Sei sulla pagina 1di 1

TETRACORDI - ARMONIAE

Quattro suoni discendenti nell’ambito di una quarta giusta.


I suoni estremi sono fissi, gli intervalli interni sono mobili. Dalla definizione degli intervalli interni dipende il
genere dei tetracordi:

Genere T - T - St Diatonico

St- St- 3- Cromatico

Mc- Mc- 3+ Enarmonico

Dalla posizione del semitono nel genere diatonico ( o dell’intervallo di 3- o 3+ rispettivamente nei generi
cromatico ed enarmonico) dipende il modo/tono:

Modo/tono mi-re-do-si Dorico

Re-do-si-la Frigio (Mi- re- do #-si frigio in trasposizione)

Do-si-la-sol Lidio

Dall’unione di 2 tetracordi DISGIUNTI dello stesso genere deriva un’Armonia, vale a dire una scale
discendente di 8 suoni del tipo:

MI-RE-DO-SI LA-SOL-FA-MI

La separazione tra i 2 tetracordi si dice diazeusis.


Trasportando il tetracordo acuto all’ottava inferiore si ottiene l’ipomodo, in questo caso il suono MI sarà
COMUNE al tetracordo più grave e al tetracordo medio. Trasportando il tetracordo grave all’acuto si ottieni
l’ipermodo, anche in questo caso i due nuovi tetracordi hanno in comune il suono MI. Tale suono comune
nell’iper e nell’ipo-modo si chiama sinafè:

Considerando l’insieme dei suoni appartenenti all’armonia, all’ipo e all’iper modo si ottiene il sistema
perfetto o Teleion.