

q + q + q = p (t)
2
2
2 2
2 1
2
(8.33)
.

n qn + 1 qn + n q1 = pn (t)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE


che pu essere riscritto come:

2
q1 + 21 1 q1 + 1 q1 = 1 p1 (t)

q + 2 q + 2 q = p (t)

2
2 2 2
2
1 2
2

68

(8.34)

2
qn + 2n n qn + n qn = 1 pn (t)

trascurando la soluzione omogenea, avremo che la j-esima risposta sar data dalla sola soluzione particolare:
t

qj (t) =

hj (t )pj ( )d

(8.35)

dove al solito h(t) e la funzione di risposta ad un impulso unitario:


hj (t) =

1
j j

2
j

ej j t sin j

2
1 j t

(8.36)

Ricordando che h(t) per denizione nulla per t < 0 possiamo cambiare lestremo inferiore di
integrazione della 8.35:
t

qj (t) =

hj (t )pj ( )d

(8.37)

Nellipotesi in cui la struttura abbia raggiunto la situazione di regime avremo possiamo cambiare
anche lestremo superiore di integrazione della 8.35, t +:
+

qj (t) =

hj (t )p( )d

(8.38)

Poich le forzanti sono stazionarie e la struttura ha raggiunto la condizione di regime, la risposta


sar a sua volta stazionaria. In particolare, essendo le forzanti debolmente stazionarie, per caratterizzare
il processo stocastico multidimensionale e multivariato della risposta sar necessario calcolare i suoi
primi due momenti statistici. Procediamo quindi con il calcolo della funzione di cross-correlazione della
risposta totale: ricordando che ul (t) = n lj qj (t) avremo:
j=1
Rul um (t1 t2 ) = E [ul (t1 )um (t2 )] =
n

j=1 k=1
n
n

j=1 k=1

lj km E [pj (1 )pk (2 )] hj (t1 1 )hk (t2 2 )d1 d2 =

lj km Rpj pk (1 2 )hj (t1 1 )hk (t2 2 )d1 d2 =


(8.39)

La funzione di cross-correlazione si ottiene applicando la trasformata inversa di Fourier della della


densit spettrale della risposta:
+

Rpj pk (1 2 ) =
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Spj pk ()ei(1 2 ) d

(8.40)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

69

pertanto si ottiene:
n

Rul um (t1 t2 ) =

j=1 k=1

lj km hj (t1 1 )hk (t2 2 )Spj pk ()ei(1 2 ) d1 d2 d


(8.41)

Ponendo u = t1 1 e v = t2 2 ed integrando per u e v avremo:


n

Rul um (t1 t2 ) =
j=1 k=1

lj km Hj ()Spj pk ()Hk ()ei(t1 t2 ) d

(8.42)

che si ottiene ricordando che lammettenza strutturale la trasformata di Fourier della funzione di risposta
ad un impulso unitario:
Hj () =

1
2

hj (u)eiu du

(8.43)

Si pu facilmente notare dalla relazione 8.42 che il secondo membro , a meno delle forme modali,

la trasformata inversa di Fourier di Hj ()Spj pk ()Hk (). Si pu dunque calcolare la densit spettrale
della risposta che per denizione la trasformata di Fourier di Rul um (t1 t2 ):
n

lj km Hj ()Spj pk ()Hk ()

Sul um () =

(8.44)

j=1 k=1

Complessivamente si ottiene la matrice delle densit spettrali della risposta strutturale, SU U ():
SU U () = H()SP P ()H ()T

(8.45)

dove H() e SP P () sono rispettivamente la matrice delle risposte impulsive e la matrice delle densit
spettrali dei carichi modali. In generale le matrici che compaiono nella 8.45 sono denite come segue:

SU1 U1 () SU1 U2 () . . . SU1 Un ()


SU U () SU U () . . . SU U ()
2 2
2 n
2 1

SU U () =
(8.46)

.
.
.
..
.
.
.

.
.
.
.
SUn U1 () SUn U2 () . . . SUn Un ()

SP1 P1 () SP1 P2 () . . . SP1 Pn ()


SP P () SP P () . . . SP P ()
2 2
2 n
2 1

SP P () =

.
.
.
..
.
.
.

.
.
.
.

H() =

(8.47)

SPn P1 () SPn P2 () . . . SPn Pn ()


1
2
1 1

2
2
1

+2i1

0
.
.
.
0

...

. ...
.
..
.
.
.
0
0

0
0
.
.
.

..

1
2
n n

1
2 +2in
n

(8.48)

Risolto il problema dinamico la valutazione della risposta strutturale si completa trovando i primi due
momenti statistici della risposta2 .
2

Le forzanti applicate sono debolmente stazionarie pertanto soltanto i primi due momenti statistici sono stazionari.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

70

8.4.1 Valutazione della risposta media


In base a quanto visto in precedenza, proiettando gli spostamenti strutturali nello spazio delle coordinate
modali, otteniamo:
U (t) = Q(t)

(8.49)

Pertanto il valore medio della j-esima risposta, U sar dato da:


+

U = E[U (t)] = E[Q(t)] = E

h(t )P ( )d

(8.50)

dove:

h1 (t)
0
...
0
0
h2 (t) . . .
0

h(t) = .

.
.
.
.
.
.
.
.
0
0
0
. . . hn (t)

(8.51)

Sfruttando la linearit della funzione valore medio, possiamo riscrivere la 8.50 come segue:
+

U = E

h(t )P (t)d =

h(t )E[P (t)]d =

h(t )E T F (t) d = F

ottenuta ricordando che P (t) = T F (t) e H(0) =


Inne si pu dimostrare che

+
h(t

h(t )d T = F H(0)T

(8.52)

)d .

H(0)T = K1

(8.53)

pertanto si perviene alla ben nota relazione, di valenza generale, tra spostamenti e forze medie:
U = K1 F

(8.54)

8.4.2 Valutazione dei momenti del secondo ordine


Operando la trasformata inversa della matrice delle densit spettrali della risposta si ottiene la matrice
delle funzioni di cross-correlazione della risposta debolmente stazionaria:

RU1 U1 ( ) RU1 U2 ( ) . . . RU1 Un ( )


RU U ( ) RU U ( ) . . . RU U ( )
+
2 2
2 n
2 1

RU U ( ) = E[U (t1 )U (t2 )] =


SU U ()ei d =

.
.
.
..
.
.
.

.
.
.
.

RUn U1 ( ) RUn U2 ( ) . . . RUn Un ( )


(8.55)
avendo posto t1 t2 = .
A partire da RU U possibile trovare il momento centrale del secondo ordine, ossia la matrice delle
funzioni cross-covarianza, U U , associata alla risposta debolmente stazionaria:
U U ( ) = E {[U (t1 ) U ][U (t2 ) U ]} = RU U ( ) U T
U
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(8.56)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE


ponendo t1 t2 = . Inne ponendo = 0 si ottiene la matrice di covarianza della risposta:

2
U1 U1 U1 U2 . . . U1 Un

U U 2
U2 U2 . . . U2 Un
2 1
U U (0) = .
.
.
..
.
.
.
.
.
.
.
Un U1

Un U2

71

(8.57)

2
. . . Un Un

A questo punto la risposta aleatoria della struttura completamente caratterizzata.

8.5 Formulazione generale della dinamica dei continui


Lequazione del moto di un continuo deformabile data dalla seguente relazione denita nel generico
punto individuato dal vettore r = x i + y j + z k:

m(r)U (r, t) + c(r)U (r, t) + L[U (r)] = F (r, t)

(8.58)

con il consueto signicato dei simboli fatta eccezione per il funzionale L che dipende dal tipo di struttura
in esame. Ad esempio per una piastra si ha
L[U (r, t)] =

Eh3
4 U (x, y, t)
4 U (x, y, t) 4 U (x, y, t)
+2
+
12(1 P )
x4
x2 y 2
y 4

(8.59)

dove h lo spessore della piastra E il modulo di Young, e P il coefciente di Poisson. Per una
struttura snella, che si sviluppi prevalentemente in direzione z, si ha invece:
L[U (r, t)] =

U (z, t)
EI
z 2
z 2

(8.60)

In ogni caso, con unopportuna scelta di coordinate possibile decomporre il problema analogamente
a quanto visto per i sistemi discreti. Proiettando il problema nello spazio delle coordinate modali, j (r)
con j = 1, 2, . . . , +, si ottiene:
+

U (r, t) =

j (r)qj (t)

(8.61)

j=1

Le coordinate modali sono tali per cui lungo lintera struttura, S, si ha:

i (r)m(r)j (r)dS = 0 i = j

(8.62)

i (r)c(r)j (r)dS = 0 i = j

(8.63)

i (r)L[i (r]dS = 0 i = j

(8.64)

ed inoltre:
2
L[i (r)] = m(r)i i (r)

(8.65)

dove i = 2ni li-esima frequenza angolare della struttura.


Pertanto, sostituendo la 8.61 nella 8.58, pre-moltiplicando lequazione di moto per i (r) ed integrando su tutta la struttura S, si ottiene:
2
qi + 2i i qi + i qi =

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

i (r)F (r, t)dS


pi (t)
i = 1, 2, . . . , +
2 (r)m(r)dS = m
i
S i

(8.66)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

72

dove
pi (t) =

i (r)F (r, t)dS

(8.67)

li-esimo carico proiettato sulla forma modale i (r), e


mi =

2 (r)m(r)dS
i

(8.68)

la massa associata alli-esimo modo di vibrare.

8.5.1 Risposta ad una forzante Gaussiana stazionaria


Come pi volte menzionato la risposta totale indotta da una forzante Gaussiana stazionaria data dalla
componente media e da quella uttuante. Pertanto, i primi due momenti statistici caratterizzano completamente la risposta strutturale.

Risposta media
In questo caso la 8.58 si riduce a:
L[U (r)] = F (r)

(8.69)

ossia la risposta media, U (r), si riconduce allintegrazione dellequazione differenziale della linea
elastica della struttura soggetta al carico medio F (r).
Risposta dinamica
La risposta dinamica la si pu trovare nel dominio del tempo integrando le equazioni di moto (Eq. 8.66)
e poi sommarle in base alla 8.61, oppure nel dominio delle frequenze. In ogni caso bisogna caratterizzare
il momento statistico del secondo ordine.
Abbiamo visto che li-esima risposta associata alla struttura data da:
t

qi (t) =

hi (t )pi ( )d

(8.70)

dove al solito hi (t) e la funzione di risposta ad un impulso unitario:


hi (t) =

1
mi i

2
i

ei i t sin i

2
1 i t

(8.71)

Ricordando che h(t) per denizione nulla per t < 0 possiamo cambiare lestremo inferiore di
integrazione della 8.70:
t

qi (t) =

hi (t )pi ( )d

(8.72)

Nellipotesi in cui la struttura abbia raggiunto la situazione di regime possiamo cambiare anche
lestremo superiore di integrazione della 8.70, t +:
+

qi (t) =

hi (t )pi ( )d

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(8.73)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 8. DINAMICA ALEATORIA DELLE STRUTTURE

73

Analogamente a quanto visto per i sistemi discreti si pu calcolare la funzione di cross-correlazione:


RU U (r1 , r2 , t1 t2 ) = E [U (r1 , t1 )U (r2 , t2 )] =
n

j=1 k=1
n
n

j=1 k=1

i (r1 )j (r2 )E [pj (1 )pk (2 )] hj (t1 1 )hk (t2 2 )d1 d2 =

i (r1 )j (r2 )Rpj pk (1 2 )hj (t1 1 )hk (t2 2 )d1 d2 =

(8.74)
La funzione di cross-correlazione si ottiene applicando la trasformata inversa di Fourier della densit
spettrale della risposta:
+

Rpj pk (1 2 ) =

Spj pk ()ei(1 2 ) d

(8.75)

pertanto si ottiene:
RU U (r1 , r2 , t1 t2 ) =
n

j=1 k=1

i (r1 )j (r2 )hj (t1 1 )hk (t2 2 )Spj pk ()ei(1 2 ) d1 d2 d


(8.76)

Ponendo u = t1 1 e v = t2 2 ed integrando per u e v avremo:


n

RU U (r1 , r2 , t1 t2 ) =
j=1 k=1

i (r1 )j (r2 )Hj ()Spj pk ()Hk ()ei(t1 t2 ) d

(8.77)

che si ottiene ricordando che lammettenza strutturale la trasformata di Fourier della funzione di risposta
ad un impulso unitario:
Hj () =

1
2

hj (u)eiu du

(8.78)

Ricordando la 8.67 si ottiene:


Spj pk () =

i (r1 )j (r2 )SF F (r1 , r2 , )dSdS = Ijk ()

(8.79)

dove Ijk () il cross-spettro delle forze generalizzate proiettate sui modi i e j.


Si pu facilmente notare dalla relazione 8.77 che il secondo membro , a meno delle forme modali, la

trasformata inversa di Fourier di Hj ()Ijk ()Hk (). Si pu dunque calcolare la densit spettrale della
risposta che per denizione la trasformata di Fourier di RU U (r1 , r2 , t1 t2 ):
n

i (r1 )j (r2 )Hj ()Ijk ()Hk ()

SU U (r1 , r2 , ) =

(8.80)

j=1 k=1

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

Risposta strutturale Along-Wind

La turbolenza atmosferica induce sulle strutture un carico eolico uttuante, a tal punto che queste iniziano
a vibrare. Se le oscillazioni strutturali sono rilevanti allora la risposta media, ossia indotta dalla sola componente media della velocit del vento, insufciente per descrivere la risposta strutturale che di per s
evolve in campo dinamico.
Dal momento che la turbolenza descrivibile come un processo stocastico allora anche la risposta
strutturale andr caratterizzata in termini statistici. In particolare, si assume che sia la turbolenza che la
risposta siano processi stazionari Gaussiani, caratterizzabili dunque dalla conoscenza dei primi due momenti statistici, media e funzione di correlazione. Si ricorda inoltre che grazie al gap spettrale la media
stazionaria su un intervallo di tempo compreso tra 10 minuti ed unora, lo stesso intervallo di tempo
considerato dalle normative nella denizione del prolo di velocit media nel sito dinteresse. Pertanto,
il campo di vento agente su una struttura lo si pu scomporre in una componente media ed una uttuante,
dove la prima responsabile della risposta statica e la seconda della risposta dinamica. I due effetti vengono successivamente sommati per individuare la risposta strutturale totale.
In questo capitolo si descrive la procedura di validit generale per la valutazione della risposta strutturale nella direzione del vento (along-wind), distinguendo tra le strutture assimilabili a sistemi ad un
grado di libert e strutture complesse che invece richiedono lo studio dellintero campo di pressione
eolica e degli effetti che ne conseguono. In questultimo caso la risposta sar dunque un processo multicorrelato e multidimensionale.
Nel Capitolo 8 abbiamo considerato la dinamica aleatoria dei sistemi a pi gradi di libert. Tale
trattazione sempre valida soprattutto per strutture complesse il cui studio condotto operando una discretizzazione mediante elementi niti. Tuttavia in taluni casi possibile studiare la struttura nel continuo
mediante una trattazione analoga al caso discreto.

9.1 Strutture riconducibili a sistemi ad un grado di libert


Si fa riferimento alla trattazione di Davenport [3]. Quando la dimensione dei vortici del vento turbolento
molto maggiore della dimensione caratteristica della struttura in esame allora questultima pu essere
intesa come una struttura puntiforme. Entro certi limiti la trattazione delle strutture puntiformi pu essere
estesa alle strutture con dimensioni maggiori. Ne deriva la poossibilit di poter studiare tali strutture
come sistemi ad un grado di libert (Fig. 9.1).
La risposta dinamica di tali strutture pu essere di
74

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

75

Figura 9.1: Struttura intesa come sistema ad un solo grado di libert


tipo quasi-statico oppure in risonanza in base alla rigidezza nella direzione del vento. Nel primo caso
la struttura cos rigida che le sue oscillazioni non interagiscono con la forzante applicata, mentre nel
secondo caso il moto della struttura induce unamplicazione della risposta (risonanza), rispetto al caso
precedente.
Nelle suddette ipotesi, la struttura pu essere intesa come una mensola con tutta la massa applicata
sulla sua sommit ossia su un area A, pari allintera area investita dal vento, posta ad unaltezza h rispetto
al suolo (Fig. 9.1). Per quanto visto nel Cap. 8 avremo che la risposta dinamica della struttura in gura
9.1 sar data da:
S () = |H()|2 SF F ()

(9.1)

con:
|H()|2 =

1
4
m2 o

1
1

2
2
o

+ 4 2

(9.2)

con il consueto signicato dei simboli, a parte la forzante eolica che viene denita come segue.

9.1.1 Denizione della forzante eolica


La forzante nella direzione del vento espressa a partire dalla componente longitudinale della velocit
del vento, U (r, t) = [U (r) + u(r, t)] i + v(r, t) j + w(r, t) k, dove U (r) la velocit media e
u(r, t), v(r, t) e w(r, t) sono le componenti uttuanti (turbolenza) nelle tre direzioni, nel generico punto
individuato dal raggio vettore r = y y + z k.
Denito con Cp (r) il coefciente di pressione locale per unit di supercie, nella direzione del vento
avremo:
1
F (r, t) = Cp (r) [U (r) + u(r, t) + v(r, t) + w(r, t)]2
2

(9.3)

dove A larea investita dal vento.


Generalmente le componenti u2 (r, t), v 2 (r, t) e w2 (r, t) sono molto pi piccole della velocit media

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

76

e quindi possono essere trascurate, pertanto si ottiene:


1
F (r, t) = Cp (r) [U (r) + u(r, t) + v(r, t) + w(r, t)]2
2
1
Cp (r) 2 (r) + 2U (r)u(r, t)
U
2

(9.4)

Lequazione 9.4 pu essere scomposta in componente media ed una uttuante, f (r) e Ft (r, t),
rispettivamente:
1
f (r) = U (r)2 Cp (r)
2
Ft (r, t) = Cp (r)U (r)u(r, t)

(9.5)
(9.6)

Nel caso di struttura riconducibile ad un sistema puntiforme possiamo ipotizzare che la forzante totale
agisca su una massa posta ad una quota pari allaltezza della struttura, h.
1
f = f (h) =
2
Ft (h, t) =

U (r)2 Cp (r)dA

(9.7)

Cp (r)U (r)u(r, t)dA

(9.8)

Inoltre nellsupponendo che il coefciente di pressione non vari nello spazio, ossia Cp (r) = Cp (h) = Cp ,
si ottiene:
1
f = 2 CD A
2 U
Ft (h, t) = U CD

(9.9)
u(r, t)dA

(9.10)

dove il coefciente di pressione locale Cp assume il signicato di coefciente di trascinamento (drag),CD ,


per unit di supercie, nella direzione del vento.

9.1.2 Ammettenza aerodinamica


Nel caso della struttura in esame la funzione di autocorrelazione si scrive:
RFt Ft (h, ) = (U CD )2

E [u(r1 , t)u(r2 , t + )] dAdA =


(U CD )2

Ruu (r1 , r2 , )dAdA (9.11)

Operando la trasformata di Fourier e sfruttandone la propiet di linearit, possiamo scrivere la densita di


potenza spettrale della forzante:
SFt Ft (h, ) = (U CD )2

Suu (r1 , r2 , )dAdA

(9.12)

Inoltre ricordando la 4.29, possiamo scrivere:


Suu (r1 , r2 , ) =

Suu (r1 , )Suu (r2 , )uu (r1 , r2 , )

(9.13)

che nel caso di una struttura puntiforme si riduce ulteriormente alla seguente espressione:
Suu (r1 , r2 , ) = Suu (h, )uu (r1 , r2 , )
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(9.14)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

77

La 9.14 deriva dallaver ipotizzato che la forzante turbolenta non vari nello spazio, ma solo nel tempo,
pertanto considerando la forzante concentrata sulla sommit della struttura ad una certa quota h, avremo
Suu (r1 , ) = Suu (r2 , ) = Suu (h, ).
Pertanto la densit spettrale della forzante eolica espressa dalla 9.12 diviene:
SFt Ft (h, ) = (CD U A)2 Suu (h, )

1
A2

uu (r1 , r2 , )dAdA

(9.15)

che possiamo scrivere:


SFt Ft (h, ) = (CD U A)2 Suu (h, )2 ()

(9.16)

dove
2 () =

1
A2

uu (r1 , r2 , )dAdA

(9.17)

assume il signicato di ammettenza aerodinamica. La funzione di coerenza espressa dalla relazione


4.30 che viene riscritta di seguito:

(Cy ry )2 +(Cz rz )2

(9.18)
uu (r1 , r2 , ) = e U
ry = |y1 y2 | e rz = |z1 z2 | sono le distanze lungo y e z tra due punti sullarea A, mentre Cy e Cz
sono due costanti che garantiscono lappropiato decadimento della funzione.
Generalmente lammettenza aerodinamica espressa in funzione del rapporto tra la dimensione carat
teristica della struttura, l e la dimensione dei vortici, U/n, dove n = 2 la frequenza. Fisicamente 2 ( nl )
U
pu essere intesa come una misura della correlazione spaziale dei vortici: maggiore la dimensione dei
vortici rispetto a quella della struttura maggiore lammettenza aerodinamica, perch maggiore la correlazione spaziale dgli stessi vortici lungo la supercie investita dal vento; a parit di dimensione della
struttura, poich i vortici piccoli sono meno correlati nello spazio lammettenza aerodinamica diminuisce
(Fig. 9.2). Possiamo dunque affermare che per valori piccoli di nl il carico eolico, che in generale
U
una forzante multidimensionale e multivariata, diviene una forzante monodimensionale, puntuale, quasi
completamente correlata, e data dalla risultante di tutte le pressioni locali nella direzione del vento agenti ortogonalmente alla faccia A, infatti 2 ( nl ) 1. Per valori sempre maggiori del parametro nl la
U
U
diminuzione della correlazione spaziale delle varie pressioni locali indotte dal vento diviene sempre pi
accentuata, pertanto 2 ( nl ) tende a valori sempre piu piccoli dellunit.
U

9.1.3 Calcolo della risposta strutturale


Dal momento che la forzante eolica un processo stocastico, anche la risposta strutturale avr la stessa
natura. Nellipotesi di forzante e risposta stazionarie e Gaussiane, vogliamo cercare di denire lo spostamento massimo della struttura. Si ricorda, che per valore massimo sintende il massimo valore atteso
(valore estremo) della risposta, e non il massimo assoluto. Vogliamo dunque denire la quantit:
e (h) = (h) + g (h)

(9.19)

dove (h) la risposta media, (h) la deviazione standard, e g il fattore di picco della risposta.
La risposta media data da:
=

f
1 1 2
=
CD A
k
k 2 U

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.20)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

78

Figura 9.2: Ammettenza aerodinamica 2


essendo k la rigidezza alla traslazione nella direzione del vento.
Per la valutazione della risposta dinamica si consideri nuovamente la relazione 8.80 che esprime la
densit di potenza spettrale della risposta di un sistema continuo, avremo nel caso in esame:
S (h, ) = |H()|2 SFt Ft (h, )

(9.21)

da cui considerando la 9.16 si ottiene:


S (h, ) = (CD U A)2 |H()|2 Suu (h, )2 ()

(9.22)

La varianza della risposta si ottiene integrando la 9.22, e nellipotesi di spettro unilatero avremo:
2
(h) = (CD U A)2

+
0

|H()|2 Suu (h, )2 ()d

(9.23)

mentre il fattore di picco della risposta denito secondo la seguente formula di validit generale per
qualsiasi processo stazionario Gaussiano:
g =

2 ln( T ) +

0.5772
2 ln( T )

(9.24)

dove T la lunghezza della registrazione, mentre la frequenza di attraversamento di soglia denita


da:
1
=
2

+ 2
S ()d
0
+
S ()d
0

(9.25)

9.1.4 Risposta quasi-statica


Nel caso in cui la struttura molto rigida lammettenza strutturale la si pu approssimare come segue:
|H()|2 |H(0)|2 =
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

1
1
= 2
2
m
k

(9.26)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

79

pertanto la 9.23 diviene:


2
(h) =

(CD U A)2
k2

+
0

Suu (h, )2 ()d

(9.27)

2
che pu essere riscritta, ricorrendo alla 9.9 alla varianza della turbolenza u (h), nel seguente modo:
2
(h) =

2
42 u (h)
f
k 2 2
U

+
0

Suu (h, ) 2
()d
2
u (h)

(9.28)

Strutture puntiformi
Come detto precedentemente se la dimensione dei vortici della componente uttuante della velocit del
vento molto maggiore della struttura in esame, allora 2 () 1 pertanto la 9.28 diviene:
2
(h)

2
42 u (h)
f
= 2
k
2
U

+
0

Suu (h, )
1 d
2
u (h)

da cui introducendo lintensit di turbolenza Iu (h) =


2
(h) =

(9.29)
u (h)
U

si ottiene:

2
42 2
42 u (h)
f
f
1 = 2 IU (h)
k 2 2
k
U

(9.30)

E dunque possibile trovare la deviazione standard della risposta:


=

f
2IU (h)
k

(9.31)

che sommata alla risposta media fornisce lespressione della risposta totale (Eq. 9.19):
e (h) =

f
[1 + g 2IU (h)]
k

(9.32)

La relazione 9.32 suggerisce la denizione di un carico statico equivalente:


Fe (h) = f [1 + gft 2IU (h)]

(9.33)

dove g = gft nellipotesi di risposta quasi statica. Inoltre si pu introdurre il fattore di rafca, , denito
come segue:
=

Fe (h)
= 1 + gft 2IU (h)
f

(9.34)

Possiamo quindi riscrivere la risposta totale:


e (h) =

(9.35)

da cui si evince che il fattore di rafca assume il signicato di fattore di amplicazione della risposta
media.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

80

Strutture grandi
Nel caso di strutture di dimensioni maggiori lammettenza, per quanto detto, diminuisce dal momento
che i vortici risultano meno correlati lungo la supercie strutturale investita dal vento. In questo caso si
ottiene:
=

f
2IU (h)
k

+
0

f
Suu (h, ) 2
()d =
2IU (h) kb
2 (h)
u
k

(9.36)

avendo posto:
+

kb =

Suu (h, ) 2
()d
2
u (h)

(9.37)

In questo caso la risposta totale sar data dalla seguente relazione:


e (h) =

f
[1 + g 2IU (h) kb ]
k

(9.38)

Pertanto il carico statico equivalente assume la forma:


Fe (h) = f [1 + gft 2IU (h) kb ]

(9.39)

ed introducendo il fattore di rafca, ,


=

Fe (h)
= 1 + gft 2IU (h) kb
f

(9.40)

possibile inne denire la risposta totale della struttura analogamente a quanto visto nella 9.35:
e (h) =

(9.41)

dove il fattore di rafca in questo caso tiene conto anche della correlazione spaziale della turbolenza.

9.1.5 Risposta in risonanza


Nei paragra precedenti abbiamo calcolato la risposta di strutture rigide, per le quali il moto della struttura non inuisce sulla risposta stessa (da cui appunto risposta quasi-statica). Nel caso di una struttura
essibile dovremmo tenere in conto anche lamplicazione in risonanza. Inoltre se il moto della struttura
piuttosto pronunciato si generano ulteriori forze aerodinamiche.
Conviene riscrivere lequazione di moto della struttura ricondotta ad un sistema ad un grado di libert
(Fig. 9.1):

m(h, t) + c(h, t) + k(h, t) = F (h, t)

(9.42)

In questo caso la forzante data da:


2
1

F (r, t) = CD (r)A U (r) + u(r, t) + v(r, t) + w(r, t) (r, t)


2
1

CD (r)A 2 (r) + 2U (r)u(r, t) 2U (r)(r, t)


U
2

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.43)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

81

che possiamo scomporre in una componente media f , una uttuante, Ft (h, t), ed una componente
aerodinamica, Fa (h, t), applicata sulla sommit della struttura, alla quota h:
1
f = 2 CD A
2 U
Ft (h, t) = U CD

(9.44)
u(r, t)dA

(9.45)

Fa (h, t) = U (h, t)CD A = ca (h, t)

(9.46)

La forza Fa (h, t) di natura viscosa, come la forza c(h, t) nella 9.42. Inoltre Fa (h, t) anche di natura
aerodinamica, indotta cio dal usso di vento incidente, pertanto ca prende il nome di smorzamento
aerodinamico. Possiamo dunque riscrivere lequazione di moto nel seguente modo:

m(h, t) + (c + ca )(h, t) + k(h, t) = f + Ft (h, t)

(9.47)

Il problema sempre la valutazione del valore estremo della risposta (Eq.9.19):


e (h) = (h) + g (h)

(9.48)

Procediamo quindi al calcolo dei vari contributi.


Risposta media
La risposta media data da:
=

f
1 1 2
=
CD A
k
k 2 U

(9.49)

essendo k la rigidezza alla traslazione nella direzione del vento.


Risposta in risonanza
Per quanto visto nel Cap.8 la risposta della struttura ricondotta ad un solo grado di libert data da:
S () = |H()|2 SFt Ft ()

(9.50)

dove per lammettenza assume la seguente forma:


|H()|2 =

1
4
m2 o

1
1

2
2
o

2
+ 4t

(9.51)

essendo:
t =

c + ca
2mo

(9.52)

il rapporto di smorzamento totale, comprensivo del contributo strutturale e di quello aerodinamico. Il coefciente di smorzamento aerodinamico ca dipende dalla forma della struttura, ed a favore di sicurezza
se positivo (contribuisce ad aumentare lo smorzamento strutturale), mentre per valori negativi a sfavore
di sicurezza (contribuisce a diminuire lo smorzamento strutturale).
Nel caso di strutture essibili, avremo:
2
(h) = (CD U A)2

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

+
0

|H()|2 Suu (h, )2 ()d

(9.53)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

82

2
che pu essere riscritta, ricorrendo alla 9.9 e alla varianza della turbolenza u (h), nel seguente modo:
2
(h) =

2
42 u (h)
f
2
k
2
U

k 2 |H()|2

Suu (h, ) 2
()d
2
u (h)

(9.54)

da cui la quantit che cerchiamo, (h) data da:


(h) =

f
2IU (h)
k

k 2 |H()|2
0

Suu (h, ) 2
()d
2
u (h)

(9.55)

La risposta dinamica pu essere calcolata come la somma della componente quella quasi statica, per
|H()|2 = |H(0)|2 = 1/k 2 , e di quella dinamica:
+

k 2 |H()|2

Suu (h, ) 2
()d = kb + kr
2
u (h)

(9.56)

dove:
+

+
Suu (h, ) 2
Suu (h, ) 2
()d =
()d
2
2
u (h)
u (h)
0
0
+
Suu (h, o ) 2
o Suu (h, o ) 2

(o )d =
(o )
kr =
k 2 |H()|2
2 (h)
2 (h)
u
u
4t
0

kb =

k 2 |H(0)|2

Pertanto la risposta totale della struttura sar data da:


f
e (h) =
1 + 2IU (h) kb + kr
k
ed il carico statico equivalente assume la forma:

(9.57)
(9.58)

(9.59)

Fe (h) = f [1 + gft 2IU (h) kb + kr ]

(9.60)

ed introducendo il fattore di rafca, ,


=

Fe (h)
= 1 + gft 2IU (h) kb + kr
f

(9.61)

possibile inne denire la risposta totale della struttura analogamente a quanto visto nel caso delle
strutture rigide:
f
e (h) =

(9.62)
k
con che tiene conto della correlazione spaziale della turbolenza, della componente quasi-statica e di
quella dinamica.

9.1.6 Strutture puntiformi


Nel caso di strutture puntiformi si ha 2 () 1 e quindi si ottiene:
+

+
Suu (h, )
Suu (h, )
1 d =
1 d = 1
2 (h)
2
u
u (h)
0
0
+
o Suu (h, o )
Suu (h, o )
1 d =
kr =
k 2 |H()|2
2
2
u (h)
u (h)
4t
0

kb =

k 2 |H(0)|2

(9.63)
(9.64)

pertanto il fattore di rafca assume la forma:


=

Fe (h)
= 1 + gft 2IU (h) 1 + kr
f

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.65)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

83

9.2 Strutture allungate nella direzione del vento


Nei precedenti paragra abbiamo trattato il caso di strutture a prevalente sviluppo in una direzione (e.g.
lungo z per la struttura in Fig. 9.1). Con riferimento alla Fig. 9.3, consideriamo ora il caso tridimensionale, ossia anche la dimensione lungo la direzione del vento. In questo caso la forzante di trascinamento

Figura 9.3: Struttura estesa nella direzione del vento


sar data da due contributi, la componente agente sulla faccia direttamente investita dal vento (windward
wall) e da quella che agisce in scia (leeward wall). Possiamo sempre scomporre il carico eolico in una
forza statica ed una dinamica:
1
1
(9.66)
f = fw + fl = 2 CDw Aw 2 CDl Al
2 U
2 U
Ft (h, t) = Fw (h, t) + Fl (h, t) = U CDw

Aw

u(r, t)dAw U CDl

Al

u(r, t)dAl

(9.67)

dove il segno negativo per le componenti in scia dovuto al fatto che sulla faccia sopravento (windward)
ho delle pressioni (positive), mentre sulla faccia sottovento (leeward) ho delle suzioni (negative).
Il calcolo della risposta media analogo a quanto visto precedentemente, mentre per il calcolo della
risposta dinamica conviene fare alcune osservazioni. In particolare, siamo interessati al calcolo della
densit spettrale della forzante dinamica Ft (h, t) = Fw (h, t)+Fl (h, t) che sappiamo essere la trasformata
di Fourier della sua funzione di autocorrelazione:
RFt Ft (h, ) = E [Ft (h, t)Ft (h, t + )] =
= E {[Fw (h, t) + Fl (h, t)] [Fw (h, t + ) + Fl (h, t + )]} =
= E [Fw (h, t)Fw (h, t + )] + E [Fl (h, t)Fl (h, t + )] +
+ E [Fw (h, t)Fl (h, t + )] + E [Fw (h, t + )Fl (h, t)] =
= RFw Fw (h, ) + RFl Fl (h, ) + RFw Fl (h, ) + RFw Fl (h, ) (9.68)
tenendo presente che RFl Fw (h, ) = RFw Fl (h, ). Operando la trasformata di Fourier si ottiene dunque
la densit spettrale di potenza del carico eolico:

SFt Ft (h, ) = SFw Fw (h, ) + SFl Fl (h, ) + SFw Ft (h, ) + SFw Fl (h, )

(9.69)

che sar data dunque dalla somma degli auto-spettri e dei cross-spettri delle singole componenti.
Generalmente, come si vede dalla Fig. 9.3, le due componenti della forzante sono poco correlate tra
loro, pertanto RFw Fl (h, ) 0 con buona approssimazione. Conseguentemente SFw Fl (h, ) 0 e

SFw Fl (h, ) 0 quindi la densit spettrale di potenza sar data da:


SFt Ft (h, ) SFw Fw (h, ) + SFl Fl (h, )
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(9.70)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

84

Noto lo spettro della forzante eolica si pu procedere al calcolo della risposta come visto nei precedenti paragra, distinguendo tra struttura rigida o essibile, puntiforme o estesa.

9.3 Trattazione generale della risposta along-wind di strutture


Nei precedenti paragra abbiamo considerato il calcolo semplicato della risposta along-wind, considerando la struttura come un sistema ad un grado di libert. In questa sezione viene descritta la trattazione, di carattere pi generale, per il calcolo della risposta strutturale nella direzione del vento, con
particolare riguardo alle strutture line-like e plate-like.
Tale procedura si riferisce a strutture aventi forme semplici, riconducibili agli schemi di Fig. 9.4.

Figura 9.4: Esempi di strutture contemplate dalla seguente trattazione


Inoltre si assumono le seguenti ipotesi:
Il carico eolico determinata dal campo di vento indisturbato;
La struttura elastica-lineare con smorzamento viscoso;
I modi propri di vibrare nella direzione del vento sono disaccoppiati tra loro.

9.3.1 Equazione di moto per le strutture che vibrano nella direzione del vento
Lequazione di moto della struttura che vibra nella direzione del vento la seguente:

m(r)(r, t) + c(r)(r, t) + L[(r)] = F (r, t)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.71)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

85

con il consueto signicato dei simboli. In analogia a quanto visto nel paragrafo 8.5 possibile decomporre
il problema proiettandolo nello spazio delle coordinate modali, i (r):
2
qi + 2i i qi + i qi =

i (r)F (r, t)dS


pi (t)
i = 1, 2, . . . , +
2 (r)m(r)dS = m
i
S i

(9.72)

Se pi modi di vibrare nella direzione del vento contribuiscono in maniera signicativa alla risposta
strutturale, allora avremo che la ripsosta totale, R, in risonanza sar data da:
2
R =

2
R,i

(9.73)

9.3.2 Funzioni dinuenza


Finora abbiamo considerato come risposta strutturale lo spostamento estremo, tuttavia conviene formulare
il problema in modo da poter estendere la valutazione della risposta in funzione di qualsivoglia quantit
(spostamenti, deformazioni, tensioni e caratteristiche di sollecitazione). Peranto, introduciamo le funzioni
dinuenza della generica risposta R, IR (r).
La funzione di inuenza la generica risposta che si ottiene in un generico punto della struttura per
effetto di un singolo carico unitario applicato in un altro punto della struttura stessa.
Calcoliamo, ad esempio, il valore medio del taglio alla base di una struttura verticale assimilabile
ad una mensola. Per ogni singolo carico unitario applicato alla quota z, ossia F (z) = 1, avremo che il
taglio alla base uguale, ma di verso contrario, al carico applicato, T (0) = F (z) = 1. Pertanto in questo
caso la funzione dinuenza del taglio, IT (z), costantemente pari ad 1. Infatti se si applica una forza
generica alla quota z ,sia essa F (z), avremo T (0) = 1 F (z), con IT (z) = 1.
Nel caso del momento ettente avremo M (0) = z F (z), per qualsiasi carico F (z) applicato alla
generica quota z. Conseguentemente, essendo la funzione dinuenza la risposta generica dovuta ad un
carico unitario avremo IM (z) = z 1 = z.
In generale, se ho un carico non uniformemente distribuito avremo, per il momento ettente:
h

M (0) =

IM (z)F (z)dz =

zF (z)dz

(9.74)

E facile dimostrare che nel caso di un carico uniformemente distribuito si ha:


h

M (0) =
0

IM (z)F (z)dz = F

zdz = F
0

h2
2

(9.75)

ossia il ben noto momento dincastro di una mensola caricata uniformemente.

9.3.3 Valore estremo della risposta


Lo scopo di questa trattazione quello di valutare il valore estremo della risposta:
Re = R + gR R

(9.76)

dove:
R =

2
2
Rb + Rr

(9.77)

essendo Rb e Rr la deviazione standard della risposta quasi-statica e in risonanza, rispettivamente.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

86

9.3.4 Strutture Line-Like


Per strutture Line-Like sintendono strutture con prevalente sviluppo in una direzione. Assumendo che
il vento agisce in direzione x, possiamo distinguere tra strutture che si estendono prevalentemente in
direzione y (e.g. ponti) ed altre che si estendono in direzione z (e.g. ciminiere).
In questa sezione consideriamo strutture che si estendono in altezza, dunque lungo z, ma la trattazione
del tutto analoga per le strutture allungate nella direzione y.
Equazione di moto
Lequazione di moto, associata alli-esimo modo di vibrare, sar dunque data dalla seguente relazione:
h
0 i (z)F (z, t)dz
h 2
0 i (z)m(z)dz

2
qi + 2i i qi + i qi =

pi (t)
i = 1, 2, . . . , +
mi

(9.78)

Denizione della forzante eolica


La forzante eolica data da:
2
1

F (z, t) = C(z)D(z) U (z) + u(z, t) + v(z, t) + w(z, t) (z, t)


2
1

C(z)D(z) 2 (z) + 2U (z)u(z, t) 2U (z)(z, t)


U
2

(9.79)

che possiamo scomporre in una componente media f (z), una uttuante, Ft (z, t), ed una componente
aerodinamica, Fa (z, t),
1
f (z) = 2 (z)C(z)D(z)
2 U
Ft (z, t) = C(z)D(z)U (z)u(z, t)

Fa (z, t) = C(z)D(z)U (z)(z, t) = C(z)D(z)U (z)qi i (z)

(9.80)
(9.81)
(9.82)

dove nella 9.82 si tenuto conto della decomposizione modale che porta alla relazione 9.78. La quantit
D(z) la dimensione della struttura nella direzione perpendicolare alla direzione del vento, mentre C(z)
un coefciente di forma.
Smorzamento aerodinamico
La forzante denita nella 9.82 di natura aerodinamica, in quanto indotta dal vento incidente, ma anche di
natura viscosa perch proporzionale a q. Pertanto, possibile denire uno smorzamento aerodinamico:

consideriamo la 9.78 dove la forzante sia solo quella di natura aerodinamica:


qi + 2i i qi +

2
i qi

h 2
0 i (z)C(z)D(z)U (z)dz
qi

h 2
0 i (z)m(z)dz

(9.83)

ponendo
2a,i =

2
i (z)C(z)D(z)U (z)dz
h 2
0 i (z)m(z)dz

(9.84)

avremo:
2
qi + 2(i + a,i )i qi + i qi = 0

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.85)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

87

pertanto lammettenza strutturale associata alli-esimo modo di vibrare sar dunque:


|H(i )|2 =

4
m2 i

2
2
i

2
4t,i

(9.86)

con t,i = (i + a,i ).


E possibile scrivere il rapporto di smorzamento aerodinamico a , i nel seguente modo:
a,i =

h 2
0 i (z)C(z)D(z)U (z)dz
h 2
0 i (z)m(z)dz

Urid,i
1
a,i
C(z )
4
Mrid,i

(9.87)

dove:
U (z )
ni D(z )
mg,i /h
=
D2 (z )

Urid,i =

(9.88)

Mrid,i

(9.89)

mg,i =

m(z)
0
h

a,i =

2
i (z)
dz
2
i (z )

(9.90)

2
C(z)D(z)U (z)i (z)
dz
2
C(z )D(z )U (z )i (z )

(9.91)

dove z una quota di riferimento arbitraria, ni = /(2) li-esima frequenza naturale del sistema, e
h laltezza della struttura.
Per quanto appena detto, possiamo scrivere lequazione di moto associata al i-esimo modo di vibrare
nel seguente modo:
qi + 2t,i i qi +

2
i qi

h
0 i (z)[F (z) + Ft (z, t)]dz
h 2
0 i (z)m(z)dz

(9.92)

Risposta media
Detta IR (z) la funzione dinuenza della generica risposta possiamo calcolare la risposta media come
segue:
h

R =

IR (z)F (z)dz

(9.93)

che possiamo scrivere, facendo riferimento ad una generica quota z , come segue:
1
R = hD(z )C(z )2 (z )IR (z )m
U
2

(9.94)

dove:
m =
gm (z) =

1
h

h
0

gm (z)dz

D(z)C(z)2 (z)IR (z)


U
D(z )C(z )2 (z )IR (z )
U

(9.95)
(9.96)

La funzione gm (z) una funzione adimensionale che esprime la variazione del carico medio e della
funzione dinuenza della generica risposta. Pertanto, m rappresenta leffetto complessivo di gm (z)
sullintera struttura.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

88

Risposta quasi-statica
La risposta quasi-statica data da:
2
Rb = RRb Rb ( = 0)

(9.97)

dove RRb Rb ( ) la funzione di autocorrelazione della generica risposta, Rb (t), denita come segue:
h

Rb (t) =

IR (z)Ft (z, t)dz

(9.98)

La funzione di autocorrelazione di Rb (t) dunque data dalla seguente relazione:


h

RRb Rb ( ) =
h

E [Ft (z1 , t)Ft (z2 , t + )] IR (z1 )IR (z2 )dz1 dz2 =

[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] E [u(z1 , t)u(z2 , t + )] IR (z1 )IR (z2 )dz1 dz2 =

0
h

[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] Ruu (z1 , z2 , )IR (z1 )IR (z2 )dz1 dz2 (9.99)

2
Dal momento che stiamo considerando la sola componente uttuante, allora Rb = RRb Rb ( = 0) ossia:
h

2
Rb =

[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] Ruu (rz , 0)IR (z1 )IR (z2 )dz1 dz2 (9.100)

dove si supposta che la funzione di cross-correlazione della componente uttuante della velocit del
vento dipenda dalla distanza rz = |z1 z2 |. Inoltre, moltiplicando e dividendo per u (z1 )u (z2 ), e
considerando una quota di riferimento z possiamo scrivere:
2
Rb = [C(z )D(z )U (z )u (z )IR (z )]2
h

[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] Ruu (rz , 0)IR (z1 )IR (z2 )u (z1 )u (z2 )dz1 dz2
=
[C(z )D(z )U (z )u (z )IR (z )]2 u (z1 )u (z2 )

[C(z )D(z )U (z )u (z )IR (z )]2


h

[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] uu (rz )IR (z1 )IR (z2 )u (z1 )u (z2 )dz1 dz2
[C(z )D(z )U (z )u (z )IR (z )]2
(9.101)

Ruu (r
dove (rz ) = u (z1 )z ,0)2 ) la funzione di cross-correlazione normalizzata della componente uttuante
u (z
del vento.
Lequazione pu essere riscritta nel seguente modo:
2
2
2
Rb = [C(z )D(z )U (z )u (z )]2 h2 IR (z )Jb

(9.102)

dove:
2
Jb =

gb (z) =

1
h2

h
0

h
0

u (rz )gb (z1 )gb (z2 )dz1 dz2

C(z)D(z)(z)U (z)IR (z)


C(z )D(z )(z )U (z )IR (z )

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.103)
(9.104)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

89

2
La funzione gb (z) esprime la variazione del carico uttuante lungo la struttura, mentre Jb la varianza
adimensionale della risposta e pu essere scomposta in due integrali:

1
h
2
k(rz ) =
h
2
Jb =

k(rz )(rz )drz

(9.105)

hrz
0

gb (z)gb (z + rz )dz

(9.106)

2
I valori asintotici di Jb sono i seguenti:
2
Jb k(0)/z per z =
2
2
Jb b per z =

h
+
Lz
u

(9.107)

h
0
Lz
u

(9.108)

dove
b =

1
h

h
0

gb (z)dz

(9.109)

fornisce la deviazione standard adimensionale della risposta, Jb , nel caso di turbolenza completamente
correlata, u (rz ) = 1.
Nel caso in cui le funzioni gm e gb abbiano segno costante la varianza della risposta quasi-statica pu
essere scritta nella seguente forma:
2
2
Rb = [R 2Iu (z )]2 b kb

(9.110)

dove Iu (z ) lintensit di turbolenza alla quota di riferimento z , mentre


b
m
J2
kb = b
2
b
b =

(9.111)
(9.112)

Una buona approssimazione di kb data da:


kb =

1
1 + z

(9.113)

2
dove una costante che dipende da dalla funzione gb (z). In Fig. 9.5 rappresentata la Jb per alcune
funzioni gb (z).
Nel caso in cui gm e gb cambino di segno lungo la struttura, kb deve essere calcolata caso per caso.
In Fig. 9.6 riportato landamento della varianza adimensionale della risposta per gb (z) = 2z/h 1.

Risposta in risonanza
In questo caso non possibile procedere direttamente con lausilio delle funzioni dinuenza, dal momento che queste sono modicate dal moto della struttura che di per s lincognita del problema.
Pertanto bisogna dapprima risolvere il problema dinamico, e successivamente denire un carico dinamico inerziale, ossia proporzionale allaccelerazione della struttura, che permette lutilizzo delle funzioni
dinuenza.
Siamo alla ricerca di una forzante Fd (z, t) denita nel seguente modo:

Fd (z, t) = m(z)Q(z, t) = m(z)

i (z)qi (t)

(9.114)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

90

2
Figura 9.5: Jb in funzione di z nel caso di gb (z) = 1 ( = 1/2); gb (z) = z/h ( = 3/8); ; gb (z) =
sin(z/h) ( = 4/ 2 )

2
Figura 9.6: Jb in funzione di z nel caso di gb (z) = 2z/h 1. Una buona approssimazione data da
2z
2
Jb (z ) = 32 +10z +30
z

dove m(z) la massa per unit di lunghezza, Q(z, t), laccelerazione totale della struttura che pu essere
decomposta, come pi volte menzionato, nella somma delle accelerazioni associate ai sistemi elementari
in cui possibile scomporre la struttura. Le funzioni i (z) sono dunque le forme modali della struttura.
Consideriamo li-esimo modo di vibrare della struttura, allora li-esimo carico dinamico sar1 :
2
Fd,i (z, t) = m(z)i (z)qi (t) = m(z)i i (z)qi (t)

(9.115)

che consente la valutazione della generica risposta in risonanza Rr,i con lausilio della funzione dinuenza IR (z):
h

Rr,i (t) =

IR (z)Fd,i (z, t)dz

(9.116)

La risposta in risonanza si riconduce al calcolo della varianza della generica risposta in risonanza:
2
Rr,i =

+
o

SRr,i Rr,i ()d

(9.117)

1
2
Il carico dinamico denito a meno del segno negativo che deriva dal fatto che qi () = i q(t). Questo perch il segno

ininuente sulla valutazione della risposta.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

91

dove SRr,i Rr,i () lo spettro della generica risposta in risonanza, Rr,i (t), denito come:
h

SRr,i Rr,i () =

4
m(z1 )m(z2 )i (z1 )i (z2 )i IR (z1 )IR (z2 )dz1 dz2 Sqi qi ()

(9.118)

Dobbiamo pertanto calcolare Sqi qi () risolvendo il problema dinamico associato alli-esimo modo di
vibrare della struttura:
2
qi + 2t,i i qi + i qi =

h
0 i (z)Ft (z, t)dz
h 2
0 i (z)m(z)dz

(9.119)

dove
Ft (z, t) = C(z)D(z)U (z)u(z, t)

(9.120)

Nellipotesi di modi disaccoppiati avremo che per li-esimo modo di vibrare, la densit spettrale della
risposta data da:
Sqi qi () = |Hi ()|2 Iii ()

(9.121)

dove lammettenza strutturale |Hi ()|2 tiene conto del coefciente di smorzamento totale, t,i , comprensivo del coefciente di smorzamento aerodinamico, a,i (Eq. 9.87).
|H(i )|2 =

1
4
m2 i

2
2
i

2
4t,i

(9.122)

Il cross-spettro delle forze modali associato alli-esimo modo di vibrare dato dalla seguente relazione:
h

Iii () =

i (z1 )i (z2 )SF F (z1 , z2 , )dz1 dz2

(9.123)
h

ottenuta calcolando la funzione di autocorrelazione del carico 0 i (z)Ft (z, t)dz e successivamente
operando la trasformata di Fourier.
Tenendo presente la 9.120 il cross-spettro del carico pu essere espresso nel seguente modo:
SF F (z1 , z2 , ) = [C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )] Suu (z1 , z2 , ) =
[C(z1 )D(z1 )U (z1 )] [C(z2 )D(z2 )U (z2 )]

Suu (z1 , )Suu (z2 , )uu (rz , ) (9.124)

dove rz = |z1 z2 |, e uu (rz , ) il co-spettro normalizzato della componente longitudinale della velocit del vento.
Considerando una quota di riferimento z possiamo riscrivere la densit spettrale della risposta associata alli-esimo modo di vibrare nel seguente modo:
2
Sqi qi () = [hC(z )D(z )U (z )i (z )]2 |H(i )|2 Jz,i ()Suu (z )

(9.125)

2
dove Jz,i () assume il signicato di ammettenza congiunta e pu essere scritta nel seguente modo:
2
Jz,i () =

1
h2

h
0

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

h
0

gr,i (z1 , )gr,i (z2 , )uu (rz , )dz1 dz2

(9.126)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

92

essendo gr,i (z, ) la funzione che tiene conto della distribuzione del carico eolico in condizioni di
risonanza:
C(z)D(z)U (z) Suu (z, )i (z)

gr,i (z, ) =

(9.127)

C(z )D(z )U (z ) Suu (z , )i (z )

Lammettenza congiunta Jz,i () pu essere calcolata scomponendo lintegrale nel seguente modo:
1
h
2
kz,i (rz , ) =
h
2
Jz,i () =

h
0

kz,i (rz , )uu (rz , )drz

(9.128)

hrz
0

gr,i (z, )gr,i (z + rz , )dz

(9.129)

2
2
Figura 9.7: Jz () in funzione di z nel caso di (z) = 1, variando il co-spettro normalizzato. () Jz ()
ottenuta utilizzando uu .

Varianza della risposta in risonanza


Risolto il problema dinamico, ossia nota la densit spettrale Sqi qi (), possibile calcolare la varianza
2
della generica risposta in risonanza associata alli-esimo modo di vibrare, Rr,i , secondo la 9.117.
Si pu dimostrare che
2
2
Rr,i = [R 2Iu (z )]2 r,i kr,i

(9.130)

Nel caso di modi propri di vibrare che non cambiano segno si ha:
h
r,i 1
i (z) IR (z)
m(z)
dz
m mg,i 0
i (z ) IR (z )
2 i Suu (z , i ) 2
1
=
Jz,i (i ) 2
2
4t,i
u (z )
r,i

r,i =

(9.131)

kr,i

(9.132)

con
r,i =

1
h

gr,i (z, 0)dz

mg,i =

m(z)
0

2
i (z)
dz
2
i (z )

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.133)
(9.134)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

93

Quando in modi propri di vibrare cambiano segno la varianza della risposta deve essere calcolata caso
per caso. Ci dovuto alla diversa interazione tra la turbolenza e i modi di vibrare della struttura.
Nel caso in cui la turbolenza costituita prevalentemente da vortici piccoli, lammettenza congiunta
tende al suo valore asintotico,
2
Jz ()

1
Jz z

(9.135)

dove Jz una costante che dipende dalla funzione gr (z), z = Cz nh , essendo Cz la costante che garanU
tisce il decadimento di uu (rz , ) lungo z.
Quando invece la turbolenza costituita da vortici di dimensioni paragonabili alla struttura, se non
maggiori, allora linterazione tra la turbolenza e la struttura cos diversa che il co-spettro normalizzato
uu (rz , ) non tende pi allunit alle basse frequenze, soprattutto quando le scale integrali di turbolenza
prodotte nella scia della struttura sono maggiori o uguali alle scali integrali di turbolenza del vento indisturbato. Questo fenomeno maggiormente pronunciato per strutture che vibrano con modi non aventi
segno costante.
Un esempio di come varia lammettenza congiunta relativamente ad un modo di vibrare che cambia
segno, dato dalla Fig. 9.8

2
Figura 9.8: Jz () in funzione di z nel caso di (z) con segno non costante, variando il co-spettro
2
normalizzato. () Jz () ottenuta utilizzando uu .

Risposta totale
Generalmente la risposta in risonanza principalmente data dal primo modo di vibrare. Pertanto, tenendo
presente la 9.76, la 9.93, la 9.110 e la la 9.130, possiamo scrivere la risposta totale come:
2
2
Re = R 1 + gr 2Iu (z ) b kb + r kr

(9.136)

dove la risposta dinamica quella associata al solo primo modo di vibrare.


Inne, possiamo quindi scrivere il coefciente di amplicazione della risposta media, coefciente di
rafca, nel seguente modo:
=

Re
2
2
= 1 + gr 2Iu (z ) b kb + r kr
R

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(9.137)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

94

Strutture Line-Like orizzontali


Nel caso di strutture Line-Like orizzontali (e.g. ponti), che si estendono cio in direzione y per una
lunghezza b, avremo:
1
b
2
ky,i (ry , ) =
b
2
Jy,i () =

ky,i (ry , )uu (ry , )dry

(9.138)

bry

gr,i (y, )gy,i (y + ry , )dy

(9.139)

dove in questo caso


gr,i (y, ) =

C(y)D(y)U (y) Suu (y, )i (y)


C(y )D(y )U (y )

Suu (y , )i (y )

C(y)D(y)i (y)
C(y )D(y )i (y )

(9.140)

essendo U (y) = U (y ) e Suu (y, ) = Suu (y , ). La trattazione uguale a quella delle strutture
Line-Like verticali.

9.3.5 Strutture Plate-Like


Le strutture Plate-Like sono strutture che si estendono sia in direzione verticale, z, sia in direzione orizontale, y. La trattazione analoga a quella delle strutture Line-Like, pertanto si riportano direttamente
le quantit dinteresse per la valutazione della risposta estrema:
2
2
Re = R 1 + gr 2Iu (z ) b kb + r kr

(9.141)

dove la risposta dinamica quella associata al solo primo modo di vibrare, che generalmente prevale sugli
altri. Il coefciente di rafca denito secondo la nota relazione:
=

Re
2
2
= 1 + gr 2Iu (z ) b kb + r kr
R

(9.142)

Vediamo in dettaglio i vari contributi della risposta, ossia la risposta media, quasi-statica e in risonanza. Questultima calcolata tenendo in conto soltanto il primo modo di vibrare.
Risposta media
1
R = bhC(z , y )2 (z )IR (z , y )m
U
2

(9.143)

con:
m =
gm (z, y) =

1
bh

h
0

b
0

gm (y, z)dz

C(z, y)2 (z)IR (z, y)


U
C(z , y )2 (z )IR (z , y )
U

(9.144)
(9.145)

dove h e b sono rispettivamente le dimensioni lungo z e y della struttura, mentre IR (x, y) la funzione
(supercie) dinuenza della generica risposta R. Il punto di coordinate (z , y ) un punto di riferimento
della struttura.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

95

Risposta quasi-statica
La varianza della risposta quasi-statica data dalla seguente relazione:
2
2
2
Rb = [bhC(z , y )U (z )u (z )]2 IR (z , y )Jb

(9.146)

dove:
h
h
b
b
1
u (rz , ry )gb (z1 , y1 )gb (z2 , y2 )dz1 dz2 dy1 dy2
b2 h2 0 0 0 0
C(z, y)(z)U (z)IR (z, y)
gb (z, y) =
C(z , y )(z )U (z )IR (z , y )
2
Jb =

(9.147)
(9.148)

Se le funzioni gm gb non cambiano segno, avremo:


b
m
J2
kb = b
2
b

(9.149)

b =

(9.150)

dove:
b =

1
2 h2
b

h
0

gb (z, y)dydz

(9.151)

2
che sarebbe il valore di Jb quando u (rz , ry ) = 1. Assumendo gb (z, y) = gb (z)gb (y) il fattore di risposta
kb ben approssimato dalla seguente formula:

kb =
1+
z =

(y y ) + (z z ) +

(9.152)

2
2
y y z z

h
b
y = z
z
Lu
Lu

(9.153)

dove una costante che dipende dalla funzione di gb . Alcuni valori sono riportati in Fig. 9.5.
Risposta in risonanza
Per la risposta in risonanza lammettenza congiunta la seguente:
2
Jzy () =

1
b2 h2

h
0

b
0

b
0

gr (z1 , y1 , )gr (z2 , y2 , )uu (rz , ry , )dz1 dz2 dy1 dy2

(9.154)

dove:
gr (z, y, ) =

C(z, y)U (z) Suu (z, y, )(z, y)


C(z , y )U (z ) Suu (z , y , )(z , y )

(9.155)

Per il calcolo della risposta in risonanza si hanno le seguenti quantit associate al primo modo di
vibrare con segno costante:
h b
(z,y) IR (z,y)
0 0 m(x, y) (z ,y ) IR (z ,y ) dydz
h b
2 (z,y)2
0 0 m(x, y) 2 (z ,y ) dydz
2 1 Suu (z , 1 )
Ks (1 )
2
4t
u (z )

r
r =
m

(9.156)

kr =

(9.157)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 9. RISPOSTA STRUTTURALE ALONG-WIND

96

dove 1 = 2n1 la frequenza angolare associata al primo modo di vibrare, m(x, y) la massa per unit
di supercie, mentre r data da:
r =

1
hb

h
0

b
0

gr (x, y, 0)dxdy

(9.158)

Inne Ks () una funzione di riduzione che tiene conto dellinterazione della turbolenza con il modo
proprio di vibrare della struttura. Nel caso di modi di vibrare con segno costante si ha che Ks () tende allunit alle basse frequenze in corrispondenza delle quali la turbolenza maggiormente correlata, mentre
decresce progressivamente alle alte frequenza dal momento che i vortici sempre pi piccoli sono sempre
meno correlati. Unapprossimazione della funzione di riduzione KS () cos data:
1

Ks () =
1+
z =

(Gy y ) + (Gz z ) +

(9.159)

2
2
Gy y Gz z

Cy b
Cz h
y =
)
U (z
U (z )

(9.160)

dove Cy e Cz sono le costanti della 4.30, mentre Gz e Gy sono delle costanti che dipendono dalla funzione
gr .
Nel caso di modi di vibrare che cambiano segno, la risposta in risonanza deve essere calcolata caso
per caso, visto che linterazione tra turbolenza e modo di vibrare induce un cambiamento della funzione
di ammettenza congiunta come discusso precedentemente.

Figura 9.9: Funzione di riduzione Ks al variare di g(z, y, ), y e z

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

10

Risposta Along-Wind secondo lEurocodice 1

10.1 Scopo
LEC1 fornisce regole e metodi per il calcolo delle azioni del vento agenti su strutture che non superino
unaltezza di 200m, e sui loro componenti strutturali; su ponti, viadotti stradali e ferroviari che si estendono no a 200m di lunghezza; su passerelle e ponti pedonali no a 30m.
I carichi del vento devono essere calcolati per lintera struttura, o su parti di essa (componenti, rivestimenti ed elementi di ssaggio, etc.). Le ciminiere e le strutture a mensola sono contemplate, ma non
vi sono requisiti fondamentali per le torri a traliccio. Ponti strallati e ponti sospesi non rientrano nella
normative, e dovrebbero essere oggetto di studi specialistici. Non vi sono regole per le antenne strallate
e per le strutture offshore.

10.2 Modellazione dellazioni del vento


Le azioni del vento sono rappresentate in termini di pressione o forza. Le pressioni indotte dal vento
sintendo agenti perpendicolarmente alla superci investite, salvo diverse indicazioni come nel caso di
forze tangenziali dovute al vento radente.
Si fa riferimento ai seguenti parametri:
qref intesa come la pressione eolica di riferimento;
ce (z) ossia il coefciente di esposizione che tiene conto delleffetto della rugosit superciale del
sito sulla velocit del vento alla quota z. In particolare ce (z) modica la pressione media in una
pressione di picco (estrema) per tenere conto della turbolenza atmosferica.
Cd il coefciente dinamico che tiene conto della correlazione del vento turbolento agente sulla
struttura, e dellamplicazione in risonanza dovuto al moto della struttura.

97

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

98

10.3 Pressione dinamica di riferimento


La pressione dinamica di riferimento denita come segue:
1 2
qref = Uref
2

(10.1)

dove Uref la velocit eolica di riferimento che dipende dal sito in questione, e la densit dellaria
pari 1.25Kg/m3 .
La velocit eolica di riferimento ottenuta operando una media della componente longitudinale della
velocit del vento su unintervallo di 10 minuti (allinterno del gap spettrale), ad unaltezza di 10 metri
sopra un suolo appartenente alla seconda categoria. Tale velocit di riferimento intesa come la velocit
che ha una probabilit di eccedenza pari a 0.02, corrispondente ad un tempo di ritorno di 50 anni.
In particolare si ha:
Uref = cdir ctem calt Uref,0

(10.2)

dove cdir il fattore di direzione posto pari a 1 se non altrimenti specicato; ctem il fattore temporaneo
pari ad 1 se non altrimenti specicato; calt il fattore di altitudine posto pari a 1 se non altrimenti
specicato, Uref,0 il valore di base della velocit di riferimento del vento.

10.4 Prolo della velocit del vento


la velocit media del vento ad una generica quota z al di sopra del suolo dipende dalla rugosit del terreno
dalla topograa:
U (z) = cr (z)ct (z)Uref

(10.3)

dove cr (z) il coefciente di rugosit che tiene conto della variazione della velocit del vento con la
quota, per effetto della rugosit del terreno; ct (z) il coefciente di topograa che tiene conto della
variazione della velocit eolica dovuta ad eventuali ostacoli naturali (e.g. colline scarpate).
Il coefciente di topograa generalmente assunto pari ad 1, mentre il coefciente di rugosit dato
dalla Fig.10.2.

10.4.1 Coefciente di rugosit


Il coefciente di rugosit denito nel seguente modo:
z
z zmin
z0
cr (z) = cr (zmin ) z < zmin
cr (z) = kT ln

(10.4)
(10.5)

con kT fattore di terreno, z0 lunghezza di rugosit del sito dinteresse, zmin quota minima sopra il terreno.
Questi coefcienti dipendono dalla categoria del terreno e sono riportati in Fig. 10.2.

10.5 Coefciente di rafca


Nel Capitolo 9 abbiamo denito il coefciente di rafca nel seguente modo:
(z) = 1 + 2gIu (z) kb + kr

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(10.6)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

99

Figura 10.1: Proli di vento per differenti rugosit secondo lEC1


dove g il fattore di picco, Iu (z) lintensit di turbolenza alla generica quota z, mentre kb e kr sono due
costanti relative rispettivamente alla risposta quasi-statica e in risonanza, e che tengono in conto anche la
correlazione spaziale della turbolenza attraverso lammettenza aerodinamica 2 ().
Moltiplicando e dividendo la 10.6 per la quantit 1 + 2gIu (z), si ottiene:

1 + 2gIu (z) kb + kr
(z) = [1 + 2gIu (z)]
(10.7)
1 + 2gIu (z)
Inoltre esprimendo lintensit di turbolenza come:
Iu (z) =

kT
cr (x)ct (z)

(10.8)

si ottiene:

kT
1 + 2gIu (z) kb + kr
(z) = 1 + 2g
cr (x)ct (z)
1 + 2gIu (z)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(10.9)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

100

Figura 10.2: Categoria del terreno e relativi parametri

10.6 Forzante eolica


Tenendo presente le relazioni appena ottenute, la forzante eolica indotta dal vento espressa nel seguente
modo:
1 2 1 2
F (z) = Uz = Uref c2 (z)c2 (z)(z)cf Aref
r
t
2
2

(10.10)

dove assume il signicato di coefciente di amplicazione della pressione media, cf un coefciente aerodinamico che varia in base alla struttura considerata, e Aref unarea di riferimento. La
relazione 10.10 pu essere riscritta considerando la denizione del coefciente di rafca data nella 10.9.
In particolare si ottiene:

kT
1 + 2gIu (z) kb + kr
1 2 2
2
cf Aref
(10.11)
F (z) = Uref cr (z)ct (z) 1 + 2g
2
cr (x)ct (z)
1 + 2gIu (z)
che pu essere riscritta nel seguente modo:
F (z) = qref ce (z)cd (z)cf Aref

(10.12)

dove:
ce (z) = c2 (z)c2 (z) 1 + 2g
r
t

kT
cr (z)ct (z)

il coefciente di esposizione, mentre

1 + g2Iu (z) kb + kr
cd (z) =
1 + g2Iu (z)

(10.13)

(10.14)

il coefciente dinamico.

10.7 Azioni eoliche agenti sulle strutture


La relazione 10.12 costituisce la formula generale con cui lEC1 denisce le azioni di calcolo agenti sulle
strutture. In particolare lEC1 distingue tra pressioni (forze per unit di supercie) e forze globali.

10.7.1 Pressioni
Se le superci strutturali sono sufcientemente rigide da permettere di trascurare il contributo delle loro
vibrazioni risonanti, le pressioni interne ed esterne possono essere calcolate come di seguito riportato.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

101

Figura 10.3: Convenzione delle pressioni esterne ed interne


Pressioni esterne ed interne
Le pressioni sono date dalle seguenti relazioni:
we = qref ce (ze )cpe

(10.15)

wi = qref ci (zi )cpi

(10.16)

ripettivamente per le pressioni esterne ed interne. Le quote ze e zi sono le quote di riferimento per la
struttura in esame, mentre cpe e cpi sono rispettivamente i coefcienti di pressione esterna ed interna e
dipendono dalla forma della struttura.

Figura 10.4: Forzante applicata con uneccentricit e =

b
10

Forze globali
Le forzanti globali agenti sulla struttura o su parte di essa pu essere calcolata in base alla relazione 10.12.
In particolare lEC1 denisce tali forzanti in funzione di una quota di riferimento che dipende dal tipo di
struttura in esame, z = ze :
Fw = qref ce (ze )cd cf Aref

(10.17)

con il consueto signicato dei simboli. Alcuni valori del coefciente dinamico sono riportati nelle Fig.
10.5, 10.6 e 10.7.
Gli effetti torsionali dovuti ad un vento inclinato oppure ad effetti di mancata correlazione del vento
turbolento, possono essere tenuti in conto applicando la forza Fw con uneccentricit pari ad un decimo
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

102

b
della dimensione della struttura normale alla direzione del vento, e = 10 (Fig. 10.4).
Inoltre LEC1 fornisce anche la forzante dattrito dovuta al vento radente, valida soprattutto per quelle
strutture che presentano grandi aree investite dal vento. In particolare si ha:

Ff r = qref ce (ze )cf r Aref

(10.18)

dove cf r il coefciente dattrito. In questo caso si pu notare che non rientra il coefciente dinamico
nella denizione della forzante.

Figura 10.5: cd per strutture in calcestruzzo e muratura

Figura 10.6: cd per strutture in acciaio

10.8 Procedura per il calcolo della risposta along-wind


LEC1 prevede due tipologie di analisi per la valutazione della risposta along-wind delle strutture: una
procedura semplicata ed una dettagliata.
Le due procedure non sono applicabili per ponti a travata continua, ponti ad arco, ponti sospesi, per
strutture snelle che non presentino un comportamento elastico lineare oppure che non abbiano il primo
modo di vibrare nella direzione del vento sufcientemente disaccoppiato dai modi superiori o che non
siano riconducibili agli schemi semplicati (verticale, orizzontale e puntiforme) in Fig. 10.8.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

103

Figura 10.7: cd per strutture miste acciaio-calcestruzzo

Figura 10.8: Denizione dellaltezza equivalente

10.8.1 Procedura semplicata


La procedura semplicata fa riferimento alle strutture non suscettibili allamplicazione dinamica. In
particolare si applica nel caso di edici e ciminiere con altezza minore di 200 metri, per viadotti stradali
e ferroviari la cui campata massima non superi i 200 metri. In ogni caso cd < 1.2.
Per procedere alla valutazione della forzante globale agente sulla struttura si considera un fattore di
picco pari a 3.5 (g = 3.5), pertanto avremo:
Fw = qref ce (zeq )cd cf Aref

(10.19)

dove
ce (zeq ) = c2 (zeq )c2 (zeq ) 1 +
r
t

7kT
cr (zeq )ct (zeq )

(10.20)

con zeq laltezza equivalente che dipende dal tipo di struttura in esame (Fig. 10.8), mentre il cd dato
dalle tabelle (e.g Fig. 10.5, 10.6 e 10.7).
Landamento del coefciente di esposizione al variare della quota riportato in Fig. 10.9
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

104

Figura 10.9: ce al variare della quota, nelle quattro categoria di terreno. ct = 1

10.8.2 Procedura dettagliata


La procedura dettagliata si applica a quelle strutture per le quali la componente dinamica della risposta
non trascurabile. In particolare si fa riferimento a questo tipo di analisi ogni qualvolta cd > 1.2.
Tuttavia, consigliata anche quando 1 cd 1.2.
Nellambito della procedura dettagliata il coefciente dinamico viene denito come segue:
cd =

2
1 + 2gIu (zeq ) Q2 + Rx
0
1 + 2gIu (zeq )

(10.21)

2
dove zeq laltezza equivalente denita nella Fig. 10.8, Q2 = kb e Rx = kr secondo la simbologia
0
utilizzata nel Cap. 9.
Lintensit di turbolenza viene valutata secondo la seguente espressione:

Iu (zeq ) =

1
ct (zeq ) ln (zeq /z0 )

(10.22)

mentre il fattore di picco dato dalla seguente formula:


g=

2 ln(T ) +

0.6

(10.23)

2 ln(T )

dove T = 600 secondi il tempo su cui mediata la velocit di riferimento del vento, mentre denito
come segue:
=

2
2
0 Q2 + n2 Rx
0
1,x

(10.24)

2
Q2 + Rx
0

dove n1,x la frequenza di vibrazione della struttura nella direzione del vento, ossia lungo x, e 0 la
frequenza attesa delle azioni di rafca su strutture rigide. Landamento del fattore di picco riportato in
Fig. 10.10.
Componente quasi-statica della risposta
La risposta quasi-statica viene quanticata attraverso la seguente formula:
Q2 =
0

1
1 + 0.9

b+h
Li (zeq )

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

0.63

(10.25)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

105

Figura 10.10: Andamento del fattore di picco rispetto a T

Figura 10.11: Andamento della componente quasi-statica della risposta


dove Li (zeq ) la scala integrale di turbolenza alla quota di riferimento (Fig. 10.12), b h sono rispettivamente la larghezza e laltezza della struttura in esame. In Fig. 10.11 riportato landamento di Q2 .
0

Componente in risonanza della risposta


La risposta in risonanza data dalla seguente relazione:
2
Rx =

2
RN Rh Rb
2

(10.26)

dove = 2s il decremento logaritmico dello smorzamento, s il rapporto di smorzamento strutturale. RN la densit spettrale adimensionale del vento turbolento (Fig. 10.13):
RN =

n1,x Suu (nx )


6.8Nx
=
2
u
(1 + 10.2Nx )5/3

(10.27)

Nx =

n1,x Li (zeq )
Um (zeq )

(10.28)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

con

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

106

Figura 10.12: Scala integrale di turbolenza Li (z), per diverse categorie di terreno
Lammettenza aerodinamica denita lungo la larghezza e laltezza della struttura, rispettivamente
Rb ed Rh :
1
1
2 1 e2
2
Rl = 1 per = 0

Rl =

per > 0

(10.29)
(10.30)

con
4.6N1,x h
Li (zeq )
4.6N1,x b
ponendo =
Li (zeq )

Rh = Rl ponendo =

(10.31)

Rb = Rl

(10.32)

Nel caso in cui le forme modali nella direzione del vento cambiano segno (presentano cio dei punti
nodali) lammettenza aerodinamica dovr essere valutata calcoli pi dettagliati.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

107

Figura 10.13: Densit spettrale adimensionale della risposta, RN

Figura 10.14: Ammettenza aerodinamica, Rl (l=h,b)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

108

10.9 Esempi
Consideriamo alcuni esempi che mettono a confronto la procedura semplicata e dettagliata.

10.9.1 Edicio in acciaio

Figura 10.15: Edicio in acciaio


La struttura situata in unarea urbana (categoria 2), la velocit di riferimento del vento Uref =
27m/s. Il coefciente di forza cf = 1.3. Secondo lEC1, la procedura semplicata la si pu applicare
per unaltezza che non superi i 50m (Fig. 10.16).

Figura 10.16: Confronto tra la due procedure di calcolo

10.9.2 Edicio basso in acciaio


La struttura situata in unarea urbana (categoria 2), la velocit di riferimento del vento Uref = 27m/s.
Il coefciente di forza cf = 1.3. In queste ipotesi, si ottengono i seguenti valori dellazione eolica:
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

109

Figura 10.17: Edicio basso in acciaio


Procedura semplicata: Fw /Aw = 1.40KN/m2
Procedura dettagliata: Fw /Aw = 1.19KN/m2
forzante eolica calcolata con la procedura semplicata circa il 18% pi grande di quella calcolata con
la procedura dettagliata. Ci dovuto al fatto che la procedura semplicata non tiene conto degli effetti
dovuti alla dimensione della struttura. La dimensione della struttura tale che lammettenza aerodinamica
diminuisce.

10.9.3 Torre in calcestruzzo poco snella

Figura 10.18: Torre in calcestruzzo poco snella, D = 13m, = h/d = 11.5 < 12
La struttura situata in unarea urbana (categoria 2), la velocit di riferimento del vento Uref =
27m/s.
Per i criteri sulle torri questa struttura pu essere calcolata con la procedura semplicata. Sia la
procedura semplicata che quella dettagliata forniscono lo stesso valore della forzante eolica visto che
gli effetti dovuti alla dimensione della struttura e la sua risposta risonante sono trascurabili:
Fw /Aw = 1.47 KN/m2

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 10. RISPOSTA ALONG-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

110

10.9.4 Torre in calcestruzzo molto snella

Figura 10.19: Torre in calcestruzzo molto snella, D = 5m, = h/d = 30 > 12


La struttura situata in unarea urbana (categoria 2), la velocit di riferimento del vento Uref =
27m/s.
Per i criteri sulle torri questa struttura deve essere calcolata con la procedura dettagliata.
Fw /Aw = 2.23 KN/m2
Con la procedura semplicata si otterrebbe una forza per unit di supercie pari alla met di quella ottenuta con la procedura dettagliata. La snellezza della struttura induce una rilevante risposta in
risonanza.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

11

Risposta strutturale Across-Wind

In questo capitolo viene discussa la risposta strutturale nella direzione ortogonale a quella del vento
(across-wind), dovuta principalmente al fenomeno del distacco dei vortici.
Prima di discutere il problema strutturale conviene introdurre alcune nozioni relative al fenomeno del
distacco dei vortici e alla formazione della scia.

11.1 Fenomeno del distacco dei vortici


Un corpo immerso in una corrente uida delimitato da uno strato limite superciale che si separa
alternativamente dalle regioni laterali dando vita ad una scia di vortici che deuisce a valle del corpo. La
natura della scia dipende sensibilmente dal numero di Reynolds:
Re =

UD

(11.1)

dove la viscosit cinematica del uido, U la velocit media del usso incidente, e D la dimensione caratteristica del corpo nella direzione normale a quella del usso. Nella Fig. 11.1 riportata
schematicamente leffetto del numero di Reynolds sul processo di formazione della scia. Per valori bassi
di Re , circa Re < 5, le linee di usso seguono il contorno della sezione (usso non separato). Nellintervallo 5 Re 40, il usso si separa nella regione a valle del cilindro formando una coppia di
vortici simmetrici. Se il il numero di Reynolds viene incrementato ulteriormente, 40 < Re 150, la
scia diviene instabile e i vortici si staccano alternativamente dalla regioni laterali del cilindro formando
una scia di vortici di tipo laminare (regime laminare) Nellintervallo 150 < Re 300 la scia comincia
a diventare turbolenta anche se lo strato limite superciale sul cilindro ancora laminare. I numeri di
Reynolds compresi tra 300 < Re 3 105 caratterizzano una scia completamente turbolenta (regime
subcritico). Il regime critico si manifesta nellintervallo 3 105 < Re 3.5 106 ed caratterizzato da
una scia turbolenta e disorganizzata a tal punto che non pi distinguibile il distacco dei vortici. Inne,
per Re > 3.5 106 si ha il regime supercritico dove riappare nuovamente il distacco dei vortici allinterno
di una scia turbolenta.

111

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

112

Figura 11.1: Caratteristiche della scia di un cilindro circolare al variare di Re

Figura 11.2: Legge del numero di Strouhal

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

113

I vortici si staccano dalle regioni laterali del corpo con una frequenza, fvs , che segue la nota legge del
numero di Strouhal:
fvs = St

U
D

(11.2)

dove St il numero di Strouhal che dipende da diversi parametri, quali ad esempio la forma della sezione
ed il numero di Reynolds. Si pu facilmente notare che la legge del numero di Strouhal una legge
lineare (Fig. 11.2).

11.2 Sincronizzazione del distacco dei vortici


Quando la frequenza del distacco dei vortici uguaglia la frequenza di oscillazione trasversale del cilindro non pi sso, ma elasticamente sospeso o ad elasticit diffusa, si instaura una complessa interazione
uido-struttura che si traduce in notevoli ampiezze di oscillazione per cilindri poco smorzati, pari addirittura al diametro del cilindro. La sincronizzazione un fenomeno aeroelastico molto complesso di cui, in
questa sede, si ricordano le caratteristiche principali dinteresse strutturale.
Considerando la 11.2, e ponendo fvs = fo , dove fo la frequenza di oscillazione trasversale del
cilindro, si ottiene la velocit critica, ossia la velocit per la quale si ha la piena sincronizzazione del
distacco dei vortici:
Ucr =

fo D
U

(11.3)

tuttavia, il fenomeno si estende su unintervallo di velocit intorno all velocit critica, allinterno del
quale la legge del numero di Strouhal risulta essere violata (Fig. 11.3 e 11.4). La risposta diminuisce
allaumentare dello smorzamento strutturale e si assesta su valori della velocit critica decrescenti (Fig.
11.3). Inoltre, allaumentare dello smorzamento lintervallo di sincronizzazione diminuisce ed arretra
leggermente (Fig. 11.4).
La massima risposta risulta dipendere fortemente dal parametro massa-smorzamento:
Ks =

ms
D2

(11.4)

dove m la massa per unit di lunghezza e la densit dellaria. Generalmente si preferisce fare
riferimento al numero di Scruton:
Sc = 4Ks =

4ms
D2

(11.5)

ed esistono alcune relazioni matematiche che esprimono la massima ampiezza di oscillazione in funzione
del numero di Scruton: si riportano la relazione di Grifn and Ramberg [7]:
y
d

max

1.29
2
1 + 0.43 2St Sc

3.35

(11.6)

e quella di Sarpkaya [11]:


y
d

max

= 1.12e1.05SG

(11.7)

dove SG il numero di Skop-Grifn ed un ulteriore parametro di massa-smorzamento. In g. 11.5 sono


riportati alcuni risultati sperimentali comparati con le curve teoriche nelle relazioni 11.6 e 11.7.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

114

0.5

0.4

y 0.3

0.2

0.1

3.5

4.5

5.5
U/D fo

6.5

7.5

Figura 11.3: Ampiezza adimensionale di oscillazione , y /D, al variare dello smorzamento s e del nu
mero di Scruton Sc : o s = 0.243%, Sc = 3.1632; + = 0.388%, Sc = 5.05; . = 0.459%, Sc = 5.98;
 = 0.502%, Sc = 6.54; St = 0.2074. Past [9]

0.6
y

(D )m
ax

0.4

1.8

0.2
1.6

f /f

vs o

0.2

(y/D)max

0
1.4

1.2
0.4
1
0.6

+
0.8

0.6

0.8

3.5

4.5

5.5
U/Df

6.5

7.5

Figura 11.4: Intervallo di sincronizzazione al variare dello smorzamento s e del numero di Scruton Sc : o
s = 0.243%, Sc = 3.1632; + = 0.388%, Sc = 5.05; . = 0.459%, Sc = 5.98;  = 0.502%, Sc =
6.54; St = 0.2074. Past [9]

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

115

1.4

1.2

0.8
(/ D)m a x
y
0.6

0.4

0.2

10

15

20

25

30

35

Sc

Figura 11.5: Smooth ow: y max in funzione di Sc : Grifn and Ramberg [7] (Eq. 11.6); Sarpkaya
d
[11] (Eq. 11.7); Goswami et al. [6];  Feng [5]; Fathi [4]; +, Past [9]

Figura 11.6: Correlazione della forzante di Lift lungo il cilindro in condizione di sincronizzazione
Unaltra caratteristica del fenomeno della sincronizzazione laumento della correlazione della forzante
di lift lungo il cilindro (Fig. 11.6). Per ampiezze di oscillazioni molto elevate la forza di Lift risulta quasi
completamente correlata, mentre la risposta diviene isteretica, ossia raggiungendo la sincronizzazione per
velocit crescenti o decrescenti si ottengo due curve differenti (Fig. 11.7).
Da un punto di vista strutturale importante ricordare che sebbene la riposta possa essere notevolmente amplicata dallinterazione uido-struttura, le oscillazioni strutturali non divergono ossia presentano un ciclo limite per una data velocit compresa nellintervallo di sincronizzazione (Fig. 11.8). Ci
permette di poter mitigare la risposta agendo, ad esempio, sullo smorzamento strutturale.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

116

0.9

0.8

0.7

0.6

y /D

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

10

11

12

13

14

U/Dfo

Figura 11.7: Isteresi dellampiezza adimensionale di oscillazione , y /D.

decrescente. Past [9]

A velocit crescente; + velocit

Figura 11.8: Ciclo Limite della risposta in condizioni di sincronizzazione del distacco dei vortici

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

117

11.3 Risposta across-wind delle strutture


In questa sezione viene proposto il modello di Vickery and Basu [15] per strutture snelle verticali a
sezione circolare (e.g. ciminiere, torri di telecomunicazioni etc..), ma pu essere estesa a qualsiasi tipo si
sezione, previa conoscenza dei parametri necessari per lanalasi.
I parametri che ricorrono nel modello di Vickery and Basu [15] hanno origine da dati sperimentali su
cilindri circolari elasticamente sospesi (Fig. 11.9).
Lequazione di moto associata al generico modo di vibrare la seguente:

Figura 11.9: Modello di un cilindro circolare elasticamente sospeso

2
y + 2s o y + o y =

h
0 (z)F (z, t)dz
h 2
0 (z)m(z)dz

h
0 (z) [Fvs (z, t) + Fv (z, t) +
h 2
0 (z)m(z)dz

Fae (z, t)] dz

(11.8)

dove o = 2fo la frequenza angolare della struttura, associata al generico modo di vibrare. Lequazione 11.8 ottenuta mediante una decomposizione modale del problema dinamico della struttura (
8.5). La risposta strutturale across-wind associata a tale modo di vibrare sar dunque data da:
Y (z, t) = (z)y(t)

(11.9)

Vediamo in dettaglio le vari componenti della forzante F (z, t), supposte scorrelate tra loro:

11.3.1 Forzante dovuta al distacco dei vortici


Il distacco dei vortici induce una forzante normale alla direzione del vento (forza di Lift) pseudo-armonica:
1
Fvs (z, t) = 2 D(z)CL (z, t)
2 U

(11.10)

dove D(z) la dimensione normale al vento (nella presente trattazione il diametro della struttura). La
2
quantit CL (z, t) il coefciente di Lift per unit di lunghezza, e CL la sua varianza. La densit
spettrale del coefciente di Lift generalmente espressa come segue:
2
CL
SCL (z, f ) =
e
Bfvs

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past



1f /fvs 2

(11.11)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

118

ossia come una sorta di campana di Gauss (Fig. 11.10) la cui larghezza determinata dal parametro B
che dipende dallintensit di turbolenza:
2
2
B 2 = B0 + 2Iu

(11.12)

dove B0 il valore di B in usso laminare, generalmente compreso tra 0.05 e 0.1.


Tenendo presente la 11.8, la correlazione della forzante indotta dal distacco dei vortici data dalla

Figura 11.10: Spettro di CL al variare della turbolenza


seguente relazione:
h

RFvs ( ) =

1 2

2 U

D(z1 )D(z2 )E [CL (z1 , t)CL (z2 , t + )] (z1 )(z2 )dz1 dz2 =

h
0

h
0

1 2

2 U

D(z1 )D(z2 )RCL (z1 , z2 , )(z1 )(z2 )dz1 dz2 (11.13)

Operando la traformata di Fourier della 11.13 si ottiene lo spettro della forzante di Lift:
h

SFvs (f ) =
h
0

h
0

h
0

1 2

2 U

1 2

2 U

D(z1 )D(z2 )SCL (z1 , z2 , f )(z1 )(z2 )dz1 dz2 =

D(z1 )D(z2 ) SCL (z1 , f )SCL (z2 , f )Cohvs (z1 , z2 , f )(z1 )(z2 )dz1 dz2
(11.14)

dove la funzione di coerenza indipendente dalla frequenza


2|z1 z2 |
Cohvs (z1 , z2 , f ) = cos(
)e
3



|z1 z2 | 2

(11.15)

11.3.2 Forzante dovuta alla turbolenza laterale


Nellambito della teoria quasi-stazionaria linearizzata, la turbolenza trasversale associata alla velocit v
(lungo y) ha leffetto di cambiare langolo dattacco ( v/U ) della velocit media U . Ne consegue una
forzante del tipo:
1
Fv (z, t) = D(z)CD (z)vU
2
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

(11.16)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

119

dove CD il coefciente di trascinamento per unit di lunghezza. Lo spettro della forzante indotta dalla
turbolenza trasversale dato da:
h

SFv (f ) =

h
0

1
U
2

CD (z1 )CD (z2 )D(z1 )D(z2 )


Sv (z1 , f )Sv (z2 , f )2 (f )Cohv (z1 , z2 , f )(z1 )(z2 )dz1 dz2 (11.17)
v

dove 2 (f ) lammettenza della componente turbolenta trasversale, generalmente espressa a partire


dallammettenza della turbolenza longitudinale u (Vickery and Basu [15]).

Figura 11.11: Massimo valore di Kao al variare di Re

Figura 11.12: Kao /Kaomax al variare di U /Ucr

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

120

11.3.3 Forzanti aeroelastiche


Linterazione aeroelstica tra il usso e la struttura si traduce in unamplicazione della risposta che talvolta pu essere anche notevole e insostenibile per la struttura. Per riprodurre numericamente tale amplicazione si ricorre ad forzante viscosa che induce uno smorzamento aerodinamico: minore lo smorzamento della struttura maggiore la rispsosta strutturale (7.6). Tuttavia, si ricorda che la risposta della
struttura comunque limitata (presenta un ciclo limite) pertanto lo smorzamento totale dovr essere sempre maggiore di zero. Sperimentalmente si osserva che, per ampiezze di oscillazioni molto grandi, tale
condizione non risulta essere vericata, pertanto si ricorre ad uno smorzamento non-lineare.
In particolare, la forzante aeroelastica di natura viscosa denita come segue:

fae,d (z, t) = ka Y GY 3

(11.18)

dove ka e G sono delle costanti, e Y (z, t) = (z)y(t).


Tuttavia, si preferisce utilizzare comunque una forzante viscosa lineare, pertanto avremo:
2

fae,d (z, t) = 4fo D(z) Kao

(z)y
1
D(z)

(z)y(t)

(11.19)

dove il termine (y /(D(z))2 garantisce la presenza di un ciclo limite per oscillazioni molto elevate. Il
parametro Kao denito come segue:
Kao

=
e
1 + 6Iu

h
i
6(1) 2
1+6I
u

(11.20)

dove = U /Ucr .
La forzante modale (secondo la 11.8) sar:
h

Fae,d = y

4fo D(z)2 Kao 1

(z)y
D(z)

2 (z)dz

(11.21)

Dal momento che la Fae proporzionale a y allora possibile denire il coefciente di smorzamento

modale cae :
2
cae = 4fo Dref

h
0

D(z)
Dref

Kao 2 (z)dz

2
2 y
2
Dref

h
0

Kao 4 (z)dz

(11.22)

2
avendo moltiplicato e diviso la forzante fae,d per un diametro di riferimento, Dref .
Si introduce la massa equivalente me :

me =

h 2
0 (z)m(z)
h 2
0 (z)

(11.23)

e possiamo dunque scrivere (sempre con riferimento alla 11.8):


2ae o =

cae
me

(11.24)

da cui si ottiene inne il rapporto di smorzamento aeroelastico, ae


ae =

2
Dref

me

c1 c2

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

y
Dref

(11.25)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

121

essendo
c1 =
c2 =

2
D(z)
(z)2 dz
Dref
h 2
0 (z)dz
h
4
2 0 Kao (z)dz

h 2
0 (z)dz
h
0 Kao

(11.26)
(11.27)

Inoltre, sperimentalmente si osserva che entro lintervallo si sincronizzazione, il usso e la struttura


si sincronizzano non solo per valori di fvs /f0 = 1, ma anche per valori che si discostano dallunit. Ci
giustica lintroduzione di una forzante che induce una rigidezza aerodinamica:
2
fae,k (z, t) = 8 2 fo D(z)2 Ha (z)y(t)

(11.28)

dove landamento di Ha riportato in Fig. 11.13. Sebbene per strutture immerse in un campo di vento
si pu assumere fvs /f0 = 1 (che equivale a porre Ha = 0) la componente in fase della forzante aeroelastica, fae,k , gioca un ruolo fondamentale da un punto di vista sico (cfr. e.g. Past [9]) per linnesco
del fenomeno della sincronizzazione. In questa sede si preferisce non appesantire la trattazione della
sincronizzazione del distacco dei vortici, e assumeremo trascurabile la componente in fase della forzante
aeroelastica, pertanto Fae (z, t) = Fae,d .

Figura 11.13: Ha al variare di U /Ucr

11.3.4 Valutazione della risposta strutturale sincronizzata


Come pi volte menzionato nei capitoli precedenti la risposta del sistema (decomposto) ad un grado di
libert (Eq. 11.8) pu essere calcolata nel dominio delle frequenze secondo la formula:
Syy (f ) = |H(f )|2 SF F ()

(11.29)

dove lammettenza strutturale denita come al solito nel seguente modo:


|H(f )|2 =

1
4
M 2 o

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

1
1

f2
2
fo

2
4t

f
fo

(11.30)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

122

con
h

M=

2 (z)m(z)dz

(11.31)

t = s + ae

(11.32)

Lo spettro della forzante invece dato dalle relazioni 11.14 e 11.17:


SF F (f ) = SFvs (f ) + SFv (f )

(11.33)

nellipotesi che la forzante indotta dal distacco dei vortici e quella dovuta alla turbolenza laterale siano
scorrelate.
Siamo alla ricerca della varianza della risposta, che nel caso di spettri unilateri viene calcolata come
segue:
2
y =

Syy (f ) =

|H(f )|2 SF F (f )df

(11.34)

In condizioni di sincronizzazione avremo fvs = fo , pertanto la varianza della risposta potr essere scritta
nel seguente modo:
2
y = SF F (fo )

|H(f )|2 df

(11.35)

da cui si ricava:
2
y =

SFvs (f ) + SFv (f )
(4fo )3 M 2 (s + ae )

(11.36)

La massima risposta sar data da:


ye = y + kp y = kp y

(11.37)

ricordando che le uttazioni indotte dal distacco dei vortici, nel caso stazionario, cosi come in condizioni
di sincronizzazione, hanno media nulla, y = 0. Con kp si indica il fattore di picco che pu essere
calcolato con le consuete formule. La risposta massima modale sar data da:
Ye (z) = (z)ye

(11.38)

Landamento della risposta adimensionalizzata in funzione del parametro Ks (denito nelleq. 11.4)
riportato in Fig. 11.14, dove si vede che le ampiezze in condizione di sincronizzazione (Locl-In) sono
decisamente maggiori rispetto a quelle in regime forzato dove linterazione aeroelastica svanisce.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 11. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND

123

Figura 11.14: y /D al variare di Ks

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

12

Risposta strutturale Across-Wind secondo


LEurocodice 1
La risposta in condizioni di sincronizzazione contemplata dallEurocodice 1 [1] si basa sul modello di
Ruscheweyh [10] che viene qu riproposto.

12.1 Modello di Ruscheweyh


Lequazione di moto associata al generico modo di vibrare data dalla seguente relazione:
y + 2s o y +

2
o y

h
0 (z)f (z, t)dz
h 2
0 (z)m(z)dz

(12.1)

dove o = 2fo la frequenza angolare della struttura, associata al generico modo di vibrare. Lequazione 12.1 ottenuta mediante una decomposizione modale del problema dinamico della struttura (
8.5). La risposta strutturale across-wind associata a tale modo di vibrare sar dunque data da:
Y (z, t) = (z)y(t)

(12.2)

Ruscheweyh introduce la seguente forzante dovuta al distacco dei vortici in condizioni di sincronizzazione:
f (z, t) = q(z)D(z)cf (z)cos(2fo t + (z))

(12.3)

dove q e D sono rispettivamente la pressione dinamica ed il diametro della struttura alla generica quota
z, e cf (z) un coefciente aerodinamico. Nel caso in cui il modo di vibrare non presenti punti nodali,
possiamo porre (z) = 0, e la forza modale sar data da:
h

F (z, t) = cos(2fo t)

(z)q(z)D(z)cf (z)dz

124

(12.4)

CAPITOLO 12. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

125

In condizione di sincronizzazione, fvs = fo , si ottiene la seguente risposta massima (ricordando che


y = 0):
Ymax = max ymax = max kp y

(12.5)

dove kp il fattore di picco e y data da:


+

y =

|H(f )|2 (f f0 )df

(z)q(z)D(z)cf (z)dz

(12.6)

ottenuta tenendo presente che il secondo integrale una costante. La funzione (f f0 ) il di Dirac,
+
e corrisponde allo spettro di cos(2fo t). La funzione sotto radice, |H(f )|2 (f f0 )df , denita
solo per f = f0 , pertanto otteniamo:
1
1
y =
2 m 2
(2fo ) e s

h
0 (z)q(z)D(z)cf (z)dz
h 2
0 (z)

(12.7)

ricordando che:
|H(f )|2 =

1
4
M 2 o
h

M=

1
1

f2
2
fo

2
4t

f
fo

(12.8)

m(z) 2 (z)

(12.9)

me =

(12.10)

h 2
0 (z)

Denita con z la quota in cui avviene la sincronizzazione possiamo scrivere la massima risposta in
questo modo:
Ymax
1
1 1 2
= max
U (z )kp
)
2 m 2 2
D(z
(2fo ) e s

h
q(z) D(z)
0 (z) q(z ) D(z ) cf (z)dz
h 2
0 (z)

(12.11)

1
dove la pressione dinamica q(z ) = 2 U 2 (z )D(z ). Inoltre, ricordando la denizione del numero di
Scruton:

Sc =

4s me
D2

(12.12)

e del numero di Strouhal


St =

fvs D
U

(12.13)

considerando una struttura a sezione costante D(z) = D, e un prolo di velocit uniforme, q(z) = q, si
ottiene:
h

Ymax
1 1
0 (z)cf (z)dz
= max
2 kp
)
h
D(z
Sc St
4 0 2 (z)

(12.14)

A questo punto si introduce la lunghezza di correlazione, L denita come il doppio dellintegrale


della funzione di cross-correlazione della forzante. In particolare Ruscheweyh pone:
L

kp

cf (z)(z)dz = clat kp

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(z)dz

(12.15)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 12. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

126

dove clat la deviazione standard della forzante applicata. Successivamente Ruscheweyh introduce
leffettiva lunghezza di correlazione, Le , tale che:
L

kp

Le

(z)dz =

(z)dz

(12.16)

Inne la massima risposta in regime di sincronizzazione viene scritta nel seguente modo:
Ymax
1 1
= K Kw clat
2
D(z )
Sc St

(12.17)

dove:
K =
Kw =

h
0 (z)dz
max
h
4 0 2 (z)
Le

(12.18)

(z)dz

(12.19)

h
0 (z)dz

Figura 12.1: Valori del coefciente aerodinamico clat

Figura 12.2: Valori di clat,o per cilindri circolari

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 12. RISPOSTA STRUTTURALE ACROSS-WIND SECONDO LEUROCODICE 1

127

Figura 12.3: Esempi di lunghezza effettiva di correlazione

Figura 12.4: Valori di Kw

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

13

Risposta aeroelastica della strutture

Le strutture aventi una sezione non circolare sono soggette ad una forza uida che cambia con la sua posizione rispetto usso. Se la struttura oscilla la sua posizione cambia e la forza uida oscilla a sua volta.
Se la forza uida tende ad aumentare le oscillazioni strutturali, la struttura diviene instabile e si possono
manifestare grandi ampiezze di oscillazione. In questo capitolo studieremo la risposta alle oscillazioni
galoppanti e in regime di utter.

13.1 Galloping traslazionale


Lanalisi delle oscillazioni galoppanti si basa sullipotesi secondo la quale la forza uida agente sulla
struttura dipenda soltanto dalla velocit eolica istantanea (teoria quasi-statica), pertanto il fenomeno pu
essere studiato in galleria del vento su modelli stazionari, misurando la forza uida al variare dellangolo
dattacco.
E doveroso ricordare che la teoria quasi-statica pu essere ritenuta valida soltanto se la frequenza di
distacco dei vortici, fvs , molto pi grande della frequenza propria di oscillazione della struttura, fo . La
condizione fvs >> f0 vericata se:
U
> 20
fo D

(13.1)

U
dove fo D la velocit ridotta, U = U la velocit media del usso, e D la dimensione trasversale
della sezione strutturale.
Tuttavia alcune strutture di particolare importanza presentano oscillazioni galoppanti per valori della
U
velocit ridotta compresi nellintervallo 1-20 (1 fo D 20), intervallo in cui lapplicazione della
teroria quasi-statica molto discutibile.
In Fig. 13.1 schematizzato il modello di un sistema ad un solo grado di libert che si muove con
velocit y, e soggetto ad una forzante di Lift ed una di Drag espresse nel seguente modo:

1
FL = Vr2 DCL
2
1 2
FD = Vr DCD
2

(13.2)
(13.3)
128

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

129

Figura 13.1: Modello ad un grado di libert per le oscillazioni galoppanti


dirette rispettivamente ortogonalmente e parallelamente alla direzione della velocit relativa Vr = U 2 + y.

I coefcienti CL e CD , sono chiaramente i coefcienti di Lift e di Drag.


Il moto del sistema cambia la sua posizione rispetto alla velocit del usso che risulter inclinata di
un angolo rispetto alla direzione del usso indisturbato:
= tan1

(13.4)

Lequazione di moto del sistema sar dunque:


2
y + 2s y y + y y =

1
Fy ()
m

(13.5)

dove:
1
Fy () = Vr2 Cy ()
2

(13.6)

Cy () = [CL cos() + CD sin ]

(13.7)

Per piccoli angoli dattacco ( 0), linearizzando le quantit dinteresse, si ottiene:

Vr
Cy ()

U
U

(13.8)
(13.9)

Cy (0) + Cy, (0) = CL (0) [CL, (0) + CD (0)]

(13.10)

con C(), = C() /.


Possiamo quindi scrivere lequazione di moto nel seguente modo:
2
y + 2s y y + y y =

1 1 2
1
y

V DCy () =
U 2 D CL (0) [CL, (0) + CD (0)]
m2 r
2m
U

(13.11)

che possiamo riscrivere nel seguente modo:


y + 2y s +

U D
1
2
[CL, (0) + CD (0)] y + y y =

U 2 DCL (0)
4my
2m

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(13.12)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

130

Dalla 13.12 facile constatare che il moto della struttura induce una forza uida viscosa che pu
essere tenuta in conto in termini si smorzamento totale, dato dalla somma dello smorzamento strutturale
e di quello aerodinamico:
t = s +

U D
[CL, (0) + CD (0)]
4my

(13.13)

da cui si evince subito che il sistema stabile se:


[CL, (0) + CD (0)] > 0

(13.14)

Infatti, la soluzione dellequazione di moto pu essere scritta:


y=

1
2
2 U DCL (0)

ky

+ Ay et y t sin y

2
1 t t +

(13.15)

da cui si evince che se lo smorzamento totale, t , diviene negativo, per effetto di [CL, (0) + CD (0)] < 0,
la struttura diviene instabile in quanto la sua risposta diverge (si veda lEq. 13.15). In Fig. 13.2 sono
riportate due curve di esempio per il CL .
Pertanto, ponendo t = 0 possibile trovare la velocit eolica critica che induce oscillazioni galoppanti:
Ucr =

8mfy s
[CL, (0) + CD (0)]
D

(13.16)

In Fig. 13.3 sono riportati i valori di Cy, = [CL, (0) + CD (0)] per alcune sezioni (Blevins [2]).

Figura 13.2: Esempio di curve stabili ed instabili per CL

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

131

Figura 13.3: CL, sezioni. Per CL, < 0 ovvero CL, + CD > 0 lequilibrio risulta stabile

13.2 Divergenza e Galloping torsionale


Nel galloping torsionale, langolo dattacco cambia con la posizione angolare e con la velocit angolare

= /t. La velocit angolare, , induce un angolo dattacco che varia lungo la sezione: una velocit
dattacco positiva induce un angolo dattacco negativo e vice versa.
Dato un generico punto sulla sezione, langolo dattacco espresso come segue:
= tan1

Rc sin

U Rc cos

(13.17)

mentre la velocit relativa data dalla seguente relazione:

Vr2 = Rc sin
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

+ U Rc cos

(13.18)
Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze
Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

132

Figura 13.4: Modello di Galloping torsionale


dove U = U la velocit del usso, e Rc sin il raggio caratteristico della sezione. Nel caso di un
rettangolo R pari alla met della lunghezza del rettangolo stesso. In generale R dipende dalla sezione
considerata.
Per piccoli angoli di attacco, 0, si ottengono i seguenti valori dellangolo di attacco e della
velocit relativa:

Vr2

R
U

(13.19)

U2

(13.20)

La sezione sar pertanto soggetta ad un momento torsionale, per unit di lunghezza, dato dalla
seguente relazione:
1
M = U 2 D2 CM
2

(13.21)

che pu essere espansa in serie di Taylor fornendo la seguente forzante:


M

1 2 2
U D [CM (0) + CM, (0) + . . .]
2

(13.22)

dove:
CM, (0) = CM, (0)

R
U

(13.23)

Lequazione di moto del problema dinamico viene scritta nel seguente modo:

1
1
R

J + 2J + k = U 2 D2 CM (0) + U 2 D2 CM, (0)


2
2
U

(13.24)

Conviene riscrivere lequazione di moto nel seguente modo:


1
1
1

J + 2J + U RD2 CM, (0) + k U 2 D2 CM, (0) = U 2 D2 CM (0) (13.25)


2
2
2
da cui si possono notare due tipi di instabilit, una dinamica (gallopping torsionale), ed una statica
(divergenza)

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

133

13.2.1 Divergenza
La divergenza uninstabilit statica perch si verica quando la somma della rigidezza rotazionale e
della rigidezza aerodinamica nulla ossia quando (cfr. Eq. 13.25):
1
k U 2 D2 CM, (0) = 0
2

(13.26)

che corrisponde alla seguente velocit eolica critica:


Ucr =

2k
D2 C

(13.27)

M, (0)

13.2.2 Galloping torsionale


Nel caso in cui la somma dello smorzamento strutturale e di quello aerodinamico nulla, si ha il galloping
torsionale la cui velocit critica si calcola analogamente a quanto visto precedentemente per il galloping
traslazionale:
1
2J + U RD2 CM, (0) = 0
2

(13.28)

da cui si ottiene la corrispondente velocit critica:


Ucr =

4J
1
2R C
D
M, (0)

(13.29)

In Fig. 13.5 sono riportati i valori di CM, (0) per alcune sezioni.

Figura 13.5: CM, (0) per alcune sezioni

13.3 Galloping di sistemi a due gradi di libert


Nella realt le strutture possono sia ruotare che traslare, pertanto in questa sezione viene estesa la trattazione precedentemente illustrata e valida quando i due modi di vibrare possono essere considerati indipendenti luno dallaltro.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

134

Figura 13.6: Sezione generica a due gradi di libert


La rotazione e la traslazione di una generica sezione immersa in un campo di vento (si veda la Fig.
13.6), sono aerodinamicamente accoppiate attraverso langolo dattacco che in questo caso si scrive:
=

R
y

+
U
U

(13.30)

Inoltre la rotazione e la traslazione possono essere accoppiati inerzialmente quando il centro elastico della
sezione1 non coincide con il centro di massa della sezione stessa. Il centro elastico quel punto della
sezione dove qualsiasi carico che vi applicato non produce effetti torsionali.
Con riferimento alla Fig. 13.6, lequazioni di moto del sistema a due gradi di libert si scrivono come
segue:
1

m + 2my y y + Sx + ky y = U 2 DCy ()
y

2
1

J + 2J + Sx y + k = U 2 D2 CM ()

(13.31)
(13.32)

dove:
m=
A

J =
Sx =

m dd

(13.33)

( 2 + 2 )m dd

(13.34)

m dd

(13.35)

sono rispettivamente la massa per unit di lunghezza, il momento di inerzia polare ed il momento statico
della sezione. Inoltre, m la densit di massa, (, ) sono le coordinate di un generico punto sulla
1
Il centro elastico coincide con il centro di rotazione che a sua volta coincide con il centro di taglio della sezione. La
dimostrazione pu essere condotta mediante il teorema di Betti.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

135

sezione.
Langolo dattacco accoppia aerodinamicamente i due gradi di libert della sezione, e y (Eq.
13.30), mentre il momento statico Sx li accoppia inerzialmente.
Lequazioni di moto del sistema risultano pertanto dipendenti tra loro. Tuttavia, attraverso una decomposizione modale possibile disaccoppiare il sistema che pu essere cos studiato come la somma
degli effetti di due sistemi ad un solo grado di libert. Tralasciando i passaggi intermedi si arriva alla
denizione della velocit critica che comporta linstabilit dinamica del sistema:

4my y 4c2 J

D (Rc + 1) [c DC
2
2
M, (0) Cy, (0)]
Ucr = min
(13.36)
2 m 4J

4c1 y y

D (R + c1 ) [c1 CM, (0) + DCy, (0)]


dove c1 e c2 sono due costanti che derivano dalla decomposizione modale e sono data dalla seguente
relazione:
c1 =

2
Sx 1
2
2
m y 1

(13.37)

c2 =

2
Sx 2
2
2
2

(13.38)

con 1 e 2 frequenze angolari proprie del sistema. Si pu subito notare che se Sx = 0, allora c1 = c2 = 0
ed il sistema risulta disaccoppiato in partenza. In questultimo caso la velocit critica la minima tra la
velocit di galloping traslazionale e la quella di galloping rotazionale, viste precedentemente.

13.4 Flutter
Il utter uninstabilit dinamica originariamente studiata per i proli alari e successivamente estesa alle
strutture ed in particolar modo ai ponti di grande luce. Il termine utter, in realt, riassume diverse tipologie dinstabilit dinamica: utter classico, stall utter, utter ad un grado di libert.
Il utter classico un fenomeno cui corrisponde laccoppiamento di due gradi di libert della struttura, generalmente quello traslazionale e rotazionale, che innesca delloscillazioni instabili.
Lo stall-utter uninstabilit legata al moto torsionale della sezione, e indotta da una forzante di lift
non lineare in prossimit dello stallo (perdita di portanza).
Il utter ad un grado di libert, include lo stall-utter, ma in generale associato a quelle sezioni
la cui forma tale da indurre una pronunciata separazione del usso in corrispondenza di essa. Sezioni
tozze, poco aerodinamiche sono tipici esempi di sezioni strutturali candidate a questo tipo di utter.
E doveroso ricordare che, in generale, il utter, in tutte le sue forme, coinvolge fenomeni aerodinamici non lineari. Tuttavia, sotto opportune ipotesi, possibile linearizzare le forzanti indotte dallinterazione
uido-struttura e dunque studiare la soglia di stabilit della struttura. Lo studio dellevoluzione dellaerodinamica non stazionaria da cui trae origine il fenomeno, rimandata a studi specici generalmente pi
complessi.
Le ipotesi che permettono lo studio del utter delle strutture sono fondamentalmente due: la struttura elastica lineare smorzata linearmente, e dunque presenta delle oscillazioni armoniche smorzate
esponenzialmente; le oscillazioni sono piccole, e si ritiene che la soglia di stabilit sia raggiunta quando
tali oscillazioni raggiungono un valore critico corrispondente all velocit di utter. Pertanto, come per il
galloping e la divergenza, lanalisi si riduce allo studio della velocit critica che porta allinstabilit della
struttura, in questo caso dovuta al utter. La progettazione aerodinamica della struttura sar tanto pi
afdabile quanto pi la velocit critica di utter sar alta, o comunque maggiore della velocit eolica di
progetto, avente una certa probabilit di eccedenza nel sito dove sorger la struttura.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

136

Figura 13.7: Convenzione dei segni per una generica sezione.

13.4.1 Equazioni di moto si un impalcato da ponte


In Fig. 13.7 schematizzata la sezione di un ponte, avente due gradi di libert: la traslazione verticale, h,
e la torsione, . Lequazione di moto sar dunque scritta nel seguente modo:

mh h + Sx + ch h + Ch h = Lh

J + Sx h + c + C = M

(13.39)

dove Sx il momento statico della sezione calcolato rispetto allasse x rivolto nella direzione della velocit media U = U , J il momento polare della sezione, mh la massa della sezione, ch e c sono
i coefcienti di smorzamento per i rispettivi gradi di libert, mentre Ch e C sono rispettivamente le
rigidezze alla traslazione e alla rotazione della sezione.

13.4.2 Forzanti aeroelastiche Lh e M per i proli alari sottili


Come accennato precedentemente, il utter deriva dalle pratiche aeronautiche. Pertanto si accenna brevemente lorigine del problema facendo riferimento alla non stazionariet delle forze aerodinamiche agenti
su un prolo alare sottile in moto traslazionale e rotazionale.
Un sezione di forma generica tale da modicare le linee di usso del corrente uida incidente, creando dei disturbi distribuiti lungo la sezione stessa, e addirittura inducendo la separazione del usso in
corrispondenza di essa no ad innescare la formazione di vortici che deuiscono a valle dando vita ad una
scia vorticosa. Pertanto, quello che allorigine era un usso irrotazionale, diviene un usso rotazionale in
corrispondenza della sezione, e conseguentemente la velocit delle particelle uide, in prossimit della
sezione, non pi tangente alla sezione stessa in quanto si genera una componente verticale della velocit.
Nel caso di un prolo alare stazionario, i disturbi indotti dalla sezione stessa, sono cos contenuti
che la velocit delle particelle uide segue il contorno della sezione (sezione streamline), e dunque la
portanza che si sviluppa essenzialmente una forza media con una deviazione standard molto contenuta
dal momento che la non stazionariet del usso prossimo alla supercie, a sua volta molto contenuta.
Infatti, i passeggeri di un aereo non avvertono oscillazioni del velivolo n tanto che laereo non incontra
della turbolenza durante il proprio cammino.
Nel caso in cui il prolo alare oscilli traslazionalmente e rotazionalmente, le particelle uide in corrispondenza della sezione presentano anche una componente verticale, sinonimo del fatto che, in questo
caso, la non stazionariet del usso gioca un ruolo fondamentale, inducendo delle forzanti aeroelastiche
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

137

Figura 13.8: Funzione di Theodorsen [14], C(k) = F (k) + iG(k), in funzione della velocit ridotta
Urid = 2
k
(dipendenti cio dal moto della sezione) che allo stato limite ultimo inducono uninstabilit dinamica,
nota appunto come utter.
Theodorsen [14], utilizzando la teoria del usso a potenziale, dimostr che le forzanti Lh e Mh sono
lineari in h e e nelle loro rispettive derivate del primo e secondo ordine. In particolare, Theodorsen
arriv alla denizione di una funzione, nota appunto come funzione di Theodorsen, che tiene in conto
della non stazionariet del usso in prossimit del prolo alare, indotta dal moto della sezione stessa.
Tale funzione, indicata con C(k), una funzione complessa:
C(k) = F (k) + iG(k)

(13.40)

espressa in funzione della frequenza ridotta


k = 2

fb
U

(13.41)

con b = B , essendo B la larghezza della sezione alare. In particolare Lh e Mh per un prolo alare si
2
esprimono nel seguente modo:

Lh = b2 U + h ba 2C(k) U + h + b

M = b2

1
a

+ a2 abh +

8
1

+ 2U b2
+ a C(k) U + h + b
2

(13.42)

1
a U b + b2

1
a

(13.43)

dove ab la distanza di met sezione dal centro di rotazione (Fig. 13.7).

13.4.3 Forzanti Lh e M per impalcati da ponte


Scanlan and Tomko [12] estesero lo studio di Theodorsen [14] alle sezioni da ponte, generalmente aventi
spessori non trascurabili. Ci che ne deriv furono le cosiddette derivate aeroelastiche o derivate di
utter (cfr. Scanlan and Tomko [12], Simiu and Scanlan [13]). La differenza sostanziale con la trattazione
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

138

originaria di Theodorsen, risiede nel fatto che mentre la funzione di Theodorsen una funzione nota a
priori, le derivate aeroelastiche devono essere necessariamente stimate tramite sperimentazione in galleria
del vento, perch rappresentano lestensione di una teoria esatta fondata su determinate ipotesi che cadono
nel caso di sezioni come quelle dei ponti. Basti pensare che la teoria di Theodorsen si basa sullipotesi di
proli alari sottili assimilabili cio ad una lastra piana, ipotesi che permette di ipotizzare che i disturbi
indotti dal moto della sezione, e da cui trae origine la non stazionariet del usso superciale, possano
essere intesi come uniformemente distribuiti sullintera sezione stessa. Tramite un epediente geniale,
ossia tramite una trasformazione conforme, che trasforma la lastra piana in una circonferenza, Theodorsen
riusc a rendere la sezione alare una sezione streamline anche del usso non stazionario. Grazie a tale
espediente, congiuntamente allipotesi di non stazionariet uniformemente distribuita, Theodorsen pot
applicare i fondamentali concetti di base della uidodinamica e quindi trovare lespressione delle forzanti
aeroelstiche di lift e di momento che abbiamo visto precedentemente.
E ben evidente che gli impalcati da ponte hanno sezioni con spessori tuttaltro che trascurabili, ma in
genarale responsabili dei disturbi del usso che non solo non possono essere intesi come uniformemente
distribuiti (basta pensare al distacco del usso in prossimit di uno spigolo a monte della sezione, seguito
da un riattacco a valle della sezione, oppure che si propaghi nella scia senza nemmeno riattaccarsi alla
sezione stessa), ma variano anche tra intradosso e extradosso della sezione stessa.
Per questo le derivate aeroelastiche andrebbero usate e, ancor prima, ricavate con molta cautela.
Si ricorda infatti che le forzanti espresse in funzione delle derivate aeroelastiche sono lineari e poich
soltanto per valori di k 0 tali forzanti lineari assumono il loro valore quasi-stazionario (nel caso delle
sezioni alari sottili C(k) 1 per k 0, come di vede dalla Fig. 13.8), allora qualora, durante la
sperimentazione, si lavori con valori di k >> 0 bisognerebbe porre notevole attenzione alle condizioni
iniziali impresse al sistema: ampiezze iniziali di oscillazione relativamente grandi, per valori di k >>
0, inducono una non stazionariet che si traduce in forzanti tuttaltro che lineari. Pertanto, le derivate
aeroelastiche rischierebbero di non essere univoche, ma dipendenti dallampiezza di oscillazione iniziale,
visto che per denizione linterazione aeroelastica tra uido e struttura si instaura per effetto della non
stazionariet indotta dal moto della struttura.
Le forzanti aeroelastiche proposta da Scanlan and Tomko [12], e largamente utilizzate oggigiorno,
sono le seguenti:

h
B

h
+ K 2 H3 (K) + K 2 H4
Lh = U 2 B KH1 (K) + KH2 (K)
2
U
U
B

(13.44)

1
h
B

h
Mh = U 2 B 2 KA (K) + KA (K)
+ K 2 A (K) + K 2 A (K)
1
2
3
4
2
U
U
B

(13.45)

dove Hj (K) e A (K) con j = 1 . . . 4 sono le derivate aeroelastiche, mentre la frequenza ridotta in
j
questo caso viene indicata con K e assume la seguente espressione:

K=

2f B
U

(13.46)

con f frequenza di oscillazione, e B larghezza dellimpalcato.


Nel caso di sezioni alari la corrispondenza tra le derivate aeroelastiche e la funzione di Theodorsen

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

139

la seguente:
F (k)
k

2G(k)

H2 (K) =
1 + F (k) +
4k
k

kG(k)

H3 (K) = 2 F (k)
2k
2

2G(k)

H4 (K) =
1+
2
k

H1 (K) =

F (k)
4k

2G(k)
A (K) =
1 F (k)
2
16k
k
kG(k)

A (K) = 2 F (k)
3
8k
2
G(k)
A (K) =
4
4k
A (K) =
1

(13.47)
(13.48)
(13.49)
(13.50)
(13.51)

dove:
J1 (J1 + Y0 ) + Y1 (Y1 J0 )
(J1 + Y0 )2 + (Y1 J0 )2
J1 J0 + Y1 Y0
G(k) =
(J1 + Y0 )2 + (Y1 J0 )2

(13.52)

F (k) =

(13.53)

con Jj e Yj funzioni di Bessel del primo e del secondo tipo, di ordine j.

13.4.4 Soluzione per il calcolo della velocit critica di utter classico


Si considerano le seguenti soluzioni del problema aeroelastico:
h
yo
= eit
B
B
= o eit

(13.54)
(13.55)

.
Andando a sostituire tali soluzione nelle equazioni di moto del sistema (Eq. 13.71), si ottengono le
seguenti equazioni:
2
K 2 + 2ih Kh K + Kh

B 2
ho

iK 2 H1 (K) + K 2 H4 (K)

m
B
B 2 2
B 2 2

iK H2 (K) +
K H3 o = 0 (13.56)
m
m

B 4
ho
(iK 2 A (K) + K 2 A (K))
+
1
4
J
B
2
+ k 2 + 2i KK + K

dove Kh = Bh , K =
U
gradi di libert, h e .
Denendo

X=
h

B
U ,

B 4 2 B 4 2
iK A2
K A3 (K) o = 0 (13.57)
J
J

h e sono rispettivamente i rapporti di smorzamento associati ai due

(13.58)

e imponendo che il determinante dellequazioni 13.56 e 13.57 sia nullo, si ottiene unequazione del quarto
ordine complessa. Considerando lequazione reale e quella immaginaria separatamente e risolvendole
per valori di K, possibile diagrammare le loro radici, X, in funzione di K. Il punto in cui le due curve
coincidono indica la frequenza ridotta dalla quale possibile ricavare la velocit critica di utter classico.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

140

13.4.5 Flutter ad un grado di libert (Divergenza Dinamica)

La frequenza di oscillazione traslazionale e torsionale dipendono dalla dalle derivate aeroelastiche H4 (K)
e A (K) rispettivamente. Poich tali derivate aeroelstiche dipendono a loro volta dalla frequenza ridotta,
3
K, allora leffettiva frequenza di oscillazione dovrebbe essere calcolata iterativamente. Talvolta preferibile evitare tale calcolo iterativo, e ci possibile come vedremo nei successivi paragra.

Flutter traslazionale

In questo caso il moto puramente traslazionale, pertanto le derivate H2 (K) e H3 (K) sono nulle.
La rigidezza totale del sistema sar dunque data dalla somma della rigidezza strutturale e di quella
aerodinamica:

Ch,t = Ch U 2 K 2 H4 (K)
2

(13.59)

da cui si evince che valori negativi di H4 (K) incrementano apparentemente la rigidezza della struttura.
In particolare la frequenza propria traslazionale sar data da:

fh,t = fh

2
B 2 fh
2 H (Kae )
2mh fh,t 4

fh

B 2
H (K)
2mh 4

(13.60)

dove
2fh,t B
U
2fh B
K=
U

Kae =

(13.61)
(13.62)

Analogamente, lo smorzamento totale somma di quello strutturale e di quello aerodinamico:


h,t =

fh
B 2
h
H (Kae )
fh,t
4mh 1

(13.63)

Quando lo smorzamento totale nullo allora si pu trovare il valore di H1 (Kae ) corrispondente allinstabilit dinamica dovuta al solo moto traslazionale. Il valore della frequenza ridotta associata al valore

critico di H1 (Kae ), permette di trovare la velocit critica. Tuttavia per ponti di grandi luce che si muovono

di solo moto traslazionale, lo smorzamento totale risulta sempre positivo perch H1 (Kae ) risulta sempre
negativo (Fig. 13.11). Pertanto tale instabilit poco ricorrente.

Flutter rotazionale
Nel caso di moto puramente torsionale si ottiene la seguente rigidezza totale:
1
C,t = C U 2 B 2 K 2 A (K)
3
2

(13.64)

Pertanto la frequenza naturale rotazionale della struttura verr scritta nel seguente modo:
f,t = f

2
B 4 f
2 A (Kae )
2J f,t 3

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

B 4
A (K)
2J 3

(13.65)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

141

Analogamente lo smorzamento totale sar dato dalla somma dello smorzamento strutturale e di quello
aerodinamco:
h,t =

B 4
f

A (Kae )
f,t
4J 2

(13.66)

Quando lo smorzamento aerodinamico risulta nulla si ha la divergenza dinamica torsionale corrispondente ad un valore di A (Kae ) pari a:
2
A (Kae ) = 4
2

J
f

4 f
B
,t

(13.67)

da cui possibile trovare il valore critico della velocit del vento che causa linstabilit, noto il valore
della frequenza ridotta per il quale A (Kae ) critico. Questo tipo di instabilit non rara per i ponti, al
2
contrario della divergenza dinamica traslazionale (Fig. 13.11).

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

142

Figura 13.9: Esempi di derivate aeroelastiche per varie sezioni

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

143

Figura 13.10: Esempi di derivate aeroelastiche per varie sezioni

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

144

Figura 13.11: Derivate aeroelastiche per il Great Belt Bridge (curve 1,2 e +). . Ponte a sezione
reticolare. Lastra piana

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 13. RISPOSTA AEROELASTICA DELLA STRUTTURE

145

13.5 Fenomeni aeroelstici in presenza della turbolenza atmosferica


La risposta strutturale dovuta alla componente turbolenta della velocit del vento stata ampiamente
discussa nei capitoli precedenti. In questa sezione, consideriamo i fenomeni aeroelastici associati ai
ponti, in presenza delle componenti uttuanti della velocit eolica, u = u(t) e w = w(t), relative
rispettivamente alla turbolenza longitudinale (lungo x) e verticale (lungo z).
Le forzanti indotte dalla turbolenza atmosferica sono note come forzanti di buffeting, e possono essere
scritte, con lausilio della teoria quasi-stazionaria linearizzata, nel seguente modo:
1
u
w
Lb = U 2 B 2CL L,u + (CL, (0) + CD ) L,w
2
U
U
1 2 2
u
w
Mb = U B 2CM M,u + CM, (0)M,w
2
U
U

(13.68)
(13.69)

w
ottenute linearizzando le forzanti per un angolo dattacco che tende al suo valore iniziale o = U . Come
sempre vengono trascurate i termini non lineari delle componenti uttuanti della velocit del vento:

(U + u)2

U 2 + 2U u

(13.70)

Inoltre con sono indicate, come al solito, le ammettenze aerodinamiche delle varie componenti delle
forzanti di buffetting.
Le componenti turbolente della velocit del vento inducono un moto della struttura. Pertanto, nascono
delle forzanti aeroelastiche esprimibili con le equazioni 13.44 e 13.45. Pertanto, lequazioni di moto che
risolvono la risposta strutturale della struttura saranno le seguenti:

mh h + Sx + ch h + Ch h = Lh + Lb

J + Sx h + c + C = M + Mb

(13.71)

Generalmente per il calcolo della risposta strutturale in presenza di turbolenza, si possono trascurare
le derivate aeroelastiche che accoppiano aerodinamicamente i due gradi di libert della struttura, ossia

H2 (K), H3 (K), A (K) e A (K). Pertanto, attraverso una decomposizione modale possibile disac1
4
coppiare i due gradi di libert anche in termini inerziali. Otteniamo dunque due sistemi ad un solo grado
di libert, la cui risposta pu essere calcolata con le procedure viste per la risposta along-wind delle strutture. Si lascia al lettore la valutazione della risposta, che non viene qu riportata.
Per quanto detto in precedenza, possibile incorrere, ad esempio, in uninstabilit dinamica ad un
grado di libert quando A (K) cambia segno al variare della velocit eolica: si potrebbe cio vericare
2
una divergenza dinamica torsionale, anche in presenza di turbolenza atmosferica.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

14

Risposta aeroelastica secondo lEurocodice 1

LEurocodice 1 [1] fornisce delle regole per la progettazione suscettibili anche alle instabilit aeroelastiche. Come vedremo, tali regole si fondano sulla trattazione generale affrontata nel Capitolo 13, e dunque
possibile riconoscere facilmente le formule trovate precedentemente.

14.1 Galloping
La velocit critica di galloping, secondo LEC1, data dalla formula:
Ug,cr =

2Sc
n1,y b
ag

(14.1)

dove b la larghezza della sezione trasversale, n1,y la frequenza di vibrazione della struttura, nella
direzione ortogonale a quella del vento, ag il fattore di galloping riportato in Fig. 14.1, pari a 10 se non
specicato, e Sc il numero di Scruton denito come segue:
Sc =

4me
b2

(14.2)

dove me la massa equivalente per unit di lunghezza:


me =

2 (z)m(z)dz

(14.3)

2 (z)dz

con il consueto signicato dei simboli.


Inoltre deve essere garantito che:
Ug,cr > 1.25Um

(14.4)

dove Um la velocit media del vento calcolata in corrispondenza dellaltezza in cui si innesca il galloping, ritenuta come punto in cui si ha la massima ampiezza di oscillazione.
Quando la velocit critica di sincronizzazione, Us,cr , prossima a quella di galloping, Ug,cr , ossia
quando
0.7 <

Ug,cr
< 1.5
Us,cr

(14.5)
146

CAPITOLO 14. RISPOSTA AEROELASTICA SECONDO LEUROCODICE 1

147

sono probabili effetti di interazione tra il distacco dei vortici e il galloping. Si raccomandano pertanto
prove in galleria del vento o consulenze specialistiche.

Figura 14.1: Fattore dinstabilit di galloping ag

14.2 Divergenza e Flutter


Una generica sezione strutturale incline ad instabilit aeroelastiche, divergenza o utter, se i seguenti
criteri sono tutti soddisfatti:
La struttura, o una parte sostanziale di essa, deve avere una sezione trasversale allungata con
proporzioni tra larghezza, d ed altezza b maggiore o uguale di 4: d/b 4
Lasse torsionale deve essere parallelo al piano medio della sezione e normale alla direzione del
vento, ed il centro di torsione deve essere almeno d/4 dal bordo sopravento della sezione.
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 14. RISPOSTA AEROELASTICA SECONDO LEUROCODICE 1

148

La frequenza naturale minore deve corrispondere ad un moto torsionale, oppure la minima frequenza torsionale deve essere due volte pi piccola della pi bassa frequenza traslazionale.

14.2.1 Divergenza

Ud,cr =

2k
2C
d M,

(14.6)

dove k la rigidezza torsionale, e CM, la derivata prima del coefciente aerodinamico di momento,
CM , rispetto allangolo dattacco .
Deve essere garantito che:
Ud,cr > 2Um (zeq )

(14.7)

dove Um (zeq ) la velocit eolica media misurata alla quota equivalente, zeq , denita in Fig. 10.8.
Alcuni valori di CM, per sezioni rettangolari sono deniti in Fig 14.2.

Figura 14.2: CM, per sezioni rettangolari

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 14. RISPOSTA AEROELASTICA SECONDO LEUROCODICE 1

149

14.2.2 Flutter
Per quanto riguarda il utter, LEC1 rimanda alla soluzione del problema mediante prove in galleria del
vento.
Sebbene non sia direttamente specicato, nella pratica, si fa spesso uso del modello di Scanlan and
Tomko [12] che viene nuovamente riportato:

mh h + Sx + ch h + Ch h = Lh

J + Sx h + c + C = M

(14.8)

con

1
h
B

h
Lh = U 2 B KH1 (K) + KH2 (K)
+ K 2 H3 (K) + K 2 H4
2
U
U
B

h
B

h
1
+ K 2 A (K) + K 2 A (K)
Mh = U 2 B 2 KA (K) + KA (K)
1
2
3
4
2
U
U
B

(14.9)
(14.10)

dove le derivate aeroelstiche, Hj (K) e A (K) con j = 1 . . . 4, sono stimate mediante prove in galleria
j
del vento. La valutazione della velocit critica di utter avviene mediante la procedura descritta nel
paragrafo 13.4.4.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

15

Sperimentazione in galleria del vento

Sebbene limpiego della uidodinamica computazionale sia in rapida espansione, rimane la necessit
di effettuare esperimenti sici per comprendere i complessi fenomeni legati ad una corrente uida. Per
questo motivo, le gallerie del vento hanno avuto, e continuano ad avere, un notevole sviluppo non solo nel
campo dellaeronautica, dove furono utilizzate per la prima volta, ma anche nel campo dellingegneria
strutturale. Nelle simulazioni in galleria del vento, la sperimentazione viene effettuata su modelli in scala
per ovvie considerazioni di carattere economico e di convenienza. La scalatura del modello apre le porte
ad una vasta gamma di teorie che si fondano su parametri adimensionali e/o su criteri di similitudine
applicabili alla riproduzione del usso e alla sperimentazione sui modelli.

15.1 Criteri di similitudine


Per analizzare il problema conviene ragionare in termini di parametri adimensionali. Tali parametri possono essere trovati scrivendo le equazioni differenziali che descrivono il sistema sico in questione. Successivamente, vengono divisi per quantit che hanno la medesima dimensione, cos da ottenere delle
quantit adimensionali che governano il comportamento del sistema. Mantenendo invariato il valore di
alcuni di questi parametri, nel passaggio da prototipo (struttura reale) a modello, viene automaticamente
garantita la similitudine.

15.1.1 Analisi dimensionale


La forza F agente su un corpo immerso in un uido funzione di sei parametri: la densit del uido,
, la velocit del usso, U , una dimensione caratteristica del corpo, D, una frequenza n, la viscosit del
usso, , e laccelerazione gravitazionale, g. In particolare si ha:
F = U D n g

(15.1)

Applicando il teorema si ottiene la seguente espressione per la forzante:


F = U 2 D2

nD
U

U D

gD
U2

(15.2)

150

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO


da cui si evince che il coefciente di forza
F
=F
U 2 D2

nD
U

U D

F
U 2 D2

151

e funzione delle seguenti quantit adimensionali:

gD
U2

(15.3)

In particolare si hanno i seguenti numeri:


nvs D
U
UD
U D
=
Re =

2
U
Fr =
gD
St =

(15.4)
(15.5)
(15.6)

noti rispettivamente come numero di Strouhal, numero di Reynolds, e numero di Froude.

15.1.2 Considerazioni di base per la scalatura


Per una corretta simulazione in galleria del vento necessario che si conservino i valori dei numeri appena
menzionati, ovvero, nel passaggio da prototipo a modello necessario che si verichino le seguenti
uguaglianze:
nD
U

=
r

nD
U

UD

=
r

UD

U2
gD

=
r

U2
gD

(15.7)
g

dove i pedici r ed g si riferiscono rispettivamente alla struttura reale e al modello sperimentale.


Si introducono i cosiddetti fattori di scala, L , U , e n , noti rispettivamente come scala delle
lunghezze, scala delle velocit, e scala delle frequenze:
L =

Dg
Dr

U =

Ug
Ur

n =

U
l

(15.8)

cosicch le relazioni 15.7 possono essere riscritte in funzione dei fattori di scala:
L =

U
n

L =

1
U

L = 2
U

(15.9)

ottenute tenendo presente che le quantit , e g rimangono invariate nel passare dalla struttura reale
al modello di galleria. Le relazioni riportate nella 15.9 sono note rispettivamente come condizione di
Strouhal, condizione di Reynolds, e condizione di Froude.
Particolare attenzione va rivolta alla scalatura del numero di Reynolds: se il prototipo ed il modello
sono entrambi investiti da una corrente daria, allora per conservare il numero di Reynolds necessario
che U /L = 1, in accordo con la condizione di Reynolds. Tuttavia, questa condizione genera delle
discordanze con gli altri requisiti necessari per una corretta scaltura, come si pu notare dalle altre due
relazioni della 15.9. Segue che la simulazione del numero di Reynolds incompatibile con i prioritari
requisiti di scalatura delle lunghezze e delle velocit, a meno che le prove vengano effettuate con L = 1,
condizione ovviamente irrealizzabile nel caso delle strutture.
In particolare si pu osservare che se si usasse una scala delle lunghezze = 1 : 100, in galleria del
vento occorrerebbe una velocit del usso 100 volte maggiore della realt. Per contro, la condizione di
Froude, impone che la velocit sia scalata di 1/U = 10. Pertanto le due condizioni sono discordanti.
Inoltre, anche se fosse ipoteticamente rispettata la condizione U = 1, la condizione di Strouhal vorrebbe
che f = 100 ossia per simulare i fenomeni in unintervallo di frequenza tra 0 e 4hz (intervallo rappresentativo della turbolenza atmosferica reale), dovrei aver bisogno di ottenere in galleria del vento uno
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO

152

Figura 15.1: Modella di una spire


spettro compreso tra 0 e 400Hz, cui corrisponde, per il teorema di Nyquist, una frequenza di acquisizione
pari a 800Hz.
Nelle pratiche strutturali, la condizione di Reynolds risulta essere sicuramente molto importante, ma,
come appena visto, non risulta quasi mai soddisfatta, sebbene talvolta non strettamente necessaria. Il
numero di Reynolds, infatti delinea, come visto nei precedenti capitoli, diversi regimi in corrispondenza
dei quali, in generale, la struttura si comporta diversamente, in termini aerodinamici. Basti pensare al distacco dei vortici: nel regime critico generalmente non si osserva distacco dei vortici, pertanto questa condizione dovrebbe essere rispettata passando alla sperimentazione, altrimenti si osserverebbero fenomeni
completamente diversi dalla realt. Per questo si utilizza una rugosit tecnica, da applicare al modello, in
modo da riprodurre i fenomeni che avverrebbero per numeri di Reynolds pi elevati.
Generalmente, laerodinamica dei corpi tozzi aventi spigoli vivi governata dalla geometria e risulta
essere indipendente dal numero di Reynolds, pertanto in tale situazione possibile trascurare la condizione di Reynolds. Quando si hanno basse accelerazioni, come nel caso di simulazione di fenomeni
ambientali, importante soddisfare la condizione di Froude, che tuttavia inconciliabile con quella di Reynolds. Inne, per la sperimentazione aeroelastica risulta essere molto importante la corretta
riproduzione delle frequenze e degli smorzamenti strutturali.

15.1.3 Simulazione della circolazione atmosferica


Il rispetto delle condizioni di similitudine appena viste, garantisce una fedele simulazione delle caratteristiche del usso incidente sui prototipi, ossia del prolo di velocit media, della turbolenza e delle scale
integrali, e dunque degli spettri ed dei cross-spettri della componente uttuante della velocit del vento.
Particolare attenzione viene diretta alla simulazione dello strato limite atmosferico del sito in esame.
La generazione dello strato limite avviene disponendo, lungo tutto lo sviluppo longitudinale della galleria
del vento, dei pannelli di rugosit (rugosit superciale) che simulano la rugosit del sito in questione.
Tuttavia, afnch il usso raggiunga le caratteristiche desiderate, occorrerebbero delle gallerie molto
lunghe, requisito non sempre rispettato. Sorgono, pertanto, due importanti questioni: la limitata lunghezza della galleria porta ad avere da un lato uno strato limite di modesta altezza (si ritiene che laltezza
debba essere almeno 2-3 volte pi grande dellaltezza del modello), dallaltro una turbolenza costituita
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO

153

Figura 15.2: Curve per la determinazione della larghezza b delle spires; H laltezza della camera di
prova della galleria del vento, Irwin [8]
da piccoli vortici che alterano lo spettro reale della componente uttuante della velocit del vento. Per
questo motivo, oltre alla rugosit superciale, si pongono, nella sezione dimbocco della galleria, dei
dispositivi che alzano lo strato limite, che si svilupperebbe con il solo attrito con la rugosit superciale,
e capaci di generare maggiori scale integrali di turbolenza. Tra questi dispositivi ricordiamo le griglie e
le spires, disposte verticalmente, e le barriere orizzontali.
Vediamo in dettaglio le spires (Fig. 15.1), Fissata laltezza desiderata dello strato limite , nonch il
prolo di velocit media del vento caratterizzato dallesponente, , possibile ottenere laltezza h delle
spires secondo la relazione seguente proposta da Irwin [8]:
h=

1.39
1+
2

(15.10)

Per ottenere la larghezza b delle spires si pu fare riferimento alla Fig. 15.2, in cui con H si indicata
laltezza della camera di prova della gelleria del vento.
Il prolo di velocit desiderato viene raggiunto
ad una distanza pari a 6h dalle spires. Come gia accennato, necessario disporre lungo la dimensione
longitudinale della galleria, dei pannelli di rugosit, costituiti da cubi di altezza k tale che sia soddisfatta
la relazione:
k
= exp

2
3

ln

0.1161

2
Cf

1/2

+ 2.05

(15.11)

dove D la distanza tra gli elementi di rugosit, mentre per valori compresi tra 30 e 2000, valida la
seguente relazione per Cf :
Cf = 0.136

1+

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

(15.12)

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO

154

15.2 Simulazione del comportamento aerodinamico ed aeroelastico dei


corpi tozzi
In questa sezione viene discussa la dipendenza della risposta aerodinamica ed aeroelastica, dei modelli
testati in galleria del vento, dalle caratteristiche del usso simulato e dal suo numero di Reynolds. Inoltre,
verr discusso leffetto del bloccaggio.

15.2.1 Effetti della turbolenza del usso


La struttura dei vortici e la loro dimensione pu essere riprodotta fedelmente in galleria del vento. Come
menzionato nei capitoli precedenti, la turbolenza atmosferica nasce dallattrito con il terreno. Pertanto,
se il terreno viene riprodotto nella medesima scala del modello, automaticamente soddisfatta la legge di
Jensen che si scrive nel seguente modo:
h
z0

=
r

h
z0

(15.13)
g

dove h laltezza della struttura e z0 la lunghezza di rugosit del terreno circostante. Analogamente al
numero di Reynolds, Strouhal e Froude, si denisce il numero di Jensen:
Je =

h
z0

(15.14)

Quando soddisfatta la legge di Jensen, la struttura dei vortici e lo spettro della componente uttuante
della velocit del vento, vengono simulati fedelmente in galleria del vento. Se in luogo di z0 si considera
la scala integrale di turbolenza, Lx , si ottiene che anche i vortici allinterno dello strato limite devono
u
rispettare la stessa scala utilizzata nella realizzazione del modello. Tuttavia, la conservazione della quantit h/Lx , non sempre possibile, anzi particolarmente difcile, vista limpossibilit di ottenere scale
u
di turbolenza sufcientemente grandi nelle gallerie comunemente utilizzate. Generalmente si ritiene che
essa sia soddisfatta se si ottiene una buona corrispondenza con i dati reali a disposizione.

Figura 15.3: Esempio di variazione del coefciente di trascinamento (drag) con Re

15.2.2 Effetti del numero di Reynolds: rugosit tecnica


Gli spigoli vivi di una particolare struttura causano un immediato distacco del usso indipendente dal
numero di Reynolds. Per questa ragione, si assume che, se il usso adeguatamente simulato, le pressioni indotte su tali strutture sono correttamente riprodotte in galleria del vento. Tuttavia, nei corpi tozzi
con un accentuato sviluppo longitudinale, si pu riscontrare il riattacco del usso, fenomeno che dipende
dal numero di Reynolds. In queste condizioni i valori delle forze trasversali indotte dal vento, possono
Prof. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO

155

essere sensibilmente diverse. Inoltre, se la scala delle lunghezze fosse molto piccola, potrebbe accadere
che il coefciente di trascinamento sia notevolmente inuenzato dal numero di Reynolds, dal momento
che questultimo sarebbe notevolmente pi piccolo di quello reale, e conseguentemente la forza di trascinamento notevolmente pi grande (Fig 15.3).
Nel caso di corpi costituiti da superci curve, gli effetti del numero di Reynolds sono signicativi,
come si pu vedere in Fig. 15.4, dove riportato landamento del coefciente di drag per un cilindro
circolare.
Come visto nei paragra precedenti, una corretta riproduzione del numero di Reynolds in

Figura 15.4: Variazione del coefciente di trascinamento (drag) con Re per un cilindro circolare
galleria del vento, vorrebbe che L = 1, requisito ovviamente irrealizzabile. Per riprodurre fedelmente
lo strato limite atmosferico, caratterizzato da numeri di Reynolds molto grandi, necessario introdurre
la rugosit tecnica. In particolare, lasciando invariato il numero di Reynolds di galleria, che per le ragione viste necessariamente minore di quello reale, possibile cambiare regime (ad esempio da quello
laminare a quello turbolento) applicando al modello delle strisce di altezza k poste ad una distanza d.
Laltezza k di tali costole deve rispettare le seguenti relazioni:
Uk
< 400

k
< 102
D

(15.15)
(15.16)

dove U la velocit media del usso, la viscosit cinematica del usso, e D una dimensione
caratteristica del modello.

15.2.3 Effetti del bloccaggio


Un corpo, posto nella sezione di prova di una galleria del vento, ostruisce parzialmente il passaggio
dellaria, causando unaccelerazione del usso, in corrispondenza delle regioni laterali del corpo. Tale
effetto noto come bloccaggio. Generalmente, si cerca di scegliere una scala del modello tale per cui
gli effetti del bloccaggio siano trascurabili. Qualora ci non fosse possibile, gli effetti del bloccaggio
diverrebbero considerevoli a tal punto che il usso intorno al modello ed il comportamento aerodinamico
del modello stesso, non sarebbero pi veritieri. Per correggere il bloccaggio nel caso del coefciente di
trascinamento possibile utilizzare la seguente relazione:
CDc =

CD
S
1+KC

(15.17)

dove CDc il coefciente di trascinamento corretto, CD il coefciente di trascinamento misurato in


galleria del vento, S larea di riferimento per il calcolo di CDc e CD , e C larea della sezione trasverProf. Ing. Claudio Borri
Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

CAPITOLO 15. SPERIMENTAZIONE IN GALLERIA DEL VENTO

156

sale della galleria. Il rapporto S/C denito come bloccaggio. Il coefciente K pu essere determinato
soltanto in un limitato numero di situazioni.

Prof. Ing. Claudio Borri


Dott. Ing. Stefano Past

Dip. Ing. Civile, Universit di Firenze


Galleria del Vento del CRIACIV

Ingegneria del Vento


Prof. Ing. C.Borri, Dott. Ing. S.Past

16

Appendice 1: Variabili aleatorie e processi stocastici

157

Bibliograa

[1] Eurocode 1. Basis of design and actions on structures, part 2-4: Actions on structure-wind actions.
European Prestandard, ENV 1991-2-4, 1997.
[2] R.D. Blevins. Flow-induced vibration, 2nd edition. Van Nostrand Reinhold, New York, USA, 1990.
[3] A. G. Davenport. The response if slender line-like structures to a gusty wind.
[4] S. Fathi. Vibrazioni strutturali across-wind per distacco dei vortici. PhD Thesis, University of
Chieti-Pescara (Italy), 2001.
[5] C.-C. Feng. The measurement of vortex induced effects in ow past stationary and oscillating circular and d-section cylinders. Master Thesis, Department of Mechanical Engineering, The University
of British Columbia, Canada, 1968.
[6] I. Goswami, R.H. Scanlan, and N.P. Jones. Vortex-induced vibration of circular cylinders. part 1:
experimental data. Journal of Engineering Mechanics, 119(11):22702287, 1993.
[7] O.M. Grifn and S.E. Ramberg. Some recent studies of vortex shedding with applications to marine
tubulars and risers. ASME Journal of Energy Resources Technology, 104:213, 1982.
[8] H. P. A. H. Irwin. The design of spires for wind simulation. J. Wind. Eng. Ind. Aerodyn., 7:361367,
1981.
[9] S. Past. Fatigue-induced risk assessment of slender structures with circular cross-section at lock-in.
Tesi di Dottorato, Universit di Firenze, TU-Braunschweig, 2005.
[10] H. Ruscheweyh. Dynamische windwirkung an bauwerken. Bauverlag GmbH, Wiesbaden und
Berlin, 1982.
[11] T. Sarpkaya. Vortex-induced oscillations, a selective review. Journal of Applied Mechanics, 46:
241258, 1979.
[12] R. H. Scanlan and J. J. Tomko. Airfoil and bridge deck utter derivatives. J. Eng. Mech. Div. ASCE,
97:17171737, 1971.
[13] E. Simiu and R.H. Scanlan. Wind effects on structures. Wiley, New York, 1996.
[14] T. Theodorsen. General theory of aerodynamic instability and the mechanism of utter. NACA
report, 496, 1935.
[15] B.J. Vickery and R.I. Basu. Across-wind vibrations of structures if circular cross-section. part 2.
development of a mathematical model for full scale application.

158