Sei sulla pagina 1di 48

ARCHITETTURA DELLE MURATURE

Comprendere gli aspetti strutturali Parte 1

Obiettivi
Interpretare le regole seguite dagli antichi ingegneri ed architetti alla luce delle conoscenze moderne Imparare i concetti base che permettono di comprendere il livello di sicurezza di vecchie costruzioni in maniera da progettare correttamente i possibili interventi di rinforzo
2

Sorgenti di informazioni
Le antiche costruzioni come documentazione sperimentale (metodo naturalistico)

Rondelet (1802) dice: per determinare lo spessore pi adeguato dei muri ho stabilito una regola basata su fatti inconfutabili, dopo aver visitato ed attentamente esaminato costruzioni dogni tipo costruite in Francia ed Italia in 18 e pi secoli 3

Lo spessore dei muri


Dipende dalla stabilit piuttosto che dalla resistenza Rondelet dice: quindi risulta che il muro avr una grande stabilit se il suo spessore pari ad un ottavo della sua altezza, una media stabilit se lo spessore un decimo, il pi basso grado di stabilit se un dodicesimo.
4

Lo spessore dei muri


Ci equivale a dire:
b = 0.125 H alta stabilit b = H b = 0.100 H media stabilit b = 0.083 H bassa stabilit

Avevamo gi correlato il ribaltamento col coefficiente:


b = H
Geometria

F = P
Stabilit
5

Lo spessore dei muri


Si ha la regola generale:
F = P = bH

Sostituendo: Si ottiene infine:

b = H

b F = bH = b 2 H

Lo spessore dei muri


Possiamo interpretare questo criterio geometrico come un criterio di stabilit contro una forza orizzontale ribaltante

7 b = 0.125 H alta 0.100 H media .083 H bassa stabilit b = stabilit b = 0stabilit

Supporto dei muri trasversali


Cambia il modo di collasso

Senza muro trasversale

Con muro/i trasversale/i


8

Supporto dei muri trasversali


Lo spessore pu venir ridotto proporzionalmente alla distanza tra i muri trasversali La determinazione geometrica secondo Rondelet si pu esprimere come:

L H sb= 2 2 L +H
s b = H
9

Efficacia dei muri trasversali


Si noti che: < che significa che lo spessore ridotto Il contributo dei muri trasversali pu misurarsi come L = 1 + 2 2 L +H se L = 2H, otteniamo: = 0.89 ( = 11%) se L = H, otteniamo: 0.70 ( = 30%)
10

Interpretazione Moderna
Azione orizzontale verso linterno

S = 1 + s

con questo, lefficacia maggiore (anche se la parte collassata parabolica)

11

Interpretazione Moderna
Azione orizzontale verso lesterno

2 FV = bLH

ma FV non facilmente quantificabile

12

Muri supportati da tetti


Rondelet dice, dei muri della Basilica di S. Paolo Fuori le Mura (tardo Impero): lo spessore solo un trentaduesimo dellaltezza, quindi se non fosse per il tetto non potrebbe stare in piedi Soresina aggiunge: e questo anche dimostrato dallincendio che bruci il tetto della Basilica nella notte del 15 Luglio 1823. In seguito la maggior parte dei muri collassarono. 13

Efficacia del tetto


Lefficacia si riduce con laltezza Senza navate laterali

H L b= 2 12 L + H 2
Notare che L in questo caso la luce del tetto
14

Efficacia del tetto


Con navate laterali

HS HI L + b= 12 24 BD

Una misura dellefficacia :

b H

15

Edifici multipiano
Regole desunte dallesistente: Edifici a corpo semplice (una campata)
Muri esterni
1 H Se = + L 24 2

16

Edifici mutlipiano
Regole dedotte dallesistente: Costruzioni a corpo semplice doppio
Muri esterni
1 H L Se = + L 24 2 2

Muri interni
1 p Si = ( Li + H i ) + n 36 2

(p = 1pollice = 2.5 cm)

17

Edifici mutlipiano con volte


Le volte in muratura sono pi In accordo con Curioni (1870)rigide dei solai lignei, ma per le spinte laterali ribaltanti i muri esterni devono essere pi spessi.

. S p = 0.45 + 012 n in [m] St = 0.45 + 0.06 n in [m]

Sp, St = muri perimetrali e trasversali n = numero dei solai sul muro

18

Commento
Tutte queste regole sono basate sullosservazione del costruito Contengono allinterno coefficienti di sicurezza, testati nei secoli I vecchi manuali di costruzioni davano anche chiavi di interpretazione delle regole, in opposizione a quelli moderni, dove le regole sono imposte. Lingegnere/architetto era coinviolto pi profondamente nel comportamento 19 strutturale

ARCHITETTURA DELLE MURATURE


Comprendere gli aspetti strutturali Parte 2

20

Un esempio: La Cattedrale di S. Angelo dei Lombardi


E stata ricostruita allinizio del XVIII secolo, dopo un terremoto Ha subito un terremoto del X grado in 1980 I muri centrali erano pi spessi del solito (0.80 m contro 0.42 con la
regola di Rondelet) Potrebbe essere dovuto alla volta in muratura sulla navata centrale, ma stata costruita in seguito Provvedimento antisismico (?)

21

Un esempio: La Cattedrale di S. Angelo dei Lombardi


Abbiamo tutti gli ingredienti fin qui studiati
Muri

Tetti

Volte
22

Sequenza delle verifiche


Valutare la stabilit globale attraverso =F/P e paragonarla con =b/H per quantificare il supporto del tetto e delle navate laterali

Verifica dei tetti (capriate) Verifica dei solai (volte) Ipotesi di rinforzo
Tipo e quantit
23

Problema: provare a ricostruire la sequenza dei calcoli necessaria a determinare il valore di , Valutazione della stabilit globale basandosi sullo schizzo mostrato qui sotto.
= 1800 kg/m3

Forza di ribaltamento del muro inferiore Forza di ribaltamento del muro superiore
= b 0.80 = 0.06 H 13.85

= 0.09
24

Verifica della capriata del tetto


Verifica della struttura a traliccio del tetto
Analisi dei carichi

25

Verifica della capriata del tetto


Verifica della struttura a traliccio del tetto
verifica di ciascun elemento del traliccio equilibrio in ogni nodo, ad es. nodo A, nodo E

26

Verifica della capriata del tetto


Verifica della struttura a traliccio del tetto
notare la differenza tra il modello e la struttura reale (cerniere di connessione)

27

Verifica della capriata del tetto


Gli sforzi sono estremamente bassi Le dimensioni degli elementi sono dettate dalle connessioni, non dalle forze

28

Verifica dei solai


Solai in legno (nessuna spinta laterale) Solai in muratura: volte
a padiglione, sferica, a botte, a crociera

29

Volte a padiglione ed a crociera


A padiglione A crociera

Le facce sono costruite sulla botte ad esse parallela Carichi sui quattro lati

Le facce sono costruite sulla botte ad esse perpendicolare 30 Carichi sui quattro angoli

Verifica dei solai


Verifica della volta a padiglione
geometria carichi

31

Verifica dei solai


Verifica della volta a padiglione
Valutare la spinta orizzontale in entrambe le direzioni

32

Verifica dei solai


Verifica della volta a padiglione
Valutare gli sforzi nella volta

33

Comparazione con volte equivalenti


Bisogna coprire la stessa superficie (5m x 7m) ed avere la stessa altezza

Spinta della volta a padiglione

S = 1190 kg / m

La volta a padiglione d minore spinta orizzontale 34 (media)

Verifica di un edificio alla Curioni


Edificio multipiano, progettato secondo le regole del Curioni Valutare il momento stabilizzante Valutare il momento ribaltante Attraverso lequilibrio, trovare la massima spinta orizzontale sostenibile
35

Verifica di un edificio alla Curioni


Se la spinta orizzontale maggiore del consentito, bisogna valutare la resistenza orizzontale dei muri trasversali Ipotesi: distribuzione lineare della pseudo resistenza a trazione Ricordate
36

Comportamento a catena
Consentito dallo sforzo assiale distribuito N La forza T necessaria a deformare la catena deve superare lattrito tra gli strati di mattoni di base b ed altezza z T=Nsfn s = b/2
(lunghezza di sovrapposizione)

f = coefficiente dattrito n = numero degli strati


37

Comportamento a catena
Pseudo-resistenza a trazione per unit daltezza con s = b/2

T N s f n N f b t= = = H n z 2 z

38

Rinforzo mediante catene


Per azioni eccezionali (terremoti) non possiamo fare affidamento a meccanismi basati sullattrito Le catene (piatti o barre di metallo) si posizionano ad ogni piano con spaziature costanti tra due muri trasversali
39

Rinforzo mediante catene


Se le catene vengono inserite ad ogni piano, come avere delle volte a crociera inscritte nei muri (supportati su quattro punti)
Meccanismo ad arco

40

Efficacia delle catene


Il meccanismo ad arco fa affidamento sulla collaborazione tra la faccia interna ed esterna dei muri (importanza dei ditoni) La componente orizzontale viene bilanciata dal muro adiacente, eccetto che agli angoli (importanza dei muri trasversali esterni) La componente verticale non pu esser bilanciata allultimo piano (non c peso proprio) La componente normale fa affidamento sullefficacia del capochiave e sulla resistenza locale del muro
41

Un esempio: Palazzo Chigi di Ariccia (XVI c.)


Contiene una grande stanza con una navata fino al tetto, tipo basilica Lo spessore del muro di facciata dovrebbe essere di 0.65 m

Ma di 1.10 m!

42

Un esempio : Palazzo Chigi di Ariccia


Perch?
Incremento di sicurezza dovuto alla sua peculiare tipologia? Protezione antisismica per la zona dei Colli Albani?

43

Stabilit della facciata


A1) Parte superiore del muro Considerando il tetto: = F1/P1 = 0.148 Non considerando il tetto: = b/H = 0.112 A2) Parte inferiore del muro Considerando il tetto: = F2/P2 = 0.079 Non considerando il tetto: = b/H = 0.082 La stabilit dellintera facciata governata dalla parte inferiore del muro

!
44

Stabilit della facciata


Rinforzo inserendo una catena sopra la volta
Spinta della volta

x = 2011 kg/m y = 1048 kg/m P = 9547 kg


Distanza delle catene i = 3.5 m

X = 7038 kg Y = 3668 kg

45

Stabilit della facciata


Rinforzo inserendo una catena sopra la volta
Attraverso lequilibrio

T 6 = X 4.65 T = 5454 kg
Altezza necessaria del muro superiore per evitare fessurazioni in B-C

6 ( N + P ) 1.10 T 1.35 = 0 1 6 N = 30614 kg

eb

ricordate

46

Stabilit della facciata


Situazione compatibile Carico eccentrico Sezione compressa

e=b

Situazione limite Sezione parzializzata Resistenza superata

e=b

47

Stabilit della facciata


Rinforzo inserendo una catena sopra la volta
Altezza limite del muro superiore

H necess

30614 = = 4.42 m 1.1 3.5 1800

H necess < H esist = 9.80 m

48