Sei sulla pagina 1di 0

UNIVERSIT DI PISA

FACOLT DI INGEGNERIA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE

A.A. 2003/2004

TESI DI LAUREA

MODELLAZIONE IDRAULICA DI UN SISTEMA DI
FITODEPURAZIONE E PROGETTAZIONE DI UN IMPIANTO
PILOTA

CANDIDATO: MICHELE QUATTRONE
RELATORI: CHIAR.MO PROF. ING. RENATO IANNELLI
CHIAR.MO PROF. ING. VALERIO MILANO

Indice
2
Indice

Indice ________________________________________________________________ 2
Indice delle figure ______________________________________________________ 5
Premessa______________________________________________________________ 8
Capitolo 1 - Introduzione________________________________________________ 10
1.1 Funzione del modello di simulazione________________________________________ 10
1.2 Modello concettuale _____________________________________________________ 11
1.3 Necessit dello studio ____________________________________________________ 12
Capitolo 2 - La fitodepurazione___________________________________________ 14
2.1 Cenni sui trattamenti naturali _____________________________________________ 14
2.2 Processi naturali di depurazione ___________________________________________ 15
2.3 Generalit sui sistemi di fitodepurazione_____________________________________ 17
2.3.1 Sistemi a flusso subsuperficiale orizzontale (HF) _________________________________ 20
2.3.2 Sistemi a flusso subsuperficiale verticale (VF) ___________________________________ 21
2.4 Situazione italiana ______________________________________________________ 22
2.5 Meccanismi di rimozione _________________________________________________ 23
2.6 Considerazioni riepilogative_______________________________________________ 26
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari ________________ 27
3.1 Cenni sui terreni agrari __________________________________________________ 27
3.2 Lacqua nel sottosuolo ___________________________________________________ 29
3.3 Diffusione gassosa nel terreno_____________________________________________ 32
3.4 Considerazioni riepilogative_______________________________________________ 33
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici _________________________________ 35
4.1 Il potenziale totale_______________________________________________________ 35
4.2 Misura del potenziale di pressione__________________________________________ 37
4.2.1 Principio di funzionamento del tensiometro _____________________________________ 38
4.2.2 Calcolo dellaltezza piezometrica e dellenergia potenziale__________________________ 39
4.2.3 Caratteristiche dei tensiometri ________________________________________________ 40
4.2.4 Limiti dei tensiometri _______________________________________________________ 41
4.3 Contenuto dacqua ______________________________________________________ 41
4.4 Misura del contenuto dacqua _____________________________________________ 44
4.4.1 Metodo diretto gravimetrico __________________________________________________ 44
4.4.2 Metodo diretto ad alcool _____________________________________________________ 45
4.4.3 Metodo diretto del picnometro ________________________________________________ 45
4.4.4 Metodo indiretto neutronico__________________________________________________ 46
4.4.5 Metodo indiretto della resistenza elettrica _______________________________________ 46
4.4.6 Riflettometria nel dominio del tempo (TDR) _____________________________________ 46
4.4.7 Riflettometria nel dominio delle frequenze (FDR) ________________________________ 48
4.5 La conducibilit idraulica ________________________________________________ 50
4.5.1 Osservazioni sulle equazioni di van Genuchten___________________________________ 54
Indice
3
4.6 Misura della conducibilit idraulica ________________________________________ 58
4.6.1 Misure di laboratorio _______________________________________________________ 58
4.6.2 Permeametro di Guelph _____________________________________________________ 59
4.6.3 Metodo del foro di trivella____________________________________________________ 60
4.6.4 Metodo del piezometro ______________________________________________________ 61
4.6.5 Metodo degli infiltrometri ____________________________________________________ 61
4.7 Prove idrodinamiche_____________________________________________________ 64
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione __ 66
5.1 LEquazione di Richards _________________________________________________ 67
5.2 Software di simulazione __________________________________________________ 68
5.2.1 Hydrus-1D________________________________________________________________ 69
5.2.2 Chemflo 2000 _____________________________________________________________ 72
5.2.3 RETC____________________________________________________________________ 74
5.2.4 Rosetta___________________________________________________________________ 76
5.3 Esempi di simulazione ___________________________________________________ 78
5.3.1 Simulazioni con caricamento continuo _________________________________________ 79
5.3.2 Simulazioni con caricamento discontinuo _______________________________________ 85
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello _________________________ 93
6.1 Impianto di Firenze Certosa_______________________________________________ 93
6.1.1 Descrizione dellimpianto ____________________________________________________ 93
6.1.2 Installazione delle apparecchiature ____________________________________________ 95
6.1.3 Campionamento del suolo __________________________________________________ 100
6.1.4 Analisi di laboratorio: descrizione delle procedure utilizzate _______________________ 102
6.2 Impianto di Shafdan (Israele) ____________________________________________ 106
6.2.1 Descrizione dellimpianto ___________________________________________________ 107
6.3 Problematiche riscontrate _______________________________________________ 108
6.4 Analisi dei risultati e commenti ___________________________________________ 111
6.4.1 Massa volumica delle radici _________________________________________________ 114
6.4.2 Porosit del terreno________________________________________________________ 116
6.4.3 Contenuto dacqua del terreno con analisi di laboratorio__________________________ 120
6.4.4 Contenuto dacqua del terreno con sonda FDR _________________________________ 124
6.4.5 Calibrazione FDR_________________________________________________________ 130
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello
idraulico ____________________________________________________________ 139
7.1 Localizzazione_________________________________________________________ 140
7.2 Parametri da misurare __________________________________________________ 140
7.3 Descrizione dellimpianto________________________________________________ 142
7.3.1 Considerazioni preliminari __________________________________________________ 142
7.3.2 Specifiche costruttive ______________________________________________________ 143
7.3.3 Sistema di distribuzione ____________________________________________________ 146
7.3.4 Sistema di sollevamento ____________________________________________________ 148
7.3.5 Sistema di raccolta ed aerazione______________________________________________ 150
7.3.6 Accessori ________________________________________________________________ 151
7.4 Motivazioni delle scelte progettuali ________________________________________ 152
7.5 Materiali utilizzati______________________________________________________ 158
7.6 Criteri di calcolo _______________________________________________________ 159
7.6.1 Grado di riempimento (Allegato 1)____________________________________________ 159
Indice
4
7.6.2 Sistema di distribuzione (Allegato 2) __________________________________________ 160
7.6.3 Spinta del medium (Allegato 3) ______________________________________________ 162
7.7 Costo di realizzazione ___________________________________________________ 163
Capitolo 8 - Conclusioni e prospettive future _______________________________ 165
Bibliografia__________________________________________________________ 168
Allegato 1 - Grado di riempimento _______________________________________ 173
Allegato 2 - Sistema di distribuzione ______________________________________ 177
Allegato 3 - Spinta del medium __________________________________________ 185


Indice delle figure
5
Indice delle figure

Figura 1 - Trattamenti di fitodepurazione in uso: a) a flusso subsuperficiale orizzontale, b) a flusso
subsuperficiale verticale, c) a flusso superficiale, d) con idrofite galleggianti, e) con idrofite
sommerse (Bonomo, 1996) ____________________________________________________ 19
Figura 2 - Modello schematico di una vasca di fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale (Volpe,
2001)_____________________________________________________________________ 21
Figura 3 - Modello schematico di una vasca di fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale _____ 21
Figura 4 - Distribuzione geografica degli impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2002) _________ 22
Figura 5 - Diffusione delle diverse tipologie di impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2003) _____ 23
Figura 6 - Classificazione dei terreni su base granulometrica, secondo il Soil Conservation Service
(USDA) ___________________________________________________________________ 28
Figura 7 - Fattore di tortuosit calcolato secondo diversi Autori: Millington-Quirk (), Marshall
() e Penman ()______________________________________________________ 33
Figura 8 - Tensiometro quick-draw, adatto a letturerapide____________________________________ 37
Figura 9 - Funzionamento del tensiometro ________________________________________________ 38
Figura 10 - Connessione della punta porosa tramite piezometro per misurare la pressione sotto il livello
idrico ____________________________________________________________________ 38
Figura 11 - Tensiometro per misurare il potenziale di pressione del suolo________________________ 39
Figura 12 - Principio di funzionamento del tensiometro dotato di vacuometro ____________________ 40
Figura 13 - Esempi di curve pF: A) argilla sabbiosa di pessima struttura, B) terra rossa argillosa,
calcarea, alluvionale, di ottima struttura, C) terreno sabbioso, ricco di sabbia fina, D) sabbia
grossolana di arenile (Manuale Cremonese del geometra). __________________________ 42
Figura 14 - Curva pF stimata con Campbell _______________________________________________ 43
Figura 15 - Curva caratteristica =(
m
) stimata con van Genuchten ___________________________ 44
Figura 16 - Metodo del picnometro ______________________________________________________ 45
Figura 17 - TDR con sonda a tre denti ___________________________________________________ 47
Figura 18 - FDR modello Diviner 2000 e datalogger della Sentek ______________________________ 49
Figura 19 - Conducibilit idraulica in funzione del potenziale secondo la formula di Campbell _______ 52
Figura 20 - Conducibilit idraulica in funzione del potenziale matriciale secondo la formula di van
Genuchten_________________________________________________________________ 53
Figura 21 - Contenuto dacqua in funzione dellaltezza piezometrica secondo Vogel & Cislerov (Vogel et
al., 1988 in Simunek et al., 1998) _______________________________________________ 56
Figura 22 - Conducibilit idraulica in funzione dellaltezza piezometrica secondo Vogel & Cislerov
(Vogel et al., 1988 in Simunek et al., 1998) _______________________________________ 56
Figura 23 - Curva umidit-altezza piezometrica valutata con van Genuchten, per due diversi tipi di suolo
_________________________________________________________________________ 58
Figura 24 - Permeametro di Guelph _____________________________________________________ 59
Figura 25 - Metodo del foro di trivella ___________________________________________________ 60
Figura 26 - Metodo del piezometro ______________________________________________________ 61
Figura 27 - Infiltrometro a doppio cilindro: schema di funzionamento della barriera di potenziale ____ 62
Figura 28 - Infiltrometro a doppio cilindro ________________________________________________ 62
Figura 29 - Infiltrometro a tensione a disco _______________________________________________ 63
Figura 30 - Grafico del software Hydrus-1D: altezza piezometrica in funzione della profondit_______ 70
Figura 31 - Grafico del software Hydrus-1D: umidit in funzione della profondit_________________ 70
Figura 32 - Grafico del software Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit_____ 71
Figura 33 - Grafico del software Hydrus-1D: capacit idraulica in funzione della profondit ________ 71
Figura 34 - Grafico del software Hydrus-1D: flusso liquido in funzione della profondit ____________ 72
Figura 35 - Esempio di output grafico del software Chemflo 2000 ______________________________ 74
Figura 36 - Esempio di output del software RETC __________________________________________ 75
Figura 37 - Grafico del software RETC: curva pF __________________________________________ 76
Figura 38 - Schema di funzionamento del software Rosetta ___________________________________ 76
Figura 39 - Interfaccia grafica del software Rosetta_________________________________________ 78
Figura 40 - Simulazione 1/Chemflo 2000: contenuto dacqua in funzione della profondit ___________ 80
Figura 41 - Simulazione 1/Hydrus-1D: contenuto dacqua in funzione della profondit _____________ 80
Figura 42 - Simulazione 1/Chemflo 2000: potenziale matriciale in funzione della profondit _________ 81
Figura 43 - Simulazione 1/Hydrus-1D: potenziale matriciale in funzione della profondit ___________ 81
Indice delle figure
6
Figura 44 - Simulazione 1/Chemflo 2000: conducibilit idraulica in funzione della profondit _______ 82
Figura 45 - Simulazione 1/Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit__________ 82
Figura 46 - Simulazione 2/Chemflo 2000: contenuto dacqua in funzione della profondit ___________ 83
Figura 47 - Simulazione 2/Hydrus-1D: contenuto dacqua in funzione della profondit _____________ 83
Figura 48 - Simulazione 2/Chemflo 2000: potenziale matriciale in funzione della profondit _________ 84
Figura 49 - Simulazione 2/Hydrus-1D: potenziale matriciale in funzione della profondit ___________ 84
Figura 50 - Simulazione 2/Chemflo 2000: conducibilit idraulica in funzione della profondit _______ 85
Figura 51 - Simulazione 2/Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit__________ 85
Figura 52 - Implementazione delle onde quadre come onde triangolari __________________________ 86
Figura 53 - Simulazione A: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 240) _________________________________________________________________ 87
Figura 54 - Simulazione A: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
240 e 960) _______________________________________________________________ 88
Figura 55 - Simulazione A: andamento dellumidit nellintorno di un caricamento ________________ 89
Figura 56 - Simulazione D: andamento dellumidit nellintorno di un caricamento________________ 89
Figura 57 - Simulazione B: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 480) _________________________________________________________________ 90
Figura 58 - Simulazione B: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
480 e 960) _______________________________________________________________ 90
Figura 59 - Simulazione C: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 960) _________________________________________________________________ 91
Figura 60 - Simulazione D: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 1080) ________________________________________________________________ 92
Figura 61 - Vista dellimpianto installato presso lHotel Relais: sulla destra vi il sistema di
fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale e sulla sinistra quello a flusso
subsuperficiale verticale______________________________________________________ 94
Figura 62 - Vasca di raccolta del refluo da trattare _________________________________________ 94
Figura 63 - Pozzetto di ripartizione posizionato in testa al sistema di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale______________________________________________________ 95
Figura 64 - Scavo del foro per il pozzetto della sonda FDR con una trivella ______________________ 96
Figura 65 - Particolare del foro per il pozzetto della sonda FDR_______________________________ 96
Figura 66 - Controllo della verticalit del pozzetto__________________________________________ 97
Figura 67 - Pozzetto per la sonda FDR ultimato ____________________________________________ 97
Figura 68 - Inserimento della sonda FDR nel pozzetto di misura _______________________________ 98
Figura 69 - Lettura dellumidit con la sonda capacitiva _____________________________________ 98
Figura 70 - Datalogger della sonda FDR _________________________________________________ 99
Figura 71 - Tensiometro______________________________________________________________ 100
Figura 72 - Particolare del manometro del tensiometro _____________________________________ 100
Figura 73 - Fasi di montaggio del campionatore a fustella: a) posizionamento della fustella, b)
posizionamento del battifustella, c) posizionamento del maglio, d) inserimento dellasta guida
________________________________________________________________________ 101
Figura 74 - Campionamento del terreno con campionatore a fustella: a) fase di battitura con il maglio, b)
fine della fase di battitura, c) fustella pronta per essere prelevata, d) prelievo della fustella 102
Figura 75 - Sbancamento del terreno fino alla profondit voluta ______________________________ 103
Figura 76 - Fase di scavo e raccolta del medium __________________________________________ 104
Figura 77 - Posizionamento del volumenometro ___________________________________________ 104
Figura 78 - Ricostituzione delle condizioni sature nel provino mediante immersione in acqua della fustella
________________________________________________________________________ 105
Figura 79 - Materiale di riempimento del letto drenante_____________________________________ 107
Figura 80 - Sistema di distribuzione del liquame___________________________________________ 107
Figura 81 - Curva potenziale matriciale-umidit in assenza di risalita capillare __________________ 109
Figura 82 - Fasi per determinare la massa volumica delle radici: a) pulitura ed essiccatura dei campioni,
b) immersione dei campioni in paraffina, c) apparecchiatura per la pesata in acqua dei
campioni impermeabilizzati, d) particolare del piattino usato per le misurazioni in acqua _ 110
Figura 83 - Presenza delle radici nel medium di riempimento; dalla foto di destra si pu chiaramente
vedere come le radici siano presenti nel solo strato superficiale del letto_______________ 111
Figura 84 - Posizione dei pozzetti della sonda FDR e dei campioni di medium prelevati____________ 112
Indice delle figure
7
Figura 85 - Corrispondenza tra le quote di misurazione relative alla sonda e le quote riferite al piano
campagna ________________________________________________________________ 113
Figura 86 - Installazione per lo studio dei materiali di riempimento del letto drenante _____________ 113
Figura 87 - Profili di umidit a diversi tempi, relativi al pozzetto P1 ___________________________ 125
Figura 88 - Sovrapposizione dei risultati di umidit riscontrati in laboratorio () con la media dei dati
rilevati dalla sonda ()______________________________________________________ 126
Figura 89 - Profili di umidit nel tempo a seguito di versamento dacqua _______________________ 128
Figura 90 Istogrammi di confronto tra le umidit di ritenzione ______________________________ 129
Figura 91 Istogrammi di confronto tra le umidit con flusso di 100 ml/min ____________________ 129
Figura 92 - Curva di calibrazione del Diviner 2000, fornita dal costruttore _____________________ 130
Figura 93 - Coppie di dati frequenza normalizzata-contenuto dacqua relative al pozzetto P1 _______ 132
Figura 94 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 2-3 mm_______ 133
Figura 95 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 3-5 mm_______ 134
Figura 96 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 5-10 mm______ 134
Figura 97 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per la dolomite 8 mm_______ 135
Figura 98 Basalto 2-3 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale _______________________________________________________________ 136
Figura 99 - Basalto 3-5 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale _______________________________________________________________ 136
Figura 100 - Basalto 5-10 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale _______________________________________________________________ 137
Figura 101 Dolomite 8 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale _______________________________________________________________ 137
Figura 102 - Ingombro in pianta dellimpianto ____________________________________________ 144
Figura 103 - Vasca di fitodepurazione___________________________________________________ 144
Figura 104 - Pianta del sistema di distribuzione ___________________________________________ 146
Figura 105 - Particolare del foro di uscita del liquame _____________________________________ 147
Figura 106 - Collegamenti idraulici ____________________________________________________ 147
Figura 107 - Pompa monovite _________________________________________________________ 148
Figura 108 - Schema di funzionamento pompa monovite ____________________________________ 148
Figura 109 - Curve Portata-Numero di giri delle pompe serie MR\MV _________________________ 149
Figura 110 - Tubi corrugati Drenopal ___________________________________________________ 150
Figura 111 - Cappello di protezione ____________________________________________________ 150
Figura 112 - Giunto smontabile resistente a trazione _______________________________________ 151
Figura 113 - Parti terminali dello scarico________________________________________________ 151
Figura 114 - Schema di funzionamento delle pompe a membrana _____________________________ 153
Figura 115 - Pompe peristaltiche impiegate per il sistema di distribuzione presso limpianto sperimentale
del C.R.A. di Pavia (Iannelli R., 2001)__________________________________________ 154
Figura 116 - Particolare del sistema di distribuzione presso limpianto sperimentale del C.R.A. di Pavia
(Iannelli R., 2001) _________________________________________________________ 154
Figura 117 - Sistema WRc di ripartizione del flusso (Cooper et al., 1996 riportato da Iannelli R., 2001)155
Figura 118 - Sistema di distribuzione con bocchette a V regolabili (Cooper et al., 1996 riportato da
Iannelli R., 2001) __________________________________________________________ 156
Figura 119 - Impiego di sifoni autoadescanti per ripartire il liquame (Loffler, 1990 riportato da Iannelli
R., 2001) _________________________________________________________________ 156
Figura 120 - Sistema di carico e scarico del liquame per mezzo di tubazioni forate disposte a reticolo
(Volpe, 2001) _____________________________________________________________ 157
Figura 121 - Andamento delle grandezze Q/Q
p
, V/V
p
e / in funzione dellaltezza percentuale di
riempimento per la sezione circolare ___________________________________________ 174
Figura 122 - Schema del sistema di sollevamento __________________________________________ 177
Figura 123 - Schema del sistema di distribuzione __________________________________________ 177
Figura 124 - Andamento delle tensioni orizzontali _________________________________________ 186


Premessa
8
Premessa

La necessit di realizzare il presente lavoro nasce allinterno del progetto, pi ampio e
complesso, di mettere a punto un modello di simulazione per i sistemi di fitodepurazione
a flusso subsuperficiale verticale.
La tecnica di fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale suscita linteresse degli
addetti ai lavori poich i rendimenti di rimozione sono migliori rispetto ad altri sistemi
naturali di depurazione e gli ingombri impiantistici sono ridotti. Il medium di
riempimento soggetto a periodici cicli di svuotamento che favoriscono laerazione e di
conseguenza lo sviluppo di biomasse aerobiche. Per permettere ladozione sistematica di
questo sistema depurativo in tutte quelle situazioni nelle quali i processi biologici
tradizionali si dimostrano inadeguati, essenziale sviluppare e mettere a punto un
modello matematico previsionale. Lo sviluppo della parte idraulica di tale modello
richiede la conoscenza delle propriet fisiche di stato del medium di riempimento (ad
esempio: porosit e contenuto dacqua) e dei parametri idraulici che influenzano il moto
dellacqua in un mezzo poroso insaturo. Le propriet fisiche di stato ed i parametri
idraulici si determinano con gli stessi metodi usati in Idrogeologia: tra il letto drenante
dei sistemi di fitodepurazione ed i terreni naturali sussistono delle similitudini, esposte
nel presente lavoro.
I risultati ottenuti con i software sviluppati per lo studio della diffusione degli inquinanti
nel sottosuolo serviranno ad accertare la coerenza e la consistenza del modello
matematico previsionale, nellambito di un futuro studio di confronto.

La successiva fase di taratura del modello completo richiede la raccolta di una serie di
dati, necessari a caratterizzare idraulicamente il medium di riempimento e per analizzare
il refluo in ingresso ed in uscita. La raccolta dei dati potrebbe essere condotta su impianti
di fitodepurazione gi esistenti ma operando in questa maniera non possibile tenere
sotto controllo i parametri gestionali dellinstallazione (portata e durata dei cicli). Da
questa circostanza nasce la necessit di avere a disposizione un impianto pilota sul quale
svolgere delle campagne di misurazione. Inoltre, poter seguire le fasi di costruzione
dellimpianto sperimentale ci permette di verificare il rispetto dei parametri costruttivi
(ad esempio: disposizione degli strati del medium) e semplifica linstallazione degli
strumenti di misura. Grazie allinstallazione sperimentale anche possibile impostare e
variare i parametri di gestione dellimpianto.
Pertanto in questa tesi stata anche effettuata la progettazione di tale impianto pilota,
tenendo conto dei parametri idraulici da misurare, degli strumenti da utilizzare e delle
prove da eseguire, in modo da semplificare il pi possibile le operazioni di raccolta dei
dati e di campionamento del liquame.
Limpianto vuole anche ricoprire una funzione didattica: tramite visite guidate si tenter
di sensibilizzare lopinione pubblica sui problemi ambientali.

Lo studio svolto per questa tesi di laurea pu essere suddiviso in cinque parti:
1. La prima parte di introduzione al lavoro svolto: viene descritto il funzionamento
generale della tecnica di fitodepurazione, i meccanismi di rimozione che entrano
in gioco e perch il sistema a flusso subsuperficiale verticale suscita tanto
interesse tra gli operatori del settore. Inoltre, sono illustrate le similitudini
esistenti tra i terreni agrari ed il medium di riempimento dei sistemi di
fitodepurazione.
Premessa
9
2. Nella seconda parte sono illustrati i parametri idraulici da tenere in
considerazione per modellare matematicamente la parte idraulica del modello. Per
ogni parametro sono descritti gli strumenti e le procedure di misurazione.
3. Nella terza parte sono esposti i risultati delle simulazioni svolte con i software
usati negli studi di dispersione/diffusione degli inquinanti nel sottosuolo. Le
simulazioni eseguite potranno essere utilmente confrontate con i risultati che si
otterranno con il modello matematico previsionale.
4. La quarta parte del lavoro costituita dalla descrizione delle campagne di misure
svolte sullimpianto di Firenze Certosa e su quello di Shafdan (Israele), grazie
alle quali stato possibile provare gli strumenti e mettere a punto le procedure di
laboratorio per ricavare i dati che cinteressano.
5. La quinta ed ultima parte costituita dal progetto dellimpianto sperimentale sul
quale svolgere la raccolta dei dati per calibrare sia la parte idraulica sia la lintero
modello di simulazione.

da sottolineare linterdisciplinariet del lavoro portato a termine. Luso di strumenti
sviluppati in campo agronomico stato preceduto da unanalisi dei terreni agrari per
stabilire se effettivamente esistevano delle similitudini con il medium dei sistemi di
fitodepurazione. Anche le analisi di laboratorio rientrano nellaspetto interdisciplinare del
lavoro: basti pensare che le procedure descritte sono proprie dellIdrogeologia e non
dellIdraulica.

Capitolo 1 - Introduzione
10
Capitolo 1 - Introduzione

Il ricorso a sistemi depurativi naturali dovrebbe essere la scelta obbligata quando il
numero di abitanti equivalenti da servire compreso tra poche decine ed alcune migliaia:
su questi intervalli di utenza i sistemi ad alta tecnologia hanno dimostrato problemi
gestionali derivanti dalla difficolt economica legata ad una gestione continua e
specializzata che assicurerebbe un funzionamento pi corretto (Masi, 2003).
A queste considerazioni importante aggiungere il concetto di depurazione
decentralizzata: per molti insediamenti urbani rurali si potrebbe prevedere il
collettamento di numerosi nuclei in grossi impianti consortili che, da un lato
garantirebbero il rispetto dei limiti di qualit degli scarichi, ma che dallaltro, richiedono
elevate spese di investimento per realizzare le nuove reti fognarie. La depurazione
decentralizzata si basa sulleliminazione di queste spese di investimento, realizzando i
trattamenti il pi possibile a pi dutenza. Ragionando in questa ottica, non solo si
riducono al minimo i costi e le necessit tecniche ma le acque vengono restituite in modo
diffuso sul territorio (Masi, 2003).
Altri problemi sono legati ai lunghi tempi dattivazione ed alla moria di fanghi nei
periodi in cui gli impianti biologici tecnologici lavorano sottocarico o sono disattivati del
tutto: come esempio, pensiamo ai villaggi rurali quasi abbandonati che in tempi recenti
sono stati trasformati in centri turistici che, soprattutto durante lalta stagione, registrano
picchi di presenza turistica (Masi, 2003).

Nel campo applicativo dei piccoli impianti, i sistemi di depurazione naturali sono
considerati molto promettenti e la loro diffusione legata alla possibilit di previsione
del processo mediante simulazione matematica.
Tra tutti i sistemi di trattamento naturale, quelli a flusso subsuperficiale si sono rivelati
adatti alla rimozione del carico organico ed alla filtrazione dei solidi sospesi. In
particolare: i sistemi a flusso verticale risultano pi efficienti ma tecnicamente complessi
a causa dellalimentazione discontinua del refluo. Proprio grazie a questo tipo di gestione
possibile ottenere il processo di nitrificazione: il ciclo di funzionamento dellimpianto
alterna condizioni di saturazione con esposizioni allatmosfera. Durante lesposizione
allatmosfera, il rapido flusso del liquido attraverso il sistema permette una buona
ossigenazione di tutti gli strati del medium. Londata successiva di refluo intrappola
laria ed il risultato lalternanza di periodi di condizioni ossidanti con periodi di
condizioni riducenti e quindi una maggior capacit nitrificante.
comunque necessario combinare la tipologia impiantistica a flusso verticale con quella
a flusso sommerso orizzontale se vogliamo rimuovere lazoto per denitrificazione.

1.1 Funzione del modello di simulazione

A causa dei numerosi e complessi processi chimici, fisici e biologici, i trattamenti
naturali vengono attualmente progettati con schemi di calcolo empirici che portano a
dimensionamenti di massima: i modelli di progettazione in uso si basano su
considerazioni cinetiche e reattoristiche superficiali che forniscono indicazioni sulle
prestazioni dellimpianto in condizioni medie. La caratteristica principale, che
contraddistingue la tipologia di trattamento a flusso sommerso verticale, la non
stazionariet dei processi che, perci, necessitano di unanalisi matematica pi
approfondita. Lo sviluppo di un modello dinamico nasce dalla necessit di riprodurre le
Capitolo 1 - Introduzione
11
evoluzioni temporali dei processi, allo scopo di ricavare informazioni su quelli pi
importanti come, ad esempio:
tempi di messa a regime dellimpianto;
progressivo intasamento del materiale drenante;
risposta del sistema a seguito di variazioni di carico organico o idraulico;
vita operativa dellimpianto.

Per prevedere il comportamento dei sistemi di fitodepurazione a flusso verticale stato
sviluppato, presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, un modello di simulazione che
implementa i processi ritenuti fondamentali. Un simile modello pu essere usato come
supporto della gestione ordinaria e per approfondire, oltre ai fenomeni temporali visti
sopra, la conoscenza di molti aspetti essenziali per la progettazione. Alcuni di questi
aspetti sono:
influenza dei cicli di riempimento-svuotamento sui rendimenti di rimozione;
contributo del refluo da trattare, delle macrofite e del materiale drenante nei
confronti del rendimento di depurazione;
regolazione dei dispositivi di carico e scarico del liquame, per massimizzare i
rendimenti e la funzionalit dellimpianto;
variazione dei rendimenti in base alle stagioni, al clima ed ai cicli vegetativi delle
piante.

1.2 Modello concettuale

I fenomeni che prendono parte al processo depurativo, sono vasti e complessi e perci
non possono essere tutti implementati in un modello. Da unanalisi bibliografica condotta
sullargomento (Iannelli & Fasano) stato possibile determinare gli aspetti che ricoprono
un ruolo fondamentale nel processo e quindi da includere nella modellazione. Gli
elementi essenziali, tramite i quali costruire il modello, possono essere raggruppati in due
categorie: cinetiche del processo depurativo e schematizzazione idraulica.

Tra gli inquinanti da rimuovere si considerano solo i carichi organici biodegradabili e
lazoto; entrambi vengono degradati ad opera di colonie batteriche adese esclusivamente
al medium di riempimento ed allapparato radicale delle macrofite. In letteratura, infatti,
confermato che ladsorbimento diretto della componente biodegradabile da parte delle
macrofite trascurabile e che lassorbimento delle piante sul lungo periodo poco
significativo a causa della chiusura complessiva del bilancio di massa (in alcune fasi del
ciclo vitale della pianta vengono restituiti gli inquinanti assorbiti).
Il modello cinetico per la rimozione del carico organico e dellazoto simile allo schema
internazionale ASM1 dello IAWQ Task Group, gi adottato per il processo a fanghi
attivi. Secondo lo schema citato, si devono considerare 7 sostanze disciolte nella fase
liquida e 6 in sospensione. Le equazioni cinetiche delle 13 materie devono essere
integrate ad ogni nodo del reticolo costituito dalla discretizzazione in strati del medium
di riempimento.
Le materie disciolte sono riportate alla componente liquida del terreno insaturo mediante
lequazione di Richards e sono trattate come termini sorgente dellequazione di
trasporto/diffusione/dispersione.
Capitolo 1 - Introduzione
12
Le materie particolate si trattano con le equazioni modificate di Iwasaky, Ives e Carman-
Kozeny: in questo modo i termini sorgente, legati alla cinetica biochimica ed alla
variazione spazio-temporale dellumidit, non vengono trascurati.
Il modello tiene anche conto dei cicli di riempimento-svuotamento e del ruolo svolto
dalle piante sulla permeabilit e sul recapito di ossigeno alle biomasse presenti.

Limplementazione che sta alla base di qualunque modello numerico la
schematizzazione idraulica. Il processo di fitodepurazione a flusso subsuperficiale
verticale si basa sulla filtrazione del refluo in un terreno poroso (filtrazione alla Darcy)
nel quale fondamentale considerare il fenomeno di capillarit legato al moto in
condizioni insature. Il fenomeno suddetto regolato dallEquazione di Richards.
Modellare matematicamente la funzionalit idraulica dellimpianto essenziale per
tenere sotto controllo il noto e temuto progressivo intasamento del materiale drenante e
per simulare la diffusione molecolare dellinquinante disciolto nella fase acquosa:
questultimo fenomeno solidale al flusso di refluo allinterno del medium di
riempimento.
Limpianto schematizzato come una sovrapposizione discreta di strati orizzontali
filtranti, nei quali il flusso avviene in direzione verticale discendente. La
schematizzazione monodimensionale verticale dovuta allipotesi (accettabile) che i
fenomeni evolutivi e di trasporto in senso orizzontale possano essere trascurati.

1.3 Necessit dello studio

La letteratura scientifica non tratta in modo specifico largomento della modellazione dei
sistemi di fitodepurazione e le informazioni di cui abbiamo bisogno vanno ricavate
partendo da altre ricerche condotte, ad esempio, sui terreni agrari. Analizzando questo
tipo di terreno, possibile trovare delle similitudini con il medium di riempimento del
sistema di fitodepurazione: le rassomiglianze che emergono riguardano la diffusione
gassosa nel terreno ed il moto dellacqua nel sottosuolo. Le eguaglianze emerse ci
consentono di studiare il moto del refluo nel medium di riempimento con le stesse
metodologie di ricerca sviluppate e messe a punto nello studio della diffusione degli
inquinanti nel sottosuolo.

A questo punto importante stabilire quali grandezze influenzano maggiormente il moto
del refluo allinterno del mezzo poroso, come si effettuano le misurazioni e come sono in
relazione tra loro. Al potenziale matriciale o di pressione del terreno, che uno dei
parametri principali, legata la portata di refluo immesso nellimpianto ed al suo
evolversi nel tempo sono legate le altre due grandezze fondamentali che reggono il
problema idraulico: la conducibilit idraulica e lumidit del materiale drenante. Una
volta stabilite le grandezze in gioco, possiamo definire le relazioni empiriche che ci
permettono di implementare il processo nel simulatore matematico.

I valori dei parametri da inserire nelle formule empiriche vanno ricavati per mezzo di
codici di calcolo capaci di elaborare i dati raccolti sul campo. Gli strumenti di
misurazione e le analisi di laboratorio adottate derivano dallAgronomia e
dallIdrogeologia ed quindi necessario calibrare i primi ed adattare le seconde ai nostri
problemi. Non bisogna stupirsi se, da alcune analisi, emergono delle limitazioni di
Capitolo 1 - Introduzione
13
applicabilit: per alcune di esse si rende necessario elaborare procedure pi idonee al
nostro tipo di studio.

Per accertare se il modello matematico previsionale coerente e consistente, in un futuro
studio di confronto si compareranno delle simulazioni di funzionamento del sistema con
altre simulazioni, ottenute con lausilio di software capaci di riprodurre la diffusione e la
dispersione degli inquinanti nel sottosuolo. La calibrazione della parte idraulica deve
essere svolta eseguendo delle prove su un impianto costruito appositamente, sul quale
poter variare i parametri gestionali (portata ed intervallo dei cicli). Una struttura del
genere deve essere concepita per semplificare sia la raccolta dinformazioni, sia lutilizzo
della strumentazione. Da queste considerazioni emersa lesigenza di avere a
disposizione un impianto pilota sul quale svolgere prima la fase di caratterizzazione del
medium e successivamente la calibrazione del modello matematico.

Riassumiamo in pochi punti chiave gli obiettivi del presente lavoro:
1. individuazione delle analogie tra suoli agrari e sistemi di fitodepurazione per
giustificare luso dei metodi di indagine sviluppati per i primi, sui secondi;
2. individuazione delle grandezze fondamentali che stanno alla base del movimento
dei fluidi nel medium e degli strumenti pi adatti a misurarle;
3. studio delle equazioni che regolano il moto di un fluido in un mezzo poroso
insaturo;
4. ricerca ed analisi dei programmi di calcolo capaci di elaborare i dati raccolti per
caratterizzare il letto drenante e di simulare il moto del refluo allinterno del
materiale di riempimento;
5. analisi delle simulazioni di dispersione/diffusione ottenute con i programmi di
calcolo;
6. sperimentazione dei metodi di misurazione (strumentali e di laboratorio), per
adattare le procedure standardizzate per altre applicazioni ai nostri bisogni;
7. progettazione di un impianto sperimentale sul quale condurre gli studi di ricerca,
le misurazioni dei parametri e la taratura del modello.


Capitolo 2 - La fitodepurazione
14
Capitolo 2 - La fitodepurazione

Per completezza desposizione e per meglio inquadrare la fitodepurazione tra i diversi
sistemi di trattamento, riportiamo una descrizione dei processi di depurazione naturale e
dei meccanismi di rimozione che svolgono un ruolo fondamentale in questa tecnica
depurativa.

La fitodepurazione un sistema biologico di trattamento che, attraverso la ricostruzione
di un ecosistema naturale, rimuove gli inquinanti dalle acque reflue. Lacqua viene
depurata tramite la simultanea presenza di processi fisici, chimici e biologici nei quali le
piante acquatiche svolgono un ruolo determinante: lazione pu avvenire direttamente e/o
tramite dei batteri che si sviluppano sui loro apparati radicali e rizomatosi o
nellecosistema in cui vivono.

La prima esperienza di questo sistema naturale risale al 1952, anno in cui Seidel realizz,
al Max Planck Institute di Plon, una linea a sperimentale a scopo di ricerca (Seidel, 1955
in Volpe, 2001). Il primo impianto a scale reale del 1977, ad Othfresen in Germania
(Kickuth, 1977 in Volpe, 2001).
La fitodepurazione ha avuto un primo periodo di diffusione applicativa negli anni
Settanta, con luso di piante acquatiche galleggianti deputate a migliorare le
caratteristiche degli effluenti dei sistemi di lagunaggio microfitici. Un secondo periodo di
diffusione si avuto dalla seconda met degli anni Ottanta, con lutilizzo di piante
acquatiche emergenti come trattamenti secondari e terziari di acque reflue urbane e di
alcuni reflui industriali, in impianti superficiali e soprattutto subsuperficiali.

Anche se con tecnologie diverse, la fitodepurazione si ricollega alla land-farming ed alla
phyto-remediation che da oltre dieci anni sono utilizzate fra le possibili tecniche di
decontaminazione dei siti inquinati (Nottoli, 2003).

2.1 Cenni sui trattamenti naturali

Storicamente le aree umide naturali sono sempre state considerate malsane ed inadatte
alla vita umana.
Dal 1800, ed in alcuni casi anche prima, stato avviato un risanamento delle zone umide:
lo scopo era eliminare il pericolo dinfezioni e recuperare terreni agrari.
Nel XX secolo, le aree umide rimaste erano utilizzate come bacini daccumulo e come
grossolani sistemi di depurazione ma le degradazioni anaerobiche dei liquami
determinavano un peggioramento della loro qualit.
Negli ultimi trenta anni si posta particolare attenzione alla salvaguardia dellambiente
anche per le generazioni future e con il Trattato di Rio de Janeiro (1992) si verificato
un radicale cambiamento nellutilizzo delle aree umide.
I principi fondamentali sullutilizzo delle aree umide sono dettati dalla Convenzione di
Ramsar (1971), nella quale sono promossi i principi dello sviluppo sostenibile e della
conservazione della biodiversit. La tendenza attuale mira ad invertire i processi di
trasformazione e di distruzione delle zone umide.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
15

In base alle caratteristiche costruttive ed allo scopo di realizzazione, possibile
classificare le aree umide, adibite ai trattamenti naturali, in diversi modi.

Aree umide naturali o natural wetlands

Sono aree dove lacqua impregna la superficie del terreno per un tempo sufficientemente
lungo da mantenere condizioni di suolo saturo e relativa vegetazione.
Dal momento che linteresse ad usare aree umide per il trattamento degli inquinanti
abbastanza recente, il termine aree umide relativamente nuovo e racchiude in s
quelli che per anni sono stati semplicemente definiti acquitrini o paludi.
Le aree umide naturali si possono considerare, per varie ragioni, trattamenti di
depurazione: sono lhabitat di una gran variet di batteri che rimuovono il BOD e lazoto.
Le condizioni di calma dello specchio dacqua, inoltre, consentono la sedimentazione dei
solidi sospesi inquinanti.
Le aree naturali sono caratterizzate dalla presenza di vegetazione acquatica emergente.

Aree umide ricostruite

Con questo termine ci si riferisce ad aree che in precedenza erano sede di unarea umida
artificiale e che sono state modificate o restaurate a scopo naturalistico (aumento della
biodiversit, casse di espansione, obiettivi ricreativi e didattici, mantenimento e
conservazione di particolari specie floristiche o faunistiche, diminuzione del carico
inquinante che drena nel vicino corpo idrico recettore).

Aree umide artificiali o constructed wetlands (CW)

Si definiscono cos le aree umide realizzate con il preciso scopo di ridurre
linquinamento idrico in siti che possono essere diversi da zone umide naturali esistenti.
Il sinonimo di impianti di fitodepurazione si usa spesso per queste aree.
La costruzione di zone umide artificiali pu offrire, in alcuni casi, dei vantaggi rispetto a
quelle naturali: in particolare si possono ottimizzare i flussi idraulici, dimensionare le
aree e scegliere le specie vegetali.

Ecosistemi filtro

Possono essere indistintamente aree umide naturali o artificiali; sono realizzate per
ridurre linquinamento diffuso che drena nelladiacente corpo idrico recettore.

2.2 Processi naturali di depurazione

I processi naturali di depurazione sono storicamente le prime soluzioni alle quali si
ricorsi per risolvere il problema delle acque reflue. Luso di deiezioni a scopo
fertilizzante una pratica datata prima del Medioevo ed agli inizi del 1900, in grandi citt
come Parigi, Berlino e Milano, era ancora attiva la prassi di usare a scopo fertirriguo le
acque di scolo.

Capitolo 2 - La fitodepurazione
16
LItalia, rispetto agli altri paesi europei, ha avuto un notevole ritardo nello sviluppo e
nella diffusione delle tecniche naturali di depurazione, nonostante siano presenti
condizioni meteoclimatiche pi favorevoli se confrontate, ad esempio, con i paesi
nordeuropei.
La causa principale che ha determinato questo ritardo da ricercare nella mancanza di
riferimenti normativi che prendessero in considerazione questa tipologia impiantistica.
Il punto di svolta segnato dal Decreto Legislativo n. 152/99
1
e successive modifiche ed
integrazioni, che recepisce le direttive europee 91/271/CEE
2
e 91/676/CEE
3
. Tra gli
obiettivi del Decreto vi quello di incentivare, dove possibile, luso di tecniche
depurative naturali, quali la fitodepurazione ed il lagunaggio. NellAllegato 5 del Decreto
si legge: Per tutti gli agglomerati con popolazione equivalente compresa tra 50 e 2000
a.e., si ritiene auspicabile il ricorso a tecnologie di depurazione naturale quali il
lagunaggio o la fitodepurazione, o tecnologie come i filtri percolatori o impianti ad
ossidazione totale.

Laccezione pi rigorosa del termine sistema naturale di depurazione indica un
processo che avviene senza ricorrere a macchine o energie esterne, cosa che
effettivamente avveniva nel passato. In chiave pi moderna, ossia con il D. Lgs. n.
152/99, non possibile preservare lintegrit di questo concetto ma bisogna annoverare
tra i sistemi naturali le seguenti pratiche (Vismara, 2001):
subirrigazione;
fertirrigazione per scorrimento superficiale, a goccia o ad adacquamento;
lagunaggio biologico aerobico, anaerobico, facoltativo;
fitodepurazione in tutte le sue applicazioni.

Molti dei trattamenti elencati sopra hanno subito, dopo gli anni Trenta, una riduzione
dapplicazione soprattutto nei paesi economicamente sviluppati. La difficolt maggiore
che un sistema naturale presenta sta nella richiesta di enormi spazi. Volendo fare un
confronto immediato, basti sapere che un trattamento secondario di fitodepurazione
richiede un ingombro di 5000m
2
/1000a.e. mentre per un sistema a fanghi attivi sono
sufficienti 300m
2
/1000a.e. Dal raffronto emerge il perch di applicazioni su scala piccola
di sistemi naturali (Vismara, 2001).

Per evitare preconcetti sbagliati, bene evidenziare che su piccola e piccolissima scala
lefficacia di un sistema naturale comparabile con quella di un sistema tecnologico,
anche se evidentemente le stagioni calde ed i climi secchi mediterranei contribuiscono a
migliorare le prestazioni.

Per gli interventi naturali si pu fare la seguente schematizzazione (Tabella 1):

1
Disposizioni sulla tutela delle acque dallinquinamento.
2
Trattamento delle acque reflue urbane.
3
Protezione delle acque dallinquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
17

Tipo di
inquinamento
Intervento di trattamento
naturale
Categoria di intervento
Lagunaggi
Impianti subsuperficiali
Impianti superficiali tecno
Inquinamento
puntuale
Impianti superficiali
polivalenti
Fitodepurazione
Adattamento vie dacqua
esistenti
Fasce buffer

Ecosistemi
filtro
Inquinamento
diffuso
Coltivazioni polivalenti
(marcite, ecc.)
Tabella 1 - Classificazione degli interventi naturali (Malcevschi, 2001)

I trattamenti di fitodepurazione meritano un discorso a parte perch riuniscono in
ununica applicazione gli obiettivi di miglioramento di qualit delle acque di scarico e la
realizzazione di unarea con valenze paesaggistiche, naturalistiche e, raramente,
ricreative.

2.3 Generalit sui sistemi di fitodepurazione

Il punto 2 dellarticolo 31 (Scarichi in acque superficiali) del D. Lgs. n. 152/99 specifica
che: Gli scarichi di acque reflue urbane che confluiscono nelle reti fognarie,
provenienti da agglomerati con meno di 2000 abitanti equivalenti e recapitanti in acque
dolci ed in acque di transizione e gli scarichi provenienti da agglomerati con meno di
10000 abitanti equivalenti, recapitanti in acque marino-costiere sono sottoposti ad un
trattamento appropriato, in conformit con le indicazioni dellAllegato 5, entro il 31
Dicembre 2005.
I trattamenti appropriati, secondo lAllegato 5, devono essere individuati con lobiettivo
di:
a) rendere semplice la manutenzione e la gestione;
b) essere in grado di sopportare adeguatamente forti variazioni orarie del carico
idraulico ed organico;
c) minimizzare i costi.
Come riportato in precedenza, nellAllegato 5 del Decreto si legge: Per tutti gli
agglomerati con popolazione equivalente compresa tra 50 e 2000 a.e., si ritiene
auspicabile il ricorso a tecnologie di depurazione naturale quali il lagunaggio o la
fitodepurazione, o tecnologie come i filtri percolatori o impianti ad ossidazione totale.
Gli impianti di fitodepurazione rispondono bene a queste indicazioni ed per questa
ragione che anche in Italia, sulla base delle esperienze europee e nordamericane, si studia
lapplicabilit della fitodepurazione ai trattamenti delle acque reflue civili.

In senso generale, il termine fitodepurazione pu indicare qualunque processo in cui si fa
uso di organismi fotosintetici, comprese le microfite (sostanzialmente microalghe).
Usualmente, per, il termine utilizzato per indicare unicamente quei processi fondati
Capitolo 2 - La fitodepurazione
18
sullattivit di macrofite acquatiche
4
: questa distinzione ci consente di differenziare i
trattamenti di fitodepurazione cos definiti da quelli che tradizionalmente appartengono
alla famiglia dei trattamenti di lagunaggio e degli stagni biologici.

I trattamenti di fitodepurazione si distinguono per le componenti naturali e, in genere,
richiedono un limitato input di energia elettrica dallesterno.
Gli ecosistemi naturali sono caratterizzati dallelevata variabilit delle componenti
funzionali e dei percorsi idraulici: ci rende difficoltoso definire dei criteri razionali per
un uso ricorrente. La crescita spontanea sul terreno limitata da fattori naturali quali
luce, acqua e nutrienti mentre nei sistemi artificiali di fitodepurazione si pu ricorrere ad
un medium di crescita ed in fase di progetto si possono predefinire le condizioni di flusso
e le macrofite (Brix & Schierup, 1989 in Bonomo, 1996; Brix, 1991, 1993a in Bonomo,
1996). In questo modo gli ecosistemi artificiali sono gestiti in maniera pi controllata: le
prestazioni tipiche naturali sono esaltate ed il funzionamento globale non viene
compromesso, rimanendo simile a quello degli ecosistemi naturali (Wetzel, 1993 in
Bonomo, 1996).

Le aree umide artificiali possono trovare applicazione in diversi stadi del percorso
depurativo al quale i reflui vengono sottoposti, grazie alla possibilit di poter essere
posizionate in qualunque fase del trattamento complessivo.
La tecnologia della fitodepurazione generalmente applicata in due stadi del processo:
per compiere trattamenti secondari e di affinamento.
Per chiarezza desposizione, definiamo le fasi di depurazione usando la terminologia
comunemente adottata (Metcalf & Eddy, 1991):
Trattamento preliminare: consiste nella rimozione dei componenti inquinanti che
causano problemi alle operazioni di trattamento, ai processi ed alle opere
accessorie in dotazione allimpianto. Le operazioni preliminari comprendono, ad
esempio, vagliatura e frantumazione di detriti e stracci, rimozione della sabbia e
flottazione di oli e grassi.
Trattamento primario: una porzione dei solidi sospesi e della materia organica
viene rimossa del refluo tramite operazioni di sedimentazione e vagliatura. I
trattamenti primari attuati con tecniche avanzate consentono una parziale
biodegradazione dei composti organici. Per realizzare questo trattamento si fa uso
di chiarificatori, vasche settiche e fosse Imhoff. Leffluente in uscita dal
trattamento primario conterr materia organica ed avr concentrazione di BOD
relativamente alta.
Trattamento secondario: il trattamento principale tramite il quale si rimuove la
componente organica biodegradabile ed i solidi sospesi. Le tecnologie pi comuni
usate in questa fase del trattamento comprendono, ad esempio, i fanghi attivi, i
biodischi ed i letti percolatori.
Trattamento di affinamento: questultima fase, spesso definita trattamento
terziario, ha lo scopo di rimuovere la materia organica, i composti tossici ed i
solidi sospesi. Anche la disinfezione appartiene a questo stadio di trattamento.


4
Piante acquatiche vascolari, organismi vegetali superiori in cui si distinguono un sistema radicale, uno
fotosintetizzante ed uno deputato al trasporto.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
19
I diversi sistemi depurativi che si possono realizzare dipendono dalle caratteristiche
costruttive dellhabitat naturale ricostruito artificialmente e dalle particolari macrofite
acquatiche che hanno modo di svilupparsi.
Tra le idrofite e le colonie batteriche adese si instaura una cooperazione che riveste un
ruolo importante per i processi biologici, chimici e fisici attuati per rimuovere gli
inquinanti: sulle idrofite stesse si sviluppano delle colonie batteriche altamente
produttive, con la conseguente capacit di degradazione della sostanza organica e di
trasformazione dei nutrienti (Brix, 1993a in Bonomo, 1996).
La presenza della vegetazione mitiga il microclima nelle vicinanze del medium,
riducendo la velocit del vento e lincidenza dei raggi solari. La temperatura del medium,
rispetto ad un impianto non piantumato, risulta pi alta in inverno e pi bassa in estate.

I trattamenti di fitodepurazione in uso sono molteplici e le definizioni non sono
standardizzate. I diversi processi possiamo suddividerli come segue (Figura 1):
1. trattamenti di fitodepurazione mediante idrofite emergenti:
1.1. a flusso subsuperficiale orizzontale (Figura 1.a);
1.2. a flusso subsuperficiale verticale (Figura 1.b);
1.3. a flusso superficiale (Figura 1.c);
2. trattamenti di fitodepurazione mediante idrofite galleggianti (Figura 1.d);
3. trattamenti di fitodepurazione mediante idrofite sommerse (Figura 1.e);
4. sistemi di fitodepurazione integrati.


Figura 1 - Trattamenti di fitodepurazione in uso: a) a flusso subsuperficiale orizzontale, b) a flusso
subsuperficiale verticale, c) a flusso superficiale, d) con idrofite galleggianti, e) con idrofite sommerse
(Bonomo, 1996)

La maggior parte dei sistemi di fitodepurazione a flusso superficiale e subsuperficiale
trovano applicazione per reflui di tipo domestico o assimilabile (centri commerciali,
centri turistici, centri ricreativi, ecc.) ma non mancano esempi di utilizzo differenti (reflui
industriali, acque meteoriche e di drenaggio dei terreni agrari) anche su vasta scala.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
20

Confrontando i sistemi di fitodepurazione con i trattamenti convenzionali, emergono, a
favore dei primi, vantaggi quali la semplicit di costruzione e di esercizio, i bassi costi di
esercizio, la ridotta manutenzione, la gestione da parte di personale non altamente
qualificato e la maggior resistenza agli shock di carico organico. Altro vantaggio non
trascurabile degli ecosistemi artificiali il fatto di poterli realizzare ovunque, senza
essere limitati dalla disponibilit e dalla vicinanza al luogo di produzione del refluo.
Di contro, il calo di rendimento che si ha nei mesi freddi e per certi tipi di effluenti,
aumenta notevolmente la richiesta di aree da destinare allimpianto.

Tra i vari metodi di trattamento naturale delle acque reflue, da sottolineare che quelli a
flusso subsuperficiale sono attualmente visti con maggior interesse, specialmente in
Europa. I motivi di questo interesse sono dovuti essenzialmente ai seguenti aspetti
(Iannelli, 2001):
i sistemi a flusso sommerso, essendo sprovvisti di uno specchio liquido esterno,
riducono alcuni problemi legati allimpatto ambientale (proliferazione di insetti,
generazione di odori sgradevoli, ecc.).
le macrofite presenti aggiungono valore allimpianto se confrontato con i sistemi
che ne sono sprovvisti: limpatto ambientale minore ed il processo depurativo
ne trae miglioramento. Anche alcuni aspetti allapparenza secondari traggono
benefici dalla presenza delle piante: lo stato di salute delle piante, ad esempio,
porta alla luce zone poco irrorate dal liquame.
i processi di filtrazione volti alla rimozione dei solidi risultano pi efficaci ed il
supporto offerto dal medium consente lo sviluppo di biomasse adese molto
efficienti.

2.3.1 Sistemi a flusso subsuperficiale orizzontale (HF)

La caratteristica principale di questa tipologia impiantistica il flusso continuo che
attraversa il sistema mantenendolo costantemente saturo (Figura 2). Le applicazioni sono
volte ad ottenere la rimozione della sostanza organica, la denitrificazione e la parziale
rimozione del fosforo.
Gli impianti che si trovano descritti in letteratura, si sono dimostrati affidabili nei
riguardi della rimozione del carico organico, dei solidi sospesi e del carico microbico,
indipendentemente da variazioni anche considerevoli del carico idraulico, delle
caratteristiche di composizione delle acque in ingresso e delle temperature esterne.

Gli impianti a flusso sommerso orizzontale esistenti sul territorio nazionale sono, in larga
maggioranza, dimensionati con i criteri dettati dalla letteratura internazionale: E.P.A.
(1993), Cooper P.F. (1990, 1993), Reed et al. (1995), Kadlec & Knight (1995).
Le prestazioni migliori si ottengono con un riempimento di ghiaia del diametro inferiore
a 10 mm ed unarea specifica che varia tra 2.5 e 5 m
2
/a.e.; la pendenza del fondo non
supera mai il 2% e la profondit media del medium di 0.70 m (Del Bubba, 2000;
Garuti, 2000; Masi, 1999; Pucci, 2001; Conte, 2001; Masi, 2002).
Se larea specifica non supera i 5 m
2
/a.e., il rendimento di rimozione dellazoto
ammoniacale (N-NH
4
), che si ottiene utilizzando i dati di letteratura, non supera il 60-
70%; in denitrificazione si ottengono valori pi elevati, soprattutto nei mesi estivi (Del
Bubba, 2000; Garuti, 2000; Masi, 1999).
Capitolo 2 - La fitodepurazione
21


Figura 2 - Modello schematico di una vasca di fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale (Volpe,
2001)

2.3.2 Sistemi a flusso subsuperficiale verticale (VF)

I sistemi a flusso sommerso verticale sono sempre pi adottati anche in Italia, dove
trovano impiego a livello di piccoli impianti o come stadi ossidativi in impianti ibridi
multistadio, per ottenere unadeguata nitrificazione (Figura 3).
Lo strato di riempimento sottoposto ad unalternanza di condizioni sature e di
esposizioni allatmosfera che ne favoriscono laerazione. Il letto drena liberamente
consentendo la saturazione e la successiva ondata di liquido intrappola laria che,
assieme allaerazione provocata dal rapido flusso attraverso il sistema, consente una
buona ossigenazione. La notevole diffusione dellossigeno anche negli strati pi profondi
consente di alternare periodi di condizioni ossidanti a periodi di condizioni riducenti: la
conseguenza una maggior capacit nitrificante.


Figura 3 - Modello schematico di una vasca di fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale
Capitolo 2 - La fitodepurazione
22

Le esperienze italiane, normalmente riempite con sabbia grossolana (0.05-0.1 mm) o con
lisetta (0.1-0.5 mm) ed alimentate in discontinuo con pompe elettromeccaniche o sifoni
di cacciata, mostrano elevate capacit di nitrificazione.
Gli impianti italiani, per il trattamento secondario di reflui civili o domestici, sono
realizzati con coefficienti darea di 2-5 m
2
/a.e. e le macrofite maggiormente utilizzate
sono le Phragmites australis.
Con le indicazioni di letteratura (3 m
2
/a.e., 60 cm di sabbia grossolana, carico di 50
litri/m
2
giorno) possibile ottenere le seguenti percentuali di rimozioni (Tabella 2):

azoto ammoniacale 60-90%
COD 92-99.9%
BOD
5
97-99%
Tabella 2 - Percentuali di rimozione in impianti VF con parametri di letteratura (Bonomo, 1996)

2.4 Situazione italiana

Come si pu notare dalla cartina di Figura 4, la maggior parte degli impianti di
fitodepurazione concentrata al Centro ed al Nord Italia, soprattutto fra Toscana, Veneto
ed Emilia Romagna: le autorit locali di queste regioni si sono dimostrate
particolarmente recettive allaccettazione di questi impianti.


Figura 4 - Distribuzione geografica degli impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2002)
Capitolo 2 - La fitodepurazione
23

Nella Figura 5 sono riportate le varie tipologie impiantistiche, realizzate singolarmente o
combinate tra loro.

6%
7%
3% 4%
10%
7%
1%
1%
61%
HF
ALTRI
RCW
ZONE TAMPONE
HF+FWS
HF+VF+FWS
HF+VF
FWS
VF

Figura 5 - Diffusione delle diverse tipologie di impianti di fitodepurazione in Italia (Masi, 2003)

Le diverse sigle indicano:
HF: sistema a flusso sommerso orizzontale, detto anche a flusso subsuperficiale
orizzontale;
RCW: zona umida ricostruita;
FWS: sistema a flusso libero;
VF: sistema a flusso sommerso verticale, detto anche a flusso subsuperficiale
verticale.

Limpianto pi utilizzato il sistema a flusso subsuperficiale orizzontale (HF), preferito
per la semplicit di realizzazione e di gestione. Entrambi i sistemi a flusso
subsuperficiale (HF e VF) sono, per la maggior parte dei casi, installati come stadio di
trattamento secondario per i reflui domestici o civili.

I sistemi a flusso libero (FWS) sono impiegati per realizzare stadi di trattamento terziari
di impianti biologici esistenti (fanghi attivi, biodischi, ecc.), o come stadio finale in
impianti di fitodepurazione ibridi, per favorire la disinfezione delleffluente e per
raffinare il processo depurativo ai fini del riuso agrario o industriale delle acque trattate.
Come trattamenti a tecnologia leggera, la Regione Veneto ha condotto delle esperienze
utilizzando zone seminaturali (NW) o ricostruite (RCW).

2.5 Meccanismi di rimozione

I meccanismi depurativi della fitodepurazione vengono svolti indipendentemente dal tipo
di applicazione. Di conseguenza, i vari meccanismi descritti nel seguito potranno essere
attivi in tutti i sistemi ovvero esclusivamente in alcuni.
I processi biologici attraverso i quali avviene la rimozione degli inquinanti sono di tipo
biologico, chimico e fisico. In Tabella 3, in base alle diverse forme di inquinamento,
Capitolo 2 - La fitodepurazione
24
sono riassunti i trattamenti attivi nella fitodepurazione; di seguito alla tabella vi una
breve descrizione dei meccanismi di rimozione.

Inquinanti Meccanismi di rimozione
Sedimentazione
Solidi sospesi Filtrazione/adsorbimento
Degradazione biologica (idrolisi)
Sedimentazione
BOD e COD Filtrazione/adsorbimento
Degradazione biologica (aerobica ed anaerobica)
Ammonificazione seguita da nitrificazione/denitrificazione biologica
Azoto Assunzione da parte delle piante
Volatilizzazione ammoniaca
Precipitazione con cationi (Fe, Al e Ca) presenti nel medium
Fosforo Adsorbimento su argilla o sostanza organica presente nel medium
Assunzione da parte delle piante
Adsorbimento/precipitazione/scambio ionico nel medium
Metalli pesanti
Assunzione da parte delle piante
Sedimentazione
Filtrazione/adsorbimento
Batteri e virus Predazione e morte naturale
Radiazione UV
Rilascio di sostanze antibiotiche da parte delle piante
Tabella 3 - Meccanismi depurativi dei trattamenti di fitodepurazione (Bonomo, 1996)

Solidi sospesi

La rimozione dei solidi sospesi si differenzia se abbiamo a che fare con solidi sospesi
sedimentabili o di natura colloidale. Per i primi intervengono meccanismi di tipo fisico
(sedimentazione o filtrazione) mentre gli altri si rimuovono attraverso ladsorbimento su
altri solidi o tramite degradazione biologica di tipo idrolitico.

La filtrazione tipica dei bacini di fitodepurazione mediante idrofite emergenti a flusso
subsuperficiale. bene verificare che il carico di solidi non sia eccessivamente elevato,
per evitare di intasare il medium e la formazione di non voluti deflussi superficiali.
Anche nei sistemi con idrofite galleggianti, sommerse ed emergenti a flusso superficiale,
avviene, ad opera degli apparati radicali o dei fusti delle piante, la filtrazione.
Ladsorbimento, per azione chimico-fisica esercitata dalle piante e dal medium sui solidi
colloidali (adsorbimento fisico) e disciolti (adsorbimento chimico), pu svilupparsi in
tutti i sistemi.
La degradazione biologica di tipo idrolitico uno stadio preliminare che permette ai
batteri la produzione di composti diffusibili allinterno della pellicola biologica e della
propria membrana, partendo da molecole non diffusibili. Tale stadio comporta la rottura
enzimatica delle macromolecole organiche.
In tutti i sistemi analoghi agli stagni biologici avviene la sedimentazione, favorita dai
lunghi tempi di ritenzione idraulica, dai bassi carichi idraulici e dalla ridotta velocit del
vento.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
25

BOD e COD

La sostanza organica, intesa come BOD e COD, viene rimossa con modalit differenti a
seconda che si abbia a che fare con la frazione disciolta, sospesa non sedimentabile e
sospesa sedimentabile.
La frazione sospesa associata ai solidi sospesi e viene rimossa con le stesse modalit di
questi. La frazione disciolta e quella trattenuta nei sedimenti e nei vuoti del medium
subisce la degradazione biologica. Tale degradazione pu essere aerobica e/o anossica
e/o anaerobica.
Nella parte ossigenata dellimpianto e nella rizosfera si ha degradazione aerobica; quella
anossica avviene nelle zone vicine a quelle ossigenate in cui associata la presenza di
ossigeno combinato (nitrati e solfati) allassenza di ossigeno molecolare; la degradazione
anaerobica si ha nelle zone prive di ossigeno libero e combinato.
A causa dei lunghi tempi di ritenzione e delle diverse specie batteriche, possono essere
rimossi, attraverso degradazione biologica, i composti organici lentamente biodegradabili
(Stowell et al., 1981). Nei bacini a flusso subsuperficiale con idrofite emergenti, abbiamo
la rimozione dei composti organici lentamente degradabili, attraverso ladsorbimento alle
particelle argillose e di sostanza organica presenti nel medium (U.S. E.P.A., 1988).
Esiste un limite minimo di BOD e COD residuo nelleffluente: anche se la rimozione
della sostanza organica elevata sono presenti le perdite di materiale organico da parte
delle idrofite (Stowell et al., 1981; W.P.C.F., 1990; Kadlec, 1995; Reed & Brown, 1995).

Azoto

La rimozione dellazoto avviene per: ammonificazione biologica dellazoto organico
seguita da nitrificazione/denitrificazione biologica, assunzione diretta da parte delle
piante seguita dalla loro raccolta e volatilizzazione dellammoniaca. La volatilizzazione
dellammoniaca richiede che il pH del liquame sia pari a 8-9 mentre lassunzione diretta
da parte delle piante assai limitata. Lammonificazione biologica dellazoto organico
seguita dalla nitrificazione/denitrificazione biologica rimane il meccanismo pi
importante di rimozione dellazoto.

Fosforo

I meccanismi che entrano in gioco per rimuovere il fosforo sono lassunzione diretta da
parte delle piante (seguita dalla loro raccolta) e lo stoccaggio biologico e chimico nei
sedimenti.
Il rendimento di rimozione varia con il tipo di bacino di fitodepurazione: maggiore per
quelli a flusso subsuperficiale e minore per quelli a flusso superficiale. Lefficacia di
rimozione pi elevata perch sono maggiori le opportunit di contatto tra liquame e
sedimento, anche se alcuni Autori ritengono sia un errore attribuire le pi importanti
potenzialit di rimozione del fosforo alla precipitazione ed alladsorbimento sulle
particelle che costituiscono il sedimento.
Capitolo 2 - La fitodepurazione
26

Metalli pesanti

I meccanismi di rimozione dei metalli pesanti sono gli stessi che intervengono nella
rimozione del fosforo. Anche se molte idrofite non compromettono le proprie funzioni a
seguito di apprezzabili assunzioni di metalli pesanti, non ragionevole pensare di
rimuovere le biomasse arricchite, in quanto si avrebbero problemi di smaltimento non
trascurabili.

Batteri e virus

I batteri patogeni ed i virus vengono rimossi, in parte, attraverso la sedimentazione, la
filtrazione e ladsorbimento, ed in parte tramite predazione e morte naturale dovuta alla
prolungata esposizione a condizioni fisiche, chimiche e biologiche ostili.
I metaboliti (biocidi) rilasciati dallapparato radicale delle piante esercitano un
significativo effetto antibiotico sui batteri (Brix, 1993a, 1995 in Bonomo, 1996; Rivera et
al., 1995 in Bonomo, 1996).

2.6 Considerazioni riepilogative

Nei paragrafi precedenti, abbiamo avuto modo di evidenziare come il sistema a flusso
subsuperficiale verticale susciti molto interesse tra gli addetti alla depurazione delle
acque reflue.
Negli impianti realizzati a flusso subsuperficiale verticale, le cinetiche di rimozione sono
pi efficienti, soprattutto a seguito del maggior apporto di ossigeno che determina
condizioni di non saturazione del letto da parte della fase liquida: la gestione con cicli di
riempimento-svuotamento determina un effetto di aspirazione-svuotamento prodotto
dalle escursioni del livello di falda che permette di ottenere il massimo rendimento dal
trasporto convettivo e diffusivo dellossigeno in fase gassosa. Diversamente dovremmo
fare affidamento sugli scambi di ossigeno disciolto in fase liquida.
I processi aerobici, rispetto a quelli anossici ed anaerobici, sono pi efficaci e di
conseguenza risultano favoriti i meccanismi di rimozione del BOD e di nitrificazione.
Nei sistemi a flusso subsuperficiale verticale, la nitrificazione biologica operata da
batteri autotrofi con cinetiche di reazione molto basse e che richiedono notevoli quantit
di ossigeno. Per questo motivo i letti a flusso verticale sono associati a letti a flusso
orizzontale: i primi con specifica funzione di nitrificazione ed i secondi con quella di
denitrificazione anossica (Platzer, 1995; Johansen & Brix, 1996; Volpe et al., 2000).
Le potenzialit dei letti a flusso verticale possono essere comunque sfruttate in quelle
situazioni in cui, pur non essendo richiesta la nitrificazione, la cinetica biologica pi
efficace consente di ridurre gli ingombri. A tal proposito bene tener presente che a
parit di prestazione di rimozione del BOD, il sistema a flusso verticale dimezza le
superfici richieste rispetto al sistema a flusso orizzontale. In situazioni territoriali con
scarse aree disponibili od orografia non pianeggiante (come lItalia), il vantaggio risulta
evidentissimo (Iannelli R., 2001).

Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
27
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari

La verifica della coerenza e della consistenza del modello idraulico dellimpianto di
fitodepurazione eseguita confrontando i risultati del nostro modello con quelli ottenuti
attraverso luso di appositi software, sviluppati a seguito del crescente interesse per le
condizioni insature o parzialmente sature dei terreni. Usualmente, gli studi su questi
argomenti vengono condotti sui terreni agrari allo scopo di massimizzare la produzione
del raccolto; inoltre attualmente le ricerche sono estese a tutte quelle situazioni nelle
quali la caratterizzazione idraulica del suolo riveste un ruolo fondamentale. Le situazioni
a cui si fa riferimento comprendono principalmente applicazioni a difesa dellambiente:
fitodepurazione, dispersione nel suolo degli inquinanti, bioremediation, discariche in
esercizio o dismesse e compostaggio.
I software descritti nel seguito sono stati sviluppati per studiare la diffusione degli
inquinanti nei siti contaminati; tali software possono essere applicati al presente studio
per prevedere il comportamento idraulico del refluo immesso nel sistema di
fitodepurazione, assimilando il liquame allinquinante in movimento nel sottosuolo. Per
usare questi codici di calcolo, necessario caratterizzare la porzione di medium nel quale
avviene il moto del liquido con le propriet fisiche di stato (porosit, contenuto dacqua)
che descrivono laggregato di particelle.
Il confronto dei risultati possibile perch esistono delle similitudini tra i terreni agrari
ed il letto drenante del sistema di fitodepurazione. Tali rassomiglianze riguardano la
diffusione gassosa ed il moto di un fluido allinterno della colonna di suolo.
Le similitudini illustrate in questo capitolo ci consentono di usare gli stessi parametri che
caratterizzano i suoli in generale, per descrivere il medium dei sistemi di fitodepurazione.
Lutilit applicativa del presente capitolo di spiegare i meccanismi di diffusione
dellossigeno e di moto dellacqua nel sottosuolo, al fine di convalidare le similitudini tra
i terreni agrari ed i nostri impianti di depurazione naturale, e quindi confermare che i
metodi di indagine ed i parametri descrittivi usati in campo agronomico possono essere
applicati alla fitodepurazione.
Gli studi che, come nel caso del presente lavoro, vengono svolti sui sistemi di
fitodepurazione, non hanno il supporto di metodologie di analisi specifiche e le difficolt
di indagine che si incontrano devono essere superate riadattando procedure e strumenti
messi a punto in altri campi.

3.1 Cenni sui terreni agrari

Il terreno lo strato superficiale della crosta terrestre avente uno spessore variabile in cui
la sua origine dovuta alla degradazione della roccia madre da parte di processi
meccanici (agenti atmosferici in genere), fisici (esempio: variazioni termiche) e chimici.
Accanto a questi processi ne esistono altri che rendono fertile il terreno ed adatto alla
coltivazione.
La funzioni principale del terreno quello di formare una riserva di sostanze nutritive:
queste vengono assorbite dalla vegetazione attraverso lapparato radicale. Il suolo deve
essere visto, inoltre, come il mezzo nel quale tali sostanze vengono prodotte.
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
28

Le componenti principali del terreno sono:
1. scheletro; la parte di terreno che non passa il setaccio con fori da 2 mm di
diametro. Lo scheletro formato da: ciottoli, ghiaione e ghiaia. A causa delle
lavorazioni agricole il terreno agrario sprovvisto dello scheletro.
2. terra fine; la parte di terreno che passa il setaccio con fori da 2 mm di diametro.
La terra fine costituita da sabbia, limo ed argilla e la sua composizione definisce
la tessitura del terreno.
3. humus; la parte organica del terreno e svolge funzioni nutrizionali e stabilizzanti
(lega assieme i componenti del terreno, per mezzo degli acidi in esso contenuto).
4. aria ed acqua; sono contenuti nei pori del terreno. Laria indispensabile per la
respirazione dellapparato radicale e permette ai batteri di tipo aerobico di
svolgere quei processi chimici indispensabili alla pianta per sopravvivere.
Lacqua importante per la vita della vegetazione: ricca di sostanze disciolte
assimilabili dalle piante.

In generale, un terreno caratterizzato dalle seguenti propriet fisiche:
1. tessitura; la tessitura di un terreno definita dalle percentuali in peso delle tre
componenti fini (sabbia, limo ed argilla). Una volta definite le percentuali
possibile classificare il terreno usando, ad esempio, il triangolo dei suoli riportato
in Figura 6:


Figura 6 - Classificazione dei terreni su base granulometrica, secondo il Soil Conservation Service
(USDA)

2. struttura; le dimensioni delle particelle e la disposizione che assumono venendo a
contatto determinano la struttura del terreno. Le particelle si uniscono in grumi: in
essi la sostanza organica conferisce stabilit. La stabilit dei grumi determina la
stabilit della struttura. In base alla struttura del terreno, in esso si creano
macropori e micropori: i primi sono in genere occupati dallaria ed i secondi
dallacqua capillare. I terreni sono ben aerati ma trattengono male lumidit se
hanno in prevalenza macropori; per quelli con molti micropori accade il contrario.
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
29
3. porosit; per definizione la porosit p il rapporto percentuale tra il volume W
v

dei vuoti e quello W del campione di terreno:

100 =
W
W
p
v
(3.1)

Dalla porosit si possono ricavare informazioni utili sui pori interni allammasso
di terreno. Tali pori sono quelli che si riempiono di acqua e di materiale filtrato.
4. densit; un terreno caratterizzato dalla densit relativa apparente (
ra
) o reale
(
rr
). La densit relativa apparente il rapporto tra il peso specifico del campione
e quello dellacqua; quella reale data dal rapporto tra il peso specifico del
campione compatto e quello dellacqua.

Alla porosit, alla capillarit ed alla conducibilit si affida, negli impianti di
fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale, la ritenzione del liquame.

3.2 Lacqua nel sottosuolo

Le caratteristiche pi importanti della fase liquida sono due: la quantit presente e le
forze che trattengono lacqua nella matrice solida. La presenza dacqua nel sottosuolo
influenza alcuni processi importanti quali, ad esempio, lo scambio di gas con latmosfera,
la diffusione dei nutrienti per le piante, la temperatura del terreno e la velocit con la
quale i soluti si muovono durante lirrigazione o la pioggia. Le forze di ritenzione
giocano un ruolo fondamentale nellestrazione dellacqua da parte delle piante, nella
quantit di liquido drenato per effetto della gravit e nella risalita capillare.

Quando il potenziale totale dellacqua varia da punto a punto, si dice che il sistema non
in equilibrio e nel momento in cui due punti a diverso potenziale vengono a contatto si
instaura un flusso liquido, diretto verso la zona a minore potenziale, che tende a
ristabilire lequilibrio. Durante gli eventi di pioggia, ad esempio, lacqua cade sulla
superficie del suolo e si infiltra nella colonna di terreno; il sistema non ritorna in
equilibrio perch lacqua che fluisce dalla zona a potenziale maggiore (la superficie)
sostituita dal fluido entrante nel sistema dallesterno (la pioggia).
Tralasciamo il moto fluido nei terreni saturi per analizzare il flusso in condizioni
insature. Quando un terreno insaturo, la presenza di una fase gassosa modifica
drasticamente i condotti utilizzati per il flusso liquido e le condizioni di moto sono molto
diverse dal caso dei terreni saturi. Poich la fase liquida a contatto in parte con la fase
solida ed in parte con la fase gassosa, la pressione dellacqua ad una certa quota
dipender dallaltezza della colonna liquida, dallattrazione esercitata dalla matrice solida
e dalla tensione superficiale dellinterfaccia aria-liquido e risulter pi bassa rispetto alla
pressione idrostatica valutata alla stessa elevazione. Con il diminuire del contenuto
dacqua diminuisce anche la pressione liquida e la fase liquida costretta a muoversi in
canali pi stretti e tortuosi.

Nel 1907, Edgar Buckingham propose una modifica alla legge di Darcy, al fine di
ottenere una relazione che descrivesse il flusso attraverso un suolo insaturo. La modifica
proposta si basava sulle seguenti ipotesi (Jury et al., 1991):
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
30
1. la forza motrice per il flusso liquido in un suolo isotermico, rigido, insaturo, senza
soluto e con il potenziale della pressione dellaria nullo, la somma del
potenziale gravitazionale e del potenziale matriciale;
2. la conducibilit idraulica di un terreno insaturo funzione del contenuto dacqua
o del potenziale matriciale.

La legge di Darcy modificata (o legge di Buckingham-Darcy), che esprime il volume V
di acqua defluita nellunit di tempo attraverso unarea A, si scrive nel seguente modo:

( ) ( ) ( ) ( )

= +

= = 1
z
h
h K z h
z
h K
z
H
h K
A
Q
q (3.2)

dove H=h+z il carico idraulico nel suolo insaturo, K(h) la conducibilit idraulica
insatura, h il potenziale matriciale e z il potenziale gravitazionale.

Ipotizzando il flusso verticale e lassenza di radici, combiniamo lequazione di
conservazione del contenuto dacqua

0 =

t z
q
(3.3)

con la legge di Buckingham-Darcy (3.2). Lespressione che ne deriva (conosciuta come
equazione di Richards) consente di prevedere il contenuto dacqua o il potenziale
matriciale durante il transitorio di flusso
5
:

1 ) (
z
h
h K
z t

(3.4)

La (3.4) non pu essere risolta perch abbiamo due incognite ( ed h) ed una sola
equazione. Questa difficolt viene superata usando la funzione potenziale matriciale-
contenuto dacqua h() per eliminare o h. A seconda della variabile eliminata
possibile ottenere due forme differenti dellequazione (3.4).

Equazione di Richards in funzione del contenuto dacqua

Lequazione di flusso (3.2) pu essere riscritta in funzione di operando le seguenti
trasformazioni:
1. K(h) funzione di h che a sua volta dipende da , per cui lecito scrivere che

( ) ( ) ( ) K h K (3.5)


2. la derivata parziale z h / pu essere scritta come


5
Il sistema di riferimento orientato verso lalto a partire dal fondo della colonna di terreno.
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
31
( )
z d
dh
z
h

(3.6)


dove d dh / rappresenta la pendenza della funzione potenziale matriciale-
contenuto dacqua.

Sostituendo la (3.5) e la (3.6) nella (3.2) otteniamo

( ) ( ) ( ) ( )

K
z
D K
z d
dh
K q

= (3.7)

dove D()=K()(dh/d) la diffusivit capillare. A questo punto la (3.4) pu essere
scritta come

( )
z
K
z
D
z t

) ( (3.8)

ed chiamata Equazione di Richards in funzione del contenuto dacqua.

Equazione di Richards in funzione del potenziale matriciale

La derivata rispetto al tempo del contenuto dacqua pu essere trasformata nella
relazione seguente:

( )
t
h
h C
t
h
dh
d
t


(3.9)

dove C(h)=d/dh la capacit specifica ed equivale allinverso della pendenza di h().
Inserendo la (3.9) nella (3.4) otteniamo lEquazione di Richards in funzione del
potenziale matriciale:

1 ) ( ) (
z
h
h K
t t
h
h C (3.10)

La (3.10) pu essere risolta se sono note:
le condizioni al contorno;
una condizione iniziale;
le funzioni C(h) e K(h).

Lanalisi sul moto dellacqua nel sottosuolo svolta in questo paragrafo pu essere
applicata allo studio dei modelli idraulici dei sistemi di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale: le fasi alternate di riempimento-svuotamento del medium
determinano, allinterno del letto, la presenza di condizioni insature e possono essere
assimilate ai cicli di irrigazione dei terreni agrari. Il refluo perci costretto a muoversi
in tali condizioni, rispettando la teoria appena esposta.
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
32
Cos come affermato nel paragrafo precedente, anche in questo caso le caratteristiche
idrauliche del terreno variano nello spazio e nel tempo a causa della gestione
intermittente dellimpianto.


3.3 Diffusione gassosa nel terreno

I principali meccanismi che determinano il movimento dei gas sono la convezione e la
diffusione. Allinterno del suolo il fenomeno della convezione trascurabile, per cui il
pi importante meccanismo di trasporto dei gas la diffusione (Jury et al., 1991).
Lequazione che permette di descrivere la diffusione gassosa in aria libera (massa per
unit di superficie totale per unit di tempo) espressa dalla legge di Fick:

=
z
C
D J
g
a
g g
(3.11)

Nellequazione (3.11) D
g
a
il coefficiente di diffusione binario della specie gassosa in
aria e Cg la concentrazione del gas presente in fase vapore o gassosa.
La (3.11) tende a sovrastimare il flusso gassoso attraverso il suolo per due motivi:
1. la diffusione gassosa tra due punti avviene attraverso un percorso pi lungo;
2. la sezione disponibile per il flusso varia a causa delle barriere solide e liquide.

La legge di Fick in aria libera viene di conseguenza modificata con il fattore di tortuosit

g
()<1 in modo da tener conto della tortuosit dei pori, degli effetti derivanti
dallallungamento dei cammini di flusso e degli strozzamenti della sezione trasversale
dei pori:

( )

=
z
C
D
z
C
D J
g
s
g
g
a
g g g
(3.12)

D
g
s
, per definizione, il coefficiente di diffusione gassoso nel suolo e rappresenta
volume daria interstiziale per unit di volume di suolo (V
aria
/V
suolo
). In letteratura
possibile trovare diverse relazioni empiriche che permettono di calcolare il fattore di
tortuosit
g
():
1. se il suolo omogeneo si pu adoperare la relazione di Millington-Quirk (1961):

( )
2 3 / 10
/ =
g
(3.13)

dove la porosit;
2. se il terreno caratterizzato da un basso contenuto dacqua, lecito usare
lespressione di Penman (1940):

( )

66 . 0 =
g
(3.14)

3. Marshall (1959) propose il seguente legame:
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
33

( )
5 . 1
=
g
(3.15)

In Figura 7 sono riportate, per confronto, le espressioni di
g
():

0,000001
0,00001
0,0001
0,001
0,01
0,1
1
0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5
Contenuto d'aria
F
a
t
t
o
r
e

d
i

t
o
r
t
u
o
s
i
t

g
(

)

Figura 7 - Fattore di tortuosit calcolato secondo diversi Autori: Millington-Quirk (), Marshall
() e Penman ()

Le considerazioni esposte in questo paragrafo possono essere applicate anche allo studio
dei sistemi di fitodepurazione: nella valutazione della diffusione dellossigeno nel
medium indispensabile non trascurare la presenza delle barriere solide e liquide dovute,
rispettivamente, alle particelle trattenute dal materiale di riempimento del letto ed
allacqua percolante e/o di ritenzione.
importante sottolineare che il fattore di tortuosit
g
() non pu assumere, nel caso dei
sistemi di fitodepurazione, un valore costante ma dovr essere variabile nel tempo e nello
spazio. Il coefficiente, infatti, risente dei processi coinvolti nella rimozione dei solidi
sospesi (filtrazione ed adsorbimento), che implicano un progressivo accumulo di
sostanze, e dei cambiamenti di contenuto dacqua conseguenti ai cicli di riempimento-
svuotamento dellimpianto.

3.4 Considerazioni riepilogative

Da quanto esposto fino a questo momento, sono emerse importanti analogie tra i sistemi
di fitodepurazione ed i terreni agrari. Per entrambe le colonne di suolo, la diffusione
gassosa espressa tramite la legge di Fick, introducendo il fattore di tortuosit
g
() che
tiene conto della sinuosit dei pori, dellallungamento dei percorsi e degli strozzamenti
della sezione trasversale. Anche il moto dellacqua attraverso un mezzo poroso insaturo
si descrive con la stessa legge: lequazione di Richards si pu applicare sia nello studio
Capitolo 3 - Gli impianti di fitodepurazione come terreni agrari
34
dei terreni agrari sia in quello dei sistemi di fitodepurazione; ci che cambia sono i
parametri di taratura delle formule, che si differenziano a seconda delle propriet fisiche
di stato del suolo.
Volendo ricercare altre analogie di minore importanza, anche alcune operazioni di
manutenzione della vegetazione sono del tutto identiche a quelle adottate in agricoltura.
Tra queste abbiamo la sfalciatura o bruciatura per il rinnovo della vegetazione,
labbassamento del livello di falda per consentire lapprofondimento delle radici e la
disinfestazione delle piante per eliminare la vegetazione indesiderata.

Le similitudini tra i terreni agrari e gli impianti di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale, illustrate nel presente capitolo, giustificano un approccio
sperimentale simile per i due tipi di terreno e lutilizzo delle metodologie di indagine
sviluppate in campo agronomico.

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
35
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici

Il moto idraulico nel trattamento a flusso subsuperficiale verticale avviene in condizioni
di non saturazione ed essenziale considerare anche i fenomeni legati alla capillarit.
Limplementazione della schematizzazione di calcolo avviene con lausilio
dellEquazione di Richards e lapplicazione di tale espressione dipende fortemente dai
parametri idraulici che caratterizzano il medium di riempimento.
In letteratura non possibile reperire testi specifici su tale argomento in quanto gli studi
su tale tipologia di impianto sono tuttora in corso. Abbiamo per dimostrato che
possiamo utilizzare i metodi di indagini agronomici per raccogliere dati sufficienti a
costituire delle relazioni matematiche tra i parametri.
I principali parametri idraulici che influiscono nei processi del terreno, ed in particolare il
flusso dellacqua, sono il contenuto dacqua nel suolo e la conducibilit idraulica. Questi
parametri si esprimono tramite relazioni che legano il potenziale matriciale (
m
) al
corrispondente valore di contenuto dacqua (), mentre la conducibilit idraulica pu
essere funzione dello stesso potenziale (K(
m
)) o del contenuto dacqua (K()).
Una volta definiti i pi importanti parametri idraulici, siamo in grado di caratterizzare il
medium di riempimento del sistema di fitodepurazione e di far girare i software che
simulano la diffusione e la dispersione degli inquinanti nei terreni naturali, per poter
verificare la coerenza e la consistenza del modello matematico previsionale che si sta
sviluppando.
In questo capitolo sono descritti i tre parametri ritenuti fondamentali nello studio del
moto idraulico del refluo allinterno del letto drenante (potenziale totale, contenuto
dacqua e conducibilit idraulica). Per ogni parametro sono riportate le relazioni
matematiche che lo legano agli altri e sono descritte le strumentazioni e le procedure atte
a misurarli.

4.1 Il potenziale totale

Il potenziale totale nel terreno esprime il lavoro che occorre spendere per estrarre la
quantit unitaria di acqua dal terreno ovvero lo stato dellenergia dellacqua nel suolo. La
sua conoscenza richiesta per poter descrivere il moto liquido nel medium: il flusso di
materia in un sistema naturale dipende da un gradiente di energia.
Da un punto di vista fisico ed idrogeologico, un terreno pu essere considerato come un
insieme di tubi capillari, i quali sono costituiti dagli spazi vuoti non occupati dalla fase
solida. I vuoti disponibili possono essere riempiti da una fase gassosa e/o da una fase
liquida che, in condizioni naturali, sono rispettivamente aria e acqua.
Il rapporto tra il volume dacqua presente nel suolo (V
W
) ed il volume dei vuoti (V
v
)
esprime il grado di saturazione (S
e
) del terreno:

v
w
e
V
V
S = (4.1)

Si possono avere tre situazioni:
1. zona insatura (S
e
<<1);
2. zona di transizione o di frangia capillare (S
e
1);
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
36
3. zona satura (S
e
=1).
Lacqua presente in un terreno permeabile soggetta a diversi campi di forza. Tra questi
abbiamo:
forza peso;
forza di attrazione elettrostatica: i cristalli di minerali argillosi hanno una
superficie elettricamente non neutra che attira le molecole dacqua, sfruttando la
polarit di queste ultime;
forza di tensione superficiale: responsabile dei fenomeni di capillarit che
trattengono o fanno risalire lacqua nei pori.
Altre forze, ad esempio la pressione osmotica, agiscono con intensit minore delle
precedenti.
Nella zona non satura le forze di attrazione elettrostatica e quelle di tensione superficiale
fanno aderire lacqua alla superficie dei grani: le forze coulombiane e di capillarit
esercitano una sottopressione detta pressione capillare o suzione matriciale. Questa
pressione ha segno negativo.
La forza che trattiene lacqua nel terreno espressa con il potenziale acqua-terreno, viene
indicata con e dimensionalmente rappresenta unenergia per unit di massa [J/kg]. In
un terreno non saturo il potenziale negativo: bisogna compiere lavoro per rimuovere
lacqua. Il flusso del liquido nel suolo avviene a causa del gradiente del potenziale.
In generale possiamo esprimere il potenziale totale come somma di potenziali parziali:

g m p o s


+ + + + + = (4.2)

dove:

s
riferito alla matrice solida del terreno;

o
il potenziale osmotico dovuto alle sostanze disciolte che causano una
diminuzione di potenziale rispetto a quello dellacqua pura;

p
il potenziale pneumatico causato dalla pressione dellaria. Si determina con
lespressione

g h
a p
= (4.3)

nella quale h
a
pari alla pressione dellaria misurata in metri di colonna dacqua.
Generalmente si considera costante con la profondit e uguale alla pressione
atmosferica.

m
il potenziale matriciale (o potenziale di pressione) causato dalle forze di
attrazione esistenti tra le particelle di terreno e di acqua, dalla presenza di pori e
di superfici di separazione tra le varie fasi.
m
assume valori negativi e viene
espresso in funzione dellaltezza piezometrica h, misurata in metri di colonna
dacqua:

g h
m
= (4.4)

si riferisce ad eventuali sovraccarichi;


Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
37

g
il potenziale gravitazionale, definito dalla posizione della particella nel
campo gravitazionale:

g z
g
= (4.5)

I potenziali parziali che hanno particolare importanza nei problemi di moto dellacqua
sono: il potenziale di pressione e quello gravitazionale.
Se moltiplichiamo per la densit dellacqua [kg/m
3
] otteniamo lenergia per unit di
volume
v
[J/m
3
]. Luso delle dimensioni [J/kg] raccomandato per due motivi: le unit
di misura sono quelle del Sistema Internazionale e lenergia per unit di massa non
cambia con la temperatura e la pressione, al contrario dellenergia per unit di volume.
Il potenziale pu essere misurato come una lunghezza, semplicemente dividendolo per
laccelerazione di gravit g: [J/kg]=[(Nm)/(kgg)]=[(Nm)/N]=[m].

4.2 Misura del potenziale di pressione

Le pressioni negative possono essere misurate con il tensiometro. Il tensiometro lo
strumento pi semplice e maggiormente usato per misurare la pressione capillare nel
terreno. Lapparecchio costituito da una capsula porosa fatta in materiale ceramico e
connessa ad un manometro attraverso un tubo pieno dacqua (Figura 8).


Figura 8 - Tensiometro quick-draw, adatto a letture rapide

La punta ceramica dello strumento viene posta a contatto con il suolo in modo che i suoi
pori, saturi dacqua, realizzino un collegamento idraulico tra lacqua contenuta
nellapparecchio e quella presente nel suolo (Figura 9). Attraverso la connessione idrica
si instaura uno scambio liquido che cessa quando si raggiunge lequilibrio statico e
termico ossia quando la pressione interna del dispositivo eguaglia la pressione capillare
presente nel terreno (A. Santini, 1997; W. A. Jury et al., 1991).

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
38

Figura 9 - Funzionamento del tensiometro

4.2.1 Principio di funzionamento del tensiometro

Quando la punta di un piezometro viene a contatto con un serbatoio dacqua, tra questa e
lacqua contenuta nello strumento si instaura un contatto idraulico ed il livello liquido nel
tubo si porta allo stesso livello del serbatoio (Figura 10).


Figura 10 - Connessione della punta porosa tramite piezometro per misurare la pressione sotto il livello
idrico

Il valore della pressione nella testa porosa dato dalla formula

h g P
w A
= (4.6)

dove
w
la densit dellacqua, g laccelerazione di gravit ed h laltezza tra il livello
liquido ed il centro della punta porosa.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
39

Poniamo un tensiometro a contatto con un terreno insaturo, usando un tubo ad U aperto
ad unestremit in modo che lacqua in esso contenuta sia alla pressione atmosferica. Le
pressioni negative del terreno esercitano una suzione sullacqua contenuta nello
strumento (Figura 11).


Figura 11 - Tensiometro per misurare il potenziale di pressione del suolo

Laltezza h della colonna liquida che stata aspirata nel terreno, ci permette di
determinare la pressione di suzione tramite la relazione

h g P
w A
= (4.7)

nella quale il segno meno ci ricorda che stiamo trattando tensioni negative.
Nelle applicazioni pratiche non si fa uso del manometro ad acqua e si ricorre a
manometri a mercurio, vacuometri metallici
6
o trasduttori elettrici.

4.2.2 Calcolo dellaltezza piezometrica e dellenergia potenziale

Per i tensiometri dotati di vacuometro, laltezza piezometrica h si calcola con

2 1 0
z z h z h h
man man
+ + = + = (4.8)

Nella (4.8) si fa riferimento ai simboli di Figura 12 ed h
man
indica laltezza manometrica
riportata dallo strumento.


6
Manometro adatto a misurare pressioni notevolmente inferiori a quella atmosferica normale.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
40

Figura 12 - Principio di funzionamento del tensiometro dotato di vacuometro

4.2.3 Caratteristiche dei tensiometri

Conduttanza della punta porosa

La conduttanza C della punta porosa dipende dal volume dacqua dV che nellunit di
tempo dt passa dal tensiometro al suolo, provocando la variazione di altezza piezometrica
dh. I termini sono legati dalla relazione

dh dt
dV
C

= (4.9)

Sensibilit del manometro

La sensibilit S del manometro data dal rapporto tra la variazione di altezza
piezometrica dh ed il volume dacqua dV necessario per tale variazione:

dV
dh
S = (4.10)

Se A larea del tubo del manometro, passando agli elementi finiti otteniamo:

A h A
h
V
h
S
1
=

= (4.11)
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
41

Tempo di risposta

Il tempo di risposta T
r
, in altre parole il tempo che occorre per ottenere una misura
accurata del potenziale di pressione, legato alla conduttanza ed alla sensibilit dello
strumento dalla relazione

S C
T
r

=
1
(4.12)

4.2.4 Limiti dei tensiometri

Linstaurarsi della connessione idraulica tra lacqua dello strumento e quella del suolo
durante linstallazione dello strumento indispensabile per misurare il potenziale di
pressione. Per garantire il contatto tra la punta porosa ed i terreni a grana grossa,
conviene eseguire un foro e riempirlo con della sabbia fine.
I finissimi pori della punta hanno la funzione di non far entrare laria nel tubo del
tensiometro perch la presenza di bolle daria disturba il collegamento idraulico e rende
inutilizzabile lapparecchio.

4.3 Contenuto dacqua

Il contenuto dacqua pu essere espresso in termini gravimetrici o volumetrici.
Il contenuto dacqua gravimetrico (
m
) il rapporto tra la massa dacqua ed il terreno
secco:

dry
dry wet
soil
water
m
m
m m
m
m

= = (4.13)

Nella formula (4.13), m
wet
il peso del campione di terreno umido ed m
dry
il peso dello
stesso campione essiccato in forno.
Il contenuto dacqua volumetrico (
v
) il rapporto tra il volume del liquido e quello del
solido:

water
soil g
soil
soil
water
water
soil
water
v
m
m
volume
volume


= = = (4.14)

dove, oltre ai simboli gi noti, si sono indicate le densit con .

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
42
Il potenziale di pressione pu essere correlato, mediante la curva pF
7
, al contenuto
dacqua del terreno (Figura 13): il tensiometro pu essere usato come misura indiretta di
detto contenuto, una volta nota la curva pF del suolo in esame, poich tra le due misure
esiste una relazione biunivoca.


Figura 13 - Esempi di curve pF: A) argilla sabbiosa di pessima struttura, B) terra rossa argillosa,
calcarea, alluvionale, di ottima struttura, C) terreno sabbioso, ricco di sabbia fina, D) sabbia grossolana
di arenile (Manuale Cremonese del geometra).

bene sottolineare che a parit di potenziale i terreni con tessiture grossolane (ad
esempio sabbia) trattengono meno acqua rispetto a quelli a tessitura fine. I suoli a
tessitura fine hanno fuso granulometrico pi ampio ed i grani hanno una superficie
specifica maggiore: ci richiede un gradiente di potenziale maggiore per rimuovere la
stessa quantit dacqua (superficie specifica pi elevata implica forze elettrostatiche pi
grandi che trattengono lacqua).

La letteratura ci mette a disposizione diverse formule che legano il contenuto dacqua nel
suolo al potenziale matriciale.
Campbell (1985) descrisse la curva caratteristica di umidit del suolo con una legge
esponenziale che legava il potenziale di pressione
m
al contenuto dacqua :


<

e m s
e m
b
e
m
s

1
(4.15)


7
Il potenziale pF il logaritmo decimale del potenziale matriciale ovvero dellenergia per unit di peso
espressa in cm: pF=log (h).
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
43
Nella (4.15)
e
[J/kg] indica il potenziale dellaria in ingresso
8
, [m
3
m
-3
] il contenuto
volumetrico dacqua,
s
[m
3
m
-3
] il contenuto dacqua in condizioni di saturazione ed
infine b un coefficiente di forma dipendente dalla distribuzione delle dimensioni delle
particelle del medium. La (4.15) presenta una discontinuit in corrispondenza del
potenziale dellaria in ingresso ed analiticamente integrabile.
In Figura 14 riportata la curva del contenuto dacqua, stimata con Campbell.


Figura 14 - Curva pF stimata con Campbell

In alternativa allespressione di Campbell viene usata lequazione di van Genuchten
(1980) la cui forma la seguente:

( )
[ ]
m
n
m
r s
r
m
Se
) ( 1
1


+
=

= (4.16)

e risolta in diviene

( )
[ ]
m
n
m
r s r
) ( 1
1


+
+ = (4.17)

Nella (4.16) e nella (4.17) Se il grado di saturazione (che pu variare tra 0 e 1), mentre
,
s
,
r
, n ed m sono parametri appropriati.
Van Genuchten et al. (1991) imposero delle restrizioni ai parametri n ed m, in funzione
della forma della curva caratteristica di umidit: nonostante la disponibilit limitata di
valori di acqua di ritenzione, ottennero risultati stabili imponendo che m=1-(1/n).
Il grafico di Figura 15 riporta il contenuto dacqua nel suolo, in funzione del potenziale
matriciale, utilizzando lequazione di van Genuchten:


8
Il potenziale dellaria in ingresso rappresenta il valore di pressione al quale laria entra in un suolo
inizialmente saturo.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
44

Figura 15 - Curva caratteristica =(
m
) stimata con van Genuchten

Lespressione (4.17) risulta molto pi flessibile di quella proposta da Brutsaert (1967):

( )
n
m
m
Se
) ( 1
1

+
= (4.18)

4.4 Misura del contenuto dacqua

I metodi di misura del contenuto dacqua si suddividono in diretti (distruttivi) ed indiretti
(non distruttivi). Il metodo diretto prevede lanalisi in laboratorio di un campione di
suolo indisturbato, mentre laltro si effettua tramite una misura in sito, senza la necessit
di estrarre un campione di terreno.
Tra le misure dirette abbiamo:
1. metodo gravimetrico;
2. metodo ad alcool;
3. metodo del picnometro.
Le misure indirette si effettuano tramite:
1. metodo neutronico;
2. metodo della resistenza elettrica;
3. riflettometria nel dominio del tempo;
4. riflettometria nel dominio delle frequenze.

4.4.1 Metodo diretto gravimetrico

I campioni indisturbati di terreno sono pesati e successivamente messi in forno a 105 C
per 24 ore. Il contenuto dacqua gravimetrico (
m
) si calcola tramite la (4.13). Per
determinare il contenuto dacqua volumetrico (
v
) con la (4.14) bisogna conoscere, oltre
al peso del campione umido (m
wet
) e del campione secco (m
dry
), anche il volume del
provino (V). La densit di massa apparente del campione si ricava da

V
m
dry
soil
= (4.19)
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
45
ed assumendo

ml
g
water
1 = (4.20)

la (4.14) diviene

soil g v
= (4.21).

4.4.2 Metodo diretto ad alcool

Il campione di terreno viene immerso in alcool a titolo noto; trascorso un tempo
sufficiente, lalcool viene filtrato e dal valore del titolo si risale al contenuto dacqua.

4.4.3 Metodo diretto del picnometro

Questo metodo si usa con i terreni a grana grossa (sabbie e ghiaie), dai quali si pu
estrarre con facilit laria intrappolata.
Il picnometro uno strumento adoperato per determinare la densit di solidi e liquidi.
Lapparecchio costituito da un contenitore di vetro graduato, chiuso con un tappo
terminante con un tubo capillare sul quale riportato un segno di riferimento.
Lapplicazione di questo metodo richiede la conoscenza delle seguenti grandezze (Figura
16):
1. peso del picnometro vuoto ed asciutto (W
1
);
2. peso del picnometro e del campione di terreno umido in esso introdotto (W
2
);
3. peso del picnometro contenente il campione di terreno e riempito dacqua fino
alla tacca di riferimento (W
3
);
4. peso del solo picnometro riempito dacqua fino al segno di riferimento (W
4
).


Figura 16 - Metodo del picnometro

Il contenuto dacqua gravimetrico si ricava sostituendo le grandezze misurate nella
formula

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
46
( )
( )
( )

= 1
1
4 3
1 2
soil
soil
m
W W
W W

(4.22).

La determinazione del peso specifico del materiale secco (
soil
) prevede nuovamente luso
del picnometro e del campione essiccato a 105 C per 24 ore. La procedura la seguente:
1. determinazione del peso del picnometro vuoto ed asciutto (W

1
);
2. pesatura del picnometro e del campione di terreno secco in esso introdotto (W

2
);
3. peso del picnometro contenente il campione di terreno secco e riempito dacqua
fino alla tacca di riferimento (W

3
);
4. peso del solo picnometro riempito dacqua fino al segno di riferimento (W

4
).

Il peso specifico del terreno secco dato da:

( )
( ) ( )



=
'
4
'
3
'
1
'
2
'
1
'
2
W W W W
W W
soil
(4.23).

4.4.4 Metodo indiretto neutronico

Il metodo ha bisogno di una sorgente radioattiva di neutroni veloci, posta a contatto col
terreno. Contando i neutroni divenuti lenti nella collisione con gli atomi di idrogeno, si
risale allumidit del terreno. Il sistema presenta due inconvenienti: usa una sorgente
radioattiva e necessit di una taratura in laboratorio.

4.4.5 Metodo indiretto della resistenza elettrica

La procedura si basa sulla correlazione di tipo logaritmica esistente tra lumidit del
terreno e la resistenza elettrica. Il sistema, da tarare in laboratorio, rileva la variazione di
conducibilit elettrica che a sua volta proporzionale al contenuto dacqua del terreno.
Lapparecchiatura formata da blocchetti porosi infissi nel terreno e collegati ad una
batteria.

4.4.6 Riflettometria nel dominio del tempo (TDR)

Lacronimo TDR (time domain reflectometry) indica il metodo di misura che viene
sempre pi usato. Lo strumento utilizzato in grado di misurare la variazione di
permittivit apparente di un suolo, a sua volta legata alla variazione di umidit.
Lo strumento costituito da dei conduttori metallici paralleli di lunghezza nota L e da un
generatore di impulso elettromagnetico (Figura 17). Il segnale, caratterizzato da un
ripido fronte di salita, si propaga con una velocit funzione delle propriet dielettriche del
suolo. Al termine della linea, il segnale si riflette e torna verso lapparecchiatura. Tramite
un tektronix, il coefficiente di riflessione viene misurato istante per istante, permettendo
di calcolare il tempo di transito del segnale nella linea e quindi la sua velocit di
propagazione.

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
47

Figura 17 - TDR con sonda a tre denti

La velocit di propagazione del segnale () legata alla permittivit dielettrica del mezzo
(k
a
) ed alla permeabilit magnetica relativa (
r
) dalla relazione

a r
k
c

(4.24)

nella quale c la velocit della luce nel vuoto
9
.
Per i suoli lecito assumere

1 =
r
(4.25)

e dalla (4.24) si ricava la permittivit dielettrica del mezzo:

2

c
k
a
(4.26).

Se indichiamo con t il tempo impiegato dal segnale per percorrere due volte la sonda
lunga L, la velocit di propagazione del segnale () pari a

=
t
L 2
(4.27).

Sostituendo la (4.27) nella (4.26) otteniamo

2
2


=
L
t c
k
a
(4.28).

9
Velocit di propagazione della luce nel vuoto: 310
8
m/sec.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
48

Nota la permittivit dielettrica del mezzo (k
a
), possibile usare una delle relazioni
esistenti in letteratura, le quali legano la grandezza ricavata con il contenuto dacqua ().
Ad esempio, lespressione di Topp (1980) esprime il legame con lequazione

3 6 2 4 2 2
10 3 . 4 10 5 . 5 10 29 . 2 10 3 . 5
a a a
k k k + + =

(4.29).

La costante dielettrica di un mezzo una funzione della frequenza del segnale
esploratore. La legge di variazione si esprime tramite lequazione

+ =

0
' '
) ( ) ( ) (


dc
d a
a k j k k (4.30).

La (4.30) composta da una parte reale (k

a
), che dipende dal contenuto dacqua, e da
una parte immaginaria che rappresenta la perdita dielettrica. La parte immaginaria
composta dallassorbimento dielettrico (k

d
) e dal rapporto tra la conduttivit elettrica di
massa nel vuoto (
dc
) e il prodotto tra la frequenza angolare () e la permittivit nel
vuoto (
0
).
Alle basse frequenze le propriet dielettriche del suolo risentono delle variazioni di
concentrazione delle soluzioni o del tipo e del contenuto delle argille. Il TDR lavora ad
alta frequenza (circa 1GHz) e lenergia assorbita pu essere trascurata: la costante
dielettrica del mezzo si riduce alla sola parte reale dellequazione (4.30).

4.4.7 Riflettometria nel dominio delle frequenze (FDR)

La tecnica FDR
10
basata sulluso di sensori di capacitanza, formati da una coppia di
elettrodi metallici, collegati ad un oscillatore che genera un campo di corrente alternata
(Figura 18). La sonda va inserita in un pozzetto in PVC infisso nel terreno ed attivata per
mezzo di frequenze radio. Linsieme terreno, acqua ed aria attorno al tubo si comporta
come il dielettrico di un condensatore che, lavorando con loscillatore, genera un circuito
sintonizzato. Lo strumento rileva i cambiamenti della frequenza operativa associandoli a
variazioni di contenuto dacqua.
I sensori di capacitanza lavorano a frequenze che non superano i 100MHz, permettendo
di misurare anche lacqua di ritenzione. Luso di frequenze basse non consente di
trascurare la parte immaginaria della costante dielettrica del suolo (vedi TDR).
Gli strumenti che utilizzano sensori FD, risentendo della conducibilit elettrica di massa
del suolo e del contenuto salino (in pratica del tipo di terreno), richiedono unapposita
calibratura (Dirksen & Hilhorst, 1994).


10
Frequency domain reflectometry = riflettometria nel dominio delle frequenze.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
49

Figura 18 - FDR modello Diviner 2000 e datalogger della Sentek

Lutilizzo di sensori di capacitanza FD permette di avere i seguenti vantaggi:
mancanza di errori casuali e di letture rapide;
precisione delle misure;
il terreno, grazie al tubo guida, si mantiene indisturbato;
possibilit di monitorare in continuo i profili di suolo, tramite postazioni
permanenti;
assenza di materiale radioattivo;
attrezzatura leggera e facilmente trasportabile.

Calibrazione FDR

I valori di umidit forniti dallo strumento si riferiscono ad un terreno standard,
caratterizzato da un determinato contenuto di sabbia, argilla sabbiosa e terreno organico.
Se il terreno sul quale stiamo adoperando lo strumento differisce da quello usato dal
costruttore in fase di taratura, i valori di umidit devono essere interpretati non in modo
assoluto ma in modo relativo: il dato fornito dallapparecchiatura consente di determinare
solamente le variazioni di umidit tra letture successive.
Se vogliamo che lo strumento visualizzi i valori assoluti di umidit necessario
determinare la curva di calibrazione per il particolare suolo sul quale operiamo. La curva
di calibrazione (o di taratura) una relazione biunivoca che lega la frequenza ridotta
della sonda con il reale contenuto dacqua del suolo.

Per ogni condizione di umidit, la procedura di taratura prevede una lettura della
frequenza (F
s
) che deve successivamente essere normalizzata attraverso la relazione

W A
S A
F F
F F
SF

= (4.31)

nella quale F
A
la frequenza corrispondente ad un pozzetto standard sospeso in aria, F
S

la frequenza letta ad una determinata profondit ed F
W
la frequenza corrispondente ad
un pozzetto standard immerso completamente in acqua. Se il suolo formato da strati di
diversa granulometria, al centro di ognuno di essi andr eseguita una lettura. Con questo
modo di procedere disponiamo, per ogni condizione dellimpianto e per ogni stratigrafia,
di un dato di frequenza normalizzato.

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
50
A questo punto necessario conoscere leffettivo valore del contenuto dumidit del
suolo: alle varie profondit di lettura si prelevano dei campioni di terreno indisturbato da
inviare in laboratorio. Per ogni campione prelevato indispensabile determinare il
volume in sito (V) utilizzando, ad esempio, un volumenometro a sabbia: la sabbia
contenuta nel misuratore occupa lo spazio lasciato libero dal campione prelevato,
consentendoci di determinare la grandezza cercata.
Le operazioni da compiere in laboratorio sono le seguenti:
1. pesatura del campione indisturbato (m
wet
);
2. essiccatura del campione in forno per 24 ore, ad una temperatura di 105 C, e
successiva pesatura (m
dry
);
3. determinazione del contenuto dacqua gravimetrico (
m
) attraverso lapplicazione
della formula:

dry
dry wet
soil
water
m
m
m m
m
m

= = (4.32)

4. determinazione della massa apparente del campione (
soil
):

V
m
dry
soil
= (4.33)

5. calcolo del contenuto dacqua volumetrico (
v
):

water
soil g
v


= (4.34)

A questo punto possibile trovare una curva di calibrazione per ogni profondit di
misurazione: su un grafico si riportano le coppie di dati contenuto dacqua volumetrico
(
v
)-frequenza normalizzata (SF) e si interpolano con unequazione di potenza. Le
relazioni andranno inserite nel datalogger dello strumento, per consentirgli di fornire
valori assoluti di umidit del suolo.

4.5 La conducibilit idraulica

La legge di Darcy descrive il flusso dellacqua, in condizioni sature, in funzione del
gradiente del potenziale di pressione:
dx
d
K q
m
w

= (4.35);
in essa q
w
la densit di flusso [kgm
-2
s
-1
], d
m
/dx rappresenta il gradiente del potenziale
matriciale, K la conducibilit idraulica [kgsm
-3
],
m
il potenziale matriciale [J/kg] ed
x la direzione del flusso [m].

Quando il mezzo poroso nel quale avviene il moto del fluido parzialmente insaturo, tale
movimento pu essere descritto da una forma modificata dellequazione di Richards,
nella quale si considera trascurabile il ruolo della fase gassosa e quello del gradiente
termico:
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
51

( ) S
x
K
x t
m



cos (4.36)

dove, oltre ai termini gi utilizzati, il contenuto volumetrico dacqua [m
3
m
-3
], t il
tempo [s], x la coordinata spaziale [m] (positiva verso lalto), S un termine di
abbattimento [m
3
m
-3
s
-1
], rappresenta langolo tra la direzione del flusso e lasse
verticale (=0 per flusso verticale, =90 per flusso orizzontale e 0<<90 per flusso
inclinato) e K la conducibilit idraulica in condizioni insature[kgm
-2
s
-1
]; K funzione
a sua volta della conducibilit idraulica relativa Kr [-] e di quella in condizioni sature Ks
[kgm
-2
s
-1
]:

( ) ( ) ( ) x Kr x Ks x K
m m
, , = (4.37)

I parametri idraulici dei terreni insaturi, (
m
) e K(
m
), da usare per lequazione (4.36),
sono in generale funzioni fortemente non lineari.

Lorigine della curva di conducibilit idraulica dallacqua di ritenzione del suolo stata
ottenuta per la formula di Campbell (1985) basandosi sulla probabilit combinata di
avere la continuit dei pori tra due sezioni contenute nel mezzo poroso.
Il calcolo della probabilit combinata richiede lintegrazione doppia (per ognuna delle
due sezioni) allinterno dello spazio poroso al fine di ottenere la conducibilit idraulica
(Campbell, 1974).
Finch la curva dacqua di ritenzione analiticamente integrabile, la funzione che
descrive la conducibilit idraulica data da

( )
( )


<

+
e m
e m
b
m
e
Ks
Ks
K

3
2
(4.38)

dove K [kgsm
-3
] la conducibilit in condizioni insature e Ks [kgsm
-3
] la
conducibilit a saturazione.
Le equazioni (4.38) portano a tracciare il grafico seguente (Figura 19):

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
52

Figura 19 - Conducibilit idraulica in funzione del potenziale secondo la formula di Campbell

Al posto della formula di Campbell, possiamo determinare la conducibilit idraulica con
unespressione proposta da van Genuchten. La formula della conducibilit idraulica di
van Genuchten (1980) deriva dal modello di Mualem (1976), modello che si basa sulla
distribuzione statistica delle dimensioni dei pori.
Il modello per calcolare la conducibilit idraulica espresso dalla formula:

=
) 1 (
) (
) (
0
f
Se f
Se K Se K
l
(4.39)

dove

=
) (
1
) (

m
Se f (4.40).

Come equazione generale si pu usare lespressione

1
0
0
0
) (
dSe
dSe
Se K Se K
m
Se
m
l
(4.41)

dove K
0
la conducibilit idraulica ed l un parametro che tiene conto
contemporaneamente della tortuosit e della connettivit dei pori. I parametri e
prendono rispettivamente i valori 1 e 2 (Mualem, 1976). da notare che lintegrazione
della (4.39) risulta prima normalizzata nello spazio poroso e poi elevata al quadrato, il
che equivalente allintegrazione doppia di Campbell (1985).

Lintegrazione della (4.41) richiede luso di una funzione ausiliaria denominata Funzione
Beta Incompleta (Press et al., 1992 in van Genuchten et al., 1991).
Lequazione (4.39) riscritta come

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
53
[ ]
2
0
) , ( ) ( q p I Se K Se K
l
= (4.42)

dove p=m+(1/n) e q=1-(1/n) contengono i parametri indipendenti n ed m.
La Funzione Beta Incompleta di difficile valutazione ed in molti casi la sua
convergenza non assicurata; per questa ragione, unita alla dispersione ed
allincompletezza dei dati, lintegrazione della (4.39) pu essere fatta senza usare la
Funzione Beta Incompleta ma imponendo che m=1-(1/n).
In questo modo la (4.39) diventa

( ) ( ) [ ] { }
( ) [ ]
l m
n
m
m
n
m
m n
m
m
K
K

+
+
=

1
1 1
) (
2
0
(4.43)

Volendo riportare su un grafico la (4.43) si ottiene (Figura 20):


Figura 20 - Conducibilit idraulica in funzione del potenziale matriciale secondo la formula di van
Genuchten

La (4.43) richiede la conoscenza dei parametri l e K
0
; questultimo pu essere assunto
pari a Ks poich si pu facilmente misurare, anche se van Genuchten e Nielsen (van
Genuchten et al., 1985 in van Genuchten et al., 1991) e Luckner et al. (Luckner et
al.,1989 in van Genuchten et al., 1991) sostengono che Ks non pu essere un punto
fermo in quanto risente del flusso nei macropori, dal momento che il flusso insaturo
avviene tra matrice del suolo: essi sostengono che un parametro poco legato a condizioni
insature darebbe risultati migliori.
Il termine Se
l
un fattore empirico correttivo introdotto da Burdine (Burdine, 1953 in
Schaap et al., 2000) e da Fatt e Dykstra (Fatt et al.,1951 in Schaap et al., 2000) che tiene
conto della tortuosit dei pori.
Mualem (1976) osserv che l poteva essere positivo o negativo ma, dovendo interpretare
Se
l
in termini di continuit e tortuosit dei pori, deve sempre essere Se
l
<1; da questo
deriva l>0 dal momento che 0Se1.
Mualem (1976) dedusse, da 45 campioni di terreno sia disturbato che indisturbato, che
l=0.5 era un ottimo valore.
Yates et al. (Yates et al., 1992 in Schaap, 2000) trovarono, per un sottoinsieme dei dati di
Mualem, che l variava tra -3.31 e valori pi grandi di 100.
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
54
Con i dati di 75 campioni, Schuh e Clin (Schuh et al., 1990 in Schaap, 2000) stimarono l
tra -8.73 e 14.80, con incremento della variabilit per diametri medi delle particelle. La
media geometrica di l risult 0.63, con un intervallo di confidenza del 95% tra -0.88 e
2.44.
Vereecken (Vereecken, 1995 in Schaap, 2000), sostituendo 1 allesponente 1-1/n, stabil
che l aveva una relazione diretta con la frazione fine ed il parametro n, ed inversa con K
s
.
Wsten et al. (1995) osservarono che l era legata al contenuto di materia organica.

Nonostante tutte queste osservazioni, nella (4.43) si usano i seguenti valori: K
0
=K
s
ed
l=0.5 (Schaap, 2000). Inoltre, per visualizzare meglio le unit di misura, la conducibilit
idraulica misurata in [m/s] o in [cm/giorno]: la conversione delle unit di misura si
ottiene esprimendo il potenziale matriciale
m
come altezza piezometrica h [m di colonna
dacqua].
Alla fine le formule di van Genuchten si possono scrivere come

( )
[ ]
n
n
r s r
h
1
1
) ( 1
1

+
+ =

(4.44)

( ) ( ) [ ] { }
( ) [ ]
2
2
1
1
1 1
) (
m
n
m
n n
s
h
h h K
h K
+
+
=


(4.45).

4.5.1 Osservazioni sulle equazioni di van Genuchten

Secondo Brooks e Corey (Brooks et al., 1964 in Simunek, 1998) i parametri Se (grado di
saturazione effettivo) e K (conducibilit idraulica insatura) si possono stimare con le
formule seguenti:


<
=


/ 1 1
/ 1
h
h h
Se
n
(4.46)

2 / 2 + +
=
l n
Se Ks K (4.47)

nelle quali Se definito da

r s
r
Se

= (4.48)

dove r e s denotano rispettivamente il contenuto dacqua residuo e quello a
saturazione; Ks la conducibilit idraulica in condizioni di saturazione, rappresenta
linverso della pressione di gorgogliamento, n una funzione della distribuzione dei pori
ed infine l rappresenta la connettivit dei pori, che nello studio originale di Brooks e
Corey assumeva valore 2.

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
55
Modificando lequazione di van Genuchten (1980), Vogel e Cislerov (Vogel et al., 1988
in Simunek et al., 1998) aggiunsero flessibilit alla descrizione dei parametri idraulici in
condizioni prossime alla saturazione. Lacqua di ritenzione del suolo e la conducibilit
idraulica sono date da:

( )


<
+

+
=
s s
m
n
a m
m
h h
h h
h
h

1
) ( (4.49)

e da


< <


+

=
s s
s k
k s k
k
k r s
h h K
h h h
h h
K K h h
K
h h h K K
h K
) ( ) (
) (
) ( (4.50)

dove

2
) ( ) (
) ( ) (

=
k r
r
l
ek
e
s
k
r
F F
F F
S
S
K
K
K


(4.51)

m
m
a m
a
F

=
1
1 ) (


(4.52)

a s
r k
ek
S

= (4.53)

Le equazioni riportate sopra permettono di utilizzare i parametri caratteristici della zona
satura, in quelle zone di risalita capillare caratterizzate da un carico idraulico pari ad h
s
:
si sostituisce il parametro
s
dellequazione di van Genuchten con un parametro
m

maggiore di
s
ed estrapolato dal grafico di Figura 21:

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
56

Figura 21 - Contenuto dacqua in funzione dellaltezza piezometrica secondo Vogel & Cislerov (Vogel et
al., 1988 in Simunek et al., 1998)

Anche se la sostituzione di
s
con
m
ha piccoli o trascurabili effetti sulla curva di
ritenzione, gli effetti sulla forma e sul valore della conducibilit idraulica possono essere
considerevoli, specialmente per quei suoli a grana fine per i quali il valore di n
relativamente basso (1.0<n<1.3) (Figura 22).


Figura 22 - Conducibilit idraulica in funzione dellaltezza piezometrica secondo Vogel & Cislerov
(Vogel et al., 1988 in Simunek et al., 1998)

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
57
Per aumentare ulteriormente la versatilit dellespressione, il parametro
r
stato
sostituito dal parametro fittizio
a

r
.
La (4.51) si basa sul presupposto che il calcolo della conducibilit idraulica legato a
una misurazione della conducibilit idraulica, K
k
=K
k
(
k
), con un certo quantitativo di
acqua,
k
, minore o uguale del contenuto dacqua a saturazione:
k

s
e K
k
K
s
.
Osservando le equazioni dalla (4.49) alla (4.53) possibile notare che le caratteristiche
idrauliche contengono 9 parametri da determinare:
r
,
s
,
a
,
m
,
k
, , n, K
s
e K
k
. Quando

r
=
a
,
m
=
k
=
s
e K
s
=K
k
, le formule di Vogel e Cislerov coincidono con lespressione
originale di van Genuchten.

Riprendiamo lequazione di van Genuchten (4.44) per determinare il contenuto dacqua
nel terreno

( )
[ ]
n
n
r s
r
h
1
1
) ( 1

+

+ =


(4.54)

ed osserviamo che lespressione pu perdere di significato fisico in prossimit
dellumidit di ritenzione
r
. La formula (4.54) fornisce il valore
r
se il secondo addendo
del secondo termine delluguaglianza:

( )
[ ]
n
n
r s
h
1
1
) ( 1

+


(4.55)

tende a zero: per alcune coppie di ed n, tale addendo pu essere trascurato, rispetto a
r
,
solo se laltezza piezometrica h assume valori negativi, superiori, in valore assoluto, alla
pressione atmosferica (10,33 m).
Adottando i parametri di letteratura, riportati in Tabella 4, tracciamo per la sabbia e per il
terreno vegetale le curve di umidit in funzione dellaltezza piezometrica h (Figura
23).

Sabbia Terreno vegetale
Umidit di ritenzione
r
0.045 0.078
Umidit a saturazione
s
0.43 0.43
di van Genuchten 0.145 0.036
n di van Genuchten 2.68 1.56
Tabella 4 - Parametri per la funzione umidit-altezza piezometrica di van Genuchten (fonte: Simunek J.,
Sejna M., van Genuchten M. Th., 1998)
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
58
Curve di umidit con van Genuchten
0,00
0,10
0,20
0,30
0,40
0,50
-1200 -1000 -800 -600 -400 -200 0 200 400 600 800
Altezza piezometrica (cm)
U
m
i
d
i
t

Sabbia Terreno vegetale



Figura 23 - Curva umidit-altezza piezometrica valutata con van Genuchten, per due diversi tipi di suolo

Nel caso della sabbia, lumidit di ritenzione
r
pari a 0.045 cm
3
/cm
3
: tale valore viene
fornito dalla (4.54) quando laltezza piezometrica h pari a -200 cm (= -2 m). Nel caso
del terreno vegetale, il valore di umidit in condizioni di ritenzione (0.078 cm
3
/cm
3
) si
raggiunge per h pari a -110
10
cm, valore che non ha nessun significato fisico. In
conclusione si pu affermare che lequazione di van Genuchten (4.54) per il calcolo
dellumidit perde di significato quando le condizioni di alcune tipologie di suolo sono
vicine alla ritenzione.

4.6 Misura della conducibilit idraulica

I metodi per misurare la conducibilit idraulica a saturazione sono di due tipi: da
laboratorio o in sito. I primi sono da preferire quando la porzione oggetto dello studio
limitata: la misura effettuata su campioni di suolo che forniscono valori puntuali del
parametro. Le misure in sito sono da preferire quando la porzione di terreno estesa; tali
misure sono eseguite con apposite apparecchiature che verranno esaminate nel seguito di
questo paragrafo. Nel caso di misure in sito si ricorre alle prove di laboratorio per
ottenere informazioni sullanisotropia del mezzo poroso.

4.6.1 Misure di laboratorio

Lapparecchio usato in laboratorio per determinare la conducibilit idraulica a
saturazione il permeametro a carico costante. Quando la portata che attraversa il
sistema raggiunge la condizione di moto permanente, si misura la pendenza i della linea
dellenergia e si applica la relazione:

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
59
i A
Q
K

= (4.56)

dove A larea della superficie di filtrazione. I campioni da analizzare devono essere
indisturbati ed utili sapere che, soprattutto per i suoli argillosi, le misure risentono della
presenza di fessure o di biopori.

4.6.2 Permeametro di Guelph

Il permeametro di Guelph lo strumento pi usato per determinare, in sito, la
conducibilit idraulica di un terreno saturo. Lapparecchiatura lavora a carico idraulico
costante e trova applicazione negli studi quali-quantitativi a scopo agronomico,
geologico o ambientale (Figura 24).


Figura 24 - Permeametro di Guelph

Il permeametro costituito da due tubi concentrici sostenuti da un treppiede. Il tubo
esterno inserito nel foro di misura mentre quello interno, lungo quanto tutto lo
strumento, permette di aspirare laria. Entrambi i tubi sono inseriti a tenuta nella parte
dello strumento che realizza la riserva idrica. Sopra la riserva idrica un cilindro graduato
permette di impostare il livello idraulico. Un supporto sagomato ed a tenuta stagna
contiene il foro attraverso il quale immettere lacqua. Lestremit inferiore dello
strumento, a contatto con il suolo, formata da un anello di gomma fessurato nel quale
inserire la parte finale del tubo esterno. Lanello sagomato in modo tale da fungere da
tappo per lacqua durante la fase iniziale di aspirazione dellaria.
La profondit di lavoro dellapparecchiatura varia tra 15 e 75 cm ed in grado di
misurare le conducibilit comprese nellintervallo che va da 0,0036 cm/h a 36 cm/h.

Le misure si eseguono con due differenti valori del carico idraulico rilevando, ogni
minuto, laltezza idrica della riserva dacqua. Quando si giunge ad una velocit di
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
60
infiltrazione costante si registra il valore del consumo idrico. La conducibilit idraulica
k
fs
(field satured hydraulic conductivity) [cm/sec] si determina applicando la formula:

( ) ( )
1 2
0054 . 0 0041 . 0 R A R A k
r r fs
= (4.57)

dove A
r
larea della sezione della riserva dacqua [cm
2
] ed R
1
e R
2
sono i consumi idrici
[cm/min] corrispondenti, rispettivamente, al carico idrico minore e maggiore.

4.6.3 Metodo del foro di trivella

Il metodo del foro di trivella lega la conducibilit del mezzo poroso con la velocit di
risalita dellacqua. Questo tipo di prova si usa quando le misure vanno eseguite in strati
non molto profondi che si trovano al di sotto della superficie piezometrica della falda
(Figura 25).


Figura 25 - Metodo del foro di trivella

Nel terreno viene praticato un foro, allinterno del quale disporre un galleggiante
collegato ad unasta rigida con riferimento mobile; il raggio dellapertura deve consentire
il movimento verticale del galleggiante. Lipotesi di base del metodo che il moto
dellacqua, dalla falda verso il foro, sia orizzontale. La prova si esegue nel modo
seguente:
1. si svuota il foro dallacqua, realizzando una depressione h
0
;
2. si misurano i livelli h
n
ai quali si porta la superficie dellacqua allinterno del foro
ed i tempi corrispondenti, nellintervallo temporale t durante il quale il livello di
falda risale da h
0
a 0,75h
0
;
3. si determina labbassamento medio h
m
su t e la variazione totale h, per poi
applicare la relazione che fornisce la conducibilit idraulica k [m/g]:

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
61
t
h
C k

= (4.58)

C un coefficiente adimensionale funzione della geometria del sistema; h si misura in
cm e t in secondi. I valori della conducibilit orizzontale che si ricavano risentono delle
caratteristiche del terreno nellintorno del foro.

4.6.4 Metodo del piezometro

Il metodo del piezometro simile a quello del foro di trivella, con la differenza che il
foro nel terreno pi piccolo e contiene il piezometro che arriva alla profondit voluta
(Figura 26). La conducibilit si ricava risolvendo lequazione di Laplace per questo tipo
di geometria; anche le ipotesi sono simili a quelle del metodo del foro di trivella.


Figura 26 - Metodo del piezometro

4.6.5 Metodo degli infiltrometri

Linfiltrometro lo strumento usato per studiare il processo di infiltrazione dellacqua
nel terreno. Inizialmente lacqua si muove per gravit attraverso i fori pi grandi e per
capillarit in quelli pi piccoli; successivamente, con la saturazione dei pori superficiali,
il fenomeno di infiltrazione rallenta e prosegue con una velocit pari a quella di
filtrazione controllata dalla conducibilit idraulica a saturazione.
Esistono diversi tipi di infiltrometri e di seguito riportata una breve descrizione.

Infiltrometro a doppio cilindro

Lapparecchio costituito da due cilindri concentrici infissi nel terreno (Figura 27) e
riempiti dacqua nella parte superiore. La conducibilit legata alla velocit di
abbassamento dellacqua nel cilindro interno; quello esterno ha la funzione di creare una
barriera di potenziale che renda il moto di infiltrazione monodimensionale ovvero simile
a quello che si verifica durante una precipitazione o un evento irriguo.

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
62

Figura 27 - Infiltrometro a doppio cilindro: schema di funzionamento della barriera di potenziale

Le misure eseguite risentono del diametro del cilindro, della sua profondit di infissione
e delle caratteristiche del terreno. Il carico idrostatico esercitato dalla colonna dacqua
superiore a quello che si ha in condizioni naturali.

Sopra al cilindro interno (Figura 28) posta una riserva dacqua che sfrutta il principio
del sifone di Mariotte per mantenere costante il carico idraulico.


Figura 28 - Infiltrometro a doppio cilindro

Durante la prova si registra il livello idrico nel cilindro interno ad intervalli temporali
regolari: in questo modo si risale al volume dacqua infiltrato, allinfiltrazione cumulata,
alla velocit media di infiltrazione e, saturando lo strato superiore del terreno, alla
conducibilit idraulica.
La velocit di infiltrazione f espressa dalla relazione:

Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
63
z
z h
K f

+ +
= (4.59)

dove K

(cm/s) la conducibilit del suolo in condizioni di umidit , h (cm) il carico


dellinfiltrometro sul suolo, z (cm) la profondit del fronte e (cm) la pressione
allinterno del suolo (<0).
Allavanzare del fronte, lo strato superiore del suolo si satura ed il termine h+ diventa
trascurabile rispetto a z; dalla (4.59) ricaviamo

S
K K f =

(4.60)

Infiltrometro a tensione a disco

Linfiltrometro a tensione a disco quantifica e caratterizza la struttura del suolo,
sfruttando le misure in sito delle portate di flusso stazionarie e le propriet idrauliche del
terreno.
Lo strumento (Figura 29) costituito da: un serbatoio nel quale il livello idrico
diminuisce al fluire dellacqua nel terreno, un gorgogliatore che regola il carico negativo
dellalimentazione idraulica e da una piastra porosa che assicura la connessione idraulica
con il terreno.


Figura 29 - Infiltrometro a tensione a disco

La pressione negativa esercitata sullacqua permette di escludere dal processo di
infiltrazione il contributo di pori e fessure con diametro superiore ad un valore prescelto.

Infiltrometro a pressione ad anello

Lo strumento serve a determinare la conducibilit idraulica, il potenziale capillare e
gravitazionale e la sorptivit.
Le componenti principali dellapparecchio sono:
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
64
bottiglia di Mariotte; un tubo cavo chiuso ermeticamente che costituisce la
riserva dacqua.
tubo capillare; posto allinterno della bottiglia di Mariotte ed collegato con
lesterno. La posizione del tubo fissa il carico idraulico e lo mantiene costante.
anello metallico flangiato; il diametro dellanello compreso tra 90 e 98 cm
mentre laltezza tale da poter essere infisso nel terreno ad una profondit
massima di 60 cm.
tubo flangiato; posto sopra lanello ed collegato alla bottiglia di Mariotte. La
sua funzione quella di mantenere linfiltrazione a carico costante.

Linfiltrometro a pressione ad anello consente di studiare linfiltrazione in condizioni di
flusso stazionario o transitorio e la sua peculiarit quella di lavorare con carichi
positivi.

4.7 Prove idrodinamiche

I parametri idraulici descritti in questo capitolo consentono di caratterizzare, da un punto
di vista idrodinamico, un impianto. Lo studio del reale comportamento idraulico
effettuato tramite procedure sperimentali che consentono di diagnosticare
malfunzionamenti allinterno dellimpianto. Le prove idrodinamiche si basano sul
rilevamento e sullanalisi della curva di distribuzione dei tempi di ritenzione di un
tracciante. Lefficienza ottenibile in determinate condizioni operative si ricava dalla
curva di distribuzione dei tempi di residenza E(t). Questa curva ottenuta
sperimentalmente con la tecnica di stimolo-risposta: in seguito allimmissione nel
sistema di un segnale in ingresso (stimolo), si misura landamento temporale della
concentrazione del tracciante in uscita (risposta).
Il tracciante viene immesso con modalit semplici e note; i segnali possono essere ad
impulso, a scalino o periodici.
La scelta del tracciante dipende da:
inerzia nei riguardi del processo che avviene in vasca;
tossicit e potenziale inquinante;
reperibilit e costo;
strumentazione necessaria a rilevare la concentrazione di tracciante in uscita
(lapparecchiatura deve essere semplice, in grado di fornire misurazioni in
continuo e capace di misurare anche piccole concentrazioni).

Le sostanze che si impiegano in queste prove possono essere:
sali organici (cloruro di sodio, cloruro di calcio o carbonato di litio);
coloranti (rodamina B, blue di bromofenolo, rodamina WT);
traccianti biologici (spore di Bacillus Globigii o batteriofagi del Saerratia
marcescens);
sostanze isotope (trizio e deuterio).

Il limite delle prove idrodinamiche risiede nellimpossibilit di determinare lesatta
posizione dellanomalia: una localizzazione approssimativa si ricava tramite le
caratteristiche geometriche del comparto ed altre informazioni disponibili.
In alcune applicazioni bisogna condurre linterpretazione dei dati sperimentali con
estrema cautela: una lunga coda terminale nella curva di risposta, ad esempio, pu essere
Capitolo 4 - Analisi dei parametri idraulici
65
causata da una ritenzione temporanea del tracciante piuttosto che da veri e propri
fenomeni idraulici.

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
66
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e
software di simulazione

Ladozione sistematica della tecnica di fitodepurazione nel caso di piccoli impianti,
legata allo sviluppo ed alla messa a punto di un modello numerico di simulazione. La
tipologia dimpianto a flusso subsuperficiale verticale, che suscita maggior interesse, al
momento progettata con criteri cinetici e reattoristici semplicistici, capaci di fornire
indicazioni sulle prestazioni medie del trattamento.
La peculiarit del sistema a flusso verticale risiede nella gestione non stazionaria dei
processi, per cui indispensabile approfondire lanalisi matematica se vogliamo
riprodurre le evoluzioni temporali dei processi in gioco.
Avere a disposizione un modello dinamico consente di ricavare informazioni utili per
progettare e gestire questo tipo di impianto:
tempi di messa a regime;
vita operativa;
andamento temporale dellintasamento del medium;
risposta dellimpianto a seguito di carichi organici ed idraulici variabili;
influenza dei cicli di riempimento-svuotamento sui rendimenti di rimozione;
contributo del refluo da trattare, delle macrofite e del materiale drenante nei
confronti del rendimento di depurazione;
regolazione dei dispositivi di carico e scarico del liquame per massimizzare i
rendimenti e la funzionalit dellimpianto;
variazione dei rendimenti in base alle stagioni, al clima ed ai cicli vegetativi delle
piante.

La schematizzazione idraulica sta alla base del processo di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale. Il refluo filtra in un mezzo poroso, schematizzato con una
sovrapposizione discreta di strati orizzontali; il moto del refluo implementato come
monodimensionale verticale, in quanto i fenomeni evolutivi e di trasporto in senso
orizzontale possono essere trascurati.
Ci che invece non pu essere trascurato il fenomeno di capillarit legato al moto in
condizioni insature. Il fenomeno suddetto regolato dalla gi citata Equazione di
Richards, illustrata nel presente capitolo.
Abbiamo dimostrato che il moto del refluo allinterno del medium di riempimento
assimilabile al movimento di un inquinante nel sottosuolo, grazie alle similitudini
esistenti tra il suolo agrario ed il letto drenante del sistema di fitodepurazione. La verifica
della coerenza e della consistenza del modello matematico previsionale effettuata
confrontando i risultati ottenuti con i software di simulazione, con quelli del nostro
modello.
I parametri introdotti nelle simulazioni (portata e intervallo dei cicli di riempimento)
riproducono il funzionamento del sistema di fitodepurazione, quando questo alimentato
sia con caricamento continuo, sia con caricamento discontinuo.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
67

5.1 LEquazione di Richards

Lequazione di Richards (1931) trova applicazione in quei campi nei quali il moto
dellacqua in zone non sature del terreno di notevole interesse: scienze idrologiche,
agrarie ed ambientali in genere. La relazione deriva combinando lequazione di
conservazione della massa senza termini sorgente

q
t
=

(5.1)

con lequazione del moto di Darcy. Questultima si semplifica considerando il terreno
come una matrice solida omogenea nella quale i fenomeni evolutivi e di trasporto in
senso orizzontale sono trascurabili:

) ( h z K q + = (5.2)

Nella (5.1) e (5.2), [L
3
/ L
3
] rappresenta il contenuto volumetrico dacqua, t [T] il
tempo, q [L/T] il flusso dacqua, h [L] la pressione relativa in metri di colonna dacqua, z
[L] la coordinata spaziale verticale (orientata verso lalto) e K=K(h) [L/T] la
conducibilit idraulica effettiva.
Combinando la (5.1) con la (5.2) si ottiene la forma mista dellequazione di Richards:

z
K
h K
t

+ =

) (

(5.3).

Introducendo la diffusivit capillare D()=K()(dh/d) [L/T] otteniamo la stessa
equazione nella forma in :

z
K
D
t

+ =

) (

(5.4)

mentre la capacit specifica C(h)=d(h) /dh [1/L] ci permette di usare la relazione di
Richards nella forma in h:

z
K
h K
t
h
C

+ =

) ( (5.5)

La forma in h (5.5) la pi idonea a simulare i suoli stratificati, poich presenta la
continuit della variabile dipendente e riesce a simulare le condizioni di suolo saturo. Se
consideriamo il moto unidirezionale verticale ed assumiamo come verso positivo delle z
quello rivolto verso il basso, semplifichiamo ulteriormente lequazione:

1 ) ( ) (
z
h
h K
t t
h
h C (5.6)

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
68
Quando sono note le condizioni iniziali (espresse da h o ) e le condizioni al contorno
riferite alla pressione relativa (tipo Dirichlet) o al flusso (tipo Neumann), possibile
conoscere landamento nel tempo dei contenuti idrici. Il dominio di applicabilit
dellequazione di Richards di tipo monodimensionale e compreso tra 0 (estremo
superiore del medium, origine della coordinata spaziale z) ed L (estremo inferiore del
medium, pari allaltezza del filtro).
Ci che otteniamo pu essere:

) ( ) 0 , (
0
z h z h = , o ) ( ) 0 , (
0
z z = per t=0, in ;

) 0 ( ) , 0 (
u
h t h = , o

= 1 ) 0 (
z
h
K q
u
, per t>0, in z=0; (5.7)

) ( ) , ( l h t L h
v
= ,o

= 1 ) (
z
h
K L q
u
per t>0, in z=L.

La soluzione dellequazione richiede la conoscenza della conducibilit K, dellumidit
e della capacit specifica C, in funzione della variabile dipendente h. Nei capitoli
successivi saranno illustrate le relazioni utilizzate ed i metodi di misura delle
caratteristiche del terreno. Le difficolt che si incontrano nellintegrazione
dellespressione di Richards sono dovute alle relazioni fortemente non lineari che legano
i vari termini con h.

5.2 Software di simulazione

Una volta implementato il processo di filtrazione, necessario inserire nel modello le
caratteristiche idrauliche del mezzo poroso. I parametri idraulici da utilizzare nelle
simulazioni devono prima essere raccolti mediante sperimentazioni sul campo e poi
elaborati. Le complessit di calcolo, che si incontrano studiando il moto di un fluido in
un terreno insaturo o durante la determinazione delle caratteristiche idrauliche del suolo,
possono essere risolte con lausilio di appositi software.
Groundwater Vistas, della E.S.I. Software, e Svflux2D/3D, della Soilvision, sono due
esempi di programmi commerciali che simulano il moto dellacqua e la dispersione degli
inquinanti nel sottosuolo. Entrambi dispongono di un database dei suoli e possono
riprodurre transitori, condizioni sature ed insature.
Oltre ai programmi commerciali possibile trovare alcune applicazioni in formato
freeware, messe a punto da agenzie governative per gli studi ambientali.
Nei sottoparagrafi che seguono sono descritti alcuni software, sviluppati dallU.S.S.L
(U.S. Salinity Laboratory) e dallE.P.A. (Environmental Protection Agency), utilizzabili
non solo per studiare i terreni insaturi, ma anche per elaborare i dati raccolti su impianti
esistenti. I programmi Hydrus-1D e Chemflo 2000 risolvono lequazione di Richards
mentre le applicazioni RETC e Rosetta stimano i valori dei parametri idraulici del
terreno. Lapplicazione Rosetta richiamabile dal programma Hydrus-1D in fase di
descrizione del terreno: i parametri del suolo possono essere definiti dallutente o ricavati
dalle Pedotransfer Functions (PTFs), implementate nellapplicazione.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
69

5.2.1 Hydrus-1D

Il software Hydrus-1D, sviluppato da J. Simunek, M. Sejna e M. Th. van Genuchten
(1998), un codice di calcolo che simula il movimento dellacqua, del calore e del soluto
in un dominio monodimensionale. Il programma risolve numericamente lequazione di
Richards utilizzando lo schema lineare agli elementi finiti di Galerkin e pu analizzare il
moto del fluido in medium insaturi, parzialmente saturi o completamente saturi. La
regione del moto pu essere variamente inclinata e composta di diverse stratigrafie. La
parte idraulica tiene conto, inoltre, di condizioni al contorno basate sul carico o sul flusso
e dipendenti dalle condizioni atmosferiche.

Dalla schermata iniziale del programma possibile scegliere il tipo di processo da
simulare:

flusso dellacqua;
trasporto di soluto;
trasporto di calore;
acqua necessaria alle piante;
crescita delle piante.

In fase di pre-processo bisogna inserire:
1. le informazioni geometriche relative al dominio di applicazione;
2. le informazioni temporali (tempo iniziale e finale, intervallo temporale,
incrementi temporali massimi e minimi);
3. i criteri di iterazione (numero massimo di iterazioni e tolleranza del contenuto
dacqua e del carico);
4. il modello idraulico del suolo (van Genuchten-Mualem, van Genuchten
modificato o Brooks-Corey);
5. i parametri idraulici delle varie stratigrafie. Il programma implementa una
dozzina di suoli, ognuno caratterizzato dai seguenti parametri idraulici:
r

(contenuto dacqua residuo),
s
(contenuto dacqua a saturazione), ed n (per il
modello di van Genuchten) e K
s
(conducibilit idraulica a saturazione);
6. le condizioni al contorno relative al flusso dacqua. Le condizioni al contorno
sono date sullestremo superiore e su quello inferiore del medium; esse possono
essere stazionarie o variabili e riguardare il carico o il flusso.

In fase di post-processo si visualizzano dei grafici che riportano, in funzione della
profondit, laltezza piezometrica (Figura 30), il contenuto dacqua (Figura 31), la
conducibilit idraulica (Figura 32), la capacit idraulica (Figura 33) ed il flusso dacqua
(Figura 34).

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
70

Figura 30 - Grafico del software Hydrus-1D: altezza piezometrica in funzione della profondit


Figura 31 - Grafico del software Hydrus-1D: umidit in funzione della profondit

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
71

Figura 32 - Grafico del software Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit


Figura 33 - Grafico del software Hydrus-1D: capacit idraulica in funzione della profondit

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
72

Figura 34 - Grafico del software Hydrus-1D: flusso liquido in funzione della profondit

5.2.2 Chemflo 2000

Lapplicazione Chemflo 2000, sviluppata da D. L. Nofziger e da J. Wu (2003) del
Department of Plant and Soil Sciences dellOklahoma State University, stata elaborata
con lintento di studiare i processi di moto dellacqua ed i meccanismi di trasporto delle
sostanze chimiche nei suoli insaturi.
Il programma ha alcune limitazioni che bene mettere in evidenza:
1. si pu applicare a situazioni strettamente monodimensionali;
2. le equazioni di moto non comprendono termini sorgente o di abbattimento per
lacqua;
3. lequazione di Richards (1931) per il moto dellacqua in condizioni insature
fondata sulla relazione di Darcy-Buckingham. Tale relazione descrive bene il
movimento dei fluidi nel terreno a meno che questo non presenti rigonfiamento o
fenomeni di isteresi. Il modello non tiene conto di vie preferenziali dovute a pori
di grandi dimensioni e dei cambiamenti delle propriet idrauliche dovuti alla
presenza di sostanze chimiche.

Linput del modello costituito da:
1. descrizione del tipo di terreno. Il programma richiede di specificare il tipo di
suolo e le caratteristiche geometriche del suolo (altezza ed inclinazione). Il
software Chemflo 2000 implementa alcune tipologie di suolo, lasciando allutente
la possibilit di definire altri tipi di terreno. Per ogni nuovo terreno possibile
scegliere il tipo di funzione adottata per la conducibilit tra le espressioni di van
Genuchten, Gardner o Brooks & Corey e per il contenuto dacqua tra van
Genuchten, Simmons o Brooks & Corey. Per ogni espressione vengono richiesti i
valori da attribuire ai vari parametri.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
73
2. definizione delle condizioni iniziali ed al contorno. Le condizioni iniziali
vengono imposte sia sul moto dellacqua sia sul moto delle componenti chimiche.
Le condizioni al contorno sono differenti a seconda che si tratti dellestremo
superiore o inferiore del dominio: allestremo superiore bisogna specificare il
valore del potenziale o del flusso e leventuale intensit di pioggia; per lestremo
inferiore possibile riportare il valore del potenziale, del flusso o selezionare la
condizione di drenaggio libero.

Loutput del programma costituito dai grafici delle grandezze riportate in Tabella 5:

Grafici per un determinato tempo e per
tutte le posizioni
Grafici per una determinata posizione e per
ogni spazio temporale
contenuto dacqua
potenziale matriciale
conducibilit idraulica (scala
lineare)
conducibilit idraulica (scala semi-
logaritmica)
forza di spinta
densit di flusso dellacqua
potenziale totale
contenuto dacqua vs. variabile di
Boltzmann
concentrazione in soluzione
concentrazione totale
densit di flusso dei componenti
chimici.
contenuto dacqua
potenziale matriciale
conducibilit idraulica (scala lineare)
conducibilit idraulica (scala semi-
logaritmica)
forza di spinta
densit di flusso dellacqua
potenziale totale
densit di flusso cumulata
concentrazione in soluzione
concentrazione totale
densit di flusso dei componenti chimici
flusso cumulato dei componenti chimici
massa dei componenti chimici (per unit
di superficie)
Tabella 5 - Opzioni grafiche disponibili del software Chemflo 2000 (Nofziger D. L., Wu J. 2003)

Nella Figura 35 riportato laspetto grafico delloutput del programma:

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
74

Figura 35 - Esempio di output grafico del software Chemflo 2000

5.2.3 RETC

Il codice di calcolo RETC (RETention Curve), sviluppato da M. Th. van Genuchten, F. J.
Leji e da S. R. Yates (1991), consente di determinare i parametri idraulici del terreno e di
valutare le costanti dei modelli di ritenzione idrica e di conducibilit. Il programma si usa
in alternativa alla misura diretta della conducibilit idraulica: questa si ricava dalle
misure di ritenzione idrica, molto pi facili da eseguire. I modelli implementati nel
codice schematizzano i pori come cilindri e si basano sullequazione di Darcy-Poiseuille;
le distribuzioni dei pori si rifanno ai modelli statistici di Burdine (Burdine, 1953 in van
Genuchten et al., 1991) e di Mualem (Mualem, 1986 in van Genuchten et al., 1991).

Allavvio del programma bisogna specificare se i dati a disposizione sono relativi alla
ritenzione idrica, alla conducibilit idraulica o ad entrambe le grandezze.
Dopo aver selezionato il tipo di problema e le unit di misura, bisogna specificare il
modello della curva di ritenzione e di conducibilit. I modelli di ritenzione idrica ed i
relativi modelli di conducibilit, attraverso i quali il programma ricava i valori dei
parametri idraulici, sono quelli riportati in Tabella 6:
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
75

Modello per la curva di ritenzione idrica Modello di conducibilit
van Genuchten (n ed m variabili) Mualem
van Genuchten (n ed m variabili) Burdine
van Genuchten (m=1-1/n) Mualem
van Genuchten (m=1-2/n) Burdine
Brooks & Corey Mualem
Brooks & Corey Burdine
Distribuzione Log-normale Mualem
Dual porosity Mualem
Tabella 6 - Modelli di curve di ritenzione idrica e relativi modelli di conducibilit implementati nel
programma RETC

Una volta assegnati i valori iniziali ai parametri da stimare, dobbiamo riportare i dati
della curva di ritenzione idrica: per ogni punto bisogna specificare il valore della
pressione e dellumidit. Ad ogni coppia di dati possibile assegnare un peso, a seconda
dellattendibilit dei dati.
Il post-processo del programma consente di visualizzare i parametri idraulici del terreno
(ad esempio
r
e
s
) e le costanti del modello di ritenzione scelto in fase di pre-processo
(n ed se, ad esempio, il modello era quello di van Genuchten) (Figura 36).


Figura 36 - Esempio di output del software RETC

Oltre ai dati del modello possibile visualizzare i grafici con le propriet idrauliche del
suolo (Figura 37).

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
76

Figura 37 - Grafico del software RETC: curva pF

5.2.4 Rosetta

Il software Rosetta, sviluppato da M. G. Schaap (2001) dellUSSL (U.S. Salinity
Laboratory), si basa sulle Pedotransfer Functions (PTFs): dalle caratteristiche del suolo
vengono ricavate le propriet idrauliche insature del suolo. La predizione dei parametri
pu essere schematizzata nel seguente modo (Figura 38):


Figura 38 - Schema di funzionamento del software Rosetta

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
77
Il programma permette di ricavare le seguenti propriet:
parametri dellacqua di ritenzione in accordo con van Genuchten (1980);
conducibilit idraulica a saturazione;
parametri di conducibilit idraulica insatura in accordo con van Genuchten (1980)
e Mualem (1976).

Il codice Rosetta implementa cinque tipi di Pedotransfer Functions (PTFs), ognuna delle
quali permette di predire i parametri idraulici. Le PTFs sono applicate secondo un ordine
gerarchico (Hierarchical ANN models), determinato dalla disponibilit di dati. Tale
ordine il seguente:
1. classe di tessitura del terreno;
2. percentuali di sabbia, limo ed argilla;
3. percentuali di sabbia, limo ed argilla e densit di carico;
4. percentuali di sabbia, limo ed argilla, densit di carico e acqua di ritenzione a 33
kPa;
5. percentuali di sabbia, limo ed argilla, densit di carico, acqua di ritenzione a 33
kPa e acqua di ritenzione a 1500 kPa.

Ad ognuno dei cinque gruppi associata una PTFs ed intuitivo che allaumentare dei
dati noti aumenta la precisione di predizione dei parametri idraulici del terreno.

Se sono noti i parametri
r
,
s
, ed n, per mezzo del modello previsionale Model C2 il
software Rosetta determina i coefficienti K
0
11
(conducibilit idraulica a saturazione
apparente) ed L (coefficiente di tortuosit) dellespressione di van Genuchten (5.8), per il
calcolo della conducibilit idraulica in condizioni insature:

( ) ( ) [ ] { }
( ) [ ]
L m
n
m
n m n
h
h h K
h K

+
+
=


1
1 1
) (
2
0
(5.8)

Linput del programma costituito dalle caratteristiche del suolo riportate in Tabella 7:

Caratteristiche del suolo (input del programma)
Tessitura
Percentuale di sabbia, limo ed argilla
Densit di carico
Acqua di ritenzione a 33 kPa
Acqua di ritenzione a 1500 kPa
Tabella 7 - Input richiesti dal codice di calcolo Rosetta

11
K
0
la conducibilit idraulica a saturazione dedotta dal modello di Mualem - van Genuchten, che non
corrisponde necessariamente alla reale conducibilit idraulica a saturazione.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
78

Loutput formato dai seguenti parametri (Tabella 8):

Output del programma
Umidit di ritenzione
r
Umidit a saturazione
s

Parametro di van Genuchten
Conducibilit idraulica a saturazione k
s
Conducibilit idraulica a saturazione apparente k
0

Coefficiente di tortuosit L
Tabella 8 - Valori in uscita dal programma Rosetta

Linterfaccia grafica si presenta come quella di Figura 39:


Figura 39 - Interfaccia grafica del software Rosetta

5.3 Esempi di simulazione

In generale, i software illustrati permettono di studiare la diffusione degli inquinanti nel
sottosuolo. Ogni tipo di suolo viene descritto tramite parametri idrogeologici (ad
esempio: umidit residua e conducibilit idraulica) reperibili in letteratura o attraverso
prove in sito.
Per poter utilizzare i codici di calcolo nello studio dei sistemi di fitodepurazione,
necessario che questi possano essere descritti dagli stessi parametri utilizzati per i terreni
naturali. Ci effettivamente possibile perch tra i suoli naturali ed i sistemi di
fitodepurazione sussistono delle similitudini (vedi Capitolo 3).
Per evidenziare tale somiglianza, con i software Chemflo 2000 ed Hydrus-1D sono state
fatte delle simulazioni di moto dellacqua, utilizzando due tipi di terreno: il primo tipo di
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
79
suolo richiama le caratteristiche del medium di riempimento del sistema di
fitodepurazione (sabbia) ed il secondo quelle di un terreno naturale. Entrambe le colonne
di suolo sono alte 60 cm, esattamente quanto lo strato di riempimento dellimpianto
pilota che si andr a realizzare.
Le propriet fisiche di stato ed i parametri idraulici dei suoli, adottati nelle simulazioni
che seguono, sono presi dai database interni dei programmi: essi non rappresentano i
parametri reali che caratterizzeranno limpianto pilota progettato, ma sono comunque
verosimili.

5.3.1 Simulazioni con caricamento continuo

Le prime due simulazioni (Simulazione 1 e Simulazione 2) riproducono il moto del refluo
quando limpianto alimentato con una portata continua. Lalimentazione continua deve
essere implementata, in entrambi i software, come una pioggia di intensit costante.
Le condizioni iniziali sono date dal contenuto dacqua volumetrico che, in entrambi i
casi, pari allumidit di ritenzione
r
. Le condizioni al contorno sono:
sulla base superiore (X=0 cm) data una pioggia di 0.83 cm/ora che rappresenta i
0.55 litri/minuto, distribuiti su 4 m
2
, del caricamento continuo dellimpianto
pilota;
sulla base inferiore (X=60 cm) previsto il drenaggio libero.

Riassumiamo in uno schema (Tabella 9) i dati delle due simulazioni. Si ricorda che i
parametri usati nelle simulazioni provengono dai database interni dei vari programmi.
Essi non rappresentano n parametri dellimpianto pilota progettato n quelli
dellinstallazione sulla quale stata condotta una campagna di misurazione. Tuttavia
possiamo ritenere tali valori verosimili.

Simulazione 1 Simulazione 2
Tipo di suolo sabbia terreno naturale
Spessore suolo (cm) 60 60
Conducibilit idraulica a
saturazione (cm/ora)
29.7 1.04
di van Genuchten (1/cm) 0.145 0.036
n di van Genuchten 2.68 1.56
Umidit a saturazione
s

(cm
3
/cm
3
)
0.43 0.43
Umidit di ritenzione
r

(cm
3
/cm
3
)
0.045 0.078
Condizioni iniziali
Contenuto dacqua (cm
3
/cm
3
) 0.045 0.078
Condizioni al contorno
Base superiore (X=0):
intensit di gocciolamento:
0.83 cm/ora
intensit di gocciolamento:
0.83 cm/ora
Base inferiore (X=60 cm) drenaggio libero drenaggio libero
Tabella 9 - Dati utilizzati nelle simulazioni con il software Chemflo 2000

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
80
Tra tutti i possibili grafici editabili con i programmi, ci soffermiamo sulle seguenti
grandezze, tutte riferite allaltezza del medium:
1. contenuto dacqua;
2. potenziale matriciale o di pressione;
3. conducibilit idraulica.

I grafici riportano i valori che le grandezze osservate assumono in quattro tempi diversi
(0, 5, 10 e 15 ore); per confrontare i risultati ottenuti, sono riportati i grafici di entrambi i
software.

Simulazione 1: riempimento di sabbia con caricamento continuo

Riportiamo i grafici relativi alle grandezze elencate sopra: contenuto dacqua (Figura 40
e Figura 41), potenziale di pressione (Figura 42 e Figura 43) e conducibilit idraulica
(Figura 44 e Figura 45).


Figura 40 - Simulazione 1/Chemflo 2000: contenuto dacqua in funzione della profondit


Figura 41 - Simulazione 1/Hydrus-1D: contenuto dacqua in funzione della profondit

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
81
Il contenuto dacqua varia dal valore iniziale 0.045 cm
3
/cm
3
, che ricordiamo essere
lacqua di ritenzione, al valore di regime 0.22 cm
3
/cm
3
; la situazione stazionaria del
processo si raggiunge dopo circa 15 ore (i tempi intermedi sono riferiti a 5 ed a 10 ore)
ed il contenuto di umidit circa la met di quello a saturazione.



Figura 42 - Simulazione 1/Chemflo 2000: potenziale matriciale in funzione della profondit


Figura 43 - Simulazione 1/Hydrus-1D: potenziale matriciale in funzione della profondit

Analogamente al contenuto dacqua, anche il potenziale matriciale e la conducibilit
idraulica aumentano con il trascorrere del tempo. Poich non si raggiungono le
condizioni di saturazione, il potenziale matriciale rimane negativo (circa -10 cm di
colonna dacqua) e la conducibilit idraulica quella insatura.

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
82

Figura 44 - Simulazione 1/Chemflo 2000: conducibilit idraulica in funzione della profondit


Figura 45 - Simulazione 1/Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit

Entrambi i programmi di calcolo forniscono grafici simili per tutte le grandezze
osservate, ad esclusione di quelli relativi alla conducibilit idraulica. Dopo 15 ore
dallinizio del processo, il programma Chemflo 2000 riporta una situazione di regime
(0.83 cm/ora in tutto lo spessore) mentre per il software Hydrus-1D tale condizione non
si ancora raggiunta. Ci nonostante possiamo affermare che i codici di calcolo
forniscono gli stessi risultati in quanto lo scostamento rilevabile minimo.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
83

Simulazione 2: riempimento di terreno naturale con caricamento continuo

Nella seconda simulazione sono riportati gli stessi grafici della Simulazione 1, riferiti agli
stessi tempi (0, 5, 10 e 15 ore). Le condizioni stazionarie, che si raggiungono dopo 25 ore
dallinizio del processo, si attestano su un contenuto dacqua pari, allincirca, a quello di
saturazione e cio 0.43 cm
3
/cm
3
(Figura 46 e Figura 47).


Figura 46 - Simulazione 2/Chemflo 2000: contenuto dacqua in funzione della profondit


Figura 47 - Simulazione 2/Hydrus-1D: contenuto dacqua in funzione della profondit

In realt la saturazione non raggiunta e questo fenomeno evidenziato dal grafico del
potenziale matriciale (Figura 48 e Figura 49), che sembra nullo ma in realt assume
valori negativi, e da quello della conducibilit idraulica (Figura 50 e Figura 51) dove si
nota che il valore raggiunto da tale grandezza 0.83 cm/ora e non 1.04, valore che
compete al suolo completamente imbibito dacqua.

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
84

Figura 48 - Simulazione 2/Chemflo 2000: potenziale matriciale in funzione della profondit


Figura 49 - Simulazione 2/Hydrus-1D: potenziale matriciale in funzione della profondit
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
85


Figura 50 - Simulazione 2/Chemflo 2000: conducibilit idraulica in funzione della profondit


Figura 51 - Simulazione 2/Hydrus-1D: conducibilit idraulica in funzione della profondit

5.3.2 Simulazioni con caricamento discontinuo

Rispetto alle precedenti simulazioni, quelle che riproducono limpianto caricato in
discontinuo risultano pi complesse dal momento che bisogna implementare le portate
intermittenti. Dagli esempi precedenti emerso che i software Chemflo 2000 ed Hydrus-
1D forniscono gli stessi risultati; poich il secondo consente di inserire pi facilmente i
dati e di salvare i progetti per successive modifiche, le simulazioni saranno svolte con il
solo programma Hydrus-1D.
Anche in questo caso la distribuzione del refluo assimilata ad una pioggia ma prima di
illustrare i risultati ottenuti bene specificare come sono stati inseriti i dati relativi
allintensit di precipitazione. In fase di inserimento dei dati, bisogna riportare laltezza
di pioggia ed il tempo in cui tale altezza si verificata; lintensit di pioggia tra due
tempi contigui calcolata per interpolazione lineare. Con questo tipo di implementazione
le onde quadre di pioggia tra un intervallo temporale T, T+T sono inserite come onde
triangolari sullintervallo T-T, T+T. In questo modo, a parit dintensit di pioggia I, il
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
86
volume di pioggia caduto sul terreno lo stesso (Figura 52). Nelle nostre simulazioni il
tempo T corrisponde al tempo iniziale del riempimento del letto e lintervallo T alla
durata dello scarico.

T T+T T-T T+T
(I*2*T)/2=I*T
I*T

Figura 52 - Implementazione delle onde quadre come onde triangolari

Le simulazioni svolte (in totale quattro) sono state fatte ipotizzando diverse durate dei
cicli di riempimento: 30 minuti, 60 minuti, 4 ore e 6 ore.
La simulazione con lintervallo di 30 minuti tra un riempimento ed il successivo
riproduce la gestione intermittente dellimpianto pilota progettato nel seguito:
sullimpianto viene scaricato, in 30 secondi, il volume di refluo accumulatosi in 30
minuti. Lintermittenza di carico pari a 60 minuti il valore medio tra quelli suggeriti da
Pergetti (2001): lAutore consiglia un numero di cicli giornalieri compreso tra 15 e 34,
affinch il medium disponga di adeguati periodi di riposo con conseguente ossigenazione
dello stesso. Volpe (2001) propone da 4 a 6 riempimenti giornalieri, a cui corrispondono
intervelli di 6 e 4 ore rispettivamente.
Nel caso in cui si voglia adottare sullimpianto sperimentale uno dei cicli simulati, il
tempo necessario per scaricare il volume di liquame, accumulato tra un riempimento ed il
successivo, scelto in modo tale da poter essere riprodotto con la pompa in dotazione.
Tale pompa, anche se accoppiata con un motovariatore, stata scelta per erogare una
portata pari a 35 litri/minuto.
Come nel caso precedente, il materiale di riempimento sabbia e le simulazioni sono
portate a 4 giorni. Per ogni simulazione sono riportati i grafici con i valori assunti dai
parametri idraulici a diversi tempi, indicati volta per volta.
Riassumiamo i dati delle simulazioni nella Tabella 10.
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
87


Intervallo tra i
cicli di
riempimento
Tempo di
scarico del
liquame
Portata erogata
dal sistema di
distribuzione
Intensit di
gocciolamento
Simulazione
A
30 min 30 sec 35 litri/min 0.83 cm/min
Simulazione
B
60 min 60 sec 35 litri/min 0.83 cm/min
Simulazione
C
4 ore 240 sec 35 litri/min 0.83 cm/min
Simulazione
D
6 ore 360 sec 35 litri/min 0.83 cm/min
Tabella 10 - Schema delle simulazioni effettuate con caricamento discontinuo

Simulazione A: riempimento di sabbia, caricamento discontinuo, ciclo di 30 minuti

La prima simulazione riproduce la gestione ipotizzata in fase di progetto dellimpianto
pilota: ogni 30 minuti il liquame viene scaricato sul medium in 30 secondi. In Figura 53
e Figura 54 riportato landamento del contenuto dacqua in funzione della profondit, a
diversi tempi. Con il trascorrere del tempo lumidit aumenta negli strati pi profondi del
medium e bisogna aspettare 960 minuti (16 ore) per ottenere una situazione stazionaria.
In tali condizioni lumidit del terreno si attesta sul valore costante di 0.23 senza mai
raggiungere il contenuto dacqua a saturazione. Molto probabilmente la velocit di
infiltrazione nel medium minore dellintensit di gocciolamento per cui si verifica un
ristagno superficiale che determina condizioni di saturazione negli strati superficiali
immediatamente dopo un caricamento di liquame.


Figura 53 - Simulazione A: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 240)
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
88


Figura 54 - Simulazione A: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
240 e 960)

Il punto angoloso che si pu notare nelle curve di umidit quando siamo negli strati
superficiali, dovuto al fatto che il grafico tracciato al tempo immediatamente
successivo ad un caricamento di refluo.

Osserviamo nel dettaglio ci che accade nellintorno di un caricamento, quando la
situazione a regime (Figura 55). La linea blu (1045 minuti) indica il contenuto di
umidit 5 minuti prima dellazionamento della pompa, che implementato al minuto
1049.5; immediatamente prima del caricamento (minuto 1049.5) lumidit
rappresentata dalla linea verde. Durante il ciclo di riempimento, che ha andamento
triangolare e che dura dal minuto 1049.5 al minuto 1050.5, il contenuto dacqua aumenta
e si raggiunge la saturazione in un sottile strato superficiale. La situazione alla fine del
ciclo di caricamento (minuto 1050.5) rappresentato dalla linea rossa ed indica che il
medium non pi saturo; contemporaneamente aumenta lo spessore di medium nel quale
cambia lumidit. Il contenuto dacqua dopo cinque minuti (minuto 1055) raffigurato
dalla linea rosa; negli strati superficiali lumidit diminuisce e il tutto tende a portarsi
nelle condizioni della linea verde ovvero di quelle immediatamente prima di un nuovo
ciclo di carico.

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
89

Figura 55 - Simulazione A: andamento dellumidit nellintorno di un caricamento

Se facciamo lo stesso tipo di osservazioni quando i caricamenti sono intervallati di 6 ore,
otteniamo il grafico di Figura 56. Le pompe sono azionate dal minuto 1434 al minuto
1446 ed in questo caso lo spessore del medium che si satura durante il riempimento
maggiore a causa del maggior volume versato sul sistema (quasi sicuramente si forma un
battente idraulico superficiale). Analogamente a prima, con il trascorrere del tempo il
contenuto dacqua diminuisce superficialmente ed aumenta negli strati pi profondi
(minuti 1440, 1446 e 1450). La tendenza dellumidit di riportarsi nelle condizioni
antecedenti un nuovo ciclo (minuto 1430).


Figura 56 - Simulazione D: andamento dellumidit nellintorno di un caricamento
Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
90

Simulazione B: riempimento di sabbia, caricamento discontinuo, ciclo di 60 minuti

Anche in questa seconda simulazione si nota che lumidit si spinge negli strati pi
profondi del medium (Figura 57 e Figura 58) allo stesso modo della Simulazione A: a
parit di tempo landamento dei grafici perfettamente sovrapponibile.


Figura 57 - Simulazione B: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 480)

Ancora come nel caso precedente, la situazione stazionaria si raggiunge dopo 960 minuti
(16 ore) e si attesta sul valore 0.23.


Figura 58 - Simulazione B: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
480 e 960)

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
91
Simulazione C: riempimento di sabbia, caricamento discontinuo, ciclo di 4 ore

Quando i cicli di caricamento sono distanziati tra loro di 4 ore, si cominciano a vedere le
prime differenze con le simulazione precedenti (Figura 59). Si nota subito che a parit di
tempo (ad esempio 240 minuti) lo strato di medium interessato da cambiamenti del
contenuto dacqua spesso 15 cm mentre nelle Simulazioni A e B raggiungeva i 25 cm.
Negli strati profondi del medium, una volta raggiunta la situazione stazionaria, lumidit
non si mantiene costante a 0.23 ma aumenta in modo lineare, a partire dalla superficie,
fino a tale valore.


Figura 59 - Simulazione C: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 960)

Simulazione D: riempimento di sabbia, caricamento discontinuo, ciclo di 6 ore

Nellultima simulazione eseguita, il raggiungimento delle condizioni stazionarie si
ottiene dopo 1080 minuti (18 ore) e, come nella Simulazione C, il valore dellumidit non
rimane costante ma decresce spostandosi verso la superficie. da notare che in questo
caso lumidit raggiunta nello strato pi profondo inferiore a quella dei casi precedenti
e si attesta a circa 0.18 (Figura 60).

Capitolo 5 - Idrologia del terreno: modello concettuale e software di simulazione
92

Figura 60 - Simulazione D: andamento dellumidit in funzione della profondit (intervallo temporale tra
0 e 1080)

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
93
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello

Nei capitoli precedenti emerso pi volte che gli studi sui sistemi di fitodepurazione
possono essere condotti con lausilio di strumenti agronomici come, ad esempio, sonde
capacitive e tensiometri.
La presenza di alcune installazioni sperimentali ci ha permesso di condurre delle
campagne di misurazione. Le finalit di questi sopralluoghi possono riassumersi
brevemente come segue:
installazione e prova degli strumenti;
prelievo di campioni di medium per calibrare la sonda capacitiva;
raccolta di dati per caratterizzare idraulicamente il materiale di riempimento e per
tarare il modello matematico previsionale.

Durante le varie ispezioni sono emerse alcune difficolt tecniche da tenere presenti
quando si effettuano le analisi dei risultati e per migliorare la progettazione di future
installazioni.
I dati raccolti durante la campagna di misurazione devono essere usati per tarare il
modello matematico previsionale. Operando su installazioni gi esistenti emersa la
difficolt di tenere sotto controllo i parametri di gestione dellimpianto (ad esempio:
portata e durata dei cicli) e limpossibilit di variarne le condizioni di funzionamento.
Come conseguenza a queste considerazioni, emersa lesigenza di realizzare un impianto
sperimentale, il cui progetto illustrato nel capitolo successivo.
In questo capitolo sono esposti i risultati ottenuti dalle misurazioni eseguite sullimpianto
di fitodepurazione di Firenze Certosa e su quello di Shafdan (Israele), le procedure
seguite e gli aspetti tecnici da tenere in considerazione durante la fase di progettazione
dellimpianto pilota, per migliorare, su questultimo, la raccolta dei dati necessari alla
calibrazione del modello matematico previsionale.

6.1 Impianto di Firenze Certosa

6.1.1 Descrizione dellimpianto

Presso lHotel Relais, situato in localit Bottai nei pressi della Certosa di Firenze,
installato un impianto sperimentale al servizio dellattivit stessa. Il sistema realizzato
con un sistema di fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale, seguito da uno a
flusso subsuperficiale verticale con spessore del letto pari a 80 cm (Figura 61). La
granulometria del medium di riempimento uniforme in tutto limpianto ad esclusione
dello strato superficiale: qui la pezzatura della ghiaia superiore rispetto a quella usata
per il resto del sistema di fitodepurazione.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
94

Figura 61 - Vista dellimpianto installato presso lHotel Relais: sulla destra vi il sistema di
fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale e sulla sinistra quello a flusso subsuperficiale verticale

Le acque di scarico dellalbergo sono raccolte in una vasca (Figura 62); allinterno di
questa sono installate delle sonde galleggianti le quali azionano le pompe che
provvedono a convogliare i reflui in testa allimpianto a flusso subsuperficiale
orizzontale.


Figura 62 - Vasca di raccolta del refluo da trattare

Dopo aver superato il primo stadio, le acque sono raccolte in un pozzetto dotato di due
sifoni autoadescanti che distribuiscono il refluo sul letto a flusso subsuperficiale verticale
(Figura 63).
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
95
Il sistema di distribuzione costituito da una condotta principale, posta su un lato
dellimpianto, dalla quale si diramano dei tubi forati che spargono il liquame in maniera
uniforme sul letto.
Attraversato il secondo stadio, lacqua depurata raccolta in un pozzetto ispezionabile e
scaricata.


Figura 63 - Pozzetto di ripartizione posizionato in testa al sistema di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale

6.1.2 Installazione delle apparecchiature

Sonda FDR

La sonda capacitiva FDR richiede la collocazione permanente di un pozzetto di plastica,
del diametro di 56 mm, allinterno del quale far scorrere lo strumento. Su un impianto gi
realizzato, linfissione del pozzetto deve avvenire con laiuto di trivelle a bicchiere che
preparano il foro per linserimento, di diametro poco superiore a quello necessario
(Figura 64 e Figura 65). Parte del terreno rimosso viene inserito lateralmente nel foro
per bloccare il pozzetto.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
96

Figura 64 - Scavo del foro per il pozzetto della sonda FDR con una trivella


Figura 65 - Particolare del foro per il pozzetto della sonda FDR

Terminato il foro, il pozzetto di misurazione inserito perfettamente verticale nel terreno
alla profondit voluta (Figura 66) e tappato per evitare linfiltrazione dacqua (Figura
67). Prima di poter effettuare le misure con lo strumento sarebbe necessario aspettare una
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
97
decina di giorni affinch il terreno disturbato dallo scavo torni in una situazione di
equilibrio ed a contatto con il pozzetto. Questo accorgimento dovuto al fatto che
lapparecchiatura influenzata dallacqua che si trova tra 5 e 10 centimetri dal pozzetto.
La sonda, prima di poter essere utilizzata, necessita di due misurazioni di taratura: una
con pozzetto immerso completamente in acqua ed una con sonda esposta allaria.


Figura 66 - Controllo della verticalit del pozzetto


Figura 67 - Pozzetto per la sonda FDR ultimato
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
98
Le misurazioni si effettuano inserendo la sonda nel pozzetto (Figura 68) e muovendola
dallalto verso il basso (Figura 69). Sul datalogger (Figura 70) vengono visualizzati i
valori di frequenza grezza o il contenuto dacqua se lo strumento stato calibrato.


Figura 68 - Inserimento della sonda FDR nel pozzetto di misura


Figura 69 - Lettura dellumidit con la sonda capacitiva

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
99

Figura 70 - Datalogger della sonda FDR

Tensiometro

Il tensiometro, usato per misurare la pressione di suzione, non necessita di installazioni
fisse: sufficiente preparare, con lapposita trivella, un foro nel medium fino alla
profondit desiderata e successivamente inserirvi lo strumento. Dopo pochi minuti,
raggiunto lequilibrio tra lo strumento ed il terreno, la pressione letta per mezzo del
manometro inserito sullo strumento (Figura 71). Prima dellutilizzo bisogna riempire il
serbatoio con un cucchiaino dacqua ed eseguire loperazione di taratura: lestremit
inferiore dello strumento, quella con la capsula porosa, va immersa in acqua per riportare
lindicatore del manometro sulla posizione wet (bagnato) (Figura 72).
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
100


Figura 71 - Tensiometro


Figura 72 - Particolare del manometro del tensiometro

6.1.3 Campionamento del suolo

Il prelievo di campioni del suolo necessario per determinare:
il contenuto dacqua dei campioni;
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
101
la curva di calibrazione della sonda capacitiva (al fine di ottenere i reali valori del
contenuto dacqua del terreno);
la porosit del terreno;
il contenuto dacqua e la massa volumica delle radici.

Durante il campionamento, che deve avvenire contemporaneamente ad una misurazione
con la sonda, la porzione di medium prelevata deve essere indisturbata e bisogna
assicurarsi che da essa non fuoriesca lacqua. Il prelievo di campioni indisturbati si
effettua tramite apposite fustelle infisse nel terreno con un maglio. Nella sequenza di
immagini riportato lo schema di montaggio dello strumento: posizionamento della
fustella (Figura 73.a), del battifustella (Figura 73.b), del maglio (Figura 73.c) e dellasta
guida (Figura 73.d).

a) b)

c) d)
Figura 73 - Fasi di montaggio del campionatore a fustella: a) posizionamento della fustella, b)
posizionamento del battifustella, c) posizionamento del maglio, d) inserimento dellasta guida

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
102
Il maglio viene fatto cadere sulla fustella finch questa non completamente infissa nel
suolo (Figura 74.a e 74.b); a questo punto si deve scavare attorno al campione per
rimuoverlo indisturbato (Figura 74.c e 74.d).

a) b)

c) d)
Figura 74 - Campionamento del terreno con campionatore a fustella: a) fase di battitura con il maglio, b)
fine della fase di battitura, c) fustella pronta per essere prelevata, d) prelievo della fustella

6.1.4 Analisi di laboratorio: descrizione delle procedure utilizzate

Umidit naturale del campione

La misura del contenuto dacqua volumetrico del campione (
v
) stata eseguita
applicando la formula (4.15)

campione
acqua
v
volume
volume
= (6.1)

che richiede la conoscenza dei seguenti valori:
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
103
volume totale dellacqua nel campione (volume
acqua
) pari allacqua presente nel
terreno pi quella contenuta nelle radici;
volume totale del campione prelevato (volume
campione
).

Lacqua presente nel terreno data dalla differenza tra il peso del campione umido
(senza radici) ed il peso del materiale essiccato in termostufa a 105 C per almeno 24 ore.
Lacqua contenuta nelle radici determinata dalla differenza tra il peso delle radici
umide ed il peso delle radici essiccate in termostufa a 80 C per almeno 24 ore.

Il volume totale del campione prelevato con la fustella coincide con il volume, noto a
priori, di questa. Se invece il campione stato prelevato manualmente, si ricorre alluso
del volumenometro a sabbia, attuando la procedura seguente:
1. sbancamento del terreno fino alla profondit voluta (Figura 75);
2. scavo e raccolta del medium (Figura 76);
3. pesatura dello strumento pieno di sabbia (P
P
);
4. posizionamento dello strumento ed attesa finch la sabbia in esso contenuta non
ha riempito lo scavo (Figura 77);
5. pesatura dello strumento parzialmente vuoto (P
V
);
6. calcolo del volume dello scavo attraverso la formula

C
S
V P
S
V
P P
V

(6.2)

nella quale
S
e V
C
rappresentano, rispettivamente, i valori (noti in precedenza)
della densit della sabbia e del volume di sabbia contenuta nel cono dello
strumento.


Figura 75 - Sbancamento del terreno fino alla profondit voluta

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
104

Figura 76 - Fase di scavo e raccolta del medium


Figura 77 - Posizionamento del volumenometro

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
105
Umidit a saturazione del campione

Il contenuto dacqua del campione in condizioni sature si determina con lo stesso metodo
usato per lumidit naturale, con lunica differenza che le condizioni umide ora
coincidono con quelle sature, le quali vengono ricostituite artificialmente immergendo la
fustella in acqua per almeno 24 ore (Figura 78).


Figura 78 - Ricostituzione delle condizioni sature nel provino mediante immersione in acqua della fustella

Porosit del campione

Per definizione la porosit p il rapporto percentuale

100 =
C
V
V
V
p (6.3)

tra il volume dei vuoti V
V
ed il volume totale del campione V
C
. Il volume dei vuoti dato
da
volume dei vuoti
=
volume totale del campione
-
volume del materiale secco

Il volume totale del campione pari a quello della fustella o in alternativa quello
determinato con il volumenometro.
Il volume del materiale secco determinabile con il picnometro attraverso la successione
di passi riportata di seguito:
1. determinazione del volume del picnometro vuoto ed asciutto (V
pic
);
2. selezione e pesatura di circa 200 grammi di materiale dal campione intero (P
sel
);
3. pesatura del picnometro e della selezione di terreno in esso introdotto (P
pic+sel
);
4. pesatura del picnometro contenente la selezione di terreno e riempito dacqua fino
alla tacca di riferimento (P
pic+sel+acqua
);
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
106
5. calcolo del volume dellacqua (P
acqua
) introdotta nel picnometro:

sel pic acqua sel pic acqua
P P P
+ + +
=

6. calcolo del volume dellacqua introdotta nel picnometro (V
acqua
):

acqua
acqua
acqua
Densit
P
V =

dove, per semplicit, si assume la densit dellacqua pari a 1 g/cm
3
;
7. calcolo del volume del materiale selezionato introdotto nel picnometro (V
sel
):

acqua pic sel
V V V =

8. calcolo del volume delle radici secche (V
rad
):

rad
rad
rad
Massa
P
V =

dove P
rad
il peso delle radici secche e Massa
rad
la massa volumica delle radici;
9. determinazione del volume del materiale secco del campione totale
dalluguaglianza

peso materiale secco campione totale / volume materiale secco campione totale
=
peso materiale secco introdotto / volume materiale secco introdotto

10. calcolo del volume dei vuoti del campione totale:

volume dei vuoti del campione totale
=
volume totale del campione
-
volume materiale secco campione totale
-
volume radici
11. calcolo della porosit tramite la (6.3).

6.2 Impianto di Shafdan (Israele)

Nellambito della cooperazione italo-israeliana sulle tecnologie ambientali, per il
progetto Polishing municipal secondary effluent for stream rehabilitation - Integrated
constructed wetland and electroflocculation technologies stata condotta una seconda
campagna di misurazione su un impianto di fitodepurazione a flusso subsuperficiale
verticale. Parte dei risultati raccolti sono stati elaborati nellambito del presente lavoro di
tesi.
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
107
6.2.1 Descrizione dellimpianto

Il sistema di fitodepurazione a flusso sommerso verticale, con uno spessore del letto
pari a 70 cm. Il medium di riempimento costituito da (Figura 79):
basalto 2-3 (granulometria compresa tra 2 e 3 mm);
basalto 3-5 (granulometria compresa tra 3 e 5 mm);
basalto 5-10 (granulometria compresa tra 5 e 10 mm);
dolomite bianca (granulometria da 8 mm).


Figura 79 - Materiale di riempimento del letto drenante

La distribuzione uniforme del liquame sullimpianto avviene tramite una rete di
distribuzione a pettine (Figura 80); tale sistema analogo a quello adottato sullimpianto
pilota progettato, il quale servir per tarare il modello matematico previsionale.


Figura 80 - Sistema di distribuzione del liquame
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
108

6.3 Problematiche riscontrate

Limpossibilit di tenere sotto controllo i parametri gestionali dellimpianto usato per la
campagna di misurazione, ci ha indotto a progettare un impianto pilota sul quale eseguire
la raccolta dei dati necessari alla calibrazione del modello matematico previsionale.
Per semplificare la raccolta dei dati su tale installazione, bene mettere in evidenza le
problematiche che si sono riscontrate, affinch non si presentino sul sistema di
fitodepurazione sperimentale.

Posizionamento dei pozzetti della sonda capacitiva

Linfissione dei pozzetti cavi per la sonda FDR risultata laboriosa a causa del medium
non coerente; anche se la trivella avanza senza problemi nel terreno, sussiste il rischio
che lestrazione della carota di terra non avvenga perfettamente e che del materiale
sciolto cada allinterno del buco, tappandolo. Lalternativa a questo modo di procedere
quella di posizionare i pozzetti prima della posa del medium: i problemi riscontrati non si
presenteranno e in ogni momento possiamo controllare, ed eventualmente correggere, la
verticalit del tubo.

Funzionamento dei tensiometri

Nel paragrafo 4.2 stato illustrato il funzionamento dei tensiometri: la punta ceramica
dello strumento crea un collegamento idraulico tra lacqua contenuta nellapparecchio e
quella presente nel suolo. Per velocizzare il raggiungimento della situazione dequilibrio,
consigliabile agire sullo strumento aumentando o diminuendo la fuoriuscita dacqua dal
tensiometro: sul manometro si vedr lindicatore muoversi per poi portarsi sulla
pressione dequilibrio.
In alcuni casi, nonostante si agisca nel modo suddetto, lindicatore del manometro non si
muove verso la pressione di suzione ma rimane fermo sulla pressione impostata
manualmente dalloperatore. Il verificarsi di questa situazione pu essere causata dalla
mancanza della connessione idraulica tra strumento e terreno. Infatti, in assenza di
connessione lacqua dello strumento non fuoriesce a causa dei menischi capillari presenti
nei pori della capsula.
La mancanza del collegamento idraulico pu dipendere dalla presenza di un vuoto troppo
grosso nel medium, allinterno del quale si posizionata la capsula porosa: in questo
caso sufficiente ripetere loperazione in un altro punto, avendo laccortezza di tenere la
trivella in posizione verticale senza farla ruotare (operazione, questa, che tende ad
allargare il foro di inserimento).
La granulometria del materiale di riempimento pu essere laltra causa che impedisce di
rilevare il potenziale matriciale: la pezzatura grossa del medium non d luogo alla risalita
capillare e quindi non c pressione di suzione nel terreno. In questo caso la curva
potenziale matriciale-umidit ha la seguente forma (Figura 81):

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
109

Figura 81 - Curva potenziale matriciale-umidit in assenza di risalita capillare

Presenza delle radici

La presenza di radici nel medium complica la determinazione della porosit e del
contenuto dacqua. Il volume occupato dalle radici non va considerato un vuoto del
terreno allinterno del quale lacqua si muove; questo deve essere determinato e sottratto,
assieme al volume dei grani, dal volume totale del campione per calcolare il reale volume
dei pori:

volume vuoti = volume campione - volume dei grani - volume radici

Il metodo col picnometro, illustrato precedentemente, non pu essere applicato in quanto
il materiale ligneo galleggia allinterno dello strumento. Lo spazio occupato dalle radici
si calcola attraverso la massa volumica di queste. La procedura si compone dei seguenti
passaggi:
1. pulitura ed essiccatura delle radici (Figura 82.a);
2. pesata in aria delle radici secche;
3. rivestimento delle radici con uno strato di paraffina (Figura 82.b);
4. pesata delle radici rivestite di paraffina in aria;
5. pesata delle radici rivestite di paraffina in acqua, per mezzo di un apposito
piattino al quale sono legati i bulbi per evitare che galleggino (Figura 82.c e
82.d).

Al posto della paraffina possibile usare un silicone spray che crea una pellicola di
spessore trascurabile; il procedimento per determinare la massa volumica delle radici
uguale a quello con la paraffina.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
110
a) b)

c) d)
Figura 82 - Fasi per determinare la massa volumica delle radici: a) pulitura ed essiccatura dei campioni,
b) immersione dei campioni in paraffina, c) apparecchiatura per la pesata in acqua dei campioni
impermeabilizzati, d) particolare del piattino usato per le misurazioni in acqua

Il problema delle radici limitato ai campioni prelevati superficialmente dal sistema di
fitodepurazione: come si pu vedere dalle foto di Figura 83, le radici sono presenti
esclusivamente nel primo strato di terreno.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
111

Figura 83 - Presenza delle radici nel medium di riempimento; dalla foto di destra si pu chiaramente
vedere come le radici siano presenti nel solo strato superficiale del letto

Con il valore della porosit possibile valutare il grado di intasamento del medium e, di
conseguenza, tarare la schematizzazione matematica del medium nel programma di
simulazione.
Le radici trattengono lacqua come un corpo spugnoso: anche se viene sottratta tutta
lacqua tramite essiccazione, una successiva reidratazione permette loro di riassorbire,
allincirca, la quantit dacqua che avevano in precedenza e di riacquistare la forma
originale. Da questa esperienza possiamo considerare, in condizioni normali di umidit, il
contenuto dacqua ed il volume delle radici sempre uguale e quindi ritenere costante il
valore della massa volumica. Tralasciamo di accertare se in condizioni estreme (siccit o
completa saturazione) le variazioni di massa volumica continuano ad essere trascurabili
poich tali situazioni non rientrano nei nostri studi.

Resta da accertare se lumidit contenuta nelle radici pu essere considerata trascurabile;
il problema si pone perch lacqua viene conteggiata nella lettura effettuata dalla sonda
capacitiva ma non rientra nellacqua del suolo che prende parte al moto idraulico.
Il campione superficiale, estratto il 14 Dicembre 2004, conteneva 67.99 g di radici;
poich dopo lessiccazione le radici pesavano 33.61 g, si deduce che lacqua contenuta in
esse era pari a 34.38 g. Dalle prove di laboratorio risultato che lumidit totale nel
campione pari a 152.79 g: lacqua contenuta nelle radici non pu essere trascurata in
quanto rappresenta il 23% dellacqua totale (vedi Tabella 22). Il problema si pone solo
per lo strato superficiale, dove le radici sono presenti, e non negli strati sottostanti nei
quali la presenza dei rizomi praticamente nulla (vedi Figura 83).

6.4 Analisi dei risultati e commenti

Le campagne di misurazioni presso limpianto sperimentale di Firenze Certosa sono state
condotte il 14 Dicembre 2004 ed il 12 Gennaio 2005. Durante i sopralluoghi sono stati
raccolti dei campioni di terreno a diverse profondit e sono state fatte delle misure di
contenuto dacqua con la sonda capacitiva FDR della Sentek. Con i campioni prelevati
sono state eseguite le analisi di laboratorio riportate nello schema riassuntivo di Tabella
11.
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
112

Data 14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
Profondit di prelievo
superficie
-40 cm
-10 cm
-36 cm
Metodo di
campionatura del
terreno
campionatura manuale campionatura con fustelle
Analisi effettuate
contenuto dacqua e
porosit dei campioni
massa volumica delle
radici
contenuto dacqua e
porosit dei campioni
contenuto dacqua dei
campioni saturi
massa volumica delle
radici
Altre misure umidit del terreno con FDR umidit del terreno con FDR
Tabella 11 - Riassunto delle prove eseguite sullimpianto di Firenze Certosa, durante le campagne di
misurazione

Sullimpianto sono stati installati due pozzetti di misura per la sonda FDR (nello schema
di Figura 84 contrassegnati con P1 e P2) mentre i prelievi di terreno si sono effettuati in
due zone distinte dellarea interessata dalle misurazioni.


Figura 84 - Posizione dei pozzetti della sonda FDR e dei campioni di medium prelevati

I pozzetti della sonda sono lunghi 100 cm ma, essendo lo strato di medium profondo 80
cm e volendo evitare di danneggiare il rivestimento impermeabile, sono stati infissi per
soli 60 cm. La sonda FDR rileva il contenuto dacqua ogni 10 cm: i primi 3 dati di ogni
lettura sono scartati perch non interessano il medium (Figura 85).

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
113

Figura 85 - Corrispondenza tra le quote di misurazione relative alla sonda e le quote riferite al piano
campagna

I dati raccolti sullimpianto di Shafdan (Israele) sono stati ottenuti durante la campagna
di misurazione effettuata nel Febbraio 2005. Per poter procedere alla calibrazione della
sonda capacitiva, i diversi materiali che formano la stratigrafia del medium di
riempimento sono stati analizzati separatamente (Figura 86).


Figura 86 - Installazione per lo studio dei materiali di riempimento del letto drenante
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
114
Ogni materiale stato campionato manualmente, in diverse condizioni di umidit; per
ogni campione si ricavato il valore del contenuto dacqua in laboratorio.
Contemporaneamente si sono ricavate le frequenze grezze con la sonda capacitiva FDR,
per poter eseguire la calibrazione della sonda. In Tabella 12 sono riportate le analisi
eseguite sulle varie tipologie di materiale di riempimento.

Data Febbraio 2005
Materiale
Basalto 2-3
mm
Basalto 3-5
mm
Basalto 5-10
mm
Dolomite 8
mm
Profondit di prelievo -8 cm
Metodo di campionatura
del terreno
campionatura manuale
Analisi effettuate
contenuto dacqua in condizioni di ritenzione
contenuto dacqua con flusso di 100 ml/min
contenuto dacqua dei campioni saturi
Altre misure umidit del terreno con FDR
Tabella 12 - Riassunto delle prove eseguite sullimpianto di Shafdan, durante la campagna di misurazione

6.4.1 Massa volumica delle radici

La determinazione della massa volumica delle radici stata condotta su 13 campioni di
radici. I risultati della procedura sono riassunti schematicamente nella Tabella 13:

Dati di riferimento
14 Dicembre
2004
12 Gennaio
2005
12 Gennaio
2005
massa volumica
media delle radici
(g/cm
3
)
0.48 0.48 0.55
note
campione
paraffinato
campione
siliconato
campione
paraffinato
Tabella 13 - Risultati delle analisi sulla massa volumica delle radici

In precedenza si affermato che il valore della massa volumica delle radici pu essere
considerato costante e, in effetti, il discostarsi di un valore dagli altri due non pregiudica
il calcolo della porosit del campione. Nel seguito sono esposti i risultati della porosit,
calcolati con i valori estremi della massa volumica delle radici: lerrore che si commette
del tutto trascurabile e ci permette di assumere un valore compreso tra 0.48 e 0.55
g/cm
3
(vedi Tabella 15).
Il dettaglio dei calcoli della Tabella 13 riportato di seguito (Tabella 14); la pesata in
acqua fornisce valori negativi perch la bilancia viene azzerata quando il cestello, vuoto,
si trova immerso in acqua: i valori minori di zero evidenziano la spinta dellacqua verso
lalto, esercitata sulla radice.
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
115

Tabella 14 - Dettaglio dei calcoli per determinare la massa volumica della radici
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
116
6.4.2 Porosit del terreno

Firenze Certosa

La porosit del medium stata calcolata su 4 campioni di terreno estratti a profondit
diverse. Per la massa volumica delle radici si utilizzato sia 0.48 sia 0.55 g/cm
3
, per
poter confrontare i risultati e valutare lincidenza del dato. La Tabella 15 riporta in modo
schematico i risultati ottenuti:

Dati di
riferimento
14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
Massa volumica radici
(g/cm
3
)
profondit (cm) 0 -40 -10 -36
porosit % 51.43 37.05 34.03 33.45 0.48
porosit % 51.94 37.05 34.09 33.51 0.55
note
campionatura
manuale
campionatura con
fustella

Tabella 15 - Risultati delle analisi sulla porosit del medium

I risultati della porosit, calcolati con i due diversi valori di massa volumica delle radici,
non mostrano differenze sostanziali. Si deduce che il materiale ligneo delle radici si pu
considerare omogeneo, indipendentemente dalle dimensioni della radice e che nei calcoli
possibile adottare un valore compreso tra gli estremi trovati.
La porosit del medium di riempimento compresa tra valori percentuali molto vicini tra
loro (33.45 e 37.05% ovvero 33.51 e 37.05%, a seconda del valore assegnato alla massa
volumica). Lo scostamento del dato di porosit relativo allo strato superficiale pu
dipendere dalla diversa granulometria del materiale che costituisce i primi 10 cm di
medium: da una valutazione approssimativa della granulometria, condotta durante il
primo sopralluogo, quella dello strato superiore risultata maggiore rispetto a quella
degli strati sottostanti.
La notevole differenza di porosit tra i campioni prelevati a quota 0 (zero) e quota -10 cm
pu dipendere dalle diverse tecniche di campionamento adottate e/o dalle prove eseguite
in laboratorio. La porosit del campione superficiale stata determinata per prima dai
tecnici di laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Civile (sezione Vie e Trasporti):
molto probabilmente le procedure seguite non erano adatte ai nostri scopi.
Assumiamo la massa volumica pari a 0.48 g/cm
3
e calcoliamo i nuovi valori della
porosit provando a trascurare il volume occupato dalle radici. I valori trovati sono
riportati in Tabella 16.
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
117

Dati di riferimento 14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
Massa volumica
radici (g/cm
3
)
profondit (cm) 0 -40 -10 -36
porosit % 51.43 37.05 34.03 33.45 0.48
porosit senza
radici %
54.70 37.05 34.40 33.82
incidenza radici % 6.34 0.00 1.08 1.10
note
campionatura
manuale
campionatura con
fustella

Tabella 16 - Confronto tra la porosit determinata considerando le radici e trascurandole

Il peso che le radici hanno nella determinazione della porosit diminuisce con la
profondit, poich con essa si riduce il contenuto di radici nel medium di riempimento.

In Tabella 17 riportato il foglio con i calcoli svolti per determinare la porosit quando
la massa volumica delle radici pari a 0.48 g/cm
3
. In Tabella 18 sono riportati gli stessi
calcoli quando la massa volumica delle radici pari a 0.55 g/cm
3
.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
118






Dati di riferimento
Campione 1 2 1 2
Profondit [cm] 0 -40 -10 -36
Picnometro N 2 1 3 3
Peso picnometro vuoto [g] 380,58 372,34 380,53 380,53
Peso picnometro riempito d'acqua [g] 1476,97 1501,96 1476,97 1476,97
Peso acqua di riempimento [g] 1096,39 1129,62 1096,44 1096,44
Temperatura acqua [C] 24 24 24 24
Volume totale campione [cmc] 1764,08 3418,98 832,10 832,10
Peso campione intero [g] 2161,60 5852,70 1471,80 1487,12
Peso del materiale introdotto nel picnometro [g] 197,91 173,52 158,25 206,35
Peso picnometro + materiale [g] 578,49 545,86 538,83 586,93
Peso picnom. + materiale + acqua di colmata [g] 1602,42 1611,81 1576,84 1607,47
Peso dell'acqua di colmata [g] 1023,93 1065,95 1038,01 1020,54
Temperatura acqua di colmata [C] 21 24 23 22
Peso radici secche [g] 33,61 0,00 1,79 1,79
Porosit % 51,43 37,05 34,03 33,45
58,69
1022,35 1040,07
0,99823
76,41
278,37 283,20
550,00 545,17
3,73 3,73
0,48 0,48
14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
0,99789
1098,76
0,99789
1098,76 1132,01
Volume materiale secco del campione totale [cm
3
]
70,02 0,00
0,99789
1025,54 1068,20
73,17 63,80
Densit dell'acqua di colmata [g/cm
3
]
Volume dell'acqua di colmata [cm
3
]
Volume dei vuoti del campione totale [cm
3
]
0,99802
786,73 2152,08
907,33 1266,90
Massa volumica radici [g/cm
3
]
0,48 0,48
Volume radici [cm
3
]
Volume materiale nel pic. [cm
3
]
0,99843
Volume acqua di riempimento=volume picnometro [cm
3
]
1098,71
Densit dell'acqua [g/cm
3
]
0,99789 0,99789
Tabella 17 - Dettaglio dei calcoli per determinare la porosit del medium (massa volumica delle radici:
0.48 g/cm
3
)

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
119






Dati di riferimento
Campione 1 2 1 2
Profondit [cm] 0 -40 -10 -36
Picnometro N 2 1 3 3
Peso picnometro vuoto [g] 380,58 372,34 380,53 380,53
Peso picnometro riempito d'acqua [g] 1476,97 1501,96 1476,97 1476,97
Peso acqua di riempimento [g] 1096,39 1129,62 1096,44 1096,44
Temperatura acqua [C] 24 24 24 24
Volume totale campione [cmc] 1764,08 3418,98 832,10 832,10
Peso campione intero [g] 2161,60 5852,70 1471,80 1487,12
Peso del materiale introdotto nel picnometro [g] 197,91 173,52 158,25 206,35
Peso picnometro + materiale [g] 578,49 545,86 538,83 586,93
Peso picnom. + materiale + acqua di colmata [g] 1602,42 1611,81 1576,84 1607,47
Peso dell'acqua di colmata [g] 1023,93 1065,95 1038,01 1020,54
Temperatura acqua di colmata [C] 21 24 23 22
Peso radici secche [g] 33,61 0,00 1,79 1,79
Porosit % 51,94 37,05 34,09 33,51
1098,76
14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
Densit dell'acqua [g/cm
3
] 0,99789 0,99789 0,99789 0,99789
1022,35
1098,76
Densit dell'acqua di colmata [g/cm
3
] 0,99843 0,99789 0,99802 0,99823
Volume acqua di riempimento=volume picnometro [cm
3
] 1098,71 1132,01
Volume dell'acqua di colmata [cm
3
] 1025,54 1068,20 1040,07
76,41
Massa volumica radici [g/cm
3
] 0,55 0,55 0,55 0,55
Volume materiale nel pic. [cm
3
] 73,17 63,80 58,69
3,25
Volume materiale secco del campione totale [cm
3
] 786,73 2152,08 545,17 550,00
Volume radici [cm
3
] 61,11 0,00 3,25
278,85 Volume dei vuoti del campione totale [cm
3
] 916,24 1266,90 283,67
Tabella 18 - Dettaglio dei calcoli per determinare la porosit del medium (massa volumica delle radici:
0.55 g/cm
3
)
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
120
Shafdan

La strumentazione a disposizione si dimostrata inadeguata allo studio: la precisione
della bilancia per le pesate non andava oltre il grammo (anche se era possibile stimare
grossolanamente il decimo di grammo) e la pompa a vuoto non era in grado di garantire
una sufficiente evacuazione dellaria dal campione. Inoltre, allinterno del tappo di uno
dei picnometri stata rilevata la presenza di acqua. Per tutte queste ragioni i risultati
ottenuti sono da ritenersi inattendibili.

6.4.3 Contenuto dacqua del terreno con analisi di laboratorio

Firenze Certosa

Dalle analisi di laboratorio effettuate sui campioni prelevati sono risultati i valori di
umidit naturale del terreno riportati in Tabella 19:

Dati di riferimento 14 Dicembre 2004 12 Gennaio 2005
profondit (cm) 0 -40 -10 -36
umidit % 8.66 10.92 10.24 10.01
note campionatura manuale campionatura con fustella
Tabella 19 - Risultati delle analisi sullumidit del medium

Il contenuto dacqua si mantiene allincirca costante per i primi 40 cm del medium; la
minor umidit dello strato superficiale dovuta, molto probabilmente, allesposizione di
tale strato allaria aperta ed alla presenza delle radici che assorbono lacqua necessaria
alla pianta.
Sui provini estratti il 12 Gennaio 2005 stata ricostituita la condizione satura del terreno
e le analisi eseguite hanno dato i risultati seguenti (Tabella 20):

Dati di riferimento 12 Gennaio 2005
profondit (cm) -10 -36
umidit a saturazione % 37.76 36.23
note
campionatura con fustella
saturazione ricostituita artificialmente
Tabella 20 - Risultati delle analisi sullumidit a saturazione del medium

Come era prevedibile, il contenuto dacqua in condizioni sature si mantiene costante con
la profondit, dato che costante anche la granulometria del medium.
I valori di umidit naturale del terreno (Tabella 19) devono essere confrontati con i dati
forniti dalla sonda FDR per valutare se necessario calibrare lo strumento.
In Tabella 22 ed in Tabella 23 sono riportati, rispettivamente, i fogli dei calcoli
dellumidit naturale e di quella a saturazione.
Riassumiamo in ununica tabella (Tabella 21) le caratteristiche del medium:
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
121

Dati di
riferimento
profondit
(cm)
tipo di
campionatura
umidit
%
umidit a
saturazione %
porosit
%
14 Dicembre
2004
0
campionatura
manuale
8.66 --- 51.43
12 Gennaio
2005
-10
campionatura con
fustella
10.24 37.76 34.03
12 Gennaio
2005
-36
campionatura con
fustella
10.01 36.23 33.45
14 Dicembre
2004
-40
campionatura
manuale
10.92 --- 37.05
Tabella 21 - Riassunto delle caratteristiche del medium, per limpianto di Firenze Certosa

Dalla Tabella 21 possibile notare che i dati di umidit a saturazione risultano
nettamente pi elevati rispetto alla porosit. Molto probabilmente la causa dei risultati
ottenuti da attribuire alle prove eseguite in laboratorio. La porosit determinata su una
parte del campione (variabile tra 150 e 200 grammi) e successivamente riportata ad
esso mediante proporzione; al contrario, lumidit a saturazione determinata sullintero
campione ed quindi pi esposta ad eventuali errori, come ad esempio una errata
rasatura della fustella, che possono comportare errori di 1 o 2 punti percentuali.
La situazione contraria (porosit maggiore dellumidit a saturazione) poteva essere
spiegata con lesistenza di spazi vuoti tra i grani del campione difficilmente raggiungibili
dallacqua durante la ricostituzione delle condizioni sature.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
122






Dati di riferimento
Campione 1 2
Profondit di prelievo [cm] 0 -40
Sigla del contenitore di sabbia 4 5
Peso sabbia nel cono [g] 1706 1706
Peso iniziale contenitore [g] 9215 9000
Peso finale contenitore [g] 4822,3 2086,9
Peso sacchetto di raccolta [g] 20,00 20,00
Peso recipiente da forno [g] 606,30 602,60
Peso sabbia nello scavo + peso sabbia nel cono [g] 4392,70 6913,10
Peso sabbia nello scavo [g] 2686,70 5207,10
Peso radici umide [g] 67,99 0,00
Peso radici secche [g] 33,61 0,00
Peso acqua radici [g] 34,38 0,00
Peso materiale prelevato umido +
Peso sacchetto di raccolta [g]
Peso materiale prelevato umido (senza radici) +
peso recipiente da forno [g]
Peso materiale prelevato umido (senza radici) [g] 2093,61 5852,70
Peso materiale prelevato secco (senza radici) +
peso recipiente da forno [g]
Peso materiale prelevato secco (senza radici) [g] 1975,20 5479,30
Peso acqua del terreno [g] 118,41 373,40
Peso totale acqua campione prelevato [g] 152,79 373,40
Volume totale acqua campione prelevato [g] 152,79 373,40
UMIDITA' % 8,66 10,92
2581,50 6081,90
1
2699,91 6455,30
2181,60 5872,70
14 Dicembre 2004
Densit sabbia [g/cm
3
]
1,523 1,523
Volume dello scavo [cm
3
]
1764,08 3418,98
Densit acqua [g/cm
3
]
1

Tabella 22 - Dettaglio dei calcoli per determinare lumidit naturale del medium quando il terreno
campionato manualmente
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
123






Dati di riferimento
Campione 1 2
Prof. [cm] -10 -36
Fustella 2 1
Peso [g] 774,10 784,20
Peso tappo inferiore [g] 10,00 10,00
Peso tappo superiore [g] 25,00 26,50
Peso recipiente da forno [g] 83,90 83,60
Peso campione umido + peso fustella
+ peso tappo superiore [g]
Peso campione umido [g] 1471,80 1487,12
Peso campione secco + peso fustella
+ peso recipiente da forno [g]
Peso campione secco [g] 1386,60 1403,80
Peso acqua campione umido [g] 85,20 83,32
UMIDITA' VOLUMETRICA campione umido % 10,24 10,01
Peso campione saturo + fustella
+ tappo superiore [g]
Peso acqua campione saturo [g] 314,20 301,50
UMIDITA' VOLUMETRICA campione saturo % 37,76 36,23
1,00
Volume acqua campione saturo [cm
3
]
314,20 301,50
2271,60 2244,60
83,32
2499,90 2516,00
1,00
12 Gennaio 2005
Volume acqua campione umido [cm
3
]
85,20
2270,90 2297,82
Volume [cm
3
]
832,10 832,10
Densit acqua [g/cm
3
]

Tabella 23 - Dettaglio dei calcoli per determinare lumidit naturale ed a saturazione del medium quando
il terreno campionato con il campionatore a fustella
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
124

Shafdan

I materiali che costituiscono il medium di riempimento sono:
basalto 2-3 mm;
basalto 3-5 mm;
basalto 5-10 mm;
dolomite 8 mm.

La determinazione dellumidit del campione stata eseguita con due condizioni di
flusso dacqua: la prima a flusso nullo (per il calcolo dellumidit di ritenzione) e la
seconda con flusso pari a 100 ml/minuto. In laboratorio sono state ricostituite le
condizioni sature del campione, tramite immersione della fustella in acqua per almeno 24
ore, per determinare lumidit a saturazione.
I risultati ottenuti sono riassunti in Tabella 24:

Dati di
riferimento
profondit
(cm)
tipo di
campionatura
umidit di
ritenzione%
umidit
con flusso
di 100
ml/min
umidit a
saturazione
%
Basalto 2-3
mm
-8
campionatura
manuale
4.125 7.16 44.27
Basalto 3-5
mm
-8
campionatura
manuale
2.06 11.96 44.67
Basalto 5-
10 mm
-8
campionatura
manuale
1.66 5.74* 48.94
Dolomite 8
mm
-8
campionatura
manuale
1.55 5.98 47.16
Note *Per il Basalto 5-10 mm il flusso pari a 95 ml/min.
Tabella 24 - Riassunto delle caratteristiche del medium, per limpianto di Shafdan

6.4.4 Contenuto dacqua del terreno con sonda FDR

Firenze Certosa

Lumidit del medium stata monitorata per alcune ore, per stabilire se il contenuto
dacqua rimane costante nel tempo. Nei grafici di Figura 87 sono riportati, in ordine
cronologico, i valori di umidit misurati in quattro ore diverse e riferiti al pozzetto di
misura P1.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
125
Profilo di umidit a tempo costante
(12:04:00)
5,96
6,64
6,40
4,73
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 1 2 3 4 5 6 7 8
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)
Profilo di umidit a tempo costante
(12:13:17)
5,99
6,66
6,40
4,78
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 1 2 3 4 5 6 7 8
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)

Profilo di umidit a tempo costante
(14:54:21)
5,96
6,80
6,42
4,91
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 1 2 3 4 5 6 7 8
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)
Profilo di umidit a tempo costante
(15:10:47)
6,06
6,80
6,42
4,84
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 1 2 3 4 5 6 7 8
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)

Figura 87 - Profili di umidit a diversi tempi, relativi al pozzetto P1

Osservando le misure, si nota che lumidit nel medium rimane pressoch costante con la
profondit: lecito supporre che il contenuto dacqua si mantenga inalterato nel tempo.
Come confronto tra i valori di umidit, sovrapponiamo i risultati delle analisi di
laboratorio con la media dei valori forniti dalla sonda FDR (Figura 88).

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
126
Profili di umidit
5,99
6,72
6,41
4,82
8,66
10,24
10,01
10,92
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)

Figura 88 - Sovrapposizione dei risultati di umidit riscontrati in laboratorio () con la media dei dati
rilevati dalla sonda ()

In Tabella 25 sono riportati i valori di umidit media rilevati dalla sonda capacitiva, il
contenuto dacqua determinato in laboratorio, la variazione di umidit e lerrore
percentuale tra le letture. I valori di umidit scritti tra parentesi sono determinati
interpolando linearmente i valori contigui.
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
127

Profondit
(cm)
Umidit % con
sonda FDR
(valori medi)
Umidit % con
analisi di
laboratorio
Variazione di
umidit
Errore
percentuale
0 --- 8.66 --- ---
-5 5.99 (9.45) 3.46 36.61
-10 (6.35) 10.24 3.89 37.98
-15 6.72 (10.19) 3.47 34.05
-20 (6.56) (10.15) 3.59 35.36
-25 6.41 (10.10) 3.69 36.23
-30 (5.61) (10.06) 4.45 44.23
-35 4.82 10.01 5.28 51.88
-40 --- 10.92 --- ---
Tabella 25 - Confronto tra lumidit calcolata in laboratorio e quella rilevata dalla sonda FDR; i valori
tra parentesi sono ottenuti per interpolazione lineare tra valori contigui

Come previsto, le letture della sonda non coincidono con le analisi di laboratorio: la
taratura dello strumento indispensabile, se vogliamo ottenere direttamente i valori
dellumidit percentuale. Inoltre, data la diversa granulometria che costituisce il medium,
ogni stratigrafia dovr avere la propria curva di calibratura.

Unulteriore prova, effettuata per studiare landamento dellumidit del medium nel
tempo, stata eseguita nel seguente modo: in corrispondenza del pozzetto P1 stata
versata dellacqua pulita ed stata misurata lumidit, con la sonda capacitiva, a brevi
intervalli di tempo.
In Figura 89 sono riportati i valori di umidit rilevati dallo strumento. Si pu notare che:
1. con il trascorrere del tempo, il contenuto dacqua del terreno tende a diminuire
per riportarsi verso i valori medi determinati in precedenza;
2. la forma della curva che descrive lumidit rimane pressoch uguale.

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
128
Profilo di umidit a diversi tempi
13,81
18,77
28,17
25,70
12,22
15,72
20,06
18,86
11,49
14,38
16,32
15,08
11,13
13,77
15,04
13,49
10,81
13,37
14,42
12,79
5,99
6,72
6,41
4,82
-40
-35
-30
-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
0 5 10 15 20 25 30
Umidit %
P
r
o
f
o
n
d
i
t


(
c
m
)
15:11:53
15:12:22
15:13:19
15:14:21
15:15:14
Umidit naturale
rilevata

Figura 89 - Profili di umidit nel tempo a seguito di versamento dacqua

Shafdan

I valori di umidit sono stati rilevati per mezzo della sonda capacitiva, utilizzando la
curva di calibrazione di default, implementata dal costruttore nel datalogger. I dati
ricavati sono indicati in Tabella 26; per confronto, accanto ai valori di contenuto dacqua
ottenuti dalla sonda sono riportati quelli determinati in laboratorio e lerrore percentuale.

umidit di ritenzione% umidit con flusso di 100 ml/min
Dati di riferimento
Laboratorio FDR Errore % Laboratorio FDR Errore %
Basalto 2-3 mm 4.125 7.575 83.63 7.16 20.975 192.94
Basalto 3-5 mm 2.06 5.35 159.70 11.96 20.575 72.03
Basalto 5-10 mm 1.66 3.675 121.38 5.74 13.075 127.78
Dolomite 8 mm 1.55 3.30 112.90 5.98 9.15 53.01
Tabella 26 - Confronto tra lumidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla sonda FDR
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
129
Osservando i valori di umidit ricavati in laboratorio, quelli determinati con la sonda e
lerrore percentuale commesso, si giunge alla conclusione che indispensabile procedere
alla calibrazione dello strumento. Per maggior chiarezza di confronto riportiamo, su un
istogramma, i dati di umidit, ricavati in laboratorio e con la sonda FDR, e lerrore
percentuale (Figura 90 e Figura 91).

4,125
Errore % 83,63
7,575
2,060
Errore % 159,70
5,35
1,66
Errore % 121,38

3,675
1,55
Errore % 112,90
3,30
0
2
4
6
8
10
12
U
m
i
d
i
t

Basalto 2-3 mm Basalto 3-5 mm Basalto 5-10 mm Dolomite 8 mm


Materiale di riempimento
Confronto tra l'umidit di ritenzione determinata in laboratorio
e quella fornita dalla sonda FDR
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR

Figura 90 Istogrammi di confronto tra le umidit di ritenzione

7,16
Errore % 192,94
20,975
11,96
Errore % 72,03
20,575
5,74
Errore % 127,78

13,075
5,98
Errore % 53,01
9,15
0
5
10
15
20
25
30
35
U
m
i
d
i
t

Basalto 2-3 mm Basalto 3-5 mm Basalto 5-10 mm Dolomite 8 mm


Materiale di riempimento
Confronto tra l'umidit determinata in laboratorio e quella
fornita dalla sonda FDR (flusso: 100 ml/min)
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR

Figura 91 Istogrammi di confronto tra le umidit con flusso di 100 ml/min

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
130
6.4.5 Calibrazione FDR

Una calibrazione della sonda FDR sembra essere opportuna. Se non possibile ottenere
unadeguata accuratezza in fase di taratura, i dati non calibrati forniti dallo strumento
possono essere una buona base di partenza per interpretare il medium analizzato.

Firenze Certosa

Lequazione di calibrazione una relazione matematica di potenza, tra le frequenze
normalizzate lette dalla sonda Diviner 2000 ed il reale contenuto dacqua volumetrico. Il
costruttore fornisce una curva di calibrazione di default, basata su una combinazione di
sabbia, argilla e sostanza organica; tale curva (Figura 92) espressa dallequazione

0 2746 . 0
3314 . 0
+ = SF (6.4)

Curva di calibrazione di default
SF = 0,2746
0,3314
0,00
0,25
0,50
0,75
1,00
1,25
0,00 10,00 20,00 30,00 40,00 50,00 60,00
Contenuto di umidit percentuale
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

S
F


Figura 92 - Curva di calibrazione del Diviner 2000, fornita dal costruttore

Procediamo alla calibrazione dello strumento, ricercando i coefficienti A, B e C
dellespressione generale

C A SF
B
+ = (6.5)

Il termine SF rappresenta la frequenza normalizzata, determinabile attraverso la relazione

W A
S A
F F
F F
SF

= (6.6)

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
131
Nella (6.6) F
A
rappresenta la frequenza letta quando il pozzetto esposto allaria, F
W

quella riportata dallo strumento quando il pozzetto immerso in acqua ed F
S
la
frequenza letta ad una determinata profondit.
Con i dati ricavati dalle campagne di misurazione svolte sul sistema di fitodepurazione di
Firenze, possiamo procedere alla calibrazione dello strumento accoppiando le letture di
frequenza grezza con i dati di umidit ricavati in laboratorio.
I valori di umidit ricavati a diversi tempi per il pozzetto P1 e riportati in Figura 87, sono
associati ai valori di frequenza grezza riportati in Tabella 27. Nellultima colonna della
stessa tabella riportata la media di dette frequenze.

Tempo 12:04 12:13 14:54 15:10
Profondit (cm) Frequenza Frequenza Frequenza Frequenza
Frequenza
media
-5 0,496219 0.496907 0.496219 0.498993 0.497085
-15 0,514164 0.514852 0.518290 0.518290 0.516399
-25 0,507976 0.507976 0.508664 0.508664 0.508320
-35 0,459688 0.461109 0.465372 0.463240 0.462352
Note
Frequenza del pozzetto esposto allaria (F
A
): 0.000394
Frequenza del pozzetto immerso in acqua(F
W
): 0.98
Tabella 27 - Frequenze grezze relative al pozzetto P1 e media di queste

Accanto ai valori medi di frequenza grezza riportiamo la frequenza normalizzata (SF),
calcolata con la (6.6), ed i valori del contenuto dacqua ricavati in laboratorio (Tabella
28).

Profondit
Frequenza
media
Frequenza
normalizzata
SF
Umidit
laboratorio
-5 0.497085 0.507030 8.66
-15 0.516399 0.526747 10.24
-25 0.508320 0.518500 10.01
-35 0.462352 0.471575 10.92
Tabella 28 - Frequenza normalizzata ed umidit ricavata in laboratorio

Riportiamo su un grafico (Figura 93) le coppie di dati frequenza normalizzata-contenuto
reale dacqua e ricaviamo i parametri A, B e C da inserire nellequazione (6.5).
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
132

Curva di calibrazione Diviner 2000
0,46
0,47
0,48
0,49
0,50
0,51
0,52
0,53
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Contenuto d'acqua volumetrico (%)
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

(
S
F
)

Figura 93 - Coppie di dati frequenza normalizzata-contenuto dacqua relative al pozzetto P1

I dati in nostro possesso non ci consentono di ricavare i coefficienti della curva di
calibrazione: dal grafico di Figura 93 si nota subito che le coppie di dati non sono
sufficientemente distribuite.
Per ottenere una serie di dati sufficientemente distribuiti opportuno eseguire la
procedura di taratura in almeno tre condizioni differenti di umidit. Queste, ad esempio,
possono essere:
condizione 1: impianto alimentato con met della portata di progetto;
condizione 2: impianto alimentato con la portata di progetto;
condizione 3: impianto alimentato con la portata di progetto ma con la quota di
uscita del liquame rialzata di circa 20 cm, in modo da realizzare sul fondo del
letto una zona parzialmente satura.

Shafdan

I dati ricavati dallimpianto di Shafdan sono stati elaborati come i dati di Firenze Certosa.
Accanto ai valori di umidit, ricavati in laboratorio a partire da diverse condizioni del
terreno (vedi Tabella 24), sono riportati i valori di frequenza normalizzata (Tabella 29).
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
133


q=0
ml/min
q=100
ml/min
Saturazione
Frequenza normalizzata
SF
0.533045 0.731747 0.973118
Basalto 2-3 mm
Umidit di laboratorio 4.125 7.16 44.27
Frequenza normalizzata
SF
0.478715 0,736129 0.949882
Basalto 3-5 mm
Umidit di laboratorio 2.06 11.96 44.67
Frequenza normalizzata
SF
0.423645 0.638361 0.979105 Basalto 5-10
mm
Umidit di laboratorio 1.66 5.74 48.94
Frequenza normalizzata
SF
0.407883 0.558097 0.971698
Dolomite 8 mm
Umidit di laboratorio 1.55 5.98 47.16
Tabella 29 - Frequenza normalizzata ed umidit ricavata in laboratorio

Le coppie di dati umidit-frequenza normalizzata SF, relativi allo stesso materiale di
riempimento, sono riportati su un grafico ed interpolati con una curva di potenza (vedi
Figura 94, Figura 95, Figura 96 e Figura 97), avente come espressione generale
lequazione (6.5):

C A SF
B
+ = (6.7)

Su ogni grafico riportata lespressione della curva ed il valore del coefficiente di
determinazione R
2
, tramite il quale rilevare il grado di corrispondenza dei valori stimati
per la linea di tendenza con i valori reali.

Curva di calibrazione Basalto 2-3 mm
Curva di calibrazione Basalto 2-3 mm:
SF = 0,4183
0,2293
R
2
= 0,8949
Curva di calibrazione di default:
SF = 0,2746
0,3314
0
0,2
0,4
0,6
0,8
1
1,2
0 10 20 30 40 50
Umidit percentuale
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

S
F

Figura 94 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 2-3 mm
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
134

Curva di calibrazione Basalto 3-5 mm
Curva di calibrazione Basalto 3-5 mm:
SF = 0,4117
0,2239
R
2
= 0,9959
Curva di calibrazione di default:
SF = 0,2746
0,3314
0
0,2
0,4
0,6
0,8
1
1,2
0 10 20 30 40 50
Umidit percentuale
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

S
F

Figura 95 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 3-5 mm

Curva di calibrazione Basalto 5-10 mm
Curva di calibrazione Basalto 5-10 mm:
SF = 0,3909
0,2423
R
2
= 0,9804
Curva di calibrazione di default:
SF = 0,2746
0,3314
0
0,2
0,4
0,6
0,8
1
1,2
0 10 20 30 40 50 60
Umidit percentuale
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

S
F

Figura 96 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per il basalto 5-10 mm

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
135
Curva di calibrazione Dolomite 8 mm
Curva di calibrazione Dolomite 8 mm:
SF = 0,3604
0,2554
R
2
= 0,9985
Curva di calibrazione di default:
SF = 0,2746
0,3314
0
0,2
0,4
0,6
0,8
1
1,2
0 10 20 30 40 50
Umidit percentuale
F
r
e
q
u
e
n
z
a

n
o
r
m
a
l
i
z
z
a
t
a

S
F

Figura 97 - Interpolazione dei dati umidit-frequenza normalizzata SF, per la dolomite 8 mm

Per saggiare la bont delle equazioni di taratura trovate, confrontiamo i valori di umidit
forniti dalle curve calibrate con i rispettivi valori di contenuto dacqua determinati in
laboratorio e calcoliamo lerrore percentuale commesso (Tabella 30).


q=0
ml/min
q=100
ml/min
Saturazione
Frequenza normalizzata
SF
0.533045 0.731747 0.973118
Umidit di laboratorio 4.125 7.16 44.27
Umidit calibrata 2.81 11.46 39.72
Basalto 2-3 mm
Errore percentuale 31.88 60.06 10.28
Frequenza normalizzata
SF
0.478715 0.736129 0.949882
Umidit di laboratorio 2.06 11.96 44.67
Umidit calibrata 1.96 13.40 41.84
Basalto 3-5 mm
Errore percentuale 4.85 12.04 6.34
Frequenza normalizzata
SF
0.423645 0.638361 0.979105
Umidit di laboratorio 1.66 5.74 48.94
Umidit calibrata 1.39 7.56 44.23
Basalto 5-10
mm
Errore percentuale 16.27 31.71 9.62
Frequenza normalizzata
SF
0.407883 0.558097 0.971698
Umidit di laboratorio 1.55 5.98 47.16
Umidit calibrata 1.62 5.54 48.59
Dolomite 8 mm
Errore percentuale 4.62 7.35 3.03
Tabella 30 - Confronto tra lumidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla sonda calibrata
Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
136

Per maggior chiarezza riportiamo i dati di umidit ricavati in laboratorio e quelli
determinati con la sonda FDR calibrata (Figura 98 Figura 99 Figura 100 e Figura 101):
si nota che gli errori minori si commettono su valori del contenuto dacqua pari alla
saturazione.

4,125
2,81
7,16
11,46
44,27
39,72
0
10
20
30
40
50
60
U
m
i
d
i
t

Ritenzione q=100 ml/min Saturazione


Materiale di riempimento: basalto 2-3 mm
Basalto 2-3 mm
Confronto tra l'umidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla sonda
FDR calibrata
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR calibrata
Errore % 31,88
Errore % 60,06
Errore % 10,28

Figura 98 Basalto 2-3 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale

2,060 1,96
11,96
13,4
44,67
41,84
0
10
20
30
40
50
60
U
m
i
d
i
t

Ritenzione q=100 ml/min Saturazione


Materiale di riempimento: basalto 3-5 mm
Basalto 3-5 mm
Confronto tra l'umidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla
sonda FDR calibrata
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR calibrata
Errore % 4,85
Errore % 12,04
Errore % 6,34

Figura 99 - Basalto 3-5 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
137
1,66 1,39
5,74
7,56
48,94
44,23
0
10
20
30
40
50
60
U
m
i
d
i
t

Ritenzione q=95 ml/min Saturazione


Materiale di riempimento: basalto 5-10 mm
Basalto 5-10 mm
Confronto tra l'umidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla sonda
FDR calibrata
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR calibrata
Errore % 16,27
Errore % 31,71
Errore % 9,62

Figura 100 - Basalto 5-10 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale

1,55 1,62
5,98
5,54
47,16
48,59
0
10
20
30
40
50
60
U
m
i
d
i
t

Ritenzione q=100 ml/min Saturazione


Materiale di riempimento: dolomite 8 mm
Dolomite 8 mm
Confronto tra l'umidit determinata in laboratorio e quella fornita dalla sonda
FDR calibrata
Umidit di laboratorio Umidit sonda FDR calibrata
Errore % 4,62
Errore % 7,36
Errore % 3,03

Figura 101 Dolomite 8 mm: umidit di laboratorio, umidit con sonda FDR calibrata ed errore
percentuale

Capitolo 6 - Raccolta dati per la taratura del modello
138
possibile ottenere una stima pi accurata dei parametri da inserire nella formula

C A SF
B
+ = (6.8)

aumentando il numero delle coppie di dati umidit-frequenza normalizzata SF da
interpolare.


Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
139
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla
taratura del modello idraulico

Nei capitoli precedenti emerso linteresse che la tecnica di fitodepurazione a flusso
subsuperficiale verticale suscita negli addetti al lavoro. Il medium di riempimento
soggetto a periodici cicli di svuotamento che favoriscono laerazione e di conseguenza lo
sviluppo di biomasse aerobiche. I rendimenti di rimozione sono migliori rispetto ad altri
sistemi naturali di depurazione e gli ingombri impiantistici sono ridotti.
Per permettere ladozione sistematica di questo sistema depurativo in tutte quelle
situazioni nelle quali i processi biologici tradizionali si dimostrano inadeguati,
essenziale sviluppare e mettere a punto un modello matematico previsionale. Lo sviluppo
di tale modello richiede la conoscenza delle propriet fisiche di stato del medium di
riempimento (ad esempio: porosit e contenuto dacqua); queste si determinano con gli
stessi metodi usati in Idrogeologia poich sussistono delle similitudini tra il letto drenante
dei sistemi di fitodepurazione ed i terreni naturali. La successiva fase di taratura del
modello richiede la raccolta di una serie di dati per caratterizzare idraulicamente il
medium di riempimento e per analizzare il refluo in ingresso ed in uscita.
La raccolta dei dati necessari alla fase di taratura del modello stata eseguita su
uninstallazione gi esistente e durante la campagna di misurazione emersa la difficolt
di tenere sotto controllo i parametri gestionali dellimpianto (portata e durata dei cicli).
Inoltre, la calibrazione della sonda capacitiva (vedi FDR) e della parte idraulica del
modello matematico previsionale richiedono la variazione dei parametri di
funzionamento dellimpianto. Per poter effettuare tali variazioni, continuando ad averle
sotto controllo, bisogna dotare linstallazione sulla quale si conducono le campagne di
misurazioni, di apparecchiature e di strumentazioni specifiche. Ad esempio, la
regolazione della portata deve avvenire tramite pompe volumetriche monovite, dotate di
motovariatore (per variare il flusso) e di temporizzatore (per impostare lalternanza dei
cicli di riempimento/svuotamento). I costi aggiuntivi, derivanti da queste apparecchiature
supplementari, non sono giustificabili su uninstallazione al servizio di un numero
limitato di utenti, ma li sono su un impianto progettato appositamente per la ricerca sul
sistema naturale di fitodepurazione. Inoltre, per definizione, i sistemi naturali di
depurazione delle acque reflue devono richiedere un limitato input di energia elettrica
dallesterno. Linstallazione sulla quale raccogliere i dati deve essere affiancata ad un
impianto tradizionale: ci reso necessario dal fatto che la variazione dei parametri
gestionali pu causare il non rispetto dei limiti normativi sullo scarico dello acque reflue
(D. Lgs. 152/99). Tali acque non possono essere scaricate nellambiente ma vanno
rimandate in testa allimpianto tradizionale, per essere adeguatamente depurate.
Per soddisfare tutti questi aspetti, si reso necessario procedere alla progettazione di un
impianto pilota di fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale. In fase di redazione
del progetto si tenuto conto dei parametri da misurare, degli strumenti da utilizzare e
delle prove da eseguire, in modo da semplificare il pi possibile le operazioni di raccolta
dei dati e di campionamento del liquame.
Tramite linstallazione sperimentale, possibile eseguire la taratura del modello
matematico previsionale utilizzando dati reali; per la coerenza e la consistenza del
modello matematico previsionale, in un futuro studio di confronto si paragoneranno i
risultati ottenuti tramite il modello con altri derivanti da software utilizzati nello studio
della diffusione/dispersione degli inquinanti nel sottosuolo.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
140
Oltre alle finalit di ricerca e sviluppo, limpianto vuole ricoprire una funzione didattica:
tramite visite guidate si tenter di sensibilizzare lopinione pubblica sui problemi
ambientali.

7.1 Localizzazione

Limpianto pilota stato progettato per essere affiancato ad un sistema di depurazione
esistente: la vicinanza con un impianto funzionante dettata da motivi tecnici ed
ambientali. Il numero di abitanti equivalenti che il sistema di fitodepurazione
sperimentale pu servire pari a quattro ed un numero cos basso non giustificherebbe i
costi aggiuntivi necessari per realizzare un impianto autonomo (esempio: opere per la
grigliatura del liquame). Inoltre, dovendo fare delle prove di caricamento del letto, la
portata da convogliare verso limpianto non costante: bisogna ricorrere ad un regolatore
di portata che derivi, dallimpianto principale, la portata di cui abbiamo bisogno. Alla
fine dei test non detto che il refluo depurato rispetti i limiti imposti dalla legge: in
questo caso obbligatorio rimandare in testa allimpianto tradizionale leffluente e
sottoporlo ad adeguato trattamento depurativo che ne consenta lo scarico nellambiente.
Attualmente il luogo in cui realizzare limpianto sperimentale non noto. Il progetto
stato condotto collocando le diverse apparecchiature con una disposizione lineare, al
semplice scopo di migliorare la visione globale dellimpianto. Quando sar disponibile la
topografia del sito di realizzazione, le varie componenti impiantistiche saranno
adeguatamente disposte.

7.2 Parametri da misurare

Le misure eseguite sullimpianto pilota servono a mettere a punto il programma di
simulazione e si possono raggruppare in diverse categorie:
parametri da inserire nelle equazioni che descrivono il comportamento idraulico
del medium di riempimento;
costanti per le formule che si riferiscono alle cinetiche di rimozione degli
inquinanti;
coefficienti correttivi per ottenere simulazioni concordanti con le analisi eseguite
sui campioni di liquame.

Il flusso del refluo attraverso il letto descritto matematicamente dallequazione di
Richards e nel capitolo 5 stata introdotta la forma in h (pressione di suzione) di tale
espressione (vedi equazione (5.6)). Lapplicazione della formula (5.6) riportata di seguito

1 ) ( ) (
z
h
h K
t t
h
h C (7.1)

implica la conoscenza di h(z,t), di (h) e di K(h). La pressione relativa h misurata con
un tensiometro ed il valore riportato dallo strumento non necessita di correzioni.
La funzione contenuto di umidit-pressione di suzione, usata nel presente studio, quella
di van Genuchten:

Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
141
( )
( )
[ ]
n
n
r s
r
h
h
1
1
) ( 1

+

+ =


per 0 < h (7.2)

( )
s
h = per 0 h (7.3)

I valori da attribuire allumidit residua
r
ed allumidit a saturazione
s
vengono
ricavati da apposite analisi di laboratorio oppure utilizzando il software RETC
dellU.S.S.L. (U.S. Salinity Laboratory); i coefficienti ed n, invece, si ottengono
rielaborando i dati, ottenuti durante le campagne di misurazione, con lo stesso software.
La procedura da seguire per questa operazione pu essere schematizzata nel modo
seguente:
1. con la sonda capacitiva FDR, precedentemente calibrata, si ottiene il profilo di
umidit nella colonna del medium;
2. nelle vicinanze del pozzetto della sonda si esegue, con il tensiometro, una serie di
misure di tensione di suzione a diverse profondit;
3. le coppie di dati umidit-tensione di suzione vengono introdotte nel programma
RETC che provvede ad interpolarle ed a ricavare i coefficienti ricercati (vedi
paragrafo 5.2.3).

Una volta noti i parametri ed n, e determinata in laboratorio la conducibilit idraulica a
saturazione K
s
, possibile applicare la formula di van Genuchten che mette in relazione
la conducibilit idraulica insatura con la pressione di suzione:

( ) ( ) [ ] { }
( ) [ ]
2
2
1
1
1 1
) (
m
n
m
n n
s
h
h h K
h K
+
+
=


per 0 < h (7.4)

( )
s
K h K = per 0 h (7.5)

Ricordiamo che nella (7.4) e nella (7.5) i coefficienti ed n sono gli stessi della (7.2); di
seguito sono riportati gli intervalli di variabilit delle costanti ed il legame tra m ed n:

15 . 0 002 . 0

0 . 3 25 . 1 n

n
m
1
1 =

Richiamiamo brevemente anche la procedura per tarare la sonda capacitiva FDR:
1. si eseguono tre letture di frequenze grezze in altrettante condizioni di umidit del
terreno;
2. si prelevano, a diverse profondit, dei campioni di terreno dopo ogni lettura di
frequenza grezza;
3. tramite analisi di laboratorio si ricava, per ogni campione, leffettivo contenuto
dacqua e lo si associa ad un valore di frequenza grezza;
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
142
4. si interpolano le coppie di dati umidit-frequenza per trovare la curva di
calibrazione dello strumento.

Una volta calibrata la sonda, i successivi valori di umidit rilevati corrisponderanno al
reale contenuto dacqua del terreno. Se la taratura dello strumento non viene eseguita, si
potr solo determinare la differenza di umidit fra letture successive ma non il valore
assoluto di questa.

Il valore dei coefficienti da assegnare alle formule cinetiche di rimozione ed alla taratura
del modello si ricavano prelevando il liquame, affluente ed effluente, ed eseguendo
opportuni esami di laboratorio. Le analisi sono volte a determinare:
COD;
RBCOD;
ione ammonio NH
4
+
;
ammoniaca;
NO
3
;
NO
2
;
N
TOT;

RedOX:
conducibilit elettrica;
temperatura.

7.3 Descrizione dellimpianto

7.3.1 Considerazioni preliminari

Il materiale di riempimento confinato in una vasca di legno costruita a piano campagna.
Il ricorso a tale struttura ci consente di risparmiare i costi di escavazione, necessari per un
impianto installato in una fossa nel terreno. Luso del legno render meno difficoltoso lo
smaltimento dei materiali utilizzati, quando limpianto sar smantellato alla fine della
fase di sperimentazione.
Questo tipo di soluzione strutturale potrebbe influire sulla temperatura del sistema e di
conseguenza sulle cinetiche di rimozione: temperature troppo basse tendono a rallentare i
processi di depurazione. Un possibile rimedio a questo inconveniente pu essere quello
di interporre dei pannelli isolanti (ad esempio polistirolo) tra le sponde di legno e la
membrana impermeabile.
Per il dimensionamento dellimpianto, che espleta la funzione di trattamento secondario,
i parametri di progetto adottati provengono dalla letteratura o da scelte progettuali
motivate da considerazioni pratiche o economiche. Il numero di abitanti equivalenti da
servire stato scelto basso al fine di contenere le dimensioni della struttura e di
conseguenza il costo della stessa. La scelta di realizzare due linee di depurazione
derivata dal carattere sperimentale dellimpianto: su di esso dobbiamo poter confrontare,
in tempi brevi, diversi criteri di gestione. La gestione autonoma di ogni linea con
parametri differenti (ad esempio: diverse portate o diversa durata dei cicli) possibile
tramite la particolare disposizione dei collegamenti idraulici: apposite valvole
consentono di alimentare i letti con il refluo o con lacqua per le prove idrodinamiche.
Il valore della superficie piantumata specifica (2 m
2
/AE) consigliato quando accanto
alla rimozione del BOD vi anche la nitrificazione (Cooper e Green, 1995 in Bonomo,
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
143
1996). La portata specifica alimentata (100 litri/m
2
g) scaturisce da osservazioni fatte su
altri impianti sperimentali: gli impianti alimentati con questo valore del carico idraulico
hanno evidenziato ottime prestazioni generali e rendimenti di rimozione migliori a
seguito dei minor problemi di intasamento a cui si va incontro (Iannelli, 2001). La portata
di progetto per ogni linea che deriva da tutte queste considerazioni pari a 400 litri/g ma
per ragioni di sicurezza assumiamo una portata massima doppia (800 litri/g).
In Tabella 31 sono riportati schematicamente i criteri di dimensionamento e gli altri
valori di progetto adottati.

Parametri di progetto
Abitanti equivalenti serviti per linea (A.E.) 2
Superficie piantumata specifica (m
2
/ AE) 2
Superficie piantumata per linea (m
2
) 4
Portata specifica (litri / m
2
g) 100
Portata di progetto per linea (litri / g) 400
Portata massima per linea (litri / g) 800
Numero linee di depurazione 2
Tabella 31 - Parametri di progettazione per limpianto pilota

Il sistema di fitodepurazione pu essere caricato con il refluo in modo continuo o
discontinuo; nel primo caso la portata massima per linea rimane di 800 litri/g, mentre con
il secondo metodo necessaria una temporizzazione del sistema di sollevamento. Tale
temporizzazione funziona nel seguente modo: in 30 secondi viene scaricato sullimpianto
il volume di liquame accumulatosi in 30 minuti; la portata che la pompa deve fornire in
questo secondo caso di circa 35 litri/minuto. Riassumendo (Tabella 32):

Metodo di carico Portata per linea
Caricamento continuo 0,55 litri/minuto
Caricamento discontinuo 35 litri/minuto
Tabella 32 Portate di progetto per limpianto pilota

7.3.2 Specifiche costruttive

Dimensioni

La superficie piantumata del sistema di fitodepurazione occupa, al netto degli spessori
delle tavole, 8 m
2
. La vasca di legno ha, in planimetria, le dimensioni interne di 2 m per 4
m, alle quali vanno aggiunti gli spessori delle tavole che fungono da sponde; la
suddivisione in due linee parallele avviene tramite un setto che divide la vasca in due
comparti di uguali dimensioni (Figura 102).

Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
144

Figura 102 - Ingombro in pianta dellimpianto

Su uno stesso lato della vasca sono ricavate due aperture chiuse con il plexiglas che
consentono di osservare e confrontare lintasamento del medium. Per evitare lo sviluppo
e la prolificazione di microrganismi di tipo algale, queste finestre sono protette dai raggi
solari da chiusini di legno (Figura 103).


Figura 103 - Vasca di fitodepurazione
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
145

Lapparato radicale delle piante richiede, per uno sviluppo ottimale, una profondit del
medium pari a 60 cm. A questa altezza si aggiunge un franco di 30 cm, necessario per
poter sommergere completamente il letto e far funzionare limpianto in condizioni sature.

Materiale di riempimento

Il medium costituito da materiale inerte avente granulometria crescente dallalto verso
il basso e funge da supporto per lo sviluppo delle biomasse adese e delle radici delle
idrofite emergenti. Il riempimento ghiaioso consente alle idrofite emergenti di subire
meno le erbe infestanti perch, al contrario, lo sviluppo su terreni vegetali comporta una
maggior presenza di semi.
La diversa stratigrafia rende delicate le fasi di posa del medium: queste dovrebbero
essere eseguite dallesterno con mezzi meccanici o, dove non possibile, proseguire
manualmente senza costipare gli strati gi stesi.
La superficie del medium deve essere perfettamente orizzontale e piana, con una
tolleranza di 2 cm. La ghiaia deve essere non frantumata ed occorre evitare luso di
materiale con bordi taglienti che possono danneggiare i teli impermeabilizzanti.
La stratigrafia adottata per il medium la seguente (Tabella 33):

Strato Spessore
Strato attivo:
miscela di materiale fine (0-4 mm) e ghiaietto (4-8 mm)
in rapporto 1:1
35 cm
Strato di transizione:
ghiaietto (4-8 mm)
10 cm
Strato di drenaggio:
ghiaia (16-32 mm)
15 cm
Tabella 33 Stratigrafia del medium dellimpianto pilota

Il materiale di riempimento poggia inferiormente sopra uno strato di sabbia fine; tale
superficie ha una duplice funzione: regolare il fondo eliminando le asperit presenti che
possono danneggiare la membrana impermeabile e creare una pendenza dell1% che
facilita il deflusso delle acque verso la zona di scarico; lateralmente provvedono le
sponde di legno a contenere il medium.
Per evitare linfiltrazione del liquame nel terreno e per non mettere a contatto legno e
liquido che porterebbe alla putrefazione delle tavole, tra il medium e il fondo di sabbia e
le tavole inserita una membrana impermeabile in HDPE.

Tipologia piante

Lessenza pi adatta alla fitodepurazione quella appartenente al genere Phragmites
Australis per le seguenti caratteristiche:
possiede fusti robusti ed alti (arrivano fino a 3 metri di altezza);
resiste alle stagioni fredde formando una copertura compatta;
penetra in profondit nel terreno;
lapparato radicale robusto;
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
146
i parenchini aeriferi sono molto sviluppati per cui lossigeno si trasferisce dalle
foglie alle radici;
lesistenza di un flusso convettivo indotto, determinato dalla differenza di
velocit del vento tra la parte alta e quella bassa della pianta, richiama ossigeno
dalle foglie ai rizomi;
una pianta autoctona: il clima del nostro territorio permette alla Phragmites
Australis di nascere spontaneamente per cui non introduciamo nuove specie
vegetali che potrebbero proliferare a scapito di altre piante.
Le piante richiedono poca manutenzione, concentrata soprattutto in primavera: bisogna
rimuovere la biomassa prodotta o mettere a fuoco controllato le parti secche, facendo
attenzione a non danneggiare i rizomi sottostanti.

7.3.3 Sistema di distribuzione

Ognuna delle due linee di depurazione ha un proprio sistema di sollevamento e di
distribuzione del liquame.
Il refluo da trattare viene aspirato direttamente dalla fossa Imhoff posta a monte del
comparto di depurazione vero e proprio; il sollevamento avviene tramite delle pompe
monovite.
Il liquame viene disperso in maniera uniforme sul letto tramite una rete di distribuzione a
pettine sulla quale sono praticate le aperture per la fuoriuscita del liquido. Le aperture si
trovano esclusivamente sulle quattro diramazioni della condotta principale ed ogni
diramazione ha quattro fori (Figura 104).
I fori sono da 5 mm e si trovano nella parte superiore del tubo: in questo modo, durante i
periodi di arresto dellimpianto, i solidi sospesi che tendono a sedimentare non
ostruiscono le bocche ma si depositano semplicemente sul fondo del tubo (Figura 105).
Ogni tubazione dotata di una flangia cieca che alloccorrenza viene smontata,
permettendo la pulizia interna delle condotte e la rimozione dei solidi depositati.


Figura 104 - Pianta del sistema di distribuzione
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
147


Figura 105 - Particolare del foro di uscita del liquame

Il sistema di distribuzione di ogni linea corredato di apposite valvole che permettono
allimpianto di sollevamento di aspirare liquame dalla fossa Imhoff o acqua pulita per le
prove idrodinamiche. Aprendo e chiudendo in modo opportuno le valvole presenti, siamo
in grado di eseguire lo stesso processo in entrambi i settori, cos come possiamo
effettuare le prove idrodinamiche in un comparto e la depurazione nellaltro (Figura
106).


Figura 106 - Collegamenti idraulici
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
148

A valle di ciascuna pompa presente un misuratore magnetico di portata ed una valvola
a tre vie da utilizzare per la raccolta di campioni di liquame da analizzare: il flusso viene
deviato allinterno di un tubo aperto allestremit, al di sotto del quale posizionare un
contenitore di raccolta. Per determinare la portata effettivamente sollevata, durante la
fase di taratura della macchina, al posto del contenitore di raccolta si posiziona un
recipiente di volume noto e si misura il tempo che occorre per riempirlo.

7.3.4 Sistema di sollevamento

Il sollevamento del liquame da trattare viene fatto con pompe volumetriche monovite
(Figura 107). Ogni linea corredata da due pompe: una da 0,55 litri/minuto (per il
caricamento in continuo) ed una da 35 litri/minuto (per il caricamento in discontinuo).


Figura 107 - Pompa monovite

Lutilizzo di una sola pompa per linea non possibile in quanto non esistono macchine
nel cui range di funzionamento rientrano entrambe le portate da utilizzare.
Le pompe a vite eccentrica appartengono alla categoria delle pompe volumetriche rotanti.
Esse funzionano grazie ad un meccanismo composto da un rotore e da uno statore, le cui
caratteristiche principali sono:
rotore in acciaio cromato a spessore o in acciaio inox;
statore formato da un contenitore in acciaio allinterno del quale viene
vulcanizzata una sede in gomma opportunamente trattata con materiale antiacido
adatto allo strofinamento.
La rotazione della vite allinterno dello statore crea una serie di vani ermetici che
vengono spostati lungo lasse aspirazione-mandata creando cos lazione di pompaggio
(Figura 108).


Figura 108 - Schema di funzionamento pompa monovite

Il gruppo rotore-statore delimitato da anelli di tenuta che durante il movimento di
rotazione impediscono lentrata daria, garantendone di conseguenza la capacit
volumetrica di aspirazione.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
149
Il valore della portata in gioco, nel caso di caricamento discontinuo, porta alla scelta del
modello MV 6 I 5 della Demorindustria S.R.L., mentre il caricamento continuo si
effettua con la pompa modello MV 0,4 I 10 della stessa ditta.
Ad ogni macchina accoppiato un motovariatore a regolazione manuale che permette,
variando il numero di giri del rotore, la regolazione della portata in mandata.
Le portate corrispondenti al numero di giri sono riportate nella Figura 109:


Figura 109 - Curve Portata-Numero di giri delle pompe serie MR\MV
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
150

7.3.5 Sistema di raccolta ed aerazione

I sistemi di raccolta ed aerazione del letto sono identici ma distinti per ogni linea.
Sul fondo del letto, nello strato drenante, sono posizionati i tubi corrugati forati tipo
Drenopal, del diametro di 110 mm (Figura 110); lo strato di sabbia d uninclinazione
alla rete drenante dell1%.


Figura 110 - Tubi corrugati Drenopal

Attraverso delle curve a 90, il sistema di allontanamento del liquame trattato connesso
al sistema di aerazione del letto; questo costituito da tubi corrugati tipo Ecopal,
anchessi di diametro pari a 110 m, che si prolungano oltre le sponde della vasca. I tratti
di tubo che fuoriescono dal medium sono protetti dallintrusione di animali tramite
appositi cappelli (Figura 111).


Figura 111 - Cappello di protezione

Alluscita dal manufatto in legno, un pezzo speciale per linnesto di tubi lisci ed un
riduttore eccentrico consentono di diminuire il diametro dello scarico a 63 mm.
Il liquame trattato convogliato, tramite una tubazione in PVC, verso un pozzetto di
caduta prefabbricato in calcestruzzo armato; siccome buona norma non fare
affidamento sullimpermeabilit del calcestruzzo, il pozzetto rivestito con una
membrana dello stesso tipo usato per il letto del sistema di fitodepurazione.
Al termine del tubo di scarico presente una curva a gomito collegata con un giunto
smontabile resistente a trazione in PEHD (Figura 112); tale tipologia di giunto permette,
nel caso si voglia allagare il letto, di attaccare un pezzo premontato avente la forma di U
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
151
rovesciata, che consente di regolare laltezza liquida nel sistema di fitodepurazione
(Figura 113).


Figura 112 - Giunto smontabile resistente a trazione

Per evitare che si adeschi il sifone, lelemento superiore del pezzo premontato
preventivamente forato nella parte alta; variando la lunghezza del tratto rettilineo
verticale possibile regolare laltezza liquida a vari livelli.


Figura 113 - Parti terminali dello scarico

Alluscita dal tubo, il liquame trattato cade nel pozzetto da unaltezza di circa 50 cm, per
permetterne una comoda raccolta per le analisi di laboratorio.
Una volta che il liquame scaricato, viene immesso nella rete fognaria interna e mandato
in testa allimpianto principale.

7.3.6 Accessori

A monte della fase depurativa necessario posizionare dei sistemi accessori, utili alluso
dellimpianto.

Pretrattamenti

Anche se limpianto pilota in parallelo ad uno tradizionale, prima del sollevamento
conviene sottoporre il liquame ad una grigliatura ed a un passaggio in fossa Imhoff: cos
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
152
facendo riduciamo ulteriormente il contenuto di solidi sospesi e di conseguenza il rischio
di intasamento delle condotte di distribuzione. Luso della fossa Imhoff necessario
anche per creare un volume di accumulo del liquame.
Al momento la grigliatura effettuata nellimpianto principale ma previsto ugualmente
un manufatto in calcestruzzo nel quale posizionare successivamente le griglie.
La fossa caricata in continuo e quello che dovrebbe essere il tubo di uscita lo
utilizziamo come tubo di troppopieno. Al disotto del livello liquido che si crea, si
posiziona il tubo di aspirazione della pompa.
Il liquame in eccesso che fuoriesce dalla Imhoff viene convogliato nella rete di fognatura
interna e riportato in testa allimpianto principale.
La fossa Imhoff progettata con un tempo di ritenzione pari a 5 ore e la portata di
calcolo pari alla somma delle portate massime che possono essere smaltite da ogni linea
(in questo caso 1600 litri/g). Il volume del sedimentatore di

litri g litri ore Q Tr Vs 350 / 1600 5 = =

Contenitore per prove idrodinamiche

Le prove idrodinamiche da condurre richiedono luso di acqua pulita mista ad un
tracciante. Dallacquedotto si deriva il volume dacqua necessario alla prova e lo si
raccoglie nel fusto di materiale plastico nel quale viene preparata la miscela.
Il fusto ha una capacit di 2 m
3
e per evitare la contaminazione dellacquedotto si crea
una sconnessione idraulica caricandolo dallalto.
Tramite un sistema di tubazioni e valvole, ogni pompa, e quindi ogni linea di
depurazione, pu aspirare liquame dalla fossa Imhoff o acqua e tracciante dal fusto.

7.4 Motivazioni delle scelte progettuali

Durante la fase di sviluppo dellimpianto pilota, alcuni aspetti progettuali presentavano
pi soluzioni tecniche possibili: per ognuna di esse sono stati valutati i vantaggi e gli
svantaggi al fine di adottare quella migliore. Le differenze che si sono presentate sono
state di tipo pratico e di tipo economico; alcune soluzioni, gi adottate in altri studi,
presentavano problemi tecnici e di altre si sono ipotizzati i problemi che verosimilmente
sarebbero sorti. Tra pi soluzioni possibili, la scelta caduta su quella pi economica al
fine di ridurre i costi di realizzazione dellopera.

Scelte strutturali

La fase di depurazione realizzata con una vasca di legno suddivisa internamente da un
setto, anchesso in legno: in questo modo disponiamo di due linee depurative che
lavorano in parallelo. Avere linee separate ed indipendenti, sia dal punto di vista della
distribuzione del liquame sia da quello dello scarico, ci consente di far funzionare ogni
linea a parametri differenti e di confrontare in tempi brevi il rendimento dei sistemi.
Il tipo di struttura e di materiale costruttivo stato dettato da motivi economici ed
ambientali: realizzare una struttura non interrata ci consente di risparmiare i costi legati
allo scavo di una fossa e luso del legno semplifica lo smaltimento del materiale quando
limpianto cesser la sua funzione.

Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
153
Impianto di sollevamento

La scelta del sollevamento meccanico doveva ricadere su macchine volumetriche in
quanto sono le uniche che permettono di regolare la portata di liquame distribuito sul
medium. Le macchine volumetriche pi conosciute sono:
pompe a lobi;
pompe a membrana;
pompe peristaltiche;
pompe monovite.

Le prime non possono essere usate per sollevare un fluido con caratteristiche simili a
quelle del nostro liquame in ingresso, poich linevitabile presenza di particelle solide
sospese rischia di bloccare le parti rotanti della macchina, causandone la rottura. Le
pompe a membrana, il cui schema di funzionamento riportato in Figura 114,
presentano numerosi vantaggi:
funzionamento a secco a tempo indeterminato;
autoadescamento in pochi secondi;
portata proporzionale al numero di pulsazioni della membrana.

Gli inconvenienti maggiori sono rappresentati dalle piccole bocche di passaggio per i
solidi, con conseguenti problemi di intasamento. Lalternativa di usare pompe a
membrana adatte a portate maggiori consentiva di avere a disposizione luci di passaggio
pi grandi, ma dovevano essere accoppiate ad un inverter o ad un motovariatore, capace
di ridurre le pulsazioni della membrana e quindi delle portate; questa soluzione, oltre ad
essere dispendiosa, avrebbe dato origine ad un flusso pulsante del liquame, dovuto al
basso numero di giri.


Figura 114 - Schema di funzionamento delle pompe a membrana

Le pompe peristaltiche vengono usate principalmente per dosare diversi prodotti chimici
nelle industrie chimiche, farmaceutiche, cosmetiche e biotecnologiche. Nellambito del
Progetto Molise presso il C.R.A. di Pavia, le pompe peristaltiche sono state impiegate per
realizzare il sistema di alimentazione di uninstallazione sperimentale a flusso sommerso
verticale (Figura 115 e Figura 116). La ripartizione del liquame su pi punti con questo
sistema possibile solo per i trattamenti terziari poich presentano portate pi elevate
12
e
quindi meno problemi di intasamento.


12
Per i trattamenti terziari i carichi idraulici superficiali sono di 1000 litri/giorno.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
154

Figura 115 - Pompe peristaltiche impiegate per il sistema di distribuzione presso limpianto sperimentale
del C.R.A. di Pavia (Iannelli R., 2001)


Figura 116 - Particolare del sistema di distribuzione presso limpianto sperimentale del C.R.A. di Pavia
(Iannelli R., 2001)

La scelta finale perci ricaduta sulle pompe monovite. La regolazione della portata si
effettua con un motovariatore a regolazione manuale; una messa a punto pi precisa del
numero di giri, e quindi della portata, si pu fare agendo sulla frequenza della corrente
tramite un inverter.
In ogni caso la portata che effettivamente viene sollevata controllata per mezzo di un
misuratore magnetico o dalla deviazione del flusso verso un recipiente graduato: una
valvola a tre vie consente di indirizzare il refluo verso un contenitore di volume noto,
cronometrando il tempo necessario a riempirlo.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
155
Teoricamente, ogni pompa solleva un preciso valore di portata per cui avremmo potuto
optare per luso di semplici motoriduttori; luso di motovariatori dettato dal carattere
sperimentale dellimpianto che lo obbliga ad una certa flessibilit di funzionamento.

Sistema di distribuzione

In letteratura possibile trovare numerosi esempi riguardanti il sistema di distribuzione
del liquame.
Il sistema WRc propone una ripartizione del flusso su aree di 16 m
2
in maniera puntuale,
con una piccola platea che contrasta lerosione, posta sotto il bocchettone (Figura 117).


Figura 117 - Sistema WRc di ripartizione del flusso (Cooper et al., 1996 riportato da Iannelli R., 2001)

Questo tipo di alimentazione stato per pensato per i trattamenti terziari nei quali i
carichi idraulici superficiali sono dellordine di 1000 litri/(m
2
d): i trattamenti secondari
lavorano con carichi di 100 litri/(m
2
d) e ci potrebbe far sorgere problemi di
intasamento.
Il WRc propone, come alternativa, il sistema con bocchette a V regolabili (Figura 118).
Anche in questo caso, per, la ripartizione non accurata a causa delle basse velocit e
delle molte bocchette.

Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
156

Figura 118 - Sistema di distribuzione con bocchette a V regolabili (Cooper et al., 1996 riportato da
Iannelli R., 2001)

Altri sistemi di carico prevedono luso di valvole, sifoni o pompaggi; questultimo
sistema permette di fornire la necessaria pressione per unequa distribuzione del liquido
da trattare.

I sifoni autoadescanti (Figura 119) si possono usare quando si dispone di dislivelli
sufficienti; le controindicazioni di questo tipo di alimentazione dipendono dagli elevati
livelli piezometrici richiesti e dai rischi di intasamento a cui si va incontro.


Figura 119 - Impiego di sifoni autoadescanti per ripartire il liquame (Loffler, 1990 riportato da Iannelli
R., 2001)

La scelta finale ricaduta sul sistema adottato dalla maggior parte degli impianti
moderni: previsto un sistema di carico costituito da una tubazione microforata centrale,
raccordata con tubazioni trasversali anchesse forate, in modo da costituire un reticolo
(Figura 120).

Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
157

Figura 120 - Sistema di carico e scarico del liquame per mezzo di tubazioni forate disposte a reticolo
(Volpe, 2001)

La distribuzione uniforme del refluo si ottiene tramite tubi forati in materiale plastico
(PVC o PE), posti a circa 10 cm dalla superficie o sotto lultimo strato di inerti.

Materiale di riempimento

I materiali pi usati per il riempimento del letto sono:
sabbia;
ghiaia;
ghiaietto.

Il riempimento deve essere preventivamente lavato ed i valori di conducibilit idraulica
dovrebbero essere dellordine di 10
-3
-10
-4
m s
-1
.
Non consigliabile assumere coefficienti di permeabilit pi elevati, come si faceva in
passato, poich gli apparati radicali e rizomatosi non mantengono alta la conducibilit
idraulica del terreno.
In letteratura viene consigliato un substrato profondo almeno 80 cm (Vismara, 2001)
anche se si possono trovare valori che partono da 50 cm. Gli impianti realizzati seguendo
lo schema WRc, ad esempio, prevedono uno spessore di 48 cm, non sfruttando la
possibilit, a parit di volumi utili, di contenere le superfici dingombro degli impianti.
La successione degli strati nella disposizione del medium varia secondo gli Autori;
alcune stratigrafie sono riportate nella Tabella 34:
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
158

Cooper Haberl
Spessore Medium Spessore Medium
8 cm Sabbia 10 cm Ghiaia 8-16 mm
15 cm Ghiaietta 6 mm 60 cm
Ghiaia 0-4, 0-8 mm
(1:1)
10 cm Ghiaia 12 mm 10 cm Ghiaia 4-8 mm
15 cm Ghiaia 30-60 mm 20 cm Ghiaia 16-32mm

Seidel Burka & Lawrence
Spessore Medium Spessore Medium
5 cm Sabbia 10 cm Sabbia grossolana
30 cm Ghiaia 8 mm 25 cm Ghiaia 8-10 mm
30 cm Pietrisco 30 mm 15 cm Ghiaia 30-60 cm
25 cm Pietrisco 50-60 mm
Tabella 34 - Stratigrafie del medium di riempimento secondo vari Autori

Per migliorare la capacit di ritenzione dellammoniaca, indipendentemente dal tempo di
ritenzione idraulica, si pu mescolare alla sabbia un 5 % di bentonite, allo scopo di
aumentare lo scambio cationico della sabbia pura senza diminuire la conducibilit
idraulica (Platzer, 1995 in Bonomo, 1996).

Uno strato superficiale di sabbia presente quando si ricorre alla pratica di sommergere
il letto con il refluo per poi aspettare che questo sinfiltri lentamente nel terreno. Questa
azione ha senso solo se limpianto un trattamento terziario ad alto carico: in casi simili
al nostro studio, le basse portate specifiche non permettono ladozione di tale metodo.

7.5 Materiali utilizzati

Fossa Imhoff

La fossa biologica Imhoff, realizzata in polietilene monoblocco, completa di coperchio
a vite sia per lispezione centrale sia per lispezione laterale e per il prelievo dei fanghi.
Il sedimentatore ha una capacit di 350 litri.

Contenitore acqua pulita

Il contenitore per le prove idrodinamiche del tipo verticale autoportante, con
boccaporto centrale completo di coperchio ed realizzato in polietilene lineare ad alta
densit.

Tubazioni di aspirazione e distribuzione

Tutte le tubazioni che aspirano e distribuiscono il liquame sono in PVC, cos come le
valvole a sfera e quelle a 3 vie. I diametri di aspirazione e distribuzione sono entrambi 50
mm.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
159

Vasca biologica

La vasca realizzata a palificata semplice: ai pali infissi nel terreno sono inchiodate le
tavole che formano le sponde del cassone. I pali sono di pino impregnato in autoclave ed
hanno una lunghezza di 2,50 m. Le tavole di abete sono catramate nella parte interna
mentre sullesterno, per motivi estetici, sono semplicemente trattate con impregnante.
Le aperture per controllare lintasamento sono in plexiglas ed i chiusini per non far
filtrare la luce solare sono di legno.

Tubazioni di aerazione e di scarico

Le tubazioni di aerazione e drenaggio sono realizzate rispettivamente con tubi corrugati
Ecopal e Drenopal in polietilene (PE) con densit > 930 kg/m
3
. Per ambedue le reti si
usano tubi con diametro 110 mm.
La tubazione di scarico (diametro 63 mm) ed il valvolame necessario sono in PVC e le
giunzioni sono eseguite mediante filettatura dei pezzi; le parti terminali smontabili sono
in PEHD.

Impermeabilizzazione

Limpermeabilizzazione del letto garantita da una membrana in HDPE con spessore di
4 mm.

7.6 Criteri di calcolo

Nel progetto dellimpianto pilota sono compresi i calcoli idraulici e strutturali dellopera.
I calcoli idraulici determinano il grado di riempimento delle tubazioni e la suddivisione
della portata totale nei vari tratti del sistema di distribuzione. La parte strutturale verifica
la stabilit dei pali di legno infissi nel terreno, sui quali agisce la spinta del medium.
Nel caso in cui vengano cambiate delle caratteristiche costruttive dellimpianto (ad
esempio diametro delle tubazioni o lunghezze di infissione), ogni verifica eseguita con
un foglio di calcolo elettronico nel quale i dati da inserire possono essere variati.

7.6.1 Grado di riempimento (Allegato 1)

Il grado di riempimento di una tubazione serve a determinare se la portata che scorre in
condotta fa andare il tubo in pressione oppure no. I calcoli vengono condotti solo per la
tubazione rigida in PVC da 63 mm di diametro usata per allontanare lacqua raccolta dal
sistema di scarico, posto sul fondo del medium. A meno che non si regoli lo scarico del
refluo trattato in modo tale da allagare il letto, il tubo di scarico non deve andare in
pressione. Il foglio di calcolo permette di determinare:
altezza liquida nella sezione;
velocit in condotta;
sezione bagnata.
Gli input richiesti sono (Tabella 35):
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
160

Dati da inserire
Condotta
Diametro
Pendenza
Coefficiente di Strickler
Impianto Dimensioni in pianta
Portata
Portata specifica per linea
Rapporto portata massima/portata di progetto
Tempo di accumulo del liquame
Tempo di scarico del liquame
Tabella 35 - Input foglio di calcolo del grado di riempimento

Il foglio elettronico controlla che la portata specifica a sezione piena sia superiore alla
portata di progetto specifica; se tale verifica soddisfatta, necessario introdurre, in base
al rapporto portata di mandata/portata a sezione piena, i rapporti tra le altezze, tra le
velocit e tra le aree che si leggono, a seconda del tipo di sezione, sulle apposite scale di
deflusso.
Se la portata specifica a sezione piena inferiore alla portata di progetto specifica,
necessario aumentare il diametro della condotta.

Per la tubazione rigida in PVC da 63 mm di diametro, usata per allontanare lacqua
raccolta dal sistema di scarico posto sul fondo del medium, otteniamo (Tabella 36):

Altezza liquida (m) 0.03
Velocit in condotta (m/s) 0.42
Sezione liquida (m
2
) 0.0013
Tabella 36 - Grandezze caratteristiche di moto per tubo da 63 mm di diametro, con caricamento
discontinuo

In caso di caricamento continuo, per la stessa tubazione non possibile determinare sul
grafico il rapporto tra le portate e quindi neanche le altre grandezze.

7.6.2 Sistema di distribuzione (Allegato 2)

Il foglio di calcolo del sistema di distribuzione determina i carichi e la portata uscente, in
corrispondenza di ogni apertura di fuoriuscita del liquame.
Fissando il carico nel foro pi lontano, possibile risolvere la rete aperta di distribuzione
e determinare, oltre la portata uscente da ogni apertura, quella che interessa ogni tratto
della tubazione. Se la somma finale delle portate uscenti dai fori non coincide con la
portata sollevata dalla pompa monovite necessario cambiare il valore del carico
ipotizzato e ripetere il procedimento.
Il foglio di calcolo necessita dei seguenti input (Tabella 37):
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
161

Dati da inserire
Condotta
Diametro foro (D
f
)
Diametro condotta di distribuzione (D
d
)
Diametro condotta di aspirazione (D
a
)
Coefficiente di contrazione della vena(C
c
)
Scabrezza assoluta()
Liquido
Viscosit dinamica ()
Densit ()
Raccordi
Coefficiente di attrito raccordo a T (Ca
T
)
Coefficiente di attrito curva (Ca
c
)
Coefficiente di attrito valvola a sfera (Ca
s
)
Coefficiente di attrito valvola a tre vie (Ca
3
)
Tabella 37 - Input foglio di calcolo del sistema di distribuzione

Per prima cosa necessario imporre un valore del carico sullultimo foro (ossia quello
pi lontano) ed il programma provveder a calcolare la portata uscente dal foro:

c f
C A H g q = 2 (7.6)

con A
f
area del foro. Nota la portata, viene calcolata la velocit in condotta, il numero di
Reynolds, lo stato del moto (laminare o turbolento) e il coefficiente di attrito.
Questultimo si ricava dalla formula

=
71 , 3
/
log 2
1
d
D
f

(7.7)

se il moto turbolento e da

Re
64
= f (7.8)

se il moto laminare. Tramite la lunghezza della tubazione tra il foro pi lontano e
quello precedente, possibile calcolare la perdita di carico distribuita che, sommata a
quella ipotizzata in partenza, permette di determinare il carico sul penultimo ugello.
Procedendo a ritroso con gli stessi principi, ci calcoliamo il carico idraulico nellincrocio
a T del terzo dente di distribuzione.
A questo punto si ipotizza un carico sullultimo foro del terzo dente di distribuzione ed
andando a ritroso come prima ci calcoliamo il carico idraulico nellincrocio a T del terzo
dente di distribuzione. Questo deve coincidere con quello calcolato a partire dal foro pi
lontano: se non coincide bisogna cambiare il carico ipotizzato sul terzo dente.
Quando i due valori coincidono si determina il carico idraulico nellincrocio a T del
secondo dente di distribuzione; si ipotizza un valore del carico sul foro pi lontano del
secondo dente e si procede come illustrato per trovare la portata totale uscente.
Se questa non coincide con quella sollevata dalla pompa volumetrica necessario
iniziare il procedimento illustrato da capo, variando il carico sul foro pi lontano.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
162
Trovato il carico che consente di avere la portata voluta possibile determinare le perdite
di carico in mandata, quelle in aspirazione e di conseguenza la prevalenza della pompa.
Le perdite di carico distribuite sono calcolate facendo uso della formula seguente:

g
v
k

=
2
2
(7.9)

dove k il coefficiente di attrito, v la velocit in condotta e g laccelerazione di gravit.
Come per il foglio di calcolo precedente, possibile variare i dati in ingresso nel caso in
cui cambino le caratteristiche dellimpianto o del fluido sollevato.

Osservando i risultati della distribuzione in discontinuo effettuata con tubi da 50 mm con
quella realizzata con tubi da 20 mm, possibile notare che luso del diametro maggiore
comporta una suddivisione uniforme delle portate: da ogni foro esce una portata di 0.35
L/s. Con il diametro minore, invece, la portata uscente dai fori varia dai 0.025 ai 0.05 L/s,
rispettivamente per il foro pi lontano e quello pi vicino (vedi Allegato 2).

7.6.3 Spinta del medium (Allegato 3)

Il riempimento del sistema di fitodepurazione spinge sulle sponde della vasca come se
fosse un terreno sciolto; le tensioni orizzontali sono calcolate con i metodi della
Geotecnica mentre la forza orizzontale limite che il palo pu sopportare determinata
con il metodo di Broms, con lipotesi che il palo sia libero di ruotare in testa e che sia
infisso in un terreno incoerente.
Il foglio di calcolo elettronico determina, in base alle caratteristiche geotecniche delle
diverse stratigrafie del terreno ed a quelle geometriche del palo, se il meccanismo di
rottura avviene per palo corto o per palo lungo. In base al tipo di meccanismo di rottura,
e facendo uso dei grafici di letteratura, possibile calcolare il carico limite orizzontale
che il palo pu sopportare. Tale valore deve essere maggiore della spinta esercitata dal
materiale di riempimento: si calcola, per il palo con il maggior interasse, la risultante
delle pressioni orizzontali ed il suo punto di applicazione.
Le tavole si verificano come travi semplicemente appoggiate, soggette al carico derivante
dalla massima tensione orizzontale.
I dati in ingresso richiesti sono (Tabella 38):
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
163

Dati da inserire
Ghiaia di riempimento
Sabbia di sottofondo
Terreno del sito
Densit
Porosit
Angolo di attrito
Pali
Lunghezza di infissione
Lunghezza fuori terra
Diametro
Interasse
Tensione ammissibile
Tavole
Altezza
Lunghezza
Spessore
Tensione ammissibile per rottura a momento flettente
Tabella 38 Input foglio di calcolo spinta del medium

7.7 Costo di realizzazione

Durante la redazione del progetto, molte scelte sono state motivate da questioni
economiche. Lopera, per la sua funzione di ricerca, stata volutamente progettata per
servire un numero esiguo di utenze; tale scelta la rende inadeguata al servizio
permanente, una volta cessata lattivit di studio. Per questo motivo si cercato di
contenere i costi il pi possibile.
In Tabella 39 sono riportate le voci che determinano il costo finale dellopera: ogni voce
del capitolato comprende una breve descrizione del pezzo, lunit di misura, il prezzo
unitario gi comprensivo delliva, la quantit necessaria ed il costo totale della voce.
Capitolo 7 - Progetto di un impianto pilota finalizzato alla taratura del modello idraulico
164




Descrizione
Unit
di
misura
Prezzo
unitario
con iva
Quantit
Totale
()
Tubazione in PVC 50 serie pesante tipo 302 m 1.61 29.80 47.92
Valvola a sfera in PVC 50 - 29.57 6 177.41
Fossa Imhoff in polietilene monoblocco - 584.40 1 584.40
Incrocio a T in PVC 100 serie pesante tipo 302 - 1.44 10 14.40
Valvola a 3 vie in PVC 50 - 60 4 240
Pompa monovite MV 0.4 I 10 - 1510.80 2 3021.60
Pompa monovite MV 6 I 5 - 1376.40 2 2752.80
Misuratore magnetico di portata in acciaio inox - 2085.60 2 4171.20
Gomito 90 in PVC 50 serie pesante tipo 302 - 0.97 20 19.44
Curva 45 in PVC 50 serie pesante tipo 302 - 0.86 4 3.46
Flangia cieca 50 in PVC - 5.40 10 54
Pali di pino impregnato - 41.90 22 921.80
Tavole in abete catramato m
2
23 24.84 502.32
Membrana impermeabile in HDPE m
2
6 24 122
Sabbia di sottofondo m
3
24.18 1 24.18
Materiale fine 0-4 mm m
3
27.60 1.4 38.64
Ghiaietto 4-8 mm m
3
27.60 2.2 60.72
Ghiaia 16-32 mm m
3
27.60 1.2 33.12
Tubo per FDR - 31.20 2 62.40
Tubazione corrugata fessurata DRENOPAL 110
in polietilene
m 2.38 10 23.76
Tubazione corrugata ECOPAL 110 in polietilene m 3.10 6 18.58
Curva 45 corrugata ECOPAL 110 in polietilene - 12.84 2 25.68
Gomito 90 corrugata ECOPAL 110 in polietilene - 13.44 6 80.64
Incrocio corrugato ECOPAL 110 in polietilene - 60 2 120
Pezzo speciale per innesto tubo liscio in polietilene - 50.23 2 100.46
Riduzione eccentrica PVC serie pesante tipo 302 - 1.61 2 3.22
Tubazione in PVC 63 serie pesante tipo 302 m 2.36 130 307.32
Pozzetto in cls. prefabbricato - 19.80 1 19.80
Pali di pino impregnato per scaletta - 41.90 2 83.80
Tavole in abete catramato per scaletta m
2
23 0.72 16.56
Serbatoio 2m
3
in polietilene monoblocco - 1188 1 1188
Ghiera filettata in PEHD - 7.18 10 71.76
Colletto di collegamento in PEHD - 2.71 10 27.12
Guarnizione - 5.21 10 51.24
Bocchettone filettato in PEHD - 7.18 10 71.76
Tubazione in PEHD 63 in PEHD m 5.24 4 20.98
TOTALE 15104.47
Tabella 39 - Costo di realizzazione: specifica delle voci


Capitolo 8 - Conclusioni e prospettive future
165
Capitolo 8 - Conclusioni e prospettive future

Con questo lavoro si studiato come implementare e come tarare, in un simulatore
matematico di un sistema di fitodepurazione a flusso subsuperficiale verticale, il moto
del refluo nel medium di riempimento.
Dallanalisi delle equazioni che regolano il movimento di un fluido in un mezzo poroso
insaturo, si sono trovati i parametri che maggiormente influenzano il fenomeno
(potenziale matriciale, contenuto dacqua e conducibilit idraulica) ed in letteratura si
sono ricercate le relazioni matematiche, tramite le quali esprimere i suddetti parametri.
I parametri descrittivi del letto drenante sono gli stessi che si usano per caratterizzare i
terreni agrari: ci possibile perch tra i due tipi di suolo esistono delle similitudini, sia
per la diffusione gassosa, sia per il moto di un fluido nel sottosuolo.
Le relazioni appena citate necessitano di costanti di calibrazione ricavabili utilizzando
opportuni strumenti di misura ed appositi software che elaborano i dati raccolti, entrambi
illustrati nel presente lavoro.
La verifica della coerenza e della consistenza della parte idraulica del modello sar
condotta, in un futuro studio di confronto, comparando i risultati dell modello
matematico previsionale con quelli conseguiti con i software illustrati precedentemente,
capaci si simulare la dispersione e la diffusione degli inquinanti nel sottosuolo.
Le apparecchiature di misura e le prove di laboratorio, queste ultime proprie
dellIdrogeologia, devono essere, rispettivamente, calibrate e riadattate.
In generale, la taratura del modello di simulazione pu avvenire solo se sono note le
condizioni di funzionamento dellimpianto e se sussiste la possibilit di variarne, in
maniera controllata, la gestione; ci risulta estremamente complicato se si utilizzano
impianti gi esistenti, sui quali difficile determinare i parametri gestionali
dellinstallazione (portata e durata dei cicli). Per poter tenere sotto controllo i parametri
gestionali in fase di raccolta dati, dovremmo dotare limpianto di apparecchiature e di
strumentazioni specifiche. I costi aggiuntivi, derivanti da queste apparecchiature
supplementari, non sono giustificabili su uninstallazione al servizio di un numero
limitato di utenti, ma li sono su un impianto progettato appositamente per la ricerca sul
sistema naturale di fitodepurazione. Linstallazione sulla quale raccogliere i dati deve
essere affiancata ad un impianto tradizionale: variando i parametro gestionali possono
non essere rispettati i limiti normativi sullo scarico dello acque reflue (D. Lgs. 152/99).
Tali acque non possono essere scaricate nellambiente ma vanno rimandate in testa
allimpianto tradizionale, per essere adeguatamente depurate.
Da questa considerazione nata la necessit di progettare un impianto pilota, sul quale
eseguire la raccolta dei dati necessari a calibrare il modello matematico previsionale.

Gli obiettivi del presente lavoro sono riportati nei seguenti punti chiave:
1. individuazione delle analogie tra suoli agrari e sistemi di fitodepurazione per
giustificare luso dei metodi di indagine sviluppati per i primi, sui secondi;
2. individuazione delle grandezze fondamentali che stanno alla base del movimento
dei fluidi nel medium e degli strumenti pi adatti a misurarle;
3. studio delle equazioni che regolano il moto di un fluido in un mezzo poroso
insaturo;
4. ricerca ed analisi dei programmi di calcolo capaci di elaborare i dati raccolti per
caratterizzare il letto drenante e di simulare il moto del refluo allinterno del
materiale di riempimento;
Capitolo 8 - Conclusioni e prospettive future
166
5. analisi delle simulazioni di dispersione/diffusione ottenute con i programmi di
calcolo;
6. sperimentazione dei metodi di misurazione (strumentali e di laboratorio), per
adattare le procedure standardizzate per altre applicazioni ai nostri bisogni;
7. progettazione di un impianto sperimentale sul quale condurre gli studi di ricerca,
le misurazioni dei parametri e la taratura del modello.

Le conclusioni sono:

i parametri che pi di tutti influenzano il movimento del refluo allinterno del
medium insaturo sono: il potenziale matriciale o di pressione, lumidit e la
conducibilit idraulica insatura;


possiamo utilizzare le relazioni matematiche di van Genuchten per legare il
potenziale di pressione allumidit ed alla conducibilit idraulica insatura;


lequazione di van Genuchten per determinare il contenuto dacqua in funzione
dellaltezza piezometrica pu perdere di significato fisico quando siamo in
condizioni di umidit prossime alla ritenzione;


il medium di riempimento paragonabile ad un suolo agrario per cui possiamo
determinare il potenziale di pressione con laiuto di un tensiometro e lumidit
con una sonda capacitiva;


i software descritti sono dausilio nello studio dei sistemi di fitodepurazione, in
quanto consentono di ricavare le costanti che compaiono nelle relazioni empiriche
usate in questo lavoro e di ottenere delle simulazioni per mezzo delle quali
analizzare la diffusione/dispersione del refluo nel medium di riempimento;


i contenuti dacqua determinati con la sonda capacitiva FDR non coincidono
esattamente con quelli misurati in laboratorio: una calibrazione dello strumento
sembra opportuna (nel caso in cui non sia possibile unaccuratezza adeguata nella
taratura, anche i dati non calibrati forniti dallo strumento possono essere una
buona base di partenza per linterpretazione del medium analizzato);


le fasi di calibratura della sonda capacitiva e la determinazione delle propriet
fisiche di stato, che contraddistinguono un terreno (porosit e contenuto dacqua),
fanno ricorso a prove di laboratorio opportunamente modificate ed ampiamente
descritte in questo lavoro;


Capitolo 8 - Conclusioni e prospettive future
167
la realizzazione di un impianto pilota indispensabile per tarare in maniera
corretta la parte idraulica del simulatore matematico e quella relativa alle
cinetiche di rimozione;


la presenza delle radici nel medium non pu essere trascurata perch influenza
sensibilmente il valore del contenuto dacqua e della porosit del campione. Ai
fini del calcolo, la massa volumica delle radici si pu ritenere costante.

I tempi di realizzazione dellimpianto pilota non sono compatibili con quelli di stesura
della tesi, per cui non si pu includere in questo lavoro il confronto dei risultati del
modello matematico previsionale con quelli ottenibili da campagne di misurazione. La
continuazione di questo lavoro sar proprio la calibrazione del modello matematico, con i
dati raccolti sullinstallazione sperimentale progettata.
Analogamente, la messa a punto del modello matematico previsionale non ancora
completata: la coerenza e la consistenza del modello sar accertata in un futuro studio di
confronto, utilizzando le simulazioni di dispersione e di diffusione degli inquinanti nel
sottosuolo illustrate in questo lavoro.

Bibliografia
168
Bibliografia

AA. VV.: Manuale Cremonese del geometra. Edizioni Cremonese

Bird B., Stewart W. E., Lightfoot E. N.: Fenomeni di trasporto.
Casa editrice Ambrosiana - Milano

Bonomo L. (1996): Recenti tendenze nella depurazione delle acque
reflue: innovazioni tecnologiche e di processo. XLIV corso di
Aggiornamento in Ingegneria Sanitaria, Milano 26 Febbraio-1 Marzo
1996

Bresciani R. (2003): Particolarit costruttive degli impianti di
fitodepurazione. 2 Scuola Nazionale Trattamenti naturali delle
acque reflue, Sesto Fiorentino (Firenze) 7-10 Luglio 2003

Brutsaert W. (2000): A concise parameterization of the hydraulic
conductivity of unsaturated soil. Advances in water resources
23:811-815

Collivignarelli C., Bertanza G., Bina S.: La verifica idrodinamica nel
trattamento delle acque. C.I.P.A. Editore

Dejak C., Pitea D., Rossi C., Tiezzi E.: Chinica fisica per le scienze
ambientali. Etaslibri

Del Bubba Massimo (2001): Luso di impianti pilota per la
valutazione delle potenzialit depurative di zone umide costruite a
flusso sommerso: lesperienza del progetto Unifito. 1 Scuola
Nazionale Trattamenti naturali delle acque reflue, Pisa 26-29 Giugno
2001

E.P.A. (2000): Wasterwater technology fact sheet - Wetlands:
subsurface flow. E.P.A. 832-F-00-023

Gottardi G., Venutelli M. (1993): Richards: computer program for
the numerical simulation of one-dimensional infiltration into
unsaturated soil. Computer & Geosciences Vol. 19, no. 9, pp 1239-
1266
Bibliografia
169

Iannelli Renato (2001): Cinetica dei processi di depurazione
naturale delle acque e criteri di dimensionamento e conduzione. 1
Scuola Nazionale Trattamenti naturali delle acque reflue, Pisa 26-29
Giugno 2001

Iannelli Renato, Fasano Donatella: Modello numerico di un
fitodepuratore a flusso verticale. Universit di Pavia, Centro di
ricerca acque

I.W.A.: Constructed wetlands for pollution control. I.W.A.
publiching in its scientific and technical report series

Jury W. A., Gardner W. R., Gardner W. H.: Soil physics - Fifth
edition. John Wiles & sons, Inc (1991).

Kadlec R. H., Knight R. L.: Treatment wetlands. Lewis publishers

Kirkham Don, Power W. L.: Advanced soil physics. Wiley-
Interscience, a division of John Wiles & sons, Inc.

Kunze R., Uehara G., Graham K. (1968): Factors important in the
calculation of hydraulic conductivity. Michigan Agr. Exp. Sta.
Journal Article no. 4315

Lippi A. (2003): Fitodepurazione e normativa sulle acque (D. Lgs.
152/99). Atti del convegno La fitodepurazione: applicazioni e
prospettive. Volterra (Pisa) 17-19 Giugno 2003

Malcevschi S (2001): Ecosistemi filtro per laffinamento di acque
inquinate da sorgenti puntuali e diffuse. 1 Scuola Nazionale
Trattamenti naturali delle acque reflue, Pisa 26-29 Giugno 2001

Masi F. (2003): Applicazioni e rendimenti depurativi dei sistemi
naturali di depurazione: casi studio nazionali ed internazionali. 2
Scuola Nazionale Trattamenti naturali delle acque reflue, Sesto
Fiorentino (Firenze) 7-10 Luglio 2003
Bibliografia
170

Masi F. (2003): Indagini preliminari sui rendimenti degli impianti
italiani di fitodepurazione per fonti di inquinamento puntuale. Atti
del convegno La fitodepurazione: applicazioni e prospettive.
Volterra (Pisa) 17-19 Giugno 2003

Masotti L.: Depurazione delle acque: tecniche ed impianti per il
trattamento delle acque di rifiuto. Calderini 1996

Milano V.: Costruzioni idrauliche. Servizio Editoriale Universitario
di Pisa

Mualem Y. (1976): A new model for predicting the hydraulic
conductivity of unsaturated porous media. Water Resour Res.
12:513-522

Mualem Y., Dagan G. (1978): Hydraulic conductivity of soil: unified
approach to the statistical models. Soil Sci. Soc. Am. J. 43:392-395

Nofziger D. L., Wu J. (2003): CHEMFLO 2000 - Interactive
software for simulating water and chemical movement in unsaturated
soils. Oklahoma State University, Department of plant and soil
sciences

Nottoli R. (2003): Il bacino del Cecina - Una gestione sostenibile del
sistema idrico. Atti del convegno La fitodepurazione: applicazioni e
prospettive. Volterra (Pisa) 17-19 Giugno 2003

Or D. (2001): History of soilscience. Who invented the
tensiometer?. Soil Sci. Soc. Am. J. 65:1-3

Pergetti M., Salsi A.: Casi di studio: gli impianti SSF di Lugo
(Baiso) e Tabiano (Viano). 1 Scuola Nazionale Trattamenti naturali
delle acque reflue, Pisa 26-29 Giugno 2001

Peruginelli A.: Idraulica. Servizio Editoriale Universitario di Pisa

Schaap M. G., Leij F. J. (2000): Improved prediction of unsaturated
hydraulic conductivity with the Mualem van Genuchten model.
Soil Sci. Soc. Am. J. 64:843-851
Bibliografia
171

Schaap M. G., Leij F. J., van Genuchten M. Th. (2001): Rosetta: a
computer program for estimating soil hydraulic parameters with
hierarchical pedotransfer functions. Journal of Hydrology 251:163-
176

Schwah G. O., Frevert R. K., Edminster T. W., Barnes K. K.: Soil
and water conservation engineering Second edition. John Wiles &
sons, Inc.

Schwartz R. C. (2003): Inverse estimation of hydraulic properties
with the tension infiltrometer. USDA-ARS conservation and
production research laboratory, vol. 5, no. 2

Simunek J., Jarvis N. J., van Genuchten M. Th., Gardenas A. (2003):
Review and comparison of models for describing non-equilibrium
and preferential flow and transport in the vadose zone. Journal of
Hydrology 272:14-35

Simunek J., Sejna M., van Genuchten M. Th. (1998): The HYDRUS-
1D software package for simulating the one-dimensional movement of
water, heat, and multiple solutes in variably-saturated media. U.S.
Salinity Laboratory

Treybal R. E.: Mass-transfer operations - Third edition. McGraw-
Hill Book Company

Troisi S., Fallico C., Amato G., Mazzuca L.(2004): Il campo prove
del bacino del Torrente Turbolo per il monitoraggio del sottosuolo
non saturo. XXV corso di aggiornamento in Tecniche per la difesa
dallinquinamento, Guardia Piemontese Terme 26-29 Maggio 2004

van Genuchten M. Th. (1980): A closed-form equation for predicting
the hydraulic conductivity of unsaturated soil. Soil Sci. Soc. Am. J.
44:892-898

van Genuchten M. Th., Leij F. J., Yates S.R. (1991): The RETC code
for quantifying the hydraulic functions of unsaturated soils. U.S.
Salinity Laboratory
Bibliografia
172

Vecchiet M. (2003): Sistemi a flusso verticale per applicazioni
industriali. Atti del convegno La fitodepurazione: applicazioni e
prospettive. Volterra (Pisa) 17-19 Giugno 2003

Venutelli M. (1999): Un modello non iterativo per la soluzione
dellequazione di Richards. Lacqua 5/1999, Sezione 1/Memorie

Vismara Renato: Ecologia applicata - Second edition. Hoepli

Vismara Renato (2001): Processi di depurazione naturale: sistemi in
uso, tendenze e prospettive. 1 Scuola Nazionale Trattamenti naturali
delle acque reflue, Pisa 26-29 Giugno 2001

Vogel H.-J., Roth K. (2003): Moving through scales of flow and
transport in soil. Journal of Hydrology 272:95-106

Volpe G. (2001): Criteri progettuali della fitodepurazione finalizzata
alla rimozione dei carichi organici e dellazoto. 1 Scuola Nazionale
Trattamenti naturali delle acque reflue, Pisa 26-29 Giugno 2001

Wilson G. V., Selim H. M., Dane J. H. (2000): Flow and trasport
process. Southern cooperation series bulletin #395

Wosten J. H. M., Pachepsky Ya. A., Rawls W. J. (2001):
Pedotransfer function: bridging the gap between available basic soil
data and missing soil hydraulic characteristics. Journal of
Hydrology 251:123-150

Zhu J., Mohanty B. P. (2002): Spatial averaging of van Genuchten
for steady-state flow in heterogeneous soil: a numerical study.
Vadose Zone Journal 1:261-272

Allegati di calcolo
173
Allegato 1 - Grado di riempimento

Il grado di riempimento di una tubazione serve a determinare se la portata che scorre in
condotta fa andare il tubo in pressione. A meno che non si regoli lo scarico del refluo
trattato in modo tale da allagare il letto, il tubo di scarico non deve andare in pressione. I
calcoli riportati nel seguito sono eseguiti per la tubazione rigida in PVC da 63 mm di
diametro (usata per allontanare lacqua raccolta dal sistema di scarico posto sul fondo del
medium) ma la generalit con cui stato scritto il foglio elettronico consente di
utilizzarlo per qualunque tubazione circolare. Il foglio di calcolo permette di determinare:
altezza liquida nella sezione;
velocit in condotta;
sezione bagnata.

I dati che lutente deve inserire sono: diametro della condotta (Dc), pendenza della
tubazione (i), coefficiente di Strickler, dimensioni in pianta e portata specifica che
alimenta ogni linea, rapporto tra la portata massima e quella di progetto e tempi di
accumulo e scarico del liquame. Il programma calcola e visualizza:
area della condotta;
portata di progetto e portata massima per ogni linea;
portata e portata specifica in mandata nel caso di caricamento discontinuo;
portata, velocit e portata specifica a sezione piena ma non in pressione.

A questo punto viene evidenziato se la portata specifica di progetto risulta maggiore della
portata specifica a sezione piena. Se la disuguaglianza verificata, si trascrivono i
rapporti tra le altezze, tra le velocit e tra le sezioni liquide ricavabili dalla scala di
deflusso per le sezioni circolari (Figura 121).

In automatico vengono visualizzati i seguenti valori:
altezza liquida;
velocit in condotta;
sezione liquida.

Allegati di calcolo
174

Figura 121 - Andamento delle grandezze Q/Q
p
, V/V
p
e / in funzione dellaltezza percentuale di
riempimento per la sezione circolare

Riassumendo, gli input richiesti sono (Tabella 40):

Dati da inserire
Condotta
Diametro
Pendenza
Coefficiente di Strickler
Impianto Dimensioni in pianta
Portata
Portata specifica per linea
Rapporto portata massima/portata di progetto
Tempo di accumulo del liquame
Tempo di scarico del liquame
Tabella 40 - Input foglio di calcolo del grado di riempimento

Come si pu notare dai calcoli svolti in caso di alimentazione continua, il valore del
rapporto tra la portata di mandata e quella di progetto troppo basso per consentire
lutilizzo del grafico di Figura 121. In ogni caso, essendo la portata di mandata minore
rispetto al caso precedente, possiamo dedurre che sono minori anche i valori dellaltezza
liquida, della velocit in condotta e della sezione liquida.
Riportiamo di seguito i fogli elettronici descritti, con il dettaglio dei calcoli (Tabella 41 e
Tabella 42).
Allegati di calcolo
175
0,063
0,01
Coefficiente di Strickler [m
1/3
/s]
70
Larghezza impianto [m] 2
Lunghezza impianto [m] 2
Portata specifica per linea [L/(m
2
*day)]
100
0,003117245
Portata progetto Qpr per linea [L/day] 400
[m
3
/s]
0,00000463
Rapporto Qmax / Qpr 2
Portata massima Qmax per linea [L/day] 800
[m
3
/s]
0,00000926
Tempo di accumulo liquame [min] 30
Tempo di scarico liquame [sec] 30
Portata in mandata discontinua Qman [L/min] 33,333333
[L/sec] 0,555556
[m
3
/s]
0,000556
Portata in mandata discontinua specifica Qman/i [L/min] 333,333333
[L/sec] 0,066402
[m
3
/s]
0,000393
Portata a sezione piena Qp [m
3
/s]
0,001371
Velocit a sezione piena Vp [m/s] 0,439830
Portata specifica a sezione piena Qp/i [m
3
/s]
0,013711
Qp/i>Qman/i verificato
Qman/Qp 0,405201865 Rapporto h/hp 0,45
Altezza liquida [m] 0,02835
Rapporto V/Vp 0,95
Velocit di mandata [m/s] 0,42
Rapporto / 0,43
Sezione liquida [m
2
]
0,00134
Pendenza condotta i [-]
Diametro condotta Dc [m]
Area condotta [m
2
]

Tabella 41 - Dettaglio dei calcoli per determinare il grado di riempimento del tubo di scarico da 63 mm di
diametro, nel caso di caricamento discontinuo
Allegati di calcolo
176



0,063
0,01
Coefficiente di Strickler [m
1/3
/s]
70
Larghezza impianto [m] 2
Lunghezza impianto [m] 2
Portata specifica per linea [L/(m
2
*day)]
100
0,003117245
Portata progetto Qpr per linea [L/day] 400
[m
3
/s]
0,00000463
Rapporto Qmax / Qpr 2
Portata massima Qmax per linea [L/day] 800
[m
3
/s]
0,00000926
Portata in mandata continua Qman [L/min] 0,555556
[L/s] 0,009259
[m
3
/s]
0,00000926
Portata in mandata continua specifica Qman/i [L/min] 5,555556
[L/s] 0,092593
[m
3
/s]
0,0000925926
Portata a sezione piena Qp [m
3
/s]
0,001371
Velocit a sezione piena Vp [m/s] 0,439830
Portata specifica a sezione piena Qp/i [m
3
/s]
0,013711
Qp/i>Qman/i verificato
Qman/Qp 0,006753364 Rapporto h/hp
Altezza liquida [m] 0
Rapporto V/Vp
Velocit di mandata [m/s] 0,00
Rapporto /
Sezione liquida [m
2
]
0,00000
Diametro condotta Dc [m]
Area condotta [m
2
]
Pendenza condotta i [-]

Tabella 42 - Dettaglio dei calcoli per determinare il grado di riempimento del tubo di scarico da 63 mm di
diametro, nel caso di caricamento continuo. Notare il basso valore di Qman/Qp che rende impossibile
determinare i rapporti tra le altezze, tra le velocit e tra le sezioni liquide sulla scala di deflusso
Allegati di calcolo
177
Allegato 2 - Sistema di distribuzione

Il foglio di calcolo del sistema di distribuzione determina i carichi e la portata uscente in
corrispondenza di ogni apertura di fuoriuscita del liquame. In Figura 122 tracciato lo
schema del sistema di sollevamento mentre in Figura 123 riportato il dettaglio della
distribuzione sul quale calcoleremo le portate uscenti da ogni foro.


Figura 122 - Schema del sistema di sollevamento


Figura 123 - Schema del sistema di distribuzione
Allegati di calcolo
178

Inizialmente, il foglio di calcolo necessita dei seguenti input (Tabella 43):

Dati da inserire
Condotta
Diametro foro (D
f
)
Diametro condotta di distribuzione (D
d
)
Diametro condotta di aspirazione (D
a
)
Coefficiente di contrazione della vena(C
c
)
Scabrezza assoluta()
Liquido
Viscosit dinamica ()
Densit ()
Raccordi
Coefficiente di attrito raccordo a T (Ca
T
)
Coefficiente di attrito curva (Ca
c
)
Coefficiente di attrito valvola a sfera (Ca
s
)
Coefficiente di attrito valvola a tre vie (Ca
3
)
Tabella 43 - Input foglio di calcolo del sistema di distribuzione

Per prima cosa necessario imporre un valore per il carico sul foro pi lontano (foro 16)
ed il programma provveder a calcolare la portata uscente dal foro che, in questo caso,
coincide con la portata nel tratto 20:

c f
C A H g q = 2

con A
f
area del foro. Nota la portata, viene calcolata la velocit nellultimo tratto di
condotta (tratto 20), il numero di Reynolds, lo stato del moto (laminare o turbolento) ed il
coefficiente di attrito. Questultimo si ricava dalla formula

=
71 , 3
/
log 2
1
d
D
f



se il moto turbolento e da

Re
64
= f

se il moto laminare.
Tramite la lunghezza della tubazione tra il foro pi lontano e quello precedente,
possibile calcolare la perdita di carico distribuita che, sommata a quella ipotizzata in
partenza, permette di determinare il carico sul penultimo ugello (foro 15) e quindi la
portata uscente. Procedendo a ritroso con gli stessi principi, ci calcoliamo il carico
idraulico nellincrocio a T del terzo dente di distribuzione.
A questo punto si ipotizza un carico sullultimo foro del terzo dente di distribuzione (foro
12) ed andando a ritroso come prima ci calcoliamo il carico idraulico nellincrocio a T
del terzo dente di distribuzione. Questo deve coincidere con quello calcolato a partire dal
foro 16: se non coincide bisogna cambiare il carico ipotizzato sul foro 12.
Allegati di calcolo
179
Quando i due valori coincidono si determina il carico idraulico nellincrocio a T del
secondo dente di distribuzione. Si procede ipotizzando un valore del carico sul foro pi
lontano del secondo dente (foro 8) e si procede come illustrato per trovare la portata
totale sollevata.
Se questa non coincide con la portata effettivamente sollevata dalla pompa monovite
necessario iniziare il procedimento illustrato da capo, variando il carico sul foro pi
lontano (foro 16).
Trovato il carico che consente di avere la coincidenza tra le portate possibile
determinare le perdite di carico in mandata, quelle in aspirazione e di conseguenza la
prevalenza della pompa.
Le perdite di carico distribuite sono calcolate facendo uso della formula seguente:

g
v
k

=
2
2
(7.9)

In Tabella 44 sono riportati i calcoli dettagliati per determinare le portate uscenti dai fori
del sistema di distribuzione quando la condotta ha un diametro di 50 mm ed il sistema
caricato in maniera discontinua.
In Tabella 45 sono riportati i calcoli per determinare la prevalenza della pompa quando la
condotta ha un diametro di 50 mm ed il sistema caricato in maniera discontinua.
In Tabella 46 sono riportati i calcoli dettagliati per determinare le portate uscenti dai fori
del sistema di distribuzione quando la condotta ha un diametro di 20 mm ed il sistema
caricato in maniera discontinua.
Osservando i risultati della distribuzione in discontinuo effettuata con tubi da 50 mm
(Tabella 44) con quella realizzata con tubi da 20 mm (Tabella 46), possibile notare che
luso del diametro maggiore comporta una suddivisione uniforme delle portate: da ogni
foro esce una portata di 0.35 L/s mentre con il diametro minore la portata uscente dai fori
varia dai 0.025 ai 0.05 L/s. Luso del diametro minore comporta velocit pi elevate e
quindi meno rischi di intasamento ma la distribuzione del liquame non uniforme;
volendo preferire una distribuzione uniforme del refluo, preferiamo adottare il diametro
maggiore.
Le ulteriori tabelle (Tabella 47 e Tabella 48) riportano: la suddivisione della portata e la
prevalenza della pompa, quando la tubatura da 50 mm ed il letto alimentato in
continuo.
Allegati di calcolo
180
0,005 0,0000196
0,05 0,001963495
0,05 0,001963495
0,99
0,0003
2
1
0,5
0,5
0,0001024
1000
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Foro 16 0,16 0,034441
Tratto 20 0,034441 0,018 8565 0,032089555 0,55 0,000006
Foro 15 0,160006 0,034442
Tratto 19 0,068882 0,035 17130 0,032089555 0,55 0,000022
Foro 14 0,160028 0,034444
Tratto 18 0,103326 0,053 25695 0,032089555 0,55 0,000050
Foro 13 0,160077 0,034449
Tratto 17 0,137776 0,070 34262 0,032089555 0,06 0,000010 0,000502 0,160589 Carico in T4 [m] venendo dal quarto dente
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 4 0,137776 0,070 34262 0,032089555 0,5 0,000081 0,000501898 0,161171
Foro 12 0,16058 0,034503 0,161171
Tratto 16 0,034503 0,018 8580 0,032089555 0,55 0,000006
Foro 11 0,160586 0,034504
Tratto 15 0,069007 0,035 17161 0,032089555 0,55 0,000022
Foro 10 0,160608 0,034506
Tratto 14 0,103513 0,053 25742 0,032089555 0,55 0,000050
Foro 9 0,160658 0,034512
Tratto 13 0,138025 0,070 34324 0,032089555 0,06 0,000010 0,000503717
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 3 0,275801 0,140 68586 0,032089555 0,5 0,000323 0,002011229 0,163505
Foro 8 0,162905 0,034752 0,163505
Tratto 12 0,034752 0,018 8642 0,032089555 0,55 0,000006
Foro 7 0,162911 0,034753
Tratto 11 0,069505 0,035 17284 0,032089555 0,55 0,000023
Foro 6 0,162933 0,034755
Tratto 10 0,104260 0,053 25927 0,032089555 0,55 0,000051
Foro 5 0,162984 0,034761
Tratto 9 0,139021 0,071 34572 0,032089555 0,06 0,000010 0,000511011
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 2 0,414821 0,211 103158 0,032089555 0,5 0,000730 0,004549809 0,168785
Foro 4 0,168166 0,035309 0,168785
Tratto 8 0,035309 0,018 8781 0,032089555 0,55 0,000006
Foro 3 0,168172 0,035309
Tratto 7 0,070618 0,036 17561 0,032089555 0,55 0,000023
Foro 2 0,168195 0,035312
Tratto 6 0,105930 0,054 26343 0,032089555 0,55 0,000052
Foro 1 0,168247 0,035317
Tratto 5 0,141248 0,072 35125 0,032089555 0,06 0,000010 0,000527514
0,556069
33,36413312
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
Stato del moto
Stato del moto
Carico in T3 [m] venendo da T4
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
Portata nel tratto 1 [L/s]
Portata nel tratto 1 [L/min]
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
moto turbolento
Carico in T3 [m] venendo dal terzo dente
Carico in T1 [m] venendo da T2
Carico in T2 [m] venendo da T3
Carico in T2 [m] venendo dal secondo dente
Carico in T1 [m] venendo dal primo dente
Coefficiente di attrito valvola a 3 vie
Area foro [m
2
]
Area condotta distribuzione [m
2
]
Area condotta aspirazione [m
2
]
Diametro foro [m]
Diametro condotta di distribuzione [m]
Diametro condotta di aspirazione [m]
Coefficiente di contrazione della vena
Viscosit dinamica [kg/(s*m)]
Densit [kg/m
3
]
Scabrezza assoluta [m]
Coefficiente di attrito raccordo a T
Coefficiente di attrito curva
Coefficiente di attrito valvola a sfera
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento

Tabella 44 - Determinazione delle portate e delle perdite di carico nel sistema di distribuzione (diametro 50 mm e portata discontinua)
Allegati di calcolo
181






Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito totale distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Lunghezza tubi 0,168785 0,556069 0,283203558 138282,9872 0,032089555 2,50 0,006558917
Curva 0,556069 0,283203558 138282,9872 1 0,004087883
2
0,008175765
Salto geodetico 0,5
Valvola sfera 0,556069 0,2832036 138282,9872 0,5 0,002043941
2
0,004087883
Valvola 3 vie 0,556069 0,2832036 138282,9872 0,5 0,002043941
0
0 0,687608
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito totale distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Lunghezza tubi 0,556069 0,283203558 138282,9872 0,032089555 3,66 0,009602254
Curva 0,556069 0,283203558 138282,9872 1 0,004087883
3
0,012263648
Salto geodetico 0,4
Valvola sfera 0,556069 0,2832036 138282,9872 0,5 0,002043941
1
0,002043941
Valvola 3 vie 0,556069 0,2832036 138282,9872 0,5 0,002043941
2
0,004087883 0,427997725
1,115606
Numero delle curve
Perdite totali in curve
Numero delle valvole
Prevalenza pompa [m]
moto turbolento
moto turbolento
Carico [m] all'imbocco pompa
Condotta di aspirazione
moto turbolento
Numero delle valvole
Perdite in aspirazione [m]
Condotta di mandata
Stato del moto
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
moto turbolento
Perdite totali nelle valvole
Perdite totali nelle valvole
Numero delle curve
Perdite totali in curve
moto turbolento
Numero delle valvole
Perdite totali nelle valvole
Perdite totali nelle valvole
moto turbolento
Numero delle valvole

Tabella 45 - Determinazione della prevalenza della pompa del sistema di distribuzione (diametro 50 mm e portata discontinua)
Allegati di calcolo
182
0,005 0,0000196
0,02 0,000314159
0,02 0,000314159
0,99
0,0003
2
1
0,5
0,5
0,0001024
1000
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Foro 16 0,09 0,025831
Tratto 20 0,025831 0,082 16059 0,043648105 0,55 0,000414
Foro 15 0,090414 0,025890
Tratto 19 0,051721 0,165 32155 0,043648105 0,55 0,001658
Foro 14 0,092072 0,026126
Tratto 18 0,077847 0,248 48397 0,043648105 0,55 0,003756
Foro 13 0,095828 0,026654
Tratto 17 0,104501 0,333 64968 0,043648105 0,06 0,000738 0,011279 0,107846 Carico in T4 [m] venendo dal quarto dente
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 4 0,104501 0,333 64968 0,043648105 0,5 0,006154 0,011279013 0,125279
Foro 12 0,104551 0,027841 0,125282
Tratto 16 0,027841 0,089 17308 0,043648105 0,55 0,000480
Foro 11 0,105031 0,027905
Tratto 15 0,055745 0,177 34657 0,043648105 0,55 0,001926
Foro 10 0,106958 0,028159
Tratto 14 0,083904 0,267 52163 0,043648105 0,55 0,004364
Foro 9 0,111322 0,028728
Tratto 13 0,112632 0,359 70023 0,043648105 0,06 0,000858 0,013102578
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 3 0,217133 0,691 134991 0,043648105 0,5 0,026568 0,048694892 0,200541
Foro 8 0,167357 0,035224 0,200542
Tratto 12 0,035224 0,112 21899 0,043648105 0,55 0,000769
Foro 7 0,168126 0,035305
Tratto 11 0,070528 0,224 43847 0,043648105 0,55 0,003083
Foro 6 0,171209 0,035627
Tratto 10 0,106155 0,338 65997 0,043648105 0,55 0,006985
Foro 5 0,178195 0,036346
Tratto 9 0,142502 0,454 88593 0,043648105 0,06 0,001373 0,020973575
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 2 0,359635 1,145 223585 0,043648105 0,5 0,072884 0,133584223 0,407009
Foro 4 0,33966 0,050181 0,407010
Tratto 8 0,050181 0,160 31197 0,043648105 0,55 0,001561
Foro 3 0,341221 0,050296
Tratto 7 0,100477 0,320 62466 0,043648105 0,55 0,006258
Foro 2 0,347479 0,050755
Tratto 6 0,151232 0,481 94021 0,043648105 0,55 0,014177
Foro 1 0,361656 0,051780
Tratto 5 0,203012 0,646 126212 0,043648105 0,06 0,002787 0,042566994
0,562647
33,75879683
moto turbolento
Portata nel tratto 1 [L/s]
Portata nel tratto 1 [L/min]
moto turbolento
moto turbolento
Carico in T1 [m] venendo dal primo dente
moto turbolento
moto turbolento Carico in T1 [m] venendo da T2
moto turbolento
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
moto turbolento
moto turbolento Carico in T2 [m] venendo da T3
Carico in T2 [m] venendo dal secondo dente
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
moto turbolento
Carico in T3 [m] venendo dal terzo dente
moto turbolento
moto turbolento Carico in T3 [m] venendo da T4
Densit [kg/m
3
]
moto turbolento
Stato del moto
Diametro foro [m] Area foro [m
2
]
Diametro condotta di distribuzione [m] Area condotta distribuzione [m
2
]
Coefficiente di attrito raccordo a T
Diametro condotta di aspirazione [m] Area condotta aspirazione [m
2
]
Coefficiente di contrazione della vena
Scabrezza assoluta [m]
Coefficiente di attrito curva
Coefficiente di attrito valvola a sfera
Coefficiente di attrito valvola a 3 vie
Viscosit dinamica [kg/(s*m)]
moto turbolento
Stato del moto
moto turbolento
moto turbolento

Tabella 46 - Determinazione delle portate e delle perdite di carico nel sistema di distribuzione (diametro 20 mm e portata discontinua)
Allegati di calcolo
183
0,005 0,0000196
0,05 0,001963495
0,05 0,001963495
0,99
0,0003
2
1
0,5
0,5
0,0001024
1000
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Foro 16 0,00004 0,000545
Tratto 20 0,000545 0,000 135 0,472601651 0,55 0,000000
Foro 15 0,000040 0,000545
Tratto 19 0,001089 0,001 271 0,236270733 0,55 0,000000
Foro 14 0,000040 0,000545
Tratto 18 0,001634 0,001 406 0,157480405 0,55 0,000000
Foro 13 0,000040 0,000545
Tratto 17 0,002180 0,001 542 0,118075244 0,06 0,000000 0,000000 0,000040 Carico in T4 [m] venendo dal quarto dente
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 4 0,002180 0,001 542 0,118075244 0,5 0,000000 1,25613E-07 0,000040
Foro 12 0,0000405 0,000548 0,000041
Tratto 16 0,000548 0,000 136 0,469675297 0,55 0,000000
Foro 11 0,000041 0,000548
Tratto 15 0,001096 0,001 273 0,234807928 0,55 0,000000
Foro 10 0,000041 0,000548
Tratto 14 0,001644 0,001 409 0,156505613 0,55 0,000000
Foro 9 0,000041 0,000549
Tratto 13 0,002193 0,001 545 0,117344583 0,06 0,000000 1,27182E-07
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 3 0,004373 0,002 1087 0,05885439 0,5 0,000000 5,05584E-07 0,000041
Foro 8 0,0000408 0,000550 0,000041
Tratto 12 0,000550 0,000 137 0,467945364 0,55 0,000000
Foro 7 0,000041 0,000550
Tratto 11 0,001100 0,001 274 0,23394318 0,55 0,000000
Foro 6 0,000041 0,000550
Tratto 10 0,001650 0,001 410 0,155929357 0,55 0,000000
Foro 5 0,000041 0,000551
Tratto 9 0,002201 0,001 547 0,116912645 0,06 0,000000 1,28123E-07
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Tratto 2 0,006574 0,003 1635 0,0391474 0,5 0,000000 1,14273E-06 0,000042
Foro 4 0,000042 0,000558 0,000042
Tratto 8 0,000558 0,000 139 0,461211986 0,55 0,000000
Foro 3 0,000042 0,000558
Tratto 7 0,001116 0,001 278 0,230577334 0,55 0,000000
Foro 2 0,000042 0,000558
Tratto 6 0,001675 0,001 416 0,153686395 0,55 0,000000
Foro 1 0,000042 0,000559
Tratto 5 0,002233 0,001 555 0,115231405 0,06 0,000000 1,31889E-07
0,008808
0,528451291
Stato del moto
Portata nel tratto 1 [L/min]
moto laminare
moto laminare
Portata nel tratto 1 [L/s]
moto laminare
moto laminare
moto laminare Carico in T1 [m] venendo da T2
Carico in T1 [m] venendo dal primo dente
moto laminare
Stato del moto
moto laminare
moto laminare
Carico in T2 [m] venendo dal secondo dente
moto laminare
moto laminare Carico in T2 [m] venendo da T3
moto laminare
moto laminare
Stato del moto
moto laminare
moto laminare
moto laminare Carico in T3 [m] venendo da T4
Carico in T3 [m] venendo dal terzo dente
moto laminare
Stato del moto
moto laminare
moto laminare
moto laminare
Viscosit dinamica [kg/(s*m)]
Densit [kg/m
3
]
Coefficiente di attrito raccordo a T
Coefficiente di attrito curva
Coefficiente di attrito valvola a sfera
Coefficiente di attrito valvola a 3 vie
Diametro condotta di aspirazione [m] Area condotta aspirazione [m
2
]
Coefficiente di contrazione della vena
Scabrezza assoluta [m]
Diametro foro [m] Area foro [m
2
]
Diametro condotta di distribuzione [m] Area condotta distribuzione [m
2
]

Tabella 47 - Determinazione delle portate e delle perdite di carico nel sistema di distribuzione (diametro 50 mm e portata continua)

Allegati di calcolo
184





Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito totale distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Lunghezza tubi 0,000042 0,008808 0,004485634 2190,250916 0,029220396 2,50 1,49832E-06
Curva 0,008808 0,004485634 2190,250916 1 1,02553E-06
2
2,05106E-06
Salto geodetico 0,5
Valvola sfera 0,008808 0,0044856 2190,250916 0,5 5,12765E-07
2
1,02553E-06
Valvola 3 vie 0,008808 0,0044856 2190,250916 0,5 5,12765E-07
0
0 0,500047
Carico Portata Velocit Numero di Coefficiente Lunghezza Perdite Perdite
Reynolds di attrito totale distribuite concentrate
[m] [L/s] [m/s] [m] [m] [m]
Lunghezza tubi 0,008808 0,004485634 2190,250916 0,029220396 3,66 2,19354E-06
Curva 0,008808 0,004485634 2190,250916 1 1,02553E-06
3
3,07659E-06
Salto geodetico 0,4
Valvola sfera 0,008808 0,0044856 2190,250916 0,5 5,12765E-07
1
5,12765E-07
Valvola 3 vie 0,008808 0,0044856 2190,250916 0,5 5,12765E-07
2
1,02553E-06 0,400006808
0,900054
Numero delle valvole
Perdite totali nelle valvole
moto laminare
Numero delle curve
Perdite totali in curve
moto laminare
Perdite in aspirazione [m]
Prevalenza pompa [m]
Numero delle valvole
Perdite totali nelle valvole
moto laminare
moto laminare
Perdite totali nelle valvole Carico [m] all'imbocco pompa
Condotta di aspirazione
Stato del moto
Perdite totali nelle valvole
moto laminare
Numero delle valvole
Perdite totali in curve
moto laminare
Numero delle valvole
moto laminare
moto laminare
Numero delle curve
Condotta di mandata
Stato del moto

Tabella 48 - Determinazione della prevalenza della pompa del sistema di distribuzione (diametro 50 mm e portata continua)
Allegati di calcolo
185
Allegato 3 - Spinta del medium

Il riempimento del sistema di fitodepurazione spinge sulle sponde della vasca come se
fosse un terreno sciolto; le tensioni orizzontali sono calcolate con i metodi della
Geotecnica mentre la forza orizzontale limite che il palo porta determinata con il
metodo di Broms, con lipotesi che il palo sia libero di ruotare in testa e che sia infisso in
un terreno incoerente. La verifica strutturale del palo soddisfatta se il carico agente
risulta minore del carico limite che il palo pu sopportare.
I dati in ingresso richiesti sono (Tabella 49):

Dati da inserire
Ghiaia di riempimento
Sabbia di sottofondo
Terreno del sito
Densit
Porosit
Angolo di riposo
Pali
Lunghezza di infissione
Lunghezza fuori terra
Diametro
Interasse
Tensione ammissibile
Tavole
Altezza
Lunghezza
Spessore
Tensione ammissibile per rottura a momento flettente
Tabella 49 Input foglio di calcolo spinta del medium

Tramite langolo di riposo vengono calcolati i coefficienti di spinta attiva K
a
e passiva
K
b
:

( )
( )

sen
sen
K
a
+

=
1
1


( )
( )

sen
sen
K
b

+
=
1
1


Note tutte le caratteristiche del medium ed ipotizzate quelle del sito di costruzione, il
foglio elettronico calcola il peso dellunit di volume del materiale di riempimento ():

w g g g
n n + = ) 1 (

dove
g
ed n
g
rappresentano rispettivamente il peso specifico e la porosit della ghiaia e

w
il peso specifico dellacqua.
A questo punto possibile determinare landamento delle tensioni verticali e tramite il
coefficiente di spinta attiva possiamo ricavare le tensioni orizzontali (Tabella 50).

Allegati di calcolo
186
a
c
q
u
a
g
h
i
a
i
a
sabbia
2771,4
4837,5
4628,5
4419,4
2950,8
11404,1
10889,1
10889,1
10226,9
1874,2
1694,7
1515,3
1335,9
2592,0
2412,5
2233,1
2053,6
4267,4
3605,2
2943,0
1156,4
977,0
797,5
6916,1
6253,9
5591,7
4929,5
9564,8
8902,6
8240,4
7578,2
0,95
1,00
0,0
490,5
981,0
2943,0
2452,5
1962,0
1471,5
11919,2
0,80
0,85
0,90
0,90
0,60
0,65
0,70
0,75
0,40
0,45
0,50
0,55
0,25
0,30
0,30
0,35
0,05
0,10
0,15
0,20
Tensioni verticali
[N/m
2
] [N/m
2
]
0,00 0,0
Profondit [m] Tensioni orizzontali
981,0
490,5
2943,0
2452,5
1962,0
1471,5

Tabella 50 - Andamento delle tensioni verticali ed orizzontali

Riportiamo in Figura 124 landamento delle tensioni orizzontali e le grandezze
geometriche del problema:


Figura 124 - Andamento delle tensioni orizzontali

Per verificare le tavole di legno consideriamo quella posta pi in basso e, a favore di
sicurezza, ipotizziamo agire su di essa il massimo valore della tensione orizzontale (in
questo caso 4837.5 N/m
2
). Schematizziamo la tavola come una trave semplicemente
appoggiata alle estremit sulla quale agisce un carico uniformemente distribuito q pari a:
Allegati di calcolo
187

m
N
s
m
N
q 62 . 725 5 . 4837
2
= =

dove s (=15 cm) la larghezza della singola tavola.
Con i metodi della Scienza delle Costruzioni determiniamo la tensione massima dovuta
al momento flettente (
max
=1.18 N/mm
2
) e confrontiamola con la tensione ammissibile
del materiale utilizzato (
adm
=10 N/mm
2
). La verifica della tavola soddisfatta poich

adm
<
max


Adottando i simboli di Figura 124, determiniamo lentit delle forze che agiscono sul
palo ed i bracci delle forze, in modo da poter calcolare la forza risultante N ed il suo
punto di applicazione e. Riportiamo i valori in Tabella 51:

Forze agenti
H1 [N] 882,9 b1 [m] 0,7
H2 [N] 957,0 b2 [m] 0,4
H3 [N] 1292,0 b3 [m] 0,3
H4 [N] 883,9 b4 [m] 0,05
H5 [N] 41,8 b5 [m] 0,03
Risultante [N]
4057,6 0,35
Punto applicazione da P.C. [cm]

Tabella 51 - Forze agenti sulle sponde della struttura, loro risultante e punto di applicazione

Attraverso la formula seguente possiamo determinare il momento massimo (M
max
),
dovuto al terreno, agente sul palo:

3
max
816 . 0
2
3
816 . 0


+ =
b t
b t
b t
k D
N
k D
k D
N
l N M



dove, oltre ai simboli gi noti, l rappresenta la lunghezza del palo fuori terra e D il
diametro del palo.
Determinato il momento plastico del palo (M
p
) con la formula

adm p
D
M

=
3
2 3
4


segue che il meccanismo di rottura del palo avviene per palo corto poich

max
M M
p
>

La verifica soddisfatta perch risulta
Allegati di calcolo
188

N
L e
L D k
b t
>
+

3
2
1


dove L la lunghezza dinfissione del palo ed e il punto di applicazione della forza N,
misurato dal piano campagna. Il termine a sinistra del segno di disuguaglianza
rappresenta il carico limite orizzontale che il palo pu sopportare.
Riportiamo in Tabella 52 il dettaglio dei calcoli svolti per verificare la resistenza dei pali.
Allegati di calcolo
189
Caratteristiche ghiaia Caratteristiche sabbia
Densit [kg/m
3
] 1500 Densit [kg/m
3
] 1400
Peso specifico [N/m
3
] 14715 Peso specifico [N/m
3
] 13734
Porosit 0,30 Porosit 0,25
Angolo di riposo [] 35 Angolo di riposo [] 25
Coefficiente di spinta attiva 0,27 Coefficiente di spinta attiva 0,41
Coefficiente di spinta passiva 3,69 Coefficiente di spinta passiva 2,46
Caratteristiche terreno Caratteristiche acqua
Densit [kg/m
3
] 1400 Densit [kg/m
3
] 1000
Peso specifico [N/m
3
] 13734 Peso specifico [N/m
3
] 9810
Porosit
Angolo di riposo [] 40
Coefficiente di spinta attiva 0,22
Coefficiente di spinta passiva 4,60
Peso dell'unit di volume [N/m
3
]
13243,5
a
c
q
u
a
g
h
i
a
i
a
sabbia
Caratteristiche tavole
Altezza [m] 0,15
Lunghezza [m] 4,00
Spessore [m] 0,035
Momento di inerzia [m
4
] 5,36E-07
Carico distribuito [N/m] 725,62
Momento massimo [N*m] 362,8
Tensione massima [N/mm
2
] 1,18
Tensione ammissibile [N/mm
2
] 10
Caratteristiche pali
Interasse [m] 2
Diametro [m] 0,15
Lunghezza fuori terra [m] 1
Lunghezza infissione [m] 1,50
Tensione ammissibile [N\mm
2
] 11
Forze agenti Meccanismo di rottura pali
H1 [N] 882,9 b1 [m] 0,7 Momento massimo
H2 [N] 957,0 b2 [m] 0,4 dovuto al terreno [N*m] 4060,2
H3 [N] 1292,0 b3 [m] 0,3
H4 [N] 883,9 b4 [m] 0,05 Momento plastico
H5 [N] 41,8 b5 [m] 0,03 del palo [N*m] 6187,5
Risultante [N] Meccanismo di rottura palo corto
4057,6 0,35
Carico limite Hlim [N]
verificato
Punto applicazione da P.C. [cm]
2771,4
4837,5
4628,5
4419,4
2950,8
11404,1
10889,1
10889,1
10226,9
1874,2
1694,7
1515,3
1335,9
2592,0
2412,5
2233,1
2053,6
4267,4
3605,2
2943,0
1156,4
977,0
797,5
6916,1
6253,9
5591,7
4929,5
9564,8
8902,6
8240,4
7578,2
0,95
1,00
0,0
490,5
981,0
2943,0
2452,5
1962,0
1471,5
11919,2
0,80
0,85
0,90
0,90
0,60
0,65
0,70
0,75
0,40
0,45
0,50
0,55
0,25
0,30
0,30
0,35
0,05
0,10
0,15
0,20
Tensioni verticali
[N/m
2
] [N/m
2
]
0,00 0,0
Profondit [m] Tensioni orizzontali
981,0
490,5
Carico limite palo corto (Broms)
8626,25
2943,0
2452,5
1962,0
1471,5

Tabella 52 - Dettaglio dei calcoli per la verifica dei pali, sotto lazione di una forza orizzontale

190

















Ringraziamenti

Vorrei ringraziare: il prof. ing. Renato Iannelli, ling. David Giraldi e ling. Francesco
Castrogiovanni per laiuto prezioso datomi durante lo svolgimento di questo lavoro; la
mia famiglia ed in particolare Monica.