Sei sulla pagina 1di 13

ITIS “G.

MARCONI” – BARI
CORSO SERALE PROGETTO SIRIO

DISPENSA DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE


N° 1

LA TRASMISSIONE DELLA POTENZA

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 1
Trasmissione della potenza

1. Definizione di macchina motrice:

Si definisce macchina motrice (MM) un sistema meccanico che trasforma energia primaria (E. P.) in energia meccanica (E. M.) (che
è una forma di energia secondaria (E. S.)).

Esempi: motori a combustione interna, motori oleodinamici, macchine a vapore, elettriche, a fluido, ecc..
Schema a blocchi generale di una macchina motrice:

ENERGIA PRIMARIA (E.P.) MM ENERGIA MECCANICA (E.M.)


(es. ENERGIA CHIMICA)

Le macchine motrici si dividono in due tipologie:

a) MACCHINE MOTRICI a regime assoluto in cui la macchina è in grado di fornire all’utilizzatore un Momento motore (Mm)
costante.

Esempio: turbina a vapore.

b) MACCHINA MOTRICI a regime periodico in cui il Momento motore (Mm) fornito non è costante nel tempo e riprende
ciclicamente gli stessi valori.

Esempio: motore endotermico.

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 2
2. Definizione di macchina operatrice:
Si definisce macchina operatrice (MO), un sistema meccanico che trasforma energia meccanica in energia secondaria
utilizzata (E. U.) per fare operazioni specifiche.

Esempi: macchine utensili, agricole, tessili, di sollevamento e trasporto, confezionatrici, da ufficio, per la fabbricazione della carta,
per la stampa, armi, veicoli, elettrodomestici, manipolatori, macchine per il movimento di terra, ecc..
Schema a blocchi generale di una macchina operatrice:

= Lu / Lm =( Lm – Lp)/ Lm = 1– Lp / Lm
ENERGIA MECCANICA (E. M.) ENERGIA UTILIZZATA (E. U.)

MO
Tra le macchine operatrici vanno incluse le macchine generatrici (MG) la cui funzione però è inversa di quella dei motori, e quindi trasformano
energia meccanica in energia di diversa forma.

Esempi: pompe, compressori, dinamo, alternatori, ecc..

ENERGIA MECCANICA (E. M.) MG ENERGIA di diversa forma

(ELETTRICA, POTENZIALE, ECC.)

3. Definizione di macchina trasmettitrice (o meccanismo):


Si definisce macchina trasmettitrice (MT), un sistema costituito da elementi di macchine collegate fra loro (ruote, alberi,
ecc.) in modo da trasmettere l’energia meccanica prodotta da una macchina motrice a una macchina operatrice, operando
tuttavia una trasformazione sui fattori costituenti il lavoro, vale a dire forze e spostamenti.
Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 3
Esempi: ruote di frizione, ingranaggi, trasmissioni a cinghia o a catena, sistemi articolati, camme, giunti, innesti, ecc..
Schema a blocchi generale di una macchina trasmettitrice:

ENERGIA MECCANICA (E. M.) MT ENERGIA MECCANICA (E. M.)

4. Definizione di trasmissione meccanica:


Si definisce trasmissione meccanica un insieme di macchine opportunamente collegate tra di loro con lo scopo di
trasmettere la potenza da una o più macchine motrici a una o più macchine operatrici.

Uno schema a blocchi di una trasmissione meccanica è dato nella seguente figura:

E. P. MM E. M. MT E. M. MO E. U.

Energia persa
P

P
L

L
per attrito (L )
P

Diamo le seguenti definizioni valide per tutte le macchine:

1) Si definisce lavoro motore (Lm) il lavoro erogato dalle forze motrici.

2) Si definisce lavoro resistente (Lr) il lavoro assorbito dalle forze resistenti interne ed esterne.

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 4
Lm MM Lr = Lm MT Lr = Lm MO Lr
M M T T O O

3) Si definisce lavoro totale trasmesso (Lt) (o variazione di energia totale della macchina) la differenza tra lavoro motore (Lm) e
lavoro resistente (Lr):

L =L – L
t m r
L può assumere i valori seguenti:
t

Lt = Lm – Lr
≤ 0
>
Nel moto traslatorio se Lm >Lr allora Lt > 0 e l’energia si trasforma in variazione di energia cinetica di traslazione del corpo
(il corpo accelera).
Nel moto rotatorio se Lm >Lr allora Lt >0 e l’energia si trasforma in variazione di energia cinetica di rotazione del corpo (il
corpo accelera). Le suddette variazioni di energia si calcolano con le relazioni seguenti:

∆EC = ½ m(v2² – v1²) (moto di traslazione)

Massa
Velocità di Velocità di
Lt = traslazione traslazione
finale iniziale

∆EC = ½ Jm(2² – 1²) (moto di rotazione)


Momento Velocità
d’inerzia di Velocità angolare
massa angolare iniziale
finale
Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 5
A sua volta L è dato dalla somma del Lavoro resistente utile (L ), cioè l’energia utilizzata dalla macchina per vincere le forze
r u
resistenti esterne, e del Lavoro resistente passivo (L ) ovvero l’energia consumata per vincere gli attriti interni del meccanismo:
P
Lr = Lu + Lp

Sostituendo L nella formula di L si ha:


r t
Lt = Lm – Lu – Lp

Consideriamo ora il caso in cui la macchina funziona a regime (vale a dire che i parametri di funzionamento della macchina sono
costanti in ogni istante, oppure hanno una variazione ciclica nel tempo) in tal caso si ha che Lt=∆EC=0 e di conseguenza si ricava
l’equazione:

Lm – Lu – Lp=0
da cui si ricava:

Lm = Lu + Lp

Quindi, in definitiva, il lavoro motore che una macchina motrice deve fornire a regime è uguale, istante per istante, alla
somma del lavoro resistente utile e passivo:

Per poter valutare il grado di trasformazione di L in L (e quindi il lavoro perso a causa delle resistenze interne alla macchina non
m u
trasformato in lavoro utile) si introduce il concetto di rendimento della macchina:

= Lu / Lm =( Lm – Lp)/ Lm = 1– Lp / Lm

Nelle condizioni di funzionamento reali, L è sempre diverso da zero (L ≠0) quindi Il rendimento è sempre minore dell’unità:
p p
<
MO1
Se il funzionamento è ideale, è lecito porre L =0 e in tal caso essendo:
p

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 6
Lm= Lu  =1 (funzionamento ideale)

Definiamo adesso un parametro importante per la trasmissione del moto cioè il rapporto di trasmissione.

Consideriamo perciò solamente la macchina trasmettitrice e rappresentiamo i momenti motore (M ) e resistente (M ) e le velocità
m r
angolari d’entrata ( ) e d’uscita ( ):
e u

1° caso 2° caso
Mr u

MT
e u
Mm Mr
Albero
motore Albero
condotto

All’albero d’entrata è applicato M che obbliga l’albero a ruotare concordemente al suo stesso verso di rotazione.
m
All’albero d’uscita è applicato Mr che, al contrario di Mm, ha sempre verso opposto a u perché deve opporsi al moto
dell’albero.

Si definisce rapporto di trasmissione (i) il rapporto tra la velocità angolare d’entrata (e) e la velocità angolare di
uscita (u):
i = e/u

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 7
Il rapporto di trasmissione può assumere i seguenti valori:

> 1  che il meccanismo è riduttore

i =1  che il meccanismo è indifferente

< 1  che il meccanismo è moltiplicatore

Se i meccanismi sono collegati in serie, il rapporto di trasmissione totale è uguale al prodotto dei singoli rapporti di
trasmissione

MT1 MT2 MT3


e
1  u = e  u = e u
1 2 2 3 3

it = i 1•i 2•i 3 =(e /u )•(e /u )•(  e /u )=  e /u


1 1 2 2 3 3 1 3

Pertanto il rapporto di trasmissione di più meccanismi collegati in serie è uguale al rapporto fra la velocità angolare d’entrata del
primo meccanismo e la velocità angolare d’uscita dell’ultimo meccanismo:

i t= e / u (rapporto di trasmissione totale)


1 n

Rendimento delle trasmissioni meccaniche in serie o in parallelo.

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 8
Una trasmissione meccanica può essere realizzata collegando le varie macchine tra di loro in serie o in parallelo allo scopo di poter
modificare in modo significativo i parametri del lavoro.

Definizioni:

1) Le macchine si dicono disposte in serie quando le forze resistenti di una macchina sono anche le forze motrici della successiva.

2) Le macchine si dicono disposte in parallelo quando ricevono potenza da una stessa macchina motrice.

Macchine disposte in serie

Il rendimento totale di una trasmissione meccanica con macchine in serie, costituita, ad esempio, da un motore, due meccanismi e
una macchina operatrice, è dato dal prodotto dei singoli rendimenti:

Lm Lu =Lm Lu =Lm Lu =Lm Lu


M
MM M 1 MT1 1 2 MT2 2 O MO O
PM

P1

PO
P2
L
L

L
 M• 1• 2 • O =(Lu /Lm )•(Lu /Lm )•( Lu /Lm ) •( Lu /Lm )= Lu /Lm
M M 1 1 2 2 O O O M

Pertanto il rendimento totale di una trasmissione meccanica in serie è uguale al rapporto tra il lavoro utile dell’ultima macchina e il
lavoro motore della prima macchina:

t= Lu /Lm
O M

Inoltre:
Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 9
t= Lu /Lm = (Lm - Lp )/Lm = 1- (Lp )/Lm < 1
O M M i M i M

In cui  Lp = Lp + LP +Lp +Lp


i M 1 2 O

Lo stesso discorso vale se delimitiamo l’analisi ai soli meccanismi. Per esempio, nel caso di tre meccanismi si ha:

Lm Lu =Lm Lu =Lm Lu
1
MT1 1 2
MT2 2 3
MT3 3

P1

P2

P3
L

L
 1• 2• 3 =(Lu /Lm )•(Lu /Lm )•( Lu /Lm )= Lu /Lm
1 1 2 2 3 3 3 1

Pertanto il rendimento totale di un insieme di meccanismi disposti in serie è uguale anche al rapporto fra il lavoro utile dell’ultimo
meccanismo e il lavoro motore del primo meccanismo:

t= Lu /Lm
3 1

Inoltre, essendo:

Lm = Lu +Lp = Lu +Lp +Lp = Lu +Lp +Lp +Lp = Lu +  Lp


1 1 1 2 1 2 3 1 2 3 3 i
si ha:
t= Lu /Lm = (Lm – Lp )/Lm = 1– (Lp )/Lm
3 1 1 i 1 i 1

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 10
che è minore dell’unità:

t< 1

Macchine disposte in parallelo

Il rendimento di una trasmissione meccanica con macchine operatrici in parallelo, costituita, ad esempio, da un motore, tre
meccanismi e tre macchine operatrici, si può esprimere, in questo caso, come media pesata dei rendimenti delle singole macchine
operatrici in cui i pesi sono i rispettivi lavori motori:

Lm Lu = Lm Lu
1 MT1 1 O1 MO1 O1

PO1
P1
L

L
Lm Lu Lm Lu =Lm Lu
M
MM M 2 MT2 2 O2 MO2 O2

PO2
P2
L
PM

L
L

Lm Lu = Lm Lu
3 MT3 3 O3 MO3 O3

PO3
P3
L

L
Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 11
Infatti:

Lu =  Lm =Lm + Lm + Lm
M i 1 2 3

Lm = Lm = Lm + Lm + Lm
O Oi O1 O2 O3

Lu =  Lu = Lu + Lu + Lu
O Oi O1 O2 O3

inoltre:

Lu =  Lu = Lu + Lu + Lu =  O1 Lm +  O2 Lm +  O3 Lm
O Oi O1 O2 O3 O1 O2 O3

pertanto, il rendimento delle macchine operatrici disposte in parallelo, compresi i meccanismi, è:

 O = Lu / Lm = ( Lu + Lu + Lu )/ Lm = (  O1 Lm +  O2 Lm +  O3 Lm ) / Lm
O O O1 O2 O3 O O1 O2 O3 O

Se teniamo conto dei meccanismi che sono collegati in serie alle macchine operatrici, il rendimento si può calcolare anche con
riferimento ai lavori motori dei meccanismi:

Lu =  Lu = Lu + Lu + Lu =  O1 Lm +  O2 Lm +  O3 Lm =  O1  1 Lm +  O2  2 Lm +  O3  3 Lm
O Oi O1 O2 O3 O1 O2 O3 1 2 3

 O = Lu / Lm = ( Lu + Lu + Lu )/ Lm = (  O1  1 Lm +  O2  2 Lm +  O3  3 Lm )/ Lm
O O O1 O2 O3 O 1 2 3 O

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 12
Se consideriamo, per semplicità, unitari i rendimenti dei meccanismi, risulta:

Lm = Lm + Lm + Lm = Lu + Lu + Lu =  1 Lm +  2 Lm +  3 Lm = Lm + Lm + Lm = Lu
O O1 O2 O3 1 2 3 1 2 2 1 2 3 M

ma il rendimento del motore è:

M= Lu /Lm = Lm /Lm


M M O M

ed esprimendo Lm in funzione di O si ottiene:


O

M= Lu /Lm = ( Lu / O )/Lm


M M O M

da cui:
Lm = Lu + Lp

Pertanto, se si possono considerare unitari i rendimenti dei meccanismi eventualmente presenti, il rendimento totale di una
trasmissione meccanica con macchine operatrici disposte in parallelo, è uguale al rapporto tra la somma dei lavori resistenti utili di
ciascuna macchina operatrice e il lavoro motore della macchina motrice:

t= Lu /Lm


Oi M

Se, viceversa, non è possibile trascurare i rendimenti dei meccanismi, si procede dapprima a calcolare separatamente i rendimenti
del motore e delle macchine operatrici disposte in parallelo e dopo a moltiplicarli tra di loro.

Dispensa a cura del Prof. D. Piperis - ITIS “G. Marconi” - Bari - Corso Serale Progetto “Sirio” 13