Sei sulla pagina 1di 941

MicroStation V8

Manuale dell'utente
DAA016830-5/0002

Marchi registrati
AccuDraw, Bentley, il logo "B" di Bentley, MDL, MicroStation, MicroStation/J, MicroStation MasterPiece, MicroStation Modeler, MicroStation PowerDraft, MicroStation Review, MicroStation SE, MicroStation Vault, PowerScope, QuickVision, SmartLine e TeamMate sono marchi registrati; Bentley SELECT un marchio del servizio di Bentley Systems, Incorporated o Bentley Software, Inc. Java e tutti i loghi e i marchi basati su Java sono marchi o marchi registrati di Sun Microsystems, Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi. Adobe, il logo di Adobe, Acrobat, il logo di Acrobat, Distiller, Exchange e PostScript sono marchi di Adobe Systems Incorporated. Windows un marchio registrato di Microsoft Corporation. I nomi di altri prodotti e marche sono i marchi dei rispettivi proprietari.

Numeri di brevetto USA 5,815,415 e 5,784,068.

Copyrights
2000 Bentley Systems, Incorporated. MicroStation 1998 Bentley Systems, Incorporated. IGDS file formats 1981-1988 Intergraph Corporation. Intergraph Raster File Formats 1993 Intergraph Corporation. Portions 1992-1994 Summit Software Company. Portions 1992-1997 Spotlight Graphics, Inc. Portions 1993-1995 Criterion Software Ltd. e relativi licenziatori. Portions 1992-1998 Sun MicroSystems, Inc. Portions Unigraphics Solutions, Inc. Icc 1991-1995 by AT&T, Christopher W. Fraser e David R. Hanson. Tutti i diritti riservati. Portions 19971999 HMR, Inc. Tutti i diritti riservati. Portions 19921997 STEP Tools, Inc. Sentry Spelling-Checker Engine 1993 Wintertree Software Inc. Versione non commercializzata . diritti riservati dalle leggi sul copyright in vigore negli Stati Uniti e in altri paesi. Tutti i diritti riservati.

Manuale dellutente di MicroStation

Manuale dellutente di MicroStation

Sommario
1. Supporto del prodotto
Sito Web della Bentley . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Bentley SELECT (SM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

2. Il sistema di livelli
Livelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Impostazione del Livello attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Controllo della visualizzazione dei livelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Modifica del livello di un elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Gestione dei livelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211 Creazione ed eliminazione di livelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211 Modifica degli attributi di livello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215 Definizione ed eliminazione dei filtri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216 Visualizzare e nascondere le colonne di informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223 Condivisione delle definizioni dei livelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224

3. Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Impostazione degli attributi degli elementi attivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Cosa si intende per attributi dellelemento? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Simbologia dellelemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Spessore linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Stile linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 Modificatori dello stile di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Procedura generica Per utilizzare uno stile di linea personalizzato . . . . . . . . . . . . . . 38 Attivazione dei modificatori dello stile di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310 Stili di linea standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 Simbologia del livello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 Altri attributi degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314 Riempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315 Classe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317 Menu degli strumenti Elementi lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318 Manuale dellutente di MicroStation i

Sommario
Posiziona SmartLine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona linea multipla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona spezzata a mano libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona curva per punti o curva a mano libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci bisettrice angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci linea di distanza minima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci linea in base allangolo attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Ellissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona ellisse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Poligoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona rettangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona figura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona figura ortogonale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona poligono regolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impostazione del punto attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Punti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona punto attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci punti tra punti dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Proietta punto attivo sullelemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci punto allintersezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci punti lungo elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci punto a distanza specifica su elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Archi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona semiellisse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona quarto di ellisse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica raggio arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica angolo arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica asse arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo della finestra Seleziona impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Procedura generica Per utilizzare i gruppi di impostazioni del disegno . . . . . . . . . Altre categorie di gruppi di impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gruppi di impostazioni di scala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gruppi di impostazioni delle unit di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
319 326 328 331 333 336 337 338 340 340 343 347 348 350 353 355 359 360 361 363 365 366 368 370 372 373 377 378 379 380 381 382 384 385 385 386 386

4. Tecnica di disegno
Identificazione degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Identificazione manuale degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 AccuSnap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 ii Manuale dellutente di MicroStation

Sommario
Identificazione automatica degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Informazioni pop-up . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Cattura di punti sugli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Punti cattura tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 Cattura di punti tentativo sugli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 Utilizzo di AccuSnap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416 Attivazione o disattivazione di AccuSnap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416 Impostazioni di AccuSnap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417 Impostazioni AccuSnap e Modalit cattura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420 Utilizzo dei punti tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427 Utilizzo di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430 Esempio di utilizzo di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430 Per attivare AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434 Riferimento AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436 Punto di origine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436 La cornice (indicatore del piano di disegno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437 Assi X/Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438 Piano di disegno di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438 Sistemi di coordinate del piano di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439 Finestra AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440 Finestra AccuDraw e finestra attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440 Finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441 Controllo e utilizzo di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442 Anteprima e vincolo di punti dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444 Funzionamento di AccuDraw in base allo spostamento del puntatore . . . . . . . . . . . 444 Impostazione della tolleranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445 Distanza precedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447 Utilizzo della distanza precedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448 Modifica delle impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449 AccuDraw e la calcolatrice popup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449 Esecuzione di operazioni semplici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450 Funzioni avanzate della calcolatrice pop-up . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452 Tasti di scelta rapida di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454 Impostazioni predefinite di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456 Creazione, modifica ed eliminazione di scelte rapide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456 Procedura generica Per attivare una scelta rapida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457 Bloccaggio intelligente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458 Bloccaggio degli assi X e Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460 Bloccaggio della distanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461 Bloccaggio dellangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462 Arrotondamento delle unit ed effetto su AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463 Arrotondamento della distanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464 Arrotondamento dellangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464 Spostamento del riferimento di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465

Manuale dellutente di MicroStation

iii

Sommario
466 466 469 469 470 470 472 472 473 473 474 474 475 476 477 479 479 Selezione degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484 Manipolazione e modifica degli elementi selezionati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485 Utilizzo di fence per la manipolazione e la modifica degli elementi . . . . . . . . . . . . . . 487 Definizione degli elementi contenuti nella fence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489 Manipolazioni di pi elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491 Ritaglio fence ottimizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491 Manipolazioni speciali della fence . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493 Utilizzo della griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494 Orientamento della griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495 Utilizzo del bloccaggio della griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498 Digitazioni per input di precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499 Note sulla sintassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4103 Menu degli strumenti Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4104 Misura distanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4106 Misura raggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4109 Misura angolo tra linee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4110 Misura lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4110 Misura area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4112 Misura volume . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4118 Finestra Propriet di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4120 Propriet di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4123 Opzione dellorigine mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AccuDraw e il punto tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Orientamento del piano di disegno di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rotazione degli assi del piano di disegno in ambiente 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Strumenti sensibili alla rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scelta rapida per la rotazione veloce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo delle scelte rapide per le modalit di cattura con AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . Modalit avanzata per la cattura del punto pi vicino di AccuDraw . . . . . . . . . . . . Impostazione del divisore cattura punti chiave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo dello strumento Posiziona cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AccuDraw e lo strumento Posiziona arco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AccuDraw e lo strumento Posiziona ellisse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AccuDraw e lo strumento Posiziona rettangolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Effetto di AccuDraw sulla maggior parte degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5. Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Selezione degli strumenti del menu Selezione dellelemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 iv Manuale dellutente di MicroStation

Sommario
Strumenti specifici per la manipolazione e la modifica degli elementi . . . . . . . . . . . 513

6. Utilizzo delle celle


Utilizzo delle librerie di celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 Creazione e modifica di celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66 Tipi di cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 PerCella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 611 Posizionamento delle celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 612 Controllo del livello sul quale vengono posizionate le celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 613 Celle condivise . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614 Definizione di cella condivisa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614 Vantaggi dellutilizzo di celle condivise . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 615 Menu degli strumenti Celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 615 Posiziona cella attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617 Posiziona matrice di celle attive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620 Seleziona e posiziona cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 622 Definisci origine cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624 Identifica cella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 625 Posiziona cella finale attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 625 Sostituisci celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627 Tratteggio e campitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 632 Controllo della visualizzazione delle campiture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633 Posizionamento delle campiture nel disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635 Campiture associative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 636 Campiture catturabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637 Esclusione di alcune zone dallarea da campire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637 Impostazione degli elementi come Solido o Vuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 638 Utilizzo delle impostazioni degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 638 Utilizzo di Area alternativa per escludere dalla campitura le aree nidificate . . . . . 639 Manipolazione e modifica delle aree escluse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639 Campitura di regioni disgiunte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 640 Celle utilizzate per la campitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 641 Celle di campitura fornite con MicroStation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 641 Istruzioni per la creazione di celle per campitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 642 Tolleranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643 Menu degli strumenti Campiture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643 Tratteggia area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 645 Tratteggia a incrocio larea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 655 Campisci area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658 Campitura lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 666 Mostra attributi della campitura .................................................................................. 670 Abbina attributi della campitura .................................................................................. 671 Manuale dellutente di MicroStation v

Sommario
Elimina campitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 672 Celle parametriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 672

7. Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Collegamento di riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 Collegamenti utilizzando viste salvate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 Portabilit dei collegamenti dei riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 Individuazione dei collegamenti persi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 711 Collegamento di riferimenti remoti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 712 Agente di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 713 Utilizzo dei riferimenti collegati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 714 Identificazione dei riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 728 Unione di file DGN di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 728 Impostazione della modalit di rendering di un riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 729 Menu degli strumenti Riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 730 Collega riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 733 Imposta limiti del ritaglio di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 734 Imposta maschera di ritaglio riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 735 Elimina maschera di ritaglio del riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 736 Imposta ritaglio posteriore di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 737 Imposta ritaglio anteriore di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 738 Ricarica riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739 Sposta riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 740 Copia collegamento di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 741 Scala riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 741 Ruota riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 743 Specularizza riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 744 Imposta presentazione riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 745 Scollega riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 746 Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 747

8. Tecniche avanzate di disegno 2D


Raggruppamento permanente di elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo delle catene e delle figure complesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo dei gruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo dei gruppi di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Inserimento di elementi di vuoto in elementi solidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Raccordi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci raccordo parabolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . vi Manuale dellutente di MicroStation
82 82 83 84 86 87 88

Sommario
Menu degli strumenti Gruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scomponi elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Crea catena complessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Crea figura complessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Crea regione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Aggiungi a gruppo di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rimuovi da gruppo di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Raggruppa elementi di vuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo di linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Procedura generica Per definire una linea multipla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scomposizione delle linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Giunti di linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto sovrapposto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto a croce aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto a croce unito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Taglia linea componente singola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Taglia tutte le linee componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto a T chiuso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto a T aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto a T unito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci giunto ad angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Annulla taglio linee componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Eliminazione parziale linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sposta profilo linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica chiusure linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Associazione di elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Elementi associabili ad altri elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Associazione di celle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Associazione di linee multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Disegno isometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Isometrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona rettangolo isometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona cerchio isometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo delle curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve per punti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Metodi utilizzati per il calcolo della curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Attributi delle curve B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Strumenti specifici per B-spline 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve composite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Curve di Bzier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Creazione di qualsiasi tipo di curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Procedura generica Per posizionare una curva predefinita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Procedura generica Per definire la formula di una curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Manuale dellutente di MicroStation
810 811 814 817 821 826 827 829 830 832 837 838 840 841 842 843 844 845 846 847 848 849 850 852 854 856 856 856 857 858 860 861 863 866 866 867 868 870 872 873 873 874 875 877

vii

Sommario
878 879 879 880 Menu degli strumenti Curve B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 881 Menu degli strumenti Crea curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 883 Posiziona curva B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 884 Crea curva per tangenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 893 Posiziona curva composita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 896 Costruisci interpolazione per archi ............................................................................. 8100 Posiziona conica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8102 Posiziona spirale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8104 Posiziona elica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8106 Curva di offset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8108 Estrai linee isoparametriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8110 Curva da funzione matematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8113 Finestra di dialogo Curva da funzione matematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8115 Menu degli strumenti Modifica curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8121 Cambia a impostazione di curva attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8123 Ricrea curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8125 Estendi curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8127 Cambia direzione di elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8129 Trasforma elemento in B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8131 Collega curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8132 Scomponi curva B-spline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8134 Appiattisci curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8137 Deforma curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8140 Valuta curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8141 Selezione degli elementi in base agli attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8147 Procedura generica Per utilizzare gli attributi come criteri di selezione . . . . . . . . 8148 Utilizzo dei sistemi di coordinate ausiliarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8149 Menu degli strumenti SCA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8152 Definisci SCA (allineato ad un elemento) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8153 Definisci SCA (per punti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8154 Definisci SCA (allineato a una vista) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8155 Ruota SCA attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8157 Sposta SCA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8158 Seleziona SCA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8159 Digitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8159 Partizionamento della tavoletta di digitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8161 Posizionamento dei punti di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8162 Strumenti per la digitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8164 Traslazione durante la digitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8164 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Formato delle funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Derivazione di una curva da una curva esistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

viii Manuale dellutente di MicroStation

Sommario

9. Disegni e modellazione 3D
Modalit di lavoro Limitazione DWG e 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Concetti 3D di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Cubo del disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Volume della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94 Profondit di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95 Profondit attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96 Viste standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97 Viste ortogonali 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98 Viste isometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 Coordinate della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 910 Proiezione prospettica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 911 Utilizzo della griglia in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 911 Visualizzazione di un modello 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 913 Procedure di visualizzazione 3D simili alle procedure 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 913 Adattamento delle viste in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 913 Rotazione di viste in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 914 Traslazione delle viste in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 916 Procedure di visualizzazione specifiche 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 917 Utilizzo di viste salvate in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 917 Menu degli strumenti Controllo della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 918 Zoom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 921 Cambia prospettiva della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 922 Imposta profondit di visualizzazione ........................................................................... 924 Imposta profondit attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 927 Mostra profondit di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 930 Mostra profondit attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 931 Impostazioni vista prospettica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 932 Imposta modalit di visualizzazione della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 938 Sposta vista prospettica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 940 Applica volume di ritaglio alla vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 954 Elementi 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 957 Elementi 3D aperti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 958 Spezzate e curve non planari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 958 Eliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 958 Primitive 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 959 Parallelepipedo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 959 Sfera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 960 Cono e cilindro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 960 Toro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 961 Cuneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 961 Superfici estruse e di rivoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 961 Manuale dellutente di MicroStation ix

Sommario
Superfici a forma libera (NURBS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 962 Raccordi 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 963 Disegno in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 964 Posizionamento di elementi in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 964 Come specificare se un elemento racchiude un volume . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 965 Utilizzo di AccuDraw in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 966 Finestra AccuDraw in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 966 Orientamento del piano di disegno in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 967 Digitazioni per input di precisione in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 971 Punti dati e punti tentativo 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 972 Sistemi di coordinate ausiliari 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 973 Tipi di SCA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 973 Utilizzo di AccuDraw con i sistemi di coordinate ausiliarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 976 Altre modalit di utilizzo dei sistemi di coordinate ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 978 Manipolazione e modifica di elementi in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 981 Selezione di elementi in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 981 Identificazione di elementi esistenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 982 Utilizzo della fence in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 983 SmartSolids e SmartSurfaces . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 983 Impostazioni degli strumenti SmartSolids e SmartSurfaces . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 984 Finestra di dialogo B-spline e 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 984 Visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 985 Linee Iso superficie/solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 985 Posiziona per faccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 986 Impostazione Usare ritaglio fence ottimizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 988 Esportazione dei margini visibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 989 Menu degli strumenti Principale 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 990 Menu degli strumenti Primitive 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 991 Posiziona parallelepipedo .............................................................................................. 992 Posiziona sfera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 996 Posiziona cilindro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 999 Posiziona cono ............................................................................................................... 9103 Posiziona toro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9105 Posiziona cuneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9108 Menu degli strumenti Creazione 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9111 Estrudi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9112 Costruisci rivoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9117 Estrudi lungo percorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9120 Svuota solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9124 Aggiungi spessore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9127 Menu degli strumenti Modifica 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9130 Modifica solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9132 Rimuovi facce e correggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9135 Rastrema solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9138

x Manuale dellutente di MicroStation

Sommario
Costruisci unione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci intersezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci differenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Taglia solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Raccorda spigoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Smussa margini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica primitiva 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Varie 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Allinea facce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica visualizzazione SmartSolid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Estrai faccia o spigolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Interseca solido/superficie con curva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci faccetta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Modellazione di superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Crea superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci superficie per sezioni o rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci superficie per spigoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Posiziona superficie a forma libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci superficie/solido di scorrimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Apertura lungo due tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci superficie elicoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Superficie di offset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Modifica superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci superficie di delimitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Proietta superficie di delimitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Converti 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Costruisci collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica direzione normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rimuovi delimitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cambia a impostazione di superficie attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Suddividi superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Estendi superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ricrea la superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Raccorda superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Raccorda superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Collega superfici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Collega superf tra curve guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Menu degli strumenti Interrogazioni 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Valuta superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Analizza curvatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Utilizzo di celle in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Creazione di celle 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Campitura in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9141 9143 9146 9148 9152 9155 9158 9159 9160 9167 9170 9173 9175 9177 9179 9180 9183 9185 9191 9193 9196 9198 9200 9202 9206 9209 9210 9211 9212 9214 9216 9217 9219 9222 9222 9225 9228 9230 9231 9236 9237 9237 9238

Manuale dellutente di MicroStation

xi

Sommario

xii Manuale dellutente di MicroStation

Supporto del prodotto


Esistono vari metodi per ottenere le informazioni tecniche pi recenti sui prodotti Bentley. Ad esempio: Sfruttare i servizi prioritari disponibili mediante Bentley SELECT. Contattare il proprio provider di supporto tecnico. Fare riferimento al documento HTML ReadMe disponibile nella stessa directory/cartella delleseguibile di questo programma. Consultare il documento relativo alle domande frequenti (FAQ) sul sito Web di Bentley allindirizzo http://selectservices.bentley.com/technotes/index.htm. Consultare la Guida in linea del prodotto (si noti che alcune opzioni dellinstallazione personalizzata non includono la Guida in linea). Verificare regolarmente le note tecniche, i bollettini e le domande frequenti sul sito Web di Bentley allindirizzo http://selectservices.bentley.com/. Fare riferimento alla documentazione stampata. Collegarsi ai vari forum in linea indicati nella Guida al Servizio di assistenza.
support@bentley.com support@bentley.nl bsap.support@bentley.com

Stati Uniti/Canada/America latina Europa/Medio Oriente/Africa Asia/Pacifico

Sito Web della Bentley


Il sito Web della Bentley svolge una funzione di archivio centralizzato di tutte le informazioni relative ai prodotti, ai

Manuale dellutente di MicroStation

11

Supporto del prodotto


Bentley SELECT (SM)
servizi e alle promozioni della societ. Lindirizzo per accedere al sito World Wide Web della Bentley il seguente:

http://www.bentley.com/

Bentley SELECT (SM)


Nel pacchetto di MicroStation incluso un volantino su Bentley SELECT. Con Bentley SELECT possibile accedere via posta elettronica, fax e telefono a informazioni di valore, quali supporto, aggiornamenti e miglioramenti, programmi di utilit, materiali per esercitazioni di addestramento, riviste tecniche e cos via. Ulteriori informazioni su Bentley SELECT sono disponibili allindirizzo http://selectservices.bentley.com/.

12

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
In questo capitolo sono contenute le procedure utilizzate per organizzare ed effettuare la manutenzione dei dati in livelli logici. Ogni livello ha un nome specifico ed memorizzato nel file DGN. La visualizzazione degli elementi contenuti in particolari livelli pu essere attivata o disattivata in base alle esigenze, per visualizzare solo le informazioni desiderate. Per disattivazione e disattivazione dei livelli, gli utenti generalmente intendono lattivazione/disattivazione della visualizzazione degli elementi che si trovano su tali livelli.

Segue un elenco degli argomenti trattati in questo capitolo: Livelli (vedere pagina 2-1) Impostazione del Livello attivo (vedere pagina 2-2) Controllo della visualizzazione dei livelli (vedere pagina 2-5) Modifica del livello di un elemento (vedere pagina 2-9) Gestione dei livelli (vedere pagina 2-11) Condivisione delle definizioni dei livelli (vedere pagina 2-24)

Livelli
I livelli possono essere considerati come strati trasparenti sovrapposti. In combinazioni specifiche consentono di visualizzare in modo semplice solo alcune parti di un modello. In un file DGN possibile creare un numero di livelli praticamente illimitato (4 miliardi). possibile impostare una struttura dei livelli per semplificare la manipolazione della visualizzazione dei livelli e salvarla in un file separato in modo da poterla utilizzare con pi disegni. Per ulteriori informazioni sui modelli, vedere Modelli

Manuale dellutente di MicroStation

21

Il sistema di livelli
Impostazione del Livello attivo
nella Guida rapida.

Impostazione del Livello attivo


Il livello sul quale vengono posizionati i nuovi elementi corrisponde al livello attivo di quel modello. Il livello attivo lo stesso per tutte le viste.

LV indica il livello attivo

Il nome del livello impostato come livello attivo visualizzato nel menu degli strumenti Attributi e sulla barra di stato. Se si evita di salvare le impostazioni nel file DGN aperto prima di chiuderlo, alla successiva apertura del file le modifiche apportate alla visualizzazione del livello del relativo modello non saranno attive. Per informazioni sul salvataggio delle impostazioni, vedere Salvataggio delle impostazioni dei file DGN nella Guida rapida.

Per impostare il livello attivo mediante la casella combinata Livello attivo


1. Nel menu degli strumenti Attributi, fare clic sulla casella

22

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Impostazione del Livello attivo
combinata Livello attivo.

Menu di opzioni Livello

La casella combinata si apre e vengono visualizzati i livelli disponibili. 2. Scegliere il livello da impostare come attivo.

Per impostare il livello attivo mediante la finestra di dialogo Visualizzazione livello


1. Fare clic sullicona Visualizzazione livello sul menu Strumenti principali. o Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Visualizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Visualizzazione

Manuale dellutente di MicroStation

23

Il sistema di livelli
Impostazione del Livello attivo
livello. Il livello attivo evidenziato.

Finestra di dialogo Visualizzazione livello con il livello attivo evidenziato in verde.

2. Fare doppio clic sul livello da impostare come attivo. Il livello selezionato apparir come livello attivo nel menu degli strumenti Attributi.

Per impostare il Livello attivo tramite una digitazione


1. Digitare ACTIVE LEVEL <nome_livello> o LV=<nome_livello>.

Per impostare il Livello attivo mediante Gestore livelli


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Gestore. o

24

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Controllo della visualizzazione dei livelli
Sulla barra di stato, fare clic sul campo Livello attivo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore livelli. 2. Fare doppio clic sul livello da impostare come attivo. Il livello selezionato apparir come livello attivo nel menu Livello del menu degli strumenti Attributi.

Controllo della visualizzazione dei livelli


Utilizzare la finestra di dialogo Visualizzazione livello per attivare o disattivare la visualizzazione dei livelli modello per ciascun modello. Se si evita di salvare le impostazioni nel file DGN aperto prima di chiuderlo, alla successiva apertura del file le modifiche apportate alla visualizzazione del livello del relativo modello non saranno attive. Per informazioni sul salvataggio delle impostazioni, vedere Salvataggio delle impostazioni dei file DGN nella Guida rapida.

Per aprire la finestra di dialogo Visualizzazione livello


1. Fare clic sullicona Visualizzazione livello sul menu Strumenti principali. o Premere Ctrl-E o Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Visualizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Visualizzazione livello,

Manuale dellutente di MicroStation

25

Il sistema di livelli
Controllo della visualizzazione dei livelli
con lelenco dei livelli nel file DGN aperto.

Per attivare o disattivare la visualizzazione dei livelli per i riferimenti


1. Scegliere i riferimenti desiderati dalla casella combinata Target della finestra di dialogo Visualizzazione livello. Vengono visualizzati i livelli nel riferimento scelto. Nelle colonne File e Logico sono riportati il nome e il nome logico del riferimento. 2. Per attivare/disattivare un livello, fare clic su un livello in uso (contrassegnato da un puntino nella colonna Usati) nel file DGN aperto. Se il livello attivo, da bianco il puntino diventer nero. Se il livello era disattivato, da nero il puntino diventer bianco.

26

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Controllo della visualizzazione dei livelli

Per attivare/disattivare la visualizzazione dei livelli in tutte le viste


1. Nella finestra di dialogo Visualizzazione livello fare clic sullicona Applica a tutte le viste. o Fare clic con il pulsante destro del mouse nellelenco dei livelli e scegliere Applica a tutte le viste dal menu di scelta rapida. In tutte le viste vene impostato lo stato opposto (attivato/disattivato) per il livello selezionato. Per applicare la modifica alla visualizzazione dei livelli solo temporaneamente, utilizzare licona Applica a tutte le viste.

Per attivare/disattivare la visualizzazione dei livelli in tutti i modelli memorizzati nel file DGN aperto
1. Nella finestra di dialogo Visualizzazione livello selezionare la casella di controllo Usa globale. Viene attivata/disattivata la visualizzazione del livello selezionato in tutte le viste e in tutti i modelli. In questo modo si ottiene lo stesso effetto che si otterrebbe selezionando/deselezionando il segno di spunta nella colonna Globale della finestra di dialogo Gestore livelli. Quando attiva lopzione Usa globale, in tutte le viste sono attivati e disattivati gli stessi livelli. Quando attiva lopzione Usa globale, in tutte le viste sono attivati e disattivati gli stessi livelli.

Per attivare/disattivare la visualizzazione dei livelli mediante la casella combinata Livello attivo
1. Per ulteriori informazioni sul menu degli strumenti Attributi, fare clic sulla casella combinata Livello attivo nel menu degli strumenti Attributi nella Guida di riferimento. Vengono elencati i livelli presenti nel file DGN aperto. 2. Fare clic sul segno di spunta relativo al livello del quale si

Manuale dellutente di MicroStation

27

Il sistema di livelli
Controllo della visualizzazione dei livelli
desidera modificare la visualizzazione. Il segno di spunta diventa un cerchio, che indica che la visualizzazione del livello disattivata. Per riattivare la visualizzazione, fare clic sul cerchio per far apparire di nuovo il segno di spunta. Non possibile disattivare la visualizzazione del livello attivo se impostata lopzione Visualizza livello attivo in tutte le viste nella categoria Operativit (Area di lavoro > Preferenze. Per ulteriori informazioni su come impostare le preferenze utente, vedere Finestra di dialogo Preferenzenel Manuale di riferimento.

Per modificare graficamente la visualizzazione dei livelli


1. Nella finestra di dialogo Visualizzazione livello selezionare lo strumento Cambia livello. 2. Identificare un elemento (vedere pagina 4-2) presente nel livello del quale si desidera modificare le impostazioni di visualizzazione. 3. Inserire un punto dati in un punto qualsiasi di una vista, tranne che su un elemento, per accettare lelemento. 4. Nella finestra di impostazioni Cambia livello scegliere Visualizzazione disattivata dal menu di opzioni Livello per disattivare il livello o i livelli dellelemento identificato. o Scegliere Solo visualizzazione dal menu di opzioni Livello per visualizzare solo il/i livello/i dellelemento identificato. o Scegliere Blocca dal menu di opzioni Livello per bloccare il/i livello/i dellelemento identificato. o Scegliere Sblocca dal menu di opzioni Livello per sbloccare il/i livello/i dellelemento identificato.

Metodo alternativo Per modificare graficamente la visualizzazione dei livelli


1. Selezionare (vedere pagina 5-1) o racchiudere nella fence (vedere pagina 4-87) uno o pi elementi contenuti nei livelli di cui si

28

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Modifica del livello di un elemento
desidera modificare le impostazioni di visualizzazione. 2. Nella finestra di dialogo Visualizzazione livello selezionare lo strumento Cambia livello. 3. Passare al punto 4 del metodo principale per lesecuzione di questa procedura: lopzione scelta nel menu di opzioni Livello verr applicata agli elementi selezionati o racchiusi nella fence anzich allelemento identificato. I filtri possono essere utili per raggruppare i livelli associati allo scopo di modificarne la visualizzazione come gruppo.

Per attivare o disattivare la visualizzazione di un gruppo di livelli mediante filtri


1. Nella finestra di dialogo Visualizzazione livello scegliere Filtri dal menu di opzioni Modalit. Vengono elencati tutti i filtri presenti nel file DGN aperto. 2. Scegliere il filtro da applicare. Vengono visualizzati i livelli che corrispondono ai criteri impostati per il filtro.

Modifica del livello di un elemento


Tutti gli elementi vengono posizionati su livelli specifici. Pu essere necessario spostare un elemento da un livello ad un altro, oppure copiare un elemento in altri livelli. Le procedure indicate di seguito mostrano in che modo possibile copiare e spostare gli elementi fra un livello e laltro.

Per modificare il livello di un elemento mediante la casella combinata Livello attivo


1. Selezionare lelemento (vedere pagina 5-1) del quale si

Manuale dellutente di MicroStation

29

Il sistema di livelli
Modifica del livello di un elemento
desidera modificare il livello. 2. Fare clic sulla casella combinata Livello attivo. Vengono elencati i livelli presenti nel file DGN aperto. 3. Fare clic sul livello nel quale si desidera spostare lelemento. Lelemento viene spostato nel livello selezionato.

Per modificare il livello di un elemento mediante lo strumento Cambia attributi elemento


1. Selezionare lelemento (vedere pagina 5-1) del quale si desidera modificare il livello.

2. Dal menu degli strumenti Cambia attributi, selezionare lo strumento Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65) . Nel menu degli strumenti Principale, Cambia attributi elemento lo strumento rappresentativo predefinito del menu degli strumenti Cambia attributi.
3. Selezionare la casella di controllo Livello e scegliere il livello nel quale si desidera riposizionare lelemento. 4. Inserire un punto dati in un punto qualsiasi di una vista, tranne che su un elemento, per confermare la modifica. Lelemento viene riposizionato nel livello selezionato. possibile modificare il livello di un elemento anche mediante il menu di opzioni Livello situato nella scheda Generale della finestra di dialogo Informazioni sullelemento.

Per creare una copia di un elemento su un altro livello


1. Dal menu degli strumenti Manipola, selezionare lo strumento Copia. Nel menu degli strumenti Principale, Copia lo strumento rappresentativo predefinito del menu degli strumenti Manipola.

210

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Gestione dei livelli
2. Accertarsi che lopzione Usa fence sia disattivata. 3. Identificare lelemento (vedere pagina 4-2) . 4. Modificare il Livello (vedere pagina 2-2) attivo. Il nuovo Livello attivo viene visualizzato sulla barra degli strumenti Attributi e sulla barra di stato. 5. Inserire un punto dati in un punto qualsiasi di una vista, tranne che su un elemento, per accettare la copia. La copia si trova nella stessa posizione delloriginale.

Gestione dei livelli


La finestra di dialogo Gestore livelli consente di creare ed eliminare livelli (vedere pagina 2-11) , modificarne gli attributi e definire i filtri (vedere pagina 2-16) per il controllo della visualizzazione di gruppi di livelli in base ai relativi attributi. Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Gestore livelli, vedere Finestra di dialogo Gestore livelli nel Manuale di riferimento.

Per aprire la finestra di dialogo Gestore livelli


1. Sulla barra di stato, fare clic sul campo Livello attivo. o Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Gestore.

Creazione ed eliminazione di livelli


Per creare un nuovo livello
1. Scegliere Nuovo dalla finestra di dialogo Gestore livelli. o

Manuale dellutente di MicroStation

211

Il sistema di livelli
Creazione ed eliminazione di livelli
Fare clic sullicona Nuovo livello. Nellelenco dei livelli viene creato un nuovo livello.

Finestra di dialogo Gestore livelli con il nuovo livello visualizzato

2. Digitare il nome del nuovo livello. 3. Modificare qualsiasi attributo facendo clic sulla colonna appropriata. 4. Premere Invio. Viene creato il nuovo livello.

Metodo alternativo Per creare un nuovo livello


1. Dalla finestra di dialogo Gestore livelli, selezionare il file principale nel quale si desidera aggiungere un livello. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella sezione dellelenco livelli. Viene visualizzato un menu di scelta rapida.

212

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Creazione ed eliminazione di livelli

3. Scegliere Nuovo. 4. Digitare il nome del nuovo livello. 5. Premere Invio. Viene creato il nuovo livello. 6. Modificare qualsiasi attributo facendo clic sulla colonna appropriata.

Per eliminare un livello


1. Dallelenco dei livelli presente nella finestra di dialogo Gestore livelli, selezionare il livello da eliminare. possibile eliminare solo i livelli presenti nel file DGN aperto. 2. Premere Canc o Scegliere Elimina dal menu Modifica. o Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Elimina dal menu di scelta rapida.

Per eliminare tutti i livelli non utilizzati


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli, scegliere Seleziona tutto dal menu Modifica. o Fare clic con il pulsante destro del mouse nellelenco dei livelli, quindi scegliere Seleziona tutto. o Premere <Ctrl-A>. 2. Premere Canc o Scegliere Elimina dal menu Modifica. o Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Elimina dal menu di scelta rapida. Vengono eliminati tutti i livelli inutilizzati nel file DGN aperto. I livelli in uso rimangono invariati.

Manuale dellutente di MicroStation

213

Il sistema di livelli
Creazione ed eliminazione di livelli

Per eliminare tutti i livelli non utilizzati tramite una digitazione


1. Digitare LEVEL DELETE UNUSED.

Per importare dei livelli


1. Scegliere Importa dal menu Livelli della finestra di dialogo Gestore livelli. Viene visualizzata la finestra per limportazione di livelli. Questa finestra di dialogo una finestra di selezione file standard. 2. Fare clic sulla libreria di livelli da importare. possibile importare solo file con estensione .dgn, .dgnlib o .csv. 3. Fare clic su OK. I livelli presenti nella libreria vengono importati nel file DGN aperto.

Per esportare dei livelli


1. Scegliere Esporta dal menu Livelli della finestra di dialogo Gestore livelli. Viene visualizzata la finestra di dialogo per lesportazione di livelli. Questa finestra di dialogo una finestra di selezione file standard. 2. Inserire il nome di una libreria di livelli nella quale effettuare lesportazione oppure selezionare una libreria esistente da sovrascrivere. possibile esportare solo file con estensione .dgn, .dgnlib o .csv. 3. Fare clic su OK. I livelli presenti nel file DGN aperto vengono esportati nella libreria. Specificano un nuovo nome di libreria, a questo viene assegnata lestensione .dgnlib.

214

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Modifica degli attributi di livello

Modifica degli attributi di livello


La finestra di dialogo Gestore livelli consente di modificare le propriet di un livello. possibile rinominare i livelli, modificarne la simbologia e ordinare le informazioni per colonna.

Per rinominare un livello


1. Dalla finestra di dialogo Gestore livelli, selezionare il livello desiderato nel relativo elenco. 2. Scegliere Rinomina dal menu Modifica della finestra di dialogo. o Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Rinomina dal menu di scelta rapida. 3. Inserire il nuovo nome del livello. 4. Premere Invio per modificare il nome.

Per controllare la simbologia per livello


1. Dallelenco dei livelli nella finestra di dialogo Gestore livelli, selezionare il livello o lintervallo di livelli desiderato. 2. Dal menu di opzioni Simbologia, selezionare PerLivello. 3. Impostare i controlli facendo clic sulla colonna desiderata. I controlli relativi a colore, stile e spessore sono simili a quelli presenti nel menu degli strumenti Attributi (vedere Impostazione degli attributi degli elementi attivi a pagina 3-1). 4. Per accettare la modifica, scegliere OK. 5. Ripetere i passaggi 23 per ogni colonna da modificare.

Per sostituire la visualizzazione della simbologia dei livelli


1. Dallelenco dei livelli nella finestra di dialogo Gestore livelli,

Manuale dellutente di MicroStation

215

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri
selezionare il livello o lintervallo di livelli desiderato. 2. Dal menu di opzioni Simbologia, selezionare Sostituzioni. 3. Modificare gli attributi desiderati. 4. Se la Simbologia livello attivata (Impostazioni > Attributi vista), ciascun attributo di livello modificato (colore, spessore o stile di linea) viene visualizzato in sostituzione degli attributi propri degli elementi. Se la Simbologia livello disattivata (Impostazioni > Attributi vista), gli attributi torneranno allo stato normale quando la Simbologia verr impostata nuovamente su PerLivello. 5. Fare clic su OK.

Per regolare le propriet dei livelli


1. Dallelenco dei livelli nella finestra di dialogo Gestore livelli, selezionare il livello desiderato. 2. Scegliere Propriet dal menu Modifica. Viene visualizzata la finestra di dialogo Propriet livello. La scheda Generale contiene informazioni di base sul file e sulla simbologia (PerLivello e Sostituzioni). La scheda Stili contiene informazioni sullo Stile di linea personalizzato (PerLivello e Sostituzioni). 3. Fare clic su OK.

Per ordinare i livelli in base alle intestazioni di colonna


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli fare clic sullintestazione desiderata per ordinare i livelli in ordine ascendente. 2. Fare clic di nuovo sullintestazione desiderata per ordinare i livelli in ordine discendente.

Definizione ed eliminazione dei filtri


I filtri possono risultare utili per raggruppare i livelli associati, allo scopo di attivarne o disattivarne la visualizzazione come gruppo. Ad esempio, possibile che un file DGN contenga diverse centinaia di livelli. Allinterno di tali livelli possibile impostare

216

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri
dei filtri per discipline diverse, ad esempio Civile, Architettonico, Meccanico. Il filtro Civile potrebbe contenere i livelli Civile-Esistente, Civile-Proposto, Civile-Annotazione e via dicendo. possibile definire in modo semplice un filtro denominato Civile, che visualizzerebbe solo i livelli che contengono nella descrizione la parola "civile".

Mediante la riga Filtro della finestra di dialogo Gestore livelli possibile assegnare un nome ai filtri, salvarli e richiamarli in base alle proprie esigenze, oppure definirli per una singola visualizzazione immediata. Lattivazione o la disattivazione dei filtri si esegue mediante la finestra di dialogo Visualizzazione livello. possibile utilizzare i filtri per attivare o disattivare la visualizzazione dei livelli allinterno di un modello e di tutti i modelli collegati. I livelli possono essere filtrati mediante numerosi attributi, quali nome file, colore, stile e spessore di linea.

I filtri utilizzano diversi tipi di espressione a seconda della colonna nella quale lespressione viene inserita. possibile definire tre forme di espressioni di base, ossia String, Integer e Boolean. prevista una sintassi specifica per applicare i filtri agli attributi mediante caratteri jolly (ad esempio *, ?), analogamente ai criteri di ricerca di Esplora risorse. Inoltre, sono state aggiunte operazioni basate su insiemi, quali | (o), & (e) e (meno). Le espressioni stringa sono applicate a valori di stringa. Per valori interi e booleani si utilizzano le espressioni integer e boooleane. Segue una breve descrizione di ciascuna espressione. Il formato dellespressione String simile a quello supportato nella finestra di dialogo di ricerca di Esplora risorse di Windows. Inoltre, sono state aggiunte operazioni basate su insiemi, quali | (o), & (e) e (meno). Le espressioni di tipo integer sono applicate ai numeri interi, ad esempio 1, 10, 1520. In queste espressioni sono supportati anche gli operatori di confronto >, >=, <, <= e !=. Le espressioni booleane vengono applicate alle caselle di controllo e possono assumere un valore pari a 0 oppure 1.
Nomi dei livelli che corrispondono ai criteri Tutti i livelli che contengono la sottostringa lev Il livello denominato lev

Espressioni String lev lev

Manuale dellutente di MicroStation

217

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri
*1 lev* 1 | 2 1 & 2 1 2 *1 | *2 | *3 ((1 | 2) 3) livello 1 | livello 2 Tutti i livelli che finiscono in 1 Tutti i livelli che iniziano con la sottostringa lev Tutti i livelli che contengono il carattere 1 o 2 Tutti i livelli che contengono i caratteri 1 e 2 Tutti i livelli che contengono il carattere 1 ma non il carattere 2 Tutti i livelli che finiscono per 1, 2 o 3 Tutti i livelli che contengono il carattere 1 o 2 ma non il carattere 3. Corrisponde esattamente a due livelli: livello 1 e livello 2.

Si noti lutilizzo di ( e ) per combinare gli operatori. Le espressioni di stringa sono valide per le colonne Nome, Descrizione, File e Logico della finestra di dialogo Gestore livelli.
Espressioni Integer 1,10 10, 1520 <20 <=20 >10, <20 >10, <20, !=15 Nomi dei livelli che corrispondono ai criteri Corrisponde ai livelli con i numeri 1 o 10. Corrisponde ai livelli con i numeri 10, 15, 16, 17, 18, 19, 20. Corrisponde a tutti i livelli con numeri inferiori a 20. Corrisponde a tutti i livelli con numeri inferiori o uguali a 20. Corrisponde a tutti i livelli con numeri superiori a 10 e inferiori a 20. Corrisponde a tutti i livelli con numeri superiori a 10, inferiori a 20 e diversi da 15.

Le espressioni integer sono valide per le colonne Numero, Colore, Spessore ed Elementi della finestra di dialogo Gestore livelli.

218

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri
Espressioni Integer 0 Nomi dei livelli che corrispondono ai criteri Se applicato alla colonna Usati, corrisponde a tutti i livelli non utilizzati. Se applicato alla colonna Usati, corrisponde a tutti i livelli utilizzati.

Le espressioni booleane sono valide per le colonne Globale, Blocca, Usati e Libreria della finestra di dialogo Gestore livelli.

Per creare un filtro definito


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli selezionare Filtri nella vista ad albero. Vengono elencati i filtri esistenti. 2. Fare clic sullicona Crea filtro. Nellelenco dei filtri viene creato un nuovo filtro. 3. Digitare il nome del nuovo filtro nel campo Nome filtro e premere Invio. 4. Fare clic su qualsiasi categoria e inserire i valori desiderati per definire i criteri del filtro. Viene definito un filtro denominato.

Per definire un filtro al volo mediante la finestra di dialogo Gestore livelli


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli fare clic

Manuale dellutente di MicroStation

219

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri
sullicona Elenca filtri. Viene visualizzato un elenco di filtri. 2. Fare clic su Senza titolo. Nella parte superiore dellelenco compare una riga vuota.

Gestore livelli con una riga di filtro vuota

3. Fare clic su qualsiasi categoria e inserire i valori desiderati per creare i criteri del filtro. 4. Premere Invio su ciascuna categoria per confermare il valore immesso. Il filtro stato definito. possibile attivare/disattivare il filtro facendo clic sullicona Elenca filtri. Il filtro rimane memorizzato fino alla chiusura di MicroStation. 5. (Facoltativo) Per assegnare un nome al filtro e salvarlo, scegliere Salva con nome dal sottomenu Filtro del menu Livelli della finestra di dialogo Gestore livelli. o Fare clic con il pulsante destro del mouse nellelenco livelli, quindi scegliere Salva filtro. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva filtro.

220

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri

6. (Facoltativo) Nel campo Nome, digitare il nome del filtro da salvare. 7. (Facoltativo) Fare clic su OK. Il filtro viene salvato.

Per definire un filtro al volo mediante la finestra di dialogo Gestore livelli


1. Fare clic sullicona Visualizzazione livello sul menu Strumenti principali. Viene visualizzata la finestra di dialogo Visualizzazione livello. 2. Se necessario, fare clic sullicona Elenca filtri per visualizzare la riga del filtro. Questa icona attiva solo se lopzione Modalit impostata su Livelli.

Manuale dellutente di MicroStation

221

Il sistema di livelli
Definizione ed eliminazione dei filtri

Finestra di dialogo Visualizzazione livello con la riga del livello visualizzata

3. Immettere i criteri desiderati nelle categorie appropriate. 4. Premere Invio su ciascuna categoria per confermare il valore immesso. In questo modo si creato un filtro al volo, che possibile attivare/disattivare facendo clic sullicona Elenca filtri e selezionando nessuno. Il filtro rimane memorizzato fino alla chiusura di MicroStation.

Per salvare un filtro al volo come filtro con nome mediante la finestra di dialogo Gestore livelli
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla riga del filtro nella finestra di dialogo Visualizzazione livello. Viene visualizzata una finestra pop-up. 2. Scegliere Salva filtro dal menu Filtro. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva filtro.

222

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Visualizzare e nascondere le colonne di informazioni

3. Nel campo Nome, digitare il nome del filtro da salvare. 4. Fare clic su OK. Il filtro viene salvato.

Per eliminare un filtro definito


1. Selezionare la categoria Filtri dalla finestra di dialogo Gestore livelli. Viene visualizzato un elenco di filtri. 2. Selezionare il filtro che si desidera eliminare. 3. Fare clic sullicona Elimina filtro. o Fare clic con il pulsante destro del mouse nellelenco dei filtri e scegliere Elimina dal menu di scelta rapida. o Scegliere Elimina dal menu Modifica. Il filtro viene eliminato dallelenco.

Visualizzare e nascondere le colonne di informazioni


possibile controllare il tipo di informazioni visualizzate nelle finestre di dialogo Gestore livelli e Visualizzazione livello. La visualizzazione delle colonne pu essere attivata o disattivata mediante le corrispondenti intestazioni.

Manuale dellutente di MicroStation

223

Il sistema di livelli
Condivisione delle definizioni dei livelli

Per attivare/disattivare la visualizzazione delle colonne di informazioni


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli fare clic con il pulsante destro del mouse sulla riga dellintestazione di colonna. Viene visualizzato un elenco delle colonne disponibili. Le colonne visualizzate sono contrassegnate da un segno di spunta. 2. Attivare o disattivare la visualizzazione delle colonne di informazioni in base alle proprie esigenze.

Condivisione delle definizioni dei livelli


Per un utilizzo condiviso, possibile memorizzare linsieme di definizioni dei livelli o la struttura dei livelli nel componente della libreria di livelli di una libreria DGN, che un file DGN specifico. Per ulteriori informazioni sulla Creazione di moduli, vedere il Manuale dellamministratore. Il collegamento manuale di librerie viene utilizzato per collegare un certo numero di librerie a un numero limitato di file DGN. Per creare un maggior numero di librerie per pi file DGN, possibile utilizzare la variabile di configurazione MS_DGNLIBLIST. Questa variabile consente di definire il percorso a librerie di livelli specifici di cui MicroStation cerca i livelli. Lutilizzo di questa procedura evita di collegare ogni libreria dei livelli ai singoli file DGN. Per ulteriori informazioni sulle librerie di livelli, vedere Librerie di livelli nelManuale dellamministratore. Se un Livello viene modificato in una Libreria di livelli, i livelli presenti nei file DGN prima della modifica non vengono aggiornati in modo automatico. Per aggiornare il file DGN in modo che rifletta le modifiche apportate alla Libreria di livelli, usare i LIVELLI DI AGGIORNAMENTO DGNLIB.

Per collegare manualmente una libreria di livelli


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli accedere al sottomenu

224

Manuale dellutente di MicroStation

Il sistema di livelli
Condivisione delle definizioni dei livelli
Libreria del menu Livelli, quindi scegliere Collega. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collegare libreria di livello. 2. Selezionare la libreria da collegare e fare clic su OK. I livelli contenuti nella libreria vengono visualizzati nella parte inferiore dellelenco dei livelli.

Per rimuovere il collegamento a una libreria di livelli


1. Nella finestra di dialogo Gestore livelli accedere al sottomenu Libreria del menu Livelli, quindi scegliere Scollega. Viene visualizzata la finestra di dialogo relativa alle librerie. 2. Selezionare la libreria di livelli da scollegare e fare clic su OK. I livelli contenuti nella libreria vengono rimossi dalla parte inferiore dellelenco dei livelli.

Per impostare MS_DGNLIBLIST


1. Scegliere Configurazione dal menu Area di lavoro. Viene visualizzata la finestra di dialogo Configurazione. 2. Nella casella di riepilogo Categoria, selezionare Percorsi di ricerca. Nella parte destra sono visualizzate variabili di configurazione che specificano i percorsi di ricerca predefiniti per i vari tipi di file di MicroStation. 3. In tale casella di riepilogo, selezionare Elenco librerie DGN. 4. Fare clic sul pulsante Modifica. Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica variabile di configurazione. 5. Inserire il percorso delle librerie DGN che si desidera rendere disponibili. possibile inserire pi percorsi. 6. Scegliere Salva dal menu File della finestra di dialogo. 7. Per accettare le modifiche, scegliere OK.

Manuale dellutente di MicroStation

225

Il sistema di livelli
Condivisione delle definizioni dei livelli

226

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


In questo capitolo verranno illustrate le procedure relative alle principali funzioni di posizionamento degli elementi 2D disponibili in MicroStation, tra cui: Impostazione degli attributi degli elementi attivi (vedere pagina 3-1) Selezionare Strumenti nel menu degli strumenti Elementi lineari (vedere pagina 3-18) Selezionare Strumenti nel menu degli strumenti Ellissi (vedere pagina 3-40) Selezionare Strumenti nel menu degli strumenti Poligoni (vedere pagina 3-47) Selezionare Strumenti nel menu degli strumenti Punti (vedere pagina 3-60) Selezionare Strumenti nel menu degli strumenti Archi (vedere pagina 3-72) Utilizzo della finestra Seleziona impostazioni (vedere pagina 3-82)

Impostazione degli attributi degli elementi attivi


Quando si posiziona un elemento, le coordinate sul piano di disegno dei punti dati utilizzati per la creazione vengono memorizzate nel file di disegno insieme ad alcuni attributi dellelemento.

Cosa si intende per attributi dellelemento?


Gli attributi dellelemento comprendono:

Manuale dellutente di MicroStation

31

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Simbologia dellelemento
livello (vedere pagina 2-1) (nel file DGN su cui risiede un elemento) colore spessore di linea stile di linea colore e tipo di riempimento (per gli elementi chiusi)

Gli attributi vengono definiti mediante le impostazioni. Per esempio, se il Colore attivo di un modello impostato su rosso, lattributo del colore degli elementi appena collocati in quel modello rosso. Per ulteriori informazioni, vedere Modelli nella Guida rapida.

La modifica di unimpostazione attiva non si riflette sugli elementi precedentemente inseriti. Tuttavia, possibile modificare qualsiasi attributo di un elemento gi inserito nellimpostazione attiva corrispondente utilizzando lo strumento Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65) . Se ci si dimentica di salvare le impostazioni del file DGN aperto prima di chiuderlo, alla successiva apertura del file le modifiche alle impostazioni degli attributi dellelemento attivo dei modelli non saranno attive.

Simbologia dellelemento
Gli attributi riportati di seguito costituiscono la cosiddetta simbologia dellelemento: colore spessore di linea stile di linea colore di riempimento (per gli elementi chiusi)

Colore
In MicroStation il colore attivo e lattributo relativo al colore di ogni elemento vengono memorizzati come valori compresi

32

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Colore
tra 0 e 255. Per visualizzare un elemento con il rispettivo colore, MicroStation ricerca nella tavola dei colori attiva il colore corrispondente al valore del colore dellelemento. I colori nella tavola dei colori attiva possono essere modificati.

In MicroStation la tavola dei colori attiva rappresentata graficamente da una tabella di 16 16 caselle colorate denominata Tavola dei colori.

Per modificare i colori nel file di disegno attivo possibile collegare al file una tavola dei colori diversa che viene attivata automaticamente ogni volta che il file di disegno viene aperto. A ciascun file di disegno seme fornito con MicroStation collegata una tavola dei colori.

Le tavole dei colori sono memorizzate come file indipendenti. Per poter utilizzare la tavola dei colori attiva con altri file di disegno, possibile salvarla in un file specifico.

inoltre possibile impostare il colore PerCella o PerLivello. Se si seleziona PerCella, quando si posiziona una cella, viene utilizzato il colore attivo al posto di quello utilizzato al momento della creazione della cella. Se si seleziona PerLivello, quando si posiziona un elemento, per visualizzarlo viene utilizzato il colore attivo nel livello attivo. Quando si lavora in modalit Limitazione DWG, viene caricata solo la tavola dei colori DWG; non possibile caricare altre tavole dei colori. La voce di menu Impostazioni > Tavola dei colori non disponibile. comunque possibile modificare la tavola dei colori importando file raster. Se si sceglie di utilizzare la tavola dei colori del file raster ovvero si disattiva la tavola dei colori corrente, la tavola dei colori cambia.

Per impostare il colore attivo dal menu degli strumenti Attributi


1. Nel menu degli strumenti Attributi, fare clic sulla casella colorata e trascinare il puntatore sulla tavola dei colori per selezionare quello desiderato.1
1 Se si modifica il colore attivo dal menu degli strumenti, la modifica avr effetto anche sui colori degli elementi selezionati (per ulteriori informazioni, vedere Selezione degli elementi).

Manuale dellutente di MicroStation

33

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Colore

Tavola dei colori

Metodo alternativo Per impostare il colore attivo


1. Scegliere licona Colore attivo dal menu degli strumenti Attributi. Viene visualizzata la Tavola dei colori. 2. Selezionare il colore desiderato. Il nuovo colore attivo viene visualizzato nel menu degli strumenti Attributi.

Metodo alternativo Per impostare il colore attivo


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file DGN. 2. Dalla casella di riepilogo Categoria, selezionare Attributi elemento. 3. Selezionare il colore desiderato dal menu a discesa del campo Colore. Il nuovo colore attivo viene visualizzato nel menu degli strumenti Attributi.

34

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Spessore linea

Per impostare il colore attivo tramite una digitazione


1. Nella finestra Digita, immettere il testo ACTIVE COLOR<nome_colore | numero_colore> o CO=<nome_colore | numero_colore> . Per ulteriori informazioni sullimpostazione del colore di riempimento attivo, vedere Riempimento a pagina 3-15.

Spessore linea
In MicroStation lo spessore di linea attivo e lattributo relativo allo spessore di linea di ciascun elemento vengono memorizzati come valori compresi tra 0 e 31.

Lo spessore di linea pu anche essere impostato PerLivello o PerCella. Se si seleziona PerCella, quando si posiziona una cella, viene utilizzato lo spessore di linea attivo al posto di quello utilizzato al momento della creazione della cella. Se si seleziona PerLivello, quando si posiziona un elemento, per visualizzarlo viene utilizzato lo spessore di linea attivo nel livello attivo.

Per impostare lo spessore di linea attivo dal menu degli strumenti Attributi
1. Dal menu di opzioni Spessore di linea attivo del menu degli strumentiAttributi, selezionare il valore dello spessore di linea desiderato.

Manuale dellutente di MicroStation

35

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea

Menu di opzioni Spessore di linea attivo

Metodo alternativo Per impostare lo spessore di linea attivo


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file di disegno. 2. Dalla casella di riepilogo Categoria, selezionare Attributi elemento. 3. Selezionare lo spessore di linea desiderato dal menu di opzioni del campo Spessore. Il nuovo colore attivo viene visualizzato nel menu degli strumenti Attributi.

Per impostare lo spessore di linea attivo tramite una digitazione


1. Nella finestra Digita, immettere il testo ACTIVE WEIGHT <numero_spessore>o WT=<numero_spessore>.

Stile linea
La definizione dello stile di linea consente di specificare le seguenti caratteristiche:

36

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea
Una campitura del tratto composta da tratti di lineetta e tratti di gap di lunghezza variabile. Piccoli segni detti simboli del punto a intervalli variabili.

Le definizioni degli stili di linea sono personalizzabili. Linsieme degli stili di linea predefinito contenuto nella finestra di dialogo Stili di linea rappresenta un campione di riferimento. Nella maggior parte dei casi, gli stili di linea devono essere impostati dal responsabile del settore o del progetto.

Alcuni stili di linea campione forniti nelle aree di lavoro di MicroStation (non scalabili)

Modificatori dello stile di linea


I modificatori dello stile di linea consentono di modificare alcune caratteristiche dello stile di linea durante il posizionamento degli elementi, senza la necessit di creare altre definizioni di stili di linea.

I modificatori sono disponibili per le campiture e gli attributi del tratto riportati di seguito: Larghezza origine e larghezza finale. Questi modificatori vengono applicati ad ogni tratto e possono essere utilizzati

Manuale dellutente di MicroStation

37

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea
per creare elementi di spessore variabile. Spostamento della campitura del tratto.

inoltre disponibile un modificatore del fattore di scala che si applica a tutti i valori di lunghezza nella definizione dello stile di linea.

inoltre possibile impostare lo Stile linea PerCella o PerLivello. Se si seleziona PerCella, quando si posiziona una cella, viene utilizzato lo stile di linea attivo al posto di quello utilizzato al momento della creazione della cella. Se si seleziona PerLivello, quando si posiziona un elemento, per visualizzarlo viene utilizzato lo stile di linea attivo nel livello attivo.

Procedura generica Per utilizzare uno stile di linea personalizzato


1. Impostare lo stile di linea attivo. Per ulteriori informazioni, vedere Per impostare lo stile di linea attivo a pagina 3-10. 2. Attivare i modificatori dello stile di linea desiderati. Per ulteriori informazioni, vedere Attivazione dei modificatori dello stile di linea a pagina 3-10. 3. Posizionare gli elementi con lo stile di linea attivo e gli eventuali modificatori specificati.

Per impostare lo stile di linea attivo


1. Selezionare lo stile di linea desiderato dal menu di opzioni Stile linea del menu degli strumenti Attributi. 2

2 Il menu di opzioni Stile linea attivo contiene le voci che corrispondono agli stili di linea attivi personalizzati pi recenti (fino a un massimo di quattro) e gli otto stili di linea standard.

38

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea

Menu di opzioni Stile linea attivo

Metodo alternativo Per impostare lo stile di linea attivo


1. Dal menu Elemento, accedere al sottomenu Stile linea e scegliere Personalizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Stili di linea.

2. Nella casella di riepilogo Nomi della finestra di dialogo Stili di linea, fare doppio clic sul nome dello stile di linea desiderato. o Nella casella di riepilogo Nomi della finestra di dialogo Stili di linea, selezionare il nome dello stile di linea desiderato e fare clic sul pulsante situato nella parte inferiore della finestra di dialogo per visualizzare un esempio dello stile selezionato. Per visualizzare questo pulsante, necessario attivare la casella di controllo Mostra dettagli.

Manuale dellutente di MicroStation

39

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea

Metodo alternativo Per impostare lo stile di linea attivo tramite una digitazione
1. Nella finestra Digita, immettere il testo ACTIVE STYLE <nome_stile |numero_stile> oppure LC=<nome_stile |numero_stile>.

Attivazione dei modificatori dello stile di linea


I modificatori dello stile di linea vengono attivati nella finestra di dialogo Stili di linea. Il pulsante grande nella finestra di dialogo indica lo stile di linea selezionato nella casella di riepilogo con i modificatori attivi applicati. Per visualizzare questo pulsante, necessario attivare la casella di controllo Mostra dettagli. La nuova interfaccia utente non consente di attivare i modificatori dello stile di linea.

Per sostituire la larghezza iniziale o finale di ciascun tratto di lineetta negli elementi posizionati con lo stile di linea attivo
1. Dal menu Elemento, accedere al sottomenu Stile linea e scegliere Personalizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Stili di linea. 2. (Facoltativo) Per impostare la larghezza iniziale, attivare Origine e, nel campo corrispondente, digitare la larghezza desiderata in unit principali. 3. (Facoltativo) Per impostare la larghezza finale, attivare Fine e, nel campo corrispondente, digitare la larghezza desiderata in unit principali.

310

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Stile linea

Finestra di impostazione Stili di linea con lopzione Mostra dettagli attivata.

Per applicare un fattore di scala a tutte le caratteristiche visualizzabili dello stile di linea attivo
1. Dal menu Elemento, accedere al sottomenu Stile linea e scegliere Personalizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Stili di linea. 2. Attivare Fattore di scala e digitare il fattore di scala desiderato nel campo corrispondente.

Per spostare o modificare la campitura del tratto specificata nella definizione dello stile di linea attivo
1. Dal menu Elemento, accedere al sottomenu Stile linea e scegliere Personalizza. Viene visualizzata la finestra di dialogo Stili di linea. 2. Per spostare le campiture del tratto relative allinizio degli elementi o dei segmenti di elementi, selezionare Distanza dal menu di opzioni Sposta e digitare la distanza in unit principali nel campo corrispondente. o Per regolare le campiture del tratto in modo da visualizzare i primi tratti della campitura allinizio e alla fine degli elementi o dei segmenti di elementi, scegliere Frazione dal menu di opzioni Sposta e digitare il valore della frazione

Manuale dellutente di MicroStation

311

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Simbologia del livello
in decimali nel campo corrispondente. Mentre lo strumento Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65) viene utilizzato per regolare i modificatori dello stile di linea di un elemento esistente come un insieme, lo strumento Modifica gli attributi dello stile di linea (vedere pagina 5-72) del menu degli strumenti Cambia attributi pu essere utilizzato per regolare i singoli modificatori dello stile di linea.

Stili di linea standard


A differenza degli stili di linea personalizzati, gli stili di linea standard (detti anche codici di linea), numerati da 0 a 7, si basano sulle coordinate del dispositivo di output e quindi non consentono di ottenere risultati WYSIWYG, al contrario degli stili di linea personalizzati. Pertanto, si consiglia di utilizzare gli stili di linea personalizzati anzich quelli standard. Nella modalit Limitazione DWG gli stili di linea 17 non sono disponibili. In questa modalit sono attivi solo gli stili di linea personalizzati.

Simbologia del livello


Ogni elemento di un disegno ha una propria simbologia. Per rendere pi chiara lidentificazione degli elementi si trovano su un determinato livello, possibile definire una simbologia alternativa per tutti gli elementi del livello. quindi possibile visualizzare gli elementi con la simbologia normale o con la simbologia del livello.

Per copiare un livello da un altro file di disegno


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Gestore. o

312

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Simbologia del livello
Sulla barra di stato fare clic sul campo relativo al Livello attivo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore livelli.

2. Scegliere Importa dal menu File. Viene visualizzata la finestra di dialogo Importa livello. 3. Selezionare il file di disegno da cui si desidera copiare la definizione della simbologia del livello. 4. Fare clic sul pulsante OK. La casella di riepilogo nella scheda Simbologia viene aggiornata in modo da visualizzare la definizione copiata.

Per definire una nuova simbologia di livello


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Livello e scegliere Gestore. 2. Per ciascun attributo da impostare (colore, stile di linea o spessore di linea indicati con valori numerici), fare clic con il pulsante destro del mouse nella colonna degli attributi. Viene visualizzata la finestra di dialogo di selezione appropriata. 3. Regolare i controlli desiderati. I controlli Colore, Stile e Spess. sono simili a quelli presenti nella finestra di dialogo Attributi elemento. Per ulteriori informazioni sullutilizzo di questi controlli, vedere Per impostare il colore attivo a pagina 3-4 e Per impostare lo spessore di linea attivo a pagina 3-6

Manuale dellutente di MicroStation

313

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altri attributi degli elementi

Per visualizzare gli elementi utilizzando la simbologia del livello


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista.

2. Attivare lattributo Simbologia livello. 3. Fare clic su Applica o Tutte.

Altri attributi degli elementi


Oltre a livello, colore, spessore e stile di linea, gli elementi presentano i seguenti attributi: Tipo di riempimento (nessuno, opaco o delineato)

314

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altri attributi degli elementi
Classe (principale o costruzione) Lattributo relativo allarea determina il tipo di elemento chiuso, ossia solido o vuoto (per ulteriori informazioni, vedere Inserimento di elementi di vuoto in elementi solidi a pagina 8-6).

Riempimento
Lattributo relativo al riempimento pu essere applicato solo agli elementi chiusi, quali cerchi, ellissi e poligoni. In questo tipo di elementi, larea risulta completamente racchiusa allinterno dei contorni.

In alto: riempimento impostato a Opaco. In basso: riempimento impostato a Delineato


In base allimpostazione predefinita, un elemento chiuso viene visualizzato in una vista wireframe mediante linee del colore attivo che delineano larea occupata dallelemento. Larea allinterno dellelemento risulta trasparente.

Un elemento chiuso di definisce riempito quando larea interna viene visualizzata come area colorata compatta. Il colore corrisponde al colore di riempimento attivo. Quando un elemento opaco, viene visualizzato come figura piena nel colore attivo. In tal caso, le linee di delimitazione dellelemento non sono distinguibili poich sono visualizzate con lo stesso colore del riempimento. In qualsiasi vista, gli elementi opachi e riempiti vengono visualizzati con le relative linee di delimitazione, a meno che non sia stata attivata lopzione relativa al riempimento. Disattivando questo attributo in una vista, il riempimento viene nascosto. Nella tabella che segue vengono riassunti gli effetti dellattributo relativo al riempimento degli elementi e dellattributo

Manuale dellutente di MicroStation

315

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altri attributi degli elementi
della vista Riempimenti:
Tipo di riempim Nessuno Riempim attivo Non viene visualizzato alcun Riempimento Riempim inattivo Non viene visualizzato alcun Riempimento Non viene visualizzato alcun Riempimento Non viene visualizzato alcun Riempimento

Opaco

Lelemento viene riempito con il colore dellelemento Lelemento viene riempito con il colore di riempimento attivo

Delineato

Unarea pu essere racchiusa anche da una serie di linee o da una spezzata chiusa. Tuttavia, nessuna delle due viene trattata come figura in MicroStation. Pertanto, in entrambi i casi non possibile assegnare alcun attributo di area o di riempimento.

Per impostare il tipo e il colore di riempimento attivi


1. Selezionare uno strumento dal menu degli strumenti Poligoni. 2. Dal menu di opzioni Tipo di riempim della finestra di impostazione dello strumento, selezionare Nessuno, Opaco o Delineato. 3. Selezionare il colore desiderato dalla tavola dei colori Colore riempim.

Per attivare o disattivare i riempimenti in una vista


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di

316

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altri attributi degli elementi
vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista. 2. Dal menu di opzioni Numero vista della finestra di impostazione, selezionare la vista desiderata. 3. Fare clic sulla casella di controllo Riempimenti. 4. Fare clic su Applica o Tutte. Per modificare il tipo e il colore di riempimento di un elemento, utilizzare lo strumento Cambia elemento in tipo di riempimento attivo (vedere pagina 5-70) del menu degli strumenti Cambia attributi.

Classe
Per convenzione, gli elementi con lattributo di classe Costruzione vengono utilizzati come supporto per il disegno. Ad esempio, possibile posizionare in un punto particolare un elemento di costruzione da utilizzare per il posizionamento in modalit cattura di altri elementi ed evitare di plottare lelemento di costruzione una volta completato il disegno. Agli elementi che appartengono effettivamente al disegno, in genere viene assegnato lattributo di classe Principale.

Per impostare la classe attiva


1. Dal menu Elemento, scegliere Attributi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi elemento. 2. Dal menu di opzioni Classe, selezionare Principale o Costruzione.

Manuale dellutente di MicroStation

317

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Menu degli strumenti Elementi lineari

Metodo alternativo Per impostare la classe attiva


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file di disegno. 2. Dalla casella di riepilogo Categoria, selezionare Attributi elemento. 3. Dal menu di opzioni Classe, selezionare Principale o Costruzione. 4. Fare clic sul pulsante OK.

Menu degli strumenti Elementi lineari


Gli strumenti del menu degli strumenti Elementi lineari consentono di posizionare elementi lineari.
Per Posizionare una linea, una spezzata, una figura, un arco, un cerchio o una combinazione di questi come elemento complesso. Posizionare o creare una linea. Selezionare nel menu degli strumenti Elementi lineari

Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19)

Posiziona linea (vedere pagina 3-26)


Posizionare una linea multipla.

Posiziona linea multipla (vedere pagina 3-28)


Posizionare una spezzata a mano libera (principalmente per tracciare immagini durante la digitalizzazione).

Posiziona spezzata a mano libera (vedere pagina 3-31)

318

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
Per Posizionare una curva per punti o a mano libera.1 Selezionare nel menu degli strumenti Elementi lineari

Posiziona curva per punti o curva a mano libera (vedere pagina 3-33)
Creare una linea che divide in due un angolo.

Costruisci bisettrice angolo (vedere pagina 3-36)


Creare una linea tra due elementi in corrispondenza dei relativi punti pi vicini.

Costruisci linea di distanza minima (vedere pagina 3-37)

Creare una linea in base allangolo attivo.

Costruisci linea in base allangolo attivo (vedere pagina 3-38)


1 Le curve per punti costituiscono il tipo tradizionale di curva di MicroStation (9). Le curve a mano libera vengono utilizzate principalmente per tracciare immagini durante la digitalizzazione.

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX LINEAR [OFF | ON | TOGGLE]

Posiziona SmartLine

Manuale dellutente di MicroStation

319

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine

Questo strumento consente di posizionare una catena di segmenti di linea e di arco connessi come singoli elementi o come un unico elemento di spezzata, figura, cerchio, catena o figura complessa. Questo strumento supporta tutte le modalit di cattura. Per ulteriori informazioni sulle modalit di cattura, vedere Inserimento di punti cattura tentativo sugli elementi (vedere pagina 4-4) . possibile creare vertici raccordati consentendo allo strumento di posizionare automaticamente un arco tangente a due segmenti di linea adiacenti. possibile anche costruire un raccordo circolare tra due segmenti di arco o tra un segmento di arco e un segmento di linea. Se non possibile creare un vertice raccordato, ne viene creato uno acuto (questo spesso il modo pi comodo, anche se meno flessibile, per posizionare un arco anzich disegnarne direttamente uno come segmento).
ImEffetto postazione strumento

Tipo segmento

Imposta il tipo di segmento. LineeImposta segmenti di linea. ArchiImposta segmenti di arco.

320

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
ImEffetto postazione strumento

Tipo vertice

Imposta il tipo di vertice. Acuto Raccordato Smussato

Dopo aver catturato il primo vertice e prima di accettarlo, se viene modificata lopzione Tipo vertice, le nuove impostazioni verranno applicate solo al vertice finale (per ulteriori informazioni sulla cattura, vedere Tentative snap points a pagina 4-4.) Raggio di raccordo (con lopzione Tipo vertice impostata a Raccordato) Se questa opzione attivata, imposta il raggio dellarco per un vertice raccordato. Dopo aver catturato il primo vertice e prima di accettarlo, se viene modificata lopzione Raggio, le nuove impostazioni verranno applicate solo al raggio finale. (con lopzione Tipo vertice impostata a Smussato) Imposta le due distanze necessarie per definire uno smusso. Lopzione Valore smusso richiede che le due distanze di smusso siano identiche (da un punto di intersezione teorico). Se questa opzione non attivata, i segmenti vengono posizionati come singoli elementi e inoltre quando si cattura il primo vertice lopzione per la chiusura della catena (Elemento chiuso) viene eliminata. possibile utilizzare simbologie diverse per i singoli elementi.

Valore smusso

Unisci elementi

Lattivazione e la disattivazione di queste impostazioni ha effetto sui segmenti della catena gi definiti.

Manuale dellutente di MicroStation

321

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
ImEffetto postazione strumento

Elemento chiuso

Se questa opzione attivata, se si accetta un punto tentativo posizionato sul primo vertice in modalit di cattura, lelemento viene chiuso. In caso contrario, laccettazione di tale punto tentativo non chiude lelemento. (con lopzione Elemento chiuso attivata) Imposta larea attiva a Solido o Vuoto (con lopzione Elemento chiuso attivata) Imposta il tipo di riempimento attivo Nessuno (senza riempimento) Opaco (con il colore attivo) Delineato (con il colore di riempimento)

Area Tipo di riempim

Colore riempim.

(con lopzione Elemento chiuso attivata) Imposta il colore di riempimento dellelemento: Se Tipo di riempim Opaco, il colore colore di riempimento il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Ruota AccuDraw ai segmenti

(in Impostazioni posizionamento SmartLine) Se questa opzione attivata, una volta inseriti i segmenti di linea, AccuDraw in genere ruota la bussola per allineare lasse X con la linea appena posizionata. Anzich disattivare la funzionalit di sensibilit al contesto di AccuDraw, che annullerebbe questo allineamento in tutti gli strumenti, utilizzare limpostazione Ruota AccuDraw ai segmenti, che ha effetto solo sullo strumento Posiziona SmartLine.

322

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
ImEffetto postazione strumento

Avvio sempre in modalit linea

(in Impostazioni posizionamento SmartLine) Se questa opzione attivata, quando si seleziona lo strumento Posiziona SmartLine, il tipo di segmento viene in genere impostato automaticamente a Linee, indipendentemente dallultimo tipo di segmento utilizzato. Se questa opzione disattivata, AccuDraw utilizza lultimo tipo di segmento utilizzato.

Per posizionare una catena di segmenti di linea e di arco connessi


1. Selezionare lo strumento Posiziona SmartLine. 2. Dal menu di opzioni Tipo segmento, selezionare il tipo di segmento. 3. Se si tratta del primo segmento, inserire un punto dati per posizionare il primo vertice. 4. Inserire altri punti dati per definire il segmento (seguendo i comandi visualizzati nella barra di stato), posizionandosi eventualmente sui segmenti gi definiti in modalit di cattura (per ulteriori informazioni sulla cattura, vedere Tentative snap points a pagina 4-4.)
Tipo segmento Linee Archi Inserire punti dati per Definire le estremit dei segmenti. Definire il centro. Definire langolo di apertura.2 Simile a Nessuno Posiziona arco (vedere pagina 3-73)

Per modificare la direzione di un arco, ad esempio da senso antiorario a orario, spostare il puntatore nella direzione desiderata.

5. . Se si cattura il primo segmento ma non si desidera completare una figura semplice o complessa, disattivare lopzione Elemento

Manuale dellutente di MicroStation

323

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
chiuso prima di accettare il punto tentativo. o Per scegliere un tipo di segmento diverso, tornare al passo 2. o Per completare una linea, una spezzata, un arco o una catena complessa, resettare. o Per completare una figura, un cerchio o una figura complessa, posizionarsi sul primo vertice in modalit di cattura e accettare il punto tentativo.

La tabella riportata di seguito spiega le figure dello strumento Posiziona SmartLine iniziando in alto a sinistra e spostandosi in senso orario.
A Costruzione di una spezzata impostando Tipo segmento a Linee, Tipo vertice a Acuto e inserendo i punti dati 1 e 2.

324

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona SmartLine
B Impostando Tipo vertice a Raccordato e Raggio a 3.00, il vertice attivo (nella posizione del punto dati 2) viene raccordato con un arco. Se i punti dati inseriti non consentono un raccordo del raggio specificato, viene creato un vertice acuto. Le impostazioni del vertice hanno effetto solo su un vertice alla volta. Impostazione di Tipo vertice a Smussato e di Valore smusso a 3.00. Dopo aver reimpostato Tipo vertice a Raccordato e aver inserito il punto dati 3, lopzione Tipo segmento viene impostata ad Archi e viene inserito il punto dati 4 per definire il centro dellarco. La direzione dellarco (senso orario o antiorario) viene determinata spostando il puntatore oltre il punto dinizio. Limpostazione di Tipo vertice viene ignorata. Dopo aver inserito il punto dati 5 per completare il segmento di arco, reimpostando Tipo segmento a Linee e posizionandosi su alcuni punti tentativo in modalit di cattura fino a individuare il punto di inizio, lelemento viene chiuso. Per continuare senza chiudere lelemento, disattivare lopzione Chiudi elemento prima di accettare il punto tentativo. Mentre il punto tentativo attivo, possibile modificare le impostazioni del vertice finale senza modificare gli altri vertici: in questo caso il vertice finale impostato a Raccordato e gli altri vertici a 1,50. inoltre possibile attivare lopzione Riempimenti e modificare altre impostazioni relative agli elementi chiusi mentre il punto tentativo attivo.

C D

Digitazione:

PLACE SMARTLINE

Per selezionare Impostazioni posizionamento SmartLine, fare clic sulla freccia nellangolo in basso a destra della finestra di impostazione dello strumento.

Manuale dellutente di MicroStation

325

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona linea

Lo strumento Posiziona SmartLine deve essere utilizzato con lo strumento di disegno AccuDraw. Per ulteriori informazioni, vedere AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine a pagina 4-77.

Per annullare lultimo punto dati, prima di resettare o completare la procedura di posizionamento, senza modificare i segmenti gi definiti, dal menu Annulla selezionare Modifica. Se si seleziona Annulla dopo aver completato la procedura, viene annullata lintera catena. Per combinare elementi contigui aperti di qualsiasi tipo in una catena complessa (aperta) o in una figura complessa (chiusa), utilizzare lo strumento Crea catena complessa (vedere pagina 8-14) o Crea figura complessa (vedere pagina 8-17) del menu degli strumenti Gruppi. Se lopzione Unisci elementi attivata, Posiziona SmartLine posiziona automaticamente pi segmenti definiti come un singolo elemento.

Posiziona linea

Questo strumento consente di posizionare o creare una linea.

326

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona linea
ImEffetto postazione strumento

Lunghezza Angolo (attivo)

Se questa opzione attivata, imposta la lunghezza in unit di lavoro. Se questa opzione attivata, vincola la linea in base allimpostazione dellangolo attivo, che pu essere digitato in questo campo.

Per posizionare una linea


1. Selezionare lo strumento Posiziona linea. 2. Inserire un punto dati per definire un punto finale. 3. Se necessario, inserire un altro punto dati per definire laltro estremo.

Posiziona linea. In senso orario da sinistra in alto: Non vincolato, con lunghezza L vincolata, con angolo AA vincolato, con lunghezza e angolo vincolati.

Manuale dellutente di MicroStation

327

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona linea multipla

Digitazione:

PLACE LINE [CONSTRAINED | ANGLE]

Posiziona linea multipla

Questo strumento consente di posizionare una linea multipla planare. La definizione di linea multipla attiva viene impostata nella finestra di impostazione Linee multiple, che viene visualizzata scegliendo Linee multiple dal menu Elemento.

328

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona linea multipla
Posiziona per Linea di lavoro La linea di lavoro : Nella posizione di offset 0,0 impostata nella definizione di linea multipla attiva (nelle figure, la posizione della linea tratteggiata). Regolata in modo che si trovi a met fra le linee componenti pi esterne. Se in questa posizione gi presente una linea componente, la linea di lavoro viene sovrapposta a tale linea. Regolata in modo che sia sovrapposta alla linea componente con il valore massimo di offset.1 Regolata in modo che sia sovrapposta alla linea componente con il valore minimo di offset.a Figura

Centro

Massimo

Minimo

Nelle figure il puntatore viene spostato da sinistra a destra. Quindi, la linea componente superiore ha un offset positivo e le due linee componenti inferiori hanno offset negativi.

Manuale dellutente di MicroStation

329

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona linea multipla
ImEffetto postazione strumento

Lunghezza Angolo (attivo) Posiziona per

Se questa opzione attivata, imposta la lunghezza del segmento, in unit di lavoro. Se questa opzione attivata, vincola la linea multipla in base allimpostazione dellangolo attivo, che pu essere digitato in questo campo. Imposta la posizione della linea di lavoro nella linea multipla e il modo in cui viene eseguito loffset delle linee componenti (vedere la tabella precedente). La linea di lavoro pu essere modificata nellintervallo tra i posizionamenti successivi dei singoli segmenti. Tuttavia, posizionando una linea multipla in questo modo, possibile non utilizzare lopzione Bloccaggio associazione per associare i vertici agli altri elementi.1 Se questa opzione attivata insieme a Bloccaggio cattura (vedere pagina 4-5) , qualsiasi vertice nella linea multipla pu essere associato a un altro elemento posizionandosi su tale elemento in modalit di cattura. (per ulteriori informazioni sulla cattura, vedere Tentative snap points a pagina 4-4.)

Bloccaggio associazione

Quando nel disegno viene selezionata una linea multipla, gli handle vengono posizionati sulla linea di lavoro. Se viene utilizzato lo strumento Abbina impostazioni di tutti gli elementi del menu degli strumenti Cambia attributi per far corrispondere la definizione di linea multipla attiva con quella della linea multipla del disegno, alla linea di lavoro viene assegnato il valore di offset 0,0.

Per posizionare una linea multipla


1. Selezionare lo strumento Posiziona linea multipla. 2. Inserire un punto dati per definire linizio della linea multipla. 3. Inserire altri punti dati per definire gli altri vertici. 4. Per completare una linea multipla aperta, resettare. o Per completare una linea multipla chiusa, fare clic sul pulsante Chiudi elemento o digitare CLOSE ELEMENT. Nel secondo caso, la linea multipla viene chiusa nella posizione del

330

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona spezzata a mano libera
primo vertice e tale vertice ha un giunto ad angolo.

Posiziona linea multipla.

A sinistra: reimpostazione dopo aver inserito il punto dati 4 per completare una linea multipla aperta. A destra: viene fatto clic sul pulsante Chiudi elemento dopo aver inserito il punto dati 4 per completare una linea multipla chiusa.

Digitazione:

PLACE MLINE CONSTRAINED

Per modificare gli attributi di una linea multipla in base alla definizione della linea multipla attiva, utilizzare lo strumento Cambia definizione linea multipla (vedere pagina 5-75) del menu degli strumenti Cambia attributi. Il menu degli strumenti Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) contiene strumenti specifici per la gestione delle linee multiple.

Posiziona spezzata a mano libera

Manuale dellutente di MicroStation

331

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona spezzata a mano libera

Questo strumento consente di posizionare una spezzata a mano libera, principalmente per tracciare immagini durante la digitalizzazione (vedere pagina 8-159) . possibile definire molti vertici senza dover inserire un numero elevato di singoli punti dati. Il movimento del puntatore viene campionato e i punti dati vengono registrati in base alle impostazioni dello strumento:
ImEffetto postazione strumento

Delta Tolleranza Angolo

Imposta la distanza minima, in unit di lavoro, tra i punti campionati. Imposta la distanza massima, in unit di lavoro, tra i punti dati registrati. Definisce langolo (in gradi) che, se superato, fa s che lultimo punto campionato venga registrato come punto dati. Definisce larea che, se superata, fa s che un punto campionato venga registrato come punto dati.

Area

Per posizionare una curva a mano libera


1. Selezionare lo strumento Posiziona spezzata a mano libera. 2. Inserire un punto dati per definire lorigine. 3. Spostare il puntatore. Viene inserito un flusso di punti dati senza premere il pulsante Dati. 4. Resettare per completare la spezzata.

Digitazione:

PLACE LSTRING STREAM

Un elemento di spezzata pu avere fino a 5000 vertici. Se vengono definiti pi di 5000 vertici, viene creata una catena complessa

332

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona curva per punti o curva a mano libera
composta da uno o pi elementi di spezzata. Questo strumento pu essere impostato anche mediante la finestra Impostazioni file DGN (menu Impostazioni > Disegno), nella categoria A mano libera. Per posizionare una curva a mano libera, utilizzare lo strumento Posiziona curva per punti o curva a mano libera (vedere pagina 3-33) .

Posiziona curva per punti o curva a mano libera

Questo strumento consente di posizionare una curva per punti o a mano libera.

Manuale dellutente di MicroStation

333

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona curva per punti o curva a mano libera
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta il modo in cui viene definita la curva. PuntoDefinisce la curva tradizionale di MicroStation, ovvero una curva: "piatta" tra il primo e il secondo e tra lultimo e il penultimo punto dati che sono stati inseriti. In molti casi, le curve B-spline sono pi accurate e pi facili da manipolare. A mano liberaQuesta opzione viene utilizzata principalmente per tracciare immagini durante la digitalizzazione. possibile definire molti vertici senza dover inserire un numero elevato di singoli punti dati. Il movimento del cursore della tavoletta viene campionato e i punti dati vengono registrati in base alle opzioni Delta, Tolleranza, Angolo e Area.

Non planare Delta

Se questa opzione attivata e Metodo impostata a Punti, possibile posizionare una curva 3D (il disegno attivo deve essere 3D). Se Metodo impostato ad A mano libera, imposta la distanza minima, in unit di lavoro, tra i punti campionati. Se Metodo impostato ad A mano libera, imposta la distanza massima, in unit di lavoro, tra i punti campionati. Se Metodo impostato ad A mano libera, imposta langolo (in gradi) che, se superato, fa s che lultimo punto campionato venga registrato come punto dati. Se Metodo impostato ad A mano libera, imposta larea che, se superata, fa s che un punto venga registrato come punto dati.

Tolleranza Angolo

Area

Per posizionare una curva per punti


1. Selezionare lo strumento Posiziona curva per punti o curva a mano libera. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento,

334

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona curva per punti o curva a mano libera
impostare Metodo a Punto. 3. Inserire un punto dati per definire linizio della curva. 4. Inserire un secondo punto dati per il primo segmento della curva. 5. Inserire un punto dati per completare il primo segmento della curva. 6. Inserire altri punti dati per aggiungere segmenti alla curva. 7. Resettare per terminare la curva.

Posizionamento di una curva per punti

Per posizionare una curva per punti


1. Selezionare lo strumento Posiziona curva per punti o curva a mano libera. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo su A mano libera. 3. Inserire un punto dati per definire lorigine. 4. Spostare il puntatore. Viene inserito un flusso di punti dati senza premere il pulsante Dati. 5. Resettare per terminare la curva.

Digitazione:

PLACE CURVE [ICON | POINT | STREAM]

Un elemento curva pu avere da 3 a 97 vertici. Se vengono definiti pi di 97 vertici, viene creata una catena complessa composta da uno o pi elementi curva. Le impostazioni dello strumento Delta, Tolleranza, Angolo e Area possono essere impostate anche dalla finestra di dialogo

Manuale dellutente di MicroStation

335

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci bisettrice angolo
Impostazioni file DGN (menu Impostazioni > Disegno), nella categoria A mano libera. Per posizionare una spezzata a mano libera, utilizzare lo strumento Posiziona spezzata a mano libera (vedere pagina 3-31) .

Costruisci bisettrice angolo

Questo strumento consente di creare una linea bisettrice che divide un angolo definito da tre punti dati.

Per creare una bisettrice dellangolo


1. Selezionare lo strumento Costruisci bisettrice angolo. 2. Inserire un punto dati per definire un punto finale dellangolo che si desidera dividere con una bisettrice. 3. Inserire un secondo punto dati per definire il vertice dellangolo. 4. Inserire un terzo punto dati per definire il secondo punto finale dellangolo.

Costruisci bisettrice angolo

336

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci linea di distanza minima

Digitazione:

CONSTRUCT BISECTOR ANGLE

Costruisci linea di distanza minima

Questo strumento consente di creare una linea tra due elementi in corrispondenza dei punti pi vicini.

Per creare una linea di distanza minima


1. Selezionare lo strumento Costruisci linea di distanza minima. 2. Inserire un punto dati per identificare il primo elemento. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione degli elementi. 3. Inserire un punto dati per identificare il secondo elemento. 4. Accettare la linea.

Costruisci linea di distanza minima

Manuale dellutente di MicroStation

337

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci linea in base allangolo attivo

Digitazione:

CONSTRUCT LINE MINIMUM

Costruisci linea in base allangolo attivo

Questo strumento consente di creare una linea che interseca un segmento di linea (linea o segmento di una spezzata o di una figura) in corrispondenza dellangolo attivo.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta quando viene definita lintersezione. Punto provenienzaLintersezione viene definita quando si identifica lelemento da intersecare (passo 2 (vedere pagina 3-39) ). Punto destinazioneLintersezione viene definita dal secondo punto dati (passo 3 (vedere ) ).

Angolo attivo

Imposta langolo, misurato in senso antiorario partendo dal segmento di linea intersecato, in corrispondenza del quale viene creata la linea.

338

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci linea in base allangolo attivo
ImEffetto postazione strumento

Lunghezza

Se questa opzione attivata, la lunghezza viene vincolata al valore digitato nel campo.

Per creare una linea che interseca un segmento di linea in corrispondenza dellangolo attivo
1. Selezionare lo strumento Costruisci linea in base allangolo attivo. 2. Identificare lelemento da intersecare. Se lopzione Metodo impostata a Punto provenienza, questo punto dati definisce lintersezione. 3. Inserire un punto dati. Se lopzione Lunghezza non attivata, questo punto dati definisce la lunghezza. Se lopzione Metodo impostata a Punto destinazione, questo punto dati definisce lintersezione.

Costruisci linea in base allangolo attivo (AA indica langolo attivo). In alto a sinistra: Metodo Punto provenienza, Lunghezza non vincolata. A destra in alto: Metodo Punto destinazione, Lunghezza non vincolata. In basso a sinistra: Metodo Punto provenienza, Lunghezza non vincolata. In basso a destra:

Manuale dellutente di MicroStation

339

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Menu degli strumenti Ellissi
Metodo Punto destinazione, Lunghezza vincolata.

Digitazione:

CONSTRUCT LINE AA [1 | 2 | 3 | 4]

Menu degli strumenti Ellissi


Gli strumenti del menu degli strumenti Ellissi consentono di posizionare ellissi e cerchi.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Ellissi

Posizionare un cerchio.

Posiziona cerchio (vedere pagina 3-40)


Posizionare unellisse definendo con precisione il centro e unestremit dellasse principale.

Posiziona ellisse (vedere pagina 3-43)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX ELLIPSES [OFF | ON | TOGGLE]

Posiziona cerchio

340

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona cerchio

Questo strumento consente di posizionare un cerchio.


ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di posizionamento del cerchio. CentroDefinisce la posizione in base al centro. 3 puntiDefinisce la posizione in base a tre punti dati sulla circonferenza. DiametroDefinisce la posizione in base agli estremi del diametro.

Area Tipo di riempim Colore riempim.

Area attiva: Solido o Vuoto. Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore), o Delineato (riempito con il colore di riempimento). Imposta il colore di riempimento del cerchio. Se Tipo di riempim Opaco, il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Diametro

Se questa opzione attivata, imposta il diametro in unit di lavoro (se lopzione Metodo impostata a Centro o a 3 punti). Per impostare il raggio anzich il diametro, scegliere Raggio dal menu di opzioni adiacente.

Manuale dellutente di MicroStation

341

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona cerchio

Per posizionare il cerchio a partire dal centro


1. Selezionare lo strumento Posiziona cerchio. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Centro. 3. Inserire un punto dati per definire il centro. 4. Se lopzione Diametro (o Raggio) non attivata, inserire un punto dati per definire il raggio.

Posiziona cerchio con lopzione Metodo impostata a Centro. A sinistra: opzione Diametro attivata; A destra: opzione Diametro non attivata.

Per posizionare un cerchio definendo tre punti sulla circonferenza


1. Selezionare lo strumento Posiziona cerchio. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a 3 punti. 3. Inserire un punto dati sulla circonferenza. 4. Inserire un secondo punto dati sulla circonferenza.3 5. Se Diametro (o Raggio) non attivata, inserire un terzo punto dati sulla circonferenza.

3 Se lopzione Diametro attivata e il puntatore viene spostato in un punto esterno al cerchio, la visualizzazione dinamica del cerchio scompare.

342

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona ellisse

Posiziona cerchio con lopzione Metodo impostata a 3 punti. A sinistra: opzione Diametro attivata; A destra: opzione Diametro non attivata.

Per posizionare un cerchio a partire dal diametro


1. Selezionare lo strumento Posiziona cerchio. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Diametro. 3. Inserire un punto dati per definire uno degli estremi del diametro. 4. Inserire un secondo punto dati per definire laltro estremo del diametro.

Posiziona cerchio con lopzione Metodo impostata a Diametro.

PLACE CIRCLE CENTER | EDGE | DIAMETER CONSTRAINED

Digitazione: Digitazione:

PLACE CIRCLE ICON

Posiziona ellisse

Manuale dellutente di MicroStation

343

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona ellisse

Questo strumento consente di posizionare unellisse.


ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di posizionamento dellellisse. CentroDefinisce la posizione in base al centro e a unestremit dellasse principale. 3 puntiDefinisce la posizione in base a entrambe le estremit dellasse principale.

Principale Secondario Rotazione Area

Se questa opzione attivata, imposta il raggio dellasse principale.1 Se questa opzione attivata, imposta il raggio dellasse secondario. Se questa opzione attivata, imposta la rotazione dellasse principale rispetto allasse X della vista. Imposta larea attiva: Solido o Vuoto.

344

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona ellisse
ImEffetto postazione strumento

Tipo di riempim Colore riempim.

Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore), o Delineato (riempito con il colore di riempimento). Imposta il colore di riempimento dellellisse. Se Tipo di riempim Opaco, il colore colore di riempimento il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Se entrambe le opzioni Principale e Secondario sono attivate, lasse principale e quello secondario sono paralleli rispettivamente agli assi X e Y della vista.

Per posizionare unellisse a partire dal centro e dal margine


1. Selezionare lo strumento Posiziona ellisse. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Centro. 3. Inserire un punto dati per definire il centro. Se le opzioni Primario, Secondario e Rotazione sono attivate, lellisse viene posizionata. 4. Se necessario, inserire un punto dati.
Vincoli attivi Nessuno Rotazione Principale Il punto dati definisce Rotazione dellellisse e raggio dellasse principale. Raggio dellasse principale. Raggio dellasse secondario.

Manuale dellutente di MicroStation

345

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona ellisse

5. Se necessario, inserire un terzo punto dati. Se lopzione Secondario non attivata, viene definito il raggio dellasse secondario.

Posiziona ellisse con lopzione Metodo impostata a Centro. A sinistra: tutti i vincoli sono disattivati. A destra: tutti i vincoli sono attivati. Asse principale indicato da P. Asse secondario indicato da S. Angolo di rotazione indicato da A.

Per posizionare unellisse definendo punti sul margine


1. Selezionare lo strumento Posiziona ellisse. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a 3 punti. 3. Inserire un punto dati per definire unestremit dellasse principale. Se le opzioni Primario, Secondario e Rotazione sono attivate, lellisse viene posizionata. 4. Se necessario, inserire un secondo punto dati per definire un altro punto sullellisse. Se entrambe le combinazioni di vincoli sono attive, lellisse viene posizionata: Principale o Secondario e Rotazione Principale e secondario Se il puntatore viene spostato su un punto che non pu appartenere a unellisse contenente i punti definiti al passo 3 o 4, le dinamiche non sono visibili. 5. Se necessario, inserire un terzo punto dati per definire laltra estremit dellasse principale.

346

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Menu degli strumenti Poligoni

Posiziona ellisse con lopzione Metodo impostata a 3 punti. A sinistra: tutti i vincoli disattivati; i punti dati 1, 2 e 3 devono essere inseriti in senso orario. A destra: tutti i vincoli sono attivati. Asse principale indicato da P. Asse secondario indicato da S. Angolo di rotazione indicato da A.

Digitazione: Digitazione:

PLACE ELLIPSE ICON PLACE ELLIPSE CENTER | EDGE CONSTRAINED

Menu degli strumenti Poligoni


Gli strumenti del menu degli strumenti Poligoni consentono di posizionare figure poligonali piane.
Per Selezionare dal menu degli strumenti Poligoni

Posizionare un figura rettangolare.

Posiziona rettangolo (vedere pagina 3-48)


Posizionare una figura poligonale.

Posiziona figura (vedere pagina 3-50)

Manuale dellutente di MicroStation

347

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona rettangolo
Per Selezionare dal menu degli strumenti Poligoni

Posizionare una figura che abbia tutti i segmenti perpendicolari o paralleli a tutti gli altri segmenti della figura.

Posiziona figura ortogonale (vedere pagina 3-53)

Posizionare un poligono regolare (con tutti i lati e gli angoli uguali).

Posiziona poligono regolare (vedere pagina 3-55)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX POLYGONS [OFF | ON | TOGGLE]

I solidi rettangolari possono essere disegnati in 3D con lo strumento Posiziona parallelepipedo (vedere pagina 9-92) o possono essere generati da un elemento piano chiuso con lo strumento Estrudi

Posiziona rettangolo

Questo strumento consente di posizionare una figura rettangolare.

348

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona rettangolo
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta il modo in cui viene orientato il rettangolo. OrtogonaleIl rettangolo ortogonale alla vista in cui viene inserito il primo punto dati. RuotatoLorientamento viene definito con un punto dati (passo 3).

Area Tipo di riempim Colore riempim.

Area attiva: Solido o Vuoto. Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore), o Delineato (riempito con il colore di riempimento). Imposta il colore di riempimento del rettangolo. Se Tipo di riempim Opaco, il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Per posizionare un figura rettangolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona rettangolo. 2. Inserire un punto dati per definire un angolo. 3. Se lopzione Metodo impostata a Ruotato, inserire un punto dati per definire lorientamento. 4. Inserire un punto dati per definire langolo diagonalmente opposto al primo.

Manuale dellutente di MicroStation

349

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona figura

Posiziona rettangolo. A sinistra: lopzione Metodo impostata a Ortogonale; A destra: lopzione Metodo impostata a Ruotato.

Digitazione: Digitazione:

PLACE BLOCK ICON PLACE BLOCK [ORTHOGONAL | ROTATED]

In 3D, se il secondo punto dati viene posizionato a una profondit diversa rispetto al primo, il rettangolo viene ruotato intorno allasse X della vista, in modo che il vertice opposto sia posizionato in corrispondenza del secondo punto dati. In altre parole, il primo punto dati definisce la profondit di un segmento orizzontale del blocco e il secondo punto dati definisce la profondit dal segmento opposto. In MicroStation non disponibile uno strumento per il posizionamento di quadrati. Tuttavia, per posizionare un quadrato pu essere utilizzato uno dei seguenti metodi: Utilizzare gli strumenti Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) e AccuDraw. Per ulteriori informazioni, vedere AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine a pagina 4-77. Utilizzare gli strumenti Posiziona rettangolo (vedere pagina 3-48) e AccuDraw. Utilizzare lo strumento Posiziona poligono regolare (vedere pagina 3-55) con il numero di spigoli impostato a 4.

Posiziona figura

350

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona figura

Questo strumento consente di posizionare una figura poligonale inserendo una serie di punti dati per definire i vertici.
ImEffetto postazione strumento

Lunghezza Angolo (attivo) Area Tipo di riempim Colore riempim.

Se questa opzione attivata, imposta la lunghezza del segmento, in unit di lavoro. Se questa opzione attivata, vincola i lati allinclinazione specificata dallangolo attivo, il quale pu essere digitato. Area attiva: Solido o Vuoto. Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore), o Delineato (riempito con il colore di riempimento). Imposta il colore di riempimento della figura. Se Tipo di riempim Opaco, il colore attivo. Se lopzione Tipo riempim impostata a Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Chiudi elemento

Consente di chiudere una figura collegando il primo punto allultimo.

Manuale dellutente di MicroStation

351

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona figura

Per posizionare una figura poligonale


1. Selezionare lo strumento Posiziona figura. 2. Inserire un punto dati per definire il primo vertice. 3. Inserire altri punti dati per definire gli altri vertici. 4. Per chiudere la figura, inserire un punto dati in corrispondenza del primo vertice. o Fare clic sul pulsante Chiudi elemento. o Digitare CLOSE ELEMENT.

Posiziona figura

Digitazione:

PLACE SHAPE CONSTRAINED

Lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) del menu degli strumenti Elementi lineari, soprattutto quando viene utilizzato insieme allo strumento AccuDraw, offre maggiore flessibilit durante il posizionamento delle figure poligonali rispetto allo strumento Posiziona figura. Per ulteriori informazioni, vedere AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine a pagina 4-77. Una figura pu avere da 3 a 100 vertici. Per posizionare una figura complessa con pi di 100 vertici, utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) del menu

352

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona figura ortogonale
degli strumenti Elementi lineari. In 3D, lo strumento Posiziona figura imposta i vertici delle figure in modo che siano complanari. Se vengono inseriti dei punti dati non complanari, i vertici della figura vengono posizionati su un piano definito dai primi tre vertici non collineari.

Posiziona figura ortogonale

Questo strumento consente di posizionare una figura non rettangolare in cui ogni segmento perpendicolare o parallelo a tutti gli altri segmenti.
ImEffetto postazione strumento

Area Tipo di riempim

Area attiva: Solido o Vuoto. Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore (vedere pagina 3-2) ), o Delineato (riempito con il colore di riempimento).

Manuale dellutente di MicroStation

353

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona figura ortogonale
ImEffetto postazione strumento

Colore riempim.

Imposta il colore di riempimento della figura. Se Tipo di riempim Opaco, il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Per posizionare una figura ortogonale


1. Selezionare lo strumento Posiziona figura ortogonale. 2. Inserire un punto dati per definire il primo vertice. 3. Inserire un punto dati per definire lorientamento e il secondo vertice. 4. Inserire altri punti dati per definire gli altri vertici. 5. Chiudere la figura inserendo lultimo punto dati in corrispondenza del primo vertice.

Posiziona figura ortogonale

Digitazione:

PLACE SHAPE ORTHOGONAL

Un elemento figura pu avere da 3 a 100 vertici. Per posizionare una figura con pi di 100 vertici, utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 8-96) del menu degli strumenti Elementi lineari. In 3D, lo strumento Posiziona figura ortogonale forza i vertici della figura ad essere complanari. Se vengono inseriti dei punti dati

354

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona poligono regolare
non complanari, i vertici della figura vengono posizionati su un piano definito dai primi tre vertici non collineari.

Posiziona poligono regolare

Questo strumento consente di posizionare un poligono regolare, ovvero una figura con un numero di lati di uguale lunghezza compresi tra 3 e 100 lati e con gli angoli uguali in ogni vertice. Ad esempio, un quadrato un poligono regolare con quattro lati.

Manuale dellutente di MicroStation

355

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona poligono regolare
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di posizionamento del poligono nel disegno. InscrittoIl poligono viene inscritto in un cerchio immaginario. Se viene digitato il Raggio, uno dei vertici viene posizionato alla destra del centro. CircoscrittoIl poligono viene circoscritto in un cerchio immaginario. Se viene digitato il Raggio, il punto medio di uno dei lati viene posizionato alla destra del centro. Per latoUno spigolo viene definito graficamente.

Margini Raggio

Imposta il numero di spigoli (da 3 a 100). Se viene digitato un valore diverso da zero, determina il raggio del cerchio inscritto o circoscritto. Se uguale a zero, il raggio viene definito mediante un punto dati.

Area Tipo di riempim Colore riempim.

Area attiva: Solido o Vuoto. Tipo di riempimento attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore), o Delineato (riempito con il colore di riempimento). Imposta il colore di riempimento del poligono. Se Tipo di riempim Opaco, il colore attivo. Se Tipo di riempim Delineato, il colore di riempimento pu essere diverso dal colore attivo.

Per posizionare un poligono regolare digitando il valore del raggio


1. Selezionare lo strumento Posiziona poligono regolare. 2. Nel campo Raggio della finestra di impostazione dello strumento,

356

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona poligono regolare
digitare un valore diverso da zero. 3. Impostare Metodo a Inscritto o Circoscritto. 4. Inserire un punto dati per definire il centro. 5. Inserire un punto dati per definire lorientamento. 6. (Facoltativo) Ripetere i passi 4 e 5 per posizionare un ulteriore poligono.

Posizionare un poligono regolare digitando il valore del raggio. Lopzione Metodo impostata a Inscritto (a sinistra) e a Circoscritto (a destra).

Per posizionare un poligono definendo il raggio graficamente


1. Selezionare lo strumento Posiziona poligono regolare. 2. Nel campo Raggio della finestra di impostazione dello strumento, digitare 0. 3. Impostare Metodo a Inscritto o Circoscritto. 4. Inserire un punto dati per definire il centro. 5. Inserire un punto dati per definire il raggio del cerchio immaginario, la rotazione del poligono e un vertice (inscritto) o il centro di un lato (circoscritto). 6. Tornare al passo 4 per posizionare poligoni aggiuntivi o resettare.

Manuale dellutente di MicroStation

357

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona poligono regolare

Posiziona poligono regolare con il raggio definito da un punto dati. Lopzione Metodo impostata a Inscritto (a sinistra) e a Circoscritto (a destra).

Per posizionare un poligono definendone uno spigolo


1. Selezionare lo strumento Posiziona poligono regolare. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Per lato. 3. Inserire un punto dati per definire un vertice. 4. Inserire un punto dati per definire laltro vertice dello spigolo.

Posiziona poligono regolare, con lopzione Metodo impostata a Per lato.

Digitazione: Digitazione:

PLACE POLYGON ICON PLACE POLYGON [INSCRIBED |

358

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Impostazione del punto attivo
CIRCUMSCRIBED | EDGE]

Impostazione del punto attivo


Nella finestra di impostazione dello strumento del menu Punti, il tipo di punto pu essere impostato nel modo indicato di seguito.
Tipo di punto Elemento Carattere Punto attivo visualizzato. Una linea di lunghezza zero (elemento punto). Il carattere (o simbolo, se il font attivo un simbolo) specificato nel campo Carattere visualizzato in base alle impostazioni dei seguenti parametri:

Font, Altezza e Larghezza (definiti nella scheda Generale della finestra di dialogo Stile editor di testo a cui si accede scegliendo Stili di testo dal menu Elemento). Angolo attivo.

Cella

La cella del punto attivo in base allangolo e alla scala attivi.

Per definire una linea di lunghezza zero come punto attivo


1. Dal menu di opzioni Tipo di punto, selezionare Elemento.

Per definire un carattere come punto attivo


1. Nel campo Carattere, digitare il carattere.

Per definire una cella come punto attivo


1. Digitare il nome della cella nel campo Cella oppure utilizzare

Manuale dellutente di MicroStation

359

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Menu degli strumenti Punti
la finestra di dialogo Libreria di celle che viene visualizzata mediante il pulsante Sfoglia Cella(e).

Menu degli strumenti Punti


Gli strumenti del menu degli strumenti Punti consentono di posizionare il punto attivo (per ulteriori informazioni, vedere Impostazione del punto attivo (vedere pagina 3-59) ). Un punto attivo viene utilizzato come punto di riferimento nel piano di disegno e pu essere costituito da una cella di una libreria di celle collegata, un carattere di testo, un simbolo o una linea di lunghezza zero (un elemento punto). Langolo attivo per il posizionamento viene impostato nella finestra di dialogo Impostazioni file DGN (menu Impostazioni > Disegno). Anche la scala attiva per il posizionamento delle celle viene impostata nella finestra di dialogo Impostazioni file DGN. Le opzioni relative al font attivo, alla larghezza e allaltezza del testo per il posizionamento dei caratteri vengono impostate nella finestra di dialogo Testo (menu Elemento > Stili di testo).
Per Posizionare il punto attivo. Selezionare nel menu degli strumenti Punti

Posiziona punto attivo (vedere pagina 3-61)


Creare punti attivi equidistanti tra due punti dati.

Costruisci punti tra punti dati (vedere pagina 3-63)


Posizionare il punto attivo su un elemento in corrispondenza del punto pi vicino al punto dati.

Proietta punto attivo sullelemento (vedere pagina 3-65)

360

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona punto attivo
Per Creare un punto in corrispondenza di unintersezione. Selezionare nel menu degli strumenti Punti

Costruisci punto allintersezione (vedere pagina 3-66)

Creare un numero specifico di punti attivi lungo un elemento tra due punti dati.

Costruisci punti lungo elemento

Creare il punto attivo su un elemento a una specifica distanza.

Costruisci punto a distanza specifica su elemento (vedere pagina 3-70)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX POINTS [OFF | ON | TOGGLE]

Posiziona punto attivo

Questo strumento consente di posizionare il punto attivo.

Manuale dellutente di MicroStation

361

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona punto attivo
ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo. ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaImposta una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e)

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere o il simbolo. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva.

Per posizionare il punto attivo


1. Selezionare lo strumento Posiziona punto attivo. 2. Inserire un punto dati per posizionare il punto attivo. 3. Continuare a inserire punti dati per posizionare lo stesso tipo di punto attivo.

Posiziona punto attivo AA indica langolo attivo.

Digitazione:

PLACE POINT

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere

362

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punti tra punti dati
Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Costruisci punti tra punti dati

Questo strumento consente di creare una serie di punti attivi equidistanti tra due punti dati.

ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaIl punto attivo una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e)

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva.

Manuale dellutente di MicroStation

363

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punti tra punti dati
ImEffetto postazione strumento

Punti

Imposta il numero di punti attivi che devono essere creati.

Per creare punti attivi tra punti dati


1. Selezionare lo strumento Costruisci punti tra punti dati. 2. Inserire un punto dati per definire la posizione del primo punto attivo. 3. Inserire un secondo punto dati per definire la posizione dellultimo punto attivo. Gli altri punti attivi vengono posizionati in maniera equidistante tra i due punti dati. 4. Continuare dal passo 3 per inserire altri punti attivi a partire dallultimo punto dati inserito oppure resettare per tornare al passo 2.

Costruisci punti tra punti dati.

Digitazione:

CONSTRUCT POINT BETWEEN

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere

364

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Proietta punto attivo sullelemento
Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Proietta punto attivo sullelemento

Questo strumento consente di creare il punto attivo su un elemento in corrispondenza del punto pi vicino al punto dati.
ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaIl punto attivo una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e)

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva.

Manuale dellutente di MicroStation

365

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punto allintersezione

Per proiettare il punto attivo su un elemento


1. Selezionare lo strumento Proietta punto attivo sullelemento. 2. Identificare lelemento. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione degli elementi (vedere pagina 4-2) . 3. Inserire un punto dati per proiettare il punto attivo, ovvero posizionarlo sullelemento in corrispondenza del punto pi vicino al punto dati.

Proietta punto attivo sullelemento.

Digitazione:

CONSTRUCT POINT PROJECT

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Costruisci punto allintersezione

Questo strumento consente di creare il punto attivo in corrispondenza dellintersezione di due elementi.

366

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punto allintersezione

ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaIl punto attivo una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e)

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva.

Per creare un punto attivo in corrispondenza di unintersezione


1. Selezionare lo strumento Costruisci punto allintersezione. 2. Identificare il primo elemento vicino al punto di intersezione desiderato. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione degli elementi (vedere pagina 4-2) . 3. Identificare il secondo elemento. 4. Accettare la creazione.

Manuale dellutente di MicroStation

367

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punti lungo elemento

Costruisci punto allintersezione.

Digitazione:

CONSTRUCT POINT INTERSECTION

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Costruisci punti lungo elemento

Questo strumento consente di creare il punto attivo un numero specificato di volte lungo un elemento tra due punti dati. La distanza lungo lelemento tra ogni occorrenza del punto attivo la stessa.

368

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punti lungo elemento
ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaIl punto attivo una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e) Punti

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva. Imposta il numero di punti attivi che devono essere creati.

Per creare punti attivi lungo un elemento


1. Selezionare lo strumento Costruisci punti lungo elemento. 2. Identificare lelemento per definire unestremit del segmento sul quale creare i punti attivi. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione degli elementi (vedere pagina 4-2) . 3. Inserire un punto dati per definire laltra estremit del segmento.

Costruisce punti lungo elemento.

Manuale dellutente di MicroStation

369

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punto a distanza specifica su elemento

Digitazione:

CONSTRUCT POINT ALONG

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Costruisci punto a distanza specifica su elemento

Questo strumento consente di creare il punto attivo su un elemento a una distanza specificata dal punto in cui lelemento viene identificato.

ImEffetto postazione strumento

Tipo di punto

Imposta il tipo di punto attivo ElementoImposta una linea di lunghezza zero. CarattereImposta un carattere. CellaIl punto attivo una cella.

Carattere Cella Sfoglia Cella(e)

Se lopzione Tipo di punto impostata a Carattere, definisce il carattere. Se lopzione Tipo di punto attivo impostata a Cella, specifica la cella del punto attivo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per limpostazione di una cella punto attiva.

370

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Costruisci punto a distanza specifica su elemento
ImEffetto postazione strumento

Distanza

Imposta la distanza lungo lelemento dal punto identificato nel passo 2 (vedere pagina 3-71) in cui viene creato il punto attivo.

Per creare il punto attivo a una distanza specifica lungo un elemento


1. Selezionare lo strumento Costruisci punto a distanza specifica su elemento. 2. Identificare lelemento in corrispondenza del punto dal quale misurare la distanza. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione degli elementi (vedere pagina 4-2) . 3. Inserire un punto dati per definire la direzione nella quale creare il punto attivo.

Costruisci punto a distanza specifica su elemento

Digitazione:

CONSTRUCT POINT DISTANCE

Per ulteriori informazioni sulimpostazione del punto attivo, vedere

Manuale dellutente di MicroStation

371

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Menu degli strumenti Archi
Impostazione del punto attivo a pagina 3-59.

Menu degli strumenti Archi


Gli strumenti del menu degli strumenti Archi consentono di posizionare e modificare gli archi.
Per Posizionare un arco circolare Selezionare nel menu degli strumenti Archi

Posiziona arco (vedere pagina 3-73)


Posizionare un arco ellittico con un angolo di apertura di 180

Posiziona semiellisse (vedere pagina 3-77)


Posizionare un arco ellittico con un angolo di apertura di 90

Posiziona quarto di ellisse (vedere pagina 3-78)


Modificare il raggio, langolo di apertura e il centro di un arco circolare

Modifica raggio arco (vedere pagina 3-79)


Estendere o accorciare la lunghezza di un arco (angolo di apertura)

Modifica angolo arco (vedere pagina 3-80)


Prolungare o accorciare un asse di un arco

Modifica asse arco (vedere pagina 3-81)

372

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona arco

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX ARC [OFF | ON | TOGGLE]

Per modificare il raggio di un arco circolare (o entrambi gli assi di un arco ellittico) senza cambiare il centro o langolo di apertura, utilizzare lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) .

Posiziona arco

Questo strumento consente di posizionare un arco circolare. possibile posizionare gli archi in senso orario o antiorario.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Di seguito sono riportate le opzioni disponibili per limpostazione del metodo CentroDefinisce la posizione in base a un estremo, al centro e a un punto che determina langolo di apertura. 3 puntiDefinisce la posizione in base a tre punti sullarco.

Manuale dellutente di MicroStation

373

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona arco
ImEffetto postazione strumento

Raggio Lunghezza Angolo dinizio Angolo dapert

Se questa casella di controllo attivata, imposta il raggio. Se questa opzione attivata, imposta la lunghezza dellarco. Se questa casella di controllo attivata, imposta langolo tra una linea immaginaria posta tra il centro e il punto dinizio dellarco e lasse X della vista. Se questa casella di controllo attivata, imposta il raggio di apertura.

Per posizionare un arco a partire dal centro


1. Selezionare lo strumento Posiziona arco. 2. Impostare Metodo a Centro. 3. Inserire un punto dati per definire linizio dellarco, ovvero il punto da cui larco si estende. o Se le opzioni Raggio, Angolo dinizio e Angolo dapert sono tutte attivate, inserire un punto dati per definire il centro e posizionare larco. 4. Se necessario, inserire un punto dati. Se le opzioni Raggio e Angolo dinizio sono attivate, questo punto dati definisce langolo di apertura e consente di posizionare larco. Se lopzione Angolo dapert attivata, questo punto dati definisce il centro e consente di posizionare larco, altrimenti questo punto dati definisce il centro dellarco. 5. Se necessario, inserire un punto dati per definire langolo di apertura e posizionare larco.

374

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona arco

Posiziona arco con lopzione Metodo impostata a Centro. A sinistra: tutti i vincoli sono disattivati. A destra: tutti i vincoli sono attivati. Raggio indicato da R. Angolo dinizio indicato da ST. Angolo di apertura indicato da SW.

Gli archi (con lopzione Metodo impostata a Centro) possono essere posizionati in senso antiorario (sinistra) oppure orario (destra).

Manuale dellutente di MicroStation

375

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona arco

Per posizionare un arco definito da tre punti


1. Selezionare lo strumento Posiziona arco. 2. Impostare Metodo a 3 punti. 3. Inserire un punto dati per definire linizio dellarco. Se le opzioni Raggio, Angolo dinizio e Angolo dapert sono tutte attivate, larco viene posizionato. 4. Se necessario, inserire un secondo punto dati per definire un punto sullarco. 5. Se necessario, inserire un terzo punto dati per definire lestremo e langolo di apertura.

Posiziona arco con lopzione Metodo impostata a 3 punti. A sinistra: tutti i vincoli sono disattivati. A destra: tutti i vincoli sono attivati. Raggio indicato da R. Angolo dinizio indicato da ST. Angolo di apertura indicato da SW.

Digitazione: Digitazione:

PLACE ARC ICON PLACE ARC CENTER | EDGE CONSTRAINED

Per cambiare dinamicamente la direzione di un arco circolare durante il posizionamento in base al punto centrale, utilizzare lo

376

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona semiellisse
strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) .

Posiziona semiellisse

Questo strumento consente di posizionare un arco ellittico con un angolo di apertura di 180 .

Per posizionare una semiellisse


1. Selezionare lo strumento Posiziona semiellisse. 2. Inserire un punto dati per definire unestremit dellasse principale. 3. Inserire un secondo punto dati su un punto dellellisse. 4. Inserire un terzo punto dati per definire laltra estremit dellasse principale.

Posiziona semiellisse

Manuale dellutente di MicroStation

377

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Posiziona quarto di ellisse

Digitazione:

PLACE ELLIPSE HALF

Posiziona quarto di ellisse

Questo strumento consente di posizionare un arco ellittico con un angolo di apertura di 90 .

Per posizionare un quarto di ellisse


1. Selezionare lo strumento Posiziona quarto di ellisse. 2. Inserire un punto dati per definire un punto finale. 3. Inserire un secondo punto dati per definire lorientamento di un asse. 4. Inserire un terzo punto dati per definire laltro punto finale.

Posiziona quarto di ellisse.

378

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Modifica raggio arco

Digitazione:

PLACE ELLIPSE QUARTER

Modifica raggio arco

Questo strumento consente di modificare il raggio, langolo di apertura e il centro di un arco circolare. I punti finali non vengono spostati.

Per modificare il raggio di un arco


1. Selezionare lo strumento Modifica raggio arco. 2. Identificare larco. 3. Inserire un punto dati per ridefinire il raggio, langolo di apertura e il centro.

Modifica arco raggio.

Manuale dellutente di MicroStation

379

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Modifica angolo arco

Per modificare il raggio di un arco senza modificare il centro o langolo di apertura


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Selezionare larco. 3. Trascinare lhandle del punto medio per definire il nuovo raggio.

Digitazione:

MODIFY ARC RADIUS

Per modificare il raggio di un arco con maggiore precisione, utilizzare lo strumento Modifica elemento (vedere pagina 5-101) insieme ad AccuDraw.

Modifica angolo arco

Questo strumento consente di estendere o accorciare la lunghezza (angolo dapertura) di un arco.

Per modificare langolo di apertura di un arco


1. Selezionare lo strumento Modifica angolo arco. 2. Identificare larco in prossimit dellestremit da modificare. 3. Inserire un punto dati per estendere o accorciare larco.

380

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Modifica asse arco

Metodo alternativo Per modificare langolo di apertura di un arco


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Selezionare larco. 3. Trascinare gli handle dei punti finali per estendere o accorciare larco.

Modifica angolo arco. A sinistra: riduzione dellarco. A destra: estensione dellarco.

Digitazione:

MODIFY ARC ANGLE

Per modificare un angolo di apertura con maggiore precisione, utilizzare lo strumento Modifica elemento (vedere pagina 5-101) insieme ad AccuDraw.

Modifica asse arco

Questo strumento consente di prolungare o accorciare gli assi di un arco.

Manuale dellutente di MicroStation

381

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Utilizzo della finestra Seleziona impostazioni

Per modificare lasse di un arco


1. Selezionare lo strumento Modifica asse arco. 2. Identificare larco in prossimit dellasse da modificare. 3. Inserire un punto dati per ridefinire lasse.

Modifica asse arco

Digitazione:

MODIFY ARC AXIS

Se langolo di apertura inferiore a 90 , possibile modificare un solo asse.

Utilizzo della finestra Seleziona impostazioni


Per ottimizzare il processo di creazione di oggetti reali e garantire luniformit degli standard di disegno di un progetto, possibile utilizzare la finestra Seleziona impostazioni. Questa finestra consente di modificare le impostazioni attive e di selezionare uno strumento di disegno con un singolo o un doppio clic, senza visualizzare le finestre di dialogo e i menu degli strumenti corrispondenti.

Finestra Seleziona Impostazioni (predefinita)

382

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Utilizzo della finestra Seleziona impostazioni Finestra Seleziona Impostazioni (agganciata) Finestra Seleziona Impostazioni (ingrandita) (Opzioni > Finestra grande)

Per utilizzare la finestra Seleziona impostazioni, necessario definire alcuni parametri. i gruppi di impostazioni devono essere definiti in base agli standard di disegno del progetto e devono essere memorizzati nei file di impostazioni. In genere, questa operazione viene eseguita dal responsabile del sito o del progetto.

Viene aperto un file di impostazioni esistente


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Gestisci. Viene visualizzata la finestra Seleziona impostazioni. Il file delle impostazioni predefinito, come visualizzato sulla barra del titolo della finestra Seleziona Impostazioni, "styles.stg". 2. Dal menu File della finestra di dialogo, scegliere Apri. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri file

Manuale dellutente di MicroStation

383

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Componenti
dimpostazione esistente. 3. Selezionare un file di impostazioni (estensione .stg) e fare clic su OK.

Per aprire un file di impostazioni remoto


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Gestisci. Viene visualizzata la finestra Seleziona impostazioni. 2. Dal menu File della finestra di dialogo, scegliere Apri URL. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona file di impostazioni remoto. . I controlli di questa finestra di dialogo sono analoghi a quelli presenti nella finestra di dialogo Selezionare il disegno remoto da collegare. Per ulteriori informazioni su questi controlli, vedere Finestra di dialogo Selezionare il disegno remoto da collegare nel Manuale di riferimento online. 3. Nel campo URL specificare il percorso del file di impostazioni remoto. 4. (Facoltativo) Regolare tutte le altre impostazioni necessarie. 5. Fare clic su OK.

Componenti
Allinterno di un gruppo di impostazioni del disegno, le impostazioni vengono ulteriormente raggruppate in componenti. Come i gruppi di impostazioni principali, anche i componenti sono associati a nomi di oggetti reali. Di seguito sono riportati i tipi di componenti disponibili:
Tipo di componente Lineare Testo Cella Punto Utilizzato per posizionare Linee, archi, ellissi, spezzate, figure, curve, catene complesse o figure complesse Testo.(vedere Etichette di testo) nel Manuale per la generazione di disegni. Celle Punti

384

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altre categorie di gruppi di impostazioni
Tipo di componente Campitura area Quota Linea multipla Utilizzato per posizionare Celle per campitura Quotature(vedere Quotatura) nel Manuale per la generazione di disegni. Linee multiple

Procedura generica Per utilizzare i gruppi di impostazioni del disegno


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Gestisci. Viene visualizzata la finestra Seleziona impostazioni. nella casella di riepilogo Gruppo vengono elencati i gruppi di impostazioni di disegno contenuti nel file di impostazione aperto. 2. Dalla casella combinata Gruppo, selezionare un gruppo. 3. Dalla casella combinata Componente, selezionare un componente. Le impostazioni attive assumono i valori di quelle del componente selezionato. Se la definizione del componente associata ad una digitazione, viene visualizzato lo strumento corrispondente. 4. Posizionare un elemento. 5. Posizionare un altro elemento utilizzando le stesse impostazioni (ritornare al passo 4). o Selezionare un altro componente (ritornare al passo 3 o Selezionare un altro gruppo (ritornare al passo 2).

Altre categorie di gruppi di impostazioni


Altre categorie di gruppi di impostazioni possono essere selezionate dalle finestre di dialogo aperte dal menu Categoria della finestra Seleziona impostazioni.

Manuale dellutente di MicroStation

385

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altre categorie di gruppi di impostazioni

Gruppi di impostazioni di scala


Un gruppo di impostazioni di scala specifica le unit di plottaggio relative alle unit principali di disegno. I gruppi di impostazioni di scala possono essere utilizzati anche con gli elementi indicati di seguito: Componenti del gruppo di impostazioni del disegno Cella, Punto attivo e Campitura area, per applicare un fattore di scala alle celle durante il posizionamento. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo delle celle a pagina 6-1. Componenti delle impostazioni del disegno Testo e Punto attivo, per controllare il dimensionamento e la spaziatura del testo durante il posizionamento. Per una descrizione di questa procedura, vedere Etichette di testo nel Manuale per la generazione di disegni.

Per selezionare (e attivare) un gruppo di impostazioni di scala


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Gestisci. Viene visualizzata la finestra Seleziona impostazioni. 2. Dal menu Categoria, scegliere Scala. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona scala. 3. Dalla casella di riepilogo, selezionare il gruppo desiderato. 4. Fare clic sul pulsante OK. Lattivazione di un gruppo di impostazioni di scala non ha effetto sui fattori di scala attivi fino a quando non viene selezionato un componente Cella o un componente Punto attivo o Campitura area che specifica una cella. Allo stesso modo, lattivazione di un gruppo di impostazioni di scala non ha effetto sulle impostazioni del testo attivo fino a quando non viene selezionato un componente Testo o un componente Punto attivo che specifica un carattere di testo.

Gruppi di impostazioni delle unit di lavoro


Un gruppo di impostazioni delle unit di lavoro composto dalle

386

Manuale dellutente di MicroStation

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altre categorie di gruppi di impostazioni
impostazioni relative alle Unit di lavoro. I gruppi di impostazioni delle unit di lavoro vengono utilizzati insieme ai componenti del gruppo di impostazioni del disegno Cella, Punto attivo e Campitura area, per applicare un fattore di scala alle celle durante il posizionamento. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo delle celle a pagina 6-1. La selezione di un gruppo di impostazioni delle unit di lavoro modifica le impostazioni relative alle unit di lavoro del file di disegno attivo in modo analogo ai controlli della categoria Unit di lavoro della finestra di dialogo Impostazioni del disegno. La modifica delle Unit principali nella categoria Unit di lavoro della finestra di dialogo Impostazioni del disegno aggiorna automaticamente le Unit secondarie.

Manuale dellutente di MicroStation

387

Posizionamento di elementi in ambiente 2D


Altre categorie di gruppi di impostazioni

388

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Quando si lavora in ambiente CAD, durante la creazione di disegni o di modelli il puntatore sullo schermo consente allutente di interagire con il sistema. possibile usare il puntatore sullo schermo per selezionare gli strumenti, nonch per identificare e posizionare gli elementi allinterno di un modello. Utilizzato insieme ad AccuDraw, il puntatore sullo schermo consente di lavorare in modo rapido e preciso. Il puntatore sullo schermo pu anche essere usato in diverse operazioni al posto della penna o della matita, solitamente impiegate per il disegno manuale. Analogamente, possibile utilizzare AccuDraw al posto del tecnigrafo, della squadra a T e della calcolatrice, per citarne alcuni. Nel disegno manuale, si inizia generalmente a tracciare nuove linee allestremit di quelle esistenti o nel loro punto di intersezione. Anche in ambiente CAD necessario saper riprodurre queste tecniche. MicroStation mette infatti a disposizione tutti gli strumenti necessari per la creazione di modelli o disegni 2D. Inoltre, MicroStation offre la possibilit di lavorare in ambiente 3D e di creare modelli 3D dei propri disegni. Le modalit di lavoro in ambiente 3D vengono descritte in unaltra sezione del presente manuale. Questo capitolo illustra le modalit di utilizzo dei diversi strumenti per il disegno 2D in ambiente MicroStation, tra cui: Identificazione degli elementi (vedere pagina 4-2) Cattura di punti sugli elementi (vedere pagina 4-3) Utilizzo di AccuDraw (vedere pagina 4-30) Selezione degli elementi (vedere pagina 5-1) Manipolazione e modifica degli elementi selezionati (vedere pagina 4-85) Utilizzo di fence per la manipolazione e la modifica degli elementi (vedere pagina 4-87) Utilizzo della griglia (vedere pagina 4-94)

Manuale dellutente di MicroStation

41

Tecnica di disegno
Identificazione degli elementi
Digitazioni per input di precisione (vedere pagina 4-99) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Misura (vedere pagina 4-104)

Identificazione degli elementi


Molte delle operazioni che vengono eseguite durante una sessione di disegno si basano sulla capacit di identificare gli elementi esistenti o di selezionare specifici punti su tali elementi. MicroStation fornisce gli strumenti per eseguire tali attivit. Per identificare rapidamente e comodamente gli elementi o punti chiave sugli elementi, possibile utilizzare punti cattura tentativo e punti dati.

Identificazione manuale degli elementi


Molti strumenti richiedono lidentificazione di uno o pi elementi. Questa operazione pu essere eseguita manualmente posizionando il puntatore sullelemento e immettendo un punto dati per evidenziarlo. Se si desidera visualizzare unanteprima dellelemento selezionato, possibile immettere dapprima punti cattura tentativo fino a quando non venga evidenziato lelemento corretto, quindi accettare con un punto dati.

Per informazioni sullimmissione di punti dati e di punti cattura tentativo, vedere MicroStation e input grafico nella Guida rapida.

AccuSnap
AccuSnap automatizza lidentificazione di elementi e linserimento di punti cattura tentativo, evitando cos di dover immettere manualmente tutti i punti cattura tentativo. possibile attivare limpostazione Attiva AccuSnap nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap per individuare e catturare automaticamente un punto tentativo sugli elementi. sufficiente spostare il puntatore sullo schermo nellarea dellelemento che si desidera identificare. AccuSnap lo catturer automaticamente.

42

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Identificazione automatica degli elementi

Anche con AccuSnap attivato, comunque possibile immettere manualmente punti cattura tentativo.

Identificazione automatica degli elementi


Insieme a AccuSnap possibile utilizzare unaltra impostazione per identificare automaticamente gli elementi per vari strumenti. Questa funzionalit viene attivata mediante limpostazione Identifica elementi automaticamente nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap. Come AccuSnap, questa impostazione consente di ridurre significativamente il numero di pressioni del pulsante necessarie nel corso di una sessione di disegno. Utilizzando questa impostazione con lo strumento Elimina, ad esempio, sar sufficiente spostare il puntatore sullelemento desiderato in qualsiasi vista per evidenziarlo. Immettendo un unico punto dati, lelemento verr eliminato.

Informazioni pop-up
Nel contesto delle funzioni di identificazione automatica degli elementi, possibile attivare lopzione Informazioni pop-up nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap. Attivando questa impostazione, quando si passa o si posiziona il puntatore su un elemento evidenziato, vengono visualizzate informazioni al riguardo in una finestra pop-up.

Cattura di punti sugli elementi


Durante una sessione di disegno, una parte significativa del lavoro dedicata allunione di nuovi elementi ad elementi esistenti nel disegno o alla modifica degli elementi esistenti.. Nel disegno manuale, questa operazione viene effettuata a occhio. Con MicroStation, possibile lavorare con maggiore precisione lasciando al sistema il compito di individuare esattamente gli elementi o vari punti su di essi. possibile anche definire i punti in relazione ad altri. Tutto ci reso possibile dai punti cattura tentativo.

Manuale dellutente di MicroStation

43

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo

Punti cattura tentativo

Il punto cattura tentativo un tipo di input grafico che pu essere utilizzato per effettuare una delle operazioni indicate di seguito: Visualizzare in anteprima la posizione del punto dati successivo. Se si accetta la posizione del punto tentativo, il punto dati viene inserito nella posizione specificata. Definire un punto di riferimento per linserimento del punto dati successivo.

Inoltre, possibile inserire un punto cattura tentativo su un elemento esistente, ossia posizionarlo direttamente sullelemento. Il posizionamento di punti tentativo in modalit di cattura consente di creare nuovi elementi in modo che risultino collegati o correlati in base a precise relazioni ad altri gi esistenti.

Consente ad esempio di: Posizionare una linea tra lestremit di un elemento esistente e il punto medio di un altro elemento. Posizionare una linea perpendicolare o parallela a unaltra linea. Posizionare un cerchio tangente a un arco o a una curva B-spline. Posizionare una cella in corrispondenza del baricentro di una figura.

Cattura di punti tentativo sugli elementi


La modalit di cattura dipende dalle impostazioni relative al Bloccaggio cattura. possibile definire tre impostazioni di base, ossia lattivazione o la disattivazione della cattura, la modalit di cattura e la modalit di cattura di sostituzione.

44

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo

Bloccaggio cattura
Se lopzione Bloccaggio cattura disattivata, i punti tentativo non vengono posizionati sugli elementi in modalit di cattura.

Modalit di cattura
Quando lopzione Bloccaggio cattura attivata, la modalit di inserimento di punti cattura tentativo determinata dalla modalit di cattura selezionata (o dallimpostazione di sostituzione).

Per impostare la Modalit cattura predefinita possibile utilizzare la finestra di dialogo Bloccaggi, la barra dei pulsanti Modalit cattura, il menu di scelta rapida del puntatore o il menu della barra di stato. La modalit di cattura attiva (o la modalit di cattura di sostituzione) viene indicata sulla barra di stato.

Per impostare la modalit di cattura mediante la finestra di dialogo Bloccaggi


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Bloccaggi (oppure fare clic sullicona corrispondente sulla barra di

Manuale dellutente di MicroStation

45

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
stato) e scegliere Completo .

Viene visualizzata la finestra di dialogo Bloccaggi. 2. Selezionare la modalit di cattura desiderata dal menu di opzioni Modalit.

Per impostare la modalit di cattura mediante la barra dei pulsanti Modalit di cattura
1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Cattura (oppure fare clic sul campo corrispondente sulla barra di stato) e scegliere Barra pulsanti. Viene visualizzata la barra pulsanti Modalit di cattura.

2. Sulla barra pulsanti, fare doppio clic sulla modalit

46

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
di cattura desiderata. Il pulsante della modalit di cattura attivata viene evidenziato con una diversa tonalit di grigio.

Per impostare la modalit di cattura mediante il menu di scelta rapida Modalit di cattura
1. Posizionare il puntatore in una vista qualsiasi. 2. Tenere premuto il tasto Maiusc. 3.

Viene visualizzato il menu di scelta rapida Modalit di cattura. Alla sinistra della modalit di cattura attiva visualizzato un pulsante con un cerchio pieno di colore nero. 4. Tenendo premuto il tasto Maiusc, fare clic sulla modalit di cattura desiderata. In alternativa, trascinare il puntatore verso di essa e rilasciare il pulsante Tentativo. 5. Rilasciare il tasto Maiusc.

Per impostare la modalit di cattura mediante la barra di stato


1. Posizionare il puntatore nel campo relativo alla modalit

Manuale dellutente di MicroStation

47

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
di cattura sulla barra di stato. 2. Fare clic sul pulsante Dati. Viene visualizzato il menu di scelta rapida Modalit di cattura. Alla sinistra della modalit di cattura attiva visualizzato un pulsante con un cerchio pieno di colore nero. 3. Fare clic sulla modalit di cattura desiderata tenendo premuto il tasto Maiusc. In alternativa, posizionare il puntatore sulla modalit di cattura e rilasciare il pulsante Tentativo. 4. Rilasciare il tasto Maiusc. La barra pulsanti Modalit di cattura pu essere agganciata e ridimensionata.

Modalit di cattura di sostituzione


Durante una sessione di solito si utilizza una particolare modalit di cattura per la maggior parte delle operazioni passando a una modalit differente in casi particolari. La modalit di cattura attiva pu essere sostituita in qualsiasi momento per una singola operazione, selezionando una Modalit di cattura di sostituzione. La modalit sostitutiva viene applicata solo per loperazione successiva. Dopo aver inserito un punto cattura tentativo e avere accettato con un punto dati (o Reset), la modalit di sostituzione viene annullata e la modalit di cattura corrente diventa nuovamente attiva.

Per impostare la modalit di cattura sostitutiva possibile utilizzare il sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni, la barra dei pulsanti Modalit cattura, il menu di scelta rapida del puntatore o il menu della barra di stato. La modalit di cattura attiva o quella di sostituzione viene indicata sulla barra di stato.

Per impostare la modalit di cattura di sostituzione mediante il menu Impostazioni


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Cattura e scegliere la modalit di cattura di sostituzione desiderata. Aprendo nuovamente il menu, si noter che accanto alla modalit sostitutiva visualizzato un pulsante con un cerchio pieno di colore nero, mentre accanto alla modalit di cattura

48

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
attiva visualizzato un cerchio nero vuoto.

Per impostare la modalit di cattura di sostituzione mediante la barra dei pulsanti Modalit di cattura
1. Dal menu Impostazioni accedere al sottomenu Cattura (oppure attivare il menu corrispondente dalla barra di stato), quindi scegliere Barra dei pulsanti. Viene visualizzata la barra pulsanti Modalit di cattura. 2. Dalla barra pulsanti, selezionare la modalit di cattura di sostituzione desiderata. Il pulsante della modalit di cattura di sostituzione viene evidenziato in grigio chiaro, mentre quello della modalit di cattura attiva rimane evidenziato con una diversa tonalit di grigio.

Per impostare la modalit di cattura di sostituzione mediante il menu di scelta rapida Modalit di cattura
1. Posizionare il puntatore in una vista qualsiasi. 2. Tenendo premuto il tasto Maiusc, fare clic sul pulsante Tentativo. Viene visualizzato il menu di scelta rapida Modalit di cattura. Se gi attiva una modalit di cattura di sostituzione, alla sinistra di questultima viene visualizzato un pallino nero e alla sinistra della modalit di cattura attiva viene visualizzato un cerchio nero. In caso contrario, alla sinistra della modalit di cattura attiva visualizzato il pulsante con un cerchio pieno di colore nero. 3. Rilasciare il tasto Maiusc. 4. Fare clic sulla modalit di cattura desiderata oppure trascinarvi il puntatore e rilasciare il pulsante Tentativo.

Manuale dellutente di MicroStation

49

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo

Per impostare la modalit di cattura di sostituzione mediante la barra di stato


1. Fare clic sul campo relativo alla modalit di cattura sulla barra di stato. Viene visualizzato il menu di scelta rapida Modalit di cattura. 2. Fare clic sulla modalit di cattura di sostituzione desiderata oppure trascinarvi il puntatore e rilasciare il pulsante Dati.

Effetto dellimpostazione di una modalit di cattura


Quando lopzione Bloccaggio cattura attivata, ogni impostazione della modalit di cattura influisce sui punti cattura tentativo. Linserimento di un punto tentativo su un elemento o vicino ad esso pu avere uno degli effetti descritti di seguito:
Modalit di cattura1 Vicino Sul punto dellelemento pi vicino al puntatore. Punto chiave Sul pi vicino dei punti chiave dellelemento (vedere pagina 4-14) . In genere, questa modalit di cattura presenta il maggior numero di vantaggi. Punto medio Sul punto medio del segmento dellelemento pi vicino al puntatore. In un arco ellittico, il punto cattura tentativo viene inserito sul punto medio dellangolo di apertura, opposto al punto medio della distanza dellarco. Il punto cattura tentativo viene posizionato

410

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
Modalit di cattura1 Centro Al centro di elementi quali cerchi, archi, testo e cos via. Sul baricentro di altri elementi, quali figure, spezzate e B-spline. Origine Sullorigine di una cella o di un testo, sul baricentro di una B-spline, sul primo punto dati in un elemento di quota o sul primo vertice di una linea, di una linea multipla, di una spezzata o di una figura. Bisettrice Sul punto medio di una spezzata, di una linea multipla o di una catena complessa, anzich sul punto medio del segmento pi vicino, e sul punto medio di una linea o di un arco. In un arco ellittico, sul punto medio della distanza dellarco opposto al punto medio dellangolo di apertura. Intersezione Sullintersezione di due elementi. Sono necessari almeno due punti tentativo, sebbene sia possibile utilizzarne un numero maggiore. Quando il primo punto cattura tentativo viene inserito su un elemento, tale elemento viene evidenziato. Quando il secondo punto cattura tentativo viene posizionato su un altro elemento, i due segmenti utilizzati per individuare lintersezione degli elementi vengono visualizzati con linee tratteggiate. Se i due elementi non si intersecano, ma si intersecano le rispettive proiezione, i segmenti includono le proiezioni degli elementi fino allintersezione. possibile continuare a inserire punti cattura tentativo fino a quando non si individua lintersezione desiderata. Gli ultimi due punti cattura tentativo definiscono la posizione dellintersezione. Il punto cattura tentativo viene posizionato

Manuale dellutente di MicroStation

411

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
Modalit di cattura1 Tangente Su un elemento esistente. Il margine dellelemento posizionato viene vincolato in modo da risultare tangente a un altro elemento esistente. Per mantenere la tangenza, il punto tentativo scorre dinamicamente lungo lelemento mentre il puntatore viene spostato per terminare il posizionamento dellelemento. Proven tangente Su un elemento esistente. Il margine dellelemento posizionato viene vincolato in modo da risultare tangente allelemento esistente in corrispondenza del punto tentativo. Il punto tentativo non si sposta in modo dinamico con lo spostamento del puntatore, ma rimane bloccato nella posizione iniziale. Perpendicolare Su un elemento esistente. La linea posizionata viene vincolata in modo da risultare perpendicolare allelemento. Per mantenere la perpendicolarit, il punto tentativo scorre dinamicamente lungo lelemento mentre il puntatore viene spostato per terminare il posizionamento dellelemento. Proven perpendicolare Su un elemento esistente. La linea posizionata viene vincolata in modo da risultare perpendicolare allelemento in corrispondenza del punto tentativo. Il punto tentativo non si sposta in modo dinamico con lo spostamento del puntatore, ma rimane bloccato nella posizione iniziale. Il punto cattura tentativo viene posizionato

412

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo
Modalit di cattura1 Parallela Su un elemento esistente, ma non definisce il punto attraverso il quale passer la linea che viene posizionata. Accettando il punto tentativo, la linea viene posizionata in modo da risultare parallela a quella sulla quale stato inserito il punto cattura tentativo. Attraverso punto Definisce il punto attraverso il quale deve passare lelemento che viene posizionato (o la relativa estrapolazione). Punto su Sullelemento pi vicino, come indicato di seguito: Quando si inserisce un secondo o ulteriore punto dati, il punto dati successivo viene vincolato sullelemento, se chiuso, o su un punto qualsiasi della linea su cui si trova, se lelemento lineare. Quando si inserisce un primo punto dati, lelemento posizionato viene esteso fino allelemento (o alla linea sulla quale esso si trova) a partire dal secondo punto dati.
1 Oppure modalit di cattura di sostituzione.

Il punto cattura tentativo viene posizionato

Tolleranza selez
La distanza a cui deve trovarsi il puntatore rispetto a un elemento per catturare un punto tentativo varia in base alla Tolleranza selezione. La Tolleranza selezione una preferenza utente modificabile accedendo alla categoria Input della finestra di dialogo Preferenze (menu Area di lavoro > Preferenze). I valori di tolleranza vengono impostati nella risoluzione dello schermo (pixel).

Manuale dellutente di MicroStation

413

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo

Inserimento di punti cattura sulle celle


Una cella costituita da un piccolo disegno, in genere un simbolo, una notazione o un dettaglio complesso o di uso frequente, creato in MicroStation Per inserire un punto cattura sullorigine di una cella, necessario impostare Modalit di cattura a Origine. In caso contrario, infatti, i punti cattura tentativo vengono inseriti sugli elementi che costituiscono la cella. Quando, ad esempio, la modalit di cattura impostata su Punto chiave, i punti cattura tentativo vengono inseriti su un punto chiave sulla linea anzich sullorigine della cella.

Punti chiave di un elemento


I punti chiave sono i punti di un elemento posizionati a distanza regolare, sui quali viene inserito un punto cattura tentativo se la modalit di cattura (o la modalit di cattura di sostituzione) impostata a Punto chiave. Il numero di punti chiave su ciascun segmento di un elemento lineare (linea, spezzata o figura) maggiore di ununit rispetto allimpostazione del divisore del bloccaggio cattura. Se il divisore del bloccaggio cattura pari a 2 (come in tutti i file seme forniti con MicroStation), i punti chiave risultano come illustrato nella figura riportata sotto. Il punto medio di un elemento lineare rappresenta un punto chiave solo se il divisore del bloccaggio cattura un numero pari. In un testo, il punto chiave determinato dallattributo relativo allallineamento. Tale attributo, insieme ad altri attributi specifici degli elementi di testo, viene descritto nella sezione Etichette di testo.

414

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Punti cattura tentativo Punti chiave dellelemento (con lopzione Divisore del bloccaggio cattura impostata a 2 e lelemento di testo giustificato in alto a sinistra). In senso orario dallangolo superiore sinistro: arco, arco, linea, spezzata, testo, ellisse e figura.

Per abilitare linserimento di punti in modalit di cattura


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Bloccaggi (oppure fare clic sullicona corrispondente sulla barra di stato) e scegliere Completo . Viene visualizzata la finestra di dialogo Bloccaggi. 2. Attivare lopzione Bloccaggio cattura.

Per modificare il numero di punti chiave su ogni segmento di un elemento


1. Scegliere Bloccaggi dal menu Impostazioni (oppure fare clic sullicona corrispondente sulla barra di stato), quindi scegliere Completo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Bloccaggi. 2. Nel campo Divisore della sezione Cattura inserire un valore inferiore di ununit rispetto al numero di punti chiave che si desidera impostare.

Manuale dellutente di MicroStation

415

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
Ad esempio, per creare i punti chiave di un elemento in corrispondenza dei punti finali e dei punti del primo, secondo e terzo quarto dei segmenti dellelemento, impostare il divisore del bloccaggio cattura a 4.

Utilizzo di AccuSnap

AccuSnap fornisce la nuova funzionalit di cattura tentativo che pu essere utilizzata da sola o insieme a AccuDraw. Fornisce ausilio grafico un puntatore intelligente per la cattura sugli elementi. In questo modo si automatizza linserimento di punti cattura tentativo, eliminando quasi del tutto la necessit di premere il corrispondente pulsante e riducendo cos il numero di pressioni del pulsante necessarie durante una sessione di lavoro. In modalit AccuSnap sufficiente selezionare uno strumento e spostare il puntatore sullelemento desiderato. AccuSnap trover e visualizzer automaticamente il punto cattura tentativo pi vicino. Una volta visualizzato il punto cattura corretto, si inserir un punto dati per accettare. Se necessario, possibile regolare diverse impostazioni per configurare AccuSnap in base al proprio modo di operare. AccuSnap si affianca al metodo manuale standard per posizionare punti tentativo. In altre parole, anche quando AccuSnap attivato, comunque possibile utilizzare il metodo standard di cattura tentativo, che prevede la pressione del pulsante tentativo. Inoltre, quando si utilizza AccuSnap insieme a AccuDraw, possibile utilizzare i tasti di scelta rapida di AccuDraw, quali <U> per sospendere AccuSnap per un punto e <J> per attivare e disattivare AccuSnap. In alternativa, possibile premere e tenere premuto Ctrl + Maiusc per attivare o disattivare temporaneamente AccuSnap, secondo le proprie necessit.

Attivazione o disattivazione di AccuSnap


AccuSnap pu essere attivato o disattivato: Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap (impostazione Attiva AccuSnap).

416

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap

Sulla barra dei pulsanti Modalit cattura (facendo clic sul pulsante Attiva/disattiva AccuSnap).

Con AccuDraw attivo e la finestra AccuDraw attiva, utilizzando il tasto di scelta rapida <J>. Premendo e tenendo premuti i tasti Ctrl + Maiusc, per attivare o disattivare temporaneamente AccuSnap. Rilasciando i tasti Ctrl + Maiusc viene ripristinato lo stato precedente di AccuSnap.

Impostazioni di AccuSnap
AccuSnap viene utilizzato in combinazione con limpostazione corrente relativa alla modalit di cattura e il suo funzionamento per lo pi analogo al metodo manuale di inserimento di punti cattura tentativo, eccetto la pressione di pulsanti. La distanza a cui deve trovarsi il puntatore rispetto a un elemento o punto chiave da individuare con AccuSnap dipende dallimpostazione Tolleranza selezione presente nella categoria Input della finestra di dialogo Preferenze. Queste impostazioni possono essere regolate ulteriormente mediante le seguenti opzioni presenti nella scheda Regolazioni della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap:

Manuale dellutente di MicroStation

417

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
Tolleranza di cattura per lindividuazione degli elementi. Sensibilit punto chiave per lindividuazione di punti cattura.

La posizione dei punti cattura sugli elementi controllata dallimpostazione Modalit di cattura.

Opzioni Mostra suggerimento tentativo e Visualizza icona attive A sinistra: Quando il puntatore si trova entro la tolleranza di cattura di un elemento, AccuSnap mostra un punto di cattura tentativo con un puntatore a croce (+) e licona Modalit di cattura corrente. A destra: Se il puntatore compreso nellintervallo della Sensibilit punto chiave, AccuSnap evidenzia lelemento e visualizza il punto di cattura tentativo come una X spessa. Verr quindi inserito un punto dati alla posizione del punto di cattura tentativo.

Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap sono presenti tre schede: Generale, Elementi e Regolazioni.

Impostazioni generali
Le impostazioni presenti nel gruppo Generale consentono di attivare/disattivare AccuSnap e di definire la modalit di funzionamento generale di AccuSnap. In base allimpostazione predefinita, sono selezionate le opzioni Mostra suggerimento tentativo e Visualizza icona. Entrambe offrono un controllo visivo, rispettivamente, sul punto cattura e sulla modalit di cattura corrente. Mostra suggerimento tentativo molto utile in quanto consente di vedere dove si trova il punto cattura pi vicino anche se il puntatore non si trova in prossimit.

Quando lopzione Mostra suggerimento tentativo attiva (impostazione predefinita) e la modalit di cattura impostata su Punto chiave o Punto medio posizionando il puntatore sugli elementi, AccuSnap individuer il punto cattura pi vicino e ne indicher la posizione con

418

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
una croce o una spessa X, che indica un punto cattura tentativo (a meno che il puntatore non si trovi nellarea di tolleranza di selezione del punto chiave). In questa fase, un punto dati viene inserito in corrispondenza del punto cattura tentativo visualizzato.

Visualizza icona se questa opzione selezionata, viene visualizzata licona della modalit di cattura corrente in corrispondenza del punto dati, sia per il suggerimento tentativo che per il punto tentativo.

Evidenzia elemento attivo se questa opzione selezionata, lelemento viene evidenziato non appena viene individuato da AccuSnap e compare il suggerimento tentativo. Se deselezionata, lelemento attivo viene evidenziato solo quando visualizzato il punto cattura tentativo.

Per informazioni su tutte le impostazioni generali, fare riferimento a Impostazioni generali di AccuSnap.

Impostazioni relative agli elementi


Le opzioni presenti nel gruppo Elementi consentono di attivare o disattivare la cattura di AccuSnap su Curve, Dimensioni e/o Testo. Quando una di queste opzioni deselezionata, AccuSnap non eseguir la cattura sullelemento corrispondente ma verr comunque visualizzata unicona a indicare che lelemento stato ignorato. Anche se la cattura su un elemento viene disattivata nelle impostazioni di AccuSnap, comunque possibile effettuarla manualmente inserendo un punto cattura tentativo.

Quando deselezionata lopzione Curve, viene visualizzata unicona per indicare che la curva B-spline viene ignorata.

Manuale dellutente di MicroStation

419

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap

Impostazioni di regolazione
I controlli presenti nella sezione Regolazioni delle impostazioni relative a AccuSnap consentono di impostare la sensibilit di AccuSnap per la cattura su elementi, come indicato di seguito: Sensibilit punto chiave consente di regolare la distanza a cui deve trovarsi il puntatore rispetto al punto cattura affinch AccuSnap possa effettuare la cattura. Aderenza consente di regolare la sensibilit di AccuSnap allelemento corrente. Una volta effettuata la cattura su un elemento, man mano che si sposter il puntatore lungo lelemento, il sistema di cattura preferir tale elemento anche se altri elementi dovessero avere punti cattura pi vicini al puntatore. Pi a destra (+) viene spostato il dispositivo di scorrimento Aderenza, pi lontano dallelemento pu trovarsi il puntatore prima che AccuSnap effettui la cattura su un altro elemento. Tolleranza di cattura consente di regolare la distanza a cui deve trovarsi il puntatore rispetto a un elemento per inserire un punto cattura tentativo su di esso.

Impostazioni AccuSnap e Modalit cattura


AccuSnap migliora molte delle impostazioni standard della modalit di cattura visualizzando e catturando automaticamente il successivo punto cattura tentativo man mano che si sposta il puntatore su un elemento. Con AccuSnap attivato, si avvertir molto di rado la necessit di inserire punti cattura tentativo in modalit manuale. Negli esempi che seguono si presume che sia stato selezionato uno strumento e che siano selezionate le opzioni Mostra suggerimento tentativo e Visualizza icona (impostazioni predefinite).

Punto cattura vicino


Quando si utilizza questa modalit di cattura, manualmente,

420

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
occorre spostare il puntatore nel punto in cui si desidera inserire la cattura, quindi immettere un punto cattura tentativo seguito da un punto dati per accettare la posizione. Se la posizione non corretta, possibile spostare il puntatore lungo lelemento e inserire un altro punto cattura tentativo.

Con AccuSnap, spostando il puntatore sullelemento desiderato, questo viene evidenziato e viene visualizzato il simbolo che contrassegna il punto cattura tentativo proposto. Per posizionare il punto cattura pi vicino, sufficiente spostare il puntatore lungo lelemento evidenziato fino a raggiungere la posizione desiderata, quindi inserire un punto dati.

Per selezionare un punto cattura vicino (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Vicino. 2. Con AccuSnap attivato, spostare il puntatore sullelemento desiderato. Lelemento viene evidenziato e viene visualizzato il pi vicino punto cattura tentativo. 3. Spostare il puntatore, e il punto cattura tentativo, lungo lelemento fino a individuare la posizione desiderata. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura punto chiave


Spostando il puntatore su un elemento nel disegno, viene visualizzato il pi vicino punto chiave mediante il puntatore a croce o lindicatore punto cattura tentativo se il puntatore si trova allinterno dellintervallo di Sensibilit punto chiave. Per selezionare un punto chiave differente, sufficiente spostare il puntatore nellarea desiderata dellelemento. Verr di nuovo mostrata automaticamente la posizione del pi vicino punto chiave.

Manuale dellutente di MicroStation

421

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap

Per selezionare un punto cattura punto chiave (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Punto chiave. 2. Con AccuSnap attivato, spostare il puntatore sullelemento desiderato. Viene visualizzato automaticamente il pi vicino punto di cattura punto chiave. 3. Se necessario, servendosi del suggerimento tentativo, spostare il puntatore verso il punto cattura desiderato fino a quando non viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura punto medio


Spostando il puntatore su un elemento, viene visualizzata la posizione del pi vicino punto medio mediante il puntatore a croce o lindicatore punto cattura tentativo se il puntatore si trova allinterno dellintervallo di Sensibilit punto chiave del punto medio.

Per selezionare il punto medio in un elemento (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Punto medio. 2. Spostare il puntatore sullelemento desiderato. Viene visualizzata la posizione del punto medio dellelemento. 3. Se necessario, servendosi del suggerimento tentativo, spostare il puntatore verso il punto cattura desiderato fino a quando non viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura centro
Quando attiva la modalit di cattura Centro, non necessario che il puntatore si trovi in prossimit del centro effettivo dellelemento, sia

422

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
che si tratti di una spezzata, di una curva, di un arco o di un cerchio. Non appena il puntatore viene posizionato su un elemento, questo viene automaticamente evidenziato e viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo in corrispondenza del punto centrale.

Per selezionare il punto centrale di un elemento (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Centro. 2. Spostare il puntatore sullelemento desiderato. Lelemento viene evidenziato e viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo in corrispondenza del punto centrale dellelemento. 3. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura origine
Il primo punto da definire quando si crea un elemento lorigine. Con la modalit di cattura impostata su Origine, spostando il puntatore su un elemento viene visualizzata la posizione dellorigine mediante il puntatore a croce o lindicatore punto cattura tentativo se il puntatore si trova allinterno dellintervallo di Sensibilit punto chiave.

Per selezionare il punto di origine in un elemento (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Origine. 2. Spostare il puntatore sullelemento desiderato. Viene visualizzato il punto di origine dellelemento. 3. Se necessario, servendosi del suggerimento tentativo, spostare il puntatore verso il punto cattura desiderato fino a quando non viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Manuale dellutente di MicroStation

423

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap

Cattura bisettrice
Spostando il puntatore su un elemento, viene visualizzata la posizione della bisettrice mediante il puntatore a croce o lindicatore punto cattura tentativo se il puntatore si trova allinterno dellintervallo di Sensibilit punto chiave.

Per selezionare la bisettrice di un elemento (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Bisettrice. 2. Spostare il puntatore sullelemento desiderato. Viene visualizzato il punto cattura bisettrice dellelemento. 3. Se necessario, servendosi del suggerimento tentativo, spostare il puntatore verso il punto cattura desiderato fino a quando non viene visualizzato il contrassegno del punto cattura tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura intersezione
Per selezionare il punto di intersezione tra due elementi necessario identificare entrambi gli elementi. Con AccuSnap, per eseguire questa operazione sufficiente passare il puntatore sul punto di intersezione tra i due elementi senza inserire punti cattura tentativo. Quando il puntatore raggiunge il punto di intersezione, gli elementi vengono evidenziati, uno pieno e laltro tratteggiato, e viene visualizzato il contrassegno del punto tentativo in corrispondenza del punto di intersezione. Se in corrispondenza di uno punto si intersecano pi coppie di elementi, possibile spostare il puntatore fino a quando non viene evidenziata la coppia di elementi desiderata.

In un file DGN 3D, le due linee che si intersecano possono essere separate nella direzione Z della vista. In base allimpostazione predefinita, lelemento pi vicino alla Profondit attiva viene evidenziato con una linea piena e costituisce la destinazione del punto dati. In altre parole, il nuovo elemento viene collegato allelemento evidenziato con una linea continua. possibile controllare questo comportamento catturando manualmente lelemento desiderato,

424

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
prima di spostare il puntatore sul punto di intersezione. In altre parole, catturare lelemento al quale si desidera collegare il nuovo elemento, quindi posizionare il puntatore sul punto di intersezione. Il primo elemento verr evidenziato con una linea continua, laltro con una linea tratteggiata.

Per selezionare il punto di intersezione tra due elementi (con AccuSnap)


1. Selezionare la modalit di cattura Intersezione. 2. Spostare il puntatore sul punto di intersezione tra i due elementi in modo che questi vengano evidenziati e venga visualizzato lindicatore del punto cattura. 3. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo.

Cattura tangente e punto tangente


(Per AccuSnap, si applica solo quando in uso lo strumento Posiziona SmartLine) Il Punto fisso per Perp./Tan. La scheda Generale della finestra delle impostazioni AccuSnap determina se viene utilizzata la cattura tangente o la cattura punto tangente quando attiva una delle due modalit di cattura.

Durante il posizionamento di una SmartLine con la modalit di cattura attiva Tangente o Punto tangente, limpostazione Punto fisso per Perp./Tan. da determina quanto segue: Se attivata, la modalit di cattura impostata su Punto tangente. Se disattivata, la modalit di cattura impostata su Tangente.

Per utilizzare la cattura punto tangente con lo strumento Posiziona SmartLine (con AccuSnap)
1. Nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap, selezionare lopzione Punto fisso per Perp./Tan. da. 2. Impostare Tangente o Punto tangente come modalit

Manuale dellutente di MicroStation

425

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuSnap
di cattura attiva. 3. Spostare il puntatore sullelemento curvo in modo che venga evidenziato e che venga visualizzato il punto tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo. Il segmento SmartLine potr essere solo tangente allelemento evidenziato, in corrispondenza del punto cattura confermato.

Per utilizzare la cattura tangente con lo strumento Posiziona SmartLine (con AccuSnap)
1. Nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap, deselezionare lopzione Punto fisso per Perp./Tan. da. 2. Impostare Tangente o Punto tangente come modalit di cattura attiva. 3. Spostare il puntatore sullelemento curvo in modo che venga evidenziato. 4. Inserire un punto dati per accettare lelemento. Spostando il puntatore, il segmento SmartLine sar vincolato a rimanere tangente alla curva selezionata.

Cattura perpendicolare o punto perpendicolare


(Per AccuSnap, si applica solo quando in uso lo strumento Posiziona SmartLine) Il Punto fisso per Perp./Tan. La scheda Generale della finestra delle impostazioni AccuSnap determina se viene utilizzata la cattura perpendicolare o la cattura punto perpendicolare quando attiva una delle due modalit di cattura.

Durante il posizionamento di una SmartLine con la modalit di cattura attiva perpendicolare o punto perpendicolare, limpostazione Punto fisso per Perp./Tan. da determina quanto segue: Se attivata, la modalit di cattura impostata su Punto perp. Se disattivata, la modalit di cattura impostata su Perp.

426

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo dei punti tentativo

Per utilizzare la cattura punto perpendicolare con lo strumento Posiziona SmartLine (con AccuSnap)
1. Nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap, selezionare lopzione Punto fisso per Perp./Tan. da. 2. Impostare Perp. o Punto perp. come modalit di cattura attiva. 3. Spostare il puntatore sullelemento in modo che venga evidenziato e che venga visualizzato il punto tentativo. 4. Inserire un punto dati per accettare il punto cattura tentativo. Il segmento SmartLine potr essere solo perpendicolare rispetto allelemento evidenziato, a partire dal punto cattura confermato.

Per utilizzare la cattura perpendicolare con lo strumento Posiziona SmartLine (con AccuSnap)
1. Nella scheda Generale della finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap, deselezionare lopzione Punto fisso per Perp./Tan. da. 2. Impostare Perp. o Punto perp. come modalit di cattura attiva. 3. Spostare il puntatore sullelemento in modo che venga evidenziato. 4. Inserire un punto dati per accettare lelemento. Spostando il puntatore, il segmento SmartLine sar vincolato a rimanere perpendicolare rispetto allelemento selezionato.

Utilizzo dei punti tentativo


I punti tentativo consentono di vedere dove verr posizionato il punto dati successivo prima di eseguire loperazione. Ci consente inoltre di definire un punto dati in relazione al punto tentativo. possibile specificare la distanza dal punto tentativo utilizzando una digitazione o, meglio ancora, AccuDraw e la relativa finestra di input. La posizione esatta dei punti tentativo sugli elementi determinata dallimpostazione corrente della modalit di cattura o della modalit di cattura di sostituzione.

possibile immettere manualmente i punti cattura tentativo oppure

Manuale dellutente di MicroStation

427

Tecnica di disegno
Utilizzo dei punti tentativo
attivare AccuSnap affinch vengano visualizzati interattivamente man mano che si sposta il puntatore sugli elementi presenti in una vista. Con AccuSnap attivato, quando viene visualizzato il contrassegno del punto tentativo possibile inserire un punto dati per accettarlo. Anche quando attivo AccuSnap, comunque possibile inserire manualmente un punto cattura tentativo premendo il pulsante Tentativo (per individuare la posizione del pulsante Tentativo sul dispositivo di input grafico nella Guida rapida.)

Per inserire (manualmente) un punto tentativo per visualizzare in anteprima un punto dati
1. Selezionare la modalit di cattura desiderata. 2. Posizionare il puntatore sul punto in cui si desidera inserire un punto dati. 3. Fare clic con il pulsante Tentativo. Le coordinate del punto tentativo vengono visualizzate sulla barra di stato. Il puntatore assume la forma di una grande croce. Lintersezione delle linee che formano la croce indica la posizione del punto tentativo. Se sullelemento si inserisce un punto cattura, lelemento viene evidenziato.

Per accettare la posizione di un punto tentativo e inserire un punto dati


1. Quando visualizzata la posizione del punto tentativo e il puntatore si trova in una qualsiasi vista, fare clic sul pulsante Dati. 2. Fare clic con il pulsante Dati. Quando si utilizza AccuSnap, per catturare elementi sufficiente una pressione del pulsante. AccuSnap individuer e visualizzer automaticamente il punto cattura tentativo.

Utilizzo di AccuSnap per visualizzare un punto tentativo e posizionare un punto dati in corrispondenza
1. Con AccuSnap attivato, selezionare la modalit di

428

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo dei punti tentativo
cattura desiderata. 2. Spostare il puntatore sullelemento desiderato, quindi posizionarlo in modo che compaia lindicatore del punto tentativo (una spessa X). 3. Inserire un punto dati per accettare il punto tentativo e posizionare il punto.

Per inserire manualmente un punto cattura tentativo in corrispondenza di un punto chiave


1. Selezionare la modalit di cattura desiderata. 2. Posizionare il puntatore sul punto chiave desiderato o su un punto vicino. 3. Fare clic con il pulsante Tentativo. Se il punto cattura tentativo viene correttamente posizionato sullelemento, lelemento viene evidenziato.

Per inserire un punto cattura tentativo su un elemento quando pi elementi si trovano sul punto cattura desiderato
1. Attivare la modalit di cattura. Per ulteriori informazioni, vedere Per abilitare linserimento di punti in modalit di cattura a pagina 4-15. 2. Posizionare il puntatore sul punto desiderato o su un punto vicino. 3. Fare clic con il pulsante Tentativo. Tra gli elementi presenti nel punto di cattura desiderato, il punto cattura tentativo viene inserito sullelemento posizionato nel disegno per primo. Lelemento viene evidenziato. 4. (Facoltativo) Se il punto cattura tentativo non stato correttamente inserito (lelemento non viene evidenziato), fare nuovamente clic con il pulsante Tentativo. Tra gli altri elementi presenti nel punto di cattura (gli elementi sui quali non stato inserito alcun punto tentativo), viene inserito un punto cattura tentativo su quello posizionato nel

Manuale dellutente di MicroStation

429

Tecnica di disegno
Utilizzo di AccuDraw
disegno per primo. Lelemento viene evidenziato. 5. (Facoltativo) Ripetere il passaggio 4 fino a quando lelemento desiderato non viene visualizzato.

Utilizzo di AccuDraw
AccuDraw uno strumento di disegno che consente di generare coordinate di precisione e di applicarle allo strumento attivo, dopo la valutazione di una serie di parametri, quali la posizione corrente del puntatore, il punto dati precedentemente inserito, lultimo comando relativo alle coordinate, le esigenze dello strumento corrente e qualunque comando inserito mediante digitazioni o opzioni di AccuDraw.

Esempio di utilizzo di AccuDraw


Per acquisire familiarit con la modalit di funzionamento di AccuDraw, viene riportato di seguito un esempio di creazione di un semplice disegno mediante lutilizzo di AccuDraw e dello strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) . Lo scopo dellesercizio la creazione di una staffa semplice. Se si utilizza un file 3D, nellesercizio si presume che venga utilizzata la vista dallalto.

Loggetto del disegno costituito da una staffa semplice di cui vengono indicate le dimensioni e le caratteristiche principali.
Con AccuDraw attivato (icona Attiva/disattiva AccuDraw sul menu degli strumenti Strumenti principali), selezionare lo strumento Posiziona SmartLine dal menu degli strumenti Elementi Lineari. Quando si inserisce il primo punto dati per definire langolo inferiore sinistro della staffa, viene visualizzato il riferimento

430

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Esempio di utilizzo di AccuDraw
AccuDraw con forma circolare o quadrata.

Il riferimento AccuDraw viene visualizzato quando, con AccuDraw attivo, viene posizionato un punto dati.
Loperazione successiva consiste nella creazione dello spigolo sinistro della staffa. Lo spostamento della linea visualizzata dinamicamente allinterno della finestra della vista non provoca alcun effetto fino a quando non la si avvicina a uno degli assi del riferimento AccuDraw. In questo caso, desiderando ottenere uno spigolo verticale, occorrer spostare la linea in prossimit dellasse Y. A questo punto, infatti, la linea viene allineata in modalit di cattura allasse stesso. Quando lasse viene evidenziato, possibile digitare il valore della distanza verticale, in questo caso 2 pollici. Non necessario precisare la direzione della distanza inserita, poich AccuDraw effettua automaticamente il calcolo e attiva il campo corretto (in cui verranno visualizzati i dati immessi), in questo caso il campo relativo allasse Y. Dopo avere digitato il valore della distanza, inserendo un punto dati viene visualizzato il risultato delloperazione, ossia un segmento di linea orientato lungo lasse verticale e lungo esattamente 2 pollici.

Parte iniziale dello spigolo sinistro della staffa, con lunghezza di 2 pollici, posizionata con lo strumento AccuDraw
A questo punto, il riferimento AccuDraw si sposta sullestremit della linea appena posizionata. Il segmento di linea visualizzato dinamicamente pu essere nuovamente spostato allinterno della finestra della vista. ora necessario inserire una linea lunga 1,25 pollici in direzione orizzontale. Per effettuare questa operazione,

Manuale dellutente di MicroStation

431

Tecnica di disegno
Esempio di utilizzo di AccuDraw
allineare in modalit di cattura la linea visualizzata dinamicamente allasse orizzontale positivo, digitare 1.25 e inserire un punto dati.

Spigolo superiore della staffa dopo il posizionamento lungo lasse orizzontale della linea.
La successiva fase del processo di creazione prevede uno spostamento con un angolo di 30 gradi alla distanza specificata. Premendo la barra spaziatrice il riferimento AccuDraw passa alla modalit polare (indicata da un riferimento di forma circolare), che consente di inserire un angolo e una distanza. Per bloccare la linea nella direzione desiderata, necessario inserire 30 gradi nel campo Angolo e 1,75 pollici nel campo Distanza. Con linserimento di un punto dati, la nuova posizione viene confermata.

Vicino allintaglio viene visualizzato il riferimento polare orientato lungo la nuova linea.
Si noti che la sensibilit al contesto di AccuDraw consente lallineamento del riferimento lungo la linea con inclinazione di 30 gradi. AccuDraw consente inoltre di associare informazioni relative alle coordinate in base agli elementi esistenti. Per posizionare una linea lunga mezzo pollice in modo che formi un angolo retto con la linea inclinata di 30 gradi, sufficiente allinearsi allasse appropriato, digitare 0,5 e inserire un punto dati per accettare.

Creazione dellintaglio quasi completata.

432

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Esempio di utilizzo di AccuDraw
Una volta completato lintaglio della staffa, rimane solo da completare lo spigolo destro della staffa. Tuttavia, il riferimento di AccuDraw risulta ancora ruotato verso langolo di 60 gradi dellintaglio e non nella posizione orizzontale richiesta. Per modificare lorientamento del riferimento AccuDraw in modo che assuma lorientamento della vista dallalto (impostazione predefinita), premere T. Premendo la barra spaziatrice viene visualizzato un riferimento di forma rettangolare. Per definire lultima dimensione della staffa, necessario allineare nuovamente il riferimento allasse X, digitare 2 pollici nel campo attivo e inserire un punto dati.

Quando si preme il tasto T il riferimento di AccuDraw viene orientato agli assi X e Y dello schermo.
Per chiudere la parte inferiore della staffa, utilizzare la funzione di bloccaggio intelligente degli assi di AccuDraw che viene attivata premendo Invio mentre si sposta il puntatore lungo lasse Y. In seguito allallineamento, la direzione viene bloccata lungo lasse Y in modo che sia possibile spostarsi solo verso lalto o verso il basso. Con linserimento di un punto tentativo in corrispondenza del punto di inizio della staffa (lo strumento Posiziona SmartLine consente il posizionamento in modalit di cattura su un elemento in costruzione) e quindi di un punto dati viene individuato langolo inferiore destro della staffa. Per completare loperazione, inserire un punto tentativo e un punto dati sullorigine della staffa. Tenere presente che possibile utilizzare AccuSnap insieme a AccuDraw per accelerare il processo di cattura di punti tentativo.

Manuale dellutente di MicroStation

433

Tecnica di disegno
Per attivare AccuDraw Quando si inserisce un punto tentativo in corrispondenza dellorigine della staffa viene visualizzata una linea di riferimento tratteggiata.
Nella sezione precedente stato illustrato lutilizzo di AccuDraw mediante un esercizio semplice. In realt, questo strumento per il disegno offre funzionalit molto pi complesse. AccuDraw, infatti, stato progettato per rendere le operazioni di disegno pi semplici ed intuitive. Per poter sfruttare a pieno le potenzialit di questo strumento, necessario innanzitutto acquisire familiarit con tutte le funzioni in esso disponibili per comprenderne la logica sottostante.

Nelle sezioni che seguono, verranno presentate le funzioni dellinterfaccia utente di AccuDraw e verranno illustrate le impostazioni e i comandi che influenzano le modalit di funzionamento dello strumento.

Per attivare AccuDraw

In base allimpostazione predefinita, lo strumento AccuDraw viene attivato automaticamente allavvio di MicroStation. Una volta attivato, AccuDraw viene utilizzato da tutti gli strumenti di disegno per linserimento dinamico di dati.

434

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Per attivare AccuDraw

Per attivare/disattivare AccuDraw


1. Nella casella degli strumenti Strumenti principali, selezionare lo strumento Attiva/disattiva AccuDraw. Viene visualizzata/chiusa la finestra di dialogo AccuDraw. In genere, il riferimento AccuDraw viene visualizzato quando viene inserito il primo punto dati dopo la selezione di uno strumento. Il funzionamento di AccuDraw cambia leggermente con gli strumenti per i quali la visualizzazione di linee dinamiche precede linserimento di punti dati. Posiziona testo e Posiziona cella attiva sono due strumenti appartenenti a questa categoria. Con questi strumenti, il riferimento di AccuDraw non viene visualizzato dopo linserimento del primo punto dati, ma in corrispondenza dellultimo punto dati inserito. In questo modo possibile posizionare un elemento rispetto a questa posizione utilizzando uno degli assi locali di AccuDraw.

AccuDraw influenza anche le operazioni di posizionamento di testo o celle. Se si posiziona una stringa di testo con AccuDraw attivo, lorientamento iniziale corrisponder al piano di disegno corrente di AccuDraw. In altri termini, se un piano di disegno orientato in base alla vista frontale, (per ulteriori informazioni, vedere Piano di disegno di AccuDraw a pagina 4-38), il testo verr orientato lungo il piano frontale indipendentemente dallorientamento della vista.

AccuDraw non viene attivato quando vengono utilizzati strumenti con i quali potrebbe risultare in conflitto. Ad esempio, durante il posizionamento di una fence, la selezione degli elementi, la quotatura e cos via.

Sebbene AccuDraw venga spesso utilizzato per tutta la durata della sessione di disegno, possibile che si verifichino interferenze con alcune operazioni specifiche. In questi casi, possibile disattivare AccuDraw in modo che gli strumenti di MicroStation riprendano il normale funzionamento.

Manuale dellutente di MicroStation

435

Tecnica di disegno
Riferimento AccuDraw

Per disattivare AccuDraw


1. Nella casella degli strumenti Strumenti principali, selezionare lo strumento Attiva/disattiva AccuDraw. o Con la finestra di AccuDraw attiva, premere Q.

Riferimento AccuDraw
Lelemento caratteristico di AccuDraw il riferimento. Il riferimento visibile soltanto quando AccuDraw attivo e controlla gli input delle coordinate di MicroStation. Svolge la funzione di indicatore di stato e di riferimento per gli input.

Riferimento AccuDraw. A sinistra: sistema di coordinate rettangolare. A destra: sistema di coordinate polare

Punto di origine
Il punto di origine di AccuDraw si trova al centro del riferimento. Costituisce il punto focale di tutte le operazioni di AccuDraw, ossia il punto a partire dal quale hanno effetto le opzioni di AccuDraw selezionate.

Il punto di origine riveste una notevole importanza per tutte le operazioni che possibile eseguire con AccuDraw. Tutti i comandi di AccuDraw (digitazioni relative alla distanza, scelte rapide e cos via) vengono utilizzati insieme al riferimento dello strumento. Nella maggior parte dei casi, il riferimento viene posizionato in

436

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Riferimento AccuDraw
corrispondenza dellultimo punto dati inserito. Mediante alcuni comandi, inoltre, possibile spostare il riferimento in posizioni completamente differenti senza inserire effettivamente alcun punti dati, un concetto analogo a quello dei punti tentativo.

La cornice (indicatore del piano di disegno)


La cornice, o indicatore del piano di disegno, si trova intorno al punto di origine. Il suo scopo principale consiste nellindicare lorientamente corrente del piano di disegno di AccuDraw (vedere pagina 4-38) e il sistema di coordinate utilizzato. Se la viene visualizzata sotto forma di rettangolo tratteggiato, il sistema di coordinate (X,Y) attivo di tipo rettangolare. Se la cornice viene visualizzata sotto forma di cerchio tratteggiato, il sistema di coordinate attivo di tipo polare (distanza, angolo). Il colore predefinito della cornice il grigio ma pu essere modificato mediante la scheda Visualizzazione della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw.

Per cambiare il colore della cornice AccuDraw


1. Con AccuDraw attivo, aprire la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw premendo il tasto G seguito dal tasto S (Get Settings). o Scegliere Impostazioni > AccuDraw. 2. Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, fare clic sulla scheda Visualizzazione. 3. Dal menu di opzioni corrispondente scegliere un nuovo colore (il colore del pulsante indica limpostazione corrente). In un file DGN 2D, la porzione del piano di disegno del riferimento indica semplicemente il sistema di coordinate corrente. In ambiente 3D, invece, il piano di disegno del riferimento riveste una notevole importanza. Poich il piano di disegno di AccuDraw pu essere orientato lungo un piano qualsiasi nello spazio 3D, lindicatore del piano di disegno di AccuDraw determina la posizione in cui verranno visualizzati i punti dati rispetto al resto del disegno.

possibile spostare lorigine di AccuDraw in corrispondenza della

Manuale dellutente di MicroStation

437

Tecnica di disegno
Piano di disegno di AccuDraw
posizione corrente del puntatore o del punto tentativo utilizzando un tasto di scelta rapida (il tasto O).

Assi X/Y
Le parti finali del riferimento di AccuDraw rappresentano gli assi. Orientati in modo da formare un angolo retto, i due assi rappresentano gli assi X e Y del piano di disegno.

Ciascun asse viene visualizzato con un colore specifico. In base allimpostazione predefinita, lasse X positivo (o +X) viene visualizzato in rosso, lasse Y positivo (o +Y) in verde. Nel caso in cui i due colori risultino scarsamente visibili, possibile modificarli mediante la scheda Visualizzazione della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. possibile anche cambiare il colore di evidenziatura utilizzato quando il puntatore viene allineato allasse X o Y.

Per cambiare i colori degli assi X e Y di AccuDraw o la relativa evidenziatura


1. Con AccuDraw attivo, aprire la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw premendo il tasto G seguito dal tasto S (Get Settings). o Scegliere Impostazioni > AccuDraw. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. 2. Fare clic sulla scheda Visualizzazione. 3. Dal menu di opzioni Asse X o Asse Y, scegliere un nuovo colore (il colore del pulsante indica limpostazione corrente). 4. Scegliere un nuovo colore dal menu di opzioni Evidenzia (il colore del pulsante indica limpostazione corrente).

Piano di disegno di AccuDraw


Il piano di disegno rappresenta uno degli aspetti fondamentali di AccuDraw. Durante una sessione di lavoro, il piano di

438

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Piano di disegno di AccuDraw
disegno viene orientato in base a una serie di fattori, quali le impostazioni dello strumento attivo, lultima coordinata posizionata e le impostazioni di AccuDraw. Questa funzionalit avanzata viene definita sensibilit al contesto.

Con lo strumento Posiziona SmartLine, ad esempio, lorientamento del riferimento AccuDraw cambia ogni volta che viene inserito un nuovo punto dati. Poich Posiziona SmartLine compatibile con la funzione di sensibilit al contesto di AccuDraw, gli assi del piano di AccuDraw vengono ruotati in base allangolo compreso tra gli ultimi due punti dati.

Lo strumento Posiziona SmartLine determina lorientamento del riferimento


possibile disattivare questa funzione mediante la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw (deselezionando lopzione Sensibilit al contesto nella scheda Operazione). Se la funzione viene disattivata, il riferimento mantiene il normale orientamento degli assi della vista (+X verso destra, +Y verso lalto).

Sistemi di coordinate del piano di disegno


Il piano di disegno di AccuDraw pu essere utilizzato con due diversi sistemi di coordinate, poich MicroStation fornisce il supporto per i valori delle coordinate espresse sia in modalit rettangolare che polare.

Rettangolare, per specificare distanze lungo gli assi del piano di disegno. La cornice di AccuDraw viene visualizzata

Manuale dellutente di MicroStation

439

Tecnica di disegno
Finestra AccuDraw
sotto forma di indicatore quadrato. Polare, per specificare distanze e angoli rispetto allorigine. La cornice di AccuDraw viene visualizzata sotto forma di indicatore circolare.

Per passare dal sistema di coordinate Rettangolare a quello Polare e viceversa


1. Con la finestra AccuDraw attiva, premere la barra spaziatrice.

Metodo alternativo Per passare dal sistema di coordinate Rettangolare a quello Polare e viceversa
1. Con AccuDraw attivo, aprire la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw premendo il tasto G seguito dal tasto S (Get Settings). o Scegliere Impostazioni > AccuDraw. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. 2. Fare clic sulla scheda Coordinate. 3. Selezionare Polare o Rettangolare dal menu di opzioni Tipo.

Finestra AccuDraw

AccuDraw dispone di una propria finestra, chiamata AccuDraw, che contiene i campi per linserimento dei dati e i pulsanti per il bloccaggio degli assi per il sistema di coordinate attivo.

Finestra AccuDraw e finestra attiva


Una volta attivato AccuDraw, la relativa finestra diventa parte dellinsieme di elementi attivi controllati dal tasto Esc. Se la

440

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw
finestra Digita non attivata, la finestra attiva viene spostata dalla finestra AccuDraw alla finestra Impostazione strumenti. In caso contrario, la finestra attiva passa dalla finestra AccuDraw alla finestra Impostazione strumenti e infine alla finestra Digita. Premendo Shift-Esc il ciclo viene invertito e lo stato attivo passa dalla finestra Digita alla finestra Impostazione strumenti e infine alla finestra AccuDraw.

Si tenga presente che se la finestra AccuDraw non attiva, non possibile utilizzare i tasti di scelta rapida. Dopo linserimento di un punto dati o di un punto tentativo, la finestra AccuDraw viene automaticamente attivata e finch non si preme il tasto Esc rimane attiva.

Quando viene attivato AccuDraw, la relativa finestra risulta mobile, come quella di qualsiasi altro strumento. possibile, tuttavia, agganciarla al margine superiore o a quello inferiore della finestra di MicroStation.

Finestra di AccuDraw agganciata al margine inferiore della finestra dellapplicazione.


Agganciando la finestra AccuDraw si riduce lo spazio occupato nellarea di lavoro del disegno. Analogamente alla finestra in versione mobile, anche i campi della finestra in versione agganciata cambiano in base alla modalit attiva (polare o rettangolare) e al tipo di file DGN (2D o 3D).

Finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw


Numerosi aspetti del funzionamento di AccuDraw vengono definiti utilizzando i controlli della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, alcuni dei quali (sensibilit al contesto e colori di visualizzazione degli assi) sono stati descritti nelle sezioni precedenti.

Manuale dellutente di MicroStation

441

Tecnica di disegno
Controllo e utilizzo di AccuDraw

Per aprire la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw


1. Dal menu Impostazioni, scegliere AccuDraw. o Con la finestra AccuDraw attiva, premere G, S.

Per ulteriori informazioni sulle impostazioni di AccuDraw non illustrate in questa sezione, vedere AccuDraw nel Manuale di riferimento in linea.

Controllo e utilizzo di AccuDraw


Il funzionamento di AccuDraw pu essere controllato in vari modi. infatti possibile utilizzare sequenze di uno o due tasti, definiti tasti di scelta rapida, le impostazioni degli altri strumenti di disegno e le opzioni disponibili nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw.

AccuDraw fornisce il supporto per una vasta gamma di operazioni che, comunque, rientrano nelle tre funzionalit principali dello strumento indicate di seguito: Anteprima e vincolo di punti dati Posizionamento del riferimento AccuDraw Orientamento del piano di disegno di AccuDraw

442

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Controllo e utilizzo di AccuDraw
Nella seguente sezione verranno illustrate le tre principali funzioni di AccuDraw. Per ottenere il risultato desiderato, nella maggior parte dei casi sar necessario utilizzare una combinazione dei tre tipi di operazioni.

AccuDraw pu essere utilizzato sia con gli strumenti di disegno e manipolazione standard, sia con strumenti avanzati, quali Posiziona SmartLine e Modifica elemento (vedere pagina 5-101) . La modalit di funzionamento dello strumento la stessa in entrambi i casi. 1 . Selezionare lo strumento desiderato. 2 . Inserire un punto dati per attivare la visualizzazione dinamica e fissare la posizione dellorigine del piano di disegno. Per ulteriori informazioni, vedere Punto di origine a pagina 4-36. 3 . Se necessario, ruotare gli assi del piano di disegno. Per ulteriori informazioni, vedere Orientamento del piano di disegno di AccuDraw a pagina 4-69. 4 . Se necessario, impostare il tipo di sistema di coordinate del piano di disegno. Per ulteriori informazioni, vedere Sistemi di coordinate del piano di disegno a pagina 4-39. 5 . Visualizzare in anteprima e vincolare il punto dati successivo. Per ulteriori informazioni, vedere Anteprima e vincolo di punti dati a pagina 4-44. 6 . Inserire il punto dati.

Durante la creazione di un disegno, in genere si utilizza una combinazione di funzionalit di AccuDraw. Per sfruttare pienamente tali funzionalit, tuttavia necessario comprendere la modalit in cui queste interagiscono con lo strumento attivo e con il punto dati corrente. Molti strumenti di disegno sono stati ottimizzati per essere utilizzati con AccuDraw. Per ulteriori informazioni, vedere Interazione di AccuDraw con numerosi strumenti a pagina 4-73. AccuDraw risulta particolarmente utile con disegni 3D.

Manuale dellutente di MicroStation

443

Tecnica di disegno
Anteprima e vincolo di punti dati

Anteprima e vincolo di punti dati


Tramite i punti tentativo, AccuDraw consente di visualizzare in anteprima e di vincolare la posizione di punti dati non ancora inseriti. Quando si inserisce un valore nella finestra AccuDraw, laggiornamento dinamico delle finestre delle viste consente la visualizzazione immediata del risultato delloperazione. In questo modo, possibile accettare il punto tentativo o scegliere una posizione differente. Si disporr quindi della flessibilit necessaria per modificare in qualsiasi momento un punto dati non ancora confermato. Le impostazioni e i dati immessi nella finestra AccuDraw, infatti, diventano effettivi solo quando il punto dati viene inserito.

Funzionamento di AccuDraw in base allo spostamento del puntatore


Quando attivo, AccuDraw registra lo spostamento del puntatore per anticipare le operazioni dellutente.

Mentre si sposta il puntatore, i campi della finestra AccuDraw vengono automaticamente aggiornati in base alle coordinate del piano di disegno corrispondenti alla posizione corrente del puntatore (espressa come offset relativo X, Y e Z o come distanza e angolo) rispetto alla posizione del riferimento AccuDraw.

Inoltre, il campo attivo della finestra di AccuDraw viene automaticamente modificato in base alla direzione dello spostamento del puntatore. Se il puntatore viene spostato verso uno degli assi del piano di disegno, viene attivato il campo da utilizzare per linserimento della posizione precisa del punto dati lungo tale asse.

444

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Anteprima e vincolo di punti dati

Impostazione della tolleranza


Nella scehda Coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw presente unimpostazione relativa alla tolleranza per gli Assi e la Distanza. Si tratta di unalternativa rispetto allutilizzo dellopzione Tolleranza selez. (vedere pagina 4-13) presente nella finestra di dialogo Preferenze a cui si accede tramite il menu Area di lavoro, sebbene, in base allimpostazione predefinita, siano corrispondenti: 10 pixel. In alternativa, possibile impostare questo valore mediante una digitazione (e quindi un tasto di scelta rapida o un tasto funzione): ACCUDRAW SETTINGS INDEXTOL [NUM], dove [num] il numero di pixel compreso tra 1 e 100. Questa funzionalit risulta particolarmente utile quando si desidera lavorare in dettaglio evitando allineamenti agli assi o allultima distanza.

Quando la distanza del puntatore da un asse del riferimento AccuDraw visualizzato compresa nel valore di tolleranza specificato, il puntatore viene allineato allasse in modalit di cattura. In questo caso, lelemento visualizzato dinamicamente viene considerato allineato allasse. Analogamente, se il puntatore si trova entro lintervallo di tolleranza della distanza precedente, il puntatore viene posizionato in modalit di cattura su tale distanza.

Allineamento lungo un asse del piano di disegno.


Lo scopo di questa funzionalit quello di facilitare le operazioni di applicazione di vincoli e di impostazione della precisione durante la visualizzazione in anteprima di un punto dati.

Per inserire coordinate rettangolari con AccuDraw


1. Inserire il primo punto dati. Mentre si sposta la linea visualizzata dinamicamente, il campo di digitazione attivo di AccuDraw viene spostato da X a Y, in base allasse pi vicino al puntatore. Se il riferimento Polare visibile, premere la barra spaziatrice per passare

Manuale dellutente di MicroStation

445

Tecnica di disegno
Anteprima e vincolo di punti dati
al sistema di coordinate Rettangolare. 2. Quando attivo il campo X, digitare il valore X desiderato. AccuDraw blocca automaticamente questo valore, indicato dal segno di spunta nella casella adiacente il campo X.

Digitazione di una distanza precisa lungo lasse X.


3. Spostare il puntatore verso lasse Y. Si noter una linea tratteggiata dinamica che indica il blocco dallasse X. La distanza richiesta per spostare il puntatore per attivare il campo Y corrisponde al valore Tolleranza selez. (vedere pagina 4-13) associato allindentificazione di un elemento ed selezionabile nella scheda Coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. 4. Digitare il valore Y desiderato e premere Invio al termine dellimmissione. Il punto finale del nuovo elemento viene impostato e vengono visualizzate delle linee tratteggiate fisse che si estendono dagli assi X e Y del riferimento AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per accettare la posizione. Se non si desidera accettare questo punto, premere Invio per ignorare gli assi bloccati e ripristinare lo stato dinamico libero del puntatore. Con il sistema di coordinate polare, il campo attivo non viene spostato automaticamente da Distanza ad Angolo, come avviene per i campi X, Y e Z del sistema di coordinate rettangolare. necessario spostarsi manualmente in questi due campi per inserire i valori desiderati. Per effettuare questa operazione possibile utilizzare il tasto Tab o Freccia gi.

Durante linserimento di valori angolari, tuttavia, non necessario inserire un valore negativo per spostarsi nella direzione opposta rispetto a un asse. Spostando il puntatore verso il quadrante opposto rispetto allangolo positivo, lelemento dinamico viene

446

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Anteprima e vincolo di punti dati
automaticamente spostato nella direzione negativa.

Per inserire una coordinata polare con AccuDraw


1. Inserire il primo punto dati. Se viene visualizzato il riferimento rettangolare, premere la barra spaziatrice per passare al sistema di coordinate polare. 2. Digitare un valore nel campo Distanza. Se il campo attivo Angolo, premere prima il tasto Tab o Freccia gi. La lunghezza dellelemento dinamico viene bloccata in base al valore inserito. ora possibile ruotare lelemento dinamico. 3. Premere il tasto Tab o Freccia gi. Viene attivato il campo Angolo. 4. Digitare langolo desiderato o Premere il tasto A per bloccare langolo in corrispondenza della posizione corrente del puntatore. 5. Inserire un punto dati per accettare il valore delle coordinate.

Distanza precedente
Unaltra funzionalit di AccuDraw progettata per semplificare le operazioni di disegno, rappresentata dalla possibilit di richiamare la distanza precedente. Man mano che si posizionano degli elementi in un modello, AccuDraw memorizza la distanza tra gli ultimi due punti dati. Questa distanza, indicata come distanza precedente, viene utilizza per facilitare linserimento del punto dati successivo.

Si supponga che la distanza precedente corrisponda alla lunghezza di un raggio rispetto allorigine del riferimento. Quando il puntatore si trova llinterno del valore di tolleranza da tale raggio (vedere Tolleranza selezione a pagina 4-13), viene visualizzata una linea tangente di piccole dimensioni, definita indicatore della distanza precedente, e il puntatore viene bloccato in corrispondenza del punto.

Manuale dellutente di MicroStation

447

Tecnica di disegno
Anteprima e vincolo di punti dati Indicatore della distanza precedente

Se si sposta il puntatore allinterno della distanza di tolleranza (vedere Impostazione della tolleranza a pagina 4-45), AccuDraw lo mantiene bloccato. Questa funzionalit disponibile solo con il sistema di coordinate polare. Con il sistema di coordinate rettangolare, la distanza precedente pu essere utilizzata solo se il puntatore viene allineato a uno degli assi del piano di disegno.

La distanza di offset di un punto dati dallultimo punto dati sar uguale a quella tra i due punti dati precedenti.

Questa funzione, detta di bloccaggio, pu essere facilmente annullata. sufficiente spostare il puntatore al di fuori della tolleranza per annullare il bloccaggio della distanza precedente.

Utilizzo della distanza precedente


Tutti i valori inseriti nei campi X, Y, Distanza e Angolo della finestra AccuDraw vengono memorizzati e possono quindi essere richiamati in caso di necessit. Nei campi X, Y (Z in 3D), Distanza o Angolo, premere il tasto PgSu per richiamare lultimo valore di distanza o angolo inserito. Premere nuovamente PgSu per richiamare il penultimo valore inserito, e cos via. Per i valori inseriti nei campi X, Y, Z e Distanza viene utilizzato un unico buffer, mentre i dati relativi al campo Angolo vengono memorizzati separatamente. quindi possibile inserire un valore nel campo X e, dopo aver attivato il campo Y, premere PgSu per inserire lo stesso valore.

448

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
AccuDraw e la calcolatrice popup

Modifica delle impostazioni


Molte delle opzioni di AccuDraw che possono impostate nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw possono essere attivate o disattivate anche mediante apposite digitazioni. Ad esempio, per attivare la sensibilit al contesto, possibile digitare: ACCUDRAW SETTINGS CONTEXTSENS ON. Se il comando viene inserito senza specificare on o off,, viene interpretato come un normale interruttore. La possibilit di attivare o disattivare le impostazioni risulta particolarmente utile con ele macro, sebbene spesso sia preferibile utilizzarle con funzione di interruttori in un tasto funzione/di scelta rapida. Queste digitazioni possono essere utilizzate anche per caricare automaticamente unorigine mobile, il posizionamento automatico di punti e lallineamento di assi e distanze. Lopzione on/off non mostrata nella finestra Digita.

AccuDraw e la calcolatrice popup


Con la nuova calcolatrice pop-up possibile eseguire operazioni matematiche sui valori visualizzati in alcuni campi di testo di MicroStation. I valori vengono automaticamente aggiornati. In questa sezione verr illustrato il funzionamento della calcolatrice, che viene spesso utilizzata con AccuDraw, ma che pu essere utilizzata anche con altri controlli. Attualmente, ad esempio, pu essere utilizzata anche con le opzioni Scala attiva e Angolo attivo. Nella tabella riportata di seguito vengono indicati i campi in cui possibile utilizzare la calcolatrice pop-up:
Finestra di dialogo Finestra AccuDraw Campi X Y Z Distanza Angolo Angolo attivo Scala attiva

(diverse) (diverse)

Manuale dellutente di MicroStation

449

Tecnica di disegno
AccuDraw e la calcolatrice popup

Per utilizzare la calcolatrice pop-up


1. Dopo aver attivato un campo in cui possibile utilizzare la calcolatrice popup, digitare uno dei seguenti operatori: +, -, *, /, = 2. Per completare il calcolo, digitare un valore o unespressione. Per accettare il risultato, premere Invio, inserire un punto dati o fare clic in un punto esterno alla calcolatrice pop-up. Per rifiutarlo, premere Esc.

Calcolo di un valore (digitando 2+1).

Esecuzione di operazioni semplici


La calcolatrice pop-up consente di eseguire calcoli sui valori delle misurazioni eseguite (ad esempio, moltiplicare una distanza dopo aver inserito un punto cattura su un elemento) oppure di digitare intere equazioni come 5,23 + 1,34.

Con la calcolatrice pop-up possibile evitare lutilizzo di una calcolatrice fisica e, mediante gli operatori + e -, possibile riposizionare automaticamente lorigine di AccuDraw rispetto a un valore di offset inserito in modalit di cattura o digitato direttamente.

La calcolatrice, che perfettamente integrata con AccuDraw, stata progettata per garantire la massima efficienza e semplicit duso. I comandi, ad esempio, possono essere immessi direttamente da tastiera evitando di spostare il mouse dalla finestra della vista alla finestra di dialogo. possibile, inoltre, utilizzare la calcolatrice con una modalit per tasti. In tal caso, il risultato del calcolo

450

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
AccuDraw e la calcolatrice popup
viene visualizzato sia numericamente che graficamente.

La calcolatrice popup in grado di supportare diversi formati e quindi di eseguire operazioni con valori espressi in piedi, pollici o gradi-minuti-secondi. Inoltre, nel caso in cui unoperazione non possa essere eseguita (ad esempio la moltiplicazione di piedi per piedi) la calcolatrice modifica automaticamente la stringa inserita per poterla interpretare correttamente.

Durante le operazioni su valori di misurazioni, vengono sempre utilizzati i valori precisi anzich i valori troncati della stringa. Il valore dinamico viene visualizzato nella parte inferiore della calcolatrice pop-up.

Creazione di un offset relativo (posizionandosi in modalit di cattura e digitando +2 nel campo X attivo).

possibile che la digitazione degli operatori +, - o / non attivi la calcolatrice, ma venga interpretata da AccuDraw come un segno positivo, negativo o di frazione. Per gli operatori + e - possibile attenersi alla seguente procedura. Se il valore bloccato o attivo un punto tentativo, la calcolatrice viene visualizzata. Se si inserisce unespressione del tipo: 3 3/8,, il simbolo / viene interpretato come parte di una frazione a causa dello spazio. Se, invece, si digita semplicemente 3/8, AccuDraw attiva la calcolatrice, ma il risultato uguale a 3 diviso 8, ovvero la frazione 3/8. Per inserire 1 piede e 3/8 di pollice, necessario digitare uno spazio (1: 3/8). In questo modo, il valore non viene interpretato erroneamente come 1 piede e 3 pollici, diviso 8. Lo stesso risultato si pu ottenere digitando 1+:3/8.

Manuale dellutente di MicroStation

451

Tecnica di disegno
AccuDraw e la calcolatrice popup
Per immettere correttamente punti dati sul piano (non coordinate polari), possibile utilizzare alcune procedure speciali per evitare interpretazioni errate. Poich quando il cursore puntato nella direzione negativa AccuDraw considera i valori come negativi, la calcolatrice aggiunge allespressione (quando appropriato) un segno meno.

Funzioni avanzate della calcolatrice pop-up


possibile utilizzare la calcolatrice pop-up per inserire espressioni complesse, quali operatori multipli, parentesi ed espressioni con sintassi C (sen(30), tcb->actangle). Una stringa viene considerata valida anche se le parentesi non sono correttamente bilanciate.

Se si digita =, la calcolatrice pop-up sostituisce il valore di AccuDraw esistente, anzich eseguire unoperazione su di esso. Il risultato, quindi, non viene riportato in un apposito campo della calcolatrice, ma viene aggiornato dinamicamente nel campo originale. Questa funzionalit, raramente necessaria in caso di operazioni semplici, pu risultare particolarmente utile con espressioni complesse.

La calcolatrice pop-up in versione compatta consente di sostituire valori con espressioni che non contengono un operatore semplice.
inoltre possibile immettere e salvare variabili. Sebbene non sia possibile salvarle su file e non sia disponibile alcuna interfaccia grafica utente, questa funzionalit pu risultare molto utile. In base allimpostazione predefinita, lunica variabile salvata pi. Utilizzando la calcolatrice possibile inserire questa variabile allinterno di qualsiasi espressione. Digitare =<nome variabile> per utilizzare la variabile direttamente come distanza o angolo.

452

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
AccuDraw e la calcolatrice popup Inserimento di unespressione complessa contenente parentesi e una variabile definita dallutente.

Per salvare le variabili


1. Digitare popcalc variable save <nome> <valore>. Se necessario, il valore pu essere inserito come espressione complessa. Il valore opzionale. Nel caso in cui non venga inserito alcun valore, viene automaticamente inserito lultimo valore elaborato dalla calcolatrice, consentendo cos lutilizzo di valori di misurazioni.

Per visualizzare le variabili


1. Digitare popcalc variable show seguito dal nome della variabile. Il nome opzionale. Nel caso in cui non venga inserito alcun nome, tutte le variabili vengono visualizzate in una finestra di dialogo di messaggi. Se viene indicato un nome di variabile, il nome e il valore vengono visualizzati sulla barra di stato.

Per eliminare le variabili


1. Digitare popcalc variable delete seguito dal nome della variabile. Esiste infine una variabile speciale, $, che indica il valore iniziale precedentemente misurato o inserito nel campo AccuDraw. Ad esempio, se dopo aver effettuato una misurazione con AccuDraw si desidera dividere 1 per tale valore, sufficiente digitare =1/$. Se si desidera moltiplicarlo per 12 al quadrato, digitare 12*$.

Manuale dellutente di MicroStation

453

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw

Tasti di scelta rapida di AccuDraw


Per definire la modalit di funzionamento di AccuDraw, quando lo strumento non anticipa automaticamente le operazioni da eseguire, disponibile unampia gamma di comandi formati da uno o due caratteri detti scelte rapide. Premendo il tasto appropriato, possibile indicare loperazione specifica che si desidera eseguire. Dato che nella maggior parte dei casi la finestra AccuDraw attiva per impostazione predefinita, possibile utilizzare direttamente il tasto di scelta rapida.

Nellarea sottostante il campo di inserimento dati attivo, vengono visualizzati popup di conferma dei tasti di scelta rapida di una sola lettera. Questa funzione risulta utile non solo per confermare le digitazioni ma anche per informare che la scelta rapida viene ricevuta tramite i campi di input di AccuDraw.

Le combinazioni a due tasti vengono visualizzate in un elenco a discesa collegato al campo di inserimento attivo per la conferma dellazione da eseguire. Nellelenco a discesa, adiacente al campo attivo, viene indicata lorigine della scelta rapida, rendendo pi semplice lesecuzione dellazione.

Nella seguente tabella vengono illustrate le scelta rapide digitate con maggiore frequenza:
Tasto Effetto Viene visualizzata la finestra Scelte rapide di AccuDraw.

454

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw
Tasto Effetto Bloccaggio intelligente

Invio

Nel sistema di coordinate rettangolare il valore dellasse X viene bloccato a 0 se il puntatore posizionato sullasse Y del piano di disegno, mentre viene bloccato il valore dellasse Y (a 0) se il puntatore posizionato sullasse X. Nel sistema di coordinate polare langolo viene bloccato a 0 , 90 , -90 o 180 se il puntatore posizionato su un asse del piano di disegno. In caso contrario, viene bloccata la distanza in base allultimo valore inserito.

barra spaziatrice O

Passa dal sistema di coordinate rettangolare a quello polare e viceversa. Sposta lorigine del piano di disegno nella posizione corrente del puntatore. Pu essere utilizzato per attivare AccuDraw prima di inserire un punto dati. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellasse X. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellasse Y. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore della distanza. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellangolo.

X Y D A

Per un elenco completo delle scelte rapide, vedere Elenco completo delle scelte rapide di AccuDraw a pagina 4-79.

Manuale dellutente di MicroStation

455

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw

Impostazioni predefinite di AccuDraw


Per impostare le scelte rapide in base al valore predefinito e per visualizzare il file delle scelte rapide sono disponibili appositi comandi. Il secondo comando risulta particolarmente utile nel caso in cui si desideri modificare il file manualmente senza uscire da MicroStation. Inoltre, pu risultare utile ogni volta che si desidera modificare una scelta rapida tramite un linguaggio di programmazione, quale MDL o BASIC. Le digitazioni che consentono di effettuare queste operazioni sono: ACCUDRAW SHORTCUTS DEFAULT e ACCUDRAW SHORTCUTS READFILE.

Creazione, modifica ed eliminazione di scelte rapide


Oltre a modificare i campi di input nella finestra di AccuDraw, possibile creare, modificare ed eliminare scelte rapide nellapposita finestra di AccuDraw come indicato di seguito: Premere Canc in qualsiasi campo di testo della finestra AccuDraw per modificare o eliminare la stringa visualizzata. Eliminare un collegamento selezionandolo nella finestra delle scelte rapide di AccuDraw e premendo Canc. Creare una nuova scelta rapida. Quando si esegue questa operazione, il nuovo collegamento viene inserito dopo quello selezionato, anzich alla fine dellelenco. Modificare una scelta rapida esistente.

Quando si definisce un nuovo tasto di scelta rapida o se ne modifica uno gi esistente, viene visualizzata una finestra di messaggio per segnalare che tale tasto di scelta rapida un duplicato o in conflitto con uno esistente (ad esempio F e FS). comunque possibile procedere con la definizione (ad esempio, se si desidera modificare laltro tasto di scelta rapida in un secondo momento), ma se si sceglie No, viene di nuovo visualizzata la finestra di dialogo per la modifica/creazione di una scelta rapida. Se per qualche motivo risulta impossibile scrivere le scelte rapide modificate nel file shortcut.txt, viene visualizzato un apposito messaggio di errore.

456

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw

Procedura generica Per attivare una scelta rapida


1. Con la finestra AccuDraw attiva, premere il tasto corrispondente alla scelta rapida che si desidera utilizzare. La scelta rapida viene attivata se la prima lettera digitata rappresenta, da sola, una scelta valida. In caso contrario, viene visualizzata la finestra di dialogo Scelte rapide di AccuDraw. Nella finestra di dialogo sono riportate le scelte rapide disponibili. Con la digitazione della seconda lettera viene attivata la scelta rapida.

Per visualizzare lelenco delle scelte rapide di AccuDraw disponibili


1. Con la finestra AccuDraw attiva, premere il tasto ?. Viene visualizzata la finestra di dialogo Scelte rapide di AccuDraw.

Finestra Scelte rapide di AccuDraw

Per attivare una scelta rapida composta da una sola lettera dalla finestra Scelte rapide di AccuDraw
1. Selezionare la scelta rapida desiderata dalla casella di riepilogo, quindi fare clic sul pulsante Esegui. o Premere il tasto corrispondente alla scelta rapida desiderata.

Per attivare una scelta rapida composta da due lettere dalla finestra Scelte rapide di AccuDraw
1. Selezionare la scelta rapida desiderata dalla casella di riepilogo,

Manuale dellutente di MicroStation

457

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw
quindi fare clic sul pulsante Esegui. o Premere le due lettere corrispondenti alla scelta rapida desiderata.

Bloccaggio intelligente
Una delle prime scelte rapide utilizzate il Bloccaggio intelligente. Il bloccaggio intelligente viene attivato premendo il tasto Invio e consente di bloccare le posizioni di uno degli assi del piano di disegno (simile al disegno di una linea lungo una squadra a T). A seconda della posizione del puntatore al momento in cui viene attivato il bloccaggio intelligente, si verifica una delle seguenti situazioni: Se il puntatore pi vicino allasse X del riferimento, viene bloccato sullasse X. Se il puntatore pi vicino allasse Y del riferimento, viene bloccato sullasse Y.

Quando il puntatore viene bloccato su un asse, la linea visualizzata dinamicamente viene evidenziata. Premere di nuovo il tasto Invio per disattivare il bloccaggio intelligente e spostare liberamente la linea dinamica.

Per vincolare il punto dati da inserire a un asse del piano di disegno


1. Posizionare il puntatore vicino allasse desiderato. Quando il puntatore si trova su un asse, viene visualizzata una linea evidenziata che si estende dallorigine del piano di disegno alla posizione corrente del puntatore.

Posizionamento del puntatore su un asse del piano di disegno: sullasse X (sopra), sullasse Y (sotto).

458

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw

2. Premere Invio. Viene attivato il bloccaggio intelligente e il punto dati dati da inserire viene vincolato allasse.

Punto dati da inserire vincolato allasse X

Manuale dellutente di MicroStation

459

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw Punto dati da inserire vincolato allasse Y

A questo punto, per vincolare il punto dati da inserire a una distanza precisa lungo lasse possibile digitare un valore o semplicemente inserire un punto cattura tentativo su un elemento o su un punto di riferimento e accettare il punto tentativo come posizione del punto dati. Premere nuovamente Invio per disattivare il bloccaggio intelligente ed eliminare il vincolo del punto dati da inserire. Il tasto Invio viene utilizzato come interruttore, ossia per attivare e disattivare il bloccaggio intelligente.

Posizionamento in modalit di cattura per vincolare il punto dati da inserire a una precisa distanza lungo lasse X

La funzione Bloccaggio intelligente non imposter il blocco su un asse quando si stanno immettendo i valori delle coordinate nei relativi campi. In questo caso, AccuDraw consente di spostare liberamente lelemento visualizzato dinamicamente.

Bloccaggio degli assi X e Y


Quando si utilizza il sistema di coordinate rettangolare, possibile fare in modo che AccuDraw blocchi la distanza corrente lungo un

460

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw
asse attivando la scelta rapida X or Y. La linea visualizzata dinamicamente viene bloccata sullasse indicato alla distanza corrente del puntatore dallorigine del riferimento. Una volta effettuta questa operazione, viene attivato il campo dati relativo allaltro asse di AccuDraw per la successiva digitazione. In seguito al bloccaggio dellasse X o Y, AccuDraw passa automaticamente al sistema di coordinate rettangolare. Tutti i valori X e Y inseriti sono relativi al piano del segmento di elemento precedente. Per annullare questa impostazione, possibile utilizzare lopzione Sensibilit al contesto. Quando questa opzione viene disattivata, AccuDraw viene orientato in base agli assi X e Y del file DGN.

Bloccaggio della distanza


possibile utilizzare la scelta rapida D per bloccare la distanza dal punto di origine del riferimento alla posizione corrente del puntatore e, se necessario, impostare il sistema di coordinate di AccuDraw su Polare. Il campo Angolo viene automaticamente attivato.

Per inserire in modo interattivo la distanza dellelemento visualizzato dinamicamente


1. Nel campo Distanza della finestra AccuDraw (sistema di coordinate polare) digitare la distanza. Il punto dati da inserire viene automaticamente vincolato e la casella di controllo accanto al campo Distanza viene selezionata. Ogni volta che si preme un tasto viene eseguito laggiornamento dinamico.

Metodo alternativo Per inserire in modo interattivo la distanza dellelemento visualizzato dinamicamente
1. Allontanare il puntatore dallorigine del piano di disegno fino a quando non viene visualizzata la distanza desiderata nel campo Distanza della finestra AccuDraw. Quando si sposta il puntatore,

Manuale dellutente di MicroStation

461

Tecnica di disegno
Tasti di scelta rapida di AccuDraw
la distanza visualizzata viene arrotondata in base allincremento specificato per limpostazione Distanza (se attiva) nella scheda Coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. 2. Premere il tasto D.

Bloccaggio dellangolo
Per impostare la porzione di angolo del piano di disegno di tipo polare e, se necessario, impostare il sistema di coordinate di AccuDraw su Polare, possibile utilizzare la scelta rapida A. Langolo viene impostato in base alla posizione corrente del puntatore.

Per bloccare in modo interattivo langolo di un elemento visualizzato dinamicamente


1. Nel campo Angolo della finestra AccuDraw (sistema di coordinate polare) digitare langolo espresso in gradi. Il punto dati da inserire viene automaticamente vincolato e la casella di controllo accanto al campo Angolo viene selezionata. Ogni volta che si preme un tasto viene eseguito laggiornamento dinamico.

Metodo alternativo Per bloccare in modo interattivo langolo di un elemento visualizzato dinamicamente
1. Spostare il puntatore intorno allorigine del piano di disegno fino a quando non viene visualizzato langolo desiderato nel campo Angolo della finestra AccuDraw. Quando si sposta il puntatore, langolo visualizzato viene arrotondato in base allincremento specificato per limpostazione Angolo (se attiva) nella scheda Coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw. 2. Premere il tasto A. Il valore dellangolo passa automaticamente allangolo opposto se indicato dalla posizione del puntatore.

462

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Arrotondamento delle unit ed effetto su AccuDraw

Il valore dellangolo passa automaticamente al valore opposto

Il valore dellangolo passa automaticamente al valore opposto

Arrotondamento delle unit ed effetto su AccuDraw


Sebbene i campi X, Y, Distanza e Angolo possano essere impostati digitando direttamente dei valori chiave, in AccuDraw disponibile una funzione di arrotondamento in base alla quale il nuovo punto dati pu essere vincolato a un multiplo di un valore impostato. Larrotondamento delle unit di AccuDraw pu essere definito nella scheda Coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw.

Manuale dellutente di MicroStation

463

Tecnica di disegno
Arrotondamento delle unit ed effetto su AccuDraw

Arrotondamento della distanza


Lattivazione del campo Distanza nella sezione Arrotondamento unit, determina lattivazione di una sorta di griglia invisibile. Larrotondamento della distanza, tuttavia, viene sempre calcolato dalla posizione corrente del riferimento. inoltre possibile sostituire questo valore in qualsiasi momento selezionando un elemento in modalit di cattura oppure inserendo un valore nei campi X, Y, Z o Distanza della finestra AccuDraw.

Per arrotondare i valori visualizzati nei campi X, Y, Z e Distanza della finestra AccuDraw in base allo spostamento del puntatore
1. Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, fare clic sulla scheda Coordinate. 2. Nella sezione Arrotondamento unit, selezionare lopzione Distanza. 3. Nel campo Distanza, digitare lincremento desiderato.

Per annullare larrotondamento della distanza


1. Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, fare clic sulla scheda Coordinate. 2. Nella sezione Arrotondamento unit, deselezionare lopzione Distanza.

Arrotondamento dellangolo
Larrotondamento unit per langolo consente di bloccare degli elementi su specifici assi. Ad esempio, se larrotondamento dellangolo viene impostato a 30 gradi, tutti gli elementi posizionati si troveranno lungo uno dei normali assi isometrici del disegno. Come per i campi X, Y, Z o Distanza, possibile sostituire questo valore in qualsiasi momento selezionando un elemento in modalit di cattura o inserendo un valore nel campo Angolo della finestra AccuDraw.

464

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Spostamento del riferimento di AccuDraw

Disegno in corso di creazione con il valore dellangolo nella finestra AccuDraw bloccato a 30

Per arrotondare i valori visualizzati nel campo Angolo della finestra AccuDraw in base allo spostamento del puntatore
1. Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, fare clic sulla scheda Coordinate. 2. Nella sezione Arrotondamento unit, selezionare lopzione Angolo. 3. Nel campo Angolo, digitare lincremento desiderato espresso in gradi.

Per annullare larrotondamento dellangolo


1. Nella finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, fare clic sulla scheda Coordinate. 2. Nella sezione Arrotondamento unit, deselezionare lopzione Angolo.

Spostamento del riferimento di AccuDraw


In base allimpostazione predefinita, AccuDraw posiziona il suo riferimento in corrispondenza dellultimo punto dati. In alcune circostanze, tuttavia, risulta necessario assumere il controllo del riferimento AccuDraw. Ad esempio, durante linserimento di punti cattura tentativo risulta utile sbloccare il riferimento di AccuDraw

Manuale dellutente di MicroStation

465

Tecnica di disegno
AccuDraw e il punto tentativo
per posizionarlo nel punto desiderato. Nella sezione seguente viene illustrata la procedura per sbloccare il riferimento di AccuDraw e vengono descritte alcune modalit di utilizzo di AccuDraw che consentono di eseguire con facilit operazioni complesse.

Opzione dellorigine mobile


In qualsiasi momento possibile spostare il riferimento di AccuDraw in corrispondenza del puntatore. Per eseguire questa operazione viene utilizzata la scelta rapida O che impone a AccuDraw di spostare il riferimento nel punto in cui si trova il puntatore.

Questo avviene indipendentemente dallo strumento o dalloperazione correntemente selezionata. Ci si verifica poich AccuDraw uno strumento non modale, ossia uno strumento che pu essere utilizzato in qualsiasi momento durante una procedura.

In genere, il punto di origine del riferimento riposizionato viene utilizzato per allineare un elemento in costruzione da un punto esistente. Se, ad esempio, si desidera posizionare langolo di un rettangolo a una certa distanza da una data posizione, possibile inserire un punto cattura tentativo in corrispondenza di tale posizione, quindi premere O per spostarvi lorigine del piano di disegno. A questo punto possibile utilizzare AccuDraw per posizionare il punto tentativo a partire da questa nuova origine. Questa procedura illustrata nella sezione seguente riguardante AccuDraw e il punto tentativo.

AccuDraw e il punto tentativo


La creazione di offset di precisione una funzione fondamentale del processo di disegno. possibile eseguire questa operazione con AccuDraw utilizzando dei punti tentativo. Questi punti possono essere inseriti manualmente oppure utilizzando AccuSnap per accelerare ulteriormente il processo.

Sia che i punti tentativo siano stati immessi manualmente o con

466

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
AccuDraw e il punto tentativo
AccuSnap, per utilizzare AccuDraw e il punto tentativo risulta particolarmente utile la funzione Imposta origine (scelta rapida O). Ogni volta che presente un punto tentativo, premendo il tasto O il riferimento viene riposizionato in corrispondenza del punto tentativo.

Viene attivata la modalit di punto tentativo dinamico, mediante la quale possibile definire la posizione finale del punto dati in uno dei modi seguenti: Inserendo i dati delle coordinate mediante la finestra AccuDraw. Utilizzando un secondo punto tentativo e vari bloccaggi (X/Y o D/A) per impostare loffset in modo interattivo.

Questultima tecnica risulta particolarmente utile quando si desidera impostare un offset da due elementi.

Per creare un offset da un elemento, lungo lasse X o Y


1. Con uno strumento attivo, utilizzare AccuSnap per visualizzare un punto tentativo in corrispondenza del punto desiderato sullelemento (oppure posizionarlo manualmente). 2. Premere il tasto di scelta rapida O. Il riferimento si sposta sulla posizione del punto tentativo. 3. Spostare il puntatore in modo che venga indicizzato sullasse X o Y. In questo modo, viene attivato automaticamente lasse indicizzato. 4. Digitare la distanza desiderata. 5. Con il puntatore ancora indicizzato sullasse, inserire un punto dati per accettare.

Per creare un offset da un elemento, lungo lasse X e lasse Y


1. Con uno strumento attivo, utilizzare AccuSnap per visualizzare un punto tentativo in corrispondenza del punto desiderato

Manuale dellutente di MicroStation

467

Tecnica di disegno
AccuDraw e il punto tentativo
sullelemento (oppure posizionarlo manualmente). 2. Premere il tasto di scelta rapida O. Il riferimento si sposta sulla posizione del punto tentativo. 3. Spostare il puntatore in modo che venga indicizzato sullasse X o Y. In questo modo, viene attivato automaticamente lasse indicizzato. 4. Digitare la distanza desiderata. In questo modo la distanza viene bloccata sullasse indicizzato. 5. Spostare il puntatore lungo laltro asse. Si noter la presenza di una linea tratteggiata che indica che la distanza dal primo asse viene mantenuta. 6. Digitare la distanza desiderata lungo il secondo asse. Vengono visualizzate linee tratteggiate che indicano la distanza dallasse X e dallasse Y. 7. Accettare per posizionare il punto dati in corrispondenza degli offset.

Per creare un offset da due elementi


1. Con uno strumento attivo, utilizzare AccuSnap per visualizzare un punto tentativo in corrispondenza del primo punto sullelemento (oppure posizionarlo manualmente). 2. Premere il tasto di scelta rapida O. Il riferimento si sposta sulla posizione del punto tentativo. 3. Attivato punto chiave sul secondo elemento, utilizzare AccuSnap per visualizzare un punto tentativo (oppure posizionarlo manualmente). 4. Premere il tasto X o Y. La linea dinamica viene bloccata sullasse X o Y appropriato in corrispondenza delloffset tra il primo e il secondo punto tentativo. 5. Utilizzare un altro punto tentativo per bloccare laltro asse del riferimento del punto tentativo. o Inserire un punto dati per impostare il secondo valore dellasse. Il riferimento iniziale viene riposizionato in corrispondenza della nuova posizione indirettamente acquisita. A questo punto,

468

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Orientamento del piano di disegno di AccuDraw
possibile continuare a utilizzare lo strumento di disegno attivo.

Orientamento del piano di disegno di AccuDraw


AccuDraw un potente strumento per il disegno 2D. ancora pi potente in ambiente 3D, in cui possibile utilizzare un sistema di coordinate noto anche se lorientamento della vista diverso. possibile ad esempio lavorare in una vista isometrica, con il piano di lavoro AccuDraw orientato nella vista dallalto. Il piano di disegno di AccuDraw viene orientato in base alla rotazione impostata nella sezione Sistema di coordinate della finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw.
Rotazione sistema di coordinate Alto (predefinita) Definizione

Orienta il riferimento in modo da adattarlo alla vista dallalto (in ambiente 2D corrisponde a una vista non ruotata). Orienta il riferimento in modo da adattarlo alla vista frontale (solo 3D). Orienta il riferimento in modo da adattarlo alla vista laterale (solo 3D). Orienta il riferimento in base agli assi della vista corrente Orienta il riferimento in base allultimo sistema di coordinate ausiliario definito (vedere Rotazione ausiliaria). Orientamento temporaneo determinato da pi fattori, tra cui lo strumento corrente, i punti dati precedenti e la scelta rapida RQ.

Frontale Laterale Vista Ausiliaria

Contesto

Rotazione degli assi del piano di disegno in ambiente 2D


Oltre agli orientamenti standard del piano di disegno, la rotazione degli assi del piano di disegno pu essere modificata utilizzando i

Manuale dellutente di MicroStation

469

Tecnica di disegno
Orientamento del piano di disegno di AccuDraw
tasti di scelta rapida. In ambiente 2D, possibile ruotare il piano di disegno di AccuDraw solo intorno agli assi della vista. La stessa limitazione imposta alla rotazione delle viste.

Strumenti sensibili alla rotazione


In base allo strumento utilizzato, la rotazione dinamica degli assi del piano di disegno pu determinare risultati diversi. Si supponga ad esempio di voler posizionare un rettangolo con lo strumento Posiziona rettangolo (Ortogonale) (vedere pagina 3-48) , il cui orientamento dipende dagli assi XY del piano di disegno.

Una volta ruotati gli assi del piano di disegno, lasse principale del rettangolo viene vincolato allasse XY ruotato.

Il risultato differente se si utilizza lo strumento Posiziona linea (vedere pagina 3-26) . Infatti, in seguito alla rotazione degli assi del piano di disegno viene attivata la lettura dinamica del sistema appena ruotato, ma lo strumento pu essere ancora utilizzato per posizionare dinamicamente la linea nella posizione desiderata.

Scelta rapida per la rotazione veloce


possibile utilizzare la scelta rapida R, Q (Rotate Quick) per modificare lorientamento del piano di disegno solo per il punto dati correnti, ripristinando poi il normale funzionamento. Questo pu variare a seconda dello strumento in uso.

Per ruotare velocemente gli assi del piano di disegno


1. Con le dinamiche di AccuDraw attive, premere R, Q. Lindicatore del piano di disegno ruota liberamente intorno

470

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Orientamento del piano di disegno di AccuDraw
allorigine e lasse X segue il movimento del puntatore. 2. Inserire un punto dati per accettare la rotazione specificata. possibile continuare a utilizzare lo strumento precedentemente selezionato. Si supponga di utilizzare lo strumento Posiziona linea (vedere pagina 3-26) per avviare un processo di creazione e di voler allineare gli assi del piano di disegno alla nuova linea. Dopo aver stabilito lorigine del piano di disegno (utilizzando il primo punto dati della linea), premere R, Q per ruotare gli assi del piano di disegno in modo interattivo.

Rotazione dinamica degli assi del piano di disegno

Posizionamento della linea

La scelta rapida per ruotare il sistema di coordinate del piano di disegno di 90 intorno a un singolo asse di disegno su un singolo asse RZ (oltre a RX e RY in 3D), quella per allinearlo con gli assi del piano di disegno T (oltre a F e S in 3D), mentre quella per allinearlo agli assi della vista V. In ambiente 3D, la rotazione degli assi di AccuDraw assume un ruolo molto importante nel processo di disegno. Questo

Manuale dellutente di MicroStation

471

Tecnica di disegno
Utilizzo delle scelte rapide per le modalit di cattura con AccuDraw
argomento trattato nella sezione Utilizzo di AccuDraw in ambiente 3D (vedere pagina 9-66) .

Utilizzo delle scelte rapide per le modalit di cattura con AccuDraw


In AccuDraw sono disponibili alcuni tasti di scelta rapida per potenziare le pi comuni modalit di cattura: V Vicino C Centro I Intersezione

La selezione delle modalit di cattura mediante le scelte rapide, ad eccezione della modalit Vicino, equivale alla loro selezione dalla barra di stato o dalla barra dei pulsanti Modalit di cattura.

Modalit avanzata per la cattura del punto pi vicino di AccuDraw


Con AccuDraw disattivo, quando si inserisce un punto cattura su un elemento con la modalit di cattura Vicino, manualmente o con AccuSnap, il punto cattura tentativo viene inserito in corrispondenza del punto dellelemento pi vicino al puntatore. Con AccuDraw attivo, quando il puntatore vincolato ai valori di X, Y, Distanza o Angolo e un elemento viene posizionato con la modalit di cattura impostata a Vicino, il punto cattura tentativo viene inserito nel punto dellelemento che risulta pi vicino, ma che soddisfa anche il bloccaggio di AccuDraw.

Nella maggior parte dei casi, il risultato analogo a quello ottenuto utilizzando lo strumento Prolunga elemento allintersezione (vedere pagina 5-116) . Nel caso in cui non esistano punti sullelemento che siano in grado di soddisfare il bloccaggio di AccuDraw, il punto cattura viene visualizzato in corrispondenza del punto dellelemento pi vicino al puntatore. Questo punto verr successivamente proiettato sulla linea o cerchio ipotetico determinato dal bloccaggio di AccuDraw.

472

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti Modalit di cattura impostata a Vicino con lo strumento Posiziona SmartLine vincolato a un angolo

Impostazione del divisore cattura punti chiave


Sebbene non possa essere tecnicamente definita come una modalit di cattura, disponibile unaltra scelta rapida associata allinserimento di punti cattura tentativo, K che consente di aprire la finestra di dialogo Divisore cattura punti chiave. Consente di definire il numero di punti chiave in ciascun elemento. Quando si utilizza questo tasto di scelta rapida, il punto cattura successivo un punto chiave.

Finestra di dialogo Divisore cattura punti chiave

Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti

Sebbene la modalit di funzionamento di AccuDraw sia di natura globale, pu influenzare singoli strumenti. AccuDraw pu essere utilizzato in sostituzione alle impostazioni di molti strumenti. Nella seguente sezione verr illustrata questa particolare funzione. Lo strumento Posiziona SmartLine stato appositamente progettato per sfruttare al meglio tutte le funzionalit di AccuDraw. Per ulteriori informazioni, vedere AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine a pagina 4-77.

Manuale dellutente di MicroStation

473

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti

Utilizzo dello strumento Posiziona cerchio


Le avanzate funzionalit di AccuDraw possono essere sfruttate anche con uno strumento semplice come Posiziona cerchio. Ad esempio, quando si posiziona un cerchio possibile impostarne esplicitamente il diametro attivando lopzione Diametro ed inserendo un valore nel relativo campo. Con AccuDraw attivo, questa operazione pu essere effettuata con rapidit utilizzando alcune digitazioni.

Dopo aver posizionato il punto di origine del cerchio, sufficiente digitare il valore del raggio. AccuDraw blocca automaticamente il cerchio al valore specificato, indicato dal cerchio dinamico. Loperazione pu essere effettuata indipendentemente dal sistema di coordinate di disegno attivo.

Utilizzo di AccuDraw per il posizionamento di un cerchio per il centro.


Il procedimento da seguire per posizionare un secondo cerchio di uguale raggio altrettanto semplice. Utilizzando la funzione della distanza precedente di AccuDraw, il cerchio viene temporaneamente bloccato al raggio precedente per consentire linserimento di un secondo punto dati. Per posizionare altri cerchi sar quindi necessario inserire due punti dati. Nel caso in cui si debbano posizionare pi cerchi di diametro fisso, pu essere preferibile lutilizzo dellopzione Diametro dello strumento.

AccuDraw e lo strumento Posiziona arco


AccuDraw pu essere utilizzato per semplificare il funzionamento dello

474

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti
strumento Posiziona arco (vedere pagina 3-73) . Utilizzando il sistema di coordinate polari, possibile specificare con facilit le lunghezze radiali e gli angoli di apertura digitandoli tramite AccuDraw.

Utilizzo di AccuDraw per il posizionamento di un arco per il centro


In questo caso, lorientamento sensibile al contesto di AccuDraw risulta particolarmente utile per limpostazione dellangolo incrementale e per la vista. Per limpostazione dellangolo di apertura assoluto, al contrario, possono risultare utili altri tipi di rotazioni.

AccuDraw e lo strumento Posiziona ellisse


Quando si posiziona unellisse con AccuDraw disattivo, necessario specificare il centro, lasse principale e il raggio, nonch un punto attraverso il quale si desidera far passare lellisse. Per effettuare queste operazioni, possibile selezionare le numerose opzioni della finestra di impostazione dello strumento oppure utilizzare AccuDraw, che consente di impostare i valori in modo rapido e semplice.

Quando si inserisce il primo punto centrale, leffetto di AccuDraw risulta chiaramente visibile. Quando viene inserito il secondo punto dati per definire lasse maggiore, il raggio e langolo possono essere impostati direttamente nella finestra di AccuDraw oppure possono essere posizionati dinamicamente.

Manuale dellutente di MicroStation

475

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti

Utilizzo di AccuDraw per il posizionamento di unellisse per il centro e per il margine


Poich il riferimento di AccuDraw viene orientato lungo lasse dellellisse in costruzione, lasse secondario viene automaticamente bloccato per consentire linserimento del valore o il posizionamento del puntatore e del punto dati.

AccuDraw e lo strumento Posiziona rettangolo


Utilizzando AccuDraw insieme allo strumento Posiziona rettangolo possibile posizionare un rettangolo di specifiche dimensioni con langolo specificato.

Con lopzione Metodo impostata a Ruotato, possibile specificare langolo e la lunghezza X del rettangolo utilizzando il piano di disegno polare. Una volta definita la base del rettangolo, il riferimento AccuDraw viene orientato lungo la base stessa. A questo punto, possibile passare alla modalit rettangolare (premendo la barra spaziatrice) e bloccare la distanza Y inserendo la relativa dimensione.

Utilizzo di AccuDraw per posizionare un rettangolo

476

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti

AccuDraw e lo strumento Posiziona SmartLine

Lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) viene utilizzato per posizionare automaticamente una catena o una figura complessa in cui presente un insieme di segmenti e di vertici identificato dinamicamente. Questo strumento progettato per essere utilizzato con AccuDraw. Di seguito sono indicati i principali vantaggi determinati dallutilizzo congiunto di AccuDraw e Posiziona SmartLine: Lorigine del piano di disegno si sposta automaticamente in corrispondenza dellultimo vertice definito. Il piano di disegno ruota automaticamente per allinearsi allultimo segmento definito, rendendo pi semplice la definizione dei segmenti tangenti e perpendicolari. Durante la definizione di un arco il sistema di coordinate del piano di disegno passa automaticamente alla modalit polare.

Per definire un segmento di arco tangente al segmento precedente


1. Con AccuDraw attivato e lo strumento Posiziona SmartLine selezionato, e lopzione Tipo segmento impostata su Linee, posizionare due punti dati per definire una sezione retta. Il piano di disegno di AccuDraw viene allineato al segmento di linea. 2. A questo punto, impostare lopzione Tipo segmento su Archi.

Manuale dellutente di MicroStation

477

Tecnica di disegno
Effetto di AccuDraw su alcuni strumenti Impostazione del menu di opzioni Tipo segmento dello strumento Posiziona SmartLine ad Archi.
3. Spostare il puntatore verso lasse del piano di disegno perpendicolare (a 90 ) al segmento precedente. Quando il puntatore si trova vicino allasse, il raggio dellarco vi si allinea dinamicamente.

Definizione del punto centrale

4. Con il puntatore indicizzato sullasse, inserire un punto dati per definire il punto centrale per larco. Il sistema di coordinate del piano di disegno passa automaticamente alla modalit polare mentre il centro e langolo di apertura dellarco vengono visualizzati dinamicamente. 5. Inserire un punto dati per definire langolo di apertura dellarco e completare la definizione del segmento.

478

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw

Definizione dellangolo di apertura

possibile digitare i valori per il raggio e langolo di apertura utilizzando i campi di input di AccuDraw. Inoltre, langolo di apertura dellarco pu essere definito sia in senso orario che in senso antiorario.

Effetto di AccuDraw sulla maggior parte degli strumenti


Nella sezione precedente sono state illustrate le funzionalit aggiuntive di AccuDraw e gli accessi rapidi alle opzioni di alcuni semplici strumenti durante lo svolgimento di diverse operazioni. AccuDraw influisce sulla modalit di funzionamento della maggior parte degli strumenti di MicroStation e pu essere perfettamente utilizzato anche con applicazioni di terze parti.

Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw

Nella tabella seguente sono elencate tutte le scelte rapide disponibili e i relativi effetti. Per ulteriori informazioni sulle operazioni associate ad ogni tasto di scelta rapida, vedere la sezione relativa alla modalit di funzionamento di AccuDraw.

Manuale dellutente di MicroStation

479

Tecnica di disegno
Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw
Tasto Effetto Bloccaggio intelligente

Invio

Nel sistema di coordinate rettangolare il valore dellasse X viene bloccato a 0 se il puntatore posizionato sullasse Y del piano di disegno, mentre viene bloccato il valore dellasse Y (a 0) se il puntatore posizionato sullasse X. Nel sistema di coordinate polare langolo viene bloccato a 0 , 90 , -90 o 180 se il puntatore posizionato su un asse del piano di disegno. In caso contrario, viene bloccata la distanza in base allultimo valore inserito.

Barra spaziatrice O V

Passa dal sistema di coordinate rettangolare a quello polare e viceversa. Sposta lorigine del piano di disegno nella posizione corrente del puntatore. Ruota il piano di lavoro per allinearlo agli assi della vista (vedere Orientamento del piano di lavoro in ambiente 3D a pagina 9-67). Premendo il tasto una seconda volta viene ripristinata la rotazione sensibile al contesto. Ruota il piano di lavoro per allinearlo agli assi in una vista dallalto standard (vedere Orientamento del piano di lavoro in ambiente 3D a pagina 9-67). Premendo il tasto una seconda volta viene ripristinata la rotazione sensibile al contesto. Ruota il piano di lavoro per allinearlo agli assi in una vista frontale standard (vedere Orientamento del piano di lavoro in ambiente 3D a pagina 9-67). Premendo il tasto una seconda volta viene ripristinata la rotazione sensibile al contesto. Ruota il piano di lavoro per allinearlo agli assi in una vista laterale standard (vedere Orientamento del piano di lavoro in ambiente 3D a pagina 9-67). Premendo il tasto una seconda volta viene ripristinata la rotazione sensibile al contesto.

480

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw
Tasto Effetto Ruota il piano di lavoro per allinearlo con lSCA attivo oppure, se stata impostata una rotazione, ripristina tale rotazione. In un nuovo file (in cui non sia ancora stato utilizzato un SCA) corrisponder alla rotazione della vista. Ruota ciclicamente i tre piani principali: superiore, frontale e laterale (solo 3D). Questa scelta rapida pu essere utilizzata anche se il piano originale il risultato di una rotazione di un piano SCA o di una rotazione sensibile al contesto. In questo modo, non necessario utilizzare le scelte rapide RX o RY per effettuare una rotazione del piano di 90 . Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellasse X. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellasse Y. Attiva o disattiva lo stato di blocco per il valore Z (vedere Utilizzo di AccuDraw in ambiente 3D (vedere pagina 9-66) ). Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore della distanza. Attiva o disattiva il bloccaggio per il valore dellangolo. Blocca lallineamento corrente. Se una distanza o un asse non allineato, lallineamento viene disattivato. In caso contrario, la distanza o lasse viene bloccato. Leffetto temporaneo e viene meno nel momento in cui si inserisce un punto dati o si digita nuovamente una scelta rapida. Questa operazione risulta particolarmente utile se si desidera effettuare un allineamento a un solo asse o semplicemente per inserire un punto dati vicino, ma non sopra, allasse stesso. Per eseguire una rotazione rapida e temporanea del piano di disegno. Per la procedura di rotazione completa, vedere la sezione Scelta rapida Rotazione veloce (vedere pagina 4-70) .

X Y Z

D A L

R, Q

Manuale dellutente di MicroStation

481

Tecnica di disegno
Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw
Tasto Effetto Per eseguire una rotazione permanentemente del piano di disegno. Poich viene ruotato lSCA corrente, la rotazione rester attiva anche dopo la disattivazione dello strumento corrente. Se limpostazione dello strumento Utilizza origine corrente attivata, lorigine del piano di disegno viene utilizzata come origine dellasse X, eliminando cos la necessit di inserire un ulteriore punto dati. In molti casi, comunque, preferibile avere la possibilit di definire lorigine dellasse X in una posizione diversa dallorigine del piano di disegno. Ruota il piano di disegno di 90 intorno allasse X (vedere Orientamento del piano di disegno in ambiente 3D a pagina 9-67). Ruota il piano di disegno di 90 intorno allasse Y (vedere Orientamento del piano di disegno in ambiente 3D a pagina 9-67). Ruota il piano di disegno di 90 intorno allasse Z. Viene visualizzata la finestra Scelte rapide di AccuDraw. Seleziona un elemento nella finestra di dimpostazione dello strumento (la scelta rapida ~, che solitamente si trova sotto il tasto Esc, senza premere il tasto Maiusc). Digitando questo carattere, il primo pulsante interruttore o pulsante di opzione abilitato nella finestra di impostazione dello strumento viene attivato (o disattivato) oppure impostato al successivo valore valido. Ad esempio, se si sta disegnando una SmartLine e la finestra di dialogo AccuDraw attiva, possibile premere il tasto ~ per passare alla creazione di un arco senza spostarsi dalla finestra di dialogo AccuDraw. Digitare ACCUDRAW BUMP TOOLSETTING. Attiva la finestra Impostazione strumenti.

R, A

R, X

R, Y

R, Z ? ~

G, T

482

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Elenco compoleto delle scelte rapide di AccuDraw
Tasto Effetto Apre o attiva la finestra Digita (equivale a scegliere Digita dal menu Varie). Per ulteriori informazioni sulle digitazioni, vedere Digitazioni nel Manuale di riferimento. Apre o attiva la finestra di dialogo Impostazioni AccuDraw, (equivale a scegliere AccuDraw dal menu Impostazioni). Per ulteriori informazioni, vedereImpostazioni AccuDraw nel Manuale di riferimento. Visualizza la finestra di dialogo Richiama SCA, che consente di selezionare un sistema di coordinate ausiliarie salvato. Visualizza la finestra di dialogo Scrivi su SCA, che consente di salvare lallineamento del piano di disegno come SCA. Apre la finestra di dialogo Digitazione punto dati per linserimento di un singolo punto dati. Per ulteriori informazioni, vedere Digitazioni per input di precisione a pagina 4-99. Apre la finestra di dialogo Digitazione punto dati per linserimento di pi punti dati. Per ulteriori informazioni, vedere Digitazioni per input di precisione a pagina 4-99. Attiva la modalit di cattura dellintersezione. Attiva la modalit di cattura del punto pi vicino. Attiva la modalit di cattura del punto centrale. Apre la finestra di dialogo Divisore cattura punti chiave, utilizzata per impostare il divisore cattura per i punti chiave. Sospende AccuSnap per un punto dati. Attiva o disattiva AccuSnap. Disattiva AccuDraw.

G, K

G, S

G, A

W, A

I N C K

U J Q

Per i tasti di scelta rapida non viene applicata la distinzione tra maiuscole e minuscole.

Manuale dellutente di MicroStation

483

Tecnica di disegno
Selezione degli elementi

Selezione degli elementi


Per eseguire operazioni su elementi esistenti nel file DGN, necessario selezionarli. Questa operazione pu essere eseguita manualmente posizionando il puntatore sullelemento e immettendo un punto dati. In alternativa, possibile posizionare il puntatore sullelemento e inserire un punto tentativo per verificare la selezione prima di accettarla con un punto dati. Linserimento di un punto tentativo pu essere effettuata automaticamente, mediante AccuSnap, o manualmente premendo il pulsante tentativo. Limpostazione Identifica elementi automaticamente di AccuSnap semplifica questo processo riducendo drasticamente il numero di pressioni del pulsante richieste. In genere, per identificare manualmente un elemento necessario premere un pulsante almeno una volta, o due nel caso si immetta prima di un punto tentativo. Con AccuSnap e limpostazione Identifica elementi automaticamente, sufficiente posizionare il puntatore su un elemento e lasciare che MicroStation lo identifichi e lo evidenzi, senza alcun intervento. Per eliminare un elemento con lo strumento Elimina elemento, ad esempio, sufficiente posizionare il puntatore su di esso per evidenziarlo, quindi accettare con un punto dati per completare leliminazione. Senza AccuSnap, questa stessa operazione richiederebbe almeno due punti dati oppure un punto tentativo seguito da due punti dati.

Per operare su pi elementi contemporaneamente, possibile utilizzare gli strumenti Selezione dellelemento o PowerSelector (vedere pagina 5-2) nel menu degli strumenti Selezione dellelemento (nel menu degli strumenti Principale, Selezione dellelemento lo strumento rappresentativo predefinito del menu degli strumenti Selezione dellelemento). Questi strumenti consentono di selezionare pi elementi su cui operare come in un gruppo temporaneo. Utilizzando questo metodo, ad esempio, possibile spostare, copiare, ruotare o scalare pi elementi contemporaneamente.

Lo strumento PowerSelector (vedere pagina 5-5) consente di selezionare o raggruppare gli elementi in diversi modi, ad esempio per colore, stile, spessore, tipo o classe. In base allimpostazione predefinita, gli elementi selezionati sono evidenziati. Quando si seleziona uno o pi elementi, sulla barra di stato viene visualizzata unicona a forma di freccia a destra della quale viene indicato il numero degli elementi selezionati.

484

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Manipolazione e modifica degli elementi selezionati

Manipolazione e modifica degli elementi selezionati


Per manipolare o modificare gruppi di elementi, possibile selezionarli prima mediante lo strumento Selezione dellelemento.

Per spostare gli elementi mediante lo strumento Selezione dellelemento


1. Nel menu degli strumenti Selezione dellelemento, selezionare lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) .

2. Selezionare lelemento o gli elementi da spostare. Lelemento selezionato viene evidenziato. 3. Trascinare lelemento selezionato utilizzando qualsiasi punto.1

Per ridimensionare o modificare un elemento selezionato


1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Preferenze. Viene visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. 2. Nella categoria Operativit, deselezionare lopzione Disattivare gli handle di modifica.2

3. Nel menu degli strumenti Selezione dellelemento, selezionare lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) .

1 Se deselezionata lopzione Disattivare gli handle di modifica (nella categoria Operativit della finestra di dialogo Preferenze), trascinare un elemento selezionato utilizzando qualsiasi punto, purch non sia un handle. 2 Quando questa opzione attivata (impostazione predefinita), non possibile ridimensionare o modificare in questo modo lelemento selezionato.

Manuale dellutente di MicroStation

485

Tecnica di disegno
Manipolazione e modifica degli elementi selezionati
4. Selezionare lelemento. Lelemento selezionato viene racchiuso tra handle. 5. Trascinare lhandle appropriato per apportare la modifica desiderata.
Elemento Arco Handle Punto medio Punti finali Angolo Punto medio del segmento Modifica Raggio4 Angolo di apertura

Rettangolo

Ridimensionamento rispetto a handle opposto Ridimensionamento larghezza o altezza rispetto a handle opposto Ridimensionamento rispetto a handle opposto

curva QualsiB-spline asi Catena complessa Figura complessa Cerchio Estremo dellasse

Modifica dellasse

486

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Utilizzo di fence per la manipolazione e la modifica degli elementi
Elemento Ellisse Handle Estremo dellasse Angolo Modifica Modifica dellasse Ridimensionamento rispetto al centro

Linea Spezzata Linea multipla Figura5 Testo

Qualsiasi

Spostamento del vertice in corrispondenza dellhandle ridimensionamento larghezza rispetto a handle opposto Ridimensionamento altezza rispetto a handle opposto

Sinistra o destra In alto o in basso

4 5

Se larco ellittico, entrambi gli assi vengono ridimensionati. Ad eccezione delle figure rettangolari (blocchi).

Utilizzo di fence per la manipolazione e la modifica degli elementi


Per creare un gruppo di elementi da manipolare, oltra allo strumento Selezione dellelemento o PowerSelector, possibile utilizzare una fence. La fence crea un raggruppamento provvisorio degli elementi che, se non viene interrotto prima, termina solo con la chiusura del file DGN. Per informazioni sul raggruppamento permanente di elementi, vedere Raggruppamento permanente di elementi a pagina 8-2. Nella maggior parte dei casi, la fence viene posizionata intorno agli elementi per raggrupparli ed eseguirne la manipolazione, secondo una procedura analoga a quella utilizzata per selezionare gli elementi con

Manuale dellutente di MicroStation

487

Tecnica di disegno
Utilizzo di fence per la manipolazione e la modifica degli elementi
lo strumento Selezione dellelemento. Tuttavia, la fence offre due funzionalit aggiuntive per il raggruppamento di elementi. Essa, infatti, pu essere utilizzata nelle seguenti modalit: Esterno per escludere gli elementi racchiusi o sovrapposti dai bordi della fence. Ritaglio per ritagliare gli elementi che intersecano i bordi della fence in modo che la manipolazione abbia effetto solo sulle parti allinterno o allesterno della fence.

Una fence pu essere di forma rettangolare (definita rettangolo), poligonale (non rettangolare, definita figura con un massimo di 5000 vertici) o circolare (definita cerchio). Una fence circolare pu essere creata a partire da un elemento circolare precedentemente posizionato.

Per posizionare una fence, necessario utilizzare lo strumento Posiziona fence. Durante il posizionamento, la fence viene visualizzata come una figura chiusa con il colore utilizzato per evidenziare gli elementi identificati e sulla barra di stato viene visualizzata licona corrispondente alla modalit fence utilizzata.

Le fence sono persistenti sia nei file DGN 2D che in quelli 3D. Se si ingrandisce la visualizzazione del disegno dopo avere posizionato una fence, essa rimarr posizionata anche quando si effettuer lo zoom indietro.

Per eliminare una fence gi visualizzata


1. Dal menu degli strumenti Fence, selezionare lo strumento Posiziona fence e proseguire le operazioni di disegno. Nel menu degli strumenti Principale, Posiziona fence lo strumento rappresentativo predefinito del menu degli strumenti Fence. possibile eliminare la fence per evitare manipolazioni involontarie.

488

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Definizione degli elementi contenuti nella fence

Definizione degli elementi contenuti nella fence


La modalit di selezione Fence definisce il contenuto della fence, ossia se gli elementi (o parti di essi) interni, esterni o sovrapposti alla fence sono racchiusi nella fence da elaborare. Interno: vengono elaborati solo gli elementi completamente racchiusi dalla fence. Sovrapp.: vengono elaborati solo gli elementi interni o sovrapposti alla fence. Ritaglio: vengono elaborati solo gli elementi completamente racchiusi dalla fence e le parti di elementi interne o sovrapposte alla fence.3 Esterno: vengono elaborati solo gli elementi completamente esterni alla fence. Esterno-Sovrapp.: vengono elaborati solo gli elementi esterni o sovrapposti alla fence. Esterno-Ritaglio: vengono elaborati solo gli elementi completamente esterni alla fence e le parti di elementi esterni e sovrapposti alla fence.

3 Questa definizione e la rispettiva immagine visualizzata trova applicazione se nella categoria Operativit della finestra di dialogo Preferenze deselezionata lopzione Ritaglio fence ottimizzato. Per ulteriori informazioni su questa preferenza, vedere Ritaglio fence ottimizzato (vedere pagina 4-91) .

Manuale dellutente di MicroStation

489

Tecnica di disegno
Definizione degli elementi contenuti nella fence
Modalit di selezione della fence. In alto, la fence e gli elementi. Al centro a sinistra: Interno. In mezzo al centro: Sovrapposto. Al centro a destra: Ritaglio. In basso a sinistra: Esterno. In basso al centro: Esterno-Sovrapp. In basso a destra: Esterno-Ritaglio. La modalit di selezione della fence (Modalit fence) consente di impostare gli strumenti contenuti nel menu degli strumenti Fence e gli altri strumenti che possono essere utilizzati per la manipolazione del contenuto della fence. Per gli strumenti non inclusi nel menu degli strumenti Fence, la modalit viene impostata dal menu di opzioni accanto al controllo Usa fence. disponibile un controllo anche nella finestra di dialogo Bloccaggi.

Esempi di controlli per limpostazione della modalit di selezione delle fence nella finestra di impostazione degli strumenti. Non necessario posizionare una fence per impostare la modalit di selezione. Al contrario, una volta posizionata la fence possibile variare la modalit di selezione per apportare modifiche al contenuto senza dovere spostare o riposizionare la fence stessa.

Per manipolare il contenuto di una fence


1. Posizionare la fence.

2. Selezionare uno strumento per la manipolazione degli elementi

490

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Ritaglio fence ottimizzato
che possa essere utilizzato con il contenuto della fence. 3. Nella finestra visualizzata, selezionare Usa fence e impostare la modalit di selezione della fence. Viene in genere richiesto di inserire un punto dati. Con lo strumento Elimina contenuto fence (vedere pagina 5-26) , ad esempio, viene richiesto di accettare o rifiutare il contenuto della fence. 4. Inserire un punto dati per accettare la manipolazione o resettare. 5. In alcuni casi possibile ripetere la manipolazione. possibile resettare per sospendere una manipolazione in corso. Le manipolazioni completate prima del reset rimangono nel disegno e non possono essere annullate. Per interrompere la manipolazione di una fence, possibile utilizzare anche la scelta rapida Ctrl-C.

Manipolazioni di pi elementi
Alcune manipolazioni della fence su pi elementi (ad esempio, grandi matrici) possono richiedere molto tempo. Effettuare una copia di backup del file DGN (vedere Per effettuare una copia di backup del file DGN attivo).

Per ridurre al minimo eventuali problemi, prima di iniziare la manipolazione degli elementi effettuare le seguenti operazioni: Creare una copia di backup del file DGN. Per informazioni sulla creazione di una copia di backup del file DGN attivo, vedere Salvataggio e backup nella Guida rapida.

Ritaglio fence ottimizzato


In base allimpostazione predefinita, lopzione Ritaglio fence ottimizzato selezionata nella categoria Operativit della finestra di dialogo Preferenze. Questa preferenza consente di mantenere figure chiuse, solidi e superfici durante il ritaglio degli elementi che attraverso il contorno della fence. Se questa preferenza

Manuale dellutente di MicroStation

491

Tecnica di disegno
Ritaglio fence ottimizzato
viene disattivata, le figure chiuse, i solidi e le superfici vengono scomposti in elementi lineari durante il ritaglio.

Per ulteriori informazioni sulle preferenze relative allOperativit nel Manuale di riferimento. La capacit di MicroStation di posizionare fence con un massimo di 5000 vertici offre un enorme grado di flessibilit per le operazioni di ritaglio. Questa preferenza pu essere utilizzata anche con la preferenza Posiziona per faccia (nella categoria Input della finestra di dialogo Preferenze) per creare fori associativi in figure chiuse, solidi e superfici. Se lopzione Posiziona per faccia impostata su Sempre, le fence che si trovano completamente allinterno di un elemento geometrico chiuso possono effettuare operazioni di ritaglio sulla propria sezione dellarea maggiore.

Per creare un foro associativo allinterno di un elemento utilizzando il ritaglio fence ottimizzato
1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Preferenze. Viene visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. 2. Nella categoria Input, impostare lopzione Posiziona per faccia su Sempre. 3. Fare clic su OK per accettare la modifica e chiudere la finestra di dialogo. 4. Selezionare lo strumento Posiziona fence. 5. Impostare la Modalit fence su Ritaglio. 6. Posizionare una fence allinterno di una figura chiusa, un solido e una superficie. 7. Selezionare lo strumento Elimina contenuto fence. 8. Accettare. Per evitare che il ritaglio fence modifichi la geometria principale in cui presente, impostare Posiziona per faccia su Mai o Solo viste con rendering.

492

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Manipolazioni speciali della fence

Manipolazioni speciali della fence

Lo strumento Manipola contenuto della fence (vedere pagina 5-23) pu essere utilizzato per estendere o ridurre segmenti di elementi sovrapposti alla fence. Questa operazione viene eseguita spostando semplicemente i vertici degli elementi racchiusi nella fence. Gli elementi sovrapposti alla fence possono essere estesi anche utilizzando gli strumenti Copia (vedere pagina 5-30) , Sposta (vedere pagina 5-33) , Scala (vedere pagina 5-38) e Ruota (vedere pagina 5-45) .

Il contenuto della fence pu anche essere spostato o copiato in un nuovo file DGN.

Per copiare il contenuto della fence in un nuovo file DGN


1. Nella finestra Digita, immettere FENCE FILE o FF=. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salvare contenuto fence come. 2. Digitare il nome del nuovo file e selezionare la directory in cui si desidera salvarlo. 3. Fare clic sul pulsante OK. 4. Accettare la copia.

Metodo alternativo Per copiare il contenuto della fence in un nuovo file DGN
1. Nella finestra Digita, digitare FENCE FILE <nomefile> o FF=<nomefile>. 2. Accettare la copia. Il file viene creato nella directory indicata dalla variabile di configurazione MS_DEF. Se si utilizza il secondo metodo ed esiste gi un file con lo stesso nome, viene visualizzato un messaggio per informare

Manuale dellutente di MicroStation

493

Tecnica di disegno
Utilizzo della griglia
che il file verr sovrascritto.

Per spostare il contenuto della fence in un nuovo file DGN


1. Nella finestra Digita, digitare FENCE SEPARATE o SF=. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salvare contenuto fence come. 2. Digitare il nome del nuovo file e impostare la directory in cui si desidera salvarlo. 3. Fare clic sul pulsante OK. 4. Accettare lo spostamento.

Metodo alternativo Per spostare il contenuto della fence in un nuovo file DGN
1. Nella finestra Digita, digitare FENCE SEPARATE <nomefile> o SF=<nomefile>. 2. Accettare lo spostamento. Il file viene creato nella directory indicata dalla variabile di configurazione MS_DEF. Se si utilizza il secondo metodo ed esiste gi un file con lo stesso nome, viene visualizzato un messaggio per informare che il file verr sovrascritto.

Utilizzo della griglia


In MicroStation possibile attivare la griglia in qualsiasi vista. Una griglia costituita da una serie di punti posizionati a distanza regolare nel piano di disegno. Con livelli di ingrandimento appropriati, pu risultare molto utile per effettuare misurazioni e allineamenti. Lo spazio definito tra i punti e tra i riferimenti della griglia (punti evidenziati e distanziati, ad esempio, di 12 punti) viene definito unit della griglia. Limpostazione delle unit della griglia specifica per ogni file DGN e dipende dalla dimensione del disegno,

494

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Orientamento della griglia
dalle unit di lavoro e dalla precisione richiesta.

Utilizzata insieme al relativo bloccaggio, la griglia semplifica le operazioni di posizionamento a occhio degli elementi (vedere Utilizzo del bloccaggio della griglia (vedere pagina 4-98) ). In alcuni casi, tuttavia, la griglia pu rappresentare un ostacolo per il corretto funzionamento di AccuDraw (vedere pagina 4-30) .

Orientamento della griglia


possibile definire lorientamento della griglia adeguato in base alloperazione che si desidera effettuare. Una volta definita una griglia, Bloccaggio griglia vincola i punti inseriti ai punti della griglia. Lorientamento della griglia viene controllato dalle impostazioni della sezione Griglia della finestra di dialogo Impostazioni file DGN ( Impostazioni > Disegno). possibile scegliere tra: Vista: la griglia viene sempre allineata alla vista e attraversa lorigine globale. SCA: consente di allineare la griglia al sistema SCA attivo. Alto: consente di allineare la griglia a una vista dallalto. Si estende lungo gli assi X e Y dallorigine globale. Destra: (solo in 3D) la griglia viene allineata a una vista da destra. Si estende lungo gli assi Y e Z dallorigine globale. Frontale: (solo in 3D) la griglia viene allineata a una vista frontale. Si estende lungo gli assi X e Z dallorigine globale.

Per i file DGN 2D possono essere utilizzate solo le opzioni Vista, SCA e Alto. Quando lorientamento della griglia viene impostato su un valore diverso da Vista, qualunque rotazione della vista determiner la rotazione anche della griglia.

disponibile anche una digitazione che consente di rotare la griglia intorno allasse Z (proprio). Questa digitazione, ACTIVE GRIDANGLE <VALORE> stata inclusa espressamente per garantire la compatibilit con AutoCAD, che supporta solo una griglia sul piano XY ma pu includere un angolo di rotazione.

Manuale dellutente di MicroStation

495

Tecnica di disegno
Orientamento della griglia

Per impostare le unit della griglia


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file DGN. 2. Nella casella di riepilogo Categoria, selezionare Griglia. Vengono visualizzati i controlli per la modifica delle impostazioni relative alle unit della griglia.

Finestra di dialogo Impostazioni file DGN (categoria Griglia). Griglia principale indica il numero di punti della griglia per unit principale. Riferimento griglia indica il numero di punti della griglia presenti tra i riferimenti della griglia. 3. Nel campo Griglia principale, inserire la distanza (in unit di lavoro) tra i punti della griglia. 4. Nel campo Riferimento griglia, inserire la distanza tra i riferimenti della griglia in numero di punti griglia. 5. Dal menu di opzioni Config griglia, possibile selezionare una delle opzioni riportate nella seguente tabella:
Configurazione Ortogonale Isometrica Offset Disposizione dei punti griglia Lungo linee perpendicolari agli assi X e Y del piano di disegno Lungo linee con uninclinazione di 30 rispetto agli assi X eY del piano di disegno Offset delle righe della griglia per un valore pari alla met della distanza esistente tra i punti orizzontali della griglia

496

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Orientamento della griglia

6. Nel campo Aspetto griglia, digitare il rapporto tra i punti della griglia sullasse X e sullasse Y. Se stata impostata la configurazione isometrica, tale rapporto fisso. 7. Dal menu di opzioni Orientamento, scegliere SCA, Alto o Vista (o Frontale o Destra nel caso di disegni 3D). 8. Fare clic sul pulsante OK.

Per attivare o disattivare la visualizzazione della griglia in una vista


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista.

2. Dal menu di opzioni Numero vista, selezionare il numero

Manuale dellutente di MicroStation

497

Tecnica di disegno
Utilizzo del bloccaggio della griglia
della vista desiderata. 3. Selezionare o deselezionare lopzione Griglia. 4. Fare clic su Applica.

Per attivare o disattivare la visualizzazione della griglia in tutte le viste


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista. 2. Selezionare o deselezionare lopzione Griglia. 3. Fare clic su Tutti.

Utilizzo del bloccaggio della griglia


Se il bloccaggio della griglia attivo, tutti i punti dati e i punti tentativo inseriti vengono posizionati su punti della griglia.

Per impostare il bloccaggio della griglia


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Bloccaggi (oppure fare clic sullicona corrispondente sulla barra

498

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Digitazioni per input di precisione
di stato) e scegliere Completo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Bloccaggi.

2. Attivare o disattivare lopzione Griglia.

Metodo alternativo Per impostare il Bloccaggio griglia


1. Dal menu Impostazioni, accedere al sottomenu Bloccaggi (o fare clic sullicona corrispondente sulla barra di stato) e selezionare lopzione Griglia.

Digitazioni per input di precisione


Linput di precisione un metodo per linserimento di punti dati da tastiera. Utilizzando gli input di precisione possibile specificare lesatta posizione di un punto dati inserendo uno

Manuale dellutente di MicroStation

499

Tecnica di disegno
Digitazioni per input di precisione
dei valori indicati di seguito: coordinate del piano di disegno, le distanze lungo lasse X e Y (e Z in 3D) a partire dallorigine globale, le cui coordinate sono 0,0 (0,0,0 in 3D). distanza e angolo rispetto allasse X della vista a partire dallultimo punto tentativo o punto dati inserito. distanze, lungo gli assi del piano di disegno, a partire dallultimo punto dati o punto tentativo inserito. distanze, lungo gli assi della vista, a partire dallultimo punto dati o punto tentativo inserito.

Lutilizzo di AccuDraw per linserimento di punti dati in genere offre maggiori vantaggi rispetto agli input di precisione tramite digitazioni. Per inserire input di precisione tramite digitazioni, utilizzare la finestra di dialogo Digitazione punti dati.

Per aprire la la finestra di dialogo Digitazione punto dati per linserimento di un solo input di precisione
1. Con la finestra di AccuDraw attiva, premere P. Dopo la digitazione, la finestra di dialogo si chiude automaticamente.

Per aprire la finestra di dialogo Digitazione punto dati per linserimento di pi input di precisione
1. Con la finestra di AccuDraw attiva, premere M. Dopo la digitazione, la finestra di dialogo rimane aperta.

Sebbene le digitazioni possano essere inserite anche nella finestra

4100

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Digitazioni per input di precisione
Digita, loperazione risulta pi semplice mediante lutilizzo della finestra di dialogo. Nella finestra di dialogo presente un menu di opzioni che consente di impostare il tipo di digitazione (ad esempio DX=). Dopo la digitazione, il tipo specificato diventa quello predefinito. I bloccaggi non hanno alcun effetto sui punti dati inseriti tramite input di precisione. Nella seguente tabella sono elencati i tipi di digitazione disponibili:
Digitazione Digitazione alternativa Distanza da Origine del piano di disegno Ultimo punto tentativo o punto dati Ultimo punto tentativo o punto dati Ultimo punto tentativo o punto dati Lungo Assi del piano di disegno Assi del piano di disegno Assi della vista

POINT ABSOLUTE POINT DELTA POINT VDELTA POINT DISTANCE

XY=

DL=

DX=

DI=

Relativo allasse X della vista

Per ulteriori informazioni sugli input di precisione tramite digitazioni, vedere Digitazioni per input di precisione in ambiente 3D (vedere pagina 9-71) .

Per inserire un punto dati in corrispondenza di specifiche coordinate del piano di disegno
1. Nella finestra di dialogo Digitazione punto dati, digitare POINT ABSOLUTE x,y o XY=x,y. X e Y corrispondono, rispettivamente, alle coordinate

Manuale dellutente di MicroStation

4101

Tecnica di disegno
Digitazioni per input di precisione
sullasse X e sullasse Y.

Assoluta. GO (Global Origin) indica lorigine globale; xd e yd indicano gli assi X e Y del file DGN.

Con AccuDraw non possibile utilizzare questa modalit di inserimento di punti dati.

Per inserire un punto dati a una distanza specifica dallultimo punto tentativo o punto dati e a un determinato angolo rispetto allasse X della vista
1. Nella finestra di dialogo Digitazione punto dati, digitare POINT DISTANCE d,Q o DI=d,Q. d indica la distanza dallultimo punto tentativo o punto dati inserito e Q indica langolo relativo allasse X della vista.

Relativa. P indica lultimo punto dati o tentativo, xv indica lasse X della vista e Q indica langolo.

Per inserire un punto dati a una distanza specifica dallultimo punto tentativo o punto dati lungo lasse gli assi del piano di disegno
1. Nella finestra di dialogo Digitazione punto dati, digitare

4102

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Note sulla sintassi
POINT DELTA x,y o DL= x,y. X e Y indicano, rispettivamente, la distanza lungo lasse X e lungo lasse Y del piano di disegno.

Distanza. P indica lultimo punto dato o punto tentativo, xd e yd indicano gli assi X e Y del file DGN.

Per inserire un punto dati lungo gli assi della vista a una distanza specifica dallultimo punto tentativo o punto dati
1. Nella finestra di dialogo Digitazione punto dati, digitare POINT VDELTA x,y o DX=x,y. X e Y indicano, rispettivamente, la distanza lungo lasse X e quella lungo lasse Y della vista.

Distanza. P indica lultimo punto dati o punto tentativo, xv e yv indicano gli assi X e Y della vista.

Note sulla sintassi


La sintassi degli input di precisione tramite digitazioni consente di effettuare le operazioni riportate di seguito:

Manuale dellutente di MicroStation

4103

Tecnica di disegno
Menu degli strumenti Misura
Specificare la vista in cui si desidera inserire il punto dati. Il numero della vista segue opzionalmente lultimo valore di coordinata, distanza o angolo. Ad esempio, digitando XY=,,1 viene inserito un punto dati in corrispondenza del origine globale del piano di disegno nella vista 1. In ambiente 3D, la digitazione corrispondente XY=,,,1. Inserire pi punti dati. Il numero che segue il carattere | alla fine dellinput di precisione indica il numero di punti dati da inserire. Il valore predefinito 1. Ad esempio, digitando DL=15|3 vengono inseriti tre punti dati a distanze incrementali di 15 unit principali dallultimo punto tentativo o punto dati. Con AccuDraw non possibile utilizzare questa modalit per linserimento di pi punti dati. Lomissione di un valore in un input di precisione viene interpretata come 0. Ad esempio, la digitazione DL=,5:4 equivale alla digitazione DL=0,5:4.

Menu degli strumenti Misura


Gli strumenti del menu degli strumenti Misura consentono di effettuare operazioni di misurazione.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Misura

Misurare le distanze lungo un elemento. oppure Misurare la distanza cumulativa da un punto dati. oppure Misurare la distanza perpendicolare tra un elemento e un punto dati. oppure Misurare la distanza minima tra due elementi.

Misura distanza (vedere pagina 4-106)

4104

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Menu degli strumenti Misura
Per Selezionare nel menu degli strumenti Misura

Misurare il raggio di un cerchio, di un arco circolare, di un cono o di un cilindro oppure gli assi di unellisse o di un arco ellittico. Misurare langolo formato da due linee.

Misura raggio (vedere pagina 4-109)

Misura angolo (vedere pagina 4-110)


Misurare la lunghezza di un elemento.

Misura lunghezza (vedere pagina 4-110)


Misurare larea e il perimetro di una figura, ellisse o figura complessa e analizzare le propriet di massa.

Misura area (vedere pagina 4-112)

Misurare il volume racchiuso da un elemento o da un insieme di elementi ed analizzare le propriet di massa.

Misura volume (vedere pagina 4-118)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX MEASURE [OFF | ON | TOGGLE]

Per effettuare misurazioni accurate, posizionarsi in modalit di cattura sugli elementi e i punti di riferimento quando si utilizzano gli strumenti di misurazione. Per ulteriori informazioni sulla cattura, vedere Utilizzo dei punti tentativo a pagina 4-4.

Manuale dellutente di MicroStation

4105

Tecnica di disegno
Misura distanza

Misura distanza

Questo strumento consente di misurare una distanza.

ImEffetto postazione strumento

Distanza

Consente di impostare il metodo per la misurazione della distanza. Tra puntiConsente di misurare la distanza cumulativa da unorigine. Lungo elementoConsente di misurare lungo un elemento1 da unorigine. PerpendicolareMisura la distanza perpendicolare tra un elemento 1 e un punto dati. Minima traConsente di misurare la distanza minima tra due elementi.1

Linea, spezzata, linea multipla, arco, ellisse, figura, curva, curva B-spline, catena o figura complessa.

4106

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura distanza

Per misurare la distanza cumulativa da unorigine


1. Selezionare lo strumento Misura distanza. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare lopzione Distanza a Tra punti. 3. Inserire un punto dati per identificare lorigine, ovvero il punto dal quale iniziare la misurazione. 4. Inserire un secondo punto dati. Sulla barra di stato viene visualizzata la distanza tra tale punto e lorigine. 5. Inserire altri punti dati. Viene visualizzata la distanza cumulativa dallorigine. o Resettare per tornare al punto 3.

Per misurare la distanza lungo un elemento


1. Selezionare lo strumento Misura distanza. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare lopzione Distanza a Lungo elemento. 3. Identificare lelemento nel punto di origine, ovvero il punto dal quale iniziare la misurazione. 4. Inserire un punto dati per definire un punto lungo lelemento. Sulla barra di stato viene visualizzata la distanza dallorigine lungo lelemento. Se lelemento chiuso, questo punto dati definisce la direzione, in senso orario o antiorario, in cui effettuare le misurazioni. 5. Inserire un punto dati. Sulla barra di stato viene visualizzata la distanza dallorigine lungo lelemento. o Resettare per tornare al punto 3.

Manuale dellutente di MicroStation

4107

Tecnica di disegno
Misura distanza

Per misurare la distanza perpendicolare da un elemento


1. Selezionare lo strumento Misura distanza. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare lopzione Distanza a Perpendicolare. 3. Identificare lelemento. 4. Inserire un punto dati. Sulla barra di stato viene visualizzata la distanza perpendicolare tra lelemento e il punto. Per semplificare linserimento, viene visualizzata una linea temporanea che comunque non verr posizionata nel disegno. 5. Inserire altri punti dati per definire altre misurazioni perpendicolari. 6. Se lelemento una spezzata, una figura, una curva, una catena o una figura complessa, la distanza viene misurata lungo la direzione perpendicolare al segmento identificato nel punto 2. o Resettare per tornare al punto 3.

Per misurare la distanza minima tra gli elementi


1. Selezionare lo strumento Misura distanza. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare lopzione Distanza a Minima tra. 3. Identificare il primo elemento. 4. Identificare il secondo elemento. 5. Accettare gli elementi. Sulla barra di stato viene visualizzata la distanza minima tra gli elementi. Per semplificare linserimento, viene visualizzata una linea temporanea che comunque non verr posizionata nel disegno.

Digitazione:

MEASURE DISTANCE [ALONG | MINIMUM | PERPENDICULAR | POINTS]

Per creare una linea di distanza minima tra due elementi, utilizzare

4108

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura raggio
lo strumento Costruisci linea di distanza minima (vedere pagina 3-37) del menu degli strumenti Elementi lineari.

Misura raggio

Questo strumento consente di misurare: Il raggio di un cerchio o di un arco circolare. Il raggio di un cono o di un cilindro. Gli assi principali e secondari di unellisse o di un arco ellittico. Il raggio di un segmento circolare o gli assi di un segmento ellittico di una catena o di una figura complessa.

Per misurare il raggio di un elemento


1. Selezionare lo strumento Misura raggio. 2. Identificare lelemento o il segmento. 3. Accettare lelemento. Sulla barra di stato viene visualizzata la misurazione.

Digitazione:

MEASURE RADIUS

Per quotare il raggio di un elemento, utilizzare lo

Manuale dellutente di MicroStation

4109

Tecnica di disegno
Misura angolo tra linee
strumento Quota elemento.

Misura angolo tra linee

Questo strumento consente di misurare langolo tra due linee o segmenti di una spezzata, di una figura o di una linea multipla. Se le linee identificate non si intersecano, viene determinato un punto di intersezione da utilizzare come vertice dellangolo misurato.

Per misurare langolo tra due linee


1. Selezionare lo strumento Misura angolo tra linee. 2. Identificare la prima linea. 3. Identificare la seconda linea. 4. Accettare le linee. Sulla barra di stato viene visualizzata la misurazione dellangolo.

Digitazione:

MEASURE ANGLE

Misura lunghezza

4110

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura lunghezza

Questo strumento consente di misurare la lunghezza di un elemento e di analizzare le propriet di massa. Per un elemento chiuso o una superficie, viene misurato il perimetro o la geometria wireframe.

ImEffetto postazione strumento

Tolleranza (%)

Per le curve, consente di impostare la percentuale massima della distanza tra la curva reale e lapprossimazione utilizzata per effettuare la misurazione. Un valore di tolleranza basso migliora laccuratezza della misurazione, ma aumenta il tempo di calcolo. Se questa opzione attivata, nella finestra Propriet di massa (vedere pagina 4-120) viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa. Se questa opzione attivata, viene visualizzato un cursore a forma di croce che rappresenta il centro di massa degli elementi misurati.

Propriet di massa Visualizza baricentro

Per misurare la lunghezza di uno o pi elementi


1. Selezionare gli elementi. 2. Selezionare lo strumento Misura lunghezza. Sulla barra di stato viene visualizzata la lunghezza. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra Propriet di massa vengono visualizzate le propriet di massa.

Manuale dellutente di MicroStation

4111

Tecnica di disegno
Misura area

Metodo alternativo Per misurare la lunghezza di uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Misura lunghezza. 2. Identificare lelemento. 3. Accettare lelemento. Sulla barra di stato viene visualizzata la lunghezza. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Digitazione:

MEASURE LENGTH

Misura area

Questo strumento consente di misurare larea e il perimetro.

4112

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura area
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta larea da misurare. ElementoArea di un elemento chiuso1 (il relativo attributo Area deve essere impostato a Solido).2 FenceArea racchiusa dalla fence. IntersezioneArea racchiusa dallintersezione di due o pi elementi piani chiusi. UnioneArea racchiusa dallunione di due o pi elementi piani chiusi. DifferenzaArea racchiusa dalla differenza di due o pi elementi piani chiusi. DiffusioneArea racchiusa da elementi in contatto o le cui estremit rientrano nel gap massimo.3 PuntiArea piana con i relativi vertici definiti da una serie di punti dati.

Tolleranza (%)

Per le curve, consente di impostare la percentuale massima della distanza tra la curva reale e lapprossimazione utilizzata per effettuare la misurazione. Un valore di tolleranza basso migliora laccuratezza della misurazione, ma aumenta il tempo di calcolo. Se questa opzione attivata, nella finestra Propriet di massa (vedere pagina 4-120) viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa. Se questa opzione attivata, viene visualizzato un cursore a forma di croce che rappresenta il centro di massa dellelemento misurato.

Propriet di massa Visualizza baricentro

Manuale dellutente di MicroStation

4113

Tecnica di disegno
Misura area
ImEffetto postazione strumento

Identifica figure interne Gap massimo

(Quando Metodo impostato su Diffusione) Se lopzione attivata, viene calcolata larea racchiusa da elementi di contorno, sottraendo larea di eventuali elementi chiusi allinterno dellarea di contorno. (Quando Metodo impostato su Diffusione) Consente di impostare la distanza massima consentita tra elementi consecutivi. Se uguale a zero, per delimitare unarea gli elementi devono essere connessi.

Area piana di una figura, ellisse o figura complessa. Per i solidi o le superfici 3D, rappresenta larea totale della superficie in tutte le dimensioni.

Lattributo Area di un elemento pu essere modificato con lo strumento Cambia in area attiva presente nel menu degli strumenti Cambia attributi.

simile allo strumento di riempimento per diffusione disponibile in diversi programmi di disegno. In 3D limitato agli elementi complanari.

Per misurare larea e il perimetro di un elemento


1. Per selezionare lelemento desiderato, utilizzare lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) . 2. Selezionare lo strumento Misura area. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Elemento. 4. Accettare lelemento. Sulla barra di stato vengono visualizzati larea (A=) e il perimetro (P=) dellelemento in unit principali.

Metodo alternativo Per misurare larea e il perimetro di un elemento


1. Selezionare lo strumento Misura area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare

4114

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura area
Metodo a Elemento. 3. Identificare lelemento. Sulla barra di stato vengono visualizzati larea (A=) e il perimetro (P=) dellelemento in unit principali. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Per misurare larea definita da una fence


1. Utilizzare lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) per posizionare una fence. 2. Selezionare lo strumento Misura area. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Fence. 4. Accettare il contenuto della fence. Sulla barra di stato vengono visualizzati larea (A=) e il perimetro (P=) della fence in unit principali. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Per misurare larea dellintersezione o dellunione di elementi chiusi


1. Selezionare lo strumento Misura area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Intersezione o Unione. 3. Identificare un elemento. 4. Identificare altri elementi. Quando si accetta ciascun elemento, gli spigoli che non sono necessari per misurare larea vengono nascosti. Larea risultante viene evidenziata. Se gli elementi non si sovrappongono, a seconda del metodo

Manuale dellutente di MicroStation

4115

Tecnica di disegno
Misura area
selezionato si verifica quanto segue:
Metodo Intersezione Unione Se gli elementi non si sovrappongono: Viene visualizzato il messaggio Elementi non intersecanti. Ogni elemento viene evidenziato.

5. Dopo aver accettato lultimo elemento, resettare per terminare oppure selezionare un altro strumento. Sulla barra di stato viene visualizzata larea (A=) dellintersezione o dellunione, espressa in unit principali. Se gli elementi si sovrappongono, viene visualizzato anche il perimetro (P=). Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Per misurare larea della differenza tra elementi


1. Selezionare lo strumento Misura area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Differenza. Viene annullata la selezione di qualsiasi elemento selezionato. 3. Identificare lelemento da cui effettuare la sottrazione. 4. Identificare gli elementi da sottrarre dallelemento identificato nel punto 3. 5. Dopo aver identificato tutti gli elementi da sottrarre dallelemento identificato al punto 3, inserire un punto dati per accettare. Gli spigoli non necessari per misurare larea vengono nascosti. 6. Resettare per visualizzare sulla barra di stato larea (A=) e il perimetro (P=) in unit principali. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa. o Tornare al punto 4 per identificare altri elementi da sottrarre.

4116

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura area

Per misurare larea racchiusa da elementi in contatto


1. (Facoltativo) Selezionare gli elementi. 2. Selezionare lo strumento Misura area. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Diffusione. 4. (Facoltativo) Se si desidera escludere dalla misura totale larea di eventuali elementi chiusi allinterno dellarea selezionata, disattivare Identifica figure interne. 5. Inserire un punto dati nellarea racchiusa dagli elementi di contorno. 6. Accettare gli elementi. Sulla barra di stato vengono visualizzati larea (A=) e il perimetro (P=) in unit principali. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Per misurare unarea definita da punti dati


1. Selezionare lo strumento Misura area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Punti. 3. Inserire un punto dati per definire i vertici di una figura immaginaria che racchiude larea. La figura immaginaria viene visualizzata dinamicamente. 4. Al termine delloperazione, resettare. Sulla barra di stato vengono visualizzati larea (A=) e il perimetro (P=) in unit principali. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Digitazione:

MEASURE AREA [DIFFERENCE | ELEMENT |

Manuale dellutente di MicroStation

4117

Tecnica di disegno
Misura volume
FENCE | FLOOD | INTERSECTION | POINTS | UNION]

Misura volume

(Solo 3D) Questo strumento consente di misurare il volume di un elemento o di un insieme di elementi e di analizzare le propriet di massa. Gli elementi devono racchiudere interamente un volume. In caso contrario, viene visualizzato un messaggio di errore sulla barra di stato.

ImEffetto postazione strumento

Tolleranza

Per le curve, consente di impostare la percentuale massima della distanza tra la curva reale e lapprossimazione utilizzata per effettuare la misurazione. Un valore di tolleranza basso migliora laccuratezza della misurazione, ma aumenta il tempo di calcolo. Se questa opzione attivata, nella finestra Propriet di massa (vedere pagina 4-120) viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa per il volume misurato.

Propriet di massa

4118

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Misura volume
ImEffetto postazione strumento

Visualizza baricentro Orientare normali

Se questa opzione attivata, viene visualizzato un cursore a forma di croce che rappresenta il centro di massa degli elementi misurati. Se questa opzione attivata, le direzioni normali di tutte le superfici selezionate vengono modificate automaticamente in modo da puntare verso lesterno (per modificare manualmente la direzione normale di una superficie viene utilizzato lo strumento Modifica direzione normale (vedere pagina 9-211) ).

Per misurare il volume


1. (Facoltativo) Selezionare gli elementi di contorno. Poich solo i coni solidi e i solidi di proiezione o di rivoluzione possono racchiudere completamente un volume, in genere necessario selezionare pi elementi. 4 2. Selezionare lo strumento Misura volume. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa. 3. Identificare lelemento. 4. Accettare lelemento. Sulla barra di stato viene visualizzato il volume. Se lopzione Propriet di massa attivata, nella finestra di dialogo Propriet di

4 Per convertire una superficie o un cono senza punta in un solido, utilizzare lo strumento Cambia a impostazione di superficie attiva del menu degli strumenti Modifica superfici.

Manuale dellutente di MicroStation

4119

Tecnica di disegno
Finestra Propriet di massa
massa viene visualizzata lanalisi delle propriet di massa.

Digitazione:

MEASURE VOLUME

Finestra Propriet di massa


Questa finestra consente di controllare e visualizzare lanalisi delle propriet di massa della lunghezza, dellarea e del volume misurati rispettivamente con gli strumenti Misura lunghezza (vedere pagina 4-110) , Misura area (vedere pagina 4-112) oppure Misura volume (vedere pagina 4-118) . Questa finestra viene visualizzata quando lopzione Propriet di massa attivata.

Finestra Propriet di massa, in cui visualizzata solo la parte sempre visibile, corrispondente alle propriet di base

Massa per <lunghezza/area/volume>


Imposta, in base allo strumento di misurazione selezionato, la massa in unit principali nel modo seguente:
Strumento selezionato Misura lunghezza (vedere pagina 4-110) Misura area (vedere pagina 4-112) Insiemi Massa per lunghezza la densit lineare per unit principali.

Massa per area la densit superficiale in unit principali quadrate.

4120

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Finestra Propriet di massa
Strumento selezionato Misura volume (vedere pagina 4-118) Insiemi Massa per volume la densit volumetrica (massa) in unit principali cubiche.

Questa impostazione ha effetto sia su Massa che su Momenti di inerzia.

Menu File > Salva


Visualizza la finestra di dialogo Salva valori di misurazione, utilizzata per salvare in un file di testo lanalisi delle propriet di massa.

Menu Visualizza > Momenti e prodotti di inerzia


Attiva o disattiva la visualizzazione della parte della finestra Propriet di massa che contiene i valori relativi ai momenti e ai prodotti di inerzia.
Nome elemento Momenti di inerzia Indica lelemento o gli elementi misurati Momenti di inerzia di massa utile per analisi cinematiche, compreso il calcolo della forza necessaria per ruotare un corpo attorno a un asse. Prodotti di inerzia di massa.

Prodotti di inerzia

Parte della finestra Propriet di massa in cui sono visualizzati i momenti e i prodotti di inerzia
Per gli elementi piani chiusi, i momenti di inerzia dellarea vengono ottenuti impostando Massa per area a 1.0. In questo caso, i momenti dellarea vengono visualizzati come unit principali elevate alla quarta potenza. I momenti dellarea sono necessari per analizzare le tensioni

Manuale dellutente di MicroStation

4121

Tecnica di disegno
Finestra Propriet di massa
lungo sezioni trasversali di travi e altre aree utili per calcoli tecnici. La combinazione dei momenti di massa e dei momenti polari di inerzia viene in genere indicata con tensore di inerzia. La combinazione dei momenti e dei prodotti di inerzia rispetto a un determinato sistema di coordinate pu essere utilizzata per calcolare questi valori per un qualsiasi sistema di coordinate.

Menu Visualizza > Momenti principali


Attiva o disattiva la visualizzazione della parte della finestra Propriet di massa che contiene i momenti principali e le direzioni principali.
Nome elemento Momenti principali Direzioni principali Indica lelemento o gli elementi misurati I valori massimo, minimo e intermedio del momento di inerzia. I tre assi perpendicolari che hanno origine dal baricentro e nei quali si verificano i momenti massimo, minimo e intermedio di inerzia. I prodotti di inerzia rispetto a questi assi sono uguali a zero.

Parte della finestra Propriet di massa in cui sono visualizzati i momenti e le direzioni principali

Menu Visualizza > Raggi di inerzia


Attiva o disattiva la visualizzazione della parte della finestra Propriet di massa contenente i raggi di inerzia, che consentono di esprimere i momenti di inerzia come distanze in unit di lavoro.

4122

Manuale dellutente di MicroStation

Tecnica di disegno
Propriet di base Parte della finestra Propriet di massa in cui sono visualizzati i raggi di inerzia

Propriet di base
Questa parte della finestra Propriet di massa viene sempre visualizzata. Gli elementi visualizzati a sinistra variano in base allultimo elemento misurato e allo strumento utilizzato per misurarlo.

Lunghezza
Lunghezza, in unit di lavoro, di un elemento lineare. Per le superfici, la lunghezza della geometria wireframe.

Perimetro
Perimetro, in unit di lavoro, di un elemento piano chiuso.

Superficie
Area di un elemento piano chiuso o superficie di un solido, in unit di lavoro quadrate.

Volume
Volume di un solido, in unit di lavoro cubiche.

Manuale dellutente di MicroStation

4123

Tecnica di disegno
Propriet di base

Massa
Massa, calcolata moltiplicando la lunghezza, la superficie o il volume per il valore dellopzione Massa per <lunghezza/area/volume> (vedere ) .

Baricentro
Coordinate, in unit di lavoro, del baricentro.5

5 Indicato graficamente con un cursore a croce se lopzione Visualizza baricentro attivata.

4124

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Dopo aver inserito gli elementi, possibile spostare, copiare, ruotare, scalare, eliminare o modificarne la geometria. Questo capitolo contiene le informazioni sugli strumenti usati per la manipolazione e la modifica degli elementi. Segue un elenco degli argomenti trattati: Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Selezione dellelemento Strumenti specifici per la manipolazione e la modifica degli elementi (vedere pagina 5-13) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Fence (vedere pagina 5-76) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Manipola (vedere pagina 5-28) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Cambia attributi (vedere pagina 5-62) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Abbina (vedere pagina 8-10) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Scomponi (vedere pagina 6-43) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Modifica (vedere pagina 5-76)

Selezione degli strumenti del menu Selezione dellelemento


Molti tipi di manipolazioni e modifiche possono essere eseguiti su gruppi di elementi. In altre parole, possibile raggruppare pi elementi ed eseguire operazioni di manipolazione o modifica sullintero gruppo. Gli elementi possono essere selezionati

Manuale dellutente di MicroStation

51

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Selezione dellelemento
graficamente oppure in base ai relativi attributi.

Menu degli strumenti Selezione dellelemento


Gli strumenti del menu degli strumenti Selezione dellelemento consentono di selezionare gli elementi presenti nel disegno.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Selezione dellelemento

Semplicemente selezionare e deselezionare gli elementi.

Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2)


Selezionare e deselezionare gli elementi uno alla volta, definendo unarea oppure disegnando una linea che li intersechi.

PowerSelector (vedere pagina 5-5)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX SELECTION [OFF | ON | TOGGLE]

Selezione dellelemento

Questo strumento consente di selezionare uno o pi elementi da modificare o manipolare. Quando viene selezionato lo strumento Selezione dellelemento, il puntatore assume la forma di una freccia con una piccola apertura

52

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Selezione dellelemento
attorno alla punta che indica larea del piano di disegno in cui MicroStation ricerca gli elementi. La dimensione dellapertura viene specificata dalla preferenza utente Tolleranza selezione che pu essere definita nella finestra di dialogo Preferenze (categoria Operativit). Per ulteriori informazioni sullimpostazione della dimensione dellapertura o su Tolleranza, vedere Operativit nel Manuale di riferimento. Se lelemento desiderato visibile nellapertura ma non pu essere selezionato, tenere presente quanto segue: Per selezionare una figura, necessario che il puntatore sia posizionato vicino a una delle linee che la racchiudono. Per selezionare un cerchio o unellisse, necessario che il puntatore sia posizionato vicino alla circonferenza o al centro. Se lopzione Livello attivata, possono essere selezionati solo gli elementi sul livello attivo. Se lopzione Bloccaggio griglia attivata, gli elementi possono essere selezionati solo se giacciono sui punti della griglia. possibile che alcuni elementi non si trovino sulla griglia.

Per selezionare un singolo elemento


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Fare clic sullelemento da selezionare. Lelemento selezionato viene evidenziato.1

Per selezionare uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Trascinare il puntatore attorno allarea contenente gli elementi che si desidera selezionare. Durante il trascinamento, larea

1 Quando lopzione Evidenzia elementi selezionati disattivata (nella categoria Input della finestra di dialogo Preferenze), gli elementi selezionati sono delimitati da quadrantini denominati handle.

Manuale dellutente di MicroStation

53

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Selezione dellelemento
risulta delimitata dinamicamente da un rettangolo. 3. Rilasciare il pulsante Dati. Tutti gli elementi contenuti nel rettangolo dinamico vengono selezionati.

Per selezionare tutti gli elementi inclusi quelli non visibili


1. Dal menu Modifica, scegliere Seleziona tutto. Se il file di disegno attivo grande, utilizzare con attenzione il comando Modifica > Seleziona tutto poich la selezione di molti elementi pu richiedere un certo periodo di tempo e con questa opzione vengono selezionati anche gli elementi non visibili.

Per selezionare un altro elemento


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Per selezionare lelemento, fare Ctrl-clic.

Per selezionare uno o pi elementi aggiuntivi


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Tenere premuto il tasto Ctrl e trascinare il puntatore attorno allarea contenente gli elementi aggiuntivi che si desidera selezionare. Mentre si tiene premuto il pulsante Dati, non posizionare il puntatore su un elemento gi selezionato. Per selezionare anche gli elementi sovrapposti al rettangolo dinamico, durante il trascinamento tenere premuto sia il tasto Maiusc che il tasto Ctrl. 3. Rilasciare il pulsante Dati. Quando si rilascia il pulsante Dati, tutti gli elementi interamente compresi nel rettangolo dinamico o sovrapposti ad esso vengono aggiunti allinsieme di elementi selezionati.

54

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector

Per deselezionare un elemento


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Per deselezionare lelemento, fare clic su di esso tenendo premuto ctrl.

Per deselezionare tutti gli elementi


1. Selezionare lo strumento Selezione dellelemento. 2. Fare clic in un punto della vista in cui non sono presenti elementi.

Digitazione:

CHOOSE ELEMENT

Gli elementi possono essere selezionati anche in base ai relativi attributi. Per ulteriori informazioni, vedere Selezione degli elementi in base agli attributi a pagina 8-147. Fare Ctrl-clic significa tenere premuto il tasto Ctrl mentre si fa clic sul pulsante Dati. Quando si seleziona un elemento, tutti gli altri elementi vengono automaticamente deselezionati. Se si seleziona lo strumento Seleziona dellelemento, viene automaticamente disattivato AccuDraw (se attivo). Per utilizzare AccuDraw con lo strumento Selezione dellelemento, selezionare lo strumento Attiva/disattiva AccuDraw dal menu Strumenti principali.

PowerSelector

Lo strumento PowerSelector consente di selezionare e deselezionare pi elementi in vari modi.

Manuale dellutente di MicroStation

55

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
Le schede degli attributi nella finestra di impostazioni dello strumento PowerSelector consentono di selezionare elementi in base a uno o pi attributi, quale Livello, Colore, Stile, Spessore, Tipo o Classe. In alternativa, quando si selezionano elementi graficamente, linsieme attivo di attributi viene visualizzato sotto forma di gruppo evidenziato nella parte superiore della casella di riepilogo di ogni scheda. possibile aggiungere ulteriori attributi allinsieme di ogni scheda facendo clic su altri attributi (non evidenziati). Se lattributo selezionato disponibile in un elemento, lattributo sar incluso nellinsieme. In modo analogo possibile rimuovere un attributo dallinsieme facendo clic su un attributo evidenziato. Passando da una scheda allaltra possibile continuare il processo di aggiunta o eliminazione di altri attributi per linsieme selezionato. Se sono selezionati diversi attributi, possibile tenere premuto <Ctrl> e fare clic su un attributo evidenziato per deselezionare tutti gli altri attributi evidenziati. Per gli elementi complessi, come le celle, che possono contenere pi attributi in una sola occorrenza, lo strumento PowerSelector consente di applicare una semplice logica di selezione. Gli attributi Livello, Colore, Stile, Spessore e Classe consentono infatti lindividuazione di elementi semplici allinterno di un elemento complesso, agendo quindi sullintero elemento complesso. Poich lattributo Tipi supporta solo corrispondenze esatte, non di solito utile per gli elementi complessi che normalmente contengono diversi tipi di elementi. Ad esempio, una cella costituita da due linee rosse e da due cerchi blu viene selezionata a seguito di una scansione eseguita per individuare elementi rossi, ma non di una scansione eseguita per individuare cerchi.

56

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta il metodo di selezione: IndividualeConsente di selezionare graficamente elementi, uno alla volta, come con lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) . Se si inserisce un punto dati ma lelemento non viene selezionato, viene attivato il metodo Rettangolo. Rettangolo InternoVengono selezionati tutti gli elementi allinterno del rettangolo definito. Rettangolo SovrapposizioneVengono selezionati tutti gli elementi interni, oltre a quelli sovrapposti al rettangolo definito. Poligono InternoVengono selezionati tutti gli elementi allinterno del poligono definito. Poligono SovrapposizioneVengono selezionati tutti gli elementi interni, oltre a quelli che si sovrappongono alla figura definita. LineaConsente di selezionare elementi definendo una linea che li interseca.

Manuale dellutente di MicroStation

57

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
ImEffetto postazione strumento

Modalit

Imposta la modalit duso dello strumento AggiungiConsente di selezionare gli elementi. SottraiConsente di deseleziona gli elementi. InvertiInverte lo stato di selezione di un elemento, ovvero seleziona gli elementi deselezionati e deseleziona quelli selezionati. NuovoAnnulla la selezione corrente e avvia un nuovo insieme. Cancella/seleziona tuttoDeseleziona tutti gli elementi selezionati o seleziona tutti gli elementi se nessuno di essi selezionato.

58

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
ImEffetto postazione strumento

Schede Attributo

Facendo clic sulla freccia Mostra informazioni di selezione, viene visualizzata la finestra di impostazione dello strumento con le schede Attributo. Lv (Livello)Consente di selezionare i livelli necessari da un elenco (da 1 a 63 pi qualsiasi livello presente contrassegnato da nome). Co (Colore)Consente di selezionare i colori necessari da un elenco (da 1 a 254 pi il contenuto di Per livello). Lc (Stile)Consente di selezionare gli stili di linea necessari da un elenco (da 0 a 7 pi gli eventuali stili di linea personalizzati presenti). Wt (Spessore)Consente di selezionare gli spessori di linea necessari da un elenco (da 1 a 31 pi il contenuto di Per livello). Ty (Tipo)Consente di selezionare i tipi di elementi necessari da un elenco. Cl (Classe)Consente di selezionare le classi di elementi necessari da un elenco.

Per selezionare elementi interni o sovrapposti a unarea rettangolare


1. Selezionare lo strumento PowerSelector. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, selezionare le seguenti icone: Metodo - Rettangolo e Modalit - Aggiungi (+) Se lopzione Rettangolo impostata a Interno, il rettangolo delimitato da un contorno continuo e non attraversato

Manuale dellutente di MicroStation

59

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
da linee tratteggiate.

Se lopzione Rettangolo impostata a Sovrapposizione il rettangolo delimitato da un contorno tratteggiato ed attraversato da una linea tratteggiata.

3. (Facoltativo) Per modificare limpostazione da Interno a Sovrapposizione, selezionare nuovamente licona utilizzando i tasti di scelta rapida o il puntatore. 4. Inserire un punto dati per definire il primo angolo del rettangolo. 5. Spostare il puntatore fino a quando il rettangolo, visualizzato dinamicamente, non contiene o non si sovrappone agli elementi che si desidera selezionare. 6. Inserire un secondo punto dati per chiudere il rettangolo.

Per selezionare elementi interni o sovrapposti a unarea poligonale


1. Selezionare lo strumento PowerSelector. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, selezionare le seguenti icone: Metodo - Poligono e Modalit - Aggiungi (+) 3. (Facoltativo) Per modificare limpostazione da Interno a Sovrapposizione, selezionare nuovamente licona utilizzando i tasti di scelta rapida o il puntatore. 4. Inserire un punto dati per definire il primo vertice

510

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
della figura poligonale. 5. Continuare a inserire punti dati fino a quando la figura poligonale non contiene o non si sovrappone agli elementi che si desidera selezionare. 6. Inserire lultimo punto dati per chiudere la figura poligonale.

Per selezionare elementi che intersecano una linea


1. Selezionare lo strumento PowerSelector. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, selezionare le seguenti icone: Metodo - Linea e Modalit - Aggiungi (+)

3. Inserire un punto dati per specificare linizio della linea. 4. Inserire un punto dati per specificare la fine della linea. Verranno selezionati tutti gli elementi intersecati dalla linea.

Per selezionare gli elementi in base ai relativi attributi


1. Selezionare lo strumento PowerSelector. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, selezionare la seguente icona: Modalit - Aggiungi (+) 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, fare clic sullicona Mostra informazioni di selezione. 4. Scegliere la scheda Attributo desiderata come criterio di selezione. 5. Nella casella di riepilogo della scheda Attributo scelta fare clic sugli attributi da includere nel criterio di selezione. Se nel file di disegno sono presenti elementi con gli attributi selezionati, tali attributi saranno evidenziati e visualizzati nella

Manuale dellutente di MicroStation

511

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


PowerSelector
parte superiore della casella di riepilogo e gli elementi verranno selezionati. Se si seleziona un attributo che non coincide con un elemento nel file di disegno, lattributo non verr evidenziato.

Per selezionare altri elementi o deselezionare alcuni elementi selezionati in base ai relativi attributi
1. Selezionare lo strumento PowerSelector. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, selezionare le seguenti icone: Metodo - Rettangolo e Modalit Aggiungi (+) o Sottrai (-) 3. (Facoltativo) Per modificare limpostazione da Interno a Sovrapposizione, selezionare nuovamente licona utilizzando i tasti di scelta rapida o il puntatore. 4. Inserire un punto dati per definire il primo angolo del rettangolo. 5. Spostare il puntatore fino a quando il rettangolo visualizzato dinamicamente non contiene o non si sovrappone agli elementi che si desidera selezionare o deselezionare. 6. Inserire un secondo punto dati per chiudere il rettangolo. Verranno selezionati gli elementi che rispondono al criterio contenuto nel rettangolo. 7. Nella finestra di impostazione dello strumento, fare clic sullicona per la visualizzazione di ulteriori informazioni. 8. Scegliere la scheda Attributo desiderata. Gli attributi presenti nellinsieme selezionato (rettangolo) vengono evidenziati e visualizzati nella parte superiore della casella di riepilogo. 9. Per deselezionare elementi con attributi specifici dallinsieme selezionato, fare clic sullattributo evidenziato. Lattributo non sar pi evidenziato e gli elementi contenenti quellattributo saranno deselezionati.

Digitazione:

POWERSELECTOR

Per gli utenti esperti, le impostazioni di Metodo e Modalit sono state associate a tasti di scelta rapida. Sono disponibili le configurazioni

512

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Strumenti specifici per la manipolazione e la modifica degli elementi
sia per la mano destra che per la mano sinistra.
Impostazione strumento Metodo Tasti di scelta rapida Individuale Q oppure U Blocco W oppure I Figura E oppure O Linea R oppure P Aggiungi A oppure J Sottrai S oppure K Inverti D oppure L Nuovo F oppure ; Cancella/Seleziona tutto G oppure (Notare che tutti gli elementi vengono deselezionati anche premendo la barra spaziatrice).

Modalit

Ad esempio, il tasto Metodo Q oppure U consente di selezionare il metodo Individuale, W oppure I il metodo Rettangolo, E oppure O il metodo Poligono e R oppure P il metodo Linea. possibile utilizzare indifferentemente le lettere minuscole o quelle maiuscole. Le selezioni effettuate mediante lo strumento PowerSelector possono essere annullate seguendo lordine di selezione utilizzando Ctrl-Z oppure Modifica > Annulla. possibile impostare la preferenza utente Disattivare gli handle di modifica affinch gli elementi selezionati vengano evidenziati anzich essere visualizzati con handle. Per modificare limpostazione da Interno a Sovrapposizione e viceversa, selezionare licona utilizzando il puntatore o i tasti di scelta rapida corrispondenti.

Strumenti specifici per la manipolazione e la modifica degli elementi


Per eseguire le operazioni di manipolazione, modifica o eliminazione degli elementi che richiedono una precisione maggiore rispetto a

Manuale dellutente di MicroStation

513

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Strumenti specifici per la manipolazione e la modifica degli elementi
quella offerta dagli strumenti Selezione dellelemento o PowerSelector, sono disponibili degli strumenti specifici che possono essere utilizzati in combinazione con gli strumenti Selezione dellelemento o PowerSelector oppure singolarmente. Nella seguente tabella riportato lelenco dei menu contenenti gli strumenti specifici utilizzati per posizionare, manipolare o modificare gli elementi.
Per Copiare, spostare, ridimensionare, ruotare o specularizzare un elemento. Cambiare gli attributi e il livello degli elementi. Modificare la forma o le dimensioni degli elementi. Utilizzare uno strumento nel menu degli strumenti Manipola (vedere pagina 5-28) menu degli strumenti Cambia attributi (vedere pagina 5-62) menu degli strumenti Modifica (vedere pagina 5-98)

Per utilizzare gli strumenti specifici


1. Dal menu degli strumenti Selezione dellelemento, selezionare lo strumento Selezione dellelemento.

2. Selezionare gli elementi (vedere pagina 5-1) . 3. Selezionare lo strumento specifico. 4. Eseguire le operazioni di manipolazione o di modifica desiderate.

Metodo alternativo Per utilizzare gli strumenti specifici


1. Selezionare lo strumento specifico. Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Identificare

514

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Fence
elemento. Il puntatore rappresentato da un cerchio il cui funzionamento identico a quello visualizzato sulla freccia del puntatore quando si utilizza lo strumento Selezione dellelemento.

2. Inserire un punto dati sullelemento desiderato (o in prossimit di esso) per identificarlo. In alcuni casi pu essere utile inserire prima un punto cattura tentativo sullelemento. Per ulteriori informazioni, vedere Inserimento di punti cattura tentativo sugli elementi a pagina 4-4. Lelemento viene evidenziato e sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Accettare/rifiutare elemento. 3. Per accettare lelemento e proseguire, inserire un punto dati in un punto qualsiasi della vista al di fuori dellelemento. o Per identificare un elemento diverso, resettare e tornare al passo 2. 4. Inserire altri punti dati per eseguire e, se necessario, ripetere loperazione di manipolazione desiderata. 5. (Facoltativo) Ripetere i passaggi da 2 a 4 per ogni altro elemento. necessario che lo strumento sia stato bloccato al momento della selezione al punto 1. Il primo metodo viene definito nome-istruzione poich gli elementi vengono distinti prima di selezionare lo strumento specifico. Il secondo metodo disponibile viene definito istruzione-nome. Tutti gli strumenti specifici possono essere utilizzati con il metodo istruzione-nome, mentre non tutti funzionano con il metodo nome-istruzione. Quando si seleziona uno strumento che non si basa sul metodo nome-istruzione, qualsiasi elemento selezionato viene automaticamente deselezionato.

Menu degli strumenti Fence


Gli strumenti del menu degli strumenti Fence consentono di posizionare, modificare e spostare la fence e di eliminarne il contenuto.

Manuale dellutente di MicroStation

515

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Fence
Per Selezionare nel menu degli strumenti Fence

Posizionare la fence.

Posiziona fence (vedere pagina 5-17)


Modificare un vertice della fence.

Modifica fence (vedere pagina 5-21)


Modificare il contenuto della fence. oppure Estendere o accorciare gli elementi sovrapposti alla fence.

Manipola contenuto della fence (vedere pagina 5-23)

Eliminare il contenuto della fence.

Elimina contenuto fence (vedere pagina 5-26)


Scomporre gli elementi complessi contenuti nella fence nei relativi componenti.

Rilascia stato complesso contenuto fence (vedere pagina 5-27)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX FENCE [OFF | ON | TOGGLE]

Per evitare manipolazioni accidentali delle fence, rimuovere quelle non pi necessarie selezionando lo strumento Posiziona fence.

516

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Posiziona fence

Posiziona fence

Questo strumento consente di posizionare la fence.

ImEffetto postazione strumento

Tipo fence

Se lopzione Tipo fence impostata a: Rettangolo, Figura o Cerchio.Consente di impostare le caratteristiche geometriche della fence per il posizionamento grafico. (da) Elemento, Dalla vista o Dal disegno.Consente di impostare lentit dalla quale la fence viene derivata.

Modalit fence

Imposta la modalit di selezione della fence che, insieme al posizionamento della fence, definisce il contenuto della fence da manipolare. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89. (Solo per file 2D) Quando lopzione Tipo fence impostata a Dal disegno, imposta i file di disegno da cui la fence derivata: Attivo o Tutti (file di disegno attivo e riferimenti collegati). Lopzione Scegli consente di identificare un file (il file di disegno attivo o un riferimento collegato) identificando uno degli elementi che ne fanno parte.

Disegno

Manuale dellutente di MicroStation

517

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Posiziona fence

Per posizionare una fence rettangolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Rettangolo. 3. Inserire un punto dati per definire un angolo. 4. Inserire un punto dati per definire langolo diagonalmente opposto.

Utilizzo di Posiziona fence con lopzione Tipo fence impostata a Rettangolo.

Metodo alternativo Per posizionare una fence rettangolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Rettangolo. 3. Tenendo premuto il pulsante Dati, trascinare il puntatore dal primo angolo allangolo diagonalmente opposto.

Per posizionare una fence poligonale, non rettangolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare

518

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Posiziona fence
Tipo fence a Figura. 3. Inserire un punto dati per definire il punto iniziale e quello finale. 4. Continuare a inserire punti dati per definire i vertici. 5. Per chiudere la figura, inserire un punto dati in corrispondenza del primo punto. o Fare clic sul pulsante Chiudi fence. o Digitare CLOSE ELEMENT.

Posiziona fence, con lopzione Tipo fence impostata a Figura.

Metodo alternativo Per posizionare una fence poligonale, non rettangolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Da figura. 3. Identificare un elemento che abbia la stessa forma della fence che si desidera posizionare. 4. Inserire un punto dati per accettare lelemento. La fence viene posizionata direttamente sulla parte superiore dellelemento.

Manuale dellutente di MicroStation

519

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Posiziona fence

Per posizionare una fence circolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Cerchio. 3. Inserire un punto dati per definire il centro. 4. Inserire un punto dati per definire il raggio.

Metodo alternativo Per posizionare una fence circolare


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Cerchio. 3. Trascinare il puntatore dal centro verso il perimetro.

Per posizionare una fence su un elemento di figura esistente


1. Selezionare lo strumento Posiziona fence. Viene eliminata qualsiasi fence esistente. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo fence a Elemento. 3. Identificare un elemento che abbia la stessa forma della fence che si desidera posizionare. 4. Inserire un punto dati per accettare lelemento. La fence viene posizionata direttamente sulla parte superiore dellelemento.

Digitazione:

PLACE FENCE [BLOCK | SHAPE | CIRCLE | FROMSHAPE | ELEMENT | VIEW | DESIGN | UNIVERSE | ACTIVE | ALLFILES]

Se la modalit di selezione della fence impostata a Ritaglio,

520

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica fence
selezionando Elemento la forma specificata viene duplicata. Attualmente possibile eseguire tale operazione solo con le figure semplici, ma non con quelle complesse. Se AccuDraw attivo, quando si seleziona Posiziona fence viene automaticamente disattivato. Per utilizzare AccuDraw con lo strumento Posiziona fence, selezionare lo strumento Attiva/disattiva AccuDraw dal menu Strumenti principali. Se il posizionamento della fence non soddisfacente, prima di selezionare un altro strumento resettare e riposizionarla.

Modifica fence

Questo strumento consente di spostare la fence o di modificare uno dei relativi vertici. La fence e la modalit di selezione delle fence definiscono il contenuto della fence per la manipolazione. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89.

Manuale dellutente di MicroStation

521

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica fence

Per spostare la fence senza riposizionarla


1. Selezionare lo strumento Modifica fence. 2. Impostare lopzione Tipo modifica a Posizione. 3. Inserire un punto dati per definire lorigine dello spostamento. 4. Inserire un punto dati per definire la nuova posizione della fence. Questo punto dati consente di posizionare lorigine con precisione. 5. Resettare per accettare lo spostamento. o Ripetere il passo 4.

Per modificare un vertice della fence


1. Selezionare lo strumento Modifica fence. 2. Impostare lopzione Tipo modifica a Vertice. 3. Identificare il vertice da spostare. 4. Inserire un punto dati per definire la nuova posizione del vertice. 5. Resettare per accettare la modifica. o Ripetere il passo 4.

Modifica vertice fence

Digitazione:

MOVE | MODIFY FENCE

La selezione dello strumento Modifica fence disattiva automaticamente AccuDraw (se non gi disattivato). Per utilizzare AccuDraw con lo strumento Modifica fence, selezionare lo strumento Attiva/disattiva

522

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Manipola contenuto della fence
AccuDraw dal menu Strumenti principali.

Manipola contenuto della fence

Questo strumento consente di spostare, copiare, ruotare, specularizzare, scalare o estendere il contenuto della fence, definito dalla fence e (ad eccezione dellopzione di estensione) dalla modalit di selezione delle fence. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89. Il metodo utilizzato per la manipolazione viene determinato dallimpostazione dello strumento Operazione. Per tutte le operazioni, ad eccezione di quella di estensione, la modalit di funzionamento identica a quella degli strumenti del menu degli strumenti Manipola con lopzione Usa fence attivata.
Operazione Funzionamento identico a quello di questo strumento con lopzione Usa fence attivata Copia (vedere pagina 5-30) Sposta (vedere pagina 5-33) Scala (vedere pagina 5-38) Ruota (vedere pagina 5-45) Specularizza (vedere pagina 5-53)

Copia Sposta Scala Ruota Specularizza

Se lopzione Operazione impostata su Estendi, Manipola contenuto della fence ignora la modalit di selezione delle fence e opera sugli elementi nel modo seguente: Il vertice di una linea, una spezzata, una linea multipla o una figura viene spostato se si trova allinterno della fence, ma non se si trova allesterno.

Manuale dellutente di MicroStation

523

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Manipola contenuto della fence
Un punto finale di un arco viene spostato se si trova allinterno della fence, ma non se si trova allesterno. Unellisse, un cerchio o una cella vengono spostati se si trovano completamente allinterno della fence.

Estendi fence sempre stato uno strumento potente per la manipolazione delle superfici B-spline, poich consente di spostare contemporaneamente pi poli (punti di controllo). Integrando lo strumento Estendi fence negli strumenti Ruota e Scala, stata aumentata in maniera significativa lefficienza delle funzionalit che consentono di piegare e distorcere superfici conservando il livello di omogeneit. Per ulteriori informazioni sulle superfici B-spline, vedere Elementi 3D a pagina 9-57. possibile utilizzare lopzione Estendi fence per manipolare le interruzioni (le interruzioni nelle linee multiple vengono spesso utilizzate per rappresentare finestre o porte quando la parete costituita da linee multiple). Ad esempio, possibile posizionare la fence in modo da includere una finestra e spostarla lungo la parete. Inoltre possibile modificare le dimensioni della finestra includendo nella fence solo linizio o la fine dellinterruzione. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, non necessario scomporre la linea multipla nei relativi componenti. Per ulteriori informazioni sulle linee multiple, vedere Utilizzo di linee multiple a pagina 8-30. Non possibile spostare uninterruzione allesterno del segmento di linea multipla che la contiene. Se spostando la fence linizio o la fine di uninterruzione viene a trovarsi allesterno del segmento, la posizione dellinterruzione verr proiettata sul punto pi vicino del segmento. Se si sposta uninterruzione allesterno del punto finale del segmento, essa verr semplicemente eliminata. Se nella fence presente solo un punto finale dellarco, questultimo viene in realt ruotato e scalato in modo che il punto venga spostato nella nuova posizione. In questo modo non viene modificato il rapporto di rappresentazione degli archi (ad esempio gli archi circolari non diventano ellittici) n il relativo angolo di apertura. Anzich scalare semplicemente gli archi sullasse X o Y, lopzione Estendi fence fa in modo che la nuova posizione del punto finale rimanga coerente con lo spostamento subito dalla fence.

524

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Manipola contenuto della fence

ImEffetto postazione strumento

Estendi celle
1

Se questa opzione attivata, le celle sovrapposte alla fence vengono estese.1

Per attivare o disattivare lopzione Estendi celle, possibile utilizzare anche la digitazione LOCK CELLSTRETCH [OFF | ON | TOGGLE].

Per estendere segmenti di elementi sovrapposti alla fence


1. Selezionare lo strumento Manipola contenuto della fence. 2. Impostare lopzione Operazione ad Allarga. Lopzione Allarga non tiene in considerazione la modalit di selezione delle fence. Quando si utilizza lopzione Allarga, la modalit non ha alcun effetto. 3. Inserire un punto dati allinterno della fence per definire lorigine. 4. Inserire un punto dati per riposizionare la fence e i relativi vertici.

Manuale dellutente di MicroStation

525

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Elimina contenuto fence

Strumento Manipola contenuto della fence con lopzione Operazione impostata ad Allarga.

Digitazione:

FENCE ICON

Durante le operazioni di estensione e spostamento, vengono mantenute le posizioni relative di tagli, interruzioni ed eliminazioni parziali nelle linee multiple. Per vincolare lo spostamento dei vertici in base ai valori multipli di un angolo, utilizzare AccuDraw (vedere pagina 4-30) insieme allopzione Allarga dello strumento Manipola contenuto della fence.

Elimina contenuto fence

Questo strumento consente di eliminare il contenuto della fence, definito dalla fence e dalla modalit di selezione delle fence. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89.

526

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia stato complesso contenuto fence

Per eliminare il contenuto della fence


1. Selezionare lo strumento Elimina contenuto fence. 2. Accettare leliminazione.

Digitazione:

FENCE DELETE

Rilascia stato complesso contenuto fence

Questo strumento consente di scomporre gli elementi complessi contenuti nella fence (celle, catene e figure complesse, nodi di testo, superfici e solidi) nei relativi componenti in modo che possano essere manipolati singolarmente.

Manuale dellutente di MicroStation

527

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Manipola
ImEffetto postazione strumento

Modalit fence (selezione)

Imposta il modo in cui viene determinato il contenuto della fence. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89.

Per rilasciare lo stato complesso del contenuto della fence


1. Selezionare lo strumento Rilascia stato complesso contenuto fence. 2. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

FENCE DROP COMPLEX

Per scomporre in modo selettivo specifici elementi complessi, utilizzare lo strumento Rilascia stato complesso (vedere pagina 5-89) . Lo strumento Rilascia stato complesso contenuto fence non pu essere utilizzato per annullare lassociazione tra una curva B-spline e il relativo poligono di controllo.

Menu degli strumenti Manipola


Gli strumenti del menu degli strumenti Manipola consentono di copiare, spostare, ridimensionare, ruotare, specularizzare e creare matrici di elementi.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Manipola

Copiare o estendere uno o pi elementi.

Copia (vedere pagina 5-30)

528

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Manipola
Per Selezionare nel menu degli strumenti Manipola

Spostare o estendere uno o pi elementi.

Sposta (vedere pagina 5-33)


Spostare o copiare un elemento in modo che i lati della copia siano paralleli allorigine.

Sposta parallela (vedere pagina 5-35)

Ridimensionare ed estendere uno o pi elementi in base ai fattori di scala attivi.

Scala (vedere pagina 5-38)


Ruotare o estendere uno o pi elementi.

Ruota (vedere pagina 5-45)


Specularizzare uno o pi elementi.

Specularizza (vedere pagina 5-53)


Allineare uno o pi elementi a uno spigolo di un altro elemento.

Allinea elementi per spigolo (vedere pagina 5-56)


Copiare pi volte uno o pi elementi in modo da creare una matrice rettangolare o polare (circolare).

Costruisci matrice (vedere pagina 5-58)

Manuale dellutente di MicroStation

529

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Copia elemento

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX MANIPULATE [OFF | ON | TOGGLE]

Per manipolare gli elementi di un riferimento collegato, utilizzare gli strumenti per i riferimenti. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo dei file di disegno di riferimento collegati a pagina 7-14.

Copia elemento

Questo strumento consente di copiare o estendere uno o pi elementi.

ImEffetto postazione strumento

Crea copia Usa fence Estendi celle

Se questa opzione disattivata, viene visualizzata la finestra di impostazione Sposta elemento. Se questa opzione attivata, viene copiato il contenuto della fence. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence. Se questa opzione attivata e la modalit di selezione delle fence impostata a Estendi, il contenuto della fence viene esteso.

530

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Copia elemento

Per copiare uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Copia. 2. Identificare lelemento. 3. Inserire un punto dati per posizionare la copia.

Metodo alternativo Per copiare uno o pi elementi


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Copia. 3. Inserire un punto dati per definire lorigine per la copia. 4. Inserire un punto dati per posizionare la copia.

Strumento Copia. A sinistra, identificazione di un elemento da copiare. A destra: copia del contenuto della fence con lopzione Usa fence attivata.

Per estendere elementi in una fence


1. Utilizzando lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) , posizionare una fence intorno a un elemento o a un gruppo di elementi. 2. Dal menu degli strumenti Manipola, selezionare lo strumento Copia. Viene visualizzata la finestra di impostazione Copia elemento. 3. Dal menu di opzioni Usa fence, selezionare Estendi. Vengono attivate le caselle di controllo Usa fence ed Estendi celle.

Manuale dellutente di MicroStation

531

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Copia elemento

4. Inserire un punto dati allinterno della fence per definire lorigine. 5. Inserire un punto dati per riposizionare la fence e i relativi vertici.

Estendere elementi in una fence utilizzando lo strumento Copia Elemento. Inserire un punto dati per definire lorigine della fence (1), quindi un secondo punto dati per riposizionare i vertici interessati (2).

Digitazione: Digitazione:

COPY ICON FENCE COPY ELEMENT

Per vincolare lo spostamento delle copie in base ai valori multipli di un angolo, utilizzare AccuDraw insieme allo strumento Copy (vedere AccuDraw a pagina 4-30). Per copiare il contenuto della fence in un nuovo file di disegno, vedere la procedura in Manipolazioni speciali della fence (vedere pagina 4-93) . Non possibile espandere tutti i vertici allesterno della fence, infatti Estendi considerata una modalit Fence, quindi non possibile combinare Esterno ed Estendi. Lopzione Estendi fence funziona in modo analogo dalle finestre

532

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Sposta elemento
di impostazione Copia Elemento o Sposta elemento.

Sposta elemento

Questo strumento consente di spostare o estendere uno o pi elementi.

ImEffetto postazione strumento

Crea copia Usa fence Estendi celle

Se questa opzione attivata, viene visualizzata la finestra di impostazione Copia elemento. Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene spostato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence. Se questa opzione attivata e la modalit di selezione delle fence impostata a Estendi, il contenuto della fence viene esteso.

Per spostare un elemento


1. Selezionare lo strumento Sposta (assicurarsi che lopzione

Manuale dellutente di MicroStation

533

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Sposta elemento
Usa fence sia disattivata). 2. Identificare lelemento. 3. Inserire un punto dati per riposizionare lelemento.

Per spostare uno o pi elementi selezionati


1. Selezionare gli elementi. 2. Selezionare lo strumento Sposta. Assicurarsi che lopzione Usa fence sia disattivata. 3. Trascinare lelemento selezionato utilizzando qualsiasi punto ad eccezione degli handle. Tutti gli elementi selezionati vengono spostati.

Per spostare il contenuto della fence


1. Posizionare una fence attorno agli elementi. 2. Selezionare lo strumento Sposta. Assicurarsi che lopzione Usa fence sia attivata. 3. Inserire un punto dati per definire lorigine dello spostamento. 4. Inserire un punto dati per riposizionare il contenuto della fence.

Strumento Sposta. A sinistra: identificazione di un elemento da spostare. A destra: spostamento del contenuto della fence con lopzione Usa fence attivata.

534

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Sposta parallela

Digitazione: Digitazione:

MOVE ICON FENCE MOVE ELEMENT

Per vincolare lo spostamento in base ai valori multipli di un angolo, utilizzare AccuDraw insieme allo strumento Sposta (vedere AccuDraw a pagina 4-30). Per spostare il contenuto della fence in un nuovo file di disegno, vedere la procedura in Manipolazioni speciali della fence (vedere pagina 4-93) .

Sposta parallela

Questo strumento consente di spostare o copiare un elemento (linea, spezzata, linea multipla, curva, arco, ellisse, figura, catena o figura complessa) parallelo allelemento originale.

Manuale dellutente di MicroStation

535

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Sposta parallela
ImEffetto postazione strumento

Modalit gap

Determina il metodo di riempimento del gap creato dallo spostamento di due elementi connessi a una posizione parallela. SquadratoIl gap viene riempito calcolando un nuovo punto di intersezione con lo stesso angolo relativo al punto di intersezione originale. TondoIl gap viene riempito con un arco tra i due elementi spostati.

Distanza Crea copia

Se questa opzione attivata, imposta la distanza di spostamento. Se questa opzione attivata, lelemento viene copiato e loriginale non viene modificato.

Per spostare o copiare un elemento parallelo allelemento originale


1. Selezionare lo strumento Sposta parallela. 2. Identificare lelemento. 3. Inserire un punto dati.
Distanza Disattivato Attivato Definisce Distanza e direzione Solo direzione

536

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Sposta parallela

Strumento Sposta parallela. Sopra: definizione della distanza mediante un punto dati (opzione Distanza disattivata) e lopzione Modalit gap impostata a Squadrato. Sotto: la distanza viene digitata (opzione Distanza attivata). Nelle figure, lopzione Crea copia attivata.

Confronto tra lutilizzo dello strumento Sposta parallela con lopzione Modalit gap impostata a Squadrato (sinistra) e Tondo (destra).

Digitazione: Digitazione:

MOVE PARALLEL ICON [COPY | MOVE] PARALLEL [DISTANCE | KEYIN]

In alternativa possibile utilizzare lo strumento Sposta

Manuale dellutente di MicroStation

537

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala
elemento (vedere pagina 5-33) insieme ad AccuDraw per vincolare lo spostamento dellelemento.

Scala

Questo strumento consente di ridimensionare ed estendere uno o pi elementi. possibile scalare gli elementi singolarmente, come gruppo o allinterno della fence. Quando attiva lopzione Informazioni su Centra elemento, gli elementi selezionati vengono scalati attorno al relativo centro.

538

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Consente di impostare il metodo. Scala attivaScala gli elementi in base ai fattori di scala attivi (Scala X, Scala Y, e Scala Z). Se un fattore di scala compreso tra 0 e 1 (ad esempio 0,25), la dimensione viene diminuita, se maggiore di 1, le dimensioni nella direzione corrispondente vengono aumentate. 3 puntiScala gli elementi graficamente, in base allinserimento di tre punti dati. I fattori di scala vengono calcolati dividendo la distanza fra il primo e il terzo punto per la distanza tra il primo e il secondo punto.

Scala X Scala Y Scala Z

Fattore di scala lungo lasse X (orizzontale) della vista, quando lopzione Metodo impostata a Scala attiva. Fattore di scala lungo lasse Y (verticale) della vista, quando lopzione Metodo impostata a Scala attiva. (Solo 3D) Fattore di scala lungo lasse Z (profondit) della vista, quando lopzione Metodo impostata a Scala attiva. Se questa opzione attivata, quando lopzione Metodo impostata a 3 punti le proporzioni degli elementi vengono mantenute. Se questa opzione attivata, uno o pi elementi vengono copiati e le dimensioni delle relative copie vengono scalate. Gli elementi originali non subiscono alcuna manipolazione. Se questa opzione attivata, gli offset di linea multipla vengono scalati. Tale strumento viene utilizzato, ad esempio, per scalare lo spessore di un muro durante il ridimensionamento di una stanza. Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene scalato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Proporzionale Crea copia

Scala offset di linea multipla Usa fence

Manuale dellutente di MicroStation

539

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala
ImEffetto postazione strumento

Estendi celle Informazioni su Centra elemento

Se questa opzione attivata e la modalit di selezione delle fence impostata a Estendi, il contenuto della fence viene scalato ed esteso. Se lopzione attivata nella sezione Informazioni estese delle impostazioni dello strumento, gli elementi selezionati vengono scalati attorno al relativo centro e non a un punto selezionato. possibile selezionare singolarmente gli elementi o selezionare pi elementi da scalare in un insieme di selezione o utilizzando la fence. Quando sono selezionati pi elementi, verranno tutti scalati rispetto ai relativi centri.

Per scalare uno o pi elementi in base ai fattori di scala attivi


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Scala. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Scala attiva. 4. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale lelemento o gli elementi vengono scalati.

Metodo alternativo Per scalare uno o pi elementi in base ai fattori di scala attivi
1. Selezionare lo strumento Scala. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Scala attiva. 3. Identificare lelemento. 4. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale lelemento o gli elementi vengono scalati.

540

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala

Scala, con lopzione Metodo impostata a Scala attiva. Le figure mostrano Scala X = 2.0, Scala Y = 0.5 e lopzione Crea copia attivata.

Per scalare uno o pi elementi graficamente


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Scala. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a 3 punti. 4. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale scalare gli elementi. 5. Inserire un punto dati per definire una posizione o un punto chiave conosciuti. 6. Inserire un punto dati per definire i fattori di scala.

Metodo alternativo Per scalare uno o pi elementi graficamente


1. Selezionare lo strumento Scala. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a 3 punti. 3. Identificare lelemento. 4. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale scalare gli elementi. 5. Inserire un punto dati per definire una posizione o un punto chiave conosciuti. 6. Inserire un punto dati per definire i fattori di scala.

Manuale dellutente di MicroStation

541

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala

Scala, con lopzione Metodo impostato a 3 punti.

Per scalare ed estendere gli elementi in una fence


1. Utilizzando lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) , posizionare una fence intorno a un elemento o a un gruppo di elementi. 2. Selezionare lo strumento Scala. Viene visualizzata la finestra di impostazione Scala. 3. Dal menu di opzioni Usa fence, selezionare Estendi. Vengono attivate le caselle di controllo Usa fence ed Estendi celle. 4. Dal menu di opzioni Metodo, selezionare Scala attiva e immettere i valori desiderati nei campi X, Y e Z.

5. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale lelemento o gli elementi vengono scalati. Gli elementi vengono estesi in base ai valori specificati

542

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala
per la scala attiva.

Assegnazione di un fattore di scala ed estensione di elementi in una fence mediante lo strumento Scala. Inserire un punto dati (1) per definire il punto intorno al quale gli elementi vengono scalati.

Per scalare ed estendere graficamente gli elementi in una fence


1. Utilizzando lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) , posizionare una fence intorno a un elemento o a un gruppo di elementi. 2. Selezionare lo strumento Scala. Viene visualizzata la finestra di impostazione Scala. 3. Dal menu di opzioni Usa fence, selezionare Estendi. Vengono attivate le caselle di controllo Usa fence ed Estendi celle. 4. Dal menu di opzioni Metodo, selezionare 3 punti.

Manuale dellutente di MicroStation

543

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scala

5. Inserire un punto dati per definire il punto rispetto al quale lelemento o gli elementi vengono scalati. 6. Inserire un punto dati per definire una posizione o un punto chiave conosciuti. 7. Inserire un punto dati per definire i fattori di scala. Gli elementi vengono scalati ed estesi graficamente.

Inserire un punto dati (1) per definire il punto intorno al quale gli elementi vengono scalati. Inserire un punto dati (2) per definire un punto di riferimento per loperazione. Inserire un punto dati (3) per definire il valore della scala.

Per scalare gli elementi in una fence attorno al relativo centro (in base a un fattore di scala)
1. Utilizzare lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) per racchiudere gli elementi in una fence. 2. Selezionare lo strumento Scala. Viene visualizzata la finestra di impostazione Scala. 3. Impostare Metodo a Scala attiva, quindi impostare il fattore di scala. 4. Attivare Informazioni su Centra elemento (nella sezione

544

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota
Informazioni estese delle impostazioni dello strumento). 5. Inserire un punto dati per accettare gli elementi scalati.

A sinistra: Selezione degli elementi da scalare mediante una fence. A destra: Dopo il ridimensionamento degli elementi con lopzione Informazioni su Centra elemento attivata (gli originali sono tratteggiati).

Digitazione: Digitazione:

SCALE ICON FENCE SCALE POINTS [COPY | ORIGINAL]

Ruota

Questo strumento consente di ruotare ed estendere uno o pi elementi. possibile ruotare gli elementi singolarmente, come gruppo o allinterno della fence. Quando attiva lopzione Informazioni su Centra elemento, gli elementi selezionati vengono ruotati attorno al relativo centro.

Manuale dellutente di MicroStation

545

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Consente di impostare il metodo per la rotazione e lestensione di un elemento. Angolo attivoGli elementi vengono ruotati in base allangolo attivo che pu essere digitato dallutente. 2 puntiLangolo di rotazione viene definito inserendo due punti dati. 3 puntiLangolo di rotazione viene definito mediante tre punti dati.

Crea copia

Se questa opzione attivata, uno o pi elementi vengono copiati e le relative copie vengono ruotate. Gli elementi originali non subiscono alcuna manipolazione. Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene ruotato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence. Se questa opzione attivata e la modalit di selezione delle fence impostata a Estendi, il contenuto della fence viene ruotato ed esteso. Se lopzione attivata nella sezione Informazioni estese delle impostazioni dello strumento, gli elementi selezionati vengono ruotati attorno al relativo centro e non a un punto selezionato. possibile selezionare gli elementi singolarmente o selezionare pi elementi da ruotare in un insieme di selezione o utilizzando la fence. Quando sono selezionati pi elementi, verranno tutti ruotati rispetto ai relativi centri.

Usa fence Estendi celle Informazioni su Centra elemento

546

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota

Per ruotare uno o pi elementi


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Ruota. 3. Inserire un punto dati per definire il punto di riferimento. Se lopzione Metodo impostata ad Angolo attivo, gli elementi vengono ruotati in base allangolo attivo. Ripetere questa procedura per ruotare nuovamente gli elementi, altrimenti passare al punto 4. 4. Se lopzione Metodo impostata a 2 punti, inserire un punto dati per definire graficamente langolo di rotazione. o Se lopzione Metodo impostata su 3 punti, inserire un punto dati per definire il punto di inizio della rotazione. Se lopzione Metodo impostata a 2 punti, gli elementi vengono ruotati. Ripetere questa procedura per ruotare nuovamente gli elementi, altrimenti passare al punto 5. 5. Inserire un punto dati per definire graficamente langolo di rotazione.

Metodo alternativo Per ruotare uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Ruota. 2. Identificare lelemento. 3. Eseguire le operazioni indicate ai punti 35 riportati sopra.

Manuale dellutente di MicroStation

547

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota

Strumento Ruota. In alto: con lopzione Metodo impostata a 2 punti. Al centro: con lopzione Metodo impostata ad Angolo attivo e langolo attivo impostato a 30 . In basso: con lopzione Metodo impostata a 3 punti.

Per ruotare ed estendere gli elementi in una fence


1. Utilizzando lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) , posizionare una fence intorno a un elemento

548

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota
o a un gruppo di elementi. 2. Selezionare lo strumento Ruota. Viene visualizzata la finestra di impostazione Ruota. 3. Dal menu di opzioni Usa fence, selezionare Estendi. Vengono attivate le caselle di controllo Usa fence ed Estendi celle. 4. Dal menu di opzioni Metodo, selezionare Angolo attivo e inserire un valore nel campo corrispondente.

5. Inserire un punto dati per definire il punto di riferimento. Gli elementi vengono ruotati ed estesi in base al valore specificato per langolo attivo.

Rotazione ed estensione di elementi in una fence utilizzando lo strumento Ruota. Inserire un punto dati (1) per definire il punto rispetto al quale vengono ruotati ed estesi gli elementi .

Per ruotare ed estendere graficamente gli elementi in una fence


1. Utilizzando lo strumento Posiziona fence (vedere pagina 5-17) , posizionare una fence intorno a un elemento

Manuale dellutente di MicroStation

549

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota
o a un gruppo di elementi. 2. Selezionare lo strumento Ruota. Viene visualizzata la finestra di impostazione Ruota. 3. Dal menu di opzioni Usa fence, selezionare Estendi. Vengono attivate le caselle di controllo Usa fence ed Estendi celle. 4. Dal menu di opzioni Metodo, selezionare 2 punti. (se si seleziona 3 punti, passare al punto 7). 5. Inserire un punto dati per definire il punto di riferimento. 6. Inserire un punto dati per definire graficamente langolo di rotazione. Saltare al punto 10. 7. Se lopzione Metodo impostata a 3 punti, inserire un punto dati per definire il punto di riferimento. 8. Inserire un punto dati per definire il punto iniziale della rotazione. 9. Inserire un punto dati per definire graficamente langolo di rotazione. 10. Gli elementi vengono ruotati ed estesi graficamente. Ripetere questa procedura per ruotare ed estendere nuovamente gli elementi.

Rotazione ed estensione grafica di elementi in una fence (2 punti). Inserire un punto dati (1) per definire il punto di riferimento. Inserire un punto dati (2) per definire graficamente langolo di rotazione.

550

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota

Rotazione ed estensione grafica di elementi in una fence (3 punti). Inserire un punto dati (1) per definire il punto di riferimento. Inserire un punto dati (2) per definire il punto iniziale della rotazione. Inserire un punto dati (3) per definire graficamente langolo di rotazione.

Per ruotare un elemento attorno al centro in base allangolo attivo


1. Selezionare lo strumento Ruota. 2. Impostare lopzione Metodo ad Angolo attivo, quindi impostare langolo. 3. Attivare Informazioni su Centra elemento (nella sezione Informazioni estese delle impostazioni dello strumento). 4. Identificare lelemento che si desidera ruotare. La rotazione viene visualizzata dinamicamente. 5. Accettare per completare la rotazione.

Manuale dellutente di MicroStation

551

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Ruota

Con lopzione Metodo impostata ad Angolo attivo e lopzione Informazioni su Centra elemento attivata: A sinistra: Identificare lelemento (1) nella figura si tratta di una cellla. Al centro: La rotazione viene visualizzata in modo dinamico. A destra: Accettare (2) per completare la rotazione attorno al centro dellelemento

Per ruotare un gruppo di elementi attorno al centro in base allangolo attivo


1. Selezionare gli elementi mediante lo strumento Selezione dellelemento o PowerSelector oppure racchiudendoli nella fence. 2. Selezionare lo strumento Ruota. 3. Impostare lopzione Metodo ad Angolo attivo, quindi impostare langolo. 4. Attivare Informazioni su Centra elemento (nella sezione Informazioni estese delle impostazioni dello strumento). 5. Inserire un punto dati per completare la rotazione.

552

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Specularizza

A sinistra: Selezione degli elementi da ruotare mediante una fence. A destra: Dopo la rotazione degli elementi attorno al centro.

FENCE [ROTATE | SPIN] [COPY | ORIGINAL | POINTS] [COPY | ORIGINAL] Se lopzione Usa fence attivata e la rotazione viene ripetuta, tutti gli elementi allinterno della fence spostata vengono copiati insieme al contenuto originario della fence. In genere, per creare pi copie ruotate, pi semplice utilizzare lo strumento Costruisci matrice (vedere pagina 5-58) con lopzione Tipo di matrice impostata a Polare.

Digitazione: Digitazione:

ROTATE ICON

Specularizza

Questo strumento consente di specularizzare uno o pi elementi.

Manuale dellutente di MicroStation

553

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Specularizza

ImEffetto postazione strumento

Specularizzazione

Imposta la direzione nella quale specularizzare gli elementi. OrizzontaleRispetto allasse orizzontale. VerticaleRispetto allasse verticale. LineaRispetto alla linea definita da due punti dati.

Crea copia Specularizza testo Specularizza offset di linea multipla Usa fence

Se questa opzione attivata, viene creata una copia dellelemento che viene specularizzata, lasciando inalterato lelemento originale. Se questa opzione attivata, il testo viene specularizzato. Se questa opzione attivata, gli offset di linea multipla vengono specularizzati.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene specularizzato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

554

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Specularizza

Per specularizzare uno o pi elementi


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Specularizza. 3. Inserire un punto dati. Se lopzione Specularizzazione impostata a Orizzontale o Verticale, lelemento viene specularizzato. Se lopzione Specularizzazione impostata a Linea, il punto dati inserito definisce un punto sulla linea di specularizzazione. 4. Se lopzione Specularizzazione impostata a Linea, inserire un altro punto dati per definire un secondo punto sulla linea di specularizzazione. Gli elementi sono specularizzati. Per ripetere la specularizzazione, tornare al punto 3.

Metodo alternativo Per specularizzare uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Specularizza. 2. Identificare lelemento. 3. Eseguire le operazioni indicate ai punti 3 e 4 riportati sopra.

Manuale dellutente di MicroStation

555

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Allinea spigoli

Strumento Specularizza. In senso orario da sinistra in alto: Specularizzazione impostata a Orizzontale, Verticale e Linea. Opzione Specularizza testo attivata.

Digitazione: Digitazione:

MIRROR ICON

FENCE MIRROR [COPY | ORIGINAL] [HORIZONTAL | LINE | VERTICAL]

Allinea spigoli

Questo strumento consente di allineare uno o pi elementi allo spigolo di un altro elemento.

556

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Allinea spigoli

ImEffetto postazione strumento

Allinea

Consente di definire il modo in cui eseguire lallineamento: Alto Basso Sinistra Destra Centro orizz(ontale) Centro vert(icale) Entrambi i centri

Usa fence

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene allineato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Per allineare pi elementi a un altro elemento


1. Selezionare o racchiudere in una fence gli elementi che si desidera allineare. 2. Selezionare lo strumento Allinea spigoli. 3. Identificare lelemento base al quale si desidera allineare gli elementi selezionati. Gli elementi selezionati vengono allineati allo spigolo dellelemento base. 4. Accettare lallineamento dellelemento base.

Manuale dellutente di MicroStation

557

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci matrice

Metodo alternativo Per allineare pi elementi a un altro elemento


1. Selezionare lo strumento Allinea spigoli. 2. Identificare lelemento base al quale si desidera allineare gli altri elementi. Lelemento base viene evidenziato e viene visualizzato un rettangolo di estensione normale alla vista. 3. Identificare un elemento da allineare. Lelemento identificato viene allineato allo spigolo dellelemento base, che rimane evidenziato con il rettangolo di estensione. 4. Identificare altri elementi fino a quando tutti gli elementi desiderati sono allineati allelemento base. 5. Accettare lallineamento dellultimo elemento allelemento base. Lelemento base rimane evidenziato con il rettangolo di estensione. 6. Resettare.

Digitazione:

ALIGNEDGE

Costruisci matrice

Questo strumento consente di copiare pi volte uno o pi elementi per creare una matrice.

558

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci matrice

ImEffetto postazione strumento

Tipo di matrice

Imposta il tipo di matrice da creare. Sono disponibili diverse impostazioni dello strumento a seconda di come impostata questa opzione. RettangolareCrea una matrice rettangolare PolareCrea una matrice polare (circolare)

Usa fence

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene copiato in una matrice. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence. (Tipo di matrice rettangolare) Allinea la griglia ortogonale immaginaria sulla quale vengono posizionate le copie. (Tipo di matrice rettangolare) Numero di righe. (Tipo di matrice rettangolare) Numero di colonne. (Tipo di matrice rettangolare) Spazio tra le righe.1 (Tipo di matrice rettangolare) Spazio tra le colonne.1

Angolo attivo Righe Colonne Spaziatura tra righe Spaziatura tra colonne Oggetti

(Tipo di matrice polare) Imposta il numero di oggetti o copie del contenuto della fence presenti nella matrice, compreso loggetto originale.

Manuale dellutente di MicroStation

559

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci matrice
ImEffetto postazione strumento

Angolo delta

(Tipo di matrice polare) Imposta langolo tra gli oggetti. Se il valore positivo, le copie vengono posizionate in senso antiorario. Se il valore negativo, le copie vengono posizionate in senso orario.

Ruota oggetti
1

(Tipo di matrice polare) Se questa opzione attivata, lelemento viene ruotato rispetto al centro della matrice.

La spaziatura tra righe e colonne viene misurata dallangolo in basso a sinistra di un elemento lineare o dal centro di un cerchio o di unellisse.

Per creare una matrice rettangolare


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. Lelemento diventa loggetto in basso a sinistra della matrice. 2. Selezionare lo strumento Costruisci matrice. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo di matrice a Rettangolare. 4. (Facoltativo) Se necessario, modificare le altre impostazioni. 5. Accettare la matrice.

Metodo alternativo Per creare una matrice rettangolare


1. Selezionare lo strumento Costruisci matrice. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare

560

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci matrice
Tipo di matrice a Rettangolare. 3. Identificare lelemento. Lelemento diventa loggetto in basso a sinistra della matrice. 4. Eseguire le operazioni indicate ai punti 45 riportati sopra.

Creazione di una matrice rettangolare. D1 indica la spaziatura tra le righe, D2 la spaziatura tra le colonne e AA langolo attivo. A sinistra e al centro: identificazione di un elemento. A destra: copia del contenuto della fence con lopzione Usa fence attivata.

Per creare una matrice polare


1. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 2. Selezionare lo strumento Costruisci matrice. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Tipo di matrice a Polare. 4. Inserire un punto dati per definire il centro della matrice.

Metodo alternativo Per creare una matrice polare


1. Selezionare lo strumento Costruisci matrice. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare

Manuale dellutente di MicroStation

561

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi menu degli strumenti
Tipo di matrice a Polare. 3. Identificare lelemento da copiare. 4. Inserire un punto dati per definire il centro della matrice. Il punto nel quale viene identificato lelemento (passo 3) viene posizionato in ogni copia su un cerchio immaginario.

Creazione di una matrice polare. In alto: identificazione di un elemento. Numero di oggetti 8 e Angolo delta 45 . In basso: copia del contenuto della fence (opzione Usa fence attivata). Numero di oggetti 6 e Angolo delta 60 .

Digitazione: Digitazione:

ARRAY ICON FENCE ARRAY [RECTANGULAR | POLAR]

Cambia attributi menu degli strumenti


Gli strumenti del menu degli strumenti Cambia attributi consentono di modificare uno o pi elementi utilizzando le impostazioni degli attributi dellelemento attivo.

562

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi menu degli strumenti
Per Selezionare nel menu degli strumenti Cambia attributi

Cambiare il livello, il colore, lo stile di linea, lo spessore di linea o la classe di uno o pi elementi.

Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65)

Assegnare a uno o pi elementi chiusi limpostazione dellarea attiva (Solido o Vuoto).

Cambia in area attiva (vedere pagina 5-69)

Cambia uno o pi elementi chiusi nel Tipo di riempimento attivo.

Cambia in tipo di riempimento attivo (vedere pagina 5-70)


Modificare in modo interattivo gli attributi dello stile di linea di un elemento con uno stile di linea personalizzato.

Modifica gli attributi dello stile di linea (vedere pagina 5-72)

Assegnare agli attributi di una linea multipla la definizione attiva.

Cambia definizione linea multipla (vedere pagina 5-75)


Impostare gli attributi dellelemento attivo in modo da farli corrispondere agli attributi di un elemento esistente.

Abbina attributi degli elementi (vedere pagina 5-76)

Manuale dellutente di MicroStation

563

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi menu degli strumenti
Per Selezionare nel menu degli strumenti Cambia attributi

Cambiare tutte le impostazioni degli attributi dellelemento attivo, comprese quelle specifiche per particolari tipi di elementi, in modo da farle corrispondere agli attributi di un elemento nel disegno.

Abbina impostazioni di tutti gli elementi (SmartMatch) (vedere pagina 5-78)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX CHANGE [OFF | ON | TOGGLE]

I seguenti strumenti consentono di modificare altri attributi specifici degli elementi:


Per modificare gli attributi per Curve B-spline Cambia curva a impostazione attiva (vedere pagina 8-123) nel menu degli strumenti Modifica Curve. Superfici B-spline Cambia a impostazione di superficie attiva (vedere pagina 9-214) nel menu degli strumenti Modifica superfici. Quote Cambia quota a impostazioni attive nel menu degli strumenti Quota. Elementi di testo Cambia attributi di testo nel menu degli strumentiTesto. Utilizzare

564

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi elemento

Cambia attributi elemento

Questo strumento consente di modificare alcuni attributi di un elemento. Tramite lo strumento Cambia attributi elemento possibile specificare le nuove impostazioni dellattributo. I controlli relativi alle impostazioni dellattributo sono analoghi a quelli presenti nella finestra di dialogo Attributi elemento (menu Elemento > Attributi). Lo strumento Cambia attributi elemento utile per impostare un elemento su un livello attualmente disattivato (come un invio dellelemento su un altro livello) senza modificare gli attributi attivi. Inoltre, poich consente di abbinare e cambiare gli attributi utilizzando lo strumento Cambia attributi elemento, risulta molto utile quando si effettuano ripetute modifiche su molti elementi diversi (ad esempio cancellare gli spessori di linea di un intero disegno).

Manuale dellutente di MicroStation

565

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi elemento
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Consente di specificare se si desidera cambiare o abbinare e cambiare gli attributi dellelemento selezionati. CambiaCambia gli attributi selezionati di un elemento. Abbina / CambiaSe Usa attributi attivi attivato, vengono prima abbinati gli attributi dellelemento attivo agli attributi dellelemento selezionato, poi viene cambiato lelemento successivo selezionato affinch corrisponda agli attributi appena cambiati. Se Usa attributi attivi disattivato, vengono prima abbinati gli attributi di un elemento agli attributi selezionati successivamente, quindi viene cambiato il successivo elemento selezionato affinch corrisponda agli attributi appena cambiati.

Usa attributi attivi

Se questa opzione attivata, gli attributi attivi sono interessati dai cambiamenti o dagli abbinamenti delle impostazioni dellattributo. Se questa opzione disattivata (impostazione predefinita), gli attributi attivi non sono interessati dai cambiamenti o dagli abbinamenti delle impostazioni dellattributo.

Livello Colore Stile Spessore Classe Usa fence

Livello attivo, se Usa attributi attivi attivato. Colore attivo, se Usa attributi attivi attivato. Stile di linea attivo (e qualsiasi modificatore di stile di linea attivo), se Usa attributi attivi attivato. Spessore di linea attivo, se Usa attributi attivi attivato. Classe attiva Principale o Costruzione, se Usa attributi attivi attivato. Se questa opzione attivata, gli attributi della fence selezionati vengono modificati

566

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi elemento

Per cambiare gli attributi selezionati di un elemento


1. Selezionare lo strumento Cambia attributi elemento. 2. Impostare Metodo a Sostituisci. 3. Seleziona Usa attributi attivi per cambiare gli attributi di un elemento di modo che corrispondano alle impostazioni dellattributo dellelemento attivo. o Deselezionare la casella Usa attributi attivi per cambiare gli attributi di un elemento senza utilizzare o modificare le impostazioni degli attributi dellelemento attivo. 4. Identificare lelemento. 5. Accettare la modifica.

Per impostare gli attributi attivi dellelemento di modo che corrispondano a quelli di un elemento nel disegno, quindi cambiare gli attributi di un altro elemento in base agli attributi dellelemento attivo
1. Selezionare lo strumento Cambia attributi elemento. 2. Impostare Metodo su Abbina / Sostituisci. 3. Selezionare lopzione Usa attributi attivi. 4. Identificare lelemento da abbinare. 5. Attivare gli attributi da cambiare nel successivo elemento selezionato. 6. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 7. Accettare la modifica.

Manuale dellutente di MicroStation

567

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia attributi elemento

Per abbinare lelemento ad un elemento nel disegno senza coinvolgere gli attributi attivi dellelemento, cambiare gli attributi di un altro elemento basato sugli attributi attivi dellelemento
1. Selezionare lo strumento Cambia attributi elemento. 2. Impostare Metodo su Abbina / Sostituisci. 3. Selezionare lopzione Usa attributi attivi. 4. Identificare lelemento da abbinare. 5. Attivare gli attributi da cambiare nel successivo elemento selezionato. 6. Selezionare lelemento o racchiuderlo in una fence. 7. Accettare la modifica.

Digitazione: Digitazione:

CHANGE ICON

FENCE CHANGE CLASS | COLOR | LEVEL | STYLE | WEIGHT

Per cambiare il colore attivo, lo stile di linea attivo o lo spessore di linea attivo e lattributo corrispondente degli elementi selezionati in un unico passaggio, utilizzare i controlli nel menu degli strumenti Attributi. Per ulteriori informazioni sul cambiamento degli attributi di un elemento, vedere il menu degli strumenti Attributi nel Manuale di riferimento.

Per impostare gli attributi dellelemento attivo in modo che corrispondano a quelli di un elemento del disegno, utilizzare lo strumento Abbina attributi elemento. Per ulteriori informazioni sullabbinamento di attributi di un elemento, vedere strumento Abbina attributi elemento (vedere

568

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia elemento in area attiva
pagina 5-76) nel Manuale di riferimento.

Cambia elemento in area attiva

Questo strumento consente di cambiare lattributo relativo allarea di un elemento chiuso (figura, ellisse, figura complessa o curva B-spline) impostandolo ad Area attiva.

ImEffetto postazione strumento

Area

Imposta larea attiva. Se Solido, lattributo Area dellelemento viene impostato a Solido. Se Vuoto, lattributo Area dellelemento viene impostato a Vuoto.

Per cambiare un elemento nellarea attiva


1. Selezionare gli elementi chiusi. 2. Selezionare lo strumento Cambia elemento in area att..

Manuale dellutente di MicroStation

569

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia elemento in tipo di riempimento attivo

Metodo alternativo Per cambiare un elemento nellarea attiva


1. Selezionare lo strumento Cambia elemento in area att.. 2. Identificare lelemento chiuso. 3. Accettare la modifica.

Digitazione:

CHANGE AREA

Per associare un elemento solido ad una serie di elementi di vuoto, utilizzare lo strumento Raggruppa elementi di vuoto (vedere pagina 8-29) nel menu degli strumenti Gruppi. Non possibile effettuare la campitura di un elemento con lattributo Area impostato su Vuoto.

Cambia elemento in tipo di riempimento attivo

Questo strumento consente di cambiare un elemento chiuso (figura, ellisse, figura complessa o curva B-spline) riempiendolo con il tipo di riempimento attivo.

570

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia elemento in tipo di riempimento attivo
ImEffetto postazione strumento

Tipo di riempim Colore riempim.

Tipo di riempimento (vedere pagina 3-15) attivo: Nessuno (nessun riempimento), Opaco (riempito con il colore (vedere pagina 3-2) attivo) o Delineato. Imposta il colore di riempimento degli elementi. Se lopzione Tipo di riempim impostata a Opaco, gli elementi vengono riempiti con il colore attivo, che corrisponde anche al colore del profilo dellelemento. Se lopzione Tipo di riempim impostata a Delineato, gli elementi possono essere riempiti con un colore diverso da quello attivo.

Per cambiare un elemento nel tipo di riempimento attivo


1. Selezionare gli elementi chiusi. 2. Selezionare lo strumento Cambia elemento in tipo di riempimento attivo.

Metodo alternativo Per cambiare un elemento nel tipo di riempimento attivo


1. Selezionare lo strumento Cambia elemento in tipo di riempimento attivo. 2. Identificare lelemento chiuso. 3. Accettare la modifica.

Digitazione:

CHANGE FILL

Per visualizzare il riempimento in una vista, attivare lopzione Riempimento (vedere pagina 3-15) per la vista nella finestra di dialogo Attributi della vista (che viene visualizzata selezionando

Manuale dellutente di MicroStation

571

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica gli attributi dello stile di linea
Attributi vistadal menu Impostazioni). Le digitazioni riportate di seguito consentono di cambiare un solo attributo relativo al colore:
Per modificare Il contorno di un elemento utilizzando il colore (vedere pagina 3-2) attivo. Il riempimento di un elemento utilizzando il colore di riempimento attivo. Digitare

CHANGE COLOR OUTLINE

CHANGE COLOR FILL

Modifica gli attributi dello stile di linea

Questo strumento consente di modificare in modo interattivo gli attributi dello stile linea di un elemento con uno stile linea personalizzato. Il tipo di modifica determinato dallimpostazione dello strumento Modifica.

Metodo Larghezza

Utilizzato per modificare Larghezza iniziale (origine) e larghezza finale di un elemento.

572

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


CHANGE LINESTYLE SCALE
Metodo Largh. iniziale Largh. finale Scala Scala di tratteggio Scala del gap Sposta Utilizzato per modificare Larghezza iniziale (origine) di un elemento. Larghezza finale di un elemento. Fattore di scala applicato ai tratti. Fattore di scala applicato ai tratti di lineetta di lunghezza variabile. Fattore di scala applicato ai tratti di gap di lunghezza variabile. Distanza di spostamento in base alla quale viene spostata la campitura del tratto rispetto allinizio di un elemento o dei relativi segmenti.

Per modificare gli attributi dello stile linea di un elemento


1. Selezionare lo strumento Modifica gli attributi dello stile di linea. 2. Identificare lelemento. Lo spostamento del puntatore mostra la direzione e lestensione della modifica che verr applicata al momento dellinserimento del successivo punto dati. 3. Accettare la modifica.

MODIFY LINESTYLE DASHSCALE | ENDWIDTH | GAPSCALE | SCALE | SHIFT | STARTWIDTH | WIDTH

Digitazione: Digitazione:

MODIFY LINESTYLE ICON

CHANGE LINESTYLE SCALE


La digitazione CHANGE LINESTYLE SCALE consente di applicare un fattore di scala allo stile di linea (personalizzato) di un elemento, ad esempio CHANGE LINESTYLE SCALE 2.0. Il fattore di scala specificato ha lo stesso effetto dellimpostazione Fattore di scala nella finestra di dialogo Stili di linea. Se non viene specificato un valore, viene utilizzato quello predefinito 1.0.

Manuale dellutente di MicroStation

573

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


ACTIVE LINESTYLESCALE

Per applicare uno specifico fattore di scala allo stile di linea (personalizzato) di un elemento
1. Selezionare gli elementi. 2. Digitare CHANGE LINESTYLE SCALE [fattore_scala].

Metodo alternativo Per applicare uno specifico fattore di scala allo stile di linea (personalizzato) di un elemento
1. Digitare CHANGE LINESTYLE SCALE [fattore_scala]. 2. Identificare lelemento. 3. Accettare lelemento.

Per applicare uno specifico fattore di scala allo stile di linea (personalizzato) di elementi contenuti nella fence
1. Posizionare la fence e impostare in modo appropriato la modalit di selezione della fence. 2. Digitare CHANGE LINESTYLE SCALE [fattore_scala]. 3. Accettare il contenuto della fence.

ACTIVE LINESTYLESCALE
Per impostare il fattore di scala globale per gli stili di linea personalizzati viene utilizzata la digitazione ACTIVE LINESTYLESCALE. Il fattore di scala specificato ha lo stesso effetto dellimpostazione Fattore di scala nella finestra di dialogo Stili di linea.

574

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Cambia linea multipla a definizione attiva

Per impostare la scala dello stile di linea attivo a 5 per gli stili di linea personalizzati
1. Digitare ACTIVE SCALE DISTANCE 5 Tutti gli stili di linea personalizzati verranno posizionati con una dimensione 5 volte maggiore rispetto alla scala normale.

Digitazione:

ACTIVE LINESTYLESCALE <VALORE>

Cambia linea multipla a definizione attiva

Questo strumento consente di modificare gli attributi di una linea multipla utilizzando quelli della definizione di linea multipla attiva, che pu essere impostata nel modo seguente: Nella finestra di dialogo Linee multiple (visualizzata scegliendo Linee multiple dal menu Elemento). Per ulteriori informazioni sulle linee multiple, vedere Linee multiple nel Manuale di riferimento. Selezionare un componente di un gruppo di impostazioni Linee multiple nella finestra di impostazione Seleziona impostazioni (visualizzata selezionando Gestisci dal menu Impostazioni). Per ulteriori informazioni sulla gestione delle impostazioni di linee multiple, vedere Gestisci nelManuale di riferimento.

Per modificare una linea multipla utilizzando la definizione di linea multipla attiva:
1. Selezionare le linee multiple. 2. Selezionare lo strumento Cambia linea multipla a definizione attiva.

Manuale dellutente di MicroStation

575

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina attributi degli elementi

Metodo alternativo Per modificare una linea multipla utilizzando la definizione di linea multipla attiva:
1. Selezionare lo strumento Cambia linea multipla a definizione attiva. 2. Identificare la linea multipla. 3. Accettare la modifica.

Digitazione:

CHANGE MLINE

La definizione di linea multipla attiva pu essere impostata in modo che corrisponda a un elemento di linea multipla con lo strumento Abbina impostazioni di tutti gli elementi (SmartMatch) (vedere pagina 5-78) .

Abbina attributi degli elementi

Questo strumento consente di modificare le impostazioni degli attributi dellelemento attivo in modo che corrispondano a quelli di un elemento del disegno.

576

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina attributi degli elementi
ImEffetto postazione strumento

Livello Colore Stile Spessore

Livello attivo Colore (vedere pagina 3-2) attivo Stile linea (vedere pagina 3-6) attivo Spessore di linea (vedere pagina 3-5) attivo

Per abbinare gli attributi attivati di un elemento


1. Selezionare lelemento. 2. Selezionare lo strumento Abbina attributi degli elementi. 3. Accettare i nuovi attributi dellelemento attivo.

Metodo alternativo Per abbinare gli attributi attivati di un elemento


1. Selezionare lo strumento Abbina attributidegli elementi. 2. Identificare lelemento. 3. Accettare i nuovi attributi dellelemento attivo.

Digitazione: Digitazione:

MATCH ICON MATCH [COLOR | LEVEL | STYLE | WEIGHT]

Per abbinare le impostazioni di tutti gli attributi di un elemento, compresi quelli specifici per un tipo di elemento, ad esempio una quota o un testo, utilizzare lo strumento Abbina impostazioni di tutti gli elementi (SmartMatch) (vedere pagina 5-78) . Per modificare il colore, lo stile di linea, lo spessore o il livello di uno o pi elementi in base agli attributi dellelemento attivo, utilizzare

Manuale dellutente di MicroStation

577

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di tutti gli elementi
lo strumento Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65) .

Abbina impostazioni di tutti gli elementi

Questo strumento consente di modificare tutte le impostazioni attive relative agli attributi degli elementi, comprese quelle specifiche per un tipo particolare di elemento, in modo che corrispondano agli attributi di un elemento del disegno. Quando viene associata una cella, vengono associati anche i fattori di scala e la cella attivi.

ImEffetto postazione strumento

Abbina chiusure linee multiple

Se lopzione attivata, vengono abbinate anche le impostazioni delle chiusure delle linee multiple.

Per abbinare gli attributi di un elemento


1. Selezionare lelemento. 2. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di tutti gli elementi.

578

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Abbina

Metodo alternativo Per abbinare gli attributi di un elemento


1. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di tutti gli elementi. 2. Identificare lelemento. 3. Accettare le nuove impostazioni attive.

Digitazione:

MATCH ELEMENT

Questo strumento viene definito anche SmartMatch. Per modificare il colore, lo stile linea, lo spessore o il livello di uno o pi elementi in base agli attributi dellelemento attivo, utilizzare lo strumento Cambia attributi elemento (vedere pagina 5-65) .

Menu degli strumenti Abbina


Gli strumenti del menu degli strumenti Abbina consentono di impostare gli attributi degli elementi in modo che corrispondano a quelli di un elemento del disegno o di un riferimento, rendendo pi semplice il posizionamento di elementi che hanno gli stessi attributi di elementi esistenti.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Abbina

Cambiare tutte le impostazioni degli attributi dellelemento attivo, comprese quelle specifiche per particolari tipi di elementi, in modo da farle corrispondere agli attributi di un elemento nel disegno.

Abbina impostazioni di tutti gli elementi (SmartMatch) (vedere pagina 5-78) 1

Impostare gli attributi dellelemento attivo in modo da farli corrispondere agli attributi di un elemento esistente.

Abbina attributi degli elementi (vedere pagina 5-76) 1

Manuale dellutente di MicroStation

579

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Abbina
Per Selezionare nel menu degli strumenti Abbina

Definire le impostazioni relative al testo attivo in modo che siano uguali ai corrispondenti attributi di testo nel disegno.

Abbina attributi di testo (vedere pagina 5-81) nel Manuale per la generazione di disegni
2

Impostare come definizione di linea multipla attiva la definizione di un elemento di linea multipla.

Abbina attributi linee multiple (vedere pagina 5-81)

Definire come impostazioni della quota attiva gli attributi di quotatura di un elemento di quota.

Abbina attributi di quotatura (vedere pagina 5-83)

Impostare gli attributi della campitura attiva in modo che corrispondano agli attributi di un elemento di campitura.

Abbina attributi della campitura (vedere pagina 6-71) 3

Definire le impostazioni della curva B-spline attiva in modo che corrispondano agli attributi di una curva B-spline.

Abbina impostazioni di curva (vedere pagina 5-84)

Definire le impostazioni della superficie B-spline attiva in modo che corrispondano agli attributi di una superficie B-spline.

Abbina impostazioni di superficie (vedere pagina 5-86)

580

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina attributi di testo
1 2 3 Anche nel menu degli strumenti Cambia attributi. Anche nel menu degli strumenti Testo. Anche nel menu degli strumenti Campiture.

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX MATCH [OFF | ON | TOGGLE]

Abbina attributi di testo

Usato per definire le impostazioni del testo attivo (ad esempio Giustificato, Font, Tipo spaziat. tra linee, Lungh. linea, Sottolineato, Verticale, Angolo di inclinazione e Spaziatura caratteri) simili ai corrispondenti attributi di testo.

Per definire le impostazioni del testo attivo su quelle del testo esistente, procedere come segue:
1. Selezionare un elemento di testo. 2. Selezionare lo strumento Abbina attributi di testo .

Digitazione:

ACTIVE TEXT

Le impostazioni del testo attivo vengono definite nella finestra di dialogo Stili di testo(Menu Elemento >Stili di testo).

Abbina definizione linea multipla

Manuale dellutente di MicroStation

581

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina definizione linea multipla

Questo strumento consente di abbinare le impostazioni della definizione di linea multipla attiva (tutte quelle disponibili nella finestra di dialogo Linee multiple) alla definizione di un elemento della linea multipla.

ImEffetto postazione strumento

Abbina chiusure linee multiple

Se lopzione attivata, vengono abbinate anche le impostazioni delle chiusure delle linee multiple.

Per abbinare la definizione di linea multipla attiva


1. Selezionare lelemento di linea multipla. 2. Selezionare lo strumento Abbina definizione linea multipla.

Metodo alternativo Per abbinare la definizione di linea multipla attiva


1. Selezionare lo strumento Abbina definizione linea multipla. 2. Identificare lelemento di linea multipla. 3. Accettare la nuova definizione di linea multipla attiva.

Digitazione:

MATCH MLINE

Per modificare una linea multipla in base alla definizione della linea multipla attiva, utilizzare lo strumento Cambia definizione linea multipla (vedere pagina 5-75) del menu

582

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di quotatura
degli strumenti Cambia attributi.

Abbina impostazioni di quotatura

Questa opzione consente di definire come impostazioni della quota attiva gli attributi di quotatura di un elemento di quota.

Per abbinare le impostazioni di quotatura


1. Selezionare lelemento di quota. 2. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di quotatura.

Metodo alternativo Per abbinare le impostazioni di quotatura


1. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di quotatura. 2. Identificare lelemento di quota. 3. Accettare le nuove impostazioni della quota attiva.

Digitazione:

MATCH DIMENSION

Per modificare una quota secondo gli attributi della quota attiva, utilizzare lo strumento Cambia quota a impostazioni

Manuale dellutente di MicroStation

583

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di curva
attive del menu degli strumenti Quota.

Abbina impostazioni di curva

Questo strumento consente di definire le impostazioni della curva B-spline attiva in modo che corrispondano agli attributi di una curva B-spline nel disegno.

ImEffetto postazione strumento

Poligono

Se questa opzione attivata, labbinamento viene effettuato se visualizzato il poligono di controllo della curva. InvisibileIl poligono di controllo non viene visualizzato. VisibileIl poligono di controllo viene visualizzato.

584

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di curva
ImEffetto postazione strumento

Curva

Se questa opzione attivata, labbinamento viene effettuato se la curva visualizzata. InvisibileLa curva non viene visualizzata. VisibileLa curva viene visualizzata.

Tipo Ordine

Se questa opzione attivata, labbinamento viene effettuato se la B-spline aperta o chiusa. Se questa opzione attivata, viene abbinato lordine della curva identificata.

Per abbinare le impostazioni della curva attiva


1. Selezionare la curva B-spline. 2. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di curva.

Metodo alternativo Per abbinare le impostazioni della curva attiva


1. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di curva. 2. Identificare la curva B-spline. 3. Accettare le nuove impostazioni della curva B-spline attiva.

Digitazione:

MATCH CURVE

Per modificare una curva B-spline in base agli attributi della B-spline attiva, utilizzare lo strumento Cambia curva a impostazione attiva

Manuale dellutente di MicroStation

585

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di superficie
(vedere pagina 8-123) del menu degli strumenti Modifica curve

Abbina impostazioni di superficie

Questo strumento consente di modificare le impostazioni delle superfici B-spline attive in modo che corrispondano agli attributi di una superficie B-spline del disegno.

ImEffetto postazione strumento

Poligono

Se questa opzione attivata, labbinamento viene effettuato se visualizzato il poligono di controllo della superficie. InvisibileIl poligono di controllo non viene visualizzato. VisibileIl poligono di controllo viene visualizzato.

586

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Abbina impostazioni di superficie
ImEffetto postazione strumento

Curva

Se questa opzione attivata, labbinamento viene effettuato se la superficie visualizzata. InvisibileLa superficie non viene visualizzata. VisibileLa superficie viene visualizzata.

Tipo

Se questa opzione attivata nella direzione U o V, labbinamento viene effettuato se la superficie aperta o chiusa in tale direzione. Se questa opzione attivata nella direzione U o V, viene abbinato lordine della superficie identificata in tale direzione. Se questa opzione attivata nella direzione U o V, viene abbinato il numero delle linee guida in tale direzione.

Ordine

Regole

Per abbinare le impostazioni delle superfici attive


1. Selezionare la superficie B-spline. 2. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di superficie.

Metodo alternativo Per abbinare le impostazioni delle superfici attive


1. Selezionare lo strumento Abbina impostazioni di superficie. 2. Identificare la superficie B-spline. 3. Accettare le nuove impostazioni della superficie B-spline attiva.

Digitazione:

MATCH SURFACE

Per modificare una superficie B-spline in base agli attributi della superficie B-spline attiva, utilizzare lo strumento Cambia a impostazione di superficie attiva (vedere pagina 9-214) del

Manuale dellutente di MicroStation

587

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Scomponi
menu degli strumenti Modifica superfici.

Menu degli strumenti Scomponi


Gli strumenti del menu degli strumenti Scomponi consentono di dividere elementi complessi in componenti pi semplici e di rimuovere i punti di associazione tra gli elementi.
Per Scomporre uno o pi elementi complessi o di tipo speciale in componenti pi semplici. Selezionare nel menu degli elementi Scomponi

Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) 1

Scomporre un elemento complesso nei relativi componenti.

Rilascia stato complesso (vedere pagina 5-89)


Convertire una spezzata o una figura in una serie di linee singole.

Rilascia stato spezzata/figura (vedere pagina 5-91)


Convertire i caratteri di testo presenti in un elemento di testo in singoli elementi utilizzati per disegnare i caratteri.

Scomponi testo (vedere pagina 5-92)

Interrompere unassociazione tra una cella condivisa, una linea delimitatrice di quota o una linea multipla e un altro elemento.

Rimuovi associazione (vedere pagina 5-93)

588

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia stato complesso
Per Rimuovere (scomporre) uno o pi elementi da un gruppo di disegno oppure Scomporre un gruppo di disegno in singoli elementi Convertire un elemento con stile di linea personalizzato in un gruppo identico di elementi primitivi con stili di linea standard. Convertire qualsiasi campitura associativa o tratteggio in un gruppo identico di elementi primitivi. Selezionare nel menu degli elementi Scomponi

Rimuovi da gruppo di disegno (vedere pagina 8-27) 1

Rilascia stile della linea (vedere pagina 5-94)

Rilascia campitura associativa (vedere pagina 5-95)

Convertire un elemento a linee multiple in una serie di spezzate, linee e/o archi.

Scomponi linee multiple (vedere pagina 5-96)


Scomporre un elemento di quota nei relativi componenti.

Scomponi elemento di quota (vedere pagina 5-97)


1 (anche nel menu degli strumenti Gruppi)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX DROP [OFF | ON | TOGGLE]

Lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) uno strumento di scomposizione generale che comprende le funzionalit di diversi strumenti pi specifici.

Rilascia stato complesso

Manuale dellutente di MicroStation

589

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia stato complesso

Questo strumento consente di scomporre un elemento complesso (cella, catena o figura complessa, nodo di testo, superficie o solido) nei relativi componenti in modo che possano essere manipolati singolarmente.

Per scomporre un elemento complesso nei relativi componenti:


1. Selezionare gli elementi complessi. 2. Selezionare lo strumento Rilascia stato complesso. Lo strumento non ha alcun effetto sugli elementi selezionati non complessi. Se nessuno degli elementi selezionati un elemento complesso, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

Metodo alternativo Per scomporre un elemento complesso nei relativi componenti:


1. Selezionare lo strumento Rilascia stato complesso. 2. Identificare lelemento complesso. 3. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP COMPLEX

Lo strumento Rilascia stato complesso non pu essere utilizzato per annullare lassociazione tra una curva B-spline e il relativo poligono di controllo. Per scomporre rapidamente diversi elementi complessi, posizionare la fence e utilizzare lo strumento Rilascia stato complesso

590

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia stato spezzata/figura
contenuto fence (vedere pagina 5-27) .

Rilascia stato spezzata/figura

Questo strumento consente di convertire una spezzata o una figura in una serie di singoli elementi di linea.

Per convertire una spezzata o una figura in singoli elementi di linea


1. Selezionare le spezzate o le figure. 2. Selezionare lo strumento Rilascia stato spezzata/figura. Lo strumento non ha effetto su tutti gli elementi selezionati ma solo su spezzate e figure. Se nessuno degli elementi selezionati una spezzata o una figura, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

Manuale dellutente di MicroStation

591

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scomponi testo

Metodo alternativo Per convertire una spezzata o una figura in singoli elementi di linea
1. Selezionare lo strumento Rilascia stato spezzata/figura. 2. Identificare la spezzata o la figura. 3. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP STRING

Scomponi testo

Questo strumento consente di convertire i caratteri di testo presenti allinterno di un elemento di testo in singoli elementi utilizzati per disegnare i caratteri, ovvero linee, spezzate, archi, ellissi e figure.

Per convertire il testo in singoli elementi


1. Selezionare gli elementi di testo. 2. Selezionare lo strumento Scomponi testo. Lo strumento non ha effetto su tutti gli elementi selezionati ma solo sugli elementi di testo. Se nessuno degli elementi selezionati un elemento di testo, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

592

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rimuovi associazione

Metodo alternativo Per convertire il testo in singoli elementi


1. Selezionare lo strumento Scomponi testo. 2. Identificare lelemento di testo. 3. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP TEXT su pi linee (nodo di Rilascia stato complesso testo, quindi lo strumento di testo.

Per scomporre un elemento di testo testo), utilizzare prima lostrumento per scomporlo in singoli elementi di Scomponi testo su ciascun elemento

Rimuovi associazione

Questo strumento consente di interrompere un punto di associazione tra unorigine della cella condivisa, un vertice della linea di estensione di una quota o un vertice di linea multipla e un altro elemento. Il punto di associazione viene convertito in un vertice o in unorigine non associativa con proprie coordinate x, y e z (in 3D), quindi indipendente dallaltro elemento. Per ulteriori informazioni sui punti di associazione, vedere Associazione di elementi a pagina 8-56.

Per interrompere unassociazione


1. Selezionare lo strumento Rimuovi associazione 2. Identificare il punto di associazione. 3. Accettare la scomposizione.

Manuale dellutente di MicroStation

593

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia stile della linea

Per interrompere tutti i punti di associazione di uno o pi elementi:


1. Selezionare gli elementi. 2. Selezionare lo strumento Rimuovi associazione 3. Accettare la scomposizione.

Per interrompere tutte le associazioni nel contenuto della fence:


1. Digitare FENCE DROP ASSOCIATION. 2. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP ASSOCIATION

Rilascia stile della linea

Questo strumento consente di convertire qualsiasi elemento con uno stile di linea personalizzato in un gruppo identico di elementi primitivi con uno stile di linea standard. Le lineette vengono convertite in elementi di linea o di spezzata. I simboli dei punti vengono convertiti in elementi primitivi, ma non vengono scomposti in vettori singoli.

594

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Rilascia campitura associativa

Per scomporre un elemento con uno stile di linea personalizzato


1. Selezionare lelemento. 2. Selezionare lo strumento Rilascia stile linea. 3. Accettare la scomposizione.

Metodo alternativo Per scomporre un elemento con uno stile di linea personalizzato
1. Selezionare lo strumento Rilascia stile linea. 2. Identificare lelemento. 3. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP LINESTYLE

Rilascia campitura associativa

Questo strumento consente di convertire qualsiasi campitura associativa o tratteggio in elementi primitivi, in modo che non siano pi associati allelemento campito originale. Per ulteriori informazioni sulla campitura, vedere Tratteggio e campitura a pagina 6-32.

Manuale dellutente di MicroStation

595

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scomponi linee multiple

Per rilasciare una campitura associativa o un tratteggio


1. Selezionare lelemento campito. 2. Selezionare lo strumento Rilascia campitura associativa. 3. Accettare la scomposizione.

Metodo alternativo Per rilasciare una campitura associativa o un tratteggio


1. Selezionare lo strumento Rilascia campitura associativa. 2. Identificare lelemento campito. 3. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP PATTERN

Scomponi linee multiple

Questo strumento consente di convertire un elemento di linea multipla in una serie di spezzate, linee e/o archi.

Per scomporre una linea multipla nei relativi componenti


1. Selezionare le linee multiple. 2. Selezionare lo strumento Scomponi linee multiple. Lo strumento non ha effetto su tutti gli elementi selezionati ma

596

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Scomponi elemento di quota
solo sulle linee multiple. Se nessuno degli elementi selezionati una linea multipla, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

Metodo alternativo Per scomporre una linea multipla nei relativi componenti
1. Selezionare lo strumento Scomponi linee multiple. 2. Identificare la linea multipla. 3. Accettare la scomposizione.

Per scomporre tutte le linee multiple contenute nella fence


1. Digitare FENCE DROP MLINE. 2. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP MLINE

Scomponi elemento di quota

Questo strumento consente di scomporre uno o pi elementi di quota in linee, spezzate, ellissi, archi e testo. Per ulteriori informazioni sugli elementi di quota, vedere Elementi di quota nel Manuale per la generazione di disegni.

Manuale dellutente di MicroStation

597

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Modifica

Per scomporre un elemento di quota


1. Selezionare gli elementi di quota. 2. Selezionare lo strumento Scomponi elemento di quota. Lo strumento non ha effetto su tutti gli elementi selezionati ma solo sugli elementi di quota. Se nessuno degli elementi selezionati un elemento di quota, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

Metodo alternativo Per scomporre un elemento di quota


1. Selezionare lo strumento Scomponi elemento di quota. 2. Identificare lelemento di quota. 3. Accettare la scomposizione.

Per scomporre gli elementi di quota nel contenuto della fence


1. Digitare FENCE DROP DIMENSION. 2. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP DIMENSION

Menu degli strumenti Modifica


Gli strumenti del menu degli strumenti Modifica consentono di modificare la geometria degli elementi.

598

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Modifica
Per Selezionare nel menu degli strumenti Modifica

Spostare un vertice di un elemento lineare. oppure Modificare i segmenti circolari di catene e figure complesse. oppure Modificare i segmenti circolari di catene e figure complesse in vertici e viceversa. oppure Applicare un fattore di scala a un arco circolare mantenendo langolo di apertura. oppure Spostare il testo di una quota. oppure Modificare la lunghezza della linea di estensione di una quota. oppure Applicare un fattore di scala a un blocco rispetto al vertice opposto. oppure Modificare il raggio di un cerchio o la lunghezza di un asse di unellisse. Eliminare parte di un elemento.

Modifica elemento (vedere pagina 5-101)

Eliminazione parziale (vedere pagina 5-112)


Estendere o accorciare una linea.

Prolunga linea (vedere pagina 5-114)


Estendere o accorciare due elementi aperti in corrispondenza dellintersezione.

Prolunga due elementi allintersezione (vedere pagina 5-115)

Manuale dellutente di MicroStation

599

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Menu degli strumenti Modifica
Per Selezionare nel menu degli strumenti Modifica

Estendere o accorciare un elemento aperto in corrispondenza dellintersezione con un altro elemento.

Prolunga elemento allintersezione (vedere pagina 5-116)

Delimitare una serie di elementi in corrispondenza dellintersezione con uno o pi elementi.

Delimita elemento (vedere pagina 5-117)

Delimitare o estendere simultaneamente pi elementi in corrispondenza dellintersezione con uno o pi elementi.

IntelliTrim (vedere pagina 5-119)

Inserire un vertice in un elemento lineare.

Inserisci vertice (vedere pagina 5-126)


Eliminare un vertice da un elemento lineare.

Elimina vertice (vedere pagina 5-128)


Creare un raccordo circolare tra due elementi.

Costruisci raccordo circolare (vedere pagina 5-129) 1


Creare uno smusso tra due linee o segmenti adiacenti di una spezzata o di una figura.

Costruisci smusso (vedere pagina 5-131) 2

5100

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
1 2 Presente anche nel menu degli strumenti Raccordi Presente anche nel menu degli strumenti Raccordi

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX MODIFY [OFF | ON | TOGGLE]

Per creare e cancellare intersezioni di linee multiple, utilizzare gli strumenti nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) .

Modifica elemento

Questo strumento consente di: Spostare un vertice o un segmento di una linea, di una spezzata, di una linea multipla, di una curva, di un poligono di controllo B-spline, di una figura, di una catena o di una figura complessa. Applicare un fattore di scala a un blocco rispetto al vertice opposto. Modificare i segmenti raccordati di catene e figure complesse create con lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) conservando le condizioni di tangenza. Convertire i segmenti raccordati di catene e figure complesse in segmenti acuti e viceversa. Applicare un fattore di scala a un arco circolare mantenendo langolo di apertura. Modificare il raggio di un cerchio o la lunghezza di un asse di unellisse. Spostare il testo della quota o modificare la lunghezza della linea di estensione di un elemento di quota.

Quando si utilizza con AccuDraw (vedere pagina 4-30) , lo strumento Modifica elemento consente di utilizzare funzionalit aggiuntive. Le

Manuale dellutente di MicroStation

5101

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
procedure riportate di seguito illustrano in dettaglio linterazione tra AccuDraw e lo strumento Modifica elemento su vari tipi di elemento. Gli elementi costituiti da pi segmenti sono spezzate, figure, catene e figure complesse posizionate con lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) . Quando viene utilizzato con AccuDraw, lo strumento Modifica elemento consente non solo di modificare vertici e segmenti, ma anche di modificare il tipo di vertice (impostandolo ad Acuto, Raccordato o Smussato).

ImEffetto postazione strumento

Tipo vertice

Imposta il tipo di vertice. Acuto Raccordato Smussato

Raggio

(con lopzione Tipo vertice impostata a Raccordato) Se questa opzione attivata, imposta il raggio dellarco per un vertice raccordato. (con lopzione Tipo vertice impostata a Smussato) Imposta le due distanze necessarie per definire uno smusso. Lopzione Valore smusso richiede che le due distanze di smusso siano identiche (da una teorica intersezione di un punto medio).

Valore smusso

5102

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
ImEffetto postazione strumento

Ortogonale Attiva modifiche SmartLine

Se viene identificato un vertice ortogonale, viene conservata lortogonalit. Se questa opzione disattivata, viene disabilitato il comportamento intelligente, utile soprattutto quando lelemento ha un numero molto elevato di vertici (migliaia) che causano un notevole rallentamento dello strumento. Nota: se questa impostazione viene disattivata, vengono disattivate anche le altre opzioni, poich possono essere applicate solo alle modifiche di tipo SmartLine. Se questa opzione disattivata, sono consentite modifiche agli elementi solo mediante singoli vertici. Se questa opzione disattivata, non viene eseguita loperazione di riduzione del numero di elementi componenti di una catena o di una figura complessa (linee che possono essere compattate in spezzate, ecc.). Se questa opzione attivata e viene selezionato un vertice raccordato o smussato, il componente viene convertito in un segmento (arco o segmento lineare), in modo che possa essere modificato come tale. Questa conversione ha effetto solo sugli elementi selezionati, non sullintera catena o figura. Dopo la conversione, non sar pi possibile manipolare di nuovo il componente come un raccordo o uno smusso. Scegliere: Da elementoPer utilizzare le impostazioni dellelemento. Ultimo utilizzatoPer non utilizzare pi le impostazioni dellelemento.

Attiva selezione segmento Minimizza numero di elementi lineari Converti raccordo o smusso selezionati in segmento Impostazioni vertice: Da elemento/Ultimo utilizzato

Manuale dellutente di MicroStation

5103

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento

Per modificare un elemento


1. Selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento vicino al vertice, al segmento o allasse da modificare. 3. Inserire un punto dati per effettuare la modifica.

Modifica elemento. In senso orario da sinistra in alto: spostamento del punto finale di una linea, spostamento di un vertice di una spezzata, modifica della lunghezza della linea di estensione di una quota, spostamento di un vertice di un poligono di controllo B-spline, applicazione di un fattore di scala a un blocco e modifica del raggio di un cerchio.

Per modificare il punto finale di una linea


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Inserire un punto dati per identificare lestremit della linea. Lorigine del piano di disegno viene spostata allestremit della linea opposta e lasse X del sistema di coordinate viene allineato alla linea. Inoltre, nella finestra di AccuDraw viene

5104

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
visualizzata la lunghezza della linea. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Per modificare un cerchio


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare il cerchio. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel centro del cerchio. Inoltre, il sistema di coordinate viene impostato a Polare e viene allineato allasse della vista. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando il valore del raggio nella finestra AccuDraw. Quando si modifica un cerchio, qualsiasi valore digitato nella finestra AccuDraw definisce un nuovo raggio. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Per modificare unellisse


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lellisse inserendo un punto dati in prossimit dellasse da modificare. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel centro dellellisse e lasse X del sistema di coordinate viene allineato allasse principale dellellisse. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando

Manuale dellutente di MicroStation

5105

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Per modificare langolo di apertura di un arco


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare larco. 3. Dal menu di opzioni Metodo della finestra di impostazione dello strumento, selezionare Angolo. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel centro dellarco e lasse X del sistema di coordinate viene allineato allinizio dellangolo di apertura dellarco. 4. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 5. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 6. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica dellangolo di apertura di un arco.

possibile modificare lapertura dellangolo impostando un valore complementare dellangolo (180 in qualsiasi direzione).

Per modificare il raggio di un arco senza modificarne il centro


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento

5106

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
Modifica elemento. 2. Identificare larco. 3. Dal menu di opzioni Metodo della finestra di impostazione dello strumento, selezionare Raggio relativo al centro. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel centro dellarco e il sistema di coordinate allineato agli assi della vista. 4. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 5. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando il valore del raggio nella finestra AccuDraw. Quando si modifica un arco, qualsiasi valore digitato nella finestra di AccuDraw definisce un nuovo raggio. 6. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica del raggio di un arco senza modificarne il centro.

Per modificare il raggio di un arco senza modificarne i punti finali


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare larco. 3. Dal menu di opzioni Metodo della finestra di impostazione dello strumento, selezionare Mantieni estremit del raggio. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel centro dellarco e il sistema di coordinate allineato agli assi della vista. 4. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 5. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando

Manuale dellutente di MicroStation

5107

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
il valore del raggio nella finestra AccuDraw. 6. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica del raggio di un arco senza modificarne i punti finali.

Per modificare il vertice di un elemento a pi segmenti


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit del vertice da modificare. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel vertice e il sistema di coordinate viene allineato agli assi della vista. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica di un vertice smussato

5108

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento

Modifica del vertice di un segmento lineare e di un segmento di arco

Per modificare un segmento lineare di un elemento a pi segmenti


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit del punto medio del segmento. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel punto specificato e lasse X del sistema di coordinate viene allineato al segmento. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica di un segmento lineare.

Per modificare un segmento di arco di un elemento a pi segmenti


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit

Manuale dellutente di MicroStation

5109

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
del punto medio del segmento. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel punto specificato. 3. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 4. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Modifica di un segmento di arco.

Per spostare parallelamente un segmento lineare


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit del punto medio del segmento. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel punto specificato e lasse X del sistema di coordinate viene allineato al segmento. 3. Posizionare il puntatore sullasse Y del piano di disegno. 4. Premere Invio. Lo spostamento del segmento pu avvenire solo parallelamente rispetto alla posizione corrente. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Per modificare il vertice di segmenti ortogonali


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit del vertice da modificare. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel vertice e il

5110

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Modifica elemento
sistema di coordinate viene allineato ai segmenti. 3. (Facoltativo) Ruotare gli assi del piano di disegno. 4. (Facoltativo) Visualizzare in anteprima le modifiche digitando i valori desiderati nella finestra AccuDraw. 5. Inserire un punto dati per completare la modifica.

Per modificare il tipo di un vertice


1. Con AccuDraw attivato, selezionare lo strumento Modifica elemento. 2. Identificare lelemento inserendo un punto dati in prossimit del vertice da modificare. Lorigine del piano di disegno viene spostata nel vertice e se il vertice contenuto in un angolo retto, il sistema di coordinate viene allineato allangolo retto. 3. Dal menu di opzioni Tipo vertice della finestra di impostazione dello strumento, selezionare il tipo desiderato mediante le opzioni Acuto, Raccordato o Smussato. 4. Se si imposta Tipo vertice a Raccordato, nel campo Raggio di raccordo della finestra di impostazione dello strumento digitare il raggio di raccordo desiderato, in unit di lavoro (MU:SU:PU). 5. Se si imposta Tipo vertice a Smussato, nel campo Valore smusso della finestra di impostazione dello strumento digitare loffset di smusso desiderato, in unit di lavoro (MU:SU:PU). 6. Per mantenere il vertice nella posizione originaria, ovvero per modificarne solo il tipo, inserire un punto dati nellorigine del piano di disegno. o Per effettuare altre operazioni di modifica sul vertice, eseguire i passaggi da 3 a 5 della procedura Per modificare un vertice di un elemento a pi segmenti a pagina 5-108.

Digitazione:

MODIFY ELEMENT

Per modificare una linea, una spezzata, una linea multipla, un arco, un cerchio, unellisse, una curva, una figura, un testo o un elemento complesso, possibile selezionare lelemento desiderato e trascinare i relativi handle (per ulteriori informazioni, vedere Per ridimensionare

Manuale dellutente di MicroStation

5111

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Elimina parte di elemento
o modificare un elemento selezionato a pagina 4-85. Per selezionare Impostazioni modifica SmartLine, fare clic sulla freccia nellangolo in basso a destra della finestra di impostazione dello strumento.

Le impostazioni dello strumento non possono essere attivate se non attivato AccuDraw. Con lo strumento Modifica elemento non possibile modificare gli assi degli archi. A questo scopo, utilizzare invece lo strumento Modifica asse arco (vedere pagina 3-81) .

Elimina parte di elemento

Questo strumento consente di eliminare una parte di un elemento. Un elemento chiuso viene trasformato in elemento aperto, ovvero unellisse o un cerchio diventa un arco, una figura diventa una spezzata e una curva B-spline chiusa diventa

5112

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Elimina parte di elemento
una curva B-spline aperta. Se viene parzialmente eliminata la parte interna di un elemento aperto (linea, spezzata, linea multipla, curva o arco), lelemento viene diviso in due elementi dello stesso tipo.

Per eliminare parte di un elemento


1. Selezionare lo strumento Elimina parte di elemento. 2. Identificare lelemento in corrispondenza di unestremit della parte da eliminare. 3. Per un elemento aperto, inserire un punto dati per definire laltra estremit della parte da eliminare. o Per un elemento chiuso, inserire un punto dati per definire la direzione delleliminazione. Quindi inserire un altro punto dati per definire laltra estremit della parte da eliminare.

Elimina parte di elemento

Digitazione:

DELETE PARTIAL

Per eliminare una parte di una linea multipla, utilizzare lo strumento Eliminazione parziale linee multiple (vedere pagina 8-50) nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple. Per creare unapertura in una linea multipla senza dividerla in due elementi, utilizzare lo strumento

Manuale dellutente di MicroStation

5113

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Prolunga linea
Taglia tutte le linee componenti (vedere pagina 8-44) .

Prolunga linea

Questo strumento consente di prolungare o ridurre una linea o un segmento finale di una spezzata o di una linea multipla.

ImEffetto postazione strumento

Distanza

Se questa opzione attivata, imposta la distanza. Una distanza negativa riduce la linea. Una distanza positiva prolunga la linea.

Per prolungare o ridurre una linea inserendo un punto dati


1. Selezionare lo strumento Prolunga linea. 2. Identificare la linea vicino al punto finale da modificare. 3. Se Distanza attivata, accettare la modifica. o Se lopzione Distanza non attivata, inserire un punto

5114

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Prolunga due elementi allintersezione
dati per definire il nuovo punto finale.

Strumento Prolunga linea. In alto: definizione grafica del nuovo punto finale quando lopzione Distanza non attivata. In basso: definizione del nuovo punto finale quando lopzione Distanza attivata. Se la distanza, indicata da D,, negativa, la linea viene ridotta. Se la distanza positiva, la linea viene allungata.

Digitazione:

EXTEND LINE [DISTANCE | KEYIN]

Per prolungare un arco, utilizzare lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) o Modifica elemento (vedere pagina 5-101) .

Prolunga due elementi allintersezione

Questo strumento consente di prolungare o ridurre due linee, due spezzate o due archi in corrispondenza della relativa intersezione.

Manuale dellutente di MicroStation

5115

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Prolunga elemento allintersezione

Per prolungare due elementi fino allintersezione


1. Selezionare lo strumento Prolunga due elementi allintersezione. 2. Identificare il primo elemento. 3. Identificare il secondo elemento. 4. Accettare la modifica.

Strumento Prolunga due elementi allintersezione. A sinistra: estensione di due linee. A destra: estensione di un arco e riduzione di una linea.

Digitazione:

EXTEND ELEMENT 2

Quando si riduce un elemento, la parte identificata viene mantenuta. Non viene apportata alcuna modifica agli elementi identificati se non possono essere prolungati fino ad intersecarsi. Per prolungare due linee multiple fino allintersezione comune, utilizzare uno degli strumenti del menu degli strumenti Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) .

Prolunga elemento allintersezione

5116

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Delimita elemento
Questo strumento consente di prolungare o ridurre una linea, una spezzata o un arco fino allintersezione con un altro elemento.

Per prolungare un elemento fino ad intersecarne un altro


1. Selezionare lo strumento Prolunga elemento allintersezione. 2. Identificare lelemento da prolungare o ridurre. 3. Identificare lelemento fino al quale il primo elemento verr prolungato o ridotto. 4. Accettare la modifica.

Prolunga elemento allintersezione

Digitazione:

EXTEND ELEMENT INTERSECTION

Delimita elemento

Questo strumento consente di delimitare o ritagliare uno o pi elementi in corrispondenza dellintersezione con uno o pi elementi di ritaglio. Lelemento di ritaglio e lelemento da delimitare possono essere linee, spezzate, archi, curve, curve B-spline, figure,

Manuale dellutente di MicroStation

5117

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Delimita elemento
ellissi, catene complesse o figure complesse.

Per delimitare uno o pi elementi


1. Utilizzare lo strumento Selezione dellelemento per selezionare uno o pi elementi di ritaglio. 2. Selezionare lo strumento Delimita elemento. 3. Identificare un elemento da delimitare. Lelemento viene evidenziato e viene visualizzata in modo dinamico loperazione di delimitazione. 4. Accettare lelemento delimitato. 5. Tornare al passo 4 per identificare un altro elemento da delimitare. o Resettare per terminare.

Metodo alternativo Per delimitare uno o pi elementi


1. Selezionare lo strumento Delimita elemento. 2. Identificare lelemento di ritaglio. 3. Eseguire le operazioni indicate ai punti 35 riportati sopra.

5118

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim

Strumento Delimita elemento. Gli elementi di ritaglio vengono indicati dagli handle.

Digitazione:

TRIM

Per cancellare le intersezioni tra le linee multiple, utilizzare gli strumenti contenuti nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) .

IntelliTrim

Questo strumento consente di delimitare, estendere o tagliare pi elementi contemporaneamente. Gli elementi di ritaglio o gli elementi fino ai quali possibile estenderne altri sono linee, spezzate, ellissi, archi, curve, figure,

Manuale dellutente di MicroStation

5119

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim
stringhe e figure complesse, nodi di testo e intestazioni di cella. Gli elementi che possibile tagliare o delimitare sono linee, spezzate, curve, archi, ellissi, figure, curve B-spline, figure e stringhe complesse. Gli unici elementi che possono essere estesi sono linee, spezzate, curve B-spline e catene complesse che terminano con una linea o una spezzata.

ImEffetto postazione strumento

Modalit veloce

Operazione: DelimitaSe questa opzione attivata, gli elementi vengono delimitati. EstendiSe questa opzione attivata, gli elementi vengono estesi. TagliaSe questa opzione attivata, gli elementi vengono tagliati (il punto di taglio non viene effettivamente visualizzato fino a quando lelemento non viene selezionato).

5120

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim
ImEffetto postazione strumento

Modalit Avanzate

Operazione: In modalit avanzata, attivando e disattivando le opzioni Delimita ed Estendi, vengono ricalcolati e visualizzati tutti i punti di estensione e di intersezione. DelimitaSe questa opzione attivata, gli elementi vengono delimitati. EstendiSe questa opzione attivata, gli elementi vengono estesi. TagliaIn modalit avanzata, questa opzione non disponibile.

Selezionare elemento da delimitare Selezionare elementi di ritaglio Insieme di selezione

Se questa opzione attivata, ogni elemento selezionato viene indicato come elemento da delimitare o estendere.

Se questa opzione attivata, ogni elemento selezionato viene indicato come elemento di ritaglio.

In base allimpostazione predefinita, questo strumento identifica gli elementi selezionati come: Elementi da delimitare Elementi di ritaglio

Manuale dellutente di MicroStation

5121

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim

Per delimitare o estendere pi elementi:


1. Selezionare gli elementi da delimitare o gli elementi di ritaglio. 2. Selezionare lo strumento IntelliTrim.

Se lopzione Insieme di selezione impostata a Elementi da delimitare, gli elementi selezionati vengono evidenziati. Se lopzione Insieme di selezione impostata a Elementi di ritaglio, gli elementi selezionati vengono evidenziati con linee tratteggiate. 3. Se gli elementi selezionati sono elementi da delimitare, identificare ciascun elemento di ritaglio. o Se gli elementi selezionati sono elementi di ritaglio, identificare ciascun elemento da delimitare. Tutti i possibili punti di taglio vengono visualizzati come piccoli punti. 4. Una volta identificati tutti gli elementi, resettare. Vengono visualizzati i risultati proposti delloperazione. Gli elementi che possono essere delimitati restano evidenziati per indicare che si tratta di una visualizzazione di prova. 5. Se i risultati sono soddisfacenti, resettare per accettarli, altrimenti passare al punto 6. 6. Se il risultato delloperazione di delimitazione o di estensione di un elemento non soddisfacente, inserire un punto dati sullelemento in prossimit della parte dellelemento che si desidera mantenere. Quando si inseriscono questi punti guida, non importante che vengano posizionati allinterno o allesterno, poich non necessario che gli elementi di ritaglio siano collegati o chiusi. Per ogni elemento da delimitare, viene valutata la serie dei punti guida inseriti e viene mantenuta la parte dellelemento che si trova pi vicino al punto guida. Tutti gli elementi che

5122

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim
attraversano un elemento di ritaglio vengono tagliati. 7. Una volta modificati i risultati, resettare.

Metodo alternativo Per delimitare o estendere pi elementi:


1. Selezionare lo strumento IntelliTrim. 2. Identificare ogni elemento da delimitare. 3. Una volta identificati tutti gli elementi, resettare. 4. Identificare ogni elemento di ritaglio. 5. Una volta identificati tutti gli elementi, resettare. Vengono visualizzati i risultati proposti delloperazione. Gli elementi che possono essere delimitati restano evidenziati per indicare che si tratta di una visualizzazione di prova. 6. Se i risultati sono soddisfacenti, resettare per accettarli, altrimenti passare al punto 7. 7. Se il risultato delloperazione di delimitazione o di estensione di un elemento non soddisfacente, inserire un punto dati sullelemento in prossimit della parte dellelemento che si desidera mantenere. Quando si inseriscono questi punti guida, non importante che vengano posizionati allinterno o allesterno, poich non necessario che gli elementi di ritaglio siano collegati o chiusi. Per ogni elemento da delimitare, viene valutata la serie dei punti guida inseriti e viene mantenuta la parte dellelemento che si trova pi vicino al punto guida. Tutti gli elementi che attraversano un elemento di ritaglio vengono tagliati. 8. Una volta modificati i risultati, resettare.

Manuale dellutente di MicroStation

5123

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim

Delimitazione di pi elementi. In alto a sinistra: Identificare gli elementi da delimitare (punti da 1 a 4) e resettare per terminare. A destra in alto: Identificare gli elementi di ritaglio (punti 5 e 6) e resettare per terminare. I punti di ritaglio proposti vengono visualizzati come piccoli punti. In basso a sinistra: Resettare per visualizzare il risultato proposto. In basso a destra: Per modificare il risultato ottenuto dallapplicazione di un taglio errato, inserire un punto dati vicino alla parte dellelemento che si desidera mantenere (punto 7). Resettare per terminare.

5124

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


IntelliTrim

Estensione di pi elementi. In alto a sinistra: Identificare gli elementi da estendere (punti da 1 a 5) e resettare per terminare. A destra in alto: Identificare gli elementi di ritaglio (punti da 6 a 8) e resettare per terminare. I punti di ritaglio proposti vengono visualizzati come piccoli punti. In basso: Resettare per visualizzare il risultato proposto. Resettare nuovamente per completare loperazione.

Digitazione:

TRIM MULTI

Durante il processo di identificazione degli elementi sempre possibile passare dalla selezione degli elementi da delimitare a quella degli elementi di ritaglio, e viceversa, selezionando il relativo pulsante di scelta nella finestra di impostazione dello strumento. Se attivato uno dei pulsanti di scelta, per selezionare laltro pulsante sufficiente premere la barra spaziatrice o resettare.

Per trasformare un elemento da delimitare in un elemento di ritaglio e viceversa, sufficiente identificare nuovamente lelemento con il pulsante di scelta corrispondente selezionato. possibile, e talvolta consigliato, selezionare sia gli elementi da delimitare che quelli di ritaglio prima di selezionare lo strumento IntelliTrim e quindi identificare nuovamente gli elementi errati.

Manuale dellutente di MicroStation

5125

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Inserisci vertice

Se un elemento non pu essere esteso o delimitato ed presente un elemento di ritaglio tra lelemento e il punto guida pi vicino, tale elemento viene eliminato. In caso contrario, lelemento non viene modificato.

Inserisci vertice

Questo strumento consente di: Inserire un vertice in una linea, una spezzata, una linea multipla, una figura o un poligono di controllo B-spline. Collegare un segmento di linea al punto finale di una linea o di una spezzata. Prolungare una curva di punti. Aggiungere una linea di estensione a un elemento di quota.

Per inserire un vertice in una linea, una spezzata, una linea multipla, una figura o un poligono di controllo B-spline
1. Selezionare lo strumento Inserisci vertice. 2. Identificare il segmento al quale aggiungere il vertice. 3. Inserire un punto dati per posizionare il nuovo vertice.

5126

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Inserisci vertice

Utilizzo dello strumento Inserisci vertice per inserire un vertice in una spezzata.

Per collegare un segmento di linea al punto finale di una linea o di una spezzata
1. Selezionare lo strumento Inserisci vertice. 2. Inserire un punto dati per definire il punto finale del segmento.

Per prolungare una curva di punti


1. Selezionare lo strumento Inserisci vertice. 2. Identificare la curva di punti in prossimit del punto finale da prolungare. 3. Inserire un punto dati per posizionare il nuovo punto finale e riposizionare il vertice identificato.

Aggiungere una linea di estensione a un elemento di quota


1. Selezionare lo strumento Inserisci vertice. 2. Identificare la linea di quota in prossimit della posizione della linea di estensione desiderata. 3. Inserire un punto dati per posizionare lestremit della linea di estensione.

Manuale dellutente di MicroStation

5127

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Elimina vertice

Utilizzo dello strumento Inserisci vertice per aggiungere una linea di estensione a un elemento di quota.

Digitazione:

INSERT VERTEX

Lo strumento Inserisci vertice consente di modificare un elemento punto in una linea o un elemento linea in una spezzata. Una figura o una spezzata possono avere 5000 vertici.

Elimina vertice

Questo strumento consente di: Eliminare un vertice da una spezzata, una linea multipla, una figura o un poligono di controllo B-spline. Rimuovere una linea di estensione da un elemento di quota.

Per eliminare un vertice o una linea di estensione:


1. Selezionare lo strumento Elimina vertice. 2. Identificare il vertice o la linea di estensione. 3. Accettare leliminazione.

5128

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci raccordo circolare

Elimina vertice

Digitazione:

DELETE VERTEX

Quando si elimina un vertice da una linea, il vertice viene trasformato in un punto. Non possibile eliminare un vertice da un elemento di spezzata con soli due vertici.

Costruisci raccordo circolare

Consente di costruire un raccordo circolare (arco) tra due elementi (linee, spezzate, archi circolari, cerchi o figure), tra due segmenti di spezzata o tra due lati di una figura.

Manuale dellutente di MicroStation

5129

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci raccordo circolare
ImEffetto postazione strumento

Raggio Tronca

Imposta il raggio del raccordo. Imposta i lati da troncare. NessunoNessun elemento o segmento viene troncato. EntrambeEntrambi gli elementi o segmenti vengono troncati nel punto di tangenza con il raccordo.1 PrimoIl primo elemento o segmento identificato (passo 2) viene troncato nel punto di tangenza con il raccordo.

Se viene creato un raccordo tra due elementi chiusi o tra un elemento aperto e uno chiuso, gli elementi chiusi non subiscono alcuna modifica.

Per costruire un raccordo circolare


1. Selezionare lo strumento Costruisci raccordo circolare. 2. Identificare il primo elemento o segmento. Se lopzione Tronca impostata sul valore Primo, verr troncato questo elemento o segmento. 3. Identificare il secondo elemento o segmento. 4. Accettare il raccordo e i troncamenti eventualmente impostati.

5130

Manuale dellutente di MicroStation

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci smusso
Costruisci raccordo circolare. Da sinistra: opzione Tronca impostata sul valore Nessuno, Entrambi e Primo.

Digitazione:

FILLET [MODIFY | NOMODIFY | SINGLE]

Nei disegni 3D necessario che entrambi gli elementi da raccordare siano sullo stesso piano. Per costruire un raccordo circolare 3D tra due superfici, utilizzare lo strumento Collega superf. tra curve guida (vedere pagina 9-228) nel menu degli strumenti Raccorda superfici. Per costruire un raccordo circolare 3D lungo il margine di un solido, utilizzare lo strumento Raccorda margini (vedere pagina 9-152) nel menu degli strumenti Modifica 3D.

Costruisci smusso

Questo strumento consente di creare uno smusso tra i seguenti elementi: Due linee Le linee originali vengono delimitate e una terza linea forma lo smusso. Segmenti adiacenti di una spezzata o di una figura Viene aggiunto un altro vertice e quello comune viene modificato in modo da formare lo smusso.

Impostazioni dello strumento Costruisci smusso

Manuale dellutente di MicroStation

5131

Strumenti per la manipolazione e la modifica degli elementi


Costruisci smusso
ImEffetto postazione strumento

Distanza 1 Distanza 2

Primo elemento o segmento identificato (passo 2). Secondo elemento o segmento identificato (passo 3).

Per creare uno smusso


1. Selezionare lo strumento Costruisci smusso. 2. Identificare la prima linea o il primo segmento. 3. Identificare la seconda linea o il secondo segmento. Se il primo punto dati identifica una linea, anche il secondo punto dati deve identificare una linea. Se il primo punto dati identifica il segmento di una spezzata o di una figura, il secondo punto dati deve identificare un segmento adiacente dello stesso elemento. 4. Accettare lo smusso.

Smusso. D1 indica Distanza 1. D2 indica Distanza 2.

Digitazione:

CHAMFER

Per creare uno smusso in 3D, necessario che entrambi gli elementi siano sullo stesso piano.

5132

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Per cella si intende un piccolo disegno creato in MicroStation, in genere composto da un simbolo, una notazione o un dettaglio complesso o utilizzato frequentemente. Le celle vengono memorizzate in un file DGN denominato libreria di celle, che pu contenere numerose celle. Le librerie di celle sono esattamente come i file DGN. possibile collegare come libreria di celle qualsiasi file DGN ed aprire qualsiasi libreria di celle come file DGN.

Esempio di celle per disegni architettonici.

Esempio di celle per lingegneria civile.

Esempi di celle per la cartografia

Esempi di celle per lingegneria meccanica

Le celle vengono utilizzate per: Risparmiare tempo nel disegno di campiture e dettagli ripetitivi.

Manuale dellutente di MicroStation

61

Utilizzo delle celle


Utilizzo delle librerie di celle
Semplificare laggiornamento dei dettagli in un file DGN Garantire luniformit.

possibile creare librerie di celle personalizzate.

Ogni cella ha unorigine, definita al momento della sua creazione, che pu essere considerata come lhandle della cella. Quando si inserisce un punto dati per posizionare la cella infatti, lorigine viene inserita in corrispondenza di tale punto.

In questo capitolo verranno illustrate le procedure relative allutilizzo delle celle, tra cui: Utilizzo delle librerie di celle (vedere pagina 6-2) Creazione e modifica di celle (vedere pagina 6-6) Posizionamento delle celle (vedere pagina 6-12) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Celle (vedere pagina 6-15) Tratteggio e campitura (vedere pagina 6-32) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Campiture (vedere pagina 6-43) Celle parametriche (vedere pagina 6-72)

Utilizzo delle librerie di celle


Le librerie di celle sono uguali ai file DGN. possibile collegare come libreria di celle qualsiasi file DGN ed aprire qualsiasi libreria di celle come file DGN. Ogni modello in un file DWG diventa una cella separata. Le librerie di celle e i file DGN possono essere utilizzati come librerie degli stili. Quando si crea una libreria di celle, viene creato un modello

62

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Utilizzo delle librerie di celle
predefinito vuoto. Tale modello viene visualizzato la prima volta che si apre la libreria di celle come file DGN. Per modificare il modello, utilizzare la finestra di dialogo Modelli (File > Modelli).

possibile posizionare come celle anche singoli file DWG. Viene tuttavia utilizzata solo la geometria nel modello predefinito.

Di seguito vengono descritte le procedure per la creazione e il collegamento di una libreria di celle e per la visualizzazione delle celle I file e le librerie di celle creati con versioni antecedenti alla V8 non sono supportati come celle. Non possibile aprire una libreria di celle di una precedente alla 8 e aggiornarla al formato DGN V8 necessario collegarla come libreria di celle.

Per creare e collegare una libreria di celle


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Dal menu File nella finestra di dialogo Libreria di celle, selezionare Nuovo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea libreria di celle.

3. (Facoltativo) Per selezionare una diversa unit di destinazione,

Manuale dellutente di MicroStation

63

Utilizzo delle celle


Utilizzo delle librerie di celle
scegliere lunit desiderata dal menu di opzioni Unit. 4. (Facoltativo) Per selezionare una diversa directory di destinazione, scegliere la directory desiderata dalla casella di riepilogo Directory. 5. Nel campo File digitare il nome della nuova libreria di celle. Per convenzione, i file delle librerie di celle hanno lestensione .cel. 6. Fare clic sul pulsante OK.

Per collegare una libreria di celle esistente


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Dal menu File nella finestra di dialogo Libreria di celle, selezionare Collega. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega libreria di celle.

3. Selezionare il nome della libreria di celle dalla casella di riepilogo File. 4. Fare clic su OK.

64

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Utilizzo delle librerie di celle

Metodo alternativo Per collegare una libreria di celle esistente


1. Dal menu Varie, scegliere Selettore di celle. Se non gi presente una libreria di celle collegata, verr visualizzata la finestra di dialogo Seleziona libreria di celle da caricare. 2. Selezionare il nome della libreria di celle dalla casella di riepilogo File. 3. Fare clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Selettore di celle, in cui visualizzata una casella per ciascuna cella disponibile nella libreria di celle collegata.

Per collegare una libreria di celle remota


1. Scegliere Seleziona libreria di celle remote dal menu File della finestra di dialogo Selettore di celle. Per una descrizione dei controlli di questa finestra di dialogo, vedere Finestra di dialogo Seleziona file di disegno remoto nel Manuale di riferimento. 2. Nel campo URL specificare il percorso della libreria di celle remota. 3. (Facoltativo) Regolare tutte le altre impostazioni necessarie. 4. Fare clic su OK.

Per visualizzare le celle


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. Se esiste una libreria di celle collegata, il nome corrispondente

Manuale dellutente di MicroStation

65

Utilizzo delle celle


Creazione e modifica di celle
viene visualizzato sulla barra del titolo.

Se non esiste una libreria di celle collegata e il file DGN non contiene alcuna cella, non sono disponibili celle da visualizzare. Per ulteriori informazioni sul collegamento di librerie di celle, vedere Per collegare una libreria di celle esistente a pagina 6-4. 2. Nella casella di riepilogo, selezionare il nome di una cella. A destra della casella di riepilogo viene visualizzata limmagine corrispondente. 3. Per visualizzare il contenuto delle celle, possibile selezionarle con il mouse o con i tasti di direzione della tastiera. Per ogni cella selezionata, limmagine corrispondente viene visualizzata a destra della casella di riepilogo. possibile visualizzare il contenuto delle librerie delle celle se si imposta Cella attiva utilizzando la finestra di impostazione degli strumenti Posiziona cella attiva. Facendo clic sullicona della lente di ingrandimento situata vicino al campo Cella attiva, viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle.

Creazione e modifica di celle


In questa sezione vengono descritte le procedure per la creazione e la modifica delle celle.

66

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tipi di cella

Invece di creare nuove celle, consigliabile utilizzare le librerie di celle fornite con le aree di lavoro di esempio di MicroStation. In questo modo possibile risparmiare tempo e ridurre la quantit di operazioni da effettuare. inoltre possibile acquistare da terzi librerie di celle aggiuntive che possono essere personalizzate in funzione delle proprie esigenze specifiche. Per ulteriori informazioni sulle celle fornite, vedere Componenti di esempio dellarea di lavoro forniti nel Manuale dellamministratore. Nei casi in cui sia necessario utilizzare una cella, ma non sia possibile aggiungerne una ad una libreria di celle (ad esempio, perch le librerie di celle vengono gestite dallamministratore del sistema), si consiglia di utilizzare un gruppo per posizionare pi volte gli stessi elementi in un disegno. Un gruppo costituito da una cella senza nome non definita in una libreria di celle. Per ulteriori informazioni sui gruppi, vedere Utilizzo dei gruppi a pagina 8-3. In modalit di lavoro DWG, in base allimpostazione predefinita le celle Normali (non condivise) non sono supportate in DWG. Quando si posiziona una cella normale, un elemento nome cella di Tipo 2 non viene memorizzato nel file DGN aperto. Gli elementi componenti vengono memorizzati come gruppo (cella orfana). Non possibile assegnare un nome ai gruppi.

Tipi di cella
Quando si crea una cella, necessario definirne lorigine (ovvero il punto in cui la cella viene posizionata) e il tipo. Esistono tre tipi di celle: disegno, punto e menu.

A differenza di una cella punto, a cui viene associata la simbologia attiva al momento del posizionamento, la simbologia di una cella di disegno (colore, stile di linea, spessore di linea) viene stabilita al momento della sua creazione. Se una vista viene ruotata, la cella di disegno ruota di conseguenza, mentre una cella punto indipendente dalla vista. Una cella punto pu risultare particolarmente utile con elementi di testo.

Manuale dellutente di MicroStation

67

Utilizzo delle celle


Tipi di cella
Una cella punto costituita da un punto catturabile, corrispondente alla sua origine, e viene sempre posizionata sul livello attivo, indipendentemente dai livelli sui quali sono stati creati i relativi componenti. Al contrario, una cella di disegno indipendente dal livello, ovvero pu essere posizionata sui livelli relativi al livello attivo o sui livelli su cui stata creata, a seconda che lopzione Relativa sia attivata o meno. Le differenze tra celle di disegno e celle punto sono riassunte nella tabella seguente:
Cella di disegno Livello Rotazione Cattura Simbologia indipendente dal livello con la vista sui punti chiave in base alle impostazioni attive durante la creazione Cella punto posizionata sul livello attivo indipendente dalla vista sullorigine della cella in base alle impostazioni attive durante il posizionamento

Il termine cella punto, che indica il tipo di cella e che viene assegnato al momento della creazione, non deve essere confuso con cella punto attivo che si riferisce a una cella in una libreria di celle utilizzata per il posizionamento tramite gli strumenti del menu degli strumenti Punti. Sia le celle di disegno che le celle punto possono essere una cella punto attivo. Le celle di menu devono essere create in una versione di MicroStation precedente alla V8. Per ulteriori informazioni sulle celle di menu, vedere Menu della tavoletta di digitalizzazione nel Manuale di riferimento in linea.

Per creare una cella


1. Se non esiste una libreria di celle collegata, prima di continuare la procedura collegarne una. Per ulteriori informazioni, vedere

68

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tipi di cella
Per collegare una libreria di celle esistente a pagina 6-4. 2. Disegnare il contenuto della cella sui livelli desiderati.

3. Con lo strumento Selezione dellelemento (vedere pagina 5-2) , selezionare tutti gli elementi da includere nella cella. o Posizionare una fence contenente tutti gli elementi da includere nella cella. Per ulteriori informazioni, vedere Specifica degli elementi contenuti nella fence a pagina 4-89.
4. Dal menu degli strumenti Celle, selezionare lo strumento Definisci origine cella (vedere pagina 6-24) .

Sulla barra di stato viene visualizzato il prompt Definire origine. Lorigine cella il punto utilizzato per posizionare la cella in un disegno. Quando in un disegno viene posizionata una cella, lorigine di questultima corrisponde al punto dati inserito per posizionarla.
5. Inserire un punto dati per definire lorigine della cella. Lorgine rimane attiva e visualizzata fino alla successiva selezione dello strumento Definisci origine cella. 6. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 7. Nellangolo inferiore destro della finestra di dialogo, fare clic sul pulsante Crea.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea nuova cella.

Manuale dellutente di MicroStation

69

Utilizzo delle celle


Tipi di cella

8. Nel campo Nome, digitare il nome desiderato. 9. (Facoltativo) Nel campo Descrizione, digitare una descrizione. 10. Dal menu di opzioni, selezionare il Tipo di cella (vedere pagina 6-7) . 11. Fare clic sul pulsante Crea. In alternativa, possibile definire lorigine della cella (passi 45) prima di selezionare o racchiudere nella fence gli elementi (passo 3) da includere nella cella. Allinterno di una cella, possibile inserire o annidare una o pi celle. Per effettuare questa operazione, sufficiente selezionare le celle da annidare al momento della creazione della nuova cella. Se nella libreria esiste gi una cella con lo stesso nome della cella nidificata, questultima viene sostituita da un riferimento alla cella presente nella libreria di celle. Quando si posiziona la cella, il riferimento viene espanso alla geometria originale.

Per modificare il nome o la descrizione di una cella


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Dalla casella di riepilogo, selezionare il nome della cella desiderata. 3. Nellangolo inferiore destro della finestra di dialogo Libreria di celle, fare clic sul pulsante Modifica.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica informazioni della cella.

4. Modificare il nome e/o la descrizione. 5. Fare clic sul pulsante Modifica.

610

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tipi di cella

Per eliminare una cella da una libreria di celle collegata


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Dalla casella di riepilogo, selezionare il nome della cella desiderata. 3. Nellangolo inferiore destro della finestra di dialogo Libreria di celle, fare clic sul pulsante Elimina. Poich loperazione di eliminazione non pu essere annullata, viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare leliminazione della cella selezionata.1 4. Fare clic su OK.

PerCella
Al momento della creazione di una cella, ne viene determinata la simbologia (colore, stile linea e spessore linea), che verr utilizzata quando la cella sar posizionata in un file DWG. comunque possibile lasciare la simbologia aperta utilizzando lopzione PerCella. Se viene selezionata lopzione PerCella per colore, stile e spessore di linea, al momento del posizionamento della cella verranno utilizzati gli attributi attivi. Se ad esempio si crea una cella contenente un quadrato con il colore impostato su rosso e un cerchio con il colore impostato su PerLivello, posizionando la cella in un file DWG con impostato il colore giallo, il quadrato apparir rosso e il cerchio nel colore attivo, ossia il giallo. PerCalle attivato, per impostazione predefinita, solo in modalit di lavoro DWG. possibile attivare PerCalla in modalit di lavoro DGN aggiungendo _USTN_CAPABILITY > CAPABILITY_NO-BYCELL al file di configurazione standards.cfg.

1 Se la cella selezionata una cella condivisa nel file DGN attivo, la definizione ad essa associata pu essere eliminata dal file DGN attivo solo se in tale file non esistono ricorrenze della cella condivisa.

Manuale dellutente di MicroStation

611

Utilizzo delle celle


Posizionamento delle celle

Posizionamento delle celle


Prima di posizionare una cella, necessario attivarla per il metodo di posizionamento desiderato, ossia: Per il posizionamento mediante lo strumento Posiziona cella attiva (vedere pagina 6-17) o lo strumento Posiziona matrice di celle attive (vedere pagina 6-20) nel menu degli strumenti Celle (vedere pagina 6-15) . Questa cella definita cella attiva.

Come cella finale mediante lo strumento Posiziona cella finale attiva (vedere pagina 6-25) del menu degli strumenti Celle. Questa cella definita cella finale attiva. Come cella punto, per il posizionamento mediante gli strumenti del menu degli strumenti Punti (vedere pagina 3-60) . Questa cella definita cella punto attiva.

Per la campitura mediante lo strumento Campisci area (vedere pagina 6-58) del menu degli strumenti Campiture. Questa cella definita cella di campitura attiva.

612

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Controllo del livello sul quale vengono posizionate le celle

Per identificare una cella come cella attiva


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Dalla casella di riepilogo, selezionare il nome della cella. 3. Nella sezione Celle attive, fare clic sul pulsante Posiziona, Cella finale, Punto o Campitura.

Metodo alternativo Per identificare una cella come cella attiva


1. Dal menu Varie, scegliere Selettore di celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Selettore di celle. Ogni cella della libreria di celle collegata viene visualizzata su un pulsante.

2. Fare clic sul pulsante corrispondente alla cella che si desidera attivare. La cella viene attivata e lo strumento preimpostato per il posizionamento della cella viene selezionato automaticamente. possibile personalizzare la finestra di dialogo Selettore di celle per altri usi.

Controllo del livello sul quale vengono posizionate le celle


Lopzione Relativa degli strumenti Posiziona cella attiva e Seleziona e posiziona cella (vedere pagina 6-22) consente di impostare i livelli

Manuale dellutente di MicroStation

613

Utilizzo delle celle


Celle condivise
sui quali si desidera posizionare una cella di disegno. Se lopzione Relativa disattivata, la cella di disegno viene posizionata sullo stesso livello utilizzato al momento della creazione (posizionamento assoluto). Se lopzione attivata, la cella di disegno viene posizionata sul livello o sui livelli relativi al livello attivo. Ad esempio, si consideri una cella di disegno creata con gli elementi sui livelli 5, 7 e 8. Se lopzione Relativa attivata e il livello attivo uguale a 1, la cella viene posizionata sui livelli 1, 3 e 4. Se il livello attivo 45, la cella viene posizionata sui livelli 45, 47 e 48.

Per ulteriori informazioni sulle celle di disegno, vedere Tipi di celle a pagina 6-7.

Celle condivise
Se nella finestra di dialogo Libreria di celle, lopzione Usa celle condivise attivata, le celle vengono posizionate come celle condivise.

Definizione di cella condivisa


La prima volta che si posiziona una cella con lopzione Usa celle condivise attivata, la definizione di cella condivisa (elementi della cella) viene memorizzata nel file DGN in base alla stessa procedura utilizzata per la memorizzazione nelle librerie di celle. Per posizionare successive ricorrenze della cella condivisa, non necessario che la libreria di celle sia collegata. In altri termini, di una cella condivisa possono esistere pi ricorrenze (istanze) in un file DGN, ma una sola definizione. Quando una ricorrenza di cella condivisa viene sostituita utilizzando lo strumento Sostituisci celle (vedere pagina 6-27) , tutte le ricorrenze della cella vengono sostituite.

Per una cella non condivisa, la definizione della libreria viene invece memorizzata nel file DGN ogni volta che la cella viene posizionata. Pertanto, lutilizzo di celle condivise consente di ridurre le dimensioni del file DGN, in particolare di quelli che contengono celle con numerosi elementi componenti e/o ricorrenze.

614

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Menu degli strumenti Celle

Non necessario conoscere il punto in cui si trova la definizione della cella condivisa nel file DGN. Identificando una qualunque ricorrenza della cella condivisa viene identificata anche la corrispondente definizione.

Vantaggi dellutilizzo di celle condivise


Si consiglia di utilizzare le celle condivise per i seguenti motivi: Le celle condivise possono essere posizionate e manipolate in modo pi rapido rispetto alle celle non condivise. La prima volta che si posiziona una cella nel file DGN, necessario collegare la libreria di celle nella quale essa memorizzata. Se la cella viene posizionata come cella condivisa, per il posizionamento delle successive istanze non necessario che la libreria di celle sia collegata. Quando si sostituisce una ricorrenza di cella condivisa, vengono sostituite tutte le altre ricorrenze presenti nel file DGN. possibile associare le celle condivise a punti presenti su altri elementi, se attivata lopzione Bloccaggio associazione (Impostazioni > Bloccaggi > Associazione). Ad esempio, se la cella condivisa di una porta viene posizionata in un muro e associata a tale muro, spostando il muro verr spostata automaticamente anche la porta. In genere le celle condivise consentono di ridurre le dimensioni del file DGN e, di conseguenza, di migliorare le prestazioni del programma.

Menu degli strumenti Celle

Gli strumenti del menu degli strumenti Celle consentono di posizionare e manipolare le celle.

Manuale dellutente di MicroStation

615

Utilizzo delle celle


Menu degli strumenti Celle
Per Selezionare nel menu degli strumenti Celle

Posizionare la cella attiva.

Posiziona cella attiva (vedere pagina 6-17)


Posizionare una matrice (righe e colonne) della cella attiva.

Posiziona matrice di celle attive (vedere pagina 6-20)


Identificare una cella e posizionare una o pi occorrenze aggiuntive.

Seleziona e posiziona cella (vedere pagina 6-22)

Definire lorigine della cella, ovvero il punto attorno al quale viene posizionata la cella, durante la creazione. Visualizzare il nome e il livello di una cella presente nel file DGN.

Definisci origine cella (vedere pagina 6-24)

Identifica cella (vedere pagina 6-25)

Aggiungere una cella finale a un segmento di linea.

Posiziona cella finale attiva (vedere pagina 6-25)


Sostituire una o pi celle nel disegno, oppure tutte le ricorrenze di una cella condivisa, con unaltra cella dello stesso nome presente in una libreria collegata.

Sostituisci celle (vedere pagina 6-27)

Digitazione:
616

DIALOG TOOLBOX CELLS [OFF | ON | TOGGLE]

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Posiziona cella attiva

Per selezionare e posizionare una cella mediante le rappresentazioni in anteprima, utilizzare la finestra di dialogo Selettore di celle (menu Varie > Selettore di celle).

possibile definire i componenti del gruppo di impostazioni Cella che, quando selezionati, regolano automaticamente i fattori di scala attivi per il posizionamento delle celle. Per convertire loccorrenza di una cella condivisa in una cella non condivisa, utilizzare lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) nel menu degli strumenti Gruppi.

Posiziona cella attiva

Questo strumento consente di posizionare la cella attiva. Per impostare il livello attivo, possibile utilizzare il menu Strumenti principali.

Manuale dellutente di MicroStation

617

Utilizzo delle celle


Posiziona cella attiva
ImEffetto postazione strumento

Cella attiva

Pu essere digitata in questo punto o impostata nella finestra di dialogo Libreria di celle (menu Elemento > Celle). Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Libreria di celle, vedere Celle nel Manuale di riferimento. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per il posizionamento di una cella attiva differente. Imposta langolo in base al quale viene ruotata la cella se lopzione Interattiva disattivata. Fattore di scala orizzontale (lungo lasse X)1 Fattore di scala verticale (lungo lasse Y)1 Fattore di scala di profondit (lungo lasse Z)1 Se la cella attiva una cella grafica2 e Relativa : AttivatoIl livello inferiore nella cella viene posizionato sul livello attivo mentre i livelli superiori vengono posizionati in base al livello attivo.3 Disattivatola cella viene posizionata sugli stessi livelli definiti nella libreria di celle, ovvero i livelli sui quali si trovavano i componenti al momento della creazione della cella.

Sfoglia Cella(e) Angolo attivo Scala X Scala Y Scala Z Relativa

Interattiva
1

Se questa opzione attivata, la scala e langolo di rotazione vengono definiti graficamente mediante punti dati.

Direzione nella definizione della cella. Se il fattore di scala compreso tra 0 e 1 (ad esempio, 0.25), la dimensione viene diminuita. Se il fattore di scala uguale a 1, la dimensione rimane invariata rispetto alla definizione della cella. Se il fattore di scala maggiore di 1, la dimensione viene aumentata.

2 3

Le celle punto vengono sempre posizionate sul livello attivo. Ad esempio, si consideri una cella di disegno creata con gli elementi sui livelli 5, 7 e 8. Se lopzione Relativa attivata e il livello attivo uguale a 1, la cella viene posizionata sui livelli 1, 3 e 4. Se il livello attivo 45, la cella viene posizionata sui livelli 45, 47 e 48.

618

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Posiziona cella attiva

Per posizionare la cella attiva


1. Selezionare lo strumento Posiziona cella attiva. 2. Inserire un punto dati per posizionare lorigine della cella. Se lopzione Interattiva non attivata, la cella viene posizionata. 3. Se attivata, inserire altri due punti dati per definire la scala e langolo di rotazione. 4. Resettare per terminare. o Tornare al passo 2 per posizionare unaltra occorrenza della cella.

Posiziona cella attiva. A sinistra: in base allangolo e alla scala attivi (opzione Interattiva disattivata). A destra: definizione della rotazione e della scala tramite punti dati (opzione Interattiva attivata).

2 1

AA

Digitazione: Digitazione:

PLACE CELL ICON PLACE CELL INTERACTIVE [ABSOLUTE | RELATIVE]

Le digitazioni ACTIVE CELL (AC=) e ACTIVE RCELL (AR=) consentono di impostare una cella (condivisa o appartenente alla libreria di celle collegata) come cella attiva e di posizionarla nel file DGN.
Digitazione Equivale a Posiziona cella attiva con Lopzione Relativa disattivata Lopzione Relativa attivata

AC= <NOME_CELLA>1 AR= <NOME_CELLA>1


1

nome_cella il nome di una cella condivisa presente nel file di disegno o di una cella appartenente alla libreria di celle collegata o allelenco delle librerie di celle.

Manuale dellutente di MicroStation

619

Utilizzo delle celle


Posiziona matrice di celle attive
Ad esempio, per impostare CELL1 come cella attiva e posizionarla con il livello inferiore sul livello attivo, digitare AR=CELL1.

Posiziona matrice di celle attive

Questo strumento consente di posizionare una matrice della cella attiva. Le celle vengono posizionate in base allangolo attivo e alla scala attiva sugli stessi livelli specificati nella definizione della cella, a meno che questa non sia una cella punto. I componenti delle celle punto vengono posizionati sul livello attivo. possibile impostare langolo attivo e la scala attiva nella finestra Impostazioni file DGN (menu Impostazioni > Disegno possibile impostare il livello attivo nel menu degli strumenti Attributi. Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Impostazioni file DGN, vedere Finestra di dialogo Impostazioni file DGN nel Manuale di riferimento.

620

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Posiziona matrice di celle attive
ImEffetto postazione strumento

Cella attiva

Imposta la cella attiva, che pu essere digitata in questo punto o impostata facendo clic sul pulsante Posizionamento nella finestra di dialogo Libreria di celle (menu Elemento > Celle). Per ulteriori informazioni sulle celle, vedere Celle nel Manuale di riferimento. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per il posizionamento di una cella attiva differente. Imposta il numero di righe. Imposta il numero di colonne. Imposta la spaziatura tra le righe, espressa in unit di lavoro. Imposta la spaziatura tra le colonne espressa in unit di lavoro.

Sfoglia Cella(e) Righe Colonne Spaziatura tra righe Spaziatura tra colonne

Per posizionare una matrice della cella attiva


1. Selezionare lo strumento Posiziona matrice di celle attive. 2. Inserire un punto dati per posizionare la matrice della cella. Lorigine della cella nellangolo inferiore sinistro della matrice viene posizionata in questo punto.

Manuale dellutente di MicroStation

621

Utilizzo delle celle


Seleziona e posiziona cella

Posiziona matrice di celle attive. D1 indica la spaziatura tra le righe e D2 indica quella tra le colonne.

Digitazione: MATRIX CELL righe, colonne, spaziatura_righe, spaziatura_colonne Digitazione: CM= righe, colonne, spaziatura_righe, spaziatura_colonne

Seleziona e posiziona cella

Questo strumento consente di identificare una cella nel file DGN e di posizionare una o pi occorrenze aggiuntive della cella. possibile impostare il livello attivo nel menu degli strumenti Attributi.

622

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Seleziona e posiziona cella
ImEffetto postazione strumento

Angolo attivo Scala X Scala Y Scala Z Relativa

Imposta langolo in base al quale la cella viene ruotata. Imposta il fattore di scala orizzontale (lungo lasse X).1 Imposta il fattore di scala verticale (lungo lasse Y).1 In 3D, imposta il fattore di scala lungo lasse Z.1 Se la cella attiva una cella di disegno e lopzione Relativa :2 AttivatoIl livello inferiore nella cella viene posizionato sul livello attivo e i livelli superiori nella cella vengono posizionati rispetto al livello attivo.3 Disattivatola cella viene posizionata sugli stessi livelli definiti nella libreria di celle, ovvero i livelli sui quali si trovavano i componenti al momento della creazione della cella.

Direzione nella definizione della cella. Se il fattore di scala compreso tra 0 e 1 (ad esempio 0.25), la dimensione viene diminuita. Se il fattore di scala uguale a 1, la dimensione rimane invariata rispetto alla definizione della cella.

2 3

Le celle punto vengono sempre posizionate sul livello attivo. Ad esempio, si consideri una cella di disegno creata con gli elementi sui livelli 5, 7 e 8. Se lopzione Relativa attivata e il livello attivo uguale a 1, la cella viene posizionata sui livelli 1, 3 e 4. Se il livello attivo 45, la cella viene posizionata sui livelli 45, 47 e 48.

Per selezionare e posizionare una cella


1. Selezionare lo strumento Seleziona e posiziona cella. 2. Identificare la cella. Se la cella condivisa e Usa celle condivise attivata, la cella diventa quella attiva. Se la cella non condivisa, la libreria di celle alla quale questa appartiene deve essere collegata o inserita

Manuale dellutente di MicroStation

623

Utilizzo delle celle


Definisci origine cella
nellelenco delle librerie di celle. 3. Inserire un punto dati per posizionare unoccorrenza della cella. 4. Resettare per terminare. o Tornare al passo 3 per posizionare unaltra occorrenza della cella.

Digitazione: Digitazione:

SELECT CELL ICON SELECT CELL [ABSOLUTE | RELATIVE]

Definisci origine cella

Questo strumento consente di definire lorigine della cella, ovvero il punto in cui viene posizionata la cella. Per informazioni sulla creazione di celle, vedere Per creare una cella a pagina 6-8.

Per definire lorigine di una cella


1. Selezionare lo strumento Definisci origine cella. 2. Inserire un punto dati per definire lorigine della cella. Su questo punto viene visualizzato un +. Lorgine rimane attiva e visualizzata fino alla successiva selezione dello strumento Definisci origine cella. 3. Resettare per accettare lorigine della cella. o Tornare al passo 2.

Digitazione:

DEFINE CELL ORIGIN

spesso utile posizionarsi su un punto tentativo per visualizzare

624

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Identifica cella
in anteprima il punto dati da inserire nel passo 2.

Identifica cella

Questo strumento consente di visualizzare il nome e il livello di una cella nel disegno.

Per visualizzare il nome e il livello di una cella


1. Selezionare lo strumento Identifica cella. 2. Identificare la cella. Il nome e i livelli della cella vengono visualizzati sulla barra di stato. 3. Accettare la cella.

Digitazione:

IDENTIFY CELL

Posiziona cella finale attiva

Questo strumento consente di posizionare la cella finale attiva su una linea, una spezzata o un arco, per posizionare principalmente delle punte di freccia.

Manuale dellutente di MicroStation

625

Utilizzo delle celle


Posiziona cella finale attiva

Impostazione strumento Cella finale

Effetto Imposta la cella finale attiva, che pu essere definita anche nella finestra di dialogo Libreria di celle (menu Elemento > Celle). Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per la selezione di una cella attiva differente, ad esempio una cella finale. Imposta la scala della cella finale attiva.

Digitazione alternativa

ACTIVE TERMINATOR <CELLA FINALE>


oppure

LT= <CELLA FINALE>

Sfoglia Cella(e)

Scala

ACTIVE TSCALE <SCALA>


oppure

TS= <SCALA>

Per posizionare la cella finale attiva


1. Selezionare lo strumento Posiziona cella finale attiva. 2. Identificare lelemento accanto allestremo in corrispondenza del quale deve essere posizionata la cella finale. 3. Accettare la cella finale.

Posiziona cella finale attiva

626

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Sostituisci celle

Digitazione:

PLACE TERMINATOR

Per posizionare del testo (una nota) nel file DGN con una freccia, preferibile utilizzare lo strumento Posiziona nota del menu degli strumenti Testo (menu Strumenti > Principale > Testo).

Sostituisci celle

Questo strumento consente di sostituire celle singole o multiple presenti in un file DGN o di aggiornare le celle con altre con lo stesso nome appartenenti alla libreria di celle attiva.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Consente di impostare il metodo di sostituzione o di aggiornamento delle celle. AggiornaSostituisce la cella identificata con unaltra con lo stesso nome appartenente alla libreria di celle attiva. SostituisciSostituisce celle singole o multiple identificando la cella da sostituire e quindi la cella di sostituzione.

Manuale dellutente di MicroStation

627

Utilizzo delle celle


Sostituisci celle
ImEffetto postazione strumento

Modalit

(con lopzione Metodo impostata a Sostituisci) Imposta il metodo utilizzato per la sostituzione delle celle. SingolaConsente di sostituire celle singole. GlobaleSostituisce tutte le celle aventi lo stesso nome con la cella di sostituzione.

Usa cella attiva

(con lopzione Metodo impostata a Sostituisci) Se questa opzione attivata, le celle selezionate vengono sostituite con la cella attiva inserita nel campo di testo. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per il posizionamento di una cella attiva differente. (con lopzione Metodo impostata a Sostituisci) Se questa opzione attivata, tutti i dati utente (quali tag e attributi del database) associati alla cella vengono sostituiti dai dati utente della nuova cella.

Sfoglia Cella(e) Sostituisci attributi

628

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Sostituisci celle
ImEffetto postazione strumento

Usa fence

Imposta la modalit di posizionamento del contenuto della fence. InternoSe lopzione Modalit impostata a Singola, tutte le celle allinterno della fence vengono sostituite. Se lopzione Modalit impostata a Globale, tutte le celle allinterno della fence e quelle allesterno aventi lo stesso nome, vengono sostituite. SovrapposizioneSe lopzione Modalit impostata a Singola, tutte le celle interne e sovrapposte alla fence vengono sostituite. Se lopzione Modalit impostata a Globale, tutte le celle interne e sovrapposte alla fence e quelle allesterno aventi lo stesso nome, vengono sostituite. EsternoSe lopzione Modalit impostata a Singola, tutte le celle allesterno della fence vengono sostituite. Se lopzione Modalit impostata a Globale, tutte le celle allesterno della fence e quelle allinterno aventi lo stesso nome, vengono sostituite. Esterno-Sovrapp.Se lopzione Modalit impostata a Singola, tutte le celle esterne e sovrapposte alla fence vengono sostituite. Se lopzione Modalit impostata a Globale, tutte le celle esterne e sovrapposte alla fence e quelle allinterno aventi lo stesso nome, vengono sostituite.

Per aggiornare le celle appartenenti alla libreria di celle attiva


1. Selezionare lo strumento Sostituisci celle. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo ad Aggiorna.

Manuale dellutente di MicroStation

629

Utilizzo delle celle


Sostituisci celle

3. Identificare la cella da aggiornare. 4. Accettare la cella. Se la cella identificata condivisa, tutte le relative occorrenze presenti nel disegno vengono sostituite con unaltra cella con lo stesso nome appartenente alla libreria di celle attiva. Se la cella identificata non condivisa, viene sostituita solo la cella identificata con unaltra cella con lo stesso nome appartenente alla libreria di celle attiva.

Per sostituire le celle singolarmente o globalmente


1. Selezionare lo strumento Sostituisci celle. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Sostituisci.

3. Identificare la cella da sostituire. 4. Identificare la cella di sostituzione. 5. Accettare. Se lopzione Modalit impostata a Singola, la cella identificata viene sostituita. Se lopzione Modalit impostata a Globale, viene visualizzata una casella di avviso (Attenzione) per confermare la sostituzione di tutte le celle aventi lo stesso nome della cella identificata.

630

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Sostituisci celle

Per sostituire celle singole o multiple allinterno della fence


1. Posizionare la fence intorno alle celle da sostituire. 2. Selezionare lo strumento Sostituisci celle. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Sostituisci. 4. Nella finestra di impostazione dello strumento, attivare Usa fence e scegliere lopzione Interno. 5. Identificare la cella di sostituzione. 6. Accettare. Se lopzione Modalit impostata a Singola, tutte le celle allinterno della fence vengono sostituite. Se lopzione Modalit impostata a Globale, tutte le celle allinterno della fence e quelle allesterno aventi lo stesso nome vengono sostituite a gruppi. Dopo aver fatto clic su S nella casella di avviso per confermare la sostituzione di un gruppo di celle, vengono visualizzate altre caselle di avviso fino a quando tutte le celle allinterno della fence e quelle allesterno aventi lo stesso nome vengono sostituite.

Per sostituire singolarmente le celle che contengono dati utente


1. Selezionare lo strumento Sostituisci celle. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Sostituisci. 3. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Singola. 4. Nella finestra di impostazione dello strumento, attivare Sostituisci attributi. 5. Identificare la cella da sostituire. 6. Identificare la cella di sostituzione. 7. Accettare. La cella precedente e i dati utente in essa contenuti, vengono

Manuale dellutente di MicroStation

631

Utilizzo delle celle


Tratteggio e campitura
sostituiti con una nuova cella e con i relativi dati utente.

Digitazione:

REPLACE CELLS EXTENDED

Per sostituire le celle dalla riga di comando del sistema, al prompt del sistema digitare: msbatch repcell.ma <file_DGN<libreria_celle> <y | n> <cella_da_sostituire> <cella_sostitutiva> dove file DGN il file DGN in cui sostituire le celle, libreria_celle la libreria di celle che contiene la cella di sostituzione, y mantiene gli attributi, n non mantiene gli attributi, cella_da_sostituire il nome della cella da sostituire nel file_disegno e cella_sostituzione il nome della cella di sostituzione nella libreria_celle. Quando si utilizza MSBATCH, possibile provare a limitare il numero di file da includere in un batch. Questo limite dipende dalle risorse di sistema disponibili e varia a seconda dei sistemi. In genere, la quantit di memoria fisica e di spazio per il file di swap disponibile direttamente proporzionale al numero di file che possibile includere in un processo di batch. Lo strumento Sostituisci celle non pu essere utilizzato per sostituire gruppi (celle senza nome, definite anche celle orfane).

Tratteggio e campitura
Per campitura si intende il posizionamento ripetuto di una linea di tratteggio o di una cella in unarea chiusa in base a un intervallo (spaziatura), una scala e un angolo specificati. Le campiture possono essere posizionate su qualsiasi livello. Quando si utilizza uno strumento di tratteggio o campitura con il metodo di impostazione dello strumento impostato a Intersezione, Unione, Differenza o Diffusione, attivando le opzioni Area dinamica e Campitura associativa possibile creare campiture che vengono rigenerate al momento della modifica degli elementi di contorno. inoltre possibile creare singole campiture associative con regioni disgiunte. In base allimpostazione predefinita, in modalit di lavoro DWG la campitura di area viene sostituita dal tratteggio predefinito di AutoCAD. Il campo Campitura nella finestra di impostazione

632

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Controllo della visualizzazione delle campiture
Campisci area (vedere pagina 6-58) una casella combinata che, per impostazione predefinita, elenca le campiture presenti nel file di campitura DWG "areapat.pat". Questo file contiene una definizione della campitura DWG per ciascuna cella di campitura della libreria di celle fornita, "areapat.cel". Per selezionare un file di campitura DWG diverso, digitare la specifica completa del file (percorso e nome del file) oppure fare clic sulla lente di ingrandimento situata accanto per sfogliare il file system. Viene fornito un file di campitura DWG per ciascuna delle importanti librerie di celle di campitura fornite "archpat.cel", "areapat.cel", "geompa.cel", "igespats.cel", "linepa.cell" e "utilpat.cel". Questi file hanno lo stesso nome della libreria di celle corrispondente, eccetto lestensione .pat.

Controllo della visualizzazione delle campiture


Gli elementi di una campitura (linee o celle) vengono definiti come elementi di campitura.

Manuale dellutente di MicroStation

633

Utilizzo delle celle


Controllo della visualizzazione delle campiture

Per attivare o disattivare la visualizzazione delle campiture in una o pi viste


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista.

2. Dal menu di opzioni Numero vista, selezionare il numero della vista desiderata. 3. Attivare o disattivare Campiture. 4. Fare clic sul pulsante Applica. 5. Ripetere i passaggi da 2 a 4 per ogni altra vista.

Per attivare o disattivare la visualizzazione delle campiture in tutte le viste


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista. 2. Attivare o disattivare Campiture. 3. Fare clic sul pulsante Tutte.

634

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Posizionamento delle campiture nel disegno

Posizionamento delle campiture nel disegno


Gli strumenti del menu degli strumenti Campiture (vedere pagina 6-43) consentono di applicare una campitura allarea allinterno di un elemento chiuso il cui attributo Area impostato a Solido, a una fence, alla figura risultante dallintersezione, dallunione o dalla differenza di pi elementi o allarea delimitata da un insieme di elementi. Gli elementi utilizzati per la creazione dellarea con campitura possono essere situati nel file attivo e/o in uno o pi riferimenti.

Gli strumenti Tratteggia area (vedere pagina 6-45) e Tratteggia a incrocio larea (vedere pagina 6-55) vengono utilizzati per posizionare linee di tratteggio.

Tratteggio (sinistra) e tratteggio a incrocio (destra)

Lo strumento Campisci area (vedere pagina 6-58) viene utilizzato per posizionare una cella definita come cella di campitura attiva. Ad esempio, possibile campire un muro con una cella mattone per ottenere un effetto pi realistico.

Manuale dellutente di MicroStation

635

Utilizzo delle celle


Campiture associative Esempi di posizionamento di cella di campitura attiva
La campitura di unarea unoperazione che pu richiedere molto tempo. Il tempo necessario dipende, oltre che dalla complessit della cella di campitura attiva e dalla dimensione dellarea da campire, anche dal numero, dalla complessit e dai livelli degli elementi vuoti inclusi nellarea. La campitura di elementi molto complessi pu richiedere diversi minuti.

Campiture associative
Attivando lopzione Campitura associativa, quando si utilizza lo strumento Tratteggia area (vedere pagina 6-45) , Tratteggia a incrocio larea (vedere pagina 6-55) oppure Campisci area (vedere pagina 6-58) , la campitura viene associata allelemento campito. Questo significa che ogni volta che lelemento viene modificato o manipolato, la campitura viene aggiornata automaticamente.

Se un elemento associato a una campitura viene ruotato o scalato, anche la campitura ad esso associata viene ruotata o scalata.

possibile creare campiture associative a partire da: elementi del file DGN attivo elementi nei riferimenti, compresi file di riferimento annidati e autoreferenti una combinazione di elementi provenienti dal file attivo e dai riferimenti.

La modifica di qualsiasi elemento utilizzato per la campitura dellarea, sia nel file attivo che in un riferimento, comporta laggiornamento anche della campitura associata.

636

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campiture catturabili

Se si tratteggia la figura a sinistra con lopzione Campitura associativa attivata, le successive modifiche apportate nella parte destra comportano laggiornamento automatico del tratteggio alla nuova forma.

Campiture catturabili
Attivando lopzione Campitura catturabile, quando si utilizza lo strumento Tratteggia area (vedere pagina 6-45) , Tratteggia a incrocio larea (vedere pagina 6-55) e Campisci area (vedere pagina 6-58) , lelemento di campitura diventa catturabile.

Mentre in alcuni casi pu essere utile identificare gli elementi di campitura in modalit cattura, nei casi in cui presente un elevato numero di elementi di campitura in unarea la selezione o lidentificazione di un elemento particolare pu risultare difficoltosa.

Esclusione di alcune zone dallarea da campire


Quando si crea una forma, una circonferenza o unellisse, nella definizione di unarea per la campitura possibile escludere la campitura delle regioni interne a tali elementi. Il metodo da utilizzare consiste nel posizionare altre figure, cerchi o ellissi dentro lelemento esterno. Inoltrre, possibile escludere dalla campitura della regione le aree che circondano il testo. Esistono vari metodi per definire le aree di campitura e quelle da escludere.

Manuale dellutente di MicroStation

637

Utilizzo delle celle


Esclusione di alcune zone dallarea da campire

Impostazione degli elementi come Solido o Vuoto


Quando si creano figure, circonferenze o ellissi, possibile impostare la relativa area come solida o di vuoto. Ci influisce sul modo in cui gli elementi vengono tratteggiati o campiti. In genere, le aree delimitate da elementi di vuoto e che si trovano allinterno e allo stesso livello dellelemento solido, non vengono campite. Lapplicazione la seguente:
Campitura associativa Disattivato Attivato Elementi di vuoto allinterno dellelemento Non vengono campiti. Se sono stati precedentemente raggruppati con lelemento solido utilizzando lo strumento Raggruppa elementi di vuoto (vedere pagina 8-29) , non vengono campiti. Se non sono stati precedentemente raggruppati con lelemento solido, vengono ignorati e lelementi solido selezionato viene campito senza vuoti.

Utilizzo delle impostazioni degli strumenti


Le impostazioni relative agli strumenti Tratteggia area, Tratteggia a incrocio larea e Campisci area consentono di escludere dalla campitura le aree comprese in elementi chiusi. Con ciascuno di questi strumenti possibile impostare i seguenti Metodi: Intersezione: la regione interessata dalla campitura quella in cui si intersecano due o pi elementi selezionati. Differenza: consente di selezionare un elemento principale da campire dal quale sottrarre altri elementi selezionati. Diffusione: consente di effettuare la campitura della parte interna agli elementi di contorno. inoltre possibile specificare lesclusione di figure interne e/o testo dalla campitura oppure la campitura di aree alternative quando esistono figure nidificate luna dentro laltra.

638

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Esclusione di alcune zone dallarea da campire

Utilizzo di Area alternativa per escludere dalla campitura le aree nidificate


Quando esistono delle aree nidificate, possibile effettuare la campitura delle aree alternative in un unico passaggio utilizzando il metodo Diffusione con le opzioni Identifica figure interne e Area alternativa attive. Nellesempio che segue, il tratteggio stato eseguito in ununica operazione.

Limpostazione Area alternativa insieme a Identifica figure interne, consente di diffondere la campitura o il tratteggio alle aree nidificate (a sinistra) per produrre il risultato desiderato (a destra) in un unico passaggio.

Manipolazione e modifica delle aree escluse


Quando si campisce unarea con lopzione Campitura associativa attivata, possibile manipolare o modificare gli elementi che definiscono le aree e la campitura si aggiorner automaticamente in base alle aree modificate.

Manuale dellutente di MicroStation

639

Utilizzo delle celle


Campitura di regioni disgiunte

Quando si manipola o si modifica una figura o unarea esclusa tratteggiata o campita con lopzione Campitura associativa attivata (a sinistra), la campitura viene aggiornata di conseguenza (a destra).

Campitura di regioni disgiunte


Con il Metodo impostato su Diffusione e lopzione Area dinamica attivata, possibile effettuare la campitura di elementi disgiunti. Mantenendo premuto il tasto <Ctrl, possibile selezionare una serie di regioni racchiuse nelle quali diffondere la campitura o il tratteggio in un unico passaggio. Tali regioni vengono evidenziate dinamicamente spostando e fermando il puntatore sul disegno. Con questo metodo sempre possibile utilizzare le impostazioni Identifica figure interne e Identifica testo per escludere le aree nelle regioni selezionate.

A sinistra: Selezionare le regioni da tratteggiare per diffusione (<Ctrl>punti dati 13). A destra: Accettare per tratteggiare le regioni selezionate (4).

640

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Celle utilizzate per la campitura

Una singola regione di campitura associativa pu essere costituita da pi sottoregioni disgiunte. Una sottoregione pu essere larea pi piccola racchiusa da molti elementi o semplicemente larea di una figura chiusa. Pu contenere elementi di vuoto raggruppati ed elementi di testo.

Celle utilizzate per la campitura


Le celle per campitura possono contenere qualsiasi combinazione di elementi e persino del testo. Le celle utilizzate per la campitura di aree, in genere, sono progettate specificatamente per tale scopo.

Celle di campitura fornite con MicroStation


Le librerie di celle archpa.cel e geompa.cel, nella directory Workspace\system\cell di Bentley, contengono celle per campitura utili per numerose applicazioni.

Esempi di celle nella libreria di celle archpa.cel

Manuale dellutente di MicroStation

641

Utilizzo delle celle


Celle utilizzate per la campitura

Esempi di celle nella libreria di celle geompa.cel

Istruzioni per la creazione di celle per campitura


Le celle per campitura possono essere create come tutte le altre celle. Di seguito sono riportate alcune istruzioni e indicazioni a cui attenersi durante la creazione di celle per la campitura di aree: Le celle per la campitura di aree devono contenere almeno un ciclo completo di campitura in direzione sia orizzontale che verticale. Il campo della cella viene utilizzato per determinare la dimensione della matrice di campitura. Se si desidera lasciare degli spazi inutilizzati intorno alla campitura, posizionare gli elementi punto (linee di lunghezza zero) per aumentare il campo della campitura. Gli elementi punto non vengono campiti. Quando si crea una cella punto, i componenti della campitura vengono posizionati sul livello attivo con il colore e lo spessore di linea attivi. Quando si crea una cella disegno, gli elementi di campitura vengono posizionati con la stessa simbologia e sullo stesso livello dellelemento campito. Con lo strumento Campisci area (vedere pagina 6-58) , la campitura viene creata estendendo le linee orizzontali e

642

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tolleranza
verticali presenti nella cella di campitura su tutta larea da campire, anzich posizionando pi segmenti di linea contigui. In questo modo la procedura viene notevolmente velocizzata e la campitura occupa meno spazio nel file DGN.

Tolleranza
Quando la campitura viene eseguita allinterno o lungo un elemento curvo, la curva viene approssimata con una serie di segmenti di linea utilizzati come guide.

Limpostazione dello strumento Tolleranza indica la distanza massima, espressa in unit di lavoro, tra un elemento curvo e i segmenti di approssimazione utilizzati per la campitura. Se il valore di tolleranza specificato basso, i segmenti di linea si mantengono pi vicini alla curva e lapprossimazione risulta pi precisa, ma il tempo di elaborazione aumenta. Se il valore di tolleranza specificato alto, i segmenti di linea si discostano maggiormente dalla curva e lapprossimazione risulta meno precisa, ma il tempo di elaborazione diminuisce. Limpostazione relativa alla tolleranza pu essere salvata.

T
A sinistra: la tolleranza indicata con T. Al centro: segmenti di linea di approssimazione (tolleranza alta). A destra: segmenti di linea di approssimazione (tolleranza bassa).

Menu degli strumenti Campiture


Gli strumenti del menu degli strumenti Campiture consentono di creare campiture di aree e lungo elementi lineari.

Manuale dellutente di MicroStation

643

Utilizzo delle celle


Menu degli strumenti Campiture
Per Selezionare nel menu degli strumenti Campiture

Tratteggiare unarea.

Tratteggia area (vedere pagina 6-45)


Tratteggiare a incrocio unarea.

Tratteggia a incrocio larea (vedere pagina 6-55)


Effettuare la campitura di unarea utilizzando la cella di campitura attiva.

Campisci area (vedere pagina 6-58)


Effettuare una campitura lungo un elemento lineare.

Campitura lineare (vedere pagina 6-66)


Visualizzare gli attributi dellangolo e della scala di un elemento di campitura.

Mostra attributi della campitura (vedere pagina 6-70)


Definire le impostazioni della campitura attiva in modo che corrispondano agli attributi di un elemento di campitura esistente.

Abbina attributi della campitura (vedere pagina 6-71)

Eliminare la campitura.

Elimina campitura (vedere pagina 6-72)

Digitazione:
644

DIALOG TOOLBOX PATTERNS [OFF | ON | TOGGLE]

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia area

Tratteggia area

Questo strumento consente di tratteggiare unarea. Gli elementi utilizzati per definire larea da tratteggiare possono essere nel modello attivo o nei riferimenti. Se si utilizza la campitura associativa, le eventuali modifiche agli elementi che definiscono larea tratteggiata produrranno un aggiornamento equivalente nel tratteggio.

Manuale dellutente di MicroStation

645

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Determina larea tratteggiata. ElementoParte interna di una figura, ellisse o curva B-spline chiusa1 o tra i componenti di una linea multipla. FenceArea allinterno della fence. IntersezioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 UnioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 DifferenzaDetermina la differenza tra due o pi elementi chiusi.1 DiffusioneArea minima racchiusa da una serie di elementi (simile allo strumento di diffusione per riempimento disponibile nei programmi di disegno). Con il metodo impostato su Diffusione, nellangolo in basso a destra della finestra impostazioni dello strumento viene visualizzata licona Mostra informazioni estese. Facendo clic su questa icona, vengono visualizzati altri controlli per limpostazione dello strumento. PuntiArea definita da una serie di punti dati, ognuno dei quali definisce un vertice.

Spaziatura Angolo

Imposta lintervallo tra le linee di tratteggio. Imposta langolo in base al quale vengono disegnate le linee di tratteggio. In base allimpostazione predefinita, langolo relativo alla vista in uso. Se tuttavia attivo AccuDraw, langolo sar relativo al piano di disegno di AccuDraw.

646

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
ImEffetto postazione strumento

Tolleranza (vedere pagina 6-43) Campitura associativa

Distanza massima tra un elemento curvo e i segmenti di linea approssimati utilizzati per la campitura.

Se questa opzione attivata, il tratteggio viene associato allelemento campito e viene automaticamente aggiornato quando lelemento viene manipolato o modificato. Questo significa che, se lelemento in seguito viene modificato, le linee di tratteggio vengono tracciate in base allelemento modificato. Se lopzione Metodo impostata a Intersezione, Unione, Differenza o Diffusione, viene creata una figura complessa che delimita larea campita e le linee di tratteggio vengono associate alla figura complessa. Se vengono spostati o modificati gli elementi originali, utilizzati per creare la figura complessa, questa sar aggiornata insieme al tratteggio.2

Campitura catturabile Identifica figure interne Identifica testo

Se questa opzione attivata, possibile posizionarsi sulle linee di tratteggio in modalit di cattura. Se questa opzione disattivata, le linee di tratteggio non interferiscono con la cattura di altri elementi. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, tutti gli elementi chiusi allinterno dellarea selezionata, indipendentemente dai relativi attributi di Area, vengono ignorati al momento del tratteggio dellarea. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, leventuale testo o testo della quota allinterno o sovrapposto allarea selezionata viene ignorato al momento del tratteggio dellarea. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, larea da tratteggiare viene visualizzata in modo dinamico mentre si sposta il puntatore dello schermo sulle figure.

Area dinamica

Manuale dellutente di MicroStation

647

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
ImEffetto postazione strumento

Area alternativa

(Solo con Metodo impostato su Diffusione, con Identifica figure interne attivato e Area dinamica disattivato) Se questa opzione attivata, vengono tratteggiate aree alternative nei punti in cui le figure sono nidificate luna dentro laltra. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) La distanza massima, espressa in unit di lavoro, tra gli estremi degli elementi dinclusione.

Gap massimo
1

Affinch un elemento chiuso possa essere campito, lattributo Area deve essere impostato a Solido. Lattributo Area di un elemento pu essere modificato con lo strumento Cambia in area attiva presente nel menu degli strumenti Cambia attributi.

Per convertire la campitura associativa in elementi di linea non pi associati allelemento, utilizzare lo strumento Rilascia campitura associativa del menu degli strumenti Scomponi.

Per tratteggiare larea allinterno di un elemento chiuso


1. Selezionare lelemento. 2. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 3. Impostare Metodo a Elemento. 4. Inserire un punto dati per definire il punto attraverso il quale deve passare una linea di tratteggio. Gli elementi che si trovano allinterno dellelemento selezionato e che hanno lattributo Area impostato a Vuoto vengono tratteggiati nel modo seguente:
Se Campitura associativa Disattivato Elementi di vuoto allinterno dellelemento selezionato Non vengono tratteggiati.

648

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
Se Campitura associativa Attivato Elementi di vuoto allinterno dellelemento selezionato Se erano stati raggruppati con lelemento Solido utilizzando lo strumento Raggruppa elementi di vuoto (vedere pagina 8-29) , non vengono tratteggiati e il tratteggio viene associato sia agli elementi di vuoto che al solido. In caso contrario, indipendentemente dallattributo Area, viene campita larea racchiusa da qualsiasi altro elemento allinterno dellelemento e non viene creata alcuna associazione.

Metodo alternativo Per tratteggiare larea allinterno di un elemento chiuso


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Elemento. 3. Identificare lelemento. 4. Inserire un punto dati per definire il punto attraverso il quale deve passare una linea di tratteggio.

Tratteggio dellarea allinterno di un elemento chiuso. Identificare lelemento (1), quindi inserire un punto dati per definire un punto attraverso il quale deve passare una linea di tratteggio. A indica langolo di campitura attiva. S indica la spaziatura di campitura attiva.

Manuale dellutente di MicroStation

649

Utilizzo delle celle


Tratteggia area

Per tratteggiare larea tra componenti di linee multiple


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Elemento. 3. Identificare un componente che deve delimitare larea da tratteggiare. 4. Identificare laltro componente che deve delimitare larea tratteggiata. Se lopzione Campitura associativa disattivata, questo punto dati definisce il punto attraverso il quale deve passare una delle linee di tratteggio. 5. Resettare.

Tratteggio dellarea tra componenti di linee multiple

1 2

Per tratteggiare larea racchiusa da una fence


1. Se la fence presente, selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Fence. 3. Inserire un punto dati per definire il punto attraverso il quale deve passare una linea di tratteggio.

650

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia area

Per tratteggiare lintersezione o lunione di elementi chiusi


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Intersezione o Unione. 3. Identificare un elemento. 4. Identificare altri elementi. Quando si accetta ciascun elemento, gli spigoli che non sono racchiusi allinterno dellarea da tratteggiare vengono nascosti. Larea risultante viene evidenziata. Se gli elementi non si sovrappongono, a seconda del metodo selezionato si verifica quanto segue:
Metodo Intersezione Unione Se gli elementi non si sovrappongono: Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Elementi non intersecanti. Tutti gli elementi vengono tratteggiati.

5. Dopo aver accettato lultimo elemento, resettare per terminare oppure selezionare un altro strumento. Larea viene tratteggiata. Il punto finale di accettazione definisce un punto attraverso il quale deve passare una linea di tratteggio.

Identificare un elemento (1), quindi un altro elemento (2), accettare (3), quindi resettare per concludere. Risultati con Metodo impostato su Intersezione (sinistra) e Unione (destra).

Manuale dellutente di MicroStation

651

Utilizzo delle celle


Tratteggia area

Per tratteggiare larea di differenza tra elementi


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Differenza. Viene annullata la selezione di qualsiasi elemento selezionato. 3. Identificare lelemento da cui effettuare la sottrazione. 4. Identificare gli elementi da sottrarre dallelemento identificato nel punto 3. 5. Accettare gli elementi. Larea da campire viene visualizzata dinamicamente. 6. Resettare per terminare.

Con Metodo impostato su Differenza, identificare il primo elemento (1) e lelemento da sottrarre (2), quindi accettare (3).

Per tratteggiare unarea racchiusa da elementi di contorno


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Diffusione. 3. (Facoltativo) Per escludere dal tratteggio elementi chiusi, testo o testo della quota allinterno dellarea selezionata o per visualizzare larea di tratteggio in modo dinamico, fare clic su Mostra informazioni estese (nella parte inferiore destra della finestra di impostazione dello strumento) e attivare Identifica

652

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
figure interne, Identifica testo e/o Area dinamica. 4. Inserire un punto dati nellarea racchiusa dagli elementi di contorno. Per ridurre il tempo necessario, ingrandire larea di interesse oppure selezionare gli elementi di contorno. Larea da campire viene visualizzata dinamicamente. Se sono stati selezionati degli elementi, solo questi vengono considerati come possibili elementi di contorno. In caso contrario, vengono considerati tutti gli elementi della vista in cui stato inserito il punto dati. 5. Accettare il tratteggio. Larea viene tratteggiata. Se le opzioni Identifica figure interne e Identifica testo sono attivate, saranno ignorati tutti gli elementi chiusi interni (indipendentemente dallattributo Area), il testo o il testo della quota. Se lopzione Campitura associativa attivata, le linee di tratteggio vengono associate a una figura complessa creata dagli elementi di contorno e dagli elementi interni.

Inserire un punto dati allinterno degli elementi di contorno (1). Accettare il tratteggio (2). Risultati con Identifica testo (sinistra) e Identifica figure interne (destra) attivati.

Per tratteggiare unarea con elementi annidati allinterno degli elementi di contorno
1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Diffusione. 3. (Facoltativo) Fare clic su Mostra informazioni estese (in basso a destra nelle impostazioni dello strumento) e attivare

Manuale dellutente di MicroStation

653

Utilizzo delle celle


Tratteggia area
Identifica figure interne e Area alternativa. 4. Inserire un punto dati nellarea racchiusa dagli elementi di contorno. Larea da campire viene visualizzata dinamicamente. 5. Accettare il tratteggio. Le aree vengono tratteggiate in modo alternato. Se lopzione Campitura associativa attivata, le linee di tratteggio vengono associate a una figura complessa creata dagli elementi di contorno e dagli elementi interni.

A sinistra: Inserire un punto dati allinterno degli elementi di contorno (1). Accettare il tratteggio (2). A destra: Con Area alternativa attivata, le aree alternate racchiuse vengono tratteggiate o lasciate vuote.

Per tratteggiare unarea definita da punti dati


1. Selezionare lo strumento Tratteggia area. 2. Impostare Metodo a Punti. 3. Inserire un punto dati per definire i vertici di una figura immaginaria che racchiude larea. La figura immaginaria viene visualizzata dinamicamente. 4. Resettare per terminare.

Digitazione:

HATCH [ICON | DIFFERENCE | ELEMENT | FENCE

654

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia a incrocio larea
| FLOOD | INTERSECTION | POINTS | UNION]

Tratteggia a incrocio larea

Questo strumento consente di tratteggiare a incrocio unarea. Gli elementi utilizzati per definire larea da tratteggiare a incrocio possono essere nel modello attivo o nei riferimenti. Se si utilizza la campitura associativa, le eventuali modifiche agli elementi che definiscono larea tratteggiata a incrocio produrranno un aggiornamento equivalente nel tratteggio a incrocio. Le impostazioni e le procedure dello strumento sono le stesse dello strumento Tratteggia area (vedere pagina 6-45) , con laggiunta di campi che consentono di specificare la spaziatura e langolo delle linee tratteggiate a incrocio, oltre a quelle della linea tratteggiata.

Tratteggia a incrocio larea. A1 r A2 indicano gli angoli di campitura attiva. S1 e S2 indicano la spaziatura di campitura attiva.

Manuale dellutente di MicroStation

655

Utilizzo delle celle


Tratteggia a incrocio larea

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Determina larea tratteggiata a incrocio. ElementoParte interna di una figura, ellisse o curva B-spline chiusa1 o tra i componenti di una linea multipla. FenceArea allinterno della fence. IntersezioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 UnioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 DifferenzaDetermina la differenza tra due o pi elementi chiusi.1 DiffusioneArea minima racchiusa da una serie di elementi (simile allo strumento di diffusione per riempimento disponibile nei programmi di disegno). PuntiArea definita da una serie di punti dati, ognuno dei quali definisce un vertice.

Spaziatura tra righe Spaziatura tra colonne

Intervallo tra le righe.2 Intervallo tra le colonne.

656

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Tratteggia a incrocio larea
ImEffetto postazione strumento

Angolo

Langolo in corrispondenza del quale vengono posizionate le occorrenze del tratteggio a incrocio. In base allimpostazione predefinita, langolo relativo alla vista in uso. Se tuttavia attivo AccuDraw, langolo sar relativo al piano di disegno di AccuDraw. Distanza massima tra un elemento curvo e i segmenti di linea approssimati utilizzati per il tratteggio a incrocio.

Tolleranza (vedere pagina 6-43) Campitura associativa

Se questa opzione attivata, il tratteggio a incrocio viene associato ad un elemento e viene automaticamente aggiornato quando lelemento viene manipolato o modificato. Se Metodo impostato a Intersezione, Unione, Differenza o Diffusione, viene creata una figura complessa che delimita larea tratteggiata a incrocio e il tratteggio a incrocio viene associato alla figura complessa. Se vengono spostati o modificati gli elementi originali, utilizzati per creare la figura complessa, questa sar aggiornata insieme al tratteggio a incrocio.3 Se questa opzione attivata, possibile posizionarsi sulle celle di tratteggio a incrocio in modalit di cattura. Se disattivata, le celle di tratteggio a incrocio non interferiscono con la modalit di cattura degli altri elementi. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, tutti gli elementi chiusi allinterno dellarea selezionata, indipendentemente dai relativi attributi di Area, vengono ignorati al momento del tratteggio a incrocio dellarea. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, leventuale testo o testo della quota allinterno o sovrapposto allarea selezionata viene ignorato al momento del tratteggio a incrocio dellarea.

Campitura catturabile

Identifica figure interne Identifica testo

Manuale dellutente di MicroStation

657

Utilizzo delle celle


Campisci area
ImEffetto postazione strumento

Gap massimo
1

(Quando Metodo impostato su Diffusione) Distanza massima, espressa in unit di lavoro, tra gli estremi degli elementi dinclusione.

Affinch un elemento possa essere tratteggiato a incrocio, lattributo Area deve essere impostato a Solido. Lattributo Area di un elemento pu essere modificato con lo strumento Cambia elemento in area attiva presente nel menu degli strumenti Cambia attributi

Se il valore Spaziatura tra righe o Spaziatura tra colonne uguale a zero, le occorrenze della cella di campitura attiva vengono posizionate in modo contiguo.

Per convertire il tratteggio a incrocio associativo in elementi primitivi non pi associati allelemento, utilizzare lo strumento Rilascia campitura associativa del menu degli strumenti Scomponi.

Digitazione: Digitazione:

CROSSHATCH ICON

CROSSHATCH DIFFERENCE | ELEMENT | FENCE | FLOOD | INTERSECTION | POINTS | UNION

Se il secondo angolo impostato su zero, il comando Tratteggia a incrocio larea posiziona il secondo elemento a 90 rispetto al primo angolo utilizzato.

Campisci area

Questo strumento consente di campire unarea posizionando la cella di campitura attiva. Gli elementi utilizzati per definire larea da campire possono essere contenuti nel file attivo o nei riferimenti. Se si utilizza la campitura associativa, le eventuali modifiche agli elementi che definiscono larea da campire produrranno un aggiornamento equivalente alla campitura.

658

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campisci area

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Determina larea campita. ElementoParte interna di una figura, ellisse o curva B-spline chiusa1 o tra i componenti di una linea multipla. FenceArea allinterno della fence. IntersezioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 UnioneDetermina lunione di due o pi elementi chiusi.1 DifferenzaDetermina la differenza tra due o pi elementi chiusi.1 DiffusioneArea minima racchiusa da una serie di elementi (simile allo strumento di diffusione per riempimento disponibile nei programmi di disegno). PuntiArea definita da una serie di punti dati, ognuno dei quali definisce un vertice.

Manuale dellutente di MicroStation

659

Utilizzo delle celle


Campisci area
ImEffetto postazione strumento

Cella di campitura (attiva)

Consente di digitare il nome della cella posizionata per creare la campitura. In alternativa possibile fare clic sul pulsante Sfoglia cella(e) a destra del campo attivo per aprire la finestra di dialogo Libreria di celle tramite la quale possibile scorrere le celle contenute nella libreria collegata o collegare una libreria di celle. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per il posizionamento di una cella attiva differente. Imposta il fattore di scala della cella di campitura attiva.2 Intervallo tra le righe.3 Intervallo tra le colonne.

Sfoglia Cella(e) Scala (campitura attiva) Spaziatura tra righe Spaziatura tra colonne Angolo (campitura attiva)

Angolo in base al quale vengono posizionate le occorrenze della cella di campitura attiva. In base allimpostazione predefinita, langolo relativo alla vista in uso. Se tuttavia attivo AccuDraw, langolo sar relativo al piano di disegno di AccuDraw. Distanza massima tra un elemento curvo e i segmenti di linea approssimati utilizzati per la campitura.

Tolleranza (vedere pagina 6-43)

660

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campisci area
ImEffetto postazione strumento

Campitura associativa

Se attiva, la campitura viene associata a un elemento campito e viene automaticamente aggiornata quando lelemento viene manipolato o modificato. Se Metodo impostato a Intersezione, Unione, Differenza o Diffusione, viene creata una figura complessa che delimita larea campita e la campitura viene associata alla figura complessa. Se vengono spostati o modificati gli elementi originali, utilizzati per creare la figura complessa, questa sar aggiornata insieme alla campitura.4 Se questa opzione attivata, possibile posizionarsi sulle celle di campitura in modalit di cattura. Se disattivata, le celle di campitura non interferiscono con la modalit di cattura degli altri elementi. (Metodo impostato solo su Diffusione) Se questa opzione attivata, tutti gli elementi chiusi allinterno dellarea selezionata, indipendentemente dai relativi attributi di Area, vengono ignorati al momento della campitura dellarea. (Metodo impostato solo su Diffusione) Se questa opzione attivata, leventuale testo o testo della quota allinterno o sovrapposto allarea selezionata viene ignorato al momento della campitura dellarea. (Metodo impostato solo su Diffusione) Se questa opzione attivata, larea da campire viene visualizzata in modo dinamico mentre si sposta il puntatore dello schermo sulle figure. (Metodo impostato solo su Diffusione, con le opzioni Identifica figure interne attivata e Area dinamica disattivate) Se questa opzione attivata, le aree alternative vengono campite in corrispondenza delle figure nidificate le une nelle altre. (Quando Metodo impostato su Diffusione) Distanza massima, espressa in unit di lavoro, tra gli estremi degli elementi dinclusione.

Campitura catturabile Identifica figure interne Identifica testo

Area dinamica

Area alternativa

Gap massimo
1

Affinch un elemento possa essere campito, lattributo Area deve

Manuale dellutente di MicroStation

661

Utilizzo delle celle


Campisci area
essere impostato a Solido. Lattributo Area di un elemento pu essere modificato con lo strumento Cambia elemento in area attiva presente nel menu degli strumenti Cambia attributi 2 Se il fattore di scala compreso tra 0 e 1 (ad esempio 0.25), la dimensione viene diminuita. Se uguale a 1, la dimensione rimane invariata rispetto alla definizione della cella. Se maggiore di 1, la dimensione viene aumentata. 3 Se il valore Spaziatura tra righe o Spaziatura tra colonne uguale a zero, le occorrenze della cella di campitura attiva vengono posizionate in modo contiguo. 4 Per convertire la campitura associativa in elementi primitivi non pi associati allelemento, utilizzare lo strumento Rilascia campitura associativa del menu degli strumenti Scomponi.

Per campire larea allinterno di un elemento chiuso


1. Selezionare lelemento. 2. Selezionare lo strumento Campisci area. 3. Impostare Metodo a Elemento. 4. Inserire un punto dati per posizionare lorigine di una delle occorrenze della cella di campitura. Gli elementi che si trovano allinterno dellelemento selezionato e che hanno lattributo Area impostato a Vuoto vengono campiti nel modo seguente:
Se Campitura associativa Disattivato Attivato Elementi di vuoto allinterno dellelemento selezionato Non vengono campiti. Se sono stati raggruppati con lelemento Solido utilizzando lo strumento Raggruppa elementi di vuoto (vedere pagina 8-29) , non vengono campiti e la campitura viene associata agli elementi di vuoto e al solido. In caso contrario, indipendentemente dallattributo Area, viene campita larea racchiusa da qualsiasi altro elemento allinterno dellelemento e non viene creata alcuna associazione.

662

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campisci area

Metodo alternativo Per campire larea allinterno di un elemento chiuso


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Elemento. 3. Identificare lelemento. 4. Inserire un punto dati per posizionare lorigine di una delle occorrenze della cella di campitura.

A sinistra: viene utilizzata la cella di campitura HBONE per campire una figura complessa. A destra: il blocco esterno viene campito con ENBOND. Poich lattributo Area del blocco interno impostato a Vuoto, larea interna non viene campita.

Per campire larea tra i componenti di linee multiple


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Elemento. 3. Identificare un componente per identificare il contorno dellarea da campire. 4. Identificare laltro componente da utilizzare come contorno dellarea da campire. Se lopzione Campitura associativa disattivata, inserendo questo punto dati viene posizionata anche lorigine di una delle occorrenze della cella di campitura.

Manuale dellutente di MicroStation

663

Utilizzo delle celle


Campisci area
Se lopzione Campitura associativa attivata, la campitura viene associata alla linea multipla e lorigine di una delle occorrenze della cella di campitura viene posizionata su uno dei vertici della linea multipla. 5. Resettare.

Per campire larea racchiusa da una fence


1. Se la fence presente, selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Fence. 3. Inserire un punto dati per posizionare lorigine di una delle occorrenze della cella di campitura.

Campitura dellarea allinterno della fence. A sinistra: cella di campitura SPGRID. A destra: cella di campitura WOOD posizionata con langolo di campitura attiva (indicato da A) impostato a 30 .

Per campire lintersezione o lunione di elementi chiusi


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Intersezione o Unione. 3. Identificare un elemento. 4. Identificare altri elementi. Quando si accetta ciascun elemento, gli spigoli che non sono racchiusi allinterno dellarea da campire vengono nascosti. Larea risultante viene evidenziata.

664

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campisci area
Se gli elementi non si sovrappongono, a seconda del metodo selezionato si verifica quanto segue:
Metodo Intersezione Unione Se gli elementi non si sovrappongono: Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Elementi non intersecanti. Tutti gli elementi vengono campiti.

5. Dopo aver accettato lultimo elemento, resettare per terminare oppure selezionare un altro strumento. Larea viene campita. Il punto finale di accettazione definisce un punto attraverso il quale deve passare una linea di campitura.

Per campire la differenza tra elementi


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Differenza. Viene annullata la selezione di qualsiasi elemento selezionato. 3. Identificare lelemento da cui effettuare la sottrazione. 4. Identificare gli elementi da sottrarre dallelemento identificato nel punto 3. Larea da campire viene visualizzata dinamicamente. 5. Resettare per terminare.

Per campire unarea racchiusa da elementi di contorno


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Diffusione. 3. (Facoltativo) Per escludere dalla campitura elementi chiusi, testo o testo della quota allinterno dellarea selezionata o per visualizzare larea di campitura in modo dinamico, fare clic su Mostra informazioni estese (nella parte inferiore destra della finestra di impostazione dello strumento) e attivare Identifica

Manuale dellutente di MicroStation

665

Utilizzo delle celle


Campitura lineare
figure interne, Identifica testo e/o Area dinamica. 4. Inserire un punto dati nellarea racchiusa dagli elementi di contorno. Per ridurre il tempo necessario per la campitura, ingrandire larea di interesse o selezionare gli elementi di contorno. Larea da campire viene visualizzata dinamicamente. Se sono stati selezionati degli elementi, solo questi vengono considerati come possibili elementi di contorno. In caso contrario, vengono considerati tutti gli elementi della vista in cui stato inserito il punto dati. 5. Accettare la campitura. Larea viene campita. Se le opzioni Identifica figure interne e Identifica testo sono attivate, saranno ignorati tutti gli elementi chiusi interni (indipendentemente dallattributo Area), il testo o il testo della quota. Se lopzione Campitura associativa attivata, la campitura viene associata a una figura complessa creata dagli elementi di contorno e dagli elementi interni.

Per campire unarea definita da punti dati


1. Selezionare lo strumento Campisci area. 2. Impostare Metodo a Punti. 3. Inserire un punto dati per definire i vertici di una figura immaginaria che racchiude larea. La figura immaginaria viene visualizzata dinamicamente. 4. Resettare per terminare.

Digitazione:

PATTERN AREA [DIFFERENCE | ELEMENT | FENCE | FLOOD | INTERSECTION | POINTS | UNION]

Campitura lineare

666

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campitura lineare

Questo strumento consente di disegnare una campitura lungo un elemento lineare.

La cella di campitura (in alto) e lelemento (in basso) usati per le figure nella tabella riportata di seguito

Manuale dellutente di MicroStation

667

Utilizzo delle celle


Campitura lineare
ImEffetto postazione strumento

Ciclo

Imposta la modalit di posizionamento della cella di campitura attiva. TroncatoPosizionato lungo lelemento nella scala della campitura attiva. Se necessario, lultima occorrenza viene troncata.

Completo Posizionato lungo lelemento in una scala che, se necessario, pu essere regolata in base alla scala della campitura attiva in modo da posizionare solo le occorrenze complete.

SingolaPosizionato con unoccorrenza su ciascun segmento1 . Se la lunghezza di un segmento inferiore all80% della lunghezza del ciclo, il segmento viene campito con la prima linea orizzontale nella cella di campitura.

668

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Campitura lineare
ImEffetto postazione strumento

Ciclo

Multiplo Posiziona lungo un elemento in una scala che, se necessario, pu essere regolata in base alla scala della campitura attiva, in modo che ogni occorrenza sia completa lungo ciascun segmento. Se la lunghezza di un segmento inferiore all80% della lunghezza del ciclo, il segmento viene campito con la prima linea orizzontale nella cella di campitura.

Cella per campitura

Cella posizionata per creare la campitura. Pu essere impostata anche con il pulsante Campitura della finestra di dialogo Libreria di celle (menu Elemento > Celle). Consente di visualizzare la finestra di dialogo Libreria di celle per il posizionamento di una cella attiva differente. La cella per campitura attiva viene scalata in base a questo fattore.2 Distanza massima tra un elemento curvo e i segmenti di linea approssimati.

Sfoglia Cella(e) Scala Tolleranza (vedere pagina 6-43)


1

Linea, arco, curva o ellisse oppure ciascun segmento di una spezzata, figura, catena o figura complessa.

Se compresa tra 0 e 1 (ad esempio 0.25), la dimensione viene ridotta. Se 1, la dimensione rimane invariata rispetto alla definizione della cella. Se maggiore di 1, la dimensione viene aumentata.

Manuale dellutente di MicroStation

669

Utilizzo delle celle


Mostra attributi della campitura

Per campire un elemento lineare


1. Selezionare lo strumento Campitura lineare. 2. Identificare lelemento. 3. Inserire un punto dati per indicare la direzione della campitura.

Digitazione:

PATTERN LINE [SINGLE | MULTIPLE | ELEMENT | SCALE]

La campitura lineare consente di mantenere la compatibilit con le applicazioni esistenti ed rivolta ai clienti che possiedono disegni esistenti con campiture lineari. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, molto pi efficace definire uno Stile di linea (vedere pagina 3-6) personalizzato e utilizzare uno strumento per il posizionamento di elementi lineari. Questo procedimento consigliabile se si utilizzano disegni nuovi.

Mostra attributi della campitura

Questo strumento consente di visualizzare gli attributi dellangolo e della scala della campitura di un elemento di campitura.

Per visualizzare langolo e la scala di un elemento di campitura


1. Selezionare lo strumento Mostra attributi della campitura. 2. Identificare lelemento di campitura. Lelemento viene evidenziato e il tipo e livello relativi sulla

670

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Abbina attributi della campitura
barra di stato vengono visualizzati. 3. Accettare lelemento. Langolo e la scala della campitura vengono visualizzati sulla barra di stato.

Digitazione:

SHOW PATTERN

Abbina attributi della campitura

Questo strumento consente di definire le impostazioni della campitura attiva relative ad angolo, scala e spaziatura in modo che corrispondano agli attributi di un elemento di campitura del file DGN.

Per abbinare le impostazioni della campitura attiva a quelle di un elemento di campitura esistente
1. Selezionare lo strumento Abbina attributi della campitura. 2. Identificare lelemento di campitura. 3. Accettare lelemento di campitura. Sulla barra di stato vengono visualizzate le nuove

Manuale dellutente di MicroStation

671

Utilizzo delle celle


Elimina campitura
impostazioni della campitura attiva.

Digitazione:

ACTIVE PATTERN MATCH

Elimina campitura

Questo strumento consente di eliminare la campitura.

Per eliminare la campitura


1. Selezionare lo strumento Elimina campitura. 2. Identificare la campitura da eliminare o, in caso di campitura associativa, lelemento di campitura. 3. Accettare leliminazione.

Digitazione:

DELETE PATTERN

Celle parametriche
Esistono varie modalit di utilizzo delle celle. possibile utilizzare le celle per risparmiare tempo nel disegno di dettagli ripetuti, per facilitare laggiornamento dei dettagli allinterno di un disegno, per garantire luniformit del progetto e cos via. Anche se possono essere modificate, le celle vengono posizionate per lo pi come parti statiche di un file DGN. Una cella parametrica caratterizzata da particolari funzionalit, che le consentono di non essere statica, ma di variare in modo dinamico in base alle relazioni definite al momento della creazione. In un file DGN, la cella basata su una cella parametrica viene definita cella derivata.

672

Manuale dellutente di MicroStation

Utilizzo delle celle


Celle parametriche
Per informazioni sulla creazione di celle parametriche, vedere Celle parametriche nel Manuale dellamministratore.

In base allimpostazione predefinita, in modalit di lavoro DWG gli strumenti di disegno parametrici sono disattivati.

Per posizionare una cella derivata


1. Definire la cella parametrica come cella attiva. 2. Digitare MDL LOAD DDCELL. 3. Digitare PLACE CELL DIMENSION. Viene visualizzata la finestra di dialogo Disegno per quota. Viene visualizzata una casella di riepilogo contenente il valore iniziale di ciascuna quota o costante (il valore memorizzato nella libreria di celle).

4. (Facoltativo) Nella casella di riepilogo, selezionare la quota o la costante che si desidera modificare, premere Tab, e digitare il nuovo valore nel campo Modifica. Se la cella visibile in una vista, le modifiche vengono visualizzate in modo dinamico. 5. (Facoltativo) Per posizionare la cella con vincoli attivi in modo da poterla modificare dopo il posizionamento, attivare Salva vincoli. 6. Inserire un punto dati per posizionare lorigine della cella. La cella viene derivata e posizionata. Se non possibile derivare la cella dai valori delle quote e delle costanti forniti, la cella non

Manuale dellutente di MicroStation

673

Utilizzo delle celle


Celle parametriche
viene posizionata e viene chiesto di immettere nuovi valori. Nelle quote possibile assegnare un tag mediante una costante. In caso contrario, le quote vengono visualizzate nellelenco con letichetta QUOTA.

Per modificare una cella derivata


1. Digitare MDL LOAD DDCELL. 2. Digitare MODIFY DIMENSIONS. 3. Identificare la cella. Viene visualizzata la finestra di dialogo Disegno per quota. Viene visualizzata una casella di riepilogo contenente il valore di ciascuna quota o costante. 4. Nella casella di riepilogo, selezionare la quota o la costante che si desidera modificare, premere Tab, e digitare il nuovo valore nel campo Modifica. 5. Inserire un punto dati per modificare la cella. Se non possibile derivare la cella dai valori delle quote e delle costanti forniti, la cella non viene modificata e viene chiesto di immettere nuovi valori.

674

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Un collegamento di riferimento un modello collegato al modello attivo e visualizzato insieme ad esso per il plottaggio e la creazione di disegni. Un riferimento non pu essere modificato. possibile collegare come riferimento un modello presente nel file DGN aperto o in un altro file DGN. In questo capitolo sono illustrati i seguenti argomenti: Utilizzo dei riferimenti (vedere pagina 7-1) Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file (vedere pagina 7-47)

Per impostare le preferenze utente relative ai riferimenti, dal menu Area di lavoro accedere al sottomenu Preferenze, quindi selezionare la categoria Riferimento. Per collegare una immagine raster al modello attivo come riferimento in sola lettura, utilizzare la finestra di dialogo Raster Manager (File > Raster Manager). Le indicazioni contenute nella sezione successiva sono valide solo per il collegamento di modelli come riferimenti. Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Raster Manager, vedere Finestra di dialogo Raster Manager nel Manuale di riferimento.

Utilizzo dei riferimenti


Gli elementi in un riferimento vengono visualizzati come se fossero nel modello attivo Anche se in un riferimento non possibile manipolare gli elementi, comunque possibile catturarli e copiarli nel modello attivo. Lavorando in una determinata area del modello, a volte pu risultare utile fare riferimento a unaltra area collegando il modello attivo a se stesso.

Manuale dellutente di MicroStation

71

Riferimenti
Collegamento di riferimenti

Collegamento di riferimenti
Il modo pi comune di collegare un riferimento quello di collegarlo in modo coincidente, ossia in modo che le coordinate del piano di disegno del modello a cui si fa riferimento siano allineate a quelle del modello attivo, senza alcuna rotazione, proporzione o offset.

Per collegare un riferimento in modo coincidente


1. Dal menu File, scegliere Riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Riferimenti.

Finestra di dialogo Riferimenti con i controlli per la gestione dei riferimenti

2. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo, selezionare Collega. o Nella finestra di dialogo Riferimenti fare clic con il pulsante destro del mouse allinterno della casella di riepilogo e

72

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
scegliere Collega dal menu a discesa. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega riferimento.

3. Selezionare il file DGN contenente il modello da collegare come riferimento, quindi scegliere OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega impostazioni riferimento.

4. (Facoltativo) Nel menu di opzioni Modello, selezionare

Manuale dellutente di MicroStation

73

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
il modello da collegare. Il modello predefinito il modello principale del riferimento 5. (Facoltativo) (se il modello selezionato non gi collegato). Nel campo Nome logico, digitare un nome breve per lallegato. 6. (Facoltativo) Nel campo Descrizione, digitare una descrizione per il modello. 7. Nella casella di riepilogo Orientamento, selezionare Coincidente. 8. (Facoltativo) Nei campi Scala (Princ:Rif), definire il rapporto tra le unit principali del modello attivo e le unit principali del modello di riferimento. Ad esempio:
Per impostare Ununit principale del modello attivo per ogni unit principale del modello di riferimento (impostazione predefinita). Cinque unit principali del modello attivo per ogni unit principale del modello di riferimento. Sinistra 1 Destra 1

9. Attivare la casella di controllo Scala reale se si desidera che le unit del modello attivo e quelle del riferimento siano in scala uno a uno. 10. Fare clic su OK. Poich uno stesso modello pu essere collegato pi volte, assegnare ai riferimenti descrizioni e nomi logici che consentano di differenziarli.

Collegamenti utilizzando viste salvate


Collegare dei riferimenti pu risultare utile per impostare un disegno per la stampa. Durante la composizione del disegno possibile collegare solo la parte di un modello presente in una vista salvata. possibile automatizzare questo procedimento utilizzando

74

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
le tecniche descritte in Disegni di modelli 3D. Per ulteriori informazioni sul collegamento di riferimenti, vedere Disegni di modelli 3D nel Manuale per la generazione di disegni. Per informazioni sul salvataggio delle viste, vedere Utilizzo di viste salvate nella Guida rapida.

Per collegare un riferimento utilizzando una vista salvata


1. Eseguire le operazioni indicate ai punti 16 della procedura Per collegare un riferimento in modo coincidente (vedere pagina 7-2) . 2. Dalla casella di riepilogo Orientamento della finestra di dialogo Collega impostazioni riferimento, selezionare la vista salvata.

Selezione di una vista salvata

3. (Facoltativo) Nei campi Scala (Princ:Rif), definire il rapporto tra le unit principali del modello attivo e le unit principali

Manuale dellutente di MicroStation

75

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
del modello di riferimento. Ad esempio:
Per impostare Ununit principale del modello attivo per ogni unit principale del modello di riferimento (impostazione predefinita). Cinque unit principali del modello attivo per ogni unit principale del modello di riferimento. Sinistra 1 Destra 1

4. (Facoltativo) Attivare la casella di controllo Scala reale se si desidera che le unit del modello attivo e quelle del riferimento siano in scala uno a uno. 5. Fare clic su OK. Larea della vista salvata del riferimento viene visualizzata dinamicamente come un rettangolo centrato in corrispondenza del puntatore. 6. Inserire un punto dati per definire il centro della vista salvata. Poich uno stesso modello pu essere collegato pi volte, assegnare ai riferimenti descrizioni e nomi logici univoci che consentano di differenziarli.

76

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti

Per collegare il modello attivo a se stesso come riferimento


1. Dal menu File, scegliere Riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Riferimenti.

Finestra di dialogo Riferimenti con i controlli per la gestione dei riferimenti

2. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo, selezionare Collega. o Nella finestra di dialogo Riferimenti fare clic con il pulsante destro del mouse allinterno della casella di riepilogo e scegliere Collega dal menu a discesa. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega riferimento.

3. Selezionare il file DGN contenente il modello da collegare

Manuale dellutente di MicroStation

77

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
come riferimento, quindi scegliere OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega impostazioni riferimento.

4. (Facoltativo) Nel menu di opzioni Modello, selezionare il modello da collegare. Il modello predefinito il modello principale del riferimento 5. (Facoltativo) (se il modello selezionato non gi collegato). Nel campo Nome logico, digitare un nome breve per lallegato. 6. (Facoltativo) Nel campo Descrizione, digitare una descrizione per il modello. 7. Collegare il modello a se stesso in modo coincidente. Eseguire le operazioni indicate ai punti 4-9 della procedura Per collegare un riferimento in modo coincidente (vedere pagina 7-2) . o Collegare una vista salvata. Eseguire le operazioni indicate ai punti 2-5 della procedura Per collegare un riferimento utilizzando una vista salvata (vedere pagina 7-5) . La preferenza Consenti modifica riferimenti automatici permette di specificare se i modelli collegati a se stessi (autocollegati) vengono aggiornati automaticamente in base alle modifiche apportate al modello attivo. Lopzione attiva in base allimpostazione predefinita e semplifica lutilizzo dei riferimenti autocollegati per generare, ad esempio, disegni di modelli 3D. Per ulteriori informazioni sui disegni di modelli 3D, vedere

78

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
Composizione di modelli di foglio mediante riferimenti nel Manuale per la generazione di disegni.

Portabilit dei collegamenti dei riferimenti


Quando si collega un modello come riferimento, in base allimpostazione predefinita il percorso della directory in cui si trova il file DGN contenente il modello viene conservato nelle informazioni di collegamento memorizzate nel file DGN. Il vantaggio offerto da questo tipo di approccio consiste nella possibilit di creare collegamenti portabili, che possano essere individuati da MicroStationnelle seguenti situazioni: Se viene effettuato laccesso ai riferimenti attraverso una rete. Se il file DGN attivo e i riferimenti vengono spostati in una directory diversa. Se il file DGN attivo e i riferimenti vengono trasferiti in un sistema con una diversa struttura di directory o su unaltra piattaforma.

possibile ignorare la preferenza utente File di riferimento > Usare tavola dei colori mediante la creazione e limpostazione di una variabile di configurazione di MicroStation. Se la variabile MS_REFCOLORTABLE viene definita e impostata su 1, MicroStation utilizza sempre la tavola dei colori del riferimento. Se la variabile MS_REFCOLORTABLE viene definita e impostata su qualsiasi valore diverso da 1, MicroStation non utilizza mai la tavola dei colori del riferimento. Se la variabile MS_REFCOLORTABLE non viene definita, MicroStation utilizza la preferenza utente per determinare se utilizzare o meno la tavola dei colori del riferimento.

Per creare collegamenti portabili dei riferimenti utilizzando la tecnica pi flessibile, necessario definire prima una variabile di configurazione personalizzata tramite cui specificare la directory in cui sono contenuti i riferimenti. Per ulteriori informazioni sulla definizione delle variabili di configurazione personalizzate, vedere Utilizzo delle variabili di configurazione nel Manuale dellamministratore.

Manuale dellutente di MicroStation

79

Riferimenti
Collegamento di riferimenti

Per collegare come riferimento un modello contenuto in una directory specificata da una variabile di configurazione personalizzata
1. Dal menu File, scegliere Riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Riferimenti. 2. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo, selezionare Collega. o Nella finestra di dialogo Riferimenti fare clic con il pulsante destro del mouse allinterno della casella di riepilogo e scegliere Collega dal menu di scelta rapida. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega riferimento. Anche se il modello che si desidera collegare incluso nellelenco dei file visualizzati nella casella di riepilogo File, eseguire comunque le operazioni indicate ai punti 3-4. 3. Dal menu Directory della finestra di dialogo, scegliere Selez. variabile di config. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona variabile di configurazione.

4. Dalla casella di riepilogo, selezionare la variabile di configurazione relativa alla directory in cui contenuto il modello e fare clic su OK. Nella finestra di dialogo Collega riferimento vengono elencati i file contenuti nella directory specificata. 5. Dalla casella di riepilogo, selezionare il modello che si desidera collegare e fare clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega impostazioni riferimento. 6. Collegare il modello a se stesso in modo coincidente. Eseguire le

710

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti
operazioni indicate ai punti 1-6 della procedura Per collegare un riferimento in modo coincidente (vedere pagina 7-2) . o Collegare una vista salvata. Eseguire le operazioni indicate ai punti 1-6 della procedura Per collegare un riferimento utilizzando una vista salvata (vedere pagina 7-5) . Il nome della variabile di configurazione, il nome del file ed eventualmente il nome logico e la descrizione vengono memorizzati nelle informazioni di collegamento. Il nome della variabile relativa al collegamento portabile viene visualizzato nella colonna Nome file nella finestra di dialogo Riferimenti. MicroStation individuer un modello collegato in questo modo ogni volta che verr aperto un file DGN su un sistema qualsiasi , purch sia stata definita una variabile di configurazione e il modello sia memorizzato nella directory specificata. La directory specificata pu variare da sistema a sistema.

possibile ottenere la portabilit, a discapito della flessibilit, definendo la variabile di configurazione Misorder anzich una variabile di configurazione personalizzata. La variabile Misorder specifica le directory in cui MicroStation cercher i riferimenti dopo aver utilizzato le informazioni di collegamento (in cui sono comprese anche le variabili di configurazione personalizzate). Se questa ricerca fallisce, ne viene effettuata unaltra nella stessa directory del modello attivo. Per informazioni sulla definizione delle variabili di configurazione, vedere Utilizzo delle variabili di configurazione nel Manuale dellamministratore.

Individuazione dei collegamenti persi


Se allapertura di un file DGN MicroStation non riesce a individuare un determinato riferimento, nel momento in cui si seleziona il file nella finestra di dialogo Collega riferimento, nel campo Percorso viene visualizzato il messaggio file non trovato.

Manuale dellutente di MicroStation

711

Riferimenti
Collegamento di riferimenti

Per aggiornare un riferimento quando MicroStation non riesce a individuare il file


1. Dal menu File, scegliere Riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Riferimenti. 2. Nella casella di riepilogo, fare doppio clic sul riferimento. o Selezionare un riferimento nella casella di riepilogo, quindi scegliere Collegamento dal menu Impostazioni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti.

3. Digitare la nuova specifica del file nel campo Nome del file. o Fare clic sul pulsante Sfoglia e selezionare il riferimento dalla finestra di dialogo Ricollega riferimento. Quindi fare clic su OK per tornare alla finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti. 4. Fare clic su OK.

Collegamento di riferimenti remoti


La funzione di collegamento remoto consente di specificare come percorso del file DGN un URL anzich un particolare file DGN locale.

712

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collegamento di riferimenti

Per collegare un riferimento remoto


1. Dal menu File, scegliere Riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Riferimenti. 2. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo, selezionare Collega URL. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona file di disegno remoto. Per una descrizione dei controlli di questa finestra di dialogo, vedere Finestra di dialogo Seleziona file di disegno remoto nel Manuale di riferimento. 3. Nel campo URL specificare il percorso del riferimento remoto. 4. (Facoltativo) Regolare tutte le altre impostazioni necessarie. 5. Fare clic su OK.

Agente di riferimento
Lagente di riferimento consente di gestire automaticamente copie locali di riferimenti remoti. Quando si esegue il caricamento, ciascun riferimento collegato viene controllato in rapporto a un file di dati per verificare leventuale associazione di un URL. In tal caso, viene automaticamente inviata una richiesta HTTP per confrontare la data dellultima modifica del file remoto con la copia locale. Se lURL remoto contiene una copia pi recente, lo stato del file viene modificato in Non aggiornato.
Stato N/D Corrente Sconosciuto Descrizione Al riferimento non associato alcun URL. Il riferimento remoto stato creato nella stessa data o in data precedente. Non stato possibile trovare il riferimento remoto oppure non disponibile la data dellultima modifica. In genere indica che lURL non valido o che si verificato un errore di rete durante la connessione al sito remoto.

Manuale dellutente di MicroStation

713

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Stato Non aggiornato Descrizione La copia locale del riferimento stata creata precedentemente alla copia remota.

Ai riferimenti con pi di un nome logico viene associata una sola voce nellagente del riferimento. Scaricando la copia remota del file, tutte le voci logiche associate alla copia locale vengono aggiornate.

Per accedere allagente di riferimento


1. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare Agente di riferimento. o Dal menu degli strumenti E-Links (Strumenti > Engineering Links), selezionare Carica agente rif.. Viene visualizzata la finestra di dialogo Agente di riferimento.

Per ulteriori informazioni sullagente di riferimento, vedere Finestra di dialogo Agente di riferimento nel Manuale di riferimento.

Utilizzo dei riferimenti collegati


Con leccezione di Collega riferimento (vedere pagina 7-33) , gli strumenti dei riferimenti vengono applicati ai modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti. Se non stato selezionato alcun modello, verr chiesto di identificarne uno. Per ulteriori informazioni, vedere Identificazione dei riferimenti (vedere pagina 7-28) .

714

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Per selezionare pi modelli, utilizzare i tasti Ctrl e Maiusc. Qualsiasi strumento per la manipolazione dei riferimenti pu contenere una o tutte le impostazioni elencate di seguito. Se selezionato Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti (che appare a luminosit ridotta se la finestra di dialogo Riferimenti chiusa o ridotta ad icona), possibile manipolare solo i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti. Se selezionato Usa Fence (ed esiste una fence), vengono manipolati tutti i modelli contenuti nella fence. Se stato creato un insieme, la manipolazione opera sui modelli contenuti in tale insieme.

Per attivare o disattivare la visualizzazione di riferimento


1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare clic sulla voce relativa al riferimento nella colonna Visualizzazione.

Metodo alternativo Per attivare o disattivare la visualizzazione di riferimento


1. Scegliere Collegamento dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti. o Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare doppio clic sul riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti. 2. Selezionare o deselezionare la casella di controllo Visualizza. Per informazioni sullattivazione e la disattivazione dei livelli in un riferimento, vedere Per attivare o disattivare la visualizzazione dei livelli (in una o pi viste particolari). Per informazioni sullattivazione e la disattivazione della simbologia in un riferimento, vedere Per controllare la simbologia di un livello (vedere pagina 2-15) .

Per attivare o disattivare la funzione di cattura su elementi in un riferimento


1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare

Manuale dellutente di MicroStation

715

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
clic sulla voce relativa al modello nella colonna Cattura.

Metodo alternativo Per attivare o disattivare la funzione di cattura su elementi in un riferimento


1. Scegliere Collegamento dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti. o Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare doppio clic sul riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti. 2. Attivare o disattivare la casella di controllo Cattura.

Per controllare se gli elementi in un riferimento possono essere identificati (per costruzione)
1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare clic sulla voce relativa al riferimento nella colonna Selezione.

Metodo alternativo Per controllare se gli elementi in un riferimento possono essere identificati (per costruzione)
1. Scegliere Collegamento dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti. o Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare doppio clic sul riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti. 2. Attivare o disattivare la casella di controllo Seleziona.

Per modificare il nome logico o la descrizione di un riferimento


1. Scegliere Collegamento dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti. o

716

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, fare doppio clic sul riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti. 2. Digitare il nuovo nome logico nel campo Nome logico. 3. Digitare la nuova descrizione nel campo Descrizione. 4. Fare clic su OK.

Per spostare un riferimento selezionato dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti


1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da spostare nel modello attivo. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Sposta riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Sposta. 4. Nella finestra di impostazione Sposta riferimento, attivare Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti. 5. Inserire un punto dati per specificare linizio e trascinare il riferimento. Inserire un secondo punto dati in cui posizionare il riferimento.

Per spostare un riferimento dal contenuto di una fence


1. Posizionare una fence intorno allarea contenente i riferimenti da spostare. 2. Selezionare lo strumento Sposta riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Sposta. 3. Nella finestra di impostazione Sposta riferimento, attivare Usa fence e impostare la modalit della fence desiderata. 4. Inserire un punto dati per specificare linizio dello spostamento e trascinare il modello nella posizione desiderata. Inserire un secondo punto dati in cui riposizionare i riferimenti.

Manuale dellutente di MicroStation

717

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati

Per copiare elementi da un riferimento al file DGN attivo


1. Dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti, selezionare il riferimento in cui sono contenuti gli elementi da copiare. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare o racchiudere in una fence gli elementi da copiare. 4. Dal menu degli strumenti Manipola, selezionare lo strumento Copia (vedere pagina 5-30) .

5. Inserire un punto dati per definire lorigine degli elementi da copiare. Gli elementi vengono dinamicamente visualizzati in funzione degli spostamenti del puntatore. 6. Inserire un punto dati per definire lorigine delle copie degli elementi nel modello attivo.

Per copiare un riferimento selezionato dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti


1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da copiare nel modello attivo. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Copia collegamento di riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Copia. 4. Nella finestra di impostazione Copia collegamento di riferimento, attivare Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti. 5. Inserire un punto dati per iniziare la copia. Trascinare il riferimento e inserire un secondo punto dati per posizionare il modello copiato.

718

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati

Per creare una copia di un riferimento dal contenuto di una fence


1. Posizionare una fence intorno allarea contenente il riferimento o i riferimenti da copiare. 2. Selezionare lo strumento Copia collegamento di riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Copia. 3. Nella finestra di impostazione Copia collegamento di riferimento attivare Usa fence e impostare la modalit della fence desiderata. 4. Inserire un punto dati per specificare linizio della copia e trascinare il riferimento nella posizione desiderata. Inserire un secondo punto dati in cui posizionare i modelli copiati.

Per scalare uno o pi riferimenti selezionati dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti
1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da scalare nel modello attivo. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Scala riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Scala. 4. Nella finestra di impostazione Scala riferimento, impostare il Metodo e, se applicabile, il fattore o rapporto di scala. 5. Attivare Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti. 6. Inserire un punto dati rispetto al quale scalare il riferimento.

Per scalare un riferimento selezionato dal contenuto di una fence


1. Posizionare una fence intorno allarea contenente il riferimento o i riferimenti da scalare. 2. Selezionare lo strumento Scala riferimento. o

Manuale dellutente di MicroStation

719

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Dal menu Strumenti, scegliere Scala. 3. Nella finestra di impostazione Scala riferimento, impostare il Metodo e, se applicabile, il Fattore di scala. 4. Attivare Usa fence e impostare la modalit della fence desiderata. 5. Inserire un punto dati rispetto al quale scalare il riferimento.

Per ruotare uno o pi riferimenti selezionati dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti
1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da ruotare nel modello attivo. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Ruota riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Ruota. 4. Nella finestra di impostazione Ruota riferimento, impostare il Metodo di rotazione (e le coordinate X , Y, Z, se il metodo impostato su Per Angoli). 5. Attivare Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti. 6. Inserire un punto dati rispetto al quale ruotare i riferimenti.

Per ruotare un riferimento selezionato dal contenuto di una fence


1. Posizionare una fence intorno allarea contenente i riferimenti da ruotare. 2. Selezionare lo strumento Ruota riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Ruota. Viene visualizzata la finestra di dialogo Ruota riferimento. 3. Selezionare un metodo di rotazione (e le coordinate X , Y, Z, se il metodo impostato su Per Angoli). 4. Selezionare Usa fence e la modalit della fence desiderata. 5. Inserire un punto dati rispetto al quale ruotare i riferimenti.

720

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati

Per specularizzare uno o pi riferimenti selezionati dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti
1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da specularizzare nel modello attivo. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Specularizza riferimento. o Dal menu Strumenti, selezionare Specularizzazione orizzontale o Specularizzazione verticale. Viene visualizzata la finestra di dialogo Specularizza riferimento. 4. Se selezionato lo strumento Specularizza riferimento, selezionare il metodo desiderato: Rispetto a linea verticale o Rispetto a linea orizzontale. 5. Selezionare Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti. 6. Inserire un punto dati rispetto al quale specularizzare il riferimento.

Per specularizzare uno o pi modelli selezionati dal contenuto di una fence


1. Posizionare una fence intorno allarea contenente i riferimenti da specularizzare. 2. Attivare Visualizza, Cattura e Selezione. 3. Selezionare lo strumento Specularizza riferimento. o Dal menu Strumenti, selezionare Specularizzazione orizzontale o Specularizzazione verticale. Viene visualizzata la finestra di dialogo Specularizza riferimento. 4. Se selezionato lo strumento Specularizza riferimento, selezionare il metodo desiderato: Rispetto a linea verticale o Rispetto a linea orizzontale. 5. Selezionare Usa fence e la modalit della fence desiderata. 6. Inserire un punto dati rispetto al quale specularizzare il riferimento.

Manuale dellutente di MicroStation

721

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati

Per definire i limiti di ritaglio di un riferimento (contorno esterno dellarea visualizzata) utilizzando una fence
1. Per definire la posizione dei limiti di ritaglio riferimento, posizionare una fence con lo strumento Posiziona fence sullarea di ritaglio desiderata. 2. Selezionare lo strumento Imposta limiti del ritaglio di riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta limiti del ritaglio del riferimento. 3. Selezionare Fence nel campo Metodo. 4. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare nella finestra di dialogo Riferimenti i modelli sui quali applicare il limite di ritaglio impostato. Se lopzione disattivata, verranno ritagliati tutti i modelli che rientrano nel limite di ritaglio. 5. Selezionare un modello allinterno della fence. 6. Accettare il riferimento di ritaglio.

Per definire i limiti di ritaglio di un riferimento (contorno esterno dellarea visualizzata) utilizzando un elemento
1. Per definire la posizione dei limiti di ritaglio del riferimento, posizionare un elemento sullarea di ritaglio desiderata. 2. Selezionare lo strumento Imposta limiti del ritaglio di riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta limiti del ritaglio del riferimento. 3. Selezionare Elemento nel campo Metodo. 4. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare nella finestra di dialogo Riferimenti i riferimenti ai quali applicare la maschera di ritaglio. Se lopzione disattivata, verranno ritagliati tutti i riferimenti

722

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
che rientrano nella maschera di ritaglio. 5. Identificare lelemento come elemento di ritaglio. 6. Accettare lelemento come elemento di ritaglio. 7. Identificare il riferimento allinterno dellarea di ritaglio. 8. Accettare i limiti del ritaglio. Se per creare il limite di ritaglio stato utilizzato un elemento, non possibile creare maschere di ritaglio. Le maschere di ritaglio possono essere create solo a partire da limiti di ritaglio creati mediante una fence. I contorni di una vista salvata possono essere utilizzati come limiti di ritaglio per i riferimenti collegati (vedere Per collegare un riferimento utilizzando una vista salvata a pagina 7-5). Gli attributi della vista che influiscono sulla visualizzazione dei riferimenti ritagliati vengono impostati nella finestra di dialogo Attributi della vista (menu Impostazioni > Attributi vista).
Attributo della vista Contorni di riferim. Effetto Se questa opzione attivata, i limiti di ritaglio del riferimento vengono visualizzati nella vista tramite una linea tratteggiata. Se questa opzione attivata, tutti i riferimenti collegati vengono ritagliati tramite dei rettangoli che sono ortogonali alla vista e racchiudono tutti i punti del contorno. In caso contrario, il riferimento viene visualizzato e plottato tramite limiti di ritaglio non rettangolari.

Ritag. veloce rif.

Per posizionare una maschera di ritaglio del riferimento in modo che copra una parte del riferimento interna al limite di ritaglio
1. Per definire la posizione della maschera di ritaglio del riferimento,

Manuale dellutente di MicroStation

723

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
posizionare una fence con lo strumento Posiziona fence . 2. Selezionare lo strumento Imposta maschera di ritaglio riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta maschera di ritaglio riferimento. 3. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare dalla finestra di dialogo Riferimenti il modello sul quale avr effetto la maschera di ritaglio. Se lopzione disattivata, verranno ritagliati tutti i modelli che rientrano nella maschera di ritaglio. 4. Selezionare il modello allinterno della fence. 5. Accettare la maschera di ritaglio. Le maschere di ritaglio possono essere create solo allinterno di limiti di ritaglio creati mediante una fence. possibile specificare pi di una maschera di ritaglio per ogni riferimento. Vengono visualizzati solo gli elementi di riferimento che si trovano allinterno dei limiti di ritaglio e allesterno di tutte le maschere di ritaglio.

Per eliminare selettivamente una o pi maschere di ritaglio del riferimento


1. Selezionare lo strumento Elimina ritaglio. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elimina ritaglio riferimento. 2. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare dalla finestra di dialogo Riferimenti i riferimenti che contengono la maschera di ritaglio. Se lopzione disattivata, identificare il modello inserendo un punto dati allinterno del limite di ritaglio contenente la maschera di ritaglio. Vengono evidenziati il limite di ritaglio e qualsiasi maschera di ritaglio interna al contorno. 3. Identificare la maschera di ritaglio che si desidera eliminare. Viene evidenziata una maschera di ritaglio da eliminare. 4. Accettare leliminazione. o

724

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Resettare per mantenere evidenziata la maschera di ritaglio. Viene evidenziata la successiva maschera di ritaglio da eliminare, se ne esiste una. 5. Ripetere il passaggio 3 per ogni successiva maschera di ritaglio. Quando si seleziona un riferimento (o se ne selezionato uno dallinsieme di selezione, dalla fence o dalla finestra di dialogo), il riferimento evidenziato. Se sono presenti un limite di ritaglio e una o pi maschere, il limite viene visualizzato in giallo e la maschera in rosso.

Per definire un piano di ritaglio anteriore per un riferimento (solo 3D)


1. Selezionare lo strumento Imposta ritaglio anteriore di riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta piano di ritaglio anteriore di riferimento. 2. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare nella finestra di dialogo Riferimenti i riferimenti su cui avr effetto il piano di ritaglio anteriore. Se lopzione disattivata, limpostazione verr applicata a tutti i riferimenti che intersecano il piano di ritaglio anteriore. 3. Inserire un punto dati per definire la profondit del piano di ritaglio anteriore. Il riferimento viene aggiornato in base al nuovo piano di ritaglio.

Per definire un piano di ritaglio posteriore per un riferimento (solo 3D)


1. Selezionare lo strumento Imposta ritaglio posteriore di riferimento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta piano di ritaglio posteriore di riferimento. 2. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare nella finestra di dialogo Riferimenti i riferimenti su cui avr effetto il piano di ritaglio anteriore. Se lopzione disattivata, limpostazione verr applicata a tutti i riferimenti che intersecano il piano di ritaglio anteriore. 3. Inserire un punto dati per definire la profondit del

Manuale dellutente di MicroStation

725

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
piano di ritaglio posteriore. Il riferimento viene aggiornato in base al nuovo piano di ritaglio.

Per aggiornare gli elementi del riferimento in una vista


1. Digitare REFERENCE UPDATE. 2. Identificare il riferimento identificandone uno degli elementi. o Identificare il riferimento digitandone il nome logico o il nome file nella finestra Digita.

Per ricaricare un riferimento


1. Selezionare il riferimento dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti. 2. Selezionare lo strumento Ricarica riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Ricarica. Il riferimento viene ridisegnato. Il ricaricamento di un riferimento consente di verificare le modifiche apportate al riferimento da parte di un altro utente sulla rete dallultimo collegamento o caricamento.

Per ricaricare tutti i riferimenti collegati


1. Selezionare il riferimento dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti. 2. Selezionare lo strumento Ricarica riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Ricarica tutto. Il riferimento viene ridisegnato. 3. Selezionare il riferimento dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti. 4. Dal menu Strumenti della finestra di dialogo, selezionare

726

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Utilizzo dei riferimenti collegati
Ricarica tutto. I riferimenti vengono letti dal disco e ridisegnati. Il ricaricamento dei riferimenti consente di verificare le modifiche apportate a tali riferimenti da parte di un altro utente sulla rete dallultimo collegamento o caricamento.

Per scollegare un riferimento


1. Selezionare il riferimento dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti. 2. Selezionare lo strumento Scollega riferimento. o Dal menu Strumenti, scegliere Scollega. Viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare lo scollegamento dei riferimenti selezionati. 3. Fare clic su OK.

Per scollegare tutti i riferimenti


1. Dal menu Strumenti, scegliere Scollega tutto. Viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare lo scollegamento di tutti i riferimenti. 2. Fare clic su OK.

Metodo alternativo Per scollegare tutti i riferimenti


1. Dalla casella di riepilogo nella finestra di dialogo Riferimenti, selezionare tutti i riferimenti. 2. Selezionare lo strumento Scollega riferimento. Viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare lo scollegamento dei riferimenti selezionati. 3. Fare clic su OK.

Manuale dellutente di MicroStation

727

Riferimenti
Unione di file DGN di riferimento

Identificazione dei riferimenti


Lidentificazione di un riferimento che si desidera utilizzare unoperazione alternativa alla selezione del riferimento dalla casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti; lidentificazione viene in genere effettuata mediante il menu degli strumenti Riferimenti (vedere pagina 7-30) .

Per identificare un riferimento


1. Identificare un elemento del riferimento nella finestra di una vista.

Unione di file DGN di riferimento


possibile unire un file DGN a tutti i riferimenti a esso collegati in un unico file di output. Questa operazione garantisce che tutti i dati collegati a un singolo file DGN (ad esempio, tutte le viste, gli angoli delle viste, le impostazioni del rendering e altre impostazioni) vengano memorizzati in ununica posizione. Il risultato delloperazione unistantanea del file DGN.

Questa funzionalit risulta particolarmente utile per il plottaggio di file attivi, di cui pi utenti spesso modificano la composizione, le viste, le impostazioni e i collegamenti.

Per unire il modello attivo a uno o pi riferimenti collegati.


1. Nella casella di riepilogo della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare i riferimenti da unire. 2. Dal menu Strumenti, scegliere Unisci al principale. Viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare lunione dei riferimenti selezionati nel modello attivo. 3. Fare clic su OK.

728

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Impostazione della modalit di rendering di un riferimento

Per unire il modello attivo a tutti riferimenti collegati mediante una digitazione.
1. Digitare MDL LOAD REFMERGE. Inizia lelaborazione dellultima vista in cui stato inserito un punto dati. Nel file di output vengono copiati solo i livelli visibili della vista elaborata. Il nome del file di output coincide con quello del modello attivo ma lestensione assegnata a esso .rcd (record drawing).

Per unire dei file di riferimento DGN dalla riga di comando del sistema
1. Uscire da MicroStation. 2. Impostare la variabile di configurazione MS_INITAPPS su refmerge. 3. Avviare MicroStation con la seguente riga di comando: ustation:v<numero_vista> <specifica_file> Ad esempio, ustation:v2 *.dgn elabora tutti i file DGN presenti nella directory corrente e utilizza la vista 2 come vista di origine. Una volta completata loperazione, assicurarsi di disimpostare la variabile di ambiente MS_INITAPPS. Non esiste alcuna operazione inversa allunione di un file DGN di riferimento.

Impostazione della modalit di rendering di un riferimento


Lo strumento Imposta presentazione riferimento consente di impostare diversi metodi per la visualizzazione dei riferimenti.

Manuale dellutente di MicroStation

729

Riferimenti
Menu degli strumenti Riferimenti

Per impostare la modalit di rendering di un riferimento


1. Selezionare lo strumento Imposta presentazione riferimento Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta presentazione riferimento. 2. Selezionare il metodo di visualizzazione nel campo Presentazione. 3. Se attiva lopzione Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare nella finestra di dialogo Riferimenti i riferimenti su cui avr effetto la presentazione. Se disattivata, identificare un riferimento al quale si desidera applicare la presentazione inserendo un punto dati su di esso. 4. Accettare il riferimento. Il riferimento viene visualizzato utilizzando il metodo di presentazione selezionato.

Menu degli strumenti Riferimenti

Gli strumenti del menu degli strumenti Riferimenti (menu Strumenti > Riferimenti) consentono di: Collegare modelli di riferimento al modello attivo. Controllare il posizionamento, la scala e lorientamento del modello di riferimento collegato. Scollegare i modelli di riferimento dal file di disegno attivo.

Questi strumenti possono essere selezionati anche nel modo seguente: Dal menu Strumenti della finestra di dialogo Riferimenti (menu File > Referimento). I controlli presenti nella finestra di dialogo Riferimenti consentono anche di regolare le impostazioni dei riferimenti. Dalle icone della finestra di dialogo Riferimenti (menu

730

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Menu degli strumenti Riferimenti
File > Refimento).
Per Selezionare nel menu degli strumenti Riferimento

Collegare un modello al modello attivo.

Collega riferimento (vedere pagina 7-33)


Modificare i limiti di ritaglio di un riferimento.

Imposta limiti del ritaglio di riferimento (vedere pagina 7-34)


Mascherare (coprire) parte di un modello allinterno dei limiti di ritaglio.

Imposta maschera di ritaglio riferimento (vedere pagina 7-35)


Eliminare selettivamente una o pi maschere di ritaglio del riferimento.

Elimina maschera di ritaglio riferimento (vedere pagina 7-36)


Impostare il piano limite posteriore per un modello 3D.

Imposta ritaglio posteriore di riferimento (vedere pagina 7-37)


Impostare il piano limite anteriore per un riferimento 3D.

Imposta ritaglio anteriore di riferimento (vedere pagina 7-38)

Manuale dellutente di MicroStation

731

Riferimenti
Menu degli strumenti Riferimenti
Per Selezionare nel menu degli strumenti Riferimento

Rileggere e ridisegnare un modello per verificare le ultime modifiche apportate.

Ricarica riferimento (vedere pagina 7-39)


Spostare un modello.

Sposta riferimento (vedere pagina 7-40)


Copiare un modello.

Copia collegamento di riferimento (vedere pagina 7-41)


Impostare la scala di un modello.

Scala riferimento (vedere pagina 7-41)


Ruotare un modello.

Ruota riferimento
Specularizzare un modello rispetto a un asse orizzontale o verticale.

Specularizza riferimento
Imposta la modalit di rendering del modello.

Imposta presentazione riferimento (vedere pagina 7-46)

732

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Collega riferimento
Per Selezionare nel menu degli strumenti Riferimento

Scollegare un modello dal modello attivo.

Scollega riferimento (vedere pagina 7-46)

Digitazione:

DIALOG REFERENCE

Collega riferimento

Consente di collegare un modello al modello attivo. Per ulteriori informazioni, vedere Collegamento dei file di disegno di riferimento a pagina 7-2.

I controlli della finestra di dialogo Collega riferimento sono analoghi a quelli contenuti nella finestra di dialogo Apri, visualizzabile scegliendo Apri dal menu File.

Manuale dellutente di MicroStation

733

Riferimenti
Imposta limiti del ritaglio di riferimento

possibile creare collegamenti di riferimento dalle viste salvate con la vista prospettica attivata. In questo modo si crea un collegamento con una propria vista prospettica e il collegamento sar identico alla vista salvata. Questo pu risultare utile per la creazione di sezioni dettagliate su foglio. Tuttavia, trattandosi di proiezioni 3D di immagini 2D, questi collegamenti sono consentiti solo nei modelli foglio e nei file principali 2D.

Imposta limiti del ritaglio di riferimento

Questo strumento consente di definire i limiti di ritaglio di un riferimento. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per definire i limiti di ritaglio di un riferimento (contorno esterno dellarea visualizzata) in Utilizzo dei riferimenti collegati (vedere pagina 9-132) .

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Determina il metodo di impostazione del limite di ritaglio del riferimento. ElementoIl limite del ritaglio viene impostato selezionando un elemento. FenceIl limite del ritaglio viene impostato in base al contenuto di una fence.

734

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Imposta maschera di ritaglio riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti sono utilizzati per selezionare un limite di ritaglio.

Imposta maschera di ritaglio riferimento

Questo strumento consente di posizionare una maschera di ritaglio del riferimento. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per posizionare una maschera di ritaglio del riferimento in modo che copra una parte del riferimento interna al limite di ritaglio (vedere pagina 7-23) .

Manuale dellutente di MicroStation

735

Riferimenti
Elimina maschera di ritaglio del riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti sono utilizzati per selezionare una maschera di ritaglio.

Digitazione:

REFERENCE CLIP MASK

Elimina maschera di ritaglio del riferimento

Consente di cancellare in modo selettivo una o pi maschere di ritaglio. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per eliminare selettivamente una o pi maschere di ritaglio del riferimento (vedere pagina 7-24) .

736

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Imposta ritaglio posteriore di riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti vengono eliminati dalla maschera di ritaglio.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene eliminato dalla maschera di ritaglio. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Imposta ritaglio posteriore di riferimento

Questo strumento consente di impostare il piano di ritaglio posteriore per un modello 3D. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per definire un piano di ritaglio posteriore per un riferimento (solo 3D) (vedere pagina 7-25) .

Manuale dellutente di MicroStation

737

Riferimenti
Imposta ritaglio anteriore di riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti sono utilizzati per selezionare il piano di ritaglio posteriore.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence utilizzato per impostare il piano di ritaglio posteriore Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Imposta ritaglio anteriore di riferimento

Questo strumento consente di impostare il piano di ritaglio anteriore per un modello 3D. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per definire un piano di ritaglio anteriore per un riferimento (solo 3D) (vedere pagina 7-25) .

738

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Ricarica riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti sono utilizzati per selezionare il piano di ritaglio anteriore.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence utilizzato per impostare il piano frontale di ritaglio Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Ricarica riferimento

Questo strumento consente di rileggere e ridisegnare un modello. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per ricaricare un riferimento (vedere pagina 7-26) .

Manuale dellutente di MicroStation

739

Riferimenti
Sposta riferimento

Sposta riferimento

Consente di spostare un modello. Vedere la procedura Per spostare un riferimento in Utilizzo dei riferimenti collegati (vedere pagina 7-14) .

ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se lopzione attivata, vengono spostati i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene spostato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

740

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Copia collegamento di riferimento

Copia collegamento di riferimento

Consente di copiare i riferimenti collegati. Vedere Utilizzo dei riferimenti collegati (vedere pagina 7-14) .

Scala riferimenti

Questo strumento consente di scalare un modello. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per scalare un riferimento in Utilizzo dei riferimenti collegati (vedere pagina 7-14) .

Manuale dellutente di MicroStation

741

Riferimenti
Scala riferimenti
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Metodo in base al quale il modello di riferimento viene scalato. Fattore di scalaIl modello viene scalato in base a un fattore specificato. Rapporto assolutoIl modello viene scalato in base a un rapporto specificato. Per puntiIl modello viene scalato in base ai punti inseriti.

Fattore di scala

Se Metodo impostato a Fattore di scala, imposta il fattore in base al quale il modello viene ridimensionato. Ad esempio, 2.00000 raddoppia la dimensione del modello. Se Metodo impostato a Rapporto assoluto, il rapporto delle unit principali del modello attivo viene impostato in base alle unit principali del modello di riferimento. Ad esempio, per impostare cinque unit principali del modello attivo per ogni unit principale del modello di riferimento, digitare il valore 5 nel campo a sinistra e 1 nel campo a destra. Se lopzione attivata, vengono scalati i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti.

Scala (Princ:Rif)

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene scalato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

742

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Ruota riferimento

Ruota riferimento

Questo strumento consente di ruotare un modello. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per ruotare un riferimento.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di rotazione del modello. Per AngoliImposta gli angoli di rotazione. In 2D, imposta gli angoli di rotazione solo sullasse Z. In 3D, imposta gli angoli di rotazione sugli assi X, Y e Z. Per puntiImposta il punto attorno al quale il modello viene ruotato.

X Y Z

Angolo di rotazione del modello rispetto allasse X per i file 2D. Angolo di rotazione del modello rispetto allasse Y per i file 3D. Angolo di rotazione del modello rispetto allasse Z per i file 3D.

Manuale dellutente di MicroStation

743

Riferimenti
Specularizza riferimento
ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se lopzione attivata, vengono ruotati i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene ruotato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Specularizza riferimento

Questo strumento consente di specularizzare un modello rispetto a un asse verticale o orizzontale. Per informazioni sulla procedura, fare riferimento a Per specularizzare uno o pi riferimenti selezionati dallelenco della finestra di dialogo Riferimenti in Utilizzo dei riferimenti collegati (vedere pagina 7-14) .

744

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Imposta presentazione riferimento
ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di specularizzazione del modello. Rispetto a linea orizzontaleConsente di specularizzare un modello rispetto a un asse orizzontale. Rispetto a linea verticaleConsente di specularizzare un modello rispetto a un asse verticale.

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se lopzione attivata, vengono specularizzati i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti.

Se questa opzione attivata, il contenuto della fence viene specularizzato. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Imposta presentazione riferimento

Questo strumento consente di impostare la visualizzazione di un modello. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazione della modalit di rendering di un riferimento (vedere pagina 7-29) .

Manuale dellutente di MicroStation

745

Riferimenti
Scollega riferimento

ImEffetto postazione strumento

Presentazione:

Imposta la modalit di rendering di un modello. . Per informazioni sulle modalit di rendering, vedere il Manuale di visualizzazione. Se lopzione attivata, viene effettuato il rendering dei modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti utilizzando la alla modalit di rendering selezionata.

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, viene effettuato il rendering del contenuto della fence. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Scollega riferimento

Consente di scollegare un modello dal modello attivo. Per ulteriori informazioni, vedere la procedura Per scollegare un file di riferimento (vedere pagina 7-27) .

746

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file

ImEffetto postazione strumento

Usa elenco della finestra di dialogo Riferimenti Usa fence

Se questa opzione attivata, i modelli selezionati nella finestra di dialogo Riferimenti vengono scollegati dal file principale.

Se questa opzione attivata, i modelli contenuti dalla fence vengono scollegati dal file principale. Il menu di opzioni consente di impostare la modalit di selezione della fence.

Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file


In base allimpostazione predefinita, ogni volta che viene aggiornata una vista, MicroStation rispetta la seguente sequenza di aggiornamento: 1 . il modello attivo, quindi 2 . i riferimenti, approssimativamente nellordine in cui sono stati collegati.

possibile personalizzare la sequenza di aggiornamento utilizzata con il modello attivo mediante la finestra di dialogo Sequenza di aggiornamento. La funzionalit di personalizzazione viene utilizzata per dare la priorit alla visualizzazione di elementi sovrapposti.

Manuale dellutente di MicroStation

747

Riferimenti
Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file

Per modificare la sequenza di aggiornamento dei file


1. Dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti, selezionare Sequenza di aggiornamento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Sequenza di aggiornamento. Nella casella di riepilogo riportata la sequenza di aggiornamento corrente.

2. Dalla casella di riepilogo, selezionare uno o pi riferimenti oppure il modello attivo. Utilizzare i tasti Maiusc o Ctrl per selezionare un intervallo o singoli file. 3. Fare clic sul pulsante Primo, Ultimo, Su o Gi per spostare i file selezionati nella direzione desiderata sullelenco. 4. Ripetere i passaggi 2 e 3 finch non si ottiene la sequenza desiderata. 5. Fare clic su OK. Per salvare su disco le modifiche apportate alla sequenza di aggiornamento nel modello attivo, selezionare Salva impostazioni dal menu File.

Per ripristinare la sequenza di aggiornamento predefinita


1. Dal menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti,

748

Manuale dellutente di MicroStation

Riferimenti
Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file
selezionare Sequenza di aggiornamento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Sequenza di aggiornamento. 2. Fare clic sul pulsante Predefinito. 3. Fare clic su OK. Dopo aver eseguito lintera procedura e salvato le impostazioni del file DGN, eventuali modifiche precedentemente apportate alla sequenza di aggiornamento andranno perdute. In alternativa, possibile sostituire la sequenza di aggiornamento personalizzata del modello attivo con la sequenza di aggiornamento predefinita.

Per sostituire la sequenza di aggiornamento personalizzata con la sequenza di aggiornamento predefinita


1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Preferenze. Viene visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. 2. Selezionare Riferimento dalla casella di riepilogo Categoria. 3. Attivare Ignorare sequenza di aggiornamento. 4. Fare clic su OK. Se lopzione Ignorare sequenza di aggiornamento attiva, nel menu Impostazioni della finestra di dialogo Riferimenti non sar disponibile la voce Sequenza di aggiornamento.

Manuale dellutente di MicroStation

749

Riferimenti
Regolazione della sequenza di aggiornamento dei file

750

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


In questo capitolo verranno illustrate le procedure relative ad alcune delle funzioni 2D pi avanzate di MicroStation, tra cui: Raggruppamento permanente di elementi (vedere pagina 8-2) Inserimento di elementi di vuoto in elementi solidi (vedere pagina 8-6) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Raccordi (vedere pagina 8-7) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Gruppi (vedere pagina 8-10) Utilizzo di linee multiple (vedere pagina 8-30) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) Associazione di elementi (vedere pagina 8-56) Disegno isometrico (vedere pagina 8-58) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Isometrica (vedere pagina 8-60) Utilizzo delle curve (vedere pagina 8-66) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti Curve (vedere pagina 8-83) Selezione degli elementi in base agli attributi (vedere pagina 8-147) Utilizzo dei sistemi di coordinate ausiliarie (vedere pagina 8-149) Selezione degli Strumenti nel menu degli strumenti

Manuale dellutente di MicroStation

81

Tecniche avanzate di disegno 2D


Raggruppamento permanente di elementi
ACS (vedere pagina 8-83) Digitalizzazione (vedere pagina 8-159)

Raggruppamento permanente di elementi


Alcuni raggruppamenti in MicroStation, come un insieme di elementi selezionati e il contenuto di una fence, sono temporanei, mentre altri raggruppamenti sono permanenti. Alcuni esempi di raggruppamenti permanenti sono: livelli (per ulteriori informazioni, vedere Gestione dei livelli (vedere pagina 2-11) ). catene e figure complesse (vedere Utilizzo delle catene e delle figure complesse a pagina 8-2 gruppi (per ulteiori informazioni, vedere Utilizzo dei gruppi a pagina 8-3). gruppi di disegno (per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo dei gruppi di disegno a pagina 8-4).

Utilizzo delle catene e delle figure complesse


Una catena complessa (denominata anche stringa complessa), costituita da una serie di elementi aperti collegati, quali linee, spezzate, archi e curve, che vengono raggruppati per consentirne la manipolazione come una singola entit.

Analogamente, una figura complessa costituita da una serie di elementi aperti collegati che vengono raggruppati per consentirne la manipolazione come un singolo oggetto, con la differenza che la figura chiusa poich il primo e lultimo elemento sono collegati.

A sinistra: figura complessa creata da un arco e una spezzata

82

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo dei gruppi
con lo strumento Crea figura complessa. Nel centro e a destra: unione e intersezione di un cerchio e un rettangolo creati con lo strumento Crea regione.

Per creare catene e figure complesse da elementi esistenti, possibile utilizzare gli strumenti del menu degli strumenti Gruppi (vedere pagina 8-10) . Allo stesso scopo possibile utilizzare anche lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 8-96) . Una catena o una figura complessa un elemento complesso, ossia un raggruppamento di due o pi elementi che viene manipolato come una singola entit. Anche le celle sono elementi complessi (se si desidera sviluppare software applicativo per MicroStation, necessario sapere che per ogni raggruppamento viene memorizzato un elemento intestazione complessa nel file DGN). Per invertire il raggruppamento, utilizzare lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) nel menu degli strumenti Gruppi (vedere pagina 8-10) . Questa operazione consiste nel suddividere lelemento complesso nei singoli elementi che lo compongono, in modo che possano essere manipolati singolarmente.

Utilizzo dei gruppi


possibile selezionare pi elementi e raggrupparli in modo da poterli manipolare come una singola entit. Un gruppo un elemento complesso costituito da elementi che non devono essere necessariamente collegati.

Per creare un gruppo


1. Selezionare gli elementi che si desidera includere nel gruppo. 2. Dal menu Modifica, scegliere Raggruppa. Gli elementi vengono raggruppati e sar possibile manipolarli come un unico elemento.

Manuale dellutente di MicroStation

83

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo dei gruppi di disegno

Per scomporre un gruppo


1. Selezionare il gruppo. 2. Dal menu Modifica, scegliere Annulla gruppo. Il gruppo viene scomposto e gli elementi che lo costituiscono possono essere manipolati singolarmente. I gruppi possono essere manipolati e modificati secondo la stessa modalit con cui vengono manipolati gli elementi semplici. Per informazioni sulla manipolazione e la modifica degli elementi semplici, vedere Utilizzo della fence per la manipolazione e la modifica degli elementi (vedere pagina 4-87) . Un gruppo in realt una cella a cui non viene assegnato alcun nome e, a differenza delle celle con nome, non viene definito in nessuna libreria di celle. Per questa ragione i gruppi sono talvolta denominati celle orfane.

Utilizzo dei gruppi di disegno


I gruppi di disegno rappresentano la tecnica di raggruppamento disponibile in MicroStation pi flessibile. Senza scomporre il raggruppamento, possibile aggiungere, rimuovere o manipolare i singoli elementi costitutivi del gruppo. Per fare in modo che le modifiche apportate vengano applicate allintero gruppo di disegno o solo a una parte di esso, necessario disattivare o attivare lopzione di bloccaggio del gruppo di disegno. Se attivato, vengono manipolati tutti gli elementi del gruppo di disegno. Se disattivato, viene manipolato solo lelemento selezionato.

Il menu degli strumenti menu degli strumenti Gruppi (vedere pagina 8-10) contiene strumenti che consentono di creare gruppi di disegno e aggiungere e rimuovere elementi da gruppi esistenti.

Per manipolare o modificare un gruppo di disegno


1. Dal sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni,

84

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo dei gruppi di disegno
attivare Gruppo di disegno. 2. Selezionare lo strumento appropriato per eseguire la manipolazione o la modifica desiderata. Per ulteriori informazioni, vedere Strumenti speciali per la manipolazione e la modifica degli elementi a pagina 5-13. 3. Identificare il gruppo di disegno. 4. Proseguire seguendo le istruzioni relative allutilizzo dello strumento.

Per manipolare o modificare uno o pi elementi di un gruppo di disegno


1. Per selezionare lelemento desiderato, utilizzare lo strumento Selezione dellelemento.

2. Eseguire le operazioni di manipolazione o di modifica desiderate. Per ulteriori informazioni, vedere Manipolazione e modifica degli elementi selezionati a pagina 4-85. o Selezionare lo strumento appropriato per eseguire la manipolazione o la modifica desiderata dal menu degli strumenti Manipola (vedere pagina 5-28) o Modifica (vedere pagina 5-98) . 3. Se si utilizza uno strumento specifico, proseguire seguendo le istruzioni relative allutilizzo di tale strumento.

Metodo alternativo Per manipolare o modificare uno o pi elementi di un gruppo di disegno


1. Dal sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni, disattivare Gruppo di disegno. 2. Selezionare lo strumento appropriato per eseguire la manipolazione o la modifica desiderata dal menu degli strumenti

Manuale dellutente di MicroStation

85

Tecniche avanzate di disegno 2D


Inserimento di elementi di vuoto in elementi solidi
Manipola (vedere pagina 5-28) o Modifica (vedere pagina 5-98) . 3. Identificare un elemento nel gruppo di disegno. 4. Proseguire seguendo le istruzioni relative allutilizzo dello strumento.

Inserimento di elementi di vuoto in elementi solidi


Quando in un elemento solido si inserisce una figura che rappresenta un vuoto, linterno di tale figura non pu essere n tratteggiato n campito (se la Campitura associativa disattivata) e attraverso di essa visibile lo sfondo.

Il parallelepipedo un solido, mentre il cerchio e lesagono sono elementi di vuoto che non possono essere tratteggiati (se la Campitura associativa disattivata).
Un elemento chiuso risulta solido o vuoto a seconda dellimpostazione del relativo attributo Area.

Per modificare lattributo Area di uno o pi elementi chiusi, possibile utilizzare lo strumento Cambia elemento in area att. (vedere pagina 5-69) del menu degli strumenti Cambia attributi.

86

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Menu degli strumenti Raccordi

Lo strumento Raggruppa elementi di vuoto (vedere pagina 8-29) del menu degli strumenti Gruppi consente di includere elementi di vuoto negli elementi solidi, creando un unico gruppo composto da vuoti e solidi. Lo strumento crea una cella orfana composta dallelemento solido esterno e dagli elementi di vuoto interni. Per modificare gli elementi che costituiscono i solidi e i vuoti necessario prima scomporre il gruppo nei suoi elementi originali mediante lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) .

Menu degli strumenti Raccordi


Gli strumenti del menu degli strumenti Raccordi consentono di raccordare gli elementi piani.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Raccordi

Creare un raccordo circolare tra due elementi.

Costruisci raccordo circolare (vedere pagina 5-129) 1


Creare un raccordo parabolico tra due elementi

Costruisci raccordo parabolico (vedere pagina 8-8)


Creare uno smusso tra due linee o segmenti adiacenti di una spezzata o di una figura.

Costruisci smusso (vedere pagina 5-131) 2

Manuale dellutente di MicroStation

87

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci raccordo parabolico
1 2 Anche nel menu degli strumenti Modifica. Anche nel menu degli strumenti Modifica.

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX FILLET [OFF | ON | TOGGLE]

Per applicare un raccordo o uno smusso al volo, utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) .

Costruisci raccordo parabolico

Questo strumento consente di creare un raccordo parabolico (elemento di curva) tra due linee.

ImEffetto postazione strumento

Distanza Tipo

Distanza tra i punti di tangenza. Imposta lallineamento della parabola. OrizzontaleAllineata con lasse orizzontale della vista. Questa opzione viene utilizzata nei disegni stradali per unire le pendenze di riferimento intersecanti. Tutte le parabole IGDS sono orizzontali. Simmetricaallineata alle linee identificate.

88

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci raccordo parabolico
ImEffetto postazione strumento

Tronca

Controlla i lati da troncare. Nessunonessuna linea viene troncata. Entrambeentrambe le linee vengono troncate in corrispondenza del punto di tangenza con il raccordo.1

Se viene creato un raccordo tra due elementi chiusi o tra un elemento aperto e uno chiuso, gli elementi chiusi non subiscono alcuna modifica.

Per creare un raccordo parabolico


1. Selezionare lo strumento Costruisci raccordo parabolico. 2. Identificare la prima linea. 3. Identificare la seconda linea. 4. Accettare il raccordo e i troncamenti, se esistenti.

Costruisci raccordo parabolico A sinistra: Orizzontale. A destra: Simmetrica. D indica la distanza. Lopzione Tronca impostata su Entrambe.

Digitazione: PLACE PARABOLA [HORIZONTAL | MODIFY | NOMODIFY] [MODIFY | NOMODIFY]


Nei disegni 3D necessario che entrambi gli elementi da raccordare siano sullo stesso piano. Per posizionare una curva B-spline in forma di parabola, utilizzare lo strumento Posiziona conica (vedere pagina 8-102)

Manuale dellutente di MicroStation

89

Tecniche avanzate di disegno 2D


Menu degli strumenti Gruppi
nel menu degli strumenti Curve.

Menu degli strumenti Gruppi


Gli strumenti del menu degli strumenti Gruppi consentono di creare e manipolare catene complesse, figure complesse e gruppi di disegno.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Gruppi

Scomporre uno o pi elementi complessi o di tipo speciale in componenti pi semplici.

Scomponi elemento (vedere pagina 8-11)

Creare una catena complessa (elemento complesso aperto)

Crea catena complessa (vedere pagina 8-14)


Creare una figura complessa (elemento complesso chiuso) da singoli elementi aperti

Crea figura complessa (vedere pagina 8-17)

Creare una figura complessa dallunione, lintersezione o la differenza tra elementi chiusi o mediante riempimento per diffusione Creare un gruppo di disegno1 oppure Aggiungere elementi a un gruppo di disegno esistente oppure Unire due o pi gruppi di disegno in un unico gruppo

Crea regione (vedere pagina 8-21)

Aggiungi a gruppo di disegno (vedere pagina 8-26)

810

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Scomponi elemento
Per Selezionare nel menu degli strumenti Gruppi

Rimuovere (scomporre) uno o pi elementi da un gruppo di disegno oppure Scomporre un gruppo di disegno in singoli elementi Selezionare un elemento solido e uno o pi elementi di vuoto da associare al solido

Rimuovi da gruppo di disegno (vedere pagina 8-27)

Rimuovi da gruppo di disegno (vedere pagina 8-29)


1 Per creare un gruppo (cella orfana), selezionare gli elementi e scegliere Gruppo dal menu Modifica. Un gruppo non equivale a un gruppo di disegno.

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX GROUPS [OFF | ON | TOGGLE]

Scomponi elemento

Questo strumento consente di scomporre uno o pi elementi in componenti pi semplici. Le impostazioni dello strumento consentono di specificare i tipi di elemento sui quali opera questo strumento.

Manuale dellutente di MicroStation

811

Tecniche avanzate di disegno 2D


Scomponi elemento

ImEffetto postazione strumento

Complesso

Se questa opzione attivata, gli elementi complessi, ad esempio celle, catene e figure complesse, nodi di testo, superfici e solidi, vengono scomposti in componenti pi semplici. Se questa opzione attivata, gli elementi di quota vengono scomposti in linee, spezzate, ellissi, archi e testo. Se questa opzione attivata, le spezzate e le figure vengono trasformate in singoli elementi di linea. Se questa opzione attivata, gli elementi di linea multipla vengono trasformati in spezzate, linee e/o archi. Se questa opzione attivata, il menu di opzioni associato consente di scomporre celle condivise: In elementiVengono scomposte nei relativi componenti. In celleVengono trasformate in celle non condivise.

Quote

Spezzate/figure Linee multiple Celle condivise

812

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Scomponi elemento
ImEffetto postazione strumento

Solidi

(solo 3D) Se questa opzione attivata, il menu di opzioni associato consente di scomporre SmartSurface o SmartSolid: In superficiVengono scomposte in superfici semplici. In wireframeVengono scomposte in elementi wireframe.

Testo

Se questa opzione attivata, i caratteri di testo negli elementi di testo vengono trasformati in elementi singoli utilizzati per disegnare caratteri quali linee, spezzate, archi, ellissi e figure.

Per scomporre un elemento nei singoli componenti


1. Selezionare gli elementi. 2. Selezionare lo strumento Scomponi elemento. 3. Attivare le impostazioni appropriate per specificare i tipi di elemento da scomporre.

4. Accettare le impostazioni e iniziare la scomposizione. Vengono scomposti solo gli elementi selezionati del tipo specificato. Lo strumento non ha effetto su elementi selezionati di altro tipo. Se nessuno degli elementi selezionati del tipo specificato, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Nessun elemento da scomporre.

Manuale dellutente di MicroStation

813

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea catena complessa

Metodo alternativo Per scomporre un elemento nei singoli componenti


1. Selezionare lo strumento Scomponi elemento. 2. Attivare le impostazioni appropriate per specificare i tipi di elemento da scomporre. 3. Identificare lelemento. 4. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

DROP ELEMENT

Lo strumento Scomponi elemento non consente di scomporre elementi operando contemporaneamente su pi livelli. Ad esempio, se si attivano le opzioni Complesso e Spezzate/figure e si seleziona una figura complessa contenente due spezzate, la figura complessa viene scomposta ma non le spezzate e quindi, come risultato delloperazione, si avranno due spezzate.

Crea catena complessa

Questo strumento consente di creare una catena complessa, ovvero un elemento complesso aperto costituito da una serie di elementi aperti (linee, spezzate, archi, curve e curve B-spline aperte) che possono essere manipolati come elementi primitivi singoli. La catena complessa risultante assume gli attributi dellelemento attivo indipendentemente dagli attributi dei singoli componenti.

814

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea catena complessa

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Consente di impostare la modalit di aggiunta degli elementi alla catena complessa: ManualeOgni elemento viene identificato manualmente. AutomaticoDopo che stato identificato e accettato il primo elemento, vengono inclusi automaticamente tutti gli elementi aperti con punti finali a una distanza reciproca inferiore al valore del gap massimo. Se esiste la scelta tra due o pi elementi (in corrispondenza del punto finale di un elemento), viene offerta la possibilit di accettare lelemento evidenziato o di resettare per visualizzare le alternative.

Gap massimo

Massima distanza consentita tra gli elementi quando Metodo impostato a Automatico. Se Gap max zero, vengono aggiunti solo gli elementi collegati, ovvero quelli con un punto finale in comune.

Semplifica geometria

Se questa opzione attivata, vengono aggiunte linee collegate come spezzate. Se si identificano soltanto linee collegate, viene prodotto un elemento primitivo di spezzata anzich una catena complessa.

Manuale dellutente di MicroStation

815

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea catena complessa

Per creare manualmente una catena complessa


1. Selezionare lo strumento Crea catena complessa. 2. Impostare Metodo a Manuale. 3. Identificare il primo elemento da includere nella catena. 4. Identificare altri elementi da aggiungere alla catena. Gli elementi non connessi vengono collegati al momento dellidentificazione.1 5. Resettare per completare la catena complessa.

Per creare automaticamente una catena complessa


1. Selezionare lo strumento Crea catena complessa. 2. Impostare Metodo a Automatico. 3. Identificare il primo elemento. 4. Accettare per includere automaticamente altri elementi ad una distanza inferiore al valore del gap massimo. Se viene rilevata una duplicazione in cui esistono pi elementi allinterno del gap massimo, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio DUPLICAZIONE Accettare o resettare per vedere Alternato. 5. Inserire un punto dati per accettare lelemento evidenziato o Resettare per evidenziare un elemento alternativo. Resettare fino a quando non viene evidenziato lelemento desiderato. 6. Accettare per completare la catena complessa. Creazione automatica delle estremit della catena se non vi sono elementi entro il gap max.

1 Questi collegamenti vengono visualizzati come linee che uniscono i punti finali degli elementi. Tali collegamenti fanno parte di una catena complessa ma non sono elementi e vengono cancellati dallo schermo al momento del rilascio dello stato complesso. Si consiglia di collegare gli elementi manualmente prima di includerli in una catena complessa.

816

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea figura complessa

Crea catena complessa con Metodo impostato su Automatico. Dopo aver inserito il secondo punto dati, viene evidenziato lelemento superiore nella duplicazione (alto). Per evidenziare il percorso alternativo, stata eseguita unoperazione di reset (in basso).

Digitazione:

CREATE CHAIN [MANUAL | AUTOMATIC]

Per trasformare una catena complessa nei singoli elementi che la compongono, utilizzare lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) . Si consiglia di creare catene complesse a partire da elementi che hanno punti finali in comune.

Per disegnare con un solo strumento una catena complessa di archi e segmenti di linea collegati, utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) del menu degli strumenti Elementi lineari.

Crea figura complessa

Manuale dellutente di MicroStation

817

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea figura complessa

Questo strumento consente di creare una figura complessa (un elemento complesso chiuso che pu essere manipolato come un elemento primitivo) a partire da una serie di elementi piani aperti (linee, spezzate, archi, curve e curve aperte B-spline). La figura complessa risultante assume gli attributi dellelemento attivo indipendentemente dagli attributi dei singoli componenti.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di aggiunta degli elementi alla figura complessa. ManualeOgni elemento viene identificato manualmente. AutomaticoDopo che stato identificato e accettato il primo elemento, vengono aggiunti automaticamente tutti gli elementi aperti con punti finali a una distanza reciproca inferiore al valore del gap massimo finch non viene creata una figura chiusa. Se esiste la scelta tra due o pi elementi (in corrispondenza del punto finale di un elemento), viene offerta la possibilit di accettare lelemento evidenziato o di resettare per visualizzare le alternative.

818

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea figura complessa
ImEffetto postazione strumento

Gap massimo

La massima distanza consentita tra gli elementi consecutivi quando Metodo impostato a Automatico. Se Gap max zero, vengono aggiunti solo gli elementi collegati, ovvero quelli con un punto finale in comune.

Semplifica geometria Area

Se questa opzione attivata, le linee collegate vengono aggiunte ai contorni come spezzate. Se si identificano soltanto linee collegate, viene prodotto un elemento primitivo di figura anzich una figura complessa. Imposta il tipo di figura creata SolidoLa figura creata solida (con possibilit di tratteggio/campitura). VuotoLa figura creata di vuoto (senza possibilit di tratteggio/campitura).

Tipo di riempim

Imposta il Tipo di riempim attivo. NessunoNessun riempimento OpacoPer il riempimento viene utilizzato il colore attivo. DelineatoPer il riempimento viene utilizzato il colore impostato (per il contorno viene utilizzato il colore attivo).

Colore riempim.

Se Tipo di riempim impostato su Delineato, la figura complessa viene riempita con questo colore. In caso contrario, questa opzione non disponibile.

Manuale dellutente di MicroStation

819

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea figura complessa

Per creare manualmente una figura complessa


1. Selezionare lo strumento Crea figura complessa. 2. Impostare Metodo a Manuale. 3. Identificare il primo elemento. 4. Identificare gli altri elementi da aggiungere alla figura. Gli elementi non connessi vengono collegati al momento dellidentificazione.2 5. Se il primo e lultimo elemento sono collegati, accettare la figura. Se il primo e lultimo elemento non sono collegati, resettare per chiudere la figura e creare un elemento di linea tra i relativi punti finali.

Per creare automaticamente una figura complessa


1. Selezionare lo strumento Crea figura complessa. 2. Impostare Metodo a Automatico. 3. Identificare il primo elemento. 4. Accettare per includere automaticamente altri elementi ad una distanza inferiore al valore del gap massimo. Se gli elementi non hanno un punto finale in comune, vengono collegati.2 Se viene rilevata una duplicazione, ovvero se esistono pi elementi allinterno del gap massimo, sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio DUPLICAZIONE - Accettare o resettare per vedere Alternato. 5. Inserire un punto dati per accettare lelemento evidenziato. o Resettare per evidenziare un elemento alternativo. Resettare fino

2 Questi collegamenti vengono visualizzati come linee che uniscono i punti finali degli elementi. Tali collegamenti fanno parte di una catena complessa ma non sono elementi e vengono cancellati dallo schermo al momento del rilascio dello stato complesso. Si consiglia di collegare gli elementi prima di includerli in una catena complessa.

820

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea regione
a quando non viene evidenziato lelemento desiderato.

Digitazione:

CREATE SHAPE [MANUAL | AUTOMATIC]

Se viene accettato un elemento collegato al primo elemento identificato, la figura complessa viene chiusa. Se nessun elemento rientra nel gap massimo, viene creato un elemento di linea tra i punti finali aperti del primo e dellultimo elemento e la figura complessa viene chiusa. Per trasformare una figura complessa nei singoli elementi che la compongono, utilizzare lo strumento Scomponi elemento (vedere pagina 8-11) . Per disegnare con un solo strumento una figura complessa di archi e segmenti di linea collegati, utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine (vedere pagina 3-19) del menu degli strumenti Elementi lineari.

Crea regione

Questo strumento consente di creare una figura complessa, ovvero un elemento complesso chiuso che pu essere manipolato come elemento primitivo, in uno dei seguenti modi: Lunione, lintersezione o la differenza tra due o pi elementi chiusi. Una regione delimitata da elementi i cui punti finali sono pi vicini rispetto al gap massimo.

Manuale dellutente di MicroStation

821

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea regione

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la modalit di aggiunta degli elementi alla figura complessa e i tipi di elementi dai quali la figura pu essere creata. IntersezioneLa regione delimitata dallintersezione di due o pi elementi piani chiusi.1 UnioneLa regione delimitata dallunione di due o pi elementi piani chiusi.1 DifferenzaLa regione delimitata dalla differenza di due o pi elementi piani chiusi.1 DiffusioneLa regione corrisponde allarea racchiusa dagli elementi che presentano punti in comune o i cui punti finali sono compresi nel gap massimo. possibile utilizzare insiemi di selezione per selezionare gli elementi necessari per racchiudere larea di diffusione.2

Tipo di riempim

Imposta il tipo di riempimento attivo. NessunoSe questa opzione attivata, la figura complessa non piena. OpacoSe questa opzione attivata, la figura complessa riempita con il colore attivo. DelineatoSe questa opzione attivata, la figura complessa riempita con il colore di riempimento.

822

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea regione
ImEffetto postazione strumento

Colore riempim.

Se Tipo di riempim impostato su Delineato, la figura complessa viene riempita con questo colore. Quando lopzione Tipo di riempimento impostata su Opaco, il colore di riempimento visualizza il colore attivo, che pu essere impostato anche da questa posizione. Se il tipo di riempimento Nessuno, lopzione relativa al colore di riempimento non disponibile. Se questa opzione attivata, gli elementi originali rimangono nel disegno. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, gli elementi chiusi allinterno dellarea selezionata vengono inclusi nella nuova figura complessa. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Se questa opzione attivata, la regione da creare viene visualizzata dinamicamente muovendo il puntatore sulle figure. (Solo con Metodo impostato su Diffusione) Imposta la massima distanza ammessa tra elementi consecutivi. Se Gap max impostato a zero, vengono aggiunti solo gli elementi collegati.

Mantieni originale Identifica figure interne Area dinamica

Gap massimo

1 2

Figure semplici e complesse, ellissi o cerchi. simile allo strumento di riempimento per diffusione disponibile in diversi programmi di disegno.

Per creare una figura complessa dallintersezione o dallunione di elementi


1. Selezionare lo strumento Crea regione. 2. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a Intersezione o Unione. 3. Identificare un elemento. 4. Identificare altri elementi. Mentre si accettano i vari elementi, gli spigoli non utilizzabili

Manuale dellutente di MicroStation

823

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea regione
come base per la nuova figura vengono nascosti. La figura risultante viene evidenziata. Se gli elementi non si sovrappongono, a seconda del metodo selezionato si verifica quanto segue:
Metodo Intersezione Unione Se gli elementi non si sovrappongono: Viene visualizzato il messaggio Elementi non intersecanti. Viene posizionata una figura sopra ogni elemento.

5. Dopo aver accettato lultimo elemento, resettare per terminare oppure selezionare un altro strumento.

Creare una regione da due elementi A sinistra: Intersezione. A destra: Unione. Lopzione Mantieni originale non attivata.

Per creare una figura complessa dalla differenza tra elementi


1. Selezionare lo strumento Crea regione. 2. Impostare Metodo a Differenza. Viene annullata la selezione di qualsiasi elemento selezionato. 3. Identificare lelemento base (lelemento da cui sottrarre). 4. Identificare gli elementi da sottrarre dallelemento

824

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Crea regione
identificato nel punto 3.3 5. Accettare lultimo elemento.

Metodo impostato a Differenza

Per creare una figura complessa tramite diffusione riempimento


1. (Facoltativo) Selezionare gli elementi di contorno. 2. Selezionare lo strumento Crea regione. 3. Impostare Metodo a Diffusione. 4. (Facoltativo) Perch la figura complessa includa gli elementi chiusi allinterno dellarea racchiusa da elementi di contorno, attivare Posiziona figure interne. 5. Inserire un punto dati nellarea racchiusa dagli elementi di contorno. 6. Accettare la figura complessa.

3 Se questi elementi si trovano allinterno dellelemento identificato al passo 3, il relativo attributo dellarea viene trasformato in elemento di vuoto. Equivale a utilizzare lo strumento Raggruppa elementi di vuoto.

Manuale dellutente di MicroStation

825

Tecniche avanzate di disegno 2D


Aggiungi a gruppo di disegno

Metodo impostato a Diffusione. Lopzione Mantieni originale non attivata.

possibile utilizzare un insieme di selezione per scegliere gli elementi di contorno di un riempimento diffusione. In questo modo possibile scegliere gli elementi che verranno considerati nei calcoli.

Digitazione:

CREATE REGION [DIFFERENCE | FLOOD | INTERSECTION | UNION]

Aggiungi a gruppo di disegno

Questo strumento consente di: Creare un gruppo di disegno Aggiungere elementi a un gruppo di disegno esistente Combinare due o pi gruppi di disegno esistenti in un unico gruppo di disegno

possibile utilizzare insiemi di selezione per selezionare pi elementi da includere in un gruppo di disegno.

826

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Rimuovi da gruppo di disegno

Per creare un gruppo di disegno o aggiungervi elementi


1. Selezionare lo strumento Aggiungi a gruppo di disegno. 2. Identificare il primo elemento. Se lelemento non appartiene a un gruppo di disegno, viene creato un nuovo gruppo. Se lelemento si trova in un gruppo di disegno, tutti gli elementi identificati successivamente vengono aggiunti a tale gruppo. 3. Identificare altri elementi da aggiungere al gruppo di disegno. 4. Accettare il gruppo di disegno.

Utilizzo di un insieme di selezione per aggiungere elementi ad un gruppo di disegno


1. Utilizzare lo strumento Selezione dellelemento per selezionare gli elementi desiderati. 2. Selezionare lo strumento Aggiungi a gruppo di disegno. 3. Accettare il gruppo di disegno.

Digitazione:

GROUP ADD

Rimuovi da gruppo di disegno

Questo strumento consente di:

Manuale dellutente di MicroStation

827

Tecniche avanzate di disegno 2D


Rimuovi da gruppo di disegno
Rimuovere (rilasciare) uno o pi elementi da un gruppo di disegno. Rilasciare lo stato di raggruppamento dellintero gruppo di disegno, ovvero scomporre il gruppo nei singoli componenti.

possibile utilizzare insiemi di selezione per selezionare pi elementi da rimuovere dal gruppo di disegno.

Per rimuovere uno o pi elementi da un gruppo di disegno


1. Nel sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni, disattivare lopzione Gruppo di disegno. 2. Selezionare lo strumento Rimuovi da gruppo di disegno. 3. Identificare lelemento da rimuovere dal gruppo di disegno. 4. Accettare la scomposizione.

Per utilizzare un insieme di selezione per rimuovere elementi da un gruppo di disegno


1. Nel sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni, disattivare lopzione Gruppo di disegno. 2. Utilizzare lo strumento Selezione dellelemento o Power Selector per selezionare gli elementi desiderati. 3. Selezionare lo strumento Rimuovi da gruppo di disegno. 4. Accettare per rimuovere gli elementi selezionati.

Per scomporre un intero gruppo di disegno


1. Nel sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni, attivare

828

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Raggruppa elementi di vuoto
lopzione Gruppo di disegno. 2. Selezionare lo strumento Rimuovi da gruppo di disegno. 3. Identificare un elemento del gruppo di disegno. 4. Accettare la scomposizione.

Digitazione:

GROUP DROP

Raggruppa elementi di vuoto

Questo strumento consente di identificare un elemento solido e i relativi elementi di vuoto associati. Per solido ed elementi di vuoto associati si intendono figure, ellissi e/o figure complesse posizionate nello stesso piano. Gli elementi di vuoto non sono campiti e vengono visualizzati come trasparenti nelle viste con rendering.

Per raggruppare un solido con uno o pi elementi di vuoto


1. Selezionare lo strumento Raggruppa elementi di vuoto. 2. Identificare lelemento solido. 3. Identificare gli elementi di vuoto da associare al solido. 4. Accettare lultimo elemento. 5. Resettare. Il solido e gli elementi di vuoto vengono consolidati in un gruppo (cella orfana). Lattributo di area (solido o vuoto) di ciascun elemento impostato in modo appropriato. I vuoti seguono

Manuale dellutente di MicroStation

829

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple
immediatamente il solido nella definizione di gruppo.

Raggruppa elementi di vuoto. Il rettangolo identificato come solido, mentre il cerchio e lesagono sono considerati elementi di vuoto (vista dallalto).

Digitazione:

GROUP HOLES

Per creare un solido 3D di estrusione o rivoluzione con uno o pi elementi di vuoto, possibile utilizzare lo strumento Raggruppa elementi di vuoto per associare lelemento di contorno planare ai relativi elementi di vuoto prima di generare il solido con lo strumento Estrudi (vedere pagina 9-112) o Costruisci rivoluzione (vedere pagina 9-117) .

Vista con rendering di un solido estruso generato dal gruppo creato nella figura.

Utilizzo di linee multiple


Un elemento di linea multipla costituito da un massimo di 16 linee

830

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple
definite singolarmente e da giunti e chiusure opzionali.

Linee multiple

La definizione linea multipla attiva specifica la forma delle linee multiple posizionate con lo strumento Posiziona linee multiple. Le linee componenti possono presentare distanze reciproche variabili e a ciascuna di esse possibile associare un livello, un colore, uno stile e uno spessore di linea differenti. possibile definire e salvare le linee multiple come stili nei file di impostazioni. possibile eliminare intersezioni di linee multiple e modificare singoli componenti di linee multiple utilizzando gli strumenti del menu Giunti di linee multiple (vedere pagina 8-38) . possibile associare linee multiple ad altri elementi (per ulteriori informazioni, vedere Associazione di linee multiple a pagina 8-57).

Manuale dellutente di MicroStation

831

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple

Procedura generica Per definire una linea multipla


1. Dal menu Elemento, scegliere Linee multiple. Viene visualizzata la finestra di dialogo Linee multiple.

I controlli indicano le impostazioni che costituiscono la definizione di linea multipla attiva. Se esiste una linea multipla definita, questa viene visualizzata graficamente nellangolo inferiore sinistro della finestra di dialogo. Il menu di opzioni Componen. determina i controlli che vengono visualizzati nella finestra di dialogo. 2. Aggiungere le linee multiple desiderate alla definizione di linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per aggiungere una linea a una definizione di linea multipla a pagina 8-33. 3. Modificare loffset di ogni nuova linea componente. Per ulteriori informazioni, vedere Per modificare loffset di una linea componente a pagina 8-33. 4. Associare alle linee componenti gli attributi desiderati di classe, livello, colore, spessore e stile che sostituiranno gli attributi dellelemento attivo quando verr posizionata la linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per associare a una linea componente gli attributi sostitutivi di quelli dellelemento attivo a pagina 8-34. 5. Assegnare alle aree comprese tra le linee componenti i colori di riempimento desiderati. Per ulteriori informazioni, vedere Per aggiungere un colore di riempimento a una definizione di linea multipla a pagina 8-34.

832

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple
6. Eliminare le linee non desiderate dalla definizione di linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per eliminare una linea componente da una definizione di linea multipla a pagina 8-34. 7. Definire una chiusura iniziale per la linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per definire una chiusura iniziale per una linea multipla a pagina 8-34. 8. Definire una chiusura finale per la linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per definire una chiusura finale per una linea multipla a pagina 8-35. 9. Modificare le impostazioni relative ai giunti, ossia alle linee opzionali visualizzate in corrispondenza dei vertici della linea multipla. Per ulteriori informazioni, vedere Per definire i giunti di una linea multipla a pagina 8-36. 10. Salvare la nuova definizione di linea multipla come componente di un gruppo di impostazioni. Per ulteriori informazioni, vedere File di impostazioni nel Manuale dellamministratore.

Per aggiungere una linea a una definizione di linea multipla


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Linee. 2. Dal menu Modifica della finestra di dialogo, scegliere Inserisci. Nella casella di riepilogo relativa alle linee viene visualizzata una nuova linea a cui assegnare un valore di offset e gli attributi di sostituzione.

Per modificare loffset di una linea componente


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Linee. 2. Selezionare la linea desiderata dalla casella di riepilogo. 3. Nel campo Offset, specificare un valore di offset positivo o negativo, espresso in unit di lavoro.

Manuale dellutente di MicroStation

833

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple

Per associare a una linea componente gli attributi sostitutivi di quelli dellelemento attivo
1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Linee. 2. Selezionare la linea desiderata dalla casella di riepilogo. 3. Per assegnare alla linea selezionata gli attributi di classe, livello, colore, spessore e stile che sostituiranno gli attributi dellelemento attivo, attivare i controlli nella parte destra della finestra e modificare le impostazioni. I controlli di questa finestra sono identici a quelli contenuti nella finestra di dialogo Attributi elemento.

Per aggiungere un colore di riempimento a una definizione di linea multipla


1. Nella finestra di dialogo Linee multiple, attivare Colore riempim. 2. Dalla tavola dei colori adiacente, selezionare il colore desiderato.

Per eliminare una linea componente da una definizione di linea multipla


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Linee. 2. Selezionare la linea desiderata dalla casella di riepilogo. 3. Dal menu Modifica della finestra di dialogo, scegliere Elimina.

Per definire una chiusura iniziale per una linea multipla


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Chiusura iniziale. Vengono visualizzati i controlli per la definizione di una chiusura iniziale e nellangolo inferiore sinistro della finestra di dialogo viene visualizzata una rappresentazione grafica

834

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple
della definizione della chiusura. 2. Attivare uno, due o tutti i tipi di chiusura iniziale: Linea: viene utilizzata una linea retta che attraversa lestremit della linea multipla. Arco esterno: viene utilizzato un singolo arco che unisce le due linee pi esterne. Archi interni: vengono utilizzati degli archi che uniscono ciascuna linea componente alla linea ad essa pi vicina su ogni lato. 3. Per assegnare alla chiusura iniziale gli attributi di classe, livello, colore, spessore e stile linea che sostituiranno gli attributi dellelemento attivo, attivare i controlli nella parte destra della finestra e modificare le impostazioni. I controlli di questa finestra sono identici a quelli contenuti nella finestra di dialogo Attributi elemento.

Per definire una chiusura finale per una linea multipla


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Chiusura finale. Vengono visualizzati i controlli per la definizione di una chiusura finale e nellangolo inferiore sinistro della finestra di dialogo viene visualizzata una rappresentazione grafica della definizione della chiusura. 2. Attivare uno, due o tutti i tipi di chiusura finale: Linea: viene utilizzata una linea retta che attraversa lestremit della linea multipla. Arco esterno: viene utilizzato un singolo arco che unisce le due linee pi esterne. Archi interni: vengono utilizzati degli archi che uniscono ciascuna linea componente alla linea ad essa pi vicina su ogni lato. 3. Per assegnare alla chiusura finale gli attributi di classe, livello, colore, spessore e stile linea che sostituiranno gli attributi dellelemento attivo, attivare i controlli nella parte destra della finestra e modificare le impostazioni. I controlli di questa finestra sono identici a quelli contenuti nella finestra di dialogo Attributi elemento.

Manuale dellutente di MicroStation

835

Tecniche avanzate di disegno 2D


Utilizzo di linee multiple

Per definire i giunti di una linea multipla


1. Dal menu di opzioni Componen della finestra di dialogo Linee multiple, selezionare Giunti. Vengono visualizzati i controlli per la definizione dei giunti di una linea multipla. Inoltre, se selezionata lopzione Visualizza giunti, nellangolo inferiore sinistro della finestra di dialogo viene visualizzata una rappresentazione grafica dei giunti. 2. Per visualizzare i giunti, attivare Visualizza giunti. 3. Per assegnare ai giunti gli attributi di classe, livello, colore, spessore e stile che sostituiranno gli attributi dellelemento attivo, attivare i controlli nella parte destra della finestra e modificare le impostazioni. I controlli di questa finestra sono identici a quelli contenuti nella finestra di dialogo Attributi elemento.

Per recuperare una definizione di linea multipla memorizzata come stile e renderla attiva
1. Dal menu Impostazioni, scegliere Gestisci. Viene visualizzata la finestra Seleziona impostazioni. nella casella di riepilogo Gruppo vengono elencati i gruppi di impostazioni di disegno contenuti nel file di impostazione aperto. 2. Dal menu Stile della finestra di dialogo, scegliere Linea multipla. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona tipo di linee multiple.

Finestra di dialogo Seleziona tipo di linee multiple

836

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Scomposizione delle linee multiple

3. Dalla casella di riepilogo, selezionare gli stili desiderati. 4. Fare clic su Carica. La definizione di linea multipla attiva viene impostata in base alla definizione dello stile specificato.

Scomposizione delle linee multiple


possibile scomporre una linea multipla ossia separare gli elementi che la compongono (linee, spezzate, ecc.), per poterne manipolare i componenti separatamente.

Per scomporre tutte le linee multiple contenute nella fence, digitare FENCE DROP MLINE.

Per scomporre una linea multipla


1. Dal menu degli strumenti Scomponi, selezionare lo strumento Scomponi linee multiple (vedere pagina 5-96) .

2. Identificare la linea multipla. 3. Accettare la scomposizione.

Metodo alternativo Per scomporre una linea multipla


1. Selezionare la linea multipla. 2. Dal menu degli strumenti Scomponi, selezionare lo strumento Scomponi linee multiple. Per scomporre una linea multipla nei relativi componenti

Manuale dellutente di MicroStation

837

Tecniche avanzate di disegno 2D


Menu degli strumenti Giunti di linee multiple
possibile utilizzare anche lo strumento Scomponi elemento, con lopzione Linee multiple attivata.

Menu degli strumenti Giunti di linee multiple


Gli strumenti del menu degli strumenti Giunti di linee multiple consentono di creare giunti nei punti di intersezione di linee multiple, tagliare (interrompere) le linee multiple e modificarne i componenti. possibile posizionare linee multiple utilizzando lo strumento Posiziona linea multipla (vedere pagina 3-28) del menu degli strumenti Elementi lineari.
Per Selezionare nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple

Creare un giunto sovrapposto

Costruisci giunto sovrapposto (vedere pagina 8-40)


Creare un giunto a croce aperto

Costruisci giunto a croce aperto (vedere pagina 8-41)


Creare un giunto a croce unito

Costruisci giunto a croce unito (vedere pagina 8-42)


Tagliare (interrompere) una linea componente in un segmento di linea multipla

Taglia linea componente singola (vedere pagina 8-43)

838

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Menu degli strumenti Giunti di linee multiple
Per Selezionare nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple

Tagliare (interrompere) tutte le linee componenti in un segmento di linea multipla.

Taglia tutte le linee componenti (vedere pagina 8-44)

Creare un giunto a T chiuso

Costruisci giunto a T chiuso (vedere pagina 8-45)


Creare un giunto a T aperto

Costruisci giunto a T aperto (vedere pagina 8-46)


Creare un giunto a T unito

Costruisci giunto a T unito (vedere pagina 8-47)


Creare un giunto ad angolo

Costruisci giunto ad angolo (vedere pagina 8-48)


Rimuovere uninterruzione in una linea multipla

Annulla taglio linee componenti (vedere pagina 8-49)

Manuale dellutente di MicroStation

839

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto sovrapposto
Per Selezionare nel menu degli strumenti Giunti di linee multiple

Cancellare parzialmente una linea multipla senza perdere le interruzioni create in precedenza

Eliminazione parziale linee multiple (vedere pagina 8-50)

Spostare la linea di lavoro di una linea multipla o una delle linee componenti

Sposta profilo linee multiple (vedere pagina 8-52)


Modificare la chiusura finale di una linea multipla

Modifica chiusure linee multiple (vedere pagina 8-54)

Digitazione:

DIALOG TOOLBOX JOINTS [OFF | ON | TOGGLE]

Costruisci giunto sovrapposto

Questo strumento consente di creare un giunto sovrapposto tra due linee multiple.

840

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto a croce aperto

Per creare un giunto sovrapposto


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto sovrapposto 2. Identificare la linea multipla da interrompere. 3. Identificare la seconda linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto sovrapposto

Digitazione:

JOIN CROSS CLOSED

Costruisci giunto a croce aperto

Questo strumento consente di creare un giunto a croce aperto tra due linee multiple. Tutte le linee componenti della prima linea multipla identificata vengono interrotte, oltre alle linee componenti esterne della seconda linea multipla.

Manuale dellutente di MicroStation

841

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto a croce unito

Per creare un giunto a croce aperto


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto a croce aperto. 2. Identificare la prima linea multipla. 3. Identificare la seconda linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto a croce aperto

Digitazione:

JOIN CROSS OPEN

Costruisci giunto a croce unito

Questo strumento consente di creare un giunto a croce unito tra due linee multiple.

842

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Taglia linea componente singola

Per creare un giunto a croce unito


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto a croce unito. 2. Identificare una linea multipla. 3. Identificare la seconda linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto a croce unito

Digitazione:

JOIN CROSS MERGE

Taglia linea componente singola

Questo strumento consente di tagliare (interrompere) una linea componente in un segmento di linea multipla.

Manuale dellutente di MicroStation

843

Tecniche avanzate di disegno 2D


Taglia tutte le linee componenti

Per tagliare una linea componente singola


1. Selezionare lo strumento Taglia linea componente singola. 2. Identificare la linea componente in corrispondenza del punto in cui iniziare il taglio. 3. Inserire un punto dati per definire la fine del taglio.

Taglia linea componente singola

Digitazione:

CUT SINGLE

Per riconnettere linee componenti tagliate, utilizzare lo strumento Annulla taglio linee componenti (vedere pagina 8-49) .

Taglia tutte le linee componenti

Questo strumento consente di tagliare (interrompere) tutte le linee componenti in un segmento di linea multipla. I tagli vengono eseguiti sullasse perpendicolare alla linea componente identificata.

844

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto a T chiuso

Per tagliare tutte le linee componenti


1. Selezionare lo strumento Taglia tutte le linee componenti. 2. Identificare qualsiasi linea componente in corrispondenza del punto in cui iniziare il taglio. 3. Inserire un punto dati per definire la fine del taglio.

Taglia tutte le linee componenti

Digitazione:

CUT ALL

Per riconnettere linee componenti tagliate, utilizzare lo strumento Annulla taglio linee componenti (vedere pagina 8-49) . Quando una linea multipla viene tagliata, rimane un unico elemento. Per cancellare una parte di una linea multipla, utilizzare lo strumento Eliminazione parziale linee multiple (vedere pagina 8-50) .

Costruisci giunto a T chiuso

Questo strumento consente di prolungare o ridurre una linea multipla fino ad intersecarne unaltra e di creare un giunto a T chiuso.

Manuale dellutente di MicroStation

845

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto a T aperto

Per creare un giunto a T chiuso


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto a T chiuso. 2. Identificare la linea multipla da prolungare o ridurre. 3. Identificare la linea multipla rispetto alla quale prolungare o ridurre la prima linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto a T chiuso

Digitazione:

JOIN TEE CLOSED

Quando una linea multipla viene ridotta, viene mantenuta la parte di linea multipla identificata.

Costruisci giunto a T aperto

Questo strumento consente di prolungare o ridurre una linea multipla fino ad intersecarne unaltra e di creare un giunto a T aperto.

846

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto a T unito

Per creare un giunto a T aperto


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto a T aperto. 2. Identificare la linea multipla da prolungare o ridurre. 3. Identificare la linea multipla rispetto alla quale prolungare o ridurre la prima linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto a T aperto

Digitazione:

JOIN TEE OPEN

Costruisci giunto a T unito

Questo strumento consente di prolungare o ridurre una linea multipla fino ad intersecarne unaltra e di creare un giunto a T unito.

Manuale dellutente di MicroStation

847

Tecniche avanzate di disegno 2D


Costruisci giunto ad angolo

Per creare un giunto a T unito


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto a T unito. 2. Identificare la linea multipla da prolungare o ridurre. 3. Identificare la linea multipla rispetto alla quale prolungare o ridurre la prima linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto a T unito

Digitazione:

JOIN TEE MERGE

Quando una linea multipla viene ridotta, viene mantenuta la parte di linea multipla identificata.

Costruisci giunto ad angolo

Questo strumento consente di prolungare o ridurre due linee multiple

848

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Annulla taglio linee componenti
fino alla relativa intersezione e di creare un giunto ad angolo.

Per creare un giunto ad angolo


1. Selezionare lo strumento Costruisci giunto ad angolo. 2. Identificare una linea multipla. 3. Identificare la seconda linea multipla. 4. Accettare il giunto.

Costruisci giunto ad angolo

Digitazione:

JOIN CORNER

Quando una linea multipla viene ridotta, viene mantenuta la parte di linea multipla identificata.

Annulla taglio linee componenti

Questo strumento consente di annullare uninterruzione in una

Manuale dellutente di MicroStation

849

Tecniche avanzate di disegno 2D


Eliminazione parziale linee multiple
linea multipla, se tale interruzione stata effettuata utilizzando uno degli strumenti di taglio o di unione.

Per annullare il taglio di una linea componente singola


1. Selezionare lo strumento Annulla taglio linee componenti. 2. Identificare un estremo dellinterruzione. 3. Accettare la modifica.

Annullamento del taglio di una linea componente

Per annullare il taglio di tutte le linee componenti


1. Selezionare le linee multiple. 2. Selezionare lo strumento Annulla taglio linee componenti.

Digitazione:

UNCUT

Eliminazione parziale linee multiple

850

Manuale dellutente di MicroStation

Tecniche avanzate di disegno 2D


Eliminazione parziale linee multiple
Questo strumento consente di eliminare parzialmente una linea multipla senza perdere le interruzioni create in precedenza.

ImEffetto postazione strumento

Modalit chiusura

Determina se devono essere create chiusure finali e il modo in cui vengono definite. NessunoNon viene creata alcuna chiusura. La chiusura finale avr un angolo di 90 . Lo stesso effetto si ottiene con lo strumento Taglia tutte le linee componenti (vedere pagina 8-44) . CorrenteUtilizza le definizioni di chiusura iniziale e finale della linea multipla identificata. AttivaUtilizza la definizione della linea multipla attiva. GiuntoUtilizza la definizione del giunto della linea multipla identificata anzich di quella della chiusura finale. Assicura che la chiusura finale avr sempre un angolo di 90 .

Per eliminare parte di una linea multipla


1. Selezionare lo strumento Eliminazione parziale linee multiple. 2. Identificare la linea multipla in corrispondenza di unestremit della parte da eliminare. 3. Per una linea multipla aperta, inserire un punto dati per definire laltra estremit della parte da eliminare. o Per una linea multipla chiusa, inserire un punto dati per definire la direzione delleliminazione. Quindi inserire un altro punto dati

Manuale dellutente di MicroStation

851

Tecniche avanzate di disegno 2D


Sposta profilo linee multiple
per de