Sei sulla pagina 1di 16

La

Prima Guerra
Mondiale
Andrea Soldà
Claudio Caporali
Gianmarco Cassiani
III D
Motivazioni dello scoppio della
Grande Guerra
• L’innesco fu determinato dall’assassinio di Francesco Ferdinando
erede al trono d’Austria (da un nazionalista serbo)
• Ma la causa principale dello scoppio della guerra fu
l’imperialismo tra il 1870 al 1914:
• La spinta espansionistica della Germania
• Il predominio navale della Gran Bretagna
• Desiderio di rivincita della Francia (sulla Germania)
• Interessi economici di industriali e gruppi finanziari
• Questione Balcanica
• Irredentismo Italiano (riprendersi Trentino e Venezia Giulia)
• Crisi imperi Russo e Austro-Ungarico
Gli schieramenti
Durante la prima guerra mondiale si sono formati due
schieramenti:
Triplice intesa:
Francia,Gran Bretagna,Russia
(Serbia e Giappone)
Triplice alleanza:
Austria,Germania,
Italia (prima neutrale,
ma poi si allea con la
Triplice Alleanza)
(Turchia)
Scoppio
• Il 28 Giugno 1914 a Sarajevo
assassinio di Francesco Ferdinando
• L’Austria invia Ultimatum alla Serbia
• Il 28 Luglio 1914 l’Austria le dichiara guerra
• L’Italia si dichiara neutrale (agosto 1914)
• Reazione a catena: la Germania dichiara guerra alla
Russia e attacca la Francia passando per il Belgio
benchè neutrale (1 Agosto 1914)
• Interviene la Gran Bretagna (4 Agosto 1914)
Speranza Morte e Distruzione
Fronte Occidentale 1914/1918
1 Agosto 1914 : Guerra lampo, la Germania invade il Belgio evitando la
linea fortificata avanza rapidamente fino a 40 Km. da Parigi. I francesi
resistono lungo il fiume Marna (guerra di logoramento).Francesi e
Tedeschi si rifugiano nelle trincee per mesi a poca distanza gli uni dagli
altri tra condizioni climatiche sfavorevoli e sporcizia senza risultati ma
ognuno con moltissimi morti e feriti.
Alla fine del 1914 la Gran Bretagna organizza il blocco navale contro
Austria e Germania impedendogli i rifornimenti.
7 Maggio 1915 la Germania affonda con un sottomarino il transatlantico
inglese Lusitania (muoiono anche americani) e gli Stati Uniti
obbligano la Germania a sospendere la guerra sottomarina. Tra il
1916 ed il 1917 continuano i massacri: A Verdun i tedeschi tentano di
sfondare le linee francesi (700.000 morti). Replica sul fiume Somme
(1.000.000 di morti) per iniziativa Franco-Inglese e benchè avessero
usato i carri armati la linea del fronte non si modifica.
Battaglia sul fiume Somme
Interventisti e neutralisti
in Italia
In Italia si formarono due gruppi d’opinione:
Interventisti e Neutralisti.
Gli Interventisti avevano unico scopo ma diverse ragioni: I
Nazionalisti ((affermazione dell’Italia come potenza), gli
Industriali (guadagno), gli Irredentisti (liberare Trento Trieste,
Dalmazia, Istria),i Liberali (non essere tagliati fuori dal
quadro internazionale).
I Neutralisti anche avevano unico scopo ma diverse ragioni: i
Cattolici (contrari alla guerra), I Giolittiani (convinti di
ottenere le terre irredente dall’Austria con diplomazia), I
Socialisti (non volevano che la guerra gravasse sui contadini e
sugli operai)
26 Aprile 1915
Intervento dell’ Italia
Il 26 Aprile 1915 Vittorio Emanuele III, il Capo del Governo
Antonio Salandra e il ministro degli Esteri Sidney Sonnino
senza consultare il Parlamento firmano segretamente il Patto
di Londra, L’Italia passa alleata con la Triplice Intesa:
• Si impegna ad entrare in guerra entro 1 mese
• In caso di vittoria avrebbe ottenuto le terre irredente
23 Maggio 1915 L’Italia dichiara guerra all’Austria.
Fronte Italiano 1915/1918
Maggio 1915: Guerra di logoramento tra Austria e Italia, gli
italiani subiscono molte perdite a causa dell’incapacità del
generale Cadorna nelle offensive da giugno a dicembre, poi
riescono a frenare la “spedizione punitiva austriaca”( Maggio
1916) e a liberare Gorizia, con le 11 battaglie dell’Isonzo,
conquistano altre posizioni. Ma nel 1917 la Russia si è ritirata e
quindi gli austriaci si concentrano solo sul fronte italiano
sfondandolo: è la disfatta di Caporetto (ottobre 1917). Gli
italiani ripiegano verso il Piave guidati dal generale Cadorna.
Morti soldati e civili, nel disastro si forma un nuovo governo e si
sostituisce Cadorna con il generale Armando Diaz che motiva i
soldati promettendogli le terre. Attaccati lungo il Piave dagli
austriaci, gli italiani con una controffensiva a Vittorio Veneto li
costringono alla ritirata riconquistando Veneto settentrionale;
Friuli e Trentino. Il 4 Novembre 1918 si firma l’Armistizio tra
Italia e Impero Austroungarico (in disfacimento).
E’ finita la guerra totale!
Bollettino di Guerra
Fronte Orientale 1915/1918
Austria e Germania spingono sulla
Russia, nel 1915 gli Inglesi inviano un
corpo di spedizione nello Stretto dei
Dardanelli respinto dai Turchi.
Nel febbraio del 1917 in Russia, gravata
dai conflitti sociali amplificati dalla
guerra, esplode la Rivoluzione.
Il nuovo governo rivoluzionario russo firma
l’armistizio e nel marzo del 1918 la
pace di Brest-Litovsk.
Altri Fronti 1915/1916
• 1915 la Bulgaria si schiera con Austria e Germania
(Gli Imperi Centrali))
• 1916 Crolla la Serbia ed entra in guerra la Romania
con Austria e Germania
• Maggio 1916 La flotta tedesca per rompere il blocco
navale attacca quella inglese: battaglia dello
Jutland le perdite sono le stesse per entrambe
• La Francia attacca la Turchia
• I Giapponesi tolgono ai Tedeschi delle colonie
asiatiche
L’entrata degli Stati Uniti e la
Fine della guerra 1917/1918
• Gli Stati Uniti dichiarano guerra alla Germania (6 Aprile
1917) che affondava i mercantili USA (carichi di rifornimenti
per l’Intesa) spinti dal mondo della finanza e dal Presidente
Woodrow Wilson secondo il quale ogni Stato deve essere
guidato da un governo democratico.
• La Germania tenta nuova offensiva sulla Marna (1918) e
bombarda Parigi, ma il fronte tedesco viene rotto dai carri
armati (agosto 1918) e i tedeschi abbandonano Francia e
Belgio tornando in Germania. Fame stanchezza, proteste,
ammutinamento della flotta provocano la nascita di consigli
rivoluzionari. Il Kaiser Guglielmo II fugge, viene proclamata
la Repubblica e firmato l’armistizio (11 Novembre 1918).
Con la Germania crollano i suoi alleati per mancanza di viveri.
Utilizzo di nuove armi
• Gas Asfissiante Iprite (ad Ypres nel 1915 in Belgio benchè neutrale ad opera dei
Tedeschi). Gli Zeppelin, Bombe esplosive, la grande Bertha, le Mitragliatrici,
Cacciabombardieri (Tutti tedeschi). Il tank (carro armato inglese).
Effetti della guerra
sull’Europa
• Guerra totale= Conflitto di massa = stragi militari
e civili, uomini,donne e bambini, belligeranti e
neutrali.
• Proteste
• Crisi economica
• Carovita
• Deficit
• Crollo dell’agricoltura
• Razionamento
• Mercato nero