Sei sulla pagina 1di 8

La pressione della forza-peso nei liquidi I vasi comunicanti La spinta di Archimede Il galleggiamento dei corpi

Ogni liquido che si trova sulla superficie della Terra, soggetto alla forza-peso. La pressione che un liquido con densit d esercita su una superficie piana posta ad una profondit h data dalla legge di Stevino. p=gdh

Legge di Stevino
La pressione dovuta al peso di un liquido direttamente proporzionale a profondit e densit del liquido.

I vasi comunicanti

Sulla parte di liquido posto sul fondo del recipiente e indicata in figura agiscono la pressione dovuta al liquido A e la pressione dovuta al liquido B. Siccome il liquido in equilibrio le due pressioni devono essere uguali tra loro,ossia dividendo per la densit del liquido e la costante otteniamo come risultato finale l'enunciato del principio dei vasi comunicanti: l'altezza raggiunta dal liquido nei due vasi comunicanti la stessa.

La spinta di Archimede
Un corpo immerso in un fluido riceve una spinta (detta forza di galleggiamento) verticale (dal basso verso l'alto) di intensit pari al peso di una massa di fluido di forma e volume uguale a quella della parte immersa del corpo. Il punto di applicazione della forza di Archimede, detto centro di spinta, si trova sulla stessa linea su cui sarebbe il centro di massa della porzione di fluido che si troverebbe ad occupare lo spazio in realt occupato dalla parte immersa del corpo.

Possono darsi tre casi (illustrati da sinistra a destra in figura): Il corpo tende a cadere fino a raggiungere il fondo se la forza di Archimede minore del peso. Il corpo si trova in una situazione di equilibrio se la forza di Archimede uguale al peso. Questo significa che se il corpo era in quiete rimarr in quiete, mentre se era in moto si muover di moto decelerato fino a fermarsi per effetto dell'attrito

Una nave galleggia, perch il suo peso ha la stessa intensit della spinta di Archimede. Invece la sua ancora affonda, perch il suo peso maggiore della spinta di Archimede.

Il corpo tende a risalire fino alla superficie dove galleggia se la forza di Archimede maggiore del peso.