Sei sulla pagina 1di 9

2 milioni e mezzo per le strade del territorio

a pagina tre www.libertasicilia.com

fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

PROVINCIA

Portopalo: due auto in fiamme Non fu il 18enne


a pagina sette e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

gioVed 17 gennaio 2013 anno XXVi 64 direzione amministrazione e e redazione: via Mosco tel. 0931 46.21.11 - - faX 0931 / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931/ sabato 17 marzo 2012 anno XXV n. n. 12 direzione amministrazione redazione: via Mosco 5151 tel. 0931 46.21.11 faX 0931 / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - -Fax 0931 / 60.006 0,50

Quotidiano dELLa provincia di SiracuSa

due siracusani allanm


Il pm Nicastro e il giudice Ragazzi
Ci
sono due siracusani nella nuova Giunta distrettuale dellAnm, lassociazione nazionale magistrati, di Catania. Sono risultati, infatti, eletti il sostituto procuratore Antonio Nicastro, e del giudice presso la sezione penale del tribunale di Catania, Simona Ragazzi, originaria di Lentini. La loro nomina avvenuta a chiusura degli scrutini per il rinnovo della Giunta Anm che si sono svolte da domenica fino a marted sera. Su Nicastro, che ha raccolto 68 voti complessivamente, s registrato il voto quasi unanime.
a pagina quattro

cronaca

eletti nella Giunta distrettuale dellassociazione magistrati

regolamento taxi: lunga discussione


n lungo dibattito sul regolamento per i taxi e sul progetto di acquisizione al patrimonio comunale delle strade di Plemmirio, ma nessun provvedimento approvato. Il consiglio comunale torner a riunirsi oggi alle 19 per concludere lesame dei punti allordine del giorno. La seduta iniziata laltro sera, infatti, stata interrotta poco dopo le 20,30 per mancanza di numero legale. Il rinvio avvenuto al termine delle votazione, per appello nominale, sulla proposta di Raimondo Giordano di spostare ad altra data la decisione sul Plemmirio.
Segue a pagina otto

CITTA

inquinamento porto grande accuse e polemiche


a pagina otto

Ginecologo rigetta le accuse

Si sottoposto ad interrogatorio di garanzia il dottore Alfonso

Lupo, 67 anni, il ginecologo arrestato laltro ieri dai poliziotti della squadra mobile a seguito dellinchiesta coordinata dal sostituto procuratore Tommaso Pagano, che lo ritiene responsabile dei reati di violenza sessuale continuata ed aggravata oltre che lesioni personali aggravate. Il medico, assistito dagli avvocati Emanuele Gionfriddo e Salvatore Xibilia, comparso al cospetto del Gip.
A pagina cinque

17 Gennaio 2013, Gioved

Immaginavo grandi novit e invece...


di Enrico Di Luciano Venerd 17 novembre, a Roma, agli Studios di via Teulada, immaginavo di trovarmi di fronte ad un vero leader, cio a chi ha la capacit di percepire i bisogni, le esigenze, le istanze, le speranze e anche, se vogliamo, gli umori di tutto un popolo, per interpretarli, a farli propri, e dare indicazioni, moderne e di grande respiro, per la loro soluzione. Immaginavo che quando il leader affermava, con grande determinazione, mai alleanze con i partiti esistenti, ricevendo calorosi applausi e convinti consensi, ne fosse totalmente e realmente convinto. Immaginavo che la chiara volont delle migliaia di uomini e donne presenti negli Studios di riprendersi il Paese, di spazzar via questa insopportabile Casta che, da destra e da sinistra, mortifica da anni questa nostra Italia, fosse intesa come il catalizzatore del movimento che nasceva. Immaginavo che fosse evidente che Verso la Terza Repubblica si dovesse porre nel variopinto panorama politico per drenare tutti gli scontenti del Centro-destra, e non solo, che si erano sentiti traditi da una classe dirigente spesso incompetente, fatta di molti imbonitori, e per certi versi impresentabile, che avrebbero potuto ritrovare nel neonato movimento una nuova casa comune, una rappresentanza leale e di qualit, e, comunque, una valida alternativa ad una desolante ed inutile astensione. Immaginavo che fosse chiaro che, parafrasando lo slogan che i futuristi (quelli veri) lanciarono centanni or sono, la cultura al potere, oggi il movimento che nasceva, di fronte allo sfascio e al degrado morale di questa classe dirigente, avrebbe dovuto e potuto gridare, con or-

Ci siamo illusi che il richiamo a Monti dovesse interpretarsi come lauspicio di un radicale cambio del modo di far politica nel senso di seriet, compostezza, determinazione.

Immaginavo che il Sud fosse rappresentato, finalmente al meglio, come meriterebbe e invece tutto desolatamente dj vu
goglio, lonest al potere. Immaginavo che il richiamo a Monti dovesse interpretarsi come lauspicio di un radicale cambio del modo di far politica nel senso di seriet, compostezza, determinazione, e non affermare tout court un Monti uber alles. Immaginavo...E, invece, mi trovo ad assistere a vecchi giochetti della vecchia politica, ad alleanze con chi ha svenduto i valori della Destra e determi-

nato lo sfascio del Centro-destra esclusivamente per inseguire i propri e personalissimisogni di gloria, ovvero con chi, in maniera sfacciatamente opportunistica, sta al centro non certo per rappresentare lintera collettivit, bens avere le mani libere nel vecchio e stantio gioco delle alleanze post elettorali, per stringere patti di potere indifferentemente con il Centro-destra o con il Centro-sinistra: un Centro pendolo, cio. E, a tale riguardo, vorr capire come Verso la Terza Repubblica nella nostra Sicilia giustificher laccordo con Casini, tenuto conto che il suo partito ha contribuito al definitivo sfascio della nostra regione con il governo Lombardo, ed stato determinante, poi, per la vittoria elettorale di Crocetta. Immaginavo, perch cos era stato assicurato, che maiepoimai sarebbero stati candidati vecchi personaggi che intendessero riciclarsi. Le voglio proprio vedere queste liste, dove gli aspiranti candidati saranno radiografati da Bondi che controller i loro certificati penali. Scommetto che i vari Penati e Fiorito, e i tanti consiglieri regionali che, mentre milioni ditaliani hanno il problema ad arrivare al fine mese ovvero a pagare lIMU, hanno sperperato centinaia e centinaia di migliaia di euro dei nostri soldi per comprare caramelle e lecca-lecca, per fare vacanze da sogno nei luoghi pi esclusivi e cene da milleeunanotte con ostriche, aragoste e champagne rigorosamente millesimato, hanno certificati penali intonsi e immacolati! Immaginavo che la partecipazione e la socializzazione, indicate da Montezemolo quale soluzione ai grandi problemi del mondo del lavoro, si traducessero in un progetto di politica sociale, una sorta di Terza Via, punto nodale del Manifesto di Verso la Terza Repubblica. Immaginavo che la presenza di Vecchioni (oggi inspiegabilmente emarginato) significasse finalmente la consapevolezza che dalla crisi economica si pu uscire solo attraverso il determinante rilancio delleconomia agricola di qualit, e non continuando a puntare esclusivamente sulleconomia industriale. Immaginavo che il Sud fosse rappresentato finalmente - al meglio, come meriterebbe. Immaginavo che la costruzione del nuovo movimento fosse realizzata attraverso la partecipazione attiva della base, ancorch critica ma certamente propositiva, chiamata a partecipare alle scelte politiche, elettorali e organizzative, e, invece, tutto scende dallalto, nella migliore tradizione della Seconda Repubblica. Immaginavo grandi novit e invece tutto desolatamente dj vu. Immaginavo

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

17 Gennaio 2013,Gioved

due milioni e mezzo per le strade provinciali


La delibera approvata dalla Giunta provinciale per somme destinate alla ristrutturazione di alcune arterie
La
Giunta provinciale ha approvato decine di atti amministrativi. In primo luogo stata esitata la delibera per ladozione del regolamento provinciale per la Prevenzione e repressione della Corruzione e dellillegalit, introdotto dalla legge 190 del 2012. Si tratta di un provvedimento di competenza del consiglio provinciale che stato fatto proprio dalla giunta e inviato al consiglio per lapprovazione. Tra i provvedimenti pi importanti c stata lapprovazione dei progetti relativi ad interventi di manutenzione straordinaria della viabilit provinciale per un importo complessivo di 2 milioni 430 mila euro destinati a ristrutturare buona parte dellasse viario del territorio. E stata inoltre approvata una perizia di variante fondamentale per la spedita conclusione dei lavori al Nodo di Noto. Importante anche la delibera per il funzionamento del servizio di assistenza per lautonomia e la comunicazione per gli studenti portatori di handicap grave frequentanti gli Istituti di istruzione scolastica superiore e universit per un importo di euro di 750 mila euro. E inoltre, la delibera relativa allassistenza extra scolastica integrativa in favoquella che non aumenta n lImposta provinciale di trascrizione, iscrizione e annotazione, dei veicoli al Pubblico Registro Automobilistico per lanno 2013, che resta nella misura del 20%, n la tassa provinciale dellassicurazione RCA auto, pur avendone la facolt. Si tratta della conferma delle aliquote pi basse praticate in Sicilia a conferma che, nei quasi cinque anni di mandato, non ho mai voluto mettere le mani nelle tasche dei siracusani ricorrendo allaumento delle imposte di competenza dellEnte. Un fatto virtuoso ha concluso Bono.

Spataro: Solidariet a Crocetta

In foto, il palazzo della Provincia regionale.

re dei minori non vedenti scolarizzati della provincia di Siracusa in collaborazione con lUnione Italiana Ciechi

per un importo di 750 mila euro. A margine della seduta di giunta il presidente Bono ha dichiarato: E sta-

ta una sessione di giunta estremamente produttiva, ma certamente la delibera pi importante approvata stata

Il Presidente della Regione On Rosario Crocetta insieme ad un imprenditore stato oggetto di un atto intimidatorio e destinatario di minacce di morte fatte recapitare presso la sede di Confindustria Sicilia. A nome mio e di tutto il Movimento siracusano si esprime piena solidariet al Presidente della Regione. Queste le parole del consigliere provinciale Carmelo Spataro che prosegue: Tali atti dimostrano che la sua battaglia contro ogni forma di illegalit concreta tanto da destare preoccupazione in tutti quegli ambienti che hanno beneficiato di un sistema di connivenza tra la criminalit e gli apparati politici.

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

17 Gennaio 2013, Gioved

Mi attendono quattro anni di lavoro in simbiosi

NICASTRO

nessuna molestia in quelle visite


Si sottoposto ad interrogatorio di garanzia il dottore Alfonso Lupo, 67 anni, il ginecologo arrestato laltro ieri dai poliziotti della squadra mobile a seguito dellinchiesta coordinata dal sostituto procuratore Tommaso Pagano, che lo ritiene responsabile dei reati di violenza sessuale continuata ed aggravata oltre che lesioni personali aggravate. Il medico siracusano, assistito dagli avvocati Emanuele Gionfriddo e Salvatore Xibilia, comparso ieri mattina al cospetto del Gip del tribunale, Alessandra Gigli, che ha disposto a suo carico la misura cautelare degli arresti domiciliari. Lindagato ha respinto ogni addebito, spiegando nel dettaglio il tipo di intervento che avrebbe operato sulle due pazienti, che si erano rivolte a lui perch accusavano delle patologie allorgano sessuale. Il dottore Lupo ha dimostrato al giudice che gli interventi da lui eseguiti non sarebbero configurabili come molestie sessuale quanto del tutto leciti, anzi necessari per stabilire la diagnosi rispetto alla patologia lamentata dalle due donne che oggi lo accusano, insieme ad altre due persone, sentite a sommarie informazioni dagli investigatori della squadra mobile. Il medico specialista, in servizio presso il reparto di Ginecologia dellospedale Umberto primo di Siracusa, ha anche riferito di avere spiegato alle pazienti il tipo di intervento che stava operando. Ha poi puntalizzato di non avere provocato alcuna lesione alle presunte vittime come risulta dal successivo referto, perch quelle presunte ferite altro non sarebbero che gli effetti delle patologie accusate da entrambe le pazienti. I legali della difesa, alla luce delle dichiarazioni e dei chiarimenti resi dal loro assistito, hanno chiesto al giudice per le indagini preliminari limmediata revoca del provvedimento restrittivo. Nel caso in cui entro tre giorni la decisione del Gip non mutasse, gli avvocati Xibilia e Gionfriddo hanno preannunciato di volere ricorrere al tribunale del riesame di Catania per lannullamento dellordinanza di custodia cautelare a carico del ginecologo siracusano. F.N.

17 Gennaio 2013, Gioved

Alfonso Lupo, medico specialista in Ginecologia, ha rigettato dinanzi al Gip ogni addebito rispetto alle accuse avanzate da due pazienti

Giunta distrettuale Anm Eletti due siracusani


Ci sono due siracusani nella nuova Giunta distrettuale dellAnm, lassociazione nazionale magistrati, di Catania. Sono risultati, infatti, eletti il sostituto procuratore Antonio Nicastro, e del giudice presso la sezione penale del tribunale di Catania, Simona Ragazzi, originaria di Lentini. La loro nomina avvenuta a chiusura degli scrutini per il rinnovo della Giunta Anm che si sono svolte da domenica fino a marted sera. Su Nicastro, che ha raccolto 68 voti complessivamente, s registrato il voto quasi unanime da parte di tutti i magistrati in servizio al palazzo di Giustizia di viale Santa Panagia, ma anche da quelli in servizio alle sezioni distaccate di Lentini, Augusta ed Avola. Ma buona parte dei voti sono anche pervenuti al magistrato siracusano da diversi colleghi dalle altre sedi giudiziarie del distretto. Ci a dimostrazione della compattezza dei magistrati siracusani che hanno deciso di sostenere un unico candidato. Antonio Nicastro stato eletto nella lista di Unit della Costituzione, nella quale risultano anche i due magistrati pi votati, il Gip presso il tribunale di Catania Daniela Monaco Crea (76 voti) e Pasquale Pacifico (73 voti), sostituto procuratore presso la Procura distrettuale antimafia di Catania, Flavia Panzano, giudice della quinta sezione penale del Tribunale etneo. L'ultimo seggio stato assegnato alla lista Area che registra 41 preferenze, come componente della giunta il giudice della sezione penale Simona Ragazzi, lentinese che per diversi anni ha svolto servizio presso il tribunale di Siracusa. Due seggi li ha conquistati la lista Prospettiva Autonoma con un totale di 64 voti, eletti Alessandro Dannino, consigliere in Corte d'Appello e il pubblico ministero Romina Cantone. La giunta adesso avr il compito

In foto, il palazzo di Giustizia di Catania. A destra, il pm Antonio NIcastro. Sotto, un convegno di MD presieduto dal giudice Simona Ragazzi.

Si tratta del sostituto procuratore Antonio Nicastro ed il giudice della sezione penale Simona Ragazzi, di origini lentinesi

di nominare il nuovo presidente, il segretario ed il tesoriere. Una scelta che si far proprio nei lavori della prima seduta, che si riunir la prossima settimana. E molto probabile che la scelta del nuovo presidente possa cadere su Daniela Monaco Crea, che la pi votata del distretto catanese. F.N.

Simona Ragazzi un magistrato della sezione giudicante, in servizio presso la sezione penale del tribunale di Catania, dove stata trasferita da circa un anno. Per diverso tempo ha prestato servizio al palazzo di Giustizia di Siracusa, con le mansioni di giudice monocratico, ma anche da componente del collegio penale. E di origini lentinesi ed il padre stato in passato anche sindaco di quella citt. Ha presentato la propria candidatura per la lista Area che comprende Magistratura Democratica e Movimento per la giustizia-art. 3, sposandone obiettivi ed ambizioni che sono quelle di coltivare un nuovo luogo di aggregazione per tutti i magistrati, aperto, quindi, anche a coloro che non vantano una militanza associativa. Tutto questo in difesa dellattuale assetto costituzionale e per promuovere una giurisdizione al servizio del cittadini, soprattutto dei pi deboli, che rifugga da derive burocratiche e ultracorporative, anche attraverso proposte di riforma. Area ha come obiettivo il rinnovamento dell'Anm affinch possa offrire in modo limpido e trasparente il suo prezioso contributo alla vita civile e istituzionale del paese.

Il giudice Ragazzi, da Lentini per difendere la magistratura

Mi attendono quattro anni di lavoro a stretto contatto con la sezione siracusana dellAnm. Questo il primo commento a caldo da parte del sostituto procuratore Antonio Nicastro, eletto nella Giunta distrettuale del sindacato dei magistrati. Nicastro ormai da diversi anni in servizio alla Procura della Repubblica di Siracusa. Ha coordinato numerose operazioni che hanno portato allarresto di decine di persone dedite agli affari illeciti. Proprio ieri mattina, a poche ore dalla sua elezione, Nicastro stato impegnato in Corte dAssise come pubblico ministero, insieme a Delia Boschetto, per sostenere laccusa a carico di Sebastiano Raeli, il presunto serial killer di Cassibile. Ma sono tante altre le indagini condotte dal pubblico ministero siracusano, soprattutto nellambito del contrasto al traffico delle sostanze stupefacenti e del malaffare nelle pubbliche amministrazioni. In tale contesto risultano particolarmente delicate le inchieste relative ai protesti cambiari, con larresto di funzionari della Camera di Commercio e del tribunale di Siracusa ai quali sono stati contestati a vario titolo i reati di truffa, corruzione, falso, mentre di recente si occupato anche delle indagini relative allomicidio dellimprenditore augustano Giancarlo Tringali (anche se in questo caso ha raccolto il testimone del pm, Maurizio Musco, che aveva dato una svolta alle indagini).

In foto, il dottore Alfonso Lupo.

Una delle denuncianti assistita legamente dal nostro centro


E
noto che da diversi anni ormai, in ospedale e fuori dall'ospedale, sullo stile professionale del dott. Lupo circolano voci tutt'altro che lusinghiere. Non tocca a noi affermare se sono attendibili o meno, ma stando alle denunce di ben quattro donne, verosimile che lo siano. Anche se, deferentemente, lasciamo l'ultima parola agli organi preposti e competenti. Ovviamente come centro antiviolenza che sta dando sostegno legale, psicologico e morale ad una delle denuncianti (assistita dalla nostra penalista avvocata Loredana Battaglia) ci sentiamo emotivamente coinvolte e seguiamo la vicenda con particolare partecipazione. Devo dire, tuttavia, che se le donne subiscono abusi nei luoghi della sanit pubblica o privata che sia, questo accade anche perch molte donne non conoscono i propri diritti. Nel caso in specie mi riferisco ad una legge secondo la quale, durante la visita ginecologica, la paziente ha diritto alla compresenza di un'infermiera (donna) proprio per prevenire tali abusi. Non bastasse, le donne si fidano e si affidano ai rappresentanti delle istituzioni in generale laddove, invece proprio dalle istituzioni sono state maltrattate e discriminate nei secoli per cui sarebbe bene che imparassero una volta per tutte che un po' di sana diffidenza potrebbe salvarle da esperienze devastanti come queste. La violenza sessuale infatti una delle forme pi spregevoli e pi dolorose che una donna possa subire, e nei nostri Centri di queste storie noi ne raccogliamo tante. Ma nonostante la nostra amorevolezza, la nostra solidariet e il nostro sostegno professionale, non sempre le donne si decidono a sporgere denuncia perch hanno paura di non farcela a sopportare lo stress che comporta una

Raffaella Mauceri della Rete Centri antiviolenza di Siracusa

simile "avventura" giudiziaria. E noi rispettiamo le loro decisioni quali che siano. Voglio dire infine che mi stupisce l'incredulit della gente davanti a notizie di questo tipo. Eppure le statistiche parlano chiaro: gli stupri nel nostro misogino e incivilissimo paese, si consumano ogni anno nell'ordine delle migliaia. Fra gli stupiti addirittura anche la Prestigiacomo che a Radio FM Italia commentava la notizia esclamando "Incredibile". Ha fatto la ministra delle Pari Opportunit, e tutto quello che ha da dire "incredibile"? Perch non chiede a noi dei Centri antiviolenza quante e a che ritmo viaggiano le violenze sulla pelle delle sue concittadine? Stante che ad oggi ne abbiamo accolte pi di 1400, siamo in grado di tenerla bene informata dimodich non si stupisca pi. Raffaella Mauceri Rete Centri antiviolenza antistupro-antistalking

Sono stati escussi tre testi al pro- Lo ha riferito un testimone al processo a carico del presunto cesso a carico di Giuseppe Raeli, il pensionato accusato di essere seriel killer di Cassibile, riferendosi alla sua gambizzazione
lautore di una serie di omicidi di altri fatti di sangue avvenuti nel corso degli ultimi anni a Cassibile e nelle zone limitrofe, in corso di svolgimento al cospetto della Corte dAssise di Siracusa. Il primo a sottoporsi allesame dei pubblici ministeri Nicastro e Boschetto, stato il vice questore vicario Salvatore La Rosa, il quale ha tracciato il quadro della situazione rispetto al tentato omicidio di Antonio Bruni, avvenuto nelle campagne di Avola il 21 novembre 1998. Linvestigatore ha sostanzialmente detto che la pista che avevano prediletto si rivelata poco proficua. E stato, invece, necessario acquisire il verbale di interrogatorio eseguito dai poliziotti del commissariato di pubblica sicurezza di Avola, nel caso del secondo teste citato dalla pubblica accusa. Decisione concordata tra accusa e difesa per limpossibilit di Francesco Implatini, che ha problemi alla vista e alludito, di sottoporsi allesame ed al contro esame. Dal verbale emerso che Implatini, imparentato con il Bruni, aveva allacciato rapporti daffari con la vittima dellagguato. Lautotrasportatore aveva segnalato al Bruni la presenza di un terreno in contrada Cavasecca lungo la strada che collega Cassibile a Canicattini, dove era possibile sradicare alberi per poi venderne i tronchi. Il 20 novembre, due giorni prima dellattentato subito dal Bruni, i due si sono recati nel terreno constatando che ignoti avevano sabotato la motopala di propriet dellImplatini, che serviva per estirpare gli alberi. Per terra tre cartucce per fucile mentre nel serbatoio del gasolio avevano messo lacqua rendendo inservibile il mezzo. Bruni confid al parente che un gesto simile lo avevano riservato a lui di recente, senza per riferire se avesse sospetti su qualcuno. Ludienza di ieri si conclusa con lescussione di un terzo teste, Sebastiano Trapani, che era stato a sua volta vittima di un attentato (qualcuno spar una fucilata ferendolo alle gambe) nel 1998. Ha riferito ai giudici di avere anchegli fatto lavori di estirpazione di alberi e piante insieme ad Antonio Bruni. Alla specifica domanda se potesse essere stato il Raeli ad averlo ferito, il teste ha replicato affermando che Conoscendo il Raeli, non lo faccio capace di un gesto simile. Il processo stato aggiornato alludienza del 30 gennaio prossimo, per proseguire con lescussione di altri tre testi citati dalla pubblica accusa proprio in relazione al tentato omicidio di Antonio Bruni. R.L.

17 Gennaio 2013, Gioved

conosco raeli non credo sia lui ad avere sparato

Mette a soqquadro la casa di una donna torna libero


A

In foto, Palazzo di giustizia di Siracusa.

Deteneva hascisc e marijuana Ai domiciliari unuruguaiana


stata ammessa al regime degli arresti domiciliari Carla Patricia Arechedena, la 42enne uruguaiana, arrestata dai carabinieri perch accusata di avere detenuto oltre mezzo chilo fra hascisc e marijuana. Assistita dallavvocato Massimo Ferrante del Foro di Catania, la donna comparsa ieri mattina dinanzi al Gip del tribunale di Siracusa Michele Consiglio che ha convalidato larresto dellindagata disponendone la misura cautelare degli arresti domiciliari. La donna stata arrestata dai militari del nucleo operativo di Augusta hanno eseguito una perquisizione presso la sua abitazione, dove hanno rinvenuto e sequestrato in particolare 550 grammi di marijuana, 200 grammi di hascisc, piantine di semi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Lindagata comparsa dinanzi al Gip del tribunale

Nel corso delloperazione, i carabinieri hanno denunciato il figlio della donna e la sua convivente entrambi di 20 anni,

poich nella loro abitazione, limitrofa a quella della congiunta, detenevano 10 grammi di marijuana gi suddivisa in dosi, 91 semi di marijuana e 13 piantine di cannabis oltre ad un bilancino di precisione e a materiale atto al confezionamento delle dosi di fumo. La donna finita nella rete dei carabinieri stata posta agli arresti domiciliari. Larresto si inserisce in un quadro ancora pi ampio di prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti che ha portato allarresto negli ultimi giorni di diversi presunti spacciatori che operavano sulla piazza megarese, infarcita purtroppo da un quantitativo di stupefacenti anche per la presenza di assuntori. Una situazione tenuta sotto controllo dalle forze dellordine che continuano a monitorare le aree dove solitamente stazionano gli spacciatori.

vrebbe fatto irruzione nellabitazione di una donna, mettendo a soqquadro la casa e prelevando un apparecchio televisivo. Unazione violenta che gli costata larresto, anche se ieri mattina il Gip del tribunale di Siracusa, Michele Consiglio, a conclusione delludienza di convalida, ha disposto per lindagato limmediata remissione in libert. Protagonista della vicenda Nunzio Cocola, siracusano di 52 anni, il quale, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, sabato scorso avrebbe fatto forzato la porta dingresso della casa abitata da una donna, dove, in preda allira, avrebbe cominciato a rompere suppellettili ed anche un personal computer. Poi si sarebbe impossessato di un televisore prima di andarsene via. La denuncia della vittima ha fatto scattare le indagini ed il conseguente arresto dell'uomo. Questi, assistito dallavvocato Sebastiano DAngelo, comparso ieri mattina dinanzi al giudice per le indagini preliminari al quale ha riferito di avere agito soltanto per il fatto che lui il proprietario dellimmobile che avrebbe poi locato alla donna, vittima dellaggressione, motivando il suo gesto con il fatto che laffittuaria non le avrebbe corrisposto il canone per laffitto dellimmobile. R.L.

on sarebbe lui lautore del danneggiamento di due automobili, avvenuto la notte fra sabato e domenica scorsa. Il Gip del tribunale, Michele Consiglio, davanti al quale comparso ieri mattina il giovane indagato, ha, quindi, annullato il suo arresto, disponendone limmediata liberazione. Il convincimento del giudice ha fatto trarre un sospiro di sollievo ad Alessandro Mallia di 18 anni, il quale, assistito dallavvocato Giuseppe Gurrieri, ha lasciato il palazzo di Giustizia soddisfatto per la decisione del giudice. Il Mallia era stato arrestato dai carabinieri di Portopalo perch accusato di essere lautore dellincendio di due automobili. I vigili del fuoco di Noto non hanno trovato elementi utili

Il Gip rimette in libert il sospettato del danneggiamento di due vetture avvenuto sabato notte

Portopalo: auto in fiamme non fu il diciottenne

17 Gennaio 2013, Gioved

Rub una moto Il Gip lo scarcera

Uno scorcio di Portopalo di Capopassero. per accertare la causa dei roghi ma i militari hanno accertato che ad appiccare il rogo ad entrambe le vetture, per gli investigatori del luogo sarebbe stato Alessandro Mallia, noto ai militari per reati

contro il patrimonio. Per tale motivo, il giovane si trovava dalla domenica mattina agli arresti domiciliari. Ma a suo carico non sarebbero emersi elementi utili per ritenerlo lautore dellinsano gesto.

Cos, malgrado il pubblico ministero abbia insistito per la conferma della misura cautelare, il Gip ha ritenuto esattamente il contrario, ovvero che con quellepisodio il giovane non centri nulla.

E stato rimesso in libert un giovane lentinese, ritenuto lautore, in concorso con un minorenne del furto di un ciclomotore. Assistito dallavvocato Maria Grazia Aric, Domenico Andronico di 18 anni, comparso ieri mattina dinanzi al Gip del tribunale, Michele Consiglio, che ha convalidato larresto operato dai carabinieri, disponendone limmediata liberazione. Andronico la sera di sabato scorso, avrebbe forzato il portone di un palazzo per asportare un ciclomotore. Poi stato individuato ed arrestato dai militari di Carlentini.

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

inquinamento porto grande accuse e polemiche


La Sai 8 replica: Il dito dovrebbe essere rivolto principalmente contro la Sogeas per non avere fatto nulla sul depuratore
ulteriore argomento ad effetto. indubbio che vi sia una maggior attenzione dei cittadini e degli utenti al fine di comprendere le ragioni di eventuali problemi. Inoltre, la Societ ha posto molta cura nel garantire ai cittadini e utenti le informazioni utili per chiarire ogni dubbio in ordine alle varie pratiche, nonch per offrire soluzioni, anche in merito alla rateizzazione delle bollette, cos da evitare possibili distacchi e future morosit, nonch ridurre disagi e gli oneri economici per gli utenti. Tutto ci - conclude il documento - determina un incremento dei rapporti e delle presenze anche presso gli uffici della Sai8.

17 Gennaio 2013, Gioved

vita di Quartiere

17 Gennaio 2013, Gioved

Il dito puntato dallingegnere

La Torre sullinquinamento del Porto Grande, dovrebbe rivolgersi principalmente a Sogeas. Sin dallinizio della sua attivit, infatti, Sai8 aveva reso noti i rilevanti problemi strutturali del depuratore, che era gi stato soggetto ad alcuni accertamenti della Procura nel 1999, quando la gestione era ancora affidata a Sogeas. Questa la replica da parte del vertice della Sai 8 alle accuse mosse da un ex dirigente della societ. Nel 2008, la Sai8 ha presentato un progetto per ladeguamento, cofinanziato per il 60% dalla parte privata, che ricevette il nulla osta dalla Regione solamente dopo due anni grazie allintervento dellArpa (Agenzia regionale protezione ambiente). I lavori, iniziati nel 2010, sono tuttora in corso. Sai8 - scritto in un documento - vuole sottolineare che il reale problema dovrebbe attribuirsi agli scarichi abusivi lungo il canale Grimaldi, in quanto, gi da alcune analisi batteriologiche portate a compimento dallArpa (sia nel 2011 che nella scorsa estate), si era accertato che il valore dei campioni prelevati a pochi metri dallo scarico, era in linea con la normativa vigente, mentre aumentava considerevolmente alla confluenza con la foce nel Porto Grande. Il Gestore del Servizio Idrico Integrato vuole inoltre ricordare che, ad oggi - prosegue il testo integrale del documento - moltissime utenze risultano morose, per un complessivo credito della scrivente Societ che supera i 19 milioni e mezzo di euro. Una cifra considerevole che preclude il finanziamento e completamento di altre attivit per migliorare la qualit dei servizi nel territorio. Non tutte queste utenze rientrano nella categoria di indigenti; molti, anche non avendo problemi economici, scelgono consapevolmente di non pagare i servizi o di pagarli in ritardo, altri ancora risultano abusivi. Per questo motivo, Sai8 ha stipulato unintesa con le competenti autorit, anche di polizia, al fine di poter procedere, immediatamente, alle opportune denunce in caso di abusivismo. Le file citate - scritto nella nota inviata alla stampa da parte della Sai 8 - non costituiscono un dato reale, ma rappresentano un

Conferenza aperta al pubblico presso il salone di rappresentanza Touring Club e Slow Food dellAutomobil Club dItalia di Foro Siracusano insieme per la difesa delle biodoversit del territorio
ltimamente, nell'aula consiliare del Municipio della cittadina acrensei, in piazza del Popolo, i giornalisti professionisti Carmelo Maiorca e Damiano Chiaramonte hanno presentato "Etna e Sicilia orientale" pubblicata da Touring Editore e Slow Food Editore. Il volume comprende 4 itinerari che si snodano da Catania alla Riviera dei Ciclopi e Taormina, dalle terre dell'Etna a Siracusa, alla valle dell'Anapo e al versante siracusano degli Iblei. La guida appartiene alla collana "Itinerari" con la quale Touring Editore e Slow Food Editore integrano le rispettive filosofie in un'idea di viaggio aperta alla molteplicit di spunti d'interesse, al godimento dell'arte come al gusto dei cibi, ai sapori del paesaggio come ai colori delle culture e della storia. La presentazione del libro stata promossa dall'amministrazione comunale con la collaborazione della libreria Bolab. Slow Food nasce nella citt di Bra, in provincia di Cuneo, e si pone come obiettivo la promozione del diritto a vivere il pasto, e tutto il mondo dell'enogastronomia, innanzitutto come un piacere. Fondata da Carlo Petrini e pensata come risposta al dilagare del fast food e alla frenesia della vita moderna, Slow Food studia, difende e divulga le tradizioni agricole ed enogastronomiche di ogni parte del mondo. Slow Food si impegnata per la difesa della biodiversit.

In foto, il depuratore di contrada Canalicchio.

taxi e strade del plemmirio controversa discussione


Lapprovazione del regolamento dei taxi e dei
noleggi con conducente slittata di 15 giorni. Una proposta in questo senso poi approvata a maggioranza era stata avanzata da Salvo Cavarra lamentando il fatto che la commissione Servizi, della quale egli vice presidente, non aveva espresso alcun parere sul provvedimento nel suo complesso. Il nuovo regolamento, come ha chiarito nella relazione introduttiva il rappresentante dellUfficio mobilit e trasporti, non altro che un adeguamento alle normative con unattenzione particolare alla vocazione turistica della citt. La proposta ha trovato lapprezzamento della commissione Regolamento, le cui conclusioni sono state illustrate in aula dal suo presidente, Giuseppe Impallomeni. La commissione ha proposto un solo emendamento, allarticolo 25, con il quale si prevede che, in caso di sostituzione momentanea di un tassista, chi subentra debba avere i requisiti previsti dalla legge. Altra modifica, di tipo lessicale, stata proposta da Salvo Sorbello, che ha chiesto di modificare la dicitura portatori di handicap con persone con disabilit, come ormai previsto dalle convenzioni internazionali. Contro il rinvio, invece, si era pronunciato Giordano, secondo il quale la commissione Servizi, anche se non si era espressa su tutto il regolamento, aveva partecipato allintero iter del provvedimento proponendo modiche che poi erano state accolte. Pi articolato il confronto sul secondo punto allordine del giorno. Il consiglio chiamato ad approvare un elenco di strade private di Plemmirio, redatto dallUfficio tecnico con la collaborazione dellassociazione Plemmyrion, da acquisire al patrimonio comunale attraverso listituto

I due argomenti affrontati in seno al Consiglio comunale

dellusucapione, cos da consentire al Comune di effettuare gli interventi di manutenzione. La proposta ha avuto il voto favorevole della commissione Urbanistica. Si tratta ha spiegato nella relazione introduttiva il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici, Concetto La Bianca di un metodo utilizzato dallAmministrazione per altre zone della citt poi interessate da progetti di riqualificazione, che non possono essere redatti se le aree interessate non diventano prima pubbliche. La Bianca ha rivendicato a s, e alle Giunte delle quali ha fatto parte, la scelta di ricorrere allusucapione e ha ringraziato lassociazione Plemmyrion per il contributo dato al provvedimento aiutando gli uffici nella stesura delle planimetrie. Sul fronte dei contrari, il primo a intervenire stato Sebastiano Di Natale, che ha parlato di manovra elettorale mentre ci sono zone della Pizzuta che da anni aspettano di essere riqualificate. Toni simili sono stati utilizzati anche da Impallomeni, che ha fatto riferimento a presunte influenze dei poteri forti in questa scelta mentre si trascurano altre zone della citt. Lesponente dellopposizione, inoltre, ha sollevato perplessit sulla proposta che, suo parere, potrebbe essere stravolta dallistituzione dellarea protetta terrestre in corrispondenza di quella marina. Tra in contrari, infine, anche Giordano, che ha motivato la proposta di rinvio del voto a data da destinarsi con la necessit per la commissione competente di effettuare dei sopralluoghi per verificare nel dettaglio lelenco delle strade. Favorevoli si sono detti Ettore Di Giovanni e Giancarlo Garozzo, che ha annunciato il s del gruppo del Pd.

ibera Discussione apre l'attivit sociale organizzando, con l'associazione "Cambia Citt", una interessante conferenza che si tenuta marted scorso presso il salone dell'Automobili Club dItalia di Siracusa di via Foro Siracusano sul tema "Equit sociale, crisi economica e prospettive di ripresa". Questo per discutere dell'interessantissimo argomento, abbiamo invitato tre relatori di rilievo: il Prof Maurizio Caserta (Ordinario di economia politica presso lateneo dell'Universit di Catania), il Dott. Diego Bivona (il Direttore del settore relazioni istituzionali della Erg: Ernesto Riccardo Garrone Societ per Azioni) e Paolo Zappulla (il Segretario Generale della Cgil: Confederazione Italiana Generale del

uscire dalla crisi economica: idee e proposte operative


Lavoro di Siracusa). Durante i nostri ultimi incontri abbiamo deciso di approfondire il tema della crisi economica sotto il profilo dell'equit sociale, in prospettiva di una possibile ripresa, prendendo spunto dalle teorie "neo keynesiane" dell'economista Paul Krugman, premio Nobel per l'economia nel 2008 e figura di primo piano dei "liberal" americani. Nei suoi recenti libri ed editoriali, Krugman ha criticato aspramente le politiche economiche dei Governi europei e statunitensi, incentrate esclusivamente sulla "medicina amara dellausterit" quale unico rimedio per uscire dalla crisi e ha propugnato con vigore la necessit di politiche volte ad effettuare investimenti pubblici, ed anche all'applicazione di una tassazione progressiva e alla protezione sociale delle classi pi deboli. Confrontandoci apertamente, abbiamo ritenuto opportuno conoscere ed approfondire i vari punti di vista sulla questione, invitando esponenti dell'Universit, della grande impresa e del Sindacato. Certamente, non abbiamo la presunzione di voler trovare soluzioni alla crisi economica mondiale, ma riteniamo che oggi sia quanto mai opportuno affrontare ed approfondire vari aspetti della questione, al fine di acquisire strumenti che ci consentano di comprendere con maggiore cognizione un problema che ci coinvolge direttamente. Libera Discussione nata ed esiste per promuovere e valorizzare il metodo democratico, nel quadro dell'insegnamento liberale moderno, molto aperto a posizioni politico-filosofiche storicamente affini ed attualmente compatibili, attraverso contatti tra persone, enti ed associazioni. In questi anni l'Associazione ha organizzato conferenze ed incontri pubblici, approfondendo svariati temi di primario interesse (sanit, scuola, liberalismo, risvolti attuali delle rivoluzioni sociali nel 20 Secolo): l'incontro che abbiamo tenuto con gli amici di Cambia Citt si inserisce nel solco gi tracciato e, per l'importanza del tema e dei relatori, costituisce un importante momento di confronto. Cos si esprime sullorganizzazione di questo evento un nostro affezionato lettore, lavvocato Giovanni Sallicano. La crisi economica del 2008-2013 ha avuto avvio dai primi mesi del 2008 in tutto il mondo in seguito ad una crisi di natura finanziaria scoppiata nell'estate del 2007 (originatasi negli Stati Uniti con la crisi dei subprime). Tra i principali fattori della crisi figurano gli alti prezzi delle materie prime (petrolio in primis), una crisi alimentare mondiale, un'elevata inflazione globale, la minaccia di una recessione in tutto il mondo e per finire una crisi creditizia con conseguente crollo di fiducia dei mercati borsistici. Viene considerata da molti economisti come una delle peggiori crisi economiche della storia, seconda solo alla grande depressione iniziata nel 1929.

10

17 Gennaio 2013, Gioved

La sconosciuta Portella Fusco

Un angolo di preistoria siciliana a due passi dalla Siracusa moderna

Ampia partecipazione popolare su scelte importanti

Quel sito cos incognito del Bufalaro


17 Gennaio 2013, Gioved

11

In foto, la tomba a pilastri di Portella Fusco. l giorno doggi la cosiddetta Portella del Fusco un piccolo angolo di verde selvaggio, quasi del tutto impenetrabile e ci sembra incredibile visti i pochi passi che la separano dalla citt moderna, eppure essa nasconde ancora qualche piccolo ma interessante segreto.

Non sappiamo se agli occhi del grande archeologo Paolo Orsi sfuggi un'antica tomba preistorica collocata lungo il fianco di uno dei lati della cavetta, ma essa degna di nota per il suo ampio prospetto preceduto da un grande vestibolo di roccia spianata e regolare, che le conferisce una

certa importanza. Al contrario linterno non presenta particolarit, ad eccezione dellincisione della parola Dux nella nera fuliggine, unevidente traccia dellultimo conflitto bellico che ben si sposa con i numerosi ritrovamenti di schegge di bomba del periodo sparsi.

Ancora oltre la Portella, arriviamo l dove il grande Orsi segnal la presenza di un tomba sicula di maggiore importanza che fu devastata dagli stessi greci per lallargamento di una cava laterale per lestrazione dei blocchi da destinare alla rapida costruzione delle mura dionigiane lungo quel tratto. Limportanza della tomba castellucciana che merit menzione nei taccuini dellillustre archeologo, era per la monumentalit del prospetto originario associabile a quelle rare tombe con prospetti provvisti di interi pilastri ricavati dalla roccia; i greci per ne avevano devastato completamente lassetto scoperchiando tutta la parte superiore ed abbattendo tutti e quattro i pilastri originari, cosicch oggi ne possiamo ammirare solo la pianta e una piccola parte del prospetto. Un monumento che se fosse sopravvissuto integro fino ai nostri giorni, avrebbe certamente valorizzato maggiormente tutta larea gi interessata da svariate emergenze archeologiche. Questo tratto di Epipoli rivela ancora intime sorprese e ci mostra come nel pi remoto passato luomo avesse sfruttato laltopiano come punto dappoggio ai vicini villaggi costieri collocati dentro e fuori lisolotto di Ortigia. Un tempo qui radure e boschi alimentavano queste umili popolazioni che furono la base genealogica dei siciliani di oggi, i quali vissero in quello che potremmo definire un vero e proprio paradiso terrestre che oramai ricordiamo solo nei nostri sogni.

Da Franzo Bruno, coordinatore provinciale di

Areadem Partito Democratico di Siracusa, riceviamo e pubblichiamo quanto segue. Areadem del Partito Democratico Siracusa registra con soddisfazione lampia partecipazione popolare alle recenti Primarie per la scelta dei candidati del Partito Democratico alle prossime elezioni politiche. Nel congratularsi con i vincitori, Zappulla e Amoddio, auspicando che trovino collocazione utile nelle liste cos da restituire rappresentanza parlamentare allelettorato democratico della provincia, Areadem intende sottolineare e valorizzare il risultato ottenuto alle Primarie dalla propria candidata, Carmen Castelluccio, ringraziandola per la generosit con cui, coerentemente con lo stile politico che la distingue, ha accettato di competere in condizioni difficilissime. I quasi mille voti ottenuti, pur essendo stata lunica a proporsi senza alleanze interne e abbinamenti, costituiscono un riconoscimento ai valori di seriet, sobriet, coerenza e concretezza che Carmen interpreta in modo esemplare e che ci auguriamo possano affermarsi sempre di pi come gli elementi portanti di quella riabilitazione della politica alta e autentica di cui il Partito Democratico dovr farsi rappresentante e artefice. Cos si esprime Franzo Bruno, coordinatore provinciale di Areadem Partito Democratico di Siracusa. Areadem o Area Democratica un'associazione che riunisce alcune correnti del Partito Democratico che hanno sostenuto la candidatura del segretario uscente Dario Franceschini alle elezioni primarie del 25 ottobre 2009. Le correnti che hanno preso parte all'associazione sono i Veltroniani (compreso Piero Fassino), I Popolari ufficialmente l'associazione Quarta Fase vicina ad Antonello Soro e lo stesso Franceschini, Ecologisti Democratici ed i Liberal Partito Democrativo. Attualmente la componente veltroniana e fioroniana della corrente hanno costituito il Movimento Democratico.

olto lontana dallare archeologica della Neapolis e della Siracusa del nostro stesso tempo, all'estremit occidentale delle Epipoli, la piccola Latomia del Bufalaro, probabilmente sfruttata per la costruzione delle mura di Dionigi e del Castello Eurialo. La latomia (pronuncia latomia o, alla latina, latomia) deriva dal latino ltomae che a sua volta deriva dal greco latomai composto da ls, pietra, e tomai da tmnein, tagliare. Nell'antichit grecoromana erano cave di pietra o di marmo usate per incarcerare schiavi, prigionieri di guerra o delinquenti in genere. Oggi il termine, per estensione, pu significare "carcere", specialmente se sotterraneo e tenebroso. Le pi note latomie naturalmente sono le latomie di Siracusa usate sia come cave di pietra che come carceri antiche. Infatti a seguito della spedizione ateniese in Sicilia, e quindi di una dura battaglia tra Atene e Siracusa, le latomie

Proprio nei pressi delle mura dionigiane nel tratto dove esse si incrociano con il viale Epipoli

Custodisce l'omonima latomia, detta anche del filosofo, mai aperta al pubblico a memoria duomo

divennero il luogo in cui furono incarcerati i soldati ateniesi sconfitti. Fredde d'inverno e torride d'estate, essere imprigionati nelle latomie equivaleva a una condanna a morte: essi furono lasciati morire di fame e di stenti, senza alcuna possibilit di fuga. Furono probabilmente scavate gi dal V secolo a. C., anche se non si hanno informazioni certe, e utilizzate sino all'epoca romana. Si-

curamente furono utilizzate per costruire il quartiere della Neapolis e successivamente le mura di fortificazione della citt. Cicerone nelle Verrine parla delle latomie: Tutti voi avete sentito parlare, e la maggior parte conosce direttamente, le Latomie di Siracusa. Opera grandiosa, magnifica, dei re e dei tiranni, scavata interamente nella roccia ad opera di molti operai, fino a una stra-

ordinaria profondit. Non esiste n si pu immaginare nulla di cos chiuso da ogni parte e sicuro contro ogni tentativo di evasione: se si richiede un luogo pubblico di carcerazione, si ordina di condurre i prigionieri in queste Latomie anche dalle altre citt della Sicilia. Le latomie di Siracusa sono distribuite all'interno del comprensorio aretuseo, poich in epoca greca l'esigenza di materia prima quale

la roccia calcarea, serviva per la costruzione di templi e monumenti, nonch per erigere le mura che la difendevano. Sono davvero molte, alcune all'interno del parco della Neapolis, come quella del "Paradiso", "S. Venera" e "Intagliatella"; nei pressi della basilica di San Giovanni Battista quelle "Navanteri", "Broggi" e del "Casale". Infine, nei pressi del convento dei Cappuccini, con l'omonima latomia. Se ne conosce un'altra, pi piccola, nei pressi del castello Eurialo, chiamata "Bufalaro" (o del Filosofo). Tuttavia esistono molte piccole latomie sparse ovunque in citt, specie nei pressi delle mura dionigiane. Il poeta Salvatore Quasimodo nella raccolta del 1936 Erato e Apollion compone una poesia intitolata Latomie in cui ci si riferisce proprio a quelle siracusane e da cui emerge un binomio vita/morte in cui "si amano i morti". Ma anche nella poesia Cavalli di luna e di vulcani.

La promozione di veri e propri processi in contumacia per lassenza dei soggetti direttamente interessati

Citt. Distrutto un box in alluminio

Ultimamente una squadra dei Vigili del

Fuoco della sede centrale intervenuta, alle 20.20, in via Barresi per lincendio che ha distrutto un box in alluminio utilizzato come garage per un ciclomotore Vespa Piaggio; pare che lincendio sia scaturito a causa di una disattenzione del proprietario che, ustionatosi, stato ricoverato allospedale Cannizzaro di Catania. Sul posto, la Polizia di Stato.

Canicattini i lavori dellultimo consiglio Comunale, nonostante lormai ora tarda, passata luna del mattino, sono proseguiti con la lettura di una lettera da parte del consigliere del gruppo Trasparenza e Cambiamento, Sebastiano Trapani, che ha sancito unulteriore spaccatura nel gruppo, dopo quella di qualche mese addietro con Loretta Barbagallo, e il disconoscimento del capogruppo Pietro Savarino, di cui ha chiesto le dimissioni, per latteggiamento di questultimo e lopera di terrorismo psicologico, da questi messi in atto sia allinterno della minoranza che nei confronti della maggioranza, oltre che nei confronti di dirigenti e dipendenti comunali. Trapani ha accusato il suo capogruppo di aver condotto, lo scorso 16 dicembre nel

Terrorismo psicologico per vessare il personale

corso di un incontro-dibattito sulla oltremodo discussa Imposta Municipale Unica promosso da Trasparenza e Cambiamento, un vero e proprio processo in contumacia per lassenza a quellappuntamento, ignorando, ha sottolineato Trapani, che la mia assenza fosse dipesa da un lutto che mi ha colpito il giorno precedente e non ha esitato a lanciare insinuazioni sul mio conto

in sede pubblica. Non solo, il consigliere Trapani, ha anche accusato il suo capogruppo di seminare zizzania e di non essersi accorto della fine della campagna elettorale: sarebbe lora di mettersi a lavorare seriamente al servizio dei cittadini, sia per quanto riguarda noi consiglieri di minoranza, sia per quanto riguarda i nostri colleghi di maggioranza. Non possibile fare politica por-

tando avanti un perenne processo alle intenzioni altrui. Un modus operandi, lo definisce Trapani, che forse, secondo lo stesso esponente della minoranza, potrebbe nascondere il desiderio di Savarino ad ambire ad un ruolo nellAmministrazione, come gi precedentemente accaduto a consiglieri ed assessori delle precedenti Amministrazioni. Nessuna replica da parte del capogruppo Pietro Savarino che si riservato di intervenire ed approfondire la questione in un apposito Consiglio comunale che chieder venga convocato per fare chiarezza sulla geografia politica in aula. Conclusi gli argomenti allordine del giorno, quando mancavano pochi minuti alle due del mattino, il presidente Zocco ha infine chiuso la seduta.

12

Partiamo dal Mondo Antico con le osservazioni di Salviano nativo di Treviri come Carlo Marx: Per quanto concerne i nostri rapporti con i Goti e coi Vandali, in che cosa ci possiamo ritenere superiori o soltanto paragonarci con loro? E, per cominciare, dallamore e dalla caritquasi tutti i barbari, almeno quelli che appartengono ad una stessa stirpe e sono sudditi dello stesso re, si amano Industria, Ferrovie, Porti, Scuola, Turismo e Commercio i settori su cui operare vicendevolmente, mentre quasi tutti i Romani si perseguitano tra loro
di Santo Lauria nessuno e quasi nessuno, allinfuori dei pi potenti, si sottrae alla devastazione, al ladrocinio e al saccheggio, se non quelli che sono della stessa stoffa dei briganti. le cose sono degenerate a tal punto che non si salva se non chi malvagio. Ma, in mezzo a tanti che spogliano i buoni, forse ci sono alcuni che, in questa generale rapina, cercano di trovare dei rimedi, di strappare come dice la scrittura i bisognosi ed i poveri dalle mani dei lestofanti. no, non vi chi operi il bene, neppure uno, e la scrittura dice neppure uno, perch la rarit dei buoni tanto grande che essi paiono inesistenti. chi, infatti, pu recare soccorso ai perseguitati ed agli afflitti dal momento che neppure i sacerdoti del signore sono capaci di resistere alla violenza dei malvagi? la maggior parte di loro, o tacciono o come se tacessero; e molti lo fanno non per incertezza, ma di proposito e a ragion veduta. e tacciono anche coloro che possono parlare, perch essi stessi sono indulgenti verso i bricconi e non vogliono metterli dinnanzi alla forza dellaperta verit, per timore di renderli pi cattivi. cos, intanto, i poveri vengono spogliati, le vedove gemono, gli orfani vengono calpestati, a tal punto che molti di loro, e non di bassa condizione e di raffinata educazione, cercano rifugio presso i nemici per non essere travolti dalla pubblica persecuzione, e cercano presso i barbari lumanit romana dal momento che non riescono a sopportare presso i romani linumanit barbarica. e, sebbene siano diversi per usanze, siano diversi per lingua, siano ben differenti per cos dire persino per lodore che emana dai corpi e dalle

dalla fine del mondo antico alla fine del mondo moderno

17 Gennaio 2013, Gioved

17 Gennaio 2013, Gioved

13

e possibile un paragone tra il Mondo Moderno e il Mondo antico e, cio, limpero romano? europa e stati uniti, ovvero loccidente, dopo aver dominato per secoli il mondo, destinato dunque a perire sotto lombra di una colpevole stanchezza santomazzariniana? e forse loccidente un dio, un padreterno stanco della vita e rassegnato alla propria fine come il principe di salina nel Gattopardo? domande angoscianti o divertenti come sul corriere della sera la disputa sul redditometro tra il giornalista piero ostellino, il direttore dellagenzia delle entrate attilio Befera, il direttore del quotidiano ferruccio de Bortoli e il conciliatore salvatore Bragantini? partiamo dal Mondo antico con le osservazioni di salviano nativo di treviri come Carlo Marx: Per quanto concerne i nostri rapporti con i Goti e coi vandali, in che cosa ci possiamo ritenere superiori o soltanto paragonarci con loro? e, per cominciare, dallamore e dalla caritquasi tutti i barbari, almeno quelli che appartengono ad una stessa stirpe e sono sudditi dello stesso re, si amano vicendevolmente, mentre quasi tutti i romani si perseguitano tra loro ed ora in molti esiste una nuova e profondissima deviazione del senso morale: per qualcuno ancora poco essere felice; occorre anche che siano infelici gli altri. da questempia mentalit deriva ancora una crudelt che i barbari non conoscono e che per i romani invece comune: quella di colpirsi a vicenda con lesazione dimposte. per meglio dire, non di colpirsi a vicenda, ch, se ognuno dovesse sopportare quanto avesse fatto agli

altri, la cosa sarebbe quasi pi sopportabile; ci che grave che molti sono colpiti da pochi per i quali la riscossione delle imposte divenuta oggetto di rapina e che trasformano i titoli del reddito fiscale in fondi di privato guadagno. e non sono soltanto i funzionari dei gradi pi elevati, ma anche gli impiegati dei gradi pi bassi; non solo i giudici ma anche i loro

dipendenti. in quali citt, anzi in quali municipi e in quali villaggi i curiali non sono altrettanti tiranni? forse si fanno vanto di questa qualifica, perch essa pare sinonimo di potenza e di onore: come quasi tutti i briganti di strada che si rallegrano e si esaltano se di loro si dice che sono pi crudeli di quanto non siano in realt. Quale luogo mai esiste nel quale i capi

delle citt non divorino fino allultimo i beni delle vedove e degli orfani e quelli di tutti gli uomini di chiesa, che vengono considerati come altrettanti orfani e vedove perch non vogliono difendersi onde rispettare i loro voti, o non possono farlo per la loro umilt e per la loro incapacit di praticare la violenza? nessuno di costoro dunque sicuro e quasi

vesti da coloro presso cui si rifugiano, preferiscono tuttavia dover sopportare tra i barbari un tipo di civilt profondamente diverso, che non dover sopportare tra i romani limperversare dellingiustizia. perci, un po alla volta, se ne vanno o verso le regioni occupate dai Goti o verso quelle tenute dai Bacaudi, (Bande di contadini predoni, in lotta contro i ricchi latifondisti gallo-romani) o dovunque comandino i barbari, n si pentono di essere emigrati: preferiscono viveri liberi sotto una parvenza di prigionia che vivere prigionieri sotto unapparenza di libert (salviano, de gubernatione dei da documenti e testimonianze di Gaeta e villani). ed ecco che depardieu preferisce la puzza della vodka al profumo di dior fuggendo dalla parigi di Holland e rifugiandosi nella Mosca di putin. e veniamo al Mondo Moderno partendo dalla disputa dei nostri personaggi sul corriere della sera. piero ostellino (in alto nella foto) il 6 gennaio scrive un articolo dal titolo il reddito di stranamore

in cui accusa il fisco di usare il redditometro per invadere il tinello degli italiani. lo stato di polizia fiscale indaga sugli stili di vita. tra gli indicatori: le spese per mangiare, abitare, vestirsi; per le bollette di luce e gas, per il veterinario, per la riparazione degli elettrodomestici, la biancheria, le pentole, il barbiere, giornali e riviste,labbonamento alla pay-tv. le voci sono

oltre cento, 55 le tipologie familiari. di pi. spetta al contribuente provare di non essere un evasore. se non servir al fisco per scovare redditi non denunciati, il nuovo redditometro pare, comunque, utile a far capire agli italiani da chi siamo amministrati e governati. chi le paga ora sa che le sue tasse servono (anche) a mantenere una burocrazia che nella pro-

pria funzione ha unidea feudale Sotto il profilo amministrativo i burocrati che hanno pensato e redatto il redditometro offrono di s spiace dirlo limmagine di una di queste tre tipologie (se non di tutte e tre assieme): 1) sono dei dottor stranamore, paranoidi e mitomani; 2) sono ex poliziotti dellovra (la polizia politica fascista) che non si sono accorti che credono, ubbidiscono, combattono come facevano sotto il duce, ora contro la democrazia liberale e il benessere; 3) sono ex funzionari della stasi (la polizia politica della defunta Germania comunista) prestati a Monti, per riconoscenza, dalla signora Merkel, che non sapeva come impiegarli nella ricca Germania democratica litalia scivolata nello stato di polizia tipico dei totalitarismi del XX secolo. Ministro delleconomia Vittorio Grilli, prima di firmare questa sconcezza, non sarebbe stato meglio pensarci su? presidente del consiglio Mario Monti, questa italia pauperista e illiberale nella quale vuole farci vivere sarebbe il paese che ha recuperato credibilit internazionale? andiamo. risponde Befera (in basso nella foto) l8 gennaio con una lunga lettera al direttore in cui contesta che non siamo in uno stato di polizia fiscale. In calce alla lettera risponde lacuto direttore ferruccio de Bortoli: caro Befera, il corriere e ostellino ri-

spettano il suo lavoro. lei stato difeso da questo giornale in pi di una occasione. le critiche, anche dure, in democrazia sono legittime. se il tasso di suscettibilit che traspare dalla sua lunga lettera misura della serenit e dellequilibrio con cui lagenzia che autorevolmente presiede opera sul territorio e dialoga con i contribuenti, c di che preoccuparsi. interviene il 9 gennaio salvatore Bragantini il quale d torto sia a ostellino che a Befera e sostiene che si pu fare di meglio e scrive: si potrebbe ripartire senza grandi difficolt, anche grazie alla banca dati sui rapporti finanziari prevista da un provvedimento del governo Monti, definendo il reddito effettivo dei contribuenti e comunicandoglielo in anticipo, perch ne tengano conto in dichiarazione. salvatore Bragantini confessa di essere in conflitto dinteresse essendo uno dei 3641 che nel 2010 hanno dichiarato 500 mila euro o pi per cui non parla per invidia sociale. litalia viene abbandonata dai ricchi che scelgono Montecarlo o la svizzera; viene abbandonata da centinaia e forse migliaia di imprese piccole e medie che si trasferiscono in altri paesi. in italia falliscono migliaia di imprese, il pil sotto lo zero, milioni di famiglie sono povere o ai limiti della sopravvivenza, la disoccupazione giovanile non mai stata cos alta, la pressione fiscale al 45%. Ma non solo litalia bens tutto loccidente in crisi e in fase di decadenza per cui in italia il redditometro , come ci insegna salviano, semplicemente il sigillo di tale decadenza e Befera e i suoi collaboratori sono soltanto strumenti se non addirittura vittime della storia.. fra poco pi di un mese gli italiani saremo chiamati ad eleggere i nostri governanti. dal dopoguerra ad oggi credo che mai si sia verificata una cos grande confusione nella competizione tra partiti e candidati, per cui gli elettori siamo smarriti e confusi. a meno di un risultato a sorpresa, litalia sar ingovernabile.

Discutibile la scelta del commissario pro tempore insediatosi al comune di Augusta di un abbattimento dei debiti nella misura del 20% con la rinuncia agli interessi.

14

17 Gennaio 2013, Gioved

17 Gennaio 2013, Gioved

15

Quelle strane proposte rivolte ai creditori dellente


al capogruppo del movimento politico del Popolo della Libert alla Provincia Regionale di Siracusa Paolo Amato, riceviamo e pubblichiamo quanto segue Da diverse notizie di stampa ho appreso la proposta del commissario del Comune di Augusta , Antonio La Mattina, rivolta a tutti i creditori che vantano somme dallente, di accettare un abbattimento del loro credito nella misura del 20 per cento e la rinuncia a tutti gli interessi. Non corretto moralmente chiedere oggi sconti su debiti gi certificati da anni, su cui piccole e medie imprese continuano a pagare pesanti interessi, dichiarato Iva e reddito. Decine di imprese creditrici di questo comune si trovano in serie difficolt a causa di mancanza di liquidit che ha comportato il mancato versamento di tasse, imposte e contributi e sono finite nella lista nera dellInps e di altri enti. Sono imprese condannate a non potere lavorare con gli enti pubblici a causa della mancata presentazione del famigerato Durc senza il quale non si pu partecipare a bandi e

fornire servizi. E la fine di molte imprese e dei loro dipendenti. Un esempio pratico il mancato pagamento di fatture relative ad una emergenza di cui il comune si era fatto carico. Nel 2008 la struttura alberghiera che ho lonere di dirigere ha dovuto ospitare alcuni nuclei familiari che avevano perso gli appartamenti a seguito di un incendio in un

condominio del quartiere Monte Tauro. Le persone sono state mantenute nella struttura alberghiera per circa un mese, vitto e alloggio, con la garanzia che il comune, a seguito di una convenzione stipulata con il dirigente pro tempore, avrebbe saldato il dovuto. Stiamo ancora aspettando, da allora sono trascorsi inutilmente oltre 4 anni.

Non sono bastati numerosi solleciti e un decreto ingiuntivo esecutivo. Oggi mi si chiede uno sconto del 20%, dopo aver dichiarato Iva e redditi, pagato interessi passivi alle banche che nel frattempo hanno aumentato i tassi con proposte unilaterali, prendere o lasciare. Il credito iniziale si dimezzato oggi il dottor La Mattina ci chiede lo sconto? Siamo tutti figli di questa citt, il momento e serio, forse tragico. La disoccupazione a livelli storici ed insostenibili, la dignit umana ai limiti minimi e messa in discussione quotidianamente per migliaia di uomini ,donne e giovani. Il governo nazionale dice di vedere la luce alla fine del tunnel, ma sicuramente sono i fari del treno della crisi che corre incontro a folle velocit. Egregio commissario la invito a risolvere seriamente i problemi di questa realt che, come afferma spesso, le sta a cuore, faccia un piano di rimborso dei crediti serio e ragionato senza chiedere ulteriori sacrifici a chi ha gi dato tanto e che , nonostante tutto, continua a dare tanto per cercare di fare impresa. Al commissario consigliamo di lasciare stare i miracoli, cerchi di svolgere il suo ruolo, lordinaria amministrazione, nella speranza che questa citt al pi presto riesca a ritrovare quella buona politica che forse finora mancata. Cos si esprime il capogruppo del movimento politico del Popolo della Libert alla Provincia Regionale di Siracusa Paolo Amato su tutta questa vicenda

Come un sasso nello stagno


n una delle pi recenti pagine culturali sul quotidiano Libert, nel soffermarmi sulla validit dellimpegno di tanti giovani dei nostri giorni anche a Siracusa, sottolineavo come il fermento di idee e di azioni che si registra proprio per iniziativa dei giovani siracusani si sia manifestato con listituzione di una ennesima associazione giovanile, il Fondaco Filemone, realizzata da Claudio Cavallaro e la sua compagna, volta agli incontri, al dialogo, alla crescita e allazione in comune. In questi giorni Paolo Callari ha pubblicato unaltra delle sue opere tutto succo concentrato di meditazione, esperienza e sensibilit, che sta appunto ad offrire lo spunto ( non solo ai giovani, ma anche a tutti coloro che credono nei veri valori della vita, che hanno valori ideali in questo mondo doggi, dove tanti individui si rendono consapevoli di vivere, secondo loro, in un mondo senza certezze, che il titolo del compianto on. Gaetano Lo Magro) di offrire lo spunto-dicevo- e loccasione di diffondersi nella ricerca di se stessi attraverso la lettura di un concentrato di idee che diano la motivazione e la spinta per una vita ricca di azioni rivolte non al soddisfaci-

Una libro di piccole dimensioni tipografiche e contenutistiche ma di notevole spessore morale e stilistico

Elevazione spirituale di Paolo Callari che invita alla pi profonda riflessione, leva per cristianamente operare
di Arturo Messina mento del proprio egoismo bens al dialogo e allamore del prossimo, soprattutto quello in cui pi si riflettono limmagine e la luce divina, cio i pi deboli e i pi bisognosi. Troppi libri oggi si pubblicano e troppa televisione oggi si diffonde per distrarre luomo dallincontro di se stesso, per dissuadere luomo ( gi stressato dai tanti flussi reflussi e influssi della vita conflussa doggi) dal tirare le reti del proprio vissuto quotidiano e programmare il suo agire per lindomani meno nebuloso, meno incerto, pi sereno e serenante. Sono appena poche pagine, solamente quindici, quelle che sintetizzano questa sua recente elevazione spirituale che, invece, si rivela come il pi insolito approfondimento di idee che in primis possono apparire inestricabili, ermetiche, ma che ben presto ( al lume di una fede che disperde ogni zona oscura del proprio io, del proprio subconscio) sono capaci di diradare gradatamente le spesse nuvole dellincertezza, del dubbio e cominciano ad illuminarsi di fede, di certezze in grado di fecondare lelevazione dello spirito, di allargare la visione dellessere e delle realt appannate, fino a rasentare linfinito, cos come un sasso nello stagno va sempre pi am-

pliando i cerchi delle sue vibrazioni per nutrirsi di conoscenze sempre pi reali, di immagini che da illusioni si trasformano in certezze, capaci di riempire il cuore di serenit e di appagamento palpabile sotto la spinta della ragione che, gradatamente librandosi, riesce a librarsi fino a raggiungere lIrraggiungibile, fino a godere delle visioni reali che prima sembravano illusioni e poi si condensano di pieno godimento interiore. Sono anche spunti meditativi capaci di raggiungere la pienezza dellazione, nella convinzione che proprio lazione il grado pi alto, sublime, della preghiera, che dal modesto e piatto gradino della fase recitativa, re plicativa e superficiale, distruttiva, passa a quello creativo della preghiera personalmente creata, si libra sul piano della meditazione per poi sublimarsi nellazione, nellazione caritatevole nei riguardi del prossimo pi indigente, pi bisognoso di sollievo, perch non chi dice:<Signore! Signore!> sar degno del regno dei cieli, ma chi fa la volont del Padre mio!. Che sia una preghiera creata e meditata, capace di divenire azione, lo dichiara chiaramente egli stesso quando, convinto che non labito che forma il monaco, afferma: Vedi, Mne-

mosine, tu non hai voluto che io intraprendessi il cammino diaconale, n hai di buon grado che io vesta i paramenti, di nessun tipo bens il sarkos, (pag. 13) cio labito caratteriale delluomo retto che ha per vocazione il mostrarsi modello di vita, di cristiano davanti a tutti e in tutte le circostanze, sempre fedele e coerente con il suo impegno, che non voto ecclesiale, da codice canonico, bens scelta personale e inappuntabile del modus vivendi personalmente scelto, rinunciando alla bestia, allambizione, allavidit, ai trenta denari per seguire non mammona bens Mnemosine: e Mnemosine per Paolo Callari non una delle semplici nove muse, la camene della memoria, bens la memoria divina, il Verbo, il principio, il Creatore di tutte le cose, larchitetto del creato, delluniverso cos perfetto, infinito, onnipotente motor immobilis Certo, pu sembrare strano che una persona cos pratica e concreta, misurata Paolo Callari ( impiegato al Banco di Sicilia a piazza Archimede) possa passare dalla cambiale alla bibbia, dalla moneta alla meditazione, dalla estrema chiarezza allermetismo pi serrato Eppure non si tratta assolutamente di deviazione, ma di valvola di sfogo, che del resto ha un punto di raccordo: la ricerca della verit deontologica, che si raccorda pienamente nel binomio contatto umano-divino= corpo di Cristo- Chiesa, preghiera-carit. Che la sua lirica meditazione sia preghiera lo si evince chiaramente dalle sue stesse parole con cui egli inizia: Cara Mnemosine, ossia O mio Dio; che sia meditazione veramente meditata lo si evince pure: che ci che scrive non sia di getto, che provenga esclusivamente dal cuore e non anche e soprattutto dalla mente, da una preparazione culturale piuttosto solida e dalla ricerca dellespressione sempre pi avulsa dal linguaggio e non dalla una semplice strutturazione verbale di getto Il sasso che Paolo Callari getta attraverso la sua parola non gettato disinvoltamente, bens con una traiettoria ben tracciata ed eseguita, con lottica della Cristoterapia, cos come riesce a fare solo chi ha una grande, eccezionale energia fisica ma anche una straordinaria capacit mentale, etica, una assidua e rigorosa esercitazione, s da ottenere il pi considerevole numero di giri attraverso la considerevole distanza. E il cos breve e condensato saggio mistico-poetico ha pienamente ottenuto i risultati che lautore si prefiggeva, per cui viene da augurargli ad maiora!.

16

17 Gennaio 2013, Gioved

autosport s.r.l.

c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it