Sei sulla pagina 1di 15

Services to Banks and Investors

"L'importanza della Technical due


diligence nel finanziamento di un
progetto"

Michele Nicora
Bucarest, 28.02.2013
Indice

• Obiettivo di una corretta attività di DD Tecnica


• Fasi della Due Diligence Tecnica
• La Due Diligence Tecnica: l’analisi dei Rischi
• Track Record e Case Study (Romania)
• Settori
Obiettivo di una corretta attività di
Due Diligence Tecnica

“Il Progetto”
Sponsor Progetto sviluppato da un Developer

Banca Progetto presentato per ottenere


un finanziamento

TECHNICAL ADVISOR effettua un’indagine preventiva che


permette di prevenire rischi tecnici che possono penalizzare la
remunerabilità del progetto
Fasi della Due Diligence Tecnica

FASI PRINICPALI
Fase pre-costruzione: verifica del sito, valutazione della
producibilità, verifica del progetto (design, permitting,
componenti,etc), verifica dei requisiti tecnici (connessione alla
rete, requisiti di security, norme applicabili etc), EPC e O&M;

Fase di collaudo e messa in esercizio: verifica del


completamento dell’impianto e della connessione alla rete,
supervisione dei PAT e FAT (calcolo PR, etc) , Monitoraggio delle
attività di O&M
• I rischi di investimento

Rischio di credito
Rischi di costruzione - Rischi amministrativi Rischi di mercato
completamento Rischi legali
Rischi ambientali Rischi di
Rischio Tecnologico Rischio politico approvvigionamento
Rischi finanziari
Rischi di forza maggiore Rischi operativi

Fase di costruzione Fase operativa


La Due Diligence Tecnica:
l’analisi dei Rischi 1/2

PUNTI CHIAVE DELLA DD RISCHI


Autorizzazioni Incompletezza o incoerenza delle autorizzazioni (i.e. Building permit,
permessi per le vie di accesso, ATR...) → rischio di ritardi o arresto
lavori, rischio di mancato conferimento o revoca degli incentivi.
Costi di costruzione Rischio della dispersione del debito verso attività non pertinenti con i
costi dichiarati nell’EPC.
Verifica affidabilità Scelta di operatori non adeguati e senza esperienza nel settore delle
EPC/O&M contractor energie rinnovabili → rischio di ritardi nella costruzione, scarsa qualità
costruttiva, basse prestazioni e affidabilità impianto
Contratto EPC Contratto carente di garanzie o di protocolli di accettazione adeguati →
rischio di scarse prestazioni o scarsa affidabilità impianto
Contratto O&M Contratto carente di garanzie adeguate o di opportune penali in caso di
inadempimenti → rischio di manutenzione ordinaria inadeguata,
interventi di riparazione non tempestivi, sottoproduzione, bassa
disponibilità, scarsa reattività dell’operatore O&M in caso di guasti, non
copertura economica della mancata produzione
La Due Diligence Tecnica:
l’analisi dei Rischi 2/2
PUNTI CHIAVE DELLA DD RISCHI
Componenti utilizzati Garanzie non sufficienti → rapido decadimento della
producibilità, mancata sostituzione dei componenti in caso di
difettosità
Scarsa affidabilità del fornitore → possibile default con
conseguente mancato rispetto delle garanzie proposte
Dati di targa non adeguati → scarse prestazioni impianto
Test dopo Messa in esercizio Esecuzione non accurata delle procedure di PAC e FAC →
(Supervisione test ) prestazioni insufficienti, difficoltà riarmo impianto in caso di
blackout, sistema di monitoraggio non completo o non
calibrato, sistema di sorveglianza carente, possibili problemi di
sicurezza elettrica
Monitoraggio Esercizio Scarsa supervisione sull’esercizio dell’impianto →
manutenzione intempestiva che genera scarsa disponibilità e
prestazioni, con conseguenti perdite rilevanti di energia
prodotta; scarsa consapevolezza dello status dell’impianto
durante la sua vita
• Due Diligence in Romania

Fattori critici osservati da RINA nel corso delle Due-Diligence su impianti per la
produzione di energia da fonti rinnovabili in Romania:

• Contratti EPC/O&M: limitata esperienza degli operatori attivi in Romania


nella preparazione di contratti di appalto professionali, aderenti agli standard
di bancabilità internazionali e sufficientemente protettivi nei confronti dello
Sponsor e della banca finanziatrice

• Presenza di circa 22.000 MW di domande per nuovi allacciamenti alla rete


elettrica, a fronte di una capacità totale addizionale complessiva pari a circa
4.000 MW. Nella valutazione di un nuovo progetto è fondamentale verificare
la presenza di altre domande di connessione alla stessa cabina elettrica
(rischio saturazione linea elettrica locale, conseguente difficoltà di
connessione dell’impianto in assenza di un upgrade)
Track Record in Romania

6 progetti in Romania per un totale di circa 37 MW in ambito


fotovoltaico – Attività di Due Diligence

1 progetto eolico di 232 MW da realizzare – Attività di Pre Due


Diligence
Due Diligence in Romania - Case Study

Cliente: Noto Operatore nel Settore Rinnovabili


Location: Corabia e Izvoru
Periodo: da Dicembre 2012 (ancora in corso)
Banca finanziatrice: Unicredit Leasing Romania
Il progetto: 2 impianti Fotovoltaici a terra per un totale di 17 MW
Servizi Forniti:
•Due Diligence tecnica: verifica del progetto tecnico, verifica visiva in
sito, calcolo del PR, verifica delle attività di take over degli impianti
• Settori di applicazione

Impianti Fotovoltaici Impianti eolici Impianti idro

Impianti a biomasse Impianti a biogas


Alcuni Clienti in Romania

Banche /
Società di Leasing
RINA ROMANIA GROUP

Nasce nel 2011 dall’unione di


RINA ROMANIA E l’Ente
Nasce nel 2006 di Certificazione rumeno Acquisita nel 2012
Dipendenti: 7 SIMTEX
Dipendenti: 100
Dipendenti: 17
Sede uffici: Bucarest Sede uffici: Bucarest, Timisoara, Sede uffici: Bucarest,
Constanza e Chisinau
(Repubblica di Moldavia)
RINA ROMANIA GROUP

Una piattaforma consolidata


per crescere
Banks & Investors
Contatti
Michele Nicora Delia Raucescu
Email: michele.nicora@rina.org Email: delia.raucescu@rina.org
Genova, Via Liri 8A Bucuresti S5, Str. L. Anastasievici, 4D
Fisso: +390105385819 Fisso: +40216190353
Cell.: +393346611167 Cell.: +40737700750

Released on 26th February 2013