Sei sulla pagina 1di 6

LA MANUTENZIONE DELLA PISCINA

AVVIAMENTO
In primavera e comunque dopo un periodo di inattivit, si presenta la necessit di ripristinare le condizioni ottimali per un corretto utilizzo della piscina. Poche semplici operazioni consentiranno il ripristino dell'efficienza e delle condizioni igieniche ideali dell'impianto.

Se presente, rimuovere la copertura invernale. Distenderla e, servendosi di uno spazzolone o comunque di una idropulitrice, pulirla accuratamente su entrambi i lati con acqua normale ed eventualmente un po' di detergente. Risciacquare accuratamente e lasciare asciugare. Ripiegarla e riporla in un luogo copeto ed asciutto. Togliere eventuali galleggianti antighiaccio, i tappi dalle bocchette e le protezioni degli skimmer. Nel caso di svuotamento della vasca pulire eventuali incrostazioni calcaree con l'apposito prodotto e rimuovere eventuali depositi formatisi sul fondo. Riempire la piscina e portare il livello dell'acqua a livello prima di avviare l'impianto. Rimontare gli accessori (scaletta, trampolino...). Riattivare l'impianto elettrico, rimontare la pompa se rimossa durante il periodo di messa a riposo e dopo aver controllato tutte le saracinesche e provveduto al riempimento del filtro e dell'impianto, eseguire un un controlavaggio del filtro e lasciarlo in funzione. Eseguire una clorazione shock. Dopo qualche giorno eseguire un test dei valori dell'acqua: durezza, pH e alcalinit dell'acqua eventualmente correggendoli utilizzando gli appositi prodotti.

MANUTENZIONE ORDINARIA
Durante il periodo di esercizio la cura costante dell'impianto garantir un'acqua sempre cristallina ed igienizzata. Naturalmente nei mesi pi caldi (luglio ed agosto) che coincidono con il periodo di massima frequenza d'uso della piscina sar importante eventualmente aumentare i dosaggi dei prodotti chimici per mantenere corretti valori di durezza, ph ed alcalinit dell'acqua.

Verificare periodicamente il buon funzionamento dell'impianto ed il livello dell'acqua in vasca. Eseguire l'analisi sui valori dell'acqua ed eventualmente provvedere alla correzione degli stessi. Settimanalmente fermare l'impianto ed eseguire un controlavaggio al fine di ripulire il filtro (filtri a sabbia). Eseguire tutti i test con cadenza periodica come riportato dalle seguente tabella:

Parametri da controllare Valori raccomandati


Cloro libero pH Acido Isocianurico Cloruri Alcalinit Durezza calcica Nitrati Ammoniaca 0,6 1,0 ppm 7,2 7,6 25 75 ppm

Frequenza test / analisi


Giornaliera Giornaliera Giornaliera

max 50 ppm in piu rispetto Settimanale all'acqua di reintegro 80 150 ppm 15 20 F Mensile Ad inizio stagione

max 20 ppm in pi rispetto Stagionale all'acqua di reintegro Max 0,2 ppm Stagionale

PROBLEMI E RIMEDI
Problemi
Alghe

Sintomi

Cause

Rimedi

Pareti scivolose, odori Clorazione a) Riportare il pH al valore sgradevoli, acqua insufficiente e pH corretto tra 7,2 7,6. verdastra, macchie sulle alto. pareti o sul fondo della b) Portare il cloro a 0,6 1,0 vasca. ppm. c)Aggiungere in acqua un prodotto antialghe.

Acqua clorata

Acqua immessa in vasca Presenza di rame, a) Portare il pH a 7,8. diventa blu, marrone o ferro o manganese. nera. b) Effettuare controlavaggio del filtro.

un

c) Aspirare eventuali depositi dal fondo vasca. d) Portare il valore di pH a 7,2 7,6. Incrostazioni Depositi sulle pareti. Depositi dovuti ad a) Scaricare parte dell'acqua acqua ed immettere acqua addolcita. eccessivamente dura. b) Pulire le pareti con il prodotti chimico dedicato. o Filtrazione scarsa, a) Pulire il filtro. ph alto o eccesso di alghe. b) Eseguire una clorazione shock. c) Abbassare il pH. Odore di cloro Irritazione occhi Occhi arrossati, odore di Clorazione cloro. insufficiente. agli Occhi e pelle arrossata. a) Presenza clorammine. b) pH non valori corretti. Eccesso di cloro Costumi da bagno e Eccesso di cloro. capelli scoloriti. residuo Clorare al bisogno. di a) Clorareal bisogno. b) Provvedere alla correzione sui del valore di pH tra 7,2 e 7,6. a) Diminuire il dosaggio di cloro.

Corpi sospesi acqua torbida

o Acqua lattiginosa torbida.

Problemi

Sintomi

Cause

Rimedi
B) Immettere un prodotto per ridurre la concentrazione di cloro.

MESSA A RIPOSO
Svuotare o non svuotare la vasca? Sebbene lo svuotamento della piscina rappresenti una soluzione veloce ed in grado di evitare appariscenti problemi (pulizia dell'acqua, ristagno, pericolo dato dal ghiaccio, etc), comporta tre fondamentali inconvenienti: Spinte del terreno sulla struttura della piscina: durante la fase di funzionamento la presenza di acqua in vasca garantisce il controbilanciamento delle spinte del terreno. Nel momento in cui l'acqua viene svuotata dalla vasca le spinte del terreno non pi bilanciate possono potenzialmente creare problemi strutturali all'impianto (distacco di tessere di mosaico o piastrelle, crepe e fessure, bordi vasca sconnessi...) Rischio di cadute accidentali dovuto alla presenza di una vasca vuota presente in giardino. Rischio tanto pi accentuato se vi la presenza di bambini in famiglia. Onerose operazioni di riassetto e pulizia vasca all'avvio stagione dovute all'accumulo di foglio, detriti, terriccio. La soluzione migliore senz'altro lasciare la vasca piena. Con questo sistema: la spinta dell'acqua presente in piscina rimane perfettamente bilanciata da quella del terreno circostante; si evita l'accumulo in vasca di detriti, foglie, ramie terriccio che decomponendosi possono macchiare alcuni tipi di rivestimento; si scongiurano i rischi derivanti da cadute accidentali. L'unico problema potrebbe derivare dalla formazione di ghiaccio in grado di esercitare notevoli spinte contro le pareti della vasca. In questo caso l'inserimento in vasca di sistemi galleggianti antichiaccio garantir l'assorbimento delle spinte dovute alla formazione del ghiaccio

Procedere come segue:

Pulire il fondo vasca; Rimuovere, se possibile tutti gli accessori (trampolino, scalette...) avendo cura di asciugarli ed imballarli; Eseguire un lungo controlavaggio del filtro e svuotarlo.. Se a sabbia lasciare aperta la valvola di scarico. Se a diatomea estrarre la piastra collettore delle candele, pulirle da grassi e calcare. Chiudere l'impianto elettrico e quello idraulico che andr anche svuotato; Imballare i quadri elettrici ed eventuali elettropompe e se possibile portarli in luogo asciutto; Pulire il cestello del prefiltro della pompa, svuotarla pompa ed eventualmente rimuoverla del locale tecnico se particolarmente umido; Eliminare le incrostazioni di calcare dal dosatore di cloro; Chiudere le saracinesche; Verificare , se presente, lo stato di efficienza della pompa sommersa; Se la piscina a skimmer, abbassare il livello dell'acqua in modo da scoprire gli skimmer e , se possibile, alcune bocchette, permettendo cos alle condutture di svuotarsi; Chiudere gli skimmer; Chiudere le bocchette con gli appositi tappi;

Immettere in acqua un prodotto svernante; Inserire in acqua i galleggianti antighiaccio; Coprire la vasca con il telo di protezione invernale avendo cura di stenderlo ed ancorarlo correttamente per evitare che si scoperchi in caso di maltempo.