Sei sulla pagina 1di 20

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

NORMA

EUROPEA

Prove sul calcestruzzo nelle strutture

Parte 1: Carote - Prelievo, esame e prova di compressione

UNI EN 12504-1

MAGGIO 2009

Versione bilingue del gennaio 2010

Testing concrete in structures

Part 1: Cored specimens - Taking, examining and testing in compression

La norma specifica un metodo per il prelievo di carote dal calcestruzzo indurito, il loro esame, la loro preparazione per le prove e la determinazione della resistenza a compressione.

TESTO INGLESE E ITALIANO

La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese e italiana della norma europea EN 12504-1 (edizione febbraio 2009).

La presente norma è la revisione della UNI EN 12504-1:2002.

UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Sannio, 2 20137 Milano, Italia

di Unificazione Via Sannio, 2 20137 Milano, Italia ICS 91.100.30 © UNI Riproduzione vietata. Tutti i

ICS

91.100.30

© UNI Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto dell’UNI.

www.uni.com

UNI EN 12504-1:2009

qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto dell’UNI. www.uni.com UNI EN 12504-1:2009 Pagina I

Pagina I

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

PREMESSA NAZIONALE

La presente norma costituisce il recepimento, in lingua inglese e italiana, della norma europea EN 12504 (edizione febbraio 2009), che assume così lo status di norma nazionale italiana.

La presente norma è stata elaborata sotto la competenza dell’ente federato all’UNI UNICEMENTO - Ente di Normazione dei Leganti Idraulici, Malte, Calcestruzzi e Cemento Armato

La presente norma è stata ratificata dal Presidente dell’UNI ed è entrata a far parte del corpo normativo nazionale il 14 maggio 2009.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso. Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug- gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte

in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di

Unificazione, che li terrà in considerazione per l’eventuale revisione della norma stessa.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o

di aggiornamenti.

È importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare l’esistenza di norme UNI corrispondenti alle

norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

di norme UNI corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi. UNI EN

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina II

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

EUROPEAN STANDARD NORME EUROPÉENNE EUROPÄISCHE NORM

EN 12504-1

February 2009

ICS

91.100.30

Supersedes

 

EN 12504-1:2000

English version

Testing concrete in structures - Part 1: Cored specimens - Taking, examining and testing in compression

Essais pour béton dans les structures - Partie 1: Carottes - Prélèvement, examen et essais en compression

Prüfung von Beton in Bauwerken - Teil 1: Bohrkernproben - Herstellung, Untersuchung und Prüfung der Druckfestigkeit

This European Standard was approved by CEN on 27 December 2008.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references concerning such national standards may be obtained on application to the CEN Management Centre or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the CEN Management Centre has the same status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Bulgaria, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.

Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom. EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION COMITÉ EUROPÉEN DE

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

© 2009 CEN

Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels © 2009 CEN All rights of exploitation in any

All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide for CEN national Members.

UNI EN 12504-1:2009

Ref. No. EN 12504-1:2009: E

© UNI

Pagina III

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

 

CONTENTS

 

FOREWORD

1

1

SCOPE

3

2

NORMATIVE REFERENCES

3

3

PRINCIPLE

3

4

APPARATUS

3

5

TAKING CORES

5

6

EXAMINATION

5

7

PREPARATION OF CORES

7

8

COMPRESSION TEST

7

9

EXPRESSION OF RESULTS

9

10

TEST REPORT

9

11

PRECISION

9

ANNEX

A

THE EFFECT OF AGGREGATE SIZE AND CORE DIAMETER ON CORE SPECIMEN STRENGTH

 

(informative)

11

 

BIBLIOGRAPHY

13

CORE SPECIMEN STRENGTH   (informative) 11   BIBLIOGRAPHY 13 UNI EN 12504-1:2009 © UNI Pagina IV

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina IV

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

 

INDICE

 

PREMESSA

2

1

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

4

2

RIFERIMENTI NORMATIVI

4

3

PRINCIPIO

4

4

APPARECCHIATURA

4

5

PRELIEVO DELLE CAROTE

6

6

ESAME

6

7

PREPARAZIONE DELLE CAROTE

8

8

PROVA DI COMPRESSIONE

8

9

ESPRESSIONE DEI RISULTATI

10

10

RESOCONTO DI PROVA

10

11

PRECISIONE

10

APPENDICE

A

INCIDENZA DELLA DIMENSIONE DELL’AGGREGATO E DEL DIAMETRO DELLA CAROTA SULLA RESISTENZA A COMPRESSIONE

 

(informativa)

12

 

BIBLIOGRAFIA

14

RESISTENZA A COMPRESSIONE   (informativa) 12   BIBLIOGRAFIA 14 UNI EN 12504-1:2009 © UNI Pagina V

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina V

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

FOREWORD

This document (EN 12504-1:2009) has been prepared by Technical Committee CEN/TC 104 "Concrete and related products", the secretariat of which is held by DIN.

This European Standard shall be given the status of a national standard, either by publication of an identical text or by endorsement, at the latest by August 2009, and conflicting national standards shall be withdrawn at the latest by August 2009.

Attention is drawn to the possibility that some of the elements of this document may be the subject of patent rights. CEN [and/or CENELEC] shall not be held responsible for identifying any or all such patent rights.

This document supersedes EN 12504-1:2000.

It is recognized good practice to include measurement of density prior to the determination of compressive strength, as a check on compaction of the concrete.

In drafting the standard consideration has been given to the results of the research programme, part funded by the EC under the Measurement and Testing Programme, contract MAT1-CT94-0043.

The standard includes simple guidance on the process of taking cores, but does not consider a sampling plan. It also provides procedures for visual examination and compressive strength testing, but not the interpretation of the results.

This standard is one of a series concerned with testing concrete.

This series EN 12504 includes the following parts:

EN 12504 Testing concrete in structures

Part 1: Cored specimens - Taking, examining and testing in compression;

Part 2: Non-destructive testing - Determination of rebound number;

Part 3: Determination of pull-out force;

Part 4: Determination of ultrasonic pulse velocity.

The following amendments have been made to the 2000-03 edition of this standard:

- editorial revision

- compressive strength to be expressed to the nearest 0,1 MPa (N/mm 2 ) instead of 0,5 MPa (N/mm 2 )

According to the CEN/CENELEC Internal Regulations, the national standards organizations of the following countries are bound to implement this European Standard:

Austria, Belgium, Bulgaria, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and the United Kingdom.

Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and the United Kingdom. UNI EN 12504-1:2009 © UNI Pagina

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 1

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

PREMESSA

Il presente documento (EN 12504-1:2009) è stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 104 "Calcestruzzo e relativi prodotti", la cui segreteria è affidata al DIN.

Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro agosto 2009, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro agosto 2009.

Si richiama l'attenzione sulla possibilità che alcuni degli elementi del presente documento possono essere soggetti a diritti di brevetto. Il CEN (e/o il CENELEC) non deve(devono) essere considerato(i) responsabile(i) per l'identificazione di alcuni o tutti tali diritti di brevetto.

Il presente documento sostituisce la EN 12504-1:2000.

Si ritiene buona pratica includere la misurazione della massa volumica prima della determinazione della resistenza a compressione, al fine di verificare la compattezza del calcestruzzo.

La presente norma tiene conto dei risultati di prova del programma di ricerca, parzialmente finanziato dall'Unione Europea, nell'ambito del Programma di Misurazioni e Prove, contratto MAT1-CT94-0043.

La norma presenta un metodo semplice per il prelevamento delle carote ma non prende in considerazione un piano di campionamento. Fornisce inoltre procedure per l'ispezione visiva e per la prova di resistenza a compressione, ma non l'interpretazione dei risultati.

La presente norma fa parte di una serie di norme per le prove sul calcestruzzo.

La presente serie di norme EN 12504 include le parti seguenti:

EN 12504 Testing concrete in structures

Part 1: Cored specimens - Taking, examining and testing in compression;

Part 2: Non-destructive testing - Determination of rebound number;

Part 3: Determination of pull-out force;

Part 4: Determination of ultrasonic pulse velocity.

Gli aggiornamenti seguenti sono stati introdotti nell'edizione 2000-03 della presente norma:

- revisione editoriale;

- la resistenza a compressione deve essere espressa al più prossimo 0,1 MPa (N/mm 2 ) invece che allo 0,5 MPa (N/mm 2 ).

In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria. UNI EN 12504-1:2009 © UNI Pagina2

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina2

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

1

SCOPE

This European Standard specifies a method for taking cores from hardened concrete, their examination, preparation for testing and determination of compressive strength.

 

Note 1

This European Standard does not give guidance on the decision to drill cores or on the locations for drilling.

Note 2

This European Standard does not provide procedures for interpreting the core strength results.

Note 3

For the assessment of in-situ compressive strength in structures and precast concrete components EN 13791 may be used.

2

NORMATIVE REFERENCES

The following referenced documents are indispensable for the application of this document. For dated references, only the edition cited applies. For undated references, the latest edition of the referenced document (including any amendments) applies.

EN 12390-1

Testing hardened concrete - Part 1: Shape, dimensions and other requirements for test specimens and moulds

EN 12390-3:2009

Testing hardened concrete - Part 3: Compressive strength of test specimens

EN 12390-4:2000

Testing hardened concrete - Part 4: Compressive strength - Specification for testing machines

EN 12390-7 Testing hardened concrete - Part 7: Density of hardened concrete

3

PRINCIPLE

Cores extracted using a core drill are carefully examined, prepared by grinding or capping and tested in compression using standard procedures.

4

APPARATUS

4.1

Core drill, equipment capable of extracting cores from the hardened concrete to the dimensions set out in 5.4 to the tolerances set out in 7.3.

4.2

Compression testing machine, conforming to EN 12390-4 and related to the size of specimens and their expected failure load.

 

Note

Concrete compression testing machines conforming to EN 12390-4 may need to be adapted to test cores. (see the Foreword of EN 12390-4:2000).

4.3

Balance or scale, capable of determining the mass of the core, as tested, to an accuracy of 0,1% of the mass.

4.4

Callipers and/or rules, capable of measuring the dimensions of the core and the steel reinforcement to an accuracy of 1%.

4.5

Gauge, capable of establishing that the relevant flatness of the specimen is within the requirements of 7.3 a).

4.6

Squares and gauges (or other means), capable of establishing that the perpendicularity and straightness of specimens are within the requirements of 7.3 b) and 7.3 c).

and straightness of specimens are within the requirements of 7.3 b) and 7.3 c). UNI EN

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 3

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

1

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

La presente norma europea specifica un metodo per il prelievo di carote dal calcestruzzo indurito, il loro esame, la loro preparazione per le prove e la determinazione della resistenza a compressione.

 

Nota 1

La presente norma europea non fornisce una guida per decidere l’estrazione delle carote o le posizioni di carotaggio.

Nota 2

La presente norma europea non prevede procedimenti per l’interpretazione dei risultati di resistenza delle carote.

Nota 3

Per la valutazione della resistenza a compressione in sito nelle strutture e nei componenti di calcestruzzo prefabbricato, può essere utilizzata la EN 13791.

2

RIFERIMENTI NORMATIVI

I documenti richiamati di seguito sono indispensabili per l'applicazione del presente documento. Per quanto riguarda i riferimenti datati, si applica esclusivamente l'edizione citata. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione del documento a cui si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti).

EN 12390-1

Testing hardened concrete - Part 1: Shape, dimensions and other requirements for test specimens and moulds

EN 12390-3:2009

Testing hardened concrete - Part 3: Compressive strength of test specimens

EN 12390-4:2000

Testing hardened concrete - Part 4: Compressive strength - Specification for testing machines

EN 12390-7 Testing hardened concrete - Part 7: Density of hardened concrete

3

PRINCIPIO

Le carote estratte utilizzando una carotatrice sono esaminate accuratamente, preparate mediante spianatura o rettifica e sottoposte a prova di compressione utilizzando i procedimenti normalizzati.

4

APPARECCHIATURA

4.1

Carotatrice, attrezzatura in grado di estrarre delle carote dal calcestruzzo indurito, nel rispetto delle dimensioni definite al punto 5.4 e delle tolleranze definite al punto 7.3

4.2

Macchina per la prova di compressione, conforme alla EN 12390-4 e adeguata alla dimensione dei provini e al rispettivo carico di rottura previsto

 

Nota

Le macchine per la prova di compressione sul calcestruzzo conformi alla EN 12390-4 possono necessitare di adattamenti per sottoporre a prova le carote (vedere premessa alla EN 12390-4:2000).

4.3

Bilancia o apparecchiatura equivalente, in grado di determinare la massa della carota, al momento della prova, con accuratezza allo 0,1% della massa

4.4

Calibri e/o regoli, in grado di misurare le dimensioni della carota e dell’armatura di acciaio, con accuratezza all’1%.

4.5

Livella, in grado di verificare che la planarità pertinente del provino rispetti i requisiti del punto 7.3 a).

4.6

Squadre e livelle (o altri strumenti), in grado di verificare che la perpendicolarità e la rettilineità dei provini rispettino i requisiti dei punti 7.3 b) e 7.3 c).

e la rettilineità dei provini rispettino i requisiti dei punti 7.3 b) e 7.3 c). UNI

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina4

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

5

TAKING CORES

5.1

General

The ratio of the maximum aggregate size in the concrete to the diameter of the core has

significant influence on the measured strength when it approaches values greater than about 1:3.

a

It is essential that full consideration is given to the aims of the testing and the interpretation of the data, before deciding to drill cores.

 

Note

Informative Annex A provides information on the effect of aggregate size and core diameter on the strength of core specimens.

5.2

Location

Consider any structural implications resulting from taking a core prior to drilling.

 

Note

Cores should preferably be taken at points away from joints or edges of the concrete element and where there is little or no reinforcement.

5.3

Drilling

Unless otherwise specified, drill the cores perpendicular to the surface in such a manner as not to damage the cores. Keep the drill rigidly positioned during coring.

5.4

Length of cores

In deciding the length of cores to be taken for strength testing, take into account:

a) the diameter of the core;

b) the possible method of adjustment;

c) whether comparison is to be made with cube strength or cylinder strength.

5.5

Marking and identification

Immediately after drilling, clearly and indelibly mark each core. Record its location and orientation within the element from which it has been drilled. If a core is subsequently cut to produce a number of specimens, mark each specimen to indicate its position and orientation within the original core.

5.6

Reinforcement

Drilling through reinforcement shall be avoided wherever possible. Ensure that cores for determination of compressive strength do not contain any reinforcing bars in, or close to, the direction of the longitudinal axis.

If transverse reinforcement is encountered, record its diameter and position in mm.

6

6.1

encountered, record its diameter and position in mm. 6 6.1 EXAMINATION Visual inspection Carry out a

EXAMINATION

Visual inspection

Carry out a visual examination of the cored specimen to identify any abnormalities.

If required, an estimation of the cores’ voidage shall be made by reference to standard documentation or by comparison to a reference concrete of known voidage.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 5

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

5

PRELIEVO DELLE CAROTE

5.1

Generalità

Il rapporto della dimensione massima dell'aggregato presente nel calcestruzzo rispetto al diametro della carota influisce significativamente sulla resistenza misurata quando si avvicina a valori maggiori di 1:3 circa.

È essenziale considerare attentamente gli scopi delle prove e l'interpretazione dei dati prima di decidere di eseguire il carotaggio.

 

Nota

L’appendice informativa A fornisce informazioni sugli effetti della dimensione dell’aggregato e del diametro della carota sulla resistenza delle carote.

5.2

Posizione

Prima del carotaggio, considerare tutte le implicazioni strutturali derivanti dal prelievo di una carota.

 

Nota

Le carote dovrebbero essere prelevate preferibilmente in punti lontano da giunti o bordi dell'elemento di calcestruzzo e in cui sia presente poca o nessuna armatura.

5.3

Carotaggio

Se non diversamente specificato, eseguire il carotaggio perpendicolarmente alla superficie in modo da non danneggiare le carote. Tenere la carotatrice rigidamente posizionata durante il carotaggio.

5.4

Lunghezza delle carote

Nel decidere la lunghezza delle carote da prelevare per le prove di resistenza, occorre considerare:

a) il diametro della carota;

b) il metodo di rettifica applicabile;

c) se il confronto deve essere effettuato con resistenza cubica o resistenza cilindrica.

5.5

Marcatura e identificazione

Immediatamente dopo il carotaggio, marcare in modo chiaro e indelebile ciascuna carota. Registrarne la posizione e l'orientamento all'interno dell'elemento dal quale è stata prelevata. Se una carota è stata successivamente tagliata per creare un certo numero di provini, marcare ciascun provino indicandone la posizione e l'orientamento all'interno della carota originale.

5.6

Armatura

Se possibile, deve essere evitato il carotaggio attraverso l'armatura. Assicurarsi che le carote per la determinazione della resistenza a compressione non contengano alcuna barra di armatura che sia parallela o pressoché parallela al loro asse longitudinale.

Se si riscontra la presenza di una armatura trasversale registrarne il diametro e la posizione, espressi in millimetri.

6

6.1

il diametro e la posizione, espressi in millimetri. 6 6.1 ESAME Ispezione visiva Effettuare un esame

ESAME

Ispezione visiva

Effettuare un esame visivo della carota per identificare eventuali anomalie.

Se richiesto, deve essere effettuata una stima dei vuoti delle carote facendo riferimento alla documentazione normalizzata o mediante confronto con un calcestruzzo di riferimento avente un contenuto di vuoti conosciuto.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina6

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

6.2

Measurements

Measurements shall be as follows:

a) core diameter d m shall be measured to within 1%, from pairs of measurements taken at right angles, at the half and quarter points of the length of the core.

b) core length, the maximum and minimum lengths shall be measured to 1% as received and the length after completion of the end preparation, in accordance with Clause 7.

c) reinforcement, the diameter [size] of any reinforcement shall be measured and the position, measuring from the centre of the exposed bar to the end(s) and/or axis of the core, both as received and after end preparation. Measurement shall be to the nearest mm.

If it is required to determine the density of the core, this shall be determined in accordance with the procedures given in EN 12390-7 prior to capping the ends of the core.

 

Note

All measurements should be recorded.

7

PREPARATION OF CORES

7.1

General

Prepare the ends of cores for compression tests in accordance with Annex A of EN 12390-3:2009.

7.2

Length diameter/ratios

The preferred length diameter/ratios are:

a) 2,0 if the strength result is to be compared to cylinder strength;

b) 1,0 if the strength result is to be compared to cube strength.

7.3

Tolerances

Prepare the specimen to within the following tolerances:

a) for flatness, the tolerance for the end surfaces prepared by grinding or capping, using high alumina cement or sulphur, shall conform to EN 12390-1.

b) for perpendicularity, the tolerance for the prepared ends, with respect to the side, shall comply with EN 12390-1.

c) for straightness, the tolerance on the generating line of the core shall be 3 % of the average core diameter.

 

Note

If other smaller diameter cores are tested then the tolerances above should be considered with regard to their adequacy and narrowed if necessary: for example, reduced in proportion to the actual specimen diameter to 100 mm.

8

COMPRESSION TEST

8.1

Storage

Record the storage condition(s) of the specimen.

If it is required to test the specimen in a saturated condition, soak in water at (20 ± 2) °C for at least 48 h before testing.

saturated condition, soak in water at (20 ± 2) °C for at least 48 h before

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 7

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

6.2

Misurazioni

Le misurazioni devono essere come segue:

a) diametro della carota d m : deve essere misurato con accuratezza all’1%, da coppie di misurazioni effettuate in due direzioni ortogonali, a metà e a un quarto della lunghezza della carota.

b) Lunghezza della carota: le lunghezze massima e minima devono essere misurate

all’1% al ricevimento e la lunghezza dopo il completamento della preparazione finale

in conformità al punto 7.

c) Armatura: deve essere misurato il diametro (dimensionale) e la posizione di tutte le armature, misurando dal centro della barra esposta fino alla(e) estremità e/o asse della carota, sia al ricevimento sia dopo la preparazione finale. La misurazione deve essere al più prossimo 1 mm.

Qualora sia richiesta la determinazione della massa volumica della carota, deve essere determinata in conformità ai procedimenti forniti nella EN 12390-7 prima di sottoporre a rettifica le estremità della carota.

 

Nota

Tutte le misurazioni dovrebbero essere registrate.

7

PREPARAZIONE DELLE CAROTE

7.1

Generalità

Preparare le estremità delle carote per la prova di compressione in conformità all’appendice A della EN 12390-3:2009.

7.2

Rapporti lunghezza/diametro

I rapporti preferenziali lunghezza/diametro sono:

a) 2,0 se il risultato di resistenza deve essere paragonato alla resistenza cilindrica;

b) 1,0 se il risultato di resistenza deve essere paragonato alla resistenza cubica.

7.3

Tolleranze

Preparare i provini nel rispetto delle tolleranze seguenti:

a) per la planarità: la tolleranza delle superfici terminali preparate mediante spianatura

rettifica utilizzando cemento altamente alluminoso o zolfo deve essere conforme alla EN 12390-1.

o

b) per la perpendicolarità: la tolleranza delle estremità preparate, rispetto al profilo laterale, deve essere conforme alla EN 12390-1.

c) per la rettilineità: la tolleranza sulla generatrice della carota deve essere 3% del diametro medio della carota.

 

Nota

Se si sottopongono a prova carote con diametri più piccoli, le tolleranze precedenti dovrebbero essere considerate per ciò che concerne la loro adeguatezza e ridotte in base alle necessità: per esempio, ridotte in proporzione al diametro attuale del provino fino a 100 mm.

8

8.1

al diametro attuale del provino fino a 100 mm. 8 8.1 PROVA DI COMPRESSIONE Conservazione Registrare

PROVA DI COMPRESSIONE

Conservazione

Registrare la(le) condizione(i) di conservazione del provino.

Qualora si richieda di sottoporre a prova il provino in condizione satura, immergerlo nell’acqua a (20 ± 2) °C per almeno 48 h prima della prova.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina8

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

8.2

Testing

Carry out the testing in accordance with EN 12390-3 using a compression testing machine conforming to EN 12390-4. (see the Note to 4.2).

Do not test cores with cracked, hollow, or loose caps.

Remove any loose sand or other material on the surface of the specimen.

If the specimen is to be tested whilst it is still wet, remove any surface water.

 

Record the surface moisture condition (wet/dry) of the specimen at the time of test.

9

EXPRESSION OF RESULTS

Determine the compressive strength of each specimen by dividing the maximum load by the cross-sectional area, calculated from the average diameter and express the result to the nearest 0,1 MPa (N/mm 2 ).

10

TEST REPORT

The report shall include:

a) description and identification of the test specimen;

b) estimated maximum size of aggregate;

c) date of coring;

d) visual inspection, noting any abnormalities identified;

e) reinforcement (when appropriate): diameter, in mm, position(s) in mm;

f) method used for the preparation of specimen(cutting, grinding, or capping);

g) length and diameter of the core as received;

h) length/diameter ratio of prepared specimen;

i) surface moisture condition at time of test;

j) date of performance of test;

k) core compressive strength, to nearest 0,1 MPa (N/mm 2 );

l) any deviations from the standard method of examination or compression testing;

m) a declaration by the person responsible for the examination and testing that these were carried out in accordance with the standard except as detailed in item l).

The report may include:

n) mass of the specimen, in kg;

o) apparent density of specimen, to the nearest 10 kg/m 3 ;

p) condition of the specimen on receipt;

q) curing conditions since receipt;

r) time of test (if appropriate);

s) age of specimen at time of test;

t) other relevant information e.g. voidage.

11

PRECISION

No estimate of repeatability or reproducibility is given with this test, but it is likely to be inferior to that for standard cast specimens.

with this test, but it is likely to be inferior to that for standard cast specimens.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 9

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

8.2

Prova

Eseguire la prova in conformità alla EN 12390-3 utilizzando una macchina per la prova di compressione conforme alla EN 12390-4 (vedere nota al punto 4.2).

Non sottoporre a prova carote con superfici fessurate, incavate o scagliate.

Rimuovere eventuali residui di sabbia o altro materiale dalla superficie del provino.

Se il provino deve essere sottoposto a prova ancora bagnato, rimuovere l'eventuale acqua dalla superficie.

Registrare la condizione di umidità della superficie (bagnata/asciutta) del provino al momento della prova.

9

ESPRESSIONE DEI RISULTATI

 

Determinare la resistenza a compressione di ciascun provino dividendo il carico massimo per l’area della sezione trasversale, calcolata dal diametro medio, ed esprimere il risultato al più prossimo 0,1 MPa (N/mm 2 ).

10

RESOCONTO DI PROVA

 

Il resoconto deve includere:

a) descrizione e identificazione del provino;

 

b) dimensione massima stimata dell’aggregato;

c) data del carotaggio;

 

d) ispezione visiva, annotando tutte le anomalie identificate;

 

e) armatura (ove pertinente): diametro, espresso in millimetri, posizione(i) espressa(e) in millimetri;

f) metodo utilizzato per la preparazione del provino (taglio, spianatura o rettifica);

g) lunghezza e diametro della carota al ricevimento;

 

h) rapporto lunghezza/diametro del provino dopo la sua preparazione;

 

i) condizione di umidità della superficie al momento della prova;

 

j) data di esecuzione della prova;

 

k) resistenza a compressione della carota, espressa al più prossimo 0,1 MPa (N/mm 2 );

l) tutti

gli

scostamenti

dal

metodo

normalizzato

dell'esame

o

della

prova di

compressione;

 

m) una dichiarazione della persona responsabile dell'esame e della prova attestante che sono state eseguite in conformità alla norma, eccetto per quanto specificato al punto l).

Il resoconto di prova può includere:

 

n) massa del provino, espressa in kilogrammi;

 

o) massa volumica apparente del provino, espressa al più prossimo 10 kg/m 3 ;

 

p) condizione del provino al ricevimento;

 

q) condizioni di maturazione dal ricevimento;

 

r) tempo di prova (se appropriato);

 

s) età del provino al momento della prova;

 

t) altre informazioni pertinenti, per esempio la presenza di vuoti.

 

11

PRECISIONE

 

Il presente metodo non fornisce alcuna stima di ripetibilità o riproducibilità, ma probabilmente è minore di quello dei provini ottenuti da confezione normalizzata in stampi.

è minore di quello dei provini ottenuti da confezione normalizzata in stampi. UNI EN 12504-1:2009 ©

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 10

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

ANNEX

A

THE EFFECT OF AGGREGATE SIZE AND CORE DIAMETER ON CORE SPECIMEN STRENGTH

(informative)

 

Experiments, where cores of 25 mm, 50 mm and 100 mm diameters containing aggregates of maximum sizes 20 mm and 40 mm were tested showed that:

Note

maximum sizes 20 mm and 40 mm were tested showed that: Note a) for 20 mm

a) for 20 mm aggregate:

100 mm diameter cores were approximately 7% stronger than 50 mm diameter

cores; 50 mm diameter cores were approximately 20% stronger than 25 mm diameter cores;

b) 40 mm aggregate:

100 mm diameter cores were approximately 17% stronger than 50 mm diameter

cores; 50 mm diameter cores were approximately 19% stronger than 25 mm diameter cores.

The above data is based on the results of the research programme, part funded by the EC under the Measurement and Testing Programme, contract MAT1-CT94-0043.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 11

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

APPENDICE

A

INCIDENZA DELLA DIMENSIONE DELL’AGGREGATO E DEL DIAMETRO DELLA CAROTA SULLA RESISTENZA A COMPRESSIONE

(informativa)

Gli esperimenti nei quali sono state sottoposte a prova carote di 25 mm, 50 mm e 100 mm di diametro contenenti aggregati con dimensioni massime di 20 mm e 40 mm, hanno dimostrato che:

a) per aggregato di 20 mm:

le

carote di 100 mm di diametro erano del 7% circa più resistenti delle carote di 50 mm

di

diametro; le carote di 50 mm di diametro erano del 20% circa più resistenti delle

carote di 25 mm di diametro;

b) per aggregato di 40 mm:

le

carote di 100 mm di diametro erano del 17% circa più resistenti delle carote di 50 mm

di

diametro; le carote di 50 mm di diametro erano del 19% circa più resistenti delle

Nota

di diametro erano del 19% circa più resistenti delle Nota carote di 25 mm di diametro;

carote di 25 mm di diametro;

I dati sopra citati sono basati sui risultati del programma di ricerca parzialmente sovvenzionato dalla CE denominato Measurement and Testing Programme, contratto MAT1-CT94-0043.

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 12

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011 BIBLIOGRAPHY EN 13791:2007 Assessment of in-situ compressive

BIBLIOGRAPHY

EN 13791:2007

Assessment of in-situ compressive strength in structures and precast concrete components

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 13

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011 BIBLIOGRAFIA EN 13791:2007 Assessment of in-situ compressive

BIBLIOGRAFIA

EN 13791:2007

Assessment of in-situ compressive strength in structures and precast concrete components

UNI EN 12504-1:2009

© UNI

Pagina 14

ALIG ASSOCIAZIONE LABORATORI - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 9106 scadenza: 1/3/2011 - Documento scaricato il 16/2/2011

UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Sannio, 2 20137 Milano, Italia

Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.

Via Sannio, 2 20137 Milano, Italia Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e