Sei sulla pagina 1di 3

CALETTAMENTO FORZATO DI UN MOZZO SU UN ALBERO

campi da inserire D di L m = = = = 40 80 15 30 0.14 0.15 0.09 21000 3.3 21000 3.3 0 0 mm mm daN/mm2 mm mm daN/mm2 mm mm mm mm diametro nominale calettamento diametro esterno mozzo diametro interno albero lunghezza utile di accoppiamento coefficiente d'attrito interferenza massima nominale interferenza minima nominale modulo di elasticit mozzo rapp.deform.elast.longit. mozzo modulo di elasticit albero rapp.deform.elast.longit. albero rugosit superficiale diam. est. albero rugosit superficiale foro mozzo b = di/D = 0.38 per l'albero per il mozzo s /D = s /D =

De =

imax = imin = Em = mmoz= Ea = malb = Ra = Rm =

a = D/De = 0.50

0.313 0.500

RISULTATI
per i = imin imin-ef = p = 0.09 15.78 -36.73 0.00 -36.73 -0.0262 -20.95 -15.78 -36.73 -0.0308 26.30 -15.78 42.09 26.30 0.0592 10.52 0.00 10.52 0.040 166.6 8329 mm daN/mm2 daN/mm2 daN/mm daN/mm mm
2 2

per i = imax imax-ef = p = 0.150 26.30 -61.21 0.00 -61.21 -0.0437 -34.91 -26.30 -61.21 -0.0513 43.84 -26.30 70.14 43.84 0.0987 17.54 0.00 17.54 0.067 277.6 13882 mm daN/mm2 daN/mm2 daN/mm daN/mm mm
2 2

interferenza effettiva pressione di contatto tensione tangenziale sul diametro interno dell'albero tensione radiale sul diametro interno dell'albero ten.ideale sul diametro int.dell'albero (Guest-Tresca) variaz.diametrale sul diametro interno dell'albero tensione tangenziale sul diametro nominale dell'albero tensione radiale sul diametro nominale dell'albero ten.ideale sul diametro nom.dell'albero (Guest-Tresca) variaz.diametrale sul diametro nominale dell'albero tensione tangenziale sul diametro nominale del mozzo tensione radiale sul diametro nominale del mozzo ten.ideale sul diametro nom.del mozzo (Guest-Tresca) ten.ideale sul diametro nom.del mozzo (Rankine) variaz.diametrale sul diametro nominale del mozzo tensione tangenziale sul diametro esterno del mozzo tensione radiale sul diametro esterno del mozzo ten.ideale sul diametro est.del mozzo (Guest-Tresca) variaz.diametrale sul diametro esterno del mozzo momento torcente trasmissibile sforzo assiale di piantaggio

stadi = sradi = sidadi = Ddialb = staD = sraD = sidaD = DDalb = stmD = srmD = sidmD = sidmD = DDm = stmDe = srmDe = sidmDe = DDem = Mtmin = Fpmin =

stadi = sradi = sidadi = Ddialb = staD = sraD = sidaD = DDalb = stmD = srmD = sidmD = sidmD = DDm = stmDe = srmDe = sidmDe = DDem = Mtmax = Fpmax =

daN/mm2 daN/mm
2

daN/mm2 daN/mm2 daN/mm2 mm daN/mm2 daN/mm daN/mm daN/mm mm


2 2 2

daN/mm2 mm daN/mm2 daN/mm daN/mm daN/mm mm


2 2 2

daN/mm2 daN/mm
2

daN/mm2 daN/mm2 daN/mm2 mm daNm daN

daN/mm2 mm daNm daN

- per mozzi in ghisa, si pu considerare la verifica di resistenza secondo il metodo di Rankine (Massa, vol II, pag.38)

INFLUSSO DEL NUMERO DI GIRI


NELL'ACCOPPIAMENTO ROTANTE BLOCCATO ALLA PRESSA LA PRESSIONE DELLA GIUNZIONE VIENE RIDOTTA DALLA FORZA CENTRIFUGA. L'ACCOPPIAMENTO QUINDI PUO' TRASMETTERE CON UN DETERMINATO NUMERO DI GIRI UN MOMENTO MINORE DEL MOMENTO TORCENTE CON NUMERO DI GIRI ZERO. CON IL NUMERO DI GIRI DI SBLOCCAGGIO nl NON SI PUO' TRASMETTERE ALCUN MOMENTO. Nl E' CALCOLATO CON LA PRESSIONE DI CONTATTO CORRISPONDENTE ALL'INTERFERENZA MINIMA EFFETTIVA. IL CALCOLO E' RELATIVO AL MOZZO. n r nl = = = 10000 7800 61024 162 rpm Kg/m3 rpm daNm numero di giri dell'accoppiamento albero-mozzo densit del materiale del mozzo numero di giri di sbloccaggio momento torcente minimo trasmissibile dall'accoppiamento rotante

MtminROT =

IL FOGLIO DI CALCOLO PROPONE IL CALCOLO DEL CALETTAMENTO FORZATO DI UN MOZZO SU UN ALBERO. GLI ALGORITMI UTILIZZATI PER IL CALCOLO DELLE TENSIONI E DELLE DEFORMAZIONI SUL MOZZO E SULL'ALBERO VALGONO QUANDO LO SPESSORE s E' PIU' GRANDE DEL DIAMETRO D (s\D > 0,067) IL CALCOLO DEL CALETTAMENTO E' VALIDO NELL'IPOTESI CHE LE SOLLECITAZIONI MASSIME DEI MATERIALI SI MANTENGANO IN CAMPO ELASTICO. COME COEFFICIENTI DI SICUREZZA RISPETTO ALLA COPPIA TRASMISSIBILE, POSSONO ESSERE CONSIDERATI I SEGUENTI VALORI: - 1,5 PER CARICO PREVALENTEMENTE COSTANTE - 1,8 PER CARICO PULSANTE - 2,2 PER CARICO ALTERNATO VALORI INDICATIVI DEL COEFFICIENTE D'ATTRITO m (metallo su metallo) massimo superfici secche superfici bagnate superfici lubrificate 0.5 0.3 0.13 medio 0.2 0.15 0.07 minimo 0.15 0.1 0.05

imax = Diametro massimo albero - Diametro minimo foro imin = Diametro minimo albero - Diametro massimo foro Interferenza effettiva = Interferenza nominale - 2*(Ra+Rm) VALORI INDICATIVI DI RUGOSITA' SUPERFICIALE superficie rettificata superficie finita (di tornio) superficie sgrossata (di tornio) 0.8 3.2 8 mm mm mm = = = 0.0008 0.0032 0.008 mm mm mm

VALORI INDICATIVI DEI MODULI DI ELASTICITA' (E) E DEL RAPPORTO DI DEFORMAZIONE ELASTICA LONGITUDINALE (m) R daN/mm2 ACCIAIO GHISA GRIGIA GHISA SFEROID 20 30 E daN/mm2 21000 800010000 13000 17500 m 3.3 3.8464 3.8464.167 3.4483.571

VALORI DI DENSITA' DEI MATERIALI ACCIAIO GHISA 7800 7250 Kg/m3 Kg/m3