Sei sulla pagina 1di 22

NORMA ITALIANA Connessioni di scarico e collettori di fognatura UNI EN 752-2

all’esterno degli edifici


Requisiti prestazionali

GIUGNO 1997

Drain and sewer systems outside buildings


Performance requirements

Servizio igienico, smaltimento acqua, edificio, esterno, specifica, valuta-

NORMA EUROPEA
DESCRITTORI
zione della prestazione, verifica

CLASSIFICAZIONE ICS 13.060.30; 93.160

SOMMARIO La norma si applica alle connessioni di scarico ed ai collettori di fognatura


esterni all’edificio, compresi quelli situati nell’ambito dell’edificio purché
non facciano parte del sistema di scarico interno.
La norma ne definisce i requisiti prestazionali da considerare durante la
pianificazione, la progettazione, l’installazione ed il funzionamento.

RELAZIONI NAZIONALI

RELAZIONI INTERNAZIONALI = EN 752-2:1996


La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 752-2 (edizione luglio 1996).

ORGANO COMPETENTE Commissione "Edilizia"

RATIFICA Presidente dell’UNI, delibera del 21 maggio 1997

RICONFERMA

UNI  UNI - Milano 1997


Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell’UNI.
20133 Milano, Italia

Gr. 6 Nº di riferimento UNI EN 752-2:1997 Pagina I di IV


PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 752-2 (edizione luglio 1996), che assume così
lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione è stata curata dall’UNI.
La Commissione "Edilizia" dell’UNI, che segue i lavori europei
sull’argomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha
approvato il progetto europeo il 24 aprile 1996 e la versione in lin-
gua italiana della norma il 25 luglio 1996.

Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza


tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e le norme italia-
ne vigenti:
EN 752-1 = UNI EN 752-1

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni
o di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

UNI EN 752-2:1997 Pagina II di IV


INDICE

PREMESSA 2

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3

3 DEFINIZIONI 3

4 FONTI DI ULTERIORE INFORMAZIONE 3

5 GENERALITÀ 3

6 REQUISITI PRESTAZIONALI DI BASE 4


prospetto 1 Frequenze raccomandate per la progettazione ....................................................................... 4

7 PROVA DELLE PRESTAZIONI 5

8 VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DOCUMENTAZIONE 5

APPENDICE A FONTI DI ULTERIORE INFORMAZIONE 7


(informativa)
A.1 Austria ............................................................................................................................................................. 7
A.2 Danimarca .................................................................................................................................................... 8
A.3 Finlandia ..................................................................................................................................................... 10
A.4 Francia ......................................................................................................................................................... 10
A.5 Germania .................................................................................................................................................... 11
A.6 Irlanda .......................................................................................................................................................... 11
A.7 Italia ............................................................................................................................................................... 12
A.8 Paesi Bassi................................................................................................................................................ 12
A.9 Portogallo ................................................................................................................................................... 13
A.10 Spagna ........................................................................................................................................................ 13
A.11 Svezia........................................................................................................................................................... 14
A.12 Svizzera ...................................................................................................................................................... 15
A.13 Regno Unito .............................................................................................................................................. 15

UNI EN 752-2:1997 Pagina III di IV


UNI EN 752-2:1997 Pagina IV di IV
NORMA EUROPEA Connessioni di scarico e collettori di fognatura EN 752-2
all’esterno degli edifici
Requisiti prestazionali

LUGLIO 1996

EUROPEAN STANDARD Drain and sewer systems outside buildings


Performance requirements

NORME EUROPÉENNE Réseaux d’évacuation et d’assainissement à l’extérieur des


bâtiments
Prescriptions de performances

EUROPÄISCHE NORM Entwässerungssysteme außerhalb von Gebäuden


Anforderungen

DESCRITTORI Servizio igienico, smaltimento acqua, edificio, esterno, specifica, valutazione


della prestazione, verifica

ICS 13.060.30

La presente norma europea è stata approvata dal CEN il 17 giugno 1996.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalità secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche.
Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali
corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centra-
le oppure ai membri del CEN.
Le norme europee sono emanate in tre versioni ufficiali (inglese, francese e te-
desca). Traduzioni nella lingua nazionale, fatte sotto la propria responsabilità
da membri del CEN e notificate alla Segreteria Centrale, hanno il medesimo
status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spa-
gna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comité Européen de Normalisation
Europäisches Komitee für Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

 CEN 1996
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.

UNI EN 752-2:1997 Pagina 1 di 18


PREMESSA
La presente norma europea è stata elaborata dal CEN/TC 165 "Ingegneria delle acque di
scarico", la cui segreteria è affidata al DIN.
La presente parte è la seconda di una serie relativa ai requisiti funzionali delle connessio-
ni di scarico e dei collettori di fognatura all'esterno degli edifici che funzionano essenzial-
mente a gravità. Le parti saranno sette in tutto, come segue: Connessioni di scarico e col-
lettori di fognatura all'esterno degli edifici -
Parte 1: Generalità e definizioni
Parte 2: Requisiti prestazionali
Parte 3: Pianificazione
Parte 4: Progettazione idraulica e considerazioni legate all'ambiente
Parte 5: Risanamento
Parte 6: Stazioni di pompaggio
Parte 7: Manutenzione ed esercizio.
Nel redigere questa parte della presente norma europea si è tenuto conto degli altri pro-
getti di norma esistenti, in particolare del prEN 476 "Requisiti generali dei componenti uti-
lizzati nelle tubazioni di scarico, nelle connessioni di scarico e nei collettori di fognatura
per i sistemi di scarico a gravità".
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o me-
diante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro gennaio
1997, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro gennaio 1997.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, i seguenti Paesi sono tenuti ad adot-
tare la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germa-
nia, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Re-
gno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 752-2:1997 Pagina 2 di 18


1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma europea si applica alle connessioni di scarico ed ai collettori di fogna-
tura che funzionano essenzialmente a gravità, dal punto in cui l'effluente abbandona l'edi-
ficio od il sistema di drenaggio della copertura oppure entra in un pozzetto stradale sino al
punto in cui confluisce in un impianto di trattamento o in un corpo ricettore di acqua.
Sono incluse anche le connessioni di scarico ed i collettori di fognatura situati al di sotto
degli edifici, qualora non facciano parte del sistema di scarico interno.
La presente parte stabilisce i requisiti prestazionali di cui tenere conto per la pianificazio-
ne, la progettazione, la messa in opera e l'esercizio delle connessioni di scarico e dei col-
lettori di fognatura che funzionano essenzialmente a gravità.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non da-
tati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento.
EN 752-1 Connessioni di scarico e collettori di fognatura all'esterno degli
edifici - Generalità e definizioni

3 DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma si applicano le definizioni della EN 752-1.

4 FONTI DI ULTERIORE INFORMAZIONE


La presente norma stabilisce i requisiti essenziali per lo svolgimento secondo le regole
dell'arte delle diverse attività di ingegneria in materia di pianificazione, progettazione ed
esercizio delle connessioni di scarico e dei collettori di fognatura. Per informazioni più det-
tagliate si dovrebbe fare riferimento ai documenti nazionali sino al momento in cui saran-
no disponibili norme europee complete.
I documenti elencati nell'appendice A contengono informazioni dettagliate che possono
essere utilizzate nel quadro della presente parte della norma, con riserva di approvazione
da parte dell'autorità competente.

5 GENERALITÀ
I requisiti prestazionali riguardano le connessioni di scarico, i collettori di fognatura, inclusi
i dispositivi di troppopieno dei sistemi misti, le stazioni di pompaggio e gli impianti di trat-
tamento, nonché gli effetti dei loro scarichi sui corpi ricettori. I requisiti prestazionali devo-
no essere tenuti in considerazione al fine di assicurare che le aggiunte o le modifiche ap-
portate al sistema nel suo insieme non determinino il mancato rispetto delle norme previ-
ste.
Si devono stabilire requisiti prestazionali che assicurino che i sistemi di connessione di
scarico e collettori di fognatura convoglino e scarichino i loro effluenti senza causare dan-
ni inaccettabili all'ambiente e rischi per la salute pubblica o del personale addetto, pur te-
nendo conto dei costi totali e dei costi indiretti.

UNI EN 752-2:1997 Pagina 3 di 18


6 REQUISITI PRESTAZIONALI DI BASE
I requisiti prestazionali di base stabiliti per l'esercizio delle connessioni di scarico e dei col-
lettori di fognatura sono i seguenti:
a) il sistema deve funzionare senza ostruirsi;
b) le frequenze di inondazione devono essere limitate ai valori prescritti;
c) devono essere salvaguardate la vita e la salute pubblica;
d) le frequenze di sovraccarico dei collettori di fognatura dovrebbero essere limitate ai
valori prescritti;
e) devono essere salvaguardate la vita e la salute del personale addetto;
f) il corpo ricettore deve essere protetto dall'inquinamento nei limiti prescritti;
g) le connessioni di scarico e i collettori di fognatura non devono mettere a rischio le
strutture adiacenti e i servizi pubblici esistenti;
h) la durata di vita attesa e l'integrità strutturale devono essere assicurate;
i) le connessioni di scarico e i collettori di fognatura devono essere a tenuta in confor-
mità ai requisiti di prova;
j) non devono crearsi problemi di cattivi odori e tossicità;
k) deve essere previsto un accesso appropriato per gli interventi di manutenzione.
L'impatto delle connessioni di scarico e dei collettori di fognatura sul corpo ricettore deve
essere conforme ai requisiti stabiliti dall'autorità competente. Si devono altresì rispettare
gli altri requisiti ambientali specificati dall'autorità competente.
Nella scelta dei criteri prestazionali idraulici per i collettori destinati ad acque di superficie
e per i sistemi misti si deve tenere conto dei metodi di progettazione che verosimilmente
saranno utilizzati. In tutti i casi si dovrebbe tenere conto dell'importanza delle conseguen-
ze di un'inondazione.
Per i sistemi più piccoli si raccomanda un approccio relativamente semplice, ma sicuro,
benché non sia esclusa l'utilizzazione di modelli di simulazione. I collettori di fognatura so-
no generalmente concepiti per funzionare pieni, senza sovraccarico, in caso di precipita-
zioni di carattere temporalesco relativamente frequenti nella consapevolezza che ciò as-
sicura la protezione contro l'inondazione in caso di precipitazioni più intense. Per detti si-
stemi, in assenza di indicazioni specifiche da parte dell'autorità competente, si dovrebbe-
ro utilizzare i criteri della "frequenza delle precipitazioni a carattere temporalesco per la
progettazione" indicati nel prospetto 1. Il progettista deve utilizzare i dati riferiti all'intensità
e alla durata delle precipitazioni atmosferiche applicabili a quella particolare zona.
prospetto 1 Frequenze raccomandate per la progettazione

Frequenza delle precipitazioni a Luogo Frequenza di inondazione per la


carattere temporalesco per la progettazione (1 ogni "n" anni)
progettazione1) (1 ogni "n" anni)

1 all’anno Zone rurali 1 ogni 10 anni


1 ogni 2 anni Zone residenziali 1 ogni 20 anni
1 ogni 2 anni Centri abitati/zone industriali/commerciali
1 ogni 5 anni - con verifica del rischio di inondazione; 1 ogni 30 anni
- senza verifica del rischio di inondazione. -
1 ogni 10 anni Ferrovia sotterranea/Sottopassaggi 1 ogni 50 anni
1) Per dette precipitazioni temporalesche non deve verificarsi alcun sovraccarico.

Per i sistemi più piccoli da progettare utilizzando un modello di simulazione e per i sistemi
più estesi, in particolare dove i danni o i rischi per la salute pubblica sono significativi, si
raccomanda che il livello di protezione contro l'inondazione sia valutato direttamente. Il si-
stema di collettori di fognatura può essere inizialmente progettato, come sopra indicato,
per escludere il sovraccarico ad una "frequenza delle precipitazioni temporalesche per la
progettazione" appropriata. Dovrebbe quindi essere utilizzato un modello di simulazione
di flusso per controllare il livello di protezione contro l'inondazione in rapporto alla "fre-
quenza di inondazione per la progettazione" e la progettazione dovrebbe essere modifi-

UNI EN 752-2:1997 Pagina 4 di 18


cata laddove non si è realizzata la protezione contro l'inondazione richiesta. Tuttavia, vi
saranno casi in cui saranno indicate modifiche per evitare un sovradimensionamento su-
perfluo. Devono essere rispettati tutti i requisiti stabiliti dall'autorità competente, ma, in lo-
ro assenza, dovrebbero essere utilizzati i valori delle frequenze di inondazione per la pro-
gettazione indicati nel prospetto 1.
Detti approcci dovrebbero essere applicati per la valutazione di un sistema esistente
nell'ottica di un suo miglioramento.

7 PROVA DELLE PRESTAZIONI


È necessario verificare e valutare la prestazione delle connessioni di scarico e dei collet-
tori di fognatura durante la realizzazione dei lavori, al termine dei lavori e anche durante
la vita del sistema.
Le verifiche e le valutazioni comprendono per esempio:
a) prova di tenuta all'acqua;
b) prova di tenuta all'aria;
c) prova di infiltrazione;
d) esame a vista;
e) ispezione con CCTV (televisione a circuito chiuso);
f) valutazione della portata in condizioni di tempo asciutto;
g) monitoraggio degli arrivi nel sistema;
h) monitoraggio della qualità, quantità e frequenza dell'effluente nel punto di scarico nel
corpo ricettore;
i) monitoraggio all'interno del sistema rispetto a miscele di gas tossiche e/o esplosive;
j) monitoraggio degli scarichi negli impianti di trattamento provenienti dal sistema.
Le prove da effettuare per determinare la prestazione ottenuta dalle connessioni di scari-
co e dai collettori di fognatura dipendono dal tipo di sistema da verificare, nuovo o esisten-
te.

8 VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E DOCUMENTAZIONE


Al fine di valutare la prestazione delle connessioni di scarico e dei collettori di fognatura è
necessario controllare tutti i dati caratteristici disponibili, tra cui, per esempio:
a) casi di inondazione;
b) casi di ostruzione dei tubi;
c) casi di affondamento dei collettori;
d) casi di malattia, infortunio o decesso tra gli operatori;
e) casi di malattia, infortunio o decesso tra la popolazione;
f) casi di danneggiamento dei collettori;
g) rispetto delle autorizzazioni di scarico in entrata e in uscita dal sistema;
h) risultati dell'ispezione CCTV e dell'esame a vista;
i) casi di segnalazione dell'emissione di cattivi odori dall'effluente;
j) analisi delle prestazioni idrauliche;
k) prestazioni delle apparecchiature meccaniche/elettriche;
l) risultati delle prove e del monitoraggio;
m) prestazioni e condizioni delle strutture di regolazione della portata;
n) casi di sovraccarico del sistema.

UNI EN 752-2:1997 Pagina 5 di 18


Qualora non sia stata raggiunta la prestazione desiderata, è necessario un intervento cor-
rettivo secondo le priorità assegnate.
Per poter valutare le prestazioni sono necessari i progetti delle opere già realizzate per
poter disporre delle informazioni di base essenziali.
Le autorità competenti sono la fonte di gran parte dei dati sopraindicati. Tutti i dati deter-
minanti devono essere conservati.

UNI EN 752-2:1997 Pagina 6 di 18


APPENDICE A FONTI DI ULTERIORE INFORMAZIONE
(informativa)
I titoli dei documenti sono tradotti a titolo informativo. Solo i documenti il cui titolo è con-
trassegnato da un asterisco (*) sono disponibili nella lingua del titolo.

A.1 Austria

A.1.1 Norme austriache (ÖNORM)


No. Titolo
B 2500 Abwassertechnik, Entstehung und Entsorgung von Abwas-
ser, Begriffsbestimmungen und Zeichen*
Wastewater management: formation and disposal of wa-
stewater; definitions and symbols
B 2501 Entwässerungsanlagen für Gebäude und Grundstücke; Be-
stimmungen für Planung und Ausführung*
Sewer systems for buildings and premises; rules for plan-
ning and installation
B 2503 Ortskanalanlagen (Straßenkanäle); Richtlinien der Au-
sführung*
Sewer system; code of building practice
B 2504 Schächte für Entwässerungsanlagen*
Manhole shafts for sewerage
B 5012
Teil 1 Statische Berechnungen erdverlegter Rohrleitungen im Sie-
dlungs- und Industriewasserbau, Grundlagen*
Part 1 Static calculation of buried pipelines for water supply and
sewerage: principles
B 5012
Teil 2 Statische Berechnungen erdverlegter Rohrleitungen im Sie-
dlungs- und Industriewasserbau, Lastannahmen, rechneri-
sche Nachweise*
Part 2 Static calculation of buried pipelines as parts of water and
sewerage conduits for housing and industry; assumptions of
charge, calculating certificates
B 5013
Teil 1 Oberflächenschutz mit organischen Schutzmaterialien im
Siedlungswasserbau;
Abschätzung der Korrosionswahrscheinlichkeit und Schutz
von unlegierten und niederlegierten Eisenwerkstoffen*
Part 1 Corrosion protection by organic coatings for water and wa-
stewater engineering in residential areas, assessment of
corrosion probability and protection of unalloyed and low-al-
loyed ferrous materials
B 5013
Teil 2 Oberflächenschutz mit organischen Schutzmaterialien im
Siedlungswasserbau;
Abschätzung der Korrosionswahrscheinlichkeit und Schutz
von zementgebundenen Werkstoffen*
Part 2 Corrosion protection by organic coatings for water and wa-
stewater engineering in residential areas, assessment of
corrosion probability and protection of cement-bound mate-
rials

UNI EN 752-2:1997 Pagina 7 di 18


B 5016 Überprüfung von Erdarbeiten für Rohrleitungen des Sie-
dlungs- und Industriewasserbaues; Verdichtungsgrade*
Examination of earthworks for pipelines of water and sewa-
ge conduits for housing and industry - Degrees of compac-
tion

A.1.2 Associazione austriaca gestione acqua e scarichi - Codici di pratica (ÖWAV - Österreichi-
scher Wasser - und Abfallwirtschaftsverband - Regelblätter)
No. Titolo
Regelblatt 5 Richtlinien für die hydraulische Berechnung von Abwasse-
rkanälen*
Rule 5 Guidelines for the hydraulic calculation of sewerage pipeli-
nes
Regelblatt 9 Richtlinien für die Anwendung der Entwässerungsver-
fahren*
Rule 9 Guidelines for the use of sewerage systems
Regelblatt 11 Richtlinien für die abwassertechnische Berechnung von
Schmutz-, Regen- und Mischwasserkanälen*
Rule 11 Guidelines for Technical calculation of foul water, stormwa-
ter and combined systems
Regelblatt 19 Richtlinien für die Bemessung und Gestaltung von Rege-
nentlastungen in Mischwasserkanälen*
Rule 19 Guidelines for the design of stormwater overflows in combi-
ned systems
Regelblatt 21 Kanalkataster*
Rule 21 Documentation of sewerage systems
Regelblatt 22 Kanalwartung und Kanalerneuerung*
Rule 22 Maintenance and renewal of sewerage systems

A.1.3 Altre linee guida


No. Titolo
ZL. 57.030/3-V-6/84 Technische Richtlinien für die Errichtung, Erweiterung und
Verbesserung von mit Mitteln des Wasserwirtschaftsfonds
geförderten Wasserversorgungs- und Abwasserbeseitigun-
gsanlagen (Technische Richtlinien des Wasserwirtschaft-
sfonds). Bundesministerium für Umwelt, Jugend und Fami-
lie*
Technical guidelines for the construction, extension and im-
provement of water supply and wastewater systems finan-
cially supported by the Water Management Fund (Technical
Guidelines of the Water Management Fund). Federal Mini-
stry for Environment, Youth and Family

A.2 Danimarca

A.2.1 Associazione Norme Danesi (DS)


No. Titolo
DS 421 Norm for tætte fleksible samlinger i ledninger af beton mv.*
Code of practice for flexible watertight joints for pipelines of
Concrete, etc.
DS 430 Norm for lægning af fleksible ledninger af plast i jord*
Code of practice for the laying of underground flexible pipe-
lines of plastic

UNI EN 752-2:1997 Pagina 8 di 18


DS 432 Norm for afløbsinstallationer*
Code of practice for sanitary drainage/wastewater installa-
tions
DS 436 Norm for dræning af bygværker*
Code of practice for the groundwater drainage of buildings
DS 437 Norm for lægning af stive ledninger af beton mv i jord*
Code of practice for the laying of underground rigid pipeli-
nes of concrete, etc.
DS 440 Norm for mindre afløbsanlæg med nedsivning*
Code of practice for smaller drainage disposal systems for
percolation into the ground
DS 455 Norm for tæthed af afløbssystemer i jord*
Code of practice for impenetrability of underground sewer
systems

A.2.2 Comitato Nordico sui Regolamenti Edilizi


No. Titolo
NKB publ. No. 48 Retningslinier for bestemmelser vedrørende vand- og afløb-
sinstallationer*
NKB publ. No. 48E Guidelines for building regulations for water supply and drai-
nage systems*

A.2.3 Comitato Danese Inquinamento Acqua


No. Titolo
Skrift nr. 18 Maksimalafstrømninger og bassinvoluminer fra historiske
regnserier*
Guide No. 18 Urban storm water runoff and storage tanks calculated with
series of historical rain events
Skrift nr. 21 Recipientbelastning fra overløbssystemer*
Guide No. 21 Calculation of combined sewer overflow on receiving waters
Skrift nr. 22 Forurening af vandløb fra overløbsbygværker*
Guide No. 22 The impact of combined sewer overflows on small streams
Skrift nr. 24 Standardiserede data for afløbssystemer*
Guide No. 24 Standardised data for sewer systems
ISBN 87-254-15-8 Huskelist for fornyelse af afløbssystemer*
Check list for preparation of sewer rehabilitation plans

A.2.4 Agenzia Danese Protezione Ambientale


No. Titolo
SPVF nr. 6 Kvalitetsstyring af afløbsprojekter*
Quality control of sewer projects
SPVF nr. 13 Udarbejdelse af fornyelsesplaner for afløbssystemer*
Preparation of Project for the Renovation of Sewer Systems
SPVF nr. 22 Renovering af afløbssystemer; Belastning af PEH-rør ved
dynamisk rørsproengning.*
Renovation of sewer systems: HDPE pipes: stress by dyna-
mic pipe cracking
SPVF nr. 33 Fornyelse af afløbssystemer; Behov og økonomi*
Rehabilitation of sewer systems; Needs and finance
SPVF nr. 48 Uvedkommende vand i afløbssystemer*
Intruding water in sewer systems
Projekt nr. 137 Regulering af forurening fra afløbssystemer under regn*
Project No. 137 Control of Pollution from Sewer Systems during

UNI EN 752-2:1997 Pagina 9 di 18


A.2.5 Regolamenti edilizi
No. Titolo
BR 1995 Bygningsreglement - Udgivet af Bygge- og Boligstyrelsen*
Danish Building Regulation - Published by the National Buil-
ding and Housing Agency

A.3 Finlandia

A.3.1 Comitato Nordico sui Regolamenti Edilizi


No. Titolo
NKB publ. No. 48 (Not available in Finnish language)
NKB publ. No. 48E Guidelines for building regulations for water supply and drai-
nage systems*

A.3.2 Ministero dell’ambiente


No. Titolo
ISBN 951-37-1134-X Kiinteistöjen vesi-ja viemärilaitteistot*
Water supply and drainage installations for buildings and re-
commendations

A.4 Francia
No. Titolo
Instruction technique relative aux réseaux d’assainissement
des agglomérations* (1977):
Chapitre 1 Conception générale
Chapitre 2 Calcul des débits d’eaux pluviales
Chapitre 3 Calcul des débits d’eaux usées
Chapitre 4 Calcul des sections des ouvrages
Chapitre 5 Condition d’établissement des réseaux
Chapitre 6 Ouvrages annexes
Chapitre 7 Bassins de retenue d’eaux pluviales
Technical Directive for Urban Drain and Sewer Systems:
Chapter 1 General design data
Chapter 2 Calculation of rainwater flow rates
Chapter 3 Calculation of wastewater flow rates
Chapter 4 Dimensioning of pipe diameters
Chapter 5 Conditions for installation of systems
Chapter 6 Ancillary works
Chapter 7 Detention tanks for rainwater.
Fascicule 70 Cahier des clauses techniques générales applicables
aux marchés publics de travaux (ouvrages d’essainisse-
ment):*
Chapitre 1 Dispositions générales
Chapitre 2 Nature et qualité des matériaux
Chapitre 3 Règles de conception et de calcul des
ouvrages
Chapitre 4 Prestations prélables
Chapitre 5 Exécution des travaux
Chapitre 6 Conditions de réception.
Book No. 70 General technical requirements for public contracts dea-
ling with installation of wastewater systems
Chapter 1 General requirements
Chapter 2 Type and quality requirements for materials
Chapter 3 Design requirements including structural
design

UNI EN 752-2:1997 Pagina 10 di 18


Chapter 4 Preliminary work
Chapter 5 Installation
Chapter 6 Commissioning requirements

A.5 Germania
No. Titolo
ATV-Merkblatt M 101 Planung von Entwässerungsanlagen, Neubau-, Sanierun-
gs- und Erneurungsmaßnahmen*
Planning of drain and sewer systems, new construction,
rehabilitation and replacement*
ATV-Arbeitsblatt A 105 Hinweise für die Wahl des Entwässerungsverfahrens (Mi-
schverfahren/Trennverfahren)*
Notes for the selection of the drainage system (combined
system/separate system)*
ATV-Arbeitsblatt A 117 Richtlinien für die Bemessung, die Gestaltung und den Be-
trieb von Regenrückhaltebecken*
Standard for the dimensioning, design and operation of stor-
mwater holding tanks*
ATV-Arbeitsblatt A 118 Richtlinien für die hydraulische Berechnung von Schmutz-,
Regen- und Mischwasserkanälen*
Standard for the hydraulic calculation of wastewater, stor-
mwater and combined wastewater sewers*
ATV-Arbeitsblatt A 119 Grundsätze für die Berechnung von Entwässerungsnetzen
mit elektronischen Datenverarbeitungsanlagen*
Rules for the calculation of sewer systems by data proces-
sing*
ATV-Arbeitsblatt A 128 Richtlinien für die Bemessung und Gestaltung von Rege-
nentlastungsanlagen in Mischwasserkanälen*
Standard for the dimensioning and design of overflow struc-
tures in combined sewers*
ATV-Arbeisblatt A 140 Regeln für den Kanalbetrieb, Teil 1: Kanalnetz*
Rules for the operation of sewers, Part 1: the sewer
network*
DIN 1986 Entwässerungsanlagen für Gebäude und Grundstücke*
Drainage systems on private ground
DIN 4045 Abwassertechnik - Begriffe*
Wastewater Engineering - Definitions

A.6 Irlanda

A.6.1 Norme britanniche


No. Titolo
BS 6100: Section 2.7 Building and civil engineering terms. Part 2 civil enginee-
ring. Section 2.7 public health-environmental engineering*
BS 8000: Part 14 Workmanship on building sites: Part 14 Code of practice for
below ground drainage*
BS 8005: Part 0 Sewerage: Introduction and guide to data sources and do-
cumentation*
BS 8005: Part 1 Sewerage: Guide to new sewerage construction*
BS 8005: Part 2 Sewerage: Guide to Pumping Stations and Pumping
Mains.*
BS 8005: Part 3 Sewerage: Guide to Planning and Construction of Sewers in
Tunnel*

UNI EN 752-2:1997 Pagina 11 di 18


BS 8005: Part 4 Sewerage: Guide to Design and Construction of Outfalls*
BS 8005: Part 5 Sewerage: Guide to Rehabilitation of Sewers.*
BS 8301 Code of Practice for Building Drainage*

A.6.2 Regolamenti edilizi


No. Titolo
Building Regulations 1991 - Department of Environment.
Available from Government Publications Office, Molesworth
Street, Dublin 2.*

A.7 Italia
No. Titolo
UNI 9183 Edilizia - Sistemi di scarico delle acque usate - Criteri di pro-
gettazione, collaudo e gestione*
Building - Plumbing design criteria - Drainage system
UNI 9184 Edilizia - Sistemi di scarico delle acque meteoriche - Criteri
di progettazione, collaudo e gestione*
UNI 9184 Building - Plumbing design criteria - Storm water system
UNI ISO 7336 Condotte di amianto-cemento - Direttive per il calcolo idrau-
lico*
UNI ISO 7336 Asbestos cement pipelines - Guidelines for hydraulic calcu-
lation

A.8 Paesi Bassi


No. Titolo
NPR 3218 Buitenriolering onder vrij verval - Aanleg en onderhoud*
Drainage and sewerage gravity systems outside buildings -
Installation and maintenance
NEN 3219 (Draft) Buitenriolering - Aanduiding op tekeningen*
Drainage and sewerage gravity systems outside buildings -
Symbols for drawings
NEN 3220 Buitenriolering - Beheer*
Drainage and sewerage outside buildings - Management
NEN 3221 Buitenriolering onder over - en onderdruk - Ontwerp-criteria,
aanleg en onderhoud*
Drainage and sewerage partial vacuum and over-pressure
systems outside buildings - Design requirements, installa-
tion and maintenance
NEN 3300 (Draft) Buitenriolering - Benamingen*
(Draft) Drainage and sewerage outside buildings - Termino-
logy
NPR 3398 Buitenriolering - Inspectie en toestandbeoordeling van rio-
len*
Sewerage systems outside buildings - Inspection and condi-
tion assessment of sewers
NEN 3399 Buitenriolering - Classificatiessysteem bij visuele inspectie
van riolen*
Sewerage systems outside buildings - Classification system
for visual inspection of sewers
NPR 7061 Aanleg van rioolpersleidingen van ongeplastificeerd PVC*
Installation of buried unplasticized PVC sewer pipelines un-
der pressure

UNI EN 752-2:1997 Pagina 12 di 18


A.9 Portogallo

A.9.1 Regolamenti portoghesi


No. Titolo
Portaria No. 11 338 Regulamento Geral de Canalizações de Esgoto. Ministério
das Obras Públicas e Transportes, Lisboa, Imprensa Nacio-
nal - Casa da Moeda.
Projecto de Regulamento Geral de Distribuição de Água e
de Drenagem de Águas Residuais. Conselho Superior de
Obra Públicas, Lisboa.*
General Regulations for Sewers. Ministry of Public Works
and Transportation, Lisbon, Imprensa Nacional - Casa da
Moeda.
Project of General Regulation of Water Distribution and Wa-
stewater Drainage. Superior Committee of Public Works, Li-
sbon

A.9.2 Norme portoghesi


No. Titolo
NP-893 Redes de Esgotos, Construção e Conservação*
Sewerage systems, Building and maintenance
NP-894 Redes de Esgotos, Verificação de estanquidade*
Sewerage systems, Watertightness tests
NP-881 Redes de Esgotos, Câmaras de visita. Características
Sewerage systems, Manholes, Characteristics
NP-882 Redes de Esgotos. Elementos pré-frabricados para câmara
de visita. Características e recepção*
Sewerage Systems, Prefabricated elements for manholes,
Characteristics and reception
NP-883 Redes de Esgotos, Degraus das câmaras, Características e
montagem*
Sewerage systems, Steps of manholes, Characteristics and
assemblage
NP-676 Redes de Esgotos. Sarjetas, Tipos, características e con-
dições de emprego.*
Sewerage systems, Storm water inlets, Types, characteristi-
cs and using conditions
NP-677 Redes de Esgotos. Sarjetas. Esaios de permeabilidade*
Sewerage systems. Storm water inlets. Water tightness te-
sts

A.10 Spagna
No. Titolo
NTE-ISA/1973 Norma tecnológica de la edificación. Instalaciones de salu-
bridad alcantarillado*
Technical standard for building sanitary sewage systems
Orden Ministerial Pliego de prescriptiones técnicas generales para tuberías
de 1986-09-15 de saneamiento de poblaciones*
General technical specifications for public sewerage piping

UNI EN 752-2:1997 Pagina 13 di 18


A.11 Svezia

A.11.1 Comitato Nordico sui Regolamenti Edilizi


No. Titolo
NKB publ. No. 48 (Not available in Swedish language)
NKB publ. No. 48E Guidelines for Building Regulations for Water Supply and
Drainage Systems*

A.11.2 Associazione Svedese Opere di Addizione e scarico acqua, VAV


No. Titolo
VAV P28 Anvisningar för beräkning av allmänna avloppsledningar*
Rules for the hydraulic dimensioning of sewer systems
VAV P31 Utjämningsmagasin i avloppsnät*
Rules for the hydraulic dimensioning and design of storm
water retention tanks
VAV P39 Skötsel och underhåll av va-nät*
Rules for the operation and maintenance of the water and
sewerage networks
VAV P45 Brunnar i avloppssystem*
Manhole shafts and inspection chambers in sewerage
networks, functional requirements
VAV P46 Lokalt omhändertagande av dagvatten - LOD*
Guidelines for infiltration and percolation of storm water
VAV P47 Avloppspumpinstallationer. Dimensionering, utformning och
drift*
Guidelines for pumping stations. Planning and operation
VAV P49 Källaröversvämningar. Ansvar - Åtgärder - Ersättning*
Flooded basements. Responsibilities - Actions - Compensa-
tion
VAV P50 Anvisningar för provning i fält av avloppsledningar för sjfäl-
vfall*
Code of practice for testing underground gravity sewer sy-
stems
VAV P59 Inre inspektion av avloppsledningar, Del 1 och 2, Handbok
och upphandlingsanvisningar*
Code of practice for interior inspection of sewers. Part 1 and
2, Handbook
VAV P60 Inre inspektion av avloppsledningar. Del 3. Dokumentation
med fotomanual*
Code of practice for interior inspection of sewers. Part 3.
Documentation and photo manual
VAV P65 Nederbördsdata vid dimensionering och analys av avlopps-
system*
Precipitation data for hydraulic dimensioning and analysis of
sewer systems
VAV P66 Renovering av avloppsledningar*
Rehabilitation of sewers
VAV P68 PRIVA II. Åtgärdsplanering för kommunala va-ledningsnät*
Upgrading of water and sewerage systems, general guideli-
nes for planning

UNI EN 752-2:1997 Pagina 14 di 18


A.12 Svizzera
No. Titolo
SN 533190 Kanalisationen*
Canalisations*
Canalizzazioni*
Sewer Systems
SN 592000 Liegenschaftsentwässerung.*
Evacuation des eaux des bien-fonds.*
Smaltimento delle acque dei fondi.*
Drainage systems inside and outside buildings
SN 531205 Verlegung von unterirdischen Leitungen.*
Pose de conduites souterraines.*
Construction of pipelines.
VSA-Richtlinie Genereller Entwässerungsplan (GEP).*
Plan général d’évacuation des eaux (PGEE).*
Piano generale di smaltimento delle acque (PGS).*
The Integrated Urban Drainage Master Plan.
VSA-Richtlinie Unterhalt von Kanalisationen.*
Entretien des canalisations.*
Manutenzione delle canalizzazioni.*
Maintenance and Operation of Sewer Systems.

A.13 Regno Unito

A.13.1 Norme britanniche


No. Titolo
BS 6100: Section 2.7 Building and civil engineering terms: Part 2 Civil enginering.
Section 2.7 public health, environmental engineering*
BS 8000: Part 14 Workmanship on building sites. Part 14 Code of practice for
below ground drainage*
BS 8005: Part 0 Sewerage: Introduction and guide to data sources and do-
cumentation*
BS 8005: Part 1 Sewerage: Guide to new sewerage construction*
BS 8005: Part 2 Sewerage: Guide to pumping stations and pumping mains*
BS 8005: Part 3 Sewerage: Guide to planning and construction of sewers in
tunnel*
BS 8005: Part 4 Sewerage: Guide to design and construction of outfalls*
BS 8005: Part 5 Sewerage: Guide to Rehabilitation of Sewers*
BS 8301 Code of Practice for Building Drainage*

A.13.2 Regolamenti edilizi


No. Titolo
ISBN 0 11 7522 02 3 Building Regulations - Drainage and waste disposal appro-
ved document "H"*
ISBN 0 11 495163 2 The Building Standards (Scotland) Regulations, Technical
Standards. Part M - Drainage and Sanitation*
ISBN 0 337 08225 1 The Building Regulations (Northern Ireland), Technical Boo-
klet N - Drainage*

UNI EN 752-2:1997 Pagina 15 di 18


A.13.3 Altri documenti
No. Titolo
ISBN 0 902156 91 8 Civil engineering specification for the water industry. Water
Services Association/WRc*
ISBN 0 902156 77 2 Sewers for adoption. Water Services Association/WRc*
ISBN 0 902156 82 9 Standard specification for water and sewerage schemes.
Scottish Association of Directors of Water and Sewerage
Services /Department of the Environment (Northern Ire-
land)/WRc*

UNI EN 752-2:1997 Pagina 16 di 18


UNI EN 752-2:1997 Pagina 17 di 18
PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede) Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. (02) 70024200 - Fax (02) 70105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma Piazza Capranica, 95 - 00186 Roma - Tel. (06) 69923074 - Fax (06) 6991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. (080) 8770301 - Fax (080) 8770553

Bologna c/o CERMET


Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) 6257511 - Fax (051) 6257650

Brescia c/o AQM


Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. (030) 2590656 - Fax (030) 2590659

Cagliari c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. (070) 306877 - Fax (070) 340328

Catania c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. (095) 445977 - Fax (095) 446707

Firenze c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. (055) 2707268 - Fax (055) 281616

La Spezia c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. (0187) 728225 - Fax (0187) 777961

Napoli c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. (081) 5537106 - Fax (081) 5537112

Torino c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. (011) 6700511 - Fax (011) 6965456

Treviso c/o Treviso Tecnologia


Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. (0422) 608858 - Fax (0422) 608866

Udine c/o CATAS


Via Antica, 14 - 33048 S. Giovanni al Natisone (UD) - Tel. (0432) 756289 - Fax (0432) 756914

Vicenza c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza - Tel. (0444) 545573 - Fax (0444) 547318

UNI
Ente Nazionale Italiano La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
di Unificazione dell’Industria e dei Ministeri.
Via Battistotti Sassi, 11B Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.
20133 Milano, Italia

UNI EN 752-2:1997 Pagina 18 di 18