Sei sulla pagina 1di 226

Dispense del Corso di

SCIENZA DELLE COSTRUZIONI

Prof. Daniele Zaccaria


Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale
Universit di Trieste
Piazzale Europa 1, Trieste

Sistemi di travi

Corsi di Laurea in
Ingegneria Civile e Ambientale
Ingegneria Industriale
Ingegneria Navale

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale


Trieste, 28 agosto 2010

Indice

1 Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide


1.1 Concetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.1 Cinematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.2 Statica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.3 Moto rigido innitesimo . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Analisi cinematica dei sistemi rigidi piani . . . . . . . . . .
1.2.1 Centri assoluti di rotazione . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.2 Centri relativi di rotazione . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.3 Allineamento dei centri relativi di tre corpi in moto
1.2.4 Vincoli e centri di rotazione . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.5 Analisi dei casi possibili . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.6 Esempio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.7 Esempio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.3 Analisi cinematica dei sistemi rigidi spaziali . . . . . . . . .
1.3.1 Matrice cinematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.3.2 Condizione di non labilit di un sistema di travi . .
1.4 Analisi statica dei sistemi rigidi spaziali . . . . . . . . . . .
1.4.1 Matrice statica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.4.2 Condizione di equilibrio di un sistema di travi . . .
1.5 Il principio dei lavori virtuali per il corpo rigido libero . .
1.6 Dualit statico cinematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.7 Il principio dei lavori virtuali per i sistemi rigidi vincolati
1.8 Esempio sullanalisi statica e cinematica . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

2 Statica dei sistemi piani isostatici


2.1 Curva delle pressioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.1 Tratto di trave non caricato . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.2 Tratto di trave con carico distribuito costante (per unit
di linea ortogonale al carico) . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Arco circolare a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3 Cenno allequilibrio dei li . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SdC Sistemi di travi 28 agosto 2010

1
1
1
3
4
9
9
11
14
15
16
17
19
19
19
22
23
23
25
25
27
29
32
35
35
35
36
38
38

2.4 Arco parabolico . . . . . . . . . . . . . . . . . .


2.5 Travi Gerber . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6 Sistemi chiusi isostatici . . . . . . . . . . . . . .
2.6.1 Esempio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6.2 Esempio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6.3 Travature reticolari isostatiche . . . . .
2.6.4 Condizioni di isostaticit . . . . . . . .
2.6.5 Esempi di travature reticolari piane . .
2.6.6 Soluzione delle travature reticolari
metodo dei nodi . . . . . . . . . . . . . .
2.6.7 Soluzione delle travature reticolari
metodo delle sezioni di Ritter . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
isostatiche
. . . . . . . .
isostatiche
. . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

. .
. .
. .
. .
. .
. .
. .
. .
col
. . .
col
. . .

3 Calcolo di spostamenti in sistemi piani isostatici


3.1 Deformata della linea dasse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.1 Momento ettente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.2 Forza normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Metodo cinematico (o composizione cinematica degli spostamenti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2.1 Sistemi di travi prevalentemente inesse . . . . . . . . .
3.2.2 Mensola soggetta ad un carico ripartito . . . . . . . . . .
3.2.3 Trave appoggiata soggetta a forza normale . . . . . . . .
3.2.4 Arco circolare soggetto ad un carico ripartito . . . . . . .
3.2.5 Un esempio di calcolo di spostamenti col metodo cinematico in un sistema spaziale: mensola di sezione
aC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.3 Integrazione dellequazione della linea elastica . . . . . . . . . .
3.4 Analogia di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.4.1 Mensola soggetta ad una coppia . . . . . . . . . . . . . . .
3.4.2 Trave appoggiata soggetta ad un carico concentrato . .
3.4.3 Trave IPE270 appoggiata soggetta ad un carico
concentrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.5 Strutture con uguale deformazione . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.5.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico ripartito . . . . .
3.5.2 Trave appoggiata soggetta a due coppie concentrate
simmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.5.3 Trave appoggiata soggetta ad una coppia concentrata .
3.6 Coecienti elastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.6.1 Mensole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40
42
43
43
48
50
51
52
52
57
59
59
59
60
61
62
63
64
65

66
68
70
71
71
72
73
73
74
75
76
76
iii

iv

SdC Sistemi di travi 28 agosto 2010

3.6.2 Travi appoggiate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


3.7 Esercizio (struttura chiusa soggetta ad un carico ripartito) . . .
3.8 Calcolo di spostamenti con il principio dei lavori virtuali . . . .
3.8.1 Mensola soggetta ad una forza di tipo assiale . . . . . . .
3.8.2 Portale zoppo soggetto ad un carico ripartito . . . . . . .
3.8.3 Telaio soggetto ad una forza concentrata . . . . . . . . .
3.8.4 Esercizio 1 (struttura chiusa soggetta ad un carico
ripartito) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.8.5 Esercizio 2 (struttura soggetta ad un carico ripartito) . .

77
78
82
83
84
85

Prof.Daniele Zaccaria

5.5.2 Esempio 2 (trave appoggio-appoggio soggetta ad una


variazione termica uniforme) . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.5.3 Esempio 3 (trave appoggiata soggetta ad una distorsione
termica a farfalla) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
5.5.4 Esempio 4 (trave doppiamente incastrata soggetta ad
una distorsione termica a farfalla) . . . . . . . . . . . . . . 118
5.6 Distorsioni plastiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

87
89

5.6.1 Distorsione plastica distribuita di tipo assiale . . . . . . 119

4 Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze


93
4.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico assiale . . . . . . . . . . 93
4.2 Trave appoggiata soggetta a carichi di tipo essionale . . . . . 95
4.3 Travi incastro-appoggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
4.3.1 Trave incastro-appoggio soggetta ad una coppia in
corrispondenza dellappoggio . . . . . . . . . . . . . . . . 96
4.3.2 Trave incastro-appoggio soggetta ad una forza concentrata in mezzeria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.3.3 Trave incastro-appoggio soggetta ad una forza distribuita 97
4.4 Travi incastro-incastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
4.4.1 Trave incastro-incastro soggetta ad una forza concentrata in mezzeria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
4.4.2 Trave incastro-incastro soggetta ad una forza distribuita 98
4.5 Travi continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
4.5.1 Esempio di trave continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100

5.6.3 Distorsioni plastiche concentrate (cerniere plastiche) . . 122

5 Cedimenti vincolari e distorsioni


5.1 Cedimenti vincolari elastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1.1 Esempio 1 (trave appoggiata con un appoggio cedevole)
5.1.2 Esempio 2 (trave incastro-appoggio con incastro
cedevole angolarmente) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1.3 Esempio 3 (trave continua con un appoggio cedevole) . .
5.2 Cedimenti vincolari anelastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.3 Distorsioni concentrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.4 Distorsioni distribuite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.5 Distorsioni termiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.5.1 Esempio 1 (trave appoggio-carrello soggetta ad una
variazione termica uniforme) . . . . . . . . . . . . . . . . .

103
103
104
105
106
108
110
113
114
116

5.6.2 Distorsione plastica distribuita di tipo essionale . . . . 120


5.6.4 Esempio (calcolo a rottura di una trave in acciaio a sezione rettangolare, incastrata e soggetta ad un carico
ripartito) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
6 Strutture simmetriche

125

6.1 Azioni su strutture simmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125


6.1.1 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni simmetriche . . . . 126
6.1.2 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni emisimmetriche . 126
6.1.3 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni generiche . . . . . 127
6.2 Sistemi assialsimmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
6.2.1 Sistemi assialsimmetrici soggetti ad azioni simmetriche

127

6.2.1.1 Cavalletto iperstatico soggetto ad un carico


simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
6.2.2 Sistemi assialsimmetrici soggetti ad azioni emisimmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
6.2.2.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico assiale
emisimmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
6.2.2.2 Esecizio (Telaio soggetto ad una coppia) . . . . . 135
6.2.2.3 Diagrammi nel caso emisimmetrico . . . . . . . . 138
6.2.3 Esecizio (anello con diaframma soggetto ad una
distorsione termica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
6.3 Sistemi polarsimmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
6.3.1 Sistemi polarsimmetrici soggetti ad azioni polarsimmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
6.3.2 Sistemi polarsimmetrici soggetti ad azioni polaremisimmetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Sistemi di travi 28 agosto 2010

7 Telai e travature reticolari


7.1 Telai piani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2 Esercizio su un telaio a un nodo spostabile . . .
7.2.1 Soluzione col metodo delle forze . . . . .
7.2.2 Soluzione col metodo dei telai . . . . . . .
7.3 Travature reticolari . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.4 Esercizio su una travatura reticolare iperstatica
7.4.1 Sovrapposizione degli eetti . . . . . . . .
7.4.2 Soluzione essionale . . . . . . . . . . . . .
7.4.3 Soluzione assiale . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

145
145
148
148
152
154
156
157
157
158

8 Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo degli spostamenti


8.1 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.1.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico assiale . . . . . .
8.1.2 Sistema di pendoli paralleli . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.1.3 Trave continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.1.4 Analisi qualitativa basata sulle rigidezze . . . . . . . . . .
8.1.5 Telaio soggetto ad una coppia concentrata . . . . . . . .
8.2 Schema fondamentale dei telai a nodi ssi . . . . . . . . . . . . .
8.3 Schema fondamentale dei telai a nodi spostabili . . . . . . . . .
8.3.1 Rigidezze taglianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.1.1 Rigidezza tagliante della trave appoggio-doppio
pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.1.2 Rigidezza tagliante della trave incastro-doppio
pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.2 esempi di telai con traversi rigidi . . . . . . . . . . . . . .
8.3.2.1 Portale con traverso rigido . . . . . . . . . . . . .
8.3.2.2 Telaio con traverso rigido e tre ritti . . . . . . . .
8.3.2.3 Telaio simmetrico con traverso rigido e tre ritti
8.4 Sistema di pendoli connessi in un nodo . . . . . . . . . . . . . . .

161
161
161
165
166
168
170
172
174
175

9 Analisi del metodo delle forze


9.1 Struttura delle equazioni di congruenza
9.2 Scrittura delle equazioni di congruenza .
9.3 Indeformabilit assiale . . . . . . . . . . .
9.4 Esempio: telaio a un nodo spostabile . .
9.5 Esempio: Struttura reticolare . . . . . . .

185
185
187
189
190
195

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

175
175
176
176
178
181
183

Indice v

10 Analisi del metodo degli spostamenti


201
10.1 Struttura delle equazioni risolventi . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
10.2 Scrittura delle equazioni di equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . 204
10.3 Esempio di un telaio a un nodo spostabile risolto col metodo
degli spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
10.3.1 Costruzione della matrice di rigidezza per assemblaggio
delle matrici delle singole travi . . . . . . . . . . . . . . . . 209
10.3.1.1 Matrice di rigidezza di una trave inessa con
tutti i movimenti di nodo vincolati . . . . . . . . 209
10.3.1.2 Matrice di rigidezza di una trave inessa nella
quale una rotazione di nodo non vincolata . . 210
10.3.2 Matrici di rigidezza delle singole travi e loro assemblaggio211
10.3.3 Metodo iterativo di Cross . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
10.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
10.4.1 Telaio simmetrico soggetto ad un carico concentrato . . 215
10.4.2 Struttura reticolare iperstatica simmetrica . . . . . . . . . 217

vi Indice

SdC Sistemi di travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 1

Analisi cinematica e statica


dei sistemi di travi rigide

1.1 Concetti
1.1.1 Cinematica

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

2 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.1.2 Statica

4 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.1.3 Moto rigido infinitesimo

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

6 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

8 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.2 Analisi cinematica dei sistemi rigidi piani


1.2.1 Centri assoluti di rotazione

Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

10 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.2.2 Centri relativi di rotazione

11

12 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

13

14 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.2.3 Allineamento dei centri relativi di tre corpi in


moto

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.2.4 Vincoli e centri di rotazione

15

16 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.2.5 Analisi dei casi possibili

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

1.2.6 Esempio 1

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

17

18 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.3 Analisi cinematica dei sistemi rigidi


spaziali
1.2.7 Esempio 2

1.3.1 Matrice cinematica

19

20 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

21

22 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.3.2 Condizione di non labilit`


a di un sistema di travi

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.4 Analisi statica dei sistemi rigidi spaziali

1.4.1 Matrice statica

23

24 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

25

1.5 Il principio dei lavori virtuali per il corpo


rigido libero
1.4.2 Condizione di equilibrio di un sistema di travi

26 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.6 Dualit`
a statico cinematica

27

28 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

1.7 Il principio dei lavori virtuali per i


sistemi rigidi vincolati

29

30 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

31

32 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

1.8 Esempio sullanalisi statica e cinematica

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide

33

34 Capitolo 1. Analisi cinematica e statica dei sistemi di travi rigide SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

quindi le due forze che si trasmettono in tali sezioni devono essere uguali
ed opposte.

Capitolo 2

Statica dei sistemi piani isostatici

Se la trave caricata solo da forze concentrate la curva delle pressioni


risulta, per quanto detto, poligonale. I lati del poligono delle pressioni
corrispondono ai tratti di trave tra un carico concentrato e laltro (g. 2.1a).
Con riferimento allesempio di g. 2.1a, lintersezione tra la traccia di una
tratto AD

tratto BD

2.1 Curva delle pressioni


Le sollecitazioni che si trasmettono attraverso una qualunque sezione retta di una trave piana equivalgono alla loro risultante agente lungo una ben
determinata retta dazione (asse centrale del sistema di forze) oppure, se tale risultante nulla, equivalgono ad una coppia. Escluso questultimo caso,
ad ogni sezione retta di una trave piana corrisponde la retta dazione della
risultante delle forze agenti nella stessa sezione. Daltronde una coppia M
rappresenta il caso limite di una forza F avente braccio b rispetto ad un
punto P del piano quando la forza tende a zero e il braccio tende allinnito mantenendo costantemente uguale a M il prodotto F b. Ne consegue
una forza nulla che agisce secondo la retta allinfinito o retta impropria
e quindi ad ogni sezione retta di una trave piana corrisponde la retta dazione, propria o impropria, della risultante delle tensioni agenti nella stessa
sezione.
La curva delle pressioni rappresenta linviluppo delle rette dazione delle
risultanti relative a tutte le sezioni rette di un sistema di travi. Tale strumento graco sintetizza, in modo qualitativo, le sollecitazioni cui una trave
sottoposta.

F
RB
S

A
e

RA
(a) Poligono delle pressioni

RB

RA
F

2.1.1 Tratto di trave non caricato


In un tratto di trave non caricato direttamente la curva delle pressioni
rappresentata da una linea retta, poich in tal caso lequilibrio richiede
che la retta dazione della risultante non vari al variare della sezione retta
considerata. Infatti, due sezioni generiche di tale tratto individuano una
parte di tale tratto caricata solo in corrispondenza delle sezioni stesse e
SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

(b) Poligono delle forze

Figura 2.1: Esempio di un sistema di travi soggetto ad un carico concentrato

generica sezione S e la retta dazione della risultante delle forze agenti nel35

36 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

la stessa sezione (retta dazione che rappresenta un lato del poligono delle
pressioni) individua il centro di sollecitazione C.1 Il valore della risultante pu essere dedotto dal poligono delle forze (g. 2.1b), che rappresenta
lequilibrio in forma vettoriale. La componente in direzione normale alla
sezione individua la forza normale, quella in direzione della traccia della
sezione la forza di taglio mentre il momento ettente dipende dalla eccentricit della risultante rispetto al punto S della linea dasse, oppure dalla
eccentricit della sola forza normale (indicata con e in g. 2.1a). Il momento ettente si annulla dove i lati del poligono delle pressioni intersecano la
linea dasse del sistema di travi nel tratto di propria competenza. Nel caso
della g. 2.1a, tale situazione si verica solo in corrispondenza delle sezioni
vincolate A e B.

y
a

qa

RA

RS

qa
q

2.1.2 Tratto di trave con carico distribuito costante (per unit


di linea ortogonale al carico)

RS

S
RB
A

Si vuole ora mostrare che in un tratto di trave soggetto ad un carico distribuito q costante per unit di linea ortogonale al carico, la curva delle
pressioni una parabola il cui asse ha la direzione del carico.

df
qx
= tan =
,
dx
H
1A

volte detto centro di pressione.

s
RB

RA

Dimostrazione. Facendo infatti riferimento allo schema di g. 2.2a, dove la


direzione del carico distribuito verticale e il carico ritenuto costante per
unit di linea orizzontale (o per unit di proiezione orizzontale), si consideri la generica sezione S. La quota di carico distribuito che compete al tratto
AS vale qa, dove a la distanza in orizzontale di A da S. quindi possibile
determinare, tramite il poligono delle forze (g. 2.2b), la risultante che compete alla sezione S. Linclinazione di tale risultante fornisce, per denizione
di inviluppo, la tangente r alla curva delle pressioni nel punto individuato
dalla intersezione della curva con la retta dazione s della quota di carico
ripartito agente in S. Si assumano allora due assi ortogonali di riferimento,
un asse orizzontale x generico ed un asse verticale y tale che divida il carico
ripartito in due quote, individuate nel poligono delle forze dalla orizzontale
per il punto di incontro delle reazioni RA ed RB . Detta f (x) lequazione
della curva delle pressioni, deve quindi risultare:

qx

H
(a) Curva delle pressioni

(b) Poligono delle forze

Figura 2.2: Esempio di un sistema di travi soggetto ad un carico ripartito

dove linclinazione della tangente rispetto allasse x e H la distanza,


misurata nel poligono delle forze, della risultante del carico distribuito dal
punto di incontro delle reazioni RA ed RB . Dato che la distanza H non
dipende da x, integrando si ottiene:
f (x) =

qx 2
+ c,
2H

(2.2)

equazione che rappresenta una parabola di asse y, come volevasi


dimostrare.


(2.1)
Nella dimostrazione precedente si ipotizzato che il punto di tangenza
della risultante r in S si trovi sulla retta s.

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici 37

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Dimostrazione. Per mostrare che cos si consideri la g. 2.3, dove sono sta-

b b

q

P2
qa

r1
r

T1

r1

P3

qa

r2
qb

T2

RA

S1

RS

RB

qb
S2

q

A P1

r2

S
s

Figura 2.3: Tangenti alla curva delle pressioni nellintorno di un punto

te tracciate le rette dazione r1 e r2 delle risultanti relative rispettivamente


alle due sezioni S1 e S2 che distano b da S in direzione orizzontale e che
sono poste rispettivamente a sinistra e a destra di S. Le risultanti dei due
carichi qb intercettano su r i punti T1 e T2 da cui passano le rette dazione
r1 e r2 . evidente dalla costruzione che il punto di tangenza di r deve essere interno allintervallo T1 T2 . Essendo la distanza b arbitraria il punto di
tangenza deve quindi stare sulla retta s.

Con riferimento alla g. 2.4, si aronta ora il problema della costruzione
dellarco di parabola che rappresenta la curva delle pressioni tramite lindividuazione di tre dei suoi punti e delle corrispondenti tangenti, come gi
fatto per il tracciamento del diagramma parabolico del momento ettente.
A tale proposito si ricordi che nel dato esempio la direzione del carico coincide con la direzione verticale. Si consideri allora innanzitutto che i due

RA

Figura 2.4: Costruzione della curva delle pressioni parabolica

punti di estremit P1 e P2 della curva delle pressioni coincidono con le intersezioni tra le verticali per le sezioni A e D di estremit del carico distribuito
e le rette dazione delle risultanti in A e in D rispettivamente. Si noti che
nellesempio di g. 2.4 il primo dei due punti, P1 , coincide con il punto A.
Le rette dazione relative ai due punti di estremit rappresentano anche le
due tangenti di estremit della curva delle pressioni mentre il vertice E delle
tangenti si trova sulla retta dazione della risultante del carico distribuito.
Per completare la costruzione a questo punto basta unire i due punti di
estremit P1 e P2 della curva delle pressioni, individuando cos lintersezione F con la retta dazione della risultante del carico distribuito. Dividendo a
met il segmento EF si individua il terzo punto P3 della parabola, mentre la
tangente si ottiene mandando per P3 la parallela alla congiungente P1 P2 .

38 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

2.2 Arco circolare a tre cerniere


Si consideri lequilibrio di un arco di circonferenza AB di centro O, di
semiapertura generica, soggetto ad un carico distribuito q radiale (per
unit di linea dasse) e a due forze in A e in B tangenti alla linea dasse
(g. 2.5a).

estremit A e B dellarco valgono qR. Si noti che tale risultato indipendente


dalla semiapertura dellarco.
Si consideri ora larco circolare a tre cerniere di g. 2.6, soggetto ad un
q

C
Q

q cos

Prof.Daniele Zaccaria

qR

qR

Figura 2.6: Arco circolare a tre cerniere soggetto ad un carico ripartito radiale

ds = R d
2qR sin

(a) Forze applicate

(b) Poligono delle forze

Figura 2.5: Equilibrio di un arco circolare soggetto ad un carico radiale

 e
Il carico radiale simmetrico rispetto alla bisettrice dellangolo AOB
quindi tale bisettrice coincide con la retta dazione della risultante del carico. Sempre per simmetria, le due tangenti in A e in B si incontrano sul rendendo cos possibile lequilibrio (dato che
la bisettrice dellangolo AOB
condizione necessaria per lequilibrio di tre forze che si incontrino in un
punto).
Poich la risultante del carico radiale ha retta dazione lasse di simmetria,
suciente integrare la componente del carico in tale direzione. La simmetria permette inoltre di integrare solo su met arco. Con le convenzioni
di g. 2.5a si ottiene cos:

q cos R d = 2qR sin .
(2.3)
Q=2
0

Come pu poi dedursi dal poligono delle forze (g. 2.5b), gli sforzi alle due

carico distribuito radiale costante (ancora per unit di linea dasse).


Si sconnetta in corrispondenza delle tre cerniere (interna ed esterne). Per
la soluzione precedente, possibile equilibrare i due archi con delle forze
tangenti alla linea dasse, di modulo qR indipendente dalla semiapertura
degli archi, come indicato in g. 2.7. Le due forze in corrispondenza della
cerniera interna sono quindi uguali ed opposte come imposto dal vincolo.
Essendo soddisfatto lequilibrio e tutte le condizioni imposte dai vincoli,
lo schema di g. 2.7 fornisce la soluzione dellarco circolare a tre cerniere
soggetto a carico radiale.
Si noti che larco soggetto alla sola forza normale e che quindi la curva
delle pressioni coincide con la linea dasse dellarco.

2.3 Cenno allequilibrio dei li


Come gi visto nel caso dellarco parabolico, la curva delle pressioni non
dipende dalle linee dasse del sistema di travi ma solo dalle forze applicate
(forze attive e reazioni dei vincoli), almeno nch la forma della struttura non inuenza le forze applicate. Si consideri allora un filo inestendibile,
ovverossia un lo che conserva la sua lunghezza. Essendo indenitamente essibile, il lo pu essere internamente soggetto solo a forze normali

Prof.Daniele Zaccaria

2qR sin

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici 39

lo inestendibile
in equilibrio
qR
C

lo inestendibile
in equilibrio

qR

2qR sin

qR

B
qR

(a) Filo equilibrato sotto un carico concentrato

(b) Filo equilibrato sotto un carico distribuito


radiale

Figura 2.8: Fili inestendibili in equilibrio


Figura 2.7: Reazioni interne ed esterne

di trazione, dirette quindi secondo la tangente alla linea che rappresenta la


congurazione equilibrata sotto le date forze.2 Ne consegue che se si atteggia un lo inestendibile secondo la curva delle pressioni determinata da
dati carichi (e reazioni vincolari) si ottiene una congurazione equilibrata
del lo soggetto a quei dati carichi, almeno nel caso in cui le forze normali
sono di trazione.
Quale primo esempio si consideri il poligono delle pressioni di g. 2.1a
a pagina 35. Tenuto conto che nel caso considerato lo sforzo normale di
compressione, suciente modicare il verso della forza F esterna applicata per ottenere la congurazione di un lo inestendibile in equilibrio sotto
le date forze (g. 2.8a). Analogamente si consideri la curva delle pressioni
dellarco semicircolare di g. 2.6 nella pagina precedente, che ricordiamo
essere coincidente con la linea dasse semicircolare. Tenendo ancora conto
che nel caso trattato la forza normale di compressione, se ne deriva che la
congurazione del lo inestendibile di g. 2.8b equilibrata sotto il carico
distribuito radiale.
2 Si noti che non avendo il lo una forma propria, non ha senso scrivere lequilibrio in una
congurazione indeformata vicina a quella deformata.

Si conclude osservando che negli equilibri precedenti non stato messo in conto il peso proprio del lo. Si consideri allora un lo omogeneo
pesante. In tale caso il peso proprio rappresenta un carico distribuito costante per unit di linea. Se il lo molto teso tra due punti posti su una
linea orizzontale, la sua congurazione equilibrata vicina a quella rettilinea passante per i due punti. In tal caso il peso proprio del lo si pu allora
approssimativamente considerare quale carico distribuito costante per proiezione orizzontale. Ne consegue che il lo si atteggia, approssimativamente, secondo una curva parabolica passante per i due punti dati. Lequazione
della parabola fornita dalla (2.2) a pagina 36, dove H rappresenta la forza
normale a cui il lo soggetto.

40 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

2.4 Arco parabolico

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

41

42 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

2.5 Travi Gerber

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

2.6 Sistemi chiusi isostatici


2.6.1 Esempio 1

43

44 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

45

46 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

47

48 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

2.6.2 Esempio 2
Si consideri ora il sistema chiuso di g. 2.9, soggetto ad una coppia
E

tratto BD
tratto ACD

M
C

45

II



2

M


RB
RA

2 3
2 

Isostaticit Il sistema di travi di g. 2.9, contenente una parte chiusa, pu


essere considerato composto delle due parti rigide I e II connesse dal pendolo ED e dal pendolino interno in C. Essendo esternamente vincolata dallappoggio in A e dal doppio pendolo in B, il numero globale dei vincoli semplici
quindi 6, pari al numero dei gradi di libert delle due parti svincolate. Il
sistema soddisfa allora la condizione necessaria di isostaticit.
Se la parte II subisse un moto rigido, causa il doppio pendolo questi sarebbe di traslazione. Supponiamo una traslazione che abbassa e sposta verso
sinistra della stessa quantit, diciamo a, tutti i suoi punti, compresi quindi
i punti C e D. Se il punto C si abbassa, per la continuit dello spostamento
verticale imposto dal pendolo la parte I deve ruotare in senso orario attorno
al punto sso A. Il punto E si sposta allora verso destra di a. Eseguendo tale
traslazione al pendolo ED il punto D si sposta verso destra di a. Si imponga
ora una rotazione oraria di tale pendolo attorno alla cerniera in E in modo
tale da rispettare la continuit dello spostamento verticale in D, e quindi
tale da abbassare il punto D di a. Poich il braccio verticale la met di
quello orizzontale, ne risulta uno spostamento orizzontale pari a a/2 verso
sinistra e quindi uno spostamento complessivo di D verso destra di a/2, in
contrasto con la traslazione di a verso sinistra dovuto alla traslazione della

(a) Poligono delle pressioni

1 M
3 

II

tratto AED


2

Figura 2.9: Sistema di travi chiuso soggetto ad una coppia

antioraria applicata nel nodo rigido A.

5 M
3 

2 2 M
3 

1 M
3 
2 M
3 

(b) Poligono delle forze

Figura 2.10: Poligoni delle pressioni e delle forze

2 3
2 

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici 49

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

parte II. La contraddizione dimostra che il sistema di travi non pu subire


moti rigidi e che quindi non labile e di conseguenza isostatico.

Reazioni interne ed esterne Per determinare le reazioni interne ed esterne, si consideri lequilibrio della parte II. Le reazioni in corrispondenza delle
sconnessioni in C, D e B hanno quali rette dazione, rispettivamente, la verticale per C, la retta per E e D, e una retta parallela agli assi dei pendoli del
doppio pendolo in B. Con riferimento allo schema di g. 2.10a, le prime
due si incontrano nel punto G da dove deve passare anche la retta dazione
della reazione del doppio pendolo. Resta cos completamente determinato
il poligono delle pressioni del sistema di travi.
Ci stabilito, si consideri ora lequilibrio globale. Dovendo equilibrare la
coppia antioraria M, le reazioni dellappoggio in A e del doppio pendolo in
B devono costituire una coppia oraria, di forze parallele agli assi dei pendoli
3
. Risulta quindi:
del doppio pendolo e di braccio 2
2
RA = RB =

2 2M
.
3 

ed esterne. Tale soluzione riportata nello schema di g. 2.11, dove risulta


anche semplice la verica dellequilibrio.3
In g. 2.12 poi riportato il diagramma del momento ettente. Sempre

M
2
M
3

1
M
3

1
M
3


2

5 M
3 

(2.4)
Figura 2.12: Diagramma del momento ettente

Il poligono delle forze riportato in g. 2.10b determina le reazioni del pendolo in C e del pendolo ED, completando cos il calcolo delle reazioni interne
nella g. 2.12 sono anche mostrate a sinistra la risultante della reazione del
pendolo ED e della coppia applicata in A, e a destra la risultante della reazione del pendolo in C e della reazione in A, risultanti che devono essere
uguali ed opposte. Mandando dallintersezione della retta dazione di tali risultanti con il prolungamento del tratto EA una retta parallela al diagramma
del momento nel tratto EA, si ottiene in A il valore che il momento ettente
ha immediatamente a destra di A nel tratto AC.
Nelle g. 2.13a e 2.13b sono inne riportati i diagrammi della forza
normale e del taglio rispettivamente.

5 M
3 

1 M
3 
2 M
3 

5 M
3 

1 M
3 

M
2 M
3 

2 M
3 

2 M
3 

1 M
3 

1 M
3 

Figura 2.11: Reazioni interne ed esterne

2 M
3 

2 M
3 

3 sempre consigliabile di riportare la soluzione, comunque ottenuta, in uno schema


riassuntivo del tipo di quello di g. 2.11, che tra laltro permette un semplice controllo
dellequilibrio e quindi della validit della stessa soluzione.

50 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

2.6.3 Travature reticolari isostatiche

5 M
3 

1 M
3 

2 M
3 

(a) Forza normale


2 M
3 

1 M
3 

T
+

+
(b) Taglio

Figura 2.13: Diagrammi della forza normale e del taglio

2 M
3 

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

2.6.4 Condizioni di isostaticit`


a

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

51

52 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici


2.6.5 Esempi di travature reticolari piane

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

2.6.6 Soluzione delle travature reticolari isostatiche


col metodo dei nodi

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

53

54 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

55

56 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

2.6.7 Soluzione delle travature reticolari isostatiche


col metodo delle sezioni di Ritter

Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

57

58 Capitolo 2. Statica dei sistemi piani isostatici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 3

Calcolo di spostamenti in
sistemi piani isostatici
3.1 Deformata della linea dasse
3.1.1 Momento flettente

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

59

60 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.1.2 Forza normale

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.2 Metodo cinematico (o composizione


cinematica degli spostamenti)

61

62 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.2.1 Sistemi di travi prevalentemente inflesse

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.2.2 Mensola soggetta ad un carico ripartito

63

64 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.2.3 Trave appoggiata soggetta a forza normale

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.2.4 Arco circolare soggetto ad un carico ripartito

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

65

66 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.2.5 Un esempio di calcolo di spostamenti col metodo


cinematico in un sistema spaziale: mensola di
sezione a C

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

67

68 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.3 Integrazione dellequazione della linea


elastica

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

69

70 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.4 Analogia di Mohr

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.4.1 Mensola soggetta ad una coppia


3.4.2 Trave appoggiata soggetta ad un carico
concentrato

71

72 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.4.3 Trave IPE270 appoggiata soggetta ad un carico


concentrato

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

73

3.5 Strutture con uguale deformazione

3.5.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico ripartito

74 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

3.5.2 Trave appoggiata soggetta a due coppie


concentrate simmetriche

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.5.3 Trave appoggiata soggetta ad una coppia


concentrata

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

75

76 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.6 Coefficienti elastici


3.6.1 Mensole

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

3.6.2 Travi appoggiate

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

77

78 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.7 Esercizio (struttura chiusa soggetta ad un


carico ripartito)

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

79

80 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

81

82 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.8 Calcolo di spostamenti con il principio


dei lavori virtuali

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.8.1 Mensola soggetta ad una forza di tipo assiale

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

83

84 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.8.2 Portale zoppo soggetto ad un carico ripartito

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.8.3 Telaio soggetto ad una forza concentrata

85

86 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

3.8.4 Esercizio 1 (struttura chiusa soggetta ad un


carico ripartito)

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

87

88 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

3.8.5 Esercizio 2 (struttura soggetta ad un carico


ripartito)

89

90 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

91

92 Capitolo 3. Calcolo di spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 4

4.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico


assiale

Soluzione dei sistemi iperstatici


col metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

93

94 Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze

4.2 Trave appoggiata soggetta a carichi di


tipo flessionale

95

96 Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

4.3 Travi incastro-appoggio


4.3.1 Trave incastro-appoggio soggetta ad una coppia
in corrispondenza dellappoggio

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze

4.3.2 Trave incastro-appoggio soggetta ad una forza


concentrata in mezzeria

4.3.3 Trave incastro-appoggio soggetta ad una forza


distribuita

97

98 Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

4.4 Travi incastro-incastro


4.4.1 Trave incastro-incastro soggetta ad una forza
concentrata in mezzeria

4.4.2 Trave incastro-incastro soggetta ad una forza


distribuita

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze

4.5 Travi continue

99

100 Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forzeSdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010
4.5.1 Esempio di trave continua

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010


Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forze

101

102 Capitolo 4. Soluzione dei sistemi iperstatici col metodo delle forzeSdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 5

Cedimenti vincolari e distorsioni

5.1 Cedimenti vincolari elastici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

103

104 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

5.1.1 Esempio 1 (trave appoggiata con un appoggio


cedevole)

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

105

5.1.2 Esempio 2 (trave incastro-appoggio con incastro


cedevole angolarmente)

106 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

5.1.3 Esempio 3 (trave continua con un appoggio


cedevole)

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

107

108 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

5.2 Cedimenti vincolari anelastici

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

109

110 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.3 Distorsioni concentrate

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

111

112 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.4 Distorsioni distribuite

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

113

114 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

5.5 Distorsioni termiche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

115

116 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

5.5.2 Esempio 2 (trave appoggio-appoggio soggetta ad


una variazione termica uniforme)

5.5.1 Esempio 1 (trave appoggio-carrello soggetta ad


una variazione termica uniforme)

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.5.3 Esempio 3 (trave appoggiata soggetta ad una


distorsione termica a farfalla)

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

117

118 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.5.4 Esempio 4 (trave doppiamente incastrata


soggetta ad una distorsione termica a farfalla)

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.6 Distorsioni plastiche


5.6.1 Distorsione plastica distribuita di tipo assiale

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

119

120 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.6.2 Distorsione plastica distribuita di tipo flessionale

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

121

122 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

5.6.3 Distorsioni plastiche concentrate (cerniere


plastiche)

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

123

124 Capitolo 5. Cedimenti vincolari e distorsioni

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

5.6.4 Esempio (calcolo a rottura di una trave in acciaio


a sezione rettangolare, incastrata e soggetta ad
un carico ripartito)

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 6

Strutture simmetriche

6.1 Azioni su strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

125

126 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

6.1.2 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni


emisimmetriche
6.1.1 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni
simmetriche

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

6.2 Sistemi assialsimmetrici

6.1.3 Sistemi simmetrici soggetti ad azioni generiche

6.2.1 Sistemi assialsimmetrici soggetti ad azioni


simmetriche

127

128 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

129

130 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

6.2.1.1 Cavalletto iperstatico soggetto ad un carico simmetrico

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

131

132 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.2.2 Sistemi assialsimmetrici soggetti ad azioni


emisimmetriche

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

133

134 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.2.2.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico assiale


emisimmetrico

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.2.2.2 Esecizio (Telaio soggetto ad una coppia)

Capitolo 6. Strutture simmetriche

135

136 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

137

138 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.2.2.3 Diagrammi nel caso emisimmetrico

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

139

6.2.3 Esecizio (anello con diaframma soggetto ad una


distorsione termica)

140 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 6. Strutture simmetriche

141

142 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.3 Sistemi polarsimmetrici


6.3.1 Sistemi polarsimmetrici soggetti ad azioni
polarsimmetriche

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

6.3.2 Sistemi polarsimmetrici soggetti ad azioni


polaremisimmetriche

Capitolo 6. Strutture simmetriche

143

144 Capitolo 6. Strutture simmetriche

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 7

Telai e travature reticolari


7.1 Telai piani

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

145

146 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

147

148 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

7.2 Esercizio su un telaio a un nodo


spostabile
7.2.1 Soluzione col metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

149

150 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

151

152 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

7.2.2 Soluzione col metodo dei telai

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

153

154 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

7.3 Travature reticolari

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

155

156 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

7.4 Esercizio su una travatura reticolare


iperstatica

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

7.4.1 Sovrapposizione degli effetti

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

7.4.2 Soluzione flessionale

157

158 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

7.4.3 Soluzione assiale

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 7. Telai e travature reticolari

159

160 Capitolo 7. Telai e travature reticolari

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 8

Soluzione dei sistemi iperstatici


col metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.1 Esempi
8.1.1 Trave appoggiata soggetta ad un carico assiale

161

162 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

163

164 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

8.1.2 Sistema di pendoli paralleli

165

166 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.1.3 Trave continua

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

167

168 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.1.4 Analisi qualitativa basata sulle rigidezze

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

169

170 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.1.5 Telaio soggetto ad una coppia concentrata

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

171

172 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.2 Schema fondamentale dei telai a nodi fissi

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

173

174 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.3 Schema fondamentale dei telai a nodi


spostabili

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

175

8.3.1 Rigidezze taglianti


8.3.1.1 Rigidezza tagliante della trave appoggio-doppio pendolo

8.3.1.2 Rigidezza tagliante della trave incastro-doppio pendolo

176 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

8.3.2 esempi di telai con traversi rigidi


8.3.2.1 Portale con traverso rigido

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

177

178 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

8.3.2.2 Telaio con traverso rigido e tre ritti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

179

180 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.3.2.3 Telaio simmetrico con traverso rigido e tre ritti

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

181

182 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

8.4 Sistema di pendoli connessi in un nodo

Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

183

184 Capitolo 8. Metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 9

Analisi del metodo delle forze


9.1 Struttura delle equazioni di congruenza

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

185

186 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

9.2 Scrittura delle equazioni di congruenza

187

188 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

9.3 Indeformabilit`
a assiale

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

189

190 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

9.4 Esempio: telaio a un nodo spostabile

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

191

192 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

193

194 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

9.5 Esempio: Struttura reticolare

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

195

196 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

197

198 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

199

200 Capitolo 9. Analisi del metodo delle forze

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Capitolo 10

Analisi del metodo degli spostamenti


10.1 Struttura delle equazioni risolventi

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

201

202 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

203

204 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

10.2 Scrittura delle equazioni di equilibrio

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

205

206 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

10.3 Esempio di un telaio a un nodo


spostabile risolto col metodo degli
spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

207

208 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

10.3.1.1 Matrice di rigidezza di una trave inflessa con tutti i


movimenti di nodo vincolati

10.3.1 Costruzione della matrice di rigidezza per


assemblaggio delle matrici delle singole travi

209

210 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

10.3.1.2 Matrice di rigidezza di una trave inflessa nella quale


una rotazione di nodo non `
e vincolata

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

10.3.2 Matrici di rigidezza delle singole travi e loro


assemblaggio

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

211

212 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

10.3.3 Metodo iterativo di Cross

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

213

214 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

10.4 Esercizi
10.4.1 Telaio simmetrico soggetto ad un carico
concentrato

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

215

216 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

10.4.2 Struttura reticolare iperstatica simmetrica

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

217

218 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria

Prof.Daniele Zaccaria

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

219

220 Capitolo 10. Analisi del metodo degli spostamenti

SdC Meccanica dei solidi e delle travi 28 agosto 2010

Prof.Daniele Zaccaria