Sei sulla pagina 1di 4

Noi ti adoriamo, Ges, e ti ringraziamo perch nellEucaristia si rende ATTUALE il mistero di quellUNICA offerta al Padre che Tu hai compiuto

duemila anni fa con il sacrificio della Croce; sacrificio che ha redento lumanit intera e tutto il creato
(Giovanni Paolo II)

La Santa Messa, Sacrificio incruento di Cristo


Laugusto Sacrificio dellaltare NON una pura e semplice commemorazione della Passione e Morte di Ges Cristo, ma UN VERO E PROPRIO SACRIFICIO, nel quale, IMMOLANDOSI INCRUENTAMENTE, il Sommo Sacerdote fa ci che fece una volta sulla Croce, offrendo al Padre tutto se stesso, vittima graditissima.
UNA E IDENTICA LA VITTIMA. E DIVERSO SOLTANTO IL MODO DI FARE LOFFERTA.

Identico il sacerdote, Ges Cristo, la cui sacra persona rappresentata dal suo ministro. Identica la vittima, cio il Divin Redentore, secondo la sua umana natura e nella realt del suo Corpo e del suo Sangue. Differente, per, il modo col quale Cristo offerto. Sulla Croce, difatti, limmolazione della vittima fu compiuta per mezzo di una morte cruenta, liberamente subita; sullaltare, invece, a causa dello stato glorioso del-la sua umana natura, la morte non ha pi dominio su di Lui e quindi non possibile leffusione del sangue; ma per mezzo della transustan-ziazione del pane in Corpo e del vino in Sangue di Cristo, come si ha realmente presente il suo Corpo, cos si ha il suo Sangue. ... Il Dio che adoriamo conceda benigno a noi tutti di partecipare in questo esilio terreno, con un solo cuore, alla sacra Liturgia, che sia come una preparazione ed un auspicio di quella celeste Liturgia, con la quale, come confidiamo, in compagnia con la eccelsa Madre nostra, canteremo: A Colui che siede sul trono e allagnello: benedizione, e onore e gloria e impero nei secoli dei secoli!
(Meditazione tratta dalla Lettera Enciclica Mediator Dei - Sulla Sacra Liturgiadi Pio XII, 1876 - 1958)

Cari figli, la Santa Messa, il pi sublime e il pi forte atto della vostra preghiera, sia il centro della vostra vita spirituale!
(Maria SS. a Medjugorje)

Il valore infinito di ogni Santa Messa


La Messa lopera pi santa e divina. Non pu un uomo fare unazione pi sublime e pi santa che celebrare una Messa. Nella Messa, il Verbo incarnato si sacrifica allEterno Padre e si dona a noi nel Sacramento dellEucaristia. Il medesimo Salvatore, che si offr per noi sulla croce, si sacrifica sullaltare per mezzo dei Sacerdoti. Tutti i sacrifici antichi, con cui fu tanto onorato Iddio, non furono che unombra e figura del nostro Sacrificio dellaltare. Tutti gli onori che hanno mai dato e daranno a Dio gli Angeli coi loro ossequi, e gli uomini colle loro opere e penitenze non hanno potuto, n potranno giungere a dar tanta gloria al Signore, quanta gliene d UNA SOLA Messa. Mentre tutti gli onori delle creature sono onori finiti, lonore che riceve Iddio nel Sacrificio dellaltare venendogli ivi offerta una Vittima dinfinito valore un onore infinito. La Messa lopera che pi abbatte le forze dellinferno; che apporta maggior suffragio alle anime del Purgatorio; che maggiormente placa lira divina contro i peccatori e che apporta maggior bene agli uomini in questa terra... Poveri noi peccatori, se non vi fosse questo Sacrificio che placa il Signore! ... O Maest e Bont infinita, Tu ami tanto gli uomini, Tu hai fatto tanto per essere amato dagli uomini... e come mai, poi, fra gli uomini, sono tanto pochi quelli che ti amano?
(Meditazione di SantAlfonso M. de Liguori , 1696-1787)

Cari figli, la Santa Messa la forma pi alta di preghiera. Non riuscirete mai a capirne la grandezza Perci siate umili e rispettosi durante la celebrazione e preparatevi ad essa con molta cura La Santa Messa non sia per voi unabitudine, ma vita!
(Maria SS. a Medjugorje) Laltissima missione del sacerdote

Chi ci prepara lEucaristia e ci dona Ges? il Sacerdote. Se non ci fosse il Sacerdote, non esisterebbero n il Sacrificio della Messa, n la S. Comunione, n la Presenza Reale di Ges nei Tabernacoli. Se io incontrassi diceva il S. Curato dArs un Sacerdote e un Angelo, saluterei prima il Sacerdote, poi lAngelo... Se non ci fosse il Sacerdote, a nul-la gioverebbe la Passione e la Morte di Ges... A che servirebbe uno scrigno ricolmo doro, quando non vi fosse chi lo apre? Il Sacerdote ha la chiave dei tesori celesti. ... Chi fa discendere Ges nelle candide ostie? Chi mette Ges nei nostri Tabernacoli? Chi dona Ges alle nostre anime? Chi purifica i nostri cuori per poter ricevere Ges?... Il Sacerdote, solo il Sacerdote. Veneriamo il Sacerdote e siamogli grati perch ci dona Ges; ma soprattutto preghiamo per la sua altissima missione, che la missione stessa di Ges: Come il Padre ha mandato Me, cos Io mando voi (Giov.20,21). Una volta, una figlia spirituale di Padre Pio si accus in confessione di aver criticato alcuni buoni Sacerdoti per certi loro comportamenti non buoni, e sent rispondersi da Padre Pio con voce forte e decisa: Invece di criticarli, pensa a pregare per loro! Alla scuola dei santi impariamo anche noi a rispettare e a venerare i Sacerdoti, a pregare per la loro santificazione, ad aiutarli nella loro altis-sima missione.
(Meditazione di Padre Stefano M. Manelli, Fondatore dellIstituto dei Frati e delle Suore Francescane dellImmacolata)

Cari figli, pregate per i sacerdoti! Mio Figlio ve li ha donati. I vostri pastori devono essere nei vostri cuori e nelle vostre preghiere!
(Maria SS. a Medjugorje)