Sei sulla pagina 1di 11

201 3

La statica dei fluidi


Nozioni di fisica sullequilibrio dei fluidi

Davide Bordigoni IVF Liceo Scientifico G. Brotzu 10/03/2013

La statica dei fluidi


In natura, tutte le sostanze possono trovarsi nei tre stati di aggregazione: solido, liquido e aeriforme. Questo dipende da due condizioni: la temperatura e la pressione. La pressione una grandezza scalare definita come il rapporto tra il modulo della forza perpendicolare alla superficie e larea della superficie stessa. Nel Sistema Internazionale (SI), lunit di misura della pressione il pascal (Pa) che equivale a: .

la pressione esercitata su una superficie qualsiasi di un liquido si trasmette, con lo stesso valore, su ogni altra superficie a contatto con il liquido. c

La legge di Pascal
Nei liquidi, la pressione possiede una caratteristica particolare: infatti, se applichiamo

Figura 1

un pistone a una sfera piena dacqua, ed esercitiamo una forza, essa si trasferir su tutte le superfici della sfera (vedi figura 1). Questo fenomeno descritto dalla legge di Pascal: Questo principio sfruttato da diverse tecnologie, due delle quali sono il torchio idraulico e i freni a disco.

Il torchio idraulico
Il torchio idraulico permette di sollevare (o mantenere in equilibrio) un peso grande mediante una forza piccola. costituito da due cilindri, pieni di liquido e collegati tra loro, e da due pistoni (vedi figura 2). Secondo la legge di Pascal, la pressione esercitata, verso il basso, sul pistone piccolo si trasmette al pistone grande, spingendolo verso lalto. Perci, sapendo che le due pressioni sono uguali, possiamo scrivere luguaglianza:

Figura 2

Da qui ricaviamo la forza F1 che esercitiamo per equilibrare la forza F2: Se la superficie S1 pi piccola di S2 anche la forza F1 pi piccola di F2, perci per equilibrare una forza intensa ne baster una minore. Inoltre il perch il torchio funzioni ha bisogno che il liquido contenuto nei cilindri sia incompressibile, in genere olio.

I freni a disco
In base allo stesso principio funzionano i freni a disco delle automobili e delle moto. Il circuito oleodinamico collega il pedale del freno alle ruote. La pressione esercitata si trasmette lungo i tubi pieni di liquido freni e fa stringere le due pastiglie che, per lattrito, rallentano il disco dei freni (v. figura 3).
1

Figura 3

La pressione della forza-peso nei liquidi


La forza-peso agisce anche su ogni liquido presente sulla Terra. Perci la pressione che un liquido con densit d esercita su una superficie profondit h data dalla legge di Stevino. Essa la pressione dovuta al peso di un liquido direttamente proporzionale sia alla densit del liquido sia alla sua profondit.

afferma che: Infatti la pressione su una superficie S a profondit h causata dal peso del liquido che vi sta sopra1. Il suo volume ( una massa ) ha

. La pressione del liquido uguale al

rapporto tra la forza-peso e la superficie S:

Video desempio: Legge di Stevino in bottiglia

Perci da questo ragionamento ricaviamo la formula di Stevino: Inoltre la pressione esercitata da un liquido non dipende dalla forma del recipiente bens solo dalla profondit.

I vasi comunicanti
I vasi comunicanti sono due o pi recipienti uniti da un tubo di comunicazione. Se consideriamo due o pi vasi comunicanti, e riempiamo alcuni con un liquido di densit d, noteremo che il liquido si diffonder in tutto il sistema finch non raggiunger lo stesso livello daltezza (v. figura 4). Questa propriet valida con tutte le forme dei recipienti, eccetto che con dei tubi molto sottili, detti comunemente capillari. Figura 4 possibile invece che contengano liquidi di diversa densit che non si mescolano. In equilibrio il liquido con una densit maggiore si trova a unaltezza minore dellaltro (v. figura 5). Perci se trascuriamo il liquido sotto il livello di riferimento S, perch gi in equilibrio, le due colonne di liquido (alte h1 e h2) devono esercitare la stessa pressione p: due vasi

Figura 5

Perci la formula pu essere scritta cos: Se nei vasi presente un solo liquido, la densit d sar uguale. Perci baster eguagliare le due altezze h1 e h2.

La spinta di Archimede
Tutti sappiamo che le navi in mare galleggiano, questo avviene grazie ad una forza, chiamata spinta di Archimede, che dice: un corpo immerso in un liquido subisce una forza diretta verso lalto di intensit uguale al peso del liquido spostato.

Questo significa che, ad esempio nella nave, quando viene varata sposta una enorme quantit dacqua. Questo volume dacqua rimpiazzato da ci che contenuto nella parte immersa della nave. Essa galleggia in quanto la forza-peso che agisce sullo scafo cavo della nave compensata dalla spinta di Archimede, rivolta verso lalto (v. figura 6). La legge di Archimede :

dove d la densit del liquido e V il volume del liquido spostato. I fattori g e V sono identici sia nel liquido spostato sia nel corpo immerso, perci il galleggiamento di un corpo dato dalla sua densit. Quindi:
Figura 6

un corpo affonda, galleggia o sale quando la sua densit rispettivamente maggiore, uguale o minore di quella del liquido in cui immerso.

La pressione atmosferica
Anche se non ce ne accorgiamo, il nostro corpo costantemente sottoposto a una pressione, chiamata pressione atmosferica, dovuta alla colonna daria sopra di noi. Tuttavia la legge di Pascal dice che essa esercitata su tutte le superfici con lo stesso valore. La pressione atmosferica stata misurata da Torricelli in un esperimento da lui ideato2. Infatti, con lausilio di una colonna di un metro e una bacinella, riempiti di mercurio, ha misurato la pressione nello stato di equilibrio. Essa risultava esattamente:

Questa per convenzione la pressione atmosferica al livello del mare. un valore molto elevato, sebbene noi non lo sentiamo in quanto compensata da una pressione uguale che essa esercita dallinterno del nostro corpo verso lesterno. Questo valore anche detto unatmosfera (atm), anche se poco usata se non in ambito tecnico. Invece il bar (1 bar = 10 5 Pa) un multiplo del pascal ed usato in meteorologia.

Video: Esperimento di Torricelli del prof. Aldo Di Maria