Sei sulla pagina 1di 13

DIDATTICA DI DISEGNO E DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA ING.

LAURA SGARBOSSA

MODULO DUE IL PROBLEMA DELLA TRAVE DI DE SAINT VENANT (PARTE B)

MATERIALE DIDATTICO DA UTILIZZARE IN AULA (SCUOLA SUPERIORE) Esempio di lezione 02 (parte B)

IN QUESTO MODULO: IL PROBLEMA DELLA TRAVE DEL DE SAINT VENANT

2.3 Sforzo normale semplice di trazione e di compressione 2.4 Flessione semplice e deviata

2.3 Sforzo normale semplice di trazione e di compressione


Si consideri come caso generale una trave ad asse rettilineo, vincolata con una cerniera in A e con un appoggio semplice in B, comunque caricata da forze verticali ed oblique. Le forze applicate e le reazioni vincolari costituiscono linsieme delle forze esterne, le quali sono in equilibrio. Si assuma una qualsiasi sezione S in modo tale che la trave sia divisa in due tronchi: uno a sinistra e uno a destra della sezione S. Ricercando le risultanti relative alle forze esterne applicate nei tronchi a sinistra e a destra della sezione, si riconosce che attraverso la sezione stessa S si trasmettono mutue azioni interne, a conferma della validit del terzo principio della dinamica di Newton noto come principio di azione e reazione, come in precedenza osservato. In particolare tra tutte le forze risultanti, la forza N normale al piano della sezione, si chiama sforzo normale. Figura 4.

figura 4 Lo sforzo normale, insieme allo sforzo di taglio e al momento flettente che analizzeremo in seguito, contrapponendosi reciprocamente nella sezione S, definiscono lo stato di equilibrio interno e danno luogo ad altrettanti stati di sollecitazione di pressione semplice (compressione o trazione), di taglio e di flessione. In generale allora si pu dare la seguente definizione: una sezione retta S di trave sollecitata a sforzo normale semplice di trazione o di compressione quando la risultante delle forze agenti da una

o dallaltra parte della sezione una forza normale al piano della sezione stessa ed incidente nel suo baricentro. Se tale risultante diretta contro il piano della sezione lo sforzo normale di compressione, tendendo ad avvicinare, in questo caso, le mutue sezioni di contatto S dei due tronchi di trave, e il segno per convenzione negativo; al contrario se il verso della risultante si allontana dalla sezione lo sforzo normale di trazione, e il segno positivo. Nel caso che una trave prismatica sia soggetta a sforzo normale di compressione costante, si suppone che il tronco di tale trave sia sufficientemente corto e tozzo, in modo da evitare che si inneschi il fenomeno di instabilit per carico di punta. Fatta questa osservazione, i due casi di sforzo a trazione e a compressione, possono essere trattati insieme per quanto riguarda la ricerca degli stati tensionali, i criteri di progetto, di verifica e la ricerca delle operazioni. Una diversit pu riguardare invece, la differente resistenza del materiale nel caso di trazione o di compressione. Per quanto riguarda infatti, i materiali da costruzione che pi ci interessano, lacciaio ha circa uguale resistenza sia a trazione che a compressione, mentre materiali come il calcestruzzo e i materiali lapidei in generale, resistono molto bene a compressione, pochissimo a trazione. Se il materiale omogeneo lo sforzo normale N si distribuisce uniformemente in tutte le aree elementari da della sezione, interessando in eguale misura tutte le ideali fibre disposte parallelamente allasse z della trave, e dando origine a tensioni unitarie z normali alla sezione trasversale S. Ogni area elementare da quindi interessata da una forza elementare interna z da , e la somma di tali forze interne deve essere uguale alla risultante N, ossia:

da = N ;

3)

poich z costante, pu essere portato fuori dal segno di integrale e messo in evidenza:

z da = N
A

dove lintegrale delle aree elementari (che pu essere pensato come la somma di tutte le aree elementari), uguale allarea A della sezione da = A , ottenendo in fine lespressione:
A

zA= N
da cui si ricava:

z =

N = costante A

4)

Osservazione: nel caso della pressione semplice il dimensionamento della trave dipende solo dal parametro di area A, sezione della trave, e quindi indipendente dalla forma della sezione stessa. La distribuzione uniforme delle tensioni giustificata dal fatto che verificata dallesperienza lipotesi di Bernoulli-Navier sulla conservazione delle sezioni piane durante e dopo le deformazioni. Ci sta a dire che, se le fibre si allungano e si accorciano in modo uguale, significa anche che sono ugualmente tese e compresse e quindi che lo sforzo z costante in una determinata sezione retta della trave. Questa ipotesi trova conferma esatta qualora le forze N applicate alle sezioni esterne della trave sono uniformemente distribuite. Nel caso in cui le forze sono concentrate, tale ipotesi dellallungamento uniforme delle fibre e come conseguenza z costante, ancora verificata dal principio di De Saint Venant, purch la distribuzione delle forze esterne abbia la stessa risultante N, e ad eccezione dei due tratti estremi del tronco di trave per una lunghezza pari a circa la maggiore dimensione trasversale. Per lo stato di deformazione si ha:

z =

z
E

c = costante(x,y,z) E

5)

In conclusione essendo la distribuzione degli stati di tensione z , della trave, uniforme, si ha uno stato tensionale monoassiale; rappresentato secondo la convenzione di Mohr nel piano ( , ) si ha la seguente figura:

figura 5 E importante osservare inoltre, che uno stato deformativo di tipo biassiale, come nel caso di sforzo normale, non implica che pure lo stato di tensione lo sia, infatti il caso di sforzo normale ce lo dimostra essendo lo stato tensionale proprio monoassiale . Si definisce modulo di rigidezza assiale, riferito allunit di lunghezza, il rapporto:

Rn =

NE = EA N A

6)

2.4 Flessione semplice e deviata


Una sezione S di trave si dice sollecitata a flessione semplice quando linsieme delle forze esterne, applicate a sinistra o a destra della sezione stessa, equivale ad una coppia appartenente ad un piano normale al piano della sezione.

figura 6

Il momento della coppia M = Rl il momento flettente esterno, agente nella sezione, dato dalla risultante di tutte le forze esterne applicate ; per il teorema di Varignon il momento di tale risultante anche dato dalla somma algebrica dei momenti delle singole forze componenti, in generale allora il momento flettente di una determinata sezione dato dalla somma algebrica dei momenti flettenti di tutte le forze esterne agenti ambo i lati della sezione. Leffetto di un momento flettente in una sezione della trave la rotazione della sezione stessa e se si immagina tale effetto esteso a tutte le sezioni della trave, queste ruotano reciprocamente e la trave si deforma curvandosi o pi correttamente, inflettendosi. Quando linflessione produce la tensione delle fibre inferiori e la compressione delle fibre superiori, il momento flettente per convenzione di segno positivo. Quando inversamente le fibre superiori sono tese e quelle inferiori compresse tale da rivolgere linflessione della trave con convessit verso lalto, il momento flettente di segno negativo.

Ms

P S
(+)

S Ms
fibre compresse fibre neutre fibre tese

(+)

figura 7a

Ms

(-)

(-)

fibre tese fibre neutre fibre compresse

Ms

figura 7b Il momento M costante in tutte le sezioni comprese nel campo centrale della trave, quindi queste ruotano dello stesso angolo; lasse geometrico e le fibre longitudinali della trave, si dispongono secondo linee curve a curvatura costante; in particolare lasse geometrico si chiama linea elastica della trave. Nello stato deformativo si distinguono tre famiglie di fibre

fibre che si allungano, nella parte convessa della trave fibre che si accorciano, nella parte concava della trave fibre che non si allungano e non si accorciano, quindi hanno conservato la dimensione originaria.

Questultima famiglia di fibre appartiene ad un piano chiamato strato piano della trave il quale ortogonale al piano di sollecitazione. La ratta di intersezione dello strato neutro con il piano di una qualsiasi sezione si chiama asse neutro n della sezione; di conseguenza lasse neutro n normale allasse di sollecitazione, dividendo la sezione in una zona compressa e una tesa, soggetta quindi a tensioni normali rispettivamente di compressione e di trazione; in particolare i punti appartenenti allasse neutro hanno tensioni nulle:

figura 8 Si pu definire quindi lasse neutro come luogo geometrico dei punti della sezione a tensione nulla. Si vuole ora ricavare lespressione che descrive i valori max delle tensioni ai lembi di una sezione, corrispondenti alle distanze massime y max dallasse neutro; si immagini allora di dividere una trave in due parti mediante una sezione S e di isolare uno dei due tronchi dallaltro insieme e da tutte le forze interessate prima del taglio. Il tronco di trave cos isolato deve essere ancora in equilibrio, poich lo era prima del taglio, allora devono essere soddisfatte le condizioni di equilibrio:

V = 0 H = 0 M = 0

7)

La prima condizione facilmente verificabile poich nulla la somma delle forza esterne verticali, mentre nel piano della sezione S non agiscono forze verticali. La seconda condizione verificata, non essendoci forze eterne orizzontali ed essendo uguali e contrarie le tensioni normali al piano di sezione, per cui la somma algebrica risulta nulla. Si osserva inoltre che le forze interne C e T, risultanti rispettivamente degli sforzi di compressione e di trazione, essendo di uguale intensit e di versi contrari, costituiscono una coppia di braccio z e di momento interno

M i = Cz = Tz

8)

perci lequilibrio dei momenti deve essere garantito dal momento esterno M indotto nella sezione dalle coppie esterne ed il momento interno M i dovuto alla coppia interna:

M = Mi

9)

esprimendo ora il momento interno in modo pi esplicito cio il momento della forza da riferita ad una striscia elementare per cui si ha:

dmi = (da ) y = da ky y = k y 2 da validit della legge di Hooke risulta:

10)

dove k costante di proporzionalit poich per lipotesi di conservazione delle sezioni piane e la

1
y1

2
y2

=k

11)

Il prodotto da y 2 che compare nella 10) prende il nome di momento dinerzia dellarea elementare rispetto allasse considerato. Il momento dinerzia totale, quindi riferito allintera sezione, rispetto allasse neutro o baricentrico, indicato con la lettera J x dato dalla somma dei momenti elementari: J x = A a y 2 analogamente in forma integrale:

12a)

J x = y 2 da
A

12b)

Si pu allora esprimere il momento interno uguale a:

Mi =

Jx

13)

ed essendo M = M i , anche

M =

Jx .

14)

Ora si pu ricavare lespressione delle tensioni massime max , (positive e negative secondo la convenzione dei segni)
M y max Jx

max =
dove con il rapporto sezione. In conclusione si ottiene:

15)

Jx = W x si definisce il modulo di resistenza o momento resistente alla y max

max =

M Wx

16)

Quando lasse di sollecitazione non coincide con nessuno degli assi dinerzia principale di una sezione di trave la flessione non pi retta ma obliqua o deviata, perch lasse neutro coniugato allasse di sollecitazione non pi normale a questo ma obliquo.

figura 9 Questo tipo di flessione si riscontra comunemente nelle travi orizzontali dei tetti (arcarecci) le quali appoggiando sui puntoni di falda, presentano gli assi principali obliqui rispetto allasse di sollecitazione determinato dalla direzione verticale su cui diretta la gravit del carico. Nel caso di flessione deviata, come rappresentato in figura 10, si considera quindi, al posto del carico P e del corrispondente M max , la sua componente Psen sulla normale allasse neutro ed il corrispondente momento M max sen , riconducendoci cos al caso della flessione retta
Y

P(M)

1 X 2 X

Ps (M en se n n

m ax

figura 10

ax m

Il raggio dinerzia n rispetto allasse neutro, dato dalla proiezione del semidiametro dellellisse centrale dinerzia, steso nellasse di sollecitazione di partenza, sulla normale allasse neutro; quindi il momento dinerzia baricentrico J n della sezione rispetto allasse neutro dato da:
2 J n = A n

17)

I punti della sezione pi lontani dallasse neutro, individuati dalle tangenti alla sezione parallele allasse neutro, se distano il valore a, il modulo di resistenza vale:
Jn ; a

Wn =

18)

allora le tensioni massime a cui sono soggetti i punti a distanza a dallasse neutro sono date dalla formula valida per la flessione semplice:
M max sin M sin a = max . Wn Jn

max =

19)

Si pu costruire il diagramma delle tensioni sulla normale allasse neutro come riportato in figura 11. Non sempre luso di questa risoluzione di pratica applicazione, perch necessario determinare graficamente lellisse dinerzia e lasse neutro per ricavare il momento dinerzia J n e la distanza a. Per semplificare il problema della flessione deviata si pu sempre pensare di ricondurre il problema alla somma di due flessioni rette, poich vale il principio della sovrapposizione degli effetti: la tensione totale max pu essere cio ottenuta dalla somma delle tensioni parziali 1 + 2 , decomponendo il carico P nelle componenti Px e Py lungo gli assi principali x e y rispettivamente.

Y Py

P N2 B C

1=

Mx Wx

In conclusione si ottiene semplicemente:


Mx My + ) Wx W y

dove M x e M y sono i momenti delle due flessioni rette, rispettivamente attorno agli assi neutri x e y.

n
X A Y

Px X

N1 D

+
1

x+ y

+
m ax

figura 11

max = 1 + 2 = (

20)