Sei sulla pagina 1di 42

CEN TC227

WG1 – DOC. N663


CEN/TC 227
Aprile 2007

EN13108:1

CEN/TC 227

Traduzione a cura di: SITEB

La traduzione della presente norma non è riconosciuta da UNI e non riveste carattere ufficiale

BOZZA DI LAVORO
Conglomerati bituminosi – Specifiche del materiale – Parte 1: Conglomerato
Bituminoso prodotto a caldo
Bituminous mixtures — Material specifications — Part 1: Asphalt Concrete

Asphaltmischgut — Mischgutanforderungen — Teil 1: Asphaltbeton

Mélanges bitumineux — Spécifications des matériaux — Partie 1 : Enrobés bitumineux

Tipo di documento: Normativa europea


Sottotipo di documento: Versione italiana
Stato del documento: Recepito
Lingua del documento: I
EN 13108-1 (I)

Indice Pagina

Introduzione ........................................................................................................................................................5
1 Scopo ......................................................................................................................................................5
2 Normativa di riferimento .......................................................................................................................5
3 Termini, definizioni, simboli e abbreviazioni ......................................................................................6
3.1 Termini e definizioni ................................................................................................................................
3.2 Simboli e abbreviazioni.........................................................................................................................8
4 Requisiti per i materiali costituenti ......................................................................................................8
4.1 Generale..................................................................................................................................................8
4.2 Legante .....................................................................................................................................................
4.2.1 Generale..................................................................................................................................................8
4.2.2 Legante in miscele specificate empiricamente ..................................................................................8
4.3 Aggregati ................................................................................................................................................9
4.3.1 Aggregato grosso ..................................................................................................................................9
4.3.2 Aggregato fine........................................................................................................................................9
4.3.3 Aggregati in frazione unica...................................................................................................................9
4.3.4 Filler aggiunto ........................................................................................................................................9
4.4 Asfalto di recupero ............................................................................................................................. 10
4.5 Additivi................................................................................................................................................. 10
5 Requisiti per la miscela...................................................................................................................... 10
5.1 Requisiti di tipo empirico o fondamentale ....................................................................................... 10
5.1.1 Dichiarazione della composizione ottimale ..................................................................................... 10
5.1.2 Requisiti empirici ................................................................................................................................ 10
5.1.3 Requisiti fondamentali ....................................................................................................................... 10
5.2 Requisiti generali ................................................................................................................................ 11
5.2.1 Composizione e granulometria ......................................................................................................... 10
5.2.2 Contenuto di vuoti .............................................................................................................................. 13
5.2.3 Rivestimento e omogeneità ............................................................................................................... 13
5.2.4 Permeabilità......................................................................................................................................... 13
5.2.5 Resistenza all'abrasione da pneumatici scolpiti (chiodati)............................................................ 14
5.2.6 Resistenza alla deformazione permanente ...................................................................................... 14
5.2.7 Reazione al fuoco ............................................................................................................................... 16
5.2.8 Resistenza al carburante per applicazioni su piste aeroportuali .................................................. 16
5.2.9 Resistenza al fluido disgelante per le applicazioni su piste aeroportuali .................................... 16
5.2.10 Temperatura della miscela................................................................................................................. 17
5.2.11 Durabilità ............................................................................................................................................. 17
5.3 Requisiti empirici.
5.3.1 Composizione, granulometria, contenuto di legante e additivi ..................................................... 18
5.3.2 Valori Marshall per applicazione su piste aeroportuali .................................................................. 20
5.3.3 Vuoti riempiti con bitume................................................................................................................... 21
5.3.4 Vuoti nell'aggregato minerale............................................................................................................ 23
5.3.5 Contenuto di vuoti a 10 rotazioni ...................................................................................................... 23
5.3.6 Eccesso di specifiche ........................................................................................................................ 23
5.4 Requisiti fondamentali ....................................................................................................................... 24
5.4.1 Composizione - granulometria e contenuto di legante................................................................... 24
5.4.2 Rigidezza ............................................................................................................................................. 24
5.4.3 Resistenza alla deformazione permanente nella prova di compressione triassiale ................... 25
5.4.4 Resistenza a fatica.............................................................................................................................. 26
5.4.5 Eccesso di specifiche ........................................................................................................................ 27
6 Valutazione della conformità ............................................................................................................. 27

2
EN 13108-1 (I)

7 Identificazione......................................................................................................................................28
Allegato A (normativa) Calcoli di penetrazione o del punto di rammollimento del legante di una
miscela quando è usato asfalto di recupero ....................................................................................29
A.1 Generale ...............................................................................................................................................29
A.2 Calcolo della penetrazione del legante di una miscela ...................................................................29
A.3 Calcolo del punto di rammollimento del legante di una miscela ...................................................29
Allegato ZA (informativa) Rapporto tra questa Normativa europea e i Requisiti essenziali della
Direttiva UE Prodotti da Costruzione ................................................................................................31

3
EN 13108-1 (I)

Premessa
Questo documento EN 13108-1 è stato preparato dal Comitato Tecnico CEN/TC 227 “Materiali stradali”, il cui
segretariato è tenuto da DIN.

Questo documento è uno di una serie di normative elencate di seguito:

UNI EN 13108-1, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 1: Conglomerato bituminoso
prodotto a caldo.

UNI EN 13108-2, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 2: Conglomerato bituminoso per
strati molto sottili.

UNI EN 13108-3, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 3: Conglomerato con bitume
molto tenero.

UNI EN 13108-4, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 4: Conglomerato bituminoso
chiodato.

UNI EN 13108-5, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 5: Conglomerato bituminoso
antisdrucciolo chiuso.

UNI EN 13108-6, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 6: Asfalto colato.

UNI EN 13108-7, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 7: Conglomerato bituminoso
ad elevato tenore di vuoti.

UNI EN 13108-8, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 8: Conglomerato bituminoso
di recupero.

UNI EN 13108-20, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 20: Prove di tipo.

UNI EN 13108-21, Miscele bituminose ⎯ Specifiche del materiale ⎯ Parte 21: Controllo di produzione in
fabbrica.

Nessuno Standard europeo esistente è stato sostituito.

L’Allegato A, che è un documento di tipo normativo, dettaglia il calcolo della penetrazione e del punto di
rammollimento nelle miscele contenenti conglomerato riciclato (fresato bituminoso) dalle penetrazioni o punti
di rammollimento del legante aggiunto e del legante recuperato dal conglomerato riciclato.

L’Allegato ZA, che è un documento di tipo informativo, contiene le condizioni in accordo con il CPD.

4
EN 13108-1 (I)

Introduzione
Lo scopo ultimo è quello di specificare il Conglomerato Bituminoso in termini di proprietà fondamentali e
prestazionali. Tuttavia, date le differenze di conoscenza ed esperienza con le specifiche fondamentali per
questo tipo di miscela in Europa, non è possibile scegliere soltanto l’approccio cosiddetto fondamentale.

Questo documento, pertanto, fornisce due modi di specificare il Conglomerato Bituminoso:

- il primo, o approccio empirico, specifica il Conglomerato Bituminoso in termini di ricette compositive e


requisiti per i materiali costituitivi, con requisiti addizionali basati sulle prove prestazionali correlate.
Questi requisiti sono elencati nei punti da 5.2 a 5.3.

- il secondo, o approccio fondamentale, specifica il Conglomerato Bituminoso in termini di requisiti su


base prestazionale, collegati alle prescrizioni limite della composizione e dei materiali costituenti,
offrendo un alto grado di libertà. Questi requisiti si possono trovare nei punti 5.2 e 5.4.

Siccome gli operatori fanno esperienza per lo più con le prove di tipo prestazionale, si prevede un uso
maggiore dell’approccio fondamentale alla specifica.

Il Conglomerato Bituminoso deve essere usato per gli strati superficiali, strato di collegamento (binder), strato
di regolazione e per quelli di base.

1 Scopo
Questo documento specifica i requisiti per le miscele del gruppo Conglomerato Bituminoso per uso stradale,
su piste aeroportuali e altre aree soggette a traffico.

Esso include i requisiti per la selezione dei materiali costituenti. È concepito per essere letto insieme alle
norme EN 13108-20 e EN 13108-21.

Le miscele a base di Conglomerato Bituminoso con leganti chimici modificati non previsti dalla norma EN
13924 non sono presi in considerazione in questo documento.

2 Riferimenti normativi
I documenti citati di seguito sono indispensabili per l’applicazione di questo documento. Per i riferimenti datati,
si applica solo l’edizione citata; per quelli non datati, l’edizione più recente del documento citato (inclusi tutti gli
emendamenti).

EN 1097-6, Prove per determinare le proprietà meccaniche e fisiche degli aggregati – Determinazione della
massa volumica dei granuli e dell’assorbimento d’acqua.

EN 1426, Bitume e leganti bituminosi – Determinazione della penetrazione con ago.

EN 1427, Bitume e leganti bituminosi – Determinazione del punto di rammollimento – Metodo palla e anello.

EN 12591, Bitume e leganti bituminosi – Specifiche per i bitumi per applicazioni stradali.

5
EN 13108-1 (I)

EN 12697-3, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo. Parte 3: Recupero del
bitume: Evaporatore rotante.

EN 12697-4, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Recupero del
bitume: colonna di frazionamento.

EN 12697-13, Miscele bituminose – Metodi di prova per conglomerati bituminosi a caldo – Misurazione della
temperatura.

EN 13043, Aggregati per miscele bituminose e trattamenti superficiali per strade, aeroporti e altre aree
soggette a traffico..

EN 13108-4, Miscele bituminose – Specifiche del materiale – Parte 4: Conglomerato bituminoso chiodato.

EN 13108-8, Miscele bituminose – Specifiche del materiale – Parte 8: asfalto riciclato.

EN 13108-20, Miscele bituminose – Specifiche del materiale – Parte 20: Prove di tipo.

EN 13108-21, Miscele bituminose – Specifiche del materiale — Parte 21: Controllo di produzione in fabbrica.

EN 13501-1, Classificazione al fuoco di prodotti ed elementi da costruzione – Parte 1: Classificazione tramite


prove di reazione al fuoco.

prEN 13924, Bitume e leganti bituminosi – Specifiche per bitumi a gradazione per pavimentazioni rigide.

EN 14023, Bitume e leganti bituminosi – Specifiche per bitumi modificati con polimeri.

3 Termini, definizioni, simboli e abbreviazioni

3.1 Termini e definizioni

Per gli scopi di questo documento, si applicano i seguenti termini e definizioni.

3.1.1
pavimentazione
struttura, composta da uno o più strati, per permettere il passaggio del traffico sul terreno

3.1.2
strato
elemento di una pavimentazione steso in una singola operazione

3.1.3
strato di usura
elemento strutturale di una pavimentazione, costruito con un singolo materiale. Uno strato di usura può
essere steso in uno o più strati.

3.1.4
strato superficiale
strato superiore di una pavimentazione, che è in contatto con il traffico.

3.1.5
strato di collegamento (binder)
parte della pavimentazione tra lo strato superficiale e la base

6
EN 13108-1 (I)

3.1.6
strato di regolazione
strato di spessore variabile applicato su uno strato esistente o una superficie, per fornire il profilo necessario a
strati successivi di spessore consistente.

3.1.7
base
elemento principale di una pavimentazione. La base può essere stesa in uno o più strati, definiti “base
superiore”, “base inferiore”, ecc.

3.1.8
Conglomerato Bituminoso
Conglomerato in cui le particelle di aggregato si presentano a granulometria continua o discontinua, in modo
tale da formare una struttura di collegamento

3.1.9
formulazione della miscela
composizione di una singola miscela espressa come composizione ottimale
NOTA Una composizione ottimale può essere espressa in due modi (vedi 3.1.10 e 3.1.11).

3.1.10
composizione ottimale in ingresso
espressione di una formulazione in termini di materiali costituenti, curva granulometrica e percentuale di
bitume aggiunto alla miscela.

NOTE Essa sarà solitamente il risultato di miscela progettata e validata in laboratorio

3.1.11
composizione ottimale in uscita
espressione di una formulazione in termini di materiali costituenti, granulometria intermedia e contenuto di
legante solubile da trovare sulle analisi.

NOTE Essa sarà solitamente il risultato di una validazione di produzione.

3.1.12
additivo
materiale costituente, che può essere aggiunto in piccole quantità alla miscela, per esempio fibre organiche e
inorganiche o polimeri, per modificare le proprietà meccaniche, la lavorabilità e il colore della miscela.

3.1.13
requisito basato sulla prestazione
requisito per una proprietà ingegneristica fondamentale (es. proprietà di rigidezza e fatica) che prevede la
prestazione e appare in primaria relazione con la previsione prestazionale.

3.1.14
requisito correlato alla prestazione
requisito per una caratteristica (es. proprietà di resistenza all’ormaiamento - wheel tracking, proprietà
Marshall) che è stata trovata per correlarla ad una proprietà ingegneristica fondamentale che prevede la
prestazione.

3.1.15
specifica empirica
combinazione di requisiti per composizione e materiali costituenti insieme ai requisiti correlati alla prestazione

3.1.16
specifica fondamentale
combinazione dei requisiti basati sulla prestazione insieme a requisiti limitati per composizione e materiali
costituenti, con maggiori gradi di liberta rispetto ad una specifica empirica.

7
EN 13108-1 (I)

NOTE In pratica alcune caratteristiche saranno correlate alla prestazione

3.2 Simboli e abbreviazioni

CB (AC) Conglomerato Bituminoso.

D La dimensione massima del setaccio dell’aggregato in una miscela, in millimetri (mm)

Requisiti per i materiali costituenti

4 Requisiti per i materiali costituenti

4.1 Generale

Vengono usati soltanto materiali costituenti con comprovata idoneità.

La fondatezza dell’idoneità sarà il risultato di una o più delle seguenti prerogative:

⎯ Normativa europea;

⎯ Approvazione Tecnica europea;

⎯ specifiche per materiali basate su storia dimostrabile di uso soddisfacente del conglomerato. Dovrà
essere fornita evidenza della loro idoneità e questa evidenza si deve basare sulla ricerca combinata alla
pratica.

NOTE Nell’industria europea dell’asfalto è pratica comune l’uso di additivi come fibre organiche ed inorganiche,
pigmenti, cere, ecc., che non sono coperti da una norma europea o ETA. Il presente documento permette l’uso di questi
materiali.

4.2 Legante

4.2.1 Generale

Il legante per miscele empiricamente ed essenzialmente specificate dovrà essere bitume per applicazione
stradale, bitume modificato o bitume a gradazione dura. Il bitume per applicazione stradale dovrà essere
conforme alla EN 12591, il bitume modificato alla EN 14023 e quello a gradazione dura alla EN 13924.

Il legante nelle miscele specificate con il metodo empirico dovrà essere conforme al punto 4.2.2.

Il bitume naturale, in conformità con la EN 13108-4, allegato B, può essere aggiunto.

4.2.2 Legante nelle miscele specificate con il metodo empirico

4.2.2.1 Selezione del legante

La gradazione del bitume, il tipo e la gradazione del bitume modificato, il quantitativo e la categoria del bitume
naturale devono essere specificati così: nel caso di un bitume per applicazione stradale, la gradazione dovrà
essere selezionata tra 20/30 e 330/430 inclusa e, nel caso del bitume a gradazione dura, tra 10/20 e 15/25.

8
EN 13108-1 (I)

NOTE Data la ampia varietà di clima, carichi di traffico, materiali usati, ecc., può essere necessario selezionare a
livello regionale dei legati specifici.

Quando è usato bitume modificato per migliorare proprietà che non sono coperte dalla specifica empirica,
deve essere fornita una prova aggiuntiva. Tale prova compiuta attraverso un’indagine con l’uso della
normativa serie EN 12697, attesterà che il bitume modificato è adatto per incrementare le caratteristiche
funzionali desiderate. La prova può essere basata su ricerche anteriori.

NOTE la EN 14023 è un sistema di gradazione ed è inteso soltanto a caratterizzare il bitume modificato. Le


specifiche per il bitume modificato non sono basate funzionalmente e non è possibile combinare queste specifiche con
quelle empiriche inerenti il bitume per dimostrare un comportamento funzionale. La prova richiesta è normalmente una
Prova di Tipo su una simile miscela che incorpora il legante modificato, mostrando il raggiungimento della proprietà
rilevante. La gradazione del bitume, il tipo e la gradazione del bitume modificato, la gradazione del bitume duro e il
quantitativo e la categoria del bitume naturale possono essere selezionati.

4.2.2.2 Strati superficiali con conglomerato riciclato (fresato bituminoso)

Quando si usa più del 10% in massa della miscela totale di conglomerato riciclato (fresato bituminoso) da
miscele in cui è stato usato solo bitume per applicazione stradale e quando il legante aggiunto alla miscela è
un bitume per applicazione stradale e la gradazione del bitume è selezionata, il legante deve essere conforme
al seguente requisito:

ƒ La penetrazione o il punto di rammollimento del legante nella miscela risultante, calcolato dalle
penetrazioni o punti di rammollimento del legante aggiunto e del legante recuperato dal fresato
bituminoso, dovranno incontrare i requisiti di penetrazione o punto di rammollimento della
gradazione selezionate. Il calcolo deve essere eseguito in accordo con l’allegato A. Sia i requisiti
di penetrazione sia il punto di rammollimento devono essere selezionati.

4.2.2.3 Strati di regolazione, strati legati e basi con conglomerato riciclato

Quando si usa più del 20% in massa della miscela totale di conglomerato riciclato da miscele in cui è stato
usato solo bitume per applicazione stradale e quando il legante aggiunto alla miscela è un bitume per
applicazione stradale e la gradazione del bitume è selezionata, il legante deve essere conforme al seguente
requisito:

ƒ La penetrazione o il punto di rammollimento del legante nella miscela risultante, calcolato dalle
penetrazioni o punti di rammollimento del legante aggiunto e del legante recuperato dal fresato
bituminoso, dovranno incontrare i requisiti di penetrazione o punto di rammollimento della
gradazione selezionata. Il calcolo deve essere eseguito in accordo con l’allegato A. sia i requisiti
di penetrazione sia il punto di rammollimento devono essere selezionati.

4.3 Aggregati

4.3.1 Aggregato per strato di usura

L’aggregato per strato di usura deve conformarsi alla EN 13043 come appropriato per l’uso specifico.

4.3.2 Aggregato fine

L’aggregato fine deve conformarsi alla EN 13043 come appropriato per l’uso specifico.

Per le miscele specificate con metodo fondamentale l’angolarità non deve essere selezionata.

4.3.3 Aggregati in frazione unica

Gli aggregati in frazione unica devono conformarsi alla EN 13043 come appropriati per l’uso specifico.

9
EN 13108-1 (I)

4.3.4 Filler aggiunto

L’aggregato Filler deve conformarsi alla EN 13043 come appropriato per l’uso specifico. Il quantitativo di filler
aggiunto deve essere come specificato.

Per le miscele specificate con il metodo fondamentale, le proprietà di rigidezza non saranno scelte.

NOTA 1 Il Filler include materiali come cemento e calce idrata.

NOTA 2 L’espressione “appropriato per l’uso specifico” presente nei punti da 4.3.1. a 4.3.4. significa che la selezione
dei requisiti e la particolare categoria dipendono da diverse condizioni, tra le quali: densità di traffico, condizioni climatiche,
la costruzione dello strato in cui verrà usata la miscela, nonchè considerazioni di tipo economico.

4.4 Conglomerato riciclato (fresato bituminoso)

L’uso e il quantitativo di conglomerato riciclato (fresato bituminoso) , insieme al gruppo di miscele dal quale è
stato prelevato (o sarà prelevato) il conglomerato riciclato deve essere specificato come segue.

Le proprietà del conglomerato riciclato, in accordo con la EN 13108-8, deve essere conforme ai requisiti propri
dell’uso specifico.

NOTA L’espressione “appropriato per l’uso specifico” significa che la selezione dei requisiti e la particolare categoria
dipendono da diverse condizioni, tra le quali: densità di traffico, condizioni climatiche, la costruzione dello strato in cui
verrà usata la miscela, nonchè considerazioni di tipo economico.

La dimensione massima del setaccio D dell’aggregato presente nel fresato bituminoso non deve eccedere la
dimensione massima del setaccio D della miscela. Le proprietà dell’aggregato del fresato bituminoso devono
adempiere i riferimenti specifici relativi agli aggregati di una miscela.

4.5 Additivi

La natura e le proprietà di tutti gli additivi devono essere esplicitate e conformi ai requisiti di cui al punto 4.1.

5 Requisiti per la miscela

5.1 Requisiti di tipo Empirico e Fondamentale

5.1.1 Dichiarazione della composizione ottimale

La formulazione dovrà essere esplicitata e documentata.

5.1.2 Requisiti empirici

Alla composizione ottimale la miscela deve rispondere sia ai requisiti generali sia a quelli empirici, di cui ai
punti 5.2 e 5.3.

5.1.3 Requisiti fondamentali

Alla composizione ottimale la miscela deve rispondere sia ai requisiti generali sia a quelli empirici, di cui ai
punti 5.2 e 5.4

10
EN 13108-1 (I)

5.2 Requisiti generali

5.2.1 Composizione e granulometria

5.2.1.1 Composizione

La granulometria dovrà essere espressa in percentuali in massa dell’aggregato totale. Il contenuto di legante
e di additivo dovrà essere espresso in percentuali in massa della miscela totale. Le percentuali passanti ai
setacci, ad eccezione del setaccio 0.063 mm, dovranno essere espresse all’1% del contenuto di legante, la
percentuale passante al setaccio 0,063 mm e ogni contenuto di additivo dovranno essere espresse allo 0,1%.

5.2.1.2 Granulometria

I setacci da usare dovranno essere quelli del set di base combinati con quelli del set 1 oppure del set 2, in
accordo con la norma EN 13043

I requisiti per la granulometria dovranno essere espressi in termini di valori massimi e minimi per selezione
delle percentuali passanti ai setacci 1,4 D, D, 2 mm e 0,063 mm. Una combinazione di dimensioni dei setacci
dei set 1 e 2 non è permessa.

D e i setacci tra D e 2 mm saranno selezionati dai seguenti setacci:

ƒ Set di base + set 1: 4 mm; 5,6 mm; 8 mm; 11,2 mm; 16 mm; 22,4 mm, 31,5 mm;

ƒ Set di base + set 2: 4 mm; 6,3 mm; 8 mm; 10 mm; 12,5 mm; 14 mm; 16 mm; 20 mm, 31,5 mm.

Nelle Tabelle 1 e 2 si specificano i limiti complessivi di granulometria per il Conglomerato Bituminoso. La


percentuale passante ai setacci D, 2 mm e 0,063 mm del fuso granulometrico selezionato non dovrà eccedere
i valori massimi e minimi indicati nelle Tabelle 1 e 2.

Tabella 1 — Limiti complessivi della composizione ottimale – Set di setacci di base + set 1

Colonna 1 2 3 4 5 6 7 8
Linea D 4 5 (5,6) 8 11 (11,2) 16 22 (22,4) 32 (31,5)
Setaccio Setaccio passante in % di massa
mm
1 1,4 Da 100 100 100 100 100 100 100
2 D 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100
3 2 50 a 85 15 a 72 10 a 72 10 a 60 10 a 50b 10 a 50b 10 a 50
4 0,063 5,0 a 17,0 2,0 a 15,0 2,0 a 13,0 2,0 a 12,0 0 a 12,0 0 a 11,0 0 a 11,0
a Laddove il setaccio calcolato in 1,4 D non sia un numero esatto nella ISO serie 565/R 20, si dovrà adottare il setaccio
immediatamente successivo.
b Per le applicazioni sulle piste aeroportuali, la percentuale massima passante a 2 mm può essere aumentata fino al 60%

Tabella 2 — Limiti complessivi della composizione ottimale – Set di setacci di base + set 2
Colonna 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Linea D 4 6 (6,3) 8 10 12(12,5) 14 16 20 32(31,5)

Setaccio
Setaccio passante in % di massa
mm

11
EN 13108-1 (I)

1 1,4 Da 100 100 100 100 100 100 100 100 100

2 D 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100 90 a 100

3 2 50 a 85 15 a 72 10 a 72 10 a 60 10 a 55 10 a 50b 10 a 50b 10 a 50b 10 a 50

4 0,063 5,0 a 17,0 2,0 a 15,0 2,0 a 13,0 2,0 a 12,0 2,0 a 12,0 0 a 12,0 0 a 12,0 0 a 11,0 0 a 11,0

A Laddove il setaccio calcolato in 1,4 D non sia un numero esatto nella combinazione set di base + set della serie 2, dovrà essere
adottato il setaccio immediatamente successivo.
B Per le applicazioni sulle piste aeroportuali, la percentuale massima passante a 2 mm può essere aumentata fino al 60%

5.2.2 Contenuto di vuoti

Il contenuto di vuoti dei campioni preparati in accordo con la norma EN 13108-20, dovranno sottostare tra
valori massimi e minimi selezionati dalle categorie per il contenuto di vuoti presenti nelle Tabelle 3 e 4.

La compattazione dei campioni di prova dovrà essere selezionata dalla Tabella C.1. presente in EN 13108-20.

Il contenuto di vuoti dovrà essere determinato in accordo con la EN 13108-20, clausola D.2.

Tabella 3 — Contenuto massimo di vuoti, Vmax

Contenuto massimo di vuoti Categoria


% Vmax

2,0 Vmax2
2,5 Vmax2,5
3,0 Vmax3
3,0 Vmax3
4,0 Vmax4
4,5 Vmax4,5
5,0 Vmax5
5,5 Vmax5,5
6,0 Vmax6
7,0 Vmax7
8,0 Vmax8
9,0 Vmax9
10,0 Vmax10
11,0 Vmax11
12,0 Vmax12
13,0 Vmax13
14,0 Vmax14
Nessun requisito VmaxNR

12
EN 13108-1 (I)

Tabella 4 — Contenuto minimo di vuoti, Vmin

Contenuto minimo Categoria


% Vmin

0,5 Vmin 0,5


1,0 Vmin 1,0
1,5 Vmin 1,5
2,0 Vmin 2,0
2,5 Vmin 2,5
3,0 Vmin 3,0
3,5 Vmin 3,5
4,0 Vmin 4,0
4,5 Vmin 4,5
5,0 Vmin 5,0
5,5 Vmin 5,5
6,0 Vmin 6,0
Nessun requisito Vmin NR

5.2.3 Copertura e omogeneità

Quando il materiale viene scaricato dal miscelatore, esso deve apparire omogeneo, con l’aggregato
completamente coperto con il legante, e non devono evidenziarsi grumi di aggregato fine.

5.2.4 Sensibilità all’acqua

La sensibilità all’acqua dei campioni preparati in accordo con la EN 13108-20, punto 6.5., dovranno essere
selezionati dalle categorie di resistenza alla trazione indiretta (Rapporto), ITSR, nella Tabella 5

La compattazione dei campioni di prova sarà selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

La sensibilità all’acqua sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.3.

Tabella 5 —Minimo rapporto di resistenza a trazione indiretta, ITSR

Minimo rapporto di resistenza a trazione


indiretta Categoria
ITSR
%

90 ITSR90

80 ITSR80

70 ITSR70

60 ITSR60

Nessun requisito ITSRNR

13
EN 13108-1 (I)

5.2.5 Resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti (chiodati)

La resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti (chiodati) dei campioni preparatati secondo la norma EN
13108-20, punto 6.5, deve essere selezionata dalle categorie presenti in Tabella 6.

La compattazione dei campioni di prova dovrà essere selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

La resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti (chiodati) dovrà essere determinata in accordo con la EN
13108 -20, clausola D.4.

Tabella 6 — Valore minimo di abrasione, AbrA

Valore minimo di abrasione Categoria


ml AbrA

20 AbrA20

24 AbrA24

28 AbrA28

32 AbrA32

36 AbrA36

40 AbrA40

45 AbrA45

50 AbrA50

55 AbrA55

60 AbrA60

Nessun requisito AbrANR

5.2.6 Resistenza alla deformazione permanente

La resistenza alla deformazione permanente dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto 6.5.,
devono essere selezionati dalle categorie presenti in una delle Tabelle 7, 8 oppure 9.

La compattazione dei campioni di prova deve essere selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

L’intervallo nel quale i limiti minimo e massimo sono scelti deve essere del 2%, basato sul grado di
compattazione e del 3%, basato sul contenuto dei vuoti.

Il contenuto di vuoti dei campioni deve essere specificato in accordo con la EN 13108-20, clausola D 2.

La resistenza alla deformazione permanente, in termini di ormaiamento, dee essere determinata in accordo
con la EN 13108-20, clausola D.6.

14
EN 13108-1 (I)

Tabella 7 — Resistenza alla deformazione permanente, dispositivo largo1)


⎯ Profondità di rottura proporzionale massima, P

Profondità di rottura
Categoria
proporzionale massima
P
%

5,0 P5

7,5 P7,5

10,0 P10

15,0 P15

20,0 P20

No requirement PNR
1)
per asse di carico >= 13 tonnellate

Table 8 — Resistenza alla deformazione permanente, dispositivo piccolo, procedura B 2),


condizionamento in aria, massima pendenza dell’ormaia, WTSAIR

Massima pendenza dell’ormaia Categoria


mm per 103 del ciclo di carico WTSAIR

5,0 WTSAIR5,0

7,5 WTSAIR7,5

10,0 WTSAIR10,0

12,5 WTSAIR12,5

15,0 WTSAIR15,0

17,5 WTSAIR17,5

20,0 WTSAIR20,0

Nessun requisito WTSAIR NR


2)
,per asse di carico < 13 tonnellate

15
EN 13108-1 (I)

Tabella 9 — Resistenza alla deformazione permanente, dispositivo piccolo, procedura B, 2),


condizionamento in aria, massima profondità proporzionale di rottura, PRDAIR

Massima profondità
proporzionale di rottura Categoria
PRDAIR
%

3,0 PRDAIR3,0

5,0 PRDAIR5,0

7,0 PRDAIR7,0

9,0 PRDAIR9,0

11,0 PRDAIR11,0

13,0 PRDAIR13,0

16,0 PRDAIR16,0

Nessun requisito PRDAIRNR


2)
, per asse di carico < 13 tonnellate

5.2.7 Reazione al fuoco

Se il fabbricante dichiara una Euroclass per la reazione al fuoco (cioè che esso sia soggetto a requisiti
normativi), il Conglomerato Bituminoso deve essere testato e classificato secondo la EN 13501-1.

5.2.8 Resistenza al carburante per applicazioni su piste aeroportuali

La resistenza al carburante dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, dovrà essere selezionata tra le
categoria buona, moderata, scarsa o nessun requisito.

La compattazione dei campioni di prova dovrà essere selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

La resistenza al carburante sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.11.

5.2.9 Resistenza al fluido disgelante per le applicazioni su piste aeroportuali

La resistenza al fluido disgelante dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto 6.5., sarà selezionata
dalle categorie presenti in Tabella 10.

La compattazione dei campioni di prova sarà selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

La resistenza ai fluidi disgelanti sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.12.

16
EN 13108-1 (I)

Tabella 10 — Forza trattenuta, β

Minima forza trattenuta Categoria


% β
100 β100

85 β85

70 β70

55 β55

Nessun requisito βNR

5.2.10 Temperatura della miscela

Quando si usa un bitume per applicazione stradale, le temperature della miscela, misurate secondo quanto
indicato sulla norma EN 12697-13, devono restare nei limiti indicati in Tabella 11. La temperatura massima si
applica in tutti i punti dell’impianto, quella minima alla consegna.

Tabella 11 — Limiti della temperatura della miscela

Colonna 1 2
Temperatura
Linea Gradazione del legante
ºC
1 20/30 160 to 200
2 30/45 155 to 195
3 35/50,40/60 150 to 190
4 50/70,70/100 140 to 180
5 100/150,160/220 130 to 170
6 250/330,330/430 120 to 160

Quando si usa bitume modificato o duro, o additivi, possono essere applicate diverse temperature. Esse
devono essere documentate ed esplicitate sul certificato di Marchio CE.

5.2.11 Durabilità

Il conglomerato bituminoso prodotto in accordo con i requisiti di questo documento può essere considerato
durevole per un ciclo di vita ragionevole.

5.3 Requisiti empirici.

17
EN 13108-1 (I)

5.3.1. Composizione, granulometria, contenuto di legante e additivi

5.3.1.1 Generale

Alla composizione ottimale la granulometria deve essere conforme al punto 5.3.1.2.

Alla composizione ottimale il contenuto di legante deve essere conforme al punto 5.3.1.3

Alla composizione ottimale il contenuto di additivo deve essere conforme al punto 5.3.1.4.

Quando viene impiegato conglomerato riciclato proveniente da miscele in cui sono stati utilizzati bitume
modificato, o additivo modificante, e/o la miscela stessa contiene un bitume modificato o un modificante, il
quantitativo di bitume modificato non dovrà, a meno di accordi differenti tra cliente e produttore, eccedere il
10% in massa della miscela totale, per gli strati superficiali e, per gli strati di regolazione, gli strati leganti e di
base, il 20% in bassa della miscela totale. Ogni accordo preso tra cliente e produttore non dovrà in ogni caso
essere in conflitto con i requisiti nazionali della norma.

5.3.1.2 Granulometria

I requisiti per la granulometria della composizione ottimale dovranno essere espressi in termini di fuso
granulometrico selezionando i valori da un minimo a un massimo per le percentuali passanti ai setacci 1,4 D,
D, un caratterisitco setaccio grosso, 2 mm, un caratteristico setaccio fine e lo 0.063 mm. Il fuso
granulometrico dovrà essere entro i limiti (inclusi) indicati in Tabella 1 o 2. Inoltre, i requisiti per il fuso
granulometrico possono includere le percentuali passanti un setaccio opzionale tra D e 2 mm e un setaccio
fino opzionale tra 2 mm e 0,063 mm. Quest’ultimo setaccio dovrà essere selezionato tra i seguenti: 1 mm, 0,5
mm, 0,25 mm e 0,125 mm.

La composizione ottimale della miscela dovrà essere compresa entro questo fuso granulometrico.

Gli intervalli tra i valori massimo e minimo del fuso granulometrico dovranno essere scelti, come singolo
valore entro i limiti dati (inclusi entrambi), dalla Tabella 12.

Tabella 12 — Intervalli tra i valori massimo e minimo per il fuso granulometrico selezionato

Colonna 1 2
Setaccio Intervalli
Line
mm % in massa
1 D 10
2 Setaccio della caratteristica grossa 10 a 30a
3 Setaccio extra opzionale tra D e 2 10 a 30 a
4 2 5 a 25 a
5 Caratteristica fine 4 a 25 a
6 Setaccio extra opzionale tra 2 e 0,063 4 a 25 a
7 0,063 2 a 12 a
A Valore da scegliere entro i dati mino e massimo (inclusi)

5.3.1.3 Contenuto di legante

Il contenuto minimo di legante della composizione ottimale dovrà essere selezionato tra le categorie di cui alla
Tabella 13. I requisiti del contenuto di legante dovranno essere corretti moltiplicando il fattore

18
EN 13108-1 (I)

2,650
α= (1)
ρd

dove

ρd è inteso come la densità del particella di aggregato, in megagrammi per metro cubo (Mg/m3),
determinata secondo la EN 1097-6.

NOTA Il contenuto di legante include il legante nel conglomerato riciclato (fresato bituminoso) e bitume naturale,
quando usati.

Tabella 13 — Contenuto minimo di legante, Bmin

Contenuto minimo di legante Categoria


% in massa Bmin

3,0 Bmin3,0

3,2 Bmin3,2

3,4 Bmin3,4

3,6 Bmin3,6

3,8 Bmin3,8

4,0 Bmin4,0

4,2 Bmin4,2

4,4 Bmin4,4

4,6 Bmin4,6

4,8 Bmin4,8

5,0 Bmin5,0

5,2 Bmin5,2

5,4 Bmin5,4

5,6 Bmin5,6

5,8 Bmin5,8

6,0 Bmin6,0

6,2 Bmin6,2

6,4 Bmin6,4

6,6 Bmin6,6

6,8 Bmin6,8

7,0 Bmin7,0

7,2 Bmin7,2

7,4 Bmin7,4

7,6 Bmin7,6

7,8 Bmin7,8

8,0 Bmin8,0

19
EN 13108-1 (I)

5.3.1.4 Additivi

I requisiti per gli additivi devono essere espressi in termini di tipo e quantitativo di ogni additivo costituente.

5.3.2 Valori Marshall per applicazione su piste aeroportuali

La stabilità Marshall, lo scorrimento e la rigidezza Marshall dei campioni preparati in accordo con la EN
13108-20, punto 6.5., dovranno essere selezionati rispettivamente dalle categorie di cui alle Tabelle 14, 15,
16 e 17. Per lo scorrimento Marshall, possono essere scelti un valore minimo e uno massimo; l’intervallo
dovrà essere almeno 2.

I valori Marshall dovranno essere determinati secondo la EN 13108-20, clausola D.10.

Tabella 14 —Minima stabilità Marshall, Smin

Minima stabilità Marshall Categoria


kN Smin

12,5 Smin12,5

10,0 Smin10

7,5 Smin7,5

5,0 Smin5,0

2,5 Smin2,5

Nessun requisito SminNR

Tabella 15 — Massima stabilità Marshall, Pmax

Massima stabilità Marshall Category


kN Pmax

15,0 Pmax15

12,5 Pmax12,5

10,0 Pmax10

7,5 Pmax7,5

Nessun requisito PmaxNR

20
EN 13108-1 (I)

Tabella 16 — Scorrimento Marshall, F

Scorrimento Marshall Categoria


mm F

1 F1

1,5 F1,5

2 F2

3 F3

4 F4

5 F5

8 F8

Nessun requisito FNR

Table 17 — Minima rigidezza Marshall, Qmin

Minima rigidezza Marshall Categoria


kN/mm Qmin

4,0 Qmin4

3,5 Qmin3,5

3,0 Qmin3

2,5 Qmin2,5

2,0 Qmin2

1,5 Qmin1,5

1,0 Qmin1

Nessun requisito QminNR

5.3.3 Vuoti riempiti con bitume

La percentuale minima e massima di vuoti riempiti con bitume dei campioni preparati secondo la EN 13108-20,
punto 6.5, dovranno essere selezionati dalle categorie di cui alle Tabelle 18 e 19.

La percentuale di vuoti riempiti con bitume dovrà essere determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola
D.2.

21
EN 13108-1 (I)

Tabella 18 — Minimo di vuoti riempiti con bitume, VFBmin

Minimo di vuoti riempiti con bitume Categoria


% VFBmin

50 VFBmin50

55 VFBmin55

60 VFBmin60

65 VFBmin65

70 VFBmin70

72 VFBmin72

75 VFBmin75

78 VFBmin78

Nessun requisito VFBminNR

Tabella 19 — Massimo di vuoti riempiti con bitume, VFBmax

Massimo di vuoti riempiti con bitume Categoria


% VFBmax

50 VFBmax50

53 VFBmax53

56 VFBmax56

59 VFBmax59

62 VFBmax62

65 VFBmax65

68 VFBmax68

71 VFBmax71

74 VFBmax74

77 VFBmax77

80 VFBmax80

83 VFBmax83

86 VFBmax86

89 VFBmax89

93 VFBmax93

97 VFBmax97

Nessun requisito VFBmaxNR

22
EN 13108-1 (I)

5.3.4 Vuoti nell’aggregato minerale

La percentuale minima di vuoti nell’aggregato minerale dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto
6.5, dovranno essere selezionati dalle categorie di cui alla Tabella 20.

La percentuale di vuoti nell’aggregato minerale sarà determinata secondo la EN 13108-20, clausola D.2, sulla
base del campione preparato e testato in accordo col punto 5.2.1.

Tabella 20 — Minimo di vuoti nell’aggregato minerale, VMAmin

Minimo di vuoti nell’aggregato Categoria


minerale VMAmin
%

8 VMAmin8

10 VMAmin10

12 VMAmin12

14 VMAmin14

16 VMAmin16

18 VMAmin18

Nessun requisito VMAminNR

5.3.5 Contenuto di vuoti a 10 rotazioni

Il contenuto minimo di vuoti dopo compattazione a 10 rotazioni dovrà essere selezionato tra le categorie di cui
alla Tabella 21.

Il contenuto minimo di vuoti dopo 10 rotazioni sarà determinato secondo la EN 13108-20, clausola D.2.

Tabella 21 — Contenuto minimo di vuoti a 10 rotazioni, V10Gmin

Contenuto minimo di vuoti a Categoria


10 rotazioni V10Gmin
%

14,0 V10Gmin14

11,0 V10Gmin11

9,0 V10Gmin9

Nessun requisito V10GminNR

5.3.6 Eccesso di specifiche

Per prevenire la duplicazione di specifiche delle miscele, le seguenti combinazioni di requisiti non saranno
riconosciute in osservanza del seguente documento:

ƒ Requisiti empirici combinati con requisiti fondamentali (vedi 5.1);

23
EN 13108-1 (I)

ƒ Requisiti riguardanti i vuoti riempiti con bitume (vedi 5.3.3), i vuoti in aggregato minerale (vedi
5.3.4) e il contenuto di vuoti a 10 rotazioni (vedi 5.3.5), combinati con i requisiti per la resistenza
alla deformazione permanente (vedi 5.2.6).

5.4 Requisiti fondamentali

5.4.1 Composizione – granulometria e contenuto di legante

5.4.1.1 Granulometria

Alla composizione ottimale la granulometria sarà conforme a quanto indicato in 5.2.1.2.

NOTA L’uso dei requisiti fondamentali implica un modo meno prescrittivo di specificazione della composizione.

5.4.1.2 Contenuto di legante

Il contenuto minimo di legante sarà 3,0%.

5.4.2 Rigidezza

La rigidezza dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto 6.5. sarà conforme ai valori massimo e
minimo selezionati dalle categorie di cui alle Tabelle 22 e 23.

La compattazione dei campioni di prova sarà selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1. L’intervallo scelto
tra i limiti maggiore e minore sarà del 2%, se basato sul grado di compattazione e del 3% se basato sul
contenuto di vuoti.

Il contenuto di vuoti dei campioni sarà specificato in accordo con la EN 13108-20, clausola D.2.

La rigidezza sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.8.

24
EN 13108-1 (I)

Tabella 22 — Rigidezza minima, Smin

Rigidezza minima Categoria


MPa Smin

21 000 Smin21 000

17 000 Smin17 000

14 000 Smin14 000

11 000 Smin11 000

9 000 Smin9 000

7 000 Smin7 000

5 500 Smin5 500


4 500 Smin4 500

3 600 Smin3 600

2 800 Smin2 800

2 200 Smin2 200

1 800 Smin1 800

1 500 Smin1 500

Nessun requisito SminNR

Tabella 23 — Rigidezza massima, Smax

Rigidezza massima Categoria


MPa Smax

30 000 Smax30 000

25 000 Smax25 000

21 000 Smax21 000

17 000 Smax17 000

14 000 Smax14 000

11 000 Smax11 000

9 000 Smax9 000

7 000 Smax7 000

Nessun requisito SmaxNR

5.4.3 Resistenza alla deformazione permanente nella prova di compressione triassiale

La resistenza alla deformazione permanente dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto 6.5. sarà
conforme ai valori massimi selezionati dalle categorie di cui alla Tabella 24.

25
EN 13108-1 (I)

La compattazione dei campioni di prova sarà selezionata in base alla EN 13108-20, Tabella C.1.

L’intervallo tra i limiti maggiore e minore sarà del 2%, se basato sul grado di compattazione, e del 3% se
basato sul contenuto di vuoti.

Il contenuto di vuoti dei campioni sarà specificato secondo la EN 13108-20, clausola D.2.

La resistenza alla deformazione permanente, in termini di grado di scorrimento in compressione triassiale, fc,
sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.7.

Tabella 24 — Grado di scorrimento massimo, fcmax

Grado di scorrimento fc Categoria


µm/m/n fcmax

0,2 fcmax0,2

0,4 fcmax0,4

0,6 fcmax0,6

0,8 fcmax0,8

1,0 fcmax1

1,2 fcmax1,2

1,4 fcmax1,4

1,6 fcmax1,6

2 fcmax2
4 fcmax4

6 fcmax6

8 fcmax8

10 fcmax10

12 fcmax12

14 fcmax14

16 fcmax16

Nessun requisito fcmaxNR

5.4.4 Resistenza a fatica

La resistenza a fatica dei campioni preparati secondo la EN 13108-20, punto 6.5., sarà selezionata dalle
categorie presenti tra quelle in Tabella 25.

La compattazione dei campioni di prova sarà selezionata dalla EN 13108-20, Tabella C.1.

L’intervallo selezionato tra i limiti maggiore e minore sarà del 2%, se basato sul grado di compattazione, del
3%, se basato sul contenuto di vuoti.

Il contenuto di vuoti dei campioni sarà specificato in accordo con la EN 13108-20, clausola D.2.

La resistenza a fatica sarà determinata in accordo con la EN 13108-20, clausola D.9.

26
EN 13108-1 (I)

Tabella 25 — Resistenza a fatica, ε6

Resistenza a fatica Categoria


micro deformazione ε6

310 ε6-310
260 ε6-260
220 ε6-220
190 ε6-190
160 ε6-160
130 ε6-130
115 ε6-115
100 ε6-100
90 ε6-90
80 ε6-80
70 ε6-70
60 ε6-60
50 ε6-50
Nessun requisito ε6-NR

5.4.5 Eccesso di specifiche

Per prevenire la duplicazione di specifiche per le miscele, le seguenti combinazioni di requisiti non saranno
riconosciute in osservanza di questo documento:

ƒ Requisiti empirici combinati con quelli fondamentali (vedi 5.1);

ƒ Requisiti per la resistenza alla deformazione permanente, specificati al punto 5.2.6. (si veda anche
5.3.6.), combinati con i requisiti di cui al punto 5.4.3.

6 Valutazione di conformità
La conformità del Conglomerato Bituminoso ai requisiti di questo documento e con i valori dichiarati (incluse le
classi), deve essere dimostrata con:

ƒ Prova iniziale di Tipo, secondo la EN 13108-20

Il metodo di preparazione del campione dovrà essere selezionato dalla EN 13108-20, punti 6.5.2., 6.5.3°
oppure 6.5.b.

ƒ Controllo di Produzione in Fabbrica, dal produttore, inclusa la valutazione del prodotto secondo la EN
13108-21.

27
EN 13108-1 (I)

Per lo scopo della Prova di Tipo, il Conglomerato Bituminoso può essere raggruppato in “famiglie”, come
indicato dalla 13108-20, dove si considera che la proprietà (o le proprietà) selezionata/e sia/siano comuni a
tutte le miscele di quella famiglia.

7 Identificazione
Il bollettino di consegna dovrà contenere almeno le seguenti informazioni identificative:

ƒ Il produttore e l’impianto di miscelazione;

ƒ Il codice identificativo della miscela;

ƒ la designazione della miscela

CB D sup/base/bin Legante

dove
CB è Conglomerato Bituminoso;
D è la dimensione massima del setaccio;
sup è lo strato superficiale;
base è lo strato di base;
bin è lo strato di collegamento (binder);
legante è la designazione del legante utilizzato.

ESEMPIO CB 16 sup 70/100


Conglomerato Bituminoso con la dimensione massima dell’aggregato di 16 mm per strato superficiale
con bitume a penetrazione 70/100.

ƒ Come ottenere tutti i dettagli che dimostrino la conformità con questa norma. Dettagli di tutti gli additivi
(vedi 5.3.1.4.)

ƒ Dettagli di conformità con i punti 5.2.8. e 5.2.9. con dove richiesti per uso specifico su piste aeroportuali.

ƒ NOTA Le informazioni riguardanti la marcatura devono accompagnare il prodotto (per il Marchio CE e


l’etichettatura, si vedano le clausole in ZA. 3.) ma le caratteristiche che non sono necessariamente parte della norma
per la marcatura, ad esempio, i requisiti speciali per le piste aeroportuali, dovrebbero essere messi a disposizione
attraverso modalità alternative, ad esempio da comunicati, se in accordo con il cliente.

28
EN 13108-1 (I)

Allegato A
(documento normativo)

Calcolo della penetrazione o del punto di rammollimento del legante di


una miscela nel caso in cui venga utilizzato conglomerato riciclato
(fresato bituminoso)

A.1 Generale
Questi calcoli si applicheranno soltanto nel caso in cui bitume per applicazione stradale è stato usato
nell’asfalto riciclato e sarà utilizzato come legante aggiunto.

A.2 Calcolo della penetrazione del legante di una miscela


Si usi la formula seguente::

a lg pen1 + b lg pen 2 = (a + b ) lg penmix (A.1)

In cui:

penmix è la penetrazione calcolata del legante in una miscela contenente conglomerato riciclato;

pen1 è la penetrazione del legante recuperate dal conglomerato riciclato;

pen2 è la penetrazione del legante aggiunto;

aeb sono le porzioni in massa del legante dal conglomerato riciclato (a) e dal legante aggiunto (b)
nella miscela; a + b = 1.

ESEMPIO pen1 = 20; pen2 = 90; a = 0,25 e b = 0,75


0,25 lg 20 + 0,75 lg 90 = lg penmix
lg penmix = 1,79094; quindi penmix = 62

Il recupero del legante dalle miscele per la prova vanno eseguite in accordo con la EN 12697-3 oppure
EN 12697-4.

Le penetrazioni del legante aggiunto e di quello recuperato dovranno essere determinate in accordo con la
EN 1426.

A.3 Calcolo del punto di rammollimento del legante di una miscela


Si usi la formula seguente:

TR&B mix = a × TR&B 1 + b × TR&B2 (A.2)

In cui

TR&Bmix è il punto di rammollimento calcolato del legante nella miscela contenente conglomerato
riciclato (fresato bituminoso);

29
EN 13108-1 (I)

TR&B1 è il punto di rammollimento del legante recuperate dal conglomerato riciclato (fresato
bituminoso);

TR&B2 è il punto di rammollimento del legante aggiunto;

a and b sono le porzioni in massa del legante proveniente da conglomerato riciclato (a) e dal legante
aggiunto (b) nella miscela; a + b = 1.

ESEMPIO TR&B1 = 62 ºC; TR&B2 = 48 ºC; a = 0,25 e b = 0,75


TR&Bmix = 0,25 × 62 + 0,75 × 48 = 51,5 ºC

I punti di rammollimento del legante aggiunto e del legante recuperato saranno determinati in base alla
EN 1427.

30
EN 13108-1 (I)

ALLEGATO ZA

(documento informativo)

Relazione tra questa normativa europea e i Requisiti essenziali


della Direttiva UE per i Prodotti da Costruzione

ZA.1 Scopo e caratteristiche principali


Questa normativa europea è stata preparata sotto il mandato M/124 – Prodotti da Costruzione Stradale –
conferito al CEN dalla Commissione Europea e dall’Associazione Europea del Libero Mercato.

Le clausole di questa normativa mostrate nel presente allegato incontrano i requisiti del mandato conferito
entro la Direttiva Europea Prodotti da Costruzione (89/106/EEC).

L’adempimento di esse conferisce una ipotesi di idoneità al Conglomerato Bituminoso coperto da questo
allegato per gli usi preposti ed indicati qui; il riferimento sarà fatto per informazione che accompagna la
marcatura CE.

ATTENZIONE — Altri requisiti e altre Direttive UE, che non toccano l’idoneità per gli usi fissati, possono
essere applicabili al Conglomerato Bituminoso che ricade entro lo scopo di questa normativa Europea.

NOTA 1 In aggiunta ad ogni specifica relativa alle sostanze pericolose contenute in questa Normativa, potrebbero
esserci altri riferimenti applicabili ai prodotti che ricadono entro questo scopo (per esempio Legislazione Europea
trasposta e Normativa Italiana, regolamenti e provvedimenti amministrativi). Allo scopo di adempiere le clausole della
Direttiva UE per i Prodotti da Costruzione, questi requisiti necessitano soltanto di conformarsi con la situazione il momento
e il luogo in cui sono applicati.

NOTA 2 Un database informativo di clausole Europee e nazionali circa le sostanze pericolose è disponibile al seguente
indirizzo: http://europa.eu.int/comm/enterprise/construction/internal/hygiene.htm).

Questo allegato stabilisce le condizioni per la marcatura CE del Conglomerato Bituminoso, inteso per gli usi
indicati nella Tabella ZA.1 e mostra quello idoneo applicabile.

Lo scopo di questo allegato è definito dalla Tabella ZA.1a e Table ZA.1b.

31
EN 13108-1 (I)

Tabella ZA.1a — Clausole rilevanti correlate alle caratteristiche essenziali per la specifica su base empirica

Prodotto: Conglomerato Bituminoso come previsto negli Scopi di questa normativa europea
Scopo d’uso: Per strati superficiali, strati leganti, strati di regolazione e di base per strade e altre aree trafficate, sia soggette sia
non soggette alla regolamentazione per la reazione a fuoco.
Caratteristiche Requisiti in questa ed altre norme europee Livelli e/o Note
fondamentali classi
Adesione del legante 5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
all’aggregato
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.4 Sensibilità all’acqua Nessuno Categorie
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno Valore soglia
Rigidezza 5.2.1.2, 5.3.1.2 Granulometria Nessuno Valore %
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno valore soglia
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno

Resistenza alla 5.2.1.2, 5.3.1.2 Granulometria Nessuno Valori %


deformazione permanente
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
5.3.3 Vuoti riempiti con bitume Nessuno Categorie
5.3.4 Vuoti nell’aggregato minerale Nessuno Categorie
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno Valore soglia
5.3.2 Valori Marshall per applicazioni su piste aeroportuali Categorie
5.2.6 Resistenza alla deformazione permanente Nessuno Categorie

Resistenza a fatica
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
5.2.10 Temperature della miscela Nessuno Valore soglia
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno categorie
Resistenza allo 5.2.1.2, 5.3.1.2 Granulometria Nessuno Valori %
scivolamento
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
Resistenza all’abrasione 5.2.1.2, 5.3.1.2 Granulometria Nessuno Valori %
5.3.1.3 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.5 Resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti Nessuno Categorie
Reazione al fuoco a 5.2.7 Euroclassi

Sostanze pericolose Si veda nota sopra Nessuno Sostanza ‘x’ minore


di ‘y’ ppm
Durabilità delle Tutti i requisiti sopra menzionati sono relativi alla durabilità. Nessuno
caratteristiche sopra
Nessuno Categorie
elencate rispetto ad
invecchiamento, condizioni Nessuno Categorie
atmosferiche, ossidazione,
usura, corrosione, agenti
chimici, usura da
pneumatici scolpiti
(chiodati), strappi, ...come
rilevanti
a Rilevante solo per il Conglomerato Bituminoso inteso per usi soggetti a regolamentazione per reazione a fuoco.
NOTA: Il produttore può dichiarare i valori reali insieme a o al posto di categorie o parametri soglia.

32
EN 13108-1 (I)

Tabella ZA.1b — Clausole rilevanti correlate alle caratteristiche essenziali per le specifiche fondamentali

Prodotto: Conglomerato Bituminoso come previsto negli Scopi di questa normativa europea
Scopo d’uso: Per strati superficiali, strati leganti, strati di regolazione, basi di pavimentazioni e altre aree trafficate, sia soggette sia
non soggette alle regolamentazioni per la reazione al fuoco
Caratteristiche essenziali Requisito di questa e altre normative europee Livelli e/o Note
classi
Adesione del legante 5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
all’aggregato

5.2.4 Sensibilità all’acqua Nessuno Categorie


5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno Valore soglia
Rigidità 5.2.1.2 Granulometria Nessuno valore %
5.4.1.2 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno Valore soglia
5.4.2 Rigidità Nessuno categorie
Resistenza alla 5.2.1.2 Granulometria Nessuno valore %
deformazione permanente
5.4.1.2 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno Valore soglia
5.2.6 Resistenza alla deformazione permanente Nessuno Categorie
5.4.3 Resistenza alla deformazione permanente nella prova Nessuno Categorie
a compressione triassiale
Resistenza a fatica 5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno Categorie
5.2.10 Temperatura della miscela Nessuno ºC
5.4.4 Resistenza a fatica Nessuno categorie
Resistenza allo 5.2.1.2 Granulometria Nessuno valore %
scivolamento
5.4.1.2 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.2 Contenuto di vuoti Nessuno categorie
Resistenza all’abrasione 5.2.1.2 Granulometria Nessuno Valore %
5.4.1.2 Contenuto di legante Nessuno Categorie
5.2.5 Resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti Nessuno Categorie
(chiodati)

Reazione al fuoco a 5.2.7 Reazione al fuoco Euroclasse

Sostanze pericolose Si veda nota sopra Nessuno Sostanza ‘x’ minore


di ‘y’ ppm
Durabilità delle I requisiti sopra menzionati sono relativi alla durabilità. Nessuno
caratteristiche sopra
Nessuno Categorie
elencate rispetto ad
invecchiamento, condizioni Nessuno Categorie
atmosferiche, ossidazione,
usura, corrosione, agenti
chimici, usura da
pneumatici scolpiti
(chiodati), strappi, ...come
rilevanti
a Rilevanti solo per Conglomerati Bituminosi intesi per usi soggetti a regolamentazione per reazione al fuoco
NOTA: Il produttore può dichiarare i valori reali insieme a o al posto di categorie o parametri soglia.

33
EN 13108-1 (I)

Allo scopo di adempiere alle caratteristiche essenziali, una combinazione di requisiti deve essere realizzata.
Tuttavia, non tutti i requisiti possono essere combinati, si vedano i punti 5.3.4. e 5.4.5. della presente norma.
Laddove ci sia una scelta di metodi di prova e di condizioni di prova, la marcatura CE farà chiarezza su quali
condizioni applicare.

Il requisito riguardante una certa caratteristica non è applicabile a quegli Stati Membri (MSs) dove non ci sono
requisiti obbligatori su quella caratteristiche per l’uso inteso del prodotto. In questo caso, i produttori che
piazzano i loro prodotti sul mercato di questi MSs non sono obbligati a determinare nè a dichiarare la
prestazione dei loro prodotti con riguardo a questa caratteristica e l’opzione “Nessuna prestazione
determinata” (NPD) nelle informazioni che accompagnano la marcatura CE (si veda la clausola ZA.3) può
essere usata. L’opzione NPD può non può essere usata, comunque, laddove la caratteristica è soggetta ad
un livello soglia.

ZA.2 Procedura (e) per l’attestazione di conformità del Conglomerato Bituminoso

ZA.2.1 Sistema(i) di attestazione di conformità

Il sistema di attestazione di conformità del Conglomerato Bituminoso indicato in Tabella ZA. 1, in accordo con
la Decisione della Commissione 98/601/EC, come risulta dall’allegato 3 del mandato per “Prodotti da
costruzione per le Strade), è mostrato nella Tabella ZA.2 per l’/gli uso/i indicato/i e livello(i) rilevante(i) o
classe(i).

Tabella ZA.2 — Sistema(i) di attestazione di conformità

Attestazione del
Livello(i) o classe(i)
Prodotto(i) Scopo d’uso(i) sistema(i) di
(reazione al fuoco)
conformità
Conglomerati Per strade e altre aree
Ritenuto da soddisfare 2+
bituminosi trafficate

(Afl, Bfl, Cfl)a 1e


________
Per usi soggetti alla (Afl, Bfl, Cfl)b 3f
normativa per la reazione al
fuoco ______
Afl, Dfl, Efl, Ffl

oppure CWFTd 4g

a Materiali per i quali la prestazione di reazione al fuoco è suscettibile di cambiamento durante la


produzione (in generale, quelle soggette a modificazione chimica, ad esempio ritardanti di infiammabilità,
o laddove cambiamenti di composizione possano condurre a cambiamenti di reazione della prestazione al
fuoco).
b Materiali per i quali la prestazione di reazione al fuoco non sia suscettibile di cambiamento durante il
processo di produzione.
c Materiali di classe A che, in accordo con la Decisione 96/603 non richiedono di essere testati per la
reazione al fuoco.
d CWFT Classificati senza ulteriori prove (sulla base della Decisione pubblicata)

e Sistema 1: Si veda l’Annesso III.2.(i) del CPD, senza prove o verifiche dei campioni.

f Sistema 3: si veda l’Annesso III.2.(ii) del CPD, seconda possibilità.

g Sistema 4: si veda l’Annesso III.2.(iii), terza possibilità.

34
EN 13108-1 (I)

L’attestazione di conformità del Conglomerato Bituminoso nella Tabella ZA.1 si baserà sulle procedure di
valutazione di conformità indicate in Tabella ZA.3, che risultano dall’applicazione di questa od altre normative
Europee indicate qui.

Tabella ZA.3a — Assegnazione della valutazione degli incarichi di conformità per il Conglomerato
Bituminoso per usi non soggetti a regolamentazione per reazione a fuoco

Valutazione della
Incarichi Contenuto dell’incarico conformità da
richiedere
Parametri relativi a tutte le
Controllo di Produzione in
caratteristiche rilevanti di cui EN 13108-21
Fabbrica (F.P.C)
alla Tabella ZA.1.
Tutte le caratteristiche rilevanti
Test iniziale di tipo EN 13108-20
Incarichi per il di cui alla tabella ZA.1
produttore
Reazione al fuoco (solo dove si
intende utilizzare il materiale in
Test iniziale di Tipo fatto
area soggetta alla 5.2.7
da un laboratorio notificato
regolamentazione per la
reazione al fuoco)
Ispezione
Incarichi per Certificazion Parametri relativi a tutte le
iniziale della EN 13108-21:2006,
l’organismo di e di F.P.C caratteristiche della Tabella
fabbrica e Allegato B
notificazione sulla base di ZA.1
del F.P.C

Tabella ZA 3B – Assegnazione degli incarichi di valutazione della conformità per il Conglomerato Bituminoso
sotto il Sistema 1

Valutazione della
Incarichi Contenuto dell’incarico conformità da
richiedere
Parametri relativi a tutte le
Controllo di Produzione in
caratteristiche di cui alla EN 13108-21
Fabbrica (F.P.C)
Tabella ZA.1.
Incarichi sotto la Prova sui campioni
responsabilità del prelevati nello stabilimento Tutte le caratteristiche di cui EN 13108-20
produttore alla tabella ZA.1
di produzione
Tutte le caratteristiche di cui
Test iniziale di Tipo fatto
alla tabella ZA.1 eccetto la EN 13108-20
dal produttore
reazione al fuoco

Test iniziale di Tipo Reazione al fuoco 5.2.7


Incarichi sotto la Parametri relativi a tutte le
responsabilità Ispezione iniziale della EN 13108-21:2006,
caratteristiche di cui alla
dell’organismo di fabbrica e del FPC Allegato B
Tabella ZA.1
certificazione del
prodotto Sorveglianza continua, Parametri relativi a tutte le
EN 13108-21:2006,
valutazione e caratteristiche rilevanti di cui
Allegato B
approvazione del FPC alla Tabella ZA.1

35
EN 13108-1 (I)

ZA.2.2 Certificato CE e Dichiarazione di conformità

(In caso di prodotti con il sistema 1): Quando la conformità con le condizioni di questo allegato vengono
ottenute, l’organismo di certificazione emette il certificato di conformità (Certificato di conformità CE), che dà
diritto al produttore di affiggere la marcatura CE. Il certificato includerà:

ƒ Nome, indirizzo e numero di identificazione dell’organismo di certificazione;

ƒ Nome ed indirizzo del produttore, o il suo rappresentante nominato nell’EEA, e il luogo di produzione;

ƒ Descrizione del prodotto (tipo, identificazione, uso, ...);

ƒ Clausola alla quale il prodotto si conforma (ad esempio l’allegato ZA di questa EN);

ƒ Condizioni particolari applicabili all’uso del prodotto (ad esempio clausole per l’uso in determinate
condizioni, ecc.);

ƒ Condizioni e periodo di validità del certificato, dove applicabile;

ƒ Nome e posizione ricoperta della persona autorizzata a firmare il certificato.

In aggiunta, il produttore emetterà una dichiarazione di conformità (Dichiarazione di Conformità CE) che
includa:

ƒ nome e indirizzo del produttore o del suo rappresentante autorizzato, stabilito nell’EEA;

ƒ Nome ed indirizzo dell’ente di certificazione;

ƒ Descrizione del prodotto (tipo, identificazione, uso, ...); e una copia delle informazioni che
accompagnano la marcatura CE;

ƒ Clausola alla quale il prodotto si conforma (ad esempio l’allegato ZA di questa EN);

ƒ Condizioni particolari applicabili all’uso del prodotto (ad esempio clausole per l’uso in determinate
condizioni, ecc.);

ƒ Numero del Certificato di conformità CE;

ƒ Nome e posizione ricoperta della persona autorizzata a firmare la dichiarazione da parte del
produttore o del suo rappresentante autorizzato.

(In caso di prodotti sotto il sistema 2+): Quando la conformità con le condizioni di questo allegato vengono
ottenute, l’organismo di certificazione emette il certificato di conformità (Certificato di conformità CE), che dà
diritto al produttore di affiggere la marcatura CE. Il certificato includerà:

ƒ Nome ed indirizzo del produttore, o il suo rappresentante nominato nell’EEA, e il luogo di produzione;

ƒ Descrizione del prodotto (tipo, identificazione, uso, ...), e una copia delle informazioni che
accompagnano la marcatura CE;

ƒ Clausola alla quale il prodotto si conforma (ad esempio l’allegato ZA di questa EN);

ƒ Condizioni particolari applicabili all’uso del prodotto (ad esempio clausole per l’uso in determinate
condizioni, ecc.);

ƒ Il numero del certificato di accompagnamento che riguarda il controllo di produzione in fabbrica;

36
EN 13108-1 (I)

ƒ Nome e posizione ricoperta della persona autorizzata a firmare la dichiarazione da parte del
produttore o il suo rappresentante nominato.

La dichiarazione sarà accompagnata dal certificato di controllo di produzione in fabbrica; emesso dall’ente di
ispezione notificato, che conterrà, oltre alle informazioni sopra indicate, le seguenti:

ƒ Nome ed indirizzo dell’ente notificato;

ƒ Il numero del certificato di controllo di produzione in fabbrica;

ƒ Le condizioni e il periodo di validità del certificato, dove applicabili;

ƒ Nome e posizione ricoperta della persona autorizzata a firmare il certificato.

La dichiarazione menzionata e il certificato dovranno essere presentati nel linguaggio o nei linguaggi ufficiali degli
Stati Membri in cui il prodotto viene usato.

ZA.3 Marcatura CE ed etichettatura


Il produttore o il suo rappresentante autorizzato stabilito nell’EEA è responsabile dell’affissione della marcatura
CE.

Il simbolo della marcatura CE dovrà essere secondo la Direttiva 93/68/CE e resterà disponibile attraverso i
documenti commerciali di accompagnamento, ad esempio i documenti di consegna.

Le seguenti informazioni accompagneranno il simbolo di marcatura CE:

ƒ Numero identificativo dell’organismo di certificazione;

ƒ Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato del produttore;

ƒ Le ultime due cifre dell’anno in cui la marcatura è affissa;

ƒ Numero del certificato CE di conformità o certificato di controllo di produzione in fabbrica (se


rilevante);

ƒ Riferimento di questa normativa europea;

ƒ Descrizione del prodotto, nome generico, materiale, dimensioni ed uso inteso;

ƒ Informazioni delle caratteristiche essenziali rilevanti elencate in Tabella Z.A.1. e ZA1b. presentate
come:

ƒ Valori dichiarati e, dove rilevanti, livello o classe da dichiarare per ogni caratteristica essenziale,
come indicato nelle note alla tabella Z.A.1. e ZA1b.

ƒ Come alternativa, la designazione(i) standard da sole o in combinazione con i valori dichiarati


sopra e;

ƒ “Nessuna prestazione determinata” per caratteristiche, laddove rilevanti.

L’opzione “Nessuna prestazione determinata (NPD) non può essere usata laddove la caratteristica è soggetta
ad un livello di soglia. Altrimenti, l’opzione NPD può essere usata quando e dove la caratteristica, per un uso
specifico, non è soggetta a requisiti obbligatori nello Stato membro di destinazione.

La Figura ZA.1 e ZA. 1b dà degli esempi delle informazioni da dare circa il prodotto, l’etichettatura,
l’imballaggio e/o i documenti commerciali. La Tabella ZA.1c fornisce un esempio abbreviato della marcatura
CE per una nota di consegna.

37
EN 13108-1 (I)

NOTA 1 Questo esempio è basato sul principio che un produttore è tenuto a mettere sulle informazioni riguardanti la
marcatura CE quei requisiti che sono usati nelle regolamentazioni nazionali nel paese di destinazione.

Marcatura di conformità CE, composta di


Simbolo “CE”- fornito dalla direttiva 93/68/EEC.

01234 Numero di identificazione dell’organismo di


certificazione

Nome Ditta Spa,Via.....CAP....Città Nome o marchio identificativo e indirizzo registrato


del produttore
06
Ultime due cifre dell’anno in cui è stata affissa la
01234-CPD-00234
marcatura
Numero del certificato

38
EN 13108-1 (I)

EN 13108-1
Conglomerato Bituminoso per strade, piste Numero della norma europead
aeroportuali e altre aree trafficate
Descrizione del prodotto
CB 16 sup 70/100
Designazione standard
Impianto....(es. euro asphalt plant S24)
Nome dell’impianto
Requisiti generali + Requisiti empirici
Codice identificativo della miscela
Contenuto di vuoti*
– massimo V max 7,0 (7 %)
e
– minimo V min 2,0 (2 %)
Informazioni delle caratteristiche regolate che
Minimo di vuoti riempiti da bitume* VFB min60 (60 %) coincidono con la Tabella ZA. 1a, tuttavia, il
* produttore può voler dichiarare il valore
Massimo di vuoti riempiti da bitume VFB max 83 (82 %)
prestazionale reale in aggiunta alla categoria o
*
Vuoti nell’aggregato minerale VMAmin14 (15%) classe specificata in questo documento

Contenuto di vuoti dopo 10 rotazioni V10Gmin9(10%)

Sensibilità all’acqua* ITSR90 ( 90 %)

Resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti


(chiodati)*:AbrA40 (42ml)

Reazione al fuoco Euroclass Cfl


*
Resistenza al carburante good
Resistenza ai fluidi decongelanti* β85 100%

Temperatura della miscela 140 °C to 180 ºC


Granulometria
(passante) 1,4 C16 setaccio 100 %
C16 setaccio 95 %
C11,2 setaccio 88 %
5,6 mm setaccio 62 %
2 mm setaccio 40 %
0,500 mm setaccio 33 %
0,250 mm setaccio 22 %
0,063 mm setaccio 5,8 %
Contenuto di legante B min 6,0 (6,4 %)
*
Valori Marshall
S (Smin 7,5 kN) 10 kN
Pmax Pmax15

F (Fmin 2 mm, Fmax 5 mm) 4 mm


Q (Q min 2,0 kN/mm) 2,5 kN/mm
*
Resistenza alla deformazione permanente
– Dispositivo largo: profondità di rottura P 5 (5 %)
-Dispositivo piccolo: ormaiamento WTSAIR10,0 (9%)

Profondità di rottura proporzionale PRDAIR9,0


(9%)
*
stating test conditions selected in accordance with
EN 13108-20 39
EN 13108-1 (I)

Marcatura di conformità CE, composta di


Simbolo “CE”- fornito dalla direttiva
93/68/EEC.
Numero di identificazione dell’organismo di
certificazione
01234

Nome Ditta, Via....., CAP....Città...... Nome o marchio identificativo e indirizzo


registrato del produttore
06
Ultime due cifre dell’anno in cui è stata affissa
01234-CPD-00234
la marcatura
Numero del certificato

40
EN 13108-1 (I)

EN 13108-1 Numero della Normativa europea


Conglomerato Bituminoso per strade, aeroporti e Descrizione del prodotto
altre aree trafficate
Designazione della norma
CB 16 sup 70/100
Nome dell’impianto
Nome Impianto (es. euro asphalt plant S24)
Codice di identificazione della miscela
Requisiti generali + Requisiti empirici
Contenuto di vuoti *
e
– minimo V max 7,0 (7 %)
Informazioni delle caratteristiche regolate che
– massimo V min 2,0 (2 %) coincidono con la Tabella ZA. 1a, tuttavia, il
produttore può voler dichiarare il valore
Minimo di vuoti riempiti con bitume* VFB min60 (60 %)
prestazionale reale in aggiunta alla categoria o
Massimo di vuoti riempiti con bitume* VFB max 83 (82 %) classe specificata in questo documento
*
Vuoti nell’aggregato minerale VMAmin14 (15%)

Contnuto di vuoti dopo 10 rotazioni V10Gmin9(10%)

Sensibilità all’acqua* ITSR90 ( 90 %)


Resistenza all’abrasione da pneumatici scolpiti
(chiodati)*:AbrA40 (42ml)

Reazione al fuoco Euroclass Cfl


*
Resistenza ai carburanti good
*
Resistenza ai fluidi decongelanti β85 100%

Temperatura della miscela 140 °C to 180 ºC


Granulometria
(passante) setaccio 1,4 C16 100 %
setaccio C16 95 %
setaccio C11,2 88 %
setaccio 5,6 mm 62 %
setaccio 2 mm 40 %
setaccio 0,500 mm 33 %
setaccio 0,250 mm 22 %
setaccio 0,063 mm 5,8 %
Contenuto di legante B min 6,0 (6,4 %)
*
Valori Marshall
S (Smin 7,5 kN) 10 kN
Pmax Pmax15

F (Fmin 2 mm, Fmax 5 mm) 4 mm


Q (Q min 2,0 kN/mm) 2,5 kN/mm
*
Resistenza alla deformazione permanente
– Dispositivo largo: profondità di rottura proporzionale P 5 (5 %)

-Dispositivo piccolo: ormaiamento WTSAIR10,0 (9%)

Profondità di rottura proporzionale PRDAIR9,0 (9%)

* stating test conditions selected in accordance with


EN 13108-20
41
EN 13108-1 (I)

Figure ZA.1a e ZA.1b — Esempi di informazioni riguardanti la Marcatura CE, per le combinazioni
requisiti generali + empirici e requisiti generali+fondamentali

In aggiunta ad ogni specifica relativa alle sostanze pericolose (vedi sopra), il prodotto può anche essere
accompagnato, quando e dove richiesto e nella forma adeguata, da una documentazione che elenchi ogni
altra legislazione riguardante le sostanze pericolose per le quali è richiesta la conformità, insieme ad ogni altra
informazione richiesta da quella legislazione.

NOTA La Legislazione Europea senza necessità di deroge non viene menzionata

Marchio CE di Conformità
composto da:
Simbolo “CE”-secondo la Direttiva 93/68/EEC.

Nome o marchio di identificazione e indirizzo


Nome Azienda, Via.....CAP.... del Produttore
04 Ultime due cifre dell’anno in cui è stata affissa
la marcatura

EN 13108-1 Numero della Normativa Europea


Conglomerato Bituminoso per strade, aeroporti e Descrizione del prodotto
aree trafficate
Designazione della norma
CB 16 sup 70/100
Nome dell’impianto
Nome Impianto (euro asphalt plant)
Codice identificativo della miscela
CB24

Figura ZA.1c — Marcatura CE (breve) per la nota di consegna

42