Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 7 giugno 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 22 euro 1,20

22
6 Diocesi
Un convegno teologico sul Sacro Cuore
terr MartoraSino di aCesena in due serate, marted e gioved prossimi

Bioetica
Fecondazione eterologa illegittima
arrivata nei La confermagiorni scorsi dalla Corte Costituzionale

Primo piano
Family 2012: grande folla alla messa col Papa
dei cesenati che Le testimonianze hanno partecipato allincontro di Milano

4-5

Diocesi
Corpus Domini in Cattedrale e in Altavalle
giugno a Cesena e domeGioveda7Bagno di nica 10 Romagna

EDITORIALE Labbraccio pi grande


di Francesco Zanotti
a vita si snoda lungo un tragitto imperscrutabile. Difcile comprenderne tutte le curve e controcurve. Anzi, impossibile controllarne il percorso, nonostante la pretesa avanzata da molti. Lo dimostrano ampiamente le vicende del terremoto in Emilia, anche se ora si cercano responsabilit e negligenze. Pochi ammettono limpotenza umana di fronte a eventi naturali non prevedibili. Certo, occorre mettere in campo il meglio realizzabile, consci, comunque, che non tutto calcolabile secondo schemi terreni. Non ci sono ragioni, ha detto luned scorso in Cattedrale don Paolo Pasolini ai funerali di Sabrina Blotti, la donna uccisa a colpi di pistola la scorsa settimana a Cesena. Non esistono spiegazioni per un gesto che ha tolto una madre ai propri gli e lha strappata agli affetti pi cari. Il cuore e la mente vacillano sotto il peso di pensieri che cercano un ancoraggio per non precipitare. Diciamo grazie per il dono di Sabrina, ha proseguito don Paolo. Il sacerdote ha rovesciato un ragionamento diffuso. Ha capovolto la prospettiva, ha guardato il chicco di seme caduto in terra che, se non muore, non produce frutto. Ma ha anche affrontato la realt e ha chiesto che gesti cos, speriamo non accadano pi, perch nessun glio debba patire un dolore del genere. E stato il nostro terremoto, ha ricordato ancora il parroco di San Rocco. Dora in avanti non si potr pi vivere come se quel fatto non fosse accaduto. Una citt intera si stretta nel dolore e si ritrovata smarrita nelle sue certezze messe in dubbio anche dallacuta crisi economica che non accenna a nire. Ma unaltra crisi profondissima, meno sbandierata, forse ancora pi insidiosa. Mi riferisco a quella perdita di senso della vita che rende insicuri i passi. Avvolti da una mentalit che inneggia al tutto e subito e a ogni costo, la scontta e il riuto vengono vissuti come passaggi inaccettabili. Forse in questo humus sono maturati i quattro delitti che negli ultimi mesi hanno portato il nostro territorio alla ribalta delle cronache nazionali. Una riessione necessaria per ciascuno di noi, nessuno escluso. Ci sono uninquietudine e un male di vivere molto pi diffusi di quanto si possa immaginare. Basterebbe, invece, farsi avvolgere da un abbraccio pi grande di noi.Quellabbraccio che d senso pieno al nostro affannarci quotidiano e risponde al desiderio di pienezza che ciascuno porta nel suo intimo. la risposta alla chiamata di un Altro. Un Altro che vuole il nostro bene.

Dopo il terremoto in Emilia si parla molto di costruzioni antisismiche

Un esempio da copiare

Linterno della Biblioteca Malatestiana di Cesena con il reticolo di tiranti

Paesi devastati, gente che vive fra la paura di nuove scosse e la speranza di riprendere a vivere e costruire. Il vescovo Douglas Regattieri, luned scorso, tornato nella sua terra dorigine per vedere la situazione e portare una parola di conforto. Domenica 10 giugno in tutte le chiese italiane si far una raccolta straordinaria per i terremotati. In Romagna, zonaballerinada sempre, ci si interroga sulla prevenzione. Larchitetto Giordano Conti rilancia la possibilit di mettere in sicurezza le case pi vecchie, attraverso una serie di tiranti:Basta copiare dalla Biblioteca Malatestiana, il miglior esempio di staticit ed equilibrio. Servizi alle pagg. 10, 11, 13

Cesena 14 Rifiuti, la raccolta porta a porta sar ampliata Sarsina 17 Il Comune ha presentato il Plautus Festival

Cesenatico 15 Per gli alberi continua il braccio di ferro Sport 21 Romagna Centro: gli juniores campioni regionali

GIUGNO 2012: IDEE PER UNA SETTIMANA DI VACANZA...


CRETA - villaggio 5 stelle trattamento all inclusive RODI - villaggio 4 stelle trattamento all inclusive
Informazioni e prenotazioni

da 677 euro da 680 euro

FORMENTERA - in hostal trattamento di mezza pensione TUNISIA - villaggio 4 stelle trattamento all inclusive

da 590 euro da 380 euro

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

PALMA DI MAIORCA - villaggio 4 stelle trattamento all inclusive da 487 euro MINORCA - villaggio 4 stelle trattamento all inclusive da 490 euro

ITALIA/PUGLIA - Bravo Club Village trattamento pensione completa da 347 euro ITALIA/CALABRIA - Bravo Club Village trattamento pensione completa da 270 euro

Hera,136 milioni sul territorio di Forl-Cesena


Ricaduta economica, occupazione, investimenti, qualit, sicurezza e strategie del Gruppo illustrati alla presentazione, moderata da Patrizio Roversi, del Bilancio di Sostenibilit della multiutility

ggi tendiamo a semplificare i problemi. La realt per complessa: sviluppo o sostenibilit, pubblico o privato, innovazione o tradizione. Dalla crisi e dai nostri problemi possiamo uscire solo se affrontiamo a fondo i problemi, senza slogan o pregiudizi. Il Bilancio di Sostenibilit di Hera, da questo punto di vista, un ottimo strumento. Questo il commento di Patrizio Roversi alla presentazione del Bilancio di Sostenibilit del Gruppo Hera che si tenuta nei giorni scorsi a Forl. stato Patrizio Roversi, infatti, a commentare i numeri dellattivit di Hera sul territorio di Forl nel 2011: dalla ricaduta economica a livello locale (136 milioni), agli investimenti (22,7 milioni, in parte rilevante dedicati al servizio idrico), alle emissioni in atmosfera dei termovalorizzatori (8 pr cento rispetto ai limiti di legge), ai parametri di servizio. Lo ha fatto nel corso della tavola rotonda del convegno di presentazione del Bilancio di Sostenibilit 2011 del Gruppo Hera, che si tenuto questa mattina ai Musei San Domenico, concluso dallAmministratore Delegato di Hera Maurizio Chiarini. Alla tavola rotonda hanno partecipato Massimo Balzani, direttore Unindustria Forl-Cesena, Ariana Bocchini, presidente Romagna Acque Societ delle Fonti, Filippo Pieri, segretario generale Cisl Forl-Cesena, e Alberto Zambianchi, presidente CCIAA Forl-Cesena. LA RICADUTA ECONOMICA COMPLESSIVA DEL GRUPPO SUL TERRITORIO DI FORL-CESENA VALE 136 MILIONI DI EURO Hera conferma la propria importanza per leconomia del territorio. 136 milioni infatti la ricaduta del Gruppo solo nellarea servita di Forl-Cesena, tra valore aggiunto distribuito (ad esempio stipendi ai lavoratori, dividendi agli azionisti del territorio, imposte, tasse e canoni agli Enti locali) e forniture da imprese locali. Il 66 per cento delle forniture complessive al Gruppo provengono dallintero territorio servito, un contribuito significativo al tessuto economico locale. Hera svolge gare e negoziazioni nel pieno rispetto delle normative, privilegiando sempre, coerentemente con le proprie linee guida e secondo quanto suggerito dalle autorit competenti, la formula cosiddetta economicamente pi conveniente e cio basata su un mix di valutazioni tecniche ed economiche e non secondo la formula del massimo ribasso. Hera resta, inoltre, una realt che offre opportunit di lavoro: negli ultimi tre anni nel Gruppo sono state assunte a tempo indeterminato 524 persone, di cui 148 nel solo 2011. I contratti di questo tipo nellultimo anno aumentano e raggiungono il 96,2 per cento del totale. Nella provincia di Forl-Cesena, le forniture da cooperative sociali, pari a circa 8,5 milioni di euro, hanno permesso linserimento di 116 persone svantaggiate.

Patrizio Roversi (a sinistra) insieme allAmministratore Delegato di Hera Maurizio Chiarini (foto di Enrico Rondoni) al 2010), il tempo medio di attesa di risposta al call center che si confermato sotto ai 40 secondi, sensibilmente inferiore allobiettivo di 240 secondi stabilito dallAutorit per lEnergia Elettrica e il Gas, il rispetto degli standard di qualit, fissati dalle Autorit, nel 97,4 per cento delle prestazioni erogate (circa 145mila) da Hera Forl-Cesena nel 2011 (ad esempio, tempi di esecuzione dei lavori e di attivazione delle forniture, rispetto della fascia di puntualit degli appuntamenti) e lobiettivo garantire il rispetto degli standard di qualit del 98,5% dei casi. LA SICUREZZA NEL SERVIZIO GAS Nel 2011, per il 99,7 per cento delle chiamate al pronto intervento gas, Hera intervenuta sul territorio di Forl-Cesena entro i 60 minuti, a fronte di un obbligo di servizio richiesto dallAeeg del 90 per cento e di un livello generale del 95 per cento, con un tempo medio di arrivo di 32,8 minuti. LA QUALIT DEL SERVIZIO IDRICO Lacqua immessa in rete e non fatturata nella Struttura operativa territoriale di Forl-Cesena il 19,2 per cento, a fronte di una media nazionale del 33,7 per cento (fonte: Blue Book pubblicato da Utilitatis nel 2011). Nel confronto tra le principali utility italiane rispetto allacqua non fatturata per chilometro di rete, Hera ottiene il secondo posto tra le dodici aziende considerate (fonte: confronto effettuato da Hera sulle principali aziende italiane sulla base di dati 2010, ultimi dati disponibili). CHIARINI: FORTE IMPEGNO SUGLI INVESTIMENTI E IL MIGLIORAMENTO DEGLI INDICATORI DI SOSTENIBILIT Nonostante il 2011 sia stato un anno assai difficile per tutti gli operatori economici, il Gruppo Hera riuscito a competere con successo sul mercato allargando ulteriormente la propria base clienti spiega Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato Hera . Nello stesso tempo, gli indicatori di sostenibilit dalle emissioni dei termovalorizzatori, alla percentuale di raccolta differenziata, agli indici degli infortuni sul lavoro, alle quantit di rifiuti smaltiti in discarica, evidenziano ulteriori importanti miglioramenti. Mi preme ricordare come la ricaduta economica delle attivit e degli investimenti realizzati da Hera siano sempre pi un fattore di sviluppo per leconomia del territorio come dimostrato dallindotto occupazionale che nel territorio servito stimato in 4.150 unit.

GLI INVESTIMENTI NELLA PROVINCIA DI FORL-CESENA Un capitolo importante senza dubbio quello degli investimenti operativi che, nel 2011, sono stati, nei trenta Comuni serviti dalla Sot Forl-Cesena, 22,7 milioni di euro, di cui il 64 per cento dedicati allulteriore sviluppo della qualit del servizio del ciclo idrico integrato. I principali investimenti hanno riguardato lavvio dei lavori di adeguamento dellimpianto di depurazione di Forl e il completamento della nuova centrale cogenerativa presso lospedale Bufalini di Cesena. CRESCE LA SICUREZZA SUL LAVORO Sul territorio di Forl-Cesena non solo investimenti, ma anche qualit. Nel 2011 sono stati raggiunti importanti risultati, che testimoniano la qualit del lavoro e dei servizi erogati. Lindice di frequenza degli infortuni si ulteriormente ridotto, seguendo il trend degli ultimi anni, e il numero complessivo di infortuni nella Struttura Operativa sceso a 12 dai 14 del 2010. SERVIZI AL CLIENTE AD ELEVATA SODDISFAZIONE NELLA STRUTTURA OPERATIVA DI FORL-CESENA Per quanto riguarda il servizio al cliente, lanalisi annuale, eseguita da un ente di ricerca esterno, ha certificato il grado di soddisfazione della clientela per i servizi erogati sul territorio di Forl-Cesena che, in una scala da 0 a 100, ha raggiunto il valore di 72, considerato un elevato livello di soddisfazione. Questo risultato stato trainato dalle ottime performance dei servizi al cliente, come i tempi di attesa agli sportelli (confermata nel 2011 la media di 10 minuti), che nel 2011 hanno registrato sul territorio della provincia 74mila contatti (il 17 per cento in pi rispetto

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

ra le numerose informazioni che si possono trovare nel Bilancio di Sostenibilit Hera, una parte importante riguarda la gestione del ciclo rifiuti e in particolare la raccolta differenziata che nel 2011 sul territorio provinciale stata pari al 50,1 per cento, circa 2 punti percentuali in pi rispetto al 2010. Sul territorio Hera ha incrementato del 22 per cento i contenitori per la raccolta differenziata (cassonetti, campane, bidoni) e, contestualmente, ha ridotto del 10 per cento la volumetria per la raccolta indifferenziata. Sul territorio sono inoltre presenti venti stazioni ecologiche, i centri di raccolta presidiati da operatori specializzati in cui poter portare tutte le tipologie di rifiuti non conferibili nei contenitori stradali o domiciliari.

Con il progetto Sulle tracce dei rifiuti Hera ha inoltre fatto uno studio seguendo il percorso compiuto dai rifiuti raccolti in modo differenziato sul territorio dal cassonetto fino alla re-immissione nel ciclo produttivo, a garanzia delleffettivo recupero dei materiali. Dallanalisi emerge che, mediamente, nel corso di tale tragitto, la quantit di rifiuti scartata, perch, ad esempio, non idonea al recupero o inquinata da corpi estranei, di appena il 7,9 per cento. Tutto il resto, il 92,1 per cento appunto, torna invece a nuova vita. Dei cinquantanove impianti di prima destinazione (stoccaggio, selezione o prima lavorazione) dei materiali della raccolta differenziata, cinque sono localizzati in provincia di Forl-Cesena.

IN COLLABORAZIONE CON LUFFICIO STAMPA HERA

Opinioni

Gioved 7 giugno 2012

la storia del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. A seconda di come lo si guarda, lo stesso bicchiere cambia aspetto e diventa un bene che disseta un po o che lascia ancora un po di sete. Cos la recente sentenza della Corte Costituzionale, che si pronunciata sul divieto di fecondazione eterologa prevista dalla legge 40 del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita, pare accontentare tutti o viceversa scontentare tutti, sia i fautori della legittimit del divieto, sia chi ritiene che il divieto violi i diritti umani. La Corte chiamata a decidere se la legge italiana che fa divieto di effettuare fecondazioni assistite con donatori esterni alla coppia sia conforme a costituzione ha infatti rinviato gli atti ai giudici che hanno sollevato la questione di costituzionalit, affinch la riesaminino. Una cosa certa. La Corte Costituzionale non ha dichiarato lillegittimit costituzionale della legge 40 e di conseguenza ha legittimato il divieto di eterologa. Se la Corte avesse dichiarato lillegittimit costituzionale della norma, si sarebbe verificata lipotesi, per i figli concepiti, di avere pi padri o madri biologici, con grandi problemi non solo etici e antropologici, ma anche giuridici. Dunque da salutare positivamente la decisione della Consulta, anche se era in parte prevedibile. Infatti, una prima decisione della Corte Europea dei Diritti dellUomo (Cedu) aveva affermato la violazione della convenzione europea da parte della legge austriaca, analoga sul punto a quella italiana. Fortunatamente detta decisione stata riformata in appello, con osservazioni di grande ragionevolezza e buon senso. Innanzitutto, la sentenza dappello ha riaffermato che i singoli Paesi hanno un margine di discrezionalit nel bilanciare i diversi interessi umani coinvolti, in particolar modo per quanto riguarda la procreazione assistita, visti i delicati interrogativi etici che essa suscita e che siscrivono nel rapido contesto evolutivo della scienza. La sentenza ha poi precisato che la legislazione austriaca, come quella italiana, non vieta totalmente la procreazione medicalmente assistita, in quanto autorizza il ricorso a tecniche omologhe. In questo a mio avviso afferma indirettamente che non esiste un diritto ad avere un figlio a

Fecondazione eterologa illegittima. La Corte Costituzionale conferma. Per ora


qualunque costo o condizione. Infine, i giudici hanno ritenuto che non vi sia violazione delle norme sui diritti umani, in quanto la legislazione austriaca si sforzata di conciliare lesigenza di prevedere la procreazione medicalmente assistita con linquietudine che suscitano in larga parte della societ il ruolo e le potenzialit proprie della medicina riproduttiva moderna. La Corte Costituzionale italiana non poteva non tener conto della decisione definitiva della Cedu. E cos ha fatto, non dichiarando lillegittimit della norma italiana. Resta per il rammarico di una decisione un po alla Pilato. Per non chiudere definitivamente la questione, la Consulta ha restituito gli atti ai giudici per verificare se possano residuare elementi di incostituzionalit alla luce della sentenza dappello europea. Tale valutazione avrebbe ben potuto essere svolta direttamente dalla stessa Corte Costituzionale, che cos avrebbe archiviato la pratica. Non lo ha fatto, credo pi per non dividersi al proprio interno e presso lopinione pubblica in posizioni opposte e conflittuali, che non per altro. In conclusione, non viola la costituzione il divieto italiano a procedere a pratiche di procreazione assistita eterologhe. N detto divieto viola i diritti umani. Siamo allassurdo. Lumanit si infine

ridotta a doversi giustificare rispetto a scelte assunte a tutela dei diritti umani, come se fossero invece una lesione dei diritti umani. Ammettere leterologa, ossia la possibilit di avere pi genitori biologici esterni alla coppia, una violazione dei diritti umani (sicuramente del nuovo nascituro, ma anche degli stessi genitori). Non contro i diritti umani vietarla. Eppure questo divieto che viene sospettato di essere incostituzionale e contrario alla dignit umana. Un pensierino su dove stiamo andando dovremmo farcelo tutti. Stefano Spinelli

La vita continua. E deve continuare nella speranza

I preti con la loro gente nei giorni e nelle notti del terremoto
ncora una volta, come sempre, come negli anni tragici e crudeli del passaggio del fronte nel secondo conflitto mondiale, anche nei giorni che hanno subto i colpi devastanti del terremoto che hanno accumulato le macerie delle chiese, delle antiche torri, delle tante case, dei capannoni dove ferveva lavoro incessante e intelligente, stato motivo di ammirazione la presenza forte e addolorata dei preti, i tanti parroci delle terre attraversate con prepotenza dalla irruenza del sisma.

La Vignetta

Senza nulla sottrarre ai meriti del lavoro e della generosit coraggiosa dei Vigili del Fuoco (in primis!) e del variegato mondo del volontariato, fa bene al cuore vedere sugli schermi delle televisioni (non sempre, purtroppo, sulle pagine dei quotidiani nazionali) il volto dei sindaci e dei loro collaboratori e dei preti che da subito e senza marcare lorario hanno condiviso con la loro gente la paura e le sofferenze del terremoto. E questo dice forza di speranza che non vorr deludere, dice volont di dare continuit alla storia di tante piccole o pi grandi comunit che non si rassegnano a giorni senza futuro. Chi non si commosso alla notizia che ha fatto conoscere limpegno pagato con la vita di don Ivan Martini, parroco di Rovereto sulla Secchia, che, accompagnato dai pompieri, voluto rientrare nella sua chiesa per portare in salvo la statua della Madonna, di nessun pregio artistico, ma cos venerata dalla sua gente per poter vivere sotto lo sguardo della Madre Celeste le fatiche della ricostruzione. Alla liturgia funebre del suo congedo, luned scorso, ha partecipato lamico di tanto lavoro apostolico, il nostro vescovo Douglas. La vita continua, deve continuare nella speranza. Ed ecco le immagini stupende e semplici che la Tv ci ha donato domenica scorsa: la messa di prima Comunione celebrata non nella chiesa parrocchiale, distrutta o comunque resa inagibile, ma sotto grandi tende apprestate dalla Protezione Civile. E cos la messa di ogni giorno, la festa del matrimonio che d inizio a nuove famiglie. Cos per il congedo cristiano alle vittime del drago che continua a far sussultare le terre emiliane. Buoni pastori, samaritani attenti, con la forza che viene loro dallessere mandati dal Buon Pastore, il Signore Ges che va alla ricerca della pecora che si smarrita. Una gratuit che si rinnova ogni giorno e ogni notte, perch non si pu non fare i conti con la fragilit che tutti ci connota e con gli insulti dellegoismo; una gratuit e unausterit di vita non solo al servizio di quelle comunit terremotate, ma che possono essere forte ed esigente richiamo a tutto il Paese, per affrontare non superficialmente le sfide della crisi che non , evidentemente, soltanto economico e finanziaria. Se poi la testimonianza buona dei preti del terremoto, come gi ai tempi dei sismi che colpirono il Friuli, lIrpinia, San Gregorio Magno (gemellato allora con la diocesi di Cesena), dellAquila, ha fatto crescere la stima per i nostri preti cos maltrattati da recenti tristissime vicende (una stima che peraltro non mai venuta meno) ne siamo tutti contenti. Non solo la categoria. Piero Altieri

Gioved 7 giugno 2012

Primo piano

Caro direttore, ti scrivo per raccontarti di Milano. Innanzitutto la compostezza, lordine, il silenzio durante la Messa e le testimonianze, lamicizia immediata con le persone vicine, la bellezza dei canti proposti. Mi ha colpito ancor di pi questo Papa, Benedetto XVI. Ho visto in lui una grande conoscenza del cuore delluomo. Rispondendo a una coppia di fidanzati, il Papa ha detto che "nel rito del matrimonio la Chiesa non

LA LETTERA | Un modo nuovo di vivere


ti domanda: "sei innamorato?". Il matrimonio, dunque, non richiede solo sentimento, ma "discernimento della ragione e della volont" per poter dire davanti alla persona che si ama: "S, questa la mia vita". Citando il miracolo di Ges alle nozze di Cana, ha continuato dicendo di un "primo vino, bellissimo", quello dellinnamoramento, e di un "secondo vino che deve crescere, maturare, fermentare": "lamore definitivo" ancora "pi bello e migliore del primo". Insomma il cristianesimo centra con i miei sentimenti e con il mio pensiero. Ges vuole la mia liberazione e felicit, a partire da ci che desidero e penso. Occorre il tempo

di Antonio Belluzzi

delleducazione perch lamore maturi, in una fedelt al sentimento e alla ragione in unattenzione a ci che capita e che realizza la nostra umanit. Sono contento perch limmediata accoglienza di queste parole generano un modo nuovo di vivere e di stare di fronte ai miei pazienti e alla mia famiglia. Senti questa

domanda di una coppia di ateniesi: "La nostra situazione una tra le tante, fra milioni di altre. In citt la gente gira a testa bassa; nessuno si fida pi di nessuno, manca la speranza". Cosa pu dire a tutta questa gente? Il Papa ha risposto: "Ognuno deve fare il possibile, pensando a s, agli altri con grande senso di responsabilit, sapendo che i sacrifici sono necessari e ha sollecitato una rete di gemellaggi tra le famiglie".

Il cardinale Ennio Antonelli commenta le giornate di Milano del Family 2012

Un nuovo fermento
Qual il senso profondo della difesa "a oltranza" della domenica? Il Papa ha detto che difendere la domenica difendere la libert delluomo, ed vero. Dobbiamo difendere la domenica contro linvadenza del mercato e la diffusione del lavoro no-stop. La domenica, se celebrata bene, conferisce senso e bellezza anche alla vita ordinaria; dilata la festa anche nei giorni feriali. Cos la famiglia diventa luogo di gioia quotidiana, di buon umore, di giocosit, di attenzione e dedizione reciproca, di ricchezza relazionale e affettiva, di ragionevole sobriet nei consumi. E poi per noi cristiani la festa per eccellenza la domenica, che va santificata con la partecipazione alla messa.

"La famiglia dovrebbe essere sostenuta con un disegno organico di politica familiare che tuteli lidentit e i diritti e preveda provvedimenti da attuare a piccoli passi
ual la realt, qual la finzione?". la domanda che il cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, stanco ma sicuramente soddisfatto, si pone a conclusione di una giornata e di un evento, il VII Incontro Mondiale delle famiglie a Milano dedicato ai temi di famiglia, lavoro e festa, "che meglio di cos non poteva andare, ha superato ogni mia pi rosea aspettativa". Il cardinale si

riferisce alle parole che gli sono state rivolte da Benedetto XVI, " bello stare a contatto con la Chiesa viva", e non con quella presunta dipinta in questi giorni di veleni sui giornali, ma si riferisce anche allimmagine della famiglia "vera". Quale messaggio e quale idea di famiglia emersa in questi giorni che pu contribuire allo sviluppo di un ragionamento comune tra Chiesa e societ? La famiglia normale (coppia stabile uomo-donna, unita in matrimonio, con due o pi figli) pi felice per le persone che la compongono e pi vantaggiosa per la societ perch, sebbene sia mediamente pi povera dal punto di vista economico, pi ricca di relazioni umane. La mia non unaffermazione di parte, ma stata convalidata da ricerche sociologiche rigorosamente scientifiche che abbiamo presentato durante il Congresso teologico-pastorale che si svolto nellambito del VII Incontro mondiale delle famiglie, a dimostrazione che la posizione della Chiesa non ideologica ma confermata dalle scienze e soprattutto dalla realt.

"Q

La riflessione che si sviluppata in questi giorni pu dare al mondo un contributo sul tema della conciliazione della famiglia e del lavoro? Il contributo pi specifico delle famiglie al sistema economico consiste nella formazione del capitale umano, che necessario per le imprese come il capitale finanziario e quello tecnologico. La famiglia dovrebbe essere sostenuta con un disegno organico di politica familiare che tuteli lidentit e i diritti della famiglia e preveda concreti provvedimenti da attuare progressivamente, a piccoli passi, secondo le possibilit: casa, occupazione, scuola, servizi, trasporti, ricongiungimenti familiari dei migranti. Le imprese, da parte loro, dovrebbero diventare pi amiche delle famiglie sia per solidariet umana sia nel proprio interesse perch, come ha detto il Papa, stato dimostrato che nelle aziende in cui ai dipendenti concessa maggiore flessibilit per armonizzare i propri tempi di vita c anche una maggiore produttivit.

Da Milano a Philadelphia, dove si svolger nel 2015 il prossimo Incontro mondiale delle famiglie: che cammino si prospetta nei prossimi tre anni? Vogliamo continuare a stimolare la riflessione, a tutti i livelli, su cosa la famiglia oggi: prima era scontato, oggi non lo pi certamente. Bisogna lavorare sul fronte culturale, su quello giuridico, ma anche sostenere le associazioni familiari e il loro impegno perch le cose non vanno pi avanti da sole. Come Pontificio Consiglio per la famiglia abbiamo organizzato, il prossimo ottobre, un incontro tra professori universitari e vescovi per far parlare insieme il mondo accademico e quello ecclesiale. Le famiglie devono certamente diventare esse stesse protagoniste della pastorale che le riguarda, oltre che soggetto di evangelizzazione; oltre a questo, e lho dato proprio come metodo da seguire, agli studi e allimpegno si devono accompagnare i fatti, le esperienze significative, i nuovi fermenti che si muovono nella societ. Simona Mengascini

Con il mister Benedetto c in gioco la conquista della santit. E la squadra la Chiesa

Stadio San Siro: due allenatori speciali


Al Papa "allenatore" finora non ci aveva pensato nessuno. Il paragone venuto in mente a un ragazzo, Giovanni Castiglioni, e se lidea proprio sua meriterebbe un premio. Cos ha salutato Benedetto XVI a nome dei settantamila cresimati e cresimandi convenuti nello stadio di San Siro a Milano per lIncontro delle famiglie: "Vogliamo dirti che per noi sei tu il campione pi grande e anche lallenatore dellimmensa squadra che la Chiesa". Belle immagini. Un po scontata e gi sentita la prima, quella del "campione". Se non un campione il Papa, anzi "il campione pi grande" - della fede, della cristianit, della carit, della bont ecc. - chi altri potrebbe esserlo di questi tempi? Del tutto originale la seconda. Limmagine del Papa che allena la squadra, immensa, della Chiesa lascia supporre un campionato il cui premio finale potrebbe essere costituito dallo "scudetto" della santit. Traguardo non facile, per il quale occorre allenamento costante e quotidiano, sotto la guida appunto di un buon allenatore. E di santit il Papa aveva parlato al suo giovanile uditorio. Con una esortazione: "Tendete ad alti ideali, siate santi! Ma possibile essere santi alla vostra et? Vi rispondo: certamente!". Basta avere un buon allenatore e seguirne il magistero, e voil, il gioco fatto. Non il gioco del calcio, abbastanza scaduto negli ultimi tempi per colpa dei protagonisti, ma un "gioco" pi importante, pi impegnativo, quello per la conquista della santit. Il Papa ha sorriso nel sentirsi paragonato a un allenatore. E, chiss, forse avr ricordato di aver usato anche lui questa immagine sportiva. Non per s stesso, ma per un "personaggio" pi in alto, quasi - anzi senza quasi - un "super allenatore", di cui il Papa rappresenta il "vice" su questa terra. AllAngelus di domenica 29 gennaio 2006, anche allora rivolto a un pubblico giovanile, i ragazzi dellAzione cattolica di Roma, papa Benedetto cos si era espresso: "Cari ragazzi! So che vi siete proposti di allenarvi alla pace, guidati dal grande allenatore che Ges", e dopo questa premessa aveva affidato ai giovani il suo messaggio del 1 gennaio affinch diventassero, essi stessi, costruttori di pace. Il "grande allenatore che Ges"! Se lo dice il Papa, a sua volta allenatore, dovremmo crederci. E sarebbe un peccato non partecipare anche noi, sotto la guida di questi due straordinari allenatori, che "lavorano" senza contratto e senza stipendi favolosi, al campionato per la conquista dello scudetto della santit. Piero Isola

Primo piano
Il trasferimento In attesa del Papa

Gioved 7 giugno 2012

Accoglienza in parrocchia

Family 2012Le prime impressioni, raccolte a caldo, intervistando alcuni dei partecipanti al grande incontro con il papa della scorsa settimana. In tutti, gioia e gratitudine

Milano: il nostro essere famiglia


Il gruppo dei cesenati che si recato a Milano con lUfficio famiglia della Diocesi

a Cesena-Sarsina sono state pi di cento le persone che si sono recate al Family 2012 di Milano, il grande incontro mondiale del Papa con le famiglie, lo scorso fine settimana. Riportiamo alcune delle impressioni raccolte a caldo, addirittura sul pullman durante il ritorno, da Floriana e Ivan Bartoletti Stella. Polvere, afa, sudore, stanchezza, odore di salviette usa e getta, panini al salame, pannolini appena usati ma andare, canti, applausi, sorrisi, saluti per strade, nel parco e mille bandiere, mille voci, mille odori e allora non senti stanchezza, ma vigore. Non respiri rassegnazione, ma speranza. Rita e Maurizio "Lesperienza straordinaria del popolo di Dio che la Chiesa, unita nel nome di Ges intorno al successore di Pietro". Mi porto a casa queste parole di Benedetto XVI che con la tenerezza di un padre raccomanda: "Care famiglie, non trascurate il giorno del Signore che rende armonioso il lavoro e la festa!" Vincenza e Massimo Da questa esperienza portiamo a casa diverse perle preziose: anzitutto il calore dellaccogliere che persone a noi completamente sconosciute ci hanno riservato. Abbiamo vissuto un forte senso di comunione con loro e fra di noi che ha accresciuto in noi il senso di appartenenza alla chiesa. I trasferimenti a piedi, circondati da centinaia di persone, incamminate verso lo stesso traguardo, ha risvegliato in noi la consapevolezza di essere in cammino, un andare a volte faticoso o irto di ostacoli, altre volte gioioso e festoso. Marco e Giovanna Accoglienza, apertura, disponibilit, fatica, lavoro, festa la vita di ogni famiglia questo intreccio. Incontrarsi come famiglia di tutto il mondo ci d la speranza di guardare a questo intreccio non come ad un susseguirsi di fatti casuali, ma di leggerci la trama bella e colorata che il Signore ha costruito sullordito della nostra quotidianit. Floriana e Ivan Una calorosa accoglienza e tanti sorrisi, un po di fatica e di

condivisione e unione che abbiamo vissuto tutti insieme: cose che dovrebbero essere sempre presenti allinterno di tutte le nostre famiglie, come stato pi volte rimarcato dal Santo Padre. Un grazie a tutti di cuore. Una famiglia di famiglie per condividere o paure e difficolt per migliorare con il lavoro, per crescere in santit, per santificare la festa, per gioire della vita. Clio e Michele con Pietro VII incontro Mondiale delle Famiglie: una intensa esperienza di incontro e accoglienza fra noi, in parrocchia, nelle famiglie e con il Papa Benedetto. Grazie per averlo vissuto, lieti di testimoniarlo. Fausto e Rita La disponibilit, laccoglienza delle famiglie di Milano e le parole del Papa ci hanno dato una nuova carica per poter vivere la quotidianit della vita familiare con ritrovato entusiasmo. Raffaella e Stefano La tenerezza e la semplicit con cui il Papa ha risposto alle varie domande, durante le testimonianze del sabato, ci ha fatto sentire calore. Di fronte a Dio simo tutti uguali, tutti speciali, bisognosi di essere amati. compresi e aiutati. Grazie al coraggio di tante coppie provenienti da tutto il mondo, laprirsi a noi confidando il loro vissuto quotidiano, le ansie e le speranze ho sentito crollare le barriere culturali ed etniche e sorgere ununica e immensa famiglia, il popolo di Dio. Siamo partiti pieni di aspettative, lungo il percorso abbiamo maturato una predisposizione danimo, di apertura verso laltro torniamo a casa arricchiti di incontri e relazioni come se fossimo ununica grande famiglia. Tocca a noi genitori far assaporare ai nostri figli un pezzetto di paradiso, attraverso un clima familiare sereno e gioioso, sia nei momenti felici, sia in quelli pi duri e difficili che la vita pu riservare. Ecco uno degli insegnamenti che rimangono nel nostro cuore dopo lesperienza del Family 2012. Andrea e Sabrina

sudore, ma ne valsa la pena per festeggiare 9 anni di matrimonio. Portiamo a casa la speranza e la gioia di questo incontro. Laccoglienza della parrocchia di san Murialdo e delle famiglie che ci hanno ospitato, ci ha scaldato il cuore. Speranza, vissuta, testimoniata, cantata! Un augurio e un impegno preso. Stefano e Angela La sentita accoglienza ricevuta e la serenit vissuta tra le nostre famiglie in armonia hanno permesso di percepire il grande valore della festa. Lincontro festoso e profondo col santo Padre ha arricchito il nostro esser coppia dentro la chiesa in cammino. Grazie a tutti! Graziella e Lele Lesperienza di questi due giorni a Milano ci ha donato la gioia di essere famiglia cristiana, di essere famiglia di famiglie, Chiesa universale. Massimiliano e Valentina Bellissima esperienza di comunit e semplicit anche se un po faticosa, come solo sono tutte le esperienze di relazione e quelle spirituali. Ci hanno colpito la spiegazione dellinnamoramento e dellamore fatto dal Santo Padre attraverso il miracolo delle nozze di Cana. Il "primo vino" buono e inebria, ma finisce presto e bisogna

aspettare il "vino buono" che non finisce e piace al palato. Moreno e Carmen Un grazie al Papa per aver richiamato che il bene pi grande viene dal rapporto con Ges raccomandando che le famiglie non vivano isolate, ma inserite nella vita delle comunit cristiane, che sono "il corpo di Cristo" presente e incontrabile oggi; raccomandando di accogliere tutti coloro che , per situazioni irregolari, non possono ricevere i sacramenti, inserendoli nella vita della comunit cristiana. Iniziata malissimo come ogni volta che si fa fare ad un adolescente una cosa che lui non vuole fare. Proseguita bene con laccoglienza gioiosa in parrocchia e calorosa in famiglia (nella Milano super indaffarata). Che lezione! Finita in maniera splendida con la conferma del Papa che lamore di Dio alla portata dellumana capacit e con laver vissuto ancora una volta la magia delluniversalit della Chiesa. Il momento pi toccante di queste due giornate a Milano stata la festa delle testimonianze di sabato sera, quando il Papa ha risposto alle domande delle varie coppie intervenute. In particolare sul tema dellamore "per sempre"

Benedetto XVI ci ha dato uninterpretazione dellepisodio delle nozze di Cana che non avevamo mai pensato. Nella vita di coppia allattrazione iniziale deve seguire lamore pi vero in cui ai sentimenti si affiancano la ragione e la condivisione di un progetto insieme. Marcello e Sandra Quando il Papa ha ricordato la sua infanzia, ricordi carichi di tenerezza: i momenti vissuti con i genitori, il fratello condividere la tavola, la preghiera e la Messa della domenica con i genitori, cantare e suonare insieme alle famiglie, come il babbo e la mamma vivono nella quotidianit la loro fede. "Cos - ha detto il Papa - mi immagino sia il paradiso, laltra vita: rivivere quella felicit". Quanta gioiosa responsabilit per i genitori. Festa della Santissima Trinit e giornata mondiale delle famiglie: straordinaria coincidenza! Abbiamo sentito fin da subito la presenza della Trinit che ci attraeva a s e ci invitava a guardarla per imparare il ritmo dellamore. Grazie a tutti per la grande disponibilit e per questo senso di unit che ci avete dato. Angela e Norberto Di questi 2 giorni mi piaciuto il clima di accoglienza,

Gioved 7 giugno 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Solenne celebrazione diocesana del Corpus Domini


Gioved 7 giugno alle 20,30 in Cattedrale a Cesena
Il vescovo Douglas Regattieri presieder la concelebrazione eucaristica del Corpus Domini, gioved 7 giugno alle 20,30 in Cattedrale a Cesena. Seguir la solenne processione con questo percorso: corso Mazzini, via Carbonari, via Cesare Battisti, chiesa di San Domenico.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Alzer il calice della salvezza e invocher il nome del Signore
Domenica 10 giugno - Anno B Ss. Corpo e Sangue di Cristo Es 24,3-8; Sal 115; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26
senza misura il suo, per noi. Ogni volta che celebriamo lEucaristia, si rinnova lAlleanza tra Dio e noi. Ogni volta che mangiamo il corpo di Ges o beviamo il suo sangue, diventiamo una sola cosa con Lui. Ladorazione eucaristica il nostro stare con Lui e Lui con noi. Unadorazione fatta di ascolto silenzioso della sua Parola e di preghiera per tutti. Ges ha fatto di tutta la sua vita un dono. diventato pane spezzato per luomo. Questo il mio corpo, cio Questo sono io. Nutrirci di Lui, entrare in comunione con Lui, significa condividere la sua scelta. Diventiamo anche noi pane spezzato a disposizione dei fratelli. Non si tratta di un incontro devozionale con Ges. un incontro che cambia, trasforma la vita. Quella messa che celebriamo nel rito liturgico, deve continuare nella vita quotidiana attraverso il nostro donarci e servire i fratelli. Dobbiamo diventare ostensori di Cristo con la nostra vita nel mondo, in ogni ambiente. Essere ostensori vuole dire portare Cristo e far vedere Cristo con la nostra testimonianza. Chi vede un cristiano deve poter dire che ha incontrato Cristo dal suo modo di pensare e di vivere. DallEucaristia nasce sempre una grande missione: portare Cristo. Sauro Rossi

Raccolta fondi per i terremotati


Domenica 10 giugno in tutte le parrocchie
Una colletta pro terremotati in tutte le chiese della Diocesi. Si svolger domenica 10 giugno presso tutte le IL DUOMO parrocchie, associazioni, i gruppi e DI MIRANDOLA movimenti di ispirazione cristiana. La (FOTO SIR) raccolta sar a favore dellemergenza Terremoto Nord Italia 2012, in sintonia con quanto predisposto dalla Caritas Italiana. Le offerte verranno raccolte presso il Centro pastorale di Palazzo Ghini, a Cesena, oppure negli uffici della Curia. Possono inoltre essere versate direttamente sul conto corrente intestato alla Caritas n. 12130, presso la Cassa di Risparmio di Cesena con la causale Terremoto nord Italia 2012. Lintera somma raccolta verr inviata alla Caritas Italiana per interventi urgenti sui luoghi colpiti dal terremoto del 20 e del 29 maggio scorsi.

La Parola di ogni giorno


luned 11 giugno san Barnaba ap. At 11,21b-26; 13,1-3; Sal 97; Mt 10,7-13 marted 12 santOnofrio 1Re 17,7-16; Sal 4; Mt 5,13-16 mercoled 13 SantAntonio di Padova 1Re 18,20-39; Sal 15; Mt 5,17-19 gioved 14 santEliseo profeta 1Re 18,41-46; Sal 64; Mt 5,20-26 venerd 15 Sacro Cuore di Ges Os 11,1.3-4.8c-9; Cant Is 12; Ef 3,812.14-19; Gv 19,31-37 sabato 16 Cuore Immacolato di Maria 1Re 19,19-21; Sal 15; Mt 5,33-37

Festa del Corpus Domini a Bagno di Romagna


Nel 600esimo anniversario del miracolo eucaristico
La parrocchia di Santa Maria Assunta in Bagno di Romagna invita alla Festa del Corpus Domini, domenica 10 giugno, questanno particolarmente solenne in quanto si ricorda il 600esimo anniversario del miracolo eucaristico. Nella Basilica di Bagno di Romagna messe alle 8 e alle 11,15. Alle 17, in piazza Ricasoli, celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri; seguir la processione per le vie del paese. Le liturgie della giornata saranno animate dalle corali delle parrocchie della Zona pastorale Sarsina-Alta Valle del Savio e dalla banda Santa Cecilia.

uesta solennit risale al XIII secolo. Le letture di oggi possiamo riassumerle in un unico tema, quello dellalleanza. La prima lettura dallEsodo ci racconta lalleanza antica stipulata da Dio con Israele dopo la liberazione dallEgitto. Attraverso un rito di fondazione il sacrificio di comunione Dio e il suo popolo si legano in modo indissolubile. La seconda lettura, dalla Lettera agli Ebrei, ci presenta il mediatore della nuova alleanza: Ges Cristo, sommo sacerdote. Cristo allo stesso tempo sacerdote e vittima. Il Vangelo ci riporta allultima cena, con la quale Ges ha fondato la nuova alleanza, loblazione sacrificale di se stesso. Prendete, questo il mio Corpo questo il mio sangue. Nelleucaristia Ges ci lascia se stesso. Con il dono del suo corpo e del suo sangue la potenza di Dio si autoconsegna alla debolezza degli uomini, alle fragili mani della Chiesa. Ges si abbassato al massimo, nascondendosi in un po di pane e di vino per farsi nostro cibo e per poter stare sempre con noi. un amore

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in Valle, Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, 17.00 17.30 18.00 18.30 19.00 20.00 San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Rocco, San Pietro, Cappuccini, San Domenico, Osservanza San Bartolo Mare; 21 San Giacomo, San Pietro (Ponente), Boschetto Festivi: 7 Gatteo a Mare; 7,30 Valverde; 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe, Gatteo a Mare, Valverde; 9,15 San Pietro; 9.30 Cannucceto; 10 San Giacomo; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,30 Santa Maria Goretti; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20.30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.30 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.15; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 18.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18.30 (sabato); 8 / 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, SantEgidio, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche), San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, Santo Stefano, San Vittore, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 18.30 San Pietro, San Domenico, SantEgidio, San Rocco, Cappuccini, Case Finali, Santa Maria della Speranza 19.00 San Bartolo, San Giorgio, Osservanza 20.00 Gattolino, Tipano, Bulgaria 20.30 San Giovanni Bono, Ponte Pietra, Martorano, Ruffio, Villachiaviche, San Pio X, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Pioppa, Bulgarn, Calisese, San Cristoforo, Borello

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto, Villamarina; 18 Gatteo a Mare; 18,30 Valverde; 18,45 San Giuseppe; 19 Camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti; 20,30 Sala, Villalta; 20,45 Gatteo a

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 21 del 31 maggio 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 5 giugno 2012

Vita della Diocesi


i nastri partenza una Aquattrodiinizio alle 21. scuola di missionariet. Sono gli incontri che si terranno in seminario, a Cesena, con Al primo appuntamento, venerd 8 giugno, il vescovo Douglas interverr sui fondamenti teologici della missione. Venerd 15 giugno don Crescenzio Moretti tratter della missione pi in generale, mentre il 29 giugno, suor Marta Ventrucci affronter il tema Nord e Sud del mondo. Chiuder la serie il vescovo Douglas, marted 3 luglio, predicando un ritiro spirituale. La scuola una risposta al desiderio espresso da monsignor Regattieri nella lettera scritta dopo la visita alla parrocchia di Playa Grande, a Carupano, in Venezuela. Per questo - scrive monsignor Regattieri - invito giovani e adulti che desiderano far esperienza missionaria di prendere contatto col parroco e col Centro Missionario. La partecipazione agli incontri non esclude le persone disponibili a conoscere meglio il volontario missionario, lattivit del centro missionario e la visita ad altri luoghi di missione, cos scrive il direttore del Centro missionario diocesano, don Piero Teodorani, in una circolare inviata ai parroci e ai responsabili di associazioni, movimenti e gruppi. Per info si pu contattare il Centro missionario diocesano allo 0547 333179, oppure al cellulare 347 3395149.

Gioved 7 giugno 2012

In breve
Sulle orme di madre Teresa Lega
Le suore francescane della Sacra Famiglia invitano al tradizionale Cammino sulle orme di madre Teresa Lega, fondatrice dellIstituto, che si terr sabato 9 giugno. Alle 16 partenza in auto dalla casa di via Mami, a Cesena. Alle 17,30 ritrovo alla Casa del vento, a Brisighella; alle 21 conclusione del pellegrinaggio a Modigliana con cena in fraternit. Per informazioni e adesioni: suor Ornella, tel. 0546 941033, suor Chiara 0541 621138.

Incontri missionari

Martorano Alle 21 la concelebrazione presieduta dal vescovo emerito di Carpi ElioTinti

Solennit del Sacro Cuore di Ges. Le celebrazioni di venerd 15 giugno al Santuario.

Una festa per incontrare linfinito


acro Cuore di Ges: si avvicina la solennit che in Diocesi si festeggia in alcune parrocchie e soprattutto al Santuario diocesano di Martorano. Questanno la celebrazione assume un significato particolare in quanto coincide con lanniversario della fondazione della parrocchia datato 1612. Papa Benedetto, in occasione della solennit del Sacro Cuore, nel suo messaggio ha scritto che Il cuore di Dio freme per compassione.

dal 16 al 18 agosto

INTERNO DEL SANTUARIO DEDICATO AL SACRO CUORE DI GES, A MARTORANO DI CESENA

Al Centro Pastorale si completano le iscrizioni


La diocesi di Cesena-Sarsina propone - dal 16 al 18 agosto - un pellegrinaggio a Fatima (Portogallo), guidato dal vescovo Douglas Regattieri. Quota individuale complessiva: 650 euro. Per info e iscrizioni: Centro Pastorale di Palazzo Ghini, Cesena, tel. 0547 611001 .

Nel 600esimo anniversario della devozione nel santuario cesenate, promosso un convegno in due serate negli ambienti parrocchiali, marted 12 e gioved 14 giugno
Nellodierna solennit del sacratissimo Cuore di Ges la Chiesa offre alla nostra contemplazione questo mistero, il mistero del cuore di un Dio che si commuove e riversa tutto il suo amore sullumanit. Dallorizzonte infinito del suo amore Dio ha voluto entrare nei limiti della storia e della condizione umana, ha preso un

corpo e un cuore; cos che noi possiamo contemplare e incontrare linfinito nel finito, il Mistero invisibile e ineffabile nel Cuore umano di Ges, il Nazareno. E ancora: Ognuno di noi, quando si ferma in silenzio, ha bisogno di sentire non solo il battito del proprio cuore ma, pi in profondit, il pulsare di una presenza affidabile, percepibile coi sensi della fede e tuttavia molto pi reale: la presenza di Cristo, cuore del mondo. In preparazione alla festa del Sacro Cuore spiega il parroco don Andrea Budelacci abbiamo organizzato un

convegno teologico spirituale sul tema Il cuore di Cristo segno di misericordia. Marted 12 giugno alle 21, presso i locali della parrocchia, don Erio Castellucci affronter un approfondimento teologico su Il cuore misericordioso di Cristo. Mercoled 13 giugno, alle 20,30, la comunit celebra il sacramento della Penitenza. La sera successiva, gioved 14 giugno alle 21, il vescovo Douglas Regattieri terr un momento di riflessione sul tema Spiritualit e Riparazione. Venerd 15, giorno della festa, al mattino la messa sar celebrata alle 8 e alle

10. Sar disponibile anche un sacerdote per le confessioni. Nel pomeriggio, alle 15, si terr ladorazione guidata mentre alle 16 saranno celebrati i Vespri, seguiti dalla messa. Alle 21 la solenne concelebrazione eucaristica sar presieduta da monsignor Elio Tinti, vescovo emerito della diocesi di Carpi. Guider il canto il coro parrocchiale di Martorano. Sabato 16 si ricorda la solennit del Cuore immacolato di Maria. Alle 8 del mattino sar celebrata la messa, mentre ladorazione eucaristica, seguita dalla recita del rosario, si terr nel pomeriggio alle 15. Cristiano Riciputi

Imprenditori cattolici Incontro a San Zenone


Venerd 15 giugno a Cesena, nella chiesa di San Zenone (via Uberti, centro storico), si terr lincontro della sezione provinciale dellUcid, Unione cristiana imprenditori dirigenti. Crisi economica e crisi di valori. Alle 19,30 nella chiesa di San Zenone celebrazione della messa e saluto del vescovo Regattieri. A seguire, nella sala convegni di Palazzo Romagnoli (via Uberti) relazione del segretario nazionale Ucid Giovanni Scannagatta, su La ripresa dello sviluppo come responsabilit degli imprenditori e dei dirigenti cristiani.

Albergo Monte Fumaiolo ***


a nuov ne o gesti
Lalbergo MONTE FUMAIOLO (1.200 mt. slm) in localit Balze, situato in posizione tranquilla e in mezzo al verde. il punto ideale di partenza per escursioni e passeggiate e per vivere a stretto contatto con la natura. Si trova a 300 metri dalle sorgenti del Tevere. facilmente raggiungibile dalla superstrada E45. Il men del pranzo e della cena a scelta tra le due proposte dello chef. Buffet di verdure fresche a scelta.

Per le vostre vacanze... scegliete le sorgenti del Tevere... al Fumaiolo


dal 10/06 al 17/06 dal 02/09 al 09/09 prezzi per persona mezza pensione pensione completa 30 euro 38 euro dal 17/06 all1/07 dall1/07 al 29/07 dal 19/08 al 02/09 37 euro 45 euro dal 29/07 al 19/08

34 euro 42 euro

47 euro 55 euro

PER CAMERE SINGOLE O DOPPIE USO SINGOLA: SUPPLEMENTO + 15%

LHOTEL DISPONE DI QUESTI SERVIZI: sala bar, sala tv, sala colazioni, parcheggio, terrazzi, telefono in camera. PER GRUPPI contattare lhotel.

ALBERGO MONTE FUMAIOLO: via Tevere, 26 - 47028 Balze di Verghereto (Fc) - tel. 0543 906614 cell. 393 9234448
www.hotelmontefumaiolo.it info@hotelmontefumaiolo.it

Gioved 7 giugno 2012

Vita della Chiesa

La lezione di papa Benedetto XVI al teatro alla Scala, a Milano


II cilioVaticano 50esimo Con
VENERD 1 GIUGNO PAPA RATZINGER HA ASSISTITO ALLA NONA SINFONIA DI BEETHOVEN DIRETTA DAL MAESTRO DANIEL BARENBOIM (FOTO SIR)

Catholica
di Stefano Salvi

BOMBA DAVANTI A UNA CHIESA IN NIGERIA


Secondo il sito di Avvenire del 3 giugno, una bomba esplosa appena fuori il cancello della Harvest Field Pentecostal dove era in corso il servizio religioso della domenica nella periferia di Bauchi, nord della Nigeria, uccidendo una decina di persone. La tecnica usata per lattentato quella di unautobomba, guidata da un terrorista suicida, usata tante volte dal gruppo islamico radicale Boko Haram.

Musica e preghiera
etti una sera la Scala, un Papa e la nona di Beethoven. Un momento davvero straordinario della visita che Benedetto XVI ha compiuto a Milano per lincontro mondiale delle famiglie. Solo un altro Papa, Giovanni Paolo II, era entrato, novembre 1984, nel tempio della musica per eccellenza. Ecco che le note diventano loccasione per una riflessione sulla musica e sulla sua forza di avvicinare i popoli, anche in momenti difficili come quelli che il Paese sta attraversando: la crisi che tocca le famiglie, il terremoto che ha ferito il territorio dellEmilia. Cos il quarto movimento della sinfonia che accoglie lode di Friedrich Schiller Inno alla gioia modificato nel suo inizio proprio da Ludwig van Beethoven, stato, per Benedetto XVI, il punto di partenza per dire che non una gioia cristiana quella che Beethoven canta, ma una visione ideale di umanit, la gioia della fraterna convivenza dei popoli, della vittoria sullegoismo, ed il desiderio che il cammino dellumanit sia segnato dallamore, quasi un invito che rivolge a tutti al di l di ogni barriera e convinzione. Ecco perch afferma che in questo canto non proviamo gioia ma dolore per cos tanta e incomprensibile distruzione che costata vite umane, che ha tolto casa e dimora a tanti c un invito ad andare oltre: Non abbiamo bisogno di un discorso irreale di un Dio lontano e di una fratellanza non impegnativa. Siamo in cerca del Dio vicino. Cerchiamo una fraternit che, in mezzo alle sofferenze, sostiene laltro e cos aiuta ad andare avanti. Un Dio che soffre con noi e per noi e cos ha reso gli uomini e le donne capaci di condividere la sofferenza dellaltro e di trasformarla in amore. Invito, dunque, ad essere vicini a quanti si trovano nelle difficolt.

CATTOLICI, IND E MUSULMANI DIFENDONO UN VESCOVO


Secondo lagenzia AsiaNews del 28 maggio, oltre 5mila cattolici, musulmani e ind, sia laici che religiosi, sono scesi in piazza per difendere monsignor Rayappu Joseph, vescovo di Mannar in Sri Lanka dallaccusa del ministro per lindustria e per il commercio di fomentare la popolazione tamil contro i musulmani della zona. I partecipanti al raduno hanno lanciato un appello al ministro perch presenti le sue scuse ufficiali al vescovo. Un iman musulmano in pensione ha dichiarato: Le dichiarazione del ministro, un musulmano, sono da condannare. Apprezziamo quello che fa il vescovo per tutta la gente di Mannar. Un ind ha aggiunto: Ammiriamo davvero quello che monsignor Joseph fa. La sua dedizione incredibile. Egli agisce nellinteresse di ciascuno di noi: tamil, cingalesi, cattolici, ind, musulmani. Non ho mai visto nessun sacerdote ind agire allo stesso modo.

Nelle parole che il Papa pronuncia c, a mio avviso, una sintesi efficace di ci che la riforma liturgica ha voluto avviare e la Costituzione Sacrosanctum Concilium, del 4 dicembre 1963, ha esplicitato. Un cammino lungo che i padri conciliari hanno reso evidente con alcune rivoluzioni, quasi un andare oltre. La liturgia doveva cambiare, e non solo con la disposizione dellaltare a favore dei fedeli perch potessero partecipare, dialogare con il celebrante. Prima, il rito celebrato di spalle al popolo, in lingua latina, non permetteva una continuit partecipativa: vi era s la sacralit del rito, ma ai fedeli spettava solo di dire, di tanto in tanto, un amen. E non pochi, seminaristi compresi, accoglievano quel tempo per una recita del rosario, in attesa della comunione. Lintroduzione delle lingue cosiddette volgari, accanto al latino, sono un altro elemento che il Concilio ha voluto dare per una maggiore partecipazione ai riti da parte del popolo di Dio: Non di rado luso della lingua nazionale pu riuscire di grande utilit per il popolo, si legge nella Sacrosanctum Concilium, per questo i padri conciliari chiedevano di dare alla lingua nazionale una parte pi ampia, specialmente nelle letture e nelle ammonizioni, in alcune preghiere e canti. Di pi, consapevole della diffusione del cristianesimo in terre dove vi una diversit di tradizioni, il Concilio apriva le porte a questi popoli e alle loro culture, pur nel rispetto del vero e autentico spirito liturgico. Cos abbiamo potuto vedere, ad esempio nei viaggi compiuti da Giovanni Paolo II in terra dAfrica, Asia o Oceania, celebrazioni in cui i popoli accompagnavano con danze rituali lingresso del Vangelo. Tutto questo proprio per consentire ai fedeli di non assistere come estranei o muti spettatori a questo mistero di fede,

ma, comprendendolo bene nei suoi riti e nelle sue preghiere, partecipino allazione sacra consapevolmente, piamente e attivamente. Anche nella musica il Concilio dava delle indicazioni precise, evidenziando non solo la dignit della musica sacra, e il canto gregoriano come canto proprio della liturgia romana, ma anche accogliendo il canto polifonico, e promuovendo il canto religioso popolare, in modo che nei pii e sacri esercizi, come pure nelle stesse azioni liturgiche [] possano risuonare le voci dei fedeli. Infine ecco la rivoluzione pi grande, linvito a dare dignit alla musica sacra dei popoli nelle terre di missione. Si legge nella costituzione conciliare: In alcune regioni, specialmente nelle missioni, si trovano popoli con una propria tradizione musicale, la quale ha grande importanza nella loro vita religiosa e sociale. A questa musica si dia il dovuto riconoscimento e il posto conveniente tanto nelleducazione del senso religioso di quei popoli, quanto nelladattare il culto alla loro indole. Torniamo infine al Concerto al Teatro della Scala e a quella nona sinfonia che fin dalle prime battute, ha ricordato il Papa, crea un clima di attesa di qualcosa di grandioso e lattesa non delusa. Si tratta di quelle parole o amici, non questi toni, intoniamone altri di pi attraenti e gioiosi, parole famose che, in un certo senso, segnano per il Papa un voltare pagina. Come un voltare pagina stato con il Concilio la costituzione sulla Sacra liturgia, tanto che Giovanni Paolo II, 25 anni pi tardi, poteva dire: Il rinnovamento liturgico il frutto pi visibile di tutta lopera conciliare. Per molti il messaggio del Concilio Vaticano II stato recepito innanzitutto mediante la riforma liturgica. Fabio Zavattaro

IN INDONESIA CHIUSE 23 CHIESE


Nellisola indonesiana di Sumatra a maggio sono state chiuse 23 chiese di diversa denominazione cristiana, fra le quali 3 chiese cattoliche nei distretti di Balno Lae, Suka Makmur e Madumpang. Allagenzia Fides del 31 maggio il parroco della chiesa di Sidikalang ha dichiarato: LIslamic Defender Forum, composto da organizzazioni radicali, fa pressioni sul governo per fare chiudere le chiese che sono considerate illegali, le chiese non autorizzate o le sale di preghiera. Il Governo locale, temendo queste organizzazioni violente, sta cedendo.

CRISTIANI PERSEGUITATI NEL KASHMIR INDIANO


Nel Kashmir indiano la sera del 23 maggio stato appiccato il fuoco alla chiesa cattolica della Sacra Famiglia di Sranigar, distruggendo del tutto lentrata principale. Il presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) ha affermato ad AsiaNews del 25 maggio: Quanto accaduto non un caso isolato. Con questi gesti, la comunit musulmana cerca di intimidire la minoranza cristiana. Ma i cristiani a Srinagar non sono nemmeno 400 persone: mi appello al Governatore dello Stato, un musulmano che ha studiato in istituti cristiani. Deve proteggere tutta la popolazione di Srinagar, anche le minoranze.

Attualit

Gioved 7 giugno 2012

Unione Europea. Sotto i riflettori le vicende in Irlanda, Spagna, Grecia e Ucraina Il treno dellEuropa di domani potrebbe passare anche da Kiev

Un quadrilatero inquieto
i gioca in un ideale "quadrilatero" la politica europea di queste settimane. Pur riconoscendo che la prima emergenza per lintero continente resta quella economica, occorre considerare che "non di solo pane vive luomo" Cos lUe guarda a Dublino, Madrid, Atene e Kiev. Anzitutto lIrlanda, dunque, dove il 31 maggio gli elettori hanno espresso il loro parere favorevole al Fiscal compact, ovvero al trattato che stabilisce regole relativamente rigide per tenere sotto controllo i bilanci pubblici, favorendo al contempo la governance e aprendo la strada - proprio grazie a finanze virtuose - a investimenti per la crescita e loccupazione. Il "trattato sul bilancio" un testo intergovernativo, firmato lo scorso marzo da 25 Stati Ue (tutti meno Regno Unito e Repubblica Ceca), il quale attende di essere ratificato dai sottoscrittori. LIrlanda era guardata con timore, avendo deciso, caso unico, di procedere per via referendaria. Il via libera a larga maggioranza giunto da Dublino lascia intendere che non ci dovrebbero essere ulteriori ostacoli allentrata in vigore dellaccordo il prossimo 1 gennaio. Al di l del suo contenuto specifico, il Fiscal compact un segnale della volont dellEuropa comunitaria di uscire, tutta insieme e solidalmente, dalla crisi. Questo trattato per da solo non baster e dovr essere affiancato da altre misure allo studio, che saranno portate al Consiglio Ue del 28 e 29 giugno: dal ruolo del fondo salva-Stati ai project bond, dalla "unione bancaria" agli eurobond, dal rafforzamento della Bce fino alle manovre monetarie e fiscali per rendere lUe un

FOTO SIR

partire dall8 giugno, e fino al 1 luglio, si svolgeranno infatti i Campionati europei di calcio, co-organizzati da Polonia e Ucraina. Quando, cinque anni or sono, lUcraina fu indicata per ospitare levento sportivo, rappresentava ancora una strada originale, pacifica e tenace - quella della "rivoluzione arancione" - per passare dalleredit sovietica alla "casa comune" europea. Ora lo scenario interno mutato: se le forze che avevano inventato la rivoluzione arancione hanno in grossa parte fallito la propria missione, la nazione si trova al momento in mano a un presidente-padrone, Victor Yanukovich, che tende a smarcarsi dagli avversari politici non mediante libere elezioni ma usando vie giudiziarie e repressive (come con il processo farsa e la detenzione dellex premier

Pur riconoscendo che la prima emergenza per lintero continente resta quella economica, occorre considerare che non di solo pane vive luomo
mercato unico, competitivo, al riparo dalla speculazione e dalla concorrenza di Stati Uniti, Cina e altri giganti del mondo. Ed ecco la Spagna, secondo "spigolo" del quadrilatero sotto i riflettori. La Spagna, quinta grande economia continentale, sta attraversando una lunga fase di profonda recessione. I dati di bilancio, quelli occupazionali e quelli relativi alla produzione e ai consumi,

lasciano pensare a un Paese in ginocchio. Per ripartire, Madrid ha bisogno di un aiuto immediato per sanare un sistema bancario indebolito, cos che esso possa tornare al suo compito creditizio, per aiutare le imprese a investire e far ripartire leconomia. Proprio in queste ore si lavora, tra Bruxelles (Consiglio e Commissione Ue) e Francoforte (Banca centrale) a una strategia salva-banche iberiche. possibile che, se si trovasse una sponda sicura nella Germania di Angela Merkel, tale piano giunga sul tavolo del summit di fine giugno. Nonostante il costo, converrebbe probabilmente a tutti: tendere la mano a Madrid significa salvare leuro e lintegrazione europea nel suo complesso. Il terzo polo geografico Atene, che si trova economicamente peggio della Spagna, necessita con

altrettanta urgenza di aiuti finanziari, ma che, paradossalmente, deve decidere se accettarli o meno. Alle elezioni legislative di inizio maggio nessuna forza politica usc vincitrice: limpossibilit a formare un governo in grado di gestire la crisi obblig il ritorno alle urne. Ebbene, il 17 giugno i greci dovranno nuovamente esprimersi pi che con un voto per lelezione del parlamento, con una sorta di referendum pro o contro la moneta unica, ovvero un s o un no a restare in Europa. La quale richiede grossi sacrifici economici e sociali ai greci, ma al contempo promette di salvare il Paese mediterraneo dal default, con il rischio di aprire la strada a scenari politici ed economici ben pi pesanti di quelli attuali. Lultimo vertice del quadrilatero politico europeo rappresentato da Kiev. A

Quando lUcraina fu indicata per ospitare gli Europei rappresentava ancora una strada pacifica e tenace per passare dalleredit sovietica alla casa comune europea
Yulia Timoshenko), ponendosi di fatto fuori dalla democrazia europea. Alla vigilia del calcio dinizio di Euro 2012, tra le cancellerie Ue si confrontano due posizioni: boicottare le partite in Ucraina oppure forzare la mano a Yanukovich, chiedendo giustizia per la Timoshenko e vera democrazia. Anche da Kiev potrebbe passare il treno dellEuropa di domani. Gianni Borsa (www.agensir.it)

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

SAN CRISTOFORO: porzione di casa indipendente in bifamiliare con ampio giardino. Ristrutturata di recente con eccellenti rifiniture e composta da salone con camino, cucina abitabile, 4 camere, 3 bagni, lavanderia, ripostiglio. Trattativa riservata. / Rif. 1150 ZONA CENTRALE (adiacenze stazione): appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina interrata, ripostiglio a piano terra, ampio terrazzo condominiale. 160.000 / Rf. 1114 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla, appartamento di nuova costruzione al piano terra composto da ingresso indipendente, ampio soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balconi, garage doppio e spaziosa corte esterna di propriet. Pronta consegna. 315.000 ZONA CENTRALE - VIA PIAVE: su lotto di mq 450 villa abbinata con rifiniture originali degli anni Trenta in ottimo stato di conservazione; possibilit di ampliamento e trasformazione. Ampio giardino e garage esterno. Info in ufficio / Rif 1142 LOCAZIONI OSSERVANZA: in palazzina appartamento al secondo piano composto da ingresso, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, 1 bagno, sottotetto con seconda camera e bagno. Garage doppio. ARREDATO. 650 / Rif. 0141 ZONA SEMINARIO: in palazzina molto riservata appartamento composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno, 2 balconi di cui 1 verandato, garage, cantinetta e ampio giardino condominiale. ARREDATO. 670 / Rif. 0329

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico, possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso ADIACENZE VIALE MAZZONI: in palazzina allultimo piano appartamento con bellissimo affaccio su Rocca e chiesa di San Domenico completamente ristrutturato e molto luminoso composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, veranda, cantina e posto auto riservato. Possibilit di includere nella vendita arredi di cucina, bagno e armadio su misura. 260.000 / Rif. 1163 ZONA MULINI: in contesto prestigioso villetta a schiera di nuova costruzione in bioedilizia e ad alto risparmio energetico con possibilit di personalizzare finiture interne. Informazioni in ufficio.

10

Gioved 7 giugno 2012

Attualit

Terremoto in Emilia urgente sostenere le imprese


Limpegno dellUe: 200 milioni dal Fondo di solidariet. Cercando di evitare in tutti i modi che anche una sola impresa danneggiata dalle scosse telluriche delocalizzi e vada allestero
iutare il tessuto imprenditoriale e industriale a risollevarsi dal terremoto, evitando che anche solo unattivit chiuda o delocalizzi allestero. Questa la priorit dellUnione europea, delineata il 3 giugno a Marzaglia (Modena) dal vicepresidente della Commissione Ue con delega allindustria e allimprenditoria, Antonio Tajani, e dal commissario alla Politica regionale, Johannes Hahn, responsabile per il fondo di solidariet. I due eurocommissari hanno sorvolato le zone colpite dal sisma, assieme al capo dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, e al presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, quindi si sono fermati nella sede provinciale della Protezione civile a Marzaglia per definire le strategie da adottare. Fondi europei in arrivo. Di sicuro arriver il Fondo di solidariet, che pu essere usato in casi di catastrofi o disastri nazionali, ha precisato Johannes Hahn: la visita di domenica servita proprio per riconoscere la dimensione catastrofica di quanto successo. Dobbiamo aiutare i paesi e le popolazioni colpite, ha affermato, ammettendo che la situazione difficile non solo per chi ha perso labitazione, ma pure per chi rimasto senza lavoro. Anche se la stima in corso, si possono ipotizzare danni per 5 miliardi di euro, il che determina un contributo a fondo perduto di 150-200 milioni di euro. Questi, per, potranno essere utilizzati solo per coprire i costi sostenuti dalle pubbliche amministrazioni in seguito allemergenza, dal ripristino di servizi pubblici e infrastrutture alle operazioni di recupero e messa in sicurezza. Altri soldi dovrebbero poi venire dal programma di sviluppo rurale. Su proposta del commissario allagricoltura Ciolo, e se vi sar laccordo delle regioni, il 4 per cento dei fondi per lo sviluppo rurale destinati allItalia verrebbe stornato e destinato allemergenza terremoto. Si parla, in concreto, di altri 100 milioni di euro. In terzo luogo, ha aggiunto il commissario alla Politica regionale, vi pure la possibilit di assegnare alla ricostruzione fondi per programmi operativi: si parla di cifre a due numeri, ma comunque significative. Evitare la delocalizzazione. Inoltre, ha rassicurato Hahn, lEuropa non chieder la restituzione dei fondi gi erogati in seguito a programmi specifici,

Arriver il Fondo di solidariet, che pu essere usato in casi di catastrofi o disastri nazionali, ha precisato Johannes Hahn: la visita di domenica scorsa servita proprio per riconoscere la dimensionecatastrofica di quanto successo. Dobbiamo aiutare i paesi e le popolazioni colpite, ha affermato, ammettendo che la situazione difficile non solo per chi ha perso labitazione, ma pure per chi rimasto senza lavoro. Anche se la stima in corso, si possono ipotizzare danni per 5 miliardi di euro

qualora il relativo progetto non possa essere concluso a causa del terremoto. Di sicuro, dobbiamo evitare - ha rimarcato - che anche una sola impresa delocalizzi e vada allestero: per questo assolutamente importante dare un aiuto al distretto industriale perch lattivit possa riprendere. Preoccupazione condivisa da Antonio Tajani, che ha espresso la sua fiducia nel tessuto imprenditoriale e industriale dellEmilia Romagna, segnalando la necessit di un impegno comunitario per il suo rilancio e sostegno. Il vicepresidente della Commissione Ue ha pure rassicurato che non sono in contrasto con le norme sul mercato interno gli aiuti di Stato che dovessero essere concessi alle imprese in presenza di calamit. Sostenere il distretto di Mirandola. Andando nel dettaglio del tessuto produttivo in ginocchio, Tajani ha confermato il totale impegno della Commissione europea per sostenere il distretto allavanguardia di Mirandola, prevedendo la possibilit per il polo biomedicale di concorrere alla prossima programmazione dei fondi per i clusters, dove in gioco ci saranno 7 miliardi di euro complessivi. E nel mirandolese lUe ha annunciato lintenzione di realizzare il prossimo workshop sul futuro europeo dei clusters. Infine, un pensiero al turismo, che assieme a industria e agricoltura elemento chiave delleconomia regionale: quanto prima, ha comunicato Tajani, partir una lettera ai ministri del turismo dellUe e a

quelli dei principali Paesi extra Ue, per fare in modo che non vengano commessi errori nellindividuazione delle zone interessate e non vi sia una fuga ingiustificata. Emergenza e ricostruzione. Vogliamo ripartire il grido della gente emiliano romagnola, di cui si fatto portavoce il presidente della Regione, Vasco Errani. Governiamo e gestiamo lemergenza, ma allo stesso tempo lavoriamo alla ricostruzione, ha esortato Errani, vedendo in questa continuit tra emergenza e ricostruzione lanimo dellimpegno regionale e sottolineando limportanza di operare salvaguardando le comunit. Nel frattempo, il 2 giugno il prefetto Gabrielli ha firmato unordinanza che ha lobiettivo informa la Protezione civile - di favorire la ripresa delle attivit economiche e delle normali condizioni di vita, garantendo al tempo stesso la massima sicurezza, tenendo conto della legislazione vigente. Larea interessata dalle recenti scosse stata classificata in zona sismica 3 solo nel 2003 e per questo - mette in guardia la Protezione civile - molti capannoni industriali che ospitano attivit produttive, progettati prima di quella data, non sono stati realizzati secondo i dettami della normativa antisismica e potrebbero essere molto vulnerabili al sisma. La ripresa del lavoro importante, ma mai quanto la vita delle persone. Francesco Rossi inviato Sir a Marzaglia (Modena)

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Attualit

Gioved 7 giugno 2012

11

La terra trema ancora e la gente si sostiene incontrandosi

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

o in Emilia Terremot

30 MAGGIO, UNO DEI FURGONE CUCINA DEGLI ALPINI (FOTO SIR)

SE I GENITORI SONO ANALFABETI DIGITALI


Dicono gli analisti che ci vorr ancora qualche anno perch si possa comprendere appieno la portata dellultima rivoluzione informatica: quella dei touch screen, gli schermi che reagiscono al semplice tocco del dito, abolendo ogni distanza fisica e psicologica tra luomo e la macchina. E aprendo a un futuro in cui non si capisce ancora se la tecnologia sar una protesi che potenzier il corpo umano o viceversa. Quello che invece certo gi ora il fenomeno dellisolamento digitale, di cui diceva pochi giorni fa la sociologa Chiara Giaccardi, in margine allincontro mondiale delle famiglie: In un mondo in cui tendono a prevalere sempre pi lindividualismo interconnesso e, per i giovani, i fragili legami di rete, e in cui la connessione digitale ininterrotta rischia di scivolare in una cybersolitudine, la famiglia ancora il luogo in cui sperimentare che la pienezza della relazione intercorporea resta il modello e il fine di ogni altra forma, seppur preziosa, di interazione. Di questo laboratorio di una alleanza intergenerazionale qual la famiglia, c oggi molto bisogno per sperimentare che la relazionalit un elemento essenziale dellumanit e per non rimanere intrappolati nella tentazione del ripiegamento narcisistico nella comunit apparente di un social network. Del rapporto tra la famiglia e il mondo della comunicazione globale si infatti parlato nei giorni scorsi a Milano, durante il congresso teologico che ha preceduto la giornata mondiale con Benedetto XVI. C bisogno di un cambio di rapporto, stato sottolineato dai diversi relatori: non si possono maneggiare i nuovi media utilizzando vecchi schemi. Che fare, dunque, quando i figli ti sorpassano nelluso della tecnologia, quando ovunque e in qualsiasi momento possono navigare in un mondo, quello del web, in cui facile finire inghiottiti dai flutti? Meno controllo, pi governo, ha risposto il sociologo dellUniversit Cattolica Piercesare Rivoltella. Il che comporta uneducazione alla responsabilit. Bisogna puntare alla responsabilizzazione e costruire soluzioni negoziali condivise. Lutilizzo dei nuovi media va impostato con un accordo tra genitori e figli. Ma sono gli adulti a dover discriminare cosa buono e cosa no e a trasmettere lo stesso criterio ai figli. Tocca per primi ai genitori spingere perch si privilegino quelle relazioni che creano legami significativi e che spesso inutile cercare su Facebook. Senza mai dimenticare che per governare proficuamente chi la tecnologia la usa disinvoltamente, bisogna governare prima di tutto la tecnologia: no ai genitori analfabeti digitali.

Bisogno di comunit
Questo terremoto continuo rischia di far uesto 4 giugno di lutto nazionale per le vittime del terremoto che continua ancora a frustare lEmilia, una crollare, insieme ai muri, le certezze di poter giornata piovosa che sembra voler piangere anchessa per riprendere il cammino che le onde sismiche il dramma che sta vivendo la bassa pianura emiliana. Pianto e preghiera per i morti, diciassette solo in provincia di hanno in qualche modo interrotto in ognuno Modena dopo la scossa di marted 29 maggio che si aggiungono alle sette vittime del 20 maggio, ci saranno le case, le chiese, le aziende, i di noi. Occorre infondere coraggio e fiducia monumenti e le stalle da ricostruire; tutta allaperto, nel cortile delle suore, per la leconomia di questa terra abitata da compiti di coordinamento per la lettura celebrazione di chiusura del mese di gente intraprendente e coraggiosa da far dei bisogni, con i parroci delle zone maggio. E ci ha detto che i ragazzi ripartire. Sar dura, ma certamente ce la colpite che diventano un insostituibile dellAgesci, dopo le prime scosse, sono faremo, grazie anche alla solidariet, punto di riferimento, soprattutto per le stati di grande, grandissimo aiuto per grandissima, che si messa in moto in comunit loro affidate. E poi anche altre lintera comunit medollese. queste giornate e che gli emiliani stanno realt come il Centro sportivo italiano di Non abbiamo vergogna a confessare il sperimentando concretamente ogni Modena impegnato nellanimazione delle nostro bisogno reciproco di consolazione, giornate dei bambini nelle tendopoli. giorno. Verr il tempo di rimettere i di conforto, di speranza, ha detto qualche Oppure lAzione Cattolica modenese che mattoni uno sullaltro: la forza e la giorno prima larcivescovo di Modena, tenacia aiuteranno e sosterranno gli mette a disposizione delle popolazioni monsignor Antonio Lanfranchi, animi. terremotate un propria casa in presiedendo a Finale Emilia, sotto una Oggi, per, dopo la scossa che ancora ieri Appennino e si adopera per raccogliere tenda, la veglia di Pentecoste che sera ha colpito con magnitudo 5.1, quello tende e quanto serve. O la parrocchia di solitamente si celebra in Duomo a che occorre maggiormente ricostruire Fiorano modenese, nella pedemontana, Modena. Il terremoto ha aggiunto ha speranza, infondere coraggio e fiducia. che in una struttura a fianco del santuario reso inagibili le nostre chiese di pietra, ma della B.V. del Castello ospita soprattutto S, perch questo terremoto continuo non ha distrutto (anzi ha consolidato) alla fine rischia di far crollare, insieme ai anziani e disabili che non potrebbero quella Chiesa formata da pietre vive che muri, anche e soprattutto il morale, la reggere a lungo nelle tendopoli della sono le persone, i bambini, i ragazzi, i forza interiore che ognuno ha, le certezze Bassa. giovani, gli adulti, gli anziani. Una Chiesa Senza contare la solidariet che tanti altri, di poter riprendere il cammino che le viva per poter ricostruire anche la chiesa onde sismiche hanno in qualche modo albergatori dellappennino o anche di pietra ben sapendo ha detto ancora interrotto in ognuno di noi. Smarriti e semplici privati, hanno da subito mons. Lanfranchi il valore che il tempio spaesati: nei giorni scorsi un passaggio a dimostrato. Essere e sentirsi comunit, di pietra ha avuto lungo i secoli per Cavezzo, Medolla e nelle altre localit appunto, anche questo. Quasi una formare la coscienza dellessere colpite il 29 maggio lasciava questa risposta concreta alla preghiera rivolta comunit. sensazione nella gente incontrata. dallarcivescovo a Maria e distribuita Essere comunit, ecco il punto. anche in domenica scorsa nelle parrocchie Insieme, per, a segnali che invitano alla momenti difficili come questi che se ne speranza e, allinsegna della solidariet, dellarcidiocesi su un pieghevole che scopre limportanza; la bellezza e la dicono altro. Prima di tutto della voglia di riportava in copertina il trittico consolazione che viene dal sentirsi ricostituirsi come comunit. Lo abbiamo cinquecentesco LIncoronazione della insieme a qualcuno, dal condividere fatica Vergine di Bernardino Loschi, salvato visto a Cavezzo, dove in un parco e dolore ma anche dallo sperimentare la cittadino, un gruppo di persone ha dalla chiesa distrutta di San Felice sul solidariet, non solo a parole, offerta allestito una mini-tendopoli dove ogni Panaro: Risveglia le coscienze di tutti noi, senza nulla chiedere in cambio. cos che perch sappiamo rispondere alle sera si celebra la messa e, durante gli il coordinamento diocesano attivato per ultimi giorni di maggio, si recitava il necessit degli altri, con giustizia, far fronte allemergenza del terremoto, rosario prima di condividere la cena. misericordia e amore. affiancandosi allopera preziosissima e Oppure a Medolla, dove don Davide, il Stefano Malagoli insostituibile della Protezione Civile, vede parroco, pantaloncini e maglietta, ci ha direttore Nostro Tempo in campo la Caritas diocesana con accolto mentre stava allestendo (Modena-Nonantola)

il Periscopio

di Zeta
economia locale fosse in ginocchio. Non interessava nessuno che nella morte di una persona c quella di tutta lumanit e che se si pu salvare una vita si deve mettere in campo tutto il possibile per farlo. Non stato cos. Si verificata una disattenzione incredibile che ha fatto sentire subito abbandonati gli abitanti di quelle terre. Come se la questione dovesse interessare solo loro e pochi altri, tanto poi non era un evento cos eccezionale. Poi, invece, si verificato un cambiamento radicale di attenzione. Il terremoto diventato una calamit nazionale e sullarea interessata dal sisma si concentrata lattenzione che ci voleva fin da subito. Adesso che le scosse si ripetono e levento non accenna, purtroppo, a diminuire, finalmente il campanello dallarme si alzato a livelli adeguati. Certo, davvero strana la comunicazione in

Terremoto: la prima scossa del 20 maggio scomparsa quasi subito dai grandi network

Mass media disattenti

acrime di coccodrillo. Sono quelle della grande stampa italiana e delle televisioni. La prima scossa di terremoto del 20 maggio non ha avuto un grande seguito da parte dei mass media. Se in redazione non abbiamo avuto un abbaglio, gi venerd 25 maggio, cio a soli cinque giorni di distanza dal forte sisma che ha causato alcuni morti e parecchie distruzioni, due grandi quotidiani quasi ignoravano la notizia. Uno metteva un resoconto dalle zone dellEmilia solamente a pagina 17, laltro glissava del tutto la notizia. S, avete capite bene: solo cos poco. E stato cos, diciamolo con franchezza. Le prime scosse hanno interessato molto poco lopinione pubblica e i mezzi della comunicazione sociale in maniera particolare. Non ci sono stati troppi morti, lo dico con immensa tristezza, quindi i maggiori network se ne sono andati subito. Non cera la notizia, come si dice in gergo. Salvo poi tornare in argomento, e in maniera precipitosa, con la seconda forte andata di scosse, quelle del 29 maggio scorso, quando tutti hanno avuto la sensazione che allora si trattava di una cosa seria. Prima non era cos: s, il sisma cera stato, ma limitato ad alcune zone di Carpi, Ferrara e Modena. Tutto concentrato in pochi chilometri quadrati. Non importava che fossero crollati capannoni industriali e che unintera

TERREMOTO IN EMILIA (29 MAGGIO 2012): ACCAMPAMENTO DI TENDE DI FORTUNA (FOTO SIR) questo nostro Paese (Avvenire una piacevole e rara eccezione). Tutti si accodano e nessuno ha la capacit di un giudizio autonomo, di valutare i fatti per la loro reale portata. Giornali in fotocopia, tg realizzati con i copia-incolla dalle maggiori agenzie, anche se la terra trema e da Mirandola, Cavezzo o Finale Emilia, solo per citare alcuni fra i centri pi colpiti, giungono news di crolli, paure, disgrazie e precariet. Noi abbiamo un dovere: non dimenticare e farci compagni di viaggio. Cercheremo di farlo nel migliore dei modi. (750)

12

Gioved 7 giugno 2012

Cesena
Foto Gianmaria Zanotti

Quelli elettrici definitivamente rottamati

Nuovi autobus rosa che vanno a metano


tto nuovi autobus a Previsti anche alcuni metano, al posto delle aggiustamenti delle linee esauste navette elettriche, e qualche cambiamento a nel trasporto pubblico. Si punta linee e orari. Oltre a grandi cartelli ai parcheggi scambiatori colorati per far capire a tutti, a colpo docchio, quanto sia del Montefiore e dellIppodromo conveniente il bus rispetto allauto privata. Le modifiche al trasporto pubblico di Cesena saranno destinati alle linee 5 (Stazione-Ponte Abbadesse) e 4 operative da luned prossimo. (Torre del Moro-Ospedale, dove i bus elettrici non Da quella data andranno definitivamente in pensione erano pi usati da un anno e mezzo). Sono tutti i bus Gulliver, le piccole navette elettriche che attrezzati con pedane per disabili in carrozzina che, circolano sulle strade di Cesena dal 1998. Pi fortunati per, non potranno essere utilizzate fino dei loro "cugini" Pantheon (introdotti nel 2003 e alladeguamento delle fermate. ritirati dopo pochi anni per i guasti continui, uno dei I cittadini potranno riconoscere a colpo docchio i peggiori investimenti dellallora Atr), i Gulliver erano nuovi bus per la loro livrea fucsia - "modello Hello comunque piccoli, lenti (30 chilometri lora la velocit Kitty" si lasciato sfuggire il sindaco Lucchi in massima) e soffrivano let e lassenza di pezzi di conferenza stampa - e per la scritta "Muoversi Made ricambio. Con il loro pensionamento, Cesena rinuncia in Cesena", parte di un progetto di marketing al sogno di un trasporto pubblico basato su mezzi territoriale annunciato lo scorso anno. elettrici per il cuore della citt. Ma non per questo Lacquisto dei nuovi mezzi stato possibile grazie ai abbandona la strada del basso impatto ambientale. risparmi derivanti dalla dismissione dei bus elettrici e I nuovi autobus destinati al centro storico, infatti, una riorganizzazione della rete, per un risparmio di sono mezzi a metano di ultima generazione. Pi 280mila euro lanno. Da luned prossimo la linea 1, in capienti (40 posti, 12 dei quali a sedere), pi partenza da Villa Chiaviche, torner in stazione ma confortevoli grazie allaria condizionata, pi veloci e sar spezzata alla Barriera. Il resto del percorso, fino a affidabili rispetto ai vecchi mezzi elettrici, sono stati

San Mauro in Valle, viene ceduto alla linea 3. Questultima prende in carico anche la zona di Case Frini (prima servita dalla 6) e, in certi orari, il nuovo cimitero di Borgo Paglia. Piccoli aggiustamenti per la linea 4 in zona Torre del Moro e per la linea 5, prolungata in certi orari fino a Rio Eremo. Nelle zone servite dai bus per il centro, una serie di cartelli colorati avranno il compito di convincere gli automobilisti pi riottosi a lasciare gratuitamente lautobus al parcheggio scambiatore e, al costo di 10 centesimi al giorno, salire sul bus. Il fattore chiave su cui punta la campagna quello del risparmio di tempo, tra viaggio e parcheggio: "Cimitero-Duomo 4 minuti"; "Montefiore-Ospedale 5 minuti"; "Ippodromo-Papa 7 minuti". Cartelli simili anche al di fuori degli scambiatori: "SantEgidio-Stazione 6 minuti"; "San Mauro-Centro 6 minuti". Michelangelo Bucci

PARTECIPAZIONE
Tutti gli amici della redazione del Corriere Cesenate partecipano al dolore della famiglia per la morte del caro PAOLO BONFE per anni instancabile nellimpegno politico nellambito della Democrazia Cristiana e gi collaboratore del nostro giornale

ANNIVERSARIO

Curva "Edmeo Lugaresi"


Adesso ufficiale: la curva Mare dello stadio Manuzzi stata intitolata a Edmeo Lugaresi, indimenticato presidente bianconero. Nei giorni scorsi la Giunta ha licenziato la delibera che approva la nuova denominazione. E stata cos accolta la proposta avanzata dallAc Cesena, che a sua volta si era fatta portavoce dellistanza emersa dalla tifoseria locale e dallambiente sportivo. Abbiamo accolto con favore la richiesta avanzata dal Cesena Calcio spiega il sindaco Paolo Lucchi perch, pur avendo gi previsto di intitolare al grande Edmeo la nuova rotonda al di l del sottopasso dello Stadio, siamo convinti che dedicargli la Curva Mare sia il modo pi appropriato per rendergli omaggio.

Autogirovagando
Una slata dauto anni 20 nel territorio cesenate, da venerd 8 giugno a domenica 10. Unoccasione per i romagnoli di ammirare le vecchie glorie degli anni ruggenti, unoccasione per i collezionisti al volante di conoscere le bellezze della Romagna. E questo il senso di Autogirovagando, manifestazione organizzata dal Collectors historic Carclub di Cesena (Chc) in collaborazione con il locale Panathlon club. Vi prenderanno parte 22 equipaggi, due dei quali di collezionisti stranieri (Austria e Regno unito) e 15 da altre parti dItalia. Il tour toccher Gambettola e Cesena nella giornata di venerd, sabato Sarsina, Mercato Saraceno e Cesenatico (con slata dei mezzi in piazza Costa alle 17,15), domenica Bellaria e di nuovo Cesenatico e Cesena. Tra le auto partecipanti: Hupmobile del 1914, Fiat Coppadoro, Alfa Romeo del 1929, Dixi Bmw del 28. Di rilievo il convegno su "Lauto elettrica e il suo futuro", in programma a "La Fabbrica" di Gambettola venerd 8 alle 14,30. Un occhio al domani che fa il paio con il passato: le prime auto elettriche, infatti, risalgono a ne 800.

Nascita

12/6/2005 - 12/6/2012

GENTILI DON VITO Dio ha steso la sua mano per guidarti nel suo paradiso lasciando a noi il tuo ricordo e la tua immagine per sempre
I familiari, gli amici e la comunit di Santa Maria della Speranza Una messa in suffragio sar celebrata marted 12 giugno nella chiesa di Santa Maria della Speranza (zonaIppodromo)

Benvenuta CHIARA!
Auguri ai genitori Roberta e Daniele Siroli da parte di tutti gli amici della redazione del Corriere Cesenate

Cesena

Gioved 7 giugno 2012

13

Il vescovo Douglas: situazione devastante


Rovereto sulla Secchia un paese fantasma. Non lho riconosciuto. Queste le prime parole pronunciate luned sera al telefono dal vescovo Douglas al suo ritorno a Cesena. Nella mattinata aveva concelebrato ai funerali di don Ivan Martini, il sacerdote cremonese in forza alla diocesi di Carpi, deceduto il 29 maggio scorso allinterno della sua chiesa a causa di una forte scossa di terremoto. Avremmo dovuto effettuare una visita alla zona rossa di Mirandola, ma un violento acquazzone ha impedito il giro ha aggiunto monsignor Regattieri -. Ho potuto vedere i paesi di Mirandola, Concordia, San Possidonio e Rovereto. E agghiacciante: le case sono serrate e quelle vecchie sono tutte crollate. La vita non scorre pi. Abbiamo il cuore gono di dolore. Siamo qua a Cesena ha concluso il vescovo ma la mente va sempre ai nostri paesi e alla nostra gente, l in mezzo a tanta desolazione. (foto AD Capristo)

Parla lesperto
Capannoni e sabbia liquefatta
Dopo le immagini della distruzione delle citt emiliane, in particolare Mirandola, Cavezzo, Finale Emilia viste in tv, in tanti si chiedono se un terremoto di tale portata causerebbe gli stessi danni anche in Romagna. "Per i nuovi edici non ci dovrebbero essere particolari problemi - spiega lingegnere Germano Guiducci - in quanto le regole sono ferree. Ovviamente le leggi, da sole, non bastano. E necessario che tutto il sistema lavori in sincronia e metta in pratica le leggi. Dai calcoli del progettista alla direzione dei lavori, dalla tecnica costruttiva alluso dei materiali idonei e no al collaudo: ognuno deve fare la sua parte". Poi vi il settore dei capannoni artigianali e industriali, quello che alle prime scosse hanno subito i danni peggiori. "I capannoni sono prefabbricati in stabilimento quindi, per quanto concerne i materiali e la realizzazione delle pareti, la garanzia massima. Da vericare invece il montaggio in quanto i punti sensibili sono i nodi fra trave e pilastro. Se lincastro di pochi centimetri, le oscillazioni provocate dalle scosse sismiche possono farli uscire dalla sede e a quel punto tutta la struttura collassa". In passato si sono costruiti capannoni con 5 centimetri di appoggio, che non d problemi in condizioni normali, ma causa di crollo nel caso di forte terremoto. Poi vi un altro argomento, quello delle liquefazioni delle sabbie. Si sono viste immagini di campi sprofondati e di

Intervista Giordano Conti, direttore della Scuola edile: "La Biblioteca Malatestiana lesempio migliore di sicurezza antisismica"

Terremoto:anchelecasevecchie possonoessereresesicure
Cristiano Riciputi
e abitazioni costruite senza i criteri antisismici, nella maggior parte dei casi, possono essere messe in sicurezza". Lo afferma larchitetto Giordano Conti (foto), ex sindaco di Cesena e direttore della scuola edile di Forl-Cesena che ha sede a Panighina di Bertinoro. "Un vecchio edificio, senza manutenzione - spiega Conti pu essere a rischio di fronte a terremoti devastanti come quello dellEmilia dei giorni scorsi. E chiaro che i fabbricati pi a rischio sono quelli con ampie luci, come le chiese, ma anche certe case, costruite in economia e frettolosamente nel secondo dopoguerra, possono avere problemi". A Cesena esiste un edificio esemplare in quanto a "tenuta" rispetto ai terremoti, ed la Biblioteca Malatestiana. E stata costruito nella prima met del XV secolo e gi nel 1483 ha superato indenne un fortissimo terremoto, valutato 8 in una scala di distruzione da 1 a 10 (Scala Mercalli). "Dopo il battesimo di fuoco del 1483 - aggiunge Conti - la Biblioteca non ha avuto problemi ai successivi terremoti, e questo perch stata costruita secondo la cosiddetta arte del costruire. In pratica, gi allora il progettista

"L

Inaugurazione
Il nuovo campo prove della scuola edile. Sar inaugurato sabato 9 giugno nella zona industriale di Panighina, in via Caduti di Via Fani (dietro alla dolciaria Babbi). Il programma prevede alle 9 linugurazione ufficiale, seguita da gare di abilit nella guida di miniescavatori e minipale. Gli ex allievi costruiranno poi un piccolo manufatto in laterizio. Il campo prove ha una supercie di 5000 metri quadrati e serve agli allievi della scuola edile per fare esercitazioni pratiche. Durante la mattinata sar presentato il corso per operatore edile alle strutture, riservato a giovani fra i 15 e i 18 anni. La Scuola sta ampliando i propri spazi grazie alla costruzione del nuovo plesso, anche se in questo momento i lavori sono fermi per inghippi burocratici.

aveva pensato a un sistema antisismico. Le dimensioni degli archi e delle volte, e il sistema reticolare dei tiranti, hanno dato luogo a un edificio statico perfetto". I tiranti: questi possono essere la soluzione anche per edifici moderni che vogliono essere messi in sicurezza. "La maggior parte degli edifici continua lex sindaco - pu ricevere beneficio dallaggiunta di tiranti a livello dei solai e fissato esternamente con le cosiddette chiavi. Un sistema molto utilizzato gi nei secoli scorsi. Ad ogni modo, ogni edificio andrebbe analizzato per poi trovare la soluzione migliore per la messa in sicurezza. Le case costruite negli ultimi anni, dopo lentrata in vigore delle leggi antismismiche, non dovrebbero avere grossi problemi comunque. Lo spartiacque lo si avuto con la legge del 2003, ma gi da fine anni 70 e primi anni 80 nelle nostre zone si costruito secondo regole pi ferree". La Scuola edile provinciale, che Conti dirige, pone una particolare attenzione alla sicurezza statica. Addirittura da settembre partir un corso specifico, rivolto a tecnici, imprenditori del settore, capocantieri, che verter sullantisismica e sulla messa in sicurezza degli edifici esistenti.

spaccature dalle quali sono fuoriuscite, insieme allacqua, sabbie e limo. "Il fenomeno non nuovo - precisa lingegner Guiducci - in quanto in Giappone, nota terra sismisca, si sono avuti casi di liquefazione. In pratica, il terreno diventa come una sabbia mobile e quel che vi sopra si inclina o addirittura scende nel terreno, pur senza disgregarsi. In pratica, alle fondamenta viene a mancare il solido su cui appoggiare". La liquefazione delle sabbie pare sia causata dalle enormi pressioni che, nel sottosuolo, si creano in concomitanza dei terremoti. Entrano in gioco, oltre alle pressioni, lacqua di falda e il terreno circostante. Cris. Ric.

I NOSTRI TOURS E VIAGGI CON ACCOMPAGNATORE - ESTATE 2012


TOURS IN FRANCIA, BRETAGNA E NORMANDIA
volo da Bologna, bus da Cesena, dall8 al 15 luglio da 1.340 euro

VIAGGI-SOGGIORNI E PELLEGRINAGGI 2012


FATIMA: pellegrinaggio diocesano dal 16 al 18 agosto 2012 (in aereo) guidato
dal vescovo Douglas Regattieri. Iscrizioni e programma presso il Centro Pastorale di Palazzo Ghini (aperto le mattine dal luned al venerd, dalle 9 alle 12). Informazioni e programmi: Viaggi Veneri, dal luned al sabato. 650 euro SI CHIUDONO LE ISCRIZIONI! AFFRETTATEVI!

TOUR DELLA MONGOLIA E DESERTO DEL GOBI

con pernottamento in tipiche yurte, volo da Milano, bus da Cesena, 11 giorni dall1 all11 settembre da 2.670 euro

TERRA SANTA: pullman da Cesena, volo da Verona. Otto giorni dal 30 agosto

I VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Tours esclusivi con accompagnatore dallItalia


STATI UNITI, un viaggio nella leggenda: dal 6 luglio, 15 giorni, ultimi posti! SCOZIA, tour magiche atmosfere: dal 5 agosto, 8 giorni, volo da Bologna. INOLTRE: Kenia e Tanzania, i parchi (14 settembre)
India del Nord, magnifico tour (11 ottobre) - Tour della Thailandia (15 novembre) da 3.735 euro

da 1.795 euro

al 6 settembre 2012 con il Monte Carmelo, Nazareth, il Monte Tabor, la traversata del Lago di Tiberiade, Cafarnao, la Valle del Giordano, Gerico, Qumran e il Mar Morto, Qumran, Ein Karem, Betlemme, Hebron e Gerusalemme. Accompagnatore e guida spirituale, alberghi a pochi passi dai santuari. VIAGGIO CONFERMATO. AFFRETTATEVI PER LE PRENOTAZIONI! da 1.090 euro NUOVA DATA PELLEGRINAGGIO IN TERRASANTA: programma come il precedente, dal 25 ottobre al 1 novembre 2012. Programma in preparazione... Compreso: viaggio bus, traghetti, pensione completa e bevande Totale per tutta la famiglia 4 persone 2 adulti + 2 bambini da 1.430 euro

SOGGIORNI ESTIVI, SPECIALE FAMIGLIE: Isola dIschia, giugno e luglio, 8 giorni.

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI E CROCIERE PRIMAVERA-ESTATE 2012

VIAGGI VENERI

14

Gioved 7 giugno 2012

Cesena
Pioppa in festa
"Ecco, io sono con voi tutti i giorni no alla ne del mondo" (Mt 28,20). Questo il tema che accompagner la comunit San Benedetto di Pioppa nella sua XXIII festa parrocchiale che si svolger dal 10 al 17 giugno. "Questa festa -spiega il parroco don Renato Pagliarani- vuole essere un momento di verica del lavoro pastorale fatto durante lanno e un momento di comunione di tutti i parrocchiani". La settimana di festa propone un programma ricco di appuntamenti. Domenica 10 alle 17 sar celebrata la messa di ringraziamento per il 50 anniversario di sacerdozio del parroco. Don Pagliarani, dopo lordinazione sacerdotale ricevuto il 29 giugno del 1966, ha iniziato il suo servizio pastorale come aiutante presso la comunit di San Giacomo a Cesenatico e in seguito come cappellano presso la comunit di SantAgostino. Nellaprile del 1966 stato nominato parroco della comunit San Benedetto di Pioppa. Dal febbraio 2003 ricopre anche lincarico di amministratore parrocchiale presso la parrocchia San Marco in Calabrina. Al termine della messa seguir una festa conviviale con tutta la comunit. Serata importante quella di marted 12 giugno: alle 21 il vescovo della diocesi di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri presieder la celebrazione eucaristica. Nella serata di gioved 14, sempre alle 20.30, si svolger la processione Mariana per le vie del paese. Venerd 15, alle 20.30, si svolger la 3 edizione di "Pioppa senza frontiere", competizione paesana con giochi a squadre. Sabato 16 lo stand gastronomico aprir i battenti dalle 19 con specialit della cucina romagnola. La serata sar caratterizzata dalla prima edizione dello show "Pioppas got talent". Anche nella giornata conclusiva di domenica 17 sar possibile cenare presso lo stand gastronomico. La serata vedr la partecipazione del gruppo musicale Lennon Kelly. Mirko Giordani

Dopo la sperimentazione allOltresavio

Raccolta porta a porta si allarga in citt


orta a porta parziale dei rifiuti, avanti tutta. Dopo i positivi risultati ottenuti allOltresavio a un anno dallavvio, con la raccolta dellimmondizia passata dal 29 al 69 per cento, il progetto verr esteso progressivamente al resto della citt, come chiesto da una mozione approvata allunanimit dal consiglio comunale del 10 maggio scorso. Senza indugi lAmministrazione comunale si gi messa in moto. "Siamo in attesa di ricevere da Hera il programma di ampliamento a tutta la citt - spiega lassessore allambiente Lia Montalti - ed entro lanno il sistema adottato allOltresavio verr attivato nei quartieri Valle Savio, Borello e Pievesestina, coinvolgendo circa 15mila abitanti. La scelta caduta sulle circoscrizioni pi sensibili a questa problematica data la vicinanza con la discarica della Busca.". Anche in questo caso i costi dello start up non graveranno sulle tasche dei cittadini. "Utilizzeremo i fondi del piano di azione ambientale regionale e i fondi Ato, che vengono accantonati dalla tariffa proprio per finanziare i progetti di raccolta

Lassessore Lia Montalti: "Siamo in contatto con Hera per ampliare il servizio ad altri 15mila abitanti"
differenziata". Richiede ancora tempo, invece, lapplicazione della tariffa puntuale, con la quale il cittadino paga solo la parte di indifferenziato che produce, che potr essere introdotta "solo quando il nuovo sistema di raccolta sar ampliato a tutta la citt, in quanto la tariffa calcolata sui costi complessivi", sottolinea lassessore. AllOltresavio si sta sperimentando un sistema misto (che poco piace per agli ambientalisti): solo due tipologie di rifiuto, lorganico e lindifferenziato, vengono ritirate a domicilio, mentre carta, plastica, vetro e sfalci verdi si continuano a differenziare nei contenitori stradali. Dai dati presentati da Hera (il cui appalto scaduto a fine 2011 e prorogato in attesa della creazione di ununica Agenzia territoriale dellEmilia-Romagna che da inizio anno sostituisce le Ato regionali), la fetta pi consistente dei rifiuti differenziati rappresentata da quella organica (26 per cento), consegnata allimpianto di compostaggio di San Carlo, ma sono in crescita anche tutte le altre tipologie. "La crescita registrata superiore alle previsioni - afferma ancora Lia Montalti e la qualit della raccolta differenziata mediamente buona. I cittadini hanno risposto bene anche grazie alla collaborazione del quartiere, delle guardie ecologiche volontarie, delle associazioni di volontariato, degli scout". Francesca Siroli

A San Pietro

Il mercatino della parrocchia


LA CHIESA PARROCCHIALE

Festa della parrocchia a San Pietro: c gi fermento per il mercatino. La comunit, guidata dal parroco don Walter Amaducci, da alcuni anni porta avanti un mercatino di solidariet in collaborazione con il Campo Emmaus il cui ricavato andr alla Caritas diocesana e a quella parrocchiale. Gli organizzatori stanno raccongliendo il materiale, usato o vecchio ma ancora in buono stato, che rientri in queste categorie: apparecchi elettrici funzionanti, strumenti musicali, biciclette e motori, sveglie e orologi, coperte, piatti, bicchieri, ferri da stiro, lampadari, so-

prammobili, monete e francobolli, radio, dischi e giradischi, libri (non scolastici)vecchie fotografie, cartoline e santini, giocattoli, giornali. Il materiale pu essere portato in parrocchia fino al 26 giugno, oppure sar ritirato dagli incaricati (informazioni ai numeri 347/0578626; 335/6515896). Il mercatino sar aperto ai visitatori venerd 29 giugno dalle 17 alle 20.20 e dalle 21.30; sabato 30 dalle 17 alle 22.30; domenica 1 luglio dalle 8.45 alle 12.30, dalle 17 alle 18.20 e dalle 19.30 alle 23. La festa parrocchiale, dedicata agli apo-

Festa ad Acquarola
stoli Pietro e Paolo, avr il suo culmine venerd 29 giugno con la messa alle 20,30. Domenica 1 luglio, alle 18,30, il vescovo Douglas celebrer la messa durante la quale saranno presentati i cresimandi. Il programma ricreativo prevede la presentazione del libro Tu es Petrus (venerd 29 giugno alle 18,30); la commedia dialettale "Pelagalena: prova generale" (sabato 30 giugno alle 21); la musica di Amici Miei (domenica 1 luglio alle 21.30).

La piccola comunit dellAcquarola, frazione sulle prime colline cesenate, mercoled 13 giugno ricorda SantAntonio da Padova con la celebrazione della messa alle 21, presieduta dal parroco dellOsservanza padre Giovanni Bianchi, nella celletta a lui dedicata posta lungo la via Garampa. Al termine, seguir un breve rinfresco. La celletta, di propriet privata, stata restaurata negli anni 80 grazie allimpegno di Italia Nostra e alle offerte dei fedeli.

Cesenatico

Gioved 7 giugno 2012

15

Via Torino, continua il braccio di ferro Comune-residenti


Il sindaco Roberto Buda: "Negli ultimi anni, per gli stessi motivi, sono state abbattute 500 piante e il verde pubblico ne ha tratto giovamento"
Boschetto non nostra intenzione abbattere alberi per fare nuovi parcheggi. Il progetto quello di togliere le piante malate e quelle che, essendo troppo ravvicinate, crescono male e solo in altezza con conseguenti problemi di stabilit". E questo uno dei passaggi della relazione che il sindaco Roberto Buda (nella foto) ha illustrato luned sera al Palazzo del Turismo incontrando i cittadini di Boschetto sulla questione degli alberi e dei parcheggi di via Torino. In sala erano presenti oltre 200 persone. "Il progetto chiaro - ha detto Buda - e Lesperto: "Alberi troppo allo stato attuale le auto parcheggiate fuoriescono per buona parte sulla sede fitti si pregiudicano a stradale. Per questo vogliamo arretrare la vicenda salute e stabilit" staccionata del parco e mettere a pettine gli stalli. E stato detto che non abbiamo i permessi necessari, ma qui abbiamo i documenti della Provincia e della Regione di Cristiano Riciputi che, valutato il progetto, danno parere positivo". In pratica sono 13 i platani che il Comune vorrebbe abbattere, alcuni dei quali devono essere tolti per forza in quanto ammalati. Poi vi sono altre 13 piante di piccole dimensioni, degli aceri americani, che saranno sostituiti con altre essenze. Luciano Palotti, uno dei migliori agronomi ed esperti di verde pubblico della provincia, ha fornito la sua opinione: "I platani sono piante che, naturalmente, sviluppano una chioma di 14 metri di diametro. Piantati a sei metri di distanza luno dallaltro come si faceva qualche decennio fa, provocano problemi. Lapparato radicale non ha abbastanza spazio per svilupparsi. La chioma cerca luce e fila, cio cresce solo in altezza, i rami diventano meno resistenti e sono soggetti a rotture. Occorre fare costose potature periodiche, a molti metri di altezza, per dare allalbero un minimo di stabilit". "Ma tali potature - gli ha fatto eco Pier Giorgio Grassi del Servizio fitosanitario regionale - sono il canale

"A

preferenziale di entrata di svariate malattie. Da molti anni la tendenza seguita da parte di tutti i tecnici e gli esperti, una: diradare per evitare potature". Buda ha sottolineato un altro aspetto: "Mi dispiace quando le piante vengono messe allo stesso livello delle persone. Una pianta non si ammazza quando viene abbattuta e noi non siamo assassini come qualcuno ci ha definiti. Negli scorsi anni le precedenti amministrazioni hanno abbattuto circa 500 piante perch erano troppo fitte o perch ammalate. Si trattava, e si tratta, di interventi necessari". Non tutti i presenti in sala sono stati convinti dallesposizione del sindaco: "Ogni giorno vado al parco con i miei bambini - ha detto una signora quarantenne - e pensare che le piante siano abbattute mi pare un controsenso". "Il Comune dovrebbe dialogare di pi con i cittadini e comunicare

meglio - ha detto un residente - e non fare riunioni solo dopo che monta la protesta". Alberto Papperini, consigliere del Movimento 5 Stelle, ha spiegato la sua proposta: "Togliamo tutte le auto e sostituiamo la fascia dedicata ai parcheggi con una pista ciclabile. E le auto le portiamo in un parcheggio scambiatore vicino alla ferrovia. In questo modo salviamo le piante, togliamo traffico e mettiamo in sicurezza la via".

Concerto Alio Modo Canticum


A San Giacomo col contributo della Bcc di Sala
Grande successo per il concerto della Corale Alio Modo Canticum. Il 2 giugno si tenuto, grazie al sostegno della Bcc di Sala di Cesenatico, presso la chiesa di San Giacomo, il concerto della Corale polifonica Alio Modo Canticum di Cesena, diretta dal maestro Adamo Scala. Durante la celebrazione della Messa stata eseguita la Missa Brevis (Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus, Benedictus e Agnus Dei) di Joseph Haydn scritta nel 1775. La Corale ha saputo rendere in maniera esemplare la comunicativit del linguaggio musicale dellartista austriaco, musicista solare, nelle cui composizioni sacre traspare unanima ricca di fede. Il Kyrie, presentato come una preghiera intima e dolorosa dellumanit al Dio misericordioso. Il Gloria, visto come una sicura e fondamentale professione di fede. Il Credo, che nel ritmo concitato ha lasciato spazio con profondo senso meditativo al tema dellincarnazione, al Sanctus, in cui stata rimarcata labissale distanza tra cielo e terra, al Benedictus, dalla linea melodica altamente lirica. Inne lAgnus Dei, dove il registro doloroso delliniziale supplica a Dio da parte delluomo peccatore lascia il posto ad un tono di

inusitata dolcezza, con la parola "pace"che viene sussurrata alla ne del brano. Al termine della Messa la Corale Polifonica Alio Modo Canticum ha proposto il Te Deum H 146 (per coro, soli ed orchestra) di Marc Antoine Charpentier, compositore del 1600, il massimo esponente della musica sacra barocca francese del suo periodo, che risente nella sua opera dellinuenza della grande tradizione della musica sacra italiana. Davanti ad un pubblico appassionato e competente che gremiva la chiesa, il Te Deum stato accompagnato alle tastiere dal maestro Caterina Scala e da Massimo Navarra, che hanno commentato la loro esecuzione con sapiente alternanza di piani e di forti, con lintervento di cinque solisti, Raffaella De Ponte, soprano I^, Kelly Mc Clendon, soprano II^, Stella Bilancioni,contralto, Simone Cucchiarini, tenore, Filippo Pollini, basso.

ALLIANZ RAS - AGENZIA CESENA MALATESTA di LUNGARINI


Via Piave, 135 - Cesena (Fc) - tel. 0547 27059 - fax 0547 25784 www.allianzcesena.com - info@allianzcesena.com

16

Gioved 7 giugno 2012

Valle del Rubicone


Gambettola
Comune: orario estivo
del progetto sono Sergio Diotti ("Arrivano dal mare"), Gianfranco Gori ("Teatro della rosa") e Giulia Coliola ("Romagna danza"), che hanno reso possibile una maggiore interazione tra i vari linguaggi teatrali (burattini, recitazione e danza). "Non abbiamo vinto - ha detto la dirigente scolastica Lavinia Zoffoli ma limportante partecipare. Come primo anno non ci possiamo lamentare: a fronte delle moltissime domande di partecipazione, siamo stati selezionati per questo prestigioso concorso nazionale, la cui idea centrale quella di divulgare il teatro nelle scuole, oltre che ricordare lartista Giorgio Gaber. La nostra soddisfazione - ha aggiunto la Zoffoli - stata la possibilit di fare una serata al Petrella per condividere questa bella esperienza con tutti i longianesi". Sergio Diotti di "Arrivano dal mare", gestore del teatro Petrella assieme a "La baracca dei talenti" e al gruppo "Rosaspina", dopo lannullamento dellaggiudicazione al consorzio "Despina", ha ricordato che "il Teatro distante dalla citt. Uno dei modi per attrarre il pubblico longianese lavorare con le scuole, auspicando che il laboratorio teatrale giovanile sia permanente". Soddisfatto anche Gianfranco Gori: "Ho visto i ragazzi uniti e divertiti e questo quello che conta". Matteo Venturi LAmministrazione comunale di Gambettola ha ridenito lorario di apertura al pubblico degli uffici comunali, in concomitanza dellentrata in vigore, dal 1 giugno al 30 settembre, dellorario estivo. La scelta dellAmministrazione volta sia ad una armonizzazione degli orari fra i diversi Uffici sia per rendere pi funzionale lapertura degli stessi da parte dei cittadini. Con lentrata in vigore dellorario estivo viene sospesa lapertura pomeridiana del mercoled ed prevista la chiusura settimanale del sabato. Per una maggiore comprensione dei cambiamenti, tutti gli uffici (Protocollo, Affari Generali, Ragioneria, Personale, Servizi Demograci, Servizi Sociali e Scolastici, Tributi), ad eccezione dellUfficio Tecnico e dello sportello Attivit Produttive (che hanno orari propri per permettere agli utenti un diverso servizio) e dellUfficio Tributi (che, nel periodo invernale, oltre al mercoled mattina resta chiuso anche nella giornata del venerd), osservano il medesimo orario di apertura. Il giorno di chiusura settimanale non sar pi il marted: per tutto il periodo estivo, oltre al sabato mattina, sar chiuso "parzialmente" nella giornata di mercoled mattina in quanto comunque prevista lapertura anche in tale giornata dalle 10,30 alle 12,50. Nel periodo invernale, dall1 ottobre al 31 maggio, la giornata di chiusura settimanale sar lintero mercoled mattina, ma gli Uffici saranno aperti il mercoled pomeriggio dalle 14,30 alle 17. Piero Spinosi

In Toscana i ragazzi hanno ben figurato al premio "Gaber"

Il teatro si fa strada fra gli alunni di Longiano


uccesso di pubblico e critica per "Italiani imperfetti, smemorati, ma uniti", lo spettacolo rappresentato qualche sera fa al teatro Petrella di Longiano con il quale i ragazzi delle classi II C e III C dellIstituto comprensivo di Longiano hanno partecipato, unici in Romagna, alla terza edizione del "Premio nazionale Giorgio Gaber per le nuove generazioni". La rassegna si svolta

ad Arcidosso (Grosseto) lo scorso 12 maggio. La rappresentazione, dedicata ai 150 anni dellunit dItalia, strutturata come un talkshow televisivo e sfrutta gli elementi tipici del variet: il presentatore, le soubrette, il parere degli esperti e gli ospiti illustri. Sulla scena, le "interviste impossibili" a personaggi storici che hanno fatto la storia del nostro paese, da Pellegrino Artusi a Giuseppe Garibaldi. Referenti esterni

ANNIVERSARIO

Gatteo Premio letterario in memoria di Cristiano Casadei


In occasione del decennale dalla scomparsa di Cristiano Casadei, avvenuta il 6 aprile 2002, lassociazione Angela Rosa Moretti di SantAngelo, con il sostegno della Bcc di Gatteo, ha istituito la prima edizione di un concorso graco-letterario rivolto agli studenti delle classi seconde e terze della scuola secondaria inferiore "Giovanni Pascoli" di Gatteo. Il tema prescelto quello del 2012 come "Anno europeo dellinvecchiamento attivo e della solidariet tra generazioni", un argomento che vuole essere frutto di ispirazione e crescita, nonch mezzo per sensibilizzare i giovani nel loro rapporto verso le persone anziane, in ragione del loro importante bagaglio di esperienza e conoscenze. Per loccasione la Banca di credito cooperativo di Gatteo ha messo a disposizione un premio in denaro che sar consegnato al primo classicato della sezione letteraria della competizione. La premiazione dei vincitori avvenuta sabato scorso presso il parco della casa di accoglienza Arturo Fracassi di SantAngelo.

Longiano

Budrio, tutto pronto per il Vacanziere estivo


Ritorna il Vacanziere, il centro estivo della parrocchia di Budrio di Longiano, una tradizione che si perpetua da oltre 30 anni, alla ne di ogni anno scolastico. Linizio del Vacanziere, il cui responsabile don Tonino Domeniconi, parroco di Budrio, previsto per luned 11 giugno. Lattivit del centro si protrarr, per 3 turni della durata di 3 settimane ciascuno, no al 10 agosto. "L11 giugno, coloro che vorranno, ritroveranno la "combricola" degli educatori della passata estate, pronti per una nuova emozionante avventura estiva", fa sapere Filiberto Maraldi, coordinatore del Vacanziere assieme a Elmo Romagnoli e Terzo Carnaroli. Fra le attivit proposte ai partecipanti, lesecuzione dei compiti delle vacanze, molti sport allaria aperta, il "giocone" giornaliero e altri giochi a sorpresa, ma anche uscite al mare o in piscina ad Atlantica. "Il gruppo di educatori impaziente di rivedere i vecchi "vacanzieri" e di conoscere i nuovi arrivati - comunica Maraldi -. Lo scopo del Vacanziere far trascorrere ai ragazzi unestate divertente e piena di sorprese, in un ambiente sano, ricco di amici e di allegria. Per non perdere i progressi fatti a scuola, dedicheremo una parte della mattinata allo svolgimento dei compiti". Mv

Gambettola Gran Pri de Bosch Vince la ferrari della Casa del Ragazzo
Lattesissimo "Gran Pr de Bosch" vinto dal "Ferrari F1 team". Il 2 giugno si svolta la gara di macchinine autocostruite spinte a mano. Otto gli equipaggi che si sono sdati nelle gare di velocit e di staffetta. Liniziativa stata promossa dallassociazione Treesessanta. Ogni equipaggio era composto da 5 persone: un pilota (munito di casco) e 4 corridori. In gara anche squadre femminili. Durante la gara c stato anche chi ha perso una ruota. La manifestazione godeva del sostegno economico della Bcc di Sala. Come detto, ha stravinto il "Ferrari F1 team " composto da giovani frequentanti la "Casa del ragazzo" della parrocchia.

La Cisl e la Fnp Federazione dei pensionati di Forl Cesena, partecipa al dolore della famiglia Ricci per la scomparsa del caro amico CLAUDIO per tanti anni apprezzato dirigente del Sindacato e sicuro punto di riferimento per i suoi concittadini di Borghi sempre pronto ad intervenire per trovare le risposte ai loro bisogni Alla cara signora Vivella, ai figli e ai parenti tutti le pi sentite condoglianze

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Valle del Savio

Gioved 7 giugno 2012

17

Allarena dal 15 luglio al 13 agosto

Foto Giorgio Peruzzi

Bagno di Romagna
Lautorizzazione allo scarico, per il nuovo impianto di depurazione a servizio di Bagno di Romagna, non stata concessa, almeno per il momento. La riunione della Conferenza dei Servizi, convocata nei giorni scorsi dalla Provincia con la partecipazione di Arpa Forl-Cesena, del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, del Comune di Bagno di Romagna e di Atersir, alla presenza anche di Hera spa e di Romagna Acque, ha dichiarato lo scarico "non autorizzabile". La motivazione starebbe nella considerazione che "il carico in ingresso, valutato in circa 12.000 abitanti equivalenti, superiore alla potenzialit di progetto, pari a 7.800 abitanti equivalenti". La portata delle acque di scarico da depurare sarebbe cio molto superiore alla potenzialit del depuratore. La stessa Conferenza ha accolto la richiesta di autorizzare lo scarico del nuovo depuratore, e limitatamente a dieci mesi, "ai soli ni del collaudo". La differenza di valutazione, tra un "peso" di scarichi di 12.000 abitanti equivalenti e quello di scarichi di 7.800 (i residenti nel territorio comunale sono circa 6.200), sarebbe dovuto essenzialmente alla considerazione del "peso" degli scarichi delle acque degli stabilimenti termali. E chiaro che nel caso si dovesse riconoscere questo peso e questa incidenza degli scarichi degli stabilimenti termali sul depuratore si scaricherebbero sugli stabilimenti termali stessi ulteriori costi per la depurazione. Il tema della depurazione degli scarichi delle acque termali degli stabilimenti di Bagno di Romagna potrebbe anche essere affrontato diversamente. Alberto Merendi

Sarsina: tutto pronto per il Plautus festival


ove spettacoli, dal 15 luglio al 13 agosto: questo il cartellone della 52esima edizione del Plautus Festival, recite classiche estive che si tengono presso larena plautina di Sarsina. In un momento storico difficile, nel quale i continui tagli alla cultura ostacolano lo sviluppo di nuovi progetti e sperimentazioni in campo artistico, soprattutto da parte dei giovani, il Comune di Sarsina rilancia la propria sfida. Il Plautus Festival, non solo si propone di ricordare con orgoglio lillustre sarsinate Tito Maccio Plauto, ma vuole promuovere con altrettanta forza il Teatro quale "antica e nobile arte". Anche questanno si rinnova la partecipazione del Plautus Festival, al progetto "Un invito al Teatro - NoLimits 2012", promosso dal Comune di Forl in collaborazione con il Centro Diego Fabbri di Forl e dallassociazione "Occhi Parlanti", con il coinvolgimento del Teatro Diego Fabbri, dei Comuni di Cesena, Sarsina, Predappio, Gambettola e del Fondo per la Cultura

Gli spettacoli in programma sono nove. Ci sar anche un supporto per i non vedenti
di Forl. Si tratta di unimportante iniziativa a livello provinciale che, con i contributi della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Forl-Cesena, avvia unesperienza estremamente interessante: portare laudiodescrizione a teatro e, quindi, consentire anche alle persone non vedenti di apprezzare questa antica e nobile arte. Gli spettatori ipovedenti ed i loro accompagnatori beneficeranno dellingresso nel secondo settore, al prezzo ridotto di 12 euro. Tramite il supporto dellaudiodescrizione possibile rendere "visibili" tutti quei particolari silenziosi quali: dettagli scenografici, aspetto fisico e costumi dei personaggi, movimenti degli attori ed espressioni del volto, componenti fondamentali e significative di qualunque opera teatrale. Partner organizzativo del Plautus Festival la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. Al miglior attore del Laboratorio Teatrale sar assegnata una borsa di studio, del valore di mille euro, nellambito del progetto "Nel ricordo di Plauto", finanziato dal Comune, dalla Banca di Credito Cooperativo di Sarsina e dal Rotary Club "Valle del Savio". Per informazioni e abbonamenti visitare il sito www.plautusfestival.it o chiamare lufficio cultura del Comune al numero 0547 94901.

La Fotonotizia | San Piero in Bagno

La Fotonotizia | Sarsina

Ha ripreso vigore la tradizione dell"infiorata" per il Corpus Domini (a San Piero domenica scorsa), dei disegni di soggetti religiosi realizzati a terra, per strade e piazze, colorati dai diversi colori dei petali di fiori. Davanti alla chiesa parrocchiale, alla chiesa di San Francesco e alla chiesina di San Giovanni si sono visti gruppi di persone impegnate nella realizzazione di vere e proprie opere darte, preparate da tempo grazie ai disegni e ai tanti petali.

Si tenuta la scorsa settimana, presso il campo sportivo, la giornata conclusiva di "Classi in movimento", progetto di educazione motoria e sportiva che ha coinvolto le classi della scuola primaria di Sarsina. Liniziativa ha visto il concorso di diversi soggetti: oltre alle scuole, agli insegnanti, agli alunni, hanno contribuito alla realizzazione la Bcc di Sarsina che ha finanziato levento, e la Polisportiva che ha messo a disposizione il proprio personale al fine di diffondere la pratica sportiva tra i pi piccoli. (Mic. Mosc.)

18

Gioved 7 giugno 2012

Solidariet
Liniziativa si svolger domenica 23 settembre. Duecento i volontari lungo il percorso da Mercato Saraceno a Cesenatico

ieme ici di Casa Ins Am

Banca di Cesena Pic-nic della solidariet


In aiuto a famiglie in difficolt
Raccolti oltre 6.800 euro al Pic-Nic della Solidariet a favore di famiglie in difficolt del cesenate. Nel pomeriggio di sabato 26 maggio, lAssociazione Giovani Banca di Cesena e Banca di Cesena hanno organizzato un pic-nic beneco denominato Pic-Nic della Solidariet presso i giardini pubblici di Cesena, nalizzato a raccogliere fondi a favore di tre famiglie con bambini del nostro territorio che si trovano ad affrontare gravi difficolt economiche e sanitarie. Il pomeriggio, realizzato con il prezioso contributo di varie societ locali e organizzazioni del territorio cesenate, si svolto con una buona affluenza di famiglie e si trasformato in una vera e propria gara di solidariet e in unopportunit di raccolta fondi a sostegno delle famiglie, individuate dal Banco di Solidariet, Caritas Cesena e San Vincenzo de Paoli, partner delliniziativa. Per la sensibilit dimostrata e per lampia adesione allo scopo benecio, le donazioni sono proseguite oltre la conclusione del pic-nic e hanno permesso di raccogliere la cifra complessiva di 6.853,70 euro che, grazie al contributo della Banca di Cesena e delle aziende che hanno partecipato allevento, verr interamente devoluta in egual misura alle famiglie individuate, alleviando un poco la loro precaria situazione economica/sanitaria.

Maratona Alzheimer prende la rincorsa


a gara solidale gi cominciata. Nel mese di maggio sono stati arruolati quasi 200 volontari per la manifestazione Maratona Alzheimer, che si terr domenica 23 settembre tra Mercato Saraceno e Cesenatico. Membri di societ sportive e associazioni romagnole di volontariato, o semplici appassionati di podismo si distribuiranno lungo un percorso che tocca ben cinque Comuni del comprensorio cesenate (Mercato Saraceno, Sogliano al Rubicone, Roncofreddo, Cesena e Cesenatico), con lobiettivo di guardare in faccia lAlzheimer e restituire agli ammalati la dignit di persone. Il mondo sportivo e associativo della zona sta rispondendo allappello in modo esemplare - dichiara Ciro Costa, presidente di Trail Romagna, associazione che cura levento dal punto di vista tecnico -. Ho contribuito allorganizzazione di numerose gare in Romagna e non ho mai riscontrato una cos pronta partecipazione. Siamo sulla strada giusta per ottenere il pi ampio consenso e dar vita a una grande manifestazione con finalit benefiche. Le associazioni e le societ che hanno gi aderito alliniziativa, con il sostegno di Assiprov e del Comitato Paritetico Provinciale del

Casa Insieme, attivit estive


Al via nuove iniziative a sostegno di chi vive la malattia della memoria da parte dellassociazione Amici di Casa Insieme. Mercoled 6 giugno partito a Cesena il Laboratorio Benessere, uno spazio di cura e di riattivazione nalizzato al miglioramento della qualit di vita e alla stimolazione delle potenzialit delle persone malate che vi parteciperanno. Durante gli otto incontri previsti, della durata di due ore ciascuno, si utilizzano tecniche di rilassamento psico-sico e strumenti creativi. Venerd 8 giugno a Mercato Saraceno partir un Atelier darte aperto a malati, familiari, assistenti familiari e anche a persone anziane o con disabilit, in unottica di accoglienza, integrazione e solidariet. Le attivit prevedono lutilizzo di tecniche artistiche di vario tipo. Per info e iscrizioni: 320 6967089 da luned al venerd, al mattino.

Volontariato, sono: Gruppo Podistico Cesenate, Virtus, Gruppo Podistico Endas Cesena, Uisp-Sport per tutti, Polisportiva San Vittore, Easy Runner | Us Acli, Romagna Running 1994, Atletica Cesenatico, Aics Udace, Asd Ciclistica Mercatese, Asd Gruppo Ciclistico di Borello, Guardie Ecologiche Volontarie, Cai Cesena, Gruppo Alpini

sezione di Mercato Saraceno, Arcade, Auser Cesena, Croce Verde Pubblica Assistenza Cesena, Croce Rossa Italiana Cesena e Cesenatico, Misericordia di Alfero e Misericordia Valle Savio. Ognuna di queste realt ha messo in gioco le proprie risorse umane per sostenere liniziativa. Tutti possono essere utili e tanti sono i

servizi che richiede una manifestazione di questa portata: dal controllo stradale lungo il percorso della maratona ai ristori posti ogni cinque km da Mercato Saraceno al Parco Levante di Cesenatico, dal servizio spugnaggi alla staffetta in bici, dal servizio scopa al deposito borse, dalla preparazione dei pacchi gara alla distribuzione dei premi. Tanti piccoli servizi che assieme costituiscono una grande macchina organizzativa al servizio dei partecipanti e della buona causa: quella di raccogliere fondi per la onlus Amici di Casa Insieme di Mercato Saraceno, associazione promotrice dellevento, impegnata in progetti di sostegno ai malati di Alzheimer. Duecento volontari sono tanti, ma non ancora sufficienti, per cui chiunque volesse sostenere liniziativa regalando un po del suo prezioso tempo pu contattare Amici di Casa Insieme al numero 0547-691695, o allindirizzo e-mail amicidicasainsieme@gmail.com. Per informazioni: www.maratonaalzheimer.it.

Apertura ambulatorio Anteas a San Carlo


In occasione del terzo anniversario dalla realizzazione dellambulatorio sociale infermieristico Anteas (Associazione nazionale Terza Et attiva per la Solidariet) di San Carlo (in via Castiglione137) venerd 8 giugno dalle 8,30 alle 11 si terr eccezionalmente unapertura straordinaria. Durante la mattinata tutti coloro che lo desiderano potranno usufruire di un controllo gratuito della pressione sanguigna. Alle persone che accederanno al servizio sar offerto un buffet. Lambulatorio Anteas di San Carlo in soli tre anni ha raggiunto quasi i mille accessi del 2011 per un totale e di 1.803 prestazioni, triplicando gli accessi del 2009 che si attestavano a 387 (per 615 prestazioni). Il servizio, attivo il marted e il venerd dalle 9 alle 10, viene gestito da infermieri professionali che gratuitamente sono a disposizione per misurazione pressione arteriosa, determinazione capillare della glicemia ed elementi di educazione sanitaria. Per info, telefonare allo 0547 660633.

NOTIZIARIO PENSIONATI
trasporto sociale e di assistenza con i propri ambulatori sociali. In una seconda fase, il coordinamento regionale dellAnteas coinvolger tutte le associazioni Anteas presenti in regione per cercare di contribuire a dare risposta ai bisogni e alle necessit che emergeranno.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Festa dei pensionati a SantAngelo di Gatteo, grande partecipazione


Ecco unimmagine della nona edizione di Pensionati in Festa che si tenuta lo scorso 26 maggio a SantAngelo di Gatteo. La musica dellorchestra Mirka e Mario Galbucci, lestrazione dei premi e la ciambella e albana per tutti sono stati gli ingredienti di questo pomeriggio di allegria che ha raccolto una folta partecipazione di pensionati. Liniziativa, organizzata in collaborazione con Fnp Cisl, Spi Cgil e Uilp Uil, ha visto la collaborazione di Vitainsieme di Gatteo, del centro Giulio Cesare di Gatteo, I sempra Zovan di San Mauro Pascoli, La mia sera di San Mauro Mare dei centri Secondo Casadei e Carlo Baiardi di Savignano sul Rubicone.

Malati di Sla, fondo riconfermato


stato riconfermato il nanziamento di 100 milioni di euro affluenti al Fondo per le non autosufficienze a favore di persone affette da sclerosi laterale amiotroca, per lanno 2011. Le risorse assegnate al Fondo per le non autosufficienze sono state attribuite alle Regioni per interventi in tema di sclerosi laterale amiotroca secondo i seguenti criteri: popolazione residente, per regione, det pari o superiore a 45 anni, nella misura del 60 per cento; criteri utilizzati per il riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali della legge n. 328, nella misura del 40 per cento. AllEmilia Romagna sono stati assegnati 7 milioni e 420 mila euro.

Anteas Emilia Romagna in campo per i terremotati


Anche lAnteas in campo nella catena di solidariet che si costituita intorno alle popolazioni che nel modenese, nel ferrarese e nel bolognese sono state colpite cos duramente dal terremoto. In questa prima fase le Anteas hanno intensicato le proprie attivit di

Inps: misure a favore dei Comuni terremotati


In relazione allo stato di emergenza in cui si trovano i

comuni delle province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova, colpiti dal terremoto, lInps, su sollecito dei sindacati dei pensionati, ha assicurato che verranno adottate tutte le misure necessarie per garantire ai beneciari delle zone interessate la continuit del pagamento delle pensioni e delle prestazioni a sostegno del reddito (Cassa integrazione guadagni, disoccupazione, mobilit e altre prestazioni temporanee). Inoltre,

poich al momento gli uffici postali ubicati nei comuni dellEmilia Romagna colpiti dal terremoto sono chiusi o inattivi, listituto previdenziale, al ne di consentire il pagamento in contanti di tutte le prestazioni pensionistiche e non pensionistiche, ha autorizzato Poste Italiane a garantire tali pagamenti presso un qualsiasi ufficio postale presente sul territorio nazionale. Fermo restando che per il

pagamento occorre comunque presentare un valido documento, i beneciari verranno esonerati, rispettivamente, dallobbligo della presentazione del certicato di pensione e della lettera di avviso. Lautorizzazione al pagamento in circolarit presso gli sportelli postali di tutto il territorio nazionale, precisa lInps, sar operante no al completo ripristino della funzionalit degli uffici postali dichiarati inagibili.

Cultura&Spettacoli Corale VoxAnimae | Da San Vittore ad Assisi

Gioved 7 giugno 2012

19

Venerd 8 giugno alle 20,45 al Centro San Biagio

Premio Selezione Bancarella Sei libri protagonisti


esena ospita anche questanno i nalisti del C60esima edizione. 20,45 nel Centro culturalePremio Selezione Bancarella, giunto alla Venerd 8 giugno alle San Biagio saranno presentate le sei opere vincitrici alla presenza degli autori. Interverranno Luca Mercalli, il noto meteorologo ospite sso della trasmissione di Rai 3 Che tempo che fa con il suo saggio Prepariamoci; Alessandro Perissinotto, docente alluniversit di Torino e autore di numerosi saggi e romanzi (Semina il vento); Marco Buticchi, autore di romanzi storici e davventura molto amati dal pubblico (Le voci del destino); Marcello Simoni, bibliotecario di Comacchio al suo esordio come scrittore di romanzi (Il mercante dei libri maledetti); Davide Enia, drammaturgo e attore teatrale che con il suo Cos in terra nalista anche al Premio Strega. Unico assente Bjorn Larsson, uno degli autori svedesi pi noti e apprezzati anche in Italia. Le opere naliste sono state selezionate dal Comitato organizzatore fra quelli indicati dai librai tra i volumi pubblicati in Italia lo scorso anno, per aver conseguito un successo di merito e vendita. Il vincitore verr proclamato il 2 luglio a Pontremoli, citt sede del Premio Bancarella. Durante la serata, presentata dalla giornalista Elide Giordani, si terr la premiazione del concorso Un libro premia per sempre - Il Bancarella nelle scuole, promosso da Confesercenti Cesenate, cui hanno partecipato 500 studenti nella recensione di una delle sei opere naliste. Il vincitore assoluto Nicola Catasca dellIstituto professionale Versari. La giovane scrittrice Lorenza Ghinelli ritirer invece il premio Cesena e le sue pagine. Fs

Domenica 27 maggio alle 12 la corale Vox Animae di San Vittore di Cesena ha animato i canti e la liturgia della Solennit di Pentecoste, nella Basilica di San Francesco ad Assisi. La corale guidata dal maestro Antonella Casalboni e dallorganista Alberto Salimbeni. Unesperienza ricca di Spirito e semplicit nei luoghi legati alla vita di san Francesco. Nella foto, la corale davanti alla Basilica di San Francesco, ad Assisi.

Aperta fino al 24 giugno a Cesena alla galleria e sala del Palazzo del Ridotto

Cinema
Eliseo, Uci Savignano

di Filippo Cappelli

opo la mostra che si tenuta nellautunno dellanno scorso a Bagno di Romagna, dal titolo DallAfrica alla pittura - Peregrinazioni, lartista cesenate Gino Balena ora si presenta nella nostra citt, presso la galleria darte del Palazzo del Ridotto, con una grande antologica dal titolo Atlante. La mostra, inauguratasi il primo giugno, oltre alla sola galleria occupa anche il salone delle conferenze al piano superiore, dove sistemata la parte scultorea. Lesposizione molto suggestiva ed esalta le doti di questo artista pieno di vita, spontaneit e sensibilit. Balena, che gi negli anni Settanta era apprezzato da critici e galleristi e che abbandon lattivit artistica per dedicarsi essenzialmente allinsegnamento e allantiquariato, dopo una serie di soggiorni in Africa, ritorna alla primitiva passione con esiti sorprendenti. Fra i dipinti, tutti di grandi dimensioni (opere ispirate dal suo soggiorno in Africa, maschere e scene mitologiche), un piccolo ritratto della madre del 1960.

Sensibilit e spontaneit nellAtlante dellartista Gino Balena D

MARILYN
di Simon Curtis Si materializz sulla porta come lultimo dei pensieri, quello che non ti capita mai in testa, quello che quando arriva fa bang, e per qualche minuto hai la mente vuota e non sai pensare ad altro. Cos parl lo stesso Arthur Miller riferendosi al primo incontro con la sua futura moglie, Marilyn Monroe. La trama: quando gi era la stella cinematografica pi famosa e amata del pianeta, nel 1956, Marilyn Monroe vol in Inghilterra, dove Laurence Olivier la volle come protagonista femminile di un film da lui scritto e diretto, Il principe e la ballerina. Alla produzione di quel film lavorava un 23enne alla sua prima esperienza sui set, Colin Clarke, col ruolo di terzo assistente alla regia: poco pi di un galoppino. La fragile e insicura Monroe fu subito in difficolt davanti ai modi di Olivier, alla pressione del lavoro, allimprovvisa partenza del neo-marito Arthur Miller. E trov in Clarke il supporto, lamicizia e lamore necessari per andare avanti, finire il film e mantenere fulgida la sua stella. Clarke pubblic solo nel 1995 i diari relativi a quei giorni per lui magici e complessi passati al fianco della Monroe. Al di l dellottima qualit delle interpretazioni dellintero cast, i pregi maggiori di Marilyn risiedono proprio nellammissione di parzialit del suo sguardo e del suo racconto, nella rinuncia alla pretesa di possedere lintera verit di Marilyn e nella consapevolezza di poter raccontare solo quanto la stessa attrice lasciava trapelare. Antispettacolare e molto misurato, mai sciacallo sul personaggio che racconta, il film di Curtis ne restituisce le luci e le ombre, quella che ancora Miller ebbe a definire la vitalit di una donna che non si capisce, ma che sembra sul punto di illuminare una vasta distesa di oscurit che ci circonda. Anche nel film di Curtis, come nei diari che la raccontano, Marilyn il vero motore dellazione e dei personaggi. In particolare dei rapporti che lattrice intrattiene, fatti di slanci sinceri e decise ambiguit: da una parte lo sfruttamento da parte della stessa Marilyn, che fa leva sul carattere instabile e sfaccettato per ottenere vantaggi per se stessa (la libert dagli orari di lavoro, la libert dal vincolo matrimoniale); dallaltra lo sfruttamento contro lattrice, perpetrato dalla corte che gravita intorno a lei per denaro (la figura emblematica dellinsegnante di recitazione, Paula Strasberg). Ma in filigrana, dietro i temi che sembrano guidare la pellicola verso un saggio sociale, si muove il tentativo di indagare il carattere reale di Marilyn, la sua vera essenza: la profonda consapevolezza dellinterprete (dellessere star e del mondo esterno), sempre sul set nel ruolo di s stessa, si concreta nella ripresa della reggia, dove la Monroe assediata dai fan entra in scena e interpreta la parte (Devo iniziare a recitare?). Alla fine, malgrado tutto, il mistero di una donna e del suo mito rester intatto.

Al piano superiore le opere scultoree, pure di grandi dimensioni, che si avvalgono dellallestimento scenografico di Cesare Ronconi, regista del teatro Valdoca, che ha saputo mettere in rilievo in maniera efficace il bello e lo spettacolare gi insito nelle opere di Balena. Lartista ha realizzato in modo suggestivo queste sue sculture con un lavoro non molto dissimile da quello della modellazione con largilla utilizzando il sistema dellaggiungere: in questo caso pezzi strappati di cartone, quello delle scatole da imballaggio. In questi lavori si respira laria della classicit e del barocco infarcite di mitologia (Apollo, Icaro e Atlante), ma anche del contemporaneo come nello strappare, nel distruggere ma, in questo caso, sempre per ricostruire. Il linguaggio figurativo usato non ha chiuso Balena nei limiti di un superficiale narratore perch le sue rudi semplificazioni, la tensione sempre vivissima, hanno conferito al suo linguaggio una modernit e una poesia che affascinano il fruitore.

GINO BALENA, APOLLO, CARTONE DA IMBALLAGGIO E LIBRI, 2012

Nelle sue opere si ritrova il senso di un misticismo intimo e spontaneo che giunge a darci immagini di straordinaria forza espressiva e grande spiritualit che sofferenza e amore. La mostra, curata da Sabrina Foschini, corredata da un esauriente catalogo con testi critici della curatrice, di Orlando Piraccini e Alessandro Giovanardi, rimarr aperta fino al 24 giugno con il seguente orario: mercoled, sabato e domenica 9,30-12,30; 16,30-19,30; marted e venerd 16,30-19,30; chiuso luned e gioved. Enrico Guidi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI a Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
ERA SANTO, ERA UOMO. IL VOLTO PRIVATO DI PAPA WOJTYLA
ricordare che nellimmenso anfiteatro di questi ghiacciai e di queste vette, tra i quali ancora oggi si vedono Lino Zani con Maril Simoneschi trincee e fili spinati, schegge di Ed. Mondadori (18,50 euro) granate e residui di materiale bellico, Leditrice Mondadori ha pubblicato un testo, scritto dal pur nello stridente contrasto delle maestro di sci e alpinista Lino Zani, in collaborazione con la rivendicazioni nazionali, era presente giornalista Maril Simoneschi, di testimonianza della presenza da ambo le parti il conforto e di papa Giovanni Paolo II sullAdamello. Il libro si intitola Era lamicizia di Cristo, il redentore, che santo, era uomo. Il volto privato di papa Wojtyla. Dopo il nessuno abbandona e che tutti ama e racconto della giornata del 16 luglio 1984 - quando si sono vuole salvare per la vita al di l del incontrati il Papa e il presidente Pertini - a p. 108 nel testo tempo e della storia. Quante volte il dellomelia fatta esattamente quattro anni dopo Giovanni bianco colore della neve si tinto di Paolo II cos esprime i suoi pensieri sulla montagna: Qui, tra rosso sangue! Il nostro pensiero va a gli spazi sconfinati e nel silenzio solenne delle cime, si avverte tutti coloro che sono caduti in il senso dellinfinito! In questo scenario maestoso e possente, Adamello, a tutte le vittime delle luomo si sente piccolo e fragile, e pi facilmente percepisce la guerre passate e presenti, alle loro famiglie, ai loro ideali infranti, e magnificenza e lonnipotenza di Dio, creatore delluniverso e mentre eleviamo per loro la nostra preghiera di suffragio, esprimiamo redentore del genere umano. Qui veramente il pensiero, nuovamente il nostro anelito e la nostra invocazione alla pace, alla contemplando il creato, penetrandolo, anzi, nellordine fraternit, alla concordia fra i popoli e le nazioni. In avvenire sia la pace mirabile dellintero universo, si fa preghiera di adorazione e di a guidare il cammino dellumanit. La pace maestosa di queste fiducioso abbandono: Signore, io credo in Te, Ti adoro, Ti amo montagne un invito a un impegno a costruire e a consolidare una e spero in Te!. Proprio su quelle montagne il padre di Karol societ libera dalla schiavit della guerra e dellodio (p. 109). Il libro, Wojtyla aveva combattuto nella prima guerra mondiale e allora attraverso 70 fotografie a colori, ci aiuta a rivivere gli avvenimenti, il Papa durante quella omelia ha detto: Ma dobbiamo anche descritti con grande ricchezza di particolari.

20

Gioved 7 giugno 2012

Cesena & Comprensorio


Cesenatico
Artisti in vacanza

Cesena flash Open Day


Il centro residenziale anziani "Don Carlo Baronio" apre i suoi locali alle visite sabato 9 giugno dalle 9 alle 18. Nella sala teatro alle 9 Rabih Chattat dellUniversit di Bologna tratter il tema "La fatica di prendersi cura e laccompagnamento delle famiglie: un percorso per sostenere". Alle 10 si parler dei "Servizi a sostegno dellanziano e della famiglia". A seguire la visita guidata. Alle 15 un video sulla vita di don Baronio e alle 16,40 la santa messa.

Gatteo

Rievocazione storica
La compagnia San Michele in collaborazione col Comune organizza il "Castrum Gatthei", rievocazione storica del paese. Avr luogo sabato 9 giugno dalle 16 in piazza Vesi. In programma corteo con sbandieratori, danzatori, musici, torneo di scherma e tiro con larco, scontro di truppe. Sar ricostruito un accampamento medievale, Ingresso libero.

Cesena

Festa della Polisportiva Virtus


La Polisportiva Virtus di Ponte Abbadesse sabato 9 giugno alle 18,30 d inizio alla tradizionale festa che coinvolger oltre duemila persone, in primis i 200 tesserati. Si terranno le nali del torneo di calcio a 7 e saranno attivi gli stand gastronomici. La Polisportiva si occupa di calcio, podismo e Nordic walking.

Durer no a sabato 9 giugno dalle 8,30 alle 11,30 lesposizione, di fronte al Museo della Marineria, delle opere di artisti ospiti delle strutture alberghiere. I quadri saranno messi in vendita a scopo beneco. Il ricavato sar devoluto ai servizi sociali del Comune.

Roncofreddo
Satira politica

Roncofreddo

Economia

Festa del volontariato


La seconda edizione di "Roncofreddo insieme" si svolger domenica 10 giugno dalle 16 in piazza Cesare Battisti. In programma presentazione e testimonianze di varie associazioni di volontariato, esibizioni musicali e canore, sketch della compagnia locale "E Coch" e letture poetiche.

Cesena

Campo della Stella


Si terr venerd 8 giugno, in mattinata, la presentazione dei vincitori della decima edizione del concorso di scrittura saggistica "La Memoria del Novecento", promosso dal Campo della Stella. In tale occasione il presidente della giuria Gianfranco Lauretano, lassessore alla cultura e istruzione Maria Elena Baredi e la direzione della Banca di Cesena premieranno i ragazzi che si sono aggiudicati i premi e le menzioni donore e la classe pi meritevole fra i numerosi partecipanti delle scuole superiori cesenati.

Si terr a Cesena Fiera in via Dismano a Pievesestina, gioved 7 giugno dalle 10, la X Giornata delleconomia della provincia di Forl-Cesena, promossa dalla Camera di Commercio. Interverranno il presidente Alberto Zambianchi, Cristoforo Morandini di Associated partner-Between e Claudio Pasini di Uniontrasporti.

Secondo incontro culturale di Casa dellUpupa, studio "Ilario Fioravanti" a Sorrivoli, a cura di Flaminio e Massimo Balestra. Sabato 9 giugno alle 18 Emanuela Morganti presenter "Gabriele Galantara e LAsino.

Festa ciliegia

Avr luogo a Villa Silvia di Lizzano, sabato 9 e domenica 10 giugno la VI festa della ciliegia, organizzata dall associazione Aproccc e dal quartiere Valle Savio. Sabato alle 20,30 cena a 25 euro con prenotazione entro venerd 8 giugno. Domenica 10 dalle 15 mostra pomologica, alle 16 animazione per bambini con il Mago Cotechino e momento dialettale con i poeti Loris Babbini, Dino Bartolini, Antonio e Giorgio Gasperini. Alle 18 musica con lorchestra Renzo e Luana.

Si tenta di unire carta di identit elettronica e tessera sanitaria

Mostra darte

Alla galleria darte contemporanea "LImmagine" in piazza Aguselli, dal 7 al 30 giugno saranno esposte opere di Silvia Camporesi, Luca Bellandi e Domenico Grenci. Orari di apertura: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19,30 tutti i giorni, esclusi luned e marted. La mostra organizzata da Maria Grazia Melandri.

esena potrebbe essere tra i primi Comuni in Italia a sperimentare il nuovo Documento unico, destinato a riunire in s carta didentit elettronica e tessera sanitaria (che ha gi assorbito, negli anni scorsi, il tesserino del codice fiscale), con la possibilit di estendersi anche a patente e passaporto: "Il documento sar gratuito per il cittadino - ha spiegato in conferenza stampa il dirigente dei servizi demografici Alessandro Francioni - grazie allutilizzo dei fondi oggi stanziati per le tessere sanitarie. Noi siamo pronti a far partire questa sperimentazione non appena il Ministero dar il via". Se cos sar, si tratterebbe solo dellultima tappa di un percorso che ha visto il Comune di Cesena tra gli Enti pubblici pi aperti allinnovazione: "Dal 2006 partecipiamo alla sperimentazione sul-

Cesena, si studia il documento unico C


la Carta didentit elettronica - ha proseguito Francioni - primo e unico Comune della provincia. Siamo stati, poi, tra i primi tre in regione a sperimentare i certificati online con timbro elettronico e, ad oggi, abbiamo il pi alto numero di convenzioni con le pubbliche amministrazioni e le forze dellordine per laccesso ai dati dellanagrafe". Laccesso informatico agli atti, per i cittadini e gli enti pubblici, riduce tempi di attesa e lutilizzo di carta. In passato, ovviamente, le cose erano molto diverse. Nei suoi 140 anni di vita, essendo nata dieci anni dopo lUnit dItalia, lanagrafe di Cesena ha cambiato pelle pi volte. In occasione di questa ricorrenza il settore Servizi demografici ha presentato un libretto che ne ripercorre la storia, tra statistiche e aneddoti. Le prossime tappe vedranno il comple-

tamento dellArchivio digitalizzato (a settembre) con il trasferimento degli storici schedari di legno alla Grande Malatestiana, mentre il resto dellarchivio cartaceo prender il posto dellIgiene ambientale di Hera a Ponte Abbadesse (in trasferimento a Pievesestina). Larchivio era stato gi microfilmato da Carlo Gualtieri, per anni dirigente del settore e anima delle innovazioni, morto a giugno dellanno scorso. Il prossimo anno, infine, partir finalmente lo "sportello del cittadino", un ambiente unico dove chiedere servizi erogati fino ad oggi da 11 sportelli diversi. Michelangelo Bucci

Aperitivi letterari
Proseguono al centro San Biagio le conversazioni di Manuela Racci su loso, poeti e scrittori. Mercoled 13 giugno alle 19,30 le pagine di Seneca rappresentano loccasione per riettere sul senso della vita e della morte: luomo occupato in mille faccende corre senza sapere il perch di tanto affanno, in realt scappa da se stesso.

Sogliano
Paese in festa

Sarsina

Al Cippo di Montalto
Lescursione a piedi al Cippo di Montalto prender il via domenica 10 giugno alle 9,30 da Quarto per raggiungere la vetta a 840 metri da cui nel 1812 si stacc la frana che diede origine al lago. Alle 12 sar celebrata la messa in suffragio delle 18 vittime della frana. A seguire un rinfresco per i partecipanti allescursione. Liniziativa a cura della Pro loco "Lago di Quarto".

Bagno di Romagna
Gran Fondo del Capitano
Si svolger domenica 10 giugno la terza edizione della "Gran Fondo del Capitano", evento ciclistico sullAppennino tosco-romagnolo e nel Parco nazionale delle Foreste casentinesi. Un percorso corto di 91 chilometri e uno pi lungo che arriva a 129 chilometri spalmati su cinque salite.

Il centro storico, sabato 9 giugno, metter in mostra i tesori del paese: pittori, artisti, mestieri, prodotti tipici. Alle 18 nella chiesa del Suffragio sar presentato il progetto "I nostri Santi nellarte". Aperti tutti i musei e la mostra "Gocce di Memoria".

Gambettola, lavagna multimediale


Una lavagna multimediale per la scuola media di Gambettola. avvenuta lo scorso gioved 24 maggio la consegna ufficiale da parte della Bcc di Gatteo di una Lim (Lavagna interattiva multimediale), installata stabilmente presso i locali della classe 3C della scuola secondaria di primo grado di Gambettola. A consegnare formalmente il supporto stato il responsabile della liale di Gambettola Gianluca Paolucci alla presenza della dirigente scolastica Maria Annunziata Angelini. Alla consegna erano presenti anche la vicaria, prof.ssa Giovanna Sirotti, e la professoressa di matematica, Benedetta Abbondanza la quale, insieme ai ragazzi, ha provveduto a dare dimostrazione dellutilizzo dello strumento.

Gatteo Mare
Si terr gioved 14 giugno la VII edizione della Festa romana. Alle 11,30 il sindaco sulla motonave Tritone si diriger verso la foce del Rubicone per lanciare lalea doro che si contenderanno i tuffatori. Poi la nave carica di turisti torner al pontile. La sera, tavoli e panche sul viale Giulio Cesare ospiteranno per la cena i duemila turisti alloggiati negli alberghi del viale. Alle 21 inizieranno le animazioni da parte di legionari romani e barbari.

Festa romana

Sarsina

Camminata Avis
La sezione comunale Avis organizza per domenica 10 giugno la "Camminata a Monteriolo" con partenza alle 8,30. Pranzo a Monteriolo alle 12,30. Prenotazione presso ledicola di piazza Plauto.

Gambettola

Serate per gli Europei


Lassociazione "Nonsoloruggine" di Gambettola presieduta da Daniele Marchetti, in collaborazione con il Comune di Gambettola e i bar Casablanca, Centrale, del Corso, Ary Caf, Replay e Giambellino di Gambettola, a partire da domenica 10 giugno dalle 17 in piazza Foro Boario a Gambettola, invitano a "Euro insieme 2012tutti in piazza". Un modo di vivere le emozioni degli Europei di calcio sul maxi-schermo con uno sguardo di solidariet rivolto alle popolazioni colpite dal recente terremoto in Emilia, cui sar devoluto parte degli incassi delle serate.

Alfero

Camminata Avis
E in programma per domenica 10 giugno la Camminata promossa dallAvis di Alfero e circondario. Il ritrovo ssato alle 9,30 in piazza e la passeggiata nel bosco raggiunger il Sasso Spaccato, il Laghetto, la strada romana del Cerrino, la Fonte sulfurea, la Castagneta con arrivo al parco del Casone.Prenotazioni entro venerd 8 giugno.

Concerto

In piazza della Libert sabato 9 giugno alle 21,30 lorchestra giovanile "Angelo Masini" di Forl, diretta da Fausto Fiorentini, dar un concerto per lindimenticato maestro Pino Ceccarelli. In programma musiche di Brahms, Mozart, Mascagni, Strauss. Organizza lassociazione "La Siola doro".

Sport

Gioved 7 giugno 2012

21

Ha vinto il serbo Nikola Ciric

Ciclismo
La squadra ciclistica esordienti della "Fausto Coppi" guidata dai ds Walter Errico, Claudio Battelli ed Angelo Cecere sta letteralmente polverizzando ogni pronostico fatto ad inizio stagione. I ragazzi e le ragazze che militano in questa categoria (tra 1 e 2 anno) sono 14 di cui 4 ragazze. Ad oggi hanno partecipato a ben 15 gare (13 su strada, 2 su pista) raccogliendo 13 vittorie e 29 piazzamenti. Elemento trainante della squadra il campione provinciale Simone

Un grande torneo Cesena sposa il tennis


veva gi esternato la sua soddisfazione al microfono, durante la cerimonia di premiazione sabato sera, al termine della finale che ha visto il serbo Nikola Ciric alzare al cielo il 5 trofeo "Marchi Giorgio" dopo aver superato con un duplice 6-4 lo statunitense Blake Strode. Anche se ormai in riserva di energie, felice Giovanni Pacchioni, direttore del torneo Itf Mens Future (15.000 dollari + ospitalit) che per otto giorni ha portato il grande tennis sui campi in terra del Ct Ippodromo Cesena. "Non potevo veramente chiedere di meglio per la decima edizione sottolinea con compiacimento Pacchioni tirando le somme di quello che il pi importante appuntamento tennistico in Romagna - sicuramente la pi bella tra tutte quelle che abbiamo organizzato, senza togliere nulla alle precedenti. Il tempo ci ha dato una grossa mano, con una settimana di caldo sole, e questo ha sicuramente contribuito al successo del torneo. Tantissima gente, appassionata di sport

Giovanni Pacchioni: "Gli sportivi hanno risposto alla grande: pi di 500 spettatori alla finale"
e competente, a seguire gli incontri, non solo per le fasi conclusive, ma fin dalla serata di luned e per lintera settimana. E vedere almeno cinquecento persone per la finale sulle nostre tribune stata una bella emozione, a seguire un match dagli alti contenuti tecnici, degno coronamento di una manifestazione che non finisce di stupire". In effetti, in un momento di contrazione dei vari indici a causa della crisi economica, i dirigenti romagnoli hanno avuto il coraggio e la forza di andare controtendenza, incrementando cio nel 2012 il montepremi della loro creatura con laggiunta anche dellospitalit, decisione presa solo un paio di mesi prima del torneo, quando stata ufficializzata la cancellazione del contemporaneo challenger di Alessandria. "Erano due-tre anni continua Pacchioni - che volevo compiere questo ulteriore passo in avanti, potendo cos assegnare pi punti Atp per la classifica mondiale, e vedere di quanto si fosse alzato di conseguenza il livello dei partecipanti. E devo dire che, grazie allaiuto di alcuni amici pi che sponsor, abbiamo vinto la nostra scommessa: il livello tecnico stato davvero alto, oserei dire il massimo per questa fascia di competizioni, molto vicino a quello di un challenger. Basti dire ad esempio che Arnaboldi veniva da due successi nei Futures e qui uscito al primo turno.

Buda con 10 vittorie, un secondo e un terzo posto al suo attivo, ma anche il resto della squadra non si culla sugli allori con le vittorie di Lorenzo Casadei, Asia Fornari e Valentina Metalli nelle rispettive categorie, insieme ai diversi piazzamenti di Federico Caputo, Ilenia Piccirillo e Martina Mercadini, testimoniano e favoriscono il crescere della squadra. Un grosso plauso i ds della Fausto Coppi lo fanno a tutti i componenti della squadra, ragazzi in crescita come Mattia Narducci coinvolto in una brutta caduta e Bondi Manuel, Paolo Borghesi, Lorenzo Mariani e Alessandro Micolucci, Davide Bertozzi e Alessandro Cecere.

Cesena | Trofeo Benedetto

Cesena | Asd Romagna Centro

E partito domenica, presso il centro sportivo di Martorano, la sesta edizione delTrofeo Benedetto, torneo tra le parrocchie della diocesi Cesena-Sarsina. E stato il calcio a 7 a dare il via alle competizioni con 16 squadre scese in campo. Ecco i verdetti della prima giornata di gare: SantAngelo - Gambettola 3-2; Sala - Santo Stefano 2-3; Pievesestina - Case Finali 1-7; Bagnarola/Cannucceto - SanVittore 3-4; Madonna del Fuoco - Santa Maria Goretti 4-4; UP Mercatese - Duomo 3-4; San Pietro - Martorano 2-7, Sarsina - San Pio X 4-0. (Mic. Mosc.)

La squadra Juniores dellAsd Romagna Centro Martorano stata ricevuta, la scorsa settimana, in Municipio dal sindaco di Cesena Paolo Lucchi. Nella sala degli specchi di Palazzo "Albornoz"il sindaco si complimentato conj la squadra per il conseguimento del titolo Regionale Juniores dilettanti. La squadra ha poi giocato per continuare la corsa verso il titolo nazionale, uscendo per sconfitta dal doppio confronto con la Narnese, compagine umbra. (foto Gigio)

Cesena | Panathlon club

Gatteo | Societ dellAllegria

La consueta conviviale del Panathlon club di Cesena (foto Armuzzi) si svolta due settimane fa allinsegna del motociclismo e non solo. Ospiti della serata al ristorante Casali, loncologo Dino Amadori, direttore dellIstituto Scientifico Romagnolo tumori, Claudio Costa fondatore della clinica mobile a seguito del motomondiale e il giovane pilota cesenate Lorenzo Savadori. Costa ha presentato il libro La vittoria di Marco, di cui lui stesso lautore, dedicato al pilota Simoncelli morto lo scorso ottobre. (Giusy Riciputi)

Un torneo con la benedizione di Emanuele Giaccherini. Domenica 27 maggio la Societ dellAllegria ha organizzato un momento di festa e sport che ha coinvolto 150 ragazzi in partite di calcio e pallavolo. Giaccherini, gi giocatore del Cesena e oggi della Juventus, convocato in nazionale per gli Europei, ha fatto un salouto telefonico dalla sede del ritiro. A premiare i vincitori (le squadre di San Carlo e Gatteo) stata Dania, moglie del calciatore. (foto Marco Gessi)

22

Gioved 7 giugno 2012

Sport Csi
abato giugno si svolte dalle S14,30 2alle 20diallo sono 11, in unadi tadio Manuzzi Cesena le nali calcio a splendida cornice di pubblico composto dalle rispettive tifoserie che hanno gremito le tribune. Nella prima partita, valevole per laggiudicazione della Supercoppa over 35 rivolta agli atleti pi anziani del Csi, il successo arriso al Club Forza Forl, che ha inaspettatamente battuto con un solo goal di scarto, 1 a 0, il Cesena over 35, favorito secondo i pronostici in quanto annoverava tra le

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

ALMANUZZI LE FINALI DI CALCIO A 11

sue le ex giocatori dellAc Cesena. La seconda gara in programma ha visto scendere in campo per la nale della Coppa delle Coppe, competizione riservata alla categoria dilettanti, lAc Fiumicinese e il Refugium Corpol; al termine dei tempi regolamentari, niti in parit, si proceduto con i calci di rigore e il Corpol ha avuto la meglio col punteggio di 4 a 3. Nella terza partita di fronte la Pol. Sala e lAsd Pol. Forza Vigne a contendersi la Supercoppa rivolta alla categoria dilettanti. La Pol. Sala ha

sostanzialmente dominato il primo tempo, chiudendo col parziale di 2 a 0, ma ha dovuto subre per quasi tutta la ripresa il forcing degli avversari, che hanno avuto il demerito di non concretizzare le varie occasioni da goal costruite. La squadra cesenaticense, reduce da una stagione trionfale avendo gi bissato questanno il titolo di campione provinciale di categoria nel campionato dilettanti del Csi Cesena, ha approttato nel nale di un perfetto contropiede per siglare il 3 a 0 conclusivo. Durante lintervallo tra le

gare e al termine dellultima si sono svolte, alla presenza dei responsabili delle varie commissioni, dei componenti la Presidenza del comitato cesenate del Csi e del suo presidente Luciano Morosi, le premiazioni relative all11esimo campionato di calcio a 11 over 35 e al 43esimo campionato di calcio a 11 dilettanti in un clima di autentica festa e amicizia, accomunati tutti, arbitri, dirigenti, allenatori e dirigenti, da una forte passione per lo sport, formidabile veicolo di educazione per giovani e adulti.

Messa in Duomo e conviviale al ristorante per il folto gruppo e famiglie

Pattini a rotelle
Trofeo Primavera e Pattini sotto le Stelle
Venticinque atleti hanno partecipato alla terza edizione del Trofeo Primavera di pattinaggio artistico a rotelle organizzato dal Csi di Cesena in collaborazione con lUsd San Marco, svoltosi domenica 27 maggio sulla pista di pattinaggio della parrocchia di Case Finali di Cesena. Oltre alle coreograe sempre affascinanti, gli atleti hanno denotato un livello tecnico molto alto, facendo crescere le speranze per il futuro di questa disciplina. Il trofeo diviso nelle varie categorie ha visto i seguenti risultati: nella categoria Germogli A ha vinto Alice Brunetti precedendo Agnese Rossi e Emanuele Petrosillo; nella categoria Germogli B il successo arriso a Erika Baracca davanti a Giorgia Degli Angeli e Federica Glorio, mentre nella Categoria Fiori A si imposta Anna Pasini, che ha preceduto Claudia Gianelli e Arianna Suzzi; nella categoria Fiori B Gianna Rossi davanti a Laura Bartolini e nei Frutti A Vittoria Davall e al secondo posto Margherita Merli. Il folto pubblico ha accompagnato tutte le esibizioni con calorosi applausi, a testimoniare la qualit della manifestazione. Sicuramente la Romagna la patria del pattino a rotelle e tutti gli anni sforna campioni a livello mondiale e questi piccoli atleti hanno tutto per distinguersi in questo sport molto spettacolare. Citt come Bologna, Forl e Rimini hanno creduto in questa disciplina e speriamo che anche Cesena si accorga di questo sport,visto il livello tecnico in forte crescita e i numerosi spettatori che seguono questa disciplina. Durante la manifestazione da ricordare lesibizione spettacolare di Nicola Cimatti, campione del Mondo di specialit nel 2004. PATTINI SOTTO LE STELLE Sabato 9 giugno alle 21, nel cortile dellIstituto Lugaresi di Cesena, si terr il tradizionale appuntamento di ne primavera Pattini sotto le stelle - 9 Memorial Nazario Bettini, Trofeo Cassa di Risparmio di Cesena, un vero e proprio saggio di ne corso per tutti gli atleti impegnati nella societ Csi di pattinaggio, corredato dalle esibizioni di alcuni campioni. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati e non di questo sport.

Fischietti in festa per condividere passione e vita


Arbitri Csi
GIUSEPPE PINO DEGLI ANGELI (A DESTRA) PREMIATO DA EUGENIO IMPERATORI, DEL COMITATO NAZIONALE CSI NELLA FOTO A SINISTRA, ANACLETO BUCCI PREMIATO DAL PRESIDENTE DEL CSI CESENA LUCIANO MOROSI

Nelloccasione stato assegnato il Discobolo doro - riconoscimento che il comitato cesenate del Csi d a persone o societ che si sono particolarmente distinte per dedizione, impegno, capacit organizzative - a Giuseppe Pino Degli Angeli e Anacleto Bucci
i svolta domenica 3 giugno la tradizionale festa degli arbitri, che vissuta su due momenti fondamentali: il primo, la celebrazione mattutina della messa in Duomo, per ricordare che il Csi unassociazione sportiva che affonda le sue radici nella fede cristiana e da questa trae alimento, passione e vita per la propria missione educativa, e il secondo,di carattere squisitamente conviviale, perch attorno a una tavola che si riunisce una famiglia e il gruppo arbitri davvero una famiglia. In questa circostanza si sono svolte due importanti premiazioni. Innanzitutto il Discobolo doro, il pi ragguardevole

riconoscimento che il comitato cesenate del Csi d a persone o societ che si sono particolarmente distinte in ambito sportivo per dedizione, impegno, capacit organizzative. Ledizione 2012 ha visto premiato dalle mani di un autorevole membro del comitato nazionale del Csi, Eugenio Imperatori, Giuseppe Degli Angeli, Pino per gli amici, la pi bella espressione di operatore, dirigente e arbitro che il Centro Sportivo Italiano possa offrire, poich raro incontrare persone come lui cos disponibili, generose, instancabili, coerenti, sincere, altruiste, vere. Pino entra a fare parte della famiglia del Csi di Cesena nel 1968, dopo avere fatto esperienza

presso la propria parrocchia come educatore e organizzatore di eventi sportivi riservati ai pi piccoli. Fin da subito si intuiscono le sue grandi capacit nellorganizzare manifestazioni e campionati; pertanto gli viene chiesto, nellambito della Commissione per le Attivit Sportive Giovanili, di promuovere e coordinare campionati/tornei di calcio, tennis tavolo, biliardino, campestri e tutto ci che possa interessare i pi giovani. Nel 1972 entra a fa parte del Gruppo Arbitri di Calcio e,oltre ad arbitrare incessantemente per moltissimi anni (circa trentacinque), ricopre diversi incarichi, quali: designatore, istruttore tecnico, consigliere e coordinatore dellattivit ricreativa. Degno di nota poi limpegno che Giuseppe Degli Angeli, insieme allassociazione San Vincenzo de Paoli di Cesena, porta avanti attualmente presso lIstituto Penitenziario di Forl, promuovendo piccoli tornei di tennis tavolo e biliardino riservati ai carcerati. Attualmente occupa il ruolo di membro della presidenza e coordinatore degli sport cosiddetti minori, quali: pattinaggio a rotelle, beach tennis, biliardino e tennis

tavolo. La seconda premiazione ha riguardato Anacleto Bucci, arbitro di calcio da oltre cinquantanni, che ha svolto anche altre funzioni: guardalinee (oggi assistente ufficiale) e commissario speciale (oggi osservatore speciale). La sua carriera arbitrale iniziata nel 1960 presso la sezione Aia di Cesena, prima come arbitro arrivando a dirigere gare appartenenti alla Lega regionale dilettanti. Poi proseguita come assistente ufficiale nella Lega semiprofessionisti, serie D e C, ed terminata, temporaneamente, con il ruolo di osservatore speciale inserito tra i commissari speciali dellorganico della Lega regionale emiliana. Ma il desiderio di ritornare a correre in mezzo al campo era cos forte da indurlo a lasciare la federazione arbitrale per entrare a fare parte del Gruppo Arbitri di Calcio del Csi di Cesena, dove ha dato un contributo notevolissimo sia nella posizione centrale, sia come assistente, dirigendo gare di ogni livello e difficolt. Ancora oggi, alla veneranda et di 72 anni, continua a indossare la divisa, mettendosi al servizio dei pi piccoli, a dimostrazione della sua grande sensibilit e generosit.

Pagina Aperta

Gioved 7 giugno 2012

23

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Nella vita bisogna dare tutto I talenti vanno resi moltiplicati. Anche in politica
impegno che deve e pu essere solo nostro. La seconda che partecipare attivamente alla politica in questo preciso momento chiede ai giovani di costruire legami di amicizia ampi e trasversali, in particolare fra giovani, per stabilire relazioni che inevitabilmente si arricchiscono di nuove forme di comunicazione che devono aprirci a un continuo confronto e dialogo, cos da superare quel clima di solitudine della politica nella quale lintero sistema si rinchiuso allontanandosi dai problemi veri della nostra gente. In ultimo, e sicuramente la pi importante, che dobbiamo essere fortemente consapevoli che molto dipende da noi giovani riuscire a fare in modo che ci si apra tutti a uno sguardo di speranza e di fiducia nel futuro, come unico presupposto di una sensata azione di crescita. I giovani devono offrirsi come nuovi protagonisti di un impegno politico che abbia motivazioni forti, ispirate dalla solidariet e dalla giustizia, disponibili a un impegno politico che dia segni inequivocabili di dedizione disinteressata al bene comune. Ci tocca perch temo che chi schiacciato dagli errori del passato difficilmente potr suscitare quella novit di vita di cui oggi c veramente bisogno, soprattutto in ambito politico. Grazie. Silvia Campanini segretaria comunale Udc-Cesena Carissima Silvia, sono daccordo con te: molto dipende da voi, dai giovani, dalla loro volont di mettersi in gioco. Occorre buttarsi, avere fiducia, non temere di commettere errori. Solo chi non fa nulla non sbaglia mai. Quanto ho appena detto, comunque, non toglie responsabilit agli adulti che invece, verso i giovani, ne hanno davvero tante. Su tutto la responsabilit educativa, quella poco praticata negli ultimi anni. Come diceva spesso don Oreste Benzi, il problema dei giovani di oggi sta nella generazione degli adulti. Adulti che non stimano le nuove leve a cui non domandano nulla, ma a cui non fanno mancare niente. Non cos che si apprezzano ragazzi e ragazze. Non cos che si fanno crescere con gli stimoli giusti a puntare in alto. Ricordo spesso la parabola dei talenti. Il Signore chiede tutto. A quello dei due talenti ne domanda altri due, a quello dei cinque altri cinque. Di sicuro tre non gli sarebbero bastati, anche se erano pi di due. Nella vita bisogna dare tutto. Non si pu vivere col freno tirato. Ci che abbiamo non ci appartiene, ma ci stato donato. Dobbiamo renderlo con gli interessi, anche in ambito politico. Qualcosa di certo cambier, almeno attorno a noi. In bocca al lupo per il tuo nuovo incarico che penso tu abbia assunto con una buona dose di coraggio. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

arissimo direttore, partecipando al dibattito che in queste ultime settimane si aperto sul nostro settimanale diocesano in merito alla politica, vorrei raccogliere e provocare su un tema che si sta manifestando oggi con nuove sottolineature. il rapporto giovani e politica. Tutti abbiamo sotto gli occhi i gravi fatti di Brindisi, cos come la decisa risposta di rifiuto della societ civile, ma anche di molti giovani, al terrorismo e a ogni forma di mafia. Molti sono stati gli interventi che hanno rimesso al centro la realt dei giovani; da un piano di riforma annunciato dal governo per i giovani, fino al riconoscimento del sottoutilizzo delle risorse dei giovani che costituisce uno spreco che non possiamo permetterci, come ha detto Draghi, presidente della Bce. Ancora pi forte stata la richiesta fatta ai giovani dal Presidente della Repubblica, Napolitano, a Palermo in occasione della commemorazione dei ventanni della stage di Capaci: Scendete al pi presto in campo, aprendo porte e finestre se vi si vuole tenere fuori, per rinnovare la politica lItalia ne ha bisogno, lItalia ve ne sar grata. Di fronte ai fatti accaduti, in relazione agli autorevoli interventi, alla tanta attenzione che giornali, forze politiche e altri hanno manifestato verso il mondo dei giovani, viene da accogliere tutto questo favorevolmente, ma anche esprimere una forte preoccupazione che mi fa dire, come giovane, non usateci. troppo forte il rischio di porre i giovani sopra un piedistallo come esposizione di un cambiamento che rischia solo di placare le coscienze di una classe dirigente che risulta incapace di rinnovare un sistema politico fortemente lacerato e degenerato in tanti aspetti. Proprio a fronte di questo rischio, come giovane eletta alcune settimane fa segretaria comunale di un partito, mi sono sentita coinvolta e interpellata a rilanciare, da questo giornale, alcune provocazioni proprio sul rapporto giovani e politica. In tal senso vorrei richiamare quanto il 13 maggio scorso ha detto papa Benedetto XVI a Sansepolcro perch nel richiamare il servizio della Chiesa attraverso la presenza di laici illuminati capaci di servire il bene comune, che conta pi del bene del singolo, ha dato un senso profondo alla presenza dei giovani nella politica. Ai giovani rivolgo linvito a saper pensare in grande: abbiate il coraggio di osare! Siate pronti a dare nuovo sapore allintera societ civile, con il sale dellonest e dellaltruismo disinteressato. necessario ritrovare solide motivazioni per servire il bene dei cittadini. Tre, allora, sono le provocazioni che vorrei lanciare, soprattutto ai giovani. La prima che come giovani, oggi, per iniziarci allimpegno politico non possiamo pi aspettarci che ci siano adulti che ci accompagnino, che ci spingano, n tanto meno che facciano da protettori a un

Pu capitare di tornare a casa dal lavoro e trovare davanti al cancello le righe di un parcheggio per disabili. Ad oggi le righe del parcheggio fortunatamente sono state eliminate e lo spazio di sosta stato riposizionato. C da chiedersi: ma quando stato disegnato il parcheggio non si notato che lo si stava facendo davanti a un cancello?

In ricordo di Alieto Pieri Un grande grazie e alcune precisazioni


Stimatissimo direttore, di ritorno a Firenze dopo una breve vacanza, ho avuto la sorpresa di trovare, nella mia posta, la lettera del professor Renzo Vitali a proposito di mio marito, il professor Alieto Pieri, da lei pubblicata sul Corriere Cesenate del 24 maggio, che mi aveva trasmesso uno dei miei figli. Mi ha molto colpito la passione con cui il professor Vitali parla del suo vecchio amico e lo ringrazio. Tuttavia mi sento obbligata a chiarire alcune affermazioni che, forse per la lontananza nel tempo dei fatti descritti o per la foga del discorso, non sono del tutte esatte. Anzitutto preciso che la carriera di insegnante di mio marito non inizi a Cesena ma a Cosenza, dove rimase per due anni e che lasci quando ottenne il trasferimento al liceo classico V. Monti di Cesena, non essendoci alcuna sede disponibile, allora, a Firenze e dintorni, dove desiderava stabilirsi. A Cesena rimase quattro anni e una volta alla settimana da qui raggiungeva Firenze, dove ormai, oltre ad essersi ambientato durante e dopo gli anni universitari, aveva un incarico alluniversit; si pu immaginare, quindi, con quale sollievo seppe di una sede disponibile a Prato: immediatamente chiese e ottenne il trasferimento a quel liceo, dove rimase per un anno per poi ottenere la sede definitiva a Firenze. A Firenze rimase fino a che, dopo aver vinto il concorso per preside e per ispettore, pass al Ministero Affari Esteri Italiano dal quale venne inviato prima ad Atene (sei anni) e poi a Parigi (otto anni) con incarichi dirigenziali. Devo chiarire, poi, che i familiari del professor Pieri, cio moglie e figli, hanno sempre saputo tutto delle sue pubblicazioni e hanno anche usato, al liceo, il famoso dizionario di cui parla il professor Vitali, e del quale ancora conserviamo le schede; per quel che mi riguarda, poi, ho sempre corretto le bozze di tutte le pubblicazioni di mio marito. Indipendentemente da queste precisazioni, che ho ritenuto mio dovere fare, ringrazio ancora il professor Renzo Vitali. Distinti saluti. Franca Gentili

Filo diretto con lo psicologo


RABBIA: SOLO UNEMOZIONE SCOMODA? Come si pu gestire un bambino di scuola elementare che ha attacchi di rabbia?. Questa la domanda di un genitore al termine del corso che come Centro Don Milani abbiamo condotto nella parrocchia di Ronta di Cesena. Finito il tempo a nostra disposizione, abbiamo rimandato a questa sede la risposta. Affrontiamo quindi lo spinoso tema della rabbia, che non riguarda solo i bambini. Anche se in effetti nel mondo doggi la gestione della rabbia nei bambini un problema molto comune. Genitori che provano di tutto, prima con le buone poi con le cattive, ponendosi con autorit finanche con minacce; ma spesso senza risultati soddisfacenti. Diciamolo subito: la rabbia unemozione normale, direi sacrosanta. Gli studi dicono che la rabbia fa gi capolino nella seconda met del primo anno di vita! Capita a tutti di arrabbiarsi, grandi e piccoli, e non affatto sbagliato in s esprimere questo sentimento. Nel corredo della nostra umanit c anche la rabbia; non siamo perfetti, e essere consapevoli che andiamo bene anche cos, toglie di torno frustrazioni e sensi di colpa sempre pronti ad affacciarsi. Questo occorre saperlo e accettarlo noi, e farlo conoscere ed accettare ai nostri figli, cos da rassicurarci a vicenda. Pur se scomoda, la rabbia ha, come tutte le emozioni umane, una sua ragion dessere. bene ascoltarla e non semplicemente reprimerla. Invece proprio questo che spesso accade; per il timore di effetti potenzialmente dannosi per s e per gli altri. Questo timore degli aspetti negativi della rabbia, o meglio dei potenziali effetti negativi, spesso impedisce di vederne gli aspetti evolutivi e adattivi. La rabbia infatti esprime una grande energia vitale, e come tale ha bisogno di trovare espressione; occorre imparare a gestirla trovando dei canali in cui possa scorrere. Occorrono poi anche degli argini per non esserne sopraffatti e per non sopraffare gli altri. Un fiume in piena pu travolgere anche gli argini e allagare tutto, provocando non pochi guai. E questo quanto accade in una crisi o attacco di rabbia. Ma di per s il fiume una cosa buona. poi possibile riconoscere delle avvisaglie a livello fisico prima di una vera e propria crisi di rabbia. Uno dei simboli della rabbia quello del fuoco proprio perch a volte si registra un fuoco a livello di cuore o di testa o nelle mani, quando si preda della rabbia. Gi riconoscere le avvisaglie importante, cos com importante riconoscere cosa ci fa arrabbiare. Pu non essere facile, ma latteggiamento pi efficace quello dellascolto, un ascolto che aiuti ad andare alle ragioni che stanno dietro la rabbia in modo da poterla contenere e gestire. Ascoltarci, sentire cosa ci sta accadendo, sospendendo il giudizio. Questo lavoro su noi stessi pu guidarci nellaiutare i figli nellaccettazione e nella gestione della rabbia. In definitiva: la rabbia in s, in quanto emozione, va accettata (fa parte di noi), va ascoltata (ha le sue ragioni da indagare e conoscere) e infine va modulata, incanalata in modo che, come le acque di un fiume, possa scorrere senza causare danni. La prossima volta, dopo queste prime considerazioni sulla rabbia, entreremo ancor di pi nel merito della domanda. Susi Lugaresi psicologa e psicoterapeuta

Per domande e/o interventi: tel. 0547 661808 centrodonmilani@libero.it

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

A CESENA LEDIFICIO ANTISISMICO PERFETTO


Family 2012 Le testimonianze dei cesenati
C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2012 .