Sei sulla pagina 1di 2

Trama Tosca Atto I: Chiesa di Sant'Andrea della Valle Roma Giugno 1800.

. Dopo poco esser evaso dalle carceri di Castel Sant'Angelo, il prigioniero bonapartista Angelotti si rifugia nella cappella di famiglia della sorella, la Marchesa Attavanti. Il pittore Mario Cavaradossi, intento nel frattempo a dipingere l'immagine di Maria Maddalena con il volto della marchesa, pi volte vista a pregare nella cappella, riconosce e soccorre Angelotti, di cui condivide la fede rivoluzionaria. Nel frattempo l'improvviso sopraggiungere della celebre cantante Floria Tosca, amante di Cavaradossi, costringe il fuggiasco a nascondersi mettendo in evidente imbarazzo Mario, che, con il suo comportamento impacciato, fa insospettire Tosca. Il dubbio e la gelosia di quest'ultima si accrescono quando la cantante riconosce nel dipinto il volto della marchesa Attavanti. Ma Cavaradossi la tranquillizza e, per congedarla rapidamente, le d un appuntamente per quella stessa notte alla sua villa. Atto II: La camera di Scarpia al piano superiore di Palazzo Farnese In attesa di notizie sulla cattura dell'evaso, Scarpia sta cenando nella sua camera. Dalle stanze del palazzo giunge l'eco di una festa di corte dove si sta esibendo Tosca. Cavaradossi viene interrogato ma nega di aver visto l'Angelotti e anche sotto tortura si rifiuta di rivelarne il nascondiglio. Scarpia allora indaga interrogando Tosca la quale dapprima elude abilmente le sue domande, ma poi, alle urla di Mario, confessa tutto. Mario intanto, scoperto il tradimento di Tosca, la maledice e,siccome giunta la notizia della vittoria di Bonaparte, inneggia alla libert, mentre viene trascinato in carcere. Rimasto solo con Tosca, Scarpia le offre brutalmente la vita dall'amato in cambio di una notte d'amore. La donna dapprima rifiuta ma infine accetta pur di salvarlo. Il dramma precipita verso la conclusione: giunge la notizia del suicidio di Angelotti, Tosca incontra Scarpia per pagare apparentemente la sua penale, invece lo uccide brutalmente e coraggiosamente con un coltello. Adesso ha il lasciapassare che dovrebbe garantire a lei e al suo amante la fuga ma...

Atto III

Piattaforma di Castel Sant'Angelo In attesa della fucilazione, Cavaradossi rimpiange i momenti d'amore trascorsi con Tosca. I ricordi malinconici sono presto interrotti del sopraggiungere dell'amata che gli mostra il lasciapassare con cui potranno fuggire spiegandogli come l' abbia avuto e gli confessa l'omicidio di Scarpia. Prima di allontanarsi Tosca illustra a Mario la messa in scena della fucilazione cui egli dovr sottostare. Come se assistesse ad una scena teatrale, Tosca dirige da lontano lafalsa esecuzione di Mario. Ma ben presto ella comprende la tragica soluzione: Mario stato effettivamente fucilato!!! Al sopraggiungere della guardie che hanno ormai scoperto l'assassinio del malvagio Scarpia, Tosca disperata sale sul parapetto del castello e si lancia nel vuoto, invocando per il traditore la punizione divina.