Sei sulla pagina 1di 5

Generi Musicali

POP
Abbreviazione del termine inglese Popular Music (musica popolare), indica un
insieme di tendenze musicali nate negli anni '50, contraddistinte da un linguaggio
semplice e spesso schematico.
In Italia il termine viene tradotto in Musica Leggera, in quanto la traduzione letterale.
indica la musica etnica legata alle varie realtà locali sparse sul territorio.
Il genere è strettamente collegata al circuito di diffusione commerciale come
produzioni disco grafiche, video, festival, concerti, trasmissioni radiofoniche e
televisive.
La musica pop racchiude in sé una varietà di stili riconducibili ad una serie di
caratteri comuni: una semplice melodia con una spiccata orecchiabilità, testo di facile
comprensione (tematica principale è l'amore romantico, ma vengono affrontati anche
altri argomenti), utilizzo di una forma standard costituita da alternanza tra strofa e
ritornello, ritmica semplice e prevalente uso di tempi pari, accompagnamento
musicale in genere poco elaborato, breve durata dei brani.
Spesso la produzione di musica leggera è rivolta all'ascoltatore occasionale, e per
questo definita musica di puro intrattenimento, non impegnativa, usando l'espressione
"ascolto passivo" da parte del fruitore. Per contro, l' "ascolto attivo" viene definito
quando c'è una ricerca musicale e deve essere affiancata dalla conoscenza
dell' ascoltatore.
La commercializzazione, incrementata con l'avvento della televisione, ha reso
fondamentale la presenza scenica dei gruppi e dei cantanti. Per questo disco grafici e
manager dedicano particolare attenzione alla cura dell'immagine e la diffusione sui
media, creando veri e propri fenomeni di tendenza, contribuendo così al successo
presso un vasto pubblico.
Michael Jackson, Madonna, Mina, Gino Paoli, Lucio Battisti.

ROCK
Country Rock
Negli anni '60 il rock and roll aveva tolto al country il ruolo di principale musica dei
bianchi. Verso la fine del decennio compare uno stile musicale più meditato e
melodico dove l'importanza del testo assume un ruolo preminente e diventa un'arma
di denuncia verso la società americana.
L'organico è vario, non ha un modello specifico ed è frequente l'uso di strumenti
acustici.
Bob Dylan, Neil Young, Byrds, Buffalo Springfield, Eagles.
Beat
Stile che unisce caratteristiche del rock and roll e del rhythm and blues, ma con linee
melodiche che tendono ad addolcirne le asprezze. L'organico è dominato dalle
chitarre elettriche (generalmente due con basso e batteria) e la voce solista è spesso
sostenuta da un controcanto a due o tre voci. Nato in Inghilterra il genere ha avuto
larga diffusione anche in Italia sia con brani originali che cover di canzoni straniere.
Beatles, Animals, Beach Boys. In Italia i Dik Dik, Equipe 84, Nomadi, Patty Pravo,
Rita Pavone.

Blues Rock
Definisce un rock, anche dalle sonorità dure, che si sviluppa sui tipici schemi del
blues. Caratterizzato dall'introduzione dell'improvvisazione nei brani e
l'identificazione della chitarra elettrica nel ruolo di conduttore musicale.
Jimi Hendrix, Eric Clapton, The Rolling Stones, The Yardbirds, Dire Straits.

Hard Rock e Heavy Metal


Piccole differenze distinguono i due generi, riconducibili ad uno stile più blues per il
primo ed una cura maggiore scenografica e dei costumi per il secondo.
Entrambi si caratterizzano per sonorità forti, un uso smodato dei decibel
dell'amplificazione, distorsori sonori e percussioni incisive.
Deep Purple, Black Sabbat, Led Zeppelin, Iron Maiden, AC/DC.

Acid Rock e Psychedelic Rock


Fenomeno americano degli anni '70 è legato alla LSD. Questa droga, all'epoca legale,
era utilizzata allo scopo di studiarne gli effetti sul cervello umano. Indagare sulla
possibilità di espansione della mente e delle sensazioni varcando i confini
dell'inconscio mettendo in musica il surreale e il sogno sono gli aspetti chiave, che
erano già stati affrontati dai Beatles nel 1966. Musicalmente, negli Stati Uniti (acid
rock), questa pratica portò alla creazione di lunghe jam-sessìon (esecuzioni
estemporanee improvvisate) sotto l'influsso dei farmaci, lo stile guida era quello del
blues e del jazz, mantenendo però come strumento principale la chitarra al posto degli
strumenti a fiato.
In Inghilterra (psychedelic rock), pur muovendosi su una stessa base, il movimento
portò alla creazione di una musica caratterizzata da un uso dissonante della melodia,
da ritmi ossessivi e un uso di vari effetti sonori con scopo descrittivo. Ogni brano
costituisce un mondo a se stante, un viaggio oltre l'inconscio.
Jefferson Airplane, The Doors, The Velvet Underground.

Jazz Rock
L'esigenza di portare il jazz fuori dai confini dei club e fare in modo che questa
musica fosse apprezzata da un pubblico più vasto, convinse Miles Davis ad introdurre
nei suoi brani le caratteristiche del rock. Questa innovazione non fu ben vista dai
puristi temendo una perdita di identità del jazz, ma il connubìo riuscì benissimo.
Davis amplificò il suono elettrificando gli strumenti acustici del jazz e inserì una
ritmica vicina al rock, mantenendo però i richiami all'Africa e al blues nel rispetto
della tradizione jazzistica.
L'esempio di Davis fu seguito da Herbie Hancock, Chick Corea e Pat Metheny
provenienti dal jazz, Frank Zappa, i Perigeo e gli Area derivanti dal rock.

Progressive rock
Il rock progressivo nasce in Europa negli anni '70 come alternativa alla musica
"commerciale" e i brani da pochi minuti. Lo stile è legato alla cultura "classica"
europea e si allontana dal blues. I brani sono principalmente da "ascoltare", in cui
sono importanti componenti e architetture. Rispetto alla musica psichedelica, da cui
riprende vari caratteri come lo sviluppo melodico, la strumentazione,
l'improvvisazione e la struttura libera, il progressive ha una costruzione meditata e
non istintiva. Lo stile ebbe anche un numero nutrito di gruppi in Italia che
raggiunsero notorietà anche all'estero.
Pink Floyd,Yes, King Crimson, Genesis, Banco del Mutuo Soccorso, Premiata
Forneria Marconi, le Orme.

GlamRock
Nato negli anni settanta in seguito al movimento hippie fu un fenomeno quasi
esclusivamente del Regno Unito.
Genere estremamente semplice riprende e sviluppa spesso tematiche legate con i
poeti maledetti (termine che designa un artista in genere che rifiuta i valori della
società e che, incompreso, conduce uno stile di vita provocatorio, pericoloso e
auto distruttivo ) e la musica contemporaneo (in particolare Karlheinz Stockhausen).
Gli aspetti musicali passano comunque in secondo piano rispetto al modo di
presentarsi al pubblico, prevedendo costumi vistosi e androgini, uso di trucco facciale
pesante e atteggiamenti ambigui.
Marc Bolan, David Bowie, Elton John, Alice Cooper, Quenn, Kiss.

PunkRock
Nato come risposta al rock "intellettuale", il punk, decretò la fine del progressive e
del periodo di sperimentazione e contaminazione. La formazione musicale torna a
quella originale (chitarra, basso e batteria), i brani tornano ad essere di breve durata,
armonicamente più semplici e costruiti sull'alternanza di strofe e ritornello.
Ramones, Sex Pistols, The Clash.
HIP-HOP

Con il termine si indica una particolare forma di espressione culturale


"metropolitana". Nata nel Bronx alla fine degli anni '60 si è poi diffusa in tutto il
mondo conquistando anche il mercato discografico, cinematografico, editoriale e
dell'abbigliamento.
L 'Hip-hop può essere riassunto in quattro principali aspetti.

Mc

L'MC (Master of Cerimonies) è noto come musica rap (espressione ritmica in rime).
L'aspetto più importante è il concetto di battle (battaglia), competizione tra due Mc a
colpi di rime rapo Lo scopo è quello di svalutare il proprio avversario e le sue qualità
liriche o personali, ricercando il favore del pubblico. Il livello di favore nel pubblico
dai competitori è determinato da varie forme di espressione, dall'abilità e dagli insulti
utilizzati. La reazione del pubblico determina la vittoria, riconoscendo il migliore tra i
due sfidanti. Molti sono saliti alla ribalta con battle organizzati in radio più o meno
locali e producendo dischi di dissing in cui dichiarano i propri nemici.
Capacità fondamentale per un Me è saper fare il freestyle, improvvisazione
estemporanea in rime su qualsiasi base musicale', su un semplice ritmo o sul silenzio.

DJ

Con la sigla si indica la capacità di creare musica partendo da produzioni


discografiche esistenti isolando dei break dal resto della canzone.
L'equipaggiamento di un Dj comprende generalmente due giradischi utilizzati
simultaneamente, un mixer, un amplificatore e degli altoparlanti. Il Dj può così
produrre vari giochi sonori (detti tricks) tra due dischi, generando un suono unico e
creando dalla combinazione sonora di due separate canzoni un brano nuovo.
Spesso la figura del Dj si sovrappone a quella del produttore discografico della
traccia musicale.

Il Writing

Il Writing riguarda la cultura dei graffiti.


Originariamente i graffiti nella cultura hip-hop erano un modo per etichettare una
gang, e fu utilizzato come un ,marchio fatto velocemente con la vernice spray (detto
tag) nella metropolitana di New York. ,
Presto questa forma di graffiti si sviluppò in grandi ed elaborate calligrafie complete
di colore, ombreggiature e altri effetti grafici. Questa tecnica lasciò ben presto gli
./

ambienti della Metropolitana Newyorkese, caratterizzando fortemente l'aspetto delle


aree urbane. Pubblicazioni editoriali e trasmissioni televisive hanno contribuito a
diffondere questa forma di espressione nel resto del mondo.

La Breakdance

La breakdance (o breaking) è uno stile dinamico di danza, originato da danzatori che


eseguivano i loro migliori movimenti sui break dei pezzi selezionati. Il breaking è
uno dei maggiori elementi della cultura hip-hop, ed era comune negli anni '80 vedere
gruppi di persone con una radio esibirsi in show di breakdance in campi da basket,
piazze e marciapiedi urbani.
L' "hip-hop" come forma di danza si è diffuso in tutti i paesi, ma pur provenendo
dalla breakdance, non consiste esclusivamente di passi provenienti da essa. La danza
hip-hop ha poche (se non nessuna) limitazione di passi o posizioni. La maggiore
differenza con il breaking è che l'hip-hop si balla generalmente in piedi mentre la
breakdance ha dei passi in piedi, ma generalmente si balla "per terra".

Altri elementi tipici della cultura hip-hop sono il Beatboxinq (imitazione con la voce
delle percussioni tipiche dell'hìp-hop, creando beat, rhytm e più in generale melodie .
utilizzando la sola voce), l'attivismo politico, la moda tipica, il linguaggio ed il
double dutching (una particolare forma di salto della corda).
E' considerato comunque fondamentale come elemento la Knowledge, intesa come
conoscenza e uso saggio della cultura hip-hop.