Sei sulla pagina 1di 5

Michele Alessio Trotta

RITMICA DELLA MUSICA CONTEMPORANEA


SWING & STRAIGHT

Nella maggior parte della musica, l’accentazione di un brano in 4/4 ricade sui
tempi forti (1° e il 3°), la peculiarità della musica Jazz è di valorizzare gli altri due,
detti “deboli”, ovvero il 2° e il 4°. Per esempio, nella batteria l’Hi-Hat viene chiuso
sul 2° e 4°. Anche il basso che storicamente accompagna in 4 (quindi suonando una
nota per ogni tempo della battuta), tende ad accentare il 2° e il 4°.
Inoltre, in una sequenza di crome, le note in levare non solo sono accentuate, ma
anche spostate leggermente in avanti nel tempo, in modo da creare un ritmo
ondulatorio ed incalzante, che prende il nome di “Swing Feel”.
In sintesi, nella pratica, si suonano note terzinate su tempi binari: ad esempio, due
crome (note da un ottavo) saranno suonate come una terzina di crome (tre ottavi
suonati per la durata di un quarto) con le prime due note legate. L'accento è
preferenzialmente dato sul levare.

Nella musica moderna si utilizza anche il termine shuffle (in inglese shuffle


notes), che alcuni differenziano dallo swing semplicemente per la maggior
accentuazione di questo effetto. Analogamente si intende, anche nel gergo degli
strumenti a percussione, per ritmo shuffle il ritmo che risulta dalla ripetizione in
sequenza di un groove di coppie di note ineguali. Lo swing (o modernamente lo
shuffle) sono pronunce musicali da sempre utilizzate anche in altri generi musicali
come il Rock ,il Pop ed il Funk, oltre che nel Blues da cui trae le proprie origini
moderne. Si noti che già in passato, nella Musica Barocca di stampo francese (XVII e
XVIII secolo), si usava suonare note in modo non uniforme (notes inégales) anche se
scritte con la medesima durata.
Quando un pezzo viene suonato "con swing" (o swingato: il termine non ha un
equivalente in italiano), in ogni coppia di crome di durata uguale in cui la prima nota
sia in battere, quest'ultima assume una durata maggiore di quella suonata in levare.
Questa alterazione mensurale è inoltre accompagnata da una particolare
accentuazione delle note coinvolte. L'applicazione simultanea di questi due
accorgimenti costituisce il suono swing. Lo swing può coinvolgere (e in genere
coinvolge) qualsiasi coppia di note di uguale durata, ma - per i brani in tempo
moderato (120-150 bpm) - è più marcato per le crome, che inoltre si trovano
normalmente nella configurazione ritmica adatta per l'applicazione del procedimento.
Rispetto all'esecuzione tradizionale (rapporto tra le durate 1:1) il rapporto tra le
durate di due note swingate può variare (approssimativamente) tra 3:1 a 2:1 a seconda
della quantità di swing che l'interprete decide di utilizzare (che in genere decresce al
crescere della velocità del pezzo). In notazione tradizionale - e di solito per motivi
didattici - questo viene talvolta espresso scrivendo un ottavo puntato più un
sedicesimo (3:1) o una terzina con una legatura di valore tra le prime due note (2:1):
nessuna delle due notazioni dà completamente ragione dello swing, mancando il
particolare aspetto dinamico sopra ricordato.

Per questo motivo l'esecuzione swingata viene in genere indicata, sugli spartiti,


indicando swing o swing feel su una sezione (o in testa se si vuole indicare l'intero
pezzo). L'indicazione opposta, per indicare l'esecuzione tradizionale in dinamica e
durata, viene data in maniera simile apponendo la scritta  straight (straight feel).

Nonostante la sua posizione centrale nell’universo jazzistico, lo swing feel non


viene utilizzato, per esempio, nella Bossa nova e nel Latin in genere, dove si tende a
rifarsi alla matrice d’origine, senza le contaminazioni di questo genere, tornando
dunque ad una battuta dove l’accentazione è regolare e le sincopi sono usate
circoscritte ad alcune situazioni isolate.
––––– 545 –––––
-“545”- è un brano tratto dal libro: “Eserciziario sulla ritmica della Musica
contemporanea” , Luca Garro, Edizioni Isuku Verlag.
Tratto ed elaborato dal brano “Bubble Five” di Luca Garro (Pianoforte) e Francesco
Pinetti (Vibrafono), Album: PINGAR DUO “OVER THE FRANTIC” (2007).

Due musicisti dalle riconosciute doti espressive e tecniche hanno saputo dar
vita ad un progetto talmente carico di freschezza di suono e linguaggio , energia ,
spunti compositivi originalissimi e gioia dell'improvvisazione al punto da rendere
l'ascolto di questo disco una esperienza esaltante .
Classico esempio della fluida ed imprevedibile realtà del jazz italiano.
Lo studio presso il conservatorio del repertorio e della tecnica classica ha trasferito in
questi due musicisti le sfumature, il classico controllo dinamico e parte delle
atmosfere che , modulate da una non comune vena creativa , costituiscono l’ossatura
di un impianto stilistico veramente pieno di originalità. Un disco che suona fresco,
allegro e godibilissimo. Un eccellente esempio dello splendido stato di forma del jazz
italiano che , grazie ad alcuni suoi giovani protagonisti sa abbozzare nuove vie.

Il Brano in analisi , diversamente dal brano originale “Bubble Five” da cui si è preso
spunto, è stato scritto per Marimba e Rullante e presenta indicazioni di variazione di
esecuzione delle crome : “SWING!” (9 - 12 , 25 - 28), “STRAIGHT” ( 1 – 8, 13 – 24,
29 – 32).
Metricamente si alternano frasi in 5/8 e 4/4 che coincidono con lo “switch” di
indicazione d’esecuzione delle crome: “STRAIGHT” 5/8, “SWING!” 4/4.

Potrebbero piacerti anche