Sei sulla pagina 1di 159

Microtech 6XX PC

Microtech 6XX ISO


Genio S
MICROGEL
INTERLAB G26

Ver. 16
INTERLAB S.r.l.

Via Rina Monti N 26 C.A.P. 00155 Roma Italia

Tel. +39 06 22754350 Fax +39 06 22754534

e-mail: info@interlab-srl.com

Ver. 16
Sommario
I Elfolab 16.x

Sommario

Installazione dei software 5

1 Un nuovo giorno di lavoro 30


1.1 Avvio del programma 30
1.2 Aprire il database 31
1.3 Inserimento Pazienti 31
1.4 Importare ed esportare dati da un file 34
1.5 Visualizzazione Elenco Pazienti 37
1.6 Interagire con gli strumenti 38
1.7 Area dei Valori 39
1.8 Stampa dei risultati 40

2 Interagire con Microtech e Genio 43


2.1 Avviare la connessione 43
2.2 Selezione delle metodiche 44
2.3 Pannello di Comando 45
2.4 Status dello Strumento 47
2.5 Metodiche senza lettura 49

3 Interagire con Microgel e Interlab G26 53


3.1 Avvio di Microgel o Interlab G26 53
3.2 Elaborazione dei dati 55
3.3 Ricalcolo dei dati 56
3.4 Immunofissazioni 57
3.5 Il Campionatore ASD52 60

Ver. 16
Sommario
II Elfolab 16.x

4 Impostazioni del programma 67


4.1 Lingua 67
4.2 Laboratorio 68
4.3 Scelta del carattere 68
4.4 Tipo Stampa 69
4.5 Setup stampa 73
4.6 Gestione Specie 75
4.7 Impostazione dei Valori Normali 77
4.8 Setup Calculus 78
4.9 Intensit colore tracciato 82
4.10 Parametri Generali 83
4.11 Impostazioni Host 91

5 Operare sugli archivi 94


5.1 Aprire lArchivio di lavoro 94
5.2 Inserimento dati Pazienti 95
5.3 Visualizzazione elenco Pazienti 96
5.4 Navigare nel Database 96
5.5 Inserimento Note 98
5.5.1 Azioni sulla nota del paziente 99
5.5.2 Azioni sullarchivio note 101
5.6 La ricerca dei pazienti 102
5.6.1 Filtro dei dati 102
5.6.2 Storico paziente 104
5.6.3 Filtro automatico 107
5.6.4 Dati Collegati 107
5.7 Cancellazione di un Paziente 108
5.8 Archivio Patologico 109
5.9 Passaggio archivio giornaliero - archivio storico 110

Ver. 16
Sommario
III Elfolab 16.x

5.10 Copia di backup dellarchivio 111


5.11 Consultazione vecchi archivi 113

6 Correzioni sul tracciato grafico 116


6.1 Descrizione Comandi 117
6.1.1 Inserimento di un minimo 117
6.1.2 Rimozione di un minimo 118
6.1.3 Definizione di una nuova linea base 119
6.1.4 Misurazione della percentuale di area 120
6.1.5 Inviluppi sul tracciato grafico 120
6.1.6 Definizione di un nuovo punto di origine del grafico 121
6.1.7 Traslazione del grafico 121
6.1.8 Righello di misurazione 122
6.1.9 Densit Ottica 122
6.1.10 Densit Ottica Effetto Zoom 123
6.1.11 Inizio e Fine tracciato 124
6.1.12 Ricalcolo frazioni 125
6.1.13 Componenti monoclonali 125
6.1.14 Curva di riferimento 126
6.1.15 Controllo di Qualit 126
6.1.16 Salvataggio grafico 127
6.1.17 Annullamento modifiche 127
6.1.18 Filtro sul grafico 127
6.1.19 Cancellare un grafico 128

7 Controllo di Qualit 130


7.1 Il Q.C. 130
7.2 Accesso alle schermate del Q.C. 130

Ver. 16
Sommario
IV Elfolab 16.x

7.3 Inizializzare un Nuovo QC 131


7.4 Visualizzazione e stampa dei dati 133

8 Componenti monoclonali automatiche 139


8.1 SMC automatici 139
8.2 La maschera SMC 140

La maschera per selezione automatica degli SMC si presenta


come in figura seguente. 140
8.2.1 Selezione dellSMC automatico 140
8.2.2 Selezione dellSMC manuale 143
8.2.3 Visualizzazione frazioni 143
8.2.4 Stampa 144
8.2.5 Ricerca Minimi 144
8.2.6 Ricerca Massimi 145
8.2.7 Ricerca Flessi 146
8.2.8 Filtro 147
8.3 Allarme Anomalie 149
8.4 Finestre di Setup 150
8.4.1 Setup Parametri 150
8.4.2 Setup Stampa 151
8.4.3 Setup Colore 152

Indice delle icone e dei simboli 154

Ver. 16
Sommario
V Elfolab 16.x

Non tutte le funzioni e le metodiche sono presenti in ogni


strumento. Lutente, nel consultare il manuale, dovr tenere
Nota! conto soltanto della funzionalit presenti nel software Elfolab
relativo allo strumento in uso.

Ver. 16
6 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Installazione dei software

I software Elfolab, Microgel, Interlab G26 sono forniti su CD-Rom da 700


Mb sulla cui etichetta specificato il titolo e le rispettive versioni dei due
programmi.

Requisiti minimi di sistema


Per essere installati correttamente i software Elfolab, Microgel e INTERLAB
G26 hanno bisogno di:

Personal Computer: Intel Core, Intel i5, i7 o superiori;


RAM: 1 GB minima;
Monitor: 64k Colori con una risoluzione di almeno 1024x768 pixel;
Spazio libero s u Hard-Disk: 5 GB minimo;
Sistema Operativo: Windows XP, Windows Vista, o Windows 7.

Prestazioni massime

Per evitare problemi sul collegamento tra PC e strumenti occorre sempre


settare il PC per massimizzare le sue prestazioni:
Lo schermo non deve mai essere spento;
I dischi rigidi non devono essere mai disattivati;
Il PC non deve mai andare in stand-by;
Il PC non deve mai andare in sospensione.
E possibile settare queste impostazioni dal Pannello di Controllo->Opzioni
Risparmio Energia.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 7

Operazioni preliminari per chi utilizza Windows Vista


Gli utenti che utilizzano Windows Vista, prima di installare i software
Elfolab, Microgel o INTERLAB G26, devono rimuovere alcune protezioni che
impediscono il corretto funzionamento dei programmi.
Rimozione di Windows Defender
1. Entrare nel Pannello di Controllo dal Menu Start del PC in basso a sinistra.

2. Selezionare licona Windows Defender.

Ver. 16
8 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

3. Selezionare licona Strumenti.

4. Selezionare licona Opzioni.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 9

5. Rimuovere tutte le Opzioni.

Ver. 16
10 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

6. Salvare le modifiche.

Rimozione Controllo Account Utente

1. Entrare nel Pannello di Controllo dal Menu Start del PC in basso a sinistra.
2. Selezionare licona Account Utente.

3. Selezionare licona Attiva o disattiva Controllo account utente.

4. Disattivare il Controllo account utente e premere OK.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 11

5. Riavviare il PC.

Operazioni preliminari per chi utilizza Windows 7

Gli utenti che utilizzano Windows 7, prima di installare i software


ELFOLAB o INTERLAB G26, devono rimuovere alcune protezioni che
impediscono il corretto funzionamento dei programmi.

Rimozione controllo Account Utente


1. Entrare nel Pannello di Controllo dal Menu Start del PC in
basso a sinistra.

Ver. 16
12 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

2. Selezionare Sistema e sicurezza.

3. Selezionare Modifica le impostazioni di Controllo


dellaccount utente.

4. Abbassare la barra tutta in basso.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 13

5. Cliccare su OK.

6. Riavviare il PC.

Ver. 16
14 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Procedura di Installazione

Nel caso si tratti di una reinstallazione o dellinstallazione di un aggiornamento,


necessario eseguire una procedura di disinstallazione della versione precedente
Nota!
prima di caricare nuovamente Elfolab, Microgel o INTERLAB G26 sul computer .

Installazione software Elfolab

1. Inserire il CD INTERLAB CD nel lettore CD del PC.


2. Selezionare licona Apri cartella per visualizzare i file utilizzando Esplora
Risorse.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 15

3. Selezionare la cartella Software.

4. Selezionare la cartella Elfolab x.x.x presente nel CD.

5. Selezionare licona Setup.exe.

Ver. 16
16 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

6. Chiudere tutte le applicazione e selezionare OK.

7. Scegliere la directory di installazione (consigliabile quella gi impostata) e


premere il pulsante con licona del PC.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 17

8. Selezionare Continua.

9. Allinterno della cartella Elfolab x.x.x selezionare licona


fm2paste.exe.

Ver. 16
18 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

10. Selezionare Esegui.

11. Selezionare S.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 19

12. Selezionare Yes.

Installazione software Microgel (solo per lo strumento


Microgel)

1. Inserire il CD INTERLAB CD nel lettore CD del PC.


2. Selezionare licona Apri cartella per visualizzare i file utilizzando Esplora
Risorse
3. Selezionare la cartella Software.
4. Selezionare la cartella Microgel x.x.x presente nel CD.
5. Selezionare licona Setup.exe.
6. Chiudere tutte le applicazione e selezionare O K.
7. Scegliere la directory di installazione (consigliabile quella gi impostata) e
premere il pulsante con licona del PC.
8. Selezionare Continua.

Ver. 16
20 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Installazione software Interlab G26 Serie 36

1. Inserire il CD INTERLAB CD nel lettore CD del PC.


2. Selezionare licona Apri cartella per visualizzare i file utilizzando Esplora
Risorse.
3. Selezionare la cartella Software.
4. Selezionare la cartella Interlab G26 (Series 36).
5. Selezionare la cartella Interlab G26 x.x.x.
6. Selezionare licona Setup.exe.
7. Chiudere tutte le applicazione e selezionare OK.
8. Scegliere la directory di installazione (consigliabile quella gi impostata) e
premere il pulsante con licona del PC.
9. Selezionare Continua.

Installazione software Interlab G26 Serie 33


1. Inserire il CD INTERLAB CD nel lettore CD del PC.
2. Selezionare licona Apri cartella per visualizzare i file utilizzando Esplora
Risorse.
3. Selezionare la cartella Software.
4. Selezionare la cartella Interlab G26 (Series 33).
5. Selezionare il file di setupG26 v x.x.x.exe e premere il pulsante Apri.
6. Selezionare la lingua desiderata (Italiano o Inglese)

7. Accettare i termini e selezionare Avanti;

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 21

8. Non inserire alcun dato su Nome Utente e Societ e selezionare


Avanti;

9. Selezionare la cartella di destinazione (si consiglia di lasciare quella


gi impostata di default) e selezionare Avanti;

Ver. 16
22 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

10. Selezionare Installa;

11. Fare un click sul pulsante Fine senza selezionare il box Launch
InterlabG26

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 23

Note sullinstallazione
possibile che, durante linstallazione, appaia una finestra con un
messaggio del tipo:

Windows XP/Vista si accorto che le librerie ed i file di sistema presenti


sui dischetti sono pi recenti di quelli del sistema, per cui propone un
aggiornamento. Per proseguire con laggiornamento si sceglie OK e si prosegue
apparentemente con linstallazione di Elfolab/Microgel. Il programma di Setup
far apparire una finestra con il seguente messaggio:

Ver. 16
24 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Togliere il dischetto dal drive e rispondere affermativamente.


Quando il computer si riavvier, risulter aggiornato con le librerie ed i file
corretti. A questo punto si pu procedere con linstallazione di Elfolab/Microgel
come descritto nella Procedura di installazione.

Se durante linstallazione del software INTERLAB G26 appare il seguente


messaggio occorre sele zionare Ok.

Procedura di disinstallazione di Elfolab, Microgel o


INTERLAB G26
1. Allaccensione del computer, Windows si avvier presentando il desktop.
2. Selezionare il pulsante Avvio della Barra delle Applicazioni.
3. Selezionare la voce Pannello di controllo.
4. Nel Pannello di controllo fare doppio click su Installazione applicazioni.
5. Nella finestra di dialogo di Installazione applicazioni selezionare Elfolab,
Microgel o InterlabG26 dalla lista
6. di applicazioni attualmente installate e fare un click sul pulsante
Aggiungi/Rimuovi.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 25

7. Rispondere S alla richiesta di conferma della rimozione di Elfolab,


Microgel o InterlabG26 dal computer.
8. possibile che si presenti una finestra che richiede se mantenere o no i file
condivisi. E consigliabile scegliere lopzione Rimuovi tutti.
9. Windows XP/Vista/7 provveder automaticamente a cancellare i file
dellapplicazione dallHard-Disk e a rimuovere i riferimenti
dellapplicazione dai file di registro di Windows, dopodich presenter il
messaggio di avvenuta disinstallazione.
10. Facendo un click su OK si concluder loperazione.

La disinstallazione di Elfolab e/o Microgel e/o InterlabG26 non


Nota! cancella il database di lavoro.

Primo avvio del programma


Se linstallazione avvenuta correttamente, nel men dei programmi di
Windows XP/Vista comparir licona di Elfolab. Per accedervi:
1) Selezionare il pulsante Avvio della Barra delle Applicazioni.
2) Selezionare la voce Programmi.
3) Fare un click sullicona Elfolab.
Al primo avvio di Elfolab, apparir la schermata seguente:

Ver. 16
26 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Il programma richiede di selezionare lo strumento da installare con


un click sulla casella corrispondente.
Per gli strumenti che lo consentono possibile poi scegliere di
utilizzare uno scanner per lacquisizione delle immagini per la
metodica immunofissazione.
Inoltre, giacch in alcuni se si ha una versione della EEPROM
uguale o pi recente della 4.18 possibile scegliere il numero di
deposizioni per striscia, occorre selezionare anche la EEPROM che
lutente ha a disposizione.
Se si intende utilizzare il campionatore automatico ASD52 (solo per
Microgel o INTERLAB G26) spuntare l'apposita casella;
successivamente premere OK.
Una volta scelto lo strumento premere OK.
Apparir la seguente schermata:

Premere il bottone per procedere al primo avvio del


software.

Laddove esistano descrizioni sul numero di record o di pazienti, bisogna

Nota! considerare che i pazienti sono:

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 27

48 per Microtech 648PC e ISO


72 per Microtech 672PC
8 per Genio S

Ver. 16
28 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Un nuovo giorno di
lavoro

In questo capitolo:

A prima vista
Avviare il programma
Aprire il database
Inserire i Pazienti
Visualizzare Elenco Pazienti
Importare ed esportare dati
Connettersi con lo strumento
Leggere i risultati
Stampare i risultati

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 29

A prima vista
Gestione
Anagrafica Area
dei Pazienti Comandi Area
principali Valori

Area Area Lettura


Grafica Dati
dei
Risultati

Tutti i bottoni dellArea Comandi principali quando non utilizzabili

Nota! saranno disabilitati e colorati a toni in scala di grigio.

Ver. 16
30 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

1 Un nuovo giorno di lavoro

1.1 Avvio del programma

Se linstallazione avvenuta correttamente, nel men dei programmi di


Windows XP/Vista comparir licona di Elfolab. Per accedervi:

1) Selezionare il pulsante Avvio della Barra delle Applicazioni.


2) Selezionare la voce Programmi.
3) Fare un click sullicona Elfolab.
4) Se si scelto lo strumento Microgel o INTERLAB G26, la prima volta
che si avvia il programma verr richiesto di selezionare la directory
ove stato installato il file Microgel.exe (icona ) o INTERLAB

G26.exe (icona per la serie 33 e icona Errore. Non si possono


creare oggetti dalla modifica di codici di campo.per la serie 36).
Lutente dovr cercare e selezionare il file corretto (generalmente esso
si trova nella directory C:\Programmi\Microgel o
C:\Programmi\INTERLAB G26)

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 31

5) Il software si avvia mostrando la seguente schermata (limmagine


dipende dallo strumento selezionato):

1.2 Aprire il database

Per aprire il selezionare la voce Apri archivio dal men Archivio.

Database o Archivio: Un database lelenco delle informazioni


Nota! possedute sui pazienti. Il database si divide in una parte storica e una
giornaliera. I dati ricevuti dagli strumenti vengono dapprima ricevuti nella
sessione giornaliera; successivamente possibile registrarli in modo
definitivo andando cos ad arricchire la parte detta storica o generale.

1.3 Inserimento Pazienti

Il database inizialmente vuoto. Per inserire nuovi pazienti:

Ver. 16
32 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

1) Fare click su oppure selezionare la voce Archivio giornaliero


dal men Archivio;

2) Nella schermata:

rispondere Nuovo Archivio Giornaliero .


Nel caso si abbia lo strumento Microgel o Interlab G26 occorre selezionare, la
metodica corrispondente al Telaio (per il Microgel) o alla Sessione (per lInterlab
G26) da analizzare.

oppure rimandare la decisione ad un momento successivo. In questo caso baster,

alloccorrenza selezionare il bottone per il Microgel o per


lINTERLAB G26 e si potranno selezionare i restanti telai o sessioni.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 33

Verranno cos creati dei record vuoti e pronti per linserimento delle nuove
informazioni.
Al primo paziente viene automaticamente associato il primo tracciato, al
successivo paziente il secondo tracciato e cos via fino allesaurimento dei record
disponibili.

Se si vogliono recuperare i dati dellulti ma sessione effettuata

occorre selezionare .
Attenzione!

Una scelta errata pu disallineare i grafici dei pazienti con le


rispettive anagrafiche. Nel caso in cui non si sappia preventivamente che
metodica sar avviata, nello strumento Microgel, si consiglia di selezionare
Attenzione!
lopzione Seleziona in seguito.

3) Per inserire i dati di un paziente occorre riempire lArea Anagrafica


dei pazienti. possibile passare da un campo al successivo utilizzando
il tasto TAB della tastiera. To enter information for a patient to refill
the Area Master of patients. You can move from one field to the next
using the TAB key on the keyboard.

4) Per passare ad inserire le informazioni del paziente successivo


sufficiente premere il tasto Enter/Invio della tastiera.

Record: Ad ogni paziente competer un record che conterr tutte le


informazioni necessarie per la sua identificazione ed alcune eventuali note.
Nota!

Ver. 16
34 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

1.4 Importare ed esportare dati da un file

Se la macchina collegata ad ununit centrale dinformazioni, possibile


ricevere da questa dei dati sotto forma di file ascii con estensione .asc, cliccando

sullicona presente nella schermata principale oppure attraverso il


comando Importa i dati dal filepresente nel men File.

Tali comando accessibile solo se ci si trova a lavorare nel database


giornaliero che , dunque, pronto per linserimento dellanagrafica dei pazienti.

Nello stesso men c anche il comando Esporta i dati sul file utile per
linvio dei dati, sempre in formato ascii. E anche possibile utilizzare licona

Con il comando Importa i dati dal file possibile ricevere dal Sistema
Centrale le informazioni relative ai pazienti. Successivamente, dopo aver
proceduto allanalisi e aver associato a ciascun paziente il proprio risultato, con il
comando Esporta i dati sul file si possono inviare al Sistema Centrale i dati
contenenti lID paziente, il risultato dellanalisi ed il grafico in formato numerico
esadecimale (vedi protocollo di comunicazione).

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 35

E possibile scegliere la modalit con cui importare i dati dal file, ossia
abbinandoli agli ID inseriti in precedenza, oppure importandoli in maniera
sequenziale.

Nel momento in cui viene letta dal programma la lista proveniente da Host
viene mostrata allutente la seguente maschera descrittiva:

Ver. 16
36 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

La prima colonna conterr i valori presenti in Elfolab prima


dellimportazione.
La seconda colonna conterr la lista dei record provenienti da Host che sono
stati abbinati con i record gi presenti in Elfolab.
La terza colonna visualizzer la lista Host.
In verde saranno colorati tutti i record che formeranno la lista futura qualora
si scelga di importare i dati.
In giallo saranno evidenziati i record della lista Host che hanno trovato un
corretto abbinamento con la lista presente in Elfolab.
Finch non si selezio na il bottone Importa i dati labbinamento non verr
effettuato e la lista rester quella gi presente in Elfolab.
I bottoni in fondo alla maschera permettono di importare i dati, uscire senza
importare, stampare la lista Host e la lista Host dei record non abbinati.
Labbinamento tra i dati presenti in Elfolab e quelli
presenti nella lista Host avviene solo ed esclusivamente
tramite il Campo ID Paziente!
Attenzione!

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 37

1.5 Visualizzazione Elenco Pazienti

Terminato linserimento, o in qualunque momento di esso, possibile,

facendo un click su oppure selezionando la voce Visualizza Elenco dal


men File, visualizzare lElenco Pazienti dove sono riportati i riferimenti
essenziali di ciascuno di essi.

In questa maschera possibile modificare o aggiungere dati, salvare le


modifiche e stampare la lista.
Nella maschera Visualizzazione possibile selezionare i telai o le
sessioni da visualizzare e stampare.
Nella maschera Enter tastiera possibile decidere come avanzare nei
campi della tabella premendo del tasto Enter/Invio.

Ver. 16
38 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

Per selezionare i campi da visualizzare e stampare nella lista pazienti


occorre accedere al Menu->Impostazioni->Impostazioni Lista pazienti.
I campi stampabili possono essere al massimo 6.

I dati dei pazienti inseriti nellarchivio temporaneo, potranno essere


immagazzinati e costituire lo storico attraverso lopzione Salva ultima Lettura che

si trova nel men Archivio oppure cliccando sullicona presente nella


schermata principale. Se nel Menu Impostazioni->Parametri generali
impostato il Salvataggio automatico dellArchivio giornaliero i dati saranno
comunque salvati automaticamente chiudendo Elfolab.

1.6 Interagire con gli strumenti

Per il collegamento con gli strumenti e lavvio delle analisi si rimanda ai


capitoli 2 e 3 per i diversi strumenti a disposizione.

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 39

1.7 Area dei Valori

Una volta ricevuti i dati dagli strumenti Elfolab visualizzer il grafico, i


nomi e i valori delle frazioni elaborate sia in % che in concentrazione.
Inoltre unicona permetter di osservare subito se i valori acquisiti rientrano
nei range di normalit, apparendo rossa in caso d anomalie. In questo caso
lutente potr inoltre osservare in rosso la differenza tra il minimo o il massimo
valore di normalit accettato e il valore presente.
Infine cliccando il bottone Conc. si potr osservare se lanomalia
presente anche in concentrazione.

E possibile infine, alloccorrenza, modificare il nome di una frazione


direttamente da questa schermata cliccando nel relativo campo ove il nome.
Nel capitolo 4 possibile vedere come editare i nomi e i range di default delle
frazioni per le diverse metodiche.

Ver. 16
40 Un nuovo giorno di lavoro Elfolab 16.x

E possibile processare uno o pi campioni di Proteine urinarie o CSF durante


lanalisi Sieroproteine. Il software Elfolab permette, dopo la ricezione dei dati, di
assegnare al campione processato la corretta metodica, cliccando su uno dei due
tasti posti sulla destra in basso nella finestra principale di Elfolab

1.8 Stampa dei risultati

Le diverse possibilit di stampa appaiono immediatamente alla pressione

dellicona o alla selezione della voce Stampa presente nel men File, e la
seguente finestra permette una semplice e immediata scelta:

possibile stampare il referto con il risultato delle analisi del paziente


attualmente in schermata o dei soli pazienti corrispondenti a certe caratteristiche
predefinite e richiamate con dei filtri. possibile stampare, inoltre, tutti i pazienti

Ver. 16
Elfolab 16.x Un nuovo giorno di lavoro 41

del database temporaneo o una parte di essi da indicare in intervallo sulla base del
numero progressivo.
Tutte le possibili opzioni di stampa sono mostrate nel paragrafo 4.5.

Ver. 16
42 Interagire con Microtech e Genio Elfolab 16.x

Interagire con
Microtech e
Genio

In questo capitolo:

Avviare la connessione
Selezione delle metodiche
Il pannello di comando
Lo Status dello strumento
Metodiche senza lettura

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microtech e Genio 43

2 Interagire con Microtech e Genio

2.1 Avviare la connessione

La comunicazione con lo strumento viene impostata per mezzo di due


parametri che riguardano la porta di comunicazione (Com Port) e la velocit
di trasferimento dei dati (Baud Rate) tra il computer e lo strumento.

1) La scelta avviene semplicemente cliccando sulla porta o sulla velocit


desiderata. Da notare che, una volta connessi, la porta non pi modificabile.

2) Per connettersi con lo strumento, cliccare una volta su oppure


selezionare la voce Connessione con lo strumento dal men File.

La conferma della riuscita connessione la si ha dal messaggio che compare


nella barra dei messaggi alla base del pannello:

e dalla comparsa, nel piccolo box ad essa attiguo, del simbolo .

Ver. 16
44 Interagire con Microtech e Genio Elfolab 16.x

Nella stessa barra appaiono dei messaggi di errore nel caso in cui si
verifichino dei problemi. In questa eventualit provare a verificare la connessione
e a consultare la manualistica dello strumento.

Prima di connettersi con lo strumento bene assicurarsi di


Attenzione! averlo acceso!

2.2 Selezione delle metodiche

Una volta connesso il Computer con lo strumento, occorre scegliere sui men
delle Metodiche il tipo di analisi che si desidera effettuare. Esiste un men per le
Metodiche con lettura ed uno per le Metodiche senza lettura.

Le metodiche che compaiono in queste tendine sono diverse a


seconda dellapparecchio installato.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microtech e Genio 45

2.3 Pannello di Comando

Alla selezione di una metodica, segue immediatamente la comparsa del


Pannello di Comando.

Nellarea superiore della finestra si scelgono le strisce da analizzare


semplicemente selezionando con il mouse le caselline corrispondenti alle strisce
che si desidera analizzare e facendo comparire il segno di spunta.
Una volta avvenuta lanalisi, con la stessa modalit si selezionano, nella
parte inferiore della finestra, le strisce analizzate delle quali si desidera acquisire i
dati.
Di seguito i significati dei comandi:

Avvia la procedura di analisi;

Sospende il ciclo (concludendo lo step);

Riprende da dove si era sospeso;

Si utilizza semplicemente per leggere una striscia gi analizzata


(ad esempio del giorno prima o darchivio) e per utilizzarlo
necessario indicare in quale alloggiamento posta la striscia da
leggere;

Ver. 16
46 Interagire con Microtech e Genio Elfolab 16.x

Va selezionato affinch lo strumento controlli i componenti


presenti al suo interno rilevando eventuali anomalie.
A conclusione del check pu apparire una finestra con dei
messaggi che informano delle cause degli inconvenienti. In
caso ve ne siano, occorre innanzitutto risolverli e poi cliccare
su e poi di nuovo su per far iniziare
lanalisi delle strisce individuate automaticamente dallo
strumento;

Fa eseguire, senza pause, un ciclo completo allo strumento.


Serve a verificare il corretto funzionamento della macchina che
esegue, con questo comando, tutti i movimenti richiesti per
unanalisi.

Nellarea inferiore della finestra del Pannello di Comando, sono presenti


altri pulsanti che consentono di trattare la ricezione dei dati:

Avvia, dopo aver selezionato le strisce da ricevere, la


ricezione dei dati gi preventivamente analizzati per un
nuovo ricalcolo;

Riacquisisce i dati gi letti alla luce delle varia zioni


apportate ai parametri (operazione eseguita in Setup-
Calculus). Si attiva solo se si sono gi ricevuti i dati
relativi alle strisce cui si intende applicarlo.

Inoltre, nella zona centrale della finestra ricordata se la tecnica


selezionata quella micro o semi- micro (vedere capitolo 4.6).

N.B. Per lo strumento Genio S quando si seleziona


compare la seguente maschera che permette di scegliere se la striscia
analizzata da 4 o da 8 tracciati:

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microtech e Genio 47

2.4 Status dello Strumento

Nel Panne llo di Comando presente il pulsante .


Con esso possibile visualizzare in qualsiasi momento lo stato
davanzamento delle analisi compiute dalla macchina e le impostazioni
correnti dellanalisi. La finestra che fornisce tutte queste informazioni la
seguente:

Ver. 16
48 Interagire con Microtech e Genio Elfolab 16.x

Da questa finestra, leggermente diversa a seconda della metodica


selezionata, si torna al Pannello di Comando cliccando sul pulsante
.
In essa possibile seguire, striscia per striscia, tutte le operazioni che lo
strumento compie a partire dallimbibizione fino a giungere alla lettura delle
tracce. Essa pu essere richiamata anche durante una simulazione (pulsante
) per controllare con precisione lesecuzione delle diverse operazioni
in ciascuna metodica.
Sulla sinistra sono indicate le operazioni che la macchina esegue in base alla
metodica selezionata. Sulla destra sono riportate delle informazioni di stato e di
impostazione dello strumento.
Nellarea Analisi evidenziata la metodica
selezionata ed indicato lo stato del processo. La
voce In Attesa indica che lo strumento sta
completando loperazione in corso prima di
sospendere un ciclo.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microtech e Genio 49

Nellarea Tempi di fine Fase sono indicati il


tempo totale trascorso dallinizio dellanalisi, ed il
tempo rimasto per la conclusione della fase in corso
per ciascuna striscia.

Infine sono riportate le informazioni essenziali


sui parametri che governano il processo.

Lo stato di avanzamento delle operazioni evidenziato dalla comparsa del


logo Interlab sulla colonna di riferimento di ciascuna striscia.

2.5 Metodiche senza lettura

Strisce da
analizzare

1) Nellarea superiore della finestra si scelgono le strisce da analizzare


semplicemente selezionando con il mouse le caselline corrispondenti
alle strisce e facendo comparire il segno di spunta.

2) Successivamente, un click sul pulsante avvier la


procedura di analisi.

Ver. 16
50 Interagire con Microtech e Genio Elfolab 16.x

3) Se si dispone di uno scanner (cfr. Primo avvio, pag.25), possibile


procedere alla fase di acquisizione immagini solo per la metodica
Immunofissazione. In questo caso:
Disporre le strisce con le analisi sullo scanner;

Cliccare sul pulsante ;

Selezionare lo scanner disponibile nella finestra che appare:

Avviare la scansione con il pulsante ;

Con il pulsante possibile ingrandire limmagine ottenuta;

Salvare, eventualmente, limmagine nella directory opportuna

per mezzo del pulsante ;

Ad acquisizione avvenuta tornare al pannello comandi

metodiche con il pulsante .

Il pulsante non appare se non si dispone di uno scanner (cfr. Primo

Nota! avvio, pag.25).

4) Infine, una volta tornati alla finestra principale, si associa ad ogni


Paziente il corrispondente risultato danalisi e si passa al men di
stampa delle schede ottenute

A seconda che nellinstallazione (cfr. Primo Avvio, pag.25) si sia indicata o


meno la disponibilit di uno scanner, nellArea Grafica dei Risultati (cfr. pag.29)

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microtech e Genio 51

pu comparire o no limmagine di una striscia fornita dallapparecchio a seguito


di unanalisi:
se non disponibile uno scanner, nellArea Grafica dei Risultati appare
unimmagine che la riproduzione di una striscia ed possibile riportare
levidenza delle analisi ottenute selezionando le caselline sotto
limmagine (vedere figura soprastante);

se stato possibile utilizzare uno scanner per lacquisizione dei dati, dal
foglio si sono ottenute automaticamente 6 nuove schede paziente,
ognuna delle quali pu essere registrata con i dati anagrafici del paziente
e con unimmagine della sua striscia.

Ver. 16
52 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

Interagire con
Microgel e Interlab
G26

In questo capitolo:

Avviare il software Microgel


Avviare il software Interlab
G26
Elaborare i dati ricevuti
Ricalcolare i dati
Immunofissazioni

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 53

3 Interagire con Microgel e Interlab


G26
3.1 Avvio di Microgel o Interlab G26

Per lanciare il software Microgel o Interlab G26 occorre aprire larchivio e


posizionarsi nel database giornaliero.
Successivamente occorre selezionare, per lo strumento Microgel, licona

o la voce di men Avvia Microgel o come illustrato in figura:

Per lo strumento Interlab G26, occorre invece selezionare licona o la


voce di men Avvia Interlab G26.

Ogni qualvolta si seleziona la voce di men Avvia Microgel lapplicazione


Microgel si avvier automaticamente mostrando il pannello principale
dellapplicazione:

Ver. 16
54 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

La voce di Menu Avvia Microgel sar abilitata solo Microgel non gi in


esecuzione.

Ogni qualvolt a si seleziona la voce di men Avvia Interlab G26 Serie 33


lapplicazione Interlab G26 si avvier automaticamente mostrando il pannello:
principale dellapplicazione:

Ogni qualvolta si seleziona la voce di men Avvia Interlab G26 Serie 36


lapplicazione Interlab G26 si avvier automaticamente mostrando il pannello:
principale dellapplicazione:

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 55

La voce di Menu Avvia Interlab G26 sar abilitata solo Interlab G26 non
gi in esecuzione.

3.2 Elaborazione dei dati

Una volta effettuata lanalisi e ricevuti i dati dallo strumento, essi verranno
automaticamente trasferiti a Elfolab dove sar possibile vederli a video, elaborarli
e stamparli. Durante il trasferimento apparir la seguente schermata:

Ver. 16
56 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

Al termine del trasferimento sar possibile vedere i tracciati elaborati

3.3 Ricalcolo dei dati

Se si rende necessario ricalcolare i dati gi letti alla luce delle variazioni


apportate ad alcuni parametri di calcolo (operazione eseguita in Setup-
Calcolo), sufficiente ciccare sul menu Ricalcolo Dati:

Apparir il seguente pannello di scelta Gel:

Selezionare i gel o le sessioni desiderati e premere il tasto

, al termine della ricezione sar possibile vedere i tracciati


rielaborati con le variazioni apportate.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 57

Se si desidera rielaborare tutti i tracciati, attivare il box Seleziona Tutti.


Per uscire dalla schermata sufficiente premere il tasto

3.4 Immunofissazioni

Limmunofissazione una metodica senza lettura che necessita quindi


di uno scanner per acquisire le immagini dei gel analizzati.
Per acquisire i dati delle analisi di immunofissazione per mezzo dello
Scanner gi installato nel sistema, si procede in questo modo:

1. Dal pannello principale di Elfolab cliccare sul bottone oppure sul men
Scansione IFE.

2. Inserire la mascherina scanner nera con il fronte rivolto verso loperatore.


3. Inserire appositamente i gel con il fronte rivolto verso lo scanner dentro le la
mascherina scanner nellordine indicato nella mascherina..
4. Selezionare in Elfolab telai a cui si riferiscono i gel: 1-2 o 3-4 (Figura 1) nel
caso di Microgel e 1-4 o 4-8 nel caso di Interlab G26.

Cliccare sul pulsante per avviare la scansione dei gel sui primi due telai (o le

prime 4 sessioni per Interlab G26) e su per avviare la scansione dei gel sui
telai 3 e 4 (o le seconde 4 sessioni per Interlab G26).

5. Visualizzare alloccorrenza lintera scansione con il tasto (Anteprima a


tutto schermo).

6. Salvare con il bottone le immagini nel database. E possibile verificare la


correttezza dei salvataggi tornando alla finestra principale e verificando che le
immagini che competono a ciascun Paziente siano tutte regolarmente visualizzate.

Ver. 16
58 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

Con il pulsante possibile impostare lo Scanner utilizzato:

E possibile inserire nella parte destre di Elfolab, nellarea valori una volta
terminata la scansione, se disponibili, i valori nefelometrici del paziente.

Valori Nefelometrici

E possibile osservare in maniera migliore ogni immagine scansionata cliccando


nellimmagine stessa sulla maschera principale di Elfolab. Con il mouse possibile
ingrandire o ridimensionare limmagine.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 59

Qualora si utilizzi Windows 7 e si riscontri un problema nellapertura della


finestra di ingrandimento occorre:
Nota!

chiudere Elfolab;
selezionare licona di Elfolab con il bottone destro del mouse;
selezionare propriet;
selezionare il menu compatibilit;
selezionare esegui in modalit compatibilit per Windows XP (Service
Pack 3);
selezionare OK.

Ver. 16
60 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

3.5 Il Campionatore ASD52

Il campionatore ASD 52 uno strumento molto utile per lelettroforesi


giaach permette la dispensazione automatica fino a 52 campioni per volta,
nonch la lettura dei bar code di ogni singola provetta e linvio al software
Elfolab dei codici a barre acquisiti per gestire in maniera ottimale lanagrafica
dei pazienti.
Per poter ricevere i dati dei codici a barre occorre anzitutto, la prima volta
in assoluto che si collega il Campionatore al Pc, selezionare la Porta Com
opportuna a cui collegato lASD52. La porta selezionata verr memorizzata
da Elfolab fino ad nuova eventuale riselezione.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 61

In seguito ogni volta che si vorranno ricevere i dati dei bar code occorrer , ad

archivio giornaliero aperto, selezionare licona oppure il menu nella


figura sottostante:

Ver. 16
62 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

In questo momento apparir in cui sar richiesto il telaio o la sessione in cui si


vogliono inserire i codici a barre acquisiti.

Una volta selezionato il telaio o la sessione e letti tutti i codici a barre premendo
Ok verr mostrata una maschera che indicher il risultato della ricezione
dei codici a barre.

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 63

A seconda della situazione occorsa si potr decidere se effettuare il


trasferimento di tutti gli ID ricevuti, se effettuare solo un trasferimento parziale
o se uscire senza importare gli ID acquisiti.
La maschera visualizzer gli Id presenti e quelli ricevuti dal campionatore
evidenziando eventuali ID non congruenti o non abbinati ed eventuali Id
ripetuti.
Sar data quindi la possibilit di importare tutti gli ID, solo quelli abbinati,
solo quelli abbinati e non ripetuti o uscire senza importare gli ID.

Protetto da password, ad uso esclusivamente tecnico, pu essere utilizzata


la maschera del Service ASD52 che permette di ricevere, visualizzare,
modificare, stampare e salvare i parametri del Campionatore ASD52.
Per entrarvi occorre selezionare il menu Impostazioni e quindi Service
ASD52.

Ver. 16
64 Interagire con Microgel e Interlab G26 Elfolab 16.x

Elfolab consente inoltre di selezionare i caratteri ricevuti dal campionatore


mediante il menu sottostante.

Si aprir in tal caso la maschera seguente:

Ver. 16
Elfolab 16.x Interagire con Microgel e Interlab G26 65

Nellesempio in figura ad esempio il secondo carattere ricevuto non verr preso


in considerazione. Pertanto se il codice letto 1234 Elfolab ricever soltanto
134.

Ver. 16
Impostazioni del programma
66 Elfolab 16.x

Impostazioni del
programma

In questo capitolo:
Scegliere la lingua
Intestazione laboratorio
Font e Stampa
Gestione delle specie
Impostare i Valori Normali e il Setup
Calculus
Parametri generali
Impostazioni Host

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 67

4 Impostazioni del programma


Le Impostazioni consentono una completa personalizzazione del software.
Eccetto lo specifico Menu Lingua tutte le atre Impostazioni sono selezionabili dal
Menu Impostazioni.

4.1 Lingua

Selezionando il Menu Lingua, si accede ad una tendina di scelta nella quale


possibile impostare la lingua desiderata. Questa scelta pu essere modificata in
qualunque momento senza inconvenienti per il lavoro che si sta svolgendo. Ad
esempio possibile stampare pi referti ognuno in una lingua diversa senza dover
uscire e rientrare ogni volta nel programma.

Ver. 16
Impostazioni del programma
68 Elfolab 16.x

4.2 Laboratorio

Selezionando la voce Laboratorio si accede ad una finestra che consente di


inserire i dati specifici del laboratorio che effettua lanalisi, dati che compariranno
anche sul referto. I sei campi Free permettono invece di inserire i titoli di
nuovi campi che possono essere utilizzati come codici anagrafici od
ospedalieri per i pazienti.
Se si seleziona la box Ripeti accanto al campo Free il valore immesso su
paziente, quando ci trova nellarchivio giornaliero, sar ripetuto per tutti i
pazienti della striscia (Microtech) , Gel (Microgel) o Sessione (Interlab G26).

4.3 Scelta del carattere

Selezionando la voce Carattere dal men Impostazioni, si accede ad una


finestra che permette la scelta di un nuovo carattere per la stampa del referto.
Inoltre possibile scegliere un nuovo carattere nella versione dei ceppi linguistici
Centro-Europeo o Greco.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 69

4.4 Tipo Stampa

Dal Menu Tipo Stampa, possibile impostare la modalit di stampa dei


referti. Le modifiche impostate in questo pannello sono quelle che rimangono in
memoria.

Al momento della stampa per tramite il bottone sar sempre

Nota! possibile modificare le impostazione per la stampa corrente (vedere paragrafo

1.8).

Ver. 16
Impostazioni del programma
70 Elfolab 16.x

Di seguito le diverse tipologie di stampa:

1. Formato A4. E la stampa classica, con il record stampato in un


singolo foglio a tutta pagina.

2. Formato A5 non duplicato. Stampa un solo record per foglio


occupando solo la parte superiore della pagina

3. Formato A5 duplicato. Stampa un solo record per foglio ma lo


duplica nella parte superiore e inferiore.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 71

4. Formato A5 con due pagine per foglio. Stampa 2 record per foglio,
il primo nella parte superiore, il secondo nella parte inferiore.

Ver. 16
Impostazioni del programma
72 Elfolab 16.x

Inoltre lopzione , qualora un grafico venga


modificato (vedere capitolo 6), permette di segnalare questo evento nella stampa
conla dicitur a Edited.

Infine quando ci trova nellarchivio giornaliero o nel filtro possibile


stampare anche i dati in formato griglia.

In questo caso non viene stampata la curva ma solo i nomi e i valori delle
frazioni.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 73

Nel capitolo 5 verr mostrato anche come stampare i dati dellarchivio


temporaneo in unico foglio con le curve grafiche.

4.5 Setup stampa

Dal Menu Setup stampa possibile selezionare tutti i campi che devono far parte
del referto di stampa per i 4 formati disponibili (vedere paragrafo 4.5).

Se selezionato S il campo verr stampato.


E possibile, ad esempio, decidere di non avere nel referto lintestazione della
Interlab, il numero di gel o il tracciato, i campi Free, ecc
E inoltre possibile per ogni metodica selezionare il numero delle cifre decimali
da stampare (da 0 a 2) per le frazioni elaborate.

Ver. 16
Impostazioni del programma
74 Elfolab 16.x

Inoltre possibile editare lIntestazione del campo Note e Responsabile nella


stampa selezionando anche il punto in Ascissa di Stampa ove far partire il campo
Responsabile.

Nel primo caso il campo Responsabile comincia dallAscissa 1100 (che


rappresenta il valore di Default), nel secondo da 3500.
Infine tramite il campo Inizia Stampa asse Y possibile selezionare a che
altezza deve cominciare la stampa per il formato A4. In questo modo possibile
dare spazio a possibili intestazioni del Laboratorio. Nel caso sottostante la stampa
inizia da Y=2000 (Default=0)

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 75

4.6 Gestione Specie

Da questa versione Elfolab permette le gestione fino a 20 specie diverse di


animali e/o controlli.
Il Menu Impostazioni->Gestione specie permette la Creazione , la
Rinomina e lEliminazione di una Specie.

Quando si sceglie Crea Specie occorre poi assegnare il nome e premere


OK.

Quando si sceglie Rinomina Specie occorre scegliere la specie da


rinominare, modificarne il nome e premere OK.

Ver. 16
Impostazioni del programma
76 Elfolab 16.x

Quando si sceglie Elimina Specie occorre scegliere la specie da eliminare


e premere OK.

Infine possibile selezionare quale specie apparir alla ricezione dei dati e
che rappresenter la specie di default. Occorre in questo caso selezionare Specie
di Default e selezionare la specie voluta.

Quando Elfolab ricever i dati assocer tutti i record alla Specie di Default.
Lutente dovr eventualmente modificare direttamente nella maschera principale
la specie desiderata.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 77

Per ogni specie creata lutente dovr settare lopportuno Range di Valori
Normali (vedere paragrafo 4.8)

4.7 Impostazione dei Valori Normali

Dal men di Impostazioni->Valori Normali si accede alla maschera che


gestisce i Valori Normali di ogni frazione, per ogni metodica e per ogni Specie.

Scelta Nomi
Frazioni

Area Valori in
Scelte Esame Scelta Specie Area valori in
Concentrazione
%

E possibile da questa maschera impostare, per tutte le Metodiche e le


Specie gestite da Elfolab, i Nomi delle fr azioni (fino ad un massimo di 11) e i
rispettivi range di valori normali in % e, laddove la metodica lo contempli, in
concentrazione.
I Valori Normali sono presenti solo per le metodiche che prevedono la
lettura.

Ver. 16
Impostazioni del programma
78 Elfolab 16.x

E inoltre possibile scegliere se si vuol vedere o meno la Valutazione della


frazione nella maschera principale.
In questa maniera quando Elfolab ricever i dati dallo strumento
automaticamente setter i nomi e valuter le Frazioni elaborate seguendo lordine
impostato in questa maschera.
E opportuno eseguire eventuali modifiche ai nomi e ai range di default
subito dopo listallazione del Software per lavorare sempre con le frazioni
definite allinizio.

4.8 Setup Calculus

Dal Meni Impostazioni-> Setup calculus sono gestibili i parametri di


elaborazione dei dati delle analisi.
Risulta evidente che intervenire su questa finestra determinante per la
possibilit stessa di lettura dei risultati e quindi si raccomanda di non operarvi se
non adeguatamente competenti e sicuri di quanto si va a modificare.
E opportuno non modificare mai questi parametri senza aver avuto
preventiva approvazione dalla Interlab s.r.l.
Ogni metodica avr i suoi opportuni parametri settati.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 79

Il Setup Calculus presente solo per le metodiche che prevedono la lettura.


I parametri non sono sempre gli stessi per tutte le metodiche. Alcune metodiche
possono avere pi o meno parametri rispetto ad altre. Anche i valori di uno stesso
parametro differiscono per le diverse metodiche.
Di seguito vengono descritti i vari parametri.

1. Parametri Inizio e Fine lettura


Questi parametri consentono di isolare la parte del grafico che si vuole
visualizzare. Stabiliscono il Punto Minimo dInizio e il Punto Massimo della Fine
della curva elaborata.
2. Delta Left, Shift Left, Delta Right
Delta Left impostato a 1500 punti per default. Significa che la
Frazione 1 individuata quando la quota (asse Y) di una curva, letta a
partire da sinistra, di almeno 1500 punti;
Shift Left impostato a 0 punti per default. Allo scopo di leggere il
grafico appropriatamente necessario indicare, in punti, quanto prima
del punto X corrispondente alla quota Y 1500, deve iniziare la lettura
della Frazione 1;
Delta Right impostato a 200 punti per default. lo stesso gi detto
per Delta Left ma riferito allultima Frazione e dunque leggendo il
grafico da destra
3. Filtro
Questo parametro indica il numero di punti precedenti e successivi per
eseguire il filtro della curva. I dati acquisiti saranno elaborati mediando ogni
punto del grafico con un numero di punti adiacenti corrispondenti al valore del
Filtro.
4. Sensibilit al calcolo dei minimi
Rappresenta di quanti punti di risoluzione deve scendere e risalire una curva
in un grafico perch il programma riconosca daver incontrato un minimo. Pi
bassa la Sensibilit pi alto sar il numero di Minimi.

Ver. 16
Impostazioni del programma
80 Elfolab 16.x

5. Percentuale Frazione minima


Sta ad indicare, in percentuale darea, il valore delle frazioni al di sotto del
quale queste vengono ignorate. Di default il valore impostato 0.2%. In questo
caso se viene elaborata una frazioni pari a 0.1% essa non viene considerata come
frazione.
6. Accuratezza
Il parametro Accuratezza permette di adeguare il valore ad uno standard
(come nel caso di un siero di controllo). Spostando suddetto valore si avr
leffetto di alzare o diminuire il valore della frazione selezionata modificando in
proporzione anche le altre frazioni.
Esempio:
stato selezionato un valore di Accuratezza pari a 7 per la Frazione 1;
il software calcola larea della Frazione 1 pari a 63%;
il software mostrer a video un valore pari a 63 + 7% (di 63) = 63 + 0.07*63
= 63 + 4.41= 67.41%.
Le restanti frazioni diminuiranno complessivamente di una valore pari a
4.41% in proporzione al loro valore. La somma totale delle frazioni sar
comunque sempre 100%.
7. Linea di Base
Il segno di spunta nella casella della Linea di Base indica che essa viene
posizionata sul punto minimo del tracciato, altrimenti essa viene posta sul minimo
dellintera lettura. La linea di Base rappresenta la Linea su cui poggia la curva.
8. Unit di Misura
Questo parametro consente di scegliere se le Proteine totali devono essere
espresse in grammi/litro o grammi/decilitro;
9. Scelta della Tecnica Micro o Semi-Micro
La scelta della Tecnica Semi-Micro permette lanalisi di tracciati con il
fronte pi ampio ed una scansione pi lunga, a scapito di un minor numero di
campioni. Questo vuol dire che, selezionando la tecnica Semi-Micro, per il
Microtech 648 si ottengono 4 campioni per striscia al posto dei normali 8.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 81

10. Calibrazione HbA2


E un coefficiente numerico che serve ad ottimizzare il valore della frazione
HbA2.
11. Recalc Min
Se attivo, ottimizza il calcolo dei minimi rendendo attivi anche i parametri
Filro, Delta ed Edge; con lausilio di questi possibile ricalcolare la posizione del
minimo agendo sulla pendenza della curva tra il minimo ed il massimo che lo
precede e tra il minimo ed il massimo che lo segue.
12. Delta
Parametro attivo se attivo Recalc Min. Indica, in percentuale, la quota
compresa tra un massimo ed un minimo; a partire da detta quota viene applicata la
routine per il nuovo calcolo dei minimi.
13. Edge
Parametro attivo se attivo Recalc Min. Se il minimo trovato ha un valore
in quota superiore ad Edge, nel suo intorno non viene applicata alcuna
ottimizzazione.
14. Separazione 27/14 e separazione 14/1
Questi parametri sono attivi solo sulle metodiche da 39 campioni e
indicano i punti in densit ottica dove vengono separati i 3 tracciati di una
striscia.

Ver. 16
Impostazioni del programma
82 Elfolab 16.x

4.9 Intensit colore tracciato

Questo menu permette modificare lintensit del colore della rappresentazione del
tracciato letto posizionata sopra la curva grafica nel pannello principale di Elfolab.
Pi il valore scelto alto pi il colore sar intenso.
I valori di default sono posti a 1.

Occorre osservare che valori troppo alti dIntensit, se da un lato aiutano ad


identificare in maniera migliore alcune bande dallaltro possono saturare i valori
gi alti di colore facendo perdere di naturalit la rappresentazione.

Intensit = 1

Intensit = 5

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 83

4.10 Parametri Generali

Dal Da Menu Impostazioni->Parametri generali possibile modificare alcuni


parametri dellElfolab.
Di seguito vengono descritti questi parametri.

1. Backup Automatico Archivio


Abilitando questo parametro il software effettuare il Backup automatico
dei dati ogni qualvolta avr dei dati nuovi da salvare.
Per ovvi motivi di salvaguardia dei dati generalmente questo
parametro deve essere abilitato in maniera da non perdere i dati nel caso
per qualche motivo il PC venga improvvisamente spento (esempio sbalzi
di corrente).

Ver. 16
Impostazioni del programma
84 Elfolab 16.x

2. Salvataggio automatico archivio giornaliero


Se questo parametro attivo quando si passa dallarchivio giornaliero a
quello storico automaticamente i dati elaborati saranno trasferiti allarchivio
storico.
Altrimenti alla chiusura dellarchivio giornaliero verr posta la seguente
domanda.

In questo caso Sara lutente decidere se trasferire o meno i dati dal


giornaliero allo storico.
Per non perdere i dati questa funzione generalmente deve essere
disabilitata.

3. Richiesta Immissione Gel ID alla Chiusura Archivio giornaliero


Questo parametro utile per coloro che non inseriscono il numero del Gel
nel campo Gel ID. In tal caso devono disabilitare questo parametro.
Quando il parametro abilitato invece alla chiusura dellarchivio giornaliero verr
posta la seguente domanda:

per ricordare che se il Gel Id non viene inserito nel giornaliero non sar poi
possibile inserirlo nellarchivio storico.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 85

4. Modifica Data Esame Su Archivio storico


Questo parametro di abilitare o disabilitare la modifica della data di esame
quando si nellarchivio storico.
Questa funzione generalmente deve essere disabilitata.

5. Valori Frazioni
Questo parametro permette di decidere se la valutazione che si ha nellarea
valori della maschera principale debba essere fatta rispetto ai valori in % o in
concentrazione .
Nel caso sottostante il parametro stato selezionato su Conc.
Sar comunque sempre possibile vedere la valutazione in % cliccando il
bottone %

6. Ricalcolo Automatico Nomi Frazioni


Questo parametro viene utilizzato per la metodica Sieroproteine.
Se abilitato, alla rimozione o allinserimento di un minimo (vedere
paaragrafi 6.2.1 e 6.2.2), quando verr salvata la modifica il software calcoler
immediatamente il nome delle frazioni valutando se sono presenti pi o meno di 5
frazioni.
Altrimenti il software non ricalcoler il nome delle frazioni ma si limiter
a rimuovere lultima frazione o ad aggiungere una nuova frazione.
Chiariamo con un esempio il concetto.
Nella situazione sottostante il software ha elaborato alla ricezione 5
frazioni.

Ver. 16
Impostazioni del programma
86 Elfolab 16.x

Lutente aggiunge un minimo e salva la modifica.

Se il ricalcolo automatico abilitato (figura sopra) il software aggiunger


una nuova frazione rinominando tutte le vecchie frazioni ed inserendo quindi Beta
1 e Beta 2 (si hanno ora 6 frazioni).
Altrimenti il software si limiter ad aggiungere una nuova frazione
lasciando inalterati i nomi elaborati in precedenza.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 87

Questa funzione deve chiaramente essere abilitata.


Lunica ragione per disabilitarla se nel tracciato in esame si hanno
frazioni particolari gi nominate per cui non si vuole rielaborare il nome.

7. Abilitazione Filtro dei dati


Se si abilita questo parametro i dati ricevuti saranno filtrati dal rumore di
lettura.
Questa funzione generalmente deve e ssere abilitata.

8. Gestione Account

La gestione dellAccount permette di creare diversi utenti che possono accedere al


programma e personalizzare le aree del programma accessibili da un utente.

Per accedere alla Gestione Account occorre selezionare S sul pannello


Gestione Account e salvare il parametro.
A questo punto nel Menu Impostazioni saranno disponibili le voci

Modifica password

Per cambiare la Password selezionare Impostazioni>Modifica Password:

Ver. 16
Impostazioni del programma
88 Elfolab 16.x

Apparir questa finestra:

Inserire e ripetere la password. Se la Password ripetuta non corretta verr


mostrato un messaggio di errore.

Gestione Livelli Account

Dal Menu Impostazioni> Gestione Livelli Account possibile impostare cosa


permesso ad ognuno dei 6 livelli disponibili.

Gestione Accounts

Tramite il Menu Impostazioni->Gestione Accounts lAmministratore pu


quindi creare nuovi utenti assegnando loro un nome, un password e un livello di
Account.

Per rimuovere un utente lAmministratore deve invece selezionare il nome


nella lista e premere re il tasto Canc.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 89

9. Formato data del Filtro


Questo parametro permette di impostare il formato data in 2 possibili
modi: Giorno/Mese/Anno o Mese/Giorno/Anno. Lanno pu avere indifferente
2 o 4 caratteri. Il software convertir automaticamente il valore in anno. Mese e
Giorno devono avere 2 soli caratteri.

10. Salva Paziente Senza lettura


Grazie a questo parametro lutente pu decidere se salvare nello storico
anche record di tracciati che non prevedono la lettura, ad esempio le
immunofissazioni. In questo modo lutente pu tenere traccia dellanalisi
effettuata ed eventualmente stampare qualche commento sul referto privo di
immagine.
Questa funzione generalmente viene disabilitata.

11. Validazione
Questo parametro permette di decidere se abilitare o meno la Validazione
dei grafici.

Ver. 16
Impostazioni del programma
90 Elfolab 16.x

Se la Validazione attiva per trasmettere un dato ah Host nella finestra


principale di Elfolab per ogni paziente sar necessario selezionare licona

per validare il grafico. Licona risulter e il dato sar conseidrato


validato.

12. Visualizzazione Grafico


Questa finestra permette di selezionare i vari colori con cui viene
rappresentato il grafico nella maschera principale, nonch il colore del
cursore e del testo allinterno del grafico.

Ver. 16
Impostazioni del programma
Elfolab 16.x 91

13. Selezione File per Import-Export


Questa pannello permette di selezionare i nomi dei file di Import ed Export
qualora sia necessario importare ed esportare i dati ad un PC-Host.

14. ElfoMaster
Questa parametro viene attivato qualora si voglia lavorare con un database
comune a pi strumenti e quindi a pi software Elfolab. E possibile
scegliere la locazione del database comune selezionando il bottone
.

4.11 Impostazioni Host

In questa finestra possibile modificare le Impostazioni per la ricezione e la


trasmissione dati da e verso un PC - Host.

Se Memorizza Directory Import su No, ogni volta che lutente dovr


importare i dati anagrafici dallHost verr richiesto di selezionare il percorso dove
si trova il file di Import.

Ver. 16
Impostazioni del programma
92 Elfolab 16.x

Se Memori zza Directory Export su No, ogni volta che lutente invier i
dati delle analisi ad Host verr richiesto di selezionare il percorso dove si trova il
file di Export.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 93

Operare sugli
archivi

In questo capitolo:
Aprire larchivio
Inserire dati sui Pazienti
Visualizzare lelenco dei
Pazienti
Navigare nel database
Archivio storico
Inserire delle note
Cancellare la scheda di un
Paziente
Usare i filtri
Link e Backup

Ver. 16
Operare sugli archivi
94 Elfolab 16.x

5 Operare sugli archivi

Un Archivio, o Database, lelenco delle informazioni possedute sui


pazienti. Larchivio si divide in una parte storica e una giornaliera. I dati ricevuti
dagli strumenti vengono dapprima ricevuti nella sessione giornaliera;
successivamente possibile registrarli in modo definitivo andando cos ad
arricchire la parte detta storica o generale.

5.1 Aprire lArchivio di lavoro

Una volta avviato il programma, occorre aprire larchivio di lavoro dal


Menu Archivio->Apri Archivio:

Larchivio aperto come storico (Cfr. Cap. 1 Un nuovo giorno di

lavoro). Quando, tramite il tasto , si entra nel temporaneo, possibile


inserire i dati di nuovi pazienti. Questi potranno, se lo si desidera, essere archiviati

nello storico cliccando su o selezionando lopzione Salva ultima Lettura


che si trova nel men Archivio.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 95

Eseguendo il salvataggio dellultima lettura, nelle sessioni successive il


database sar arricchito dei nuovi pazienti inseriti.

Anche a distanza di giorni, sar possibile intervenire ancora sugli ultimi dati
acquisisti (correggerli, completare lanagrafica dei pazienti ecc.) richiamando

larchivio. Tale procedura possibile se, dopo aver cliccato il pulsante per
linserimento dei pazienti, alla conseguente finestra

si seleziona Archivio giornaliero corrente. Tale scelta, infatti, conserver i dati


presenti nel database temporaneo acquisito nella precedente sessione di lavoro. Se
si risponde Nuovo Archivio giornaliero, invece, tutti i record del database
temporaneo verranno azzerati per consentire linserimento di nuovi dati (vedere
capitolo 1).

5.2 Inserimento dati Pazienti

Per inserire i dati Paziente (vedere capitolo 1) sufficiente:

Cliccare sul pulsante per aprire la sessione giornaliera;

Cliccare nella casella del record e digitare;


possibile ora spostarsi in sequenza in tutte le altre caselle utilizzando
il tasto TAB della tastiera;

Ver. 16
Operare sugli archivi
96 Elfolab 16.x

Per passare ad inserire le informazioni del paziente successivo


sufficiente premere il tasto Enter/Invio della tastiera.

5.3 Visualizzazione elenco Pazienti

unopzione disponibile nel menu File e consente la visione della lista


completa dei pazienti del database giornaliero aperto e la possibilit di produrre
una stampa di tale listato (vedere capitolo 1.5).
Terminato linserimento dellanagrafica dei pazienti, o in qualunque

momento di esso, possibile, dal menu File o facendo un click su ,


visualizzare lElenco Pazienti dove sono riportati i riferimenti essenziali di
ciascuno di essi.

5.4 Navigare nel Database

Lesplorazione di un archivio avviene sequenzialmente con il semplice


utilizzo dei pulsanti posti alla base del pannello principale del programma.

Primo Paziente

Paziente Precedente

Paziente Successivo

Ultimo Paziente

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 97

Se si tratta di un archivio temporaneo, oltre a tali pulsanti si possono pi


agevolmente selezionare i tracciati desiderati per mezzo dei box posti in basso a
sinistra nel pannello principale:

Una volta effettuate le selezioni, sul pannello principale appariranno i dati


del paziente e il risultato delle sue analisi in ogni area di competenza.

Con un click su , o se nella tendina dei tracciati viene selezionata la


voce Tutti, o ancora se si seleziona il Menu Archivio->Mostra tutte le curve si
apre una finestra che mostra contemporaneamente tutti i tracciati del gel, sessione
o striscia in esame:

Ver. 16
Operare sugli archivi
98 Elfolab 16.x

La finestra mostra i grafici con accanto i nomi e i valori delle frazioni,


evidenziando in rosso le frazioni che presentano valori fuori dal range di
normalit.
Attraverso i pulsanti posti in basso in questa finestra, si pu passare ai gel
(o sessioni o strisce) successivi per visionarne i tracciati.
Il pulsante di stampa permette la stampa di questa maschera.

5.5 Inserimento Note

Nella fase di inserimento anagrafico, in conseguenza della visione del


risultato delle analisi, possibile allegare delle note alla scheda di un paziente.
possibile inserire delle Note per un paziente in tre modi:

a) Cliccando sullicona ;
b) Ricorrendo al men Archivio;

c) cliccando direttamente nella maschera principale nella finestra di


Commento;

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 99

La maschera di gestione delle note permette leffettuazione di diverse


operazioni ma comunque di facile utilizzo.
Per inserire la nota sufficiente cliccare allinterno dellarea verde,
scrivere la nota desiderata e premere il bottone Salva.

5.5.1 Azioni sulla nota del paziente

La nota del paziente pu avere lunghezza qualunque.


Per ci che riguarda le note del paziente ci sono tre possibili azioni che si
possono effettuare:

Ver. 16
Operare sugli archivi
100 Elfolab 16.x

Modificare la nota;
Cancellare una nota;
Scegliere una nota tra quelle presenti in archivio ed inserirla nella nota del
paziente. In questo caso dopo aver selezionato Seleziona Nota da Archivio
occorre scegliete la nota desiderata. E possibile agire in due modi:
1. Cliccando con il mouse sulla nota desiderata nella lista delle note
disponibili in archivio.

2. Selezionando la nota con il cursore e poi cliccando


sulla nota stessa evidenziata in rosa.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 101

5.5.2 Azioni sullarchivio note

Per ci che riguarda le note in archivio ci sono 5 possibili azioni che si


possono effettuare:

creare una nuova nota;


cancellare una nota (fino ad un minimo di una);
modificare una nota;
eliminare tutte le note tranne la prima;
stampare la lista delle note disponibili.

Quando si crea una nuova nota occorre poi salvarla con il bottone Salva.
Quando si cancella una nota occorre prima posizionarsi sulla nota da cancellare
con il cursore , poi cancellarla con il bottone Cancella Nota.
Quando si modifica una nota occorre prima posizionarsi sulla nota da modificare
con il cursore , poi premere il bottone Modifica Nota,
modificare la nota e poi salvarla con il bottone Salva.

Nel campo Commento della maschera principale del programma infine


direttamente possibile vedere la nota del paziente presente o linizio se la nota
molto lunga.

Ver. 16
Operare sugli archivi
102 Elfolab 16.x

5.6 La ricerca dei pazienti

Da questa versione Elfolab offre ben 4 distinte modalit per la ricerca e il


filtro dei pazienti. Questo rende molto pi semplice ricostruire la storia
elettroforetica di un paziente.

Di seguito analizzeremo i 4 tipi di ricerca.

Filtro : La consultazione di un archivio pu avvenire con laiuto di un filtro da


applicarsi sulle diverse aree anagrafiche che il database mette a disposizione. Un
Nota!
filtro linsieme delle caratteristiche che devono possedere i pazienti che si
desidera visualizzare. I pazienti che non possiedono quelle caratteristiche non vengono cancellati
dal database, ma solo non visualizzati finch il filtro resta attivo.

5.6.1 Filtro dei dati

Questo la versione classica del filtro.


E utilizzabile solo quando ci trova nellarchivio storico.
Per farlo si deve selezionare la voce di men Storico Paziente presente
sotto la voce Archivio:

oppure selezionare il bottone nella maschera principale.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 103

Apparir la seguente maschera in cui inserire i dati in o pi campi che si


vogliono ricercare.

Una volta inserite le condizioni desiderate occorre cliccare sul pulsante


OK che consentir di visualizzare nella maschera principale solo i pazienti
filtrati e di effettuare solo con essi operazioni di consultazione, stampa e
cancellazione.
Sulla barra dei messaggi in fondo alla finestra principale comparir un
messaggio che indica quanti record, fra quelli presenti nellArchivio, rispondono
ai criteri di ricerca applicati.

Per rimuovere filtro necessario ricorrere al pulsante oppure al


comando Rimuovi il filtro dal men Archivio.

Ver. 16
Operare sugli archivi
104 Elfolab 16.x

5.6.2 Storico paziente

Questa nuova e importantissima funzione, attiva sia nellarchivio


storico che in quello giornaliero, informa in tempo reale se il paziente
corrente gi presente nellarchivio storico.

Se il paziente gi presente il bottone sar attivo e colorato,


altrimenti il bottone sar disattivato e colorato a toni di grigio.
Lutente pu selezionare i criteri per questa ricerca automatica del
software andando nel menu Impostazioni->Setup Filtro Paziente

Nella finestra successiva potr quindi selezionare quali sono i campi che
vuole utilizzare come fondamentali per la ricerca automatica del paziente.

Per Default la ricerca settata per il campo Nome, ma lutente pu


selezionare uno o pi campi a disposizione.
Se si sceglie pi di un campo il paziente corrente sar considerato gi
presente se esiste un altro record che ha tutti i campi scelti coincidenti.
Una volta osservato che il paziente gi presente cliccando il bottone

si entra nella maschera dello Storico paziente.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 105

Nella griglia in basso della finestra saranno indicati tutti i record presenti
del paziente filtrato.
Il paziente corrente avr accanto il numero 1.
Facendo un doppio click in un'altra riga della griglia si potr confrontare il
dato del paziente corrente con un altro passato dello stesso paziente. Esso avr il
numero due.

Saranno presenti cos i due grafici sovrapposti. E possibile quindi


stampare i due grafici visualizzati sia nel formato A5 (una sopra e laltro sotto) sia
sovrapposti.

Ver. 16
Operare sugli archivi
106 Elfolab 16.x

Premendo il bottone possibile visualizzare tutti i dati del


paziente in formato griglia.

Il bottone permette invece di collegare in maniera permanente


i due dati precedentemente sovrapposti. In questo caso il software conserver in
memoria il collegamento tra i due dati (vedere paragrafo 5.6.4).

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 107

Per eliminare il collegamento baster cliccare Rimuovi collegamento.

5.6.3 Filtro automatico

Cliccando il bottone il software effettuer sul record corrente un


filtro automatico seguendo i criteri impostati nel menu Impostazioni->Setup Filtro
Paziente

Il filtro automatico evita cos allutente di entrare nella finestra filtro (vedi
paragrafo 5.6.1) e di settare la ricerca pur funzionando poi esattamente come il
filtro.
Questo bottone attivo solo nellarchivio storico.

5.6.4 Dati Collegati

Quando due record sono stati collegati (vedere paragrafo 5.6.2) il software
ne tiene memoria per sempre. Nella finestra principale, al passaggio su un record

che stato collegato ad un altro Elfolab abilita il bottone . Cliccando su


questo bottone Elfolab effettuer il filtro di tutti i record collegati al record
corrente. Questa funzione riveste grande importanza ad esempio quando si vuole
richiamare limmunofissazione associata ad un quadro sieroproteico di un

Ver. 16
Operare sugli archivi
108 Elfolab 16.x

paziente. Prima si collegano i dati come visto nel paragrafo 6.5.2 e poi si richiama

il collegamento con il bottone .

Per rimuovere il filtro occorre poi premere il bottone .


Questa funzione presente solo nellarchivio storico.

5.7 Cancellazione di un Paziente

Quando si lavora nellarchivio storico possibile cancellare uno o pi


pazienti con tutti i loro dati.
Per cancellare un paziente, una volta che si sia visualizzata la schermata a
lui relativa occorre ricorrere alla voce Cancella Paziente presente nel men
Archivio:

La cancellazione di un Paziente irreversibile. Loperazione pu anche


applicarsi a pi Pazienti selezionati con lopzione filtro (paragrafo 5.6) o a tutti i
Pazienti di un archivio. Dopo avere selezionato la voce di interesse occorre
premere Avvia.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 109

Per evitare che qualche utente cancelli in maniera impropria i dati

occorre proteggere il programma con una password (pag. 27).

Attenzione!

5.8 Archivio Patologico

Se un paziente ritenuto patologico possibile marcarlo come tale e creare


cos un sotto-archivio di pazienti patologici. Per fare questo sufficiente cliccare

sul box nella finestra principale in corrispondenza della


schermata relativa al paziente interessato, automaticamente esso verr inserito nel
sotto-archivio dei Patologici.
Per cercare i patologici baster poi eseguire il filtro dei dati (vedere
paragrafo 5.6.1) e selezionare il box patologico.

Ver. 16
Operare sugli archivi
110 Elfolab 16.x

Qualora un paziente in passato sia risultato patologico Elfolab lo indicher

con licona vicino allindicazione della specie nella maschera principale.

5.9 Passaggio archivio giornaliero - archivio storico

Durante la sessione di lavoro sempre possibile consultare larchivio


storico.

Per far ci occorre cliccare il bottone .


Una volta terminata la consultazione per tornare ai dati giornalieri occorre

cliccare il pulsante per linserimento dei pazienti, e selezionare Archivio


giornaliero corrente nella seguente schermata.

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 111

5.10 Copia di backup dellarchivio

Elfolab permettere di eseguire, ogni volta che si avvia il programma, una o


pi copie di backup dellarchivio di lavoro.
Questa unoperazione molto importante che lutente dovrebbe effettuare
periodicamente per assicurarsi di non perdere mai i dati di lavoro. In effetti se in
qualunque momento si avesse un guasto nel PC in uso senza aver fatto una
preventiva copia di backup su CDROM o una Pen Drive tutti i dati di lavoro
potrebbero essere persi .

Per eseguire una copia di backup dellarchivio, prima di aprire larchivio di


lavoro, occorre cliccare il bottone selezionare il menu Archivio-> Esegui
Backup Archivio.

Ver. 16
Operare sugli archivi
112 Elfolab 16.x

Larchivio di Backup per default si chiamer Backup.mdb ma lutente potr


a piacimento modificarne il nome e la la directory di salvataggio.

Il menu presente solo prima di aprire larchivio.

E molto importante salvare col tempo delle copie di Backup e


copiarle in un CD/DVD o in una Pen Drive. Ci eviter di perdere i dati
dei pazienti in caso di problemi al Pc di lavoro.
Attenzione!

Ver. 16
Operare sugli archivi
Elfolab 16.x 113

5.11 Consultazione vecchi archivi

Grazie al menu Archivio->Consulta precedenti archivi, Elfolab permette di


visionare, filtrare e stampare anche i dati provenienti da vecchie versioni di
Elfolab o da copie di Backup dellarchivio corrente di lavoro.

Lutente potr selezionare il file .mdb desiderato dalla finestra di scelta.

Ver. 16
Operare sugli archivi
114 Elfolab 16.x

Il menu per presente solo prima di aprire larchivio.


Ovviamente, quando si consulta un vecchio archivio non sono permesse
operazioni di modifica dei dati e non sar possibile aprire larchivio giornaliero in
quanto questi archivi non possono pi essere utilizzati per ricevere dati di nuove
analisi.

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 115

Correzioni sul
tracciato grafico

In questo capitolo:

Correggere il tracciato grafico


Salvare limmagine del grafico

Ver. 16
116 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

6 Correzioni sul tracciato grafico


Il programma offre la possibilit di apportare diverse correzioni e di
effettuare misurazioni sul grafico dei risultati.
Tutte le funzioni a disposizione dellutente sono rappresentate dalle icone
presenti nel pannello della finestra principale posto sotto il grafico.

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 117

Alcune metodiche hanno alcuni comandi non attivi.

Una volta effettuata qualunque modifica essa deve essere

confermata e quindi salvata premendo il bottone .


Attenzione!

6.1 Descrizione Comandi

6.1.1 Inserimento di un minimo

Il pulsante consente laggiunta di un minimo in un punto a scelta del


tracciato grafico.
Dopo la selezione del pulsante, un semplice click con il bottone sinistro del
mouse nel punto desiderato del grafico far comparire una linea verticale gialla
che rappresenta il nuovo minimo. A questo punto saranno ricalcolati tutti i nuo vi
valori delle frazioni.

Linserimento di un minimo una delle operazioni pi


utilizzate. Pertanto per default il software gi impostato per
inserire un minimo ed sufficiente cliccare con il bottone sinistro
Nota!

Ver. 16
118 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

del mouse nel punto desiderato per aggiungere un minimo.

6.1.2 Rimozione di un minimo

Selezionando il pulsante possibile leliminazione di un minimo


qualsiasi presente nel tracciato grafico.
Il minimo viene eliminato dopo tale selezione cliccando sulla linea gialla
verticale che lo individua.

La rimozione di un minimo una delle operazioni pi


utilizzate. Pertanto per default il software gi impostato per
rimuovere un minimo ed sufficiente cliccare con il bottone
Nota! destro del mouse nel punto desiderato per rimuovere un minimo.

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 119

6.1.3 Definizione di una nuova linea base

La selezione del tasto permette di inserire una linea base semplicemente


cliccando con il mouse in una zona dellArea Grafica.

Mantenendo premuto il tasto sinistro del mouse possibile far scorrere la


linea orizzontale lungo il tracciato. Una volta giunti nel punto in cui si vuole
aggiungere la nuova linea base, questa si fisser automaticamente al rilascio del
tasto del mouse. Facendo scorrere il cursore verso gli estremi destro o sinistro
dellArea Grafica la linea si incliner.

Linea base: una linea che permette di eliminare dal calcolo delle aree di
Nota! pertinenza tutta quella parte di grafico che resta al di sotto di essa.

Ver. 16
120 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

6.1.4 Misurazione della percentuale di area

La selezione dellicona permette di misurare la percentuale di area in un


dato intervallo del grafico.
Dopo aver selezionato licona, cliccare allinterno del grafico nel punto dal
quale si vuole iniziare la misurazione: mantenendo premuto il pulsante sinistro
trascinare il puntatore sino al punto finale di misurazione e, una volta letta la
percentuale darea, rilasciarlo. Questa funzione pu risultare estremamente utile
quando si vogliono stimare alcune componenti monoclonali presenti sui tracciati.

6.1.5 Inviluppi sul tracciato grafico

I pulsanti e consentono di effettuare degli inviluppi sul tracciato


grafico, luno per mezzo di segmenti, laltro di forme rettangolari.
Per entrambi la procedura quella di posizionarsi nel punto dinizio
dellarea da modificare e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, scorrere
sino al punto finale desiderato per poi rilasciare il pulsante.

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 121

6.1.6 Definizione di un nuovo punto di origine del grafico

Licona , seguita da un click del mouse nellarea grafica, porta alla


comparsa di una linea gialla verticale che, mantenendo premuto il tasto sinistro
del mouse, pu essere spostata a destra o sinistra per individuare un nuovo
margine dinizio.

6.1.7 Traslazione del grafico

Licona , seguita da un click del mouse nellarea grafica, porta alla


comparsa di una linea rossa verticale che, mantenendo premuto il tasto sinistro del
mouse, pu essere spostata a destra o sinistra traslando lintero grafico.
Rilasciando il tasto se ne fissa la nuova posizione.

Ver. 16
122 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

6.1.8 Righello di misurazione

Per tutte le metodiche con lettura, eccetto le sieroproteine e gli isoenzimi

LDH, si attiva anche il pulsante del righello.


Cliccando su di esso compare un righello alla base del grafico indicante i
punti (in pixel) letti per tutta la lunghezza del telaio.
Le informazioni che possono ottenersi con luso del righello sono utili nel
Setup Calculus ad esempio per individuare i valori dei parametri dinizio e fine
tracciato (vedere paragrafo 4.8).

6.1.9 Densit Ottica

Selezionando il pulsante si apre una finestra grafica in grado di fornire


punto per punto i valori di lettura ottenuti dallo strumento.
Lo scopo di tale opzione quello di vedere in realt quello che ha letto lo
strumento, senza alcun tipo di elaborazione.

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 123

Densit
ottica
rilevata

Il numero
convertito che
Minimo Posizione rappresenta la
Massimo valore valore sullasse x trasmittanza
ottico letto ottico
con risoluzione
di 12 bit

La lettura del grafico avviene facendo scorrere, con il movimento del


mouse, la linea azzurra verticale e controllando i valori nei box posti in basso a
destra.
Inoltre possibile eseguire una stampa della schermata.

6.1.10 Densit Ottica Effetto Zoom

Quando si allinterno della finestra con la densit ottica ingrandire un


parte del grafico sufficiente posizionarsi con il cursore nel punto dinizio
desiderato e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, scorrere sino al
punto finale.

Ver. 16
124 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

Rilasciando il pulsante si potr vedere un ingrandimento della sola area


selezionata.

Per tornare alla visualizzazione di partenza sufficiente cliccare sul pulsante


destro del mouse.

6.1.11 Inizio e Fine tracciato

Per attivarle sufficiente premere i seguenti due pulsanti:

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 125

Con il primo ( ) possibile impostare il punto dinizio di ogni singolo


tracciato. Con il secondo ( ) possibile impostare la fine di ogni singolo
tracciato.

6.1.12 Ricalcolo frazioni

Il bottone serve per ricalcolare correttamente le posizioni e i valori


delle frazioni nel caso siano stati aggiunti o rimossi dei minimi manualmente
(vedi paragrafi 6.1.1 e 6.1.2).

6.1.13 Componenti monoclonali

Sulla maschera di correzione del grafico, se lesame una sieroproteina,

con il bottone possibile selezionare fino ad 8 componenti monoclonali


(SMC).
Se lesame differisce diverse possibile selezionare fino ad 8 Aree
significative.

Ver. 16
126 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

Per lutilizzo di questa funzione si rimanda al capitolo 8.

6.1.14 Curva di riferimento

I comandi servono ad impostare e a visualizzare il Grafico di


Riferimento.

Con il comando il grafico corrente viene assegnato come Grafico di


Riferimento.

Con il bottone a video viene visualizzato il confronto tra il grafico


corrente e quello scelto come riferimento.

6.1.15 Controllo di Qualit

Il bottone permette linserimento del dato corrente in un Controllo di


Qualit (vedere capitolo 7).

Ver. 16
Elfolab 16.x Correzioni sul tracciato grafico 127

6.1.16 Salvataggio grafico

Il comando Consente il salvataggio del grafico in formato testo, con


estensione .txt.

Il Comando Consente il salvataggio del grafico in formato immagine


bitmap, estensione .bmp.

6.1.17 Annullamento modifiche

Il Comando Annulla tutte le operazioni di modifica sul grafico


effettuate, ripristinando laspetto iniziale.

Il Comando Annulla solo lultima modifica apportata al grafico.

6.1.18 Filtro sul grafico

Il Comando si utilizza quando si vuole smussare una parte del grafico


che appare con troppo rumore di fondo. Lintensit del filtro dipende dal
parametro filtro nel Setup Calculus. E possibile effettuare una o pi operazioni di
filtro nella stessa area. Occorre selezionare il bottone Filtro e poi con il mouse
trascinare il muse tra la zona e linizio e quella di fine smussamento.

Ver. 16
128 Correzioni sul tracciato grafico Elfolab 16.x

6.1.19 Cancellare un grafico

Il Comando permette di cancellare un grafico. Il comando pu essere


utilizzato se si ritiene il grafico letto non correttamente. In questo caso il paziente
non verr trasferito nellarchivio storico.
Una volta cancellato il grafico non sar pi recuperabile, pertanto
un operazione consigliata solo quando si sicuri di eliminare il tracciato.

Ver. 16
Elfolab 16.x Controllo di qualit 129

Controllo di Qualit

In questo capitolo:

Il QC
Creare un QC
Vedere e stampare i dati del
QC

Ver. 16
130 Controllo di qualit Elfolab 16.x

7 Controllo di Qualit
7.1 Il Q.C.

Con Elfolab possibile effettuare il Controllo di Qualit dei risultati


ottenuti.
Gli step per effettuare un Controllo di Qualit sono i seguenti

a) si scelgono i tracciati ritenuti utili per il calcolo del C.V. (Precisione )


b) si crea un database dove inserire i dati;
c) si scaricano i dati nel database appena creato;
d) si controllano i valori di Media, Varianza, Deviazione Standard e CV e
osservano le curve di Levey-Jennings.

Nei paragrafi successivi vengono mo strate nel dettaglio le varie fasi:

7.2 Accesso alle schermate del Q.C.

Per accedere alle schermate relative al calcolo del Q.C. bisogna procedere
normalmente: si accede allarchivio giornaliero o temporaneo, si scelgono il
metodo e i telai da processare e si avvia lanalisi.
Una volta ricevuti i dati dallo strumento e ultimata leventuale correzione

dei grafici necessario premere il tasto situato nella maschera principale di


Elfolab nel pannello di correzione del grafico (vedere paragrafo 6.1.15).
Se si nellarchivio giornaliero e si vogliono inserire pi dati
contemporaneamente possibile accedere al QC anche dal Menu Controllo di
Qualit->Inserisci dati nel QC.

Ver. 16
Elfolab 16.x Controllo di qualit 131

A questo punto comparir il seguente messaggio:

Se si risponde S i dati verranno aggiunti allultimo QC elaborato


altrimenti, se si desidera inserire i dati in altro Archivio di QC o si desidera creare
un nuovo QC occorre rispondere No

7.3 Inizializzare un Nuovo QC

Qualora nella finestra seguente si scelga Nuo vo QC occorrer impostare


le informazioni di base prima della creazione del nuovo Archivio.

Ver. 16
132 Controllo di qualit Elfolab 16.x

Occorre inserire il nome del QC, la metodica in Esame ed possibile


modificare il range dei valori normali del QC stesso. Detto range per default sar
uguale a quello presente nel pannello Valori Normali, ma lutente pu in questa
fase modificarlo a suo piacimento.

Una volta inserito il primo dato nel QC non sar pi


possibile modificare il Nome, lEsame e il range di valori

Attenzione! normali associati al QC creato!

Se si sta lavorando nellarchivio giornaliero la schermata permetter anche di


scegliere il/i telaio/i (o le sessioni) e i tracciati desiderati. In questo modo
potranno essere inseriti tutti i record desiderati dellarchivio giornaliero in un solo
momento.

Una volta selezionati i dati occorre premere il bottone Inserisci.

Ver. 16
Elfolab 16.x Controllo di qualit 133

7.4 Visualizzazione e stampa dei dati

Quando uno o pi dati sono stati inseriti Elfolab mostrer in formato


tabulare tutti i record che appartengono al QC con le informazioni fo ndamentali
del QC stesso per ogni frazioni presente: Media, Varianza, Deviazione
Standard e CV.

In questa finestra altres possibile stampare tutta la tabella mostrata a


Video oppure solamente i dati significativi del QC per tutte le frazioni come di
seguito mostrato.

Ver. 16
134 Controllo di qualit Elfolab 16.x

Tramite il bottone possibile inoltre eliminare un dato


giudicato incongruo.

Ver. 16
Elfolab 16.x Controllo di qualit 135

In questo caso tutta la griglia diventer rossa e occorrer poi cliccare sulla
riga contenente il dato da eliminare.
Il pannello sottostante permette invece di accedere alla curva di Levey-
Jennings di ogni frazione presente.

Questa maschera permette di vedere la curva di Levey-Jennings con gli


intervalli di Deviazione Standard e di Valori Normali.

Tramite il Pannello
possibile quali elementi vedere e quindi stampare.
Da questa schermata possibile stampare i valori del QC (bottone
StampaQC) per la frazione corrente o il grafico con la curva di Levey-Jennings
(bottone Stampa Carta).

Ver. 16
136 Controllo di qualit Elfolab 16.x

Infine cliccando direttamente su un punto della curva di Levey-Jennings


Elfolab mostrer il record corrispondente sulla tabella.

In questo modo sar pi semplice rimuovere eventualmente tale record.

Ver. 16
Elfolab 16.x Controllo di qualit 137

In ogni moneto infine sar possibile controllare un QC, senz aper poter inserire o
rimuovere dati tramite il Menu Controllo di Qualit->Controlla un QC.

Ver. 16
138 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

Componenti
Monoclonali
automatiche

In questo capitolo:

SMC automatici
La maschera SMC
Allarme Anomalie
Finestre di Setup

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 139

8 Componenti monoclonali

automatiche
8.1 SMC automatici

E ora possibile, per la metodica Sieroproteine, far ricercare al software


leventuale presenza di uno o pi componenti monoclonali presenti nel tracciato
elettroforetico.

Per le metodiche diverse dalle Sieroproteine esiste un metodo


analogo di ricerca che evidenzia particolari aree significative.
Nota!

Il software automaticamente cercher la zona monoclonale pi corretta


allinterno dellarea selezionata.
In questo modo sar cos evitato lerrore insito nellassegnazione manuale,
che varia ovviamente da utente ad utente.
Luso di questa ricerca molto semplice.
Quando si nota dal gel ( o dalla striscia) o dal grafico la presenza di una

banda monoclonale basta selezionare il bottone posto nella pannello di


correzione grafico (veder capitolo 6.1.13) della maschera principale.
A questo punto si apre la maschera per la selezione del SMC.

Ver. 16
140 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

8.2 La maschera SMC

La maschera per selezione automatica degli SMC si presenta come in figura


seguente.

Limmagine presenta mostra il tracciato della maschere principale di Elfolab


pi grande e pi definito.
Di seguito mostriamo in dettaglio le funzionalit presenti nella maschera,
comunque piuttosto intuitive e agevoli nelluso.

8.2.1 Selezione dellSMC automatico

Per avviare la funzionalit basta cliccare il bottone . La


funzionalit sar abilitata automaticamente tutte le volte che si entra nella
maschera SMC.

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 141

Per selezionare lSMC occorre scegliere con il bottone sinistro del mouse
linizio e la fine della zona di ricerca. Quando si sceglie linizio apparir un linea
blu che indica la posizione scelta.
Per eliminare linizio scelto baster premere il tasto destro del mouse.

Una volta scelta anche la fine orientativa in cui effettuare la ricerca, se il


software trova tra linizio e la fine segnalati lopportuno SMC lo segnaler
colorando tutta la zona compresa allinterno dellarea.

Ver. 16
142 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

Saranno inoltre forniti il valore percentuale del SMC rispetto alla frazione
ove stato individuato, rispetto alla totalit del grafico e, premendo il bottone
, sar possibile vedere anche il valore assoluto in lettura
normalizzato rispetto al valore massimo del grafico e leventuale valore in
concentrazione.
Il valore assoluto rappresenta un dato molto importante giacch, se si
effettua una modifica in una parte del tracciato che non include lSMC, i
valori in % del SMC cambieranno sicuramente, mentre il valore assoluto
dellarea SMC rimarr invariato.
Se nella zona prescelta il software non trover alcun SMC lo comunicher
attraverso il seguente messaggio:

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 143

Per rimuovere lSMC occorre selezionare il Bottone alla sinistra dei


valori.
Per non visualizzare lSMC (che rester comunque in memoria) baster
cliccare il bottone .

8.2.2 Selezione dellSMC manuale

E possibile anche scegliere linizio e la fine dellSMC manualmente.


In questo caso il bottone da selezionare . Lutente in questo
caso con il mouse sceglier direttamente linizio e la fine dellSMC, senza alcuna
ricerca da parte del software.
Verranno comunque fornite tutte le informazioni sullSMC descritte nel
paragrafo 8.2.1.

8.2.3 Visualizzazione frazioni

Selezionando il Menu Vedi->Frazioni verr visualizzato il riquadro che indicher


il valore di ogni frazione (di default gi presente allapertura della maschera) e, se
diverse dal colore di default, verranno colorate anche le rispettive aree delle
frazioni.
Per rimuovere il riquadro basta selezionare nuovamente il menu descritto.

Ver. 16
144 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

8.2.4 Stampa

La funzione permetter di visualizzare la stampa in formato A4


del grafico di cui stata trovata la SMC.

8.2.5 Ricerca Minimi

Per visualizzare i minimi significativi presenti nel tracciato basta


selezionare il Menu Vedi->Minimi.
Per rimuovere i minimi basta selezionare nuovamente il bottone descritto.

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 145

8.2.6 Ricerca Massimi

Per visualizzare i massimi significativi presenti nel tracciato basta


selezionare il Menu Vedi->Massimi.
Per rimuovere i massimi basta selezionare nuovamente il bottone descritto.

Ver. 16
146 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

8.2.7 Ricerca Flessi

Per visualizzare i flessi significativi presenti nel tracciato basta


selezionare Menu Vedi->Massimi .
I colori dei flessi saranno diversi, viola o blu, rispettivamente se il flesso
ascendente o discendente.
Per rimuovere i flessi basta selezionare nuovamente il bottone descritto.

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 147

8.2.8 Filtro

Il filtro serve per eliminare il rumore causato da una non ottimale ricezione
dei dati. La presenza di questo rumore potrebbe impedire il corretto
riconoscimento automatico di una SMC.
In questi casi possibile filtrare la curva per eliminare il rumore prima di
ricercare lSMC.
Per far ci occorre selezionare il pulsante Filtro e scegliere con il bottone
sinistro del mouse linizio e la fine della zona da filtrare. Quando si sceglie
linizio apparir un linea blu che indica la posizione scelta.
Di seguito possibile vedere la zona gamma prima e dopo il filtro. Il
corretto SMC sar trovato solo dopo aver effettuato il filtro. La curva torner poi
quella orginale.

Ver. 16
148 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 149

8.3 Allarme Anomalie

E possibile predisporre il software per segnalare la presenza di anomalie


grafiche in zona gamma (vedere paragrafo 8.4), ossia la presenza di zone in cui la
curva della gamma non segue il suo andamento tipico. Non sempre queste
anomalie indicano la presenza di una o pi SMC ma il software avverte che
comunque il tracciato potrebbe essere elemento di ulteriori accertamenti.

Quando questo accade il software avverte mediante il segnale posto


nella maschera principale di Elfolab.

Entrando nella maschera SMC e selezionando il bottone potranno


essere visualizzate le aree irregolari colorate di giallo.
Per rimuovere le aree di Spike basta selezionare nuovamente il bottone
descritto.

Ver. 16
150 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

8.4 Finestre di Setup

Nella schermata SMC ci sono 3 menu di Setup utilizzabili per modificare

alcune impostazioni.

8.4.1 Setup Parametri

La finestra parametri permette di modificare alcuni parametri essenziali per


la ricerca delle componenti SMC automatiche nonch di decidere quali frazioni
delle Sieroproteine si vogliono controllare mediante lavviso di Allarme. Di
default lAllarme predisposto solo per la zona gamma.
I parame tri principali sono protetti da password perch solo il
personale tecnico della Interlab pu accedervi e/o modificarli.
Lutente non deve modificare i parametri di questa finestra se non sotto
la guida del personale Interlab.

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 151

8.4.2 Setup Stampa

Tramite questa finestra possibile selezionare quali valori del SMC


verranno stampati quando sia avvia la stampa del grafico e del Link del grafico.

Ver. 16
152 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

Se viene stampato il Valore in % sul Totale non pu essere stampato il


Valore in % rispetto alla Frazione di competenza e viceversa.

Se viene stampato il Valore in Concentrazione non pu essere stampato


il Valore assoluto e viceversa.

Per salvare, annullare le modifiche fatte ed uscire dalla finestra occorre


selezionare i bottoni opportuni.

8.4.3 Setup Colore

La finestra di setup del colore permette di selezionare sia il colore delle


frazioni che quello degli eventuali SMC presenti nella maschera SMC.
Di default i colori assegnati sono i seguenti:

Ver. 16
Componenti monoclonali automatiche
Elfolab 16.x 153

Di default le frazioni hanno colore neutro.

Per modificare uno qualsiasi dei colori basta cliccare direttamente dentro
la casella del colore che si vuole modificare:

A questp punto si entrer nella finestra di gestione colori seguente in cui potr
essere modificato il colore.

Al termine delle modifiche se si vuole salvare il lavoro fatto occorre selezionare


, se vi vogliono annullare le modifiche effettuate occorre selezionare
, se si vogliono ripristinare i colori di default basta premere .

Ver. 16
154 Componenti monoclonali automatiche Elfolab 16.x

Indice delle icone e dei simboli


Apertura archivio giornaliero

Passaggio da Archivio storico ad Archivio giornaliero

Connessione con lo Strumento

Esci da Elfolab

Visualizza elenco Pazienti

Inserisci note Paziente

Salva ultima lettura

Filtro dei dati generico

Rimuove il filtro generico

Storico Paziente

Filtro automatico

Filtro dei dati Collegati

Stampa

Ver. 16
Elfolab 16.x Indice delle icone e dei simboli 155

Visualizza finestra Scansione

Visualizza tutti i grafici del telaio corrente

Importazione da ASD52

Importare dati da File

Esportare dati su File

Selezione metodiche per Microgel

Selezione metodiche per INTERLAB G26

Avvio del software Microgel

Avvio del software INTERLAB G26

Aggiungi un minimo

Elimina un minimo

Definisce una nuova linea di base

Misura la percentuale di una porzione di area del grafico

Taglia il grafico con un segmento

Taglia il grafico con un riquadro

Attiva calcolatrice

Definisce un nuovo margine dinizio

Trasla lintero grafico

Attiva il righello

Ver. 16
156 Indice delle icone e dei simboli Elfolab 16.x

Densit Ottica

Seleziona linizio del tracciato

Seleziona la fine del tracciato

Salva il grafico in formato testo

Salva il grafico come Bitmap

Annulla tutte le modifiche

Annulla lultima modifica

Apertura finestra monoclonali

Accede alle schermate del Q.C.

Inserimento Tracciato di Riferimento

Visualizzazione confronto con Tracciato di Riferimento

Filtro sul grafico

Cancellazione grafico

Segnalazione della presenza di anomalie nel tracciato elettroforetico


Permette di trasformare una Sieroproteina in un CSF o in
unUrina e viceversa..

Avvio della scansione

Anteprima a tutto schermo

Salva limmagine acquisita

Accesso alle impostazioni dello scanner

Uscita dalle operazioni di scansione

Paziente patologico

Paziente in passato patologico

Ver. 16
Elfolab 16.x Indice delle icone e dei simboli 157

Paziente validato

Paziente non validato

Ver. 16