Sei sulla pagina 1di 1

IL LAMPO Giovanni Pascoli

E cielo e terra si mostr qual era: la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: bianca bianca nel tragico tumulto una casa appar spar d'un tratto; come un occhio, che, largo esterefatto, s'apr si chiuse, nella notte nera. PARAFRASI Cielo e terra apparvero cosi come erano,la terra apparve agitata livida e sconvolta per la paura , il cielo apparve pieno di nubi, catastrofico nel suo aspetto triste, bianchissima per la paura nel tragico evento una casa appari e immediatamente spari, simile ad un occhio che, spaventato per quello che accade,si apr e immediatamente si chiuse, nella densa oscurit della notte.

COMMENTO
in questa poesia ilpoeta giovanni pascoli ci parla del lampo un altro fenomeno atmosferico, che con la sua luce rapidissima ed abbagliante, rompe fa in modo di vederele in quell'attimo oggetti immersi nel mistero delloscurit notturna. La casa, nella nottescura, appare bianchissima allo sprigionarsi della luce, per poi scomparire nel buio che quasi la inghiottisce e per similitudine essa appare come un occhio umano, immenso, isolato dal volto, che si apre e si richiude istantaneamente, impaurito dalla visione del cielo in tempesta. NOTA METRICA: ballata piccola di endecasillabi che rimano secondo lo schema: A; BCRCCA