Sei sulla pagina 1di 1

Il signor Flavio Briatore, titolare dell’hotel Billionair di Ceparana, aperto 300 giorni l’anno, con 90

camere doppie e 4 singole e un prezzo medio di vendita a posto letto di € 180, per solo servizio di
B&B, sostiene costi fissi annui pari a € 1.450 000 e un costo variabile medio unitario di € 16,7

Egli vuole conoscere la percentuale minima di occupazione per non subire perdite.

Applicando la formula del Bep si ottiene:

CF 1.450.000
Q= = =8.880 presenze annue
ru−cvu 180−16,7

8.880
Q giornaliere= =30 p/ g
300

Sapendo che la sua capacità ricettiva è:

n. posti letto x giorni di apertura


184 x 300 = 55.200

la percentuale di occupazione corrispondente al Break Even Point è:

8.880 x 100
x= =16 %
55.200

Questo calcolo ci dice che vendendo solo il 16% dei posti letto, che corrispondno a 8.880 presenze
in un anno. Il signor Flavio Briatore non subisce perdite, ma non ricava nulla.

Il Billionair di Ceparana inizierà a guadagnare solo superando le 30 presenze giornaliere.

Ricavi Totali al BEP: RT = ru x Q= 180 x 8880 = € 1.598.400

Analizzare il caso in cui le presenze siano 5.500 e 12.000

• Con 5.500 presenze, pari al 10,2%

RT= 180 x 5500 = € 990.000


CT= CF + (cvuxQ) = 1.450.000 + (16,7x5500) = 1.450.000 + 91850 = €1.541.850
RT – CT = 990.000 – 1.541.850 = -551.850€ (PERDITA)

• Con 12.000 presenze, pari al 21,7%


RT= 180 x 12.000 = € 2.160.000
CT= CF + (cvuxQ) = 1.450.000 + (16,7x12.000) = 1.450.000 + 200.400 = €1.650.400
RT – CT = 2.160.000 – 1.650.400 = € 509.600 (UTILE)