Sei sulla pagina 1di 6

LA RIVOLUZIONE RUSSA E LA NASCITA DELL URSS

LE CONTRADDIZIONI DELLA RUSSIA ZARISTA


Incapacit della monarchia zarista e della sua classe dirigente di riformare il sistema sociale e politico retaggi del passato feudale entravano in urto con spinte alla modernizzazione sotto la cappa dell autocrazia si accendevano nuovi dibattiti e opzioni politiche partito cadetto(riforma costituzionale e liberale del sistema), socialrivoluzionari (rivoluzione agraria), menscevichi e bolscevichi (socialismo marxistaproletariato operaio)

PREMESSE: RIVOLUZIONE 1905 Emersero nodi conflittuali 1. questione della terra e della condizione operaia 2. anacronismo del regime autocratico 3. rivendicazioni autonomistiche delle nazionalit non russe dell impero 4. sproporzione tra effettiva solidit dello stato e le sue ambizioni a svolgere un ruolo di grande potenza RIVOLUZIONE 1917 Aggravanti 5. nascita di nuove forme di organizzazione dal basso (soviet) 6. entrata dei contadini nella lotta rivoluzionaria 7. venir meno della fedelt dell esercito allo zar 8. perdita dell equilibrio del sistema politico, economico e sociale per l effetto disastroso della guerra

LE FORZE POLITICHE D OPPOSIZIONE PRIMA DELLA RIVOLUZIONE


PARTITO COSTITUZIONALE DEMOCRATICO RUSSO (CADETTO KD ) 1905 Principale partito della borghesia russa Posizione: monarchico costituzionale PARTITO SOCIALISTA RIVOLUZIONARIO RUSSO (SR) 1901 Partito socialista con maggior seguito popolare Posizione: propugnava riforma agraria, utilizzava il terrorismo politico Dopo il 1917 si divider in una corrente di destra (favorevole al governo provvisorio) e una di sinistra (alleata dei bolscevichi) PARTITO OPERAIO SOCIALDEMOCRATICO RUSSO (Posdr) CORRENTE MENSCEVICA 1903 Largo seguito nei sindacati e tra gli operai Posizione: volevano un partito di massa sostenevano (vs Lenin) che l instaurazione del socialismo dovesse essere preceduta da una fase capitalistico-borghese BOLSCEVICHI (sign. Maggioritari) Rappresentavano la minoranza all interno del mondo socialista russo,fu nel corso della rivoluzione che acquisirono crescente popolarit Posizione: puntavano ad un partito ristretto con spinte rivoluzionarie Lenin

TENTATIVO MODERNIZZATORE DI STOLYPIN


STOLYPIN primo ministro dal 1906 al 1911

LE DUE RIVOLUZIONI DEL 1917


Fu la guerra a far esplodere le contraddizioni della societ imperiale aprendo la via ad una rivoluzione socialista. Concordia nazionale pro guerra ( solo bolscevichi e menscevichi si espressero contro) Sentimento antigermanico (san Pietroburgo, il cui nome suonava troppo tedesco, venne ribattezzata Pietrogrado ) Il protrasi del conflitto mise a nudo le deficienze dell armamento, dell organizzazione ,nonch dell apparato produttivo incapace di reggere il peso della guerra. aumento ammutinamenti, scioperi, sommosse Inizio del 1917regime zaarista sull orlo del crollo Opposizione liberale si organizz in un blocco progressista per determinare una svolta costituzionale della monarchia incontrando per l opposizione del sovrano (influenzato dalla moglie e da Rasputin)

RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO
Protesta popolare , 20 febbraio sciopero in seguito alla serrata decisa delle industrie Putilov rimaste prive di materie prime a cui si unirono molte donne MOBILITAZIONE OPERAI Sciopero generale paralizza la capitalezar ordina di sciogliere le manifestazioni e decreta lo stato d assedio ma le truppe fraternizzano con gli operai DEFEZIONE DELL ESERCITO NICOLA II ABDICA a favore del fratello Michele che a sua volta rinuncia al trono FINE DEL REGIME ZAARISTA VUOTO DI POTERE 2 Problemi: 1. chi dovesse detenere il potere e come 2. quali decisioni prendere rispetto al proseguimento della guerra 2 Centri di potere: 1. GOVERNO PROVVISORIO, emanazione della Duma , guidato da LVOV, egemonizzato dai liberali (partito cadetto) Obiettivo: condurre rivoluzione ad un esito costituzionale-parlamentare di tipo occidentale,senza sbocchi di tipo socialista provvedimenti di tipo liberale: libert parola, stampa, associazione politica, abolizione pena di morte ecc. favorevoli a prosecuzione guerra 2. SOVIET DI PIETROGRADO (consiglio dei deputati, degli operai e dei soldati), egemonizzato dai socialrivoluzionari e dai menscevichi. MENSCEVICHI convinti che la prospettiva socialista non fosse attuabile nell immediato, volevano dare alla rivoluzione un carattere democratico e legalitario, con un governo borghese controllato da forze socialiste e dai soviet SOCIALISTI RIVOLUZIONARI puntavano sulla riforma agraria(assegnazione alle comunit rurali delle terre appartenenti ai grandi proprietari e al demanio pubblico compito di attuare ci all assemblea costituente)

contro la prosecuzione della guerraEntrambi ritenevano che si dovesse arrivare ad una pace senza annessioni n riparazioni Questa situazione di doppio potere rese estremamente complessa la gestione politica i due poteri esprimevano interessi diversi e programmi contrastanti N il governo provvisorio n il soviet di Pietrogrado avevano in quel momento le redini di un processo rivoluzionario che si diffondeva spontaneamente. Operai chiedevano aumenti dei salari ,giornata di 8 ore, sicurezza sul posto di lavoro e il diritto di formare comitati di fabbrica I soldati volevano la fine della guerra I contadini la redistribuzione delle terre lasciate in abbandono

LENIN E LE TESI DI APRILE


I bolscevichi inizialmente tennero una linea di opposizione al governo provvisorio questa cambi dopo il ritorno di Lenin dall esilio in svizzera: egli riteneva possibile una rivoluzione socialista in Russia tesi d aprile presentate al partito bolscevico Lenin propone di rompere con il governo provvisorio attribuire il governo agli organismi consiliari (tutto il potere ai soviet) stringere un alleanza con i contadini poveri con una riforma agraria porre fine alla guerra per fronteggiare i contrasti tra governo provvisorio e soviet Lvov forma un nuovo governo di coalizione: cadetti+ menscevichi +socialrivoluzionari il ministero della Guerra era affidato al socialrivoluzionario moderato Kerenskij (membro del governo e dei soviet) cresce popolarit bolscevichi 1917 Kerenskij lancia una offensiva in Galizia fallimento alimenta ostilit dei soldati verso gli ufficiali ed il governo provvisorio

Russia diviene ingovernabile () LUGLIO MOVIMENTO INSURREZIONALE contro il governo Lenin fugge in Finlandia Lvov si dimette Presidenza del governo viene assunta da Kerenskij Generale Kornilov tenta un colpo di stato a Pietrogrado ma viene bloccato da Kerenskij,dai soviet a dai bolscevichi

RIVOLUZIONE DI OTTOBRE
Lenin incita bolscevichi a un insurrezione armata Rientra clandestinamente a Pietrogrado e convince il comitato centrale bolscevico a seguire la sua linea con l appoggio di Trockij presidente dei soviet di Pietrogrado e Stalin redattore del giornale del Partito bolscevico. Nella notte tra il 24 e il 25 OTTOBRE 1917 I BOLSCEVICHI CONQUISTANO IL PALAZZO D INVERNO sede del governo provvisorio Lenin costituisce un Governo Rivoluzionario Bolscevico nazionalizzazione banche consegna della gestione delle fabbriche ai delegati operai avvio di trattative di pace riconoscimento dell uguaglianza di tutti i popoli della Russia e diritto di autodeterminazione decreto sulla terra (confisca propriet dei grandi proprietari terrieri e del clero a favore dei contadini) ridurre possibilit di opposizione: partito cadetto illegale (dirigenti arrestati) ridotta libert di stampa creazione CEKA (commissione straordinaria per la lotta contro la controrivoluzione ,la speculazione ed il sabotaggio) 1917 elezioni assemblea costituente bolscevichi in minoranza maggioranza del partito socialrivoluzionario Lenin temendo che l assemblea costituisse una minaccia la fece sciogliere con la forza il giorno successivo al suo insediamento Dittatura del proletariato necessaria fase di transizione alla societ comunista 3 marzo 1918 trattato di Brest-Litovsk CRESCE REAZIONE ANTIBOLSCEVICA Menscevichi e socialrivoluzionari guidano insurrezioni che portano al rovesciamento delle amministrazioni bolsceviche Dalla fine del 1917 alla fine del 1919 infuri una spietata guerra civile tra I BIANCHI (esercito zarista) e I ROSSI 17 LUGLIO 1918 Uccisione ,da parte dei bolscevichi, di tutta la famiglia Romanov ARMATA ROSSA RIESCE A SCONFIGGERE FORZE CONTRORIVOLUZIONARIE Il governo bolscevico rappresentava l unica forza in grado di mantenere unito lo stato.

Armata rossa sostiene un conflitto militare con la Polonia il cui esercito invase l Ucraina nel 1920il conflitto si concluse con la Pace di Riga (1921) 1922 nasce unione delle repubbliche socialiste sovietiche (Urss)

Confini: ricalcavano quelli del vecchio impero ad eccezione delle repubbliche baltiche, della Finlandia e della Bessarabia il governo bolscevico aveva ereditato un economia distruttafronteggia la situazione con l abolizione della propriet privata e del mercato libero ,la nazionalizzazione delle imprese, la statalizzazione del commercio interno e la requisizione forzata del grano in eccesso venne instaurata una dittatura del Partito comunista altre organizzazioni furono messe fuori legge proibiti giornali non bolscevichi reintrodotta pena di morte La polizia politica Ceka assunse poteri sempre maggiori sotto il comando di Dzerzinskij Il comunismo ebbe conseguenze disastrose nelle campagne (produzione ridotta a causa delle requisizioni, mercato nero, baratto) Nelle citt (spopolamento, riduzione classe operaia) Consenso verso il partito comunista diminuiva 1912 marinai della base di Kronstadt, sul mar baltico, si ribellavano chiedendo la restaurazione del soviet e la democraticizzazione della vita politica. La ribellione fu repressa con la forza.