Sei sulla pagina 1di 29

EN 13108-21 (I)

CEN TC 227/WG1
Maggio 2007

EN-13108-21
Traduzione a cura di: SITEB

La traduzione della presente norma non è riconosciuta da UNI e non riveste carattere ufficiale

BOZZA DI LAVORO
Miscele Bituminose – Specifiche del materiale – Parte 21: Controllo di
produzione in fabbrica

Tipo di documento: Normativa europea


Sottotipo di documento: Versione italiana
Stato del documento: recepito
Lingua: I
EN 13108-21 (I)

Contenuti Pag.

Premessa .............................................................................................................................................................4
Introduzione ........................................................................................................................................................5
1 Scopo ......................................................................................................................................................5
2 Normativa di riferimento .......................................................................................................................5
3 Termini e definizioni ..............................................................................................................................6
4 Requisiti..................................................................................................................................................6
4.1 Controllo di Produzione in Fabbrica....................................................................................................6
4.2 Piano di qualità ......................................................................................................................................7
4.3 Organizzazione.......................................................................................................................................7
4.3.1 Responsabilità e autorità ......................................................................................................................7
4.3.2 Rappresentante della Direzione ...........................................................................................................8
4.3.3 Verifiche interne.....................................................................................................................................8
4.3.4 Revisione della direzione......................................................................................................................8
4.3.5 Servizi in subappalto.............................................................................................................................8
4.4 Controllo documentale..........................................................................................................................8
5 Procedure di controllo ..........................................................................................................................8
5.1 Materiali costituenti ...............................................................................................................................8
5.2 Prodotto fornito dal committente.........................................................................................................9
5.3 Controllo di processo............................................................................................................................9
5.4 Manipolazione, stoccaggio e consegna ........................................................................................... 10
5.5 Calibrazione e manutenzione dell’impianto..................................................................................... 10
6 Ispezione e prova................................................................................................................................ 10
6.1 Generale............................................................................................................................................... 10
6.2 Materiali costituenti in ingresso........................................................................................................ 10
6.3 Miscela bituminosa finita ................................................................................................................... 15
7 Non-conformità ................................................................................................................................... 15
7.1 Generale............................................................................................................................................... 15
7.2 Non conformità del materiale costituente........................................................................................ 16
7.3 Non conformità della miscela bituminosa (risultante da ispezione in processo)........................ 16
7.4 Non conformità della miscela bituminosa (derivante dall’analisi del prodotto finito di cui
all’Allegato A) ...................................................................................................................................... 16
8 Attrezzatura per ispezione, misurazione e prova ............................................................................ 16
9 Registrazioni ....................................................................................................................................... 17
10 Formazione.......................................................................................................................................... 17
Allegato A (normativo) Tolleranze e frequenze di prova per conglomerato finito .................................... 18
A.1 Generale............................................................................................................................................... 18
A.2 Prove, tolleranze e valutazione di conformità ................................................................................. 18
A.2.1 Campionamento.................................................................................................................................. 18
A.2.2 Miscele con aggregato piccolo ......................................................................................................... 18
A.2.3 Miscele con aggregato largo ............................................................................................................. 18
A.2.4 Asfalto colato (Gussasphalt) e Asfalto chiodato............................................................................. 18
A.3 Livello Operativo di Conformità (OCL) ............................................................................................. 19
A.3.1 Metodo del risultato singolo.............................................................................................................. 19
A.3.2 Metodo della media dei quattro risultati........................................................................................... 20
A.4 Frequenza delle prove ........................................................................................................................ 20
A.5 Scarto medio dall’obiettivo................................................................................................................ 20

2
EN 13108-21 (I)

Allegato B (normativo) Ispezione iniziale, valutazione del Controllo di Produzione in Fabbrica e


sorveglianza continua di esso per le miscele bituminose ..............................................................22
Allegato C (informativo) Guida alla valutazione di conformità.....................................................................24
Allegato D (informativo) Prove aggiuntive delle caratteristiche della miscela ...........................................26
Allegato E (informativo) Requisiti speciali per le piste aeroportuali ...........................................................28

3
EN 13108-21 (I)

Premessa
Questa normativa europea (EN 13108-21:2006) è stata preparata dal Comitato Tecnico CEN/TC 227
“Materiali stradali”, il cui segretariato è tenuto da DIN.

Questa normativa europea assumerà lo status di normativa nazionale, sia attraverso la pubblicazione di un
testo identico sia per approvazione ufficiale, al più tardi entro luglio 2006, e le normative nazionali che
entrassero in conflitto con essa verranno ritirate al più tardi entro gennaio 2008.

Questo documento è uno di una serie di normative elencate di seguito:

UNI EN 13108-1, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 1: Conglomerato bituminoso
prodotto a caldo.

UNI EN 13108-2, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 2: Conglomerato bituminoso per
strati molto sottili.

UNI EN 13108-3, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 3: Conglomerato con bitume
molto tenero.

UNI EN 13108-4, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 4: Conglomerato bituminoso
chiodato.

UNI EN 13108-5, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 5: Conglomerato bituminoso
antisdrucciolo chiuso.

UNI EN 13108-6, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 6: Asfalto colato.

UNI EN 13108-7, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 7: Conglomerato bituminoso
ad elevato tenore di vuoti.

UNI EN 13108-8, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 8: Conglomerato bituminoso
di recupero.

UNI EN 13108-20, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 20: Prove di tipo.

UNI EN 13108-21, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 21: Controllo di produzione in
fabbrica.

Nessuna normativa esistente è stata direttamente sostituita.

In accordo con il Regolamento interno CEN/CENELEC, le organizzazioni per la normativa nazionale dei
seguenti paesi sono tenute ad implementare questa Normativa Europea: Austria, Belgio, Cipro, Repubblica
Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia,
Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia,
Svizzera e Regno Unito.

4
EN 13108-21 (I)

Introduzione
Questa norma europea è stata scritta come parte del sistema per la valutazione di conformità delle miscele
bituminose. Essa è progettata per essere utilizzata insieme alle norme di prodotto EN 13108, dalla parte 1 alla
7 ed è richiamata da tali norme come parte della Valutazione di Conformità .

La procedura di Controllo di Produzione in Fabbrica è destinata ad essere applicata alle Norme Europee per
le miscele bituminose, sia con l’obbligo di apposizione del marchio sia senza.

La valutazione della conformità comprende il Test iniziale di Tipo (Initial Type Testing - ITT) e il Controllo di
Produzione in Fabbrica (Factory Production Control – FPC). Questa norma è stata scritta per fornire le basi
per il controllo di qualità e conformità, e come parte del sistema per la valutazione della conformità delle
miscele bituminose. Quando le clausole di “conformità” appropriate sono applicate, essa diviene parte del
sistema di attestazione di conformità, come richiesto dalla Direttiva per i Prodotti da Costruzione. Essa
fornisce il livello minimo di Controllo di Produzione in Fabbrica per la Marcatura CE.

Per ragioni commerciali e/o contrattuali, i produttori possono scegliere di condurre più prove ed ispezioni.

Il sistema di questa norma europea si rifà principalmente a provini tradizionali e prove su materiali costituenti
e prodotti finiti. I processi, così come i sistemi di controllo del processo, sono stati continuamente sviluppati, il
che vuol dire che nuovi sistemi per il Controllo di Produzione in Fabbrica sono stati introdotti ed implementati.
Se un produttore può dimostrare che il suo sistema di controllo del processo è in condizioni di assicurare
l’adempimento dei requisiti sui prodotti finiti in modo soddisfacente, si possono accettare frequenze minime
alternate di ispezione e controllo.

La base di questa Norma europea è quella del controllo dei materiali costituenti, composizione e miscela
attraverso regolare campionamento, ed ispezione. Essa non implica il monitoraggio di routine delle proprietà
prestazionali delle miscele bituminose. Una rivalidazione periodica di queste proprietà è trattata
separatamente nella EN 13108-20.

Frequenze e tolleranze per la valutazione di conformità sono fornite nell’Allegato A.

Gli obiettivi per la valutazione del FPC, come parte dell’attestazione di conformità, sono definiti nell’Allegato B.

1 Scopo
Questa Norma Europea specifica sia i requisiti di qualità sia quelli del Controllo di Produzione in Fabbrica per
l’uso durante la lavorazione di miscele bituminose per uso stradale, aeroportuale o altre aree trafficate.

Ulteriori prove effettuate entro il contratto sono considerate al di fuori di questa norma europea.

Il Controllo di Produzione in Fabbrica va applicato alle norme europee per le miscele bituminose nel caso in
cui è prevista l’applicazione del marchio di conformità. È inoltre una parte necessaria della valutazione di
conformità in situazioni in cui tale marchio non debba essere applicato.

Questa norma europea è applicabile al controllo delle miscele bituminose dove i materiali costituenti e la
composizione obiettivo siano noti e sono stati mostrati attraverso gli strumenti della Prova di Tipo, per
adempiere tutti gli appropriati requisiti composizionali, di prestazioni (correlate o di base), di cui alla EN 13108,
parti da 1 a 7.

2 Normativa di riferimento
I seguenti documenti di riferimento sono indispensabili per l’applicazione di questa norma europea. Per i
riferimenti datati, si applica solo l’edizione citata. Per i riferimenti non datati, si applica l’ultima edizione del
documento di riferimento (incluso ogni emendamento).

5
EN 13108-21 (I)

EN 12591, Bitume e leganti bituminosi – Specifiche per i bitumi per applicazioni stradali.

EN 12697-27, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 27:
Campionamento.

EN 12697-28, Miscele bituminose — Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 28:
Preparazione dei campioni per la determinazione del contenuto di legante, di acqua e della gradazione Part 1:
Asphalt Concrete.

EN 13043, Aggregati per miscele bituminose e trattamenti superficiali per strade, aeroporti e altre aree
soggette a traffico.

EN ISO 9001, Sistemi di gestione della qualità – Requisiti (ISO 9001:2000.

3 Termini e definizioni
Per le finalità di questa norma europea, si applicano i seguenti termini e definizioni.

3.1
Controllo di Produzione di Fabbrica (Factory Production Control - FPC)
Il controllo interno permanente di produzione, esercitato dal produttore laddove tutti gli elementi, requisiti e
condizioni adottati dal produttore saranno documentati in maniera sistematica nella forma di politiche e
procedure scritte. Questa documentazione sul sistema di controllo di produzione è progettata per assicurare
una comprensione comune di assicurazione di qualità e permette di ottenere le caratteristiche di prodotto
richieste, oltre che l’effettiva operatività del sistema di controllo della produzione da verificare.

3.2
Specifiche tecniche
Norme armonizzate europee e le Omologazioni tecniche europee per le miscele bituminose.

3.3
Controllo organolettico
Valutazione fatta attraverso: vista, tatto, odorato, udito, ecc.

NOTA 1 Questo è un contesto più ampio di quello più comunemente usato per l’ispezione visiva. Per esempio, un
controllo su una consegna di bitume dovrà coinvolgere la vista (colore, fumo e consistenza), olfatto (odore) e tatto (come
si percepisce quando è freddo). Ciò rivela se il bitume si conformi alle aspettative di chi lo esamina ed è il modo più veloce
di individuare un carico difettoso. Principi simili si applicano agli aggregati, particolarmente con le ispezioni delle scorte,
dove la manipolazione indica istantaneamente una eventuale scarsa pulizia.

NOTA 2 In tutti i casi i controlli organolettici si estenderanno solo fino a dove le normative su salute e sicurezza lo
permetteranno.

4 Requisiti

4.1 Controllo di Produzione in Fabbrica

Il Controllo di Produzione in Fabbrica è il controllo interno permanente del processo di produzione. Esso
include i requisiti di prova per assicurare la conformità della miscela bituminosa con le prestazioni dichiarate
della Prova di Tipo.

Il produttore opererà un sistema di Controllo di Produzione in Fabbrica attenendosi ai requisiti di questa


normativa europea.

Il produttore stabilirà, documenterà e manterrà il sistema di FPC per assicurare che i prodotti immessi sul
mercato siano conformi con le caratteristiche enunciate. Il sistema di FPC consisterà di procedure, ispezioni

6
EN 13108-21 (I)

regolari e prove e/o valutazioni, compreso l’uso dei risultati per controllare materiali grezzi in entrata, altri
componenti e materiali, attrezzature, il processo di produzione e il prodotto.

Il sistema di Controllo di produzione in fabbrica controllerà la conformità dei prodotti alle formulazioni della
miscela documentate in accordo con la EN 13108-20. Quale parte del FPC la procedura per la Prova di tipo
descritta nella EN 13108-20 sarà ripetuta a intervalli non superiori ai 5 anni per confermare la continuità e la
validità della formulazione della miscela.

Questa norma europea è basata su alcuni requisiti della EN ISO 9001 ma si regge da sola e non richiede
riferimento alla EN ISO 9001 per la sua applicazione. Tuttavia, sarà considerato un sistema FPC che si
conformi ai requisiti della EN ISO 9001 e faccia specifica dei requisiti della miscela bituminosa prodotta, al fine
di soddisfare i requisiti di questa norma europea.

4.2 Piano di qualità

Il produttore stabilirà e manterrà la sua politica e le sue procedure di Controllo di Produzione in Fabbrica in un
piano di qualità.

Il piano di qualità includerà, in particolare, un mezzo per identificare e dettagliare i processi specifici, che
influenzano direttamente la qualità e la conformità del prodotto. Il piano di qualità includerà, in particolare:

- la struttura organizzativa che fa riferimento a conformità e qualità;

- controllo documentale;

- procedure di controllo per i materiali costituenti e il prodotto fornito al committente;

- controllo del processo;

- requisiti per la lavorazione e lo stoccaggio del prodotto;

- calibrazione e manutenzione dell’impianto;

- requisiti per l’ispezione e la prova di processi e prodotti;

- procedure per la gestione delle non conformità.

Il piano di qualità includerà inoltre le frequenze delle ispezioni e delle prove. Tali frequenze, fornite nel punto 6
dell’allegato A sono il minimo da usarsi inizialmente. Queste possono essere cambiate dove un accettabile
sistema statistico alternativo sia sviluppato.

NOTE Il dettaglio del piano di qualità e delle procedure di Controllo di Produzione in Fabbrica dipenderà dall’impianto
e dal processo.

4.3 Organizzazione

4.3.1 Responsabilità e autorità

La responsabilità, l’autorità e l’interrelazione di tutto il personale che gestisce, implementa e verifica il lavoro
correlato alla conformità e alla qualità sarà definito nel piano di qualità, in particolare per il personale che ha
l’autorità per:

Iniziare azioni per prevenire l’eventualità di non conformità di prodotto;

Identificare e registrare tutti i problemi di qualità del prodotto.

7
EN 13108-21 (I)

4.3.2 Rappresentante della Direzione

Il produttore identificherà una persona con adeguata autorità, formazione ed esperienza per supervisionare il
Controllo di Produzione in Fabbrica e per accertarsi che i requisiti del piano di qualità siano implementati e
mantenuti.

Un individuo può esercitare tale supervisione su un gruppo di impianti.

4.3.3 Verifiche interne

Il produttore effettuerà delle verifiche interne per identificare quali attività si attengano alle disposizioni date e
per determinare l’efficacia del sistema di Controllo di produzione in fabbrica. Le verifiche saranno fissate sulla
base dello stato e dell’importanza dell’attività. Tali verifiche e l’azione di controllo saranno effettuate in
accordo con le procedure documentate. I risultati delle verifiche saranno documentati e portati all’attenzione
del personale che ha responsabilità dell’area investigata. Il responsabile della gestione del personale
prenderà opportuna azione correttiva sulle non conformità trovate dalla verifica e prenderà nota dell’azione
intrapresa.

4.3.4 Revisione della direzione

Il sistema di Controllo di produzione in fabbrica sarà revisionato almeno una volta l’anno dalla direzione per
assicurarsi della sua continua idoneità ed efficacia. Saranno mantenute registrazioni di queste revisioni.

4.3.5 Servizi in subappalto

Dove tutti i servizi in subappalto sono forniti al di fuori delle risorse del produttore, un mezzo di controllo sarà
stabilito e diverrà parte delle procedure di controllo della qualità del produttore.

4.4 Controllo documentale

Il produttore stabilirà e manterrà documentate le procedure per controllare tutti i documenti e i dati che fanno
riferimento a questa normativa europea.

5 Procedure di controllo

5.1 Materiali costituenti

Adeguate forniture di materiali costituenti saranno disponibili per assicurare che i livelli di produzione e
consegna pianificati possano essere mantenuti senza danni alla conformità del prodotto.

Le specifiche e le tolleranze per i materiali costituenti in entrata, necessari per assicurare la conformità con le
specifiche per i conglomerati bituminosi, saranno stabilite e comunicate ai fornitori attraverso ordini scritti.

Il controllo delle procedure dovrà verificare che i fornitori dei materiali in entrata siano in grado di fornire la
qualità richiesta dei materiali ed assicurare la conformità della miscela con il Test iniziale di Tipo (ITT).

I diversi tipi di granulometria del materiale devono essere trasportati e stoccati in modo tale da evitare i
mescolamenti, le contaminazioni o deterioramenti, che possono influire sulla qualità e la conformità del
prodotto.

I requisiti generali di questo punto saranno tradotti in più dettagliati requisiti specifici di impianto, che potranno
includere:

⎯ aggregati;

8
EN 13108-21 (I)

⎯ procedure per il controllo degli aggregati consegnati ad un deposito;

⎯ procedure per il controllo di aggregati trasferiti da silos di cava;

⎯ requisiti per l’etichettatura di vani stoccaggio e silos;

⎯ leganti;

⎯ requisiti per riscaldamento, controllo della temperatura e isolamento dei serbatoi;

⎯ requisiti per l’etichettatura dei serbatoi;

⎯ requisiti per controllare la consegna di leganti nei serbatoi adeguati;

⎯ requisiti di controllo per additivi, miscele aggiunte, filler e conglomerato fresato.

5.2 Prodotto fornito dal committente

Qualsiasi materiale costituente fornito dal committente per essere incluso nella miscela, sarà lavorato,
stoccato e mantenuto libero da contaminazione da parte del produttore.

5.3 Controllo di processo

Il piano di qualità includerà i seguenti argomenti:

a) una descrizione del flusso di materiali e dei processi condotti su di essi dall’immissione in impianto sino
alla consegna al cliente. Ciò comprenderà anche un diagramma di flusso;

b) una dichiarazione delle procedure attraverso le quali la conformità con le specifiche debba essere
mantenuta. Ciò includerà la procedura per il controllo delle istruzioni di dosaggio;

c) una tabella per il monitoraggio della prestazione del processo, che soddisfi il minimo di frequenze
ispettive indicato in Tabella 1, risultante in un documento di prestazione di impianto in rapporto alle
tolleranze dichiarate.

NOTE Diversi elementi di controllo di processo si applicheranno ai differenti processi di produzione, così che non sia
possibile dare una lista esaustiva per tutte le applicazioni.
Tabella 1 — Piano di ispezioni minime nel controllo di Processo
Colonna 1 2 3 4
Area di
Linea Ispezione/prova Scopo Frequenza
controllo

Comparti ad a) In installazione
Come disposto nel piano di Assicurare una corretta
1 alimentazione b) Come disposto nel piano
qualità alimentazione dell’impianto
fredda di qualità
Controllare la temperatura di
Temperatura del serbatoio a) Giornalmente
stoccaggio
2 Legante
Penetrazione o punto di Controllare l’indurimento del
b) In caso di dubbio
rammollimento legante a
Bitume Controllare l’uniformità della Ad ogni partita o
3 Temperatura
miscelato temperatura continuamente
a Il legante può indurire durante lo stoccaggio, specialmente quando è circolato. Il piano di qualità dichiarerà il periodo “sicuro” di
stoccaggio per il legante e il suo serbatoio e richiederà una prova se quel periodo è stato superato senza una consegna di materiale
fresco. In assenza di altre informazioni, si adotterà un periodo di due settimane.

9
EN 13108-21 (I)

5.4 Manipolazione, stoccaggio e consegna

Il piano di qualità conterrà le procedure che assicurano che le miscele bituminose sono manipolate, stoccate e,
laddove sia consono (vedi nota), consegnate con segregazione e degradazione minime ed in un intervallo di
temperature specificato.

La miscela bituminosa sarà identificabile e tracciabile riguardo ai suoi dati di produzione. Il produttore
manterrà le registrazioni dei dati di produzione rilevanti, incluse data ed ora di produzione, le quali potranno
essere citate nelle informazioni riportate sulla bolla di consegna.

Questa norma europea si applicherà sia alle situazioni in cui il produttore è responsabile della consegna con
suo veicolo al luogo del committente, sia a quelle in cui il committente ritira dall’impianto del produttore con un
suo veicolo. Il piano di qualità del produttore chiarirà fino a che punto si estende la sua responsabilità per la
manipolazione, lo stoccaggio e la consegna.

Il piano di qualità del produttore descriverà le caratteristiche di ogni sistema di stoccaggio a caldo e definirà le
sue modalità operative. Il produttore assicurerà attraverso controlli, ispezioni e registrazioni, che tali sistemi
sono usati correttamente e che le miscele bituminose mantengono la loro idoneità all’uso.

5.5 Calibrazione e manutenzione dell’impianto

Il piano di qualità identifica quei punti dell’attrezzatura di misurazione che richiedono una calibrazione. La
frequenza di tali calibrazioni si atterrà ai requisiti della Tabella 2.

Saranno fornite le procedure di calibrazione, incluse le tolleranze concesse per l’attrezzatura che rimane in
esercizio. Il piano di qualità dichiarerà l’accuratezza richiesta di tutte le calibrazioni dell’impianto e identificherà
qualsiasi di esse che richieda tracciabilità nelle norme nazionali di riferimento. (ad esempio, massa o peso)

L’impianto sarà mantenuto in modo tale da assicurare la continuità di produrre miscela bituminosa alle
specifiche e tolleranze richieste.

6 Ispezione e prova

6.1 Generale

Tutti i mezzi, attrezzature e personale necessari saranno disponibili per effettuare le ispezioni e le prove
richieste.

Le ispezioni e le prove saranno effettuate almeno con la frequenza indicata nelle tabelle da 3 a 8.

6.2 Materiali costituenti in ingresso

I materiali costituenti in ingresso saranno ispezionati e provati usando le procedure dettagliate nel piano di
qualità e secondo un programma che sia conforme ai requisiti di questo punto, Tabella 8 e Allegato A. i
risultati delle prove condotte dal fornitore possono essere usati se il piano di qualità del fornitore stesso è
richiamato in quello del produttore.

Le ispezioni richieste dei materiali in stoccaggio saranno mantenute per stabilire che non si sia verificato
nessun deterioramento.

Requisiti dettagliati saranno i seguenti:

⎯ aggregati, vedi Tabella 3;

⎯ filler, vedi Tabella 4;

10
EN 13108-21 (I)

⎯ leganti, vedi Tabella 5;

⎯ additivi, vedi Tabella 6;

⎯ conglomerato fresato, vedi Tabella 7.

NOTA Si presume che i prodotti con marcatura CE, in accordo con le norme armonizzate europee appropriate,
abbiano le prestazioni espresse con la marcatura CE, sebbene questo non sostituisca la responsabilità sul produttore di
assicurare che la miscela bituminosa, nel suo insieme, sia correttamente progettata e che i suoi prodotti componenti
abbiano i valori prestazionali necessari per raggiungere quel progetto.

11
EN 13108-21 (I)

Tabella 2 – Requisiti minimi di calibrazione di impianto

Colonna 1 2 3 4

Riga Tipo di impianto Ispezione/prova Scopo Frequenza minima

Accertare che l’attrezzatura


Ispezione visiva come
per la pesatura funzioni Quotidiana
descritto nelle procedure
correttamente
Attrezzatura per la
1
pesatura Assicurare l’accuratezza a) All’installazione
Prova di accuratezza della
nel contesto dei requisiti b) Ogni anno
pesatura (ricalibrazione)
del piano di qualità c) In caso di dubbio
Accertare che il Prima dosatura del
Ispezione organolettica dispensatore stia giorno che contiene
funzionando correttamente miscela aggiunta
Dispensatore di miscela
2
aggiunta Assicurare l’accuratezza a) All’installazione
Prova di accuratezza come
nel contesto dei requisiti b) Ogni anno
descritto nelle procedure.
del piano di qualità c) In caso di dubbio
Comparazione del a) All’installazione
Assicurare l’accuratezza
quantitativo effettivo con
3 Flussometro nel contesto dei requisiti b) Ogni anno
quello misurato con
del piano di qualità c) In caso di dubbio
riconciliazione
Comparazione della massa
effettiva di costituenti nel a) All’installazione
Sistema di dosatura Accertare l’accuratezza
carico con la massa
4 (negli impianti della dosatura in accordo b) Ogni anno
predisposta, usando il
discontinui) con il piano di qualità c) In caso di dubbio
metodo prescritto dal piano
di qualità
Comparazione della massa
effettiva in un determinato a) All’installazione
Sistema di Accertare l’accuratezza in
periodo di tempo con la
5 proporzionamento (negli accordo con il piano di b) Ogni anno
massa predisposta, usando
impianti continui) qualità c) In caso di dubbio
il metodo prescritto dal
piano di qualità
Accertare che l’attrezzatura
Visivo, come descritto nelle
stia funzionando Giornalmente
procedure
correttamente
Temperatura, attrezzatura
6
di monitoraggio Prova di accuratezza, Assicurare che siano a) All’installazione
come descritto nelle registrate le corrette b) Ogni anno
procedure. temperature c) In caso di dubbio
NOTA 'In caso di dubbio fa riferimento al giudizio ragionevole di un operatore d’impianto esperto
a oppure dopo una esauriente riparazione.

12
EN 13108-21 (I)

Tabella 2 — Frequenze minime di ispezione e prova per aggregati

Colonna 1 2 3

Riga Ispezione/Prova Scopo Frequenza

Approvazione originaria prima


Prova per le proprietà intrinseche
1 Controllare l’idoneità agli usi stabiliti dell’uso iniziale, aggiornata in
degli aggregati (resistenza, ecc.)
accordo con la EN 13043
Controllare che la consegna sia
2 Ispezione della bolla di consegna come richiesto e provenga dalla Ad ogni consegna
fonte corretta
Paragonare il normale aspetto
Controllo organolettico della
3 rispetto alla fonte, granulometria, Quotidiana
scortab
forma e impurità
a) Prima consegna da nuova fonte
Valutare l’adempimento della norma b) In caso di dubbio seguito a
4 Analisi al setaccio
o altra granulometria concordata controllo organolettico
c) 1 ogni 2 000 t
a) Prima consegna da nuova fonte.
Forma, indice di particelle Valutare l’adempimento della norma b) In caso di dubbio
5
frantumante, ecc. o altra specifica concordata c) Come indicato sul piano di
qualità
6 Contenuto di idratazione Controllo di processo Come indicato sul piano di qualità
a Questa tabella può includere i risultati delle prove ed ispezioni del fornitore come parte del suo Controllo di Produzione in Fabbrica
(si veda 6.2).
b Questi requisiti non si applicheranno in fase di fornitura diretta da una unità di produzione di aggregati ad un impianto sullo stesso
sito.

Tabella 3 — Frequenze minime di ispezione e prova per il filler

Colonna 1 2 3

Riga Prova/Ispezione Scopo Frequenza

Prove per le proprietà intrinseche Approvazione del fornitore prima


Controllare l’idoneità per gli usi cui è
1 del filler (densità in mucchio, dell’uso iniziale, aggiornata in
destinato
proprietà di rigidezza, ecc.) accordo con la EN 13043
Controllare che la consegna sia
2 Ispezione della bolla di consegna come richiesto e provenga da fonte Ad ogni consegna
corretta
a) Alla prima consegna da nuova
Controllare l’adempimento con la fonte
3 Analisi al setaccio norma o altra granulometria
concordata b) Come indicato sul piano di
qualità
a Questa tabella può includere i risultati delle prove ed ispezioni del fornitore come parte del suo Controllo di Produzione in Fabbrica.

13
EN 13108-21 (I)

Tabella 4 — Frequenze minime di ispezione e prova per i legantia

Colonna 1 2 3

Riga Ispezione/Prova Scopo Frequenza


Confermare le caratteristiche del Approvazione alla fonte prima
1 Proprietà intrinseche del legante prodotto e l’adempimento delle dell’uso iniziale. Aggiornato in
specifiche appropriate accordo con la EN 12591
Controllare che la consegna sia
2 Ispezione della bolla di consegna come richiesto e provenga dalla Ad ogni consegna
fonte corretta
Controllare che il legante rispetti i
3 Temperatura Ad ogni consegna
limiti di temperatura concessi
Proprietà di gradazione
Valutare l’adempimento delle
4 (penetrazione, punto di 1 ogni 300 t
specifiche
rammollimento o viscosità)
Controllo organolettico (a
Paragone con le normali proprietà Ad ogni consegna o giornalmente
5 campione o per ispezione del
percettibili nel serbatoio
serbatoio)
a Questa tabella include i risultati delle prove e delle ispezioni fatte dal fornitore come parte del suo Controllo di Produzione in
Fabbrica.

Tabella 5 — Frequenze minime di ispezione e prova per gli additivia

Colonna 1 2 3

Riga Ispezione/Prova Scopo Frequenza

a) Approvazione alla fonte


Prove appropriate per Confermare le caratteristiche di precedente all’uso iniziale
1 determinare le proprietà prodotto o controllare
intrinseche l’adempimento delle specifiche b) Come dichiarato nel piano di
qualità
Controllare che la consegna sia
2 Ispezione della bolla di consegna come richiesto e provenga da fonte Ad ogni consegna
corretta
Ad ogni consegna, se fattibile;
Controllo organolettico della
3 Paragone con l’aspetto normale altrimenti in accordo con il piano di
consegna
qualità
a Questa tabella include i risultati delle prove e delle ispezioni fatte dal fornitore come parte del suo Controllo di Produzione in
Fabbrica.

Tabella 6 — Frequenze minime di ispezione e prova per il conglomerato riciclato

Colonna 1 2 3

Riga Ispezione/Prova Scopo Frequenza

Sulla ricevuta di ogni consegna (in


Permettere la separazione per tipo,
caso di dubbio, ad esempio
1 Controllo organolettico la vagliatura per componenti
contenuto di catrame, sono richieste
dannosi o pericolosi
delle prove aggiuntive)
Classificazione dell’aggregato
Valutare l’idoneità all’uso in varie
2 recuperato (controllo visivo per 1 ogni 1 000 t
miscele
angolarità, tipo petrologico, ecc.)
3 Contenuto di idratazione Controllo di processo Come indicato dal piano di qualità
a L’insieme dei campioni e le frequenze di prova per il conglomerato riciclato sono quelli della EN 13108-8 applicabili alle scorte ci
materiale. Le prove in questa tabella rappresentano solo ispezioni di consistenza in processo.

14
EN 13108-21 (I)

6.3 Miscela bituminosa finita

Le miscele bituminose finite saranno ispezionate e provate utilizzando le procedure dettagliate nel piano di
qualità e secondo uno schema che adempia ai requisiti di questo punto, Tabella 8 e Allegato A.

Saranno tenute registrazioni statistiche appropriate, con lo scopo di monitorare e verificare la capacità di
processo e le caratteristiche di prodotto.

Tabella 7 — Frequenze minime di ispezione/prova per il prodotto consegnato

Colonna 1 2 3
Riga Ispezione/Prova Scopo Frequenza

Per comparazione con l’aspetto


Controllo organolettico normale, rispetto a granulometria,
1 Ad ogni carico
dell’asfalto miscelato uniformità di miscelazione e
adeguatezza della stesa

Assicurare che il materiale sia a) Come richiesto al punto 5.3


2 Temperatura conforme alla specifica o agli altri b) Ogni qualvolta siano presi i
requisiti campioni
Granulometria e contenuto di Assicurare che il materiale sia
3 Si veda l’allegato A
legante conforme alla specifica

Altre caratteristiche incluse nelle Come definito nel piano di qualità


4 Valutare la conformità
specifiche tecniche Si veda l’allegato B

Idoneità dei veicoli di consegna Controllare l’adeguatezza di Prima del primo utilizzoa
5
attraverso valutazione visiva isolamento in caso di dubbio
Pulizia dei veicoli di consegna Ad ogni carico, prima
6 Evitare contaminazioni
attraverso valutazione visiva dell’operazionea
a Si veda il punto 5.4

7 Non-conformità

7.1 Generale

Il produttore stabilirà e manterrà delle procedure documentate per assicurare che sia impedito (all’uso o
all’installazione) il prodotto non conforme ai requisiti specifici, per quanto possibile.

La non conformità può presentarsi nelle fasi seguenti:

a) Stoccaggio dei materiali costituenti;

b) Processo del prodotto;

c) Manipolazione, stoccaggio e consegna del prodotto.

Nell’eventualità che si identifichi una non conformità del materiale, del prodotto o del processo, si inizieranno
delle indagini per determinare le ragioni di tale non conformità e si implementerà una efficace azione
correttiva per prevenirne la ricorrenza, in accordo con le procedure documentate nel piano di qualità.

15
EN 13108-21 (I)

7.2 Non conformità del materiale costituente

Nel caso di materiale costituente non conforme, l’azione correttiva coinvolgerà:

a) Il riprocesso;

b) L’aggiustamento del controllo di processo per ammettere la non conformità ;

c) Rifiuto e smaltimento del materiale non conforme.

7.3 Non conformità della miscela bituminosa (risultante da ispezione in processo)

Sarà valutata la miscela bituminosa non conforme e verranno seguite le procedure per intraprendere azioni
correttive. Tali azioni coinvolgeranno:

a) Accettazione della miscela bituminosa per l’invio a seguito dell’accettazione da parte del cliente del
prodotto non conforme;

b) Se la miscela prodotta è di tipo scorretto, deviarla verso un uso alternativo;

c) Scarto della miscela;

d) Rilavorazione della miscela per incontrare le specifiche richieste (ad esempio tramite riciclaggio).

7.4 Non conformità della miscela bituminosa (derivante dall’analisi del prodotto finito di cui
all’Allegato A)

Il piano di qualità identificherà l’azione da intraprendere nel controllo di processo, quando viene identificato,
attraverso l’analisi, il prodotto non conforme;

Il piano di qualità dichiarerà le circostanze in cui il cliente dovrà essere edotto dei risultati di non conformità
dell’analisi.

8 Attrezzatura per ispezione, misurazione e prova


Il produttore controllerà, calibrerà e manterrà gli adatti attrezzi per la misura e le prove.

Allo scopo di assicurare che la prova dei materiali costituenti in entrata e il conglomerato finito sia conforme
alle specifiche più rilevanti per i metodi di prova, è necessario che l’attrezzatura di prova sia in stato ben noto
di calibrazione e accuratezza, coerente con le capacità di misurazione richieste.

Ci si deve impegnare sui seguenti punti:

a) Accuratezza e frequenza di calibrazione, che dovrebbe essere in accordo con le principali norme
riguardanti la prova;

b) Le attrezzature dovranno essere usate in accordo con le procedure documentate;

c) Le attrezzature esclusivamente da identificare;

d) Le registrazioni di calibrazione da mantenere.

16
EN 13108-21 (I)

9 Registrazioni
I risultati del Controllo di produzione in Fabbrica dovranno essere registrati. La sede del campionamento, la
data e l’ora, così come i dettagli del conglomerato o i materiali costituenti testati, saranno registrati insieme ad
ogni altra informazione rilevante.

Dove il materiale costituente o il conglomerato bituminoso esaminato non soddisfi i requisiti della norma
appropriata, saranno prese le registrazioni per le azioni correttive intraprese, per assicurare che sia
mantenuta la qualità del materiale miscelato.

I dati registrati saranno archiviati e mantenuti in modo tale da essere rintracciabili e saranno conservati per un
periodo minimo di 5 anni o un lasso di tempo della lunghezza richiesta dalla legislazione del singolo stato.

10 Formazione
Il produttore stabilirà e manterrà le procedure per la formazione di tutto il personale coinvolto nelle attività che
influenzano la qualità. Il personale che presta servizio per obiettivi specifici dovrà essere adeguatamente
qualificato e competente riguardo alle basi di una educazione, formazione ed esperienza adeguate, come
richiesto. Si dovranno mantenere i dati di questa formazione

NOTE Anche se può essere necessario un sistema di formazione dimostrabile per l’applicazione dei “marchi di
qualità”, la marcatura di legge ha a che fare soltanto con le caratteristiche prestazionali d’uso delle procedure
documentate. Perciò, sebbene la marcatura di legge può richiedere personale competente, non richiede specificatamente
che si dimostri la formazione.

17
EN 13108-21 (I)

Allegato A
(normativo)

Tolleranze e frequenze di prova per conglomerato finito

A.1 Generale
Questo allegato include le tolleranze e le frequenze di prova per l’uso nella Valutazione di Conformità delle
miscele bituminose sciolte durante la produzione e la consegna.

Esso fornisce 3 livelli di frequenza di prova: X,Y e Z. Il livello Z è quello minimo di frequenza delle prove, il
quale sarà condotto in tutte le circostanze. I livelli X e Y forniscono frequenze progressivamente più alte, le
quali possono essere appropriate laddove sia richiesto dare un livello maggiore di sicurezza della conformità
del prodotto con il Test Iniziale di Tipo (ITT). In tutti i casi la frequenza delle prove è variabile è de
incrementata al decrescere del livello di conformità misurato. Questo segue il principio di minimizzazione del
rischio di future non conformità.

It also includes tolerances for the assessment of the conformity of test results.

NOTE The sampling and testing of asphalt sampled at the construction site is beyond the scope of this annex and
different values may be applicable for this purpose.

A.2 Prove, tolleranze e valutazione di conformità

A.2.1 Campionamento

I campioni rappresentativi dell’intera produzione possono essere presi su base regolare e casuale dal
conglomerato finito all’impianto in accordo con le parti principali delle EN 12697-27 e 28. I campioni saranno
analizzati per determinare il contenuto di legante e la granulometria. I risultati di tali analisi saranno controllati
per la conformità in rapporto ai criteri di cui alla tabella A1 e successivamente classificati secondo le categorie
“conforme”, “non conforme”.

Le tolleranze applicate a proposito della composizione obiettivo saranno selezionate dalla colonna appropriata
della Tabella A. 1.

A.2.2 Miscele con aggregato piccolo

Tutti gli strati superficiali (incluso l’asfalto colato), quelli di base e di collegamento con setaccio di riferimento
massimo con misura D < 16 mm.

A.2.3 Miscele con aggregato largo

Strati di collegamento e di base con setaccio di riferimento massimo di misura D ≥ 16 mm.

A.2.4 Asfalto colato (Gussasphalt) e Asfalto chiodato

Miscele con aggregato piccolo per tutti gli strati superficiali e di collegamento con D < 16 mm.

Miscele con aggregato largo per tutte le miscele con D ≥ 16 mm.

18
EN 13108-21 (I)

A.3 Livello Operativo di Conformità (OCL)


Il Livello Operativo di Conformità sarà determinato sia dal risultato del metodo singolo di cui all’A.3.2, sia dalla
media del metodo dei 4 risultati di cui all’A.3.3.

Sarà fatta una scelta tra i metodi del singolo risultato e la media dei quattro risultati. Soltanto un sistema può
essere applicato su un impianto ad ogni dato tempo

NOTE La determinazione del livello operativo di conformità è una misura dello stato di controllo complessivo del
processo di produzione ed è basato semplicemente sui precedenti 32 risultati su tutti i materiali piuttosto che sui prodotti
singoli o sui tipi di prodotto. Un’analisi è classificata come non conformante se qualsiasi dei sei parametri dettagliati in
Tabella A.1 è fuori dalle tolleranze espresse. Queste tolleranze includono i margini concessi per la precisione del
campionamento e della prova

Tabella A.1 — Tolleranze in percentuale assoluta per la valutazione della conformità di produzione

Colonna 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Media della tolleranza dei quattro
Campioni dingoli campioni riguardo alla composizione
Tolleranze riguardo alla composizione obiettivo (Punto A.2.2)
obiettivo (A.2.1) Scarto medio concesso dall’obiettivo
(Punto A.4)

Miscele con Miscele con


Miscele con aggregato

Miscele con aggregato

Miscele con aggregato

Miscele con aggregato


Riga Percentualea passante asfalto asfalto
Miscele con asfalto

Miscele con asfalto


chiodato chiodato

Aggregato
Aggregato

Aggregato

Aggregato
piccolo
piccolo

piccolo
piccolo
colato

colato
largo

largo

largo

largo
1 D –8 +5 –9 +5 –8 +5 –8 +5 –9 +5 ±4 ±5 ±4 ±4 ±5
2 D/2 o Caratteristico
±7 ±9 ±8 ±7 ±9 ±4 ±4 ±4 ±3 ±4
setaccio a trama grossa
3 2 mm ±6 ±7 ±8 ±5 ±7 ±3 ±3 ±3 ±2 ±3
4 Caratteristico setaccio a
±4 ±5 — + 4b ±5 ±2 ±2 — ±2 ±3
trama fine c
5 0,063 mm ±2 ±3 ±4 ±2 ±3 ±1 ±2 ±2 ±2 ±2
6 Contenuto di legante
± 0,5 ± 0,6 ± 0,5 ± 0,6 ± 0,6 ± 0,3 ± 0,3 ± 0,25 ± 0,25 ± 0,3
solubile
a Una tolleranza di –2% si applicherà al requisito del of 100 % passante 1,4D.
b Dalla miscela con Asfalto chiodato con D = 4 mm e al di sotto della tolleranza per il setaccio fine sarà ± 10%.
c Il setaccio D/2 non è appropriato per tutte le miscele. Per ogni prodotto può essere indicata sulla specifica una misura di setaccio,
alternativamente, che sia di particolare importanza nella caratterizzazione del materiale.

A.3.1 Metodo del risultato singolo

Il Livello Operativo di Conformità dell’impianto sarà determinato su base continua, con riferimento alla Tabella
A.2. I risultati dell’analisi saranno classificati in conformi e non conformi, usando le appropriate tolleranze della
Tabella A.1. Il numero di risultati non conformi nelle precedenti 32 analisi sarà usato per determinare l’OCL, in
accordo con la Tabella A.2. Una registrazione corrente del livello operativo di conformità sarà mantenuta in
impianto, tenendo anche conto dei requisiti di cui al punto 5

19
EN 13108-21 (I)

Nell’eventualità che più di 8 dei precedenti 32 risultati sia non conforme, l’impianto sarà soggetto ad una
immediata ed esaustiva revisione delle attrezzature e delle procedure.

A.3.2 Metodo della media dei quattro risultati

Il Livello Operativo di Conformità dell’impianto sarà determinato su base continua, con riferimento alla Tabella
A.2. I risultati saranno trattati in gruppi di 4 analisi della stessa miscela. Il risultato medio di ogni gruppo di 4
sarà classificato come conforme o non conforme, usando le tolleranze appropriate di cui alla Tabella A.1. Il
numero di non conformità medie dei primi 8 (32 risultati) sarà usato per determinare l’OCL, in accordo con la
Tabella A.2. Una registrazione corrente dell’OCL sarà mantenuta in impianto, prendendo in considerazione i
requisiti della Punto 5.

Nell’eventualità che più di 4 medie nelle precedenti 8 siano non conformi, l’impianto sarà soggetto ad una
immediata ed esaustiva revisione delle attrezzature e delle procedure.

A.4 Frequenza delle prove


La frequenza delle prove sarà determinata su base settimanale e sarà mantenuta alla frequenza derivata
dalla Tabella A.3, corrispondente al livello istantaneo più basso di conformità, raggiunto nella settimana
precedente..

All’avviamento di un nuovo impianto, o a seguito di trasferimento, la frequenza delle prove sarà mantenuta
pari a quella per OCL-C, fino a che non siano state completate 32 analisi. La frequenza può poi tornare quella
indicata dalla conformità di quei 32 risultati.

A seguito di un’interruzione di 3 mesi o più, o di una grande riparazione o di revisione, il Livello Operativo di
Conformità può essere ridotto di un livello e non variato fino a che 32 risultati siano disponibili dalla nuova
sequenza operativa.

NOTE Questa prova di frequenza variabile è volta a limitare il rischio che un prodotto non conforme non venga .

A.5 Scarto medio dall’obiettivo


Per ogni risultato dell’analisi sarà calcolato lo scarto dall’obiettivo di ognuno dei seguenti parametri: D, D/2 o
caratteristico setaccio grosso, 2 mm, 63 micron e contenuto di legante solubile. Per ognuno dei gruppi di
prodotto definiti in Tabella A.2, una media corrente separata degli scarti di ognuno di questi parametri sarà
mantenuto per le ultime 32 analisi.

Se questi scarti medi eccedono i valori indicati in Tabella A.1, questo costituirà non conformità per il prodotto
sotto il punto 7.4. Sarà quindi intrapresa un’appropriata azione correttiva. Il livello operativo di conformità sarà
abbassato di un livello fintanto che lo scarto medio resta fuori tolleranza.

Tabella A.2 — Determinazione del livello operativo di conformità dell’impianto

Colonna 1 2 3
Singoli risultati
Medie dei 4 risultati
Numero di prove nelle Livello Operativo di
Riga Numero nelle ultime 8 medie
precedenti 32 non conformi Conformità
non conformi (A.3.3)
(A.3.2)

1 0 to 2 0 A

2 3 to 6 1 B

3 >6 ≥2 C

20
EN 13108-21 (I)

Table A.3 — Frequenza minima di analisi di prodotto finito (tonnellata/prova)

Colonna 1 2 3 4
Riga Livello OCL A OCL B OCL C
1 X 600 300 150
2 Y 1 000 500 250
3 Z 2 000 1 000 500
In aggiunta, per gli impianti in funzione, ci sarà almeno una prova ogni cinque giorni di operatività.

NOTA 1 Questa tabella di frequenze di prova è stata preparata come misurazione provvisoria fino a che non potrà essere sviluppato un
più completo approccio basato su statistiche.

Il Livello Z sarà la frequenza di prove minima applicabile a tutti gli scopi

I Livelli X e Y possono essere usati nei contratti.

NOTA 2 Differenti livelli possono essere usati per diversi tipi di prodotto: ad es. aggregato piccolo/aggregato grande. Ulteriori istruzioni
riguardo a questo sono fornite nell’Allegato C.

Le figure in Tabella A.3 sono quelle per le singole analisi, in opera sia sul singolo risultato, sia sulla media dei 4 approcci. Pertanto,
quando si operi sulla media di 4, la portata rappresentata andrà moltiplicata per 4, per ogni valore medio.

21
EN 13108-21 (I)

Allegato B
(normativo)

Ispezione iniziale, valutazione del Controllo di Produzione in Fabbrica e


sorveglianza continua di esso per le miscele bituminose

B.1 Introduzione
Questo allegato riguarda le procedure di valutazione iniziale e sorveglianza del Controllo di Produzione in
Fabbrica.

NOTA Per la marcatura, c’è la richiesta per l’ente notificato, stabilita da uno stato membro EEA, di ispezionare il
sistema di Controllo di Produzione in Fabbrica per assicurare la conformità a questa norma europea. Un ente notificato è
un’organizzazione, governativa o non governativa, che possiede la competenza necessaria e la responsabilità di condurre
la certificazione del Controllo di Produzione in Fabbrica, in accordo con le regole fornite dalla procedura e dalla direzione.

B.2 Scopo
Questo allegato specifica gli obiettivi per valutare il Controllo di Produzione in Fabbrica durante l’ispezione
iniziale e nella sorveglianza continua.

NOTA Ci sono dei requisiti di legge, alla base della Direttiva per i Prodotti da Costruzione, necessari per permettere
alle procedure di incontrare gli obblighi relativi in rispetto dell’applicazione della marcatura CE .

B.3 Ispezione iniziale del Controllo di Produzione in Fabbrica


L’ispezione iniziale:

⎯ Controllerà che le procedure del piano di qualità siano conformi a tutti i requisiti di questa Norma Europea.

⎯ Visita l’impianto, revisionerà le risorse e controllerà l’applicazione pratica del sistema di Controllo di
Produzione in Fabbrica.

Se l’ispezione rivela che non tutti i requisiti delle procedure del produttore sono stati realizzati, saranno
documentati quegli aspetti nei quali l’ispezione ha identificato delle non conformità. Il produttore dovrà porvi
rimedio entro un tempo limite concordato, dopo il quale la procedura di ispezione iniziale, necessaria a
verificare che le azioni correttive sono state intraprese, sarà ripetuta.

B.4 Sorveglianza continua


B.4.1. Ispezione regolare/routinaria

Il sistema di Controllo di Produzione in Fabbrica sarà soggetto a sorveglianza, come illustrato di seguito.

La verifica del suo sistema, con visita all’impianto, sarà effettuata almeno ad una frequenza minima di una
volta all’anno.

Le revisioni dei principali reclami, in merito alla qualità, saranno considerate parte della valutazione di routine.

Valutazioni delle modifiche del sistema di Controllo di Produzione in Fabbrica sono in accordo con questa
norma europea.

Controlli sulla corretta applicazione del marchio di prodotto

22
EN 13108-21 (I)

B.4.2 Casi di mancato adempimento all’ispezione di routine

Le istanze di non conformità saranno classificate e riferite come segue:

1 Una rottura del sistema o danno agli elementi principali di esso, richiederanno una totale revisione e ispezione
dopo correzione.

2 Deviazioni significative, con impatto sulla qualità del prodotto, richiederanno correzioni e una nuova ispezione
degli elementi interessati entro un tempo stabilito.

3 Deviazioni minori saranno risolte e confermate senza la necessità di una nuova ispezione.

B.4.3 Cambiamenti del processo di controllo o di lavorazione.

Il produttore valuterà e documenterà tutti i cambiamenti nel modo di operare in impianto che abbiano influenza sulla
conformità della produzione della miscela.

Il produttore assicurerà che ha provveduto in modo soddisfacente a conformarsi a tutti i requisiti per l’ispezione
iniziale e la sorveglianza continua e che tutte le non conformità sono state annullate, come richiesto. Nei casi in cui
non si è potuto farlo, il produttore non metterà i prodotti sul mercato. I prodotti immessi sul mercato senza la
dimostrazione che sono state eliminate tutte le non conformità non saranno considerati conformi né allo standard
europeo né a quello specifico di prodotto.

23
EN 13108-21 (I)

Allegato C
(informativo)

Guida alla valutazione di conformità

C.1 Valutazione di conformità


Le procedure contenute in questa norma europea, insieme a quelle della EN 13108-20, costituiscono uno
strumento per la valutazione di conformità della miscela bituminosa.

C.2 Prova di tipo


Le EN per le miscele bituminose includono ognuna un numero di requisiti riguardanti le proprietà tecniche.
Alcune di esse sono espresse come misurazioni dirette di proprietà meccaniche, come la rigidezza o la
resistenza all’ormaiamento, anche se altre sono in forma di proprietà surrogate, come il contenuto di bitume o
di vuoti.

Come parte del processo di valutazione di conformità, è necessario per il produttore fornire la prova che ogni
miscela incontri in requisiti più importanti riguardanti le proprietà tecniche. La EN 13109-20 delinea le
procedure da seguire per raggiungere tale obiettivo.

Queste procedure coinvolgono fondamentalmente la prova di una miscela alla composizione obiettivo, per
dimostrare tali proprietà tecniche. Una volta fatta tale prova, i risultati vengono presentati in una relazione
della Prova di Tipo, che include la definizione della miscela obiettivo, compresi i materiali costituenti.

Durante la fase di produzione, la conformità del materiale miscelato con la formulazione definita nella Prova di
Tipo sono mantenuti e dimostrati attraverso le procedure e i requisiti di questa norma europea.

C.3 Controllo di Produzione in Fabbrica


Il processo di valutazione della conformità all’interno del Controllo di Produzione in Fabbrica consiste in un
numero di elementi, ognuno dei quali è eseguito con lo scopo di dare sufficiente prova di conformità. Sebbene
l’analisi del prodotto finito è una parte importante della valutazione, non è sufficiente da sola.

⎯ Il controllo dei materiali costituenti è eseguito per assicurare che essi siano conformi ai requisiti. Punti
dettagliati in questa norma europea elaborano cosa si dovrà fare per dimostrarlo.

⎯ Il controllo del processo è allo stesso modo importante, in alcuni ambito come il controllo della
temperatura e della miscelazione. Punti dettagliati in questa norma europea elaborano cosa si dovrà fare
per dimostrarlo

⎯ L’analisi dell’asfalto finito è chiaramente molto importante. L’approccio adottato da questa norma è
descritto di seguito.

C.4 Analisi
La valutazione di conformità dell’asfalto per mezzo dell’analisi del materiale miscelato è condotta in un
numero di modi differenti, all’interno di accordi contrattuali diversi. In alcuni casi, l’accettazione della prova dei
campioni da parte del compratore o del cliente è la principale fonte di dati. In altre situazioni, si dà maggiore
enfasi ai risultati dei campioni di routine presi e provati dal produttore, come parte delle sue procedure di
controllo di fabbrica. Questa norma europea riconosce queste differenti circostanze e concede qualche
flessibilità nell’approccio, con un livello normativo minimo per incontrare i requisiti di legge e livelli volontari più
onerosi, per l’utilizzo in specifiche situazioni contrattuali.

24
EN 13108-21 (I)

Sono inclusi tre livelli di frequenza delle prove: X, Y e Z.

Il livello Z è quello di frequenza minore de è considerato il minimo applicabile a tutti i conglomerati per
adempiere agli aspetti di valutazione di legge per la valutazione di conformità secondo le norme armonizzate
per le miscele bituminose.

I livelli X e Y forniscono frequenze più elevate e si possono usare in circostanze contrattuali, laddove i risultati
della procedura siano caricati di maggiore peso nella valutazione della qualità.

Il formulario dell’Allegato A è fatto in modo che diverse frequenze di prova possono essere specificate per
diversi tipi di miscela.

In modo importante, in situazione dove la valutazione di qualità è stata fatta con in coinvolgimento
dell’accettazione della prova, questa prova richiesta nell’ambito nella normativa europea deve sembre essere
presa in considerazione nel complesso della valutazione di conformità.

Frequenza variabile

In tutti i casi, la frequenza della prova è variabile, partendo dal presupposto che la frequenza di prova richiesta
cresce al decrescere del livello di conformità misurato. Il principio è quello di concentrarsi sul risultato della
prova dove sembrano esserci problemi di adempimento, riducendo di conseguenza il rischio di future non
conformità.

25
EN 13108-21 (I)

Allegato D
(informativo)

Prove aggiuntive delle caratteristiche della miscela

D.1 Generale
Questo allegato fornisce un metodo per la determinazione delle proprietà fisiche dei campioni di miscele
bituminose dalla produzione normale. I risultati ottenuti vengono dichiarati ed usati per supportare la
validazione estesa della Prova di Tipo

D.2 Campionamento, provini e prove


Il campionamento viene effettuato in accordo con la EN 12697-27 in modo tale da fornire adeguati provini per
le prove richieste.

In tutti i casi, i provini sono preparati nell’esatto modo di quelli usati nella validazione iniziale della Prova di
Tipo per il prodotto. In particolare, sarà usato lo stesso metodo di compattazione del provino.

In tutti i casi, viene usata la stessa procedura di prova di quella impiegata per la validazione iniziale della
Prova di Tipo.

I provini e le prove vengono condotti ad una frequenza selezionata dalla tabella seguente.

Tabella D.1 — Frequenze di prova per le caratteristiche della miscela

Livello Frequenza di prova


A Ogni 10 000 t
B Ogni 5 000 t
C Ogni 3 000 t

D.3 Gamma di prove


La gamma di prove appropriata è mostrata nella Tabella D.2.

Tabella D.2 — Gamma di prove

Tipo di miscela EN 13108


Caratteristica Metodo
AC, BBTM, SA, SMA, HRA, PA MA
Contenuto di vuoti (mucchio) V/V % EN 12697-8 + –
EN 12697-3
Quando si usa conglomerato EN 12697-4
riciclato, le proprietà del legante + +
riciclato EN 1426
EN 1427
Indentazione su cubi EN 12697-20 – +

26
EN 13108-21 (I)

D.4 Relazioni
I risultati delle prove condotte nell’ambito di questo allegato vengono documentate in relazioni apposite. In
aggiunta alle informazioni richieste per la procedura di prova, la relazione include informazioni circa l’analisi
sulla partita dalla quale è stato prelevato il campione e un mezzo per riferire il campione preso dall’impianto di
produzione come parte del Controllo di Produzione in Fabbrica.

Questi risultati dovranno essere conservati per uso futuro nella rivalidazione della Prova di Tipo.

27
EN 13108-21 (I)

Allegato E
(informativo)

Requisiti speciali per le piste aeroportuali

Ai avori di pavimentazione aeroportuale si applicano regolamenti di sicurezza internazionale, allo scopo di


adempiere ai requisiti di sicurezza per le operazioni dei velivoli.

Questi regolamenti possono richiedere un sistema più ampio di Controllo di Produzione in Fabbrica rispetto a
quello adatto agli usi stradali e alle altre aree trafficate, al fine di fornire un livello di sicurezza e coerenza
superiori, per l’adempimento dei requisiti funzionali di rispetto della sicurezza.

È molto probabile che ciò sia richiesto alle miscele bituminose utilizzate sugli strati superficiali soggetti alle
operazioni dei velivoli, dove il danno da oggetti estranei è una considerazione di sicurezza maggiore.

Una procedura per la Prova di Tipo, in accordo con la EN 13108-20 può essere richiesta all’inizio di ogni
fornitura, usando i materiali realmente forniti per i lavori.

La rivalidazione delle proprietà dei materiali costituenti ad una maggiore frequenza di quella normalmente
applicabile, potrà essere richiesta durante il periodo di fornitura.

Il livello Operativo di Conformità viene stabilito unicamente in relazione alle forniture fatte dall’impianto al sito
aeroportuale.

Un accettabile minimo assoluto di contenuto di legante solubile può essere applicato come protezione contro
il danno da oggetti estranei.

La prova delle proprietà Marshall del conglomerato bituminoso miscelato può essere richiesta sui provini
preparati generalmente in accordo con l’Allegato D.

28
EN 13108-21 (I)

Bibliografia

UNI EN 932-1, Metodi di prova per determinare le proprietà generali degli aggregati. Metodi di
campionamento.

UNI EN 932-2, Metodi di prova per determinare le proprietà generali degli aggregati. Metodi per la
riduzione dei campioni di laboratorio.

EN 1426, Bitume e leganti bituminosi – Determinazione della penetrazione con ago.

EN 1427, Bitume e leganti bituminosi – Determinazione del punto di rammollimento – Metodo


palla e anello.

EN 12697-3, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 3:
Recupero del bitume: evaporatore rotante.

EN 12697-4, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 4:
Recupero del bitume: colonna di frazionamento..

EN 12697-8, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 8:
Determinazione delle caratteristiche dei vuoti di provini bituminosi.

EN 12697-20, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Parte 20:
Prova di indentazione con cubi o provini Marshall.

UNI EN 13108-1, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 1: Conglomerato bituminoso
prodotto a caldo.

UNI EN 13108-2, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 2: Conglomerato bituminoso per
strati molto sottili.

UNI EN 13108-3, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 3: Conglomerato con bitume
molto tenero.

UNI EN 13108-4, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 4: Conglomerato bituminoso
chiodato.

UNI EN 13108-5, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 5: Conglomerato bituminoso
antisdrucciolo chiuso.

UNI EN 13108-6, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 6: Asfalto colato.

UNI EN 13108-7, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 7: Conglomerato bituminoso
ad elevato tenore di vuoti.

UNI EN 13108-8, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 8: Conglomerato bituminoso
di recupero.

UNI EN 13108-20, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 20: Prove di tipo.

29