Sei sulla pagina 1di 73

TiSystem 7

TISYSTEM 7
Manuale operativo

Software tecnico per la progettazione di reti


e quadri elettrici in bassa tensione

1
TiSystem 7

Disclaimer:
il software di calcolo TiSystem 7 costituisce un utile strumento per la progettazione degli impianti
elettrici di bassa tensione. L'utente dovrà comunque verificare la rispondenza del programma alle
proprie esigenze interpretando opportunamente i risultati.

Il contenuto di questi programmi è oggetto di diritti esclusivi della BTicino S.p.A.

2
TiSystem 7
INDICE
Primo utilizzo di TiSystem 7.0 ..................................................................................... 5
1 - Opzioni ........................................................................................................................... 6
1.1 - Dati Azienda ...................................................................................................... 7
1.2 - Dati impianto .................................................................................................... 7
1.3 - Dati quadro ....................................................................................................... 10
1.4 - Conduttura ........................................................................................................ 11
1.5 - Gruppo elettrogeno (GE) .................................................................................. 11
1.6 - UPS – Trasformatori .......................................................................................... 12
1.7 - Opzioni grafiche ................................................................................................ 12
1.8 - Opzioni di calcolo .............................................................................................. 14
1.9 - Salvataggio automativo .................................................................................... 15
2 - Gestioni dei documenti ................................................................................................ 16
2.1 - Creazione nuovo progetto ................................................................................ 16
2.2 - Apertura documento esistente ......................................................................... 16
2.3 - Salvataggio documento .................................................................................... 17
2.4 - Uscita dal programma ....................................................................................... 18
3 - Nuovo progetto ............................................................................................................ 19
3.1 - Dati impianto .................................................................................................... 19
3.1.1 - Dati......................................................................................................... 19
3.1.2 - Cabina (TN) ........................................................................................... 20
3.1.3 - Distribuzione (TN) ................................................................................. 20
3.1.4 - Opzioni di calcolo ................................................................................... 21
3.1.5 - Cabina (TT) ............................................................................................ 21
3.1.6 - Distribuzione (TT) .................................................................................. 22
3.2 - Dati quadro ....................................................................................................... 24
3.2.1- Dati ......................................................................................................... 24
3.2.2 – Apparecchi ............................................................................................ 25
4 - Disegno dello schema unifilare del quadro ................................................................. 26
4.1 - Inserimento apparecchiature ........................................................................... 26
4.2 - Collegamento ad altro quadro .......................................................................... 29
5 - Schema a blocchi .......................................................................................................... 30
6 - Dati linea ....................................................................................................................... 33
6.1 - Carico e fasi della linea ..................................................................................... 33
6.2 - Cablaggio interno del quadro ........................................................................... 36
6.3 - Conduttura ....................................................................................................... 37
6.4 - Simbolo grafico ................................................................................................. 41
6.5 - Gestione interruttori ......................................................................................... 42
6.5.1 - Interruttori magnetotermici .................................................................. 42
6.5.2 - Interruttori magnetotermici differenziali .............................................. 44
6.5.3 - Interruttori di manovra e differenziali puri .......................................... 45
3
TiSystem 7

6.6 - Accessori ........................................................................................................... 46


6.7 - Gestione apparecchi diversi da interruttori...................................................... 47
6.7.1 - Contattori, relè a passo, fusibili ecc. ..................................................... 47
6.7.2 - Voltmetri, amperometri, spie ecc. ........................................................ 48
6.7.3 - Collegamento in morsettiera................................................................. 49
6.7.4 - Gruppo elettrogeno ............................................................................... 49
6.7.5 - Trasformatori di potenzaed UPS ........................................................... 50
6.8 - Spostamento apparecchi nello schema ........................................................... 51
7 - Comandi Copia, Incolla, Elimina applicati allo schema ................................................ 52
7.1 - Copia ................................................................................................................. 52
7.2 - Copia ramo ........................................................................................................ 52
7.3 - Copia formato ................................................................................................... 52
7.4 - Incolla ................................................................................................................ 52
7.5 - Incolla ramo ...................................................................................................... 53
7.6 - Incolla formato .................................................................................................. 53
7.7 - Elimina............................................................................................................... 53
7.8 - Elimina ramo ..................................................................................................... 53
8 - Dimensionamento impianto ......................................................................................... 54
8.1 - Calcolo completo impianto ............................................................................... 54
8.1.1 - Determinazione di apparecchi diversi da interruttori ........................... 55
8.1.2 - Sezione linee in uscita da apparecchi non magnetotermici .................. 56
8.2 - Solo verifica impianto ....................................................................................... 56
8.3 - Risultati ottenuti ............................................................................................... 58
8.4 - Colore simboli ................................................................................................... 59
8.5 - Cancellazione articoli e sezioni ......................................................................... 60
8.6 - Blocca / Sblocca dati ......................................................................................... 60
9 - Visualizzazione curve .................................................................................................... 61
10 - Configurazione legenda .............................................................................................. 64
11 - Configurazione file CSV ............................................................................................... 65
12 - Disegno elementi grafici aggiuntivi ............................................................................ 65
13 - Stampa ......................................................................................................................... 68
13.1 - Anteprima stampa grafica schema elettico .................................................... 68
13.2 - Anteprima stampa grafica schema a blocchi .................................................. 70
13.3 - Anteprima report ............................................................................................ 71
14 - Esportazione DXF......................................................................................................... 72
15 - Carpenteria .................................................................................................................. 73

4
TiSystem 7
Primo utilizzo di TiSystem 7

Una volta avviato TiSystem 7 verrà visualizzato il seguente ambiente di lavoro:

Seleziona attività

E' possibile creare un Nuovo progetto, oppure aprire un Progetto esistente confermando con “OK”
oppure “Annulla” per uscire da questa maschera.

La prima volta che si lancia il programma si consiglia di uscire con “Annulla” e successivamente
entrare nel menù Strumenti -> Opzioni per personalizzare il programma secondo la propria
metodologia di lavoro.
I dati inseriti saranno i dati di default visualizzati alla creazione di un nuovo progetto, detti dati
possono comunque essere modificati di volta in volta.

5
TiSystem 7
1. Opzioni

Utilizzando questo comando, si aprirà la seguente maschera (suddivisa in più sezioni) che
permetterà all’utente di effettuare diverse impostazioni:

1.1 - Dati Azienda

Ragione sociale
Due righe per l’inserimento dei dati relativi all’impresa che ha realizzato il progetto (o eventuali
altri dati) che saranno riportati in alto a sinistra su ogni pagina stampata in “Anteprima di stampa”:

6
TiSystem 7
Logo di stampa
Tale funzione permette di inserire un logo in ogni foglio di stampa, in alto a sinistra sopra la
ragione sociale.
Inizialmente è inserito il logo di BTicino (file Logo_BT.bmp memorizzato nel percorso
d’installazione di Tisystem70\Ita\System).
Per inserire un altro logo è necessario avere a disposizione un file in formato BMP oppure JPG
oppure WMF oppure GIF. All’attivazione del comando “Cambia” viene richiesto di selezionare il file
contenente il logo; alla conferma l’immagine compare automaticamente nell’apposito riquadro
della maschera.
Nel percorso d’installazione di Tisystem 7 è contenuto anche un logo completamente bianco (file
No_Logo.bmp) da selezionare qualora non si voglia inserire alcun logo in stampa.
È importante evidenziare che Tisystem scala automaticamente le dimensioni del logo a quelle del
riquadro della maschera: questo perché lo spazio riservato nelle pagine di stampa è prefissato e
pertanto il logo non può avere dimensioni qualsiasi.
Tale operazione di “adattamento” può pertanto provocare una deformazione dell’immagine che è
tanto più marcata quanto più il rapporto larghezza/altezza del logo importato si allontana da
quello dello spazio a disposizione (pari a tre).
L’immagine BMP importata dovrebbe pertanto avere il formato ideale di 150x50 pixel, in tal caso
l'immagine viene importata identica e non subisce alcun ridimensionamento. Essa può comunque
essere anche più grande o più piccola (in tal caso Tisystem 7 provvede automaticamente a ridurla
o a ingrandirla) ma è importante che abbia un rapporto larghezza/altezza il più possibile vicino a
tre. In caso il logo avesse una forma completamente diversa (ad esempio quadrata), conviene
creare un’immagine BMP con delle parti bianche (che non compariranno in stampa) in modo che
riassuma il rapporto delle dimensioni sopra riportato.

7
TiSystem 7
1.2 - Dati Impianto

Tensione di esercizio
Permette di impostare la tensione trifase/monofase che Tisystem 7 utilizzerà per il calcolo delle
varie correnti assorbite, corto circuito, cadute di tensione ecc.
In caso d’impianto monofase (esempio 230 V) è necessario inserire comunque la scelta 400/230 V,
il programma a fronte della scelta L1N utilizza automaticamente 230 V.

c.d.t. massima totale nell’impianto


Permette di impostare la caduta di tensione massima dell’impianto. Se in una linea viene superato
questo valore, il simbolo e il quadro che lo contiene, assumono un colore diverso (impostabile). Il
progettista a questo punto può decidere in quale punto dell’impianto intervenire per riportare la
c.d.t. a un valore inferiore.

c.d.t. calcolata con Ib o con In


Permette scegliere quale corrente utilizzare per il calcolo della c.d.t. :
corrente Ib = corrente di impiego;
corrente In = corrente nominale

Corrente di corto circuito presunta trifase al punto di consegna (Sistema TT)


Permette di impostare la corrente trifase iniziale (si consiglia il valore convenzionale della Norma
CEI 0-21 o in alternativa quello comunicato dall’ente erogatore)

Corrente di corto circuito presunta fase/neutro al punto di consegna (Sistema TT)


Permette di impostare la corrente fase/neutro iniziale (si consiglia il valore convenzionale della
Norma CEI 0-21 o in alternativa quello comunicato dall’ente erogatore). In mancanza di dati certi,
può essere uguale alla trifase.

Tipo trasformatore (Sistema TN)


Permette di scegliere fra trasformatori BTicino oppure generici.

Tipo d’isolante (Sistema TN)


Permette di scegliere se il trasformatore è isolato in olio oppure in resina (nel caso di BTicino sono
solo in resina.)

8
TiSystem 7
Potenza di C.to C.to della rete M.T. (Sistema TN)
Permette di impostare il valore in MVA della potenza di c.to c.to (valore comunicato dall’ente
erogatore e valore compreso tra 10 e 2000 MVA).

Tensione primaria / Classe d’isolamento (Sistema TN)


Scelta presente solo per trasformatori BTicino

Vcc % - Potenza – Perdite negli avvolgimenti (Sistema TN)


Permette di inserire i dati tecnici del trasformatore.

Articolo (Sistema TN)


Dato in Output presente solo per trasformatori BTicino

9
TiSystem 7
1.3 - Dati Quadro

Sezioni di Neutri e Sezioni di PE


Permette di scegliere se i cavi devono essere previsti con sezione minimo ½ fase;
calcolati dal programma (quindi anche inferiori a ½ fase);
calcolati dal programma ma con un minimo di 16 mm2 o nel caso di neutro uguali alla fase.

Potere d’interruzione secondo la norma


Permette di scegliere la norma di riferimento per il P.I. degli apparecchi e il tipo Icu / Ics.
Se si sceglie la norma CEI EN 60898, ma il programma trova apparecchi con corrente nominale
superiore a 125A oppure apparecchi con regolazioni, la norma viene automaticamente cambiata in
CEI EN 60947-2 (previo avviso).

Btdin Fase/Neutro
Modulo ridotto permette ricercare apparecchi 1 P + N possibilmente in 1 Modulo DIN.
Modulo intero permette ricercare apparecchi 1 P + N possibilmente in 2 Moduli DIN
(non considerando quelli in 1 modulo.)
2 poli protetti ricerca solamente apparecchi con 2 poli protetti in 2 moduli.

Tipo differenziale Btdin


Permette di escludere dalla ricerca i tipi di differenziale non selezionati.

Metodo di selezione della In


Criterio di ricerca degli apparecchi
In = Ib a fronte di un carico con Ib 100 A il programma propone un apparecchio da 100 A.
In > Ib a fronte di un carico con Ib 100 A il programma propone un apparecchio da 125 A.

Dati iniziali
Permette di scegliere la sezione minima dei cavi e la corrente nominale minima degli apparecchi
presenti nel quadro.

Inoltre è possibile scegliere se visualizzare o meno le finestre di scelta nei “Dati Quadro” del
Progetto.

10
TiSystem 7
1.4 - Conduttura

Tutte le scelte effettuate in questa maschera saranno riproposte come default per tutte le linee
inserite nel progetto, naturalmente ogni linea sarà successivamente modificabile.

1.5 - Gruppo elettrogeno (GE)

Potenza apparente di targa dell’alternatore


Permette di inserire la potenza dell’alternatore [ StA ].

Potenza nominale del G.E


Per default è la stessa Potenza apparente di targa dell’alternatore, ma può essere modificata. E’ la
potenza [SnG]utilizzata per calcolare la corrente nominale del G.E.

Cosfi del G.E.


È il fattore di potenza del gruppo elettrogeno.

Potenza attiva del G.E.


La Potenza [PnG] viene calcolata dal programma in funzione della Potenza nominale del G.E e del
Cosfi del G.E.

Reattanza Sub transitoria, transitoria, omopolare


Dati caratteristici in % dei gruppo elettrogeni, i valori inseriti sono i valori medi dei vari costruttori.

Resistenza di fase
11
TiSystem 7
È un valore in % della Reattanza Sub transitoria il valore inserito è il valore medio dei vari
costruttori.

Resistenza omopolare
È un valore in % della Resistenza di fase il valore inserito è il valore medio dei vari costruttori.

1.6 - UPS - Trasformatori

Le scelte effettuate in questa maschera verranno riproposte come default all’inserimento di un


trasformatore BT/BT o di un UPS.

1.7 - Opzioni grafiche

N max apparecchi in serie in un quadro


Permette di impostare, a livello d’intero progetto, quanti apparecchi in serie ci possono essere
all’interno di uno stesso quadro. In generale conviene impostare il numero massimo di livelli in
serie in modo che coincida con il numero massimo effettivo di apparecchi in serie.

Numero linee in esportazione file DXF


In tale campo è possibile impostare il numero di apparecchi che vengono inseriti in ogni singolo
layer del file di esportazione in formato DXF.

12
TiSystem 7
Colore selezione linea
Per impostare il colore del bordo inferiore e destro del simbolo selezionato.

Colori sfondo area disegno


Per impostare il colore dell’area di disegno.

Colori simboli da calcolare


Per impostare il colore dei simboli dello schema di cui non sono ancora stati calcolati/verificati
tutti i relativi dati.

Colori simboli calcolati


Per impostare il colore dei simboli dello schema al termine del calcolo/verifica.

Colore articolo modificato


Per impostare il colore dei simboli dello schema di cui un’operazione di calcolo ha modificato il
codice articolo precedentemente memorizzato.

Articolo c.d.t. max


Per impostare quale colore assume un simbolo quando nella linea la c.d.t. totale nell’impianto
supera la massima ammessa impostata nei dati di progetto.

Rappresentazione Neutro
Permette la scelta di come si vuole rappresentare il conduttore di neutro sullo schema elettrico.

13
TiSystem 7
1.8 - Opzioni di calcolo

Norma di calcolo
Permette di scegliere quale norma di calcolo utilizzare
(per il momento è fissata a CEI 64-8.)

Protezioni contro i contatti indiretti


Se la corrente di corto circuito minima fase/protezione è inferiore al valore d’intervento
magnetico dell’apparecchio:
scelta 1 (Prevedere differenziale) il programma effettua il cambio del segno grafico da
magnetotermico a magnetotermico-differenziale ed effettua le verifiche considerando tale
prodotto.
scelta 2 (Regolare magnetico) il programma prova, se l’apparecchio lo permette, a regolare il
magnetico per rientrare nella condizione sopra citata. Se proprio non riesce, propone comunque il
differenziale.
Regolazione magnetico
Se la scelta precedente è la 2, si abilita la scelta della Regolazione magnetico.
Scelta 1 se l’apparecchio è un interruttore di tipo elettromeccanico, il programma prova la
regolazione fino al valore minimo, se non sufficiente passa al differenziale.
Scelta 2 se l’apparecchio è un interruttore di tipo elettromeccanico, il programma prova la
regolazione fino al valore minimo, se non sufficiente, prova a utilizzare un apparecchio di tipo
elettronico (che può avere una regolazione più bassa) se proprio non riesce perche, la corrente di
corto circuito è bassissima, passa al differenziale.

Regolazione termica
Anche in questa sezione sono disponibili 2 scelte.
Scelta 1 “A corrente nominale In”: il programma effettua la protezione da sovraccarico utilizzando
la corrente nominale In dell’apparecchio es. corrente Ib 190 A il programma propone il primo
apparecchio utile a catalogo con In >= 190 A.)
Scelta 2 “Arriva fino alla regolazione minima”: il programma utilizza per la protezione da
sovraccarico, se l’apparecchio è regolabile, tale regolazione. Es. corrente Ib 138 A, il programma
propone il primo apparecchio utile con In = 160 A ma a taratura [0.9 In] quindi a 144 A, i cavi
quindi saranno dimensionati per un Iz >= 144 A.)

14
TiSystem 7
Visualizza morsetti
Visualizza graficamente sullo schema elettrico il segno grafico del morsetto.
Visualizza sempre conduttura
Mediante tale opzione, nella maschera Dati linea, viene abilitata la pagina conduttura, anche se
l'apparecchio è un generale di gruppo e quindi non ha linea in uscita.
Questo per poter gestire, tramite il segno grafico Collegamento in morsettiera, linee con diversi
tipi di posa.

1.9 - Salvataggio automatico

Se abilitato, permette di salvare automaticamente il lavoro dopo un tempo impostabile e


permette di definire il n. massimo di salvataggi da eseguire.

15
TiSystem 7
2 - Gestione dei documenti
2.1 - Creazione nuovo progetto

E' possibile creare un nuovo progetto in tre diversi modi:

1) All’avvio del programma cliccare su Nuovo Documento.

2) Cliccare sull'icona Nuovo Documento

3) Entrare nel menù File e selezionare Nuovo

2.2 - Apertura documento esistente

E' possibile aprire un progetto esistente in tre diversi modi:

1) All’avvio del programma cliccare su Progetto esistente.

2) Cliccare sull'icona Apri Documento

3) Entrare nel menù File e selezionare Apri

16
TiSystem 7
Si apre la nota maschera di Windows per l’apertura di un documento, in cui selezionare l’unita', il
percorso, e il nome del progetto da aprire (l’estensione è “.TI7”):

Per importare file di Tisystem 5.1 cambiare il suffisso da .TI7 a .TIS.

2.3 - Salvataggio documento

E' possibile salvare un progetto in due diversi modi:

1) Cliccare sull'icona Salva Documento

2) Entrare nel menù File e selezionare Salva

17
TiSystem 7
Si apre la nota maschera di Windows per il salvataggio di un documento, in cui specificare
l’unita', il direttorio, e il nome del progetto da salvare (il suffisso è .TI7):

Se invece il progetto era già stato salvato in precedenza, viene ora salvato in automatico. Qualora
lo si voglia salvare con un nome, in un direttorio o su un drive diverso rispetto al salvataggio
precedente, è necessario entrare nel menu' File e selezionare Salva con nome: il programma apre
in questo caso una maschera analoga a quella del primo salvataggio.

2.4 - Uscita dal programma

E' possibile uscire dal programma in due diversi modi:

1) Entrare nel menù File e selezionare Esci

2) Cliccare sulla “X” in alto a destra

Se il progetto ha subito modifiche dall’ultimo salvataggio effettuato, il programma richiede, prima


di procedere alla chiusura, se si desidera salvare il documento.

18
TiSystem 7
3 – Nuovo progetto

3.1 - Dati Impianto


Alla creazione di un nuovo documento si apre una finestra iniziale che chiede l'inserimento dei dati
generali d’impianto.

3.1.1 - Dati

Mediante la cartella DATI vengono impostati:

Ragione sociale: I dati relativi all’impresa che ha realizzato il progetto.


Logo cartiglio: La scelta del logo da riportare in ogni foglio di stampa.
Nome progetto: Per assegnare un nome all’impianto da progettare.
Data: Data del documento.
Tensione di esercizio: Per impostare le tensioni di esercizio (trifase e monofase)
dell'impianto tra 690/400 e 220/127.
Sistema di distribuzione: Per scegliere il sistema di distribuzione TT o TN.
c.d.t. calcolata con: Per scegliere quale corrente utilizzare per il calcolo.
c.d.t. max nell’impianto: Per impostare il valore massimo di c.d.t. totale da non superare.
Norma di calcolo: Per impostare la norma (per il momento fissata a CEI 64-8).
Norma posa cavi: Per impostare la norma per le portate dei cavi.

I dati riportati per default su questa maschera e sulle successive sono i dati che sono stati
impostati con la funzione Opzioni [par.1]

19
TiSystem 7
3.1.2 - Cabina (TN)

Mediante la cartella CABINA si sceglie il tipo di cabina elettrica di trasformazione M.T./B.T.:

3.1.3 - Distribuzione (TN)

Mediante la maschera DISTRIBUZIONE s’impostano:

- Il tipo di trasformatore e il tipo d’isolante.


- La potenza di corto circuito della rete Media Tensione. Si può, in mancanza di dati certi,
ipotizzare anche una potenza infinita, ma in questo modo aumenteranno le Icc.
- La potenza, la tensione di corto circuito e il valore delle perdite nel rame del/i trasformatore/i.
- In caso di 2 o più trasformatori in parallelo, si possono utilizzare potenze diverse con un
massimo di 2 taglie.
- Se i motori contribuiscono alla corrente di corto circuito e, in caso affermativo, la somma delle
potenze dei motori e il coefficiente di contemporaneità di funzionamento dei motori.

20
TiSystem 7
3.1.4 - Opzioni di calcolo

Mediante la maschera OPZIONI DI CALCOLO vengono impostati gli algoritmi che il programma
deve utilizzare per effettuare i calcoli. Vedi [par. 1.8]

3.1.5 - Cabina (TT)

Mediante la cartella CABINA si sceglie il tipo di cabina elettrica in caso di alimentazione TT:

21
TiSystem 7
3.1.6 - Distribuzione (TT)

Mediante la maschera DISTRIBUZIONE vengono impostati:

- La corrente di corto circuito presunta trifase nel punto di consegna


- La corrente di corto circuito presunta fase-neutro nel punto di consegna

- Se i motori contribuiscono alla corrente di corto circuito e, in caso affermativo, la somma delle
potenze dei motori e il coefficiente di contemporaneità di funzionamento dei motori.

22
TiSystem 7
Nota:
E' possibile modificare in qualsiasi momento i dati generali dell’impianto in tre diversi modi:

1) Cliccare su questa icona Dati Impianto

2) Cliccare su questa icona Dati Impianto

3) Entrare nel menù Progetto e selezionare Dati Impianto.

23
TiSystem 7
3.2 - Dati Quadro
Completati i Dati Impianto, verrà aperta una finestra che chiede l'inserimento dei dati elettrici del
primo quadro.

3.2.1 - Dati

Mediante la cartella DATI vengono impostati:

Nome Quadro: campi nei quali specificare una sigla ed un nome per identificare il
quadro.
Disegnato: inserire il nome o la sigla dell’autore del quadro.
N.° di Disegno: il numero del disegno del quadro
Note: campo nel quale specificare eventuali note legate al quadro.
Sezione di Neutro: per scegliere (nel caso di sistema TN), se si vuole utilizzare, per la
determinazione della sezione dei conduttori di neutro, il metodo "
calcolato", il metodo "½ Fase" oppure se la sezione dovrà essere
uguale al conduttore di fase.
Sezione di PE: per scegliere (nel caso di sistema TN), se si vuole utilizzare, per la
determinazione della sezione dei conduttori di protezione, il metodo
" calcolato" oppure il metodo "½ Fase".
Metodo selezione In: per scegliere se la corrente nominale In può essere uguale alla
corrente di impiego Ib oppure deve essere superiore.
Tipo Diff. Btdin: per escludere dalla ricerca i tipi di differenziale non vistati. Se ad
esempio non si vogliono utilizzare differenziali di tipo AC è sufficiente
escludere la relativa casella e gli apparecchi selezionati saranno
esclusivamente di tipo A
Btdin Fase/Neutro: per escludere dalla ricerca tutti gli apparecchi monofasi 1P+N oppure
escludere solamente quelli in un modulo DIN
P.I. secondo norma: Il potere di interruzione di un interruttore Btdin ha valore diverso a
seconda della norma che si assume come riferimento per lo stesso
(CEI EN 60898 o CEI EN 60947-2). Il programma seleziona gli
interruttori con adeguato potere di interruzione in funzione dei valori
corrispondenti alla norma impostata ed al tipo di P.I. Icu oppure Ics.

24
TiSystem 7
Sez. Minima (mm²): per specificare la sezione minima che devono avere i conduttori delle
linee in uscita dal quadro.
In minima [A]: per scegliere la corrente nominale minima degli interruttori da
installare nel quadro.
N.° max serie: per scegliere quale dovrà essere il numero massimo di apparecchi
collegati in serie tra loro all’interno del quadro.
Abilita Back-up: per scegliere se nella selezione degli interruttori si vuole utilizzare la
protezione di back-up per le linee terminali nel caso di tensione
d’esercizio 400/230.

3.2.2 - Apparecchi

All'interno di questa maschera è possibile abilitare o disabilitare le varie famiglie di apparecchi in


modo che durante l’operazione di calcolo il programma selezioni, per il quadro in esame,
interruttori esclusivamente appartenenti alle scelte abilitate.

E' possibile modificare in qualsiasi momento i dati quadro in due diversi modi:

1) Cliccare su questa icona Dati Quadro

2) Entrare nel menù Progetto e selezionare Dati quadro.


25
TiSystem 7
4 – Disegno dello schema unifilare del quadro

Dopo aver inserito tutti dati in precedenza descritti, alla conferma il software passa alla seguente
schermata, dove è possibile inserire le varie apparecchiature costituenti il quadro:

4.1 – Inserimento apparecchiature

Inizialmente si seleziona un apparecchio mediante il mouse e si decide se:

a) Inserire un altro apparecchio in serie a quello selezionato operando in uno dei seguenti
metodi:
1) Cliccare l'icona Inserisci in serie

2) Selezionare Inserisci in serie dal menù Progetto.

b) Inserire un altro apparecchio in parallelo a quello selezionato operando in uno dei seguenti
metodi (tale comando è inattivo per l’interruttore generale):
1) Cliccare l'icona Inserisci in parallelo

2) Selezionare Inserisci in parallelo dal menù Progetto

26
TiSystem 7
Si procede poi all’inserimento effettivo del nuovo apparecchio mediante la selezione del relativo
simbolo grafico. Esso può essere scelto in una delle tre sezioni presenti sul lato destro dello
schermo. Cliccare con il mouse sul simbolo scelto per l’inserimento.

In questo modo è possibile tracciare l’intero schema elettrico del quadro.


Lo schema può essere visualizzato in due modalità:
- La prima, la novità di Tisystem 7, prevede gli apparecchi derivati posizionati sullo stesso livello
del generale.

27
TiSystem 7
- La seconda, prevede gli apparecchi posizionati su livelli diversi (lo schema utilizzato dal
precedente Tisystem 5.1).

Per passare da una visualizzazione all’altra occorre cliccare sull’icona Cambia vista.

Per navigare all’interno dello schema utilizzate le icone presenti nella barra superiore.

1 – Inizio schema (primo blocco)


2 – Pagina indietro
3 – Un singolo simbolo indietro
6 – Un singolo simbolo avanti
7 – Pagina avanti
8 – Fine schema (ultimo blocco)

4 – Zoom meno – Visualizza un apparecchio in più


5 – Zoom più – Visualizza un apparecchio in meno

Tutte le linee terminali dello schema di un quadro possono alimentare un altro quadro.

28
TiSystem 7
4.2 – Collegamento ad altro quadro

Tutte le linee terminali dello schema di un quadro possono alimentare un altro quadro, operando
come di seguito descritto:

a) Attivare il comando di collegamento al quadro in uno dei seguenti modi:


1) Cliccare l'icona Collega a quadro.

2) Selezionare Collega a quadro dal menù Progetto.

b) Selezionare l’apparecchio che costituirà l’interruttore generale del quadro derivato,


selezionandolo in modo identico a quanto descritto nel par. 4.1

c) Appare la seguente finestra che permette di determinare se la linea alimenterà un nuovo


quadro oppure un quadro già esistente di cui si richiede la relativa selezione. Nel caso di
quadro esistente esso avrà necessariamente almeno due interruttori generali (cioè due
circuiti completamente separati).

Alla conferma, ricompare la maschera Dati Quadro per l’inserimento dei dati elettrici [Par. 3.2].
Sullo schema unifilare compare una freccetta con indicato la sigla del quadro derivato e il numero
della relativa linea collegata (che nella maggior parte dei casi è “L1”, ma può anche essere diverso
se esistono più linee in entrata nel quadro):

Inoltre lo schema a blocchi si presenterà modificato con l’inserimento del nuovo quadro.
29
TiSystem 7
5 – Schema a blocchi
Per passare da un quadro all’altro si utilizza la funzione Schema a Blocchi presente nella parte
sinistra dello schermo:

L’apertura della tendina (1) permette la scelta del quadro. E’ inoltre possibile visualizzare lo
Schema a blocchi dell’impianto cliccando sull’icona (2)

È utile notare che è possibile spostare nel modo desiderato i blocchi rappresentanti i vari quadri, in
modo da visualizzare e soprattutto stampare tale schema nel modo preferito.
È sufficiente trascinare con il mouse i blocchi dei quadri nel punto desiderato dello schermo, il
programma provvede automaticamente a modificare le linee di collegamento.
Inoltre, selezionando la linea di collegamento, è possibile spostare sia i punti di aggancio al quadro
e sia il percorso.

30
TiSystem 7
E’ sufficiente cliccare sui “Quadratini” azzurri e spostarli.
Anche le dimensioni dei quadri possono essere variate sempre cliccando sui “Quadratini” azzurri.

Attivando il pulsante destro del mouse in un punto vuoto dello schermo, il menù Pop-up permette
di:
- Visualizzare o non visualizzare la griglia
- Definire il valore di snap di aggancio alla griglia
- Ripristinare lo schema a blocchi annullando tutti gli spostamenti effettuati.

E’ possibile fare scorrere nelle quattro direzioni lo schema a blocchi mediante le comuni sbarre di
scorrimento di Windows.
Lo schema a blocchi può essere ingrandito o rimpicciolito con l’ausilio delle icone.

Oppure attraverso i comandi Zoom + e Zoom - selezionabili dal menù Visualizza.

31
TiSystem 7

Dal menù Pop-up (menù che si apre attivando il pulsante destro del mouse su un quadro) è
possibile:

- Eliminare il quadro (previa conferma)


- Copiare il quadro. Se del quadro è già stata creata la carpenteria, la funzione “Copia” copia
anche questa. Attivare il comando, accedere allo schema del quadro sull’interruttore che deve
alimentare il nuovo quadro, selezionare il filtro Collega a quadro [Par. 4.2], attivare la funzione
Incolla quadro.
- Copiare una serie di quadri – Come sopra, ma oltre al quadro selezionato vengono copiati
anche tutti i quadri derivati.
- Spostare una serie di quadri. Attivare il comando, accedere allo schema del quadro
sull’interruttore che deve alimentare il nuovo quadro, selezionare il filtro Collega a quadro
[Par. 4.2], attivare la funzione Sposta quadri qui.
- Visualizzare/Modificare i Dati Quadro [Par. 3.2]
- Entrare nello schema elettrico (è possibile utilizzare anche il doppio click.)
- Allineare i quadri alla griglia in funzione dello snap impostato.
- Ripristinare lo schema a blocchi annullando tutti gli spostamenti effettuati.

32
TiSystem 7
6 – Dati Linea
Per specificare le caratteristiche di ogni singola linea si seleziona con il mouse il simbolo da
configurare e si procedere quindi in uno dei seguenti modi:
1) Cliccare due volte sul simbolo stesso.
2) Cliccare l'icona Dati Linea.

3) Selezionare Dati Linea dal menù Progetto.

La maschera “Dati Linea” che si apre dispone di 7 diverse sezioni in cui impostare i dati della linea
e dove visualizzare i risultati dell’operazione di calcolo.

6.1 - Carico e fasi della linea

Mediante la sezione “CARICO” si inseriscono le fasi della linea e i dati caratteristici del carico
utilizzatore:

Descrizione:
Per inserire una descrizione caratteristica della linea che comparirà in legenda e in stampa.

Note:
Campo nel quale specificare eventuali note legate alla linea.

33
TiSystem 7
Fasi:
Stabilire le fasi della linea, scelte tra trifase con neutro, trifase senza neutro, monofase e fase-fase.
Il programma propone esclusivamente le scelte possibili, compatibilmente alla linea già presente a
monte e quelle eventualmente già inserita a valle.
Ad esempio se si derivano da una linea monofase L1 N, altre linee, queste potranno essere
esclusivamente monofase di tipo L1 N. Se dopo l’aggiunta di tali linee, si vuole modificare la linea
iniziale, essa potrà diventare esclusivamente di tipo L1 L2 L3 N (purché l’apparecchio a monte sia
di questo tipo).

Tipo carico:
Per specificare se il carico è generico, luci, motore o condensatori. Questa scelta cambia le
impostazioni di default, per quanto riguarda il cosfi, l’unità di misura e per i motori abilita il campo
rendimento.

Potenza nominale:
Per specificare la potenza totale (cioè non moltiplicata per i coefficienti Ku e Kc) della linea in kW o
kVAR.
È necessario inserire tale valore esclusivamente sulle linee terminali (cioè che alimentano
direttamente un carico) in quanto la procedura di calcolo (risalendo da valle verso monte)
determina la potenza attiva e reattiva transitante in ogni linea di distribuzione e compila
automaticamente tale campo.

Potenza effettiva:
E’ la potenza totale moltiplicata per i coefficienti Ku e Kc.

Corrente d’impiego Ib:


Per le linee terminali, in base al valore di Potenza totale, Ku e Kc il programma calcola in tempo
reale la corrente d’impiego. Tale valore, per le linee terminali, può anche essere inserito
direttamente dall’utente al posto della potenza totale; in questo caso è questo secondo che viene
calcolato da Tisystem 7. Per le linee di distribuzione tale campo viene invece compilato
automaticamente dal software, con il valore della corrente d’impiego determinato come massimo
valore tra le correnti circolanti nelle fasi.

Cosfi:
Per inserire il fattore di potenza del carico, solo nel caso di linee terminali e potenza espressa in
kW ; il carico è considerato di tipo induttivo.
Per le linee di distribuzione è il programma che determina il fattore di potenza della linea, uguale
al rapporto tra la potenza attiva e la potenza apparente transitante.

Rendimento:
Campo abilitato per tipo di carico motore.

34
TiSystem 7
Coefficienti Ku e Kc:
Per inserire/visualizzare i coefficienti di utilizzazione e contemporaneità secondo le seguenti
regole:

Linea terminale
Ku abilitato - della potenza installata se ne utilizza solo una parte.
Kc disabilitato – una sola linea può essere accesa/spenta.

Linee generali / generali di gruppo


Ku disabilitato – il valore è calcolato dal programma in base al rapporto tra la potenza
effettiva e la potenza nominale riportata dal calcolo.
Kc abilitato - di tutte le partenze ne funzionano contemporaneamente solo una parte.

Armoniche
Per considerare, nel calcolo del conduttore di neutro, la presenza di tali armoniche.

TH<=15% Calcolo in funzione delle impostazioni in Dati Quadro [Par. 3.2]

15%<TH<=33% Il conduttore di neutro viene dimensionato uguale alla fase


indipendentemente dalle impostazioni in Dati Quadro, viene considerato
“caldo” e quindi alla portata IZ del cavo viene applicato un coeff. pari a 0,80
per cavi unipolari e 0,86 per cavi multipolari.

TH>33% come sopra, inoltre, per determinare la IZ viene considerata una IB


aumentata del 45% (IB * 1.45)

35
TiSystem 7
6.2 - Cablaggio interno al quadro

TiSystem 7 assegna automaticamente la sezione e il tipo di conduttore (cavo o sbarra) da


impiegare all'interno del quadro per il collegamento di ogni apparecchio con la morsettiera, o di
un apparecchio (generale di gruppo) con i suoi derivati. La scelta viene effettuata in base alla
corrente nominale del simbolo.

Si può decidere se aggiungere o meno i morsetti (solo per le linee terminali del quadro, per le altre
linee sono disabilitati.)
Si può impostare la lunghezza del cablaggio interno del quadro a fini del calcolo delle Icc.

Le sezioni si possono solo aumentare (non diminuire) e bloccare per evitare che il programma le
riporti ai valori impostati

36
TiSystem 7
6.3 – Conduttura

Per le sole linee terminali dei quadri (a meno che si abbia scelto Visualizza sempre conduttura in
Opzioni di calcolo [Par. 1.8]) è possibile selezionare la sezione CONDUTTURA, nella quale si
inseriscono i dati riguardanti le caratteristiche dei conduttori che escono dal quadro:

Scelta del tipo di cavo, della posa e del materiale


Il programma è stato realizzato in modo che ogni scelta effettuata abiliti esclusivamente quelle
consentite in funzione delle suddivisioni riportate nella Norma CEI-UNEL 35024/1.

Si imposta inizialmente il tipo di cavo e il materiale (rame o alluminio):

Si seleziona quindi il gruppo di posa tra quelli disponibili:

Ed infine il tipo di posa tra quelli relativi al gruppo impostato:

37
TiSystem 7
Condotto sbarre
Il software permette anche l'impiego di condutture in barre prefabbricate selezionando la voce
“Condotto sbarre” nel campo “Tipo Cavo”. A questo punto si abilita la scelta del Costruttore che
può essere Zucchini o Generico.

Se la scelta è Zucchini, nel campo descrizione è possibile scegliere dall’archivio precaricato il


prodotto idoneo.

Se la scelta è Generico, si abilitano i Pulsanti “Inserisci” – “Modifica” – “Elimina” che permettono


di gestire l’archivio Utente inizialmente vuoto.

38
TiSystem 7
Mediante il bottone “Inserisci” si apre la seguente maschera per creare un nuovo Condotto sbarre.

È necessario specificare un codice, una descrizione e i valori di resistenza e reattanza per fase,
neutro e protezione. È possibile modificare i dati relativi a un Condotto sbarre precedentemente
creati mediante il bottone “Modifica”. Per cancellare un Condotto sbarre dall’archivio, è
necessario selezionarlo e attivare il bottone "Elimina".

In fase di calcolo il software dimensiona l'impianto verificando che il Condotto sbarre scelto e
bloccato abbia una portata adeguata, che la caduta di tensione sia inferiore alla massima imposta
e che la Icw del condotto sia idonea.
In caso di verifica negativa, si ha una segnalazione di errore.
Viceversa, se il condotto sbarre non è bloccato, il programma propone l’articolo più idoneo in base
alle condizioni impostate.

Dati per determinare la sezione dei cavi


Il programma richiede altri dati per determinare la corretta sezione dei cavi di fase, neutro e PE
delle linee in uscita. Essi sono:
- tipo di materiale rame/alluminio (CU o AL)
- tipo di materiale isolante (PVC o EPR)
- temperatura ambiente
- numero di circuiti raggruppati (posati insieme)

Inoltre, per determinati tipi di posa, vengono richieste ulteriori informazioni aggiuntive (ad
esempio relativa distanza nel caso di cavi interrati).

I campi Iz-nom F e Iz-nom N mostrano i valori di portata di fase e neutro a “condizioni nominali” (valori
riportati nella tabella CEI-UNEL calcolati a 30 C e senza circuiti raggruppati.)
I campi Iz-eff F e Iz-eff N riportano invece le portate effettive dei cavi di fase e di neutro in funzione
delle impostazioni prescelte: è mediante tali valori che Tisystem determina la sezione più idonea.

È inoltre possibile da parte dell’operatore impostare un coefficiente denominato K utente che può
avere valori da 1 sino a 2.

39
TiSystem 7
Esso viene moltiplicato per il valore di portata determinato in funzione degli altri dati impostati e
può servire per introdurre variazioni sulla portata dei conduttori derivanti da valutazioni di
progetto effettuate direttamente dall’utente.

Sigla cavo
Tramite la funzione “Sigla cavi” raggiungibile dal menù Strumenti è possibile creare un archivio dei
cavi comunemente utilizzati. La sigla, tramite il menù a tendina, viene poi posta nel campo per poi
comparire in legenda e nelle stampe.

Sezione cavi
In tale maschera compaiono i valori di sezione dei cavi di fase neutro e PE.
All'inserimento di una nuova linea, essi assumono la sezione iniziale di 1, 5 mm². La loro effettiva
sezione viene poi determinata dal programma, in funzione delle impostazioni della linea sopra
descritte, durante l’operazione di Calcolo.

L'utente può però impostare direttamente la sezione dei cavi desiderata (ad esempio perché i cavi
sono già preesistenti e posati e pertanto si deve necessariamente usare una determinata sezione)
ed effettuare quindi l’operazione di Calcolo.
In questo caso è necessario però utilizzare la funzione Blocca le sezioni selezionate altrimenti
Tisystem durante il calcolo riporta le sezioni al valore minimo necessario.

Le sezioni dei cavi devono essere invece necessariamente già impostate e bloccate al momento di
attivazione del comando di Verifica: in tal caso esse devono essere già state determinate
precedentemente da un’operazione di Calcolo, oppure vanno inserite direttamente dall’utente in
questa maschera.

c.d.t. massima
E’ il valore massimo di caduta di tensione che il programma utilizza per dimensionare le sezioni dei
cavi.

Fattore alimentazione
E’ possibile inserire 4 diversi parametri (1, 0,5, 0,25, 0,125) per correggere il valore della caduta di
tensione a seconda della disposizione dei carichi elettrici lungo la linea.
NB : il valore scelto è a discrezione del progettista che dovrà valutare come e se inserire la
correzione.

40
TiSystem 7
6.4 - Simbolo grafico

Selezionando la sezione SIMBOLI apparirà la seguente finestra:

Da qui sarà possibile sostituire il simbolo precedentemente inserito con un altro compatibile (per
esempio non è possibile sostituire un interruttore generale di gruppo con una Spia).

41
TiSystem 7
6.5 - Gestione interruttori

La sezione APPARECCHI permette di visualizzare e impostare una serie di dati relativi al simbolo
selezionato. Le opzioni e modalità di funzionamento del programma cambiano a seconda del tipo
di simbolo.

6.5.1 - Interruttori magnetotermici

Se al simbolo non è stato ancora assegnato un codice articolo, la sezione APPARECCHI si presenta
nel seguente modo:

In generale è il software che determina gli interruttori durante l’operazione di Calcolo (tra le serie
abilitate nella maschera Dati Quadro [par.3.2.2]) in funzione dei dati tecnici delle linee da lui
stesso calcolati (corrente d'impiego e correnti di corto circuito).

È però possibile inserire il valore della corrente dell'interruttore nel campo “Corrente nominale In”
e utilizzare la funzione Ricerca articolo per impostare manualmente uno specifico apparecchio (il
Flag Backup amplia la scelta ad apparecchi con un P.I. inferiore alla Icc Massima ma che sono
coordinati con il proprio generale).

42
TiSystem 7

La maschera che viene proposta contiene tutti gli apparecchi idonei all’installazione in quel punto.
Vengono considerati la taratura, il P.I., il numero di poli e l’eventuale backup. C’è la possibilità di
utilizzare anche apparecchi NON più a catalogo impostando “Solo articoli obsoleti”.

Alla conferma:

La sezione APPARECCHI viene completata con una serie di campi che permettono di inserire,
variare o visualizzare tutta una serie di dati riguardanti l’interruttore selezionato. Nel caso di
interruttore Megatiker o Megabreak, è anche possibile effettuare la regolazione dell’interruttore
magnetotermico.
Poiché le regolazioni possibili variano da apparecchio ad apparecchio, il programma provvede
automaticamente ad abilitare esclusivamente i parametri effettivamente regolabili
sull’interruttore scelto:
- regolazione del valore della soglia di corrente d’intervento per sovraccarico (termica) secondo i
gradini disponibili dell’apparecchio.
- regolazione del valore della soglia di corrente di cortocircuito (magnetica) secondo i gradini
disponibili dell’apparecchio.

43
TiSystem 7
- regolazione, secondo i gradini disponibili dell’apparecchio, del tempo d’intervento per
sovraccarico, cortocircuito, cortocircuito a I²t costante.

NB: per default, dopo una scelta manuale, l’apparecchio risulta “Bloccato” .

Se presente, nella parte bassa della finestra compare anche il valore di selettività con
l’apparecchio immediatamente a monte.

Dopo aver effettuato delle regolazioni sugli apparecchi, è necessario rilanciare l’operazione di
Calcolo o Verifica per essere certi che l’impianto sia sempre correttamente dimensionato.

6.5.2 - Interruttori magnetotermici differenziali

Se al simbolo non è stato ancora assegnato un codice articolo, la sezione APPARECCHI, si presenta
simile a quella dell’interruttore magnetotermico ma comprensiva anche del campo “Corrente
differenziale Idn”:

Quando si aggiunge un nuovo simbolo, tale campo è settato inizialmente a 30 mA.


L’utente può però modificarlo scegliendo tra quelli disponibili: in tal caso durante l’operazione di
ricerca verranno selezionati esclusivamente interruttori con tali valori.

44
TiSystem 7

Come per gli interruttori magnetotermici, una volta che alla linea è stato associato un codice
articolo, la sezione APPARECCHI viene completata con i dati riguardanti l’interruttore selezionato.
Le regolazioni sono le stesse di quelle disponibili per gli interruttori solo magnetotermici, cui si
aggiunge la possibilità di variare i valori già visti di Idn e Td.

6.5.3 - Interruttori di manovra e differenziali puri

Il funzionamento del programma è analogo a quello descritto per gli interruttori magnetotermici e
magnetotermici differenziali. In questo caso però la cartella APPARECCHIO non viene completata,
una volta determinato il codice articolo, da dati aggiuntivi o da eventuali regolazioni (ad esclusione
dei valori di Idn e Td per i differenziali puri).

45
TiSystem 7

Notare che per queste due tipologie di apparecchi, per la ricerca manuale, il Flag Backup DEVE
essere vistato (avviene già per default all’inserimento). Il programma ricerca l’apparecchio
considerando il P.I. condizionato (backup con interruttore a monte) che viene anche visualizzato
nella maschera alla conferma. Tisystem sceglie la corrente nominale dell’apparecchio prendendo
la minima tra la somma delle In dei derivati e la In del generale.

6.6 - Accessori

Per ogni interruttore, una volta inserito il relativo codice articolo mediante operazione di Calcolo
oppure tramite il comando “Ricerca articolo” è possibile aggiungere i relativi accessori.
Si apre la sezione ACCESSORI e si selezionano gli accessori da aggiungere: il programma abilita
esclusivamente le scelte possibili con il codice dell’interruttore impostato.
Importante: questa funzione è disponibile SOLO se sul PC è installato il programma TiQuadri per il
dimensionamento della carpenteria.

46
TiSystem 7
Alla chiusura della maschera delle proprietà “Dati Linea” il simbolo nello schema dell’interruttore
viene modificato con l’inserimento degli accessori:

6.7 - Gestione apparecchi diversi da interruttori

Il programma permette di inserire all’interno dello schema anche apparecchiature diverse dagli
interruttori. In tale caso poiché, pur avendo BTicino varie apparecchiature a catalogo, può
chiaramente verificarsi la necessità di utilizzare altri tipi di componenti (ad esempio contattori di
elevato valore di corrente nominale), è consentito dal programma la creazione di una banca dati
personale per tali apparecchiature.

La creazione e utilizzo di tali apparecchiature ha alcune differenze a seconda della loro tipologia, si
esaminano pertanto separatamente i vari casi.

6.7.1 - Contattori, relè a passo, fusibili, ecc.

La creazione o modifica di un archivio dei seguenti apparecchi:


- contattore
- contattore con termico
- relè a passo
- trasformatore
- inseritore orario
- ecc.
avviene inserendo innanzitutto il simbolo dell’apparecchio nello schema e attivando poi il
comando “Ricerca articolo” nella sezione APPARECCHI della finestra Dati Linea dopo avere
specificato il valore di corrente nominale.

Tale bottone visualizza eventuali apparecchi già inseriti in archivio (sia BTicino sia
precedentemente creati dall’utente) corrispondenti al valore di corrente nominale impostata:

47
TiSystem 7
A differenza degli interruttori però, mediante il bottone “Inserisci” si apre la seguente maschera
che permette all’utente di creare un archivio di apparecchiature normalmente utilizzate. È
necessario impostare i dati caratteristici quali corrente nominale, codice articolo, descrizione
dell’apparecchio e potenza dissipata:

Mediante i bottoni “Modifica” ed “Elimina” è possibile cambiare i dati di un apparecchio creato in


precedenza o cancellarlo dall’archivio.

6.7.2 - Voltmetri, Amperometri, Spie, ecc…

Tisystem permette di inserire direttamente sullo schema di potenza, il simbolo di voltmetri e


amperometri con relativi codici articolo e descrizioni.
L’inserimento di nuovi strumenti all’interno dell’archivio avviene in modo analogo a quanto già
descritto al par. 6.7.1 per gli altri apparecchi non interruttori.
In questo caso però non è necessario associare un valore di corrente all’apparecchio. Pertanto il
campo “Corrente nominale In” per questi apparecchi è assente:

All’interno dell’archivio sono già memorizzati all’atto di installazione del programma, gli strumenti
disponibili di produzione BTicino, ne possono comunque essere aggiunti degli altri.

48
TiSystem 7
6.7.3 - Collegamento in morsettiera

Il simbolo collegamento in morsettiera serve per realizzare schemi nei quali si hanno più partenze
sotto lo stesso interruttore:

In tal caso i cavi in uscita vengono dimensionati sulla corrente nominale del primo interruttore
magnetotermico a monte.

6.7.4 - Gruppo elettrogeno

Tisystem permette anche di inserire l’eventuale alimentazione dell’intero o parte d’impianto


tramite un gruppo elettrogeno.
Tra i simboli a disposizione è, infatti, presente anche quello del gruppo elettrogeno. La sua
attivazione provoca l’inserimento di un interruttore magnetotermico o magnetotermico
differenziale.

Mediante il simbolo del gruppo elettrogeno e la possibilità di realizzare quadri con più linee in
ingresso, è possibile realizzare schemi di impianto in cui è disponibile la suddivisione tra utenze
normali (alimentate solo da alimentazione esterna) e utenze preferenziali (alimentate sia da
alimentazione esterna che da gruppo). Tramite la funzione Accessori è possibile aggiungere
contatti, motore, interblocco ecc.
49
TiSystem 7
6.7.5 – Trasformatori di potenza ed UPS

Tisystem permette anche di inserire nell’impianto trasformatori di potenza elevatori o abbassatori

oppure UPS.

In entrambi i casi vengono richiesti i dati tecnici dei prodotti, che andranno inseriti a cura del
progettista.

50
TiSystem 7
6.8 - Spostamento apparecchi nello schema

Con TiSystem è possibile, una volta disegnato lo schema elettrico, cambiare posizione agli
apparecchi o ai rami semplicemente spostandoli mediante mouse. Per far ciò è sufficiente:
- selezionare con mouse l’apparecchio da spostare;
- premere e tenere premuto il tasto sinistro del mouse;
- mantenendo premuto il tasto, spostare il simbolo che compare (un cerchietto sbarrato) su un
altro apparecchio che fa da riferimento.
Con l’ausilio delle freccette che appaiono, muovendosi sullo stesso, deciderne la posizione (in
parallelo a destra, in parallelo a sinistra, in serie a valle, in serie a monte)

Rilasciare il tasto destro del mouse. A questo punto l'apparecchio selezionato e tutti i suoi derivati
vengono spostati nella nuova posizione.

Se invece della freccetta compare il seguente simbolo:

Significa che l'operazione non è permessa, ad esempio si sta cercando di inserire un apparecchio a
valle di un altro che alimenta un quadro, oppure lo spostamento originerebbe un ramo con un
numero di apparecchi in serie superiore al valore impostato in “Dati Quadro” [par. 3.2.1], oppure
le fasi della linea non sono compatibili (apparecchio trifase sotto una linea monofase).

51
TiSystem 7
7 – Comandi, Copia, Incolla, Elimina applicati allo schema.
Con TiSystem 7 è possibile utilizzare le funzioni di Windows di Copia, Taglia e Incolla da applicare a
simboli oppure rami dello schema disegnato.

7.1 - Copia

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo, attivando il comando Copia dal menù Modifica
oppure dal menù Pop-up, il programma provvede a copiare non solo il simbolo grafico
dell’apparecchio ma anche tutti i dati a esso associati (codice articolo, sezione cavi, tipo di posa,
potenza, ecc.).

La funzione di copia attivata dallo schema a blocchi su un determinato quadro provvede a


duplicare il quadro compresa la carpenteria.

Per copiare un simbolo è anche possibile utilizzare i tasti [ Ctrl+C ].

7.2 – Copia Ramo

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo, attivando il comando Copia Ramo dal menù
Modifica oppure dal menù Pop-up, il programma provvede a copiare l’apparecchio selezionato
completo di tutti i suoi derivati a valle (all’interno del quadro) comprensivi tutti i dati ad essi
associati (codice articolo, sezione cavi, tipo di posa, potenza, ecc.).

Per copiare un ramo è anche possibile utilizzare i tasti [ Ctrl+Shift+C ].

7.3 – Copia Formato

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo, attivando il comando Copia Formato dal menù
Modifica oppure dal menù Pop-up, il programma provvede a copiare il simbolo grafico
dell’apparecchio con tutti i dati ad esso associati (codice articolo, sezione cavi, tipo di posa,
potenza, ecc.).

7.4 - Incolla

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo e avere precedentemente eseguito un’operazione
di Copia, attivando il comando Incolla dal menù Modifica oppure dal menù Pop-up, il programma
aggiunge in serie o in parallelo dell’elemento selezionato [Inserimento apparecchiature par. 4.1], il
simbolo precedentemente copiato completo di tutti i relativi dati.

I comandi di Copia - Incolla sono estremamente utili se si hanno più linee dai dati analoghi, in
quanto evitano di dove reinserire per ciascuna di esse gli stessi dati.

È importante sottolineare che i comandi Copia/Incolla possono essere attivati anche tra quadri
diversi.

Per incollare un simbolo è anche possibile utilizzare i tasti [ Ctrl+V ].


52
TiSystem 7
7.5 - Incolla Ramo

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo e avere precedentemente eseguito un’operazione
di Copia Ramo, attivando il comando Incolla Ramo dal menù Modifica oppure dal menù pop-up, il
programma aggiunge in serie o in parallelo dell’elemento selezionato [Inserimento
apparecchiature par. 4.1], il ramo precedentemente copiato completo di tutti i relativi dati.
Selezionando l’interruttore generale e attivando il comando Copia Ramo, è possibile copiare interi
quadri, che possono poi essere duplicati con il comando Incolla Ramo.
Per incollare un simbolo è anche possibile utilizzare i tasti [ Ctrl+ Shift +V ].

7.6 - Incolla Formato

Dopo avere selezionato con il mouse un simbolo e avere precedentemente eseguito


un’operazione di Copia Formato, attivando il comando Incolla Formato dal menù Modifica oppure
dal menù Pop-up, il programma sostituisce l’apparecchio selezionato con quello precedentemente
copiato o tagliato.

7.7 - Elimina

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo, attivando il comando Elimina dal menù Modifica
oppure dal menù Pop-up, il programma cancella il simbolo (previa conferma).
Per eliminare un simbolo è anche possibile utilizzare il tasto CANC da tastiera.
Se si vuole eliminare un simbolo dal quale è derivato un quadro, è necessario che prima sia
eliminato quest’ultimo.

7.8 – Elimina Ramo

Dopo avere selezionato con mouse un simbolo, attivando il comando Elimina Ramo dal menù
Modifica oppure dal menù Pop-up, il programma cancella il simbolo selezionato completo di tutti i
suoi derivati a valle (previa conferma).

7.9 – Apri 2° progetto (in sola lettura)

Questa nuova opzione di Tisystem 7 permette di aprire un altro progetto contemporaneamente a


quello sul quale si sta lavorando. Attraverso il menu File -> Apri 2° progetto… verrà apertà una
finestra di Windows dove poter cercare e caricare un secondo progetto. Potrà così essere possibile
caricare porzioni di disegno dal secondo al primo progetto attraverso i comandi copia e incolla.

53
TiSystem 7
8 – Dimensionamento dell’impianto
Terminato l'inserimento della rete elettrica con i relativi dati, si effettua il dimensionamento
automatico dell'impianto. È possibile attivare due diverse operazioni denominate Calcolo e
Verifica.

8.1 - Calcolo completo dell'impianto

Per attivare l’operazione di Calcolo operare in uno dei seguenti modi:

1) Cliccare l'icona Calcola impianto

2) Selezionare Calcola impianto dal menù Progetto.

Tisystem calcola l'intera rete determinando i codici articolo degli apparecchi e delle sezioni dei
cavi. Quando trova già presente degli apparecchi oppure dei cavi (perché calcolati
precedentemente oppure inseriti direttamente dall'utente):

a) Se NON bloccati - li modifica automaticamente portandoli ai valori ottimali.

b) Se bloccati - li lascia inalterati solo se essi sono ottimali oppure sovradimensionati rispetto
ai dati calcolati (ad esempio determina una sezione da 70mm² dove ne è impostata una da
95mm²). In tal modo l'utente ha facoltà di inserire degli apparecchi e delle sezioni diverse,
ma comunque necessariamente idonee, rispetto a quelle calcolate da TiSystem 7 (ad
esempio per tener conto di futuri aumenti della potenza assorbita).
Se viceversa la taratura o le sezioni sono sottodimensionati, la procedura si arresta con un
avviso di quale quadro/linea ha il problema.

54
TiSystem 7
Una volta terminata l’operazione di calcolo, il programma compila automaticamente la legenda
dello schema elettrico, con tutti i dati determinati:

8.1.1 - Determinazione del codice articolo di apparecchi diversi da interruttori

Anche per gli apparecchi non interruttori, durante l’operazione di calcolo il programma cerca un
apparecchio il cui valore di corrente nominale è immediatamente maggiore o uguale a quello della
corrente d’impiego Ib calcolata, a tale regola fanno eccezione gli strumenti di misura la cui scelta
non viene effettuata dal programma, ma deve essere effettuata direttamente dall’utente
mediante il comando “Ricerca articolo” - a tali apparecchi non è, infatti, associato alcun valore di
corrente.

Poiché però gli archivi delle apparecchiature che non sono interruttori sono, all’atto
dell’installazione del programma, compilati solo parzialmente o completamente vuoti, il
programma, durante l’operazione di calcolo, può non trovare l’apparecchio cercato.
Se ad esempio in una linea con un contattore, la Ib calcolata è di 85 A, Tisystem cerca in archivio
un contattore da 100 A: se esso non è presente, l’operazione di calcolo s’interrompe e compare
una maschera che avvisa che non è stato trovato l’articolo.
È necessario in questo caso inserire in archivio il contatore e rilanciare l’operazione di calcolo.

Si osserva che anche qualora siano inseriti in archivio apparecchi di corrente nominale superiore al
quella minima determinata dal programma come necessaria, Tisystem comunque, li trascura nel
calcolo. Ciò accade perché altrimenti potrebbero verificarsi casi in cui il programma determina
apparecchi di corrente nominale molto superiore a quella effettivamente necessaria.
Se nell’esempio precedente fossero già inseriti in archivio contatori da 160 A, il software
comunque non li seleziona perché si limita a cercare apparecchi da 100A. Qualora l’utente voglia
comunque utilizzare tali apparecchi anche se la corrente circolante è di soli 85 A, deve impostare
una corrente nominale da 160 A nella sezione APPARECCHI della finestra Dati Linea, effettuare la
ricerca dell’articolo e bloccarlo:

55
TiSystem 7
È infine necessario sottolineare che, poiché gli apparecchi non interruttori non hanno un potere di
interruzione, il programma non effettua alcuna verifica per quanto riguarda la loro capacità di
sopportare la corrente di corto circuito nel punto in cui sono installati. È pertanto compito
dell’utente verificare che siano installati a valle di interruttori in grado di aprire il corto circuito in
tempi tali da proteggere anche questi apparecchi.

8.1.2 - Sezione linee in uscita da apparecchi non magnetotermici

Per quanto riguarda la protezione delle linee in uscita dal quadro, derivate da apparecchi che non
siano dotati di protezione magnetotermica (interruttori di manovra, differenziali puri, contattori,
ecc.), sorge il problema di come garantirne la protezione da sovraccarico. Dimensionare la sezione
scegliendo cavi di portata superiore alla corrente nominale di tale apparecchio non ha senso in
quanto tali apparecchi non sono dotati di protezione.

Per tale motivo Tisystem dimensiona i cavi in uscita da questi apparecchi in funzione della corrente
nominale del primo interruttore magnetotermico che trova risalendo la catena da valle verso
monte (quello cui è effettivamente assegnata la protezione del conduttore).
Tale metodologia è il motivo per cui, se non si pone attenzione a effettuare un corretto disegno
dello schema, possono verificarsi risultati di calcolo che possono sembrare assurdi. Se ad esempio
s’inserisce subito sotto un interruttore magnetotermico da 630 A un relè a passo da 10A, il cavo in
uscita da questo viene dimensionato dal programma con sezioni del tipo 3 // 240 mm². Bisogna
pertanto porre attenzione che subito a monte di questi apparecchi siano presenti interruttori
magnetotermici di analogo valore di corrente nominale.

Quanto sopra detto non viene invece applicato per i fusibili e i sezionatori con fusibili in quanto tali
apparecchi svolgono una funzione di protezione del cavo analogamente a quanto fanno gli
interruttori magnetotermici, e pertanto i cavi delle linee in uscita vengono dimensionati sul loro
valore di corrente nominale.

8.2 - Solo verifica impianto

TiSystem permette anche di effettuare una verifica dell'intera rete progettata controllando che
tutti gli apparecchi e le sezioni siano state scelti correttamente.
Affinché questa funzione possa procedere, è necessario che tutti i codici d'articolo e le sezioni
siano già stati inseriti direttamente dall'utente oppure determinati precedentemente da
un'operazione di "Calcolo completo impianto".

Per avviare il comando operare in uno dei seguenti modi:

1) Cliccare l'icona Verifica Impianto

2) Selezionare Verifica Impianto dal menù Progetto.

56
TiSystem 7
Quando Tisystem trova un componente non correttamente scelto/dimensionato non lo modifica
automaticamente (a differenza di quanto avviene con "Calcolo Completo Impianto") ma si limita a
dare segnalazione di errore e interrompere l’operazione di Verifica: in tal caso l'utente può
scegliere se terminare o correggere i dati e proseguire. L’apparecchio modificato e il quadro che lo
contiene viene contrassegnato con un colore (vedi personalizzazione).
Nel caso, ad esempio, in cui la sezione di fase impostata è inferiore a quella necessaria, compare la
seguente maschera:

La funzione di Verifica permette all'utente di modificare alcune caratteristiche di un impianto


(quali sezioni e apparecchi) e controllare direttamente se la rete è ancora dimensionata
correttamente; è inoltre di notevole utilità quando l'operatore vuole controllare mediante
software il progetto già effettuato di un impianto.

57
TiSystem 7
8.3 - Risultati ottenuti

Selezionando dalla finestra Dati Linea la sezione Risultato calcolo appare la seguente schermata:

Che permette di visualizzare i principali dati determinati dal programma mediante l'operazione di
calcolo:
- la corrente d’impiego Ib in base al quale viene determinata la corrente nominale
dell’apparecchio: il suo valore è pari alla corrente più alta circolante nelle tre fasi
- la corrente assorbita sulle Fasi "L1" - "L2" - "L3", con i relativi "cos", e la corrente
risultante sul neutro
- caduta di tensione effettiva (in percentuale) nella linea in esame
- la caduta di tensione totale (in percentuale) nell'impianto
- le corrente di corto circuito massime e minime a inizio linea e fine linea,
Trifase, Fase-Fase, Fase-Neutro, Fase-PE

In presenza di un Gruppo Elettrogeno, tutte le correnti di corto circuito vengono calcolate anche
con alimentazione GE.

58
TiSystem 7
8.4 - Colore simboli

Tisystem può rappresentare i simboli con due diversi colori al fine di fornire all’utente alcune
informazioni sugli stessi.

1) Simboli grigi da calcolare

Quando s’inserisce un nuovo simbolo, esso compare in colore grigio e tale rimane, anche dopo
averne definiti tutti i dati (fasi, potenza, conduttura, ecc.) fino a quando si effettua un’operazione
di calcolo o verifica, al termine della quale diventa o bianco o arancio.
Il colore grigio sta, infatti, a indicare che necessita un’operazione di calcolo per garantire il corretto
dimensionamento della linea stessa.

Se si riapre la maschera Dati Linea di un simbolo già calcolato, e, anche senza apportare alcuna
modifica, la si richiude con “OK” esso torna a essere grigio in quanto il programma presuppone che
possano essere state apportate delle modifiche ai dati, tali da necessitare un nuovo calcolo. Se si
desidera pertanto semplicemente consultare i dati riportati nelle maschere Dati Linea (ad esempio
la cartella RISULTATI CALCOLO) e non si vuole che il simbolo torni grigio, è sufficiente richiudere la
maschera con “Annulla”.

2) Simboli arancio modificati dal calcolo

Quando si effettua un’operazione di calcolo, i simboli presenti possono diventare di colore


arancio. Questo accade quando all’apparecchio era già associato un codice articolo prima del
calcolo, ma a seguito dello stesso, esso è stato cambiato. In tal modo l’utente ha modo di
individuare in modo immediato dove, a fronte di cambiamenti apportati allo schema (aggiunta di
nuove linee, cambi della potenza dei carichi, aumenti dei poteri di interruzione necessari, ecc.), il
programma ha dovuto modificare il codice articolo precedentemente scelto. Se si desidera invece
che il programma segnali il codice non più idoneo senza modificarlo, si deve utilizzare il comando
di Verifica.

NB: I colori grigio e arancio possono essere entrambi cambiati in altri colori mediante la finestra
Opzioni Grafiche [par. 1.7]. Mediante tale finestra l’utente può anche disabilitare una o entrambe
le logiche di colorazione sopra descritte: è, infatti, sufficiente scegliere il colore bianco.

59
TiSystem 7
8.5 - Cancellazione Articoli e Sezioni

Selezionando il comando Azzera dati di calcolo dal menù Progetto


o attivando l’icona Azzera dati di calcolo.

Si apre la seguente finestra che ha lo scopo di permettere l’eliminazione automatica dei dati degli
apparecchi inseriti e delle sezioni dei cavi e può essere applicata al singolo simbolo selezionato, ai
simboli del quadro, a tutti i simboli dell'impianto.

Alla conferma il programma azzera completamente il Database di progetto in funzione delle scelte
fatte. Se uno o più apparecchi e una o più sezioni risultano bloccate, la cancellazione non avviene.

8.6 – Blocca/Sblocca dati

Selezionando il comando Blocca sblocca dati dal menù Progetto si apre la seguente maschera:

Che ha lo scopo di permettere il bloccaggio o lo sbloccaggio di tutti gli apparecchi o le sezioni del
simbolo, quadro, impianto. Al termine del lavoro è possibile bloccare tutto ed effettuare solo
operazioni di verifica, in questo modo si è sicuri che nessun dato inserito e calcolato verrà
cambiato. All’apertura di progetti di Tisystem 5.1 tutti gli apparecchi e le sezioni risultano bloccate.

60
TiSystem 7
9 – Visualizzazione curve
Per tutti gli interruttori magnetotermici o magnetotermici differenziali è possibile visualizzare le
curve Tempo /Corrente o di Energia specifica passante.

Per attivare il comando:

1) Cliccare l'icona Curve

2) Selezionare Curve dal menù Progetto

La finestra che appare però è vuota in quanto non si è selezionato nessun interruttore.

Per aggiungere le curve, uscire dal grafico, posizionandosi su un interruttore e dal menù Pop-up
selezionare Aggiungi Curva. E’ possibile aggiungere più curve di apparecchi di un quadro o anche
di quadri diversi. Eseguita quest’operazione, riattivando il comando compare la finestra con le
curve disegnate.

61
TiSystem 7

A fianco della curva compare una finestra che mostra i dati dell’interruttore (quadro di
appartenenza, numero della linea, codice articolo e descrizione).
Vengono inoltre visualizzati i valori delle correnti e dei tempi di intervento caratteristici
dell’apparecchio.
Posizionando il puntatore del mouse sul grafico vengono visualizzati i valori di Tempo e Corrente
del punto selezionato

Per i campi che sono regolabili, è possibile cambiare direttamente i valori impostati: la curva
d’intervento si modifica istantaneamente. La modifica di tali valori, comporta ovviamente la
variazione di essi anche nella sezione “Apparecchi” della maschera “Dati Linea” descritta al par.
6.5.1 e 6.5.2.

Le diverse curve d’intervento vengono rappresentate con diversi colori (personalizzabili a piacere).
In tal modo, grazie anche alla possibilità di visualizzare immediatamente l’effetto delle regolazioni
effettuate, è possibile studiare il migliore coordinamento di più interruttori in cascata:

È inoltre possibile, cliccando sul bottone.

Visualizzare le curve di Energia Specifica Passante degli interruttori scelti.

62
TiSystem 7

Su dette curve, cliccando sulle sezioni del cavo, si possono sovrapporre le caratteristiche di K²S²
dei cavi con sezione compresa tra 1,5 e 240 mm² con isolamento in PVC o in EPR. Al fine di
effettuare una verifica grafica della protezione del cavo a fronte di un corto circuito.

Le icone presenti nella barra superiore svolgono le seguenti funzioni:


1 – Ritornare allo schema
2 – Cancellare la curva selezionata
3 – Zoom più
4 – Zoom meno
5 – Aggiungi griglia
6 – Anteprima di stampa
7 – Esportazione in formato DXF

63
TiSystem 7

10 - Configurazione legenda

TiSystem 7 offre la possibilità di personalizzare a proprio piacere la legenda che appare nella parte
bassa dello schermo (e che poi comparirà nella stampa dello schema) scegliendo i dati da inserire
e il relativo ordine.
Per far ciò occorre scegliere il comando Configurazione Legenda dal menù Strumenti.
Appare la seguente finestra:

Mediante i bottoni >> e << è possibile spostare i campi dalla finestra “Dati disponibili” a quella
“Dati in legenda” e viceversa.
Mediante i bottoni Sposta in alto e Sposta in basso è possibile muovere i dati inseriti in legenda, al
fine di posizionarli nell’ordine voluto.
Il programma consente di spostare in un'unica operazione un gruppo di campi, dopo averli
selezionati con il mouse.
È inoltre possibile salvare delle diverse configurazioni di legende: in tal modo si può richiamare in
unica operazione la legenda desiderata senza la necessità di dovere ogni volta riselezionare tutti i
campi e riposizionarli nell’ordine desiderato.

Nel campo “Schema” si seleziona la legenda desiderata tra quelle disponibili: la legenda scelta
viene automaticamente caricata.
Se si vuole creare una nuova legenda predefinita è sufficiente impostarla come sopra descritto e
poi salvarla con il bottone “Salva”: si apre una maschera che richiede di digitare il nome della
nuova legenda.
Le altre 2 icone permettono l’ “Elimina” ed il “Rinomina”.

La necessità di utilizzare legende di tipo diverso predefinite può dipendere da varie ragioni. Tale
funzione può ad esempio essere utile se si desidera stampare lo schema dei quadri degli impianti
dimensionati con un numero molto elevato di campi in legenda: per ovvi motivi di spazio non è
possibile stamparli tutti in unico foglio in quanto si dovrebbero utilizzare fattori di riduzione tali da
non permetterne poi una chiara leggibilità. In tal caso si possono creare due legende in cui si
raggruppano i dati per omogeneità e poi stampare due volte lo schema dei quadri caricando le due
diverse legende.

64
TiSystem 7
11 - Configurazione file CSV

TiSystem 7 permette di originare un file di testo (.CSV) contenente tutta una serie di dati
dell’intero impianto. Tale file può essere riaperto col software Excel e manipolato a piacere in
modo da poter creare una tabella dei dati tecnici dell’impianto, organizzata e personalizzata
secondo le proprie esigenze e preferenze.
Per creare tale file, è necessario selezionare il comando Esporta file CSV dal menù File, si apre la
solita maschera di Windows che richiede di definire nome e direttorio di destinazione del file da
creare.

Tisystem offre la possibilità di personalizzare a proprio piacere tale file. Per far ciò occorre
scegliere il comando Configura file CSV dal menù Strumenti.
Appare la seguente finestra:

La procedura è identica alla funzione Configurazione legenda [ par. 10]

12 – Disegno elementi grafici aggiuntivi


TiSystem 7 permette di completare i disegni effettuati inserendo degli elementi grafici aggiuntivi
come linee, rettangoli, testi ecc. che vengono posizionati su un piano sovrapposto a quello dello
schema e che possono essere molto utili al fine aggiungere direttamente ulteriori informazioni e
dati.

Per attivare l’inserimento di tali elementi è possibile operare in uno dei seguenti due modi:

1) Cliccare l'icona Disegno

2) Selezionare Disegno dal menù Visualizza

Il programma passa a lavorare su un “piano parallelo” e compare la seguente toolbar:

Le funzioni disponibili in questa toolbar possono essere attivate anche mediante la selezione dei
corrispondenti comandi presenti nel menù Disegno.

65
TiSystem 7
Descrizione funzioni

1 – Seleziona - per selezionare un oggetto precedentemente inserito.

2 – Testo – per inserire un testo di cui è possibile impostare:

- La forma del box contenente la scritta


- La presenza o meno del bordo
- Lo spessore del bordo
- Il tipo di allineamento
- Il testo
- Il tipo di carattere e la sua dimensione
- I colori del testo, dello sfondo e del bordo
- La trasparenza
- L’auto dimensionamento del box

3 – Forme – per inserire un disegno di forma geometrica di cui è possibile impostare:

- La forma del disegno


- La presenza o meno del bordo
- Lo spessore del bordo
- I colori dello sfondo e del bordo
- La trasparenza

66
TiSystem 7
4 – Linea – per inserire una linea di cui è possibile impostare:

- Lo spessore
- Il colore
- La presenza di una freccia iniziale
- La dimensione della freccia iniziale
- la presenza di una freccia finale
- La dimensione della freccia finale

5 – Taglia l’oggetto selezionato

6 – Copia l’oggetto selezionato

7 – Incolla l’oggetto selezionato

8 – Elimina l’oggetto selezionato

9 – Porta in primo piano

10 – Porta in secondo piano

11 – Visualizza la finestra delle proprietà

Per poter ritornare al progetto dell’impianto è possibile operare in uno dei seguenti due modi:

1) Cliccare l'icona Progetto

2) Selezionare Progetto dal menù Visualizza

67
TiSystem 7
13 – Stampa
13.1 – Anteprima Stampa grafica schema elettrico

Per attivare il comando di stampa procedere in uno dei seguenti modi:

1) Cliccare sull'icona Anteprima di stampa

2) Selezionare dal menù File il comando Anteprima di stampa.

Tisystem chiede se stampare l’intero progetto oppure solo il quadro selezionato.


Alla conferma compare l’anteprima di stampa.

Nel menù superiore sono presenti le seguenti funzioni:

68
TiSystem 7
Descrizione funzioni

1 – Esci – Ritorna al documento.

2 – Imposta pagina:

È’ possibile impostare il formato del foglio, il tipo di alimentazione e l’orientamento.


E’ possibile inoltre la distanza tra i bordi del foglio e le righe del cartiglio; alla conferma l'anteprima
permette di visualizzare immediatamente gli effetti della nuova impostazione.

3 – Stampa:

È’ possibile impostare la stampante, le proprietà ed inviare il comando.

69
TiSystem 7
4 – Zoom di stampa:

È possibile ingrandire oppure ridurre le dimensioni del contenuto del foglio di stampa, all'interno
dei margini prestabiliti. Lo zoom può essere attivato selezionando uno dei valori preimpostati che
compaiono nel menù a tendina.

5 – Zoom di anteprima di stampa:

È possibile ingrandire oppure ridurre le dimensioni dell'anteprima di stampa al fine di meglio


visualizzare quale sia il risultato di stampa e decidere quali eventuali parametri modificare. Lo
zoom viene impostato nella relativa casella della toolbar selezionando uno dei valori preimpostati
che compaiono nel menù a tendina.

6 – Navigazione:

Le quattro icone permettono cambiare le pagine visualizzate. Pagina avanti, pagina indietro, prima
pagina e ultima pagina.

13.2 – Anteprima Stampa grafica schema a blocchi

Se si è posizionati sullo schema a blocchi, si può attivare il comando di stampa in uno dei seguenti
modi:

2) Cliccare sull'icona Anteprima di stampa

2) Selezionare dal menù File il comando Anteprima di stampa.

70
TiSystem 7

Le funzioni presenti nel menù superiore sono le stesse della Stampa grafica schema elettrico [ par.
13.1 ].

13.3 – Anteprima report – Anteprima Report dettagliato

Per attivare il comando di stampa report selezionare dal menù File il comando Anteprima report
oppure la voce anteprima report dettagliato.
Queste due voci di stampa sono state create per generare un Report contenente tutti i dati
necessari al progettista per valutare l’impianto elettrico creato: descrizione delle linee di ogni
quadro, le correnti in gioco, la lunghezza delle linee ecc.
Sarà compito del progettista scegliere quale tipo di Report consegnare al cliente per una
valutazione successiva. Il Report potrà essere stampato su carta oppure esportato su un file PDF o
su un file RTF modificabile successivamente tramite un programma di videoscrittura come ad es.
Microsoft Word.

71
TiSystem 7
14 – Esportazione DXF
TiSystem 7 permette di esportare lo schema elettrico del quadro, la vista frontale, i circuiti ausiliari
i gruppi di misura e le curve d’intervento degli interruttori in un file di formato DXF. In tal modo è
possibile riaprire il disegno prescelto con programmi quali AUTOCAD® (la versione minima richiesta
è la 12.0) in modo da permetterne eventuali modifiche e successiva stampa.

Per creare tale file è necessario selezionare il comando “Esporta in DXF” dal menù File.
Verrà innanzitutto visualizzata una finestra pop-up dove inserire quanti apparecchi inserire in un
singolo layer di Autocad (fare riferimento alle istruzioni di Autocad per il significato di layer).
Verrà successivamente aperta la maschera di Windows che richiede di definire nome e percorso di
destinazione del file da creare.

Il disegno esportato in formato DXF, viene suddiviso in diversi layer (fogli) secondo la modalità
standard di funzionamento a “piani paralleli” dei programmi tipo AUTOCAD®.
La creazione di un DXF a più layer avviene solo se il numero di “elementi” del disegno da esportare
è superiore al numero massimo impostato di elementi per singolo layer .

72
TiSystem 7
15 - Carpenteria
Attenzione: la modalità carpenteria di TiSystem 7 funziona esclusivamente se nel PC è installato il
programma TiQuadri di Bticino.
Se TiQuadri è correttamente installato, verrà visualizzata l’icona di avvio di TiQuadri nella ribbon
delle icone in alto:

Nel caso ci fossero apparecchi non calcolati, TiSystem 7 richiederà se l’utente vuole proseguire;
chiaramente gli apparecchi non calcolati non verranno esportati in TiQuadri.
Una volta avviato TiQuadri, gli apparecchi calcolati verranno inseriti nel carrello, pronti per essere
inseriti in un quadro o un centralino.

Attraverso l’opzione “Lista totale” è possibile stampare o visionare la lista materiale e i relativi
prezzi con la stampa del Report apposito.

73