Sei sulla pagina 1di 15

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per le travi alte

[A.a. 2011 - 2012 : ultima revisione 29 agosto 2011] Quali sono i limiti della teoria di Eulero-Bernoulli? Come e' possibile migliorare la teoria, senza rinunciare alla semplicita' analitica ed alla rapidita' computazionale? Per rispondere alla prima domanda, conviene ripensare alla incongruenza di base della teoria di EuleroBernoulli, gia' evidenziata nella Lezione 30: la impossibilita' di definire lo sforzo di taglio come risultante delle azioni elementari s23 , nulle per ipotesi, e la conseguente necessita' di definire il taglio tramite considerazioni di equilibrio. Affrontando il problema da un'altra ottica, puo' partirsi dalla definizione del taglio come derivata del momento flettente, e poi applicare la definizione di taglio come risultante delle azioni elementari (cfr. eqn.21 della Lezione 22): T2 = 23 dA

(1)

Ipotizzando una distribuzione costante di tensione, ed introducendo un coefficiente correttivo k, si ha: T2 = 23 A e quindi la tensione tangenziale e': 23 = T2 A (3) (2)

Figura 1 - S.P. Timoshenko

A questo punto non puo' pero' evitarsi la contraddizione insita nella legge tensioni-deformazioni, che porterebbe alla deformazione tagliante:

366

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

(4) 2G che invece e' nulla per costruzione. Se pero' il modulo G assume valori molto elevati (materiale poco deformabile a taglio), allora si puo' ragionevolmente trascurare la deformazione tagliante e23 anche in presenza di un valore finito della tensione e del taglio. [Nota]. Inoltre, una distribuzione costante di tensioni contraddice l'ipotesi di mantello laterale scarico. Un miglioramento della teoria di Eulero-Bernoulli e' stato proposto da Timoshenko, e coniuga semplicita' e vantaggi analitici in modo talmente soddisfacente da essere ormai utilizzato in quasi tutti i codici di calcolo agli elementi finiti.

e23 =

23

Le ipotesi di base per la trave di Timoshenko


Si consideri un solido del tipo trave, di lunghezza L, con una sezione retta caratterizzata da un asse di simmetria rispetto all'asse x1 , soggetto ai carichi distribuiti pHx3 L diretti trasversalmente all'asse della trave, ai carichi distribuiti tHx3 L diretti lungo l'asse, ed alle coppie distribuite mHx3 L. In generale, seguendo la teoria di De Saint-Venant, si puo' dire che, per problemi di simmetria e di carico, gli spostamenti u1 Hx1 , x2 , x3 L secondo l'asse x1 sono nulli. Per quanto riguarda le altre due componenti u2 Hx1 , x2 , x3 L e u3 Hx1 , x2 , x3 L, conviene introdurre ipotesi 'ad hoc', che caratterizzano la particolare teoria utilizzata. Le ipotesi a base della teoria di Timoshenko sono: 1. gli spostamenti verticali ed assiali dei punti dell'asse dipendono solo dalla variabile x3 : ua = ua Hx3 L, 2 2 ua = ua Hx3 L 3 3 2.segmenti normali all'asse si conservano segmenti a seguito della deformazione 3. segmenti normali all'asse non si conservano normali all'asse deformato, ma ruotano rispetto ad esso di un angolo addizionale y, come illustrato in Figura 2 Segue dalle tre ipotesi appena formulate, che una sezione retta a distanza x3 dalla base di sinistra subisce un abbassamento u2 (x3 ) = ua Hx3 L, uguale per tutti i punti della sezione, uno spostamento assiale u3 Ix2, x3 M, ed 2 una rotazione f(x3 ) fornita da: Hx3 L = u' Hx3 L + 2 (5)

Ne segue che lo spostamento assiale u2 Hx2 , x3 L di un punto generico della sezione retta, situato a distanza x2 dal baricentro, e' pari a: u3 Hx2 , x3 L = u3 Hx3 L + Hx3 L x2 Il vettore u della terna di spostamenti e' fornito pertanto da: u = 8u1 , u2 , u3 < = 90, u2 Hx3 L, ua Hx3 L + Hx3 L x2 = 3 (7) (6)

Le corrispondenti deformazioni sono deducibili a partire dalle ben note leggi che legano le deformazioni alle derivate prime degli spostamenti:

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

367

A x2

P A x3 Hx3 L A' P' A' ua Hx3 L 3 Hx3 Lx2 u' Hx3 L 2 u' Hx3 L 2 ua Hx3 L 2

Figura 2 - Le ipotesi di Timoshenko: fHx3 L = -u'2 Hx3 L + y

e11 = e12 = e13 = e22 = e23 =

u1 x1 1 2 1 2 u2 x2 1 2 u3 x3

=0 u1 x2 u1 x3 =0 u2 x3 = + u3 x2 + x2 = d dx3 1 2 Iu' Hx3 L + Hx3 LM = 2 1 2 Hx3 L + u2 x1 u3 x1 =0 =0 (8)

e33 =

dua 3 dx3

= ua' Hx3 L + x2 ' Hx3 L 3

Le componenti di tensione s23 e s33 , in ipotesi di validita' della legge di Hooke, sono fornite da: 33 = E Iua' Hx3 L + x2 ' Hx3 LM 3 23 = G Iu' Hx3 L + Hx3 LM 2 (9) (10)

Ne segue che le caratteristiche sforzo normale N(x3 ), momento flettente M1 (x3 ) e taglio T2 (x3 ) possono calcolarsi come: N = E Iua' Hx3 L + x2 ' Hx3 LM dA = E A ua' Hx3 L 3 3

(11)

M1 = E Ix2 u0' Hx3 L + x2 ' Hx3 LM dA = E I11 ' Hx3 L 2 3

(12)

T2 = G Iu' Hx3 L + Hx3 LM dA 2

(13)

Nota 1 - Lo sforzo normale non e' influenzato dalla ipotesi di Timoshenko, e la sua trattazione resta disaccop-

368

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

- Lo sforzo normale non e' influenzato dalla ipotesi di Timoshenko, e la sua trattazione resta disaccoppiata da quella dello sforzo di taglio - momento flettente. Nota 2- La (10) indica che la tensione tangenziale non dipende dalla variabile x2 , e quindi e' in contraddizione con l' ipotesi di De Saint-Venant sulla superficie laterale scarica. Per tener conto della effettiva distribuzione delle tensioni tangenziali lungo x2 , si introduce, secondo Timoshenko, un fattore correttivo k, detto fattore di taglio, scrivendo, al posto della (13): T2 = G Iu' Hx3 L + Hx3 LM dA = GA Hx3 L 2

(14)

Si puo' dimostrare che k e' minore di uno, e spesso si introduce l'area ridotta della sezione retta As = k A, detta area efficace a taglio. Nota 3- L'incongruenza della teoria di Eulero-Bernoulli e' stata superata, e la condizione di equilibrio: T2 Hx3 L = dM1 Hx3 L dx3

(15)

non deve piu' essere utilizzata come definizione, ma si traduce nella relazione: GA Iu' Hx3 L + Hx3 LM = E I11 '' Hx3 L 2 (16)

Lo studio della linea elastica


Si parte dalla definizione dell'energia potenziale totale, somma dell'energia elastica e dell'energia potenziale dei carichi: Et =
l

1 2

2 E e33 dV + B

1 2

2 4 G e23 dV p Hx3 L u2 Hx3 L dx3 B 0 l

t Hx3 L u3 Hx3 L dx3 m Hx3 L Hx3 L dx3


0 0

(17)

ed utilizzando le ultime due delle (8), si puo' scrivere l'energia elastica come: Et = 1 2 1 2
' E A u3 Hx3 L dx3 +
2

1 2

' EI Hx3 L dx3 +


2

' GAs Iu2 Hx3 L + Hx3 LM dV p Hx3 L u2 Hx3 L dx3 2 0 0 L L

(18)

t Hx3 L u3 Hx3 L dx3 m Hx3 L Hx3 L dx3


0 0

A questo punto, si puo' scrivere la variazione di Et rispetto alle variabili u3 , u'3 , u2 , u'2 , f e f', ottenendo: Et = Et Iu3 + u3 , u' + u' , u2 + u2 , u' + u' , + , ' + 'M 3 3 2 2 Et Iu3 , u' , u2 , u' , , 'M = 3 2 1 2
' EI11 I + 'M dx3 + 2 0 L

1 2

' ' E A I u3 + u3 M dx3 + 2 0 L 2

1 2

' ' GAs Iu2 + u2 + + M dx3 0

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

369

p Hu2 + u2 L dx3 t Hu3 + u3 L dx3


0 0

m H + L dx3
0

1 2

' E A u3 dx3
2

1 2

' EI11 dx3


2

1 2

' GAs Iu2 + M dx3 + p u2 dx3 + t u3 dx3 + m dx3 2 0 0 0 0

Svolgendo i quadrati e semplificando si ottiene: Et = E A u' u' dx3 + EI11 ' ' dx3 + GAs Iu' + M u' dx3 + 3 3 2 2
0 0 0 ' GAs Iu2 + M dx3 p u2 dx3 t u3 dx3 m dx3 + 0 0 0 0 L L L L L L L

(20)

1 2

' E A u3 dx3 +
2

1 2

' EI11 dx3 +


2

1 2

' GAs Iu2 + M dx3 2 0

Ne segue che la variazione dell'energia potenziale totale si esaurisce in due aliquote: la prima, lineare, e la seconda quadratica: 1 Et =
' ' ' ' ' EA u3 u3 dx3 + EI11 ' dx3 + GAs Iu2 + M u2 dx3 + 0 0 0 ' GAs Iu2 + M dx3 p u2 dx3 t u3 dx3 m dx3 0 0 0 0 L L L L L L L

(21)

2 Et = 1 L 1 L 1 L 2 '2 '2 ' E A u3 dx3 + EI11 dx3 + GAs Iu2 + M dx3 2 0 2 0 2 0 Per il principio di stazionarieta', dovra' essere: 1 Et = E A u' w' dx3 + EI11 ' ' dx3 + 3 3
0 0 ' ' ' GAs Iu2 + M u2 dx3 + GAs Iu2 + M dx3 0 0 L L L L

(22)

(23)

p u2 dx3 t u3 dx3 m dx3 = 0


0 0 0

I primi tre integrali della (23) possono integrarsi per parti una volta, ottenendo:
L

0 L

u' u' dx3 = Au' u3 E0 3 3 3


L

u'' u3 dx3 3

(24)

0 L

0 L

' ' dx3 = A' E0


L

'' dx3
L L

(25)

Iu' + M u' dx3 = AIu' + M u2 E0 Iu'' + ' M u2 dx3 2 2 2 2


0

(26)

Inserendo le (24-26) nella (23) si giunge a scrivere:

370

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

'' AIEA u3 + tM u3 + 0

dx3 + AEAu' u3 E0 + @EI11 ' DL + AGAs Iu' + M u2 E0 = 0 3 2 0


L L

IEI11 '' + m GAs Iu' + MM + IGAs Iu'' + 'M + tM u2 E 2 2

Le variazioni du3 , df, e du2 sono arbitrarie, e quindi dovranno annullarsi le tre quantita' in parentesi, conducendo alle tre equazioni differenziali in u3 , f ed in u2 : EI11 ' ' GAs Iu' + M = m 2 + 'M = p EA u'' = t 3

GAs Iu'' 2

(28)

Le restanti quantita' dovranno annullarsi ai due estremi della trave. Per lo spostamento u3 dovra' quindi essere: EAu' H0L u3 H0L = 0 3 EAu' HlL u3 HlL = 0 3 mentre per lo spostamento u2 e la rotazione f sara' necessariamente: EI11 ' H0L H0L = 0 EI11 ' HLL HLL = 0 GAs I H0L + u' H0LM u2 H0L = 0 2 GAs I HLL + u' HLLM u2 HlL = 0 2 (31) (32) (33) (34) (29) (30)

Nota 4- Lo studio della funzione u3 degli spostamenti assiali e' completamente separato dallo studio delle altre due funzioni, come gia' detto. Invece le ultime due equazioni delle (28) rappresentano un sistema accoppiato di due equazioni differenziali del secondo ordine. Esercizio 1 - Generalizzare le equazioni (28) al caso di trave a sezione variabile. Esercizio 2- Utilizzare il principio degli spostamenti virtuali per riottenere le equazioni della linea elastica e le corrispondenti condizioni ai limiti Esercizio 3 - Utilizzare l'approccio geometrico per riottenere le equazioni della linea elastica

Le condizioni di vincolo
E' inutile studiare il problema assiale, non modificato rispetto al caso di Eulero-Bernoulli. Per quanto riguarda il problema flessionale, invece, in base alla (12) ed alla (14) le condizioni (31) - (34) si possono scrivere: M1 H0L H0L = 0 M1 HLL HLL = 0 T2 H0L u2 H0L = 0 T2 HLL u2 HLL = 0 Agli estremi della trave, pertanto, si possono simulare queste condizioni di vincolo: (35) (36) (37) (38)

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

371

Estremo incastrato u2 = 0 e f = 0 Estremo appoggiato u2 = 0 e M1 = 0, ossia f' = 0 Estremo con bipendolo f = 0 e T2 = 0, ossia u'2 + f = 0 Estremo libero M1 = 0, ossia f' = 0 e T2 = 0, ossia u'2 + f = 0

La trave a mensola con forza all'estremo libero


Le equazioni da risolvere per il caso illustrato nel titolo sono: EI '' GAs Iu' + M = 0 2

GAs Iu'' + 'M = 0 2 con le condizioni ai limiti:

(39)

u2 H0L = 0 H0L = 0 M HLL = EI ' HLL = 0 T HLL = GAs I HLL + u' HLLM = F 2 dove F e' il valore della forza applicata nell'estremo libero. (cfr. Figura 3)

(40)

X3

X2 L

Figura 3 - Trave a mensola con forza all'estremo

Per affrontare questo problema, si inizi ad integrare la seconda delle (39): GAs Iu' + M = C1 2 e per la quarta condizione ai limiti si ha subito C1 = F. Ne segue che la (41) diviene: GAs Iu' + M = F 2 Sostituendo questa relazione nella prima delle (39) si ha: EI '' = F e quindi subito: ' = Fx3 EI + C2 (44) (43) (42) (41)

372

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

+ C2 x3 + C3 2 EI La seconda e terza condizione ai limiti permettono di calcolare le due costanti di integrazione: H0L = 0 C3 = 0 C2 = FL EI

Fx2 3

(45)

' HLL = 0

(46)

e quindi la rotazione e' data da: LO EI 2 Infine, dalla (42) si puo' scrivere: u' = 2 F GAs = F GAs + Fx3 EI KL x3 2 O Hx3 L = Fx3 K x3 (47)

(48)

e quindi l'abbassamento e' dato da: Fx3 GAs Fx2 3 2 EI x3 3

u2 =

+ C4

(49)

La costante di integrazione, comunque, si annulla per la prima condizione ai limiti, giungendo a: u2 Hx3 L = Fx3 GAs Fx2 3 2 EI x3 3

(50)

Discussione dei risultati


La rotazione all'estremo libero e': HLL = FL2

(51)

2 EI e quindi coincide con quanto predetto dalla teoria di Eulero-Bernoulli. L'abbassamento nell'estremo libero e' invece fornito da: u2 HLL = FL GAs FL3 (52) 3 EI

Si ha quindi una aliquota flessionale, uguale a quella predetta da Eulero-Bernoulli, ed una aliquota addizionale tagliante, che si viene a sommare alla aliquota classica. Si vede subito che all'aumentare della luce, l'influenza del termine flessionale diviene dominante. Per evidenziare l'influenza del taglio, e' opportuno riscrivere la (52) come: u2 HLL = con: GAs L2 FL3 3 EI 1+ 3 EI = FL3 3 EI 1+ 3 (53)

L2 GAs

(54) EI parametro adimensionale che ben misura l'importanza relativa delle deformazioni da taglio rispetto agli =

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

373

parametro adimensionale che ben misura l'importanza relativa delle deformazioni da taglio rispetto agli effetti flessionali. Per a si ritrovano i risultati classici di Eulero-Bernoulli.

Esempio numerico
Si consideri una trave di luce L = 5 metri, a sezione retta rettangolare di base b = 50 centimetri ed altezza h = 80 centimetri, e quindi con area A = bh ed inerzia I = bh3 12. Inoltre, il modulo di Young sia pari a 300.000 Kg cm2 , il coefficiente n di Poisson sia pari a 0.25, ed il fattore di taglio sia pari a k = 0.85. Per calcolare l'influenza relativa del taglio si calcola la parte flessionale dello spostamento all'estremo libero, dovuto ad una forza unitaria: = 0.0000651042 cm 3 EI ed analogamente la parte tagliante dello stesso spostamento: ut = L GA = 1.22549 106 cm
ut ut +u f

uf =

L3

(55)

(56) , ed e' in questo caso pari a

L'influenza relativa delle deformazioni taglianti e' quindi calcolabile come circa 1.8 per cento.

La trave a mensola con carico distribuito


Le equazioni da risolvere per il caso illustrato nel titolo sono:

p0

X3

X2 L

Figura 4 - Trave a mensola soggetta a carico distribuito

GAs Iu'' + 'M = p 2 con le condizioni ai limiti:

EI '' GAs Iu' + M = 0 2

(57)

u2 H0L = 0 H0L = 0 M HLL = EI ' HLL = 0 T HLL = GAs I HLL + u' HLLM = 0 2

(58)

374

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

dove p e' il valore del carico distribuito. (cfr. Figura 4) Per affrontare questo problema, si inizi ad integrare la seconda delle (57): GAs Iu' + M = p x3 + C1 2 e per la quarta condizione ai limiti si ha subito C1 = pL. Ne segue che la (59) diviene: GAs Iu' + M = p HL x3 L 2 Sostituendo questa relazione nella prima delle (57) si ha: EI '' = p HL x3 L e quindi subito: ' = px3 EI = px2 3 KL L x3 2 x3 O + C2 (62) (61) (60) (59)

+ C2 x3 + C3 2 EI 3 La seconda e terza condizione ai limiti permettono di calcolare le due costanti di integrazione: H0L = 0 ' HLL = 0 C3 = 0 C2 = pL2 2 EI

(63)

(64)

e quindi la rotazione e' data da: Hx3 L = px3 2 EI x2 3 3

L2 Lx3 +

(65)

Infine, dalla (60) si puo' scrivere: p HL x3 L GAs p HL x3 L GAs px3 2 EI Lx3 2 x2 3 3

u' 2

(66)

e quindi l'abbassamento e' dato da: px3 GAs KL x3 2 O+ px2 3 EI L2 4 Lx3 6 x2 3 24

u2 =

(67)

annullandosi anche in questo caso la costante di integrazione, per la prima condizione ai limiti.

Discussione dei risultati


La rotazione all'estremo libero e': HLL = pL3

(68)

6 EI e quindi coincide con quanto predetto dalla teoria di Eulero-Bernoulli. L'abbassamento nell'estremo libero e' invece fornito da:

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

375

v HLL =

pL2 2 GAs

pL4 8 EI

pL4 8 EI

1+

4 (69)

La trave appoggiata con carico distribuito


Le equazioni da risolvere per il caso illustrato nel titolo sono (cfr. Figura 5): EI '' GAs Iu' + M = 0 2

GAs Iu'' + 'M = p 2 con le condizioni ai limiti: u2 H0L = 0 ' H0L = 0 u2 HLL = 0 ' HLL = 0

(70)

(71)

p0

X3

X2 L

Figura 5 - Trave appoggiata soggetta a carico distribuito

Per affrontare questo problema, si inizi ad integrare la seconda delle (70): GAs Iu' + M = p x3 + C1 2 e la si sostituisca nella prima delle (70): EI '' + px3 C1 = 0 e quindi subito: px2 3 2 EI = px3 3 + C1 x3 EI C1 x2 3 (73) (72)

' =

+ C2

(74)

(75) + C2 x3 + C3 6 EI 2 EI La seconda e quarta condizione ai limiti permettono di calcolare le due costanti di integrazione C1 e C2 : ' H0L = 0 C2 = 0 C1 = pL 2 (76)

' HLL = 0

376

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

e quindi la rotazione e' data da: px3 3 p L x2 3

+ C3 6 EI 4 EI Infine, dalla (72) si puo' scrivere: p HL x3 L GAs p HL x3 L GAs px3 3 6 EI p L x2 3 4 EI

(77)

u' = 2

C3

(78)

e quindi l'abbassamento e' dato da: px3 2 GAs HL x3 L + px4 3 24 EI pL x3 3 12 EI

u2 =

C3 x3 + C4

(79)

Le condizioni ai limiti su u2 impongono che sia: C4 = 0 pL4 24 EI e quindi infine: pL4 12 EI C3 L + C4 = 0 C3 = pL3 24 EI (80)

u2 =

px3 2 GAs px3 3 6 EI

HL x3 L + pL x2 3 4 EI

px4 3 24 EI pL3

pL x3 3 12 EI

pL3 x3 24 EI

(81)

(82)

24 EI

Discussione dei risultati


La rotazione in corrispondenza degli appoggi e' H0L = HLL = pL3 24 EI pL3 (84)

(83)

24 EI e quindi coincide con quanto predetto dalla teoria di Eulero-Bernoulli. L'abbassamento in mezzeria e' invece fornito da: L u2 2 pL2 8 GAs 5 pL4 5 pL4 48 5 (85)

1+

384 EI

384 EI

Il caso della cerniera interna


La trattazione di vincoli intermedi, interni o esterni, o di forze intermedie, siano esse forze o coppie, non presenta particolari problemi concettuali, ma solo una maggiore complessita' analitica. A scopo esemplificativo, si voglia calcolare gli spostamenti e le rotazioni per una trave incastrata a sinistra, appoggiata a destra, con una cerniera interna situata in mezzeria, e soggetta ad una coppia concentrata M

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

377

M agente sull'appoggio di destra. (cfr. Figura 6).

H1L X3

H2L X3

M
B

uH1L 2 L

uH2L 2 L

Figura 6 - Trave incastrata-appoggiata con cerniera in mezzeria

Introdotti, al solito, due sistemi di riferimento con origine nell'incastro e nella cerniera interna, rispettivamente, si hanno le quattro equazioni differenziali: EI H1L'' GAs IuH1L' + H1L M = 0 2

GAs IuH1L'' + H1L' M = 0 2 GAs IuH2L'' + H2L' M = 0 2

(86)

EI H2L'' GAs IuH2L' + H2L M = 0 2 con le condizioni ai limiti: uH1L H0L = 0 2 H1L H0L = 0 uH1L 2 MH1L MH2L TH1L HLL HLL H0L HLL = = = = uH2L H0L 2 0 0 TH2L H0L

(87)

(88)

(89)

uH2L HLL = 0 2 MH2L HLL = M In termini di spostamenti e rotazioni, si hanno quindi le otto condizioni ai limiti: uH1L H0L = 0 2 H1L H0L = 0 uH1L HLL = uH2L H0L 2 2 H1L' HLL = 0 H2L' H0L = 0 uH2L HLL = 0 2

(90)

(91)

(92)

H1L HLL + uH1L' HLL = H2L H0L + uH2L' H0L 2 2 EIH2L' HLL = M Dalla seconda della (86) si ha: GAs IuH1L' + H1L M = C1 2 (94) (93)

378

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

ed inserendo nella prima delle (86) si ha: EI H1L'' = C1 da cui subito: H1L' =
H1L

(95)

C1 EI

xH1L + C2 3 + C2 xH1L + C3 3

(96)

H1L 2 C1 x3

(97)

EI Segue dalla (94): uH1L' 2 e quindi infine: uH1L = 2 C1 GAs

H1L 2 C1 x3

EI

C2 xH1L C3 3

(98)

C1 xH1L 3 GAs

H1L 3 C1 x3

EI

C2

xH1L 2 3 2

C3 xH1L + C4 3

(99)

Del tutto analogamente si ha anche, per il secondo tratto: H2L' =


H2L

C5 EI

xH2L + C6 3 + C6 xH2L + C7 3 C6 xH2L C7 3 xH2L 2 3 2 C7 xH2L + C8 3

(100)

H2L 2 C5 x3

(101)

EI uH2L' 2 = C5 GAs

H2L 2 C5 x3

(102)

EI

uH2L = 2

C5 xH2L 3 GAs

H2L 3 C5 x3

EI

C6

(103)

Valutando opportunamente queste funzioni, ed inserendo il risultato nelle condizioni ai limiti si giunge al seguente sistema di otto equazioni nelle otto incognite C1 , C2 , , C8 : C3 = 0 C4 = 0 C1 L GAs C1 L C1 L3 6 EI C2 L2 2 C3 L + C4 C8 = 0

+ C2 = 0 EI C6 = 0 C1 C5 = 0 C5 L GAs C5 L EI con soluzione: C5 L3 6 EI + C6 = 0 C6 L2 2 C7 L + C8 = 0

(104)

Lezione 37 - La teoria di Timoshenko per la trave tozza.nb

379

M C1 = C5 = L M L ; C2 =

M EI ; C3 = C4 = 0 2M GAs L ML + 6 EI ; C8 = M + GAs 3 EI ML2

; C6 = 0; C7 =

Spostamenti e rotazioni sono quindi forniti da: uH1L IxH1L M = 2 3 uH2L 2 IxH2L M 3 IxH1L M 3 M xH1L 3 GAs L M = GAs M xH1L 3 EI 2M GAs L ML 6 EI xH1L 3 L xH2L 3 L M (112) L M 1 M xH1L 2 3 2 EI xH2L 3 L + M xH1L 3 3 6 EI L M L2 3 EI xH1L 3 2L M xH2L 2 3 2 EI L ML 6 EI xH2L 3 M xH2L 3 3 6 EI L

(106)

(107)

H1L

(108)

H2L IxH2L M = 3
H1L

(109)

IxH1L M 3 IxH2L M 3

= M 1 +

(110)

H2L

=M

(111)

TH1L IxH1L M = 3 TH2L IxH2L M = 3

(113) L Esercizio - Risolvere lo stesso problema in ipotesi di trave di Eulero-Bernoulli, e verificare le differenze.

Note
[Nota]- In realta', G ha dimensioni fisiche di forza per unita' di superficie, e quindi parlare di valori "elevati" non ha molto significato. Piu' preciso risulta introdurre il fattore adimensionale: = GAL2 EI11 e dire che la teoria di Eulero-Bernoulli e' tanto piu' affidabile quanto piu' elevato risulta il valore di a. [Torna al testo]

(114)

Grafici