Sei sulla pagina 1di 406

EASYLAST3D CAD/CAM V 2.

5
MANUALE DELL’UTENTE
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

INDICE:
1 COS’E’ EASYLAST3D?................................................................................... 2

2 GEOMETRIA DELLA FORMA ......................................................................... 3

3 MASCHERA PRINCIPALE .............................................................................. 7

4 BASE DATI (DATABASE) ............................................................................... 9

4.1 Generalità................................................................................................................ 9
4.1.1 Differenze tra orientamento base dati e orientamento schedari. ..................... 9
4.1.2 Struttura del database ...................................................................................... 9
4.1.3 File HOR. ...................................................................................................... 10
4.1.4 FILE FRV...................................................................................................... 11
4.2 Menù Database...................................................................................................... 12
4.2.1 Cambiare Database....................................................................................... 13
4.2.2 Creazione nuovo database ............................................................................. 15
4.2.3 Importare Direttorio....................................................................................... 16
4.2.4 Riparazione Database .................................................................................... 17
4.2.5 Gestione Dati ................................................................................................. 18
4.2.6 Ricerca........................................................................................................... 25
4.2.7 Sfoglia. .......................................................................................................... 32
4.3 Menù Modello. Comandi relazionati con il database. ......................................... 34
4.3.1 Aprire un modello dalla base dati.................................................................. 34
4.3.2 Salvare. .......................................................................................................... 35
4.3.3 Salva con nome.............................................................................................. 35
4.3.4 Chiudere. ....................................................................................................... 35

5 MENU’ PREFERENZE ................................................................................... 36

6 IMPORTAZIONE ............................................................................................ 44

6.1 Descrizione pulsanti .............................................................................................. 44


6.2 Importazione e posizionamento di files IGES, SEC ed ASCII ............................. 49
6.2.1 Importazione FORMA BASSA..................................................................... 49
6.2.2 Importazione STIVALETTO ........................................................................ 50
6.2.3 Esportare un modello dalla base dati............................................................. 54
6.2.4 Eliminazione multipla. .................................................................................. 62

7 CREAZIONE MODELLI.................................................................................. 63

7.1 Copia da un modello esistente............................................................................... 63


7.2 Unione di corpo e punta ........................................................................................ 65
7.3 Unione scarpa e tronchetto ................................................................................... 67

I
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

7.4 Opzioni chiusura editor......................................................................................... 68

8 VISIONE DEL MODELLO .............................................................................. 69

8.1 POSIZIONAMENTO DELLA FORMA.................................................................. 70


8.1.1 Significato Icone............................................................................................ 71
8.1.2 Significato misure interattive ........................................................................ 71
8.2 COMANDI DI SPOSTAMENTO \ ROTAZIONE DELLA FORMA....................... 72
8.2.1 Spostamento .................................................................................................. 72
8.2.2 Rotazione....................................................................................................... 73
8.3 Corretto posizionamento ....................................................................................... 73
8.3.1 Ridefinizione Sottopiede ............................................................................... 75
8.4 MISURE................................................................................................................. 79
8.4.1 Misure manuali.............................................................................................. 79
8.5 Esportazione Dime ................................................................................................ 86

9 EDITOR DELLE SAGOME............................................................................. 91

9.1 DeScrizione ambiente di lavoro ............................................................................ 91


9.1.1 Dati di sviluppo ............................................................................................. 94
9.1.2 Dimensioni sagoma ....................................................................................... 94
9.1.3 Punto di inizio ............................................................................................... 96
9.1.4 Numeri........................................................................................................... 96
9.1.5 Asse di esportazione ...................................................................................... 96
9.1.6 Esportazione delle dime ................................................................................ 99
9.1.7 Esportazione dime sviluppate...................................................................... 101
9.2 Misure automatiche Originali (O) e Calcolate (C)............................................. 103
9.2.1 Applica correzioni di calzata e lunghezza. .................................................. 106
9.3 OMBREGGIATURA. ........................................................................................... 107
9.3.1 Visualizzazione............................................................................................ 107
9.3.2 tessiture........................................................................................................ 108
9.3.3 Zoom. .......................................................................................................... 108
9.3.4 Opzioni. ....................................................................................................... 109
9.3.5 Visualizzazione multipla. ........................................................................... 109
9.3.6 viste. ............................................................................................................ 110
9.4 Visualizzazione 3D. ............................................................................................. 111

10 Comandi di MODIFICA. ........................................................................... 113

10.1 Comandi comuni a tutti gli editor. ...................................................................... 114


10.2 Utilizzo delle icone. ............................................................................................. 116
10.2.1 Primo blocco................................................................................................ 117
10.2.2 Secondo blocco............................................................................................ 120
10.3 Utilizzo delle funzioni 2D – Singolo punto.......................................................... 124
10.4 Utilizzo delle funzioni 2D- Curva intera ............................................................. 125
10.4.1 Muovere (2D): ............................................................................................. 126
10.4.2 Muovere per coordinate (2D): ..................................................................... 126

II
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

10.4.3 Girare (2D) .................................................................................................. 128


10.4.4 Girare per coordinate (2D) .......................................................................... 128
10.4.5 Livellamento (2D) ....................................................................................... 129
10.4.6 Filtrare ......................................................................................................... 130
10.5 Utilizzo delle funzioni 2D – Zona di curva.......................................................... 132
10.5.1 Selezione zona della curva (2D).................................................................. 132
10.5.2 Operazioni sulla zona della curva selezionata (2D) .................................... 133
10.5.3 Muovere (2D) .............................................................................................. 133
10.5.4 Muovere Discontinuo (2D).......................................................................... 133
10.5.5 Muovere per coordinate(2D) ....................................................................... 134
10.5.6 Girare (2D) .................................................................................................. 135
10.5.7 Girare per coordinate (2D) .......................................................................... 135
10.5.8 Livellamento (2D) ....................................................................................... 136
10.5.9 Filtrare ......................................................................................................... 137
10.5.10 Allineare .................................................................................................. 137
10.5.11 Eliminare ................................................................................................. 137
10.6 Utilizzo delle funzioni di visualizzazione............................................................. 138
10.7 Uso della tastiera. ............................................................................................... 143
10.7.1 Muovere....................................................................................................... 144
10.7.2 Ruotare ........................................................................................................ 144

11 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE............................................................. 146

11.1 Rimozione supporto del tallone ........................................................................... 146


11.1.1 Prima fase – rimozione veloce-automatica.................................................. 148
11.1.2 Seconda fase – Rimozione più precisa. ....................................................... 149
11.2 Rimozione supporto punta................................................................................... 156
11.2.1 Prima fase – Rimozione automatica – Taglio con piano............................. 156
11.2.2 Seconda fase – Taglio con superficie. ......................................................... 157
11.2.3 Terza fase – Ridefinizione punta................................................................. 161
11.2.4 Quarta fase – Eliminazione sezioni ............................................................. 166

12 MODIFICA SOTTOPIEDE......................................................................... 167

12.1 Adattamento delle modifiche. .............................................................................. 168


12.1.1 Adattando la forma alla pianta. ................................................................... 168
12.1.2 Adattando la pianta alla forma. ................................................................... 169
12.2 DEfinizione area costante . ................................................................................ 171
12.2.1 zona costante – nessuna............................................................................... 171
12.2.2 Zona costante - Da massimo........................................................................ 172
12.2.3 Zona costante - Utente:................................................................................ 172
12.3 Definizione del metodo di Raccordo ................................................................... 175
12.3.1 Raccordo dal massimo................................................................................. 176
12.3.2 Raccordo completo...................................................................................... 176
12.3.3 Senza raccordo............................................................................................. 177
12.4 Importazione di un filoforma............................................................................... 177
12.4.1 Importazione da scanner.............................................................................. 178

III
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

12.5 Modifica di una zona o tutto il filoforma di un valore costante - Parallela ....... 181
12.5.1 Tutto il filoforma ......................................................................................... 181
12.5.2 Parte del filoforma....................................................................................... 182

13 EDITOR DELLA PUNTA. ......................................................................... 184

14 EDITOR DEL TALLONE........................................................................... 186

14.1 Prima fase – rimozione automatica..................................................................... 186


14.2 Seconda fase – rimozione piu’ precisa................................................................ 187

15 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE................................................................ 191

15.1 muovere sezioni ................................................................................................... 194


15.2 Scalare sezioni..................................................................................................... 195
15.3 scalare sottopiede................................................................................................ 195
15.4 Salire sottopiede .................................................................................................. 196
15.5 Abbassare sottopiede........................................................................................... 196

16 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE...................................................... 198

16.1 Muovere sezioni................................................................................................... 199


16.2 Scalare sezioni..................................................................................................... 199
16.3 Salire profilo........................................................................................................ 199
16.4 Abbassare profilo ................................................................................................ 200

17 EDITORE LOCALE................................................................................... 202

17.1 Creazione/Modifica curva di selezione ............................................................... 203


17.2 Selezione area stuccatura.................................................................................... 204
17.3 Mettere stucco ..................................................................................................... 205
17.4 Spianare zona ...................................................................................................... 205
17.5 Modificare zona................................................................................................... 206

18 EDITORE DI UNIONE. .............................................................................. 208

18.1 Unione due modelli - Posizionamento................................................................. 208


18.1.1 Spostamento ................................................................................................ 210
18.1.2 Rotazione..................................................................................................... 210
18.1.3 Piano di taglio virtuale................................................................................. 211
18.1.4 Unione-Raccordo......................................................................................... 212
18.1.5 Altri esempi d’applicazione dell’unione ..................................................... 217
18.2 Modifica singolo modello .................................................................................... 220
18.2.1 Rotazione..................................................................................................... 220
18.2.2 Allungare\accorciare la punta\corpo............................................................ 222
18.2.3 Allargare\stringere la punta\corpo............................................................... 223

IV
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

19 TRONCHETTO ......................................................................................... 228

19.1 Misure chiave del tronchetto ............................................................................... 229


19.1.1 Dimensioni cresta ........................................................................................ 229
19.1.2 Altezza tronchetto........................................................................................ 230
19.1.3 Distanza tallone ........................................................................................... 231
19.2 Importazione dime ............................................................................................... 232
19.3 Definizione profili base ....................................................................................... 232
19.3.1 Dima cresta.................................................................................................. 234
19.4 Creazione superficie nuovo tronchetto................................................................ 234
19.5 Taglio del tronchetto ........................................................................................... 238

20 SUOLA...................................................................................................... 241

21 TRASLAZIONE DEL SOTTOPIEDE......................................................... 247

22 SVILUPPO DELLA FORMA ..................................................................... 250

22.1 Descrizione ambiente di lavoro........................................................................... 250


22.2 Sviluppo per numeri ............................................................................................ 255
22.2.1 Dati di sviluppo ........................................................................................... 257
22.2.2 Selezione numeri da sviluppare................................................................... 262
22.2.3 Creazione di un nuovo modello................................................................... 263
22.2.4 Editare asse di sviluppo ............................................................................... 266
22.2.5 Punto di inizio ............................................................................................. 268
22.3 Sviluppo per misure............................................................................................. 269
22.3.1 Descrizione icone ........................................................................................ 272
22.3.2 Editare asse di sviluppo ............................................................................... 275
22.3.3 Relazione ALTEZZA/CALZATA .............................................................. 275
22.3.4 Sviluppo a zone ........................................................................................... 279
22.3.5 Salvataggio / Eliminazione modello sviluppato .......................................... 284
22.3.6 Sottopiede Costante ..................................................................................... 286
22.3.7 Zona di forma costante ................................................................................ 290
22.3.8 Tronchetto costante ..................................................................................... 292
22.3.9 Sviluppo di tronchetto ................................................................................. 293
22.3.10 Punta costante.......................................................................................... 294
22.3.11 Livellamento............................................................................................ 295

23 LAVORAZIONE DEL MODELLO ............................................................. 298

23.1 Schermata Supporti ............................................................................................. 300


23.1.1 Archiviazione supporti in 3D ...................................................................... 303
23.1.2 Sviluppo cimose .......................................................................................... 304
23.1.3 Modifica impostazioni percorso .................................................................. 304
23.2 Simulazione 2D.................................................................................................... 306
23.3 Simulazione 3D.................................................................................................... 307

V
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

23.4 Creazione file FRV .............................................................................................. 308


23.4.1 Modifica aree a passo variabile ................................................................... 309
23.4.2 Sviluppo cimose .......................................................................................... 316
23.4.3 Salvataggio informazioni nel file forma...................................................... 316
23.5 Menù esportazione file cnc.................................................................................. 320
23.5.1 Creazione / Modifica di una nuova macchina FRV .................................... 321
23.5.2 Eliminazione machina ................................................................................. 328

24 STAMPA DEL MODELLO ........................................................................ 329

25 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI .............................................. 331

25.1 PAROLE CHIAVE GENERALI:.......................................................................... 333


25.2 COMANDI MOUSE GENERALI ........................................................................ 334
25.2.1 MOVIMENTI E SCORCIATOIE MEDIANTE IL MOUSE ..................... 334
25.2.2 CONTESTO MENU ................................................................................... 335
25.3 POSIZIONAMENTO DEL MODELLO............................................................... 338
25.4 DEFINIZIONE DEI LIMITI DELLE 3 SUPERFICI........................................... 341
25.4.1 DEFINIZIONE DEL SOTTOPIEDE. ......................................................... 341
25.4.2 DEFINIZIONE DEL TRONCHETTO........................................................ 342
25.5 GENERAZIONE AUTOMATICA 3 SUPERFICI. ............................................... 343
25.6 GENERAZIONE DELLE 3 SUPERFICI IN MODO SEMI-AUTOMATICO ...... 346
25.6.1 PARAMETRI DI SUPERFICIE ................................................................. 346
25.6.2 CAMBIAMENTO DEI PARAMETRI DELLA GENERAZIONE DELLA
SUPERFICIE............................................................................................................... 352
25.6.3 LINEA SCHELETRO ................................................................................. 358
25.7 EDIZIONE DELLA NUOVA SUPERFICIE GENERATA................................... 361
25.7.1 SELEZIONA \ MUOVI PUNTO ................................................................ 361
25.7.2 SELEZIONA \ MUOVI LINEA, SEZIONE O PROFILO ......................... 362
25.7.3 SELEZIONA PIù LINEE, SEZIONI E PROFILI....................................... 363
25.7.4 SELEZIONA \ MUOVI UN’AREA ........................................................... 364
25.7.5 SELEZIONA \ MUOVI SEGMENTO........................................................ 364
25.7.6 SPIANARE AREA...................................................................................... 365
25.7.7 LISCIATURA SEGMENTO ...................................................................... 367
25.8 MODIFICA AVANZATA DELLA SUPERFICIE GENERATA............................ 368
25.8.1 AGGIUNGI NUOVE LINEE (PROFILI \ SEZIONI) ................................ 368
25.8.2 CANCELLARE LINEE (PROFILI \SEZIONI).......................................... 369
25.9 ERRORE SI ANALISI .......................................................................................... 370
25.9.1 ESEMPIO DI PUNTA SQUADRATA....................................................... 373
25.10 FINESTRA DI ESPORTAZIONE 3 SUPERFICI E OPZIONI ........................ 375
25.11 SPIANATURA SOTTOPIEDE 2D – NUOVO ALGORITMO.......................... 377
25.11.1 EDIZIONE DI LINEA SPIANATA ....................................................... 378
25.11.2 MENU’ TASTO DESTRO DEL MOUSE.............................................. 378
25.11.3 ESPORTAZIONE LINEA SPIANATA ..................................................... 380

26 EASYCUT2D CAM ................................................................................... 382

VI
EasyLast3D CAD/CAM v2.5 UINDICE:

26.1 CREARE UNA TAVOLA PERSONALIZZATA .................................................... 383


26.2 IMPORTARE PEZZI DAL CAD.......................................................................... 384
26.3 INSERIMENTO DI PEZZI SULLA TAVOLA ...................................................... 386
26.3.1 MODO MANUALE.................................................................................... 386
26.3.2 MODO AUTOMATICO ............................................................................. 387
26.4 OPZIONI HPGL EMULAZIONE ........................................................................ 389

VII
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 COS’E’ EASYLAST3D?

1 COS’E’ EASYLAST3D?
Tradizionalmente la fabbricazione di forme ed i suoi componenti
associati come per esempio la lamiera, era basta sull’elaborazione
manuale di prototipi, dai quali si ottenevano le basi utilizzate nei torni
per conseguire poi una serie di forme per la fabbricazione della
scarpa.
L’Easylast3D v2.5 è un sistema di disegno, edizione, sviluppo e
permette la prototipazione delle forme. L’intero processo è
automatizzato; dal disegno iniziale attraverso una base di dati alla
costruzione del prototipo della forma.
Con Easylast3D il processo di disegno di una forma è facile ed
intuitivo. La prima fase inizia con l’introduzione di dati principali,
eventualmente recuperati nel database attraverso l’importazione.
Nella stessa si modificano le sue caratteristiche principali, creando un
modello base con nuove e proprie caratteristiche.
Easylast3D offre diversi moduli per facilitare l’introduzione delle
differenti parti della forma (pianta, punta, tallone, profilo, ecc.).
Permette inoltre una visione reale delle modifiche durante tutto il
processo dell’inserimento del disegno.
Vi sono incorporate opzioni di ombreggiatura e rendering per creare
effetti reali della forma tridimensionale.
Easylast3D possiede anche un modulo di scanner che consente di
trasferire con precisione qualunque curva di un modello al disegno
dello stesso.
Lo sviluppo della forma è soggetto ad alcune norme peculiari,
sensibilmente differenti a quelle eseguite in altre parti della calzatura.
EasyLast3D è capace di riprodurre in forma automatica tutte le misure
di una forma, tramite l’uso di distinti metodi che l’utente può definire a
dipendenza del modello scelto.
EasyLast3D dispone anche di un modulo meccanizzato per la
generazione di percorsi utensili e la propria verifica prima di essere
inviato alla fabbricazione.
L’opzione di stampa è inclusa per ottenere le copie del disegno, delle
schede tecniche, dei campi con ombreggiature, ecc.
EasyLast3D esporta i suoi disegni a formati multipli: il formato a
controllo numerico (DMC) serve per la fabbricazione automatica
attraverso coltelli e formati IGES, DXF, VDA, ecc. per dare la
possibilità di intercambio di dati con altri standard di disegno.

2
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GEOMETRIA DELLA FORMA

2 GEOMETRIA DELLA FORMA


La forma è costituita fondamentalmente dalle seguenti denominazioni
numerate, indicate nello schema seguente.

3
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GEOMETRIA DELLA FORMA

1. Piano base della forma


Si tratta di un piano parallelo al suolo, che potrebbe essere benissimo
un tavolo di supporto ben sistemato il quale aiuterà a determinare
certe variabili della forma come lunghezze, angoli, ecc.

2. Piano base linea del tallone


Il formato viene così chiamato per la linea curva della piante del
tallone che corrisponde all’appoggio del tacco (corona), il quale serve
per indicare l’angolo d’appoggio del tacco. Con questa linea nel
tallone del piede, possiamo trovare un angolo formato dal piano del
piede e la curva del tallone, ottenendo tra 83 e 85 gradi. Ciò
nonostante questo angolo rimane a criterio del formista.

3. Base della punta


Tale distanza è il risultato della proiezione sul piano base (1) della
linea che va dalla punta al punto di flessione, situato vicino
all’articolazione dei metatarsi.

4. Base della parte posteriore


Si tratta della proiezione che c’è sul piano base (1), dal punto di
flessione alla perpendicolare calata dal punto estremo della forma sul
piano base.

5. Profilo linea collo del piede


Ci mostra un profilo della parte anteriore della forma nella zona del
collo del piede, coincidendo con la linea utilizzata per dividere la
forma in due parti; quella interna e quella esterna.
Relativamente alle misure, le forme dovranno avere la base del collo
del piede (zona calzata) ben costruita per consentire ottime tenute del
piede ed impedire lo slittamento; questo vale soprattutto per le forme
con tacco alto.

6. Cuneo anteriore
E’ la parte situata nella zona anteriore della forma, al di sopra della
superficie della calzata la quale viene utilizzata per togliere in maniera
perfetta la scarpa dalla forma senza provocare danni. Senza cuneo la
scarpa esce più facilmente.

7. Cresta della forma


E’ la superficie superiore della punta che comprende la parte
superiore della forma (solitamente piana).

8. Profilo del tallone (posteriore e tacco)


Sono linee che determinano la forma della curva nella parte posteriore
del tallone ed in quella inferiore della forma nella zona del tacco
(corpo del tacco). La linea posteriore va dalla parte superiore della

4
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GEOMETRIA DELLA FORMA

forma fino all’inizio dell’appoggio. Il centro della zona d’appoggio del


tacco divide in due il tacco in parte esterna ed interna, importanti per
gli sviluppi del tacco.

9. Altezza media del tacco


E’ la distanza verticale esistente tra il piano della base (1) ed il centro
geometrico che determina quella del tacco.

10.Zona cambriglione
E’ l’area nella pianta della forma che va dalla zona d’appoggio del
tacco (solitamente piana), seguita da una curva che termina nella
zona d’articolazione metatarsiale.
La lunghezza della linea di un modello con altezze differenti di tacco,
misura uguale alla forma, anche se le curve che si formano nel
cambriglione sono più pronunciate e si avvicinano alla verticalità.
Questo fatto accorcia la misura proiettata dal cambriglione sul piano
base.

11. Altezza della punta


L’altezza della punta viene determinata dalla distanza verticale
esistente tra il piano base della forma ed il punto estremo della punta,
una volta posizionata adeguatamente secondo la sua altezza al tacco.
Questa altezza è un requisito necessario per camminare. E’
consigliabile che la punta non abbia un profilo inferiore rettilineo ma
che abbia tendenza a curvare verso l’alto per facilitare la camminata.

12. Altezza del tallone


E’ l’altezza che esiste dal piano base (2), ossia il piano d’appoggio del
tacco, alla linea superiore della cresta della forma (7) e che
comprende tutta la curva del tallone della forma.

13. Profilo linea punta


E’ la pendenza della superficie superiore della punta della forma che
va dal punto di riferimento della punta al punto dove lo spessore delle
dita è massimo (cavità per porre in maniera comoda le dita).

14. Bussola
E’ un componente metallico che viene situato nella cresta della forma
e serve per fissare la forma durante la lavorazione, e permette,
passando attraverso la bussola, il fissaggio del tacco di forme per
donna.

15. Punto di flessione


E’ il punto sul quale ricadono tutte le forze nello sviluppo del passo,
per effetto della flessione nei punti d’articolazione dei metatarsi.

5
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GEOMETRIA DELLA FORMA

16. Punto d’appoggio della suola


E’ il punto nella base della punta che realizza concretamente il primo
contatto con il piano della forma ed è dove si incontrano i punti che
formano il triangolo del sostegno per sopportare le forze esercitate dal
corpo umano nel camminare.

6
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MASCHERA PRINCIPALE

3 MASCHERA PRINCIPALE
Una volta che una forma viene aperta nel CAD, questa ne è la
visualizzazione, una pagina divisa in due, dove nella parte sinistra,
appaiono tutte le informazioni della forma ( dati relativi a misure o a
scale di sviluppo assegnate) mentre sulla destra abbiamo la forma
nella vista in 3D.

I dati riguardanti la scala di sviluppo assegnata alla forma, vengono


inoltre ripetuti in tutti gli editor nella parte bassa dello stesso, come
visibile nella successiva immagine:

7
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MASCHERA PRINCIPALE

Con “1” indica solo numero


Da interi, con “0.5” indica che
Numero sono presenti anche mezzi
numeri.
Numero
Base A
Numero
Tutti i dati relativi al sistema di sviluppo che abbiamo visto vengono
visualizzati all’interno della finestra principale, sono visibili solo se è
assegnata una scala di sviluppo alla forma. Qualora non venga
visualizzato alcun dato, bisogna andare nell’editor dello sviluppo per
effettuare l’assegnazione.

8
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4 BASE DATI (DATABASE)


NOTA IMPORTANTE:
I FILE .HOR PRESENTI IN DATABASE CREATI CON VERSIONI 2.0 NON SONO
COMPATIBILI CON VERSIONI 1.5 DEL CAD. NON SARA’ POSSIBILE APRIRE
CON LA 1.5 I FILES USATI NELLA VERSIONE 2.0.

4.1 GENERALITÀ
La fabbricazione delle forme, come da tradizione, richiede la
disponibilità di una moltitudine di prototipi nella fabbrica; in altre parole
si necessita uno spazio importante con scafali dove vengono ubicati i
differenti ed originali modelli per donna, uomo, bambino, ecc.. La
localizzazione di un modello provoca pertanto una perdita di tempo
del personale nella ricerca e nel trovare una base concreta.
Per questo motivo, è importante disporre di una buona base dati
identificata con parametri differenti che permetta una localizzazione
più corretta e approssimativa del prototipo della forma necessaria per
modificare o riprodurre in serie.

4.1.1 DIFFERENZE TRA ORIENTAMENTO BASE DATI E


ORIENTAMENTO SCHEDARI.
Fondamentalmente per l’utente l’orientamento del programma tramite
la base dati e la gestione degli schedari nei quali si immagazzinano i
modelli, è totalmente trasparente. L’utente deve solo preoccuparsi di
realizzare le parti superiori ed inferiori dei modelli necessari mentre il
programma automaticamente crea, modifica ed elimina gli schedari
necessari per controllare correttamente l’immagazzinamento di tutti i
dati.

4.1.2 STRUTTURA DEL DATABASE

• STRUTTURA LOGICA: TABELLE E CAMPI RILEVANTI

La base dati si compone di tabelle distinte che immagazzinano tutte le


informazioni relative ai modelli. Esistono tabelle per immagazzinare le
misure della forma, per immagazzinare i dati di gestione e altri per
campi personalizzati definibili dall’utente. Il programma si incarica di
accedere a queste tabelle ed i suoi campi per permettere l’accesso a
questa informazione, senza che l’utente debba preoccuparsene.

9
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

• STRUTTURA FISICA: CARTELLA “DB”.

Tutti gli schedari raggruppano fisicamente nelle tabelle


precedentemente citate, si immagazzinano nella rubrica “..\DB”

4.1.3 FILE HOR.

• STRUTTURA LOGICA: FORMATO HOR.

Gli schedari di Easylast3D 2.0 sono schedari binari con un formato


proprio e posseggono l’estensione “*.HOR”. Il formato Hor contiene al
suo interno le misure originali della forma e se impostato durante la
copiatura del modello nel digitalizzatore , il profilo della punta (vedi
capitolo 3.1.4). Nel momento in cui un file Hor viene aperto nella
schermata principale, è possibile vedere se la forma importata
proviene da un FRV o da un altro dei formati importabili con il CAD

E’ importante sapere questo perché da un FRV si ricava un FRV o lo


si può esportare in uno dei formati presenti nel sottomenù di
esportazione, mentre da uno degli altri formati nel sottomenù, è
possibile generare solo il formato .FRV per la lavorazione sulle
macchine Newlast . Quindi:

10
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Easylast3D
Altri formati:
.FRV iges, Ascii,
Sec

Easylast3D
Altri formati:
iges, Ascii, .FRV
Sec

• STRUTTURA FISICA: CARTELLA “DB\HOR”.

Questi schedari si immagazzinano nella rubrica “..\DB\HOR”. Non è


raccomandabile che l’utente li cambi.

4.1.4 FILE FRV


Il file Frv rappresenta la superficie reale della forma calcolata tramite
passo variabile. In più in fase di digitalizzazione del modello nel Digit è
possibile andare a definire anche il profilo della punta

immagazzinandolo nel file in modo da averlo anche dopo che il file


stesso viene importato nel CAD. In più grazie al formato FRV, e’
possibile usare il profilo della punta per calcolare la lunghezza della
forma sviluppata utilizzando lo sviluppo volumetrico. Una volta che si
è entrati nel cad con il nuovo profilo, bisogna ricordarsi che se si entra

11
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

in uno degli editor di modifica, tale profilo viene perso. Se tale profilo
non venisse impostato in fase di durante la fase di digitalizzazione, è
comunque possibile farlo nel CAD nei seguenti editor :
POSIZIONAMENTO , SVILUPPO e CREAZIONE PERCORSO
UTENSILE. La maschera di definizione del profilo e’ comune a tutti gli
editor interessati ed è attivabile tramite il seguente tasto: .

Con questi tasti è possibile definire da che punto della


forma bisogna iniziare a definire il profilo. Una cosa molto importante
è che nel momento in cui si va a modificare il profilo, la misura relativa
alla lunghezza della forma viene a modificarsi.

Se si preme il pulsante si va ad eliminare il profilo


impostato , in modo da sostituirlo con uno nuovo.

4.2 MENÙ DATABASE


In questa parte parleremo dei comandi che sono disponibili nel menù
Database.

12
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.2.1 CAMBIARE DATABASE.


Per cambiare la base dati, dobbiamo selezionare lo schedario
“Pdoxusrs.net” dalla rubrica dove si trova la base dati in questione. Da
questo momento ogni accesso si realizzerà con questa base dati;
questo ci permette di mantenere basi dati distinte nel sistema con
informazioni proprie.

Come mostrato nella precedente figura, è possibile ricercare un


database esistente al quale connettersi, premendo il pulsante
Cercare . Per la ricerca completa di tutti i database presenti sul pc,
bisogna ricercare in tutto il disco fisso come indicato in figura.

13
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

E in seguito premere il pulsante Cercare.Se altri database sono


presenti nel pc compariranno tutti nel riquadro rosso sottostante.

Per poter utilizzare uno dei database trovati, basta selezionarlo e


premere Aprire.

Se però non è presente un database diverso da quello che si sta


utilizzando al momento, è possibile la creazione di un database nuovo
, utilizzando l’opzione NUOVO DATABASE.

14
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.2.2 CREAZIONE NUOVO DATABASE


Per poter creare un nuovo database, selezionare l’opzione Nuovo
database, presente in:

verrà aperta la seguente finestra, dove andremo a creare la nostra


nuova cartella Database.

Crea cartella

Nome Cartella

Entrare nella Nuova cartella database

a premere aprire per far puntare il cad verso il nuovo database.

15
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.2.3 IMPORTARE DIRETTORIO


Per l’importazione di un direttorio contenente solo file .HOR, bisogna
andare in :

Comparirà la seguente finestra, dove andremo a scegliere la cartella


da importare.

Premere il tasto Aprire; Nel caso alcuni file da importare nel direttorio
sono già presenti nel database, verrà visualizzato il seguente
messaggio

16
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.2.4 RIPARAZIONE DATABASE


Funzione utilizzata per la ricostruzione degli indici o delle tavole del
database danneggiate. L’opzione si trova in

e aprirà la seguente finestra.

Sia in Verifica
che in
Ricostruzione
deve essere
posizionata su
Tutti i campi

Nella prima riga viene visualizzato il database che verrà ricostruito,


eventualmente sostituito con un altro, utilizzando il pulsante Seleziona
db. Per la ricostruzione del database, bisogna premere il pulsante
Verifica. Verrà esaminato il database e l’eventuale tavola danneggiata
verrà visualizzata in questa riga e si attiverà anche il pulsante
Ricostruire . Premere Ricostruire per la sistemazione del database.

17
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.2.5 GESTIONE DATI


L’opzione di mantenimento della base dati è accessibile in qualsiasi
momento dal menù principale delle applicazioni.
Questa opzione ci permette di mantenere l’informazione nella base
dati secondo le nostre necessità. Le informazioni vengono presentate
nella finestra da sette pagine, ognuna delle quali si riferisce ad una
serie di dati che ogni utente dovrà definire secondo le sue esigenze.
Nella prima pagina ci è permesso di aggiungere o eliminare tipi di
punta disponibili nella lista. Per eliminare un tipo di punta dobbiamo
assicurarci che non esista nessun modello di questo tipo, perché se
non fosse così, si produrrà un’incongruenza tra le tabelle che
compongono la base dati.

Nella seconda pagina possiamo controllare la relazione dei paesi che


abbiamo nella base dati, potendo aggiungere o eliminare quello che
vogliamo. Bisogna tenere in considerazione la stessa restrizione
come nel caso precedente, cioè, dobbiamo verificare che non esista
nessun registro con informazione nel campo dei paesi corrispondenti
al registro che vogliamo eliminare.

18
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Nella terza pagina possiamo controllare la lista dei settori che


abbiamo nella base dati, potendo aggiungere o eliminare quello che
vogliamo.

19
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Nella quarta pagina possiamo controllare la lista del tipo di forme che
abbiamo nella base dati, potendo aggiungere o eliminare quello che
desideriamo.

Nella quinta pagina possiamo controllare la lista dei clienti che


abbiamo nella base dati potendo aggiungere o eliminare quello che
vogliamo. E’ pure permesso modificare l’informazione di gestione che
si riferisce al cliente selezionato nella lista premendo la barra menù
Editare.

20
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Premendo Editare si apre la finestra di dialogo seguente che, come si


può osservare nella figura, dispone di tutte le informazioni che si
possono modificare.

Nella sesta pagina, ci viene offerta la possibilità di incorporare nuovi


campi nella nostra base dati d’accordo alle esigenze di
immagazzinare informazioni relative ad ogni modello che possiede
ogni utente. Questa informazione può essere di tipo numerico (per
esempio alcune misure che non sono state contemplate nella parte
corrispondente della base dati) o di tipo alfanumerico (potrebbe
essere il disegnatore del modello o qualsiasi altro campo descrittivo
dello stesso).

21
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Quando scegliamo l’opzione di aggiungere una nuova proprietà


apparirà la seguente finestra di dialogo la quale ci permetterà di
introdurre l’informazione necessaria per la posteriore inserzione e
gestione nella base dati.

Nella settimana pagina, possiamo controllare la lista delle misure che


abbiamo nella base dati, potendo aggiungere o eliminare quello che
desideriamo.

• Selezionare Aggiungere per inserire un nuovo campo di


misura.
• Selezionare Eliminare per cancellare il campo di misura
selezionato
• Selezionare Editare per dare le caratteristiche al campo delle
misure.
Premendo Inserire apparirà una successione di finestre di dialogo con
informazioni diverse, come:

22
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Indicare il nome che si desidera dare alla misura aggiunta.

Indicare la caratteristica della lista per specificare il tipo di scarpa alla


quale si riferirà la misura.

23
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Indicare il tipo di scarpa nel settore selezionato.

Indicare il riferimento che il sistema acquisirà per determinare il


criterio di misura del campo creato.

24
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Indicare la posizione ed angolo del piano dove si prende la misura per


il campo creato.

4.2.6 RICERCA.
Questa opzione è disponibile in qualsiasi momento nell’opzione
Ricerca del menù applicazione Database e nella barra di strumenti
mediante l’icona Ricerca.
Selezionandola apparirà la finestra di dialogo Assistente di
consultazione.

25
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Durante tutto il procedimento dell’Assistente di consultazione avremo


a disposizione l’opzione “Cercare ora…” che terminerà con il
processo di inserimento di restrizioni e passerà direttamente a
realizzare la ricerca.
Se non ci interessa una caratteristica determinata premendo il tasto
Seguente > passeremo alla pagina seguente senza avere imposto
alcuna condizione della sopraccitata caratteristica. Se volessimo
rettificare avremo sempre l’opzione di tornare indietro mediante il
pulsante corrispondente.
Le pagine che possiamo incontrare in una consultazione per modelli
sono le seguenti:
• Modello. E’ il nome del modello rappresentato nella finestra di
dialogo della figura precedente.
• Paese: L’utente può usare la caratteristica tipo di paese per
localizzare qualsiasi modello nel caso abbia introdotto dati in
questo campo.

26
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

• Settore: L’utente può usare la caratteristica tipo di scarpa per


localizzare qualsiasi modello nel caso abbia introdotto dati in
questo campo.

• Tipo di punta: L’utente può usare la caratteristica tipo di punta


per localizzare qualsiasi modello nel caso abbia introdotto dati
in questo campo.

27
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

• Tipo di forma: L’utente può usare la caratteristica tipo di forma


per localizzare qualsiasi modello nel caso abbia introdotto dati
in questo campo.

• Cliente: L’utente può usare la caratteristica tipo di cliente per


localizzare qualsiasi modello nel caso abbia introdotto dati in
questo campo.

28
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

• Misure: L’utente può usare la caratteristica tipo di misure che la


base dati ha incorporato riferendosi alle parti differenti della
forma, per localizzare qualsiasi modello nel caso abbia
introdotto dati in questo campo.

• Raggruppare: L’utente può usare l’opzione per raggruppare le


differenti caratteristiche nell’assistente di consultazione.

Se viene selezionata la casella “Vedere misure” verranno visualizzate


anche le misure del modello

29
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Il risultato della consultazione è la seguente:

Come possiamo vedere, i risultati vengono rappresentati con una


struttura ad albero. La radice di quest’albero è una breve descrizione
della consultazione realizzata; ogni modo principale dell’albero è un
modello che ha compiuto le condizioni della ricerca. Premendo con il
mouse sui nodi etichettati con “+” possiamo notare come si dividono i
sottonodi di ogni modello i quali contengono le informazioni relative ad
ogni campo. Ecco un esempio chiaro:

30
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Premendo i circoli di ogni referenza, rimane selezionato ed


evidenziato in colore rosso (es. ). Premendo sopra lo
stesso con il pulsante destro del mouse si ottiene un menù con le
seguenti opzioni:

L’utente può pertanto aprire il progetto desiderato per il trattamento


posteriore di un nuovo modello o per realizzare qualsiasi lavoro creato
nella base dati.
Se si vuole, si possono pure attualizzare i dati della forma mediante la
modifica dei suoi dati.
Si offre anche la possibilità di eliminare la citata referenza dalla base
dati.
Inoltre, c’è l’opportunità di visualizzare un’immagine del modello,
attualmente selezionato, mediante l’opzione Mostrare immagine.
Oppure selezionando l’icona nel menù.

In ogni momento dal menù applicazioni, o meglio dal menù di


contesto, possiamo realizzare le operazioni seguenti:
Aprire progetto: apre la finestra del modello.
Occulta immagine: mostra o nasconde la resa del modello
selezionato
Editare dati: permette di modificare le informazioni della base dati
immagazzinati sul modello selezionato.

31
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Eliminare: eliminare il modello selezionato dalla base dati.

4.2.7 SFOGLIA.
Il comando Sfoglia ci offre la possibilità di realizzare una
consultazione nella base dati nella stessa forma che il comando
Consultazione; la differenza è che ci mostra il risultato della ricerca in
forma grafica tramite un mosaico di modelli. Questa finestra può avere
applicazioni multiple, per esempio da una forma per fare presentazioni
fino a un metodo alternativo di navigazione nella base dati.
Per realizzare questa operazione possiamo farlo tramite il menù di
Modelli, attraverso l’opzione Consultazione.
Per ottenere la sopraccitata finestra, bisogna prima effettuare una
consultazione nella base dati aiutati dall’Assistente di Consultazione
simile a quelli descritti nella sezione precedente.
Dopo la fase dell’Assistente di Consultazione otteniamo una finestra
di Catalogo come questa che vediamo a continuazione:

Come possiamo notare, questa finestra di Catalogo mostra


simultaneamente i modelli suddivisi in tanti riquadri. A sua volta, ogni
zona è divisa in due parti:
Immagine del modello.
Lista dei modelli che si sono ottenuti nella consultazione.

32
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Cambiando la selezione di qualsiasi lista possiamo visualizzare nella


corrispondente zona di resa del modello che si sceglie.
Possiamo navigare attraverso i risultati ottenuti nella consultazione
tramite i seguenti tasti della barra degli strumenti:

: Retrocedere di X modelli che sono suddivisi nella finestra.

: Retrocedere di un unico modello in ogni divisione.

: Avanzare di un unico modello in ognuno dei riquadri.

: Avanzare di X modelli che sono suddivisi nella finestra.


Oltre a queste operazioni, abbiamo altri accessi dal menù Opzioni e
sono i seguenti:
• Aprire il modello: apre la finestra del Modello della selezione
attuale.
• Modificare dati: permette di modificare dati del modello
selezionato.
• Eliminare: elimina il modello selezionato della base dati.
• File x colonne: permette di configurare il numero delle
ripartizioni della finestra fino a un massimo di nove
Nelle seguenti figure, possiamo vedere come attraverso l’opzione File
x Colonne si sono configurate le finestre a 3x3 e 2x2 rispettivamente.

33
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

4.3 MENÙ MODELLO. COMANDI RELAZIONATI CON IL


DATABASE.

4.3.1 APRIRE UN MODELLO DALLA BASE DATI.


Aprire la finestra del modello è il primo passo che dovremo effettuare
per lavorare con un determinato modello della forma. Questa finestra
del modello si può aprire in modi diversi, come per esempio mediante
la realizzazione di una consultazione nella base dati (con gli strumenti
di Consultazione o Catalogo….) oppure con l’opzione “Aprire…”
del menù Modello, rappresentata nella barra degli strumenti con
l’icona Aprire
Questo commando ci apre la finestra seguente:

34
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 BASE DATI (DATABASE)

Nella parte sinistra della finestra viene elencata una lista con tutti i
modelli esistenti nella base dei dati. Nella parte destra, invece, viene
mostrata un’immagine del modello selezionato nella parte sinistra. C’è
la possibilità di selezionare fino ad un massimo di dieci modelli nella
lista e poterli aprire ogni volta senza avere l’obbligo di ritornare
all’opzione aprire il modello.
Nella casella “Cercare” si può inserire direttamente il nome del
modello che si vuole aprire.

4.3.2 SALVARE.
Salvare nel disco il modello attivo. Possiamo realizzare questa
operazione tramite il menù dell’applicazione oppure tramite l’icona
corrispondente Salvare.

4.3.3 SALVA CON NOME


Salvare nel disco il modello attivo con un nome distinto a quello
attuale; è equivalente a realizzare una copia esatta del modello però
con un altro nome. Questo comando può essere molto utile per
effettuare modifiche partendo da un modello originale senza alterarlo.

4.3.4 CHIUDERE.
Chiudi tutte le finestre del modello attivo.

35
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

5 MENU’ PREFERENZE
Per avere una migliore definizione del sottopiede, e’ possibile variare
un parametro prima dell’importazione del modello:

Cliccando su Preferenze è possibile variare l’angolo di calcolo del


sottopiede.

36
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Nel menù Preferenze è possibile anche andare a modificare quelli che


sono i parametri relativi alla grandezza standard delle aree di
lavorazione a passo variabile, come mostrato in figura:

La prima serie di finestre , permettono di modificare le dimensioni


standard delle aree di lavorazione a passo variabile in importazione.
In questa immagine sono presenti queste tre finestre che permettono
di modificare il passo di lavorazione delle aree definite nelle finestre
precedenti . In questo caso avremo un passo di 0.50 mm al
posteriore, 1.00 mm in centro forma e 0.50 mm all’anteriore.
Le altre finestre presenti nella maschera riguardano le dimensioni di
default delle aree di lavorazione a passo differente.
Nel menù Preferenze e’ inoltre possibile impostare i percorsi di
importazione o esportazione file; Per esempio se voglio importare
delle forme da una cartella in particolare, bisogna impostarlo in
questa finestra, utilizzando la voce IMPORTAZIONE , come
visualizzato in figura :

37
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

E’ possibile impostare ognuna delle voci presenti nella finestra


cliccando sopra la dicitura desiderata e premendo CAMBIARE. In
questo modo apparirà la finestra seguente,

dove andremo a specificare il percorso che il cad deve seguire per


importare le forme dalla cartella che abbiamo scelto.

38
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Proseguendo, è possibile andare a modificare (aggiungendo o


togliendo) alcune funzioni presenti in tutti gli editor 2D del programma.

Andando sotto la scheda Controlli 2D avremo la possibilità di


aggiungere , spuntandole, le opzioni che vanno dagli Assi, fino alla
Legenda. In più c’e’ la possibilità di modificare la visuale del profilo del
sottopiede che , invece che potrà essere visto anche dall’alto
utilizzando il comando Asse Y invertito . Oltre a questo comando, è
possibile definire anche la distanza tra i punti della griglia ( se
selezionata) nella finestra in 2D. Se de-selezioniamo tutte le opzioni
inserite, avremo questa immagine:

39
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Se aggiungiamo l’opzione Assi e Legenda

Se aggiungiamo anche le opzioni Linee Guida e Griglia

40
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Se aggiungiamo anche Righello

Se aggiungiamo anche l’opzione Asse Y invertito

41
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Avremo la visualizzazione della forma dall’alto invece che dal basso


(cioè dal sottopiede).
Se selezioniamo Disegnare linee avremo una griglia composta da
linee invece che da soli punti:

42
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MENU’ PREFERENZE

Cosi come per il 2D, anche per tutte le finestre 3D è possibile andare
a modificare alcune impostazioni . Utilizzando la finestra Controlli 3D
del menù preferenze, è possibile:

Andare a modificare la Qualità di visualizzazione (se impostata su


Totale sarà possibile vedere sulla forma anche i più piccoli segni di
imperfezione) o definire il colore della forma risultato (nella versione
precedente, il solo colore disponibile per la forma modificata era il
verde) scegliendolo nel menù a cascata presente sulla destra.

43
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

6 IMPORTAZIONE
Una volta premuto il tasto Importa dal Menu Modelli, verrà aperta la
seguente finestra

In questa nuova finestra è presente il riquadro di anteprima nel quale


comparirà la forma che andremo a selezionare. E’ presente anche
un’opzione (mostra informazione) che se selezionata permette, all’atto
delle selezione della forma da importare, di vedere le misure relative
alla forma oltre al pulsante Opzioni che serve per modificare alcune
impostazioni di importazione.

6.1 DESCRIZIONE PULSANTI


Pulsante Anteprima
Una volta selezionato e premuto il pulsante Anteprima, avremo la
possibilità di vedere la forma selezionata e le relative informazioni:

44
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Pulsante Opzioni

Se dalla finestra di importazione premiamo il pulsante Opzioni,


avremo l’apertura della seguente maschera:

45
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Come si può vedere in figura, nella parte anteriore e posteriore della


forma sono presenti le due aree che saranno lavorate con passo
differente. Entrambe le due aree possono essere ingrandite o
rimpicciolite utilizzando i pulsanti sia per tallone che per punta,
mentre possono essere spostate sulla forma, utilizzando i tasti
per spostamenti verso destra o sinistra, come mostrato in figura.
Le due aree bianche, possono essere occultate deselezionando
l’opzione Vedere zone di definizione.
In questa finestra è anche presente l’opzione di normalizzazione che
permette durante l’importazione della forma di ottenere una migliore
qualità della forma stessa, aumentando il numero di punti su tutti gli
spigoli dell’entità.
Forma Normalizzata Forma NON normalizzata

46
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Dopo la determinazione delle aree da lavorare con passo diverso da


quello utilizzato per lavorare il centro della forma, bisogna determinare
adesso il passo di lavorazione vero e proprio. Per fare questo
dobbiamo premere il pulsante Preferenze. Verrà aperta la seguente
finestra di modifica del passo

47
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

In questa finestra sono presenti queste tre finestrelle che permettono


di modificare il passo di lavorazione delle aree definite nella finestra
precedente . In questo caso avremo un passo di 0.50 mm al
posteriore, 1.00 mm in centro forma e 0.20 mm all’anteriore.
Le altre finestrelle presenti nella maschera riguardano le dimensioni di
default delle aree di lavorazione a passo differente
Una volta definito un passo differente per le tre aree della forma,
premere il tasto OK per ritornare alla finestra precedente dove
andremo a selezionare la dicitura Adattare definizione a Preferenze
Per adeguare la lavorazione alle impostazioni inserite nella finestra
Preferenze aperta prima.

Per fare un primo posizionamento della forma , prima


dell’importazione è necessario utilizzare i pulsanti di posizione
Suddivisi in Rotazione ( i tre pulsanti Girare permettono la rotazione
della forma in base ai tre assi e del numero di gradi inserito in ogni
campo associato) e Movimento ( i tre pulsanti Muovere permettono il
movimento della forma in base ai tre assi e del numero di mm inserito
in ogni campo associato).

48
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Può capitare con alcuni files generati da programmi esterni


all’easylast3d, che il file venga importato in modo errato. Di seguito
viene mostrata la risoluzione a questo problema.

6.2 IMPORTAZIONE E POSIZIONAMENTO DI FILES IGES,


SEC ED ASCII .

La posizione nella quale importiamo i files esterni, è molto importante


per il modo di lavorare internamente all’Easylast3D a per la
definizione dell’importazione della superficie del modello.
Dobbiamo esaminare due tipi di importazione forme:

6.2.1 IMPORTAZIONE FORMA BASSA


Dopo aver selezionato il file da importare dobbiamo premere il
pulsante Opzioni

Nel caso di una forma bassa, questa è un buon posizionamento.

49
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

6.2.2 IMPORTAZIONE STIVALETTO


In questo caso l’importazione è molto importante.
Caso 1

Questo tipo di posizionamento ci da un calcolo sbagliato del tallone in


importazione modello.

In questo caso la sezione che andremo a prendere avrà due parti di


tallone invece di una sola.

50
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Per questo è necessario posizionare la forma con Rotazione in Y


come nella seguente figura

Con questo posizionamento sarà possibile un corretto risultato

51
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Il posizionamento è molto importante anche quando si presentano


modelli che in anteprima vengono visualizzati nel verso contrario.

52
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

In questo caso dobbiamo effettuare il corretto posizionamento della


forma ruotandola nel senso indicato nella figura a fianco. In questo
caso quindi effettueremo una rotazione della forma sull’asse Z e uno
spostamento di n mm su X, tale da avere il seguente risultato

53
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

6.2.3 ESPORTARE UN MODELLO DALLA BASE DATI.


Questo comando sarà disponibile solo quando terremo aperto
qualche modello. Permette di esportare il modello attivo in diversi
formati distinti. Si aprirà la seguente finestra, dove si deciderà se
esportare o la superficie della forma oppure solo il sottopiede in 3D.

In questo caso
verrà esportata la
forma intera nei
formati che
verranno scelti in
seguito.

Se invece vogliamo esportare il solo sottopiede in 3D , avremo a


disposizione anche la possibilità di modificare alcuni parametri relativi
alla Precisione di esportazione, come mostrato in figura:

Aumentando la
precisione in
esportazione
del sottopiede,
la grandezza
del file
aumenta anche
di qualche
megabyte.

Dopo aver effettuato la scelta tra l’esportazione della forma o del solo
sottopiede, apparirà la seguente finestra di salvataggio del file, nella
quale inseriremo il nome del file e il formato di salvataggio. Vedi
figura:

54
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

I formati disponibili sono:


HOR. Formato di EasyLast3D.
FOR. Formato di EasyLast3D binario.
IGS. In questa opzione ci viene offerta la possibilità di selezionare ed
esportare superfici IGES, dei tipi 114 e 128 e di diminuire o
aumentare la risoluzione di esportazione.

Anche in
questo caso,
più la
risoluzione e’
alta, più il file e’
grande.

Per aumentare
la risoluzione si
agisce sui livelli
posti nella
figura di lato.

DXF. Formato di AutoCad. Oltre alla possibilità precedente possiamo


definire la precisione con la quale vogliamo che si esportino le entità.

55
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

VDA. Dispone anche dell’opportunità di esportare superfici.


ASC. Formato di Newlast ASCII, strutturato e non strutturato, con la
possibilità di definire la precisione dei punti per sezione e distanza tra
essi e la possibilità di inserire nel file anche le misure originali del
modello.

Con l’opzione
ESPORTARE
MISURE, si ha la
possibilità di
inserire nel file
informazioni quali:
1) Numero
modello
Struttura file ASCII normale: 2) Lunghezza
[000000] 3) Correzione
NEWLAST GROUP developed and supported by INESCOP lunghezza
DEPARTAMENTO CAD/CAM.
EASYLAST3D· 4) Calzata
23/11/00 14:24:26 5) Correzione
F:\forma mini NORMALE.asc
[999999] calzata
[003110] Last surface
4.000000 -0.001524 -14.351399
4.000000 0.236114 -14.340032
........................
112.000000 -1.096583 5.006515
[999999]
[-999999]

56
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

Struttura file Ascii strutturato:


[000000] inizio testa
[999999] fine blocco corrente
[-999999] EOF
[001100] punto tallone
[001200] punto punta
[001300] punto superiore posteriore
[001400] punto superiore anteriore
[001500] punti calzata
[002100] curva max estensione dx
[002200] curva max estensione sx
[002300] curva max estensione sopra
[002400] curva max estensione sotto
[002500] curva filo-forma dx
[002600] curva filo-forma sx
[002700] curva calzata
[003N00] superficie n°N
Esempio di file ascii strutturato:
[000000]
NEWLAST GROUP developed and supported by INESCOP
DEPARTAMENTO CAD/CAM.
EASYLAST3D·
23/11/00 14:24:51
F:\forma mini STRUTT.asc
[999999]
[001100] Heel point
5.189145 0.000000 -16.226426
[999999]
[001200] Toe point
112.990666 0.000000 5.380997
[999999]
[001300] Upper rear point
1.792091 0.000000 17.220346
[999999]
[001500] Girth points
75.034762 -21.978747 -5.761157
79.170357 16.308516 1.130271
80.548889 0.000000 9.783700
[999999]
[002100] Max right wide extension curve
0.103390 -1.172507 3.455209
0.165424 -1.335496 3.368722
......

57
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

......
112.066327 -6.831996 5.375673
112.293454 -6.292296 5.411314
[999999]
[002200] Max left wide extension curve
0.103390 0.744857 1.180992
0.165424 0.941972 0.900795
.......

.......
112.990666 0.000000 5.380997
112.844303 0.000000 6.733192
[999999]
[002500] Right feather-edge curve
4.729635 -0.609832 -15.719005
4.729635 -0.763641 -15.719750
.......

.......
112.992729 -0.371001 5.361943
112.993142 -0.434727 5.358132
[999999]
[002700] Grift curve
76.041169 -0.034411 -6.844980
76.104928 0.700841 -6.770434
.......

.......
75.953783 -1.052802 -6.944819
76.041169 -0.034411 -6.844980
[999999]
[003110] Last surface
5.189145 -0.003654 -16.226426
5.189145 0.284695 -16.202563

Punti notevoli Ascii strutturato

0013
0012

0011

58
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

STL. E’ possibile esportare un file in questo formato utilizzando le


opzioni contenute nella seguente finestra:

Qui e’ possibile scegliere se esportare il


file Stl come ASCII o Binario e possibilità
di modificare il numero di vertici con cui
viene esportata la forma. Per poter usare
queste ultime opzioni, è necessario
modificare il tipo di QUALITA’ di
esportazione.

Le prime tre opzioni


(RIDOTTA, TOTALE e
OTTIMA) definiscono il
tipo di qualità di
esportazione nello steso
ordine che viene usato
nel CAD per la Qualità di
visualizzazione. Se
invece si sceglie
l’opzione UTENTE
possiamo definire la
precisione di
esportazione a mano,
mediante l’uso della
opzioni VERTICI

SEC. E’ possibile esportare un file in questo formato utilizzando le


opzioni inserite nella seguente finestra.

59
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

In questo modo possiamo andare a creare un file SEC con superficie


meglio definita nelle aree a passo variabile, le stesse che abbiamo
quando andiamo in creazione . FRV.
NHI.
Il formato NHI è un formato studiato appositamente in collaborazione
con la società Horma2000 per poter passare con la massima fedeltà e
precisione un modello dal sistema Easylast3D completo al sistema
CAD completo di Horma2000 e viceversa.
In questo file, oltre al modello 3D della forma, sono contenuti ì
seguenti dati relativi al modello:
Numero modello
lunghezza
correzione lunghezza
calzata
correzione calzata

• ESPORTAZIONE DI PIÙ NUMERI DAL DATABASE

Per tutti i formati, è possibile esportare oltre al singolo numero della


forma selezionata, anche altri numeri presenti nella scala di sviluppo
assegnata al modello. Arrivati alla finestra di salvataggio, quella dove
andiamo a selezionare anche il formato di esportazione ,

60
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

sarà possibile andare a premere sul pulsante NUMERI per aprire la


finestra di selezione degli altri numeri della scala di sviluppo.

Da questa
finestra è
possibile la
selezione di
vari numeri
presenti nella
scala di
sviluppo

selezionando per esempio anche i numeri 6, 7 e 9 e premiamo il


pulsante salva, nella cartella di destinazione troveremo i seguenti file :

61
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 IMPORTAZIONE

6.2.4 ELIMINAZIONE MULTIPLA.


Nell’eseguire questo comando ci chiederà conferma per poter
eliminare i differenti modelli selezionati. Una volta eliminati, tutti i dati
verranno cancellati definitivamente. Questa operazione dovrà
realizzarsi con molta precauzione.
Selezionare i file da eliminare:

62
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

7 CREAZIONE MODELLI.
Comando Modello/Nuovo
Permette di creare nuovi modelli di forme con estensione *.HOR. Per
eseguire questo comando, selezionare l’opzione del menù
Modello/Nuovo. Oppure premere sull’icona Nuovo.
Appare la finestra di dialogo Assistente di creazione di un nuovo
modello, dove viene indicato il nome del nuovo modello e selezionare
il tipo di operazione da effettuare.

7.1 COPIA DA UN MODELLO ESISTENTE


Se selezioniamo la opzione Copia da un modello esistente, nel
riquadro di creazione appariranno le seguenti finestre di dialogo:

63
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

Selezionare il modello da copiare.

Qui è possibile
visualizzare
tutti i modelli o
per nome o per
data di
importazione,
semplicemente
cliccando o
sulla scritta
Nome o Data
nella parte alta
della finestra.

Finestra del progetto copiato incluso nella base dati.

64
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

7.2 UNIONE DI CORPO E PUNTA


L’opzione di Unione di due modelli, è stata aggiunta per offrire
all’utente uno strumento che gli permetta di unire due parti di forme
differenti. Questo metodo assomiglia al processo reale di lavoro della
forma che il formista usa nel suo procedimento tradizionale per la
creazione di nuove forme. Molte forme hanno lo stesso corpo (parte
posteriore della forma) e gli si uniscono differenti tipi di punta che
determinano il disegno “stilistico” dei prototipi che verranno poi
sviluppati per ottenere la numerazione completa. Allo stesso modo si
possono unire una forma bassa con il tronchetto di una forma alta.
Selezionando l’opzione Unione di due modelli nel riquadro Metodo
di creazione, appariranno le seguenti finestre di dialogo:

Selezionare il modello il cui corpo verrà unito ad un’altra punta.

65
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

Selezionare il modello la quale punta verrà unita con il corpo


precedente.

Si può anche
unire una punta
digitalizzata.

Una volta selezionati i modelli che si vogliono unire, uno


corrispondente al corpo e l’altro alla punta, entriamo nell’ editor
d’unione, dove una serie d’opzioni permetteranno all’utente di
modificare e posizionare le due forme in modo semplice ed intuitivo
per ottenere il risultato migliore. (vedere Cap 15, per vedere i comandi
relativi all’editor di unione).

66
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

7.3 UNIONE SCARPA E TRONCHETTO


Esattamente lo stesso processo visto per unire corpo e punta, l’unica
differenza è che la prima forma che selezioneremo sarà il tronchetto:

e la seconda costituirà la parte bassa della forma finale:

67
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 CREAZIONE MODELLI.

Una volta selezionati i modelli che si vogliono unire, uno


corrispondente al tronchetto e l’altro alla forma bassa, entriamo nell’
editor d’unione, dove una serie d’opzioni permetteranno all’utente di
modificare e posizionare le due forme in modo semplice ed intuitivo
per ottenere il risultato migliore. (vedere Cap 15, per vedere i comandi
relativi all’editor di unione).

7.4 OPZIONI CHIUSURA EDITOR


Quando si chiude uno qualsiasi degli editor che modificano la forma
compare una finestra dove abbiamo una serie di opzioni su come
trattare il modello appena modificato.

• Continuare con l’edizione del modello – si ritorna all’interno


dell’editor
• Cambiare il modello attuale – si chiude l’editor e viene
modificato il modello originalmente aperto
• Creare un nuovo modello – alla chiusura dell’editor viene
chiesto che nome dare al nuovo modello. In questo caso il
modello modificato non vanno a sostituire quello originale ma
viene creato direttamente un nuovo modello.
• Abbandonare l’edizione senza effettuare cambiamento
alcuno – si chiude l’editor e vengono annullate le modifiche
fatte.

68
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

8 VISIONE DEL MODELLO


Il trattamento delle superfici piane delle differenti parti che
compongono la forma, nella creazione di nuovi modelli è di vitale
importanza in quanto nelle modifiche delle stesse, si raggiunge
l’adeguato disegno della forma. Per questo è molto importante l’uso di
editori che permettano all’utente di modificare, creare, introdurre
forme, ecc. dando così una serie di strumenti per la sua realizzazione,
sempre pensando alla metodologia usata nelle tecniche tradizionali
dal formista.
Da questo punto in poi svilupperemo i seguenti capitoli:
6 COMANDI CHE NON MODIFICANO IL MODELLO
7-17 COMANDI CHE MODIFICANO IL MODELLO.
18 SVILUPPO DELLA FORMA.
19 LAVORAZIONE DELLA FORMA.
20 STAMPA DEL MODELLO.

COMANDI CHE NON MODIFICANO IL MODELLO.


Sono comandi che ci permettono di verificare differenti aspetti relativi
alla collocazione, misura, aspetto, ecc. della forma importata
proveniente dal programma Easylast3D.
In questa parte svilupperemo i punti seguenti:
6.1 POSIZIONAMENTO DELLA FORMA.
6.2 MISURE.
6.3 OMBREGGIATURA.
6.4 VISUALIZZAZIONE 3D.

69
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

8.1 POSIZIONAMENTO DELLA FORMA.


Quando si importa una forma, è molto probabile che la troveremo
girata e in posizione inadeguata per essere trattata con gli editori del
programma. Per questo motivo, è necessario adeguare la sua
posizione rispetto ai suoi assi cartesiani (x,y,z).
Per ruotare e posizionare la forma nel modo corretto bisogna
selezionare l’icona Posizionamento Iniziale.

70
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

8.1.1 SIGNIFICATO ICONE

Importazione di profili di riferimento (anche tramite scanner)

Esportazione profili della forma

Annulla operazione precedente

Zoom a finestra. Utilizzando il bottone sinistro del mouse creo


una finestra sul modello che viene ingrandita. Per tornare
all’immagine originale basta premere il bottone destro del
mouse.

Profilo di punta. Vedere capitolo Profilo di punta.

Righello. Utilizzando il bottone destro del mouse bisogna


selezionare il punto di partenza e tenerlo premuto fino a dove si
vuole misurare. Si aprirà una finestra con una serie di dati
relativi alla misura.

8.1.2 SIGNIFICATO MISURE INTERATTIVE


Come si può notare abbiamo nelle varie finestre una serie di misure
rilevate sulla forma. Viene quindi riportata, per quanto riguarda il
profilo laterale della forma l’altezza tacco e l’aria in punta mentre per
quanto riguarda il profilo della sezione viene rilevata l’altezza stessa e
la distanza del filoforma dal piano d’appoggio orizzontale.
Si può inoltre variare la posizione della sezione spostando il piano di
taglio virtuale

71
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Distanza
filoforma da
piano
Piano di taglio
virtuale

Mediante queste misure è possibile verificare la forma e posizionarla


nel modo corretto.

8.2 COMANDI DI SPOSTAMENTO \ ROTAZIONE DELLA


FORMA

8.2.1 SPOSTAMENTO
Per poter muovere la forma abbiamo i seguenti comandi:
• SHIFT + MOUSE trasciniamo la forma con il mouse
• SHIFT + freccette spostamenti di 0.5mm nella direzione della
freccia
• SHIF + T + M una volta selezionato il punto della forma
che si vuole muovere (evidenziato con un segno nero )
comparirà la seguente finestra (si trova anche nel menù
Modifica)

72
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

a b

dove è possibile inserire lo spostamento in mm nella direzione


selezionata a (verticale) o b (orizzontale).
Questo spostamento viene eseguito dal punto selezionato ed
evidenziato con il marcatore

8.2.2 ROTAZIONE
La forma ruota attorno al centro di rotazione rappresentato dal

seguente segno . Il centro di rotazione può essere posizionato


tramite il mouse a piacimento.
Tenendo conto del centro di rotazione abbiamo i seguenti comandi
• CTRL + Mouse rotazioni libere con il mouse
• CTRL + freccette rotazione di qualche decimo di mm nella
direzione della freccia
• CTRL + R una volta selezionato il punto della forma che si
vuole ruotare (evidenziato con un segno nero ) comparirà la
seguente finestra (si trova anche nel menù Modifica):

L’incremento viene applicato al punto selezionato tramite il marcatore

8.3 CORRETTO POSIZIONAMENTO


Per via del funzionamento interno del cad e del corretto
posizionamento della forma risulta molto importante avere un
posizionamento della forma secondo il suo asse come il seguente:

73
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

In questo caso vediamo che anche le altre viste 2D si trovano con la


forma centrata:

Un esempio di una forma che NON si trova nella posizione corretta


potrebbe essere il seguente:

74
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

In questo caso vediamo che anche le viste 2D non sono centrate


correttamente:

Dopo aver effettuato il posizionamento della forma si passa alla


ridefinizione della curva del sottopiede , prima, e della curve della
cresta ,dopo. Per effettuare modifiche ad entrambe le curve, si
devono utilizzare i tasti posti nella parte bassa della finestra , sulla
sinistra.

Da Posizionamento, quindi, si passerà a Sottopiede e poi a


Tronchetto. Nel passaggio da Posizionamento a Sottopiede, se sono
state effettuate modifiche, apparirà l seguente messaggio:

8.3.1 RIDEFINIZIONE SOTTOPIEDE


In questo modo si passerà al Sottopiede salvando le modifiche al
Posizionamento. L’immagine ed i pulsanti dedicati sono visibili di
seguito:

Curva automatica Ridefinisce la curva di


sottopiede automaticamente

75
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Limiti di curva Permette di modificare la


posizione dei punti limite del sottopiede

Posiziona originale Riporta la forma nella


posizione originale

In questa finestra, è possibile andare a modificare i punti che


compongono la curva di sottopiede direttamente sul 3D, tramite gli
stessi comandi che appaiono negli altri editor , mentre
per il posizionamento dei punti limite ( che delimitano la lunghezza
della forma), qualora non fossero posizionati correttamente, è
possibile spostarli utilizzando il seguente pulsante . Alla pressione
di quest’ultimo, avremo la seguente immagine:

76
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Qui basta selezionare il punto desiderato e spostarlo utilizzando il


mouse. Alla fine della modifica, si preme il pulsante salva , mentre per
ritornare alla curva di sottopiede bisogna premere una seconda volta il
pulsante limiti di curva . Verrà confermato la scelta di salvare le
modifiche:

in questo caso il sottopiede verrà ridefinito da parte del CAD sulla


base della modifica effettuata ai punti limite. Bisogna sempre
ricordarsi che dopo la modifica dei punti del sottopiede, è necessario
premere il pulsante Applica modifiche . Passando al Tronchetto,
l’unica cosa che cambierà è il fatto che la curva ed i punti limite
saranno quelli dell’ellisse che racchiude il tronchetto della forma:

77
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Per quanto riguarda tutti i comandi di selezione o modifica dei punti,


tutto è uguale alla finestra del Sottopiede.

78
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

8.4 MISURE.
Un punto importante per un corretto sviluppo della forma è la verifica
dei disegni attraverso il controllo delle sue misure.
Vi sono due tipi di misure:
6.2.1 Misure manuali
6.2.2 Misure automatiche Originali (O) e Calcolate (C)

8.4.1 MISURE MANUALI


Per verificare il quadro delle misure si procede nel modo seguente:

Premere l’icona Manuale; apparirà una finestra di dialogo


Finestra di misure dove vengono mostrate le misure che possiede il
modello aperto come quelle che appartengono per difetto a tutti i
modelli della base dati e che si sono integrati tramite il processo di
mantenimento della base dati visti nella parte precedente. E’ inoltre
possibile andare a selezionare ( qualora ce ne fosse la necessità)
anche un numero diverso per la forma selezionata: se siamo entrati
nell’editor con una forma n° 37 e dopo averne prese le misure o
esportato delle dime, abbiamo la necessità di fare lo stesso lavoro con
la stessa forma di numero superiore ( per esempio n°40) si può
utilizzare il menù a tendina in alto a destra per la selezione.

In questo caso si può selezionare il numero della forma che si vuole ;


per sapere in qualsiasi momento quale è il numero base della forma,
basta osservare il numero con l’asterisco: quello è il numero base.
La finestra dell’’editor è suddivisa in riquadri nei quali vengono
mostrati: il disegno della sezione selezionata, il profilo del piano di
taglio, le misure relative al piano di taglio e la base dati, il circolo per
la realizzazione di rotazioni e le referenze dell’angolo di taglio.

79
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Premendo due volte sulla sezione del piano di taglio A si ottiene la


vista 3D dove è possibile vedere sulla forma le misure che stiamo
prendendo.

D
A

C
B

80
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Nella finestra B abbiamo le misure rilevate in modo automatico


(vedere capitolo 6.2.2), mentre nella finestra C abbiamo le misure
rilevate in modo dinamico mediante il piano di taglio orientabile D.
Posizionandoci all’interno delle finestre che si vedono qui sotto e
premendo il pulsante destro del mouse, verrà mostrato un menù di
comandi con opzioni differenti:

Le opzioni che si possono realizzare sono:

• VEDERE.

Permette di vedere nella finestra elementi di osservazione e


misurazione. Possiamo trovare opzioni come:

• RIGA DELLA FINESTRA.

Ci permette di vedere o ignorare la riga di misurazione situato nel


bordo della finestra.

• GRIGLIA.

Permette di visualizzare una griglia come sfondo della finestra.

81
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

• LINEE

Permette di inquadrare il profilo nelle linee di riferimento.

• UNITÀ.

Permette di vedere differenti tipi di righe in diversi sistemi di


misurazione (metrico decimale, pollici e %).

• CERCARE LA PIANTA.

Permette di localizzare in forma automatica la posizione dei punti


estremi della pianta nella sezione mostrata.

82
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

• ESPORTARE.

Permette di esportare la sezione definita nella finestra ad uno


schedario con estensioni diverse (viste nella parte precedente) per il
recupero in altri software.

• STAMPARE.

Permette di realizzare la stampa della sezione localizzata nella


finestra; questa si può stampare in scala reale o indicare qualsiasi
altro valore in %.

Situandoci all’interno delle finestre che si vedono nello schema


seguente e premendo il pulsante destro del mouse, apparirà un menù
di comandi con varie opzioni.

83
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Le opzioni che si possono realizzare sono:

• EDITARE MISURA.

Permette di modificare la misura della sezione evidenziata.


Inizialmente si seleziona la misura che si vuole cambiare,

• ELIMINARE.

Permette di eliminare la misura evidenziata nel modello selezionato.

84
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

• VEDERE TUTTE.

Permette di vedere tutte le misure registrate nel modello di base e


nella base dati.

Da ultimo, verranno mostrati a continuazione i comandi che si


potranno modificare, premendo due volte con il mouse.

• CAMBIARE IL VALORE DELL’ANGOLO XY.

• CAMBIARE L’ANGOLO E POSIZIONE DEL PIANO DI TAGLIO

La finestra di dialogo piano di taglio apparirà premendo nella


corrispondente all’angolo di taglio Y e situazione X.

85
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

8.5 ESPORTAZIONE DIME

Pulsante Esportare Taglia

Pulsante Esportare Profilo

Per estrarre le dime, e’ necessario definire il tratto della forma che


verrà poi estratto. Per fare questo è necessario spostare i punti rossi
(come in figura) per delimitare il tratto da esportare e premere il

pulsante ESPORTA dima . Comparirà la seguente finestra dove


andremo a selezionare o meno l’opzione Tratto delimitato, che serve
per l’estrazione ( se l’opzione è spuntata) del tratto che
precedentemente è stato delimitato dai punti rossi sul profilo della
dima.

86
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Dopo aver premuto il pulsante ACCETTARE, comparirà la seguente


finestra:

Per la spiegazione della maschera di Esportazione vedere il capitolo


IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE dime
dove possiamo salvare o stampare la nostra dima.

87
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Per l’esportazione delle dime nella vista di fronte, invece, è necessario


selezionare la finestra in alto a sinistra

e anche in questo caso, muovendo i pulsanti rossi è possibile


selezionare il tratto delimitato che poi andremo ad esportare, nello
stesso modo visto in precedenza, in questo caso premendo il tasto
.
Se invece dobbiamo esportare le dime di una forma sviluppata, dopo
aver assegnato a questa forma una scala di sviluppo, basta
selezionare da quale taglia, esportare le dime. Nella seguente finestra
viene mostrato il punto in cui selezionare la nuova taglia:

Quando nel riquadro di selezione del numero appare un asterisco,


significa che il numero che si è selezionato è il numero base.

Numero
Base

e nella parte bassa della finestra, è possibile verificare in ogni


momento quale scala di sviluppo è stata assegnata alla forma aperta.

88
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Il riquadro sotto mostra:

Da Con “1” indica solo numero


Numero interi, con “0.5” indica che
sono presenti anche mezzi
numeri.

Numero A
Base Numero

Se vogliamo esportare le dime della forma con numero 26, non


dobbiamo far altro che andare a selezionare il numero 26 nella lista in
alto a destra per vedere così cambiare tutte le misure che nella
finestra principale. Vedi esempio seguente:
Nella finestra qui sotto è selezionata la forma numero 22

Misure
della
forma 22

89
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 VISIONE DEL MODELLO

Se adesso seleziono la forma numero 26 vedremo cambiare le misure


indicate prima:

Misure
della
forma 26

90
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9 EDITOR DELLE SAGOME


Dopo aver sviluppato la forma, è possibile andare ad effettuare
l’esportazione delle sagome dalla forma selezionata. Le sagome che
possono essere esportate possono essere quelle relative alla Sezione
della forma, al Sottopiede, al Profilo della Punta ed al Profilo del
Tallone.

9.1 DESCRIZIONE AMBIENTE DI LAVORO

Per poter entrare nell’editor delle sagome si deve premere l’icona .


All’apertura dell’editor, compariranno le seguenti icone ed una finestra
principale affiancata sulla destra da due più piccole, come mostrato di
seguito:

Dati di sviluppo Consente di Creare, Modificare,


eliminare una scala di sviluppo.

Dimensioni sagoma Consente di modificare le dimensioni


della sagoma del profilo.

Testo in sagoma Consente di aggiungere caratteri


oltre al numero presente sulla
sagoma.

Punto di inizio Dopo averlo premuto, si può fissare


un punto dal quale partono tutto i
numeri sviluppati e con il quale si
possono verificare i vari sviluppi.

Numeri Consente di selezionare , da una


tabella, tutti i numeri che si vogliono
sviluppare.

Asse di esportazione Consente di riportare sulla mezzeria


l’asse di sviluppo per l’esportazione
del profilo.

Applica modifiche Serve per applicare al 3D le


modifiche fatte sul 2D.

91
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

All’apertura dell’editor, la prima sagoma che viene proposta è quella


relativa al profilo del tallone. Per la selezione degli altri tipi di sagome
da esportare, è possibile effettuare la selezione utilizzando il menù
che si trova alla base della finestra principale, più precisamente in
questa posizione:
In basso a
sinistra si
trova
questo
sottomenù

Quindi selezionando la dicitura Punta, si passerà alla seguente


schermata:

92
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Punta

Sezione Sottopiede

93
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Per ognuno degli esempi di esportazione visti in precedenza, è


possibile anche effettuare le seguenti modifiche per avere
l’esportazione desiderata:

9.1.1 DATI DI SVILUPPO

vedere capitolo Dati di sviluppo (1.2.1)

9.1.2 DIMENSIONI SAGOMA


Consente di modificare le dimensioni della sagoma applicata al profilo
da esportare. È possibile modificare la sagoma agendo direttamente
sui punto blu che la delimitano (indicati nelle due seguenti immagini),

In questo caso ,
selezionando e
tenendo premuto il
punto selezionato
lo si può spostare
fino alla posizione
desiderata.vedere
figura seguente:

oppure utilizzando il seguente pulsante che apre la finestra dove


è possibile andare a modificare le misure della sagoma:

94
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Riferimenti
sagoma

Misure per la
modifica

Oltre al numero della sagoma, è possibile anche aggiungere parti di


testo, come mostrato nella seguente finestra:

La scritta appena aggiunta, può essere ruotata o spostata all’interno


della sagoma utilizzando i pulsanti CTRL ( rotazione ) e SHIFT (
movimento) insieme al tasto sinistro del mouse.

Per fare questo, basta premere il seguente pulsante . Si aprirà la


finestra qui sotto:

95
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

e’ inoltre possibile eliminare il numero e lasciare il solo testo sulla


sagoma, togliendo la selezione dalla dicitura : Includere numero in
taglia. Questa opzione, di aggiunta testo o eliminazione numero, è
valida anche per le sagome estrapolate dalla punta , dalla sezione e
dal sottopiede della forma, oltre che dal tallone come visto in questi
esempi.

9.1.3 PUNTO DI INIZIO


Vedere capitolo 1.2.5

9.1.4 NUMERI
Vedere capitolo 1.2.2

9.1.5 ASSE DI ESPORTAZIONE


Dopo aver modificato l’asse di esportazione del profilo ( profilo di
tallone, di punta di sezione e di sottopiede) utilizzando questo
pulsante, l’asse ritorna al punto di partenza.
Per modificare l’asse di esportazione è possibile agire in due modi:
1) Modifica dell’angolo del profilo modificando quest’ultimo agendo su
una finestra dedicata che si apre premendo il riquadro in alto a
destra della maschera principale.
2) Andando a spostare il punto blu ( anteriore o posteriore) che
delimita l’asse di esportazione dei vari profili, agendo sempre nella
finestra in alto a destra.

96
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Premendo sulla finestra in alto a


destra, appare la finestra qui sopra,
che è la stessa presente nell’editor
delle misure, e serve per modificare
l’inclinazione del profilo del tallone e
della rispettiva sagoma.

Facendo una piccola rotazione del punto rosso della seguente finestra
verso il basso, otterremo una rotazione anche della sagoma che
andremo ad esportare:

Rotazione del punto rosso

conseguente rotazione della sagoma che si andrà ad esportare:

97
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

PRIMA DOPO

Mentre se si va a modificare la linea di esportazione indicata nella


sottopiede nella finestra in alto a destra, si avrà la seguente
situazione:

Modifica della linea di


mezzeria per l’esportazione
del profilo posteriore

98
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

PRIMA DOPO

9.1.6 ESPORTAZIONE DELLE DIME


Per effettuare l’esportazione delle dime, bisogna premere il pulsante
Esporta . Alla pressione di questo pulsante, apparirà la seguente
finestra e le sue relative opzioni:

Partendo dall’alto , per quanto riguarda l’Esportazione è possibile


effettuarla o sulla Taglia Attiva o su tutte le Taglie Visibili.

99
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Andando verso il basso, è possibile selezionare anche Curva editata

Premendo Curva editata e poi premendo il tasto OK si aprirà la


seguente finestra dove sarà possibile andare a modificare il profilo
che si sta esportando.

100
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Premendo poi il tasto Salva come, si salverà il modello con il nome


desiderato.

9.1.7 ESPORTAZIONE DIME SVILUPPATE


Per effettuare l’esportazione delle dime sviluppate, occorre prima
assegnare una scala di sviluppo alla forma. Per fare questo si usa lo
stesso procedimento che viene usato nell’editor dello sviluppo, ovvero
si preme il tasto Dati sviluppo. Assegnata una scala di sviluppo
si può premere il tasto Numeri per effettuare la scelta dei numeri
dai quali esportare le nostre dime sviluppate. Se per esempio
vogliamo esportare la dima del tallone sia del numero base 37 che del
numero 39, bisogna seguire i prossimi passi:
1) Dalla finestra numeri selezionare il numero 39 (essendo il numero
base selezionato per default).

101
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

2) Per l’esportazione della dima numero 39, bisogna selezionare


come numero attivo il numero 39, quindi si deve andare nella
combo box chiamata Numero attivo e selezionare il numero 39:

3) Dopo aver fatto questo, si passa all’esportazione vera e propria,


quindi si preme il pulsante Esporta e si prosegue con
l’esportazione come visto in precedenza.

102
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9.2 MISURE AUTOMATICHE ORIGINALI (O) E


CALCOLATE (C)
Nel paragrafo precedente abbiamo visto come fare a prendere delle
misure sul modello in modo manuale. Oltre a queste, durante
l’importazione del modello, il CAD calcola (C)in modo automatico altre
4 misure:
Calzata (C)
Lunghezza (C)
Altezza in punta (C)
Altezza tacco (C)
E riporta le misure inserite dal modellista nel file del dopo che è
avvenuta la copiatura dello stesso come riferimento (O=originale):
Calzata (O)
Correzione Calzata (O)
Lunghezza (O)
Correzione lunghezza (O)
La differenza tra le misure Calcolate, contraddistinte dalla lettera (C),
e quelle Originali, contraddistinte dalla lettera (O), risiede nel fatto che
quelle calcolate sono gestite completamente dal CAD e quindi rilevate
secondo degli algoritmi definiti a priori, mentre quelle originali sono le
misure che ha rilevato il modellista.
Le misure Originali (O) sono state introdotte per dare all’operatore un
riferimento sicuro sulle misure, in quanto non è detto che le misure
rilevate dal CAD (Calcolate) siano sempre nella stesa posizione di
quelle rilevate a mano dal modellista.
Queste misure (O) e (C) sono presenti nella scheda del modello:

103
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Sono inoltre presenti in tutti gli editor che modificano la forma


sottoforma di due “caselle”.

Trascinando le due “barre” di misure si ottengono delle finestre che si


possono posizionare a piacimento nell’area di lavoro.

104
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Queste misure sono dinamiche. Una volta selezionato il pulsante


che applica in 3D tutte le modifiche fatte nei vari editor, nelle finestre
di misure (O) e (C) i valori vengono aggiornati in tempo reale in modo
tale da avere sempre sotto controllo tutti i valori.
E’ inoltre possibile introdurre una misura rilevata in modo manuale
nella finestra “Misure Calcolate” in modo da poterla monitorare
insieme alle altre.
Basta premere due volte con il mouse sulla misura che intendo
memorizzare, a questo punto viene chiesto che nome dare a questa
nuova misura:

105
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

ed una volta accettato avremo la seguente situazione:

Qui è comparsa la misura “sezione nuova”

9.2.1 APPLICA CORREZIONI DI CALZATA E LUNGHEZZA.


Nella finestra delle misure originali vi è, oltre alla voce “calzata” e
“lunghezza”, anche la voce “correzione calzata” e “correzione
lunghezza”.
Se dopo la fase di copiatura, nel file, sono state inserite tali correzioni
vi è la possibilità di applicarle sulla forma, portandola quindi alle
dimensioni volute dal modellista.
Per fare questo basta selezionare una delle misure originali:

106
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Una volta selezionata compare un punto rosso di fianco. Con il


pulsante destro del mouse selezionare “Misure\Applicare correzione
di misura”

9.3 OMBREGGIATURA.
Una volta che si sono effettuate tutte le operazioni di disegno per la
realizzazione di un modello, è importante verificarlo visivamente
attraverso un’immagine ombreggiata o tratteggiata, per vedere i
risultati delle parti modificate. Una forma geometrica la si può
trasferire in qualsiasi parte del programma.
Per far in modo che appaiano i diversi comandi che l’opzione
d’ombreggiatura possiede, bisogna premere il pulsante destro del
mouse, sopra la finestra con la visualizzazione in 3D
Apparirà il seguente blocco di comandi:

9.3.1 VISUALIZZAZIONE.
Mostra la visualizzazione del modello nelle differenti forme, aspetti,
effetti, piani di taglio, illuminazione, ecc.
In questo comando apparirà un sottomenù che permette di realizzare
le seguenti opzioni:

107
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9.3.2 TESSITURE.
Permette la visualizzazione del modello con materiali diversi.
In questo comando apparirà un sottomenù che permette di realizzare
le seguenti opzioni:

Gli aspetti della forma potranno essere modificati mediante bitmap


che a sua volta potranno essere cambiati creando effetti trasparenti,
chiari.

9.3.3 ZOOM.
Permette di avvicinare ed allontanare la immagine della finestra 3D.
In questo comando apparirà un sottomenù che permette di realizzare
le seguenti opzioni:

Se Cambio l‘incremento impostato devo poi selezionare l’opzione


Conservare configurazione, per mantenere la modifica.

108
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9.3.4 OPZIONI.
Permette di modificare le differenti caratteristiche della presentazione
3D della forma all’interno dello schermo.
Tra i comandi disponibili avremo la possibilità di movimento
automatico, visualizzazione di limiti, visualizzazione nello schermo
completo, ecc.
In questo comando apparirà un sottomenù che permette di realizzare
le seguenti opzioni:

NOTA: L’opzione Conservare configurazione è molto importante in


quanto una volta modificato l’aspetto della forma (grafica) per
mantenere questa modifica in futuro devo selezionare Conservare
configurazione.

9.3.5 VISUALIZZAZIONE MULTIPLA.


Nella finestra di visualizzazione 3D si potranno vedere diverse
combinazioni di visualizzazione.

In questo comando apparirà un sottomenù che permette di realizzare


le seguenti opzioni:

109
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9.3.6 VISTE.
Permette di visualizzare la forma in differenti posizioni prestabilite.

Profilo destra F5: Pianta F6:

Fronte F7: Superiore F8:

Dietro F9: Profilo sinistra F10:

110
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

9.4 VISUALIZZAZIONE 3D.


Il sistema permette di mostrare una finestra di visualizzazione 3D
senza dati, solo grafica. Per arrivare a questa finestra si procede nel
modo seguente:

Selezionare l’icona Visualizzazione 3D. Oppure ciccare due volte


sulla forma 3D della scheda principale. Apparirà nel programma una
nuova finestra con l’immagine tridimensionale della forma e nella
barra degli strumenti nuove icone.

Basicamente si trovano le seguenti icone di modifica:

Permette di modificare il colore dello sfondo della finestra.

Permette di mostrare la posizione dello schermo catturato

previamente con l’icona .

Permette di fotografare la posizione della forma nella finestra di


visualizzazione 3D.

111
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLE SAGOME

Permette di realizzare rotazioni della forma di 90


gradi nelle differenti direzioni.

Permette di stampare i dati del modello e la sua finestra di


visualizzazione 3D.

Permette di importare/eliminare un tacco dalla base dati


di DITACOR e unirlo con la forma che si trova nella finestra di
visualizzazione 3D.

Ogni icona mostra gli spostamenti possibili


in diverse direzioni. Si preme l’icona adeguata la quale permetterà
tutti i movimenti possibili per poter situare il tacco sopra l’immagine
della forma nella finestra di visualizzazione 3D.

Le icone permettono di realizzare rotazioni nelle direzioni


indicate per poter situare il tacco recuperato ed incollato sopra
l’immagine della forma nella finestra di visualizzazione 3D.
Nello schema seguente viene rappresentato una forma
tridimensionale unita al tacco recuperato dal programma DITACOR.
Questa immagine è utilizzata per visualizzare il risultato finale
dell’unione dei due componenti.

112
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10 COMANDI DI MODIFICA.
Attraverso le diverse modifiche il sistema permetterà di realizzare
cambiamenti visualizzando differenti parti e posizioni del modello
creato. Queste modifiche vanno dalla situazione di blocco EDITABLE
alle rotazioni, movimenti, sviluppi, ecc. dei differenti nodi o linee.
Una volta che apriamo il progetto, le differenti modifiche che il
programma Easylast3D possiede, rimangono incluse in alcune icone
nella barra degli strumenti.

Principalmente possiede le seguenti icone di modifica:

Eliminare supporti Permette di eliminare il supporto


(cimosa) posteriore

Eliminare supporti Permette di eliminare il supporto


(cimosa) sulla punta

Cam Permette di aprire il CAM per il taglio


delle dime

113
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Pianta Permette la modifica del filoforma.

Punta Permette creazione di una nuova punta.

Tallone Permette la modifica del profilo del tallone.

Cambriglione Permette la modifica della cava

Profilo Permette la modifica del profilo centrale


superiore della forma.

Locale Permette la modifica di una zona


localizzata.

Tronchetto Permette la creazione di un tronchetto da


una forma bassa.

Suola Permette di applicare una suola importata


ad una forma selezionata.

Unione Permette la modifica e l’unione di due


modelli.

Traslazione della pianta Permette la ferratura del modello.

Sviluppo Effettua lo sviluppo della forma selezionata.

Sagome Estrapola dalla forma selezionata vari tipi di


sagome.

10.1 COMANDI COMUNI A TUTTI GLI EDITOR.


In ogni modifica il sistema dispone di due barre di strumenti: principale
e secondaria. Queste includono differenti finestre di comando a
seconda della finestra attiva nella quale ci si trova al momento.
Premendo il mouse in una zona priva di finestra della barra, posso
trascinarla e convertirla in una finestra di strumenti o metterla ai lati
dello schermo.
Le varie modifiche che possiede il programma EasyLast3D,
incorporano tutto il blocco principale come base. Questo blocco è
formato da icone che possiamo vedere nello schema seguente,
realizzando le funzioni che svilupperemo in seguito.
• Principale.

I comandi disponibili sono i seguenti:

114
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Nuovo Permette di creare un nuovo progetto.

Aprire Aprire o attivare la finestra del progetto.

Importare Permette di importare nuove forme o entità.

Salvare Permette di salvare tutte le modifiche effettuate.


• Secondaria.
Il blocco di strumenti secondario, incorpora anch’esso un gran numero
di icone con funzioni molto variate.

Importare Permette d’importare punte di altri progetti.

Esportare Permette d’esportare punte verso altri progetti.

Importare dallo scanner Permette d’importare immagini dallo


scanner.

Stampare modello Permette di inviare alla stampante il


disegno della punta.

Disfare Permette di realizzare passi indietro.

Selezionare Selezionare punto/punti

Copiare Permette di realizzare copie nei portafogli.

Incollare Permette di realizzare l’azione “incollare”,


esistente nei portafogli.

Muovere Permette di realizzare movimenti dei nodi.

Aggiungere punto Permette di inserire un nuovo nodo alla


linea.

Eliminare punto Permette di sopprimere un nodo della linea.

Angolo Permette di convertire indistintamente curva per


angolo.

Zoom Permette di ingrandire o diminuire l’immagine

Riga Permette di utilizzare la riga per effettuare misurazioni.

Strati Permette di modificare i colori delle curve 2D utilizzate


Per l’uso delle differenti icone parleremo dell’uso standard delle
finestre in edizione, e le dividiamo in tre blocchi:

115
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

UTILIZZO DELLE ICONE.


UTILIZZO DEL MENÙ FUNZIONI 2D
UTILIZZO DELLA TASTIERA.

10.2 UTILIZZO DELLE ICONE.


La possibilità di modifica nel programma Easylast3D, da la
opportunità all’utente di realizzare qualsiasi tipo di cambio delle linee
che formano il prototipo per la creazione di un progetto.
Inoltre le opzioni come per esempio mischiare, disegnare, modificare,
ecc. attraverso altre periferiche tali come lo scanner, caratterizzano il
sistema con un’autonomia sufficiente per sviluppare qualsiasi tipo di
prototipo.
Tra le differenti opzioni che le icone ci offrono troviamo:
Per importare curve disegnate nel formato interno (*.NUC),
selezionare l’icona Importare.
Le curve disegnate sono situate nella finestra di modifica.
Per esportare curve disegnate verso altre applicazioni, selezionare
l’icona Esportare.
Le curve disegnate sono immagazzinate nell’estensione che
previamente è stata selezionata dall’utente.
I formati di esportazioni supportati sono i seguenti:

Il formato .NUC è il formato interno ed è quello che ci permette di


esportare/importare curve nel cad.

Per importare curve introdotte tramite lo scanner, selezionare l’icona


Importare dallo scanner.

Bisogna inserire la dima nello scanner. Si preme l’icona appare la


finestra di dialogo Digitalizzare curva, con differenti opzioni che
permetteranno di configurare, realizzare e modificare l’immagine
trattata e vettorializzata.
Per esempio, scanneriziamo un profilo della punta e associamolo al
nostro progetto.
Entriamo nel digitalizzatore di curva mediante lo scanner.

116
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

In questa finestra di dialogo troviamo due blocchi differenti; uno


corrispondente alle opzioni di scansione e configurazione dello
scanner ed il secondo blocco corrisponde ad una serie di icone che
permetteranno di modificare ed adeguare le immagini scannerizzate.

10.2.1 PRIMO BLOCCO.


Ha le opzioni relative alla configurazione dello scanner e alla forma di
eseguirlo.

117
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Sarà usato nel caso che lo scanner sia connesso


direttamente all’ordinatore di lavoro.

Sarà usato nel caso che lo scanner sia compartito con


altri utenti.

Sarà usato quando lo schedario dello scanner proviene


da uno schedario *.BMP.

NOTA IMPORTANTE:
Per poter importare correttamente il file generato dallo scanner di
una dima deve essere.
BMP
Bianco / nero (2bit)
200 dpi
(risoluzione di default- se vario questa devo variare anche quella
nella schermata di configurazione quì sotto.

Questo comando facilita le caratteristiche di


configurazione dello scanner rispetto all’immagine che verrà
importata. Premendo il comando entriamo nella finestra di dialogo
Opzioni scanner.

In questa finestra di dialogo si possono modificare le risoluzioni del


bitmap ed aggiustare lo stesso. Vi saranno opzioni relative

118
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

all’immagine, opzioni di configurazione alla rete, dati dell’immagine,


ecc.
NOTA: Il problema principale che può accadere durante
l’importazione di un file scannerizzato è la comparsa del messaggio:

In questo caso, se i parametri del file scannerizzato sono corretti


(BMP, B/N 200dpi) probabilmente basta cambiare l’opzione Figure
bianche nel menù di configurazione visto sopra.

Questa finestra da l’opzione di mostrare e nascondere il


bitmap realizzato nello scanner.

Premendo questa finestra che si trova nella parte


superiore di questo blocco, permette la stampa della curva importata.

Questo pulsante non e’ attivo al momento.

Premendo questo pulsante sarà possibile modificare


alcuni parametri di digitalizzazione dime di qualsiasi tipo.

119
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.2.2 SECONDO BLOCCO.


Possiede opzioni relative alla modifica e all’adeguamento della curva
per trasferirla al progetto.

Cancella entità

Annulla modifica

Seleziona punti

Muovere punti

Aggiungere punti

Elimina punto

Fare angolo/curva

Aprire/chiudere curva

Permette di realizzare la simmetria verticale della curva


importata attraverso l’asse chiamato Y.

Permette di realizzare la simmetria orizzontale della curva


scannata attraverso l’asse chiamato X.

Permette di realizzare la rotazione della curva in senso orario.

Permette di realizzare la rotazione della curva nel senso


antiorario.

Appare una finestra dove selezionando Proprietà sulla curva


interessata si possono modificare alcuni aspetti della curva
stessa. L’opzione visibile permette di nascondere la curva
mentre che quella di blocco permette di bloccare la modifica
della curva. Con il pulsante Colore, si assegna un colore alla
curva (vedere Cap 10.6).

120
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Righello

Per poter stampare i differenti disegni delle curve mediante la


stampante, selezionare l’icona Stampare.
Per realizzare diversi passi indietro di ogni modifica, selezionare
l’icona Annulla digitazione.
Per realizzare copie delle curve selezionate nei portafogli per un uso
posteriore, selezionare l’icona Copia.
Per incollare l’immagine catturata nei portafogli, selezionare l’icona
Incolla.

• OPERAZIONI SUI NODI (PUNTI)

• Per muovere un punto, si preme l’icona Muovere. L’icona


prenderà la forma di una mano. Situarsi sul punto da spostare,
premere il pulsante sinistro del mouse e senza lasciare il
pulsante, trascinare il punto fino alla posizione desiderata. A
questo punto si potrà lasciare il pulsante del mouse.
• Per inserire un punto si usa il modo di inserimento che si attiva
premendo l’icona Aggiungere punto. Il cursore prenderà la
forma di una croce. Mettersi nella posizione dove si desidera
inserire il punto e premere il tasto sinistro del mouse.
Importante! Prima di inserire un punto, la curva destinata deve
essere selezionata. Se questa curva non ha nessun punto
selezionato, nel momento dell’inserimento, il punto viene aggiunto
nell’ordine che il sistema considera più logico.
• Per cancellare un punto si usa il comando di cancellazione punti
premendo l’icona Elimina punto, oppure premendo il tasto
Canc sulla tastiera. Selezionare prima il punto da cancellare e
poi premere l’icona citata.

121
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

• Per cambiare l’attributo dell’angolo di un punto, selezionare il


citato punto e premere l’icona Fare angolo/curve. I punti
dell’angolo vengono mostrati selezionando una curva come
quadrati.

• Per ingrandire l’immagine, selezionare l’icona Zoom. Con il


muose creare una finestre all’interno della quale vi è la parte da
ingrandire.
• Per realizzare misurazioni nella finestra attivata, selezionare
l’icona Riga. Funzione che si può attivare anche premendo
il tasto centrale di un mouse a tre tasti, premendo una volta
si attiva la Riga, premendo una seconda volta si disattiva. Una
volta selezionata l’icone compare una finestra con i dati della
misure che verrà effettuata, a questo punto basta premere con il
pulsante sinistro del mouse nel punto dove si vuole cominciare
la misura e tirarlo (tenendo sempre premuto) fino al punto
finale;se si seleziona la voce Vedere misura, la misura presa
verrà visualizzata direttamente in finestra, visibile sotto.

122
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

In base alla misura presa abbiamo una serie di dati che vanno dalla
lunghezza della linea, agli spostamenti lungo i singoli assi fino
all’angolo stesso della riga di misura.

123
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.3 UTILIZZO DELLE FUNZIONI 2D – SINGOLO PUNTO


Oltre alla possibilità di modificare le caratteristiche di un punto usando
il mouse ed i tasti della barra degli strumenti, esiste anche l’opzione di
utilizzare i menù e i quadri di dialogo.
Per questo, selezionare un punto e premere il pulsante destro del
mouse.
Apparirà il comando Dati del Punto.

Eseguendo il citato comando, si accede a una finestra di dialogo Dati


del punto, dove si possono cambiare le coordinate di un punto in
modo assoluto (con relazione all’origine delle coordinate) o relativo
(con relazione alla sua posizione attuale), e modificare il suo angolo.

124
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.4 UTILIZZO DELLE FUNZIONI 2D- CURVA INTERA


Vi è inoltre la possibilità di visualizzare i dati della curva, premendo il
pulsante destro del mouse sullo schermo, senza selezionare nessun
punto di quelli mostrati nella linea.
Apparirà il comando Dati della curva.

Eseguendo il citato comando, si accede ad una finestra di dialogo


Dati della curva. Vengono mostrate informazioni della curva (numero
di nodi, larghezza, lunghezza, profondità, perimetro).

Sempre avendo selezionato solo la curva (senza alcun singolo punto


selezionato), con il pulsante destro del mouse si accede alle
Operazioni della curva:

125
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Selezionando Operazione della Curva si ha a disposizione degli


strumenti di modifica che vengono applicati su TUTTA la curva. Essi
sono:

10.4.1 MUOVERE (2D):


In questo modo con il mouse si può trascinare la curva a piacimento.

10.4.2 MUOVERE PER COORDINATE (2D):


In questo modo possiamo inserire in modo preciso gli esatti
spostamenti che vogliami applicare alla curva selezionata, questo
viene fatto tramite la finestra:

Possiamo lavorare in due modi:

• Senza selezionare distanza , possiamo inserire gli


spostamenti lungo gli assi X, Y, Z

• Mentre selezionando otteniamo una finestra dove


possiamo inserire uno spostamento in mm:

126
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

• Distanza selezionata
In questa modalità la nuova curva sarà tutta alla stessa distanza dalla
curva iniziale.
Esempio:

Se selezioniamo ed impostiamo uno spostamento di 5mm


in negativo

otteniamo il risultato seguente:

• Distanza non selezionata.


Stessa operazione di prima senza aver selezionato Distanza

127
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Otteniamo un risultato diverso:

Quindi notiamo che la nuova curva NON è TUTTA alla stessa


distanza impostata dalla curva originale.

10.4.3 GIRARE (2D)


Selezionando l’opzione Girare possiamo ruotare la curva attorno al
suo centro geometrico tramite il mouse.

10.4.4 GIRARE PER COORDINATE (2D)


Una volta selezionata questa opzione bisogna selezionare il punto -
centro di rotazione. Per fare questo basta premere il tasto sinistro
del mouse in corrispondenza del punto desiderato.

128
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

A questo punto comparirà la seguente finestra:

Dove basta inserire il valore in mm o gradi che si vuole ruotare la


curva.
Es 4 mm:

10.4.5 LIVELLAMENTO (2D)


Questa opzione serve per rendere più “morbida” la curva. Si comanda
tramite la finestra:

129
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

il valore di default è 1, se accettiamo questo valore vediamo cosa


succede alla curva:

In questo caso la differenza tra la nuova curva (nera) e quella


originale (grigia) è poca. Se però impostiamo un valore di 10
otteniamo la seguente curva:

Vediamo quindi che la curva è più “morbida”.


Se vogliamo impostare 10 come valore di default (valore base),
bisogna selezionare la casella:

In questo modo la prossima volta che richiamo l’opzione


Livellamento ho già impostato 10 come valore di partenza.

10.4.6 FILTRARE

MOLTO IMPORTANTE
Questa opzione determina la precisione della curva che andiamo a
modificare rispetto all’originale. Questa precisione viene impostata
tramite la seguente finestra:

130
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Vediamo che, utilizzando la funzione zoom, con un valore di


precisione 0.5 la curva nera (quella che modificheremo) e quella
originale (grigia) sono leggermente diverse.

Impostando un valore di precisione pari a 0.2, otterremo una curva


con più punti e di conseguenza più precisa, come la seguente.

Perché questa funzione è molto importante ?


Quando modifichiamo una curva o parte di una curva, viene
comunque applicata TUTTA la curva sul modello.
Esempio:Se noi modifichiamo solo una parte.

Viene applicata tutta la curva anche la parte non modificata. Se


abbiamo una parte non modificata che però non risulta uguale al
modello originale (quindi con un fattore di precisione alto) verrà
modificata anche quella parte.

131
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.5 UTILIZZO DELLE FUNZIONI 2D – ZONA DI CURVA


In modo analogo alle operazioni che si possono fare su tutta la curva,
vi sono degli strumenti applicabili a una parte della curva.

10.5.1 SELEZIONE ZONA DELLA CURVA (2D)


Vi sono due metodi per selezionare una zona della curva, una volta
premuto l’icona :
a) Con il bottone sinistro del mouse possiamo creare una finestra
di selezione (come per la funzione di zoom)

Verranno così selezionati i punti :

b) Selezionare il primo punto con il mouse, poi tenendo premuto il


tasto SHIFT seleziono il secondo punto che delimita la zona di
curva che vogliamo selezionare.

132
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.5.2 OPERAZIONI SULLA ZONA DELLA CURVA SELEZIONATA


(2D)
Una volta selezionata parte della curva, evidenziata da due punti neri,
abbiamo a disposizione una serie di funzioni analoghe a quelle viste
in precedenza per tutta la curva.

10.5.3 MUOVERE (2D)


Con l’utilizzo del mouse possiamo trascinare la parte di curva
selezionata dove vogliamo.

10.5.4 MUOVERE DISCONTINUO (2D)


Come il precedente solo che viene creato uno scalino ai due estremi
della zona selezionata:

133
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.5.5 MUOVERE PER COORDINATE(2D)


Come nel caso visto per tutta la curva 7.4.2 abbiamo la possibilità di
muovere parte della curva tramite l’inserimento di spostamenti in mm
lungo gli assi.

• DISCONTINUO E DISTANZA DISATTIVATI

134
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

• DISCONTINUO SELEZIONATO – DISTANZA DISATTIVATA

• DISCONTINUO E DISTANZA SELEZIONATI

10.5.6 GIRARE (2D)


In questo modo possiamo ruotare parte della curva attorno ad uno dei
due estremi selezionati

10.5.7 GIRARE PER COORDINATE (2D)


Sempre riferito alla parte della curva selezionata. Una volta
selezionata questa opzione bisogna selezionare il punto -centro di

135
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

rotazione. Per fare questo basta premere il tasto sinistro del mouse in
corrispondenza del punto desiderato.

A questo punto comparirà la seguente finestra:

Dove basta inserire il valore in mm o gradi da imporre alla curva


selezionata.
Es 4mm gradi:

10.5.8 LIVELLAMENTO (2D)


Stessa funzione vista per tutta la curva nel paragrafo 7.4.5. L’unica
differenza è che in questo caso viene applicata solo sulla parte
selezionata della curva.

136
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.5.9 FILTRARE
Stessa funzione vista per tutta la curva nel paragrafo 7.5.6. L’unica
differenza è che in questo caso viene applicata solo sulla parte
selezionata della curva.
Es. Curva con Filtro 0.2. Parte selezionata (tra i due punti neri).

Applico un filtro di 0.8 per diminuire i punti:

10.5.10 ALLINEARE
In questo caso rendiamo lineare la zona di curva selezionata.

10.5.11 ELIMINARE
Funzione che elimina tutti i punti all’interno della zona selezionata:

137
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.6 UTILIZZO DELLE FUNZIONI DI VISUALIZZAZIONE


Da ultimo viene offerta la possibilità di modificare le caratteristiche di
visualizzazione in ogni finestra premendo il pulsante destro del mouse
sullo schermo senza selezionare niente, ne curva, ne punti.
Appariranno i comandi Zoom, Visualizzazione e Massimizzare.

Nel comando Zoom, si offre la possibilità di aggiustare la finestra


dell’immagine disegnata, quando è stata previamente modificata nella
stessa (per esempio aumentando o diminuendo la stessa).
Nel comando Vedere, vengono offerte le seguenti alternative:
Le differenti opzioni si attivano o si disattivano indistintamente quando
al lato sinistro del comando appare il segno .
Nel comando Vedere si mostrano:

Assi.

138
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Linee di guida.

Griglia.

139
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Strati
Vi è inoltre la possibilità di modificare le proprietà delle linee 2D
all’interno del CAD tramite il menù attivato con il

Se seleziono Proprietà otteniamo la finestra di proprietà della curva


selezionata, in questo caso la Curva originale:

Modifica nome
Si può modificare il nome della curva.

140
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Visibile
Se non viene selezionato la curva NON sarà visibile.

Bloccata
Se selezionata NON permette alla curva di essere modificata

Colore
Si può modificare il colore della curva selezionata

141
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Righelli

Riga locale.

Colore di fondo.

142
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Nel comando Massimizzare, viene offerta la possibilità di aumentare


o diminuire la finestra selezionata.

10.7 USO DELLA TASTIERA.


Per quanto concerne gli spostamenti e modifiche, si possono
realizzare differenti movimenti, rotazioni mediante l’uso della tastiera.

143
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

10.7.1 MUOVERE
Per poter muovere la forma abbiamo i seguenti comandi:
• SHIFT + MOUSE trasciniamo la forma con il muose
• SHIFT + freccette spostamenti di 0.5mm nella direzione della
freccia
• SHIFT + M una volta selezionato il punto della forma che si
vuole muovere (evidenziato con un segno nero ) comparirà la
seguente finestra (si trova anche nel menù Modifica)

a b

10.7.2 RUOTARE
Se si seleziona la curva senza avere nessun punto selezionato e
premendo il tasto CONTROL, questa ruota attraverso il suo centro
geometrico conforme.
Tenendo conto del centro di rotazione abbiamo i seguenti comandi
• CTRL + Mouse rotazioni libere con il muose
• CTRL + freccette rotazione di qualche decimo di mm nella
direzione della freccia
• CTRL + R comparirà una finestra dove sarà possibile
inserire il valore in mm o gradi

144
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 Comandi di MODIFICA.

Se si seleziona un punto (nodo) sulla curva e si preme il tasto


CONTROL, questa ruota attraverso il suo centro del punto
selezionato.

Premendo i tasti (+ - ) il zoom dello schermo aumenta e diminuisce


rispettivamente.

145
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

11 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE


La forma importata, presenta nella parte del tallone e nella zona della
punta due supporti, gli stessi che vengono poi riprodotti dalle
macchine CNC, il risultato dell’importazione di un file sarà quindi il
seguente.

Il programma funziona correttamente anche se non vengono rimosse


le cimose, bensì con dei limiti dovuti proprio alla presenza dei
supporti, specialmente quello della punta.
Vi è comunque la possibilità di rimuovere le cimose. Questo processo
è stato realizzato in diverse fasi, in questo modo sarà l’operatore a
decidere quando ha un risultato soddisfacente per la modifica che
deve fare.

11.1 RIMOZIONE SUPPORTO DEL TALLONE

Premendo l’icona si entra nella finestra per la rimozione del


supporto del tallone.

146
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Descrizione dei menù:

menù che mi permette di


selezionare le sezioni

seleziona la prossima sezione a sinistra

seleziona la decima sezione a sinistra

seleziona la prossima sezione a destra

seleziona la decima sezione a destra

questo menù ha le stesse funzioni


di quello visto nel capitolo YYYY relativo agli editor 2D nel CAD

importa curva da scanner (importazione dime)

torna indietro

muovi punto

aggiungi punto

elimina punto

modifica punto, angolo - curva

zoom

147
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

vai al passo successivo

completa automaticamente l’operazione

esci senza applicare le modifiche

11.1.1 PRIMA FASE – RIMOZIONE VELOCE-AUTOMATICA.


La prima opzione a nostra disposizione è quella di lasciare la gestione
del taglio al CAD che effettuerà in automatico la rimozione della
cimosa. Questo processo è molto veloce in quanto viene tutto gestito
dal computer, ma non garantisce in tutti i casi il miglior risultato.
Tenendo presente che comunque per poi andare a lavorare sulla
macchina serve re-inserire i supporti, questa soluzione risulta
immediata e di facile utilizzo.

Per fare questo basta premere subito il pulsante .


A questo punto, come al termine di tutte le operazioni, viene mostrato
il risultato della rimozione in anteprima.

Se quello che viene proposto va bene allora selezionando di nuovo


si applica la rimozione vista sul modello.

148
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

11.1.2 SECONDA FASE – RIMOZIONE PIÙ PRECISA.


La seconda fase-opzione possibile per tagliare la cimosa dietro risulta
più precisa e ci permette di ottenere risultati migliori.
Per accedere a questa fase come prima cosa dobbiamo selezionare
l’ultima sezione valida sulla forma (evidenziata in bianco), è
importante essere al di fuori della cimosa in quanto la ricostruzione
del tallone comincia da quella sezione.
Per cambiare la sezione selezionata basta usare i tasti visti in
precedenza

mediante questi possiamo passare da una sezione all’altra.


Difficilmente va variata la posizione di default proposta dal programma
in automatico.

Posizione ottimale Posizione errata

Una volta selezionata la sezione corretta premere il pulsante


per accedere alla fase successiva.
Il passo successivo è quello di determinare il punto massimo
superiore del tallone, anche in questo caso quello proposto dal
programma di default va bene nella maggior parte dei casi, solo dove

149
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

non è ben definito in quanto il supporto è molto alto bisogna definirlo


manualmente movendo le sezioni come sopra.

Una volta selezionata la sezione corretta premere il pulsante


per accedere alla fase successiva.
In questa fase si può modificare o aggiustare la curva superiore del
tallone, come nei casi precedenti verrà proposta una curva di default ,
di solito va già bene quella proposta dal cad.

Punto massimo superiore del


tallone non modificabile

150
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Una volta che la curva superiore del tallone è corretta premere il


pulsante per accedere all’ultima fase.
In questa ultima fase definiamo la curva vera e propria del tallone,
questa può essere definita a “occhio” muovendo i punti che ne
determinano l’andamento oppure importando una dima tramite
scanner.

• IMPORTAZIONE DIMA TRAMITE SCANNER:

Il processo è quello visto nel capitolo 7.2.

Per accedere allo scanner basta premere l’icona e comparirà la


seguente finestra.

151
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Posso creare un archivio di dime scannerizzate basta che siano:


BMP in Bianco e nero (2 bit) a 200 dpi
Se si utilizza un’altra risoluzione bisogna poi entrare nella
configurazione dell’acquisizione e mettere la stessa
utilizzata per scannerizzare nella voce “risoluzione BMP”.
NOTA:
SE LA RISOLUZIONE UTILIZZATA PER LA SCANSIONE E
QUELLA IMPOSTATA NEL CAD NON SONO IDENTICHE IL
RISULTATO DELL’IMPORTAZIONE SARA’ UNA DIMA DI
DIMENSIONI ERRARE

152
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Una volta “Accettata la dima importata” viene posizionata nella


finestra 2D:

A questo punto bisogna spostarla/ruotarla manualmente nella sua


posizione corretta.
Con “Shift” + mouse la facciamo traslare, mentre con “Ctrl” +
mouse ruota attorno al punto selezionato.

Procedimento ottimale:
Traslazione fino a far coincidere i due punti del tallone (“Shift” +
mouse)

153
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Selezione del punto del tallone per la successiva rotazione

Rotazione fino a far coincidere la fine della curva del tallone con la
curva della dima (“Crtl” + mouse).

154
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Ed infine adattamento curva tallone a quella della dima spostando i


punti della curva del tallone:

Una volta adattata la curva premere il pulsante per


verificare il risultato in anteprima.

Se il risultato risulta soddisfacente premendo si applica


il taglio alla forma, diversamente se si preme si perde
tutto.

155
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

11.2 RIMOZIONE SUPPORTO PUNTA

Premendo l’icona si accede al taglio della cimosa in punta.


Analogamente al taglio della cimosa posteriore anche quello della
cimosa della punta è suddiviso in più fasi, dando la possibilità
all’utente di proseguire se vuole una maggiore precisione nel taglio
oppure di fermarsi in una qualsiasi delle fasi intermedie.
FASE1 – TAGLIO CON PIANO
FASE2 – TAGLIO CON SUPERFICIE CONTROLLABILE
FASE3 – TAGLIO DEFINENDO UNA LINEA 3D DEL FILOFORMA E
PROFILO

11.2.1 PRIMA FASE – RIMOZIONE AUTOMATICA – TAGLIO CON


PIANO
La prima opzione a nostra disposizione è quella di lasciare la gestione
del taglio al CAD che effettuerà in automatico la rimozione della
cimosa. Questo processo è molto veloce in quanto viene tutto gestito
dal computer, ma non garantisce in tutti i casi il miglior risultato.
Tenendo presente che comunque per poi andare a lavorare sulla
macchina serve re-inserire i supporti, questa soluzione risulta
immediata e di facile utilizzo.
Conviene prima di tutto selezionare l’ultima sezione valida sulla forma
(evidenziata in bianco), è importante essere al di fuori dalla cimosa in
quanto la ricostruzione della punta comincia da quella sezione.
Per selezionare le sezioni successive basta usare i tasti visti in
precedenza

156
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Per fare questo basta posizionarsi appena prima della cimosa (come
visto per quanto riguarda il supporto dietro) e premere subito il
pulsante .
A questo punto, come al termina di tutte le operazioni, viene mostrato
il risultato della rimozione.

Se quello che viene proposto va bene allora selezionando di nuovo


si applica la rimozione vista sul modello.

11.2.2 SECONDA FASE – TAGLIO CON SUPERFICIE.


La seconda fase-opzione possibile per tagliare la cimosa davanti
risulta più precisa e ci permette di ottenere risultati migliori.
Per accedere a questa fase come prima cosa dobbiamo selezionare
l’ultima sezione valida sulla forma (evidenziata in bianco), è
importante essere al di fuori dalla cimosa in quanto la ricostruzione
della punta comincia da quella sezione.

157
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Per selezionare le sezioni successive basta usare i tasti visti in


precedenza

che permettono di passare da una sezione all’altra. Posizionarsi nella


prossimità dell’inizio della cimosa.

Posizione ottimale Posizione errata

Una volta selezionata la sezione corretta premere il pulsante


per accedere alla fase successiva.
In questa fase abbiamo a disposizione una superficie che utilizzeremo
per tagliare la cimosa.

158
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Questa superficie viene controllata mediante tre linee, quella di


sinistra, quella centrale e quella destra che sono unite tra loro fino a
creare una sola superficie utilizzando l’opzione Edizione unita.

Modificando le linee possiamo creare una superficie di taglio ottimale,


verificando nella finestra 3D effettivamente cosa e dove andiamo ad
eliminare. Se però dobbiamo agire su ogni linea singolarmente,
possiamo deselezionare l’opzione Edizione unita mediante il tasto
destro del mouse agendo in questo modo:

Cliccare sull’opzione Edizione unita per deselezionare l’opzione e poi


rientrare nel menù sopra selezionado la curva che si intende
modificare.

159
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

160
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

A questo punto proseguo alla fase successiva per terminare il taglio


della cimosa in punta con questa superficie premendo .

11.2.3 TERZA FASE – RIDEFINIZIONE PUNTA

La seconda opzione invece, è stata introdotta per la rimozione di


quelle cimose delle cimose che si trovano in punta invece che sotto,
come mostrato in figura:

161
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Per il taglio di una cimosa di questo tipo, dobbiamo quindi usare


l’opzione Ridefinire punta

Molto importante è posizionare la linea bianca di taglio ai piedi della


cimosa come mostrato in figura:

162
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Dopo aver posizionato la linea di taglio, bisogna premere il tasto


Segue per visualizzare la prima delle due finestre che ci
permetteranno di ridefinire la punta. In questa prima finestra, bisogna
ridefinire la parte relativa al sottopiede come indicato in figura:

Qui si devono selezionare e cancellare i punti appartenenti alla


cimosa.
Il risultato sarà il seguente:

163
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

Dopo aver rimosso i punti ed aver ridefinito il sottopiede della punta,


bisogna premere Aventi per passare alla definizione della punta nella
vista laterale:

Anche in questo caso dobbiamo eliminare i punti che fanno parte della
cimosa. Il risultato sarà il seguente:

164
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

In seguito basta premere il pulsante Vada a finire per avere


un’anteprima del risultato definitivo. Per avere il taglio effettivo,
bisogna premere il pulsante Fine.Il risultato definitivo è mostrato in
figura:

165
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 ELIMINAZIONE DELLE CIMOSE

11.2.4 QUARTA FASE – ELIMINAZIONE SEZIONI


La terza opzione presente nel menù a tendina è quella relativa al
taglio delle sezioni della cimosa; in questo caso posiziono la linea di
taglio nel punto in cui voglio tagliare la cimosa, come descritto in
figura:

cliccare sul tasto Vada a finire per ottenere il seguente risultato:

166
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

12 MODIFICA SOTTOPIEDE.
La modifica della pianta permette all’utente di cambiare i vari nodi che
determinano il Filoforma.
Una volta che abbiamo il progetto nello schermo per accedere alla
modifica della pianta si procederà nel modo seguente:

Premere l’icona Sottopiede sottopiede ed entriamo nella modifica


della pianta.

Nella modifica della pianta, a parte le icone comuni a tutte le


modifiche, appare un blocco che incorpora icone specifiche che sono
usate nella presente modifica.

Opzioni di adattamento Permette di definire le differenti


opzioni di adattamento della linea della pianta modificata.

Zona Costante Permette di definire la parte della forma


che deve rimanere costante una volta applicata la modifica

167
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Adattare la forma alla pianta Permette di modificare la


forma senza cambiare la pianta.

Adattare la pianta alla forma Permette di modificare la


pianta senza cambiare la forma.

Applicare cambi Permette di applicare modifiche realizzati


nell’edizione della pianta.

Vedere forma originale permette di visualizzare/occultare la


forma originale in 3D.

Vedere forma modificata permette di visualizzare/occultare la


forma modificata in 3D.
Nella modifica della pianta, si possono realizzare differenti processi
per l’adattamento del sottopiede alla forma o viceversa, e questi sono:
ROTAZIONI DEL SOTTOPIEDE.
DEFINIZIONE DEI PIANI.
ADATTAMENTI DELLA MODIFICA.
APPLICAZIONI DI CAMBI.

12.1 ADATTAMENTO DELLE MODIFICHE.


L’adattamento delle modifiche realizzate al filoforma del modello , può
riflettere nella forma in due modi differenti:

ADATTANDO LA FORMA ALLA PIANTA.

ADATTANDO LA PIANTA ALLA FORMA.

12.1.1 ADATTANDO LA FORMA ALLA PIANTA.


Le modifiche fatte sul filoforma vengono riprodotte sul modello, quindi
se modifico il filoforma di conseguenza modifico anche il modello in
perfetta concordanza con la modifica fatta sulla pianta.
Il procedimento di adattamento della forma al filoforma si attiva
selezionando previamente l’icona.

Adattare la forma alla pianta.


A questo punto basta modificare il filoforma tramite i nodi che ne
determinano il perimetro, le modifiche si trasmetteranno sulla forma
tramite una zona di raccordo definita dall’utente come anche il tipo di
raccordo stesso.
Per realizzare automaticamente le modifiche desiderate, premere
l’icona

168
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Applica modifiche.

12.1.2 ADATTANDO LA PIANTA ALLA FORMA.


Le modifiche fatte sul filoforma vengono riprodotte sul modello, ma
non modificano il modello stesso. In questo modo possiamo
modificare/correggere il filoforma calcolato automaticamente come se
lo stessimo disegnando con un pennarello sulla forma.
Il procedimento di adattamento si attiva selezionando previamente
l’icona

Adattare la pianta alla forma.


Per comprendere bene prendiamo un esempio di un modello da
donna dove la parte interna non presenta uno spigolo, in questo caso
non sempre si riesce a calcolare in modo ottimale il filoforma:

Modificando in modo appropriato il filoforma con l’opzione


selezionata possiamo correggere la zona errata.
Per realizzare le modifiche desiderate in 3D, premere l’icona

169
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Applica modifiche.

Come si può notare adesso il filoforma interno risulta corretto. Per


mantenere questa modifica bisogna Salvare il modello premendo
l’icona

Nel caso venga realizzata una modifica in qualsiasi editor del


programma, il sistema chiederà all’utente, tramite la finestra di dialogo
Chiusura dell’editor del modello, la caratteristica desiderata per
memorizzare o uscire dalla modifica con le diverse possibilità qui sotto
elencate:

170
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

12.2 DEFINIZIONE AREA COSTANTE .


Permette di definire la parte della forma che deve variare e quella che
deve invece deve rimanere costante una volta applicata la modifica.
Il procedimento è il seguente:

Premendo l’icona si attiva la finestra di selezione area costante.

12.2.1 ZONA COSTANTE – NESSUNA


In questo caso non vi sono limitazioni quando la forma viene
raccordata

171
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

12.2.2 ZONA COSTANTE - DA MASSIMO


In questo caso selezioniamo la zona utilizzando il punto massimo
delle sezioni della forma.

12.2.3 ZONA COSTANTE - UTENTE:

• PIANO GEOMETRICO.

Con l’opzione utente è possibile spostare il piano blu con il mouse per
selezionare la zona desiderata.

172
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

• PIANO PARAMETRICO.

Il piano parametrico è dato dal profilo della forma..

• CURVA PARAMETRICA

Partendo dal piano parametrico si può creare una zona mediante una
curva movendo i singoli punti definendo direttamente sulla superficie
della forma la zona costante desiderata, come mostrato di seguito.

173
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Appena attivata l’opzione, verrà visualizzata la forma di profilo; per


poter effettuare la rotazione della stessa forma, basta premere il
pulsante ed utilizzare contemporaneamente il pulsante sinistro del
mouse + il tasto CTRL. Per il movimento della forma all’interno della
finestra invece, si deve premere il pulsante SHIFT + il solito tasto
sinistro del mouse. Per la definizione della zona costante, e quindi per
la modifica della posizione dei vari punti o la loro cancellazione o
aggiunta, si deve ricorrere all’utilizzo dei pulsanti seguenti , Selezione
punto, Aggiunta punto, Eliminazione punto o commutazione di un
punto curva in punto spigolato : .

• ALTEZZA

Consente di mantenere una zona costante in base alle misure che


vengono impostate dall’utente nell’apposito riquadro.

174
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Sulla forma la zona costante viene definita dalle tre misure che noi
applichiamo ad altrettante linee nere presenti sul 3D. E’ possibile
anche modificare la posizione di queste tre linee nere, spostamento
che può avvenire in orizzontale, come mostrato in figura:

I tre punti azzurri


presenti in figura,
possono essere
spostati a destra
o sinistra
indipendentemen
te l’uno dall’altro.

12.3 DEFINIZIONE DEL METODO DI RACCORDO

Selezionando l’icona si ha la possibilità di scegliere il tipo di


raccordo.

175
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Permette di definire il tipo raccordo che si applicherà nel realizzare la


modifica della pianta. Questo raccordo si può definire in tre tipi base:
Raccordo massima.
Raccordo completa.
Senza raccordo.

12.3.1 RACCORDO DAL MASSIMO


Questo tipo di raccordo è quello che mantiene di più la linea originale
del modello e funziona molto bene sulla punta. Viene calcolato il
punto massimo di ogni sezione e la zona compresa tra il filoforma ed il
punto massimo viene traslata fino alla nuova posizione del nuovo
filoforma:
In questo modo si mantiene completamente la linea originale del
modello fino al punto massimo della sezione poi viene raccordata fino
alla linea che demarca la zona di raccordo.

Profilo
raccordato

Profilo traslato

12.3.2 RACCORDO COMPLETO


Questo è un tipo di raccordo più libero, in questo caso il raccordo
viene fatto dal nuovo punto del filoforma fino alla linea di
demarcazione della zona di raccordo.

176
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Profilo
raccordato

12.3.3 SENZA RACCORDO


Senza raccordo è semplicemente un’aggiunta di materiale che
garantisce il nuovo filoforma ma non un raccordo sui lati.

Profilo NON
raccordato

L’utente sceglie il tipo desiderato tra queste tre opzioni ed il risultato


potrà essere osservato direttamente tenendo pigiata l’icona
Applicare cambi.

12.4 IMPORTAZIONE DI UN FILOFORMA.


Abbiamo la possibilità d’importare un filoforma tramite lo scanner o
direttamente da una forma già importata e quindi presente nel
database.

177
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

L’importazione della dima avviene come spiegato nel capitolo 7.2 per
quanto riguarda il significato delle icone e 8.1.2 per quanto riguarda
l’importazione vera e propria.

12.4.1 IMPORTAZIONE DA SCANNER


Una volta creato un file immagine .BMP in Bianco e Nero a 200 dpi,
premendo l’icona si accede al menù importazione dime, una volta
selezionato il file corretto della dima scannerizzata:

si posiziona il filoforma nella sua posizione corretta con le icone

. Una volta accettato viene chiesto se si intende importare la


dima come nuova pianta e quindi applicarla alla forma modificandola
oppure se importarla come referenza e non modificare la forma ma
avere il profilo della dima sovrapposto in 2D su quello attuale.

178
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

• REFERENZA:

• PIANTA:

Quando s’importa la dima come pianta la prima cosa che viene


verificata è la lunghezza della dima importata e quella del modello
sulla quale si vuole applicare la dima.
Se le due lunghezze sono diverse compare automaticamente un
menù dove si può decidere in che modo portare la forma alla
lunghezza della dima, operazione necessaria prima ancora di
adattarla al nuovo profilo.
Abbiamo a disposizione tre opzioni:

179
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

Definendo una zona costante della forma possiamo decidere se


allungare/accorciare la Punta o il Tallone per portare la forma alla
stessa lunghezza della dima. Oppure con l’opzione Sviluppare tutto
possiamo decidere di allungare/accorciare sia la una parte di punta
che di tallone.
Movendo il piano definiamo la zona esatta che verrà modificata

Tallone costante

Punta costante

Sviluppo tutto

Una volta selezionato la zona corretta da modificare si hanno a


disposizione gli strumenti visti all’inizio del capitolo per gestire i
raccordi.

180
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

NOTA:
Per vedere le modifiche applicate ricordarsi di attivare l’icona Applicare

12.5 MODIFICA DI UNA ZONA O TUTTO IL FILOFORMA


DI UN VALORE COSTANTE - PARALLELA
Vi è la possibilità di selezionare e modificare una parte del filoforma o
tutto in modo da poter aumentare o diminuire la curva stessa.

12.5.1 TUTTO IL FILOFORMA


Una volta selezionata la curva selezionando la voce “parallela” nel
menù opzioni:

compare una finestra all’interno della quale si può inserire di quanti


millimetri si deve aumentare/diminuire TUTTO il filoforma

Una volta scelto se si vuole applicare direttamente sulla forma


(Pianta) la modifica oppure se si vuole solo avere una linea di
riferimento (Referenza) si avrà il seguente risultato.

181
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

12.5.2 PARTE DEL FILOFORMA


Utilizzando le funzioni dell’editor 2D, possiamo definire una zona del
filoforma da modificare, ad esempio se dobbiamo aumentare la zona
della calzata.
Selezioniamo i dei punti che definiscono gli estremi del tratto da
modificare, dopo di che tramite l’opzione “muovere per coordinate”
spostiamo la parte selezionata di –5mm (asse Y)

A questo punto non ci resta che raccordare i due estremi:

182
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 MODIFICA SOTTOPIEDE.

183
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLA PUNTA.

13 EDITOR DELLA PUNTA.


L'editore di punta permette all'utente la creazione di una nuova punta
tramite la modifica dei vari nodi che formano la punta nelle tre sezioni
caratteristiche.

NOTA:
Questa funzione serve per CREARE una NUOVA punta PERDENDO quella vecchia.
Una volta selezionata l’icona la prima cosa che compare è un mesaggio di
Questo editore serve a creare
avvertimento sul tipo di modifica che una NUOVA punta. La geometria della
verrà fatta:
punta di partenza si perde completamente:

Selezionando l'icona Punta si apre la finestra di dialogo


Selezione dell'ultima sezione valida per la punta dove si deve
posizionare la linea nella posizione desiderata per stabilire l'area da
editare.

Una volta posizionata la linea, premere Accettare. In questo modo si


entra direttamente nell'editore di punta.

184
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DELLA PUNTA.

Selezionando ognuna delle finestre ed utilizzando le icone


precedentemente descritte nei comandi comuni 2D (7.3, 7.4 e
7.5)vengono modificati i nodi desiderati. Si deve poi premere l'icona
Applica modifiche, per adattare automaticamente le modifiche
fatte in fase di edizione.
In seguito, nella finestra in alto a sinistra dell'editore, si possono
vedere le modifiche applicate ad un punto.

185
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL TALLONE

14 EDITOR DEL TALLONE


L’editor del tallone permette all’utente di modificare il profilo del tallone
della forma.
Il funzionamento è molto simile a quello visto per la rimozione della
cimosa del tallone cap 8.1, anche questo processo è stato diviso in
due fasi.
Per accedere all’editor del tallone una volta aperto il modello si
prosegue nel modo seguente:

Premere l’icona Tallone, a questo punto compare la prima


schermata dove bisogna selezionare la prima sezione valida

14.1 PRIMA FASE – RIMOZIONE AUTOMATICA.


La prima opzione a nostra disposizione è quella di lasciare la gestione
della selezione delle sezioni e punti chiave al CAD che effettuerà in
automatico la selezione della curva del tallone da modificare. Questo
processo è molto veloce in quanto viene tutto gestito dal computer,
ma non garantisce in tutti i casi il miglior risultato.

Per fare questo basta premere subito il pulsante .

186
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL TALLONE

Entriamo così nel menù principale dove possiamo ridefinire la curva


del tallone e della cresta della zona ricostruita a mano libera o tramite
importazione di dime come visto nel capitolo 8.1.2.
Inoltre, rispetto all’opzione del taglio della cimosa abbiamo la
possibilità di esportare entrambe le curve.

14.2 SECONDA FASE – RIMOZIONE PIU’ PRECISA


La seconda fase-opzione possibile per modificare la curva del tallone
risulta più precisa e ci permette di ottenere risultati migliori.
Per accedere a questa fase come prima cosa dobbiamo selezionare
l’ultima sezione valida sulla forma (evidenziata in bianco.
Per cambiare la sezione selezionata basta usare i tasti visti in
precedenza

mediante questi possiamo passare da una sezione all’altra.

187
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL TALLONE

Una volta selezionata la sezione corretta premere il pulsante


per accedere alla fase successiva.
Il passo successivo è quello di determinare il punto massimo
superiore del tallone, anche in questo caso quello proposto dal
programma di default va bene nella maggior parte dei casi, in caso
contrario basta spostare la sezione.

Punto massimo
superiore del
tallone

Una volta selezionata la sezione corretta premere il pulsante


per accedere alla fase successiva.

188
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL TALLONE

In questa fase si può modificare o aggiustare sia la curva superiore


del tallone che la curva del tallone stesso, quest’ultima può essere
definita a “occhio” movendo i punti che ne determinano l’andamento
oppure importando una dima tramite scanner (capitolo 8.1.2.1).

Nuovo profilo del tallone

189
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL TALLONE

In questo momento possiamo archiviare la curva o importare con lo


scanner una dima. Una volta definita la curva premendo l’icona
vengono applicate le modifiche.
Chiudendo il modello si hanno le solite opzioni che si trovano all’uscita
da ogni editor:

190
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

15 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.


L'editor di cambriglione permette all'utente la modifica dei vari nodi
che formano la curva del cambriglione della forma.
Per accedere all'editore di cambriglione, una volta visualizzato il
modello sullo schermo, si procede nel seguente modo:

Selezionando l'icona Cambriglione si entra nell'editore di


cambriglione.

All'interno dell'editore di cambriglione, a parte le icone comuni a tutti


gli editori, esiste un blocco che aggiunge delle specifiche icone
utilizzabili per questo editore.

Carica tacco Richiama i tacchi dal programma


Easyheel3D (NEWLAST).

191
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

Elimina tacco caricato Richiama i tacchi dal programma


Easyheel3D (NEWLAST)

Giro negativo Realizza giri in senso negativo.

Giro positivo Realizza giri in senso positivo.

Opzioni Permette di specificare le opzioni di


applicazione.

Vedere forma originale permette di visualizzare/occultare la


forma originale in 3D.

Vedere forma modificata permette di visualizzare/occultare la


forma modificata in 3D.

Selezione zona costante Vedere cap 12.2

Applica modifiche Permette di applicare le modifiche


realizzate con l'editore.

Mediante l'icona Carica tacco è possibile richiamare un file


*.DTM realizzato con il programma Easyheel3D, per la prototipazione
e lavorazione dei vari numeri del tacco di una forma.
Il tacco appare nella pagina dell'editore di cambriglione, posizionato
nella zona del tallone, sovrapposto alla linea di cambriglione. Si può
anche vedere nella finestra 3D.
Si può comunque importare anche il profilo di un tacco tramite
scanner, in questo caso non vi sarà l’immagine 3D del tacco ma
solamente la sezione.

192
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

Mediante le icone è possibile ruotare il tacco in modo da


trovare la giusta angolazione rispetto alla forma.

Mediante l'icona Opzioni è possibile scegliere la modalità di


applicazione delle varie modifiche effettuate sulla linea di
cambriglione.

Originale
Questa rappresenta la sezione di partenza della forma, prima di aver
fatto alcuna modifica. Di seguito mostreremo come varia questa
sezione con le varie opzioni di modifica del profilo della forma

193
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

15.1 MUOVERE SEZIONI


Con l'opzione Muovere sezioni, è possibile apportare le correzioni
spostando la sezione, in questo caso le sezioni della forma NON
variano.

194
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

15.2 SCALARE SEZIONI


Con l'opzione Scalare sezioni, si realizza la correzione scalando le
dimensioni della sezione modificata, in questo caso la sezione VARIA
rispetto all’originale. Si può inoltre, tramite l’icona definire una
zona costante della forma e quindi scalare solo quella rimanente,
Vedere cap 9.3.

15.3 SCALARE SOTTOPIEDE


Con l'opzione Scalare sottopiede, si realizza la correzione
modificando la sottopiede della forma, il resto rimane invariato.

Nuovo profilo
sottopiede

195
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

15.4 SALIRE SOTTOPIEDE


Con l’opzione Salire sottopiede, si realizza un taglio del sottopiede
ed un’asportazione di materiale. In questo caso la sezione superiore
della forma NON varia. Funzione utilizzata anche per diminuire lo
spessore della punta sulla pianta, oppure per diminuire lo spessore di
tutta la forma..

15.5 ABBASSARE SOTTOPIEDE


Con l’opzione Abbassare sottopiede, si realizza un taglio del
sottopiede ed un’aggiunta di materiale. In questo caso la sezione
superiore della forma NON varia. Funzione utilizzata anche per
aumentare lo spessore della punta sulla pianta, oppure per
spessorare tutta la forma.

Taglio e aggiunta di Stesso profilo


materiale

196
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL CAMBRIGLIONE.

Selezionando ognuna delle finestre ed utilizzando le icone


precedentemente descritte nei comandi comuni, vengono modificati i
nodi desiderati. Si deve poi premere l'icona Applica modifiche
per adattare automaticamente le modifiche fatte in fase di edizione.

Mediante l’icona è possibile definire dove viene tagliata la forma


ed aggiunto\tolto materiale prima di unire di nuovo i la parte superiore
con quella inferiore. Vedere cap 12.2

197
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE.

16 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE.


L'editore di profilo permette all'utente la modifica della linea di profilo
che divide la forma in due parti.
Editare i vari nodi che formano l'immagine che è stata posizionata
sopra la superficie della forma nella zona compresa tra la punta ed il
tallone, lungo la linea del collo e della cresta.
Per accedere all'editore di profilo, una volta visualizzato il modello
sullo schermo, si procede nel seguente modo:

Selezionando l'icona Profilo si entra nell'editore di profilo.

All'interno dell'editore di profilo, a parte le icone comuni a tutti gli


editori, esiste un blocco che aggiunge delle specifiche icone utilizzabili
per questo editore.

Opzioni Permette di specificare le opzioni di applicazione.

Selezione zona costante Vedere cap 12.2

Applica modifiche Permette di applicare le modifiche


realizzate con l'editore.

198
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE.

Selezionando l'icona Opzioni, è possibile scegliere la modalità di


applicazione delle varie modifiche effettuate sulla linea di profilo.

16.1 MUOVERE SEZIONI


Con l'opzione Muovere sezioni, si realizza la correzione spostando la
sezione, come nel paragrafo 12.1.

16.2 SCALARE SEZIONI


Con l'opzione Scalare sezioni, si realizza la correzione scalando le
dimensioni della sezione modificata, come nel paragrafo 12.2. Anche
qui si può inoltre, tramite l’icona definire una zona costante della
forma e quindi scalare solo quella rimanente, Vedere cap 12.2.

16.3 SALIRE PROFILO


Con l’opzione Salire profilo, si realizza un taglio del sottopiede ed
un’aggiunta di materiale. In questo caso la sezione superiore della
forma NON varia come linea ma solo come spessore. Utilizzato per
aumentare lo spessore della punta superiore. Come nel paragrafo
15.5. Anche qui mediante l’icona è possibile definire dove viene
tagliata la forma ed aggiungo\tolgo materiale prima di unire di nuovo i
la parte superiore con quella inferiore. Vedere cap 12.2

199
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE.

Taglio e aggiunta di Stesso profilo


materiale

16.4 ABBASSARE PROFILO


Con l’opzione Abbassare profilo, si realizza un taglio del sottopiede
ed un’asportazione di materiale. In questo caso la sezione superiore
della forma NON varia come linea ma solo come spessore. Opzione
utilizzata per diminuire lo spessore della punta superiore. Come nel
paragrafo 12.4
Come sopra solo che diminuisco lo spessore:

200
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITOR DEL PROFILO SUPERIORE.

Selezionando gli strumenti per modificare le linee (funzioni


precedentemente descritte nei comandi comuni 10.3, 10.4 e 10.5)
possiamo modificare il profilo nel modo desiderato. Si deve poi
premere l'icona Applica modifiche per adattare automaticamente
le modifiche fatte in fase di edizione.
NOTA:
Nella seguente situazione:

quando si vuole aumentare lo spessore/inclinazione sul collo, per


eliminare un eventuale segno sulla forma basta ridefinire la curve
come segue:

201
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

17 EDITORE LOCALE.
L'editore locale permette all'utente di modificare la superficie della
forma aggiungendo stucco, procedura tradizionale di riempimento
delle parti della forma che richiedono più o meno.
Per accedere all'editore locale, una volta visualizzato il modello sullo
schermo, si procede nel seguente modo:

Selezionando l'icona locale si entra nell'editore locale.

All'interno dell'editore locale, a parte le icone comuni a tutti gli editori,


esiste un blocco che aggiunge delle specifiche icone utilizzabili per
questo editore.

Curva predefinita Permette di creare una figura di forma


geometrica.

Seleziona zona Permette di adattare la curva predefinita


alla forma.

202
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

Applica modifiche Permette di adattare le modifiche realizzate


alla forma.
La procedura di lavoro all'interno dell'editore locale è la seguente:

17.1 CREAZIONE/MODIFICA CURVA DI SELEZIONE

Selezionando l'icona Curva predefinita si apre la finestra di


dialogo Curva predefinita, dove si inserisce il tipo di figura desiderata
ed il numero di lati della stessa.

Nella finestra in alto a destra appare l'immagine creata e anche sulla


finestra di visualizzazione in 3D appare una copia di detta immagine.

Selezionando i punti dell'immagine creata, si possono modificare in


modo da adattate la dimensione e la posizione dell'immagine rispetto
alla posizione della forma. Si può inoltre utilizzare la funzione di zoom
che (ingrandisce e diminuisce) l'immagine 3D utilizzando i tasti "+" e "-
", e si può spostare il modello utilizzando i tasti freccia.

203
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

17.2 SELEZIONE AREA STUCCATURA


Una volta definita l’area e sulla finestre 3D si vede la linea di
demarcazione dell’area sopra la parte interessata del modello
dobbiamo selezionarla.

Selezionare l'icona Facendo questo si seleziona in modo tale che


l'immagine creata ed editata si adatti alla superficie della forma, come
si può osservare nella grafica seguente:

A questo punto restano solo da definire le azioni da intraprendere


attraverso i vari comandi:

204
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

17.3 METTERE STUCCO


Qui si deve indicare lo spessore che avrà lo stucco che si aggiungerà
sulla superficie della forma
Esempio :
+4mm

-4mm

17.4 SPIANARE ZONA


Ci permette di riempire e spianare la zona selezionata.

205
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

17.5 MODIFICARE ZONA


Ci permette di realizzare modifiche sulla zona tramite la definizione di
una sezione. Tutte queste modifiche possono essere applicate in
senso orizzontale e verticale. Nella grafica seguente si può
osservare il modo in cui è stata applicata una porzione di stucco di 10
mm circa per creare una protuberanza. Per poi vedere il risultato sulla
forma, selezionare l'icona Applica modifiche.
Con questa opzione possiamo definire una curva guida per la zona
che modifichiamo, questo andamento è dato dalla definizione della
curva A rappresentata sulla superficie dalla curva rossa B. La curva B
può essere posizionata in qualsiasi direzione all’interno della zona
selezionata; per attivare la selezione della curva basta evidenziare
con il muose le due croci rosse presenti sul profilo della linea di
selezione C e comparirà la linea rossa D.

A
B

206
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE LOCALE.

A questo punto basta muovere gli estremi della linea rossa e


selezionare ogni volta che si cambia curva la nuova zona con l’icona
figure E ed F.

E F

207
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

18 EDITORE DI UNIONE.
L’editor d’unione ha due funzioni:
• Una è quella di unire due modelli diversi e quindi poterli
posizionare nel modo migliore per ottenere l’unione desiderata.
• L’altra è quella di modificare un singolo modello, ad esempio
cambiare l’altezza del tacco, allargare la punta ecc.. questo
viene fatto creando una copia del modello stesso in modo tale
da lavorare come se si trattasse effettivamente di una unione di
due modelli, con la differenza che i due modelli sono uguali.
Analizzeremo prima l’unione tra due modelli diversi ed il loro
posizionamento

18.1 UNIONE DUE MODELLI - POSIZIONAMENTO


Vedremo ora il posizionamento dei due modelli e la loro unione.
Per unire due modelli, bisogna creare un modello nuovo, si procede
nel modo seguente:

Selezionando l'icona Nuovo e seguendo la procedura vista nel


cap 7, 7.2 e 7.3 si entra così nell'editore di unione.

208
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

All'interno dell'editore di unione, a parte le icone comuni a tutti gli


editori, esiste un blocco che aggiunge delle specifiche icone utilizzabili
per questo editore.

Posizionamento Permette di posizionare le forme nel modo


corretto.

Modifica Permette di modificare i piani di taglio\unione.

Zona scartata Permette di attivare\disattivare la visione


della zona scartata delle forme

Rispondenza della zona di unione rispetto alla


punta ed al corpo di partenza.

Piano automatico Posiziona il piano divisorio (verde) in modo


automatico o manuale.

Forma1 Visualizza\nascondi la forma di cui utilizzeremo


corpo\tronchetto.

Forma1 Visualizza\nascondi la forma di cui utilizzeremo


la punta\forma sotto

Forma Risultato Visualizza\nascondi la forma risultante


dall’unione della forma1 e forma2

Conferma superficie di unione Si confermano le modifiche


effettuate e si trasferiscono sul modello definitivo.

Applica modifiche Applica o meno le modifiche realizzate alla


forma.

PROCEDURA DI POSIZIONEMENTO.
Con l'utilizzo degli strumento visti in precedenza è possibile procedere
all'adattamento e posizionamento dei due corpi uniti.
Nella schermata principale dell’editor d’unione vediamo le due forme
nella loro completezza (blu e rossa), ci troviamo ora nella modalità di
Posizionamento. Possiamo quindi muovere e ruotare le forme
in modo tale da posizionarle nel modo desiderato prima di unirle.
Prima di muovere\ruotare una forma bisogna selezionarla, questo
viene fatto semplicemente ciccando sulla forma stessa. Una volta

209
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

selezionata la sulla forma compariranno le misure del modello, questo


indica che la forma con le misure è stata selezionata.
NOTA:
Per passare da una forma all’altra si può anche premere il tasto TAB

18.1.1 SPOSTAMENTO
Per poter muovere la forma abbiamo i seguenti comandi:
• SHIFT + MOUSE trasciniamo la forma con il muose
• SHIFT + freccette spostamenti di 0.5mm nella direzione della
freccia
• SHIFT + M una volta selezionato il punto della forma che si
vuole muovere (evidenziato con un segno nero ) comparirà la
seguente finestra (si trova anche nel menù Modifica)

a b

dove è possibile inserire lo spostamento in mm nella direzione


selezionata a (verticale) o b (orizzontale).
Questo spostamento viene eseguito dal punto selezionato ed
evidenziato con il marcatore

18.1.2 ROTAZIONE
La forma ruota attorno al centro di rotazione rappresentato dal

seguente segno . Il centro di rotazione può essere posizionato


tramite il mouse a piacimento.
Tenendo conto del centro di rotazione abbiamo i seguenti comandi
• CTRL + Mouse rotazioni libere con il muose
• CTRL + freccette rotazione di qualche decimo di mm nella
direzione della freccia
• CTRL + R una volta selezionato il punto della forma che si
vuole ruotare (evidenziato con un segno nero ) comparirà la
seguente finestra (si trova anche nel menù Modifica):

210
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

L’incremento viene applicato al punto selezionato tramite il marcatore

18.1.3 PIANO DI TAGLIO VIRTUALE


Vi è presenza di un piano di taglio che permette di verificare le sezioni
delle due forme in qualsiasi posizione.
Ad esempio in questa unione vogliamo verificare che la punta che
andremo ad innestare sia in asse con il corpo.

Spostiamo quindi il piano nella posizione:

Vediamo quindi che la punta non e posizionata correttamente, quindi


andiamo a ruotarla.

211
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

18.1.4 UNIONE-RACCORDO
Una volta posizionate le forme possiamo entrare nella modalità di
Modifica. Premendo questa icona compariranno i due piani di
taglio che determinano l’esatta posizione dove vengono tagliate ed
unite le due forme. Anche in questa modalità si possono Spostare e
Ruotare le parti che verranno unite come visto precedentemente.

La parte rossa e blu rimangono invariate, mentre la parte verde è il


raccordo dell’unione. L’utente può decidere se fare un raccordo o no,
nel caso non si volesse fare il raccordo basta ridurre al minimo la
zona verde per avere una semplice operazione di taglia ed incolla.

212
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

In questa modalità le misure che compaiono sono quelle relative


all’unione dei due modelli.
Per creare il modello risultante dall’unione dei due basta preme il
bottone e verrà creata\visualizzata la terza forma. Se lascio
selezionata questa icona ogni modifica che faccio viene ricreato il
modello finale automaticamente, rallentando però il processo di
calcolo.

Con le icone posso decidere quale visualizzare,


tutte, una alla volta o in combinazione.

RACCORDO
La zona di raccordo è una fase molto delicata dell’unione. Si può
decidere di porre i piani in modo tale da non avere raccordo e quindi
presentare uno scalino come dopo l’operazione manuale di taglio e
unione:

Scalino
NO
raccordo

213
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

Muovendo i piani di taglio posso allargare la zona di raccordo e


valutare in base alle linee dei profili verdi e dalla forma risultante la
validità del raccordo fatto. Analizziamo la seguente situazione:

Come vediamo abbiamo ampliato la zona di raccordo ma abbiamo


comunque uno scalino (profilo verde) a questo punto possiamo agire
su due variabili:

Piano automatico e gestione raccordo


• Nel primo caso svincoliamo il piano verde, la posizione di
questo piano indica l’area d’influenza che il corpo o la punta
hanno nel raccordo, ad esempio un situazione come la
seguente:

comporta un’influenza maggiore della forma della punta nel


raccordo delle due forme.

214
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

• Nel secondo caso possiamo aumentare\diminuire l’intensità


della parte destra e sinistra del raccordo dalle curve originali.
Se torniamo alla situazione precedente:

Parte del
corpo
Parte della
punta

Vediamo che la curve verde dalla parte del corpo cerca di


mantenere la linea del corpo scartata (blu tratteggiata), stessa
cosa dalla parte della punta con la linea della punta.
Spostando il righello verso sinistra diamo più libertà al
raccordo, mentre verso destra manteniamo il raccordo il più
fedele possibile alla parte scartata.
Svincolando quindi le curve nel modo seguente:

Otteniamo un risultato migliore:

215
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

NOTA:
Bisogna ricordarsi di verificare anche il profilo del sottopiede.

Lo stesso discorso vale se stiamo unendo un tronchetto con una


forma bassa (e viceversa), l’unica differenza è che dobbiamo spostare
i piani di taglio in modo tale da tagliare la forma nel modo corretto, ad
esempio:

216
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

18.1.5 ALTRI ESEMPI D’APPLICAZIONE DELL’UNIONE


Vi è inoltre la possibilità di unire un tallone con una forma, ad esempio
se vogliamo inserire un tallone quadrato su di una forma con tallone
rotondo:

217
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

• DA TALLONE QUADRATO A TALLONE ROTONDO (E VICEVERSA)

218
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

Altro caso possibile.

219
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

18.2 MODIFICA SINGOLO MODELLO


L’editor d’unione serve anche per modificare un modello, basta quindi
premere l’icona con aperto il modello che si vuole modificare e ci
si ritrova nella schermata come se stessimo facendo una unione.

Possiamo quindi utilizzare i piani di taglio per selezionare la parte di


forma che vogliamo modificare ed utilizzare le funzioni di spostamento
e rotazione.

18.2.1 ROTAZIONE
Ad esempio possiamo ruotare il tallone di 5 mm per cambiare altezza
tacco. Dobbiamo quindi posizionare i piani di taglio come il modellista
farebbe manualmente e poi posizionare il centro di rotazione.
A questo punto possiamo ruotare in muovendo con il CRTL+Mouse e
visualizzando le misure interattive, oppure selezionare il punto che si
vuole ruotare e dare l’incremento preciso tramite CRTL+R o dal menù
modifica.

220
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

A questo punto come visto precedentemente per creare il modello

finale basta premere l’icona Applica modifica .


Se si mantiene selezionata l'icona Applica modifiche tutte le
modifiche che l'utente vuole effettuare vengono applicate sulla finestra
di visualizzazione della forma in 3D, rallentando però il processo di
calcolo.
NOTA Molto importante:
Dopo una modifica se si vogliono fare altre modifiche bisogna
convalidare quella fatta precedentemente.

Selezionando l'icona Convalida superficie di unione, si


trasferiscono al modello le modifiche effettuate.

Le stesse operazioni le posso fare su tutte le viste.

221
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

18.2.2 ALLUNGARE\ACCORCIARE LA PUNTA\CORPO


Una volta che ho selezionato la vista con il profilo laterale della forma
posso allungare e\o accorciare la punta o il tallone. La parte che viene
modificata sarà quella che viene definita dall’utente tramite i piani di
taglio.
Una volta selezionata la zona da modificare posizioniamo il segno
nero dove si trova il piano di taglio (rosso se voglio modificare la
punta e blu se voglio modificare il corpo)

Per inserire l’incremento esatto bisogna premere CRTL+H oppure


selezionare nel menu “Modifica\allunga-accorcia”. Comparirà così la
seguente finestra:

222
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

Si può anche allungare a mano libera premendo i tasti


CTRL+ALT+Mouse.
A questo punto come visto precedentemente per creare il modello

finale basta premere l’icona Applica modifica .


Se si mantiene selezionata l'icona Applica modifiche tutte le
modifiche che l'utente vuole effettuare vengono applicate sulla finestra
di visualizzazione della forma in 3D.

18.2.3 ALLARGARE\STRINGERE LA PUNTA\CORPO


Selezionando la sezione del sottopiede in modo analogo a quanto
visto sopra possiamo allargare o stringere con vari metodi la punta o
corpo.
Una volta selezionata la zona da modificare la posizione del
marcatore nero è determinante per il risultato che si vuole
ottenere.
Se ad esempio voglio allargare la punta in entrambe i lati metterò il
marcatore in centro alla punta in modo che l’incremento verrà
applicato in parti uguali su entrambe i lati:

Se però posiziono il marcatore su di un lato avrò l’incremento


interamente sul lato opposto.

223
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

La differenza tra queste modifiche sta nella posizione deve viene


posta la croce nera.
Per attivare la modifica bisogna premere CRTL+V o selezionare dal
menù “Modifica\Allarga-stringi”. Comparirà cosi la seguente finestra:

Una volta inserito l’incremento che si vuole applicare ci troviamo con


le seguenti possibilità:
Con selezionato “No sviluppare zona scartata” modifichiamo la forma
tenendo invariati i punti di taglio. Ed in base al numero del livello di
raccordo che inseriamo abbiamo i diversi casi:

1 2 3

224
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

Se deselezioniamo l’opzione “No sviluppare zona scartata”

abbiamo:

A questo punto come visto precedentemente per creare il modello

finale basta premere l’icona Applica modifica .


Se si mantiene selezionata l'icona Applica modifiche tutte le
modifiche che l'utente vuole effettuare vengono applicate sulla finestra
di visualizzazione della forma in 3D, rallentando però il processo di.
Possiamo utilizzare questa funzione anche se in modo limitativo
anche nella finestra con il profilo delle forme a mano libera mediante i
tasti CTRL+SHIFT+Mouse ottenendo così il seguente risultato:

225
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

NOTA:
Per applicare tutto l’incremento impostato devo selezionare il punto
appartenente alla prima sezione della zona selezionata.
ESEMPIO:
Se imposto un incremento di 10 mm avendo seleziono prima il primo punto
della parte che devo allungare:

avrò unincremento corretto di 10mm.

Se invece seleziono il punto a metà della zona da allungare:

avrò un incremento dimezzato rispetto a quello impostato.

Gli esempi visti sono concentrati sulla modifica della punta, bisogna ricordarsi
che vi è comunque la possibilita di agire allo stesso modo sul corpo o tallone.
ESEMPIO:

226
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EDITORE DI UNIONE.

NOTE GENERALI SULL’EDITOR DELLA FORMA D’UNIONE

Tutte le modifiche viste nel Editor d’Unione sono applicabili a tutte le


zone della forma punta/tallone e nelle tre le viste (sezioni) della
forma.

Vista
1 Vista
3

Vista
2

Vi è inoltre la possibilità di decidere se fare un raccordo nella


zona dove è stata fatta una modifica oppure no.
Se non si vuole far gestire il raccordo al computer, e quindi fare una
modifica non raccordata, basta posizionare i piani che delimitano le
zone della forma 8rosso e blu) vicini (MA NON SOVRAPPOSTI)

Zona NON
raccordata

227
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

19 TRONCHETTO
Possibilità di creare un tronchetto ex novo partendo da una forma
bassa tramite la definizione di alcuni parametri chiave e l’importazione
di dime\profili.

Il menù della creazione del tronchetto è composto dalle seguenti


icone:

Posizionamento della linea di taglio per il posizionamento del


nuovo tronchetto.

Mostra\Nascondi la zona scartata della forma

Impostazione delle dimensioni della cresta del modello

228
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Editare tronchetto

Taglio tronchetto

Superficie di tronchetto

Mostra\Nascondi tronchetto applicato

Mostra\Nascondi forma

Mostra\Nascondi forma risultante (unione tra tronchetto e


forma)

Applicare cambiamenti. Creare forma risultante.

Il funzionamento è molto simile all’editor d’unione ed effettivamente


stiamo unendo una forma con un’altra forma, in questo caso
composta solo dal tronchetto.
Il piano di taglio rosso delimita la zona della forma che viene tagliata e
scartata. Questo piano può essere spostato a piacimento, come da
figura.

19.1 MISURE CHIAVE DEL TRONCHETTO

19.1.1 DIMENSIONI CRESTA

Premendo l’icona tramite la seguente finestra:

229
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Possiamo definire le dimensioni della superficie superiore del


tronchetto.
Si può inoltre importare una dima, vedere paragrafo 16.2.2

19.1.2 ALTEZZA TRONCHETTO


Per poter rilevare le due misure chiave del tronchetto utilizziamo il
piano di taglio nero ed il righello. In corrispondenza della posizione del
piano avrò la relativa sezione nell’apposita finestra.

Altezza
tronchetto

In questo modo posso rilevare l’altezza del tronchetto.

230
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Se fosse necessario variare tale altezza basta selezionare il


tronchetto ed applicare una traslazione e\o rotazione (attorno al centro
di rotazione ) al punto selezionato ed evidenziato con il segno .
Es. alzare il tronchetto di 5mm:
Premo SHIFT + M o vado nel menù modifica e seleziono “Muovere
per coordinate” per ottenere la finestra dove vado ad inserire il valore
in mm dello spostamento.

19.1.3 DISTANZA TALLONE


Per misurare la distanza del punto superiore del tallone, posizioniamo
il piano di taglio\riferimento come se fosse una squadra e misuriamo
con il righello la distanza ricercata:

231
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Anche in questo caso posso utilizzare tutti gli strumenti per


ruotare\traslare il pezzo per ottenere la misura corretta.

19.2 IMPORTAZIONE DIME


Vi è la possibilità, come in tutti gli altri editor d’importare delle dime

utilizzando le seguenti icone di Importazione/Esportazione .

19.3 DEFINIZIONE PROFILI BASE


Per la modifica vera e propria del tronchetto dobbiamo entrare nella
modalità Editare Tronchetto. Premendo , avremo l’opportunità di
modificare le linee del profilo anteriore e posteriore come si vede in
figura.
Per passare dalla linea anteriore a quella posteriore e viceversa,
bisogna premere il tasto TAB Per uscire dalla modalità aperta con il
tasto TAB, bisogna utilizzare il tasto ESC.

232
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Per rendere meglio l’idea del tipo di modifiche che possono essere
fatte con questa nuova funzione , iniziamo a modificare la linea
posteriore adattandola ad una dima di tronchetto importata da
scanner.

233
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

In questo caso abbiamo aggiunto due punti per effettuare


l’adattamento.

19.3.1 DIMA CRESTA


Mentre per la superficie superiore della forma possiamo importare una
dima ed applicarla direttamente sul tronchetto.

19.4 CREAZIONE SUPERFICIE NUOVO TRONCHETTO


Una volta che entrambe le linee sono state modificate, si passa alla
creazione vera e propria della superficie del tronchetto, utilizzando il
tasto che una volta premuto aprirà la seguente finestra:

234
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Con questa maschera è possibile scegliere il Numero di profili


intermedi da un minimo di 10 fino ad un massimo di 18, è anche
possibile determinare il numero di punti applicati ad ogni profilo , ed è
anche possibile determinare se il nuovo profilo del tronchetto deve
essere più stretto o no rispetto alla linea originale della forma alla
quale deve essere applicato. Per fare questo si agisce sulla levetta
indicata nella seguente figura

con la quale otterremo un tronchetto più stretto come questo:

Oppure più largo , agendo in questo modo:

235
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Sempre in questa finestra è possibile determinare la distanza tra le


sezioni con le quali abbiamo “costruito” il tronchetto e i punti per
sezione che rispecchiano il numero di punti che compongono l’ellisse
superiore ed inferiore del tronchetto.
Per la creazione di un tronchetto è necessario modificare solo le
prime tre opzioni. In più è possibile anche salvare la configurazione
ottenuta , spuntando la dicitura Salvare configurazione per difetto.

Per l’applicazione del nuovo tronchetto, basta premere il pulsante


Accettare per vedere il nostro nuovo tronchetto applicato alla forma,
come mostrato in figura

236
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Premendo il tasto TAB abbiamo la possibilità di andare a modificare


uno per uno tutti i profili intermedi , come mostrato in figura

Le frecce indicano il verso nel quale


vengono selezionati i profili intermedi
ogni volta che si preme il tasto TAB

Una volta che abbiamo finito di modificare tutti i profili basta premere
il tasto ESC per uscire dalla modalità Editare tronchetto. Per vedere il

237
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

nostro tronchetto in anteprima, cioè prima di salvarlo, basta premere il


tasto che aprirà la seguente visualizzazione.

19.5 TAGLIO DEL TRONCHETTO


Oltre ala possibilità di creare un nuovo tronchetto, ne esiste anche
una per trasformare una forma alta in una bassa, tramite l’opzione di
taglio del tronchetto. Per effettuare il taglio, si deve premere il
seguente pulsante Taglio tronchetto.

238
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Così facendo si entra in modalità taglia tronchetto. Nella prima finestra


in alto a sinistra, è possibile andare a definire l’altezza del taglio
muovendo la linea di taglio blu definita dai due punti rossi visibili nella
seguente immagine:

Una volta definito il punto in cui tagliare, si deve premere il pulsante


Applica modifiche .

239
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRONCHETTO

Quello mostrato sopra è la forma con il tronchetto tagliato. Per quanto


riguarda il tronchetto tagliato, va detto che quest’ultimo può essere
salvato e quindi riutilizzato ( per un unione , per esempio)qualora ce
ne fosse la necessità.

Per effettuare il salvataggio di entrambe le parti , quindi forma bassa e


tronchetto, si deve premere il seguente pulsante , che apre la
seguente finestra:

In questo caso si può selezionare


la prima opzione per salvare il
tronchetto o la seconda per
salvare il resto della forma.

240
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

20 SUOLA
L’editor della suola è utilizzato per effettuare l’unione di una suola
importata con la forma selezionata. Prima di effettuare l’unione , però,
è necessario assicurarsi che le misure della suola siano simili a quelle
della forma, utilizzando gli altri editor presenti nel CAD . Per accedere
a quest’editor, bisogna premere il pulsante Suola .

In questa finestra andremo ad effettuare l’importazione della suola


tramite il tasto importare. L’importazione deve essere fatta come
per gli altri editor , quindi una volta premuto il pulsante, bisognerà ,
tramite la finestra che verrà visualizzata, andare a cercare la suola da
importare:

241
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

Dopo l’importazione si passa al posizionamento della suola sulla


forma, utilizzando gli stessi tasti che ,come in precedenza abbiamo
visto, vengono utilizzati nell’editor dell’Unione, quindi CTRL + mouse
per effettuare rotazioni di forma, e SHIFT + mouse per spostamenti in
qualsiasi direzione.
Se si vuol far combaciare una suola importata che risulta o più lunga o
più corta della forma, è possibile utilizzando la combinazione dei tasti
CTRL + ALT + mouse. Prima però è importante sapere che
l’allungamento ( che può essere della forma o della suola, a seconda
di quale delle due entità viene selezionata) viene effettuato partendo
dalla posizione del punto di selezione. ES:

242
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

Con il punto di selezione posizionato qui, premendo la


combinazione di tasti spiegata precedentemente, si otterrà
l’allungamento nella zona della punta

Allungamento
nella parte della
punta

Dopo aver effettuato il corretto posizionamento della suola sulla


forma, si passa alla definizione delle zone costanti per entrambe le
entità ( forma e suola) . Quindi pressione sul pulsante Zona costante
che permetterà la scelta tra Forma e Suola.

243
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

Sia che venga selezionata la forma sia che venga selezionata la


suola, la finestra che andrà ad aprirsi sarà la seguente:

Per ottenere un’unione ottimale tra le due entità, la zona costante


della suola deve essere presa intorno alla metà della suola stessa:

244
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

mentre per quanto riguarda la zona costante della forma , intorno alla
linea di grassello:

245
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SUOLA

In seguito basta premere il pulsante Applica cambiamenti per


vedere il risultato finale:

246
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRASLAZIONE DEL SOTTOPIEDE.

21 TRASLAZIONE DEL SOTTOPIEDE.


L'editore di traslazione del sottopiede permette all'utente di
aumentare/diminuire lo spessore del sottopiede in una zona
determinata.
Lo scopo di questo editor è quello di eseguire la ferratura sul modello.
Per accedere all'editore di traslazione del sottopiede , una volta
visualizzato il modello sullo schermo, si procede nel seguente modo:

Selezionando l'icona Traslazione del sottopiede si entra nel editor


di traslazione del sottopiede .

OPZIONI:

Percentuale di:
Indica la zona dove viene fatta la modifica. In percentuale della
lunghezza totale della forma o in distanza lungo il profilo della
lunghezza della forma.
Se ad esempio vogliamo fare un ferratura sul tallone di spessore 2mm
e lunghezza 40mm impostiamo i seguenti parametri:

247
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRASLAZIONE DEL SOTTOPIEDE.

Con il mouse trasciniamo il punto rosso nella posizione richiesta


D=40mm e impostiamo 2 mm di spessore nella casella Altezza di.
Il risultato dell’applicazione della ferrature lo si vede attivando la vista
“totale” nella finestra Vista 3D.

248
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 TRASLAZIONE DEL SOTTOPIEDE.

Se ad esempio vogliamo creare un tacco finto direttamente sulla


forma inserendo uno spessore impostiamo i seguenti parametri:

Il risultato dell’applicazione del tacco lo si vede attivando la vista


“totale” nella finestra Vista 3D.

249
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22 SVILUPPO DELLA FORMA


Questa funzione ci permette di fare degli sviluppi numerici in modo
molto preciso e mantenendo le linee ed i profili del modello originale.
Si possono fare sviluppi con numerazione Francese 20-45 o
Americana 3-10 AAAA AAA AA A B C D E EE EEE EEEE e creare
scale personalizzate con gli incrementi in lunghezza e calzata
desiderati.
Durante la fase d’importazione viene assegnato in modo automatico
una scala di sviluppo ed il numero attuale del modello. Quindi se
importiamo un modello numero 37 nel formato .FRV, gli verrà
assegnata una scala di default (definibile dall’utente) e verrà
impostato il numero 37 come numero del modello. Oltre al numero gli
viene assegnato anche la calzata americana, quest’ultima non
essendo inclusa nel file importato viene sempre impostata come “B”
durante l’importazione, si ha comunque la possibilità di variarla
selezionando l’opzione Sviluppo\Assegna numero.

Nota Importante:
Se si vogliono fare sviluppi senza considerare le variazioni in calzata
secondo lo schema americano basta non variare la calzata espressa
in lettere.
Esempio: se importo un modello 37, al modello stesso verrà
assegnata una scala di sviluppo, il numero 37 e la calzata B (di
default). Se voglio sviluppare un 40 secondo la scala Francese devo
impostare come numero di sviluppo 40 B, agendo in questo modo non
considero gli incrementi/decrementi dati dalla variazione in calzata
degli sviluppi americani.
Le opzioni riguardo lo sviluppo della forma sono attivabili tramite
questo tasto .

22.1 DESCRIZIONE AMBIENTE DI LAVORO


Prima di entrare nell’editor dello sviluppo, possiamo effettuare uno
sviluppo veloce, o semplicemente cambiare scala di sviluppo o
numero alla forma, agendo direttamente dalla finestra principale.
Infatti, alla voce Sviluppo, abbiamo il seguente sottomenù:

250
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Partendo dal basso, abbiamo la voce Sistemi di sviluppo, sotto la


quale avremo un sottomenù dedicato alla Creazione, Modifica e
Cancellazione delle scale di sviluppo.

• CREAZIONE

Per la creazione di una scala di sviluppo vedere capitolo 23.2.1 alla


voce Creazione scala di sviluppo

• MODIFICA

Per modificare una scala di sviluppo, bisogna per prima cosa


selezionare la scala desiderata dalla seguente finestra, che si apre
non appena si selezione l’opzione di cui sopra.

Dopo aver selezionato la scala, si preme Accettare e nella finestra


che si andrà ad aprire, si potranno modificare tutti gli incrementi dei
numeri desiderati:

251
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

• ELIMINAZIONE

Anche per l’eliminazione di una scala di sviluppo, si deve selezionare


la scala desiderata dal seguente elenco:

e poi premere il pulsante Accettare.

• DATI DI SVILUPPO

In questa opzione si vanno a controllare e modificare i dati dello


sviluppo , per esempio cambiare il sistema di sviluppo assegnato di
default alla forma. Premendo questa opzione si aprirà la seguente
finestra:

252
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Per la spiegazione sul funzionamento della finestra, vedere il capitolo


23.2.1 alla voce Selezionare scala di sviluppo.

• CAMBIARE IL NUMERO SENZA SVILUPPARE

Per cambiare il numero senza sviluppare il modello, bisognerà


aggiungere nella finestra che verrà mostrata dopo la selezione di
questa opzione il nuovo numero:

Alla pressione del tasto Sviluppo, invece, viene aperta la classica


finestra divisa in 4 finestre più piccole.

• SVILUPPARE NUOVO MODELLO

E’ possibile andare a sviluppare il modello anche senza entrare


nell’editor dello sviluppo, questo per effettuare uno sviluppo rapido.
Dopo aver premuto l’opzione, si aprirà la seguente finestra:

253
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Può essere effettuato uno sviluppo per numeri o per misure.

22.1.1.1.1 Per numeri


Si seleziona dall’elenco dei numeri ( compresi nella scala di sviluppo
assegnata al modello) il nuovo numero :

22.1.1.1.2 Per misure


In questo caso, invece, basta inserire gli incrementi nella maschera
che andrà ad aprirsi:

254
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

e premere il pulsante Accettare per vedere il risultato.

Nell’editor dello sviluppo, è possibile sviluppare il modello in due modi


diversi: Sviluppo per misure ( sviluppo da numero a numero mediante
l’utilizzo di una scala di sviluppo) e Sviluppo per misure, tramite
l’assegnazione di incrementi direttamente al modello e senza l’utilizzo
di una scala di sviluppo. Per primo vedremo lo sviluppo per numeri.

22.2 SVILUPPO PER NUMERI


Lo sviluppo per numeri consente , tramite la definizione di una scala di
sviluppo con incrementi, lo sviluppo di un modello passando da
numero a numero.

Importare Importazione di profili vari.

Esportare Esportazione di profili vari.

Annulla Annulla l’ultima operazione effettuata. Può


essere usata per annullare fino a 30
operazioni.

255
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Zoom Effettua lo zoom dell’area selezionata.

Righello Utilizzando il bottone sinistro del mouse


bisogna selezionare il punto di partenza e
tenerlo premuto fino a dove si vuole
misurare. Si aprirà una finestra con una
serie di dati relativi alla misura.

Selezionando
l’opzione Vedere
misura sarà
possibile leggere
la misura presa,
direttamente
nella finestra
nella quale si è
presa.

Dati di sviluppo Consente di Creare, Modificare,


Eliminare una scala di sviluppo.

Creazione nuovo modello con numero attivo Salva il modello


appena sviluppato.

Editare asse di sviluppo Consente di modificare l’asse di


sviluppo della forma.

Relazione Larghezza/Altezza Consente di definire la


percentuale di sviluppo in altezza o
in Larghezza della forma.

Punto di inizio Dopo averlo premuto, si può fissare


un punto dal quale partono tutto i
numeri sviluppati e con il quale si
possono verificare i vari sviluppi.

Numeri Consente di selezionare , da una


tabella, tutti i numeri che si vogliono
sviluppare.

Applica cambiamenti Applica le modifiche effettuate alla


forma.

256
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.2.1 DATI DI SVILUPPO

Premendo il tasto Dati di sviluppo si accede alla seguente


finestra:

Qui e’ possibile Creare, Editare, Eliminare o semplicemente


selezionare la scala di sviluppo che andremo poi ad utilizzare.

• CREAZIONE SCALA DI SVILUPPO

Premendo il tasto si accede alla seguente sottomaschera,


che andremo a riempire con tutti i dati che serviranno per la creazione
della nuova scala di sviluppo:

257
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Qui si andrà ad inserire:


Il Nome della scala di sviluppo;

Il range di numeri per il quale la scala può essere utilizzata (Numero ,


Numero);

In un secondo momento si
deciderà da che numero a che
numero sviluppare

Selezionare o no i Mezzi numeri o anche i Quarti;

Definire gli Incrementi che si avranno tra numero e numero.

Gli incrementi che si


inseriscono nei riquadri
a fianco, saranno
automaticamente divisi
per 2 se l’opzione
Mezzi numeri e’
attivata.

L’incremento che si va a definire al sottopiede contribuirà a far


combaciare il sottopiede 3D della forma sviluppata con il sottopiede
2D sviluppato appartenente alla forma 3D. L’incremento del
sottopiede che verrà inserito deve essere lo stesso che si va ad
assegnare quando si effettua lo sviluppo del sottopiede 2D in un CAD
o al pantografo.
Una volta che tutte le informazioni sono state inserite,si può decidere
se definire questa scala di sviluppo come standard per tutte le
forme.Per fare questo si seleziona la dicitura Sistema di sviluppo
per difetto .Una volta finito il tutto, si preme il pulsante Accettare.

• EDITARE SCALA DI SVILUPPO

Per modificare una scala di sviluppo esistente bisogna prima


selezionare la scala dall’elenco e poi premere il tasto . Si
aprirà la seguente maschera:

258
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Qui si vedrà in alto il nome della scala di sviluppo da modificare e


nella parte centrale, tutta la scalata di numeri che si trovano all’interno
del range di valori che abbiamo dato durante la creazione della
stessa. In questa maschera e’ possibile variare manualmente uno o
più incrementi ( sia per Lunghezza che per Calzata).

259
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

In questo caso e’ stato variato sia l’incremento in Calzata tra il 16 e il


17 sia l’incremento in Lunghezza che dal 16 va al 17.
Dopo aver effettuato tutte le modifiche, si preme il pulsante
ACCETTARE .

• ELIMINARE SCALA DI SVILUPPO

Per l’eliminazione di una scala di sviluppo, basta selezionare la scala


dalla lista e poi premere il pulsante .

• SELEZIONARE LA SCALA DI SVILUPPO

Per selezionare la scala di sviluppo basta selezionare la scala dalla


lista a fianco. Dopo la selezione, sulla destra appariranno tutte le
informazioni appartenenti alla scala, come mostrato in figura:

In questo caso la forma ha come numero base il 23.5, mentre la scala


selezionata parte dal numero 10.5 e arriva al 50.5. Il range di valori da
10.5 a 50.5 rappresenta il range definito durante lo sviluppo della
scala, mentre se noi vogliamo ottenere una scalata da 22 a 40
basterà modificare i valori all’interno delle seguenti finestre:

Da numero 22

A numero 24

Se invece viene selezionata una scala di sviluppo che non contiene il


numero relativo alla forma che si sta utilizzando, sulla maschera,

260
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

all’altezza della cella del numero base , appare un campo con


all’interno il numero base della forma che si sta utilizzando.

Se si preme sul pulsante , verranno visualizzati tutti i


numeri che sono presenti nel range di valori definito nei due campi Da
numero A numero. Di seguito è mostrata la maschera che visualizza
tutti questi numeri:

In questa maschera è possibile ridurre ancora i numeri presenti nella


scalata e, come in questo caso, verranno creati solo gli sviluppi
presenti nella colonna di destra.
Dopo aver fatto la scelta di tutti i numeri da sviluppare, si deve
premere il tasto .

261
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Se è stato inserito anche l’incremento del sottopiede ( visto nelle


finestre in precedenza), è anche possibile andare a definire la zona
costante a cui farà fede il cad durante lo sviluppo del sottopiede
stesso, in modo da non modificare la parte che l’utente andrà a
definire come costante.

Selezionando l’opzione , quindi, e premendo il pulsante Zona


costante, si aprirà la classica maschera della zona costante per la
definizione della zona stessa.Vedi capitolo 12.2

22.2.2 SELEZIONE NUMERI DA SVILUPPARE


Quando la scala di sviluppo è stata scelta, apparirà una piccola
finestra (disattivabile o attivabile) utilizzando il pulsante Numeri.
La maschera che si apre visualizza tutti i numeri che abbiamo deciso
di attivare nel momento in cui abbiamo creato la scala di sviluppo.

Tutti i numeri della maschera sono


selezionabili o de - selezionabili . Il
numero che ha al suo fianco un asterisco
rappresenta il NUMERO BASE, ovvero il
numero del modello da sviluppare. E’
possibile anche visualizzare tutti gli
sviluppi in 3D, utilizzando l’opzione

Se selezionata, nella finestra 3D


dell’editor si vedranno tutti gli sviluppi
che sono stati selezionati in questa
maschera:

262
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.2.3 CREAZIONE DI UN NUOVO MODELLO


Dopo aver sviluppato un modello, sia per misure che per numeri, e’
possibile salvarlo come nuovo modello utilizzando il tasto . E’
importante sapere che il numero che viene salvato è il numero attivo
in quel momento. Per esempio dopo aver selezionato il numero 37 ,
utilizzando il pulsante Numeri, il 37 rappresenta il numero attivo
che verrà salvato. Nella seguente immagine, è possibile capire la
sequenza di selezione e salvataggio del numero attivo:

Selezione del numero attivo utilizzando il pulsante Numeri che


apre la seguente finestra di selezione:

263
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Il numero attivo nella


combo box ha un
asterisco perché
rappresenta il numero
base

Nel caso della finestra precedente, abbiamo una scalata che parte dal
22 e arriva al 42. In questo caso però il numero attivo è il 37, come
descritto nella combo box

Per cambiare il numero attivo, basta aprire la combo box e


selezionare un nuovo numero.Vedi immagine successiva:

264
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Nel momento in cui si va a selezionare un nuovo numero da


identificare come nuovo numero attivo, vanno a variare anche le
misure che vengono raffigurate nelle 2 finestre in 2D. Infatti se le
misure relative al primo numero attivo (il 37) erano le seguenti:

Le misure che avremo selezionando il numero 40 saranno le seguenti:

265
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.2.4 EDITARE ASSE DI SVILUPPO


L’asse di sviluppo rappresenta la direzione che il Cad segue per
effettuare lo sviluppo della forma. Di seguito sono mostrati due
esempi di come modificando la posizione dell’asse di sviluppo, venga
a modificarsi anche lo sviluppo della forma:
Esempio 1:
Sviluppo con asse nella posizione standard (posizione in cui si trova
all’apertura dell’editor).

266
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Esempio 2:
Sviluppo con asse nella posizione “in piano” (posizione parallela al
piano su cui poggia la forma).

Come si può vedere dai due esempi, cambia il modo nel quale viene
sviluppata la forma. Nel primo caso , essendo l’asse di sviluppo
posizionato verso il basso, la forma viene sviluppata poco in
lunghezza rispetto allo sviluppo che c’e’ stato in altezza. Se
guardiamo il secondo esempio, vediamo che la forma, complice il
diverso posizionamento dell’asse di sviluppo, e’ stata sviluppata più in
lunghezza che in altezza.
Se la posizione dell’asse di sviluppo viene modificata mentre il
pulsante Applica cambiamenti è attivato, bisogna convalidare lo

267
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

spostamento dell’asse premendo una seconda volta il pulsante


Editare asse di sviluppo . Alla pressione apparirà il messaggio

In questo case basta premere SI che lo spostamento dell’asse verrà


convalidato.

22.2.5 PUNTO DI INIZIO

Il pulsante Punto di inizio serve per verificare tutti gli sviluppi


che sono stati creati. Come funziona:
Dopo che il nostro modello è stato sviluppato, scegliendo tutti i numeri
tramite il pulsante Numeri ), si preme il pulsante Punto di inizio e
si posiziona il centro di selezione nel punto della forme dal quale
si vuol vedere in che modo è stato sviluppato il modello. Osservare il
seguente esempio:

In questo caso il centro di selezione è fissato nello spigolo del tallone


e come possiamo vedere da li partiranno anche i vari sviluppi che
sono stati selezionati. Se adesso fissiamo il punto da un’altra parte,
vedremo che tutti gli sviluppi partiranno da dove il punto è stato
posizionato:

268
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3 SVILUPPO PER MISURE


Lo sviluppo per misure invece, permette di sviluppare il modello
aggiungendo incrementi in lunghezza o in calzata o ad una sola di
queste misure senza l’obbligo di assegnazione di una scala di
sviluppo alla forma e utilizzando altro opzioni che vedremo in seguito.
Per iniziare a sviluppare per misure, si deve utilizzare l’opzione che si
trova nel menù:

Alla selezione di questa opzione si aprirà la seguente finestra dove


sarà possibile aggiungere gli incrementi.

269
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

La finestra precedente è formata principalmente da tre colonne:

• PRIMA COLONNA

Nella prima colonna di sinistra sono presenti le misure base del


modello

• SECONDA COLONNA

Colonna dove si vanno ad inserire gli incrementi per lo sviluppo

270
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

• TERZA COLONNA

Colonna che da le misure risultato dello sviluppo del modello base. In


questa colonna sono anche mostrati gli incrementi inseriti.

Una volta inseriti gli incrementi nelle due celle Incremento che fanno
riferimento a Lunghezza e Calzata la forma verrà sviluppata come
mostrato nella seguente immagine:

la forma verde rappresenta la forma sviluppata con gli incrementi


inseriti.Dopo che verrà sviluppata la forma, andrà a modificarsi anche
la barra del menù, che verrà arricchita da altre icone e le rispettive
funzioni.

271
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3.1 DESCRIZIONE ICONE

Editare asse di sviluppo Consente di modificare l’asse di


sviluppo della forma.

Relazione Larghezza/Altezza Consente di definire la


percentuale di sviluppo in
altezza o in Larghezza della
forma.

Sviluppo per zone Se abilitato, consente di


sviluppare la zona “per zone”.

Sottopiede costante Permette di sviluppare


mantenendo il sottopiede
costante.

Zona di forma costante Permette di mantenere


costante una parte della
forma.

Tronchetto costante Mantiene costante il


tronchetto sviluppando il resto
della forma.

Sviluppo di tronchetto Sviluppa il tronchetto


mantenendo tutto il corpo
costante.

Punta costante Mantiene costante la punta


della forma.

Livellamento forma Permette di correggere la


zona di unione tra due entità.

Forma Se attivata visualizza la forma


base in 3D.

Forma sviluppata Se attivata consente di


visualizzare la o le forme
sviluppate.

Forma sviluppata normalmente Rappresenta lo sviluppo


normale senza zone costanti

Salva forma Salva la forma sviluppata.

272
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Cancella forma Cancella la forma sviluppata.

Applica modifiche serve per applicare al 3D le


modifiche fatte sul 2D.

Visualizzazione degli
incrementi applicati alla forma
base (entrambi sono
modificabili variano il valore
nelle due celle).

273
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

• CONTROLLO CALZATA SOTTOPIEDE

Questa opzione presente nella seguente finestra :

serve per applicare la correzione da effettuare al sottopiede della


forma durante lo sviluppo della stessa. Non appena si seleziona
l’opzione , appare una seconda finestra , visibile di seguito,

all’interno della quale andremo ad inserire l’incremento da applicare e


a definire una zona costante ( vedere capitolo 12.2 per il
funzionamento). Una volta premuto il pulsante Applicare, entreremo
nella finestra seguente:

274
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

In questa finestra vedremo apparire tre profili di forma, il blu ed il


rosso che rappresentano la forma originale e la forma sviluppata in
modo normale, mentre il verde in questo caso rappresenta la forma
sviluppata con correzione al sottopiede. Per valutare in modo
semplice la bontà dell’intervento di sviluppo appena eseguito, è
possibile eliminare una o più linee , quindi lasciare in finestra solo la
linea rossa o una delle altre due, utilizzando la combinazione di tasti
come il CTRL + SHIFT + la selezione dell’icona che rappresenta la o

le forme da cancellare .

22.3.2 EDITARE ASSE DI SVILUPPO


Per la modifica della posizione dell’asse di sviluppo, vedere capitolo
1.2.3.

22.3.3 RELAZIONE ALTEZZA/CALZATA


Una volta inseriti gli incrementi per effettuare lo sviluppo, è possibile
decidere anche come sviluppare il modello base, se privilegiare la
larghezza piuttosto che la l’altezza o viceversa. Appunto per questo
nasce l’opzione Relazione larghezza/altezza . Premendo il tasto
Relazione larghezza/altezza si aprirà la seguente maschera dove si

275
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

andrà a modificare la percentuale di sviluppo suddivisa tra lunghezza


e calzata.

Partendo dal 50% di distribuzione tra Larghezza / Altezza, spostando


il livello in basso o in alto , avremo i seguenti due tipi di sviluppo:

Sviluppo con
percentuale in
Altezza.

276
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Sviluppo con
percentuale in
Larghezza.

Se come esempio sviluppiamo una forma base aggiungendo 5 mm in


larghezza e 0 in altezza, utilizzando la seguente opzione possiamo
vedere le varie differenze.
Nel primo caso svilupperemo la forma aggiungendo una parte
maggiore di incremento in altezza rispetto che in larghezza. Vedi
figura:

In questo
caso le
misure sono
riferite alla
forma base.

277
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Premendo il
tasto TAB si
possono
vedere le
misure della
forma
sviluppata.

In questo caso si può vedere che la linea blu combacia , in larghezza,


con la linea verde.
Se effettuiamo l’opposto(secondo caso), cioè più incremento in
larghezza piuttosto che in altezza otterremo il seguente risultato:

Se
memorizziamo
la misura
dell’altezza,
potremo
vedere che
non cambia
dopo lo
sviluppo .

278
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

L’altezza è
rimasta
invariata
rispetto a
quella del
modello
originale.

22.3.4 SVILUPPO A ZONE


Lo sviluppo a zone permette di controllare la % di sviluppo nelle 3
aree del modello base. In questo editor per esempio e’ possibile
sviluppare una delle tre parti in cui è suddiviso il modello , punta,
collo, tallone, lasciando invariata una o due delle tre. Per fare questo,
usiamo il pulsante Sviluppo per zone.
Nell’immagine seguente è visualizzata la finestra che serve per
determinare quale delle tre zone deve essere sviluppata e anche per
determinare la grandezza delle aree di adattamento che sono
posizionate tra le tre zone. Queste aree di adattamento servono per
eliminare eventuali scalino che potrebbero esserci tra una zona
sviluppata e quella mantenuta costante.

279
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Per prima cosa si deve abilitare l’opzione di sviluppo ciccando il


quadrato di selezione in alto .
Per modificare la posizione delle zone di adattamento e quindi
modificare anche la grandezza delle tre zone, si deve agire sui
pulsanti seguenti:

i quadrati di selezione e , servono per


abilitare o disabilitare una delle 3 aree di modifica % di sviluppo
( Tallone/corpo) o nella parte della punta (Corpo/punta).

Le doppie frecce sia di destra che di sinistra servono per


spostare le aree di adattamento a destra e a sinistra ,mentre i pulsanti

servono per ingrandire o ridurre la grandezza delle aree.

280
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Per gestire al meglio il posizionamento delle aree , sono presenti delle


celle all’interno delle quali sono presenti delle misure che
rappresentano le distanze dal Tallone (nel caso stiamo spostando
l’area del tallone), o della Punta( nel caso stiamo riposizionando l’area
che si trova nella parte anteriore della forma). Vedi esempio
successivo:

L’ultima parte della finestra, quella visibile nella finestra sotto,

permette di gestire la percentuale di sviluppo delle aree di sviluppo.


Il funzionamento è il seguente: Per ogni area , dal tallone alla punta, è
possibile gestire quanto sviluppo assegnare. In posizione standard ,
ovvero quella mostrata in figura, i tre livelli sono a destra indicando
una percentuale di sviluppo per tutte e 3 le aree pari al 100%. Man
mano che questi livelli , che possono essere gestiti in contemporanea
o singolarmente, vengono spostati verso sinistra, andrà a calare la
percentuale di sviluppo, fino ad azzerarsi se il livello dell’area di
sviluppo viene posizionato all’estrema sinistra.
Qualora i 3 indicatori di % di sviluppo risultassero nella stessa
posizione la forma risultante sarà la medesimo per qualsiasi valore di
%.

Esempio applicativo:
Supponiamo di sviluppare la forma aggiungendo in calzata +6mm.
Se tutti e tre i livelli vengono mantenuti nella posizione standard il
risultato sarà il seguente:

281
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Se invece si decidesse di mantenere costante la parte del tallone e


lasciare sviluppare il resto della forma, il livello che fa capo alla zona
del tallone deve essere portato tutto sulla sinistra. Vedi figura:

e il risultato sarà il seguente:

282
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

in questo caso si può vedere che rispetto a prima, la linea verde che
rappresenta la forma sviluppata, va a combaciare con la forma blu
(forma base) nella parte del tallone. Grazie all’uso della zona di
adattamento, sul 3D non avremo la presenza di alcun scalino.

283
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Per capire l’importanza delle zone di adattamento tra le tre differenti


parti della forma, partiamo da quest’esempio, riducendo al minimo la
zona di adattamento che si trova tra il tallone (che abbiamo
mantenuto costante) e la parte centrale del collo. In questo caso
agiremo sulle doppie frecce che abbiamo visto in precedenza per
rimpicciolire l’area che ci interessa (vedi figura seguente).

Nella seguente figura abbiamo il risultato:

La possibilità di mantenere costante una parte della forma, può


essere applicata ad un’altra delle tre zone in cui idealmente viene
suddivisa la forma.

22.3.5 SALVATAGGIO / ELIMINAZIONE MODELLO SVILUPPATO


Dopo aver creato un nuovo modello dato dallo sviluppo del modello
base, è possibile salvarlo premendo il pulsante Salva forma

284
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

oppure per eliminarlo il pulsante Cancella forma.


Per quanto riguarda il primo pulsante, una volta premuto, aprirà la
seguente finestra:

contenente le seguenti tre opzioni:

• CAMBIARE IL MODELLO ATTUALE

Salva il nuovo modello cancellando il precedente.

• CREARE UN NUOVO MODELLO

Salva il nuovo modello con un nome diverso, non cancellando quindi il


modello precedente.

• CONTINUARE CON L’EDIZIONE DEL MODELLO

Chiude la finestra di salvataggio per permettere di continuare con


l’edizione del modello.
Se invece di salvare, si vuole cancellare il modello sviluppato,
bisognerà confermare , dolo aver premuto il pulsante Cancella forma,
la seguente finestra:

285
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3.6 SOTTOPIEDE COSTANTE


Quest’opzione permette di mantenere costante il sottopiede della
forma, o interamente o solo una parte.

Per accedere a questa funzione, bisogna premere il tasto


Sottopiede costante. Si aprirà la seguente finestra:

composta da altre 6 piccole finestra che contengono differenti


operazioni di modifica.

286
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

• METODO

Questa finestra permette di scegliere lo sviluppo mantenendo il


sottopiede costante come accade nella versione 2.1 o precedenti (se
si opta per la seconda opzione) o come accade nella nuova versione
(se si sceglie la prima opzione).

• MARGINE SVILUPPO CALZATA

Questa opzione serve affinché nell’unire il sottopiede ( rimasto


costante) e il resto della forma sviluppata la misura della calzata sia
esatta. Come viene usata:
Esempio 1
Se la parte di sottopiede da mantenere costante non interessa la
parte della calzata, ovvero siamo in questa situazione( vedi figura)

Dobbiamo andare ad azzerare il margine di sviluppo che il CAD


automaticamente inserisce nella seguente finestra:

Esempio 2
Se l’area di sottopiede costante interessa anche la calzata, e quindi ci
troviamo in questa situazione (vedi figura)

287
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

L’incremento che il CAD aggiunge non deve essere modificato:

Per eseguire una verifica sul corretto sviluppo, è possibile osservare


le misure che vengono riportate nella parte bassa della finestra:

Dopo aver inserito un incremento di +5mm in Calzata ,per verificare la


bontà dell’intervento, eseguiamo adesso una verifica:
1) Per prima cosa controllo le misure della calzata della forma
originale che sono quelle mostrate in basso sulla sinistra

In questo esempio, si è mantenuto costante una parte di sottopiede


che non si trova nella zona della calzata, quindi nella cella che
riguarda il Margine di sviluppo calzata, si andrà ad azzerare il valore
che il CAD imposta:

288
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

2) Sviluppo della forma e controllo delle misure della forma


sviluppata. Per effettuare il controllo delle misure della forma
sviluppata, si deve premere il tasto TAB, in modo da far apparire
nei riquadri delle misure in basso a sinistra le nuove misure.

Come si può notare dalle misure qui sopra, la cella che contiene la
misura della Calzata è incrementata di +5mm, passando da 226mm a
231mm.

• ZONA, UTENTE, ALTEZZA

Queste tre finestre servono per impostare la Zona costante che viene
ampiamente spiegata nel capitolo 12.2

• SOTTOPIEDE DA MANTENERE

Questa opzione viene utilizzata nel momento in cui la forma viene


sviluppata anche in lunghezza. Utilizzandola, è possibile o mantenere
il sottopiede costante ( uguale all’originale) oppure sviluppandolo solo
in lunghezza, lasciando la larghezza invariata.
A seconda del tipo di sviluppo
possiamo mantenere il sottopiede
Originale, o Svilupparlo in
Lunghezza, mantenendo la larghezza
costante

289
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

• MANTENERE ALTEZZA TALLONE

Questa opzione permette durante lo sviluppo di mantenere la stessa


altezza tallone del modello base. Utilizzando quest’opzione quindi il
modello sviluppato, avrà la stessa altezza tallone del modello
originale.

• ZONA DI SOTTOPIEDE

Consente di decidere tramite una misura precisa quanto sottopiede


mantenere costante o quanto svilupparne. Questa misurazione si può
effettuare in due modi:
Il primo modo è quello tramite lo spostamento del livello verso sinistra
o verso destra per aumentare o diminuire la zona da mantenere
costante.
Il secondo metodo è quello di ciccare due volte sulla cella che
contiene la misura , in modo da aprire la seguente finestra
per l’inserimento della misura esatta:

22.3.7 ZONA DI FORMA COSTANTE


Con questa opzione è possibile mantenere costante un’area della
forma. Per effettuare questa modifica, bisogna premere il pulsante
. Nella finestra che andrà ad aprirsi, bisognerà per prima cosa
abilitare ‘opzione Abilitare, posta in alto sulla sinistra della finestra.

290
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

La misura
della parte da
mantenere
costante,
partirà da
questo
triangolo
Rosso

Molto semplicemente, si deve definire in questa finestra la zona da


mantenere costante, agendo con la barra posizionata in basso
all’interno della finestra stessa. Oppure, se lo si desidera, è possibile

fare doppio click col mouse sul campo misura, per inserire
la misura della zona da mantenere costante. Dopo la definizione della
zona da mantenere costante , si deve premere il pulsante AVANTI per
aprire la seconda finestra:

In questa finestra si definisce una zona di adattamento per eliminare


eventuali scalini formatisi dall’unione della zona costante con quella
sviluppata. È possibile effettuare anche un posizionamento della parte
sviluppata della forma, ma in questo caso si perdono quelli che sono
le misure della forma stessa. Una volta eliminati eventuali problemi, si
preme il tasto FINE.

291
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3.8 TRONCHETTO COSTANTE


Quest’opzione consente di sviluppare tutta la forma mantenendo
costante il solo tronchetto. Vi si accede utilizzando questa icona .

La misura
della parte da
mantenere
costante,
partirà da
questo
triangolo
Rosso

Dopo aver attivato la funzione utilizzando il check box in alto a


sinistra, si va a definire la grandezza della zona di tronchetto da
mantenere costante. Dopo aver fatto questo, si passa alla seconda
fase, premendo il pulsa te AVANTI.

Anche in questo caso, si può definire una zona di adattamento tra la


parte costante e la parte sviluppata della forma. Finito questo
passaggio, si deve premere il pulsante FINE.

292
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3.9 SVILUPPO DI TRONCHETTO


L’opzione Sviluppo di tronchetto è attivabile premendo questa icona
e premette di sviluppare tutto il tronchetto, fino alla misura in
altezza desiderata, mantenendo costante il resto della forma. Come
visto per le precedenti opzioni, bisognerà dapprima abilitare la
funzione:

e dopo aver definito l’altezza della zona da sviluppare, passare alla


successiva finestra premendo Avanti:

una volta definita una zona di adattamento per eliminare eventuali


scalini dovuti all’unione della zona rimasta costante con quella
sviluppata, premere Fine per effettuare la modifica.

293
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

22.3.10 PUNTA COSTANTE


Quest’opzione è utilizzata per mantenere costante la punta della
forma, può essere usata per le scarpe antinfortunio. L’opzione è
attivabile tramite il pulsante . Nella finestra che segue ,dopo aver
abilitato il campo Abilitare posto in alto sulla sinistra,

La misura
della parte da
mantenere
costante,
partirà da
questo
triangolo
Rosso

Si va a definire la grandezza dell’area della punta da mantenere


costante o tramite spostamento della barra della lunghezza, o tramite
l’inserimento della misura esatta facendo cliccando due volte il campo

dove appare la misura . Per continuare , premere AVANTI.

294
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

In questa finestra, come si vede nella precedente finestra, si vanno a


posizionare le due linee della zona di adattamento vicine, in modo da
far apparire lo scalino nella zona di unione tra la zona costante e la
zona sviluppata della forma. In questo modo avremo il seguente
risultato:

22.3.11 LIVELLAMENTO
La funzione di livellamento serve per smussare lo scalino che si viene
a creare dopo aver sviluppato il modello lasciando costante una parte
di esso. Per esempio se andiamo a sviluppare la forma mantenendo
costante una parte del sottopiede, otterremo questo risultato:

Per eliminare lo scalino che è venuto a formarsi, andremo ad


utilizzare proprio la funzione Livellamento . Alla pressione del
tasto si aprirà la seguente finestra:

295
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

Prima di poter effettuare le


modifiche, dobbiamo
abilitare la funzione della
finestra

Nella prima parte di questa finestra, possiamo vedere la forma in


sezione che permette di smussare lo spigolo. Di seguito si possono
vedere meglio le due parti che si andranno a modificare:
Come si può vedere in questo
punto la linea Nera con lo
scalino, verrà sostituita dalla
linea Verde smussata.

Anche nella zona di destra


andremo a smussare la
linea Verde

Per effettuare le modifiche alle aree viste in precedenza, dobbiamo


lavorare sui punti che compaiono ai margini delle due linee verdi.
Passando alla seconda parte della finestra, potremo vedere la zona
da modificare in quest’altra vista:

296
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 SVILUPPO DELLA FORMA

nella vista dall’alto , andremo ad aggiustare la linea del sottopiede,


sempre muovendo i punti che vengono mostrati in figura:

Come prima la linea


Verde sostituirà
quella Nera
eliminando lo scalino

297
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23 LAVORAZIONE DEL MODELLO


Una volta fatte le modifiche sul modello importato bisogna generare il
file .FRV) da inviare alle macchine per la tornitura.
Come per l’importazione del file forma, anche questo processo risulta
molto importante in quanto ci permette di realizzare sui torni a
controllo numerico la forma che abbiamo manipolato e modificato
all’interno del cad, avendo così a disposizione il modello fisico.

Premendo il pulsante si entra nel menù della generazione del per


la lavorazione.
Per la creazione del file finale è stato creato un editor che come gli
altri editor presenti nel CAD, permette di sviluppare e modificare le
cimose (supporti) partendo da una visualizzazione 2D e arrivando
all’applicazione di queste modifiche in 3D. L’editor si compone di 2
schermate:

Schermata Traiettoria

Pulsante per la simulazione in 3D della lavorazione della forma

Pulsante per la simulazione in 2D della lavorazione della forma

Selezionare e modifica della macchina

Modificare traiettoria

Generazione e salvataggio File NC

Visualizzazione della Traiettoria

Pulsante per strato (attiva i seguenti tasti)

Pulsante prossimo strato per il passaggio al passo di lavorazione


successivo

298
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Pulsante strato precedente per il passaggio al passo di


lavorazione precedente

Profilo di punta. Vedere capitolo Profilo di punta.

Schermata Supporti

Pulsante per Importazione supporti anteriori e posteriori

Pulsante per l’Esportazione dei supporti anteriore e posteriore

Pulsante per l’Importazione dei profili della forma

Pulsante per l’Esportazione dei profili della forma

Pulsante per la creazione dei supporti Anteriore e Posteriore


utilizzando figure geometriche

Profilo di punta. Vedere capitolo Profilo di punta.

299
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23.1 SCHERMATA SUPPORTI


In questa schermata avviene la modifica dei supporti da applicare alla forma.
Nella finestra in alto a sinistra e in basso a sinistra, è possibile modificare la
posizione delle cimose portandole più in alto o più in basso rispetto alla
forma (1° finestra in alto) oppure spostandole verso destra o verso sinistra (
2° finestra in basso a sinistra). Nella finestra posta in alto al centro, abbiamo
la possibilità di modificare la grandezza delle cimose oppure modificandone
la forma aggiungendo o togliendo o semplicemente modificando la posizione
dei punti che le compongono. Nella figura in alto è visualizzata la cimosa
posteriore, questo perché è stata selezionata nella finestra alla sua sinistra.
Se la cimosa che deve essere modificata è quella anteriore, basta
selezionarla come mostrato nell’immagine successiva.

300
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Selezionare con il mouse la cimosa anteriore


per vederla visualizzata nel riquadro a fianco

Dopo aver selezionato la cimosa ,utilizzando il tasto Curva predefinita, è


possibile creare una cimosa avente forme geometriche, tipo quadrato,
cerchio o triangolo (adatto per forme con punta fine). Per fare questo alla
pressione del tasto precedente apparirà la seguente mascherina

N° punti per figura

Arrotondamento
angoli

con questi valori la cimosa anteriore verrà trasformata nella seguente

301
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Proseguendo verso destra, troviamo la finestra che permette di


allungare, accorciare o modificare l’angolazione della cimosa
selezionata, nel modo descritto in figura:
Cimosa Normale

Cimosa Allungata con angolazione modificata

se ad essere selezionata è la cimosa posteriore , possiamo


modificarne le dimensioni in questo modo:

302
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Cimosa Normale

Cimosa Allungata con angolazione modificata

23.1.1 ARCHIVIAZIONE SUPPORTI IN 3D


In questo editor e’ anche possibile salvare le cimose modificate in un
database dedicato, dal quale e’ possibile anche estrarre le cimose nel

caso lo si richiede, utilizzando questi due tasti: Importa


Esporta.

303
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23.1.2 SVILUPPO CIMOSE


Dopo aver modificato ed assegnato le cimose alla forma, esiste anche
la possibilità di effettuare o meno lo sviluppo delle cimose stesse
durante lo sviluppo della forma , tramite il tasto . Alla pressione di
questa icona, apparirà il seguente messaggio:

Normalmente, lo sviluppo della forma comporta lo sviluppo anche dei


supporti, quindi il messaggio precedente chiede la convalida della
scelta di non effettuare lo sviluppo dei supporti applicati alla forma.

Per la generazione vera e propria del percorso utensile, bisogna


ritornare nella schermata Traiettoria

23.1.3 MODIFICA IMPOSTAZIONI PERCORSO

E’ stato inoltre aggiunto il pulsante Modificare traiettoria che apre


la seguente finestra all’interno della quale e’ possibile eseguire le
seguenti operazioni:

304
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Scegliendo la scheda SUPPORTI si può creare una cimosa anteriore


o posteriore con misure precise di riferimento simili alla contropunta e
trascinatore, in questo modo si può verificare la NON collisione con la
macchina.

Cimosa reale

Cimosa minima

Nel caso in cui nessuna delle due cimose e’ stata rimossa, e’ possibile
evitare l’applicazione delle cimose agendo su questo menù a tendina:

305
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Scegliendo l’opzione NONE nella parte posteriore della forma non


comparirà nessuna cimosa. Con le stesse operazioni è possibile farlo
anche con la cimosa anteriore.

23.2 SIMULAZIONE 2D

Selezionando l’opzione si entra nella finestra dove è possibile


visualizzare la simulazione del percorso dell’utensile in 2D.

I comandi sono:

se selezionato la simulazione una volta terminata


riprende dall’inizio in modo continuo.

comincia simulazione

306
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

pausa simulazione

torna indietro un passo alla volta

vai avanti un passo alla volta

ferma simulazione

torna all’inizio

vai alla fine

chiudi finestra simulazione

velocità simulazione, se inserisco 1 fa tutte le passate,


se invece inserisco 10 ne fa 10 alla volta.

23.3 SIMULAZIONE 3D

In modo analogo alla simulazione 2D, premendo il pulsante si


ha la possibilità di visualizzare una simulazione in 3D.

I tasti sono uguali a quelli della simulazione 2D (6.5.2)

307
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23.4 CREAZIONE FILE FRV


Prima di passare alla creazione del file FRV bisogna ricordarsi che :

Easylast3D
Altri formati:
.FRV iges, Ascii,
Sec

Easylast3D
Altri formati:
iges, Ascii, .FRV
Sec

Per sapere qual’e’ il formato di origine del nostro file bisogna


consultare nella schermata principale la dicitura visibile nella seguente
immagine:

Per la creazione del file


le FRV bisogna entrare nell’editor di creazione
del file da tornire utilizzando il pulsante . Qui e’ già stata impostata
una macchina Frv che presenta dei supporti standard. E’ comunque

308
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

possibile creare altre macchine Frv alle quali possono essere


assegnati differenti supporti in base al tipo di forma che deve essere
tornita. Vedere capitolo “Creazione macchina Frv”.

23.4.1 MODIFICA AREE A PASSO VARIABILE


Dopo la selezione della macchina FRV, e dopo aver posizionato nel
modo corretto entrambe le cimose sulla forma, si passa alla modifica
delle aree a passo variabile. Per fare bisogna premere il pulsante
che apre la seguente finestra:

Qui è possibile modificare sia la grandezza di entrambe le aree ,


agendo su questi pulsanti

per ottenere il seguente risultato:

309
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

sia modificare la loro posizione agendo su questi altri pulsanti:

per ottenere il seguente risultato:

310
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

E’ inoltre possibile modificare anche la grandezza del passo di


lavorazione , modificando le seguenti tre finestre:

Centrale
TALLONE PUNTA

Noi consigliamo di mantenere i seguenti valori per le aree costanti

Dopo aver modificato entrambi i supporti sia nella posizione che nella

grandezza, bisogna premere il tasto CN che andrà ad aprire la


seguente maschera tramite la quale andremo a salvare il nostro file
.FRV nella cartella desiderata .

311
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Per avere un’anteprima di come sarà il nostro file FRV basta premere
il tasto TRAIETTORIA .

Particolare della punta con maggiore definizione.

312
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Premendo poi i tasti è poi possibile vedere ogni singolo


passo di lavorazione della forma, come mostrato in figura.

Una volta selezionato il nome e la destinazione del file compare una


finestra dove vi sono i parametri del file FRV:

313
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

I parametri “Dati modello” vengono inseriti automaticamente dal


programma e possono essere variati se necessario.
Oltre alla creazione di un singolo file FRV , che abbiamo visto
precedentemente, è possibile creare altri FRV utilizzando la scala di
sviluppo assegnata al modello, insieme al menù a tendina che appare
sulla finestra in alto a destra, e dal quale possiamo andare a
selezionare un numero differente da salvare.
Per la creazione del file frv partendo da un numero sviluppato,quindi,
si deve prima selezionare la taglia del modello:

In seguito alla scelta fatta, le cimose ( o supporti) vengono sviluppati


insieme al modello. Dopo aver selezionato il numero del quale
dobbiamo generare l’frv, si deve premere il pulsante NC file che
aprirà la seguente maschera di salvataggio del file:

314
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

In questa finestra, rispetto a prima, appare il pulsante Misure tramite il


quale è possibile selezionare una o tutte le taglie presenti nella scala
di sviluppo assegnata al modello.

In questo caso basta


selezionare le taglie di
cui effettuare la
creazione del file frv e
premere il tasto OK.

Se io seleziono per esempio le taglie da 36 a 39, avrò la creazione dei


quattro file frv per ogni taglia selezionata:

Dopo aver fatto la selezione, nella cartella


prescelta, appariranno i seguenti file:

315
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23.4.2 SVILUPPO CIMOSE


Nell’editor della Meccanizzazione, è stata aggiunta la possibilità di
effettuare o meno lo sviluppo delle cimose applicate alla forma
durante lo sviluppo della forma stessa, tramite il tasto . Alla
pressione delle precedente icona, apparirà il seguente messaggio:

Normalmente, lo sviluppo della forma comporta lo sviluppo anche dei


supporti, quindi il messaggio precedente chiede la convalida della
scelta di non effettuare lo sviluppo dei supporti applicati alla forma.

23.4.3 SALVATAGGIO INFORMAZIONI NEL FILE FORMA


Con questa nuova versione del CAD, è ora possibile immagazzinare
nel file frv che deve essere lavorato dalla macchina, anche le
informazioni riguardanti la scala di sviluppo assegnata al modello e
anche la posizione dell’asse di sviluppo della forma stessa. Per
immagazzinare questi dati, bisogna selezionare due opzioni presenti
nella finestra di Configurazione della macchina.
Per accedere alla finestra di configurazione, bisogna premere il
pulsante Configurazione macchina . Nella seguente finestra è
possibile creare o modificare una macchina FRV. Per effettuare
l’immagazzinamento delle funzioni di sviluppo descritte prima, è
necessario o creare una nuova macchina frv oppure modificarne una
già esistente.

316
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Se vogliamo creare una nuova macchina frv, allora bisogna


selezionare la scritta Macchina virtuale che darà la possibilità di
accedere tramite il pulsante Nuovo (visibile qui sotto):

alla finestra di creazione della nuova macchina frv con le due opzioni
di memorizzazione :

317
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Una volta assegnato il


nome e i relativi dati
alla macchina, nella
parte bassa della
finestra, sono visibili
le opzioni di
Memorizzazione del
Sistema di sviluppo
e dell’Asse di
sviluppo.

Una volta immagazzinati o no i dati relativi allo sviluppo del modello ,


passiamo alla creazione del file frv. Anche qui è stata apportata una
modifica introdotta con la nuova versione. La modifica consiste nella
possibilità di creare il file frv partendo dal modello base o creare il file
frv del modello sviluppato o addirittura di tutta le taglie presenti nella
scala di sviluppo assegnata al modello stesso. Per la creazione del
file frv di taglia base si agisce come sempre, mentre se si vuole partire
da un numero sviluppato, si deve prima selezionare la taglia del
modello, selezionandola dalla combo box che si trova in alto a destra
della finestra principale:

In seguito alla scelta fatta, le cimose ( o supporti) vengono sviluppati


insieme al modello. Dopo aver selezionato il numero del quale

318
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

dobbiamo generare l’frv, si deve premere il pulsante NC file che


aprirà la seguente maschera di salvataggio del file:

In questa finestra, rispetto a prima, appare il pulsante Misure tramite il


quale è possibile selezionare una o tutte le taglie presenti nella scala
di sviluppo assegnata al modello.

In questo caso basta


selezionare le taglie di
cui effettuare la
creazione del file frv e
premere il tasto OK.

Se io seleziono per esempio le taglie da 36 a 39, avrò la creazione dei


quattro file frv per ogni taglia selezionata:

319
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Dopo aver fatto la selezione, nella cartella prescelta, appariranno i


seguenti file:

23.5 MENÙ ESPORTAZIONE FILE CNC.


Analizziamo ora il menu della generazione delle macchine e file di
tornitura in tutte le sue funzioni.

320
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

23.5.1 CREAZIONE / MODIFICA DI UNA NUOVA MACCHINA FRV

• CREAZIONE MACCHINA FRV

La creazione della macchina virtuale FRV è molto semplice. Dopo


aver scelto il modello dal database, bisogna andare nell’editor di
creazione percorso utensile con questo tasto .

Nella seguente schermata bisogna cliccare il seguente tasto che


apre la seguente maschera:

In questa maschera bisogna selezionare la dicitura Torni Virtuali e


premere il pulsate Nuovo tramite il quale si apre la seguente finestra:

321
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Qui bisogna assegnare il nome alla macchina ( es. Macchina FRV) o


addirittura immagazzinare nel file frv che deve essere creato, anche le
informazioni riguardanti la scala di sviluppo assegnata al modello non
che la posizione dell’asse di sviluppo della forma stessa, agendo sulle
due opzioni in basso:

Una volta assegnato il


nome e i relativi dati
alla macchina, nella
parte bassa della
finestra, sono visibili
le opzioni di
Memorizzazione del
Sistema di sviluppo
e dell’Asse di
sviluppo.

passare alla seconda scheda chiamata Precisione:

322
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Grandezza
area tallone

Ampiezza
passo
lavorazione

Qui sono impostate di default le grandezze della due aree a passo


variabile ( quella del tallone e quella della punta) rispettivamente di
32mm (tallone) e di 16mm (punta). Per la seconda riga invece, sono
definiti i vari passi di lavorazione per quanto riguarda l’area del
tallone, del centro forma e della punta. Tutti i valori di grandezza delle
aree e di passo di lavorazione sono comunque modificabili.
Dopo aver visualizzato o modificato i parametri di questa finestra, si
passa alla successiva scheda dove andremo ad assegnare alla
macchina appena creata dei supporti standard. Quindi passiamo alla
scheda Supporti.

323
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Tipo di supporto : USER

In questa cartella bisogna assegnare delle cimose standard alla


macchina FRV, quindi bisogna selezionare come tipo di supporto ,
Anteriore e Posteriore, la dicitura User se precedentemente
abbiamo creato e successivamente salvato dei supporti nel Database
Supporti.

Tipo di supporto : MIN

Se Scegliamo l’opzione MIN ,invece, possiamo impostare delle misure


minime per le cimose, praticamente un riferimento da tenere presente
quando si vanno a creare delle cimose vere e proprie.Nella figura
sottostante e’ raffigurata la cimosa con le misure minime:

324
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Cimosa reale

Cimosa minima

Tipo di supporto : NONE

Se la nostra scelta ricade sull’opzione NONE , vuol dire che non


verranno aggiunte cimose alla forma; quest’opzione e’ di solito usata
se la forma presenta entrambe le cimose originali (in questo caso
NONE sia come supporto di tallone e di punta) oppure se e’ solo
presente una delle due (a seconda se ci si a il supporto del tallone o
della punta).

• MODIFICA MACCHINA FRV

Per la modifica di una macchina FRV, bisogna premere il pulsante


CONFIGURAZIONE di MACCHINA . Qui, selezionare la
macchina FRV che volgiamo modificare e premere il pulsante
MODIFICARE. Qui vengono riproposte tutte le schermate che
abbiamo visto in precedenza durante la creazione di una nuova
macchina FRV. Quindi la prima schermata GENERALE dove sarà
possibile cambiare il nome della macchina FRV.

325
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Cambio del
nome ES.
Macchina FRV
tacco alto

Passando alla scheda PRECISIONE sarà possibile modificare e


quindi reimpostare la grandezza standard delle aree di lavorazione e
della grandezza del passo.

326
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

Mentre se selezionaniamo la terza scheda SUPPORTI , potremo


andare a d assegnare alla macchina modificata dei supporti
precedentemente salvati nel database dei supporti.
In questo caso ho
selezionato dei
supporti (ANT e
POST) che vengono
usati per forme a
tacco alto.

Con il percorso di modifica effettuato in precedenza, ho modificato


una macchina FRV, in modo da poterla utilizzare per la lavorazione di
forme a tacco alto. E’ comunque possibile creare già in partenza delle
macchine che possono andare bene per la lavorazione di vari titpi di
forme, come mostrato nelle seguente figura:

Dopo la creazione della macchina , si passa alla selezione della


stessa, in questo modo:

327
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 LAVORAZIONE DEL MODELLO

In questa maschera bisogna selezionare la macchina FRV appena


creata , premere il pulsante SELEZIONARE . Prima di premere il
pulsante Accettare per concludere tutte le operazione di creazione e
di selezione della macchina FRV, e’ possibile impostare come
predefinita la macchina FRV, utilizzando l’opzione Conservare
configurazione per difetto .

23.5.2 ELIMINAZIONE MACHINA


Per eliminare una macchina dal database basta selezionarla e
premere il pulsante , a questo punto viene chiesta
conferma dell’operazione:

328
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 STAMPA DEL MODELLO

24 STAMPA DEL MODELLO


Premendo l’icona si stampa il modello con tutti i suoi dati.
Vengono in effetti stampati tutti i dati che si vedono nella scheda del
modello, se voglio stampare anche i dati Altri e Misure del modello
devo aprirli come mostrano le due figure.

Dati Altri e Misure del modello


nascosti (non verranno stampati)

Dati Altri e Misure del modello


nascosti (non verranno stampati)

329
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 STAMPA DEL MODELLO

Il risultato della stampa sarà:

330
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI


Questa è un’ applicazione per la suddivisione del modello digitalizzato
in tre superfici.
Il sistema CAD per il disegno della forma, ha bisogno di modelli divisi
in tre superfici in modo da disegnare la forma e spianarne le superfici
e con questo programma , non solo si può dividere il modello in 3
superfici ma si ha anche un completo controllo sul tipo di struttura
delle tre superfici create.

tronchetto
laterale

sottopiede

Icona dell’applicazione per


la creazione delle tre
superfici.

Zoom di finestra

Righello – Misura sulla superficie della distanza da punto a punto

Annulla

331
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Seleziona punto , curva o superficie – nessuna modifica

Muovi punto

Aggiungi punto – Scorciatoia: Ctrl + tasto destro del mouse

Cancella punto – Scorciatoia: Shift + tasto destro del mouse

Spigolo – Arrotonda o viceversa spigola un punto

Seleziona curva o superficie – nessuna modifica ???

Seleziona curva e muove con mouse

Crea curva

Chiudi curva

Mostra/Nascondi forma originale

Mostra/Nascondi nuova vista superficie

Mostra/Nascondi nuova superficie sottopiede

Mostra/Nascondi nuova superficie tronchetto

Opzioni per la creazione delle 3 superfici

Attivazione dello scheletro delle curve

Creazione 3 superfici

Torna all’inizio della creazione delle 3 superfici. Usato per cambiare


eventuali parametri .

Render superficie selezionata. Prima bisogna selezionare la superficie


per il render.

Mostra/Nascondi scheletro linea di superficie

Aggiungi una linea di scheletro nell’intervallo tra le linee selezionate.


Si devono prima selezionare le linee all’interno delle quali deve
avvenire l’aggiunta della nuova linea.

Cancella una linea di scheletro

Errore di analisi della nuova e della superficie originale.

Esporta le 3 superfici

Spianatura 2D della superficie di sottopiede

332
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Passa da 3D a 2D.

25.1 PAROLE CHIAVE GENERALI:

LINEE DI SCHELETRO CON


LE QUALI COSTRUIRE LA
NUOVA SUPERFICIE

Linea di tronchetto

Linea di
Direzione centro
superficie

Sottopiede

Linea di sezione della


Superficie
ORIZZONTALE

Linea profilo della


Superficie
VERTICALE.

333
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

LINEE DI STRUTTURA 3
SUPERFICI

25.2 COMANDI MOUSE GENERALI

25.2.1 MOVIMENTI E SCORCIATOIE MEDIANTE IL MOUSE


TASTO DESTRO DEL MOUSE
TASTO DESTRO + TASTO CTRL = ZOOM
TASTO DESTRO + TASTO SHIFT = SCROLL \ MOVE
TASTO DESTRO + TASTO SHIFT KEY + CTRL = RUOTARE

SENZA SCROLL LOCK


TASTO DESTRO DEL MOUSE = RUOTARE

CON SCROLL LOCK


TASTO DESTRO DEL MOUSE = POPUP MENUS

TASTO SINISTRO DEL MOUSE: Dipendente dal modo attivato.


TASTO SINISTRO + TASTO CTRL = RUOTARE
TASTO SINISTRO + TASTO SHIFT = MUOVERE
TASTO SINISTRO + SHIFT + CTRL = SELEZIONE SEGMENTO

334
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.2.2 CONTESTO MENU


Con il Scroll Lock attivo abbiamo I seguenti menu utilizzando il tasto
destro del mouse :

Dati superficie – Informazioni geometriche sulla superficie di


sottopiede.
Operazioni di superficie – Operazioni sulla superficie che verranno
spiegate in seguito e alle quali si può accedere selezionando le
relative icone.
Dati di Render – Nei dati di render abbiamo alcune opzioni per il
render:

335
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Tipo di Render.

Barra di qualità.
Più bassa la qualità più alta
la velocità della grafica.

BASSA ALTA

Seleziona nuovi materiali


per il rendering .

Proprietà dei materiali .

Tessiture da applicare
sulla superficie

336
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Finestra – Ingrandisci finestra, opzioni di Zoom, Vista griglia …,


Cambia colori finestra. Strati non è molto usata per questa
applicazione

337
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.3 POSIZIONAMENTO DEL MODELLO


Il primo passo per ottenere una buona generazione del 3 superfici è
avere la forma posizionata nel modo migliore. Questo viene fatto nell’
editor del posizionamento dell’Easylast3D.
Per esempio, il seguente posizionamento non è corretto.

338
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Questo causerà una cattiva generazione del file 3 superfici, come


mostrato in figura:

Ma se la posizione della forma è corretta prima della generazione


delle 3 superfici, come nella seguente immagine

CORRETTO
POSIZIONAMENTO

Otterremo un buon risultato con le tre superfici .

339
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

NOTA IMPORTANTE: La direzione della curva di scheletro è molto


importante nella generazione delle 3 superfici

340
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.4 DEFINIZIONE DEI LIMITI DELLE 3 SUPERFICI


Il primo passo da fare, una volta che il modello è stato posizionato
correttamente, è quello di entrare nell’applicazione delle 3 superfici,
che viene fatto semplicemente premendo questa icona e il
modello attivo nel cad, verrà automaticamente aperto nella nuova
applicazione
A questo punto dobbiamo definire con quale precisione si avranno il
sottopiede e la curva di tronchetto . Queste curve verranno usate per
“tagliare” il modello in 3 parti e quindi molto importanti.

25.4.1 DEFINIZIONE DEL SOTTOPIEDE.

Prima dobbiamo selezionare il sottopiede premendo il tasto ,


facendo questo la linea selezionata sarà in “modalità modifica” e
verranno visualizzati sulla superficie i punti che ne definiscono la linea
( in questo caso la curva di sottopiede).

Se si necessita di modificare il modello, basta selezionare il punto e


muoverlo col mouse nella corretta posizione:

341
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.4.2 DEFINIZIONE DEL TRONCHETTO.


Con esattamente lo stesso processo come per la definizione del sottopiede,
definiamo il tronchetto selezionando prima il pulsante e quindi premendolo.

Prima della modifica:

342
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Dopo la modifica:

25.5 GENERAZIONE AUTOMATICA 3 SUPERFICI.


Abbiamo 3 passi da seguire per la creazione delle 3 superfici. Nel
modo automatico saltiamo i primi 2 e passiamo direttamente alla
generazione premendo il tasto .
I parametri usati per creare le nuove superfici sono I parametri
standard che
si trovano nella finestra delle opzioni . Se si vuole cambiare
alcuni dei parametri standard, che spiegheremo in seguito, bisogna
solamente premere la seguente casella di controllo:

prima di chiudere la finestra delle opzioni.

343
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Dopo un piccolo tempo di calcolo abbiamo il seguente risultato:

Icone selezionate

Abbiamo adesso creato la linea scheletro che creerà le 3 superfici,


nell’immagine, dovuto al posizionamento del modello possiamo solo
vedere la superficie laterale.
Per vedere il render della superficie generata si deve selezionare la
superficie premendo su una delle linee dello scheletro con la

344
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

seguente icona selezionata , e a questo punto se la superficie è


selezionata correttamente tutti i punti di intersezione dello scheletro
saranno visibili , vedere la seguente immagine:

Icone selezionate
Dopo aver selezionato la superficie, se si vuole effettuare il render,
basta premere il tasto . Adesso si vedrà la superficie originale e
quella nuova insieme.

Icone selezionate

Se si vuole vedere solo la nuova superficie, basta nascondere


l’originale premendo questi due pulsanti

345
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Icone selezionate

25.6 GENERAZIONE DELLE 3 SUPERFICI IN MODO


SEMI-AUTOMATICO
Adesso esaminiamo I 3 passi per creare una struttura a 3 superfici
personalizzata.
Dopo il corretto posizionamento della forma abbiamo le seguenti
operazioni:
• Definizione dei PARAMETRI DI SUPERFICIE
• Definizione delle LINEE DELLO SCHELETRO
• Generazione delle 3 SUPERFICI

25.6.1 PARAMETRI DI SUPERFICIE


Il primo passo è quello di definire I parametri di superficie
accedendovi utilizzando il seguente pulsante . Con questi abbiamo
il pieno controllo degli spazi tra le sezioni ed I profili e la precisione
che possiamo dare alla punta, al tallone e all’area del sottopiede.

346
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• TABELLA GENERALE DEI PARAMTRI DELLE 3 SUPERFICI

Passo tra profili. Più piccolo il valore


più profili e più precisione della
nuova superficie.
Ma anche un file più pesante.

Concentrazione di profili in area


PUNTA e TALLONE Range 0 a 1.
in questo caso il passo cambierà,
più piccolo in punta e tallone e
largo nel corpo.

Se questo è selezionato quando vengono aggiunte le linee sul


fianco della forma, si avrà anche l’aggiunta della linea al sottopiede e vice versa.
Vedere la seguente immagine .

347
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Se questa NON è selezionata quando viene aggiunta la linea,


NON si avrà l’aggiunta della linea sulla superficie di sottopiede e vice versa .

348
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• TABELLA DELLE OPZIONI DEI PARAMETRI DELLA SUPERFICIE

Passo tra sezioni. Più grande il valore


e più profili e quindi più precisione per
la nuova superficie.
Ma anche un file più grande.

Concentrazione
dei profili nell’area
del sottopiede.
Range 0 a 1.

Concentrazione dei profili in Punta


e Tallone. Range 0 a 1.
In questo caso il passo cambierà,
piccolo in punta e tallone e grande
nel mezzo.

Numero di punti di default . Vedere


capitolo 25.5

349
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• TABELLA DELLE OPZIONI DEI PARAMETRI

Passo tra sezioni.Più grande il valore e


più profili e quindi più precisione per la
nuova superficie.
Ma anche un file più grande.

Concentrazione di
profili nell’area del
sottopiede.
Range 0 a 1.

Concentrazione di profili in PUNTA e


TALLONE. Range 0 a 1.
In questo caso il passo cambierà, piccolo
in punta e tallone e grande nel mezzo.

Numero di punti di default nelle linee di


scheletro. Vedere capitolo 25.5

350
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• TABELLA DELLE OPZIONI DEI PARAMETRI

Passo tra sezioni. Più grande il valore


e più profili e quindi più precisione per
la nuova superficie.
Ma anche un file più grande.

Concentrazione di
punti nel profilo
del tronchetto.
Range 0 a 1.

Concentrazione di punti in PUNTA


\Frontale e TALLONE \Posteriore.
Range 0 a 1.
In questo caso il passo cambierà ,
piccolo in punta e tallone e grande nel
mezzo.

Numero di punti nella curva di


scheletro. Vedere capitolo 25.5

351
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.6.2 CAMBIAMENTO DEI PARAMETRI DELLA GENERAZIONE


DELLA SUPERFICIE
Qui abbiamo alcuni esempi dove possiamo vedere l’influenza nella
generazione della superficie che questi parametri hanno.
Qui c’è un modello con una semplice punta arrotondata. Possiamo
usare dei parametri standard per questo modello con cui possiamo
avere un buon risultato.

Modello
originale
digitalizzato

Rete di curve
della nuova
superficie sul
modello
digitalizzato

352
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Rendering
della nuova
superficie

Qui abbiamo un modello con una punta squadrata con uno spigolo
sopra. Vedremo I differenti risultati con questi tipi di modelli.

Modello
originale
digitalizzato

Se usiamo di default come nella seguente immagine:

353
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Otterremo la seguente nuova superficie, come possiamo vedere la


definizione della punta non è molto precisa comparata al modello
originale.Gli spigoli in punta della nuova superficie sono arrotondati.

354
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Rete di curve della nuova superficie Rendering della


sul modello digitalizzato nuova superficie

Se cambiamo I parametri di default per avere maggiore precisione


nell’area della punta dobbiamo fare un passo più basso in sezione e
profili, come nella seguente finestra dei parametri.

Avremo una nuova rete di superficie con più linee ( profili e sezioni) di prima.
Questo sarà più anche un file più complesso.

355
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Rete di curve della nuova superficie


sul modello digitalizzato

Rendering della
nuova superficie

NOTE IMPORTANTI:
Possiamo dire che un modello è giusto ed un’altro errato perchè dipende da quale
applicazione e a quale scopo la nuova superficie servirà. Per esempio I sistemi di
disegno della forma lavorano meglio con file a 3 superfici leggeri anche se il
modello non è cosi preciso (non abbiamo bisogno di maggiore precisione come il
modellista crea la forma in 3D su un modello 3 superfici).
Quello che possiamo dire è che il secondo modello con i nuovi parametri è più
preciso comparato al modello digitalizzato originale.

356
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Un altro esempio di un particolare modello dove abbiamo modificato i


parametri come prima:

Modello
originale
digitalizzato

Rete di curve
della nuova
superficie sul
modello
originale
digitalizzato

Rendering
della nuova
superficie

357
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.6.3 LINEA SCHELETRO


Il secondo passo è quello di definire le linee di scheletro che danno la direzione
della generazione delle 3 superfici. Dobbiamo premere il tasto per accedere a
questa funzionalità. Generalmente quella calcolata automaticamente va bene .

Le prime 2 curve di scheletro sono


date dall’intersezione del modello
con il piano lungo la lunghezza del
suo asse. Questo è dato dal
posizionamento del modello, vedere
capitolo XX

1st Curva di scheletro:


P P

Questa è il profilo di punta frontale


(1), non è editabile ed è data dal
posizionamento iniziale del modello,
Vedere capitolo 25.3.

2nd Curva di scheletro:


P P

Questo è il profilo posteriore del


tallone, anche questo è dato dal
posizionamento iniziale e non è
modificabile.

3rd Curva di scheletro:


P P

Questa curva è nella zona del


sottopiede del modello. I punti di
inizio e di fine sono dati dalla
posizione del modello, la curvatura
è dipendente dalla direzione del
sottopiede forma.
Una buona curvatura segue la
3 1direzione del sottopiede.

358
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

4th Curva di scheletro:


P P

Questa curva è sul tronchetto del


modello.
Una buona curvatura segue la
direzione della sagoma del
tronchetto.
4
5th Curva di scheletro:
P P

Questa curva è parallela al


Sottopiede e controlla la direzione
della superficie laterale creata.
Una buona curvatura dovrebbe
seguire il profilo del Cambriglione
della forma.

Alcuni esempi di corretta e di non corretta definizione della curva di scheletro:

CORRETTA
curvatura

CORRETTA
curvatura

359
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

CORRETTA
curvatura

CORRETTA
curvatura

ERRATA curvatura

CORRETTA
curvatura

360
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

ERRATA curvatura

25.7 EDIZIONE DELLA NUOVA SUPERFICIE


GENERATA
Dopo aver creato le 3 superfici abbiamo alter opzioni con cui
modificare le linee della superficie generata con I quale possiamo
costruire una nuova superficie.
Per la modifica, dipende da quale tipo di edizione vogliamo effettuare,
dobbiamo selezionare una curva o un’area.

SELEZIONE E MOVIMENTO DI LINEE \ AREE

25.7.1 SELEZIONA \ MUOVI PUNTO


Per selezionare un punto basta premere sull’intersezione di 2 linee.
Per muovere un punto basta tirarlo con il TASTO SINISTRO DEL
MOUSE o usando SHIFT + FRECCE.
SELECT MOVE

NOTA IMPORTANTE
Se in alcuni punti della superficie il punto non si muove , vuol dire che
in quest’area la superficie è degenerata. Per evitare questo problema,
si può muovere il punto premendo prima e tenendo premuto
cliccando sul tasto ESC finchè il punto non viene spostato nella
posizione desiderata.

361
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.7.2 SELEZIONA \ MUOVI LINEA, SEZIONE O PROFILO


Per selezionare un profilo basta selezionare il profilo o sezione di
linea della nuova superficie. Per muovere una linea selezionata, basta
tirarla con il TASTO SINISTRO DEL MOUSE o usando SHIFT +
FRECCE
SELEZIONE MUOVI PROFILO
PROFILO

SELEZIONA MUOVI SEZIONE


SEZIONE

362
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.7.3 SELEZIONA PIÙ LINEE, SEZIONI E PROFILI


Per la selezione in serie di sezioni o profili, si deve prima selezionare
la prima linea e quindi con “SHIFT+CTRL+TASTO SINISTRO DEL
MOUSE”

SELEZIONA SELEZIONA
1st linea
P P linea finale

SELEZIONA SELEZIONA
1st linea
P P linea finale

Per muovere le linee selezionate è come muovere la singola linea ,


una volta selezionata l’area, basta tirarla con il TASTO SINISTRO
DEL MOUSE o usando SHIFT + FRECCE .

363
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.7.4 SELEZIONA \ MUOVI UN’AREA


Possiamo anche selezionare un’area interna della superficie. Questa
è l’area delimitata da due punti estremi diagonali.
Per esempio:

1st punto
limite da
Primo punto
selezionare

Ultimo
2nd punto punto
limite da
selezionare

Una volta che l’area è selezionata possiamo muoverla come abbiamo


visto prima per alter modifiche solo tirandola con il TASTO SINISTRO
DEL MOUSE o usando SHIFT + FRECCIA .

AREA
MODIFICATA

25.7.5 SELEZIONA \ MUOVI SEGMENTO


Si lavora esattamente nello stesso modo visto per la selezione e lo
spostamento dell’area. Basta premere il primo punto da selezionare e
poi premere l’ultimo punto utilizzando i tasti “SHIFT+CTRL” .

SELEZIONA MUOVI

364
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.7.6 SPIANARE AREA


Possiamo anche spianare un’area se vediamo che la nuova superficie
non è bene levigata in alcune parti. La prima cosa da fare è
selezionare l’area come abbiamo visto prima nel paragrafo e quindi
usare “CTRL+FRECCE”:
CTRL+FRECCE SU \ GIU’= SPIANA VERTICALMENTE
CTRL+FRECCE SINISTRA\DESTRA
=SPIANAORIZZONTALMENTE
Il numero delle volte che dobbiamo premere la freccia per spianare
dipende dall’entità della spianatura che dobbiamo applicare alla forma
originale che vogliamo modificare. Chiaramente se l’area originale
non è molto rovinata non dobbiamo spianare molto.

AREA ERRATA

365
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

LISCIATURA VERTICALE

CTRL +FRECCIA UP
3-4 VOLTE

LISCIATURA VERTICALE

CTRL +FRECCIA
SINISTRA
2-3 VOLTE

LISCIATURA
ORIZZONTALE

CTRL +FRECCIA SU
1 VOLTA
+
CTRL +FRECCIA
SINISTRA
1 VOLTA

366
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.7.7 LISCIATURA SEGMENTO


Come abbiamo visto nella lisciatura dell’area, possiamo fare la stessa
cosa per il segmento. Prima cosa è quella di selezionare il segmento
che vogliamo lisciare e quindi con il “CTRL+FRECCE” possiamo fare
la lisciatura desiderata.
Il numero di volte che dobbiamo premere il tasto freccia per la
lisciatura dipende dall’entità della lisciatura che dobbiamo applicare e
dalla forma che vogliamo lisciare. Chiaramente se il segmento
originale non è molto rovinato non dobbiamo lisciare troppo.
Per esempio per LINEE ORIZZONTALI (Sezioni)
CTRL+FRECCE SINISTRA \ DESTRA = LISCIATURA
ORIZZONTALE

SEGMENTO ERRATO

SELEZIONA SEGMENTO
Seleziona primo punto con il
mouse e quindi con
“CRTL+SHIFT+ SINISTRO
MOUSE” selezionare l’ultimo
punto del segmento.

LISCIATURA
ORIZZONTALE

CTRL +FRECCIA SINISTRA


1-2 VOLTE

Per esempio per LINEE VERTICALI (Sezioni)


CTRL +FRECCIA SU\GIU’= LISCAITURA ORIZZONTALE
SEGMENTO SELEZIONA LISCIATURA
ERRATO SEGMENTO VERTICALE

367
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

CTRL+↑↓
2-3 VOLTE

25.8 MODIFICA AVANZATA DELLA SUPERFICIE


GENERATA
Andiamo adesso nell’ultima fase di eventuali modifiche alla superficie
generata. Possiamo adesso aggiungere o eliminare linee in modo da
ottenere più precisione in alcune aree o alleggerire aree dove troppe
linee non sono necessarie.

25.8.1 AGGIUNGI NUOVE LINEE (PROFILI \ SEZIONI)


Per aggiungere nuove linee, orizzontali o verticali, abbiamo bisogno di
selezionare prima un intervallo di linee. L’intervallo potrebbe essere
da un minimo di 2 linee dove solo una linea sarà aggiunta nel mezzo
delle 2:

Selezionare l’intervallo dove


Premere il pulsante per
si vuole la linea o le linee
aggiungere linee

368
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Si può anche selezionare un intervallo di più di 2 linee e quindi


aggiungere una nuova linea nel mezzo si ogni linea selezionata:
Selezionare l’intervallo di
linee dove si vuole
aggiungere

Premere il pulsante
per aggiungere linee

25.8.2 CANCELLARE LINEE (PROFILI \SEZIONI)


Per eliminare linee, abbiamo bisogno di selezionare la o le linee che
vogliamo cancellare e premere il tasto

369
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.9 ERRORE SI ANALISI


Durante o alla fine della creazione abbiamo la possibilità di analizzare
con quale precisione la nuova superficie è stata generata comparata
con il modello originale digitalizzato..
Questo è molto importante per dare al cliente un modello in 3 superfici
di certa precisione, per esempio 0.15 mm comparato all’originale.
Quando vogliamo vedere l’errore di analisi dobbiamo prima
selezionare quale superficie vogliamo analizzare e premere il tasto
per attivare l’analisi.
Il programma calcolerà in poco tempo l’area dove la differenza di
tra il modello digitalizzato e la nuova superficie. L’utilizzatore può
immettere il valore nel box di analisi 0.1mm o.2 mm etc…
Una volta visualizzato il risultato si può decidere di ricostruire la
superficie cambiando alcuni parametri come nel Vedere capitolo
25.6.2, o aggiungere \modificare linee dove ne abbiamo bisogno.

L’area in ROSSO ha un
errore MAGGIORE di
0.15mm comparato al
modello originale

370
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Se cambiamo il valore di
errore di analisi ed immettiamo
0.25mm, ovviamente vedremo
meno parti rosse.
Questo significa che le parti
rosse che sono sparite
avevano un errore tra 0.15 e
0.25 mm

Se si vuole mantenere una precisione di 0.15 mm, si può lavorare in 2


modi:
a) Cambiare I parametri di generazione ed usare:

VECCHI VALORI NUOVI VALORI

371
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

quindi si può ricalcolare tutto prima rifacendo I precedenti calcoli,


premendo il tasto e quindi per ricalcolare.
Si può vedere nella successiva immagine che adesso le parti in rosso
con un errore alto rispetto a 0.15mm sono piccole.

372
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

b) Il secondo modo è stato quello di aggiungere linee dove c’era una più
alta concentrazione di parti rosse.

25.9.1 ESEMPIO DI PUNTA SQUADRATA.


Possiamo vedere nel seguente esempio come fare una superficie su
punta squadrata precisa con l’edizione della superficie calcolata.
SUPERFICIE CALCOLATA AUTOMATICAMENTE E RENDER

ERRORE TROVATO SELEZIONE AREA PER


L’AGGIUNTA

AGGIUNGERE LINEE SELEZIONE AREA PER AGGIUNGERE PIU’


LINEE

373
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

SELEZIONA AREA PER AGG. LINEA ORIZZONTALE AGGIUNGI LINEE

MODIFICA PUNTO PER PUNTO IN PUNTA RENDERING FINALE

374
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.10 FINESTRA DI ESPORTAZIONE 3 SUPERFICI E


OPZIONI

Per esportare le 3 superfici dobbiamo selezionare l’icona ed


apparirà la finestra di esportazione.

• IGES 128 (*.IGS)


File iges 128 entità.
• IGES 114 (*.IGS)
File iges 114 entità.
• IGS CRISPIN (*.IGS)
File iges compatibile con CRISPIN DYNAMICS CAD SUITE
• IGS 114 UNITO (*.IGS)
File iges con la superficie di sottopiede e laterale perfettamente unita,
alcuni CAD design richiedono questo tipo di struttura.

• ALTRI SISTEMI

Formato compatibile con altri sistemi di cad design.Scegliendo questo


tipo di salvataggio, apparirà la seguente maschera che assegnarà al
file le seguenti utleriori informazioni:

375
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• SOLO PER I FORMATI DI ESPORTAZIONE IGES 128 E 114

È possibile effettuare un’esportazione singola di ognuna delle 3


superfici generate. Quindi, dopo aver selezionato per esempio il
formato iges 114, apparirà la seguente finestra:

In questo caso sarà possibile decidere quale tra queste superfici


esportare o no. Quelle selezionate verranno esportate.
Se , per esempio, selezioniamo solo “Superficie sottopiede” avremo
questo risultato :

376
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Questa sarà la superficie del sottopiede che verrà esportata.

25.11 SPIANATURA SOTTOPIEDE 2D – NUOVO


ALGORITMO
Abbiamo sviluppato un nuovo algoritmo di spianatura per il sottopiede
, bisogna solo andare nella finestra di spianatura 2D premendo l’icona
ed avremo la spianatura 2D automaticamente.
Barra icone:

Zoom di finestra

Righello – Misura la distanza da punto a punto

Annulla

Cancella punto – Scorciatoia: Shift + tasto sinistro del mouse

Seleziona punto, curva o superficie – nessuna modifica

Muovi punto

Aggiungi punto – Scorciatoia: Ctrl + tasto sinistro del mouse

Angolo – Arrotonda e vice versa

Passa da 3D a 2D

377
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

25.11.1 EDIZIONE DI LINEA SPIANATA


Se si necessita di modificare una linea spianata in 2D prima
dell’esportazione , bisogna premere l’icona e quindi muovere il
punto come nell’editor dell’ Easylast3D . Si possono eliminare come
nella normale applicazione Newlast 2D.

Linea spianata
ORIGINALE
rossa.NON
modificabile

Linea spianata
BLUE editabile.

25.11.2 MENU’ TASTO DESTRO DEL MOUSE


CON BLOCK SCROLL ATTIVO

378
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

FINESTRA 2D
Se si è nella finestra 2D, con niente selezionato, premendo il tasto
destro del mouse si accede al seguente menu:
Selezionando scanner si avranno le seguenti possibilità:

Scanner file – Importa un file immagine scannerizzato in formato


BMP, JPG e TIFF da mettere come sfondo.
Scanner locale – Importa direttamente dallo scanner locale collegato
al PC
Scanner remoto – Importa direttamente da uno scanner remoto
collegato al Pc
Seleziona sorgente – Seleziona quale sorgente utilizzare, scanner,
ecc...
Configurazione – Configurazione di scanner come in Easylast3D

FINESTRA 3D
Se si è nella finestra 3D si ha il seguente menu :

379
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

Queste opzioni sono le stesse che abbiamo visto nella finestra


principale delle 3 superfici, Vedere capitolo 25.2.2

25.11.3 ESPORTAZIONE LINEA SPIANATA


Per l’esportazione della linea 2D spianata si deve premere l’icona
e si possono scegliere differenti formati .

• ENT

ENT è il formato interno dell’entità per Easycut2D-CAM in modo da


poter tagliare direttamente sul tavolo da taglio connesso con
Easycut2D-CAM.

• NUC

NUC è il formato interno dell’entità per Easycut2D-CAM in modo da


poter tagliare direttamente sul tavolo da taglio connesso con
Easycut2D-CAM.

• IGS 126

Entità iges universale

380
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 GENERAZIONE MODELLO 3 SUPERFICI

• DXF

DXF formato universale in SPLINE o POLYLINE.

381
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

26 EASYCUT2D CAM
Questo programma serve per tagliare dime o entità varie, pilotando un tavolo da
taglio collegato.

Barra Menù

Tavola
standard

Pulsante Nuovo

Pulsante Apri

Pulsante Salva

Pulsante Importa entità

Seleziona pulsante entità

Pulsante Aggiungi entità

Pulsante Zoom

Pulsante Nesting automatico

Pulsante aggiungi tavola

Pulsante Configura macchina

382
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Pulsante Invia alla macchina

26.1 CREARE UNA TAVOLA PERSONALIZZATA


Per iniziare ad usare il CAM dobbiamo creare una tavola con le
stesse misure della TAVOLA DI TAGLIO che abbiamo. Per fare ciò
dobbiamo selezionare l’opzione AGGIUNGI TAVOLA dalla BARRA
DEI MENU’ -> OPERAZIONI -> TAVOLE:

Sarà visualizzata la seguente finestra:

Premere il pulsante AGGIUNGI per aprire la finestra successiva dove


potrete creare una nuova tavola:

383
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Se la vostra macchina non è in elenco, scegliere HPGL-EMUL.


Premere il pulsante OK per tornare ala prima finestra e selezionare la
nuova tavola:

Premere il pulsante SELEZIONA per scegliere la Nuova tavola e


premere il pulsante OK. La tavola che avrete scelto sarà selezionata
automaticamente ogni volta che aprirete l’Easycut2d CAM.

26.2 IMPORTARE PEZZI DAL CAD


Il passo successivo è quello di importare il/i pezzo/i da tagliare in
questo modo:
1) Selezionare dalla BARRA DEL MENU’ l’opzione FILE ->
IMPORTA PEZZO o direttamente il pulsante IMPORTA PEZZO
.
2) Selezionare il file .ENT Esportato in precedenza.

384
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

3) Sulla parte superiore della tavola di taglio apparirà il pezzo


selezionato e a sinistra ci sarà il numero di tutti gli sviluppi del
pezzo.

385
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Pezzo importato

Taglia

Numero di pezzi
per taglia

Per tagliare questi pezzi dobbiamo scegliere se farlo in modo manuale


o automatico:

26.3 INSERIMENTO DI PEZZI SULLA TAVOLA

26.3.1 MODO MANUALE

Selezionare l’icona AGGIUNGI ENTITA’ ; sulla sinistra della tavola


di taglio selezionare gli sviluppi del pezzo che intendete tagliare e
cliccare sulla tavola con il pulsante sinistro del mouse per
posizionarlo.

386
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Se dovete ruotare l’entità sulla tavola, tenete premuto il pulsante del


mouse e cliccare i numeri da 1 a 9 per ruotarlo nelle varie direzioni.

26.3.2 MODO AUTOMATICO

Selezionare l’icona NESTING AUTOMATICO , apparirà la


seguente finestra:

387
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Qui avrete un elenco di tutti i pezzi importati nel CAM e la possibilità di


escludere alcuni pezzi (opzione Escludi pezzo). Selezionare il pezzo
da tagliare e premere il pulsante OK. Facendo questo, tutti i pezzi
saranno posizionati fino a che lo spazio della tavola di taglio non sarà
esaurito. (Vedi disegno).

BLOCCARE-SBLOCCARE PEZZI
Se dovete tagliare uno o più pezzi in una tavola dove sono inseriti altri
pezzi, occorre agire nel modo seguente:
Pezzi da bloccare

Pezzi da tagliare

388
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

1) Selezionare il pezzo che volete bloccare.


2) Dalla BARRA DEI MENU’ -> OPERAZIONI -> PEZZI ASSEGNATI
-> BLOCCA. Per sbloccare i pezzi, selezionare l’opzione
SBLOCCA.

26.4 OPZIONI HPGL EMULAZIONE


Se la macchina non effettua automaticamente il cambio utensile,
potete farlo tramite l’opzione Configura Macchina.

STRUM. 0 Taglia Apparirà la seguente finestra:


STRUM. 1 Scrivi HPGL-EMUL finestra

Il taglio termina 2 mm dopo l’inizio del taglio

389
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Se dobbiamo tagliare una punta squadrata come la seguente, e


usiamo un tavolo da taglio Roland 1610, dobbiamo usare l’opzione
descritta precedentemente Uscita in angoli .

Per tagliare uno spigolo,


Uscita
il coltello deve uscire dal
taglio della dima e
rientrarci dopo. La misura
che si inserisce indica di
quanti mm deve uscire.
Entrata Vedere l’esempio
seguente.

Se la posizione della dima sulla tavola dello schermo di Easycut2D


CAM non è la stessa come risulta dalla tavola di taglio, allora si può
utilizzare una serie di trasformazioni per avere la stessa uscita sulla
tavola e sulla schermo.

Quando è necessario utilizzare due strumenti, uno per tagliare e uno


per scrivere, se la tavola sta utilizzando gli strumenti sbagliati potete
sia cambiare fisicamente gli strumenti sulla testa della tavola di taglio
oppure selezionare questa opzione.

Se sullo schermo abbiamo il seguente posizionamento.

390
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Selezionando questa opzione, otterrete il seguente risultato.

In questo caso sarà eseguita una specularità orizzontale.

391
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

In questo caso sarà eseguita una specularità verticale.

Per tagliare tutte le entità presenti sulla tavola di taglio, cliccare sul
pulsante INVIA A MACCHINA .
U

392
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

INDICE ANALITICO:
Abbandonare l’edizione Senza Effettuare Cambiamento Alcuno........................... 59
Abbassare Profilo Superiore ................................................................................ 180
Abbassare Sottopiede.......................................................................................... 176
Adattamento Delle Modifiche ............................................................................... 149
Adattando La Forma Alla Pianta .......................................................................... 149
Adattando La Pianta Alla Forma ......................................................................... 150
Adattare La Forma Alla Pianta ............................................................................. 149
Adattare La Pianta Alla Forma ............................................................................. 149
Aggiungere Punto ................................................................................................ 103
Aggiungere Una Nuova Proprietà .......................................................................... 19
Allargare\Stringere La Punta\Corpo ..................................................................... 203
Allineare ............................................................................................................... 119
Allungare\Accorciare La Punta\Corpo .................................................................. 202
Altezza Della Punta.................................................................................................. 4
Altezza In Punta (C) ............................................................................................... 85
Altezza Media Del Tacco ......................................................................................... 4
Altezza Tacco (C)................................................................................................... 85
Altezza Tronchetto ............................................................................................... 210
Applica Correzioni Di Calzata E Lunghezza........................................................... 88
Applicare Cambi................................................................................................... 149
Aprire Progetto....................................................................................................... 28
Aprire Un Modello .................................................................................................. 31
Asc ......................................................................................................................... 48
Assegnare numero............................................................................................... 225
Assegnare sviluppo.............................................................................................. 224
Assi ...................................................................................................................... 120
Aumentere spessore della punta superiore.......................................................... 179
Base della parte posteriore ...................................................................................... 3
Base della punta ...................................................................................................... 3
Bmp in bianco e nero (2 bit) a 200 dpi ................................................................. 133
Bussola .................................................................................................................... 4
Calzata (c).............................................................................................................. 85
Calzata (o) ............................................................................................................. 85
Cambiare database................................................................................................. 9
Cambiare il modello attuale.................................................................................... 59
Cambiare il valore dell’angolo xy nella finestra misure........................................... 81
Cambiare l’angolo e posizione del piano di taglio .................................................. 81
Carica tacco ..................................................................................................171; 172
Cartella “db” ............................................................................................................. 6
Cartella “db\hor” ....................................................................................................... 8
Cercare la pianta.................................................................................................... 78
Cercare ora ............................................................................................................ 23
Chiudere ................................................................................................................ 32
Chiusura editor....................................................................................................... 59
Cimose................................................................................................................. 128
Cliente.................................................................................................................... 25
Clienti ..................................................................................................................... 17

393
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Colore di fondo..................................................................................................... 124


Comandi che modificano il modello ....................................................................... 95
Comandi comuni a tutti gli editor ............................................................................ 96
Comandi di spostamento \ rotazione della forma ................................................... 69
Con mezzi ............................................................................................................ 223
Consultazione ........................................................................................................ 22
Continuare con l’edizione del modello.................................................................... 59
Control ................................................................................................................. 126
Copia.................................................................................................................... 103
Copia da un modello esistente............................................................................... 55
Corretto posizionamento .................................................................................. 71; 73
Correzione calzata (o)............................................................................................ 85
Correzione lunghezza (o)....................................................................................... 85
Cos’è easylast3d?.................................................................................................... 1
Costruzione del filoforma e profilo in 3d - punta............................................142; 147
Creare un nuovo modello....................................................................................... 59
Creazione di una nuova macchina cnc ................................................................ 251
Creazione modelli .................................................................................................. 54
Creazione/modifica curva di selezione................................................................. 183
Cresta della forma.................................................................................................... 3
Ctrl + freccette........................................................................................................ 70
Ctrl + mouse........................................................................................................... 70
Ctrl + r .................................................................................................................... 70
Cuneo anteriore ....................................................................................................... 3
Curva parametrica.........................................................................................154; 155
Curva predefinita.................................................................................................. 183
Dati del punto....................................................................................................... 106
Dati della curva .................................................................................................... 107
Definizione area costante..................................................................................... 152
Definizione del metodo di raccordo ...................................................................... 156
Dima..................................................................................................................... 133
Dima cresta.......................................................................................................... 214
Dimensioni cresta................................................................................................. 209
Diminuire spessore della punta sulla pianta......................................................... 176
Diminuire spessore della punta superiore ............................................................ 180
Diminuire spessore di tutta la forma..................................................................... 176
Discontinuo .......................................................................................................... 116
Discontinuo selezionato ....................................................................................... 117
Distanza ............................................................................................................... 108
Distanza non selezionata ..................................................................................... 109
Distanza selezionata ............................................................................................ 109
Distanza tallone ................................................................................................... 211
Dxf.......................................................................................................................... 47
Editare dati............................................................................................................. 28
Editare misura........................................................................................................ 80
Editare scala ........................................................................................................ 224
Editor de punta..................................................................................................... 164
Editor del cambriglione......................................................................................... 171
Editor del tallone .................................................................................................. 166
Editore del profilo superiore ................................................................................. 178

2
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Editore di unione .................................................................................................. 188


Editore locale ....................................................................................................... 182
Elimina punto ....................................................................................................... 103
Elimina tacco caricato .......................................................................................... 172
Eliminare .........................................................................................................29; 119
Eliminare macchina................................................................................................ 65
Eliminare misura .................................................................................................... 80
Eliminare scala..................................................................................................... 224
Eliminazione delle cimose.................................................................................... 128
Eliminazione machina cnc.................................................................................... 261
Eliminazione multipla ............................................................................................. 52
Esportare ............................................................................................................... 79
Fare angolo/curve ................................................................................................ 104
Ferratura .............................................................................................................. 218
File cnc..........................................................................................................240; 249
File hor ..................................................................................................................... 7
File x colonne......................................................................................................... 30
Filoforma .............................................................................................................. 148
Filtrare.................................................................................................................. 112
Filtrare zona di curva............................................................................................ 119
For.......................................................................................................................... 47
Formato hor ............................................................................................................. 7
Geometria della forma.............................................................................................. 2
Gestione dati.......................................................................................................... 15
Girare (2d)............................................................................................................ 110
Girare (2d) zona di curva ..................................................................................... 117
Girare per coordinate (2d).................................................................................... 110
Girare per coordinate (2d) zona di curva.............................................................. 117
Giro negativo........................................................................................................ 172
Giro positivo ......................................................................................................... 172
Griglia..............................................................................................................77; 121
Hor ......................................................................................................................... 47
Igs .......................................................................................................................... 47
Importazione di un filoforma................................................................................. 158
Importazione dima tramite scanner ...................................................................... 133
Importazione filoforma da scanner ....................................................................... 158
Incolla................................................................................................................... 103
Lavorazione del modello ...................................................................................... 230
Linee di guida....................................................................................................... 121
Livellamento (2d) ................................................................................................. 111
Livellamento (2d) zona di curva ........................................................................... 118
Lunghezza (c) ........................................................................................................ 85
Lunghezza (o) ........................................................................................................ 85
Menú Database........................................................................................................ 9
Menù Esportazione File Cnc ................................................................................ 250
Menù Importazione File.......................................................................................... 62
Menú Modello ........................................................................................................ 31
Metodo Di Sviluppo .............................................................................................. 227
Mettere Stucco..................................................................................................... 185
Misura Aggiunta ..................................................................................................... 20

3
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Misure .................................................................................................................... 19
Misure .................................................................................................................... 26
MISURE ................................................................................................................. 75
Misure Automatiche Calcolate (C) ......................................................................... 85
Misure Automatiche Originali (O) ........................................................................... 85
Misure Chiave Del Tronchetto.............................................................................. 209
Misure Interattive ................................................................................................... 69
Misure Manuali....................................................................................................... 75
Modello ............................................................................................................ 23; 31
Modello/Nuovo ....................................................................................................... 54
MODIFICA PIANTA.............................................................................................. 148
Modifica Singolo Modello ..................................................................................... 200
Modificare Zona ................................................................................................... 186
Mostrare Immagine ................................................................................................ 28
Muovere (2D) ....................................................................................................... 108
Muovere (2D) Zona Di Curva ............................................................................... 115
Muovere discontinuo (2d) zona di curva .............................................................. 115
Muovere per coordinate (2d):............................................................................... 108
Muovere per coordinate(2d) zona di curva........................................................... 116
Muovere punto ..................................................................................................... 103
Muovere sezioni ................................................................................................... 174
Muovere sezioni profilo superiore ........................................................................ 179
Numero iniziale e finale della scala ...................................................................... 223
Nuovi campi ........................................................................................................... 18
Nuovo..................................................................................................................... 54
Occulta immagine .................................................................................................. 28
Ombreggiatura ....................................................................................................... 89
Operazione della curva ........................................................................................ 108
Operazioni sulla zona della curva selezionata (2d).............................................. 115
Opzioni cambriglione............................................................................................ 173
Opzioni chiusura editor .......................................................................................... 59
Opzioni di adattamento ........................................................................................ 148
Opzioni profilo superiore ...................................................................................... 179
Opzioni vista 3d ..................................................................................................... 91
Paese..................................................................................................................... 23
Paesi ...................................................................................................................... 15
Parallela ............................................................................................................... 161
Parte del filoforma ................................................................................................ 163
Pdoxusrs.net ............................................................................................................ 9
Per misure............................................................................................................ 227
Per numeri ........................................................................................................... 226
Piano base della forma ............................................................................................ 3
Piano Base Linea Del Tallone.................................................................................. 3
Piano Di Taglio Virtuale........................................................................................ 191
Piano Geometrico ................................................................................................ 153
Piano Parametrico ............................................................................................... 154
Pianta................................................................................................................... 160
Posizionamento della forma................................................................................... 67
Procedura di posizionemento............................................................................... 189
Profilo................................................................................................................... 178

4
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Profilo del tallone ..................................................................................................... 3


Profilo linea collo del piede ...................................................................................... 3
Profilo linea punta .................................................................................................... 4
Punto d’appoggio della suola ................................................................................... 5
Punto di flessione..................................................................................................... 4
Raccordo ........................................................................................................... 193
Raccordo completa .............................................................................................. 156
Raccordo completo .............................................................................................. 157
Raccordo dal massimo......................................................................................... 156
Raccordo massima .............................................................................................. 156
Raggruppare .......................................................................................................... 26
Referenza ............................................................................................................ 159
Ricerca................................................................................................................... 22
Riga...................................................................................................................... 104
Righelli ................................................................................................................. 124
Rimozione piu’ precisa - tallone .......................................................................... 130
Rimozione supporto del tallone............................................................................ 128
Rimozione supporto punta ................................................................................... 137
Rimozione veloce-automatica - tallone ................................................................ 129
Rotazion................................................................................................................. 70
Salire profilo superiore ......................................................................................... 179
Salire sottopiede .................................................................................................. 176
Salva con nome ..................................................................................................... 32
Salvare................................................................................................................... 32
Scalare sezioni..................................................................................................... 175
Scalare sezioni profilo superiore .......................................................................... 179
Scalare sottopiede ............................................................................................... 175
Scanneriziamo ....................................................................................................... 98
Seleziona zona .................................................................................................... 182
Selezione area stuccatura.................................................................................... 184
Selezione zona della curva (2d)........................................................................... 114
Senza raccordo .............................................................................................156; 158
Settore ................................................................................................................... 24
Settori..................................................................................................................... 16
Sfoglia .................................................................................................................... 29
Shift + freccette ...................................................................................................... 69
Shift + m..........................................................................................................70; 126
Shift + mouse ......................................................................................................... 69
Significato icone posizionamento........................................................................... 68
Simulazione 2d .................................................................................................... 241
Simulazione 3d .................................................................................................... 243
Sistema di sviluppo .............................................................................................. 223
Sistema di sviluppo per difetto ............................................................................. 223
Spessorare Tutta La Forma ................................................................................. 176
Spianare Zona ..................................................................................................... 185
Spostamento.......................................................................................................... 69
Stampa modello ................................................................................................... 262
Stampare ............................................................................................................... 79
Strati..................................................................................................................... 122
Struttura file ascii normale..................................................................................... 48

5
EasyLast3D CAD/CAM v. 2.5 EASYCUT2D CAM

Struttura del database.............................................................................................. 6


Struttura file ascii strutturato .................................................................................. 49
Sviluppare ............................................................................................................ 225
Sviluppare con sottopiede costante ..................................................................... 228
Sviluppare tutto .................................................................................................... 160
Sviluppo della forma............................................................................................. 222
Tabelle e campi rilevanti .......................................................................................... 6
Taglio con superficie - punta ................................................................................ 138
Tallone quadrato .................................................................................................. 198
Tallone rotondo .................................................................................................... 198
Tastiera ...........................................................................................................97; 125
Tessiture vista 3d ................................................................................................... 90
Tipi di punta ........................................................................................................... 15
Tipo di forma .......................................................................................................... 25
Tipo di forme .......................................................................................................... 17
Tipo di punta .......................................................................................................... 24
Traslazione del sottopiede ................................................................................... 218
Tronchetto............................................................................................................ 208
Tutto il filoforma ................................................................................................... 162
Unione di corpo e punta ......................................................................................... 56
Unione due modelli - posizionamento .................................................................. 188
Unione scarpa e tronchetto .................................................................................... 58
Unione-raccordo .................................................................................................. 192
Unità....................................................................................................................... 78
Utilizzo delle funzioni 2d – singolo punto ............................................................. 106
Utilizzo delle funzioni 2d – zona di curva ............................................................. 114
Utilizzo delle funzioni 2d- curva intera.................................................................. 107
Utilizzo delle funzioni di visualizzazione............................................................... 120
Utilizzo delle icone ................................................................................................. 98
Vda..............................................................................................................48; 51; 52
Visione del modello ................................................................................................ 66
Viste vista 3d.......................................................................................................... 92
Visualizzazione Multipla Vista 3d .......................................................................... 91
Visualizzazione 3D................................................................................................. 93
Visualizzazione Vista 3d ........................................................................................ 89
Zona Cambriglione.................................................................................................. 4
Zona Costante ..................................................................................................... 148
Zona Costante - Da Massimo .............................................................................. 153
Zona costante – nessuna..................................................................................... 152
Zona costante - utente ......................................................................................... 153
Zoom...................................................................................................................... 90