Sei sulla pagina 1di 11

Fiat Group CLASSI DI RESISTENZA

NORMA MATERIALI

Automobiles DELLA BULLONERIA 52605/01


normazione PER IMPIEGHI NORMALI Pagina: 1/11
Data: 04/01/2011
PETRUCCELLI MARIO - MARIO.PETRUCCELLI@CRF.IT

TMD
D'AIUTO FABIO - FABIO.DAIUTO@CRF.IT

Classe
FINALITÀ DELLA NORMA

-
Definire le caratteristiche meccaniche, chimiche e strutturali delle classi di resistenza della bulloneria in
acciaio per impieghi normali; fornire le prescrizioni per la loro indicazione a disegno.

Mod.
Per la bulloneria speciale con particolari caratteristiche di saldabilità, di indurimento superficiale, di i-
nossidabilità e di resistenza alle alte temperature, fare riferimento alla Tabella 52605.

5
Edizione
Supervisore
Autore

La presente Norma è composta di n 11 pagine

Modifica Data Descrizione della modifica

– Nov. ’88 Edizione 3 – Riveduta completamente; edizione precedente: 2. (AS)


A Apr. ’89 Edizione 3 – Variato alcuni valori relativi alle caratteristiche meccaniche
ed alcune prescrizioni relative a materiali impiegabili riferiti
alle seguenti classi di resistenza:
– viti: 10.9, 12.9 e 33H.
FCA ITALY -- GROUP MATERIALS LABS (CRF) - METALS
FCA ITALY -- GROUP MATERIALS LABS (CRF) - METALS

– dadi: 05 e 10 (AS)

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
B Gen. ’92 Edizione 3 – Variato valori allungamento e resilienza (§ 2.2.1) viti 8.8,
10.9, 12.9

IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO


– § 2.2.2 Sostituito H1 con h3 come da norme sui filetti.
– Aggiunto note su acc. al boro classe 10.9 e 12.9. (GF)
– 14/06/’02 Edizione 4 – Inserito le prove della Norma 52605/03 “Classi di resisten-
za della bulloneria per impieghi impegnativi” (Annullata e
sostituita dalla presente Norma in data 10/04/2002)
(DA)
RISERVATO

A 15/11/06 Edizione 4 – Aggiunto § 1.4 ed eliminato la nota nella finalità della nor-
ma. (AC)
_ 04/01/11 Edizione 5 – Revisione completa ed eliminata dal titolo la dicitura “spe-
ciali”. (DC)
Ente Supervisore
Ente Autore

IN CASO DI STAMPA LA COPIA E' DA RITENERSI NON CONTROLLATA, PERTANTO, E' NECESSARIO VERIFICARE L'AGGIORNAMENTO NELL'APPOSITO SITO WEB

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 2
52605/01 Modif.

| § ‘‘A’’: STRUMENTAZIONE NECESSARIA PER LE PROVE


La strumentazione necessaria per le prove è quella specificata dalle Norme elencate nel § “B”.

| § ‘‘B’’: DOCUMENTI RICHIAMATI NEL TESTO


| 50020 | Codifica meccanografica dei materiali. TMD
| 52605 | Classi di resistenza della bulloneria. TMD
| 9.52605/01 | Bulloneria per impieghi normali e speciali. CFO
A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO
RISERVATO

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 3
Fiat Group Automobiles Modif. 52605/01

1
GENERALITÀ

1.1
La presente Norma definisce le caratteristiche meccaniche, chimiche e strutturali delle classi di
resistenza delle viti e dei prigionieri (di seguito denominati entrambi viti) e dei dadi in acciaio per
impieghi normali. Sono inoltre presi in considerazione gli organi affini alla sopra citata bulloneria, ma
non soggetti a trazione.
La caratteristiche meccaniche relative alle classi sono garantite per l’utilizzo dei particolari a
temperatura ambientale (10 – 35 °C); per particolari che richiedano l’applicazione ad alta temperatura,
la definizione dei materiali deve essere effettuata secondo Norma 52605/04. Nel caso di applicazioni
di bassa temperatura o criogeniche, la scelta del materiale più idoneo deve essere avvallata da CRF-
GML.

Le classi della presente Norma sono valide per:


- viti con diametro nominale di filettatura d ≤ 39 mm;
- viti senza testa con diametro nominale di filettatura d ≤ 24 mm;
- dadi con diametro nominale di filettatura d ≤ 39 mm ed apertura di chiave ≥ 1,45d.

2
VITI

2.1
Classificazione, designazione, impieghi e numero di codice meccanografico
Sono previste cinque classi di resistenza, i cui simboli di identificazione sono composti da due numeri
separati da un punto. Il primo numero rappresenta un centesimo del carico nominale unitario di rottura
2
a trazione Rm in N/mm , il secondo numero esprime il rapporto, moltiplicato per dieci, tra il carico no-
minale unitario di snervamento Rs o di scostamento dalla proporzionalità Rp0,2 ed il carico nominale
unitario di rottura a trazione (ved. Prospetto sotto riportato).
Le viti di classe 8.8, 10.9 e 12.9 devono risultare bonificate. Esse possono prevedere la rullatura del fi-
letto dopo bonifica; tale condizione di fornitura va precisata con una nota a disegno.

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
Carico nominale Numero di codice

IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO


Carico nominale unitario
Designazione unitario di rottura meccanografico
di snervamento
Designazione a trazione
precedente 2
2 Rs o Rp0,2 (N/mm )
Rm (N/mm ) (sec. Norma 50020)

4.8 1 - 400 320 25105


RISERVATO

5.8 2 - 500 400 25055

8.8 R8, 8R 800 640 25056

10.9 R10, 10R 1000 900 25057

12.9 3 R12, 12R 1200 1080 25058

1 Sostituisce la precedente classe 11H quando quest’ultima è prescritta per viti con testa.
2 Per viti con diametro nominale di filettatura d 16 mm è preferibile impiegare la classe 8.8.
3 L’utilizzo di tale classe deve essere avvallato da Progettazione e CRF-GML per ogni applicazione.

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 4
52605/01 Modif.

2.2
Composizione chimica
Gli acciai impiegabili devono soddisfare le caratteristiche chimiche e di trattamento termico indicate nel
seguente Prospetto, che riporta inoltre (per le classi di resistenza interessate) le prescrizioni per il con-
trollo dell’avvenuto rinvenimento.

Diametro Limiti di composizione chimica %p () Parametri prova


Materiale e (analisi di prodotto)
Classe di max. di di
trattamento
resistenza filettatura 2°
termico Mn 4 Mo S P
(mm) () C rinvenimento ()
min. min. min. max. max.
4.8 () Acciaio non –
39 0,55 – – 0,06 0,05 –
5.8 () legato o legato 0,25

24 0,28 –
Acciaio non
(0,19) 440 5 C
8.8 5 () legato o legato 0,45 0,5 – 0,04 0,04
39 per 30 min
bonificato () (0,3)
0,50
0,28 0,5
16
Acciaio legato (0,22) (–) 425 5 C
10.9 5 0,45 – 0,04 0,04
bonificato () 0,9 per 30 min
39 0,50 (0,5)
18 0,9 –
0,28
Acciaio legato 410 5 C
12.9 6 27 0,45 1,1 0,035 0,035
bonificato () 0,15 per 30 min
0,50
39 1,4

4 Per si intende la somma dei valori percentuali degli elementi di lega, ed esattamente:
Cr Ni Mo V (Mn - 0,8). L’addendo (Mn - 0,8) è da considerare solo quando positivo.
5 È ammesso l’impiego di acciai al Boro (tenore di B = 0,0005 0,005%). La presenza del B, unita-
mente ad un tenore di manganese 0,50% per la classe 8.8 e 0,70% per la classe 10.9, consen-
te la riduzione dei tenori minimi di carbonio e di ai valori indicati tra parentesi e la diminuzione
A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.

della temperatura di secondo rinvenimento di 40 C. Per la classe 10.9 è ammesso inoltre la ridu-
zione del tenore di Mn a 0,5 purché il tenore di C sia 0,28%, e la riduzione a 0,25 purché Mo
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO

0,07%.
6 Per viti 18 mm classe 12.9 è ammesso l’impiego di acciai al boro (tenore di B = 0,0005
0,005%). La presenza del boro unitamente ad un tenore di manganese 0,80% consente la ridu-
zione dei tenori di a 0,25 purché Mo 0,07%.
() Per la fabbricazione di viti mediante lavorazione con asportazione di truciolo, ad eccezione delle
viti di classe 12.9, è ammesso l’impiego di acciai al Piombo; in questo caso il tenore di Pb deve ri-
RISERVATO

sultare: Pb 0,25% per la classe 10.9 e Pb 0,35% per le altre classi.


() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso i tenori
di Zolfo e Fosforo devono risultare; S 0,34% e P 0,11%.
() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso il tenore
di Zolfo deve risultare: S 0,13%.
() Dimensione sezionale della barra qualora la vite sia ricavata per asportazione di truciolo da semi-
lavorato bonificato. Questo metodo di produzione non è ammesso per la classe 12.9.
() L’acciaio deve avere una temprabilità sufficiente per ottenere nella parte filettata della vite una
struttura a cuore con circa il 90% di martensite a tutta tempra (prima del rinvenimento).
() La differenza delle medie di tre valori riscontrati con prove di durezza Vickers, effettuate su una vi-
te prima e dopo il secondo rinvenimento, eseguito quest’ultimo alle condizioni prescritte, non deve
superare 20 punti Vickers.

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 5
Fiat Group Automobiles Modif. 52605/01
2.3
Decarburazione (solo per le classi 8.8, 10.9 e 12.9)
Per il rilievo della decarburazione vedere il Cap. 9.52605/01 e il Prospetto sotto riportato.

Classe di resistenza
Caratteristica
8.8 10.9 12.9

Altezza minima della zona non decarburata nel filetto, E 7 2/3 h3 3/4 h3

Profondità massima della decarburazione totale nel filetto, G (mm) 0,015

Profondità max della decarburazione complessiva nel fondo filetto 7 1/10 h3 1/13 h3

Decarburazione complessiva sulle superfici lavorate con


Assente
asportazione di truciolo

7 h3 = altezza del filetto nelle condizioni di massimo materiale.

2.4
Caratteristiche meccaniche
Per il rilievo delle caratteristiche, vedere il Capitolato 9.52605/01; in particolare, le caratteristiche di re-
sistenza meccanica a trazione e di allungamento dopo rottura devono essere determinate mediante
prova di trazione su provetta.

Classe di resistenza
Caratteristica
4.8 5.8 8.8 8 10.9 12.9

Carico unitario di rottura a


2 420 700 520 700 800 (830) 1040 1040 1200 1220 1400
trazione Rm (N/mm )

Carico unitario di snervamento


2 340 420 – – –
Rsmin (N/mm ) 9

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
Carico unitario di scostamento
dalla proporzionalità Rp 0,2min – – 640 (660) 940 1100
2
(N/mm )

IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO


Allungamento dopo rottura Amin
14 10 12 9 8
(%)

Resilienza KU min. (J) – – 30 20 15

Durezza Vickers HV, F 98 N 130 220 160 220 250 (258) 320 320 370 370 420
RISERVATO

HRB 71 95 82 95 – – –
Durezza Rockwell
10
HRC – – 22 (23) 32 32 38 38 43

Carico unitario di prova Rcp


2 310 380 580 (600) 830 970
(N/mm )

Rapporto Rcp/Rs o Rp 0,2 min. 0,91 0,91 0,91 0,88 0,88

8 I valori tra parentesi sono validi per viti con diametro nominale di filettatura d 16 mm
9 Nel caso in cui non si possa determinare il limite di snervamento Rs è ammessa la verifica del limi-
te di scostamento dalla proporzionalità Rp 0,2
10 In caso di contestazione è determinante la durezza Vickers.

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 6
52605/01 Modif.

2.5
Caratteristiche meccaniche ad alta temperatura (solo viti)
Le caratteristiche di resistenza meccanica a trazione e di allungamento dopo rottura devono essere de-
terminate mediante prova di trazione su provetta. Per le modalità di esecuzione, vedere il Capitolato
9.52605/01 al par. 3.11.
A titolo indicativo, nel Prospetto seguente vengono riportati i valori minimi dei carichi unitari di snerva-
mento Rs o di scostamento dalla proporzionalità Rp0,2 in funzione della temperatura. Tali valori, che
evidenziano il decadimento delle caratteristiche meccaniche a temperature elevate, non devono essere
presi a riferimento per prove di qualificazione o collaudo.

Carico unitario di snervamento Rs min o di scostamento dalla proporzionalità


2
Classe di Rp 0,2 min (N/mm ) alla temperatura di:
resistenza
20 C 100 C 200 C 250 C 300 C

4.8 340 310 270 250 230

5.8 420 380 335 310 285

8.8 640 590 540 510 480

10.9 940 875 790 745 705

12.9 1100 1020 925 875 825


A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO
RISERVATO

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 7
Fiat Group Automobiles Modif. 52605/01

3
VITI SENZA TESTA E PARTICOLARI SIMILARI NON SOGGETTI A TRAZIONE

3.1
Classificazione, designazione ed impieghi
Sono previste 3 classi di resistenza, i cui simboli di identificazione sono composti dalla lettera H, pre-
ceduta da un numero, che rappresenta 1/10 del valore minimo di durezza Vickers (vedere Prospetto
sotto riportato). I particolari di classe 22 H e 33 H devono risultare bonificati.
Numero di codice
Designazione della
Impieghi meccanografico
classe di resistenza
(sec. Norma 50020)

Viti senza testa con intaglio e particolari similari non


14 H () 25108
soggetti a trazione con basse caratteristiche meccaniche

Viti senza testa e particolari similari non soggetti


22 H 25109
a trazione con medie caratteristiche meccaniche

Viti senza testa e particolari similari non soggetti


33 H 25110
a trazione con alte caratteristiche meccaniche

() Sostituisce la precedente classe 11 H quando quest’ultima è prescritta per viti senza testa o parti-
colari similari non soggetti a trazione.

3.2
Materiali
Gli acciai impiegabili devono soddisfare le caratteristiche chimiche e strutturali indicate nel Prospetto
riportato sotto.

Diametro Limiti di composizione chimica %p ()


Materiale e max. di (analisi di prodotto)
Classe di
trattamento filettatura
resistenza
termico della vite Mn () S P
C
(mm) min. min. max. max.

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
14 H Acciaio non legato o
24 0,50 – – 0,15 0,11
() legato

IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO


22 H 0,28 (0,19)
Acciaio non legato o
() 24 0.45 – 0,04 0,04
legato bonificato
() 0,50

16 0,28 (0,22) 0,5 (–)


33 H Acciaio non legato o
0.45 0,04 0,04
() legato bonificato 24 0,5 (0,3)
RISERVATO

0,50

() Per si intende la somma dei valori percentuali degli elementi di lega, ed esattamente:
Cr Ni Mo V (Mn – 0,8). L’addendo (Mn – 0,8) è da considerare solo se positivo.
() È ammesso l’impiego di acciai al boro (tenore di B = 0,0005 0,005%). La presenza del B, unita-
mente ad un tenore di manganese 0,60 %, consente la riduzione dei tenori minimi di Carbonio e
di ai valori indicati tra parentesi.
() Per la fabbricazione di viti mediante lavorazione con asportazione di truciolo, è ammesso l’impiego
di acciai al piombo; in questo caso il tenore di Pb deve risultare 0,35%
() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso i tenori
di Zolfo e Fosforo devono risultare: S 0,34% e P 0,12%.
() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso il tenore
di Zolfo deve risultare: S 0,13%.

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 8
52605/01 Modif.

3.3
Decarburazione
Per il rilievo della decarburazione, vedere il Capitolato 9.52605/01 e il Prospetto riportato sotto.

Classe di resistenza
Caratteristica
22 H 33 H

Altezza minima della zona non decarburata nel filetto, E () 2/3 h3 3/4 h3

Profondità massima della decarburazione totale nel filetto, G (mm) 0,015

Profondità max della decarburazione complessiva nel fondo filetto () 1/10 h3 1/13 h3

Decarburazione complessiva sulle superfici lavorate con asportazione


Assente
di truciolo

() h3 = altezza del filetto nelle condizioni di massimo materiale.

3.4
Caratteristiche meccaniche
Per il rilievo delle caratteristiche, vedere il Capitolato 9.52605/01 e il Prospetto riportato sotto.

Classe di resistenza
Caratteristiche
14 H 22 H 33 H

Durezza Vickers HV, F 98 N 140 220 220 330 330 450

HRB 75 95 95 –
A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.

Durezza Rockwell ()


HRC – 33 33 45
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO

Valore HV 0,3 rilevato


Durezza superficiale HV 0,3 max. –
a cuore 30
Valore indicativo del carico unitario di rottura ottenuto per
2 470 720 1070
conversione della durezza (N/mm )

() In caso di contestazione è determinante la durezza Vickers


RISERVATO

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 9
Fiat Group Automobiles Modif. 52605/01
4

DADI

4.1
Classificazione, designazione e accoppiamenti consigliati
Sono previste 6 classi di resistenza, i cui simboli di identificazione sono composti da un numero che
2
rappresenta 1/100 del carico unitario di prova in N/mm ; nel caso di dadi con altezza nominale 0,8 d,
il numero suddetto è preceduto dallo 0 (vedere il Prospetto sotto riportato). I dadi di classe 05, 10, e 12
devono risultare bonificati.

Numero di
Designazione Classi di resistenza codice
Designazione Altezza nominale
della classe di delle viti di previsto meccanografico
precedente del dado ()
resistenza accoppiamento (sec. norma
50020)

04 R50 0,5 d m 0,8 d () 25106

05 R80 (0,4 d hf 0,6 d () 25107

5 R40 4.8 – 5.8 – R 50 SD STAB 25059

8 R50 m 0,8 d 8.8 – R 80 SD 25060

10 R80 (hf 0,6 d) 10.9 25061

12 R100 12.9 25062

() m = altezza nominale; hf = altezza effettiva filettata; d = diametro nominale di filettatura.


() Le classi di resistenza 04 e 05, per l’altezza ridotta dei relativi dadi, non sono direttamente accop-
piabili nei collegamenti di forza con determinate classi di resistenza di viti e sono generalmente uti-
lizzate per controdadi. Occorre inoltre tener presente che il tiro effettivo del collegamento vite –
dado è ridotto rispetto al carico di prova dedotto, per ciascuna classe, dal carico unitario di prova di
cui al § 4.4.

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
4.2
Composizione chimica

IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO


Gli acciai impiegabili devono soddisfare le caratteristiche chimiche e di trattamento termico indicate nel
Prospetto riportato sotto.

Limiti di composizione chimica %p


Classe di Materiale e
resistenza trattamento termico (analisi su prodotto) ()
RISERVATO

C Mn min min () S max P max


5 () Acciaio non legato o legato 0,50 – – 0,15 0,11
04 e 8 () Acciaio non legato o legato 0,55 0,25 – 0,06 0,05
0,24
05 e 10 Acciaio non legato o legato (0,19)
0,30 () 0,04 0,04
() () bonificato
0,50
0,28
(0,22) 0,5
12 () Acciaio legato bonificato 0,45 0,04 0,04
(–)
0,50

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 10
52605/01 Modif.

() Per si intende la somma dei valori percentuali degli elementi di lega, ed esattamente:
Cr Ni Mo V (Mn – 0,8). L’addendo (Mn – 0,8) è da considerare solo se positivo.
() È ammesso l’impiego di acciai al boro (tenore di B 0,0005 0,005%). La presenza del B, unita-
mente ad un tenore di manganese 0,60%, consente la riduzione dei tenori minimi di Carbonio e
di ai valori indicati tra parentesi.
() Per la fabbricazione di dadi mediane lavorazione con asportazione di truciolo, è ammesso
l’impiego di acciai al piombo; in questo caso il tenore di Pb deve risultare 0,35.
() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso i tenori
di Zolfo e Fosforo devono risultare: S 0,34% e P 0,12%.
() È ammesso l’impiego di acciai per lavorazioni meccaniche ad alta velocità; in questo caso il tenore
di Zolfo deve risultare: S 0,13%.
() Possono essere necessari elementi di lega per il raggiungimento delle caratteristiche meccaniche.

4.3
Decarburazione (solo per le classi 05, 10 e 12)
Per il rilievo della decarburazione, vedere il Capitolato 9.52605/01 e il Prospetto riportato sotto.

Classe di resistenza
Caratteristica
05 e 10 12

Altezza minima della zona non decarburata nel filetto, E () 2/3 h3 3/4 h3

Decarburazione totale nel filetto Assente

Profondità max della decarburazione parziale nel fondo filetto () 1/10 h3 1/13 h3

Decarburazione globale sulle superfici lavorate con asportazione


Assente
di truciolo

() h3 = altezza del filetto nelle condizioni di massimo materiale.


A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO

4.4
Caratteristiche meccaniche
Per il rilievo delle caratteristiche, vedere il Capitolato 9.52605/01 e il Prospetto riportato sotto.
RISERVATO

Classe di resistenza
Caratteristica
5 04 8 05 10 12
2
Carico unitario di prova Rcp (N/mm ) 500 400 800 500 1000 1200

Durezza Vickers HV, F 98 N 130 302 188 302 250 320 310 373

HRB 71 89 – –
Durezza Rockwell ()
HRC 30 30 22 32 31 38
Valore indicativo del carico unitario di
rottura Rm ottenuto per conversione della 420 630 830 1000
2
durezza (N/mm )

() In caso di contestazione è determinante la durezza Vickers.

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE


Pag. 11
Fiat Group Automobiles Modif. 52605/01
5
CONDIZIONI DI TRATTAMENTO E/O RIVESTIMENTO

5.1
Deidrogenazione
Le viti di classe 10.9 e 12.9 e i dadi di classe 12, se decapati o rivestiti galvanicamente, devono essere
successivamente sottoposti ad un adeguato trattamento di deidrogenazione; il ciclo di deidrogenazione
deve essere quello previsto sulla norma relativa al processo cui sono stati sottoposti.

5.2
Defosfatazione
Le viti di classe 10.9 e 12.9 devono essere defosfatate prima del trattamento termico di bonifica, a me-
no che tutte le zone del particolare soggette a trazione vengano lavorate per asportazione di truciolo
dopo il trattamento termico.

A CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT GROUP AUTOMOBILES S.p.A.
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO NÈ PORTATO
RISERVATO

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI FGA – NORMAZIONE