Sei sulla pagina 1di 360

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Graphisoft
Visit the Graphisoft website at http://www.graphisoft.com for local distributor and product availability information.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10


Copyright 2006 by Graphisoft, all rights reserved. Reproduction, paraphrasing or translation without express prior written permission is strictly prohibited.

Trademarks
ArchiCAD and ArchiFM are registered trademarks and PlotMaker, Virtual Building, StairMaker and GDL are trademarks of Graphisoft. All other trademarks are the property of their respective holders.

Introduzione

INTRODUZIONE
La Guida di riferimento di ArchiCAD 10 contiene sei capitoli principali, che forniscono una panoramica concisa delle caratteristiche e le funzioni di ArchiCAD. Questo materiale disponibile anche mediante il sistema della Guida elettronica. L'Appendice di questa Guida di riferimento, che fornisce descrizioni pi dettagliate di ciascuna finestra d'impostazione e di dialogo, disponibile soltanto nel sistema d'Aiuto elettronico Capitoli di questo libro: Configurazione riassume ci che si deve sapere per installare e configurare il proprio programma ArchiCAD. Interazione introduce alle operazioni di base di ArchiCAD. Tale capitolo comprende due sezioni principali: Navigazione e Editazione generale. Edificio virtuale descrive le viste del modello e le finestre che si useranno per creare il proprio Edificio virtuale usando gli strumenti di progettazione di ArchiCAD. Documentazione descrive gli strumenti di disegno e annotazione di ArchiCAD, oltre al processo integrato di Creazione di layout per la produzione di una documentazione finale completa per il proprio progetto. Collaborazione presenta la funzione Teamwork che consente ai gruppi di architetti di lavorare contemporaneamente allo stesso progetto. Questo capitolo tratta anche come includere strutture ripetitive in modo efficiente, un processo intelligente di importazione, esportazione e unione, e un processo di annotazione online. Visualizzazione comprende tutti gli strumenti e le tecniche che consentono di visualizzare e presentare i propri progetti architettonici ai clienti.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Introduzione

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

CONTENUTI
Introduzione ______________________________________________ 3 Configurazione ____________________________________________ 9 Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9 Licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9 Versione Demo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9 Versione Educational . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10 Versione Commerciale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10 Protezione Hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10 Procedure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11 Informazioni di compatibilit. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11 Installazione Standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11 Standard aziendali predefiniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13 Aggiornamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14 Installazioni Addizionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15 Ambiente di lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Schemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16 Profili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 Impostazioni dell'Interfaccia utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 Add-On. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19 Goodies . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20 Impostazione del progetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20 Scala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20 Piani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21 Lucidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22 Librerie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23 Preferenze. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26 Attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27 Preferiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31 Gestione dei Progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32 Interazione________________________________________________37 Navigazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37 Navigazione in 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37 Navigazione in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .39 Navigatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 La palette Organizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43 Visualizzazione del Navigatore/Organizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43 Mappa Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44 Mappa Vista. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45 Book di Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48 Set di Pubblicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .49 Codici Colore del Navigatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .49 Progetti Esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50 Indici Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50 Editazione Generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 Concetti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .51 Il cursore intelligente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .51 Evidenziatore delle Informazioni elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .54 Informazioni elemento: finestra pop-up (Etichette Informazioni). . . . . . . . . . . . . . .54 Selezione esplicita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55 Deselezionare elementi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59 Ulteriori funzionalit di Selezione in ArchiCAD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59 Area di Selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59 Origini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64 Inserimento di Coordinate Numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .65 Lo Strumento di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .68 Il Sistema delle Griglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .68 Linee Guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .69 Forzature del Mouse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .73 Forzatura delle coordinate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75 Metodi di Costruzione Relativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75 Snap a Elementi Presistenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .78 Elevazione e Gravit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .80 Tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .82 Scorciatoie da tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .83 Annullare operazioni con i tasti Esc e Backspace. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .83 Le Pet Palette. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .83 Spostare gli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .84 Modifica delle dimensioni degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .86 Creazione di elementi duplicati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .97

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Contenuti

Drag & Drop. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 Trasferimento di parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100 Raggruppamento degli elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 Blocco degli Elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 Ordine Visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 Utilizzo della Bacchetta Magica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105 Edificio virtuale __________________________________________ 109 Viste del modello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109 Pianta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110 Piano di Taglio Pianta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111 Visualizzazione degli Elementi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111 Opzioni di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115 Finestra 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117 Contenuto della finestra 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117 Proiezioni 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119 Motori 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120 Modalit 3D. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121 Sezione 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 Allinea texture 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 Sezioni/Alzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 Finestre Sezione/Alzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123 Come creare Sezioni/Alzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124 Visualizzazione delle Sezioni/Alzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126 Aggiornamento di Sezioni/Alzati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 Disegni Dettaglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 Creare dettagli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 Aggiornamento della Finestra Dettaglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132 Abaco Interattivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132 Definizione e creazione degli Abachi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 Visualizzare gli Abachi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 Modifica e Aggiornamento degli Abachi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 Elementi Standard. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 Muri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 Creazione di Muri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135 Profili Complessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142 Collegamenti Muro-Muro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144 I muri e gli altri elementi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147

Falde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 Creazione di Falde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 Intersezioni tra le falde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154 Taglio degli elementi per mezzo delle Falde. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154 Colonne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157 Creazione di Colonne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 Le colonne e gli altri elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 Travi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159 Creazione di Travi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160 Le travi e gli altri elementi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161 Scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162 Scale Standard. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163 Scale Personalizzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173 Solai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175 Creazione di Solai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176 I solai e gli altri elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176 Mesh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177 Creazione di Mesh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177 Zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178 Creazione di Zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180 Aggiornamento delle zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184 Oggetti Parametrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184 Inserimento di un oggetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186 Manipolazione degli Oggetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187 Creazione grafica di Oggetti personalizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191 Programmazione di Oggetti personalizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194 Componenti Personalizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195 Oggetti speciali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198 Porte/Finestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198 Finestre d'angolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201 Lucernari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202 Teste Muro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202 Oggetti Scala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202 Extra Elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .203 RoofMaker . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203 TrussMaker. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207 Operazioni con Elementi Solidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209 Alzati Interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212 Griglia Strutturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Contenuti

Documentazione __________________________________________ 215 Stesura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215 Retini. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .215 Linee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .221 Hotspot. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .228 Figure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .229 Disegni nelle Viste Modello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .230 Annotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231 Quotature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .231 Blocchi di testo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .242 Testo Automatico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .245 Riferimenti Testo automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .247 Etichette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .247 Editazione di Testi in ArchiCAD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .248 Creazione di Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249 Il Book di Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .250 Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .252 Layout Master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .253 Sottoinsiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .254 Disegni nel Book di Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .254 Titoli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .254 Posizionamento di Elementi sui Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .255 ID di Disegni e Layout. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .257 Modifica dei Disegni nei Layout. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .260 Gestione e Aggiornamento dei Disegni Posizionati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .260 Schemi di organizzazione del lavoro per la realizzazione dei Layout . . . . .262 Progetti minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .262 Progetti di medie dimensioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .262 Progetti di grandi dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .263 Realizzazione dei Layout in TeamWork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .263 Pubblicazione dei Layout. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .264 Pubblicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264 STAMPA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .264 Plottaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .265 Funzione Publisher . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .266 Creazione PDF. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .269 Computo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270 Le fonti del Computo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .270
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Impostazione del computo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .272 Tipi di liste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .273 Visualizzare le liste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .274 Informazioni Elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .275 Gestione dellID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .276 Collaborazione ___________________________________________ 279 Teamwork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279 Impostazione del progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .279 I Ruoli nel gruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .279 Condividere il progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .281 Esclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .282 Lavorare nellarea riservata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .283 Mappa Vista e Set di Pubblicazione in Teamwork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .284 Flusso di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .285 Inviare e ricevere le modifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .285 Lavorare su una copia locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .286 Tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .286 Lavorare Off-Line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .290 Gestione della Libreria in Teamwork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .291 I file di Teamwork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .293 Soluzione dei problemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .294 Strategie per il lavoro di gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .298 Studi di piccole dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .298 Studi di medie dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .299 Grandi studi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .301 Collegamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303 Creazione di moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .305 Modulo Lucido Master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .305 Posiziona un Modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .306 Gestione Modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .306 Moduli nidificati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .306 Rimozione e Interruzione di Collegamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .307 Offset e Rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .307 Aggiornare Collegamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .308 Situazioni multipiattaforma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .308 Ripristinare collegamenti mancanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .308 Moduli collegati e Teamwork . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .308 XREF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .309

Contenuti

Scambio Dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310 Apertura di file DWG/DXF. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311 Salvataggio di file DWG/DXF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313 Opzioni di Unione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315 Conversione Circolare (Unione intelligente) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316 Consultazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318 Project Reviewer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 Uso di Revisione Progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 Revisione Progetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322 Gestione Varianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323 Concetti della Revisione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324

Visualizzazione ___________________________________________327 Telecamere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .327 FotoRendering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .328 Opzioni Base LightWorks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329 Opzioni LightWorks per utenti esperti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331 Esempio LightWorks in Esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 Esempio LightWorks in Interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337 Extra di Visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .338 Vola-Attraverso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338 Oggetti VR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339 Scene VR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340 Studio Luce Solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342 Allinea Vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342 Indice ___________________________________________________347

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

CONFIGURAZIONE
L'interfaccia amichevole e intuitiva di ArchiCAD vi permette di cominciare a progettare il vostro Edificio virtuale fin dall'inizio. I settaggi e i profili utente di default sono configurati in modo da adattarsi alle usuali abitudini di lavoro della maggior parte degli architetti. All'inizio, l'opzione di installazione Tipica di ArchiCAD la scelta migliore. Man mano che svilupperete le vostre personali preferenze di lavoro, potrete facilmente personalizzare ArchiCAD, cos da rendere il vostro lavoro di progettazione il pi possibile semplice e piano. Gli studi pi grandi, i progetti pi vasti o gli utenti pi avanzati possono tuttavia richiedere una configurazione pi specializzata. Se desiderate preparare fin dall'inizio il vostro programma in modo che sia conforme agli standard del vostro studio e alle vostre preferenze sull'ambiente di lavoro, in questo capitolo riassunto ci che avete bisogno di sapere per installare e impostare il vostro programma ArchiCAD - prima ancora di cominciare a disegnare il primo muro del vostro Edificio virtuale. La prima sezione descrive i parametri di installazione, che possono variare in base al tipo di licenza da voi acquistato. La maggior parte degli utenti potr scegliere l'opzione di installazione tipica, ma possibile che i gestori CAD preferiscano personalizzare questa opzione standard, o installare degli standard aziendali predefiniti in luogo di quelli tipici. Una volta che il programma sar installato e funzionante, potrete personalizzare il vostro Ambiente di Lavoro. I settaggi dell'Ambiente di Lavoro sono specifici per ogni utente, e vengono salvati sul vostro computer. Vi sono decine di tali settaggi personalizzabili - ad esempio le scorciatoie da tastiera e le posizioni delle vostre palette sullo schermo. Potete raccogliere i vostri settaggi preferiti per uso futuro, e anche riportarli su un altro computer, salvandoli come schema. ArchiCAD viene fornito con dei Profili Ambiente di lavoro predefiniti (che contengono degli schemi), ma naturalmente possibile personalizzarli per adattarli alle vostre preferenze. Ora che i settaggi del programma sono impostati secondo le vostre preferenze, il passo successivo la creazione di un progetto. L'impostazione del progetto comprende la definizione di varie
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

preferenze, il caricamento delle librerie appropriate, ed una riflessione sul modo in cui volete strutturare il vostro progetto (tanto in termini strutturali quanto in senso logico). Con ci, il vostro programma ArchiCAD e la configurazione del progetto sono completamente impostati e siete pronti per cominciare a disegnare.

INSTALLAZIONE
ArchiCAD 10 fornito in un unico CD-ROM che contiene due versioni della licenza: una per uso commerciale e una per uso di istruzione. La vostra procedura di installazione dipende da il tipo della licenza ArchiCAD da voi posseduta (Commerciale o Educational), e la procedura di installazione da voi preferita (Tipica, Personalizzata o Avanzata).

Licenze
Vi sono due tipi di licenze per ArchiCAD: per uso commerciale e per uso di istruzione. Nel corso della procedura di installazione, vi verr chiesto di scegliere una delle due versioni della licenza. Scegliete la versione Commerciale se il vostro pacchetto contiene una chiave di protezione hardware (dongle) per ArchiCAD, o se desiderate installare una Versione Demo. Scegliete la versione Educational se siete uno studente e avete ricevuto un Numero di Serie per ArchiCAD.

Versione Demo
Se avete ricevuto una copia di ArchiCAD a scopo di valutazione, il vostro pacchetto non comprende una chiave hardware, e sarete in grado di eseguire ArchiCAD soltanto in modalit Demo. La modalit Demo serve a esplorare e dimostrare le funzionalit di ArchiCAD. D'altra parte, non potrete salvare o plottare il vostro lavoro, n tagliare/incollare elementi dagli appunti o usare le

Configurazione

funzionalit, Teamwork. Questi comandi e voci di menu sono disabilitati, e l'intestazione ArchiCAD 10 cambia, nella barra del titolo di ArchiCAD, in ArchiCAD 10 Demo. Il vostro programma ArchiCAD potrebbe funzionare in modalit Demo per le seguenti ragioni: nessuna chiave connessa al vostro computer, o tutte le vostre licenze ArchiCAD sono gi in uso, o la vostra chiave di protezione difettosa. In questi casi, un messaggio di allerta apparir quando avviate ArchiCAD, informandovi sul problema con la chiave di protezione. Potrete quindi avviare ArchiCAD in modalit Demo o uscire e risolvere il problema.

Se avete una chiave di protezione hardware, il vostro ArchiCAD funzioner in modalit completa fino a che lavorerete su documenti creati con la versione commerciale. Se, tuttavia, aprite un documento creato in modalit Educational, ArchiCAD passa alla modalit Educational e su ogni pagina compare una filigrana ogni volta che i disegni vengono stampati/plottati.

Protezione Hardware
Attenzione: la chiave di protezione hardware di ArchiCAD rappresenta il vostro investimento in ArchiCAD, quindi abbiatene cura e assicuratela per lintero valore del software cos come fareste per qualsiasi altro bene aziendale. Le chiavi di protezione smarrite non sono sostituibili. La versione completa di ArchiCAD comprende una chiave di protezione singola o di rete. La protezione di rete programmata in modo diverso rispetto a quella singola. Questo significa che le due chiavi non possono essere scambiate. Per attivare la chiave di protezione hardware, si prega di collegarsi a https://upgrade.graphisoft.com e seguire i passi previsti. Se avete acquistato delle nuove licenze ArchiCAD, il vostro fornitore di ArchiCAD vi ha fornito un codice di attivazione. Se eseguite l'aggiornamento di una licenza ArchiCAD gi esistente, la vostra chiave verr aggiornata automaticamente. Per le richieste di aiuto relative all'attivazione della chiave, si prega di rivolgersi al rivenditore locale. Se aggiornate ArchiCAD 7.0 o una versione pi recente, il vostro pacchetto ArchiCAD non comprender la chiave di protezione hardware, perch ArchiCAD 10 funzioner con la vostra chiave di protezione preesistente. In caso di aggiornamento a partire da una versione di ArchiCAD precedente alla 7.0, siete pregati di prendere contatto con il vostro fornitore di ArchiCAD per ricevere la chiave di protezione. Se avete la versione di ArchiCAD dotata di protezione di rete, dovrete installare uno speciale software server sul computer in cui sar inserita la chiave di protezione di rete. Dovete installare tante licenze per il software client quante sono le licenze ArchiCAD da voi acquistate. Attenzione: prima di iniziare l'installazione del sofware di rete, si prega di leggere le istruzioni di installazione che accompagnano le Utilit di rete per ArchiCAD sul CD-ROM.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Versione Educational
Scegliere la versione Educational se si uno studente e si ricevuto un Numero di Serie per ArchiCAD. Le estensioni dei file dei documenti ArchiCAD creati con la versione Educational sono identiche a quelle dei documenti creati con la versione Commerciale (cio PLN per i progetti individuali e PLA per i progetti individuali archivio). Tuttavia, se si stampa un documento creato con la versione Educational, ognuna delle pagine stampate o plottate recher un testo in filigrana. Un documento ArchiCAD creato con la versione Educational pu venire aperto da una versione completa (Commerciale) di ArchiCAD, che in tal caso passer alla modalit Educational fino a quando il documento creato con la modalit Educational rester in uso.

Versione Commerciale
Per eseguire la versione commerciale di ArchiCAD in modalit completa, necessaria una chiave hardware di protezione (dongle). A seconda del pacchetto da voi acquistato, la chiave di protezione vi abiliter all'uso di ArchiCAD o come utente singolo o all'interno di una rete. Nota: se possedete la versione per rete, il CD conterr un programma di Utilit di rete. Vedere per i dettagli l'accluso file Leggimi.

10

Configurazione

La chiave di protezione deve essere correttamente connessa tutte le volte che userete ArchiCAD, altrimenti non potrete continuare il vostro lavoro o avviare ArchiCAD, fatta eccezione per la modalit demo.

Salvataggio dei file di progetto


ArchiCAD 10 in grado di salvare i file di progetto soltanto in formato ArchiCAD 9 (fra i precedenti formati file di ArchiCAD). Dato che le due versioni trattano i Layout in maniera differente, i Layout creati in ArchiCAD 10 andranno perduti quando il file viene salvato in formato AC 9. Inoltre, non possibile usare gli elementi di libreria delle versioni pi recenti con gli ArchiCAD precedenti.

Procedure
Questa sezione fornisce informazioni su (1) i metodi standard per l'installazione di ArchiCAD, e (2) l'installazione secondo standard aziendali predefiniti. La seconda opzione generalmente utilizzata dai responsabili CAD che desiderano installare delle preferenze standard per tutto il loro studio. Importante: per installare ArchiCAD, dovete entrare come membro del Gruppo Amministratori del vostro sistema operativo.

Installazione Standard
L'Installazione ArchiCAD assistita vi guida attraverso i vari passi per installare ArchiCAD sul vostro computer. Per iniziare l'installazione: 1 Inserite il CD-ROM ArchiCAD nel lettore CD-ROM del vostro computer. Su PC, il dialogo di Installazione ArchiCAD 10 appare automaticamente. Avviate l'Installazione Assistita scegliendo l'opzione ArchiCAD 10. In alternativa, consultate il contenuto del CD-ROM ArchiCAD 10 ed eseguite un doppio-clic sull'applicazione Setup nella directory radice del CD. Su piattaforma MacOS, il volume ArchiCAD 10 verr montato sulla vostra scrivania. Aprite questo volume e cliccate sull'icona ArchiCAD Installer. Nella piattaforma PC, l'installer per prima cosa controlla il vostro ambiente Java. Se Sun Java Runtime Environmentv1.4.2 o successiva non disponibile nel vostro sistema, l'Installer ArchiCAD installer automaticamente Java 1.5. Scegliere ArchiCAD 10 Commerciale o ArchiCAD 10 Educational. Per altre informazioni, vedere Licenze a pagina 9. 2 Dopo aver accettato l'accordo di licenza, dovrete definire la posizione dove installare ArchiCAD 10 nel vostro computer. Potrete accettare la posizione di default proposta dall'Installer o scegliere una cartella esistente o crearne una nuova. 3 Ci sono tre tipi di installazione disponibili: L'opzione Tipica installa tutti i componenti di ArchiCAD 10. Questa consigliata quando installate per la prima volta ArchiCAD.

Informazioni di compatibilit
Vi suggeriamo di continuare ad utilizzare la precedente versione di ArchiCAD nei vostri progetti correnti fino a che non vi sentirete a vostro agio e produttivi con la nuova versione. Consigliamo inoltre di conservare il vostro ambiente di lavoro ArchiCAD esistente per un certo periodo di tempo anche se state usando ArchiCAD 10.

Apertura dei documenti ArchiCAD


ArchiCAD 10 pu aprire i documenti progetto solo delle versioni ArchiCAD 6.5, 7.0, 8, 8.1 e 9. Attenzione: non possibile aprire documenti progetto ArchiCAD 6.0 o precedenti direttamente con ArchiCAD 10. Si prega di usare una versione intermedia di ArchiCAD per convertirli in un formato file utilizzabile Raccomandiamo caldamente di creare degli Archivi (.pla) di ogni progetto creato con vecchie versioni di ArchiCAD. Spostate un progetto in ArchiCAD 10 solamente se lo avete archiviato con la versione precedente. Per altre informazioni sul passaggio dei vostri progetti ad ArchiCAD 10, vedere la Guida alle nuove caratteristiche di ArchiCAD 10, disponibile dal Menu Aiuto o dalla cartella ArchiCAD > Documentazione.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

11

Configurazione

L'opzione Personale installa solo le parti selezionate del pacchetto completo. Scegliete questa opzione solo se avete esperienza nell'installazione e nell'uso di ArchiCAD. Se state usando l'installer nella modalit speciale log, disponibile anche una terza opzione Avanzata. Vedere i dettagli per l'uso dell'installer in modalit log in Standard aziendali predefiniti a pagina 13. Nota: se nel corso della procedura di installazione il programma di installazione rileva la presenza di ArchiCAD 9 installato sul vostro computer, vi sar proposta l'opzione di importare gli eventuali Profili Ambiente di lavoro personalizzati da ArchiCAD 9 in ArchiCAD 10. Per altre informazioni sul passaggio dei vostri progetti ad ArchiCAD 10, vedere La Guida alle nuove caratteristiche di ArchiCAD, disponibile nel menu Aiuto ArchiCAD o dalla cartella ArchiCAD > Documentazione. 4 Come passo finale della procedura di installazione, possibile creare una scorciatoia ArchiCAD 10 Demo sul Desktop. Questa scorciatoia avvier ArchiCAD in modalit demo anche se una chiave di protezione disponibile nel vostro sistema. 5 Dopo aver installato ArchiCAD, connettete la chiave di protezione hardware nella porta USB del vostro computer e riavviate il computer cos che la chiave di protezione hardware possa funzionare correttamente. Per altre informazioni, vedere Protezione Hardware a pagina 10. 6 Sulla piattaforma PC, per eseguire ArchiCAD 10 necessario avere QuickTime versione 6.5 o successiva installato sul computer. Se non gi presente sul vostro sistema, verr installato automaticamente QuickTime 7, e il relativo accordo di licenza verr visualizzato per l'approvazione. Quando avviate ArchiCAD per la prima volta, una finestra di dialogo potrebbe avvisarvi che alcuni componenti ArchiCAD non sono installati. Potrete continuare comunque nell'avvio di ArchiCAD, o potrete uscire dall'applicazione e modificare il vostro sistema in accordo con le indicazioni prima di avviare ArchiCAD nuovamente.

Nota: Se cliccate su Continua comunque, questo messaggio non sar pi visualizzato le volte successive che riavvierete il programma.

Modifica e Riparazione
Se avete gi un ArchiCAD installato, e avviate l'Installazione assistita, vi saranno proposte due opzioni: 1 Aggiungi aggiunger nuove caratteristiche alla vostra installazione corrente. In una lista saranno elencate tutte le caratteristiche disponibili e voi potrete vistare quelle da aggiungere alla corrente installazione. 2 Ripara installer di nuovo ArchiCAD con le caratteristiche della vostra installazione corrente. Potete scegliere di salvare i vostri file preferiti in una cartella di backup. Se selezionate questa opzione, nella vostra cartella ArchiCAD 10 sar creata una cartella backup. Il nome della cartella backup conterr la versione ArchiCAD e la data di creazione; essa includer: i vostri settaggi Add-on precedenti (es. gli schemi lista dell'abaco interattivo) la vostra precedente libreria ArchiCAD 10 i vostri schemi ambiente di lavoro precedenti i vostri settaggi del Navigatore

12

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

Dopo il completamento del processo di riparazione, potrete cancellare questi documenti preferiti o riutilizzarli copiandoli nel vostro ambiente ArchiCAD appena riparato: ricopiate i vostri settaggi Add-On nella rispettiva sottocartella nella vostra cartella ArchiCAD 10/Add-Ons sostituite la libreria nella cartella ArchiCAD 10/Libreria ArchiCAD 10 sostituite la vostra cartella Defaults nella cartella ArchiCAD 10 sostituite i file PNTemplate.bin nella cartella ArchiCAD 10 I documenti Progetto salvati nella cartella ArchiCAD 10 non saranno cancellati o sovrascritti dal processo di riparazione.

Disinstallazione
Per disinstallare ArchiCAD 10, aprite la cartella Uninstall.AC nella vostra cartella ArchiCAD 10, e selezionate l'applicazione Uninstaller. La Disinstallazione Assistita vi aiuter nel rimuovere i documenti installati dall'Installazione Assistita ArchiCAD. Se avete installato pi di un ArchiCAD, potreste voler conservare nel vostro sistema l'installazione del driver WIBU e dei suoi componenti. In questo caso, assicuratevi che l'opzione Rimuovi driver protezione hardware WIBU sia disabilitata. Il programma di disinstallazione non rimuove nessuno dei documenti da voi creati nella cartella principale ArchiCAD - come ad esempio i documenti relativi ai progetti ArchiCAD salvati nella cartella principale ArchiCAD. Importante: Non rimuovete Java Runtime Environment v1.4.2 prima di disinstallare ArchiCAD.

Standard aziendali predefiniti


Potete creare un pacchetto di installazione personale che contiene tutti i settaggi dell'ambiente di lavoro standard dell'ufficio, come: Settaggi Ambiente di Lavoro Librerie caricate di default Traduttori DXF/DWG usati di default La distribuzione di questo pacchetto di installazione nell'ufficio rende possibile a tutti i collaboratori avere una copia di ArchiCAD personalizzata secondo gli standard dello studio determinate dal responsabile CAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Per creare un pacchetto di installazione personalizzato, seguite questi passi: 1 Installate AC10 sulla vostra macchina usando l'opzione di installazione Tipica. Per altre informazioni, vedere Installazione Standard a pagina 11. 2 Usate la finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di lavoro per configurare i profili dell'Ambiente di lavoro che volete installare nei computer dello studio. La maggior parte di tali opzioni si trova in tre finestre di dialogo: Sicurezza dati; Opzioni Web; e Cartelle speciali. Per definire un profilo di default per lo studio, accedere al menu Opzioni > Ambiente di lavoro > Opzioni profilo Ambiente di lavoro. Per altre informazioni, vedere Ambiente di lavoro a pagina 15. 3 Usate la finestra di dialogo Archivio > Librerie e oggetti > Gestore della libreria per caricare le librerie che saranno usate nello studio (es. Libreria standard studio). Le librerie possono risiedere in un server accessibile a tutti gli utenti, o possono anche essere librerie locali, se il percorso alla libreria locale lo stesso su ogni macchina dell'ufficio. Per altre informazioni, vedere Gestione delle Librerie a pagina 25. 4 Usare la finestra di dialogo Settaggi Traduttore (Archivio > Gestione file > Settaggio Traduttore DXF-DWG) per impostare i Traduttori e salvarli in una cartella condivisa su un server che sia accessibile per tutti gli utenti Potete anche creare dei traduttori locali che volete installare sul disco fisso di ogni utente. Per altre informazioni, vedere Scambio Dati a pagina 310. 5 Uscite da ArchiCAD. 6 Dal CD ArchiCAD, copiate la cartella ArchiCAD installer in una cartella condivisa di rete. (Su MacOS: copiate l'intero contenuto del CD in una cartella condivisa di rete. Su PC, copiate solo la cartella ArchiCAD 10.) 7 Nella cartella ArchiCAD installer, c' una sottocartella chiamata CompanyDefaults. Seguendo la gerarchia illustrata nella tabella sottostante, copiate i seguenti file/cartelle nella cartella CompanyDefaults:

13

Configurazione

File
Default Libraries.xml *

da (PC/MacOS)

a
CompanyDefaults/ Defaults/ ArchiCAD

Documents and Settings\user\Application Data\Graphisoft\ArchiCAD 10.0.0 ITA Home/Library/Preferences/ Graphisoft/AC 10.0.0 ITA cartella Documents and Settings\user\Application AmbienteLavoro Data\Graphisoft\ArchiCAD 10.0.0 ITA Home/Library/Preferences/ Graphisoft/AC 10.0.0 ITA Translator Documents and List.Xml Settings\user\Application Data\Graphisoft\Dxf-Dwg Preferences AC 10.0 ITA Home/Library/Preferences/Graphi soft/Dxf-Dwg Preferences AC 10.0 ITA I Traduttori dalla cartella dove li avete creati DXF-DWG che volete installare localmente su ogni macchina

CompanyDefaults/ Defaults/ ArchiCAD

CompanyDefaults/ Defaults

CompanyDefaults/ Defaults/ Traduttori DXF-DWG

Nota: per migliorare la gestione degli elementi di libreria, potete posizionare una copia di questo file XML accanto a qualsiasi file progetto (pln or plp). Il File XML deve avere lo stesso nome del file progetto e l'estensione XML. In tal caso, all'apertura del file progetto, ArchiCAD cercher gli elementi di libreria in tutte le librerie i cui percorsi sono riportati nel file XLM (o da voi aggiunti in esso). 8 Disinstallate ArchiCAD dalla vostra macchina, quindi avviate l'installer ArchiCAD sul server con i seguenti parametri speciali: Su PC, aprite la finestra Esegui dal menu Start. In Windows Explorer, aprite la cartella di installazione di ArchiCAD sul server e trascinate l'icona setup.exe nella finestra Esegui. Il percorso verr copiato nella linea di comando. Aggiungere al nome completo di percorso i parametri -W log.record=yes. Es.:

\\Mio server\Mia cartella\Mia sottocartella\ArchiCAD 10\Setup.exe -W log.record=yes Su MacOS, aprite la finestra Terminale, navigate fino alla cartella di installazione di ArchiCAD e digitate: ArchiCAD\ Installer.app/Contents/MacOS/ArchiCAD\ Installer -W log.record=yes es.: /Volumi/Mia\ Cartella/Mia\ Sottocartella/ArchiCAD\ 10/ArchiCAD\ Installer.app/Contents/MacOS/ArchiCAD\ Installer -W log.record=yes Scegliete Avanzata dal pannello del tipo di settaggio. Usate i pannelli dell'Installazione Assistita per assicurarvi che i componenti desiderati siano inclusi nel pacchetto di installazione. Nota: nel corso della procedura di installazione, vi verr chiesto se i computer host debbano importare dei Profili Ambiente di lavoro personalizzati da ArchiCAD 9 in ArchiCAD 10. 9 Sull'ultimo pannello dell'Installazione Assistita, salvate il file di log generato nella stessa cartella che contiene setup.exe (PC) o ArchiCAD Installer (MacOS). 10 Ora avete creato un pacchetto di installazione. Quando gli utenti avviano setup.exe o ArchiCAD Installer dal server, le normali richieste eseguite dall'Installazione Assistita sono tralasciate; il processo di installazione inizia immediatamente. Le copie installate di ArchiCAD avranno tutte i settaggi di default predefiniti.

Aggiornamenti
Per controllare la disponibilit degli aggiornamenti per la vostra versione localizzata, avviate ArchiCAD 10 e accedete al menu Aiuto. Avete due opzioni da menu per aggiornare il vostro ArchiCAD: 1 Controlla Aggiornamenti aprir il vostro browser internet e vi guider al sito web degli aggiornamenti Graphisoft. Se non sono disponibili aggiornamenti per la vostra versione localizzata di ArchiCAD, la pagina web vi informer che state gi usando una versione aggiornata. Se invece disponibile un aggiornamento, la pagina web vi offrir automaticamente il pacchetto di aggiornamento corrispondente alla vostra corrente installazione ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

14

Configurazione

2 Controlla Libreria pi Recente vi guider al sito per i download dove disponibile l'ultima versione della Libreria che corrisponde al vostro ArchiCAD localizzato. Dovrete confrontare la data dell'ultima modifica della Libreria disponibile sul sito con la data della Libreria ArchiCAD 10 installata sul vostro sistema. Controllate le propriet della vostra Libreria ArchiCAD 10.PLA per capire se necessitate dell'aggiornamento o no. Nota: Se avete usato un patch di aggiornamento e usate la funzione Aggiungi/Ripara dell'Installer del vostro CD ArchiCAD 10 originale, sarete avvisati di re-installare gli aggiornamenti ottenuti. L'opzione Aggiorna ArchiCAD disponibile solo per licenze ArchiCAD 10 complete. Potete trovare altro materiale scaricabile ( come file, goodies, ecc.) presso www.graphisoft.com/support/archicad/downloads.

Driver per Plotter Graphisoft Shell Extension PlotFlow Meander Convertitore PDF

Installazioni Addizionali
Con l'applicazione Installer ArchiCAD 10, possono essere installate le seguenti utilit addizionali:
ambiente Java runtime Java 1.4.2o successivo necessario per avviare le applicazioni di installazione/disinstallazione ArchiCAD 10. Su MacOS, Java compreso nel sistema operativo. Su PC, l'Installer di ArchiCAD 10 verifica il vostro ambiente Java ed installa, se necessario, Java 1.5. componenti di Il driver della protezione hardware necessario per sistema WIBU utilizzare ArchiCAD 10. Se non viene rilevato sul vostro sistema, il driver WIBU verr installato automaticamente insieme ad ArchiCAD 10. Installer QuickTime Per eseguire ArchiCAD 10 necessario QuickTime 6.5 o successivo. Nel sistema MacOS, esso parte del sistema operativo. Su PC, se sul vostro sistema non viene rilevato QuickTime versione 6.5 o successiva verr automaticamente installato QuickTime 7 per Windows insieme ad ArchiCAD 10. Acrobat Reader Acrobat Reader necessario per leggere la documentazione PDF fornita nella cartella ArchiCAD 10/Documentation. Nel sistema MacOS, Acrobat Reader parte del sistema operativo. Nella piattaforma PC, potete installarlo inserendo il CD ArchiCAD 10 e selezionando l'opzione Acrobat Reader nel dialogo di installazione ArchiCAD 10.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Nell'installazione tipica, in ArchiCAD 10 sono incorporati diversi driver per un'ampia gamma di plotter compatibili HPGL. Opzionale, solo per PC. Utilit opzionale per estendere le informazioni sulle propriet dei file Graphisoft per la piattaforma Windows Utilit opzionale per gestire il plottaggio in rete Strumento di presentazione opzionale basato su QuickTime per la visualizzazione di filmati in realt virtuale. Il Convertitore PDF Amyuni opzionale una stampante virtuale per Windows XP che crea documenti PDF. Nota: il convertitore PDF Amyuni non disponibile per il S.O. Windows XP a 64 bit. Nella piattaforma MacOS le capacit di lettura/scrittura PDF sono integrate nel sistema operativo.

Per altre informazioni sulle utilit addizionali, aprire le rispettive cartelle delle applicazioni nella cartella principale ArchiCAD e leggetene le dettagliate descrizioni.

AMBIENTE DI LAVORO
Man mano che vi abituerete a lavorare con ArchiCAD, svilupperete delle preferenze personali per l'uso delle funzioni del programma e per la disposizione sullo schermo delle varie palette, barre strumenti e dei menu. Imposterete la maggior parte di tali opzioni mediante la finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di lavoro. Potrete personalizzare qualsiasi settaggio mentre lavorate: aprite semplicemente il dialogo Ambiente di Lavoro, modificatene i settaggi come necessario, e premete OK. I settaggi avranno effetto immediato. Per altre informazioni sulle impostazioni dell'ambiente di lavoro, vedere Ambiente di lavoro nell'Aiuto ArchiCAD. Se avete personalizzato un certo numero di settaggi, vale la pena di salvarli per l'uso futuro sul medesimo computer, in modo che il vostro Ambiente di lavoro personalizzato sia pronto fin dal momento in cui cominciate a lavorare.

15

Configurazione

I singoli settaggi sono distribuiti in Schemi; il salvataggio dei settaggi avviene a livello di Schema. Contrariamente ai Settaggi di progetto, che vengono salvati insieme ai documenti di progetto, gli Schemi ambiente di lavoro vengono salvati in una cartella locale sul vostro computer. Per i dettagli, vedere Schemi a pagina 16. Potete memorizzare qualsiasi schema con un nome; potete anche combinare i vari schemi in un profilo, e memorizzare il profilo con un determinato nome. Mediante l'interfaccia di ArchiCAD (Opzioni > Ambiente di lavoro > Profili ambiente di lavoro), potete esportare e importare Schemi e Profili: ci vi consente di trasferire i vostri settaggi preferiti su altri computer, o di conservarli dopo l'installazione di una nuova versione di ArchiCAD. La possibilit di salvare e rinominare qualsiasi combinazione di settaggi dell'Ambiente di Lavoro pu essere utile non solo per il singolo utente ma anche per facilitare la coerenza fra diversi utenti che lavorano sullo stesso progetto. I responsabili CAD possono creare Ambienti di Lavoro con gli standard dello studio, memorizzarli in un server e caricarli da questo per ridurre il rischio di errore. Per altre informazioni, vedere Standard aziendali predefiniti a pagina 13.

Schemi
I settaggi dell'Ambiente di lavoro sono divisi in sei gruppi di schemi indipendenti: Schemi preferenze utente: decine di settaggi dettagliati, come le vostre preferenze per l'immissione delle coordinate, l'uso delle Linee Guida e il modo in cui vengono indicati gli elementi selezionati sullo schermo. Schemi standard aziendali: qui sono contenuti dei settaggi che spesso sono impostati in modo standard per tutta l'azienda, come l'intervallo di tempo tra i salvataggi automatici e le pagine Web di default per cercare elementi di libreria. Schemi scorciatoia: assegna una scorciatoia personalizzata a una delle azioni ArchiCAD elencate nella finestra di dialogo. Schemi strumento: definisce l'ordine degli strumenti nella vostra barra strumenti, o suddivide gli strumenti in gruppi secondo le vostre esigenze.

Schemi palette: uno schema cattura la posizione, la forma e lo stato di tutte le palette sul vostro schermo, cos da permettervi di ricostituire la vostra disposizione preferita in qualsiasi momento. Schemi layout comando: qui potete raccogliere qualsiasi combinazione di comandi in una barra strumenti personalizzata, nonch aggiungere a un menu dei comandi o eliminarli da esso. E' possibile anche creare un proprio menu. ArchiCAD fornito con dei settaggi predefiniti per ciascuno schema. Per applicare uno schema memorizzato, scegliete lo schema desiderato dall'elenco pop-up visualizzato dal pulsante Applica schema che si trova nella parte superiore di ognuna delle pagine di settaggio dell'Ambiente di lavoro. (Potete applicare uno schema anche utilizzando la pagina Opzioni schema di Ambiente di lavoro; la pagina Opzioni schema viene visualizzata ogni volta che si seleziona il nome di uno schema dalla struttura ad albero dell'Ambiente di lavoro che si trova sulla sinistra della finestra di dialogo.) Per altre informazioni, vedere Opzioni Schema nell'Aiuto ArchiCAD. Una volta che avete applicato lo schema e premuto il tasto OK per chiudere la finestra di dialogo Ambiente di Lavoro, il vostro programma ArchiCAD memorizzer i settaggi che avete salvato in quello schema. Se avete personalizzato i settaggi in questi schemi e desiderate salvarli per usarli in altri progetti, potete memorizzare per nome una parte degli schemi o tutti gli schemi, e quindi applicare e usare questi settaggi in qualsiasi momento. Appena farete una modifica a un settaggio dell'Ambiente di Lavoro, il Nome Schema in cima alla pagina dei settaggi cambier in Personale. Quando avrete finito di effettuare le modifiche, premete il tasto OK per chiudere la finestra di dialogo e applicare i settaggi correnti. Se desiderate mantenere le vostre impostazioni salvate a lungo termine, consigliabile memorizzare i settaggi del vostro Schema Personale in un Nome Schema, perch ciascun nuovo settaggio ridefinisca lo schema Personale considerando le vostre ultime modifiche. Gli ultimi settaggi Personali rimarranno intatti anche dopo aver chiuso e riavviato ArchiCAD. Potete salvare uno Schema Personale come parte di un profilo, ma allo Schema Personale sar dato un nome quando il profilo sar creato. Schemi Personali non
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

16

Configurazione

possono essere esportati. Per memorizzare i settaggi di uno schema, scegliete il gruppo di schemi di cui volete memorizzare i settaggi, usando il menu a sinistra della finestra di dialogo Ambiente di lavoro. (Ad esempio, se avete cambiato delle scorciatoie e desiderate salvarle, cliccate sul pulsante Schemi Scorciatoia). Questo richiamer le Opzioni Schema, dove potete memorizzare, rinominare, cancellare, ridefinire, esportare, o importare schemi. Per informazioni dettagliate su come salvare i settaggi degli schemi, vedere Opzioni Schema nell'Aiuto ArchiCAD.

Profili
Se avete personalizzato e memorizzato pi profili, vorrete memorizzarli e applicarli insieme: in questo caso, unite alcuni di questi schemi dentro un Profilo, e memorizzate il profilo sotto un proprio nome. Usando l'interfaccia di ArchiCAD, potete esportare e importare i Profili per usarli su altri computer. ArchiCAD 10 viene fornito con tre Profili di default: Standard, Visualizzazione e Creazione Layout. Al primo avvio di ArchiCAD 10, il Profilo ambiente di lavoro di default impostato su Standard. Il profilo Standard inteso a riflettere il flusso del lavoro adottato pi di frequente nella pratica dell'architettura. Menu, comandi, disposizione delle palette, e visibilit della barra degli strumenti sono ottimizzati per dare facile accesso agli strumenti e alle funzioni necessarie alla costruzione dell'Edificio virtuale. Sono visibili la barra degli strumenti standard e la barra degli strumenti del Mini-Navigatore (per passare facilmente da una finestra all'altra), e la Barra Strumenti visualizza i vari strumenti uno per uno. Il profilo Creazione layout mette a portata di mano i comandi pi usati per la creazione di layout e la pubblicazione. Viene visualizzato il menu Book di layout, la Barra Strumenti ridotta in modo da mostrare solo gli strumenti di Documentazione, e il Navigatore/Organizzatore posizionato al margine sinistro dello schermo. Sono visibili due barre strumenti specializzate: Layout e Disegni, e Standard per creazione Layout. Il profilo Visualizzazione utile quando si giunge allo stadio di impostazione e realizzazione dell'output da immagini 3D, come Fly-Through e FotoRendering. E' visibile il menu Visualizzazione 3D,
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

di modo che tutti i comandi relativi alla Finestra 3D, alla Navigazione 3D e all'Output 3D si trovano riuniti in un unico menu. La barra strumenti Visualizzazione 3D permette l'accesso rapido a molti dei medesimi comandi. In questo profilo, il Navigatore non visualizzato e nella Barra Strumenti sono visibili solo gli strumenti Design. Questi strumenti hanno lo scopo di permettervi di lavorare con ArchiCAD 10 fin dall'inizio. Naturalmente, voi o il responsabile CAD del vostro studio potete riconfigurare questi profili secondo le necessit. I profili in se stessi non possono contenere settaggi, sono solo una collezione di schemi. I profili non devono necessariamente contenere tutti e sei i tipi di schema possibili. Una volta che iniziate a lavorare, non dovete applicare in una sola volta l'intero profilo; dovete applicare gli schemi uno per uno. Per ulteriori dettagli sulla configurazione e l'applicazione dei profili, vedere Gestore Profilo nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: C' la possibilit di usare ArchiCAD senza salvare schemi e profili; potete adattare i settaggi mentre state lavorando. Comunque, l'opzione di registrazione dei settaggi a seconda dei Nomi Schemi, e di unione degli schemi in profili, utile per i manager che utilizzano CAD, per gli uffici che lavorano in team e per utenti individuali che potrebbero voler alternare diversi gruppi di settaggi personalizzati.

Impostazioni dell'Interfaccia utente


Le opzioni dell'Ambiente di Lavoro di ArchiCAD offrono un'ampia flessibilit nell'impostazione dell'Interfaccia utente in base alle vostre preferenze. Potete: personalizzare il contenuto delle barre strumenti personalizzare l'aspetto e la posizione delle palette

Barre degli strumenti


Una barra degli strumenti ha un'interfaccia grafica che comprende le scorciatoie per ciascun comando o menu. Molti comandi generalmente utilizzati per determinate funzioni sono raggruppati in barre strumenti predefinite. Per visualizzare o nascondere una barra degli strumenti, usate il comando Finestre > Barre strumenti, oppure fate clic con il tasto destro sulla barra del titolo di una

17

Configurazione

qualunque barra degli strumenti sullo schermo per visualizzare la lista delle barre strumenti. Fate clic su una barra degli strumenti della lista per visualizzarla. Le barre strumenti predefinite sono: Visualizzazione 3D, Disponi elementi, Attributi, Navigazione 3D classica, Edita Elementi, Edita elementi di libreria GDL, Layout e Disegni, Mini Navigatore, Opzioni visualizzazione a video, 3D Semplice, Standard, Standard per creazione layout, Standard per schermi a bassa risoluzione, Teamwork, Strumenti barra strumenti. Il contenuto delle barre strumenti - vale a dire i comandi contenuti in una determinata barra strumenti - pu essere personalizzato mediante la finestra di dialogo Ambiente di lavoro. Qui potete modificare il contenuto di qualsiasi barra strumenti, o creare nuove barre strumenti, in numero illimitato. Potete anche decidere se un determinato comando debba essere rappresentato in una barra strumenti mediante il suo nome, la sua icona, o entrambi. Per i dettagli, vedere Schemi Layout Comando nell'Aiuto ArchiCAD.

desidera restino visibili, trascinarle fino alla posizione preferita, ancorarle se necessario, e definire le opzioni forma della palette ove sono disponibili. Una volta impostate le palette in modo soddisfacente, salvarle come schema palette in Opzioni > Ambiente di lavoro > Schemi preferenze utente > Finestre di Dialogo e Palette. Per i dettagli, vedere Schemi Palette nell'Aiuto ArchiCAD.

Palette Docking (solo Windows)


Le Palette possono muoversi sopra la vostra area di lavoro, da cui possono essere sia chiuse che spostate. Tuttavia, molte delle palette di ArchiCAD possono anche essere ancorate (solo in Windows) ad uno dei bordi dell'area di lavoro. Una palette ancorata risulta agganciata al bordo della schermata, senza coprire una parte dell'area di lavoro: in questo modo, anche ingrandendo al massimo la finestra attiva, l'intera area di lavoro sar visibile. Una palette ancorata pu essere resa nuovamente fluttuante in qualunque momento. Per agganciare una palette, cliccate il rispettivo nome sulla barra (apparir cos il simbolo di trascinamento ), e spostatela sullo schermo, fino a quando il simbolo di trascinamento non toccher un limite: laterale, superiore o inferiore. Rilasciate il cursore per agganciare la palette. Nota: Quando trascinate una palette in Windows, il suo punto di inserimento diventa il simbolo di trascinamento (e non il bordo della palette). Per liberare una palette dal suo ancoraggio e renderla di nuovo movibile, sufficiente cliccare e trascinare la sua intestazione. In alternativa, potete anche fare doppio-clic sulla palette; un ulteriore doppio-clic la riaggancer. Potete ancorare diverse palette a uno dei lati dello schermo, e agganciarle insieme a formare un singolo gruppo palette. Cliccate e trascinate per agganciare la prima palette. Per inserire una seconda palette sopra la prima, cliccate e trascinate la seconda palette sopra l'intestazione della prima. Per inserire una seconda palette sotto la prima, cliccate e trascinate la seconda palette nella parte inferiore della prima palette. Potete inoltre posizionare due (o pi) palette affiancate, sistemando una singola palette sul bordo (o viceversa) come parte dello stesso gruppo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Palette
Le Palette flottanti di ArchiCAD vi aiutano a costruire, modificare e localizzare elementi. Ognuna delle palette pu essere visualizzata o nascosta separatamente mediante il comando Finestra > Palette. Le palette principali (Barra Strumenti, Patte Informazioni, Opzioni Veloci e Navigatore) possono essere abilitate tutte insieme mediante il comando Mostra solo le Palette principali. I settaggi relativi alle palette che si possono salvare come Schema palette dell' Ambiente di lavoro sono i seguenti: Stato Mostra/Nascondi della Palette Posizione della Palette (comprese lo stato di ancoraggio) Dimensioni della Palette Forma della Palette Nota sulle forme delle palette: le palette Barra strumenti, Informazioni, Coordinate e Barra di Controllo hanno delle opzioni di forma - ad esempio, estese o compatte - impostabili mediante il menu di scelta rapida che si apre facendo clic con il tasto destro del mouse sulla palette a schermo. Per personalizzare il proprio schema palette, bisogna impostare le palette manualmente: nell'Area di lavoro ArchiCAD, visualizzare le palette che si

18

Configurazione

Se si ridimensiona una delle palette che fanno parte di un gruppo palette, verranno ridimensionate automaticamente anche le altre palette del gruppo. La larghezza di tutte le palette del gruppo verr automaticamente reimpostata (trascinandone il bordo a destra o sinistra).

Se una palette attaccata al lato destro o inferiore di un'altra, allora entrambe le palette possono essere trascinate con un'unica entit. Se una palette attaccata al lato sinistro o superiore di un'altra, allora non si muoveranno assieme quando le spostate.

Sospendi le funzioni Docking/Snapping (Windows e MacOS)


Per sospendere le funzioni docking/snapping mentre state trascinando una palette, premete Ctrl (Windows) o Comando (MacOS).

Add-On
Barra divisoria Gli Add-On sono piccole applicazioni che estendono le funzionalit principali di ArchiCAD. Numerosi add-on sono integrati come comandi di menu nei profili di ArchiCAD. Potete liberamente personalizzare visivamente la posizione sia del menu sia della barra degli strumenti di questi add-on integrati, come ogni altro comando nei dialoghi dei settaggi delle Opzioni > Ambiente di Lavoro > Menu/Barre strumenti. La posizione di questi add-on aggiuntivi nella struttura del menu dipende da dove da dove posizionato il Punto di Inserimento dell'Add-On per questo menu. Potete spostare il punto di inserimento di questo Add-On in qualsiasi punto del menu, di nuovo mediante i controlli in Opzioni > Ambiente di lavoro > Menu e Barre Strumenti.

Barra Info ingrandita

Barra Info ingrandita

Per stabilire quanto di ogni palette debba essere visualizzato a schermo, trascinate la barra divisoria in alto o in basso in caso di palette posizionate una sopra l'altra, e a destra/sinistra nel caso di palette agganciate l'una accanto all'altra. (Le barre divisorie sono le linee che dividono ciascuna palette dall'altra.)

Limitazioni delle Palette agganciabili


Non tutte le palette possono essere agganciate a qualsiasi lato dello schermo. Le seguenti palette/finestre di dialogo non possono venire ancorate: Revisione; Selezioni; Librerie; Pet palette; Trova e seleziona; RoofMaker; Operazioni con gli Elementi Solidi; Registra ingresso; Formato Testo.

Palette Snapping (solo MacOS)


In MacOS, potete agganciare l'una all'altra le palette movibili di ArchiCAD, al lato dello schermo. Le palette si attaccano l'una all'altra se le trascinate all'interno di un certo intervallo di distanza. Il bordo della palette (non il cursore) il punto di inserimento.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Gli add-on caricati manualmente appariranno nel menu nella posizione del Punto di inserimento definita nella finestra di dialogo Ambiente di lavoro.

19

Configurazione

Se il Punto di inserimento dell'Add-On non parte della struttura personalizzata del menu, nessuno degli gli add-on caricati in aggiunta sar visualizzato. Per mezzo del comando Opzioni > Gestione Add-On possibile: Caricare Add-on da qualsiasi posizione. Essi verranno caricati dopo il successivo riavvio di ArchiCAD; Rimuovere permanentemente gli Add-on mentre ArchiCAD in esecuzione; Controllare quali Add-on devono essere caricati automaticamente quando si avvia ArchiCAD; Visualizzare informazioni sugli Add-on caricati. Per altre informazioni, vedere Gestione Add-On nell'Aiuto ArchiCAD.

Per altre informazioni, vedere Attributi a pagina 27. Come passo successivo per l'impostazione del progetto: se avete intenzione di modificare un progetto preesistente, accertatevi di aver caricato tutte le librerie oggetti necessarie a visualizzare e modificare tutti gli oggetti posizionati. Per altre informazioni, vedere Librerie a pagina 23. Infine, prima di dare inizio al lavoro, ragionate sull'organizzazione logica e spaziale del vostro Edificio virtuale. In ArchiCAD, le parti componenti del vostro progetto vengono strutturate in Piani (emulando la struttura fisica dell'edificio) e Lucidi (raggruppamenti logici di elementi). Per altre informazioni, vedere Piani a pagina 21 e Lucidi a pagina 22.

Goodies
I Goodies sono un'altra fonte di Add-On per ArchiCAD. Questi non vengono integrati nell'interfaccia di default di ArchiCAD. Per accedervi, andate al menu di Aiuto di ArchiCAD e scegliete il comando Goodies, che d accesso a una pagina che contiene le informazioni sugli Add-On disponibili e su come installarli. Una volta installato uno di questi Goodies nel programma, potrete personalizzare la posizione dei comandi di menu ad esso associati mediante l'interfaccia Ambiente di lavoro, come per tutti gli altri Add-On, e gestirli con Gestione Add-On.

Scala
Per impostare la scala della finestra correntemente attiva, scegliere il comando Documento > Scala disegno pianta. (Il nome del comando varia a seconda di quale sia la finestra attiva.) Potete impostare la scala separatamente per ciascuna finestra. Per reimpostare la scala della finestra corrente potete anche usare il menu pop-up Scala dalla palette Opzioni Veloci. Per altre informazioni, vedere Palette Opzioni Veloci nell'Aiuto ArchiCAD. Ogni volta che salvate una diversa vista del vostro progetto, la scala viene salvata insieme alla vista. Naturalmente, man mano che il vostro progetto si sviluppa vorrete cambiare la scala, e salverete molteplici viste con scale diverse per scopi diversi. Le finestre di dialogo Stampa e Plotta di ArchiCAD vi consentono di specificare una scala di uscita ogni volta che stampate o plottate il vostro lavoro. Potete anche scegliere se volete o meno che il programma riduca o ingrandisca gli elementi a dimensione fissa, con lo stesso rapporto di riduzione o ingrandimento del disegno. Per altre informazioni, vedere Stampa Documento 2D e Plotta Documento 2D nell'Aiuto ArchiCAD. Il simbolo 2D degli Oggetti GDL pu essere sensibile alla scala corrente. In relazione al loro comportamento alle differenti scale, ci sono due tipi di elementi in ArchiCAD.

IMPOSTAZIONE DEL PROGETTO


L'impostazione del progetto comprende la definizione di varie preferenze, in gran parte accessibili dal menu Opzioni. Nella finestra di dialogo Opzioni > Preferenze Progetto vengono impostate, ad esempio, le unit di misura usate nel progetto, e gli standard per il computo degli spazi di zona. Per altre informazioni, vedere Preferenze a pagina 26. Impostate la scala della pianta mediante il comando Documento > Scala Disegno Pianta. Poi, cercandoli nel sottomenu Opzioni > Attributi Elemento, controllate gli attributi caricati per default - che sono Settaggi lucidi, Tipi di linea, Tipi di retino, Strutture composte, Penne e Colori, Materiali, Categorie Zona, e Stili Revisione.

20

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

Gli Elementi Scalabili vengono ridimensionati in base alla loro dimensione reale quando cambiate la scala del progetto. Gli elementi scalabili comprendono tutti gli elementi di costruzione come muri, oggetti, solai, ecc. Gli Elementi a dimensione fissa sono stampati o visualizzati sullo schermo nella dimensione specificata, indipendentemente dalla scala scelta per il progetto. Per gli elementi che non hanno una dimensione reale, come le quotature e i terminatori a freccia, potete specificare una dimensione fissa determinata in millimetri o in punti tipografici. I Blocchi di Testo (creati con le Etichette e lo strumento Testo), le linee tratteggiate e di tipo simbolo e i retini simbolo e vettoriali possono essere definiti sia fissi sia scalabili. Potete impostare questa caratteristica per ciascun tipo di linea o di retino nelle finestre di dialogo Tipi di Linea e Tipi di Retino (menu Opzioni > Attributi Elemento). Per altre informazioni, vedere Attributi a pagina 27. Se modificate la scala del vostro documento, cambia solo la dimensione relativa di elementi di dimensione fissa (dimensione di stampa), come i testi o la campitura vettoriale, in relazione agli elementi di costruzione, che sono stati definiti in coordinate reali. Dopo aver impostato la scala, ci che vedete sar unanteprima del progetto se stampato o plottato a quella scala. Per adeguare la vista zoom alla scala correntemente fissata, scegliere Vista > Zoom > Metti in scala (o fare doppio clic sul pulsante zoom) dopo aver fissato la scala. Dimensione Reale corrisponde al valore 100%. Per altre informazioni, vedere Scala nell'Aiuto ArchiCAD.

Piani
I Piani in ArchiCAD, sono proprio come negli edifici reali, servono a dividere verticalmente lo spazio. Nel costruire il modello, posizionate i vostri elementi costruttivi su questi piani: che in tal modo replicano la strutturazione in piani del vostro edificio reale. I Piani sono tipicamente usati per disegnare separatamente la pianta di ogni livello nel caso di strutture multi-piano. Potete creare, inserire e cancellare i piani del vostro Edificio virtuale mediante la finestra di dialogo Design > Settaggi Piano. Non vi limite al numero di piani. (Il comando Settaggi Piano e i comandi relativi ai piani sono disponibili anche dal menu di scelta rapida se
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

avete selezionato un Piano nella Mappa Progetto o nella Mappa Vista del Navigatore.) Per altre informazioni, vedere Mappa Progetto a pagina 44 e Mappa Vista a pagina 45. Nel creare un nuovo Piano, potreste voler copiare in esso degli elementi che gi esistono in un altro Piano. In aggiunta ai comandi standard Taglia, Copia e Incolla del menu Edita, potete muovere con una singola operazione tutti gli elementi appartenenti ad un determinato tipo, per mezzo di una funzione speciale inclusa nella finestra di dialogo Settaggi Piano. Per altre informazioni, vedere Settaggi Piano nell'Aiuto ArchiCAD. Ogni piano nel progetto mostrato per nome e numero, nella Mappa Progetto del Navigatore. Fate doppio clic sul nome del piano da visualizzare nella finestra di Pianta. Il nome del piano corrente appare nella barra dei titoli della finestra di Pianta. Potete anche attivare un piano dalla finestra di dialogo Settaggi del Piano: cliccate sul nome, poi cliccate OK per chiudere la finestra di dialogo e visualizzare sulla Pianta il piano selezionato. Gli Elementi di costruzione sul piano selezionato sono visualizzati come fossero sezionati orizzontalmente lungo un piano teorico; si tratta del Piano di Taglio Pianta,che potete personalizzare a piacere. Per altre informazioni, vedere Piano di Taglio Pianta a pagina 111. L'opzione Piano fantasma (finestra di dialogo Design > Settaggi Piano) un modo di mostrare degli elementi provenienti da altri piani sulla Pianta del piano corrente. Gli elementi del Piano fantasma possono essere visti ed essere usati per lo snap, ma non possono essere selezionati; sono visualizzati con un diverso ColorePenna, personalizzabile, per distinguerli dagli elementi editabili sul piano corrente. Pu venir designato come Piano fantasma un solo piano alla volta. Pu essere utile creare un piano master, contenente le strutture o i contorni principali,e poi designarlo come Piano fantasma; in tal modo il suo contenuto verr mostrato su ogni altro piano come ausilio per disegnarne la bozza. Oppure, iniziando il disegno di un tetto sul piano ad esso dedicato, potreste trovare utile poter vedere i muri del piano sottostante; in tal caso, potete designare il piano sottostante come Piano fantasma, per visualizzarne il contenuto in trasparenza.

21

Configurazione

Una volta che il Piano Fantasma stato definito, potete attivarne o disattivarne la visualizzazione mediante il comando Visualizza > Visualizzazione Piano Fantasma. Gli elementi del Piano fantasma possono essere visti ed usati per lo snap, ma non possono essere modificati. Facendo clic su uno di tali elementi, appare un messaggio per informare che lelemento non attivo nella vista corrente. Potete stampare gli elementi che sono attualmente visualizzati sul Piano Fantasma, selezionando lapposito pulsante di opzione nella finestra di dialogo Archivio > Stampa. Gli elementi del Piano Fantasma non possono essere: selezionati o editati; plottati; registrati in qualsiasi formato 2D. In Vista 3D, per default sono proiettati tutti i piani, ma potete limitare la proiezione con il comando Visualizza > Elementi in Vista 3D > Filtra elementi in 3D (disponibile anche nella barra strumenti Visualizzazione 3D). Nelle Viste Sezione/Alzato, potete definire un intervallo verticale che pu comprendere Piani interi o solo parte di essi. Per altre informazioni, vedere Filtra gli elementi nel 3D nell'Aiuto ArchiCAD e Contenuto delle Finestre Sezione/Alzato a pagina 124.

Nota: Se la Registrazione Automatica Attiva (Opzioni > Ambiente di Lavoro > Sicurezza Dati), questo comando innesca un autoregistrazione. Il comando Vai al Piano apre una finestra di dialogo che vi permette di passare direttamente ad uno qualsiasi dei piani esistenti, fornendovi anche unindicazione di quanti piani esistano attualmente. Se si immette un valore al di fuori di questo intervallo, il campo verr corretto con il valore del piano pi alto o pi basso dellintervallo.

Lucidi
I lucidi sono usati per separare gli elementi dal punto di vista logico. Gruppi relazionati di elementi, come le quotature, gli arredi, i simboli elettrici e cos via, sono posizionati in lucidi comuni. Ogni elemento pu appartenere soltanto a un unico lucido. I lucidi sono definiti globalmente, ovvero gli stessi lucidi sono disponibili per tutti i piani e in tutte le finestre. Ogni Progetto ArchiCAD ha un unica combinazione di lucidi, accessibile da Opzioni > Attributi elemento > Settaggi lucidi, e anche da Documento > Lucidi > Settaggi lucidi. Ogni lucido ha tre settaggi principali, regolabili nella finestra di dialogo Settaggi Lucido: Mostra/Nascondi: Se un lucido si trova nello stato nascosto, gli elementi su quel lucido non vengono visualizzati sulla pianta. Bloccato/Sbloccato: se lo stato di un lucido bloccato, gli elementi su quel lucido non possono essere modificati - ci utile se si desidera prevenire modifiche indesiderate. Visualizzazione 3D: la terza opzione dei lucidi se visualizzarne gli elementi come modello Filo di ferro o come ombreggiato in 3D. Questo settaggio indipendente dalla modalit correntemente impostata nel menu Visualizza. Per altre informazioni, vedere Settaggi Lucidi... nell'Aiuto ArchiCAD. Mentre ogni Progetto ArchiCAD dispone di una sola Combinazione di lucidi, i settaggi di un determinato lucido (ad esempio il suo stato
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Scorciatoie per Gestire i Piani


Le scorciatoie per i piani si trovano nella barra strumenti predefinita Mini-Navigatore. Il comando Sali di un piano attiva il Piano successivo sopra quello corrente nella Pianta. Scendi di un Piano vi fa agire sul Piano sottostante a quello corrente. Se tentate di posizionarvi su un Piano che non esiste, appare la finestra di dialogo Crea Nuovo Piano. Per altre informazioni, vedere Crea nuovo Piano nell'Aiuto ArchiCAD.

22

Configurazione

mostra/nascondi o quello bloccato/sbloccato) possono essere diversi nel Book di Layout e in Viste modello. Le variazioni che si vedono nei settaggi dei lucidi (rispettivamente nel Book di Layout e in Viste modello) dipendono da qual la finestra attiva nel momento in cui si apre Settaggi lucidi. Il comando Settaggi lucidi e la sua finestra di dialogo sono etichettati di conseguenza.

Nota: i settaggi dei Lucidi per il Book di Layout servono a mostrare/nascondere gli elementi direttamente posizionati sui layout, come linee, testi e disegni completi. I Lucidi del Book di layout non influiscono sul contenuto del disegno, che dipende dai lucidi della vista ad esso associata. Un altro modo di utilizzare i lucidi variarne i numeri di Gruppo intersezione lucidi. Gli elementi intersecantisi che appartengono allo stesso Gruppo intersezione lucidi verranno uniti l'uno all'altro, purch siano disegnati correttamente. Gli elementi di Gruppi intersezione lucidi diversi non saranno uniti. Per default, ogni lucido assegnato al Gruppo 1, e quindi tutti gli elementi intersecantisi verranno uniti in base alle normali regole di intersezione di ArchiCAD. Potreste tuttavia preferire evitare tale intersezione - ad esempio, per mostrare i dettagli di alcuni muri composti che non sono stati uniti. In tal caso, ponete i muri intersecantisi su lucidi diversi, e poi date a uno di tali lucidi un numero di Gruppo intersezione lucidi diverso. ArchiCAD fornito con un insieme di lucidi predefinito. Ogni strumento ha un Lucido assegnato per default, e quindi se posizionate un elemento utilizzando quello strumento, tale nuovo elemento verr automaticamente posto sul lucido corrispondente (es. Muro Esterno, Colonna, Trave).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

I lucidi possono essere cancellati; in tal caso, verranno cancellati anche tutti gli elementi posti su di esso. Il Lucido ArchiCAD, tuttavia, un lucido speciale che non pu venire cancellato, nascosto o bloccato, dato che un Progetto ArchiCAD deve sempre contenere almeno un lucido. In caso di errore file, ogni elemento che sia venuto a perdere la propria definizione di lucido verr posto sul Lucido ArchiCAD. Nota: per chi desidera simulare i metodi di lavoro di ArchiCAD, il comando Attiva Lucido un modo semplice per mettere tutti i vostri elementi su un unico lucido, invece di usare il settaggio dei lucidi di default di ArchiCAD. Per altre informazioni, vedere Lucido attivo nell'Aiuto ArchiCAD. Per automatizzare il processo di visualizzazione e blocco dei Lucidi, potete memorizzare vari settaggi come Combinazioni di lucidi mediante il comando Documento > Lucidi > Settaggi lucidi (Vista modello). La Combinazione di Lucidi corrente indicata da un segno di spunta nella lista. ArchiCAD fornito con varie Combinazioni di lucidi di default. Per cambiare la Combinazione di lucidi attiva, usare il comeando pop-up Combinazione lucidi nella palette Opzioni Veloci. Per altre informazioni, vedere Palette Opzioni Veloci nell'Aiuto ArchiCAD. Ad esempio, nella Combinazione lucidi Mostra tutti, Blocca elementi 3D, tutti i lucidi sono visibili, ma gli elementi modello 3D sono bloccati. Potreste utilizzare questa Combinazione lucidi quanto lavorate con funzioni Solo 2D, come la quotatura, per prevenire modifiche involontarie agli elementi dell'edificio. Dato che i settaggi dei lucidi possono essere diversi per la Vista modello e per il Book di Layout, anche le Combinazioni lucidi salvate a partire da queste viste possono essere diverse. Nota: I Lucidi e le Combinazioni di Lucidi sono gestiti da ArchiCAD come attributi.

Librerie
Le librerie sono cartelle che contengono gli archivi esterni usati da ArchiCAD o cui si riferiscono gli elementi di costruzione. Alcuni dei documenti della libreria contengono dati geometrici che vi consentono di posizionare istanze del dato elemento all'interno del progetto ArchiCAD, mentre altri contengono solo grafici o

23

Configurazione

informazioni di testo che possono essere allegati ad altri elementi di libreria o all'intero progetto. Le librerie contengono elementi dal contenuto geometrico collettivamente chiamati Oggetti GDL. Questi possono essere posizionati nel Progetto per mezzo di uno degli strumenti ArchiCAD dedicati (Oggetto, Lampada, Porta, Finestra, Lucernario, Finestra dangolo, Scala), automaticamente da specifici comandi o Add-Ons (Marker, Etichette, Griglia strutturale, RoofMaker e TrussMaker), o utilizzati solo come riferimento da altri elementi (macro, Timbri di zona, Oggetti Attributo). Quando si posiziona un Oggetto (contrariamente ad altri elementi in ArchiCAD), ci che viene posizionato un'istanza di un file esterno che si trova in una Libreria oggetti. ArchiCAD viene fornito con una libreria oggetti standard che contiene centinaia di oggetti preconfigurati, modificabili (altrimenti detti Oggetti GDL o Elementi di libreria). Nella maggior parte dei casi, userete gli strumenti di ArchiCAD per posizionare degli oggetti tratti da questa libreria standard. A seconda del sottotipo cui appartengono, lo strumento che riconosce e posiziona tali oggetti pu essere o uno Strumento Oggetto o uno strumento dedicato, come ad esempio lo strumento Scala o Lucernario. Per altre informazioni, vedere Oggetti Parametrici a pagina 184. Tutti questi file possono essere aperti in ArchiCAD con il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto e possono essere creati in ArchiCAD con il comando Nuovo Oggetto. La libreria pu contenere anche documenti di formato diverso, a cui fanno riferimento elementi ArchiCAD: I Template di lista sono file di solo testo usati per personalizzare il contenuto e laspetto del computo delle quantit. Per una descrizione dettagliata, vedere Computo a pagina 270. Le texture sono immagini che possono essere associate ai Materiali per fornire maggiore realismo nelle viste renderizzate. Per altre informazioni, vedere Materiali a pagina 29. Le Immagini di Sfondo sono immagini ulteriori, utilizzate per inserire il modello 3D in un ambiente realistico o immaginario.

Libreria di avvio
Quando avviate ArchiCAD per la prima volta in assoluto, il programma cercher una Libreria di nome Libreria ArchiCAD 10. L' estensione .lcf identifica un File contenitore libreria, che un nuovo formato di ArchiCAD 10. La Libreria ArchiCAD 10 di default memorizzata in un .lcf, ma potete anche creare un vostro File contenitore libreria, o estrarne i contenuti, mediante il comando Archivio > Librerie e oggetti > Crea/Estrai Contenitore. Dato che il File Contenitore Libreria un file unico, ma contiene tutti gli oggetti usati nel vostro progetto, esso vi permette di tenere tutti gli oggetti usati nei vostri progetti in un solo posto, pur mantenendo intatte le gerarchie all'interno del file .lcf. Il risultato un caricamento assai pi veloce delle librerie e una maggior facilit di archiviazione, dato che anche il file .pla (il formato di archiviazione file di ArchiCAD) usa il file Contenitore libreria per memorizzare tutti gli oggetti. Se la libreria di default viene trovata nella stessa cartella di ArchiCAD, viene aperta ed usata come Libreria Attiva. Altrimenti, viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore della Libreria, che vi chiede di scegliere una cartella da usare come libreria di avvio. Per altre informazioni, vedere Gestore della Libreria nell'Aiuto ArchiCAD. Se avete gi utilizzato ArchiCAD e avviate il programma con un doppio clic sulla sua icona, diverr attivo il set di Librerie usato nell'ultima sessione di lavoro. Se avete cambiato il nome di una cartella/directory del set di Librerie Attive, o modificato la sua posizione nel disco fisso, essa non verr trovata e sar visualizzata di nuovo la finestra di dialogo Gestore della Libreria. Quando aprite un Progetto all'interno di ArchiCAD (con il comando Apri...), o effettuate un doppio-clic sull'icona del documento, esso verr aperto con la stessa libreria utilizzata al momento della sua registrazione. Se avete cambiato il nome di una cartella del set di Librerie Attive, o modificato la sua posizione nel disco fisso, il progetto verr aperto seguendo una di queste procedure: Se il gruppo di librerie attive comprende delle cartelle con lo stesso nome di quelle originali, il progetto viene aperto con il gruppo di librerie correnti.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

24

Configurazione

Se il gruppo di Libreria originale include le cartelle con nomi differenti da quelle usate nella cartella corrente, ArchiCAD cercher le cartelle contenenti le Librerie o le directory con gli stessi nomi. Se qui trova delle cartelle con quei nomi, il progetto verr aperto con queste. Se non vi sono cartelle con i nomi originali, verr visualizzata la finestra di dialogo Gestore della Libreria. Qui potrete specificare il gruppo di cartelle da usare con il progetto, o cliccare Annulla per interrompere la lettura. Nota: Se cliccate su Fatto, il progetto viene aperto senza libreria. Tutti gli elementi posizionati nel file saranno mancanti.

Gestione delle Librerie


Il diagramma seguente illustra uno schema di gestione della libreria che coinvolge la Libreria Standard ArchiCAD e una Libreria Standard Aziendali separata. Entrambe sono localizzate su un server. Ogni Progetto ha una propria specifica libreria che viene caricata nel progetto. La Libreria ArchiCAD installata sui computer client. La Libreria Standard Aziendali viene copiata su ognuno dei computer client. Le librerie specifiche di progetto vengono caricate all'apertura di ciascun progetto e vengono tenute aggiornate. Le Librerie sono rese disponibili ad ArchiCAD attraverso il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Gestore della Libreria. Potrete definire librerie diverse o aggiuntive per i vostri progetti usando la finestra di dialogo Gestore della Libreria. Quando si apre un progetto salvato, ArchiCAD cerca le ultime librerie che erano state definite per esso. Quando si crea un nuovo progetto usando gli ultimi settaggi, ArchiCAD mantiene (o cerca) lultima libreria utilizzata. Quando si crea un nuovo progetto usando i settaggi di default, ArchiCAD cercher di nuovo la libreria di default Libreria ArchiCAD. Di norma, gli elementi della libreria sono strutturati gerarchicamente allinterno della cartella Libreria.

Potrete usare librerie specializzate per differenti applicazioni (es. progetti residenziali, edifici industriali, ecc.) per evitare la gestione di librerie troppo grandi. Vi sono anche diverse librerie corrispondenti ai diversi standard nazionali. Il Gestore della Libreria consente l'accesso alle librerie complete e ai singoli Elementi di libreria, sia dai dischi locali sia attraverso una rete. All'avvio, automaticamente ArchiCAD carica l'ultima libreria usata. Nel corso del vostro lavoro potreste avere bisogno di elementi aggiuntivi o di impostare le vostre librerie personali. Tipicamente ogni file di Progetto utilizza una libreria differente, in cui sono inclusi tutti i documenti esterni a cui fa riferimento (oggetti, porte, finestre, lampade, texture, attributi, ecc.). La finestra di dialogo Gestore della Libreria ha quattro schede:

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

25

Configurazione

La scheda Locale/LAN consente di gestire Librerie complete e singoli Elementi di Libreria archiviati su dischi locali o su volumi remoti connessi al vostro computer attraverso una rete locale. Utilizzando la scheda Siti FTP, potete aggiungere Librerie e singoli Elementi di Libreria archiviati su server FTP. La scheda Storia elenca tutte le Librerie e gli Elementi di Libreria caricati durante lutilizzo di ArchiCAD. La scheda Oggetti Web vi consente di scaricare Oggetti GDL dai siti Web e di aggiungerli alle vostre librerie locali. Per altre informazioni, vedere Gestore della Libreria nell'Aiuto ArchiCAD.

basati solo sul nome. Se le librerie attive contengono due oggetti con lo stesso nome quando la versione installata, gli oggetti da usare saranno selezionati casualmente dalle due possibili posizioni.

Elementi di libreria mancanti e la palette Resoconto Caricamento Libreria


Se aprite un file Progetto e viene visualizzato il Resoconto caricamento libreria con una lista di elementi mancanti, ci significa che la Libreria usata al momento della creazione del progetto non disponibile. Gli elementi mancanti non possono essere visualizzati sulla pianta. (La posizione degli Elementi di libreria mancanti indicata da zone indefinite sulla pianta.) La Palette Resoconto Caricamento Libreria visualizza i nomi dei file degli elementi di libreria che presentano problemi, e lo stato di scaricamento di oggetti dal web. (Per visualizzare la palette nel caso in cui non appaia automaticamente, attivate Finestra > Palette > Resoconto caricamento libreria.) Il problema degli Elementi di libreria mancanti si verifica in genere quando si apre un Progetto su un altro computer. Per essere sicuri che nessun file risulti mancante, si raccomanda di registrare i progetti in formato Archivio prima di spostarli su un altro computer. Unaltra soluzione allinterno dello stesso ufficio lutilizzo di una libreria standard comune, continuamente aggiornata su tutti i computer. Per altre informazioni, vedere File Archivio a pagina 33.

Identificazione dei Duplicati tra gli Elementi di Libreria


ArchiCAD usa un sistema di identificazione interno per tenere traccia dell'evoluzione (creazione, modifica, e/o cambiamenti di nome) di ciascun Oggetto di libreria. A ciascun oggetto assegnato un Identificatore unico globale (UIDG) che consiste in due gruppi di 36 caratteri ciascuno. Ogni volta che caricate un Progetto contenente Elementi di Libreria, il programma cercher le librerie caricate per un esatto incrocio basato sull'UIDG degli oggetti. Questo significa che anche se due o pi oggetti di libreria con lo stesso nome sono caricati, se questi sono attualmente oggetti differenti, ArchiCAD user quello corretto sulla base del suo UIDG. In questo modo, gli Elementi di Libreria avranno nomi identici ma i differenti UIDG non saranno in conflitto. Tali oggetti sono elencati nel Dialogo Resoconto Stato come Nomi Doppi. Finch i nomi duplicati non causano problemi, il lavoro sul progetto pu continuare. Gli Elementi di Libreria hanno identici conflitti di UIDG; questi elementi sono attualmente identici, e sono elencati sotto il nome di Elementi di Libreria Doppi. Per evitare il conflitto nel progetto, dovete rimuovere uno dei due elementi identici dalla libreria. Per una descrizione completa del funzionamento dell'UIDG, vedere http://www.archicadwiki.com.

Preferenze
Il comando Opzioni > Progetto > Preferenze contiene dei settaggi che sono specifici del progetto che state elaborando, e che vengono salvati insieme al progetto. Tali preferenze sono gli standard e i metodi di lavoro essenziali che si applicano all'intero progetto. Questi sono suddivisi nelle seguenti categorie (una categoria per ogni schermo): Unit di lavoro e Livelli Quotature Unit di calcolo Elementi di Costruzione Zone Layout Varie
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Lavorare con Librerie di versioni diverse


E' opportuno usare i progetti con le loro librerie originali. Se usate una nuova versione di una libreria, gli oggetti saranno mappati basandosi sul loro UIDG. Se l'UIDG non corrisponde, ArchiCAD cercher degli oggetti con nomi identici. Gli oggetti posizionati nelle librerie di ArchiCAD 7.0 o precedenti non hanno UIDG. Conseguentemente, il sistema identificher gli elementi di libreria

26

Configurazione

La finestra di dialogo Preferenze progettocontiene un menu a tendina nella parte superiore sinistra che elenca le varie categorie di preferenze (a cui potete accedere anche direttamente dal menu gerarchico Preferenze progetto). Cliccando sui pulsanti Precedente e Prossimo potrete passare sequenzialmente da una schermata allaltra. Per altre informazioni, vedere Preferenze di Progetto nell'Aiuto ArchiCAD.

Tipi di retino
I Tipi di retino sono usati per definire l'aspetto dei retini per gli elementi di costruzione. Per dettagli sui Retini e il loro uso, vedere Retini a pagina 215. Usate la finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Retino per definire e/o modificare i tipi di retino e i Motivi, e per determinare la categoria di ogni specifico Retino (Retino Disegno, Retino Sezione, e/o Retino Coprente). Per altre informazioni, vedere Tipi di Retino nell'Aiuto ArchiCAD.

Attributi
Gli Attributi ArchiCAD sono gruppi di settaggi da voi definiti e resi disponibili per il vostro progetto. Ad esempio, Tipi di linea e Materiali sono Attributi che potete applicare a numerosi elementi di progetto man mano che li create. Avete accesso a questi attributi nelle rispettive finestre di dialogo: ad esempio nell'assegnare i settaggi Muro, dovrete scegliere fra i settaggi di Retino e di Tipo linea del progetto utilizzando gli appropriati menu a tenidna. Ci che si vede in questi menu a tendina definito nelle finestre di dialogo che si aprono da Opzioni > Attributi Elemento. ArchiCAD fornito con un Set di Attributi di default. Questi insiemi di attributi di default sono largamente adatti alle esigenze di progettazione della maggior parte degli utenti. Se lo desiderate, potete personalizzare gli Attributi o crearne di nuovi. Ad esempio, potete disegnare un nuovo tipo di retino per personalizzare un materiale di default dandogli un nuovo aspetto. Gli Attributi vengono salvati insieme al progetto, cos che se aprite il progetto su un altro computer, i vostri Attributi personalizzati sono ancora disponibili. Per aprire e (se necessario) modificare i set di Attributi, utilizzare i seguenti comando da Opzioni > Attributi elemento:

Strutture Composte
Muri, Solai e Falde possono avere delle strutture composte: nel definire la struttura di uno di questi elementi nella rispettiva finestra di dialogo Settaggi, potete scegliere fra le Strutture composte predefinite (in aggiunta alle strutture uniformi) nell'elenco discesa Struttura.

Settaggi Lucidi...
Vedere Lucidi a pagina 22.

Tipi di Linea
Potete assegnare tipi di linea a ogni elemento di costruzione ArchiCAD nel dialogo dei settaggi del corrispondente strumento, secondo il tipo di elemento. Potete modificare i tipi di linea standard (Linea continua, Punti, Tratteggio, ecc.) e definire tipi di linea personalizzati nella finestra di dialogo Tipi di Linea, che si apre dal comando di menu Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Linea. Per altre informazioni, vedere Tipi di Linea nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Agli strati degli elementi composti possono essere assegnate delle singole priorit di intersezione per darvi il massimo controllo sulla

27

Configurazione

visualizzazione degli elementi di costruzione intersecantisi del vostro progetto. I settaggi delle Strutture composte sono definiti in Opzioni > Attributi Elemento > Strutture Composte. Per altre informazioni, vedere Strutture Composte nell'Aiuto ArchiCAD. I settaggi qui definiti, comprese le priorit di intersezione degli strati, saranno applicati agli elementi composti da voi posizionati solo se spunterete la casella Applica settaggi struttura nei comandi Pianta & Sezione delle rispettive finestre di dialogo Settaggi (cio, Settaggi Muro/Solaio/Falda). Per altre informazioni, vedere Strumenti Design nell'Aiuto ArchiCAD.

Penne e Colori/Set di Penne


Le penne sono simulazioni di strumenti di disegno che possiedono uno specifico colore e spessore del tratto. Le penne sono assegnate agli elementi di ArchiCAD in una specifica finestra di dialogo Settaggi strumento. Per assegnare una Penna, aprire la finestra pop-up ColorePenna e scegliere la penna desiderata per l'elemento o per uno dei suoi componenti - come ad esempio la penna linea di sezione assegnata al solaio nell'immagine seguente:

Nell'assegnare una penna a un elemento, viene assegnato a quell'elemento anche numero indice penna. In ArchiCAD 10, gli indici penna assegnati ai parametri degli elementi corrispondono alle funzioni degli elementi. Ad esempio, ai Solai assegnata per default una penna linea di sezione con indice 29, che corrisponde alla funzione Solai - Sezione Strutturale. Nota: a seconda della versione localizzata di ArchiCAD da voi posseduta, il modo in cui vengono assegnati i vostri set di penne e indici di penna pu variare.

Spesso gli Architetti desiderano inviare alla periferica di output lo stesso modello in diverse versioni, utilizzando ogni volta diversi colori o spessori penna per rispondere ai diversi requisiti di scala, colore o enfasi. Per aiutare gli utenti in questi sforzi, ArchiCAD fornito con vari set di penne predefiniti. In tal modo, potete cambiare set di penne per l'intero progetto con un solo clic: potreste preferire usare il set di penne Piante architettura nel realizzare i progetti per l'approvazione, e poi passare al set di penne elettrico per preparare i disegni dettagliati per un subappaltatore. Quando si cambia il set di penne di un dato progetto, i numeri indice penna assegnati ai singoli elementi rimangono gli stessi, ma i colori e lo spessore delle linee associati a tali indici penna possono cambiare secondo le definizioni del nuovo set di penne, e l'aspetto della vostra visualizzazione e dei vostri prodotti finali cambier completamente. Dato che ogni numero di indice penna ha una distinta definizione di funzione, vale la pena di fare attenzione alla funzione della penna quando si assegna una penna a un elemento. (Oppure potete semplicemente usare le penne elemento di default fornite con ArchiCAD.) Se assegnate dei numeri indice penna coerenti con la funzione dei vari elementi, allora il passaggio da un set di penne a un altro assicurer una coerenza di visualizzazione che sar in linea con gli scopi del prodotto da voi realizzato. Per scegliere un set di penne, usate Opzioni > Attributi Elemento > Penne e Colori o Documento > Set di Penne > Penne e Colori. (I due comandi aprono la stessa finestra di dialogo.) Per altre informazioni, vedere Penne e Colori nell'Aiuto ArchiCAD. Potete usare due diversi set di penne per la Vista modello e il Book di layout: del nome della finestra di dialogo fa parte rispettivamente Vista modello o Book di layout, a seconda di quale tipo di finestra sia attivo. il set di penne predefinito fornito con ArchiCAD basato sulle abitudini di lavoro pi usuali, ma potete ridefinire o rinominare qualsiasi set di penne insieme con la sua descrizione, e ridefinire lo spessore o il colore di qualsiasi penna, mediante le caselle di controllo Edita colore della finestra di dialogo Penne e Colori. Dopo aver ridefinito un colore o aver cambiato set di penne, gli elementi di costruzione di ArchiCAD passano immediatamente ai
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

28

Configurazione

nuovi colori sulla Pianta. Per la Finestra 3D e per le finestre Sezione/Alzato potr essere necessario ricostruire la vista. I Set di penne sono degli attributi, e possono essere trasferiti tra diversi Progetti ArchiCAD mediante il Gestore attributi (pagina aperta dalla linguetta Set di penne). Analogamente, le definizioni individuali di ogni set di penne possono essere copiate da un progetto a un altro con il Gestore attributi (pagina aperta dalla linguetta Set di penne). Quando una Vista modello viene posizionata sopra un Layout, diventa un Disegno. Per default, il Disegno posizionato nel Book di layout usa il proprio set di penne (quello definito per la Vista modello del progetto). Tuttavia, potete sovrascrivere questo set di penne nel pannello Propriet Settaggi Disegno: fate clic nel menu a tendina Set di penne e scegliete un diverso set di penne, solamente per questo disegno.

Aggiustamento automatico Visibilit colore penne per le Viste modello


Quando il valore di luminosit di un particolare colore di sfondo va al di sotto di un certo valore di soglia - cio, se il vostro sfondo sufficientemente scuro - le penne nere sono mostrate come penne bianche sullo schermo ArchiCAD. (Questo risulta utile se usate uno sfondo scuro o nero per imitare i metodi AutoCAD.) Comunque, quando stampati, i colori delle penne saranno corrispondenti al loro settaggi correnti nella tabella del colore. Le penne non-nere che risulterebbero difficili da vedere con uno sfondo particolare saranno automaticamente modificate con un colore simile ma maggiormente visibile. Su uno sfondo bianco, gli elementi sono estesi al grigio chiaro per migliorare la visibilit nelle penne bianche. Ancora, in fase di stampa, i colori delle penne saranno corrispondenti al loro settaggi correnti nella tabella del colore. Per disabilitare questo aggiustamento automatico del colore, togliete il segno di spunta dall'apposita casella di controllo Aggiustamento automatico visibilit del colore delle penne in Opzioni > Ambiente di lavoro > Maggiori opzioni.

luce come vengono definiti nella finestra di dialogo Settaggi Materiale (Opzioni > Attributi Elemento > Materiali). I materiali qui definiti possono essere poi assegnati agli elementi nelle loro finestre di dialogo dei settaggi (pannello Modello). Per altre informazioni, vedere Settaggi Materiale nell'Aiuto ArchiCAD. I materiali sono visualizzati nella finestra 3D, nella finestra Sezione/Alzato, e nei rendering: Nella finestra 3D si visualizzano i colori dei materiali, i retini vettoriali e le texture applicate se ce ne sono. (Il controllo Campitura vettoriale 3D in Vista > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3Ddeve essere attivo.) Per altre informazioni, vedere Settaggi Finestra 3D nell'Aiuto ArchiCAD. La finestra Sezione/Alzato visualizza i colori del materiale, e il suo retino vettoriale se ci stato impostato nella finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Pannello Effetti Modello Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. I rendering visualizzano tutte le caratteristiche dei materiali eccetto i retini vettoriali. L'aspetto generale dei vostri rendering definito nella finestra di dialogo Settaggi FotoRendering, i cui settaggi si applicano a tutti i materiali nel rendering. Per altre informazioni, vedere Settaggi FotoRendering nell'Aiuto ArchiCAD.

Flusso di lavoro consigliato per l'utilizzo dei Materiali


1 Edita i settaggi di default dei materiali e/o crea nuovi materiali. (Questo passaggio opzionale e si raccomanda solo a utenti esperti.) 2 Scegliete un materiale per ciascun elemento di costruzione, usando il pop-up materiali nel pannello Modello della finestra di dialogo Settaggi degli elementi. (Per Testa Muro, i materiali sono settati nella sezione della Rappresentazione 3D del pannello Parametri). 3 Nella finestra di dialogo FotoRendering, scegliete un Motore di Rendering e quindi estendetene i settaggi attinenti (trasparenza, effetti, sfondo, ecc.) per definire come i materiali dovranno essere visualizzati nel rendering finale. Per altre informazioni, vedere Settaggi FotoRendering nell'Aiuto ArchiCAD.

Materiali
Per visualizzare realisticamente il progetto, potete applicare i materiali ai vostri elementi. I Materiali contengono colore, texture ed effetti
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

29

Configurazione

Categorie di zona
Le Categorie di zona sono usate per classificare le zone (unit spaziali) definite nel Progetto. Per ulteriori informazioni sulle Zone, le Categorie di zona e i Timbri di zona, vedere Zone a pagina 178. A ogni zona del vostro progetto viene assegnata una categoria che indica lo scopo della zona (come ad esempio area pubblica, laboratorio, spazio uffici.) Per default, tutte le zone sono visualizzate nel vostro progetto per colore categoria; in questo modo si possono facilmente distinguere le zone in base alle loro funzioni nell'edificio. (Per utilizzare altre opzioni di visualizzazione delle zone, si usino i controlli in Documento > Imposta vista modello > Opzioni vista modello.) Per altre informazioni, vedere Vista e Opzioni Modello nell'Aiuto ArchiCAD. Ogni Categoria zona include un Timbro zona di default. Alcune Categorie zona sono predefinite in ArchiCAD; potete definire le vostre categorie, compresi i parametri dei timbri zona, mediante il comando Opzioni > Attributi Elemento > Categorie zona. Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione degli attributi delle Categoria zona, vedere Categorie Zone nell'Aiuto ArchiCAD.

Profili (Profili Complessi)


I Profili complessi sono Muri, Colonne e Travi predefinite o definite dall'utente che possono essere modificati manualmente fino ad assumere quasi ogni forma desiderata. Per altre informazioni, vedere Profili Complessi a pagina 142.

Gestore Attributi
Il comando Gestore Attributi (Opzioni > Attributi Elemento > Gestore Attributi) vi consente di copiare (aggiungere, sovrascrivere) gli attributi (Penne e Colori, Set di Penne, Tipi di Linea, Tipi di Retino, Strutture composte, Materiali, Profili, Categorie Zone e Citt) tra due documenti aperti. Pu anche duplicare o cancellare attributi in uno qualunque dei due documenti. Scegliendo il comando Gestore Attributi apparir la finestra di dialogo seguente (dovendo elencare tutti gli attributi del progetto, la finestra di dialogo pu essere presentata con un certo ritardo):

Stili Revisione
Gli Stili revisione sono attributi della funzione Revisione, usati per aggiungere direttive e commenti al disegno. Per altre informazioni, vedere Revisione Progetto. Scegliete Opzioni > Stili Revisione per mostrare la finestra di dialogo Settaggi Revisione. Per altre informazioni, vedere Stili di Revisione nell'Aiuto ArchiCAD.

Citt
I settaggi Citt sono accessibili dalla finestra di dialogo Telecamera > Sole > Citt. Tali settaggi influenzano i calcoli relativi allo Studio del sole. Per altre informazioni, vedere Citt nell'Aiuto ArchiCAD e Studio Luce Solare a pagina 342. Per altre informazioni, vedere Gestore Attributi nell'Aiuto ArchiCAD.

30

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

Preferiti
La caratteristica Preferiti consente di memorizzare e richiamare facilmente settaggi di default per gli strumenti. Se scegliete un Preferito memorizzato, potrete creare un elemento che possiede gli stessi parametri e attributi del Preferito. I Preferiti vengono archiviati insieme al file del progetto. possibile anche registrare un file dei Preferiti separato, per riutilizzarlo in altri progetti. Se chiudete il progetto corrente e ne aprite uno nuovo, i Preferiti memorizzati rimangono a vostra disposizione come accade per i materiali, le penne o i tipi di linea. Se scegliete Nuovo e Reset, i Preferiti verranno cancellati. Potrete recuperare i preferiti memorizzati scegliendo il comando Carica Preferiti dal menu della Palette Preferiti. Nota: Quando importate i Preferiti da un altro progetto, ricordate che gli attributi degli elementi sono identificati per mezzo del loro nome. Se i Preferiti fanno riferimento ad attributi che non esistono nel progetto di destinazione, gli attributi necessari saranno mancanti. Se i Preferiti fanno riferimento ad attributi che esistono nel progetto di destinazione, ma diversi da quelli del progetto di origine, questi assumeranno gli attributi del progetto di destinazione. Si pu accedere ai Preferiti da due posizioni: La Palette mobile Preferiti che accoglie tutti i settaggi dei preferiti memorizzati a prescindere dallo strumento con cui sono stati creati. Per default, la palette nascosta; scegliete Finestre > Palette > Preferiti per visualizzarla. Rimarr visibile al di sopra delle altre finestre. Per altre informazioni, vedere Preferiti nell'Aiuto ArchiCAD. Il pulsante Preferiti nellangolo superiore sinistro di tutti i dialoghi Settaggi Strumento (escluse le Telecamere). Il dialogo che viene aperto elencher solo i settaggi dei preferiti registrati per quello strumento. Le impostazioni memorizzate comprendono: Gli attributi dellelemento, compresi tipi di linea, tipi di retino, colore di penna e materiali di superficie;
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Nel caso degli elementi di Libreria, il relativo nome; Le dimensioni che possono essere impostate nel dialogo dei settaggi dellelemento, ad esempio lo spessore e laltezza del muro (ma non la lunghezza). Potrete personalizzare la memorizzazione dei Preferiti per ogni strumento o tipo di parametro scegliendo Preferenze Preferiti dal menu a comparsa della Palette Preferiti. Nella finestra di dialogo che viene visualizzata, contrassegnate i nomi dei parametri che NON volete applicare con i Preferiti. (Potete anche accedere alla finestra di dialogo Preferenze Preferiti da Opzioni > Preferenze Progetto > Varie.)

Memorizzare e applicare i Preferiti da Settaggi Strumento


Se fate clic sul pulsante Preferiti, nella parte superiore del dialogo settaggi di qualsiasi strumento, appare un dialogo che elenca solo i Preferiti definiti per quello strumento. Potrete: Selezionare nella lista un Preferito memorizzato e fare clic sul pulsante OK per caricare le impostazioni del Preferito nel dialogo settaggi; Fare clic sul pulsante Salva i Settaggi correnti come Preferito, in alto, e creare un nuovo Preferito assegnandogli un nome nellapposito dialogo che appare. Nota: i Preferiti sono identificati per mezzo del loro nome. Se cercate di usare il nome di un Preferito esistente quando ne create uno nuovo (anche se appartenente ad un altro strumento), ArchiCAD emetter un messaggio di avvertimento. Inoltre alcuni caratteri sono inutilizzabili per il nome preferito. Se si inserisce un carattere non valido un messaggio di errore vi avviser di inserire un nuovo nome. Per altre informazioni, vedere Preferiti nell'Aiuto ArchiCAD.

31

Configurazione

Gestione dei Progetti


Il principale tipo di documento nativo di ArchiCAD il file .pln, il Progetto individuale. Di esso fanno parte tutti i dati relativi al modello e al Book di Layout, le viste generate per il progetto, e anche le preferenze progetto, gli attributi e le librerie di riferimento. Se chiudete la finestra della Pianta, chiuderete lintero progetto. Verr richiesto di registrare le ultime modifiche, se ve ne sono. I file esterni (finestre di Oggetti GDL, immagini) resteranno aperti. Ogni volta che create un nuovo progetto (Archivio > Nuovo), avete la possibilit di scegliere tra gli insiemi di settaggi progetto gi memorizzati: Usa un Modello: usa il modello predefinito ArchiCAD 10 per abilitare i Settaggi di Progetto di default forniti con ArchiCAD. Scegliete un modello personalizzato se avete sviluppato un certo numero di documenti modello standard con delle opzioni predefinite. Un modello un file pianta a sola lettura, che contiene tutti i settaggi preferenze, gli elementi di costruzione e disegno posizionati e i settaggi di default degli strumenti del progetto. Iniziare un nuovo progetto in base a un modello nei fatti significa aprire una copia di questo file modello come SenzaNome. Nota: le impostazioni dell'Ambiente di Lavoro usate per aprire il progetto sostituiranno le impostazioni del file Modello. Per altre informazioni, vedere Ambiente di lavoro a pagina 15. Usa i settaggi dell'ultimo Progetto: potrete continuare a lavorare con le opzioni specifiche di progetto, e alcune preferenze generali, che erano in uso al momento dell'ultima chiusura di ArchiCAD. Questa pu essere una soluzione ottimale, se lavorate sempre con gli stessi parametri standard. Tuttavia, se lultima volta avete lavorato su un progetto creato da unaltra persona, potreste accorgervi che molti dei vostri settaggi personali non sono pi come li avevate impostati. Se non desiderate ritornare ai settaggi di default del programma, aprite un progetto a voi familiare, chiudetelo e tornate ad aprire il nuovo: in questo modo, i settaggi dell'ultimo Progetto saranno quelli a voi familiari. Se premete il tasto Alt (Gr) mentre scegliete il comando Nuovo, il suo nome cambier in Nuovo e Reset Completo e ArchiCAD user automaticamente i settaggi di progetto di default.

Avvia una nuova istanza di ArchiCAD: spuntare questa casella se si desidera aprire un'altro ArchiCAD in aggiunta all'eventuale programma attualmente in esecuzione.

Compressione dei file


Nel salvare alcuni tipi di file da ArchiCAD (.pln, .plp, .tpl, .pla, .mod), il pulsante Opzioni nella finestra di dialogo Salva propone l'opzione Comprimi file. Questa opzione abilitata per default, ed consigliata nella maggior parte dei casi, dal momento che la compressione dei file ne riduce la dimensione in misura considerevole (del 60-70%). L'uso di questa opzione accresce inoltre la velocit di scaricamento per chi lavora da una in rete lenta, visto che i file sono pi piccoli. Si noti, tuttavia, che l'uso dell'opzione Comprimi file significa incrementare il tempo impiegato nel salvataggio del file (circa il 30% in pi), in seguito alla necessit di ulteriori calcoli. Se la procedura di salvataggio richiede troppo tempo, provate a disabilitare questa opzione. Nota: l'uso di computer dotati di processore duale aumenta il tempo di salvataggio dei file solo del 5-10%.

Vedere anche Registra nell'Aiuto ArchiCAD.

32

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

File modello
Un modello un file di pianta a sola lettura con estensione tpl. Contiene tutti i settaggi preferenze di progetto, gli elementi posizionati e i settaggi di default degli strumenti del progetto. Per creare un modello personalizzato, aprite un nuovo file pianta vuoto. Modificate le vostre preferenze di progetto, impostate la struttura del progetto e/o posizionate degli elementi. Salvate questo file pianta come modello. Per aprire una copia del modello, scegliete il comando Nuovo e selezionate l'opzione Modello, e poi selezionate il file modello desiderato. Quando date inizio a un nuovo progetto basato su un modello, nei fatti state aprendo una copia di questo file modello come SenzaNome. Nota: Le impostazioni del Profilo Ambiente di Lavoro usate per aprire il progetto sostituiranno le impostazioni del file Modello.

File di backup
Aprendo il file di backup di un progetto (.bpn) potrete recuperare lultima versione registrata di un file di progetto danneggiato, purch sia attiva la casella Copia di sicurezza in Opzioni > Ambiente di lavoro >Sicurezza dati.

File Archivio
I documenti Archivio (.pla) sono simili ai Progetti Individuali, ma includono anche tutti gli elementi di libreria, immagini di sfondo e i collegamenti alle texture usati nel progetto, non solo i loro riferimenti. Per salvare un Progetto nel formato Archivio, utilizzate il comando Registra come.... Il formato Archivio raccomandato per: Trasferire il progetto su un altro computer; Archiviare i progetti completati. I Progetti ArchiCAD possono riferirsi a parti di Libreria, memorizzate come file esterni nella Libreria o in altre cartelle. Se volete essere sicuri che tutti gli elementi di libreria utilizzati siano inclusi anche nel progetto, dovrete registrarlo come Archivio. I documenti salvati come Archivio sono memorizzati insieme a tutti gli Elementi di Libreria (in un file contenitore libreria, con estensione lcf) e a tutte le propriet contenute nel e definite con il Progetto.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Per maggiori informazioni sui Contenitori Libreria, vedere Libreria di avvio a pagina 24. Attenzione: se uno o pi Elementi di Libreria sono mancanti dalle librerie attive al momento della registrazione del progetto in formato Archivio, questi elementi non verranno inclusi nemmeno nellArchivio. Se scegliete il formato Archivio nel dialogo di registrazione del progetto, si attiver il pulsante Opzioni. Cliccandolo si apre un ulteriore dialogo in cui potrete specificare quali tipi di elementi di libreria dovranno essere inclusi nellarchivio. Potrete anche decidere di includere nel progetto lintera libreria, compresi gli elementi di cui non vi sono istanze posizionate. A causa della mole di informazioni che include, un file Archivio notevolmente pi voluminoso del corrispondente documento in formato Progetto. Importante: gli Archivi memorizzano l'informazione del font utilizzato nel progetto, ma non il font stesso. Ci significa che se vorrete visualizzare le informazioni testuali nello stesso modo in cui apparivano nellambiente originale, dovrete installare i font appropriati. I file Archivio non memorizzano gli Add-On. Quindi, se il vostro progetto contiene degli elementi influenzati da qualche Add-On, tali elementi potrebbero perdere determinate caratteristiche o comportamenti se tali Add-On non sono presenti. Quando aprite un documento di tipo Archivio, appare il dialogo Apri Progetto Archivio. Potrete scegliere una delle tre opzioni seguenti: Leggi elementi direttamente dall'archivio: ci significa che gli elementi di libreria non verranno estratti dal file archivio. Potrete accedere istantaneamente agli elementi incorporati, ma non potrete editarli. Questo vale anche per gli schemi di lista usati nei computi. Questo metodo risparmia molto spazio, ma limita le possibilit di modifica.

33

Configurazione

Estrai gli elementi in una cartella - gli elementi di libreria esterni richiesti per il progetto verranno estratti dallarchivio e posizionati in una nuova cartella a cui potrete assegnare un nome. Questa soluzione raccomandata se dovete realmente lavorare sugli Oggetto GDL del progetto. Seleziona una libreria: invece di estrarre gli elementi di libreria registrati con il progetto, potrete indicare una cartella che ospita gli elementi necessari. Questa soluzione raccomandata se volete aggiornare gli Oggetti GDL del progetto con le loro ultime versioni.

Nota: se aprite un documento con accesso esclusivo, mentre unaltra persona lo sta usando, ognuno dei due utenti potrebbe sovrascrivere il lavoro dellaltro, senza altri messaggi di avvertimento da parte di ArchiCAD. Perci, siate estremamente cauti quando aprite un documento con accesso esclusivo in situazioni diverse dai casi di emergenza sopra indicati.

Unione di documenti
Il comando Unisci permette di fondere elementi di un altro Progetto, un Modulo o un documento immagine nel progetto corrente o nella finestra Sezione/Alzato o Disegno Dettaglio attualmente aperta. Quando unite un altro Progetto o un Modulo, ArchiCAD fonder i piani del documento unito (importato) con quello corrente (aperto). Quando unite un edificio multipiano alla pianta corrente, ArchiCAD vi chiede di definire quale piano del file importato corrisponde al piano su cui state lavorando, e suggerir anche una possibile corrispondenza. Se non ci sono abbastanza piani nel progetto aperto per accogliere tutti quelli da unire, ArchiCAD creer automaticamente i piani mancanti. Dal momento che gli attributi (Lucidi, Materiali, Tipi di Linea, Tipi di Retino, ecc.) sono identificati dai loro nomi, si osservano le seguenti regole: Se il nome di un attributo uguale nei due progetti, gli elementi uniti (importati) erediteranno gli attributi del progetto corrente. Se il nome di un attributo del file unito non presente nel progetto corrente, questo attributo viene aggiunto alla serie di attributi del progetto corrente, che accoglier cos i nuovi nomi. Quando unite un Progetto o un Modulo, potrete muoverlo, ruotarlo e specchiarlo prima di posizionarlo nella locazione definitiva. Gli elementi saranno circondati da un rettangolo tratteggiato. Cliccate allinterno del rettangolo per spostare gli elementi in unaltra posizione. Cliccate allesterno del rettangolo, o su OK nella Palette Controllo, per posizionare gli elementi. Gli elementi dei file uniti diventeranno indipendenti luno dallaltro dopo il posizionamento. Potrete posizionare pi copie degli stessi elementi con il comando Incolla.

Apertura di progetti attraverso una rete


Se il documento da aprire gi in uso da un altro utente sulla rete locale, ArchiCAD vi avviser della situazione notificandovi il nome dellutente, con il nome definito nel Controllo Condivisione (Macintosh) o con il Nome Utente (Windows). In questo caso, avrete le seguenti possibilit: Annullare l'apertura del documento Aprirlo in sola lettura Aprirlo con accesso esclusivo Se optate per aprire il documento in sola lettura, potrete consultare e modificare lintero progetto ma potrete registrarne le variazioni solo con un nome diverso o con lo stesso nome ma in unaltra locazione. Se tenterete di sovrascrivere il documento originale, verr visualizzato un messaggio di avviso che vi notificher limpossibilit di sostituire il documento originale. Potrete anche scegliere di aprire il documento con accesso esclusivo. In ogni caso, usate con molta attenzione questa opzione. Ci sono una serie di cause che potrebbero indurre ArchiCAD a notificare che il documento in uso nonostante non lo sia: Lultima persona che lo ha usato non ha correttamente aperto o chiuso il documento dallinterno di ArchiCAD, ad esempio a causa di un crash di sistema. Avete fatto una copia del documento nel momento in cui questo era in uso, e quindi la copia del documento include il nome della persona che stava utilizzando loriginale durante loperazione di duplicazione.

34

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Configurazione

Nota: Quando si unisce un Modulo in una finestra Sezione/Alzato, verranno incollati solo elementi 2D. Scegliendo da tipi di file immagine potete accedere a: Documenti creati in altri programmi di disegno o di illustrazione; Viste 3D e alzati registrati in formato immagine; FotoRendering registrati come immagini.

Prima di scegliere Unisci, potete definire la dimensione della figura sul foglio di lavoro, usando lo strumento Area di Selezione e tracciando un rettangolo con la misura e la posizione che si desidera. La figura verr adattata a questo rettangolo. Nota: Se il rettangolo non ha le stesse proporzioni dellimmagine originale, la figura verr distorta. Per altre informazioni, vedere Collegamenti a pagina 303.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

35

Configurazione

36

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

INTERAZIONE
Questo capitolo un'introduzione alle operazioni di base di ArchiCADs. Esso composto di due sezioni principali: Navigazione e Editazione Generale. La sezione Navigazione descrive come spostarsi tra le finestre per trovare ci che si desidera visualizzare sullo schermo, e come spostarsi all'interno della struttura dell'Edificio Virtuale, usando il Navigatore e le palette di anteprima. La sezione Editazione generale tratta molte tecniche di interazione con l'Edificio Virtuale ai fini della modifica degli elementi di quest'ultimo. Qui sono descritti dettagliatamente l'esclusivo cursore intelligente ArchiCADs, una serie di utili metodi di selezione, gli ausili per il disegno (come il sistema di griglia) e le tecniche di editazione di base. Se il vostro mouse non ha la rotella potete comunque emulare questa operazione: fate clic sul pulsante Zoom Speciale nella barra di scorrimento inferiore per emulare il funzionamento dello zoom effettuato con la rotella del mouse: per ingrandire, fate clic e muovete il cursore verso lalto entro la finestra. Per ridurre, fate clic e muovete il cursore verso il basso. Il successivo clic attiver lo zoom prescelto. Zoom con la tastiera: potete utilizzare il tastierino numerico per ottenere l'effetto di zoom voluto: premete il tasto + per ingrandire e il tasto - per ridurre. Pulsanti di zoom della barra di scorrimento: facendo clic sui pulsanti Incrementa Zoom o Riduci Zoom nella barra di scorrimento inferiore della finestra attiva si richiamano le corrispondenti scorciatoie. Tracciate un rettangolo attorno al dettaglio che intendete ingrandire, con il cursore a lente di ingrandimento. Larea compresa nel rettangolo verr ingrandita alla dimensione della finestra corrente. Con Zoom per Ridurre, l'intera vista viene ridotta per portarla alla dimensione del rettangolo definito. Loperazione ottimizzata, in modo che non ne risulti alcuna distorsione. Nota: potete inoltre fare doppio clic sull'icona appropriata per raddoppiare o dimezzare il corrente livello di ingrandimento o riduzione. Comandi del menu: Scegliere Visualizza > Zoom > Incrementa o Riduci. Nota: se questi comandi non sono disponibili nel menu Visualizza, potete aggiungerli usando Opzioni > Ambiente di Lavoro > Menu. Per altre informazioni sulla finestra di dialogo Ambiente di Lavoro, vedere Ambiente di lavoro a pagina 15. Tracciate un rettangolo attorno al dettaglio che intendete ingrandire, con il cursore a lente di ingrandimento. Larea circondata dal rettangolo verr ingrandita alla dimensione della finestra corrente. Con Zoom per Ridurre, l'intera vista viene ridotta per portarla alla

NAVIGAZIONE
In questa sezione si apprender come navigare tra le diverse finestre e viste dell'Edificio virtuale. Si far uso di tecniche di ingrandimento e di panoramica per identificare e visualizzare aree specifiche del progetto, sia in 2D che in 3D. Il Navigatore utilizzabile per spostarsi all'interno della struttura del progetto fino a raggiungere la vista di cui si ha bisogno. Per altre informazioni sulle finestre e le viste di ArchiCAD vedere Viste del modello a pagina 109. Nella maggior parte delle finestre vi sono delle icone di collegamento accanto alla barra di scorrimento orizzontale, utilizzabili come ausili per la navigazione.

Navigazione in 2D
Tecniche di Ingrandimento/Panoramica nelle finestre in 2D
E' possibile avvicinare lo zoom sui dettagli o allontanarlo per visualizzare un maggior numero di elementi. Per ottenere tali effetti potete utilizzare varie tecniche: Zoom con la rotella del mouse: se il vostro mouse dotato di rotella, utilizzatela per ingrandire o ridurre l'area i cui posizionato il cursore.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

37

Interazione

dimensione del rettangolo definito. Loperazione ottimizzata, in modo che non ne risulti alcuna distorsione. Per avvicinare la visualizzazione in modo da comprendere i soli nodi selezionati, scegliete il comando Visualizza > Zoom > Autoscala la selezione. Se avete necessit di tornare con frequenza ad una determinata area del progetto, potrete definirla come vista originale scegliendo il comando Visualizza > Zoom > Setta Vista Originale. Potrete tornare facilmente a questa inquadratura scegliendo il comando Visualizza > Zoom > Vista Originale. Questa Vista originale viene salvata insieme al progetto. Potete registrare differenti livelli di zoom per riutilizzarli, facendo clic sul pulsante con la freccia triangolare nella barra di scorrimento inferiore della finestra attiva. I comandi del relativo menu a comparsa vi consentono di richiamare, rinominare e cancellare gli zoom predefiniti. Le Viste originali non sono comprese nella lista degli zoom salvati. Se desiderate tornare indietro di un passo dopo aver eseguito una operazione di Incrementa Zoom, Riduci Zoom, Panorama, Vista Originale o Autoscala, potete fare clic sull'apposita icona di collegamento nella barra di scorrimento inferiore della finestra attiva. Vengono memorizzati fino a 20 passi precedenti. Per tornare in avanti nella sequenza, usate il comando Zoom Successivo o il l'icona di collegamento . Autoscala: potete dimensionare la vostra finestra in modo che contenga tutti gli elementi di costruzione correntemente visibili. Questo un buon metodo per controllare di non aver posto erroneamente qualcosa in posizione troppo distante dal resto del vostro disegno, ad esempio nel corso di un input numerico o di unoperazione di moltiplicazione. Scegliete il comando Visualizza > Zoom > Autoscala o fate clic sulla corrispondente icona di collegamento nella barra di scorrimento inferiore della finestra attiva. Nelle finestre di Lista presente una icona di collegamento in pi nella barra di scorrimento inferiore, che esegue l'operazione

Adatta alla Larghezza della lista generata alla dimensione corrente della finestra. Panorama: la funzione Panorama si usa per esaminare l'area di lavoro nel suo insieme, in genere per visualizzare per elementi o dettagli che non rientrano nella vista corrente. Abilitate la funzione Panorama, e muovete il cursore per spostare la vista qua e l nella finestra insieme al cursore. Nell'utilizzare la funzione Panorama per un progetto ampio e complesso entro una finestra 2D, la visualizzazione del modello pu essere soggetta a scatti. Per rimediare, provate a utilizzare le varie possibilit offerte in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Maggiori opzioni: Visualizzazione Modello nella navigazione in 2D. Per altre informazioni, vedere Maggiori opzioni nell'Aiuto ArchiCAD. L'effetto panorama pu essere ottenuto in molti modi. - Fare clic sul pulsante Panorama sulla banda di scorrimento inferiore della finestra attiva - Scegliere il pulsante Panorama per effettuare la panoramica sull'intero foglio di lavoro virtuale muovendo il cursore a forma di mano con il mouse. Lintera schermata verr spostata, mentre il livello di zoom rimarr invariato. - Se disponete di un mouse con tre pulsanti, potrete utilizzarlo per effettuare la panoramica tendendo premuto il pulsante centrale mentre spostate il cursore a forma di Mano sul foglio di lavoro. Se disponete di un mouse con rotella di scorrimento, potrete utilizzarlo per effettuare la panoramica tenendo premuta la rotella mentre spostate il cursore a forma di Mano sul foglio di lavoro. - Si pu utilizzare il tastierino numerico (solo Windows) premendo i seguenti tasti: 4 (sposta a sinistra), 2 (sposta in basso), 6 (sposta a destra), 8 (sposta in alto). (Assicuratevi che la funzione Blocca Numeri sia disattivata.) Il medesimo risultato raggiungibile tramite i tasti freccia sopra/sotto e sinistra/destra. - Usare la palette Anteprima Navigatore per eseguire una panoramica nella finestra. Per altre informazioni, vedere Anteprima Navigatore (2D). Nota: il comando Panorama pu essere utilizzato con l'input numerico e le Forzature del cursore, per traslare la vista in direzioni specifiche relative alla geometria di un elemento o del progetto.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

38

Interazione

Anteprima Navigatore (2D)


La Palette Anteprima Navigatore aiuta a localizzare e ingrandire determinate parti del vostro progetto, soprattutto quando si lavora su progetti di grandi dimensioni. Per altre informazioni, vedere La Palette Anteprima Navigatore 2D nell'Aiuto ArchiCAD. Per Visualizzare la Palette Anteprima Navigatore, fare clic sull'icona di collegamento nella barra di scorrimento inferiore di qualsiasi finestra ; o usare la Finestra > Palette > Anteprima Navigatore. Per le Finestre 2D, la Palette Anteprima visualizza una copia in miniatura dell'intero contenuto della Vista corrente. Il riquadro all'interno della Palette Anteprima rappresenta la finestra attiva al suo attuale livello di zoom. Si pu usare questo riquadro per effettuare zoom e panoramiche all'interno della Palette Anteprima; ci ha lo stesso effetto dell'effettuare zoom e panoramiche nella finestra attiva, ma al tempo stesso vi permette una visione complessiva del contenuto dell'intera finestra. Se si utilizza Anteprima Navigatore su una finestra 2D, sono disponibili le seguenti opzioni di zoom e panoramica: per cambiare la posizione del riquadro, trascinare l'area da esso circoscritta con il cursore Mano (ci vi permette di effettuare panoramiche nella finestra attiva); per cambiare la dimensione del riquadro, trascinatene i lati o gli angoli (ci ha l'effetto di incrementare o diminuire il livello di zoom all'interno della finestra attiva).

Nell'angolo in basso a destra, un menu pop-up offre tre diverse tecniche di zoom. Se utilizzate Doppio-clic per lo zoom, avete la possibilit di premere il pulsante Vai in alto a destra invece del doppio-clic per ottenere lo zoom scelto.

Navigazione in 3D
La navigazione nella finestra 3D si effettua utilizzando la maggior parte dei metodi base della navigazione in 2D. La tastiera, la rotella del mouse, l'autoscala, la panoramica e i comandi di controllo del livello di zoom funzionano nello stesso modo che in 2D. Per altre informazioni, vedere Navigazione in 2D a pagina 37. La Finestra 3D offre inoltre delle possibilit di navigazione particolari per esplorare il modello e orbitare intorno ad esso. Questi comandi sono visualizzati nelle barre strumenti Visualizzazione 3D e 3D Semplice, ed possibile assegnare ad essi delle scorciatoie. Scegliere Finestra > Barre Strumenti > Visualizzazione 3D o 3D Semplice per visualizzare queste barre strumenti secondo le necessit. Nota: possibile accedere ai comandi di Navigazione 3D gi conosciuti nelle precedenti versioni di ArchiCAD scegliendo da Finestra > Barre Strumenti > barra strumenti Navigazione 3D Classica. Per altre informazioni, vedere Barra strumenti navigazione 3D Classica nell'Aiuto ArchiCAD.

Nella parte inferiore della palette, i pulsanti pi e meno e un comando a cursore offrono degli ulteriori modi per effettuare operazioni di zoom sulla vista corrente. Ogni clic sui pulsanti aumenta o riduce il livello di ingrandimento, con incrementi del 10% circa.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

39

Interazione

I comandi per la Navigazione 3D esaminati in dettaglio nel seguito sono disponibili solo entro la finestra 3D.

Esplora Modello
Limitatamente alle viste in Prospettiva, possibile esplorare il modello o scegliendo la Vista > Esplora Modello o accedendo al medesimo comando da una barra degli strumenti, o dalla barra di scorrimento inferiore della Finestra 3D. In modalit Esplora, usare il mouse e i tasti freccia della tastiera per la navigazione. In tale modalit, non possibile editare il modello o utilizzare i comandi. Per uscire dalla modalit Esplora, fare clic con il tasto sinistro del mouse o usare il tasto Esc. Nota: l'esplorazione del modello ottimizzata per il motore OpenGL. Quando si sceglie il comando Esplora Modello, si apre una finestra di dialogo che offre un'illustrazione visiva di ci che potete aspettarvi dalle varie azioni effettuabili con il mouse e la tastiera. Il movimento del mouse far ruotare la telecamera nelle direzioni indicate dalle frecce posta accanto alla telecamera stessa nell'immagine sovrastante. I tasti freccia vi faranno spostare, avanti, indietro o di lato nelle direzioni indicate dalle frecce nell'immagine sovrastante. Si noti che la freccia Su avvicina il modello all'osservatore mentre la freccia Gi lo allontana. L'uso dei tasti Pagina Su e Pagina Gi simula un effetto ascensore. La modalit Volo combina l'effetto ascensore con i movimenti rotatori e laterali in modo da simulare il movimento attraverso il modello su un piano orizzontale o nello spazio.

intorno al suo centro (assonometria) o intorno a un punto di mira (prospettiva) tenendo premuto il tasto sinistro del mouse e trascinandolo. Si noti l'icona Orbita nell'immagine in basso. Non possibile editare il modello in modalit Orbita. Fare clic su ESC per uscire dalla modalit Orbita e ritornare alla modalit Edit. In modalit Edit, possibile simulare temporaneamente la modalit Orbita premendo Shift+ insieme alla rotella del mouse per far orbitare il modello. Rilasciare i tasti per fermare l'orbita. Questo tipo di Orbita temporaneo richiede che il modello venga ridisegnato e pu dar luogo a rallentamenti nella navigazione.

Extra Navigazione 3D
Ulteriori comandi per la navigazione avanzata in 3D sono disponibili da Visualizza > Extra Navigazione 3D (o da una specifica barra strumenti). Questi comandi permettono quanto segue. Fissare in maniera interattiva il punto di mira per la prospettiva (Guarda a) Passare a una vista perpendicolare a un dato punto (Guarda a perpendicolare) Resettare l'angolo di rotazione a zero per uscire rapidamente da una vista bizzara cui si sia giunti nel corso della navigazione (Resetta Angolo di Rollio) Tornare a una vista orizzontale del modello con un solo comando (Vista Orizzontale) Edita set proiezioni e Aggiungi proiezione corrente: questi comandi sono disponibili se si sta visualizzando una proiezione parallela. Per altre informazioni, vedere Serie di proiezioni nell'Aiuto ArchiCAD. Posiziona Telecamera nel percorso (per le prospettive) Questo comando aggiunge la prospettiva corrente alla Mappa Progetto, se non c' nessuna telecamera selezionata sulla Pianta. Se nella pianta ci sono gi delle telecamere che definiscono un percorso di animazione, la nuova telecamera verr aggiunta dopo la telecamera attiva del percorso attivo, segnalata in pianta dal relativo cono visivo. Se nella Pianta stata selezionata una sola telecamera, e state utilizzando la vista in prospettiva, sono disponibili da Visualizza > Extra Navigazione 3D anche i comandi seguenti:
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Orbita in 3D
L'altra opzione di navigazione 3D la modalit Orbita: si pu scegliere Vista > Orbita, o accedere al medesimo comando da una barra degli strumenti o dalla barra di scorrimento inferiore della finestra 3D. In modalit Orbita possibile far ruotare il modello

40

Interazione

Nota: quando si usano questi comandi per cambiare la telecamera selezionata, cambia di conseguenza anche l'elemento selezionato nella Mappa Progetto del Navigatore. Vai al precedente/Vai al successivo: utilizzare questi comandi per spostarsi alla vista in prospettiva della precedente o successiva telecamera del percorso attivo, e per selezionare tale telecamera. Modifica la selezione: la telecamera selezionata sar aggiornata in modo da riflettere la vista in prospettiva che potete attualmente vedere nella Finestra 3D. Usate questo comando per cambiare linquadratura di telecamere gi posizionate dopo aver modificato la vista nella finestra 3D. Ripristina la vista a quella selezionata: tralascia tutte le modifiche effettuate manualmente e mostra il modello 3D secondo linquadratura e le impostazioni della telecamera selezionata. Inserisci una nuova telecamera dopo quella selezionata: aggiunge una nuova telecamera al percorso per definire la vista dalla prospettiva corrente, e la seleziona. Per altre informazioni, vedere Telecamere a pagina 327.

Per le proiezioni Assonometriche (parallele), usare il menu pop-up per scegliere il tipo di vista. Per altre informazioni, vedere La Palette Anteprima Navigatore 3D nell'Aiuto ArchiCAD e Proiezioni 3D a pagina 119.

Anteprima Navigatore (3D)


Per Visualizzare la Palette Anteprima Navigatore, fare clic sull'icona di collegamento nella barra di scorrimento inferiore di qualsiasi finestra ; o usare Finestra > Palette > Anteprima Navigatore. Quando attiva la Finestra 3D, l'Anteprima Navigatore 3D contiene una rappresentazione in miniatura dell'intera vista progetto. Ci offre un metodo rapido per modificare i Settaggi della Proiezione 3D, che questa sia prospettica o parallela (assonometrica); si pu variare il cono visivo o modificare l'assonometria pur mantenendo una visione d'insieme dell'intero progetto. Le opzioni dell'Anteprima Navigatore sono diverse se si guarda una vista Prospettica o una vista Assonometrica. Per le viste Prospettiche 3D, potrete modificare il cono visivo utilizzando il comando a scorrimento o le piccole icone ai suoi estremi, con incrementi di 5 gradi. Potete modificare la posizione della telecamera e del punto di mira direttamente facendo clic su di essi nella finestra di Anteprima (mediante Mostra pianta dall'alto), o fissare l'altezza della telecamera relativamente ai piani del progetto (mediante Mostra Fronte).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Navigatore
Con la sua struttura ad albero di facile uso, il Navigatore vi permette di costruire l'intera struttura logica del progetto e di navigare al suo interno. Si possono creare delle cartelle e copiare o trascinare viste e altri elementi di progetto, a seconda dello scopo specifico. Il Navigatore permette inoltre di accedere a viste e layout da documenti ArchiCAD esterni e di posizionarli entro il Book di Layout del progetto corrente. Infine, possibile configurare gli output per la pubblicazione mediante i comandi del Navigatore. Per altre informazioni sulla creazione e l'output dei Layout, vedere Creazione di Layout a pagina 249. Importante: le operazioni che coinvolgono elementi del Navigatore/Organizzatore (come il trascinamento tra le mappe del Navigatore, la cancellazione di elementi da una mappa, o l'aggiunta di elementi al Set di Pubblicazione) non vengono aggiunte alla coda del comando Annulla, e non sono annullabili. Il Navigatore visualizza l'intera struttura ad albero del progetto in quattro mappe diverse.

41

Interazione

La Mappa Progetto, visualizzata per default nel Navigatore, presenta la struttura ad albero delle componenti (punti di vista) del modello dell'Edificio Virtuale Per altre informazioni, vedere Mappa Progetto a pagina 44. La Mappa Vista comprende tutte le Viste, predefinite e create dall'utente, del Documento Progetto. Per altre informazioni, vedere Mappa Vista a pagina 45. Il Book di Layout contiene i layout definiti per l'intero progetto architettonico. Per altre informazioni, vedere Book di Layout a pagina 48. La Mappa Set di Pubblicazione una struttura ad albero in cui si possono definire dei gruppi di viste ai fini di vari tipi di output (stampa, plottaggio, salvataggio su un disco locale o caricamento su internet o su una intranet).

Per altre informazioni, vedere Set di Pubblicazione a pagina 49. Per passare da una mappa all'altra, fare clic su uno dei quattro pulsanti posti nella parte alta del Navigatore. La barra del titolo della palette indica quale sia la mappa correntemente visualizzata. L'elemento del Navigatore correntemente aperto nella finestra visualizzato in grassetto. Il Navigatore dispone di speciali funzionalit per i progetti condivisi: per altre informazioni, vedere Mappa Vista e Set di Pubblicazione in Teamwork a pagina 284. Il diagramma seguente presenta sinteticamente il modo in cui il lavoro sul progetto si riflette nelle mappe del Navigatore:

42

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

La palette Organizzatore
La palette Organizzatore collegata alla Palette Navigatore. Comprende essenzialmente gli stessi comandi, ma ha una duplice struttura ad albero per facilitare lo spostamento e la copia di viste e documenti da una mappa all'altra. Mediante varie combinazioni dei panelli sui due lati, possibile scegliere fra tre modalit. La barra del titolo dell'Organizzatore mostra il nome della struttura ad albero di destra.

Modalit Editor Layout (Mappa Layout a destra): permette di posizionare i Disegni sui Layout nel Book di Layout trascinando le viste dalla Mappa Progetto o Vista (a sinistra) sui Layout (a destra). Publisher (Publisher a destra): crea delle scorciatoie che collegano una vista o un layout (a sinistra) a un elemento del Set di pubblicazione (a destra) trascinando Viste o Layout sul Publisher nella parte destra. Facendo clic su un qualsiasi elemento nel Navigatore/Organizzatore, viene visualizzata una anteprima di esso (se pertinente) nella palette Anteprima navigatore. Un doppio -clic sull'elemento attiva la finestra corrispondente. Per altre informazioni sull'interfaccia Navigatore/Organizzatore, vedere Palette Navigatore e La palette Organizzatore nell'Aiuto ArchiCAD.

Visualizzazione del Navigatore/Organizzatore


Il Navigatore visualizzato per default.

Modalit Editor vista (Mappa Vista a destra): permette di memorizzare le Viste trascinando con il mouse i Punti di vista dalla Mappa Progetto alla Mappa Vista.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se risulta nascosto, scegliere Finestra > Palette > Navigatore, o fare clic sull'icona del Navigatore nella parte inferiore dello schermo ArchiCAD.

43

Interazione

Per visualizzare l'Organizzatore, scegliere Finestra > Palette > Organizzatore, o il comando Mostra Organizzatore dall'icona Scelta Progetto in alto a sinistra nel Navigatore. Le palette Navigatore e Organizzatore dispongono entrambe della funzione Auto-Nascondi: se la si attiva, possibile usare il Navigatore/Organizzatore nel modo consueto, ma al primo clic al di fuori della palette questa diventer invisibile. Il comando Auto-Nascondi si trova nel menu di scelta rapida della palette Navigatore/Organizzatore (fare clic con il tasto destro in un punto qualsiasi della palette.)

Mappa Progetto
La Mappa Progetto presenta la struttura ad albero delle componenti (punti di vista) del modello dell'Edificio Virtuale. Per i dettagli sui comandi della Mappa Progetto, vedere Mappa Progetto nell'Aiuto ArchiCAD. Un Punto di vista costituisce una finestra su una specifica parte del progetto, della quale per non sono ancora stati salvati i settaggi. I Punti di vista della Mappa Progetto sono: Piani Sezione/Alzato Disegni Dettaglio 3D Abachi Elementi Indici Progetto Liste Info Fare doppio-clic su un punto di vista per aprirlo nel progetto. Una volta che i suoi settaggi siano stati salvati, il punto di vista diviene una

vista (inserita nell'elenco della Mappa Vista), che pu essere posizionata su un Layout per l'editazione. Nella prima riga della Mappa Progetto, l'icona della casa rappresenta il progetto ed seguita dal nome del progetto. (Il progetto prende un nome nel momento in cui viene salvato il relativo file, ma se viene assegnato un Nome Progetto da Archivio > Info > Info Progetto, questo sar il nome visibile nel Navigatore.) Al di sotto, una serie di cartelle chiamate Piani, Sezioni/Alzati, Dettagli, 3D, Abachi Elementi, Indici Progetto, Liste, e Informazioni memorizzano i punti di vista disponibili nel progetto. Le cartelle della Mappa Progetto costituiscono una lista prefissata di categorie di elementi; in essa non possibile aggiungere o cancellare cartelle. E' possibile visualizzare il contenuto di ciascuna cartella facendo clic sul segno pi accanto ad essa (in Windows) o sul triangolino (in MacOS). In Windows, la cartella si apre anche facendo doppio clic sulla sua icona o sul suo nome. La cartella Piani contiene tutti i piani definiti nel progetto. Quando si da inizio a un nuovo progetto la cartella Piani contiene tre elementi, i cui nomi dipendono dalla versione localizzata di ArchiCAD che si sta usando. Le cartelle Sezioni/Alzati e Dettagli contengono lelenco delle finestre corrispondenti. Se dinanzi a una di queste cartelle non c il segno pi, ci significa che nel progetto non ancora stata creata alcuna vista di quel tipo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

44

Interazione

I punti di vista di dettaglio elencati nella cartella Dettagli hanno diverse icone, sulla base del tipo di dettaglio di cui si tratta. Per altre informazioni, vedere Disegni Dettaglio a pagina 128. La cartella 3D contiene cinque tipi di elementi per le varie proiezioni e tipi di telecamere. Per default, due elementi sono presenti all'inizio del progetto: Prospettiva Generica e Assonometria Generica. Per altre informazioni, vedere Proiezioni 3D a pagina 119. Quando posizionate delle Camere nel Progetto, i loro nomi appaiono nella cartella 3D della Mappa Progetto, raggruppati sotto Percorso. Il Percorso pu essere rinominato nella finestra di dialogo Settaggi Telecamera, e possono essere aggiunti ulteriori percorsi. Tutte queste aggiunte e modifiche sono aggiornate nella Mappa Progetto. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Telecamera/VR nell'Aiuto ArchiCAD. Creando una telecamera di tipo Oggetto VR, il suo nome viene automaticamente aggiunto alla Mappa Progetto. Tutte le telecamere di tipo Oggetto VR sono elencate singolarmente. Creando una nuova Scena VR, il suo nome viene automaticamente aggiunto alla Mappa Progetto. I nomi delle telecamere panoramiche posizionate appaiono sotto il nome della Scena VR, ed possibile aggiungere ulteriori Scene. Tutte le modifiche vengono aggiornate nella Mappa Progetto. La cartella Abachi Elementi contiene gli abachi interattivi creati per la documentazione del progetto che dovranno essere utilizzati come base per effettuare gli ordini di porte, finestre, e altri elementi di costruzione presso i fornitori e per il controllo della coerenza dei vari elementi in base a una serie di criteri. Per altre informazioni, vedere Abaco Interattivo a pagina 132. La cartella Indici Progetto contiene tre gruppi di elementi di tipo Indice. Degli Indici di progetto fanno parte gli indici della Lista Vista, gli indici del foglio di layout e gli indici della Lista Disegno, basati su una serie di criteri di filtro. Per altre informazioni, vedere Indici Progetto a pagina 50.

La cartella Liste contiene tre elementi: Elementi, Componenti e Zone. Quando si aprono, tutte e tre mostrano lelenco degli schemi di lista disponibili per il progetto. Tutti questi elementi sono anche presenti nel menu Documenti > Abachi e Liste. Per altre informazioni, vedere Computo a pagina 270. La cartella Informazioni contiene due elementi: Note Progetto e Resoconto. Questi rappresentano le corrispondenti finestre disponibili anche dal menu Finestre. Per altre informazioni, vedere Note Progetto e Resoconto nell'Aiuto ArchiCAD. Facendo clic su un elemento con il tasto destro del mouse, viene visualizzata una serie di comandi pertinenti in un menu di scelta rapida (ad esempio, i comandi relativi ai piani per Piani, o i comandi relativi alla visualizzazione 3D per Prospettive). Un doppio-clic su uno degli elementi della Mappa Progetto attiva la corrispondente finestra e ne visualizza il contenuto, al livello di zoom e con i settaggi di visualizzazione utilizzati pi di recente; questi settaggi sono visualizzati nella sezione Attributi,nella parte inferiore della Mappa Progetto della Palette Organizzatore (Settaggi Vista e Opzioni di Memorizzazione), e nella Palette Opzioni Veloci. Una volta impostati i settaggi del punto di vista, possibile salvare quest'ultimo come vista. Si ricordi che i settaggi di un punto di vista cambiano con le modifiche apportate nella finestra.

Mappa Vista
Con il secondo pulsante della Palette Navigatore, si visualizza la Mappa Vista del Navigatore: l'elenco delle Viste salvate disponibili nel vostro documento progetto. Per i dettagli sui comandi della Mappa Vista, vedere Mappa Vista nell'Aiuto ArchiCAD. Una vista una versione memorizzata di un Punto di Vista; ciascuna vista definita dai relativi Settaggi Vista modificabili, che possono essere configurati per uno scopo specifico man mano che procede la costruzione dell'Edificio Virtuale. Ognuna delle viste salvate si trova elencata nella Mappa Vista della Palette Navigatore. La sezione Attributi nella parte inferiore della Mappa Vista fornisce riscontri sui settaggi della vista selezionata. Per modificare i settaggi della vista,

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

45

Interazione

selezionare la vista e fare clic su Settaggi nella parte inferiore della Mappa Vista cos da accedere alla finestra di dialogo Settaggi Vista. Le Viste possono essere create all'interno del progetto attivo o importate da altri progetti ArchiCAD. Per altre informazioni, vedere Salvataggio delle Viste a pagina 48 e Settaggi Vista nell'Aiuto ArchiCAD. vedere anche Gestione delle Mappe Vista in Teamwork a pagina 284. Nella Mappa Vista, numerose cartelle vista sono predefinite; possibile rinominarle o cancellarle, e aggiungere nuove cartelle secondo le necessit. Per ottenere una visione complessiva degli elementi della Mappa Vista o per ordinarli in base a opportuni criteri, usare la funzione Indice Progetto. Per altre informazioni, vedere Indici Progetto a pagina 50. Anche se il contenuto del progetto cambia, i settaggi delle viste salvate rimangono intatti, a meno che non vengano espressamente modificati. Nota: possibile creare una connessione dinamica fra i punti di vista del progetto e le Viste se si clona una cartella. Vedere Creazione di una Cartella clonata nella Mappa Vista a pagina 46.

Un altro modo di clonare una cartella trascinarla tenendo premuti i tasti Ctrl+Shift (Windows) o Opt+Cmd (MacOS) all'interno del Navigatore/Organizzatore. Per ogni nuovo punto di vista creato nella Mappa Progetto, viene creata una corrispondente nuova vista nella relativa cartella clonata nella Mappa Vista. Ad esempio, se avete clonato la cartella Piani della Mappa Progetto, la corrispondente cartella clonata nella Mappa Vista visualizzer sempre tutti i Piani del Progetto, anche quelli nuovi, aggiunti dopo la creazione della cartella clonata. Inoltre, alle viste di nuova creazione della cartella clonata saranno assegnati i Settaggi Vista gi definiti per la cartella clonata. I due diagrammi seguenti illustrano la differenza tra le viste contenute nelle normali cartelle della Mappa Vista (che non sono influenzate dalle modifiche della struttura della Mappa Progetto), e le viste contenute nelle cartelle clonate della Mappa Vista (il cui contenuto cambia parallelamente ai cambiamenti apportati ai punti di vista della Mappa Progetto.)

Viste nelle normali cartelle della Mappa Vista:

Creazione di una Cartella clonata nella Mappa Vista


Clonare una cartella significa ricreare una cartella della Mappa Progetto all'interno della Mappa Vista. A tal fine, si usa il comando Clona una cartella (dal menu di scelta rapida della Mappa Vista o con il pulsante Clona una cartella nella parte inferiore della Mappa Vista). La risultante cartella clonata verr identificata nella Mappa Vista mediante una speciale icona cartella clonata .

46

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Viste nelle cartelle clonate della Mappa Vista:

nell'Organizzatore, mediante le Opzioni Settaggi Vista e Memorizzazione nella parte inferiore della Mappa Progetto

Settaggi Vista Memorizzati insieme alla Vista


I Settaggi Vista di tutte le singole viste sono accessibili nella finestra di dialogo Settaggi Vista.

Al momento della creazione di una cartella clonata, la finestra di dialogo Clona una cartella permette di definire i settaggi vista per tutte le viste della cartella clonata. Per altre informazioni, vedere Clona una cartella nell'Aiuto ArchiCAD.

Come configurare una Vista


Per impostare una nuova vista, attivarla nell'appropriata finestra (Piante, Sezioni/Alzati, Dettagli, 3D, Abaco interattivo, o Liste) e impostarne i settaggi secondo le necessit. Si pu, ad esempio modificare la scala e la combinazione di lucidi per rispondere alle necessit di output in uno dei modi seguenti: nella finestra attiva, mediante i consueti comandi di editazione modificando le opzioni della Palette Opzioni Veloci, che visualizza sempre i settaggi della finestra correntemente attiva (in primo piano) Per altre informazioni, vedere Palette Opzioni Veloci a pagina 48.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Vedere Settaggi Vista nell'Aiuto ArchiCAD. Una volta salvata la vista, questa memorizza in maniera combinata i seguenti settaggi: Combinazione Lucidi Scala

47

Interazione

Opzioni Vista Modello combinate (solo per le finestre Piante, Sezioni/Alzati e Dettagli) Piano di Taglio Pianta Quotature Zoom Settaggi immagine (per le viste 3D): si tratta di: settaggi proiezione 3D (compreso lo zoom), filtri elementi 3D, settaggi finestra 3D, piani di taglio 3D, settaggi sezione 3D e fotoRendering. Selezione esplicita o selezione in un'area (solo 3D)

nella parte inferiore del Navigatore, accanto ai settaggi modificati, con l'avviso che I settaggi della finestra in primo piano non corrispondono pi ai settaggi vista originari. Se lo si desidera, possibile salvare i correnti settaggi della finestra come vista. Vedere Settaggi Vista nell'Aiuto ArchiCAD.

Palette Opzioni Veloci


La palette Opzioni Veloci visualizza i settaggi correnti della finestra attiva (in primo piano): Combinazione Lucidi, Scala, e Combinazione Opzioni Vista Modello. I settaggi correnti della finestra riportati in Opzioni Veloci non sono necessariamente stati salvati come parte di una vista; sono delle semplici informazioni su ci che visualizzato al momento nella finestra attiva, e permettono di modificare rapidamente questi tre tipi di settaggi. Per altre informazioni, vedere Palette Opzioni Veloci nell'Aiuto ArchiCAD. La Palette Opzioni Veloci visualizzata per default nell'angolo inferiore destro dello schermo. Per nascondere/visualizzare questa palette, usare Finestre > Palette > Opzioni Veloci o il corrispondente pulsante nella barra di scorrimento inferiore della finestra modello.

Salvataggio delle Viste


Si pu salvare una vista in uno dei modi seguenti. Usare l'Organizzatore per trascinare il punto di vista dalla Mappa Progetto alla Mappa Vista. Fare clic sul pulsante Salva Vista nella parte inferiore della Mappa Progetto. Selezionare il Punto di Vista nella Mappa Progetto, poi fare clic con il tasto destro del mouse e scegliere il comando Salva vista corrente. Trascinare il punto di vista dalla Mappa Progetto nel Book di Layout. La nuova vista sar visualizzata sia nella Mappa Vista sia nel Book di Layout. Usare il comando Salva la vista e posizionala sul Layout, disponibile dal menu di scelta rapida della finestra attiva, dal menu di scelta rapida dell'elemento nel Navigatore/Organizzatore, e fra i comandi del menu Documento. La nuova vista sar visualizzata sia nella Mappa Vista sia nel Book di Layout.

Book di Layout
Il Book di Layout contiene i layout definiti per l'intero progetto architettonico, e pu contenere Disegni provenienti da numerosi file progetto ArchiCAD e da altri file. Una vista posizionata su un Layout prende il nome di Disegno. La lista dei Layout pu essere visualizzata in due formati: Albero per sottoinsiemi o Albero per Master. Nella parte inferiore del Book di Layout, la sezione Attributi visualizza i settaggi del Layout corrente, alcuni dei quali sono direttamente modificabili. Per accedere ai Settaggi Layout del Disegno posizionato nel layout selezionato, fare clic sul pulsante settaggi nella parte inferiore del Book di Layout. I Disegni sono accompagnati da icone che corrispondono ai rispettivi tipi di file. Le viste importate da progetti ArchiCAD mantengono le proprie icone (per esempio pianta o sezione) ma sono visualizzate in bianco.

Modifica dei Settaggi Vista


Per modificare i settaggi di una vista gi salvata, aprire la finestra di dialogo Settaggi Vista e fare clic su Ottieni i Settaggi della Finestra Corrente per sostituire i settaggi vista originari con quelli del punto di vista corrente (cio quelli della finestra attiva). Se stata aperta una vista salvata dalla Mappa Vista, e se nel lavorare nella finestra attiva stato modificato qualcuno dei suoi Settaggi Vista, sar visualizzata una icona triangolare gialla di avvertimento

48

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Per i dettagli su comandi del Book di Layout vedere Book di Layout nell'Aiuto ArchiCAD. Per altre informazioni sulla creazione e l'output dei Layout, vedere Creazione di Layout a pagina 249.

Set di Pubblicazione
Usare questa mappa del Navigatore/Organizzatore per impostare gli elementi che si desidera pubblicare, nonch il metodo e il formato di pubblicazione. Si pu accedere a questa palette sia dal Navigatore sia mediante il comando Documento > Publisher > Pubblica.

Ognuno degli elementi del Publisher si riferisce direttamente a una Vista o a un Layout (in effetti un elemento di Publisher una scorciatoia per Vista/Layout). Gli Attributi di Vista o di Layout dell'elemento sono visualizzati nella parte inferiore del Publisher, ma non sono modificabili. Gli unici ulteriori settaggi controllati dal Publisher sono il formato di output e le relative opzioni (che sono accessibili nella scheda Formato nella parte inferiore del Publisher). Per definire i Set di Pubblicazione basta trascinare una qualsiasi combinazione di elementi dalla Mappa Progetto, dalla Mappa Vista e dal Book di Layout. I Set di Pubblicazione sono memorizzati insieme al progetto; in tal modo possibile accedervi in ogni momento, modificarne se necessario i settaggi, e tornare a pubblicarli. Facendo clic sul pulsante Pubblica, possibile pubblicare un singolo set o tutti i set di pubblicazione definiti, o anche alcune viste selezionate. Per altre informazioni, vedere Funzione Publisher a pagina 266, Set di Pubblicazione e Finestra di dialogo Propriet Set di Pubblicazione nell'Aiuto ArchiCAD. Vedere anche Set di Pubblicazione in Teamwork a pagina 285.

Codici Colore del Navigatore


Un sistema di codifica basato sui colori facilita l'identificazione degli elementi nella palette Navigatore.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

49

Interazione

Gli elementi della Mappa Progetto sono in rosso. Gli elementi della Mappa Vista sono in giallo. Gli elementi della Mappa Layout sono in bianco. In modalit Teamwork, gli elementi della Mappa Vista e del Book di Layout pubblici che non sono stati ancora condivisi mediante l'invio e la ricezione delle modifiche sono in verde. In modalit Teamwork, gli elementi che appartengono ad altri membri del team presentano l'icona di una testa.

del progetto attivo trascinandolo direttamente sul Layout, o trascinando l'elemento nella struttura ad albero Book di Layout sul lato destro dell'Organizzatore. Per altre informazioni, vedere Creazione di Layout a pagina 249.

Scelta Progetto
I progetti che sono stati aperti nel Navigatore/Organizzatore sono elencati in Scelta Progetto come segue: Attivo: il progetto corrente Contrassegnato: il progetto la cui struttura ad albero attualmente visualizzata nel Navigatore o sul lato sinistro dell'Organizzatore Collegato: un progetto esterno a partire dal quale gi stata aggiunta una vista o un layout al progetto attivo In esecuzione: un progetto esterno che stato aperto e consultato in una diversa istanza di ArchiCAD. Sempre in Scelta Progetto, si pu mostrare il Navigatore o l'Organizzatore, e visualizzare il Gestore Disegno. Per altre informazioni, vedere Gestore Disegno nell'Aiuto ArchiCAD.

Progetti Esterni
Il menu pop-up Scelta Progetto in alto a sinistra elenca, al primo posto, il progetto ArchiCAD attivo sul quale state lavorando. Per default, la struttura ad albero di questo progetto a essere visualizzata nel Navigatore e nella parte sinistra dell'Organizzatore. Per accedere alla struttura ad albero (Mappa Vista e Book di Layout) di ogni altro progetto ArchiCAD, fare clic sul comando Consulta. La struttura ad albero del progetto qui scelto viene visualizzata nel Navigatore, e accanto al suo nome compare un contrassegno di spunta in Scelta Progetto. Per aprire il progetto esterno nella finestra ArchiCAD, fare doppio-clic su uno qualsiasi dei suoi elementi nel Navigatore. Per posizionare layout o viste da un progetto ArchiCAD esterno su un Layout del progetto attivo seguire le istruzioni seguenti Accertarsi di avere un Layout aperto (quello sul quale intendete posizionare una vista o un Layout proveniente da un progetto esterno). Fare clic sul comando Consulta in Scelta Progetto. Scegliere il Progetto ArchiCAD di cui intendete utilizzare il contenuto nel progetto attivo. Fare clic su Apri. Il progetto esterno ora visualizzato nella struttura ad albero sulla sinistra del Navigatore/Organizzatore, in una delle due opzioni mappa disponibili (Mappa Vista o Book di Layout). E' possibile aggiungere una qualunque delle sue viste o layout al Book di Layout

Indici Progetto
Gli Indici Progetto sono degli elementi di tipo indice elencati nella Mappa Progetto della palette Navigatore. Vi permettono di visualizzare liste di viste, layout fogli e disegni in base a una serie di criteri di filtro, e di accedervi. Gli Indici Progetto sono basati sugli schemi definiti mediante il comando Documento > Indici Progetto > Schemi Indice Progetto s. La relativa finestra di dialogo permette di: creare, rinominare, cancellare, importare ed esportare schemi, scegliere i criteri di filtro (a seconda del tipo di indice), selezionare i parametri e le altre informazioni da visualizzare per gli elementi che rispondono ai criteri impostati. Per altre informazioni, vedere Settaggi Indice nell'Aiuto ArchiCAD. Una volta che il nuovo schema sia stato definito (o modificato), esso compare con il suo nome nel Navigatore e lo si pu usare come ogni
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

50

Interazione

altra vista - lo si pu cio aggiungere a un mappa vista privata o pubblica, pubblicarlo o posizionarlo su un layout. Gli Indici Progetto hanno una propria speciale icona nel Navigatore. Le Liste Viste consentono di filtrare e listare viste in base alla loro posizione nella Mappa Progetto, o in base alla scala, alla combinazione di opzioni vista modello, alla combinazione lucidi, agli standard di quotatura e allo stato di pubblicazione. Il foglio lista Layout consente di filtrare e elencare i layout in base ai loro layout master, sottoinsiemi e stato di pubblicazione. Le Liste Disegno consentono di filtrare ed elencare i disegni in base alla loro posizione (layout e sottoinsieme), stato di aggiornamento e informazioni di. Per aprire un indice, fare doppio clic sul suo nome nella palette Navigatore. Il formato dell'indice (compresi i font, i colori, gli stili delle celle e dell'intestazione) pu essere completamente personalizzato con i comandi sulla sinistra della lista visualizzata. Il contenuto dell'indice basato sulle scelte effettuate in Schemi Indice Progetto. Se necessario modificarle possibile accedere direttamente alla relativa finestra di dialogo facendo clic sul pulsante Settaggi Indice in alto a destra.

EDITAZIONE GENERALE
La presente sezione presenta i concetti su cui si basano le tecniche utilizzabili nell'editazione degli elementi dell'Edificio Virtuale. Al di l delle particolarit specifiche di alcuni elementi e strumenti, descritte in Edificio virtuale a pagina 109, la presente sezione presenta le definizioni generali e i metodi che necessario conoscere prima di cominciare il lavoro di editazione in ArchiCAD. Per facilitare l'editazione degli elementi dell'Edificio Virtuale, l'interfaccia di ArchiCAD presenta alcune funzionalit che offrono dei costanti riscontri durante il lavoro. I Metodi di selezione e il relativo feedback assicurano che la scelta dell'elemento da editare non comporti perdite di tempo. Il Sistema di Coordinate permette di trovare sempre la posizione giusta ove porre ed editare i vari elementi. La funzione Raggruppamento permette di lavorare collettivamente su gruppi di elementi correlati, mentre la funzione di Blocco previene modifiche accidentali degli elementi che devono rimanere intatti. Il riscontro fornito dal cursore intelligente durante il disegno permette di evitare errori e di collegare gli elementi nel modo migliore. Impostare le griglie secondo le proprie esigenze un altro modo di assicurare l'esattezza del posizionamento degli Elementi.

Concetti
Il cursore intelligente
Il cursore intelligente di ArchiCAD fornisce un riscontro continuo sulla situazione del nuovo elemento e sulla sua relazione con gli altri elementi gi presenti nel progetto, contribuendo ad assicurare l'accurata stesura dei disegni. Al fine di creare intersezioni precise o di definire aree chiuse, avrete bisogno di curare la corretta connessione reciproca fra hotspot o bordi idonei. Nell' aggiungere nuovi elementi al disegno, l'uso dello snap a punti speciali consente un posizionamento accurato mediante lo Snap Elemento, che prevede anch'esso il feedback dal cursore. Per altre informazioni, vedere Snap a Elementi Presistenti a pagina 78. La sezione seguente descrive le varie forme del cursore intelligente in diversi punti e situazioni del progetto.

Gli indici progetto sono interattivi, e quindi alcuni dei campi sono modificabili: ad esempio, si pu cambiare la scala o la combinazione lucidi di una vista, il nome o l'ID di un layout o di un disegno posizionato. Le modifiche sono eseguite immediatamente. Gli indici possono essere spostati da un progetto all'altro con le funzioni di esportazione e importazione.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

51

Interazione

Forme del Cursore


Il cursore acquisisce le seguenti forme mentre disegnate o editate gli elementi, con qualsiasi strumento tranne quando lo strumento Freccia attivo: Croce - su unarea vuota del foglio di lavoro; Segno di spunta spesso - sui nodi posti sulla linea di riferimento di un muro o su quelli posti sullasse di riferimento di una trave; Segno di spunta sottile - sugli altri hotspot di qualsiasi elemento; Simbolo Mercedes spesso - sulla linea di riferimento di un muro o sullasse di riferimento di una trave; Simbolo Mercedes sottile - su qualsiasi altro bordo di qualsiasi elemento; Intersezione - su unintersezione fra lati.

Quando cliccate per iniziare a disegnare un elemento la cui definizione richiede pi di un nodo, la forma del cursore cambia in una matita nera. La sua forma cambier ancora a seconda degli altri elementi che incontra. Le possibilit sono le seguenti: Matita bianca - in uno spazio vuoto o sopra un qualsiasi elemento privo di bordi o hotspot Matita rigata con estremit nera - sulla linea di riferimento di un muro o sullasse di riferimento di una trave; Matita rigata - su qualsiasi altro bordo; Matita nera - sui nodi posti sulla linea di riferimento di un muro o su sullasse di riferimento di una trave; Matita nera con estremit bianca - su qualsiasi altro nodo o hotspot; Punta di matita con intersezione - su unintersezione fra bordi; Punta di matita con segno perpendicolare - su un bordo perpendicolare; Punta di matita con segno tangente - su un punto di tangenza.

52

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Quando si utilizza lo strumento Freccia, sono disponibili le seguenti forme: Freccia - area vuota del foglio di lavoro; Selezione Veloce - appare ogni qualvolta si muove il cursore su un punto passibile di selezione veloce. Freccia con segno di spunta spesso - sui nodi posti sulla linea di riferimento di un muro o sullasse di riferimento di una trave;
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Freccia con segno di spunta sottile su qualsiasi altro nodo o hotspot; Freccia con simbolo Mercedes spesso - sulla linea di riferimento di un muro o sullasse di riferimento di una trave; Freccia con simbolo Mercedes sottile - su qualsiasi altro bordo; Freccia con Intersezione - su unintersezione fra bordi; Freccia con Perpendicolare - in caso di snap ortogonale ad un lato o ad un arco mentre si trascina un elemento; Freccia con Tangente - in caso di snap tangente ad un arco mentre si trascina un elemento. Ci sono anche numerose forme del cursore che appaiono solo in situazioni particolari: Nuvola - spazio vuoto sopra lorizzonte nelle viste prospettiche; Bacchetta Magica - usato quando si tracciano i contorni di elementi gi esistenti per crearne di nuovi con lo strumento attivo. Assume tre differenti forme per identificare i nodi , i lati e gli spazi vuoti (incluse le superfici). Forbici - per tagliare gli elementi (tenete abbassato il tasto Ctrl/Cmd mentre fate clic su un elemento). Le Forbici nere appaiono sui lati degli elementi, mentre le Forbici bianche indicano uno spazio vuoto; Occhio - definisce la direzione della pendenza delle falde, la parte che resta selezionata quando si dividono gli elementi, la profondit delle Sezioni limitate e lorientamento di Porte e Finestre; Doppio occhio - individua la posizione di Porte e Finestre inserite per spalletta; Siringa - appare quando si trasferiscono dei parametri da un elemento all'altro, nella scorciatoia per il trasferimento dei parametri. Contagocce - appare quando si raccolgono i parametri da un elemento nella scorciatoia trasferimento parametri. Pi - nel trascinare, ruotare o invertire una copia di un elemento. Doppio-Pi - nel trascinare o ruotare copie multiple di un elemento. Maniglia Retino - prompt per tracciare il vettore di orientamento dopo aver posizionato un retino.

53

Interazione

Martello - appare nel posizionare catene di Quote, Quote Angolari,Quote di elevazione, Timbri di zona e Retini; appare anche per la chiusura di poligoni. Tridente - sposta lArea di Selezione o il contenuto degli Appunti dopo il comando Incolla.

Evidenziatore delle Informazioni elemento


ArchiCAD favorisce l'dentificazione degli elementi evidenziandoli prima che vengano selezionati (funzione chiamata anche individuazione elemento). Posizionare il cursore su un nodo o bordo di un elemento, e premere Shift. Nota: se attivo lo Strumento Freccia l'elemento viene evidenziato automaticamente, senza bisogno di premere Shift.

Nel lavorare in 3D, noterete che l'evidenziatore delle informazioni agisce sull'intero perimetro dell'elemento: sono cio mostrate anche le linee nascoste dei suoi contorni. Gli elementi raggruppati sono evidenziati individualmente. L'evidenziatore delle Informazioni elemento pu essere configurato, o anche totalmente disattivato, nella finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento. Per altre informazioni, vedere Selezione e Informazioni Elemento nell'Aiuto ArchiCAD. L'evidenziatore delle Informazioni elemento entra in funzione anche quando si fa clic per quotare un elemento, e con le funzioni di trasferimento di Parametri (Preleva Parametri e Trasferisci Parametri): l'informazione visualizzata in forma evidenziata, con i cursori contagocce/siringa, prima che il trasferimento dei parametri sia completato. Nel trasferimento di parametri, non necessario premere Shift to per evidenziare le informazioni elemento. Per altre informazioni, vedere Trasferimento di parametri a pagina 100. Nota: l'evidenziatore (che identifica gli elementi coinvolti nelle funzioni di trasferimento di parametri e di Quotatura) entra in funzione se attiva la casella Evidenzia contorni degli elementi relativi in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento. In questo caso, non necessario premere Shift.

Informazioni elemento: finestra pop-up (Etichette Informazioni)


Se si muove il cursore sopra un elemento e si preme Shift, compare una finestra pop-up con le informazioni relative a quell'elemento. Nota: se attivo lo Strumento Freccia la finestra pop-up informazioni elemento compare automaticamente, senza bisogno di premere Shift (e l'elemento viene evidenziato). La finestra pop-up Informazioni elemento visualizza le seguenti informazioni:

54

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Selezione esplicita
Per selezionare un elemento, fare clic su di esso con lo Strumento Freccia attivo. Se attivo un qualunque altro strumento, per selezionare un elemento premere Shift e poi fare clic. Per selezionare tutti gli elementi sullo schermo (nell'intera finestra o entro una Area di Selezione preventivamente definita) con lo Strumento Freccia attivo, usare la scorciatoia Ctrl/Cmd+A o il comando Edita > Seleziona tutti. Per selezionare tutti gli elementi di un determinato strumento (ad esempio, tutti i Muri o tutte le Finestre), attivare lo strumento e poi usare la scorciatoia Ctrl+A.

il tipo dell'elemento; gli attributi base dell'elemento (retino strutturale per i Muri, nome per gli Oggetti, spessore per i Solai, tipo per le Linee, e cos via); l'elevazione dell'elemento (solo per le forme 3D); il lucido dell'elemento; nelle finestre 3D e Sezioni/Alzati, il Piano cui appartiene l'elemento; in Teamwork, il proprietario dell'elemento. Nella parte inferiore della finestra pop-up sono visualizzate alcune informazioni addizionali, come di seguito precisato. Se nella posizione data c' pi di un elemento dotato di una parte selezionabile (nodo, bordo, o superficie se attiva la Selezione Veloce), nell'etichetta informazioni viene visualizzata la legenda Elementi multipli (TAB) per informare della possibilit di passare in successione dall'uno all'altro degli elementi selezionati e selezionabili premendo ripetutamente il tasto TAB. Vedere anche Selezione di Elementi sovrapposti a pagina 57. Se l'elemento selezionato, visualizzata la dicitura (Selezionato) tra parentesi. L'evidenziatore delle Informazioni elemento pu essere configurato, compreso il ritardo di tempo nella sua attivazione, nella finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento. Per altre informazioni, vedere Selezione e Informazioni Elemento nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Indicatori di Selezione
La selezione esplicita mostra i pallini di selezione sugli elementi. I punti di selezione (hotspot) rappresentano i punti in cui l'oggetto pu essere modificato. Il posizionamento degli hotspot risultanti dalla selezione esplicita dipende dal tipo e dalla geometria dellelemento.

Nel caso di Oggetti GDL, il numero di pallini di selezione dipende dal numero di hotspot definiti nelloggetto.

55

Interazione

lelemento stato bloccato esplicitamente con il comando Edita > Blocco > Blocca; in un progetto condiviso (Teamwork), lelemento al di fuori della propria area di lavoro. In tutti e tre i casi, gli elementi bloccati possono essere selezionati, ma non possono essere editati. (Se si cerca di editare un elemento bloccato si ricever un'informazione in merito.) Potrete aprire la finestra dei settaggi per questi elementi, ma non potrete editarne i parametri.

Evidenziatore della Selezione Variazioni dei pallini di Selezione


Gli elementi singoli selezionati hanno dei piccoli punti neri di default. Il,colore dei pallini di selezione configurabile in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento. Gli hotspot editabili sono dei punti a forma di diamante e appaiono sugli oggetti che hanno dei parametri modificabili mediante la palette a schermo. Per altre informazioni, vedere Hotspot GDL Editabili a pagina 189. Per gli Elementi raggruppati sono usati dei circoletti pi grandi, il cui colore assegnato automaticamente. Gli elementi selezionati esplicitamente sono evidenziati in maniera distinta, oltre che mediante i pallini di selezione. Il colore con cui evidenziata la selezione (sia per le superfici che per i contorni degli elementi) configurabile in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento; anche possibile disattivare questa funzione. Anche se si lascia attivato l'Evidenziatore della selezione, pu essere desiderabile disabilitarlo temporaneamente - ad esempio, se si desidera vedere i colori con cui sono effettivamente visualizzati linee e retini. Per sospendere l'Evidenziatore della selezione usare la scorciatoia Ctrl/Alt + barra spazio. Nota: per le superfici in 3D l'evidenziatore disponibile solo quando si usa il Motore 3D OpenGL.

Gli elementi che appartengono a un Modulo Collegato sono evidenziati con dei quadrati vuoti, il cui colore assegnato automaticamente. I pallini di selezione di elementi bloccati appaiono di colore sbiadito. Gli elementi possono risultare bloccati in tre casi: lelemento si trova su un Lucido bloccato;

Per altre informazioni, vedere Selezione e Informazioni Elemento nell'Aiuto ArchiCAD.


Guida di riferimento di ArchiCAD 10

56

Interazione

Selezione Veloce
L'uso della Selezione Veloce il modo pi semplice per selezionare singoli elementi, e funziona indipendentemente dallo strumento in quel momento attivo, purch la funzione Selezione Veloce risulti attivata nella Palette Informazioni dello Strumento Freccia. Se lo Strumento Freccia non attivato, deve essere premuto il tasto Shift. Portare il cursore su una delle superfici dell'elemento che si desidera selezionare. Si nota che il cursore cambia di forma ogni volta che passa su un elemento selezionabile . Fare clic per selezionare. La Selezione Veloce funziona per tutti gli elementi di costruzione, testi, retini e oggetti. La Selezione Veloce attiva per default, ma pu essere disattivata nella Palette Informazioni dello Strumento Freccia con il relativo pulsante. Per sospendere temporaneamente il metodo di Selezione Veloce mentre l'icona attivata, premere la barra spazio quando attivo lo Strumento Freccia, o Shift-barra spazio se attivo un qualsiasi altro strumento.

Per evidenziare uno dopo l'altro diversi elementi che si sovrappongono o si toccano, premere TAB fino a che non risulta evidenziato l'elemento desiderato. Una volta certi che sar selezionato l'elemento appropriato, fare clic con il cursore.

Selezione con il cursore a forma di Freccia


Ogni volta che del cursore fa parte un componente a freccia, possibile selezionare elementi nel foglio di lavoro Pianta, nella Finestra 3D, nella finestra Sezione/Alzato, nella finestra Dettaglio Disegno, nella finestra Layout, e nella finestra Simbolo 2D degli Oggetti GDL. Nota: il cursore a freccia pu essere una freccia semplice, ma pu anche essere una cursore complesso in cui alla freccia unita un'altra forma, a seconda del nodo o bordo su cui si trova posizionato. Per altre informazioni sulle forme del cursore, vedere Il cursore intelligente a pagina 51. Con lo strumento Freccia attivo, portare il cursore su un vertice o un bordo di un qualsiasi elemento. Con il tasto Shift l'elemento viene evidenziato, e compare una etichetta di informazioni che ne visualizza e gli attributi principali. Facendo clic su di esso, sullelemento compariranno dei pallini di selezione ad indicare che stato selezionato. Ci deseleziona, inoltre, tutti gli altri elementi correntemente selezionati. Se attivo un altro strumento, fare shift-clic su un elemento cui punta un cursore a freccia aggiunge tali elementi a quelli gi selezionati. Se si fa clic col tasto destro (MacOS: Ctrl-clic) su un elemento con un cursore a freccia, l'elemento verr selezionato, saranno deselezionati tutti gli altri elementi attualmente selezionati e sar visualizzato l'appropriato menu di scelta rapida.

clic e Muovi con Selezione Veloce


Con lo strumento Freccia e la Selezione Veloce attivi, si possono spostare gli elementi tenendo premuto il tasto del mouse, senza dover usare il comando Muovi. In una finestra 2D, se si desidera usare un rettangolo o un poligono di selezione all'interno di un'area soggetta a selezione veloce, occorre premere la barra spazio per sospendere temporaneamente Selezione Veloce e poi tracciare il poligono di selezione.

Selezione di Elementi sovrapposti


Quando i nodi di diversi elementi si sovrappongono in un singolo punto, l'evidenziatore delle informazioni elemento indica quale degli elementi sar selezionato, e la relativa finestra pop-up ne visualizza il tipo e i principali attributi. Nota: la finestra pop-up informazioni elemento compare se il cursore si trova sopra un qualunque elemento (con lo Strumento Freccia attivo). Se attivo un altro strumento, premere Shift per evidenziare le informazioni elemento.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

57

Interazione

Una volta selezionato un elemento, fare clic su uno dei suoi nodi o bordi fa apparire una Pet Palette, che permette di apportare modifiche senza usare altri comandi da menu. Per chiarimenti sulla Pet Palette, vedere Le Pet Palette a pagina 83.

Usare il Rettangolo/Poligono di Selezione


Un metodo utile per selezionare vari elementi insieme tracciare un poligono o un rettangolo di selezione attorno agli elementi desiderati. Gli elementi verranno selezionati e ne saranno visualizzati i nodi di selezione. Per usare questo metodo, attivare lo Strumento Freccia e un metodo geometrico per la selezione del rettangolo/poligono. vedere anche Metodi per Rettangolo/Poligono di Selezione a pagina 58. Nota: per selezionare un'area invece di selezionare esplicitamente gli elementi, usare lo Strumento Area di Selezione come spiegato nel seguito. Fare clic sullo schermo e tracciare il rettangolo/poligono di selezione.

Con il secondo metodo, saranno selezionati solo gli elementi completamente interni al poligono o al rettangolo.

Opzioni relative alla forma dell'area del rettangolo/poligono di Selezione


Nella finestra informazioni dello strumento Freccia, si possono scegliere tre forme dell'area di selezione. Le tre opzioni sono: Poligono, Rettangolo e Rettangolo ruotato. Un doppio clic durante il disegno del poligono lo chiude automaticamente, purch ne siano gi stati definiti manualmente almeno due lati.

In tal modo, tutti gli elementi all'interno dell'area risulteranno selezionati, e tutti gli altri elementi correntemente selezionati verranno deselezionati. Se si tiene premuto il tasto Shift, si aggiungono elementi alla selezione oppure si possono deselezionare.

Metodi per Rettangolo/Poligono di Selezione


La palette Informazioni offre diversi Metodi di selezione per l'uso di una forma rettangolare o poligonale. Con il primo metodo, qualsiasi elemento che ha almeno uno dei suoi nodi, lati o curve allinterno del poligono o del rettangolo sar selezionato.

Selezioni nella finestra 3D


Nella Finestra 3D, preferibile usare il metodo di Selezione Veloce nelle modalit Rimozione Linee o Ombreggia. Funziona anche in modalit Filo di ferro, ma in questo caso non avrete nessuna indicazione a video di quale sia la superficie effettivamente visibile.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

58

Interazione

Aggiungi/Rimuovi Elementi alla/dalla Selezione


Potrete aggiungere elementi alla selezione effettuando uno Shift-clic su di essi. Facendo Shift-clic su un elemento gi selezionato lo deseleziona.

Metodi di Selezione per poligoni ed Elementi curvi


La selezione di un poligono richiede selezione di uno dei suoi bordi o nodi (o la selezione veloce di una qualunque parte della sua area). La selezione con cursore a freccia di un elemento curvo richiede la selezione di una qualunque parte della curva, o del suo centro (o di una qualsiasi parte della sua area, se esiste).

Deselezionare elementi
Per deselezionare uno o pi elementi, fare in questi modi: Premere il tasto Esc. Fate clic con qualsiasi strumento (inclusa la Freccia) su uno spazio vuoto del foglio di lavoro per deselezionare in una volta sola tutti gli elementi selezionati. Con lo strumento Freccia attivo, tenere premuto il tasto Shift della tastiera, e fare un rettangolo di selezione intorno all'elemento che si vuole deselezionare.

La selezione con lArea di Selezione non mostra i pallini di selezione sugli elementi inclusi; lintera area rimane contrassegnata per mezzo di una linea tratteggiata. L'Area di Selezione usata anche per: definire unarea circoscritta in cui selezionare tutti gli elementi di un dato tipo; visualizzare una determinata parte del progetto in 3D; muovere o ridimensionare degli elementi di diverso tipo contemporaneamente: ad esempio, quando si desidera aggiustare tutti gli elementi lineari o poligonali di un edificio simultaneamente. Lo strumento Area di Selezione disponibile nel foglio di lavoro Pianta, nella Finestra 3D, nelle finestre Sezione/Alzato, in Disegno Dettagli, nelle finestre Layout e nella finestra Simbolo 2D degli Oggetti GDL. Nelle finestre di tipo immagine (finestre FotoRendering o immagine) o nella vista 3D di Oggetti GDL, l'unica operazione possibile per l'area di Selezione quella di Copia. Per usare lArea di Selezione per selezionare ed editare, dovete prima definire unarea rettangolare o poligonale. Sono disponibili tutti gli aiuti alla costruzione, compreso linput numerico e i metodi di costruzione relativi.

Ulteriori funzionalit di Selezione in ArchiCAD


Scegliere il comando Edita > Trova e Seleziona per selezionare e deselezionare elementi in base a unampia variet di criteri. Per altre informazioni, vedere Trova e Seleziona nell'Aiuto ArchiCAD. Usare la palette Selezioni per richiamare delle serie di selezioni di uso ricorrente salvate in precedenza, che vengono memorizzate insieme al Progetto. Per altre informazioni, vedere Palette Selezioni nell'Aiuto ArchiCAD.

Area di Selezione
Lo strumento Area di Selezione usato per definire aree a scopo di selezione, modifica e visualizzazione. Le possibilit dellArea di Selezione sono di complemento a quelle dello strumento Freccia, e sono particolarmente utili nella selezione e nello spostamento di gruppi di elementi ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se il punto in cui si inizia a disegnare l'area di Selezione non quello che desiderate, premere Esc o il tasto Annulla. Se fate clic su un nodo o su un lato allinterno dellarea di selezione, il cursore assumer la forma Segno di spunta o Simbolo Mercedes. Se ora spostate il cursore, larea di selezione verr spostata insieme a tutti i nodi o lati inclusi in essa.

59

Interazione

Tutti gli elementi poligonali o lineari con un nodo incluso nell'area di selezione possono essere aggiustati simultaneamente. Per una descrizione dettagliata, vedere Modifica delle dimensioni degli elementi a pagina 86 e Spostare gli elementi a pagina 84. Se cliccate allinterno dellarea di selezione senza toccare nessun elemento, il cursore assumer la forma a Tridente . In tal caso, muovendo il cursore si sposter solo larea di selezione, lasciando invariati tutti gli elementi al suo interno.

E' possibile inoltre scegliere una delle tre opzioni forma (o Metodi Geometrici) nella finestra pianta, Sezione/alzato, Disegno Dettaglio o finestra 2D Oggetto GDL. Nella finestra 3D sono disponibili quattro opzioni.

Opzioni forme aree di Selezione nel 2D Opzioni forme aree di Selezione nel 3D

Rimozione di un'Area di Selezione


Per rimuovere un'area di Selezione fare in questi modi: Premere il tasto Esc. Cliccare con il tasto destro del mouse o Ctrl-clic (MacOS), e scegliere Rimuovi Area di Selezione dal menu contestuale. Iniziare a disegnare un nuova Area di Selezione. Doppio clic nella finestra in cui si lavora all'esterno dell'area di selezione presente con lo strumento Area di Selezione attivo. Se sono stati esplicitamente selezionati ulteriori elementi all'interno dell'Area di selezione, la pressione di Esc li deseleziona in ordine inverso, e alla fine rimuove l'Area di Selezione stessa. Se scegliete un altro strumento, lArea di Selezione resta attiva, per mantenere selezionati gli elementi su cui si desidera intervenire. Quando rimuovete il box, tutti gli elementi toccati da esso verranno deselezionati

Il metodo Poligonale definisce unArea di Selezione formata da un qualsiasi numero di segmenti. I lati del perimetro vengono tracciati in successione. L'area di selezione pu essere chiusa con un doppio-clic sullultimo vertice, facendo clic sul pulsante OK del menu di scelta rapida o riportando l'ultimo vertice sul punto iniziale e facendo clic quando compare il cursore a forma di Martello. Devono essere definiti manualmente almeno due segmenti in quanto larea deve avere un minimo di tre lati. Sono definibili solo segmenti dritti.

Opzioni di definizione dellArea di Selezione


Lo strumento Area di Selezione ha due metodi di definizione disponibili nella Palette Informazioni. Con il tratteggio sottile, che rappresenta il metodo Piano singolo , potete selezionare elementi sul piano corrente. Con il tratteggio spesso, che rappresenta il metodo Multipiano , potete selezionare elementi su tutti i piani del progetto. Nota: questi comandi sono in colore attenuato quando non ci si trova nella vista di Pianta.

Il metodo Rettangolo definisce un rettangolo di selezione ortogonalmente allineato alla griglia. Dopo il primo clic, una linea elastica seguir il cursore, consentendovi di definire la forma del rettangolo. Dopo il secondo clic, allestremo opposto della diagonale, il perimetro del rettangolo di selezione verr identificato da un tratteggio.

60

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Il metodo Rettangolo Ruotato definisce un rettangolo di selezione inclinato rispetto alla griglia. Con questo metodo si disegna per primo un lato del rettangolo, con due clic, e poi con un terzo clic si completa larea indicando la lunghezza dei lati perpendicolari al primo. I primi tre metodi disponibili nella Finestra 3D sono estensioni dei metodi Poligonale, Rettangolo e Rettangolo Ruotato. Prima disegnare la base con gli stessi metodi usati in pianta. (Nella vista prospettiva la base dell'area di Selezione deve essere sotto la linea dell'orizzonte.) Poi si definisce l'altezza dell' area. Gli assi delle coordinate sono continuamente presenti a video per aiutarvi.

Per altre informazioni, vedere Tecniche per lArea di Selezione a pagina 62.

Selezione degli Elementi nell'Area di Selezione


La selezione con lArea di Selezione ha differenti criteri a seconda di ci che intenderete fare con gli elementi selezionati, e della finestra nella quale state lavorando.

Uso dell'Area di Selezione nella finestra Pianta e in Disegno Dettaglio


Se volete tagliare, copiare, cancellare, trascinare, specchiare, ruotare o duplicare gli elementi, essi devono avere almeno un nodo allinterno dellarea per essere selezionati. Le operazioni di editazione hanno effetto sullintero elemento. Se volete allungare/accorciare gli elementi, lArea di Selezione dovrebbe includere solo quei nodi degli elementi lineari, poligonali e circolari che volete trascinare; altrimenti verr spostato lintero elemento. Nell'impostare i criteri per la visualizzazione in 3D degli elementi, tutte le parti di un elemento che ricadono allinterno dellArea di Selezione saranno incluse (o escluse) nella vista 3D, anche se in tale parte dell'elemento non vi alcun nodo di selezione o hotspot. Per una descrizione dettagliata, vedere Contenuto della finestra 3D a pagina 117.

Il quarto metodo geometrico vi consente di disegnare unarea di selezione 2D per poter copiare elementi dalla finestra 3D in forma di immagini.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

61

Interazione

All'interno dell'area di selezione il comando Seleziona Tutto o Trova e Seleziona, funziona se almeno un nodo degli elementi contenuto nell'area.

Se volete effettuare unistantanea del disegno 3D, per mezzo del comando Copia, otterrete unimmagine ritagliata secondo il perimetro dellArea di Selezione.

Usare l'Area di Selezione nella vista Sezione/Alzato


Se volete tagliare o copiare gli elementi, essi devono avere almeno un nodo allinterno dellarea per essere selezionati. Se si desidera allungare/accorciare degli elementi, l'Area di Selezione pu essere usata come in pianta. Potete effettuare operazioni Muovi ed Eleva su elementi che abbiano almeno un nodo allinterno dellarea. Nella finestra Sezione/Alzato si possono Specchiare e Ruotare solo elementi 2D. Per la selezione individuale, larea di selezione pu essere usata in modo analogo alla Pianta.

Tecniche per lArea di Selezione


Potrete usare lo strumento Area di Selezione per copiare una parte della Finestra 3D, di una finestra Sezione/Alzato o di una finestra Immagine Modello. Questo vi consente, ad esempio, di inserire degli alzati sulla stessa pagina della pianta per riscontri veloci. 1 Generate la vista di cui necessitate. 2 Usate lo strumento Area di Selezione per selezionare l'area da copiare (se si seleziona nella finestra 3D, assicurarsi che l'opzione selezione 2D sia attiva). 3 Scegliete Edita > Copia. 4 Passate alla finestra Pianta e scegliete Edita > Incolla. 5 Posizionate limmagine sulla Pianta usando il cursore a Tridente. 6 Cliccate allesterno del rettangolo di selezione per completare loperazione. Gli Alzati sono incollati sulla Pianta come elementi 2D in dimensioni reali. - Parti delle Immagini del Modello vengono incollate come schermate bitmap (Figure). Se si sta usando il motore interno, una finestra di dialogo appare dando la possibilit di scegliere come l'immagine verr visualizzata in pianta. Con il motore Open GL, le immagini sono incollate in formato pixel: Lopzione Pict dello schermo copier il contenuto della Finestra 3D come unimmagine unica (Figura). Per altre informazioni, vedere Figure a pagina 229. Selezionando Disegno (dimensioni reali), limmagine risultante sar costituita dalle parti descritte nel dialogo. La dimensione
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Uso dell'Area di Selezione nella finestra Disegno Dettaglio


Se volete tagliare o copiare gli elementi, essi devono avere almeno un nodo allinterno dellarea per essere selezionati. Se si desidera allungare/accorciare degli elementi, l'Area di Selezione pu essere usata come in pianta. Si possono usare i semplici comandi Muovi, Ruota e Specchia e i loro equivalenti per creare copie modificate, come pure le opzioni solo 2D del comando Moltiplica nell'Area di Selezione. Almeno uno dei nodi dell'elemento deve trovarsi all'interno dell'Area di Selezione; altrimenti il movimento, la rotazione o l'inversione speculare coinvolger soltanto l'Area di Selezione stessa.

Uso dell'Area di Selezione nella finestra di Layout


Nel lavorare su disegni posizionati, i comandi Edita agiscono sull'intero disegno, che deve avere un nodo selezionato all'interno dell'Area di Selezione. Nel lavorare su elementi aggiunti manualmente, valgono le stesse regole della finestra Disegno Dettaglio.

Usare l'Area di Selezione nella Finestra 3D


Per effettuare selezioni individuali, lArea di Selezione estesa nel 3D pu essere utilizzata come nella Pianta. Questa l'unica funzione nella finestra 3D.

62

Interazione

dellimmagine ottenuta sar identica a quella visibile della Finestra 3D. Ci importante quando si incollano le parti copiate in altre applicazioni, come SuperPaint o Photoshop. Lopzione Disegno in scala crea unimmagine che mantiene le dimensioni della pianta. Se incollate una vista laterale usando questa opzione, la dimensione coincider con quella dello stesso prospetto disegnato in pianta. Con i menu a comparsa Elementi da Copiare potrete definire quali elementi della Vista 3D devono essere copiati negli Appunti.

strumento Area di Selezione) per selezionare l'area dell'immagine desiderata, e copiarla negli Appunti. Scegliere l'immagine, poi incollare il contenuto degli Appunti. Pu essere modificato come ogni altra figura.

Copiare le ombre di una vista di pianta dallalto pu essere utile per posizionare sulla Pianta ombre precise e misurabili. Ombre e campiture vettoriali 3D di viste ortogonali aggiungono un ulteriore tocco di realismo agli alzati del progetto. Nella parte inferiore della finestra di dialogo potrete definire se salvare/copiare anche i Poligoni non visibili (ad esempio, gli elementi poligonali di una finestra dietro un muro) o solo quelli visibili. Potrete optare per copiare questi poligoni con o senza contorno perimetrale.

Potrete vedere la casella di controllo Ottimizza linee se effettuate la copia come Disegno in scala o in dimensioni reali, da una vista in Rimozione linee o a Filo di ferro. Attivando questa opzione, le linee che si trovano esattamente sovrapposte ad altre, verranno omesse dalla copia. Suggerimento: se volete copiare gli elementi della Finestra 3D, ad esempio per una vista di alzato, consigliabile usare le opzioni Calcolo intersezioni e Senza contorno.

Per altre informazioni, vedere Figure a pagina 229. Potete usare Area di Selezione per visualizzare solo parti specifiche del modello 3D definendo unarea di selezione attorno al dettaglio che vorrete includere o escludere dallimmagine 3D. Questa tecnica (un'alternativa al comando Visualizza > Elementi nella Vista 3D > Mostra Selezione/Area di Selezione nel 3D ) pu essere usata o per il piano corrente o per tutti i piani, a seconda del metodo di costruzione scelto. Se si selezionano degli elementi tagliati nella finestra 3D, risultato della Sezione 3D o dell'area di selezione, solo alcune parti saranno visibili, ma saranno visualizzati tutti i nodi degli elementi.

Copia di una parte di un'immagine con lo strumento Area di Selezione


Si possono inserire parti di immagini nella finestra pianta di ArchiCAD. Con un progetto ArchiCAD aperto, aprire un'immagine di qualsiasi formato. Fare clic e trascinare ( disponibile solo lo
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se viene editato, sar temporaneamente visibile unimmagine fantasma dellintero elemento.

63

Interazione

Nota: Nuovi elementi posizionati, o elementi esistenti spostati fuori dal perimetro di una vista del modello basata sullarea di selezione, scompariranno dalla Finestra 3D. Usate il comando Annulla per ripristinare gli elementi esistenti, o passate alla Pianta per spostarli nella posizione corretta.

Origini
Come per ogni sistema di coordinate, tutte le misurazioni sono relative ad unorigine. La posizione dell'origine sempre interpretata come (0, 0). In ArchiCAD si definiscono tre origini: LOrigine del Progetto una posizione fissa che rimane invariata per tutta la vita del progetto. Per default, nella schermata iniziale, lOrigine del Progetto si trova nei pressi dellangolo inferiore sinistro. LOrigine Utente un sussidio al disegno e alle misurazioni. LOrigine Utente pu essere spostata in qualsiasi posizione, permettendovi di portare lo zero ovunque. Questo spesso utile quando avete bisogno di disegnare elementi in relazione a muri, solai o altri componenti gi posizionati. LOrigine di Editazione appare solo durante le operazioni di disegno e di editazione ed utilizzata per visualizzare la distanza e langolo di una linea elastica dal punto di partenza delloperazione di disegno. In Pianta e nelle altre viste 2D, lorigine sempre segnata da una X in grassetto, chiamata Indicatore di Origine, mentre nel 3D, lOrigine Utente e gli assi X, Y e Z vengono visualizzati con tre linee nere spesse. Le linee sono lunghe 1 metro (ca. 3 piedi.).

Quando spostate l'origine specificando un Origine Utente o disegnando un nuovo elemento, l'Indicatore Origine ricollocato per mostrare la nuova origine Nota: Quando appare unorigine Utente o di Editazione, lOrigine del Progetto rimane visibile con lo stesso colore della griglia di costruzione. Ci sono due modi di creare un'Origine Utente Su qualsiasi nodo, utilizzando la tastiera. Tenete abbassati i tasti Alt e Shift mentre portate il cursore sul nodo su cui volete posizionare lorigine.

In qualunque posizione, mediante il pulsante Origine Utente dalla barra strumenti Standard (o dalla palette Coordinate, se visualizzata). Questo metodo vi consente di muovere lorigine anche dove non vi sia alcun elemento attualmente disegnato. Cliccate il pulsante Origine Utente, quindi cliccate su un punto qualsiasi del foglio di lavoro Lorigine verr immediatamente posizionata in quel punto. Nel 3D, potrete posizionare lOrigine Utente ad una quota differente cliccando sulla superficie di un elemento (questo possibile solo in modalit Rimozione Linee o Ombreggia). Facendo clic su unarea vuota si sposter lOrigine senza modificarne lelevazione.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

64

Interazione

Nota: LOrigine Utente non pu essere spostata su nodi precedenti di un elemento in corso di realizzazione. Per riportare lorigine alla sua locazione originaria, fate doppio clic sul pulsante Origine Utente. Nel 3D, l'Origine Utente pi importante che nella Pianta. Se la Gravit non attiva, la sua elevazione determina la quota dei nuovi elementi. Nei dialoghi settaggi strumenti, i valori di elevazione si riferiscono allOrigine Utente, anzich al piano corrente. Per altre informazioni, vedere Barra delle Coordinate nell'Aiuto ArchiCAD.

Viene disegnata una linea tratteggiata temporanea tra l'origine e il cursore per indicare che sono in uso le coordinate assolute.

Inserimento di Coordinate Numeriche


Le coordinate numeriche possono essere inserite direttamente dalla tastiera, o mediante una combinazione di mouse e tastiera. Questa tecnica pu essere utile quando necessaria una precisione maggiore di quella permessa dal mouse. Le coordinate possono assumere valori assoluti o relativi. I valori Relativi sono misurati dalla Origine di Editazione, cio presentano la posizione, ovvero la distanza orizzontale (X), verticale (Y), e la distanza lineare (D) e angolare (A), del cursore rispetto all'ultimo punto modificato nel foglio di lavoro.

I valori sono visualizzati nella finestra Ispettore che segue i movimenti del mouse ed disponibile in ogni tipo di finestra editabile. L'Ispettore fornisce un riscontro dinamico e costante su dati come lunghezze editate, angoli, valori degli hotspot per l'editazione degli Oggetti GDL e cos via. Per default, l'Ispettore visualizzato solo quando viene creato o editato un elemento. Suggerimento: per visualizzare l'Ispettore prima di aver iniziato l'inserimento degli elementi, usare la scorciatoia n. L'Ispettore sar visualizzato in una finestra pop-up e mostrer la posizione del cursore. Le opzioni dell'Ispettore (come colori, contenuto e comportamento) possono essere impostate in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate. Per altre informazioni, vedere Ispettore e Input Coordinate nell'Aiuto ArchiCAD. E' anche possibile disattivare e riattivare l'Ispettore mediante la relativa icona-pulsante nella barra strumenti Standard. Alcune delle opzioni relative all'Ispettore sono disponibili come comandi dalla freccia accanto all'icona.

I valori orizzontale e verticale corrispondo alle coordinate X e Y (chiamate anche coordinate cartesiane), mentre i valori radiale e angolare sono chiamati coordinate polari. I valori Assoluti sono misurati dalla Origine Utente (vedere Origini a pagina 64). Essi cio presentano sempre la posizione, ovvero la distanza orizzontale (X), verticale (Y), e la distanza lineare (D) e angolare (A), del cursore dall'Origine Utente.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

65

Interazione

Paramenti dell'Ispettore
A seconda delle scelte effettuate nel menu Ispettore della barra strumenti Standard, l'Ispettore visualizza solo le coordinate XY o quelle DA (Preferisci le Coordinate XY/Preferisci le Coordinate Polari), e mostra o nasconde i nomi delle coordinate (Mostra/Nascondi etichetta Parametro). Suggerimento: per passare rapidamente da coordinate DA a XY e viceversa, usare la scorciatoia /. Di regola, i parametri saranno elencati in ordine di importanza, con le coordinate D/A seguite dalle coordinate X, Y e Z. Per default, i valori delle coordinate sono espressi in forma relativa. (Se si preferiscono i valori assoluti, deselezionare il comando Coordinate Relative nell'Ispettore.) I parametri visualizzati nell'Ispettore variano a seconda del tipo di azione di editazione in corso. Ad esempio, se si seleziona un segmento diritto e si sceglie il comando Curva lato nella pet palette, l'Ispettore visualizza il parametro Raggio Arco. Se attiva l'opzione Espandi automaticamente l'Ispettore, tutti i parametri verranno visualizzati non appena si entra nell'Ispettore (inserendo un valore o premendo Tab). Nota: la stessa opzione, Espandi automaticamente l'Ispettore nel corso dell'input numerico, disponibile anche come casella di controllo in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate. Altrimenti, se si desidera espandere l'Ispettore, entrare nell'Ispettore premendo Tab, e fare clic sulla freccia nel lato inferiore dell'Ispettore per espanderlo.

Input nell'Ispettore
Fino a che l'Ispettore visibile durante l'input, immettere un numero per la coordinata di default (quella visibile in grassetto.) Il cursore passer automaticamente entro l'Ispettore e introdurr i valori.

Nota: questo metodo di input funziona se selezionata la casella Abilita l'input numerico diretto nell'Ispettore in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate. Questa l'impostazione di default. Un altro modo di entrare nell'Ispettore premere Tab. Il cursore passa al campo di default dell'Ispettore (quello visibile in grassetto). Fare clic pi volte su Tab fino ad attivare il campo coordinate voluto. Immettere il valore desiderato. E' anche possibile attivare i vari campi facendo clic su di essi o, da tastiera, con le relative scorciatoie. Se l'Ispettore visualizzato in forma compatta, la scorciatoia da tastiera verso un parametro nascosto ne provoca la visualizzazione. Per immettere coordinate numeriche, premere il tasto scorciatoia corrispondente al nome della coordinata (X, Y, Z o D/R or A) seguito immediatamente dal valore che si intende assegnare ad essa; ad esempio, X3 o Y-4. Il prefisso + opzionale per i valori positivi. Potete immettere i valori delle coordinate in qualsiasi ordine. Nota: questo metodo di input funziona se selezionata la casella Le scorciatoie Coordinate riferiscono all'Ispettore in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate. Questa l'impostazione di default. Il valore selezionato viene evidenziato. A questo punto avete varie opzioni: per inserire i valori di un'altra coordinata, premere il tasto scorciatoia corrispondente alla coordinata voluta, e immetterne il valore; per completare l'elemento che si sta disegnando, premere Enter o fare clic sull'icona di spunta nell'Ispettore: per fissare il valore di una coordinata, fare clic sull'icona del mirino nell'Ispettore. L'elemento editato salter a questa posizione e, se sono attive delle Linee Guida, verranno anche visualizzate le Linee Guida del tipo correntemente disponibile in tale posizione, come ausilio per proseguire nell'immissione. Per altre informazioni, vedere Linee Guida a pagina 69.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

66

Interazione

Per annullare l'ultima operazione, premere Esc. Per tornare allinput grafico premere nuovamente la lettera della coordinata editata, o fare semplicemente clic ovunque nel foglio di lavoro. Potrete anche ottenere addizioni o sottrazioni dal valore corrente digitando il segno + o dopo il valore. Ad esempio, digitando x3+ si aumenta di 3 il valore di x mostrato nel Riquadro Coordinate. Nota per chi utilizza le unit di misura americane: Per la sottrazione di piedi interi devono essere usati due segni meno perch il primo interpretato come indicatore che precede il valore dei pollici. Digitando 3 ArchiCAD assumer il valore di tre piedi. Digitando 3'6, 3'6" o 3-6 si immetter il valore di tre piedi e 6 pollici. Nota: Le coordinate possono essere copiate ed incollate usando gli appunti. I comandi di menu Taglia, Copia e Incolla sono inattivi durante linput numerico, quindi vanno usate le scorciatoie da tastiera standard o i menu di scelta rapida. E' possibile immettere un'intera serie di coordinate nell'Ispettore, una dopo l'altra, quando si disegnano delle serie di elementi (Muri, Travi, Linee, etc.). Appena terminato il disegno del primo elemento, l'Origine di Editazione viene immediatamente trasferita al punto in cui questo termina, che diventa il punto di partenza del secondo elemento e prende di conseguenza i valori x=0, y=0 quando si lavora in coordinate relative.

Logica input delle coordinate: opzioni per utenti esperti


Sono disponibili delle speciali opzioni Ispettore che permettono l'ulteriore personalizzazione della funzione Ispettore, e che utilizzano le caselle di controllo Logica input delle coordinate in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate.

E' possibile immettere le coordinate in maniera combinata, fissando il valore di un campo e poi modificando il valore di un'altro.

Mostra nell'Ispettore le coordinate X-Y relative all'Origine Utente: se questa casella selezionata, le coordinate XY saranno sempre presentate come valori cartesiani assoluti, anche se sono state impostate le coordinate relative mediante l'apposito pulsante. Ci significa che le coordinate X-Y sono presentate in valori assoluti, e quelle RA come valori relativi. Usa misure angolari relative: se si seleziona questa casella, le misure angolari verranno mostrate nell'Ispettore o: relativamente al precedente segmento immesso, nel caso dell'immissione di poligoni, o relativamente alla griglia, con la linea orizzontale della griglia presa come zero, e con valori angolari che fanno riferimento a tale linea, fino a 180 gradi. Se questa casella non selezionata, i valori degli angoli visualizzati vanno da 0 a 360 gradi. Usa angolo relativo alla Linea Guida attiva: selezionando questa casella, i valori degli angoli nell'Ispettore fanno riferimento alla Linea Guida attiva. (Per questo, bisogna prima attivare una Linea Guida.)

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

67

Interazione

Lo Strumento di misura
Lo Strumento di misura, che si trova nella barra strumenti Standard, permette di misurare le distanze all'interno del progetto. Lo Strumento di misura traccia un righello temporaneo fra due punti con divisioni di 1 m e sottodivisioni di 10 cm (versione metrica) o divisioni di 1 pollice (se si usano le unit imperiali). Esso mostra la distanza orizzontale, verticale e radiale fra i due punti e l'angolo fra le loro posizioni.

Lo Strumento di misura pu essere usato anche nella creazione di elementi. Iniziando a disegnare un Muro, ad esempio, si pu attivare lo Strumento di misura, misurare (o persino editare) un valore nei campi da esso visualizzati e poi premere Enter per trasferire questo valore nel campo appropriato dell'Ispettore.

Il Sistema delle Griglie


Come ausilio al disegno, sono disponibili due sistemi di griglia: la Griglia di costruzione e la Griglia Invisibile. E' possibile impostarle in Visualizza > Opzioni Griglia > Area di Disegno e Griglie. Per altre informazioni, vedere Griglie e Sfondo nell'Aiuto ArchiCAD. Come scorciatoia, molti di questi comandi sono disponibili nella barra strumenti Standard e nella palette Coordinate. Le Griglie possono essere definite separatamente per la Pianta e per ciascuna finestra Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Notate che,

nella Pianta, le stesse impostazioni della Griglia vengono usate per tutti i piani. Le griglie non sono disponibili nella Finestra 3D. Nota: anche possibile creare, posizionare e utilizzare griglie locali personalizzate di varie forme e dimensioni, utilizzando l'Add-on Griglia Strutturale. Per una descrizione dettagliata, vedere Griglia Strutturale a pagina 213. La Griglia di costruzione utilizzata per riflettere qualsiasi spaziatura caratteristica del vostro progetto. Pu anche essere usata per definire i plinti delle fondazioni o la griglia della pilastrature di un edificio. Analogamente ai tradizionali supporti cartacei millimetrati, la Griglia di costruzione fornisce alla Pianta e alle finestre Sezione/Alzato e Disegni Dettaglio un riscontro visivo dellorientamento e delle proporzioni. La Griglia di costruzione normalmente visibile sul foglio di lavoro di Pianta, ma pu essere nascosta con il comando a commutazione Griglia Visibile del menu gerarchico Visualizza > Opzioni Griglia o mediante la barra strumenti Coordinate. A seconda del layout del progetto, una versione sghemba (ruotata) della griglia di costruzione pu essere pi utile di quella ortogonale di default. L'angolo di inclinazione pu essere definito nella finestra di dialogo Visualizza > Opzioni Griglia > Setta Griglia Ruotata. La griglia inclinata pu anche essere definita manualmente: si scelga Setta Griglia Ruotata dalla Barra strumenti Standard, e poi si tracci un vettore sullo schermo: questo definir l'angolo di inclinazione della griglia ruotata relativamente all'asse orizzontale.

68

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Per visualizzare la versione inclinata della vostra Griglia di costruzione, fare clic sul Griglia ruotata nel menu griglia della Barra strumenti Standard, o nel menu pop-up Griglie della Palette Coordinate. E' possibile aggiungere alla Griglia di costruzione una Griglia ausiliaria opzionale (Seconda Griglia), anch'essa visibile sullo schermo, che viene definita in Visualizza > Opzioni Griglia > Area di Disegno e Griglie. La Griglia ausiliaria spesso utilizzata per indicare lo spessore dei muri di calcestruzzo o dei plinti di fondazione, e pu essere usata per creare griglie periodiche o a passi diversi.

Funzione Snap alla Griglia


La funzione Attiva Snap consente un preciso allineamento grafico degli elementi a lunghezze e distanze coerenti. Quando la funzione Snap alla Griglia attiva, i disegni possono essere tracciati solo da una intersezione ad un'altra; la griglia tira il cursore, e fa s che esso salti sui nodi. Questo vi consente di posizionare il cursore in modo accurato, anche a bassi livelli di ingrandimento. Quando lo snap alla griglia attivo, il movimento del cursore limitato o alle intersezioni della griglia di costruzione o a quelle della Griglia invisibile. Un piccolo contrassegno quadrato che salta fra questi punti indica la posizione corrente del cursore grafico. A volte pu essere utile disabilitare questa caratteristica (per esempio, per posizionare un elemento d'arredo che non rispetta la posizione della griglia), si pu sospendere o attivare lo snap alla Griglia premendo il tasto S della tastiera. La funzione di Snap alla Griglia si attiva nei modi seguenti. Mediante il comando da menu Visualizza > Attiva snap. La funzione Snap torner a usare il tipo di griglia - di Costruzione o Invisibile - usato pi di recente. Selezionando Griglia Invisibile o Griglia di Costruzione dal menu griglia nella Barra degli strumenti Standard. Selezionando Griglia di costruzione o Griglia invisibile da Visualizza > Opzioni Snap alla Griglia. Selezionando uno dei pulsanti Snap (rispettivamente, alla Griglia di costruzione o alla Griglia Invisibile) nella finestra di dialogo Griglie e Sfondo. Per disattivare la funzione Snap alla Griglia: usare il comando Visualizza > Attiva snap (disattiva il pulsante di commutazione).

Griglia Invisibile - se si abilita la funzione Snap alla Griglia (vedere oltre), si pu fare in modo che il cursore salti ai nodi di questa Griglia Invisibile. Nel definire la Griglia Invisibile nella finestra di dialogo Griglie e Sfondo, di solito si dovr immettere la pi piccola unit di misura rilevante per il Progetto in corso. Il passo orizzontale della Grigia Invisibile pu essere diverso da quello verticale, cos da riflettere la particolare geometria del Progetto. Se la funzione Snap alla Griglia abilitata (vedere oltre), il cursore salter ai nodi o della Griglia di costruzione o della Griglia Invisibile, a seconda delle impostazioni scelte nella palette Coordinate.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Linee Guida
Le Linee Guida sono ausili per il disegno 2D che facilitano l'individuazione di particolari punti e proiezioni nel corso

69

Interazione

dell'editazione e del disegno degli elementi, in base alle restrizioni geometriche imposte dagli elementi preesistenti. Il cursore pu essere soggetto allo snap verso le Linee Guida, e su di esse possono essere posti dei punti di snap speciali. Alcune Linee Guida vengono tracciate estendendo i bordi o gli archi di elementi preesistenti; altre appaiono temporaneamente durante i movimenti del cursore. In alcuni casi, vengono proposte diverse Linee Guida fra le quali si pu scegliere e mantenere a schermo quella preferita. Le Linee Guida sono disponibili in tutte le finestre 2D (Pianta, Sezione/Alzato, Disegno Dettaglio, Layout, Simbolo 2D Oggetto GDL). Le Linee Guida sono disponibili con tutti gli strumenti. Se attivo uno strumento di selezione, le linee guida compaiono solo quando si inizia a editare degli elementi (Freccia) o nel posizionare o spostare degli elementi (Area di Selezione). Le Linee Guida possono essere attivate o disattivate con il comando Visualizza > Linee Guida (o con il relativo pulsante nella barra strumenti Standard), ed possibile attivare o disattivare varie opzioni relative ad esse in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida.

cancellata o interrotta da un diverso tipo di operazione, come l'attivazione di un'altra finestra) o fino a che non si decide di rimuoverle (vedere Rimozione delle Linea Guida a pagina 72). Per fare apparire delle linee guida permanenti, seguire una delle procedure seguenti. 1 Posizionare il cursore su un bordo o arco prima o durante l'input degli elementi. (Il cursore assume la forma del simbolo Mercedes .) Verranno tracciate delle linee guida a prolungamento del bordo. Gli archi, verranno estesi a formare un cerchio completo. Se le operazioni di editazione non sono ancora iniziate, necessario portare il cursore sulla Linea Guida per renderla permanente. Per forzare il cursore alla pi vicina Linea Guida permanente, accertarsi che la casella Ultime Linee Guida sia selezionata in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura Cursore.

Uso delle Linee Guida


Durante le operazioni di input, appaiono delle linee guida Istantanee (temporanee), che poi scompaiono automaticamente al completamento dell'input. Queste compaiono e scompaiono a seconda della posizione del cursore, e la loro geometria dipende da quali dei Settaggi Linea Guida sono stati precedentemente attivati in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida (Direzione principale, Direzione relativa e Linee Guida incrementali). E' possibile lo snap verso queste Linee Guida istantanee, ma non possibile farle rimanere a schermo. Per forzare il cursore alla pi vicina Linea Guida istantanea, accertarsi che la casella Linea Guida Istantanea pi vicina sia selezionata in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura Cursore. Nota: i comandi del menu di scelta rapida, tuttavia, offrono la possibilit di convertire le linee guida istantanee in segmenti permanenti. Vedere Posizionamento delle Linee Guida durante l'input a pagina 72. Le Linee Guida permanenti sono visibili a schermo fino a quando la relativa operazione di editazione non terminata (completata, Per rendere attiva una linea guida, posizionare il cursore su di essa e attendere che si ispessisca. E' attiva una sola Linea Guida alla volta (visualizzata in grassetto). Le Linee Guida relative vengono calcolate in relazione Linea Guida attiva. 2 Posizionare il cursore su un nodo (prima o durante l'output). Le linee guida a scelta multipla compaiono nelle situazioni in cui sono possibili diverse scelte sensate, ad esempio le linee orizzontali-verticali che appaiono sui nodi degli elementi (come nell'immagine sottostante). E' possibile fare di una di queste linee una linea guida permanente posizionando il cursore sulla linea prescelta.

70

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Sui nodi di un elemento, le Linee Guida a scelta multipla compaiono in direzioni prefissate (Direzione principale e Direzione relativa), definite nel pannello Linee Guida della finestra di dialogo Ambiente di Lavoro. La direzione relativa delle linee guida pu essere parallela, perpendicolare o tangenziale alla linea guida attiva o intersecare le linee guida. Le linee guida relative sono sempre relative alla linea guida attiva.

Definizione delle Linee Guida


Nell'apposita scheda Linee Guida (Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida, si possono definire e attivare/disattivare tre categorie di Linee Guida: Linee Guida sulla direzione principale: la cui direzione o angolo determinata in base all'ambiente di disegno (es. direzione orizzontale/verticale, Griglia ruotabile, ecc.) Contrassegnando la casella Angolo e Lunghezza Vettore in input in questa sezione, la direzione e il raggio dell'ultimo vettore di input verranno anch'essi offerti come Linea Guida. Linee guida sulla direzione relativa: sono create in relazione alla linea guida attiva. Linee Guida incrementali: sono visualizzate, solo durante l'input, ad ogni incremento dell'angolo specificato (relativamente al sistema di coordinate ortogonali con origine nell'Origine Editazione corrente.) Se si contrassegna la casella Relativo alla Linea Guida attiva, queste Linee Guida incrementali verranno anch'esse sempre visualizzate in relazione alla Linea Guida attualmente attiva, se ce n' una. Le Linee Guida incrementali possono essere solo temporanee (istantanee).

L'immagine seguente mostra delle Linee Guida relative a scelta multipla parallele e perpendicolari alla Linea Guida attiva (in grassetto). Notare i segni che indicano parallelismo e perpendicolarit sulle Linee Guida. Per far rimanere a schermo una di queste Linee Guida a scelta multipla, come ausilio per l'editazione, sufficiente posizionarvi sopra il cursore.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

71

Interazione

Ciascuno di questi gruppi di Linee Guida pu anche essere attivato/disattivato mediante i comandi della barra strumenti Standard o da Visualizza > Opzioni Linee Guida. E' possibile assegnare dei colori di default alle Linea Guida, separatamente per le Linee Guida a scelta multipla e per le altre Linee Guida (ancora, nella scheda Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida). Per altre informazioni sulle impostazioni delle Linee Guida, vedere Linee Guida nell'Aiuto ArchiCAD.

Rimozione delle Linea Guida


Le Linee Guida vengono rimosse quando si termina l'operazione di Editazione, o quando si preme di seguito il tasto Esc (la prima pressione di Esc annulla l'operazione in corso; la successiva rimuove tutte le Linee Guida). Per rimuovere manualmente una linea guida, posizionarvi sopra il cursore, attivare il menu di scelta rapida e scegliere il comando Rimuovi Linea Guida. Per rimuovere manualmente tutte le linee guida, fare clic col tasto destro in qualsiasi punto della finestra per attivare il menu di scelta rapida e scegliere il comando Rimuovi tutte le Linee Guida.

Comparsa delle Linee Guida in base al tempo


Per ciascuna categoria Linee Guida (Direzione principale, Direzione relativa), possibile impostare un intervallo di ritardo per la comparsa delle Linee Guida quando si tiene fermo il cursore su un bordo o nodo. E' tuttavia possibile scavalcare questi intervalli di ritardo in qualsiasi momento mediante il comando Forza la visualizzazione delle Linee Guida (scorciatoia: ). Questa scorciatoia utile se ci si trova su un nodo ove sono disponibili diversi gruppi di Linee Guida a scelta multipla, e se ne desidera vedere un gruppo diverso senza attendere il tempo specificato.

Esempi di Uso delle Linee Guida


Le Linee Guida rendono semplice la creazione di muri paralleli. Prima di iniziare, assicuratevi che lo Snap alla Griglia sia disabilitato e che le Linee Guida siano abilitate. Controllare che l'opzioneParallelo alla Linea Guida attiva sia attiva nella sezione Direzione Relativa Linee Guida di Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida. Per altre informazioni, vedere Linee Guida nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizionamento delle Linee Guida durante l'input


Indipendentemente dalle vostre definizioni di default delle Linee Guida, possibile posizionare una Linea Guida (o un Cerchio Guida) prima o durante l'input, in qualsiasi momento, mediante i comandi Posiziona Linea Guida/Cerchio Guida del menu di scelta rapida. Questo l'unico modo per convertire una Linea Guida istantanea in un Linea Guida permanente che rester visualizzata a schermo fino alla fine dell'input. Similmente, si pu utilizzare il comando Converti in segmento di Linea Guida del menu di scelta rapida. Il vettore corrente verr trasformato in una Linea Guida. In questo caso, la Linea Guida limitata in lunghezza a quella del vettore da voi tracciato e non si estender attraverso l'intero schermo.

Tracciare un semplice muro diritto nella Pianta, poi posizionare il cursore sul relativo bordo (il cursore assume la forma del simbolo Mercedes). Compare la Linea Guida di prolungamento del bordo. Muovere il cursore sopra questa Linea Guida per trasformarla in una Linea Guida permanente.

72

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Fare clic nel punto da uni si desidera iniziare il disegno del muro parallelo. Cominciate a disegnare un muro che sia all'incirca parallelo al muro iniziale. Vedrete comparire una seconda Linea Guida, esattamente parallela alla Linea Guida attiva del muro iniziale. Disegnare il nuovo muro lungo la linea parallela alla linea guida attiva e fare clic per concludere. Nota: si possono anche utilizzare i Metodi per Costruzioni Relative offerti dagli elementi della Barra di Controllo: disegna parallela, perpendicolare, bisettrice e tangente. Per altre informazioni, vedere Metodi di Costruzione Relativi a pagina 75. Vediamo ora un esempio pi complesso. Con Snap alla Griglia ancora inattivo e Linee Guida abilitate, accertarsi che i seguenti settaggi siano attivi nella finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro > Linee Guida:

Per prima cosa, disegnare un semplice muro diritto e posizionare il cursore su di esso fino a che non compare la linea guida che lo prolunga. Muovere il cursore sopra la Linea Guida per attivarla. Poi posizionare il cursore all'estremit del muro e attendere finch non compare una nuova linea guida, perpendicolare a quella attiva. Spostare il cursore lungo questa linea guida e fare clic nel punto in cui si desidera far cominciare un altro muro. Muovere il cursore ad un angolo di circa 30 gradi dalla linea guida permanente. Si vedr comparire una nuova linea guida a 30 gradi esatti. Tracciare un nuovo muro lungo tale linea e fare clic per terminare.

Forzature del Mouse


Le forzature del mouse di ArchiCAD costituiscono la versione computerizzata della riga a T e delle squadre disponibili in varie fasi del disegno. Si tratta di ausili per l'editazione che possono essere usati in alternativa alle Linee Guida, anche se la maggior parte degli utilizzatori preferisce utilizzare le Linee Guida nelle finestre 2D. Per altre informazioni, vedere Linee Guida a pagina 69. Le coppie di angoli da esse definite possono essere utilizzate per bloccare il cursore ad un particolare angolo di tracciamento, mediante la pressione di Shift durante l'input. Il meccanismo pu essere attivato solo durante il disegno o leditazione di un elemento, come indicato dalla spessa linea elastica nera in Pianta o dal contorno fantasma mostrato nella Finestra 3D. Esso blocca temporaneamente il valore dellangolo polare del cursore nella Palette Coordinate utilizzando una

Per altre informazioni, vedere Linee Guida nell'Aiuto ArchiCAD. Questi settaggi vi permetteranno di utilizzare le Linee Guida per posizionare un muro ad un angolo di 30-gradi dalla perpendicolare al primo muro.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

73

Interazione

delle coppie di angoli definite nella finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura Cursore. Per altre informazioni, vedere Metodi e Forzatura cursore nell'Aiuto ArchiCAD. Possono essere specificati tre angoli/coppie di angoli ortogonali: Orizzontale-Verticale allineato alla Prima Griglia Orizzontale-Verticale allineato alla Griglia ruotata Angolo Fisso L'angolo Fisso pu essere impostato in relazione alla griglia ruotata o alla prima griglia. Un esempio pratico per l'impostazione ad angolo fisso ortogonale pu essere l'allineamento di molteplici elementi lungo una carreggiata. Inoltre, possibile impostare una o entrambe le opzioni di forzatura delle Linee Guida: linea Guida istantanea pi prossima linee Guida permanenti. Per altre informazioni, vedere Linee Guida a pagina 69.

4 Se la direzione non quella desiderata, rilasciare il tasto Shift e muovere il cursore nel direzione giusta, poi premere il tasto Shift.

Utilizzo delle forzature del mouse


Forzare le direzioni del disegno aiuta ad allineare e connettere con precisione i nuovi elementi disegnati. Per utilizzare il meccanismo delle Coppie di Angoli nel disegno di un nuovo elemento: 1 Assicurarsi che lo Snap alla Griglia sia disabilitato. Per altre informazioni, vedere Funzione Snap alla Griglia a pagina 69. 2 Cliccare per iniziare a disegnare un elemento.

5 Una volta scelta l'appropriata direzione di forzatura, fare nuovamente clic per posizionare il punto terminale dell'elemento. Fin quando la direzione rimane bloccata, possibile allineare il punto finale a altri elementi usando la Modalit Proiezione del cursore

Modalit Proiezione del Cursore con Forzatura Cursore


3 Muovere il cursore dal punto di partenza tenendo premuto il tasto Shift. ArchiCAD cercher le forzature di direzione. Quando la direzione di disegno forzata, una linea puntinata connette l'elemento non ancora definito con la posizione del cursore.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

74

Interazione

Questa linea puntinata viene proiettata dall'elemento in corso di editazione in uno dei tre modi che possono essere impostati nella Barra di Controllo: Perpendicolare alla direzione forzata Orizzontale dalla direzione forzata Verticale dalla direzione forzata Queste opzioni permettono di allineare al meglio gli elementi in costruzione con altri esistenti. Per altre informazioni sulle impostazioni delle Opzioni Barra Controllo, vedere Barra di Controllo nell'Aiuto ArchiCAD.

Un altro modo per bloccare una coordinata durante l'input scegliere il comando Blocca alla Linea Guida dal menu di scelta rapida, se gi stato effettuato lo snap a una Linea Guida.

Metodi di Costruzione Relativi


Oltre alle funzionalit Linee Guida, i metodi di costruzione relativi forzano anch'essi la direzione degli elementi costruttivi secondo un angolo costante. Vi si pu accedere dal primo pulsante della Palette Controllo.

Forzatura delle coordinate


E' possibile bloccare una delle coordinate del cursore, limitandone in tal modo il movimento, premendo Alt (Windows) o Opt (MacOS) e uno dei tasti X, Y, A, o R/D. Se sono attivate le Linee Guida, il blocco della X produce una Linea Guida verticale.

Il blocco della Y produce una Linea Guida orizzontale. Anche il blocco di A (dopo averne definito un valore numerico o tracciando una direzione campione) fornisce la corrispondente Linea Guida. Con R bloccato, si ottiene un Cerchio Guida, il cui raggio determinato per via numerica o per via grafica. Se non sono attive le Linee Guida, la funzione di blocco opera allo stesso modo, ma le Linee Guida non sono visibili.

Per altre informazioni sulle impostazioni delle Opzioni Barra Controllo, vedere Barra di Controllo nell'Aiuto ArchiCAD. I primi due metodi, sono quelli di forzatura Perpendicolare e forzatura Parallela. 1 Accertatevi che lo Snap alla Griglia sia disabilitato. Per altre informazioni, vedere Funzione Snap alla Griglia a pagina 69. 2 Scegliere licona Perpendicolare o Parallelo e cliccatela per renderla attiva (apparir come un pulsante premuto). 3 Selezionate una linea o un lato di un elemento da usare come riferimento, cliccandovi sopra, oppure disegnate una linea di riferimento temporanea usando il cursore. (Il bordo/linea di riferimento non verr indicato come selezionato; la linea di riferimento appena disegnata non rester visibile a schermo.) 4 Disegnate il nuovo elemento. Il nuovo elemento disegnato risulter parallelo o perpendicolare alla linea di riferimento (a seconda dellopzione selezionata). Nota: si pu attivare il metodo Perpendicolare o Parallelo anche dopo aver iniziato a disegnare un elemento. In questo caso, loperazione di disegno verr congelata finch non avrete scelto o tracciato il riferimento richiesto.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

75

Interazione

Potrete disegnare perpendicolari o parallele multiple combinando il metodo di costruzione relativo con il meccanismo di Forzatura del cursore. Nel definire la linea di riferimento per il disegno di un singolo elemento perpendicolare o parallelo, il suo angolo automaticamente memorizzato nella finestra di dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro> Metodi e Forzatura Cursore come angolo Personale. Potrete quindi disegnare ulteriori linee perpendicolari o parallele finch langolo Personale non sar ridefinito, numericamente o attivando di nuovo il metodo Perpendicolare o Parallelo. Per altre informazioni, vedere Metodi e Forzatura cursore nell'Aiuto ArchiCAD.

Come per qualsiasi altra forzatura, potete usare lo snap remoto del cursore per definire laltro estremo della linea disegnata.

Forzatura a bisettrice
Usando il metodo di costruzione relativo a Bisettrice potrete disegnare elementi lungo la bisettrice di un angolo definito da altri due elementi o da vettori di riferimento temporanei. Potrete iniziare a disegnare lelemento prima di attivare il metodo Bisettrice e di definire il vettore di riferimento, o viceversa. Prima di utilizzare la forzatura Bisettrice accertatevi che lo Snap alla Griglia sia disattivato.

Offset e offset ripetitivo


I metodi Offset e Offset Ripetitivo vi aiutano nella creazione di polilinee con un determinato scostamento rispetto ad un poligono esistente. Questi metodi non hanno effetto su elementi definito da un singolo clic. Entrambi questi metodi di costruzione relativa possono essere attivati dalla Palette Controllo. Per disegnare un elemento poligonale tramite offset: 1 Scegliere o attivare il metodo Offset (lo strumento attivo deve supportare le forme poligonali). 2 Disegnate una polilinea aperta o chiusa. 3 La polilinea di base pu essere completata con un doppio clic. Quando viene completata, una linea elastica, partente dallestremo finale della polilinea disegnata e

Cliccate sullicona Bisettrice, quindi definite il vettore di riferimento cliccando su due lati di elementi o su linee esistenti, oppure tracciando due linee temporanee. (I bordi/linee di riferimento non verranno indicati come selezionati; le linee temporanee non resteranno visibili a schermo.) Il mouse verr vincolato alla direzione della bisettrice dellangolo fra le due linee di riferimento. Prima che iniziate a disegnare lelemento, il cursore gi forzato, e vedrete un piccolo quadratino nero che si muove lungo la linea che verr tracciata in quella direzione.

76

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

perpendicolare allultimo segmento tracciato, verr visualizzata a video insieme al contorno fantasma. 4 Fate un clic per posizionare lelemento. Quando usate il metodo per Offset Ripetitivo , dovr essere utilizzata la stessa procedura con la differenza che loperazione non sar conclusa quando posizionate lelemento con il clic. Potrete continuare a posizionare delle copie scalate dellelemento fino a che non sceglierete di concludere linserimento. Con un doppio clic terminerete linserimento disegnando lultimo elemento. Cliccando sul pulsante Annulla della Palette Controllo, concluderete linserimento senza disegnare lultimo elemento.

4 Scegliete ed attivate il metodo Allinea alla Superficie nella Palette Controllo. 5 Cliccate su una superficie nelle vista 3D a cui volete allineare il nuovo elemento. 6 Un pallino nero apparir sul piano selezionato, allaltezza dellattuale Origine Utente. Il pallino seguir il cursore vincolato alla linea di intersezione tra il vostro piano di riferimento e il piano dellOrigine Utente.

Allineare elementi ad una superficie nel 3D


Il metodo di costruzione relativa Allinea alla Superficie attivo solo nella Finestra 3D. Vi offre la possibilit di adattare elementi a piani non orizzontali quando lavorate nelle viste 3D. Questo metodo identifica automaticamente lintersezione di un piano selezionato con il piano di lavoro del cursore. Spesso il piano di lavoro orizzontale. Tuttavia, in casi particolari, per esempio quando si sposta un foro in una falda, il piano di lavoro del cursore inclinato. possibile anche allinearsi a superfici curve, per esempio quando si adatta un oggetto a una parete curva. La limitazione, in questo caso, consiste nel fatto che, qualora il cursore si stia muovendo su un piano angolato, non possibile adattare ad una superficie curva, ma solo al piano tangente della superficie. Impiego del vincolo quando si creano nuovi elementi: 1 Per utilizzare il modificatore, attivate prima la Finestra 3D. 2 Scegliere lo strumento per l'elemento che desiderate aggiungere. 3 Regolate la vostra Origine Utente, se necessario.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

7 Fate clic sul punto in cui volete iniziare a disegnare il nuovo elemento. Lelemento sar vincolato alla linea di intersezione. Completate il disegno dellelemento nel modo abituale.

77

Interazione

Usare Allinea alla Superficie con Elementi Esistenti


1 Attivate la Finestra 3D. 2 Regolate lOrigine Utente, se necessario. Per altre informazioni, vedere Origini a pagina 64. 3 Selezionate lelemento che volete editare. 4 Scegliete il comando del menu Edita che volete utilizzare, per esempio aggiustare uno spigolo di un solaio allintersezione tra una falda e lOrigine Utente. 5 Fate clic su un punto di riferimento o su uno spigolo per iniziare la modifica. 6 Selezionate licona del modificatore Allinea alla Superficie nella Palette Controllo e attivate il vincolo come descritto sopra. 7 Scegliete il piano di riferimento. 8 Completate la modifica dellelemento.

Snap a Elementi Presistenti


In aggiunta ai metodi offerti per la creazione di elementi in punti specificati in relazione a elementi preesistenti, o in punti specifici del progetto, ArchiCAD facilita le operazioni di spostamento o ridisegno degli elementi agganciandoli a quelli preesistenti durante le operazioni di spostamento. La funzione Snap Elemento pu essere abilitata e disabilitata mediante il comando Opzioni > Snap Elemento. Il comando disponibile anche nella barra strumenti Standard. Lo Snap Elemento agisce solo sugli elementi selezionati e pu essere attivata e disattivata durante il lavoro con il tasto scorciatoia E. Nota: lo Snap Elemento pu essere usato solo quando lo Snap alla Griglia disabilitato.

Se viene selezionato un elemento e poi lo si comincia a spostare quando Snap Elemento attivo, si vedranno i suoi punti speciali assumere la forma di quadratini. Fra questi punti speciali vi sono: i punti di selezione (indicati da un pallino) dell'elemento, compresi i punti di inserimento i punti di divisione dell'elemento (se sono abilitati i Punti di Snap Speciali, vedere oltre) la punta del cursore. Quando uno di questi punti di selezione incontra un nodo, un punto di inserimento o un bordo di un altro elemento in cui il cursore cambia di forma a indicare una relazione speciale, il pallino di selezione si ingrandisce, per segnalare che l'elemento attirato verso il punto sensibile. E' allora possibile fare clic per unire i due elementi senza dover posizionare cursore sul vero e proprio punto di giunzione. Se c' pi di un punto di snap che tocca un punto sensibile dell'altro elemento, li si vedr diventare neri. Mediante la barra spaziatrice si possono selezionare, uno dopo l'altro i punti possibili. Fare clic quando il punto di cui si ha bisogno viene visualizzato con il quadrato vuoto pi grande.

78

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Punti di snap speciali


I Punti di snap Speciali facilitano il disegno di nuovi elementi a partire da un punto specifico posto su un bordo di un altro elemento, o l'editazione di elementi gi esistenti in riferimento a questi specifici punti. Attivando lo Snap a punti speciali verranno posizionati dei nodi temporanei sui punti di suddivisione in base ai comandi per i Punti di Snap Speciali correntemente impostati nella barra strumenti Standard. Gli stessi comandi sono anche disponibili nella Barra di Controllo. I Punti di Snap Speciali possono essere definiti o sull'intera lunghezza di un elemento (o del bordo di un elemento) lineare o circolare o su un segmento racchiuso fra due intersezioni.

Fra questi punti di snap speciale vi sono: punti di dimezzamento punti di divisione (fino a 20, impostati manualmente) punti situati a una data distanza da un punto terminale o a una specifica percentuale della distanza tra due punti terminali (immessa manualmente). Per definire i punti di divisione e le distanze personalizzate, usare il comando Configura Valori Snap Speciali dal menu presente nella barra strumenti Standard.

I nodi temporanei si comportano come hotspot. Il cursore assumer la forma di Segno di Spunta se rimane fermo su uno di essi Questi punti speciali sono temporanei e scompaiono, per default, dopo 5 secondi. Potete iniziare a disegnare nuovi elementi da questi punti o utilizzarli per editare altri elementi in relazione ad essi. Nota: anche se i Punti di snap speciali (se abilitati) scompaiono da soli per default dopo un intervallo predeterminato, possibile scegliere di farli restare visibili fino a che non viene posizionato un elemento o non si passa a un altra vista o piano: deselezionare la casella Nascondi automaticamente i Punti di Snap Speciali in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Maggiori opzioni.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Distanze e percentuali sono sempre calcolate a partire dal punto terminale che si trova pi vicino. I comandi a commutazione del menu Configura Punti di Snap Speciali della barra strumenti Standard permettono di disabilitare questa funzionalit o di abilitarla lungo l'intero elemento (Muro, Trave, Linea, Arco, Spline o poligonale) o lungo i segmenti compresi tra i punti di intersezione. (Le icone della Barra di Controllo servono allo stesso scopo.) Inoltre, potrete visualizzare i Punti di Snap Speciali su un vettore temporaneo utilizzabile mentre disegnate un elemento. Il metodo pu essere attivato con l'icona degli Snap Speciali inserita nella Barra di Controllo. Nellesempio seguente tracceremo un Muro che inizia ad un quarto della distanza fra gli estremi degli altri due Muri. 1 Iniziate scegliendo il metodo Percentuale nei Settaggi Punti Speciali ed inserite 25 nel campo sottostante.

79

Interazione

2 Accertatevi che lo Snap alla Griglia sia disabilitato. Attivate lo Strumento Muro, poi scegliete e attivate l'icona Snap a Punti Speciali nella Barra di Controllo. 3 Iniziate a disegnare il vettore di riferimento dallestremo di uno dei muri.

dialogo Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura cursore. Il valore pu essere impostato da 1 a 9 pixels. Una distanza media di 3-4 pixel adatta alla maggior parte delle situazioni, ma a bassi livelli di ingrandimento potreste agganciare elementi non desiderati. Se avete una buona capacit di puntamento, utilizzate un valore 1 pixel e non dovrete effettuare frequenti ingrandimenti. La funzione tolleranza del cursore facilita anche l'aggancio automatico di punti speciali come le intersezioni di linee o bordi preesistenti, le proiezioni perpendicolari dallOrigine di Editazione su linee o bordi preesistenti, e i punti di tangenza della linea elastica lungo archi, spline e lati curvi. La forma del cursore vi notifica il tipo di punto speciale individuato da ArchiCAD.

Elevazione e Gravit
ArchiCAD facilita la determinazione dell'altezza e dell'elevazione degli elementi e il posizionamento di alcuni tipi di elementi in relazione ad altri, mediante la funzione Gravit e la definizione dei Livelli di Riferimento.

4 Viene tracciata una linea tratteggiata che indica il vettore di riferimento, con un piccolo pallino nero che mostra il punto di snap speciale. Mentre vi avvicinate allestremo dellaltro muro, il pallino si sposta lungo il vettore. Fate clic sullestremo del secondo muro per terminare la definizione del vettore di riferimento.

Elevazione
ArchiCAD offre diversi modi per determinare lelevazione di elementi e per impostare laltezza a cui devono essere creati i nuovi elementi. Nell'Ispettore, o nella Palette Coordinate, si pu scegliere se visualizzare i valori di elevazione dallo Zero di Progetto, dal piano corrente (o dallOrigine Utente, nel 3D) o da uno dei due Livelli di Riferimento opzionali definiti in Opzioni > Preferenze Progetto > Unit di Lavoro e Livelli. Per altre informazioni, vedere Unit di Lavoro e Livelli nell'Aiuto ArchiCAD.

LOrigine di Editazione viene riposizionata nella locazione del punto di snap speciale generato. Potrete iniziare a tracciare il Muro.

Tolleranza del cursore


Per aiutarvi a localizzare gli elementi di costruzione sullo schermo, il cursore gravita sui loro lati ed angoli. La distanza entro cui il cursore viene attratto definita in pixel nella parte inferiore della finestra di

80

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Con il primo comando, o la prima icona, gli elementi di nuova creazione verranno posizionati relativamente alla quota del Piano corrente (Pianta) o allOrigine Utente corrente (Finestra 3D). Con le opzioni successive, gli elementi di nuova creazione verranno posizionati in relazione alla Mesh, Falda o Solaio sottostante. Note: La Gravit si applica solamente ai nuovi elementi in creazione e non pu essere utilizzata per editare quelli esistenti. Per misurare valori di elevazione, attivate lo strumento Solaio, Falda o Mesh e attivate la Gravit.

Livelli di riferimento
Nel trascinare il cursore, con lo strumento Muro, Colonna, Trave, o con altri strumenti di tipo Oggetto, su un solaio, falda o mesh (purch sia attiva l'icona Gravit, vedere oltre), si possono verificare le variazioni dei valori di elevazione (Z) nell'Ispettore o nella Barra delle Coordinate. Quando sono sovrapposti pi Solai, Falde o Mesh, viene visualizzato il valore pi elevato. Potete definire due Livelli di Riferimento opzionali che vi aiuteranno nel posizionamento degli elementi. Ci viene effettuato nella sezione inferiore del dialogo Opzioni > Preferenze Progetto > Unit di lavoro e Livelli. Selezionate il nome di un livello e modificatelo a piacere, quindi digitate il valore richiesto nel campo Elevazione. Il simbolo di quota mostra sempre il valore zero, allinterno di questo dialogo. Potreste trovare pi semplice calcolare i livelli spostando il valore zero su un altro livello, diverso dallo Zero di Progetto. Ci si pu ottenere semplicemente cliccando nel campo Relativo a accanto al nome del livello.

Lelevazione di un elemento da posizionare mostrata nella Palette Informazioni. Se definite uno scostamento nella Palette Informazioni, lelevazione viene calcolata automaticamente, e lelemento verr posto alla quota visualizzata.

Gravit
La Gravit aiuta a posizionare Muri, Colonne, Travi ed elementi di tipo Oggetto in relazione allelevazione di un Solaio, una Falda o una Mesh. Per scegliere una opzione, usare i comandi Gravit nella barra strumenti Standard o le icone della palette Coordinate.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Nota: i Livelli di Riferimento sono semplici ausili per la visualizzazione e limmissione. La Modifica dei loro valori non ha nessun effetto sugli elementi posizionati, la cui elevazione effettiva sempre calcolata dallo Zero di Progetto.

Controllo dellelevazione nel 3D


Prima di iniziare a disegnare un elemento nel 3D, impostate i comandi e i settaggi per accertarvi che lelemento venga inserito alla giusta elevazione. Con la Gravit attiva, Muri, Colonne, Travi, e Oggetti saranno posizionati sulla superficie superiore del Solaio, Falda o Mesh su cui cliccate. Elementi esistenti di tipo diverso hanno un comportamento

81

Interazione

trasparente, il clic, cio, passer attraverso Muri o Oggetti fino a trovare la superficie del primo Solaio, Falda o Mesh. Il campo Z dell'Ispettore (o della Palette Coordinate) resta bloccato allelevazione del Solaio, Falda o Mesh, e lo stesso accade al valore nel campo elevazione inferiore della Palette Informazioni. Nota: l'Ispettore dev'essere impostato su Mostra ispettore sempre in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Ispettore e Input Coordinate. Con la Gravit non attiva, lelevazione dellOrigine Utente costituisce il riferimento principale. Spostare lOrigine Utente alla quota desiderata, e impostare i valori di elevazione desiderati nella finestra di dialogo Settaggi dello Strumento in uso.

3D, e non c' nessuna indicazione visiva che specifichi su quale piano si trovino gli elementi. I nuovi elementi sono sempre aggiunti al piano di questo intervallo che pi si adatta alla loro elevazione. Ci vuol dire che ogni nuovo elemento verr aggiunto al piano sul qual l'elemento ricade, tenendo conto del relativo valore di elevazione.

Tecniche
Le operazioni che modificano posizione, forma o dimensione degli elementi vengono eseguite selezionando l'elemento, e utilizzando i comandi o semplici manipolazioni manuali con il cursore. Ad esempio, per allungare un muro o un altro elemento lineare, basta selezionarlo e poi trascinarne il punto terminale. (La relativa pet palette mostra il comando Aggiusta attivato.) Per spostare il muro, selezionarlo, afferrarlo in qualsiasi punto della sua superficie e trascinarlo con il cursore fino alla sua nuova posizione. (La relativa pet palette mostra il comando Muovi attivato.)

Il campo Z nell'Ispettore o nella Palette Coordinate visualizza lelevazione dellOrigine Utente, mentre la Palette Informazioni mostra i valori di elevazione inferiore e superiore dellelemento che state per creare. Potete specificare unelevazione rispetto allOrigine Utente definendo un valore per la coordinata Z. Nota: l'elevazione delle aperture dei muri strettamente determinata dai valori correnti nelle finestre di dialogo Settaggi Porta e Finestra. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Porta/Finestra nell'Aiuto ArchiCAD.

Elevazione e Piani nella Finestra 3D


La Finestra 3D visualizza sempre lintervallo di Piani definito in Visualizza > Elementi nella Vista 33D > Filtra gli Elementi in

Nel menu Edita sono disponibili ulteriori comandi di modifica, cui possono essere assegnate delle scorciatoie. Alcuni di essi sono anche presenti nelle relative barre strumenti predefinite (barra strumenti Edita Elementi, barra strumenti Disponi Elementi), dai menu di scelta rapida (cui si accede facendo clic con il tasto destro del mouse), e dalle pet palette.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

82

Interazione

Scorciatoie da tastiera
ArchiCAD fornito con una serie di scorciatoie da tastiera predefinite. E' possibile esaminare o stampare l'elenco delle scorciatoie: in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Scorciatoie da tastiera, fare clic sul pulsante Mostra la lista delle scorciatoie nel Browser. Con l'eccezione di alcune scorciatoie non personalizzabili (elencate in fondo alla lista delle Scorciatoie), tutte le scorciatoie sono personalizzabili: in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Scorciatoie da tastiera, scegliere un comando dalla lista a sinistra e immettere la combinazione desiderata per la scorciatoia nel campo a destra, e poi fare clic su Assegna. Per altre informazioni sulla personalizzazione delle Scorciatoie, vedere Assegnare Scorciatoia nell'Aiuto ArchiCAD.

Per altre informazioni, vedere Schemi a pagina 16.

Annullare operazioni con i tasti Esc e Backspace


Premendo pi volte il tasto Esc, si eseguono le azioni seguenti: 1 annulla totalmente l'operazione in corso (durante l'input) 2 se non vi sono elementi selezionati: rimuove le Linee Guida, se ve ne sono 3 deseleziona gli elementi, se ve ne sono di selezionati 4 rimuove l'area di selezione, se presente 5 se nulla selezionato: passa allo Strumento Freccia. Nel corso dell'input, la pressione del tasto Backspace annulla l'operazione. Attenzione! La pressione del tasto Backspace quando sono selezionati degli elementi ne causa la cancellazione!

Le Pet Palette
Nella maggior parte delle operazioni di editazione a schermo, compare una pet palette con i relativi comandi. Il contenuto della the pet palette dipende dai seguenti fattori: l'elemento selezionato la parte dell'elemento su cui si sceglie di agire (bordo o nodo) la finestra attiva. Muovete il vostro cursore sopra le icone per visualizzare i suggerimenti di ciascun strumento, e cliccate sull'icona per utilizzare la funzione di cui avete bisogno.

Potete memorizzare i settaggi delle scorciatoie personalizzate come parte di uno Schema Scorciatoia nel vostro Ambiente di Lavoro.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Potrete cambiare idea e scegliere una funzione diversa della pet palette fino a quando non avrete completato l'operazione di editazione con un secondo clic del mouse. La palette viene chiusa automaticamente quando loperazione terminata. per altre informazioni sulla personalizzazione delle funzioni delle pet palette, vedere Finestre di Dialogo e Palette nell'Aiuto ArchiCAD.

83

Interazione

Spostare gli elementi


Gli elementi possono essere spostati Individualmente o collettivamente trascinandoli, ruotandoli o invertendoli su un piano orizzontale e mediante traslazione verticale, vale a dire cambiandone i valori di elevazione. In una finestra In Sezione/Alzato possibile spostare un elemento modello lungo il piano di sezione. Per spostare gli elementi potete: selezionarli e impartire il corrispondente comando dal menu Edita (con un qualunque strumento attivato nella Barra Strumenti) o dal menu di scelta rapida attivato facendo clic col tasto destro; con qualsiasi strumento attivo, cliccare su un nodo e scegliere il comando desiderato della pet palette.

Tutti gli elementi selezionati vengono spostati nella nuova posizione. I singoli elementi sono accompagnati da contorni fantasma quando sono mossi. Le selezioni che contengono gruppi di elementi appaiono come rettangoli di ingombro in grigio durante il movimento.

Traslazione orizzontale
Si pu trascinare un elemento in uno dei modi seguenti: Con la Selezione veloce cliccare sulla superficie dell'elemento e tenere premuto per spostarlo nella nuova posizione. Selezionare l'elemento e poi afferrarne uno degli hotspot e trascinare l'intero elemento con il cursore. Selezionare l'elemento; selezionare il comando Edita > Muovi > Muovi, e tracciare un vettore temporaneo nella finestra attiva: l'elemento sar spostato in accordo con la lunghezza e la direzione del vettore disegnato. Selezionare l'elemento, selezionare l'icona Muovi della pet palette, poi spostare l'elemento. Selezionare l'elemento e accedere al comando Muovi dal menu di scelta rapida o con la scorciatoia da tastiera del comando Muovi (Ctrl+D).

Questa funzione pu essere utilizzata anche quando sono selezionati pi elementi. Tutti gli elementi selezionati verranno traslati lungo lo stesso vettore.

84

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Rotazione degli Elementi


Per ruotare un elemento: Selezionare l'elemento. Selezionare il comando Edita > Muovi > Ruota. In alternativa cliccare su un nodo o un lato dell'elemento e scegliere il comando Ruota della pet palette . Definite il centro di rotazione degli elementi selezionati. Cliccare per definire il punto di inizio dell'arco di rotazione e il suo raggio. Centro di rotazione Punto iniziale arco di rotazione

Anche nella Finestra 3D, la rotazione sempre effettuata su un piano orizzontale.

Inversione Speculare di Elementi


La Specchiatura crea copie riflesse degli elementi selezionati in Pianta o nella Finestra 3D. Per specchiare un elemento: Selezionare l'elemento. Selezionare il comando Edita > Muovi > Specchia, o scegliere il comando Specchia dal menu di scelta rapida o della pet palette . Definire l'asse di specchiatura con due clic, come se si disegnasse una linea. asse

Muovere il cursore per terminare la rotazione dell'arco.

Elementi originali

elementi specchiati

Pu essere specchiato qualsiasi numero di Porte e Finestre contemporaneamente. Testi, terminatori delle Linee e Quotature non verranno specchiati, la specchiatura riguarder solo la loro posizione. Blocchi di Testo, Etichette, Quotature e superfici dei Retini rimangono sempre leggibili dal basso o dal lato sinistro del disegno. I timbri di Zona non possono essere specchiati.

Elevare gli Elementi


Potete ruotare elementi selezionati nella Pianta e nella Finestra 3D, ed elementi di disegno nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettagli.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Il comando Eleva vi consente di muovere verticalmente gli elementi selezionati, lungo lasse Z. Questo comando particolarmente adatto per cambiare lelevazione di un gran numero di elementi simili (es. muri, oggetti paesaggistici, piastrellature, apparecchi dilluminazione).

85

Interazione

il modo migliore per mantenere la reciproca relazione verticale quando si cambia lelevazione degli elementi. Per elevare un elemento nella finestra pianta o sezione/alzato: Selezionare l'elemento. Scegliere il comando Edita > Muovi > Eleva, o il comando Eleva della pet palette. Questo visualizza la finestra di dialogo. Digitare il valore di elevazione degli elementi selezionati Cliccate su OK. Nota: Nella finestra sezione/alzato, si possono elevare gli elementi semplicemente cliccando su di essi e muovendoli. Nella Finestra 3D, potete anche cliccare su un nodo di un elemento (con lo strumento Freccia attivo) e scegliere licona Eleva della pet palette che compare, quindi muovere graficamente in su o in gi lelemento selezionato.

Modifica delle dimensioni degli elementi


I diversi tipi di elementi hanno diverse dimensioni caratteristiche: lunghezza, larghezza, altezza, spessore, angolo di apertura, ecc. Alcune di queste si possono modificare nel modo pi semplice per via numerica, selezionando l'elemento voluto, aprendo la relativa finestra di dialogo Settaggi e regolando i relativi valori. Alcune dimensioni, comunque, non possono essere modificate numericamente (per esempio la lunghezza di elementi lineari o di lati dei poligoni), mentre altre devono essere adattate con precisione ad altri elementi, cosa che potrebbe richiedere calcoli noiosi per linserimento numerico. Potreste inoltre aver bisogno di modificare le dimensioni generali di pi elementi allo stesso tempo conservando le loro proporzioni relative. In molti casi, ArchiCAD vi permette di modificare le dimensioni degli elementi, usando le operazioni allunga, aggiusta, dividi. Molte operazioni possono essere richiamate in tre modi: Dal menu Edita Scorciatoie da tastiera Per altre informazioni, vedere Schemi Scorciatoia nell'Aiuto ArchiCAD. Comandi pet palette Per altre informazioni, vedere Le Pet Palette a pagina 83. In alcuni casi sar disponibile solo la pet palette. Le sezioni seguenti offrono i dettagli su: Ingrandire Aggiustamento con lo strumento Area di Selezione Aggiustamento verticale Ridimensionamento proporzionale Divisione Adattamento (estensione e accorciamento) Aggiunta e editazione di nodi Editazione di lati Potrete aggiustare orizzontalmente la maggior parte dei tipi di elemento dopo averli selezionati, sia in Pianta che nella Finestra 3D.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

86

Interazione

Nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio possono essere aggiustati solo gli elementi di disegno D. Alcune considerazioni generali: Non possibile aggiustare Hotspot, Telecamere e Marker di Dettaglio. Alcuni elementi di tipo Oggetto GDL sono programmati in modo da consentire solo specifiche dimensioni, o includere hotspot per uneditazione intelligente che consentono di modificare graficamente la loro forma. Il comando Aggiusta non pu essere usato su elementi poligonali, ma potete aggiustare comunque i loro lati o spostare graficamente qualsiasi loro nodo.

Aggiustamento di Muri
Per allungare/accorciare muri mediante il comando di menu: 1 selezionare un muro; 2 scegliere il comando Edita > Modifica > Aggiusta; 3 fare clic sull'estremit della linea di riferimento e spostarlo. Cliccare per definire uno nuovo punto finale. vedere ancheAllungamento e accorciamento di Linee e Archi a pagina 222 e Aggiustare Oggetti a pagina 187.

Modifica di Muri e Colonne inclinati


4 cliccare di nuovo per definire la nuova estremit quale allungamento o accorciamento della lunghezza precedente, per definire una posizione del tutto diversa. Il muro viene allungato o accorciato, e se necessario ruotato, in relazione alla nuova estremit. Laltra estremit rimarr nella sua posizione originale. Nota: Pi Muri, Linee e Archi selezionati, con un estremo coincidente, possono essere aggiustati tutti insieme. Quando si usa la pet palette: 1 selezionare un muro; 2 Fare clic su uno degli estremi del muro. Compare la pet palette. Scegliere l'appropriata icona aggiusta (o ridimensiona altezza).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

E' possibile aggiustare i muri e le colonne inclinati e/o modificarne l'angolo di inclinazione mediante i comandi della pet palette nelle viste 3D e Sezione. (Le Colonne possono essere modificate anche nelle viste Pianta.) In 3D, si hanno le seguenti possibilit. Inclinare un muro/colonna verticale o modificare l'angolo di inclinazione di un muro/colonna inclinato selezionandone un punto d'angolo (per un muro) o il centro del piano superiore della colonna, e trascinandolo sul piano orizzontale. (Usare Modifica angolo nella pet palette) Nota: non si pu inclinare un muro la cui linea di riferimento sia centrata.

87

Interazione

Aggiustare un muro/colonna inclinato muovendone il bordo superiore o inferiore lungo il piano del muro (Usare Aggiusta altezza inclinata per i muri, o Aggiusta altezza con angolo fisso per le colonne, nella pet palette.) Aggiustare un muro/colonna inclinato in senso verticale. (Usare Ridimensiona altezza nella pet palette) Quando si modifica l'altezza di un muro, il suo spessore rimane lo stesso ma il suo angolo di inclinazione viene modificato in base ad essa.

se si modifica l'elevazione della superficie superiore o inferiore del muro a doppia inclinazione, cambiano gli angoli di entrambe le superfici laterali; se si modifica l'altezza di uno dei lati del muro, entrambi gli angoli delle superfici laterali restano gli stessi (e la superficie superiore pu ridursi ad avere spessore zero);

Nella Vista in sezione, si possono usare le stesse funzioni purch la linea di riferimento del muro sia perpendicolare alla linea di sezione. (In questo caso il campo Distanza dell'Ispettore offre un modo di modificare l'inclinazione del muro mediante i relativi valori di offset (es. Distanza).)

se si sposta la superficie superiore in senso orizzontale, cambiano entrambi gli angoli delle superfici laterali mentre lo spessore della parte superiore rimane costante; se si sposta in senso orizzontale uno dei nodi superiori del muro a doppia inclinazione, cambiano sia l'angolo della superficie su quel lato del muro sia lo spessore della sua parte superiore, mentre l'angolo della superficie opposta rester lo stesso.

Inoltre, possibile modificare i muri a doppia inclinazione:

88

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

E' possibile modificare l'anglo di inclinazione delle colonne per via grafica sulla Pianta oltre che in 3D.

Modifica delle Travi


Allungare/accorciare le travi mediante la pet palette. 1 Selezionare una Trave sulla Pianta o in 3D. 2 Fare clic su uno degli estremi della trave. Compare la pet palette. Scegliere l'appropriata icona Aggiusta (o Aggiusta profilo):

Modifica degli Elementi a Profilo Complesso


Muri, Colonne e Travi a Profilo complesso dispongono di speciali comandi di aggiustamento e rotazione nella pet palette.

Cliccare per definire uno nuovo punto finale. Allungare/accorciare le travi mediante il comando di menu: 1 selezionare una trave; 2 scegliere il comando Edita > Modifica > Aggiusta; 3 fare clic sull'estremit della linea di riferimento della trave e spostarla; 4 cliccare di nuovo per definire la nuova estremit quale allungamento o accorciamento della lunghezza precedente, per definire una posizione del tutto diversa. La trave viene allungata o accorciata, e se necessario ruotata, in relazione alla nuova estremit. Laltra estremit rimarr nella sua posizione originale. Per modificare la pendenza (angolo di inclinazione) di una trave inclinata, selezionarla sulla Pianta o nella Finestra 3D. Scegliere il comando Modifica Angolo della pet palette. Trascinare graficamente la trave all'inclinazione voluta.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

89

Interazione

Taglio di Elementi
Si pu regolare un elemento semplicemente eliminando la parte che si estende oltre il suo punto di intersezione con un altro elemento, o anche tagliarne una parte compresa fra due intersezioni. Gli elementi che possono essere tagliati con questa procedura sono Muri, Travi, Linee Archi, Cerchi PoliLinee e Spline. Per cancellare parte di un elemento procedere come segue: Selezionare lelemento/i di cui si vuole tagliare una parte. Scegliere il comando Edita > Modifica > Taglia, o premere il tasto Ctrl (Windows) o Cmd (MacOS). Il cursore prende la forma di un paio di forbici. Spostarlo sull'elemento da tagliare e fare clic su di esso. La parte dell'elemento su cui si fa clic, fra i due punti di intersezione pi vicini, viene cancellata. Se non c nessuna selezione, verranno considerate TUTTE le intersezioni degli elementi su cui si fatto clic. Se c una selezione, verranno considerate solo le intersezioni fra lelemento cliccato e quelli selezionati. Nota: il taglio delle parti eccedenti verso una falda una funzione separata in ArchiCAD. Per altre informazioni, vedere Taglio degli elementi per mezzo delle Falde a pagina 154. Nota: nella Finestra 3D, possibile fare clic anche sulla superficie di un Muro o di una Trave per effettuarne il taglio. vedere anche Taglio degli elementi nei punti d'intersezione a pagina 95.

Per applicare uno spostamento a un intero lato di un poligono selezionato, fare clic su un bordo e usare l'opzione Offset lato della pet palette. Questo comporter lo spostamento dei due nodi vicini. Questa opzione disponibile anche per gli elementi a catena. Gli elementi selezionati verranno temporaneamente trattati come un poligono, e saranno disponibili tutte le opzioni di modifica dei poligoni presenti nella pet palette. Nellesempio seguente, il muro sulla destra deve essere spostato un poco oltre, senza perdere la connessione con i due muri orizzontali. Selezionate i tre muri, cliccate sulla linea di riferimento del muro di destra e scegliete licona appropriata della pet palette. Cliccate quando siete soddisfatti della nuova posizione.

Aggiustamento con lArea di Selezione


Si possono aggiustare pi elementi poligonali o lineari lungo una direzione usando l'area di selezione. Per aggiustare gli elementi dentro l'area di selezione: Disegnare l'area in modo che i lati o i nodi degli elementi che si vogliono modificare siano all'intero dell'area. Ogni nodo che deve rimanere inalterato deve stare fuori dall'area di selezione. Definire un vettore di allungamento: con lo strumento area di selezione attivato, cliccare su un nodo o punto finale dentro l'area, poi cliccare su un secondo punto. Oppure, scegliere il comando Edita > Modifica > Aggiusta, e definire il vettore cliccando in due punti differenti.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Modifica dei Poligoni


Per spostare un nodo di un poligono selezionato, fare clic su di esso e usare l'opzione Muovi nodo della pet palette. I due lati seguiranno lo spostamento ridefinendo la forma del poligono.

90

Interazione

Le forme degli elementi lineari che hanno i nodi all'interno dell'area di selezione, e gli elementi poligonali che possiedono i nodi dentro l'area saranno aggiustate lungo la direzione decisa.

Se tutti i nodi di un poligono sono all'interno dell'area di selezione, il poligono sar spostato e non aggiustato. I punti di aggiustamento nell'area di selezione non sono disponibili nella finestra 3D. Colonne, Oggetti e Lampade non possono essere aggiustati con lArea di Selezione. Se uno dei loro hotspot si trova allinterno dellarea, essi verranno traslati interamente insieme allarea di selezione. La posizione delle Telecamere non viene influenzata da questa operazione. Quando si aggiustano Archi o Muri curvi con lArea di Selezione, rimarr invariato il loro angolo al centro (manterranno quindi la proporzione arco/corda).

Ridimensionare (Ingrandire o Ridurre) Elementi


Il comando Edita > Modifica >Ridimensiona permette di ingrandire o ridurre un elemento o per via grafica o per via numerica. Questa funzione disponibile soltanto nella Pianta e nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Il dialogo richiamato da questo comando offre ulteriori opzioni per il ridimensionamento degli spessori di Muri/Colonne, degli Oggetti GDL, dei testi, dei terminatori a freccia e dei marker. 1 Selezionare gli elementi da modificare e scegliere Ridimensiona. 2 Nella finestra di dialogo che appare, inserire il valore numerico di scala. (Assicuratevi che l'opzione Definisci Graficamente non sia selezionata.) 3 Cliccate su OK.

Aggiustamento verticale
Nella sola Finestra 3D, potete modificare graficamente con la pet palette laltezza di elementi selezionati . Per altre informazioni, vedere Aggiustamento di Muri a pagina 87. Fate clic su un nodo di un elemento selezionato e scegliete licona di aggiustamento verticale nella pet palette. Un contorno fantasma dellelemento seguir il cursore. Cliccate per impostare la nuova altezza dellelemento.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

91

Interazione

4 Cliccate nella finestra di lavoro per definire rispetto a quale punto, che rester fisso, dovr essere eseguito il ridimensionamento. La trasformazione verr eseguita.

Addizione e sottrazione di forme poligonali


Si pu usare la pet palette per aggiungere delle forme, o sottrarne altre. Per aggiungere un nuovo poligono ad uno esistente: Selezionate il poligono e cliccate su un suo lato o nodo. Dalla pet palette, scegliere licona con il segno +.

Per eseguire l'operazione graficamente: 1 aprire il settaggio Ridimensiona. 2 selezionare l'opzione Definisci Graficamente. 3 Disegnare un vettore di trasformazione che definisce la variazione di grandezza. Nota: il ridimensionamento non influenza gli elementi raggruppati. Per ridimensionare elementi raggruppati dovrete separarli o scegliere Sospendi Gruppi.

Disegnate la nuova forma poligonale. Questa deve intersecare il poligono selezionato, o almeno le due forme devono toccarsi lungo un lato.

Offset Poligonale
Per i soli poligoni, c unopzione di offset grafico disponibile nella pet palette . Selezionare un poligono, cliccare su un nodo. Scegliete licona delloffset della pet palette. Un contorno fantasma del poligono ingrandito o ridotto proporzionalmente seguir i movimenti del cursore. Cliccate quando siete soddisfatti della nuova dimensione del poligono.

Cliccate per completare il disegno della nuova forma che viene automaticamente aggiunta a quella originale.

Il procedimento uguale quando si vuole sottrarre una forma da un poligono, utilizzando licona con il segno .

92

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

5 Gli elementi dalla parte indicata con il clic rimarranno selezionati, mentre gli elementi dalla parte dalla parte opposta verranno deselezionati. Il gruppo di elementi selezionati potr essere editato con le modalit usuali.

Se lelemento selezionato viene intersecato da un elemento in pi punti, scegliendo il comando Dividi si divider lelemento selezionato in corrispondenza di ciascun punto di intersezione.

E' possibile usare anche la Bacchetta Magica per aggiungere/sottrarre forme ai poligoni. Per altre informazioni, vedere Usare la Bacchetta Magica per aggiungere/sottrarre Forme Poligonali a pagina 106.

Divisione degli elementi


Si possono dividere molti elementi (Muri, Travi, Linee, Solai, Falde, Mesh, Retini e Zone, Poligoni Linee, Archi, Polilinee e Spline) lungo un segmento, un arco o il bordo di un elemento. Nota: non possibile tagliare un poligono con un arco. 1 Selezionate gli elementi da tagliare. 2 Scegliere il comando Edita > Modifica > Dividi. 3 Disegnate una linea temporanea di divisione, o cliccate sull'estremit di una Linea, di un Arco, un Muro o di un Poligono gi esistenti. 4 Fare clic su una delle due parti della linea/arco/lato di taglio con il cursore a forma di Occhio.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Questo comando disponibile anche nella Finestra 3D. possibile dividere lelemento selezionato in due segmenti con un piano verticale. Questa caratteristica funziona come gi descritto per la Pianta. La linea di divisione viene disegnata nel piano dellOrigine Utente. Nota: quando non ci sono elementi selezionati, il comando Dividi permette di dividere un muro nel punto in cui si fa clic lungo uno dei suoi lati o linea di riferimento.

Estensione degli Elementi


Usare il comando Estendi per allungare un muro, trave, arco o linea. 1 Selezionate gli elementi che desiderate adattare. 2 Scegliere Edita > Estendi.

93

Interazione

3 Disegnare una temporanea linea di divisione, o cliccare su una linea, arco, muro esistente. Gli estremi dei muri e delle linee selezionati verranno adattati (estesi o accorciati) all'intersezione con la linea/arco/lato indicati. Verranno coinvolti solo quegli elementi che intersecano (o che intersecherebbero) la linea/arco/lato.

3 Loperazione viene immediatamente eseguita. Tutti gli elementi ottenuti rimarranno selezionati. Nota: se era attivo un altro strumento, verranno generati degli hotspot. Se attivo lo strumento Freccia, non accade nulla.

Intersezione di due elementi


Potrete anche adattare luno allaltro due Muri dritti o circolari, Travi, Linee o Archi selezionati in modo da far congiungere i loro estremi pi vicini. 1 Selezionare due elementi (devono essere dello stesso tipo). 2 Scegliere il comando Edita > Modifica > Interseca. Il comando Estendi utilizzabile nella Pianta e nella Finestra 3D e, per i soli elementi di disegno, anche nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Nelle viste 3D possibile adattare il Muro o la Trave selezionata ad un piano verticale.

Scorciatoie Dividi e Aggiusta


Una semplice scorciatoia vi permette di allungare gli elementi troppo corti e dividere quelli troppo lunghi rispetto ad uno stesso lato o linea. 1 Selezionate tutti gli elementi che volete dividere o adattare. Lo strumento attivo deve essere uno di quelli usati per creare gli elementi selezionati. 2 Premete il tasto Ctrl (Windows) o Cmd (MacOS) e cliccate il lato che volete utilizzare per dividere/adattare.

Creare Arrotondamenti o Smussi


Usare il comando Edita > Modifica > Arrotonda/Smussa per arrotondare o smussare l'intersezione di due linee rette o due muri. Per aprire il dialogo arrotonda/smussa: Selezionate due linee. Scegliere Edita > Modifica Arrotonda/Smussa, o Scegliere l'icona Arrotonda/Smussa della pet palette. Scegliere se smussare o arrotondare: Arrotonda unisce gli estremi di due linee dritte con un arco. Smussa unisce due linee con una linea retta, tagliando l'angolo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

94

Interazione

Inserire il raggio di Smussatura o Arrotondamento. (Lo smusso non ha un raggio ma disegna una corda di arco con il raggio specificato.) Nota: La dimensione impostabile per il raggio limitata dalla geometria del poligono; se larco risultante dovesse estendersi oltre uno dei nodi vicini, il valore del raggio verr corretto automaticamente al valore massimo consentito. Cliccate su OK. Per applicare lo smusso o l'arrotondamento su tutti gli angoli del poligono, selezionare l'opzione Applica a tutti gli angoli. Nota: i comandi Arrotonda, Smussa e Interseca non hanno effetto su elementi raggruppati. Le linee vengono accorciate o allungate da questi comandi a seconda che si intersechino o no; se non si intersecano verr calcolata una nuova lunghezza per ottenere la congiunzione, o lattacco allo smusso o al raccordo.

Se non c nessuna selezione, verranno considerate TUTTE le intersezioni dellelemento cliccato. Se c una selezione, verranno considerate solo le intersezioni fra lelemento cliccato e quelli selezionati. Nella Finestra 3D, per effettuare il taglio potrete cliccare anche sulla superficie di un Muro o di una Trave.

Aggiunta di nodi agli elementi


Con la pet palette, potrete aggiungere nuovi nodi agli elementi. Aggiungere un nodo a un elemento dritto per creare altri elementi. Aggiungere un nodo a un elemento poligonale aumentando il numero di lati. Nella finestra 3D, possibile aggiungere nodi solo agli elementi poligonali. Per aggiungere un nodo a un elemento: 1 Selezionare l'elemento. 2 Cliccare su un lato e far apparire la pet palette. 3 Scegliere l'icona Aggiungi Nuovo Nodo . 4 Cliccate per definire la posizione del nuovo nodo.

Tre modi per connettere la stessa coppia di linee.

Taglio degli elementi nei punti d'intersezione


Potete dividere un elemento anche semplicemente eliminando la parte che si estende oltre il suo punto di intersezione con un altro elemento, o anche tagliare una parte dellelemento compresa fra due intersezioni. Gli elementi che possono essere tagliati con questa procedura sono Muri, Travi, Linee Archi, Cerchi e Spline. 1 Premete il tasto Ctrl (Windows) o Cmd (MacOS). Il cursore prende la forma di un paio di forbici. 2 Muovere il cursore sull'elemento da tagliare e cliccare su di esso. La parte cliccata verr cancellata fino ai due punti di intersezione pi vicini.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Per inserire un nodo senza spostarlo, doppio-clic su un lato del poligono. (Nel nodo inserito sar attiva la pet palette.) Nota: non possibile aggiungere un nuovo nodo su elementi o lati curvi.

95

Interazione

Editare i nodi degli elementi


Con l'icona Muovi Nodo della pet palette, possibile riposizionare il nodo di un poligono. I lati connessi seguiranno il nodo. Potete eliminare un nodo unendolo ad uno dei due nodi vicini.

Se riposizionate un nodo in modo che i lati del poligono si intersechino (ma nessuno dei lati venga eliminato), il poligono verr diviso.

Se unite un nodo ad un altro non consecutivo (cio non ad uno dei due che ha accanto), la parte minore del poligono sar cancellata.

Quando riposizionate lestremo di un lato curvo, il segmento di arco verr aggiustato in modo che il suo angolo al centro (il rapporto arco-corda) rimanga lo stesso. Con lappropriata icona della pet palette potrete anche sostituire un nodo di un poligono con un arco tangente il cui raggio pu essere impostato nel dialogo Raggio Tondo/Smusso vedi sopra. Per una descrizione dettagliata, vedere Creare Arrotondamenti o Smussi a pagina 94.

Se riposizionando un nodo si elimina uno dei lati di connessione, verr cancellato anche laltro nodo di tale lato, insieme alla porzione corrispondente del proprio lato di connessione.

Curvatura/Raddrizzamento dei bordi degli Elementi


Con la funzione Curva Lato della pet palette, possibile curvare un lato o una linea di riferimento semplicemente muovendolo. Larco risultante passer per gli estremi originali del lato e per il punto che stato trascinato.

96

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Nota: se il segmento curvato di un poligono interseca qualsiasi altro lato dello stesso, ArchiCAD ne regolarizzer la forma, cosa che pu comportare la divisione del poligono in pi parti. Per raddrizzare un bordo di un elemento curvo, selezionare l'elemento curvo, e poi il comando Inserisci nuovo nodo della pet palette.

Nota: se attivo il Raggruppamento automatico, gli elementi esplosi verranno creati come gruppo.

Creazione di elementi duplicati


Vi troverete spesso nella necessit di creare duplicati esatti di particolari elementi. Questa sezione analizza le caratteristiche di duplicazione di ArchiCAD. Alcune di queste caratteristiche funzionano solo allinterno dello stesso progetto, ma potrete archiviare e recuperare settaggi di elementi anche da un progetto allaltro.

Copia e Incolla degli Elementi Esplodi


Scegliendo questo comando trasformerete gli elementi selezionati nel piano corrente o nella corrente finestra Sezione/Alzato in elementi semplici 2D (Linee senza terminatore a freccia, Cerchi, Archi, Archi Ellittici, Spline, Retini senza bordo, Testi monolinea). Gli elementi originali verranno cancellati. Eccezioni: Nelle finestre Sezione/Alzato, gli elementi di costruzione sezionati non possono essere esplosi, poich non possono essere cancellati dalla finestra di sezione; Linee di sezione e Telecamere; Elementi 2D di base. Alcuni esempi: Solai, Falde e Mesh sono trasformati in linee. Muri e Colonne sono trasformati in Linee e Retini (anche le Porte e Finestre inserite nelle pareti vengono esplose). Porte e Finestre (se selezionate senza il muro in cui sono inserite) sono esplose, come elemento di libreria, e sostituite da un foro vuoto. Le Quotature sono scomposte in Linee, Testi e negli elementi base delle terminazioni a freccia (Linee, Cerchi, Archi e Retini). Le PoliLinee sono scomposte in Linee e Archi. Gli Oggetti GDL sono scomposti nei relativi elementi base di disegno 2D.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Copia-incolla il metodo pi diretto per la duplicazione degli elementi. Gli elementi di costruzione possono essere copiati e incollati sulle Piante, mentre gli elementi di disegno possono essere copiati nelle finestre di Pianta, Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Quando si copiano elementi di costruzione nella finestra Sezione/Alzato, possibile incollare solo la loro rappresentazione, scomposta in elementi 2D. Il copia-incolla funziona tra piani diversi, e anche tra progetti diversi. La selezione pu essere effettuata sia con lo strumento Freccia che con lArea di Selezione. Quando si incollano elementi della Pianta, questi conservano la propria posizione x-y. Se gli elementi incollati non rientrano nella finestra, al livello di ingrandimento corrente, verr visualizzato un dialogo nel quale potrete scegliere se incollare gli elementi nella posizione originale o nellinquadratura corrente, e se deve essere effettuato uno zoom sugli elementi in corso di inserimento. Quando incollate usando un'area di selezione multipiano, verr visualizzato un messaggio che vi chieder di identificare quale tra i piani copiati dovr essere unito a quello corrente. Nota: se si taglia/copia e poi si incolla una selezione tra piani allo stesso livello di ingrandimento e senza effettuare operazioni di cambio dell'inquadratura (panorama), il contenuto degli Appunti viene incollato nella stessa posizione da cui era stato originariamente copiato/tagliato. La finestra di dialogo Settaggi Piano fornisce un altro modo rapido per copiare elementi identici da un piano all'altro senza doverli ridisegnare per ogni piano. Per altre informazioni, vedere Settaggi Piano nell'Aiuto ArchiCAD.

97

Interazione

Quando incollate elementi in un altro progetto, ricordate che gli attributi sono identificati dal nome. Se gli elementi negli Appunti si riferiscono ad attributi non presenti nel progetto corrente, verranno aggiunti gli attributi necessari. Se gli elementi si riferiscono ad attributi che esistono nel progetto corrente, ma che differiscono da quelli del progetto originario, acquisiranno le caratteristiche correnti definite nel progetto di destinazione. Nell'incollare il contenuto di una applicazione esterna, una finestra di dialogo offre diverse opzioni incolla. Per altre informazioni, vedere Incolla nell'Aiuto ArchiCAD.

Un'altra possibilit scegliere il comando semplice Muovi/Ruota/Specchia della pet palette, e premere Ctrl (Windows) or Alt/Opt (MacOS). (Viene aggiunto un piccolo segno + al cursore ). Una copia dell'elemento selezionato verr spostata, ruotata o specchiata. Cliccare per posizionare la copia, che ora sar selezionata al posto dell'elemento originale.

Muovi, Ruota, Specchia Copie di un Elemento e Moltiplica Copie


Potrete anche creare duplicati esatti di elementi allinterno dello stesso progetto trascinando una o pi copie dellelemento selezionato. La selezione pu essere effettuata sia con lo strumento Freccia che con lo strumento Area di Selezione. Per Muovere, Ruotare, o Specchiare una copia di un elemento, selezionare l'elemento e scegliere il comando desiderato dal menu Edita > Muovi o dal menu di scelta rapida.

Per Muovere o Ruotare multiple copie di un elemento, selezionare l'elemento e scegliere il comando desiderato dal menu Edita > Muovi o dal menu di scelta rapida. Compare un segno ++. Fare clic sull'elemento per muoverne o ruotare la copia fino alla nuova posizione. E' possibile posizionare un numero illimitato di copie. Fare doppio-clic per concludere il posizionamento delle copie.

Nota: quando si fanno ruotare le copie, queste verranno tutte posizionate lungo lo stesso asse di rotazione. Questa caratteristica funziona sia in Pianta che nella Finestra 3D. Nella finestra Sezione/Alzato, loperazione pu essere effettuata sugli elementi di disegno aggiunti e su Porte e Finestre (solo Muovi). Nei Disegni Dettaglio, potrete utilizzarla su qualsiasi elemento di disegno.

98

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Moltiplicazione degli Elementi


Ove sia necessario creare nello stesso progetto un certo numero di elementi identici disposti secondo un disegno ripetitivo, ad esempio a ugual distanza l'uno dall'altro, usare il comando Edita > Muovi > Moltiplica, o comando Moltiplica della pet palette. La seguente finestra di dialogo compare quando si sceglie Moltiplica:

elementi di disegno aggiunti e su Porte e Finestre. Nei Disegni Dettaglio, potrete utilizzarla su qualsiasi elemento di disegno. Per i dettagli, vedere Moltiplica nell'Aiuto ArchiCAD.

Drag & Drop


La tecnica del Drag & Drop (Trascina & Rilascia) familiare sia agli utenti MacOS che a quelli Windows, come scorciatoia per aprire documenti o per copiare e incollare elementi di diverso tipo in finestre della stessa applicazione o fra applicazioni differenti. Poich ArchiCAD possiede molti tipi di finestre, limplementazione intelligente del Drag & Drop vi consente di copiare elementi da una finestra ed incollare i dati in unaltra. Potete anche trascinare & rilasciare Oggetti GDL (elementi di Libreria) da pagine web abilitate tramite GDL Object Web Plug-in direttamente nel progetto ArchiCAD, nel dialogo Settaggi Oggetto o nellelenco delle librerie attive del dialogo Gestore della Libreria. I dati possono essere rilasciati in una finestra a condizione che questa possa accogliere il tipo di dato trascinato.

Trascinare e rilasciare il testo


Moltiplica crea un numero richiesto di copie degli elementi selezionati, usando i seguenti metodi ed opzioni: Sposta le copie lungo un percorso rettilineo, tracciando una linea di riferimento. Ruota le copie lungo un arco, usando un angolo di riferimento. Eleva le copie, impilandole, con un intervallo verticale. Crea una matrice di copie, lungo due linee di riferimento ortogonali. Eleva e muove o ruota le copie (sovrapposizione sfalsata), usando una linea di riferimento, o un arco di riferimento, e un incremento verticale. Questa opzione risulta utile, ad esempio, per la creazione di scale lineari e circolari, o per rapide definizioni di terreni scoscesi, per mezzo di solai sovrapposti sfalsati. Questa caratteristica funziona sia in Pianta che nella Finestra 3D. Nella finestra Sezione/Alzato, loperazione pu essere effettuata sugli
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Esistono le seguenti possibilit quando si trasferiscono dei testi: Da qualsiasi finestra di testo ArchiCAD o da finestre di testo di qualsiasi altra applicazione che supporti il Drag & Drop verso qualsiasi altra finestra di testo ArchiCAD da qualsiasi finestra di testo a qualsiasi finestra 2D (Pianta, Sezione, Simbolo 2D di elementi di libreria) con parametri di default; spostare o copiare testo allinterno della stessa finestra di testo Creare Tipi di testo archivio da gestire incollare documenti archivio di testo in una finestra di testo rilasciare documenti di testo semplice in una finestra di testo (con qualche limitazione)

Trascinare e rilasciare Disegni


Il modo pi facile di importare un Disegno da un documento ArchiCAD esterno aprire la struttura del progetto esterno nel

99

Interazione

Navigatore, selezionare in esso una Vista o un Disegno, e trascinarlo sul Layout nella finestra Layout del progetto corrente. Per altre informazioni, vedere Posizionamento di Elementi sui Layout a pagina 255.

Trascinare e rilasciare le immagini


Esistono le seguenti possibilit quando si trasferiscono dati di tipo immagine: Rilasciare un documento immagine nella finestra di anteprima di un Oggetto GDL. Rilasciare un documento immagine in Pianta per incollarlo come Figura. Creare documenti archivio immagine nel Finder MacOS. Incollare documenti archivio immagine nella finestra di anteprima di un Oggetto GDL.

Elementi selezionati sulla pianta in formato immagine (per esempio nella finestra Anteprima Progetto); Testi GDL 2D e 3D degli elementi selezionati, in formato testo. Il testo GDL 3D viene generato solamente quando il rilascio si effettua in una finestra di testo GDL 3D. Il testo GDL 2D dellelemento selezionato appare in qualsiasi altra finestra di testo.

Trascinare e Rilasciare oggetti DWG/DXF


Il Drag & Drop un modo disponibile per eseguire il download gli oggetti DWG/DXF dal web. Una speciale tecnica i-drop disponibile solamente per utenti Windows. Per altre informazioni, vedere Apertura con i-Drop (Solo Windows) a pagina 312.

Trasferimento di parametri
ArchiCAD accelera la creazione di nuovi elementi attraverso una serie di scorciatoie che permettono la creazione, in quantit illimitata, di Duplicati degli elementi gi esistenti mediante il Trasferimento di Parametri. ArchiCAD permette di prendere i settaggi di un elemento costruttivo e passarli a un altro elemento dello steso tipo, mediante i comandi della Barra Strumenti Standard con Edita > Settaggi Elemento > Preleva Parametri e Trasferisci Parametri. Questo semplifica le procedure standard sia per lassegnazione dei parametri di default che per modificare i settaggi degli elementi esistenti, senza richiedere la selezione dello strumento e lapertura del relativo dialogo. Tale caratteristica disponibile: Sia in Pianta che nella Finestra 3D per la maggior parte dei tipi di elemento; Nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio per i soli elementi di disegno; E' possibile anche trasferire i parametri degli oggetti di librerie dello stesso tipo. Vedere Trasferimento parametri tra Oggetti a pagina 189.

Trascinare e rilasciare File di Oggetti GDL


Potete trascinare e rilasciare documenti Oggetto GDL dal Finder del MacOS o dal Desktop di Windows direttamente nei progetti ArchiCAD, nel dialogo Settaggi Oggetto o nellelenco delle librerie attive del Gestore della Libreria. Rilasciando un Oggetto nella Pianta si attiva lo strumento corrispondente nella Palette Strumenti e il nuovo elemento posizionato diventa lelemento di default per il dato tipo di Oggetto. possibile posizionare vari Oggetti GDL in una sola volta, utilizzando il Drag & Drop. Porte e Finestre possono essere rilasciate solo in un Muro.

Trascinare e rilasciare elementi della Pianta


Se in pianta stata effettuata una selezione con lArea di Selezione o una selezione individuale con lo strumento Freccia, premendo il pulsante del mouse e trascinando il cursore al di fuori della finestra di Pianta di ArchiCAD inizierete unoperazione di Drag & Drop. Possono essere copiati i seguenti elementi: Elementi della Pianta (in formato modulo);

100

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Interazione

Quando si attiva il comando Preleva Parametri dalla barra degli strumenti (scorciatoia: tasto Alt/Opt, o comando Edita > Settaggi Elemento > Preleva Parametri), il cursore assume la forma del Contagocce. Per tale elemento, inoltre si attiva un evidenziatore di informazioni. Per altre informazioni, vedere Evidenziatore delle Informazioni elemento a pagina 54. Il Contagocce : Pieno, quando si trova su una linea di riferimento o un nodo di un asse; Pieno a met, quando si trova su hotspot, nodi generici o aree selezionabili; In parte pieno ed in parte rigato, quando si trova su una linea di riferimento; Rigato, quando si trova su un normale bordo; Vuoto, se il cursore si trova in unarea di lavoro vuota ( un semplice effetto grafico di conferma). Il trasferimento di parametri funzioner sia che il contagocce si presenti pieno, pieno a met o rigato. (Un contagocce vuoto non funziona.) Facendo clic con il Contagocce si caricano le impostazioni dellelemento in questione nella finestra di dialogo dei settaggi del tipo di strumento corrispondente, e queste diventano le nuove impostazioni di default per lo strumento. Lo strumento diventa anche attivo nella Palette Strumenti, e con il prossimo clic inizierete a disegnare un clone dellelemento cliccato. Per trasferire i settaggi di una finestra di dialogo a un elemento, attivare il comando Trasferisci Parametri dalla barra degli strumenti (scorciatoia: Ctrl-Alt (Windows) or Alt/Opt-Cmd (MacOS); il cursore prende la forma di una Siringa. E' possibile anche attivare la siringa mediante il comando Edita > Settaggi Elemento > Trasferisci Parametri.) Le possibili variazioni (vuota, rigata, piena) sono uguali a quelle del Contagocce.

si toccano, premere Shift+TAB fino a che non risulta evidenziato l'elemento desiderato. Facendo clic su un elemento gli si assegnano i valori e gli attributi di default (tipo di linea, colore della penna, materiale, ecc.). Nellesempio seguente, i settaggi del muro superiore sono stati trasferiti al muro in basso.

Nota: gli attributi dellelemento vengono inseriti anche nei relativi campi della finestra di dialogo Trova e Seleziona, a patto che tale finestra sia aperta e che il relativo pulsante sia attivo. Per altre informazioni, vedere Trova e Seleziona nell'Aiuto ArchiCAD. Gli attributi trasferiti vengono preselezionati anche nelle relative liste quando si aprono le corrispondenti finestre di dialogo (Tipi di linea, Penne e Colori, Tipi di Retino, Materiali, Strutture composte e Categorie Zone).

Raggruppamento degli elementi


I Gruppi vengono creati selezionando un gruppo di elementi e usando i comandi Edita > Raggruppamento o gli appositi pulsanti della barra strumenti Disponi Elementi. Gli elementi raggruppati possono essere editati insieme, altrimenti si pu sospendere temporaneamente il gruppo e modificarli individualmente. Gli elementi raggruppati si distinguono con grandi pallini vuoti. Se si selezionano pi gruppi contemporaneamente ogni gruppo si distingue dall'altro per il colore. Pi gruppi possono essere raggruppati insieme in un unico grande gruppo.

Portare il cursore a forma di siringa a di sopra, oppure su un bordo, o un nodo, dell'elemento obiettivo, in modo da evidenziarlo. Per evidenziare uno dopo l'altro diversi elementi che si sovrappongono o
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

101

Interazione

I seguenti tipi di elementi non possono essere raggruppati: Quote di qualsiasi tipo, Zone, Etichette, linee di Sezione/Alzato, Telecamere. Porte e Finestre possono essere raggruppate solo come parte del Muro in cui sono posizionate. Solo gli elementi che si trovano sullo stesso piano possono essere raggruppati. Gli elementi di piani diversi, anche se le proiezioni appaiono sul piano corrente, non possono fare parte di un gruppo. Il comando a commutazione Edita > Raggruppamento >Raggruppa Automatico, permette di raggruppare gli elementi mentre li si crea (invece di crearli prima e raggrupparli poi). Se il comando Raggruppa Automatico attivo, gli elementi poligonali o rettangolari riuniti in catena (come PoliMuri, PoliFalde, ecc.) verranno automaticamente costituiti in gruppo. Per rendere nuovamente indipendenti gli elementi costitutivi di un gruppo, selezionate Edita > Raggruppamento > Separa. Per i gruppi nidificati, sar necessario ripetere il comando pi volte prima di tornare ai singoli elementi separati. I vari tipi di raggruppamento e separazione sono disponibili in tutti i tipi di finestra editabili (Pianta, Sezione/Alzato, Dettagli, Layout, Simbolo 2D di Oggetto GDL) ma non nella Finestra 3D; qui possibile soltanto il comando Sospendi Gruppi. Per altre informazioni, vedere Sospendi Gruppi a pagina 102.

Operazioni sugli Elementi Raggruppati


Le seguenti operazioni possono essere effettuate simultaneamente su tutti gli elementi che costituiscono il gruppo: Selezione Alcune delle funzioni di modifica (Muovi, Ruota, Specchia, Moltiplica) Assegnare attributi (Lucidi) Altre operazioni (come Unifica e Arrotonda/smussa) possono essere eseguite solo su singoli elementi, dopo che il gruppo stato sospeso.

modifica e poi dover riselezionare tutti gli elementi ad uno ad uno per poter ricreare nuovamente il gruppo di partenza. La soluzione sospendere temporaneamente i gruppi mediante l'icona a commutatore Sospendi Gruppo nella Barra degli Strumenti Standard, o il comando Edita > Raggruppamento > Sospendi Gruppi. (L'icona Sospendi Gruppi disponibile anche nella Barra di Controllo.) Se questo comando attivo, gli elementi costitutivi di un gruppo possono essere selezionati ed editati separatamente. Ogni gruppo temporaneamente inattivo: i singoli elementi possono essere modificati individualmente, anche se fanno parte di una complessa gerarchia di gruppo Se non attivo i gruppi acquisiscono di nuovo la loro funzionalit. Se la funzione Sospendi Gruppi attiva, scegliendo il comando Strumenti > Raggruppamento > Separa tutti i gruppi selezionati verranno separati in elementi singoli, indipendentemente dalla precedente gerarchia di raggruppamento.. Se Sospendi Gruppi non attivo e decidete di separare una selezione formata da due o pi gruppi di livello inferiore, questa verr prima scomposta nei gruppi originari. E' possibile che si debba usare il comando Strumenti > Raggruppamento > Separa diverse volte prima di poter selezionare ed editare singolarmente un elemento. Nota: c' un modo per modificare i settaggi di un elemento raggruppato senza sospendere i gruppi. Aprire la finestra dei settaggi dell'elemento che si vuole modificare (essere sicuri che niente sia selezionato), cambiare i parametri a vostro piacimento, chiudere la finestra con OK. Ora cliccare sull'elemento che si vuole modificare tenendo premuto Ctrl+Alt (Windows)/Opt+Cmd (MacOS). I cambiamenti avranno effetto solo sull'elemento selezionato.

Gruppi e lucidi
Il raggruppamento degli elementi non cambia la loro assegnazione di attributi, ci significa anche che ogni elemento rimane sul suo lucido di appartenenza. Se alcuni elementi del gruppo risiedono in lucidi invisibili:
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Sospendi Gruppi
E' possibile agire e modificare su un solo elemento del gruppo. In questo caso, diventerebbe fastidioso separare il gruppo, effettuare la

102

Interazione

Gli elementi su lucidi invisibili saranno invisibili. Quando editate il gruppo, (spostamento, rotazione, specchiatura, moltiplicazione) anche gli elementi invisibili subiranno la modifica. Quando modificate attributi o parametri degli elementi, gli attributi degli elementi invisibili non verranno modificati. Se alcuni elementi del gruppo risiedono in lucidi bloccati: Gli elementi su lucidi bloccati saranno visibili in Pianta, ma causeranno il blocco dellintero gruppo. Il gruppo non verr influenzato da operazioni di spostamento, rotazione, specchiatura, moltiplicazione. Quando selezionate il gruppo, tutti gli elementi verranno selezionati ma saranno evidenziati da nodi di selezione grigi. Usate il comando Sospendi Gruppi per editare gli elementi del gruppo che non risiedono su lucidi bloccati. Nota per gli utenti TeamWork: Gli elementi di un gruppo possono essere riservati a membri diversi del gruppo di lavoro, ma il gruppo rimarr attivo. Attributi e parametri di elementi riservati potranno essere modificati solo dopo aver sospeso i gruppi. Per altre informazioni su come riservare elementi in Teamwork, vedere Tecniche a pagina 286.

Il comando Edita > Blocco > Sblocca sblocca l'elemento/i selezionato/i. Potrete sbloccare solo gli elementi da voi bloccati. Con il comando Sblocca Tutto si possono sbloccare tutti gli elementi bloccati, anche se non sono selezionati. Potrete sbloccare solo gli elementi da voi bloccati. Quando registrate lingresso in un Progetto di Gruppo come Capogruppo, potrete sbloccare tutti gli elementi bloccati da qualsiasi Membro del Gruppo. Per queste azioni, si possono anche utilizzare i corrispondenti pulsanti della barra strumenti Disponi Elementi.

Ordine Visualizzazione
Quando si realizza un progetto con ArchiCAD, gli elementi che si sovrappongono vengono disegnati sullo schermo secondo un ordine specifico. Per default, tutti gli elementi ArchiCAD sono impilati in un ordine tipicamente usato nei disegni architettonici. Per default, lordine si basa sulle classi degli elementi, che sono sei. Non importa in quale sequenza gli elementi siano stati disegnati, in ogni caso quelli della prima classe verranno posizionati in primo piano, quelli della classe successiva al di sotto e cos via. Le classi di elementi, in ordine decrescente, sono le seguenti: 1 Annotazioni (Testo, Etichette, tutti i tipi di Quota, Timbri Zona) 2 Grafica D (Linee, Cerchi, Spline, Hotspot) 3 Elementi di libreria (Oggetti, Lampade, Scale) 4 Strutture 3D (Muri, Travi, Solai, Porte, Finestre, Colonne, Falde, Mesh) 5 Poligoni 2D (Retini, Poligoni delle Zone) 6 Figure

Blocco degli Elementi


Il comando Edita > Blocco > Blocca blocca le voci selezionate impedendone la modifica accidentale. Gli elementi bloccati possono ancora essere selezionati ed utilizzati per costruzioni relative, e potrete anche copiarne le caratteristiche attraverso il trasferimento dei parametri. Nota: bloccare un lucido ha lo stesso effetto - vengono bloccati tutti gli elementi posizionati su quel lucido. Per altre informazioni, vedere Lucidi a pagina 22. Nota per gli utenti Teamwork: potrete bloccare solo gli elementi a voi riservati. Elementi bloccati non possono essere riservati ad altri membri. Le informazioni di blocco si conservano anche se registrerete luscita dal Progetto di Gruppo. Per altre informazioni su come riservare elementi in Teamwork, vedere Tecniche a pagina 286.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

103

Interazione

Elementi Sovrapposti
La sovrapposizione di elementi della stessa classe dipende dall'ordine in cui sono stati inseriti, anche se muri con lo stesso retino vengono visualizzati senza intersezioni pulite. Nel selezionare degli elementi sovrapposti della stessa classe, possibile passare in sequenza dall'uno all'altro mediante Shift+Tab. Gli elementi verranno selezionati nell'ordine in cui sono stati disegnati.

Ordine di sovrapposizione personale


Lordine di sovrapposizione di default di ArchiCAD appropriato nella maggior parte dei casi, ma potreste avere la necessit di posizionare alcuni elementi in modo da ottenere delle particolari sovrapposizioni. Ad esempio, per far s che un Retino sia sovrapposto a un elemento 2D o a un Oggetto, una serie di comandi del menu gerarchico Edita > Ordine visualizzazione o i corrispondenti pulsanti della barra strumenti Disponi Elementi permette di scavalcare, elemento per elemento, l'ordine di sovrapposizione di default. Sui nuovi elementi posizionati, i comandi funzionano come segue: Muovi Avanti: usando questa opzione, gli elementi selezionati si sovrapporranno a tutti gli elementi non modificati della loro stessa classe e di tutte le classi inferiori, ma rimarranno ancora al di sotto degli elementi di classi superiori. Porta Avanti: con questo comando gli elementi selezionati si sovrapporranno a tutti gli altri elementi. Muovi Sotto: usando questa opzione gli elementi selezionati verranno sovrapposti da tutti gli elementi non modificati della loro stessa classe e da quelli delle classi superiori, ma rimarranno ancora al di sopra degli elementi di classi inferiori. Porta Sotto: con questo comando, gli elementi selezionati verranno sovrapposti da tutti gli altri elementi. Ripristina ordine di default: questa opzione riporta tutti gli elementi modificati allordine di default descritto in precedenza.

ArchiCAD posiziona gli elementi su una pila di 14 livelli. Ogni livello pu contenere qualsiasi tipo di elemento. Lordine finale di disegno che si vede sullo schermo e sulle stampe si basa sulle classi e i livelli di impilamento. Tutti gli elementi su un livello si sovrapporranno agli elementi del livello inferiore, a prescindere dalla classe di appartenenza. I nuovi elementi vengono sempre posizionati nel livello di impilamento preferenziale che compete alla loro propria classe. Limpilamento preferenziale dei livelli organizzato come segue: 1-4: Vuoti per default 5: Annotazioni 6: Grafica 2D 7: Elementi di Libreria 8: Strutture 3D 9: Poligoni 2D 10: Immagini 11-14: Vuoti per default. Per default, i primi e gli ultimi quattro livelli sono vuoti. Potrete portare o inviare elementi di qualsiasi tipo in questi livelli della pila con i comandi del menu Edita > Ordine visualizzazione descritti in precedenza. Per esempio, portare avanti un retino dal livello 9 al livello 8, ossia al livello di default delle strutture 3D, significa che il retino si sovrapporr a tutti gli altri retini non modificati che risiedono ancora sul livello 9 ma, allo stesso tempo, si trover al di sotto di tutte le strutture non modificate del livello 8.

Meccanismo dellordine di disegno


Sia lordine di disegno di default che i comandi per la sua personalizzazione si basano su due meccanismi di ordinamento: le classi e i livelli di impilamento.

Se lo spostate ancora al livello superiore, si sovrapporr a tutte le strutture. Rester comunque al di sotto degli elementi di libreria non modificati che risiedono sul livello 7. In questo modo, potrete spostarlo sempre pi in alto sino a che esso non si sovrapponga ai livelli pi alti.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

104

Interazione

ai testi area e ai timbri zona a loro associati, e viceversa, forzando laltro componente a muoversi con loro se necessario. L'ordine di sovrapposizione viene mantenuto nell'output su stampante o su plotter a fasce. Nelle registrazioni in DXF/DWG, tutti gli elementi diverranno trasparenti, e ci significa che elementi nascosti o parzialmente sottoposti diverranno completamente visibili. Naturalmente potrete portare avanti anche altri tipi di elemento, che verranno nuovamente a sovrapporsi al retino precedente.

Utilizzo della Bacchetta Magica


La Bacchetta Magica vi permette di risparmiare lavoro individuando e tracciando la sagoma di elementi esistenti, per generare elementi nuovi. La Bacchetta Magica vi permette di creare forme che non sono disponibili per quel particolare tipo di strumento, o che sarebbero noiose da creare segmento per segmento. Dal momento che crea per sua natura forme poligonali, la Bacchetta Magica non tiene conto del metodo geometrico (ad esempio Rettangolo Ruotato) impostato per lo strumento corrente. La Bacchetta Magica funziona sia in Pianta che nella Finestra 23D e riconosce i seguenti tipi di elementi: Muro, Trave, Solaio, Falda, Retino, Mesh, Linea, Arco, Polilinea e Spline. (Nella finestra Sezione/Alzato la Bacchetta Magica riconosce solo elementi 2D). La Bacchetta Magica riconosce anche elementi bloccati, posizionati su altri piani o sul piano fantasma, e riservati ad altri o fuori dal vostro spazio di lavoro. Vedere anche Settaggi Bacchetta Magica nell'Aiuto ArchiCAD.

I comandi Porta Avanti e Porta Sotto spostano gli elementi selezionati sino a che essi non si sovrappongono (o non si sottopongono) a tutti gli altri elementi esistenti. Questo non significa che verranno necessariamente posizionati al primo o al quattordicesimo livello, ossia nella maggior parte dei casi sar ancora possibile posizionare degli elementi al di sopra o al di sotto di questi. Testo e Quote portati al livello pi alto, non possono essere sovrapposti da nessun altro elemento. Se, per esempio, desiderate che un retino si sovrapponga a questi, dovrete spostare il testo a un livello inferiore. Se cercate di portare avanti elementi che sono gi posizionati al livello pi alto o di inviare degli elementi ad un livello inferiore allultimo, verr emesso un messaggio di avviso. Quando muovete sopra o sotto pi elementi posizionati a diversi livelli della pila, ognuno di essi verr spostato di un unico livello sopra o sotto. Quando portate avanti o sotto pi elementi di tipo diverso, essi si sovrapporranno (o verranno sovrapposti) a tutti gli altri elementi, e manterranno lordine di disegno reciproco tra di loro. Zone e Retini sono elementi composti formati da elementi di due diverse classi (poligoni di zone e timbri di zona, retini e testo area). Questi due componenti mantengono sempre il loro ordine in accordo con la propria classe, per esempio il testo area si sovrapporr sempre al proprio retino. Sebbene possiate cambiare il loro ordine di disegno separatamente, retini e poligoni zone non potranno mai sovrapporsi
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Come creare un elemento con la Bacchetta Magica


1 Nella Palette Strumenti, selezionate il tipo di elemento che volete creare. 2 Attivate la Bacchetta Magica. Fate clic sullicona della Bacchetta Magica nella Palette Controllo (o, come scorciatoia, premete la Barra Spaziatrice sulla tastiera) per farla apparire. La bacchetta magica assume tre diverse forme per identificare: nodi lati spazi vuoti e superfici

105

Interazione

3 Cliccate con la Bacchetta Magica per individuare e tracciare una forma poligonale. Se fate clic su un lato o su un nodo, la Bacchetta Magica crea un poligono tracciando quellelemento e/o cercando una catena di elementi: scorre lungo il lato e traccia la catena di elementi i cui punti estremi ricadono lungo quel lato.

Se si disegna un retino legato con orientamento personale, bisogna prima generare il poligono con la bacchetta magica, poi disegnare il vettore di orientamento. Tutte le caratteristiche dei nuovi elementi sono determinate dalle impostazioni di default correnti nei dialoghi dei settaggi degli strumenti corrispondenti. Dovreste sempre verificare che questi siano corretti, prima o dopo luso della Bacchetta Magica, soprattutto se gli elementi devono avere una certa relazione tra loro, come una copertura posizionata su dei muri.

Usare la Bacchetta Magica con la pet palette


Potete tracciare forme per generare fori in elementi poligonali e aggiungere o sottrarre sagome da un poligono combinando le funzionalit della Bacchetta Magica con la pet palette. Per una descrizione dettagliata, vedere Addizione e sottrazione di forme poligonali a pagina 92.

Se cliccate in uno spazio vuoto o su una superficie, la Bacchetta Magica cerca e traccia larea geometrica chiusa formata dagli elementi pi vicini (sia concatenati che semplicemente intersecanti), e genera il poligono risultante. Potrete raffinare la funzionalit della Bacchetta Magica selezionando uno o pi elementi. In questo caso, la Bacchetta Magica tiene conto solo degli elementi selezionati nella ricerca di elementi concatenati o di unarea circoscritta. 4 I nuovi elementi vengono generati. I nuovi elementi non sono collegati agli originali e possono venire manipolati indipendentemente. Se le forme originali sono superflue, potete cancellarle. Se stato attivato lOffset o lOffset Multiplo, potrete completare loperazione di offset dopo che la Bacchetta Magica ha creato il nuovo poligono. Se state creando una singola falda, dovrete disegnare la linea di riferimento e definire linclinazione, prima di generare il poligono con la Bacchetta Magica.

Usare la Bacchetta Magica nel 3D


Nel 3D, la Bacchetta Magica funziona come nella Pianta, ma invece di utilizzare solo la visualizzazione superiore degli elementi, ciascun elemento viene considerato nel modo in cui giace nello spazio. Quando ricerca i contorni del nuovo elemento, ArchiCAD considerer solamente gli elementi che sono effettivamente intersecati dal piano su cui si fa clic. Il piano su cui si fa clic sempre quello orizzontale identificato dal punto della superficie su cui si fa clic oppure attraverso lOrigine Utente (per esempio, quando si fa clic allinterno del poligono di muri o travi nello spazio).

Usare la Bacchetta Magica per aggiungere/sottrarre Forme Poligonali


Nota: Invece di definire un nuovo poligono, potete anche usare lo strumento Bacchetta Magica per aggiungere o sottrarre la forma di un altro poligono (dello stesso tipo di elemento o di un altro tipo). 1 Selezionare il poligono al quale si vuole sottrarre una forma. 2 Scegliere l'icona Sottrai dal Poligono nella pet palette. 3 Muovere il cursore dentro il poligono che si vuole sottrarre e attivare la bacchetta magica.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

106

Interazione

4 Cliccare per completare.

Verificare il risultato cancellando o spostando il poligono usato per la forma o attivare la vista 3D.

Nota: disegnare un foro in un poligono, facendo clic entro i confini dellelemento selezionato con il corrispondente strumento attivo, analogo alla sottrazione, ma permette di creare una forma auto-intersecantesi. La sottrazione crea sempre una forma valida.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

107

Interazione

108

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

EDIFICIO VIRTUALE
In ArchiCAD potete costruire un Edificio virtuale di dimensioni reali in uno spazio virtuale usando elementi costruttivi virtuali. Se correttamente modellato, il vostro edificio virtuale pu essere utilizzato per generare automaticamente tutti i disegni, visualizzazioni e computi necessari con minimi interventi di modifica 2D. Usando i muri, le aperture, i solai, le colonne, le travi e le falde virtuali potrete costruire il vostro edificio invece di dover redigere i disegni usando le linee ed altri elementi 2D. Gli elementi di ArchiCAD sono intelligenti, nel senso non sono una semplice collezione di linee o superfici 3D, ma delle entit dotate una serie di parametri editabili. Per esempio, un muro ha spessore, altezza e parametri di materiali oltre ad altre caratteristiche. Gli elementi intelligenti di ArchiCAD si connettono automaticamente l'uno con l'altro e sono visualizzati nel 2D secondo le tipiche convenzioni architettoniche. In questo modo, una volta che la modellazione conclusa, la produzione della relativa documentazione diventa semplicissima. Il reale vantaggio nell'uso del concetto di edificio virtuale diviene chiaro quando dovrete modificare qualcosa nel vostro edificio. Se usate dei disegni 2D individuali, dovrete implementare le modifiche eseguite in ognuno dei singoli disegni. Al contrario, in ArchiCAD potete modificare il modello e tutti i disegni da esso generati saranno modificati in accordo con la vostra variante. In ArchiCAD l'edificio virtuale dispone di diversi tipi di vista modello; l'ambiente di lavoro e i comandi disponibili varieranno secondo la vista di volta in volta attiva. Nella pianta e nella finestra 3D, potete visualizzare, creare e modificare gli elementi. Nelle finestre sezioni e alzati, gli elementi sono generati dal modello 3D; non potete creare qui nuovi elementi, ma potete visualizzarli e modificarli. Le finestre di lista e di rendering generano delle fotografie del modello 3D; esse sono finestre di sola visualizzazione. principali, come nella normale pratica architettonica. Per prima cosa, lavorerete sulle viste per modificare l'Edificio virtuale. In secondo luogo, le viste del modello salvate costituiscono la base per la creazione dei disegni architettonici (disposti sui Layout) per la documentazione finale dell'Edificio virtuale. Ognuna delle viste del modello visualizza un aspetto completamente diverso dello stesso Edificio virtuale. Nella Prospettiva 3D si vede l'Edificio virtuale come apparir una volta costruito nella realt. Nella Pianta, l'Edificio virtuale appare come un elaborato di progetto bidimensionale. Nella finestra del modello chiamata Abaco interattivo l'Edificio virtuale rappresentato come una serie di elenchi e numeri; anche qui ogni cambiamento modificher l'Edificio virtuale e sar riportato in tutta la documentazione prodotta. Ciascuna vista del modello viene aperta in una finestra separata (per es. vista pianta nella finestra Pianta; vista 3D nella finestra 3D). Per passare da una finestra all'altra scegliete la finestra voluta dal menu Finestre. Sono disponibili anche delle scorciatoie (F2 per la finestra Pianta, F3 per la finestra 3D). I comandi e le funzioni disponibili cambiano secondo la finestra correntemente attiva. Per altre informazioni, vedere Pianta a pagina 110 e Finestra 3D a pagina 117. C' sempre una finestra attiva, nella quale si lavora, ma possibile disporre il proprio ambiente di lavoro in modo da potere vedere allo stesso tempo il contenuto di pi finestre. Ogni volta che si rende attiva una finestra, il suo contenuto viene automaticamente ricostruito in modo da riflettere le modifiche apportate nel progetto. Per accelerare il lavoro di disegno ed evitare l'esecuzione di ricostruzioni non necessarie, anche possibile definire alcune finestre (Sezioni/Alzati, Dettagli, Layout) come off-line e aggiornarle manualmente quando si desidera che riflettano lo stato corrente del modello. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento di Sezioni/Alzati a pagina 127 e Aggiornamento della Finestra Dettaglio a pagina 132. Il modo pi semplice di passare da una vista modello ad un'altra offerto dalla Mappa Progetto nel Navigatore. Basta fare semplicemente doppio clic sul punto di vista che si vuole visualizzare.

VISTE DEL MODELLO


Potete accedere al modello dell'Edificio virtuale a partire da diverse viste del modello. Le viste del modello si usano in due modi
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

109

Edificio virtuale

Per altre informazioni, vedere Navigatore a pagina 41. La barra strumenti Mini navigatore predefinita (disponibile da Finestre > Barre strumenti) offre un'altra maniera di passare da una finestra all'altra con un solo clic E' possibile tenere aperte una sola Pianta e una sola Finestra 3D per volta. Anche se si possono tenere aperte pi finestre di altri tipi di viste (per esempio molte finestre Sezione/Alzato), per impostazione predefinita ArchiCAD aprir le viste successive nelle finestre gi esistenti, sostituendo la vista precedente. Per aprire una nuova visualizzazione in una nuova finestra, occorre usare il comando del menu contestuale dell'elemento corrispondente del Navigatore.

Vista Modello possono essere salvate e facilmente applicate alle singole viste secondo le rispettive finalit (per esempio per l'uso come piante di Disegno, o come piante del Sito.) Per altre informazioni, vedere Vista e Opzioni Modello nell'Aiuto ArchiCAD.

Pianta
La finestra di Pianta la principale area di lavoro dove vengono eseguite la maggior parte delle operazioni di editazione. Essa mostra una rappresentazione del progetto corrente sotto forma di tradizionale disegno architettonico. All'avvio di ArchiCAD, la prima Vista Modello che si vede la Pianta. Ciascun piano dell'Edificio Virtuale ha la sua Pianta. ArchiCAD vi permette di riportare liberamente gli aspetti di tipo 3D degli elementi di costruzione sulla finestra Pianta mediante le impostazioni del Piano di taglio, nonch la visualizzazione del livello degli elementi e le opzioni di proiezione. Queste opzioni consentono di visualizzare le parti degli elementi multipiano che sono situate sulla pianta di un altro piano, o di proiettare le parti di un elemento che si trovano sopra o sotto il piano di taglio. Vedere le sezioni seguenti per le modalit di funzionamento di queste opzioni. Si osservi per che queste proiezione di Pianta non sono vere proiezioni in 3D, ma piuttosto delle rappresentazioni simboliche. Di conseguenza la visualizzazione e, soprattutto, l'intersezione automatica (solo sulla Pianta) di elementi complessi o multipiano possono presentare delle limitazioni nella loro imitazione del modello reale. La visibilit e l'accessibilit degli elementi in Pianta dipende da: le opzioni scelte nella finestra di dialogo Settaggi Strumento dell'elemento, comprese le impostazioni di visualizzazione e proiezione multipiano; Per altre informazioni, vedere Visualizzazione degli Elementi a pagina 111. le impostazioni del Piano di taglio Pianta; Per altre informazioni, vedere Piano di Taglio Pianta a pagina 111. la funzione Piano Fantasma che consente di visualizzare il contenuto di un altro piano. Per altre informazioni, vedere Piani a pagina 21.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se invece si vuole aggiungere una nuova finestra ogni volta che si apre una nuova vista o layout (da un menu o con un doppio clic nel Navigatore), occorre cambiare l'impostazione predefinita relativa all'apertura delle finestre con il comando Opzioni > Ambiente di lavoro > Maggiori opzioni. Visualizzazione e output degli elementi della vista modello possono essere configurati globalmente in Documento > Configura vista modello > Vista e opzioni modello. Le Combinazioni di Opzioni

110

Edificio virtuale

i Settaggi Lucido dellelemento (gli elementi dei lucidi invisibili non saranno visualizzati; gli elementi dei lucidi bloccati non si possono modificare). Per altre informazioni, vedere Lucidi a pagina 22. Potete traslare e ingrandire o ridurre linquadratura attraverso tutto lo spazio di disegno disponibile, al fine di ottenere la vista pi idonea per il lavoro che state eseguendo, per mezzo delle icone accanto alla barra di scorrimento inferiore, o dei comandi del menu Visualizza > Zoom. Per altre informazioni, vedere Navigazione a pagina 37. Le modifiche apportante nella finestra Pianta verranno debitamente aggiornate nelle finestre 3D, Dettaglio e Sezione/Alzato. Vale anche l'opposto: le modifiche fatte in altre finestre vengono si riflettono automaticamente nella Pianta quando questa viene attivata. Gli aggiornamenti possono avere luogo manualmente o automaticamente secondo le impostazioni di aggiornamento scelte per le viste di Dettaglio o Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento di Sezioni/Alzati a pagina 127 e Aggiornamento della Finestra Dettaglio a pagina 132.

Per impostare il Piano di taglio Pianta si usa il menu Documento > Piano di Taglio Pianta, che apre la finestra di dialogo Settaggi Piano di taglio della Pianta. Per altre informazioni, vedere Piano di Taglio Pianta nell'Aiuto ArchiCAD. Immettere un valore in Altezza Piano di Taglio dal Piano corrente.

Piano di Taglio Pianta


Gli elementi di costruzione in 3D disposti nelle Piante (Muri, Colonne, Travi e Falde) vengono visualizzati come se fossero tagliati orizzontalmente secondo un piano teorico, chiamato Piano di Taglio Pianta. L'altezza predefinita del Piano di taglio, misurata dalla base del piano corrente, dipende dalle convenzioni architettoniche locali, ma possibile selezionare qualsiasi Piano di Taglio per la finestra corrente facendo uso della finestra di dialogo Piano di Taglio Pianta. Le impostazioni del Piano di Taglio Pianta sono globali, nel senso che le impostazioni correnti si applicano a tutti i piani del protetto. Quando si salva una vista le impostazioni del Piano di Taglio o pianta vengono salvate insieme alla vista. E' sempre possibile modificare successivamente il Piano di Taglio Pianta di tale vista usando la sua finestra di dialogo Settaggi Vista; in tal modo possibile avere un Piano di taglio Pianta diverso per cogni vista salvata, se necessario. Per altre informazioni, vedere Settaggi Vista nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: il Piano di taglio non influenza la visualizzazione di elementi Mesh, Solaio o Oggetto, comprese le Scale. Le Scale e gli altri Oggetti GDL possono per essere programmate perch vengano visualizzati secondo i settaggi del Piano di Taglio Pianta.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se si desidera visualizzare tutti gli elementi di costruzione nella loro interezza, su tutti i piani (impostazione predefinita per gli elementi di costruzione), il resto dei settaggi della finestra Piano di Taglio Pianta non ha rilevanza. L'Intervallo Relativo del Piano e il Limite di Visualizzazione Assoluto - ossia gli altri Settaggi Piano di taglio Pianta - sono rilevanti soltanto se se qualcuno dei vostri elementi di costruzione definito come soggetto a proiezione limitata. Per altre informazioni, vedere Mostra Proiezione su Pianta a pagina 113.

Visualizzazione degli Elementi


Mentre i settaggi del Piano di Taglio Pianta correnti vengono applicati globalmente all'intero progetto, invece possibile impostare una preferenza di visualizzazione distinta per ciascun singolo elemento di costruzione. I settaggi descritti sotto (Mostra su/Collega a Piano, Visualizzazione in Pianta e Mostra Proiezione) sono disponibili nella Finestra di dialogo Settaggi Strumento dell'elemento.

Mostra su/Collega a Piani: Visualizzazione in Pianta di Elementi su pi Piani


Ciascun elemento di costruzione dotato di un elenco a discesa Mostra su/Collega a Piani o Mostra su Piani nel suo riquadro

111

Edificio virtuale

Geometria e Posizionamento dei Settaggi Strumento (o, per gli elementi di libreria, nel riquadro Anteprima e Posizionamento). Questo elenco a discesa consente di scegliere se mostrare lelemento su tutti i piani da esso intersecati, o soltanto su determinati piani. Inoltre, la selezione di un'opzione da questo elenco a discesa determina il piano con cui l'elementi viene associato (collegato). Questo collegamento significativo ai fini del ai fini degli elenchi, e anche per i progetti TeamWork. Automatico (impestazione predefinita): l'elemento sar visibile e editabile su tutti i piani da esso fisicamente intersecati. Il suo piano ospite quello su cui correntemente situata la linea di riferimento. Quando disponibile questa sar per lo pi l'opzione da preferire. Solo sul piano ospite: L'elemento sar mostrato solo sul suo piano ospite - ossia il piano su cui l'avete collocato (il piano ospite e il piano di appartenenza sono la stessa cosa). L'elemento rester sempre associato al suo piano ospito, indipendentemente dalla sua posizione verticale. Nota: se non si ancora posizionato l'elemento questo comando si chiama solo piano corrente. Nota: L'impostazione Automatico non disponibile per solai e mesh. Per colonne e muri, Automatico e Solo sul piano ospite sono le uniche opzioni disponibili.

Mostra sui Piani - Settaggi personali, dove si possono impostare delle opzioni di visualizzazione sui piani separate per il profilo dell'elemento e per il suo retino. L'elemento resta collegato al suo piano ospite. Per altre informazioni, vedere Visualizzazione in Pianta a pagina 112. Se si sta usando per Mostra sul Piano una delle impostazioni diverse da Automatico, il profilo dell'elemento sar visualizzato sui piani lontani usando il tipo di linea scelto in Opzioni > Preferenze Progetto > Elementi di costruzione.

Visualizzazione in Pianta
Usare l'elenco a discesa Visualizzazione in Pianta per visualizzare i muri, le travi, le colonne e le falde con una tra le diverse rappresentazioni possibili. Questo comando situato sul riquadro Pianta e Sezione della finestra di dialogo Settaggi Strumento dell'elemento. 1 Proiettato con parte superiore: mostra la sezione dell'elemento (ad esempio come sezione al livello del Piano di Taglio Pianta), pi la parte soprastante dell'elemento (ossia la parte dell'elemento che si trova al di sopra del Piano di Taglio Pianta. Nota: Proiettato con parte superiore l'impostazione di visualizzazione predefinita per colonne e muri inclinati o complessi, e per tutte le falde e le travi. 2 Proiettato: mostra la sezione dell'elemento, pi la sua parte non tagliata (verso il basso) in forma pseudo-3D. 3 Solo parte sezionata: visualizza solo la sezione allaltezza del Piano di Taglio Pianta. Sono disponibili alcune altre opzioni astratte di visualizzazione:
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Tutti i piani: Il profilo dell'elemento verr mostrato indipendentemente dalla sua effettiva posizione - su tutti i piani del progetto. L'elemento resta collegato al suo puano ospite. Piano superiore, Piano inferiore, un piano sopra e/o sotto: Il profilo dell'elemento sar mostrato sul suo proprio piano, e anche sul piano immediatamente superiore, su quello inferiore, o su entrambi. L'elemento rimane collegato al suo piano ospite. Personalizzata: Scegliere questa opzione se si desidera che l'elemento sia mostrato su una diversa combinazione di piani (solo per Falda, Mesh e Solaio). Viene visualizzata la finestra di dialogo

112

Edificio virtuale

4 Sezione simbolica (disponibile solo per i muri retti semplici, o per le colonne verticali o complesse): L'intera proiezione in pianta dei muri semplici e delle colonne verticali (semplici e complesse) verr visualizzata come sezione, usando la linea di taglio di tali elementi ed i loro attributi di linea e retino di sezione, indipendentemente dalla loro posizione verticale dellelemento. Questa opzione disponibile soltanto per muri dritti o colonne semplici, o per colonne complesse, e solo se il comando Mostra sul Piano impostato su Solo sul piano corrente/piano ospite. I settaggi del Piano di Taglio Pianta non influenzano la visualizzazione di questi elementi. 5 Solo contorni: il profilo dell'intero elemento viene visualizzato usando i relativi attributi della forma non sezionata. 6 Tutto come parte superiore: il profilo dell'intero elemento viene visualizzato usando gli attributi della parte sovrastante alla sezione. Nota: quando si aprono progetti di un precedente formato di ArchiCAD, la visualizzazione in pianta degli elementi di costruzione sar automaticamente impostata all'insieme di settaggi predefiniti della Visualizzazione in Pianta corrispondente agli standard architettonici abituali per questi elementi. E' quindi possibile procedere alla modifica dei settaggi della Visualizzazione in Pianta di qualsiasi elemento secondo le proprie esigenze.

Mostra Proiezione su Pianta


L'elenco a discesa Mostra Proiezione contiene le opzioni per stabilire in che misura deve essere visualizzato lelemento. Questo comando situato sul riquadro Pianta e Sezione della finestra di dialogo Settaggi Strumento dell'elemento. Intero Elemento (settaggi di default): l'elemento sar visualizzato su tutti i piani pertinenti. Nota: Intero Elemento la sola opzione di proiezione disponibile per i muri retti semplici e le colonne semplici o complesse che hanno la loro Visualizzazione in Pianta impostata su Sezione simbolica. I settaggi Piano di Taglio Pianta non influenzano la visualizzazione di questi elementi. Pu tuttavia essere preferibile non mostrare l'intero elemento. In questo caso, ci sono altri due modi di impostare la sua visualizzazione nell'elenco a discesa Mostra Proiezione:
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Su Intervallo Relativo del Piano: la scelta di mostrare l'elemento su una gamma di piani (il piano corrente, pi un certo numero di piani sopra e sotto di esso, con uno sfalsamento opzionale.) Con questa opzione, questo elemento sar visualizzato sui piani definiti come Intervallo Relativo del Piano (ossia il numero di piani su cui mostrare questo elemento nelle due direzioni) in Documento > Piano di Taglio Pianta. Nota: In certe situazioni, le impostazioni del Piano di Taglio Pianta corrente e l'Intervallo Relativo del Piano possono entrare in conflitto: 1 Il livello del Piano di Taglio pu non rientrare nell'Intervallo Pianta corrente (per esempio ove laltezza di un piano sia estremamente bassa rispetto al livello di default del Piano di Taglio). In questo caso, il Piano di Taglio sar automaticamente riposizionato sul limite superiore dell'Intervallo Pianta (o sul suo limite inferiore, se il Piano di Taglio dovesse ricadere al di sotto di tale limite). 2 Il limite dell'intervallo Pianta inferiore potrebbe trovarsi pi in alto del limite superiore. In questo caso, il limite inferiore sar considerato al contempo come limite inferiore e superiore dell'Intervallo Pianta (e coincider anche con il Piano di Taglio, come descritto al punto 1. qui sopra). Su Limite Assoluto di Visualizzazione: imposta un limite inferiore fisso (che per default corrisponde allo Zero di Progetto), e quindi mostra tutte le parti dell'elemento al di sopra di esso. Se si sceglie questa opzione, il Limite di visualizzazione assoluto impostato in Documento > Piano di Taglio Pianta determina il limite inferiore di visualizzazione dellelemento. Per altre informazioni, vedere Piano di Taglio Pianta nell'Aiuto ArchiCAD.

Settaggi di visualizzazione per gli Elementi di costruzione in Pianta


Immaginate che le vostre impostazioni siano le seguenti: Mostra sul Piano: Automatico Questo significa che ogni elemento di costruzione multipiano sar visualizzato su tutti i piani pertinenti della Pianta. Visualizzazione in Pianta: Proiettato con parte superiore.

113

Edificio virtuale

Questo significa che ciascun elemento di costruzione sar visualizzato nella sua interezza (la porzione sezionata, la parte superiore, e la parte non tagliata dalla linea di sezione) con i tipi di linea e i colori impostati nella finestra di dialogo relativa a ciascuno di questi parametri. Mostra Proiezione: Intero Elemento Questo significa che la proiezione visualizzata non limitata un limite di visualizzazione assoluto n da un intervallo verticale definito. Si consideri il seguente edificio con muri inclinati.

Man mano che si visualizza l'edificio sui suoi vari piani, il suo aspetto in pianta cambia di volta in volta: sebbene su ciascun piano sia indicato l'intero muro, i suoi segmenti sezione e superiore sono diversi su ognuno di essi.

114

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

le colonne strutturali tonde sono impostate su Proiettato con parte superiore e Intervallo Pianta (su ciascun piano viene visualizzata solo la sezione pertinente)

Opzioni di visualizzazione
Proiezioni non-standard per gli Elementi di costruzione
Nell'esempio seguente la struttura mostrata su 3 piani: La Facciata continua impostata su Proiettato con parte superiore e Intero Elemento i montanti - costituiti da colonne - sono impostati su Solo parte sezionata
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Al contrario delle impostazioni di visualizzazione dei singoli elementi, le opzioni di visualizzazione dell'intero progetto sono impostate con due serie di comandi diversi: Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video, che ha effetto soltanto sulla visualizzazione sullo schermo, e Documento > Configura vista modello > Opzioni Vista Modello, che controlla sia la visualizzazione delle viste del modello sia l'output corrispondente.

115

Edificio virtuale

Opzioni di Visualizzazione a Video


Il comando Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video produce una lista di elementi (solitamente ausili per l'editazione) che possono essere mostrati o nascosti sullo schermo a seconda delle vostre preferenze. Altri elementi di questa lista consentono di alternare tra diverse opzioni di spessore delle linee e tra visualizzazione vettoriale e bitmap dei retini. Per passare da un'opzione all'altra per un elemento basta fare clic su di esso. Lo stato di visualizzazione dell'elemento non incide sulla rappresentazione dell'elemento nell'output, ma soltanto sulla visualizzazione sullo schermo. Un modo rapido per accedere a questi comandi disponibile mediante la barra strumenti Finestra > Barre Strumenti > Opzioni di Visualizzazione a Video.

usare il menu Documento > Configura vista modello per scegliere una Combinazione Opzioni Vista Modello. usare il comando popup appropriato nella palette Opzioni Veloci per scegliere una Combinazione Opzioni Vista Modello Per altre informazioni, vedere Palette Opzioni Veloci a pagina 48. Usare il comando popup appropriato nella parte inferiore della Mappa Progetto dell'Organizzatore (Settaggi Vista-Memorizzazione) per scegliere una Combinazione Opzioni Vista Modello.

Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD.

Opzioni Vista Modello


Il comando Documento > Configura vista modello > Opzioni Vista Modello apre una finestra di dialogo suddivisa in due sezioni. 1 Opzioni per gli Elementi di Costruzione: opzioni Mostra/Nascondi per Travi, Simboli di colonna, Porte, Finestre, Marker di sezione e elementi di revisione. 2 Opzioni per Retini e Zone: fondi e motivi per retini e zone. Le opzioni qui impostate avranno effetto sia sulla visualizzazione a schermo che sull'output. Per altre informazioni, vedere Vista e Opzioni Modello nell'Aiuto ArchiCAD. Dopo avere personalizzato uno o pi insiemi di Opzioni Vista Modello, possibile salvarle come Combinazioni di Opzioni Vista Modello, usando i comandi nella parte superiore della finestra di dialogo. Molte Combinazioni di Opzioni Vista Modello sono predefinite per vostra comodit; volendo possibile modificarle e salvarle con nuovi nomi. Per applicare una Combinazione di Opzioni Vista Modello salvata al modello corrente usare uno dei seguenti sistemi:

Vista e Opzioni Modello (e le Combinazioni) sono applicate globalmente al modello corrente. Tuttavia, quando si salva una vista da una qualsiasi finestra 2D del modello, viene salvata insieme ad essa anche la relativa Combinazione di Opzioni Vista Modello corrente. Tutte le Combinazioni di Opzioni Vista Modello salvate delle varie viste possono essere modificate nelle rispettive finestre di dialogo Settaggi Vista. Per altre informazioni, vedere Salvataggio delle Viste a pagina 48.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

116

Edificio virtuale

Finestra 3D
Per aprire o attivare la Finestra 3D, usare uno dei metodi seguenti: premere il tasto F3 usare il comando Finestra > Finestra 3D premere il comando Finestra 3D sulla Barra strumenti Visualizzazione 3D o la Barra strumenti Mini navigatore. La finestra 3D visualizza il modello in prospettiva reale o assonometria: questa offre la migliore visione complessiva dell'aspetto finale effettivo dell'edificio, all'interno e all'esterno. Le tecniche di navigazione speciali della Finestra 3D consentono di esplorare il modello con una libert molto maggiore che nelle altre finestre. Per altre informazioni, vedere Navigazione in 3D a pagina 39. La finestra 3D direttamente collegata con la Pianta e con le finestre Sezione/Alzato: ogni modifica fatta sulla Pianta o in una finestra Sezione/Alzato sar visibile nella finestra 3D. Nella Finestra 3D possibile modificare direttamente il modello e creare nuovi elementi di costruzione, tanto nella vista in prospettiva che in quella parallela, usando tutti gli strumenti di costruzione. Quanto si vede nella Finestra 3D dipende dalle impostazioni e dai comandi disponibili dal menu Visualizza, e dall'eventuale selezione di elementi o di parti del modello. Sia lintero progetto che parti selezionate di esso possono essere visualizzati nella finestra 3D. Per altre informazioni, vedere Contenuto della finestra 3D a pagina 117. Le viste 3D Filo di ferro, Rimozione linee o Ombreggia sono disponibili in tutti i tipi di proiezioni in prospettiva e parallele (a seconda del Motore 3D attivo) Per altre informazioni, vedere Modalit 3D a pagina 121. Tutte le altre opzioni di visualizzazione per la Finestra 3D sono definite nella finestra di dialogo Settaggi Finestra 3D (Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3D). Per altre informazioni, vedere Settaggi Finestra 3D nell'Aiuto ArchiCAD. La Finestra 3D funge anche da origine per le immagini fotorealistiche e le animazioni che potete creare con ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Per altre informazioni, vedere Visualizzazione a pagina 327.

Contenuto della finestra 3D


Se si passa semplicemente alla Finestra 3D, senza usare alcuno specifico comando di visualizzazione in 3D, la Finestra 3D visualizza il contenuto mostrato in occasione del suo ultimo uso, indipendentemente da ci che pu essere stato selezionato in qualsiasi altra finestra. I comandi che agiscono sull'insieme degli elementi visualizzati in 3D si trovano nel menu gerarchico Visualizza > Elementi nella vista 3D. Questi comandi sono accessibili anche con un singolo clic nella barra strumenti Visualizzazione 3D.

Mostra Selezione/Area di Selezione nel 3D


Per una visualizzazione in 3D dei soli elementi selezionati esplicitamente, usare il comando Visualizza > Elementi nella vista 3D > Mostra Selezione/Area di Selezione nel 3D da qualsiasi tipo di finestra editabile. (Oppure usare il relativo comando della barra strumenti Visualizzazione 3D .) Nella Finestra 3D, vedrete solo gli elementi che sono stati selezionati esplicitamente. Se nessun elemento stato selezionato, vedrete soltanto gli elementi che ricadono entro l'area di selezione. Se nel vostro progetto sono presenti sia degli elementi selezionati esplicitamente che un'area di selezione, il comando Finestra 3D Mostra Selezione ignorer l'area di Selezione e mostrer soltanto gli elementi selezionati esplicitamente. Mostra Selezione funziona anche se ci si trova gi nella Finestra 3D e si esegue il comando Mostra Selezione dopo avere effettuato una selezione specifica in tale finestra. La legenda della Finestra 3D comprender la dicitura Selezione e il nome del piano ospite dell'elemento o degli elementi selezionati.

117

Edificio virtuale

Mostra tutti (Filtrato) nel 3D


Per mostrare l'intero modello in 3D, indipendentemente da qualsiasi selezione di singoli elementi o area di selezione, usare l'opzione Visualizza > Elementi nella vista 3D > Mostra tutti (Filtrato). (Oppure usare il comando della barra strumenti Visualizzazione 3D.) Questa opzione disponibile in tutte le viste, comprese quelle di Sezione/Alzato. Quando non ci sono elementi selezionati mediante lo strumento freccia, la visualizzazione del modello pu essere limitata da un'Area di selezione, disegnata in una finestra in 2D o in 3D. Nel 2D, l'area di selezione con segno sottile definisce soltanto un'area del piano corrente e l'area di selezione con segno marcato definisce un'ara che attraversa tutti i piani. Per altre informazioni sull'Area di selezione, vedere Area di Selezione a pagina 59. Se presente un'area di selezione, l'opzione Mostra tutti (Area di Selezione) Sola visualizzer soltanto gli elementi nell'area di selezione. La legenda della Finestra 3D includer la dicitura Area di Selezione.

Effetto dell'Area di Selezione: Per impostazione di default, saranno visualizzati gli elementi che si trovano all'interno dell'Area di Selezione, che saranno ritagliati secondo l'Area di Selezione. E tuttavia possibile impostare l'effetto dell'Area di Selezione in modo da mostrare gli elementi al di fuori dell'area di selezione invece di quelli all'interno, e mostrare per intero gli elementi che si trovano solo parzialmente all'interno dell'Area di Selezione (senza ritagliarli). Per selezionare tali opzioni, usare il comando che controlla leffetto dellArea di Selezione nella finestra di dialogo Filtra elementi nel 3D. La visualizzazione finale del modello impostata mediante il comando Mostra tutti/Area di Selezione pu essere ulteriormente limitata dai criteri di filtraggio impostati nella finestra di dialogo Filtra elementi nel 3D. Vedere Mostra Elementi Filtrati nel 3D a pagina 118.

Mostra Elementi Filtrati nel 3D


Usare il comando Visualizza > Elementi nella vista 3D > Filtra elementi nel 3D,, attivando e disattivando le caselle di controllo relative ai diversi tipi. Nella finestra 3D verranno visualizzati solo gli elementi corrispondenti alle caselle di controllo attivate. Per altre informazioni, vedere Filtra gli elementi nel 3D nell'Aiuto ArchiCAD.

118

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Nota: possibile visualizzare le Zone in 3D come corpi solidi in modalit ombreggiato, e tutti gli altri tipi di elemento in modalit Filo di ferro. Per conseguire questo effetto (impostato per default nelle versioni precedenti di ArchiCAD), applicare la Combinazione lucidi predefinita Mostra Zone 3D Come Solidi.

3D soltanto se li si disegna entro l'area di Selezione. Se li si diesgna al di fuori dell'area di Selezione, essi diverranno immediatamente invisibili nella finestra 3D. Passando alla vista in pianta, tuttavia, saranno visibili i nuovi elementi. Per verificarlo, modificate larea di Selezione (o eliminatela) e tornate alla finestra 3D. Se il contenuto della finestra 3D basato su una selezione esplicita e si aggiungono ad essa degli elementi, questi restano visibili nella finestra 3D finch si continua a lavorare in tale finestra. Quando si salva come vista il contenuto della finestra 3D, il riquadro Solo 3D della finestra di dialogo indica se tale vista il risultato di un filtro o di una selezione mediante area di Selezione. Per altre informazioni, vedere Salvataggio delle Viste a pagina 48 e Settaggi Vista nell'Aiuto ArchiCAD.

Proiezioni 3D
ArchiCAD pu visualizzare proiezioni parallele (assonometriche) e prospettive. Per default, avviando inizialmente il programma e attivando la Finestra 3D, si visualizza una proiezione parallela del modello. Le proiezioni parallele visualizzano automaticamente l'intero modello al centro della vista. Di contro, le prospettive vengono definite da un punto di vista ed un punto di mira specifico. Il comando Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Proiezione 3D del menu o la corrispondente voce del menu di scelta rapida del Mini-Navigatore aprono la finestra di dialogo che contiene tutti i comandi necessari per definire le viste in 3D. Il nome ed il contenuto di questo dialogo dipendono dal tipo di proiezione: Settaggi Proiezioni Parallele o Settaggi Prospettiva. Si passa facilmente da una finestra di dialogo d'impostazione allaltra con il pulsante nellangolo superiore destro. Le viste che definite nella finestra di dialogo Settaggio Viste 3D rimangono valide solo fino alla prossima volta in cui aprirete la finestra di dialogo e le modificherete. Per altre informazioni, vedere Settaggi Proiezione 3D nell'Aiuto ArchiCAD e Anteprima Navigatore (3D) a pagina 41. Per passare dalla vista Prospettiva alla vista Assonometria della Finestra 3D e viceversa si possono usare i seguenti strumenti:

E possibile impostare la visualizzazione di tutti i piani del modello (opzione Infinito) o di un intervallo di piani contigui nella finestra di dialogo Filtra elementi nel 3D. In quest'ultimo caso la legenda della finestra 3D comprender i nomi del primo e dell'ultimo piano.

Elementi creati in 3D
Se si creano elementi nella finestra 3D mentre tale finestra delimitata da un'area di selezione, essi saranno visibili nella finestra
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

119

Edificio virtuale

comandi disponibili da Visualizza > Modalit Vista 3D:

Visualizza > Extra Navigazione 3D > Aggiungi proiezione corrente. Per altre informazioni, vedere Serie di proiezioni nell'Aiuto ArchiCAD e Extra Navigazione 3D a pagina 40.

Motori 3D
barra strumenti Visualizzazione 3D: I Motori 3D sono configurazioni incorporate che controllano la generazione dei modelli in 3D di ArchiCAD. Per impostazione di default, due motori vengono proposti dall'elenco a discesa della finestra di dialogo cui si accede da Vista > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3D, o mediante i comandi Motore nella parte inferiore del sottomenu Visualizza > Modalit Vista 3D. 1 Motore interno 3D Il motore interno 3D utile soprattutto per lavorare nella finestra 3D: le viste generate dal motore interno mostrano motivi vettoriali e sono facili da stampare. Esso presenta una vista 3D navigabile, semplice, pulita, senza texture. Il motore interno ottimizzato per una rappresentazione architettonica semplice, non fotorealistica, e per l'output diretto dalla finestra 3D senza l'uso del FotoRendering. Il motore interno offre pi effetti di visualizzazione rispetto a OpenGL, ma sulla maggior parte dei computer solitamente causa un rallentamento nella navigazione e nell'accesso al modello.

barra strumenti Mini navigatore:

palette Navigatore: Per memorizzare le viste che impostate nella finestra 3D, potete: Usare il comando Salva vista corrente dal menu contestuale della palette Navigatore. Ci creer una vista (in prospettiva o assonometrica) basata sulla proiezione correntemente impostata nella finestra 3D. La nuova vista verr aggiunta alla Mappa Vista del Navigatore. Per altre informazioni, vedere Mappa Vista a pagina 45. Aggiungere la prospettiva corrente alla Mappa Vista, usando il comando Visualizza > Extra Navigazione 3D > Posiziona Telecamera nel percorso. Verr visualizzata anche una telecamera che riprende la prospettiva corrente sulla Pianta. Per altre informazioni, vedere Telecamere a pagina 327. Se avete selezionato una telecamera sulla Pianta, potete modificare le prospettive della telecamera posizionata o aggiungerne di nuove per riflettere la finestra 3D corrente usando i comandi aggiuntivi del menu Visualizza > Extra Navigazione 3D. Aggiungere la proiezione corrente alla serie di Viste preimpostate, se si sta visualizzando una proiezione parallela, usando il comando

Per altre informazioni, vedere Motore di Rendering Interno nell'Aiuto ArchiCAD.

120

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

2 Motore OpenGL Il Motore 3D OpenGL consigliato se si dispone di una scheda di visualizzazione OpenGL ad alte prestazioni. Alcuni effetti, come le ombre solari, la campitura vettoriale 3D e la registrazione dei contenuti della finestra 3D come disegno vettoriale in 2D, non sono disponibili con OpenGL. Ulteriori opzioni per OpenGL sono accessibili facendo clic sul pulsante Opzioni di Settaggi Finestra 3D. La tecnologia OpenGL basata su bitmap. Di conseguenza, le viste 3D create usando il Motore OpenGL saranno posizionate come file immagine.

Nota: Quando si utilizza il motore OpenGL, sono disponibili solo le modalit Filo di Ferro e Ombreggia. Le icone delle Modalit 3D sono disponibili anche se si visualizza la barra strumenti predefinita Finestra > Barre Strumenti > 3D Semplice.

Importante: Open GL ottimizzato per una navigazione rapida e senza intoppi durante lo sviluppo del modello. Esso visualizza correttamente le texture, ma presenta un minor numero di effetti modello: pu essere considerato come un'anteprima interattiva del rendering. Le capacit di output di OpenGL sono pi limitate di quelle del motore interno, dato che basato su una tecnologia bitmap. OpenGL offre una navigazione significativamente pi rapida sullo schermo sulla maggior parte delle macchine, purch siano dotate dell'hardware di supporto. Per altre informazioni, vedere Opzioni OpenGL nell'Aiuto ArchiCAD.

Modalit 3D
Quando si usa il motore interno 3D di ArchiCAD, sono disponibili tre Modalit Vista 3D: Filo di ferro, Rimozione linee, e Ombreggia. Queste modalit sono selezionabili dalla finestra di dialogo in Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3Do usando i comandi del menu Visualizza > Modalit Vista 3D.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Filo di ferro, Rimozione linee, Ombreggia Scegliendo la modalit Filo di ferro si ottiene una vista che mostra tutti i lati e le linee degli elementi costruttivi del progetto. Notate che se avete molti elementi uno dietro laltro, questo tipo di vista pu essere difficile da interpretare. In modalit Rimozione Linee, verranno eliminate dalla rappresentazione tutte le linee che risultano nascoste alla vista da oggetti solidi. Questa modalit la scelta migliore per una facile interpretazione, se non volete generare una vista ombreggiata. Risulta anche particolarmente adeguata per la riproduzione su stampante. La vista in Rimozione linee pu essere registrata in vari formati, sia come disegni 2D che come documenti 3D. Scegliendo la modalit Ombreggia il modello 3D mostra tutte le superfici visibili ombreggiate in accordo con la direzione della luce solare impostata nel dialogo Settaggi Proiezione 3D. I colori delle superfici sono determinati dagli attributi del materiale degli elementi di costruzione (non sono influenzati dal colore della luce impostato nel dialogo Sole). Per altre informazioni, vedere Settaggi Proiezione 3D nell'Aiuto ArchiCAD e Materiali a pagina 29. La modalit Ombreggia raccomandabile per: Un riscontro veloce a video; Una facile verifica dei colori delle superfici;

121

Edificio virtuale

Qualsiasi rappresentazione per la quale non necessaria una qualit fotorealistica.

attivo, questi piani di taglio vengono applicati al modello ogni volta che esso viene ricostruito.

Sezione 3D
La Sezione 3D una modalit di rappresentazione fornita da ArchiCAD. Con la Sezione 3D attivata potrete ottenere sia le comuni sezioni trasversali sia sezioni speciali per visualizzare il progetto in nuovi modi. Mentre lo strumento Sezione/Alzato preferibile per la realizzazione di disegni in sezione, la Sezione 3D pu essere utile per ottenere particolari rappresentazioni del vostro modello tridimensionale che permettano di comprendere gli spazi costruttivi. I piani di taglio 3D da voi definiti vengono memorizzati allinterno del progetto e potranno essere ricostruiti anche nelle sessioni di lavoro successive. Una volta che il modello 3D sezionato stato creato, potr essere registrato in unampia gamma di formati per successive elaborazioni.

Allinea texture 3D
Lorientamento e lorigine delle texture possono essere regolati con precisione nelle viste 3D grazie ai comandi del menu gerarchico Design >Allinea Texture 3D. Questo comando disponibile solo nella finestra 3D per alcuni specifici elementi i cui attributi Materiali includono lassegnazione di una texture (Opzioni > Attributi elemento > Materiali). Deve essere attiva la Campitura vettoriale 3D in Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3D. Per altre informazioni, vedere Allineamento della Texture 3D nell'Aiuto ArchiCAD.

Sezioni/Alzati
Sezioni e Alzati riguardano viste specifiche del modello in 3D e costituiscono una parte importante della documentazione finale. Usando lo strumento Sezione/Alzato, si disegna una Linea di Sezione sulla Pianta; in questo modo dal modello in 3D si genera una Sezione/Alzato. Ciascuna Sezione/Alzato si apre in una sua finestra, che collegata al corrispondente marker della sezione sulla Pianta. Nelle finestre sezione e alzato non si possono creare nuovi elementi del modello (se non facendo copie di porte/finestre esistenti). Appena si disegna una Linea di Sezione, nella Mappa Progetto della Palette Navigatore si genera un elemento corrispondente, ossia un Punto di Vista Sezione/Alzato, e nella finestra di dialogo Sezioni/Alzati > Apri Sezione/Alzato compare un comando col nome della Sezione. Scegliendo questo nome di sezione o facendo doppio clic sul punto di vista nel Navigatore, verr aperta la corrrispondente finestra Sezione/Alzato. Ciascuna Sezione/Alzato resta parte del progetto fin quando la corrispondente Linea di Sezione presente, e tutte le Sezioni/Alzati vengono salvate con il Progetto. Cancellando la linea di Sezione dalla Pianta i contenuti della relativa finestra Sezione/Alzato verranno rimossi. Il contenuto di una Sezione/Alzato, come quello delle altre finestre del modello, pu essere salvato come Vista e posizionato come disegno nei Layout.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Creazione di una Sezione 3D


La Sezione 3D funziona applicando al modello in 3D dei piani di taglio. Questi piani di taglio sono definibili nella finestra di dialogo Piani di Taglio 3D. Per altre informazioni, vedere Settaggi Sezione 3D nell'Aiuto ArchiCAD. Dopo avere definito i Piani di Taglio 3D nella finestra di dialogo, attivare Visualizza > Elementi nella vista 3D > Sezione 3D (per disattivare la Sezione 3D, premete di nuovo il comando). Se il comando Visualizza > Elementi nella vista 3D > Sezione 3D

122

Edificio virtuale

I Livelli Piano possono essere impostati in modo da essere visualizzati nelle viste Sezione/Alzato. In questo caso, ciascuna linea livello piano inclusa nel campo della Sezione/Alzato verr visualizzata nella finestra. Per altre informazioni, vedere Come Editare i Livelli Piano nelle Sezioni a pagina 125. Secondo lo stato della Sezione/Alzato (Modello o Disegno), il contenuto della Finestra Sezione/Alzato sar costituito o da elementi di costruzione editabili collegati ed aggiornati con le loro controparti sulla Pianta, oppure da primitive di disegno, che non sono legati alla pianta e non ne riflettono le modifiche. Per altre informazioni, vedere Finestre Sezione/Alzato a pagina 123. L'aspetto della Linea di Sezione e del Marker sono definibili mediante la finestra di dialogo dei settaggi dello strumento Sezione/Alzato. Tali simboli possono comparire su tutti i piani del Progetto, o solo su un intervallo di piani contigui. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD.

Finestre Sezione/Alzato
Quando create una nuova Sezione/Alzato, gli assegnate anche uno stato nel pannello generale dei Settaggi Sezione/Alzato. Per le Sezioni/Alzati esistono tre modalit: Ricostruzione automatica Modello, Ricostruzione manuale Modello, e Disegno.

La Linea di Sezione sulla Pianta

Questi possibili stati definiscono il collegamento (e il metodo di ricostruzione) della Sezione/Alzato con il modello sulla Pianta. Per altre informazioni, vedere Pannello Generale Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. Indipendentemente dallo stato di una sezione/alzato, in essa si possono aggiungere elementi grafici in2D, annotazioni e quotature. Ma nelle finestre Sezione/Alzato non possibile creare nuovi elementi del modello. Nei due stati Modello (Ricostruzione automatica e Ricostruzione manuale), la finestra comprede degli elementi di costruzione; qualsiasi modifica apportata in una finestra Sezione/Alzato di tipo Modello pu essere aggiornata nella finestra in Pianta, in quella in 3D e nelle altre finestre Sezione/Alzato.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

123

Edificio virtuale

In una Sezione/Alzato nello stato Disegno, gli elementi di costruzione sono scomposti in Retini 2D, archi e linee. Modifiche effettuate in questo tipo di finestre non comportano laggiornamento di nessunaltra finestra. Potrete, comunque, aggiornare il disegno affinch rifletta le ultime modifiche apportate al modello. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento di Sezioni/Alzati a pagina 127.

4 I terminatori a freccia e gli ID vengono posizionati automaticamente appena la linea di sezione viene completata.

Modificare o Segmentare le Linee di Sezione


Per manipolare una linea di sezione selezionata come un insieme, si possono usare lo Strumento Freccia, lo Strumento Area di Selezione, oppure i comandi del menu Edita, come i loro corrispondenti comandi dalla Pet palette. Per modificare la lunghezza della linea di sezione, selezionarla, quindi usare l'icona Aggiusta dalla pet palette per stirare i suoi estremi. Per segmentare una linea di Sezione/Alzato o un segmento linea: Selezionare il punto centrale della linea. Scegliere dalla pet palette l'icona Spezza linea Sezione/Alzato. Fare clic sul segmento per spezzarlo a met, e trascinare il semi-segmento creato in una nuova posizione. Se si vuole spostare l'altra met, fare clic sul punto medio del segmento e mediante l'uso dell'icona Muovi segmento Linea di Sezione/Alzato nella pet palette e spostarla sul punto desiderato. Fare clic per posizionarlo. Per spostare un segmento della linea di Sezione/Alzato, selezionare il Marker della Sezione/Alzato e usare l'icona Sposta segmento linea di Sezione/Alzato dalla pet palette.

Contenuto delle Finestre Sezione/Alzato


Il contenuto della finestra Sezione/Alzato dipende dai settaggi scelti per la corrispondente linea di sezione nel dialogo Settaggi Sezione/Alzato (limite orizzontale e verticale), non da ci che correntemente selezionato nella Pianta. Per altre informazioni, vedere Pannello Generale Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. La selezione compiuta in una Finestra Sezione/Alzato indipendente da ogni altra selezione effettuata in altre finestre. Le viste salvate da una sezione e le viste in alzato possono essere posizionate sui layout; i contenuti di una finestra Sezione/Alzato possono essere pubblicati anche direttamente.

Come creare Sezioni/Alzati


Sia il contenuto della Sezione/Alzato sia le scelte di formato per la Linea e di Sezione e il suo marker si definiscono nella finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. Dopo avere compiuto le vostre scelte nel dialogo Settaggi Sezione/Alzato, seguite questi passi per posizionare una linea di sezione in Pianta: 1 Per iniziare una linea di sezione, fate clic con il mouse per stabilire il punto iniziale della linea elastica sulla Pianta. 2 Fate clic su un secondo punto per terminare il tracciamento della linea di sezione (o fare clic sul pulsante OK nella Barra di Controllo). 3 Viene visualizzato il cursore Occhio. Fare clic accanto alla linea su uno dei due lati per stabilire l'orientamento della sezione.

Per eliminare un'interruzione in una linea di sezione spezzata, selezionare la linea di sezione e poi trascinare la linea d'interruzione (perpendicolare alla linea di sezione) fuori del campo della stessa.

124

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Modificare la profondit della sezione e il limite dellArea Distante


Potete modificare la profondit di una sezione selezionata riposizionandone la linea di limite, per includere pi o meno elementi. Accertatevi che lo strumento Sezione/Alzato sia attivo, nella Palette Strumenti, e muovete la linea facendo clic su di essa e trascinandola nella posizione desiderata. Potete anche spostare la linea di profondit secondaria che rappresenta il limite dell'Area Distante, se in Settaggi Sezione/Alzato stato definito tale limite. Per altre informazioni, vedere Intervallo Orizzontale nell'Aiuto ArchiCAD.

Spostare il Marker di una Sezione


Se state utilizzando un Marker Chiave (Alzato-tipo) come marker di sezione, potete spostarlo alla nuova posizione indipendentemente dalla posizione della linea di sezione: Per informazioni sui tipi di marker di Sezione, vedere Pannello Pianta Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. Seleziona la linea sezione; Il marker della sezione mostrer un nodo agli estremi. Clicca su questo nodo e scegli dalla pet palette il comando Sposta Marker Elevazione, poi trascinalo alla posizione desiderata. Il marker manterr la posizione anche se la linea di sezione viene spostata o ruotata.

E' possibile modificare l'elevazione di qualsiasi piano o serie di piani compresi in questa finestra: 1 scegliendo il comando Design > Edita Livelli Piano, o il medesimo comando dal menu di scelta rapida visualizzabile facendo clic col tasto destro nella finestra Sezione/Alzato. 2 Viene visualizzata la palette Modalit Editazione Piano. Finch la palette resta aperta sullo schermo, attiva la modalit Editazione Piano ed possibile spostare le linee dei livelli piano.

Come Editare i Livelli Piano nelle Sezioni


I Livelli Piano possono essere impostati in modo da essere visualizzati nelle viste Sezione/Alzato. In questo caso, ciascuna linea livello piano inclusa nel campo della Sezione/Alzato verr visualizzata nella finestra.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

125

Edificio virtuale

Le linee Piano sono configurabili per la visualizzazione sul solo schermo o anche sui documenti di output mediante la scelta della voce corrispondente nell'elenco a discesa Mostra i livelli del piano in questa sezione nella parte Generale della finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato. Per impostazione di default le linee del piano sono definite come visibili e stampabili. I marker della linea piano sono Elementi di Libreria. La modifica dei parametri e della posizione del Marker del Piano si pu effettuare mediante i Settaggi Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Pannello Livelli del Piano in Sezione Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD.

Visualizzazione delle Sezioni/Alzati


3 Scegliere una modalit da questa palette facendo clic su uno dei quattro pulsanti seguenti: Edita solo il livello prescelto, Edita il livello prescelto e tutti i livelli sottostanti, Edita il livello prescelto e tutti i livelli soprastanti, Edita tutti i livelli. 4 Portare il cursore sulla linea del Livello Piano che si vuole spostare. Il cursore assumer la forma di simbolo Mercedes. (Accertarsi di portare il cursore sulla linea stessa, non su uno dei marker alle sue estremit.) Fare clic e trascinare il livello del piano per cambiarne l'elevazione. 5 Fare clic su OK per applicare le modifiche e uscire dalla Modalit Editazione Piano. Gli elementi che si trovano sui piani coinvolti conserveranno la loro elevazione rispetto ai rispettivi piani ospiti, e ci si riscontra quanto la vista viene aggiornata facendo clic su OK. Ci che si vede sulla pianta la Linea di Sezione stessa, con i marker di tipo Alzato o Sezione agli estremi, un ID ed una linea tratteggiata opzionale che segna la profondit per le sezioni con un campo orizzontale limitato. Tutte queste opzioni si impostano nella finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. Per mostrare o nascondere la profondit sulla Pianta, usare il comando a commutazione in Vista > Opzioni di Visualizzazione a Video > Bordo Profondit Sezione. Per scegliere un tipo di visualizzazione per i marker di sezione/alzato, scegliere Documento > Configura vista modello > Mostra Marker Sezione, e scegliere una delle tre opzioni. Se si mantiene l'impostazione di default, Come nei Settaggi, si pu definire individualmente il tipo di visualizzazione di ogni marker di Sezione/Alzato: nella finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato (riquadro Pianta), scegliere un tipo di marker (di tipo Sezione o tipo Elevazione) per il marker selezionato. In alternativa, in Documento > Configura vista modello > Mostra Marker Sezione scegliere Normale o Marker Chiave come opzione di visualizzazione globale per tutti i marker di sezione/alzato. Nel secondo caso verr mostrata una versione semplificata delle linea di sezione, composta da una linea puntinata uniforme e da un singolo marker. L'opzione di visualizzazione scelta influir su tutti i marker della pianta.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

126

Edificio virtuale

Per informazioni sui tipi di marker di sezione, vedere Pannello Combinazione Opzioni Vista Modello e Pannello Pianta Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD.

Aggiornamento di Sezioni/Alzati
Questi possibili stati definiscono il collegamento (e il metodo di ricostruzione) della Sezione/Alzato con il modello sulla Pianta. Per informazioni sull'assegnazione dello stato della Sezione/Alzato, vedere Finestre Sezione/Alzato a pagina 123. Gli elementi di costruzione sono editabili sia nella finestra di stato Ricostruzione automatica che in quella Ricostruzione manuale, tuttavia nessun nuovo elemento di costruzione pu essere generato all'interno di tali finestre, ad eccezione della duplicazione di porte e finestre gi esistenti. Anche copiando elementi di costruzione e incollandoli otterrete solo semplici elementi di disegno bidimensionali. Attenzione: cancellando un elemento di costruzione dalla finestra di stato modello Sezione/Alzato (sia in Ricostruzione automatica che in Ricostruzione manuale) esso verr cancellato anche dalla Pianta e dal Modello 3D. Se si scelto di aggiungere retini a superfici non tagliate nelle sezioni (attivando la casella di controllo Riempi Superfici Non Tagliate nella parte della finestra di dialogo Settaggi Sezione/Alzato > Effetti Modello), le ricostruzioni possono determinare un rallentamento con i modelli di grandi dimensioni. In tal caso deselezionare questa casella di controllo per rendere pi rapide le ricostruzioni.

elementi di costruzione; gli elementi 2D aggiunti alla Pianta e alla Finestra Sezione/Alzato non saranno riportati nelle altre finestre. Se attivo lo stato Ricostruzione Automatica mentre si modificano elementi all'interno della finestra Sezione/Alzato, la funzione ricostruisci continua ed immediata all'interno di questa finestra. Ma nei progetti pi grandi il continuo aggiornamento del disegno pu essere causa di rallentamenti. Se si preferisce che la propria finestra Sezione/Alzato venga ricostruita solo quando viene aperta o portata in primo piano sullo schermo (come succedeva in ArchiCAD 9), selezionare la scheda Opzioni >Preferenze Progetto > Varie e deselezionare la casella di controllo Aggiorna continuamente le Viste.... Se per si ha bisogno di effettuare una ricostruzione manuale disponibile il comando Vista > Aggiornamento >Ricostruisci Sezioni Alzati > Ricostruisci dal Modello. (Il normale comando Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci, utilizzato per aggiornare gli elementi di disegno 2D, non disponibile per la finestra Ricostruzione automatica Modello.) Nota: alcune modifiche complesse della pianta (ad esempio le modifiche ad un elemento di libreria) non appaiono automaticamente nelle Finestre Sezione Modello. Per la Ricostruzione manuale di una sezione, usare il comando Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci; per una sezione ricostruita automaticamente, usare il comando Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci Sezione/Alzato > Ricostruisci dal Modello per vedere correttamente riportate tali modifiche.

Ricostruzione manuale Modello


Nello stato Ricostruzione manuale Modello la Sezione/Alzato non viene ricostruita automaticamente. Essa pu essere ricostruita in base al modello soltanto mediante il comando Visualizza > Aggiorna > Sezione/Alzato > Ricostruisci dal Modello.

Stato Ricostruzione Automatica Modello


Lo stato Ricostruzione automatica Modello della Sezione/Alzato collegato al modello in Pianta e pu essere modificato interattivamente. Se la Pianta cambia, la Sezione/Alzato nello stato Ricostruzione automatica Modello verr automaticamente ricostruita ogni qualvolta venga aperta o portata in primo piano. Per contro, le modifiche apportate agli elementi di costruzione esistenti (incluse le quote associative) nella finestra Sezione/Alzato saranno aggiornate automaticamente nella finestra di Pianta, e, al momento dell'attivazione, in ogni Finestra Sezione/Alzato e nella Finestra 3D. Il processo di aggiornamento valido solo per gli
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Sezioni/Alzato di tipo disegno


Le modifiche realizzate sugli elementi di costruzione nella Pianta possono essere visualizzate nella finestra Sezione/Alzato selezionando Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci Sezioni/Alzati > Ricostruisci dal Modello. In questo caso, ogni elemento di disegno eventualmente aggiunto nella Finestra Sezione/Alzato rimarr invariato.

127

Edificio virtuale

Per ricostruire una Sezione con stato Disegno, usare Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci. Questi comandi rinnovano la vista come disegno 2D, correggendo ogni potenziale errore temporaneo di visualizzazione. Per un completo aggiornamento di una finestra Sezione/Alzato con stato Disegno o Disegno Dettagli, scegliere Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci Sezione/Alzato > Ricostruisci dal Modello. Questo aggiorner il contenuto di tali finestre affinch riflettano pienamente lo stato corrente del modello dellEdificio Virtuale. In questo processo, tutti gli elementi 2D originati dal modello verranno rimossi e verr generata un nuova vista. Ci significa che qualsiasi editazione manuale di questi particolari verr persa. Elementi di disegno 2D aggiunti manualmente, verranno mantenuti inalterati.

Ricostruisci tutte le S/A dal Modello: Utilizzate questo comando per ricostruire tutte le finestre Sezione/Alzato del vostro progetto. Ricostruisci tutti i Modelli S/A dal Modello: utilizzate questo comando per ricostruire tutte le finestre Sezione/Alzato con stato Modello (sia Ricostruzione automatica Modello che Ricostruzione manuale Modello). Ricostruisci tutti i Disegni S/A dal Modello: Utilizzate questo comando per ricostruire tutte le finestre Sezione/Alzato con stato Disegno.

Info Disegno in Marker Sezione


Una volta definito e creato un punto di vista Sezione/Alzato corrispondente alle proprie necessit, pi essere desiderabile salvarlo come vista e posizionarlo (come Disegno) su pi Layout diversi. Per altre informazioni, vedere Salvataggio delle Viste nell'Aiuto ArchiCAD. Per facilitare la navigazione, si pu definire il Marker di Sezione in modo che riporti un determinato Numero Disegno e/o Numero Layout (secondo lo stile del Marker). Usare il riquadro Marker dei Settaggi Sezione/Alzato. Vedere Pannello Marker Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. Se si scelto come oggetto marker un Marker Semplice o Standard (o un altro oggetto Marker definito per tale funzione), diviene attiva la casella di controllo Riferisci al Disegno. E' allora possibile sfogliare un elenco dei disegni derivati dal punto di vista Sezione/Alzato corrente. Scegliere uno di questi Disegni: i suoi ID Disegno e ID Layout saranno visualizzati come parte del Marker di Sezione.

Riepilogo dei comandi Ricostruisci Finestra Sezione/Alzato


Utilizzate questi comandi per ricostruire dal Modello le finestre Sezione/Alzato. Essi agiscono sulla finestra Sezione/Alzato attiva; il comando Ricostruisci Tutte agisce su tutte le finestre Sezione/Alzato. Ricostruisci dal Modello: Utilizzate questo comando per ricostruire la finestra Sezione/Alzato attiva; l'informazione della finestra sar aggiornata in modo da riportare le modifiche sulla Pianta. Ricostruisci la Selezione dal Modello: Utilizzate questo comando per aggiornare soltanto gli elementi selezionati.

Disegni Dettaglio
I Disegni Dettaglio consentono di portare l'attenzione su una qualsiasi parte particolare del proprio Edificio Virtuale per mostrarne una vista di Dettaglio ravvicinata. I Dettagli Disegno possono essere generati a partire da una qualsiasi parte delle finestre Pianta o Sezione/Alzato, oppure disegnati a mano (dettagli indipendenti). I Disegni di dettaglio sono visualizzati in una Finestra Dettaglio Disegno dedicata. Usando lo Strumento Dettaglio si posiziona un Marker Dettaglio (Oggetto GDL) in una finestra Pianta o Sezione/Alzato. Il Marker di
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

128

Edificio virtuale

Dettaglio visualizzato secondo le impostazioni designate nella finestra di dialogo Settaggi Dettaglio. Per altre informazioni, vedere Panello Marker di Dettaglio nell'Aiuto ArchiCAD. Posizionando questo Marker di Dettaglio, si genera un Disegno di dettaglio, che viene elencato nella cartella Dettagli della Mappa Progetto del Navigatore. Per aprire il Disegno di dettaglio in una sua finestra, fare doppio clic sul nome della vista dettaglio nel Navigatore. Al Disegno di dettaglio vengono assegnati nome e ID secondo le impostazioni del Marker di Dettaglio cui tali elementi sono collegati. E' possibile aggiungere ai Disegni di dettaglio ulteriori elementi in 2D, testi, etichette e oggetti.

Creare dettagli
Dettagli basati sul Progetto
I Dettagli Disegno generati da elementi esistenti nel progetto sono chiamati dettagli basati sul progetto. In quanto tali essi possono essere aggiornati in modo da riflettere le modifiche della pianta in 2D. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento della Finestra Dettaglio a pagina 132. Selezionare lo Strumento Dettaglio mentre si lavora in una Finestra Pianta o Sezione/Alzato. Apportare le modifiche volute nella finestra di dialogo Settaggi Default Dettaglio: questi Settaggi Dettaglio hanno effetto sul Marker e sul Contorno Dettaglio che saranno visibili sulla pianta. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Dettaglio nell'Aiuto ArchiCAD. Scegliere un metodo geometria dalla Palette di Informazioni. I metodi Poligonale, Rettangolare o Rettangolare Ruotato consentono di tracciare un contorno a mano libera del dettaglio per la vista di dettaglio voluta.

Dopo avere disegnato il Contorno Dettaglio, fare clic sulla pianta con il cursore a forma di martello per posizionare il Marker Dettaglio. Nel Navigatore viene visualizzato un corrispondente disegno di dettaglio. Questo disegno di dettaglio consiste di duplicati solo 2D di ogni elemento che si trovi all'interno del contorno del dettaglio.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

129

Edificio virtuale

Nota: del Disegno di dettaglio fa parte una linea che rappresenta il Contorno Dettaglio disegnato sulla pianta. Se non si desidera che vi sia un contorno dettaglio nella Finestra Disegno, disattivare la casella di controllo Crea Contorno Dettaglio nel Dettaglio Disegno in Opzioni > Preferenze Progetto > Varie. Fare doppio clic sul nome della vista per aprire il disegno di dettaglio nella finestra Disegno Dettaglio. Un Disegno di dettaglio relativo al progetto contiene solo primitive di disegno, cio linee e retini. Questi prendono origine dagli elementi di costruzione della Pianta o della finestra Sezione/Alzato. Al Disegno Dettaglio possono essere aggiunti tutti i tipi di informazioni 2D: Linee, Retini, Testi, Figure, Quotature e simboli 2D di Oggetti. I Dettagli di una sezione riportano lelevazione degli elementi costruttivi originali; ci significa che la Quotatura delle Elevazioni sui Disegni Dettaglio mostrer i valori corretti, purch non spostiate verticalmente gli elementi di disegno.

Nota: possibile selezionare pi marker e modificare collettivamente i loro Settaggi Marker soltanto se essi sono tutti posizionati su piante del progetto.

Dettagli Disegno collegati a pi Marker Dettaglio


Se gi stato generato un Disegno Dettaglio (in una Pianta o Sezione/Alzato), che sar elencato nel Navigatore, possibile creare marker aggiuntivi per fare riferimento ad esso. In tal caso si crea e si posiziona un marker, quindi se ne modificano i Settaggi Dettaglio attivando il pulsante di selezione Collega questo Marker a un disegno dettaglio disponibile. (Lo stesso comando disponibile anche nella Palette Informazioni.) Per altre informazioni, vedere Pannello Generale Dettaglio nell'Aiuto ArchiCAD. Se si seleziona tale dettaglio nel Navigatore, fare clic sul pulsante Settaggi nella parte inferiore del Navigatore per visualizzare un elenco di tutti i Marker ai quali tale disegno collegato. (Questa finestra di dialogo disponibile anche nel menu di scelta rapida Settaggi dettaglio, cui si accede facendo clic con il tasto destro sul nome del dettaglio nel Navigatore.) Fare clic su Settaggi Marker per visualizzare e modificare i Settaggi Marker Dettaglio di un specifico marker o di un gruppo di marker.

Dal menu contestuale del Dettaglio nel Navigatore, il comando Trova Marker Collegati apre a sua volta un elenco dei marker collegati del Disegno di Dettaglio: in questa finestra di dialogo, il pulsante Vai al selezionato conduce alla posizione del marker nel progetto. Nota: possibile selezionare e fare zoom su pi marker solo se sono tutti situati sullo stesso piano o nella stessa Sezione/Alzato.

130

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Dettagli indipendenti
I disegni di dettaglio sono quelli creati dall'utente usando gli strumenti di disegno in 2D o incollando un oggetto su un disegno esistente. Un disegno di dettaglio indipendente non generato da elementi di progetto esistenti e quindi non collegato alle modifiche che possono aver luogo nel progetto. Pu essere utile realizzare un disegno di dettaglio indipendente per la documentazione, che illustri qualcosa che non presente in altra forma nel modello - per esempio il dettaglio di una recinzione. E' anche possibile aggiungere un grafico o uno schema organizzativo totalmente indipendente dal modello ma utile per la documentazione. Questi Disegni di Dettaglio indipendenti sono sempre presenti nella struttura ad albero del Navigatore. Essi possono essere provvisti o sprovvisti di marker: ai dettagli indipendenti con marker corrisponde un marker sul progetto; ai dettagli privi di marker non corrisponde un marker di dettaglio sul progetto, ma essi sono presenti come viste che si possono aprire dal Navigatore. Per posizionare un dettaglio indipendente con marker, scegliere la prima icona tra quelle dei metodi geometria della Finestra Info e fare clic nel punto desiderato della pianta. Per aprire una finestra di disegno di dettaglio vuota, fare doppio clic sul suo nome nel Navigatore. Usare gli strumenti di disegno in 2D disponibili, posizionare oggetti, testi, etichette, o incollare un disegno esistente nella finestra disegno di dettaglio. In alternativa, posizionare il dettaglio indipendente con marker, selezionarlo, aprire i suoi Settaggi Dettaglio, e scegliere Collega questo Marker a un Dettaglio disponibile. In questo modo esso viene trasformato in un dettaglio basato su progetto. I dettagli privi di marker indipendenti si creano con il comando Documento > Strumenti di
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

documentazione > Crea Dettaglio Indipendente, cui si pu accedere anche dal menu contestuale della cartella Dettagli nella Mappa Progetto del Navigatore. I dettagli indipendenti privi di marker non vengono visualizzati in alcun modo nella pianta, a causa dell'assenza di un Marker di Dettaglio associato, ma sono inseriti nell'elenco del Navigatore. Il disegno di dettaglio associato pu essere creato o incollato manualmente.

Visualizzazione del Contorno Dettaglio


Per mostrare o nascondere i Contorni dei Dettagli nel progetto, usare il comando a commutazone Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video > Mostra Contorno Dettaglio. Il contorno del Dettaglio non mai presente nelle stampe. Cornici stampabili sono disponibili con gli oggetti Marker di Dettaglio. Se si cambia il contorno di un dettaglio, i marker collegati allo stesso Disegno Dettaglio possono essere aggiornati nel Navigatore: usare il comando Aggiorna Marker Dettaglio nel menu contestuale della cartella Dettaglio nella Mappa Progetto del Navigatore o nel menu contestuale di un Clone di Dettaglio nella Mappa Vista del Navigatore. Nota: cancellando il Marker Dettaglio collegato non si cancella il Disegno Dettaglio. Sar ancora preservato nella lista Finestra > Dettagli Disegno nella Mappa Progetto del Navigatore, e si potr accedervi con un doppio clic sul suo nome.

Info Disegno in Marker di Dettaglio


Per facilitare la navigazione si pu definire un Marker di dettaglio che rifletta un dato Numero di Disegno e/o Numero di Layout (secondo lo Stile del Marker). Usare il riquadro Marker dei Settaggi Dettaglio. Vedere Panello Marker di Dettaglio nell'Aiuto ArchiCAD. Se si scelto come oggetto marker un Marker Semplice o Standard (o un altro oggetto Marker definito per tale funzione), diviene attiva la casella di controllo Riferisci al Disegno. Selezionare questa casella e fare clic su Sfoglia. La finestra di dialogo visualizzata elenca: 1 viste che derivano dal punto di vista del Disegno Dettaglio selezionato; e 2 gli eventuali Disegni (posizionati nel Book di Layout del progetto corrente) creati da queste viste.

131

Edificio virtuale

Selezionare un disegno: i relativi ID Disegno e ID Layout verranno visualizzati come elementi del Marker di Dettaglio. Il Marker Dettaglio mostrer le informazioni di riferimento del Disegno solo se la Pianta (contenente il Marker di Dettaglio) e il Disegno cui esso si riferisce si trovano nello stesso progetto. Se, nel consultare l'elenco, si seleziona una vista senza disegni elencati sotto di essa, pu darsi che questa vista sia stata posizionata come disegno in un diverso progetto ArchiCAD. Se si sceglie questa vista, il Marker di Dettaglio mostrer gli ID come Non definiti nel modello. Il riferimento corretto sar mostrato solo dai Disegni posizionati su un Layout di un file di progetto ArchiCAD esterno.

Abaco Interattivo
Gli abachi fanno parte della documentazione creata dall'architetto. Solitamente essi includono le informazioni da utilizzare per gli ordini di porte, finestre e altri Elementi di costruzione presso i fornitori. La funzione interattiva Abaco Elementi di ArchiCAD consente di generare automaticamente tali abachi. A differenza delle semplici liste create con i comandi del menu Documento > Abachi e Liste, l'Abaco Elementi non visualizza soltanto quantit e altri parametri, ma consente anche di modificarli. Ci rende possibile individuare e correggere eventuali errori risultanti da errori nell'immissione dei dati o dall'unione del lavoro su parti diverse dello stesso progetto da parte di pi persone. Per esempio, l'abaco pu consentire di rilevare che tutte le trenta o quaranta porte posizionate nell'edificio hanno la stessa altezza e larghezza tranne una. E' cos possibile selezionare questa porta direttamente dall'abaco e verificare se c' una ragione per tale diversit. Se si riscontra che si tratta di un errore poi possibile correggere il settaggio nell'abaco con effetto automatico sulle porte di tutte le viste.

Visualizzazione di Icone Dettaglio Disegno nel Navigatore


Le icone che contraddistinguono le viste di Dettaglio elencate nel Navigatore differiscono secondo i tipi di dettaglio:

Aggiornamento della Finestra Dettaglio


Se la vista sorgente di un Disegno di dettaglio basato su Progetto stata modificata, i contenuti del Disegno di Dettaglio si aggiornano con i comandi Ricostruisci da Vista Sorgente (dal menu contestuale del disegno di dettaglio elencato nel Navigatore, o con Visualizza > Aggiorna >Ricostruisci Disegno Dettaglio). E' possibile Ricostruire la Finestra Dettaglio Attiva, o le Finestre Dettaglio Selezionate, o anche Tutte le Finestre Dettaglio scegliendo il comando appropriato. Per un aggiornamento completo delle finestre Disegno Dettaglio, scegliere Visualizza > Aggiorna > Ricostruisci Disegno Dettaglio > Ricostruisci Tutte da Vista Sorgente. Questo aggiorner il contenuto di tali finestre affinch riflettano pienamente lo stato corrente del modello dellEdificio Virtuale. In questo processo, tutti gli elementi 2D originati dal modello verranno rimossi e verr generata un nuova vista. Ci significa che qualsiasi editazione manuale di questi particolari verr persa. Elementi di disegno 2D aggiunti manualmente, verranno mantenuti inalterati.

Similmente, facile controllare quante porte hanno il battente a destra o a sinistra.


Guida di riferimento di ArchiCAD 10

132

Edificio virtuale

Definizione e creazione degli Abachi


In ArchiCAD 10, gli Abachi degli Elementi sono viste accessibili dalla Palette Navigatore. Facendo clic sul nome di un Abaco Elementi si attiva la finestra interattiva Abaco Elementi e se ne aggiorna il contenuto con l'abaco selezionato. Per creare un Abaco elementi interattivo, si deve prima definire uno Schema selezionando dal menu il comando Documento > Abachi e Liste > Abaco > Schemi Abaco Elemento. La finestra di dialogo Settaggi Schemi che si apre consente di: creare, rinominare, cancellare, importare ed esportare schemi scegliere i tipi e i criteri di filtraggio degli elementi, come piano, lucido, nome, attributi, o quote selezionare i parametri e altre informazioni da visualizzare per gli elementi che corrispondono ai criteri impostati Per altre informazioni, vedere Settaggi Schemi Abaco Elemento nell'Aiuto ArchiCAD. Una volta definito o modificato lo schema, il suo nome viene visualizzato nel Navigatore sicch possibile utilizzarlo come qualsiasi altra vista.

Il contenuto dell'Abaco basato sulle scelte effettuate nella finestra Settaggi Schemi dell'Abaco Elementi. Se si desidera modificare tali settaggi possibile accedere a questa finestra di dialogo facendo clic sul pulsante Settaggi Schemi in alto a destra. Come qualsiasi altra vista, l'Abaco interattivo pu essere posizionato su un Layout e riprodotto nella documentazione finale del progetto. E' anche possibile esportare l'abaco con diversi formati, ossia come testo con tabulazioni, DWF, documento Word e foglio di lavoro Excel, con il comando Archivio > Registra come. Scegliendo il comando Registra si salver il file di progetto, comprendente anche lo stato corrente della finestra dell'Abaco.

Modifica e Aggiornamento degli Abachi


Per lavorare su un elemento dell'Abaco elementi interattivo, fare clic sulla riga corrispondente. Si noter che alcune delle celle di tale riga diverranno editabili, mentre altre non possono essere modificate. Nell'esempio seguente, si pu verificare che mentre i campi nome e piano della parte libreria Tipo di Porta sono bloccati, invece possibile sovrascrivere l'ID, l'altezza e la larghezza, e scegliere un altro lucido per l'elemento dal menu visualizzabile facendo clic sulla freccia.

Visualizzare gli Abachi


Per aprire un Abaco, passare alla palette Navigatore e fare doppio clic sul suo nome. In alternativa, si pu anche scegliere un Abaco esistente dalla lista degli elementi nel menu Finestra o dall'elenco degli elementi nella finestra Apri Abaco Elemento che si apre dal menu Visualizza > Consulta > Abachi > Apri Abaco (accessibile anche tramite la Barra strumenti). Il formato dell'Abaco (comprendente gli stili di font, colori, celle e intestazioni) pu essere totalmente personalizzato con i comandi alla sinistra della lista visualizzata. Per creare intestazioni secondarie, disponibile il comando Inserisci cella intestazione sopra in Opzioni Intestazione dopo avere selezionato pi intestazioni contigue. Per altre informazioni, vedere Finestra Abaco nell'Aiuto ArchiCAD.

Qualsiasi modifica apportata in questi campi di un Abaco viene automaticamente e istantaneamente riportate nella Pianta e nelle altre viste, alla loro attivazione. Per converso, tutte le modifiche effettuate su tali elementi nella Pianta o in altre viste editabili vengono aggiornate nell'Abaco quando lo si riapre.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

133

Edificio virtuale

ELEMENTI STANDARD
Gli Elementi di Costruzione sono gli equivalenti virtuali dei reali componenti tridimensionali dell'edificio. Ne fanno parte Muri, Falde, Travi, Colonne, Solai, Scale e Mesh. Nella finestra 3D gli elementi sono visualizzati come componenti solidi dell'edificio. Il loro taglio o vista in alzato pu essere proiettata nella finestra di Sezioni/Alzati. Nelle viste 3D e nei FotoRendering, laspetto della superficie dell'elemento fornito dal Materiale che gli stato assegnato. Vedere Materiali a pagina 29 per informazioni sulla definizione e l'assegnazione dei materiali.

3 I riquadri delle finestre di dialogo Settaggi offrono elenchi di opzioni per le penne, i materiali e le linee per la Struttura interna, le Superfici sezionate, i Contorni, e altri parametri dell'elemento ove applicabili. Per altre informazioni vedere le descrizioni dei singoli riquadri di ciascuna finestra di dialogo Settaggi Strumento in Strumenti Design nell'Aiuto ArchiCAD. 4 Ove applicabile, scegliere un Metodo Geometria nella Finestra Info, per creare variazioni semplici, curve, concatenate, ruotate o poligonali degli elementi. Per altre informazioni, vedere Palette Informazioni nell'Aiuto ArchiCAD. 5 Nella Pianta o nella Finestra 3D, definire la posizione, la lunghezza o la forma dell'elemento di costruzione. Altri metodi nella creazione degli elementi comprendono: uso della Bacchetta Magica per creare elementi con forme irregolari, creazione di Duplicati di Elementi esistenti, RoofMaker e TrussMaker dal menu Design > Extra Design. Per ulteriori informazioni, vedere Creazione di elementi duplicati a pagina 97, RoofMaker a pagina 203, Come creare un elemento con la Bacchetta Magica a pagina 105 e TrussMaker a pagina 207.

Muri
I passaggi tipici per la creazione degli elementi usando la Barra strumenti sono: 1 Fare clic sullicona dello strumento dell'elemento nella Palette Strumenti e aprire il suo dialogo dei settaggi. Per altre informazioni, vedere Barra Strumenti nell'Aiuto ArchiCAD. 2 Regolare i settaggi disponibili per impostazione di default in modo da adattarli alla situazione o allo scopo specifico. E' possibile selezionare una configurazione predefinita dell'elemento, ad esempio una struttura composta o un profilo, scegliendo la voce opportuna dagli elenchi a discesa. E' anche possibile scegliere una configurazione predefinita tra i Preferiti, ossia le configurazioni elemento predefinite disponibili, usando il pulsante che si trova nella parte superiore della finestra di dialogo Settaggi Strumento. Per altre informazioni, vedere Preferiti nell'Aiuto ArchiCAD. I muri sono elementi fondamentali in architettura. In ArchiCAD si possono disegnare muri diritti, curvi, trapezoidali e poligonali. Essi possono essere semplici, fatti d'un solo materiale, oppure compositi, comprendenti pi materiali. Si pu anche andare un passo oltre, e creare muri complessi (Muro profilo) di forme e combinazioni di materiali personalizzate. Per altre informazioni, vedere Profili Complessi a pagina 142. Alcuni oggetti parametrici, come Porte, Finestre e Teste di muro possono essere posizionati soltanto sui Muri. Per ulteriori Informazioni sulla creazione di questi oggetti, vedere Porte/Finestre a pagina 198 e Teste Muro a pagina 202.

Linee di riferimento dei Muri


Ogni muro dotato di una linea di riferimento e di una direzione. La Linea di Riferimento una linea nera spessa (di cui fa parte la freccia che mostra la direzione del Muro) che appare quando si traccia
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

134

Edificio virtuale

un Muro sulla Pianta, purch il comando del menu Visualizza > Opzioni visualizzazione a video > Linee di riferimento Muri e Travi sia attivato. La linea di riferimento aiuta a ottenere una connessione precisa tra i Muri ai fini della pulizia delle intersezioni. Essa stabilisce anche la posizione degli hotspot e degli spigoli utilizzabili per selezionare, muovere e trasformare il Muro. Secondo il Metodo di Costruzione scelto, il corpo pu sporgere da uno qualsiasi o da entrambi i lati della linea di riferimento. La direzione del muro definita dallordine nel quale vengono immessi i suoi estremi. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione dei muri in Pianta, vedere Visualizzazione degli Elementi a pagina 111.

Le Campiture Retini possono essere visualizzate come immagini vettoriali o bitmap. Altre opzioni di visualizzazione per le Campiture Retini sono impostabili in Documento > Configura vista modello > Vista e Opzioni Modello: possibile mostrare solo i contorni, o retini vuoti, o visualizzare le campiture di ciascun elemento secondo le impostazioni scelte in una specifica finestra di dialogo. In caso di Muri composti, possibile scegliere di visualizzare solamente le linee di separazione, o solamente i retini pieni senza linee. Per altre informazioni, vedere Vista e Opzioni Modello nell'Aiuto ArchiCAD.

Visualizzazione dei Muri


Usare i riquadri della finestra di dialogo Settaggi Muro per scegliere gli attributi per la visualizzazione del muro nelle varie finestre in 2D e 3D. Gli attributi di ciascuna parte della rappresentazione (per esempio le superfici sezionate, o le linee della parte superiore) vengono impostate usando le opzioni dell'elenco a discesa nel riquadro Pianta e Sezione della finestra di dialogo Settaggi. Per ulteriori informazioni sui Settaggi dei Muri, vedere Settaggi Strumento Muro nell'Aiuto ArchiCAD. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione dei muri in Pianta, vedere Pianta a pagina 110. Si noti che se si sceglie un Muro composto, possibile usare i relativi attributi di visualizzazione di default (definiti in Opzioni > Attributi Elemento > Strutture composte): in questo caso selezionare la casella di controllo Applica settaggi Struttura (in Settaggi strumento Muro: riquadro Pianta e Sezione) per gli attributi predefiniti che da utilizzare per la visualizzazione in Pianta o in Sezione.Per facilitare l'allineamento dei muri connessi, il cursore intelligente salta ai punti di snap su tutti i lati e gli angoli dei segmenti di muro. In caso di muri composti, il cursore sensibile a ogni estremo degli strati interni del muro. Alcuni aspetti della visualizzazione dei muri dipendono dalle impostazioni correnti in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. La legatura dei muri e delle travi pu essere impostata su attivo o no. possibile mostrare le sole linee di riferimento dei muri, senza le linee di contorno.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Creazione di Muri
Quando si soddisfatti delle scelte compiute nella finestra di dialogo Settaggi Muro, possibile cominciare a tracciare i Muri, nella Pianta o nella Finestra 3D. Per ulteriori informazioni sui Settaggi dei Muri, vedere Settaggi Strumento Muro nell'Aiuto ArchiCAD.

Geometria del Muro


La Finestra Info offre nove diversi Metodi Geometrici disponibili per tracciare configurazioni di muri semplici e speciali: Diritto (Singolo, Catena, Rettangolo, Rettangolo ruotato) Curvo (Centro e Raggio,, Circonferenza, Tangente) Trapezoidale Poligonale

135

Edificio virtuale

E' possibile cambiare metodo geometrico al volo dopo aver iniziato a disegnare un muro, e si pu anche passare da un metodo di costruzione ad un altro per i muri gi tracciati. Nota: Alcuni metodi geometrici non sono disponibili per i Muri inclinati e i Muri complessi.

Modificare la geometria di un muro


Con i comandi del menu gerarchico Modifica Muro del menu Design, possibile cambiare lo spessore, la posizione della linea di riferimento e la direzione di tracciatura degli elementi di tipo muro selezionati. Con il comando Struttura, potrete cambiare il Retino dei Muri selezionati, conservando la posizione di una parte determinata. Nellarea superiore del dialogo, potrete configurare il Retino. Se il Retino non una struttura composta, potrete configurare il suo spessore, altrimenti viene visualizzato lo spessore della parte strutturale interna. Sui pulsanti di opzione nella sezione inferiore per scegliere quale parte del muro deve conservare la sua posizione dopo la modifica (Se possibile, questo verr eseguito aggiungendo un offset alla linea di riferimento. Altrimenti, la linea di riferimento verr spostata). Con il comando Modifica Linea di Riferimento, potrete spostare la linea di riferimento dei Muri selezionati senza modificare la posizione dei Muri sul disegno di Pianta.

Sulla parte sinistra del dialogo, potrete cambiare il lato della linea di riferimento del Muro. Sulla parte destra potrete aggiungere un offset alla linea di riferimento per posizionarla nella parte richiesta della struttura muraria. Con il comando Inverti Direzione, potrete cambiare la direzione della linea di riferimento. (Questa visibile quando l'opzione Pianta Legata non attiva).

Disegnare un segmento di muro dritto


Il metodo Muro Singolo produce un elemento murario dritto alla volta.

Sia in Pianta che in 3D, la lunghezza del muro si definisce facendo clic ai due estremi. Nota: questo metodo di disegno, tipico dei CAD, quello di default per tracciare segmenti in ArchiCAD, ma possibile cambiarlo in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura Cursore.

136

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Nel momento in cui si inizia a tracciare il Muro, compare un contorno fantasma che segue il cursore fino a che un altro clic non definisce il secondo estremo. I muri possono essere adattati usando i comandi del menu o quelli della pet palette. Vedere Aggiustamento di Muri a pagina 87.

fantasma sostituito dalla rappresentazione completa del contorno e della campitura del muro.

Disegnare un Muro curvo


I Metodi Geometrici disponibili nella Palette Informazioni forniscono tre diverse opzioni per disegnare Muri Curvi aventi la forma di archi circolari. Queste differiscono nei punti di base che li definiscono. La seconda opzione definisce il muro curvo tramite tre punti sulla circonferenza dellarco. I primi due clic definiscono due punti che probabilmente posizionerete su nodi di connessione ad altri elementi, sulle intersezioni della griglia o su punti di snap speciali. Dopo, un contorno fantasma del muro circolare seguir il cursore fino al clic successivo che definisce il terzo punto.

Un quarto clic richiesto per definire la lunghezza del segmento di circonferenza. Fate doppio clic sul terzo punto per definire un muro circolare completo. Notate che il secondo ed il terzo punto non devono necessariamente fare parte del muro curvo. La prima opzione definisce il muro curvo per mezzo di centro e raggio dellarco o del cerchio. Il primo clic definisce il punto del centro. Un contorno fantasma del muro circolare seguir il cursore fino al secondo clic che definisce il raggio. Dopo, verr mostrata solo una parte del segmento fantasma curvo, fino al terzo clic che determina lampiezza angolare del muro curvo. Se avete bisogno di un muro circolare completo, fate doppio clic quando definite il raggio. Quando sono definiti tutti e tre i punti, il contorno
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

137

Edificio virtuale

Quando la lunghezza dellarco definita, la sagoma fantasma sostituita dal contorno del muro pienamente rappresentato e dalla sua campitura.

La terza opzione definisce solo forme circolari complete, basate su tre tangenti o nodi. In questo processo, selezionate tre punti iniziali: ciascuno di essi pu essere un lato tangente (indicato dal cursore a forma di Mercedes), un nodo (indicato dal cursore a forma di simbolo di Spunta) o un punto arbitrario (indicato dal cursore a Croce). Un punto estremo non viene considerato tangente utilizzando questo metodo, quindi non consentito usare pi di due estremi. Se selezionate pi di due nodi, e quindi non definite nessuna tangenza, questo metodo viene trasformato in quello descritto in precedenza. E' consentita solo la tangenza lineare: tutti i punti di tangenza devono trovarsi sui bordi diritti di Solai, Linee, Muri, ecc. Se fate clic su un bordo radiale con il cursore simbolo Mercedes, il Cerchio risultante passer per tale punto invece di essere una tangente rispetto alla curva. Il passo successivo dipende dalla situazione geometrica. Se esiste un sola soluzione, il muro circolare disegnato automaticamente. Se ci sono due o quattro soluzioni, apparir il cursore a Occhio ed il contorno fantasma del muro salter da una posizione allaltra mentre spostate il mouse. Fate clic quando si trova nella posizione desiderata, per completare il muro circolare.

Se non c nessuna soluzione possibile (ad esempio se definite come tangenti tre linee parallele), il cerchio non verr creato. Nota: Dal momento che i muri devono necessariamente avere due estremi, il muro circolare chiuso che viene creato composto in realt da due semicerchi. Muri dalla forma di ellissi complete, di archi ellittici o di curve generiche (spline) non possono essere creati in modo diretto, ma possibile tracciare le forme di semplici elementi di disegno mediante la la Bacchetta Magica. Per la descrizione di come si modificano i muri curvi, vedere Aggiustare curve a pagina 223.

Disegnare una catena di Muri


Il metodo PoliMuro produce una sequenza di elementi murari dritti o curvi i cui estremi delle linee di riferimento coincidono e che condividono le stesse caratteristiche. Nella Palette Informazioni scegliete il Metodo Geometrico che rappresenta una catena di muri.

Appena iniziate a disegnare il primo muro, appare una pet palette che vi offre opzioni geometriche per disegnare un segmento lineare o curvo.

138

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Le opzioni sono: Un tratto di muro dritto; Un tratto di muro curvo tangente al precedente (non pu essere usato per il primo tratto); Un tratto di muro tangente ad una linea, da definire prima di disegnare effettivamente il muro; Un tratto curvo passante per due punti; Un tratto curvo definito dal centro della circonferenza, raggio e lunghezza.

Se cambiate gli attributi del muro nella Palette Informazioni durante la creazione, tutti i segmenti di muro creati avranno gli attributi modificati (linea di riferimento, tipo di linea, colore del retino, materiale, ecc.). Se necessario, potete cambiare metodo al volo nella pet palette. Se Edita > Raggruppamento > Raggruppa automatico attiva, i tratti di muro che formano la catena saranno definiti come elementi di un gruppo. Per altre informazioni, vedere Raggruppamento degli elementi nell'Aiuto ArchiCAD.

Disegnare un rettangolo di muri


Il metodo Rettangolo di muri produce quattro elementi Muro con i vertici coincidenti, definendo la diagonale di un rettangolo. I quattro lati del rettangolo sono sempre ortogonali alla Griglia Normale e non sono influenzati dallutilizzo della Griglia Ruotata.

Posizionate il cursore sullopzione pi idonea e definite lestremo finale del primo tratto usando i metodi descritti in precedenza per il muro singolo. Questo estremo diventa automaticamente il punto iniziale del tratto successivo. Quando volete terminare il disegno della catena di muri, fate doppio clic sullestremo dellultimo tratto. Durante questo processo, viene mostrato il contorno fantasma dei tratti di muro. I muri completi vengono visualizzati solo al temine delloperazione. Facendo clic sul pulsante Annulla della Palette Controllo o premendo il tasto Cancella in qualsiasi momento durante il disegno, si annuller loperazione e non verr creato nessun elemento. Scegliendo il comando Edita > Annulla si rimuove l'intera catena di Muri, e non soltanto l'ultimo segmento. Premendo il tasto Spazio potrete annullare il segmento precedente e continuare la creazione della catena di muri.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Il metodo Rettangolo di muri ruotato produce quattro elementi Muro come il metodo precedente, con la differenza che allinizio dovrete definire un vettore di rotazione per la linea di riferimento della base del rettangolo.

139

Edificio virtuale

Disegno di muri trapezoidali


Il metodo Trapezoidale o Non-Parallelo, consente di disegnare muri dritti il cui spessore non costante. Potete disegnare questi muri come quelli lineari normali, con la differenza che avrete la possibilit di inserire lo spessore del muro in modo indipendente per i due estremi.

Disegno di muri inclinati


Per disegnare un muro con l'asse verticale di una o entrambe le facciate inclinate, aprire il riquadro Geometria e Posizionamento dei Settaggi dello Strumento Muro, e fare clic sull'icona corrispondente al muro inclinato voluto, quindi immettere l'angolo o gli angoli voluti per il muro.

Nell'impostare gli angoli dei muri con doppia inclinazione, si deve rispettare il vincolo dello spessore minimo della parte superiore del muro. Per una struttura semplice (con uso di un solo materiale), tale spessore pu anche essere uguale a 0. La parte superiore di un muro composto invece deve essere abbastanza larga da poter contenere tutti gli strati. L'altezza di entrambi i tipi di muro inclinato pari alla distanza tra il suo punto pi basso e quello pi alto. Quando si immette un valore per l'altezza di un muro a doppia inclinazione si incontra l'ovvio limite dato da fatto che la larghezza della parte pi alta del muro non pu essere pari a un valore negativo (ossia: una volta che le due facciate del muro si incontrano impossibile aumentare ancora l'altezza.) Lo spessore di un muro inclinato semplicemente la sua larghezza misurata su un piano orizzontale. Lo spessore di un muro a doppia inclinazione la larghezza della sua base. Se si passa da un tipo di inclinazione a un altroil muro si trasforma come segue: Se si trasforma un muro a inclinazione singola in muro a doppia inclinazione, la larghezza del nuovo muro (ossia la larghezza della sua base) sar pari alla larghezza del vecchio muro a inclinazione singola. Similmente, se si trasforma un muro a doppia inclinazione in un muro verticale o a inclinazione singola, il nuovo muro avr la stessa larghezza del vecchio muro a inclinazione doppia. Per ulteriori informazioni sulla modifica della geometria dei muri inclinati, vedereModifica di Muri e Colonne inclinati a pagina 87.

Disegnare un muro poligonale


Per altre informazioni, vedere Pannello Geometria e Posizionamento Muro nell'Aiuto ArchiCAD. I muri inclinati pendono in una direzione e hanno facciate parallele. Le facciate dei muri a doppia inclinazione non sono reciprocamente parallele: la relativa sezione di forma trapezoidale. Per definire un blocco di muro poligonale di forma libera, scegliere il Metodo Geometria Muro poligonale nella Palette di Informazioni. I Muri poligonali possono contenere Porte o Finestre. Per i Muri poligonali, sono disponibili solo retini semplici (non composti). La definizione della penna di contorno dei muri poligonali simile al metodo del muro concatenato. Sono consentiti sia lati dritti sia lati curvi.

140

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Quando siano connessi ad altri muri di tipo lineare, i Muri Poligonali mantengono il contorno iniziale come scelta predefinita. Se desiderate scavlacare questi settaggi, attivate Gli angoli del PoliMuro possono cambiare nel pannello Geometria e Posizionamento dei Settaggi Muro (disponibile quando il metodo geometrico del PoliMuro attivo nella Palette Informazioni). I lati del poligono sono definiti nello stesso modo gi descritto in precedenza per la catena di muri. I muri poligonali devono avere almeno quattro lati.

Disegnare un Muro di tronchi


Potrete creare muri dritti costituiti da tronchi. La struttura a tronchi sar visibile sia nella Finestra 3D che nelle finestre Sezione/Alzato.

Se definite un poligono i cui lati si intersecano ArchiCAD vi avvertir della situazione anomala, ma il muro verr disegnato comunque; Una volta completato, i lati del poligono verranno divisi in gruppi di linee di riferimento e lati normali, separati da lati reali. I materiali verranno assegnati di conseguenza. Per editare i muri poligonali, fate clic sui nodi o i lati dei muri ed usate la pet palette. Agli estremi della serie di linee di riferimento, la pet palette conterr un'icona speciale che vi consentir di ridefinire la serie, spostando l'estremo su un altro nodo del poligono.

Facendo clic sul pulsante Dettagli Tronco nel pannello Modello del dialogo Settaggi Muro, si apre un nuovo dialogo con una serie di opzioni relative alla geometria e alla texture. Note: la costruzione a tronchi disponibile solo per muri lineari semplici. Quando determinate laltezza del tronco, ricordate che se inserite un valore maggiore di quello definito per lo spessore del muro, i tronchi risulteranno distaccati. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Dettagli tronco nell'Aiuto ArchiCAD.

Disegnare muri a timpano


Quando dovete adattare un muro alla copertura o volete muri con gli angoli smussati, potete ottenerli tagliando dei normali muri rettangolari con falde appropriate, come mostrato qui sotto.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

141

Edificio virtuale

La Sezione Struttura del riquadro Pianta e Sezione ora include una finestra popup che consente di scegliere tra i profili salvati per l'elemento corrente. La finestra popup comprende anche un'anteprima per facilitare la scelta.

Profili Complessi
Se la personalizzazione di un elemento di costruzione standard diventa troppo complicata, o se non si riesce a trovare un oggetto di costruzione specifico nella libreria, possibile posizionare un Profilo Complesso, ossia un Muro profilato, una Colonna profilata o una Trave profilata. Un elemento Profilo Complesso consta di un profilo in sezione trasversale estruso perpendicolarmente al piano del profilo. Per posizionare un elemento complesso, si pu usare o modificare un profilo predefinito, oppure crearne uno nuovo. Un elemento Profilo Complesso salvato trattato come un attributo dell'elemento Muro, Colonna, e/o Trave. I profili salvati vengono inclusi nella finestra di dialogo Settaggi del rispettivo strumento. In alternativa possibile applicare un profilo personalizzato ad un qualsiasi elemento selezionato nella finestra del modello in via occasionale, senza doverlo salvare come attributo. In ArchiCAD sono inclusi numerosi elementi profilo predefiniti per tali strumenti. Per utilizzarli seguire la seguente procedura: Aprire la finestra di dialogo Settaggi Muro (Colonna, Trave). Scegliere Muro Complesso dal riquadro Geometria e Posizionamento.

Scegliere il profilo desiderato e regolare il resto delle impostazioni nella finestra di dialogo Impostazioni come per qualsiasi altro elemento. Fare clic sulla pianta per posizionare. Una volta posizionato un elemento profilo complesso, possibile modificarlo graficamente sullo schermo in modo simile agli altri elementi di costruzione. Per altre informazioni, vedere Modifica degli Elementi a Profilo Complesso a pagina 89.

Creazione o Modifica di Elementi Profilo Complesso


Scegliere Design > Profili Complessi > Gestore Profilo. Viene visualizzata la finestra Gestore Profilo.

142

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Gestione profili: scegliere in questa sezione del Gestore Profilo un comando corrispondente a quel che si vuole realizzare. Per creare un nuovo profilo, fare clic su Nuovo. Per creare un nuovo profilo sulla base di un profilo esistente: scegliere un profilo esistente e fare clic su Duplica.

Per creare un nuovo profilo usando la forma di un elemento Muro, Trave o Colonna selezionato nella finestra attiva del modello, fare clic sul pulsante Cattura profilo dell'elemento nel Gestore Profilo (o scegliere Cattura il Profilo della selezione dal menu di scelta rapida dell'elemento selezionato nella finestra del modello). Per modificare un profilo esistente, selezionarlo e fare clic su Edita il profilo scelto. Si apre la finestra Editor Profilo. In tale finestra si pu disegnare o modificare la sezione dell'elemento profilo, usando gli strumenti di disegno in 2D disponibili. Usare lo Strumento Retino per tracciare la sezione trasversale del profilo complesso e modificarla con le usuali tecniche 2D fino a ottenere la forma desiderata.

Il profilo in sezione cos definito pu contenere pi forme, che verranno salvate assieme come profilo singolo. L'origine visualizzata nella finestra Editor Profilo un punto di riferimento significativo: se l'elemento complesso un Muro, l'origine rappresenta la posizione della sua linea di riferimento. Nel caso di una Colonna o una Trave, l'origine rappresenta la posizione dell'asse dell'elemento. Non possibile spostare tale origine, ma si pu muovere la forma del profilo in modo da posizionarla correttamente rispetto all'origine. Solo gli hotspot e le forme disegnate con lo Strumento Retino nella finestra Editor Profilo faranno parte del profilo salvato. Gli altri elementi in 2D aggiunti alla finestra Editor Profilo (linee, quotature, ecc.) possono essere usati come ausili locali per il disegno, ma non avranno effetto sull'aspetto finale del profilo complesso quando questo sar posizionato nel modello. (Questi ausili per il disegno sono posizionati nel Lucido di Design Bozza; vedere pi avanti.) Nel Gestore Profilo, il pulsanti Usa con, come quelli delle altre finestre di dialogo Settaggi Attributo, determinano quali strumenti ArchiCAD potranno essere usati per posizionare il profilo corrente. Gli altri settaggi del Gestore Profilo sono attivi soltanto se aperto l'Editor Profilo. Lucidi Design: La sezione Lucidi Design del Gestore Profilo contiene dei Settaggi Lucidi che si applicano soltanto alla finestra Editor Profilo. Il lucido dello Strumento attivo sar evidenziato. (Per esempio, se attivo lo strumento Retino o lo strumento Hotspot, verr evidenziato il lucido Costruzione; tutti gli oggetti disegnati sul lucido Costruzione saranno salvati come elementi del profilo. Gli altri elementi in 2D di questa finestra verranno posizionati sul lucido Bozza: sebbene questi vengano salvati come parte dell'attributo profilo, questi non saranno visibili nel profilo posizionato. Nota: gli elementi di quotatura posizionati nella finestra Editor Profilo non vengono salvati come parte dell'attributo, ma servono solo a facilitare il disegno. I parametri mostra /nascondi dei Lucidi Design hanno effetto soltanto sulla finestra Editor Profilo. Aggiusta Orizzontale e Aggiusta Verticale (nella lista dei Lucidi Design) sono attributi opzionali del profilo. Selezionare le caselle di

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

143

Edificio virtuale

controllo per attivare il parametro aggiusta in una direzione o in entrambe.. Se non si attivano queste caselle non sar possibile aggiustare o ridimensionare la sezione trasversale del profilo risultante dopo averlo posizionato sulla pianta. Se Aggiusta Orizzontale/Verticale attivato, la finestra Editor Profilo visualizza delle linee punteggiate indicanti il piano che pu essere sottoposto a aggiustamento. All'interno della finestra Editor Profilo, possibile spostare queste linee come qualsiasi altro elemento di disegno, portandole su qualsiasi parte del profilo; queste linee faranno da maniglie per le operazioni di aggiustamento del profilo risultante dopo che questo sar stato posizionato nel modello. Se si attiva Riferimento Aperture (nella lista dei Lucidi Design), la finestra Editor Profilo visualizza una linea che rappresenta la linea di riferimento su cui verranno posizionate le Porte/Finestre, dopo che il profilo sar stato posizionato sulla pianta. Se necessario, modificare la linea come qualsiasi altra linea, per adattare la forma del profilo in modo che le aperture si trovino nella giusta posizione. Se non viene attivato Riferimento Aperture, Porte e Finestre saranno posizionate lungo il Rettangolo di Ingombro dell'elemento profilo. Il resto dei comandi nella finestra di dialogo Gestore Profilo consente di definire con precisione la Sezione e l'aspetto in 3D di ciascun componente dell'elemento profilo ed il loro uso consigliato per gli utenti avanzati. Per i dettagli, vedere Gestore Profilo nell'Aiuto ArchiCAD.

Creare Profili Complessi da Elementi Paralleli


Un metodo rapido per la creazione di un profilo complesso offerto dall'uso del comando Design > Profili Complessi > Unisci Muri/Colonne/Travi. Per usare questo comando, disegnare diversi muri, colonne o travi nella finestra del modello. Gli elementi disegnati devono essere dello stesso tipo e devono essere paralleli tra loro. Eseguendo il comando si creer un nuovo elemento profilo, che sostituir gli elementi originali. Il nuovo elemento profilo avr la lunghezza del pi lungo fra gli elementi originali, e erediter gli attributi dell'originale e tutte le eventuali aperture dei muri. Per impostazione di default, il nuovo profilo si chiama Personale ma pu essere aperto nell'Editor Profilo, modificato e rinominato. Per altre informazioni, vedere Gestore Profilo nell'Aiuto ArchiCAD.

Collegamenti Muro-Muro
La connessione tra i muri e i loro retini sulla pianta e in 3D determinata anzitutto dalle loro Priorit Muro. Quando muri con priorit diseguali si intersecano, l'elemento di proprite superiore rester intatto in 3D. (In 2D, l'elemento con la priorit pi alta sar posto davanti all'altro.) L'elemento con priorit inferiore verr tagliato, e la parte intersecata sar rimossa E' possibile impostare la priorit di ciascun singolo muro, su una scala da 0 a 16 (solo numeri pari), mediante il comando a cursore Priorit Muro in Superfici Sezionate nella finestra Settaggi Muro. Per altre informazioni, vedere Pannello Pianta e Sezione Muro nell'Aiuto ArchiCAD.

Memorizzare o Applicare un Profilo Complesso Modificato


Fare clic su Memorizza profilo per dare un nome al profilo modificato e salvarlo. Se il profilo che si sta salvando una versione modificata di un profilo esistente, e non gli si assegna un nuovo nome, le modifiche verranno applicate su tutti gli elementi profilo di questo tipo gi posizionati nel progetto.Se non si desidera registrare il profilo, ed esso deve essere utilizzato una sola volta, possibile applicarlo ad un elemento selezionato nel modello usando il pulsante Applica a selezione. L'elemento selezionato diverr un elemento di tale profilo. Il profilo non registrato si chiama Personale finch non viene salvato.

Visualizzazione del collegamento tra gli strati dei muri composti (solo in 2D)
Per la visualizzazione in 2 D dei muri composti collegati, possibile definire una priorit separata per ciascuno strato (nei Settaggi compositi), o una singola priorit per tutto il muro (in Settaggi Muro). Se si vogliono stabilire priorit separate per ciascuno strato, regolare tali priorit tramite la finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Strutture composte.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

144

Edificio virtuale

Quindi aprire la Finestra di dialogo Settaggi Muro e selezionare la casella di controllo: Abilita Priorit Strato nel pannello Pianta e Sezione.

Gruppi di Intersezione Lucidi diversi, la legatura tra i muri non avr luogo. Per altre informazioni, vedere Lucidi a pagina 22. Quando si disegna un nuovo muro per farne combaciare un'estremit con un muro esistente, sufficiente fare clic su un lato o allinterno della campitura del muro a cui connettersi. Non necessario puntare manualmente alla linea di riferimento voluta del muro: la nuova linea di riferimento del muro verr regolata automaticamente in modo da realizzare la connessione corretta, e i muri risulteranno correttamente connessi anche in 3D. Questa funzione si chiama Auto Intersezione, e funziona solo se l'opzione Opzioni > Auto Intersezione Attiva.

Muri con Intersezione a X


Due muri che si attraversano creando una giunzione a X creeranno automaticamente un'intersezione pulita. Quando si realizza una giunzione a X tra muri, il muro situato per ultimo taglier il muro che gi si trova sulla pianta, a condizione che ai due muri sia attribuita la stessa Priorit intersezione. La sequenza d'intersezione visibile nella finestra 2D (se l'opzione Pianta legata disattivata) e nella finestra in 3D. E' possibile modificare questa sequenza d'intersezione per le intersezioni a X mediante il comando Edita > Ordine visualizzazione. L'ordine di visualizzazione 2D influisce sulla sequenza di intersezione sia nella finestra 2D che in quella 3D.

Se si desidera impostare una singola priorit di connessione in 2D per l'intero muro composito, non selezionare Abilita Priorit Strato; in questo caso il cursore Priorit Muro (in Settaggi Muro: Superfici Sezionate) sar prevalente per questo muro sia in 2D sia in 3D. E' possibile utilizzare con profitto le opzioni di priorit per regolare con precisione laspetto dei retini di connessione sulla propria pianta.

Muri con intersezioni a L o a T


Nel caso delle intersezioni a T, se i muri hanno la stessa priorit il muro intersecato ha la priorit sul muro che lo interseca. Nel caso delle intersezioni a L, se i muri congiunti hanno priorit e spessori uguali essi verranno congiunti in un ordine casuale. Per modificare l'ordine con cui sono congiunti, cambiare le loro Priorit Muro. Se due muri con priorit uguale sono congiunti in una intersezione a L, il muro con il retino pi fitto ha la priorit. Le modifiche dell'Ordine di visualizzazione non hanno effetti sulle intersezioni a L o a T.

Visualizzazione Connessione Muri in 2D


Per la migliore visualizzazione in 2D delle connessioni muro, le linee di riferimento dei muri connessi devono essere unite insieme. Quindi l'opzione Pianta legata (Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video) assicurer che i muri siano correttamente congiunti in 2D. Nota: le legature dei muri restano attive anche se alcuni degli elementi che si congiungono si trovano su Lucidi attualmente nascosti. Se invece i muri che si intersecano si trovano su lucidi con
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

145

Edificio virtuale

Se si ha bisogno di un disegno di dettaglio pi elaborato per le giunzioni dei muri, possibile creare una Patch o un Disegno Dettaglio.

Muri Connessi in 3D
Per migliorare l'aspetto delle connessioni tra i muri in 3D, soprattutto quando i muri connessi sono di diversa altezza, selezionare la casella di controllo Connessioni avanzate per Muri e Travi nel menu Opzioni > Preferenze Progetto > Elementi di costruzione. In tal modo i risultati in 3D visualizzeranno correttamente la parte effettivamente tagliata dia ciascun muro. Le intersezioni che coinvolgono muri complessi sono sempre calcolate come se questa funzione fosse attiva. L'attivazione di questa casella di controllo pu causare un rallentamento delle prestazioni del 3D. Se le intersezioni dei muri del progetto riguardano muri semplici di pari altezza, le prestazioni del sistema possono essere migliorate lasciando questa casella di controllo non selezionata.

Modificare la geometrica di un muro (Add-On)


Note: Questo strumento non visibile nel profilo interfaccia. E' possibile aggiungerlo al menu Edita (o a qualsiasi altro menu) personalizzando lo schema del menu in Opzioni> Ambiente di lavoro > Ambiente di lavoro > Schemi Layout Comando > Menu. Con i comandi del menu gerarchico Modifica Muro del menu Design, possibile cambiare lo spessore, la posizione della linea di riferimento e la direzione di tracciatura degli elementi di tipo muro selezionati. Con il comando Struttura, potrete cambiare il Retino dei Muri selezionati, conservando la posizione di una parte determinata. Nellarea superiore del dialogo, potrete configurare il Retino. Se il Retino non una struttura composta, potrete configurare il suo spessore, altrimenti viene visualizzato lo spessore della parte strutturale interna. sui pulsanti di opzione nella sezione inferiore per scegliere quale parte del muro deve conservare la sua posizione dopo la modifica (Se possibile, questo verr eseguito aggiungendo un offset alla linea di riferimento. Altrimenti, la linea di riferimento verr spostata). Con il comando Modifica Linea di Riferimento, potrete spostare la linea di riferimento dei Muri selezionati senza modificare la posizione dei Muri sul disegno di Pianta. Sulla parte sinistra del dialogo, potrete cambiare il lato della linea di riferimento del Muro. Sulla parte destra potrete aggiungere un offset alla linea di riferimento per posizionarla nella parte richiesta della struttura muraria. Con il comando Inverti Direzione, potrete cambiare la direzione della linea di riferimento. (Visibile quando l'opzione Pianta Legata non attiva).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Angoli del muro poligonale


Quando siano connessi ad altri muri di tipo lineare, i Muri Poligonali mantengono il contorno iniziale come scelta predefinita. Se desiderate sovrascrivere questi settaggi, vistate il check-box gli angoli del PoliMuro possono cambiare nel pannello Geometria e Posizionamento della finestra di dialogo Settaggi Muro (disponibile quando il metodo geometrico del PoliMuro attivo). Nellesempio seguente un Muro Semplice collegato a un Muro Poligonale. La prima illustrazioni mostra la situazione con la casella Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video > Pianta legata deselezionata. Attivando Pianta legata, i risultati di intersezione dipendono dallattivazione o meno dellopzione Gli angoli del PoliMuro possono cambiare.

146

Edificio virtuale

I muri e gli altri elementi


Travi: Le priorit d'intersezione per i muri e le travi si impostano a livello di elemento nelle rispettive finestre di dialogo dei Settaggi (le priorit dei muri sono sempre espresse con i numeri pari,quelle delle travi con i numeri dispari). Quando un muro interseca una trave, l'elemento con la priorit pi elevata resta intatto. In 3D l'elemento con la priorit pi bassa risulta tagliato, con la rimozione della parte corrispondente all'intersezione. Colonne Per altre informazioni, vedere Le colonne e gli altri elementi a pagina 158. Solai Per ulteriori informazioni, vedere I solai e gli altri elementi a pagina 176. Falde: Lestremit superiore o quella inferiore dei Muri pu essere tagliata con le Falde. Per altre informazioni, vedere Taglio degli elementi per mezzo delle Falde a pagina 154.

(intradosso) solamente se la linea cardine e il bordo corrispondente della falda coincidono. Vedere anche Modifica dell'Angolo Inclinazione Falda a pagina 149. Nota: possibile nascondere tutte le linee di riferimento con lapposito comando in Visualizza > Opzioni di visualizzazione a Video. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione in Pianta delle falde, vedereVisualizzazione degli Elementi a pagina 111. Nella vista 3D, le Falde sono visualizzate come corpi solidi.

Falde
Le Falde di ArchiCAD possiedono delle caratteristiche molto flessibili. Possono essere usate per creare forme 3D astratte adeguandosi ad unampia gamma di necessit. Nelle viste in Pianta, le falde sono rappresentate in sezione orizzontale nel punto in cui il piano di taglio della vista interseca il tetto. Per altre informazioni, vedere Piano di Taglio Pianta a pagina 111. L'inclinazione del tetto (o Angolo inclinazione Falda) visibile nella Palette Informazioni (valore T), l'angolo formato dalla rotazione attorno a questa linea cardine, tra l'orizzontale e la base del tetto: L'elevazione della linea cardine riportata nella Palette Informazioni della Falda come elevazione Linea Cardine (valore B). L'elevazione della Falda, visibile nella Palette Informazioni, riflette l'elevazione dallo zero di progetto al punto pi basso della falda
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Nelle Sezioni/Alzati, le superfici sezionate mostrano il retino di campitura interno. I piani di falda non sezionati sono rappresentati con il solo contorno. Nota: In aggiunta alle tecniche disponibili con lo Strumento Falda, l'Add-On RoofMaker permette di aggiungere Oggetti GDL costituiti per definire specifiche parti del vostro disegno in modo da migliorare la viste 3D e le finestre Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere RoofMaker a pagina 203.

Creazione di Falde
Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Falda, potrete iniziare a disegnare falde. Le nuove falde possono essere create sia in Pianta che nella Finestra 3D, sebbene alcune opzioni possano differire o risultare limitate. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Falda nell'Aiuto ArchiCAD.

147

Edificio virtuale

Geometria della Falda


Le Falde possiedono sei metodi geometrici, disponibili nella Palette Informazioni, che permettono di realizzare coperture semplici e complesse. Le opzioni sono: Poligono, Rettangolo, Rettangolo Ruotato, PoliFalda, Cupola e Volta a Botte. Notate che sono visibili contemporaneamente solo quattro opzioni alla volta. Le opzioni rimanenti possono essere visualizzate tenendo premuto il pulsante per far rivelare le icone mancanti.

3 Ora potete definire il perimetro della falda cliccando per definire ogni nodo del suo contorno.

Disegnare falde semplici sulla Pianta


Scegliere uno dei primi tre Metodi Geometrici nella Palette di Informazioni (Poligonale, Rettangolare, Rettangolo ruotato), poi definire la posizione della linea di riferimento con due clic. Con il metodo Rettangolare, la falda sar sempre ortogonale. Nella maggior parte dei casi, la linea di riferimento coincider con la linea di riferimento di un muro o con il lato di un solaio. La trasformazione del cursore con forma di Spunta/Mercedes in grassetto prima di definire la partenza della linea (elastica) su una linea di riferimento di un muro o la forma Spunta/Mercedes in sottile sui contorni del Solaio serve come indicazione visuale per un accurato posizionamento.

1 Definire la Linea di Riferimento.

Disegnare falde semplici nelle viste 3D


Scegliete uno dei primi tre Metodi Geometrici nella Palette Informazioni (Poligonale, Rettangolare, Rettangolare ruotato), quindi definite il piano della falda cliccando su tre punti. Sar ArchiCAD a generare direttamente la linea di riferimento. Disegnate il perimetro della Falda. Ritornando al primo nodo, appare il cursore a Martello. Fate clic per chiudere il poligono. Verr quindi creata la falda.

Linea di Riferimento 2 Dopo aver definito la linea di riferimento, appare un cursore a forma di Occhio. Usate il cursore per cliccare sul lato della linea di riferimento dove si vuole dare pendenza positiva (ascendente) al piano della Falda (oppure, in caso di valore angolare negativo, pendenza discendente).

148

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

In Pianta o Finestra 3D, selezionare la falda e fare Ctrl+clic su un qualsiasi punto del piano del tetto per aprire la finestra di dialogo Elevazione Falda. Immettere un valore numerico nel primo campo in alto: tale valore determiner l'elevazione del piano della falda nel punto in cui si fatto clic. La modifica di questo valore di elevazione ha lo stesso effetto della modifica dell'angolo d'inclinazione del tetto.

I fori nelle falde


Potreste avere la necessit di realizzare dei fori nelle falde. Selezionate una Falda e attivate lo strumento Falde, quindi disegnate un nuovo perimetro allinterno dellarea della falda selezionata. Questo nuovo perimetro verr interpretato come un foro nella falda. Nota: Se create un foro il cui contorno interseca il perimetro esterno della falda ospite, o il contorno di altri fori dello stesso poligono, ArchiCAD mostrer un messaggio di avvertimento, ma il contorno del foro verr comunque creato.

Aggiunta delle linee di livello sulle falde


Con il comando Crea linee quota copertura del menu Design si posizionano sulle falde selezionate delle linee che indicano la quota specificata nella finestra di dialogo Crea linee di livello falda. Usare questa finestra di dialogo per definire le Linee di livello della Falda. Estradosso/Intradosso: Fare clic su un pulsante di selezione per disporre le linee di livello sulla superficie superiore o inferiore della falda. Specificare il livello d'altezza delle Linee di Livello Falda: usare i due campi d'immissione per definire l'altezza delle linee di livello della falda rispetto al livello del piano corrente o rispetto allo Zero di Progetto. Ometti linee esterne alle falde: selezionare questa casella per omettere le linee di livello che ricadono al di fuori del poligono della pianta della falda cui appartengono.

Posizionamento di Elementi sulla Falda


Usare il comando Gravit per posizionare Muri, Colonne, Travi ed elementi di tipo Oggetto in relazione allelevazione di una Falda. Per altre informazioni, vedere Gravit a pagina 81.

Modifica dell'Angolo Inclinazione Falda


Dopo avere disegnato e selezionato una Falda, possibile modificarne l'angolo d'inclinazione in diversi modi. Cambiare l'angolo d'inclinazione della falda nella Palette Informazioni o in Settaggi Falda. Nella Finestra 3D, selezionare prima la falda e poi il comando Cambia angolo inclinazione falda della pet palette e impostare graficamente l'angolo della falda (o immettere il valore dell'Angolo inclinazione nell'Ispettore.)
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

149

Edificio virtuale

Se lopzione viene disabilitata, verranno disegnate tutte le linee risultanti. In questo caso, le linee che oltrepassano il poligono di pianta della falda verranno disegnate di lunghezza uguale alla linea di riferimento della falda alla quale appartengono. Raggruppa con la Falda: Selezionare questa casella di controllo per raggruppare le linee di livello con le falde cui esse appartengono. Nota: Questa opzione non disponibile se attiva lopzione Sospendi Gruppi.

Disegnare una Copertura automatica (PoliFalda) o una Falda curva


Scegliendo il metodo geometrico PoliFalda, potrete creare falde di uguale pendenza su qualsiasi base poligonale o curva. Il risultato sar una serie di singoli piani di falda. Se lopzione Raggruppa Automatico attiva, questi verranno creati come parte di un unico gruppo. Il procedimento per disegnare una PoliFalda lo stesso sia nella Pianta che nella Finestra 3D. Per iniziare, tracciate solo un poligono composto da segmenti lineari. Questi definiscono le linee di riferimento degli elementi della PoliFalda.Al termine appare il dialogo Settaggi PoliFalda. Il perimetro finale dipende dal valore Aggetto che viene aggiunto come un offset al poligono tracciato con le linee di riferimento. Le PoliFalde prevedono fino a quattro livelli. Linclinazione e laltezza massima di ciascuna porzione vengono definite indipendentemente. Per creare forme curve con il metodo PoliFalda, disegnate le forme con gli strumenti di disegno 2D, quindi usate la Bacchetta Magica per definire il poligono delle linee di riferimento. Accertatevi che sia attivo il Metodo Geometrico PoliFalda, quando eseguite loperazione. Nota: ArchiCAD usa un algoritmo particolare per trovare la migliore soluzione per ogni particolare poligono di base. Laltezza
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Personalizzazione dell'Angolo Lato Falda


Per personalizzare l'angolo delle estremit della falda, seleziona la falda e clicca su un suo lato con il cursore che assumer una forma di Mercedes e apparir una pet palette Selezionare l'icona Setta angolo lato falda per aprire la relativa finestra di dialogo.

Inserisci un angolo desiderato. (Come risultato, il Settaggio degli Angoli delle Estremit della Falda nel pannello Modello apparir con opzione Personale) ArchiCAD consente che i lati della falda siano orientati con unico angolo. Per questa ragione, possibile che due falde non siano correttamente congiunte, nonostante si incontrino esattamente in Pianta. Potrete creare delle giunzioni corrette a queste intersezioni (lungo la bisettrice dei piani 3D), o avere delle falde connesse con lati verticali. Questo si ottiene selezionando tutte le falde che volete intersecare, posizionando il cursore sul colmo comune e tenendo premuto il pulsante del mouse. Nota: questa opzione disponibile soltanto se la falda tagliate da un altro elemento falda.

150

Edificio virtuale

definita nel dialogo dei settaggi il limite massimo. Se la falda incontra un altro piano di falda prima di raggiungere il valore limite, essa si fermer comunque allintersezione. Se la falda ha raggiunto questo valore massimo senza incontrare altre falde, verr creato un piano orizzontale. Quando la struttura completa, le sue parti costitutive sono editabili individualmente.

Disegno di volte
La costruzione di una copertura con volta a botte pu essere realizzata sia nella finestra di Pianta che in quella del 3D, ma i passi da eseguire sono differenti nei due casi. Nel 2D, una curva disegnata sulla Pianta interpretata come la sezione trasversale della volta. Traccia una serie di archi (o traccia una forma con la Bacchetta Magica) e, quando finito, clicca due volte Dopo aver definito la curva, vedrete un contorno elastico i cui estremi sono connessi a quelli della sezione trasversale. Uno dei lati di questo contorno il pavimento immaginario e, allo stesso tempo, il lato della volta.

Disegnare cupole
Per creare una copertura a forma di cupola, selezionate il relativo metodo geometrico dalla Palette Informazioni. La Cupola sar formata da una serie di singoli piani di falda. Se lopzione Raggruppa Automatico attiva, questi verranno creati come parte di un unico gruppo. La procedura per la creazione di una copertura a Cupola pu essere utilizzata senza differenze sia nella finestra di Pianta che in quella del 3D. Con il primo clic, definite il centro dellarco; il secondo clic indica linizio ed il terzo la fine del contorno. Fate semplicemente un doppio clic sullinizio dellarco per creare cupole circolari complete. Una volta definito il profilo, definire le scelte proposte nella finestra di dialogo Settaggi Cupola: Immettere l'altezza della Cupola nel suo punto centrale. Questo valore viene settato per default al massimo consentito, corrispondente allaltezza di una struttura emisferica. Digitando un valore minore, abbasserete la vostra volta. Il campo successivo contiene lelevazione della base della volta. In questo dialogo pu essere definito il numero di fasce e di segmenti che costituiscono la volta: i valori sono limitati, rispettivamente, a 90 e 360. Lo spessore della volta misurato perpendicolarmente allandamento della falda viene definito nel campo relativo, mentre i pulsanti di opzione sulla destra gestiscono il taglio dei lati delle falde. Le tre scelte possibili sono perpendicolare, verticale e orizzontale. Quando la struttura stata creata, sar possibile editare individualmente ogni sua parte costitutiva, ma non lintera cupola.

Con il primo clic definite il punto iniziale della forma, e con il secondo la lunghezza della copertura. Quindi determinare le scelte nella finestra di dialogo Settaggi Falda a Volta.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

151

Edificio virtuale

Qui si possono impostare le caratteristiche della falda a volta. Immettere l'elevazione del punto base della falda, l'angolo delle sue facce e, se si sta utilizzando un retino semplice, il suo spessore. Premere il pulsante OK o Cancella quando finito. Le falde risultanti sono editabili individualmente. Se lopzione Raggruppa Automatico attiva, esse verranno generate come gruppo. La curva tracciata sulla Pianta chiaramente visibile nella vista 3D della volta.

Creare un tetto a volta: Fate clic sulla prima icona.

Disegnate la geometria della sezione trasversale della copertura, definendone laltezza con un clic.

Nota: ArchiCAD permette solo la realizzazione di coperture curve che possono essere colpite da una pioggia verticale. Questo evita la costruzione di falde auto-intersecanti o rovesce. Ci significa anche che la stessa curva pu risultare valida o meno a seconda dellangolo definito per lingombro della volta. Questo perch la forma della volta determinata non solo dalla curva tracciata ma anche dalla definizione dellingombro associato. Landamento della volta deve essere definito in modo che qualsiasi retta parallela alla linea pi spessa dellingombro elastico (che rappresenta un lato orizzontale della copertura) non intersechi la curva originale. Ci sono tre possibili metodi per disegnare una Volta nel 3D: Arrotondata, Simmetrica ed Irregolare. Allaltezza desiderata, disegnate il primo lato del rettangolo di contorno del tetto. Compare la pet palette. La sezione trasversale viene definita in modi diversi a seconda del metodo.

Estendete il tetto per la lunghezza desiderata e fate clic per posizionarlo.

152

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Per creare una Volta Simmetrica, fare clic sulla seconda icona. Appare il dialogo Falda a Volta simmetrica. Immettete il numero di piani di falda da creare. Disegnate la geometria del tetto definendone laltezza con un clic.

Nota: Questo metodo crea piani di falda che, nella sezione trasversale, hanno unidentica lunghezza. Creare una Falda Irregolare: Scegliete il terzo metodo della pet palette e fate clic.

Definite la forma della copertura eseguendo un clic ogni volta che desiderate cambiare linclinazione della falda. Fate doppio clic per concludere la creazione dei piani di falda.

Estendete il tetto per la lunghezza desiderata e fate clic per posizionarlo.

Estendete il tetto per la lunghezza desiderata e fate clic per posizionarlo.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

153

Edificio virtuale

Intersezioni tra le falde


Potreste aver bisogno di adattare una allaltra due falde semplici, o di modificare alcuni elementi di una copertura complessa, ad esempio per inserire un abbaino. Per ottenere lintersezione tra questi due piani di falda: Selezionate quella inferiore sulla Pianta, e fate Ctrl-clic (Windows) o Cmd-clic sulla linea di colmo dellaltra. Ora selezionate laltra falda e fate Ctrl-clic (Windows) o Cmd-clic sulla linea di colmo di quella inferiore. Le due falde verranno adattate luna allaltra.

Per intersezioni pi complesse, quando si incontrino pi falde (ad esempio, se una volta a botte costituita da segmenti di falda incontra una semplice falda inclinata), devono essere aggiunti nodi addizionali per adattare le forme. In ogni caso, il processo di intersezione rimane simile.

Taglio degli elementi per mezzo delle Falde


Le Falde possiedono la capacit unica di poter tagliare la parte superiore o inferiore di Muri, Travi, Colonne, Solai, Porte, Finestre e Oggetti per adattarli alla superficie desiderata delle Falde. Il taglio non avviene automaticamente: occorre usare il comando Design > Taglia con le Falde. Affinch il comando sia disponibile, necessario che sia selezionata almeno una falda o un elemento dei tipi citati sopra. Se i Muri, Travi,Colonne, Solai e parti di Libreria sono stati selezionati, saranno tagliati da quelle falde che li attraversano. Se vengono selezionate, assieme a questi elementi, anche una o pi falde, gli elementi verranno tagliati solamente dalle falde selezionate. Gli elementi verranno tagliati solamente se sono parzialmente o totalmente al di sotto della falda. Dovrete sempre definire quali elementi devono essere tagliati, nel dialogo che verr visualizzato. Se vengono selezionate solamente delle falde, dovrete definire quali elementi tagliare con esse attivandone i relativi tipi con le caselle presenti nel dialogo. Definiti i tipi di elemento, dovrete scegliere se volete tagliare la parte superiore o quella inferiore, e fare clic sul pulsante Cancella parte. Solo gli elementi intersecanti possono essere tagliati con le falde. La falda taglier solo gli elementi che si trovano al di sopra o al di sotto del suo poligono di contorno.

In questo esempio, quando le due linee di colmo si incontrano sulla Pianta, significa che si sono intersecate nel 3D.

154

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Il taglio degli elementi pu essere anche temporaneo, per soli scopi di visualizzazione, o definitivo. Una casella di scelta nella parte inferiore del dialogo Taglia con le Falde consente di modificare laltezza o lelevazione della base dellelemento sottoposto al taglio. Nell'esempio sotto, la configurazione Muro/Colonna dell'estradosso stata prima attivata e poi disattivata. I pallini di selezione mostrano come, nel secondo caso, laltezza effettiva dei muri sia cambiata, adattandosi al punto pi alto dellelemento tagliato.

Nellesempio seguente, il muro con sagoma inclinata stato creato tagliandone la sommit e la base con due falde che sono state successivamente rimosse. I pallini di selezione di questa vista frontale mostrano lelevazione originaria del muro. possibile ripristinare gli elementi dopo un taglio temporaneo. Se un elemento stato tagliato da una falda, il pulsante Annulla Taglia Falda nella finestra Settaggi (Modello) di quell'elemento diverr attivo). L'unica eccezione sono i solai: i loro tagli possono essere annullati attraverso Edita > Annulla Comando.

Taglio di Muri, Travi, Colonne ed Elementi di libreria


Potrete ritagliare forme piuttosto complesse in muri, travi e colonne tagliandoli con le falde. Il muro seguir sempre la forma delle falde soprastanti, indipendentemente dal numero di piani di falda.

Notate che se si sceglie lopzione Taglia Base, la casella Setta altezza Muro/Colonna come il punto pi alto cambia in Setta base Muro/Colonna come il punto pi basso. In questo caso sar lelevazione della base dellelemento a venire modificata. Il taglio rimane attivo anche se nascondete la falda o lelemento tagliato, li allontanate uno dallaltro, e anche se cancellate del tutto la falda di taglio. Ci vi permette di creare forme particolari, come timpani, usando gli elementi di costruzione.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Comunque, ricordatevi che qualsiasi falda pu generare nei muri solamente tagli paralleli.

Se tagliate un muro con una falda che lo attraversa completamente, il muro verr tagliato in due

155

Edificio virtuale

parti: una ha lestremo adattato alla falda, laltra un muro indipendente senza alcun taglio. Questo secondo muro parte dal punto dove la falda finisce. Eccezione: se avete unapertura che si estende su entrambe le parti del muro dopo il taglio con la falda, il muro continuer ad essere un unica entit.

Tagliare i solai
Anche i Solai possono essere tagliati dalla pendenza superiore o inferiore delle falde mediante il comando Design > Taglia con le falde. In ogni caso, vi una grande differenza tra il taglio dei solai e quello di muri, colonne o elementi di libreria. Mentre gli altri elementi possono essere parzialmente tagliati, i solai vengono sempre tagliati lungo lintera linea di intersezione tra la falda e il solaio, rimuovendo effettivamente la parte di solaio tagliata.

Nota: se create dei muri tracciando il contorno di una Falda, e definite unaltezza superiore al piano della falda, il sistema richieder automaticamente conferma del taglio dei muri con la falda.

156

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Taglio con falde distanti


Potrete utilizzare falde lontane e anche falde che si trovano su altri piani, il cui perimetro sia visibile nel piano corrente, per tagliare gli elementi con il piano di quella specifica falda.

Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Colonna nell'Aiuto ArchiCAD.

Visualizzazione delle Colonne


Gli attributi di ciascuna parte della rappresentazione in Pianta (per esempio Superfici sezionate, Linee parte superiore) vengono impostati per mezzo delle opzioni pop-up nel riquadro Pianta e Sezione della finestra di dialogo Settaggi della colonna. E' possibile definire attributi specifici per ciascuna parte visualizzata della colonna (per esempio Linee di Taglio, Linee non sezionate, parte superiore), che possono essere particolarmente utili per le colonne inclinate. Per altre informazioni, vedere Pannello Pianta e Sezione Colonna nell'Aiuto ArchiCAD. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione in Pianta delle colonne, vedere Visualizzazione degli Elementi a pagina 111. Le opzioni Parametri Assi si riferiscono al simbolo che segnala le colonne (Normale, Diagonale, X, o Assi). La visualizzazione di tutti i parametri assi (simboli di colonna) nel progetto pu essere attivata o disattivata mediante la casella di controllo Mostra Simbolo Colonnain Documento > Configura vista modello > Vista e Opzioni Modello. Per altre informazioni, vedere Opzioni Vista Modello a pagina 116. Nelle viste in Sezione, viene mostrato il retino del nucleo, mentre negli Alzati la Colonna rappresentata solo con il suo contorno. Il riquadro Modello controlla le impostazioni dei materiali del muro per la vista in 3D. Nel 3D utilizzato un singolo materiale per visualizzare tutte le superfici.

Selezionate semplicemente gli elementi che desiderate tagliare, quindi fate Ctrl-clic (Windows o Cmd-clic Mac) su uno spigolo o un nodo della falda con cui lo volete tagliare. La procedure inversa funziona ugualmente: selezionate la falda di taglio e fate Ctrl-clic (Windows o Cmd-clic Mac) sui singoli elementi che volete tagliare. Nota: Il muro/trave/colonna viene tagliato sulla falda sia che sia sotto di essa o no. Assicuratevi che esso abbia unaltezza sufficiente cos che possa essere tagliato correttamente.

Colonne
Le Colonne in ArchiCAD sono costituite da due componenti: la struttura interna portante, o nucleo, ed un rivestimento esterno opzionale che pu simulare, per esempio, un isolante antincendio o un qualsiasi materiale di finitura. La sezione della colonna pu essere rettangolare o circolare, oppure pu essere complessa, come definita in un profilo. Le colonne potranno essere posizionate ovunque come elementi indipendenti od inserite allinterno dei muri, con i quali si legheranno automaticamente. L' asse della colonna pu essere verticale o inclinato. Fare doppio clic sull'icona Strumento Colonna per aprire la finestra di dialogo Settaggi Colonna e impostare le proprie preferenze.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

157

Edificio virtuale

Disegno di Colonne Complesse (Creazione di Profili Colonna)


Le colonne complesse si creano usando l'Editor Profilo e il Gestore Profilo (Design > Profili Complessi > Gestore Profilo). Il processo uguale a quello utilizzato per i muri complessi. Per altre informazioni, vedere Profili Complessi a pagina 142.

Le colonne e gli altri elementi


Analogamente ai Muri, le Colonne possono essere tagliate con la superficie superiore o inferiore delle Falde. Quando una Trave attraversa una Colonna, lelemento con priorit pi bassa tagliato nel 3D. La Priorit delle Colonne rispetto alle Travi un'impostazione globale applicabile a tutte le colonne mediante il comando in Opzioni > Preferenze Progetto > Elementi di costruzione. La Priorit Trave si imposta nella finestra di dialogo Settaggi Strumento Trave (Riquadro Pianta e Sezione). Le Colonne possono essere incluse nelle Operazioni con Elementi Solidi con tutti gli altri tipi di elementi di costruzione. Sono disponibili diverse opzioni per la definizione della relazione tra Colonne e Zone. Colonne e Muri presentano una correlazione particolare descritta qui di seguito.

Creazione di Colonne
Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Colonna, potrete iniziare a disegnare colonne. Le nuove colonne possono essere create sia nella Pianta che nella Finestra 3D.

Geometria della Colonna


La Palette Informazioni offre tre Metodi Geometrici (metodi d'immissione) disponibili per il posizionamento delle colonne. (Le icone variano a seconda della forma della sezione della colonna, Rettangolare, Circolare or Complessa, e del fatto che la colonna sia Semplice o Complessa, secondo quanto definito nei Settaggi Colonna.) Metodo di Posizionamento Semplice: fare clic una volta per posizionare una colonna allineata alla griglia ortogonale sul suo Punto d'inserimento (definito nella finestra di dialogo Settaggi Colonna). Metodo Ruotata: fare clic per posizionare la colonna sul suo Punto d'inserimento. Mentre si fa ruotare la Colonna attorno al suo asse verticale per definire la sua geometria finale, viene visualizzato un contorno fantasma (purch l'opzione Rettangolo di Ingombro fantasma in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Maggiori opzioni sia abilitata). Cliccate di nuovo per fissare lorientamento della colonna e posizionarla. Girata: Se la colonna complessa e/o inclinata, questo metodo d'inserimento offre un sistema d'inserimento in tre passaggi. Cominciare facendo clic per posizionare la colonna. Quindi farla ruotare intorno al suo asse verticale e fare clic. Infine farla ruotare introno al suo asse inclinato e fare clic per terminare.

Colonne non incamiciate in Pianta


Le colonne non incamiciate non modificano la forma del muro, ma semplicemente lo ritagliano in modo da inserirsi adeguatamente in esso, anche nel caso di muri composti. La grafia delle connessioni e dei retini relativi viene risolta automaticamente, eliminando le linee fra gli strati aventi retino uguale. Il contorno del nucleo, per le colonne con la barra o la X centrale, viene sempre disegnato, indipendentemente dagli altri fattori. Di seguito, una stessa serie di varianti di colonne viene mostrata in tre diverse situazioni: Colonna indipendente dai muri Colonna posizionata in un muro composito Colonna posizionata in un muro semplice

158

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Colonne incamiciate in Pianta


Le colonne inserite con il metodo di legatura automatica interrompono solo lo strato strutturale del muro. Gli altri strati avvolgeranno la colonna, rivestendola completamente e mantenendo il proprio spessore. Il rivestimento della colonna avviene solo se: la colonna stata posizionata con il metodo di legatura automatica; interseca un muro composto; il muro composto comprende degli strati di rivestimento; la colonna tocca o interseca lo strato strutturale (o gli strati strutturali) del muro composto. Nellillustrazione seguente potete vedere come lo strato strutturale del muro si comporti come con le colonne semplici, e le relative linee di intersezione sono risolte come nellillustrazione precedente. Gli altri strati del muro composto, invece, girano intorno alla colonna, incamiciandola.
Muro e Retino Rivestimento sono diversi Muro e Retino Rivestimento sono identici Muro e Retino nucleo sono identici, X nel nucleo Muro e Retino del nucleo sono differenti, Nucleo semplice Muro e Retino Nucleo sono identici, Nucleo semplice

Connessioni delle Colonne nelle Viste in 3D


Le Colonne posizionate con il Metodo Costruttivo Incamiciate erediteranno il materiale superficiale dei muri cui sono connesse, anche quando non vi sono strati murari configurati che le avvolgano effettivamente. Se le superfici delle colonne sono connesse alle superfici di muri o solai, o ad altre colonne sullo stesso piano 3D, le linee di connessione vengono eliminate nelle viste 3D.

Travi
Le Travi di ArchiCAD sono elementi costruttivi orizzontali o inclinati con facce terminali verticali. Il loro uso indicato per gli elementi di supporto in cui la lunghezza dellasse sensibilmente maggiore sia della larghezza sia dellaltezza, come nelle travi rettangolari in cemento o in legno. Quando si crea una trave con lo Strumento Trave, ArchiCAD genera la sua Visualizzazione in Pianta secondo le scelte compiute in Settaggi Trave. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Trave nell'Aiuto ArchiCAD. La Trave sar visualizzata con i contorni in Elevazione, con un Retino di sezione se tagliata in Sezione, e un corpo uniforme in 3D.

Nota: Lincamiciatura non disponibile per i muri curvi o poligonali.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

159

Edificio virtuale

Tutti i tipi di Trave possono includere dei fori. I fori vengono definiti dopo il posizionamento della trave. La geometria dei fori viene definita nel pannello Foro del dialogo settaggi delle travi selezionate. I fori possono essere circolari o rettangolari, e fori di dimensioni e forme diverse possono coesistere nella stessa trave. Lasse di riferimento utilizzato per la corretta connessione delle travi, per la rifinitura grafica delle intersezioni e rappresenta un elemento utile per selezionare, muovere ed editare le travi. L'Asse di riferimento, o linea centrale, visibile soltanto in Pianta purch sia attivata l'opzione Mostra Linee di riferimento di Muri e Travi in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione delle travi in Pianta, vedere Visualizzazione degli Elementi a pagina 111. Si pu scegliere se mostrare solo gli assi di riferimento, o solo il contorno delle travi. (Documento > Configura vista modello > Vista e Opzioni Modello.) Per i dettagli, vedere Opzioni Vista Modello a pagina 116.

Il metodo PoliTrave crea una sequenza di elementi trave collegati, i cui punti estremi degli assi coincidono. Il processo di tracciamento delle Travi concatenate il medesimo dei muri. Siccome, a differenza dei muri, si possono tracciare manualmente solo elementi dritti, la pet palette non appare quando si disegnano catene di Travi. Quando cliccate per terminare la definizione della prima trave, iniziate automaticamente a disegnare la seconda, e cos via, fino a che non farete un doppio per concludere la catena di travi. Il metodo Rettangolo di Travi crea quattro elementi trave con nodi coincidenti, e i lati del rettangolo paralleli alle direzioni X e Y. Definite il rettangolo facendo sul punto iniziale e terminale di una delle sue diagonali. Il metodo Trave Rettangolare ruotato crea quattro elementi trave con nodi coincidenti; il primo lato del rettangolo definito dai primi due con il mouse nei punti estremi, mentre il lato perpendicolare viene definito dal terzo. Per creare una trave inclinata, fare clic sull'icona della trave inclinata (nella Palette Informazioni o nei Settaggi Trave) e immettere un angolo d'inclinazione.

Creazione di Travi
Definire i settaggi Trave nella finestra di dialogo Settaggi Trave. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Trave nell'Aiuto ArchiCAD. Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Trave, potrete iniziare a disegnare travi. Le nuove travi possono essere create sia nella Pianta che nella Finestra 3D.

Disegnare una Trave Complessa (Creare Profili Trave)


Le Travi Complesse si creano mediante l'Editor Profilo e il Gestore Profilo (Design > Profili Complessi > Gestore Profilo). Il processo uguale a quello utilizzato per i muri complessi. Per altre informazioni, vedere Profili Complessi a pagina 142.

Definire fori nelle travi


possibile definire fori solo dopo che la trave stata creata. Selezionate la trave desiderata e accertatevi che licona Trave sia selezionata nella Palette Strumenti. Sulla Pianta, i fori possono essere creati cliccando sullasse di riferimento della Trave. Appare la pet palette con possibili scelte di editazione. Cliccate sullicona Foro.

Geometria della Trave


Ci sono quattro Metodi Geometrici disponibili per il disegno delle travi. Possono essere attivati scegliendo le icone appropriate nella Palette Informazioni prima di iniziare la creazione della trave. Il metodo Trave Singola crea un elemento trave facendo due con il mouse sul foglio di lavoro definendo i punti iniziale e finale dellasse.

160

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

La finestra di dialogo Settaggi Foro Trave apparir, permettendo di configurare i parametri del foro.

3 Disegnare la trave con spessore zero iniziando dallestremit dellasse di riferimento della prima trave, con langolo desiderato, come da figura. Utilizzare la variante Snap Orizzontale nella Palette Controllo.

Clicca OK per applicare le configurazioni ai fori della trave; Il Foro immediatamente apparir nella Trave. Nella finestra 3D, possibile accedere alla pet palette attraverso il del cursore (a forma di simbolo Mercedes) sulla faccia superiore dell' elemento Trave selezionato.

4 Ricostruire la vista. Nelle finestre di Pianta e del 3D, rispettivamente, si dovrebbe vedere una configurazione simile alle seguenti figure.

Selezionare e modificare fori


Se avete bisogno di vari fori in una stessa trave, ma con settaggi diversi, potrebbe essere opportuno creare prima una serie di fori, moltiplicandone uno, e quindi completare la definizione regolando le varie forme, dimensioni e posizioni. Potete selezionare un foro con lo strumento Trave attivo, facendo Shift-clic sul suo centro con il cursore a Segno di spunta, o usando lo strumento Freccia. Notate che possibile editare un solo foro selezionato alla volta, ma se selezionate la trave stessa, potrete modificare le impostazioni di tutti i fori contemporaneamente. Potete modificare la forma e le dimensioni del foro nel dialogo Settaggi Trave o nella Palette Informazioni. La posizione del foro pu essere modificata graficamente. Fori selezionati possono essere traslati lungo la trave nella vista di Pianta. In 3D, la pet palette offre la possibilit di spostare il foro verticalmente.

5 Ritoccare il simbolo della pianta aggiungendo un segmento di linea per completare il disegno.

Le travi e gli altri elementi


La priorit d'intersezione delle Travi si imposta per mezzo del comando a cursore Priorit Trave nei Settaggi Strumento Trave (riquadro Pianta e Sezione). Per altre informazioni, vedere Pannello Pianta e Sezione Trave nell'Aiuto ArchiCAD. Quando le Travi intersecano Muri o Colonne, lelemento con priorit minore verr tagliato in 3D, ovvero la parte di intersezione verr rimossa. Lelemento con priorit pi alta rimarr intatto. Questa regola viene applicata anche per il calcolo dei volumi. Nota: la Priorit delle Colonne rispetto alle Travi un comando globale impostabile in Opzioni > Preferenze Progetto > Elementi di costruzione.

Come modificare l'angolo delle Facce Terminali della Trave


Per facciate terminali ad angoli liberi usate questo suggerimento: 1 Disegnare la Trave. 2 Nel dialogo Settaggi Trave, impostare lo spessore della trave a zero per poter disegnare una seconda trave (virtuale).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

161

Edificio virtuale

Quando una Trave Interseca un'altra Trave, ArchiCAD ripulisce automaticamente gli incroci e le giunzioni a T e ad L delle Travi, se la funzione Opzioni > Auto Intersezione attivata. Se un estremo della trave in giunzione rientra nei contorni di unaltra trave, lestremit viene portata automaticamente allasse di riferimento. Il loro aspetto in 3D sar quindi pulito, purch le travi abbiano la stessa priorit di intersezione. I collegamenti tra le travi vengono rifiniti anche se le travi intersecanti o collegate si trovano a quote differenti. Se le Travi si attraversano reciprocamente nello spazio senza intersecare le rispettive linee di riferimento, le giunzioni verranno pulite in base alle loro rispettive Priorit di intersezione.

porzione asportata da ciascuna trave. Le intersezioni che coinvolgono travi complesse saranno sempre calcolate come se questa funzione fosse attiva. L'attivazione di questa casella di controllo pu causare un rallentamento delle prestazioni del 3D. Se le intersezioni del progetto riguaradano travi semplici di elevazione uniforme, possibile migliorarne le prestazioni lasciando questa casella non selezionata. Le travi tagliano sempre i solai quando i due elementi si collegano nello spazio (purch i rispettivi lucidi appartengano allo stesso gruppo di priorit di intersezione). Questo vale sia per la visualizzazione della Finestra 3D che per il calcolo dei volumi.

Le Travi possono essere tagliate con le Falde. Inoltre, le travi possono partecipare a tutti i tipi di Operazioni con Elementi Solidi, assieme ad altri elementi di costruzione. Nota: le intersezioni delle Travi sono valide anche se alcuni degli elementi che si congiungono si trovano su Lucidi attualmente nascosti. Ma se le travi congiunte si trovano su lucidi di diversi Gruppi Intersezione Lucido, l'intersezione tra le travi non avr luogo. Per altre informazioni, vedere Gruppo Intersezione Lucidi nell'Aiuto ArchiCAD.

Scale
Usare le funzioni della finestra di dialogo Settaggi Scala per creare e posizionare scale personalizzate e standard. Per ulteriori informazioni, vedere Settaggi Strumento Scala nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: la Libreria di ArchiCAD comprende numerosi oggetti GDL parametrici scala accessibili dalla finestra di dialogo Settaggi Scala, che funzionano in maniera largamente simile agli altri oggetti.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Per migliorare l'aspetto delle connessioni tra le travi in 3D, specialmente quando congiungono muri di altezze diverse, selezionare la casella di controllo di Connessioni avanzate per Muri e Travi in Opzioni > Preferenze Progetto > Elementi di costruzione. Il risultato in 3D visualizzer quindi correttamente la

162

Edificio virtuale

Scale Standard
Per disegnare una nuova scala sulla base di un tipo standard, attivare l'icona strumento Scala e fare clic sulla freccia a sinistra dell'anteprima per accedere al comando Crea Nuovo Scala. Sulla Pianta, le Scale sono rappresentate come simboli 2D utilizzando convenzioni architettoniche standard. Le scale possono essere visibili attraverso pi piani, ed il livello di dettaglio mostrato nel simbolo 2D varia in funzione della scala del disegno. In ArchiCAD sono disponibili due metodi per la creazione di nuove scale con StairMaker: Le nuove scale si creano sulla base del tipo di geometria predefinito, modificandone i parametri per adattarli alle proprie necessit. Nell'applicazione sono incorporati 17 tipi di base, che coprono quasi tutte le situazioni comuni, dalle rampe diritte ai gradini a ventaglio con o senza pianerottoli, fino alle scale a spirale o circolari. Vedere Scale Standard a pagina 163. Le Scale personalizzate possono essere generate a partire da una serie di elementi disegnati manualmente con gli strumenti Linea, Arco e Retino. Il comando Design > Crea Scala usando la selezione avvia il componente aggiuntivo StairMaker per permettere di aggiungere le opzioni e i dettagli necessari per definire una geometria su misura. Vedere Scale Personalizzate a pagina 173. In entrambi i casi, verr proposta la possibilit di salvare il nuovo oggetto per poterlo poi riutilizzare. Dal momento che le scale sono tipicamente specifiche per ogni progetto, si raccomanda di non registrarle in una cartella comune nella libreria, ma di preparare una cartella per elementi specifici del progetto e di registrarvi le scale create. Nota: per essere utilizzabile, StairMaker deve essere posizionato nella cartella Add-Ons di ArchiCAD che si trova nella stessa posizione di ArchiCAD, o nella cartella sistema (MacOS) o nella locazione definita nel Registro di Windows (Windows). Per altre informazioni, vedere Add-On a pagina 19.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Nella finestra di dialogo che si apre, usare i due pulsanti in alto per scegliere se costruire una scala o una rampa inclinata. Se si sceglie una rampa inclinata, i simboli di questi tipi di scala le cui geometrie potranno essere tradotte in rampa inclinata saranno automaticamente riformulati; tutti gli altri pulsanti diverranno grigi.

La finestra di dialogo visualizza i 17 tipi standard di scale che si possono creare con StairMaker (l'ultimo pulsante rappresenta le Scale Personalizzate disegnate con gli strumenti di disegno di

163

Edificio virtuale

ArchiCAD ed sempre visualizzato in grigio durante la creazione di scale standard). Scegliere il tipo di Scala/Rampa inclinata desiderato e fare clic su OK. Apparir la finestra di editazione delle scale per il tipo scelto. Qui si possono impostare i seguenti aspetti delle scale: Impostazioni di Geometria, Rampa e Pedata Struttura e Pianerottolo Parametri Pedata Attributi di Parapetti e Colonne Lista settaggi della Scala L'editazione vera e propria ha luogo su cinque pagine-scheda cui si accede facendo clic sui rispettivi grandi pulsanti sulla sinistra di questa finestra-procedura guidata. Qualsiasi modifica effettuata in una delle schede pu avere riscontro anche sulle altre quattro.

Geometria della Scala


La prima scheda della finestra di editazione contiene valori preimpostati per i parametri disponibili e un'anteprima del simbolo in pianta sulla destra. Le modifiche realizzate sui parametri geometrici hanno riscontro sulla forma di tale simbolo. Si noti che i numerosi comandi di questa scheda (Impostazioni Geometria, Rampa e Pedata) sono associati a icone di blocco/sblocco. Dopo aver definito tutte le impostazioni desiderate per la geometria e le rampe desiderate opportuno bloccarle. In mancanza di bloccaggio, le modifiche realizzate nelle pagine seguenti possono portare StairMaker a ricalcolare automaticamente questi valori. Se invece essi sono bloccati, StairMaker far in modo che le opzioni successivamente impostate siano compatibili con questa geometria di base. Nella figura qui sotto, per esempio, abbiamo bloccato l'altezza di una scala a 2800 mm e il numero dei sui gradini a 16. Questi valori non verranno mai cambiati, qualunque altro settaggio si imposti nelle altre pagine-scheda.

In questa pagina si impostano i parametri geometrici principali della scala: l'altezza del piano, i parametri di collegamento orizzontale, la larghezza della rampa, la lunghezza, la posizione della linea di passo, oltre al numero di gradini, la forma e il numero delle pedate nella serie di quelli a ventaglio, le dimensioni dei pianerottoli, il valore del dislivello di arrivo, l'angolo di chiusura delle rampe, ecc. I campi disponibili cambiano a seconda del tipo di scala. Nella parte inferiore di questa pagina-scheda possibile aggiungere un gradino aggiuntivo opzionale. Questo pu avere la stessa profondit di pedata degli altri gradini o essere personalizzato con una profondit diversa.

sul pulsante a destra per aggiungere una pedata di sbarco a livello del piano superiore. Verr aggiunta alla scala una pedata di sbarco come illustrato qui sotto.

Se lasciate a zero il valore relativo alla pedata di sbarco, essa avr la stessa profondit delle altre pedate. Per modificarne la profondit, digitate nel campo relativo un valore numerico positivo.

164

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Nella parte inferiore destra del dialogo, sono presenti i parametri per il Settaggio Gradini. Configurando questi parametri, potete definire la geometria dei gradini o langolo di inclinazione della rampa, basato sulla stessa geometria. Sulla destra di questi campi viene visualizzata la sezione longitudinale della scala, per darvi un riscontro immediato delle modifiche apportate.

Tutti assieme questi parametri definiscono il progetto della scala, come mostrato nellillustrazione sottostante.

La salita della scala risulta pi facile e confortevole se la somma di due pedate e unalzata (parametro 2*A+P) rientra nellintervallo tra 60 e 63 cm (o tra 24 e 25 pollici). Per assicurare questa condizione, potrete definire un intervallo di valori per il parametro 2A+P nella sezione Settaggio Pedata. L'ultimo parametro di questo gruppo non editabile. Mostra semplicemente il valore corrente del parametro 2A+P. Nota: I parametri della Geometria vengono definiti secondo una gerarchia molto rigorosa, che rende l'editazione della scala facile ed intuitiva. La definizione della geometria della scala si basa sulla regola 2A+P. Ogni volta che modificate un parametro, StairMaker verifica che il parametro 2A+P rientri nell'intervallo definito. In aggiunta a questa gerarchia, potrete bloccare uno o pi parametri cliccando sullicona a lucchetto. I parametri bloccati non saranno modificati. Se i parametri devono essere modificati, StairMaker tralascia quelli bloccati e cerca il successivo valore nella gerarchia. Se l'editazione risulta preclusa dal blocco di un parametro o se vengono bloccati troppi parametri, verr visualizzato un messaggio di avviso. Solitamente, sul piano di partenza della rampa viene visualizzata solo la parte inferiore della scala. La parte superiore della rampa dovrebbe essere visualizzata sul piano superiore. Sul simbolo della scala viene visualizzata una doppia linea di sezione che ne indica il punto di taglio. Tutti e quattro gli estremi della linea di taglio possono essere trascinati lungo i lati della rampa mentre le due linee rimarranno tra loro parallele. Se viene visualizzata l'intera rampa sulla pianta, il riposizionamento delle linee di sezione non avr alcun effetto. Alcune delle tipologie di scala disponibili prevedono una o due sezioni con gradini a ventaglio. Nellesempio seguente usando il tipo ad U con ventagli vedremo come vengono gestiti i gradini a ventaglio. Come potete vedere, una parte della scala evidenziata e tutti i gradini compresi in essa sono inclinati. La sezione evidenziata indica lintervallo di gradini a ventaglio della scala. Se lintera scala

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

165

Edificio virtuale

evidenziata, allora tutti i gradini sono a ventaglio e risultano inclinati rispetto alla linea di passo. I lati dei gradini al di fuori della sezione a ventaglio sono perpendicolari alla linea di passo. (Per una scala confortevole, lintervallo di gradini a ventaglio include almeno lintera parte curva della linea di passo, ed i gradini normali sono compresi nella parte diritta della rampa.)

Vedrete come i gradini non pi evidenziati acquisiranno pianta rettangolare. Si pu cambiare la forma anche di un solo gradino con un semplice.

Potrete modificare lintervallo dei gradini irregolari usando il mouse. Per prima cosa spostare il cursore all'interno del simbolo della scala (il cursore assume una forma che ricorda i puntatori utilizzati nei fogli elettronici).Premere il pulsante del mouse e, tenendolo premuto, spostare il cursore lungo la scala. Alcune pedate diventeranno bianche: in questo modo ridurrete lintervallo dei gradini trapezoidali. Rilasciate il pulsante del mouse e StairMaker mostrer il nuovo disegno della scala. Accertatevi di definire una sezione a ventaglio priva di gradini inclinati sovrapposti.

Per esempio, per rendere regolare il primo gradino della rampa dovrete cliccare sul secondo. La prima pedata diventer rettangolare e non sar pi evidenziata. Lintervallo dei ventagli vincolato al gradino centrale della curva, cio la serie di gradini modificati dovr sempre iniziare o terminare con questo gradino. Riducendo al minimo questintervallo da entrambi i lati otterrete una rampa simile a quella illustrata qui di seguito. In StairMaker, le due pedate che definiscono gli estremi dellintervallo dei gradini a ventaglio, hanno il lato perpendicolare alla linea di passo. Questi due limiti definiscono un segmento della linea di passo e un lato interno della rampa.

166

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Digita una dimensione per il gradino pi stretto nel lato interno della scala (s nell'illustrazione sotto) usando il campo del parametro nella sezione di Settaggi Rampa. StairMaker divider l'intervallo del gradino come dall'andatura mostrato. Questo valore rappresenta la dimensione interna del gradino centrale (o dei due gradini, se il numero dei gradini del ventaglio pari). In alternativa al ventaglio standard, potrete creare dei gradini a ventaglio radiali. Quando usate questo metodo, i lati delle pedate inclinate si incontrano in un singolo punto. Potrete attivare questa opzione cliccando sul pulsante Ventaglio radiale sulla destra. Potete modificare la posizione del punto di centro cliccando su di esso. Verr visualizzato un dialogo in cui potrete digitare i valori numerici di scostamento.

La posizione e l'offset sono visualizzati con un tratteggio. Se l'angolo smussato o arrotondato, l'offset viene comunque misurato dal vertice immaginario. Per una rampa con angolo personale, loffset simile al seguente. Con la tipologia rampa a U con gradini a ventaglio, StairMaker setta automaticamente il punto di incontro al centro della linea di passo ad arco.

Se si sceglie una Rampa diritta con ventagli agli estremi, possibile definire una lunghezza addizionale lungo gli estremi (sopra e sotto ) della scala. Gli angoli del primo e dell'ultimo gradino a ventaglio sono il risultato di questi settaggi. Nota: non si possono definire gradini a ventaglio radiali per questo tipo di scala. I tipi di scala con ventaglio permettono di arrotondare o smussare gli angoli delle rampe. Per eseguire questa modifica, portare il cursore su un angolo fino a che non mostra un simbolo di perpendicolare. Fare clic su uno degli angoli della scala per aprire un dialogo che fornisce tre possibili forme di angolo.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

167

Edificio virtuale

Langolo Retto la forma normale degli angoli. Quando iniziate a lavorare su una nuova scala, tutti gli angoli sono retti.

Potrete cambiare la forma dellangolo ogni volta che vorrete. Se portate il cursore su un angolo smussato o curvo esso assumer nuovamente la forma col segno di perpendicolare. Vedere anche Pulsante Geometria e Settaggi Rampa Scala/Rampa inclinata nell'Aiuto ArchiCAD.

Scegliete il pulsante di opzione Smussato nel dialogo. Apparir un campo di testo editabile dove potrete modificare la lunghezza dello smusso. Inserite un valore e cliccate su OK.

Struttura Scala
La struttura della scala si imposta nella seconda pagina-scheda della finestra di editazione delle scale. Il contenuto di questa scheda cambia in accordo con il tipo di struttura della scala. Nella sezione Struttura, potete scegliere tra cinque modelli tridimensionali di scala ed editare i relativi parametri. Sono disponibili le seguenti alternative 3D: Scala piena con gradini;

Ora usiamo lopzione Arrotondato sullaltro angolo.

168

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Scala con longheroni;

Scala piena:

Scala con traversi:

Solo pedate:

I solai superiore ed inferiore dovrebbero essere configurati in modo da unirsi esattamente con il simbolo bidimensionale della scala all'interno di ArchiCAD, a prescindere dal modello 3D scelto in StairMaker, anche se stato aggiunto alla scala un gradino superiore di sbarco. Nota: quando viene modificato il tipo di costruzione della scala, possono cambiare anche i campi per le pedate e l'aggetto, in accordo con le opzioni di costruzione correnti. I parametri per la struttura della scala cambiano in accordo con il tipo selezionato. Queste modifiche appariranno anche nella scheda per la geometria della scala e nei parametri della scala. Nella parte inferiore sinistra del dialogo, potete personalizzare gli spessori del solaio strutturale e della finitura sia per il piano inferiore che per quello superiore.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

169

Edificio virtuale

StairMaker regola automaticamente i parametri della scala secondo le specifiche della soletta. Nellesempio sottostante, la scala si connette al solaio superiore come indicato a sinistra e al solaio inferiore come illustrato a destra:

StairMaker gestisce le intersezioni modificando lo spessore del pianerottolo o della rampa. Potrete selezionare, nel dialogo, lopzione desiderata. Usando la seconda serie di opzioni potrete scegliere se la lunghezza del pianerottolo deve essere modificata lungo la rampa superiore o quella inferiore. StairMaker ricalcola i parametri con i nuovi valori e il simbolo bidimensionale della scala verr aggiornato di conseguenza. Una delle tipologie di scala previste ha due pianerottoli. Con questa tipologia, le vostre opzioni hanno effetto sia sul pianerottolo inferiore sia su quello superiore. A sinistra, il risultato nel 3D. A destra, la gestione automatica della superficie sottostante di una scala ad U con ripiano.

StairMaker regola automaticamente laltezza della scala prendendo come punto zero lestradosso del solaio inferiore. Se in ArchiCAD utilizzate un ulteriore solaio per rappresentare la pavimentazione, sufficiente specificarne lo spessore nel campo corrispondente. In tal modo posizionando la scala in ArchiCAD potrete indicare lelevazione zero nel dialogo settaggi delloggetto. Se non usate solai separati per la struttura e la finitura, azzerate il campo della finitura. Potete configurare lo spessore del ripiano, per quelle scale che prevedono uno o pi pianerottoli, nei campi editabili forniti nella sezione Ripiano della scheda Struttura. StairMaker ripulisce queste intersezioni sul fondo della scala tra rampe e ripiani se cliccate sul pulsante Cancella Intersezioni che si trova in basso nella scheda Ripiano. Verr visualizzato il seguente dialogo:

Nella sezione Attributi della scheda Struttura, potete definire il colore penna per le linee del contorno ed i materiali di ogni lato della scala per le viste 3D ed i FotoRendering.

Parametri Pedata
Le propriet delle singole pedate della scala si impostano nella terza pagina-scheda della finestra di editazione delle scale facendo clic sul terzo pulsante dall'alto, sulla sinistra. Nota: questa opzione non disponibile se la struttura della scala stata impostata su Scala piena o Rampa inclinata piena nella precedente pagina-scheda.

Scala piena.

Rampa piena
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

170

Edificio virtuale

Il contenuto di questa scheda cambia in accordo con i settaggi correnti relativi alla struttura della scala. Nella sezione Pedata della scheda potete configurare con esattezza i parametri della pedata della scala: definite lo spessore della pedata; definite laggetto frontale e laterale della pedata; definite lo spessore del rivestimento delle alzate. Nella sezione Attributi sezione della finestra, i menu a comparsa per il Colore Penna, il tipo linea e il materiale vi consentono di definire laspetto 3D dei gradini. Potrete assegnare un materiale diverso a ogni lato del gradino. Per altre informazioni, vedere Pulsante Settaggi Pedata nell'Aiuto ArchiCAD.

lato della scala (Modalit parapetto su lato singolo), o su un segmento selezionato (Modalit singolo segmento). La selezione dei segmenti indicata da una linea rossa nellarea di anteprima. La modalit selezionata attiva anche durante la configurazione dei montanti (vedi pi avanti). Cliccando sulla prima icona si selezionano tutti i segmenti nellanteprima della scala. I settaggi dei parametri avranno effetto sullintera scala. Sar usato un solo tipo di parapetto per lintera scala con lo stesso offset e gli stessi valori dei parametri per ogni segmento. Riguardo al valore di offset, il programma assicura automaticamente lintegrit del parapetto, quindi tutti i segmenti di parapetto verranno raccordati di conseguenza.

Parapetti
I parapetti della scala o della rampa inclinata si impostano nella quarta pagina-scheda della finestra di editazione delle scale. Qui sar nuovamente visibile un'anteprima del simbolo della scala che mostra le scelte correnti relative ai parapetti. Quando passate a questa modalit da una delle altre due (Modalit parapetto su lato singolo o Modalit singolo segmento) ogni rampa eredita il parapetto e il settaggio dei montanti dal primo segmento sul lato sinistro della rampa di partenza. Dopo aver cliccato sulla seconda icona, il parapetto sinistro e destro possono essere configurati indipendentemente. Per default il parapetto sinistro viene selezionato nellanteprima della scala. Per passare al parapetto destro, spostate il cursore sullaltro lato della scala fino a che non assume la forma a parapetto, quindi cliccate. I settaggi mostrati sullo schermo si riferiscono sempre al parapetto selezionato, ed ogni modifica ai valori verr applicata al parapetto selezionato. In questa modalit, il programma usa tipi di parapetto singoli per entrambe i lati della scala Usando i tre pulsanti sulla parte superiore della scheda potrete definire se la configurazione del parapetto effettuata su entrambi i lati dellintera scala (Modalit parapetti sullintera scala), su un solo
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

171

Edificio virtuale

Quando passate a questa modalit dalla Modalit parapetti sullintera scala, entrambe i lati ereditano i settaggi configurati nella modalit precedente. Quando passate a questa modalit dalla Modalit singolo segmento, le intere rampe ereditano i settaggi dai rispettivi segmenti inferiori di partenza. Cliccando sulla terza icona potrete definire il parapetto in modo indipendente per ogni rampa (segmento). Per default, viene selezionato il primo segmento del parapetto sinistro, come evidenziato nellanteprima della scala. Per selezionare un altro segmento, cliccate semplicemente su di esso. Usando questo metodo, ad ogni segmento pu essere assegnato uno specifico tipo di parapetto, e possono essere usati anche differenti valori di offset per ogni segmento della rampa. In questo caso, gli elementi del parapetto appartenenti a segmenti diversi non verranno automaticamente raccordati e adattati luno allaltro. Aggetti positivi o negativi, superiori e inferiori, possono essere definiti manualmente per ogni singolo segmento.

Nellarea di anteprima che visualizza la pianta della scala, ogni segmento del parapetto rappresentato con una linea che indica la mezzeria longitudinale del parapetto. Per disabilitare un parapetto, prima selezionatelo, quindi scegliete lopzione Senza Parapetto dal menu a comparsa dei Tipi di Parapetto. Una linea sottile indicher la sede del parapetto. I tipi e i parametri del parapetto selezionato devono essere configurati nella sezione Settaggi Parapetto. I tipi di parapetto disponibili sono elencati nel menu a comparsa posizionato nella parte superiore del dialogo. Il contenuto del menu dipende dalle definizioni di parapetto disponibili. Nellarea di anteprima del parapetto (sopra al menu dei tipi parapetto) potete vedere una piccola immagine del tipo di parapetto selezionato.

Quando passate a questa modalit da una delle altre due (Modalit parapetti sullintera scala o Modalit parapetto su lato singolo), tutti i parapetti ereditano i settaggi precedenti. I valori di aggetto dei parapetti diverranno identici a quelli automaticamente calcolati nella modalit precedente.

I parametri editabili, sotto il menu a comparsa sono generalmente validi indipendentemente dal tipo di parapetto. Essi definiscono la posizione del parapetto rispetto al lato della scala, laltezza dei montanti e della balaustra rispetto alla scala, e i valori di aggetto. Nella Modalit singolo segmento, laggetto inferiore e superiore sono relativi al segmento selezionato, nelle altre due modalit si riferiscono allaggetto inferiore del segmento di partenza e allaggetto superiore del segmento di arrivo. I parametri dei tipi di parapetto saranno visualizzati nella lista dei parametri aggiuntivi della finestra di dialogo Settaggi Scala. Il settaggio e la posizione dei montanti del parapetto sono definiti nella sezione Settaggio montanti. Se il tipo di parapetto scelto non prevede dei montanti, questa sezione non attiva. La posizione dei montanti, relativa alla mezzeria longitudinale del parapetto, pu essere definita con i vari pulsanti di opzione ed i campi editabili. La regola secondo cui i montanti vengono posizionati lungo i segmenti selezionati definita per mezzo dei pulsanti radio.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

172

Edificio virtuale

La posizione dei montanti pu essere definita in uno dei seguenti modi: configurando una distanza approssimativa tra montanti consecutivi (i montanti vengono posizionati lungo la rampa o il segmento alla distanza data luno dallaltro); posizionando un montante su ogni gradino (sui pianerottoli verr usata una distanza approssimativa); impostando il numero di montanti da usare. Se si attiva lopzione Snap allangolo, il programma posiziona automaticamente i montanti agli estremi dei segmenti, poi prosegue in accordo con le regole definite sopra. La posizione dei montanti inseriti automaticamente dal programma pu essere modificata singolarmente cliccando su un montante lungo il segmento di parapetto selezionato. Appare un dialogo dove pu essere impostata numericamente la posizione del montante. Qui sotto sono illustrati alcuni dei tipi di parapetto disponibili.

Scale Personalizzate
Con Crea Scala Usando la Selezione (menu Design), si potranno creare scale personalizzate attraverso il contorno della scala e la linea di riferimento disegnati con Strumenti ArchiCAD dedicati al 2D. I tipi di scale standard operano con dati geometrici prefissati. Se non trovate il tipo di scala che vi necessita fra i modelli predefiniti che risolvono la maggior parte delle esigenze progettuali, potrete definire la geometria della vostra Scala allinterno del progetto ArchiCAD. 1 Disegnate il perimetro preciso della scala con lo strumento Retino. Il retino che definisce la scala non pu contenere dei fori. Per altre informazioni, vedere Tipi di retino a pagina 27.

2 Definite la linea di passo usando Linee ed Archi tra loro connessi, all'interno del poligono Retino. I segmenti della linea di passo devono essere connessi correttamente, ad esempio non possono intersecarsi l'un l'altro o intersecare i lati del poligono Retino. Devono formare una catena di linee continua. Iniziate disegnando gli archi e le linee dal bordo iniziale della scala per definire la giusta direzione di salita. Note: Gli estremi della linea di passo devono finire esattamente sui lati del poligono Retino, ma non possono connettere due lati adiacenti o nodi del poligono Retino. Gli angoli allinterno della linea di passo definiscono i ripiani. Se la connessione tra due segmenti della linea di passo non tangente, essa definisce un ripiano. 3 Selezionare il poligono retino e tutti i segmenti della linea di passo

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

173

Edificio virtuale

il numero dei gradini; l'angolo d'inclinazione (parametri per lalzata e la pedata). Quando avete terminato, cliccate sul pulsante OK per creare automaticamente la scala nella posizione definita in ArchiCAD. A questo punto verr anche offerta la possibilit di dare un nome alla scala e di salvarla. La nuova scala sar ora visibile in Pianta e in 3D. Gli elementi originali in 2D non verranno cancellati automaticamente. 4 Scegliere il comando Design > Crea Scala usando la selezione per trasformare questi simboli della Pianta in oggetti scala. 5 Apparir la finestra per la selezione dei tipi di scala in cui saranno attive le tipologie che corrispondono alla geometria definita sulla pianta. StairMaker trova automaticamente i tipi di scala possibili per il disegno tracciato. Se nessuno dei Tipi di Scala predefiniti corrisponde allo schizzo, sar possibile soltanto definire una Scala personalizzata. Nota: se la geometria cos definita non pu essere interpretata da StairMaker, verr visualizzato un messaggio di errore che descrive il problema riscontrato. Effettuate le modifiche necessarie seguendo le regole di definizione della scala, e riprovate ancora. 6 Selezionate il tipo di scala e cliccate su OK. StairMaker visualizza la finestra di editazione della scala Per le scale personalizzate, alcuni dei parametri geometrici di base non sono disponibili, e l'altezza del piano bloccata per impostazione predefinita: E' possibile personalizzare quanto segue: parametri per la forma della scala;

Visualizzazione delle Scale


Come gli altri elementi, le scale possono essere visualizzate o soltanto sul loro piano ospite o anche su altri piani. Inoltre l'interruttore Sensibile al Piano nella lista dei Parametri della finestra di dialogo Settaggi Scala pu essere impostato in modo da personalizzare l'aspetto della scala sui diversi livelli. Nel seguente esempio abbiamo posizionato la stessa scala in pi tipi e con diverse opzioni, ma sempre visualizzata su tutti i piani.

174

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Da sinistra a destra
Parametro Sensibile al Piano Non Interrotta un senza Piano Sopra Tratteggio Linea senza sopra all'interruzione Tipo di linea al 4 Piano inferiore 1 2 Attiva senza senza senza 4 3 4 5 Attiva Attiva Attiva Attiva Attiva senza Attiva Attiva Attiva 4 9 4

Solai
I Solai sono i principali elementi solidi orizzontali dell'edificio in ArchiCAD. Vengono tipicamente utilizzati per modellare pavimenti e dislivelli. Sulla Pianta, i Solai sono rappresentati per mezzo del proprio perimetro.

E la stessa scala visualizzata un piano sotto (a sinistra ) e un piano sopra (a destra):

Nella rappresentazione in 3D, possibile assegnare materiali separati per ognuna delle tre superfici del solaio (superiore, inferiore e laterale).

Questo settaggio viene impostato singolarmente per ciascun oggetto scala. Nella finestra di dialogo Settaggi Scala si possono anche personalizzare la visualizzazione delle frecce SU e GI e il livello di dettaglio visibile alle varie scale di rappresentazione.

Nelle viste in Sezione, viene mostrato il retino sulle parti sezionate, mentre negli Alzati visualizzato solo il contorno del solaio.

I Settaggi per la Geometria del Solaio ed il suo aspetto sulla Pianta, in Sezione e nelle Viste del Modello si impostano tutti nella finestra di dialogo Settaggi Strumento Solaio. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Solaio nell'Aiuto ArchiCAD.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

175

Edificio virtuale

Creazione di Solai
Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Solaio, potrete iniziare a disegnare solai, utilizzando i Metodi Geometrici che trovate nella Palette Informazioni. I nuovi solai possono essere creati sia in Pianta che nella Finestra 3D.

Geometria Solaio
Ci sono tre Metodi Geometrici disponibili per i Solai nella Palette Informazioni. Con la prima icona a sinistra potete creare un Solaio Poligonale. Come per i Muri, apparir la pet Palette che vi permetter di disegnare segmenti lineari o curvi per il perimetro del Solaio. Selezionate un Solaio e attivate lo strumento Solaio, quindi disegnate un nuovo perimetro allinterno dellarea del solaio. Questo nuovo perimetro verr interpretato come un foro nel Solaio. Se avete dimenticato di selezionare il solaio prima di iniziare a creare un foro, il nuovo perimetro verr interpretato come un nuovo solaio, anche se si trova allinterno di un altro solaio. Per verificare, selezionate il solaio in pianta. Se avete creato un foro, i pallini di selezione appariranno su tutti i perimetri, sia interni che esterni, del solaio. In caso contrario potrete selezionare e cancellare il solaio creato accidentalmente. Se create un foro il cui contorno interseca il perimetro esterno del solaio ospite, o il contorno di altri fori dello stesso poligono, ArchiCAD mostrer un messaggio di avvertimento, ma il contorno del foro verr comunque creato. I poligoni dei solai auto-intersecanti potranno essere corretti automaticamente se modificate il perimetro successivamente, usando qualsiasi metodo di editazione della pet Palette.

Nota: se il poligono del Solaio interseca se stesso, apparir un messaggio di avvertimento, ma il Solaio verr comunque disegnato. La seconda e la terza icona permettono di creare un Solaio Rettangolare, o un Solaio Rettangolare Ruotato. Il rettangolo definito posizionando i vertici di due angoli opposti. Un solaio Rettangolare sempre allineato ortogonalmente con la griglia normale. Il metodo Rettangolare Ruotato richiede che venga prima definito un vettore di rotazione.

I solai e gli altri elementi


Se costruite un muro sopra un solaio, e un spigolo del muro coincide con una parte del perimetro del solaio, le linee coincidenti fra essi verranno automaticamente rimosse nelle visualizzazioni 3D. Questa caratteristica assicura viste esterne in rimozione linee graficamente corrette.

Creazione di fori nei solai


Potreste aver bisogno di realizzare dei fori nei solai per inserirvi altri elementi, per esempio una scala, o per creare il volume di un atrio aperto, esteso su pi piani.

176

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

I Solai possono partecipare a tutti i tipi di Operazioni con Elementi Solidi. I Solai, come altri elementi di costruzione, possono essere tagliati con le Falde. C, comunque, una differenza importante per i Solai: a differenza di Muri, Colonne e Travi, il taglio definitivo e non pu essere annullato nel dialogo Settaggi Solaio. Nota: non sempre le Colonne e Muri tagliano i Solai quando i due elementi sono posizionati nello spazio.

Ci sono due tipi di spigoli in una mesh: quelli definiti dallutente e quelli generati. I nodi definiti dall'utente sono sempre visibili. Quando i poligoni o i nodi sono a diversa quota e lopzione Mostra tutti gli spigoli attiva, ArchiCAD mostrer gli spigoli generati dalla connessione dei nodi della mesh. Ciascuno degli spigoli generati da ArchiCAD connette due nodi posti a quota diversa che non siano gi connessi da un spigolo definito dallutente. Non vengono quindi visualizzati i nodi contigui che hanno la stessa quota.

Creazione di Mesh
Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Mesh, potrete iniziare a disegnare le mesh. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Mesh nell'Aiuto ArchiCAD. Le nuove mesh possono essere create sia nella Pianta che nella Finestra 3D.

Posizionare elementi sul Solaio


Usare il comando Gravit per posizionare Muri, Colonne, Travi ed elementi di tipo Oggetto in relazione allelevazione di un Solaio. Per altre informazioni, vedere Gravit a pagina 81.

Geometria Mesh
La Mesh ha quattro metodi geometrici nella Palette informazioni. Si possono creare mesh Poligonali, Rettangolari e Rettangolari Ruotate, oppure Mesh a Pendenza Regolare. I primi tre metodi funzionano in modo simile agli strumenti di costruzione analoghi, per esempio Muri o Solai. Per una descrizione dettagliata, vedere Creazione di Muri a pagina 135.

Mesh
Le Mesh sono superfici di forma arbitraria create definendo lelevazione dei loro punti caratteristici e interpolandoli tra di loro. Sulla Pianta vengono mostrati solo il perimetro e gli spigoli interni della Mesh. Nel 3D, a seconda del metodo di costruzione scelto nella Palette Informazioni o nel dialogo Settaggi Mesh, otterrete mesh formate dalla sola superficie, dalla superficie con lati verticali (gonna) o costituite da un corpo solido. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Mesh nell'Aiuto ArchiCAD. Una mesh viene creata in funzione del piano di base e degli spigoli. Disegnate il contorno della mesh sul Piano di riferimento. Potrete poi elevare i punti caratteristici della superficie rispetto a questo piano.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Disegnare una mesh poligonale o rettangolare


Con i metodi geometrici Poligonale, Rettangolare o Rettangolare Ruotato, si hanno due fasi nel disegno di una mesh. Per prima cosa, disegnate un poligono allelevazione del piano di base che avete definito in precedenza nel dialogo dei settaggi. Potrete quindi editare il poligono dopo averlo selezionato.

177

Edificio virtuale

Cliccando sul perimetro esterno con lo strumento Mesh attivo si aprir la pet palette. Cliccando su uno dei suoi nodi, potrete editare lelevazione dei nodi se scegliete la corrispondente icona dalla pet palette. Con questa azione si apre il dialogo Altezza Nodo Mesh. Potrete inserire un nuovo valore di altezza nel campo editabile. Attivate la casella Applica a tutti per impostare tutti i punti della Mesh a questa nuova altezza. Cambiando lelevazione di un singolo nodo non si modifica lelevazione dei punti contigui. La freccia sotto il campo editabile apre un menu a comparsa in cui potrete scegliere un livello di riferimento per la modifica dellaltezza. Vedere anche Finestra di dialogo Altezza Nodo Mesh nell'Aiuto ArchiCAD.

Dovrete quindi inserire lelevazione di tre angoli della mesh; il quarto viene calcolato automaticamente. Alla conferma di questi settaggi, ArchiCAD disegner la mesh. Vedere anche Finestra di dialogo Mesh a pendenza regolare nell'Aiuto ArchiCAD.

Aggiungere nuovi nodi o fori alla mesh


Con lo strumento Mesh attivo, selezionate la Mesh a cui desiderate aggiungere dei punti. Disegnate una PoliLinea aperta o chiusa e terminate facendo un doppio clic allultimo nodo o cliccando sul pulsante OK della Palette Controllo. Si aprir il dialogo Nuovi Nodi Mesh. Usare questa finestra di dialogo per aggiungere nuovi punti o creare un foro. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Nuovi Nodi Mesh nell'Aiuto ArchiCAD. Se disegnate al di fuori del contorno del poligono esterno, solo i nodi allinterno del contorno faranno parte della Mesh. Potrete continuare nella costruzione della vostra mesh aggiungendo nuovi nodi, poligoni e configurando lelevazione anche in fasi successive.Se si aggiungono nuovi punti o si crea un foro in una Mesh, ArchiCAD offre diverse opzioni per definire il rapporto tra i punti appena creati e quelli esistenti.

Disegnare una mesh a pendenza regolare


Il metodo Mesh a pendenza regolare (il quarto nella Palette Informazioni) vi aiuta a creare velocemente mesh regolari con superfici formate da un piano inclinato. Dopo aver definito il contorno rettangolare della mesh, verr visualizzato il dialogo Mesh a pendenza regolare. Nella prima parte del dialogo, potrete definire il numero di divisioni lungo le due direzioni.

Posizionare Elementi sulla Mesh


Usare il comando Gravit per a posizionare Muri, Colonne, Travi ed elementi di tipo Oggetto in relazione allelevazione di una Mesh. Per altre informazioni, vedere Gravit a pagina 81.

Zone
Le Zone sono le unit spaziali del vostro progetto. Solitamente esse rappresentano stanze; ali di un edificio; corpi di fabbrica di una tenuta residenziale o aree funzionali di un edificio. Le Zone in 3D possono essere anche usate semplicemente per la modellazione delle masse.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

178

Edificio virtuale

L'area zona un'importante componente dei calcoli progettuali, ed possibile personalizzare il modo in cui vengono calcolate le aree zona e gli spazi delle zone in 3D. Le quote di Zona sono associative; ad ogni aggiornamento, le aree zona saranno ricalcolate in modo da riflettere tutte le modifiche intercorse. Nelle Viste 2D, le zone sono visualizzate come retini di zona collegati a Timbri di Zona. I Timbri di Zona sono Oggetti GDL parametrici intelligenti, il cui aspetto, contenuto e comportamento pu essere adattato alla pratica architettonica locale. Essi risiedono nella Libreria ArchiCAD. Il Timbro di Zona contiene informazioni scritte sul tipo di zona: nome, numero, area, e altri parametri opzionali delle zone; il contenuto esatto del Timbro di Zona dipende dai parametri impostati nella finestra di dialogo Settaggi Zona. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Zona nell'Aiuto ArchiCAD.

modello > Opzioni Vista Modello. Questi settaggi sono globali e si applicano a tutte le zone del progetto. Per impostazione di default, le zone sono visualizzate con il colore corrispondente alla rispettiva Categoria Zona. E' possibile variare le impostazioni della visualizzazione delle zone a seconda del tipo di documentazione che si intende produrre. Per esempio, per i piani di costruzione le zone saranno visualizzate mediante le impostazioni Retino Coprente, mentre le bozze e i documenti per l'approvazione visualizzeranno i Colori Categoria.

Categorie Zone
A ciascuna zona del progetto assegnata una categoria per indicare la destinazione della zona (per es., area pubblica, laboratorio, zona uffici). Per distinguere visivamente i diversi tipi di spazi nel progetto, tutti i retini di zona di una determinata categoria di zone possono essere visualizzati con il medesimo colore. Per altre informazioni, vedere Visualizzazione in 2D dei Retini di Zona e i Timbri di Zona a pagina 179. Alcune categorie delle Zone, in ArchiCAD, sono predefinite, si pu definire una propria categoria usando il comando Categorie Zone in Opzioni > Attributi Elemento. Per altre informazioni, vedere Categorie Zone nell'Aiuto ArchiCAD.

Per altre informazioni, vedere Pannello Opzioni per Retini e Zone e Pannello Pianta Zona nell'Aiuto ArchiCAD.

Spostare i Timbri di Zona


I Timbri delle Zone possono essere spostati indipendentemente dalla Zona: Clicca sul nodo del Timbro Zona.

Visualizzazione in 2D dei Retini di Zona e i Timbri di Zona


La visualizzazione dei Retini di zona e dei Timbri di zona in Pianta dipende dai settaggi impostati in Documento > Configura vista
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

179

Edificio virtuale

Scegli l'icona Sposta sotto-elemento dalla pet palette. Trascina il Timbro Zona alla posizione desiderata. Per ulteriori informazioni sui Timbri di Zona, vedere Pannello Timbro Zona nell'Aiuto ArchiCAD.

Scegliendo Contorni: Migliore, potrete vedere le Zone ombreggiate, circondate dagli elementi di costruzione. Gli elementi, o le loro parti, nascosti dal solido della zona non vengono visualizzati.

Visualizzazione degli Spazi di zona in 3D


Nelle viste 3D, le Zone appaiono come spazi tridimensionali. ArchiCAD esegue accurate analisi sugli attributi geometrici e quantitativi degli spazi di zona, quale che sia la complessit delle loro forme geometriche. Per altre informazioni, vedere Finestra 3D a pagina 117. Nota: possibile visualizzare le Zone in 3D come corpi solidi in modalit ombreggiato, e tutti gli altri tipi di elemento in modalit Filo di ferro. Per conseguire questo effetto (impostato per default nelle versioni precedenti di ArchiCAD), applicare la Combinazione lucidi predefinita Mostra Zone 3D Come Solidi.

Creazione di Zone
Nella finestra di dialogo Settaggi Zona, personalizzare i parametri relativi alla zona - nome, categoria, altezza, e contenuto del suo Timbro di Zona. Ora possibile definire la forma della zona. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Zona nell'Aiuto ArchiCAD. I metodi di definizione della Zona sono rappresentati da tre icone nella Palette Informazioni. E' possibile tracciare manualmente il contorno di una zona (mediante il Metodo Poligonale), o lasciare che ArchiCAD riconosca automaticamente una zona dagli elementi confinanti (mediante i due metodi di Riconoscimento Automatico). Nota: le colonne non possono essere usate come elementi di delimitazione di una zona. Qualsiasi metodo geometrico abbiate scelto, al termine della definizione del perimetro, apparir il cursore a Martello. Il clic successivo determiner la posizione del Timbro di zona. Il metodo Poligonale (manuale) la scelta migliore quando i contorni della
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Si noti che il valore di Z (altezza) di uno spazio zona non limitato dai suoi confini nella vista in 2D; lo spazio zona in 3D assume l'altezza definita nei Settaggi Zona (Altezza Zona.) Per vedere gli spazi zona in 3D, scegliere Visualizza > Elementi nella vista 3D > Filtra elementi in 3D e accertarsi che la casella di controllo Zone sia selezionata. Quando il modello visualizzato in modalit Ombreggia, selezionare Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Finestra 3D e scegliere lopzione Contorni: Bozza per visualizzare solo le Zone 3D senza gli altri elementi di costruzione.

180

Edificio virtuale

Zona non sono definiti chiaramente da elementi (ad es. quando si definiscono degli spazi per la pianificazione). Con questo metodo, dovrete semplicemente disegnare una PoliLinea (come fareste per qualsiasi altro poligono) cliccando su ogni vertice della zona. Alle Zone create con questo metodo non si pu cambiare forma geometrica usando il comando Aggiorna Zona. E' possibile editare una zona poligonale per via grafica selezionandola e utilizzando i comandi della pet palette. I due metodi per il Riconoscimento Automatico della Zona, Margine Interno e Linea di Riferimento , si basano sul fatto che solitamente le zone sono definite da muri perimetrali che ne identificano la forma, le cui uniche aperture sono porte o finestre. Nota: per impostazione predefinita, la Relazione con le Zone nel riquadro Lista ed Etichettatura di Settaggi Muro impostata a Limite verticale zona; ci significa che tutti i muri che racchiudono uno spazio chiuso sono considerati confini di zona per default. Per escludere un muro in quanto confine di zona, cambiare semplicemente il settaggio Relazione con le Zone a Nessun effetto sulle Zone. Per altre informazioni, vedere Relazione con le Zone a pagina 183. Similmente, Linee, Archi e Spline potranno servire da confini di zona automatici selezionando la casella di controllo Limite verticale Zona nelle rispettive finestre di dialogo Settaggi Linea (riquadro Generale). Per altre informazioni, vedere Computo dell'Area della zona a pagina 183. Se scegliete il metodo Margine Interno, ArchiCAD definir sempre una zona con area definita dai margini interni dei muri. Se scegli il metodo Linea di Riferimento, ArchiCAD considera le linee di riferimento dei muri come margini della zona. Si noti che nella rappresentazione grafica in Pianta, il retino di zona non coprir il simbolo del muro nemmeno se la linea di riferimento si trova sul lato esterno o al centro del muro, a meno che non lo imponiate scegliendo il comando Porta Avanti dal menu Edita > Ordine visualizzazione. Nota: nel caso di muri inclinati o complessi, il metodo della Linea di riferimento non considera la linea di riferimento del Muro, ma piuttosto il suo bordo interno.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Se i confini di zona voluti comprendono anche forme o muri isolati, potrebbe essere visualizzato un messaggio d'avviso al momento di posizionare il Timbro di Zona. Se ci accade, si deve fare clic pi vicino agli elementi del confine. In tal modo la zona verr creata correttamente. Se la zona ha delle aperture non costituite da Porte o Finestre, ArchiCAD prosegue la ricerca del perimetro allesterno dellarea spaziale che desiderate identificare come Zona. In questo caso, il risultato pu non essere quello atteso (vedi figura, in basso a destra).

In questo caso, la Zona chiusa: disegnando una linea usata come Confine di Zona; usando il metodo Poligono inserendo un'apertura finestra vuota

Facendo clic col cursore a forma di martello nel contesto della creazione di una zona si posiziona un Timbro di Zona. Il timbro non deve essere necessariamente posizionato allinterno del poligono della zona.

181

Edificio virtuale

Zone con Muri inclinati


Le Zone comprese tra uno o pi muri inclinati tengono conto accuratamente dellinclinazione geometrica. Tali zone sono visualizzate nella Pianta con due poligoni di zona separati: il poligono con punti di selezione editabili, che delimita la parte visibile della Zona sulla Pianta (sebbene tale poligono sia editabile, le modifiche apportate non avranno effetti sulla reale zona in 3D), e il poligono con punti di selezione normali, che indica l'estensione effettiva della base della zona in 3D (non possibile modificare la forma della zona editando questo poligono). Questo punto utilizzato come punto di partenza per il riconoscimento dei confini per le successive azioni di aggiornamento. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento delle zone a pagina 184.

Taglio della Forma della Zona


Gli spazi di Zona possono essere tagliati da Falde, Solai e Travi mediante il comando Edita > Modifica > Taglia > Taglia Zona. (Non possibile modificare con metodi grafici il poligono di una zona creato con il metodo automatico, giacch tali metodi non possono determinare la forma tridimensionale della zona.) possibile selezionare Falde, Solai e Travi e adattare a questi elementi la Zona in cui si inseriscono, oppure selezionare una Zona e quindi scegliere a quale tipi di elementi adattarla. Nota: lo spazio della Zona verr tagliato da qualsiasi elemento multipiano che lo intersechi su qualunque piano. Quando si taglia una zona secondo una falda, una casella di controllo offre la possibilit di ignorare i fori (ossia considerare eventuali fori nella falda come parte della falda stessa ai fini della determinazione dei confini di zona).

Punto di Riferimento Zona


Se posizionate il Timbro Zona con uno dei metodi di riconoscimento automatico, vedrete una croce apparire allinterno della Zona, nella posizione inizialmente cliccata per determinare larea. Questa croce indica il punto di riferimento della Zona.

182

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Potrete scegliere se tagliare la base o la sommit dei volumi di zona. Attivate le caselle corrispondenti per determinare se desiderate adattare le zone alle falde, ai solai o alle travi. Se nel progetto selezionato un solo tipo di elemento, ad esempio solo falde, tutte le caselle di scelta risulteranno non editabili. Se sono selezionati due tipi di elementi, risulter non disponibile solo la casella relativa allelemento non selezionato, e sar ancora possibile scegliere fra i due tipi attivi. Il taglio viene eseguito cliccando sul pulsante Cancella parte della finestra di dialogo.

Computo dell'Area della zona


Le misure delle aree delle zone sono normalmente visualizzate nella documentazione all'interno del Timbro Zona; esse inoltre fanno parte delle Liste Zona create con il menu gerarchico Documento > Abachi e Liste > Liste Zona. Il modo in cui ArchiCAD calcola l'area della zona dipende da svariate impostazioni: le opzioni Relazione con le Zone scelte per Muri e Colonne che definiscono l'area della Zona; Per altre informazioni, vedere Relazione con le Zone a pagina 183. la schermata Zone in Opzioni > Preferenze Progetto > Zone, contenente comandi globali per il computo delle rientranze dei muri e la rifinitura del calcolo di muri o colonne; Per altre informazioni, vedere Preferenze Zone. il riquadro Calcolo Area della finestra di dialogo Settaggi Zona, che consente di verificare l'area misurata della Zona e definire in modo pi raffinato i valori calcolati. Per altre informazioni, vedere Pannello Calcolo Area Zona nell'Aiuto ArchiCAD.

Relazione con le Zone


E' possibile personalizzare la Relazione con le Zone di ogni muro o colonna, ossia definire se la sua aree e/o il suo volume debbano essere compresi nel computo dell'area e del volume di una zona. Questa definizione si compie nelle finestre di dialogo Settaggi Muro e Settaggi Colonna, con un menu pop-up posizionato nel riquadro Lista ed Etichettatura. Le opzioni sono le seguenti: 1 Limite verticale zona (non disponibile per colonne inclinate): questa opzione significa che il muro o la colonna verticale situati all'interno di una zona non far parte dell'area della zona. Il confine di zona viene tracciato alla base del muro/della colonna. Gli elementi multipiano in modalit di visualizzazione automatica possono fare da confine di zona su uno qualunque dei piani in cui sono presenti e non soltanto sul loro piano ospite.

I tagli dei volumi di zona possono essere annullati selezionando la zona tagliata e cliccando sul pulsante Annulla taglio inferiore o Annulla taglio superiore situati nel pannello Modello del dialogo Settaggi Zona. Per altre informazioni, vedere Pannello Modello Zona nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: possibile anche scegliere di annullare il taglio quando si aggiornano zone modificate. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento delle zone a pagina 184.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

183

Edificio virtuale

2 Riduci solamente Area Zona significa che la zona 2D circonder la colonna, ma l'elemento Muro o Colonna non sar incluso nell'area zona (invece il Volume Zona, comprender l'elemento Muro o Colonna). 3 Riduci Volume Zona significa che quando si calcola il volume 3D della Zona, esso non comprender il volume di muri o colonne posizionati all'interno della zona. 4 Nessun effetto sulle Zone significa che l'elemento Muro/Colonna non ha effetti sulla zona; l'area e il volume della zona comprenderanno anche l'area coperta da muro o dalla colonna. L'esempio e la tabella seguenti saranno d'aiuto per la comprensione di quanto accade in una zona di 10 metri per 10 metri (di altezza standard pari a 2,70 metri) comprendente un pilastro quadrato di 1 metro per 1 metro.

Per regolare le Zone secondo i disegni aggiornati e ricalcolarne le rispettive aree, usare il comando Design > Aggiorna Zone. Questa funzione vi informa su qualsiasi problematica che si potesse verificare a qualsiasi Zona. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Aggiorna Zone nell'Aiuto ArchiCAD.

OGGETTI PARAMETRICI
Parte integrante del processo di progettazione di ArchiCAD il posizionamento degli oggetti in pianta. Per esempio, Porte e Finestre inserite in un muro sono oggetti cos come le Scale e le Lampade. I Marker, le Etichette e i Timbri di Zona sono anch'essi oggetti. Molti di questi oggetti sono accessibili usando strumenti specificamente dedicati a ciascuno di essi. Molti altri oggetti, come alberi e automobili, attrezzature da ufficio e sanitarie, sono invece disponibili mediante lo Strumento Oggetto. Gli oggetti sono parametrici. Ci significa che possibile configurarne liberamente l'esemplare collocato per mezzo della finestra di dialogo Settaggi Oggetto, o delle finestre di dialogo associate agli strumenti del tipo oggetto, senza effettivamente modificare il file esterno. Per altre informazioni, vedere Settaggi Oggetto degli elementi di tipo Elemento di Libreria e Settaggi Strumento Oggetto/Lampada nell'Aiuto ArchiCAD. Quando si posiziona un oggetto (a differenza di altri elementi di ArchiCAD), in realt si posiziona un'istanza di un file esterno situato in una libreria di oggetti. ArchiCAD viene fornito con una libreria standard di oggetti contenente centinaia di oggetti editabili preconfigurati (noti anche come oggetti GDL o Elementi di Libreria).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Opzione Limite Riduci solamente Area Riduci Volume Nessun effetto

area 99 m2 99 m2 99 m2 100 m2

Volume 267,3 m3 270 m3 267,3 m3 270 m3

Aggiornamento delle zone


Quando modificate il vostro progetto, le zone associative non si adeguano automaticamente alle modifiche.

184

Edificio virtuale

Per la maggior parte degli oggetti, il posizionamento si effettuer a partire dalla libreria standard mediante gli strumenti di ArchiCAD. A seconda del sottotipo degli oggetti, lo strumento che li riconosce e li posiziona pu essere lo Strumento Oggetto oppure uno strumento appositamente dedicato, per esempio lo strumento Scala o lo Strumento Lucernario. Se si apre un Progetto e la palette Resoconto Caricamento Libreria avverte che gli oggetti posizionati sono assenti dalla Libreria attiva, tali elementi non potranno essere visualizzati sulla pianta. (La posizione di Elementi di Libreria mancanti sono indicati da HotSpot indefiniti posti sulla pianta.) La maggior parte degli oggetti necessari per i progetti saranno rinvenuti nella Libreria di ArchiCAD - ossia la libreria di oggetti standard inclusa dal produttore. Per un pi facile reperimento degli oggetti di cui si necessita, tali oggetti sono organizzati in cartelle e sotto cartelle. La Libreria di ArchiCAD assai ampia, anche se le relative versioni localizzate contengono oggetti speciali localizzati secondo gli standard dei singoli paesi. Quando si attiva uno strumento dedicato ad un particolare sottotipo di Oggetto (per esempio Scala, o Porta), la finestra di dialogo Settaggi fa accedere soltanto alla relativa parte della Libreria di ArchiCAD. Per esempio, l'attivazione dello Strumento Finestra fornisce l'accesso a tutte le Finestre della Libreria ArchiCAD, ma non alle porte o agli Oggetti meccanici. Per informazioni su come posizionare gli oggetti con gli strumenti dedicati, vedere Oggetti speciali a pagina 198 e Extra Elemento a pagina 203. Lo Strumento Oggetto (icona sedia) accede ad un'ampia variet di oggetti che non fanno parte dei sottotipi dotati di strumenti dedicati. Questi oggetti sono ripartiti fra le tre cartelle principali, ossia Libreria di Base, Visualizzazione, e Libreria Add-On, e le loro numerose sottocartelle. Come si evince dai nomi delle cartelle, la Libreria di Base contiene Arredi di tutti i tipi (Letti, Sedie, Attrezzature da ufficio, ecc.), Decorazioni (come orologi e vasi) e articoli ricreativi (come un pianoforte, un tavolo da biliardo, una TV). Ulteriori cartelle contengono Strutture dell'edificio (come ringhiere e modanature); Elementi costruttivi speciali (come camini e imposte); Elementi meccanici (come condizionatori d'aria e ascensori); e gli Elementi 2D (come i simboli elettrici e grafici).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

La cartella Visualizzazione contiene elementi d'arredo ambientale (come gli alberi) e oggetti raffiguranti Persone e Veicoli.

Dove trovare gli oggetti da utilizzare in ArchiCAD


La libreria standard di ArchiCAD, consegnata come parte integrante del programma, contiene centinaia di oggetti standard predefiniti. Usando il flessibile Gestore della Libreria di ArchiCAD, possibile caricare librerie aggiuntive o singole parti di librerie in qualsiasi istante. Graphisoft pubblica varie librerie specialistiche complementari. Consultate il vostro distributore per ulteriori informazioni. Per altre informazioni, vedere Librerie a pagina 23. Su Internet, si trova un numero crescente di siti web dedicati agli Oggetti GDL, come l'Object Depository (archicad-talk.graphisoft.com/object_depository.php) o ObjectsOnLine (www.objectsonline.com). Il sito Web di Graphisoft (www.graphisoft.com) contiene un elenco di questi indirizzi. Inoltre il Plug-in GDL Web Control (www.graphisoft.com/products/archicad/object_technology/downloads) consente di visualizzare gli Oggetti GDL nel browser web e di scaricarli direttamente in un progetto ArchiCAD. Numerosi programmi o Add-Ons di produttori terzi consentono di creare o modificare gli Oggetti GDL. Questi oggetti contengono del testo GDL oltre a altri dati che dipendono dalla relativa applicazione. Consultate il vostro fornitore per informazioni sulla disponibilit di tali strumenti. Le librerie in DXF sono molto diffuse nellambiente del CAD e coprono praticamente ogni area di applicazione dellingegneria, dellarchitettura e del design. Molti produttori forniscono simboli o modelli dei propri articoli in formato DXF. ArchiCAD pu facilmente importare questo tipo di librerie. Gli elementi gi esistenti in ArchiCAD sono utilizzabili per creare e salvare oggetti personalizzati. Per altre informazioni, vedere Creazione grafica di Oggetti personalizzati a pagina 191.

185

Edificio virtuale

Se avete delle esigenze molto specifiche e nessun elemento di libreria preconfigurato le soddisfa, ArchiCAD vi consente una soluzione unica con l'uso del suo Linguaggio di Descrizione Geometrica (GDL). Usando questo ambiente di programmazione molto semplice, potete potenzialmente programmare qualsiasi elemento di costruzione come elemento di libreria. Per altre informazioni, vedere Programmazione di Oggetti personalizzati a pagina 194. E' possibile incorporare altre applicazioni in 3D. ArchiCAD pu importare qualsiasi modello 3D, come i MaxonForm e quelli creati con Zoom o Alias Wavefront. Queste sono applicazioni di modellazione 3D generiche, che consentono di realizzare forme a geometria libera. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione di MaxonForm nella cartella di documentazione di Graphisoft.

Visualizzazione di oggetti dipendenti dalla Vista


Molti oggetti possono avere un aspetto diverso nelle viste 2D e 3D. Nella vista in Pianta, il grado di dettaglio sensibile alla scala e dipende dalla configurazione in Documento > Scala Disegno Pianta. Nella finestra di dialogo Anteprima e Posizionamento dei Settaggi Oggetto, il comando Mostra sul Piano (ove disponibile) consente di controllare su quali piani vengono visualizzati gli oggetti: se solo sul loro piano ospite o anche su altri piani come semplice contorno. Per altre informazioni, vedere Mostra su/Collega a Piani: Visualizzazione in Pianta di Elementi su pi Piani a pagina 111. Potrete posizionare gli Oggetti sia in pianta sia nella Finestra 3D. possibile anche posizionare il simbolo 2D degli Oggetti nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Notate che molti elementi esclusivamente bidimensionali hanno simboli 2D specifici per luso in Pianta e in Alzato. Scegliete la vista appropriata nel pannello Anteprima e Posizionamento prima di posizionare lOggetto. Alcuni elementi complessi possono richiedere un certo tempo per la visualizzazione pienamente dettagliata in 3D. Un buon esempio di ci pu essere un albero realistico, o altre piante, composto da un numero molto elevato di poligoni. Nella libreria ArchiCAD di default,

potrete trovare diverse rappresentazioni per lo stesso tipo di Oggetto, in ragione dellutilizzo. Piante, persone e veicoli possono essere trovati sia nella cartella Elementi 2D sia nella cartella Visualizzazione. Le Persone e le Piante nella cartella Elementi 2D sono mostrati in viste di prospetto, e sono quindi intesi per lutilizzo nelle finestre Sezioni/Alzati. Luso di queste semplici rappresentazioni costituisce un risparmio di tempo. Anche i Veicoli sono elementi bidimensionali, ma questi hanno due o pi rappresentazioni: una vista dallalto per la Pianta, e viste di prospetto, frontali e/o laterali per le Sezioni/Alzati. Un commutatore, nella lista dei parametri, consente di scegliere fra le varie rappresentazioni. Le controparti di questi elementi, nella cartella Visualizzazione, sono rappresentazioni 3D complete intese per apparire nella Finestra 3D e soprattutto nelle immagini dei FotoRendering. La cartella Visualizzazione contiene anche alcuni elementi Immagine utilizzati per la mappatura di superfici (texture). Nelle viste in Ombreggia sono rappresentati come semplici retini mentre limmagine effettiva visibile solo nei FotoRendering. Se posizionate e attivate una Telecamera, limmagine sar sempre rivolta verso questa telecamera, per evitare distorsioni.

Inserimento di un oggetto
Tipicamente, nel posizionare gli oggetti seguirete i seguenti passi: 1 Selezionate lo strumento corrispondente nella Palette Strumenti e apritene il dialogo dei settaggi facendo doppio clic sullicona dello strumento. 2 Scorrete fra le cartelle disponibili della libreria per trovare lelemento appropriato. 3 Regolare i settaggi predefiniti in modo da adattarli alla propria situazione o intenzione specifica. Il file esterno non in alcun modo influenzato dalle modifiche effettuate nelle finestre di dialogo Settaggi Oggetto (Lampada, Porta, ecc.). Finestra di dialogo Settaggi. 4 Fare clic nella posizione desiderata e posizionare listanza personalizzata dellOggetto.

186

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Lhotspot primario pu essere definito nel pannello Anteprima e posizionamento del dialogo Settaggi Oggetto. Prima di posizionare lOggetto o la Lampada, accertatevi di aver selezionato lhotspot appropriato. Per altre informazioni, vedere Pannello Anteprima e Posizionamento Oggetto/Lampada nell'Aiuto ArchiCAD. Quando attivo lo strumento Oggetto o Lampada e portate il cursore allinterno di una finestra di costruzione, viene mostrato lingombro fantasma dellelemento che segue il movimento del cursore. Questo vi consente anche di verificare lhotspot utilizzato per il posizionamento. E' possibile disattivare l'ingombro fantasma in Opzioni > Ambiente di lavoro > Maggiori Opzioni. Nel posizionare lOggetto o la Lampada potete usare linput numerico, la gravit, le forzature del mouse e le griglie. Questi aiuti vi permettono di adattare i componenti o gli arredi agli angoli, in posizioni specifiche o in relazione luno allaltro con grande precisione. Nella Palette Informazioni sono disponibili quattro metodi geometrici per posizionare Elementi di Libreria di tipo Oggetto o Lampada. Il metodo Ortogonale posiziona elementi di libreria in allineamento con la griglia normale a meno che non specifichiate un angolo di rotazione prima del posizionamento, nellapposito campo del dialogo dei settaggi dellelemento. Per posizionare un elemento di libreria Ruotato, prima definire un punto di riferimento qualsiasi cliccando sulla pianta e poi, mediante la visualizzazione temporanea di una linea elastica (vettore di rotazione), definire il secondo punto per determinare l'angolo di Rotazione. Questa linea elastica pu essere forzata con i controlli Perpendicolare/Parallelo o con le forzature dellangolo previste. Il metodo Diagonale funziona come la metodologia di inserimento rettangolare gi descritta per gli elementi poligonali. Il metodo Diagonale ruotato funziona come la metodologia di inserimento rettangolare ruotata gi descritta per muri, solai, ecc.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Questi ultimi due metodi consentono di definire graficamente, sul piano di lavoro, i due parametri A e B delloggetto o della lampada. Notate che sono utilizzabili solo se lOggetto pu essere liberamente aggiustato; alcuni oggetti possono avere dimensioni fisse o proporzioni predeterminate. Il risultato di questa tecnica dipende anche dallhotspot primario. Come regola empirica, se selezionato un hotspot nellangolo delloggetto, potrete definire graficamente entrambi i parametri A e B. Se lhotspot lungo un lato delloggetto, potrete definire graficamente uno dei parametri e laltro verr preso dal valore impostato nel dialogo dei settaggi. Se scegliete un hotspot allinterno dellingombro del simbolo, nessuno dei parametri pu essere impostato graficamente e lelemento sar posizionato come se si usasse il semplice metodo Ortogonale o Ortogonale ruotato.

Manipolazione degli Oggetti


Sebbene la maggior parte delle tecniche di editazione illustrate nel capitolo Interazione si applichino anche agli Oggetti, vi sono alcune funzioni speciali che appartengono esclusivamente a questo tipo di elementi.

Selezionare un Oggetto Posizionato


A differenza dei muri e degli altri elementi costruiti al volo, il cursore pu saltare esclusivamente agli hotspot predefiniti nel simbolo dell'oggetto. Il cursore non sensibile ai bordi dei simboli degli oggetti. Gli Oggetti possono essere posizionati, selezionati e adattati agli altri elementi per mezzo di questi hotspot. (Potete selezionare velocemente un oggetto cliccando nella sua area, dopo aver provveduto all'attivazione della Selezione Veloce nello Palette Informazioni dello Strumento Freccia.)

Aggiustare Oggetti
Oggetti e Lampade possono essere aggiustati per mezzo dei loro hotspot, purch siano stati correttamente definiti, cio sui nodi e lati dellingombro del simbolo 2D. Altri hotspot non possono essere usati per stirare lelemento. Per verificare, selezionate lOggetto per visualizzarne gli hotspot.

187

Edificio virtuale

I parametri di base di ogni oggetto sono le sue dimensioni di Lunghezza e Larghezza, chiamate A e B nella lista dei parametri. Per esempio, se impostate misure A e B diverse per un tavolo tondo, otterrete un tavolo ellittico. Potrete personalizzare altri parametri dimensionali. Nel caso del tavolo, questi possono includere laltezza totale, lo spessore del piano, laltezza e lo spessore della struttura sotto il piano.

Potete usare sia il comando Aggiusta che lappropriata icona della pet palette per stirare lOggetto da un angolo o da un lato.

Notate che modificate i parametri A e B del simbolo, non il suo rettangolo di ingombro. Utilizzando testi GDL 2D parametrici, potrete facilmente creare oggetti i cui simboli abbiano dimensioni che non corrispondono ai parametri A e B. Se realizzate un simbolo di questo tipo, accertatevi di definire degli hotspot ai vertici di un rettangolo di dimensioni A*B. Questi vi daranno la possibilit di aggiustare graficamente il simbolo.

Noterete che alcuni parametri interagiscono luno con laltro. Nellesempio del tavolo ellittico, non potete cambiare il numero delle sue gambe che sar sempre 4. Il campo del parametro Numero gambe rimane in grigio. Daltra parte, se il tavolo rotondo, il parametro Numero gambe diventa attivo, e potrete scegliere di avere un tavolo con una, tre o quattro gambe.

Regolazione dei Parametri


Una caratteristica comune degli strumenti di tipo Oggetto (Porta, Finestra, Oggetto, Testa Muro, Lucernario, Lampada e Scala) che il loro dialogo dei settaggi include un pannello Parametri. Prima di posizionare l'Oggetto si possono personalizzare molti parametri nella finestra di dialogo dei settaggi. Inoltre gli Oggetti posizionati possono essere selezionati per modificare i loro parametri. Per informazioni sulla trasmissione di parametri modificati da un oggetto ad un altro, vedere Trasferimento parametri tra Oggetti a pagina 189. Il numero di gambe, a sua volta, ha un effetto sul tipo di gambe disponibili. Queste possono essere scelte nel menu a comparsa della lista parametri, o nel pannello Settaggi personali delloggetto.

188

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Mentre la maggior parte dei parametri ha un effetto pi evidente nella vista 3D dellOggetto GDL, vi sono dei casi particolari nei quali viene interessata solo la vista planimetrica. Attivando la casella Spazio minimo (presente in molti Oggetti della Libreria ArchiCAD di default) si aggiunger una campitura al simbolo di Pianta dellelemento. Questo rappresenta l'area che si vuole mantenere libera. Possono essere personalizzati anche i pi piccoli dettagli degli Oggetti. Per lelemento Finestra 1 anta, potrete sperimentare diversi valori per la suddivisine interna.

Trasferimento parametri tra Oggetti


Se editate il parametro di un oggetto nel pannello Parametri - per esempio, cambiate la larghezza e l'altezza dell'apertura di una finestra - quelle modifiche saranno effettive quando cliccate su OK per chiudere la finestra di dialogo. Quindi potete posizionare l'oggetto con i suoi parametri modificati.

Quando selezionate un oggetto diverso - per esempio, cambiate da una finestra ad un'anta ad una a due ante - ogni modifica di parametro eseguita sulla finestra ad un'anta sar persa, e i settaggi della finestra torneranno ai loro default. In ogni caso, c' un modo per trasferire anche le modifiche dei parametri a un nuovo oggetto da selezionare: quando passate all'altro elemento di libreria, premete Ctrl+Alt (MacOS: Cmd+Opt) mentre cliccate sul nuovo oggetto. Il cursore assumer la forma a siringa, indicando che i parametri dell'oggetto corrente saranno trasferiti al nuovo oggetto selezionato.

Hotspot GDL Editabili


A seconda del modo in cui sono programmati, gli Oggetti GDL possono disporre di hotspot editabili intelligenti (punti di selezione).
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

189

Edificio virtuale

Tali hotspot editabili GDL sono riconoscibili per la loro forma a rombo. Nel selezionare questi oggetti, fare clic su un hotspot editabile e scegliere l'appropriata icona (Aggiusta o Muovi nodo) della pet palette. Fare clic su un hotspot editabile GDL provoca la visualizzazione nell'Ispettore del parametro editabile. Fare clic sul tasto Tab per immettere un valore per il parametro GDL. Il colore degli hotspot editabili GDL pu essere impostato in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento.

Crea Patch
Con il comando Documento > Extra Documento > Crea Patch, possibile salvare la forma racchiusa dall'Area di Selezione 2D come elemento 2D parametrico di Libreria. Potrete usare pi tardi questo adesivo nei progetti per fornire i dettagli necessari nelle viste di Pianta e di Sezione/Alzato, risparmiando tempo nella modellazione. Per creare un Patch, racchiudete unarea della Pianta o della finestra Sezione/Alzato con lo strumento Area di Selezione, e attivate il comando Documento > Extra documento > Crea Patch. Il dialogo che appare vi consentir di specificare nome e posizione dellelemento creato.

La forma a romboidale degli hotspot serve per segnalare che, oltre alla modifica per via grafica, possibile anche la modifica numerica diretta mediante l'Ispettore (si pu ad esempioimmettere la larghezza di un battente di una finestra) per mezzo dellhotspot stesso (purch si sia selezionata la relativa opzionenella pet palette). Nella figura sotto, l'Ispettore compare mostrando il parametro Larghezza della traversa se si sceglie l'Icona Aggiusta dalla pet palette.

Gli hotspot romboidali e la palette di editazione ad essi associata sono disponibili anche nella finestra 3D. Nella figura sotto, occorre scegliere Muovi nodo alla pet palette per attivare il parametro Larghezza della traversa. Nota: gli hotspot romboidali vengono visualizzati soltanto per le opzioni di editazione che producono una possibilit di modifica di un parametro specifico nell'Ispettore. Nessun altro tipo di funzione necessariamente associata a questo tipo di hotspot.

Se attivate lopzione Posiziona Patch ora, posizionerete lelemento creato immediatamente dopo la sua registrazione. Nota: Gli oggetti creati in questo modo possono beneficiare di un comportamento parametrico, specificato da uno speciale documento (template) nella libreria ArchiCAD. Se questo documento manca dalle librerie attive, potrete ancora registrare delle patch, ma esse saranno dei normali adesivi senza alcuna intelligenza. Se ArchiCAD non riesce a trovare il Patch Template, vi avviser del problema, e potrete decidere se continuare con la procedura in corso o annullare loperazione di registrazione.

190

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Salvare Elementi di Libreria dalla Pianta


I disegni 2D e 3D creati in pianta con gli Strumenti AC possono essere salvati come parte di libreria. L'utente AC non necessita nella conoscenza del GDL per creare alcuni elementi. Gli Oggetti generati con questo metodo possono essere memorizzati nel formato Testo GDL editabile o nel Formato Binario 3D non editabile. Gli utenti possono modificare gli script degli oggetti aggiungendo nuove funzioni o parametri attraverso la scrittura GDL. Ogni strumento ArchiCAD ha un equivalente comando GDL che pu essere utilizzato nello scritto GDL 2D sia 3D dell'oggetto generato. Il documento pu essere salvato come oggetto, porta o finestra. Di conseguenza gli elementi di libreria generati saranno disponibili dalle finestre di settaggio Oggetto, Porta o Finestra dei relativi strumenti.

Creazione grafica di Oggetti personalizzati


Se non riuscite a trovare l'elemento di libreria di cui necessitate, potete creare il vostro oggetto GDL. Non avete bisogno di definire nessuna programmazione; alcune tecniche che usano i familiari Strumenti ArchiCAD vi permettono di disegnare e salvare facilmente un vostro oggetto personale usando questi strumenti come forme base (indipendentemente dal loro intento originario). Vedi le seguenti sezioni: Salvare Elementi di Libreria dalla Pianta a pagina 191 Gerarchia Sottotipo a pagina 191 Salva Modelli 3D come Oggetti a pagina 192 Registrazione di Porte e Finestre rettangolari dalla Pianta a pagina 193 Salvare Porte e Finestre di forma personalizzata dalla Pianta a pagina 194.

Gerarchia Sottotipo
Tutti gli Oggetti GDL hanno un sottotipo, organizzato in una gerarchia ad albero basata sulla struttura delle entit IFC (Industrial Foundation Classes). I sottotipi permettono di organizzare gli elementi di libreria secondo un sistema logico. Anche gli Add-Ons utilizzano i sottotipi per identificare i propri corrispondenti elementi di libreria. I sottotipi di ArchiCAD sono controllati dai template dei sottotipi degli oggetti. Quando create un nuovo Oggetto GDL, ArchiCAD vi consente di scegliere per il vostro elemento uno dei sottotipi disponibili. Ogni sottotipo ha una serie di parametri obbligatori che definiscono il comportamento o la funzionalit degli elementi che ne fanno parte. Alcuni dei sottotipi includono caratteristiche aggiuntive chiamate gestori (handlers). Questi definiscono se un elemento che appartiene al sottotipo pu essere richiamato come oggetto generico, con un clic sullicona dello strumento Oggetto e la sua scelta nella finestra di dialogo Settaggi Oggetto, o come oggetto specifico, dotato di una propria icona nella Palette Strumenti (per esempio Porta, Finestra,

Intaglio di un rosone gotico, modellato con i solai e con le falde.


Guida di riferimento di ArchiCAD 10

191

Edificio virtuale

Finestra dangolo, Lucernario, Etichetta, Scala) o posizionato da funzioni o comandi speciali (per esempio Timbro di Zona, e oggetti RoofMaker). Per reperire un elemento in base al suo sottotipo, scegliere Archivio >Librerie e Oggetti > Apri Oggetto. Dall'elenco a discesa Tipo file, scegliere il sottotipo degli oggetti che si desidera consultare.

Salva Modelli 3D come Oggetti


Tracciare il modello 3D desiderato sulla pianta di ArchiCad usando gli Strumenti di costruzione (Solaio, Muro, Mesh, Falda ecc.). Per esempio, potete creare un tavolo il cui piano costituito con il solaio mentre le gambe sono costituite con lo Strumento Colonna. Se possibile disegnatelo vicino all'Origine del sistema di coordinate.

Salvare Simboli 2D come Elementi di Libreria


Disegnare sul piano il simbolo 2D desiderato usando gli strumenti 2D (linea, testo, retino ecc.). Se possibile disegnatelo vicino all'Origine del sistema di coordinate. Posiziona ad ogni punto, dove si vuole il cursore trovi l'oggetto, gli hotspot. Seleziona gli elementi del disegno desiderato. Salva l'oggetto con il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Salva Selezione come. Si deve specificare un nome ed un percorso per l'Elemento di libreria generato. Posizionalo con lo Strumento Oggetto. Nota che l'oggetto creato stirabile, ma risulter distorto dopo lo stiramento poich non stato scritto in modalit parametrica. Se si desidera apportare modifiche all'oggetto, selezionarlo ed aprirlo con Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto.

Seleziona gli elementi desiderati del modello ed apri la Finestra 3D. Nella finestra di dialogo Visualizza > Modalit Vista 3D > Settaggi Proiezione 3D, impostare la Vista 3D come Pianta dall'alto della parte di libreria generata. ArchiCAD ruoter automaticamente l'elemento di libreria in accordo con queste configurazioni. Se il suo modello posizionato sulla pianta (come nell'illustrazione del tavolo), si usino le impostazioni seguenti: vista pianta dall'alto, azimut = 270. Se il modello giace su un lato ( vedi l'oggetto sedia sotto) usare le seguenti configurazioni: vista Fronte, azimut = 90. Se non volete mostrare tutte le linee del modello nel simbolo 2D, selezionate la rappresentazione Rimozione linee oppure Ombreggia. Salva l'oggetto con il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Salva Selezione come. Dovete specificare un nome ed un Percorso per l'Elemento di Libreria creato.

192

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Nella finestra Salva come Elemento di libreria che appare, configura l'opzione di registrazione desiderata. Seleziona l'opzione Registra come Oggetto. Se non volete includere nel Simbolo 2D le linee coincidenti, vista l'opzione Rimuovi dal Simbolo le linee coincidenti. Se si desidera poter modificare l'Elemento di Libreria in seguito, selezionare formato Testo GDL Editabile. Posizionare l'Elemento di libreria con lo Strumento Oggetto. Notare che l'oggetto creato stirabile, ma dopo lo stiramento sar distorto poich non stato scritto in modalit parametrica. Se volete modificare successivamente l'oggetto, selezionatelo ed apritelo mediante Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto.

(Solaio, Muro, Mesh,falda ecc.). Il modello deve giacere sulla Pianta alla quota zero. La sua faccia inferiore sar la faccia esterna della finestra / porta. ArchiCAD automaticamente ruoter di 90 l'oggetto inscrivendolo in un foro di forma rettangolare che si rivela dopo essere stato inserito in un muro. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Porte e Finestre della Guida di riferimento GDL (un documento PDF nella cartella ArchiCAD > Documentazione nel menu Aiuto di ArchiCAD). Seleziona gli elementi desiderati del modello ed apri la Finestra 3D. Potete utilizzare qualsiasi configurazione di proiezione 3D. Salva l'oggetto con il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Salva Selezione come. Dovete specificare un nome ed un Percorso per l'Elemento di Libreria creato. Nella finestra Registra come Elemento di Libreria che appare possibile configurare le opzioni di registrazione. Seleziona l'opzione Registra come Finestra o Registra come Porta. Se non volete includere nel simbolo 2D le linee coincidenti selezionate l'opzione Rimuovi dal Simbolo le linee coincidenti. Se si desidera poter modificare l'Elemento di Libreria in seguito, selezionare il formato Testo GDL Editabile. Posizionalo con lo Strumento Finestra o Porta. Notare che l'oggetto creato stirabile, ma dopo lo stiramento sar distorto poich non stato scritto in modalit parametrica. Se volete modificare successivamente l'oggetto, selezionatelo ed apritelo mediante Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto.

Registrazione di Porte e Finestre rettangolari dalla Pianta


Disegnare il modello 3D desiderato della porta o finestra sulla pianta utilizzando gli Strumenti di costruzione di ArchiCAD
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

193

Edificio virtuale

Salvare Porte e Finestre di forma personalizzata dalla Pianta


Questo metodo simile a quello usato per registrare le Finestre/Porte rettangolari; l'unica differenza sta nel primo passo quando viene definito il modello in pianta: Create il modello 3D della personale forma della finestra o porta come descritto nella precedente sezione. Posiziona un solaio o una Falda che ha un contorno foro/nicchia desiderato. Seleziona questo solaio o Falda e aprite la sua finestra Settaggi. Vai nel pannello Lista ed Etichettatura e cambia il suo ID in Wallhole se si vuole creare un foro oppure Wallniche se si vuole creare una nicchia nel muro.

Per altre Informazioni


Il volume in lingua inglese Introduction to Object Making, scritto dal noto esperto del GDL David Nicholson-Cole e pubblicato da Graphisoft, fornisce unintroduzione di facile lettura alla creazione di Elementi di Libreria con e senza lutilizzo del GDL.

Programmazione di Oggetti personalizzati


Se volete andare oltre le possibilit offerte dai metodi menzionati sopra, o se avete bisogno di elementi per i quali la forma possa essere controllata per mezzo di parametri modificabili dallutente, il passo successivo sar lutilizzo del GDL e dellambiente di programmazione fornito da ArchiCAD. Nel modificare i parametri oggetto, pu essere utile attivare la barra strumenti Edita Elementi di Libreria GDL (Finestre > Strumenti > Edita Elementi di Libreria GDL) per un rapido accesso ai comandi di uso frequente. Tale barra pu essere aggiunta alla struttura dei menu di ArchiCAD mediante la finestra di dialogo Ambiente di Lavoro.

Da questo punto seguite le istruzioni date alla precedente sezione. Potete creare un foro con forma personalizzata nel muro a partire da un Solaio o da una Falda il cui ID sia Wallhole o Wallniche. Solai e falde che includono questi ID non saranno implementati come forme 3D degli oggetti porta e finestra ma saranno utilizzati per la definizione del foro o della nicchia nel muro. Wallhole e Wallniche sono comandi GDL usati per creare fori o nicchie nei muri. Potete combinare pi solai o falde per creare complessi fori o nicchie. Poich possibile definire un angolo d'inclinazione per le falde, potete creare dei fori nel muri non perpendicolari.

La creazione di nuovi Oggetti e la modifica di quelli esistenti gestita in un unico ambiente: la Finestra Principale Oggetto GDL. In questa finestra potrete aggiungere o modificare i Parametri, i Componenti, le Descrizioni, gli Script ed il Simbolo 2D dellOggetto GDL. Per altre informazioni, vedere Finestra Testo GDL Master nell'Aiuto ArchiCAD. Ogni Oggetto GDL pu comprendere un simbolo sensibile alla scala, che lo rappresenta nella vista in Pianta, una serie di parametri che definiscono le possibili variazioni della famiglia di prodotti, e uno script 3D che descrive la complessa geometria dellelemento. La vista 3D dellOggetto GDL generata dallo script 3D che tiene conto delle scelte effettuate dallutente sui parametri. La programmazione GDL non si limita alla geometria; potete creare elementi con molti attributi utili, inclusi costo, disponibilit e texture. Alcuni Oggetti GDL non contengono alcun dato geometrico. Per esempio, le macro sono file di solo testo a cui fanno riferimento altri Oggetti, evitando la necessit
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

194

Edificio virtuale

di includere lo stesso script nel file di ciascuno di questi Oggetti, mentre gli Oggetti Attributo contengono solo dati descrittivi che vengono usati per calcolare le quantit degli elementi. Per modificare un oggetto gi posizionato nella pianta, selezionatelo e scegliete Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto. Viene visualizzata la finestra Master Oggetto GDL. Per modificare un Oggetto GDL selezionato da una libreria, scegliete Archivio > Librerie e Oggetti > Apri Oggetto e selezionate nella finestra di dialogo della directory l'Oggetto GDL che volete editare.

Scegliendo Registra quando attiva una finestra di un Oggetto GDL si salver lOggetto; il progetto non viene influenzato dal comando.

Per altre Informazioni


La Guida di riferimento GDL (vedere la sua versione PDF nella cartella ArchiCAD > Documentazione o nel menu Guida di ArchiCAD) un ausilio per apprendere il potente Linguaggio di descrizione geometrica di ArchiCAD, utile a rifinire il progetto con oggetti, ornamenti e altri dettagli di propria concezione.

Componenti Personalizzati
In ArchiCAD 10, possibile salvare come file GDL gli elementi creati sulla Pianta, in modo da farli diventare dei componenti personalizzati degli Elementi di Libreria GDL esistenti. Un esempio di Componente Personalizzato pu essere il pannello di una porta o il tipo di lavello di un mobile per cucina. Nel caso di un Pannello porta si pu creare un solaio che pu quindi essere salvato come Pannello porta personalizzato. Tutte le Porte che fanno uso di tipi di pannelli personalizzati (dotati di questo tipo di parametri nella loro Lista Parametri) potranno fare uso di questo Pannello porta personalizzato di nuova creazione. E' possibile creare componenti personalizzati per tutti i tipi di elementi GDL (Finestre/Porte/Oggetti ecc.) Ci consente di espandere il numero di opzioni disponibili nelle librerie qualora le opzioni di default non corrispondano alle proprie esigenze specifiche. Per mostrare solo gli elementi di una delle librerie caricate nella finestra di dialogo della directory, fate clic sulla freccia accanto a Vai alla Libreria e scegliete una delle vostre librerie correnti. Usate il campo Tipo File (Mostra, su MacOS) per visualizzare gli Oggetti GDL in base al formato di file. Selezionate un file e cliccate sul pulsante Apri. Viene visualizzata la finestra Master Oggetto GDL relativa tale oggetto. Per modificare l'oggetto aperto, usare i comandi di editazione della Finestra Master Oggetto GDL. In questo caso starete lavorando sul file esterno stesso, non su una istanza posizionata, e ci significa che le modifiche apportate al file esterno influiranno su tutte istanze posizionate del dato Oggetto GDL ad eccezione dei valori dei parametri.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

195

Edificio virtuale

Ammettiamo che nella Libreria sia disponibile una Porta normale (nell'esempio la D1 10.dor ) e si intenda creare per essa un nuovo Pannello porta. Eseguire questi passi: 1 Creare il Pannello porta con gli Elementi di costruzione di ArchiCAD (come Solai), sulla Pianta. Nel caso di pannelli personalizzati di Porte/Finestre, ci che si disegna nel piano X-Y della Finestra Pianta verr messo in piedi nell' Elemento di Libreria Finestra/Porta (ruotato di 90 gradi attorno all'asse X come descritto nella Guida di riferimento GDL). Ci non si applica, tuttavia, ad altri tipi di componenti personalizzati. 2 Selezionare l'elemento o gli elementi disegnati e scegliere il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Salva Componente Personale.

4 Viene quindi visualizzata una finestra di dialogo ove specificare il tipo di Componente Personale nel quale salvare gli elementi. Le opzioni del Pannello porta personale e del Pannello finestra personale non necessitano di spiegazioni. Un esempio di Componente DW Hardw personalizzato potrebbe essere un pomello porta personalizzato. Un esempio di Componente Oggetto personalizzato potrebbe essere un mobile per cucina con lavello o rubinetto personalizzato. Un esempio di Componente simbolo 2D personalizzato potrebbe essere una vista in 2D del mobile per cucina con lavello o rubinetto personalizzato. 5 Quindi specificare la posizione ed il nome del file appena creato.

3 Se non sono stati selezionati elementi, il comando richiede di selezionarli. 6 L'oggetto salvato verr caricato insieme alle Librerie disponibili. Esso diverr immediatamente disponibile come Tipo di pannello

196

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

porta personalizzato. Perch ci avvenga non necessario ricaricare le Librerie.

Il Pannello porta appena creato viene applicato alla Porta.

Si noti che se lo si salva come tipo diverso da Pannello porta personalizzato, l'oggetto salvato non sar disponibile qui, ma piuttosto nella posizione pertinente (definita dal tipo sotto il quale sar stato salvato). 7 Nella Finestra di dialogo Settaggi Porta, impostare il valore desiderato per il parametro Nome pannello personalizzato (se stato definito un solo Componente personalizzato, il parametro verr automaticamente impostato su quel valore). Impostare il parametro Stile pannello porta su Pannello personalizzato. Quindi premere OK per accettare le modifiche.

Note: La posizione in Pianta dell'elemento da cui si creato il Componente personalizzato non ha alcuna importanza. ArchiCAD lo posizioner automaticamente nella posizione appropriata nell'oggetto di libreria. Quando si applica un componente personalizzato, ArchiCAD lo ridimensiona automaticamente se necessario. Per esempio si pu creare un Componente personalizzato di tipo Pannello porta di dimensioni 1000 x 2000 mm. Se si lavora con una porta che misura

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

197

Edificio virtuale

800 x 2000 mm, con telaio libero di 50 mm su tutti i lati, il Pannello Porta sar ridimensionato alle misure 700 x 1950 mm. Il programma allungher o restringer in proporzione tutte le parti del Componente personalizzato Pannello porta per adattarlo a tali dimensioni. E' bene impostare i valori desiderati degli attributi (Penna, Materiale etc.) del Componente Personale prima di salvare l'oggetto. Tali valori saranno in seguito applicati al componente quando verr utilizzato nel Progetto.

Oggetti speciali
Questa sezione descrive gli oggetti specializzati: Porte, Finestre, Lucernari, Teste Muri, e Oggetti Scala Parametrici.

Porte e Finestre creano reali aperture nei muri, in modo che la visualizzazione 3D risulti pi accurata e realistica. Ad ogni modo i pannelli vetrati sono rappresentati come superfici solide, consentendo di avere aperture opache che permettono di generare degli alzati standard. Nei FotoRendering, il materiale vetro consente il passaggio della luce e lascia vedere attraverso le finestre e le porte a vetri. La geometria della Finestra o della Porta definita dalle informazioni contenute nellElemento di Libreria. Mentre alcuni elementi generici consentono un ampio margine di libert nella modifica di forme e dimensioni, realizzazioni pi specifiche corrispondenti ad elementi reali, che si trovano nei cataloghi di produzione, possono essere posizionati solo come definiti, con poche possibilit di variazione.

Visualizzazione in Pianta di Porte/Finestre


Sulla Pianta, porte e finestre sono rappresentati, per impostazione di default, da simboli standard. Tutti i settaggi sono descritti nella sezione Settaggi Strumento Porta/Finestra nell'Aiuto ArchiCAD. La finestra pop-up Visualizzazione in Pianta nei Settaggi Porta/Finestra presenta due opzioni simbolo: Simbolico e Tutto come parte superiore. Simbolico: questo il simbolo standard dell'oggetto scelto. Tutto come parte superiore: viene delineata la sagoma dell'intero elemento, con i rfelativi attributi per la parte superiore. Nel caso dei muri inclinati invece si pu preferire una visualizazione pi realistica delle finestre sezionate: scegliere Proiettato o Proiettato con parte superiore per vedere tutte le parti delle finestre nei muri inclinati. Proiettato: mostra la sezione dell'elemento, pi la sua parte non sezionata (verso il basso) in forma 3D Proiettato con parte superiore: mostra la parte tagliata dell'elemento, pi la parte superiore dell'elemento (ossia la parte dell'elemento che si trova pi in alto del Piano di Taglio Pianta. Gli attributi per per la visualizzazione di Porte/Finestre si possono impostare nella pagina-scheda Pianta e Sezione dei Settaggi Porta/Finestra.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Porte/Finestre
La gestione e il comportamento delle Finestre e delle Porte estremamente simile, perci questi due elementi verranno descritti insieme. In ArchiCAD, le Porte e le Finestre simulano l'aspetto ed il comportamento delle Porte e Finestre del mondo reale.

198

Edificio virtuale

Compatibilmente con la programmazione dell'Elemento di Libreria (vedere parametri Opzioni), differenti livelli di dettaglio potranno essere visualizzati in accordo con la Scala della Pianta del Disegno.

posizionare la Finestra o la Porta prendendo come riferimento la mezzeria o la spalletta; i Metodi di Costruzione disponibili sono a filo, rientrante e con spallette. Quando siete soddisfatti delle impostazioni effettuate nel dialogo Settaggi Finestra o Settaggi Porta, potrete iniziare a posizionare le aperture.

Punto di Inserimento per le Porte o Finestre


I settaggi Opzioni Porta e Opzioni Finestra in Documento > Configura vista modello > Vista e Opzioni Modello consentono di visualizzare sulla Pianta porte e finestre per intero, con i soli contorni o come aperture vuote, e di mostrarne o nasconderne le quote o i marker. Per altre informazioni, vedere Opzioni Vista Modello a pagina 116. Finestre e Porte possono essere inserite solo nei Muri; non possono essere posizionate nel progetto in modo indipendente. Sulla Pianta, potrete posizionare una Finestra o una Porta sul muro, ovunque il cursore assuma la forma di segno di Spunta o di simbolo Mercedes.

Impostazione del Piano Finestra/Porta nei Muri Inclinati


Se il progetto contiene muri inclinati, usare l'elenco a discesa (della pagina-scheda Parametri) per rendere il piano delle aperture conforme al piano del muro o farlo restare verticale. Per posizionare una finestra, fare clic una prima volta sul bordo del muro voluto e poi, quando il cursore assume la forma di occhio, nella parte del piano verso la quale deve essere rivolto il lato esterno della finestra. La profondit del davanzale sempre misurata da questo lato. Per posizionare una porta, fare clic prima sul bordo del muro in cui la si vuole collocare, e poi ancora per indicare la direzione di apertura della porta. Per porte senza mazzette, la profondit della soglia verr misurata da questo lato. Per porte con mazzette, la profondit della soglia verr misurata dal lato opposto. Nel 3D, potrete posizionare una Finestra o una Porta ovunque nella lunghezza del muro. Nelle finestre Sezione/Alzato, potrete creare nuove Finestre o Porte solo duplicando quelle esistenti, usando le funzioni Moltiplica o Muovi una Copia. Se tentate di posizionare una Finestra o una Porta vicino allestremo di un muro, dove non c spazio sufficiente per accoglierla, verr mostrato un messaggio di avvertimento con lopzione di annullare loperazione. Tuttavia, potete decidere di posizionarla ugualmente.

Ancoraggio dell'Altezza del Davanzale o dell'Architrave


Ogni particolare finestra dispone dei suoi parametri larghezza e altezza che possono essere regolati nella pagina-scheda Parametri. Ogni volta che si cambia la larghezza o l'altezza di una finestra, la modifica pu avere effetto o sul davanzale (distanza tra il pavimento e la base della finestra) o sull'architrave (la distanza tra il pavimento e la parte superiore della finestra.) Il Pavimento pu essere (secondo la scelta compiuta dall'utente) o il punto pi basso del muro, o l'altezza di un determinato piano. Nella pagina-scheda Parametri l'elenco a discesa Ancoraggio consente di scegliere uno di questi limiti, in modo da potere ridimensionare e posizionare la finestra con la massima facilit.

Posizionamento di Porte o Finestre


I metodi di posizionamento sono definiti nella pagina-scheda Anteprima e Posizionamento delle finestre di dialogo Settaggi Porta/Finestra. Il punto di inserimento permette di decidere se
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

199

Edificio virtuale

Creare unapertura semplice


E' possibile creare nel muro un'apertura vuota di dimensioni corrispondenti a quelle di una finestra o porta. Per creare una semplice apertura, senza posizionare un elemento di libreria tipo Porta o Finestra, usare il pulsante Apertura Vuota nel pannello Anteprima e Posizionamento del dialogo Settaggi Porta o Finestra, quindi passate al pannello Parametri ed inserite laltezza e la larghezza del foro. Cliccate infine sul lato di un muro esistente.

Spostare una Finestra o una Porta


Se volete spostare una Porta o una Finestra lungo il muro che la contiene, senza spostare il muro stesso, selezionate solo l'apertura.

Potete ottenere una forma Speciale del muro 3D aggiungendo una serie di aperture vuote, oppure utilizzando le Operazioni tra Solidi. Per una descrizione dettagliata, vedere Operazioni con Elementi Solidi a pagina 209.

Ruotare una Finestra o una Porta


Per ruotare una porta o una finestra, selezionare l'apertura e scegliere il comando Ruota (dal menu Edita o dalla pet palette). L'apertura sar ruotata di 180 gradi attorno al suo centro(non occorre disegnare nessun vettore di direzione). Qualsiasi numero di aperture pu essere ruotato allo stesso tempo.

Le Aperture nei Muri Poligonali/Complessi/Inclinati


Finestre e Porte possono essere posizionate in qualsiasi tipo di muro, compresi quelli poligonali, inclinati e di forma complessa. Per adattarle alle superfici inclinate dei muri occorre utilizzare il comando Piano Apertura nel riquadro Parametri dei Settaggi Porta/Finestra. La regolazione delle aperture nei Muri Complessi controllata dal comando Riferimento Aperture nella sezione Lucidi Design della finestra di dialogo Gestore Profilo. Per altre informazioni, vedere Profili Complessi a pagina 142.

Nota: Blocchi di testo, etichette, quotature e aree di retini sottoposti a rotazione rimangono sempre leggibili dal basso o dal lato destro del disegno.

Specchiare una Finestra o una Porta


Per invertire una Porta o Finestra, selezionare l'apertura e fare clic sul comando Specchia (nel menu Edita o nella pet palette). Il cursore assume la forma di una matita. A seconda della modalit d'inversione desiderata si pu fare clic al di fuori del muro ospite oppure su uno dei suoi bordi:

200

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

Facendo clic al di fuori del muro che contiene l'apertura selezionata quest'ultima verr invertita rispetto al proprio asse centrale. La direzione di apertura cambia lateralmente, mentre linfisso resta orientato verso la stessa faccia del muro, come mostrato nellimmagine seguente.

Se si clicca su un lato del muro ospitante l'apertura, l'asse di specchiatura definito come una linea perpendicolare al punto del muro. (Nel caso di un muro trapezoidale, l'asse di specchiatura perpendicolare all'asse di riferimento del muro.) L'operazione non verr effettuata se questa soluzione dovesse portare lapertura interamente al di fuori del muro ospite.

Aggiustare Porte e Finestre


Quando aggiustate Porte e Finestre, potete usare punti di riferimento al di fuori del muro ospite. Gli estremi del vettore di editazione verranno proiettati perpendicolarmente agli assi o ortogonalmente al muro (in accordo con le Varianti di Snap del Cursore correnti nella Palette Controllo) per definire il nuovo lato dellapertura. Questo vi permette di posizionare una Porta o una Finestra rispetto ad un elemento interno alla stanza, o in unaltra stanza, come mostrato qui di seguito.

Il dialogo Settaggi Finestra dAngolo simile ai dialoghi Settaggi Porta e Settaggi Finestra. Non sono oggetti appositamente associati allo strumento; molte delle finestre presenti nella libreria standard di ArchiCAD possono essere utilizzate e posizionate con lo strumento Finestra d'Angolo. Le Finestre dAngolo possono essere posizionate nellangolo fra due muri dritti.Quando desiderate posizionare una Finestra dAngolo sullangolo di un muro, potrete cliccare ovunque lungo il muro: ArchiCAD porter automaticamente la finestra sullangolo pi vicino e ne creer una copia specchiata sul muro contiguo. I parametri e le propriet della seconda finestra saranno identici a quelli della prima. Le posizioni relative e il taglio dellangolo sono regolati automaticamente. Potete posizionare una sola coppia di finestre angolari in un singolo angolo. Langolo tra i due muri non pu essere uguale a 0 n a 180 gradi. Le finestre posizionate possono essere aggiustate manualmente e individualmente, senza che il collegamento fra esse venga interrotto.

Finestre d'angolo
ArchiCAD possiede un tematico Strumento Finestra d'Angolo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Le Finestre dAngolo diventano Finestre semplici se: Si trascina via, si specchia o si ruota una qualsiasi delle due finestre. Langolo tra i muri viene portato a 0 o a 180 gradi. Viene modificata lelevazione di uno dei due muri (poich le finestre fanno parte dei muri dappartenenza, la quota delle due finestre risulter differente).

201

Edificio virtuale

Uno dei due muri viene cancellato o trascinato via. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Finestra d'angolo nell'Aiuto ArchiCAD.

modificata, ad esempio cambiando linclinazione, loggetto lucernario segue la modifica e vi si adatta.

Lucernari
I lucernari sono elementi intelligenti di tipo Oggetto GDL che possono essere posizionati sulle Falde in modo da interagire con queste. Usare una dei quattro Metodi Geometrici offerti nella Palette Informazioni (Ortogonale, Ruotato, Diagonale, Diagonale Ruotata) per posizionare il Lucernario. Gli oggetti Lucernario posti su una falda vengono automaticamente inseriti nella copertura, adattandosi alla quota e alla pendenza corrette, e ruotati secondo il giusto orientamento (parallelamente alla linea di riferimento della falda). Viene inoltre creato un foro idoneo a contenerli. Nota: Il lucernario deve essere compreso allinterno di una singola falda. Gli Oggetti Lucernario sono contenuti nella cartella Abbaini e lucernari della libreria standard ArchiCAD e possono essere attivati con lo strumento Lucernario. I pannelli disponibili nella finestra di dialogo Settaggi Lucernario sono simili a quelli degli strumenti Finestra, Porta, Oggetto, e Lampada. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Lucernario nell'Aiuto ArchiCAD.

Teste Muro
Lo Strumento Testa Muro vi aiuta a creare il profilo corretto della Testata di un muro con un singolo click. Le Teste Muro possono essere posizionate ad entrambe le estremit del muro. Le Teste Muro sono oggetti GDL parametrici, simili agli oggetti Porta e Finestra. I parametri della Testa Muro (come larghezza e altezza) possono essere personalizzati usando la finestra di dialogo Settaggi Testa Muro. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Testa Muro nell'Aiuto ArchiCAD. Le Teste Muro sono contate come oggetti negli schemi di lista. A seconda del tipo, una testa muro pu ridurre la superficie o il volume di un muro, ma non pu incrementarli. Durante un'operazione di Taglio con le Falde, le Teste Muro sono considerate come parti integranti del muro, analogamente alle finestre. Le teste muro rimangono in posizione anche dopo l'esecuzione di un allunga, muovi o taglia.

Posizionare un lucernario
Loggetto Lucernario si pu posizionare sia nella finestra di Pianta che nella vista 3D. In Pianta, posizionate il Lucernario allinterno del perimetro della falda. Nel 3D sufficiente cliccare sulla superficie della falda ArchiCAD individua la posizione del click e posiziona il lucernario sul piano di falda. I lucernari posizionati nelle falde si comportano in modo simile alle finestre nei muri. Per esempio, se si sposta il lucernario, il suo spostamento limitato al piano della falda. Se la falda viene

Oggetti Scala
In generale gli Oggetti Scala predefiniti si comportano come gli altri Oggetti GDL, ma sono accessibili mediante la finestra di dialogo Settaggi Scala, e posizionabili per mezzo dello Strumento Scala. Per informazioni sulla creazione di scale standard e personalizzate, vedereScale a pagina 162.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

202

Edificio virtuale

EXTRA ELEMENTO
Questa sezione contiene funzioni avanzate che forniscono una grande libert di manovra nella progettazione e la manipolazione degli elementi standard. Tali funzioni includono: Il RoofMaker, utile per posizionare travi e puntoni speciali, con in pi la funzione Creazione Tetto guidata che permette di creare l'intera struttura del tetto con una sola operazione. TrussMaker, utile per creare oggetti travi scatolate e capriate Operazioni con Elementi Solidi Alzato Interno, strumento per la creazione di Zone interne rialzate Griglia Strutturale, strumento per la creazione, il posizionamento e l'uso di griglie strutturali locali di diverse forme e dimensioni.

RoofMaker
RoofMaker vi aiuta ad aggiungere un Oggetto GDL costituito da elementi che definiscono parti del vostro disegno per migliorare le viste 3D Sezione/Alzato. RoofMaker accessibile dal menu Design > Extra Design. Tecnicamente, RoofMaker un Add-on ArchiCAD e viene caricato allavvio del programma. Dopo il posizionamento, gli elementi di costruzione del tetto si comportano come normali Oggetti e possono essere modificati manualmente. La Creazione Tetto guidata una funzione di RoofMaker che consente di creare interi tetti rapidamente e con facilit. Per altre informazioni, vedere Uso della Creazione Tetto guidata a pagina 206. Vi suggeriamo di iniziare la modellazione della struttura della copertura con le travi e quindi continuare con i cantonali (impluvi, displuvi) e per ultimo posizionare i puntoni. In questo modo potrete controllare tutte le possibili connessioni degli elementi. (quando posizionerete i cantonali, conoscerete gi lo spessore delle travi; quando posizionate i puntoni conoscerete gi lo spessore dei cantonali, delle travi, ecc.).

Per posizionare puntoni, cantonali o travi, deve essere selezionata una singola falda. Se vi sono pi superfici falda raggruppate fra loro, necessario prima separarle mediante il comando Edita > Gruppo > Separa. Potrete quindi selezionare le superfici di falda singolarmente. Sebbene il posizionamento degli elementi costruttivi del tetto usando RoofMaker funzioni anche usando altri metodi, vi consigliamo caldamente di settare la linea di riferimento della falda sul lato superiore esterno del muro sottostante (come avviene con luso del comando ArchiCAD per la creazione automatica del tetto). La definizione degli elementi, con o senza aggetto, usa come base questa linea di riferimento. Raccomandiamo di configurare lo spessore della falda uguale allaltezza generale della sezione trasversale dei puntoni. Potrete in questo modo usare la falda per tagliare gli elementi che giacciono al di sopra dei puntoni (es., i montanti). Per posizionare una travatura, una trave a collare o una catena, devono essere selezionati i due puntoni corrispondenti (puntoni opposti per trave a collare e catena, puntoni sulla stessa superficie di falda per una travatura). Dopo aver selezionato il comando per il posizionamento delloggetto, si apre un dialogo in cui possono essere configurati i parametri relativi alloggetto stesso. Materiali di superficie e lucidi possono essere assegnati a tutti gli elementi. Di default viene utilizzato il colore penna correntemente configurato per gli Oggetti. Se cambiate la Penna corrente, tutti gli elementi che verranno inseriti successivamente avranno il nuovo colore.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

203

Edificio virtuale

Loggetto viene quindi posizionato con uno o pi click, oppure viene posizionato automaticamente a seconda del tipo di oggetto. Per visualizzare i comandi di RoofMaker in una Barra Strumenti flottante separata, scegliere Design > Extra Design > RoofMaker. In questo modo si apre la Barra Strumenti, che fornisce le scorciatoie per tutti comandi del menu di RoofMaker. I comandi sono:

Creare un puntone
Quando si creano puntoni, la superficie inferiore della falda utilizzata come piano di riferimento. I puntoni verranno automaticamente posizionati al di sopra di questo. Selezionate, nella pianta, una superficie di falda come riferimento. Scegliere Crea un Puntone dal menu Design > Extra Design > RoofMaker (oppure selezionare la prima icona dalla barra strumenti di RoofMaker). Si apre la finestra dialogo Settaggi Puntone in cui possibile impostare i parametri del puntone. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Settaggi puntone. nell'Aiuto ArchiCAD. Cliccando su OK ritornerete alla pianta con la superficie della falda di riferimento ancora selezionata. Cliccate allinterno della superficie della falda selezionata. (se cliccate al suo esterno, apparir un messaggio di errore). Il puntone viene posizionato con il suo asse lungo il punto specificato. Per default, i puntoni sono perpendicolari alla linea di riferimento della falda. Dopo aver posizionato il puntone, potete selezionarlo aprendo la sua finestra Settaggi Oggetto. Tra i vari parametri sono presenti quelli riferiti al tipo di profilo e relativo spessore. Il puntone pu avere profilo rettangolare (default) o profili ad I, a L o a C.

Impostare i parametri desiderati nella finestra di dialogo Settaggi puntone. Si potranno impostare gli stessi comandi disponibili per il puntone singolo, ma anche i comandi di posizionamento per i puntoni multipli. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Puntoni multipli nell'Aiuto ArchiCAD. Cliccando su OK ritornerete alla pianta con la superficie di falda di riferimento ancora selezionata. Fate due click allinterno della falda selezionata per definire la linea di posizionamento. (se cliccate al suo esterno, apparir un messaggio di errore). Vengono posizionati diversi puntoni lungo la linea di posizionamento, con lasse del primo puntone che giace sul punto indicato dal primo click, e lasse dellultimo puntone che giace sul punto indicato dal secondo click. Per default, i puntoni sono perpendicolari alla linea di riferimento della falda.

Creare un cantonale (impluvi e displuvi)


Solitamente i cantonali giacciono tra due poligoni di falda contigui. Selezionate la superficie di falda dove il cantonale si connette ad una trave, non ad un altro cantonale; altri metodi potrebbero causare degli errori. Scegliete Crea Cantonale dal menu Design > Extra Design> RoofMaker (o fate clic sulla terza icona dalla Barra Strumenti di RoofMaker). Si apre la finestra di dialogo Settaggi cantonale. Per altre informazioni, vedere Creare un cantonale (impluvi e displuvi) nell'Aiuto ArchiCAD. Dopo avere impostato questi settaggi, fate clic su OK per tornare alla pianta con la superficie di riferimento della falda ancora selezionata. Cliccate lungo uno dei lati della falda selezionata che NON sia parallelo o perpendicolare alla linea di riferimento. Un cantonale (impluvio o displuvio) viene posizionato lungo il lato specificato della falda, dipendente dalla posizione del lato in relazione alla linea di riferimento della falda. I cantonali possono essere posizionati anche selezionando precedentemente due falde di riferimento. Non sar in questo caso necessario cliccare per indicare un lato; loggetto verr automaticamente posizionato sul lato in comune tra le due falde. La
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Crea puntoni multipli


Selezionate, nella pianta, una superficie di falda come riferimento. Scegliere Crea multipli puntoni dal menu Design > Extra Design > RoofMaker menu (oppure selezionate la seconda icona della barra strumenti RoofMaker).

204

Edificio virtuale

differenza tra i due metodi risiede nella forma delloggetto risultante; il taglio superiore, nel secondo metodo, rende loggetto adatto per tipi di coperture per campanili, torri campanarie, ecc..

Create un travetto
Per posizionare un travetto, dovete prima selezionare i due puntoni tra i quali volete inserirlo. I due puntoni devono essere interni alla stessa superficie di falda. (questo significa che essi avranno la stessa inclinazione e saranno entrambi perpendicolari alla linea di riferimento della falda). Scegliete Crea un travetto dal menu Design > Extra Design > RoofMaker. Appare la finestra di dialogo Settaggi Travetto. Per altre informazioni, vedere Creare un travetto nell'Aiuto ArchiCAD. Il travetto viene posizionato sullo stesso piano dei puntoni. Esso pu essere verticale o ruotato in posizione perpendicolare rispetto allangolo di inclinazione della falda. Il simbolo 2D riflette la configurazione effettuata. Cliccando su OK si ritorna alla pianta con i due puntoni ancora selezionati. Cliccate tra i due puntoni. (se cliccate al loro esterno, apparir un messaggio di errore.) Il travetto posizionato tra i due puntoni, con il suo asse sul punto specificato con il click. I travetti sono sempre paralleli alla linea di riferimento della falda e quindi perpendicolari ai puntoni.

La trave pu anche essere perpendicolare ai puntoni ed essere posizionata al di sopra degli stessi. Se la trave posizionata sopra i puntoni, dovr essere configurata laltezza della sezione trasversale dei puntoni. Cliccando su OK ritornerete alla pianta con la superficie della falda di riferimento ancora selezionata. Cliccate su un lato della falda selezionata o allinterno del poligono di falda. (se cliccate al di fuori del poligono otterrete un messaggio di errore). Se cliccate su un lato, la trave sar posizionata con il suo asse coincidente con il lato inclinato. Se il lato non parallelo alla linea di riferimento della falda, gli estremi dellasse avranno altezza diverse come indicato nel parametro Differenza altezza dellelemento di libreria - e la trave risulter inclinata. Se cliccate allinterno del poligono falda risulta determinata la posizione di un solo lato della trave; un click addizionale necessario per definire la direzione verso cui si estende la trave (per esempio se volete posizionare una trave allineata con il lato interno di un muro, dovrete prima cliccare sul lato interno e quindi verso l'esterno). Se cliccate all'interno del poligono, lasse della trave passer per il punto indicato dal click parallelamente alla linea di riferimento della falda.

Crea una trave di appoggio


Selezionate come riferimento una superficie definita dalla falda sulla pianta e scegliete Crea trave di appoggio dal menu Design > Extra Design > RoofMaker (oppure cliccate la sesta icona nella barra strumenti di RoofMaker). Viene visualizzata la finestra di dialogo Settaggi trave di appoggio in cui impostare i parametri della trave di appoggio. Per altre informazioni, vedere Creare una trave di appoggio nell'Aiuto ArchiCAD. Questo tipo di trave posizionato sotto il piano di riferimento definito dalla falda, sostenendo i puntoni da sotto. In ogni caso, possibile configurare un valore di elevazione per la trave, cos che essa risulti superiore od inferiore al piano di appoggio. Potrete anche configurare i valori di larghezza ed altezza della sezione trasversale.

Crea una trave


Selezionate una superficie della falda sulla pianta come riferimento e scegli Crea una Trave dal menu Extra > RoofMaker (oppure cliccate la quinta icona dalla barra Strumenti RoofMaker). Viene visualizzata una finestra di dialogo in cui configurare i parametri della trave. Per altre informazioni, vedere Creare una trave nell'Aiuto ArchiCAD. Per default, la trave posizionata sotto il piano di riferimento definito dalla falda. In ogni caso, pu essere configurato un valore di elevazione per la trave cos che essa possa essere alzata o abbassata rispetto al piano di riferimento. Potrete anche configurare i valori di larghezza ed altezza della sezione trasversale.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

205

Edificio virtuale

Cliccando su OK ritornerete alla pianta con la superficie di falda di riferimento ancora selezionata. Dovrete quindi effettuare un click o su uno dei lati della falda selezionata, o allinterno del poligono di falda. (se cliccate al di fuori del poligono otterrete un messaggio di errore).Se cliccate su un lato, la trave sar posizionata con il suo asse coincidente con il lato inclinato. Se il lato non parallelo alla linea di riferimento della falda, gli estremi dellasse avranno altezza diverse, come indicato nel parametro Differenza altezza dellelemento di libreria, e la trave risulter inclinata.Se cliccate allinterno del poligono, lasse della trave passer per il punto indicato dal click parallelamente alla linea di riferimento della falda. Con un click addizionale vi sar chiesto di definire la direzione verso cui si estende, in larghezza, la trave di appoggio. (per esempio, se volete posizionare la trave in linea con il lato interno del muro, il primo click deve essere eseguito sul lato interno del muro ed il secondo verso lesterno).Il simbolo 2D delle travi di appoggio comprende un retino vuoto perch queste normalmente devono coprire i montanti sottostanti. Questi montanti sono generalmente visualizzati con un grande cerchio che indica la presenza di una struttura di supporto. Potrete usare i comandi Porta Avanti e Porta Sotto per assicurarvi del corretto posizionamento degli elementi.

inseriti alla stessa elevazione, la trave a collare posizionata in relazione a quello posto pi in alto. Cliccando su OK ritornerete in pianta con i due puntoni ancora selezionati. Se stata selezionata la trave a collare doppia, essa viene automaticamente posizionata nella posizione corretta. Se stata selezionata una trave a collare singola, dovrete effettuare un ulteriore click per indicare da quale parte essa deve essere inserita.

Crea una catena


Per posizionare una catena, dovrete prima selezionare due puntoni. Gli assi dei due puntoni devono essere allineati ed incontrarsi sulla cima, altrimenti verr visualizzato un messaggio di errore. Scegliere Crea una Catena dal menu Design > Extra Design > RoofMaker (o la settima icona nella barra strumenti di RoofMaker). Viene visualizzata la finestra di dialogo Settaggi catena nella quale impostare i diversi Parametri della catena. Per altre informazioni, vedere Crea una catena nell'Aiuto ArchiCAD. Oltre alle dimensioni della sezione trasversale, deve essere impostato un valore di elevazione, calcolato dallo Zero di Progetto o rispetto al Piano corrente.Cliccando su OK ritornerete in pianta con i due puntoni ancora selezionati. La catena viene automaticamente posizionata nella posizione corretta.

Crea una trave a collare


Per posizionare una trave a collare dovrete prima selezionare due puntoni. Gli assi dei due puntoni devono essere allineati ed incontrarsi sulla cima, altrimenti verr visualizzato un messaggio di errore.Scegliere Crea una Trave a Collare dal menu Design >Extra Design > RoofMaker (o la settima icona nella barra strumenti di RoofMaker). Viene visualizzata la finestra di dialogo Settaggi trave a collare, in cui impostare i diversi parametri della trave a collare. Per altre informazioni, vedere Crea una trave a collare nell'Aiuto ArchiCAD. La trave a collare pu essere doppia o singola. Oltre alle dimensioni della sezione trasversale, deve essere configurato un valore di elevazione per lestradosso della trave a collare, calcolato dalla quota del punto di inserimento dei puntoni (che solitamente anche la quota delle linea di riferimento della falda). Se i due puntoni non sono

Uso della Creazione Tetto guidata


La Creazione Tetto guidata vi consente di creare la struttura dellintera copertura in modo semplice e veloce. Potrete posizionare con una sola operazione puntoni, travi, travetti, travi a collare o catene. Per iniziare, selezionate nel progetto tutte le superfici di falda a cui volete aggiungere gli elementi strutturali. Selezionate il comando Creazione Tetto Guidata dal menu Design Extra Design > RoofMaker (oppure l'ultima icona dalla barra strumenti di RoofMaker). Apparir il dialogo di configurazione a schede. Per altre informazioni, vedere Finestra di dialogo Creazione Tetto guidata nell'Aiuto ArchiCAD. Cliccando su OK tornerete alla pianta. Gli elementi della struttura della copertura da voi specificati verranno automaticamente inseriti nella posizione appropriata.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

206

Edificio virtuale

Quando siete soddisfatti del disegno, selezionate le linee che definiscono la struttura e scegliete il comando Crea Trave dal menu gerarchico TrussMaker.

Il posizionamento dei puntoni ottimizzato per adattarsi alle richieste specificate. Ora gli oggetti avranno lo stesso comportamento dei normali elementi di libreria, e come tali possono essere modificati.

TrussMaker
TrussMaker uno strumento incorporato che vi consente di creare oggetti trave e capriata di tipo reticolare, a scopo di visualizzazione. Vi si accede dal menu Design > Extra Design. Tecnicamente, TrussMaker un Add-on ArchiCAD e viene caricato allavvio insieme al programma.

Apparir il dialogo Settaggi TrussMaker dove definire una serie di opzioni per la creazione della reticolare. Per altre informazioni, vedere Settaggi TrussMaker nell'Aiuto ArchiCAD. Quando avrete terminato di personalizzare i parametri della trave, cliccate sul pulsante Salva, nella parte inferiore destra del dialogo. Assegnate un nome alla trave e scegliete una locazione in cui registrare loggetto, allinterno della libreria attiva. La nuova trave comparir nella pianta, alla base della sagoma da voi disegnata. Vai nella finestra 3D per visualizzarlo, e successivamente trascinalo nella sua posizione finale.

Creazione di travi in Pianta


Iniziate disegnando la struttura reticolare sulla pianta, con gli strumenti Linea e Arco/Cerchio. Utilizzate penne diverse per differenziare le varie parti della struttura, come mostrato nellillustrazione qui sotto. Lo spessore della penna stato esagerato per maggior chiarezza.

Editare le travi
La struttura disegnata sulla pianta non associata alla trave, dopo che loggetto stato creato e posizionato (e pu essere usata solo per
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

207

Edificio virtuale

creare nuove travi). Modifiche effettuate su questo disegno non hanno alcun effetto sulle travi posizionate. TrussMaker offre un metodo ulteriore per leditazione delle travi gi posizionate. Selezionate una trave e scegliete il comando Edita Trave dal menu gerarchico TrussMaker o dalla Palette TrussMaker. Un messaggio vi chieder di creare una nuova sezione. Tracciate una semplice linea di sezione con lo strumento Sezione/Alzato, aprite la relativa finestra, quindi scegliete il comando Prosegui leditazione, dal menu dalla palette TrussMaker. Apparir la struttura originaria, su cui potrete effettuare leditazione. 2 Aprite la finestra Sezione/Alzato corrispondente alla sezione. 3 Disegnate lintelaiatura della trave seguendo landamento del tetto. Tracciate il contorno con le linee, come fareste in pianta (vedi sopra). 4 Selezionate gli elementi della struttura e scegliete il comando Crea Trave dal menu gerarchico TrussMaker. 5 Effettuate le impostazioni appropriate nel dialogo Settaggi TrussMaker e salvate loggetto. Un messaggio vi avvertir che il nuovo oggetto Trave stato posizionato sulla pianta. La trave viene posta sulla linea di sezione, ed apparir quindi nella finestra della Sezione come un elemento tagliato lungo uno spigolo.

Quando avrete terminato di apportare le modifiche, scegliete nuovamente il comando Crea Trave. Comparir il dialogo Settaggi TrussMaker, con le stesse opzioni gi viste in precedenza. Lunica differenza che, oltre al pulsante Salva, apparir anche il pulsante Salva come. Se cliccate su Salva, TrussMaker mostrer un avviso, per informarvi che state per registrare un elemento di libreria con un nome gi esistente. Scegliendo Sovrascrivi la trave precedente verr sostituita, mentre se scegliete Annulla il processo di registrazione verr interrotto. Se cliccate su Salva come, verr creato un nuovo oggetto trave. TrussMaker vi chieder di assegnare un nome e di scegliere una locazione per registrare lelemento nella libreria.

Creare Travi nelle finestre Sezione/Alzato


Potrete creare una trave anche in una finestra Sezione/Alzato: 1 Disegnate un tetto nella pianta, ed aggiungete una linea di sezione. 6 Visualizzate la nuova trave con il tetto nel 3D o in unaltra finestra di sezione.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

208

Edificio virtuale

impostare il lucido degli Operatori affinch venga visualizzato a Filo di Ferro, in modo da vedere i contorni degli elementi Operatori e regolarli in maniera opportuna. Nellillustrazione sottostante la forma di un Muro Obiettivo stata modificata sottraendo da esso la forma di un Operatore di tipo Falda. Sulla sinistra sono mostrati entrambi gli elementi; al centro il lucido della Falda stato nascosto; sulla destra il lucido della Falda impostato come Filo di Ferro.

Operazioni con Elementi Solidi


Le Operazioni con Elementi Solidi permettono di creare forme complesse per mezzo di operazioni booleane tra cui la sottrazione, laddizione e lintersezione. Il risultato associativo: se modificate la posizione o gli attributi degli elementi che partecipano alloperazione, gli elementi collegati verranno aggiornati di conseguenza. Le Operazioni su Solidi possono essere eseguite sia in Pianta che nella Finestra 3D scegliendo il comando Operazioni con gli Elementi Solidi dal menu Design. Per altre informazioni, vedere Operazioni con Elementi Solidi nell'Aiuto ArchiCAD. Nelle Operazioni su Elementi Solidi si distinguono due ruoli: Un Obiettivo un elemento la cui geometria verr modificata dalloperazione; Un Operatore un elemento che influisce sulla geometria dellelemento a cui collegato. Loperazione non modifica n cancella lelemento Operatore. Potrete nascondere i lucidi degli elementi Operatori al termine dell'operazione, senza ripristinare la forma modificata. Potrete anche
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Un Operatore pu lavorare su pi Obiettivi e un Obiettivo pu essere influenzato da pi Operatori. Ogni elemento pu essere allo stesso tempo un Obiettivo e un Operatore, cosa che consente Operazioni su Elementi Solidi annidate. Loperazione rimane attiva finch esistono gli elementi coinvolti. Se volete mantenere definitivamente la forma ottenuta, registratela come Oggetto GDL dalla Finestra 3D.

Tipi di Operazioni
Possono essere eseguiti cinque tipi di operazioni. L'immagine sotto mostra l'effetto di ognuno: la forma del muro iniziale mostrata a sinistra, seguita dalle cinque operazioni. Lelemento Operatore mostrato in modalit Filo di Ferro.

209

Edificio virtuale

Sottrazione ritaglia nellObiettivo la forma dellOperatore. Sottrazione con estrusione superiore ritaglia nellObiettivo sia la forma dellOperatore che la sua proiezione verticale, dalla base dellOperatore al vertice superiore dellObiettivo. Sottrazione con estrusione inferiore ritaglia nellObiettivo sia la forma dellOperatore che la sua proiezione verticale, dalla parte pi elevata dellOperatore alla base dellObiettivo. Intersezione mantiene solo la parte in comune fra lObiettivo e lOperatore. Addizione aggiunge la forma dellObiettivo alla forma dellOperatore.

Nota: se selezionate solo lObiettivo nella Pianta e visualizzate la selezione nel 3D, verr mostrata la forma modificata, senza lOperatore, anche se questo su un lucido visibile solido o a Filo di Ferro. Se eseguite unOperazione su Elementi Solidi in una finestra Sezione/Alzato, sar necessario ricostruire la vista del modello per visualizzare il risultato. Tutti i comandi di Lista verranno eseguiti considerando le forme modificate.

Esempio di Operazione sui solidi


In questo esempio abbiamo creato una forma complessa di fondazione per la scala a chiocciola rapidamente e con facilit grazie ad un'Operazione su Elementi Solidi. 1 Posizionare la Scala a chiocciola nella pianta con lo Strumento Scala

Visualizzazione degli Elementi e Computo


Le operazioni solide influiscono sulla forma del modello, quindi sulla vista 3D, sulle Sezioni/Alzati generate e sui Disegni Dettaglio. Nellimmagine seguente mostrata la vista in sezione dellelemento esposto in precedenza. Sulla sinistra gli Operatori sono visualizzati in Filo di Ferro, mentre sulla destra il loro lucido nascosto.

La vista in Pianta degli elementi Obiettivo e di quelli Operatore rimane invariata. Mettendo lOperatore su un lucido a Filo di ferro la sua visualizzazione in Pianta non cambia. Se il lucido degli Operatori nascosto, questi non compariranno nella Pianta, e non sar possibile editarli finch il lucido non sar reso di nuovo visibile.

2 Creare un Muro curvo attorno alla scala a chiocciola.

210

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Edificio virtuale

5 Fare clic su Raccogli Elementi Obiettivo. 6 Selezionare l'elemento operatore, ossia la Scala a Chiocciola.

3 Aprire la finestra di dialogo con il comando Design > Operazioni con gli Elementi Solidi. 4 Selezionare il Muro curvo come elemento obiettivo dell'operazione.

7 Fare clic su Raccogli Elementi Operatore. 8 Scegliere il tipo di operazione Sottrazione con estrusione superiore. 9 Fare clic su Esegui. L'Operazione sugli Elementi Solidi terminata. 10 Fare clic in un punto vuoto per deselezionare la scala. 11 Osservare il risultato in 3D.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

211

Edificio virtuale

Alzati Interni
Lo strumento Alzato Interno un comando Add-On che consente di creare alzati interni di Zone. Gli alzati interni saranno inseriti in una nuova finestra di tipo lista. Gli alzati interni creati possono essere copiati e incollati sulla pianta o in una qualsiasi finestra Sezione/Alzato. Gli elementi verranno incollati come linee e testo.

Restrizioni e osservazioni
Le Falde coinvolte in Operazioni tra Solidi si comporteranno come qualsiasi altro elemento, diversamente dalle operazioni di taglio degli elementi con le falde. Escludere le intersezioni automatiche: le Operazioni tra Solidi non influiscono sul risultato delle intersezioni automatiche, per esempio quelle create con Muri e Colonne. Prima di effettuare unOperazione tra Solidi su tali elementi, modificate il numero di intersezione del lucido di uno di essi. Travi: se volete eseguire unoperazione fra Travi, lOperatore deve avere lo stesso numero di priorit di intersezione 3D dellObiettivo. Se il numero di priorit dellObiettivo pi alto, loperazione apparir come priva di effetto. Operazioni annidate: se la forma desiderata pu essere realizzata solo tramite una serie di operazioni annidate, fate attenzione allordine in cui le eseguite. Per esempio, un elemento Operatore pu influire su un Obiettivo che anche un Operatore che influisce su un altro Obiettivo, e cos via.

Per creare un alzato interno definire anzitutto la Zona delimitata dagli elementi che si desidera visualizzare, quindi posizionare al suo interno un marker di alzato. Per posizionare il marker, scegliere Documento > Extra Documento > Alzato Interno, e selezionare uno dei comandi disponibili: Scegli e Posiziona Marker apre una finestra di dialogo Settaggi Oggetto (Scegliere Marker Alzato Interno) nella quale selezionare un Marker di Alzato (oggetto GDL) dalla libreria oggetti. Dopo avere selezionato il marker e impostato i suoi parametri, fare clic nella zona per posizionare il Marker Alzato Interno. Scegliere Crea per generare Alzati Interni per tutte le zone selezionate, purch provviste di un marker al loro interno. Se non vi sono zone selezionate, gli alzati interni saranno generati per i marker selezionati. Scegliendo Aggiorna, tutti gli alzati interni esistenti verranno rigenerati utilizzando i settaggi correnti. Scegliendo il comando Settaggi si apre una finestra di dialogo nella quale possibile configurare i valori e le opzioni di default per gli Alzati Interni che verranno generati in seguito. Per altre informazioni, vedere Alzato Interno nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: cancellando i marker degli alzati interni verranno cancellati anche gli alzati corrispondenti, che per resteranno visibili nella finestra di tipo lista finch non la si chiude.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

212

Edificio virtuale

Griglia Strutturale
Lo strumento Griglia Strutturale consente di creare, posizionare e usare griglie strutturali locali di dimensioni e forme diverse. E' possibile posizionare colonne e travi identiche con le loro quote, a intervalli specificati, su una propria griglia strutturale personalizzata, e riprodurre facilmente tale disposizione su qualsiasi numero di piani. Nota: non usare la funzione Griglia Strutturale se l'interfaccia comprende anche lo Strumento add-on Griglia (disponibile nella cartella Goodies di ArchiCAD). Per utilizzarla occorre prima scaricare lo Strumento Griglia deselezionando l'elemento Strumento Griglia in Opzioni > Gestione Add-On. Per altre informazioni, vedere Gestione Add-On nell'Aiuto ArchiCAD.

Verr mostrata una sagoma fantasma della griglia. Con laiuto dei comandi di zoom e panorama, individuate la locazione pianificata sulla Pianta, e posizionate la griglia con un click. Nota: se si utilizzato il metodo Distribuisci per configurare una Griglia ad Arco (nella finestra di dialogo Griglia Strutturale), il primo clic posizioner la griglia sulla Pianta. Quindi trascinare il cursore per impostare manualmente gli angoli tra le linee radiali e fare di nuovo clic per posizionare la griglia. Sebbene lo strumento Griglia Strutturale possa essere utilizzato solo sulla pianta per la definizione di griglie locali, gli elementi generati, Colonne e Travi, possono essere visualizzati nel 3D ed utilizzati per fini costruttivi. Tutti gli elementi creati verranno posizionati come Gruppo. Se userete il comando Separa sulla griglia strutturale, tutti gli elementi che la compongono saranno editabili singolarmente.

Quando si sceglie il comando Design > Griglia Strutturale si apre la finestra di dialogo Griglia Strutturale. Operate i settaggi desiderati e cliccate sul pulsante OK. Per altre informazioni, vedere Griglia Strutturale(Add-On) nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

213

Edificio virtuale

214

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

DOCUMENTAZIONE
A complemento delle funzioni di modellazione usate nella realizzazione dell'Edificio Virtuale, ArchiCAD comprende una serie completa di strumenti per disegno e quotatura. Nella pratica corrente, ci si aspetta ancora che gli architetti producano i disegni finali su carta. Come ausilio per realizzare questa documentazione con la massima efficienza, il pacchetto ArchiCAD include una funzione di creazione di layout, ottimizzata per la stesura dei pacchetti di documentazione a partire dalle viste generate in ArchiCAD. La creazione di layout oggi parte integrante di ArchiCAD. Nella finestra di progettazione si accede direttamente alle viste dell'Edificio Virtuale, compilando poi un Book di Layout completo: una rappresentazione virtuale della vostra documentazione su carta. Le modifiche apportate al modello ArchiCAD si riflettono istantaneamente in aggiornamenti del Book di Layout. La funzione Publisher un pratico strumento per la gestione del lavoro di progettazione architettonica: qui vengono configurate e salvate le preferenze di pubblicazione per tutti set di pubblicazione desiderati, e si decide se debbano essere stampati, plottati, caricati su server o salvati su disco. Una volta che un Set di Pubblicazione sia stato definito, possibile realizzarne la pubblicazione o ripubblicarlo in qualunque momento, con le medesime propriet, con il tocco di un pulsante. ArchiCAD mette a disposizione un'interfaccia professionale per la gestione dei dispositivi di plottaggio e di stampa. I plotter (che generalmente sono periferiche di grande formato) processano le informazioni risultanti su base vettoriale, mentre le stampanti (di qualsiasi formato) sono periferiche raster. Idealmente, i risultati finali sono identici. Graphisoft vi fornisce dei driver dedicati per la maggior parte dei plotter; per la stampa, dovrete usare il driver di stampa fornito dal vostro rivenditore. La funzione Calcolo un modo di produrre documenti in forma di abaco in ArchiCAD. Un riassunto del procedimento di Calcolo si trova alla fine del presente capitolo. Gli Elementi di disegno possono essere usati in vari modi: Dettagli che non desiderate modellare in modo completo con gli strumenti di costruzione. Aiuti per il posizionamento ed il disegno di elementi di costruzione. I loro contorni possono essere usati per generare forme 3D complesse mediante lutilizzo della Bacchetta Magica. Decorazioni o ulteriori elaborazioni su dettagli, soprattutto nelle finestre Sezione/Alzato o Disegno Dettaglio. La visualizzazione in Pianta o in Sezione/Alzato degli elementi di disegno dipende dalla scelta dei relativi attributi effettuata nelle rispettive finestre di dialogo dei settaggi. I set di attributi per gli Elementi di disegno (colorePenna, tipi di linea, tipi di retino) vengono gestiti nella finestra di dialogo in Opzioni > Attributi Elemento. Per aumentare la velocit di visualizzazione o di creazione di output l'aspetto in 2D di alcuni degli attributi pu venir modificato dai comandi in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD. I passi tipici nella creazione di un elemento di disegno sono i seguenti: 1 Cliccate sullicona dello strumento appropriato nella Palette Strumenti e aprite il suo dialogo dei settaggi. 2 Impostate i parametri, per adattarli alla situazione o gli scopi specifici, oppure fate clic sul pulsante Preferiti nella parte superiore della palette per selezionare una configurazione predefinita per lelemento. Fate clic su OK per confermare le impostazioni. 3 Nella Palette Informazioni scegliete un Metodo Geometrico che vi permetta di creare varianti lineari, curve, concatenate, ruotate o poligonali, se disponibili per lelemento in oggetto. 4 Nella Finestra 2D, definite la posizione e la lunghezza degli elementi di disegno.

STESURA
Gli Elementi di disegno sono strettamente bidimensionali: ne fanno parte Hotspot, Linee, Retini, Figure e Disegni. Con la sola eccezione dei Retini, essi non appaiono nelle liste di computo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Retini
I Retini sono motivi geometrici di campitura in 2D che contribuiscono a differenziare e a decorare i vari elementi che

215

Documentazione

compongono il progetto. I Retini di ArchiCAD possono essere suddivisi in base a uso, tipo, categoria, modalit, propriet di scala e orientamento/direzione.

Uso dei Retini


I Retini possono essere associati agli elementi di costruzione (Muri, Colonne, Travi, Solai, Mesh, Falde, Zone, parti di Oggetti), oppure possono essere utilizzati come semplici elementi di disegno, posizionandoli con lo Strumento retino per rappresentare aree che non si desidera siano renderizzate in 3D, per aggiungere ombre o per altri ritocchi grafici, o ancora per la misura dell'area dei poligoni. E' possibile associare diverse campiture di retino alle differenti viste dello stesso elemento mediante i menu a comparsa della finestra di dialogo settaggi dell'elemento. Per Falde, Solai, Mesh e Zone, si pu decidere di utilizzare le campiture di retino associate ai relativi materiali come retini vettoriali anche nella finestra 2D. Analogamente agli elementi di costruzione 3D, i Retini 2D possono comparire nei computi con le propriet, le descrizioni ed i componenti associati.

Tipi di Retino
Le campiture (o tipi) di retino sono identificate mediante il loro nome. E' possibile accedervi dalla finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Retino, ove possibile duplicarli, rinominarli o cancellarli. Per altre informazioni, vedere Tipi di Retino nell'Aiuto ArchiCAD. ArchiCAD comprende tutta una serie di campiture di retino predefinite, che pu essere modificata manualmente o con l'importazione di elementi esterni mediante il Gestore Attributi. Si possono inoltre combinare diversi tipi di campitura di retino per creare gli attributi delle strutture composte per i Muri, i Solai e le Falde. Per ulteriori informazioni sui tipi di retino e le strutture composte, vedere Attributi a pagina 27. In ArchiCAD sono compresi quattro campiture base che non possono essere modificate n cancellate. Questi sono i seguenti: Retino Pieno Retino vuoto Retino a gradiente lineare
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

I Retini assegnati agli elementi di costruzione possono essere visualizzati nelle finestre Pianta, Sezione/Alzato e Dettagli.

Possono anche essere utilizzati come decorazione per i materiali nella Finestra 3D.

216

Documentazione

Retino a gradiente radiale

Nella finestra Sezione/Alzato: la finestra Sezione/Alzato visualizzer i retini vettoriali solo se avrete vistato l'opzione Campitura Vettoriale 3D nel pannello Effetti modello dei settaggi Sezione/Alzato. Per altre informazioni, vedere Pannello Effetti Modello Sezione/Alzato nell'Aiuto ArchiCAD. I settaggi dei retini Vettoriali non hanno effetti nelle viste di rendering.

Categorie di Retini
Per altre informazioni, vedere Retini a gradiente a pagina 221. La Categoria Retino determina il tipo di elemento cui pu venire assegnato un certo modello, e il modo in cui esso viene visualizzato a schermo e stampato. E' possibile compiere scelte separate per la visualizzazione e i documenti di output per ciascuna Categoria Retino in Documento > Configura vista modello > Vista e Opzioni Modello. Per altre informazioni, vedere Opzioni Vista Modello a pagina 116. Per assegnare le Categorie Retino, necessario aprire la finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Retino e attivare il pannello Disponibilit e Bitmap. Per altre informazioni, vedere Tipi di Retino nell'Aiuto ArchiCAD. Vi sono tre Categoria Retino, con i loro usi di default: Retini Sezione (campitura visualizzata sulle parti sezionate degli elementi di costruzione rese visibili nelle finestre Sezione). Retini Coprenti (Campiture di Solai, Falde, Mesh e Zone sulla pianta). Retini Disegno (semplici Retini 2D). Ogni campitura di retino pu venire assegnata a una o pi categorie. Tali scelte governano la disponibilit dei relativi modelli nei menu a comparsa Tipo Retino delle finestre di dialogo settaggi dei vari elementi. Ad esempio, un modello impostato soltanto come Retino Disegno comparir nei Settaggi Retino, ma non nei settaggi degli elementi di costruzione. Note: solo i motivi assegnati ai Retini Coprenti sono disponibili fra le scelte per il Retino vettoriale 3D nella finestra di dialogo Materiali. I Retini a gradiente sono disponibili solo per i Retini Coprenti.

Modalit Retino
Per ogni tipo di retino sono possibili due modalit di visualizzazione: vettoriale e bitmap. Per default, tutti i retini dei progetti sono impostati per essere visualizzati come retini vettoriali in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. Disattivando questa impostazione i retini saranno visualizzati a schermo in modalit bitmap. Nella stampa e nel plottaggio dei retini, verr usato l'aspetto vettoriale anche quando la visualizzazione a video impostata su bitmap. Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD. Le versioni bitmap delle campiture di retino predefinite approssimano i relativi equivalenti vettoriali. Se si modifica un motivo vettoriale o si genera una nuova campitura di tipo simbolo, sar necessario crearne manualmente la relativa versione bitmap.

Visualizzazione delle Campiture vettoriali


In Pianta: Solai, Zone e Falde possono essere visualizzati con campiture vettoriali sulla Pianta solo se a questi elementi assegnato un retino vettoriale (pannello Pianta della finestra di dialogo Settaggi) e se attivato il comando Visualizza > Opzioni Visualizzazione a Video > Retini Vettoriali. Nella Finestra 3D: le Campiture vettoriali sono visibili nella finestra 3D solo se si imposta su attiva il comando Campitura Vettoriale 3D (nella finestra di dialogo Visualizza > Modalit Vista 3D. Per altre informazioni, vedere Settaggi Finestra 3D nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

217

Documentazione

E' anche possibile scavalcare le impostazioni predefinite per i singoli elementi Retino creati con lo Strumento retino, mediante il pannello Settaggi Avanzati delle relative finestre di dialogo Settaggi Retino. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Retino nell'Aiuto ArchiCAD.

Tipi di Retino Vettoriale e Simbolo


Vi sono due tipi di retini: i retini a motivo vettoriale e i retini simbolo. I motivi vettoriali sono incorporati in ArchiCAD, e solo alcune delle relative propriet possono essere regolate: le propriet di scala, angolazione, spaziatura, disponibilit e visualizzazione bitmap. Per modificare il motivo vettoriale di un tipo di Retino va usata la finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Retino: 1 Selezionare il retino che si desidera modificare nella finestra a comparsa. Memorizzare o annotare il suo nome e poi fare clic sul pulsante Cancella. 2 Selezionare nell'elenco della finestra a comparsa il motivo che pi somiglia al motivo vettoriale desiderato. 3 Fare clic sul pulsante Nuovo e dare a questo motivo il nome di quello appena cancellato. 4 Impostare propriet di scala, spaziatura e angolo desiderati e fare clic su OK. In tutti gli elementi che utilizzavano il motivo che avete cancellato verr ora visualizzato quello appena creato. I Retini simbolo possono essere creati dall'utente a partire da uno schizzo disegnato sulla pianta seguendo i passi seguenti. 1 Disegnare un motivo mediante Linee, Archi e Hotspots. Fate in modo che il retino si adatti alla forma del rettangolo. Siate certi che l'estradosso, l'intradosso, il lato destro e quello sinistro del retino siano l'uno il proseguimento dell'altro. 2 Selezionare tutte le componenti del motivo e scegliere Edita > Copia. 3 Scegliere Opzioni > Attributi Elemento > Tipi di Retino. Fare clic sul pulsante Nuovo, immettere un nome per il nuovo retino e selezionare il pulsante Retino simbolo, poi fare clic su OK per impostarne nome e tipo.

4 Fare clic sul pulsante Incolla sopra la finestra di anteprima. il motivo vettoriale catturato compare nella Finestra di anteprima. Cliccate su OK per uscire dalla finestra di dialogo e salvate i cambiamenti. Nota: possibile modificare il passo orizzontale e verticale, la scala e la dimensione del motivo come pure l'angolo di rotazione. Il retino bitmap dovr essere editato manualmente. Per altre informazioni, vedere Tipi di Retino nell'Aiuto ArchiCAD.

Propriet di scala dei Retini


La relazione tra il modo in cui sono visualizzati i retini e la scala del progetto controllata da due pulsanti nel pannello Edita retino vettoriale della finestra di dialogo Opzioni > Attributi Elemento > Tipi Retino. Per altre informazioni, vedere Tipi di Retino nell'Aiuto ArchiCAD. In scala con la pianta: le dimensioni della campitura retino selezionata, in visualizzazione, plottaggio e stampa saranno adattate alla Scala di output impostata nella finestra di dialogo Plotta o Stampa (se questa diversa dalla corrente scala di disegno). Scala indipendente: le campiture retino selezionate saranno visualizzate, plottate e stampate in dimensione fissa, a prescindere dalla scala di output impostata.

Geometria del Retino


Nel disegnare un retino 2D indipendente, attivare lo Strumento Retino nella Barra Strumenti e scegliere uno dei tre Metodi Geometrici della Palette Informazioni. Il disegno dei Retini con i metodi Poligonale, Rettangolo o Rettangolo Ruotato simile alla procedura per il disegno dei Muri. Per una illustrazione della procedura, vedere Disegnare una catena di Muri a pagina 138 e Disegnare un rettangolo di muri a pagina 139.

Aggiungere il testo superficie


Se la casella di controllo Mostra superficie stata selezionata nel pannello Settaggi Generali della finestra di dialogo Settaggi Retino, alla termine del disegno del retino apparir il cursore a forma di martello, che vi consentir di posizionare il testo con un clic.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

218

Documentazione

Il blocco di testo viene creato calcolando larea campita dal retino. I settaggi del testo corrispondono ai settaggi di default per i testi delle Quotature. Per modificare i settaggi dei font o cambiare il contenuto dell'area di testo, selezionate solamente il testo (non il suo retino) ed editate i Settaggi Testo di Quota (in questo caso, l'ultimo comando nel menu Edita cambia in Settaggi Testo di Quota). Per altre informazioni, vedere Settaggi Testo Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD. L'unit di misura e la precisione della misura della superficie sono definite in Opzioni > Preferenze > Quotature. Per altre informazioni, vedere Preferenze di Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD. Il valore dellarea sempre leggibile dal basso o da destra dopo una rotazione o una specchiatura.

Scegliendo Legato all'origine del Retino, viene utilizzata un'unica maniglia per definire l'orientamento del retino e darne un riferimento visuale. In tal caso, la campitura ha inizio nellorigine dellelemento Retino. Durante la creazione di un nuovo retino, possibile scegliere il vettore di orientamento dopo aver posizionato il poligono del retino. Il cursore cambia in una forma maniglia a freccia. Doppio clic per definire l'origine e direzione del modello di retino. Il primo clic determiner la posizione dellorigine del retino, ed il secondo langolo del vettore di orientamento.

Orientamento e deformazione dei retini


L'orientamento della campitura retino di un retino vettoriale determinato nel pannello Settaggi Generali dei Settaggi Retino e, nel caso dei Retini Coprenti associati con Mesh, Solai, Falde, o Zone, nella finestra di dialogo Settaggi di tali strumenti. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Retino nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: l'orientamento dei retini irrilevante quando la visualizzazione avviene come retino bitmap. L'orientamento della campitura del retino indicato dalle relative maniglie. Le maniglie dei retini compaiono solo se vengono abilitati gli Aiuti Disegno ed Editazione in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. Scegliendo Legato all'origine del Progetto, l'orientamento della retinatura sar sempre ortogonale, indipendentemente dalle trasformazioni operate sull'elemento.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Si noti che la maniglia non deve necessariamente essere posizionata all'interno del Retino. E' anzi possibile trascinare la maniglia fuori dal corpo del retino dopo averlo posizionato. Cliccando sulla maniglia si seleziona l'intero retino; selezionando il retino viene selezionata anche la maniglia/vettore. Per modificare, successivamente,il vettore di orientamento del retino, selezionare il Retino, fare clic sulla punta della maniglia a forma di freccia del retino e farla ruotare. Accertati che sia attivata l'icona Sposta sotto-elemento della pet palette.

219

Documentazione

La terza opzione (disponibile soltanto nella Palette di Informazioni dello Strumento Retino e nel dialogo Settaggi dello Strumento Solaio) consente l'opzione Usa retino deformato. Ci significa che, invece di un'unica maniglia che mostra il vettore di orientamento, all'origine del retino compariranno due maniglie, che permettono di manipolare il disegno della retinatura modificando la lunghezza dell'una o dell'altra maniglia o l'angolo compreso fra di esse. Si noti che (se sono attive le Linee Guida) quando si afferra una delle due maniglie compare un Cerchio Guida, di modo che se si inizia a distorcere il retino ma poi si decide di tornare al suo orientamento iniziale, sar possibile riportare la maniglia alla sua posizione iniziale sul Cerchio Guida.

Anche i Retini Coprenti delle Falde possono venir rappresentati in accordo con la loro effettiva posizione geometrica grazie a questa funzione. Anche se non possibile deformare manualmente il disegno di un retino coprente, possibile utilizzare l'impostazione Deformato con la pendenza nella finestra di dialogo Settaggi Falda per deformare automaticamente il relativo retino coprente in modo da seguirne la pendenza. A tal fine, selezionate la falda e aprite la relativa finestra di dialogo Settaggi Falda. Assicuratevi che la casella di controllo Retini Coprenti sia selezionata nel pannello Pianta e Sezione e selezionate le due caselle di controllo Allinea con la pendenza e Deformato con la pendenza. Per altre informazioni, vedere Pannello Pianta e Sezione Falda nell'Aiuto ArchiCAD.

Vi sono due particolari circostanze in cui l'uso di retini distorti pu grandemente migliorare il realismo dei disegni. Nelle Sezioni di tipo Disegno, gli elementi di costruzione sono esplosi in linee e retini. Se si selezionano questi retini e si seleziona il pulsante Usa retino deformato nei relativi settaggi, si otterr che vengano visualizzati secondo la loro effettiva posizione geometrica. Si confrontino le due illustrazioni sottostanti: i Retini sono legati all'origine del progetto a sinistra e distorti a destra.

Si confrontino i due insiemi di falde qui sotto, con la deformazione disattivata a sinistra e attivata a destra.

220

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

L'altro tipo di retino a gradiente ha forma radiale, cio, in sostanza, circolare. In questo caso, i due colori (primo piano e sfondo) definiscono il colore rispettivamente della parte interna (quella prossima al centro) e di quella esterna del retino a gradiente. Con la maniglia del retino, si pu modificare l'origine del retino a gradiente e l'estensione di entrambi i colori e della zona di transizione.

Retini a gradiente
I Retini a gradiente servono a migliorare l'aspetto grafico dei disegni architettonici; essi non indicano alcuna propriet fisica, e di conseguenza sono disponibili solo per i retini 2D creati con lo Strumento retino (Retini Disegno). I Retini a gradiente non sono disponibili per le superfici degli elementi di costruzione (Retini Sezione e Retini Coprenti). Per realizzare un retino a gradiente lineare, scegliere penne di due diversi colori (primo piano e sfondo) nel pannello Settaggi Generali dei Settaggi Retino. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Retino nell'Aiuto ArchiCAD. Nel posizionare il Retino, si noter che il suo disegno una miscela dei due colori con una zona di transizione fra di essi.

Nota: nello spostare la maniglia del retino accertatevi di aver selezionato l'icona Sposta sotto-elemento nella pet palette.

Linee
Le seguenti linee diritte e curvilinee degli elementi possono essere creati in ArchiCAD usando differenti Strumenti Linea e metodi geometrici. Segmenti rettilinei semplici, serie di Segmenti di linea diritti e curvati concatenati, Rettangoli e Rettangoli ruotati. Cerchi completi e archi di cerchio Ellissi complete e archi di ellisse PoliLinee diritte o curve Spline naturali, curve di Bzier e curve a mano libera. Facendo doppio clic su qualsiasi Strumento di tipo Linea apparir una finestra di dialogo in cui regolare le relative impostazioni. Per ulteriori informazioni, vedere Settaggi Strumento Arco/Cerchio, Settaggi Strumento Spline, Settaggi Strumento Linea e Settaggi Strumento PoliLinea nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizione, angolo e dimensioni della zona di transizione possono essere modificati con la maniglia del retino, purch gli Aiuti Disegno ed Editazione siano attivi in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

221

Documentazione

Categorie Linee in ArchiCAD


ArchiCAD vi permette di assegnare alle varie linee delle categorie, mediante il pannello Settaggi Avanzati della finestra di dialogo Settaggi Linea. E' poi possibile usare le categorie delle linee per la regolazione di dettaglio delle opzioni di visualizzazione nel modello e le impostazioni di esportazione delle linee in base alle relative categorie. ArchiCAD possiede tre categorie di linee: Linea Disegno: Semplice linea di disegno 2D. Le Linee disegnate con lo Strumento omonimo saranno inserite per default in questa categoria. Linea Sezione: Linea del Contorno di un elemento 3D in un Piano di Taglio (Sezione). Nota: si pu decidere di visualizzare le linee della categoria Linea Sezione in grassetto: si scelga Linea di Sezione Spesse in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video. Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD. Linea Separatore Strato: Linee di separazione tra gli strati delle strutture composte presenti nei Muri, Colonne, Solai e Falde. La Categoria Linea pu essere utile, per esempio, quando si esplode un muro composto nelle sue parti costituenti linee e retini. Di default, nel Pannello Settaggi Avanzati dello Strumento Linea, tutte le linee del contorno sono posizionate nella categoria Linea Sezione, cos tutte le linee di separazione tra gli strati sono posizionati nella categoria Linee Separatore Strato. Tutte le altre linee sono posizionate nella categoria Disegno di default. Comunque, se disegnate delle linee a mano in una finestra di Dettaglio, Patch, o Sezione/Alzato, potete assegnare alle linee delle categorie in accordo alla loro funzione in pianta. In tal modo, quando si assegnano le opzioni di vista del modello, anche le linee disegnate a mano possono essere considerate Linee di sezione o Linee separatore strato. L'assegnazione di categorie alle linee pu anche essere utile se si salva un file in formato DXF/DWG: la finestra di dialogo Settaggi Traduzione DXF-DWG permette di definire un lucido separato su cui possono essere esportate le Linee Separatore Strato. Per altre informazioni, vedere Attributi nell'Aiuto ArchiCAD.

Opzioni Video Spessore linee


ArchiCAD offre diverse opzioni per la visualizzazione a schermo delle linee. Per impostazione predefinita, tutte le linee vengono visualizzate come Linee sottili, dello spessore di un pixel. Inoltre possibile abilitare le Linea di Sezione Spesse (Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video); in tal modo tutte le linee di sezione verranno visualizzate in grassetto (due pixel di spessore, a prescindere dall'effettivo spessore penna della linea). Tutte le altre linee saranno mostrate in Linee Sottili. In alternativa, per mostrare a video lo Spessore reale di ogni penna invece delle linee sottili, abilitare Spessori reali in Opzioni di Visualizzazione a Video. Spessori reali: lo spessore di ogni linea (che dipende dal valore Spessore Penna definito nella finestra Penne e Colori) verr accuratamente visualizzato. Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD.

Disegnare un singolo segmento di linea dritto


Per disegnare un singolo segmento di Linea dritto, scegliete lo strumento Linea nella Palette Strumenti ed il metodo geometrico Linea singola nella Palette Informazioni. Il segmento di linea definito facendo clic ai due estremi. Nota: questo metodo di disegno, tipico dei CAD, quello predefinito per il disegno di segmenti in ArchiCAD, ma possibile cambiarlo in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzature Cursore.

Allungamento e accorciamento di Linee e Archi


Per allungare/accorciare una linea diritta o un arco con il menu comando: 1 selezionare una linea/arco; 2 scegliere il comando Edita > Aggiusta; 3 fare clic su un estremo dellelemento selezionato e muovetelo; 4 fare clic di nuovo per definire il nuovo estremo per estendere (o ridurre) la lunghezza precedente. Lelemento viene stirato o accorciato e, se necessario, ruotato in relazione al nuovo estremo. Laltra estremit rimarr nella sua posizione originale.

222

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Nota: possibile selezionare diverse Linee con un estremi sovrapposti, ed estenderle tutte contemporaneamente. Quando si usa la pet palette: 1 selezionare una linea/arco; 2 Cliccate uno degli estremi dellelemento. Compare la pet palette. Scegliere l'icona aggiusta: Cliccare per definire uno nuovo punto finale.

Disegno di archi di cerchio e cerchi completi


Per disegnare un arco di cerchio o un cerchio completo, scegliere lo strumento Arco/Cerchio nella Barra Strumenti ed uno dei Metodi Geometrici offerti dalla prima icona della Palette Informazioni (Centro e Raggio, Circonferenza, Tangente). I tre metodi differiscono nei punti di base che vengono definiti. Nella prima opzione si definisce il centro e il raggio dell'arco o cerchio. Il primo clic definisce il punto del centro. Un contorno fantasma del muro circolare segue il cursore fino a che un secondo clic non definisce il raggio. A quel punto, viene visualizzato soltanto un segmento d'arco fantasma, fino a che un terzo clic non definisce la lunghezza dell'arco. Se necessario un cerchio completo, fare doppio clic al momento di definire il raggio. una volta definiti tutti e tre i punti, il contorno fantasma viene sostituito dal cerchio, visualizzato per intero. La seconda opzione definisce il cerchio mediante tre punti sulla circonferenza dellarco. I primi due clic definiscono due punti che probabilmente posizionerete su nodi di connessione ad altri elementi, sulle intersezioni della griglia o su punti di snap speciali. Dopo, un cerchio fantasma seguir il cursore fino al clic successivo che definisce il terzo punto. Un quarto clic richiesto per definire la lunghezza del segmento di circonferenza. La terza opzione definisce solo forme circolari complete, basate su tre tangenti o nodi. In questo processo, selezionate tre punti iniziali: ciascuno di essi pu essere un lato tangente (indicato dal cursore a forma di simbolo Mercedes), un nodo (indicato dal cursore a forma di segno di Spunta) o un punto arbitrario (indicato
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

dal cursore a Croce). Un punto estremo non viene considerato tangente utilizzando questo metodo, quindi non consentito usare pi di due estremi. Se selezionate pi di due nodi, e quindi non definite nessuna tangenza, questo metodo viene trasformato in quello descritto in precedenza. E' consentita solo la tangenza lineare: tutti i punti di tangenza devono trovarsi sui bordi diritti di Solai, Linee, Muri, ecc. Se fate clic su un bordo radiale con il cursore simbolo Mercedes, il Cerchio risultante passer per tale punto invece di essere una tangente rispetto alla curva. Il passo successivo dipende dalla situazione geometrica. Se esiste un sola soluzione, il cerchio disegnato automaticamente. Se ci sono due o quattro soluzioni, apparir il cursore a Occhio ed il contorno fantasma del muro salter da una posizione allaltra mentre spostate il mouse. Fate clic quando si trova nella posizione desiderata, per completare il cerchio. Se non esiste nessuna soluzione (ad esempio se si richiede la tangenza a tre bordi paralleli), viene creato alcun cerchio. Nota: A differenza dei muri circolari, i Cerchi possono essere interamente chiusi. Si ottiene un singolo elemento, non due semicerchi.

Aggiustare curve
Potete modificare la circonferenza o il raggio di Muri Curvi, Archi e Cerchi, sia con il comando Aggiusta che con licona della pet palette.

Aggiustamento angolare
Usare l'icona dell'Aggiustamento Angolare per cambiare la lunghezza dell'arco spostando il punto finale (o il punto finale della linea di riferimento) lungo la curva.

223

Documentazione

Trasformare un Arco in un Cerchio completo, o viceversa. Nota: un Muro curvo aggiustato a dar luogo a un cerchio completo viene trasformato in due elementi semicircolari.

Disegnare archi ellittici ed ellissi complete


Per disegnare un arco ellittico o unellisse completa, scegliete lo strumento Arco/Cerchio nella Palette Strumenti e uno dei Metodi Costruttivi offerti dalla seconda icona nella Palette Informazioni (Diagonale Ellisse, Semi-diagonale Ellisse, Raggi Ellisse). Il metodo Diagonale Ellisse crea unellisse inscritta in un rettangolo. Il metodo inscrive lellisse in un rettangolo individuato dai due punti che ne definiscono la diagonale. 1 clic sul punto iniziale del rettangolo immaginario. 2 Spostate il cursore per dimensionare la diagonale immaginaria ed ottenere ellissi di dimensioni e forme diverse inscritte nel rettangolo. 3 Con il secondo clic, definite la dimensione voluta dellellisse. Il metodo Semi-Diagonale Ellisse funziona allo stesso modo del metodo Diagonale Ellisse ma qui si definisce un rettangolo immaginario mediante il suo punto centrale e lestremo della sua semi-diagonale.

Aggiustamento Radiale
Usare l'icona di Aggiustamento Radiale per aumentare o diminuire il raggio dell'elemento muovendo il lato o la linea di riferimento.

Editazione di un Arco usando la sua Tangente


Editazione di un arco da un qualsiasi punto lungo il suo bordo usando la tangente del punto pi vicino all'arco. Clicca sul bordo di ogni arco e scegli dalla relativa pet palette l'icona Edita segmento usando la tangente. La tangente del punto pi vicino dell'arco appare sul piano. Muovere il cursore per editare la linea di tangente scegliendo un nuovo punto di tangenza. Una linea elastica indica la forma del nuovo arco risultante. Fare clic per posizionarlo.

Il metodo Raggi Ellisse definisce un arco ellittico per mezzo di due raggi (il maggiore e un altro) dellellisse e langolo sotteso dallarco.

1 clic sul punto centrale dellellisse. 2 Cliccando nuovamente definite l'orientamento e la lunghezza del raggio lungo un asse dellellisse.

224

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

3 Verr visualizzata una linea elastica per il secondo raggio che potrete aggiustare secondo differenti dimensioni ed inclinazioni. Muovendo il cursore vedrete la relativa ellisse che si adatta alla lunghezza dei due raggi. Se aggiustate il secondo raggio troppo lontano o esattamente allineato con il precedente, non avrete il disegno dellellisse. 4 Nella fase finale ArchiCAD mantiene a schermo lellisse identificata mentre voi definite gli estremi angolari dellarco. Per primo definite con la linea elastica il lato da cui inizia langolo. Quindi dovrete definire il secondo lato che chiude langolo mentre ArchiCAD segue langolo con larco ellittico. Nessuno dei due lati che definiscono langolo rimarr visibile quando larco finale verr disegnato.

Disegno di Spline
Per disegnare una Spline naturale o una curva di Bzier, scegliete lo strumento Spline nella Palette Strumenti ed il primo (spline naturale) o il secondo (curva di Bzier ) Metodo Geometrico nella Palette Informazioni. Le Spline naturali vengono definite posizionandone semplicemente i nodi, che il programma connette automaticamente in modo da generare una curva personalizzata fluida. La direzione delle tangenti e la forma della Spline generata derivano da ogni nodo definito. Potrete concludere loperazione di disegno con un doppio clic nellultimo nodo, o cliccando il pulsante OK nella Palette Controllo. Cliccando OK si otterr sempre una Spline chiusa.

Aggiustare Ellissi e Cerchi


Si pu modificare la forma di un'ellissi chiusa o di un cerchio intero con il comando Aggiusta. Selezionare l'ellisse o il cerchio. Cliccare su un nodo per far apparire la pet palette. Scegliere l'icona Aggiusta ellisse. Muovere il cursore per aggiustare l'ellisse lungo il suo asse o aggiustare il cerchio dentro un'ellisse. Cliccare per completare.

Convertire ellisse in cerchio


Per convertire un'ellisse in cerchio: Selezionare l'ellisse. Cliccare su un nodo per far apparire la pet palette. Scegliere l'icona Converti ellisse in cerchio. l'ellisse stata trasformata in un cerchio, con raggio uguale a quello del nodo dell'ellisse selezionato.

Le Spline di Bzier sono qualche cosa di pi complesso, ma consentono una pi accurata riproduzione di specifiche curve. Le Spline di Bzier sono definite tramite nodi, come le Spline naturali, ma forniscono anche la gestione della tangente ad ogni lato dei nodi definiti. La forma della Spline di Bzier deriva dalla direzione della tangente e dalla lunghezza di ogni segmento di tangenza. Quando definite delle Spline di Bzier, cliccate una volta con il mouse per posizionare il nodo, e tenete il pulsante del mouse premuto. Trascinando il cursore in qualsiasi direzione impostate la tangente iniziale e la lunghezza del segmento di tangenza che definisce la curvatura. Se rilasciate il pulsante del mouse, ArchiCAD lo recepir come un segnale che volete procedere alla definizione del nodo successivo con un altro clic. Tenete nuovamente il pulsante premuto per definire la seconda tangente e cos via. Potrete concludere loperazione di disegno con un doppio clic nellultimo nodo, o

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

225

Documentazione

cliccando il pulsante OK nella Palette Controllo. Cliccando OK si otterr sempre una Spline chiusa. Puoi editare le spline di Bzier variando separatamente la lunghezza delle linee di tangenza: usa il comando Sposta linea tangente della pet palette. Notate che vi un solo angolo associato ad entrambi i segmenti di tangenza di un nodo, ma la lunghezza di ogni segmento pu essere diversa. Pi lungo il segmento di tangenza pi dolce sar la curvatura su quel punto. Potete estrarre i segmenti di tangenza dagli angoli netti per trasformarli in punti curvi. Nota: la visibilit delle maniglie di editazione delle spline di Bzier dipende dallo stato del relativo commutatore in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video >Mostra/Nascondi Aiuti Disegno ed Editazione. Se il commutatore in posizione Mostra tutte le maniglie di editazione sono visibili sulla Pianta. Se il commutatore in posizione Nascondi, sono visibili solo le maniglie di editazione dell'ultima spline selezionata; se si rimuove la selezione, le maniglie di editazione divengono tutte invisibili. Per altre informazioni, vedere Opzioni di Visualizzazione a Video nell'Aiuto ArchiCAD.

nodo su un nodo adiacente per cancellarlo, modificando cos la forma della spline. Spostamento di un nodo: scegliere Modifica il percorso della Spline nella pet palette, e poi trascinare un nodo per spostarlo senza modificarne le maniglie. Per unire una serie di spline tra loro connesse: Seleziona le spline. Scegliere il comando Edita > Modifica > Interseca.

Disegnare curve a mano libera


Per disegnare curve a mano libera, scegliete lo strumento Spline nella Palette Strumenti ed il terzo Metodo Geometrico nella Palette Informazioni. Questo metodo particolarmente utile nella revisione dei disegni di progetto. Quando si inizia il processo di revisione, ArchiCAD attiva automaticamente lo strumento Spline con il metodo geometrico Mano Libera. Per altre informazioni, vedere Revisione Progetto a pagina 322. Il metodo Mano Libera crea sempre delle Spline naturali.

Editare le Spline
Quando lo strumento Spline attivo nella Palette Strumenti, potrete liberamente editare le Spline selezionate nei modi seguenti: Inserimento di un nuovo nodo: fare clic su una spline con il cursore simbolo Mercedes; poi usare il comando Aggiungi un nuovo nodo alla Spline della pet palette. Cancellazione di un nodo: scegliere il comando Modifica il percorso della Spline della pet palette, poi trascinare un

Disegnare Polilinee e Linee Concatenate


Combinando le possibilit dei vari Strumenti linea, potete creare una serie di segmenti lineari e curvi usando lo strumento Polilinea oppure il metodo geometrico Concatenato dello strumento Linea. La differenza tra le due opzioni data dal risultato che producono. Le Polilinee sono elementi singoli tracciati usando lo Strumento Polilinea. Le Linee Concatenate sono una serie di segmenti tra loro connessi disegnati con lo Strumento Linea. Ogni segmento linea un elemento separato, ma possibile raggrupparli prima o dopo
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

226

Documentazione

la loro creazione. Per raggruppare una linea concatenata, attivare il comando Edita > Raggruppamento > Raggruppa automatico prima di iniziare a tracciare le linee concatenate, o selezionare il gruppo di linee concatenate dopo averle tracciate e attivare il comando Edita > Raggruppamento > Raggruppa.

Seleziona una polilinea esistente. Fare clic su uno degli estremi della polilinea.

Scegli l'icona Continua Polilinea dalla pet palette che appare.

Per tracciare una Polilinea, scegliere un metodo geometrico dallo Strumento Polilinea: Metodo Polilinea, metodo Rettangolare o metodo Rettangolo Ruotato. Per disegnare una linea Concatenata, scegliere un metodo geometrico dallo Strumento Linea: metodo Catena, metodo Rettangolare, o metodo Rettangolo Ruotato. Con gli altri metodi (Polilinea o Linea Concatenata) si produce una serie di segmenti curvilinei giunti ai loro estremi. Disegnare un segmento linea e clicca per completare il segmento. Appena cliccate per terminare un segmento, iniziate simultaneamente a disegnare il successivo. Clicca il pulsante OK nella Barra di Controllo oppure doppio clic sul punto finale per completare la polilinea o la linea concatenata. Per una illustrazione di questo processo, vedere Disegnare una catena di Muri a pagina 138. Per cancellare l'ultimo segmento tracciato di una polilinea o di una linea concatenata, usa il tasto Backspace da tastiera.

Traccia i segmenti aggiuntivi, poi doppio clic (o clicca OK nella Barra di Controllo) per completare la polilinea. Nota: Quando state estendendo l'originale polilinea, potete cancellare gli ultimi segmenti tracciati, ma non quelli della polilinea esistente.

Dividere una Polilinea


Per dividere una Polilinea: Seleziona la Polilinea. Scegliere Edita > Modifica > Esplodi nella Vista Corrente. Otterrete una serie di Linee ed Archi. Nota: se il comando Edita > Raggruppamento > Raggruppa automatico attivo, il risultato sar raggruppato.

Unificazione di Elementi di Disegno in una Polilinea


Linee, Archi e Polilinee connesse possono essere trasformati in una singola Polilinea o Spline. Seleziona tutti gli elementi da connettere Scegliere il comando Edita > Modifica > Interseca Gli attributi dell'ultimo elemento selezionato saranno applicati al gruppo degli elementi unificati.

Continuare una Polilinea


E' possibile estendere una Polilinea esistente ad un altro punto:

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

227

Documentazione

Potete unificare i settaggi degli elementi selezionati e connessi con un singolo comando. Nota: Per unificare Elementi che sono Raggruppati, si deve prima sospendere i gruppi (Sospendi Gruppi). Per altre informazioni, vedere Raggruppamento degli elementi a pagina 101.

Apri una Polilinea chiusa


Apertura di una polilinea chiusa per eliminazione di uno dei suoi segmenti: Attiva Strumento Freccia. Ctrl-clic (Cmd-clic) sul tratto di linea che si desidera cancellare.

Creazione di Rettangoli con lo Strumento linea o PoliLinea


L'uso del metodo Rettangolo con lo Strumento linea produce quattro Segmenti linea individuali, raggruppati per default. L'uso del metodo Rettangolo con lo Strumento PoliLinea produce un singolo Rettangolo. Con il metodo Rettangolo Ruotato, definite prima un vettore di rotazione per la linea base del rettangolo. Il vettore di rotazione definisce anche la lunghezza dei due lati paralleli ad esso. Premendo il tasto Shift potrete sbloccare la lunghezza definita per la base, usandone solo la componente angolare.

un elemento, in una posizione in cui non si trova n un Hotspot n un punto speciale. La soluzione consiste nel generare un hotspot che permetta di posizionarsi con precisione sul punto. Nota: a partire da ArchiCAD 10, la funzione Linea Guida disponibile anche per posizionare punti di intersezione e altri utili punti di snap. Per altre informazioni, vedere Linee Guida a pagina 69. Potrete comunque posizionare automaticamente degli Hotspots su questi punti di intersezione. Lo strumento Hotspot deve essere attivo. 1 Selezionare una linea, bordo o arco e posizionare il cursore su un altro (il cursore assume la forma di simbolo Mercedes). 2 Ctrl-clic (Cmd-clic) genera un Hotspot.

Hotspot
Gli Hotspot sono semplici punti indicati da una piccola croce. Il loro ruolo principale quello di aiutare nel posizionare elementi nelle viste 2D. Gli Hotspot non compaiono sui documenti stampati o plottati e possono essere cancellati quando non pi necessari. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Hotspot nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizionare Hotspot
Una volta effettuate le vostre scelte per il colore e per il lucido nella finestra di dialogo settaggi degli Hotspot, siete pronti per posizionare degli Hotspot. Fate semplicemente clic nella posizione desiderata. Ci sono numerose situazioni nelle quali potreste aver bisogno di continuare la costruzione partendo esattamente da un dato punto di

Nota: Cliccando il contorno di una Falda con Ctrl/Cmd-clic quando gi selezionata un'altra si andr a posizionare sul piano d'intersezione il lato di una delle due falde. Se attivo lo strumento Muro o lo strumento Linea, i muri o le linee selezionati verranno estesi per arrivare al punto di intersezione con il lato cliccato.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

228

Documentazione

Per posizionare un Hotspot su un punto di tangenza remoto, selezionate larco o gli archi ed effettuate un Command-clic (Macintosh) o Control-clic (Windows) con il cursore a forma di segno di spunta su un qualsiasi elemento (hotspot o nodo). Verranno creati automaticamente degli Hotspot nei punti di tangenza sugli elementi curvi o sui loro prolungamenti immaginari. E' anche possibile aggiungere Hotspot con Ctrl-clic (Cmd-clic) ai: Una proiezione parallela ad un muro, una linea o un lato di una falda, di un retino o di un solaio passante per un Hotspot selezionato.

Nota: ai Disegni, contrariamente alle Figure, sono assegnati dei numeri ID e (optionalmente) dei titoli. I relativi riquadri possono venir ritagliati. Contrariamente alle Figure, i Disegni rappresentano dei file collegati che possono venire aggiornati. Per altre informazioni, vedere Strumento Disegno a pagina 230. Le figure possono essere visualizzate con o senza maniglie angolari, o come semplici ingombri. Questa impostazione globale, cio e effettiva per tutte le figure posizionate. La scelta pu essere effettuata in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video > Mostra/Nascondi Aiuti Disegno ed Editazione.

Una proiezione perpendicolare da un nodo (cursore a Spunto) o da qualsiasi punto generico (cursore a Croce) a un muro selezionato, a un solaio, a una falda, a un retino o a una linea.

Nota: A prescindere dal metodo di importazione, le immagini degli elementi di tipo Figura sono incorporate nel progetto e possono rendere il documento molto voluminoso. Usate solo le dimensioni e le risoluzioni necessarie per evitare di sovraccaricare il progetto.

Figure
Le Figure sono file immagine importati e poi incorporati nel documento progetto ArchiCAD. Possono essere inserite in qualsiasi finestra 2D (Pianta, Sezione/Alzato, Disegno Dettaglio, Layout). Le Figure sono posizionate e manipolate con lo strumento dedicato Figura. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Figura nell'Aiuto ArchiCAD. Una Figura, una volta posizionata, pu servire da Immagine di sfondo per il modello ArchiCAD mediante la funzione Allinea Vista. Per altre informazioni, vedere Allinea Vista a pagina 342. E' anche possibile posizionare in pianta, come figura, il contenuto ritagliato da una finestra ArchiCAD. Per altre informazioni, vedere Copia di una parte di un'immagine con lo strumento Area di Selezione a pagina 63.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Posizionare figure
Quando avrete effettuato le vostre scelte nel dialogo Settaggi Figura, cliccate semplicemente sul foglio di lavoro per posizionare la Figura. Se il risultato non vi soddisfa (per esempio, limmagine troppo piccola o troppo grande), scegliete il comando Annulla, aprite nuovamente il dialogo Settaggi Figura, regolate le dimensioni, la risoluzione o altri settaggi e posizionate nuovamente la Figura. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Figura nell'Aiuto ArchiCAD. E' inoltre possibile ridimensionare le figure posizionate, usando il tasto Shift per bloccare la diagonale e preservare le proporzioni dellimmagine. Se lo si desidera, per, possibile ridimensionare la Figura lungo l'asse X o l'asse Y in maniera indipendente.

229

Documentazione

Prima di posizionare la figura, il suo contorno fantasma segue il movimento del cursore mostrandone le dimensioni. Il punto di inserimento del contorno fantasma sensibile ai nodi e ai lati degli elementi. Per disattivare questa opzione utilizzare Opzioni > Ambiente di Lavoro > Maggiori opzioni > Mostra anteprima rettangolo di Ingombro di Oggetti, Colonne, Immagini e Disegni. Potete posizionare Figure in ArchiCAD anche in modo diretto, senza usare lo strumento Figura, incollando un elemento bitmap originato da unaltra finestra ArchiCAD (per esempio un FotoRender) o da un altro programma di elaborazione di immagini. Gli elementi incollati verranno gestiti da ArchiCAD come Figure. Nota: le immagini importate con questo metodo vengono sempre incollate pixel per pixel al corrente livello di ingrandimento.

Strumento Disegno
Lo Strumento Disegno consente di posizionare Disegni nel progetto corrente e di verificare e impostare i relativi settaggi. E' possibile personalizzare alcune opzioni di default prima ancora di posizionare effettivamente i disegni. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizionamento dei Disegni in una finestra Modello


I Disegni possono essere posizionati in tutte le viste modello salvo le viste 3D e le viste Abaco. Posizionare un Disegno in un modello pu essere utile, ad esempio, quando si riceve dalla fabbrica il disegno standard di un particolare della struttura del tetto in formato PDF. Si pu allora posizionare il documento PDF come Disegno nella finestra Dettagli, aggiungervi le proprie alterazioni o correzioni secondo le necessit, e poi posizionarlo come dettaglio modificato su un Layout. Analogamente, un File DWG esterno pu essere posizionato come Disegno nel modello come disegno vettoriale. Per accedere ai file DWG in ArchiCAD, questa soluzione pi semplice del metodo che prevede il collegamento del File DWG come XREF. Pu essere preferibile posizionare le Immagini in una vista Modello con lo Strumento Disegno piuttosto che con lo Strumento Figura, dato che il Disegno mantiene le informazioni sul suo file di origine e pu essere aggiornato. I Disegni posizionati in una vista modello (contrariamente a quelli posti su un Layout) sono indipendenti dalla scala. Per posizionare un Disegno in una finestra Modello: attivare lo Strumento Disegno fare clic nella finestra modello nel punto in cui si vuole posizionare il Disegno. Si apre la finestra di dialogo Collega a. Sfogliare le cartelle fino a individuare il file desiderato, selezionarlo e fare clic su Apri. Nota: se si importa un documento PDF contenente pi di una pagina, una finestra di dialogo richiede la scelta delle pagine da posizionare.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Disegni nelle Viste Modello


I Disegni sono le Viste ArchiCAD e i file esterni che sono stati posizionati nel progetto. E' possibile personalizzare le opzioni di scala, titolo e riquadro di ogni disegno. (Ci non possibile, invece, per le Figure.) Contrariamente alle Figure, i disegni importati possono venire aggiornati automaticamente a riflettere tutte le modifiche apportate al file di origine; oppure, si pu scegliere di aggiornarli manualmente. I Disegni possono essere posizionati sia nelle Viste modello che nei Layout. I Disegni posizionati nelle Viste modello sono file esterni (come DWG, File PDF e file immagine). Di essi non possono far parte le Vista ArchiCAD. Dei Disegni posizionati sui Layout, per, fanno parte le Viste ArchiCAD (tratte dal file del progetto corrente o da quelli di altri progetti), insieme a tutti gli altri file esterni disponibili per l'uso in ArchiCAD. Per Informazioni sui Disegni nel Book di Layout, vedere Disegni nel Book di Layout a pagina 254.

230

Documentazione

Il Disegno posizionato in base al punto d'inserimento per esso selezionato nei Settaggi Disegno (per impostazione predefinita, il suo punto centrale). In alternativa, si pu usare il comando Archivio > Contenuto Esterno > Posiziona Disegno Esterno per accedere alla stessa finestra di dialogo. (In questo caso, si possono scegliere file PLN e viste, ma possibile posizionarli solo su un Layout, e non su una vista Modello.)

tipo (p.es. una finestra Pianta o Layout) della finestra che conteneva il disegno cancellato.

ANNOTAZIONI
Gli Elementi di Annotazione visualizzano dati numerici o testuali nelle viste 2D, sia relative allelemento cui si riferiscono, sia come elementi informativi indipendenti. Le Quotature vengono aggiunte agli elementi di costruzione e agli elementi di disegno sia in Pianta che nelle finestre Sezione/Alzato mediante gli strumenti Quote. I Testi sono inseriti mediante lo Strumento Testo, in blocchi di testo dotati di una serie di flessibili opzioni di formattazione. Il Testo automatico un elemento testo contenente una definizione che viene automaticamente inserita dal programma. I testi automatici possono essere posizionati sia nelle Viste modello che nei Layout. Le Etichette aiutano a legare testi/annotazioni oppure un simbolo agli elementi di costruzione e ai Retini 2D. Sono disponibili anche Etichette indipendenti.

Quotature
E' possibile modificare le impostazioni dei Disegni gi posizionati nella finestra di dialogo Settaggi Disegno. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. I Disegni posizionati nelle Viste Modello sono elencati nel Gestore Disegno, e possono essere aggiornati e gestiti allo stesso modo di quelli posizionati su Layout. Per i dettagli, vedere Gestione e Aggiornamento dei Disegni Posizionati a pagina 260. Gli strumenti quote lineari di ArchiCAD offrono una grande flessibilit nel corredare l'Edificio Virtuale con le unit di misura e gli standard preferiti. Le quotature sono associative, il che significa che i valori numerici delle quote vengono automaticamente aggiornati se viene modificato l'elemento cui sono associate. Eccezione: le quotature impostate come statiche non sono associative. Vedere Quotature statiche a pagina 233. Le quote possono essere posizionate in Pianta e nelle finestre Sezione/Alzato e Disegno Dettaglio. Sono disponibili le seguenti opzioni di costruzione delle quotature. Quote lineari, che visualizza la lunghezza degli elementi, sia curvi che diritti.

Cancellazione di Disegni
Per cancellare un disegno, selezionarlo e cancellarlo come ogni altro elemento ArchiCAD. Si noti la cancellazione di un disegno non annullabile A MENO CHE la finestra attiva non sia del medesimo
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

231

Documentazione

Quote Alzati, (uno dei metodi di costruzione dello strumento Quota Lineare) che visualizza i valori di altezza nelle viste Sezione/Alzato. Quote Altimetriche, che visualizza i valori di altezza in Pianta. Quote Radiali, che visualizza il raggio degli elementi curvi. Quota Angolare, che visualizza l'angolo, in gradi, fra coppie di linee o bordi. Ognuna di tali opzioni trattata in dettaglio successivamente. Tuttavia, il procedimento generale per l'applicazione delle quotature esposto di seguito. 1 Selezionare l'appropriato strumento di quotatura; impostarne i settaggi, i metodi di costruzione e i metodi geometrici. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Quote nell'Aiuto ArchiCAD. 2 Secondo i casi, fare clic sull'elemento che si desidera quotare; tali clic creano dei punti di riferimento temporanei che indicano con esattezza i punti in cui iniziano e finiscono gli elementi da quotare. Quando si fa clic sull'elemento da quotare, tale elemento verr evidenziato, come ausilio per identificare l'elemento in corso di elaborazione. Nota: l'evidenziazione si verifica solo se attiva la casella di controllo Evidenzia contorni degli elementi relativi... in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Selezione e Informazioni elemento. 3 Fare doppio-clic dopo aver posizionato l'ultimo punto di riferimento. 4 Fare clic sul cursore a forma di martello nel punto in cui si vuole che appaia la catena di quota.

Glossario dei termini relativi alle quotature


I Punti di riferimento sono nodi Punti di riferimento temporanei creati dall'utente sugli elementi ArchiCAD nel corso del procedimento di quotatura. Nota: se un punto di riferimento viene posizionato in una posizione inadeguata (o in uno spazio vuoto) il cursore mostra un simbolo rettangolare anzich, come di regola, circolare. Questo significa che il punto di riferimento sar un punto statico, non associativo, e non si adatter quando lelemento quotato verr spostato o modificato. I Punti di riferimento sono temporanei e scompaiono dopo il clic che posiziona la catena di quota. La Catena di quota appare Catene di quota dopo il clic con il cursore a forma di martello che conclude il procedimento di quotatura. La catena di quota, per le quote lineari, consta di: una linea di quota lungo la lunghezza dell'elemento; le linee testimone (perpendicolari alla linea di quota); i punti di quota (ove le linee di quota intersecano le linee testimone). Punti di Quota Linea di Quota Linea Testimone Un'unit di quota connette due punti di quota adiacenti e comprende il valore scritto della relativa dimensione. Unit di misura

Standard di quotatura
ArchiCAD supporta luso di diversi Standard di Quotatura. E' possibile personalizzarne luso per il progetto corrente in Opzioni > Preferenze Progetto > Quotatura. Ci particolarmente utile quando si lavora su pi progetti con diversi livelli di precisione (es.: dai dettagli costruttivi alla pianificazione ambientale) o su progetti da edificare in Paesi diversi da quello in cui vengono progettati. Per altre informazioni, vedere Preferenze di Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD.

232

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Quotature statiche
Le Quotature statiche fanno eccezione alla regola generale per cui le quotature in ArchiCAD sono associative. E' possibile rendere statica qualunque quotatura lineare o altimetrica, selezionando la casella di controllo Quotatura statica nei Settaggi default Quote. Una volta che una quota stata trasformata in dimensione statica non potr pi tornare associativa. Se nessuno dei marker della catena di quota viene collegato a nodi di costruzione, la catena di quota diviene statica. Le quote statiche hanno lo stesso comportamento delle altre quote in due circostanze: 1 se ruotate o specchiate, il valore viene sempre orientato in modo da poter essere letto dal basso; 2 se vengono modificate le Unit di quotatura in Opzioni > Preferenze Progetto > Quotature, tutti i valori saranno aggiornati. Per altre informazioni, vedere Preferenze di Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD.

Quote lineari
Le Quote linearimisurano le distanze lineari lungo un elemento, sia diritto sia curvo. Sono disponibili quattro metodi di costruzione sia nella Palette Informazioni sia nella finestra di dialogo Settaggi default Quote. Con il metodo Lineare , vengono misurate e visualizzate le distanze tra due punti di riferimento adiacenti. Per altre informazioni, vedere Metodo di costruzione Metodo Alzati nell'Aiuto ArchiCAD. Con il metodo Progressivo , il primo punto di riferimento viene considerato come punto zero della catena di quota. Tutti i valori delle quote restituiscono la distanza tra ciascun punto di riferimento e il punto zero. Con il metodo a Linea-base , le distanze misurate sono le stesse offerte dal metodo progressivo, ma vengono visualizzati sullo schermo solo i puntatori invece dellintera linea, ed il punto zero non contrassegnato. Con la quarta icona si creano le Quote Alzati. Per altre informazioni, vedere Quote alzati a pagina 234.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

I Metodi Geometrici si impostano nella Palette Informazioni. Il metodo Libero crea catene di quota parallele ai primi due punti di riferimento posizionati, indipendentemente dallangolo dell'elemento (o degli elementi) da quotare. Il metodo Verticale mostra tutte le quotature verticali che possono essere calcolate mediante i punti di riferimento posizionati dall'utente. Il metodo Orizzontale mostra tutte le quotature orizzontali che possono essere calcolate mediante i punti di riferimento posizionati dall'utente. Il metodo Lunghezza Arco permette di quotare gli elementi curvi . Il Metodo Geometria scelto si riferisce allintera catena di quota, e non possono essere impostato separatamente per le singole unit di essa. Una volta terminato linserimento della catena di quota, il suo metodo geometrico non pu essere cambiato. Illustreremo il posizionamento delle Quote Lineari con un semplice esempio. 1 Costruire un muro con una finestra. 2 Selezionare il metodo costruzione lineare. 3 Fare clic una volta su ognuno dei nodi terminali del muro e della finestra; compariranno dei punti di riferimento temporanei. 4 Fare doppio-clic in uno spazio vuoto per chiudere la catena di quota. Il cursore assume la forma di un martello. Il cursore a forma di Martello verr visualizzato anche premendo una volta il tasto Cancella o facendo clic sul pulsante OK della Palette Controllo. 5 Quando appare il cursore a forma di Martello, cliccate sulla posizione in cui volete venga posizionata la catena di quota. 6 La catena di quota viene automaticamente calcolata e visualizzata.

Dopo linserimento del primo punto di riferimento, si attiva il pulsante Annulla della Palette Controllo, offrendo unalternativa per annullare il procedimento di quotatura.

233

Documentazione

Dopo linserimento del secondo punto di riferimento, si attiva anche il pulsante OK della Palette Controllo, indicando che da questo momento possibile creare una catena di quota valida. Potete revocare qualsiasi punto di quota contrassegnato, prima di concludere la catena, cliccandolo nuovamente.

E' possibile dover quotare degli elementi che si sovrappongono ad altri elementi. Per determinare a quale dei punti sovrapposti verr assegnato il punto di riferimento, seguite questi passi. 1 Sar evidente che vi trovate in presenza di punti sovrapposti se il marker di quota viene accompagnato dai pallini di selezione che evidenziano uno degli elementi sovrapposti. 2 Se lelemento selezionato quello corretto, cliccate semplicemente sul prossimo nodo. Cliccando sul pulsante OK si confermer lelemento senza attivare il cursore a forma di Martello. 3 Se volete che il punto di quota si riferisca ad un altro elemento sovrapposto, cliccate nuovamente sullo stesso nodo e verr selezionato ciclicamente un altro degli elementi sovrapposti. 4 Per accettare questa seconda struttura, cliccate sul punto successivo o completate la quota. Se necessitate di un altro elemento ancora, cliccate nuovamente sul punto. Potete continuare a ripetere questi passi fino a scegliere lelemento desiderato. Nota: possibile eseguire un successivo controllo selezionando un punto di quota. Finch terrete abbassato il pulsante del mouse, lelemento associato mostrer i pallini di selezione.

Quote alzati
Un caso speciale dello strumento Quota Lineare il metodo di costruzione Quota Alzati, che permette di posizionare marker di quota nelle finestre Sezione/Alzato. Le Quote Alzati sono calcolate in base all'Origine Quota, che pu essere impostata secondo le necessit nella finestra di dialogo Settaggi default Quote. Per altre informazioni, vedere Metodo di costruzione Metodo Alzati nell'Aiuto ArchiCAD.

Una serie di marker di tipo Quote Alzati si comporta come una catena di quotatura associativa. Potete selezionare ed editare tutte le serie cliccando sull'asse invisibile della catena (dove il cursore cambia da Freccia a simbolo Mercedes) con lo Strumento Freccia, o con Shift-clic con un altro strumento attivo. Singoli marker in una catena non possono essere modificati individualmente. Per le sole Quote Alzati, potrete scegliere i Livelli di Riferimento definiti in Opzioni > Preferenze Progetto > Unit di Lavoro e Livelli per il posizionamento delle quotature. Per altre informazioni, vedere Unit di Lavoro e Livelli nell'Aiuto ArchiCAD. Quote Alzati pu anche essere usato sulla Pianta, ma in questo caso vengono semplicemente misurate la distanza lungo l'asse Y della Pianta dall'Origine Progetto/Utente corrente. Posizionare i singoli marker facendo clic sul punto che si desidera quotare, e poi fare clic OK sulla Palette Controllo. Per posizionare il marker, utilizzate il cursore a Martello. Per posizionare una catena di marker di tipo Quote Alzati, fare clic in diversi punti, poi fare clic su OK e usare il cursore a forma di martello per posizionare la catena. Nota: i Moduli Collegati posizionati nel progetto possono contenere Quote Alzati riferite a unOrigine Utente. In questo caso, i valori delle quotature saranno uguali a quelli del progetto originale. Se si spostano le Quote Alzati nel progetto ospite, le regole da applicare sono diverse:

234

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Se si selezionano e si spostano tutti gli elementi relativi ad una Quota Alzati senza selezionare la stessa catena di quota, tale catena si sposter insieme ad essi. Lorigine dei valori della quotatura manterr la sua posizione, cambieranno quindi i valori visualizzati. Se si selezionano e si spostano degli elementi assieme alle Quote Alzati ad essi riferite, e se la catena di quota ha unorigine utente, anche lorigine si sposta assieme alle quote, e quindi i numeri mantengono i propri valori.

Quote Lineari degli Elementi curvi


Con lo strumento Quota Lineare attivo, scegliere il Metodo Geometria Lunghezza Arco nella Palette Informazioni. Fare clic con il cursore a forma di simbolo Mercedes su un arco circolare o su un bordo curvo - non necessario trovarne i punti estremi: basta fare clic in qualsiasi punto della curva.

Quotare lo spessore dei muri


Se si fa clic sulla Linea di riferimento di un Muro perpendicolare alla direzione della catena di quota, verranno posti dei punti di riferimento su entrambe le sue facce. Quando viene completata la catena di quota, vengono visualizzati solo i punti di riferimento posizionati su muri perpendicolari alla catena di quota. Se iniziate una quota con il metodo geometrico Allineato, posizionando una coppia di marker sulle due facce del muro, questi marker definiranno la direzione della catena di quota, che sar perpendicolare a questo muro.

ArchiCAD evidenzia i punti estremi dellarco o del lato. Questo il lato su cui verr misurata la lunghezza dellarco. Potete poi cliccare su qualunque altro punto che volete aggiungere alla catena di quotatura.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

235

Documentazione

Per concludere la selezione dei punti dellarco da quotare, fate doppio clic in qualunque punto dello spazio di lavoro con il cursore a Matita Vuota, oppure cliccate il pulsante OK della Palette Controllo. Appare il cursore a Martello per la definizione della posizione della catena di quota. Fate clic per posizionare la quotatura nel punto desiderato.

Aggiustamento e Spostamento delle quote radiali


Potete aggiustare una quota radiale gi posizionata con l'ausilio delle pet palette: Usa l'icona Aggiusta quota radiale per stirare la quotatura. Usa l'icona Sposta quota radiale per muoverla.

Per altre informazioni, vedere Strumento Quote Radiali nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: La cancellazione dellelemento quotato produce leliminazione della quota ad esso associata.

Quote Altimetriche
Nota: Il metodo geometrico Lunghezza dellArco non pu essere utilizzato per gli archi ellittici o le Spline. Per ottenere una quotatura di un arco ellittico o di una spline, prima selezionare l'elemento e convertirlo in una serie di archi mediante lo strumento Bacchetta Magica, poi usare il metodo geometria Lunghezza Arco per quotare gli archi. Per altre informazioni, vedere Utilizzo della Bacchetta Magica a pagina 105. Le Quote Altimetriche sono i classici marcatori che indicano lelevazione dei vari punti di un progetto architettonico o ambientale. Essi misurano l'altezza verticale degli elementi, lungo l'asse Z, e non sono disponibili nella Finestra Sezione/Alzato. Per posizionare una quota altimetrica nel progetto, selezionate lo strumento Quota Altimetrica dalla Palette Strumenti, cliccate poi in un punto qualsiasi del foglio di lavoro. La quota del piano corrente viene immediatamente visualizzata, insieme ad un marcatore standard per le quota. Le Quote Altimetriche posizionate con Gravit attiva sopra a Solai, Falde o Mesh sono associate ad essi. Per altre informazioni, vedere Elevazione e Gravit a pagina 80. Il testo della quota pu essere editato separatamente, e pu essere spostato, ruotato o altrimenti modificato indipendentemente dal marker. I marker delle Quote Altimetriche sono elementi singoli, ciascuno dei quali pu essere editato individualmente. Possono essere spostati, ruotati, con e senza copia, come qualsiasi altro elemento. Se vengono moltiplicati insieme all'elemento cui fanno riferimento, le copie dei marker saranno associate alle copie dell'elemento. Se si moltiplicano solo le Quote Altimetriche, le copie saranno associate al medesimo elemento (o livello piano) dell'originale.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Quote Radiali
Le Quote Radiali mostrano il valore del raggio di un elemento curvo. Le Quote Radiali sono composte essenzialmente da due parti: la linea di quota ed il testo. Fare clic su un punto dell'elemento curvo. Tracciare la linea di quota, o verso il centro della curva o nella direzione opposta. La quotatura radiale deve essere sempre definita da un elemento curvo. Fare clic di nuovo per posizionare l'etichetta che mostra la lunghezza del raggio. L'orientamento dell'etichetta pu essere definito nella finestra di dialogo Settaggi default Quota Radiale.

236

Documentazione

Le Quote Altimetriche associate rimangono collegate agli elementi su cui sono state posizionate, anche quando non si trovano pi allinterno del perimetro di tali elementi. Se una Quota Altimetrica si trova allesterno del contorno dellelemento a cui associata, i suoi valori si modificano in base alle regole seguenti: Con i Solai, non si verifica alcun cambiamento: il valore pari a quello che avrebbe la Quota Altimetrica se fosse ancora entro il contorno del Solaio. Con le Falde, il valore visualizzato viene calcolato tramite unestensione in proiezione del tetto (indica cio quale sarebbe il valore se la falda fosse estesa). Con le Mesh, viene visualizzata laltezza del Piano (ma la Quota Altimetrica rimane associata alla Mesh). Per altre informazioni, vedere Strumento Quote Altimetriche nell'Aiuto ArchiCAD.

Quote Angolari
Le Quote Angolari, visualizzano il valore dell'angolo compreso fra una coppia di linee o bordi lineari. Le quote angolari possono essere relative alla Dimensione interna o alla Direzione esterna ; il relativo metodo geometria viene scelto nella finestra di dialogo Quota Angolare o nella Palette Informazioni. Per altre informazioni, vedere Strumento Quota Angolare nell'Aiuto ArchiCAD. Per quotare un angolo, va definita in primo luogo la coppia di linee o bordi, scegliendo esattamente quattro punti di riferimento. Questi quattro punti individuano le due rette infinite che ArchiCAD user nel calcolo della quota angolare. I punti di riferimento possono essere scelti nei modi descritti di seguito. Cliccando su qualsiasi linea o lato esistente (muro, solaio, falda, mesh, retino). Questo identificher due punti di riferimento agli estremi della linea/lato indicato. Cliccando sugli hotspot di elementi esistenti.

Cliccando ovunque sulla pianta (in questo caso, la quota angolare non sar associativa). Le due linee infinite dividono lo spazio in quattro quadranti. Una volta definiti i punti di riferimento, compare il cursore a forma di martello. Fare clic per posizionare la quotatura angolare. Larco della quota passer attraverso il punto su cui si fatto clic. Con il metodo geometria Dimensione interna, verr quotato solo il quadrante del piano in cui si fa clic con il cursore a forma di Martello. Con il metodo geometria Dimensione esterna, ArchiCAD calcoler l'angolo del quadrante su cui si fatto clic pi i due quadranti adiacenti. I seguenti esempi, dove vengono quotati gli stessi due lati di una forma quadrangolare generica, illustrano le diverse varianti.

Posizionare quote angolari su elementi curvi


Selezionate lo strumento Quota Angolare nella Palette Strumenti, poi fate clic sul lato curvo del poligono che si desidera quotare. I due punti estremi dellarco verranno evidenziati automaticamente. infine, si posizioni la linea di quota con il cursore a forma di Martello.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

237

Documentazione

Per altre informazioni, vedere Pannello Contenuto Testo di Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD.

Inserimento di nuovi Punti di Quota


E' possibile inserire un qualsiasi numero di nuovi punti di quota nella catena. Per prima cosa, selezionare la catena. Poi, il risultato: selezionato lo Strumento Quote, fare Ctrl-clic/Cmd-clic sul nuovo punto di riferimento desiderato. Il nuovo punto pu essere posizionato tra i punti di catena esistenti o dovunque al di fuori della linea di quota. Le unit esistenti verranno divise nel numero necessario di unit. La catena di quota verr allungata come necessario. Non possibile inserire i punti selezionando direttamente le il risultato: unit di quota; va selezionata l'intera catena. Nota: in una singola catena di quota si pu inserire un punto di riferimento alla volta. Nell'inserimento di un nodo, non c' controllo sugli elementi sovrapposti.

Nota: Indipendentemente dal metodo geometrico scelto o dal lato su cui si fa clic, viene sempre quotato il lato ad arco dellangolo.

Editare una catena di quota


Le quote possono essere trascinate, ruotate e specchiate come ogni altro elemento ArchiCAD. Se editate tutti gli elementi a cui si riferisce una catena di quota, la catena verr trasformata insieme a questi elementi. Se solamente alcuni di questi elementi vengono editati, la linea di quota manterr la sua posizione e orientamento, e cambieranno solo i marker, le linee testimone ed i valori interessati dalla modifica. Se gli elementi quotati vengono moltiplicati, necessario selezionare anche le quote. Le copie delle quote saranno associate alle rispettive copie degli elementi quotati. Nota: Potete muovere o ruotare una catena di quota come un insieme. Unit o punti di quotatura non possono essere trascinati, ruotati o specchiati indipendentemente dalla catena di quota di appartenenza.

Cancellazione di un Punto di Quota


Se si seleziona e cancella un punto di quota nel mezzo di una catena, le due unit di quota contigue verranno unite. Cancella il risultato:

Selezione di parti della Catena di Quota


E' possibile selezionare una catena di quota nel suo insieme facendo clic sulla relativa linea di quota in un punto qualsiasi con il cursore simbolo Mercedes. Selezionare una Unit di quotatura facendo clic nel suo punto centrale con il cursore Segno di spunta con freccia. Selezionare il Testo di quota mediante il cursore e Selezione Veloce. Oppure fare clic sull'angolo inferiore sinistro del testo con il cursore Segno di spunta con freccia. Quando c' una catena di quota selezionata, o pi di una, un doppio clic sull'icona dello strumento Testo della Barra Strumenti apre i Settaggi Testo Quote.

Se il punto cancellato si trova ad Cancella un estremo della catena, lultima unit scompare e la catena verr accorciata. il risultato:

238

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Cancellazione di una Unit o Catena di Quota


Se selezionate e cancellate ununit di quota nel mezzo di una catena, la catena verr spezzata in due parti separate. il risultato: E' possibile eliminare un'intera catena di quota selezionandola e cancellandola. Cancella

Quota. Afferrare lhotspot o la linea testimone della parte selezionata e trascinare lindicatore grigio della distanza lontano dalla linea testimone.

Trascinamento di un Punto di Quota


Catene di Quote possono essere spostate in una nuova posizione, ma le catene di quote associative possono muoversi solo lungo la direzione delle loro linee testimone. Potrete spostare il cursore ovunque, mentre le trascinate, ma verr considerata solo la componente perpendicolare dello spostamento.

Unione di Catene di quota


Catene di quota separate possono essere unite selezionando una delle catene e Ctrl/Cmd-cliccando sull'altra. La seconda catena verr cancellata e i suoi punti di riferimento verranno aggiunti e quotati sulla prima catena (quella selezionata).

il risultato:

Potrete usare questa tecnica anche con catene di quota che non sono parallele tra di loro e/o che non hanno parti sovrapposte.

Non possibile muovere una Quota radiale lontano dallelemento quotato; potrete solo spostarla in unaltra posizione lungo la stessa curva. Nota: in 3D, lo spostamento pu modificare anche lelevazione degli elementi selezionati. Per vincolare il movimento degli elementi al piano orizzontale, attivare la coppia di angoli orizzontale-verticale in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Metodi e Forzatura Cursore e tenere premuto il tasto Shift nel trascinare gli elementi. Per altre informazioni, vedere Metodi e Forzatura cursore nell'Aiuto ArchiCAD. Se definite unarea sulla Pianta da visualizzare nel 3D e spostate un elemento a di fuori dellarea rappresentata, lelemento scomparir dalla Finestra 3D. clic clic

Modifica della Linea testimone


Gli stili della Linea testimone (es. dinamico o personalizzato) si impostano nel pannello Opzioni Marker e linea testimone dei Settaggi default Quote. E' possibile editare la lunghezza delle linee testimone personalizzate e dinamiche sullo schermo per una o per entrambe le linee testimone di una unit quota, o per tutte le linee testimone della catena. Per impostare manualmente le linee testimone, selezionare un punto di quota, ununit o una catena mentre attivo lo strumento
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

il risultato:
Punto

il risultato: Unit

239

Documentazione

clic il risultato:
Catena Facendo Clic alla distanza desiderata si tagliano o si allungano le relative linee testimone. Le linee testimone dinamiche non si potranno mai estendere oltre il nodo di riferimento dellelemento quotato. Per configurare manualmente linee testimone non esistenti o corte dovrete prima trasformarle in una delle altre modalit configurandole nel dialogo Settaggi Quote.

Inversione a specchio delle Quote


Le Catene di Quota possono essere spostate sul lato opposto di un muro mediante inversione a specchio. Si applicano le stesse regole della rotazione. Le posizioni dei testi di quota vengono sempre ricalcolate da ArchiCAD in modo che possiate leggerle dal basso o da destra.

Spostamento o Editazione di Testo di quota


Gli elementi Testo di Quota sono editabili singolarmente. Una volta selezionato un elemento testo modificarne la posizione e/o lorientamento mediante i comandi del menu Edita (es. Muovi, Ruota). Nota: per annullare i mutamenti di posizione di tutti gli elementi testo di quota modificati, aprire la finestra di dialogo Opzioni > Preferenze Progetto > Quotatura e contrassegnare la casella di controllo Ripristina la posizione automatica di tutti i testi di quota. Per modificarne le impostazioni testo, fare clic sull'icona Testo nella Palette Informazioni o fare doppio clic sull'icona Strumento Quote Lineari nella Barra Strumenti per aprire la finestra di dialogo Settaggi Testo Quotatura. La finestra di dialogo Settaggi testo quotatura disponibile solo quando selezionato un elemento testo di quota. Il nome dellultimo elemento del menu Edita cambia allora in Settaggi Testo Quota. Per altre informazioni, vedere Settaggi Testo Quotatura nell'Aiuto ArchiCAD.

Rotazione delle Quote


E' possibile usare la rotazione per modificare lorientamento di una Catena di quota dopo il suo completamento. Le catene di quota ruotate resteranno associate agli stessi nodi, verranno quindi modificate le lunghezze dei segmenti ed i relativi valori, insieme alle linee testimone.

Dopo una rotazione, tutti i punti di riferimento verranno riposizionati e proiettati secondo la nuova direzione, conservando la gerarchia originaria. Le linee di quota manterranno sempre un orientamento corretto; se le ruotate al punto da capovolgerle, i numeri verranno spostati sul lato opposto.

Quote Secondarie (Add-On)


La funzione Quote Secondarie permette di aggiungere i valori equivalenti in unit metriche alle quote visualizzate in piedi e pollici, e viceversa. Il menu gerarchico Quote Secondarie si trova nel menu gerarchico Documento > Extra Documento. Per altre informazioni, vedere Quote Secondarie (Add-On) nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

240

Documentazione

Nota: se il programma non visualizza il menu Quote Secondarie, possibile aggiungerlo all'ambiente di lavoro. Per altre informazioni, vedere Menu nell'Aiuto ArchiCAD. Usare la finestra di dialogo Documento > Extra Documento > Quote Secondarie > Converti Quote per impostare l'unit di misura e il numero di decimali del valore di quota convertito. Fare clic su OK e i valori secondari compariranno sul lato opposto della linea di quotatura. I nuovi valori vengono posizionati come blocchi di testo, e possono essere editati come ogni altro blocco di testo. Se non vi alcuna selezione sulla Pianta, tutte le quote posizionate verranno convertite. Se ci sono quotature selezionate, verranno convertiti solo i valori di queste ultime. Le quote convertite non vengono aggiornate automaticamente quando si modificano gli elementi quotati. Scegliere Documento > Extra Documento > Quote Secondarie > Aggiorna quote convertite per aggiornare sia i valori sia le posizioni delle quote. Anche in questo caso il comando pu essere utilizzato su tutte le quote (se nessuna selezionata) o solo su quelle selezionate. Se non c' pi bisogno delle equivalenze, scegliere semplicemente il comando Rimuovi quote convertite dal menu Quote Secondarie.

Automatica. Per prima cosa selezionate parte della degli elementi della Pianta (o anche la Pianta intera). Scegliere il comando Documento > Extra Documento > Quotatura automatica > Quotatura Esterni e impostare le opzioni nella relativa finestra di dialogo. Per altre informazioni, vedere Quotatura Esterni automatica nell'Aiuto ArchiCAD. Poi, definire la direzione delle linea di quota. Esistono due modi per farlo: fare clic sul bordo laterale di un elemento (la linea di quota seguir la direzione dell'elemento); o fare clic in un'area vuota, e poi fare clic una seconda volta per definire la direzione della linea. Infine, fare clic con il cursore a forma di martello per posizionare la linea di quota (quella pi prossima agli elementi selezionati). Se avete scelto di posizionare le quotature su tutti e quattro i lati, questa distanza indica anche la distanza di scostamento tra le linee di quotatura pi vicine e il riquadro di ingombro degli elementi selezionati.

Quotatura Esterni automatica


E' possibile aggiungere agli elementi selezionati le relative Quote Lineari associative automatiche mediante le funzioni Quotatura
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

La Quotatura Esterni tiene conto di muri e aperture. Vengono posizionate automaticamente fino a quattro linee di quotatura: la

241

Documentazione

quotatura delle apertura, la quotatura dei muri interni, la quotatura delle facciate e la quotatura totale. Se una qualsiasi di queste linee di quota non necessaria (es., non ci sono aperture, o la facciata diritta), non verranno tracciate le corrispondenti linee di quota.

Quotatura interni automatica


Il menu gerarchico Documento > Extra Documento > Quotatura Interni consente di aggiungere quote associative interne agli elementi selezionati. La finestra di dialogo Quotatura Interni contiene le opzioni per la quotatura di Muri Composti e Colonne. Per altre informazioni, vedere Quotatura interni automatica nell'Aiuto ArchiCAD. Dovrete quindi tracciare una linea attraverso gli elementi selezionati. Muri, Colonne, Travi, lati di Solai, Falde e Mesh perpendicolari e intersecanti questa linea verranno quotati automaticamente. La linea pu essere formata da pi segmenti. Fate un doppio clic per terminare di tracciare la linea. Un clic ulteriore richiesto per determinare la posizione della linea di quota. Dopo aver posizionato la linea di quota, la linea tracciata per definire le intersezioni scompare. Sono associative anche le Quote Alzati e le Quote Angolari.

Quando una Sezione di tipo Modello viene scollegata e trasformata in sezione di tipo Disegno, vengono generati degli hotspot sugli elementi per contrassegnare i punti di quota associati. Per altre informazioni, vedere Finestre Sezione/Alzato a pagina 123. Quando la sezione di tipo Disegno viene aggiornata dal modello, le quote associate agli hotspot verranno rigenerate per adattarsi alle modifiche del progetto. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento di Sezioni/Alzati a pagina 127.

Quotature associative nelle Sezioni/Alzati


Le quotature nella finestra Sezione/Alzato sono associative, cio ogni punto di quota creato vincolato al suo punto di riferimento. Per esempio, se aggiustate una Finestra in un muro, questo causer laggiornamento automatico dellintera catena di quota.

Blocchi di testo
Usando lo strumento Testo potete creare testi multilinea con opzioni per caratteri di ogni dimensione, stile ed allineamento. I blocchi di testo possono essere creati in Pianta, nelle finestre Sezione/Alzato e nei Disegni Dettaglio. Potete assegnare il formato del blocco testo come se fosse un unico insieme (usando Settaggi Strumento oppure la Palette Informazioni), e potete anche
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

242

Documentazione

configurare individualmente il formato dei caratteri all'interno del blocco di testo (usando l'Editor del Testo). I blocchi di testo sono sempre leggibili da sinistra a destra anche dopo una specchiatura. I vantaggi offerti dalla libera editabilit degli elementi testo sono disponibili anche per lo Strumento etichetta, oltre che per lo Strumento testo. (Le funzioni RTF (Rich Text Functions) non sono disponibili per gli altri elementi testuali di ArchiCAD.)

Palette di Formattazione Editor di Testo 3 Immettere testo desiderato nell'Editor di Testo. Un cursore testo lampeggiante indica la vostra posizione nel blocco di testo. Nota: Lo stile e la formattazione nel posizionamento di un nuovo blocco di testo dipende dalla configurazione nella finestra Settaggi Testo e Palette Informazioni. Se durante la dattilografia volete utilizzare differenti stili o particolari formattazioni per caratteri o paragrafi, usate la Palette Formattazione. Oltre ad immettere il testo da tastiera, possibile usare i comandi dell'Editor di Testo per aggiungere al blocco di testo i seguenti elementi predefiniti. Testo Automatico Per i dettagli, vedere Testo Automatico a pagina 245. - Simboli - Preferiti Per ulteriori informazioni sui Simboli e i Preferiti Testo, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD. Una volta raggiunto la fine del blocco di testo, il testo addizionale verr inserito sulla linea successiva.

Visualizzazione dei Blocchi di Testo


A seconda delle scelte effettuate in Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video > Mostra/Nascondi Aiuti Disegno ed Editazione, tutti i blocchi di testo possono essere incorniciati in corrispondenza delle relative maniglie angolari. Questi segni rendono i blocchi di testo pi facili da individuare ed editare, lasciando il contenuto leggibile.

Posizionare blocchi di testo


Prima di partire nel definire un blocco di testo, puoi determinare se sar del tipo interrotto o non interrotto. In un blocco di testo interrotto la larghezza rimarr fissa, il testo sar automaticamente interrotto quando si raggiunge i limiti durante l'immissione di testo. La lunghezza di un blocco di testo non interrotto dipende da quanto testo stato digitato, potete definire a piacimento una moltitudine di caratteri nella stessa linea di testo. Usa un blocco di testo non interrotto se non siete sicuri quanto sar lungo il vostro testo. Per posizionare un blocco testo interrotto: 1 Scegli lo Strumento Testo. 2 Disegna un rettangolo elastico per definire gli angoli del foglio di lavoro. Questo rettangolo definisce la larghezza del blocco di testo. Compaiono a schermo una finestra Editor di Testo ed una Palette di Formattazione. Per altre informazioni, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Potrete iniziare una nuova riga in qualsiasi momento premendo il testo Invio sulla tastiera. Clicca Annulla (Barra di Controllo) per cancellare l'operazione l'editazione del testo. 4 Quando avete finito, clicca OK nella Barra di Controllo; o clicca sullo spazio vuoto sul foglio di lavoro; o premi CTRL - Enter (Cmd - Enter).

243

Documentazione

Per posizionare un blocco di testo non interrotto: 1 Scegli lo Strumento Testo. 2 Doppio clic sul foglio di lavoro. Una finestra d'editazione e una palette di formattazione appare sullo schermo.

3 Immettere il testo desiderato nell'Editor di Testo. La finestra di editazione (e il Blocco di Testo che ne risulta) si estende in modo indefinito sino a quanto si continua a scrivere o finch non preme il tasto Invio. La lunghezza del blocco di testo verr determinata dalla dimensione della linea pi lunga del blocco. Un cursore testo lampeggiante indica la vostra posizione nel blocco di testo.

Clicca due volte lo strumento Testo per aprire la finestra Settaggi Testo, che ha due pannelli: Le configurazioni del pannello Stile Testo agisce sull'aspetto dei caratteri del vostro testo. Le configurazioni del pannello Formattazione Blocchi di Testo agiscono sulla forma e l'aspetto del blocco di testo. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Testo nell'Aiuto ArchiCAD. Per aggiustare un Blocco di Testo, selezionarlo e modificarne la forma mediante i suoi nodi angolari. Il contorno del blocco di testo segue il cursore mentre spostate il nodo, ed il testo verr riadattato allinterno del nuovo perimetro.

Ridimensionamento del Testo per via Grafica


E' possibile modificare le dimensioni del testo all'interno dei blocchi di testo mediante il comando Aggiusta. Selezionate il blocco di testo e aggiustatelo con il comando Aggiusta o con la pet palette. Muovete il cursore lungo la diagonale del blocco di testo e premete il tasto Shift per bloccarlo in quella direzione. Con il tasto Shift sempre abbassato, cliccate per definire la nuova dimensione. La dimensione del carattere aumenter o diminuir proporzionalmente.

Potete iniziare una nuova linea in ogni momento premendo Enter. Clicca Annulla (Barra di Controllo) per cancellare l'operazione di editazione del testo. 4 Quando avete terminato, clicca OK; o clicca su un qualsiasi spazio vuoto nel foglio di lavoro, o premi Ctrl-Enter (Cmd - Enter). Appare la palette Formattazione: quando si sta inserendo il testo nell'Editor di Testo attraverso un doppio clic all'interno di un blocco testo esistente con lo strumento Freccia in modalit Selezione Veloce selezionando un blocco di testo esistente (con lo strumento Testo attivo) e cliccando al suo interno

Applica Preferiti in Settaggi Testo


Per applicare i settaggi Preferiti all'intero blocco di testo, selezionare il blocco di testo, passare a uno dei Preferiti nella finestra di dialogo Settaggi Testo, e fare clic su OK (o fare doppio clic sul Preferito desiderato nella palette Preferiti). Per altre informazioni, vedere Preferiti a pagina 31.

Formattazione dei Componenti Individuali dei Blocchi Testo


Per configurare individualmente i caratteri, linee e paragrafi che sono stati definiti nel blocco di testo, o cambiare stili durante la dattilografia, usa la Palette Formattazione e i controlli Rientro/Tabulazione dell'Editor di testo. I controlli della Palette di Formattazione e dell'Editor di testo vengono solamente applicati al testo selezionato o quello che si sta digitando nell'Editor.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Formattazione dei Blocchi di Testo come entit uniche


Utilizzare i Settaggi Testo e la Palette Informazioni per formattare il Blocco di Testo nel suo insieme.

244

Documentazione

Per altre informazioni, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD.

Testo Automatico
Un Testo automatico un elemento testuale contenente una definizione che viene inserita automaticamente dal programma. Un Testo automatico viene inserito scegliendone la definizione da un menu. Ci che appare, in pratica, pu essere un testo, un valore numerico o la definizione stessa, a seconda del tipo e della situazione. Il testo o il valore viene aggiornato automaticamente in accordo con le modifiche apportate al progetto, layout o disegno. E possibile inserire del Testo automatico in ogni finestra in cui sia attivo lo Strumento Testo (Pianta, Sezione/Alzato, Dettaglio, Simbolo 2D di Oggetto GDL, Layout, Layout Master). Lo stile del Testo automatico pu essere formattato allo stesso modo che per i testi inseriti manualmente. Il Testo automatico pu provenire da varie fonti. Informazioni relative al Progetto, come il nome del progetto stesso (non necessariamente identico al nome del file), il nome dell'Architetto, la data di rilascio o qualsiasi altra informazione immessa nella finestra di dialogo Archivio > Info > Info Progetto. Per ulteriori informazioni, vedere Info Progetto nell'Aiuto ArchiCAD. Informazioni relative al Layout, come il nome o l'ID del layout, il nome o l'ID del sottoinsieme, il numero di Layout all'interno del Book di Layout. Informazioni relative al Disegno fra cui il nome, la scala disegno e il fattore di zoom del disegno stesso. Inoltre, possibile impostare un disegno specifico come riferimento per le ulteriori informazioni da mostrare. Per altre informazioni, vedere Riferimenti Testo automatico a pagina 247. Informazioni relative al Sistema (nome del file, percorso, data di creazione e modifica, ecc.). Attivare lo strumento Testo nella Barra Strumenti, poi fare clic sullo schermo. Compaiono la Palette Formato e l'Editor di testo. Per altre informazioni, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Immettere del testo manualmente, se necessario, e poi inserire il Testo automatico in uno dei modi seguenti. Fare clic sul pulsante della Palette Formato per visualizzare una finestra di dialogo che elenca i Testi automatici fra cui scegliere. Si pu scegliere fra i Testi automatici di varie categorie, o visualizzare Tutte le categorie per vederli tutti. La categoria Recente elenca i Testi Automatici inseriti di recente disponibili per la scelta. Fare clic con il tasto destro sul punto di inserimento nell'Editor di testi e scegliere l'appropriato comando dal menu gerarchico Inserisci Testo Automatico del menu di scelta rapida che compare a schermo.

245

Documentazione

Quando viene selezionato un Testo automatico dalla finestra di dialogo Testo automatico, si vedr che alcuni degli elementi disponibili visualizzano un vero e proprio testo o valore numerico nel riquadro di Anteprima, mentre altri sono visualizzati come #. Questo pu significare che l'informazione non ancora disponibile (ad esempio, il #Nome del Cliente non ancora stato inserito nella finestra di dialogo Info Progetto) oppure che non pu venire elaborata per qualche altro motivo (ad esempio, perch la vista non stata posizionata in un Layout). Se l'informazione disponibile, il relativo testo, una volta selezionato, sar visualizzato nell'Editor di testo.

Se, d'altra parte, l'informazione selezionata non pu ancora essere interpretata, saranno visualizzati i segni # nome progetto sia nel riquadro di Anteprima sia nell'Editor di testo.

Nel momento in cui diventa disponibile l'informazione mancante (cio quando il campo appropriato viene compilato o, come in questo caso, la vista viene assegnata a un layout), il testo segnaposto viene immediatamente aggiornato a mostrare il testo o valore effettivo. Potete aggiungere in uno stesso blocco di testo un qualsiasi numero di queste etichette di Testo Automatico e immettere altro testo. Saranno applicati i settaggi di testo correnti. Per formattare singoli caratteri o parti del testo, usare la Palette di formattazione. E' possibile utilizzare la funzione Testo automatico per gli script degli Oggetti GDL. (Ad esempio, se si utilizza un Blocco titolo di tipo Oggetto GDL posizionato su un Layout Master, possibile programmare il Blocco titolo con uno script che visualizzi il Nome del Progetto.) Nelle finestre Script GDL, l'interfaccia Editor di testo (con il suo elenco di voci di Testo automatico) non disponibile, e cos bisogna usare i relativi codici di formattazione. Per una lista dei codici Testo automatico da usare negli Script GDL, vedere Chiavi Testo automatico nell'Aiuto ArchiCAD.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

246

Documentazione

Riferimenti Testo automatico


ArchiCAD consente di impostare un particolare disegno come riferimento per i Testi automatici. Questo permette di usare testi automatici i cui valori sono generati da disegni di riferimento. Questo significa che il testo automatico non deve necessariamente far riferimento alla stessa vista o layout su cui viene posizionato. Per impostare un disegno come riferimento per il Testo automatico, selezionare un disegno nel Navigatore o nell'Organizzatore o sul layout, poi fare clic con il tasto destro per visualizzare un menu di scelta rapida e scegliere il comando Configura come Riferimento di Testo automatico. (Il medesimo comando disponibile anche nel Gestore Disegni). Il comando memorizza il disegno selezionato come riferimento e quindi sar possibile verificarne i dati nella finestra di dialogo Inserisci Testo Automatico quando si inizia un blocco di testo. Le voci di Testo automatico che usano come sorgente il Riferimento mostreranno quindi i valori tratti dal disegno di riferimento.

bitmap. Possono mostrare qualsiasi tipo di informazione sul disegno, ad esempio la composizione di un Muro con struttura composta. E' possibile creare le proprie Etichette Simbolo come qualsiasi altro Oggetto GDL, scegliendo il comando Archivio > Librerie e Oggetti > Nuovo Oggetto. Per altre informazioni, vedere Programmazione di Oggetti personalizzati a pagina 194.

Posizionare etichette indipendenti


Le Etichette Indipendenti (scelte nel pannello Contenuto e anteprima di Settaggi default Etichetta) possono essere posizionate solo manualmente. Per altre informazioni, vedere Pannello Contenuto e Anteprima Etichetta nell'Aiuto ArchiCAD.

Etichette
Le etichette sono blocchi di testo o simboli opzionali associati agli elementi di costruzione e retini 2D. Le etichette aiutano ad identificare o commentare gli elementi o parti del vostro disegno. Le etichette possono essere eventualmente inquadrate da un rettangolo, con una linea di riferimento ed un terminatore a freccia. Possono contenere delle specifiche testuali personalizzate, lID o lID unico interno dellelemento, o un simbolo. Potete usare le Etichette in due modi: le etichette Indipendenti sono posizionate manualmente sulla Pianta o in una finestra di Sezione/Alzato. le etichette Associative possono essere assegnate automaticamente prima di creare gli elementi, o venire associate a questi successivamente. Le Etichette di tipo simbolo sono particolari Oggetti GDL. Possono essere creati manualmente scrivendo il relativo codice e/o definiti graficamente e possono comprendere anche immagini
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Con lo Strumento Etichetta attivo, fare clic in qualsiasi punto dell'area di lavoro per dare inizio al disegno di un'etichetta indipendente. Due ulteriori clic con il mouse definiscono il puntatore.

Se il contenuto dell'etichetta un Simbolo, l'etichetta completa dopo il terzo clic del mouse. Se il contenuto delletichetta un testo, dopo il terzo clic con il mouse tracciate un riquadro per definire la larghezza della colonna di testo delletichetta. Se non si desidera predefinire la larghezza

247

Documentazione

della colonna del testo, fare semplicemente un altro clic con il cursore a Segno di spunta alla fine del puntatore. Come per lo strumento Testo, comparir l'Editor di Testo con la Palette di Formattazione. Digitare nella casella un testo di qualunque lunghezza e quindi fare clic su OK nella Palette Controllo per completare letichetta. Per altre informazioni, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD.

Editazione di Testi in ArchiCAD


Trova e Sostituisci Testo
La funzione Trova e Sostituisci Testo disponibile per i seguenti elementi di tipo testo in ArchiCAD. Blocchi di testo posizionati con lo strumento Testo; Etichette; Quotature; Timbro di Zona; Parametri di Oggetti GDL; Il comando Edita > Trova e Sostituisci Testo apre la finestra di dialogo Trova e Sostituisci. Questa funzione permette di cercare del testo in tutti i tipi di elemento rilevanti. Pu operare nella Pianta e nelle finestre Sezione/Alzato. Nota: la funzione Trova e Sostituisci Testo non disponibile per le finestre di tipo testo. Per altre informazioni, vedere Trova e Sostituisci Testo nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizionare etichette associative


Le etichette associative possono essere posizionate automaticamente alla creazione, o aggiunte ad elementi selezionati in una fase successiva. Per aggiungere un'Etichetta associativa a un elemento, aprire la finestra di dialogo settaggi dell'elemento cui si desidera aggiungere l'etichetta. Passare al pannello Lista ed Etichettatura. Per altre informazioni, vedere Pannelli Lista ed Etichettatura nell'Aiuto ArchiCAD. Attivare la casella di controllo Etichetta (tipo elemento) e fare clic sul pulsante Settaggi Etichetta per impostare le opzioni per l'etichetta. Fino a che la casella Etichetta rimane attivata nella finestra di dialogo Settaggi di elemento, verr aggiunta un'etichetta ogni volta che si posiziona un elemento di quel tipo. Per aggiungere un'etichetta associativa a un elemento che si trova gi posizionato sulla pianta, selezionare l'elemento e attivate la relativa casella di controllo nei Settaggi.

Controllo ortografico
Il comando Controllo Ortografico permette di controllare l'ortografia entro il progetto ArchiCAD. Le caratteristiche disponibili sono simili a quelle utilizzate in Microsoft Word. Nota: il Controllo ortografico non disponibile per le finestre di tipo testo. Usare le Preferenze (Filtri) del Controllo Ortografico per definire quali parti del Progetto ArchiCAD si desidera sottoporre a controllo ortografico. Scegliere se condurre la ricerca su Tutti i piani o sui Piani correnti. Contrassegnare le caselle dei tipi di elemento che si desidera includere nella procedura di Controllo ortografico. Il controllo ortografico pu essere eseguito su Blocchi di testo, Zone, Etichette, testo personalizzato inserito nelle Etichette di quotatura, e sui parametri di Porte, Finestre, Oggetti e Lampade. Il Controllo Ortografico utilizza il correttore ortografico di Microsoft Word, e ci significa che avrete bisogno di tale programma installato sul vostro computer, oltre ai dizionari della lingua che utilizzate.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Formattazione Testo Etichetta


Per formattare singoli caratteri, linee o paragrafi precedentemente immessi nel blocco di testo di un'etichetta, o per inserire dei simboli testo, usare la Palette Formato e i comandi rientro/tabulazione dell'Editor di testo come descritto per lo Strumento Testo. Per altre informazioni, vedere Palette Formattazione e Editor di Testo nell'Aiuto ArchiCAD.

248

Documentazione

Inoltre, solo sul MacOS, sono disponibili diverse applicazioni freeware e shareware che traggono vantaggio dalla suite Word Services (Servizi Word). Attenzione: il Controllo Ortografico fa uso della tecnologia Microsoft. ArchiCAD pu individuare il correttore ortografico di Word solo se il suo puntatore corretto allinterno del Registro di Windows. Se avete installato correttamente Microsoft Office, Controllo Ortografico funzioner senza alcun problema. Se avete modificato manualmente la posizione di Microsoft Word, ArchiCAD non sar in grado di utilizzare le sue caratteristiche di correzione. Inoltre i comandi di correzione devono essere installati con Word.

e Sostituisci ancora ripetono l'ultima direzione di ricerca e sostituzione settata nella finestra di dialogo Trova testo. Il comando Vai alla Linea permette di spostarsi alla riga indicata nel relativo campo editabile. Questa caratteristica risulta utile soprattutto durante il lavoro nelle finestre di testo GDL. Gli ultimi sei comandi si applicano agli Script GDL, e sono attivi solo se attiva una finestra Testo GDL. Per altre informazioni, vedere Scorciatoie della Finestra Script GDL nell'Aiuto ArchiCAD.

Funzioni di Editazione per le Finestre di Tipo Testo


Le finestre di Tipo Testo comprendono tutte le Finestre di Lista create con la funzione Computo, le finestre Script GDL, le Note Progetto, e la Finestra resoconto. Quando attiva una finestra di tipo testo, la maggior parte dei comandi del menu Edita cambia per fornire le funzioni base dei programmi di elaborazione testi. Nota: le funzioni Trova e Sostituisci Testo e Controllo ortografico non sono disponibili nelle finestre di tipo Testo. Il comando Stile Testo apre una finestra di dialogo che determina l'aspetto del testo sia a video che in stampa. Scegliendo il comando Trova e Sostituisci si visualizza la finestra di dialogo Trova Testo che offre le stesse opzioni di ricerca disponibili nella maggior parte dei programmi di elaborazione testi. Il comando Trova Selezione cerca stringhe di testo a seconda delle impostazioni della finestra di dialogo Trova Testo. (Di default la scorciatoia da tastiera per Trova Selezione Ctrl+H; per Trova e Seleziona indietro, usare Ctrl+Shift+H.) I comandi Trova ancora
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

CREAZIONE DI LAYOUT
Uno dei servizi pi importanti resi dai programmi di progettazione assistita dal computer alla pratica architettonica consiste nel fatto che essi rendono pi facile condurre in parallelo il lavoro di progettazione e quello di documentazione. Con ArchiCAD, possibile lavorare simultaneamente su diverse fasi del progetto, sia di progettazione che di documentazione. Il riversamento dei disegni architettonici su layout realizzati al plotter, da presentare a clienti, appaltatori e autorit competenti, viene tradizionalmente considerato come la fase finale del lavoro di un team di architetti. Con ArchiCAD, la stesura della documentazione costruttiva diventa realmente parte integrante del lavoro di progettazione. In ArchiCAD, i layout fanno parte del progetto. Ogni documento Progetto ArchiCAD comprende un Book di Layout, il cui contenuto visualizzato nel Navigatore. Per altre informazioni, vedere Navigatore a pagina 41. I layout creati dall'utente possono comprendere viste provenienti sia dal documento progetto attualmente aperto sia da altri documenti ArchiCAD che fanno parte di progetti pi ampi, come pure da documenti disegno immagine esterni. ArchiCAD permette di adattare l'ambiente di lavoro ai compiti e alle abilit richieste dalla fase dello sviluppo del progetto di volta in volta in corso. Ci significa che possibile scegliere un Profilo Ambiente di Lavoro dedicato (Layouting), centrato esclusivamente sulle funzionalit effettivamente necessarie per la costruzione del book di layout.

249

Documentazione

Per altre informazioni, vedere Profili a pagina 17. Quando attiva una finestra Layout, sono disponibili soltanto i relativi comandi di menu e strumenti. I paragrafi seguenti costituiscono una introduzione ai concetti base della realizzazione dei layout in ArchiCAD e presentano le principali tecniche che sar necessario padroneggiare per costruire il book di layout, gestire i disegni e aggiungere informazioni in modo sia manuale che automatico alla documentazione che pu risultare necessaria in questo stadio. Nota per gli utenti delle versioni precedenti: le precedenti versioni di ArchiCAD comprendevano PlotMaker come applicazione stand-alone per la gestione di layout e documentazione. Con ArchiCAD 10, queste funzioni sono tutte integrate in ArchiCAD. Per suggerimenti su come adattare l'organizzazione del lavoro a questo nuovo ambiente integrato, vedere la Guida alle nuove funzionalit di ArchiCAD 10, disponibile dal menu di Aiuto di ArchiCAD nella cartella ArchiCAD > Documentazione. Pu essere desiderabile attivare la Barra Strumenti Layout e Disegni (da Finestre > Barre Strumenti) per poter accedere rapidamente ai comandi usati pi di frequente. Quando attivo il Book di Layout, possibile assegnare un set di Penne e Colori separate da applicare solamente al Book di Layout. Quando si definiscono questi attributi, il comando Opzioni > Penne e Colori indica che essi si applicano agli elementi posizionati sui Layout del Book di Layout, e non alle Viste Modello del progetto. Per altre informazioni, vedere Penne e Colori/Set di Penne a pagina 28. Vi un'unica Combinazione lucidi per l'intero Edificio Virtuale, ma possibile definire separatamente i settaggi dei lucidi per il Book di Layout e per le viste Modello. Nota: i settaggi dei Lucidi per il Book di Layout servono a mostrare/nascondere gli elementi direttamente posizionati sui layout, come linee, testi e disegni completi. I Lucidi del Book di layout non influiscono sul contenuto del disegno, che dipende dai lucidi della vista ad esso associata. Per altre informazioni, vedere Lucidi a pagina 22.

Il Book di Layout
Al centro del concetto di gestione dei layout di ArchiCAD c' il Book di Layout che comprende tutti i layout definiti per il progetto, eventualmente organizzati in sottoinsiemi (rappresentati da cartelle). La struttura ad albero del Book di Layout accessibile nel Navigatore e nell'Organizzatore. Per altre informazioni, vedere Navigatore a pagina 41. I Layout contengono tutti i disegni e le immagini di cui si compone la documentazione architettonica del progetto viste, disegni esterno, Lista viste, Abachi Elemento, Indici Progetto. Ogni Layout associato a un Layout Master che ne definisce la dimensione e alcune altre propriet. Ci facilita l'automazione di operazioni come l'inclusione del Logo della Ditta. Per altre informazioni, vedere Layout Master a pagina 253. Malgrado sia possibile usare per il Book di Layout una struttura lineare, il modo ideale di organizzare i Layout dividerli in capitoli, cio cartelle, che in ArchiCAD prendono il nome di sottoinsiemi. Ci risulta particolarmente utile quando si lavora su progetti di grandi dimensioni che richiedono un gran numero di disegni. Un pulsante pop-up nella parte superiore sinistra della mappa del Book di Layout permette di visualizzare i componenti del Book di Layout in base alla vista corrente, vale a dire come Albero per sottoinsiemi o Albero per Master. Albero per sottoinsiemi raggruppa i Layout in base ai sottoinsiemi e mostra i nomi dei disegni che vi appartengono. Nell'albero per sottoinsiemi, i disegni sono accompagnati da icone che corrispondono ai tipi di file. Albero per masters lista i Layout in base al Layout Master a cui sono assegnati. Potete muovere e riorganizzare gli elementi utilizzando la tecnica del drag and drop per: Creare sottoinsiemi gerarchici; Muovere un Layout da un sottoinsieme allaltro; Applicare un Master Layout a un Layout; Spostare un disegno da un Layout ad unaltro Layout.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

250

Documentazione

Nota: in tal caso, la distanza proporzionale del disegno dallorigine del Layout rimane immutata. Durante l'editazione degli elementi del Book di Layout, la palette Navigatore o Organizzatore mostra la posizione dell'elemento su cui si sta lavorando. Gli elementi selezionati nel Navigatore saranno evidenziati. Quando vi spostate e lavorate nelle finestre Layout, levidenziatura diventa un riquadro. Importante: le operazioni che coinvolgono elementi del Navigatore/Organizzatore (come il trascinamento tra le mappe del Navigatore, la cancellazione di elementi da una mappa, o l'aggiunta di elementi al Set di Pubblicazione) non vengono aggiunte alla coda del comando Annulla, e non sono annullabili. Per altre informazioni, vedere Book di Layout a pagina 48. Il modo pi semplice per accedere ai settaggi un elemento del Book di Layout selezionarlo nella Palette Organizzatore o Navigatore e fare clic sul pulsante Settaggi nella parte inferiore della sezione Attributi. Altrimenti, si possono usare i comandi del menu di scelta rapida che si apre facendo clic con il tasto destro sull'appropriato elemento della lista o i comandi del menu Documento > Book di Layout.

Quando si d inizio a un nuovo progetto, il Book di Layout di ArchiCAD contiene alcuni Layout e Layout Master predefiniti che corrispondono agli usi del paese cui si riferisce la specifica versione localizzata. Le funzioni di gestione dei layout sono disponibili in tutto o in parte, in vari punti dell'interfaccia ArchiCAD: le icone nella parte inferiore della palette Navigatore; il gruppo di icone della vista Editor Layout nella palette Organizzatore; il menu di scelta rapida che si apre facendo clic con il tasto destro del mouse su un elemento della vista ad albero delle palette Navigatore e Organizzatore; i comandi del menu Documento > Book di Layout.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

251

Documentazione

scegliere Apri in una nuova Finestra dal menu di scelta rapida.) Il contenuto delle finestre layout salvato insieme al progetto. L'area di colore bianco rappresenta l'area di stampa utilizzabile del foglio ed delimitata da un contorno di colore blu. Larea grigia rappresenta larea non stampabile (margini) del foglio.

I Layout possono essere visualizzati per nome, ID o in entrambi i modi. Gli ID Layout sono generati automaticamente secondo la regola definita in Settaggi Layout o in Settaggi Book, oppure possono venire assegnati individualmente. Per altre informazioni sugli ID, vedere ID di Disegni e Layout a pagina 257. Per facilitarne la visione complessiva e per altre finalit pratiche (come l'assegnazione degli ID o la sequenza di stampa) i Layout possono essere raggruppati in sottoinsiemi. Ai sottoinsiemi possono essere assegnati dei nomi al momento della creazione ed possibile rinominarli nella sezione Attributi della Palette Navigatore.

Layout
Per aprire uno specifico layout, fare doppio-clic sul suo nome nel Book di Layout del Navigatore o nel Layout Editor della palette Organizzatore. Si pu anche scegliere il suo nome dal menu Finestre o usare la finestra di dialogo Apri Layout disponibile dalla Barra degli Strumenti. Qui pu essere attivata la corrispondente finestra Layout. I Layout ArchiCAD possono essere aperti sia in un'unica finestra sia in finestre separate. (Per aprire un Layout in una nuova finestra separata, selezionarlo nel Navigatore e

Le dimensioni a video e i margini del Layout sono definiti dal Layout Master. Nella stampa del Layout, possibile adattarlo alla dimensione effettiva del foglio utilizzato dal relativo dispositivo, con il comando Adatta alla pagina della finestra di dialogo Stampa. Per altre informazioni, vedere Stampa Layout nell'Aiuto ArchiCAD. E' possibile inserire, sistemare e trasformare i disegni nella finestra Layout, nonch aggiungere manualmente elementi 2D come voci di Testo Automatico. Per altre informazioni, vedere Disegni nel Book di Layout a pagina 254. Per creare un nuovo layout, scegliere il comando Documento > Book di Layout > Nuovo Layout; o fare clic sull'icona Nuovo Layout nel Navigatore o nell'Organizzatore; o ancora utilizzare il comando Nuovo Layout dal menu di scelta rapida di un qualsiasi elemento del Book di Layout del Navigatore. Una volta creato un nuovo Layout o Sottoinsieme, la vista del Navigatore Albero per sottoinsiemi lo elencher direttamente al di

252

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

sotto dellelemento attualmente evidenziato. Se aperta la finestra di Layout, per default il nuovo Layout si sostituir ad essa. Se un Sottoinsieme attualmente evidenziato nella palette Navigatore, il comando Nuovo Layout collocher un nuovo Layout come ultimo elemento della cartella Sottoinsieme. E' anche possibile creare nuovi Layout automaticamente durante il posizionamento e l'importazione dei disegni. Tutti i Layout del Book di Layout possono essere cancellati, salvo l'ultimo: il Book di Layout deve sempre contenere almeno un Layout.

Layout Master
Il Layout Master definisce le dimensioni dei Layout (pagine) del Book di Layout. Le informazioni grafiche e di testo posizionate nel Layout Master appariranno su ogni Layout che lo usa come modello. Nota: si pu scegliere di nascondere la visualizzazione a schermo di questi elementi su tutti i Layout (ma non su uno o alcuni di essi soltanto) con il comando Visualizza > Opzioni di Visualizzazione a Video > Nascondi Elementi Master sul Layout. Un Book di Layout tipicamente comprende diversi Layout Master, ma ciascun layout assegnato a un unico Layout Master. ArchiCAD propone diversi modelli di Layout Master. Potete scegliere dei Layout Master predefiniti o personalizzarli a piacimento. Fra i modelli di Layout Master sono compresi dei blocchi di titolo di uso comune, composti di elementi di disegno 2D ed elementi testo, fra cui anche del Testo automatico. Il Testo automatico consiste di speciali elementi testuali automatici predefiniti che vengono generati dal programma. Per altre informazioni, vedere Testo Automatico a pagina 245.

Ad esempio, i Blocchi di titolo del modello di Layout Master riprodotto nell'immagine sottostante includono degli Elementi di Testo Automatico per il Nome Progetto, il Nome Disegno, lo Stato Progetto e l'ID Layout, fra gli altri, insieme a degli elementi testo e a un logo. E' possibile editare un blocco di titolo aprendo il Layout Master e utilizzando gli strumenti editazione 2D e testo per modificarlo. Per altre informazioni, vedere Settaggi Layout Master nell'Aiuto ArchiCAD. Il Layout Master pu anche contenere una Griglia per ID Disegno e altri elementi master, come il Testo automatico, che appariranno su tutti i Layout ad esso assegnati. Il colore degli Elementi Master sul Layout, e la loro visualizzazione sopra o sotto il Layout, sono configurabili in Opzioni > Preferenze Progetto > Layout. Si pu accedere al Layout Master facendo doppio-clic sul suo nome nel Book di Layout. Ci apre o rende attivo il corrispondente Layout Master. Per impostazione predefinita, tutti i Layout e Layout Master si aprono nella medesima finestra, ma si pu anche scegliere di aprire una nuova finestra per ognuno di essi. I Layout Master sono posizionati nelle cartelle Master del Book di Layout ed possibile assegnare loro dei nomi distinti. Uno dei Layout Master verr applicato di default ai Layout che saranno creati successivamente. Il Layout Master di default segnalato con una orecchia nella sua icona.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

253

Documentazione

Per scegliere un diverso Layout Master da usare per default, selezionarlo nella palette Navigatore o Organizzatore e usare il menu di scelta rapida, o contrassegnare la casella Setta come Default per i nuovi Layout nella relativa finestra di dialogo Settaggi Layout Master. Applicare un altro Master Layout a un Layout Trascinate e rilasciate un Layout Master sopra il Layout selezionato, Trascinate e rilasciate un Layout sopra un Layout Master, o Selezionate un Layout, scegliete un altro Layout Master dal menu a comparsa nella parte inferiore della Palette Navigatore o nella finestra di dialogo Settaggi del Layout selezionato. Sono disponibili le stesse opzioni per la creazione di Layout Master e di Layout semplici. Per altre informazioni, vedere Layout a pagina 252.

Disegni nel Book di Layout


I Disegni sono viste ArchiCAD e file esterni che sono stati posizionati su un Layout. (Possono anche essere posizionati in Viste Modello.) Vedere Disegni nelle Viste Modello a pagina 230. Il Layout pu comprendere viste tratte dal corrente documento progetto e da altri documenti progetto ArchiCAD. Possono essere posizionati sul layout anche file disegno e immagine esterni, come pure i File PDF. Nel contesto del lavoro sui layout, tutti questi elementi sono chiamati genericamente Disegni. E' possibile disporre e manipolare i Disegni posizionati sul Layout secondo le necessit. (Malgrado sia possibile posizionare su un layout tutte le viste ArchiCAD che si desidera, non possibile incorporare le viste l'una dentro l'altra.) Le dimensioni, la scala, il titolo e le opzioni riquadro dei disegni sono personalizzabili nella finestra di dialogo Settaggi Disegno. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. I disegni importati possono venire aggiornati automaticamente a riflettere tutte le modifiche apportate al file di origine; oppure, si pu scegliere di aggiornarli manualmente. Per altre informazioni, vedere Gestione e Aggiornamento dei Disegni Posizionati a pagina 260.

Sottoinsiemi
Un sottoinsieme una cartella all'interno del Book di Layout. I Sottoinsiemi permettono di organizzare i layout con facilit e di definire per essi delle regole di numerazione. Lavorando nel Navigatore o nell'Organizzatore, possibile posizionare qualsiasi Layout in un Sottoinsieme semplicemente trascinandolo e rilasciandolo al suo posto. Se si crea un nuovo layout nella palette Organizzatore mentre si fa clic con il tasto destro sul nome di un sottoinsieme, esso verr automaticamente posizionato in tale sottoinsieme. I Sottoinsiemi non sono obbligatori; possibile posizionare un Layout nel Book di Layout senza inserirlo in un Sottoinsieme. I sottoinsiemi, tuttavia, risultano utili nell'organizzazione dei progetti su larga scala, dotati di diversi set di documentazione. Nell'assegnare gli ID ai Layout, possibile fare in modo che essi riflettano la gerarchia dei sottoinsiemi all'interno del sistema ID Layout, cos che sia pi facile trovare il giusto Layout quando se ne ha bisogno. Per altre informazioni sugli ID, vedere ID di Disegni e Layout a pagina 257.

Cancellazione di Disegni
Per cancellare un disegno, selezionarlo e cancellarlo come ogni altro elemento ArchiCAD. Si noti la cancellazione di un disegno non annullabile A MENO CHE la finestra attiva non sia del medesimo tipo (p.e. una finestra Pianta o Layout) della finestra che conteneva il disegno cancellato.

Titoli
Ogni Disegno posizionato su un Layout pu avere un titolo contenente elementi grafici e informazioni relative al disegno stesso come ID Disegno, Nome, e Scala. Nota: i Disegni posizionati in Viste Modello non hanno Titolo.

254

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

pannello Titolo della finestra di dialogo Settaggi Disegno, si possono definire, assegnare e formattare i Tipi Titolo in base alle proprie preferenze crearne di nuovi come Elementi di Libreria. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD.

Posizionamento di Elementi sui Layout


I Disegni possono essere posizionati su Layout uno alla volta o collettivamente nei modi seguenti. Quando attiva una finestra vista modello, scegliere Documento > Salva la vista e posizionala sul Layout, o fare clic con il tasto destro in un punto qualsiasi della finestra e scegliere da menu di scelta rapida che compare a schermo il medesimo comando. Diviene attiva la finestra di layout e viene visualizzato un simbolo di ingombro a doppia freccia a rappresentare il disegno. Spostarlo con il cursore e fare clic per posizionarlo. Nel corso del posizionamento del disegno, ArchiCAD far uso del Punto d'inserimento del Disegno impostato in Settaggi di Default Disegno. Il medesimo Punto d'inserimento far da ancoraggio per il disegno nel caso in cui la sua vista sorgente venga successivamente modificata, e il disegno aggiornato. Per altre informazioni, vedere Pannello Attributi Disegno nell'Aiuto ArchiCAD.

L'effettivo titolo di un Disegno basato su un Tipo Titolo. I Tipi Titolo sono Oggetti GDL che possono essere assegnati ai Disegni per impostazione predefinita (automaticamente) o assegnati manualmente ai Disegni selezionati. Per assegnare un titolo un Disegno, selezionare il Disegno e aprire la finestra di dialogo Settaggi Disegno. Nel pannello Titolo, selezionare un Tipo titolo dal menu a comparsa.

Per assegnare un titolo di default a ciascun nuovo Disegno che viene via via posizionato, aprire i Settaggi di Default Disegno (i Settaggi di Default si aprono se non selezionato alcun Disegno) e scegliere un Titolo Disegno. I Titoli Disegno sono attribuiti automaticamente ai disegni associati. Il Titolo Disegno un sotto-elemento del disegno. Mediante il
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

255

Documentazione

Con una finestra Layout attiva, trascinare e rilasciare uno o pi elementi, (Punti di vista, viste o viste originate da Documenti ArchiCAD esterni) dalla palette Navigatore o Organizzatore direttamente sul layout. Una volta aggiunti a un Layout, i Punti di vista sono convertiti in Viste e mantengono i loro settaggi correnti. La vista di nuova creazione viene aggiunta alla Mappa Vista e al Book di Layout.

Si noti che quando si posizionano diversi elementi contemporaneamente, questi si troveranno posizionati l'uno sull'altro sul layout, e sar necessario trascinarli manualmente fino alla loro posizione definitiva. Per dettagli sul posizionamento di disegno a partire da Progetti ArchiCAD esterni, vedere Progetti Esterni a pagina 50. Nell'Editor Layout dell'Organizzatore, trascinare e rilasciare punti di vista, viste e file esterni dall'appropriata lista gerarchica sul lato sinistro nel Book di Layout sul lato destro. (O usare il comando Posiziona disegno sul lato sinistro dell'Organizzatore.) Usare il comando Archivio > Contenuto Esterno > Posiziona Disegno Esterno, poi selezionare i file desiderati dal file system. (Fra i formati disponibili, vi sono il formato PDF, numerosi formati immagine, DXF e DWG.) Se si sceglie un altro documento Progetto ArchiCAD, la finestra di dialogo Importa Disegno/Layout visualizza la lista vista del documento e permette di individuare le viste da posizionare sui layout. Per altre informazioni, vedere Importa Disegno/Layout da Progetto ArchiCAD nell'Aiuto ArchiCAD.

Con una finestra Layout attiva, scegliere lo Strumento disegno dalla

Barra Strumenti, poi fare clic nel layout e utilizzare la finestra di dialogo Posiziona disegno che compare per scegliere un Disegno

256

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

collegato o a una sorgente esterna (fare clic su Naviga per richiamare una finestra di dialogo directory) o a una vista del progetto corrente (selezionare una vista, e poi fare clic su Posizione). Il posizionamento dei disegni segue le regole sotto elencate. Se si rilascia un elemento sul nome di un layout gi esistente, il disegno sar aggiunto a tale layout. Se si rilascia un elemento sul nome di un sottoinsieme o sul Book di Layout stesso, il disegno verr posizionato su un nuovo layout creato automaticamente all'interno del sottoinsieme (o al pi alto livello del Book di Layout. Si noti che quando si aggiungono delle viste trascinandole e rilasciandole all'interno del Navigatore o dell'Organizzatore, i disegni saranno posizionati al centro del/dei layout, dopo di che sar possibile spostarli nell'esatta posizione desiderata, manipolarli (muoverli, ruotarli, ridimensionarli) e personalizzarli. Per default, quando si posizionano delle viste modello su un Layout, il relativo contorno di disegno verr impostato in modo da mostrare la sola area inquadrata del modello. (Questo settaggio di default pu essere cambiato in Opzioni > Preferenze Progetto > Layout.) Una volta posizionata la vista, si pu decidere successivamente di riaggiustare il riquadro in modo che si conformi ad altre parti della vista modello, sia manualmente, con i comandi della pet palette, sia mediante il pulsante Adatta al disegno in Settaggi Disegno. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. Se il layout sul quale si posizionano i disegni fa uso di una Griglia per ID Disegno, i disegni verranno posizionati nelle appropriate celle. Per altre informazioni, vedere Griglia per ID Disegno a pagina 238. Se si posiziona una vista proveniente da un altro Documento Progetto ArchiCAD, verr Avviata un'altra istanza di ArchiCAD. Nota: se non si desidera avviare ArchiCAD ogni volta che si posiziona una vista, contrassegnare la casella Non avviare una nuova istanza di ArchiCAD... in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Maggiori opzioni. Una volta posizionata una vista proveniente da un file Progetto ArchiCAD esterno in quello corrente, la struttura mappa vista e il Book di Layout di tale file sorgente sar a vostra disposizione in Scelta Progetto, e sar possibile posizionare ulteriori disegni nel Book di Layout del progetto corrente con facilit.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Importazione di File PDF


Come per l'importazione degli altri file esterni, usare il comando Archivio > Contenuto Esterno > Posiziona Disegno Esterno. Se il File PDF da importare protetto da una password, sar necessario fornire la password quando questa verr richiesta. Se si importa un documento PDF contenente pi di una pagina, una finestra di dialogo richiede la scelta delle pagine da posizionare. E' possibile anche posizionare i PDF nelle finestre 2D di ArchiCAD trascinandoli con il mouse e rilasciandoli. nel caso in cui i PDF contengano pi di una pagina, comparir anche qui la finestra di dialogo che richiede la scelta della pagina. Un File PDF posizionato su Layout, come ogni altro elemento, diventa un Disegno. Il Nome Disegno sar quello del File PDF. La numerazione delle pagine visualizzata nel campo Vista Sorgente del disegno. Come ogni altro disegno collegato a un file esterno, i PDF posizionati possono venire aggiornati automaticamente o manualmente in ArchiCAD.

ID di Disegni e Layout
Sia ai Disegni che ai Layout vengono assegnate degli ID, come ausilio per l'organizzazione, la navigazione e la realizzazione degli output del progetto. L'utilit principale dell'assegnazione degli ID Layout quella di permettere la numerazione automatica del Book di Layout. E' possibile applicare una logica automatica all'intero Book di Layout, ma ArchiCAD offre anche la massima flessibilit nel personalizzare l'assegnazione degli ID in base alle preferenze dell'utente.

Numerazione Layout Semplice


Il modo pi semplice di numerare i Layout assegnare a ognuno di essi un numero sequenziale, come alle pagine di un libro. Per farlo, non necessario occuparsi degli ID dei Layout; basta posizionare un Testo automatico per Numero Layout nel Layout Master. Il Numero Layout un numero che viene assegnato a ciascun layout in ordine di creazione, e viene mostrato basso nella Finestra di Layout. Grazie al Testo automatico, questo numero verr riportato su ogni Layout.

257

Documentazione

ID dei Layout in Numerazione automatica


Tuttavia, data la complessit della maggior parte dei progetti architettonici, per consentire il mantenimento della sequenza numerica desiderata anche dopo l'aggiunta e la rimozione di diversi Layout dal Book di Layout, la maggior parte degli utilizzatori preferisce usare un metodo automatizzato che assegna un ID a ciascuno dei layout. Il sistema intelligente per l'assegnazione automatica degli ID si aggiorna ogni volta che il Book di Layout subisce una modifica (ad esempio per laggiunta di nuovi Layout, o per il cambiamento dellordine dei Layout o della struttura di un documento). ID Layout disponibile come voce di Testo automatico, di modo che, se si aggiunge il Testo automatico ID Layout al Blocco titolo del Layout Master, ognuno dei Layout risulter numerato con tale ID. Per altre informazioni, vedere Testo Automatico a pagina 245. In Documento > Book di Layout > Settaggi Book Scegliere il metodo preferito per l'assegnazione degli ID ai Layout: Per altre informazioni, vedere Settaggi Book nell'Aiuto ArchiCAD. Usa ordine semplice Layout: questo metodo assegna un ID solamente ai Layout (senza tener conto dei sottoinsiemi), procedendo dall'alto verso il basso nel Book di Layout del Navigatore. I Layout riceveranno degli ID sequenziali a prescindere dalla loro posizione gerarchica - come nell'illustrazione sottostante. Se si modifica l'ordine degli elementi del Navigatore, anche i loro ID saranno modificati in modo analogo.

Usa la Gerarchia (Vista ad albero per Sottoinsiemi): usare questo metodo se si vuole che gli ID dei Layout riflettano la posizione di ogni Layout in un particolare sottoinsieme. Gli ID rifletteranno la gerarchia della struttura ad albero: gli ID dei ereditano gli ID dei sottoinsiemi in cui sono posizionati - come nell'illustrazione sottostante.

258

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Sia il prefisso sia lo stile (1-2-3, A-B-C, ecc.) degli ID dei layout/Sottoinsiemi possono essere personalizzati. L'ID di Layout che ne risulta in genere una combinazione di lettere e numeri, come per esempio A-03/a. Nota: ad ogni livello dell'assegnazione degli ID (Settaggi Book, Settaggi Layout o Settaggi Sottoinsieme), possibile scegliere lo stile Senza ID. All'interno del sistema automatizzato di assegnazione degli ID, ad ogni sotto-elemento del gruppo (ad esempio, a ogni layout di quel particolare sottoinsieme) sar assegnato un ID vuoto, il che equivale all'assenza completa di ID.

ID Disegno
A ogni disegno posizionato in un layout viene automaticamente assegnato un ID Disegno. L'ID Disegno riportata davanti al Nome Disegno nelle palette Navigatore e Organizzatore. Il metodo di assegnazione degli ID definito in Settaggi Disegno. Si noti che il Nome Disegno e l'ID Disegno sono definiti separatamente. Per altre informazioni, vedere Pannello Identificazione Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. Nel pannello Identificazione dei Settaggi Disegno, scegliere una delle tre opzioni seguenti per definire l'ID del Disegno. Per ID Vista: il Disegno avr lo stesso ID della sua vista sorgente. Questa opzione spesso la pi utile quando ognuno dei Layout contiene un solo Disegno. Per Layout: al Disegno sar dato un ID basato sul suo Layout genitore: l'ID Disegno avr il Prefisso e lo Stile da voi definiti in Settaggi Layout, nel pannello ID dei Disegni in questo Layout. Questa opzione spesso la pi utile quando i Layout contengono pi di un Disegno. Personale: assegna a questo Disegno un ID personalizzato. E' anche possibile usare la funzione Griglia per ID Disegno del Layout Master per posizionare automaticamente i disegni in celle e assegnare gli ID in una struttura semplice o a matrice. Per altre informazioni, vedere Settaggi Layout Master nell'Aiuto ArchiCAD.

ID personalizzato per i Layout/Sottoinsiemi


Anche quando si usa la logica di assegnazione automatica degli ID definita nei Settaggi Book, si pu comunque assegnare un ID personalizzato a qualsiasi Layout o Sottoinsieme. In Settaggi Layout o Sottoinsieme, assegnare un ID personalizzato al Layout o Sottoinsieme selezionato. Tale Layout/Sottoinsieme continuer a contare ai fini della sequenza degli ID (se, ad esempio il precedente Layout A-01, il Layout personalizzato potrebbe essere Suppl.-01, e quello successivo sar A-03.) Se si vuole che l'ID personalizzato venga contato nella sequenza automatica degli ID, contrassegnare la casella Non includere questo Layout (Sottoinsieme) nella sequenza degli ID. Una volta personalizzato l'ID di un Sottoinsieme, si propone l'ulteriore scelta se far s che gli ID dei Layout di questo sottoinsieme seguano la nuova logica (incorporando l'ID personalizzata del sottoinsieme), o continuino a seguire logica degli ID della struttura complessiva del Book di Layout senza tener conto degli ID personalizzati del sottoinsieme. Per altre informazioni, vedere Settaggi Layout e Settaggi sottoinsieme nell'Aiuto ArchiCAD. Un altro modo di assegnare un ID personalizzato a un Layout o Sottoinsieme immetterlo direttamente nel panello Attributi del Layout (Sottoinsieme) selezionato nel Book di Layout del Navigatore.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

259

Documentazione

potere, ad esempio, trattare in maniera indipendente ciascun elemento linea o punto di un Retino vettoriale. Si possono sia conservare gli elementi originali sul Layout sia sostituirli con le primitive di disegno. Nel secondo caso, il disegno posizionato verr cancellato.

Gestione e Aggiornamento dei Disegni Posizionati


Tutti i disegni posizionati in un Progetto ArchiCAD appartengono a uno dei due tipi seguenti. Aggiornamento automatico. Ci vuol dire che il disegno posizionato sul layout viene aggiornato automaticamente ogni volta che il layout viene attivato (portato in avanti o selezionato per un'operazione di output). Gli aggiornamenti automatici avvengono anche prima della pubblicazione. Se un disegno proviene da una sorgente diversa dal file progetto correntemente aperto, ArchiCAD verifica se esso richiede o meno un aggiornamento, e se necessario lo esegue. Per default, tutti i Disegni creati a partire dalle viste interne (vale a dire le viste del progetto corrente) sono configurati per l'aggiornamento automatico. Aggiornamento manuale Ci vuol dire che il disegno congelato nello stato in cui la sua vista sorgente o file si trovava nel momento in cui stato posizionato sul layout o aggiornato. Questo pu essere utile se si desidera mantenere dei disegni intatti fino a che non vengano approvati o fino a che non giunga il momento di passare a una successiva fase del lavoro. Per default, tutte le viste e i file esterni posizionati sul Layout (o in una vista modello) sono configurati per l'aggiornamento manuale. E' possibile scavalcare le impostazioni di default relative al tipo di aggiornamento per i disegni posizionati selezionati nelle rispettive finestre di dialogo Settaggi Disegno. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. La palette Gestore Disegno quella in cui si pu verificare lo stato dei disegni posizionati, modificarne la tipologia di aggiornamento, ristabilirne, ripararne o cambiarne i collegamenti.

Modifica dei Disegni nei Layout


Anche se le modifiche apportate ai disegni posizionati su un Layout sono eseguite nelle relative viste originali, c' una serie di funzioni speciali disponibili nella finestra di Layout. Le operazioni eseguite sui disegni nella finestra Layout non si riflettono nella vista originale. Un disegno posizionato su un Layout pu essere allungato trascinando uno degli hotspot del suo contorno dopo averlo selezionato con lo strumento Freccia. Potete anche trascinare o ruotare i disegni posizionati o le loro copie. Con il comando Edita > Muovi > Moltiplica possibile creare pi copie dello stesso Disegno e poi personalizzare le varie copie. Il Layout e il Modello possono riferirsi a diverse Tabelle Penna. Ci significa che si pu definire un set di penne separato da usare sui Layout per i migliori risultati nelle operazioni di stampa e plottaggio. Per altre informazioni, vedere Penne e Colori/Set di Penne a pagina 28. I singoli disegni possono essere visualizzati sul Layout con le loro Penne originali o con il Set di Penne definito per il Layout. Per altre informazioni, vedere Pannello Attributi Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. Mediante il comando Edita > Esplodi nella Vista Corrente si otterr la scomposizione degli elementi selezionati in primitive di disegno, cos da

260

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Per altre informazioni, vedere Gestore Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. Il Gestore Disegno accessibile dal menu Finestre > Palette. E' possibile accedere al Gestore Disegno anche facendo clic sulla icona in alto a sinistra delle palette Navigatore o Organizzatore e scegliendo il comando Mostra Gestore Disegno. In tal modo si visualizzer una finestra di dialogo che elenca tutti i Disegni che sono stati posizionati nel Progetto (sia nel Book di Layout sia nelle viste Modello), compresi quelli che fanno riferimento a progetti esterni e a disegni esterni come i file PDF. I disegni contenuti nel Layout attivo sono evidenziati in grassetto. Selezionando un qualsiasi disegno in uno degli elenchi, possibile usarne il menu di scelta rapida per accedere ai principali comandi relativi ai disegni, come Settaggi Disegno e Apri vista sorgente. Nota: non possibile editare i parametri di un disegno selezionato direttamente nel Gestore Disegno. A tale scopo, si utilizzino i Settaggi Disegno. Per impostazione definita, di ogni disegno vengono visualizzati Tipo, ID, Nome, Stato, Layout (su cui posizionato), Vista sorgente e Percorso. I vari elementi possono essere ordinati in base a ciascuna di queste propriet facendo clic sull'intestazione della relativa colonna. E' possibile eseguire una funzione di ordinamento secondario: facendo clic sull'intestazione di una seconda colonna si ordineranno nuovamente gli elementi all'interno della gerarchia ottenuta con la prima operazione di ordinamento. Si pu usare la finestra di dialogo Personalizza Colonne Lista per personalizzare la Lista Disegni, includendo o escludendo altri criteri come la data di modifica, la combinazione Vista Modello o la Scala del disegno. Per accedere a questa finestra di dialogo, fare clic sul
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

pulsante contrassegnato dai (tre puntini) nella Palette Gestore Disegno. Per altre informazioni, vedere Personalizza Colonne Lista. Il campo Stato indica lo stato del Disegno posizionato nel Layout. Lo stato OK significa che il Disegno aggiornato. Modificato significa che il file esterno stato editato, e il Disegno posizionato richiede un aggiornamento per rispecchiare lo stato pi recente del file di origine. Incorporato: questo Disegno non presenta collegamenti e non pu subire aggiornamenti. (Se in precedenza aveva un collegamento che poi stato interrotto, il Gestore Disegno ne visualizza la precedente vista sorgente ai soli fini informativi.) Non disponibile. Non possibile trovare il file sorgente del disegno collegato. Da aggiornare: stato temporaneo di un disegno compreso nel gruppo dei disegni da aggiornare, ma ancora non stato sottoposto al processo di aggiornamento. In Aggiornamento: stato temporaneo di un disegno in corso di aggiornamento. Necessita Controllo: la funzione automatica di controllo rapido in background di ArchiCAD non in grado di accertare se il disegno necessita o meno di aggiornamento. Se visualizzato questo stato si hanno due scelte: - fare clic sul pulsante Verifica Stato per vedere se il disegno OK o modificato. Nel secondo caso, se il metodo di aggiornamento del disegno quello Manuale, si pu decidere se aggiornarlo o meno. (I Disegni impostati per l'Aggiornamento automatico sono aggiornati non appena viene attivato il relativo Layout.) - fare clic sul pulsante Aggiorna per portare lo stato del Disegno ad aggiornato. Per aggiornare i Disegni collegati a un file origine modificato: nel Gestore Disegno, selezionare uno o pi Disegni dall'elenco, e fare clic sul pulsante Aggiorna, o nella vista Mappa Layout del Navigatore o dell'Organizzatore, selezionare un Disegno

261

Documentazione

dalla vista ad albero, e fare clic sul pulsante Aggiorna o fare clic con il tasto destro e scegliere il comando Aggiorna dal menu di scelta rapida. E' anche possibile aggiornare tutti i disegni allo stesso tempo se nulla selezionato nella vista Mappa Layout del Navigatore o dell'Organizzatore. Quando si apre un Progetto che comprende dei disegni le cui viste o file sorgenti sono stati modificati, viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiorna Disegni. E possibile sia ignorare questo avvertimento, sia aggiornare tutti i collegamenti ai disegno sia aprire il Gestore Disegno e decidere di aggiornarne soltanto alcuni.

Ogni layout attivato rifletter le ultime modifiche apportate nelle piante, nelle sezioni e negli altri disegni.

Progetti di medie dimensioni


I progetti di dimensioni o complessit alquanto maggiore richiedono di solito un team di Architetti che potranno suddividersi lavoro grazie alla funzionalit TeamWork di ArchiCAD, senza dover spezzettare il progetto in numerosi file. La realizzazione dei layout pu essere gestita nel modo migliore da un particolare membro specifico del team che, nel momento della sua registrazione d'ingresso nel Progetto, salter tutte le altre opzioni area di lavoro riservando invece per s tutti i layout. Questa persona pu anche utilizzare uno speciale schema Ambiente di Lavoro appositamente definito ai fini della realizzazione di layout e del plottaggio. In questa situazione, la persona responsabile della realizzazione dei layout lavorer essenzialmente nello stesso modo che nel caso precedente. L'aggiornamento dei layout sar legato ai processi di invio e ricezione degli altri membri del team.

Schemi di organizzazione del lavoro per la realizzazione dei Layout


Il Controllo integrato delle fasi di lavoro di ArchiCAD assicura il miglior andamento delle varie fasi del lavoro per progetti di ogni dimensione, complessit e tipo (progetti utente singolo o condivisi). Le note seguenti presentano alcuni modelli di organizzazione del lavoro che possono essere usati in varie situazioni, e affronta il tema della realizzazione dei layout nell'ambiente TeamWork.

Progetti minori
I progetti di minori dimensioni tipicamente implicano gruppi di progetto pi piccoli (fino al livello di singolo professionista) e set di disegni meno ampi. Gli studi pi piccoli tendono a essere meno strutturati, e nel caso pi frequente lo stesso Architetto si occupa di tutto il progetto, compresa la realizzazione dei layout. In casi del genere, il progetto consiste di solito di un unico file che contiene tutti i disegni che compongono la documentazione, con la possibile eccezione di un certo numero di file esterni come immagini, tavole e descrizioni in formato PDF, e dettagli standard. Quando si utilizza il modello a file unico, si pu realizzare la struttura del book di layout definendo il necessario numero di cartelle sottoinsieme e aggiungendo ad esse i punti di vista e le viste precedentemente realizzate nel file progetto. Se i disegni posizionati sono definiti come soggetti ad aggiornamento automatico, il book di layout sar costantemente in sincronia con il lavoro di progettazione.

262

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Progetti di grandi dimensioni


Nei grandi studi di Architettura che trattano vasti progetti multi-edificio, pu risultare pi pratico suddividere un ampio progetto in entit pi piccole. Ciascuna di queste entit subordinate (ad esempio, gli edifici localizzati nello stesso sito) costituir quindi un file progetto, che potr ancora far riferimento a un unico set di modelli, modulo e librerie. Ci malgrado, la documentazione si estender probabilmente all'intero progetto, e richieder disegni tratti da tutti i file progetto. In questi casi, risulta utile definire un unico Book di Layout che accolga le viste e i file provenienti da tutti i file che compongono il progetto. Le soluzioni possibili sono fondamentalmente due: Se nel progetto c' un grosso file principale con uno o due file pi piccoli addizionali, si pu decidere di costruire la struttura del book di layout nel file pi grosso come si farebbe nel modello con un solo file visto sopra, per poi aprire anche i file pi piccoli, individuare le relative viste nel pannello File Esterni del Navigatore e aggiungerle al Book di Layout. Se vi sono molti file progetto all'incirca della stessa dimensione e complessit, pu valere la pena di creare un ulteriore file progetto privo di elementi di costruzione che contenga soltanto il Book di Layout. A quel punto si possono aprire gli altri file uno a uno e aggiungere le relative viste alla Mappa Layout, eventualmente creando una cartella sottoinsieme per ognuno di essi o definendo un altra struttura gerarchica personalizzata. Quando, nel modello a file multipli, viene attivato un layout, ArchiCAD controlla se esso contiene disegni che provengono da documenti progetto diversi da quello attivo e, se ve ne sono, avvia l'aggiornamento dei disegni impostati per l'aggiornamento automatico. Se il file contenente uno di tali disegni aperto in un'altra sessione ArchiCAD, l'aggiornamento avviene istantaneamente. Se il file contenente il disegno non al momento aperto, verr avviata un'altra sessione ArchiCAD per aprirlo.

Realizzazione dei Layout in TeamWork


Per altre informazioni, vedere Lavorare nellarea riservata a pagina 283. Nel lavoro in team, la creazione dei layout spesso affidata a uno o pi membri specializzati del gruppo di progettazione. Nel registrarsi all'ingresso del progetto condiviso come membri del gruppo, queste persone dovranno saltare le prime schermate della registrazione guidata per andare direttamente alla schermata Layout (quella visualizzata dopo Dettagli). E' possibile riservare solo interi Layout. I layout di nuova aggiunta appartengono automaticamente al membro del Gruppo che li ha creati. Tuttavia, tutti i Membri del Team possono posizionare elementi su qualunque Layout, anche su quelli che non gli appartengono. I Disegni Posizionati non possono essere riservati separatamente. I Disegni possono essere aggiunti da tutti gli utenti a qualunque layout, e il proprietario del disegno la persona che lo ha posizionato e lo manipola sul layout. (L'icona di ogni Disegno nel Navigatore indica se esso appartiene all'utente o a un altro membro del Gruppo.)

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

263

Documentazione

Nota: al momento dell'invio e della ricezione delle modifiche, l'utente verr invitato a trasferire il controllo dei disegni posizionati o degli altri elementi layout al proprietario del layout. I componenti base del Book di Layout (la struttura della Mappa Layout, i Sottoinsiemi, i Layout Master) appartengono al Capogruppo, e i membri non possono modificarli. Il proprietario del layout pu definirne i settaggi, modificare gli elementi del layout e anche cancellare il layout stesso. Tutti gli altri membri del team possono vedere i layout riservati.

direttamente dal Menu Archivio di ArchiCAD; le finestre di dialogo Stampa e Plotta presentano le opzioni usuali. Di norma, la stampa verr usata per realizzare rapidamente disegni su cui poter controllare i vari aspetti del progetto e il plottaggio per la creazione della documentazione finale da proporre e inviare al cliente, alle autorit edilizie e ai subappaltatori. Per l'output programmato e su larga scala di uno o pi set di pubblicazione, la funzione Publisher un valido strumento dedicato per la gestione del lavoro di progettazione architettonica. Mediante la palette Publisher, vengono impostate e registrate le preferenze per tutti i set di pubblicazione desiderati, decidendo se stamparli, plottarli, caricarli (upload) su un server o salvarli su disco. Una volta che un Set di Pubblicazione sia stato definito, possibile pubblicarlo, o ripubblicarlo in qualunque altro momento, con le medesime propriet, con il tocco di un pulsante.

STAMPA
Il comando Archivio > Stampa provoca la visualizzazione di una finestra di dialogo stampa che varia leggermente a seconda della vista che si sta stampando: Layout, 2D o 3D. Per altre informazioni, vedere Stampa Documento 2D e Stampa Layout nell'Aiuto ArchiCAD. La seguente descrizione si riferisce all'ambiente Windows. Per la descrizione dell'ambiente MacOS, vedete Settaggi Stampante/Plotter per MacOS nell'Aiuto ArchiCAD.

Pubblicazione dei Layout


I Layout possono essere pubblicati alo stesso modo delle viste del documento Progetto ArchiCAD. E' possibile includere una miscela di viste e layout nello stesso set di pubblicazione. E' possibile pubblicare solo i layout che appartengono al file progetto attivo. Per altre informazioni, vedere Pubblicazione a pagina 264.

Elementi da stampare
Il comando Stampa permette di stampare la vista corrente, o soltanto una particolare Area di Stampa della vista, secondo le impostazioni della finestra di dialogo Stampa. Dalla finestra Layout, possibile stampare solo i Layout che risultano selezionati nel Navigatore. Gli elementi che non vengono comunque stampati comprendono gli Hotspots, i nodi di selezione, le linee di profondit delle Sezioni, gli assi di rotazione delle Falde, le Telecamere e i loro percorsi. Le linee della Griglia di Costruzione possono essere opzionalmente stampate dalle finestre 2D attivando la relativa opzione. Notate che potrete stampare la griglia solamente se la sua visualizzazione attiva.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

PUBBLICAZIONE
Gli output sono i risultati finali del lavoro di progettazione in architettura; ArchiCAD offre un alto livello di flessibilit nella stampa, nel plottaggio, e nella pubblicazione elettronica. Per ottenere rapidamente materiali stampati o plottati dalla vista correntemente a schermo, i comandi Stampa e Plotta sono disponibili

264

Documentazione

Possono essere stampati anche gli elementi del Piano Fantasma, ma solamente dal foglio di lavoro di Pianta. Nota: Gli elementi residenti su altri piani ma configurati singolarmente per apparire anche sul piano corrente appariranno sempre nel risultato di stampa. Usare la finestra di dialogo Documento > Configura vista modello > Opzioni Vista Modello per specificare se e come stampare determinati tipi di elementi. Per altre informazioni, vedere Vista e Opzioni Modello nell'Aiuto ArchiCAD.

visualizzare il disegno in scala di grigi o si eseguono le scelte nell'ordine inverso. Le due cose possono dare risultati del tutto differenti, come si vede qui di seguito.

Intestazione/Pi Pagina
Quando si stampa da una finestra 2D o 3D, o da una finestra layout, di ArchiCAD, possibile porre un'intestazione o un pi di pagina sulla pagina stampata. Il contenuto dell'Intestazione/Pi di Pagina definito in Settaggi Intestazione/Pi di Pagina. Per altre informazioni, vedere Settaggi Intestazione/Pi di Pagina nell'Aiuto ArchiCAD.

Plottaggio
Il comando Archivio > Plotta visualizza la finestra di dialogo Plotta. Per altre informazioni, vedere Plotta Documento 2D nell'Aiuto ArchiCAD. La seguente descrizione si riferisce all'ambiente Windows. Per la descrizione dell'ambiente MacOS, vedete Settaggi Stampante/Plotter per MacOS nell'Aiuto ArchiCAD. I driver per Plotter forniti con ArchiCAD utilizzano tutti il linguaggio di grafica vettoriale HPGL. Ogni dispositivo di stampa che supporta HPGL sar indicato nel seguito con 'plotter'. Graphisoft vi fornisce con driver dedicati per la maggior parte dei plotter; per la stampa, dovrete usare il driver di stampa fornito dal vostro rivenditore. Nota: numerosi correnti dispositivi di output per grandi formati sono forniti con driver stampante che ne impostano il funzionamento come stampante di sistema. Se il dispositivo risulta anche compatibile HPG, possibile utilizzare i driver plotter dedicati forniti da Graphisoft.

Colori risultanti
Se si usa una stampante che supporta il colore o le scale di grigi, il colore degli elementi stampati definito da quanto segue. 1 Le impostazioni della finestra di dialogo Stampa. Selezionando la casella Bianco e Nero si causer la stampa di tutti i colori in nero a prescindere da ogni altro settaggio. Per altre informazioni, vedere Stampa Documento 2D nell'Aiuto ArchiCAD. 2 Le impostazioni del pannello Attributi della finestra di dialogo Settaggi Disegno per ogni singolo disegno posizionato sul layout. Per altre informazioni, vedere Settaggi Strumento Disegno nell'Aiuto ArchiCAD. Nota: nel pannello Attributi di Settaggi Disegno, il menu a discesaSet di Penne consente la scelta di un Set di Penne per il disegno; il menu discesa Colori permette invece di scegliere i colori che verranno usati per stamparlo. Dato che i set di penne colore e scala di grigi non sono fra loro collegati, non indifferente se si sceglie prima il set di penne Colore e poi di
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Settaggi Plotter
Quando si utilizzate un plotter come periferica di uscita, per prima cosa lo si deve configurare per ArchiCAD. La comunicazione con il dispositivo assicurata dagli specifici driver situati nella cartella PlotWare che si trova, per default, nella stessa cartella di ArchiCAD. Scegliere Archivio > Settaggi Plotter per aprire la finestra di dialogo Settaggi Plotter. Per altre informazioni, vedere Settaggi Plotter nell'Aiuto ArchiCAD.

265

Documentazione

Nota: qui troverete anche esaurienti informazioni su caratteristiche relative al plottaggio o raccomandazioni sulla scelta dei driver e dei cavi, oltre ad utili indicazioni su plottaggio attraverso reti. Quando si usa per la prima volta un plotter con ArchiCAD, necessario connetterlo facendo clic sul pulsante Settaggi nella sezione Connessione. Da ArchiCAD potete plottare solamente dati grafici. Se in primo piano c una finestra di testo, sia il comando Settaggi Plotter che il comando Plotta saranno disabilitati nel menu Archivio. Ci sono alcune differenze di base rispetto alla stampa: Non potete definire un intervallo di plottaggio; lintero contenuto della finestra attiva verr plottato. Da una Finestra Layout, si pu scegliere di plottare i Layout selezionati nel Navigatore. Potete scegliere un colore per le linee della griglia, se volete plottarla da una finestra 2D. Gli elementi del Piano Fantasma non possono essere plottati.

output. Nell'immagine sottostante, ciascuna delle Piante impostata con un differente formato di output: DWG, DXF e PDF. I Set di Pubblicazione sono memorizzati insieme al progetto; in tal modo possibile accedervi in ogni momento, modificarne se necessario i settaggi, e tornare a pubblicarli. Facendo clic sul pulsante Pubblica, possibile pubblicare un singolo set o tutti i set di pubblicazione definiti, o anche alcune viste selezionate. La funzione Publisher controllata dalla mappa Publisher del Navigatore o dell'Organizzatore. E' possibile accedervi anche con il comando di menu Documento > Publisher.

Funzione Publisher
La funzione Publisher di ArchiCAD automatizza e semplifica la produzione ripetuta e coerente di un gran numero di documenti di output (elementi Publisher). Una volta definiti dei Set di Pubblicazione, e predefinite alcune opzioni e propriet, poi possibile pubblicarli in qualsiasi momento e un qualsiasi numero di volte facendo semplicemente clic su un pulsante. Questa funzione di importanza vitale nella fase di documentazione, ma risulta utile anche nella preparazione di un progetto da presentare per la revisione agli appaltatori o ai clienti. Ogni elemento Publisher si riferisce direttamente a una Vista o a un Layout. Le Propriet Vista o Layout dell'elemento sono visualizzate nella parte inferiore del Publisher, ma non sono modificabili. Gli unici ulteriori settaggi controllati dal Publisher sono il formato di output e le relative opzioni (che sono accessibili nella scheda Formato nella parte inferiore del Publisher). Le icone dei singoli elementi Publisher corrispondono al relativo formato di

Pianificare una pubblicazione


Bench Publisher automatizzi e semplifichi il processo di pubblicazione, il pubblicare tutte le parti del progetto o qualcuna pu

266

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

essere un compito difficile. Tutte le viste da pubblicare devono essere create o aggiornate, cosa che pu richiede un tempo considerevole. Quando si pianifica una pubblicazione via Internet, dovreste tenere in considerazione il tipo di file che state per inviare. Per esempio, se pubblicate grandi viste 3D del progetto, ci pu produrre file di grandi dimensioni, che non solo richiederanno molto tempo per linvio, ma potrebbero anche essere troppo grandi per essere agevolmente scaricati dallutente a cui sono destinati. In generale, pianificate attentamente la vostra pubblicazione, assicurandovi di pubblicare tutto ci che necessario, ma niente di pi. Nota: quando si usa la funzione Publish per pubblicare un Set di Pubblicazione, i file precedentemente salvati o caricati su server con lo stesso nome saranno sovrascritti senza preavviso. Se si terminata l'impostazione della pubblicazione ma non si desidera avviarne immediatamente l'esecuzione, si pu semplicemente chiudere la palette senza fare clic sul pulsante Pubblica. Tutte le impostazioni del Publisher vengono preservate con il progetto.

fare clic sul comando Copia Voce in fondo alla Mappa Vista/Mappa Layout; trascinare e rilasciare le voci selezionate nel Set di Pubblicazione. Una volta assemblato il Set di Pubblicazione, fare clic su una delle viste o layout per vederne gli Attributi nel pannello Attributi sottostante. Tali attributi possono essere visualizzati ma non editati.

Definizione di un Set di Pubblicazione


Per definire un Set di Pubblicazione nella struttura ad albero del Publisher, scegliere Nuovo Set di Pubblicazione dal menu a comparsa nella parte superiore del Publisher, e dargli un nome.

Definizione delle Propriet di Pubblicazione


Fare clic sul pulsante Propriet Pubblicazione per scegliere un formato di output per il Set di Pubblicazione. Sono disponibili quattro opzioni: Stampa Salva files Carica (Upload) su internet Plotta A seconda della scelta, andranno configurate delle specifiche opzioni. Per i dettagli, vedere Finestra di dialogo Propriet Set di Pubblicazione nell'Aiuto ArchiCAD.

Poi, aggiungere al Set di Pubblicazione una qualunque combinazione di Layout e Viste. Selezionare le voci desiderate dalla Mappa Vista o dalla Mappa Layout nella parte sinistra dell'Organizzatore, e agire in uno dei modi seguenti:

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

267

Documentazione

Definizione del Formato di output


Per i dettagli, vedere Set di Pubblicazione nell'Aiuto ArchiCAD. Se si sceglie Stampa o Plotta in Propriet Pubblicazione, la scheda Formato permette la scelta del dispositivo cui inviare i file, l'accesso diretto alle finestre di dialogo Formato Pagina/Settaggi plotter, e la configurazione di alcune delle opzioni di output senza dover uscire dalla funzione. Publisher lo strumento ideale per la stampa e il plottaggio in lotti di grandi quantit di file. Se si sceglie Salva o Carica (Upload) su internet, usare la scheda Formato per scegliere un formato immagine per l'output del file. I file possono venir salvati o caricati in un gran numero di formati, fra cui tutti i formati immagine standard e i formati di scambio per CAD. E' possibile scegliere il formato dei file per l'intero contenuto di una cartella o individualmente per ogni vista. Per alcuni formati, sono disponibili molte opzioni - in questi casi, appare un tasto Opzioni, e voi potete scegliere tra i settaggi di compressione, profondit colore, e altre opzioni dipendentemente dal formato scelto. Se si sceglie il formato PDF le Opzioni Formato cambiano di conseguenza. Per altre informazioni, vedere Creazione PDF a pagina 269. Se la selezione contiene i file di differenti formati, il campo Formato mostra la scritta Vario. Per il caricamento di file su server immettere il nome dellhost, o server FTP, il nome utente (username) e la relativa password. Potrete anche digitare lindirizzo esplicito del server nel campo Percorso.

E' anche possibile inviare un messaggio e-mail a uno o pi destinatari del file caricato, o anche allegare i file stessi al messaggio e-mail. Per farlo, va contrassegnata la casella Invia e-mail. Nota: vanno prima definite le proprie opzioni e-mail personali in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Publisher. Nella finestra di dialogo e-mail che compare, immettere le informazioni relative al destinatario e impostare le altre opzioni secondo i propri desideri. I destinatari possono essere immessi da tastiera, ma anche possibile accedervi mediante la Lista Contatti personalizzata (Documento > Publisher > Contatti). Nota: Le-mail non verr inviata se il processo di pubblicazione fallisce.

Visualizzazione e annotazione di documenti DWF


Quando si progetta di salvare dei file che devono essere rivisti da un appaltatore o un cliente che non ha ArchiCAD installato, ma si desidera riceverne osservazioni e commenti, la cosa migliore usare il formato Documento DWF con l'ambiente web Project Reviewer. In formato DWF, i file pubblicati possono essere visionati attraverso Internet o una intranet per mezzo dellambiente web Project Reviewer, basato su Java, da chiunque sia in grado di accedere alla locazione dei file tramite LAN o connessione FTP, senza dover installare e nemmeno avere familiarit con ArchiCAD. Colleghi, collaboratori, subappaltatori o clienti possono vedere i disegni in un browser web, aggiungere le proprie annotazioni, e inviare a loro volta le proprie correzioni o suggerimenti allautore del progetto. Project Reviewer pu essere incluso con il set di file pubblicato. Per altre informazioni, vedere Project Reviewer a pagina 319. I file DWF annotati possono essere incorporati nel file ArchiCAD usando Revisione Progetto. Per altre informazioni, vedere Revisione Progetto a pagina 322.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

268

Documentazione

Il processo di pubblicazione
Usare la lista a scorrimento nella parte inferiore del Publisher per scegliere quali voce/i inviare all'output: Se scegliete questo gruppo, lintero insieme di pubblicazione attivo verr pubblicato; Se scegliete voci selezionate, verranno pubblicati solo gli elementi attualmente selezionati nellinsieme corrente; Se scegliete tutti i gruppi, tutti i gruppi di pubblicazione definiti verranno pubblicati. Fare clic sul pulsante Pubblica nella parte inferiore del Publisher per dare inizio ala procedura di pubblicazione. Le icone accanto ai nomi delle viste vi notificano se il relativo processo completato, in corso, o fallito. Potrete anche cliccare su Stop, che terminer lintera procedura, o Pausa, che causer solo una interruzione temporanea del processo, modificando la scritta Stop in Continua, per consentirvi di riprendere la pubblicazione pi tardi. Un file di log che contiene le informazioni sul procedura di pubblicazione viene salvato nella posizione specificata in Opzioni > Ambiente di Lavoro > Pubblicazione (Posizione log del Publisher).

personalizzare File PDF direttamente da ArchiCAD. (Se avete cancellato questo stampante virtuale l'opzione non sar possibile.) Per farlo, aprire Formato Pagina e scegliere Amyuni PDF converter o Output PDF ArchiCAD dal menu a comparsa Stampante. L'esecuzione del comando Stampa crea allora un documento in formato PDF. Nota: il convertitore PDF Amyuni non disponibile per il S.O. Windows XP a 64 bit.

Contenuto 3D in PDF (solo WINDOWS)


ArchiCAD 10 permette di sfruttare il formato file U3D (solo in Windows). Nel corso della pubblicazione di un documento PDF da ArchiCAD, possibile incorporare un file U3D nel PDF, e poi navigare nella vista all'interno del PDF come fosse un modello 3D. 1 Dalla finestra 3D, salvare la vista modello desiderata come file, usando il comando Registra come.... Scegliere il file U3D dall'elenco dei formati disponibili. Si raccomanda di eliminare il pi possibile i dettagli non necessari dal modello 3D, per ottimizzare la velocit di navigazione nel documento PDF risultante. 2 Nella Palette Navigatore o Organizzatore, salvare il modello desiderato come vista 3D. Se lo si preferisce, aggiungere la vista 3D a un Layout. 3 Aggiungere la vista 3D (sia di per s sia come parte di un Layout) a un Set di Pubblicazione. Selezionare la vista 3D (o il Layout) nel Set di Pubblicazione. 4 Impostare le Propriet del Set di Pubblicazione come formato PDF (che il formato di pubblicazione di default). 5 Nella scheda formato nella parte inferiore della Palette Publisher, scegliere Opzioni Documento, e poi Opzioni PDF. 6 Contrassegnare la casella Incorpora contenuto 3D. 7 Fare clic sul pulsante Scegli per selezionare il file salvato nel formato U3D (nel passo n. 1 qui sopra). 8 Se si sta pubblicando un Layout, selezionare la vista 3D sul layout entro il quale si desidera incorporare il file U3D. (Se si sta pubblicando una vista, l'U3D sar incorporato in tale vista.) 9 Cliccate su OK. 10 Nel Publisher, selezionare la desiderata voce del publisher e pubblicarla in formato PDF.

Creazione PDF
Dal Publisher, possibile salvare o caricare su server una o pi viste in Acrobat PDF (Portable Document Format). (Le Viste elencate come voci di Publisher nel Publisher sono impostare per default nel formato PDF.) Dalle Opzioni Documento nella sezione Formato del Publisher, fare clic su Opzioni PDF per impostare le specifiche opzioni di output. Per altre informazioni, vedere Set di Pubblicazione nell'Aiuto ArchiCAD. I file PDF creati con ArchiCAD possono includere le funzionalit PDF standard come miniature, segnalibri e password opzionale. E' possibile anche l'output di dati da ArchiCAD al formato PDF mediante il comando Stampa. In MacOS, l'output in PDF integrato con il software di Sistema. Il PDF Converter Amyuni stato installato insieme al pacchetto ArchiCAD, e con esso possibile creare, comprimere e
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

269

Documentazione

Il risultante file PDF avr incorporato un file U3D navigabile. Nel modello U3D incorporato nel PDF possibile navigare solo mediante Adobe Reader 7.0.

nome, un Abaco interattivo un elemento editabile nei due sensi collegato agli elementi di progetto in esso contenuti. Per altre informazioni, vedere Abaco Interattivo a pagina 132.

COMPUTO
Il database degli elementi di costruzione integrato in ArchiCAD, pu essere usato per visualizzare, in forma di lista, il numero, la quantit ed i componenti degli elementi che costituiscono il progetto e la loro distribuzione spaziale (zone). Il capitolo seguente riassume i concetti di base coinvolti nel processo di computo, ed elenca i tipi di liste che possono essere ottenute. La procedura di generazione di resoconti descritta in questa sezione una semplice funzione di output; usare i modelli di lista predefiniti per generare liste semplici. Gli utenti avanzati possono preferire formattazioni e propriet di filtro personalizzate. L'intera procedura descritta dettagliatamente nel documento ArchiCAD 10/Graphisoft Documentazione/Calculation Guide.pdf , disponibile anche dal menu Aiuto ArchiCAD. Alcuni dei comandi cui si fa riferimento in questa sezione non sono visibili nei profili ambiente di lavoro predefiniti di ArchiCAD 10. Chi intende configurare le liste (opzione raccomandata solo agli utenti avanzati), deve prima usare Opzioni > Ambiente di Lavoro > Menu per aggiungere i seguenti comandi a uno dei menu gi esistenti (cio a Documento > Abaco e Liste): Settaggi Schemi Lista Edita Database Nuovo Oggetto Attributo Edita Oggetto Attributo Attributi dellultima selezione Associa gli Attributi ai Criteri La maggior parte degli utenti, peraltro, preferir la funzione Abaco interattivo di ArchiCAD. In ArchiCAD 10, gli Abachi Interattivi fanno parte della Mappa Progetto, e gli Abachi prodotti possono essere salvati come viste e riportati sui layout. Come indica il suo

Le fonti del Computo


Quando si eseguono dei calcoli, ArchiCAD pu attingere le informazioni non elaborate dalle seguenti fonti: Dagli elementi di costruzione posizionati nel progetto. Queste informazioni includono dimensione, superficie, volume, ID, oltre agli attributi e ai parametri definiti per gli elementi nelle proprie finestre di dialogo dei settaggi, o direttamente tramite input grafico. Oggetti Attributo assegnati agli elementi di costruzione. Gli Oggetti Attributo sono particolari file di tipo Oggetto GDL, privi di script 3D e di vista 3D. Possono comprendere riferimenti ai database, oltre a dati su Componenti e Descrizioni definiti esplicitamente per il singolo elemento. Gli Oggetti Attributo sono generalmente usati per descrivere strutture specifiche appositamente per il computo: per esempio, la quantit e la descrizione dettagliata delle travi in cemento armato usate nel progetto. Database organizzati tramite Chiavi, contenenti Componenti, Descrizioni e unit di misura. Elementi di Costruzione riferiti direttamente a questi dati, attraverso gli Oggetti Attributo. Gli Oggetti Attributo possono essere assegnati agli elementi di costruzione. Successivamente, Componenti e Descrizioni creati ed assegnati all'interno degli Oggetti Attributo possono essere direttamente legati agli articoli di un database, da questo momento ci sar un collegamento tra un elemento di costruzione ed un database durante l'inserimento. I Componenti possono essere i materiali costitutivi di una struttura (acciaio, cemento, ecc.), oppure qualunque articolo (prezzo, ore-uomo, ecc.) che possa essere misurato in proporzione agli elementi di costruzione. Ciascun Componente ha un nome, un codice, una definizione di quantit, ununit di misura e un riferimento alla propria proporzione relativa agli elementi di costruzione. Le Descrizioni sono elementi di testo relativi ai tipi di struttura, per esempio finiture, sicurezza, spedizione, assemblaggio o gestione delle informazioni. Le Descrizioni sono semplicemente
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

270

Documentazione

visualizzate nei resoconti: non sono utilizzate nei calcoli e non sono collegate ai componenti o ai parametri degli elementi. Ciascuna Descrizione ha un nome (chiamato anche testo breve), un codice e una descrizione completa (testo lungo). Gli Attributi possono essere associati con gli elementi di costruzione sia tramite criteri sia individualmente. Ogni Oggetto Attributo pu essere associato ad una combinazione unica di criteri di selezione degli elementi, per esempio lOggetto Attributo chiamato Muro in Cemento.gps pu essere associato con tutti i muri il cui retino sia blocchi di cemento, che siano disegnati con penna n.12 e posizionati sul lucido Muri esterni. Quando questa opzione attiva, ArchiCAD filtra gli elementi di costruzione del progetto e collega automaticamente lOggetto Attributo in questione a tutti gli elementi che soddisfano i Criteri dati. Le serie di Criteri sono salvate allinterno della libreria attiva in modo che possano essere utilizzate in pi progetti. I criteri possono essere creati nella finestra di dialogo Collega Attributi per Criteri. Gli Attributi Oggetto disponibili nelle librerie caricate possono essere associati ai criteri oppure essere qui collegati a personali criteri costituiti ad hoc. Potete anche scegliere di assegnare i dati degli Attributi direttamente, in modo individuale per ciascun elemento. In questo caso il collegamento instaurato manualmente elemento per elemento, nel pannello Lista ed Etichettatura del dialogo dei settaggi di ciascun elemento idoneo.

Componente dell'Attributo Oggetto pu essere definito in quattro differenti modi: 1 Definite un Componente/Descrizione che verr legato agli articoli di un Database. Definire un Componente. Tutti i campi (DBSet, Chiave, codice, nome ecc.) del Componente derivano da un Database.

2 Definire un Componente/Descrizione che insiste solamente in un Oggetto Attributo, e non legato ad un articolo di un Database. Definire un Componente. Codice, Nome e Quantit non arrivano da un Database, possono essere liberamente definiti dall'utente.

Ad un elemento di Costruzione (Muro, Colonna, Trave, Solaio, Falda, Mesh, pi Retino) pu essere assegnato un Attributo Oggetto. Un

3 Definire Componente/Descrizione Locali usando lo Script Attributi degli Oggetti Attributo che sono legati agli articoli di un Database. Il Componente definito localmente nello Script Attributi. Numero di Parametri visualizzati e che sono legati agli articoli di un Database.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

271

Documentazione

I Componenti definite esternamente allo Script Attributi non saranno inseriti nella lista.

Attributo a lui assegnato con dei Componenti definiti in uno pi dei 4 modi visti sopra, oppure Componenti/Descrizioni possono essere definiti usando l'area Componenti/Descrizioni propria dell'oggetto o usando uno Script degli Attributi. Quindi, nel caso di un Elemento di Libreria, ci sono 8 possibili modi per definire Componenti/Descrizioni. Gli Oggetti Attributo esistono principalmente perch gli elementi di costruzione non hanno i loro propri testi GDL dove Componenti/Descrizioni possono essere definiti, quindi essi necessitano di Oggetti Attributo.

Impostazione del computo


4 Definire Componente/Descrizione Locali usando lo Script Attributi degli Oggetti Attributo che non sono legati agli articoli di un Database. Il Componente definito localmente nello Script Attributi. Numero di parametri visualizzati che NON sono legati agli articoli di un Database. I Componenti definiti esternamente allo Script Attributi non saranno inseriti nella lista. Lordinamento e lanalisi dei dati, il calcolo dei risultati richiesti e la formattazione dei resoconti sono tutti effettuati in accordo con la configurazione dello Schema di Lista selezionato. Gli Schemi di Lista sono insiemi predefiniti di istruzioni su come il motore di lista di ArchiCAD dovr elaborare le informazioni sul progetto per presentare i risultati richiesti. I formati dello Schema di Lista possono essere di due tipi: I resoconti di Solo Testo visualizzano i risultati di calcolo in formato di testo in forma di tabelle editabili. I resoconti appaiono in finestre di tipi testo e possono essere salvati come testi, testi tabulati per l'uso in fogli elettronici o in file tabella HTML. I resoconti Grafici comprendono sia informazioni alfanumeriche sia informazioni grafiche, compresi i disegni simbolo degli elementi, i loghi e altre immagini bitmap. I resoconti grafici possono salvati come file Lista RTF, o come documenti Progetto ArchiCAD. possibile anche copiare queste liste, interamente o in parte, ed incollarle sul foglio di lavoro di ArchiCAD. Sebbene i contenuti delle varie versioni nazionali siano diversi, in ArchiCAD sono comunque sempre disponibili alcuni schemi di lista predefiniti, disponibili anche se ArchiCAD sta funzionando senza una libreria attiva. Se risulta necessario definire dati o assegnazioni personalizzati, leggere le istruzioni dettagliate in ArchiCAD 10/Graphisoft Documentazione/Calculation Guide.pdf .

Quando stato definito almeno un Componente/Descrizione locale nello Script degli Attributi, i Componenti e le Descrizioni creati in qualsiasi altra parte dell'Oggetto Attributo sono ignorati e non saranno listati. O programmate uno Script degli Attributi, oppure definite dei Componenti/Descrizioni. Non mischiate le due logiche, poich sar sempre listato solo un tipo. Un elemento di tipo Elemento di Libreria (Testa Muro, Finestra, Porta, Finestra d'angolo, Lucernario, Oggetto, Lampada, Zona) pu avere un Oggetto

272

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Tipi di liste
ArchiCAD pu generare tre tipi di resoconto di computo: Liste Elementi, Liste Componenti e Liste Zone. Le Liste Elemento sono utilizzate al meglio nella creazione di abachi e inventari e per visualizzare i parametri degli elementi di costruzione del progetto. Per generare le Liste Elemento, ArchiCAD filtra il progetto o la selezione corrente in cerca degli elementi di costruzione che corrispondono alla configurazione dello Schema Lista scelto. Gli elementi che corrispondono verranno listati insieme ai propri parametri, Componenti e Descrizioni, se lo Schema Lista lo prevede.

Le Liste Zona generalmente sono utilizzate per creare liste di vani e abachi di finiture. Le Liste Zona possono comprendere i parametri delle zone e gli elementi di costruzione correlati. Quando si listano gli elementi costruttivi correlati, quella che si ottiene , a tutti gli effetti, una Lista Elemento in cui lintervallo degli elementi calcolati limitato dalle Zone cui appartengono.

Le Liste Componente sono generate quando sono richieste distinte dei materiali, sconti per quantit o listini prezzi. Generalmente, in questi resoconti sono riepilogati e visualizzati gli attributi di tipo componente; comunque, vi possono essere elencati anche alcuni parametri degli elementi.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

273

Documentazione

A seconda di che cosa si vuole venga visualizzato nella lista, si sceglier il corrispondente Tipo di Listato. Alcuni esempi comuni sono:
SI vogliono listare gli Elementi di costruzione con dati base e relativi Parametri: Volete listare specifici parametri degli elementi di costruzione (come ad es.: Altezza soglia Porta, Numero di fori in Solaio): Volete creare degli abachi di Porta/Finestra Volete listare le quantit dei componenti associati agli elementi di costruzione: Volete listare descrizioni associate agli elementi di costruzione Volete creare degli abachi Zona Lista Elemento Lista Elemento Lista Elemento Lista Componenti Lista Componenti Lista Zone

In Opzioni > Ambiente di Lavoro> Immagine e Calcolo, il menu a comparsa Selezione Elementi da Calcolare offre tre possibilit per gestire questa situazione.

Volete listare le Zone oppure i relativi dettagliati parametri Lista Zone (come ad es.: Estrarre Area Zona, Riduzione Area Zona): Volete listare i parametri principali della Zona (come ad es.: Lista Nome Zona, Numero Zona) dove viene listato gli elementi Elemento di costruzioni in esse localizzate:

Se scegliete Lista Tutto, ogni elemento compreso nella selezione verr inserito nella lista, anche se non corrisponde ai criteri di filtro. Se scegliete Usa Filtri, verranno applicati alla selezione i criteri di filtro definiti per lo schema lista. Gli elementi che non corrispondono ai criteri verranno ignorati. Se scegliete Mostra Avviso, apparir un messaggio che descrive la situazione di conflitto. Avrete quindi la possibilit di scegliere tra le due opzioni descritte sopra Esempio:

Visualizzare le liste
Lintervallo di elementi che verranno usati nel computo dipende dalla selezione effettuata sulla Pianta. Se non c nessuna selezione, tutti gli elementi verranno utilizzati e filtrati dai comandi di computo degli Schemi Lista per tipo o altro criterio; Se c una selezione effettuata, verranno usati solo gli elementi selezionati. Per intervalli di elementi pi specifici, usate il comando Settaggio Schemi Liste e definite dei filtri. Quando attivate una finestra di tipo lista mentre ci sono elementi selezionati nel progetto, potrebbero esserci dei conflitti tra i Criteri definiti per il comando di lista e la selezione corrente (ad esempio potreste richiedere un elenco di finestre, e la selezione comprende sia finestre che porte).

Se noi utilizziamo uno schema Base con una Lista di tipo testo lister i Muri, i loro lucidi e relativo ID utente, il risultato potrebbe essere il seguente.

274

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Documentazione

Tuttavia, se si compie la selezione sopra indicata con l'Area di Selezione e si compila la lista, apparir il seguente avviso (se questa la scelta compiuta in Opzioni > Ambiente di Lavoro> Immagine e Calcolo. Se scegli Usa Filtri, ArchiCAD prende tutti gli elementi della selezione, ed elenca solamente quelli fra loro interni al criterio di listato (l'elenco Muri), cos il risultato il seguente. Nel caso della scelta Lista Tutto, tutti gli elementi all'interno della selezione corrente (2 Muri, 1 Finestra e 2 Porte) saranno listati nonostante il filtro, sotto il risultato. Nota: Funziona anche il metodo Area di Selezione multi-piano (area di selezione spessa). Con l'area di selezione spessa, tutti gli elementi nell'area di selezione sono inclusi nella selezione e nella lista risultante.

riscontri immediati su alcune semplici quantit che non compaiono nei dialoghi di settaggio degli elementi, senza la necessit di usare nessun comando di Lista. I pulsanti Contenuto Informazioni nella sezione superiore della palette definiscono quali dati verranno mostrati. Se nessuno dei pulsanti attivo, verr visualizzato solo il numero e il tipo di elementi selezionati. I sei pulsanti mostrano, da sinistra a destra: Informazioni su ID, Lucido e Attributo Collegato;

Valori di lunghezza, circonferenza e spessore;

Informazioni Elemento
La Palette Informazioni Elemento visualizza informazioni relative alle dimensioni di elementi selezionati nella Pianta. (Usare Finestre > Palette > Informazioni elemento per visualizzarla.) Con questa caratteristica, potrete ottenere
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

275

Documentazione

Valori dellarea;

Valori di altezza;

vedere ancheEvidenziatore delle Informazioni elemento a pagina 54 and Informazioni elemento: finestra pop-up (Etichette Informazioni) a pagina 54.

Gestione dellID
Il campo ID si trova nel pannello Lista ed Etichettatura di tutti gli strumenti di tipo elemento di costruzione, e degli strumenti Retino e Zona. Valori di superficie;

Valori di volume.

Potete combinare queste porzioni di informazioni e registrarle o stamparle scegliendo fra i comandi del menu a comparsa nellangolo superiore destro della palette.

LID utilizzato per identificare e raggruppare gli elementi nelle lista. Potete usare lID anche nelle Etichette associate agli elementi. La stringa di testo allinterno del campo ID non pu superare i 15 caratteri. Pu essere utilizzato qualsiasi carattere. Nota: tutti gli elementi di costruzione hanno anche un ID interno unico, generato automaticamente, che viene mantenuto per tutta la vita del progetto. Potete usare anche questo identificatore, per le Etichette e per le liste. La filtratura o il raggruppamento in base agli ID utilizzato in molti Schemi Lista. Il totale ottenuto nei computi pu riferirsi ad elementi che hanno lo stesso ID. Il contenuto dellID pu quindi essere significativo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

276

Documentazione

Se c' un numero inserito in qualsiasi punto del campo ID, quando si disegnano ulteriori elementi il numero sar incrementato di uno per ogni nuovo elemento, purch sia contrassegnata la casella Incremento automatico ID nella finestra di dialogo Opzioni > Preferenze Progetto > Varie. Se non ci sono numeri nel campo ID, ogni nuovo elemento dello stesso tipo avr lo stesso ID. Se gli elementi vengono duplicati o moltiplicati, gli ID delle copie rimarranno uguali a quelli degli originali. Se incollate elementi nel progetto, potreste avere elementi i cui ID si trovano in conflitto. Quando si lavora su un progetto condiviso (Teamwork), i Membri del Gruppo che lavorano su aree di lavoro diverse possono generare elementi dissimili con lo stesso ID. Il Gestore ID Elemento nel menu Documento > Abachi e Liste consente di impostare i numeri ID degli elementi del progetto, in base alle loro caratteristiche (attributi). Potrete anche utilizzarlo per modificare i numeri ID generati automaticamente. I settaggi possono essere registrati ed archiviati per utilizzi successivi. Le configurazioni che create e registrate con Gestore ID Elemento vi aiutano a preparare gli elementi del progetto per una chiara lettura delle liste di computo. Nota: questo comando disponibile solo quando visualizzato il foglio di lavoro Pianta. Quando si sceglie Documento > Abachi e Liste > Gestore ID Elemento, compare una finestra di dialogo. Nella parte superiore del dialogo, un menu a comparsa elenca i vari settaggi salvati per i diversi tipi di elemento. Potete definire diversi settaggi per ogni tipo di elemento, o lavorare semplicemente sullelemento corrente. Il menu a comparsa Edita Settaggi permette di registrare, rinominare e cancellare le impostazioni memorizzate. Nota: per modificare un settaggio salvato, selezionatelo ed editatelo, quindi salvatelo di nuovo usando lo stesso nome. Il dialogo comprende due schede: Criteri di Raggruppamento, per effettuare la scelta degli attributi, e Formato ID, per definire il formato personalizzato dei numeri ID.

Quando attiva la scheda Criteri di Raggruppamento, il menu a comparsa in alto permette di scegliere un tipo di elemento (strumento). Nellangolo superiore destro del dialogo mostrato il numero di elementi del progetto che corrispondono al tipo scelto. Se vi sono elementi selezionati sulla Pianta, Gestore ID Elemento agisce solo sugli elementi selezionati. In questo caso vengono visualizzati due valori: il numero di elementi selezionati e quello degli elementi del tipo prescelto. Se nessun elemento stato selezionato in pianta, il comando lavorer su tutti gli elementi posizionati e visibili (non su lucidi nascosti). La lista sulla sinistra contiene i criteri che possono essere scelti per il dato tipo di elemento. La lista la stessa che viene utilizzata dal comando Edita > Trova e Seleziona.

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

277

Documentazione

Selezionate i criteri necessari nella lista e cliccate sul pulsante Aggiungi. Questo porter i criteri scelti nella lista di destra.

Agli elementi che hanno gli stessi criteri di raggruppamento verr attribuito lo stesso ID. Quando avrete terminato la scelta dei criteri, cliccate la scheda Formato ID per definire il modo in cui lID utente verr personalizzato.

Gli ID possono contenere fino a 15 caratteri o cifre. Gestore ID Elemento permette di suddividere questo codice in quattro parti. Ognuna delle parti pu essere un testo, un contatore o un numero di piano. Potete anche scegliere di non utilizzare una o pi delle quattro parti. Quando scegliete il tipo Testo, potete scrivere nel campo Componenti ID del testo personale, della lunghezza massima specificata nella casella numerica soprastante. Quando scegliete il tipo Contatore, potete scrivere sia delle cifre che delle lettere, ad esempio aa, che verranno modificate in modo incrementale nellID. Quando scegliete il tipo N. Piano, non potete inserire alcun testo. Sar utilizzato il numero dordine del piano. Nota: N. Piano disponibile come tipo solo se avete scelto Piano come criterio di raggruppamento. Quando avrete finito di configurare i settaggi e il formato degli ID, cliccate sul pulsante Cambia ID nellangolo inferiore destro del dialogo. Verr aperta la lista ID Elementi. Potrete convalidare le modifiche effettuate, cliccando su OK, o tornare al dialogo di configurazione, cliccando su Annulla, per apportare ulteriori aggiustamenti. Potrete registrare i vostri settaggi usando il menu a comparsa Edita Settaggi nella parte superiore del dialogo.

Il nome assegnato alle impostazioni comparir nel campo Settaggi e potr essere richiamato in qualsiasi momento da tale menu pop-up. Questi settaggi sono registrati da ArchiCAD in un file separato e possono essere riutilizzati in altri progetti, anche dopo aver effettuato un Nuovo e Reset.

278

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Collaborazione

COLLABORAZIONE
Spesso gli architetti devono collaborare tra di loro e con professionisti di altre discipline che utilizzano software diversi. Inoltre la comunicazione interattiva con i clienti sempre pi importante. ArchiCAD offre una soluzione per tutto questo consentendo ai gruppi di architetti di lavorare contemporaneamente sullo stesso progetto, automatizzando l'inclusione di strutture ripetitive che possono derivare da programmi compatibili diversi, implementando delle procedure intelligenti di importazione, esportazione e unione, e supportando un metodo di annotazione dei progetti online che non richiede nemmeno l'installazione di ArchiCAD. Il presente capitolo descrive queste funzioni di collaborazione di ArchiCAD: Teamwork, Collegamenti, Scambio di dati, e Consultazione. Per ulteriori dettagli su questi attributi e settaggi, vedere Configurazione a pagina 9. Fatto questo, l'Amministratore pu Condividere il progetto (mediante il comando Teamwork > Condividi questo Progetto) e i membri del gruppo ArchiCAD possono Registrare l'ingresso nel progetto. (Teamwork > Registra ingresso). Segue una descrizione del sistema di accesso al progetto condiviso. Nota: una volta condiviso il progetto, il file acquista l'estensione .plp. Tuttavia nessun Membro del Gruppo pu aprire direttamente il file .plp. Per lavorare ad un progetto condiviso necessario utilizzare il comando Teamwork > Registra ingresso. Per altre informazioni sui tipi di file in Teamwork, vedere I file di Teamwork a pagina 293.

TEAMWORK
Con la funzionalit Teamwork di ArchiCAD, pi membri di un gruppo di architetti o di professionisti correlati possono lavorare simultaneamente su vari aspetti o parti dello stesso progetto. Per altre informazioni, vedere Impostazione del progetto a pagina 279.

I Ruoli nel gruppo


Un gruppo che utilizza la funzionalit Teamwork pu essere organizzato secondo una grande variet di principi. La flessibilit del software rende possibile sia la definizione di rigorose configurazioni di regole interne tramite la definizione di ristretti privilegi di accesso organizzati per gerarchie, per gli uffici di grandi dimensioni, sia configurazioni pi libere negli studi di dimensioni pi ridotte, dove le persone che lavorano a uno stesso progetto sono a diretto contatto. Esistono cinque ruoli nel Teamwork: Amministratore, Capogruppo, Membro, Revisione e Solo visualizzazione. I primi due devono essere definiti preventivamente dalla persona che condivide il progetto, la quale pu permettere il libero accesso a ciascun Membro del Gruppo oppure configurare un ristretto gruppo di membri in grado di inserirsi in un progetto tramite password configurate centralmente. La definizione dei Ruoli ha luogo durante il processo di condivisione del Progetto. Vedere Condividere il progetto a pagina 281. LAmministratore la persona che coordina il gruppo e che per prima condivide il progetto. lunico che ha il privilegio di:

Impostazione del progetto


Per utilizzare il Teamwork, si deve prima impostare un progetto ArchiCAD condiviso. Anche se possibile avviare un Progetto di Gruppo da zero, e usare i settaggi di Default forniti da ArchiCAD, prima di condividere il Progetto si raccomanda di definire un certo numero di criteri di base, poich la modifica di tali criteri pi difficile da realizzare quando ci sono pi persone gi impegnate sul lavoro. Queste impostazioni comprendono: Scala del Progetto e Unit di Misura; Piani e Lucidi; Attributi (Colori, Tipi di linea e di Retino, Strutture composte, Materiali); Griglie e Opzioni Video; Librerie attive.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

279

Collaborazione

Permettere la registrazione di altri Membri del gruppo; Disconnettere Membri del gruppo; Modificare le password degli altri Membri del gruppo; Gestire le password di Amministratore e Capogruppo; Definire o modificare le opzioni di backup. L'amministratore pu modificare i parametri di condivisione del Progetto con il comando Teamwork > Settaggi condivisione Progetto. Per altre informazioni, vedere Settaggi Condivisione Progetto nell'Aiuto ArchiCAD. Ci pu essere un solo Amministratore per un progetto, ma pu comunque raggiungere il progetto da un qualsiasi computer, a patto che utilizzi il nome e la password corretti. Importante: una volta registrato lingresso come Amministratore, non possibile lavorare sul progetto o riservare aree. Il Capogruppo la persona responsabile del progetto. Pu essere una persona fisica (un dato membro del gruppo o anche la stessa persona registrata come Amministratore a patto che sia registrata anche come membro del gruppo) o una persona fittizia identificata solamente da una password. In pratica, questo significa che qualsiasi membro del gruppo pu assumere questo ruolo e acquisire i diritti del Capogruppo quando ne utilizza la password unica. Il Capogruppo ha i diritti esclusivi di: Modificare e cancellare Lucidi; Modificare e cancellare combinazioni di lucidi; Creare, modificare e cancellare piani; Modificare e cancellare colori, materiali, tipi di retini, tipi di linee, categorie zona o strutture composte; Definire o modificare unit di misura e metodi; Creare o modificare la struttura e i componenti di base del Book di Layout, compresi i Sottoinsiemi e i Layout Master Riassegnare Voci di Revisione abbandonate; Modificare la libreria caricata usata dal Gruppo. Solo una persona alla volta pu essere registrata come Capogruppo. Alcune modifiche degli attributi sono permesse solo con accesso esclusivo al

progetto; ci significa che nessun altro pu registrare lingresso in quel momento e che il Capogruppo si riserva lintero progetto. Un Membro del Gruppo un membro qualsiasi del gruppo che lavora su una parte qualsiasi del progetto condiviso. Durante la registrazione nel progetto condiviso, viene richiesto al Membro del Gruppo di riservare una parte del progetto effettuando le scelte appropriate nelle finestre Registrazione guidata. La parte del progetto condiviso riservata al Membro del Gruppo chiamata Area di Lavoro. Per altre informazioni, vedere Teamwork nell'Aiuto ArchiCAD. Per riservare lArea di Lavoro sono disponibili le seguenti opzioni: Lavorare su qualsiasi piano o su tutti i piani; Lavorare su qualsiasi lucido o su tutti i lucidi; Lavorare su una qualsiasi o su tutte le sezioni/alzati; Lavorare su qualsiasi dettaglio del disegno Lavorare su qualsiasi o su tutti i percorsi telecamera/animazione; Lavorare su qualsiasi lucido o su tutti i layout; Lavorare su unarea fisica, definita da unarea di selezione rettangolare o poligonale; Qualsiasi combinazione delle opzioni suddette. I Membri del Gruppo possono essere definiti dellAmministratore o autoregistrarsi. I Membri registrati possono anche registrarsi al progetto con il ruolo speciale di Revisione. In questo caso, essi non possono creare nessun nuovo elemento, solo aggiungere correzioni ed evidenziazioni ad elementi che dovranno essere controllati o modificati da altri Membri. Si noti che anche i Membri del Gruppo e il Capogruppo possono usare gli strumenti di Revisione; questo ruolo speciale previene qualsiasi modifica accidentale del progetto. Per altre informazioni, vedere Teamwork e Revisione Progetto a pagina 324. Col ruolo Sola visualizzazione, chiunque sia in grado di accedere al progetto condiviso attraverso la rete pu aprire una copia del progetto, salvarlo nel proprio computer in formato Progetto per utente singolo e lavorare su tale copia. Le modifiche apportate a questa copia dal Visualizzatore non appaiono nel Progetto di Gruppo.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

280

Collaborazione

Condividere il progetto
Il progetto viene condiviso dal suo Amministratore dopo la definizione dei suoi Settaggi di base, ossia quando il normale progetto individuale stato preparato con l'indicazione di tutte le impostazioni di Scala, Unit, Piano, Lucido, Opzioni Griglia e Video, e Librerie. Il progetto pu contenere alcune strutture di base o esserne privo. L'attenta preparazione della massima importanza, dato che la modifica dei Settaggi di base richiede che tutti gli utenti registrati in ingresso interrompano i loro lavori in corso. Quando soddisfatto della preparazione effettuata per il progetto o modello, l'Amministratore lo apre in ArchiCAD, sceglie il comando Teamwork > Condividi questo Progetto e configura il progetto nella finestra di dialogo che viene visualizzata. Per altre informazioni, vedere Settaggi condivisione Progetto nell'Aiuto ArchiCAD. Tutti i membri del gruppo possono visualizzare informazioni sulla condivisione del progetto in Teamwork > Info condivisione Progetto. Per altre informazioni, vedere Info condivisione Progetto nell'Aiuto ArchiCAD.

Opzioni Sicurezza e Disegni Locali


Quando condividete un progetto ci sono due opzioni di sicurezza disponibili: Apri Accesso e Solo Membri Registrati. Generalmente, l'accesso aperto pi che adeguato per la maggior parte dei progetti di piccole dimensioni. In ogni caso, per progetti di dimensioni pi ampie, l'Amministratore potrebbe voler limitare l'accesso al documento solamente a dei membri selezionati. E' anche possibile che il leader del progetto registri l'ingresso con il nome di uno dei membri del gruppo e che egli salvi una serie di disegni locali. In questo caso, i membri del gruppo non dovranno registrare il loro ingresso, possono aprire e lavorare sui loro rispettivi documenti locali. Ad intervalli specifici, il leader del progetto pu verificare il loro lavoro ed inviare le modifiche approvate. I disegni locali possono anche essere creati in modo da essere relazionati a discipline particolari. Per esempio, chiunque volesse lavorare sulla parte strutturale pu aprire Strutture.PLC ed iniziare a lavorarci. Il metodo per disegni
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

locali rende anche molto pi veloce la modifica delle aree di lavoro. Risulta pi veloce (e molto affidabile) aprire un documento PLC ed iniziare a lavorarci che registrare l'ingresso in una data area di lavoro. Anche l'opzione PLC per una registrazione di ingresso controllata funziona pi velocemente, permettendo a pi utenti di iniziare a lavorare nello stesso momento senza dover aspettare le sequenziali registrazioni di ingresso. Se le registrazioni di ingresso sono configurate per lucidi e piani, il controllo degli ingressi relazionato ai Moduli Collegati risulta pi semplice da mantenere, poich l'utente non pu inserire elementi al di fuori della sua area di lavoro. Questo evita qualsiasi eventuale modifica dell'ID di registrazione che consegue al posizionare elementi nell'area di lavoro di qualcun altro. Con progetti di ampie dimensioni, potrebbe essere conveniente considerare gli accessi dal punto di vista della disciplina. Questi accessi possono essere configurati dal CAD Manager (o dall'architetto del progetto) che definisce gli accessi. Il documento disegno locale potrebbe quindi essere salvato con un nome che associa il progetto e la disciplina. Per esempio: il progetto nominato MioProgetto secondo la disciplina Struttura potrebbe essere salvato come MioProgettoStruttura.plc.

Password
Teamwork fornisce l'opportunit di proteggere sia i login dell'utente che quelli dell'Amministratore e del Capo Gruppo. La definizione della Password ha luogo nel corso del processo di Condivisione del Progetto. Per altre informazioni, vedere Settaggi condivisione Progetto nell'Aiuto ArchiCAD. Le password dell'Amministratore e del Capo Gruppo sono obbligatorie. L'Amministratore deve essere definito da un nome. Il Capo Gruppo pu essere qualsiasi utente che usa la password del Capo Gruppo. Per piccoli, lineari progetti di Gruppo potete configurare tutti i nomi e le password obbligatorie come admin ed evitare di ricordarvi le password.

281

Collaborazione

Le password per gli utenti sono generalmente superflue. Gli utenti individuali non necessitano di avere una password; ad essi deve solo essere assegnato un nome prima di condividere il progetto. Con progetti pi ampi, di dimensioni pi complesse dove sono coinvolti anche gli appaltatori, pu invece risultare importante proteggere i vari accessi con password dedicate. In questo caso, una persona (solitamente il CAD Manager) dovrebbe essere nominata responsabile per la gestione di tutti gli accessi utente e le password che dovrebbero essere documentati e conservati in un luogo sicuro. Per informazioni sulla gestione delle password perdute o dimenticate, vedereErrori umani a pagina 295.

Esclusiva
Al momento della registrazione in ingresso i membri del Team devono riservare per s una parte del progetto. Essi avranno in esclusiva il diritto di lavorare sulle rispettive parti del progetto fin quando manterranno attiva tale esclusiva. Ciascun singolo elemento del progetto appartiene o ad uno specifico membro del gruppo o a nessuno di essi. L'atto di riservarsi una parte del progetto viene eseguito scegliendo il comando Teamwork > Registra ingresso e compiendo le relative scelte nella finestra di dialogo visualizzata. Per altre informazioni, vedere Registra l'ingresso nell'Aiuto ArchiCAD. Nel corso del processo di registrazione dell'ingresso, il membro del gruppo viene informato circa le opzioni non disponibili (Piani, Lucidi, Sezioni, ecc. che sono stati gi riservati da un altro membro). Le Viste non possono essere riservate durante la registrazione dell'ingresso. Il membro del gruppo che si riserva un Punto di Vista specifico (per esempio un Piano) durante il progresso di Registrazione dell'ingresso, sar anche il possessore della vista creata da tale Punto di vista. Vedere anche Mappa Vista e Set di Pubblicazione in Teamwork a pagina 284.

L'icona Membro denota gli elementi del Navigatore che non appartengono all'utente (quindi o appartengono ad altri membri del gruppo o non sono assegnati). L'icona verde indica gli elementi del Navigatore creati dall'utente ma che non sono ancora stati condivisi con gli altri membri del gruppo inviando o ricevendo modifiche. Fin quando ci non avviene gli altri membri del gruppo non potranno vederli. Tutti gli altri elementi del Navigatore (privi di icona Membro e non verdi) appartengono all'utente. Nota: i Lucidi non sono elencati nel Navigatore, ma i Lucidi riservati da altri Membri del gruppo sono anch'essi marcati con l'icona Membro nei Settaggi Lucidi. Per altre informazioni, vedere Codici Colore del Navigatore a pagina 49.

Modifica Attributi in un Progetto Teamwork


Ciascun Membro registrato in ingresso in un progetto condiviso in grado di visualizzare le impostazioni correnti degli attributi del progetto in Opzioni > Attributi Elemento, ma tali attributi non sono modificabili. Solo il Capogruppo pu modificare i singoli attributi o cancellarli (usando l'Accesso Esclusivo). Tuttavia tutti i Membri possono creare nuovi attributi e modificarli liberamente fino all'esecuzione del comando Invia e Ricevi le Modifiche. Durante questa fase l'attributo appena creato visualizzato nella sua finestra di dialogo con una sottolineatura, come nell'immagine sottostante. Dopo Invia e Ricevi le Modifiche, invece, il nuovo attributo diventa un attributo del progetto e non pi editabile da nessuno al di fuori del Capogruppo. (E non pi visualizzato con la sottolineatura.)

Risposta del Navigatore sugli Elementi riservati


Le Icone degli elementi del Navigatore in un progetto condiviso forniscono informazioni sullo stato dell'elemento:

282

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Collaborazione

Lavorare nellarea riservata


Piano o Lucido
Riservarsi un Piano o un Lucido significa riservarsi tutti gli elementi di tale Piano/Lucido; l'utente avr il diritto esclusivo di posizionare o editare elementi sul Piano o Lucido. (Eccezione: tutti i Membri del Gruppo possono creare elementi nel lucido ArchiCAD, senza riservare l'intero lucido.) Se scegliete di limitare l'area riservata a un'area di selezione, il vostro nome apparir sulla Pianta con il contorno verde per mostrare la dimensione dell'area riservata. Le aree riservate da altri Membri del Gruppo appaiono allinterno di un contorno rosso.

Dettaglio
Il possessore di un Dettaglio, ha il diritto esclusivo di modificare il disegno del dettaglio (per esempio aggiungere elementi e modificare gli elementi esistenti), e aggiornare il disegno. Il Marker di Dettaglio invece appartiene al Membro del Gruppo che possiede la Pianta o la Sezione sul quale esso situato. Il Membro del Gruppo pu effettuare modifiche sul contenuto del dettaglio, ma le modifiche non saranno riflesse nella finestra del Dettaglio finch il possessore del Dettaglio non invier un aggiornamento.

Sezioni/Alzati
Chi possiede una Sezione ha il diritto esclusivo di modificare il Marker di Sezione e di posizionare nuovi elementi nella finestra della Sezione. Gli altri Membri possono aprire la finestra della Sezione e accedere agli elementi che appartengono alle rispettive aree di lavoro e/o modificarli.

Layout
I Settaggi Layout vengono gestiti dal proprietario del Layout, ma gli altri Membri possono posizionare disegni e altri elementi (e spostarli e ritagliarli) su un Layout posseduto da un altro Membro. I Layout possono essere cancellati dai loro possessori (o dal Capogruppo con Accesso Esclusivo). Nota: i Disegni non possono essere riservati di per se stessi nel contesto del processo di Registrazione in ingresso. Per altre informazioni, vedere Realizzazione dei Layout in TeamWork a pagina 263.

Non si possono creare elementi al di fuori della propria area di lavoro, con la seguente eccezione: quando si lavora su un piano riservato limitato da un'Area di Selezione e in un Lucido riservato, possibile creare elementi anche al di fuori del confine fisico dell'Area di Selezione. Tutti gli elementi che hanno almeno un hotspot allinterno o sul confine dellarea riservata con unarea di selezione sono considerati allinterno dellarea riservata. Se un elemento ha hotspot in due o pi aree di lavoro, questo elemento appartiene alla persona che per primo l'ha riservato. Gli elementi parzialmente inclusi in diverse aree di selezione dell'area di lavoro, possono essere editati da un solo membro alla volta. Per consegnare agli altri tali elementi, selezionarli e scegliere Teamwork > Invia e Ricevi le Modifiche. Vi verr richiesto di rilasciare questi elementi come nel caso precedente.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Layout Master e Book di Layout


Qualsiasi Membro del Gruppo pu creare un Layout Master, ma dopo un'esecuzione del comando Invia e Ricevi le Modifiche, i Layout Master saranno posseduti dal Capogruppo, che potr accedere a / modificare i Settaggi Layout Master. D'altra parte qualsiasi Membro del Gruppo libero di posizionare qualsiasi elemento su un Layout Master. Il Capogruppo deve utilizzare l'Accesso Esclusivo per effettuare modifiche strutturali, come quella relativa alla posizione dei Layout entro il Book di Layout e la cancellazione di un Layout Master. (Per i Settaggi Layout sono controllati dal possessore del singolo Layout.)

283

Collaborazione

Nota: in Teamwork i Layout Master si comportano in modo simile agli Attributi: tutti i Membri del Gruppo possono crearne di nuovi; in seguito ad un comando Invia e Ricevi, il nuovo elemento diventa di propriet del Capogruppo, il quale per cancellarlo deve fare uso dell'Accesso Esclusivo.

Mappa Vista e Set di Pubblicazione in Teamwork


Gestione delle Mappe Vista in Teamwork
Il Capogruppo e tutti i Membri del Gruppo hanno accesso alla Mappa Vista del Progetto tramite il Navigatore/Organizzatore. Per altre informazioni sull'interfaccia Navigatore/Organizzatore, vedere e Navigatore a pagina 41. In un progetto Teamwork condiviso, la Mappa Vista consta di due parti: Viste Pubbliche e Mie Viste. Il menu a discesa nella parte superiore del Navigatore consente di passare dall'una all'altra. Ciascun Membro del Gruppo dispone di una sua sezione Mie Viste, le cui viste sono visualizzabili e gestibili solo da tale Membro. Lo stesso vale per il Capogruppo. Le Viste presenti in Mie Viste possono essere aggiunte (trascinandole col mouse) alle Viste Pubbliche del progetto condiviso, al proprio Set di Pubblicazione non condiviso, o alla Mappa Layout. (I Disegni posizionati nel Book di Layout che derivano da Mie Viste perdono il loro status di collegamento.) Le Viste in Viste Pubbliche sono visibili per tutti i membri del gruppo, ma la struttura della Mappa Vista pubblica gestita soltanto dal capogruppo, e solo il capogruppo (con accesso esclusivo) pu regolare le impostazioni di visualizzazione, clonare settaggi cartella e cancellare le viste. Nelle Viste Pubbliche, tutti i membri del gruppo possono navigare tra le viste, duplicarle, e usarle in qualunque Set di Pubblicazione. Tutti i membri possono creare una nuova vista o cartella nella Mappa Viste Pubbliche, ma queste non saranno visibili per gli altri membri del gruppo finch non verr eseguito il comando Invia e Ricevi le Modifiche. Fino ad allora le icone delle viste di nuova creazione sono visibili in colore verde, e il membro del gruppo che le ha create pu modificarne a piacimento le impostazioni e il posizionamento nella struttura della Mappa Vista. Dall'esecuzione del comando Invia e Ricevi, queste nuove viste e cartelle diverranno propriet del Capogruppo (e non saranno pi verdi).

Mark-Up
Tutti i Membri possono utilizzare la funzione Revisione per aggiungere elementi di Revisione a qualsiasi parte del progetto condiviso, indipendentemente dal suo stato di esclusivit. Per altre informazioni, vedere Teamwork e Revisione Progetto a pagina 324.

Moduli Collegati
Lutilizzo dei moduli collegati pu essere unito alla funzionalit Teamwork per poter lavorare agevolmente su progetti complessi condivisi da pi architetti. I moduli possono essere riservati in base al piano, al lucido e allarea. Per altre informazioni, vedere Moduli collegati e Teamwork a pagina 308.

Informazioni addizionali
Gli elementi che sono stati bloccati (se riservati da altri o non riservati del tutto) non possono essere modificati, ma possono essere visualizzati in tutti i tipi di finestre (Pianta, Finestra 3D, Sezioni/Alzati, liste). Questi elementi possono essere selezionati, le loro finestre di dialogo dei settaggi possono essere visualizzate, e i loro parametri possono essere copiati da tali finestre o prelevati mediante il comando Edita > Settaggi Elemento > Preleva Parametri o il tasto di scelta rapida corrispondente (Alt-clic sull'elemento in Windows, Cmd-clic sull'elemento in MacOS). Il possessore di un Disegno, di un Dettaglio o di una Sezione (di tipo Ricostruzione manuale e Disegno) ha il diritto esclusivo di aggiornare tali elementi. Quando si aggiorna il Progetto di Gruppo, si ha l'opzione di rilasciare gli elementi creati all'esterno della propria area per l'uso degli altri Membri del Gruppo, o di mantenerli riservati. Se qualcun altro ha creato un elemento nella vostra area riservata e ha rilasciato questelemento perch lo utilizziate, potete scegliere se mantenerlo o scartarlo. Per altre informazioni, vedere Invia e Ricevi le Modifiche nell'Aiuto ArchiCAD.

284

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Collaborazione

Gli elementi nella Mappa Vista creati prima di condividere il progetto diventeranno automaticamente parte della Mappa Viste Pubbliche, e propriet del Capogruppo. Ci significa che soltanto il Capogruppo pu modificare e cancellare tali viste. La Mappa Vista che far da base per la documentazione deve essere creata dal capogruppo o dalla squadra di documentazione. Una possibile organizzazione del lavoro: il team di documentazione si registra in ingresso nel Progetto di Gruppo senza riservarsi altre Aree di lavoro al di fuori dei Layout. In questo modo i componenti del team di documentazione saranno in grado di creare viste senza dover interrompere il lavoro degli architetti.

Quando si registrano o si inviano i file in Internet, verr utilizzata la destinazione definita dallautore dellinsieme. Per registrarli o inviarli in una destinazione differente, selezionate e duplicate linsieme. Il Capogruppo pu modificare i Settaggi Layout Master e gli elementi del Layout Master. Tuttavia i Settaggi Layout sono controllati dal proprietario del singolo layout.

Set di Viste dei Progetti Teamwork di ArchiCAD 9 e versioni precedenti


I Set di Viste di progetti Teamwork creati con ArchiCAD 9 saranno combinati in una singola Mappa Vista in ArchiCAD 10, e ciascuno di essi sar inserito in una cartella separata della Mappa Vista. Verr creato un ugual numero di Set di Pubblicazione le cui Opzioni Formato rifletteranno le opzioni di output dei precedenti Set di viste. I set di viste Condivise di ArchiCAD 9 saranno combinati nella Mappa Vista Pubblica (di pertinenza del Capogruppo), e saranno anche convertiti come un Set di Pubblicazione condiviso (di propriet del proprietario del set di viste originale). I set di viste Non condivise di ArchiCAD 9 faranno parte della nuova Mie Viste (del proprietario del set viste originario), con un numero corrispondente dei Set di Pubblicazione non condivisi (di pertinenza del proprietario del set di viste originale).

Set di Pubblicazione in Teamwork


Ciascun Membro pu creare un qualsiasi numero di Set di Pubblicazione, che possono essere condivisi. Per condividere o smettere di condividere un Set di Pubblicazione si usa il menu a discesa nella parte superiore del Navigatore. Un Set di Pubblicazione condiviso contrassegnato da un'icona a forma di mano aperta. Un Set di Pubblicazione condiviso accessibile da parte di tutti i Membri del Gruppo, che possono fare uso degli elementi del publisher ma non possono apportare modifiche a nessuno dei settaggi di Formato/Output per tali elementi. Se un elemento del publisher di un Set di Pubblicazione condiviso collegato ad una vista, e quest'ultima viene successivamente cancellata dal Capogruppo, il possessore del Set di Pubblicazione riceve una notifica. Un Set di Pubblicazione non condiviso non visibile n accessibile agli altri Membri del Gruppo. Esso pu comprendere qualsiasi vista facente parte di Mie Viste o Viste Pubbliche, o un Layout del Book di Layout. Tuttavia se un Set di Pubblicazione non condiviso contiene un collegamento ad una vista di Mie Viste, tale Set di Pubblicazione non pu venir condiviso. Potrete pubblicare tutti gli insiemi condivisi, anche se questi contengono viste che non si trovano nella vostra area di lavoro.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Flusso di lavoro
Le seguenti sezioni descrivono le funzioni e le caratteristiche specifiche del lavoro su un progetto condiviso.

Inviare e ricevere le modifiche


Le modifiche compiute da un qualsiasi Membro del Gruppo vengono inviate al Progetto di Gruppo condiviso scegliendo Teamwork > Invia e Ricevi le Modifiche, oppure (opzionalmente) quando si effettua la Registrazione in uscita. Le modifiche inviate al Progetto di Gruppo non appaiono automaticamente nelle copie degli altri membri. Per vedere le modifiche effettuate da altri, essi devono scegliere Ricevi modifiche. Per altre informazioni, vedere Invia e Ricevi le Modifiche nell'Aiuto ArchiCAD.

285

Collaborazione

Lavorare su una copia locale


Dipendere continuamente dalla rete pu, a volte, essere causa di problemi, dal momento che pi sono le persone che utilizzano la rete nello stesso momento, maggiore la possibilit che la rete rallenti il lavoro di tutti. Inoltre, alcuni membri del gruppo possono aver bisogno di lavorare a casa o in unaltra sede. Potreste anche voler registrare il lavoro in uno stato del progetto che non ancora idoneo per linvio e la ricezione delle modifiche, operazione che lo renderebbe visibile a tutti gli altri membri. In questo caso, la soluzione di fare una copia Disegno locale del Progetto condiviso, conservando le definizioni di registrazione dingresso fatte. Per creare una copia Disegno locale del Progetto Condiviso, scegliere il comando File > Salva. Il file creato pu essere aperto nello stesso modo in cui si apre un Progetto Individuale, scegliendo Archivio > Apri e l'opzione formato Disegno di ArchiCAD Teamwork. Il documento contiene tutti i dati caratteristici relativi al Progetto del Gruppo, comprese le definizioni dellarea di lavoro fatte dal Membro del Gruppo. Nota: linvio delle modifiche al Progetto condiviso non significa che anche la propria copia locale venga salvata nello stesso momento. Tuttavia, linvio delle modifiche fa scattare un Salvataggio automatico, che permetter di riaprire il disegno in caso di un errore qualsiasi nel corso del processo di invio e ricezione. Dal momento che il Disegno contiene tutte le informazioni disponibili al momento della sua creazione, potete continuare a lavorarci come fareste normalmente se foste ancora collegati in rete. Naturalmente, le modifiche possono essere inviate solo quando si ricollegati alla rete, e lo stesso vale per laggiornamento delle modifiche apportate da altri membri del gruppo. In questo modo, anche subappaltatori e consulenti possono entrare a far parte del gruppo inserendoli in qualit di membri del gruppo off-line con aree di lavoro definite. Se registrate pi Disegni con varianti al progetto, potrete inviare le modifiche da qualunque di questi. Non potrete continuare a lavorare su modifiche effettuate a Disegni diversi con questa opzione.

Registrare luscita
Scegliendo il comando Teamwork > Registra Uscita si interrompe il collegamento con il Progetto di Gruppo e si rilascia la propria area di lavoro riservata agli altri Membri del Gruppo, che potrebbero voler registrare lingresso in tale area. Se avete apportato delle modifiche, vi verr richiesto di inviarle. Se si fa clic su No in questa finestra di dialogo tutte le modifiche andranno perdute. Nota: se avete registrato una copia locale del progetto in formato Disegno quindi registrate luscita senza inviare le vostre modifiche, queste non saranno copiate nel progetto centrale e andranno perse. Tuttavia, queste modifiche possono ancora essere incluse in un secondo momento, scegliendo il comando Archivio > Gestione File > Unisci. Per altre informazioni, vedere Unisci nell'Aiuto ArchiCAD. ArchiCAD ricorder le definizioni della vostra area di lavoro e, quando registrerete di nuovo lingresso, vi offrir le stesse definizioni come default.

Tecniche
La suddivisione delle aree di lavoro il primo punto cruciale del lavoro di gruppo. essenziale che la persona adatta definisca al momento giusto aree, lucidi, piani o sezioni/alzati appropriati. La scelta del momento opportuno pu non essere cos ovvia al momento della registrazione dellingresso; tuttavia, essa deve essere attentamente considerata e gestita. La scelta del momento opportuno ha maggiore importanza quando si utilizza unarea di selezione su elementi lunghi o estesi. La ragione che tutti gli elementi che hanno almeno un punto di selezione allinterno o che tocca larea definita con unarea di selezione saranno assegnati allutente che ha fatto la prima selezione. Per esempio, se un muro lungo ha un punto di selezione ad esempio cinque centimetri - allinterno dellarea di selezione e quindici metri al di fuori di essa, apparterr ancora al membro del gruppo che definisce larea di selezione (a meno che un altro Membro del Gruppo non abbia registrato lingresso e definito laltra parte del muro in precedenza).

286

Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Collaborazione

Anche gli elementi raggruppati sono riservati individualmente. Se una qualsiasi parte del gruppo non nell'area di lavoro del membro del gruppo, questi non potr editare il gruppo come unica entit. Il gruppo deve essere sospeso per riuscire ad editarne gli elementi individuali inclusi nella propria area di lavoro. I rischi di una definizione dellarea di lavoro non attenta sono pi evidenti: la monopolizzazione non necessaria di interi piani o lucidi pu rappresentare una seccatura nel processo del progetto, la cui correzione pu ritardare il lavoro dellintero gruppo, specialmente quando si sta lavorando off-line. Nota: se il gruppo sceglie di usare l'area di selezione per definire le aree di lavoro, il capo gruppo pu abbozzare le aree di lavoro con delle linee prima di condividere il progetto. Quando i membri del gruppo registrano il loro ingresso la prima volta, essi possono usare la bacchetta magica ('spazio'-clic) per selezionare un'area di lavoro predefinita. Questo molto utile quando la geometria dell'edificio richiede aree di lavoro con confini curvi. Naturalmente, la correzione di aree di lavoro gi assegnate o lo scambio di elementi possono anche essere necessari semplicemente a causa della modifica del progetto - che la vera natura del lavoro di architettura. Se pianificate di posizionare elementi a distanza considerabile dall'Origine del Progetto (ad esempio lavorato con coordinate topografiche reali), dovreste preparare la vostra pianta prima di condividere il progetto. In caso di pianta ancora vuota, posizionate almeno un elemento distante prima di condividere il progetto. In caso di un progetto esistente, posizionate un elemento alla distanza desiderata, salvate il progetto, apritelo e salvatelo nuovamente prima di condividerlo. (Questo necessario per permettere ad ArchiCAD di eseguire un algoritmo in background che migliora l'accuratezza dei progetti in larga scala.) Sia le correzioni degli errori che le modifiche possono essere eseguite in vari modi, alcuni pi sofisticati di altri. Negli esempi seguenti, vedremo in dettaglio questi metodi.
Guida di riferimento di ArchiCAD 10

Dare e ricevere elementi Ampliare l'Area di Lavoro


Lutente A ha un muro interamente allinterno della propria area di selezione, su cui B lavorer dora in poi. A vorrebbe riposizionare questo elemento rilasciandolo. In questo momento A non pu mettere il muro su un lucido che appartiene a B, dal momento che non pu accedere ai lucidi definiti da altri. Ugualmente, B non pu fare assolutamente nulla con gli elementi nellarea di A.

Registrare l'uscita - Registrare l'ingresso


A crea un nuovo lucido e pone il muro in esso. Quindi registra luscita inviando le proprie modifiche quando gli viene richiesto di farlo e informa B di questa modifica. B invia e riceve le modifiche, quindi registra lingresso nello stesso progetto con lo stesso nome. Teamwork chieder a B se desidera rilasciare la registrazione di ingresso precedente (ed ancora attiva), quando viene accettato, propone i settaggi dell'area di lavoro precedente. B aggiunge il nuovo lucido creato da A al proprio elenco di definizione. Quando B ha comunicato la propria azione, A registra nuovamente lingresso con il vecchio nome di utente. Vantaggi: a causa dell'automatismo incluso in Teamwork, questa soluzione risulta semplice, facile da ricordare e, in definitiva, funziona con tutti i tipi di elemento. Svantaggi: dal momento che i Membri del Gruppo non possono cancellare i lucidi, questo metodo pu dar luogo a un numero considerevolmente alto di lucidi non necessari nel Progetto di

287