Versione 8 Manuale di Riferimento

A cura di R.B.J. Brinkgreve Delft University of Technology & PLAXIS bv, Olanda Con la collaborazione di R. Al-Khoury K.J. Bakker P.G. Bonnier P.J.W. Brand W. Broere H.J. Burd T. Li Vigni S. Muscolino M. Nicotera G. Soltys P.A. Vermeer D. Waterman .DOC Den Haag

PLAXIS BV / DELFT / 2003

Marchi Windows® è un marchio registrato di Microsoft Corp Copyright: PLAXIS b.v. P.O. Box 572, 2600 AN DELFT, Olanda Fax: + 31.15.2573107; E-mail: info@plaxis.nl; Sito internet: http://www.plaxis.nl Per nessun motivo questo manuale, può essere riprodotto, in parte o per intero, in qualsiasi forma o mezzo (inclusa la registrazione e la fotocopia) senza il permesso scritto della PLAXIS b.v. Pubblicato e distribuito da: PLAXIS b.v. P.O. Box 572, 2600 AN DELFT, Olanda Fax: + 31.15.2573107; E-mail: info@plaxis.nl; Sito internet: http://www.plaxis.nl ISBN 90-808079-2-3 © 2003, PLAXIS b.v., DELFT Stampato in Olanda

TABLE OF CONTENTS TABLE OF CONTENTS

1 2

Introduzione .................................................................................................1-1 Informazioni generali ..................................................................................2-1 2.1 Convenzioni sulle unità di misura e sui segni........................................2-1 2.2 Gestione dei files ...................................................................................2-3 2.3 Procedure di input..................................................................................2-4 2.4 Strumenti di supporto.............................................................................2-4 Preparazione dell’input...............................................................................3-1 3.1 Il programma Input ................................................................................3-1 3.2 Input menu (Menu principale) ...............................................................3-4 3.2.1 Leggere un progetto esistente.....................................................3-7 3.2.2 Impostazioni generali.................................................................3-8 3.3 Geometria.............................................................................................3-12 3.3.1 Punti e linee..............................................................................3-13 3.3.2 Piastre.......................................................................................3-14 3.3.3 Cerniere e molle di rotazione ...................................................3-16 3.3.4 Geogriglie ................................................................................3-17 3.3.5 Interfacce .................................................................................3-18 3.3.6 Ancoraggi tra nodo e nodo.......................................................3-22 3.3.7 Ancoraggi ad estremità fissa ....................................................3-23 3.3.8 Gallerie.....................................................................................3-23 3.4 Carichi e condizioni al contorno ..........................................................3-29 3.4.1 Spostamenti imposti.................................................................3-29 3.4.2 Vincoli .....................................................................................3-30 3.4.3 Vincoli standard .......................................................................3-31 3.4.4 Carichi distribuiti .....................................................................3-32 3.4.5 Carichi concentrati ...................................................................3-33 3.4.6 Vincoli alla rotazione ...............................................................3-34 3.4.7 Dreni ........................................................................................3-34 3.4.8 Pozzi.........................................................................................3-35 3.5 Proprietà meccaniche dei materiali ......................................................3-35 3.5.1 Modellazione del comportamento del terreno..........................3-37 3.5.2 Set di dati per i materiali di tipo soil and interfaces (terreno ed interfacce) ................................................................................3-38 3.5.3 Modello costitutivo del terreno ................................................3-40 3.5.4 Set di dati di materiale di tipo plates (piastre)..........................3-56 3.5.5 Set di dati di materiale di tipo geogrids (geogriglie)................3-59 3.5.6 Set di dati di materiale di tipo anchors (ancoraggi)..................3-59 3.5.7 Assegnazione dei materiali ai componenti della geometria .....3-60 3.6 Generazione della mesh .......................................................................3-61

3

i

MANUALE DI RIFERIMENTO 3.6.1 Tipo di elemento di base..........................................................3-62 3.6.2 Densità globale ........................................................................3-62 3.6.3 Infittimento globale..................................................................3-63 3.6.4 Densità locale...........................................................................3-63 3.6.5 Infittimento locale....................................................................3-63 3.6.6 Pratica consigliata per la generazione della mesh....................3-64 3.7 Initial conditions (condizioni iniziali).................................................. 3-64 3.8 Condizioni idrauliche........................................................................... 3-64 3.8.1 Water weigth (peso specifico dell’acqua) ................................3-65 3.8.2 Phreatic levels (livelli di falda idrostatici) ...............................3-66 3.8.3 Condizioni al contorno per moti di filtrazione.........................3-70 3.8.4 Generazione delle pressioni neutre ..........................................3-73 3.8.5 Analisi del moto di filtrazione in regime stazionario...............3-75 3.8.6 Contorni di consolidazione chiusi............................................3-78 3.9 Configurazione iniziale della geometria .............................................. 3-79 3.9.1 Disattivare carichi ed oggetti geometrici .................................3-79 3.9.2 Visualizzazione o nuova assegnazione dei materiali ...............3-80 3.9.3 Generazione delle tensioni iniziali (K0-procedure) ..................3-80 3.10 Avviare i calcoli................................................................................... 3-83 4 Calcoli ...........................................................................................................4-1 4.1 Il programma Calculations..................................................................... 4-1 4.2 Il menu calculations............................................................................... 4-3 4.3 Definizione di una fase di calcolo.......................................................... 4-4 4.3.1 Inserimento ed eliminazione delle fasi di calcolo ......................4-5 4.4 Impostazioni generali di calcolo ............................................................ 4-6 4.4.1 Identificazione ed ordinamento delle fasi ..................................4-7 4.4.2 Tipi di calcolo ............................................................................4-7 4.5 Procedure per la definizione degli incrementi di carico....................... 4-10 4.5.1 Procedure automatiche per il dimensionamento degli steps ....4-11 4.5.2 Load advancement ultimate level (incremento del carico fino al livello ultimo) ......................................................................4-11 4.5.3 Load advancement number of steps (incremento del carico per un assegnato numero di steps) .................................................4-13 4.5.4 Automatic time stepping (incremento automatico del tempo consolidazione) ........................................................................4-13 4.6 Parametri di controllo del calcolo ........................................................ 4-14 4.6.1 Parametri di controllo delle procedure iterative.......................4-16 4.6.2 Loading input (modalitá di carico) ..........................................4-21 4.7 Staged construction (Costruzione per fasi) .......................................... 4-25 4.7.1 Modifica della configurazione geometrica...............................4-27 4.7.2 Attivazione e disattivazione dei clusters o degli oggetti strutturali..................................................................................4-27 4.7.3 Attivazione o modifica dei carichi ...........................................4-29

ii

PLAXIS Versione 8

.........................................................................................5-7 5................................4-35 4.9 Modifica della distribuzione delle pressioni neutre ...........................4-45 4........TABLE OF CONTENTS 4...........4 Spostamenti imposti.........8....7 Incrementi delle componenti cartesiane di deformazione ......12 Calcolo di costruzione per fasi incompleto .........5-7 5..........................................................4-47 4.........................4-54 5 Post-processing dei dati di output................................13.............................4-34 4.....8 Applicazione di una contrazione al rivestimento di una galleria ...............2 Altri moltiplicatori e parametri di calcolo...........................7....................4-43 4...5-6 5..........................1 Moltiplicatori di carico standard .........................................4-32 4...................6 Applicazione di una deformazione volumetrica in clusters di volume .....5............4 Interruzione di un calcolo ...........8 Moltiplicatori di carico .5-8 5...................2 Il menu output......7.......................................6 Deformazioni incrementali ...9 Phi-c reduction......................1 Avvio del processo di calcolo ..........13.....................4 Deformazioni totali .......4-31 4.................................13 Esecuzione del processo di calcolo ....7........................11 Staged construction con Σmstage<1 ..........4 Deformazioni ........3 Spostamenti incrementali .................4-53 4...3 Calculation manager ..........................................................5 Tensioni ......7.........4-50 4...........5-1 5......................................3 Componenti cartesiane delle tensioni efficaci.....4..........................................4..15 Selezione di una fase di calcolo per l’output................13.............................................4-38 4.......................................4-53 4............5.........................5-1 5..............5-9 5........................5-5 5........10 Analisi con aggiornamento della mesh ......................................................................................5 Componenti cartesiane di deformazione .................5..........4-39 4.....4..................1 Tensioni efficaci...........................7....................5-10 iii ..........4.........4-40 4...7 Pretensionamento degli ancoraggi ........13.......................4-49 4......................4-49 4..................................................4-37 4...........10 Plastic nil-step........4-47 4....................................................................................................5-9 5....5 Riassegnare i set di dati di materiale.......4-50 4...................................11 Anteprima di una fase di costruzione.......4...17 Controlli di errore automatici..12 Selezione di punti per la generazione delle curve ..16 Modifiche ai dati di input tra le fasi di calcolo ........................................4. orizzontali e verticali...........7.................4-44 4......1 Mesh deformata .....................4-48 4...................4-49 4....2 Tensioni totali .....................................................................2 Spostamenti totali...................................5-6 5......................5-2 5..1 Il programma Output......3 Selezione di steps per l’output ......................7.................................................................8....4-34 4................................................................................................................................5-7 5.......................5-5 5....7...........................................................................2 Calcoli in cascata .....................................................................................................................................4-36 4................................................7..4.........14 Output durante i calcoli........4-33 4...5-8 5..................................5-6 5...

..................10 Campo delle velocitá di filtrazione .....9.6 Un rapido sguardo agli strumenti di visualizzazione dei grafici...........................................................................................................9...............................................5-13 5..... 6-1 6...2 Geogriglie ....6....5 Contrazione...............................9 Quota piezometrica .......................................................................3 Interfacce .........8 Visualizzazione di una tabella ...5-20 5.......................9...................1 Informazioni generali sul progetto........................5.9... 5-18 5.........Dati del programma e struttura dei files dati........... 6-3 6............................................................................................4 Grafico della connettività..................................................... 6-12 6......................................10 Generazione della relazionedi calcolo ....................... 6-13 Riferimenti bibliografici....5-13 5........ 5-17 5......................................................5-20 5...................................................................................5-19 5...... 6-2 6................Generazione delle tensioni iniziali..............................................8 Sovrappressioni neutre.........5-20 5.......4 Componenti cartesiane delle tensioni totali .................4 Più curve in un grafico........................6-1 6.......................................................................................................5.....................................................6.........2 Il menu curves ..5-11 5.......................... 5-23 6 Curve carico-cedimento e percorsi di sollecitazione ................................5-19 5................................................. 1 Appendice B ...............................................5-15 5........5-14 5...............................................................................1 Il programma Curves ................ 5-21 5.........5-10 5...........................................2 Impostazioni del systema di riferimento..........................5-12 5.............5.......4 Ancoraggi ....5 Grado di sovraconsolidazione........................................................................8 Visualizzazione dei risultati lungo una sezione trasversale ...........................................11 Esportazione di dati ........................................6.............................................................5............5-10 5...9.........................................................................6-8 6............. 1 iv PLAXIS Versione 8 .........6 Strutture ed interfacce........................ 6-8 6...................6 Punti plastici ......7 Pressioni neutre............................................7 Visualizzazione di una legenda..7 Visualizzazione delle tabelle di output .................................................................... 5-13 5........5-15 5................................5-12 5.......................................................................5...........................................9 Visualizzazione di altri dati ........5....................MANUALE DI RIFERIMENTO 5........................5-15 5......... 6-7 6...................6....6..3 Generazione di una curva ........................................6.........5-18 5...7-1 1 7 Indice Appendice A ................................9.........................5 Rigenerazione delle curve.............................2 Dati sui materiali.................................1 Impostazioni di curva.11 Grado di saturazione ..............3 Moltiplicatori e parametri di calcolo..5..........6-10 6... 6-8 6..5............................... 5-16 5....................1 Piastre ...............................5-11 5..6 Opzioni di formattazione ....

Esso fa uso di una semplice interfaccia grafica che consente all’utente di costruire rapidamente un modello geometrico e di generare un reticolo di elementi finiti. si rimanda l’utente ai riferimenti bibiliografici riportati nel Capitolo 7. L’interfaccia utente si compone di quattro sottoprogrammi (Input. per informazioni dettagliate su questi ed altri argomenti ad essi correlati. Il manuale affronta argomenti che non sono svolti in modo esaustivo nel Manuale di Esercitazionee contiene dettagli pratici sull’impiego di PLAXIS per l’analisi di un’ampia varietà di problemi. Output e Curves). In accordo con tale struttura il Manuale di Riferimento è suddiviso in quattro sottosezioni ciascuna delle quali è dedicata ad uno di tali sottoprogrammi. L’utente alle prime armi potrà rapidamente fare pratica nell’uso del programma e conoscerne le principali caratteristiche esercitandosi con gli esempi contenuti nel Manuale di Esercitazione. Questo manuale non contiene informazioni dettagliate sui modelli costitutivi. Calculations. nell’ambito delle quattro sottosezioni sono descritti i comandi contenuti nei menu dell’interfaccia utente.INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE PLAXIS è un codice di calcolo agli elementi finiti utilizzabile per eseguire analisi di stabilità e di deformazione nell’ambito di molteplici applicazioni geotecniche. al Manuale Scientifico (Scientific Manual) ed al Manuale dei modelli costitutivi (Material Models Manual) . Il Manuale di Riferimento è destinato invece all’utente che desideri informazioni più dettagliate sulle caratteristiche del programma. Per l’uso del programma è necessario che l’utente abbia confidenza con l’ambiente Windows®. le formulazioni riguardanti gli elementi finiti o gli algoritmi di risoluzione non lineari adottati nel programma. 1-1 . Il programma permette di simulare situazioni reali riconducibili a condizioni di deformazione piane (plain strain) o a condizioni assialsimettriche (axisymmetric). a partire da una sezione trasversale verticale rappresentativa della situazione considerata.

MANUALE DI RIFERIMENTO 1-2 PLAXIS Versione 8 .

1 fornisce una panoramica di tutte le unità di misura disponibili.0044482 kN = 4. All’inizio della procedura di input di una geometria si deve selezionare un opportuno insieme di unità di misura fondamentali da un elenco di unità standard. di forza e di tempo. Lunghezza Mm [m] in (inch) ft (feet) Conversione = 0.001 kN = 1 kN = 1000 kN = 0.1 CONVENZIONI SULLE UNITÀ DI MISURA E SUI SEGNI Unità di misura In ogni analisi è necessario adottare un sistema di unità di misura coerente. La Tabella 2.3048 Forza N [kN] MN lb (pound) klb (kilopound) Conversione = 0. 2. sotto sono elencati due differenti insiemi di unità di misura di grandezze comunemente adottate: 2-1 . le impostazioni [di default] ed i fattori di conversione alle unità di default. quando s’impieghino tabelle di input. Sulla base del sistema di unità di misura fondamentali selezionato. In tutti gli esempi riportati nei manuali di PLAXIS sono adottate le unità di default.1 Unità di misura disponibili e loro fattori di conversione alle unità di default.INFORMAZIONI GENERALI 2 INFORMAZIONI GENERALI Prima di descrivere le caratteristiche specifiche elle quattro parti dell’interfaccia utente di PLAXIS.001 m =1m = 0. Queste unità fondamentali sono definite nella finestra General settings (Impostazioni generali) del programma Input.0254 m = 0. Tutti i successivi dati di input devono essere coerenti al sistema di unità selezionato ed i dati di output devono essere interpretati secondo lo stesso sistema. Tabella 2. Le unità di misura fondamentali comprendono le unità di lunghezza.4482 kN Tempo s (sec) min hr [day] Conversione = 1/86400 day = 1/1440 day = 1/24 day = 1 day Per comodità. il programma indica l’unità di misura appropriata per l’input di un particolare parametro accanto al campo di immissione o. al di sopra di ciascuna colonna di input. questo Capitolo introduttivo è dedicato ad alcune informazioni generali che riguardano tutte le quattro sezioni del programma. in questo modo si riducono gli errori di input dovuti al possibile impiego di unità di misura errate.

ma modificando le unità fondamentali nelle General settings (Impostazioni generali) i valori di input esistenti saranno convertiti automaticamente nelle nuove unità. per problemi assialsimmetrici. In un’analisi in stato piano di deformazione.] [deg. le forze calcolate risultanti da spostamenti imposti sono espresse in forza per unità di lunghezza nella direzione uscente dal piano (direzione z. Convenzione dei segni La generazione di un modello agli elementi finiti bidimensionale in PLAXIS è basata sulla costruzione di un modello geometrico. In un’analisi in assialsimmetria. sono invece espressi per unità di larghezza e non per radiante. Tutti gli altri valori di output. Quindi. Force-Y) sono invece riferite all’arco di circonferenza sotteso da un angolo di 1 radiante.1). per ottenere le forze corrispondenti al problema completo. Il modello geometrico viene creato nel piano x-y del sistema di coordinate globali (Figura 2. i livelli di falda o ad ogni altro valore immesso al di fuori del programma Input. le unità di misura sono adottate soltanto come un riferimento per l’utente.] [klb/cu ft] [ft/sec] [klb] [klb/ft] [kips] [kips] kilonewton [kN] kilopound [klb] In generale. i valori forniti dal programma devono essere moltiplicati per il fattore 2p.] [kN/m ] [m/day] [kN] [kN/m] [kPa] [kPa] 3 2 Altro foot [ft] secondo [sec] [ft] [ft] [kips]=[klb/sq ft] [kips] [deg.MANUALE DI RIFERIMENTO Standard Unità di base: Lunghezza Forza Tempo Geometria: Coordinate Spostamenti Proprietà del materiali: Modulo di Young Coesione Angolo di attrito Angolo di dilatanza Peso dell’unità di volume Permeabilità Forze e tensioni: Carichi concentrati Linee di carico Carichi distribuiti Tensioni metro [m] giorno [day] [m] [m] [kPa]=[kN/m ] [kPa] [deg. ove la direzione z è la direzione 2-2 PLAXIS Versione 8 .] [deg. tali forze calcolate (Force-X.1). si veda la Figura 2. Ciò è valido sia per i parametri dei materiali sia per le altre proprietà dei materiali introdotte nel programma Input. Non è invece valido per i dati della geometria ed i valori di input che la riguardano come i carichi. gli spostamenti imposti.

In questo caso. In un’analisi in stato piano di deformazione szz è la tensione uscente dal piano.DTA. ove <project> è il titolo del progetto. Con la finestra di scelta file.PLX. una piccola immagine (bitmap) della corrispettiva geometria del progetto viene mostrata nella finestra di scelta dei files per renderne più rapido e semplice il riconoscimento.1 mostra i versi positivi delle tensioni. Il file principale utilizzato per conservare le informazioni di un progetto di PLAXIS ha un formato strutturato ed è chiamato <project>. non è necessario accedere a tale directory perché non è possibile leggerne i singoli files. 2. ivi comprese le pressioni neutre. In un’analisi assialsimmetrica. 2-3 . Generalmente. Selezionando un file di progetto di PLAXIS (*. Nel sistema di coordinate globali il verso positivo è diretto verso l’utente. y rappresenta la coordinata assiale e z rappresenta la direzione tangenziale.INFORMAZIONI GENERALI uscente dal piano. è possibile cercare files in ogni possibile directory del computer (e della rete). In tutti i valori di output le forze e le tensioni. Sebbene PLAXIS Versione 8 sia un programma 2D.1 Sistema di coordinate ed indicazione delle componenti positive di tensione. x rappresenta la coordinata radiale.1. sxx rappresenta la tensione radiale e szz rappresenta la tensione circonferenziale.2 GESTIONE DEI FILES L’intera gestione dei files in PLAXIS è effettuata utilizzando una versione modificata della generica finestra di scelta file di Windows® (Figura 2.2). La Figura 2.PLX). Insieme a questo file. sono considerate negative se di compressione. le tensioni sono basate sul sistema di coordinate cartesiano 3D mostrato in Figura 2. syy y syz szy x z szz szx sxz syx sxy sxx Figura 2. ulteriori dati sono conservati in più files nella sottodirectory <project>.

In generale.3 PROCEDURE DI INPUT In PLAXIS. 2. Cliccando il pulsante Help in una finestra o premendo il tasto <F1> sulla tastiera si attiva l’aiuto relativo al contesto. si distinguono quattro tipi di input: Input di oggetti geometrici (per esempio: disegno di strati di terreno) Input di testo Input di valori Input di selezioni (per esempio: inserimento di un nome di progetto) (per esempio: inserimento dei parametri del modello) (per esempio: scelta di un modello costitutivo del terreno) Il mouse è solitamente utilizzato allo scopo di disegnare e selezionare. vengono fornite informazioni generali su una particolare finestra o caratteristica. Lo strumento di aiuto può essere attivato selezionando i comandi dal menu Help (Aiuto).3 del Manuale di Esercitazione. l’input viene dato attraverso un insieme di movimenti e click del mouse e per mezzo della tastiera. Premendo il pulsante Help. Queste procedure di input sono descritte in dettaglio nella Sezione 2. mentre la tastiera è usata per introdurre testi e valori. l’interfaccia utente è dotata di strumenti di supporto in linea. 2-4 PLAXIS Versione 8 . invece premendo il tasto <F1> vengono fornite informazioni su un particolare parametro.2 Finestra di scelta file di PLAXIS 2.4 STRUMENTI DI SUPPORTO Per informare l’utente sulle varie funzioni e caratteristiche del programma.MANUALE DI RIFERIMENTO Figura 2.

INFORMAZIONI GENERALI Molte caratteristiche del programma sono disponibili come pulsanti su una barra degli strumenti. appare una breve descrizione (nota) all’interno di una bandierina gialla. 2-5 . indicante la funzione del pulsante. Quando il puntatore del mouse viene posizionato su un pulsante per più di un secondo.

MANUALE DI RIFERIMENTO 2-6 PLAXIS Versione 8 .

In linea di principio. richiesti per ogni analisi. PLAXIS darà anche messaggi di avviso se qualche input necessario non è stato specificato. Seguendo questa procedura. si suggerisce di selezionare le differenti voci di input nell’ordine in cui sono presenti nella seconda barra degli strumenti (da sinistra verso destra).1 IL PROGRAMMA INPUT Questa icona rappresenta il programma Input.PREPARAZIONE DELL’INPUT 3 PREPARAZIONE DELL’INPUT Per effettuare un’analisi agli elementi finiti attraverso PLAXIS. in generale. La generazione di un’adeguata mesh di elementi finiti e la generazione di proprietà e condizioni al contorno al livello di elemento è eseguita automaticamente dal generatore di mesh di PLAXIS in base all’input del modello geometrico. Naturalmente. Per definire un modello agli elementi finiti. La generazione delle condizioni iniziali viene effettuata in una modalità separata del programma Input (Initial conditions mode). l’utente può essere certo di ottenere un modello agli elementi finiti coerente. prima si disegnano i contorni della geometria. anche questo aspetto è controllato da PLAXIS e seguendo le procedure nella sequenza suggerita dalla barra degli strumenti. non tutti gli strumenti di input sono. poi gli strati corrispondenti alle fasi di costruzione. 3. specificare le proprietà dei materiali ed imporre le condizioni al contorno. poi si aggiungono gli strati di terreno. linee ed altri componenti. la mesh agli elementi finiti e le eventuali condizioni iniziali devono essere rigenerate per renderle congruenti con il modello modificato. Per esempio. l’utente deve creare un modello geometrico bidimensionale nel piano x-y composto da punti. quindi le condizioni al contorno ed infine i carichi. quando viene presa in considerazione soltanto una sollecitazione sul terreno. Tuttavia. oppure la generazione delle pressioni neutre può essere omessa se la falda è assente. Il programma Input contiene tutti gli strumenti per creare e modificare un modello geometrico. La parte finale della procedura di input comporta la definizione delle condizioni iniziali attraverso la generazione delle pressioni neutre e delle tensioni efficaci iniziali. per generare la corrispondente mesh agli elementi finiti e per generare le condizioni iniziali. la seconda barra degli strumenti agisce come guida del programma Input ed assicura che vengano inserite tutte le voci di input. L’utente può inoltre modificare la mesh in modo da ottimizzarne le prestazioni. Ciò viene fatto nel programma Input. seguendo la barra degli strumenti. Quando si crea un modello geometrico nel programma Input. Quando si modifica un modello esistente. La descrizione è dapprima rivolta alle 3-1 . oppure la generazione delle tensioni iniziali può essere omessa se il campo delle tensioni iniziali è determinato mediante un calcolo preliminare durante il quale viene progressivamente applicatala forza di gravità (Gravity loading). l’utente deve creare un modello agli elementi finiti. poi gli oggetti strutturali. alcuni oggetti strutturali o tipi di carichi potrebbero non essere utilizzati. vengono richiamate all’utente le varie voci di input tra cui selezionare quelle di interesse.

PLX). Come risultato appare la finestra di scelta file che consente all’utente di cercare tra le directory disponibili e selezionare il file di progetto di PLAXIS (*.1) 3-2 PLAXIS Versione 8 . Se si deve selezionare un progetto che non appare nella lista. La finestra principale del programma Input contiene le seguenti voci (Figura 3.1 Finestra principale del programma Input (in modalità Geometry creation) All’avvio del programma Input appare una finestra di dialogo nella quale si deve effettuare una scelta tra la selezione di un progetto esistente e la creazione di un nuovo progetto.2.2 Impostazioni generali). Quando si seleziona New project (Nuovo progetto) appare la finestra General settings (Impostazioni generali) nella quale è possibile impostare i parametri fondamentali del nuovo progetto (Sezione 3.MANUALE DI RIFERIMENTO modalità di creazione di un modello geometrico e di generazione della mesh agli elementi finiti (Geometry creation mode). Quando si seleziona Existing project (Progetto esistente). la finestra di dialogo consente la rapida selezione di uno dei quattro progetti più recenti. la geometria corrispondente viene visualizzata nella finestra principale. si può adottare l’opzione <<<More files>>> (Altri files). Main Menu Toolbar (General) Toolbar (Geometry) Ruler Ruler Draw area Origin Manual Input Cursor position indicator Figura 3. Dopo la selezione di un progetto esistente.

ingrandimento o selezione di oggetti. I righelli possono essere disattivati nel sottomenu View (Visualizza). Tool bar – General (Barra degli strumenti generale ): Questa barra degli strumenti contiene pulsanti per azioni generali come operazioni di archivio. 3-3 . Essa contiene anche pulsanti per avviare gli altri sottoprogrammi (Calculations. i righelli indicano le coordinate fisiche x ed y del modello geometrico. Tool bar – Geometry (Barra degli strumenti della geometria ): Questa barra degli strumenti contiene pulsanti per operazioni relative alla creazione di un modello geometrico. La maggior parte delle voci sono anche disponibili sotto forma di pulsanti sulla barra degli strumenti.PREPARAZIONE DELL’INPUT Input Menu (Menu principale): Il menu Input contiene tutte le voci di input e gli strumenti del programma Input. L’indicazione degli assi può essere disattivata nel sottomenu View. Ciò consente una visione diretta delle dimensioni della geometria. Output. Draw area (Area di disegno ): L’area di disegno è il foglio da disegno sul quale il modello geometrico viene creato e modificato. La griglia di piccoli punti nell’area di disegno può essere utilizzata per approssimare il puntatore del mouse sui punti regolari della griglia stessa (funzione cosiddetta 'snap'). utilizzati nel loro ordine da sinistra verso destra consentano di definire in modo completo un modello geometrico. stampa. essa è rappresentata da un piccolo cerchio in cui gli assi x ed y sono indicati da frecce. i pulsanti sono ordinati in modo che. La definizione e la modifica del modello geometrico viene principalmente eseguita per mezzo del mouse. Origin (Origine assi coordinati): Se l’origine fisica è interna all’intervallo delle dimensioni date. Quando si clicca sui righelli appare la finestra General settings in cui è possibile cambiare le dimensioni dell’area di disegno. Rulers (Righelli ): Sia a sinistra che al di sopra dell’area di disegno. L’area di disegno può essere utilizzata come quella di un convenzionale programma di disegno. ma per alcune funzioni è disponibile un input diretto da tastiera (si veda più avanti Manual input). in generale. Curves).

(Salva) Per salvare il progetto corrente sotto il nome esistente. Si può fare una distinzione tra il menu disponibile nella modalità Geometry creation (Creazione della geometria) ed il menu disponibile nella modalità Initial conditions (Condizioni iniziali). Oltre all’inserimento manuale di coordinate. Le coordinate x ed y possono essere introdotte digitando i valori separati da spazi (x <Spazio> y). trasferimento dati. y) che in punti dello schermo (pixels). Viene presentata la finestra di scelta file. Mesh. Materials. Durante la modalità Geometry creation il menu consiste nei sottomenu File. Edit. Edit.2 INPUT MENU (MENU PRINCIPALE) Il menu principale del programma Input contiene sottomenu a tendina che coprono la maggior parte dei comandi per la gestione dei files. L’input manuale delle coordinate può essere dato per tutti gli oggetti. Nella modalità Initial conditions il menu mostra i sottomenu File. View. generazione delle mesh agli elementi finiti ed inserimento di dati in generale. Invece dell’input in coordinate assolute. Geometry. Il sottomenu File: New Open Save (Nuovo) Per creare un nuovo progetto. (Apri) Per aprire un progetto esistente. visualizzazione dei grafici. Initial ed Help. Viene presentata la finestra General settings. Se non è stato ancora assegnato un nome compare la finestra di assegnazione nome del file. è possibile introdurre incrementi rispetto ai punti precedentemente inseriti scrivendo il simbolo @ prima del valore (@x <Spazio> @y).MANUALE DI RIFERIMENTO Manual input (Input manuale ): Se disegnando col mouse non si ottiene la precisione desiderata. Generate ed Help. Geometry. creazione del modello geometrico. è possibile selezionare i punti esistenti attraverso il loro numero. View. 3-4 PLAXIS Versione 8 . Cursor position indicator (Coordinate della posizione corrente del puntatore): L’indicatore di posizione del puntatore fornisce la posizione corrente del puntatore del mouse sia in unità di misura fisiche (coordinate x. Loads. eccetto per le Hinges (Cerniere) e per le Rotation fixities (Vincoli alla rotazione). 3. si può usare la riga Manual input.

(Importa) Per importare dati geometrici da altri tipi di file (Sezione 3. (Impostazioni generali) Per impostare i parametri fondamentali del modello (Sezione 3. (Stampa) Per stampare il modello geometrico su una stampante selezionata.2. Rulers Cross hair 3-5 . (Righelli) Per mostrare o nascondere i righelli attorno all’area di disegno. (Mirino di puntamento) Per mostrare o nascondere il mirino di puntamento durante la creazione di un modello geometrico. (Copia) Per copiare il modello geometrico nel blocco note di Windows® (Clipboard). Viene presentata la finestra di assegnazione nome del file. (Esci) Per uscire dal programma Input. (Directory di lavoro) Consente di impostare la directory di default in cui verranno salvati i files di progetto di PLAXIS .1). (progetti recenti) Comodo sistema per aprire uno degli ultimi quattro progetti aperti in precedenza. Print Work directory Import General settings (recent projects) Exit Il sottomenu Edit (Modifica): Undo (Annulla) Per recuperare uno stato precedente del modello geometrico (ad esempio dopo un errore di input).2.2).PREPARAZIONE DELL’INPUT Save as (Salva con nome) Per salvare il progetto corrente sotto un nuovo nome. Copy Il sottomenu View (Visualizza): Zoom in Zoom out Reset view Table (Ingrandisci) Per ingrandire un’area rettangolare per una visualizzazione più dettagliata. (Tabella) Per visualizzare la tabella con le coordinate x ed y di tutti i punti geometrici. La tabella può essere utilizzata per correggere coordinate esistenti. L’uso ripetuto del comando annulla è limitato alle ultime dieci azioni più recenti. (Ripristina vista) Per visualizzare tutta l’area di disegno. (Riduci) Per ripristinare la visualizzazione preesistente alla più recente azione d’ingrandimento. Viene presentata la finestra di stampa.

gallerie. interfacce. Le 'catene' sono sequenze di oggetti geometrici simili che sono stati disegnati in una sola azione di disegno senza cioè premere il pulsante destro del mouse o il tasto <Esc> al termine del tracciamento di ciascuno oggetto e l’inzio del tracciamento dell’oggetto successivo. alle geogriglie ed agli ancoraggi. Il sottomenu Materials (Materiali): Il sottomenu Materials è utilizzato per accedere al data base per la gestione (creazione.4. (Assi) Per mostrare o nascondere le frecce indicanti gli assi x ed y.5. I vari comandi di questo sottomenu sono spiegati nella Sezione 3. (Numeri dei punti geometrici) Per mostrare o nascondere i numeri identificativi dei punti geometrici. I vari comandi contenuti in questo sottomenu sono spiegati in dettaglio nella Sezione 3. Il sottomenu Loads (Carichi): Il sottomenu Loads contiene i comandi per aggiungere carichi e condizioni al contorno al modello geometrico. modifica ed archiviazione) delle caratteristiche dei materiali da assegnare agli elementi di terreno. per generare una mesh e per infittirla sia localmente sia globalmente. Il sottomenu Geometry (Geometria): Il sottomenu Geometry contiene gli strumenti fondamentali per definire un modello geometrico.MANUALE DI RIFERIMENTO Grid Axes Snap to grid Point numbers Chain numbers (Griglia) Per mostrare o nascondere la griglia nell’area di disegno. (Allinea alla griglia) Per attivare o disattivare la funzione di allineamento alla griglia. L’uso del data base ed i parametri contenuti in ciascun record del data base dei materiali sono descritti in dettaglio nella Sezione 3. Il sottomenu Mesh (Reticolo): Il sottomenu Mesh contiene le opzioni per impostare il tipo di elemento di base. alle piastre. cerniere/molle di rotazione. geogriglie.3. dreni e pozzi. Le 3-6 PLAXIS Versione 8 . (Numeri di catena) Per mostrare o nascondere i numeri identificativi delle ‘catene’ di oggetti geometrici. Oltre ad una linea geometrica. ancoraggi.. alle interfacce. l’utente può selezionare piastre.

Sebbene la struttura dei files di progetto di PLAXIS Versione 8 sia leggermente differente dalla Versione 7. è possibile selezionare 'vecchi' progetti che verranno automaticamente convertiti nella Versione 8. Il sottomenu Initial (Condizioni iniziali): Il sottomenu Initial contiene il comando per procedere con la modalità Initial conditions del programma Input. il selettore Files of type (Files di tipo) è. I comandi contenuti in questo sottomenu sono spiegati in dettaglio nella Sezione 3.PLX)'. Se un file di questo tipo viene selezionato e viene premuto il pulsante Open. questa viene considerata come il nuovo modello geometrico e non un’estensione di un modello esistente. Questa directory di default può essere cambiata per mezzo del comando Work directory (Directory di lavoro) nel menu File. La directory di default che appare nella finestra di scelta file è la directory dove tutti i files di programma sono stati salvati durante l’installazione. Il sottomenu Geometry (Geometria) della modalità Initial conditions: Questo sottomenu contiene i comandi per inserire il peso dell’unità di volume dell’acqua.1 LEGGERE UN PROGETTO ESISTENTE Un progetto di PLAXIS esistente può essere letto selezionando il comando Open (Apri) dal menu File. 3-7 . È anche possibile leggere i files di geometria delle serie M di GeoDelft utilizzando il comando Import (Importa). Se il numero di punti geometrici è molto grande. per disegnare un livello di falda o creare condizioni al contorno aggiuntive per l’analisi del moto di filtrazione o di consolidazione.PLX. dopo la selezione di un file di questo tipo e dopo aver cliccato il pulsante Open (Apri).PREPARAZIONE DELL’INPUT opzioni contenute in questo sottomenu sono spiegate in dettaglio nella Sezione 3. I comandi di questo sottomenu sono spiegati in dettaglio nella Sezione 3.GEO)' (Files di geometria della serie M).6. Nella finestra di scelta file.9. in questo modo il programma cercherà i files con l’estensione . il comando potrebbe non funzionare correttamente. per default.8. i dati corrispondenti vengono letti e nell’area di disegno viene mostrata la geometria corrispondente. In questo caso il parametro Files of type (Files di tipo) deve essere impostato su 'M-series geometry files (*. 3. la geometria corrispondente viene presentata nell’area di disegno. impostato su 'PLAXIS (2D) project files (*. Questa funzione può essere utilizzata soltanto per leggere dati di geometria.2.8 e 3. Il sottomenu Generate (Genera) della modalità Initial conditions: Questo sottomenu contiene i comandi per generare pressioni neutre iniziali e tensioni efficaci iniziali. i dati sui terreni non vengono importati.

Tuttavia si tiene conto nel calcolo delle tensioni normali in direzione z. unitamente ad i carichi su di essa applicati. La finestra General settings contiene le due schede Project (Progetto) e Dimensions (Dimensioni).MANUALE DI RIFERIMENTO 3.1) e le dimensioni dell’area di disegno.2 Finestra General settings (Impostazioni generali) . Un modello in stato piano di deformazione può essere adoperato nel caso in cui la geometria sia riconducibile ad una sezione trasversale (nel piano x.2 IMPOSTAZIONI GENERALI La finestra General settings (Impostazioni generali) appare all’avvio di un nuovo progetto e può essere successivamente selezionata dal sottomenu File. La scheda Dimensions contiene le unità fondamentali di lunghezza. in modo (più o meno) uniforme nella direzione ad essa normale (direzione z) per una lunghezza significativa. Spostamenti e deformazioni nella direzione z sono assunti nulli. Altri codici di calcolo di PLAXIS per analisi di problemi 3D sono disponibili separatamente. forza e tempo (Sezione 2. L’impostazione di default del parametro Model è Plane strain. Il modello può essere implementato sia per condizioni di deformazione piane (Plane strain) sia per condizioni assialsimmetriche (Axisymmetry). 3-8 PLAXIS Versione 8 . il tipo di modello ed i dati sull’accelerazione. Figura 3.2. y) che si ripete. La scheda Project contiene il nome e la descrizione del progetto.Scheda Project (Progetto) Model (Modello): PLAXIS Versione 8 può essere usato per eseguire analisi agli elementi finiti in condizioni bidimensionali.

12. 3-9 . 8. come ad esempio la determinazione delle condizioni di collasso in terreni incompressibili (Rif. Per tale ragione è anche disponibile un tipo di elemento più semplice. in tal caso dunque lo stato tensionale e lo stato deformativo sono indipendenti dalla particolare direzione radiale considerata. Il triangolo a 15 nodi è un elemento molto accurato che ha fornito ottimi risultati in termini di tensioni quando impiegato in problemi difficili. Si noti che per problemi assialsimmetrici la coordinata x rappresenta il raggio e l’asse delle y coincide con l’asse di simmetria. 13). Il tipo di elemento utilizzato per elementi strutturali e per le interfacce è automaticamente reso compatibile con il tipo di elemento selezionato per il terreno con l’opzione Elements.3 Esempio di un problema in stato piano di deformazione (Plane strain) e di un problema in assialsimmetria (Axisymmetry). Non possono essere usati valori negativi per la coordinata x. y y x x Figura 3. Il triangolo a 6 nodi fornisce un’interpolazione del secondo ordine e l’integrazione numerica adopera tre punti di Gauss. Esso fornisce un’interpolazione del quarto ordine per gli spostamenti e l’integrazione numerica adopera dodici punti di Gauss (stress points). Il triangolo a 15 nodi è l’elemento di default.PREPARAZIONE DELL’INPUT Un modello assialsimmetrico può essere adoperato nel caso di strutture circolari con una sezione radiale (più o meno) uniforme e carichi simmetrici rispetto l’asse centrale. L’uso degli elementi triangolari a 15 nodi comporta sia l’impiego di una quantità di memoria sia tempi di calcolo relativamente elevati. La selezione di Plane strain o Axisymmetric comporta comunque la generazione di un modello agli elementi finiti bidimensionale con due soli gradi di libertà alla traslazione per ciascun nodo (direzione x e direzione y). Elements (Elementi): L’utente può selezionare elementi triangolari a 6 o a 15 nodi (Figura 3.2) per modellare gli strati di terreno e gli altri clusters di volume.

oltre agli elementi di terreno.8 m/s2 e la sua direzione è assunta coincidente con l’asse negativo delle y. La gravità è implicitamente inclusa nei pesi delle unità di volume introdotte dall’utente (Sezione 3. è posto pari a 9.4). per simulare l’interazione terreno-struttura si possono utilizzare elementi interfaccia compatibili (Sezione 3. g. come nel calcolo di un carico limite o in un’analisi di stabilità per mezzo della tecnica Phi-c reduction (Riduzione dei parametri di resistenza).3. Un elemento a 15 nodi può essere considerato come la composizione di quattro elementi a 6 nodi. un elemento a 15 nodi è più potente di quattro elementi a 6 nodi. ciò nonostante.3. il valore dell’accelerazione di gravità. si utilizzano elementi piastra compatibili (Sezione 3. Figura 3. purché si adotti un numero sufficiente di elementi.2).7). Infine.3.3. cioè orientata secondo un angolo di –90° nel piano x-y.4 Posizione di nodi e punti d’integrazione in elementi di terreno Per simulare il comportamento di setti. Gravity and acceleration (Gravità ed accelerazione): Per default.5). piastre e strutture. In questo 3-10 PLAXIS Versione 8 . la modalità di creazione della geometria consente l’input di ancoraggi ad estremità fissa ed ancoraggi tra nodo e nodo (Sezione 3.MANUALE DI RIFERIMENTO Il triangolo a 6 nodi è un elemento sufficientemente accurato che fornisce buoni risultati in una normale analisi di deformazione. in questi casi è preferibile l’impiego di elementi a 15 nodi. I carichi di rottura o i fattori di sicurezza sono generalmente sovrastimati utilizzando elementi a 6 nodi.3. poiché il numero totale di nodi e punti d’integrazione è uguale. Inoltre.2). mentre per simulare il comportamento di geogriglie e geotessili si possono utilizzare elementi geogriglia (Sezione 3.5. Tuttavia tale elemento deve essere impiegato con cautela nel caso di modelli assialsimmetrici o in situazioni in cui possano presentarsi condizioni di collasso.6 e 3.

g (r = g/g). sono m (metro) per le lunghezze.8. dal peso dell’unità di volume.PREPARAZIONE DELL’INPUT modo. la forza di gravità applicata è controllata dal moltiplicatore totale per i pesi dei materiali. ΣMweight (Sezione 4. Oltre alla normale accelerazione di gravità l’utente può imporre un ulteriore accelerazione (Riquadro Acceleration) per modellare forze dinamiche in modo pseudo-statico. Units (Unità di misura): Le unità di lunghezza. g. r.1). I valori di input delle componenti di accelerazione x ed y sono rapportati al valore dell’accelerazione di gravità g e vanno inseriti nella scheda Project della finestra General settings.8. Nei calcoli dinamici reali (disponibili come modulo separato di PLAXIS) il valore dell’accelerazione di gravità. è utilizzato per calcolare la densità del materiale. Le corrispondenti unità di misura per le tensioni e per i pesi delle unità di volume sono elencate nel riquadro al di sotto delle unità fondamentali. forza e tempo che saranno adottate nei calcoli sono definite tra i dati generali di input. Queste unità fondamentali vengono selzionate nella scheda Dimensions della finestra General settings. 3-11 .5 Finestra General settings (Scheda Dimensions) Le unità di misura di default. Figura 3. kN (kiloNewton) per le forze e day (giorno) per il tempo. L’attivazione dell’accelerazione aggiuntiva nei calcoli è controllata dai moltiplicatori di carico Maccel e ΣMaccel (Sezione 4. come suggerito dal programma.1).

Le dimensioni vengono inserite nella scheda Dimensions della finestra General settings. Punti e linee vengono introdotte dall’utente. Le dimensioni dell’area di disegno non influenzano la geometria stessa e possono essere modificate quando si modifica un progetto esistente. La griglia è definita per mezzo dei parametri Spacing (Spaziatura) e Number of intervals (Numero di intervalli). Cliccare sui righelli durante la modalità Geometry creation (Creazione della geometria) è una scorciatoia per avviare la finestra General settings e procedere all’input delle dimensioni della geometria. che corrisponde ad una griglia grossolana. interazioni terreno-struttura o sollecitazioni.MANUALE DI RIFERIMENTO Tutti i valori di input devono essere introdotti in un insieme congruente di unità di misura (Sezione 2. Inoltre. invece i clusters sono generati dal programma. linee e clusters. Oltre a questi componenti di base si possono assegnare al modello geometrico oggetti strutturali o condizioni speciali in modo da simulare rivestimenti di galleria. Si raccomanda di cominciare la creazione di un modello geometrico disegnandone il contorno completo. ma anche le situazioni che si verificano nelle varie fasi di calcolo. Il modello geometrico non deve includere soltanto la situazione iniziale. in base al gruppo di unità fondamentali. Il sottomenu View (Visualizza) può essere utilizzato per attivare o disattivare il comando di allineamento alla griglia (funzione cosidetta 'snap'). Un modello geometrico si compone di punti. l’utente può specificare la presenza di strati di materiale diverso. 3. setti. carichi e condizioni al contorno. Le impostazioni della griglia vengono inserite nella scheda Dimensions della finestra General settings. oggetti strutturali. Grid (Griglia): Per facilitare la creazione del modello geometrico. La griglia può essere utilizzata per allineare il puntatore su posizioni 'regolari'.1). l’utente può definire una griglia per l’area di disegno. 3-12 PLAXIS Versione 8 . piastre. L’appropriata unità di misura di un certo valore di input è di solito indicata direttamente accanto al campo di immisione. Dimensions (Dimensioni): All’inizio di un nuovo progetto. purché la geometria esistente rientri nelle nuove dimensioni.3 GEOMETRIA La generazione di un modello agli elementi finiti comincia con la creazione di un modello geometrico che è la rappresentazione del problema da studiare. l’utente deve specificare le dimensioni dell’area di disegno in modo che questa si adatti alle dimensioni del modello geometrico da creare. inserire linee utili a specificare fasi di costruzione. Il numero di intervalli di default è 1.

oppure viene premuto il tasto <Esc>.6). Il disegno di punti e linee prosegue fino a quando viene cliccato il pulsante destro del mouse. il puntatore è attratto dalla linea e crea il nuovo punto esattamente su di essa. 3. Con un doppio click su un oggetto della geometria appare la corrispondente finestra delle proprietà. Se una linea viene disegnata in modo che parte di essa coincida con una esistente. l’utente può creare punti e linee nell’area di disegno cliccando con il puntatore del mouse (input grafico) o introducendo le coordinate nella riga di comando (input da tastiera). Se si deve creare un punto su. il programma assicura che nel tratto in cui le due linee coincidono sia presente una sola linea. il puntatore si posiziona sul punto esistente e non viene generato un nuovo punto. questo comando può essere selezionato dal sottomenu Geometry così come dalla seconda barra degli strumenti.freccia rossa -). Se più di un oggetto si trova nel punto indicato. Selezionare i componenti della geometria Quando è attivo lo strumento Selection (Selezione . la linea viene divisa in due nuove linee. 3-13 . Quando il modello geometrico completo è stato definito e tutte le componenti della geometria hanno le loro proprietà iniziali. l’utente può disegnare una linea inserendo un altro punto. Tutte queste procedure garantiscono che venga creata una geometria coerente senza doppi punti o doppie linee. Se una linea attraversa una linea esistente. Quando è selezionata lo strumento Geometry line. un nuovo punto viene creato all’intersezione delle linee ed entrambe sono divise in due nuove linee. appare una finestra di dialogo da cui si può selezionare l’oggetto desiderato. Dopo che è stato creato il primo punto. o in prossimità di. Non appena il pulsante sinistro del mouse viene premuto nell’area di disegno viene creato un nuovo punto. ecc. può essere generata la mesh agli elementi finiti (Sezione 3. una linea esistente.1 PUNTI E LINEE Il comando fondamentale per la creazione di un modello geometrico è Geometry line (Linea geometrica). Proprietà dei componenti della geometria La maggior parte dei componenti della geometria hanno determinate proprietà che possono essere visualizzate e modificate in apposite finestre delle proprietà. Come risultato.. Se esiste già un punto nei pressi del puntatore.PREPARAZIONE DELL’INPUT Dopo aver creato i componenti geometrici del modello. Più oggetti dello stesso tipo possono essere selezionati simultaneamente tenendo premuto il tasto <Shift> sulla tastiera e selezionando i componenti desiderati. purché non vi sia nessun altro punto esistente vicino alla posizione del puntatore. l’utente deve introdurre le caratteristiche dei materiali ed assegnare i set di parametri alle corrispondenti componenti geometriche (Sezione 3.5).3. si può selezionare un oggetto geometrico cliccandolo una volta nel modello geometrico.

3.6 sono mostrati esempi di applicazioni geotecniche in cui gli elementi strutturali sono riconducibili a degli elementi piastra. 3-14 PLAXIS Versione 8 .2).5. piastre.6).MANUALE DI RIFERIMENTO Punti o linee esistenti possono essere modificati o cancellati scegliendo prima lo strumento Selection (Selezione) dalla barra degli strumenti. in cui è possibile selezionare gli oggetti da cancellare. Dopo ogni operazione di disegno il programma determina i nuovi 'clusters' che possono essere creati.3. Il cluster costituito viene colorato in chiaro. La creazione di piastre nel modello geometrico è simile alla creazione di linee geometriche (Sezione 3. Un 'cluster' è un’area racchiusa da differenti linee geometriche. quindi non è necessario creare una linea geometrica prima di creare una piastra. Se più di un oggetto è presente nella posizione selezionata. Se viene cancellato un punto in cui s’incontrano soltanto due linee geometriche. in altre parole. selezionare il punto o la linea nella sezione trasversale e premere <Canc> sulla tastiera.6 Applicazioni in cui vengono usate le piastre. vengono create simultaneamente le corrispondenti linee geometriche. Le piastre possono essere selezionate dal sottomenu Geometry o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. strutture o rivestimenti che si estendono nella direzione z. allora le due linee vengono unite in modo da costituire una sola linea diritta tra i punti più esterni.2 PIASTRE Le Plates (Piastre) sono oggetti strutturali utilizzabili per modellare strutture bidimensionali con una significativa rigidezza flessionale e normale. selezionare il punto o la linea e spostarla nella posizione desiderata. Ad ogni cluster possono essere assegnate determinate proprietà dei materiali per simulare il comportamento del terreno in quella parte della geometria (Sezione 3. appare una finestra di dialogo per la cancellazione. 3. Gli elementi piastra possono essere adottati per simulare l’influenza di setti. I clusters sono divisi in elementi finiti di terreno durante la generazione della mesh (Sezione 3. le piastre appaiono come 'linee blu'. Per spostare un punto o una linea. gli ancoraggi e le interfacce. Per cancellare un punto o una linea. un cluster è un’area completamente racchiusa da linee geometriche. In Figura 3. Figura 3. In un modello geometrico. Le piastre possono essere eliminate selezionandole nella geometria e premendo il tasto <Canc>. Se più di due linee geometriche s’incontrano nel punto da cancellare anche tutte le linee geometriche ad esso connesse verranno cancellate.1). Quando si creano piastre.

7).PREPARAZIONE DELL’INPUT Le proprietà meccaniche delle piastre sono contenute in specifici set di dati di materiale. I parametri più importanti sono la rigidezza flessionale EI e la rigidezza assiale EA. l’elemento può deformarsi assialmente in presenza di uno sforzo normale. Questa teoria tiene conto dell’inflessione della trave dovuta sia al taglio sia al momento flettente. Quando si adottano elementi di terreno a 6 nodi. Gli elementi trave possono plasticizzarsi se il momento flettente o lo sforzo normale su di essi agenti attingono i valori massimi specificati dall’utente. Elementi trave Nel modello bidiensionale agli elementi finiti. Da questi due parametri viene calcolato uno spessore equivalente di piastra deq con l’equazione: d eq = 12 EI EA Le piastre possono essere attivate o disattivate nelle diverse fasi di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction (Costruzione per fasi) come Loading input (Modalità di carico). 3-15 . la distribuzione dei momenti flettenti sull’elemento cambierà e ciò è ovviamente inaccettabile. invece con gli elementi di terreno a 15 nodi si adottano elementi trave a 5 nodi (Figura 3. Se una tale variazione viene effettuata quando sull’elemento trave agiscono sollecitazioni non nulle. Inoltre. le piastre sono modellate con elementi trave (elementi linea) con tre gradi di libertà per nodo: due gradi di libertà traslazionale (ux. ogni elemento trave viene definito da 3 nodi. Per questa ragione. se le proprietà dei materiali di una piastra vengono modificate durante un’analisi (per esempio nel contesto di una Staged construction (Costruzione per fasi)) il rapporto EI/EA deve essere comunque mantenuto immutato. È importante notare che una variazione del rapporto EI/EA comporta una modificazione dello spessore equivalente deq e dunque della distanza che separa i punti d’integrazione.7 mostra gli elementi trave a 3 e 5 nodi con l’indicazione dei nodi e dei punti d’integrazione. Figura 3. Gli elementi trave sono basati sulla teoria della trave di Mindlin (Riferimento bibliografico 2).7 Posizione dei nodi e dei punti d’integrazione in elementi trave a 3 e 5 nodi La Figura 3. uy) ed un grado di libertà rotazionale (rotazione nel piano x-y: fz).

3 CERNIERE E MOLLE DI ROTAZIONE Una Hinge (Cerniera) è una connessione tra piastre che consente una rotazione discontinua nel punto di connessione (nodo). appare la finestra Hinges and rotation springs con una visualizzazione dettagliata del nodo con tutte le piastre ad esso connesse. la rotazione è continua ed il punto ha soltanto un grado di libertà rotazionale. la connessione può essere cambiata da incastro a cerniera e viceversa cliccando ancora 3-16 PLAXIS Versione 8 . Quando si seleziona lo strumento Hinges e si clicca su un punto geometrico esistente nel quale s’incontrano almeno due piastre. in altre parole.3. Una cerniera è indicata da un cerchio vuoto. invece un incastro è indicato da un cerchio pieno.MANUALE DI RIFERIMENTO 3. in un punto geometrico in cui le estremità di più piastre s’incontrano. Per default. Figura 3. Per ciscuna estremità delle piastre si può indicare se la connessione è una cerniera o un incastro. Se si desidera creare una connessione a cerniera (una giunzione in cui la rotazione delle estremità delle piastra possono ruotare liberamente l’una rispetto all’altra) o una molla di rotazione (una giunzione in cui per la rotazione relativa tra le piastre in essa concorrenti è necessario un momento torcente finito). si può selezionare lo strumento Hinges and rotation springs (Cerniere e molle di rotazione) dal sottomenu Geometry o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. per default la connessione tra piastre è rigida (bloccata).8 Esempio di un nodo nella finestra Hinges and Rotation springs (Cerniere e molle di rotazione) Dopo aver selezionato una particolare connessione cliccando sul cerchio corrispondente.

3. In un modello geometrico le geogriglie appaiono come 'linee gialle'. Per ogni cerniera viene introdotto un grado di libertà rotazionale aggiuntivo in modo da consentire una rotazione indipendente. Figura 3. la molla di rotazione può essere attivata o disattivata cliccando ancora sul cerchio. Allo scopo di rappresentare le molle di rotazione in un nodo. La creazione di geogriglie nel modello geometrico è simile alla creazione di linee geometriche (Sezione 3. Questa funzione è utilizzabile soltanto se almeno una delle due connessioni tra le piastre è una cerniera (altrimenti la connessione tra le due piastre sarà rigida). la sua rigidezza è definita come momento torcente per radiante (nell’unità di Forza per Lunghezza su Radiante per Lunghezza uscente dal piano). Le possibili posizioni di una molla di rotazione sono indicate da piccoli cerchi (simili alle cerniere) sugli archi del cerchio grande. Per simulare una situazione di questo tipo.1).PREPARAZIONE DELL’INPUT sul cerchio. esse includono la rigidezza della molla ed il massimo momento torcente che essa può sopportare. Dopo aver selezionato una particolare molla di rotazione cliccando sul cerchio corrispondente. In quel caso il cerchio centrale rappresenta la molla di rotazione. questo è circondato da grandi archi di cerchio.9 Applicazioni in cui vengono utilizzate le geogriglie Le geogriglie possono essere selezionate con il comando Geogrids dal sottomenu Geometry o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. ma ciò generalmente richiede un momento torcente. le connessioni tra piastre possono consentire rotazioni.4 GEOGRIGLIE Le Geogrids (Geogriglie) sono strutture sottili con una rigidezza normale ma senza alcuna rigidezza flessionale.3. PLAXIS consente l’input di molle di rotazione relativa tra le due piastre e delle corrispondenti rigidezze.3. Le geogriglie possono sopportare forze di trazione ma nessuna forza di compressione. viene creata simultaneamente una corrispondente linea geometrica. Questi oggetti sono generalmente utilizzati per modellare rinforzi del terreno. L’unica proprietà di una geogriglia è la rigidezza 3-17 . Nel caso di una piastra piana non vi è nessun cerchio grande attorno alla giunzione.9 sono mostrati esempi di strutture geotecniche in cui sono impiegati geotessili. In realtà. Quando si crea una geogriglia. Quando viene creata una molla di rotazione. le sue proprietà devono essere inserite direttamente nella parte destra della finestra. In Figura 3.

10 Posizione di nodi e punti d’integrazione in elementi geogriglia a 3 nodi ed a 5 nodi Simulazione di tiranti Le Geogrids possono essere utilizzate in combinazione con i Node to node anchor (Ancoraggi tra nodo e nodo) per simulare tiranti.5 INTERFACCE Ciascun oggetto Interface (Interfaccia) ha uno 'spessore virtuale' (virtual thickness) che è una dimensione fittizia utilizzata per definire le proprietà dell’interfaccia. ciascun elemento geogriglia è definito da 5 nodi. Quando si adottano elementi di terreno a 15 nodi. uy). nodes stress point a b Figura 3. La posizione dei nodi e dei punti d’integrazione negli elementi geogriglia è indicata in Figura 3. si suppone che gli elementi interfaccia generino deformazioni elastiche molto piccole e per questo anche lo spessore virtuale deve essere 3-18 PLAXIS Versione 8 .4). Elementi geogriglia Le geogriglie sono modellate da elementi geogriglia (elementi linea) con due gradi di libertà traslazionali per ogni nodo (ux.6).3. Questi punti d’integrazione coincidono con i nodi.3. Maggiore è lo spessore virtuale. con elementi di terreno a 6 nodi ciascun elemento geogriglia è definito da 3 nodi. Le geogriglie possono essere eliminate selezionandole nella geometria e premendo il tasto <Canc>. in questo caso la geogriglia è utilizzata per modellare il bulbo di ancoraggio e l’ancoraggio tra nodo e nodo per simulare la lunghezza libera del tirante (Sezione 3.MANUALE DI RIFERIMENTO normale (assiale) EA. Le forze assiali sono calcolate nei punti d’integrazione di Newton-Cotes. che può essere specificata nell’archivio dei materiali (Sezione 3. 3.5. Le geogriglie possono essere attivate o disattivate nelle varie fasi di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction (Costruzione per fasi) come Loading input (Modalità di carico). maggiori sono le deformazioni elastiche generate. In generale.10.

Si noti che. Questo valore può essere modificato con un doppio click sulla linea geometrica e selezionando l’interfaccia dalla finestra di dialogo. L’interfaccia appare come una linea tratteggiata alla destra della linea geometrica (orientata nella direzione di disegno). Questo segno serve solo per motivi di identificazione. è necessario fare attenzione nel modificare il valore di default. La dimensione media dell’elemento è determinata dalle impostazioni di densità globale adottate per la generazione della mesh (Sezione 3. le interfacce vengono contrassegnate con un segno più (+) o con un segno meno (–). Per consentire la distinzione tra due interfacce lungo una stessa linea geometrica. piastre. ecc. Ciò consente una completa interazione tra oggetti strutturali (setti. Le interfacce possono essere attivate o disattivate nelle fasi di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction come Loading input. la si deve disegnare nel verso opposto. Quando si utilizzano 3-19 . In generale. se lo spessore virtuale è troppo piccolo. Elementi interfaccia Le interfacce sono costituite da specifici elementi interfaccia.6. La Figura 3. D’altro canto. Una tipica applicazione degli elementi interfaccia è la modellazione dell’interazione tra una paratia ed il terreno nel caso in cui questa dia luogo ad un comportamento intermedio tra un contatto perfettamente liscio ed un contatto perfettamente scabro. La creazione di un’interfaccia nel modello geometrico è simile alla creazione di una linea geometrica. le interfacce possono essere posizionate su entrambi i lati di una linea geometrica. questo parametro va specificato insieme ai parametri di resistenza del terreno in ciascun set di dati relativo ai materiali di tipo ‘terreno ed interfacce’. tale valore è anche riportato nella finestra General info (Informazioni generali) nel programma Output. può essere necessario ridurre il Virtual thickness factor. in modo da indicare su quale lato della linea geometrica avverrà l’interazione con il terreno. non ha significato fisico e non ha influenza sui risultati. Lo spessore virtuale viene calcolato come Virtual thickness factor (Fattore di spessore virtuale) moltiplicato per la dimensione media dell’elemento. Le interfacce possono essere eliminate selezionandole nella geometria e premendo il tasto <Canc>.2. Questo fattore mette in relazione la resistenza all’interfaccia (attrito ed adesione con il muro) con quella del terreno (angolo di resistenza a taglio e coesione). geogriglie. Invece di inserire direttamente Rinter come una proprietà dell’interfaccia.) e il terreno circostante. Il lato sul quale l’interfaccia apparirà è anche indicato dalla freccia accanto al puntatore mentre esso si sposta nella direzione del disegno.2).11 mostra come gli elementi interfaccia siano connessi agli elementi terreno. Tuttavia.1. se gli elementi interfaccia sono soggetti a tensioni normali molto elevate. Ulteriori dettagli sul significato dello spessore virtuale vengono forniti nella Sezione 3.5. Il valore di default del Virtual thickness factor è 0. La scabrezza dell’interazione è modellata mediante un opportuno valore del fattore di riduzione della resistenza all’interfaccia (Rinter). Per posizionare un’interfaccia sull’altro lato. è possibile che si verifichi un cattivo condizionamento della matrice delle rigidezze.PREPARAZIONE DELL’INPUT piccolo.

1. invece per elementi terreno a 6 nodi i corrispondenti elementi interfaccia sono definiti da 3 coppie di nodi.5. La matrice di rigidezza per gli elementi interfaccia è ottenuta per mezzo dell’integrazione di Newton Cotes.MANUALE DI RIFERIMENTO elementi terreno a 15 nodi. i corrispondenti elementi interfaccia sono definiti da 5 coppie di nodi. Proprietà dell’interfaccia La proprietà fondamentale di un elemento interfaccia è il materiale di tipo ‘terreno ed interfaccia’ ad essa associato. Lo spessore virtuale viene calcolato come il Virtual thickness factor (Fattore di spessore virtuale) moltiplicato per la dimensione media dell’elemento. quindi.11 Distribuzione dei nodi e dei punti d’integrazione negli elementi interfaccia e loro connessioni con gli elementi di terreno. La posizione dei punti d’integrazione di Newton Cotes ha una diretta corrispondenza con le coppie di nodi. gli elementi interfaccia sono mostrati con uno spessore finito. tale proprietà è riportata nella finestra delle proprietà 3-20 PLAXIS Versione 8 . Nella figura.6. comunque. è necessario fare attenzione quando si modifica il fattore di default.2). Ulteriori dettagli sul significato dello spessore virtuale vengono dati nella Sezione 3. La dimensione media dell’elemento è determinata dalle impostazioni di densità globale adottate per la generazione della mesh 2D (Sezione 3. Il valore di default del Virtual thickness factor è 0. che è una dimensione immaginaria utilizzata per definire le proprietà del materiale d’interfaccia. cinque punti d’integrazione sono definiti per un elemento interfaccia a dieci nodi e tre punti d’integrazione sono definiti per elementi interfaccia a sei nodi.2. ma nella formulazione agli elementi finiti le coordinate di ogni paio di nodi sono identiche. nodes stress point a b Figura 3. questo significa che gli elementi hanno spessore nullo. Ciascuna interfaccia ha uno 'spessore virtuale'. Questo valore può essere modificato con un doppio click sulla linea geometrica e selezionando l’interfaccia dalla finestra di dialogo.

Gli elementi finiti adoperati per modellare il terreno al contorno di questi punti non permettono però di riprodurre questi picchi e di conseguenza possono dar luogo ad oscillazioni delle tensioni di interazione prive di significato fisico.9. è possibile disattivarle (si vedano le Sezioni 3.8.PREPARAZIONE DELL’INPUT dell’interfaccia.12 e la Figura 3. 3-21 . Infatti. quindi selezionare l’opzione Properties (Proprietà) ed infine selezionare l’elemento interfaccia positivo o negativo o la catena di interfacce dal menu a tendina del pulsante destro del mouse. Gli spigoli delle strutture rigide e le brusche variazioni nelle condizioni al contorno possono produrre dei picchi nelle tensioni e nelle deformazioni. Elementi interfaccia). Nel caso in cui le interfacce vengano utilizzate in una mesh nella quale esse non devono interferire con il flusso idraulico e dunque essere perfettamente permeabili.3. quando le interfacce vengono utilizzate in combinazione con le piastre. Questo problema può essere risolto utilizzando gli elementi interfaccia nel modo illustrato dalla figura qui sotto. Pertanto è necessario fare particolare attenzione alle proprietà di questi elementi interfaccia (Figura 3.8. In alternativa. Questa figura mostra che il problema dell’irregolarità delle tensioni di interazione può essere prevenuto specificando elementi interfaccia aggiuntivi all’interno del terreno. l’interfaccia è utilizzata per bloccare il flusso mentre gli elementi piastra non interferiscono con il flusso idraulico. In un’analisi di consolidazione o in un’analisi di moto di filtrazione. si può cliccare il pulsante destro del mouse.1. per esempio per simulare uno schermo impermeabile. 3. il riferimento bibliografico 22 fornisce dettagli teorici aggiuntivi su questo speciale utilizzo degli elementi interfaccia.29). alla quale si può accedere con un doppio click su un’interfaccia nel modello geometrico e selezionando l’elemento interfaccia positivo o negativo o la catena di interfacce dalla finestra di selezione. 3. tali elementi miglioreranno la flessibilità della mesh agli elementi finiti e quindi eviteranno risultati privi di significato fisico riguardanti le tensioni.1). Si deve fare attenzione quando si modifica il valore di default.13 mostrano che nei problemi di interazione terrenostruttura possono presentarsi dei punti che richiedono una particolare attenzione nella modellazione. come risultato. Gli elementi interfaccia non devono comunque introdurre un irrealistica cedevolezza nel terreno. gli elementi interfaccia possono essere adottati per bloccare il flusso perpendicolare all’interfaccia. Interfacce attorno a punti di spigolo La Figura 3. il materiale può essere cambiato utilizzando il pulsante Change (Modifica). tuttavia tale valore può essere ripristinato premendo il pulsante Standard. la finestra delle proprietà d’interfaccia mostra il Virtual thickness factor. Inoltre. appare la finestra delle proprietà d’interfaccia che mostra il materiale associato.6. questo fattore viene utilizzato per calcolare lo spessore virtuale degli elementi interfaccia (si veda pagina 3-19. Il valore di default del Virtual thickness factor è 0.

1) ma. La creazione di ancoraggi tra nodo e nodo è simile alla creazione di linee geometriche (Sezione 3. Una tipica applicazione è la modellazione di un tirante di collegamento tra due palancolate come mostrato in Figura 3. Comunque. In tal caso infatti viene automaticamente introdotto un nuovo punto geometrico a ciascuna delle estremità dell’ancoraggio. simultaneamente agli ancoraggi non vengono create linee 3-22 PLAXIS Versione 8 . al contrario di quanto accade con altri oggetti strutturali.13 Punti di spigolo flessibili con migliori risultati nel calcolo delle tensioni di interazione 3.6 ANCORAGGI TRA NODO E NODO I Node-to-node anchors sono molle adottate per modellare un collegamento tra due punti. i punti d’estremità degli ancoraggi tra nodo e nodo devono sempre essere connessi a linee geometriche.12 Punti di spigolo rigidi che producono risultati scadenti per le tensioni di interazione Figura 3.MANUALE DI RIFERIMENTO Figura 3.6 (cofferdam).3.3. Questi ancoraggi possono essere selezionati dal sottomenu Geometry oppure cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. Non è consigliabile disegnare una linea geometrica nella posizione ove dovrà essere posizionato un ancoraggio tra nodo e nodo. ma non necessariamente a punti geometrici esistenti.

come mostrato in Figura 3. Gli ancoraggi ad estremità fissa devono essere sempre collegati a linee geometriche esistenti. Per default. disattivati o pretensionati nelle fasi di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction in Loading input. Gli ancoraggi tra nodo e nodo possono essere attivati.5. cioè l’angolo nel piano x-y è zero.5). 3. La lunghezza visualizzata della T è arbitraria e non ha particolare significato fisico. Sia la forza di trazione che la forza di compressione possono essere limitate dall’utente per consentire la simulazione della plasticizzazione di tiranti o puntoni. Un ancoraggio ad estremità fissa è un elemento molla elastica ad un nodo avente una rigidezza (normale) di molla costante. Gli ancoraggi ad estremità fissa possono essere attivati. esso è definito nel verso antiorario. Questo tipo di ancoraggio può essere selezionato dal sottomenu Geometry oppure cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. Un ancoraggio tra nodo e nodo è un elemento molla elastica a due nodi con rigidezza costante (rigidezza normale). La geometria della sezione 3-23 . gli ancoraggi tra nodo e nodo non divideranno i clusters nè ne creeranno di nuovi.5). partendo dalla direzione delle x verso la direzione delle y.3. un ancoraggio ad estremità fissa è diretto nel verso positivo delle x. da inserire nel modello geometrico.7 ANCORAGGI AD ESTREMITÀ FISSA I Fixed end anchors (Ancoraggi ad estremità fissa) sono molle che possono essere usate per simulare il vincolo di un singolo punto. disattivati o pretensionati in una fase di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction come Loading input. Oltre all’angolo. circolari e non. 3. Cliccando due volte nel mezzo della T appare la finestra delle proprietà dell’ancoraggio che consente di modificarne l’angolo d’inclinazione.5.PREPARAZIONE DELL’INPUT geometriche. ma non necessariamente a punti geometrici esistenti. Le proprietà possono essere inserite nell’archivio dei materiali di tipo ancoraggi (Sezione 3. Questo elemento può essere soggetto a forze di trazione (per tiranti) così come a forze di compressione (per puntoni). Le proprietà possono essere inserite nell’archivio dei materiali di tipo ancoraggi (Sezione 3. la lunghezza equivalente dell’ancoraggio viene definita come la distanza tra il punto di connessione ed il punto fittizio nella direzione longitudinale dell’ancoraggio in cui si assume che lo spostamento sia nullo. L’altra estremità della molla (definita dalla lunghezza equivalente e dalla direzione) è fissa.6. Una sezione trasversale di galleria è composta da archi e linee che possono essere eventualmente dotate di un rivestimento e di un’interfaccia. Un ancoraggio ad estremità fissa è visualizzato come una T ruotata ( ─|).8 GALLERIE Il comando Tunnel (galleria) può essere utilizzato per creare sezioni trasversali di gallerie. Quindi.3. Un esempio sull’uso degli ancoraggi ad estremità fissa è la modellazione dei puntoni per le paratie.

nella quale è possibile definire le caratteristiche della galleria.TNL) ed utilizzata in altri progetti.MANUALE DI RIFERIMENTO trasversale può essere archiviata come un oggetto sul disco rigido (cioè come un file di estensione .14): Menu Tunnel: Barra degli strumenti: Area di visualizzazione: Menu con comandi per aprire e salvare un oggetto galleria e per impostare i parametri relativi alla galleria.14 Tunnel designer con forma di tunnel di default Il Tunnel designer contiene le seguenti voci (Figura 3. Area in cui è disegnata la sezione trasversale. Il comando Tunnel è disponibile dal sottomenu Geometry o sulla barra degli strumenti. Figura 3. Tunnel designer Una volta selezionato il comando galleria. appare la finestra del Tunnel designer. 3-24 PLAXIS Versione 8 . Barra con pulsanti da utilizzare come scorciatoia per impostare attributi di galleria.

come un serbatoio di stoccaggio sotterraneo. Se s’inserisce un valore positivo per il parametro Thickness (Spessore) il contorno sarà costituito da due linee parallele distanti una quantità 3-25 . Tipi di gallerie: Prima di creare la sezione trasversale della galleria si deve selezionare il tipo di galleria. Le restanti parti lineari della struttura possono essere aggiunte nell’area di disegno utilizzando linee geometriche o piastre. Se invece il modello geometrico include soltanto una metà di un problema simmetrico in cui l’asse di simmetria del modello corrisponde all’asse di simmetria della galleria. l’utente può selezionare la metà destra (Right half) o la metà sinistra (Left half) di una galleria a seconda del lato che intende simulare. Riquadro dei parametri di forma e degli attributi dei singoli possono tratti dell’estradosso della galleria. i seguenti pulsanti della barra degli strumenti possono essere utilizzati per selezionare una forma di base per la galleria: Whole tunnel (Galleria intera) Half a tunnel .Right half (Metà galleria – Metà destra) Se la sezione trasversale della galleria è interamente inclusa nel modello geometrico si deve adottare la forma Whole tunnel. Si veda più avanti. si deve adottare la forma Half tunnel. I pulsanti essere utilizzati per selezionare gli altri tratti. Per accettare (Ok) o per annullare (Cancel) la galleria creata. un arco o uno spigolo. Ogni tratto è definito da una linea. Le opzioni disponibili sono: None (Nessun tipo). Metà galleria può anche essere adottata per definire lati curvi di una struttura più ampia. L’origine del sistema di coordinate locali viene utilizzato come punto di riferimento per il posizionamento della galleria nel modello geometrico. None: Selezionare questa opzione quando si vuole creare un contorno geometrico interno al modello composto da differenti tratti e non si ha intenzione di definire una galleria.PREPARAZIONE DELL’INPUT Righelli: I righelli indicano le dimensioni della sezione trasversale in coordinate locali.Left half (Metà galleria – Metà sinistra) Half a tunnel . Bored tunnel (Galleria scavata a tutta sezione) o NATM tunnel (Galleria di tipo NATM). Riquadro Section: Altri parametri: Pulsanti standard: Forme fondamentali di galleria Una volta che sia stato selezionato il comando.

È possibile applicare un guscio lungo la linea di contorno più esterna. quindi. è possibile introdurre una contrazione del rivestimento (shrinkage) per simulare la perdita di volume dovuta al processo di scavo della galleria (Sezione 4. in tal modo è possibile definire un rivestimento di galleria composto da elementi di volume.11).7. sono disponibili altri metodi di calcolo (Sezione 4. Se s’inserisce un valore positivo per il parametro Thickness l’estradosso è definito da due linee. Per simulare le deformazioni in gallerie di tipo NATM dovute allo scavo ed alla costruzione. La sagoma della galleria si compone di diversi tratti che possono essere definiti da archi. NATM tunnel: Selezionare questa opzione per definire una galleria che includa un rivestimento di galleria (composto di piastre) ed un’interfaccia sulla superficie esterna. introducendo il contorno nel modello geometrico le due linee formeranno clusters separati dello spessore assegnato. Poiché il rivestimento è circolare. È possibile aggiungere un rivestimento ed un’interfaccia sulla superficie esterna di ciascun tratto del rivestimento. Bored tunnel: Selezionare questa opzione per definire una galleria circolare che abbia un rivestimento omogeneo (composto da un guscio cilindrico) ed un’interfaccia sulla superficie esterna. Il rivestimento della galleria (shell) è considerato come omogeneo e continuo. Ogni tratto è un Arc 3-26 PLAXIS Versione 8 . ogni arco ha il raggio che viene definito per il primo arco. Se l’involucro è attivo.6 e 4. nel contesto di una costruzione per fasi. Tratti dell’estradosso di una galleria: La creazione di una sezione trasversale di galleria inizia con la definizione del contorno interno della galleria che sarà costituito da tratti. Il rivestimento della galleria (shell) è considerato come discontinuo. può essere eseguito soltanto per l’intero rivestimento (e non singolarmente per ogni tratto dell’estradosso). Se s’inserisce un valore positivo per il parametro Thickness (Spessore) l’estradosso della galleria risulta costituito da due linee. nel contesto di una costruzione per fasi.8). l’assegnazione delle proprietà meccaniche del materiale e l’attivazione e la disattivazione di parti del rivestimento.7. ne risulta che l’assegnazione del materiale del rivestimento e la sua attivazione o disattivazione.MANUALE DI RIFERIMENTO pari a Thickness. per simulare ad esempio la combinazione di un rivestimento più esterno (il cemento proiettato modellato con elementi piastra) e di un rivestimento più interno (il rivestimento finale. L’estradosso della galleria è cosituita da differenti tratti costituiti da archi e segmenti.7. viene fatta singolarmente per ogni tratto dell’estradosso. Non è possibile applicare una contrazione dell’involucro (shrinkage) per una galleria NATM. in questo modo è possibile definire un rivestimento di galleria di un determinato spessore e composto da elementi di volume. modellato con elementi di volume).

Il primo tratto ha inizio.parte di una circonferenza. Il punto di partenza del tratto successivo coincide con il punto finale del tratto precedente.PREPARAZIONE DELL’INPUT (Arco . Inoltre è possibile definire punti angolosi che consistono in improvvise variazioni della tangente all’estradosso nel punto comune a due tratti. se il primo tratto di galleria è un segmento. Il raggio e l’angolo dell’ultimo tratto dell’estradosso sono 3-27 . R2 R2 R1 R1 common radial Figura 3. e si muove nel verso antiorario. nel punto più basso posizionato sull’asse y locale (punto più alto per la metà sinistra). se il primo tratto di galleria è un arco. La posizione del punto di partenza del primo tratto è individuata dalle coordinate del centro (centre coordinates) e dal raggio (Radius). viene presentata una galleria circolare standard composta da 6 tratti ad arco (3 tratti per il caso in cui si adotta metà galleria). In questo caso può essere introdotta una variazione improvvisa della tangente per mezzo del parametro Angle (Angolo). Quindi. definita da un centro. è possibile introdurre un punto angoloso selezionando Corner (Spigolo) per il tratto successivo. ma non necessariamente lo stesso raggio (Figura 3. un raggio ed un angolo). oppure dalle coordinate del punto di partenza. La tangente di partenza del tratto seguente è uguale alla tangente finale del tratto precedente. con tangente orizzontale. Quando si avvia il programma Tunnel designer.15 Dettaglio del punto di collegamento tra due tratti dell’estradosso di una galleria Se la tangente all’estradosso della galleria nel punto di collegamento tra due tratti è discontinua. o un Line increment (Incremento lineare – definito da un punto d’inizio e da una lunghezza). La posizione del punto finale del primo tratto di galleria è definto dal parametro Angle (Angolo) nel caso di un arco o dal parametro Length (Lunghezza ) nel caso di una linea. il centro della successiva sezione è posizionato su questo asse radiale comune e la sua esatta posizione dipende dal raggio della sezione. i due tratti hanno lo stesso asse radiale (normale al settore di galleria).15). Se entrambi i tratti sono archi.

l’angolo dell’ultimo tratto viene incrementato della stessa quantità. se si seleziona questa opzione tutti i tratti dell’estradosso diverranno archi aventi lo stesso raggio. Continuando a ridurre l’angolo di un tratto intermedio o riducendo l’angolo dell’ultimo tratto. L’errore di chiusura è indicato nella riga di stato del Tunnel designer. L’angolo massimo di un tratto è 90 gradi. Per gallerie a sezione intera la somma degli angoli è 360 gradi e per gallerie di tipo Half tunnel (Metà galleria) questa somma è 180 gradi. la galleria è costruita in maniera completamente simmetrica. Quando la costruzione della sezione trasversale della galleria è completata. La distanza tra il punto di partenza ed il punto di arrivo (in unità di lunghezza) è definito come errore di chiusura (closing error). Per una galleria a sezione intera (Whole tunnel ) il punto di partenza del primo tratto deve coincidere con il punto finale dell’ultimo tratto. 3-28 PLAXIS Versione 8 . in questo caso le procedure di input sono simili a quelle utilizzate quando si definisce soltanto metà galleria (metà destra). questo può portare alla eliminazione dell’ultimo tratto. Galleria circolare: Quando si modifica il raggio di uno dei settori della galleria. Una sezione trasversale di galleria ben definita deve avere un errore di chiusura nullo. verrà creato un nuovo settore. in questo caso è possibile inserire soltanto il raggio del primo tratto dell’estradosso.MANUALE DI RIFERIMENTO automaticamente determinati in modo che il segmento radiale finale coincida di nuovo con l’asse y. Quando si seleziona questa opzione. Quando l’errore di chiusura è significativo. fino a raggiungere l’angolo massimo. Se l’angolo di uno dei tratti intermedi viene incrementato. cosa che non è automaticamente garantita. si consiglia di controllare attentamente i dati della sezione. Questa opzione viene automaticamente selezionata quando la galleria è del tipo Bored tunnel. questa può essere archiviata sottoforma di oggetto “galleria” sul disco rigido utilizzando il comando Save dal menu File nella finestra del Tunnel designer. Galleria simmetrica: L’opzione Symmetric (Simmetrica) è utilizzabile solo per gallerie di tipo Whole tunnel (Galleria intera). Il numero di tratti dipende dalla somma degli angoli dei vari tratti. Se l’angolo di un tratto intermedio viene diminuito. la galleria cessa di essere circolare. Per rendere la galleria circolare può essere selezionata l’opzione Circular (Circolare). l’angolo dell’ultimo tratto viene automaticamente diminuito. La metà sinistra viene automaticamente realizzata uguale alla metà destra. L’angolo dell’ultimo tratto è calcolato automaticamente e non può essere modificato.

Al puntatore viene associato un simbolo. 3.4 CARICHI E CONDIZIONI AL CONTORNO Il sottomenu Loads (Carichi) contiene i comandi per introdurre carichi distribuiti.3. I valori di input degli spostamenti imposti possono essere modificati cliccando due volte sulla corrispondente linea geometrica e selezionando Prescribed displacements nella finestra di dialogo che appare. i valori di input degli spostamenti imposti sono tali che la componente verticale dello spostamento è unitaria e diretta nel verso negativo della direzione verticale (uy = -1) e la componente di spostamento orizzontale è libera. appare la finestra Prescribed displacements in cui è possibile modificare i valori di input degli spostamenti imposti di 3-29 . la galleria viene inclusa nel modello geometrico.1). Come risultato. Quando il punto di riferimento viene inserito nel modello geometrico cliccando con il mouse o digitando le coordinate nella riga di input manuale. Si noti che i materiali assegnati ad un rivestimento dovranno essere riassegnati se si esegue una modifica alla galleria. la finestra del Tunnel designer riappare mostrando la sezione trasversale della galleria esistente in modo da potere effettuare le modifiche desiderate.PREPARAZIONE DELL’INPUT Includere la galleria nel modello geometrico Dopo aver cliccato il pulsante <Ok> nel Tunnel designer la finestra viene chiusa e si ritorna alla finestra di input principale. per indicare che deve essere selezionato il punto di riferimento. Cliccando il pulsante <Ok> la vecchia galleria viene rimossa e la nuova galleria viene inserita direttamente nel modello geometrico utilizzando il punto di riferimento originario. Per default. Modificare una galleria esistente Una galleria esistente può essere modificata con un doppio click sul suo punto di riferimento o su uno degli altri punti della galleria. L’input dei Prescribed displacements nel modello geometrico è simile alla creazione di linee geometriche (Sezione 3. tenendo conto di eventuali intersezioni con linee o oggetti geometrici preesistenti. 3. come risultato. il punto di riferimento è il punto del modello in cui sarà localizzata l’origine del sistema di coordinate locali della galleria. Gli spostamenti imposti possono essere selezionati dal sottomenu Loads (Carichi) o cliccando sul corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti.1 SPOSTAMENTI IMPOSTI I Prescribed displacements (Spostamenti imposti) sono condizioni speciali che possono essere imposte sul modello per controllare gli spostamenti di determinati punti. Carichi e spostamenti imposti possono essere applicati ai contorni del modello così come al suo interno. che raffigura una galleria. carichi lineari o carichi concentrati e spostamenti imposti nel modello geometrico.4.

è inutile infatti applicare spostamenti imposti su una linea totalmente vincolata.8. i vincoli hanno la priorità sugli spostamenti imposti. la direzione dello spostamento è verso l’interno del modello stesso.4. è possibile utilizzare le caselle di scelta nel riquadro Free directions (Direzioni libere) per indicare quale direzione è libera. i valori effettivi che vengono applicati durante il calcolo possono essere modificati nel contesto della Staged construction (Sezione 4.7. Il valore di input deve essere contenuto nell’intervallo [-9999. su una linea geometrica ove siano applicati sia spostamenti imposti che carichi. un sistema di spostamenti imposti può essere incrementato globalmente per mezzo dei moltiplicatori Mdisp e ΣMdisp (Sezione 4. La distribuzione è sempre lineare lungo la linea. 9999]. D’altra parte. eccetto il caso in cui gli spostamenti imposti non siano stati attivati.MANUALE DI RIFERIMENTO entrambi i punti d’estremità della linea geometrica. Queste condizioni possono essere applicate a linee geometriche così come a punti geometrici. ciò significa che gli spostamenti su questa linea rimarranno nulli.2 VINCOLI I Fixities (Vincoli) rappresentano spostamenti imposti uguali a zero. Il pulsante Perpendicular (Perpendicolare) può essere utilizzato per imporre uno spostamento unitario in direzione perpendicolare alla linea su cui siano stati imposti gli spostamenti. le forze di reazione corrispondenti agli spostamenti imposti nelle direzioni x ed y sono calcolate e conservate come parametri di output (Force-X. 3. i primi hanno la priorità sui secondi.1). I vincoli 3-30 PLAXIS Versione 8 .16 Finestra di input per gli spostamenti imposti Durante il calcolo. Inoltre. quando gli spostamenti imposti sono applicati su una linea totalmente vincolata. ForceY). Sebbene i valori di input degli spostamenti imposti possano essere specificati nel modello geometrico. Nel caso in cui siano imposti gli spostamenti lungo una direzione mentre siano liberi lungo l’altra. Per le linee geometriche dei contorni del modello.4). lo spostamento è perpendicolare al lato destro della linea geometrica (considerando che la linea va dal primo al secondo punto). Durante i calcoli. Per linee geometriche interne. Figura 3.

Inoltre.PREPARAZIONE DELL’INPUT possono essere selezionati dal sottomenu Loads (Carichi). PLAXIS impone automaticamente al modello geometrico un insieme di condizioni al contorno generali.3 VINCOLI STANDARD Selezionando Standard fixities (Vincoli standard) dal sottomenu Loads (Carichi) o cliccando il corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti. ux = 0) e Vertical fixities (Vincoli verticali. uy = 0).17 Modellazione di una botola per mezzo di interfacce 3. Figura 3. che è una combinazione di entrambi (ux = uy =0).17). è possibile selezionare Total fixities (Vincoli totali). Ne risulta che lo spessore della zona di transizione tra i due differenti spostamenti è zero. Queste condizioni al contorno sono generate secondo le regole seguenti: ∑ ∑ ∑ Le linee geometriche verticali le cui coordinate x sono uguali alla minore o alla maggiore coordinata x del modello ricevono un vincolo orizzontale (ux = 0). si può fare una distinzione tra Horizontal fixities (Vincoli orizzontali. Se non viene utilizzata alcuna interfaccia la transizione avverrà all’interno di uno degli elementi connessi al punto di transizione. è necessario introdurre un’interfaccia perpendicolare alla linea geometrica nel punto della transizione. quindi. Spostamenti imposti ed interfacce Per introdurre una brusca transizione tra differenti spostamenti imposti o tra spostamenti imposti e vincoli (per esempio per modellare il problema di una botola. Le piastre che si estendono fino ai limiti del modello geometrico ricevono il vincolo alla rotazione nel punto sul contorno (fz = 0) se almeno una delle direzioni di spostamento di quel punto è vincolata. In un modello geometrico.4. Figura 3. Le linee geometriche orizzontali le cui coordinate y sono uguali alla minore coordinata y del modello ricevono un vincolo totale (ux = uy = 0). la zona di transizione sarà determinata dalla dimensione dell’elemento e sarà per questo irrealisticamente ampia. 3-31 .

MANUALE DI RIFERIMENTO Standard fixities può essere utilizzato come comando di input comodo e veloce per molte applicazioni pratiche. I valori di input di un carico distribuito vengono dati in termini di forza per unità di area (per esempio kN/m2). i primi hanno la priorità sui secondi. si apre la finestra dei carichi distribuiti nella quale è possibile specificare le due componenti del carico per entrambe le estremità della linea geometrica. il valore effettivo applicato in un calcolo può essere modificato nel contesto di una costruzione per fasi (Staged construction.8.1). 3. Per default. il carico sarà rappresentato da una pressione pari all’unità e perpendicolare al contorno.3.18 Finestra di input dei carichi distribuiti Sebbene i valori globali di input dei carichi distribuiti possano essere specificati nel modello geometrico. Figura 3. Per applicare una combinazione di più carichi distribuiti sono disponibili due sistemi di carico (A e B). Inoltre. è quindi inutile applicare carichi distribuiti su una linea 3-32 PLAXIS Versione 8 . purché gli spostamenti imposti siano attivi. Durante i calcoli. La distribuzione è sempre lineare lungo la linea. una composizione di carichi esistente può essere incrementata globalmente per mezzo dei moltiplicatori di carico MloadA (o ΣMloadA) per il sistema di carico A e MloadB (o ΣMloadB) per il sistema di carico B (Sezione 4. quando si applicano carichi sui contorni della geometria.4. Come risultato. Sezione 4.7. su una linea geometrica sulla quale siano stati applicati sia spostamenti imposti che carichi distribuiti.4 CARICHI DISTRIBUITI La creazione di un carico distribuito nel modello geometrico è simile alla creazione di una linea geometrica (Sezione 3. I carichi distribuiti per i sistemi A e B possono essere selezionati dal sottomenu Loads o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti.3). Il valore di input di un carico può essere modificato cliccando due volte sulla corrispondente linea geometrica e selezionando il corrispondente sistema di carico dalla finestra di selezione. I carichi distribuiti possono essere costituiti da una componente x e/o y. I sistemi di carico A e B possono essere attivati indipendentemente.1).

Il valore di input di un carico può essere modificato cliccando due volte sul corrispondente punto e selezionando il corrispondente sistema di 3-33 . Per ricavare un valore di input da una situazione reale. il carico concentrato è un vero carico concentrato ed il valore di input è espresso in unità di forza (per esempio kN.3. il carico sarà di un’unità di forza nel verso negativo della direzione y. La creazione di un carico concentrato o lineare nel modello geometrico è simile alla creazione di un punto geometrico (Sezione 3. quando si applicano carichi concentrati. quando soltanto una direzione è imposta mentre l’altra direzione è libera è invece possibile applicare un carico distribuito nella direzione libera. I carichi concentrati consistono in una componente lungo x e/o in una lungo y. sebbene la finestra di input mostri kN/m). In modelli assialsimmetrici. Nel caso si lavori in assialsimmetria e si abbia un carico concentrato in x = 0.1). i carichi concentrati sono carichi lineari su un arco di circonferenza che sottende un angolo di un radiante. Per default. Si noti che questa forza agisce su un arco di circonferenza che sottende soltanto un radiante.19 Finestra di input per carichi concentrati I valori di input di un carico concentrato sono espressi in unità di forza (per esempio kN) ed i valori di un carico distribuito in unità di forza per unità di lunghezza (per esempio kN/m). la forza concentrata reale deve essere divisa per 2p in modo da ottenere il valore di input della forza concentrata al centro del modello assialsimmetrico.4.5 CARICHI CONCENTRATI Questo strumento (Point forces – Load system A e Point forces – Load system B) può essere utilizzato per creare carichi concentrati che in modelli in stato piano di deformazione sono carichi lineari nella direzione uscente dal piano. Figura 3.PREPARAZIONE DELL’INPUT che abbia gli spostamenti imposti completamente definiti. eccetto quando il carico concentrato è posizionato in x = 0. in questo caso i valori di input dei carichi concentrati sono espressi in unità di forza per unità di larghezza (per esempio kN/m). 3. I carichi concentrati per i sistemi A e B possono essere selezionati dal sottomenu Loads (Carichi) o cliccando sul corrispondente pulsante della barra degli strumenti. in questo caso il valore di input è espresso ancora in unità di forza per unità di lunghezza. Sono disponibili due sistemi di carico (A e B) attivabili in modo indipendente.

è possibile applicare un carico concentrato lungo la direzione libera. invece in un’analisi di moto di filtrazione. In un’analisi di consolidazione le sovrappressioni neutre in tutti i nodi che appartengono ad un dreno vengono azzerate.6 VINCOLI ALLA ROTAZIONE I Rotation fixities (Vincoli alla rotazione) sono utilizzati per bloccare il grado di libertà rotazionale di una piastra attorno all’asse z. L’oggetto Drain (Dreno) può essere selezionato dal sottomenu Geometry o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. Questa opzione ha significato soltanto per analisi di consolidazione o calcoli di moti di filtrazione.4. 3.7. ma non necessariamente su un punto geometrico esistente. Quando gli spostamenti sono imposti soltanto lungo una direzione mentre nell’altra direzione sono liberi.3. ciò è possibile soltanto sulle piastre. Dopo la selezione del comando Rotation fixities dal sottomenu Loads o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. Quindi.3). in particolare. è inutile applicare carichi concentrati su una linea con spostamenti completamente imposti. si apre la finestra dei carichi concentrati in cui possono essere specificate le due componenti del carico.7 DRENI I Drains (Dreni) vengono utilizzati per imporre linee all’interno della geometria in cui le sovrappressioni neutre siano nulle. purché il dreno sia attivo. 3. Vincoli alla rotazione esistenti possono essere eliminati selezionando il vincolo alla rotazione nel modello geometrico e premendo il tasto <Canc> sulla tastiera. verrà introdotto un nuovo punto geometrico.8. se viene selezionato un punto nel mezzo di una piastra. gli spostamenti imposti hanno la priorità sui carichi concentrati. Come risultato. La creazione di un dreno nel modello geometrico è simile alla creazione di una linea geometrica (Sezione 3. 3-34 PLAXIS Versione 8 .1). su una parte della geometria in cui siano applicati sia spostamenti imposti che carichi concentrati.MANUALE DI RIFERIMENTO carico dalla finestra di selezione. I dreni possono essere attivati o disattivati nelle varie fasi di calcolo utilizzando l’opzione Staged construction come Loading input. Sebbene i valori di input dei carichi concentrati possano essere specificati nel modello geometrico. Durante i calcoli. purché gli spostamenti imposti siano attivi. Sezione 4. va inserito (utilizzando il mouse) il punto geometrico (o i punti geometrici) in cui dovrà essere applicato il vincolo alla rotazione.4. il valore effettivamente applicato durante un calcolo può essere modificato nel contesto di una costruzione per fasi (Staged construction. vengono azzerate le pressioni neutre.1). una combinazione di carichi esistente può essere incrementata globalmente per mezzo dei moltiplicatori di carico MloadA (o ΣMloadA) per il sistema di carico A e MloadB (o ΣMloadB) per il sistema di carico B (Sezione 4. Inoltre.

Come risultato. i materiali possono essere assegnati ai clusters di terreno o ai corrispondenti oggetti strutturali del modello geometrico. 3-35 . appare una finestra relativa ai materiali che mostra i contenuti dell’archivio di progetto. L’archivio dei materiali L’archivio dei materiali può essere aperto selezionando uno dei comandi dal sottomenu Materials o cliccando il pulsante Material sets sulla barra degli strumenti. Su entrambi i lati della finestra estesa ci sono due elenchi (Project data base e Global data base) ed una vista ad albero. Da questo archivio. Tutti i dati relativi ai materiali sono immagazzinati in un archivio dei materiali. Ci sono quattro diversi tipi di materiali: Soil & Interfaces (Terreno ed interfacce). L’archivio di progetto contiene i dati sui materiali del progetto corrente. come risultato. le proprietà meccaniche dei terreni e degli elementi strutturali sono organizzate in particolari strutture di dati dette Material data sets. Prima di eseguire un’analisi del moto di filtrazione. è possibile specificare se il pozzo sia utilizzato per applicare una Extraction (Emungimento) dal terreno (portata positiva). tale parametro determina a quale tipo (Soil & Interfaces. Plates (Piastre).8 POZZI I Wells (Pozzi) sono utilizzati per imporre punti all’interno del modello geometrico in cui una portata nota viene emunta (sorgente) o immessa (immissione) nel terreno. 3. Dopo aver definito un pozzo. sia per applicare una Infiltration (Immissione) nel terreno (portata negativa). ma non è legata a linee geometriche esistenti. In questa finestra la portata può essere specificata con un valore positivo espresso nell’unità di volume per unità di tempo e per unità di larghezza uscente dal piano.5 PROPRIETÀ MECCANICHE DEI MATERIALI In PLAXIS.20. Plates.9. i pozzi possono essere attivati o disattivati (Sezione 3. L’archivio globale può essere visualizzato cliccando il pulsante Global nella parte superiore della finestra. Per un nuovo progetto l’archivio di progetto è vuoto.PREPARAZIONE DELL’INPUT 3. La creazione di un pozzo nel modello geometrico è simile alla creazione di un ancoraggio ad estremità fissa. Geogrids (Geogriglie) ed Anchors (Ancoraggi). In tal modo la finestra si estenderà come in Figura 3. Inoltre. appare una finestra relativa al pozzo.1). Oltre all’archivio di progetto. è disponibile un archivio globale. L’oggetto Well può essere selezionato dal sottomenu Geometry o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. la portata (emunta o immessa) può essere specificata cliccando due volte sul pozzo nel modello geometrico. questo può richiedere un ingrandimento dell’area in cui è posizionato il pozzo.4. Questo oggetto ha significato soltanto per calcoli di moto di filtrazione. Dall’elenco di sinistra è possibile selezionare il Set type (Tipo di materiale).

20 Finestra dei gruppi di materiali in cui è mostrato l’archivio del progetto e quello globale Sotto la vista ad albero dell’archivio globale si trovano tre pulsanti. I set di dati dei materiali nella vista ad albero sono identificati da un nome definito dall’utente. Il pulsante >> serve per copiare tutti i dati dell’archivio di progetto nell’archivio globale Figura 3. I piccoli pulsanti tra le due viste ad albero (> e <) possono essere utilizzate per copiare singoli materiali dall’archivio di progetto all’archivio globale e viceversa. L’opzione None (Nessuno) può essere utilizzata per tralasciare l’ordinamento dei set di dati dei materiali. per tipo di comportamento o per nome.MDB). Il pulsante Open viene utilizzato per aprire un archivio dei materiali esistente (cioè un file con l’estensione . I materiali del tipo Soil & Interfaces possono venire ordinati per modello costitutivo. Le diverse modalità di ordinamento possono essere selezionate nell’elenco Group order. Anchors) devono appartenere i set di dati dei materiali mostrati nella vista ad albero. che viene quindi adottato come archivio globale. Il pulsante Delete 3-36 PLAXIS Versione 8 .MANUALE DI RIFERIMENTO Geogrids.

'Geotex. 3-37 . La prima voce da inserire è sempre Identification (Identificazione).PREPARAZIONE DELL’INPUT può essere utilizzato per cancellare un materiale dall’archivio globale. gli archivi globali per piastre (o travi). In situazioni in cui non è possibile modificare l’archivio del progetto (e cioè nella modalità Initial conditions o nella modalità Staged construction).MDB' ed 'Anchors. Per default. il pulsante Edit è sostituito da pulsante View. Questi modelli ed i loro parametri sono discussi nel Material Models Manual. Questo file è compatibile con files di archivio simili di altri prodotti di PLAXIS. Un nuovo set di dati viene definito con un click sul pulsante New. I pulsanti che si trovano sotto la vista ad albero dell’archivio di progetto sono utilizzati per visualizzare. indicato dal suo nome così come definito in Identification. come risultato. copiare o cancellare i set di dati dei materiali. PLAXIS dispone anche di alcuni modelli avanzati. Allo stesso modo.1 MODELLAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEL TERRENO Terreni e rocce. Questi files di PLAXIS sono archiviati nella sottodirectory DB della directory di programma di PLAXIS. l’angolo di attrito j. Poiché i suddetti cinque parametri sono ben noti agli ingegneri geotecnici e raramente sono disponibili dati su altri parametri del terreno. appare una nuova finestra di dialogo in cui possono essere inserite le proprietà del materiale o i parametri del modello. creare. in quanto segue l’attenzione verrà focalizzata su questo semplice modello costitutivo. e l’angolo di dilatanza y. modificare.MDB'. che è immagazzinato nella sottodirectory DB della directory di programma di PLAXIS. Selezionando un materiale esistente e cliccando il pulsante Copy viene creato un nuovo materiale i cui parametri sono uguali a quelli del materiale selezionato (esistente). cliccando su questo pulsante è possibile comunque visualizzare i materiali esistenti. Questo modello elastico perfettamente plastico richiede cinque parametri fondamentali. il coefficiente di Poisson n. I set di dati dei materiali esistenti possono essere modificati selezionando i nomi corrispondenti nella vista ad albero dell’archivio del progetto e cliccando il pulsante Edit. l’archivio globale per terreni ed interfacce contiene i materiali di tutte le lezioni di esercitazione ed è contenuto nel file 'Soildata.5. sotto carico. chiaramente. può essere eliminato selezionandolo e cliccando il pulsante Delete.MDB'. geogriglie (o geotessili) ed ancoraggi sono contenuti rispettivamente nei files 'Beams. 3.MDB'. tale comportamento tensio-deformativo non lineare può essere modellato a diversi livelli di complessità. Dopo aver completato l’inserimento dei dati il set di dati apparirà nella vista ad albero. il numero di parametri del modello crescono con la complessità del modello stesso. hanno un comportamente fortemente non lineare. che è il nome del set di dati del materiale definito dall’utente. la coesione c. e cioè il modulo di Young E. Quando un materiale non è più necessario. Il pulsante Create (Crea) viene utilizzato per salvare l’archivio globale dei materiali come archivio a parte. Il ben noto modello Mohr-Coulomb può essere considerato come un’approssimazione di primo ordine del comportamento reale dei terreni.

MANUALE DI RIFERIMENTO |σ1-σ3| |σ1-σ3| E 1 -ε1 -ε1 2c cos φ + |σ1-σ3| sin φ εv εv 2 sin ψ 1. Il materiale è stato compresso isotropicamente fino ad una certa tensione radiale di confinamento s'3. in forma idealizzata. Un set di dati dei materiali di tipo terreno ed interfacce generalmente rappresenta un certo strato di terreno e può essere assegnato al cluster (o ai clusters) 3-38 PLAXIS Versione 8 .21b mostra i risultati delle simulazioni.21 Risultati di prove triassiali drenate standard (a) e modello elasto-plastico (b) Parametri del modello base e reale comportamento del terreno Per comprendere il significato dei cinque parametri del modello base. La figura fornisce un’indicazione del significato e dell’influenza dei parametri fondamentali del modello.21a. si può far riferimento alle tipiche curve tensione-deformazione ottenute da prove triassiali drenate standard (Figura 3. In questa seconda fase di carico il comportamento del terreno è del tipo mostrato in Figura 3.21). la tensione assiale s'1 viene incrementata mentre la tensione radiale viene mantenuta costante. La Figura 3. Le proprietà meccaniche delle interfacce sono legate alle proprietà del terreno e sono inserite nello stesso set di dati contenente le proprietà di quest’ultimo. ottenute con l’utilizzo del modello Mohr-Coulomb.5. 3.sin ψ -ε1 (a) σ1 σ3 Axial stress Constant confining pressure ε1 εv (1-2ν) 1 (b) Axial strain 1 -ε1 Volumetric strain Figura 3. Si noti che l’angolo di dilatanza y è necessario per modellare gli incrementi di volume irreversibili. Dopo di ciò.2 SET DI DATI PER I MATERIALI DI TIPO SOIL AND INTERFACES (TERRENO ED INTERFACCE) Le proprietà dei materiali ed i parametri del modello per i clusters di terreno sono contenuti in specifici set di dati. L’incremento di volume (o di deformazione volumetrica) è tipico per le sabbie dense e si osserva spesso anche per le rocce.

PREPARAZIONE DELL’INPUT corrispondente nel modello geometrico. Questo è indicato nella finestra delle proprietà dell’interfaccia come <Cluster material> (<Materiale del cluster>). tuttavia è consigliabile utilizzare un nome significativo poiché il set di dati apparirà nella vista ad albero dell’archivio attraverso la sua identificazione. È possibile modificare il colore cliccando sulla casella del colore nell’angolo in basso a sinistra della finestra dei materiali. il tipo di comportamento del terreno e le proprietà generali del terreno come il peso dell’unità di volume.22 Finestra di un set di dati di materiale del tipo Soil & Interface (Terreni ed interfacce) Per distinguere tra differenti strati di terreno è possibile definire diversi set di dati. Per il facile riconoscimento del set di dati nel modello geometrico. Figura 3. L’utente può specificare qualunque nome per il set di dati. La scheda Parameters contiene i parametri di rigidezza e resistenza del modello di terreno selezionato. Le proprietà nei set di dati dei materiali sono raggruppate in tre schede: General (Generale). ma questo può essere modificato dall’utente. Alle interfacce che sono presenti dentro o attorno al cluster viene asseganto di default lo stesso set di dati di materiale. ad ogni materiale viene assegnato un colore che appare anche nella vista ad albero dell’archivio. Il nome del set di dati del materiale è visualizzato nella finestra delle proprietà del cluster. Parameters (Parametri) ed Interfaces (Interfacce). PLAXIS seleziona un colore di default per ogni materiale in modo che sia unico. La 3-39 . La scheda General contiene il modello costitutivo del terreno.

Il modello è quindi in grado di simulare. Modello Hardening Soil (Terreno incrudente): E’ un modello elastoplastico incrudente che riproduce in condizioni di primo carico triassiale un legame tensioni deformazioni di tipo iperbolico. tra l’altro. il coefficiente di Poisson n.g. che sono il modulo di Young E. Il modello elastico lineare è molto limitato nei riguardi della simulazione del comportamento del terreno. la coesione c.MANUALE DI RIFERIMENTO scheda Interfaces contiene i parametri che mettono in relazione le proprietà dell’interfaccia con quelle del terreno. Modello Jointed Rock model (Roccia fratturata): E’ un modello elasto-plastico anisotropo in cui può manifestarsi soltanto plasticizzazione per taglio lungo un limitato numero di direzioni (piani). 3. L’incrudimento è funzione sia delle deformazioni distorsionali plastiche sia delle deformazioni volumetriche plastiche. Il modello richiede cinque parametri. Questo modello di ‘secondo livello’ può essere utilizzato per simulare il comportamento sia di sabbie e di ghiaie sia di terreni più compressibili come argille e limi. che sono il modulo di Young E. Modello Mohr-Coulomb: Questo modello ben conosciuto viene utilizzato come una prima approssimazione del comportamento del terreno in generale. l’angolo di attrito j. Questo modello può essere adottato per simulare il comportamento di rocce stratificate o fratturate. 3-40 PLAXIS Versione 8 . la riduzione irreversibile di volume di un terreno sottoposto a compressione lungo percorsi di carico proporzionali (e. e l’angolo di dilatanza y. è utilizzato principalmente per simulare strutture rigide nel terreno. I modelli ed i loro parametri sono descritti in dettaglio nel Material Models Manual.3 MODELLO COSTITUTIVO DEL TERRENO PLAXIS contiene vari modelli costitutivi per simulare il comportamento del terreno e di altri continui. carico isotropo. edometrico) a partire da una condizione di normal-consolidazione. Il modello richiede due parametri di rigidezza elastici. ed il coefficiente di Poisson n.5. Nel seguito viene affrontata una breve discussione sui modelli disponibili: Modello Linear elastic (Elastico lineare ): Questo modello rappresenta la legge di Hooke dell’elasticità isotropa lineare.

e cioè la relazione tra le tensioni e le deformazioni associate allo scheletro solido del terreno. nella risposta del terreno. Il modello può essere utilizzato per simulare il comportamento nel tempo di terreni molto compressibili come argille normalconsolidate e torba. tutti i parametri del modello in PLAXIS sono intesi a rappresentare la risposta del terreno in termini di tensioni efficaci. si faccia riferimento al Material Models Manual. Tali condizioni possono verificarsi per la bassa permeabilità dei terreni (argille) e/o per l’elevata velocità di applicazione dei carichi. Questa opzione può anche essere utilizzata per simulare il comportamento del terreno a lungo termine senza la necessità di modellare l’esatta storia delle sollecitazioni in condizioni non drenate e della consolidazione. dell’interazione acqua-scheletro solido. Il modello è particolarmente adatto ad analizzare situazioni nelle quali il terreno è sollecitato lungo percorsi tensionali che lo mantengono in condizioni di normal-consolidazione. Per una descrizione dettagliata di questo strumento. Undrained behaviour (Comportamento non drenato): Questa impostazione viene utilizzata per simulare la generazione di sovrappressioni neutre in condizioni di flusso idraulico impedito. Il modello riproduce in condizioni di primo carico edometrico il ben noto legame lineare tra deformazioni volumetriche e logaritmo della tensione principale massima. PLAXIS offre per ogni modello di terreno la scelta tra tre tipi di comportamento: Drained behaviour (Comportamento drenato): Utilizzando questa impostazione non vengono generate sovrappressioni neutre. Modello Soft Soil Creep (Creep per terreno compressibile): E’ un modello di ‘secondo livello’ formulato nell’ambito della viscoplasticità. Modello User defined Soil (Modello definito dall’utente): Con questa opzione è possibile utilizzare altri modelli costitutivi oltre ai modelli standard di PLAXIS.PREPARAZIONE DELL’INPUT Modello Soft Soil (Terreno compressibile): E’ un modello tipo Cam-clay che può essere utilizzato per simulare il comportamento di terreni compressibili quali argille normalmente consolidate e torba. 3-41 . Per consentire di tenere conto. Questo è chiaramente il caso di terreni asciutti ed anche il caso in cui sia possibile un rapido drenaggio per l’elevata permeabilità dei terreni (sabbie) e/o per la bassa velocità di applicazione dei carichi. Tipo di comportamento del materiale – Material type (Tipo di materiale) In linea di principio.

B )Dp = K ¢Den Dpw = BDp = K w Den n dove Dp è un incremento della tensione totale media. ju. anche se il singolo cluster o una parte di esso è posizionato al di sopra del livello di falda.35. B è il parametro di Skempton. Ku è il modulo di rigidezza volumetrica non drenato. in quanto questo potrebbe condurre al cattivo condizionamento della matrice delle rigidezze ed a problemi numerici. la rigidezza del mezzo monofase equivalente è. tensioni efficaci e sovrappressioni neutre: Tensioni totali: Tensioni efficaci: Sovrappressioni neutre: Dp = K u Den Dp¢ = (1 . che mette in relazione l’incremento della tensione totale media con l’incremento delle sovrappressioni neutre.MANUALE DI RIFERIMENTO Tutti i clusters che sono definiti come non drenati si comporteranno come tali. Oltre alla rigidezza ed alla resistenza dello scheletro solido del terreno. L’uso di valori più elevati del coefficiente di Poisson comporterebbe assumere l’acqua non sufficientemente rigida rispetto allo scheletro solido del terreno. (su). in condizioni di carico isotrope.2n u ) 2(1 + n ' ) e n u = 0. per default.0. PLAXIS aggiunge un modulo di compressibilità volumetrica per l’acqua e distingue tra tensioni totali. può essere annullato da un input manuale del coefficiente B di Skempton nella finestra dei parametri 3-42 PLAXIS Versione 8 . n'. Per simulare il comportamento non drenato PLAXIS non usa un valore realistico per il modulo di rigidezza volumetrica dell’acqua. n è la porosità del terreno e Dev è l’incremento della deformazione volumetrica. vu. cu. Per simulare correttamente comportamenti non drenati dei materiali il coefficiente di Poisson efficace inserito dall’utente dovrebbe essere più piccolo di 0. Infatti. c'. assunta pari ad un modulo di rigidezza volumetrica non drenato: Ku = 2G (1 + n u ) E' dove G = 3(1 . Kw è il modulo di rigidezza volumetrica del fluido interstiziale. Si noti che devono essere inseriti i parametri di modello efficaci. nu. Il valore di default del coefficiente di Poisson. K' è il modulo di rigidezza volumetrica dello scheletro solido del terreno. Quindi. una piccola percentuale del carico sarà trasferito alle tensioni efficaci. Dp' è un incremento della tensione efficace media e Dpw è un incremento della sovrappressione neutra. in caso di compressione isotropa.495 L’acqua interstiziale è quindi considerata leggermente compressibile ed il coefficiente B appena inferiore a 1. e cioè E'. j' e non Eu. almeno nel caso di piccoli valori del coefficiente di Poisson efficace.

Peso dell’unità di volume saturo e non saturo (gsat e gunsat) Il peso dell’unità di volume saturo e quello non saturo si riferscono al peso totale dell’unità di volume di scheletro solido e del fluido interstiziale in essa contenuto.PREPARAZIONE DELL’INPUT avanzati del modello Mohr-Coulomb (Per maggiori dettagli si veda pagina 350). Il comportamento non poroso viene spesso utilizzato in combinazione con il modello Linear elastic (Elastico-lineare). Per terreni porosi il peso non saturo è ovviamente minore del peso saturo. le pressioni neutre al di sopra del livello di falda sono sempre considerate nulle. Si noti che nelle situazioni pratiche i terreni non sono mai completamente asciutti. L’introduzione dei parametri di permeabilità è richiesto soltanto per le analisi di 3-43 . le argille al di sopra del livello di falda possono essere parzialmente sature a causa dell’azione della capillarità. è possibile assegnare alle interfacce circostanti uno specifico materiale in cui il Material type sia impostato su Non-porous. Permeability (Permeabilità kx e ky) Le permeabilità hanno la dimensione di una velocità (unità di lunghezza per unità di tempo).3) o durante la procedura Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità) nel programma Calculations. invece il peso non saturo può essere significativamente più basso. Il tipo di materiale non poroso può essere applicato anche alle interfacce. Applicazioni possibili di questa opzione sono la modellazione del comportamento del calcestruzzo o di elementi strutturali in genere. Per le sabbie. che coincide con il peso totale. il peso saturo generalmente ha un valore di circa 20 kN/m3. Per i materiali non porosi è significativo soltanto il peso non saturo. Quindi. Per bloccare completamente il flusso attraverso paratie o attraverso altre strutture impermeabili. in funzione del grado di saturazione. le pressioni negative dovute alla capillarità non sono considerate. Il peso dell’unità di volume non saturo gunsat è applicato a tutti i materiali al di sopra il livello di falda ed il peso dell’unità di volume saturo gsat è applicato a tutti i materiali al di sotto il livello di falda. I pesi sono attivati per mezzo del parametro ΣMweight durante la generazione delle tensioni iniziali (Ko-procedure) (Sezione 3. Comunque.9. Le unità di peso sono espresse come forza su unità di volume. ad esempio. non è consigliabile inserire il peso dell’unità di volume completamente asciutto per gunsat. Per esempio. L’introduzione di un peso dell’unità di volume saturo e della permeabilità non è rilevante per materiali non porosi. In questo modo. Non-porous behaviour (Comportamento non poroso): Nei clusters che utilizzano questa impostazione non saranno considerate né pressioni neutre iniziali né sovrappressioni neutre. Altre zone al disopra del livello di falda possono essere parzialmente sature.

è necessaria cautela quando permeabilità molto alte e molto basse si trovano simultaneamente in un modello agli elementi finiti. Per simulare un materiale quasi impermeabile (per esempio cemento o roccia non fessurata) l’utente dovrebbe assegnare una permeabilità piccola rispetto al terreno circostante. In questo caso è necessario specificare le permeabilità per tutti i clusters. piuttosto che assegnare una permeabilità reale. appare un’altra finestra. come mostrato in Figura 3. il rapporto tra il valore di permeabilità più alto e quello più basso nel modello non deve eccedere 105.23 Finestra Advanced general properties (Proprietà generali avanzate) Una delle caratteristiche avanzate è la possibilità di tenere in considerazione le variazioni della permeabilità durante un’analisi di consolidazione. in generale. Figura 3. Advanced general properties (Proprietà generali avanzate) Il pulsante Advanced (Avanzate) sulla scheda General può essere cliccato per inserire alcune ulteriori proprietà per dettagli di modellazione avanzati.MANUALE DI RIFERIMENTO consolidazione e per i calcoli di moto di filtrazione. come risultato. 3-44 PLAXIS Versione 8 .23. PLAXIS distingue tra una permeabilità orizzontale kx ed una permeabilità verticale ky poiché in alcuni tipi di terreno (per esempio nella torba) ci può essere una differenza significativa tra permeabilità orizzontale e verticale. ciò è possibile introducendo un valore appropriato per il parametro ck e per l’indice dei vuoti. un rapporto di 1000 tra le due permeabilità sarà sufficiente per ottenere risultati soddisfacenti. poiché ciò può portare al cattivo condizionamento della matrice di flusso. Per ottenere risultati accurati. Nei terreni reali la differenza nelle permeabilità tra i vari strati di terreno può essere grande. Comunque. compresi gli strati quasi impermeabili che sono considerati come totalmente impermeabili.

Void ratio (Indice dei vuoti einit. emax): L’indice dei vuoti. e. ma è possibile anche adottare alcuni moduli di rigidezza alternativi. emin. Si raccomanda di utilizzare un valore variabile della permeabilità soltanto in combinazione con il modello Soft Soil (Creep). Questi valori sono legati alla densità massima e minima che è possibile raggiungere nel terreno.25). (Void ratio) è legato alla porosità n (e = n / (1-n)). Modulo di Young (E) PLAXIS utilizza il modulo di Young come modulo di rigidezza fondamentale dei modelli Elastic e Mohr-Coulomb. Un modulo di rigidezza ha le dimensioni di una tensione (forza per unità di superficie).PREPARAZIONE DELL’INPUT Change of permeability (Modifica della permeabilità ck): Per default. la permeabilità verrà modificata in accordo alla formula:  k  De log  = k  c k  0 Ove De è la variazione dell’indice dei vuoti. Nella meccanica dei terreni. il valore di ck nella casella Change of permeability (Modifica della permeabilità) è uguale a 1015. è realistico utilizzare E0. In quel caso il valore ck è in generale dello stesso ordine di grandezza dell’indice di compressibilità Cc. ciò significa che non viene presa in considerazione una variazione di permeabilità. La scelta dei valori del parametro di rigidezza adottati in un calcolo richiede particolare attenzione poiché i terreni mostrano un comportamento non lineare fin dall’inizio della loro sollecitazione. Per altri modelli questa opzione non è disponibile. questa grandezza viene utilizzata in alcune particolari opzioni. l’opzione dilatancy cut-off deve essere deselezionata nella finestra delle proprietà avanzate. ). Il valore iniziale einit è il valore nelle condizioni iniziali. L’effettivo indice dei vuoti viene calcolato in ogni step di calcolo attraverso il valore iniziale e la deformazione volumetrica Dev. la dilatanza mobilitata viene azzerata non appena è raggiunto l’indice dei vuoti massimo (tale opzione è denominata dilatancy cut-off. k è la permeabilità nel calcolo e k0 è il valore di input della permeabilità del materiale (= kx e ky). invece 3-45 . Per argille fortemente sovraconsolidate e per alcune rocce con un ampio intervallo di carico elastico-lineare. Per evitare l’azzeramento della dilatanza nel modello Hardening Soil. Se si utilizza il modello Hardening Soil con un certo valore (positivo) di dilatanza. Introducendo un valore reale. la pendenza iniziale della curva tensione-deformazione è indicata con E0 (modulo tangente iniziale) ed il modulo secante al 50% della resistenza è denotato con E50 (Figura 3. Oltre ad einit possono essere introdotti un valore minimo emin ed un valore massimo emax. Per tutti gli altri modelli il valore di ck dovrebbe essere lasciato pari al suo valore di default di 1015.

|σ1-σ3| E0 1 E50 1 strain -ε1 Figura 3. Inoltre la rigidezza del terreno 3-46 PLAXIS Versione 8 . Quindi. Inoltre. gli strati profondi di terreno tendono ad avere una rigidezza maggiore degli strati superficiali. Figura 3.25 Definizione di E0 ed e50 Per i terreni. La rigidezza è molto più alta per la fase di scarico e di ricarico piuttosto che per la fase di primo carico.24 Finestra di un materiale del tipo Soil & Interface (Scheda Parameters del modello Mohr-Coulomb). è più appropriato utilizzare E50. la rigidezza osservata dipende dal percorso di sollecitazione seguito.MANUALE DI RIFERIMENTO per sabbie ed argille pressocché normalconsolidate. soggette a carico. sia il modulo tangente iniziale che il modulo secante tendono ad aumentare con la tensione media efficace.

In generale. che è dedicata alla determinazione dello stato tensionale iniziale. tali valori possono essere utilizzati anche per condizioni di carico diverse dalla compressione monodimensionale. rispetto allo scheletro solido del terreno. è semplice selezionare un coefficiente di Poisson che dia un valore realistico di K0. In questo caso il coefficiente di Poisson efficace. Utilizzando valori più alti del coefficiente di Poisson. forniranno per K0 un valore vicino al ben noto rapporto sh / sv = n / (1. deve essere minore di 0.PREPARAZIONE DELL’INPUT osservata in termini di modulo di Young è generalmente più bassa per compressione in condizioni drenate piuttosto che per taglio. Nel caso di comportamento non drenato. come ad esempio in alcuni particolari problemi di scarico. Questo argomento è trattato in modo più approfondito nell’Appendice A.35. l’acqua non sarebbe sufficientemete rigida. come qui introdotto. PLAXIS offre una speciale opzione per consentire l’input di una rigidezza che aumenta con la profondità (si veda Parametri di Mohr-Coulomb avanzati).4. Poiché entrambi i modelli. si suggerisce di inserire un valore del coefficiente di Poisson efficace e selezionare Undrained (Non drenato) come tipo di comportamento del materiale. Comportamento non drenato). La dipendenza del comportamento dei terreni dal livello tensionale è portata in conto nei modelli avanzati di PLAXIS che sono descritti nel Material Models Manual.495 (si veda pagina 3-41. in caso di compressione monodimensionale. In alcuni casi. per questo tipo di condizioni di carico PLAXIS deve fornire valori realistici per il coefficiente K0 = sh / sv. la selezione di un valore del coefficiente di Poisson è particolarmente semplice.n).3 e 0. Per il modello Mohr-Coulomb. Quando si utilizza il modello elastico o il modello Mohr-Coulomb con la procedura Gravity loading (incremento del parametro ΣMweight da 0 a 1 in un calcolo plastico). Quindi. Quindi. n è valutato in accordo con K0. di conseguenza. un basso valore iniziale del coefficiente di Poisson (v0). Coefficiente di Poisson (n) Prove triassiali drenate standard possono produrre una significativa diminuzione di volume nella prima fase di carico assiale e. In molti casi risulteranno valori di n nell’intervallo compreso tra 0. può essere realistico utilizzare come valore del coefficiente di Poisson quello iniziale. 3-47 . quando si utilizza il modello Mohr-Coulomb è raccomandato di utilizzare un valore più alto. da simulare correttamente il comportamento non drenato. Così facendo PLAXIS aggiungerà automaticamente un modulo di rigidezza volumetrica per il fluido interstiziale sulla base di un valore del coefficiente di Poisson implicitamente assunto pari a 0. ma in generale. se si utilizza un modulo di rigidezza costante per rappresentare il comportamento del terreno sarebbe opportuno scegliere un valore che sia coerente con il livello tensionale e con il percorso di sollecitazione atteso.

shear stress f . per evitare complicazioni. come il modulo di elasticità tangenziale. è bene che gli utenti con poca esperienza introducano almeno un piccolo valore (utilizzare c > 0. PLAXIS consente l’input di moduli di rigidezza alternativi (Alternative stiffness parameters). Quindi. angoli di attrito elevati devono essere evitati quando si eseguono calcoli 3-48 PLAXIS Versione 8 . ma alcune opzioni possono non garantire buone prestazioni.n )E (1 . L’uso di elevati valori dell’angolo di attrito. PLAXIS offre una speciale opzione per l’introduzione di strati in cui la coesione aumenta con la profondità (si veda Parametri di Mohr-Coulomb avanzati). PLAXIS può gestire sabbie non coesive (c = 0).MANUALE DI RIFERIMENTO Parametri di rigidezza alternativi Oltre al modulo di Young.s3 . ed il modulo edometrico. PLAXIS prenderà in considerazione il coefficiente di Poisson inserito e calcolerà il modulo di Young corrispondente. Angolo di attrito (j) L’angolo di attrito (Friction angle) j (phi). che utilizza il coefficiente di Poisson n: G= E 2(1 + n ) Eoed = (1 . Coesione (c) La resistenza dovuta alla coesione ha la dimensione di una tensione.s2 c -s 3 -s 2 normal -s 1 stress Figura 3.s1 . induce un aumento sostanziale dell’onere computazionale quando vengono raggiunte condizioni di plasticizzazione. G. Eoed. è espresso in gradi. come spesso accade per le sabbie dense.26 Cerchi di Mohr in condizioni di rottura Il tempo richiesto per il calcolo aumenta più o meno esponenzialmente con l’angolo di attrito.2 kPa). Questi moduli di rigidezza sono legati modulo di Young in accordo con la legge di Hooke della elasticità isotropa.2n )(1 + n ) Se si introduce uno dei parametri di rigidezza alternativi.

Per sabbie quarzitiche l’ordine di grandezza è y ≈ j – 30°. Il tempo di calcolo tende a crescer sensibilmente quando sono utilizzati angoli di attrito maggiori di 35 gradi. si veda il Riferimento bibliografico 3.26 per mezzo dei cerchi di Mohr. Nella maggior parte dei casi. l’angolo di dilatanza è nullo per valori di j minori di 30°. Angolo di dilatanza (y) L’angolo di dilatanza y (psi) è espresso in gradi. Figura 3. Una rappresentazione più generale del criterio di rottura è riportata in Figura 3. comunque. La dilatanza delle sabbie dipende sia dalla densità relativa che dall’angolo di attrito della sabbia stessa. Per ulteriori informazioni sulla relazione tra l’angolo di attrito e la dilatanza.PREPARAZIONE DELL’INPUT preliminari. Il criterio di rottura di Mohr-Coulomb è più adatto a descrivere il comportamento del terreno rispetto all’approssimazione di Drucker-Prager. Con esclusione degli strati fortemente consolidati. 3-49 . la cui superficie di rottura tende ad essere poco accurata per configurazioni geometriche assialsimmetriche. le argille tendono a non manifestare alcuna particolare dilatanza (cioè y = 0). Un valore piccolo e negativo di y è realistico soltanto per sabbie estremamente sciolte.27.27 Superficie di rottura nello spazio delle tensioni principali per terreno non coesivo L’angolo di attrito determina in gran parte la resistenza a taglio come mostrato in Figura 3.

la rigidezza dipende in modo significativo dallo stato tensionale. Per tenere conto dell’incremento di rigidezza con la profondità può essere adottato il valore Eincrement che rappresenta l’incremento del modulo di Young per unità di profondità (espresso nell’unità di tensione per unità di profondità). può essere disattivata. la rigidezza è uguale al modulo di Young di riferimento Eref introdotto nella scheda Parameters. ciò significa che la rigidezza generalmente aumenta con la profondità. si può cliccare il pulsante Advanced (Avanzate) nella scheda Parameters (Parametri) per introdurre alcuni ulteriori parametri riguardanti aspetti più avanzati della modellazione. L’ultima opzione è utilizzata per default. Quando si utilizza il modello Mohr-Coulomb. la rigidezza ha un valore costante.28 (Advanced Mohr-Coulomb parameters).MANUALE DI RIFERIMENTO Parametri di Mohr-Coulomb avanzati Figura 3. I parametri avanzati comprendono l’incremento della rigidezza e della coesione con la profondità e l’uso dell’opzione Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione).28 Finestra Advanced Mohr-Coulomb parameters (Parametri di MohrCoulomb avanzati) Quando si utilizza il modello Mohr-Coulomb. Dalla quota di riferimento yref in su. Si noti che una rigidezza che aumenta con la profondità non sarà funzione dello stato tensionale durante l’esecuzione dei calcoli. Incremento della rigidezza (Eincrement): Nei terreni reali. 3-50 PLAXIS Versione 8 . ma se necessario. appare una nuova finestra come mostrato in Figura 3.

cioè E'.2n ' ) 3-51 . PLAXIS assume automaticamente un modulo di rigidezza volumetrica non drenato Ku per il terreno.495 nu = (quando si utilizzano le Standard settings) (quando si utilizzano le Manual settings) 3n '+ B (1 .2n u ) in cui G= E' 2(1 + n ' ) n u = 0. c'.2n ' ) 3 . che è l’incremento della coesione per unità di profondità (espresso nell’unità dei tensione per unità di profondità). ju.K ' in cui K'= E' 3(1 . j' e non Eu. considerato come mezzo monofase equivalente (scheletro solido + acqua) e distingue tra le tensioni totali.ref n = Ku . Dalla quota yref in su.PREPARAZIONE DELL’INPUT Incremento della coesione (cincrement): PLAXIS offre un’opzione avanzata per l’introduzione di strati di argilla in cui la coesione aumenta con la profondità. Il valore effettivo della coesione nei punti d’integrazione al di sotto di yref è calcolato sulla base del valore di riferimento e di cincrement. Per tenere conto dell’incremento della coesione con la profondità è possibile adottare il valore cincrement. Parametro di Skempton (B): Quando il Material type (tipo di comportamento del materiale) è impostato su Undrained (Non drenato). la coesione è uguale alla coesione di riferimento cref inserita nella scheda Parameters.B (1 . tensioni efficaci e sovrappressioni neutre (si veda Comportamento non drenato): Tensioni totali: Tensioni efficaci: Sovrappressioni neutre: Dp = K u Den Dp¢ = (1 .2n ' ) Un valore del coefficiente di Poisson non drenato nu implica un corrispondente modulo di rigidezza volumetrica di riferimento del fluido interstiziale Kw. cu (su). Il modulo di rigidezza volumetrica non drenato viene calcolato automaticamente da PLAXIS utilizzando la teoria della elasticità di Hooke: Ku = e o 2G (1 + n u ) 3(1 .B )Dp = K ¢Den Dp w = BDp = K w Den n Si noti che come caratteristiche del materiale devono essere introdotti i parametri efficaci. nu.ref /n: K w. n'.

Kw0(=2•106 kN/m2).MANUALE DI RIFERIMENTO questo valore di Kw. Il comportamento di un’interfaccia si mantiene in campo elastico se la tensione tangenziale t è data da: 3-52 PLAXIS Versione 8 . e comportamento plastico dell’interfaccia.ref /n è solitamente minore del reale modulo di rigidezza volumetrica dell’acqua pura. la superficie del terreno prossima ad una trincea in argilla. questo può accadere quando la tensione tangenziale (pari al raggio del cerchio di Mohr) è sufficientemente piccola. In questo caso i cerchi di Mohr con tensioni principali positive (di trazione) non sono ammessi.2ν') Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione) In alcuni problemi pratici. Se si seleziona l’opzione Tension cut-off è inoltre possibile immettere un valore limite per le tensioni di trazione (Tensile strength). Questo comportamento può essere considerato nelle analisi di PLAXIS selezionando l’opzione Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione). Il valore del parametro B di Skempton può essere calcolato a partire dai valori dei moduli di rigidezza volumetrica dello scheletro solido e del fluido interstiziale: B= 1 nK' 1+ Kw dove K' = E' 3( 1 . con una tensione di trazione nulla. Per i modelli Mohr-Coulomb ed Hardening Soil l’opzione Tension cut-off è già selezionata per default. Resistenza all’interfaccia (Rinter) Per descrivere il comportamento delle interfacce nella modellazione dell’interazione terreno-struttura. il modulo di rigidezza volumetrica dello scheletro solido può essere così stimato: 0 Kw K w K air 1 = 0 n SK air + ( 1 . Il criterio di Coulomb viene utilizzato per distinguere tra comportamento elastico. a volte può mostrare fratture dovute a sforzi di trazione. Se il valore del parametro B di Skempton non è noto.26.S)K w n e Kair = 200 kN/m2 per l’aria a pressione atmosferica. può svilupparsi una zona soggetta a tensioni di trazione. quando possono verificarsi scorrimenti permanenti. in accordo con l’inviluppo di Coulomb mostrato in Figura 3. Tuttavia. quando possono verificarsi piccoli spostamenti in corrispondenza dell’interfaccia. e sono invece noti il grado di saturazione S e la porosità n. viene utilizzato un modello elasto-plastico. ciò indica che nel terreno può verificarsi una condizione rottura per trazione piuttosto che per taglio.

PREPARAZIONE DELL’INPUT ΩtΩ< sn tanji + ci mentre in campo plastico t è data da: ΩtΩ= sn tanji + ci dove ji e ci sono l’angolo di attrito e la coesione (o adesione) dell’interfaccia. Le proprietà di resistenza delle interfacce sono legate alle proprietà di resistenza dello strato di terreno adiacente. A ciascun set di dati di materiale tipo terreno ed interfacce è associato un fattore di riduzione della resistenza per le interfacce (Rinter). Le proprietà d’interfaccia vengono calcolate a partire dalle proprietà del set di dati di materiale ad esse assegnato e del fattore di riduzione della resistenza applicando le seguenti regole:

ci = Rinter csoil tanji = Rinter tanjsoil £ tanjsoil

yi = 0° for Rinter < 1, altrimenti yi = ysoil
Oltre al criterio di Coulomb sulle tensioni tangenziali, il criterio Tension cut-off. come descritto sopra, si applica anche alle interfacce (se esse non sono disattivate):

sn < st,i = Rinter st,soil
ove st,soil è la resistenza a trazione del terreno.

Figura 3.29 Finestra relativa ad un materiale di tipo Soil & Interface (scheda Interfaces)

3-53

MANUALE DI RIFERIMENTO La resistenza d’interfaccia può essere impostata utilizzando le seguenti opzioni:

Rigid (Rigida):
Questa opzione viene utilizzata quando l’interfaccia non deve influenzare la resistenza del terreno circostante. Ad esempio, le interfacce estese attorno agli spigoli di oggetti strutturali (Figura 3.13) non sono intese a simulare l’interazione terreno-struttura e non devono avere parametri di resistenza ridotti. A queste interfacce si deve assegnare l’impostazione Rigid (Rigida, che corrisponde a Rinter = 1,0); come risultato, le proprietà dell’interfaccia, incluso l’angolo di dilatanza yi, sono le stesse di quelle del terreno, eccetto per il coefficiente di Poisson ni.

Manual (Manuale):
Se la resistenza all’interfaccia è impostata su Manual, il valore di Rinter può essere inserito manualmente. In generale, per un’interazione terreno-struttura reale l’interfaccia è più debole e più deformabile del terreno ad essa assegnato, ciò significa che il valore di Rinter deve essere minore di 1,0. In letteratura è possibile rinvenire i valori da assegnare ad Rinter in relazione al tipo di terreno ed al materiale costituente le strutture. In assenza di informazioni dettagliate si può assumere che Rinter è dell’ordine di 2/3. Di norma non dovrebbero essere adoperati valori di Rinter maggiori di 1,0. Se l’interfacia è sollecitata in campo elastico si possono verificare sia scorrimenti (spostamenti relativi nella direzione parallela all’interfaccia) sia distacchi o sovrapposizioni (cioè spostamenti relativi nella direzione normale all’interfaccia). L’entità di questi spostamenti è fornita dalle relazioni:

Spostamenti elastici di distacco =

s ti
E oed,i

Spostamenti elastici di scorrimento =

t ti
Gi

In cui Gi è il modulo elastico di taglio dell’interfaccia, Eoed,i è il modulo di compressione monodimensionale (modulo edometrico) dell’interfaccia e ti è lo spessore virtuale dell’interfaccia, stabilito durante la generazione delle interfacce nel modello geometrico. Il modulo di compressione monodimensionale e quello di taglio sono legati dalle relazioni:

Eoed ,i = 2 Gi

1 -n i 1 - 2n i
PLAXIS Versione 8

3-54

PREPARAZIONE DELL’INPUT
2

Gi = Rinter Gsoil £ Gsoil

n i = 0.45
Da queste equazioni risulta chiaro che, qualora ai parametri elastici siano asseganti dei valori bassi, gli spostamenti elastici potrebbero risultare eccessivamente grandi. D’altra parte se i valori dei parametri elastici sono troppo grandi, può verificarsi un un cattivo condizionamento della matrice delle rigidezze. Il fattore chiave nella determinazione della rigidezza dell’interfaccia è il suo spessore virtuale. Questo valore è scelto in modo automatico dal programma così da ottenere una rigidezza adeguata. In ogni caso l’utente può modificare lo spessore virtuale. Ciò può essere fatto nella finestra delle proprietà che appare dopo aver cliccato due volte su un’interfaccia (Sezione 3.3.5).

Spessore reale dell’interfaccia (dinter)
Il parametro Real interface thickness dinter è un parametro che rappresenta lo spessore reale della zona nella quale si concentrano le deformazioni di scorrimento tra la struttura ed il terreno. Il valore di dinter è importante quando le interfacce vengono adottate in combinazione con il modello Hardening Soil. Lo spessore reale dell’interfaccia è espresso nell’unità di lunghezza ed è generalmente pari ad alcune volte il diamtero medio dei grani. Questo parametro viene adottato per calcolare la variazione dell’indice dei vuoti nelle interfacce per l’opzione Dilatancy cut-off (Limitazione della dilatanza). La limitazione della dilatanza nelle interfacce può essere rilevante ad esempio nel calcolo del carico limite di pali soggetti a trazione.

Interfacce posizionate al di sotto o attorno agli spigoli di strutture
Quando le interfacce vengono estese al di sotto o attorno agli spigoli delle strutture per evitare irregolarità nelle tensioni di interazione (Sezione 3.3.5), esse non servono a modellare il comportamento dell’interazione terreno-struttura, ma sono utilizzate soltanto per consentire una sufficiente flessibilità alla mesh di elementi finiti. Quindi, quando si utilizza Rinter < 1,0 per questi elementi interfaccia viene introdotta nel terreno una riduzione non realistica di resistenza, che può condurre ad un comportamento non realistico del terreno o anche alla rottura. Per questo si consiglia di definire un set di dati di materiale a parte con Rinter = 1,0 ed assegnarlo solo a questi particolari elementi di interfaccia; ciò può essere fatto trascinando (drag and drop) il set di dati di materiale sulla singola interfaccia (linea tratteggiata) piuttosto che trascinandolo sull’intero cluster di terreno associato (le linee tratteggiate devono lampeggiare di rosso; il cluster di terreno associato può non cambiare colore). In alternativa, è possibile premere il pulsante destro del mouse su questi particolari elementi interfaccia e selezionare Properties (Proprietà) e di seguito Positive interface element (Elemento interfaccia positivo) o Negative interface element (Elemento interfaccia negativo); nella finestra delle proprietà d’interfaccia premere il pulsante Change (Modifica), dopodiché può essere assegnato all’elemento interfaccia il set di dati di materiale più appropriato.

3-55

MANUALE DI RIFERIMENTO

Permeabilità dell’interfaccia
Le interfacce non hanno una permeabilità assegnata, ma esse sono, per default, totalmente impermeabili. In questo modo le interfacce possono essere utilizzate per impedire il flusso nella direzione ad esse perpendicolare in un’analisi di consolidazione o in un’analisi del moto di filtrazione, ad esempio per simulare la presenza di uno schermo impermeabile; ciò è ottenuto separando i gradi di libertà in ognuna delle coppie di nodi dell’interfaccia. D’altra parte, se nella mesh sono presenti interfacce, può essere intenzione dell’utente evitare esplicitamente ogni influenza dell’interfaccia sul flusso e sulla distribuzione delle sovrappressioni neutre, per esempio nelle interfacce attorno agli spigoli delle strutture (Sezione 3.3.5). In un caso del genere l’interfaccia deve essere disattivata nella modalità Water conditions (Condizioni idrauliche). Questo può essere fatto separatamente per un’analisi di consolidazione e per un’analisi del moto di filtrazione. Per interfacce inattive, i gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi dell’interfaccia sono completamente accoppiati. In conclusione: ∑ ∑ Un’interfaccia attiva è totalmente impermeabile (separazione dei gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi). Un’interfaccia inattiva è totalmente permeabile (accoppiamento dei gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi).

Nelle precedenti versioni di PLAXIS, alle interfacce era assegnata una permeabilità fisica perpendicolare all’interfaccia kn ed una permeabilità nella direzione longitudinale ks e venivano adottati fattori moltiplicativi di tali permeabilità per rendere l’interfaccia relativamente permeabile o relativamente impermeabile. Questo approccio poteva portare a risultati non soddisfacenti (flusso significativo attraverso interfacce impermeabili o problemi numerici). Considerando che la permeabilità delle interfacce è esclusivamente una caratteristica numerica e non una proprietà fisica, si è deciso di adottare il nuovo approccio sopradescritto. L’opzione presente nelle precedenti versioni di PLAXIS per mezzo della quale era possibile impostare la permeabilità dell’interfaccia su Drain (Dreno) è scomparsa, adesso è disponibile uno speciale elemento Drain (Sezione 3.4.7). 3.5.4 SET DI DATI DI MATERIALE DI TIPO PLATES (PIASTRE)

Gli elementi di tipo Plates (Piastre) sono adoperati per modellare il comportamento di pareti sottili, piastre o gusci sottili. Tali elementi possono essere considerati a comportamento elastico od elasto-plastico.

Proprietà di rigidezza
Per il comportamento elastico è necessario specificare come proprietà del materiale una rigidezza assiale EA ed una rigidezza flessionale EI. Sia per modelli assialsimmetrici sia per modelli in stato piano di deformazione i valori di EA ed EI sono espressi in termini

3-56

PLAXIS Versione 8

il valore del coefficiente di Poisson influenzerà la rigidezza flessionale della piastra come segue: Valore di input della rigidezza flessionale Valore osservato della rigidezza flessionale EI EI 1 -n 2 . come le palancole. la deformazione per taglio calcolata potrebbe essere troppo grande. Questo significa che. PLAXIS utilizza la teoria della trave di Mindlin descritta nel Riferimento bibliogarfico 2. la rigidezza assiale EA viene espressa come forza per unità di larghezza e la rigidezza flessionale EI viene espressa come forza moltiplicata per lunghezza al quadrato su unità di larghezza. 3-57 . Poiché PLAXIS prende in considerazione piastre (che si estendono nella direzione uscente dal piano) piuttosto che travi (strutture monodimensionali). deq deve essere almeno 10 volte più piccolo della lunghezza della piastra in modo tale che le deformazioni per taglio risultino trascurabili.PREPARAZIONE DELL’INPUT di rigidezza per unità di larghezza nella direzione uscente dal piano.15. Per strutture realmente massicce (come muri e paratie a pannelli in calcestruzzo) è più realistico inserire un reale valore del coefficiente di Poisson dell’ordine di 0. è consigliabile impostare il coefficiente di Poisson su zero. Tuttavia nel caso di profilati metallici. Quindi. oltre agli effetti della flessione. la deformazione per taglio risulterà correttamente calcolata. Attraverso il rapporto tra EI ed EA viene automaticamente calcolato uno spessore equivalente per la piastra (deq) in base all’equazione: d eq = 12 EI EA Per la modellazione delle piastre. È possibile effettuare un controllo di ciò valutando il valore di deq. Per elementi in profilati di acciaio. Nel caso che la piastra simuli un muro con una sezione omogenea e costante. sono tenute in considerazione le deformazioni dovute al taglio. Coefficiente di Poisson Oltre ai suddetti parametri di rigidezza è richiesto un coefficiente di Poisson v. Per strutture sottili con paricolari profili o strutture che sono relativamente flessibili nella direzione uscente dal piano (come le paratie di pali). La rigidezza al taglio della piastra è calcolato come: Rigidezza al taglio = 5 E d eq ∑ 1 m 5 EA = 12 (1 +n ) 12 (1 +n ) ( ) Ciò implica che la rigidezza al taglio sia ottenuta nell’ipotesi che la piastra presenti una sezione trasversale rettangolare.

MANUALE DI RIFERIMENTO L’effetto d’irrigidimento del coefficiente di Poisson è provocato dalle tensioni nella direzione uscente dal piano (szz) e dal fatto che le deformazioni in questa direzione sono impedite. Per le palancole metalliche. La forma a rombo rappresenta la combinazione ultima delle forze per la quale si verifica la plasticizzazione. Per strutture relativamente massicce questa forza è. le piastre sono sovrapposte ad un continuo e quindi risultano coincidenti con il terreno. esso è espresso come forza per unità di area.7). Se vengono superati Mp o Np. A causa della posizione dei punti d’integrazione in un elemento trave. Per calcolare accuratamente il peso totale del terreno e delle strutture nel modello. le tensioni sono ridistribuite in accordo alla teoria della plasticità. in modo che i valori massimi siano eguagliati a Mp o Np. e ciò richiede l’estrapolazione dei valori calcolati in corrispondenza dei punti d’integrazione. è possibile che i valori nodali del momento flettente eccedano leggermente il valore di Mp.30. Peso Nel set di dati di materiale di tipo Plates (Piastre) può essere introdotto un peso specifico. I momenti flettenti e gli sforzi normali sono calcolati nei punti d’integrazione degli elementi trave (Figura 3. le combinazioni di forze all’interno del rombo daranno luogo a sole deformazioni elastiche. La relazione tra Mp e Np è mostrata in Figura 3. 3-58 PLAXIS Versione 8 . Si noti che in un modello agli elementi finiti. Questo valore può essere adottato direttamente poiché normalmente le paratie occupano un volume relativamente piccolo. Quando in una piastra si combinano un momento flettente ed uno sforzo normale. Parametri di resistenza (plasticità) La plasticità può essere presa in considerazione specificando un momento flettente massimo Mp. Per default il momento massimo è impostato su 1•1015 unità se il tipo di materiale è impostato su elastico (impostazione di default). Oltre al momento flettente massimo. Lo Scientific Manual descrive in maggiore dettaglio in che modo PLAXIS considera la plasticità nelle piastre. lo sforzo normale è limitato da Np che è espresso in unità di forza per unità di larghezza. il peso (forza su unità di area) è generalmente fornito dal costruttore. in linea di principio. ciò risulterà in deformazioni irreversibili. il peso dell’unità di volume del terreno deve essere sottratto dall’unità di peso del materiale piastra. I valori di output di momenti flettenti e sforzi normali vengono forniti in corrispondenza dei nodi. l’effettivo momento flettente o l’effettivo sforzo normale per il quale si verifica la plasticizzazione è minore rispettivamente di Mp o Np. ottenuta moltiplicando l’unità di peso del materiale della piastra per lo spessore della piastra. Il peso delle piastre viene attivato insieme al peso del terreno per mezzo del parametro ΣMweight. Il momento flettente massimo viene espresso in unità di forza per unità di lunghezza su unità di larghezza.

5 SET DI DATI DI MATERIALE DI TIPO GEOGRIDS (GEOGRIGLIE) Le geogriglie sono elementi flessibili ed elastici che rappresentano una griglia o un tessuto. è molto importante che il rapporto EI / EA non venga modificato. essa è di solito fornita dal costruttore della geogriglia e può essere determinata dai grafici in cui l’allungamento della geogriglia è diagrammato in funzione della forza applicata in direzione longitudinale. La rigidezza assiale è il rapporto tra la forza assiale per unità di larghezza e la deformazione assiale (Dl/l ove Dl è l’allungamento e l è la lunghezza). La principale proprietà dell’ancoraggio è la rigidezza assiale EA. poiché questo introdurrebbe una forza non equilibrata (Sezione 3. Le geogriglie non sono in grado di sostenere forze di compressione. tuttavia.5. EA = F Dl l 3.30 Combinazioni tra i valori massimi del momento flettente e dello sforzo normale È possibile modificare il set di dati di materiale di una piastra nel contesto di una costruzione per fasi (Staged construction). In entrambi i casi l’ancoraggio è un elemento molla. La sola proprietà della geogriglia è la rigidezza assiale EA espressa in unità di forza su unità di lunghezza.5.PREPARAZIONE DELL’INPUT N Np M Mp Mp Np Figura 3.6 SET DI DATI DI MATERIALE DI TIPO ANCHORS (ANCORAGGI) Le caratteristiche dei materiali per gli ancoraggi comprendono le proprietà degli ancoraggi tra nodo e nodo (node-to-node anchors) e degli ancoraggi ad estremità fissa (fixed-end anchors).3.2). 3. espressa nell’unità di forza per ogni 3-59 .

esso può essere assegnato alla parte della geometria selezionata cliccando il pulsante Apply (Applica) nella finestra dei materiali. il materiale viene assegnato ugualmente alla parte della geometria selezionata. In un calcolo di questo tipo la forza di pretensionamento in una certa fase di calcolo può essere introdotta direttamente nella finestra delle proprietà dell’ancoraggio. Il materiale può essere trascinato dalla vista ad albero dell’archivio del progetto e rilasciato (modalità drag and drop) sulla finestra delle proprietà.tens (forza massima di trazione) e Fmax. la finestra dei materiali rimane aperta. Il secondo metodo consiste nel cliccare due volte sul componente desiderato. Attraverso il menu a comparsa del puntatore (Properties) si può selezionare l’oggetto desiderato. ma la finestra dei materiali viene chiusa. è possibile introdurre due forze massime Fmax. deve essere introdotta la spaziatura Ls lungo la direzione uscente dal piano. appare la finestra delle proprietà in cui è indicato il materiale e se non è stato assegnato alcun materiale.MANUALE DI RIFERIMENTO singolo ancoraggio e non per unità di larghezza nella direzione uscente dal piano. Come per la rigidezza. le forze massime sono impostate su 1•1015 secondo l’unità scelta. ciò può essere fatto in diversi modi. gli ancoraggi possono essere pretesi. la casella del materiale mostra la dicitura <Unassigned> (<Non assegnato>). dopo la selezione del materiale desiderato. In un calcolo di tipo Staged construction (Costruzione per fasi). Cliccando sul pulsante Change (Modifica) appare la finestra dei materiali da cui può essere selezionato il materiale desiderato. 3. Per calcolare una rigidezza equivalente per unità di larghezza. Si noti che i materiali non possono essere trascinati direttamente dalla vista ad albero dell’archivio globale. in questo caso. che mostra i set di dati di materiale definiti nella vista ad albero dell’archivio del progetto. dalla forma del puntatore è possibile capire se è possibile o meno assegnare il materiale. Se il tipo di materiale è impostato su elastico (impostazione di default). Il primo metodo consiste nell’aprire una finestra dei materiali.5. Il terzo metodo consiste nello spostare il puntatore su un componente della geometria e cliccare il pulsante destro del mouse. La forza di pretensionamento non è considerata come una proprietà del materiale e per questo motivo non è inclusa tra le caratteristiche dei materiali relativi agli ancoraggi. le forze massime dell’ancoraggio sono divise per la spaziatura lungo la direzione uscente dal piano in modo da ottenere l’appropriata forza massima in un’analisi in stato piano di deformazione. appare la finestra delle proprietà. In alternativa.7 ASSEGNAZIONE DEI MATERIALI AI COMPONENTI DELLA GEOMETRIA Dopo aver creato tutti i set di dati di materiale per i vari strati di terreno e per le strutture. 3-60 PLAXIS Versione 8 . Il set di dati di materiale scelto può essere trascinato e rilasciato (modalità drag and drop) sull’oggetto o cluster desiderato. tali set di dati devono essere assegnati ai corrispondenti componenti della geometria. cliccando invece sul pulsante <Ok>. Se il tipo di materiale è specificato come elastoplastico.comp (forza massima di compressione) espresse nell’unità di forza (anche queste per singolo ancoraggio).

2.7. La generazione della mesh si avvia cliccando il pulsante di generazione della mesh della barra degli strumenti o selezionando il comando Generate (Genera) dal sottomenu Mesh. questo cosiddetto Connectivity plot (Grafico della connettività) è anche disponibile come un normale comando di 1 Ingenieursbureau Sepra. i colori dei materiali hanno una bassa intensità. Sebbene gli elementi interfaccia abbiano uno spessore nullo. La generazione della mesh è basata su una robusta procedura di triangolazione. come descritto dalla Sezione 3. l’utente può premere <Ctrl><Alt><C> simultaneamente sulla tastiera. La generazione viene anche attivata direttamente dal sottomenu Mesh dopo la selezione di un comando d’infittimento. geogriglie ed ancoraggi). i livelli di intensità di colore tra cui è possibile scegliere in questo modo sono tre. sono disponibili speciali elementi per componenti strutturali (piastre. Oltre a questi elementi. quest’ultimo riceve il colore del corrispondente materiale.2. L’input necessario al generatore di mesh è un modello geometrico composto da punti. quest’ultimo lampeggerà di rosso per circa mezzo secondo per confermare la corretta assegnazione. che da luogo a meshes 'non strutturate'. I clusters (aree racchiuse da linee) sono generati automaticamente durante la creazione del modello geometrico. come descritto nella Sezione 3. linee e clusters.PREPARAZIONE DELL’INPUT Da questo momento l’assegnazione del materiale appropriato segue le modalità del secondo metodo. Dopo la generazione della mesh viene avviato il programma Output e viene mostrato un disegno della mesh. le interfacce nella mesh sono disegnate con un certo spessore in modo da mostrare il collegamento tra gli elementi di terreno ed interfacce. 3.6 GENERAZIONE DELLA MESH Quando il modello geometrico è completamente definito e le proprietà dei materiali sono state assegnate a tutti i clusters ed agli oggetti strutturali. Queste meshes possono apparire disordinate ma la prestazione numerica di questo tipo di meshes è di solito migliore rispetto alle meshes regolari ('strutturate'). PLAXIS consente una generazione completamente automatica di mesh agli elementi finiti.3. I tipi di elemento in una mesh sono l’elemento triangolare a 15 nodi o l’elemento triangolare a 6 nodi. Linee e punti geometrici possono anche essere utilizzati per influenzare la posizione e la distribuzione degli elementi.2 alla Sezione 3. per aumentare l’intensità di tutti i colori dei materiali. Assegnando un materiale ad un oggetto strutturale. Un insieme di elementi finiti viene chiamato mesh. la geometria deve essere divisa in elementi finiti prima di poter eseguire il calcolo. Il generatore di mesh è una speciale versione del Triangle mesh generator sviluppato da Sepra1.3. Per default. Olanda 3-61 . 2267 AX Leidschendam. Park Nabij 3. Dopo aver assegnato un materiale ad un cluster di terreno.

Una stima grossolana viene fornita qui di seguito (valutata in base alla generazione senza infittimento locale): Very coarse: Coarse: Medium: Fine: Very fine: nc = 25 nc = 50 nc = 100 nc = 200 nc = 400 Circa 50 elementi Circa 100 elementi Circa 250 elementi Circa 500 elementi Circa 1000 elementi Il numero totale di elementi dipende dalla forma della geometria e da eventuali infittimenti locali.6. Per ritornare al programma Input. L’utente può scegliere tra gli elementi a 15 nodi e quelli a 6 nodi (Figura 3. 3. la densità globale è impostata su Coarse.4) può essere utilizzato per ridurre lo spessore grafico delle interfacce. Selezionando Basic element type (Tipo di elemento fondamentale) dal sottomenu Mesh. Per default. ymin.4). Il fattore di scala (Sezione 5.1 TIPO DI ELEMENTO DI BASE Il tipo di elemento di base viene inserito nella scheda Project della finestra General Settings accessibile dal sottomenu File. Si noti che una mesh composta da elementi a 15 nodi comporta una distribuzione più densa di nodi e quindi risultati molto più accurati di una mesh simile composta da un egual numero di elementi 3-62 PLAXIS Versione 8 . 3. Fine (Fine). si deve premere il pulsante Update (Aggiorna).9.xmin )( y max .y min ) nc Si distinguono cinque livelli di densità globale della mesh: Very coarse (Molto grossolana). In PLAXIS questo parametro viene calcolato in base alle dimensioni della geometria esterna (xmin. Coarse (Grossolana). Il tipo di elemento per strutture ed interfacce viene scelto automaticamente in modo da essere compatibile con il tipo di elemento di base. ymax) ed il parametro Global coarseness definita nel sottomenu Mesh: le = (xmax .6. xmax. si apre la finestra General settings ed il puntatore si posiziona sul parametro Elements (Elementi).4) come elementi fondamentali per modellare strati di terreno ed altri clusters di volume. La dimensione media dell’elemento ed il numero di elementi triangolari complessivamente generati dipende dal parametro Global coarseness che stabilisce la densità globale. Il numero di elementi non è influenzato dal parametro Type of elements (Tipo di elementi) impostato in General settings.2 DENSITÀ GLOBALE Il generatore di mesh richiede un parametro generale che rappresenta la dimensione media dell’elemento le.MANUALE DI RIFERIMENTO output (Sezione 5. Very fine (Molto fine). Medium (Media).

Per ridurre la lunghezza di un elemento alla metà della dimensione media degli elementi.6.4 DENSITÀ LOCALE In zone ove siano previste grandi concentrazioni di tensione o elevati gradienti di deformazione. il fattore Local element size deve essere impostato su 0. Utilizzando uno di questi comandi per la prima volta fornirà un fattore di densità locale degli elementi pari a 0. selezionando una o più linee geometriche. 3-63 . 3. In alternativa. Una situazione simile si presenta spesso quando il modello geometrico comprende estremità o spigoli di oggetti strutturali.3 INFITTIMENTO GLOBALE Una mesh agli elementi finiti può essere infittita globalmente selezionando il comando Refine global dal sottomenu Mesh. Sono accettabili valori compresi tra 0. è possibile ottenere un infittimento locale selezionando i clusters. stabilita con il parametro Global coarseness. Selezionando questo comando. il fattore Local element size è impostato su 1. Selezionando uno o più clusters. è disponibile il comando Refine around point (Infittisci attorno al punto).6.6.PREPARAZIONE DELL’INPUT a 6 nodi. in modo simile. 3. Questi fattori forniscono un’indicazione della dimensione relativa dell’elemento rispetto alla dimensione media degli elementi. il sottomenu Mesh dispone del comando Refine line (Infittisci linea). Il parametro di densità locale è il fattore Local element size (Densità locale degli elementi).5 INFITTIMENTO LOCALE Al posto di specificare fattori di densità locale degli elementi. è opportuno che si ottenga una mesh agli elementi finiti più accurata (più fine). Un uso ripetitivo del comando di infittimento locale risulterà in un fattore di densità locale degli elementi pari alla metà di quello corrente. invece in altre parti della geometria può essere sufficiente una mesh meno fine. Per questi casi PLAXIS consente l’uso di parametri di densità locali oltre al parametro di densità globale.0. che è contenuto in ogni punto geometrico. il parametro densità globale viene incrementato di un livello (per esempio da Coarse a Medium) e la mesh viene automaticamente rigenerata. le linee o i punti e selezionando una dei comandi per l’infittimento locale dal sottomenu Mesh.05 e 5.5 per tutti i punti o linee selezionate o per i punti geometrici inclusi nei clusters selezionati. Per default. si può impostare simultaneamente il fattore di dimensione locale dell’elemento per entrambi i punti della linea geometrica.0 in tutti i punti geometrici. selezionando uno o più punti. D’altra parte. Il fattore di densità locale degli elementi può essere modificato cliccando due volte sul corrispondente punto geometrico. 3. l’uso di elementi a 15 nodi è più dispendioso. il sottomenu Mesh dispone del comando Refine cluster (Infittisci cluster). dell’uso di elementi a 6 nodi. cliccando su una linea geometrica. in termini di tempo di calcolo.5.

i valori minimo e massimo sono limitati all’intervallo [0. può essere eseguita un’analisi preliminare utilizzando una mesh relativamente grossolana. 3. Per creare in modo efficiente una mesh agli elementi finiti accurata.8 CONDIZIONI IDRAULICHE PLAXIS generalmente viene utilizzato per analisi in tensioni efficaci in cui viene fatta una chiara distinzione tra pressioni neutre pactive (Active water pressures). si può assegnare ai punti direttamente un Local element size factor (Fattore di densità locale degli elementi). si deve in primo luogo selezionare la più adatta densità della mesh con il comando Global coarseness (Densità globale) dal sottomenu Mesh.05 . in quanto alcune informazioni riguardanti le condizioni iniziali verrebbero perse. si deve cominciare dapprima con l’infittimento della mesh nei clusters. se si desiderano infittimenti locali. Dalla nodalità Initial conditions del programma Input è possibile tornare alla modalità Geometry creation (Creazione della geometria). 3. è necessario specificare la configurazione geometrica e lo stato tensionale iniziali. e tensioni 3-64 PLAXIS Versione 8 . ma non è consigliabile. questa informazione può essere utilizzata per realizzare un modello agli elementi finiti più raffinato. Dopo aver selezionato uno dei comandi d’infittimento locale. Quest’analisi può essere utilizzata per controllare se il modello è sufficientemente grande e per osservare se e dove si verificano grandi gradienti di deformazione. 5. Se si desidera.7 INITIAL CONDITIONS (CONDIZIONI INIZIALI) Una volta che sia stato creato il modello geometrico e che sia stata generata la mesh agli elementi finiti. Dopodiche. Ciò viene fatto nella modalità Initial conditions (condizioni iniziali) del programma Input.6 PRATICA CONSIGLIATA PER LA GENERAZIONE DELLA MESH Per eseguire calcoli efficientii. poi infittendo la mesh nell’intorno delle linee ed infine infittendo la mesh attorno ai punti. La parte del programma di input dedicata alla definizione delle condizioni iniziali consta di due differenti sottomodalità di funzionamento: una modalità Water conditions (Condizioni idrauliche) per la generazione delle pressioni neutre e la modalità Geometry configuration (Configurazione geometrica) per la definizione della configurazione geometrica iniziale e la generazione dello stato tensionale efficace iniziale. 3.6. Ci si può trasferire da una sottomodalità all’altra per mezzo del 'selettore' presente nella barra degli strumenti.0].MANUALE DI RIFERIMENTO comunque. la mesh viene rigenerata automaticamente.

quest’ultimo richiede l’introduzione delle condizioni al contorno per la quota piezometrica. Le pressioni neutre in regime stazionario costituiscono una situazione idraulica stabile. le sovrappressioni possono essere generate soltanto nei clusters definiti come Undrained (Non drenati).8 kN/m3 (o 0. 3. sulla base del general phreatic level (livello di falda generale).PREPARAZIONE DELL’INPUT efficaci s' (Effective stresses). In alternativa. il peso specifico dell’acqua è impostato su 9.1 WATER WEIGTH (PESO SPECIFICO DELL’ACQUA) Nei progetti in cui si considerano le pressioni neutre. La modalità Water conditions può essere tralasciata nei problemi che non coinvolgono pressioni neutre. da sé. In questo caso. poiché a situazioni in cui si verificano moti di filtrazione permanenti possono corrispondere stati stabili. è richiesto l’input del peso specifico dell’acqua in modo da ottenere la distinzione tra tensioni efficaci e pressioni neutre. Per default. Pressioni neutre in regime stazionario e pressioni idrauliche al contorno. Entrando per la prima volta nella modalità Water conditions appare una finestra nella quale deve essere inserito il peso specifico dell’acqua. Le pressioni neutre possono anche essere ottenute da un altro modulo di PLAXIS specifico per moti di filtrazione in regime transitorio ed in terreni parzialmente saturi. Le pressioni neutre possono essere generate sulla base di livelli di falda. Per le pressioni neutre. Questo programma è disponibile come un’estensione della Versione 8. un’ulteriore distinzione viene fatta tra pressioni neutre stazionarie psteady e sovrappressioni neutre pexcess: pactive = psteady + pexcess Le sovrappressioni neutre sono pressioni neutre che si manifestano a causa della sollecitazione dei clusters per i quali il tipo di comportamento specificato tra le caratteristiche del materiale è Undrained (Non drenato). le pressioni neutre possono essere generate attraverso l’analisi del moto di filtrazione in regime stazionario.062 klb/ft3). (a cui ci si riferisce come 'water pressures'). Per raggiungere uno stato stazionario. Le pressioni neutre calcolate per ciascuno step temporale mediante questo programma ai fini di un’analisi di deformazione sono considerate come stazionarie. viene considerato un livello di falda generale coincidente con il punto più basso del modello geometrico e tutte le pressioni neutre e pressioni esterne dell’acqua sono assunte pari a zero. Un’analisi di consolidazione può essere eseguita per calcolare la dissipazione delle sovrappressioni neutre nel tempo. esso può anche essere introdotto selezionando il comando Water weight dal sottomenu Geometry. in equilibrio statico (e cioè la superficie libera della falda sia orizzontale). una situazione simile si verifica quando le condizioni idrauliche al contorno rimangono costanti per un lungo periodo. sono generate nella modalità Water conditions. non è necessario che le pressioni neutre siano. In un calcolo di tipo Plastic (Plastico). che vengono valutate per default.8. 3-65 .

ciò è valido anche per i contorni liberi che si ottengono a seguito di uno scavo (disattivazione) di clusters di terreno nel contesto di una Staged construction (Costruzione per fasi). Il livello di falda generale può essere utilizzato per generare una semplice distribuzione idrostatica per l’intera geometria. per default esso ha effetto su tutti i clusters della geometria. Al di sopra del livello di falda le pressioni neutre saranno nulle.4). in generale.3. ma esse non interagiscono con il modello.8. Se un livello di falda non copre per intero l’intervallo delle x del modello geometrico. Un livello di falda rappresenta una serie di punti in cui la pressione neutra è zero. almeno nel caso in cui la pressione neutra sia generata per mezzo dei livelli di falda.2 PHREATIC LEVELS (LIVELLI DI FALDA IDROSTATICI) Le pressioni neutre e le pressioni idrauliche al contorno possono essere generate con riferimento ai livelli di falda. il livello di falda può attraversare il contorno in un punto in cui non esiste un punto geometrico e 3-66 PLAXIS Versione 8 . Il livello di falda generale viene automaticamente sostituito inserendo una nuova linea. Se il livello di falda generale è esterno ad un contorno del modello geometrico e questo è un contorno libero. per default il livello di falda generale è posizionato alla base del modello geometrico. I punti possono essere inseriti da sinistra verso destra (coordinate x crescenti) o viceversa (coordinate x decrescenti). Prima di introdurre un livello di falda. I livelli di falda sono definiti da due o più punti. General phreatic level (Livello di falda generale) Un livello di falda è assunto come livello di falda generale (General phreatic level) qualora venga tracciato senza che sia selezionato nessuno cluster. Per inserire livelli di falda è possibile utilizzare il comando Phreatic level dal sottomenu Geometry o cliccare sul corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti. L’introduzione di un livello di falda è simile alla creazione di una linea geometrica (Sezione 3. tuttavia. le pressioni idrauliche esterne agenti su di esso saranno calcolate con riferimento a tale livello. e questi saranno attivati insieme al peso proprio del terreno per mezzo del parametro ΣMweight. Il programma di calcolo tratterà le pressioni idrauliche esterne come carichi distribuiti. Le pressioni idrauliche esterne sono calcolate in modo che lungo il contorno del modello sia soddisfatto l’equilibrio tra pressioni idrauliche esterne e le pressioni neutre interne. l’utente deve inserire il corretto peso specifico dell’acqua. La generazione delle pressioni neutre è eseguita effettivamente selezionando il comando <Generate water pressures> (Genera le pressioni neutre) (Sezione 3.8. Intersezioni di livelli di falda e di linee geometriche esistenti non introducono punti geometrici aggiuntivi.1).MANUALE DI RIFERIMENTO 3. Utilizzando come input un livello di falda. il livello di falda si considera esteso orizzontalmente dal punto più a sinistra fino a meno infinito e dal punto più a destra fino a più infinito. la pressione neutra aumenterà linearmente con la profondità con un gradiente pari al peso specifico dell’acqua introdotto (cioè la variazione della pressione neutra è considerata idrostatica). invece al di sotto del livello di falda si avrà una distribuzione idrostatica delle pressioni neutre. I punti e le linee sono sovrapposti al modello geometrico.

tale livello di falda non rappresenta necessariamente la quota del pelo libero di una falda. A questo scopo. questa linea verrà assegnata a ciascun cluster selezionato come un livello di falda di cluster. per calcolare accuratamente le pressioni idrauliche esterne. questo avviene perché il valore della pressione idraulica è definito soltanto ai due punti estremi di una linea geometrica e può variare soltanto linearmente lungo di essa.PREPARAZIONE DELL’INPUT quindi le pressioni idrauliche esterne potrebbero non essere calcolate con accuratezza (Figura 3.31). Un livello di falda associato ad un cluster può essere definito selezionando prima il cluster per il quale si deve specificare un particolare livello di falda e successivamente selezionando il comando Phreatic level (Livello di falda) dalla barra degli strumenti o dal sottomenu Geometry ed inserendo il livello di falda mentre il cluster rimane selezionato.3). come saranno generate le 3-67 . Cluster phreatic level (Livello di falda associato ad un cluster) Per ottenere una distribuzione discontinua delle pressioni neutre.8. inaccurate accurate Figura 3. ad ogni cluster può essere assegnato un livello di falda specifico (Cluster phreatic level). attraverso i pulsanti di scelta. allora per quel cluster è stata scelta un’opzione diversa (si veda più avanti). quindi. Cliccando due volte su un cluster nella modalità Water conditions si apre la finestra Cluster pore pressure distribution (Distribuzione delle pressioni neutre nel cluster) in cui è possibile indicare. il livello di falda rappresenta l’altezza piezometrica al suo interno. il livello di falda generale deve preferibilmente attraversare il contorno del modello in punti geometrici esistenti. Per identificare quale livello di falda appartiene ad un particolare cluster. è opportuno introdurre un punto geometrico aggiuntivo sul contorno della geometria. infatti nel caso di uno strato interessato da una falda artesiana. I clusters per i quali non è stato definito un livello di falda di cluster. Se per un determinato cluster nessun livello di falda è evidenziato in rosso.31 Modellazione più o meno accurata delle pressioni idrauliche esterne Il livello di falda generale può essere utilizzato anche per stabilire le condizioni idrauliche al contorno nel caso che le pressioni neutre debbano essere calcolate sulla base di un moto di filtrazione (Sezione 3. mantengono il livello di falda generale. Se si selezionano più cluster contemporaneamente (tenendo premuto il tasto <Shift>) e s’inserisce un livello di falda. si può selezionare il cluster ed osservare quale livello di falda è evidenziato in rosso.

Oltre al livello di falda generale ed al comando Cluster phreatic level sono disponibili altre opzioni. Questa opzione è utilizzata. per cui non può essere definita attraverso un livello di falda. Se un livello di falda di cluster è stato assegnato per errore ad un particolare cluster. L’opzione Interpolate from adjacent clusters or lines può essere utilizzata ripetitivamente per due o più clusters adiacenti (uno sopra l’altro). se uno strato relativamente impermeabile si trova tra due strati permeabili con diversa quota piezometrica. per esempio. impiegando i valori di pressione neutra presenti alla base del cluster superiore ed i valori di pressione sulla sommità del cluster inferiore.MANUALE DI RIFERIMENTO pressioni neutre per quel particolare cluster di terreno.32 Finestra Cluster pore pressure distribution (Distribuzione delle pressioni neutre nel cluster) Interpolazione delle pressioni neutre tra clusters o tra linee adiacenti Una terza possibilità per generare pressioni neutre in un cluster di terreno è l’opzione Interpolate from adjacent clusters or lines (Interpola tra clusters o linee adiacenti). purchè la distribuzione di pressioni neutre presenti nel cluster superiore non siano state definite manualmente dall’utente. Selezionando l’opzione Interpolate from adjacent clusters or lines. Nel caso in cui non possano essere determinati 3-68 PLAXIS Versione 8 . esso può essere ripristinato a livello di falda generale selezionando General phreatic level (Livello di falda generale). Figura 3. ne risulta che il livello di falda di cluster viene cancellato. spiegate più avanti. La distribuzione delle pressioni neutre in strati relativamente impermeabili non sarà idrostatica. la pressione in quel cluster viene interpolata linearmente in direzione verticale.

il programma mostrerà anche le pressioni neutre risultanti (pressioni neutre = peso specifico dell’acqua per [quota piezometrica meno quota geometrica]). essa può 3-69 . che devono avere pressioni neutre nulle. questi saranno stabiliti con riferimento al livello di falda generale.PREPARAZIONE DELL’INPUT i valori di pressione neutra d’estremità per l’interpolazione verticale. L’introduzione diretta di una quota piezometrica su una linea geometrica è significativa soltanto se il cluster di terreno adiacente è impostato su Interpolate. Oltre ai valori di pressione neutra degli strati al di sopra o al di sotto del cluster in base ai quali effettuare l’interpolazione. Si noti anche che nei clusters con comportamento non drenato (Undrained) le sovrappressioni neutre possono ancora essere generate se viene utilizzata l’opzione Cluster dry. o se le pressioni neutre sono ottenute attraverso un’analisi del moto di filtrazione. come risultato. le pressioni neutre in regime stazionario di quel cluster vengono azzerate e come peso del terreno viene considerato l’Unsaturated weight (Peso dell’unità di volume non saturo). ciò può essere fatto cliccando due volte sulla corrispondente linea geometrica. Un input diretto di una quota piezometrica sulle linee geometriche può essere cancellato selezionando la linea geometrica corrispondente e premendo il tasto <Canc> sulla tastiera. Si noti che quando le pressioni neutre sono generate con riferimento ai livelli di falda. per tali materiali non è necessario utilizzare l’impostazione Cluster dry nella modalità Water conditions. quindi l’input diretto della quota piezometrica su una linea geometrica verticale non ha alcun effetto. l’interpolazione verrà calcolata sulla base della pressione neutra su quella linea piuttosto che del valore di pressione neutra del cluster adiacente.. Se per un cluster viene definita una quota piezometrica su una linea adiacente e scelta l’opzione Interpolate from adjacent clusters or lines. l’interpolazione delle pressioni neutre è utilizzata soltanto in direzione verticale a non in direzione orizzontale. Assegnando una quota piezometrica ad un punto. è possibile anche eseguire l’interpolazione assegnando la quota piezometrica direttamente alle linee geometriche. Si noti che i clusters che rappresentano strutture massicce (calcestruzzo) in cui le pressioni neutre devono essere escluse permanentemente (come per i diaframmi o per i cassoni) possono essere specificati come Non-porous (Non porosi) nelle corrispondenti caratteristiche dei materiali. in altre parole. come risultato appare una finestra di dialogo in cui può essere assegnata la quota piezometrica ad entrambi i punti della linea. Distribuzione di pressioni neutre definita dall’utente Se la distribuzione delle pressioni neutre in un cluster di terreno è molto particolare e non può essere definita attraverso una delle opzioni descritte in precedenza. Cluster dry (Cluster asciutto) Per clusters (con comportamento drenato e non) che devono essere resi asciutti o. è disponibile la rapida e comoda opzione Cluster dry (Cluster asciutto)..

è possibile inserire una quota di riferimento yref espressa nell’unità di lunghezza. le pressioni neutre possono essere generate anche in base all’analisi del moto di filtrazione. per default. come previsto dal valore di pinc. Anche le linee geometriche interne. esistono due posibili tipi di condizioni al contorno: una quota piezometrica imposta ed una portata specifica imposta normalmente al contorno. Al di sotto della quota di riferimento.8. almeno nei casi in cui il livello di falda generale cade al di fuori della geometria attiva. selezionando l’opzione User defined pore pressure distribution. Nel programma il secondo tipo può essere specificato soltanto imponendo una portata specifica nulla ed è chiamato Closed flow boundary (Contorno impermeabile). Se si desidera escludere le pressioni neutre da un determinato cluster. La quota di riferimento yref si riferisce alla quota verticale (coordinata y) ove la pressione neutra è uguale alla pressione di riferimento pref. di deve utilizzare l’opzione Cluster dry o deve essere definito un livello di falda di cluster al di sotto del cluster corrispondente.1). rispettivamente per pressioni ed incrementi di pressione che aumentano con la profondità. non viene fatta alcuna distinzione tra clusters attivi ed inattivi (Sezione 3. anche in quella parte del cluster la pressione neutra sarà uguale alla pressione di riferimento. Si noti che i valori di pref e pinc sono negativi. in accordo con i corrispondenti livelli di falda. derivata dalla posizione del livello di falda generale. Quota piezometrica imposta La quota piezometrica imposta agente sui contorni esterni della geometria è. Una distribuzione di pressioni neutre definita dall’utente non può essere utilizzata per interpolare pressioni neutre in altri clusters. 3-70 PLAXIS Versione 8 . in questo modo può essere definita qualunque distribuzione lineare di pressioni neutre. ciò deve essere tenuto in considerazione quando l’opzione Interpolate from adjacent clusters or lines è utilizzata nel clusters al di sopra o al di sotto. una pressione di riferimento pref (cioè la pressione neutra alla quota di riferimento) nell’unità di tensione ed un incremento di pressione pinc nell’unità di tensione per unità di profondità. Ciò significa che le pressioni neutre in regime stazionario sono generate sia per clusters attivi che per clusters inattivi.9. Ciò richiede l’introduzione delle condizioni al contorno per la quota piezometrica. divenute contorni esterni per effetto della disattivazione dei clusters di terreno sono considerate come contorni esterni della geometria. trattati in modo similare.MANUALE DI RIFERIMENTO essere direttamente definita dall’utente. 3. In linea di principio. e per questo. Se il cluster è (parzialmente) posizionato al di sopra della quota di riferimento. Pressioni neutre in clusters inattivi Generando pressioni neutre in base ai livelli di falda.3 CONDIZIONI AL CONTORNO PER MOTI DI FILTRAZIONE Oltre alla generazione di pressioni neutre in base ai livelli di falda. la pressione neutra nel cluster cresce linearmente.

Questa opzione può essere selezionata cliccando il pulsante Closed flow boundary sulla barra degli strumenti o selezionando lo strumento corrispondente dal sottomenu Geometry. per quel contorno verranno generate pressioni idrauliche esterne. Superfici di deflusso I problemi di flusso in cui sia presente una superficie libera della falda possono causare la presenza di una superficie di deflusso sui contorni del modello. Se una quota piezometrica è imposta su un contorno geometrico esterno.quota geometrica]). In questo modo è possibile anche imporre una quota piezometrica su linee geometriche interne. essa verrà utilizzata per generare le pressioni idrauliche esterne applicate in una successiva analisi di deformazione. h. questa condizione è determinata dal fatto che la pressione neutra sulla superficie di deflusso è nulla. il programma visualizzerà la corrispondente pressione neutra (pressione neutra = peso dell’acqua x [quota piezometrica . è anche possibile imporre manualmente una quota piezometrica. Tuttavia.PREPARAZIONE DELL’INPUT Unitamente all’impostazione automatica delle condizioni al contorno con riferimento al livello di falda generale. Contorno impermeabile Un Closed flow boundary (Contorno impermeabile) può essere posizionato lungo il contorno del modello geometrico per assicurare che non si verifichi alcun flusso attraverso il contorno (contorno impermeabile). condizione che esiste anche sulla superficie libera della falda. come mostrato in Figura 3. Sebbene la quota piezometrica non sarà utilizzata come condizione al contorno dell’analisi di moto di filtrazione. un contorno impermeabile può essere posizionato soltanto esattamente sopra linee geometriche esistenti sul contorno esterno del modello geometrico. invece è una linea su cui la quota piezometrica. una tale superficie si manifesterà sempre quando una superficie di falda interseca un contorno come ad esempio il paramento di valle di una diga. L’introduzione di un contorno impermeabile è simile alla creazione di una linea geometrica. eguaglia la quota geometrica y (= coordinata verticale). 3-71 .33. Una quota piezometrica imposta può essere rimossa selezionando la corrispondente linea geometrica e premendo il tasto <Canc> sulla tastiera. Quando una linea geometrica del contorno del modello viene impostata come Closed flow boundary su quel contorno è ancora possibile imporre una quota piezometrica. Il programma per l’analisi delle deformazioni tratterà le pressioni idrauliche esterne come carichi distribuiti e saranno tenuti in conto insieme al peso del terreno ed alle pressioni neutre. appare una finestra di dialogo in cui si può digitare la quota piezometrica nei due punti della linea. Cliccando due volte su una linea geometrica esistente. La superficie di deflusso non è una linea di flusso o una linea equipotenziale. Inserendo la quota piezometrica in un punto. Questa procedura è simile all’introduzione diretta di una quota piezometrica per le linee geometriche.

In un’analisi di deformazione. che è la condizione di default utilizzata in PLAXIS. Figura 3. i clusters inattivi non prendono parte nell’analisi del moto di filtrazione. Disattivando i clusters nella modalità Geometry configuration (Sezione 3. ci sarà una distribuzione idrostatica delle pressioni neutre al di sotto del livello di falda generale. Se nessuna condizione particolare viene imposta per una data linea di contorno.33 Flusso attraverso un rilevato con l’indicazione di una superficie di deflusso Clusters inattivi nell’analisi di moto di filtrazione Si noti che nella Versione 8 questa funzionalità è stata modificata rispetto alle precedenti versioni di PLAXIS. Non è necessario conoscere l’esatta lunghezza della superficie di deflusso prima che cominci il calcolo.9. Questa interfaccia deve essere attiva ed impostata come impermeabile (Sezione 3. y. può anche essere appropriato imporre contorni impermeabili. per i contorni ben al di sopra del livello di falda ove è ovvio che la superficie di deflusso non si verifichi. allora deve essere definita un’interfaccia sul lato 'attivo' del contorno. In alternativa. ma la pressione neutra nei punti d’integrazione all’interno dei clusters disattivati è determinata successivamente dal General phreatic level (Livello di falda generale).3. deve necessariamente essere uguale alla quota verticale. h. se clusters inattivi sono posizionati (parzialmente) al di sotto della superficie di falda generale.1) ed eseguendo un’analisi del moto di filtrazione per questa situazione.MANUALE DI RIFERIMENTO Per le superfici di deflusso la quota piezometrica. PLAXIS assume che questo contorno sia 'aperto' ed imposta qui le condizioni di una superifcie di deflusso.5). mentre negli stessi clusters la pressione neutra è nulla al di sopra del livello di falda generale. Quindi. poiché la stessa condizione al contorno (h = y) può essere utilizzata sia al di sopra che al di sotto del livello di falda. 3-72 PLAXIS Versione 8 . Il confine tra clusters attivi ed inattivi è considerato un contorno 'aperto' cosicché l’acqua vi può filtrare attraverso. le pressioni neutre in clusters di terreno inattivo agiscono come pressioni idrauliche esterne sui contorni attivi della geometria. Contorni 'aperti' con h = y possono quindi essere specificati per tutti i contorni su cui la quota piezometrica è sconosciuta. se si desidera rendere un tale contorno impermeabile.

9.PREPARAZIONE DELL’INPUT 3. Se si desidera escludere le pressioni neutre in certi clusters.4 GENERAZIONE DELLE PRESSIONI NEUTRE Dopo l’introduzione dei livelli di falda o l’introduzione delle condizioni al contorno per un’analisi del moto di filtrazione. crocette blu) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Water pressures (Pressioni neutre) dal sottomenu Generate (Genera). questa generazione è semplice e veloce.8. Figura 3. come risultato.1). ciò può essere fatto cliccando il pulsante <Generate water pressures> (Genera pressioni neutre. Questo significa che le pressioni neutre in regime stazionario sono generate sia per clusters attivi che per clusters inattivi in accordo con il corrispondente livello di falda. non viene fatta alcuna distinzione tra i clusters attivi ed i clusters inattivi.8. appare una finestra di dialogo in cui si può scegliere se le pressioni neutre devono essere generate con riferimento ai livelli di falda o attraverso un’analisi del moto di filtrazione. La generazione della pressione neutra tramite il Groundwater calculation (Analisi del moto 3-73 . Generazione attraverso l’analisi del moto di filtrazione PLAXIS include un modulo di calcolo per moto di filtrazione in regime stazionario. Generando le pressioni neutre in base al livello di falda quando alcuni clusters sono inattivi nella configurazione geometrica iniziale (Sezione 3.2. si deve utilizzare l’opzione Cluster dry (o si deve definire una superficie di falda di cluster al di sotto del cluster stesso. La prima opzione è rapida e semplice.34 Finestra Water pressure generation (Generazione delle pressioni neutre) Generazione in base ai livelli di falda La generazione della pressione neutra attraverso dei livelli di falda è basata sull’introduzione di un livello di falda generale. è possibile generare le pressioni neutre. la seconda opzione (Groundwater flow calculation = Analisi del moto di filtrazione) può essere più realistica ma richiede l’inserimento di un maggiore numero di parametri ed un tempo di calcolo più lungo. dei livelli di falda di cluster e di altre opzioni descritte nella Sezione 3.

Per ritornare al programma Input. ammesso che vengano scelti in modo opportuno i parametri di input aggiuntivi. Le pressioni neutre così generate potranno essere utilizzate come dati di input per un’analisi di deformazione. si può ritornare alla finestra Water presure generation cliccando il pulsante Continue (Continua) sulla barra degli strumenti.8.9.MANUALE DI RIFERIMENTO di filtrazione) è basato su un calcolo agli elementi finiti che utilizza la mesh generata. che è disponibile come estensione della Versione 8. rispetto alla generazione attraverso i livelli di falda.3). L’attivazione delle pressioni neutre è associata 3-74 PLAXIS Versione 8 . è possibile utilizzare le Standard settings (Impostazioni standard).5. Selezionando Groundwater calculation è necessario selezionare le impostazioni per i parametri di controllo della procedura iterativa. invece al di sopra di essa. Dopo la generazione delle pressioni neutre viene avviato il programma Output e viene visualizzato un grafico delle pressioni neutre ed il livello di falda generale. Questa generazione è più complessa e per questa ragione più dispendiosa in termini di tempo. i clusters inattivi non prendono parte dell’analisi del moto di filtrazione. si veda la Sezione 3. Risultati della generazione delle pressioni neutre Cliccando il pulsante <Ok> nella finestra Water pressure generation. Le pressioni neutre non sono attive finché esse non saranno effettivamente applicate in un calcolo. se clusters inattivi sono posizionati (parzialmente) al di sotto del livello di falda generale. cioè la distribuzione delle pressioni neutre in funzione del tempo. ma la pressione neutra nei punti d’integrazione all’interno dei clusters inattivi viene determinata successivamente con riferimento al General phreatic level. si dovrà premere il pulsante Update (Aggiorna).8. Quando alcuni clusters sono stati disattivati nella modalità Geometry configuration (Sezione 3. Per maggiori dettagli sull’analisi del moto di filtrazione. In generale. le pressioni neutre vengono calcolate in accordo con le opzioni selezionate. Quindi. La finestra di dialogo Water pressure generation consente un diretto passaggio alla modalità Geometry configuration per attivare o disattivare i clusters. ma i risultati possono essere più appropriati. possono essere utilizzati come dati di input per un’analisi di deformazione. Sezione 3. le permeabilità dei clusters di terreno e le condizioni idrauliche al contorno (quote piezometriche imposte e contorni impermeabili.1). vi sarà una distribuzione idrostatica della pressione neutra al di sotto del livello di falda generale. I risultati di una simile analisi del moto di filtrazione in regime transitorio. Moto di filtrazione in regime transitorio Oltre al moto di filtrazione in regime stazionario. Ciò può essere fatto cliccando il pulsante Change configuration (Modifica configurazione) Dopo che sia stata effettuata la selezione desiderata. Questa opzione richiede la presenza del PLAXIS Groundwater flow module. le pressioni neutre saranno nulle. PLAXIS consente di eseguire un calcolo delle pressioni neutre in funzione del tempo a seguito della variazione nel tempo delle condizioni al contorno della quota piezometrica.

In questo modo le interfacce possono essere utilizzate per bloccare il flusso perpendicolare all’interfaccia. Questa caratteristica è descritta nella presente sezione. ad esempio per simulare la presenza di uno schermo impermeabile. D’altra parte. moti di filtrazione in regime stazionario si verificano attorno a muri di sostegno che presentano un dislivello tra i livelli di falda di monte e di valle. se le interfacce sono presenti nella mesh. 3-75 .PREPARAZIONE DELL’INPUT all’attivazione del peso del terreno utilizzando il parametro ΣMweight. è possibile simulare muri o piastre impermeabili soltanto quando elementi interfaccia vengono interposti tra gli elementi piastra e gli elementi del terreno circostante. debba essere applicato il peso dell’unità di volume saturo del terreno (gsat) o il peso dell’unità di volume parzialmente saturo (gunsat). In linea di principio.5). Quando nell’analisi del moto di filtrazione si adottano le interfacce. si faccia riferimento allo Scientific Manual. quindi queste pressioni neutre possono essere considerate pressioni neutre in regime stazionario. infatti. PLAXIS Professional Version 8 comprende un modulo di analisi del moto di filtrazione stazionario per analizzare situazioni di questo tipo. completamente impermeabili. In questi casi l’interfaccia deve essere disattivata nella modalità Water conditions.8. 3. Dighe e rilevati sono soggetti a moti di filtrazione permanenti. per default. In molte situazioni si presentano flussi o moti di filtrazione permanenti.3.5 ANALISI DEL MOTO DI FILTRAZIONE IN REGIME STAZIONARIO Gli ingegneri geotecnici hanno la necessità di conoscere le pressioni neutre ed i moti di filtrazione nel corso della progettazione geotecnica. Per una approfondita descrizione delle equazioni differenziali che governano un problema di moto di fitrazione stazionario. invece punti d’integrazione che hanno una pressione neutra idrostatica non nulla sono considerati saturi. Per interfacce inattive i gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi dell’interfaccia sono completamente accoppiati. dedicato ai moti di filtrazione dipendenti dal tempo (in regime transitorio) è disponibile come estensione della Versione 8. Un flusso di questo tipo è governato da pressioni neutre che sono più o meno indipendenti dal tempo. dalla geometria e dalle permeabilità dei differenti clusters di terreno. in un’analisi di deformazione. Un modulo di PLAXIS aggiuntivo. il valore delle pressioni neutre stabilisce se. La distribuzione delle pressioni neutre stazionarie in un’analisi del moto di filtrazione è determinata dalle condizioni al contorno. i punti d’integrazione degli elementi con una pressione neutra idrostatica nulla sono considerati non saturi. Quindi. invece per interfacce attive i gradi di libertà delle pressioni neutre sono completamente separati. Ciò può essere fatto separatamente per un’analisi di consolidazione e per un’analisi del moto di filtrazione. esse sono. In modo simile. può essere intenzione dell’utente evitare esplicitamente ogni influenza dell’interfaccia sul flusso e sulla distribuzione delle pressioni neutre ad esempio nell’intorno dei punti di spigolo delle strutture (Sezione 3. Le piastre sono completamente permeabili.

comunque. Per problemi di flusso confinato.35). In generale. l’utente deve impostare i parametri di controllo della procedura iterativa. La determinazione della posizione delle superfici libere di falda e l’associata lunghezza della superficie di deflusso è uno dei principali obiettivi di un’analisi di un moto di filtrazione non confinato. non è strettamente necessaria una procedura di soluzione iterativa. poiché può essere ottenuta una soluzione diretta. Più avanti viene fornita una descrizione del significato di questi parametri. Un’analisi del moto di filtrazione in regime stazionario può essere utilizzata sia per problemi di flusso confinato sia non confinato. Tuttavia. che normalmente conducono ad una soluzione accettabile. possono essere utilizzate le Standard settings implementate.MANUALE DI RIFERIMENTO In conclusione: ∑ ∑ Un’interfaccia attiva è totalmente impermeabile (separazione dei gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi). l’utente può introdurre manualmente i parametri di controllo. Figura 3. (Definisci) viene visualizzata una nuova finestra di dialogo che mostra l’impostazione corrente dei parametri di controllo dell’analisi del moto di filtrazione (si veda Figura 3. poiché non è noto a priori se il flusso sarà confinato o non confinato. se si esegue un’analisi del moto di filtrazione con PLAXIS. Impostazione manuale dei parametri di controllo dell’analisi del moto di filtrazione Selezionando l’opzione Manual settings (Impostazioni manuali) nella finestra Water pressures generation e cliccando il pulsante Define. In questo caso è necessario utilizzare una procedura di soluzione iterativa.35 Finestra dei parametri di controllo dell’analisi del moto di filtrazione 3-76 PLAXIS Versione 8 . in alternativa. Un’interfaccia inattiva è totalmente permeabile (accoppiamento dei gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi).

il Tolerated error è impostato su 0.PREPARAZIONE DELL’INPUT Tolerated error (Errore tollerato): Questo è l’errore (relativo) globale tollerato nel bilancio di massa per l’acqua. l’opzione Tension cut-off è selezionata ed il parametro Max. In alcuni casi.01.0 può essere applicato per accelerare il processo di iterazione. tensile stress è impostato su zero. tensile stress (Massima tensione di trazione) può essere impostato sulla pressione massima ammissibile (nell’unità di tensione). se per il terreno sono adottati parametri di resistenza in termini di tensioni efficaci. Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione): In situazioni in cui si verificano flussi non confinati. Utilizzando l’impostazione standard. Un fattore di rilassamento maggiore di 1. L’analisi del flusso in terreni parzialmente saturi richiede relazioni più complesse tra la permeabilità del 3-77 . che è generalmente sufficiente. Maximum iterations (Numero massimo di iterazioni): Questo parametro pone una restrizione sul numero di iterazioni utilizzato nelle analisi di moto di filtrazione non confinati. In alcune situazioni queste pressioni neutre di trazione possono divenire irrealisticamente grandi. L’uso di queste pressioni neutre di trazione in un’analisi di deformazione. Il limite superiore teorico del fattore di rilassamento è 2. ma tale operazione può anche causare la divergenza del calcolo. Utilizzando l’impostazione standard. porterà ad una sovrastima delle resistenza a taglio. comunque. verranno generate pressioni neutre di trazione (inferiori alla pressione atmosferica). inoltre il parametro Max. il massimo numero di iterazioni è uguale a 100. cioè il rilassamento non viene applicato. è necessario un numero più grande di iterazioni per ottenere la convergenza della soluzione. Over-relaxation (Rilassamento): Questo è il fattore di rilassamento della procedura di soluzione iterativa. le pressioni neutre 'negative' possono essere escluse selezionando l’opzione Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di 'trazione' cioè delle pressioni 'negative'). Limitazioni: Sebbene i concetti relativi ai terreni parzialmenti saturi sono adottati nella procedura di soluzione iterativa per la determinazione di una superficie libera della falda. Utilizzando l’impostazione standard. Utilizzando l’impostazione standard il fattore Over-relaxation è impostato su 1. Il programma ammette qualunque valore fino a 999.0. per evitare una situazione di questo tipo. il nucleo di calcolo per l’analisi del moto di filtrazione in regime stazionario in PLAXIS Versione 8 non è progettato per l’analisi del flusso in terreni parzialmente saturi.0.

in linea di principio. questa condizione può non essere corretta. In questi casi non vi è alcun flusso attraverso questi contorni. per default. 3-78 PLAXIS Versione 8 . Per default. Un contorno di consolidazione chiuso non implica automaticamente un contorno impermeabile o viceversa. comunque. le interfacce sono. In tal senso le interfacce hanno una funzionalità simile al Closed consolidation boudary. completamente impermeabili. In un caso del genere l’interfaccia deve essere disattivata nella modalità Water conditions.MANUALE DI RIFERIMENTO terreno. il grado di saturazione e le pressioni neutre negative. per esempio. Un’analisi di consolidazione richiede condizioni al contorno aggiuntive per le sovrappressioni neutre.8. per questo motivo deve essere fatta una distinzione tra contorni impermeabili e contorni di consolidazione chiusi. che è disponibile come un’estensione della Versione 8.8. ed una parte del contorno è considerato impermeabile. Relazioni di questo tipo sono incluse nel modulo separato PLAXIS Groundwater flow module. L’introduzione di un contorno di consolidazione chiuso è simile all’introduzione di un contorno impermeabile (Sezione 3. Se un progetto prevede un’analisi del moto di filtrazione così come un’analisi di consolidazione. tutti i contorni della geometria sono 'aperti'. Se le interfacce sono presenti nella mesh. può anche essere intenzione dell’utente evitare esplicitamente ogni influenza dell’interfaccia sul processo di consolidazione. le sovrappressioni neutre sono nulle sul contorno. con eccezione del fatto che le interfacce possono essere utilizzate all’interno della geometria. il che implica che l’acqua possa fluire attraverso i contorni. nel caso di interfacce attorno ai punti di spigolo delle strutture (Sezione 3. In questi casi è possibile utilizzare lo strumento Closed consolidation boundary (Contorno di consolidazione chiuso).3). Possono verificarsi situazioni in cui su un certo contorno debbano essere considerati differenti condizioni per il moto di filtrazione e per la consolidazione. ciò può essere fatto separatamente per un’analisi di consolidazione ed un’analisi del moto di filtrazione. per esempio sui contorni verticali che rappresentano un asse di simmetria o se la base del modello geometrico è posizionata su uno strato impermeabile.5). entrambi le condizioni Closed flow boundary e Closed consolidation boundary devono essere applicate a questo contorno. invece per interfacce attive i gradi di libertà delle sovrappressioni neutre sono completamente separati. 3.3. Utilizzando le interfacce in un’analisi di consolidazione. in altre parole. allora. Su alcuni contorni. Per interfacce inattive i gradi di libertà delle sovrappressioni neutre nelle coppie di nodi dell’interfaccia sono completamente accoppiati.6 CONTORNI DI CONSOLIDAZIONE CHIUSI PLAXIS consente di eseguire analisi di consolidazione per calcolare l’evoluzione delle sovrappressioni neutre nel tempo. questo strumento può essere selezionato cliccando il pulsante corrispondente della barra degli strumenti o selezionando il relativo comando dal sottomenu Geometry. il che significa che nessuna consolidazione avviene attraverso l’interfaccia. invece i contorni di consolidazione chiusi possono essere utilizzati soltanto sui contorni della geometria.

le tensioni efficaci iniziali possono essere generate utilizzando la K0-procedure (Procedura K0). 3. i gradi di libertà delle pressioni e 3-79 . 3.2. al contrario delle versioni precedenti di PLAXIS. Si noti che. Si noti che la K0-procedure per la generazione delle tensioni iniziali (sezione 3. si clicchi sul pulsante destro del 'selettore' presente sulla barra degli strumenti. cioè clusters in cui il parametro Material type del materiale ad esso assegnato sia stato impostata su Undrained. le interfacce inattive sono completamente permeabili.4 ed il Scientific Manual. qui anche le interfacce possono essere attivate o disattivate singolarmente.3) non tiene conto dei carichi esterni e dei pesi degli elementi strutturali. In un’ analisi del moto di filtrazione o in un’analisi di consolidazione.4. questi oggetti devono essere applicati in una fase successiva e non sono presenti nella situazione iniziale. Non è possibile impostare sovrappressioni neutre come condizioni al contorno per un’analisi di consolidazione.1 DISATTIVARE CARICHI ED OGGETTI GEOMETRICI Nei progetti in cui devono essere costruiti rilevati o strutture. piastre. I clusters di terreno al di sopra del piano di campagna iniziale devono essere disattivati dall’utente. Inoltre. il modello geometrico conterrà alcuni oggetti inizialmente non attivi (come carichi.9. Le sovrappressioni neutre all’inizio di un’analisi di consolidazione possono soltanto essere il risultato di calcoli precedenti in cui siano stati utilizzati clusters non drenati. di solito.5. Un’interfaccia inattiva è totalmente permeabile (accoppiamento dei gradi di libertà delle sovrappressioni neutre nelle coppie di nodi). poiché. infatti. PLAXIS disattiverà automaticamente tutti i carichi e gli oggetti strutturali nella configurazione geometrica iniziale. La modalità Geometry configuration è utilizzata per impostare la configurazione geometrica iniziale per consentire la disattivazione dei clusters geometrici che non sono attivi nella situazione iniziale. Quando un’interfaccia è inattiva in un’analisi di deformazione essa si comporta in modo puramente elastico (nessuno scorrimento o distacco).9 CONFIGURAZIONE INIZIALE DELLA GEOMETRIA Per passare dalla modalità Water conditions alla modalità Geometry configuration. geotessili. interfacce o clusters di terreno al di sopra del piano di campagna iniziale). ancoraggi.PREPARAZIONE DELL’INPUT In conclusione: ∑ ∑ Un’interfaccia attiva è totalmente impermeabile (separazione dei gradi di libertà delle sovrappressioni neutre nelle coppie di nodi). Per maggiori informazioni sulle analisi di consolidazione si veda le Sezioni 4.9. L’attivazione o la disattivazione di componenti geometrici può essere eseguita cliccando una sola volta su un componente del modello geometrico. 2.

0 = K0 s'v.5). qui. cliccando una seconda volta sul componente disattivato lo si riattiverà. le proprietà del terreno ed i parametri del modello possono soltanto essere visualizzati ma non possono essere modificati. questa funzione non è considerata di solito durante la generazione delle condizioni iniziali perché l’assegnazione iniziale del materiale viene direttamente eseguita durante la creazione del modello geometrico. tuttavia.MANUALE DI RIFERIMENTO sovrappressioni neutre delle corrispondenti coppie di nodi sono completamente accoppiate. 3. crocette rosse) 3-80 PLAXIS Versione 8 .2 VISUALIZZAZIONE O NUOVA ASSEGNAZIONE DEI MATERIALI Cliccando due volte su di un cluster o su di un oggetto strutturale nella modalità Geometry configuration appare la finestra di dialogo delle proprietà in cui è possibile visualizzare le caratteristiche dei materiali dell’oggetto. 3.0. La tensione efficace orizzontale iniziale s'h.7. La funzione è più utile nell’ambito della Staged construction (Costruzione per fasi.9. altrimenti il programma di calcolo le disattiverà automaticamente. Clusters disattivati sono rappresentati nel colore dello sfondo (bianco) e gli oggetti strutturali disattivati sono rappresentati in grigio. K0 (s'h.0). La generazione delle tensioni iniziali tramite la K0-procedure può essere selezionata cliccando il pulsante Generate initial stresses (Genera le tensioni iniziali. quindi. i carichi esterni e gli oggetti strutturali non hanno effetto nella generazione delle tensioni iniziali. Diversamente dalla modalità Geometry creation in cui è possibile introdurre le caratteristiche dei materiali. Si noti anche che i pesi degli elementi strutturali sono trascurati nella generazione delle tensioni iniziali. Sebbene i carichi esterni possano essere 'attivati' nella configurazione iniziale. Le possibilità e le limitazioni di entrambi i metodi sono descritte più avanti nell’Appendice A. Questo stato tensionale è di solito caratterizzato da una tensione verticale efficace iniziale s'v. È possibile assegnare nuovamente i materiali ai clusters o agli oggetti strutturali.9.3 GENERAZIONE DELLE TENSIONI INIZIALI (K0-PROCEDURE) Le tensioni iniziali in un ammasso di terreno sono determinate dal peso del materiale e dalla storia della sua formazione.0 è legata alla tensione efficace verticale iniziale attraverso il coefficiente di spinta a riposo. Gli ancoraggi possono essere attivi solo se il terreno o le strutture ai quali essi sono connessi sono anch’essi attivi. Sezione 4. Se i carichi o gli spostamenti imposti agiscono su una parte inattiva della geometria queste condizioni non verranno applicate durante l’analisi. In PLAXIS le tensioni iniziali possono essere generate specificando K0 nella K0procedure oppure utilizzando la procedura Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità). essi non sono considerati nella generazione delle tensioni iniziali (K0-procedure).

tra vari altri parametri. questo parametro rappresenta la frazione di gravità che viene applicata. Model: La seconda colonna mostra il materiale che assegnato nel particolare cluster (Elastic = Modello elastico. Il significato degli altri parametri della finestra sono descritti qui sotto: Figura 3. appare una finestra di dialogo con una tabella in cui. MC = Modello Mohr-Coulomb. Introducendo un valore nella tabella il corrispondente cluster è indicato nella finestra principale sullo sfondo (tratteggiato a quadri in rosso). SS = Modello di terreno compressibile.36 Finestra della generazione delle tensioni iniziali (K0-procedure) ΣMweight: Prima di inserire i valori nella tabella si deve assegnare un valore al parametro ΣMweight.PREPARAZIONE DELL’INPUT sulla barra degli strumenti oppure selezionando Initial stress (Tensioni iniziali) dal menumenu Generate. Cluster: La prima colonna mostra il numero del cluster. può essere accettato il valore di default di 1.0 e ciò implica l’attivazione dell’intero peso del terreno. Come risultato. SS- 3-81 . Per annullare tensioni iniziali generate precedentemente. ΣMweight deve essere impostato su zero e si dovranno rigenerare le tensioni iniziali. Se necessario. Hard Soil = Modello di terreno incrudente. In generale. possono essere inseriti i valori di K0 (Figura 3. la finestra di generazione di tensioni iniziali può essere spostata in un’altra posizione dello schermo per mostrare il cluster indicato.36).

Per maggiori informazioni si veda il Material Models Manual. In generale. I carichi esterni ed i pesi degli elementi strutturali non sono presi in considerazione. La K0 – procedure considera soltanto il peso del terreno e calcola soltanto le tensioni efficaci e le pressioni neutre negli elementi di terreno e nelle interfacce. l’attivazione di carichi ed oggetti strutturali nella configurazione iniziale non ha alcun effetto. Utilizzare valori di K0 che differiscono sostanzialmente dall’unità può a volte portare ad uno stato tensionale iniziale che viola il criterio di Coulomb. Utilizzando altri modelli costitutivi del materiale l’introduzione di OCR e POP non è applicabile. ma questo valore può essere sostituito dall’utente.0 = K 0s 'n . Per maggiori informazioni si veda il Material Models Manual.0 = ∑ Mweight  ∑ g i ◊ hi . Premendo il pulsante <Ok>.pw     i    s 'h. Sebbene PLAXIS corregga tali stati tensionali per conformarsi al criterio di Coulomb. quindi. Si faccia attenzione ai valori di K0 molto bassi o molto alti. si avvia il programma Output e viene presentato un diagramma delle tensioni efficaci iniziali. hi è la profondità dello strato i e pw è la pressione neutra iniziale nel punto d’integrazione. Ciascuno di questi valori è utilizzato per generare le pressioni di preconsolidazione per il modello Soft Soil (Creep) o per il modello Hardening Soil. lo stato tensionale risultante può essere diverso da quello atteso. si avvia la generazione delle tensioni iniziali. poiché essi possono causare plasticizzazioni iniziali (si veda Appendice A). l’utente può facilmente controllare se ciò è avvenuto 3-82 PLAXIS Versione 8 . le tensioni iniziali in un punto d’integrazione derivano dal peso del materiale al di sopra di questi punti e dal valore di ΣMweight: s 'n . Il valore K0 di default è basato sulla formula di Jaky (1-sinj). 0 ove gi è il peso dell’unità di volume dello strato i. OCR e POP: La terza e la quarta colonna sono utilizzate per introdurre il rapporto di sovraconsolidazione (OCR) o la pressione di precarico (POP).MANUALE DI RIFERIMENTO Creep = Modello di terreno compressibile interessato da creep. K0: La quinta colonna viene utilizzata per inserire il valore di K0 per tutti i singoli clusters. inserendo un valore negativo per K0 si reimposterà il valore di default. Risultati della generazione delle tensioni iniziali Dopo la generazione delle tensioni iniziali.Rock = Modello di roccia fratturata). Jnt.

appare una finestra di dialogo in cui si richiede all’utente di salvare i dati.PREPARAZIONE DELL’INPUT ispezionando il diagramma dei Plasic points (Punti in stato plastico). Quando è stato creato un nuovo modello che non sia stato ancora salvato. Il secondo comando può essere utilizzato anche per creare una copia di un modello precedentemente generato. il diagramma dei punti in stato plastico mostra molti 'cap points' blu. che può essere selezionato dal menu Stresses nel programma Output. il valore di K0 deve essere scelto più prossimo a 1. <Save as> e <No>) il programma Input viene chiuso e si avvia il programma Calculations. e tutti dati inseriti dopo una precedente azione di salvataggio verranno persi. è consigliabile eseguire uno 'step di calcolo plastico nullo'. i dati non saranno salvati. 3-83 . Cliccando il pulsante <Calculate> (Calcola) sulla barra degli strumenti. Per ritornare al programma Input. 3.0. si deve premere il pulsante Update (Aggiorna). come risultato appare la finestra di scelta file in cui può essere specificato il nome del file. per fare ciò si può utilizzare un nome di file esistente (premere semplicemente Yes) o utilizzare un nuovo nome (premere Save as). Se c’è un piccolo numero di punti in stato plastico. la definizione della situazione iniziale del modello agli elementi finiti è completa. Premendo il pulsante <Cancel> si chiuderà la finestra di dialogo.0). Se si utilizza il modello Hardening Soil o il modello Soft Soil e si definisce uno stato tensionale normalconsolidato (OCR = 1.10 AVVIARE I CALCOLI Con la generazione delle tensioni iniziali. Gli utenti non devono necessariamente preoccuparsi per questi punti di plasticizzazione poiché essi indicano soltanto uno stato tensionale normalconsolidato. dopo aver visionato i risultati della generazione delle tensioni iniziali. si deve digitare un nome di file in entrambi i comandi di salvataggio. Se il diagramma mostra molti punti in stato plastico rossi (Punti di Coulomb).0 e POP = 0. dopodiché si ritornerà alla modalità Initial conditions del programma Input. In tutti gli altri casi (<Save>. Premendo il pulsante No.

MANUALE DI RIFERIMENTO 3-84 PLAXIS Versione 8 .

è sufficiente specificare la situazione che deve essere raggiunta alla fine della fase di calcolo. PLAXIS consente di svolgere diversi tipi di calcolo agli elementi finiti. In molti casi. ciò viene fatto nel programma Calculations. ciò è necessario in quanto il comportamento non lineare del terreno richiede che le sollecitazioni vengano applicate per incrementi successivi (chiamati steps di carico). Ogni fase di calcolo è generalmente suddivisa in un numero di steps (passi) di calcolo. Consolidation. l’introduzione di un periodo di consolidazione. In PLAXIS. considera soltanto analisi di deformazione e distingue tra calcoli di tipo Plastic (Plastico). dal momento che un’analisi del moto di filtrazione è utilizzata solitamente per generare una distribuzione delle pressioni neutre da utilizzare come input per un’analisi di deformazione.4. I diversi tipi di calcolo sono illustrati nella Sezione 4.PLX). Nella pratica ingegneristica. Phi-c reduction) consentono opzionalmente di prendere in considerazione gli effetti dei grandi spostamenti. Il programma Calculations. procedure robuste ed automatiche sono dedicate alla suddivisione in adeguati steps di carico. in questo caso. in questo modo appare la finestra generale di selezione file che consente all’utente di cercare attraverso tutte le directory disponibili e selezionare il file di progetto di PLAXIS (*. I moti di filtrazione sono stati illustrati nel capitolo precedente dedicato al programma Input. esso contiene tutti gli strumenti per definire ed avviare i calcoli agli elementi finiti. La finestra di selezione consente una rapida selezione di uno dei quattro progetti più recenti. il calcolo del fattore di sicurezza. tuttavia.1 IL PROGRAMMA CALCULATIONS Questa icona rappresenta il programma Calculations. La selezione di un progetto non è necessaria se si clicca sul pulsante <Calculate> nella modalità Initial conditions del programma Input. 4. I primi tre tipi di calcolo (Plastic. la simulazione di uno stadio della costruzione. Consolidation (Analisi di consolidazione). l’utente deve selezionare il progetto per il quale si devono definire ed eseguire i calcoli. viene automaticamente 4-1 . analogamente. Phi-c reduction (Analisi di stabilità con il metodo della riduzione dei parametri di resistenza) e Dynamic (Dinamico).2. un processo di calcolo in PLAXIS è anch’esso suddiviso in fasi di calcolo. All’avvio del programma. un progetto è suddiviso in fasi esecutive.CALCOLI 4 CALCOLI Dopo la generazione del modello agli elementi finiti. si può utilizzare l’opzione <<<More files>>> (Altri files).. Esempi di fasi di calcolo sono l’attivazione di un particolare carico. Se si vuole selezionare un progetto che non appare nell’elenco. quest’ultima opzione richiede la presenza del PLAXIS Dynamics module. che è disponibile come un’estensione della Versione 8. ecc. può essere eseguito l’effettivo calcolo agli elementi finiti ed è pertanto necessario definire quale tipo di calcolo debba essere effettuato e quali tipi di sollecitazioni o fasi di costruzione debbano essere attivati durante i calcoli. Questa opzione è denominata Updated mesh (Mesh aggiornata) ed è disponibile fra le opzioni avanzate.

Figura 4. 4-2 PLAXIS Versione 8 . appare la finestra principale del programma di calcolo.3 e seguenti).MANUALE DI RIFERIMENTO selezionato il progetto corrente nel programma Calculations. Il significato di un particolare pulsante è visualizzato dopo che il puntatore sia stato posizionato su di esso. Tab sheets (Schede-parte superiore): Le schede sono utilizzate per definire e vedere in anteprima una fase di calcolo (Sezione 4. Dopo la selezione di un progetto. che contiene le seguenti voci (Figura 4. Tool bar (Barra degli strumenti): La barra degli strumenti contiene pulsanti che possono essere utilizzati come una scorciatoia ai comandi di menu. La maggior parte dei comandi sono disponibili anche sottoforma di pulsanti sulla barra degli strumenti.1 Finestra principale del programma Calculations Calculations menu (menu di calcolo): Il menu Calculations contiene tutti gli strumenti operativi del programma Calculations.1).

l’intervallo temporale. viene inserita una nuova fase.2 IL MENU CALCULATIONS Il menu principale del programma Calculations contiene sottomenu a tendina che contengono la maggior parte dei comandi per la gestione dei files. Ciascuna riga corrisponde ad una particolare fase. il numero della fase. (Esci) Per uscire dal programma. (Salva) Per salvare su disco la situazione corrente della lista di calcolo. (Directory di lavoro) Per impostare la directory nella quale verranno archiviati i progetti di PLAXIS. View (Visualizza). Il sottomenu Edit: Next phase (Fase successiva) Per evidenziare la fase successiva nella lista dei calcoli. Una fase di calcolo che sia stata selezionata per l’esecuzione è indicata da una freccia blu (→) davanti alla riga. per ognuna di essa la riga mostra la stringa di identificazione corrispondente. viene presentata la finestra di scelta file. il tipo di sollecitazione. 4-3 . Calculate (Calcola) ed Help (Aiuto). Edit (Modifica). (Stampa) Per stampare l’elenco delle fasi di calcolo. il numero di steps è vuoto. (progetti recenti) Per aprire rapidamente uno dei quattro progetti più recenti. può essere allargata trascinando verso il basso il margine inferiore della finestra principale del programma Calculations. ! Se la lista delle fasi di calcolo non è visibile o è troppo corta. la situazione delle pressioni neutre da utilizzare ed il primo e l’ultimo numero di step. se questa non esiste. Le fasi di calcolo terminate con successo sono indicate da un segno di 'visto' (√). Il sottomenu File: Open Save Print Work directory (recent projects) Exit (Apri) Per aprire un progetto per il quale si devono definire fasi di calcolo.CALCOLI List of calculation phases (Elenco delle fasi di calcolo-parte inferiore): Questo elenco fornisce una panoramica di tutte le fasi di calcolo di un progetto. 4. Il menu Calculations consiste nei sottomenu: File. il tipo di calcolo. e.le fasi che invece non sono terminate con successo sono indicate da una crocetta rossa (×). la definizione delle fasi di calcolo e la loro esecuzione. il numero della fase da cui partire. Se la fase non è stata ancora eseguita.

(Elimina fase) Per eliminare la fase o le fasi di calcolo selezionate. Parameters (Parametri) e Multipliers (Moltiplicatori) nella parte superiore della finestra. dopodiché appare una nuova riga. si deve premere il pulsante Next (Successiva). appena sopra l’elenco dei calcoli. Select points for curves (Seleziona punti per le curve) Per selezionare nodi e punti d’integrazione per la generazione delle curve carico-cedimento e dei percorsi di sollecitazione. 4. questo viene aggiunto alla finestra del Calculation manager. indicata come Initial phase con numero di fase 0. Premendo il pulsante <Invio> o il tasto <Tab> dopo 4-4 PLAXIS Versione 8 .3 DEFINIZIONE DI UNA FASE DI CALCOLO Si consideri un nuovo progetto per il quale non sia stata definita nessuna fase di calcolo. da cui possono essere controllati tutti i processi di calcolo attivi. il comando Next phase può essere selezionato dal menu Edit. Dopo l’introduzione della nuova fase di calcolo. La Initial phase è il punto di partenza per ulteriori calcoli.MANUALE DI RIFERIMENTO Insert phase Delete phase Copy to clipboard Select all (Inserisci fase) Per inserire una nuova fase di calcolo nella posizione della fase correntemente evidenziata. questa deve essere definita utilizzando le schede General (Generale). (Calcoli in cascata) Per selezionare un progetto per il quale deve essere avviato il processo di calcolo. è stata introdotta automaticamente una prima generica fase di calcolo. Il sottomenu View: Calculation manager (Gestore dei calcoli) Per avviare la finestra del Calculation manager. l’elenco dei calcoli contiene soltanto una riga. (Copia su blocco appunti) Per copiare la lista delle fasi di calcolo sul blocco degli appunti di Windows® (Clipboard). viene presentata la finestra di scelta file e dopo la selezione di un progetto. in questo caso. Per introdurre la prima fase di calcolo del progetto corrente. (Seleziona tutto) Per selezionare tutte le fasi di calcolo. Il sottomenu Calculate: Current project Multiple projects (Progetto corrente) Per avviare il processo di calcolo del progetto corrente. Quando è stato avviato il programma Calculations cliccando il pulsante <Calculate> nella modalità Initial conditions. In alternativa. questa riga rappresenta la situazione iniziale del progetto come definito nella modalità Initial conditions del programma Input.

per definire una fase di calcolo è necessario considerare soltanto pochi parametri. ciò significa che viene adottato lo stato dei clusters attivi. una nuova fase di calcolo viene definita alla fine della lista di calcolo utilizzando il pulsante Next.4. Dopo la conferma dell’operazione di eliminazione. in questo caso è richiesto che la fase successiva venga completamente ridefinita. il che semplifica l’input.CALCOLI ogni parametro di input. come indicato dal valore Start from. Oltre ad inserire fasi di calcolo è anche possibile eliminarne. la nuova fase partirà dai risultati della fase precedente nella lista. poiché le condizioni di partenza sono cambiate e questo può condizionare per le fasi che seguono.3. comunque. In generale. l’utente viene guidato attraverso tutti i parametri. La fase successiva. L’introduzione e la definizione di un’altra fase di calcolo può essere effettuata nello stesso modo visto sopra. Per default. Il processo di calcolo può essere avviato cliccando il pulsante <Calculate> sulla barra degli strumenti o. queste dovranno essere di nuovo specificate manualmente. selezionando il comando Current project nel menu Calculate. È possibile. 4-5 . Quando tutti i parametri sono stati impostati. 4.1). pertanto. inserire una nuova fase tra due fasi esistenti evidenziando la riga ove deve essere inserita la nuova fase e premendo il pulsante Insert (Inserisci). Si ottiene ciò selezionando la fase da eliminare e cliccando il pulsante Delete. delle condizioni idrauliche e dei moltiplicatori della fase precedente.1 INSERIMENTO ED ELIMINAZIONE DELLE FASI DI CALCOLO È necessario ricordare che se s’inseriscono o si eliminano fasi di calcolo. tutte le fasi il cui valore di Start from si riferiva alla fase eliminata saranno modificate automaticamente in modo che esse si riferiscano alla fase che precede quella eliminata. Se si desidera invece che la fase seguente parta dalla fase inserita allora lo si dovrà specificare manualmente modificando il parametro Start from phase nella scheda General (Sezione 4. In ogni caso è necessario ridefinire le fasi modificate. che originariamnete partiva dalla fase precedente. Maggiori dettagli sui vari parametri vengono forniti nelle sezioni seguenti. in alternativa. manterrà l’esistente valore di Start from e non partirà così automaticamente dalla fase appena inserita. Non è necessario definire necessariamente tutte le fasi prima di iniziare il processo di calcolo in quanto il programma consente di definire nuove fasi di calcolo anche dopo che le precedenti fasi siano state calcolate. la maggior parte di essi hanno un’impostazione di default. degli oggetti strutturali. l’utente può scegliere di definire un’altra fase di calcolo o di avviare il processo di calcolo. Prima di eliminare una fase si deve controllare quali delle fasi successive si riferiscono alla fase da eliminare nella colonna Start from. In generale. Le impostazioni per la fase inserita vanno definite in modo analogo alla definizione di una nuova fase introdotta alla fine dell’elenco. le condizioni di partenza per le fasi successive cambieranno a loro volta. dei carichi. poiché sono cambiate le condizioni di partenza.

1). Log info e Comments (Messaggi e commenti): La casella Log info mostra messaggi generati durante il calcolo agli elementi finiti ed è utilizzato dal programma allo scopo di annotare informazioni.2).4.2 Scheda General della finestra Calculations 4-6 PLAXIS Versione 8 .4 IMPOSTAZIONI GENERALI DI CALCOLO La scheda General viene usata per definire le impostazioni generali delle singole fasi di calcolo (Figura 4. La casella Comments (Commenti) può essere utilizzata dall’utente per scrivere dei commenti relativi ad una particolare fase di calcolo. Figura 4.MANUALE DI RIFERIMENTO 4.2). quel che più conta. per determinare l’ordine delle fasi di calcolo stabilendo quella cui ci si deve riferire come punto di partenza per il calcolo corrente (Sezione 4. Calculation type (Tipo di calcolo): La selezione fatta nel riquadro Calculation type determina il tipo di calcolo che verrà utilizzato (Sezione 4.4. Phase (Fase): Le voci nel riquadro Phase possono essere usate per identificare la fase di calcolo e.

le analisi di stabilità possono essere eseguite per i vari stadi di costruzione al termine del processo di calcolo.9). ma ciò richiede la presenza del PLAXIS Dynamics module disponibile come estensione della Versione 8. piuttosto che dai risultati dell’analisi di stabilità. Inoltre. che termina in una condizione di rottura. Plastic calculation (Calcolo plastico) Un calcolo di tipo Plastic deve essere selezionato per eseguire un’analisi di deformazione elasto-plastica in cui non sia necessario prendere in considerazione la 4-7 . qui è selezionata la fase precedente. Consolidation (Analisi di consolidazione) e Phi-c reduction (Analisi di stabilità con il metodo della riduzione dei parametri di resistenza).4. ove # è il numero della fase. per default. questo parametro si riferisce alla fase da cui deve partire la fase di calcolo corrente (essa è la fase di riferimento). Le analisi di stabilità in PLAXIS sono basate sul metodo Phi-c reduction (Riduzione dei parametri di resistenza. Se si definisce soltanto una singola fase di calcolo. La stringa di identificazione ed il numero della fase appaiono nell’elenco delle fasi di calcolo nella parte bassa della finestra.4. PLAXIS assegna automaticamente a ciascuna fase di calcolo un numero che non può essere modificato dall’utente. 4. il parametro Start from phase deve essere selezionato dal menu a tendina del riquadro Phase.CALCOLI 4. La stringa di identificazione è.2 TIPI DI CALCOLO Il tipo di calcolo (Calculation type) da adottare in una fase è innanzitutto definito nel menu a tendina in alto sul lato destro della scheda General. impostata su <Phase #>.1 IDENTIFICAZIONE ED ORDINAMENTO DELLE FASI Il riquadro Phase nella scheda General mostra il numero della fase ed una stringa di identificazione della fase di calcolo corrente. ma questa stringa può essere modificata dall’utente per assegnargli un nome più appropriato. Per default. purchè non venga scelta una fase successiva alla fase in oggetto. la fase di riferimento può anche essere una fase diversa. in questo caso i parametri Start from phase delle analisi di stabilità devono riferirsi alle rispettivi fasi di costruzione. Viene fatta una distinzione fra tre tipi fondamentali di calcolo: Plastic (Calcolo plastico). è in calcoli in cui viene considerata l’analisi del fattore di sicurezza per fasi di costruzione intermedie. Un altro esempio in cui l’ordine delle fasi non è semplice. anche successive fasi di calcolo possono partire dalla fase iniziale. Sezione 4. è disponibile nel menu a tendina il tipo Dynamic (Calcolo dinamico). lo stadio successivo deve partire dallo stadio di costruzione precedente. questo potrebbe essere il caso di differenti sollecitazioni o sequenze di carico che devono essere separatamente considerate nell’ambito dello stesso progetto. ma se più fasi di calcolo sono già state definite. In alternativa. Continuando il processo di costruzione. è ovvio che il calcolo deve partire dalla situazione così come è stata generata nelle Initial conditions del programma Input. Comunque. opzionalmente.

Considerando la rapida sollecitazione di terreni argillosi saturi. Durante un’analisi di consolidazione è anche possibile applicare dei carichi. per esempio. si deve effettuare un’analisi di consolidazione.MANUALE DI RIFERIMENTO dissipazione delle sovrappressioni neutre nel tempo. il calcolo viene eseguito in accordo con la teoria delle piccole deformazioni. riguardanti le analisi di consolidazione. è possibile un calcolo di costruzione per fasi nello stesso momento in cui si utilizza un’analisi di consolidazione. La matrice di rigidezza in un calcolo plastico normale è riferita alla geometria indeformata originaria. si può fare riferimento al Scientific Manual. Comunque. In generale. questa fornirà infatti una predizione accurata della situazione finale. Un’analisi perfettamente drenata può invece essere adoperata per stimare i cedimenti a lungo termine. tale processo è denominato Phi-c reduction ed è disponibile come un tipo di calcolo separato. inoltre le analisi di consolidazione possono essere eseguite nell’ambito della teoria delle grandi deformazioni. Phi-c reduction (Analisi di stabilità per riduzione dei parametri di resistenza) Un’analisi di stabilità in PLAXIS può essere eseguita riducendo i parametri di resistenza del terreno. Sebbene possa essere specificato un intervallo di tempo. PLAXIS consente di effettuare analisi di consolidazione elasto-plastiche. Consolidation analysis (Analisi di consolidazione) Quando è necessario analizzare l’evoluzione o la dissipazione delle sovrappressioni neutre nel tempo in terreni saturi di tipo argilloso. Se non è stata selezionata l’opzione Updated Mesh (Mesh aggiornata) nella finestra delle impostazioni generali avanzate. sebbene nel calcolo non venga simulata l’esatta storia tensionale ed il processo di consolidazione non sia esplicitamente considerato. poiché il processo d’iterazione potrebbe non convergere. Un’analisi di stabilità può essere eseguita dopo ogni singola fase di calcolo. un calcolo plastico può essere utilizzato per il caso limitato di comportamento perfettamente non drenato utilizzando l’opzione Undrained tra le caratteristiche dei materiali. si deve fare riferimento al Scientific Manual. un’analisi di consolidazione senza ulteriori sollecitazioni viene eseguita dopo un calcolo plastico non drenato. eccetto quando venga utilizzato il modello Soft Soil Creep (si veda il Material Models Manual). tuttavia si deve fare attenzione quando si analizza una condizione prossima alla rottura. Per maggiori dettagli sulle formulazioni teoriche. e quindi per ogni fase di costruzione. Si noti che alcune delle limitazioni di PLAXIS Versione 7. Phi-c reduction deve essere selezionato se si desidera calcolare un fattore di sicurezza globale per il problema in studio. sono state superate in questa versione. un calcolo plastico non tiene conto degli effetti del tempo. Per maggiori dettagli sulle formulazioni teoriche. si noti che la fase di Phi-c reduction non può essere utilizzata come 4-8 PLAXIS Versione 8 . Questo tipo di calcolo è appropriato nella maggior parte delle applicazioni pratiche di tipo geotecnico.

2). Un’analisi di tipo Updated Mesh è un calcolo in cui sono presi in considerazione gli effetti delle grandi deformazioni. il Phi-c reduction è uno speciale calcolo plastico. l’analisi dei carichi di collasso di grandi plinti sottomarini (offshore) e lo studio di progetti che coinvolgono terreni compressibili in cui si possono verificare grandi deformazioni. Consolidation analysis. In questo caso. La matrice di rigidezza in un’analisi con mesh aggiornata è riferita alla geometria deformata. in questo caso l’input di un incremento di tempo non è in genere rilevante.CALCOLI condizione di partenza per un’altra fase di calcolo perché termina con una condizione di rottura. prendendo in considerazione gli effetti delle grandi deformazioni. Per la maggior parte delle applicazioni gli effetti delle grandi deformazioni sono trascurabili. Maggiori informazioni su questo argomento sono disponibili nella Sezione 4. inoltre. Phi-c reduction) possono opzionalmente essere eseguiti come un’analisi di tipo Updated Mesh. al contrario. queste procedure di calcolo sono basate su un approccio conosciuto come formulazione lagrangiana aggiornata (Rif. la rigidezza viene calcolata all’inizio della fase di calcolo e mantenuta costante fino al suo completamento. Updated mesh analysis (Analisi con mesh aggiornata) I tre tipi fondamentali di calcolo (Plastic calculation. Questa opzione può essere selezionata utilizzando il pulsante Advanced nel riquadro Calculation type della scheda General. per cui non è necessario selezionare l’opzione avanzata Updated Mesh. Questo tipo di analisi può anche essere selezionato se le pressioni neutre devono essere continuamente ricalcolate in accordo all’aggiornata posizione dei punti d’integrazione. Quando si esegue un calcolo di tipo Phi-c reduction con modelli di terreno avanzati. Quando si esegue un’analisi di stabilità. è adottata una speciale definizione per gli incrementi di tensione che include termini relativi alle rotazioni.9. nessun carico può essere contemporaneamente incrementato. un calcolo normale può essere seguito da un calcolo con mesh 4-9 . il comportamento di questi sarà ridotto a quello del modello Mohr-Coulomb. ma ci sono circostanze nelle quali può essere necessario prendere in considerazione questi effetti. poiché nel calcolo saranno trascurati sia la dipendenza della rigidezza dallo stato tensionale sia l’incrudimento plastico. Per ulteriori dettagli sul processo Phi-c reduction si veda la Sezione 4. questa’ultima opzione è denominata Updated water pressures ed è intesa a prendere in considerazione gli effetti dell’abbassamento (parziale) del terreno al di sotto di un livello di falda costante.10. Si noti che un calcolo con mesh aggiornata non può essere seguito da un calcolo 'normale'. questo tipo di calcolo deve essere considerato quando ci si aspetta che le deformazioni influenzino in modo significativo la forma della geometria. Tipiche applicazioni sono l’analisi di struttture in terra rinforzata (tension stiffening). per questo motivo è consigliabile definire tutte le analisi di stabilità alla fine dell’elenco delle fasi di calcolo ed utilizzare il parametro Start from phase come riferimento per la fase di calcolo per la quale è stato calcolato il fattore di sicurezza. infatti.

La procedura iterativa è basata su un metodo delle tensioni iniziali accelerato. accuratezza ed efficienza. che stabilisce un equilibrio tra robustezza. Sono disponibili le seguenti procedure: Load advancement ultimate level (Livello ultimo dell’incremento di carico). In questo modo è possibile avere un controllo più rigoroso sulle dimensioni degli steps e sull’accuratezza. Si noti che un’analisi con mesh aggiornata richiede molto più tempo ed è meno robusta di un calcolo normale. se la dimensione dello step è troppo piccola.1). ciò significa che ogni fase di calcolo deve essere risolta in una serie di steps di calcolo (step o incrementi di carico). Le procedure automatiche d’incremento del carico sono controllate da un certo numero di parametri di controllo di calcolo (Sezione 4. Durante ogni incremento di carico.5 PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEGLI INCREMENTI DI CARICO Quando in un calcolo agli elementi finiti è implicata la plasticità dei terreni. In PLAXIS sono disponibili varie procedure per la soluzione di problemi di plasticità non lineare. purché venga utilizzata l’opzione Reset displacements to zero (Azzera gli spostamenti. quindi questa opzione deve essere adottata solo in casi particolari. le equazioni divengono non lineari. di solito circa cinque o dieci. Gli utenti non devono occuparsi della corretta scelta di queste procedure. se la dimensione dello step è troppo grande allora il numero delle iterazioni necessarie per raggiungere l’equilibrio può divenire eccessivo o la procedura di soluzione può anche divergere. poiché PLAXIS utilizzerà automaticamente da sé la procedura più appropriata per garantire la prestazione ottimale. d’altra parte. gli errori di equilibrio nella soluzione sono successivamente ridotti utilizzando una serie di iterazioni. Vi è una comoda impostazione di default per la maggior parte dei parametri.6). Gli utenti possono influenzare le procedure di soluzione automatica regolando manualmente i parametri di controllo.MANUALE DI RIFERIMENTO aggiornata. Prima di procedere alla descrizione dei parametri di controllo del calcolo. viene fornita una descrizione dettagliata delle procedure di soluzione stesse. allora sono necessari molti steps per raggiungere il livello di carico desiderato ed il tempo richiesto dal computer diventa eccessivo. tutte le procedure sono basate su una selezione automatica della dimensione dello step. Load advancement number of steps (Numero di steps dell’incremento di carico) ed Automatic time stepping (Incremento automatico del tempo). Se lo step di calcolo è della dimensione adatta.6. 4. il numero delle iterazioni richieste sarà relativamente piccolo. Una parte importante della procedura di soluzione non lineare è la scelta delle dimensioni degli steps e dell’algoritmo di soluzione da utilizzare. Sezione 4. 4-10 PLAXIS Versione 8 .

1 PROCEDURE AUTOMATICHE DEGLI STEPS PER IL DIMENSIONAMENTO Entrambe le procedure per l’incremento del carico (Load advancement ultimate level e Load advancement number of steps) fanno uso di un algoritmo automatico di dimensionamento degli steps (Riferimento 17). il Desired maximum è 10.5. in questo caso. La procedura automatica di dimensionamento degli steps per i calcoli successivi è descritta sotto.2) o manualmente dall’utente (Sezione 4. 4.5. la dimensione iniziale dello step di calcolo viene assunto uguale alla dimensione del precedente step efficacemente scelto. La procedura interrompe il calcolo quando viene 4-11 . Caso 3: Il numero di iterazioni richiesto si trova tra il Desired minimum ed il Desired maximum. vengono effettuate una serie di iterazioni per raggiungere l’equilibrio.CALCOLI 4. Quando viene applicato un nuovo step di carico. nel qual caso la dimensione dell’incremento di carico viene considerato soddisfacente. Per default. in questo caso. Per default.5. il Desired minimum è 4. valore che può essere modificato con l’opzione Manual setting (Impostazione manuale) in Iterative procedure (Procedura iterativa) della scheda Parameters (Parametri). Se la soluzione non converge entro il massimo numero di iterazioni desiderato. la dimensione dell’incremento di carico viene moltiplicato per due e vengono applicate ulteriori iterazioni per raggiungere l’equilibrio. valore che può essere modificato nel Manual setting della Iterative procedure nella scheda Parameters. la dimensione dell’incremento viene ridotto di un fattore due e la procedura d’iterazione prosegue.5. Dopo che siano state completate le iterazioni comincia il successivo step di calcolo.2 LOAD ADVANCEMENT ULTIMATE LEVEL (INCREMENTO DEL CARICO FINO AL LIVELLO ULTIMO) Questa procedura automatica di dimensionamento degli steps è utilizzata principalmente per fasi di calcolo in cui un certo 'stato' o livello di carico (lo 'stato ultimo' o il 'livello ultimo') debba essere raggiunto. allora lo step di calcolo viene considerato troppo piccolo. Ci sono tre possibili esiti di questo particolare processo: ∑ Caso 1: La soluzione raggiunge l’equilibrio entro un numero di iterazioni che è inferiore al parametro di controllo Desired minimum (Minimo desiderato). allora lo step di calcolo viene considerato troppo grande. Anche la grandezza del primo step di carico viene scelta automaticamente (Sezione 4.3). in funzione dell’algoritmo applicato. ∑ ∑ Se l’esito corrisponde al caso 1 o al caso 2 allora il processo di incremento o di riduzione della dimensione dello step continua finché non si verifica il caso 3. Caso 2: La soluzione non converge entro il numero di iterazioni specificato in Desired maximum (Massimo desiderato). Se per raggiungere lo stato di equilibrio sono richieste meno iterazioni del minimo desiderato.

MANUALE DI RIFERIMENTO raggiunto lo stato o il livello di carico specificato o quando viene identificata una rottura del terreno. Per default. il terreno collassa). si assume che si sia verificata la rottura quando il carico applicato si riduce in due successivi steps di calcolo. Nel riquadro Log info viene visualizzato il messaggio seguente: 'Prescribed ultimate state not reached. Un carico di collasso è stato raggiunto. Il calcolo procederà fino a quando viene soddisfatto uno dei tre seguenti criteri: ∑ Il carico totale specificato è stato applicato. In questo caso il carico totale specificato non è stato applicato. Generalmente viene adottato il primo metodo. È consigliabile ricalcolare la fase di calcolo con un maggiore numero di Additional steps. insufficienti steps di carico). Not enough load step' (Stato ultimo prescritto non raggiunto. In questo caso è probabile che il calcolo si sia fermato prima che sia stato applicato il carico totale specificato ed il seguente messaggio viene visualizzato nel riquadro Log info: 'Prescribed ultimate state not reached. Soil body collapses' (Stato ultimo prescritto non raggiunto. per esempio se il numero di steps di carico applicato nel precedente calcolo si è dimostrato insufficiente. il numero degli Additional steps (Incrementi o steps aggiuntivi) è impostato su 250. ∑ ∑ 4-12 PLAXIS Versione 8 . Il secondo metodo viene utilizzato soltanto se la sollecitazione applicata durante lo step corrente è simile a quella applicata durante il precedente step di carico. In questo caso la fase di calcolo è terminata con successo ed il seguente messaggio viene visualizzato nel riquadro Log info della scheda General: 'Prescribed ultimate state fully reached' (Stato ultimo prescritto completamente raggiunto). PLAXIS imposta lo step di calcolo iniziale uguale allo step di calcolo finale del rispettivo calcolo precedente. Un calcolo plastico in cui la modalità di carico (Loading input) é impostata su Staged construction o Total multipliers utilizza la procedura Load advancement ultimate level. Il numero massimo di steps di carico aggiuntivi specificato è stato utilizzato. poiché nella maggior parte dei casi il calcolo si arresta prima che sia raggiunto il numero di steps aggiuntivi. La dimensione del primo step di calcolo è ottenuta automaticamente utilizzando uno dei seguenti metodi: ∑ ∑ PLAXIS esegue uno step di calcolo di prova e determina un’adatta dimensione dello step sulla base della prova. ma questo parametro non riveste un ruolo importante. Una proprietà importante di questa procedura di calcolo consiste nel fatto che lo stato o i valori del carico totale da applicare sono specificati dall’utente.

3 LOAD ADVANCEMENT NUMBER OF STEPS (INCREMENTO DEL CARICO PER UN ASSEGNATO NUMERO DI STEPS) Questa procedura automatica di dimensionamento degli steps esegue sempre il numero di steps aggiuntivi specificati in Additional steps. il programma sceglierà intervalli di tempo più brevi. basato sull’intervallo di tempo minimo consigliato (overall critical time step) come descritto nella Sezione 4.CALCOLI 4. Il parametro First time step può essere modificato nella scheda Manual setting della Iterative procedure (Procedura iterativa). questa procedura sceglierà automaticamente gli incrementi (step) di tempo appropriati per un’analisi di consolidazione. in questo caso. Quando il calcolo procede agevolmente con pochissime iterazioni per step. il calcolo viene generalmente arrestato prima. il numero specificato di Additional steps è soltanto un limite superiore. il primo intervallo di tempo applicato è stabilito in base al parametro Time increment (Incremento di tempo) piuttosto che sul parametro First time step (Primo intervallo di tempo). viene sempre eseguito il numero specificato di step aggiuntivi (Additional steps). Se viene selezionata questa opzione. occorre avere cautela con gli intervalli di tempo più brevi dell’intervallo di tempo minimo consigliato. Non può essere determinato a priori quale livello di carico sarà stato applicato alla fine di un calcolo di questo tipo. dopo che è stato completato il primo step il programma utilizza l’algoritmo automatico standard per determinare la dimensione degli steps seguenti. questo algoritmo è. in questo caso. Un’analisi di stabilità per mezzo di un calcolo di tipo Phi-c reduction o di un calcolo di tipo Plastic in cui la modalità di carico (Loading input) è impostata su Incremental multipliers utilizza questa procedura. il calcolo non si fermerà quando saranno state raggiunte le condizioni di rottura. utilizzato per le fasi di calcolo in cui durante l’analisi si vorrebbe lasciare sviluppare un meccanismo di rottura. 4.5. In un’analisi di consolidazione. Questo parametro è. In un’analisi di consolidazione in cui la modalità di carico è impostata su Automatic pore pressures. quando sono state raggiunte altre condizioni. allora è necessario specificare la dimensione iniziale dello step. il primo step di calcolo è in generale stabilito in base al parametro First time step (Primo intervallo di tempo). 4-13 . In un’analisi di consolidazione in cui la modalità di carico (Loading input ) è impostata su Incremental multipliers (Moltiplicatori incrementali).6. Quando il calcolo utilizza molte iterazioni a causa dell’aumento continuo delle zone plasticizzate.1. allora il programma sceglierà un intervallo di tempo più ampio. Comunque. in generale.CONSOLIDAZIONE) Quando il parametro Calculation type (Tipo di calcolo) è impostato su Consolidation (Consolidazione) viene utilizzata la procedura Automatic time stepping (Incremento automatico del tempo). per default.5. Il calcolo procederà fino a quando sarà stato applicato il numero di step aggiuntivi (Additional steps). Al contrario delle procedure del tipo Ultimate level.4 AUTOMATIC TIME STEPPING (INCREMENTO AUTOMATICO DEL TEMPO .

di solito significa che il livello ultimo non è stato raggiunto.3). Per default. In generale.MANUALE DI RIFERIMENTO 4. Se viene selezionato un calcolo di tipo Plastic o un’analisi di tipo Consolidation e la modalità di carico è impostata su Staged construction.3 Scheda Parameters della finestra Calculations Se è selezionato un calcolo di tipo Plastic o un’analisi di tipo Consolidation e la modalità di carico è impostata su Incremental multipliers. il parametro Additional steps è impostato su 4-14 PLAXIS Versione 8 . Total multipliers oppure su Minimum pore pressure. che è in generale sufficiente per completare la fase di calcolo. questa scheda contiene le seguenti voci: Additional steps (Step aggiuntivi) Questo parametro specifica il massimo numero di steps di calcolo (step di carico) che vengono eseguiti in una particolare fase di calcolo. allora il valore Additional steps è un limite superiore dell’effettivo numero di steps che verranno eseguiti.6 PARAMETRI DI CONTROLLO DEL CALCOLO La scheda Parameters (Parametri) è utilizzata per definire i parametri di controllo di una particolare fase di calcolo e la corrispondente procedura di soluzione (Figura 4. viene sempre eseguito esattamente il numero di steps aggiuntivi. Se un calcolo del genere raggiunge il massimo numero di steps aggiuntivi. in questo caso. il parametro Additional steps è impostato su 250. Figura 4. Per default. si richiede che un calcolo di questo tipo sia completato entro il numero di steps aggiuntivi e che si arresti in accordo al primo o al terzo criterio come descritto nella Sezione 4.2 ('Prescribed ultimate state reached' o 'Soil body collapses'). tuttavia questo numero può essere modificato entro l’intervallo compreso tra 1 e 1000. allora il numero di Additional steps deve essere impostato su un numero intero che rappresenta il numero di steps richiesto per questa fase di calcolo.5.

L’uso della procedura Gravity loading con un materiale non drenato condurrà alla generazione di sovrappressioni neutre non realistiche. 4-15 . le deformazioni dovute alla procedura Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità) non hanno alcun significato fisico. la selezione dell’opzione non influenza il campo di tensioni. il comportamento di tutti i clusters non drenati è considerato drenato. Le sovrappressioni neutre esistenti che erano state precedentemente generate rimarranno tali. eccetto il parametro Additional steps che in questo caso è. Delete intermediate step (Cancella gli steps intermedi) Questa opzione è selezionata per default in modo da risparmiare spazio su disco. ma questo numero può essere modificato nell’intervallo compreso tra 1 e 1000. vengono cancellati quando una fase di calcolo è stata terminata con successo. L’opzione Ignore undrained behaviour non è disponibile per le analisi di consolidazione. in modo che il nuovo calcolo parta da un campo di spostamenti nullo. Come risultato. questa opzione può essere scelta in una fase successiva alla Gravity loading per rimuovere questi spostamenti. Ignore undrained behaviour (Ignora comportamento non drenato) Questa opzione deve essere selezionata se si desidera escludere temporaneamente gli effetti del comportamento non drenato. per esempio.CALCOLI 250. ma in questa particolare fase di calcolo non verranno generate nuove sovrappressioni neutre. poiché questo tipo di analisi non tiene conto del parametro Material type (drenato o non drenato) come specificato tra le caratteristiche dei materiali. eccetto l’ultimo. Reset displacements to zero (azzeramento degli spostamenti) Questa opzione deve essere selezionata quando debbano essere trascurati gli spostamenti di precedenti steps di calcolo prima dell’inizio della fase di calcolo corrente. Le tensioni dovute al peso proprio del terreno. impostato su 30. sono basate su un processo di lungo termine in cui lo sviluppo delle pressioni neutre è irrilevante. quindi durante questo calcolo preliminare. lo stesso si applica ad un calcolo di tipo Phi-c reduction. per esempio. in problemi in cui per il terreno si è adottato un materiale di tipo non drenato (il parametro Material type è impostato su Undrained). In generale lo step finale di output contiene i risultati più rilevanti della fase di calcolo. per default. quindi. L’opzione Ignore undrained behaviour (Ignora comportamento non drenato) consente all’utente di specificare sin dall’inizio il tipo di materiale come non drenato per gli stadi di sollecitazione principali e di ignorare il comportamento non drenato durante la fase di incremento della gravità (Gravity loading). tutti gli steps di output aggiuntivi nell’ambito della fase di calcolo. Se l’opzione Reset displacements to zero non è selezionata gli spostamenti incrementali avvenuti nella fase di calcolo corrente verranno aggiunti a quelli della fase precedente. Selezionando tale opzione tutti i clusters di materiali non drenati divengono temporaneamente drenati.

se lo si desidera. Questi parametri possono essere impostati nel riquadro Iterative procedure. come mostrato in Figura 4. comunque. si apre una finestra di dialogo in cui sono visualizzati i parametri di controllo con i loro valori correnti (Figura 4.6. sono influenzate da alcuni parametri di controllo.4 Finestra dei parametri di controllo della procedura iterativa Tolerated error (Errore tollerato) In ogni analisi non lineare in cui sia utilizzato un numero finito di steps di calcolo ci sarà qualche scostamento dalla soluzione esatta. è possibile o anche necessario modificare l’impostazione standard.MANUALE DI RIFERIMENTO invece gli steps intermedi sono meno importanti. In alcune situazioni. Figura 4. In questo caso l’utente deve selezionare Manual setting (Impostazione manuale) e cliccare il pulsante Define (Definisci) nel riquadro Iterative procedure.5. indipendentemente dalla selezione dell’opzione Delete intermediate step. 4. Lo scopo di un 4-16 PLAXIS Versione 8 .4). Se una fase di calcolo non termina con successo tutti gli steps di calcolo vengono conservati. PLAXIS ha la possibilità di adottare per questi parametri una impostazione standard (Standard setting) che nella maggior parte dei casi consente buone prestazioni delle procedure iterative. l’opzione Delete intermediate step può essere deselezionata per conservare tutti gli steps intermedi. ciò consente un’accurata valutazione della causa del problema. Agli utenti che non hanno familiarità con l’influenza dei parametri di controllo delle procedure iterative si consiglia di selezionare la Standard setting.1 PARAMETRI DI CONTROLLO DELLE PROCEDURE ITERATIVE Le procedure iterative ed in particolare le procedure di incremento del carico.

In generale. l’impostazione standard di 0. sia localmente che globalmente. il calcolo sarà relativamente rapido ma può risultare poco accurato. In questi casi il calcolo deve essere ripetuto utilizzando un valore più basso dell’errore 4-17 . Se viene adottato un basso valore di errore tollerato il tempo di calcolo del computer può divenire eccessivo. rimangano entro limiti accettabili (Sezione 4. Nell’ambito di ogni step.17).6 Processo di iterazione con (a) e senza (b) sovrarilassamento Se un calcolo plastico fornisce carichi di rottura che tendono a ridursi inaspettatamente con l’aumentare degli spostamenti. Se l’errore tollerato è impostato su un valore alto. I limiti di errore adottati in PLAXIS sono strettamente legati al valore del Tolerated error. il programma di calcolo continua ad effettuare iterazioni finché gli errori calcolati non siano minori del valore specificato. load numerical solution exact solution displacement Figura 4.03 è adatta per la maggior parte dei calcoli. questa è una possibile indicazione di un eccessivo scostamento dei risultati forniti dagli elementi finiti rispetto alla soluzione esatta.5 Confronto tra soluzione calcolata e soluzione esatta load load over relaxation = 1 over relaxation > 1 (a) displacement (b) displacement Figura 4.CALCOLI algoritmo di soluzione è di assicurare che gli errori di equilibrio.

MANUALE DI RIFERIMENTO tollerato. Per ulteriori dettagli sulle procedure di controllo dell’errore utilizzate in PLAXIS si veda la Sezione 4.17.

Over-relaxation (Rilassamento)
Per ridurre il numero delle iterazioni necessarie per la convergenza, PLAXIS fa uso di una procedura di rilassamento come indicato in Figura 4.6. Il parametro che controlla il grado di rilassamento è il fattore Over-relaxation; il valore del limite superiore teorico è 2,0, ma questo valore non deve mai essere utilizzato. Per angoli di attrito bassi, per esempio j'<20°, un fattore di rilassamento di circa 1,5 tende ad ottimizzare la procedura iterativa. Se il problema riguarda terreni con angoli di attrito più alti, tuttavia, può essere richiesto un valore più basso; l’impostazione standard di 1,2 è accettabile nella maggior parte dei calcoli.

Maximum iterations (Massimo numero di iterazioni)
Questo valore rappresenta il massimo numero di iterazioni ammesso in un solo step di calcolo. In generale, la procedura di soluzione restringerà il numero di iterazioni eseguite. Questo parametro è richiesto solo per assicurare che il tempo di calcolo del computer non divenga eccessivo a causa di errori nei parametri di calcolo. Il valore standard del parametro Maximum iterations è 50, ma questo numero può essere modificato entro l’intervallo compreso tra 1 e 100. Se viene raggiunto il numero massimo ammissibile di iterazioni nell’ultimo step di una fase di calcolo, allora il risultato finale può essere poco accurato. Se è questo il caso allora il messaggio 'Maximum iterations reached in final step' (Numero massimo di iterazioni raggiunto nell’ultimo step) viene visualizzato nel riquadro Log info della scheda General. Una situazione simile avviene occasionalmente quando il processo di soluzione non converge; questo può essere dovuto a varie cause, ma nella maggior parte dei casi è indice di un errore di input.

Desired minimum e Desired maximum (Minimo e massimo desiderati)
Se viene selezionato un calcolo di tipo Plastic o un’analisi di tipo Phi-c reduction come tipo di calcolo, PLAXIS farà uso di un algoritmo automatico di dimensionamento degli steps (Load advancement utlimate level o Load advancement number of steps). Questa procedura è controllata dai due parametri Desired Minimum e Desired maximum, specificando rispettivamente il numero minimo e massimo di iterazioni desiderato per ogni step. I valori standard di questi parametri sono 4 e 10 rispettivamente, ma questi numeri possono essere modificati nell’intervallo compreso tra 1 e 100. Per dettagli sulle procedure di dimensionamento automatico degli steps si veda da Sezione 4.5.1 a Sezione 4.5.3. È a volte necessario che l’utente regoli i valori del minimo e del massimo desiderato. Per esempio, capita che la procedura automatica di dimensionamento degli steps generi steps troppo ampi per fornire una regolare curva carico-spostamento. Questo è spesso il

4-18

PLAXIS Versione 8

CALCOLI caso in cui vengono modellati terreni con angoli di attrito molto bassi. Per generare una risposta carico-spostamento più regolare, in questi casi, i calcoli devono essere ripetuti con valori più piccoli per questi parametri, per esempio: Desired minimum = 3 Desired maximum = 7 Se gli angoli attrito sono relativamente alti o se vengono utilizzati modelli di terreno di ordine superiore, può essere appropriato aumentare il minimo e massimo desiderati rispetto al loro valore standard per ottenere una soluzione senza l’uso di un tempo computazionale eccessivo; in questi casi si suggeriscono i seguenti valori: Desired minimum = 7 Desired maximum = 15 In questo caso si raccomanda di aumentare il parametro Maximum iterations a 75.

Arc-length control
La procedura Arc-length control è selezionata per default in un calcolo di tipo Plastic o in un calcolo di tipo Phi-c reduction per ottenere carichi di rottura attendibili in calcoli a carico controllato (Riferimento bibliografico 9). La procedura Arc-length control non è disponibile per analisi di tipo Consolidation.
load step 3 step 3 load arc

step 2

step 2

step 1 load control

step 1 arc-length control

(a)

displacement

(b)

displacement

Figura 4.7 Procedura iterativa per il normale controllo di carico (a) e con arc-length control (b) La procedura iterativa adottata quando non è selezionata l’opzione Arc-length control è mostrata in Figura 4.7b per il caso in cui si stia valutando il carico di rottura. Nel caso mostrato, l’algoritmo non convergerà. Se viene selezionata l’opzione Arc-length control, comunque, il programma valuterà automaticamente la frazione di carico esterno che deve essere applicata per raggiungere la rottura come mostrato in Figura 4.7b. Arc-length control viene attivato selezionando la corrispondente casella di controllo nella finestra dei parametri di controllo della procedura iterativa. La procedura Arclength control dovrebbe essere usata per calcoli a carico controllato ma potrebbe essere disattivata per calcoli a spostamenti controllati. Se si utilizzano Incremental multipliers

4-19

MANUALE DI RIFERIMENTO (Moltiplicatori incrementali) come modalità di carico, l’arc-length control influenzerà gli incrementi di carico; pertanto gli incrementi di carico applicati durante il calcolo saranno generalmente minori di quelli prescritti all’avvio dell’analisi. ! L’uso di Arc-length control causa occasionalmente cadute di carico spontanee (cioè improvvisi cambi di segno degli incrementi di spostamento e carico) che si verificano quando il terreno è lontano dalle condizioni di rottura. Se ciò accade, si consiglia all’utente di deselezionare Arc-length control e riavviare il calcolo. Si noti che se Arc-length control è deselezionato e si sta verificando la rottura, possono verificarsi problemi di convergenza.

First time step (primo incremento di tempo)
Il First time step è l’incremento di tempo utilizzato nel primo step di un’analisi di consolidazione, tranne nel caso in cui come modalità di carico si usa la procedura Incremental multipliers. Per default, il primo incremento di tempo è uguale all’intervallo di tempo critico complessivo, come descritto di seguito. È necessario fare attenzione con intervalli di tempo che siano minori dell’intervallo minimo consigliato. Come per la maggior parte delle procedure d’integrazione numerica, l’accuratezza aumenta se si riduce l’intervallo di tempo, ma per la consolidazione vi è un valore soglia. Al di sotto di un particolare intervallo di tempo (intervallo di tempo critico) l’accuratezza decresce rapidamente. Per la consolidazione monodimensionale (flusso verticale) lo step di tempo critico Dtcritical è calcolato come:

Dtcritical =

H 2g w (1 - 2n )(1 + n ) 80 k y E (1 - n )
H 2g w (1 - 2n )(1 + n ) 40 k y E (1 - n )

(triangoli a 15 nodi)

Dtcritical =

(triangoli a 6 nodi)

In cui gw è il peso dell’unità di volume del fluido interstiziale, n è il coefficiente di Poisson, ky è la permeabilità verticale, E è il modulo elastico di Young, ed H è l’altezza dell’elemento utilizzato. Meshes dense consentono intervalli di tempo più piccoli rispetto a meshes grossolane. Nel caso di meshes non strutturate con varie dimensioni degli elementi o nel caso di terreno stratificato e quindi di differenti valori di k, E e n, la formula fornisce diversi valori dello step di tempo critico. Per sicurezza, l’intervallo di tempo non deve essere minore del massimo valore degli intervalli di tempo critico di tutti i singoli elementi. In un’analisi di consolidazione l’intervallo di tempo critico complessivo viene automaticamente adottato come First time step. Per un’introduzione al concetto di intervallo di tempo critico, si rimanda il lettore al Riferimento bibliografico 19. Informazioni dettagliate per i vari tipi di elementi finiti vengono fornite dal Riferimento bibliografico 15.

4-20

PLAXIS Versione 8

CALCOLI

Extrapolation (Estrapolazione)
La Extrapolation è una procedura numerica automaticamente utilizzata in PLAXIS nel caso in cui un tipo di carico che è stato applicato in un certo step di calcolo è applicato anche nello step successivo; in questo caso, la risposta in termini di spostamenti al precedente incremento di carico può essere utilizzata come stima iniziale della risposta per il nuovo incremento di carico; sebbene la prima stima non sia generalmente esatta (a causa del comportamento non lineare del terreno), la soluzione è di solito migliore di quella che si basa sul metodo delle tensioni iniziali (metodo basato sull’uso della matrice di rigidezza elastica) (Figura 4.8). Dopo la prima iterazione, le successive sono basate sulla matrice di rigidezza elastica, come nel metodo delle tensioni iniziali (Riferimento bibliografico 20). Ciò nonostante, utilizzando il parametro Extrapolation il numero totale di iterazioni necessarie per raggiungere l’equilibrio è minore di quello necessario senza l’uso di estrapolazione. La procedura di estrapolazione è particolarmente utile quando il terreno è fortemente plasticizzato.
load load

without extrapolation

with extrapolation

(a)

displacement

(b)

displacement

Figura 4.8 Differenza tra predizione elastica (a) ed estrapolazione dallo step precedente (b) 4.6.2 LOADING INPUT (MODALITÁ DI CARICO)

Il riquadro Loading input viene utilizzato per specificare quale tipo di modalità di carico deve essere considerata in una particolare fase di calcolo. In una fase di calcolo può essere attivato soltanto una delle modalità di carico descritte. In calcoli di tipo Plastic, si fa distinzione tra le seguenti modalità di carico: ∑ Carico inteso come modificazione della combinazione di carico, dello stato tensionale, del peso, della resistenza o della rigidezza degli elementi, ottenuto modificando la configurazione del carico e della geometria o la distribuzione delle pressioni neutre per mezzo di Staged construction (Costruzione per fasi). In questo caso, il livello totale di carico che deve essere raggiunto al termine della fase di calcolo viene definito specificando una nuova configurazione geometrica e di

4-21

ottenuto modificando i Total multipliers (Moltiplicatori totali). il livello totale di carico che deve essere raggiunto al termine della fase di calcolo è definita inserendo i valori dei Total multipliers nella scheda Multipliers. Carico inteso come incremento o decremento di una predefinita combinazione di forze esterne. È necessario specificare un valore per il parametro Time interval. Per default. sono disponibili le seguenti opzioni: ∑ Consolidazione e simultaneo carico. inteso come incremento o decremento di una predefinita combinazione di forze esterne. In questo caso. stato tensionale. ∑ Quando si seleziona Phi-c reduction è disponibile soltanto l’opzione Incremental multipliers. L’input di Time interval (Intervallo di tempo) non è applicabile in questo caso poiché non può essere determinato a priori quanto tempo sia necessario per soddisfare il requisito di pressione neutra minimo. È necessario specificare un valore per il parametro Time increment espresso nell’unità di tempo. Consolidazione e simultaneo carico. Il primo incremento di tempo applicato è stabilito in base al parametro First time step nella finestra Calculations control parameters. ottenuta modificando il carico e la configurazione geometrica o la distribuzione delle pressioni neutre per mezzo di Staged construction. In un’analisi di tipo Consolidation. In questo caso. e questo carico viene proseguito negli steps seguenti. ma questo valore può essere modificato dall’utente. ottenuto modificando il parametro Incremental multipliers. specificato dal parametro P-stop. Consolidazione senza sollecitazioni aggiuntive finché tutte le sovrappressioni neutre non siano diminuite al di sotto di un certo valore minimo. ha il significato di periodo di consolidazione totale applicato nella corrente fase di calcolo. che in questo caso. Il Time increment imposta in questo caso il primo intervallo di tempo applicato e determina la velocità di carico.7). si deve selezionare l’opzione Staged construction. ottenuto modificando gli Incremental multipliers (Moltiplicatori incrementali).MANUALE DI RIFERIMENTO carico. peso proprio. Il primo incremento di tempo applicato è stabilito in base al parametro First time step nella finestra Calculations control parameters. e/o distribuzione delle pressioni neutre. il primo incremento di carico è definito inserendo i valori degli Incremental multipliers nella scheda Multipliers. resistenza o rigidezza degli elementi. Anche se si desidera consentire un certo periodo di consolidazione senza sollecitazioni aggiuntive. ∑ Carico inteso come incremento o decremento di una predefinita combinazione di forze esterne. nella modalità Staged construction (Sezione 4. P-stop è impostato su 1 unità di tensione. inteso come modifica della combinazione di carichi. Si noti che il parametro P-stop è espresso in valore assoluto e si applica sia a pressioni positive che a pressioni negative. la ∑ ∑ 4-22 PLAXIS Versione 8 .

0. può essere necessario dividere il processo di costruzione per fasi in più di una fase di calcolo e specificare un valore intermedio di ΣMstage. configurazione di carico e distribuzione delle pressioni neutre. Poiché la costruzione per fasi è effettuata utilizzando la procedura Load advancement ultimate level (Sezione 4. Come risultato. 4-23 .CALCOLI configurazione di forze esterne corrente ed i valori dei moltiplicatori incrementali nella scheda Multipliers. Per ottenere ciò si clicchi il pulsante Advanced. essa è controllata da un moltiplicatore totale (Σmstage). Il valore appropriato può essere inserito nel riquadro Loading input della scheda Parameters. purché prima non si verifichi un meccanismo di rottura o uno scarico tensionale. In alcune situazioni particolari. Calcoli di questo tipo devono sempre essere seguiti da un altro calcolo di costruzione per fasi. comunque. Tuttavia. poiché a questo corrisponde una forza risultante squilibrata.0 alla fine di ogni fase di calcolo. livello di carico. appare una finestra di dialogo in cui può essere specificato il livello ultimo attraverso ΣMstage.0. Questo può essere verificato dopo un calcolo selezionando l’opzione Reached values (Valori raggiunti) nella scheda Multipliers (Sezione 4.5. Questo nuovo stadio può essere definito premendo il pulsante Define (Definisci) e modificando la geometria. l’utente può specificare i moltiplicatori che sono applicati alla corrente configurazione di carichi esterni. Il carico effettivo applicato alla fine della fase di calcolo è il prodotto del valore di input del carico e del corrispondente moltiplicatore di carico. si deve fare attenzione quando si fissa un valore ultimo minore di 1.2). Un valore diverso da zero è rilevante soltanto nel caso di analisi di consolidazione o se viene utilizzato il modello Soft Soil Creep (si veda il Material Models Manual). l’utente può specificare un nuovo stato che deve essere raggiunto alla fine della fase di calcolo. L’opzione Staged construction può anche essere utilizzata per eseguire uno step di calcolo plastico nullo (nil-step) per risolvere le forze squilibrate esistenti. Il Time interval è espresso nell’unità di tempo.8. i valori di input dei carichi. che è disponibile soltanto per un calcolo Plastic. deve essere considerato il Time interval (Intervallo di tempo) della fase di calcolo. la configurazione di carico e la distribuzione delle pressioni neutre nella modalità Staged construction. Questo moltiplicatore generalmente parte dal valore zero e si presume che raggiunga il valore ultimo di 1. non si deve introdurre alcuna modifica nella geometria.2). Total multipliers (Moltiplicatori totali) Se l’opzione Total multipliers (Moltiplicatori totali) viene selezionata nella casella Loading input. In questo caso. Staged construction (Costruzione per fasi) Se si seleziona Staged construction (Costruzione per fasi) nella casella Loading input. Prima di avviare ogni altro tipo di calcolo il parametro ΣMstage deve prima aver raggiunto il valore di 1. Prima di specificare lo stadio di costruzione.

che è una somma di tutti gli intervalli di tempo delle fasi di calcolo precedenti incluso quella corrente. Incremental multipliers (Moltiplicatori incrementali) Selezionare Incremental multipliers (Moltiplicatori incrementali) nella casella Loading input consente all’utente di specificare i moltiplicatori incrementali di carico che sono applicati alla corrente configurazione dei carichi esterni. il Time interval del calcolo può essere specificato nel riquadro Loading input della scheda Parameters. L’incremento di tempo è espresso nell’unità di tempo definita nella finestra delle General settings del programma Input. La combinazione dei moltiplicatori totali e dell’intervallo di tempo determina la velocità di sollecitazione applicata durante il calcolo. Rigorosamente. quando il massimo della sovrappressione ha raggiunto un certo valore durante l’applicazione del carico.consolidazione) Questa opzione di consolidazione coinvolge un criterio extra per terminare l’analisi. Time interval è il tempo coinvolto nella corrente fase di calcolo. che è il tempo totale che è stato effettivamente raggiunto al termine della fase di calcolo. in questo caso il numero di Additional steps (Step aggiuntivi) è un numero massimo che non verrà raggiunto se prevale l’altro criterio. Oltre al Time interval. In questo caso l’altro criterio è una pressione neutra minima prescritta P-stop. Il calcolo si arresta quando il massimo assoluto della sovrappressione si trova al di sotto del prescritto valore P-stop. Minimun pore pressure (Pressione neutra minima . Se la fase di calcolo è stata eseguita. Il grado di consolidazione è un’indicazione importante dello stato di consolidazione. al termine della fase di calcolo viene dato il valore Estimated end time (Istante finale stimato). viene invece fornito il Realised end time (Istante finale effettivo). se essa è attiva. questo è rilevante soltanto per un’analisi di consolidazione o se è adottato il modello Soft Soil Creep. Si noti che gli incrementi di carico risultanti nel primo step di calcolo saranno influenzati dalla procedura Arc-length control. L’incremento di carico inizialmente applicato nel primo step della fase di calcolo è il prodotto del valore di input del carico e del corrispondente moltiplicatore incrementale. può essere inserito il Time increment nella casella Loading input della scheda Parameters. Prima di inserire l’incremento di un carico esterno. sebbene il termine è spesso utilizzato per descrivere la parte di 4-24 PLAXIS Versione 8 . Un valore diverso da zero è rilevante soltanto se viene utilizzato il Soft Soil Creep model. l’utente può assicurarsi che il processo di consolidazione venga proseguito finché tutti i valori nodali delle sovrappressioni non siano minori di Pstop. Per esempio. il grado di consolidazione x è definito in termini di proporzione del cedimento finale. espressa nell’unità di tempo specificata nella finestra General settings del programma Input. La combinazione dei moltiplicatori incrementali e dell’incremento di tempo determina la velocità di sollecitazione che è applicata dal calcolo.MANUALE DI RIFERIMENTO Prima di specificare i carichi esterni.

Estimated end time (Incremento di tempo. Il significato dei vari parametri legati al tempo è descritto sotto: ∑ ∑ ∑ ∑ Time increment è l’incremento di tempo considerato in un singolo step (il primo step) della fase di calcolo corrente. Un adatto valore di P-stop può essere determinato dall’espressione: P-stop = Pmax (100-x)% Per esempio.CALCOLI sovrappressione neutra che si è dissipata ad almeno il (100-x)% del loro valore iniziale manifestato immediatamente dopo la sollecitazione.2). l’appropriato valore di P-stop è un decimo di Pmax. istante finale stimato): Questi parametri controllano il progredire del tempo durante i calcoli. i clusters di volume o gli oggetti strutturali definiti durante l’input della geometria. questo parametro è stimato in base al Time interval della fase corrente ed al Realised end time o Estimated end time della fase precedente. La Staged construction consente un’accurata e realistica simulazione di varie sollecitazioni. STAGED CONSTRUCTION (COSTRUZIONE PER FASI) 4. Time increment. l’opzione può anche essere utilizzata per riassegnare 4-25 . Estimated end time è una stima del tempo cumulato alla fine della fase che deve essere calcolata. per consolidare al 90%. istante finale effettivo. questo parametro. viene mostrato nella scheda Multipliers della fasi di calcolo precedente quando si seleziona l’opzione Reached values (Sezione 4. è necessario determinare il massimo assoluto delle sovrappressioni neutre immediatamente dopo la sollecitazione. Realised end Time. Tutti i parametri legati al tempo sono espressi nell’unità di tempo definita nella scheda Dimensions della finestra General settings. L’opzione Minimum pore pressure (Pressione neutra minima) può essere utilizzata per specificare il grado di consolidazione finale in ogni analisi. Per specificare un valore appropriato della pressione neutra minima P-stop. processi di costruzione e di scavo. Con questa speciale funzionalità di PLAXIS è possibile modificare la configurazione geometrica e di carico disattivando o riattivando i carichi. Time interval. Pmax.8.7 L’opzione Staged construction (Costruzione per fasi) è la più importante tra le opzioni del riquadro Loading input. intervallo di tempo. Time interval è il periodo di tempo totale considerato nella fase di calcolo corrente. Realised end time è il tempo cumulato effettivo al termine di una fase di calcolo. Un valore diverso da zero per i parametri Time increment o Time interval è rilevante soltanto quando viene eseguita un’analisi di consolidazione o quando si utilizzano modelli costitutivi del terreno funzioni del tempo (come il modello Soft Soil Creep).

Dopo aver cliccato il pulsante Define (Definisci). inoltre viene aggiornato un parametro che rappresenta la parte attiva della geometria (ΣMarea). Il passaggio tra le due modalità Water conditions e Geometry configuration può essere effettuato utilizzando il 'selettore' sulla barra degli strumenti.0).1). Allo stesso modo dalla finestra Staged construction non è possibile avviare la modalità Geometry creation del programma Input. Gli oggetti che non sono richiesti all’inizio del calcolo devono essere disattivati nella configurazione geometrica iniziale al termine del programma Input (Sezione 3. clusters di terreno ed oggetti strutturali e per riassegnare caratteristiche dei materiali ai clusters ed agli oggetti strutturali. il moltiplicatore che controlla il processo di costruzione per fasi (ΣMstage) viene incrementato da zero al livello ultimo (generalmente 1. può quindi essere definita la successiva fase di calcolo o essere avviato il processo di calcolo. Una volta che sia stata definita la nuova situazione. Per eseguire un calcolo secondo una costruzione per fasi. Durante un calcolo di costruzione per fasi. La modalità Geometry configuration può essere utilizzata per attivare o disattivare sollecitazioni. Questa finestra è simile alla finestra Initial conditions (Condizioni iniziali). l’opzione Staged construction può essere selezionata nella casella Loading input. la finestra Staged construction consiste di due differenti modalità: la modalità Geometry configuration (Configurazione della geometria) e la modalità Water conditions (Condizioni idrauliche). Staged construction consente il pretensionamento degli ancoraggi. La modalità Water conditions può essere utilizzata per generare una nuova distribuzione in base all’input di un nuovo insieme di livelli di falda o di un’analisi del moto di filtrazione utilizzando un nuovo insieme di condizioni al contorno. si deve premere il pulsante Update per conservare le informazioni e ritornare al programma Calculations.9. oltre a queste caratteristiche.MANUALE DI RIFERIMENTO le caratteristiche ai materiali o per modificare la distribuzione della pressione neutra nella geometria. Nella scheda Parameters. tali forze sono accuratamente applicate alla mesh agli elementi finiti utilizzando la procedura Load advancement ultimate level. viene avviato il programma Input ed appare la finestra Staged construction. con l’eccezione che non possono essere attivate le opzioni che sono significative soltanto per le condizioni iniziali (come la K0-procedure). Un’analisi di tipo Staged construction può essere eseguita in un calcolo di tipo Plastic così come in un’analisi di tipo Consolidation. D’altra parte. è dapprima necessario definire un modello geometrico che includa tutti gli oggetti che devono essere utilizzati durante il calcolo. 4-26 PLAXIS Versione 8 . Modifiche alla configurazione geometrica o alle condizioni idrauliche causano in generale l’insorgere di forze squilibrate. in questa finestra sono disponibili opzioni specifiche per la costruzione per fasi. In un modo simile a quanto visto per la finestra delle condizioni iniziali.

appare una finestra di selezione da cui può essere selezionato l’oggetto desiderato.1 MODIFICA DELLA CONFIGURAZIONE GEOMETRICA Proprio come per la configurazione iniziale della geometria. ∑ In ogni caso. Cliccando una volta su un oggetto. Per evitare l’arresto del flusso prima che una struttura composta da elementi piastra venga attivata. Nella finestra di selezione che appare dopo aver cliccato due volte su un cluster di terreno. ATTIVAZIONE E DISATTIVAZIONE DEI CLUSTERS O DEGLI OGGETTI STRUTTURALI 4. Le seguenti condizioni speciali sono comunque applicate ad interfacce inattive: ∑ ∑ Comportamento puramente elastico (nessuno scorrimento o distacco).CALCOLI 4.7. si può sia cambiare le proprietà dei materiali (Sezione 4. appare la corrispondente finestra delle proprietà che è possibile modificare.7.7. invece i clusters disattivati sono rappresentati nel colore dello sfondo (bianco).5) sia imporre una deformazione di volume al cluster selezionato (Sezione 4.6). esso cambierà da attivo ad inattivo e viceversa. ciò può essere fatto cliccando sull’oggetto nel modello geometrico. I gradi di libertà delle pressioni neutre nelle coppie di nodi sono completamente accoppiati (nessuna influenza sul flusso durante calcoli di consolidazione o analisi del moto di filtrazione). Se su una linea geometrica è presente più di un oggetto (per esempio piastre insieme a carichi distribuiti).7. le interfacce possono essere attivate o disattivate singolarmente. Gli ancoraggi possono essere attivi soltanto se almeno uno dei clusters di terreno o piastre ai quali 4-27 .2 Clusters di terreno ed oggetti strutturali possono essere attivati o disattivati cliccando una volta sul cluster o sull’oggetto strutturale nel modello geometrico. Se si clicca due volte su un oggetto strutturale. i clusters o gli oggetti strutturali possono essere disattivati o riattivati per simulare il processo di scavo o di costruzione. I clusters di terreno attivi sono rappresentati nel colore dei materiali ad essi assegnati. La disattivazione delle interfacce può essere presa in considerazione nelle seguenti situazioni: ∑ Per evitare l’interazione terreno-struttura (scorrimenti o distacchi) per esempio prima che una paratia o una galleria venga inserita nel terreno (quando i corrispondenti elementi piastra sono inattivi). gli elementi interfaccia sono presenti sin dall’inizio nella mesh agli elementi finiti. gli oggetti strutturali attivi sono rappresentati nel loro colore originale. Al contrario delle precedenti versioni di PLAXIS. invece le strutture disattivate sono colorate in grigio.

questa forza squilibrata sarà ridistribuita negli steps successivi. Quindi. allora sarà necessario definire una nuova distribuzione della pressione neutra nella modalità Water conditions. Questa procedura è illustrata nella Lezione 4 del Manuale di Esercitazione. il peso sarà tenuto totalmente in considerazione dall’inizio della fase di calcolo. Le tensioni si svilupperanno da zero. Tutti i nodi inattivi avranno spostamenti nulli. ciò può essere controllato entrando nella modalità Water conditions. Se. Quando un nodo diviene attivo. In linea di principio. Successivi incrementi degli spostamenti saranno aggiunti a questo valore iniziale. Questo significa che PLAXIS genererà automaticamente le pressioni neutre sui contorni sommersi causati dalla rimozione di elementi. anche per elementi inattivi. si applicano le seguenti regole: ∑ ∑ La rigidezza e la resistenza saranno applicate interamente dall’inizio (dal primo step) della fase di calcolo. Carichi esterni o spostamenti imposti che agiscono sulla parte inattiva della geometria non saranno presi in considerazione. Pressioni neutre in regime stazionario (non sovrappressioni) sono sempre tenute in considerazione. non sono tenuti in considerazione. 'Scavando' (cioè disattivando) i clusters al di sotto del livello di falda generale. I nuovi contorni che scaturiscono dalla rimozione di elementi vengono automaticamente considerati liberi. altrimenti il programma Calculations li disattiva automaticamente. lo scavo resta pieno d’acqua. Tutte le tensioni sono azzerate. d’altra parte. Come esempio. ∑ Agli elementi che sono stati inattivi e che vengono (ri)attivati in un particolare calcolo. ∑ ∑ 4-28 PLAXIS Versione 8 . si desidera rimuovere l’acqua dalla parte scavata di terreno. viene stimato uno spostamento iniziale deformando senza tensioni gli elementi neo-attivati in modo che essi si adattino all’interno della mesh deformata così come si ottiene dallo step precedente. Comunque. All’inizio di un calcolo di tipo Staged construction le informazioni sugli oggetti attivi ed inattivi nel modello geometrico sono trasformate in informazioni a livello di elemento. in generale. se durante il calcolo un cluster di terreno viene disattivato si 'spengono' i corrispondenti elementi di terreno.MANUALE DI RIFERIMENTO sono connessi sono anch’essi attivi. una notevole forza squilibrata si originerà all’inizio di un calcolo di costruzione per fasi. Le seguenti regole si applicano agli elementi che sono stati 'spenti': ∑ ∑ ∑ ∑ ∑ Le proprietà come peso. rigidezza e resistenza. si può considerare la costruzione di un blocco per strati consentendo soltanto spostamenti verticali (compressione monodimensionale).

nel terreno appena attivato. ∑ Se un elemento viene (ri)attivato ed il Material type delle corrispondenti caratteristiche dei materiali è stato impostato su Undrained. in queste fasi. i carichi possono essere attivati o disattivati cliccando una volta sul carico nel modello geometrico.10). viene considerato l’originario tipo di comportamento del materiale. Cliccando due volte su un carico distribuito appare una finestra di dialogo in cui possono essere introdotte direttamente le componenti x ed y nei rispettivi due punti geometrici (Figura 4. l’elemento si comporterà temporaneamente come non drenato nella fase in cui l’elemento è stato attivato. delle tensioni efficaci dovute al peso proprio. 4-29 .9). Se un terzo strato viene successivamente aggiunto al secondo. il valore effettivo del carico applicato durante un calcolo è determinato dal valore di input del carico e dal corrispondente moltiplicatore (ΣMloadA o ΣMloadB). ∑ ∑ Cliccando due volte su un carico concentrato appare una finestra di dialogo in cui possono essere introdotte direttamente le componenti x ed y (Figura 4. Il valore di input del carico può essere modificato in ogni fase di calcolo nel contesto di un calcolo del tipo Staged construction.3 I carichi che sono stati creati nell’input della geometria vengono disattivati nella situazione iniziale. gli sarà assegnata una deformazione iniziale corrispondente ai cedimenti della superficie.CALCOLI Cominciando con un solo strato ed aggiungendo uno strato al di sopra del primo. Si ottiene ciò cliccando due volte sul carico nella geometria. ATTIVAZIONE O MODIFICA DEI CARICHI 4. tuttavia essi possono essere riattivati utilizzando un processo di costruzione per fasi.7. Quando si disattivano i carichi. Se l’elemento rimane attivo nelle successive fasi di calcolo. invece carichi disattivati sono colorati in grigio. il valore di input di un carico è il valore che viene dato durante la creazione della geometria. questo serve per consentire l’instaurarsi. Com’è il caso degli oggetti strutturali. si darà luogo a dei cedimenti della superficie. Valori di input di un carico Per default. Carichi attivi sono rappresentati nel loro colore originario. appare una finestra di dialogo in cui possono essere modificati i valori di input dei carichi.

MANUALE DI RIFERIMENTO Figura 4. 4-30 PLAXIS Versione 8 . Comunque. in generale non è necessario modificare i moltiplicatori di carico quando si applicano o modificano carichi per mezzo di Staged construction poiché il programma imposterà automaticamente il corrispondente moltiplicatore all’unità se è esso zero. Il moltiplicatore ΣMloadA è utilizzato per incrementare (o decrementare) globalmente tutti i carichi del sistema di carico A (carichi concentrati e carichi distribuiti).8. Si noti che se il valore esistente del moltiplicatore non è uguale a zero né all’unità.9 Finestra di input per un carico concentrato Figura 4.1). invece ΣMloadB è utilizzato per modificare tutti i carichi del sistema di carico B (Sezione 4. viene mantenuto il moltiplicatore esistente ed il carico totale effettivamente applicato nel calcolo sarà diverso dal valore di input del carico così come è stato inserito nella modalità Staged construction.10 Finestra di input per un carico distribuito Il pulsante Perpendicular (Perpendicolare) può essere utilizzato per assicurarsi che il carico distribuito sia perpendicolare alla corrispondente linea geometrica. Load multiplier (Moltiplicatore di carico) Il valore effettivo del carico applicato durante un calcolo è determinato dal prodotto del valore di input del carico e del corrispondente moltiplicatore di carico (ΣMloadA o ΣMloadB).

se invece lo spostamento imposto è disattivato i nodi sono liberi.4 SPOSTAMENTI IMPOSTI Spostamenti imposti che sono stati creati nell’input della geometria non sono automaticamente applicati durante i calcoli. Finché gli spostamenti imposti non sono attivi. Se si desidera temporaneamente 'bloccare' i nodi in cui sono stati applicati spostamenti imposti. sulle parti del modello ove siano stati definiti spostamenti imposti correntemente inattivi. tuttavia essi possono essere attivati per mezzo di un processo di costruzione per fasi. Comunque. invece spostamenti imposti inattivi sono colorati in grigio. gli spostamenti imposti possono essere attivati o disattivati selezionando e cliccando una volta sugli spostamenti imposti nella geometria. Quindi. in generale non è necessario modificare il moltiplicatore quando si applicano o si modificano spostamenti imposti per mezzo di un processo di costruzione per fasi. Il moltiplicatore ΣMdisp viene utilizzato per incremenatre (o decrementare) globalmente tutti gli spostamenti imposti (Sezione 4. di volta in volta.8.0 piuttosto che disattivarli. poiché se esso è zero. In modo analogo a quanto si è detto per i carichi.7. il programma imposterà automaticamente all’unità il corrispondente moltiplicatore. il loro valore effettivo durante un calcolo è determinato dal valore di input degli spostamenti imposti e dal corrispondente moltiplicatore di carico (ΣMdisp). Quando si attivano gli spostamenti imposti.CALCOLI 4. Il valore di input del carico può essere modificato in ogni fase di calcolo utilizzando una procedura di costruzione per fasi. dal prodotto del valore di input dello spostamento imposto e del corrispondente moltiplicatore di carico (ΣMdisp). Si noti che se il valore del moltiplicatore non è né zero né pari all’unità.1). lo spostamento imposto effettivamente applicato nel calcolo è diverso dal valore di input dello spostamento imposto come introdotto nella modalità Staged construction. Moltiplicatori corrispondenti I valori effettivi dello spostamento imposto applicati durante un calcolo sono determinati. appare una finestra di dialogo in cui possono essere modificati i valori di input degli spostamenti imposti. il valore di input degli spostamenti imposti deve essere impostato su 0. Valore di input degli spostamenti imposti Per default. Nel primo caso. i nodi sono completamente liberi. il valore di input dello spostamento imposto è il valore introdotto durante la definizione della geometria. essi non impongono alcuna condizione al modello. come risultato. 4-31 . Spostamenti imposti attivi sono rappresentati nei loro colori originari. ciò si può ottenere cliccando due volte sullo spostamento imposto nella geometria. ai nodi viene applicato uno spostamento imposto nullo.

viene presentato l’archivio dei materiali con tutti i set di dati di materiale esistenti. per esempio la rimozione di un terreno di scarse proprietà meccaniche e la sua sostituzione con un terreno di migliori caratteristiche.MANUALE DI RIFERIMENTO 4. ciò assicura la coerenza dei dati nell’archivio dei materiali. Tali forze squilibrate sono ridistribuite durante un calcolo di tipo Staged construction. deve essere definito un altro set di dati di materiale per il cluster o per l’oggetto. questa è la ragione più importante per la quale la riassegnazione di un set di dati di materiale è considerata parte di un processo di costruzione per fasi.5 RIASSEGNARE I SET DI DATI DI MATERIALE L’opzione che consente di riassegnare i set di dati di materiale può essere utilizzata per simulare la modifica delle proprietà dei materiali nel tempo durante i vari stadi di costruzione.11 Finestra delle proprietà del terreno La modifica di certe proprietà. deve essere creato un set di dati di materiale aggiuntivo durante l’input del modello geometrico. per esempio quando si sostituisce torba con sabbia densa. Quindi. se si desidera modificare le proprietà di un cluster durante un calcolo. appare la finestra delle proprietà in cui può essere cambiato il set di dati di materiale associato a quell’oggetto. Dopo aver selezionato il set di dati di materiale appropriato dalla vista ad albero dell’archivio ed aver premuto il pulsante <Ok> il set di dati di materiale viene assegnato al cluster di terreno o all’oggetto strutturale. Il set di dati di materiale del cluster può essere sostituito premendo il pulsante Change (Sostituisci). I parametri di ciascun set di dati di materiale esistente possono essere visualizzati (non modificati) selezionando il set di dati desiderato e premendo il pulsante View (Visualizza). Cliccando due volte su un cluster di terreno o su un oggetto strutturale nel modello geometrico. L’opzione può anche essere utilizzata per simulare gli interventi di miglioramento del terreno.7. può introdurre significative forze squilibrate. Figura 4. come risultato. Invece di modificare i dati del materiale stesso. 4-32 PLAXIS Versione 8 .

una stima della variazione totale di volume viene fornita nella stessa finestra espressa nell’unità di volume per unità di larghezza nella direzione uscente dal piano. Figura 4. si può premere il pulsante Volumetric strain (Deformazione volumetrica). si può specificare il valore della deformazione volumetrica. Questa opzione può essere utilizzata per simulare un processo meccanico che produca deformazioni di volume nel terreno. le deformazioni di volume non sono attivate con un moltiplicatore separato.7. 4-33 .12 Finestra della deformazione di volume Un valore positivo della deformazione di volume rappresenta un incremento di volume (espansione). che appare.6 APPLICAZIONE DI UNA DEFORMAZIONE VOLUMETRICA IN CLUSTERS DI VOLUME In PLAXIS è possibile imporre una deformazione volumetrica ai clusters di terreno. 4. Si noti che la deformazione di volume imposta non è sempre completamente applicata. qualora venga modificato il set di dati di materiale di una piastra nel corso di un’analisi è opportuno che il rapporto EI/EA sia mantenuto immutato. dipendendo dalla rigidezza dei clusters e degli oggetti circostanti. ne risulterebbe un cambiamento della distribuzione dei momenti flettenti. Nella finestra Volume strain.CALCOLI Nel caso in cui si modifichi il set di dati di materiale di una piastra è importante ricordare che un cambiamento nel rapporto EI/EA comporta una variazione dello spessore equivalente deq e dunque della distanza che separa i punti d’integrazione. cosa questa che è evidentemente inaccettabile. se una tale modifica venisse eseguita in presenza di sollecitazioni agenti sull’elemento trave. Al contrario di altri tipi di carico. invece un valore negativo rappresenta un decremento (contrazione). Nella finestra delle proprietà che appare con un doppio click su un cluster di terreno. quale ad esempio l’esecuzione di un’iniezione. inoltre. Pertanto.

omogeneo ed attivo (Sezione 3. Per disattivare una forza di pretensionamento precedentemente introdotta. appare la finestra riguardante la contrazione. Come risultato.7. a meno che non venga introdotta una nuova forza di pretensionamento. quindi viene chiusa la finestra delle proprietà dell’ancoraggio e viene presentata la modalità Geometry configration. Appare la finestra delle proprietà dell’ancoraggio. nel secondo caso la forza dell’ancoraggio rimarrà nulla.8). può essere utilizzato il metodo della contrazione. La contrazione è espressa da una percentuale che rappresenta il rapporto tra la riduzione di area e l’area dell’originaria sezione trasversale della galleria. nel primo caso la forza dell’ancoraggio si svilupperà successivamente in base alle modifiche delle tensioni e delle forze nella geometria. 4.3. che indica la forza di pretensionamento che per default è nulla.MANUALE DI RIFERIMENTO 4. Una forza di pretensionamento va espressa nell’unità di forza su unità di larghezza nella direzione uscente dal piano.8 APPLICAZIONE DI UNA CONTRAZIONE AL RIVESTIMENTO DI UNA GALLERIA Per simulare la perdita di volume di terreno causata dalla costruzione di una galleria scavata con uno scudo. Durante il calcolo di tipo Staged construction l’ancoraggio pretensionato viene automaticamente disattivato e viene applicata invece una forza uguale alla forza di pretensionamento. cosa che in generale non è corretta. Nei calcoli seguenti l’ancoraggio viene trattato come un elemento molla con una certa rigidezza. ove gli ancoraggi pretensionati sono indicati con una 'p'. La contrazione può essere applicata soltanto a gallerie circolari (bored tunnels) con un rivestimento continuo.7. Al contrario di altri tipi di sollecitazione. Si noti che la trazione è considerata positiva e la compressione è considerata negativa. 4-34 PLAXIS Versione 8 . per fare ciò si deve cliccare due volte sull’ancoraggio desiderato. la contrazione non viene attivata con un moltiplicatore a parte. con questo metodo viene applicata una contrazione al rivestimento della galleria per simulare una riduzione dell’area della sezione trasversale della galleria. Dopo l’introduzione della forza di pretensionamento si deve premere il pulsante <Ok>. La contrazione può essere attivata nella modalità Staged construction cliccando due volte sul punto centrale di una galleria per la quale si debba specificare una contrazione. Al termine del calcolo l’ancoraggio viene riattivato e la forza dell’ancoraggio viene inizializzata in modo da farla coincidere esattamente con la forza di pretensionamento. nella quale è possibile introdurre un valore per la contrazione. deve essere deselezionato il parametro Adjust pre-stress force piuttosto che impostare la forza di pretensionamento su zero. purché non se ne sia verificata la rottura. Selezionando la casella di scelta Adjust pre-stress force (Regola forza di pretensionamento) è possibile introdurre un valore per la forza di pretensionamento nella corrispondente casella di testo.7 PRETENSIONAMENTO DEGLI ANCORAGGI Il pretensionamento degli ancoraggi può essere attivato nella modalità Geometry configuration della finestra Staged construction.

Scavo ed aggottamento Particolare attenzione è rivolta qui alla simulazione di scavi ed aggottamenti eseguiti per stadi. Una volta effettuate le modifiche. La contrazione effettivamente applicata può essere visualizzata nel programma Output (Sezione 5.3). l’insorgere di deformazioni e di sollecitazioni in pareti di sostegno o rivestimenti di galleria in seguito allo scavo ed all’aggottamento.9. Questo 4-35 .7. allora s’instaurerà un moto di filtrazione.8. Cliccando il pulsante Update nel programma Output. La colonna Water (Acqua) dell’elenco di calcolo mostra adesso il numero della fase corrente per indicare che in questa fase sono state modificate le condizioni delle pressioni neutre. Esempi di problemi che possono essere analizzati utilizzando questa opzione includono: il cedimento di strati di terreno compressibile. Dopo la generazione.4). le pressioni neutre devono essere rigenerate prima di premere il pulsante Update (Aggiorna).8.CALCOLI Si noti che il valore di contrazione inserito non è sempre completamente applicato. la finestra Staged construction si chiude e si accede al programma Calculations. questo si chiude e si accede il programma Input. 4. nella finestra Water pressure generation deve essere indicato se le pressioni neutre devono essere generate con riferimento ai livelli di falda o per mezzo di un’analisi del moto di filtrazione.8. come considerato nella Lezione 4 (Capitolo 6) del Manuale di Esercitazione. Premendo il pulsante <Ok>. si faccia riferimento rispettivamente alla Sezione 3. può essere modificata la distribuzione delle pressioni dell’acqua nel modello. tale numero di fase riapparirà in successivi calcoli finchè le pressioni neutre non verranno rigenerate.2 e 3. La finestra mostra la situazione corrente con un’indicazione dei livelli di falda e delle eventuali condizioni al contorno per un’analisi del moto di filtrazione. Per una descrizione dell’input dei livelli di falda e delle condizioni al contorno. la nuova distribuzione delle pressioni viene visualizzata nel programma Output. il calcolo verrà avviato (Sezione 3. Le pressioni neutre possono essere generate cliccando il pulsante <Generate water pressures> (Genera le pressioni neutre) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Water pressures dal menu Generate. Cliccando successivamente sul pulsante Update nel programma Input. Può adesso essere definito un nuovo gruppo di livelli di falda ed eventuali condizioni al contorno per un moto di filtrazione. dovuto all’abbassamento della falda.9 MODIFICA DELLA DISTRIBUZIONE DELLE PRESSIONI NEUTRE Oltre ad una modifica della configurazione geometrica. Per visualizzare la modalità Water conditions e per modificare la distribuzione della pressione neutra si clicchi sul lato sinistro del 'selettore' sulla barra degli strumenti.3. Se si effettua l’aggottamento di uno scavo ed il fondo dello scavo non è completamente chiuso da uno strato impermeabile. dipendendo l’effettiva contrazione dalla rigidezza dei clusters e degli oggetti circostanti. la stabilità di argini fluviali dopo un incremento del livello esterno dell’acqua.

allora l’asse di simmetria deve essere reso impermeabile utilizzando lo strumento Closed flow boundary (Contorno impermeabile).5). Dopo che siano state impostate le condizioni al contorno. 4-36 PLAXIS Versione 8 . per impostare le condizioni al contorno dell’analisi del moto di filtrazione e per generare le pressioni esterne dell’acqua in un’analisi di deformazione.MANUALE DI RIFERIMENTO processo può essere simulato in PLAXIS per mezzo di un’analisi del moto di filtrazione. 4. Per una situazione di questo tipo. Se viene modellata soltanto una metà simmetrica dello scavo. questa è una fase di calcolo in cui non sono applicati carichi aggiuntivi. In questo caso nessuna modifica si deve introdurre alla configurazione geometrica o alle condizioni idrauliche. Basandosi su questo livello di falda generale. il livello di falda generale viene utilizzato. prima la quota del pelo libero della falda sul contorno esterno della geometria e poi rappresenti la stessa ad una quota inferiore all’interno dello scavo. Questo può a volte essere necessario per ridistribuire grandi forze squilibrate. Gravity loading). È quindi verosimile che il livello di falda generale sia definita da diversi punti. in questo caso il livello di falda generale non ha significato all’interno dei clusters di terreno attivi. se qui il terreno è effettivamente impermeabile. questo si può anche applicare al contorno di base. per comodità. I setti possono essere resi impermeabili attivando gli elementi interfaccia adiacenti. purché la permeabilità dell’interfaccia sia impostata su Impermeable (Impermeabile) (sezione 3. Quando si crea un nuova fase di calcolo utilizzando il pulsante <Next> o <Insert> nella finestra Calculations. incluso i nuovi contorni interni scaturiti dallo scavo. poiché la distribuzione delle pressioni neutre all’interno di essi è computata nell’analisi del moto di filtrazione in base alle condizioni al contorno ed alla permeabilità del terreno. una situazione di questo tipo si può verificare dopo una fase di calcolo in cui siano stati applicati dei forti carichi (per esempio la sollecitazione gravitazionale. può essere ridotto il Tolerated error selezionando il Manual setting della procedura Iterative nella scheda Parameters. Il moto di filtrazione influenza la distribuzione delle pressioni neutre nel terreno da esso interessato. PLAXIS imposta automaticamente una quota piezometrica sui contorni permeabili della geometria. l’impostazione di default è tale che questa fase può direttamente servire come 'plastic nil-step'. le condizioni al contorno di un moto di filtrazione possono essere convenientemente impostate modificando il livello di falda generale in modo che esso rappresenti.10 PLASTIC NIL-STEP L’opzione Staged construction può anche essere utilizzata per eseguire una fase 'plastic nil-step' ('step di calcolo plastico con incremento di carico nullo'). Quando le pressioni neutre sono generate per mezzo di un’analisi del moto di filtrazione. cioè linee geometriche che separano clusters attivi da clusters inattivi. le pressioni neutre possono essere generate cliccando il pulsante <Generate water pressures> (Genera pressioni neutre) sulla barra degli strumenti. Se si desidera.3. Nella finestra Water pressure generation si deve selezionare l’opzione Groundwater calculation (Analisi del moto di filtrazione).7.

Uno di questi è il cosiddetto b-method (Riferimento bibliografico 11). suggerimenti per questo valore possono essere trovati in letteratura (Riferimento bibliografico 11).11 STAGED CONSTRUCTION CON ΣMSTAGE<1 In generale. tra le altre cose. Quindi.0. Il più basso input consentito è 0. quando ΣMstage è zero. questa forza è totalmente applicata alla mesh attiva e verrà accuratamente diminuita sino a zero con il simultaneo incremento di ΣMstage sino all’unità. Ci sono vari metodi descritti in letteratura per l’analisi di gallerie costruite in accordo con il New Austrian Tunnelling Method (Nuovo metodo austriaco di scavo di gallerie). ciò può essere fatto cliccando il pulsante Advanced nella scheda Parameters e specificando un livello ultimo di ΣMstage minore di 1. quando si disattivano i clusters della galleria si produce una forza squilibrata dell’ordine di grandezza di pk. poiché ciò conduce. con PLAXIS è possibile simulare il processo di costruzione di gallerie con un rivestimento in calcestruzzo proiettato (NATM). una simile fase di calcolo deve sempre essere seguita da un altro calcolo di tipo Staged construction. che. il carico è considerato trascurabile e nessun calcolo verrà eseguito.0 non è normalmente utilizzato. si deve fare attenzione con un livello ultimo di ΣMstage minore di 1. Un valore maggiore di 1.0. Infatti. Invece di introdurre un valore di b in PLAXIS. Costruzione di una galleria con ΣMstage<1 Oltre alla simulazione della costruzione di gallerie scavate con scudo a tutta sezione utilizzando il metodo della contrazione (Sezione 4. Un metodo che permette di tener conto di questi effetti è descritto nel seguito. viene sempre adottato il valore di default 1.8). Introducendo il valore di default 1. Se ΣMstage è minore di questo valore.7. la procedura Staged construction viene eseguita nel modo normale. L’idea è che la tensione pk che agisce inizialmente attorno al cavo della galleria deve essere divisa in una parte (1-b)pk che è applicata alla galleria non supportata ed una parte bpk che è applicata alla galleria supportata (Figura 4. In generale. Il valore b è un valore empirico. Se ΣMstage non viene specificato dall’utente. al termine della fase di calcolo. il 4-37 . In alcune situazioni molto particolari può essere utile eseguire soltanto una parte di uno stadio di costruzione. All’inizio del calcolo di tipo Staged construction. il moltiplicatore totale associato al processo di costruzione per fasi ΣMstage va da zero all’unità in ciascuna fase di calcolo in cui è stato selezionato Staged construction in Loading input. anche se è stato inserito un valore minore nella precedente fase di calcolo.13). Il maggiore punto di difficoltà di un’analisi di questo tipo è tenere conto dell’effetto arco tridimensionale che si verifica nel terreno e delle deformazioni che si verificano attorno al fronte non supportato della galleria. dipende dal rapporto tra la lunghezza non supportata della galleria ed il diametro equivalente della galleria.001. si può utilizzare l’opzione Staged construction con un valore ultimo di Σmstage opportunamente ridotto.7. ma altri autori hanno presentato metodi simili sotto nomi differenti.0.CALCOLI 4. ad una forza squilibrata.0.

risultante al termine della fase di calcolo. il moltiplicatore che controlla il processo di costruzione per fasi ΣMstage è nullo. Attivare il rivestimento della galleria. Figura 4. quindi la forza squilibrata residua verrà applicata alla geometria che adesso include il rivestimento. Il valore raggiunto del moltiplicatore ΣMstage può essere visualizzato selezionando l’opzione Reached values (Valori raggiunti) nel riquadro Show sulla scheda Multipliers (4. il livello ultimo di ΣMstage deve essere limitato a 1-b mentre si disattivano i clusters della galleria.8.MANUALE DI RIFERIMENTO valore di ΣMstage può essere paragonato a 1-b. allora appare un avviso nella casella Log info. ciò si può ottenere cliccando il pulsante Advanced mentre l’opzione Staged construction è stata selezionata nel riquadro Loading input della scheda Parameters. Per default.2). 2. 3. Se una costruzione per fasi non è stata propriamente terminata.0.12 All’inizio di un calcolo di tipo Staged construction. CALCOLO DI COSTRUZIONE PER FASI INCOMPLETO 4.0). Quando ΣMstage ha raggiunto il livello ultimo. In generale. Disattivare i clusters della galleria senza attivare il rivestimento ed imporre un valore ultimo di ΣMstage uguale a 1-b. cioè alla fine dell’analisi di costruzione per fasi il moltiplicatore ΣMstage è minore del livello ultimo desiderato. Per proceder con la seconda fase del metodo b. In questo caso la successiva fase di calcolo è un calcolo di tipo Staged construction in cui la costruzione della galleria viene completata attivando il rivestimento della galleria. 4-38 PLAXIS Versione 8 . il livello ultimo di ΣMstage è 1. la fase corrente è terminata. Generare il campo di tensioni ed applicare eventuali carichi esterni presenti prima che la galleria sia costruita. questo moltipicatore verrà gradualmente incrementato fino al livello ultimo (generalemente 1. si deve fare attenzione con un livello ultimo di ΣMstage minore di 1.0.7.13 Rappresentazione schematica del metodo b per l’analisi delle gallerie di tipo NATM Il processo è qui sintetizzato: 1. poiché questo è associato ad una forza squilibrata.

quindi i successivi calcoli a partire dall’ultima fase di calcolo sono privi di significato. la fase può essere ricalcolata utilizzando un numero più elevato di Additional steps. in questo caso lo stadio di costruzione deve essere continuato eseguendo un altro calcolo di costruzione per fasi che sia direttamente avviato senza modifiche nella configurazione geometrica o nelle pressioni neutre. Ciò nonostante. le sollecitazioni da applicare sono ottenute dal prodotto del valore di input del carico per il corrispondente moltiplicatore. poiché è soltanto un fattore adimensionale. f0 è il carico all’inizio della fase di calcolo (cioè il carico raggiunto alla fine della precedente fase di calcolo) ed fdefined è la configurazione di carico definita. Tutti i moltiplicatori incrementali sono denotati con M… invece tutti i moltiplicatori totali sono denotati con ΣM… Un moltiplicatore non ha un’unità di misura ad esso associata. è necessario controllare l’intensità di ciascun tipo di carico. I moltiplicatori incrementali rappresentano l’incremento di carico per un singolo step di calcolo. Il valore raggiunto dal moltiplicatore ΣMstage può essere utilizzato nel seguente modo per stimare il carico che è stato effettivamente applicato: fapplied = f0 + ΣMstage (fdefined – f0) in cui fapplied è il carico che è stato effettivamente applicato. il carico che è stato effettivamente applicato differisce dalla configurazione di carico. Sotto vengono fornite le descrizioni dei vari moltiplicatori di carico.8 MOLTIPLICATORI DI CARICO Durante un’analisi di deformazione. Entrambi i moltiplicatori incrementali e totali per una particolare fase di calcolo sono visualizzati nella scheda Multipliers (Figura 4.0. ∑ Nel caso di uno stadio di costruzione non terminato.14). In alternativa. ciò significa che non è possibile terminare lo stadio di costruzione. Si noti che in questo caso la forza squilibrata è ancora parzialmente non ridistribuita. nel contesto di una costruzione per fasi i carichi sono attivati introducendo un appropriato valore di input. In generale. 4. 4-39 . invece i moltiplicatori totali rappresentano il livello totale del carico in un particolare step o fase di calcolo.CALCOLI Vi sono due possibili ragioni che spiegano una fase di costruzione incompleta: ∑ La rottura del terreno è avvenuta durante il calcolo. Il modo in cui i vari moltiplicatori sono utilizzati dipende dal tipo di Loading input (modalità di carico) selezionato nella scheda Parameters. Il massimo numero di steps era insufficiente. Si fa distinzione tra gli Incremental multipliers (Moltiplicatori incrementali) ed i Total multipliers (Moltiplicatori totali). Si consiglia di non applicare ogni altro tipo di sollecitazione finché il moltiplicatore ΣMstage non abbia raggiunto il valore 1.

7. ΣMloadB: Questi moltiplicatori controllano l’intensità dei carichi distribuiti e dei carichi concentrati inseriti nei sistemi di carico A e B (Sezione 4. ΣMloadA. ed il valore del corrispondente moltiplicatore è ancora zero. MloadB. MloadA. Mdisp è utilizzato per specificare un incremento globale dello spostamento imposto nel primo step di calcolo. I valori di ΣMloadA e ΣMloadB possono essere utilizzati per incrementare o decrementare globalmente il carico 4-40 PLAXIS Versione 8 .7.Scheda Multipliers (Moltiplicatori) 4.3). ΣMdisp: Questi moltiplicatori controllano l’intensità degli spostamenti imposti inseriti nella modalità Staged construction (Sezione 4.4).8.1 MOLTIPLICATORI DI CARICO STANDARD Mdisp.MANUALE DI RIFERIMENTO Figura 4. Il valore di ΣMdisp può essere utilizzato per incrementare o decrementare globalmente lo spostamento imposto. questo viene automaticamente impostato all’unità. Quando si applicano spostamenti introducendo un valore di input per gli spostamenti imposti nella modalità Staged construction ed il valore di ΣMdisp è ancora zero. Il valore totale dei carichi di ciascun sistema di carico applicato in un calcolo è il prodotto dei corrispondenti valori di input introdotti nella modalità Staged construction e dei parametri ΣMloadA e ΣMloadB rispettivamente. Nei calcoli in cui il Loading input è stato impostato su Incremental multipliers. Quando si applicano carichi introducendo un valore di carico nella modalità Staged construction.14 Finestra Calculations (Calcoli) . questo moltiplicatore viene automaticamente impostato su uno. Il valore totale dello spostamento prescritto applicato in un calcolo è il prodotto dei corrispondenti valori di input introdotti nella modalità Staged construction ed il parametro ΣMdisp.

La frazione totale dei pesi dei materiali applicata in un calcolo è data dal parametro ΣMweight. in questo caso il valore di ΣMweight è impostato su 1. Nei calcoli in cui il Loading input è stato impostato su Incremental multipliers. I moltiplicatori Mweight e ΣMweight controllano la frazione di gravità standard applicata nell’analisi e quindi la frazione dei pesi delle unità di volume dei materiali (terreno. Se ΣMweight è impostato su 1. La figura qui sotto fornisce una visione d’insieme delle diverse combinazioni tra peso del terreno 4-41 . Il moltiplicatore è applicato ai pesi delle unità di volume dei materiali così come al peso specifico dell’acqua. Maccel può essere utilizzato per specificare l’incremento dell’accelerazione del primo step di calcolo. ΣMweight: In PLAXIS è possibile eseguire calcoli in cui si applicano progressivamente i carichi dovuti ai pesi propri. è questo il caso in cui sia stata utilizzata la K0-procedure per la generazione del campo di tensioni iniziali nella modalità Initial conditions del programma Input. Per ΣMweight = 1 e ΣMaccel = 1 entrambe le forze di gravità e le forze pseudo-gravitazionali sono attive. il valore di ΣMaccel è impostato su zero. L’intensità totale dell’accelerazione applicata durante il calcolo è il prodotto dei valori di input dei componenti di accelerazione e del parametro ΣMaccel. Un valore di ΣMweight maggiore di 1. Σmweight è utilizzato per specificare l’incremento del peso nel primo step di calcolo. all’inizio dell’analisi.0 verrà applicato l’intero peso del terreno e dell’acqua. Inizialmente. acqua e strutture) come specificato nel programma Input. Nei calcoli in cui il Loading input è stato impostato su Incremental multpliers. per default. fatta eccezione per la simulazione di una prova in centrifuga. Forze pseudo-statiche possono essere attivate soltanto se il peso del materiale è già attivo (ΣMweight = 1). ΣMweight può avere un valore maggiore di zero all’avvio del programma Calculations.2).0 non è generalmente utilizzato. ΣMaccel Questi moltiplicatori controllano l’intensità delle forze pseudo-statiche come risultato delle componenti di accelerazione introdotte nella finestra General settings del programma Input (Sezione 3. per tenere conto dell’intero peso del terreno e delle pressioni neutre. Nei calcoli in cui il Loading input è stato impostato su Incremental multipliers. se ΣMweight è zero allora il peso del terreno non viene preso in considerazione e tutte le pressioni neutre (escluso eventuali sovrappressioni generate durante sollecitazioni non drenate) saranno anch’esse uguali a zero.0.2.CALCOLI applicato. Mload e/o MloadB sono utilizzati per specificare un incremento globale dei corrispondenti sistemi di carico nel primo step di calcolo. Quindi. Maccel. Mweight.

MANUALE DI RIFERIMENTO ed accelerazione. Il moltiplicatore totale ΣMsf è definito come il quoziente dei parametri di resistenza originali e dei parametri di resistenza ridotti e controlla la riduzione di tanj e c in un dato stadio dell’analisi. Si noti che l’attivazione di una componente di accelerazione in una particolare direzione comporta l’applicazione di una forza pseudo-statica nella direzione opposta. il primo valore è di default impostato su 0. I pulsanti di scelta nel riquadro Show possono essere utilizzati per visualizzare sia gli Input values (Valori di input) che i Reached values (Valori raggiunti).9).0 all’inizio di un calcolo in modo da impostare tutte le resistenze dei materiali ai loro valori non ridotti. Se è selezionata l’opzione Reached values. appare un altro riquadro in cui sono visualizzati altri moltiplicatori e parametri di calcolo. senza variazioni della direzione risultante. 4-42 PLAXIS Versione 8 .15 Direzione della forza risultante r (resulting direction) a causa di combinazioni della gravità con l’accelerazione a Msf. che è stato dimostrato essere generalmente un buon valore di partenza. Figura 4.1. ΣMsf è impostato su 1. ΣMsf: Questi moltiplicatori sono associati all’opzione Phi-c reduction di PLAXIS per il calcolo dei fattori di sicurezza (Sezione 4. Questo può accadere se si verifica la rottura del terreno. Quando s’incrementa ΣMweight senza incrementare ΣMaccel la forza risultante verrà incrementata. Valori di input e valori raggiunti: I valori di input dei moltiplicatori possono differire dai valori che sono stati effettivamente raggiunti dopo il calcolo. Msf è utilizzato per specificare il fattore di riduzione dei parametri di resistenza che ha luogo nel primo step di calcolo.

Se tutti i clusters di terreno sono attivi allora ΣMarea ha il valore 1. Nei calcoli in cui Loading input non è specificato come Staged construction. il valore di ΣMstage è sempre zero all’inizio di un’analisi di costruzione per fasi ed al termine sarà generalmente pari a 1. Questo parametro fornisce la frazione del volume totale di clusters nel modello geometrico che è correntemente attiva. Nei modelli in stato piano di deformazione.2 ALTRI MOLTIPLICATORI E PARAMETRI DI CALCOLO ΣMstage: Il parametro ΣMstage è associato all’opzione Staged construction di PLAXIS (Sezione 4. Senza input da parte dell’utente. Force-Y deve essere moltiplicato per 2p. il valore di ΣMstage rimane zero. per calcolare la forza di reazione totale sotto un plinto circolare simulato da cedimenti imposti. Il parametro è un numero pari a 1. È possibile specificare un livello ultimo più basso di ΣMstage utilizzando l’opzione Advanced della scheda Parameters.0 quando la struttura è completamente elastica e si riduce progressivamente non appena si sviluppano le condizioni di plasticità.0. la rigidezza complessiva della struttura diminuirà.4.CALCOLI 4. A rottura il valore è approssimativamente zero. ΣMarea: Il parametro ΣMarea è anch’esso associato alla opzione Staged construction.7). Stiffness: Non appena una struttura è sollecitata e si sviluppano condizioni di plasticità. 4-43 . è necessario fare attenzione con questa opzione. È possibile avere valori negativi per questo parametro se si verifica il fenomeno del 'softening'. comunque. Force-X e Force-Y sono espressi nell’unità di forza su unità di larghezza nella direzione uscente dal piano. Force-Y: Questi parametri indicano le forze di reazione corrispondenti agli spostamenti imposti diversi da zero (Sezione 3. applicate in corrispondenza di spostamenti imposti diversi da zero. Force-X e Force-Y sono i valori delle forze totali rispettivamente nelle direzioni x ed y. ForceX e Force-Y sono espressi nell’unità di forza per radiante. questo moltiplicatore totale fornisce la frazione di una fase di costruzione che è stata completata.1).8. Force-X. Il parametro Stiffness (Rigidezza) fornisce un’indicazione della perdita di rigidezza che ha luogo a causa della plasticità del materiale.0. In modelli assialsimmetrici.

All’inizio di un calcolo a ΣMsf è assegnato il valore 1. Il moltiplicatore totale ΣMsf viene utilizzato per definire il valore dei parametri di resistenza del terreno in un dato stadio dell’analisi: ∑ Msf = tan j tan j input reduced = cinput creduced dove i parametri di resistenza con il pedice 'input' si riferiscono alle proprietà del materiale introdotte ed i parametri con il pedice 'reduced' si riferiscono ai valori ridotti utilizzati nell’analisi. generalmente considerato un buon valore di partenza. I parametri di resistenza sono successivamente ridotti automaticamente finché tutti gli Additional steps (Step aggiuntivi) non siano stati eseguiti. anche la resistenza delle interfacce. fino a 1000. se utilizzata.MANUALE DI RIFERIMENTO Pmax: Il parametro Pmax è associato al comportamento di materiale non drenato e rappresenta la sovrappressione massima assoluta nella mesh. Nell’approccio Phi-c reduction i parametri di resistenza tanj e c del terreno vengono ridotti fin quando avviene la rottura della struttura.0 per impostare tutte le resistenze dei materiali ai loro valori originali. decresce invece durante un’analisi di consolidazione. 4.9 PHI-C REDUCTION La Phi-c reduction (Riduzione dei parametri di resistenza) è un’opzione disponibile in PLAXIS per calcolare fattori di sicurezza. Si deve comunque sempre controllare che nello step finale si sia sviluppato completamente un meccanismo di rottura. questo incremento è di default impostato su 0. il numero di steps aggiuntivi è impostato su 30 ma se necessario può essere introdotto un valore più grande. Un calcolo di tipo Phi-c reduction viene eseguito utilizzando la procedura Load advancement number of steps. in questo caso. Il moltiplicatore incrementale Msf è utilizzato per specificare l’incremento del quoziente di riduzione dei parametri di resistenza del primo step di calcolo. il fattore di sicurezza è dato da: SF = resistenza disponibil e = valore di ∑ Msf a rottura resistenza a rottura 4-44 PLAXIS Versione 8 . è ridotta nello stesso modo.1. invece la resistenza di oggetti strutturali come le piastre e gli ancoraggi non è influenzata dalla procedura Phi-c reduction. espressa nell’unità di tensione. questa opzione può essere selezionata nel menu a tendina Calculation type (Tipo di calcolo) nella scheda General. Per una sollecitazione in condizioni non drenate durante un calcolo plastico Pmax generalmente cresce. Per default.

4. l’analisi di problemi di collasso di grandi plinti sottomarini (offshore) e lo studio di problemi in cui i terreni sono molto compressibili e si verificano grandi deformazioni. Questa particolare caratteristica della teoria dei grandi spostamenti è di solito affrontata adottando una definizione degli incrementi tensione che include termini di incrementi di rotazione. Quando si utilizza Phi-c reduction in combinazione con modelli costitutivi di terreno avanzati. il calcolo deve essere ripetuto con un numero più grande di steps aggiuntivi. Questo 4-45 . Ci si conforma ad entrambi i requisiti quando si utilizza l’opzione Standard setting della Iterative procedure. questa di solito è un’approssimazione accettabile quando le deformazioni sono relativamente piccole come è il caso della maggior parte delle strutture nel campo dell’ingegneria. Comunque. è richiesto l’uso dell’opzione Arclength control nella procedura di iterazione. In PLAXIS è adottato l’incremento co-rotazionale della tensione di Kirchhoff (altrimenti conosciuto come l’incremento di tensione di Hill). è necessario includere una procedura per modellare correttamente le variazioni di tensione che avvengono quando si verificano rotazioni materiali finite. Quando la teoria delle grandi deformazioni viene implementata in un programma agli elementi finiti devono essere tenute in conto alcune particolarità. È anche richiesto l’uso di un Tolerated error (Errore tollerato) di non più del 3%. questi modelli si comporteranno comunque come un modello Mohr-Coulomb standard. Per una descrizione dettagliata del metodo Phi-c reduction si veda il Riferimento bibliografico 4. viene trascurata l’influenza delle variazioni geometriche della mesh sulle condizioni di equilibrio. In secondo luogo. Il modulo di rigidezza dipendente dallo stato tensionale (se così è specificato nel modello avanzato) ottenuto al termine dello step precedente è utilizzato come un modulo di rigidezza costante durante il successivo calcolo con riduzione dei parametri di resistenza Phi-c reduction.CALCOLI Se un meccanismo di rottura non si è completamente sviluppato. è necessario includere termini aggiuntivi nella matrice di rigidezza per modellare gli effetti delle grandi distorsioni strutturali sulle equazioni di governo degli elementi finiti. Applicazioni tipiche in cui un’analisi con aggiornamento della mesh può essere necessaria includono l’analisi di strutture in terra rinforzata. Per cogliere accuratamente il collasso di una struttura. Diverse definizioni per gli incrementi di tensione sono state proposte da ricercatori che lavorano in questo campo sebbene nessuna di queste sia completamente soddisfacente. Per prima cosa. L’approccio Phi-c reduction comporta una definizione del coefficiente di sicurezza simile alla definizione che si adopera convenzionalmente nei calcoli eseguiti con i metodi dell’equilibrio limite globale. poiché nel calcolo sono esclusi la dipendenza della rigidezza dallo stato tensionale e l’incrudimento plastico.10 ANALISI CON AGGIORNAMENTO DELLA MESH Nell’analisi agli elementi finiti convenzionale. ci sono circostanze nelle quali è necessario tenere conto di questa influenza.

L’implementazione di questa formulazione all’interno di PLAXIS è basata sull’uso di varie tecniche avanzate che vanno oltre lo scopo di questo manuale (Riferimento bibliografico 16). che le procedure di aggiornamento della mesh utilizzate in PLAXIS richiedono ben più del semplice aggiornamento delle coordinate nodali mentre il calcolo procede. per questo motivo si raccomanda. Deve essere chiaro. così come descritte nelle sezioni precedenti. Se le variazioni della geometria sono grandi (in scala reale!) allora si può presumere che gli effetti geometrici siano significativi. Come risultato. in questo caso il calcolo deve essere ripetuto utilizzando l’opzione di aggiornamento della mesh. comunque. la procedura iterativa in un’analisi con mesh aggiornata è considerevolmente più lenta di quella per un’analisi plastica convenzionale.MANUALE DI RIFERIMENTO incremento di tensione dovrebbe fornire risultati accurati purché le deformazioni di taglio non divengano eccessive. Non è possibile fornire semplici linee guida che possano essere seguite per indicare quando un’analisi con mesh aggiornata è necessaria e quando è invece sufficiente un’analisi convenzionale. Procedure di calcolo Per eseguire un’analisi con mesh aggiornata si deve premere il pulsante Advanced (Avanzate) nella casella Calculation type (Tipo di calcolo) della scheda General. Non può essere deciso con certezza dalle entità generali delle deformazioni ottenute da un calcolo plastico convenzionale se gli effetti geometrici siano importanti o 4-46 PLAXIS Versione 8 . A causa di questa procedura ad alcuni termini aggiuntivi ed a formulazioni più complesse. Considerazioni pratiche L’analisi con mesh aggiornata tende a richiedere più tempo di calcolo di un’equivalente calcolo plastico convenzionale. è necessario aggiornare le informazioni geometriche della mesh agli elementi finiti mentre il calcolo procede. quando è in studio un nuovo progetto. che venga effettuato un calcolo plastico convenzionale prima di tentare un’analisi con mesh aggiornata. I calcoli con mesh aggiornata sono eseguiti utilizzando procedure di iterazione simili a quelle previste per i calcoli plastici convenzionali in PLAXIS. appare la finestra Advanced general settings (Impostazioni generali avanzate) in cui può essere selezionata l’opzione Updated mesh (Mesh aggiornata). dalle descrizioni date sopra. a causa dell’effetto delle grandi deformazioni. Infine. la matrice di rigidezza è sempre aggiornata all’inizio dello step di calcolo. Un semplice approccio potrebbe essere quello di ispezionare la mesh deformata al termine di un calcolo convenzionale utilizzando il comando Deformed mesh nel programma Output. queste procedure di calcolo sono infatti basate su un approccio conosciuto come Formulazione Lagrangiana Aggiornata (Riferimento bibliografico 2). per questo un’analisi con mesh aggiornata utilizza gli stessi parametri. ciò viene eseguito automaticamente da PLAXIS quando viene selezionata l’opzione Updated mesh.

si possono generare curve carico-cedimento o percorsi di sollecitazione. La selezione avviene muovendo il puntatore del mouse sul nodo desiderato e cliccando il pulsante sinistro del mouse.12 SELEZIONE DI PUNTI PER LA GENERAZIONE DELLE CURVE Dopo che è stata definita la fase di calcolo e prima che il processo di calcolo sia avviato. poiché una serie di analisi con mesh aggiornata deve partire da una geometria indeformata. Se l’utente dubita che un’analisi con mesh aggiornata sia necessaria o meno allora la questione può essere risolta soltanto effettuando un’analisi con mesh aggiornata e confrontando i risultati con l’equivalente analisi convenzionale. Essa consente un controllo visivo diretto degli stadi di calcolo prima che il processo sia avviato. Questa opzione è disponibile soltanto se la fase di calcolo è stata definita nella modalità Staged construction. queste lettere riappariranno nel programma Curves per identificare i punti per 4-47 . viene aperto il programma Output che visualizza la mesh agli elementi finiti con tutti i nodi. in definitiva. come risultato. ne viene presentata un’anteprima sulla scheda Preview (Anteprima) della finestra Calculations. Durante i calcoli le informazioni relative a questi punti selezionati vengono conservate in files separati.11 ANTEPRIMA DI UNA FASE DI COSTRUZIONE Quando una costruzione per fasi è completamente definita. Non è possibile passare da un calcolo con mesh aggiornata ad un normale calcolo plastico o ad un’analisi di consolidazione. 4. poiché tutti gli effetti delle grandi deformazioni verrebbero improvvisamente ignorati.CALCOLI no. tuttavia l’azzeramento degli spostamenti non è consentito dopo un’analisi con mesh aggiornata. In generale. non è appropriato utilizzare un calcolo con mesh aggiornata quando viene utilizzata la procedura Gravity loading per impostare il campo di tensioni iniziali. Passare da un normale calcolo plastico o da un’analisi di consolidazione ad un’analisi con mesh aggiornata è possibile soltanto quando gli spostamenti vengono azzerati. i nodi selezionati vengono indicati da lettere in ordine alfabetico. l’utente può selezionare alcuni punti per la generazione di curve carico-spostamento o percorsi di sollecitazione. Dopo il calcolo. Gli spostamenti risultanti dal Gravity loading sono privi di significato fisico e devono per questo motivo essere azzerati. con il programma Curves. Per la generazione di curve carico-spostamento è possibile selezionare fino a 10 nodi. la generazione di queste curve è basata sulle informazioni immagazzinate nel file separato. I punti possono essere introdotti selezionando il comando Select points for curves (Seleziona punti per le curve) dal menu View o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. 4. la procedura Gravity loading dovrebbe essere impiegata solo in un calcolo plastico convenzionale. non è pertanto possibile generare curve per punti che non siano stati preselezionati.

Prima di cominciare il processo. i nodi ed i punti d’integrazione devono essere riselezionati. verranno deselezionati soltanto i nodi. in linea di principio. l’utente verrà interrogato per la selezione di tali punti. Quando si avviano i calcoli senza la selezione di nodi e punti d’integrazione per le curve. mentre i punti d’integrazione selezionati resteranno immutati. allora saranno deselezionati soltanto i punti d’integrazione ed invece i nodi selezionati resteranno tali. può essere avviato il processo di calcolo. se avviare i calcoli senza punti selezionati. è utile controllare l’elenco delle fasi di calcolo. Per la generazione di curve di tensione e deformazione possono essere selezionati fino a 10 punti d’integrazione. si deve premere il pulsante <Update> (Aggiorna) nell’angolo in alto a destra per conservare le informazioni e ritornare al programma Calculations. dopo la rigenerazione della mesh. dopodiché riappare il grafico con i nodi e possono essere selezionati ulteriori nodi. Pertanto.MANUALE DI RIFERIMENTO i quali si debbano costruire curve carico-cedimento. se questo pulsante viene cliccato quando viene presentato il grafico dei punti d’integrazione. Comunque. Se la mesh agli elementi finiti viene rigenerata (dopo che sia stata infittita o modificata) la posizione dei nodi e dei punti d’integrazione cambierà. Cliccando il pulsante Select stress points for stress/strain curves (Seleziona punti d’integrazione per le curve tensione/deformazione) nell’angolo in alto a destra. Un nodo selezionato può essere deselezionato cliccando nuovamente sul nodo. i punti d’integrazione sono indicati con lettere in ordine alfabetico. L’utente può quindi decidere se selezionare i punti o. si possono selezionare punti d’integrazione per la generazione di percorsi di sollecitazione. Quando sono stati selezionati tutti i nodi ed i punti d’integrazione desiderati. tutte le fasi indicate 4-48 PLAXIS Versione 8 . Se si desidera selezionare nodi aggiuntivi. il grafico mostrerà tutti i punti d’integrazione della mesh agli elementi finiti. in alternativa. Per deselezionare tutti i nodi può essere cliccato il pulsante Deselect all nodes or stress points (Deseleziona tutti i nodi o punti d’integrazione). nodi e punti d’integrazione precedentemente selezionati potrebbero apparire in posizioni completamente differenti. Oltre ai nodi. come per i nodi. comunque. si può selezionare il pulsante Select nodes for load-displacement curves (Seleziona i nodi per le curve carico-cedimento). 4. Se questo pulsante viene cliccato quando viene presentato il grafico dei nodi. D’altra parte.13 ESECUZIONE DEL PROCESSO DI CALCOLO Dopo che sono state definite le fasi di calcolo e sono stati selezionati i punti per le curve. percorsi di deformazione e diagrammi tensione-deformazione. quando vengono selezionati nuovi nodi dopo che siano stati eseguiti i calcoli per poter genereare le curve corrispondenti è necessario ripetere il calcolo a partire dalla prima fase nell’elenco. Nel secondo caso non sarà possibile generare curve carico-cedimento o curve tensione-deformazione.

purché non si verifichi la rottura. tutti i progetti per i quali devono essere eseguiti i calcoli appaiono nella finestra Calculation manager. 4-49 . Per informare l’utente sul progresso del processo di calcolo. 4. Una fase di calcolo precedentemente eseguita viene indicata da un segno di controllo verde (√) se il calcolo è stato eseguito con successo. si può premere il pulsante destro del mouse sulla corrispondente riga e si deve selezionare Mark calculate (Segna come 'da calcolare') o Unmark calculate (Rimuovi segno 'da calcolare') dal menu a comparsa del puntatore.13.CALCOLI con una freccia blu (→) verranno eseguite nel processo di calcolo. 4.2 CALCOLI IN CASCATA Oltre all’esecuzione del processo di calcolo del progetto corrente è possibile selezionare più progetti per i quali. La finestra mostra lo stato di tutti i progetti per i quali cui siano stati eseguiti i calcoli o debbano ancora essere eseguiti. in alternativa.3 CALCULATION MANAGER La finestra Calculation manager (Gestore dei calcoli) può essere aperta selezionando il pulsante corrispondente dal menu View. essa è automaticamente selezionata per l’esecuzione. viene determinata la prima fase di calcolo che deve essere eseguita e tutte le fasi di calcolo selezionate nell’elenco vengono eseguite in successione.13. il comando Current project (Progetto corrente) può essere selezionato dal menu Calculate. A questo punto il programma esegue prima un controllo sull’ordine e la coerenza delle fasi di calcolo.13. si deve cliccare due volte sulla corrispondente riga. Per selezionare o deselezionare una fase di calcolo per l’esecuzione. per default. quando si definisce una fase di calcolo. in un secondo momento debbano essere eseguiti i calcoli. 4. Questo pulsante è visibile soltanto se una fase di calcolo è selezionata per l’esecuzione. oppure. Un esempio è mostrato in Figura 4. indicata dalla freccia blu. altrimenti esso è indicato da una crocetta rossa (×). Come risultato appare la finestra di scelta file da cui può essere selezionato il progetto desiderato. la fase di calcolo attiva sarà evidenziata nell’elenco. Ciò può essere fatto selezionando il comando Multiple projects (Calcolo in cascata) dal menu Calculate.1 AVVIO DEL PROCESSO DI CALCOLO Il processo di calcolo può essere avviato premendo il pulsante <Calculate> (Calcola) sulla barra degli strumenti.16.

nella finestra è diagrammato lo spostamento del primo nodo preselezionato in funzione del moltiplicatore totale del sistema di carico attivato.14 OUTPUT DURANTE I CALCOLI Durante un’analisi di deformazione. Le informazioni comprendono i valori correnti dei moltiplicatori di carico totali e degli altri parametri per la fase di calcolo in esecuzione. l’utente decide di interrompere un calcolo.16 Finestra del Calculation manager 4. il significato dei moltiplicatori di carico e di altri parametri è descritto nella Sezione 4. Per default. uno degli altri nodi preselezionati può essere scelto dal menu a tendina sotto la curva. nella finestra vengono mostrate le seguenti informazioni: Load-displacement curve (Curva carichi-cedimenti): Durante una fase di calcolo viene visualizzata una piccola curva caricocedimento da cui può essere stimata la condizione (elastica. plastica o di rottura) del modello. Se lo si desidera. Nel caso che siano stati attivati spostamenti imposti viene visualizzato il principale parametro di forza (Force-X o Force-Y) invece del moltiplicatore ΣMdisp.4 INTERRUZIONE DI UN CALCOLO Se.MANUALE DI RIFERIMENTO Figura 4. Inoltre. le informazioni sul processo d’iterazione vengono mostrate in una finestra separata. può farlo premendo il pulsante <Cancel> nella finestra specifica che mostra le informazioni sul processo d’iterazione della fase di calcolo in esecuzione. 4. 4-50 PLAXIS Versione 8 . per qualche ragione.8.13.

Questi errori tendono a ridursi con l’aumentare del numero delle iterazioni. Il valore della tolleranza corrisponde al valore del Tolerated error (Errore tollerato) nelle impostazioni della procedura iterativa. Per ulteriori dettagli su questo parametro si veda la Sezione 4. Global error (Errore globale): Il Global error (Errore globale) è la misura degli errori di equilibrio globali nell’ambito dello step di calcolo.17 Finestra di calcolo Step Iteration Numbers (step corrente ed iterazione) I valori Current step (Step corrente) ed Iteration (Iterazione) indicano lo step di calcolo corrente ed il numero di iterazioni. Per maggioridettagli si veda la Sezione 4.17.17.CALCOLI Figura 4. Tolerance (Tolleranza): Il valore Tolerance (Tolleranza) è il massimo errore di equilibrio globale consentito. Il valore Maximum iterations (Numero massimo di iterazioni) corrisponde al parametro omonimo disponibile tra le impostazioni della procedura iterativa. Il valore Maximum step (Numero massimo di steps) indica l’ultimo step della corrente fase di calcolo in accordo con il parametro Additional steps (Steps aggiuntivi). Il processo di iterazione continuerà almeno finché l’errore globale non sarà maggiore della tolleranza. 4-51 .

Oltre ai punti in cui il cerchio di Mohr è tangente all’inviluppo di rottura di Coulomb. Questi punti si svilupperanno quando l’opzione Tension cut-off è utilizzata per alcuni materiali. Per ulteriori dettagli si veda la Sezione 4. Cap/Hard points: Un Cap point si può presentare se viene utilizzato il modello Hardening Soil o il modello Soft Soil e se allo stato tensionale in un punto corrisponde un valore della tensione di sovraconsolidazione equivalente coincidente con la effettiva tensione di sovraconsolidazione (OCR = 1. 4-52 PLAXIS Versione 8 . Il processo d’iterazione continuerà almeno finché il numero di punti d’integrazione poco accurati sarà maggiore del numero tollerato. Inaccurate stress points (Punti d’integrazione poco accurati): I valori Inaccurate (Poco accurati) forniscono il numero dei punti d’integrazione in stato plastico in elementi di terreno ed elementi interfaccia per i quali l’errore locale eccede l’errore tollerato. Per ulteriori dettagli si veda la Sezione 4. Tolerated number of inaccurate stress points (Numero tollerato di punti d’integrazione): I valori Tolerated (Tollerati) sono il massimo numero di punti d’integrazione poco accurati che sono rispettivamente consentiti in elementi di terreno ed elementi interfaccia.MANUALE DI RIFERIMENTO Plastic stress points (punti plastici): Questo è il numero totale di punti d’integrazione che si trovano in uno stato plastico.2.5.17.0). Tension points (punti di integrazione in trazione): Un Tension point è un punto d’integrazione che raggiunge le condizioni di rottura per trazione. Un Hard(ening) point si può presentare se è utilizzato il modello Hardening Soil e se allo stato tensionale in un punto corrisponde un valore dell’angolo di attrito mobilitato che eccede il massimo valore attinto nella storia di carico precedente. sono considerati i punti in cui si verifica incrudimento plastico. Plastic interface points (punti d’interfaccia in stato plastico): Questo valore fornisce il numero di punti d’integrazione in stato plastico degli elementi interfaccia.17. come spiegato nella Sezione 3.

l’elenco dei calcoli viene aggiornato.CALCOLI Apex points: Questi sono particolari punti in stato plastico in cui la tensione tangenziale ammissibile è zero. In alcuni casi ci sono altri modi per apportare modifiche tra due fasi di calcolo. poiché l’input cessa di essere coerente con i dati di calcolo. Quando una fase di calcolo viene evidenziata come calcolata. può farlo premendo il pulsante <Cancel> (Annulla) nella finestra di calcolo. invece le fasi che non sono terminate con successo sono indicate da una crocetta rossa (×). 4. le fasi di calcolo che sono state terminate con successo sono indicate da un simbolo di controllo verde (√). 4. appare una crocetta rossa (×) a fianco della fase di calcolo interrotta. i messaggi relativi ai calcoli sono visualizzati nella casella Log info della scheda General. La procedura iterativa tende a divenire lenta quando il numero di Apex points è troppo grande.15 SELEZIONE DI UNA FASE DI CALCOLO PER L’OUTPUT Una volta terminato il processo di calcolo. inoltre. per indicare che quella fase non è stata terminata con successo. i risultati di differenti fasi di calcolo possono essere facilmente confrontati. ciò non si deve fare. i risultati della fase selezionata sono direttamente visualizzati nel programma Output. Si noti che dopo aver premuto il pulsante può essere necessario qualche secondo prima che il processo di calcolo si arresti effettivamente.16 MODIFICHE AI DATI DI INPUT TRA LE FASI DI CALCOLO Si deve fare attenzione con le modifiche ai dati di input (nel programma Input) tra due fasi di calcolo. i risultati di tutte le fasi di calcolo selezionate sono visualizzati in finestre separate nel programma Output. al posto di modificare i dati di input stessi. Gli apex points possono essere evitati selezionando l’opzione Tension cut-off nei set di dati di materiale per terreno ed interfacce. inoltre. cioè tmax = c + s tanj = 0. 4-53 . Cancel button (Annulla) Se per qualche ragione. L’utente può selezionare più fasi di calcolo nello stesso tempo tenendo premuto il tasto <Shift> sulla tastiera mentre seleziona un fase di calcolo. In questo modo. viene arrestata l’esecuzione di tutte le successive fasi di calcolo. Nell’elenco dei calcoli. in questo modo il processo di calcolo si arresta ed il controllo viene restituito all’interfaccia utente. in generale. la finestra principale del programma Calculations. selezionando una fase di calcolo terminata e cliccando il pulsante Output. la barra degli strumenti mostra un pulsante Output. l’utente decide di interrompere il calcolo.

MANUALE DI RIFERIMENTO Quando si modifica la geometria (modifica della posizione di punti o di linee o aggiunta di nuovi oggetti). in generale. Quando una mesh agli elementi finiti viene rigenerata senza modifiche alla geometria (per esempio per infittire la mesh).7. lo stesso si applica alla modifica delle pressioni neutre ed alla modifica dei valori di input di carichi esistenti. Anche quando si modificano le proprietà dei materiali senza modificare la geometria. poiché anche questa seconda possibilità è disponibile utilizzando l’opzione Staged construction (Sezione 4. tutte le informazioni (incluse le fasi di costruzione) vengono conservate.7. tuttavia. è meglio creare a priori il set di dati di materiale che sarà utilizzato in fasi di calcolo successive ed usare l’opzione Staged construction per sostituire i set di dati di materiale durante i calcoli. Per ottenere questo parametro. ma le proprietà definite per i materiali nei set di dati sono state modificate. 4.17 CONTROLLI DI ERRORE AUTOMATICI Durante ogni step di calcolo PLAXIS esegue una serie di iterazioni per ridurre gli errori di squilibrio della soluzione.5).3 e 4. è necessario che vengano stimati in modo automatico gli errori di squilibrio durante un processo iterativo. l’utente deve ridefinire le fasi di costruzione ed il processo di calcolo deve ripartire dalla prima fase. Per terminare questa procedura iterativa quando gli errori saranno divenuti accettabili. dopo la modifica della geometria le informazioni della costruzione per fasi cessano di essere valide. i clusters si riferiscono agli stessi set di dati di materiale. in questo caso. i carichi squilibrati sono adimensionalizzati in questo modo: 4-54 PLAXIS Versione 8 . tutte le informazioni sulla geometria vengono conservate. questa procedura non è molto utile. in quanto PLAXIS consente la sostituzione del set di dati di materiale nel contesto dell’opzione di calcolo Staged construction (Sezione 4. Pertanto. Il termine 'forze nodali squilibrate' si riferisce alla differenza tra i carichi esterni e le forze che sono in equilibrio con lo stato tensionale corrente. il programma ripristinerà tutti i dati legati alle fasi di costruzione in base ai dati della configurazione iniziale. Questo viene fatto perché. I due indicatori di errore e le associate procedure iterative di controllo dell’errore sono descritti nel seguito Controllo dell’errore globale Il parametro di controllo dell’errore globale utilizzato in PLAXIS è legato alla somma delle intensità delle forze nodali squilibrate. la mesh e le condizioni iniziali (cioè le pressioni neutre e le tensioni iniziali) devono essere rigenerate.9). Per terminare la procedura iterativa i valori di entrambi questi indicatori devono essere al di sotto di limiti prefissati. si noti che in questo caso è ancora necessario rigenerare le condizioni iniziali e riavviare il calcolo dalla prima fase. a questo scopo vengono utilizzati due indicatori di errore separati.7. Nel programma Calculations. uno di questi è una misura dell’errore di equilibrio globale e l’altro è un controllo di errore locale. Quando ciò viene fatto.

è il valore di tensione sulla curva tensione deformazione del materiale alla stessa deformazione corrispondente alla tensione di equilibrio. Per comprendere la procedura di controllo dell’errore locale utilizzata in PLAXIS.18 Tensione di equilibrio e 'tensione costitutiva' La linea tratteggiata in Figura 4. La seconda tensione importante. La variazione di una delle componenti di tensione durante la procedura iterativa è mostrata in Figura 4. il primo di questi. equilibrium stress A stress B constitutive stress strain Figura 4. è necessario considerare le variazioni di tensione che si verificano in un tipico punto d’integrazione durante il processo iterativo. cioè il punto B in Figura 4.18.18 indica il percorso della tensione di equilibrio.18. l’errore locale per il particolare punto d’integrazione al termine dell’iterazione si definisce così: Errore locale = s e -s c Tmax In questa equazione il numeratore è una norma della differenza tra il tensore delle tensioni di equilibrio se ed il tensore delle tensioni costitutive sc.18).CALCOLI Errore globale = ∑ Forze nodali squilibrate ∑ Carichi attivi Controllo dell’errore locale Per errori locali ci si riferisce agli errori che si verificano in ogni singolo punto d’integrazione. due importanti valori di tensione vengono calcolati da PLAXIS. è la tensione calcolata direttamente dalla matrice di rigidezza (cioè il punto A in Figura 4. Questa norma è definita da: 4-55 . la 'tensione costitutiva'. in generale questo percorso dipende dal campo di tensioni e dalla sollecitazione applicata. Per il caso di un elemento di terreno che obbedisce al criterio di Mohr-Coulomb. Alla fine di ogni iterazione. la 'tensione di equilibrio'.

Un punto in stato plastico è definito poco accurato se l’errore locale eccede il valore di Tolerated error (Errore tollerato) specificato dall’utente (si veda la Sezione 4.MANUALE DI RIFERIMENTO σe . viene utilizzato il concetto di Inaccurate plastic points (Punti in stato plastico poco accurati).σ xx + σ e . Per quantificare il grado di accuratezza locale.σ xy + σ e . _ di _ punti _ d ' int erfaccia _ plastici 10 4-56 PLAXIS Versione 8 . di punti di terreno plastici 10 N. di punti d’interfaccia poco accurati ≤ 3 + N .σc = (σ e xx c e c e c e c . di punti di terreno poco accurati ≤ 3 + N .σ c + σ zx .σ c + σ zz . tutti e tre i seguenti controlli d’errore devono essere soddisfatti. c cos j ) Quando il punto d’integrazione è posizionato in un elemento interfaccia viene adottata la seguente espressione: Errore locale = (s e n c -sn ) + (t 2 e -t c ) 2 c ci .σ zx yy yy yz yz ) ( 2 ) ( 2 ) ( 2 ) ( 2 ) ( 2 ) 2 Il denominatore dell’equazione che definisce l’errore locale è il massimo valore della tensione tangenziale come definita dal criterio di rottura di Coulomb.σ zz + σ xy .1). Nel caso del modello di Mohr-Coulomb Tmax è definito da: Tmax = max(½ (s 3 . Termine delle iterazioni Affinché PLAXIS termini le iterazioni nello step corrente.6. Per ulteriori dettagli su queste procedure di controllo dell’errore si veda il Riferimento 18.s 1 ).s n tan j i Ove sn e t rappresentano rispettivamente le tensioni normale e tangenziale nell’interfaccia. Errore globale ≤ Errore tollerato N.

questi possono contenere grafici del modello intero. La finestra principale del programma Output contiene le voci seguenti (Figura 5. Moduli di output: I moduli sono finestre su cui è visualizzato un particolare output. Figura 5. che visualizza la mesh deformata. Inoltre. È possibile aprire simultaneamente più moduli di output. 5. in funzione del tipo di output attivo. quando un modello agli elementi finiti coinvolge elementi strutturali. la serie di strumenti che possono essere selezionati dal programma Output è descritta in questo capitolo. Un ampio gruppo di strumenti sono disponibili in PLAXIS per visualizzare i risultati di un’analisi agli elementi finiti.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT 5 POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Le principali grandezze di output di un calcolo agli elementi finiti sono gli spostamenti dei nodi e le tensioni nei punti d’integrazione. Dopo la selezione si apre una prima finestra di output. l’utente deve selezionare il modello e l’appropriata fase di calcolo o il numero di step del quale si debbano visualizzare i risultati. All’avvio del programma Output. sulla barra dei menu si trova un 5-1 . o tabelle dei dati di output. in questi elementi vengono calcolate forze strutturali. inoltre. grafici di speciali oggetti del modello. i comandi di menu possono cambiare.1).1 IL PROGRAMMA OUTPUT Questa icona rappresenta il programma Output che contiene tutti gli strumenti per visualizzare ed elencare i risultati dei dati di input generati e dei calcoli agli elementi finiti.1 Barra degli strumenti nella finestra principale del programma Output Menu Output: Il menu Output contiene tutti i comandi per le operazioni e gli strumenti di output del programma Output. Barra degli strumenti: La barra degli strumenti contiene pulsanti che possono essere utilizzati come una scorciatoia per i comandi di menu. Alcuni comandi sono disponibili anche come pulsanti sulla barra degli strumenti.

Geometry (Geometria). (Esci) Per chiudere il programma. Quando si visualizza un intero modello geometrico. questi due aspetti costituiscono la parte principale del menu Output. si apre la finestra di scelta file. trasferimento di dati e visualizzazione di grafici e tabelle. il menu consiste nei sottomenu File. Stresses (Tensioni). per esempio. gli spostamenti possono essere visualizzati sotto forma di Arrows (Frecce). altre grandezze possono essere visualizzate in altri modi. (Chiudi tutti) Per chiudere tutti i moduli di output. pertanto. (Stampa) Per stampare l’output attivo su una stampante selezionata. Window (Finestra) ed Help (Aiuto). (Directory di lavoro) Per impostare la directory di default nella quale verranno salvati i files di progetto di PLAXIS. (progetti recenti) Per aprire rapidamente uno dei quattro progetti più recenti. Il sottomenu File: Open Close Close all Print Work directory Report generation (recent projects) Exit (Apri) Per aprire un progetto per il quale si deve visualizzare l’output. Status line (Linea di stato): La barra di stato contiene informazioni sul tipo di analisi (stato piano di deformazione o assialsimmetria) e la posizione del puntatore del mouse nel modello. Il menu dipende sempre dal tipo di dati che è visualizzato nel modulo di output.MANUALE DI RIFERIMENTO menu a tendina che può essere utilizzato per selezionare direttamente il tipo di visualizzazione delle grandezze mostrate. Edit (Modifica). 5. Deformations (Deformazioni). 5-2 PLAXIS Versione 8 . Il principale tipo di risultati di un calcolo agli elementi finiti è rappresentato da tensioni e deformazioni.2 IL MENU OUTPUT Il menu principale del programma Output contiene sottomenu a tendina che coprono la maggior parte dei comandi per la gestione dei files. View (Visualizza). si apre la finestra di stampa. (Generazione di relazione) Per generare una relazione di calcolo con i dati di input ed i risultati dei calcoli. Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni). (Chiudi) Per chiudere il modulo di output attivo.

(Linea di scansione) Per modificare la linea di scansione che visualizza le lettere associate alle isolinee. (Righelli) Per mostrare o nascondere i righelli attorno al grafico attivo. (Intervallo) Per modificare l’intervallo di valori della grandezza visualizzata nei grafici con isolinee (Contours) e con gradazioni (Shadings). Una lettera apparirà su ogni intersezione tra la linea di scansione ed un’isolinea. (Griglia) Per mostrare o nascondere la griglia nel grafico attivo. l’area da ingrandire deve essere specificata con il mouse.8).POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Il sottomenu Edit: Copy Scale Interval (Copia) Per copiare l’output attivo nel blocco degli appunti di Windows® (Clipboard). (Tabella) Per visualizzare una tabella di valori numerici relativi alla grandezza presentata (Sezione 5.7). quindi rilasciare il pulsante. tenere premuto il pulsante del mouse e spostare il mouse all’angolo opposto dell’area da ingrandire. Il comando può essere utilizzato ripetitivamente. la linea di scansione deve essere tracciata con il mouse. (Riduci) Per ripristinare la visualizzazione preesistente alla più recente azione di ingrandimento. (Ripristina la vista) Per ripristinare il grafico originario. premere il pulsante sinistro del mouse ad un angolo dell’area da ingrandire. che visualizzi la distribuzione delle grandezze visualizzate lungo una linea. Premere il pulsante sinistro del mouse ad un estremo. tenere il pulsante del premuto e spostare il mouse all’altro estremo. Zoom out Reset view Cross-section Table Rulers Title Legend Grid 5-3 . Dopo la selezione. (Legenda) Per mostrare o nascondere la legenda delle isolinee o delle gradazioni. (Sezione trasversale) Per ottenere una sezione trasversale definita dall’utente. (Scala) Per modificare la scala della grandezza visualizzata. il programma ingrandirà l’area. Scan line Il sottomenu View: Zoom in (Ingrandisci) Per ingrandire un’area rettangolare sullo schermo per una vista più dettagliata. Dopo la selezione. (Sezione 5. (Titolo) Per mostrare o nascondere il titolo del grafico attivo.

Possibile soltanto quando i nodi sono visualizzati. Possibile soltanto quando i punti d’integrazione sono visualizzati. (Materiali) Per visualizzare i colori dei materiali del modello. (Spostamenti imposti) Per visualizzare gli spostamenti imposti del modello. (Informazioni sui materiali) Per mostrare le informazioni sui materiali (Sezione 5. (Elementi) Per visualizzare gli elementi di terreno del modello.9.MANUALE DI RIFERIMENTO General info Material info Calculation info Create animation (Informazioni generali) Per mostrare le informazioni generali del progetto (Sezione 5. (Carichi) Per visualizzare i carichi esterni del modello.2).4). Node numbers Stress points numbers Material set numbers 5-4 PLAXIS Versione 8 . (Nodi) Per visualizzare i nodi del modello.3).9. (Grafico della connettività) Per visualizzare il grafico della connettività (Sezione 5. (Numeri dei materiali) Per visualizzare i numeri associati ai materiali negli elementi di terreno. (Punti d’integrazione) Per visualizzare i punti d’integrazione del modello. (Vincoli) Per visualizzare i vincoli del modello.1). Il sottomenu Geometry: Structures Materials Phreatic level Loads Fixities Presc.9. (Numeri dei nodi) Per visualizzare i numeri relativi ai nodi. (Livello di falda) Per visualizzare il livello di falda generale del modello. (Numeri dei punti d’integrazione) Per visualizzare i numeri relativi ai punti d’integrazione. (Numeri degli elementi) Per visualizzare i numeri relativi agli elementi di terreno. displacements Connectivity plot Elements Nodes Stress points Element numbers (Strutture) Per visualizzare tutti gli oggetti del modello che rappresentano parti di struttura. (Creare un’animazione) Per creare un’animazione ottenuta da una serie di steps di calcolo. (Informazioni di calcolo) Per mostrare le informazioni di calcolo dello step corrente (Sezione 5. Possibile soltanto quando gli elementi sono visualizzati.9.

POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Clusters numbers (Numeri dei clusters) Per visualizzare i numeri relativi ai clusters negli elementi di terreno.2). Figura 5. si apre una finestra di scelta del file dalla quale può essere selezionato il file di progetto di PLAXIS desiderato (*.3 SELEZIONE DI STEPS PER L’OUTPUT L’output può essere effettuato cliccando il pulsante Open file (Apri file) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Open dal sottomenu File. allora si deve cliccare col mouse una sola volta sulla colonna Phase (Fase) al di sopra dell’elenco di tutte le fasi di calcolo nella finestra di scelta file. Come risultato. l’elenco di calcolo si modifica in un’elenco con i numeri di tutti gli steps. da cui può essere selezionato il numero di step desiderato. viene aperto un nuovo modulo di output. 5.2 Finestra di scelta file per la selezione di uno step di output Quando l’utente seleziona un particolare progetto. 5. Il sottomenu Deformations: Il sottomenu Deformations contiene vari comandi per visualizzare le deformazioni e le distorsioni del modello agli elementi finiti (Sezione 5. Il sottomenu Stresses: Il sottomenu Stresses contiene vari comandi per visualizzare lo stato tensionale nel modello agli elementi finiti (Sezione 5. Oltre a questa selezione generale di dati di output.4 DEFORMAZIONI Il sottomenu Deformations contiene vari comandi per visualizzare le deformazioni e le distorsioni del modello agli elementi finiti. le grandezze visualizzate sono 5-5 .15. come descritto nella Sezione 4. selezionando una fase di calcolo. nel quale vengono mostrati i risultati dell’ultimo step di calcolo della fase selezionata.5). Per default. dal programma Calculations viene fornito un comando alternativo. la finestra di scelta file visualizza il corrispondente elenco di fasi di calcolo per il quale è richiesta un’ulteriore selezione. come risultato.PLX) (Figura 5.4). Se si desidera selezionare uno step di calcolo intermedio.

questo grafico può essere selezionato dal sottomenu Deformations.4. gli Horizontal displacements ed i Vertical displacements sono. 5.3 SPOSTAMENTI INCREMENTALI I Total increments sono gli incrementi di spostamento assoluti Du dello step corrente.4. l’intervallo di valori delle grandezze visualizzate può essere modificato sia selezionando il comando Interval (Intervallo) dal sottomenu Edit sia cliccando sulla leggenda. i fattori di scala dei diversi grafici devono essere resi uguali. In modo simile. Il fattore di scala può essere modificato cliccando il pulsante Scale factor sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Scale dal sottomenu Edit. rispettivamente. Questi comandi possono essere selezionati dal sottomenu Deformations. ottenuti come risultanti degli incrementi di spostamento orizzontale e verticale di tutti i nodi calcolati per lo step corrente.1 MESH DEFORMATA La Deformed mesh è un grafico della mesh agli elementi finiti nel suo aspetto deformato. Se le modalità di visualizzazione Contours (Isolinee) e Shadings (Gradazioni) sono selezionate dal menu a tendina sulla barra degli strumenti.2 SPOSTAMENTI TOTALI. Il fattore di scala per le deformazioni si riferisce ad un valore di riferimento della deformazione. visualizzati su un grafico della geometria. ottenuti come risultanti delle componenti di spostamento orizzontale (x) e verticale (y) di tutti i nodi al termine dello step di calcolo corrente. gli incrementi di spostamento orizzontali (x) e verticali (y) di tutti i nodi come calcolati per lo step corrente. Il massimo valore raggiunto dalla particolare grandezza è incluso nel titolo al di sotto del grafico e può essere visualizzato selezionando il comando Title (Titolo) dal sottomenu View. come Contours (Isolinee) o come Shadings (Gradazioni) selezionando l’appropriata opzione dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. rispettivamente. gli Horizontal increments (Incrementi orizzontali) ed i Vertical increments (Incrementi verticali) sono. In modo simile. Se si desidera visualizzare le deformazioni in scala reale (cioè nella scala della geometria). Gli spostamenti possono essere presentati come Arrows (Frecce). visualizzati in un grafico della geometria. 2 o 5)·10n in modo da fornire un diagramma che può essere letto convenientemente. ORIZZONTALI E VERTICALI I Total displacements sono gli spostamenti assoluti cumulati u.4.MANUALE DI RIFERIMENTO automaticamente scalate di un fattore (1. 5. Gli incrementi di spostamento possono essere presentati come Arrows (Frecce). come Contours (Isolinee) o come Shadings 5-6 PLAXIS Versione 8 . può essere adottato il comando Scale (Scala). Per confrontare grafici di deformazione di differenti fasi di calcolo. 5. questa è rappresentata in una determinata percentuale rispetto alle dimensioni della geometria. Questi comandi possono essere selezionati dal sottomenu Displacements. le componenti di spostamento orizzontale (x) e verticale (y) cumulate in tutti i nodi alla fine dello step di calcolo corrente.

Si noti che la compressione è considerata negativa. 5. visualizzate in un grafico della geometria. Quando s’impiegano elementi a 15 nodi. questo comando può essere selezionato dal sottomenu Deformations.4. Volumetric strains (Deformazioni volumetriche ev) o Shear strains (Deformazioni distorsionale es) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. 5.5 COMPONENTI CARTESIANE DI DEFORMAZIONE Quando si seleziona Cartesian strains (Componenti cartesiane di deformazione) dal sottomenu Deformations. Le isolinee degli incrementi totali sono particolarmente utili per osservare la localizzazione delle deformazioni all’interno del terreno. 5.4 DEFORMAZIONI TOTALI Le Total strains sono le deformazioni cumulate nella geometria in corrispondenza dei punti d’integrazione al termine dello step di calcolo corrente.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT (Gradazioni) selezionando l’appropriata opzione dal menu a tendina sulla barra degli strumenti.4. eyy e gxy. quando si utilizzano elementi a 6 nodi viene visualizzato soltanto un punto d’integrazione per elemento. La lunghezza di ogni linea rappresenta l’intensità della deformazione principale e la direzione indica la direzione principale. Le deformazioni totali possono essere rappresentate sottoforma di Principal directions (Direzioni principali di deformazione). Le deformazioni principali sono rappresentate come crocette nei punti d’integrazione.6 DEFORMAZIONI INCREMENTALI Le Incremental strains sono gli incrementi di deformazione della geometria in corrispondenza dei punti d’integrazione calcolati per lo step di calcolo corrente. vengono visualizzati tre punti d’integrazione per elemento. è possibile effettuare un’ulteriore selezione tra le singole componenti di deformazione totale exx.4. quando si verifica la rottura per plasticizzazione del terreno. le componenti cartesiane di deformazione possono essere rappresentate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando il comando appropriato dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. Volumetric strains (Deformazioni volumetriche incrementali Dev) o Shear strains (Deformazioni 5-7 . Questo comando può essere selezionato dal sottomenu Deformations. che rappresenta la media delle deformazioni totali principali nell’elemento. le deformazioni di estensione sono indicate da una freccia piuttosto che da una linea. visualizzati in un grafico della geometria. Si noti che la compressione è considerata negativa. Le deformazioni incrementali possono essere rappresentate come Principal directions (Direzioni principali degli incrementi di deformazione). Le deformazioni volumetriche e le deformazioni per taglio possono essere visualizzate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni).

Le deformazioni volumetriche e le deformazioni distorsionali possono essere visualizzate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni). e si seleziona il comando Interval (Intervallo) dal sottomenu Edit si può modificare l’intervallo dei valori della grandezza visualizzata. Il fattore di scala per le tensioni si riferisce ad un valore di riferimento della tensione la quale è disegnata come una certa percentuale delle dimensioni della geometria. Si noti che la compressione è considerata negativa. Per confrontare grafici di tensione di differenti fasi di calcolo. vengono visualizzati tre punti d’integrazione per elemento. Per default. i fattori di scala dei diversi grafici devono essere uniformati. Quando si utilizzano elementi a 15 nodi. 2 o 5)·10n in modo da fornire un diagramma che può essere convenientemente letto. La lunghezza di ogni linea rappresenta l’intensità della deformazione principale e la direzione indica la direzione principale. La scala può essere modificata cliccando il pulsante Scale factor (Fattore di scala) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Scale (Scala) dal sottomenu Edit. Si noti che la compressione è considerata negativa. Quando si seleziona Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. Incrementi di deformazione di estensione sono indicati con una freccia anziché con una linea. le grandezze visualizzate sono automaticamente scalate di un fattore (1. quando si utilizzano 6 nodi per elemento viene visualizzato soltanto un punto d’integrazione per elemento.4. 5.MANUALE DI RIFERIMENTO distorsionali incrementali Des) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti.5 TENSIONI Il sottomenu Stresses (Tensioni) contiene vari comandi per visualizzare lo stato tensionale nel modello agli elementi finiti. è possibile effettuare un’ulteriore selezione tra i singoli incrementi di deformazione Dexx. Gli incrementi di deformazione principali sono rappresentati come crocette nei punti d’integrazione. che rappresenta la media degli incrementi di deformazione principale nell’elemento.7 INCREMENTI DELLE DEFORMAZIONE COMPONENTI CARTESIANE DI Quando si seleziona Cartesian strain increments (Incrementi delle componenti cartesiane di deformazione) dal sottomenu Deformations. Le componenti cartesiane degli incrementi di deformazione possono essere rappresentate sottoforma di Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. 5. 5-8 PLAXIS Versione 8 . Deyy e Dgxy. Il massimo valore della particolare grandezza è inclusa nel titolo al di sotto del grafico e può essere visualizzato selezionando il comando Title (Titolo) dal sottomenu View.

POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT 5.5.1 TENSIONI EFFICACI

Le Effective stresses sono le tensioni efficaci nella geometria al termine dello step di calcolo corrente, visualizzato in un grafico della geometria; il comando Effective stresses può essere selezionato dal sottomenu Stresses. Le tensioni efficaci possono essere rappresentate come Principal directions (Direzioni principali di tensione), Mean stresses (Tensioni medie p') o Relative shear stresses (Tensioni tangenziali relative trel) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. Le tensioni efficaci medie e le tensioni tangenziali relative possono essere visualizzate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni). Le tensioni efficaci principali sono rappresentate come crocette in corrispondenza dei punti d’integrazione. Quando si utilizzano elementi a 15 nodi, sono visualizzati tre punti d’integrazione per elemento; quando si utilizzano elementi a 6 nodi viene visualizzato soltanto un punto per elemento, che rappresenta la media delle tensioni efficaci principali nell’elemento. La lunghezza di ogni linea rappresenta l’intensità delle tensioni principali e la direzione indica la direzione principale; le tensioni di trazione sono indicate da una freccia piuttosto che da una linea. Si noti che le tensioni di compressione sono considerate negative. L’opzione Relative shear stresses fornisce un’indicazione della prossimità del punto d’integrazione all’inviluppo di rottura. La tensione tangenziale relativa tref è definita da:

t rel =

t* t max

ove t* è il massimo valore della tensione tangenziale (cioè il raggio del cerchio di Mohr) e tmax è il massimo valore di tensione tangenziale per il caso in cui il cerchio di Mohr viene allargato fino a divenire tangente all’inviluppo di rottura di Coulomb mantenendo costante la tensione principale intermedia. 5.5.2 TENSIONI TOTALI

Le Total stresses sono le tensioni totali (cioè tensioni efficaci + pressioni neutre) nella geometria alla fine dello step di calcolo corrente, visualizzate in un grafico della geometria. Questo comando può essere selezionato dal sottomenu Stresses. Le tensioni totali possono essere rappresentate sottoforma di Principal directions (Direzioni principali di tensione), Mean stresses (Tensioni medie p) o Deviatoric stresses (Tensioni deviatoriche q) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. Le tensioni medie e le tensioni deviatoriche possono essere visualizzate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni). Le tensioni totali principali sono rappresentate come crocette in corrispondenza dei punti d’integrazione dell’elemento. Quando si utilizzano elementi a 15 nodi, vengono visualizzati tre punti d’integrazione; quando si utilizzano elementi a 6 nodi viene

5-9

MANUALE DI RIFERIMENTO visualizzato soltanto un punto d’integrazione per elemento. La lunghezza di ogni linea rappresenta l’intensità delle tensioni principali e le direzioni indicano le direzioni principali. Le tensioni di trazione sono indicate da una freccia piuttosto che da una linea. Si noti che la tensione di compressione è considerata col segno negativo. 5.5.3 COMPONENTI CARTESIANE DELLE TENSIONI EFFICACI

Quando si seleziona Cartesian effective stresses (Componenti cartesiane delle tensioni efficaci) dal sottomenu Stresses, un’ulteriore selezione può essere fatta tra le singole componenti di tensione efficace s'xx, s'yy, s'zz e s'xy. Le componenti cartesiane di tensione possono essere rappresentate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. La Figura 5.3 mostra la convenzione dei segni adottata per le tensioni cartesiane. Si noti che la tensione di compressione è considerata negativa. 5.5.4 COMPONENTI CARTESIANE DELLE TENSIONI TOTALI

Quando si seleziona Cartesian total stresses dal sottomenu Stresses, si può effettuare un’ulteriore selezione tra le singoli componenti di tensione sxx, syy, szz e sxy. Le componenti di tensione cartesiane possono essere rappresentate come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. La Fig.5.3 mostra la convenzione dei segni adottata per le componenti cartesiane di tensione. Si noti che la tensione di compressione è considerata negativa.
syy y syz szy x z szz szx sxz syx sxy sxx

Figura 5.3 Convenzione dei segni per le tensioni 5.5.5 GRADO DI SOVRACONSOLIDAZIONE

L’Overconsolidation ratio (Grado di sovraconsolidazione) è visualizzato soltanto se è utilizzato il modello Hardening Soil (Modello di terreno incrudente) o il modello Soft Soil (Modello di terreno compressibile).

5-10

PLAXIS Versione 8

POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Il grado di sovraconsolidazione OCR, come qui definito, è il rapporto tra la tensione isotropa di sovraconsolidazione pp, e la tensione isotropa equivalente corrente peq.

OCR =
ove

pp p eq

p eq = p '+

q2 M 2 ( p'+c cot j ¢)
M2

(modello Soft Soil (Creep))

p eq =

( p')2 + q 2

(modello Hardening Soil)

Il grado di sovraconsolidazione può essere visualizzato sottoforma di Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina sulla barra degli strumenti. 5.5.6 PUNTI PLASTICI

I Plastic points sono punti d’integrazione in stato plastico, visualizzati in un grafico della geometria indeformata. I punti d’integrazione in stato plastico sono indicati da piccoli simboli che possono avere differenti forme e colori, in funzione del tipo di plasticità che si è verificata. Un quadrato dal contorno rosso indica che le tensioni si trovano sulla superficie dell’inviluppo di rottura di Coulomb. Un quadrato bianco pieno indica che è stato applicato il criterio Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione). Un quadrato blu con una crocetta rappresenta uno stato normalconsolidato in cui la tensione di preconsolidazione equivalente coincide con la tensione di preconsolidazione; l’ultimo tipo di punto in stato plastico si presenta soltanto se vengono utilizzati il modello Soft Soil (Creep) o il modello Hardening Soil. Per dettagli sull’uso dei modelli di terreno avanzati, si rimanda l’utente al Material Models Manual. I Plastic points di Coulomb sono particolarmente utili per controllare se l’estensione del modello è sufficiente. Se la zona plasticizzata di Coulomb raggiunge un contorno del modello (escludendo l’asse di simmetria di un modello simmetrico) questo suggerisce che l’estensione del modello è troppo piccola; in questo caso il calcolo deve essere ripetuto con un modello più ampio. 5.5.7 PRESSIONI NEUTRE

Le Active pore pressures (Pressioni neutre) sono le pressioni totali dell’acqua pw (cioè pressioni stazionarie + sovrappressioni neutre) nella geometria al termine dello step di calcolo corrente, visualizzate in un grafico della geometria indeformata; questo grafico può essere selezionato dal sottomenu Stresses. Per default, le pressioni neutre sono

5-11

MANUALE DI RIFERIMENTO presentate semplicemente come tensioni principali, sebbene esse siano isotrope e non abbiano direzioni principali. La lunghezza delle linee rappresenta l’intensità delle pressioni neutre e le direzioni coincidono con quelle degli assi x ed y. Le pressioni neutre negative (cioè positive secondo la convenzione di PLAXIS) sono indicate da una freccia piuttosto che da una linea. Si noti che la pressione è considerata negativa. Quando si utilizzano elementi a 15 nodi, vengono visualizzati tre punti d’integrazione per elemento; quando si utilizzano elementi a 6 nodi viene visualizzato uno solo punto d’integrazione per elemento, che rappresenta la media delle pressioni neutre nell’elemento. Come alternativa all’opzione Principal directions, l’utente può selezionare Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) delle pressioni neutre dal menu a tendina della barra degli strumenti. 5.5.8 SOVRAPPRESSIONI NEUTRE

Le Excess pore pressures (Sovrappressioni neutre) sono le pressioni neutre dovute alla sollecitazione di clusters non drenati al termine dello step di calcolo corrente, visualizzate in un grafico della mesh indeformata; questo grafico può essere selezionato dal sottomenu Stresses. Per default, le sovrappressioni neutre sono visualizzate sottoforma di tensioni principali, sebbene esse non abbiano tensioni principali; la lunghezza delle linee rappresenta l’intensità delle sovrappressioni neutre e le direzioni coincidono con quelle degli assi x ed y. Le sovrappressioni neutre negative (cioè positive secondo la convenzione di PLAXIS) sono indicate da una freccia piuttosto che da una linea. Si noti che la pressione è considerata negativa. Quando si utilizzano elementi a 15 nodi, vengono visualizzati tre punti d’integrazione per elemento; quando si utilizzano elementi a 6 nodi viene visualizzato uno solo punto d’integrazione per elemento, che rappresenta la media delle sovrappressioni neutre nell’elemento. Come alternativa all’opzione Principal directions, l’utente può visualizzare le sovrappressioni neutre sottoforma di Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) tramite il menu a tendina. 5.5.9 QUOTA PIEZOMETRICA

La Groundwater head (Quota piezometrica) è una grandezza alternativa alla rappresentazione delle pressioni neutre; essa è definita come:

h= y+

p

gw

ove y è la coordinata verticale, p è la pressione neutra e gw è il peso dell’unità di volume dell’acqua.

5-12

PLAXIS Versione 8

5. La distribuzione della quota piezometrica può soltanto essere presentata come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina.10 CAMPO DELLE VELOCITÁ DI FILTRAZIONE Quando è stata eseguita un’analisi del moto di filtrazione per generare la distribuzione di pressioni neutre.6 STRUTTURE ED INTERFACCE Le strutture (cioè piastre. nel programma Output. 5. così come di flusso non confinato. Le portate specifiche possono essere visualizzate selezionando il comando Flow field (Campo di flusso) dal sottomenu Stresses (Tensioni). ma anche in situazioni in cui le sovrappressioni neutre siano state generate in clusters di tipo Undrained (Non drenati).POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Il comando Groundwater head è disponibile dal sottomenu Stresses. 5. il grado di saturazione è importante soltanto se è stato eseguita un’analisi del moto di filtrazione. questi oggetti possono essere nascosti o mostrati nuovamente utilizzando il comando Structures (Strutture) dal sottomenu 5-13 . il comando corrispondente può essere selezionato dal sottomenu Stresses. entrambe le grandezze sono ottenute da un’analisi del moto di filtrazione e sono resi disponibili nel programma Output. ancoraggi) e le interfacce sono. il grado di saturazione è generalmente 100% al di sotto del livello di falda e si riduce a zero all’interno di una zona finita al di sopra del livello di falda. come Contours (Isolinee) o Shadings (Gradazioni) selezionando l’opzione appropriata dal menu a tendina della barra degli strumenti.11 GRADO DI SATURAZIONE Il modulo di calcolo per il moto di filtrazione all’interno di PLAXIS può essere utilizzato per calcolare la distribuzione delle pressioni neutre in problemi di flusso confinato. sono disponibili le portate specifiche nei punti d’integrazione. la lunghezza della freccia indica l’intensità della portata specifica.5. oltre alla distribuzione delle pressioni neutre. Questo comando è più significativo in progetti in cui è stato eseguita un’analisi del moto di filtrazione per generare una distribuzione di pressioni neutre. opzionalmente. La determinazione della posizione delle superfici libere di falda e le associate lunghezze della superficie di filtrazione è uno dei principali obiettivi di un’analisi del moto di filtrazione non confinato. infatti. visualizzate nella geometria. Il campo di flusso può essere visualizzato come Arrows (Frecce). per default. Se si desidera visualizzare il Degree of saturation (Grado di saturazione). in questo caso viene adottata una relazione tra la pressione neutra ed il grado di saturazione. Quando le portate specifiche sono rappresentate come frecce.5. geogriglie. invece la direzione della freccia indica la direzione del flusso.

PLAXIS memorizza i valori massimi e minimi delle sollecitazioni in tutte le fasi di calcolo. 5. Questi valori di massimo e minimo fino allo step di calcolo corrente possono essere visualizzati dopo aver selezionato il comando Force envelopes dal sottomenu Forces e successivamente selezionando il comando relativo alla forza desiderata (Axial forces. e l’ultimo deve essere cliccato due volte. Bending moments o Hoop forces). Dal sottomenu Forces (Forze) sono disponibili i comandi Axial forces (Sforzi normali).6.4.MANUALE DI RIFERIMENTO Geometry. Se si desidera visualizzare l’output di più strutture dello stesso tipo in un singolo modulo. allora la Total realised contraction (Contrazione totale realizzata) ed il Realised contraction increment (Incremento di contrazione realizzato) sono visualizzati nel titolo del grafico.1 PIASTRE I dati di output per una piastra comprendono deformazioni e forze. Shear forces.4 Convenzione dei segni per sforzi normali e forze circonferenziali nelle piastre. devono essere selezionati con un singolo click mentre si tiene premuto il tasto <Shift> sulla tastiera. geogriglie ed ancoraggi Se si modella una galleria circolare (galleria scavata a tutta sezione) e si applica una contrazione al rivestimento della galleria. Per modelli assialsimmetrici il sottomenu Forces include anche le forze nella direzione uscente dal piano (Hoop forces – Forze circonferenziali). Shear forces (Sforzi di taglio) e Bending moments (Momenti flettenti). L’output di questi tipi di elementi può essere ottenuto cliccando due volte sull’oggetto desiderato nella geometria. Figura 5. Dal sottomenu Deformations l’utente può selezionare gli spostamenti assoluti cumulati |u|. tutti questi oggetti eccetto l’ultimo. Si noti che gli sforzi normali o le forze circonferenziali sono positive quando inducono tensioni di trazione. come risultato. come indicato in Figura 5. Oltre alle forze agenti in ogni fase. si apre un nuovo modulo sul quale appaiono gli oggetti selezionati. o le singole componenti di spostamento cumulate ux ed uy. Queste forze rappresentano le forze effettive al termine dello step di calcolo. 5-14 PLAXIS Versione 8 . allo stesso tempo il menu cambia per fornire particolari tipi di output per l’oggetto selezionato. al termine dello step di calcolo.

6. Total. Questi comandi possono essere utilizzati per osservare se si sono verificati scorrimenti in corrispondenza dell’interfaccia. 5. Shear stresses (Tensioni tangenziali). orizzontali e verticali). L’output per una geogriglia comprende le deformazioni e le forze. l’ancoraggio è in stato plastico. viene mostrata una piccola finestra di dialogo in cui è visualizzata la forza dell’ancoraggio.2 GEOGRIGLIE I dati di output per le geogriglie possono essere ottenuti cliccando due volte sulla corrispondente linea gialla nella geometria. Horizontal e Vertical displacements (Spostamenti totali. orizzontali e verticali). Dal sottomenu Deformations l’utente può selezionare gli spostamenti assoluti cumulati |u| o le singole componenti di spostamento ux ed uy. Se il valore assoluto della forza dell’ancoraggio è uguale alla forza ammissibile. Dal sottomenu Stresses sono disponibili i comandi Effective normal stresses (Tensioni normali efficaci). in questi elementi non sono ammesse forze di compressione. Active pore pressures (Pressioni neutre) ed Excess pore pressures (Sovrappressioni neutre). Gli spostamenti relativi sono spostamenti differenziali tra le coppie di nodi. Le forze di trazione nelle geogriglie sono sempre positive. Si noti che le tensioni normali e le pressioni neutre di compressione sono considerate negative. lo sforzo normale ammissibile e la rigidezza dell’ancoraggio.4 ANCORAGGI Cliccando due volte su un ancoraggio (sia un ancoraggio tra nodo e nodo che un ancoraggio ad estremità fissa).POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT 5. Relative shear stresses (Tensioni tangenziali relative).6. Le forze di trazione sono definite positive. Horizontal e Vertical increments (Incrementi di spostamento totali. 5-15 . Dal sottomenu Deformations l’utente può selezionare Total. 5. L’output di un’interfaccia comprende le tensioni e le deformazioni. Dal sottomenu Forces è disponibile il comando Axial force (Sforzo normale).3 INTERFACCE L’output delle interfacce può essere ottenuto cliccando due volte sulle corrispondenti linee tratteggiate nella geometria. come indicato in Figura 5.6. Relative displacements e Relative increments (Spostamenti relativi ed Incrementi di spostamento relativi).4.

appare un modulo tabella in cui sono riportate le componenti di spostamento in tutti i nodi.7 VISUALIZZAZIONE DELLE TABELLE DI OUTPUT Per tutti i tipi di grafici. questo sottomenu contiene i comandi per visualizzare la posizione e la numerazione dei nodi e dei punti d’integrazione degli elementi. Tabelle dei nodi e dei punti d’integrazione Quando sono mostrate le tavole delle tensioni o delle deformazioni. Hardening. si apre un nuovo modulo nel quale le grandezze corrispondenti sono presentate sottoforma di tabella. Si noti che le tensioni di compressione sono considerate negative. l’effettiva coesione c e l’effettivo grado di sovraconsolidazione OCR. un punto Hardening è un punto d’integrazione che si trova in uno stato tensionale cui corrisponde la mobilitazione di un valore dell’angolo di attrito coincidente con il valore massimo attinto nel corso della storia tensionale (soltanto per il modello Hardening Soil). un punto Elastic è un punto d’integrazione che non è attualmente in condizioni di rottura. Gli spostamenti totali ux ed uy sono spostamenti cumulativi di tutte le fasi di calcolo precedenti. La colonna Status (Stato) nella tabella delle tensioni indica se un punto d’integrazione è un punto di tipo Elastic. Questo strumento è particolarmente interessante quando si utilizzano modelli in cui la rigidezza o la coesione aumenta con la profondità o quando si utilizzano modelli 5-16 PLAXIS Versione 8 . un punto Tension è un punto d’integrazione che è in condizioni di rottura per trazione in accordo con il criterio Tension cut-off (Limitazione delle tensioni di trazione). le tabelle visualizzano le componenti cartesiane in corrispondenza di tutti i punti d’integrazione. allo stesso tempo il menu cambia in modo da consentire la selezione di altre grandezze visualizzabili. un punto Plastic è un punto d’integrazione in cui uno dei cerchi di Mohr tange il criterio di rottura di Coulomb. Tabelle degli spostamenti Quando si seleziona il comando Table (Tabella) ed è visualizzato un grafico degli spostamenti. Tension.MANUALE DI RIFERIMENTO 5. Tabelle delle tensioni e delle deformazioni Quando si visualizzano le tabelle delle tensioni o delle deformazioni negli elementi di terreno. Apex. invece gli spostamenti incrementali Dux e Duy sono gli spostamenti verificatisi nello step corrente. il menu include il sottomenu Geometry. i dati numerici possono essere visualizzati in tabelle di output cliccando il pulsante Table (Tabella) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando corrispondente dal menu View. o Cap. Il comando Element stress points (Punti d’integrazione degli elementi) visualizza anche l’effettivo modulo di rigidezza elastico E. Un punto Cap è un punto d’integrazione in cui la tensione di sovraconsolidazione equivalente coincide con la effettiva tensione di sovraconsolidazione. come risultato. un punto Apex è un punto d’integrazione all’apice dell’inviluppo di rottura.

Per le geogriglie. l’utente deve specificare la sezione trasversale con un click sul primo punto della linea della sezione nella geometria e muovendo il puntatore fino all’altro estremo tenendo premuto il tasto sinistro del mouse.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT nei quali la rigidezza è funzione della tensione. Si possono disegnare più sezioni trasversali nella stessa geometria. Si possono disegnare sezioni perfettamente orizzontali o verticali tenendo premuto simultaneamente il tasto <Shift> sulla tastiera. lungo la sezione trasversale tracciata. la distribuzione della grandezza correntemente visualizzata. Le tabelle mostrano quale rigidezza e quale coesione sono state effettivamente applicate in tutti i punti d’integrazione dello step di calcolo corrente. Quando si visualizzano le tabelle delle forze di piastra. Dopo la selezione di questo comando. i punti d’estremità di una sezione trasversale sono indicati con caratteri in ordine alfabetico. non v’è altra tabella disponibile di quella che viene presentata cliccando due volte sull’ancoraggio nella geometria. la tabella presenta la tensione normale efficace (s'n). Dopo aver rilasciato il pulsante del mouse. ogni sezione trasversale apparirà su un diverso modulo di output. la pressione neutra (pactive) e la sovrappressione neutra (pexcess) in tutti i punti d’integrazione dell’interfaccia.8 VISUALIZZAZIONE TRASVERSALE DEI RISULTATI LUNGO UNA SEZIONE Per esaminare la distribuzione di una certa grandezza nel terreno è spesso utile visualizzare la distribuzione di quella data grandezza lungo una particolare sezione trasversale del modello. 5-17 . Per identificare diverse sezioni trasversali. 5. nel contempo. Si noti che nel secondo caso. i risultati possono essere meno accurati dei valori nei punti d’integrazione. Può essere selezionato cliccando il pulsante Cross-section (Sezione trasversale) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando corrispondente dal menu View (Visualizza). Tensioni e forze nelle interfacce e nelle strutture Quando si visualizzano le tabelle delle tensioni nelle interfacce. questo comando è disponibile in PLAXIS per tutti i tipi di tensioni e spostamenti negli elementi di terreno. La distribuzione delle quantità nelle sezioni trasversali è ottenuta dall’interpolazione dei valori nodali (per gli spostamenti) o dall’estrapolazione dei valori nei punti d’integrazione (per tensioni e deformazioni). la tensione tangenziale (t). la tabella presenta soltanto la forza nella direzione assiale della geogriglia (N). la tabella presenta lo sforzo normale (N). si apre un nuovo modulo nel quale viene rappresentata. lo sforzo di taglio (Q) e il momento flettente (M) nei nodi. il menu cambia per consentire la selezione di tutte le altre quantità che possono essere visualizzate lungo la sezione. Per gli ancoraggi.

il comando Cross-section consente la visualizzazione delle Normal strains (Deformazioni normali) e delle Shear strains (Deformazioni per taglio). i nodi. disponibili per tutta la geometria. Integrazione delle tensioni: Forza equivalente Quando viene visualizzata la componente normale di tensione in una sezione trasversale.MANUALE DI RIFERIMENTO Deformazioni Oltre agli spostamenti orizzontali e verticali ed alle componenti cartesiane di deformazione.1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO Il comando General info del sottomenu View contiene alcune informazioni generali sul progetto (nome del file. directory in cui si trova.9. la dimensione media degli elementi le). la stessa funzionalità che consente il tracciamento di una sezione trasversale consente anche la visualizzazione delle Normal stresses (Tensioni normali) e delle Shear stresses (Tensioni tangenziali). assialsimmetria) e sulla mesh agli elementi finiti generata (il tipo di elemento di base. disponibili per l’intera geometria. Inoltre. Oltre alle componenti cartesiane di tensione efficace e totale. le pressioni neutre e le sovrappressioni neutre. Tensioni Sono disponibili diverse opzioni per visualizzare le tensioni efficaci e totali nella sezione trasversale. il numero di elementi. Si noti che la tensione di compressione è considerata negativa. e le Shear stresses sono definite come le tensioni tangenziali agenti sul piano della sezione trasversale. titolo). Le Normal strains sono definite come le deformazioni perpendicolari al piano della sezione trasversale le Shear strains sono definite come le deformazioni per taglio parallele al piano della sezione trasversale. 5-18 PLAXIS Versione 8 . PLAXIS calcola e visualizza automaticamente una forza equivalente (forza risultante) che rappresenta l’integrale della tensione normale agente sulla sezione trasversale.9 VISUALIZZAZIONE DI ALTRI DATI Il menu View (Visualizza) include comandi per visualizzare dati generali del modello (General info) e dati sui materiali (Material info). alcuni dati generali di output legati al processo di calcolo (Calculation info) sono disponibili in questo sottomenu. sul tipo di modello (stato piano di deformazione. Il valore e la posizione della forza equivalente sono visualizzate nel titolo del grafico. 5. i punti d’integrazione. Le Normal stresses sono definite come le tensioni agenti perpendicolarmente al piano della sezione trasversale. 5.

Nella casella Staged construction il parametro ΣMarea fornisce la frazione del volume totale di elementi di terreno che sono correntemente attivi. Il parametro ΣMarea fornisce la frazione dello stadio di costruzione che è stato completato ed il parametro incrementale Mstage fornisce l’incremento proporzionale che è stato applicato nello step corrente (si veda anche le Sezioni 4. Nella scheda Multipliers (Moltiplicatori).8. appare una finestra di dialogo che presenta un moltiplicatore di carico e vari parametri di calcolo corrispondenti alla fine dello step di calcolo. all’interno di questo comando può essere effettuata una selezione tra i quattro gruppi di materiali: Soil & interfaces (Terreni ed interfacce). Inoltre. Il significato dei singoli moltiplicatori è discusso nella Sezione 4. i moltiplicatori totali forniscono il carico totale presente alla fine dello step corrente.3 MOLTIPLICATORI E PARAMETRI DI CALCOLO Se viene selezionato il comando Calulation info (Informazioni di calcolo) dal menu View. La casella Forces fornisce anche il valore dei parametri Force-X e Force-Y (le componenti di forza nelle direzioni x ed y.6. Il significato dei dati esposti è discusso nella Sezione 4. All’interno dell’opzione Soil & interfaces le caratteristiche dei materiali sono organizzate in schede a seconda del modello costitutivo del materiale selezionato. La scheda Step info (Informazioni sullo step) fornisce informazioni sul processo di iterazione dello step corrente. la casella Consolidation mostra il massimo valore di sovrappressioni neutre presenti nello step corrente.1).1. a causa di spostamenti imposti diversi da zero sul contorno).2).7 e 4. Il fattore di estrapolazione fornisce il fattore che mette in relazione lo step di carico corrente con quello precedente nel caso di continuità dello stesso carico (Sezione 4. Anchors (Ancoraggi). 5-19 . 5. quando vengono utilizzati clusters di terreno non drenati.9. Geogrids (Geogriglie). quando si sollecita un terreno a rottura. Sullo schermo sono anche mostrati l’Extrapolation factor (Fattore di estrapolazione) e la Relative stiffness (Rigidezza relativa).9.6. I moltiplicatori incrementali forniscono l’incremento del carico durante lo step di calcolo corrente. La scheda Additional info (Informazioni aggiuntive) visualizza lo stato di una fase di costruzione e le forze sui contorni che hanno spostamenti imposti diversi da zero. rispettivamente.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT 5.8. I dati possono essere inviati alla stampante cliccando il pulsante Print. la rigidezza relativa si riduce gradualmente da 1. La rigidezza relativa dà un’indicazione della significatività della plasticità nel terreno. viene fornito lo stato del processo di sollecitazione incluso il valore dei moltiplicatori totali ed incrementali. invece il parametro incrementale Marea fornisce l’incremento di volume proporzionale che è stato applicato nello step corrente.2 DATI SUI MATERIALI Le proprietà dei materiali ed i parametri del modello possono essere visualizzati con il comando Material info del sottomenu View.0 (elasticità) a zero (rottura). Plates (Piastre).

In una situazione in cui le interfacce sono posizionate lungo entrambi i lati di una piastra. 5. PLAXIS dispone di diversi strumenti per visualizzare il modello agli elementi finiti.4 GRAFICO DELLA CONNETTIVITÀ Un Connectivity plot (Grafico di connettività) è un grafico della mesh in cui le connessioni tra gli elementi sono chiaramente visualizzate. l’elemento piastra e gli elementi di terreno adiacenti non hanno nodi in comune. anche questa può essere visualizzata nel grafico della connettività. Questo grafico è di particolare interesse quando nella mesh sono inclusi gli elementi interfaccia. la contrazione effettiva sviluppata (o realizzata) nell’analisi agli elementi finiti può differire lievemente dal valore introdotto nella costruzione per fasi.9. la Total realised contraction (Contrazione totale realizzata) ed il Realised contraction increment (Incremento di contrazione realizzato) sono visualizzati nel titolo del grafico. 5. Per rivestimenti relativamente rigidi rispetto al terreno circostante. per esempio. è necessario incrementare il valore di input nella corrispondente fase di calcolo e quindi ripetere il calcolo. Gli elementi interfaccia sono composti da coppie di nodi. la differenza può divenire più significativa. La connessione tra la piastra ed il terreno è rappresentata dall’interfaccia.5 CONTRAZIONE Quando si applica una contrazione ad un rivestimento di galleria circolare.6 UN RAPIDO SGUARDO AGLI STRUMENTI DI VISUALIZZAZIONE DEI GRAFICI Per migliorare l’interpretazione dei risultati di output. Un rapido sguardo ad alcuni di questi strumenti viene dato nel seguito: 5-20 PLAXIS Versione 8 . nei quali i nodi di una singola coppia sono rappresentati con una certa distanza reciproca. che quando un interfaccia è presente tra due elementi di terreno. per rivestimenti relativamente deformabili. Dopo aver cliccato due volte su un rivestimento di galleria circolare.9. la Total realised contraction sarà soltanto lievemente più piccola. Nel grafico della connettività si può osservare. i due elementi di terreno non hanno nodi comuni e che la connessione è costituita dall’interfaccia.9. se il valore di Total realised contraction diviene troppo basso. La Contrazione totale realizzata è definita come: Contrazione totale realizzata = area _ originale _ galleria _ meno _ area _ galleria _ allo _ step _ corrente area _ originale _ galleria Si noti che la Total realised contraction è di solito lievemente più piccola del valore di input.MANUALE DI RIFERIMENTO 5. in modo che sia chiaro come i nodi siano connessi agli elementi adiacenti. Questo è causato dal fatto che la contrazione del rivestimento è ridotta dalla rigidezza dello scheletro solido del terreno circostante.

Questo può essere fatto selezionando il comando Cross-section (Sezione trasversale) dal sottomenu View. Il comando Report generation può essere selezionato dal sottomenu File o cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti. le voci e gruppi di voci non selezionati sono indicati da un quadrato bianco. Visualizzazione di oggetti strutturali L’output di oggetti strutturali può essere visualizzato in maggiore dettaglio cliccando due volte l’oggetto strutturale desiderato nella geometria. Cliccando sul segno + a fianco di un gruppo.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT Ingrandimento Per ingrandire una parte del modello in modo da visualizzarne un particolare dettaglio. 5. Il comando di zoom può essere adottato ripetitivamente. Dopo la selezione del comando di zoom deve essere selezionata l’area di zoom (un area rettangolare dello schermo) con il mouse. Curves (Curve). Il riquadro Select consente un’ulteriore selezione di Phases (Fasi). Per default. Le voci o i gruppi di voci selezionati per essere incluse nella relazione sono indicati da un quadrato nero. Questa funzionalità richiede la presenza del software Microsoft® Word. può essere adottato il comando Zoom del sottomenu View. appare la finestra Report generation in cui si può fare la selezione dei dati di progetto che si vuole includere nella relazione. Visualizzazione di sezioni trasversali Gli utenti possono definire sezioni trasversali per visualizzare gli output.10 GENERAZIONE DELLA RELAZIONEDI CALCOLO Per documentare i dati di input ed i risultati computazionali di un progetto. Per incrementare globalmente l’intensità dei colori di tutti i materiali. L’opzione Curves 5-21 . i vari gruppi di voci che possono essere selezionati sono presentati in una vista ad albero. questo si apre consentendo la selezione delle singole voci. Cliccando su un quadrato è possibile selezionare o deselezionare le voci o i gruppi. Modifica dell’intensità dei colori dei materiali I colori dei materiali possono apparire con tre diverse intensità. l’utente può premere <Ctrl><Alt><C> simultaneamente sulla tastiera. L’opzione Phases consente un’ulteriore selezione di tutte le fasi di calcolo eseguite disponibili. In questo modo è possibile scegliere tra tre differenti intensità di colore. Structures (Strutture) e Cross sections (Sezioni trasversali). Così facendo. (Generazione di relazione di calcolo) è disponibile nel programma Output di PLAXIS lo strumento Report generation.

si avvia il programma Microsoft® Word e la relazione viene visualizzata 5-22 PLAXIS Versione 8 . Quindi. per includere dati di output di strutture o sezioni trasversali nella relazione è necessario dapprima visualizzare le strutture desiderate o sezioni trasversali in finestre di output separate. come risultato. L’opzione Structures consente la selezione di piastre. Figura 5. dando la possibilità di modificare le selezioni correnti. geogriglie o interfacce che sono correntemente visualizzate in altre finestre di output.5 Finestra Report generation (Generazione di relazione) Dopo la selezione di tutte le voci desiderate. il pulsante Contents view (Visualizzazione dei contenuti) può essere premuto per visualizzare il contenuto della relazione da generare. Se le selezioni sono soddisfacenti si clicca il pulsante Start per generare la relazione. L’opzione Cross sections consente la selezione di sezioni trasversali esistenti. Il pulsante Tree view (Vista ad albero) può essere utilizzato per ripristinare la vista ad albero delle voci selezionate e non.MANUALE DI RIFERIMENTO consente la selezione di curve esistenti (salvate).

Quando il comando Copy to clipboard (Copia nel blocco appunti) o il comando Print viene utilizzato su un grafico che mostra la parte ingrandita del modello. 5-23 . Si può utilizzare il pulsante Settings (Impostazioni) per selezionare il formato dei grafici (Metafile o Bitmap) o per modificare il numero di intervalli dei grafici ad isolinee o a gradazioni. si faccia riferimento al relativo manuale. cioè nelle celle di un programma di foglio elettronico. che vengono visualizzati nella copia stampata. per esempio. 5. appare la finestra di stampa in cui si può effettuare la selezione dei vari componenti del grafico che devono essere inclusi nella copia su carta. appare la finestra standard dell’impostazione della stampante in cui si possono modificare le impostazioni specifiche della stampante. soltanto la parte che è correntemente visibile verrà esportata nel blocco appunti o alla stampante.11 ESPORTAZIONE DI DATI I dati visualizzati nei moduli di output possono essere esportati verso altri programmi utilizzando il blocco appunti di Windows® (Clipboard). questa funzione può essere attivata cliccando il pulsante Copy to clipboard (Copia nel blocco appunti) sulla barra degli strumenti o selezionando l’opzione Copy (Copia) dal menu Edit. Per dettagli sull’utilizzo del programma Microsoft® Word. Questo processo è interamente eseguito dal sistema operativo Windows®. Per default. Quando si clicca sul pulsante Print (Stampa) o quando si seleziona il comando corrispondente dal menu File. Quando si clicca sul pulsante Print. si possono produrre copie di grafici e tabelle su carta inviando l’ouput ad una stampante esterna. in un riquadro attorno al grafico vengono mostrate informazioni di base. I grafici sono esportati così come essi appaiono utilizzando i comandi Copia ed Incolla. così come essi appaiono. da lì può essere stampata o inclusa in altri documenti. i grafici sono inclusi in una relazione come metafiles e le legende dei grafici ad isolinee o a gradazioni sono divisi in 16 intervalli. il grafico viene inviato alla stampante. come figure in un programma di disegno o in programma di videoscrittura. Per ulteriori informazioni sull’installazione di stampanti o di altri dispositivi di output si faccia riferimento ai rispettivi manuali. Quando si preme il pulsante Set-up (Imposta). Oltre alla funzione blocco appunti. I dati delle tabelle possono essere esportati utilizzando i comandi Copia ed Incolla. a questo scopo possono essere introdotti un titolo ed una descrizione del progetto. Inoltre.POST-PROCESSING DEI DATI DI OUTPUT nel nuovo documento.

MANUALE DI RIFERIMENTO 5-24 PLAXIS Versione 8 .

1 Barra degli strumenti della finestra principale del programma Curves 6-1 . può essere utilizzata l’opzione <<<More files>>> (Altri files). la finestra di selezione consente una rapida selezione di uno dei quattro grafici più recenti. Quando si seleziona Existing chart (Grafico esistente). i nodi sono adottati per la generazione di curve carico-cedimento invece i punti d’integrazione sono utilizzati per i diagrammi tensionedeformazione e per i percorsi di sollecitazione. Si fa distinzione tra nodi e punti d’integrazione (Figura 3. Non è possibile generare curve per i punti che non siano stati preselezionati.G## in cui ## è un numero compreso tra 00 e 99). 6. diagrammi tensione-deformazione.1): Figura 6. La finestra principale del programma Curves contiene le voci seguenti (Figura 6. Quando si seleziona New chart (Nuovo grafico) appare la finestra Curve generation (Generazione curva) in cui possono essere assegnati i parametri per la generazione di una curva (Sezione 6. questo programma contiene tutti gli strumenti per generare curve carico-cedimento.4). queste curve visualizzano lo sviluppo di certe grandezze durante le vari fasi di calcolo. Le informazioni contenute in questi files sono quindi utilizzate per la generazione delle curve. le informazioni relative a questi punti sono salvate in files di dati relativi alle curve.1 IL PROGRAMMA CURVES Questa icona rappresenta il programma Curves (Curve).12). deve essere eseguita una scelta tra la selezione di un grafico esistente e la creazione di un nuovo grafico. Se si vuole selezionare un grafico esistente che non appare nell’elenco. in generale. Si possono selezionare un massimo di 10 nodi e 10 punti d’integrazione. Come risultato. Durante il processo di calcolo. il grafico corrispondente viene presentato nella finestra principale. I punti per i quali le curve possono essere generate devono essere preselezionati utilizzando il comando Select point for curves (Seleziona i punti per le curve) nel programma Calculations prima di avviare il processo di calcolo (Sezione 4. tempocedimento.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE 6 CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE Il programma Curves può essere utilizzato per disegnare curve carico-cedimento. poiché le informazioni richieste non sono disponibili nei files dei dati relativi alle curve. Dopo la selezione di un progetto esistente. percorsi di sollecitazione e diagrammi tensione-deformazione. e questo fornisce un approfondimento del comportamento globale e locale del terreno. appare la finestra generale di selezione file che consente all’utente di cercare attraverso tutte le directories disponibili e di selezionare il file del grafico di PLAXIS desiderato (*. percorsi di sollecitazione o percorsi di deformazione di punti preselezionati della geometria. All’avvio del programma Curves.2).

(grafici recenti) Per aprire rapidamente uno dei grafici aperti più recentemente. se non è stato dato un nome prima. viene presentata la finestra di assegnazione del nome del file. alcune opzioni sono anche disponibili come pulsanti sulla barra degli strumenti. viene presentata la finestra di scelta file. (Esci) Per uscire dal programma.MANUALE DI RIFERIMENTO Il menu Curves: Il menu Curves contiene tutte le opzioni ed i comandi del programma Curves. (Salva) Per salvare il grafico corrente sotto il nome esistente. Close Add curve Print Work directory (recent charts) Exit 6-2 PLAXIS Versione 8 . viene presentata la finestra di assegnazione del nome del file. View (Visualizza) dei quali segue la descrizione: Il sottomenu File: New Open Save (Nuovo) Per creare un nuovo grafico.2 IL MENU CURVES Il menu Curves consiste nei sottomenu: File. si apre la finestra di stampa. (Apri) Per aprire un grafico. Più moduli di grafico possono essere aperti simultaneamente ed ogni grafico può contenere un massimo di dieci curve.4). Edit (Modifica). (Directory di lavoro) Per impostare la directory in cui i files delle curve saranno salvate. (Stampa) Per stampare il grafico attivo su una stampante selezionata. Barra degli strumenti: Questa barra contiene pulsanti che possono essere utilizzati come scorciatoie per i comandi di menu. (Aggiungi curva) Per aggiungere una nuova curva al grafico corrente (Sezione 6. (Chiudi) Per chiudere la finestra di grafico attiva. 6. Finestre dei grafici: Queste sono le finestre in cui sono visualizzati i grafici. Format (Formato).

2. appare la finestra di scelta file e deve essere selezionato il progetto per il quale si deve generare la curva. (Riquadro) Per modificare la presentazione del riquadro (assi e griglia) nella finestra del grafico corrente (Sezione 6.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE Il sottomenu Edit: Copy (Copia) Per copiare il grafico corrente nel blocco appunti di Windows® (Clipboard). Zoom out Reset view Table Legend Value indication 6.3 GENERAZIONE DI UNA CURVA Una nuova curva può essere generata all’avvio del programma Curves o selezionando il comando New nel menu File. (Indicazione di valore) Per visualizzare in dettaglio i dati di una curva quando il puntatore del mouse è posizionato su di essa. tenere premuto il mouse e spostarlo all’angolo opposto dell’area da ingrandire. L’area di zoom deve essere selezionata utilizzando il mouse. I simboli ed i colori delle linee nella legenda corrispondono ai simboli ed ai colori delle curve. appare la finestra Curve generation (Generazione curva) come mostrato in Figura 6. premere il pulsante sinistro del mouse in un angolo dell’area da ingrandire. (Riduci) Per ripristinare la visualizzazione preesistente all’ultima azione di ingrandimento. Il sottomenu View: Zoom in (Ingrandisci) Per ingrandire un’area rettangolare per una vista più dettagliata. Il sottomenu Format: Curves Frame (Curve) Per modificare la presentazione o rigenerare le curve nella finestra del grafico corrente (Sezione 6. come risultato. 6-3 . (Tabella) Per visualizzare la tabella con i valori dei punti di tutte le curve. Il comando Zoom può essere utilizzato ripetitivamente. quindi rilasciare il pulsante. Dopo la selezione del progetto.1). (Legenda) Per visualizzare la legenda relativa al grafico corrente.6.2). Il programma modificherà l’intervallo degli assi in accordo all’area selezionata.6. (Ripristina la vista) Per ripristinare l’area di disegno originale.

essere utilizzata per diagrammare le tensioni. In generale.2 Finestra Curve generation (Generazione curva) Curve carico-cedimento Le curve carico-cedimento possono essere utilizzate per visualizzare la relazione tra le sollecitazioni applicate e lo spostamento risultante di un certo punto della geometria. Quando entrambe le quantità sono state definite ed è stato premuto il pulsante <Ok> la curva viene generata e mostrata nella finestra del grafico. questa convenzione può essere modificata utilizzando lo strumento Exchange axes (Scambia gli assi) nella finestra Frame settings (Impostazioni di riquadro) (Sezione 6.MANUALE DI RIFERIMENTO Vengono mostrati due riquadri simili con varie voci. si deve effettuare una combinazione di selezioni in modo da definire quale grandezza va disegnata su quell’asse. generalmente espresse da valori negativi (compressione). Figura 6. per esempio. comunque. Per ogni asse. questa opzione può. L’opzione Invert sign (Inverti segno) può essere selezionata per moltiplicare tutti i valori della grandezza in x o della grandezza in y per -1. La combinazione dei valori della grandezza in x e della grandezza in y funzioni dello step di calcolo costituiscono i punti della curva da tracciare. uno per l’asse x ed uno per l’asse y. Di 6-4 PLAXIS Versione 8 . l’asse x corrisponde all’asse orizzontale e l’asse y corrisponde all’asse verticale.6. sottoforma di valori positivi.2). Il primo punto della curva (corrispondente allo step 0) è numerato con 1.

Si noti che il carico ('load') non è espresso in unità di tensione o di forza. Il tipo di spostamento può essere sia il modulo del vettore spostamento (|u|) sia una delle singole componenti di spostamento (ux ed uy). le forze di reazione agli spostamenti imposti nelle direzioni x ed y sono calcolate e conservate come parametri di output.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE solito. Gli spostamenti sono espressi nell’unità di lunghezza. Poiché l’attivazione di un sistema di carico non è in relazione ad un particolare punto della geometria. simulato per mezzo di spostamenti imposti. La selezione di Displacement deve essere completata con la selezione di un nodo preselezionato nel menu a tendina Point (Punto) e la selezione di una componente di spostamento nel menu a tendina Type (Tipo). In questo caso l’opzione Time (Tempo) viene generalmente selezionata per l’asse x. e l’asse y contiene i dati relativi al livello di carico (Multipliers). possono essere generati anche altri tipi di curve. è irrilevante. La selezione di Time non richiede selezioni aggiuntive nei menu a tendina Point e 6-5 . il valore Force-Y deve essere moltiplicato per 2p. la selezione di un punto. La selezione di Multiplier (Moltiplicatore) deve essere completata con la selezione del sistema di carico desiderato. invece l’asse y contiene dati per gli spostamenti di un particolare nodo. Nei modelli in stato piano di deformazione Force è espressa in unità di forza per unità di larghezza nella direzione uscente dal piano. Curve tempo-spostamento Le curve tempo-spostamento possono essere utili per interpretare i risultati di calcoli in cui il comportamento del terreno funzione del tempo gioca un ruolo importante (e cioè consolidazione e creep). in questo caso. Per una descrizione dei moltiplicatori si rimanda l’utente alla Sezione 4. la selezione di Excess pore pressure deve essere completata con la scelta di un nodo preselezionato dal menu a tendina Point. Un’altra grandezza che può essere presentata in una curva è la Excess pore pressure (Sovrappressione neutra). pertanto. per calcolare la reazione totale sotto un plinto circolare. Queste componenti di forza possono essere utilizzate anche per le curve carico-cedimento selezionando l’opzione Force (Forza). Nei modelli assialsimmetrici Force è espressa nell’unità di forza per radiante. Quando in un calcolo sono attivati spostamenti imposti diversi da zero. l’asse x è in relazione con lo spostamento di un nodo particolare (Displacement). La selezione dell’opzione Force deve essere completata con la selezione della componente desiderata (Force-X o Force-Y) nel menu a tendina Type. Le sovrappressioni neutre sono espresse nell’unità di tensione. Per ottenere il carico effettivo.8. come specificato nella finestra General settings (Impostazioni generali) del programma Input. il valore visualizzato deve essere moltiplicato per il carico di input specificato nella modalità Staged construction. rappresentato dal corrispondente moltiplicatore nel menu a tendina Type. Il menu a tendina Type è in questo caso irrilevante.

Diagrammi tensione-deformazione I diagrammi tensione-deformazione possono essere utilizzati per visualizzare il comportamento tensione-deformazione locale del terreno. Infatti. Time è espresso nell’unità di tempo specificata nella finestra General settings (Impostazioni generali) del programma Input.MANUALE DI RIFERIMENTO Type. i diagrammi tensionedeformazione rappresentano il comportamento idealizzato del terreno in accordo con il modello selezionato. Le selezioni di Stress (Tensione) o Strain (Deformazione) devono essere completate con la scelta di un punto preselezionato nel menu a tendina Point e la selezione di una determinata componente nel menu a tendina Type. Sono disponibili le seguenti componenti di tensione e deformazione: Tensioni: s'xx s'yy s'zz sxy s'1 s'2 s'3 p' q tensione efficace orizzontale (direzione x) tensione efficace verticale (direzione y) tensione efficace nella direzione uscente dal piano (direzione z) tensione tangenziale tensione efficace principale massima in valore assoluto tensione efficace principale intermedia in valore assoluto tensione efficace principale minima in valore assoluto tensione efficace isotropa (tensione efficace media) tensione deviatorica (tensione tangenziale equivalente) il massimo valore della tensione tangenziale (cioè il raggio del cerchio di Mohr) sovrappressione neutra t* pexcess Deformazioni: exx deformazione orizzontale (direzione x) eyy gxy e1 e2 e3 ev eq deformazione verticale (direzione y) distorsione angolare deformazione principale massima in valore assoluto seconda deformazione principale terza deformazione principale deformazione volumetrica deformazione deviatorica (deformazione per taglio equivalente) 6-6 PLAXIS Versione 8 .

Si noti che le componenti deviatoriche di tensione e di deformazione sono sempre positive. i percorsi di sollecitazione sono utili per validare i parametri del modello precedentemente selezionati. un percorso di deformazione rappresenta l’evoluzione di una deformazione. Dal momento che il comportamento del terreno è funzione della tensione ed i modelli costitutivi del terreno non prendono in considerazione tutti gli aspetti della dipendenza dalla tensione. il progetto può essere selezionato utilizzando la finestra di scelta file. Una volta che una singola curva sia stata generata. le deformazioni sono adimensionali. o anche in diverse geometrie o progetti. La procedura Add curve è simile al comando New (Nuova) (Sezione 6. deve eseguita una selezione per specificare se la curva è riferita al Current project (Progetto corrente) o ad un Another project (Altro progetto). 6-7 . Percorsi di sollecitazione e percorsi di deformazione Un percorso di sollecitazione rappresenta l’evoluzione dello stato tensionale in un punto della geometria. il programma impone alcune restrizioni alla selezione dei dati da presentare sugli assi x ed y. nel secondo caso. allo stesso modo.3). si può effettuare una scelta tra le componenti di tensione e di deformazione disponibili elencate sopra.4 PIÙ CURVE IN UN GRAFICO È spesso utile confrontare lo sviluppo degli spostamenti e delle tensioni in punti differenti della geometria. quando si giunge all’effettiva generazione della curva. Le componenti di tensione sono espresse nelle unità di tensione. le tensioni normali e le componenti di deformazione sono negative (secondo la convenzione di PLAXIS la compressione è negativa).CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE Si veda il Scientific Manual per una definizione delle componenti di tensione e deformazione. questo serve ad assicurare che i nuovi dati siano coerenti con i dati di una o più curve esistenti sullo stesso grafico. in generale. L’espressione 'in valore assoluto' nella descrizione delle componenti principali è stato aggiunto perché. 6. può essere utilizzato il comando Add curve (Aggiungi curva) per generare una nuova curva nel grafico corrente. questi tipi di curve sono utili per analizzare il comportamento locale del terreno. Inoltre. Per questo motivo PLAXIS consente la generazione di un massimo di dieci curve sullo stesso grafico. Per la generazione di percorsi di sollecitazione e di percorsi di deformazione. Comunque. questo comando può essere selezionato cliccando il pulsante corrispondente sulla barra degli strumenti o selezionando l’opzione corrispondente dal sottomenu File.

6 OPZIONI DI FORMATTAZIONE L’impaginazione e la visualizzazione di curve e grafici può essere personalizzata selezionando i comandi del menu Format. Questo strumento è disponibile nella finestra Curve settings (Sezione 6.6. la finestra contiene una scheda con le stesse opzioni per ciscuna curva del grafico corrente. è generalmente utile aggiornare le curve esistenti per conformarle ai nuovi dati. un processo di calcolo fosse stato ripetuto o esteso con una nuova fase di calcolo. Si fa distinzione tra le impostazioni Curve (di curva) e le impostazioni Frame (di riquadro).5 RIGENERAZIONE DELLE CURVE Se.1) e può essere eseguito cliccando il pulsante Change curve settings (Modifica impostazioni curva) sulla barra degli strumenti o selezionando il comando Curves (Curve) nel menu Format. cliccando ancora su <Ok> si chiude la finestra Curve settings e viene visualizzata la nuova curva. in alternativa. In alternativa. Se vengono assegnate le corrette impostazioni può essere premuto il pulsante <Ok> per attivare le impostazioni e chiudere la finestra. 6. può essere cliccato il pulsante Curve settings (Impostazioni di curva) sulla barra degli strumenti. Quando si clicca sul pulsante <Regenerate> (Rigenera).3. Quando più curve vengono utilizzate in un grafico. appare la finestra Curve generation (Generazione curva) che visualizza le impostazioni esistenti per gli assi x ed y. lo strumento Regenerate deve essere utilizzato per ciascuna curva. per qualche ragione. ma in questo caso la finestra non si chiude. 6. ciò può essere eseguito per mezzo dello strumento Regenerate (Rigenera).1 IMPOSTAZIONI DI CURVA Le impostazioni Curve possono essere selezionate dal menu Format. 6-8 PLAXIS Versione 8 . si può premere il pulsante Apply (Applica) per attivare le impostazioni. premere il pulsante <Ok> è sufficiente per rigenerare la curva in modo da includere i nuovi dati. appare la finestra omonima. come mostrato in Figura 6. se viene premuto il pulsante <Cancel> (Annulla) le modifiche alle impostazioni verranno ignorate. Il comando Curve è utilizzato per modificare l’aspetto delle curve e il comando Frame è utilizzato per impostare il riquadro e gli assi in cui le curve appaiono. Lo strumento Regenerate può anche essere utilizzato per modificare la grandezza diagrammata sull’asse x o y.6.MANUALE DI RIFERIMENTO 6.

Questo titolo può essere modificato nella casella di testo Curve title (Titolo curva). nella legenda appare il contenuto di Curve title.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE Figura 6. Il comando Show curve (Mostra curva) può essere a questo scopo deselezionato. Show curve (Mostra curva): Quando in un grafico sono presenti più curve. Quando nella finestra principale viene mostrata una legenda per il grafico attivo. questo comando è utile quando non tutte le fasi 6-9 . può essere utile nasconderne temporaneamente una o più di una per concentrare l’attenzione sulle altre.3 Finestra Curve settings (Impostazioni di curva) Curve title (titolo della curva): Un titolo di default viene dato ad ogni curva durante la sua generazione. Phases (Fasi): Il pulsante Phases (Fasi) può essere adottato per selezionare per quale calcolo deve essere generata la curva.

l’utente può selezionare la voce Fitting (Adattamento). quando si sceglie questo comando. Se le impostazioni sono corrette. può essere premuto il pulsante Apply 6-10 PLAXIS Versione 8 .4. 6. Delete (Cancella): Quando più curve sono presenti all’interno di un grafico. come mostrata in Figura 6. ma. quando l’evoluzione del moltiplicatore ΣMsf è diagrammato in funzione di una componente di spostamento per determinare i fattori di sicurezza. Queste impostazioni possono essere selezionate dal menu Format o in alternativa cliccando il pulsante Frame settings (Impostazioni del sistema di riferimento) sulla barra degli strumenti. Regenerate (Rigenera): Il pulsante <Regenerate> (Rigenera) può essere utilizzato per rigenerare una curva precedentemente generata per aggiornarla con i nuovi dati (Sezione 6. Add curve (Aggiungi curva): Il pulsante Add curve (Aggiungi curva) può essere utilizzato per aggiungere nuove curve al grafico corrente (Sezione 6.4). in alternativa. il pulsante Delete (Cancella) può essere utilizzato per eliminare una curva.5). si può premere il pulsante <Ok> per attivare le impostazioni e chiudere la finestra. si può selezionare il tipo di adattamento dal menu a tendina Type (Tipo). appare la finestra omonima. Fitting (Adattamento): Per disegnare una curva smussata. una curva può essere interpolata da un polinomio utilizzando il metodo dei minimi quadrati. per esempio.2 IMPOSTAZIONI DEL SYSTEMA DI RIFERIMENTO Le impostazioni Frame (del sistema di riferimento) riguardano la presentazione del riquadro e degli assi nel grafico. Il comando Phases può quindi essere utilizzato per deselezionare le altre fasi di calcolo.6. Line e marker (Linee e simboli): Varie opzioni sono disponibili nei riquadri Line (Linea) e Markers (Simboli) per personalizzare l’aspetto delle linee delle curve e dei simboli. in alternativa. L’adattamento Spline generalmente fornisce i risultati più soddisfacenti.MANUALE DI RIFERIMENTO di calcolo devono essere incluse nella curva. sono significative soltanto le fasi di calcolo di tipo Phi-c reduction (Riduzione dei parametri di resistenza).

Scaling (Scala): Per default. Figura 6. Inoltre. questo può essere introdotto nella casella di testo Chart title (Titolo grafico) e non va confuso con il Curve title (Titolo curva) come descritto nella Sezione 6.6. ma l’utente può selezionare l’opzione Manual (Manuale) ed introdurre l’intervallo desiderato nelle caselle di testo Minimum e Maximum del 6-11 .CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE (Applica) per attivare le impostazioni. può essere dato un titolo al grafico intero.4 Finestra Frame settings Title (Titolo): Per default. a seconda della grandezza selezionata per la generazione della curva. In ogni caso. viene dato un titolo all’asse x ed all’asse y.1. l’intervallo dei valori indicati sull’asse x ed y viene scalato automaticamente. questo titolo può essere modificato nelle caselle di testo Title (Titolo). quando si preme il pulsante <Cancel> (Annulla) le modifiche saranno ignorate. nel riquadro dell’asse corrispondente. ma in questo caso la finestra non si chiude.

Flip horizontal verticalmente): o Flip vertical (Inverti orizzontalmente o Inverti Selezionare l’opzione Flip horizontal o Flip vertical (Inverti orizzontalmente o Inverti verticalmente) invertirà l’asse orizzontale o l’asse verticale. ne risulta che i dati al di fuori di questo intervallo non appaiono nel grafico. l’uso di una scala logaritmica è valido soltanto se tutto l’intervallo di valori lungo l’asse è positivo. è possibile diagrammare gli assi x e/o y in scala logaritmica utilizzando la casella di controllo Logarithmic (Logaritmica). Grid (Griglia): Si possono aggiungere linee di griglia al grafico selezionando le voci Horizontal grid (Griglia orizzontale) o Vertical grid (Griglia verticale). che è automaticamente generato in base alla selezione delle grandezze degli assi x ed y. Orthonormal axes (Assi ortonormali): L’opzione Orthonormal axes (Assi ortonormali) può essere utilizzata per assicurare che la scala utilizzata per l’asse x e per l’asse y sia la stessa. 6. La legenda fornisce una breve descrizione dei dati presentati nella corrispondente curva. poiché le tensioni e le deformazioni sono generalmente negative. questa opzione è particolarmente utile quando si diagrammano sugli assi x ed y grandezze simili.MANUALE DI RIFERIMENTO riquadro Scaling. Il Curve title può essere modificato nella finestra Curve settings. La descrizione che appare nella legenda è in effetti il Curve title (Titolo curva). una legenda è visualizzata alla destra di ogni finestra di un grafico.7 VISUALIZZAZIONE DI UNA LEGENDA Per default. Inoltre. da questa impostazione risulta che l’asse x diviene l’asse verticale e l’asse y diviene l’asse orizzontale. per esempio quando si diagrammano percorsi di sollecitazione o percorsi di deformazione. Questa opzione è particolarmente utile quando si tracciano percorsi di sollecitazione o diagrammi tensione-deformazione. Le linee di griglia possono essere personalizzate per mezzo delle opzioni Style (Stile) e Colour (Colore). Exchange axes (Scambia gli assi): L’opzione Exchange axes (Scambia gli assi) può essere utilizzata per scambiare l’asse x e l’asse y e le loro corrispondenti grandezze. La legenda può essere 6-12 PLAXIS Versione 8 .

ed i dati esistenti modificati.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE attivata o disattivata nel menu View (Visualizza). La curva che si desidera visualizzare può essere selezionata nel menu a tendina delle curve al di sopra della tabella. Con il comando Delete (Cancella) si possono cancellare entrambi i valori di x ed y. i punti della curva possono essere inseriti o cancellati. I dati copiati possono essere incollati in un programma di foglio elettronico per un’ulteriore elaborazione. 6. si può selezionare l’opzione Table (Tabella) cliccando il corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti o selezionando il comando corrispondente nel menu View. Modifica dei dati di curva Al contrario del programma Output. nel blocco appunti di Windows® (Clipboard).5. il programma Curves consente la modifica della tabella da parte dell’utente.8 VISUALIZZAZIONE DI UNA TABELLA Per visualizzare i dati numerici presentati nelle curve può essere aperta una tabella. La dimensione della legenda può essere modificata con il mouse. È spesso necessario modificare le curve carico-cedimento quando in un progetto viene adottata la procedura Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità) per generare le tensioni iniziali del modello. Nel menu della tabella. si consideri il progetto di rilevato mostrato in Figura 6. sono disponibili comandi per la stampa e la copia di tutti i dati. Come esempio delle procedure coinvolte. di nuove coppie di valori x ed y nulli. Dopo la selezione della curva desiderata dal menu a tendina.5 Sopraelevazione di un rilevato 6-13 . i relativi comandi sono disponibili cliccando il pulsante destro del mouse quando è attiva la finestra Table. o una parte selezionata di essi. nella posizione del puntatore. L’utilizzo del comando Insert (Inserisci) risulta nell’inserimento. i valori possono essere modificati digitando un nuovo valore la posto di un valore esistente. Figura 6. in modo che il punto scompaia dalla curva. appare una tabella che mostra i valori numerici di tutti i punti di una curva del grafico corrente.

6a. Una procedura alternativa sarebbe quella di generare le tensioni iniziali per il progetto.MANUALE DI RIFERIMENTO In questo progetto di esempio si deve aggiungere terreno ad un rilevato esistente per aumentarne la sua altezza. non appena il materiale viene posizionato. tutti gli spostamenti devono essere azzerati dall’utente.6a. Per modellare il comportamento globale della struttura in terra. ciò deve essere eseguito utilizzando la procedura Gravity loading.0 in un calcolo di tipo Plastic impostando Loading input (Input di sollecitazione) su Total multipliers (Moltiplicatori totali). All’avvio del calcolo di costruzione per fasi. L’andamento del cedimento del punto A quando viene applicato il peso proprio è indicato dalla linea iniziale orizzontale in Figura 6. Un’approccio a questo problema è generare una mesh per il rilevato finale e quindi disattivare i clusters corrispondenti agli strati di terreno corrispondenti utilizzando la voce Initial geometry configuration (Configurazione iniziale della geometria) del programma Input. deve quindi essere cancellata la porzione iniziale 6-14 PLAXIS Versione 8 . Per visualizzare il comportamento del cedimento senza la risposta iniziale dovuta all’incremento di peso proprio è necessario modificare i corrispondenti dati carico-cedimento.6 Curve carico-cedimento del progetto di rilevato La curva carico-cedimento ottenuta al termine del calcolo completo per il punto A è mostrata in Figura 6. In questa procedura il peso proprio del terreno viene incrementato aumentando ΣMweight da 0 a 1. il cluster del materiale aggiuntivo deve essere attivato utilizzando un calcolo di costruzione per fasi (Staged construction). non appena il rilevato sia stato sopraelevato. così facendo si rimuove l’effetto degli spostamenti privi di significato fisico che si verificano durante la procedura Gravity loading. Questa linea in generale sarà costituita di in numerosi steps di calcolo plastico. cioè le tensioni per il caso in cui sia stato costruito il rilevato originale ma il nuovo materiale ancora non sia stato sovrapposto. tutti con lo stesso valore di ΣMarea. Σ-Marea Σ-Marea 1 1 Staged construction Staged construction Point 1 Gravity loading Vertical displacement point A Point 1 Vertical displacement point A a. Dopo la modifica Figura 6. Lo scopo di quest’analisi di esempio è di calcolare lo spostamento del punto A. Prima della modifica b.

con l’eccezione del punto 1. 6-15 . deve quindi essere azzerato il valore di cedimento del punto 1. La curva risultante è mostrata in Figura 6.6.CURVE CARICO-CEDIMENTO E PERCORSI DI SOLLECITAZIONE non desiderata.1). Come alternativa alla procedura di modifica suesposta. la fase Gravity loading può essere esclusa dall’elenco delle fasi di calcolo incluse nella curva (Sezione 6.6b.

MANUALE DI RIFERIMENTO 6-16 PLAXIS Versione 8 .

PrenticeHall. R. 193-198. Jarett. U. K. 8. 541-553. Chapter 7. Smith I. J.K. E. Canada.J. on Comp. 7th Int.A.C. H. (1990). J. Application of finite element techniques to the analysis of reinforced soil walls. (1991). and Bakker. and Riks.F. A.B. New Jersey. Methods and Advances in Geomechanics. Appl. R.B. The use of hybrid beam elements to model sheet-pile behaviour in two dimensional deformation analysis. J. Proc. Finite element studies of interface behaviour in reinforced embankments on soft grounds.W. W.J.J. (1986). Finite element analysis in engineering analysis. Rheinholdt. Bathe. Noor. (1981).. Computers and Geotechnics.M. Non-linear finite element analysis of safety factors. W. Proc. and Randolph. Proc. Meth. and Pilkey. Mech. (1974). Australia.C. and Ho. Conf. D. Possibilities and limitations of finite elements for limit analysis. Meth.L. Rowe. 699-706. 57. 111131. (1984).J. (1988). Parks. The Application of Polymeric Reinforcement in Soil Retaining Structures. Sloan. The strength and dilatancy of sands. P. Geotechnique 36(1). Bauingenieur. (1982). Santander.D. and Vermeer.M. Engng. K. and Rice. State-of-the-art Surveys on Finite Element Techniques. Bolton. University of Cambridge.. Int. 559-572. Thesis. R.K. Schikora K. 6. R. Fink T. Geotechnique 34(20).M. Programming the finite element method with application to geomechanics.T. Spain. Comp. Numerical prediction of collapse loads using finite element methods. on Numerical Models in Geomechanics. M. (1989). (1982). 47-76. 1117-1122. 2nd European Specialty Conference on Numerical Methods in Geotechnical Engineering. Symp. G. Numerical modelling of reinforced unpaved roads. 3rd Int.M. S. S. (1982). [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] 7-1 . eds. H. Berechnungsmethoden moderner bergmännischer Bauweisen beim U-Bahn-Bau. On numerically accurate finite element solutions in the fully plastic range. Brinkgreve.D. S. 4. eds. 65-78.D. and Houlsby. in Geomech. Burd. C.J. Cairns. Ph. Sloan. John Wiley & Sons. Analyt. 153-177. Numerical analysis of incompressible and plastic solids using finite elements. Nagtegaal. M. and Kwok. Chichester. Hird.R. (1982).K.K.RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 7 [1] RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Bakker. (1989). Solution techniques for non-linear finite element equations. Num. C. and McGown. De Borst. and Brinkgreve. P. A. (1986).C.W. 199-210.

R. Thesis. (1982). and Verruijt A.A. P. (1989). O.D. Finite Elements in Plasticity. H. Thesis. Van Langen. (1991). J. Ph. Meth. 301-315. Soil collapse computations with finite elements. (1991). Van Langen. Ingenieur-Archive 59. An accuracy condition for consolidation by finite elements.A..A. in Geom. The Netherlands. The Finite Element Method. McGraw-Hill. 221-236. 579-598. Owen D. (1990). for Num. (1981). Delft University of Technology. Interface elements for singular plasticity points.C. 1-14. Analyt. 5.A. H. H. 15. Int.D. Numerical analysis of soil structure interaction. (1977). Vol.J. J. H. and Vermeer. Num. London. Int. and Van Langen. Elasto-plastic consolidation under steady and cyclic loads. Swansea. Vermeer. Vermeer P. Meth. Pineridge Press Limited. Eng. P. … 7-2 PLAXIS Versione 8 . Met. Int. Anal. Automatic step size correction for non-associated plasticity problems. P.MANUALE DI RIFERIMENTO [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] Song E. J. Zienkiewicz.X. Van Langen. (1990). and Vermeer. and Hinton E. in Geomech. The Netherlands. 29. Ph. Num. Delft University of Technology.

5-20 Controlli di errore automatici · 4-54 Convenzione dei segni · 2-2. 4-12. 4-38. 4-26 selezione di una fase · 4-53 Calculation manager · 4-4.INDICE INDICE non drenato · 3-41 Condizione al contorno contorni sommersi · 4-28 modifiche tra le fasi di calcolo · 4-53 spostamenti · 3-29 vincoli · 3-30 Condizione contorno quota piezometrica · 5-12 Condizioni idrauliche · 3-64 Connectivity plot · 3-61. 5-14 Coordinate x ed y · 3-3. 3-81. 5-20 Contrazione · 4-34. 425. 4-55 tollerato · 4-16. 4-24. 6-1 Cerniere · 3-16 Cluster · 3-38. 5-19 Curve carico-cedimento · 6-4 A Acqua peso specifico · 3-65 Adattamento spline · 6-10 Algoritmo automatico · 4-13. 614 dimensionamento degli steps · 4-11 plastico · 4-7. 4-54. 5-5 Coesione · 3-48 Collasso · 4-12 Comportamento drenato · 3-41 E Elementi interfacccia · 7-2 Elementi di terreno · 3-10. 3-61 Elementi interfaccia · 3-19. 3-31. 5-15 Angolo di attrito · 3-48 Annulla · 3-5 Apex point · 4-53 Arc-length control · 4-19. 4-23. 4-45 Automatic step size · 7-2 Azzeramento degli spostamenti · 4-15 D Deformazione di volume · 4-33 Densità globale · 3-62 locale · 3-63 Desired minimum and maximum · 4-18 Dilatancy angle · 3-49 Dimensionamento degli steps automatico · 4-11 Drained behaviour · 3-41 Dreni · 3-34 C Calcolo algoritmo automatico · 4-18 costruzione per fasi · 3-59. 4-18 Analisi del moto di filtrazione in regime stazionario · 3-75 Ancoraggio ad estremità fissa · 3-23. 4-56 INDICE-1 . 4-23. 5-15 pretensionamento · 4-34 proprietà · 3-60 tra nodo e nodo · 3-22. 4-54 locale · 4-52. 5-10. 3-66 Costruzione per fasi · 3-80. 3-61 Elementi trave · 3-15 Errore Controlli automatici · 4-54 equilibrio · 4-51. 4-51. 5-4. 4-54 globale · 4-51. 4-49 Cap point · 4-52 Carichi concentrati · 3-33 Carico distribuito · 3-32 Carico-cedimento curva · 4-50.

5-15 pretensionamento · 4-34 unità · 4-43 Friction angle · 3-48 H Hinges · 3-16 I Ignora comportamento non drenato · 4-15 Impostazione standard · 4-16 Impostazioni curva · 6-8 Incremento della gravità · 3-43 Incremento di carico livello ultimo · 4-10 numero di steps · 4-10 Infittimento globale · 3-63 locale · 3-63 Infittisci attorno al punto · 3-63 cluster · 3-63 linea · 3-63 Ingrandisci · 3-5. 4-14. 3-59. 3-29 Generazione curva · 6-3. 3-13 Livello di falda · 3-66 Load advancement number of steps · 4-10 ultimate level · 4-10 INDICE-2 PLAXIS Versione 8 . 5-3. 6-3 Input · 3-1 Input manuale · 3-4 Interfacce Elementi · 7-2 permeabilità · 3-56 spessore reale · 3-55 spessore virtuale · 3-20.MANUALE DI RIFERIMENTO Errori di equilibrio · 4-17 Estrapolazione · 4-21 Extrapolazione · 5-19 Gravità generazione delle tensioni iniziali · 3-80 Gravity loading · 3-43. 5-4. 6-8 Generazione della mesh · 3-61 automatico · 3-61 Generazione della relazione · 5-21 Generazione delle tensioni iniziali · 3-80 Geogrids · 3-17 Geogriglie · 3-17. 6-14 linea · 3-13 punto · 3-13 Gestore dei calcoli · 4-4 Global error · 4-51 Grafico · 6-2 titolo · 6-11 Grafico della connettività · 3-61. 3-54 Inverti · 6-12 Iterazioni massimo · 4-51 G Galleria · 3-23 centro · 3-27. 4-34 circolare · 3-28 punto di riferimento · 3-25. 4-40. 4-34. 4-51 Curves · 6-12 generazione · 3-81 input · 3-2. 4-4 Fattore di estrapolazione · 5-19 Finestra Calculations · 4-6. 5-20 L Limitazione delle tensioni di trazione · 3-52 Linea di scansione · 5-3 Linea geometrica · 3-6. 5-15 Geometria configurazione iniziale · 3-79. 3-80 F Fase di calcolo · 4-3. 3-24 Output · 5-1 Tunnel Designer · 3-24 Fixed end anchors · 3-23 Fixities · 3-30 Flip · 6-12 Forza ancoraggio · 3-59.

4-39 Msf · 4-42. 4-56 Punti per le curve · 4-47 Punto in stato plastico · 4-53. 4-40 Mesh generazione · 3-61 Minimo desiderato · 4-11 Minimo e massimo desiderati · 4-18 MloadA · 3-32. 4-19 Materiale non poroso · 3-43 Materiali proprietà meccaniche · 3-35 Maximum iterations · 4-18. 4-38. 3-81 Terreno compressibile interessato da creep · 3-82 Terreno incrudente · 3-40. 6-2 Over-relaxation · 4-18 P Parametro di Skempton (B) · 3-51 Percorso di sollecitazione · 6-7 Permeabilità dell’interfaccia · 3-56 Peso · 3-58 del terreno · 3-58. 4-29. 5-11. 6-3 blocco note · 3-5. 3-58. 3-81. 3-45 parametri avanzati · 3-50 Molle di rotazione · 3-16 Moltiplicatore di carico · 4-30. 3-65. 5-10 Mohr-Coulomb · 3-40. 4-37. 614 N Node-to-node anchors · 3-22 Nodi · 5-4 Numeri dei clusters · 5-5 O Output · 5-1 apunti · 6-13 blocco apunti · 5-23. 6-14 Massimo desiderato · 4-11 Massimo numero di iterazioni · 4-18. 3-75. 5-19. 3-34. 3-34. 4-44 Mstage · 4-23. 4-40 Modello Creep per terreno compressibile · 3-41 Definito dall’utente · 3-41 Elastico · 3-81 Elastico lineare · 3-40 Hardening Soil · 4-52. 5-4 Punti di Coulomb · 3-83. 5-23. 4-42. 4-44 Piastre · 3-14 Plastic calcolo · 4-7 cap point · 4-52 nil-step · 4-36 Plates · 3-14 Point loads · 3-33 Points for curves · 4-47 Pozzi · 3-35 Prescribed displacements · 3-29 Pressioni neutre · 3-41. 3-66. 3-82 Soft Soil · 4-52 Terreno compressibile · 3-41. 5-11 Punti in stato plastico · 3-83.INDICE M Maccel · 4-41 Manual input · 3-4 Marea · 4-26. 4-22. 4-41. 5-19. 4-23. 4-30. 4-55. 5-19 Moltiplicatori incrementali · 4-20. 3-64. 373. 4-41 Peso specifico dell’acqua · 3-65 Phi-c reduction · 4-7. 4-31. 4-29. 4-19. 6-5 stampante · 3-5. 4-43. 4-51 Mdisp · 3-30. 4-43. 4-30. 5-19 Mweight · 3-43. 424. 3-81. 4-26. 4-39. 5-17 iniziale · 3-82 Proprietà dei materiali · 5-19 Proprietà meccaniche · 3-35 Punti d’integrazione · 4-52. 5-9. 3-81 Roccia fratturata · 3-40. 3-81 Modello costitutivo del terreno · 3-40 Modulo di rigidezza volumetrica dell’acqua · 3-42 Mohr-Coulomb · 3-37. 4-40 MloadB · 3-32. 5-3 spostamenti · 5-16. 5-11 INDICE-3 . 4-39 Moltiplicatori totali · 4-22. 5-2.

5-12. 4-31. 3-34 S Scala · 5-6. 5-19 Standard setting · 4-16 Stress point · 3-9. 3-48. 3-65. 4-52 Tension point · 4-52 Tensione efficace · 3-65. 428. 5-3. 4-23. 6-3 Riduzione dei parametri di resistenza · 4-7. 4-32 proprietà meccaniche · 3-35 volume non saturo · 3-43 volume saturo · 3-43 Tolerated error · 4-16 Tolleranza · 4-51 Trave elementi · 3-15 Triangle · 3-61 Tunnel designer · 3-24 R Radius · 3-27 Raggio · 3-27 Real interface thickness · 3-55 Refine · 3-63 Relative shear stresses · 5-15 Relative stiffness · 5-19 Reset displacements · 4-15 Riduci · 3-5. 5-8. 3-40. 4-15 elementi · 3-10. 6-1 Sistema di coordinate · 2-3 Skempton (B) · 3-51 Sovrappressione massima · 4-44 Sovrappressioni neutre · 3-42. 4-12.MANUALE DI RIFERIMENTO Q Quota piezometrica · 3-68. 3-79. 5-16 totali · 5-6. 5-9 iniziale · 3-80. 3-49. 6-5 incrementali · 5-6. 5-11. 3-61 modello costitutivo · 3-40 proprietà dei materiali · 3-61. 3-53 angolo di dilatanza · 3-37. 5-14 Tensione iniziale · 3-81 Tensioni tangenziali relative · 5-15 Terreno angolo di attrito · 3-37. 6-11 Scan line · 5-3 Select point for curves · 6-1 Select points for curves · 4-4 Seleziona punti per le curve · 4-4. 4-44 Rigidezza relativa · 5-19 Rilassamento · 4-18 Rotation springs · 3-16 Rotazione · 3-4. 354 comportamento non drenato · 3-41. 5-4 U Undo · 3-5 Unità di misura · 2-1 V Vincoli · 3-30 Virtual thickness · 3-20 Volume non saturo · 3-43 Volume saturo · 3-43 INDICE-4 PLAXIS Versione 8 . 5-12 Strumenti di supporto · 2-4 T Tempo unità · 4-23. 4-25. 4-54 totale · 5-9 trazione · 3-52. 3-40. 5-17 Spessore reale dell’interfaccia · 3-55 Spessore virtuale · 3-20 Spline · 6-10 Spostamenti azzerati dall’utente · 6-14 imposti · 3-29. 5-4. 6-5 Tension cut-off · 3-52. 3-51. 4-40. 5-16 Staged construction · 3-80.

5-3. 4-35 Wells · 3-35 Z Zoom · 3-5. 6-3 INDICE-5 .INDICE W Water conditions · 4-35 Water pressures · 3-73.

MANUALE DI RIFERIMENTO INDICE-2 PLAXIS Versione 8 .

APPENDICE A - GENERAZIONE DELLE TENSIONI INIZIALI APPENDICE A - GENERAZIONE DELLE TENSIONI INIZIALI Nel campo dell’ingegneria geotecnica, molti problemi di analisi richiedono che venga definito un campo di tensioni iniziali; queste tensioni, causate dalla gravità, rappresentano lo stato di equilibrio dell’ammasso di terreno o di roccia. In un’analisi di PLAXIS queste tensioni iniziali devono essere definite dall’utente. Esistono due possibili procedure per la definizione di queste tensioni: K0-procedure (Procedura K0) Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità) Di regola, si deve utilizzare la K0-procedure soltanto con un piano di campagna orizzontale e con tutti gli strati di terreno ed i livelli di falda ad esso paralleli; per tutti gli altri casi si deve adottare la procedura Gravity loading.

Figura A.1 Esempi di piani di campagna e di stratificazioni non orizzontali

A.1

K0-PROCEDURE

Se si sceglie questo approccio, l’utente deve selezionare il comando Initial stresses dal sottomenu Generate nella modalità Initial conditions; selezionando questo comando, è possibile introdurre i valori del coefficiente di spinta a riposo per ogni singolo cluster di terreno. Oltre al parametro K0, si deve introdurre un valore per ΣMweight; introducendo ΣMweight = 1,0 la gravità sarà completamente attivata. Il coefficiente K0 rappresenta il rapporto tra le tensioni efficaci orizzontale e verticale: K0 = s'xx / s'yy In pratica, il valore di K0 per un terreno normalconsolidato è spesso assunto in relazione all’angolo di attrito, secondo l’espressione empirica: K0 = 1 – sinj' In un terreno sovraconsolidato, ci si aspetta che K0 sia maggiore del valore fornito da questa espressione. Utilizzare valori molto bassi o molto alti di K0 nella K0-procedure può portare a tensioni che violino il criterio di rottura di Coulomb; in questo caso PLAXIS riduce automaticamente la tensione orizzontale in modo che tale condizione di rottura sia soddisfatta. Ciò nonostante, è necessario fare attenzione perché le tensioni possono essere diverse da quelle che l’utente si aspetta; in ogni caso, questi punti d’integrazione

A-1

MANUALE DI RIFERIMENTO sono in stato plastico e sono indicati come Plastic points (Punti in stato plastico). Il grafico dei punti in stato plastico può essere visualizzato dopo la visualizzazione delle tensioni efficaci iniziali nel programma Output selezionando il comando Plastic points dal menu Stresses (Tensioni). Sebbene lo stato tensionale corretto obbedisce al criterio di rottura, può risultare che esso non sia in equilibrio. È generalmente preferibile generare un campo di tensioni iniziali che non contenga punti in stato plastico. Per un materiale non coesivo si può facilmente mostrare che per evitare plasticità del terreno il valore di K0 è limitato da:

1 - sin j 1 + sin j < K0 < 1+ sin j 1 - sin j
Quando viene adottata la K0-procedure, PLAXIS genererà tensioni verticali che sono in equilibrio con il peso proprio del terreno; tuttavia, le tensioni orizzontali, saranno calcolate dal valore specificato per K0. Anche se K0 è scelto in modo che non si verifichi plasticità, la procedura K0 non assicura che l’intero campo di tensioni sia in equilibrio. L’equilibrio completo si ottiene soltanto per un piano di campagna orizzontale con tutti gli strati di terreno ed i livelli di falda paralleli a questa superficie. Se il campo di tensioni richiede soltanto piccole correzioni di equilibrio, queste possono essere ottenute utilizzando le procedure di calcolo descritte nel seguito. Se le tensioni sono sostanzialmente squilibrate, allora la K0-procedure deve essere abbandonata a favore della procedura Gravity loading.

Plastic nil-step
Se la K0-procedure genera un campo di tensioni iniziali che non è in equilibrio o nel quale si verificano punti in stato plastico, si deve adottare una fase di calcolo del tipo 'Plastic nil-step'; questa è una fase di calcolo in cui non viene applicato alcun carico aggiuntivo (Sezione 4.7.10); una volta che questa fase sia stata completata, il campo di tensioni sarà in equilibrio e tutte le tensioni obbediranno al criterio di rottura.

Divergenza
Se la K0-procedure originale genera un campo di tensioni che è lontano dall’equilibrio, anche la fase di calcolo del tipo 'Plastic nil-step' può non convergere; ciò accade, per esempio, quando la K0-procedure è adottata in problemi geotecnici con pendii molto ripidi. Per questi problemi si deve invece adottare la procedura Gravity loading.

Spostamenti iniziali
È importante assicurare che gli spostamenti calcolati durante una fase di calcolo del tipo 'Plastic nil-step' (se questo è utilizzato) non influenzino i calcoli successivi; ciò si può ottenere utilizzando l’opzione Reset displacements to zero (Azzera gli spostamenti) nella fase di calcolo seguente.

A-2

PLAXIS Versione 8

APPENDICE A - GENERAZIONE DELLE TENSIONI INIZIALI A.2 GRAVITY LOADING

Se si adotta la procedura Gravity loading (Generazione delle tensioni iniziali per incremento della gravità), le tensioni iniziali (cioè quelle corrispondenti alla fase 'Initial phase' (Fase iniziale)) sono nulle; esse quindi vengono generate applicando il peso proprio del terreno nella prima fase di calcolo. In questo caso, quando si utilizza un modello di terreno elastico-perfettamente plastico come il modello Mohr-Coulomb, il valore finale di K0 dipende fortemente dai valori assunti per il coefficiente di Poisson; è importante scegliere valori del coefficiente di Poisson che forniscano valori realistici di K0. Se necessario, è possibile adottare materiali specifici, con un coefficiente di Poisson corretto, per fornire l’appropriato valore di K0 durante il processo Gravity loading. Questi materiali possono essere poi sostituiti da altri materiali nei calcoli seguenti (Sezione 4.7.5). Per il caso di compressione monodimensionale un calcolo elastico fornirebbe:

n=

K0 (1+ K 0 )

Se è richiesto un valore di K0 pari a 0,5, per esempio, allora è necessario specificare un valore del coefficiente di Poisson di 0,333. Accade spesso che durante la procedura Gravity loading vengano generati punti in stato plastico; per i terreni non coesivi, per esempio, i punti in stato plastico verranno generati a meno che non sia soddisfatta la seguente disuguaglianza:

1 - sin j n < 1 + sin j 1 -n
La generazione di un piccolo numero di punti in stato plastico durante la procedura Gravity loading è del tutto accettabile.

Calcolo plastico
La procedura Gravity loading può essere applicata, se desiderato, in una singola fase di calcolo; ciò deve essere eseguito utilizzando un calcolo di tipo Plastic (Plastico) in cui l’opzione Loading input (Input di sollecitazione) sia impostata su Total multipliers (Moltiplicatori totali) e ΣMweight è impostato su 1,0.

Spostamenti iniziali
Una volta che siano state impostate le tensioni iniziali, gli spostamenti devono essere azzerati all’avvio della successiva fase di calcolo. Questo rimuove l’effetto della procedura Gravity loading sugli spostamenti iniziali dei calcoli successivi.

A-3

MANUALE DI RIFERIMENTO

A-4

PLAXIS Versione 8

EXE BATCH.14) Programma di selezione file di PLAXIS (Sezione 2. Alcuni di questi files e le loro funzioni sono elencate sotto: GEO.PLX. conservati nella sottodirectory DB della directory di programma PLAXIS. per qualche ragione.DLL PLXCALC. mesh aggiornata) Modulo che presenta il logo di PLAXIS Modulo che presenta l’output dello schermo durante un’analisi di deformazione (Sezione 4.EXE PLXSSCR.INI B-1 . La sottodirectory EMPTYDB contiene una struttura di archivio dei materiali vuoto che può essere utilizzato per 'riparare' un progetto del quale.1 STRUTTURA DEL PROGRAMMA Il programma PLAXIS completo consiste di vari sotto-programmi.EXE PLXMSH.EXE PLASW. ulteriori dati sono conservati in altri files nella sottodirectory <project>.DTA. è stata danneggiata la struttura dell’archivio dei materiali.DLL PLXREQ.EXE GEOFLOW.INF DBDWORK. per default.2) I materiali dell’archivio globale (Sezione 3.DATI DEL PROGRAMMA E STRUTTURA DEI FILES DATI APPENDICE B .2 FILES DATI DEL PROGETTO Il file principale utilizzato per conservare le informazioni di un progetto di PLAXIS ha un formato strutturato è si chiama <project>. B.EXE PLAXOUT.APPENDICE B . Ciò è possibile copiando i files appropriati nella directory del progetto (si veda B. Oltre a questo file. i files in questa directory possono includere: CALC.2). moduli ed altri files che durante la procedura d’installazione vengono copiate in varie directory (si veda Installazione nella parte Informazioni generali).5) sono.DATI DEL PROGRAMMA E STRUTTURA DEI FILES DATI B. I files più importanti sono localizzati nella directory di programma di PLAXIS. Gli esatti dati di materiale devono essere re-introdotti nel programma Input.DLL Programma Input (pre-processore) (si veda il Capitolo 3) Programma Calculations (si veda il Capitolo 4) Programma Output (post-processore) (si veda il Capitolo 5) Programma Curves (si veda il Capitolo 6) Generatore di mesh Programma di analisi del moto di filtrazione Programma di analisi della deformazione (calcolo plastico. in cui <project> è il titolo del progetto. consolidazione.EXE CURVES.

utilizzando il nome di progetto XXOEGXX. La directory TEMP contiene anche alcuni files di backup ($GEO$.MDB) (.INP.# è la stessa dei files di progetto di PLAXIS. per qualche ragione.MDB) (. .W## 1.MDB) (. Se si desidera copiare gli steps di calcolo o copiare un progetto intero manualmente. si raccomanda di aprire il progetto che deve essere copiato nel programma Input e salvarlo sotto un nome diverso utrilizzando il comando Save as dal menu File. .* 1 (.MSI.* BEAMS.ERR PLAXIS. 002.MSO) (. . . tuttavia in questo modo gli steps di calcolo (<project>. Sezione 3.SF4. . …). come specificata nel sistema operativo di Windows®. B-2 PLAXIS Versione 8 . Quindi.LDB. . La struttura dei files $GEO$. in questo modo. .PLX all’interno della directory di lavoro di PLAXIS.### ove ### è un numero di step di calcolo) non vengono copiati.* GEOTEX.SF2.### 2) = Numero di fase di calcolo a due cifre (01. Al di sopra di 999 vi è una cifra aggiuntiva nell’estensione del file. .2). Durante la creazione di un progetto. . . la struttura di files e dati richiesto viene creato nel modo appropriato.* <project>.MSH. questi files possono anche essere adottati per 'riparare' un progetto del quale.MDB) (. Al di sopra di 99 vi è una cifra aggiuntiva nell’estensione del file.SIS.W00.CXX.L## 1. . = Numero di steps di calcolo a tre cifre (001. . . l’utente deve esattamente tenere conto dei files e della struttura di dati. informazioni di natura temporanea vengono conservate nella directory TEMP. il file di progetto sia stato danneggiato.LDB.LDB. . prima che il progetto sia esplicitamente salvato sotto un nome specifico. 02. 2 Se si desidera copiare un progetto di PLAXIS sotto un nome diverso o in una diversa directory. …).* SOILDATA.MANUALE DI RIFERIMENTO PLAXMESH. Questo può essere fatto copiando i più recenti files di backup nella directory <project>.000. . altrimenti PLAXIS non sarà in grado di leggere i dati e può produrre un errore.LDB. .# in cui # è un numero) utilizzati per il comando ripetitivo di annullamento (Undo.S.* ANCHORS.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful