Sei sulla pagina 1di 3

M.M.

Oswald Crollius
Oswald Croll, meglio noto nel nome latinizzato di Crollius, fu un ricercatore
e professore di medicina allUniversit di Marburgo in Germania, nacque a
Wetter nel 1563 e mor, presumibilmente a Praga, nel 1609. Ebbe, tra le sue
passioni e discipline, un interesse particolare per lAlchimia, si ritenne in
prima persona un continuatore dellopera di Paracelso.
Mentre la chimica si occupa del lato strettamente materiale e fisico delle
diverse sostanze e conseguenti fenomeni di composizione e separazione,
lAlchimia concerne i fluidi, le energie e le forme occulte delle cose.
Consegu il dottorato in medicina a Marburgo nel 1582, continuando gli studi
a Heidelberg, Strasburgo e Ginevra.
Dopo aver espletato per alcuni anni, presso luniversit, funzioni di
tuturaggio per gli studenti pi giovani, cominci a viaggiare.
Fu a Parigi, nel 1585, ove conobbe lalchimista Venceslaus Lavinius e il
medico Claude Aubery, giunse successivamente e per la prima volta a Praga
nel 1597, trattenedovisi per due anni, per poi tornarvi definitivamente nel
1602 rimanendovi sino alla sua morte.
Nella Praga di Rodolfo II le ricerche e gli studi esoterici, Alchimici e
Magistici erano particolarmente considerati, anche per diretta volont ed
iniziativa del sovrano.
Durante questo periodo il Crollius frequent diversi Maghi ed Alchimisti tra i
quali Edward Kelley nel 1597.
Nel 1608 fu pubblicata la sua opera principale la Basilica Chymica, da lui
stesso definita opera: contenente una descrizione filosofica, corroborata
Magus Mizar

~1~

dallesperienza pratica, dellapplicazione e della scelta dei rimedi chimici


tratti dalla luce della natura e della Grazia.
Il trattato in effetti una summa delle sue ricerche sperimentali, ricco di
istruzioni e dettagli sulla composizione di medicamenti naturali preparati
secondo principi spagirici.
Nel 1609 fu pubblicato il De signatura rerum, ove classificava le sostanze e i
principi medicamentosi a seconda delle corrispondenze ermetiche.
Ogni pianta ha infatti dei principi attivi e delle propriet energetiche dovute
alla sua composizione intrinseca, in base ad essi pu essere idoneamente
preparata per essere di rimedio a diverse affezioni e malattie.

La Royalle Chymie de Crollius

Mor prematuramente, ma la sua considerazione crebbe considerevolmente


dopo il decesso, oltre a essere degnamente valutato nellopera di Robert
Burton Anatomy of Melancholy del 1621, il Crollius era gi stato descritto da
Johan Daniel Mylius quale uno degli eroi dellAchimia nellopera Basilica
Philosophica Opus Medico-Chymicum del 1618, ove compare a lui dedicato uno
stemma recante il seguente motto:
Oswald Croll da Wetter, Discepolo dei Filosofi: La conoscenza altro non
che il segreto dei sapienti insegnanti e Filosofi.
Magus Mizar

~2~

Di particolare interesse la sua teorizzazione dellinfluenza delle forme sulla


materia, insomma le forme quale veicolo di condensazione di principi
energetici; pi che appropriato pare in merito la colleganza con la dottrina
dei solidi platonici.

Bibliografia:

Oswaldi Crollii Basilica chymica: pluribus selectis et secretissimis propria


manuali Experentia approbatis Descriptionibus, et Usu Remdiorum
chymicorum selectissimorum. Genevae: Chouet - edizioni 1608 e 1643
De Signatura Rerum edizione 1609
La royalle Chymie de Crollius - Drobet edizione 1624 - Lyon.
The Chemical Philosophy: Paracelsian Science and Medicine in the Sixteenth
and Seventeenth Centuries - Allen G. Debus - Science History Publications
I Vol. 1977 New York

Magus Mizar

~3~