Sei sulla pagina 1di 5

IL PASSAGGIO DA DISCORSO DIRETTO A DISCORSO

INDIRETTO
Per raccontare il contenuto di una conversazione esistono due modi:
1) Ripetere le parole testuali precise come sono state dette (DISCORSO DIRETTO)
2) Fare la parafrasi, cio raccontare senza usare le parole testuali (DISCORSO
INDIRETTO).
Ecco un esempio di DISCORSO DIRETTO:
Il Capitano si rivolse a lui e gli disse: Faccia in fretta. Abbiamo poco tempo prima che
inizi la prova e dobbiamo darLe istruzioni su quello che deve fare.
Ecco lo stesso esempio, ma con il DISCORSO INDIRETTO:
Il Capitano si rivolse a lui e gli disse di fare in fretta. Avevano poco tempo prima che
iniziasse la prova e dovevano dargli istruzioni su quello che doveva fare.
Il DISCORSO INDIRETTO viene introdotto sempre da un verbo dichiarativo (dire,
dichiarare, affermare, aggiungere, rispondere, ecc.) che diventa il predicato
principale del nuovo periodo.
Questo verbo pu essere a un tempo storico (passato prossimo, passato remoto,
imperfetto, ecc.) o a un tempo presente (presente, futuro o passato prossimo legato al
presente). A seconda del tempo del verbo principale avremo, pertanto, due tipi di
concordanza: al passato e al presente. Delle due, la concordanza al passato sicuramente
la pi complessa.
Nel passaggio da discorso diretto a discorso indiretto, se il verbo
principale al passato, CAMBIANO:

1) I PRONOMI PERSONALI


Es.: Carlo disse: Ho fame!
NOI, VOI diventano LORO, ESSI, ESSE
Carlo disse che aveva fame.

2) GLI AGGETTIVI POSSESSIVI
MIO, TUO diventano SUO
Es.: Gina chiese a Maria: Hai visto mio padre?
Gina chiese a Maria se avesse visto suo padre.
IO, TU diventano LUI, (EGLI), LEI (ELLA)

NOSTRO, VOSTRO diventano LORO
Es.: Gianni gli disse: Ho visto il vostro cane.
Gianni gli disse che aveva visto il loro cane.

3) GLI AVVERBI E LE LOCUZIONI DI TEMPO E DI LUOGO:
Gli avverbi e le locuzioni avverbiali della colonna a sinistra si trasformano negli avverbi e
nelle locuzioni della colonna di destra:
OGGI -> QUEL GIORNO
DOMANI -> LINDOMANI, IL GIORNO DOPO/SUCCESSIVO
IERI -> IL GIORNO PRIMA/PRECEDENTE
ORA -> ALLORA, IN QUEL MOMENTO
TRA POCO -> POCO DOPO
POCO FA -> POCO PRIMA
QUI/QUA -> L, L, IN QUEL LUOGO
OGGI -> QUEL GIORNO
DOMANI -> LINDOMANI, IL GIORNO DOPO/SUCCESSIVO
IERI -> IL GIORNO PRIMA/PRECEDENTE
ORA -> ALLORA, IN QUEL MOMENTO
TRA POCO -> POCO DOPO
POCO FA -> POCO PRIMA
QUI/QUA -> L, L, IN QUEL LUOGO
4) I TEMPI E I MODI DEI VERBI:
IL PRESENTE INDICATIVO
diventa
IMPERFETTO INDICATIVO
Es.: La mamma disse al figlio: Sono stanca di stirarti i vestiti!
La mamma disse al figlio che era stanca di stirargli i vestiti.

IL PRESENTE INDICATIVO nelle interrogative dirette
diventa
IMPERFETTO CONGIUNTIVO
Es.: Il bambino mi chiese. Quanti anni hai?
Il bambino mi chiese quanti anni avessi.

IL PRESENTE CONGIUNTIVO
diventa

IMPERFETTO CONGIUNTIVO
Es.: La ragazza disse: Penso che Leo DiCaprio sia molto bello!
La ragazza disse che pensava che Leo DiCaprio fosse molto bello.

LIMPERATIVO
diventa
IMPERFETTO CONGIUNTIVO
oppure
INFINITO SEMPLICE
Es.: Il giudice gli intim: Paghi la multa!.
Il giudice gli intim che pagasse la multa.
Il giudice gli intim di pagare la multa.

IL FUTURO SEMPLICE
diventa
CONDIZIONALE COMPOSTO
Es.: Le promise: Ti scriver al mio ritorno a casa.
Le promise che le avrebbe scritto al suo ritorno a casa.

IL FUTURO SEMPLICE O ANTERIORE
(solo se in rapporto con un altro futuro)*
diventa
TRAPASSATO CONGIUNTIVO
Es.: Disse: Ti scriver dopo che sar ritornato a casa.
Disse che le avrebbe scritto dopo che fosse ritornato a casa.
*Se in una proposizione incontriamo un unico verbo al FUTURO, questi segue la regola del futuro
nel passato e diventa CONDIZIONALE COMPOSTO. Se, per, in una proposizione incontriamo
due verbi al FUTURO, quello che descrive lazione precedente (espressa da un futuro anteriore o
da un futuro semplice con valore di anteriorit) va al TRAPASSATO CONGIUNTIVO e solo
quello che descrive lazione successiva va al CONDIZIONALE COMPOSTO.
IL PASSATO PROSSIMO
e
IL PASSATO REMOTO
diventano

TRAPASSATO PROSSIMO
Es.: La assicur: Sono gi stato dal medico.
La assicur che era gi stato dal medico.
Raccont: Il bimbo disse -Mamma!- per la prima volta.
Raccont che il bimbo aveva detto Mamma!- per la prima volta.
Attenzione: se il verbo della dipendente non in diretta relazione temporale con il verbo della
principale, il PASSATO, prossimo o remoto, non muta.
Es.: Il professore afferm: Cesare fu un grande uomo politico.
Il professore afferm che Cesare fu un grande uomo politico.

IL CONDIZIONALE SEMPLICE
diventa
CONDIZIONALE COMPOSTO
Es.: Ci confess: Mi piacerebbe venire in vacanza con voi.
Ci confess che gli sarebbe piaciuto venire in vacanza con noi.

I TRE CASI DEL PERIODO IPOTETICO
CERTEZZA, POSSIBILIT, IMPOSSIBILIT
diventano tutti della
IMPOSSIBILIT
Es.: Disse: Se posso, vengo con molto piacere.
Disse che, se avesse potuto, sarebbe venuto con molto piacere.
Disse: Se potessi, verrei con molto piacere.
Disse che, se avesse potuto, sarebbe venuto con molto piacere.
Disse: Se avessi potuto, sarei venuto con molto piacere.
Disse che, se avesse potuto, sarebbe venuto con molto piacere.

Nel passaggio da discorso diretto a discorso indiretto NON
cambiano:
LINFINITO, IL PARTICIPIO, IL GERUNDIO
Es.: Disse: Ho provato a leggere quel libro, ma era troppo noioso.
Disse che aveva provato a leggere quel libro, ma che era troppo noioso.
Disse: Arrivato a casa, ho acceso subito la TV.
Disse che, arrivato a casa, aveva acceso subito la TV.
Disse: Viaggiando, ho incontrato molte persone affascinanti.
Disse che ,viaggiando, aveva incontrato molte persone affascinanti.
LIMPERFETTO
(indicativo e congiuntivo, non esprimente condizione)

Es.: Raccont: Ero molto stanco, cos rimasi a casa.
Raccont che era molto stanco e cos era rimasto a casa.
Confess tristemente: Volevo che fosse tutto perfetto.
Confess tristemente che voleva che fosse tutto perfetto.
IL CONDIZIONALE COMPOSTO
Es.: Ci url: Avrei voluto vedere voi al posto mio!
Ci url che avrebbe voluto vedere noi al posto suo.
Il TRAPASSATO (indicativo e congiuntivo)
Es.: Si guard intorno e disse: Non ero stato mai qui!
Si guard intorno e disse che non era stato mai l.
Ricordando quellepisodio, Anna disse: Gianni non ha mai capito quanto fosse stato fortunato in
quella occasione.
Ricordando quellepisodio, Anna disse che Gianni non aveva mai capito quanto fosse stato
fortunato in quelloccasione.
I PRONOMI LUI, LEI, LORO ED I POSSESSIVI SUO E LORO
GLI AVVERBI L E L
IL DIMOSTRATIVO QUELLO
LAVVERBIO ALLORA
Nel passaggio da discorso diretto a discorso indiretto, se il
verbo principale al presente, CAMBIANO:
I PRONOMI PERSONALI ED I POSSESSIVI
Seguono gli stessi criteri gi analizzati.
LIMPERATIVO
diventa
CONGIUNTIVO PRESENTE
oppure
INFINITO SEMPLICE
Es.: Il giudice gli intima: Paghi la multa!
Il giudice gli intima che paghi la multa.
Il giudice gli intima di pagare la multa.
Non mutano invece:
GLI AVVERBI DI TEMPO E DI LUOGO
I TEMPI ED I MODI DEI VERBI DIPENDENTI (non limperativo)