Sei sulla pagina 1di 192

GE

Soluzioni per la misurazione e il controllo Ultrasuoni

DMS Go
Manuale dell operatore

N. di catalogo 021-002-586 Rev. 1


Ottobre 2010
DMS Go
Spessimetro a ultrasuoni

Manuale dell operatore


N. di catalogo 1347494_IT Rev. 1
Ottobre 2010

GESensingInspection.com

©2010 General Electric Company. Tutti i diritti riservati.


Dati tecnici soggetti a variazione senza preavviso.
[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]
Indice

Capitolo 1. Informazioni generali


1.1 Alimentazione dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Accensione e spegnimento dello strumento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Uso dei tasti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3.1 Orientamento dello strumento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3.2 Componenti della tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.3.1 Funzioni joystick. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3.2 Funzioni multi tasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.4 Uso del display. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.5 Icone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.6 Uso dello slot SD e dei connettori USB e I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.6.1 Rimozione della scheda SD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.6.2 Inserimento della scheda SD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.6.3 Collegamento della porta USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.6.4 Collegamento della porta I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.7 Funzionamento tipico del DMS Go . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.8 Opzioni software DMS Go . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

DMS Go Manuale dell operatore iii


Indice

Capitolo 2. Impostazione iniziale


2.1 Caratteristiche del display e della tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.2 Il menu di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.3 Impostazione iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.3.1 Lingua, unità di misura, data e ora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.3.2 Aspetto dello schermo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
2.3.3 Impostazione delle funzioni di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
2.4 Installazione di una sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
2.4.1 Collegamento di una sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
2.4.2 Configurazione dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.5 Calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.5.1 Calibrazione a 1 punto (SONDA&CAL - CALIBRAZIONE). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.5.2 Calibrazione a 2 punto (SONDA&CAL - CALIBRAZIONE). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.5.3 Calibrazione in base alla velocità nel materiale (SONDA&CAL - VELOCITA’) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.5.4 Regolazione della compensazione per variazioni di temperatura (SONDA&CAL - TEMP COMP) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.6 Utilizzo dell’allarme di promemoria di calibrazione (SONDA&CAL - CAL - CAL RAMMENTA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
Capitolo 3. Creazione file del registratore dati
3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74

iv DMS Go Manuale dell operatore


Indice

3.2 Creazione di Master Comment per aggiunta a un file (DR - MASTER CMT) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
3.3 Impostazione del misuratore su Sovrascrivi dati (CONFIG-SOVRASCRIVI). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
3.4 Accesso al file di registrazione dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
3.4.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
3.5 Effettuare e registrare le misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati
4.1 Impostazione delle misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
4.1.1 Posizionamento della Porta A e Porta B. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
4.1.2 Selezione del metodo di misurazione (MISURA - MODO). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.1.1 Impostazione di un Trasduttore a doppio elemento (MISURA - DUAL-MULTI). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.2 Regolazione del display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
4.2.1 Impostazione del valore "mostra dimens." sul display (MISURA - MOSTRA DIMENS.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
4.2.2 Impostazione del valore Mostra ritardo (MISURA - MOSTRA RITARDO). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
4.2.3 Impostazione del valore FREEZE (MISURA - FREEZE) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.2.4 Impostazione del MODO GAIN MAX (MISURA - MODO GAIN MAX). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
4.2.5 Impostazione degli allarmi di porta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
4.3 Visualizzazione dei risultati misurati (MISURA-RISULTATI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108

DMS Go Manuale dell operatore v


Indice

Capitolo 5. Uso dei file dei parametri


5.1 Caricamento di un file di PARAM memorizzato (PARAM-LOAD P-SET) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
5.2 Salvataggio di un nuovo file PARAM (PARAM-SALVA P-SET) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati
6.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
6.2 Visualizzazione del file del registratore dati in un elenco o formato da esportare (DR - VISTA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
6.3 Uso dei file del registratore dati esistenti (DR - PROPRIETA’) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
6.3.1 Spostamento su un punto dati specifico (DR-PROPRIETA’-REGISTR.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
6.3.2 Modifica di un dato inserito (DR-PROPRIETA’-REGISTR.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
6.3.3 Visualizzazione dati statistici (DR-PROPRIETA’-STATI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
6.3.4 Modifica del 1° in lista nel file (DR-PROPRIETA’-1° IN LISTA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
6.3.5 Modifica della dimensione del file del registratore dati (DR - PROPRIETA’ - MODIFICA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
6.3.6 Aggiunta o modifica di commenti (DR-PROPRIETA’-COMMENTI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
6.4 Aggiunta di un commento a un valore archiviato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
6.5 Aggiunta di una Micro-Griglia a un valore archiviato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
6.5.1 Creazione e navigazione all’interno di una Micro-Griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
6.6 Esportazione di un file in uso (DR - ESPLORA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131

vi DMS Go Manuale dell operatore


Indice

Appendice A. Specifiche
A.1 Display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
A.1.1 Area attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
A.1.2 Dimensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
A.1.3 Risoluzione in pixel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
A.2 Ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.1 Lingue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.2 Dimensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.3 Peso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.4 Escursione termica (Stoccaggio). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.5 Vibrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
A.2.6 Urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.7 Carico allentato (imballaggio di spedizione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.8 Caduta (imballato per spedizione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.9 Gamma delle temperature di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.10 Intervallo temperatura di stoccaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.11 Protezione acqua e polvere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.2.12 Funzionamento in atmosfera a rischio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136

DMS Go Manuale dell operatore vii


Indice

A.3 Conformità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136


A.3.1 EMC/EMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
A.3.2 Ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
A.4 Connettori I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
A.5 Alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
A.5.1 Tipo batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
A.5.2 Autonomia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
A.5.3 Caricabatteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
A.6 Gamma di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
A.7 Risoluzione del display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.8 Intervallo di velocità materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.9 Unità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.10 Tecniche di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.10.1 Solo DMS Go TC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.11 Modi di visualizzazione delle misure. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
A.12 Calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
A.13 Frequenza di aggiornamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
A.14 Ricevitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

viii DMS Go Manuale dell operatore


Indice

A.15 Emittente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140


A.16 Memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
A.17 Registratore dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
A.18 Formato file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
A.19 Allegati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
A.20 Software applicativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
A.20.1 UltraMATE LITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
A.20.2 UltraMATE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
A.20.3 Kit di sviluppo software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR
B.1 File lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
B.2 Custom lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
B.2.1 Esempio di struttura file custom lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
B.3 File griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
B.4 File Custom griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
B.4.1 Flessibilità file griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

DMS Go Manuale dell operatore ix


Indice

B.5 File Boiler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150


B.5.1 Flessibilità File Boiler. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
B.5.2 Esempio di file boiler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
B.6 File custom punto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
B.6.1 Esempio di file custom punto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Appendice C. Rispetto delle normative ambientali
C.1 Direttiva WEEE (Waste Electrical and Electronic Equipment - Direttiva sullo smaltimento dei rifiuti elettrici ed elettronici). . . . . 158
C.2 Smaltimento della batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
C.2.1 Qual è il significato dei contrassegni? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
C.2.2 I rischi e il vostro contributo per ridurli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
Appendice D. Sonde

x DMS Go Manuale dell operatore


Prefazione

Informazioni di sicurezza
Prima di attivare o utilizzare questo strumento, leggere con attenzione le informazioni di sicurezza in questa sezione. Questo Manuale
dell’operatore deve essere conservato in un posto sicuro come riferimento.

IMPORTANTE: Questo strumento deve essere utilizzato unicamente per la verifica di materiali in ambiente industriale. Non è permesso
l’uso per applicazioni mediche o qualsiasi altro scopo.

IMPORTANTE: Questo strumento è impermeabile secondo IP 67. Può essere utilizzato a batterie o con alimentatore. L’unità di
alimentazione risponde ai requisiti della Classe II per la sicurezza elettrica.

Batterie
Per il funzionamento a batteria dello strumento, GE consiglia l’uso esclusivo di batterie agli ioni di litio. Per il funzionamento dello strumento,
utilizzare esclusivamente le batterie consigliate dalla GE. È possibile caricare la batteria agli ioni di litio nello strumento stesso o tramite un
caricabatteria esterno.

IMPORTANTE: Vedere “Smaltimento della batteria” a pagina 159 per istruzioni sulle procedure corrette per lo smaltimento delle batterie.

DMS Go Manuale dell operatore xi


Prefazione

Importanti istruzioni per le verifiche a ultrasuoni


Prima di utilizzare lo strumento, leggere le informazioni in questa sezione. È importante capire e rispettare queste informazioni per evitare
errori dell’operatore che potrebbero portare a risultati delle verifiche errati. Tali risultati potrebbero causare lesioni personali o danni materiali.

Utilizzo delle attrezzature di verifica a ultrasuoni


Il presente Manuale dell’operatore contiene informazioni essenziali su come far funzionare l’attrezzatura di verifica. Inoltre, vi sono molti
fattori che alterano i risultati del test, ma una descrizione di tutti questi fattori non rientra nello scopo di questo manuale. Le tre condizioni
più importanti per un’ispezione ad ultrasuoni sicura e affidabile sono:

• formazione dell’operatore;
• conoscenza dei requisiti e dei limiti tecnici speciali del controllo;
• scelta dell’attrezzatura di controllo appropriata.

xii DMS Go Manuale dell operatore


Prefazione

Formazione dell’operatore
L’utilizzo di un’unità per verifiche a ultrasuoni richiede da parte dell’operatore una formazione adeguata sui tali metodi di analisi. Una formazione
adeguata corrisponde a una conoscenza idonea:

• della teoria della propagazione del suono;


• degli effetti della velocità del suono sul materiale sottoposto a verifica;
• del comportamento delle onde sonore alle interfacce tra i diversi materiali;
• della forma del fascio ultrasonoro;
• dell’influenza dell’attenuazione del suono sull’oggetto sottoposto a verifica e della qualità della superficie di tale oggetto.

La mancanza di tali conoscenze potrebbe portare a risultati errati delle verifiche con conseguenze imprevedibili. È possibile contattare le società
o le organizzazioni GEIT o NDT del proprio paese (DGZfP in Germania; ASNT negli Stati Uniti AIpND per l’Italia) per informazioni sulle
opportunità di formazione sugli strumenti ad ultrasuoni.

Per risultati di misurazione accurati, la velocità del suono nell’oggetto sottoposto a verifica deve essere costante. Gli oggetti in acciaio
sottoposti a controllo, hanno solo leggere variazioni nella velocità del suono, che pertanto influiscono solamente sulle misure di alta
precisione. Gli oggetti sottoposti a verifica in altri materiali (p. es. metalli non ferrosi o plastiche) possono avere variazioni maggiori nella
velocità del suono, che possono avere un impatto negativo sull’accuratezza di misurazione dello strumento.

DMS Go Manuale dell operatore xiii


Prefazione

Effetti del materiale dell’oggetto sottoposto a verifica


Se il materiale dell’oggetto sottoposto a verifica non è omogeneo, il suono potrebbe propagarsi a velocità del suono differenti in diverse
parti degli oggetti. Per una calibrazione del campo, occorre usare una velocità del suono media. Per ottenerla, si utilizza un blocco di
riferimento con una velocità del suono che corrisponde alla velocità del suono media dell’oggetto sottoposto a verifica.

Se si prevedono variazioni sostanziali nella velocità del suono, la calibrazione dello strumento deve essere regolata nuovamente in base ai
valori della velocità effettiva del suono a intervalli di tempo più ravvicinati. In caso contrario si possono verificare letture errate.

Effetti della temperatura dell’oggetto sottoposto a verifica


La velocità del suono varia anche in funzione della temperatura dell’oggetto sottoposto a verifica. Questo può causare rilevanti errori di
misurazione se lo strumento è stato calibrato con un blocco di riferimento a una temperatura e poi utilizzato su un oggetto di temperatura
diversa. Tali errori di misurazione possono essere evitati assicurandosi che il blocco di riferimento e l’oggetto da sottoporre a verifica siano
alla stessa temperatura oppure applicando un fattore di correzione derivato dalle tabelle pubblicate.

xiv DMS Go Manuale dell operatore


Prefazione

Garanzia limitata
Lo strumento è garantito per un periodo di due (2) anni dalla data d’acquisto. (ii) Si garantisce che lo strumento è privo di difetti costruttivi
e con prestazioni conformi alle specifiche del Prodotto usato in normali condizioni d’uso e manutenzione per il periodo di garanzia applicabile
dalla data di vendita. Il secondo anno di tale garanzia si intende valido solo se lo strumento viene calibrato entro le specifiche fornite. Tale
calibrazione può essere eseguita presso i ns. laboratori o presso un fornitore di servizi da noi autorizzato, ciò deve avvenire dopo dodici mesi
e prima dell’inizio del quattordicesimo mese. La durata della garanzia può essere estesa o modificata da contratti di assistenza espliciti.

La presente garanzia limitata non si intende valida per problemi derivanti da (i) mancato rispetto delle istruzioni d’uso del prodotto o mancata
esecuzione della manutenzione preventiva, (ii) manutenzione, riparazione o modifica effettuata da soggetti diversi dalla nostra azienda o fornitore
di servizi da noi autorizzato; ovvero (iii) cause esterne, per esempio incidente, abuso, uso improprio o problemi di alimentazione elettrica.

La presente garanzia non comprende componenti soggetti ad usura né lampade, trasduttori, valvole termoioniche, accessori o
apparecchiature opzionali non prodotte da noi; tali articolo potranno essere coperti da garanzie separate del produttore.

I nostri obblighi di in base alle condizioni di questa garanzia sono limitati alla riparazione o alla sostituzione gratuita dei componenti da noi
riscontrati quali difettosi, nei limiti del periodo di garanzia e per l’acquirente originale. Il cliente dovrà disporre la spedizione dell’apparecchiatura
presso di noi in un imballaggio appropriato. Questa garanzia si riferisce all’acquirente originale e non può essere ceduta o trasferita a terzi.

FATTA SALVA LA GARANZIA SOPRA ESPOSTA, DISCONOSCIAMO ESPLICITAMENTE OGNI GARANZIA O DICHIARAZIONE
DI QUALSIVOGLIA GENERE IN RELAZIONE AI NOSTRI PRODOTTI, ESPLICITA O IMPLICITA, DI QUALSIASI TIPO, COMPRESE
LE GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ PER UN FINE PARTICOLARE, NON VIOLAZIONE, TITOLO ED
EVENTUALI GARANZIE DERIVANTI DALLE PRESTAZIONI, DALLA TRANSAZIONE O DALL’USO COMMERCIALE.

DMS Go Manuale dell operatore xv


Prefazione

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

xvi DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

Capitolo 1. Informazioni generali


L’apparecchio DMS Go è uno spessimetro a ultrasuoni portatile. Oltre ad essere leggero e maneggevole, il DMS Go presenta un’interfaccia
operatore chiara e semplice e un generoso schermo a colori con risoluzione WVGA (800x480) di facile lettura. Questo strumento consente
di effettuare la misura dello spessore e il rilevamento di difetti, oltre ad archiviare le letture, i parametri operativi e i rapporti. Prima di iniziare
le misure, è necessario procedere alla configurazione dei parametri operativi, del display e dei file di dati attraverso i menu Configure, Probe &
Cal, e DR. Nel presente capitolo verranno illustrati i seguenti argomenti:

• Alimentazione dello strumento


• Accensione e Spegnimento dello strumento
• Uso dei tasti di comando
• Uso del display

DMS Go Manuale dell operatore 1


Capitolo 1. Informazioni generali

1.1 Alimentazione dello strumento

Predisposizione montaggio accessori Slot Vite 1/4 di giro (orario per chiudere, antiorario per aprire)
Accensione/
Spegnimento

Sonda recevitore,
connettore

Sonda impulso/
trasmettitore, connettore

Carica batterie,
connettore

Vite 1/4 di giro (orario per chiudere, antiorario per aprire)

Figura 1: Vista posteriore e laterale della DMS Go custodia

2 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.1 Alimentazione dello strumento (segue)


Lo strumento DMS Go può essere alimentato in due modi (Figura 1 a pagina 2):

• Pacco batterie agli ioni di litio installato in un vano sul retro della custodia, o
• Un adattatore esterno collegato alla presa montata lateralmente sulla custodia

ATTENZIONE! Usare solo il pacco batteria agli ioni di litio GEIT fornito in dotazione con lo strumento, e caricare il pacco batteria
solo nello strumento o in un adattatore/caricatore fornito da GEIT.

Per rimuovere il coperchio del vano batteria, allentare le viti di 1/4 di giro e sollevare dallo slot presente tra le viti. Tra un caricamento e l’altro,
il pacco batterie al litio standard GEIT garantisce la durata massima di funzionamento.

Il livello approssimativo di carica rimanente viene visualizzato sul display (vedere Figura 2 a pagina 5) dall’icona batteria, , con il tempo
di carica approssimativo al di sotto. Quando viene installato un pacco batteria carico, l’icona verrà visualizzata come una batteria "piena"
e inizierà a "svuotarsi" quando la carica comincerà a ridursi. Se viene rimosso il pacco batteria, sul retro si può trovare un pulsante. Questo
serve ad accendere 5 LED blu, ciascuno dei quali indica il 20% di carica (se acceso) o di scarica (se spento). Se tutti i 5 LED sono accesi, il
pacco batteria è completamente carico. Quando l’indicatore della batteria si abbassa all’ultimo quarto, caricare il pacco batterie al più presto.
Nota: Quando le batterie sono troppo scariche per garantire un funzionamento affidabile, lo strumento si spegne automaticamente.
Tuttavia, le impostazioni vengono salvate e ripristinate non appena lo strumento verrà riavviato. In caso di impiego fuori sede,
portare sempre con sé un pacco batterie di ricambio.

DMS Go Manuale dell operatore 3


Capitolo 1. Informazioni generali

1.1 Alimentazione dello strumento (segue)


Quando l’adattatore di tensione è collegato allo strumento, l’icona in alto a destra dello schermo indicherà la percentuale di carica del pacco
batteria. Quando si toglie la batteria per inserirne un’altra già caricata, lo strumento si spegnerà automaticamente se l’adattatore di tensione
non è collegato allo strumento. Tuttavia, se l’adattatore è collegato, lo strumento resterà acceso durante il cambio batteria.

1.2 Accensione e spegnimento dello strumento

Per accendere o spegnere lo strumento DMS Go, premere il pulsante posto lateralmente (vedere Figura 1 a pagina 2). Appena viene
rilevato l’azionamento del pulsante, si potrà udire il tipico clic del relè interno. Quindi, passati circa 4 secondi, il controller dello schermo
verrà caricato completamente e lo schermo diventerà visibile.

1.3 Uso dei tasti di comando


Il DMS Go è stato progettato per fornire all’utente un accesso rapido a tutte le funzioni dello strumento. Il sistema di menu di facile utilizzo
consente di accedere ad ogni funzione molto rapidamente.

Vedere la Figura 2 a pagina 5 per la posizione dei componenti del pannello anteriore descritti in questo capitolo.

4 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3 Uso dei tasti di comando (segue)

Attivazione/disattivazione funzione 1, 2 Assegnazione corrente dei tasti funzione


Indicatore di livello batteria

1
2
Joystick
(pulsante centrale)

3
Attivazione/disattivazione Linea del menu principale,
funzione 3, 4 composta di 7 menu
4

Linea funzione Schermata del display

Figura 2: Pannello anteriore del DMS Go

DMS Go Manuale dell operatore 5


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3.1 Orientamento dello strumento


Una delle caratteristiche innovative del DMS Go è la possibilità per l’operatore di ruotare facilmente lo strumento di 180° per l’utilizzo con
mano destra o sinistra. Durante tale processo, anche l’immagine sul schermo verrà ruotata per consentire una visione corretta. La Figura 3
mostra lo strumento in entrambe le configurazioni.

Figura 3: DMS Go nella mano sinistra e nella mano destra

6 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3.2 Componenti della tastiera


La tastiera del DMS Go comprende i seguenti elementi (vedere la Figura 2 a pagina 5):

• Joystick con pulsante centrale ( ): Il joystick può essere mosso a "destra o sinistra" o "in alto e in basso" Inoltre, il pulsante centrale
del joystick può essere "premuto" o "tenuto premuto"

• Attivazione/disattivazione funzione 1, 2 ( ): Le due estremità del tasto superiore agiscono come pulsanti separati. Uno è il pulsante
per la "Funzione 1", l’altro è il pulsante per la “Funzione 2”. Ciascuna estremità dei pulsanti può essere "premuta" o "tenuta premuta".
Premendo il pulsante Funzione 1, lo strumento ritornerà alla pagina iniziale Casa del menu principale.

• Attivazione/disattivazione funzione 3, 4 ( ): Le due estremità del tasto inferiore agiscono come pulsanti separati. Uno è il pulsante
per la "Funzione 3", l’altro è il pulsante per la “Funzione 4”. Ciascuna estremità dei pulsanti può essere "premuta" o "tenuta premuta".

Nei menu specifici, i tasti funzione sono dedicati a usi particolari (ad esempio, lo scorrimento di passi preassegnati). La parte superiore
sinistra dello schermo mostra le assegnazioni al tasto funzione per il menu o l’opzione in uso.

DMS Go Manuale dell operatore 7


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3 Componenti della tastiera (segue)


I quattro tasti funzione riportano a funzioni specifiche, che dipendono dalla funzione o menu selezionati. Ad esempio:

• F1: CASA (menu), USCITA (menu/finestre a comparsa e proprietà DR) o OBSTR/PULITO (in griglia DR)
• F2: INVIA (in modalità DR), ENTRA (selezionare una lettera o un file), TAG (commento) FATTO (menu/finestre a comparsa),
NUOVO (esplora), CONFERMA, ESPORTA
• F4: FREEZE, CANCELLA (esplora), BKSP, DIETRO, NOTA (in griglia DR), CRSE - (campi numerici) o selezione operatore da menu
CONFIG (OBSTR,NOTA,uGRIGLIA)
• F3: Pulire (B-SCAN e MIN/MAX), PROSSIMO, CRSE + (campi numerici), uGRIGLIA (in griglia DR)
Nota: Al tasto F4 si può assegnare anche una tra cinque funzioni personalizzate.

8 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3.1 Funzioni joystick


Le azioni del joystick descritte nella pagina precedente sono le seguenti:

Pressione sul pulsante centrale:

• Un singolo tocco e rilascio ( ) consente di passare dal menu di navigazione al menu DR e viceversa (se un menu DR è aperto). Serve
anche ad attivare o disattivare un parametro per la regolazione, oppure consentire di immettere (per alcune funzioni) un carattere

alfanumerico evidenziato. Se si tiene premuto per 2 secondi ( ) verrà confermato l’inserimento.


Movimento del joystick:

• Muovere in alto o in basso ( ) per scorrere tra le opzioni disponibili della funzione nel menu evidenziato.

• Muovere a destra o sinistra ( ) per navigare verso un menu. Dopo aver selezionato un’opzione, l’opzione del menu verrà aperta o si
potrà modificare il valore di un parametro selezionato. (nell’opzione Proprietà DR, è possibile navigare anche nei sottomenu) Quando si
preme leggermente il joystick, i valori numerici cambiano a piccoli incrementi. Premendo il joystick completamente a sinistra o a destra
i valori cambieranno velocemente o in incrementi maggiori.

DMS Go Manuale dell operatore 9


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3.2 Funzioni multi tasto


Tre funzioni richiedono una combinazioni di tasti:

• Aggiornamento software = Accensione + F4 + F2

• Configurazione di fabbrica = Accensione + F4 + F1

• Cattura JPG = F1 + F2
Nota: Tutte le funzioni multi tasto sono definite con lo strumento orientato nella mano sinistra (vedere la parte sinistra della Figura 3 a pagina 6).

• Tasto di alimentazione + F4 + F2
Premere e mantenere premuti contemporaneamente questi tre tasti per avviare l’aggiornamento software dello strumento.
Nota: Prima di premere questi tasti, nel DMS Go deve essere inserita una scheda SD formattata contenente un file di aggiornamento
valido nella directory principale. Verificare che la directory principale contenga solo un file con estensione .sdu.

• Tasto di alimentazione + F4 + F1
Premere e mantenere premuti contemporaneamente questi tre tasti per ignorare l’ultima impostazione nota e ritornare alle impostazioni
predefinite di fabbrica.
Importante: Durante questo processo, l’ultima impostazione nota verrà sovrascritta e perduta.

10 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.3 Funzioni multi tasto (segue)


• F1+ F2
Tenendo premuti contemporaneamente questi due tasti lo strumento catturerà la schermata corrente come file in formato jpeg per analisi
future. Il DMS Go può archiviare il file jpg nella directory principale o nella cartella in uso della scheda SD.

Nota: Prima di premere questi tasti, deve essere inserita una scheda SD formattata.

DMS Go Manuale dell operatore 11


Capitolo 1. Informazioni generali

1.4 Uso del display


La Figura 4 mostra un tipico esempio di schermata del DMS Go. Per le istruzioni passo passo su come accedere a questi menu, vedere le
pagine seguenti.

Funzione 1 Funzione 2 Letture, valori indicati Indicatore di livello batteria

Funzione 4
Funzione 3

Area icone Display


Grande

Opziones di manu
attive

Parametri

Barra dei menu


Figura 4: Display DMS Go

12 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.5 Icone
La Tabella 1 che segue mostra le icone che verranno visualizzate sotto alle finestre dei quattro tasti funzione in alto a sinistra dello schermo,
con relativo significato.
Tabella 1: Icone DMS Go
Single-echo — Indica che il DMS Go è in modalità misurazione single-echo (vedere a pagina 60)

Dual-echo — Indica che il DMS Go è in modalità misurazione Dual-echo (vedere a pagina 60)

Dual-Multi— Indica che il DMS Go è in modalità misurazione Dual-Multi (vedere a pagina 91)

Freeze — Indica che la modalità Freeze (vedere a pagina 102) ha bloccato lo schermo.

Scheda SD — Indica che una scheda di memoria SD è inserita. Quando viene catturata una schermata
(vedere a pagina 10), l’icona ingrandisce brevemente.
Promemoria calibrazione — Indica che è stato attivato il promemoria calibrazione.

Allarme — Indica che è stato azionato un allarme.

DMS Go Manuale dell operatore 13


Capitolo 1. Informazioni generali

1.6 Uso dello slot SD e dei connettori USB e I/O


Il DMS Go usa una scheda di memoria SD standard da 2 a 8 GB per archiviare i file dei dati delle impostazioni e i rapporti, e per caricare gli
aggiornamenti del software dello strumento (vedere “Funzioni multi tasto” a pagina 10). L’ingresso della scheda SD è situata in un vano
nella parte superiore dello strumento, insieme al connettore USB e al connettore I/O (vedere la Figura 5sotto).

Connettore USB Alloggiamento scheda SD

Coperchio con cerniera Connettore I/O


Figura 5: Vista superiore del DMS Go

14 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.6.1 Rimozione della scheda SD


Per rimuovere la scheda SD, procedere come segue:

1. Per accedere alla scheda SD, premere sul coperchio come indicato dalla freccia e sollevare.
2. Premere appena sulla scheda SD con un dito. La scheda SD verrà espulsa parzialmente in modo da poterla estrarre dalla sede.

1.6.2 Inserimento della scheda SD


Per inserire la scheda SD, procedere come segue:

ATTENZIONE! Non forzare la scheda SD se si avverte una certa resistenza. Se la scheda non entra liberamente, probabilmente
è il verso di inserimento non è corretto.

1. Per accedere alla scheda SD, premere sul coperchio come indicato dalla freccia e sollevare.
2. Orientare la scheda SD in modo tale che il lato con l’etichetta sia rivolto verso la parte posteriore dello strumento e il lato vuoto con
i contatti dorati rivolto verso il display. La scheda deve essere inserita con l’estremità contenente i contatti dorati davanti.
3. Far scorrere la scheda completamente nello slot e premere delicatamente fino a far bloccare la scheda in posizione. A questo punto,
chiudere il coperchio dello slot.

DMS Go Manuale dell operatore 15


Capitolo 1. Informazioni generali

1.6.3 Collegamento della porta USB


Il connettore vicino alla cerniera del coperchio del vano superiore (vedere la Figura 5 a pagina 14) è una porta Mini USB. Se si usa un cavo
standard USB per collegare il DMS Go a un PC (non servono driver specifici), la scheda SD installata verrà aggiunta all’elenco dei drive in uso
sul PC. A questo punto sarà possibile eseguire tutte le normali operazioni come copia ed eliminazione dei file, sulla scheda SD del DMS Go.

Importante: Durante il collegamento del DMS Go al PC attraverso la porta USB, lo strumento non accetterà nessun input dalla tastiera.
Il normale funzionamento riprenderà appena il cavo USB verrà scollegato.

16 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.6.4 Collegamento della porta I/O


Il connettore sul lato opposto alla cerniera del coperchio del vano superiore (vedere la Figura 5 a pagina 14) è una porta I/O. Questa porta
serve ha un doppio ruolo:

• Pin porta seriale - usati esclusivamente per diagnostica durante la riparazione in fabbrica.
• Pin sinc. e allarme - segnali accessibili all’operatore attraverso uno speciale cavo opzionale.

Per usare questo connettore è necessario ordinare il cavo opzionale DMS Go, disponibile come N. di catalogo 022-510-032.
L’assegnazione dei pin per il collegamento dell’estremità del cavo è elencata nella Tabella 2 seguente:

Tabella 2: Assegnazione dei pin sul connettore I/O


N. pin Colore Segnale
1 Marrone +5 V
2 Rosso SAP
3 Arancione Allarme
4 Giallo RS232 CTS
5 Verde RS232 TX
6 Blu RS232 RX
7 Porpora GND

DMS Go Manuale dell operatore 17


Capitolo 1. Informazioni generali

1.7 Funzionamento tipico del DMS Go


Il funzionamento tipico del DMS Go interessa diversi passaggi:
1. Assicurarsi che le batterie del DMS Go siano cariche o che il DMS Go sia collegato alla corrente.
2. Collegare il trasduttore UT al DMS Go.
3. Accendere il DMS Go. (se l’unità ha una doppia funzionalità, selezionare il DMS Go nella schermata iniziale).
4. Se è necessario registrare i dati in un file, scorrere fino al menu DR. Vi sono due opzioni: Aprire un file esistente nell’opzione Esplora
(pagina 115) oppure premere F4 (Nuovo) nell’opzione Esplora per impostare un nuovo file (vedere pagina 74).
5. Dopo aver impostato o selezionato il file, usare il joystick per selezionare il menu SONDA&CAL (pagina 56).
6. Con il joystick, scorrere verso il basso e selezionare la sonda. Muovere il joystick a sinistra o a destra fino a quando viene visualizzato
il nome ID della sonda.
NOTA: Se si usa la finestra di dialogo per la sonda, il nome della sonda verrà automaticamente visualizzato.
7. Scorrere fino all’opzione TG MODO e selezionare la modalità operativa/di misurazione desiderata.
8. Scorrere in basso fino a SPESS CAL. Selezionare il modo punti di calibrazione desiderato (1 punto o 2 punti).
9. Scorrere in basso fino a ZERO (pagina 65). Selezionare il metodo di zero sonda desiderato. (NOTA: questo menu non è disponibile
quando SPESS CAL è in modalità 2 punti).
10. Scorrere in basso fino a CALIBRAZIONE. Spostare il joystick a destra per avviare il processo di calibrazione. Attenersi alle istruzioni
visualizzate sullo schermo per completare la procedura di calibrazione. (il processo di calibrazione potrebbe rendere necessario
posizionare la sonda sullo ZERO BLOCK, il blocco circolare sul supporto DMS Go)
11. Ora si è pronti ad iniziare a misurare lo spessore.

18 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 1. Informazioni generali

1.8 Opzioni software DMS Go


Se si acquista un’opzione specifica per il software, GE fornirà un codice specifico per l’attivazione. Tra queste, l’opzione TOP-COAT
e AUTO-V, Extended Data Recorder, e USM Go Mode. I codici di attivazione corrispondenti al numero di serie del DMS Go possono
essere immessi utilizzando il sotto menu CODICE (vedere “Inserimento di un nuovo codice di attivazione per le opzioni (CONFIG -
CODICE)” a pagina 54).

DMS Go Manuale dell operatore 19


Capitolo 1. Informazioni generali

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

20 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

Capitolo 2. Impostazione iniziale


2.1 Caratteristiche del display e della tastiera
L’interfaccia utente del DMS Go è stata progettata per un uso facile e chiaro. La Figura 6 a pagina 22 mostra i componenti principali di tastiera
e display. Per accedere ai menu e ai parametri, fare clic sul pulsante del joystick per spostarsi da un sottomenu all’altro, e quindi per accedere ai
parametri all’interno di un sottomenu. Dopo aver selezionato un parametro, muovere il joystick a destra o sinistra per modificare il valore.

DMS Go Manuale dell operatore 21


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.1 Caratteristiche del display e della tastiera (segue)

Funzione 2 Lettura 1 Lettura 2 Livello di carica della batteria


Funzione 1

Funzione 4

Funzione 3

Grande
Lettura

Barra dei menu


Figura 6: Caratteristiche del display

22 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.1 Caratteristiche del display e della tastiera (segue)

CASA

INVIA

CASA INVIA
CRSE - CRSE +

CRSE +

CRSE -

Figura 7: Tasti funzione e relative finestre

DMS Go Manuale dell operatore 23


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.2 Il menu di sistema


Il menu di sistema del DMS Go consente all’operatore di selezionare e regolare diverse funzioni e impostazioni dello strumento, tra cui:

• Menu Sonda&Cal: Composto da diverse funzioni usate per configurare il tipo di sonda, azzeramento e calibrazione spessore. Queste
sono Sonda (pagina 56), TG Modo (pagina 60), Calibrazione spessore (pagina 62), Zero (pagina 65), Calibrazione (pagina 63), Zero
Sonda (pagina 67), Velocità (pagina 70), Promemoria calibrazione (pagina 72) e Compensazione temperatura (pagina 70).
• Menu Misura: Composto da diverse funzioni usate per configurare lo strumento durante una verifica. Queste sono Modo (pagina 95),
Dual-Multi (pagina 91), Mostra ritardo (pagina 101), Mostra dimens. (pagina 98), Freeze (pagina 102), Modo guadagno max (pagina 103),
Regolazione guadagno max (pagina 103), e Risultati (pagina 108).
• Menu Porta: Composto da diverse funzioni usate per impostare il punto di partenza, l’ampiezza e la soglia per le porte A e B. Queste
sono: Porta A (o B) Inizio (pagina 92), Porta A o B ampiezza (pagina 93), e porta A o B soglia (pagina 94).
• Menu DR: Composto da diverse funzioni usate per specificare la registrazione dei dati: Esplora (pagina 74), Proprietà (pagina 115),
Vista (pagina 117), Master Comment (pagina 86), Esporta (pagina 131) e Sovrascrivi (pagina 88). Un sottomenu (pagina 118) consente
di specificare le proprietà DR.
• Menu allarme: Composto da diverse funzioni usate per configurare l’allarme minimo e massimo. Sono: Max (pagina 106),
Min (pagina 106), Allarme Max (pagina 107) e Allarme Min (pagina 107).

24 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.2 Il menu di sistema (segue)


• Menu Param: Composto da diverse funzioni usate per caricare o salvare i parametri. Sono: Carica P-Set (pagina 112) e Salva P-Set
(pagina 113).
• Menu Config: Composto da diverse funzioni usate per configurare lo strumento prima dell’utilizzo, incluso l’impostazione delle unità
di misura, orario e data e aspetto dello schermo, e per controllare altri importanti parametri di misura. Sono: Aggior Percent (pagina 42),
Rettifica (pagina 43), Radice (pagina 46), Ultima Lettura (pagina 47), Luminosità (pagina 36), Colore (pagina 34), Lingua (pagina 28),
Orientazione (pagina 32), Formato Data e Ora (pagina 30), Data e Ora (pagina 31), Spegnimento (pagina 33), Unità (pagina 29),
Risoluzione (pagina 38), Zero Block (pagina 39), Velocità Reference Block (pagina 40), Bloccaggio (pagina 48), Modo Menu
(pagina 50), Tasto Funzione (pagina 51), Password (pagina 52), Codice (pagina 54) e Informazioni (pagina 47).
Le informazioni fornite in questo capitolo descrivono come impostare lo strumento DMS Go per il funzionamento e le singole misure.

DMS Go Manuale dell operatore 25


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3 Impostazione iniziale


In questo capitolo del manuale viene illustrato come configurare il display del DMS Go e le sue funzioni operative. Seguire queste
procedure per accendere lo strumento ed effettuare le prime regolazioni alle impostazioni di controllo. Poiché è possibile impostare lo
strumento per salvare le impostazioni di controllo al momento dello spegnimento e ripristinarle alla successiva accensione, se non sono
richieste modifiche non è necessario ripetere queste regolazioni.

Quando viene acceso lo strumento, viene attivato automaticamente il Menu principale.

Nota: Per la maggior parte dei menu, premere il tasto F1 per tornare a CASA del menu principale o per uscire da una funzione.

26 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1 Lingua, unità di misura, data e ora


Utilizzare le procedure di seguito riportate per regolare l’unità di misura, la data, l’ora e la lingua, e livello operatore e password visualizzate
sul display dello strumento. Questi parametri sono nel sottomenu CONFIG, evidenziato nella Figura 8 seguente.

Figura 8: Sottomenu CONFIG

DMS Go Manuale dell operatore 27


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1 Lingua, unità di misura, data e ora (segue)


2.3.1a Impostazione della lingua (CONFIG-LINGUA)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione LINGUA. Per modificare la lingua selezionata, muovere il joystick o premere il tasto
funzione. Le opzioni disponibili sono Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo, Giapponese e Cinese. La lingua predefinita è l’inglese.

3. Usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al menu principale. La schermata di
visualizzazione e la lingua del rapporto vengono impostate in base all’ultima scelta selezionata.

28 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1b Impostazione delle unità di misura (CONFIG-UNITÀ)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione UNITÀ. Sono disponibili le seguenti opzioni:
• mm: impostazione predefinita che visualizza i valori in millimetri
• pollici: i valori vengono visualizzati in pollici

3. Per modificare le unità di misura, muovere il joystick a destra o sinistra ( ).

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 29


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1c Impostazione dei formati data e ora (CONFIG-DT FMT)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Per modificare la data e l’orario selezionati, muovere il joystick ( ) alla funzione DT FMT. Scegliere uno dei formati di data e ora
riportati di seguito:
• Formato data A-M-G e formato orario 12 o 24 ore
• Formato data A/M/G e formato orario 12 o 24 ore
• Formato data A.M.G e formato orario 12 o 24 ore

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale. I formati della data e dell’ora visualizzati sul display e nei rapporti emessi vengono impostati in base all’ultima
scelta selezionata.

30 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1d Impostazione di data e ora (CONFIG-DATA)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse
funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione DATA e spostare il joystick a destra o sinistra ( ) per aprire la finestra data/ora.
3. Per modificare la data e l’orario selezionati, usare il joystick per scorrere fino all’ora o alla data. Quindi, muovere il joystick in alto o in

basso ( ) per inserire la data e l’ora corrette. Premere F2 (CONFERMA) per confermare i nuovi valori, oppure premere F1 (USCITA)
per chiudere la finestra senza modificare ora o data.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale. I formati della data e dell’ora visualizzati sul display e nei rapporti emessi vengono impostati in base all’ultima
scelta selezionata.

DMS Go Manuale dell operatore 31


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1e Impostazione del verso di visualizzazione sinistro o destro (CONFIG-ORIENTAZIONE)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ORIENTAZIONE e ( ) selezionare MANO DESTRA o MANO SINISTRA per
attivare la funzione.

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale.

32 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.1f Impostazione del tempo di spegnimento quando lo strumento non è in uso (CONFIG-SPEGNIMENTO)
La funzione Spegnimento provvede a spegnere lo strumento dopo un intervallo di tempo prefissato in cui non si verifica nessun input,
l’unità non riceve nessun input da tastiera o joystick e non riceve nessuna indicazione valida di spessore (come indicato da una scritta piena
e non cava). Il conto alla rovescia è azzerato da una misura valida o da un input da tastiera.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione SPEGNIMENTO e ( ) per inserire il numero di minuti prima che il DMS Go
si spenga. Le selezioni possibili sono 1, 2, 3, 4, 5, 10, 15, 30 minuti e Manuale.
Nota: GE raccomanda di impostare 5 minuti per evitare di scaricare la batteria.

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 33


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2 Aspetto dello schermo


Utilizzare le procedure di questa sezione per regolare l’aspetto del display. Per queste regolazioni occorre accedere al sottomenu CONFIG.

2.3.2a Impostazione del colore del display (CONFIG-COLORE)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione COLORE. Sono presenti quattro schemi cromatici predefiniti.
3. Per modificare il colore del display, usare il joystick per scorrere fino al tipo desiderato. (la Figura 9 della pagina seguente mostra i possibili
schemi di colore)

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare
al Menu principale.

34 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2a Impostazione del colore del display (CONFIG-COLORE) (segue)

Figura 9: Schemi colore DMS Go disponibili

DMS Go Manuale dell operatore 35


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2b Impostazione della luminosità del display (CONFIG-LUMINOSITÀ)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione LUMINOSITÀ. La gamma delle impostazioni va da 1 a 10.

3. Per modificare il livello di luminosità, muovere il joystick ( ).


Nota: GE raccomanda di impostare un valore di 6 per massimizzare la durata della batteria.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare
al Menu principale.

36 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2c Gestione dell’ultima lettura per il controllo accoppiamento (CONFIG-ULTIMA LETTURA)


Il display di lettura può aiutare a determinare il grado di accoppiamento della sonda alla superficie da misurare. I numeri pieni indicano un
buon accoppiamento, mentre numeri vuoti o assenti indicano un accoppiamento insufficiente.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ULTIMA LETTURA. Le impostazioni disponibili sono TRATTIENI e VUOTO.
Se si imposta su TRATTIENI, l’ultimo valore misurato resterà sullo schermo con cifre "vuote" e non piene se la sonda è disaccoppiata.
La misura corrente, con la sonda accoppiata, viene mostrata con cifre piene (vedere la Figura x sottostante). Se le impostazioni sono su
"vuoto", verranno visualizzati dei punti.

Figura 10: Lettura Live — Ultima lettura TRATTENUTA — e Ultima lettura VUOTA
Nota: Se si è in modalità DR e il valore è impostato su TRATTIENI, è ancora possibile inviare il valore al file. Se il valore è impostato su
VUOTO, il DMS Go lascerà la posizione vuota.

3. Per modificare le impostazioni di lettura, muovere il joystick ( ).


4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 37


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2d Impostazione della risoluzione del display (CONFIG-RISOLUZIONE)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione RISOLUZIONE. La risoluzione del display può essere impostata automaticamente
(AUTO) al valore dello spessore da misurare, a 1/10 (X,X) o 1/100 (X,XX) in mm e 1/100 (X,XX) o 1/1000 (X,XXX) in pollici.
Nota: Nella selezione AUTO, la soglia è 10 pollici. Un valore inferiore a 10 pollici sarà mostrato in modalità X,XXX. Altrimenti, il valore
sarà mostrato in modalità X,XX.
Per misure in mm, la soglia è 100 mm. Un valore inferiore a 100 mm sarà mostrato in modalità X,XX. Altrimenti, il valore sarà
mostrato in modalità X,X.

3. Per modificare il livello di risoluzione, muovere il joystick ( ).

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

38 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2e Impostazione della Configurazione Zero Block (CONFIG-ZERO BLOCK)


Se si usa zero block per la sonda, è possibile inserire nel DMS Go i valori di configurazione per lo spessore e la velocità. (Vedere “Impostazione
dello Zero Sonda (SONDA&CAL - ZERO)” a pagina 65.)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ZERO BLOCK, quindi spostare il joystick ( ) per aprire la finestra di configurazione
(Figura 11).

Figura 11: Finestra di configurazione Zero Block

3. Muovere il joystick ( ) per cambiare unità di misura (mm o pollici), spessore (pollici o mm) o la velocità (pollici/microsecondi o
m/s) al valore inciso sul blocco campione fornito da GE. Questi valori saranno visualizzati sempre in unità del sistema metrico (mm).
Premere F2 (FATTO) per confermare l’inserimento, o F1 (USCITA) per chiudere la finestra senza modificare la configurazione.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 39


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2f Impostazione della Configurazione velocità del blocco di riferimento (CONFIG-VEL REF. BLOCK)
Il blocco di riferimento in rame fornito in dotazione presenta incisi il numero di serie e la velocità in pollici/microsecondo e m/s. (vedere la
Figura 12 sottostante). Mentre il blocco zero di acciaio rappresenta l’estremità superiore della velocità del suono (@ 6000 m/s), la velocità del
blocco di riferimento rappresenta l’estremità inferiore (@ 4700 m/s). Se si usa un blocco di riferimento della velocità per la sonda, è possibile
inserire nel DMS Go la velocità e la velocità di rivestimento. Tuttavia, questa funzione è necessaria solo se è stata attivata l’opzione
TopCOAT/Auto-V.

Figura 12: Blocco di riferimento con incisione della velocità

40 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2f Impostazione della Configurazione velocità del blocco di riferimento (CONFIG-VEL REF. BLOCK) (segue)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione VEL REF. BLOCK, e per aprire la finestra di configurazione (Figura 13 sottostante).

Figura 13: Finestra Configurazione velocità del blocco di riferimento

3. Spostare il joystick per cambiare le unità di misura (pollici o mm), il numero di serie, la velocità del materiale base (pollici o mm/µs)
e la velocità di rivestimento (la velocità del materiale rivestito, in pollici o mm/µs) al valore inciso sul blocco. Premere F2 (FATTO) per
confermare l’inserimento, o F1 (USCITA) per chiudere la finestra senza modificare la configurazione.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 41


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2g Impostazione di Aggior Percent (CONFIG-AGGIOR PERCENT)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione AGGIOR PERCENT (la frequenza di aggiornamento schermo, in Hz). I valori
possibili sono 4, 8, e 16 Hz.

3. Per modificare il valore, muovere il joystick ( ).

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale.

Nota: Nelle modalità B-Scan e Min/Max, la frequenza di aggiornamento è sempre 32 Hz.

42 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2h Selezione del Modo di rettifica (CONFIG-RETTIFICA)


La rettifica influisce sull’orientamento di A-Scan sulla schermata di visualizzazione. A-Scan rappresenta l’impulso sonoro (eco) restituito allo
strumento dal materiale sottoposto a verifica. La serie di eco ha l’aspetto del segnale di radio frequenza (RF) mostrato nella Figura 14 sottostante.
Il segnale RF ha una componente negativa al di sotto dell’asse e una positiva al di sopra di esso. In modo RF, la soglia A e la soglia B possono
essere posizionate sopra o sotto l’asse ed essere attivate da un’eco di intestazione positiva o negativa. Il modo rettifica è impostato automaticamente
dalla selezione della sonda. Molte sonde per spessimetro GE sono progettate per essere usate in rettifica negativa.

In MODO RF, vengono In questo modo, vengono In MODO RETTIFICA ONDA PIENA, vengono
visualizzati gli echi negativi e positivi visualizzati solo gli echi negativi visualizzati sia gli echi positivi che negativi

VISUALIZZAZIONE RADIO RETTIFICA SEMI ONDA NEGATIVA RETTIFICA ONDA PIENA


RADIO FREQUENZA RF

Figura 14: Segnali RF tipici e rettificati

DMS Go Manuale dell operatore 43


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2h Selezione del Modo di rettifica (CONFIG-RETTIFICA) (segue)


• La rettifica della semi onda positiva significa che viene visualizzata soltanto la metà superiore (semi onda positiva) del segnale RF.
• La rettifica della metà negativasignifica che viene visualizzata soltanto la metà inferiore (semi onda negativa) del segnale RF (vedere
Figura 14 a pagina 43). Notare che sebbene sia visualizzata soltanto la semi onda negativa del segnale RF, per semplicità di lettura essa
viene mostrata nello stesso verso della componente positiva.
• La rettifica onda piena abbina i segnali rettificati positivi e negativi e li visualizza entrambi con un orientamento positivo (vedere la
Figura 14 a pagina 43).

• RF vuol dire nessuna rettifica.


La rettifica determina il ciclo in cui viene eseguita la misura passante per zero. In condizioni normali, GE raccomanda di non modificare
questo parametro. La modifica al modo di rettifica è necessaria solo per sonde speciali o applicazioni particolari. In questo caso, usare la
procedura della pagina seguente per selezionare il modo di rettifica.

44 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2h Selezione del Modo di rettifica (CONFIG-RETTIFICA) (segue)

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione RETTIFICA. Sono disponibili le seguenti opzioni:
• NEG - mostra la componente negativa del segnale RF visualizzata con orientamento positivo.
• POS - mostra la componente positiva del segnale RF.
• TUTTO - mostra la semionda positiva e quella negativa dell’onda RF, entrambe con un orientamento positivo.
• RF - mostra l’eco senza rettifica.

3. Spostare il joystick ( ) per selezionare il metodo di rettifica desiderato.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 45


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2i Impostazione del Punto decimale (CONFIG-RADICE)


La radice, o punto decimale, è di norma un punto in USA o una virgola in alcuni paesi europei.

Nota: Quando si utilizza la modalità DR, il punto decimale non deve essere modificato, in quanto la funzione DR non cambia dinamicamente

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione RADICE (il simbolo per il punto decimale nelle misure). I simboli disponibili
sono il punto e la virgola.
3. Per cambiare, muovere il joystick.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

46 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.2j Ottenere le informazioni sul programma (CONFIG-INFORMAZIONI)


I dati del numero di serie e i codici del DMS Go sono necessari per fornire aggiornamenti o correzioni. Essi sono disponibili attraverso la
funzione INFORMAZIONI.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare INFORMAZIONI (per informazioni generali su DMS Go), quindi selezionare la funzione

( ). Il programma visualizza i dati richiesti (vedere la Figura 15 sottostante).


3. Al termine, premere il pulsante del joystick o uno dei tasti funzione per tornare alla schermata principale.

Figura 15: Schermata informazioni DMS Go

DMS Go Manuale dell operatore 47


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3 Impostazione delle funzioni di protezione


Utilizzare le procedure di questa sezione per regolare l’aspetto del display. (per queste regolazioni occorre accedere al sottomenu CONFIG)

2.3.3a Autorizzare l’accesso a specifiche funzioni (CONFIG-BLOCCAGGIO)


Un supervisore potrebbe autorizzare l’accesso solo a determinate funzioni. Il DMS Go consente di avere due livelli di utenti: Esperto e
Ispettore. L’utente Esperto può accedere a tutte le funzioni, mentre l’utente Ispettore può usare solo le funzioni che non risultano bloccate
nel menu BLOCCAGGIO. Prima di selezionare le funzioni per gli ispettori, impostare la funzione PASSWORD (pagina 52).

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare e aprire la funzione BLOCCAGGIO. Verrà aperto il menu della funzione (un duplicato del
menu principale, come mostrato nella Figura 16 sottostante).

Figura 16: Finestra delle opzioni di bloccaggio

48 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3a Autorizzare l’accesso a specifiche funzioni (CONFIG-BLOCCAGGIO) (segue)

3. Usare il joystick per selezionare le funzioni che devono essere accessibili, quindi premere il pulsante centrale del joystick ( ) per
abilitare la funzione.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 49


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3b Impostazione del livello utente (CONFIG-MODO MENU)


Il DMS Go consente di avere due livelli di utenti: Esperto e Ispettore. L’utente Esperto può accedere a tutte le funzioni, mentre l’utente
Ispettore può usare solo le funzioni che non risultano bloccate nel menu BLOCCAGGIO. Per impostare il menu al livello appropriato,
attenersi alla seguente procedura:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare MODO MENU.

3. Per modificare il livello, muovere il joystick .

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

50 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3c Impostazione di una specifica funzione al tasto 4 (CONFIG-FUNZ TASTIERA)


Nota: Per informazioni generali sui tasti funzione, vedere pagina 7

Se necessario, è possibile impostare una funzione personalizzata al tasto F4. Sono disponibili quattro selezioni:

• OBSTR/PULITO — Una notazione che indica che una posizione fisica non era accessibile.
• NOTA — Consente all’utente di aggiungere una nota.
• UGRIGLIA — Consente all’utente di creare una micro griglia a un punto dati specifico.
• ATTIVA/DISATTIVA MANO SINISTRA/MANO DESTRA — Consente all’utente di alternare tra funzionamento con mano sinistra o destra.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione FUNZ TASTIERA. Selezionare la funzione da associare a F4.

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 51


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3d Immettere una nuova password (CONFIG - PASSWORD)


Per inserire una nuova password nel DMS Go, attenersi alla seguente procedura:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione PASSWORD, quindi muoverlo alternativamente ( ) per aprire la finestra
della password (Figura 17).

Figura 17: Finestra della funzione password

52 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3d Inserimento di una nuova password (CONFIG - PASSWORD) (segue)

3. Spostare il joystick al numero o lettera da inserire, quindi premere il pulsante centrale ( ) per inserire il carattere. Ripetere questi
passaggi fino a completare l’inserimento della password, quindi premere F2 (ENTRA).
Nota: Nel caso vi fosse già una password, il sistema chiederà la vecchia password prima di consentire l’inserimento della nuova password.
Il DMS Go consente anche di non avere nessuna password. In questo caso, non vi sarà accesso.

4. Dopo aver inserito la password, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al
Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 53


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3e Inserimento di un nuovo codice di attivazione per le opzioni (CONFIG - CODICE)


Se si acquista un’opzione specifica per il software, GE fornirà un codice specifico per l’attivazione. Queste opzioni specifiche includono
TOPCOAT e AUTO-V, Extended Data Recorder, e USM Go Mode. Se forniti, i codici di attivazione corrispondenti al numero di serie del
DMS Go possono essere immessi utilizzando il sottomenu CODICE nel menu CONFIG. Questo sottomenu elenca inoltre il numero di serie
assegnato allo strumento. Per inserire un codice di attivazione:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione CODICE e per attivare ( ) la funzione. Notare che il primo carattere del
codice in uso è evidenziato (Figura 18 sottostante).

Figura 18: Funzione di inserimento codice

54 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.3.3e Inserimento di un nuovo codice di attivazione per le opzioni (CONFIG - CODICE) (segue)

3. Usare il joystick ( ) per cambiare il carattere evidenziato. Quindi muovere il joystick ( ) per selezionare il carattere
successivo e continuare a modificare i valori finché tutti corrispondano al codice fornito da GEIT.

4. Al termine dell’inserimento, confermare premendo F2 (CONFERMA). Se il codice non è valido, il DMS Go visualizzerà il messaggio
"Errore - codice non valido!"

5. Assicurarsi di seguire le istruzioni riportate sullo schermo per completare con successo l’attivazione.

DMS Go Manuale dell operatore 55


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4 Installazione di una sonda


Per installare una sonda sul DMS Go, seguire le istruzioni contenute in questa sezione.
Ricevitore
2.4.1 Collegamento di una sonda Sonda

Quando si collega una sonda allo strumento, seguire queste istruzioni:

• Completare correttamente il collegamento fisico tra la sonda e lo strumento.


• Configurare correttamente lo strumento per funzionare con la sonda collegata.

Il DMS Go accetta sia una sonda a elemento singolo che a doppio elemento.

Una sonda a elemento singolo ha solo un cristallo a ultrasuoni. Funziona come Trasmettitore
un altoparlante, convertendo l’impulso elettrico in un impulso meccanico a Sonda
ultrasuoni, quindi lo stesso cristallo funziona come un microfono, ricevendo tutti
gli echi, e convertendo questi in impulsi elettrici.

Figura 19: Posizioni del connettore per la sonda

56 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.1 Collegamento di una sonda (segue)


Una sonda a doppio elemento ha l’altoparlante separato dal microfono. Identificare le sonde semplicemente dal numero di connettori LEMO
(o altro tipo): uno per singolo elemento, due per doppio.

Per installare una sonda a elemento singolo, collegare il cavo della sonda a una delle due porte a lato dello strumento (vedere la Figura 19 a
pagina precedente). Quando una sonda a doppio elemento è collegata allo strumento, la chiave assicura il corretto orientamento dei connettori di
trasmissione e ricezione.

DMS Go Manuale dell operatore 57


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.2 Configurazione dello strumento


Tre impostazioni dello strumento dipendono direttamente dal tipo di sonda installata. Queste impostazioni devono essere regolate ogni volta
che viene installata una sonda di tipo diverso, seguendo le istruzioni fornite nei capitoli successivi.

2.4.2a Determinazione del tipo di sonda (SONDA&CAL - SONDA)

1. Attivare il sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).


2. Se il DMS Go è collegato a una sonda con finestra di dialogo, automaticamente rileverà la sonda se la selezione è impostata su sonda
a doppio elemento. Appena rilevata, lo schermo visualizzerà la parola "Dialog" sotto al nome della sonda. Se la sonda non è di questo
tipo, usare il joystick per scorrere all’interno dell’elenco delle sonde e selezionare l’unità corretta. (se si scollega una sonda dialog,
sul DMS Go verrà visualizzata l’ultima selezione, ma la finestra di dialogo sotto la sonda non verrà visualizzata) Se si cambia sonda,
si deve usare nuovamente il joystick per scorrere all’interno dell’elenco delle sonde e selezionare l’unità corretta.
Nota: Una sonda con finestra di dialogo contiene un chip con le informazioni della sonda. Quando la sonda è collegata al DMS Go,
trasmette le informazioni all’unità.

Nota: Il DMS Go offre un’opzione per un file personalizzato fornito da GE con la definizione della sonda, con estensione .prb, da inserire
attraverso la scheda SD. Il DMS Go mostrerà questo file all’interno dell’elenco Sonde, indicata con l’aggiunta del termine Custom.

58 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.2a Determinazione del tipo di sonda (SONDA&CAL - SONDA)

Figura 20: Visualizzazione della sonda dialog collegata


(dialog indicata dal segnale in basso)

3. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 59


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.2b Impostazione del modo di rilevamento ultrasonico (SONDA&CAL - TG MODO)


Il DMS Go effettua tutte le misurazioni in modalità zero-crossing, il punto in cui il segnale attraversa la linea di ampiezza zero. I modi
disponibili variano secondo la sonda usata.

IMPORTANTE: Non tutti i modi sono disponibili con tutte le sonde.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione TG MODO, e poi per selezionare il modo. Sono disponibili sei opzioni:
• S-IP — Questo modo indica che un trasduttore a singolo elemento è collegato al DMS Go. Lo strumento inizia il rilevamento
ultrasonico da un punto artificiale relativo alla serie di impulsi (IP, impulso iniziale, o "T0") e termina con l’ultimo attraversamento
per lo zero prima dell’attraversamento nella porta-A del primo fianco rilevato. Il TOF corrispondente è compensato dall’offset zero
della sonda (P-ritardo), calcolato automaticamente durante il processo di calibrazione. Il DMS Go calcola e visualizza il valore dello
spessore risultato dai dati acquisiti. Viene usato con una sonda a singolo elemento per verificare lo spessore di materiali non rivestiti,
specialmente quelli con superfici parallele e levigate.
• S-PICCO — Questo modo indica che un trasduttore a singolo elemento è collegato al DMS Go. Inizia il rilevamento ultrasonico
dall’ultimo zero crossing prima del picco in porta A e termina con l’ultimo zero crossing prima del picco eco in porta B. Il DMS Go
calcola e visualizza un valore di spessore risultante dai dati acquisiti. Viene usato con una sonda a singolo elemento per verificare lo
spessore di materiali rivestiti, specialmente quelli con superfici parallele e levigate.

60 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.2b Impostazione del modo di rilevamento ultrasonico (CONFIG - TG MODO) (segue)


• S-FIANCO — Questo modo indica che un trasduttore a singolo elemento è collegato al DMS Go. Inizia il rilevamento ultrasonico
dall’ultimo zero crossing prima del picco in porta A e termina con l’ultimo zero crossing prima del picco eco in porta B. Il DMS Go
calcola e visualizza un valore di spessore risultante dai dati acquisiti. Questo modo viene usato con una sonda a singolo elemento per
verificare lo spessore di materiali RIVESTITI, specialmente quelli con superfici parallele e levigate.
• DUAL — Questo modo indica che un trasduttore a doppio elemento è collegato al DMS Go. Lo strumento inizia il rilevamento
ultrasonico da un punto artificiale relativo alla serie di impulsi (IP, impulso iniziale, o "T0") e termina con l’ultimo attraversamento
per lo zero prima dell’attraversamento nella porta-A del primo fianco rilevato. Il TOF corrispondente è compensato dall’offset zero
della sonda (P-ritardo), calcolato automaticamente durante il processo di calibrazione. Il DMS Go calcola e visualizza il valore dello
spessore risultato dai dati acquisiti. Questo modo viene usato con una sonda a doppio elemento per verificare lo spessore della
corrosione su materiali non rivestiti, specialmente quelli con superfici curve e pareti di fondo irregolari.
• DUAL-MULTI — Questo modo indica che un trasduttore a doppio elemento è collegato al DMS Go. Inizia il rilevamento ultrasonico
dall’ultimo zero crossing prima del rilevamento del picco di eco in porta A e termina con l’ultimo zero crossing prima del picco eco
in porta B. Il DMS Go calcola e visualizza un valore di spessore risultante dai dati acquisiti. Questo modo viene usato con una sonda
a doppio elemento per verificare lo spessore di materiali rivestiti.
• TOP-COAT— Questo modo viene usato con una speciale sonda TOP-COAT per verificare lo spessore di materiali rivestiti. È particolarmente
adatto per superfici di pareti curve e irregolari incassate. (Opzionale)
• AUTO-V— Questo modo viene usato con una speciale sonda TOP-COAT per verificare lo spessore di materiali non rivestiti. Non è
necessaria la conoscenza del tipo di materiale usato e calcola la velocità senza la calibrazione su un materiale standard simile. (Opzionale)

DMS Go Manuale dell operatore 61


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.4.2b Impostazione del modo di rilevamento ultrasonico (CONFIG - TG MODO) (segue)

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al
Menu principale.

2.4.2c Impostazione del metodo di calibrazione dello spessore (SONDA&CAL - SPESS CAL)
In questa opzione, è possibile impostare la calibrazione dello spessore a uno o due punti.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione SPESS CAL, e poi per selezionare il modo. Le scelte possibili sono a 1 punto
e a 2 punti.

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale.

62 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5 Calibrazione
La calibrazione del DMS Go richiede l’impiego di un campione standard. Questo standard deve essere costituito con lo stesso materiale del
pezzo da verificare. La procedura di calibrazione varia in funzione della procedura scelta, a 1 o 2 punti, nell’opzione SPESS CAL. La scelta
della calibrazione a 1 o 2 punti dipende dai blocchi da verificare:

• 1 punto comporta l’uso di un solo blocco di prova, per il quale si inserisce o si verifica lo spessore; verranno visualizzate entrambe le
porte e la misura della distanza tra primo e secondo eco di fondo parete (BWE). Il DMS Go calcolerà e imposterà anche la velocità e il
ritardo della sonda.
Nota: Il numero delle porte (1 o 2) è indipendente dal modo CAL, ma è determinato dal modo di misurazione (1 porta per dual, 2 porte per
dual-multi). É possibile eseguire la calibrazione a 1 punto con 1 porta dal punto di inizio del primo fondo parete.

• La calibrazione a 2 punti comporta l’uso di due blocchi, o un solo blocco con due passaggi (low-cal e high-cal). L’utente inserisce o
verifica prima il punto di calibrazione inferiore, quindi il punto superiore.
La calibrazione a un punto richiede l’uso della funzione Zero Sonda; tuttavia, l’azzeramento non è necessario nella calibrazione a 2 punti.

DMS Go Manuale dell operatore 63


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.1 Calibrazione a 1 punto (SONDA&CAL - CALIBRAZIONE)


Per calibrare il DMS Go, seguire le istruzioni di questo carpitolo.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione CALIBRAZIONE. Quindi, premere il tasto funzione o spostare il joystick ( )
per Inizio.
3. Per la calibrazione a 1 punto, verificare lo spessore del pezzo/blocco di calibrazione con il valore visualizzato sul DMS Go in modo
calibrazione (se applicabile, dopo aver completato l’azzeramento sonda). Premere F2 (ENTER) per modificare manualmente il valore di
calibrazione. Se il valore del pezzo/blocco di calibrazione è corretto, accoppiare la sonda al blocco di calibrazione spessore. Lo strumento
eseguirà automaticamente la calibrazione regolando la velocità del materiale in modo da corrispondere al pezzo/blocco di calibrazione.

64 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.1a Impostazione dello Zero Sonda (SONDA&CAL - ZERO)


I valori TOF partiti da un punto artificiale relativo alla serie di impulsi (IP, impulso iniziale, o “T0”), deve essere compensato da un valore di
offset dello zero sonda per rimuovere il tempo di transito causato dalla posizione artificiale di inizio e dalle linee di ritardo sonda. Questo
valore consente regolazioni per usura irregolare della sonda e variazioni nelle linee di ritardo.

Nota: ZERO non è disponibile se il parametro MODO CONTR. specifica un tipo di misura porta-porta e multi-eco, oppure se il parametro
CAL SPESSORE è impostato su modo a 2 punti.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ZERO, e poi per selezionare il modo zero. Sono disponibili sei opzioni:
• Manuale — Questo modo usa il blocco di riferimento dello strumento con spessore e velocità del suono note per determinare il
valore di offset dello zero per il trasduttore collegato. Applicabile a trasduttori a singolo e doppio contatto e funziona in condizioni di
accoppiamento critico o superfici ruvide.
• Auto — Con questo metodo di zero si determina automaticamente il valore di offset dello zero mentre il trasduttore è attivamente
accoppiato al materiale da testare. Lo zero viene preso dall’eco di interfaccia dopo che la sonda è stata accoppiata e ha acquisito l’eco
della parete di fondo. Richiede ottime condizioni di accoppiamento e acquisizioni dati multiple per determinare il TOF dell’interfaccia
del materiale (il punto in cui l’onda sonora entra nel materiale) e il TOF al fondo del materiale (il punto in cui il suono viene riflesso dal
lato posteriore del materiale). Dato che esegue un azzeramento ogni volta che viene presa una misura, regola continuamente per
compensare le variazioni di temperatura e ritarda l’usura.

DMS Go Manuale dell operatore 65


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.1a Impostazione dello Zero Sonda (SONDA&CAL - ZERO) (segue)


• Utente — Funzionando con una sonda pulita e non accoppiata, con questo metodo si determina automaticamente l’offset zero della
sonda dalla superficie della sonda prima dell’accoppiamento, e viene eseguito l’azzeramento se l’utente lo richiede.
Successivamente, viene acquisito l’eco di fondo. Funziona anche in condizioni di accoppiamento critico o su superfici ruvide

3. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

66 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.1b Azzeramento Sonda (SONDA&CAL - ZERO SONDA)


IMPORTANTE: Questa opzione è disponibile solo se l’opzione Zero (vedere la pagina 62) nel modo di calibrazione a 1 punto è stata
impostata su Manuale o Utente.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ZERO SONDA, quindi usare il joystick ( ) per selezionare Inizio.
3. A questo punto il menu cambia.
Se nella funzione Zero è stato selezionato Manuale, verrà visualizzato un messaggio "Metti la sonda sul
Blocco
blocco di azzer.- usa accopp." Mettere la sonda sul blocco zero sul supporto del DMS Go (vedere la zero
figura a destra), applicare l’accoppiante alla sonda e fare la misura.
4. Se nell’opzione Zero è stato selezionato Utente, verrà visualizzato il messaggio "Pulire la sonda
dal’accoppiante, premi ZERO"

5. Lo strumento azzererà la sonda. Dopo aver terminato la misurazione, usare il joystick ( ) per
passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 67


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.2 Calibrazione a 2 punto (SONDA&CAL - CALIBRAZIONE)


Calibrazione a due punti

a. Il DMS Go visualizzerà "Premere ENTRA per modificare lo spessore inferiore standard di calibrazione o accoppiare allo spessore
inferiore di calibrazione". Viene visualizzato o spessore del blocco di calibrazione (invece dello spessore misurato). Se non è necessario
modificare il valore, accoppiare la sonda al blocco di calibrazione dello spessore di calibrazione inferiore. Il DMS Go è in fase di
acquisizione del valore, e al termine verrà chiesto di rimuovere la sonda.
b. Il DMS Go visualizzerà "Premere ENTRA per modificare lo spessore superiore standard di calibrazione o accoppiare allo spessore
superiore di calibrazione". Viene visualizzato o spessore del blocco di calibrazione (invece dello spessore misurato). Se non è necessario
modificare il valore, accoppiare la sonda al blocco di calibrazione dello spessore di calibrazione superiore. Il DMS Go è in fase di
acquisizione del valore, e al termine verrà chiesto di rimuovere la sonda. A questo punto premere FATTO.

6. Dopo aver terminato la procedura, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per tornare al
Menu principale.

68 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.3 Calibrazione in base alla velocità nel materiale (SONDA&CAL - VELOCITA’)


Quando non si dispone di blocchi o pezzi per la calibrazione,oppure una procedura richiede una velocità di materiale specifica da usare
durante una verifica di spessore parete con ultrasuoni, il DMS Go può essere calibrato regolando la velocità del materiale.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Spostare il joystick ( ) per visualizzare VELOCITA’, la velocità calcolata dopo la visualizzazione della calibrazione. Muovere il joystick

( ) per cambiare la velocità. Se VELOCITA’ è visualizzato in maiuscolo, vuol dire che si sta utilizzando un valore di velocità prefissato
contenuto nella tabella interna dei materiali, mentre in caratteri minuscoli indica che è stata effettuata una regolazione fine della velocità
o una calibratura per regolare la velocità.
3. Premere il tasto F3 o F4 per aprire un elenco preprogrammato di velocità nei materiali e tenere premuto per scorrere l’intero elenco.
Le regolazioni con incrementi di 1 sono effettuati con il joystick.

DMS Go Manuale dell operatore 69


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.4 Regolazione della compensazione per variazioni di temperatura (SONDA&CAL - TEMP COMP)
Eventuali variazioni della temperatura influenzano la velocità del suono dei materiali e le linee di ritardo del trasduttore, e di conseguenza le
calibrazioni. Tutte le calibrazioni devono essere eseguite in loco e con i blocchi di calibrazione alla stessa temperatura del pezzo da sottoporre
a verifica, al fine di limitare gli errori dovuti alle variazioni della temperatura. Se non è possibile riscaldare il blocco di calibrazione, una
formula per la compensazione della temperatura può servire a calcolare lo spessore del pezzo riportato a temperatura ambiente.
Compensazione di temperatura: Quando la temperatura del pezzo da misurare aumenta, la velocità degli ultrasuoni nel materiale diminuisce
lievemente. Quando ciò si verifica, lo spessore della parete risulterà maggiore rispetto a quando viene misurato a temperatura ambiente.
Per compensare questa variazione, il DMS Go può calcolare un valore di spessore corretto in base alla temperatura del pezzo da misurare
e a un fattore di compensazione.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).


2. Usare il joystick per variare la compensazione di temperatura da ABILITATO a DISABILITATO. Se la compensazione di temperatura
è ABILITATO, verranno visualizzate altre tre funzioni:
• CAL TEMP - La temperatura del blocco di calibrazione (di solito è la temperatura ambiente).
• CUR TEMP - La temperatura effettiva del materiale.
• TEMP COEF (Coefficiente di temperatura) - La variazione della velocità nel materiale per grado, da tabella utente. (un valore tipico
per l’acciaio è -0,0002 in/us/°F o -0,0000078 mm/m/°C). Il valore deve essere ottenuto dal responsabile UT (test con ultrasuoni) di
livello III o dai manuali NDT.

70 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.5.4 Correzione dei risultati di calibrazione (SONDA&CAL - TEMP COMP) (segue)


Nota: Queste funzioni consentono regolazioni grossolane o fini. Premere F3 o F4 per una regolazione grossolana (il nome in minuscolo
della funzione cambia in maiuscolo) e regolare i valori in incrementi di 100 (velocità) o 10 (temperatura). Le regolazioni con
incrementi di 1 sono effettuati con il joystick.

The DMS Go può visualizzare contemporaneamente i valori di spessore compensati e non compensati. Visualizza SPESS (valore
dello spessore non compensato) nell’area dei risultati del display. (vedere Visualizzazione dei risultati misurati
(MISURA-RISULTATI))

DMS Go Manuale dell operatore 71


Capitolo 2. Impostazione iniziale

2.6 Utilizzo dell’allarme di promemoria di calibrazione (SONDA&CAL - CAL - CAL RAMMENTA)


Il DMS Goè dotato di una funzione di allarme temporizzato che fa visualizzare un’icona ad intervalli inseriti dall’utente. Per utilizzare
questo allarme:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu SONDA&CAL usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione CAL RAMMENTA. Verrà visualizzata la finestra CONFIG RAMMENTA
CALIBRAZIONE. Inserire il modo oppure il parametro che attiverà il promemoria (TIMPO IN MINUTI, NUMERO DI LETTURE, POWER
ON, e OFF) seguito dal valore che farà scattare l’allarme. Impostando questo valore, l’allarme automaticamente si ripristina attivandosi
agli intervalli specificati. Questa funzione consente anche di disattivare l’allarme (OFF).

3. Premere il tasto funzione o muovere il joystick ( ) per cambiare l’intervallo di allarme.


4. Premere F2 (CONFERMA) per tacitare l’allarme attivato e riportarlo al normale funzionamento, o F4 (USCITA) per chiudere la finestra
senza modificare l’impostazione di allarme.
Nota: Anche la selezione della funzione VELOCITA’ resetta l’allarme.

72 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Capitolo 3. Creazione file del registratore dati


L’opzione registratore dati incorporato è uno strumento potente e flessibile per la gestione dei dati di misura di spessore a ultrasuoni.
Si possono archiviare, valutare, visualizzare e creare report su diversi tipi di dati di misura. Le funzioni del menu Registr. Dati (DR)
sono illustrate nella Figura 21 sottostante.

Figura 21: Il menu DR

DMS Go Manuale dell operatore 73


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO)


Prima che sia possibile archiviare le misurazioni, è necessario impostare un file dati. Dopo aver creato il file, è possibile acquisire misure
e inserirle nel file per analisi successive (vedere Capitolo 6).

1. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ESPLORA nel menu DR. Premere F4 (NUOVO) per creare un file nel sottomenu

DR. Spostare il joystick a destra ( ) per aprire la funzione. Il file sarà archiviato nella directory in uso selezionata nella finestra di Esplora.
2. La prima selezione è il tipo di file (Figura 22 sottostante).

Figura 22: Selezione del tipo di file

74 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)


Sono disponibili sette opzioni. (per maggiori informazioni sui tipi di file, consultare l’Appendice B).

• Lineare - File monodimensionale con valori numerici sequenziali come etichette di posizione. Spesso usato per serbatoi di camion
e applicazioni simili. Accetta fino a 99.999 punti dati in posizione sequenziale. Ciascun punto è collocato in una posizione. I parametri
utente sono Tipo di lettura (Standard — solo misurazione dello spessore o Esteso — misura dello spessore, velocità e altri valori), Punto
iniziale e Punto finale.
• GRIGLIA - File tridimensionale con griglia di coordinate per posizioni e punti numerici sequenziali. Spesso usato per serbatoi di
stoccaggio, condutture per fluidi di grande diametro e applicazioni simili. L’utente può creare un file fino a 702 righe e 702 colonne.
Ciascuna riga e ciascuna colonna insieme determinano le coordinate del punto. Fino a 9 punti per posizione, il valore di partenza per
le coordinate della griglia può essere specificato nell’intervallo ammesso. Il valore iniziale dei valori numerici sequenziali PUNTO
deve essere uno. I parametri sono Tipo di lettura (Standard — solo misurazione dello spessore o Esteso — misura dello spessore,
velocità e altri valori), Etichettatura griglia, Riga e Colonna iniziale, Riga e Colonna finale, Punto iniziale e Punto finale.
• Custom Lineare - File bidimensionale con nomi ed etichette di ogni punto numerico sequenziale di posizione definiti dall’utente.
Spesso usato per tubazioni di processo (dove le misure vengono prese a intervalli di 90° intorno alla tubazione) e applicazioni simili.
Accetta fino a 999 punti dati in ciascuna posizione. Sono consentite fino a 9.999 posizioni sequenziali. I parametri utente sono Tipo
di lettura (Standard o Esteso), Numero di posizioni, Lunghezza etichetta posizione, Punto iniziale e Punto finale.

DMS Go Manuale dell operatore 75


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)


• Custom Griglia - File tridimensionale con posizioni e coordinate dei punti definite dall’utente. Spesso usato per fondo di serbatoi,
scafi e applicazioni simili. L’utente può creare numerose griglie (fino a 999) all’interno di un file. Ogni griglia può contenere fino
a 702 righe e 702 colonne. Ciascuna riga e ciascuna colonna individuano la posizione del punto. I parametri utente sono Tipo di
lettura (Standard o Esteso), Numero di posizioni, Lunghezza etichetta posizione, Etichettatura griglia, Riga e Colonna iniziale,
Riga e Colonna finale, Punto iniziale, e Punto finale.
• Custom Punto - File bidimensionale con etichetta del punto e posizione definiti dall’utente. Spesso usato per circuiti di tubazioni
di processo, serbatoi in pressione e applicazioni simili. Accetta fino a 999 punti dati in ciascuna posizione. Sono consentite fino
a 999 posizioni. I parametri utente sono Tipo di lettura (Standard o Esteso), Numero di posizioni, Lunghezza etichetta posizione,
Punti per posizione, e Lunghezza etichetta punto.
• Boiler - File tridimensionale con nomi di posizione definiti dall’utente, etichette numeriche del tubo sequenziali e una serie fissata
(custom) di nomi del punto. Spesso usato per fasci tubieri in caldaie e applicazioni simili. Archivia fino a quattro punti dati per tubo,
fino a 999 tubi. I dati possono essere registrati fino a 9.999 zone di controllo. I parametri utente sono Tipo di lettura (Standard o
Esteso), Numero di zone di controllo, Lunghezza etichetta zona di controllo, Numero del tubo iniziale, Numero del tubo finale e
Punti per tubo.
• Copia - Consente di copiare un file selezionato in un altro.
Nota: I file custom 3D e 4D sono supportati solo come file realizzati all’esterno del sistema di creazione DMS Go.

76 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Dopo aver selezionato l’opzione, inserire i parametri associati, elencati per ciascun tipo nella Tabella 3 della pagina seguente. Al termine,
premere F2 (PROSSIMO) per continuare.

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
Punto iniziale Definisce il numero assegnato al primo punto nel file dati.
Punto finale Definisce il numero assegnato all’ultimo punto nel file dati.

File lineare Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

DMS Go Manuale dell operatore 77


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file (segue)


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
Numero di zone di Numero di zone di controllo.
controllo
Lunghezza etichetta Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascuna zona di controllo.
della zona di controllo
Punti per tubo Definisce il numero di punti da registrare per ciascun tubo.
File boiler Lunghezza etichetta Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascuna zona di controllo.
del punto
Tubo iniziale # Definisce il numero assegnato al primo tubo nel file dati.
Tubo finale # Definisce il numero assegnato all’ultimo tubo nel file dati.
Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

78 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file (segue)


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
GRIGLIA Etichetta Specifica se righe e colonne hanno etichette numeriche o alfabetiche.
Riga iniziale Definisce il numero o la lettera assegnata alla prima riga nel file dati.
Riga finale Definisce il numero o la lettera assegnata all’ultima riga nel file dati.
Colonna iniziale Definisce il numero o la lettera assegnata alla prima colonna nel file dati.
Colonna finale Definisce il numero o la lettera assegnata all’ultima colonna nel file dati.
Punto iniziale Definisce il numero assegnato al punto in ogni posizione del file dati; una posizione è una cella
File griglia della griglia
Punto finale Definisce il numero assegnato all’ultimo punto in ciascuna posizione del file dati.
Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

DMS Go Manuale dell operatore 79


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file (segue)


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
Lunghezza etichetta di Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascuna posizione.
posizione
GRIGLIA Etichetta Specifica se righe e colonne hanno etichette numeriche o alfabetiche.
Riga iniziale Definisce il numero o la lettera assegnata alla prima riga nel file dati.
Riga finale Definisce il numero o la lettera assegnata all’ultima riga nel file dati.
File custom Colonna iniziale Definisce il numero o la lettera assegnata alla prima colonna nel file dati.
griglia
Colonna finale Definisce il numero o la lettera assegnata all’ultima colonna nel file dati.
Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

80 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file (segue)


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
Numero di posizioni Numero di posizioni
Lunghezza etichetta di Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascuna posizione.
posizione
Punto iniziale Definisce il numero assegnato al primo punto nel file dati.
Punto finale Definisce il numero assegnato all’ultimo punto nel file dati.
File custom Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
lineare file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

DMS Go Manuale dell operatore 81


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

Tabella 3: Elementi da definire per ciascun tipo di file (segue)


Tipo Lettura Impostare il tipo di file su Standard (raccomandato) o Esteso.
Numero di posizioni Numero di posizioni
Lunghezza etichetta di Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascuna posizione.
posizione
Punti per posizione Definisce il numero di punti assegnati a ciascuna posizione nel file.
File custom Lunghezza etichetta Imposta la lunghezza massima dell’etichetta di identificazione di ciascun punto.
punto del punto
Nome file 16 caratteri per il nome file, impostato con la tastiera virtuale. Nella memoria del DMS Go due
file non possono avere lo stesso nome.
Unità Seleziona pollici o millimetri come unità di misura.
T-MIN Definisce il limite per lo spessore minimo. Un valore inferiore a questo limite genera un allarme.
T-MAX Definisce il limite per lo spessore massimo. Un valore superiore a questo limite genera un allarme.

Nota: Impostando il tipo di lettura su "esteso", verranno archiviate informazioni aggiuntive insieme alla misura di spessore, incluso: data
e ora della lettura, data e ora dell’ultima calibrazione, modo di misurazione, correzione, tipo di sonda, velocità e guadagno. Dopo
l’archiviazione, le informazioni aggiuntive saranno accessibili solo con l’impiego di UltraMATE®.

82 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)

3. Sul DMS Go verrà aperta una finestra tastiera per inserire il Nome file. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per scegliere il

primo carattere del nome file da inserire. Premere il pulsante centrale del joystick ( ) per inserire il carattere. Quindi, spostare il

joystick a destra o sinistra ( ) per spostare il cursore sulla posizione per inserire un altro carattere. (premere il tasto BKSP per
eliminare un carattere) Ripetere la procedura fino ad inserire il nome completo.
4. Al termine, premere F2 (PROSSIMO) per continuare. L’opzione elenca i parametri di descrizione da inserire nell’intestazione del file:
• Sonda
• Calibrazione
• Unità
• Ditta
• Ispettore
• Descrizione (quattro linee)
• Temp

DMS Go Manuale dell operatore 83


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)


• T-Min
• T-Max
• Promemoria

Per ogni funzione che richiede dati alfanumerici, evidenziare la funzione e spostare il joystick a destra ( ). Verrà visualizzata una finestra

tastiera. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per scegliere il primo carattere. Premere F2 (ENTRA) o il pulsante centrale del

joystick ( ) per inserire il carattere. Quindi, spostare il joystick a destra o sinistra ( ) per spostare il cursore sulla posizione per
inserire un altro carattere. Ripetere la procedura fino al completo inserimento dei dati.
5. Per i file boiler e custom, i passi rimanenti consentono di aggiungere etichette custom a ciascuna zona di controllo. Le opzioni per
l’etichetta sono:
• Testo prefisso
• Inizio numerico
• Incremento da
• Testo suffisso
6. Premere F2 per indicare che il file è FATTO, o F4 per USCITA.

84 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.1 Creazione di un file dati (DR - ESPLORA - NUOVO) (segue)


Nota: Se si misurano tubi dotati di nervature e si registrano i dati nel file Boiler, è possibile inserire automaticamente "OBSTR" in una
determinata serie di posizioni centrali C. Impostare il file con l’opzione "Punti sul tubo" su "L, C, R" (sinistra, centro, destra). In una
specifica posizione centrale (c), premere F3 (OBSTR). La schermata è simile a quella riportata nella figura Figura 23 sottostante.
Inserire il numero del tubo finale per l’ultima posizione centrale per contenere OBSTR. Il DMS Go quindi inserirà OBSTR nelle
posizioni centrali indicate. L’utente può quindi allegare il commento "CON NERVATURE" su tutte le posizioni ostruite.

Figura 23: Opzione di impostazione OBSTR

DMS Go Manuale dell operatore 85


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.2 Creazione di Master Comment per aggiunta a un file (DR - MASTER CMT)
Prima di creare nuovi file DR, si dovrebbe costruire una Lista Commenti Prioritaria. Questo è un elenco di osservazioni da applicare a tutti
i file prodotti.

1. Nel sottomenu DR, usare il joystick ( ) per selezionare e aprire la funzione MASTER CMT. Verrà aperta la finestra con tastiera
mostrata nella Figura 24 sottostante.

Figura 24: Finestra Master Comment

86 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.2 Creazione di Master Comment per aggiunta a un file (DR - MASTER CMT) (segue)

2. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per scegliere il primo carattere. Premere F2 (ENTRA) per inserire il carattere. Quindi,

spostare il joystick a destra o sinistra ( ) per spostare il cursore sulla posizione per inserire un altro carattere. Ripetere la procedura
fino al completo inserimento dei dati. op aver inserito il commento, premere F4 (CONFERMA) per confermare l’inserimento.
3. Premere F1 (USCITA) per uscire dalla funzione.

È possibile modificare la LISTA COMMENTI PRIORITARIA in qualsiasi momento. Successivamente, quando si lavora con uno specifico
file dati, si potrà usare l’elenco Lista Commenti Prioritaria come base per un File Lista Commenti Attiva aggiunto a uno specifico file.

DMS Go Manuale dell operatore 87


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.3 Impostazione del misuratore su Sovrascrivi dati (CONFIG-SOVRASCRIVI)


Se è stato creato un file DR e si desidera sovrascrivere i dati in una specifica posizione nel file, verrà chiesto di confermare. Tuttavia, se la
funzione SOVRASCRIVI è abilitata, lo strumento sovrascriverà automaticamente i dati senza chiedere conferma.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu CONFIG usando il joystick ( ). Sullo schermo saranno visualizzate diverse funzioni.

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione SOVRASCRIVI.

3. Per abilitare (ON) o disabilitare (OFF) la funzione SOVRASCRIVI, muovere il joystick ( ).

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

88 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.4 Accesso al file di registrazione dati

Nel menu PRINCIPALE, usare il joystick ( ) per attivare il sottomenu DR (vedere la Figura 21 a pagina 73. Quindi, procedere creando un
nuovo nome per il file o selezionando il nome di un file esistente.

3.4.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA)

1. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ESPLORA nel sottomenu DR e muoverlo a destra o sinistra per attivare la funzione.
2. Verrà visualizzata una finestra con l’elenco dei file disponibili sulla scheda SD installata. Spostare il joystick verso l’alto o il basso

( ) per selezionare il nome del file desiderato dall’elenco dei file sulla scheda SD, e premere il pulsante centrale ( ) per
confermare la selezione.

3. Verrà chiesto se mostrare le proprietà del file. Spostare il joystick per selezionare SI o NO, quindi premere il pulsante centrale ( ) per
confermare la selezione. Se si seleziona SI, andare a pagina 118 per la spiegazione dell’opzione Proprietà.
4. Premere F1 (USCITA) per uscire dalla funzione. Premere F1 (CASA) per tornare al menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 89


Capitolo 3. Creazione file del registratore dati

3.5 Effettuare e registrare le misure


Dopo aver aperto il file dati e configurato il DMS Go, è possibile acquisire e registrare le misurazioni.

1. Applicare l’accoppiante al materiale da misurare, quindi posizionare lentamente (ma con decisione) la superficie di contatto della sonda
sulla superficie coperta dall’accoppiante. Usare la minima quantità di accoppiante sufficiente per ottenere una lettura rapida e stabile
dello spessore.
2. Dopo aver acquisito una lettura, premere F2 (INVIA) per inviare la lettura alla posizione dei dati.
3. Ripetere i passi 1 e 2 per ogni lettura da effettuare.

90 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati


Questo capitolo illustrerà come misurare gli spessori e archiviare le misure in file dati creati come visto nel Capitolo 3 a cui si rimanda per
archiviare i dati di misura anche se non è stato ancora creato un file dati.

4.1 Impostazione delle misure


4.1.1 Posizionamento della Porta A e Porta B.
La determinazione della posizione e delle caratteristiche delle porte A e B rappresenta il primo passo ai fini della configurazione dello
strumento per la misurazione dello spessore. Per impostare la posizione verticale e orizzontale della Porta A e della Porta B è consigliabile
attenersi alla procedure riportate di seguito.

• Le eco di A-Scan sul lato destro del display rappresentano le caratteristiche che si verificano a una profondità maggiore dalla superficie
del materiale sottoposto a verifica rispetto a quelle del lato sinistro del display. Pertanto, se si sposta una soglia verso destra, questa
esaminerà una porzione più profonda del materiale sottoposto a verifica.
• Una porta più larga vuol dire valutare una porzione più spessa del materiale sottoposto a verifica.
• Se si aumenta l’altezza verticale di una porta, chiamata soglia, essa verrà attraversata soltanto dai segnali riflessi che hanno un’ampiezza
sufficientemente larga.
Ciascuna sonda selezionata presenta impostazioni di porta predefinite adatte per molte applicazioni. Se gli echi non vengono misurati
correttamente, l’operatore può regolare il gating per assicurarsi che il DMS Go misuri gli echi appropriati. Per configurare i parametri
di gate, procedere alla sezione attinente:

DMS Go Manuale dell operatore 91


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1.1a Impostazione del punto d’inizio di una porta (PORTA-INIZIO PORTA A o PORTA B)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu PORTA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione INIZIO PORTA A (o INIZIO PORTA B).

3. Per modificare il punto iniziale della porta, muovere il joystick ( ) o premere F3 e F4.
Se si aumenta e diminuisce il valore del punto di inizio, la porta viene spostata rispettivamente verso destra e verso sinistra. Il punto di
partenza della porta rimane quello impostato anche se si effettuano regolazioni alla larghezza.
Nota: Le funzioni INIZIO PORTA A e INIZIO PORTA B consentono regolazioni ampie o fini. Le regolazioni ampie (incrementi di 0,05, 0,06
o 0,100) vengono fatte con il tasto funzione, mentre le regolazioni fini (0,001 pollici) con il joystick. Quando il nome della funzione viene
visualizzato in lettere maiuscole, vuol dire che la regolazione non è fine, altrimenti le lettere verranno visualizzate in caratteri minuscoli.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al menu principale.

92 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1.1b Impostazione della larghezza di una porta (PORTA - LARGH. PORTA A o LARGH. PORTA B)
La regolazione della larghezza della porta A potrebbe essere necessario nei modi multi-eco in quanto l’ampiezza dell’impulso sonoro di
ritorno (eco della parete di fondo) potrebbe essere troppo bassa per innescare la lettura della misura. La regolazione della larghezza della
porta B consente di controllare il segnale che deve attraversare la porta B e innescare una misura di spessore.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu PORTA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione LARGH. PORTA A (o LARGH. PORTA B).

3. Per modificare la larghezza della porta, muovere il joystick ( ) o premere il tasto funzione.
Nota: Le funzioni LARGH. PORTA A e LARGH. PORTA B possono essere regolate in modo ampio o fine. Le regolazioni ampie (incrementi
di 1,5 o 10 pollici) vengono fatte con il tasto funzione, mentre le regolazioni fini (0,001 pollici) con il joystick. Quando il nome della
funzione viene visualizzato in lettere maiuscole, vuol dire che la regolazione non è fine, altrimenti le lettere verranno visualizzate in
caratteri minuscoli.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 93


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1.1c Impostazione della soglia della porta (posizione verticale) (PORTA - PORTA A THR. o B THR.)

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu PORTA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione PORTA A THR. (o PORTA B THR.).

3. Per modificare l’altezza della porta, muovere il joystick ( ) o premere il tasto funzione. Aumentando o diminuendo il valore della
soglia, la porta viene spostata rispettivamente verso l’alto e verso il basso.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione.

Nota: Quando RETTIFICA è RF, sono disponibili valori di soglia negativi. Quando invece è impostato su POS, NEG o TUTTO, la soglia della
porta passa ai rispettivi valori positivi per un periodo di tempo limitato. Tuttavia, quando si riporta RETTIFICA su RF, è possibile
ristabilire nuovamente le posizioni negative per SOGLIA PORTA.
Porta B non è disponibile in modo permanente; è disponibile in TG MODO, S-PICCO, S-FIANCO per sonde a singolo elemento,
e in DUAL MULTI per alcune sonde a doppio elemento.

94 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1.2 Selezione del metodo di misurazione (MISURA - MODO)


Il DMS Go può eseguire misure di spessore e controllo di corrosione in cinque modi:
• A-Scan - Visualizza in quale modo l’ampiezza dell’eco viene mostrata sull’asse y e il tempo di trasmissione (mostrato anche senza eco)
e la durata dell’impulso sull’asse x. Fornisce una visualizzazione grafica degli echi usati per misurare lo spessore.
• B-Scan - Grafico bidimensionale in cui la durata dell’impulso viene mostrata sull’asse verticale e lo spostamento del traduttore sull’asse
orizzontale.
Se si seleziona B-Scan, il menu MISURA presenta due opzioni aggiuntive:
• TIMEOUT - Il tempo che passa tra il disaccoppiamento della sonda dal DMS Go e l’arresto dello B-scan. (durante il periodo di
timeout, l’icona della batteria nell’angolo in alto a destra appare gialla) Il modo B-scan consente di mappare lo spessore del profilo
del materiale da verificare in un periodo di tempo. La procedura di mappatura dello spessore potrebbe essere brevemente interrotta
durante tale periodo. La massima durata dell’interruzione nell’acquisizione dei dati è controllata dalla funzione TIMEOUT, e può
essere impostata da 0 a 15 secondi.
• TEMPO — La durata di un B-scan (compresa tra 7 e 30 secondi). Usare il joystick per regolare questi parametri.
• Min/Max - Visualizzazione dei valori minimo e massimo. Questo modo si basa su una sequenza di letture. Sulla sinistra dello schermo
viene sempre mostrato il valore minimo della sequenza, a destra il valore massimo. Il valore visualizzato in grande al centro è il valore
corrente. Se la sonda viene disaccoppiata per alcuni secondi, la sequenza viene terminata. Quando si rientra nella funzione Min/Max,
il DMS Go avvia una nuova sequenza. Questo modo aiuta a determinare la stabilità delle letture o la deviazione totale dello spessore del
pezzo durante la scansione.

DMS Go Manuale dell operatore 95


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1 Selezione del metodo di misurazione (MISURA - MODO) (segue)


• Diff - Visualizzazione dei valori differenziali. DIFF mostra la differenza rispetto a un valore NOMINALE (mostrato sotto alla funzione)
come valore assoluto o percentuale rispetto al NOMINALE. Positiva vuol dire "Maggiore del", Negativa vuol dire "Minore del"
NOMINALE assoluto o relativo in percentuale. Ad esempio, per un tubo di spessore NOMINALE di 5,00 mm, una misura di 4,50 mm
viene indicato come -0,50 mm e variazione del 10%. Il simbolo delta indica la differenza.
Nota: Usare i tasti F3 3 F4 per entrare nell’opzione NOMINALE, e per inserire i valori in incrementi di 10. Usare il joystick per inserire
i valori in incrementi di 1.
• Spessore - Lo spessore attualmente misurato (se la sonda è accoppiata) o l’ultimo valore di spessore valido misurato. Le cifre
visualizzate saranno di tipo "pieno" se la sonda è accoppiata, "vuote" o sostituite da una serie di trattini se la sonda è disaccoppiata.
La funzione Ultima Lettura imposta l’aspetto con sonda non accoppiata.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu MISURA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione MODO.

3. Per modificare il modo, muovere il joystick ( ) o premere il tasto funzione.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

96 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.1.1 Impostazione di un Trasduttore a doppio elemento (MISURA - DUAL-MULTI)


Nota: Questa funzione non appare se è collegata una sonda a singolo elemento.

Il modo Dual Multi è disponibile quando un trasduttore a doppio elemento è collegato al DMS Go. Inizia il rilevamento ultrasonico
dall’ultimo zero crossing prima del rilevamento del picco di eco in porta A e termina con lo zero crossing prima del picco eco in porta B.
Il DMS Go calcola e visualizza un valore di spessore risultante dai dati acquisiti. Questo modo, a volte denominato “Thru-Coating", viene
sempre usato con una sonda a doppio elemento per verificare lo spessore di materiali verniciati o rivestiti. Dal materiale di base, la sonda
misura tra due echi di parete di fondo. Se è stato montato un trasduttore a doppio elemento al DMS Go, impostare questa opzione su ON.

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu MISURA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione DUAL-MULTI.

3. Usare il joystick ( ) per abilitare (ON) o disabilitare (OFF) il modo DUAL-MULTI.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere HOME per tornare al
menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 97


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2 Regolazione del display


Per configurare il display del DMS Go, seguire le istruzioni di questo carpitolo.

4.2.1 Impostazione del valore "mostra dimens." sul display (MISURA - MOSTRA DIMENS.)
Mostra dimens. inizia al termine di Mostra ritardo. Rappresenta la parte visibile della traccia audio in pollici o millimetri, e deve contenere
tutti gli echi di interesse, o una sottosezione per visualizzazioni più dettagliate. Se la dimensione sullo strumento deve essere modificata,
completare i passi alla pagina seguente.

Nota: Mostra dimens. è presente quando viene selezionata una sonda. Rappresenta lo spessore standard per la sonda selezionata e può
essere modificata se necessario.

98 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.1 Impostazione del valore "mostra dimens." sul display (MISURA - MOSTRA DIMENS.) (segue)

Figura 25: Effetti della regolazione di mostra dimens.

Per impostare mostra dimens.:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu MISURA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione MOSTRA DIMENS.

DMS Go Manuale dell operatore 99


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.1 Impostazione del valore "mostra dimens." sul display (MISURA - MOSTRA DIMENS.) (segue)

3. Premere F3 o F4 per cambiare il ritardo del display in incrementi di 5 o 10 pollici (50 o 75 mm), oppure muovere il joystick ( )
per cambiare con incrementi di 0,001 pollici (0,01 mm). Sono consentiti valori da 0,040 a 1.100 pollici.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

100 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.2 Impostazione del valore Mostra ritardo (MISURA - MOSTRA RITARDO)


Mostra ritardo rappresenta il tempo di transito tra l’istante iniziale (T0) dell’impulso di trasmissione e l’estremità sinistra dell’area A-scan.
Con un valore nullo, l’impulso di trasmissione sarà sempre visibile all’estremità sinistra dell’area A-scan. Questo parametro è usato con
mostra dimens. per allineare gli echi A-scan sul display. Per impostare il ritardo del display:

1. Nel menu PRINCIPALE, scorrere fino al sottomenu MISURA usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione MOSTRA RITARDO.

3. Premere i tasti Funzione 3 o 4 per cambiare il valore di Mostra ritardo in incrementi di 2,5µs oppure muovere il joystick ( ) per
cambiare con incrementi di 0,001µs. Quando si cambia il valore, gli echi visualizzati si spostano verso sinistra o verso destra.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 101


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.3 Impostazione del valore FREEZE (MISURA - FREEZE)


Il Freezing del display A-scan consente di valutare con maggiore precisione la misurazione e/o regolare l’intervallo A-scan e le porte. Per eseguire
il FREEZE del display, si può programmare il tasto F4 (vedere pagina 51). Quindi, appena il display è attivo, premendo il tasto funzione si
ottiene il freezing del display. Il display attivo rimane quello che era al momento della pressione del tasto e la visualizzazione rimane sospesa
fino a quando viene premuto una seconda volta. Quando la visualizzazione è sospesa, le letture visualizzate si basano sugli echi sospesi.

1. Nel sottomenu MISURA, attivare l’opzione FREEZE usando il joystick ( ).

2. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per abilitare la sospensione (On). Lo schermo si blocca sulla misura corrente e un simbolo

di sospensione verrà visualizzato sotto al tasto funzione sullo schermo. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per disabilitare
la sospensione (Off).

3. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

102 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.4 Impostazione del MODO GAIN MAX (MISURA - MODO GAIN MAX)
Il DMS Go opera sempre in modo AGC (Automatic Gain Control, controllo automatico del guadagno): il guadagno viene regolato
automaticamente dallo strumento per ottenere l’eco a 4 dB al di sopra della soglia della porta. MODO GAIN MAX è usato per selezionare
il guadagno massimo usato dalla funzione AGC:
• ALTO: il guadagno max è limitato a un valore alto (diverso per ogni sonda) prestabilito (adatto per materiali come l’acciaio inossidabile)
• BASSO: il guadagno max è limitato a un valore basso (diverso per ogni sonda) prestabilito (adatto per materiali meno attenuanti come l’alluminio)
• AUTO: lo strumento seleziona automaticamente il valore prestabilito ALTO o BASSO in base alla velocità del materiale (il passaggio tra
ALTO e BASSO è fissato a 6248400 mm/s = 246000 in/s per differenziare tra acciaio e alluminio).
• MANUALE: il guadagno max è limitato al valore impostato nel campo "max guadagno" (vedere pagina seguente).
Per determinare se il valore di guadagno deve essere alto o basso, effettuare le seguenti operazioni:

1. Nel menu MISURA, attivare il sottomenu MODO GAIN MAX usando il joystick ( ).

2. Spostare il joystick a sinistra o destra ( ) per selezionare AUTO, ALTO, BASSO o MANUALE.

3. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere F1 (CASA) per tornare al
menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 103


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.4a Impostazione del max guadagno (MISURA - max guadagno)


Nota: Questa funzione è disponibile solo se la funzione MODO GAIN MAX è stata impostata su MANUALE.

Quando si regola il max guadagno, ad ogni pressione del joystick il livello di guadagno aumenta o diminuisce. Per inserire uno step di
guadagno specificato dall’utente, effettuare le seguenti operazioni:

1. Nel menu MISURA, attivare il sottomenu max guadagno usando il joystick ( ).

2. Premere il tasto F3 o F4 per cambiare il max guadagno in incrementi o spostare il joystick ( ) per cambiare il max guadagno in
incrementi o decrementi di 0,1 dB.

3. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

104 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.5 Impostazione degli allarmi di porta


Le impostazioni di allarme consentono di indicare i valori delle letture di spessore del materiale al di sopra o al di sotto delle quali lo
strumento emetterà un allarme. Il valore di spessore a cui un allarme visualizzerà le variazioni tra un’applicazione in prova e un’altra,
ogni volta che le dimensioni accettabili del materiale cambiano.

Nota: Appena un file dati viene salvato, i valori di allarme MIN e MAX usati nella registrazione dei dati diventeranno effettivi ogni volta
che il file dati viene riattivato.

È possibile impostare l’allarme per lo spessore massimo o minimo. Se il valore scende al di sotto del minimo o supera il massimo, il valore
visualizzato sullo schermo lampeggia in rosso e l’icona Allarme lampeggia nella barra delle icone in alto a sinistra (Figura 26 sottostante).

Figura 26: Schermo con allarme in corso

DMS Go Manuale dell operatore 105


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.5a Impostazione degli allarmi (ALLARME - MIN, MAX)


Ogni allarme di porta può essere innescato da un valore minimo o massimo.

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu ALLARME usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione MIN o MAX.

3. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per abilitare o disabilitare l’allarme (On o Off).

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

106 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.2.5b Impostazione dei parametri di allarme (ALLARMI - ALLARME MIN, ALLARME MAX)
Nota: Queste funzioni verranno visualizzate solo se le funzioni MIN e MAX sono state attivate (ON).

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu ALLARME usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione MIN ALLARME o MAX ALLARME.

3. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per inserire il valore di allarme in incrementi di 0,001.

4. Al termine, spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al
menu principale.

Dopo aver impostato l’allarme, se il valore scende al di sotto del minimo o supera il massimo, il valore visualizzato sullo schermo

lampeggia in rosso e l’icona Allarme lampeggia nella barra delle icone in alto a sinistra.

DMS Go Manuale dell operatore 107


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.3 Visualizzazione dei risultati misurati (MISURA-RISULTATI)


Lo strumento è in grado di visualizzare contemporaneamente fino a sei letture misurate. Le letture visualizzate sono selezionabili mediante
il sottomenu RISULTATI. Di seguito sono riportati i parametri disponibili per la visualizzazione (la disponibilità dipende dalla configurazione
dello strumento e dal modo di valutazione):

• LOC - Posizione di lettura (ad esempio A1 o B2)


• GUADAGNO - Il valore del guadagno impostato dal DMS Go
• Guadagno M - Valore massimo del guadagno inserito dall’operatore nel menu Misura.
• TEMP - L’attuale temperatura del materiale, inserita dall’operatore nel menu Sonda & Cal.
• THK - Spessore del materiale misurato dal DMS Go (non compensato con la temperatura)
• T-THK - Spessore del materiale compensato, o spessore del materiale misurato dal DMS Go e compensato con la temperatura
• P-DLY - Il ritardo della sonda, ovvero il tempo da quando il DMS Go genera un impulso e il tempo che questo lascia la sonda e entra nel
materiale (o il tempo impiegato ad attraversare la sonda, di solito misurato in millisecondi)
• C-THK - Spessore del rivestimento in modo TopCOAT.
• OFF

108 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

4.3 Visualizzazione dei risultati misurati (MISURA-RISULTATI) (segue)


Le letture rilevate possono venire visualizzate in alto sullo schermo in sei piccole caselle di lettura e una casella grande. Per impostare
la configurazione della casella di lettura:

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu RISULTATI usando il joystick ( ).


2. Nel sottomenu RISULTATI, accedere e impostare le funzioni da LETTURA 1 a LETTURA 6 per selezionare i risultati desiderati da visualizzare.
Nota: In alcune configurazioni, il DMS Go può visualizzare solo quattro voci, come mostrato in figura Figura 27.

Figura 27: Esempi di letture

Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per uscire da questa funzione, oppure premere CASA per tornare al menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 109


Capitolo 4. Misurazione e registrazione dati

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

110 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 5. Uso dei file dei parametri

Capitolo 5. Uso dei file dei parametri


Le impostazioni correntiDMS Go, che includono la maggior parte delle impostazioni funzionali, possono essere memorizzate come file
di parametri. Quando un file di parametri memorizzato viene richiamato in un secondo tempo, tutte le impostazioni delle funzioni attive
vengono modificate per corrispondere a quelle contenute nel file. Una volta che è stato caricato un set di dati, è possibile modificare le
nuove impostazioni attive relative alle funzioni, se lo si desidera, e salvate per l’utilizzo successivo. Il menu PARAM consente agli utenti
di selezionare, salvare e ricaricare fino a venti set di parametri per lo spessimetro con le immagini A-scan corrispondenti. Quando viene
salvato un set di parametri selezionando SALVA P-SET, le impostazioni di tutti i parametri (tranne le preferenze utente elencate di seguito)
vengono conservate. L’utente può quindi applicare questo set di impostazioni dei parametri (in genere associate alle specifiche applicazioni
come serbatoi o tubi di raffreddamento) a un file di dati selezionando CARICA P-SET.
Quando viene caricato un P-SET o applicato a un nuovo file dati, le impostazioni correnti dello strumento vengono automaticamente
sostituite dalle impostazioni memorizzate e viene visualizzata l’immagine A-scan memorizzata. Queste impostazioni possono quindi essere
regolate come necessario. Il P-SET salvato non può essere modificato. Se si desidera modifsicare un P-SET esistente, innanzitutto apportare
le modifiche, cancellare il P-SET esistente, come descritto di seguito e salvare le nuove impostazioni dei parametri usando lo stesso nome
di P-SET. Questa funzione offre i due seguenti vantaggi principali:
1. Memorizzare e richiamare le impostazioni di calibrazione fa risparmiare tempo, assicura la congruenza dei dati e riduce al minimo gli errori di
calibrazione. Il trasferimento di impostazioni a e da computer consente inoltre di risparmiare tempo e di memorizzare configurazioni identiche
in strumenti multipli.
2. Immagini A-scan e set di parametri associati a specifiche applicazioni, come condizioni di vaiolatura o di sottigliezza delle pareti possono essere
salvate in un formato consistente e richiamate, stampate o trasferite a un computer per documentazione e analisi in un secondo momento.
Tutte le impostazioni (inclusa l’A-Scan corrente) vengono salvate tranne le preferenze utente: lingua, radice, luminosità, colore dello
schermo, orientamento, blocco zero e blocco di riferimento.

DMS Go Manuale dell operatore 111


Capitolo 5. Uso dei file dei parametri

5.1 Caricamento di un file di PARAM memorizzato (PARAM-LOAD P-SET)


Per caricare un file di parametri selezionato:

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu PARAM usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione CARICA P-SET e spostare il joystick ( ) per attivare la funzione.

3. Viene visualizzata la finestra Elenco set di parametri. Spostare il joystick verso l’alto o il basso ( ) per selezionare il file
desiderato e premere F2 (INVIO) per caricarlo.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare al
Menu principale.

Dopo aver richiamato un file di set di dati, è possibile quindi modificare le impostazioni dello strumento, ma queste modifiche riguardano
solo il file del set dati memorizzato se le nuove impostazioni vengono memorizzate con lo stesso nome file del file del set di dati originali.
Per cancellare un P-SET memorizzato, premere F3 (ELIMINA). Premere F2 (Sì) per confermare l’eliminazione.

Nota: I file con i set di parametri del DMS Go sono riconoscibili dall’estensione “.DGO”.

112 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 5. Uso dei file dei parametri

5.2 Salvataggio di un nuovo file PARAM (PARAM-SALVA P-SET)


Per salvare un file di parametri caricato:

1. Nel menu PRINCIPALE, attivare il sottomenu PARAM usando il joystick ( ).

2. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione SALVA P-SET e spostare il joystick a destra o sinistra per attivare la funzione.

3. Viene visualizzata la finestra Param Set File Nome. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per scegliere il primo carattere del

nome file da inserire. Premere F2 (ENTRA) o il pulsante centrale del joystick ( ) per inserire il carattere. Quindi, spostare il joystick

a destra o sinistra ( ) per spostare il cursore sulla posizione per inserire un altro carattere. Ripetere la procedura fino ad inserire il nome
completo. Premere F4 (CONFERMA) per salvare il file.

4. Dopo aver effettuato la propria scelta, usare il joystick ( ) per passare a un’altra funzione oppure premere CASA per ritornare
al Menu principale.

DMS Go Manuale dell operatore 113


Capitolo 5. Uso dei file dei parametri

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

114 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati


Il DMS Go è uno strumento per la misurazione degli spessori dotato di una sofisticata capacità di registrazione dati. Consente all’operatore
di salvare e organizzare tutti i dati delle misure di spessore (con commenti, immagini A-scan, B-scan dei profili delle sezioni, Micro-griglie,
e altre informazioni) in file dati per editing, analisi e esportazione su PC attraverso la scheda SD o la porta USB.

6.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA)

1. Usare il joystick ( ) per selezionare la funzione ESPLORA nel menu DR. Spostare il joystick a destra ( ) per aprire la
funzione. Se sono stati creati i file, il display è come illustrato in Figura 28 della pagina seguente.

DMS Go Manuale dell operatore 115


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA) (segue)

Figura 28: Opzione Esplora (con file creati)

Usare il joystick per selezionare il file, premere F2 o il pulsante centrale ( ) per confermare la selezione. Verrà visualizzato il messaggio
"AVVISO Mostrare le proprietà del file?" Spostare il joystick per rispondere SI, verrà aperta la funzione PROPRIETA’ (Figura 29 a pagina 118)

116 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.1 Selezione di un file dati (DR - ESPLORA) (segue)


Per selezionare un secondo file, scorrere al file e premere ENTRA per confermare la selezione. Lo strumento chiude il primo file e apre il secondo.
Nota: È possibile aprire solo un file per volta.
Per eliminare un file, scorrere fino al file e premere F3 (CANCELLA). Verrà chiesto di confermare. Premere F2 o il pulsante centrale SI.
Per uscire dalla funzione Esplora, premere F4 (USCITA). Notare che il file aperto in uso resta sul display.

6.2 Visualizzazione del file del registratore dati in un elenco o formato da esportare (DR - VISTA)
Per visualizzare il file DR selezionato, procedere come segue:

Per impostare un formato di visualizzazione, usare il joystick ( ) per selezionare la funzione VISTA nel sottomenu DR. Le scelte

possibili sono tre: Off, Lista e Spread. Spostare il joystick a destra o sinistra ( ) per scorrere fino alla selezione desiderata:

• Lista mostra il file per posizione, valore, commenti e segnalazione in un formato mono dimensionale.
• Spread mostra il file per posizione e punti dati (vedere la Figura 29 a pagina seguente). Il formato di visualizzazione viene mantenuto.
• Off chiude completamente il file.

DMS Go Manuale dell operatore 117


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3 Uso dei file del registratore dati esistenti (DR - PROPRIETA’)
Nota: Prima di poter usare la funzione, si deve creare e/o selezionare un file nell’opzione Esplora.

L'opzione Proprietà consente di immettere (e per alcuni parametri anche di modificare) i dati in un determinato file.

1. Nel sottomenu DR, usare il joystick ( ) per selezionare e aprire la funzione PROPRIETA’. Quando viene visualizzato il file DR,
il nome del file è indicato in alto sulla griglia e il display è come illustrato nella Figura 29 sottostante. I parametri elencati varieranno
con il tipo di file creato.

Figura 29: Opzione Proprietà

118 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3 Uso dei file del registratore dati esistenti (DR - PROPRIETA’) (segue)
2. Sono disponibili quattro parametri: Registra, Stati, 1° in lista, Modifica e Comment.
• Registra elenca i dati per posizione, valore, tipo di allegato, funzione invio, anticipo tempo, 1st anticipo by e Dir, e Auto Reverse.
(con il joystick, è possibile modificare posizione, funzione invio, anticipo tempo e direzione)
• Stati elenca i dati come letture, punti vuoti, punti ostruiti, letture minime, # min di punti, punti T-min, letture max, # punti max, punti
T-max, A-scan, B-scan, punti M-griglia, intervallo, media e deviazione standard. (questi dati non sono modificabili)
• 1° in lista contiene altre informazioni: tipo file, data modifica, riga iniziale e finale, colonna iniziale e finale, punto iniziale e finale,
descrizione (quattro linee), numero di serie, sonda, calibrazione, temperatura, ispettore, cliente, unità, velocità, T-min e T-max, perdite
assolute e #, aumento assoluto e %, e memo. (è possibile modificare i dati relativi a descrizione, la temperatura, l’ispettore, il cliente e il
memo) Usare il joystick per entrare nell’opzione. Quindi, nella finestra alfanumerica, selezionare ciascun carattere e premere F2 (ENTRA)
per confermare la selezione. Premere F3 (BKSP) per cancellare i caratteri, o F4 (CONFERMA) per confermare il completo inserimento.
• MODIFICA consente di inserire, allegare o eliminare la posizione dei file. Usare i tasti F1, F2 o F3 per inserire, aggiungere o eliminare
le posizioni, poi il tasto F4 per confermare.
• Comment consente di inserire o modificare i commenti da A a P per ciascun singolo file nel File Lista Commenti (Vedere pagina 129.)

DMS Go Manuale dell operatore 119


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3 Uso dei file del registratore dati esistenti (DR - PROPRIETA’) (segue)
Dopo che le misure di spessore vengono archiviate nei file dati, l’utente può localizzare rapidamente specifici punti all’interno di un file
o specifici valori per tutti i parametri dei file. Ad esempio, gli utenti possono indicare un valore in una specifica posizione della griglia,
controllare i valori minimo e massimo e t. Questa sezione descrive come usare il sottomenu Proprietà per esaminare e modificare i file.

6.3.1 Spostamento su un punto dati specifico (DR-PROPRIETA’-REGISTR.)


Nota: Per usare questa funzione, si deve creare un file bidimensionale contenente righe e colonne. Un file LINEARE contiene solo POSIZIONI!
Nota: Le caratteristiche descritte sono disponibili solo in VISTA modo LISTA.
Nel sottomenu REGISTR., è possibile accedere direttamente alla posizione riga e colonna specifica del file in uso.

1. Assicurarsi che il sottomenu REGISTR. sia evidenziato nella funzione PROPRIETA’ (vedere la Figura 29 a pagina 118).

2. Con il joystick ( ), passare alla RIGA inserita. Utilizzando il joystick ( ), scorrere fino alla selezione desiderata.

3. Scorrere in basso fino alla COLONNA inserita. Utilizzando il joystick ( ), scorrere fino alla selezione desiderata.
Una sottolineatura rossa evidenzia il valore selezionato a quel dato punto nel file. L’inserimento successivo (Valore) mostra anche il valore
selezionato, e Allegato Tipo descrive eventuali allegati inseriti nel punto. Se è stato selezionato un file contenente A-scan, premendo il
joystick orizzontalmente verrà visualizzato l’A-scan archiviato.

120 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.2 Modifica di un dato inserito (DR-PROPRIETA’-REGISTR.)


Nel sottomenu REGISTR., è possibile anche modificare il modo in cui vengono inseriti i dati nei file. Quando si opera nel menu MISURA,
l’utente archivia le misure di spessore nella posizione del file dati in uso premendo F2 (INVIA). Quindi, lo strumento di solito avanza
automaticamente, rendendo attivo il punto successivo nel file dati. Tuttavia, è possibile modificare la funzione AUTO-AVANZAMENTO
per adattarsi a specifiche applicazioni. Ad esempio, quando si registrano misurazioni in un file tipo griglia di grandi dimensioni, il luogo fisico
della misurazione potrebbe imporre che è meglio avanzare per colonna. Pertanto, il punto dati attivo si muoverà automaticamente in senso
orizzontale nella finestra del file, e interamente lungo l’ultima colonna prima di spostarsi in basso verso il punto o la riga successiva nel file.
Dopo che la funzione AUTO-AVANZA si è spostata lungo la colonna di dati, si sposterà sulla colonna o punto successivi, e quindi attraverso
tutte le righe della colonna di dati. Se AUTO REVERSE è abilitata, quando i dati sono registrati nell’ultima riga, la posizione successiva sarà
l’ultima posizione nella colonna successiva. Se AUTO REVERSE è disabilitata (OFF, condizione predefinita), la posizione successiva sarà la
prima posizione nella colonna successiva.
Per modificare il modo di inserimento dei dati nel DMS Go:
1. Nel sottomenu REGISTR., scorrere con il joystick fino a FUNZIONE INVIO. Si può scegliere fra tre selezioni: Spessore, Spessore+ A
SCAN e Spessore/Spessore + A SCAN.
2. Scorrere fino a ANTICIPO TEMPO. Si può selezionare il tempo di avanzamento automatico del file, da 0,0 a 3,0 secondi (con incrementi
di 0,5 s)
3. Scorrere fino a 1ST ANTICIPO BY. In funzione del tipo di file, le selezioni possono includere Riga, Colonna, Posizione, Punto, Zona
di controllo. Impostare il valore del primo avanzamento al componente del file a cui si vuole avanzare automaticamente per primo.
4. Scorrere fino a 1ST ANTICIPO DIR. Le opzioni sono le direzioni AVANTI e INDIETRO, che determinano se l’auto avanzamento muove
nel verso di aumento (+) o diminuzione (-). Impostare la direzione desiderata.

DMS Go Manuale dell operatore 121


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.2 Modifica di un dato inserito (DR-PROPRIETA’-REGISTR.) (segue)


5. Scorrere fino a AUTO REVERSE (vedere la Figura 30 sottostante). Selezionare ON o OFF.

NOTA CI SONO
TRE PUNTI PER POSIZIONE (1, 2, 3) NOTA IL PUNTO DATI ATTIVO (OMBREGGIATO) È:

COLONNA A COLONNA B COLONNA C


RIGA 1 PUNTO 2
SU QUESTA POSIZIONE
RIGA 1 COLONNA A

RIGA 2 1ST ANTICIPO BY:


RIGA FA AVANZARE IL PUNTO DATI ATTIVO ALLA RIGA SUCCESSIVA
RIGA 3
2ND ANTICIPO BY • 1ST AVAN. DIR-AVANTI MUOVE AL NUMERO DI RIGA MAGGIORE SUCCESSIVO
COLONNA • 1ST AVAN. DIR-INDIETRO MUOVE AL NUMERO DI RIGA MINORE SUCCESSIVO
RIGA 4
ATTIVO
PUNTO DI DATI
2ND ANTICIPO BY PUNTO 2ND ANTICIPO BY:
1ST ANTICIPO BY RIGA PUNTO - QUANDO IL PUNTO SPECIFICATO OCCUPA TUTTE LE RIGHE, AUTO
NOTA - DIREZIONE AVANTI IN QUANTO AVANZA SPOSTA LO STESSO PUNTO NELLA COLONNA SUCCESSIVA.
IL NUMERO DI RIGA È CRESCENTE (DOPO CHE TUTTI I PUNTI A.2 SONO COMPLETI, E AVANZA SI SPOSTA
IN AVANTI SU A.3)
AUTO REVERSE - ON CAMBIA AUTOMATICAMENTE
LA DIREZIONE DI AVANZAMENTO
QUANDO LA FINEDELLA PRIMA RIGA COLONNA - QUANDO IL PUNTO SPECIFICATO OCCUPA TUTTE LE RIGHE, AUTO
O COLONNA VIENE RAGGIUNTA. AVANZA SI SPOSTA ALLO STESSO PUNTO NELLA COLONNA
SUCCESSIVA(DOPO CHE TUTTI I PUNTI A.2 SONO COMPLETI, E
AVANZA SI SPOSTAIN AVANTI SU 1.B.2)

AUTO REVERSE CONTROLLA LA DIREZIONE 1ST ANTICIPO PRESA DOPO AVER COMPLETATO RIGA O COLONNA
AUTO REVERSE ATTIVATA (ON) RENDE ATTIVO IL PUNTO 4.A.3 DOPO IL PUNTO 4.A.2
AUTO REVERSE ATTIVATA (OFF) RENDE ATTIVO IL PUNTO DATI 1.A.3 COME SUCCESSIVO AL PUNTO 4.A.2

Figura 30: Inserimento dati nella griglia

122 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.2 Modifica di un dato inserito (DR-PROPRIETA’-REGISTR.) (segue)


6. Se si hanno le funzioni 2ND ANTICIPO BY, 2ND ANTICIPO DIR e AUTO REVERSE, ripetere i passi 3, 4, e 5.

7. Scorrere in alto per uscire dal sottomenu REGISTR.

6.3.3 Visualizzazione dati statistici (DR-PROPRIETA’-STATI)


Nel sottomenu STAT, è possibile valutare il contenuto di un file per individuare gli andamenti globali. Il DMS Go calcola e compila
automaticamente i seguenti dati statistici relativi a ciascun file dati:

• Numero di letture
• Numero di punti vuoti
• Numero di punti ostruiti
• Lettura spessore minimo archiviata
• Numero di punti dei dati al livello di spessore minimo
• Numero di punti dei dati inferiori al limite di spessore minimo
• Lettura spessore massimo archiviata

DMS Go Manuale dell operatore 123


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.3 Visualizzazione dati statistici (DR-PROPRIETA’-STATI) (segue)


• Numero di punti dei dati al livello di spessore massimo
• Numero di punti dei dati superiori al limite di spessore massimo
• Numero di punti con A-scan allegato
• Numero di punti con B-scan allegato
• Numero di punti con Micro-Griglia allegato
• La dimensione, la dimensione media e la deviazione standard dei dati contenuti del file dati (punti vuoti e punti ostruiti sono esclusi da
questi calcoli).
Per visualizzare le proprietà statistiche elencate sopra, dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu STATI. Quindi
scorrere fino al dato statistico desiderato. In alternativa, è possibile premere F2 per aggiungere una TAG su un campo specifico per eseguire
la ricerca. Ad esempio, è possibile specificare "PUNTI VUOTI". Quindi, premere F3 (CERCARE) e lo strumento restituirà nella sezione DR
tutti i punti vuoti. Questa funzione aiuta l’operatore a trovare il min, il max, il valore vuoto e altro.

Nota: I dati di questo sottomenu non sono direttamente modificabili.

124 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.4 Modifica del 1° in lista nel file (DR-PROPRIETA’-1° IN LISTA)


All’interno di un tipico file dati, diverse caratteristiche del file sono identificate con etichette. Ad esempio, in un file tipo boiler, zona di controllo
e nome dei punti sono assegnati come parte del processo di creazione del file. Il sottomenu 1° in lista consente di inserire o modificare diverse
notazioni relative alle impostazioni dello strumento, il numero di serie della sonda, e l’identità del cliente e dell’operatore.
1. Dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu 1° in lista.
2. Verranno visualizzate diverse linee di notazione, incluso alcune tra le seguenti: Descrizione, Sonda, Calibrazione, Sonda, Operatore,
Cliente, e altro. (l’elenco può variare in base al tipo di file selezionato) Queste linee consentono all’operatore di inserire le notazioni
specifiche per il file dati in uso. Queste notazioni saranno quindi elencate nel report finale.
Nota: Non tutte le linee di notazioni elencate sul display potranno essere modificate.
3. Selezionare la linea da modificare. Ad esempio, per aggiungere una notazione alla linea SONDA (di solito in questa posizione è presente
il numero di serie della sonda), si deve innanzitutto evidenziare SONDA.

4. Usare il joystick ( ) per aprire la finestra con tastiera. Scorrere sui caratteri e premere premere il pulsante centrale del joystick per
aggiungere il carattere sulla linea di testo. Al termine, premere F2 (CONFERMA) o F3 (INVIA) per aggiungere il testo alla linea.
Nota: Ogni volta che un parametro cambia, verrà automaticamente archiviato nel file DR quando si esce o di sostituisce il file.

5. Ripetere il punto 4 per ogni linea da modificare.


6. Al termine, scorrere in alto per uscire dal sottomenu 1° in lista.

DMS Go Manuale dell operatore 125


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.5 Modifica della dimensione del file del registratore dati (DR - PROPRIETA’ - MODIFICA)
La dimensione di un file dati esistente può essere aumentata o ridotta attraverso il sottomenu MODIFICA. In tal modo è possibile specificare
gli elementi da aggiungere o eliminare dal file (come punti, colonne o righe) e determinare la posizione del file modificato. Il comando
INSERIRE consente di posizionare in un punto specifico gli elementi aggiunti, mentre APPEND aggiungerà automaticamente gli elementi
aggiunti alla fine del file dati aperto.

6.3.5a Inserimento di capacità aggiuntive nel file del registratore dati (DR - PROPRIETA’ - MODIFICA - INSERIRE)
1. Dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu MODIFICA.
2. In funzione del tipo di file, verranno elencate diverse caratteristiche: Punto, Riga, Colonna, Posizione.
3. Selezionare la caratteristica su cui aggiungere i dati (riga, colonna, punto, ecc.).
4. Premere Funzione 1 (INSERIRE). Verrà chiesto il numero di punti, righe o colonne da inserire (secondo la selezione). Utilizzare il joystick
per immettere il numero desiderato, quindi premere Funzione 2 per CONFERMA.
Il numero di elementi specificato verrà automaticamente inserito nel file dati in uso, nella posizione indicata.

126 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.5b Inserimento di capacità aggiuntive alla fine del file dati (DR - PROPRIETA’ - MODIFICA - APPEND)
1. Dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu MODIFICA.
2. In funzione del tipo di file, verranno elencate diverse caratteristiche: Punto, Riga, Colonna, Posizione.
3. Selezionare la caratteristica su cui aggiungere la maggiore capacità dati (riga, colonna, punto, ecc.).
4. Premere Funzione 2 (APPEND). Verrà chiesto il numero di punti, righe o colonne da inserire (secondo la selezione). Utilizzare il joystick
per immettere il numero desiderato, quindi premere Funzione 2 per CONFERMA.

Il numero di elementi specificato verrà automaticamente aggiunto alla fine del file dati in uso.

6.3.5c Eliminazione di capacità aggiuntive dal file dati (DR - PROPRIETA’ - MODIFICA - CANCELLA)
Nota: Questa funzione non funziona con le caratteristiche contenenti valori in uso.
1. Dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu MODIFICA.
2. In funzione del tipo di file, verranno elencate diverse caratteristiche: Punto, Riga, Colonna, Posizione.
3. Selezionare la caratteristica da cui eliminare la capacità dati (riga, colonna, punto, ecc.).
4. Premere Funzione 3 (CANCELLA). Verrà chiesto il numero di punti, righe o colonne da inserire (secondo la selezione). Utilizzare il joystick
per immettere il numero desiderato, quindi premere Funzione 2 per CONFERMA.
Il numero di elementi specificato verrà automaticamente eliminato dal file dati in uso.

DMS Go Manuale dell operatore 127


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.3.6 Aggiunta o modifica di commenti (DR-PROPRIETA’-COMMENTI)


Quando si riesamina il file dati in uso, potrebbe essere necessario aggiungere o modificare i commenti. Il sottomenu Commenti consente la
creazione o la modifica dei commenti.

1. Dal menu PROPRIETA’, evidenziare con il joystick il sottomenu COMMENT.


2. Verranno visualizzate alcune linee di notazione
3. Selezionare la linea da modificare.

4. Usare il joystick ( ) per aprire la finestra con tastiera. Scorrere sui caratteri e premere premere il pulsante centrale del joystick per
aggiungere il carattere sulla linea di testo. Al termine, premere F2 (CONFERMA) o F3 (INVIA) per aggiungere il testo alla linea.
5. Ripetere il punto 4 per ogni linea da modificare.
6. Al termine, scorrere in alto per uscire dal sottomenu COMMENTI.

128 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.4 Aggiunta di un commento a un valore archiviato


È possibile aggiungere i commenti ai singoli valori dal File Lista Commenti.

1. In modalità Misura, con un file dati in uso e dopo aver selezionato il punto dati desiderato (che deve contenere già una misura di spessore),
premere e tenere brevemente premuto il pulsante centrale del joystick. La finestra del tasto funzione cambia, e ora F4 è NOTA.
2. Premere F4 (NOTA). Verrà visualizzata la finestra File Lista Commenti.

3. Spostare il joystick in alto o in basso ( ) per scegliere il commento al file. Premere F2 (TAG) per inserire il carattere. Muovere
il joystick. Dopo aver inserito il commento, premere F1 (USCITA) per confermare l’inserimento.
IL DMS Go tornerà al modo Misura, e la lettera associata al commento verrà visualizzata nella colonna "Commenti" dopo la colonna dei valori.

DMS Go Manuale dell operatore 129


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.5 Aggiunta di una Micro-Griglia a un valore archiviato


Per registrare altri dati di misura in una singola posizione del file, è necessario creare una Micro-Griglia. Le Micro-Griglie sono piccoli
sottoinsiemi di dati all’interno di un file. L’intero sottoinsieme è archiviato in una posizione dati specifica. Le Micro-Griglie sono create
nella modalità Misura. Possono essere archiviate solo in una posizione file che contiene già una misura di spessore e inserite nella posizione
del file dati selezionata al momento della creazione della Micro-Griglia.

6.5.1 Creazione e navigazione all’interno di una Micro-Griglia


1. In modalità Misura, con un file dati in uso e dopo aver selezionato il punto dati desiderato (che deve contenere già una misura di spessore),
premere e tenere brevemente premuto il pulsante centrale del joystick. La finestra del tasto funzione cambierà e la Funzione 1 è µGRIGLIA.
2. Premere Funzione 1 (µGRIGLIA) Verrà visualizzata la finestra Micro-Griglia, vicino al valore che indica la dimensione della griglia. Notare
che tutte le Micro-Griglie devono essere simmetriche, ovvero devono avere lo stesso numero di righe e colonne. Le Micro-Griglie possono
avere dimensione da 2x2 a 9x9.
3. Per impostare la dimensione, usare il joystick per scorrere fino al valore desiderato.
4. Dopo aver inserito la dimensione, premere F2 (FATTO). Il DMS Go tornerà al modo Misura, e la Micro-Griglia verrà aperta per
l’inserimento dei dati. Inserire i dati come si farebbe nel file DR.
5. Dopo aver completato l’inserimento dei dati, premere F3 (µGRIGLIA) per chiudere la Micro-Griglia.

130 DMS Go Manuale dell operatore


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

6.6 Esportazione di un file in uso (DR - ESPLORA)


Dopo aver completato di aggiungere dati al file, è possibile esportarlo in diversi formati (CSV, PDF, XML o DAT) nella scheda SD per il
trasferimento in un PC.

1. Nel sottomenu DR, usare il joystick ( ) per selezionare e attivare la funzione ESPORTA.
2. Utilizzando il joystick, scorrere fino al formato desiderato (CSV, PDF, XML o DAT).
3. Premere F2 (ESPORTA) per esportare il file.
Il DMS Go salverà il file nella scheda SD per la copia sul PC.

DMS Go Manuale dell operatore 131


Capitolo 6. Utilizzo dei dati registrati

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

132 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice A. Specifiche

Appendice A. Specifiche
A.1 Display
LCD a colori WVGA con retroilluminazione a LED regolabile

A.1.1 Area attiva


L: 108 mm
A: 64,8 mm

A.1.2 Dimensione
5,0”

A.1.3 Risoluzione in pixel


L x A: 800 x 480 pixel

DMS Go Manuale dell operatore 133


Appendice A. Specifiche

A.2 Ambiente
A.2.1 Lingue
Cinese, Inglese, Francese, Tedesco, Giapponese e Spagnolo

A.2.2 Dimensione
175 mm x 111 mm x 50 mm

A.2.3 Peso
870 g con batteria

A.2.4 Escursione termica (Stoccaggio)


3 cicli: 4 ore a –20 °C fino a 60 °C, 4 ore a 60 °C,
Transizione entro 5 minuti,
MIL-STD-810E Metodo 503.4, Procedura II

A.2.5 Vibrazioni
MIL-STD-810E metodo 514.5, Procedura I, Appendice C, Figura 6, Esposizione generale: 1 h per ogni asse

134 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice A. Specifiche

A.2.6 Urto
6 cicli per ogni asse, 15 g, 11 ms mezzo seno, MIL-STD-810E Metodo 516.5, Procedura I

A.2.7 Carico allentato (imballaggio di spedizione)


MIL-STD-810E Metodo 514.5, Procedura II

A.2.8 Caduta (imballato per spedizione)


MIL-STD-810E Metodo 516.5, Procedura IV, 26 cadute

A.2.9 Gamma delle temperature di esercizio


Da 0 a 55 °C

A.2.10 Intervallo temperatura di stoccaggio


-20 °C ~ 60 °C con batteria, 24 h

A.2.11 Protezione acqua e polvere


Secondo specifica IEC 529 Classificazione IP67

DMS Go Manuale dell operatore 135


Appendice A. Specifiche

A.2.12 Funzionamento in atmosfera a rischio


Come definito da MIL-STD-810E, Metodo 511.3, Procedura 1

A.3 Conformità
A.3.1 EMC/EMI
EN 55011 e EN61000-6-2:2001

A.3.2 Ultrasuoni
EN 15317, EN12668, ASTM-E1324, ASTM-E317

A.4 Connettori I/O


Trasduttore: Dual lemo-00 (Coax)
Mini USB
Ingresso alim. e uscita allarme TTL

136 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice A. Specifiche

A.5 Alimentazione
A.5.1 Tipo batteria
Batteria Li-Ioni

A.5.2 Autonomia
Min 8 ore con DMS Go in funzionamento continuo

Caricamento incorporato

Caricamento esterno con adattatore opzionale

Indicatore batteria proporzionale indicante la durata residua

A.5.3 Caricabatteria
“Universale” CA (100-240 V, 50-60 Hz) conforme ai requisiti CCC, CE, UL, CSA e PSE

A.6 Gamma di misurazione


Da 0,40 mm a 650 mm in acciaio, funzionamento standard, secondo il tipo di sonda, di materiale e di superficie.

DMS Go Manuale dell operatore 137


Appendice A. Specifiche

A.7 Risoluzione del display


0,01 mm o 0,1 mm selezionabile sull’intera gamma di misura.

A.8 Intervallo di velocità materiale


Da 250 a 16.000 m/s

A.9 Unità
Selezionabile: millimetri o pollici

A.10 Tecniche di misura


Tutte le misure con tecnica di Zero Crossing con singolo elemento IP al 1° eco / singolo elemento multi eco / doppio elemento IP al 1° eco /
doppio elemento multi eco

A.10.1 Solo DMS Go TC


TopCoat (brevetto n. 6,035,717) e Auto-V

138 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice A. Specifiche

A.11 Modi di visualizzazione delle misure


Spessore corretto in temperatura
Spessore e A-Scan grande
B-Scan
acquisizione MIN/MAX
Differenziale
Registratore dati

A.12 Calibrazione
Un punto, due punti / Zero auto o manuale su blocco e fuori blocco / Correzione automatica V-path

A.13 Frequenza di aggiornamento


32 Hz in modalità acquisizione MIN/MAX e B-scan display /4 Hz o 8 Hz o 16 Hz (selezionabile) in modo standard

A.14 Ricevitore
Gamma dinamica 110 dB, controllo automatico di guadagno (impostato da operatore) con limite manuale Alto, Basso e Auto-Gain

DMS Go Manuale dell operatore 139


Appendice A. Specifiche

A.15 Emittente
Onda quadra, Ampiezza e tensione impulso (120 V o 250 V) impostate automaticamente in base alla sonda

A.16 Memoria
Scheda SD da 2 GB inclusa. Si possono utilizzare schede fino a 16 GB. Esportazione dati in formato PDF, XML, CSV, DAT. Copia dello
schermo in formato JPEG.

A.17 Registratore dati


100.000 letture per file. Archiviazione di file multipli sulla scheda SD fino alla completa capacità

A.18 Formato file


6 formati file con opzione DL (3 con strumento base)

A.19 Allegati
Inserimento di Micro griglia da 2x2 a 9x9 per ogni punto di misura
Da 1 a 16 commenti definiti dall’operatore per ogni formato file, fino a 16 caratteri alfanumerici per ogni punto di misura.
A-scan
B-scan

140 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice A. Specifiche

A.20 Software applicativo


A.20.1 UltraMATE LITE
Programma semplice di gestione dati per il trasferimento su PC dei file con i dati di misura, incluso l’integrazione dei dati in programmi Windows

A.20.2 UltraMATE
Programma completo di gestione dati per la visualizzazione e la stampa dei dati di misura in forma grafica, per la gestione dei dati di test,
per l’inserimento dei commenti nei file

A.20.3 Kit di sviluppo software


Disponibile per l’integrazione con altre applicazioni software

DMS Go Manuale dell operatore 141


Appendice A. Specifiche

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

142 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR


Quando si crea un file di dati nel menu DR (vedere il capitolo 3), gli utenti possono scegliere dai sei strutture di file:

• Lineare
• Custom lineare
• Custom Punto
• Griglia
• Griglia personalizzata
• Boiler
In questa appendice viene illustrata la struttura e l’applicazione di ciascun tipo di file.

DMS Go Manuale dell operatore 143


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.1 File lineare


Lineare è il formato file di dati più semplice, con punti di misurazione numerati in sequenza.

Lineare

Figura 31: Struttura file lineare

Punto: 1—2—3—4—5—6 fino a n. È possibile iniziare con QUALSIASI numero (1 - 99999) e finire con QUALSIASI numero (1 - 99999).

Tabella 4: Convenzione file lineare:


Elemento Numero max Descrittore
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici
Punto 1 - 99999 Numerato in sequenza

144 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.2 Custom lineare


Il formato file dati custom lineare presenta due elementi strutturali (Località e Punto).

Custom lineare

Loc 1 Loc 2 Loc k

Point 1 Point n Point 1 Point n Point 1 Point n

Figura 32: Struttura file custom lineare

A ciascuna località è assegnato un nome dall’operatore. Ciascuna località presenterà lo stesso numero di punti impostato dall’utente al
momento della creazione del file.

DMS Go Manuale dell operatore 145


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.2 Custom lineare (cont.)


Tabella 5: Struttura file custom lineare
Elemento Numero max Descrittore
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici
Località 1 - 999 16 caratteri alfanumerici
Punto 1 - 999 Numerato in sequenza

B.2.1 Esempio di struttura file custom lineare


Un tubo “200 P 451301” mostra segni di corrosione. Una misurazione dello spessore rimanente della parete deve essere eseguita per quattro
località: Da “MS 1” a “MS 4”, ciascuna avente tre punti di misurazione.

MS 1 MS 2 MS 3 MS 4
Nome file: 200 P 4513 01
200 P 4513 01
Sede: MS 1 MS 2 MS 3 MS 4
Punto: 1 1 1 1
2 2 2 2
1 3 3 3 3 3
2

Figura 33: Tubo con quattro località di prova

146 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.3 File griglia


Il file griglia è un formato file dati utile per testare le aree (ad esempio, serbatoi, tubi). Le 12 13 14 15 16
località sono coordinate 2D (come sulla scacchiera). Per le colonne è possibile usare
numeri (i numeri verranno usati per le righe). OPPURE per le colonne è possibile usare
K
numeri (le lettere verranno usate per le righe).
1
L 2 3
Tabella 6: Convenzione file griglia
4 5
Elemento Numero Descrittore M
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici
Località determinata dalla Coordinate 2D, (A0 - AZ9999)
memoria disponibile oppure (0A - 9999AZ)
Punto 1-9 Numerato in sequenza
Griglia posizione a 5 punti

DMS Go Manuale dell operatore 147


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.4 File Custom griglia


Il formato file dati custom griglia supporta il test di aree in cui ciascuna località è formata da una griglia delle stesse dimensioni. Un file Custom
griglia è formato da 999 località in cui ciascuna località verrà identificata dal nome alfanumerico dato dal suo utente. Ciascuna posizione sarà
una griglia delle stesse dimensioni (determinate dall’utente) in cui la lettura di uno spessore viene memorizzata in ciascuna coordinata.

Tabella 7: Convenzione file Custom griglia A BCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ A Z

Elemento Numero Descrittore Point J18


1 1

at PANEL NW PANEL NE
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici Location: (Location) (Location)
1 - 999 PANEL NW
Località 16 caratteri alfanumerici
determinata dalla Coordinate 2D, (A0 - AZ9999) 25 25
1 1
Punto memoria disponibile oppure (0A - 9999AZ)
PANEL SW PANEL SE
(Location) (Location)

25 25
A Z A Z

Cassa inferiore

148 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.4.1 Flessibilità file griglia


• Scelta di più di 1 punto per coordinate 2D (il valore predefinito è 1)
• Scelta tra 8 possibili direzioni di movimento attraverso il file quando viene premuto il tasto INVIA. Andando avanti orizzontalmente,
a partire da sinistra o da destra o verticalmente, dall’alto verso il basso.
• Libera scelta dell’orientamento griglia (S: inizio coordinate, E: fine coordinate)

A  Z Z  A A  Z Z  A


1 S 1 S 99 E 99 E

   
   
   
E E S S
99 99 1 1

1  99 99  1 1  99 99  1


A S A S Z E Z E

   
   
   
E E S S
Z Z A A

Figura 34: File griglia

DMS Go Manuale dell operatore 149


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.5 File Boiler


Il file boiler è un formato file dati con tre elementi strutturali (ZONA DI CONTROLLO, TUBO e PUNTO); specialmente per l’ispezione
di boiler e di altre strutture con due livelli di identificazione.

Boiler

ELEVAZIONE 1 ELEVAZIONE 2 ELEVAZIONE k

TUBO 1 TUBO n TUBO 1 TUBO n TUBO 1 TUBO n

Punto 1 Punto n NUMERO DI PUNTI UGUALI SU CIASCUN TUBO

Figura 35: Struttura file Boiler

A ciascuna zona di controllo è assegnato un nome dall’operatore. Ciascuna zona di controllo presenterà lo stesso numero di punti impostato
dall’utente al momento della creazione del file.

150 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.5 File Boiler (cont.):


Tabella 8: Convenzione file Boiler
Elemento Numero Descrittore
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici
Altitudine 1 - 999 16 caratteri alfanumerici
Tubo 1 - 999 Numerato in sequenza
Punto 1-4 Numeri 1,2,3,4 O lettere L,C,R,B
(sinistra, Centro, Destra, Dietro)

DMS Go Manuale dell operatore 151


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.5.1 Flessibilità File Boiler


• Scelta libera del primo tubo da verificare
• Scelta libera della distanza con "salto" dei tubi
Nota: Se si misurano tubi corrugati e si registrano i dati nel file Boiler, è possibile inserire automaticamente "OBSTR" in una determinata
serie di posizioni centrali C. Impostare il file con l’opzione "Punti sul tubo" su "L, C, R" (sinistra, centro, destra). In una specifica
posizione centrale (c), premere F3 (OBSTR). La schermata è simile a quella riportata nella Figura x sottostante. Inserire il numero
del tubo finale per l’ultima posizione centrale per contenere OBSTR. Il DMS Go quindi inserirà OBSTR nelle posizioni centrali
indicate. L’utente può quindi allegare il commento "CON NERVATURE" su tutte le posizioni ostruite.

Figura 36: Opzione di impostazione OBSTR

152 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.5.2 Esempio di file boiler


Boiler “Unità 3”, Sezione "B" con 141 tubi verticali deve essere esaminato ogni metro nell’intervallo tra 202 m e 208 m. Lo spessore di ogni
tubo deve essere verificato in tre punti (sinistra, centro, destra).

Nome file UNITA’ 3/SETT. B


T ube #: 118 119 120 121

Altezza: 202 m ••• 208 m


E L E V A T IO N 2 0 2
Tubo: 1 ••• 141 1 ••• 141
Punto S S S S
C C C C
L
D D D D
C R

Figura 37: Esempio di file Boiler

DMS Go Manuale dell operatore 153


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.6 File custom punto


Il file custom punto è un formato di file dati con due elementi strutturali (posizione e punto); simile al file Custom Lineare ma con
descrizione alfanumerica dei punti.

Custom Punto

Loc 1 Loc 2 Loc k

Point 1 Point n Point 1 Point n Point 1 Point n

Figura 38: Struttura file custom

A ciascuna località è assegnato un nome dall’operatore. Ciascuna località presenterà lo stesso numero di punti impostato dall’utente
al momento della creazione del file. A ciascun punto deve essere assegnato un nome alfanumerico.

154 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.6 File custom punto (segue)

Tabella 9: Convenzione file custom punto


Elemento Numero Descrittore
Nome file 1 (per file) 16 caratteri alfanumerici
Posizione 1 - 999 16 caratteri alfanumerici
Punto 1 - 999 16 caratteri alfanumerici

DMS Go Manuale dell operatore 155


Appendice B. Spiegazioni del tipo di file DR

B.6.1 Esempio di file custom punto

Nome file H2SO4 PIPE 15


Posizione: SEZIONE 2 SEZIONE 3
Punto P1 - 0º P1 - 0
P1 - 90º P1 - 90º
P1 - 180º P1 - 180º
P1 - 270º P1 - 270º
P2 - 0º P2 - 0º
P2 - 90º P2 - 90º
P2 - 180º P2 - 180º
P2 - 270º P2 - 270º

156 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice C. Rispetto delle normative ambientali

Appendice C. Rispetto delle normative ambientali


Questa appendice contiene informazioni relative ai seguenti argomenti:

• Direttiva WEEE (vedere Sezione C.1 a pagina 158)


• Smaltimento della batteria (vedere Sezione C.2 a pagina 159)

DMS Go Manuale dell operatore 157


Appendice C. Rispetto delle normative ambientali

C.1 Direttiva WEEE (Waste Electrical and Electronic Equipment - Direttiva sullo smaltimento dei rifiuti
elettrici ed elettronici)
GE Sensing & Inspection Technologies partecipa attivamente all’iniziativa per lo smaltimento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed
elettroniche (RAEE), direttiva 2002/96/CE.

La produzione dell’attrezzatura che avete acquistato ha richiesto l’estrazione e l’uso di risorse naturali. Può contenere
sostanze pericolose che possono influire su salute e ambiente.

Al fine di evitare la dispersione di queste sostanze nell’ambiente e diminuire la pressione sulle risorse naturali,
si raccomanda di utilizzare gli appropriati canali di riciclaggio. Questi sistemi riutilizzano o riciclano in modo
opportuno la maggior parte dei materiali delle attrezzature non più usate.

Il simbolo del bidone dei rifiuti con la croce invita a utilizzare i sistemi di smaltimento appropriati.

Per ulteriori informazioni sulla raccolta, il riutilizzo e il riciclaggio dei sistemi, contattare l’ente locale per lo smaltimento dei rifiuti.

Per istruzioni sullo smaltimento e ulteriori informazioni su questa iniziativa, visitare il sito Web all’indirizzo www.ge.com/inspectiontechnologies.

158 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice C. Rispetto delle normative ambientali

C.2 Smaltimento della batteria


Questo prodotto contiene una batteria che nell’Unione Europea non può essere smaltita insieme ai rifiuti urbani
indifferenziati. Per le informazioni specifiche sulla batteria, fare riferimento alla documentazione del prodotto.
La batteria è contrassegnata da questo simbolo, che potrebbe comprendere delle lettere per indicare la presenza
di cadmio (Cd), piombo (Pb), o mercurio (Hg). Per un corretto riciclaggio, restituire la batteria al proprio fornitore
oppure ad un punto di raccolta designato.

C.2.1 Qual è il significato dei contrassegni?


Le batterie e gli accumulatori devono riportare (sulla batteria o sull’accumulatore stessi oppure sulla loro confezione, a seconda delle
dimensioni) il relativo contrassegno che indica il tipo di raccolta differenziata. Il contrassegno deve comprendere inoltre i simboli chimici
degli specifici livelli dei metallici tossici, come riportato di seguito:

• Cadmio (Cd) oltre 0,002%


• Piombo (Pb) oltre 0,004%
• Mercurio (Hg) oltre 0,0005%

DMS Go Manuale dell operatore 159


Appendice C. Rispetto delle normative ambientali

C.2.2 I rischi e il vostro contributo per ridurli


La vostra partecipazione ha un ruolo importante nel tentativo di ridurre al minimo l’impatto delle batterie e degli accumulatori sull’ambiente
e sulla salute umana. Per un corretto riciclaggio, potete restituire questo prodotto o le batterie o gli accumulatori che esso contiene al vostro
fornitore oppure ad un punto di raccolta designato.

Alcune batterie o accumulatori contengono metalli tossici che comportano dei gravi rischi per la salute umana e l’ambiente. Ove richiesto,
il contrassegno del prodotto comprende simboli chimici che indicano la presenza di metallici tossici: Pb per il piombo, Hg per il mercurio
e Cd per il cadmio.

• L’avvelenamento da Cadmio può essere causa di tumori ai polmoni e alla prostata. Effetti cronici comprendono lesioni ai reni, enfisema
polmonare e malattie ossee quali osteomalacia e osteoporosi. Il cadmio può causare inoltre anemia, scolorimento dei denti e perdita
dell’olfatto (anosmia).
• Il Piombo è nocivo in tutte le forme. Si accumula nel corpo, per cui ciascuna esposizione è rilevante. L’eventuale ingestione o inalazione
del piombo può nuocere gravemente alla salute. I possibili rischi comprendono danni celebrali, convulsioni, denutrizione e sterilità.
• Il Mercurio, a temperatura ambiente, crea vapori pericolosi. L’esposizione a livelli di concentrazione elevati di vapori di mercurio può
causare diversi gravi sintomi. I possibili rischi comprendono l’infiammazione cronica di bocca e gengive, mutamenti della personalità,
nervosismo, febbre e infiammazioni cutanee.

160 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice D. Sonde

Appendice D. Sonde

Tabella 10: Sonde per il DMS Go


Intervallo mm Intervallo
Codice Cavo (acciaio) pollici (acciaio) Intervallo di Diametro
Sonda Applicazione articolo Min Max Min Max temperatura Freq di contatto
DA301 Uso generale 151822 KBA533 o 1,25 200,00 0,050 8,000 da -20 a +60 °C 5 MHz 12,1 mm
DA231 da 0 a 140°F 0,475"
DA303 Alta penetrabilità 151823 KBA533 o 5,00 300,00 0,200 12,000 da -20 a +60 °C 2 MHz 16,1 mm
DA231 da 0 a 140°F 0,635"
DA312 Materiali sottili - estremità 151824 KBA533 o 0,60 50,00 0,025 2,000 da -20 a +60 °C 10 MHz 7,6 mm
DA231 da 0 a 140°F 0,3"
DA501 Uso generale - alta sensibilità 1258820 KBA533 o 1,00 200,00 0,040 8,000 Da -10 a 70 °C 5 MHz 12,1 mm
DA231 da 14 a 160 °F 0,475"
DA503 Alta penetrabilità - alta 1258827 KBA533 o 5,00 300,00 0,200 12,000 Da -10 a 70 °C 2 MHz 16,1 mm
sensibilità DA231 da 14 a 160 °F 0,635"
DA507 Uso generale - ottimizzata 1347128 scatolato 2,50 300,00 0,100 12,000 da -20 a +60 °C 5 MHz 18 mm
per misurazioni attraverso da 0 a 140°F 0,685"
i rivestimenti

DMS Go Manuale dell operatore 161


Appendice D. Sonde

Tabella 10: Sonde per il DMS Go (segue)


Intervallo mm Intervallo
Codice (acciaio) pollici (acciaio) Intervallo di Diametro
Sonda Applicazione articolo Cavo Min Max Min Max temperatura Freq di contatto
DA512 Materiali sottili -alta 1025336 scatolata 0,80 75,00 0,030 3,000 Da -10 a 70 °C 7,5 MHz 7,5 mm
sensibilità -estremità da 14 a 160 °F 0,296"
DA590 Alta temp. - misurazioni 1346081 C120 o 2,50 300,00 0,100 12,000 da 0 a +200 °C 5 MHz 12,1 mm
continue C123 da 32 a 400 °F 0,475"
DA590 Alta temp. - misurazioni 1346081 C120 o 2,50 300,00 0,100 12,000 da 200 a 540 °C 5 MHz 12,1 mm
intermittenti C123 da 400 a 1000 °F 0,475"
FH2E Estremità ad alta sensibilità 162571 scatolata 0,75 50,00 0,030 2,000 da 5 a +60°C 7,5 MHz 9,6 mm
da 0 a 140°F 0,38"
FH2E-D Estremità ad alta sensibilità 162573 scatolata 0,75 50,00 0,030 2,000 da -20 a +60 °C 7,5 MHz 9, 6 mm
-Dialog da 0 a 140°F 0,38"
Note:
• L’intervallo di temperatura reale della sonda DA590 dipende dalle condizioni superficiali e dall’accoppiante.
• Per temperature di superficie superiori a 200 °C è richiesta una variazione ciclica di temperatura, come da scheda tecnica GE Inspection
Technologies.

162 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice D. Sonde

Tabella 10: Sonde per il DMS Go (segue)


Intervallo mm Intervallo
Codice (acciaio) pollici (acciaio) Intervallo di Diametro
Sonda Applicazione articolo Cavo Min Max Min Max temperatura Freq di contatto
TC560 TopCOAT / Auto-V - campo 162550 KBA532 o 0,00 2,00 0,000 0,080 da -20 a +60 °C 5 MHz 15,9 mm
rivestimento KBA531TC da 0 a 140°F 0,675"

TC560 TopCOAT / Auto-V - campo 162550 KBA532 o 1,50 200,00 0,060 8,000 da -20 a +60 °C 5 MHz 15,9 mm
materiale KBA531TC da 0 a 140°F 0,675"
A2DFR Curva di ritardo ad alta 162530 C-022 o 0,25 10,00 0,010 0,400 Da -10 a +50°C 15 MHz 7,6 mm 0,3"
risoluzione CL331 da 14 a 120°F
CA211A Contatto standard 162541 C-022 o 2,00 400,00 0,080 16,000 Da -10 a +50°C 5 MHz 19,1 mm
CL331 da 14 a 120°F ,75"
OSS-10 Scala ossido - l’intervallo è 169618 C-022 o Da -10 a +50°C 10 MHz 7,6 mm 0,3"
funzione dell’applicazione CL331 da 14 a 120°F

Note:
• Sono supportate quasi tutte le sonde Dialogo. Consultare la documentazione per le specifiche dell’applicazione.
• Le specifiche della sonda sono soggette a modifica senza preavviso.

DMS Go Manuale dell operatore 163


Appendice D. Sonde

Tabella 11: Cavi del DMS Go


Codice
Nome Descrizione articolo
KBA533 Cavo sonda, da dual-Lemo00 a dual-Lemo00, 1,2 m 163587
DA231 Cavo sonda, da dual-Lemo00 a dual-Lemo00, 1,5 m 151693
KBA531TC Cavo sonda, da dual-Lemo00 Microdot 10/32 e 12/32, 1,2 m senza protezione 163618
KBA532 Cavo sonda, da dual-Lemo00 Microdot 10/32 e 12/32, 1,8 m senza protezione 163620
C-120 Cavo sonda DA590, senza guaina corazzata, 1,2 m 1260306
C-123 Cavo sonda DA590 con guaina corazzata, 1,2 m 163647
C-022 Cavo sonda, diritta Lemo00 a Microdot, 1,8 m 136374
CL331 Cavo sonda, diritta Lemo00 a Microdot 311786

164 DMS Go Manuale dell operatore


Appendice D. Sonde

Tabella 12: Accessori del DMS Go


Descrizione Codice articolo
Kit ergonomico (cinghia da torace, cinghia da polso, custodia da cintura) 1312444
Cinghia per torace 1254633
Fissaggio cinghia 1254634
Cinghia da polso 1312406
Batteria agli ioni di litio 1255323
Caricabatteria/alimentatore c.a. per batteria agli ioni di litio 1255477
Adattatore caricabatteria esterno per batteria agli ioni di litio 1255324
Cavo USB 1260193
Scheda SD 2 GB 1255478
Da lettore SD a USB 1002866
Custodia per trasporto 1256799
Custodia rigida per trasporto con chiusura 115737
Copri schermo protettivo, trasparente 1305847

DMS Go Manuale dell operatore 165


Appendice D. Sonde

[pagina lasciata intenzionalmente in bianco - continua alla pagina seguente]

166 DMS Go Manuale dell operatore


Indice analitico

A Assegnazione del nome ai file del registratore dati . . . . . . . . . . . 89


Accensione e spegnimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Aumento/diminuzione guadagno
Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Aggiornamenti del software. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Azzeramento sonda, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65, 66
Aggiornamenti, software dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 B
Aggiungere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127 Batterie
Alimentazione Indicatore di livello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Adattatore esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Informazioni di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .xi
Pacco batterie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Installazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Allarme promemoria di calibrazione, impostazione . . . . . . . . . . 72 Smaltimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Allarmi Boiler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76, 78, 150
Definizione della logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106, 107 C
Promemoria di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 Calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
Allarmi di porta Allarme promemoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
vedere Allarmi Azzeramento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64, 68
Allarmi di porta, impostazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105 Caratteristiche del display. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Allarmi, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105 Cavi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
A-Scan Centri di Assistenza clienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Impostazione dell'intervallo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63 Cerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Selezione di un modo di rettifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Codice di aggiornamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

DMS Go Manuale dell'operatore 167


Indice analitico

Codice, aggiornamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 Display


Colore Aspetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34, 48
Impostazione per il display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Caratteristiche dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Commento Configurazione dei risultati di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
File . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 Importazione della frequenza di aggiornamento . . . . . . . . . . 42
Master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86 Impostazione del colore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Connettore I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Impostazione dell'ultima lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Connettore USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 Impostazione della luminosità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36, 46
Connettori Impostazione della risoluzione (segue) . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Parametri dei risultati di misura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
USB. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 E
Custom lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75, 81, 145 Elimina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Custom Punto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76, 82, 154 Esportazione di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
D Etichetta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124, 129
Data di pubblicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i F
Dati, sovrascrittura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88 File con set di dati
Direttiva WEEE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 Utilizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
File dati, creazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
File dati, selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
File dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111

168 DMS Go Manuale dell'operatore


Indice analitico

File del registratore dati Guadagno


Assegnazione del nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89 Valore step definito dall'utente . . . . . . . . . . . . . 103, 104
Visualizzazione in corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117 I
File DR, creazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91 Icone
File DR, selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89 Livello di carica della batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
File griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 Impostazione del modo di rilevamento TG . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
File PARAM, caricamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112 Impostazione del ritardo del display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
File PARAM, salvataggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113 Impostazione dello Zero Sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65, 66
Formato data, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30, 31 Impostazione di mostra dimens. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Formato ora, impostazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30, 31 Impostazione iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Formazione dell'operatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xiii Impostazione, iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Frequenza di aggiornamento, impostazione. . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Informazioni di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .xi
Funzione ESPLORA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89 Inserisci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Funzione Proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118 Installazione sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Funzione RADICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Intervallo, impostazione per A-Scan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Funzioni multi tasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Istruzioni per le verifiche a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xii
G J
Garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xv Joystick
Griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75, 79 Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Griglia personalizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76, 80, 148 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

DMS Go Manuale dell'operatore 169


Indice analitico

L Modo di rilevamento, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60


Larghezza porta, regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Modo valutazione
Larghezza, regolazione porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 e Diagramma delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Letture estese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82 Mostra dimens., impostazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75, 77, 144 Mostra ritardo, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Lingua, Impostazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 N
Luminosità, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36, 46 Nome file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
M Numero di catalogo, Manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .i
Master Comment . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86 O
Menu allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Oggetto della verifica
Menu di sistema Effetti del materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .xiv
Opzioni del modo valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Effetti della temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .xiv
Menu DR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Orientamento
Menu Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Foto dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Menu Param . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Orientazione
Menu Porta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32, 33
Metodo di misurazione, selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95, 96 P
Micro-Griglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130 Porta A
Misura, esecuzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90 vedere Porte
Modo di rettifica, selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

170 DMS Go Manuale dell'operatore


Indice analitico

Porta B Risultati di misura


vedere Porte Configurazione del display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
Porte Parametri disponibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Impostazione del punto iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Ritardo sonda, visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Impostazione della soglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94 S
Posizionamento delle porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91 Smaltimento
Procedure di azzeramento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64, 68 Batterie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Promemoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 Rifiuti elettronici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Punto dati, spostamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120 Smaltimento dei rifiuti
Punto decimale, selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Apparecchiature elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Punto di inizio porta, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Batterie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Punto iniziale, impostazione delle porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 Soglia della porta, impostazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Q Soglia, impostazione delle porte. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Queste. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Soglie
R In configurazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Registra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119, 121 Posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Regolazione azzeramento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 Regolazione della larghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Risoluzione, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

DMS Go Manuale dell'operatore 171


Indice analitico

Sonda Uso dei file DR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118


Connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 V
In configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 Velocità, visualizzazione e regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Selezione del tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58, 59 Versione del programma, informazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161 Vista posteriore e laterale della custodia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Sono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Visualizzazione in corso
Sovrascrittura dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88 File del registratore dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Specifiche
DMS Go . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
T
Tastiera
componenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5, 7
Uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
TG MODO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Tipo di file DR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Trasduttore a doppio elemento, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . 97
U
Ultima lettura, impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Unità di misura, Impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29

172 DMS Go Manuale dell'operatore


Centri di Assistenza clienti
America del Nord e del Sud Francia Cina
50 Industrial Park Road 68, Chemin des Ormeaux 5F, Building 1, No. 1 Huatuo Road,
Lewistown, PA 17044 Limonest 69760 Zhangjiang High-Tech Park,
USA Francia Shanghai 201203
Tel: 866 243 2638 (llamada gratuita) Tel: +33 47 217 9216 Cina
717 242 0327 Tel: +86 800 915 9966 (llamada gratuita)
Germania
+86 (0)21 3877 7888
Reino Unido/Irlanda Robert Bosch Str.
892 Charter Avenue Canley 50354 Hürth Giappone
Coventry CV4 8AF Germania 7F Medie Corp Bldg. 8
Inglaterra Tel: +49 2233 601 0 2-4-14-Kichijoji Honcho,
Tel: +44 845 130 3925 Musashino-shi
España
Tokio 180-0004
San Máximo 31, Planta 4A, Nave 6 Giappone
Madrid 28041 Tel: +81 442 67 7067
España
Tel: +34 195 005 990
E-mail: geit-info@ge.com

www.geinspectiontechnologies.com

©2010 General Electric Company. Tutti i diritti riservati.


N. di catalogo 021-002-586 Rev. 1 Datos técnicos sujetos a cambios sin previo aviso.