Sei sulla pagina 1di 4

ITIS G. Marconi Bari Corso di Meccanica Applic. e Macchine a Fluido prof. Ing.

Nazzareno Corigliano

Taglio 4a serale

PAG.

TAGLIO
GENERALIT
La sollecitazione di taglio presenta una maggiore difficolt nello studio per cui non ipotizzabile una trattazione rigorosa e semplice. La deformazione conseguente piuttosto complessa e quindi daremo la formula generale che permette di calcolare la tensione tangenziale y in un generico punto A della sezione sollecitata, di forma qualsiasi, come rappresentato in fig. 1, dove y la distanza del punto dallasse baricentrico x-x, b la larghezza della sezione alla quota del punto A e T la forza di taglio sollecitante. Avremo:
Fig. 1 Sollecitazione di taglio

y =

T Sx b Ix

in cui:

S x il momento statico della parte di sezione tratteggiata in figura; I x il momento dinerzia della sezione rispetto allasse x. Per altro, tale formula si ridurr a forma molto semplice per il calcolo della max nel caso di sezioni rettangolari e circolari (come dimostreremo) ed inoltre, non deve impensierire pi di tanto una trattazione semplificata se consideriamo il fatto che la sollecitazione di taglio produce quasi sempre tensioni inferiori a quelle di altre sollecitazioni a cui si accompagna (come la flessione).

ITIS G. Marconi Bari Corso di Meccanica Applic. e Macchine a Fluido prof. Ing. Nazzareno Corigliano

Taglio 4a serale

PAG.

SEZIONE RETTANGOLARE
Nel caso della sezione rettangolare, con riferimento alla fig. 2, avremo che il momento statico dato dallarea tratteggiata per la distanza del suo baricentro G0 dallasse x-x:
h + h 2 Sx = b y 2 2 y 2 = b h y2 2 4

Mentre il momento dinerzia rispetto allasse x dato da:


Ix =
Fig. 2 Taglio nella sezione rettangolare

b h3 12

Pertanto applicando la formula generale precedentemente data avremo:


h2 b h2 2 T y 2 6 T 4 4 y 2 = y = 3 3 bh bh b 12

h che, per y = 2 da y = 0 mentre, per y = 0 fornisce il valore massimo della tensione:

max =

3 T 2 bh

Cio i tre mezzi della tensione media ottenuta dividendo la forza di taglio per larea della sezione.

ITIS G. Marconi Bari Corso di Meccanica Applic. e Macchine a Fluido prof. Ing. Nazzareno Corigliano

Taglio 4a serale

PAG.

SEZIONE CIRCOLARE
Nel caso della sezione circolare, con riferimento alla fig. 3, avremo che il momento statico dato dallarea tratteggiata As (segmento circolare) per la distanza yG del suo baricentro G dallasse x-x; poich:
yG = As =
Fig. 3 Taglio nella sezione circolare

2 R sin 3 3 ( sin cos ) 1 2 R (2 sin 2 ) 2

avremo:

1 2 2 R sin 3 R 3 sin 3 ( 2 sin 2 ) S x = As y G = R (2 sin 2 ) = 2 3 ( sin cos ) 3 ( sin cos )

Mentre il momento dinerzia rispetto allasse x dato da:


Ix =

R4
4

Poich b = 2 R sin , applicando la formula generale precedentemente data avremo:


T R 3 sin 3 ( 2 sin 2 ) 2 T sin 2 ( 2 sin 2 ) 3 ( sin cos ) = 3 R2 sin cos R4 2 R sin 4

y =

che, per = 0 o = da y = 0 mentre, per = 2 fornisce il valore massimo della tensione;


sin 2 ( 2 sin 2 ) 1 ( 0) = = 2: essendo sin cos 0 2

max =

4 T 3 R2

Cio i quattro terzi della tensione media ottenuta dividendo la forza di taglio per larea della sezione circolare data.

ITIS G. Marconi Bari Corso di Meccanica Applic. e Macchine a Fluido prof. Ing. Nazzareno Corigliano

Taglio 4a serale

PAG.

SEZIONE A DOPPIO T
Nel caso della sezione a doppio T si pu eseguire un calcolo con buona approssimazione utilizzando una formula che ha il pregio della semplicit strutturale ed applicativa giacch porta al calcolo della tensione tangenziale massima come rapporto tra la forza di taglio e larea An della sola anima:

max =
Fig. 4 Taglio nella sezione a doppio T

T An

CONCLUSIONI
Le formule ed i casi visti nei paragrafi precedenti sono sufficienti per risolvere la maggior parte dei problemi connessi con la sollecitazione di Taglio. Spesso il problema di VERIFICA, nel qual caso si deve porre la condizione:

max amm
ossia che la tensione tangenziale massima sia minore od al pi uguale alla tensione ammissibile la quale, quando non sia esplicitamente data, pu essere valutata a partire dalla tensione normale ammissibile con la formula empirica:

amm = 0,577 amm