Sei sulla pagina 1di 3

Disegno per la progettazione - Esercitazioni Assonometria e intersezioni solidi

assonometria + intersezioni

Immaginate di avere due solidi: un cilindro e un parallelepipedo (di dimensioni e disposizione


a vostro piacere). se non avete il compasso potete sostituire il cilindro con un prisma
triangolare o esagonale.
Immaginate che uno dei solidi sia fermo nello spazio e laltro compia un movimento e nel
suo perscorso intercetti il volume dellaltro creando delle intersezioni (con i relativi spigoli).
Disegnare in assonometria 3 momenti di questi movimento (come se fossero fotogrammi per
creare una animazione).
Per realizzare lesercizio indispensabile partire dalle proiezioni ortogonali dei due solidi nei
tre diversi momenti ( indifferente che le proiezioni siano fatte su una o pi tavole dato che
un diegno preparatorio funzionale al disegno assonometrico).
Dopo avere stabilito il comportamento reciproco dei solidi attraverso le proiezioni (avere
capito dove andranno a incrociarsi creando spigoli) scegliete un tipo di assonometria tra
quelle proposte nella pagina seguente e disegnate i due solidi nel sistema di riferimento.
alcuni esempi di situazioni possibili (il disegno non deve essere ombreggiato anche se qui per
chiarezza sono rappresentati dei solidi con chiaroscuro):

A3

A2

A1

B1

D1

B3

B2

D2

D3

C1

C2

C3

Joyce Bonafini - Naba Design - http://lezionididisegno.wordpress.com

assonometrie:
z

ortogonale ISOMETRICA
circonferenze

120
1

120
1

120

x : y : z =1:1:1

obliqua CAVALIERA RAPIDA

90

90
+
30

135
1/2

variazioni possibili
=
45

135

135

45

circonferenze

x
90
+
45

z
135

x : y : z =1 : 1/2 : 1
obliqua MONOMERICA
variazioni possibili

135

90

90
+
45

circonferenze

y
x

x : y : z =1 : 1 : 1

disegnare una circonferenza in assonometria:


con il CURVILINEE attraverso punti di passaggio e tangenza
3

2
AB
1

trovando i soliti 8 punti per


iquali passa una corconferenza.
trovati i punti di passaggio per le
diagonali e i 4 punti di tangenza
con il curvilinee si uniscono
formando una figura ellittica

con il METODO DELLE CORDE PARALLELE (sempre con luso del curvilinee)
selezionare una serie di punti arbitrari (in numero
A
variabile a seconda della precisione necessaria) e
B
congiungerli allasse verticale del cerchio. riportando
C
a
c
le distanze in cui cadono le corde parallele e la
D
a
b
lunghezza di ogni segmento (facendo attenzione al
E
rapporto dimensionale proprio della assonometria in
a b
c
cui si sta lavorando) si possono individuare i punti di
passaggio del cerchio. unendo i punti con lausilio del
curvilinee si ottiene il disegno della circonferenza.

se lassonometria isometrica inoltre:


si pu usare lELLISSOMETRO
sufficiente disegnare
il quadrato in cui la
circonferenza inscritto e
cercare nello strumento la
linea da tracciare.
o il COMPASSO imparando questa costruzione

Lovale policentrico dei cerchi


in assonometria pu essere
disegnato unendo porzioni
di cerchio seguendo questo
procedimento.
trovate i punti medi dei lati
del quadrato disegnato in
assonometria (A;B;C;D) e
congiungerli con i vertici alle
estremit della diagonale
minore (1 e 2). puntiamo
il compasso in queste
intersezioni (ovvero nei
punti s e t) con apertura SA e
tracciamo gli archi AD e CB.
Le utlime porzioni di cerchio
(AB e CD) vengono tracciate
puntando il compasso
successivamente nei punti 1 e 2
con apertura 1D.