Sei sulla pagina 1di 34

Elementi di Cristallografia dei solidi ideali

Hooke 1664: ordine esterno riflette un ordine interno Steno 1671: cristalli della stessa specie chimica possono avere forma diversa a causa di una diversa estensione delle facce, ma angoli tra le facce uguali

Solido ideale: ripetizione periodica infinita di una unit di base strutturale La superficie esterna di un cristallo il difetto pi importante di un solido ideale Vedi fotocopie Smart-Moore

Approccio generale per la descrizione di un cristallo

Reticolo (Lattice) Entit matematica

Motivo (Motif) o base atomica Entit fisica Andiamo per passi successivi da cristalli 1D a cristalli 3D

cristallo

Cristalli 1D

r r R = na
motif

n un numero intero tra - e + un reticolo se ogni punto reticolare ha lo stesso intorno

lattice

Unit cell=elemento geometrico Cella unitaria=Building block Nel caso 1D un segmento

Cristalli 2D

Sono possibili 5 diversi reticoli 2D chiamati reticoli di Bravais definiti dai vettori di base a e b e dallangolo tra di loro

r r r R = na + mb

La scelta della cella unitaria (poligono regolare) non univoca: qualsiasi scelta lecita purch riempia lo spazio
Cella convenzionale: rispecchia la simmetria del reticolo ed in genere la pi piccola

Reticolo quadrato

Reticolo rettangolare centrato


Cella primitiva P (contiene un solo punto reticolare)

Non sempre la cella convenzionale primitiva


Cella centrata Convenzionale

Es. Reticolo esagonale formato da esagoni condensati: un piano di grafite Due atomi per cella unitaria

Importanza della simmetria per lo studio dei cristalli

simmetria: uno strumento che permette di connettere situazioni simili in sistemi diversi ed classicamente legata a canoni estetici

Simmetria molecolare chimica

gruppi puntuali (40)

cristallografia Simmetria di sito Operazione di simmetria: un movimento realizzato sulla entit che porta la stessa in una situazione indistinguibile gruppi spaziali gruppi puntuali di sito

Simmetria cristallina Operatore di simmetria: unentit geometrica (punto, asse, piano) che permette di realizzare unoperazione di simmetria

notazione usata in chimica (Schoenflies)

notazione usata in cristallografia (Hermann-Mauguin)

Cn= n

=m

un elemento di simmetria composto in cui alla rotazione intorno ad un asse si associa un'inversione rispetto ad un punto situato sull'asse

asse di inversione n

usata in chimica

usata in cristallografia

tra parentesi le notazioni di Hermann-Mauguin

Collezioni di molecole che formano il motivo strutturale: simmetria di sito


nascono nuovi elementi di simmetria estranei alle singole molecole

C3

la simmetria di sito legata alla simmetria della cella unitaria ed condizionata dalle propriet di simmetria dello stesso reticolo Es. non si pu fare un pavimento solo con piastrelle pentagonali inversione

Gruppi puntuali 2D

posizioni equivalenti per simmetria

operazioni di simmetria

Nei cristalli nascono ulteriori elementi di simmetria derivanti dalla periodicit traslazionale che si combina con gli elementi di simmetria di sito

sotto il piano

asse a vite o screw axis ni= asse di rotazione rotazione n + traslazione di i/n lungo la direzione c

sopra il piano

piano di scorrimento o glide plane (riflessione+ traslazione)


loggetto potrebbe essere enantiomorfo= la sua immagine speculare non sovrapponibile

(xz)

piano di riflessione xz + traslazione di a/2 lungo x

Gruppi spaziali 2D 17 in totale

obliquo p1 p2

rettangolo pm pg cm pmm pmg pgg cgg

quadrato p4 p4m p4g

esagonale p3 p3m1 p31m p6 p6m

Tutti i cristalli 2D possibili sono etichettabili con una delle etichette sopra riportate

equivalent positions

symmetry operations

Rappresentazione di alcuni dei gruppi spaziali 2D

Cristalli 3D

r r r r R = na + mb + pc

reticolo 3D

cella unitaria: parallelepipedo che si impacca in modo da riempire tutto lo spazio

I sette sistemi cristallini


definiscono la forma delle celle 3D

I quattro tipi di celle 3D

I quattordici reticoli di Bravais 3D


Provare la completezza dei 14 reticoli di Bravais fu un impresa ardua

4 tipi di cella unitaria + 7 sistemi cristallini = 14 reticoli di Bravais

Chiamate anche le 32 classi cristalline

Tutti i cristalli 3D possibili sono classificabili con uno dei gruppi spaziali

Indici di Miller: una serie ordinata di numeri interi che permettono di etichettare i piani e le direzioni cristalline

Operiamo anche qui seguendo un criterio di complessit crescente

Indici di Miller hk per reticoli 2D: indicano set di linee parallele

1,2

--

Indici di Miller hkl per reticoli 3D: indicano set di piani paralleli
the Miller indices (hkl) are proportional to the inverses of the intercepts of the plane, in the basis of the lattice vectors. If one of the indices is zero, it means that the planes do not intersect that axis (the intercept is "at infinity").

-cambiando il segno di tutti gli indici il set di piani non cambia -cambiando il segno di uno solo degli indici, cambia la direzione dei piani, mentre rimane inalterata la spaziatura

{001} (001), (010), (100)

Si usa la parentesi graffa per indicare tutti i piani equivalenti per simmetria Es.

Etichettatura delle direzioni cristallografiche (tre indici tra parentesi quadra)


Una direzione ha gli stessi indici del piano a cui essa perpendicolare Si usano i segni < > per indicare tutte le direzioni equivalenti per simmetria Es.

100 [100], [010], [001]

piano (001)

Distanza tra i piani reticolari dhkl


Per reticoli cubici, ortorombici o tetragonali (===90)

h +k +l = 2 2 2 2 d hkl a b c

Esempi di uso degli indici di Miller


Etichettatura delle superfici dei cristalli

Una superficie ordinata pu essere ottenuta tagliando la struttura 3D di un solido lungo un particolare piano definito dagli Indici di Miller

Cristallo cubico a facce centrate


Lorientazione di una superficie o di un piano cristallografico pu essere definito valutando lintercetta con i principali assi cristallografici. Si ottengono una serie di valori (Miller) che quantificano le intercette e forniscono una identit unica alla superficie

Diffrazione di raggi X da polveri: ogni picco corrisponde ad un set di piani cristallini che vengono etichettati dai corrispondenti indici di Miller