Sei sulla pagina 1di 6

Sociologia della musica

Sociologia: neologismo creato da Comte nel 1839 nel suo corso di filosofia.
Societas + logos = comportamento dell'uomo in quanto essere sociale culturale.
vicino al concetto di cultura- insieme di motivazioni condivise da un gruppo umano
che consentono di comprendersi di coordinare gli sforzi fini sociali comuni e per
l'affermazione di valori comuni.

sociologia

: studio e analisi sulla societ European industrializzata

antropologia : studio pi vicino all'etnologia. Pi popoli primitivi. Studia i gruppi umani


come organizzazioni statiche. Oggi l'approccio diverso pi verso la globalizzazione.
Al contrario delletnomusicologia ,1970, la sociologia si occupa anche del livello
estetico, non tanto per valutare l'opera d'arte stessa ma per la ricezione= per chi
l'ascolta e chi la esegue
Ricezione= interpretazione/fruizione /dif fusione

COMTE- SPENCER
si sono occupati delle origini: musica e poesia erano collegate tra loro.
Interdipendenza tra il sistema socio- culturale della societ(M.me de Sale).
Poi che pende anche dalla struttura economica.

1800
filosofia idealistica: tende in direzione opposta. L'opera d'arte incarna valore
autonomo e universale. Pdv acronico.
Nell'ottocento nazionalismo: espressione artistica determinato gruppo etnico.
Musica esprime lo spirito del popolo, quindi in un certo senso va vista la filosofia
idealista.

VOKSGEIST= spirito del popolo

mercato musicale
repertorio. 1800

orchestre/ concerto pubblico

creazione di un canone e di un

tranne il Messia di Haendel, verr ripetuto e hanno come simbolo dell'unit del popolo
1700.
Lully (anche se Italiano di origine) dal balletto di corte diventa organizzatore di ogni
rappresentazione musicale in Francia. Tragedie Liryque repertorio stabile anche dopo
la sua morte.

Queste sono opere che incarnano una societ.

studio del repertorio: basilare in sociologia.


Il significato ha ragione d'essere se si studia sia testo che contesto
Benedetto croce: idealismo. l'opera d'arte svincolata da periodo storico.
oggi si interessa alla popolar music quale tipo di musica di genere Massmediale, ma solo da poco perch si era sempre interessato di individui singoli.
La popolar la rende difficilmente realizzabile con gli strumenti della
musicologia, studio attraverso la filologia. Invece per la popular il momento
creativo a quello della performance.
anche letno musicologia ripeteva con sospetto la pop music, macchiava i
generi tradizionali locali. Oggi quasi pi . ci si evolve verso un tipo di struttura
pi aggiornato alla globalizzazione.
definizioni varie di sociologia della musica.
1909 Silberman: rapporti tra rapporti socioculturali e sociomusicali. Non si
interessa a determinati autori.
1951 Blaukopf : studio dei processi di produzione e riproduzione della musica
nel periodo storico specifico.
1911 Adorno : non un semplice ramo della sociologia generale. Richiede
particolari categorie interpretative. Basato sul pensiero Marxista. Critica di un
fenomeno artistico, si fa anche critica sociale. Musica- ideologia- classi sociali.

1900 Weber : a livello di sociologia della musica non esprime un giudizio estetico.
A- valutativit.

Approcci storici di taglio sociale


mecenatismo come organizzazione socio economica che ha determinato
e influenzato la storia della musica. Esempio nel cinquecento
ruolo/status del musicista
norme sul diritto d'autore

dal mestiere alla professione

due orientamenti: storico filosofico e orientativo empirico(grafici, elenchi,


confronti)
analisi degli effetti della storia della musica mutevoli nel tempo.
esempio nona di Beethoven (sociologia agli effetti della musica, teoria degli
interpretanti infiniti di Pierce)

storia della ricezione musica


Gaston Rajaux: il successo di un'opera resta che stata accolta da una
collettivit. Processo di selezione attraverso cui si costruiscono le repertorio.
Ci che non accettato dalla comunit definita: DEVIANZA
Durkeim : quando la devianza frequente allora si parla di ANOMIA: assenza di
leggi/regole. non ho selezione sui prodotti culturali. No repertorio proprio
Vesseler: storia della musica dal punto di vista dell'ascoltatore
quando la musica viene de- funzionalizzata a seconda della situazioni. Riutilizzazione con nuove finalit
Ma c' anche la committenza
1600: il principi Italiani si prestavano i musicisti. Es. i Gonzaga di Mantova
stavano i musicisti ai medici di Firenze. I musicisti erano obbligati a spostarsi
senza autonomia, secondo il volere del Signore.
Influenza anche sulle scelte strumentali.
Mozart fu uno dei primi a voler trovare una propria indipendenza, ma fall.
Decide di dare alle composizioni particolari caratteristiche sulla
committenza sull'ambiente in cui si trova.
produzione musicale collegata al contesto
Mecenate: sostiene e regolarizza, un datore di lavoro.
Committente: sostegno momentaneo.
Beethoven non stipendiato dalla corte. autonomo. La relazione tra la committenza
dell'opera non pi cos influenzata.
Ha avuto conseguenze per nella scelta degli strumenti. Ad esempio:

nell'epoca moderna Beethoven privo di concepisce i rapporti di lavoro


nell'universo musicale. Musicista autonomo e indipendente. Anche se la

tesi che esiste ancora, no pagamento, rafforza i legami clientelari che ha


in tutta Vienna.
La stampa ormai enorme diffusione, un bene apportata anche della
borghesia, oltre all'aristocrazia. Processo di progressiva indipendenza del
musicista. Pubblico pi vasto, che inizia a non avere pi rapporto diretto
del compositore.

Rapporto clientelare non personalizzato: che verr


progressivamente aumentato con i mezzi di riproduzione della musica.

il pubblico pu essere solo immaginato dal compositore adesso:


Edison- fonografo fine ottocento, non pi classe di pubblico omogenea
fine 1800 nasce il concetto di genio

Karlile (americano): teoria del grande uomo. Si afferma nel romanticismo.


Relazione con la stampa.creazioni marcatamente originali. compositore autonomo.

l'originalit limitata dal numero delle composizioni.


nascita del mercato musicale
maggior diffusione delle opere
contatto non diretto col pubblico
genio: unicit, singolarit artisti
culmine: dal mestiere alla professione (autorevolezza in crescita soprattutto con
l'adozione del diritto d'autore)

1791 in Francia
1865 in Italia
Gi forme precedenti. 1575 Bird e Tallis (GB) ottennero monopolio per 21 anni
consecutivi. privilegio esclusivo di pubblicar musica e a stamparla. concessione del
monarca.
Anche Lully in Francia.
. invece il copyright un diritto
anche la censura fa parte di una visione sociologica. influsso dell'autorit anche
nella 19 secolo.

Nascita del repertorio


tra il 1700 e il 1800 fortissima discontinuit.

Il compositore scrive meno pezzi perch non ha valore in quanto appena scritto,
ma ha valore in s
Il primo classico Massiah Haendel. 1742 Dublino prima esecuzione. divenne
simbolo del popolo inglese, suonato ogni anno, espressione della singolarit di
un popolo.
Lully anche veniva ri- eseguita
serva padrona di Pergolesi 30/40 anni intermezzo. Parigi_ teatro della
tragedie liryque (querelle des bouffons)

il marxismo e la sociologia
alla base del pensiero di Marx e Engel c' l'idea di cultura ETERONOMA.
Sovrastrutture rispetto alla struttura della societ. dipendono da, non sono
autonome, le leggi provengono dall'esterno.
Le caratteristiche della musica sono dettate da fattori economici ( vs e gli
strutturalisti)
a questo determinismo venne poi mitigato con la definizione di :
relazione non sincrona da Marx . DIACRONICA.
Engel s trova invece la legge dei lunghi periodi.
Tutto ci che attivit dell'uomo quanto essere culturale determinata dalla
struttura economica.
ASAVIEV . Russo.
Scrive negli anni 30/40, ma viene conosciuto in Europa negli anni 70
teoria dell'intonazione
vicino all'idea di spirito del tempo di Hegel.
Ci sono dei sensi riconosciuti socialmente e delle strutture sociali a cui si
affianca l'espressione artistica vista per da ciascun individuo.
MAROTHY. Forma: variativa ed eterofonica e strofica.
Folksong di tipo varitivo ed eterofonico tipiche del medioevo Europa premoderna
Forma ABA la classe predominante qui la borghesia Europa moderna
ZOFIA LISSA: all'interno del pensiero marxista. si stacca dalla determinismo
socio-economico .
Neutralit ideologica delle forme musicali.
non analogie tra le forme musicali della struttura socio- economica
Russia: musica moderna= borghese decadente. Es: Zdanof processa
Shostakovich e per questo.
Occidente: gli intellettuali marxisti saranno proprio quelli che appoggiano
maggiormente la musica moderna.
paradosso
in Russia la rivoluzione dal punto di vista musicale poco rivoluzionaria! In realt
ci si rif allo stampo ottocentesco e tonale.
Secondo la scuola di Vienna (Schoenberg-Webern-Berg). Inizi 1900, anni 30/40.
condividono un orientamento musicale adattato sulla dodecafonia.

La prima scuola di Vienna: Haydn Mozart Beethoven


oggi il concetto di classe superato. Ogni individuo si trova l'intersezione di classi
sociali. cultura personalizzata. dal marxismo in cui la sociologia divise in classi.
Semiologia: tanti orizzonti e quante sono le persone
Pag 19

Potrebbero piacerti anche